(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Studi storici"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



K- 










*a 



^.^0^^3?^^ 




Harvard College 
Library 



i 



^^pr 



THE GIFT OF 

Archibald CaryCoolidge,Ph.D* 



cìasEiéimr 



PROFESaOR OF HISTORY 



UMIUMIlJPMlEUlMIMilMMl 



1 



1 



«JBi 



H 



y 


O 


1? 


'm 


^ 


^ 


i 

'i 

f 












é 



,ft^- 



*i*\ 



-m^^. 



m^^r 



■^# 



i 



STUDI STORICI 



PERIODICO TRIMESTRALE 

DI 

AMEDEO CKITELLUCCI 

E DI 

ETTOBE PAIS 

PROFE880BI OSDISARI HELL' CNIVERSITJL DI PISA 



VoL. in — Fasc. IV 




PISA 
ERRICO SPOERRI EDITORE 

J894 



IW- ^"1*^ 



Harvard Collega Library 

i^OV 13 1922 

Gift of 

Pi9f.A.C.Coolldfi» 



PEOPRIETÀ LETTERARIA 



Livorno, 1894, coi tipi degli Siimi Storici 



INDICE DEL VOLUME III 



STUDI STORICI 

A. Abruzzese, H Podestà di Fisa nd secóh decimo quarto 

(con dooumenti inediti) pag. 1 

Samuel Brandt, Adnotatiwtculae Lactaniianae ...» 65 
£. Pajs, Intorno atta genesi della leggenda di Coriolano» 71 e 263 
A. Mancini, La pretesa Gratto Constantini ad Sa*icto^ 

rum coetum 92 e 207 

A. Crivellucgi, Longobardica • 118 

A. Pirro, Dei magistrati Eponimi dei Greci (wanti la 

dominazione romana » 153 

G. SiMONETTi, / diplomi longobardi deW Archivio Arci-^ 

vescovile di Lucca 189 e 533 

F. Mucciacgia e A. FfiLLEORtNi, Docuìnenti inedUi rela- 
tivi aUa caduta di Paolo Guinigi Signore di Lucca . > 229 
P. Marchetti, Patria e nataU di Papa Eugenio III . > 305 
A. Abruzzese, Delia Lega dei Pisani con Luchino Vi- 
sconti nelTimpresa di Lucca » 331 

E. Pais, / Fabt alia Cremerà e gli Spartani aUe Ter- 

mopiU • 339 

E. Ciaceri, La disfatta degU Ateniesi alTAssinaro , . » 353 

A. Mancini, Controversia LactaìUùma » 363 

A. Crivbllucoi, Gli Editti di Costatitino ai Provinciali 

deUa Palestina e agii Orientali 869 e 415 

0. ScARAMELLA, La Dominazione Viscontea in Pisa (con 

documenti inediti) » 423 

E. Pais, La « Fortnuìa Provinciae » ddla Sardegna nel I 

secolo deWhnperOf secondo Plinio » 483 



— IV — 



RECEK8I0NI 



M, Schifa, Un preteso dfjtmnio pontijùno in Napoli (dttbbu 
suUa ftd€ del Registro dei Censi deUa Chiesa Ronvmut)^ 
metooria letta ali* Accad. Pontonisnia nella tornata 
del 4 Giugno 1893, in 4^ p. 9. — A. Crivel- 
lucci , , pag. 129 

Otto Gùnther, Zwd mUfelaUcrlichc Decìatnafionefi iiber 
Thomas Beckd^ estratto dagli atti della A". Crc- 
sellschaft der Wii^sensàuifim dell' Università di Got- 
tingaj 1893, pagg, 231^243 in-8. — A. Crivel- 
lucct » 132 

lotìEPM ReinacHt Rer.ii^l des Imtnu^iimis dmiìwés axkjù 
atììbiissiideurs et Ministres de Ftance depuis ks Tt-aité» 
de Westphalie jusqìi h la Rt^olitiion francai se: Napìes 
et PfirfHe, Paris, F. Alcan, 1893, p. CLXXXYI-252 
in 8." _ D. Eondini • 283 

De Inno^feriiio V Romano Pontifica àisseiiatio ht^toìHca 
Laureti Carboni ProtoìwtaìHi Apostolici^ Romae, 
ex typographia polyglotta, JiCDCCCXCrV. — A. 
Abruzzese - * . * 287 

Domenico Comparetti, Le leggi di Goì-tina e le altre 
iseti^ioni armiche cref^si^ nei Monumenti Antichi 
pubblicati par cura della B, Accademia dei Lin- 
cei, voi m, Roma 1893, p. 490 in 4*. — E, Paia. » 385 

Eduaud Meyer, Gesehkhle des AUeHhttm, Zweitor Band. 
Geschichie dea Abeìtdlafìdes òis anf die Perserkriege. 
Stuttgart 1893, pp. XYI, 880. — E. Paia. - . * • 388 

Emile EspÉRANDiEU, Inseriptioìis antique^ de la Corse. 

Bastia 1893, p, 160 in 1(5,^ — E. Paia. ... ■ 539 

Victor Scrcltze, Qt*ellentmi^rsuchumjen zur ì^ta Con- 
statUifii dss Emdtit^, estr. dalla Zeiisehrifi filr 
Kirrhen^schichie, Gotba 1893, XTV^, 4^ pp. 503-555. 
— A, Cnvfììlucci ............ * 542 






NOTIZIE 

DI PUBBLICAZIONI RECENTI 



Gherardo Ghir ardita! , Di una tomba etnisca scoperta 
nd palude di Bientina. Estratto dalle Not. d. Scavi, 
Roma 1894 pa«. 135 

Anton Nissl, Zur Gesehichte des CMotharischen Edict . 
von 614, estratto dalle Mittheilungen des Instituts 
fur osterreichische Geschichtsforschung, voi. m, 
p. 365-384 » 136 

Otto Gùnther, Beitràgt zur Chroìwlogie der Briefe des 
Papstes Hormisda, nei Sttzungsber. der kais, Aka- 
deme der Wissenscha/ten in W^ienf'1892y philos^-hist. 
CI, CXXVI, p. 50 . 137 

Mengozzi e LisiNi, Frammento di una Cronachetta Se- 

neae cPanmìimo del secolo XIV, Siena 1893 . ! . » 138 

Ettore Cicotti, AugustuSt dal Dizionario Epigrafico 

di Ettore De Buggero, Roma 1894 » 139 

losEPH liANGEN, Gcschichte der roemischen Kirche von 
Gregor VII bis Innocem III, Bonn 1893 in-8 gr. 
p. Vm, 720 140 

0. Seeck, Die imperatorischen Acdamationen im vierten 
Jahrhundert, estratto dal Rheiniscìies Mmeum far 
PhiMogie, Nuova Serie, voi. XLVIH, 196-207. . » 142 

E. Piva, La guerra di Ferrara del 1482, pefHodo primo: 
U alleanza dei Veneziani con Sisto IV, Padova 1893, 
in-S, p. 123 • 142 

Francesco Ferri, Bazze umane ed attitudine alle arti 
belle, Lucca Tipografia Giusti 1893, con cinque 
carte. (Estratto dal voi. XXYIII degli Atti deOa 
R. Accademia Lucchese di Scienze, Lettere ed Arti), » * 143 



— yx — 

H. NissEN, D^r Verkehr zwisdten Chimi middtm Jìnmi' 
srJten Retche^ discorgo tenuto neUa festa in onore 
del Winckclmann iì Dicembre 1893 in Bonn, pag, 145 

Dizioiianù di mdirMth classica dì Aiituro Pasdeea^ con 
illuatraziom e carte, Carlo Clauaen 1891-93, fa- 
scicoli tre t 146 

G. Mazzatinti, LweìitaH df^t Mmiùsantti delle Billio- 

terM iTItalia, voL IH, Forlì, 1893^ pp, 246 in-8. » 148 

Lui(ii Cantarelli, Il vicariatù di Roma da Diock^jm 
alla fiìie d^ impero ocridctUalef Eioma 1894^ p. 122| 
con una tav. geog » 148 

Maurentìrechkr Bertoldus, C. SaUmti Ctispi Risto- 
riarum reliqime^ /o^c. //-.* fraginettta^ avgumetUi^^ 
cQimmntariis , appaia u critico instrudaf Lipiiae, 
Toubner, MDCCCXCni, p. XXH, 311. .. . > 149 

Gaetano Capasso, La elezione di M. Pietro Bettéo al 
cardinalaio, 163S-B9j Venezia, 1893 (estr. dal Nuovo 
Archivio ve fleto j tomo VI, parto I) pp. 16 . . . t 150 

Giovanni Sforza, Mugéltid e le sm impre.se cotiiro la 
Sardegna e Limi (luì ^-101^) j nel Giormle LigmtieOf 
Genova 1893, Faac. IH e IV, p. 134-156 . . . » 151 

Camillo Manfroxi, La legazione del cardinale Caetu- 
ni in Fratmia (1589-90), Torino 1893 (Estratto 
dalla Rimta storim italiam^ voi. X, fase. II), 
pp. 78 * 291 

Barone von Eelfert^ La mdnta deìla dominaziom 
francese neWAlta Italia e ia congiura mililare óre- 
neiaiio-miìamse nd 1814j traduzione dì L. G. Cc- 
sANi-CoNFALoxiERij con hb' appendice di docu- 
menti, Bologna Zanichelli 1894, pp. 281 in 16* * * 294 

B. Feliciangeli, NotiHs atdìa mia e sugli scritti di 
Costnma Varatto- Sforza , eatr. dal Gìonuik stm-icù 
deUa kUeratura Ualiana, voL XXTTT, p. 1-75 . . » 294 

L, A. Ferrai, I fotUi di Lajulo^o Seniore^ estratto 
dal BuUettino ddV Istituto Storico ItaUanOf n. 14, 
Roma, 1894, p. 70 in-4 . . , , * 296 



— VII — 

L. Cabli Fiumiani Lactantii, Opera ofnnia, Partis II 
fascieulus I, Libri De Opificio Dei, De Ira Dei, 
Carmina, FragmetUa, veterum de Lactantio testimonia. 
Edidit Samuel Brandt (nel Corpus Scì-ipt» Eccl, 
Lai, editum Consilio et itnpensis Acad. Litt. Caes. Viiido- 
bon, voi. XXVII) Vindobonae, MDCCCLXXXXm 
(p. LXXXn, 167; pag. 299 

G. Mazzatixti, Al fate ^c^ armi dal fiume Tare de li 

Framoxe, Forlì, Tip. Bordandini, 1894 .... i 299 

Domenico Manzone, / Liguri Bagienni e la loro Au- 
gusta, Torino Bocca 1893, p. 164 » 300 

Rudolf von Scala, Romische Studien, Innsbmck 1893 . » 301 

Giuseppe Fraccaroli, Le odi di Pindaro dichiarate e 

tradotte. Verona 1894, pag. 732 in 8*" grande . . i 302 

Angelo Main, / Pisani alle pritne crociate, Livorno, 

Stai), tipo-lit. di Gius. Meucci, 1893, pp. 96 in-8'' . • 304 

Elia L.attes, Di due nuove inscrizioni preromane trovate 
presso Pesaro, dai rendiconti della E,. Accademia 
dei Lincei, Roma 1894, p. 202 con tre tavole . i 395 

Giuseppe Ci vitelli, I nuovi frammenti d! epigrafi greche 
relative ai ludi Augustali di Napoli j Napoli 1894 
p. 82 in 4^ » 396 

Gabriele Grasso, Studi di storia antica e di topografia 

storica, fascicolo I, Ariano 1893 » 397 

Enrici Kiepert, Forìnae orbis antiqui. Erste Liefe- 

rung. Berlin 1894 » 398 

D. More A, ChartiUarium Cupersanense^ Tipografia di» 
Monte Cassino, 1893, in.4, pp. LXXVm, 429, 
con 10 tavole fototipiche e una fotografica. . . » 399 

Georg Busolt, GrievhiscJie Geschichte, I Band., Us 
zur BegrUndimg des Péloponmsischen Bmides. Zweite 
verhmerte nnd vòllig umgearbeitete Auflage. Gotha 
1893 p. 716 401 

Ernst Curtius, Qesammélte Ahìiandlungen in zwoi Btin- 
den. I Band mit zwei Tafeln. Berlin Hertz 1894 
p. 528 in-8 » 402 



— VUI — 

Adolfo Albert az^^i^ Ìm vQìUcsm cPAlmond, Bologna, 

N. ZaBicholli, 1S94, iii-8 piccolo, p. 293 . . . pag. 403 

Alfonso Pr(^fessì10l\Ej CotUnùafo agli stttdt delie decime 

Gncl^msiidw e deUe m'odale^ Torino 1894, p. 19 in-8 . » 404 

G. Romano, Gian GàkazzQ Visconti (w&èlenatorej un epi- 
aodio della apedizioìie iiaHana di Roberto di Baviera, 
Milano 1894, estr. dallMrdt. St, Lomb,, anno XXI, 
faac. n, p, 56 » 405 

CAMILLO MANFROXt, Giimraj Berna e Carlo Emanude I 
(15 ^9-92) , r^n nuovi doctmicfUi detta Collezione Tag- 
gimeOf Torino 1893, estr. dalla Miscellanea di Storia 
Ikdìumi, S. n, XYI (XXXI), p. 495-551 ... » 407 

GiOROio La Cori e j La caduta di un Viceré^ saggio di 

critica storica, Giorre 1894, p. 98 in-8 piccolo . i 408 

M. Rosi, La lìifonna ì^U<jiosa in Liguria e ^ eretico 
umbro Bai-torneo BartocciOj ricerche storiche con- 
dotte dall' apparire dell' eresia in Liguria nella 
- prima mete, del secolo XVI all'anno 1569. Estr. 
dagli Atti della Società Ligure di Storia Patria, 
yoL XXXIV, fase. 2", Genova, 1894, p. 178 
in-8 grande , , , . , > 409 

Italo EAU[*iGn, Per wi errore di cronisti (F acquisto di 
Viccììza pei Vem^ziani)^ estr, dal Ntéovo Arch. Ven, 
tomo Y, parte n, 1893, p. 15 » 410 

Perdixakdq Gabotto, Lettere inedite di loviano P ontano 
in nome tfe' reali di Xapoìi, nella Scelta di curiosità 
htedUe a rare dei m-. Xllf d XVII, disp. CCXLV, 
Bologna 1898, p. 391. » 411 

Pier De!5U>er[o Pasolim, CfUerina Sforza, Roma, Loe- 
fcscher, 1893, in tro volumi, Voi. I, pp. VII, 405, 
Yol. n, 450, Voi. in (Documenti) XILI, 861 . » 412 

Paul Saratier, Vie de S^ Francois d'Assise, Paris, 

Librario Pitìchbachor, 1894, pp. CXXVI,418, in-8. j 549 

Georges Perrot ot Ch\rlet CJhipiez, Histoire de V art 
dam l*antiquit^, Tome VI. La Grece pnmitive, F Art 
Mijcéimn, Paria HacLotte 1894, p. 1033 in-8. 4^ > 551 



— IX — 

Wilhelm Ihne, Rdmische Geschichte. Erster BatuI, von 
der Griifidimg Roins bis zum esten puniscimi Kriegc. 
Zweite umgearbeitete Auflage. Leipzig, W. En- 
gelmann, 1893, p. 541 iii-8 . pag. 553 

I. Novicow, Les ItUtes enires sodété humaines et leurs 
phases successives, Paris, Felix Alcan, 1893, in-8, 
p. 752 » 555 

Pietro Rivoire, Storia dei , Signori di Ltisema, parte 
prima: Il inedia evo, estr. dal BuUetin de la Sedete 
cTHistoire Vaì4doise, N. 11, Torre Pollice, 1894, 
p. 86 • 556 

L. StìVF^tti, F, Guicciardini al governo di Bologna, 

estr. ÙB,WArch, St. It, 1893, pp. 14 i 556 

Ferdinando Gabotto, Ricerche e studi sulla Storia di Bra, 

Bra 1894, voi. Il, p. 315 i 557 

LuBOMiRSKi, Beust et Bistnarck, 1865-1868, Paris, Cal- 
mami Lévy, 1893, in-8 p. 583 » 557 

E. Castani Lovatelli, Nuova miscellanea arcJieologica, 
Roma, Tipogr. dell'Accademia dei Lincei 1894, 
p. 184 \ 558 

KoNRAD LEHMA.NN, Der Letzte Féldzug des hanyiibalischen 
Krieges. Leipzig Tenbner 1894. Estratto dal 21.^ 
volume dei supplementi agli lahrbucher fur clas- 
sichen Pliilologie p. 527-616 » 558 



STUDI STORICI 



PERIODICO TRIMESTRALK 



AMEDEO C K I V E L L U C C I 



E DI 



ETTORE PAIS 



PROFESSORI ORDIKARI HELL UNIVERSITÀ DI PISA 



VoL.III — Fasc.I 




PISA 

ENRICO SPOERRI EDITORE 

1894 



INDICE DEL PRESENTE FASTICOLO 



STUDI STORICI. 

A. Abruzzese. Il Fodest'i di Pisa nel secd'O decimo quarto 

(con documenti inediti) pag. 1 

S.VMiEL Bu.vNDTj Adìiotiitiwicidae Lrictajitiwiae ...» 65 

E. Pais, lutonu) alla genesi delld leggenda di CoricHano » 71 
A. Mancini, La pretesa Gratto Coìmiaììtini ad Samto- 

rum Coetum » 92 

A. Crivellucci, Langohardica » 118 

RECENSIONI 

M. ScuiPA, Un pn teso doìninio ponti,'' ciò in Napoli (duhlni 
sulla fede del Registro di Censi della Chiesa Ro- 
matta), memoria letta all' Accad. Pontoniana nella 
tornata del 4 Giugno 1893, in 4. p. 9. — A. 
Crivellucci » 129 

Otto Gììnther, Zwei mittelalterliche Declamai ionen iìher 
Thomas BecJcet, estratto dagli atti della K. Gè- 
seUscluxft der Wissenschaften delP Università di Got- 
tinga, 1893, pagg. 231-243 in-8. — A. Crivel- 
lucci j» 132 

NOTIZIE 

DI pubblicazioni recenti 

Gherardo Ghirardim, Di una toniba etnisca scoperta 
nel palnde di Bimtini. Estratto dalle Not. d. Scavi , 

At^ton Nissl, Zur GeschicJUe des Cìdotluxrisclien Edict 
von Gli, estratto dalle MittJieilungen des InMituts 
fiir osterreichische GeJchicJUs/orschimgy voi. Ili, 

p. 35)5-384 » 133 

Continua nella 3* pagina. 



STUDI STORICI 



IL PODESTÀ DI PISA 
NEL SECOLO DECIMO QUARTO 



Portare un modesto contributo alla storia dell' ufficio del 
Podestà in Pisa^ per supplire in certo modo al difètto dei pochi 
Cronisti eh' ebbe questa Repubblica dal secolo XII al XIY^ 
paghi e d' indìquer plutòt que de décrire les institutions ci- 
viles de leurs temps i^ come accade il più delle volte a chi 
narra fatti contemporanei/ e alle notizie che ci poi^ono gli 
Statuti aggiungerne altre che valgano a determinare con mag- 
gior precisione la figura di quel magistrato: questo è lo scopo 
del nostro lavoro. 

Sarebbe stato nostro proposito esaminare lo svolgimento di 
questa istituzione fin daUa sua origine. Ma, pur troppo, del- 
l'interna amministrazione e costituzione della Repubblica Pi- 
sana fino ai primi decennii del secolo XIY, nelle antiche carte 
non resta nulla, tranne scarsissimi frammenti, punto relativi 
all'oggetto delle nostre ricerche: causa le molte vicende cui 
è andato soggetto l'Archivio Pisano, e, in particolar maniera, 
l'incendio che lo distrusse nel 1316, nella cacciata, cioè, di 
Ugucdone della Faggiuola. Cosicché per avere dati sicuri sui 
quali fondare le nostre osservazioni, abbiamo limitato il nostro 
studio all'esame del Podestà di Pisa nel secolo XIV; poiché 



* H. Hallam, U Europe au moyen Agt, trad. Dudouit P. et A. R. 
BorgherB, T. HI, p. 69. 



— 2 — 

qrtajituniiue anche di questq/tempo non ci siano rimasti che 
Iramraenti, pure essi sono a bastanza copiosi e tali che dili- 
gentemente ordinati ed illustrati ci diano di formarci un'idea 
chiara ed esatta di quello che era il Podestà di Pisa in quel- 
l'età. 

Non entriamo nella troppo larga via dei raffronti, i quali, 
ove non volessero riuscire vaghi e superficiali;, richiederebbero 
accurato e paziente esame degli ufllcii dei singoli Podestà con 
cui si ressero molte città d'Italia nell'età di mezzo: porgiamo 
solo col nostro lavoro materia ad altri di darci uno studio com- 
piuto su questo magistrato in Italia. Pertanto, dopo un rapido 
sguardo alle vicende del Podestà in Pisa dalle sue origini ai 
300, tìtudieremo le attribuzioni di questo magistrato e dei suoi 
ufficiali su parecchi atti d'elezione di quel tempo tutti inediti, 
dì cui in appendice abbiamo trascrìtto il più compiuto, met- 
tendoli in relazione cogli Statuti del Comune Pisano pubbli- 
cati dal Bonaim. k confortare codeste nostre osservazioni ab- 
biamo aggiunto anche quanto d'inedito ci è stato dato di trovare 
nelle Provvisioni ordinarie e straordinarie degli Anziani del 
l>eriodo. di cui ci occupiamo, ed in altri documenti, circa il 
modo col ciuale si procedeva all'elezione del Podestà e dei suoi 
uoitnni e circa altri particolari, che serviranno a definire con 
precisione maggiore il carattere e le attribuzioni dell' uno e ' 
degli altri. 

IL PODESTÀ Dt PISA DALLE ORIGINI AL SECOLO XIV 

Il Roncioni, giustamente osservò il Bonaini,* non di rado 
nello scrìvere la storia di Pisa, di cui è pur cosi benemerito, 
specialmente ove si tratti di segnare il graduale succedersi 
delle riforme della costituzione intema della Repubblica, lascia 



* Sei Proemiti siV Archìvio Storico Italiano, T. VI, Parte I, pag. XV. 



desiderare^ quanto a cronologia, precisione maggiore. Egli in- 
fatti non dubita d'asserire che Pisa Ano a tutto il mille e du- 
gento si goyemò coi Consoli/ i quali, sorti nelle città Italiane 
quando cominciarono a scuotere il giogo dei loro vescovi e dei 
loro conti,* furono i comandanti della milizia in tempo di guerra 
e gli amministratori della giustizia e i conservatori dell'ordine 
pubblico in tempo di pace. Ora, T affermazione del Rondoni 
non ò esattamente storica; poiché nel 1191 apparisce nella 
RepubbUca Pisana* un nuovo magistrato, il Podestà, il quale, 
sorto già da qualche tempo sotto gli auspici degli Imperatori 
di Germania in Milano, in Bologna ed in altre città, si era 
venuto trasformando gradatamente quando gl'imperatori non 
ebbero più diretta ingerenza nelle cose d'Italia/ 

Se non che in Pisa dopo tre anni di siffatto regime fuvvi 
come una continua vicenda tra questa più moderna forma e 
l'antica*; e codesto alternarsi veniva appunto determinato dal 
prevalere dell'elemento aristocratico o dell'elemento democra- 
tico, in continua lotta fra di loro. Solo nel 1236 la carica con- 
solare cede affatto il luogo alla novella magistratura. Donde 
riesce chiaro come non poco tempo dovesse passare prima che 
lo Statuto dei Consoli venisse mutato per forme molto appro- 
priate e caratteristiche nell' altro che tolse il nome dal Po- 
destà medesimo e dal Comune: somma quest'ultimo del diritto 
pubblico relativo ad ogni ordine di persone ed in cui dovette 
perciò scrìversi altresì qualunque siasi costituzione data come 
norma agli ufficiali minori, sorvegliati tutti in Pisa, come in 



' Arch. St. IL T. VI, P. I, p. 449. 
' H. Hallax, op. oit. T. 1X1, p. 65. 

* Frag. hi9i, pi9. nel Muratori, R. I. S. XXFV, p. 615. 

* Cfr. 8I8XONDI, Storia delle Rep. itah T. Ili, e. XXII; Galv. Plam. 
Man, Fior. e. 215; SiaoNio, Hist, BofU in Op. om. T. Ili; Muratori, Aft- 
tiehith piccole. Dio. XLIY eie. 

* Anon. Cron. Pisano nel Muratori, R.LS, XXIY, pag. 616 e ngg. 



— 4 — 

ogni altra terra, che avesse adottato siffatto genere di reggi- 
mento^ da colui che veniva di tempo in tempo assunto alla 
carica di Podestà. E tosì agevolmente si risale alla cagione 
vera e principale del meraviglioso ampliarsi dello Statuto men- 
tre il Conume lu retto dal Podestà; non parendo a noi suffi- 
ciente a darcene ragione Taltro fatto, che però non rivochiamo 
in dubbio^ che, cioè, le novelle costituzioni fossero originate e 
si accrescessero giornalmente, stante il bisogno di porre regole 
pe* nuovi eventi. I più vecchi testi degli Statuti del Podestà 
pisano vennero a perdersi: non per questo ci è reso impossi- 
bile il chiarirci dell' antichità dell' uso di comporli metodica- 
mente. Il Bonainij infatti/ cita un giudicato pisano, rinvenuto 
neir Archivio diplomatico di Firenze e pronunziato nel Dicembre 
del 1236; nel quale chi era chiamato a sentenziare allegava il 
Capitulum Brevis pisani Potestatis. Conservato nei plutei della 
Primaziale pisana è anche un ampio frammento del Breve del 
Podestà, quale era rinnovellato al cominciare del 1275, anno 
tanto famoso pel Comuhe di Pisa; e questo fi^ammento, di 
cui ci dà un cenno il Bonaini stesso, quantunque* contenesse 
tre soU Capitoli dello Statuto del Comune, ci dà una prova che 
quelita era distribuito in quattro libri. Esso poi ci pollerebbe 
una molto prexiosa informazione di un fatto civile rivelantis- 
simo, qualora ci mancassero notizie dei cronisti del tempo. 
Quivi invero, osserva il Bonaini, menzionasi il Breve populi 
pisani Comuni» che vuoisi riputare in tutto diverso dall'altro 
suo omonimo più antico. Perocché, mentre questo era come 
patto che legava runiver'salità dei cittadini a chi governava, 
ai Podestà, che però avea poteri illimitati ed affatto indipen- 
denti: quello^ invece, non portava scritti altri ordini se non 
quei soli cui quali il iwpolo era giunto, compressi ed espulsi 



* Pi^mjo agli statuti Inediti del Comune di Pisa, pag. XYI. 



— 5 — 

dal politico reggimento i grandi, ad afforzare mirabilmente il 
pr(^rio stato, nel 1254, anno per Pisa memorabilissimo, es- 
sendovisi allora compiuto per identità di cagioni quel civile 
interiore rivolgimento, che Firenze avea veduto compiersi non 
molto innanzi. Quindi la novella istituzione per cui Pisa col 
nuovo magistrato degli Anziani, che prima erano sorti in luogo 
dei Consoli in molte altre città d'Italia, accolse nel suo seno 
non più il solo Podestà, rappresentante del Comune, ma anche 
il Capitano, rappresentante del Popolo.* In questo tempo ac- 
canto alle riforme ed alle correzioni che subisce il Breve del 
Podestà, si ha il Breve del Popolo pisano,* relativo al Capi- 
tano, volendo con questo la parte popolare assicurarsi il proprio 
trionfo e non volendo trascurare nulla di tutto ciò che fosse 
efficace a guarentire i proprii diritti. Se non che, dopo la fu- 
nesta rotta della Meloria, la Repubblica Pisana corse gravis- 
simo rischio di perdere anche ogni avanzo di civile libertà. 
Poiché Ugolino conte di Donnoratico e Nino Giudice di Gal- 
lura, nomi resi tristamente famosi nella Divina Commedia, 
nel 1285 raccolsero in sé ogni autorità di Podestà e di Ca- 
pitano, e recando in un solo volume il Breve del Comune e 
quello del Popolo, gli assoggettarono ad uguale riforma in 
modo da rendere quei due Statuti, o Brevi che dir si vogliano, 
un tempo compendii di garanzie di viver libero, due veri co- 
dici di tirannìa.* Una nuova revisione si ebbe il 1303; poi altre 
modificazioni furon aggiunte negli anni successivi fino al 1306. 



' I Cronisti tacciono il nome del primo Capitano del Popolo di Pisa: 
ma da nn* intimazione del 10 Gennaio 1256 ai Rettori di Castel di Castro 
in Sardegna rileyiamo che questa carica era già istituita in detto anno. 
Cfr. Docunu 1922 in Historiae Patriae MM, T. II col. 1538-1539. 

' Proemio agli Statuti, pag. XIX e XX. 

' Sullo Statuto Duumvirale pisano molto eruditamente scrissero il Ci- 
BRABio, Econ, polU. T. Ili, p. 64 e sgg. e Io Sclopis, Storia della legi- 
slazione Hai. T. I, p. 260. 



~6 — 

Un ultima riforma e dì grande momento fu fatta il 1314. Kò 
eì creda pertanto che ì due Statuti, V uno del 1286, V altro 
del 1314, abbiano poche e semplici differenze e che le modi- 
ficazioni posteriori siano di lieve importanza. Le differenze sono 
profonde e sostanziali; e noi le rileviamo dall'esame generale 
e da condderazlom analitiche dei due Codici editi con tanta 
diligenza dal Bonaìni. 

Negli Statuti del 1286, il Podestà ed il Capitano hanno gli 
stessi diritti, le stesse attribuzioni e prerogative: si danno il 
titolo dì Rectores e di Administratores Reipublice Pisane: 
non fanno distinzione fra Comune e Popolo: godono poteri il- 
limitati in materia politica, amministrativa e giudiziaria sia 
civile che criminale : sono, sotto un certo aspetto, come i due 
consoli dell'antica costituzione della repubblica Romana e, come 
questi, hanno il carattere della collegialità: non hanno ciascuno 
UR determinato campo, diremo, in cui esercitare le proprie 
funzioni, ma i loro diritti sono legati indissolubilmente. Negli 
Statuti invece del 1314 i poteri del Podestà si esercitano in 
politica ed in materia amministrativa nel Comune, nella parte, 
cioè, più cospicua della città; quelli del Capitano si esercitano 
nel Popolo, nella parte meno colta e più democratica. L'uno 
convoca e presiede il Consìglio del Senato e della Credenza; 
l'altro il Consiglio del Popolo. Quando però ci sono i Consigli 
generali presiede sempre il Podestà. Oltre a questo, il Capi- 
tano in guerra è il comandante supremo delle milizie; il Po- 
destà è il magistrato supremo nell'amministrazione della giu- 
stiria sia in cause civili, sia in cause criminali. Questa la 
differenza a4:>stanziale fra questi due magistrati nel secolo XIV 
in Pisa: differenza però che non esclude, come parrebbe a 
prima vista, tutti gli scambievoli aiuti e le reciproche difese. 



l'elezione del podestà 

Verso la fine della prima metà del secolo XIII, nella Re- 
pabblica Pisana, come sopra accemiammo, furono istituiti dodici 
Anziani, rappresentanti del popolo. Avevano queir autorità e 
godevano di quegli amplissimi poteri, di cui godono, sotto un 
certo rispetto, i ministri di Stato nelle moderne monarchie 
costituzionali; colla grande differenza, fra le altre, che mentre 
questi spiegano l'azione loro ciascuno in un campo particolare 
d'amministrazione civile e politica, negli Anziani, invece, i po- 
teri e le attribuzioni non sono, divisi. Ad essi pertanto spet-» 
tava l'elezione di tutti gli ufficiali del Comune, del Popolo, 
del Contado e di tutte le terre soggette a Pisa. Trovo infatti, 
e tutto in documenti del secolo XIV, che gli Anziani nomi- 
navano l'ufficiale delle gabelle,' quello della gabella del' vino,* 
il Capitano del Popolo,* il Conservatore boni et pacifici status 
pisani Comunis et Populi/ coi proprii ufficiali e servi, i quali 
si obbligavano con giuramento di adempiere scrupolosamente 
e con rettitudine i loro doveri,* i Sindaci,* coi loro servi ed 
ufficiali/ i capitani degli ufficiali della custodia della città di 
Lucca/ rOperarium tersane pisani Comunis,* l'executorem cu* 
stodie degli Anziani/* l'ufficiale totius Comitatus et Districtus 
Pisarum/' i pontonarii/* l'ufficiale di Porta a Mare,** quello 
di Porta alle Piagge," V ufficiale della Curia maggiore,** il 
Rettore di Lucca/* ecc. Insomma V elezione di tutti gli uf- 
ficiali e magistrati che avrebbero dovuto esercitare le diffe- 



' R. Aroh. di Stato di Pisa, Rogita, imtrumenta et electiones o/fi" 
cialum pisani Comunis, A, 88, 280. 

• Ibid- A, 33, 286. • A, 84, 388. * A, 31, 50. * A, 31, 50. 

• A, 31, 49. ' A, 33, 279. • A, 33, Ò39. • A, 38, 537. *» A, 

38, 539. " A, 38, 35. »» A, 34, 296 e A, 35, 44. " A, 38, 41. 

*• A, 38, 42. " A^ 38, 54. »* A, 34, 386. 



-Iti 



— 8 — 

renti cariche nelia Repubblica Pisana era attribuzioae degli 
Anziani; né vi era alcuna diretta od indiretta ingerenza |del 
Capitano del Popolo o del Podestà. Ed altresì spettava ad essi 
l'elezione di quel magistrato di Pisa, che è l'oggetto del no- 
stro studio, il Podestà. Essi pertanto sceglievano, e in quel 
dato numero che loro parea più acconcio, alcuni uomini sa- 
pìentes vel consiliaros, i quali doveano esser tutti cittadini 
Pisani, e domandavano il loro parere della scelta eh' essi in- 
tenileano fare del nuovo Podestà e delle condizioni che gli a- 
vrebbero imposte. Queste adunanze aveano luogo nella Sala 
del Consìglio degli Anziani, quattro mesi prima del termine in 
cui il Podestà, eh* era allora in carica, avrebbe dovuto lasciar 
Pisa, duabus vicibus ad minus, ma in maniera che nullus con- 
sìliarius interesse deberet in secunda vice qui fuisset in prima. 
Gli Anziani nelle due sedute chiedevano da questi sapientes 
in qual modo, con quali norme e con quali criterii avrebbero 
dovuto nominare il nuovo Podestà, da qual paese sceglierlo ed 
in qual tempo/ Quello ch'era deliberato da codesti savii, i 
quali aveano, diremmo oggi, un voto consultivo, e dagli An- 
xUmì veniva registrato in appositi strumenti dal Notaio del 
Comune. Questa relazione era letta e discussa in una terza 
rfin vocazione, alla quale prendevano parte tutti coloro ch'e- 
rano intervenuti nelle prime due adunanze, con l'ag-giunta di 
altri savii, sempre in quel numero che pareva agli Anziani. 
Dopo la discussione, sì procedeva alla votazione; e quello -che 
era approvato dai duo terzi almeno dell' assemblea generale, 
in cui anrhe i Consiliarii avevano un voto deliberativo, era 
disteso nell'atto di nomina, che si sarebbe presentato al nuovo 
Podestà, dal Cancelliere maggiore del Comune. A queste adu- 
nanze non potea prender parte né il Podestà che usciva di 



' Bnrce Fimtni Comunis, MCCXIII, in capitulo posito sub Rubrica 
De Elmiont VomuuU, Lib. I, Gap. COVI. 



— 9 — 

carica^ né il Capitano del Popolo.* Tutto quello ch'era stabi- 
lito veniva conservato diligentemente nel Consiglio della Cre- 
denza fino a quando non fosse stato dagli Anziani stessi deli- 
berato di rendere di pubblica ragione codesto atto di nomina. 
Ed il Podestà, che durava in carica, eleggeva un Sindaco o 
Procuratore ed un notaio, i quali avrebbero dovuto presen- 
tare offlcialmemte l'atto di nomina al nuovo eletto, e gli ob- 
bligava a giurare di non recare, prima del termine fissato dagli 
Anziani, alcuna lettera o ambasciata al nuovo Podestà che a- 
vesse potuto influire sulla sua accettazione o sul suo rifiuto. 
Le presentazioni di detti atti aveano luogo, secondo le mag- 
giori probabilità, nella seconda quindicina di Agosto, e, tal- 
volta, nella prima di Settembre. E ciò oltre all' apparire dai 
documenti che abbiamo esaminati, risulta anche da questa con- 
siderazione: nell' Aprile del 1306 Alberto di Porta Lodi di 
Pavia, Podestà di Pisa, stabili che nei primi otto giorni di 
Maggio bisognava s'eleggessero dagli Anziani segretamente due 
buoni e legali uomini," de iuratis de populo, i quali si recas- 
sero in Lombardia ed in altri luoghi ad perquirendum et inve- 
stigandum bona fide et sine fraude de honestioribus et utilio- 
ribus personis, capaci di sostenere la carica di Podestà, e 
tornati a Pisa proponessero agli Anziani i nomi di coloro che 
stimassero più abili. E giova credere che ciò avvenisse ogni 
anno, essendo gravemente punita qualsiasi Ueve violazione ai 
capitoli degli Statuti. Ora, le adunanze, come si è visto, ave- 
vano luogo quattro mesi prima che uscisse di carica il vecchio 
Podestà e precisamente dopo il ritorno di questi due saggi e 
l^ali uomini. Cosicché negli ultimi di Agosto si presentava 
latto dell'elezione al nuovo Podestà; e questi entrava in ca- 



' Ibid. Gap. CeV e COVI. 

• Kova capitala corrtcta et emeìidata, nel Breve del Comune pisano 
del 1305^ al capitolo COVI del lib. I. 



— 10 — 

rir^, per k> più, nei primi dì Settembre. In 20 atti di nomine, 
che vanno dal 1^45 al 1365, notiamo, infatti, che 16 volte il 
Podestà entra in Pisa il Settembre : solo due volte nei primi 
di Ottobre e due altre volte alla metà di Ottobre.' E Questi 
ultimi casi, è facile darsene ragione, si aveano o quando gli 
Anziani erano distratti da cure più gravi dello Stato, come 
dalla politica della Repubblica rispetto agli altri Comuni, o 
quando era necessario che un dato Podestà durasse nell'eser- 
cizio delle sue funzioni altri pochi giorni, o per dar colato di 
sé e dei suoi ufficiali ai Modulatori, o per terminare alcuni 
processi che egli aveji incominciato ad esaminare e ad istruire. 
L' atto di nomina del nuovo Podestà era disteso nel Palazzo 
di residenza degli Anziani supra balatorio,' o ad palmentum 
dicti Palatila alia presenza di testimonii, àei dodici Anziani, 
del loro Cancelliere e del Cancelliere del Comune.* 

Il più delle volte gli Anziani con i Consiliarii si accorda- 
vano sui nomi di tre diversi personaggi di tre differenti città, 
per guisa che, se la nomina a Podestà fosse stata per qual- 
siasi ragione respinta dal primo, si ricorreva al secondo, e, se 
iinche questi V avesse rifiutata, V elezione toccava al terzo.* 
Notiamo qui, di passaggio, che il nuovo Podestà dovea essere 
gebellimus et de jjarte gebellina tantum;* il che è facilmente 
spiegabile ove si pensi che Pisa, detta la Camera dell'Impero, 
si mantenne sempre, tranne brevissimo tempo, una delle più 
ardenti partigiane degli Imperatori tedeschi, da cui godè fa- 



* R. Archivio di Stato di Pisa, Rop^ta, instrum. et elect, officialium />w. 
Vùmvni$, A, SS, 550; A, 36, 202; A, 36, 318; A, 3«, 299; A, 36, 336 etc. 

' rbìd A, 36, 296* 
' Cfr, Appendice p. 55. 

* Rogiia etc. A, 38, 66; A, 36, 199; A, 36, 24; A, 36, 200 etc. 

* Ibid. A, 3B, 33fi. 

* Cfr< tutti gli Attt d^eleiions già citati precedentemente e TAppen- 
ptindicc a pag, 4tì. 



— li- 
vori e privilegi;' e tanto per non abbandonare le sue tradi- 
zioni, anche quando griraperatori non presero più parte attiva 
nelle faccende delle Repubbliche Italiane, conservò l'usanza di 
diiamare a suoi magistrati uomini ghibellini. Anzi accanto al 
titolo di Potestas, specialmente quando gì' Imperatori ebbero 
dirette relazioni con Pisa, fu aggiunto anche quello di Vicarius 
Imperialis. 

Ora, il sistema degli Anziani di accordarsi su tre nomi per 
procedere all'elezione di un magistrato in Pisa è frequente. 
Non vogliono essi trovarsi imbarazzati nel caso che un eletto 
si rifiuti d'accettare la carica. Anche per i capitani degli uf- 
ficiali della custodia di Lucca/ per i Modulatori, per il Capi- 
tano del Popolo,* e cosi di- seguito, si ha lo stesso. E a me 
pare che quegli che era fra i tre creduto più abile e più degno 
di sostenere quel dato ufficio, era eletto pel primo; e poi gli 
altri due, secondo il merito di ciascuno. E questa congettura 
è confortata dal fatto che nel passo citato delle tre nomine del 
Capitano, troviamo dopo la formola dell'invito e i patti queste 
parole: Primus electus est Capitaneus etc. secundus. . . ., e 
cosi via. 

Generalmente i Podestà erano scelti dell'Italia Settentrio- 
nale, specie della Lombardia, e dell'Italia Centrale, non mai 
del mezzogiorno, causa il guelfismo che vi dominava. Nei primi 
tempi però, e ciò rilevasi dall' Anonimo Cronista,* fino quasi 



' A qaesto proposito non è inutile ricordare accanto ad un diploma 
di Enrico VI (cfr. Muratori, Ant, ItaL dia. 4, pag. 473) un diploma ine- 
dito di Corrado II trovato nel Diplomatico, deposito Bonaini N.** 3, 19 
LagUo 1130 nel R. Arch. di St. di Pisa, in cui T Imperatore a Balduino 
trcÌTescoYo di Pisa, concede terre, benefizil, placiti ed il tributo detto 
ripatico. 

* Rogiti, strum. etc. À, 33, 273. 

* Ihid, A, 215, 15. 

* MCR. R.LS. XXIV, p. 645 e sgg. 



— 12 — 

agli aitimi anni dei secolo XIII non poche volte i Podestà di 
Pisa sono cittadini pisani. Solo dopo il 1286 non si ha traccia 
di Podestà che non sia forestiero. 

Piacemi anzi a questo proposito fare avvertire un parti- 
colare che finora non fu notato da nessuno storico, eh' io 
sappia. Come nelle altre città che adottarono la stessa isti- 
tuzione della Repubblica Pisana sonò sempre i Podestà fo- 
restieri che intendono a trasformare la loro carica temporanea 
in tirannide e aspirano a divenir Signori, in Pisa quelli che 
tentano di spegnere la libertà della Repubblica sono tutti Po- 
destà, cittadini Bsani, E se dal 1286 non si hanno più a Po- 
destà cittadini lìisani, ciò dovè senza dubbio avvenire dopo la 
tristissima esperi enza del governo di Ugolino di Donnoratico 
e di Nino di Gallura. 

E per tornare ad esporre il procedimento che tenevaao 
gli Anziani neli* elezione del Podestà diremo che essi no- 
minavano un SintUcus che non potea essere un cittadino Pi- 
sano/ al quale affidavano V incarico di scegliersi due procu- 
ratori ed un notaio e di fare la presentazione officiale del- 
l'atto ih nomina al nuovo eletto. Il Sindaco coi suoi uomini 
e con testimoni, ch'erano cittadini pisani, e gli si davano al- 
tresì dagli Anziani, si recava in casa di colui eh' era stato 
scelto a nuovo Podestà. Il notaio dava lettura dell'atto: quindi 
il Sindaco domandava all' eletto se convenisse in tutti ed in 
ciascuno dei capitoli contenuti nell' atto della sua nomina, e 
se gli piacesse d'accettare in Dei nomine et liberali ter la sua 
elezione, ch'era un voto di fiducia che gli davano il Popolo ed 
il Comune di Pisa. 11 nuovo Podestà o accettava immediata- 
mente la nomina:, o, quello che avveniva più spesso, chiedeva 



^ Rogiti, ittrtimttUf ed elezioni. Cfr. Sindicatus Uguccionis de Ponr 
tederà ttd prt^tntumkim tle^iontm tlecto noviter in PoUatattm, A, 34, 100 



— 13 — 

alcuni giorni per deliberare e dare una risposta decisiva al 
Sindaco. In questo secondo caso' si il Sindaco come i suoi pro- 
curatori, non potean, sotto pene severissime, avere ospitalità 
nelle case del nuovo eletto. Il quale dovea dare la risposta, 
(anche questa ufficiale, avendo il Sindaco generalem admini- 
strationem et liberam potestatem et bayliam in hiis que sibi 
specialiter commissa fuerint ab Anthianis,)* fra tre giorni dalla 
presentazione della sua nomina.* Se accettava, dopo aver giu- 
rato alla presenza del Sindaco e dei testimoni di rispettare 
quanto era contenuto nell'atto della sua elezione,* prometteva 
di trovarsi in Pisa con tutti i suoi ufficiali e servi per pre- 
stare il solenne giuramento nella Chiesa maggiore,* o nella 
Sala del palazzo degli Anziani. Nel caso che si fosse rifiutato 
dall'accettare la carica, per qualsiasi ragione, o, accettatala, 
non si fosse trovato a Pisa il giorno determinato, la sua eie- • 
zione era dal Sindaco dichiarata vana cassa et irrita, per modo 
che, dopo, né egli, né i suoi figli o parenti potessero accam- 
pare pretese* sul salario e altri diritti. Le formolo dell* ac- 
ceptatio e del iuramentum, che erano presso a poco uguali a 
quelle degli altri magistrati quando prendevano possesso della 
propria carica, venivano registrate dal Notaio in una sala del 
palazzo di dimora del nuovo Podestà.^ 



' Ihid. efr. l'elezione di Gualtiero. A, 86, 222. 

' Brere del Gomuiie Pisano, 1313, libro I, cap. 82. 

' Gfr. Appendice, p. 55. 

* IbiéL p. 56. 

' Non era costante Paso di giurare in Chiesa; talvolta giuravasi anche 
nella sala del Palazso degli Anziani. Cfr. Rogiti etc. A, 36, 19; A, 38, 66; 
A, 38, 550 etc. Però maggiore solennità area la cerimonia del giuramento 
se prestato in Chiesa. 

* Cfr. Appendice, p. 55. 

* Cosi il Pontonarìo, efr. Roff iti etc. A, 34, 296 e A, 35, 452. Cosi 
l'ufficiale di Porta alle Piagge, cfr. ibid. A, 36, 325; gli officiali in tota 
maritima, A, 36, 326 etc. 



— 14 — 

Entrava questi in Pisa, il giorno stabilito, direttamente in 
città, essendogli vietato di fermarsi in alcun monastero od in 
altro luogo religioso,* ed era ricevuto in festa, con tutto il 
suo seguito, dalle autorità e dai magistrati locali. E, come ci 
é dato congetturare da quello che facevano simili magistrati 
in altre città, nel loro ingresso, pronunziava un discorso per 
ringraziare i Pisani che l'aveano creduto capace di sostenere 
sì difficile e importante carica;* e a questo rendimento di grazie 
seguiva la cerimonia del solenne giuramento,* che abbiamo 
riportato in appendice, ed in cui il Podestà si obbligava di at- 
tendere al più diligente e scrupoloso adempimento dei proprii 
doveri.* Dopo questa cerimonia il nuovo magistrato entrava 
nel Palazzo, che, notisi, è chiamato hospitium in quo hospi- 
tari debebat. Né il Rondoni, né il Tronci, né altro storico 
della Repubblica Pisana, ch'io sappia, ha fatto mai menzione 
del Palazzo di dimora assegnato al Podestà dagli Anziani, Ora 
io trovo nell'anonimo Cronista,* che questo Palazzo sorgeva 
nell^antica piazzetta della Chiesa di S. Ambrogio, chiesa esi- 
stente, ce ne assicura il Marangone fin dal 1162, in Castel- 
letto presso via Tavoleria. Sicché l'abitazione del Podestà era 
dove sorgono oggi il Palazzo del Monte di Pietà e quello dei 
preti di S, Stefano.* Il giorno dopo la cerimonia del giura- 



* CTr, Appendice, p. 53. 

* Vedttsi la descrizione che fanno di qaest' ingresso solenne alcuni 
Cronisti: Thokas Archh). Hf star in Salonitana, cap. 34 eie. Cfr. anche 
DuCAJfGEf Gloasarium, 

' If e^li Statuti del Capitano conserratl neU'Archiyio di Stato di Pisa 
e negli Statuti del Podestà abbiamo una bellissima miniatura, in cui il 
magistrato ò , rappresentato nell* atto di posare le mani sul testo dei 
Vangeli. 

* Cfr* Appendice, p. 57. 

' Frag. kigt. pia. MuE. B.LS. XXIV, p. 659. 
" Sulle Tioende della Chiesa di S. Ambrogio vedasi Saikati, Diario 
iacro pùtatWf p. 231. 



r^^f^^^^ 



— 15 - 

mento del Podestà ghiravano, con minore solennità, alla pre- 
senza degli Anziani^ in ima sala del Palazzo del Popolo Pisano^ 
i snoi ufficiali^ e il di seguente i suoi familiares. I quali tutti 
dopo aver recitata la formola del giuramento, erano obbligati 
a far registrare i loro nomi e la loro patria nello strumento 
che ne distendea il notaio della pubblica Cancelleria del Co- 
mune. 

ATTRIBUZIONI DEL PODESTÀ E DEI SUOI UFFICIALI 

Si il Podestà come tutti i suoi uomini duravano in carica 
un anno; e negli atti coi quali si comunicava al nuovo eletto 
la propria nomina era determinato il giorno in cui incomin- 
ciava r esercizio delle sue funzioni e quello in cui quest' eser- 
cizio spirava. Lo stesso si aveva anche nelle elezioni degli 
altri magistrati.' Qui è uopo notare che non sempre codesto 
ufficio di Podestà durava un anno, ma solo il più delle volte. 
Un diligente esame delle cronache pisane di quel tempo porta 
alla conclusione che talvolta, ma senza una regola costante, 
la carica del Podestà si estendeva a tre anni, tal' altra a due, 
tal' altra a venti mesi e tal' altra a diciotto mesi, qualche 
volta durava anche meno di un anno. Questo accade fino ai 
1236; da tal anno in poi, tranne qualche eccezione, il Podestà 
dura nel suo ufficio un solo anno. Tutto ciò parmi spiegabile* 
Dalla istituzione del Podestà a tutto il 1234, fuvvi una conti- 
nua vicenda fra la vecchia e la nuova forma dei magistrati 
della Repubblica Pisana, tra i Consoli ed i Podestà, ed il loro 
alternarsi era appunto determinato dal prevalere del partito 
intemo della Città. Cosicché quando il Podestà avea tanta 



' Roffiii etc. Cosi nell'elezione del Rettore di Lacca, A, 34, 381, 
Ktta nomina del Capitano del Popolo, A, 24, 388, del pontonarìo. A, 85, 
448, A, 31, 59, etc... 



— 16 — 

energia j tanta forza di resistenza contro la fazione che coi 
Consoli avrebbe voluto rovesciare il nuovo ordine di cose, era 
riconfermato nella sua carica appunto per ovviare ai tumulti 
ed ai disordini che si sarebbero riaccesi se il nuovo Podestà 
non avesse avuto simile fermezza ed abilità. Quando poi le 
cose in Pisa andavano per il loro verso, e le lotte fra i due 
elementi, V aristocratico conservatore ed il democratico no- 
vatore, se non erano, pareano almeno sopite, si procedeva re- 
golarmente dopo ogni anno all' elezione del nuovo Podestà. 
Se non che, anche dopo il 1236, abbiamo l'esempio di qualche 
Podestà che dura in carica più di un anno: e questo perchè 
alle volte i Pisani erano impegnati In qualche guerra o do- 
veano condurre a termine una difficile impresa; e però non 
poteano attendere alla intema amministrazione della Repub- 
blica; alle volte anche perchè gli Anziani ammiravano in quel 
dato Podestà una singolare nobiltà di animo, e un provvido 
conservatore della pace;' talvolta anche, come nel fatto del 
conte Ugolino, il Podestà ed il Capitano del Popolo accentra- 
vano nelle loro mani tutti i poteri, e, dominando colla insolenza 
simulata o colla violenza la volontà di Anziani longanimi, giun- 
gevano a durare in carica fino ai dieci anni. Conviene però 
aggiungere che alcune volte un Podestà potea essere rieletto 
dopo alcuni anni, per il ricordo delle prove di probità e d' in- 
tegrità di carattere nel disimpegnare i suoi doveri quando era 
stato nominato la prima volta. Cosi quell' Ubaldo Vicecomite 
che prima fu Podestà nel 1214 e continuò nei due o, secondo 
altri, nei tre successivi anni fu poscia rieletto nel 1227 e 
nel 1228.' 



* Eù^Ui ebc. A, 53, tS. 

' Cfr. MUR. E. L S. XXIV pag. G43, e Arch. St ItaL P. n, Sez. HI, 
VqL vi, png. U\. 



— 17 — 

Ora, il Podestà, come del resto gli altri uflìciali foreètieri 
eletti da Pisa/ era obbligato di scegliere e di condurre con 
sé, nel numero determinato nell' atto della sua nomina, gli 
uffldales, i berrò varii, e i familiares. In quegli atti d'elezione 
che ci è stato dato di consultare troviamo costantemente uno 
stesso numero di uomini. Gli offlciales eran quelli che in certo 
modo dividevano i poteri del Podestà, o meglio, aiutavano 
r opera sua negli affari pubblici, senza però, è bene notarlo, 
avere diretta ed immediata relazione cogli Anziani e col Co- 
mune; i berrovarii erano i poliziotti del Podestà; la familia 
in ultimo era costituita di servi che attendevano all' ammini- 
strazione degli affari privati e domestici della casa del Pode- 
stà e alla sua scuderia. Tutti, per la ragione dianzi accennata, 
doveano essere scelti dal nuovo magistrato prima di entrare 
in Pisa da città ghibelline e lontane dalla Repubblica Pisana 
almeno un sessanta miglia.* E nell' atto di nomina del Pode- 
stà erano tutte spiegate le norme che avrebbero dovuto se- 
guire questi uomini, la loro età, il loro numero, le loro attri- 
buzioni, i loro doveri; e allora soltanto poteano essere ammessi 
in Pisa quando non avessero prestato altra volta servigi ad 
altro Podestà o Capitano e quando non avessero dimorato in 
Pisa o nel distretto Rsano da qualche tempo. Ed in ciò gli 
Anziani rimostravano molto diligenti e quasi scrupolosi, ap- 
punto perchè codesti ufficiali, stando per molti anni a Pisa e 
convivendo a lungo coi cittadini Pisani, avrebbero potuto at- 
tendere con minore zelo e minore integrità e disinteresse ai 
proprii doveri. Del resto, converrà osservare fin d'ora che 
come mallevadore dell' esatto adempimento delle' proprie fun- 
zioni si prestava il Podestà medesimo che gli eleggeva. 



' Cosi r Ufficiale del Contado e del Distretto Pisano, Rogiti etc. A, 
38, 548, il pontonarìo, A, 34, 296, etc. 
■ Cfr. Appendice p. 46. 



— 18 — 

Dovea questi pertanto coadurre con sé e mantenerli a pro- 
prie spese per tutto il termine della sua carica quattro militi 
socii, nobili e sa^rgì uomini e nel pieno vigore delle loro 
forze e nella maturità del loro consiglio. Questi quattro cava^ 
lieri mentre dipendevano dal Podestà, erano ad un tempo suoi 
compagni, socii nel governo e neir amministrazione della giu- 
stizia, e godevano diritti presso che ugu^ a quelli del Pode- 
stà, ma fuori di Pisa, nelle città eh' eraJi^ sotto la giurisdi- 
zione del Comune Pisano. Erano riconosciuti dagli Anziani, 
ma solo come rappresentanti dell' autorità del Podestà, il qua- 
le, però, era responsabile delle loro violazioni alle leggi in- 
nanzi alla Repubblica Insana. Era questa un' istituzione , del 
resto , che parmi modellata su quella, ai tempi dell' antica 
Repubbbca Romana, dei Proconsoli, che nelle provincie sog- 
gette a Roma, aveano le attribuzioni medesime e 1 medesimi 
diritti di cui ^odeviino i Consoli in città. Quando però i militi 
ai trovavano in Pisa, per non avere giurisdizione in città, non 
poteano stare ad banchum Curie Maleficiorum; poteano solo 
assistervi quando presiedeva il Podestà.' 

Oltre a questi socìi, il Podestà si obbligava di condurre tre 
giudici, buoni e legali giurisperiti, che avessero almeno rag- 
giunto r età dei trent' anni, mentre il Rondoni crede doves- 
sero essere magg-iori dei trentacinque anni.* Di questi tre uf- 
ficiali uno era assessore, adempiva, cioè, le funzioni, mi si passi 
il paragone, del giudice collaterale al presidente del tribunale 
dei giorni nostri: il secondo giudicava esclusivamente super 
maleflciis. Quamlo il Podestà convocava e presiedeva 1' adu- 
nanza del Sanato o il Consiglio maggiore, o era distratto da 
altre cure, questo giudice avea facoltà di sentenziare in ma- 
ceria criminale, quantunque poi le sue sentenze passassero 



^ Cfr, Appendice» p. 47. 

' Arch. Star. UaL T. iV, P. I, ywcr. 642. 



— 19 — 

air approvazioiie del Podestà.' Il terzo giudice era assidens 
nella Cancelleria del Comune e dimorava presso il Podestà prò 
assidente et prò consulendo eidem: e questo in materia po- 
litica. 

In terzo luogo, il Podestà dovea condurre seco due abili 
e competenti notaio i quali o insieme o separatamente doveano 
continue vel vicissim inquirere, perquirere et rimare il con- 
tenuto di alcuni capitoli degli Statuti posti sotto determinate 
Rubriche.' Aveano essi poteri e diritti molto più limitati di 
quelli dei giudici, esercitando le loro funzioni in reati di più Ueve 
momento: faceano presso a poco quello che oggi spetta, sotto 
un certo riguardo, ai delegati di pubblica sicurezza. Non po- 
teano quindi dimorare o insieme o a turno che nella Curia 
Maleficiorum ed in quella parte che loro era assegnata dal giu- 
dice della Curia stessa. Se non che, ò uopo qui osservare, il 
Comune pisano per ovviare a qualsiasi corruzione e prepotenza 
di siffatti notai, li faceva sorvegUare da un notaio, cittadino 
pisano, il quale era destinato (quando, per qualsiasi motivo, 
codesti ufficiali forestieri andavano per la città in ispezione, 
diremmo ora, per fissare le multe e le contravvenzioni a chi 
violasse quei capitoli degli' Statuti che si riferivano alle loro 
particolari attribuzioni) a registrare, ma solo nel caso che ne 
fosse stato egli medesimo testimone, falla et delieta que inve- 
nirentur.* Nò poteano i notai del Podestà esimersi dall'obbligo 
di farsi accompagnare e sorvegliare dal notaio pisano; poichò 
oltre al non aver luogo le condempnationes incorrevano in una 
grossa multa, per ciascuna volta che avessero trasgredito co- 



^ Cfr. una sentenza per quisiione di dote, del 18 Gennaio 1290, di 
Simone Adamo giudice. Diplomatico, Deposito Bimonelli, Proy. Bau, N. 2. 

* Le abbiamo nell'atto d'elezione, cfr. Appendice, pag. 44. Questa 
la legge; il regolamento per la procedura è negli Statuti del 1313 al libro 
seoondo. 

* Cfr. Appendice, p. 45. 



— 20 — 

desto dovere. Questi tutti gli ufficiali del Podestà; i quali negli 
Statuti trovavano spiegate minutamente le norme particolari 
di procedura per ogni loro anche menoma attribuzione.* 

Ma oltre ^lì offlciales, il Podestà si obbligava di condurre 
con sé trenta berrovieri bene armati, e mantenerli ai suoi sti- 
pendi!: e questi erano gli sbirri, quasi guardie di pubblica si- 
curezza che attendevano unicamente al mantenimento del- 
l'ordine pubblico, con espresso divieto per ciascuno di potere 
essere adibito agli ufflcii di famulus, in genere, del Podestà, o di 
andare fuori di città per richiesta di qualsiasi cittadino Pisano.* 
Aveano essi per loro superiori, diremo, immediati un conestabile 
ed un vice Qonestabìle, eletti anche questi, prima di entrare 
in Pisa, direttamente dal Podestà. 

Ma non si limitano a queste le norme che al nuovo ma- 
gistrato davano gli Anziani, i quali gli determinavano perfino 
il numero dei domestici che dovea menar seco e mantenere 
a proprie spese. Ora, tutti in generale questi uomini che for- 
mavano il seguito del Podestà erano da lui scelti; né il Co- 
mune si obbligava di stipendiarli. Si riserbava solo di sinda- 
care r azione di ciascuno in particolare con appositi ufficiali; 
e di tutte le mancanze e trasgressioni ai doveri dei suoi uo- 
mini dovea assumere intera responsabilità il Podestà medesimo. 
Questo, chi ben guardi, recava vantaggi grandissimi, poiché 
questo nuovo magistrato dovendo mantenere a proprie spese 
quel determinatnO numero di persone e dovendo egli rispon- 
dere iU tutte le loro azioni e pagare le multe in cui i suoi 
subalterni venissero condannati dai Modulatori, attendava con 
ogni cura e sollecitudine a scegliere uomini capaci di sostenere 
quelle date cariche, e a sorvegliarli in maniera che si fossero 
adempiuti i loro doveri il più diligentemente e il più scrupo- 



* Breve del Comune Pisano del 1313, Libro III. 
' Cfr. Appendice, p. 46. 



— 21 — 

losamente che fosse stato possibile. Il Podestà poi avea l'ob- 
bligo di solvere integre salarium eorum: né questi stipendii 
erano fissati dagli Anziani o da altri ufficiali del Comune. I 
quali però gli davano facoltà di poter mutare i suoi uomini 
quando avesse in essi notato poco zelo nell' adempimento dei 
proprii doveri, o quando si fosse accorto che si lasciassero cor- 
rompere etc.; e gli concedevano altresi di poterli congedare 
non solo dopo i primi sei mesi ma anche quando gli paresse 
di doverli mandar via per qualche giusto motivo. Il congedo 
di codesti ufficiali, s' intende di leggieri, molto più frequente* 
per i notai o giudici, che per i domestici, appunto per la di- 
versa importanza delle attribuzioni, non potea certamente av- 
venire se non dietro l'approvazione degli Anziani e dei savii. 
Ma questo facevano per pura formalità e non per altro. Né ci 
tragga in dubbio V espressione adoperata quando* veniva re- 
gistrato un nuovo ufficiale in sostituzione d' un altro, t cassus 
est de mandato » o « de voluntate Anthianorum, » per farci 
ammettere una diretta ed immediata ingerenza di costoro nella 
elezione degli uomini del Podestà; ingerenza che non sarebbe 
niente affatto d' accordo con quanto era contenuto nell' atto 
di nomina del nuovo magistrato. E quelle espressioni, badiamo, 
< cassus > non « missus > o e licentiatus > « de mandato An- 
thianorum » a me parrebbe si riferiscano piuttosto al fatto 
che il Notaio, il quale registrava tutte codeste mutazioni, le 
registrava non per ordine diretto del Podestà, al quale im- 
portava unicamente V avere diritto di poter congedare quelli 
che r aiutavano nelle sue funzioni o lo servivano nell'azienda 
domestica, ma per incarico avuto dagli Anziani, ai quali raet- 



^ Rogiti eie. A, 36, 200; A, 36, 24; A, 36, 318, etc. 

* Abbiamo nelF Appendice, a p. 58 e sogg. trascritto a questo propo- 
sito, quel documento che ci è stato dato di trovare piii compiuto e meglio 
rispondente allo scopo. 



"?f^ 



— 22 — 

teva conto possedere un quadro sinottico e minuto di quanto 
a-veniva neir amministrazione della Repubblica Pisana, ed ai 
quali tuttavia il Podestà comunicava il nome di quegli uffi- 
ciali che volea congedare e degli altri che volea a questi sur- 
rogare< 

Dopo ciò mi piace fare una considerazione: il Podestà in 
Pisa non ha solo il carattere dell' honos, come gli antichi e 
ì più grandi maffistrati della repubblica Romana, i quali non 
aveano diritto a pa^a, ma solamente ad un compenso, ch'era 
un' indennità^ diremmo oggi, una retribuzione; ma riceve al- 
tresi il feudum, il salarium. Egli è un'ufficiale stipendiato dal 
Comune Pisano; e sotto questo punto di vista, l'atto della 
sua nomina j oltre ad essere un invito, è anche un vero e 
proprio contratto. Il Podestà dunque aveva il suo salario fis- 
satogli dagli Anziani, e che doveva servire come paga ai pro- 
pri! ufficiali. Qiie.gto salario, il più delle volte, era di 7500 lire 
di denari Pisani.* somma certamente molto rilevante, avuto 
riguardo specialmente alla poca ricchezza della moneta metal- 
lica dei tempi di cui parliamo.* Questa somma, come, del resto 
tutti gli altri stipendii dei magistrati del Comune, era pagata 
dal Camerarii della Repubblica, eh' erano presso a poco i teso- 
rieri, ai quali viene ordinato che « de quacumque pecunia pisani 
Comunis ab eis habita vel habenda occasione eorum oflacii dent et 
BOlvant, et dare et solvere debeant.* » Il salario era sborsato al 
Podestà senza ritenuta, il che avveniva sempre quando si trat- 
tasse ili solvere stipendium si ai più alti come ai più umili 



* TalTolia a «alano iuperava le 8000 lire, cfr. A, 34, 157; taP altra 
giungeva alle 9000» cfr. A, 35, 28. La mancanza di molti atti di elezione 
ci vieta di poterne fare uno studio accurato. 

* Una libbra o lira valeva, secondo la testimonianza di Orlando Ma- 
lavottì, quanto un ducato d' oro. 

* ProDchiom onUìUtrie degli Anziani, A, 135, 7 et alibi passim. 



— 23 — 

magistrati della Repubblica Pisana/ in tre rate, ogni quattro 
mesi. Gli Anziani, abbiamo accennato, non prescrivevano il 
feudum dei singoli uomini eh' erano ai servigi del Podestà: 
gli è però che inutili sarebbero le ricerche non solo negli Sta- 
tuti ma anche nelle Provvisioni ordinarie e straordinarie degli 
Anziani, per conoscere quanto spettasse a ciascun ufficiale, es- 
sendo tutto ciò di assoluta competenza del Podestà. É lecito 
però congetturare che simili paghe dovessero essere abbastanza 
cospicue, dal considerare che un berroviero,.come rilevasi da- 
gli Statuti del 1314,* avea per suo stipendio quattro lire al 
mese di denari pisani. La terza rata del suo stipendio il 
Potestà non la riceveva intera: e ciò per le ragioni esposte 
nell* atto stesso della sua nomina.* Oltre siffatto salario, que- 
sto magistrato come tutti i suoi ufficiali e domestici non poteano, 
sotto pene severissime, accettare alcun altro emolumento o, 
diremmo, gratificazione dal Comune Pisano, o alcima somma 
da qualsiasi cittadino o persona del Contado e per qualsiasi 
ragione. Tuttavia, per un più esatto e scrupoloso adempimento 
dei doveri di simili ufficiali forestieri, gli Anziani, mentre pu- 
nivano rigorosamente e con gravissime multe le violazioni alle 
loro provvisioni, agli Statuti del Popolo e del Comune e agli 
obblighi particolari contenuti nell' atto di nomina, li premia- 
vano ad un tempo quando essi davano prova della loro dili- 
genza e del loro zelo, o nella presa delle bestie nei prati del 
Comune o negli altri luoghi vietati,* o nella cattura dei ban- 



' CobI il Modulatore nelle Pt'ov. ord. degli Anz. A, 135, 8. Così i 
Conestabiles famulonim, i famuli, e i tamburini CuBtodie, A, 135, 13; i 
custodi. A, 135 50; etc. 

• Libro II, cap. 202. 

' Cfr. Appendice, p. 47. 

* Il Comune Pisano anticamente poBsedeya pascoli, in cui i cittadini, 
pagando, mandavano i proprii armenti. Quando nei pascoli entravano be- 
stie dì quelli che non avevano pagato, si sequestravano e se ne stendeva 
il verbale per iscritto. 



— 24 — 

diti, o in quello, in generale, che potesse recare vantaggi al 
Comune o ai singoli cittadini pisani. E negli atti che esami- 
niamo troviamo, per esempio, esposto minutamente, quanto ai 
banditi,*tutto quello che spettava al Podestà e ai suoi ufficiali.* 
E nelle Provvisioni straordinarie* e talvolta altresi nelle Prov- 
visioni ordmarie degli Anziani* troviamo simili retribuzioni 
alle volte molte cospicue. Un tal Ghinus Marchio, Podestà di 
Pisa nel 1361 ha fino a cinque mila libbre di denari per la cat- 
tura doì banditi,* quos ipse Potestas vel eius officiales seu fa- 
milìa ceperunt in civitate pisana vel eius comitatu vel districtu 
et posuerunt in fortia pisani Comunis. 

Tutti questi uomini poi, e se ne obbligava il Podestà me- 
desimo con giuramento, doveano presentarsi una volta al mese 
e talvolta anche di più, innanzi ad alcuni Anziani (variavano di 
numero)/ ai sapientes, a ciò eletti, e al Cancelliere degli An- 
ziani ; e di ciascuna mostra dovea stendersi un pubblico stru- 
mento. Noi possediamo per avventura molti documenti in cui 
non pare che ci siano stati ogni mese, almeno, questi pub- 
blici strumenti, nei quali si registrassero ciascuna volta i nomi 
e la patria di tutti gli ufficiali, berrovieri e domestici del Po- 
destà, Pure l'atto deir elezione parlava chiaro:* cosicché a me 
sembra che le mostre avessero luogo ogni mese, ma che i 
notai, destinati a prender nota dei nomi e dei luoghi di na- 
scita degli uomini del Podestà, si astenessero dal -trascrivere 
tutto volta per volta, e che quando o per congedo o per iscam- 
bio alcun ufficiale non era più ai servigi del Podestà, dichia- 



* Cfr. Appendice, p. 51. 

* Frov. straord, degli Anziani, A, 135, 16, A, 135, 89, A, 135, 21 etc. 
' Prov^ ord. degli Anziani, A, 134, 24. 

* Pror* straord. A, 133, 15. 

* Ora sono 4, cfr. Rogiti eto. A, 38, 66; ora 5, cfr. A, 38, 650; ora 7, 
cfr. A, 3(5, 318. 

* Cfr. Appendice, p. 46. 



- 26 — 

Tasserò « cassus » il nome di quel tale o di quei tali che man- 
cavano, nello strumento della prima mostra^ che, secondo noi. 
era lo stesso di quello disteso quando codesti uomini presta- 
vano il giuramento, e vi si sostituissero i nomi dei nuovi colla 
solita formula: < admissus et receptus est in loco etc. v E a 
questo scopo 1 notai quando registravano la prima volta i nomi 
degli uomini del Podestà vi lasciavano dello spazio fra un nome 
e l'altro per interlinearvi le posteriori modifiche; le quali, 
quando gli spazii erano pieni, erano segnate o in margine o 
in fondo air atto medesimo. E di ciò abbiamo in appendice un 
esempio. Accanto alle mostre ordinarie e straordinarie che 
il Podestà si obbligava di fare dei suoi ufficiali, erano dagli 
Anziani prescritte le mostre anche per i cavalli (il cui 
numero e la cui qualità erano determinati con particolari 
norme nel!' atto dell' elezione)* da servire per i berrovieri 
quando andavano a perlustrare pel contado o pel distretto o 
per altri bisogni. Il Comune si obbligava soltanto di risarcire 
i danni del Podestà, nel caso però che qualche cavallo morisse 
riportasse ferite in aliquo bello ve) exercitu che si faces- 
sero per il vantaggio e la difesa della Repubblica. Quanto al 
resto poi, il Podestà ed i suoi uomini dal giorno in cui entrar 
vano in carica fino a quello in cui partivano di Pisa doveano 
« stare cum amensibus et rebus suis » a rischio e pericolo 
loro, non già del Comune Pisano. 

Gli Anziani dopo aver determbiato al nuovo Potestà il nu- 
mero degli uomini che dovea condurre con sé, e dopo aver 
segnato con linee generali i loro doveri, escludevano espres- 
samente da Pisa qualsiasi persona che stretta da vincoli di 
sangue col nuovo magistrato potesse godere influenza sul- 
r animo di lui e distrarlo come che sia dalle sue occupa- 
zioni. E però gli proibivano, sotto pene severissime di con- 



* Cfr. Appendice, p. 48. 



— 26 — 

fìurre un fratello o un genero e perfino la propria moglie 
in Pisa, anche se avesse ottenuto un permesso speciale dagli 
Anziani. Solo, però, neir atto di nomina- che abbiamo tra- 
scritto, fu concesso al Podestà di dimorare colla moglie e coi 
figli in città, senza esser soggetto a multe. Ma questa è una 
eccezione rarissima, di cui non si ha più traccia in seguito. 
Kd é notevole che nell' elezione di Tanuccìo degli Ubaldini 
e' è per intero la formula comune, ed è anche ricordato il 
divieto, che poi è cancellato, di condurre seco la moglie o 
I figli: solo in margine è registrata questa concessione. La 
quale dovè essere accordata, non certo dal Sindaco, ma, o 
spontaneamente o per condizione posta dallo eletto, dal Comune 
stesso, e fa supporre che prima di accettare la nomina questo 
Potestà avesse dal Sindicus invocato la soppressione di quel- 
la obbligo e che questi, a nome del Comune, avesse accon- 
sentito, per non perdere l' opportimità di avere in Pisa quel 
magistrato colto ed integerrimo nel!' amministrazione della 
giustizia.* Pene severissime poi erano comminate al Pode- 
stà se chiede\'a direttamente od indirettamente che fosse 
eletto ad alcuno ufllcio del Comune pisano o il padre o un 
fìratelJo o un ni^iote o in generale qualsiasi persona sua. Il 
Podestà, insomma, tranne quel determinato numero di uo- 
mini di differenti città ghibelline che potessero attendere ai 
suoi servigi dovea, solo, entrare nell' esercizio della sua carica, 
e serbarsi lontano dalle cure familiari e domestiche, lontano 
dal poter subire influenza di sorta, e pensare unicamente al- 
l' amministrazione della giustizia ed agli altri suoi doveri, senza 
preoccuparsi di chicchessia, e senza veruno intendimento di 
dispiacere o di compiacere a qualsiasi cittadino pisano, o a 
qualsicisi fazione intema della città. E ispirati da questo cri- 
terio ìodevolissiino dì far si che il Podestà fosse un magistrato 



' Ergiti etc. A, 36, ai2. 



» 



~ 27 — 

integerrimo e non ubbidisse, in nessuna maiìiera,^^ spirito 
di parte nell' esercizio delle proprie attribuzioni, gli Anziani, 
sotto pena di gravissime multe, gli vietavano di stringere 
e di coltivare qualunque relazione di amicìzia coi cittadini Pi- 
sani^ Solo in giorni di grandissima solennità tanto al Podestà 
quanto ai suoi ufficiali ed alla sua famiglia di domestici era 
lecito di potere « edere confectiones et fructus et bibere » co- 
gli Anziani o con stipendiari del Comune pisano.' Del resto 
poi, era sempre vietata ogni sorta di relazioni fra il Podestà 
e i cittadini, divieto che per il nuovo magistrato durava fino 
al termine dell' esercizio delle proprie funzioni. Anche severe* 
multe erano inflitte al Podestà se questi o alcuno dei suoi 
giudici, militi, notai si allontanasse, per qualsiasi ragione, 
da Pisa, durante il periodo della propria carica. Si richiedeva 
una provvisione straordinaria degli Anziani, e, se non d'obbligo, 
almeno di consuetudine il consìglio de' savi riunito dagli Aziani 
stessi; e se era permesso al Podestà di lasciar Pisa, dovea que- 
sti farvi restare ' come suo vicario una persona dì sua fiducia e 
approvata dagli Anziani. E se doveano assentarsi dalla città 
gli ufficiali del Podestà,^ questi dovea aver pronti altri uomini 
da sostituire a quelli; e nelle provvisioni degli Anziani tro- 

' viamo anche i nomi di coloro che temporaneamente avrebbero 
dovuto sostenere 1' ufficio di quei giudici o militi che anda- 
vano via da Pisa.* E tranne queste licenze, che diremo straor- 
dinarie, il Podestà rimaneva in città, e di ciò s' obbligava con 
giuramento nel primo solenne ingresso in Pisa, con tutti i suoi 
uomini per altri dodici giorni, dopo il termine della sua ca- 



* Cfr. Appendice, p« 48. 

* Cfr. Appendice, p. 48 e 49. 
' Bo^ti eie. A, 36, 224. 

* Provvisioni straordinarie degli Anziani, agli anni 1360-1365, cfr. 
A, 135, 21, A, 183, 52, A, 134, 64 etc. 

' Cfr. nota precedente. 



— 28 — 

fica « prò moil Illa t ione fienda sua et eius offlcialium, berro- 
varorìum et faniìlie. » 

Esposte tutte quelle particolari istruzipni che gli Aifziani 
stimavano oeceì^sarie a sapersi dal nuovo Podestà, prima che 
entrasse in Pisa, a^^^^^iungiamo che neir atto d' elezione non 
erano enumerate tutte le diverse e Singole attribuzioni e tutti 
i doveri che avrebbe avuti il Podestà nella Repubblica. Gli 
Anziani si limitavano solo a dire:' t teneatur dominus Potè- 
staj4 die, qua intra verit civitatem pisanam, iurare dictum suum 
olHcium ad Breve pisani Comunis et ipsum Breve in omnibus 
et per omnia obsei*vare que non essent contra formam huius 
electionis et contenta in presenti electione; et observare pro- 
visiones dominorum Anthianorum pisani Populi que non es- 
seut contra Itirniam Brevis pisani Comunis vel contra for- 
mam huius electionis.* » Queste le linee generali, questa, in 
altre parole, la legge: il regolamento e le norme di procedura 
erano gli Statuti. Inteso bene e chiarito questo punto, con un 
rapido ma diligente esame degli Statuti del 1314, colle notizie, 
benché scarse, dateti dai Cronisti del tempo, e col riscontro 
e collo studio dei documenti conservatici nell' Archivio, ci sarà 
dato di cogliere nella sua interezza quella che diremo l'essenza 
deir ufficio del Podestà di Pisa nel secolo XIV. 

Cum inizeremo, anzitutto, dall' osservare che in materia po- 
litica il Poiestà è un magistrato grande, bensì, della città, non 
però è supremo ed indipendente. Gli Anziani, rappresentanti 
del l'opolo, erano nella Repubblica Pisana, sotto un deter- 
minato aspetto quello che oggi sono i Ministri di Stato; pre- 
sentavano i disegni di legge e ne faceano le proposte, le quali 
passavano al Consiglio del Popolo per essere approvate o ri- 
gettate, come avviene presso a poco nei Parlamenti, o questo 
Consiglio era convocato e presieduto dal Capitano. Quanto a 



* Cfr. Appendicoi p. 49. 



— 29 — 

questo è a notare che, sempre nei limiti degli Statuti, gli 
Anziani decretavano in modo assoluto e che ai Consigli ricor- 
rerano solo quando doveano modificare, sia pure temporanea- 
mente, per una volta sola e per certi casi, gli Statuti me- 
desimi. Ora le proposte degli Anziani, se approvate, passavano 
alla ratificazione del Senato e del Consiglio della Credenza, in 
cui chi presiedeva era il Podestà. Ma il favore o V opposi- 
zione che potessero incontrare simili provisiones degli Anziani 
non era niente affatto dipendente dalla sola volontà del Po- 
destà, il quale non avea che la facoltà, o, per essere più pre- 
cisi, non potea rifiutarsi, quando lo volevano gli Anziani, dal 
convocare il Senato, dal comunicare le proposte e dal farle 
passare all' esame. La sovranità vera risiedeva nel Popolo, e 
la vera rappresentanza del Popolo negli Anziani; il Podestà 
invece rappresentava il Comime, ma non prevaleva. Però si 
gli Anziani che il Podestà erano in tutto subordinati agli Sta- 
tuti ed ai Consigli. La discussione pertanto era tutta del Se- 
nato, da cui unicamente dipendeva l' annullamento o l' appro- 
vazione delle provisiones. Le quali poi, approvate, trovavano 
nel Podestà una salvaguardia, una guarentigia nell'esecuzione. 
Ed anche quando e' erano i Consigli generali della Città, quan- 
tunque il Presidente fosse il Podestà, pure non aveva, come 
oggi, sotto un certo rispetto, un presidente di uno dei rami 
del Parlamento, autorità e poteri immediati e diretti. Gli An- 
ziani ed i Consigli del Popolo e della Credenza erano tutto, 
e costituivano 1' assemblea legislativa e deliberativa quanto a 
politica, nelle relazioni che ora si direbbero internazionali, 
nelle dichiarazioni di guerra, nei trattati di commercio, nelle 
alleanze, e quando bisognasse riformare la costituzione della 
Repubblica. E questa è la ragione per cui nell' atto di ele- 
zione del Podestà gli Anziani non esponevano mmutamente 
tutte le particolari attribuzioni, che egli avrebbe avute in ma- 
teria |)olitica: si limitavano ad imporgli di osservare e di 



— 30 — 

rispettare le loro provisiones, purché queste non fossero state 
contrarie a quelle norme speciali eh' erano contenute nel- 
r atto della sua nomina. 

In generale, in questioni politiche ed in affari di grande 
importanza, gli Anziani gelosamente custudivano i proprii 
dlritt], quasi sospettassero che un magistrato forestiero non 
potesse prestare di sé uguale fiducia, e avere in simili fac- 
cende negoziati tutto quel disinteresse e quell'amor patrio 
4ei magistrati stessi di Pisa. Ed anche in materia ammini- 
atrativ a il Podestà non si obbligava che di osservare le pro- 
visiones degli Anziani e le deliberazioni dei Consigli. Però, 
quantunque non avesse autorità diretta ed immediata, pure il 
Podestà era il magistrato supremo che vegliava sull'adempi- 
mento dei doveri degli Anziani, compresi negli Statuti; e ciò 
quanto alla nomina degli ufiiciali pisani e forestieri, all'am- 
ministrazione interna della città, dei suoi borghi e subborghi, 
come alla manutenzione delle vie, delle strade, degli acque- 
dotti, dei ponti etc. Erano, in altre parole, vincolati i poteri 
degli Anziani con quelli del Podestà e si bilanciavano scam- 
bievolmente allo scopo di cooperare al benessere e alla flori- 
dezza della Repubblica Pisana. Cosi, ad esempio, mentre il 
Podestà non potea imporre' silenzio agli Anziani, ma dovea 
€ habere Arma et rata et executioni mandare que per ipsos 
ikcta et decreta et determinata seu sententiata essent, * " e 
sorvegliarli e multare le loro violazioni agli Statuti; gli An- 
ziani, alla loro volta, pur sorvegliando il Podestà ed i suoi 
uomini neir adempimento dei doveri prescritti a ciascimo, da- 
pli Statuti stessi e dair atto d' elezione, per mezzo del Mo- 
dulatore, doveano * [mrere et obedire et Potestati et suis 



^ Breve del Comune Pi Batto, libro I, cap. XI. 
* lùid. cap. xia 



P5«(,«(^.1S.- 



- 31 — 

ìudicibus et àliis de sua famìlia i sotto pena di pagare Ano 
a dugento lire di denari pisani/ 

Ho detto che erano vincolati i poteri del Podestà con quelli 
degli Anziani: infatti gli Statuti, per citare un esempio pra- 
tico quanto calzante, obbligavano gli Anziani ad eleggere un 
ufDciale, a mantenere la polizìa della città etc. Ora, il Podestà 
non avea diritto a far da sé la nomina di quest' ufficiale, né gli 
era prescritto di attendere direttamente alla nettezza delle 
piazze e delle strade , ma poteva e dovea obbligare gli Anziani 
a far tutto ciò con cura e dil^enza. Inteso questo punto, s' in- 
tende di leggieri e nel suo spirito la formola premessa a ciascun 
capitolo del Breve del Comime Pisano del 1314: « ego Potestas 
&ciam eligi » o « fieri per doininos Anthianos etc. » Solo nell'ara- 
ministrazione della giustizia, il Podestà non pure era giudice 
supremo, ma altresì magistrato, diremo per ora e fino a un 
certo punto, indipendente: e questo rilevasi dagli Statuti mede- 
simi,* in cui non abbiamo più le parole « faciam per Anthia- 
nos fieri », ma il solo • iaciam i espressione della sua piena 
autorità e dei suoi più ampli poteri. C'è di più : in un Ca- 
pitolo del Breve del Comune è detto che le pene che non 
erano specificate negli Statuti, dovea darle il Podestà arbitrio 
et voluntate sua. > 

S'intende agevolmente che talvolta non era lui, per cosi 
dire, il Presidente del Tribunale, poiché conduceva con sé 
dei giudici ì quali definivano qulstioni civili e criminali quando 
egli non potesse attendervi, perchè distratto da oltre più gravi 
cure di Stato. Nella Curia Maleficiorum era sempre dunque 
il Podestà che pronunziava le sentenze : ed il Capitano del 
Popolo non sentenziava che in cause le quali aveano altro ca- 
rattere, un carattere piuttosto polilico, come quando si trat- 



' Ibf'd. oap. XJ. 

' Broye del Comune Pisano, Libro III, Super Maleficiìs. 



— 32 — 

tava iU sommosse, i\\ sedizioni contro il governo, quando si 
minacciava tlai nobili dì riformare Ja costituzione della Re- 
pubblica etc. Ed in simili casi per ristabilire l'ordine pubblico, 
non bastando quel numero limitato di berrovieri del Podestà 
m ricorreva al Capitano, il quale colle sue genti faceva quello 
che oggi fanno i soldati dell'esercito, quando aiutano l'opera 
delle guardie di pubblica sicurezza. Ma in generale, in que- 
stioni civili e criminali, come di eredità, di furti, di debiti, 
di omicidii etc. non interveniva mai il Capitano: tutto era at- 
tribuzione del Potestà. Il quale non sentenziava unicamente 
in contese che il Comune avesse con qualche cittadino pisano 
o con qualche forestiero/ 

Oltre però a questo altissimo ufficio di magistrato supremo 
in materia giuridica, il Podestà si riserbava altresì la suprema 
autorità in materia poliziesca. E si è visto infatti che egli 
dovea condurre con sé dei notai, dei berrovieri e altri uomini 
che in quel tempo ei'ano ì delegati ed i poliziotti di pubblica 
BÌc\irezy.SL. Anzi il Podestà dovea. obbligarsi con giuramento 
di mandare in perlustrazione pel distretto e pel contado i 
suoi berrovieri armati e con cavalli, e di farveli dimorare 
ogni volta che ce ne fosse stato bisogno.* Cosicché nel se- 
colo XIV in Pisa il Podestà come in materia politica ed am- 
ministrativa non ha una diretta ed immediata autorità nelle 
deliberazioni, nelle ratiilcazioni e negli annullamenti delle 
provjsiones degli Anziani, cosi in materia giuridica sia civile 
sia criminale egli è tutto secondo le norme date dagli Sta- 
tuti per i diversi delitti e reati e per le violazioni di essi 
fatte da quelli della città o del contado di Pisa; è magistra- 
to supremo e, presso a poco, indipendente. Perocché certa- 
mente anche in ciò non mancava il Sindacato degli Anziani 



' Cfr. Rùffiii utc. A, 34^ 337 in una sententia lata Inter Comune et 
lohamiem Garfonem. 

' Cfr, Appendiec, p» 51* 



— 33 — 

per mezzo dei Moludatori : ma i poteri di cui questi godevano 
erano, relativamente, molto limitati. Il Podestà era quegli 
che avea tutti i possibili diritti : e abbiamo notato che in un 
capitolo del Breve del Comime del 1314* egli ha la facoltà, 
in certi delitti non considerati o non preveduti nella compi- 
lazione degli Statuti « super maleficiis», di applicare quelle 
punizioni e quelle condanne che più gli paressero giuste. Il 
Modulatore potea solo sindacare, direi, la procedura tenuta 
nelle cause penali: ma non avea Talta facoltà di rifare il 
processo e di esaminare la sentenza del Podestà, come po- 
trebbe fare oggi ima Corte d'appello. Negli Statuti erano 
determinate le pene da applicarsi alle diverse viol^ioni delle 
leggi: ed il Podestà giudicava secondo le norme in quelli 
contenute. Ed i Modulatori poteano tutt'al più osservare se 
si fosse contrav\'enuto a quelle regole, se, in altre parole, 
nell'amministrazione della giustizia sì fosse proceduto per vie 
legali; ma non erano autorizzati a cancellare la sentenza 
del Podestà o a modificarla in qualsiasi maniera. E poi, gio- 
verà notare, avea luogo la Modulazione, ma solo quando il 
Podestà era uscito di carica ; sicché le sentenze pronimziate 
da questo magistrato erano eseguite affatto indipendentemente 
daquello che avrebbero notato i Modulatori. Aggiungeremo solo 
che negli atti di elezione del secolo XIV troviamo, anche per 
questa parte, delle restrizioni dei poteri del Potestà, relative 
al modo con cui si sarebbe condotto nell' amministrazione 
della giustizia che non abbiamo negli Statuti. Cosi, ad esempio, 
non poteva né doveva il Podestà o alcun suo ufficiale t de- 
tineri facere personaliter in palatio vel alia domo extra car- 
ceres pisani Comunis aliquam personam prò aliquo maleficio 
ultra unam diem cum nocte per vicem ; * » né alcun suo uf- 



*■ Brere del Comune Pisano, Libro III, cap. 64. 

' Cfr. Appendice, p. 54. Intorno alle antiche stinche o prigioni del Co- 



— Sé- 
pie i;tle avea il diritto di * torquere vel torqueri facere aliqua 
Gccasioùe veì modo aLiquam personam sine presentia ludicis 
furie Maleflcioruni vel ludicis assidentis in Cancellaria pisani 
Comunis et unius ex notariis diete Curie Maleficiorum » * etc. 
E non osiservando codeste norme parlicolari di procedimento, 
che venivano notate dal M( adulatori, il Podestà incorreva nella 
multa dì ben cinquecento libbre di denari pisani. 

Però, se gli An2Ìanì per mezzo dei Modulatori aveano una 
sorveglianza, come che limitata, sull'esercizio delle attribuzioni 
del Podestà in materia giudiziaria si civile che penale, si ri- 
serbavano tuttavia la facoltà di graziare, ma sempre in via 
straordinaria, coloi*o che erano stati colpiti da una sentenza 
di questo magistrato, o, con maggiore precisione, di attenuare 
più o meno la pena del condannato. Codesta facoltà, mentre 
da ima parte ci conferma nel nostro concetto che cioè la so- 
vranità dei poteri nella Repubblica Pisana al tempo, di cui 
noi ci o<:cupiamo, risedeva nel Popolo e quindi nei rappre- 
sentanti del popolo stesso, negli Anziani, esclude, dall'altra, 
ogni ingerenza diretta di costoro nell'opera giudiziaria del Po- 
destà, il quale giudica secondo le nome degli Statuti e non 
di altri : appunto perchè il far grazia ad un condannato do- 
vea essere una provisio extraordinaria, approvata dal consen- 
timento di dodici uùmin savii. Un presidente di tribunale, 
oggi, e questo per chiarir meglio il nostro concetto, quando 
deve giudicare un reo, non conosce altro superiore che il 
codice il cui spirito cerca d'interpretare e dei cui articoli è 
chiamato a fare 1' applicazione. Né il principe può influire 
legalmente neìi' asscd azione o nella condanna dell' imputa- 
to: solo in casi eccezionali, e per determinati delitti, come 



muno Piflano di quel tempo e al luogo in cui erano poste vedasi Sai- 
KATl, Difiniy mero pimm^ p. 157. 
* Cfr. Appendice, p. 54, 



rpparesentante del paese che da lui è retto, può fare atto 
di graza sovrana al colpevole. 

Non si creda pertanto che il graziare un reo per gli An- 
ziani del popolo pisano fosse un annullare del tutto la sentenza 
del Podestà. Essi accoglievano le suppliche da parte dei con- 
dannati e dei loro parenti, e accordavano loro appena qualche 
aUeviamento della pena, alleviamento mite ma sicuro e tale 
che tutti indistintamente gli ufficiali del Comune erano ob- 
bligati di « servare * inviolabiliter » le deliberazioni prese a 
questo proposito dagli Anziani. Cosi trovo in queste provvi- 
sioni straordinarie che essi accordano ad im tal Beltraino de 
Plumbino € exbannìto dìsanì Comunis licentiam liberam et 
securitatem plenam veniendi Liburnum et in portum pisa- 
num* > per far la pace coi suoi avversarli. Altra volta si 
concede' una dilazione ad un tale che ha avuto una multa: 
si permette tal'altra* ad un bandito per omicidio di dimorare 
qualche giorno nel contado Pisano, o * a Lucca. Sovente viene 
anche differito, ma sempre di qualche giorno, il termine in 
cui un reo può dimorare in Pisa o in altro luogo ch'egli abbia 
domandato e che sia sotto la giurisdizione del Comime pi- 
sano.' Grazie veramente queste che parrebbero a noi di non 
molta importanza, ma che allora eran tali da rendere neces- 
saria un'apposita deliberazione straordinaria, non contenuta 
negli Statuti. 

Dopo aver considerato questa nota caratteristica del Po- 
destà Pisano nel secolo XIV come giudice, vien fatto facil- 
mente di domandarci: Come va spiegata questa grandissima 



• Provisioni straordinarie degli Anziani, A, 134 ,57, all' anno 1360. 

• Prov. straord. degli Anz. A, 134, 58. 
» Ibid. A, 133, fi6. 

• Ibid. A, 133, 73. 

• Ibid. A, 137, 81. 

• Ibid. A, 133, R6. 



— 36 — 

autori Ui, questi amplissimi poteri in materia giudiziaria civile 
e criminale di cui godeva il Podestà, sempre però nei limiti 
concessigli dagli Statuti e colle piccole restrizioni che abbiamo 
notate, di fronte ai poteri e ai diritti, che avea questo mede- 
simo magistrato in materia politica e amministrativa? E fa- 
cile la risposta ove si pensi che quando bi^gnava che la Re- 
pubblica Pisana dovesse o dichiarare una guerra o stringere 
un'alleanza, o fare negoziati politici con altri Stati, o rifor- 
mare la costituzione e gli ordini civDi o attendere alla nomina 
dei proprii ufilciali, bastavano i magistrati stessi del Comune, 
gelosi nell'eserciiìio di questi loro diritti; e le ire di parte, gli 
odìì tacevano. Ben molto più diffìcile invece e delicato era 
r incarico di amministrare la giustizia, e richiedeva non pure 
un uomo colto, fermo ed integerrimo, ma una persona altresì 
del tutto estranea alle fazioni e tale da non poter favorire 
frlinteressi di chif^chessia e da non poter subire, come che sia, 
influenza da cittadini o da magistrati stessi pisani. Comunis- 
Rime neir età di mezzo erano le infrazioni alle leggi e gli at- 
tentati alla pubblica quiete, e s'intende di leggieri, molto più 
frequenti negli uomini potenti per autorità o ricchezze e pieni 
di ereditaria ambizione che nelle umili classi della società. Si 
H^^Munj^a poi che i costumi grossi e licenziosi, i feroci odii e le 
(juerele di fami^jlia, le vendette private che si legavano di 
padre in tìglio, e la sola insolenza della forza talvolta rende- 
vano resecuzione della giustizia criminale nella pratica e nella 
esperienza quoti^ìiana ciò che oggi è in teoria la protezione 
necessaria ilei Jv^^^'ero contro V oppressione. Un magistrato 
non potea couflannare alcun potente o facinoroso cittadino 
senza timore di provocare dei disordini; ed era ben molto raro 
che si potesse fare eseguire una sentenza senza ricorrere alla 
violenza i ielle arjni. Un reo, dopo la sua condanna, non era un 
oggetto di orrore |>er la società; ma accusando l'iniquità delle 
leggi e meimndo vanto di un' azione non approvata da quelle 



f?^^^''"^- 



— 37 — 

e dalle particolari istituzioni del suo paese, ma conforme ai 
sentimenti ed alla maniera di pensare dei suoi concittadini, si 
faceva scudo delle forze dei suoi amici ed aderenti, e resisteva. 
Bisognava pertanto che la forza fosse non una sola guarentigia 
delle leggi, ma il sostegno stesso delle leggi; si trattava di pro- 
cedere non contro un individuo, contro una famiglia, contro 
una fazione locale, ma talvolta contro un intero partito, guelfo 
ghibellino, poiché nelle vertenze tra femiglie potea trovarsi 
interessato tutto intero un partito. E bene, era non di rado 
necessario disporre di tutte le forze della Repubblica contro 
un cittadino ribelle alle leggi, e bisognava punirlo, distrug-. 
gere le sue case, e, colle armi, sottomettere i suoi amici. E 
questi poteri mal si sarebbero accordati certamente a cittadini 
pisani, i quali non avrebbero favorito che gì' interessi della 
fazione a cui appartenevano. Occorreva pertanto V opera di 
un personaggio forestiero, che non avesse avuto mai nulla 
che fare con cittadini e che neir amministrazione della giu- 
stizia fosse stato mosso, anzi che da uno spirito, di parte, da 
uno spirito equo, retto, imparziale. Cosicché in politica e nel- 
l'amministrazione interna della città non fu sentito cosi vivo 
il bisogno di ricorrere ad lin ufficiale forestiero come fu sen- 
tito quanto all'amministrazione della giustizia. 

E dopo quanto siamo venuti esponendo ci pare di poter 
conchiudere che nel secolo XIV il Podestà di Pisa in materia 
politica ed amministrativa non approva né ratifica, che la vei^a 
sovranità risiede negli Anziani; non ha il diritto di discutere 
di deliberare, ma deve raccogliere e guarentire il risultato 
della discussione, la quale non avviene che nel Consiglio, ed 
attendere all'esecuzione delle deliberazioni prese. Questi sono i 
limiti imposti al Podestà dagli Statuti anzitutto e dagli An- 
ziani; ben inteso che quantunque egli non avesse diritto di 
fare altro, almeno, diremo, de iure, secondo quello, cioè, che 
^li prescrivevano gli Statuti, pure anche in^palitica e nell'am- 



— 38 — 

luJni^ìtrazione interaa lU^lla Repubbiica Pisana sapeva usur- 
parsi j in pratica j dei poteri che non gli erano accordati. In 
materia giurìdica, poi, sia civile sia criminale, ed in materia 
poliziesca il Podestà era in Pisa magistrato ^supremo ed in- 
dipendente, sempre per altro dentro ai limiti dello Statuto 
e con quelle poche restrizioni di poteri, che abbiamo sopra 
ricordate. 

Alle linee generali tracciate nell'atto d'elezione del nuovo 
Podestà, quanto ai suoi doveri e quanto ai diritti di cui a- 
vrebbe goduto, gli Anziani credevano bene aggiungere alcune 
istruzioni particolari per richiamare la sua attenzione special- 
mente sa certi abusi e su peculiari violazioni agli Statuti, le 
quali, perchè frequenti, richiedevano energia maggiore e cura 
più diligente. E per simili trasgressioni alle leggi rimandiamo 
il lettore airappendice ove le abbiamo trascritte. Aggiunge- 
remo solo, e ci pare complemento necessario di quanto ab- 
biamo esposto fin qui, alcuni pochi cenni intomo al Modula- 
tore del Podestà. 



IL MODULATORE DEL PODESTÀ 

Il Podestà, era detto oeiratto della sua nomina, si obbligava 
con giuramento di comparire in persona innanzi al Modulatore, 
essendogli sotto pene severissime vietato di presentare dei 
tìdeiussores,^ per dar conto dell'adempimento dei doveri non 
solo suoij ma anche di tutti i suoi uomini. I quali però po- 
teano comparire e rispondere alla loro modulazione per mezzo 
di un procuratore < centra quem procedi posset ad quenclibet 
actum Kicnt contra principalem. » * 



' Cfr. Appendice^ p. SfO. 
* Cfr, Appendice, ibid. 



:&±'^..t. 



— 39 — 

Allo slesso modo che per l'ufficio del Podestà, cosi pure 
per erercizio delle attribuzioni che aveva il Modulatore, ri- 
chiedendosi una persona imparziale ed estranea ai partiti ed 
alle fazioni della Repubblica, si eleggeva un ufficiale for**- 
stiero. Ed anche per la sua nomina, gli Anziani si accorda* 
vano su tre diversi nomi; in modo che se il primo eletto ri- 
nunzìava, l'istesso invito con tutte le condizioni ed istruzioni 
si faceva al secondo o al terzo.* Ora, il Modulatore, come 
rilevo da una carta del Diplomatico," avea la sua curia n^l 
Palazzo stesso degli Anziani. Nel Libro dei (ansigli et€.^ 
esistente nella Cancelleria degli Anziani, a e. 442, sotto la 
data del 15 Febbraio 1350, si legge l'ordine al Modulatore 
di « tenere duos bonos et legales notarios prò scripturis mo- 
dulationis fìende ». E a e. 27 (133 e segg.) si legge un altro 
ordine al Modulatore di mandare scritte alla Cancelleria del 
Comune le condanne che farà perchè vi restino come auten- 
tiche. 

Durava questo magistrato in carica un anno; e come ri- 
levasi dalle provvisioni ordinarie degli Anziani avea per sa- 
lario 844 lire, tre soldi e quattro denari* in rate trime- 
strali. Dovea egli pertanto sorvegliare se sì il Podestà come 
i suoi uomini si allontanassero dalle norme generali date dagli 
Statuti e dalle istruzioni particolari contenute nell' atto di 
nomina. E « ferebat* et legi faciebat in Consilio malori Po- 
puli * la sentenza della Modulazione, in cui accanto a quello 
ch'egli avea notato sulla condotta del Podestà e dei suoi uf- 
ficiali era segnata la multa relativa. E quesfe multe erano, 
e con quelle norme che abbiamo sopra accennate, pagate dal 
Podestà. Nel solo caso che un Podestà morisse durante la 



' Rogiti etc. A, 36, 341, A, 36, 328 et alibi passim. 
' Deposito Simonelli, Proyenienza Raù, "S," 5 della Serie. 

• Prov. orditi. A, 135, 8. 

* Cfr. Appendice, p. 50. 



— 40 — 

sua carica, non avea luogo la modulazione, ma i suoi eredi 
aveano diritto allo stipendio, se non fosse stato sborsato al 
Podestà, * prò rata temporis quo ipse Potestas vixerit in of- 
ficio Potestarie/ > Finita pertanto la Modulazione, il Podestà 
e tutti i suoi uomini partivano; e gli Anziani procedevano 
all'elezione del nuovo magistrato con quelle condizioni e con 
quei patti che loro sarebbero parsi più convenienti.* 

A. Abruzzese. 



' Rogiti etc> aU'anno 1360, A, 36, 23. 
^ Qtr, Appendìcei p. 54. 



\ 



APPENDICE. 



APPENDICE 



ELBCTIO DOMINI TANUCCU DE UBALD1NI3 
IN PlSANUM POTESTAipr 

In etemi dei nomine. Amen. 
Nos: Cecchus Perrantis Prior 

Jacobus ^carsus 

Puccius Puccini 

Simon Lambertnccii 

Piems Ser Johannis Ferradi 

Bacciameos Tirsi 

Nerius Scianoatus 

Nerius Guercius 

Coius Micchari 

Simon de Sancto Cassiano 

Leopardns Pauli notarins 
Anthiani pisani populi^ habentes de hiis bailiam et potestatem 
per formam maioris et generalis Consilii pisani Comunis celebrati 
in pisana maiori Ecclesia hiis anno et indictione, tertio Ralendas 
Septembris, et ratificati per consilinm Populi dictis anno et indi« 
ctìone pridie Kalendas Septembris, et ipsa bailia in hiis ntentes, et 
omni alia via^ iure et modo quibus melius possnmus prò dicto Co- 
rnimi pisano et eius vice et nomine, Christi nomine invocato, 
eligìmns nobilem et sapientem vimm Tannccinm de Ubaldinis de 
Carda in Potestatem Pisanotrmi et Pisani Comunis in termino u- 
nins anni incipiendi in Ralendis Octubris, proxime venturi, cum 
officialibus, fftmilia, equis, salario, tenoribus. condictionibus et 
aliis de quibus et prout infra dicitur. 

In primis quidem teneatur dictus dominus Potestas secum 
in dicto officio Potestarie continue habere et tenere per dictum 
tempus milites sive socios quatuor de nobilibus vel aliis probis 



i 



— u — 

virÌ3 quorum quìllbet BÌt mai or annis trìginta. £t tres iudices bo- 
nog et ìegaks et in iure poritos, et rerum experientiam habentes. 
Inter quoa sit irnns doctor legmn, et quorum quilibet sit maior 
annia trìginta. Et unus ex eÌB sit assessor et alius super malefi- 
ciia et tertius sit assidens in Cancelleria Pisani Comunis et moretur 
circa ipanmDorainum Potestà tem prò assidenti et prò consulendo ei- 
dem. Et Dotarìos duos bonos et sufficientes et expertos maiores 
quemlibot anni» triginta; qui simul vel unus ipsorum duorum 
ad minuB contìnue vel viciasim sint et esse debeant super eundo, 
inquirendo et perquirendo et rimando contenta et de contentis in 
capitulis Brenna pisani Comunis positis sub Eubricis infrascriptis, 
videlicet : sub Rubrica de Molendinariis, sub Rubrica de Pumariis, 
sub Rubrica de Yinariis, sub Rubrica de Tabemariis, sub Ru- 
brica do Luto et Sordibuaj sub Rubrica de Rocchis, sub Rubrica 
de ScutileriSf sub Rubrica de Acquaiolis et Canalibi^s, sub rubrica 
de Pelìibus non portandis in capite, sub Rubrica de Curteriis et 
BattìsmiSj sub Rubrica de Stipa et aliis, sub Rubrica de Forombula 
et aliis f sub Rubrica de Bestiis mortuis, sub Rubrica de Ludo os- 
tìaroram et troctularum, sub Rubrica de Coronis perlarum etGbir- 
laudia, sub Rubrica de Mariscalcis et Ferrariis. Et contenta 
mvL de contenti a in provi a ione seu ordinamento facto et facta prò 
prato et de prato pisani Comunis. Et non possit dictus Dominus 
Fotestas voi aliquia eìua officialis dare vel concedere licentiam a- 
licui prò ali qua domina vel alieni domine vel mulieri portandi 
coronam vel aliquod aliud omamentum mulierum prohibitum cen- 
tra formam Brevis vel aHcuius ordinamenti pisani Comunis ad 
penam librarum centum denariorum pisanorum prò quaUbet vice 
qua con tra fìeret ; et teneatar Potestas prò officialibus qui feoerent 
contrn predi età. Qui duo notarli, vel aliquis eorum, vel alius no 
tarine sive officialis dicti Domini Potestatis et ipso Dominus Po- 
testas non possint voi posait se intromictere de viis et gictis 
et aggeribusi eeu aliquibua aliis laboreriis extra civitatem pisa- 
nam et burgos eiua aliquo modo, nisi commicteretur eis per Con- 
sili um Senatua et Populi* Et quod duo notarli simul vel vicissim, 
ut diotum est, stent et morentur prò dioto officio exercendo in 
Curia Maleiìciorum ciini uno ex notariis pisanis diete Curie, in 



— 45 -^ 

ea parte diete Curie, de qua placuerìt ludici Curi^ Maleficiorum. 
£t teneantur dicti notarii, quandocumque iverint prò dicto officio 
ezeroendo, quacumque de causa, etiam prò bestiis inveniendis et 
capiendis in pratis, secundum formam consiliorum inde factorum, 
dictum notarium pisanum cum eis deputandum secum ducere, et 
per eum scribi facere delieta et falla que invenirentur. Qui no- 
tarius pisanus teneatur non scribere nisi falla que viderit et be- 
stias viderit capi in pratis et locis vetitis. Ita quod sino diete 
notano pisano ire non possint prò dicto officio exercendo, et nisi 
notarium ducerent , et per eum delieta et falla scribi facerent , ut 
dictum est, non possint inde condempnationes fieri. Et de hoc 
teneantur Potestas et officiales predicti sub iuramento et pena, 
videlieet: Potestati viginti quinque, et cuilibet dictorum officia- 
lium decem librarum denariomm pisauorum prò qualibet vice, 
qua ipsi officiales, vel alter eorum alium notarium ducerent, vel 
per alium notarium scribi facerent delieta vel falla. £t quorum 
notariorum unus vicissim quolibet mane usque ad tertiam teneatur 
ire et stare per plateam de pede pontis veteris usque ad plateam 
sancti Fetri in Yinculis, et per plateam pontis novi circa Amum 
et per alias plateas gictos et loca pisane civitatis ad faciendum 
expediri et expeditas teneri facere ipsas plateas, vias, gictos et 
loca secundum formam Brevium et ordinamentorum pisani Co- 
monis et specialiter de lignis a comburendo, que Ugna ibi staro 
non patiatur vel permittat ultra quam contineatur in Brevi seu 
ordinamentis pisani Comunis sub pena librarum decem denario- 
mm pisanorum prò qualibet vice sibi de suo salario aiiferenda, et 
alia &cere que sunt de suo officio. De processibus quorum nota- 
riorum jBant absolutiones et condempnationes per dictum domi- 
num Potestatem eo modo quo fiunt absolutiones et condempnatio- 
nes processuum aliorum officialium suprascripti Domini Potestatis. 
Et etiam teneatur dictus Dominus Potestas in dicto officio continue 
habere et tenere domicellos duodecim et £eimulos sive ragassos octo. 
Quorum iudicum et notariorum nullus fuerit in civitate pisana a de- 
cem annis citra cum aliquo Potestate, Capitaneo, vel alio officiale 
pisano et pisani Comunis, preter quam cum ipso domino Tanuccio 
none pisano Potestate nec fuerit in aliquo officio pisane civitatis a 



— 46 — 

dicto tempore cìtra, nisi ut supradictum est, cum suprascripto do- 
mmo Taiiuecio Pisano Potestats. Et quod milites seu socii, iudices 
et notarii et a Ili omnes do sua familia et berrovarii tenendi per 
ipsum Dominum Pot6Rtatem sint gebellini^ et de parte gebellina 
tantum > Et non Buit noe esse possint ipsi vel aliquis eorum de aliqua 
t€rra propinqua ci v irati s Pisane per sexaginta miliaria. Et nullus 
predictorum militum, iudioum, notariorum sit filius, fratei camalis 
seu pater ant gener rei socer ipsius Domini Potestatis. Liceat 
dicto Domino Potestà ti toto tempore sui officii tenere secum et 
uxorem et fìilos impune. Et etiam tenere teneatur equos sedecim 
videliCGt : decem ab armis, et sex ronsinos sive mulos, quos pre- 
Bentari Tacere teneatur ipse Dominus Potestas, et mostram inde 
face re Jiingulo menee infra octo dies ab introitu cuiusque mensis 
ad minua coram dominis Anthianis pisani Populi, vel sapientibas 
Tiris ab eis eligendig, et Marischalco pisani Comunis. Et videan- 
tur dicti equi, ronsìni et muli in qualibet mostra per pilos et 
«igna; qui equi, rouisini et muli^ vel aliquis eorum, discambiari 
voi permutar! non possint sino prò visione dominorum Anthiano- 
rum pisani Populi, et propterea signentur quilibet in spatula in 
qualibet mastra, oscepto quam in ultima mostra signari non de- 
beaut. Et etiam teneatur dictus Dominus Potestas Jiabere et 
tenere in dicto officio berrovarios triginta bonos et sufficientes, 
et bene et su£5.cienter armatos, omnibus suis stipendiis et expen- 
eis sui e, prò dicto officio exercendo, et eos facere presentari et 
presentai^ siugulo mense ad minus coram dominis Anthianis pi- 
sani Populi vel sapientibus viris, ad hec ab eis eligendis, seu 
Cancellano ipso rum Dominorum Anthianorum, bene et sufficien- 
te r armato s. Et eo modo &ciat presentari et presentare milites 
et aocìoa, damicenon, notarios et i*agassos; et de ipsa presenta- 
ti on e tìeri facere instrumentum. Et etiam facere inde mostram 
alia vice et vici bug ad voluntatem dominorum Antbianorum, quo- 
tiens volent. Et nullus ipsorum berrovariorum sit vel esse^possit 
coquus, fiive ragassus dicti Domini Potestatis. Qui etiam berro- 
varii non possint ire vel mieti in comitatum prò capiendo teneria 
vel sta^inaSf seu in eomitiva, aut ad potiti onem alicuius petentis, 
vel fieri facientis aliquod tenere vel stazinas aut stazinam, sub 



— 47 — 

pena librarum viginti quinque denariorum pisftnorum prò quùlibet 
eonim, et qualibet vice. Quorum militum seu sociorum dicti Do- 
mini Potestatis nullus possit esse vel sedere ad banchum Curie Ma- 
leficiorum, vel ibi aliquod officitun exercere, salvo quod quando 
cnm dictus Dominus Potestas sedeat ad dictum banchum possit 
tnnc ibi tenere secum iUum vel illos ex eis quem vel quos voluerit. 
Salariom vero sive feudum suprascripti Domini Potestatis prò se et 
dictismilitibus, iudicibus et notariis, equis, berrovariis et famulis et 
i&milia sua tota, sit et esse debeat in dioto termino et prò veniendo 
Pisas et redeundo ad propia librarum septem millia et quingen- 
taram denariorum pisano rum sine cabella. Quod salarium ei detur 
et solvatur et dari et solvi debeat de Cammera et pecunia pisani 
Comimis in tribus pagis. videlicet singulis quatuor mensibus, 
in principio prò tertia parte, salvo quod de tertia ed ultima paga 
dicti sui salarii Camerarii pisani Comunis apud se retinere de- 
beant libras mille denariorum pisanorum, quas tenere debeant 
ttsque ad post depositum officium ipsius Domini Potestatis, quo- 
usqne modulati fuerint ipse, milites, iudices, notarii, berrovarii 
et familia eius tota. Ita quod si essent modulati ipse et dicti eius 
officiales, familia et berrovarii usque in dictam quantitatem reti- 
nendam solvatur dieta quantitas Comuni pisano, seu cui vel quibus 
modulati seu condempnati essent; et de superfluo teneatur ipse 
Dominus Potestas, si ultra modularentur, vel condempnarentur, 
ipse vel aliquis de eius familia, preter quod salarium sive feudum. 
Ipse Dominus Potestas vel aliquis de suis officialibus sue &milie 
vel berrovariis aliquod donum vel aliquod aliud in pecunia vel re- 
bus accipere vel habere non possint aliquo modo, salvo quod infra 
dicitur de exbannitis capiendis, a Comuni pisano vel singularibus 
personibus, tmiversitatibus , sive locis, et salvo eo quod conce- 
ditur de bestiis capiendis in pratis et aliis locis vetitis. Et non 
possit dictus Dominus Potestas tenere secum aliquo modo in 
diete officio aliquem fiUum, vel fratrem carnalem , seu generum 
alicuius ex dictis iudicibus, militibus, seu notariis suis ad pe- 
nam librarum ducentarum denariorum pisanorum de suo salario.* 



* Xegli altri brevi si aggiunge : *^ Nec posBit dictus Dominus Potestas 



48 — 



r^^^^^^B^B 



Qui dominus Potestas et eius yidices, milites et notarii, equi et 
Ij^errovarii et familia tota sint et esse debeant veniendo ad civitatem 
pisanam, et redeundo ad propia, in onmi casu et eventu, cum 
arnensibus et rebus suis ad omne ipsomm rischuum et perìculom, 
et non pisani Comunis. Hoc salvo quod si equi et ronsini aut muli 
ipsius Domini Potestatis morirentur, aut maganearentur in aliquo 
prelio vel exercitu, quod vel qui fieret per Comune pisanum, tunc et 
in ipso casu, quo sic morirentur, vel maganearentur, emendentur 
ipsi Domino Po testati a Comuni pisano secundum eztimationem inde 
faotam. Et dieta occasione predicti equi, ronsini, et muli predicti 
Domini Potestatis extimentur et extimari debeant in civitate pisana 
in principio regiminis dicti domini Potestatis infra unum mensem, 
per duos bonos et legales cives pisanos a dominis Anthianis pi- 
sani populi eligendos, vel per suprastantes masnade ab equo pisani 
Comunis, et Mariscalcum pisani Comunis. Ita tamen quod si de- 
Btruarius fuerit in dictis equis non possit extimari phiri centum 
et quinquaginta librarum denariorum pisanorum. Nec aliquis equus 
ab armis de ipsis equis pluri centum librarum. Nec ullus ex 
predictis ronsinis vel mulis pluri librarum viginti quinque de- 
nariorum pisanorum. Ab inde vero infra extimari possint et de- 
beant secundum qualitatem ipsorum. Et non possit dictus Dominus 
Potestas comedere vel bibere dando vel accipiendo in civitate pi- 
sana, durante dicto officio suo, cum Dominis Anthianis pisani 
Populi seu cum àliquo eorum, vel cum aUquo cive pisano vel di- 
strictuale, seu cum aliquo forense babitatore civitatis pisane, vel 
cum aliquo stipendiarlo pisani Comunis ultramontano vel citramon- 
tano ; aut dare vel dari facere eis vel alieni eorum comedere vel bi- 
here, nec ab eis vel aliquo eorum recipere vel eis mietere aliquod 
donum vel ensenium alicuius rei, vel pecunie, exceptis officialibus 
ibrensibus pisani Comunis, quibus et a quibus dare et recipere possit 
impune potum, confectiones et fructus. Salvo etiam quod in die vigi- 



Hecum tenere aliquo modo in dicto officio uxorem suam, eiiara provisione 
Dominorum Anthianorum pisani Populi ad penam librarum quingentarom 
denariorum pisanorum sibi a suis modulatoribus, si contra fccerit, .aufe- 
rondam. „ Solo nel documento nostro manca questo periodo. 



m^E^ f rr* 



— 49 — 

lid festivitatis sancte Marie mensis Augusti et die, qua curritur ad 
blavium, dicttis Dominus Potestas et sui officiales et familiares pos- 
sint comedere confectiones et fructus cum dominis Anthianis pisani 
Populi et aliis, qui cum eis essent. Et hoc teneantur expresse obser- 
vare sub pena librarum quingentarum denariorum pisanorum prò 
qnalibet vice, qua con tra fieret. Et non possit dictus Dominus Pote- 
stas dare prandium vel cenam aliquibus civibus pisanis, seu aliqui- 
bns forensibus habitantibus in civitate pisana, finito offitio suo, et 
termino supradicto ante prolatam sententiam modulationis sue, et 
officialium snorum, ad penam librarum ducentarum denariorum pi- 
sanorum. Et teneatur dictus Dominus Potestas, die qua intravent 
eivitatem pisanam, iurare dictum suum officium ad Breve pisani 
Comunis et ipsnm Breve in omnibus et per omnia observare que 
non essent centra formam huius electionis et contenta in presenti 
electione ; et observare provisiones dominorum Antbianorum pisani 
Populi, que non essent centra formam Brevis pisani Comunis, vel 
Populi, vel Gontra formam huius electionis. Et etiam teneatur et 
debeat prefatus Dominus Potestas cum militibus, iudicibus , no- 
tariis, equis, berrovariis et &milia sua tota stare ad dictum re- 
gimen potestarie toto tempore sui officii et ab ipso se non absen- 
tare nisi cum previsione dominorum Antbianorum pisani Populi 
et duodecim sapientum virorum, aliqua occasione, et ultra per 
dnodecim dies post finitum officium prò modulatione sua et di- 
ctorum eius officialium et familie. Salvo quod si voluerit et ei 
placebit prò m^ori possit, et ei liceat, mutare dictos eius of- 
ficiales vel aliquem seu aliquos eorum, finitis primis sex men- 
sibns, semel tantum, dum tamen loco eorum habeat novos, ante 
qnam primi recedant. Et predictam mutationem fiacere possit cum 
provisione dominorum Antbianorum et duodecim sapientum viro- 
nua inde fienda; alias non. Si vero ob aliquam iustam causam, 
Ulte vel post dictos sex menses, opporteret vel vellet mutationem 
&oere de aliquo seu de aliquibus iudicibus, militibus, sive notariis 
suis in particulari, possit et ei liceat ipsam mutationem facere 
cum provisione dominorum Antbianorum pisani Populi et duo- 
decim sapientum virorum ab eis eligendorum; dum tamen loco 
iUins vel illorum, qui mutari deberent, habeat alios, ante quam 



f 



/ 



— so- 
lili, qui mutareatur^ recederent. Et qui primi, sive qui, ut supra 
dicitur in partìculari matarentur, modulentur simul cum aliis of- 
ficialìbus dlcti domini Potestatis, et non ante. Et possint ipsi 
talea ofiicialea comparare et respondere modulationi eorum per 
procurato rem, centra quom procuratorem procedi possit ad quem- 
lìbet actum^ eicut posset centra principalem. Et prò ipsa modu- 
latìone ipso Dominus Potestas teneatur et debeat stare et com- 
parere cum omuibuB Buprascriptis officialibus et &milia eius, ut 
dictom BBtf coram mod alatore, vel modulatoribus eligendo yel 
eLigendia a dicto sive prò diete Comuni pisano secundum ordi- 
namenta dicti Comuni^»^ &cta et fionda. Coram quo vel quibus 
modulatore toI modulatoribus de ipsa vel prò ipsa modulatione 
fidai uasoFfìs aliquoB dare non debeat. Qui modulator vel modula- 
tpres teneantur sententiam diete modulationis forre vel legi fa- 
cere in Consilio m&iori Populi in sala Palatii pisani Populi ubi 
Consilia nunc fiunt^ et non in alio loco. Et si ultima dies termini 
modulationis predìcti domini Potestatis suorumque officialium ca- 
deret in diem feriatam^ in qua sententia diete modulationis de iure 
ferri non posaeti possint et debeant dicti modulatores vel mo- 
dulator ipfiam sententìam forre, et legi faoere prima die non fe- 
rìata postea sub^uenti. Et tanto pluri dictus Dominus Potestas 
cum suis ofilcialibua^ et familia ad modulationem stare in dicto 
casu teneantur. Et toneatur ipso dictus Dominus Potestas solvere 
totum et quicf^uid modularetur et condempnaretur ipse vel aliquis 
ex dictis ofEcialibus et berrovariis et familia sua tota. Et teneatur 
dictu» Dominus Potestas de facto suo, suorum militum, iudicum, 
Botariorum, berrovarìorum et aliorum sue familie. Et nullus lu- 
di cum, militum j san notariorum, qui fuerit cum dicto Domino 
Potestate in dicto officio aliquo tempore possit discedere vel se 
absentare a dicto officio, vel de civitate pisana, vel de eius co- 
mitatu, alìqua occasione ante terminum finitum predicti officii 
dicti Domini Potestatis et donec fuerit post finitum officium mo- 
dulati, ut sapra dicitur, nisi quando officiales predicti muta- 
rentUT, vel aliquis eorum mutaretur ut supra conceditur, et 
nisi cum provisiono dominorum Anthianoium, et duodecim sapien- 
tum yirorum. Et teneatur ipse dictus Dominus Potestas in dicto 



■ "vnr * 



— 51 — 

officio suo non dare vel concedere alieni persone licentiam annorum 
ferondorom per civitatem, vel comitatnm, seu districtum pisa- 
nnm, nisi volentibus ea portare seonndum formam Brevinm et or- 
dinamentoram pisani Comnnis. Et de hoc teneatnr sub inramento 
et pena libramm centam denaribrum pisanomm , prò qnalibet vice 
sibi a snis modulatoribuB vel modulatore anferenda. Et etiam non 
possit concedere secnritatem exbannitis prò maleficio de veniendo 
vel stando in civitate pisana vel comitatu pisano, nisi illis qui 
haberent £au3ere in Curia Maleficiorum pisane civitatis occasione 
alicoius processus pendentìs, et formati centra eum per accusam 
vel denuntiam, vel aliqua occasione maleficii. Et etiam teneatur 
pre&tus Dominus Potestas mietere et stare fieicere suis expensis 
saos officiales predictos et de suis officialibus cum equis et ber- 
rovariis suprascripti Domini Potestatis, alìquos in districtu, vel 
per districtum pisanum, quoties expedierit. Et etiam quoties vi- 
debitur domìnis Anthianis pisani Populi prò factis pisani Comunis, 
prò exbannitis capiendis^ et datis et condempnationibus exigendis, 
et aliis suprascriptis pisani Comunis faciendis. Et intelligantur 
de distnctu Pisano omnes terre et loci, qui sunt sub iurisdictione 
pisani Comunis, excepto, quando ad hoc, terris et locis Sardinee. 
Et non possit dictus Dominus Potestas, vel aliquis eius officialis 
vel familiaris deputare vel mietere per ci^tatem, vel óomitatum 
pisanum aliquam personam prò exactore vel exigendo vel reci- 
piendo aliquam pecuniam debitam Comuni pisano, quacumque de 
causa. Et quod dictus Dominus Potestas de exbannitis quos ipso 
vel eius officiales seu familia caperent in civitatt pisana vel eius 
comitatu vel districtu in fortiam pisani Comunis ponerent, habeat 
et habere debeat a Comuni pisano infrascripte pecunie quantità- 
tem, videlicei: prò quolibet exbannito prò homicidio vel alio mar 
leficio unde exbannitus deberet perdere personam, etiam si plura 
banna haberet, libras quinquaginta denariorum pisanorum de Ca- 
mera pisani Comunis ad prowisionem dominorum Anthianorum 
pisani Populi. Et prò exbannito qui deberet perdere membrum, 
etiam si plura alia banna haberet, libras viginti quinque dena- 
riorum pisanorum. Et prò exbannito in pecunia qui esset exban- 
nitoa et condempnatus ex ipso hanno, denarios duodecim per li- 



\ 



— 52 — 

bram condempnationis, de bonis pisani Comunis, ut sapra dicitur, 
i ta time quod summam librarnm quindecim denariomm pisanorum 
non excedat. Quam provisionem dicti Domini Anthiani Tacere te- 
neantur^ salvo qnod de exbannitis prò maleficiis a libris centum 
infra, qui caperentur in civitate pisana, vel eius burgis aut sub- 
burgjtì, et presentarentur, ut supra dictum est, sive sint con- 
dempnatì sive non. Et de mulieribus exbannitis nichil babere 
debeat. Et si exbannitus contingerit mori ex dfcta captione ni- 
chiiomìnus habeat, ut dictum est supra. Et non possit dictus Do- 
miuuf} Potestas, vel aliquis eius officialis intromictere se aliqno 
modo de officio cabelle pisani Comunis, nisi in quantum com- 
micieretur ei per Comune pisanum vel per dominos Anthianos 
pisani Populi. Nec etiam possit dictus Dominus Potestas, vel 
aliqiils eius officialis intromictere se de custodia civitatis aliqno 
modo, nec de officio guardiarum, nec etiam de officio Curie grasse 
et devetì, et de platea biadi pisani Comunis. Et prò durante of- 
ficio dicti Domini Potestatis non possit moveri nec tractari in 
civitate pisana aliqua civilis questio ipsius Domini Potestatis, nec 
alicuius eluB consanguineorum usque in quartum gradum coram 
eo, vel aliquo suorum iudicum vel officialium aut in sua curia, 
vel alicuitia sui officialis, vel aliqua alia persona civitatis pisane. 
Et etiam teneatur ipse Dominus Potestas saitsfacere et solvere 
integre aoìs militibus, iudicibus, notariis domicellis, berrovariis 
et ragasaìs eorum salaria per quindecim dies ante finem sui of- 
ficiij salvo prò ilio, quem vel quos dictus Dominus Potestas mu- 
taret, seu Ucentiaret infra tempus sui officii teneatur satisfacere 
de eius vel eorum salario ante mutatonem seu licentiationem vel 
infra secundam diem postea. Et quod nuUus stipendiarius pisani 
Comunis italianus possit adscendere Palatium ipsius Domini Po- 
testatis a Cancellaria seu solario Cancellane supra, aliqua occa- 
sione vel causa, ad penam librarum decem denariorum pisano- 
rum ^ prò quolibet stipendiano contrafaciente, tollendam. Et ipse 
talia stipendiarius intelligatur et sit cassus ipso iure. Et bec 
de 9 ti pendi arie ipse Dominus Potestas publicari facere teneatur 
per bannorium pisani Comunis infra octo dies ab introitu sui re- 
gi miai s, et teneatur notificari eis per suprastantes masnade pi- 



\ 



\ 

— 53 — \ 

sani Comonie. Et quod dioti Domìnns Potestas, iudices^ milites 
et notarli, vel tiliqms qui aliquo tempore fuerit officialis dicti 
Domini Potestatis tempore sui officii non possint vel debeant 
accipere offioium in oivitate pisana et comitatu pisano, durante 
officio dicti Domini Potestatis, ad penam librarum quingentarum 
deoariorom pisanorum dicto Domino Potestati et librarum cen- 
tom denariorium pisanorum cuilibet alii officiali vel alteri, ut 
saprà, coutrafacienti, tollendam. Et nichilominus sit pena pe* 
rìarìis irretitus. Et etiam teneatur dictus Doniinus Potestas iu- 
ramento non dicere vel potere, nec dici vel peti faoere, nec or- 
dinare, vel ordinari fieusere, per se vel alium per ipsum vel eius 
officiales, pater, germanus, nepos vel frater, gener, socer, cogna- 
gnatus, vel aliquis eius fidelis eligantur ad aliquod regimen vel 
offioium pisani Comunis. Et non possit dictus Dominus Potestas 
veniendo ad (ùvitatem pisanam hospitcu-i in aliquo monasterio vel 
Ecclesia aut aliquo loco religioso extra civitatem vel districtum 
pisanum sub iuramento et pena librarum ducentarum denariorum 
pisanorum sui feudi. Et non possit dictus Dominus Potestas te- 
nere vel receptare aliquem vel aliquos forenses in domibus sue 
hahitationis et sue &milie in dicto termino ultra numerum suo- 
rum officialium, familie et berrò variomm ultra dies octo, ad penam 
librarum ducentarum denariorum pisanorum. Et teneatur etiam 
dictus Dominus Potestas in vigilia festivitatis Beate Marie mensis 
Augusti ad reverentiam Sancte Marie prò honore diete festivitatis 
et ipsius Domini Potestatis offerre et dare Operario Sancte Marie 
maiorìs Ecclesie diete civitatis candelum unum sive cerum ad 
tabemacula pulchrum et honorabilem, ut moris est, pretii et va- 
loris sexaginta librarum denariorum pisanorum, ad minus. Et 
quod dictus Dominus Potestas et eius iudicos et socii et notarli 
et berrovarii et alii sui familiarea vel aliquis eomm quum irent 
per comitatum pisanum vel per districtum pisanum occasione 
officii, vel aliqua alia, non possint voi debeant a civibus comi- 
tatus vel districtus pisani, vel ab eoriim ofHcialibus, seu ab aliis 
singularibus personis potere, recipero vel habere aliquod salari uni, 
vel mercedem, voi pecuniam sive rem aliquam, aliqua occasione 
vel modo, non obstante aliqua consuetudine que inde diceretur 



— 5i — 

in preterito observata. Et qui centra facerent possint et debeant 
inde modulari et condempnari a dictis suis modulatoribus in libris 
vigiliti quinque denariorum pisanorum cuilibet eorum contrafÌBf 
cienti, et prò qualibet vice, qua contrafaceret, auferendis. Et quod * 
TiotArii Curie Malefìciorum et notarii, qui irent, occasione alicu- 
ius maleficii, extra civitatem pisanam, non possint recipere vel 
habere aliquam pecuniam sive rem. Salvo quod notarii possint 
kabere, prò suo salario, soldos viginti denariorum pisanorum prò 
qimlibet die, et nuntius soldos quinque denariorum pisanorum prò 
qualibet die de bonis malefactorum si invenerit, ita quod si non 
iiivenirentur^ de bonis exbannitorum. Comune vel officìales Co- 
luuiiis ìpsms presoripta nichil solvere teneantur notano vel nun- 
ptiìs. Et quod predictus Dominus Potestas teneatur predicta fa- 
co re ob«ervari ad penam librarum viginti quinque denariorum 
pisanonim de suo feudo seu salario auferendam. Et quod dictus 
Domìnug Potestas vel aliquis eius officialis non possit vel debeat 
detinere^ véì detineri facere personaliter in palatio suo, vel alia 
domo esktra carceres pisani Comunis aliquam personam prò ali- 
quo maleficio ultra imam diem cum nocte per vicem. Et hoc non 
Intel ligatur de testibus. Nec aliquis officialis dicti Domini Pote- 
8t4itia pos^^it, vel debeat, aliqua occasione, vel modo aliquam 
personam torqilere vel torqueri facere sino presentia ludicis Cu- 
rifì Malefieìorum, vel ludicis assidentis in Cancellaria pisani Co- 
munis, et rtnius ex notariis diete Curie Malefìciorum, que predicta 
facere et fieri fecero possit supra quod sibi concessimi est per 
Breve pisani Comunis. Et teneatur dictus Dominus Potestas et 
qiiilibet de nua familia sub iuramento et pena librarum quingenta- 
rum denarionnn pisanorum, ei a suis modulatoribus auferenda, per 
B9 vel por alium non acquirere mutuum pretii, vel rerum ab alio 
eive vel comitativo pisano, vel alio habitatore pisane civitatis vel 
comitatus, clerico vel laico, durante hoc suo officio, nec etiam post- 
quam offici um et electionem presontem acceptaverit. Et npn possit 
vel debeat dictus Dominus Potestas vel aliquis eius officialis re- 
cipero vel formare aliquas acceptationes, inquisitiones, seu pro- 
cessus, vel teste» supra aliquibus processibus examinare, vel con- 
d mpìmtionea seu absolutiones de aliquibus processibus facero seu 



5^1 



pnblii^rè nltimis quaotnor diebps teimini suprascripti sui offici!. 
QaibnB omnibus suprascriptis non obstantibus, possit Comune 
pisanum alios quoscumque officìales eligere facere et babere sicut 
6i placuerit. Et quod Sindicus pisani Comunis iturus ad presen- 
tandam presentem electionem dioto Domino Potestati teneatur 
et debeat toto tempore regiminis dicti Domini Potestatis non 
adscendere palatium sive domum dioti Domini Potestatis a prìmo 
salario supra, nisi iret seu adscenderet prò aliquo suo proprio 
suprascrìpto seu facto sui patrìs, filii vel germani. Et de hoc 
teneatur itiramento et pena librarum decem denariorum pisano- 
mm prò qùalibet vice qua contrafaceret, ei per Sindicum et Mo- 
didatorem officialium pisani Comunis auferenda. Et predictus 
Dominus Fotestas iuramento teneatur in principio sui officii diete 
Sindico expresse inhibere ne centra fieiciat. Et teneatur et debeat 
dictos Dominus Potestas hanc electionem acceptare, vel ei re- 
nimtiare infra tertiam diem prozimam, postquam ei prolata fuerit 
per Sindicum pisani Comunis; et venire et esse in civitate pi- 
sana, si acceptaverit, per dies quinque ante prìncipium sui officii 
com omnibus suis iudicibus, officialibus, equis et familia sua tota. 
Et tempore sue acceptationis teneatur promiotere et se solempni- 
ter obbligare dioto Sindico reoipere prò Comuni pisano de obser- 
vando omnia et singula in ipsius electione contenta. Salvo etiam 
et ezpresse intellecto in hiis, quod si dictus Dominus Potestas 
dictam suam electionem refutaverit vel non acceptaverìt, aut si 
aoceptaverìt et non venerit, quacumque occasione vel impedi- 
mento, ad civitatem pisanam, ut supra dici tur, dieta electio ca- 
reat, sit quod in totum cassa et vana. Noe is ius aliquod acqui- 
rat centra Comune pisanum seu Pisanos vel eorum bona. Hoc 
etiam intellecto in predictis, quod si in aliquo casu vel eventu 
fortuito vel alio contingerit dictum Dominum Potestatem non 
pervenire in civitatem pisanam ad dictum officium exercendum, 
dieta electio etiam sit cassa et irrita, et sit perinde quo ad 
omnia ac si scripta non essent; nec ex ea vel ei vel suis here- 
dibus centra Comune pisanum voi singulares personas ius aliquod 
acquiratur, vel acquisitum sit, vel osse intelligatur in salario 
vel aliis. 



/ 



— 56 — 

A cium Pisìs in Palatio residontie dominorum Anthianomm 
pisani Po pili ij ad palmentum, ubi dicti Domini Anthiani audien- 
tiain tenont, presentibus Ser Gerardo lohannis Sassi de Vico, 
Canciellario mnior© pisani Comunis, et Ser Ferro 8andri de Tor- 
ciana Cancella rio predictomm dominomm Anthianomm pisani 
Fopnlj^ testibii3 ad hec vocatis et rogati». Dominice Incamatio- 
nin anno millesimo trecentesimo quadragesimo octavo, indictione 
deeimaf pridie Kalendas Septembris, secundum oursum domino- 
rum not^wricinim pipane civitatis. 

R. Archivio'di Stato di Pisa, Roqita 
et instruinentu et ékcHones officia- 
Uum, Aj 36, 3S5 e segg. 

PIÌE»ENTATI0 ELECTIOXIS 

Set Gorardusì lohannis Sas^i de Vico, notarius Cancellariog 
maìor pisani Comunis et ipsius Comunis Sindicus et Procurator 
constitutus per ehartam inde rogatam et scriptam in actis Can- 
celiarle pisani Oomimis a me Kainerio notarìo condam Ser Gioii 
do Beta, scriba pub lieo suprascripte Cancellerie anno et indictione 
presenti Li u^, pridie Kalendas Septembris, Sindicatns et procura- 
torio nòmine prò Comuni pisano coram me Bainerio notano su- 
praacrìpto et testibus infrascriptis, presentavit nobili et sapienti 
viro Domino Tanuccio de Ubaldinis de Carda, electo Potestati, 
aupmscriptam eloctionem, de eo factam, piaani Comunis prò dicto 
tempore, in forma publica, de dicto officio Potestarie et omnia et 
singula ca pittala io dieta electione contenta; rogans et requirens 
eujiidQm dominum Dominum Tanuocixmi ut velit et siti placeat 
in honore et gratis pisani Comimis dictam electionem in Dei no- 
mine, cum tenori bui}, conditionibus et aliis in dieta electione con- 
tentia infra terminum in ea comprehensum, vel ei renuntiare se- 
cundum quod nobilitati et discretioni sue et votis pisani Comu- 
nis rider it convenire. Et tali ter me Rainerium notarium Ser Ge- 
rard us rogavit ut inde publicum conficerem instrumentum. 

Actum Pisia in Palatio residentie dicti Domini Potestatis, 
presentibus Domino Thomaso do Suginana iurisperito et Ser An- 



— 57 — 

gelo de Bibbiena testibns ad beo vocatis et rogatis. Dominice^ 
Incanationis anno milleapimo trecentesimo quadragesimo octavo , 
indictione decimaquarta Idus Septembris. 

Rog, instr. et elect, off. A, 36, 316. 

AOCEPTÀTIO BLKCT10NI& 

In Dei nomine. Amen. 

Dominns Dominus Tanucciix5 de Ubaldinis PotestaEr snpra- 
flcriptoB, visa suprascripta electione et contentis in ea et snper 
ea, babita deliberatione solempni, in Dei nomine super electio- 
nem de eo &ctam ad dictum et de diete officio Potestarie pisani 
Comnnis liberaliter acceptavit. Et per solemjmem stìpulationem 
snprascriptus dominns Dominns Tanuccius convenit et promisit 
Ser Gerardo suprascripto agenti et recipienti vice et nomine pi- 
sani Comunis quod dictum officium Potestarie tempore et termino, 
in dieta electione contento, bene, fideliter et legaliter faciet et 
exercebit) sectmdum formam suprascripte Electionis sub obliga- 
tione bonorum suorum omnium. Et rennntiavit omni iuri quo 
posset inde defendi; et versa vice suprascriptus Ser Oerardus, 
nomine quo supra, per sollemnem stipu^ationem convenit et pro- 
misit dicto domino Domino Tanuccio se feicturum et curaturum 
ita et taliter oum effectu, quod Comune pisanum dabit et solvet, 
aeu dari, vel solvi fSeusiet eidem Domino Tanuccio salarium sibi. 
debitum et alia in dieta electione contenta, secundum formam 
diete Electionis sub obligatione pisani Comunis. 

Actum Pisis in suprascripto loco, presentibus suprascriptis te- 
stibus, ad beo vocatis et rogatis, suprascriptis anno', indictione 
et die. 

(Ibidetn,) 

SOLEMPNE lURAMENTUM 

In nomine Patris et Filli et Spiritus Sancti. Amen. 
Ad honorem et reverentiam omnipotentis Dei et gloriose Ma- 
rie matris et omnium Sanctorum Dei , et ad laudem et reveren- 



— 58 — 

tì&m ganctiasimì in Christo patris et domini Domini Innocentil 
divina provìdentìa sacroaancte Romane Ecclesie summi Pontifi- 
cia; et ad honorem et exaltationem iustissimi Frincipis et do- 
mìni Domini E.aroli quarti Dei gratia Romanorum Imperatoria 
f^mper Angusti, et sacri Romani Imperii^ totius partis gebelline; 
et ad honorem et reverentiam reverendi in Christo patris Domini 
lolla nnia Dei gratia Pisanim Archiepiscopi et Pisani Archiepi- 
Hco patos ot Capitali pitiani maioris Ecclesie sancte Marie ; et ad 
honnm, pacifìcum et tranquillam Statmn pisannm et pisani Co- 
mutiìs et Populi et presentis Status: 

Nos Tanucciua Gerii de Ubaldinis de Carda, electus pisanus 
Potestas prò Comuni Pisano prò uno anno incepto hodie, iura- 
mns ad sancta Dei E^^angelia, sacrosantis scripturis manutactis, 
quod dictum nostrum officium Potestarie faciemus bene, fideliter, 
et legaUter ad sanum, bonum et purum intendimentum, et quod 
ìura, et bonores pisani Comunis et Populi manutenebimus et sal- 
vabìmus et defendemus toto nostro posse: et rationem et iusti- 
tiam Bingulis ministrabrimus et faciemus toto tempore nostri 
ofEcii et regiminis: defondemus et manutenebimus honores et iura 
pisani Archiepiscopotns et Capituli et Opere maioris Ecclesie 
Sancte Marie: et observari faciemus Constitutum pisannm et 
Statuto et Brevi a pisani Comuni et Populi : et omnia alia et sin- 
gula faciemus f adimplebimus et observabimus, et fieri, adimpleri 
et obaorvari faciemua que f acero et observare tenemur ex forma 
nostra Electlonis et Brevium et Statutorum pisani Comunis et 
Populi in omnibus et per omnia, bona fide et intentione sincera 
et sine fraude. 

Actum PÌ8ÌB in sala Palatii residentie dominorum Anthiano- 
nim pisani Populi j presentibus Ser Gerardo condam lohannis 
Sassi de Vico, Caucellario malore pisani Comunis, et Ser Ferro 
Bandri de Torcìana, Cancellano dominorum Anthianorum pisani 
Populi, testi bua ad hec vocatis et rogatis. Dominice Incarna tio- 
nis anno millesimo trecentesimo quadragesimo octavo, indictione 
decima prima, ipsMi die Kalendarum Octubris. 

{Tbid, A, 36, 316). 



iCramentum offici alium potestatis 

Infrascripti indices, milites, socii et notarli nobilis et agregii 
viri domini Domini Tanuccii Gerii de Ubaldinis de Carda pii«ani Po- 
testatis existentes in Sala Palatii Dominorum Anthianonim pisani 
Fopuli in presentia maioris partis ipsorum dominorum Anthiano- 
rmn et Ser Gaddi Sassi ^ Gancellarii maioris pisani Gomunis, et mei 
Bainerii Ser Gioii de Seta, notarii et scribe publici suprascripti et 
testium snbscriptornm, iuraverunt ad Sanota Dei Evangelia, ma- 
nutactis scriptnris eomm et cuiusque eomm, officia ad que de- 
putati snnt et erunt per snprascriptiim Dominnm Potestatem facere 
et exercere bene et legaliter, bona fide et sino fraudo secundimi 
formam Brevium et Ordinamentorum pisani Gomunis et Populi 
et electlonis suprascripti Domini Potestatis, 

videlicet : 
ludìces suprascripti Domini Potestatis: 
Primus. Dominus Thomasus de Suginana Assidens suprascripto 
Domino Potestati. Dominus Eafiainus lohannis de Gremona 
legum doctor admissus et receptus est in loco domini Tho- 
mas! secundum mandatum Brevis Dominorum Anthianorum pi- 
sani Populi anno millesimo trecentesimo quadragesimo octavo, 
indictìone undecima: et iuravit dictum offioium anno supra- 
scripto, indictione undecima, undecime tertio Kalendas De- 
cembris. 
Secundus. Dominus Petrus de Gerreto de Reggio Index Gurie 

Maioris. 
Ter ti US. Dominus Petrus de Rossio de Getreto Index Gurie As- 
sidens. Gassus est mandato suprascriptorum dominorum An- 
thianorum pisani Populi, sexto idus Novembris indictione 
n;idecima. Dominus Ugolinus de Guarimbertis de Parma admis- 
éus et receptus est de voluntate suprascriptorum dominorum 
Anthianorum loco suprascripti Domini Pierii de Rossio supra- 
scripto Gurie Assidentis, secimdum formam provisionum do- 
minorum Anthianorum et duodecim sapientum virorum super 



- 60 — 

hiis a dominis Anthianis electomm suprascriptis anno et in- 
dictionis cursu, septimo idus Novembris. Dominus Ugolinus su- 
prascriptns cassus est mandato dominorum Anthianorum pisani 
Populi tertio nonas Maias^ undecima indictione. Et loco eius pò- 
situs et scriptus est Dominus Rolandinus de Curiago Iunior, dieta 
die, secundum formam provisionis dominorum Anthianortim su- 
prascriptorum dieta die. Qui Dominus Eolandinus iuravit etc... 
ut supra dicitur, anno millesimo trecentesimo quadragesimo 
nono, indictione decima prima, tertio Nonas Malas. 
Hilites et socii suprascripti Domini Fotestatis : 
Primus. Dominus lohannis Comes de Marciano. 
Hecundus. Ser Angelus de Bibbiena. Cassus est voluntate domi- 
norum Anthianorum sexto Kalendas Eebruarias undecima in- 
dictione. 
Tertius . Ser Franciscus de Anglari. Cassus est voluntate domi- 

norimi Anthianorum. 
Quartus. Ser Franciscus de Siici. 
Notarli suprascripti Domini Potestatis : 
Primus. Ser Eanucoius. Cassus est de voluntate dominorum An- 
thianorum in die undecima Octubris. Ser Brocchardus Cocchi 
de Civitate Castelli scriptus est mandato dominorum Anthia- 
norum pisani Populi loco suprascripti Ser Eanuccii cassi hodie 
et die undecima Octubris. Qui Ser Brocchardus iuravit, con- 
venit et promisit, ut supra, et suprascripta die. 
Socundus. Ser Lodovicus Ser Vanni de Castello. Cassus est et 
missus est Officialis exbannitorum in Maritima die decima 
Novembris. Ser Pranciscus Ser Paduani de Padua scriptus est 
prò notarlo suprascripti Domini Potestatis loco suprascripti 
Ser Lodovici in die decima Novembris, et iuravit etc... die 
undecima Novembris. 

Ser Minghinus de Ravenna scriptus est de mandato dominorum 
Anthianorum pisani Populi loco suprascripti militis Angeli de Bib- 
biena cassi quarto Kalendas Februarias indictione undacima, et 
pridie Kalendas Februarias. Qui Ser Minghinus iuravit, convenit 
ot promisit etc. ut supra, et suprascripta die. Sor Nerius do Ci- 
t^irna scriptus est de voluntate dominorum Anthianorum pisani 



— 61 — 

Populi loco suprascripti Ser Minghini. Et iuravit, nt supra, de- 
cimo Kaìendas mensis luniì, nndeciina indictione. 

Actum Pisis in suprascripto loco, presentibus Ser Ferro condam 
Sandri da Torciana Cancellar io dominonun Anthianorum et Ser 
Jacobo condam Ser de Campo notano ipsorum dominorum Anthia- 
nomm testibus ad hec vocatis et rogatis. Dominice Incamationis 
anno millesimo trecentecimo quadragesimo octavo, indictione un- 
decima, qtdnto Nonas Octubris. 



lURAMENTUM BRRR0VA.RI0RUM BT FAMIUARIUM 
SUPRASCRIPTI DOMINI POTESTATIS 

Infrascripti domicelli, berrò varii sive famuli et ragassi supra- 
scripti Domini Potestatis, ezistentes in sala Palatii dominorum 
Anthianorum pisani Populi in presentia Ser Andree Leoneri et 
Ser lohannis Ser Pierri de Marti Anthianorum pisani Populi, 
inraverunt ad sancta dei Evangelia, manutactis corporaliter scrip- 
turis, in presentia mei Rainerii notarii et scrìbe publici suprascripti 
et testium subscriptorum, dieta eorum et ouiusque eorum officia, 
ad qua deputati sunt, bene et legaliter facere et ezercere omnia, 
dolo, fraudo, malitia et negligentia remotie, 

videlicet: 
Domicelli suprascripti domini Domini Potestatis : 
Primus. Albertus de Porciano. 
Secundus. Nannes de Burgo. 

Tertius. Agbura de Calcio. Cassus die decima septima lanuarìi 
undecima indictione. lovannuolus Laurentius scriptus est et 
admissus loco suprascripti Aghure cassi mandato dominorum 
Anthianorum pisani Populi et dieta die. 
Quartus. Margallione de Castillione. 

Quintus. Pranciscus de Bibbiena. Cassus est mandato dominorum 
Anthianorum et loco eius scriptus et admissus est mandato di- 
ctorum dominorum Anthianorum Vairainus de Varano de 
Cremona et die duodecima Aprelis. Qui iuravit, convenit, etc... 
et dieta die. 



.... -^ 



— 62 — 

S èie tua, Nkolatifi de la Carda. 

H e p t i m u s , Cungius. Cassus est mandato dominorum Anthianorom 
qui obiit die tertia Nonas Aprelis: et loco eius Nicolaus de 
Guarcìanis de Reggio mandato suprasoriptorum dominorum 
Anthìanorum ecrìpttis et admissns est in die dnodecima Aprelis 
et iuravit, promisit etc... et dieta die. 

Ot^tavns, F rancisc us Balducii . Cassus est mandato dominorum 
AnthiaBorum et loco eius soriptus et admissus est lohannes 
de BonsLgnoribus de Crema in die decima Aprelis. lohannes 
de Bon signor ibu3 Buprascriptus cassus fuit die nona Septem- 
bris de mandato dominorum Anthianorum et loco eius positus 
est Petrus Franceschini de Pontrenulo qui iuravit^ convenit 

et promìaìt etc die tertia Septembris, indictione unde- 

cima. 

Koniifl. Andreas de monte Eogello« 

Decimus* Conradua de Asprucho. 

Un dee im US, Montevioìnus de la Carda. 

Duodecimus* Angelus de Marciano. 

Berrovarii suprascripti Domini Potestatis : 

8er Balduocìus de Fratìsino i ^ 

lohaccliinus de Petra Mala e 

Bectinus de Campanam 

Pierus de Valle malore . 

Cecchus de Talle malore 

Pierus de Rapegio 

lohannes et 

Maggius de Castropagani 

Rìghintts 

lohannea 

Bartalxis 

Cantarinus i do Rapegio 

Iftcobita 

Ciaptus 

Marcila 

IncobiiB et 

liicomellus de PoUio 



— 63 — 

Carus 

Bartolus , , ^ 

^- , < de Frassino 

Nannes et 

Franciscns 

Angelus 

Paolns 

Buanardus { de la Carda 

Ainbrosios 

Bartolus 

Bertinus de Forlivio 

Andreas de Sonia 

Pìems et 

Bertus de Santemo. 

Ragassi suprascripti Domini Potestatis: 

Antonius 

Cappellectns 

Gnercius 

Nicolaus 

Andreas 

Peroctus 

Malischalcus. 

ActTun Pisis in snprascripta Sala Palatii presentibus Guidono 

et lacobo vocato Donnescho, marabensibus dominoruxn Anthiano» 

rum pisani Populi, testibus ad hec vocatis et rogatis. Domenice 

Incamationis anno millesimo trecentesimo quadragesimo octavo^ 

indictione undecima, Nonis Octubris. 

IlHd, A, 36, 316. 



PRESENTATIO ELECTIONIS ALIIS EGREGIIS ET SAPIENTIBUS VIRIS 
SI PRIMUS NON ACCEPTAVERIT 

Similis electio facta est de nobili et egregio viro Domino 
Francisco Ugolino Tani de Ubaldinis de Carda, prout et sicut in 
superiore electione et per omnia et singula que in ea continentur 




— 64 — 

ffl suprascriptus Gliinud Marchio de Civit' 
de eo factam non aeceptaverit, vel si ei ' 

Actum Pisie in suprascripto loco, prof 
hec Yocatis et rogatis^ Buprascrìpta die. 

Simills elaetio facta est de nobili et 
Domino lohanne domini Ugolini de De 
prout et sicut etc... ut snpra, si suprasox*^ 
se US Ugola D US Tanì dìctam electionem de eo factam uy.. 
verit yeì si renuntiaverit. 

Actum Fisia in suprascripto loco, suprascriptis presentibus 
ad hec rogatisj supraacripta die. (2 AptUe 1360). 

Ibid. A, 36, 23. 



m 



ADNOTATIUNCULAE LACTANTIANAE ' 



His in Studiis Historicis anni 1893 p. 444-464 Augustus 
Mancinius disputatione « Quaestiones Lactantianae » inscripta 
disseruit de sententiis quibusdam^ quas variis locis commenta- 
tionum meanim Lactantianarum protuleram. Concedo sane, 
virum illum doctum, qui diligenter et haud sine fructu quodam 
in studiis Lactantianis versatur, monuisse quaedam recte, 
sed plurima quae mihi opposuit, eiusmodi sunt, ut ego certe 
ea probare non possim. Liceat igitur mihi hoc loco sen- 
tentias. meas breviter defendere ac sustinere. 

I. Primum Mancinius egit de explicatione mea loci Lactantii 
De opif. Dei 20, 1 t Haec ad te, Demetriane, interim paucis 
et obscurius fortasse quam decuit prò reìtim ac temporis fie- 
eessitate peroravi >. Ego locum ita interpretatus eram, ut 
dicerem verba t prò rerum ac temporis necessitate » spectare 



* Assai di buon grado diamo ospitalità a questo articolo che 1' illu- 
stre professore dell'Università di Heidelberg, Samuel Brandt, tanto bene- 
merito degli studi iattanzianl, ci manda in risposta allo Quaestiones Lei- 
etantianae di AugustoMancini, stampate nel fascicolo passato del nostro 
periodico. 

N. d. D. 



— 64 — 

si suprascriptus Ghirnis Marchio de Civitella dictam electionem 
de co factam non acceptaverit, vel si ei renuntiaverit. 

Actum Pisis in snpraacripto loco, presentibns suprascriptis ad 
tee vocatìs et rogatis, snprascripta die. 

Similia electìo facta est de nobili et egregio et sapiente viro 
Damino lohanne domìni Ugolini de Donatis de Givitate Castelli 
prout et sicnt etc,., ut aupra, si suprascriptus dominus Franci- 
Bcus Ugolinus Tanì dictam electionem de eo factam non accepta- 
verit vel si renuntiaverit. 

Actum Pisis in suprascripto loco, suprascriptis presentibus 
ad bee ro^tìs, suprascripta die. (2 AptUe 1360), 

Ibid. A, 36, 23. 



ADNOTATIUNCULAE LACTANTIANAE ' 



His in Studiis Historicis anni 1893 p. 444-464 Augustus 
Mancinius disputatione t Quaestiones Lactantianae » inscripta 
disseruit de sententiis qulbusdam, quas variis locis commenta- 
tionum mearum Lactantianarum protuleram. Concedo sane, 
virum illum doctum, qui diligenter et haud sine fructu qiiodam 
in studiis Lactantianis versatur, monuisse quaedam recte, 
sed plurima quae mihi opposuit, eiusmodi sunt, ut ego certe 
ea probare non possim. Liceat igitur mihi hoc loco sen- 
tentias meas breviter defendere ac sustinere. 

I. Primum Mancinius egit de explicatione mea loci Lactantii 
De opif. Dei 20, 1 t Haec ad te, Demetriane, interim paucis 
et obscurius fortasse quam decuit p'o reìum ac teìnporis ne- 
r^ssitate peroravi >. Ego locum ita interpretatus eram, ut 
dic^rem verba < prò rerum ac temporis necessitate » spectare 



^ Assai di buon grado diamo ospitalità a questo articolo che V illu- 
stre professore dell'Università di Heidelberg, Samuel Brandt, tanto bene- 
merito degli studi lattanziani, ci manda in risposta allo Quaestiones La- 
ctantianae di AugustoManciui, stampate nel fascicolo passato del nostro 
periodico. 

N. d. D. 



>w^n 



— m — 

ad persecntionem Christianoriim eiusque pericula, Lactantium 
antera verbis » paucis — nei^essitate » significare se ratione 
adversariorum habita iioluisse plenius atque apertius disputare 
de rebus albi proposi tis, Mancinius centra existimat (p. 450) 

* nihil aliud temporis necessitates esse quam errorum sapien- 
tem reprehensionem. » At ego non video, quomodo ex verbis 
illis id quod Mancinius vult, elici possit. Neque enim intel- 
lego, si Mancinii explioatio recta esset, quid sibi vellet vox 

* temporis >, nequa vox < necessitas » ad explicationem illius 
quadrare mihi videtur. Si Lactantius id quod Mancinius putat, 
dicere voluìsset, scrtpsisset fortasse « prò rerum magnitudine » 
veì simile allquld, omissa voce t temporis », certe more suo 
plani US magisque perspicue ostendisset, quid vellet. Omnino 
Manrinìi interpretatiOj quamquam ille rationibus quibusdam 
confirniare eani wtudetj iiirnis artificiosa longiusque repetita 
esse mihi vide tur. Simplex autem sententia, quam ego illis in 
verbis inesse ut antea existimavi, ita etiamnunc existimo, etiam 
ipaìs primis verbis libri De opif. Dei confìrmatur, cap. I, 1 
t quam minime sim quietus etiam in summis tiecessitatibus »: 
quae verba ad persecutìonem Christianorum et ad adfli- 
ctam scriptoris ipsiuiì condicionem respicere certissimum est. 
Deinde, paucis verbis interiectis, Lactantius scribit (§ 2) t apud 
quem nunc profìteor nulla me necessitate vel rei vel tempotis 
impediri, quominus aliquid extundam, quo philosophi sectae 
nostrae . , , instructiores . . . fiant. > Hoc quoque loco La- 
ctantius verbis ■ necmsitute vel rei vel teìnparis » vim re- 
rum adversarum statumque suum hoc ipso tempore tur- 
batum vexatumque indicat, Causam autem difflcillimae illius 
condicionis fuisse persecutionem, è verbis eiusdem capitis § 7 
appare t: « nam ille couluctator et adversarius noster scis quam 
sit astutus et iilem saepe violeìitiis, stenti nunc videmtis. » 
Fam compara haec verba (e. 1, 2) « necessitate vel rei vel 
iemjìoris i cum illis (e. 20, 1) « rerwn oc temporis necessi- 



— 67 — 

iaU ■; prope piane congruunt, neque potest fortuitus esse 
tam singularis consensus. Maxime autem miror^ quod Mancì- 
nius eum consensum non animadvertit: quem si respexisset, 

interpretationem suam fortasse non protulisset. Utroque enim 
loco signiflcatur vis (necessUas) reì*um extemarum hoc ipso 
tempore Lactantium cum ceteris Christianis terrentium pre- 
mentiumque. — Etiam alia quae Mancinius dicit, refutari 
posse mihi videntxir, velut quod putat (p. 567) < quae de Dei 
summi Providentia in corpore hominis fìngendo admiranda Lac- 
tantìus disserit, christianissime explicata viderì >: nam haec 
omnia Lactantius e fontibus Stoicis hausit. ' Sed nolo lon- 
gior esse sufflcitque mihi sumraam totius quaestionis osten- 
disse. 

II. Dixeram Lactantium librum De opif. Dei cura scripsisset, 
propter pericula persecutionis sine dubio non statim in com- 
munem omnium usum edidisse, sed tradidisse initio uni De- 
metriano privatim. Haec omnia piane atque de integro refu- 
tanda esse Mancinius ait. Qua in re nititur loco Institutionum 
II 10, 14 s. : € Hermes . . . illud explanare temptavit, quam 
subtili ratione (deus) singula quaeque in corpore hominis mem- 
bra formaverit . . . Tullius . . . materiam tam copiosam et u- 
berem strictim contingit. Quam ego nunc idcirco praetereo, 
quia nuper proprium de eare librum ad Demetrianum audi- 
torem meum scripsi. » Hoc ex loco Mancinius collegit (p. 461) 
t hunc libellum minime obscui^pn, sed omnibus notum, pu- 
blico denique traditum fuisse. » At credibile non est Lactan- 
tium librum, quem scripsisset Nicomediae atque eo tempore, 
quo persecutio in dies ingravesceret, eodem modo quo quivis 
alius liber ederetur, emisisse, ita ut quicumque vellent atque 



* Egi de hao ro in diaputatione Ueher die Quellen von Lactanz* 
Sckrift De Oqificio Del, Wiener SUidìen XIII (1891) p. 255 m. 



^^■^^ 



— 08 — 



pftiani adTPrsarii Christianorum, facultatem haberent emendi 
mm le^endique. Accedit quod liber non ad adversarios illos 
refellendos striptus est, sed ad docendos Christianos, e. 1, 2, 
t quomìiius aliquid extundam, quo philosophi sectae nostrae 
quam tuemur instructiores dortioresque in posterum fiant ». 
Nimis definito fortasse dixeram uni Demetriano librum esse 
tradìtum a Lactantio, sed illud teneo, scriptorem non in coni- 
munem omnium notitiam eum emisisse, sed voluisse intra Chri- 
stianorum societatem ilio certe tempore eum manere. Quod 
vero Lac tanti US librum loco ilio Insti tutionum commemoravit, 
miiius hoc spectabat, ut lectores ad ipsum illum remitteret, 
quam illud, ut se excusaret, quod eam materiam non denuo 
uberi US tractaret. Atque poterat ille etiam prò certo habere, 
proredente tempore librum suum in manus plurium hominum 
iani pervenisse. — Eodem loco (p. 451 adn. 2) Mancinius verba 
ilia Inst. II 10, 15 f quia nuper proprium de ea re li- 
bruni . - . . scripsi B aliquid auxilii praebere putat ad consti- 
tuendum temporis intervallum, quod Inter compositionem libri 
De opif. Dei et Institutionum interfuerit. Ait enim dubium non 
essBj • quin numquam ìiupet- ad longum temporis spatium si- 
gniflcandum usurpetur. » Sed Lactantius scribit Inst. I 21, 1: 
* apud Cyprios humanam hostiam Jovi Teucrus immolavit 
ìdque Hacridoium posteris tradidit; quod est nuper Hadriam 
impef-aìik sublatum. » 

IIL MiJioris momenti ess^ihi videtur quaestio illa, quam 
Mani iniua niovet de Donato, ad quem Lactantius librum De ira 
Dei acripsit, neque multum sane interesse puto Inter meam et 
Mancinii sententiam. Illud tamen etiamnunc quam maxime 
contendo, Lactantii ad Donatum verba eiusmodi esse, ut mi- 
nime hic Doiiatus idem esse i)Ossit atque ille, cui liber De 
murtibus pursecutorum inscriptus est. 



^Jkr 



^m^T'^iT-^^ ■ 



IV. Mancinius estendere studet auctorem libri De raortibus 
persecutorum, cum plurima excerpsisset ex Institutionibus 
Lactantii, non tamen Epitomen Instìtutionum aut librum De 
opif. Dei in usum suiim convertisse, id quod ego demonstra- 
visse mihi videbar. Dixeram autem in eorum locorum consensu 
difflcultatem quandam positam esse, quae pertineret ad quae- 
stionem de auctore libri De mort. persecut. diiudicandam, illam 
tamen ditRcultatem certa quadam ratione dissolvi posse. Gra- 
tissimum nirairum esse mihi debet, quod Mancinius negat om- 
nino quicquam commune esse inter librum De mort. persecut. 
et Lactantii Epitomen librumque De opif. Dei, sed quae ille 
profert, certo fundamento aut piane aut nimis carent. Dixeram 
locutionam « morte sopiri » legi^De opif. 18, 3 (anima morte 
sopiatur), 8 (perpetua morte sopiri) et Mort. 17, 9 (morte 
sopitus). Doleo antera me non addidisse, Mort. 17, 9 codicem 
Parisinum habere vocem « morte », quam omittunt editores. 
Itaque Mancinius scire non potuit, quae esset vera scriptura 
codicis, negavitque illorum locorum congruentiam quicquam 
valere. Secutus eram conlationem codicis ab f Andrea Laub- 
manno confectam atque etiara Henr. Omont Parisinus bis ipsis 
diebus roganti mihi conflrmavit per litteras, esse in codice vo- 
cem f morte ». De singulis locis Epitomae et Mortium a Man- 
cinio inter se comparatis hoc loco agere longura est, praesertim 
cum hac in quaestione iudicium saepe in sensu cuiusque sit 
positura. Vereor tamen hic quoque, ut omnibus omnia pro- 
bentur quae Mancinius protulit. Ego certe, ut imum exem- 
plum adferam, noa audeo confugere ad remedium nimis vio- 
lentum illud, ut verba Mort. 2, 2 t quos metus conprehensionis 
eius in fugain verterat » omnia eiciantur ut spuria (cf. Man- 
cinius p. 459 ss.). Debebat etiam Mancinius, ut demonstraret 
nihil ex Epitome in Mortes translatum esse, plus quam fe- 
cit, adferre aliorum srriptorum locos, ut a[)pareret locutio- 
nes sententiasque quasdam non in duobus tantumiuodo il- 



— 70 — 

lis libris extare, secl etiam ab aliis scriptoribus esse usur- 
patasi 

Sed iam finis fatuendus est harum adnotatiuncularum. Quae 
velir» Manciiiio sint documento me, ut par erat, diligenter le- 
gitìse eius Quaestionea Lactantianas maximeque optare, ut 
colere pergat romiìiunìa nostra studia Lactantiana. 
Ueideiber^ae. 

Samuel Brandt. 



\ 



:4;-^&iii..-iMd 



INTORNO ALLA GENESI 
DELLA LEGGENDA DI CORIOLANO 



Le molte e varie ragioni di carattere in parte giuridico in 
parte storico-geografico, per cui il racconto delle gesta di Co- 
riolano non può essere reputato autentico sono state chiara- 
mente esposte in una magistrale ricerca di Teodoro Moramsen, 
che a diflTerenza dei suoi predecessori, il Niebuhr e lo Schwe- 
gler, non solo ha insistito sulla falsità dei vari particolari 
ed elementi, ma ha dimostrato che tutto questo splendido e 
romantico episodio è pura leggenda. ' Il Mommsen opina 
che questa bella leggenda (che al pari di quella deirin- 
tercesslone delle Sabine al tempo di Romolo e Tazio, mira a 
nobilitare le matrone romane) sia stata creata al fine di glori- 
ficare le famiglie plebee de' Marcì dei Veturi, e dei Volum- 
mi che volevano riannodare le loro origini con famiglie pa- 
trizie: e crede che sia sorta fra Tetà di Pirro e quella della pri- 
ma guerra punica, ossia dopo il 300 a. C. in cui C. Marcio Rutilo 
fa uno dei primi quattro pontefici plebei (ossia dopo il tempo 
in cui cominciò la redazione degli Annali Massimi per opera 
del collegio pontificio) ed il sorger della vera e propria sto- 
riografia, vale a dire di quel Fabio Pittore che nei suoi annali, 
faceva di già menzione di Coriolano. 



* MOMMSBK, Rom, Forsehungen I, p. 113, sgg. 



— 72 — 

A me sembra elio nfìlla sostanza e nella massima parte 
le osservazioni del Momnisen siano giuste e che nulla vi sia 
da obif^ttare alle >sue conci usioni. Prendo anzi le mosse da 
queste conci usitniì e qualora nelle pagine seguenti riuscissi 
a gettare un potx> di luce intorno alla genesi di questa leg- 
genda, le mie osserv£izioni, salvo nelle parti in cui mi allonta- 
nerò da quanto il Mommsen ha sostenuto, non avrebbero altro 
valore se non quello che lia un corollario giustamente tirato 
da un teorema; sebbene il grande maestro col dire espres- 
fuiiuente che chi cerca 11 nucleo storico della leggenda di Co- 
riolano, * wìrd allerdings die Nuss taub finden >/ mostra 
di non credere alle necessità di un tale corollario e distoglie 
dal fare una simile ricerca. 

E in primo luogo ossen iamo che C. Marcio Rutilo, il con- 
sole deiranno 300 a. C, il primo pontefice plebeo, non è il solo 
pei'^ouagfjio di questa fiimiglia che possa aver dato occasione 
alla formazione della nostra leggenda. Senza dubbio, io penso, 
questo pontefice dette origine alla tradizione, che un Marcio 
fu il primo pontefice nominato da Numa;' ma alla forma- 
zione della leggenda di Coriolano deve pur aver contribuito 
il padre di luì C. Manlio Rutilo, il quale non solo fu con- 
sole per quattro volte , ne^^U anni 357, 352, 344, 342 a. C, ma 
tu dot pari il primo dittatore, nel 356 a. C, ed il primo censore 
plebeo, a. 351.' Questo personaggio ricordato espressiimente da 
Livio come uno de' più chiari capitani dell'età sua*, che viene 
lutto autore di vari provTedimenti assai favorevoli alla plebe, * 



' Ib. p* 152. 

■ LiT. I, 20, 5; cfr Plut, Xum. 21. 

■ LiT. VII, 17, fi; VII, 22, 8 ; X, 8, 8. 

* Cfr. Liv. TX. 17, 8. 

* Quanto Lnio VII, Itì^ dico rispetto a C. Marcio Rutilo conbolo la 
prima yolta nel 3a7 a. C. ed al ** foonu» unoiarium ^, ricorda ciò die sa- 
rebbe nFv^ennto sntto il suo stTondo consolato, nel 3ò2, Liv. VII 21, 4. I^ 
men£ iurte di lui M. Duilliufl nd 357 e di un C. Duollius nel 352 mi fa sor- 



— 73 — 

al pari del leggendario Coriolano combattè contro i Volsci. E 
come del primo si racconta che distribuì Uberamente ai sol- 
dati la preda tolta ai nemici, * cosi di C. Marcio Rutilo si 
narra che nel suo primo consolato, ossia nella spedizione 
contro i Volsci di Privemo, « militem praeda implevit, ad co- 
piam rerum addidit muniflcentiam, quod nihil in publicum se- 
cernendo augenti rem privatam militi fovit ». * Ed è oltreraodo 
curioso che Privemo, la cui conquista gli fruttò l'onore del 
trionfo, sarebbe stata presa dal valoroso centurione Sesto 
Tullio presso a poco nella istessa maniera con la quale Co- 
riolano, secondo la leggenda, s' impadroni di Corioli. * 

Ma ancora più importante di questo tratto comune ai due 
Marci, lo storico ed il leggendario, è notevole quanto ci è rac- 
contato rispetto alla sollevazione ed alla sedizione che i sol- 
dati romani fecero durante il quarto consolato di C. Marcio 
Rutilo, ossia nel 342 a. C. Il console, al quale era toccata 
come provincia la Campania, accortosi del malumore che ser- 
peggiava fra i soldati, avrebbe preso il provvedimento di pur- 
gare con grande segretezza ed abilità l'esercito dei più riottosi, 
ora accordando loro congedi, ora sotto pretesto di inviarli a 



gero il sospetto, assai vago del resto, ohe vi possa qui essere h\ duplica- 
zione di un solo fatto. Il carattere demagogico di questo consolo appare 
non solo da ciò che ci è riferito rispetto ai benefìci che egli accordò alla plebo 
ed al modo con il quale ottenne la censura, ma anche dal trionfo che 
menò senza autorizzazione del senato. Y. Liv. X, 37, 10. 

* Plut. CorhL 13, 4: %ai ttoXòv ^èv ottov eòptbv noXX^ tè Xeiq. ^p6|i- 
li^Tcov xaC dvSpanóJwv weptxoxoJV aòxjp {lèv oùSèv èSeiXsxo, xoùg ti oxpa- 
Tsoaajiévoug noXXà, jièv aYovcag Sx®^> noXXà 8è (yèpovxag ènavijXSsv eìg 
» xìjv •PcónTjv ; cfr. DlON. Hal. VII, 19, 4. 

« Liv. VII, 16, 3. 

» Liv. VII, 16, 5, sq.; cfr. DiON Hal. VI, 92; Plut. CorioL 8. Il 
fatto glorioso di Sesto Tullio non era ammesso da altre fonti o per lo 
meno non lo si raccontava a proposito di questa occasione, dacchò, secondo 
la tradizione accettata da Dionisio di Alicara'asso XIV, 13, i Privcrnati 
furono bensì assediati da C. Marcio RutUo, ma si arresero a patti ed evi- 



— li — 

casa con brevi licenze e infine con distaccare intere coorti 
fiotto pretesto di ragioni militari.' Se non che una di queste, 
che veniva per T appunto rimandata a Roma, giunta a Lautuiae 
presso Terracina, avfindo chiaramente compresi gli occulti di- 
sej^nì del console e temendo che a Roma essa ed i compagni 
venissero puniti, si ribellò apertamente. Mossero pertanto 
i ribelli alla volta della città e giunti alle falde del monte 
d ■ Alba Longa vi si accamparono e si consultarono intomo al 
duce che avrebbe dovuto condurli contro Roma. Avendo 
udito t he neir agro Tusculano viveva T. Quinzio, un patrizio 
di grande fama guerresca, che diventato zoppo si era ritirato 
dalla mìfìzìa, lo obbligarono per forza a capitanarli ed a gui- 
darli contro la patria.' Se non che giunti all' ottavo miglio 



tarono la pr^na dclU loro città. Ma questa versione in modo affatto iden- 
tico da Valerio Mas» imo VI, 2, 1, è invece riferita aUa resa che i Pri- 
vematì fecero al coiiKole C. Plauzio, il quale nel 329 a. C. U assediò con L. 
J^niilio. Da liiviQ VXII> 20, del resto si ricava chiaramente che le gesta di 
C* Marciti liuti lo dell'anno 357 e queUe dei consoli Plauzio ed Emilio del 
320 erano tra loro confuse e variamente attribuite a questi diversi per- 
sonaggi. Sì noti del rc'Hto che la raccomandazione che Coriolano dopo aver 
preea C^irioU arrebbo fatta ai soldati di badare più aUa guerra che alla 
preda v. PLl't. CorioL 9, ricorda le parole che C. Marcio Rutilo avrebbe 
pronunciate prima e ho ìncominciasso V espugnazione di Privemo v. Liv. 
VEti 1^, 14. Non ilo peso alia circostanza che noUa leggenda di Coriolano 
fii jidrta iliii Vo (Iterili e che i Velitomi si ribeUarono insieme ai Privernati 
al tempo di U- Marc- io KutiJo. Così non do importanza aUa circostanza 
che fiuoiito (centurione (il quale in certo modo aU' assedio di Privemo avrebbe 
oaeur.ito il nome del concole, come Coriolano neir assedio di Corioli ** obstitit 
famai^ ^ di i^o^tumo Coniunio Liv. II, 33, 9) abbia il nome di Tullio, che 
ricompare a propoiiito del capo dei Volsci neUa leggenda di Coriolano. Del 
rortto qualora, ciò die uy non oso affermare, non si reputasse casuale la ri- 
a|M>iideiizfl fra il nome di questo centurione Sexio Tullio con queUo del volsco 
Atto Tutìio, «i potrebbe fare osservare che anche i Romani erano incerti 
quali fra ì Curiaz! o gli Orazt fossero i romani, e gli albani, Liv. I, 24, 1. 

' Sutruiìo della piirola coorte in luogo di manipolo fatto qui da Livio 
VII, 39, V. 1[arqi-akdt Eom. Staatsverualtung, II,* p. 435. 

^ Quale rapporto v^ è fra questo personaggio ed il leggendario Quinzio 
Cincinuato Ìl quale gei vulte, secondo le varie tradizioni romane, avrebbe 



^^UÌé^-^^ 



- 75 - 

dalla città, sulla via che venne poi detta Appia, si fermarono. 
avendo udito che contro di loro muoveva il dittatore M. Va- 
lerio Corvo. Trovatisi a cospetto l' uno dell'altro i due eserciti, 
é Livio che parla, la memoria della patria mitigò l'ire, e già 
i duci non meno de' soldati mostrarono desiderio di amichevole 
colloquio anziché di combattimento. Il dittatore M. Valerio 
Corvo, fattosi incontro avrebbe pronunziato un discorso in cui 
fra le altre cose ai rivoltosi, secondo Livio, avrebbe detto: 
€ expectate dum vobis singulis, ut olim Coriolano, raatres, 
t coniugesque crinibus passis obviae ab urbe veniant I • * Que- 
sto discorso impietosi i ribelli e sopratutto T. Quinzio che 
contro la sua volontà era loro duce e che t plenus lacrimarum • 
rivolse parole di pace a' suoi soldati, i quali a grandi grida 
dichiararono di voler la pace, che venne poi ratificata dal po- 
polo romano. Di questa narrazione si trova fatta menzione 
anche presso altri scrittori, ad es. presso Dionisio di 'Alicar- 
nasso, dal quale si apprende che ai ribelli si aggiunsero colóro 
che dai soldati ribelli venivano man mano lungo il viaggio libe- 
rati dal carcere. * A questa versione Livio ne fa seguire immedia- 
tamente un'altra. Ecco le sue parole: « aliis annalibus proditum 
est neque dictatorem Valerium dictum, sed per consules (ossi a 
C. Marcio Rutilo e Q. Servilio) omnem rem actam, neque ante- 
quam Roma veniretur, sed Romae eam multit udinem coniura- 
torum ad arma constematam esse, (evidentemente que' soldati 



abbandonato l'aratro per recarsi a Roma e salvarvi la patria? Avrò o - 
canone di ritornare su questo fatto. 

* Liv. Vn, 40, 12. 

• Dick. IIal. XV, 3; XV, 4, cfr. App. Sann. 1, secondo il quale Val* r '. 

Corrino andato incontro agli insorti si accampa òdòv i^jiépag \v,y.g 

iv xolg 6p«di Tolg 'AXpdvcDv; AuREL.. VlCT. d. v, ili, 29, cfr. Zo\. V 1, 
25 extr. Nulla, credo, ha a che fare con il nostro racconto lo stratagemma 
ricordato da Frohtiko I, 8, 1, a proposito di A. Manlius che lo Stewechius 
corregge in G. Marcius. Qui si tratta senza dubbio del console T. Manlio 
del 340 a. C. r. DiOK. Hal. XV, 4. 



Vf". ,"3»^^ 



— Te- 
che Marcio aveva rimandati dalla Campania a Roma) nec T. 
Quincti vjllam, sed in aedis C. Manli nocte impetum factum , 
euaique a coniiiratis compre hensum ut dux fieret; inde ad 
quartura lapidera profectos loco munito consedisse, nec ab 
ducil)us inentionem concordiae ortam, sed repente, cum in 
aciem armati exercitus processissent, salutationem factam, et 
permixtas dextras iungere ac complecti inter se lacriraantes 
milites coei^isse roactosque consules, cum viderent aversos 
a dimicatìone militum animos, rettulisse ad patres de concor- 
dia reconcjlianda, adeo nihil praeterquam seditionem fuis- 
se eamque compositam inter antiquos rerum auctores con- 
stai. • ' Quali dì queste due tradizioni riferite da Livio è la 
meno lontana dal vero? Se si tien conto che in quella prima ri- 
ferita i^i fa la ^glorificazione di uno dei personaggi della gente 
Valeria (che, come avremo anche fra poco occasione di ripetere 
vengono spesso intrusi nelle gesta delle altre famiglie) e che, 
s^^condo Livio, la seconda versione era narrata dagli autori più 
antichi , isaremo lacilmente indotti a preferire questa alla prima, 
che forse deriva da quel gran mentitore che fu Valerio An- 
diate. Ad o^ì modo constatiamo come anche la prima ver- 
sione riconosca che la sollevazione avvenne durante il conso- 
lato (li C, Marcio Rutilo, ossia di un personaggio di quella 
famiglia plebea che più tardi assunse il cognome di Censorini 
e che al pari dei Marci Reges-Philippi pretendeva discendere 
dal patrtcìo C. Marcio Coriolano, probabilmente, come vedremo, 
da' due figli che 1 esule Coriolano lasciò a Roma. * Che la 



' U\. VII, 42. 

' Uho i Marci Kiitili detti poi Censorini v. Fast, Ceiis. ad ann. 310 
a, C.; Yau Max IV 1, 3, al pari dei Marct-Rege8 con i quali si riat- 
taceaoo i Marcì-Plijl!|)pi, si reputassero legittimi discendenti di Nunia, di 
Aucrt MiiTcio i; dui nostro Coriolano, non solo è esplicitamente detto dagli 
antichi, V. Plct. (-nrioL 1, ma rispetto a Numa e nd Anco Marcio ò del 
pari utttìHfaito dully monete dei Marci Censorini e Philippi v. BaiìElox, 



— 77 — 

pacificazione, alla quale secondo i più vecchi annalisti a- 
Yrebbe preso parte lo stesso console C. Marcio Rutilo e 
che secando anche la tradizione precedente avvenne sotto il 
consolato di lui, sia stato quel fatto che forni, diremo cosi, la 
materia prima alla leggenda di Coriolano, io non oserei affer- 
mare come cosa al tutto certa. Nella narrazione liviana della 
pace avvenuta nel 342 a C. si parla di soldati che si impieto- 
siscono alia vista di commilitoni e di concittadini ; nella nostra 
leggenda invece è un figlio che si commuove all' aspetto della 
madre. Tuttavia rispetto al sentimento di pietà verso la 
patria il fatto raccontato dalla leggenda e quello del 342 
a. C. hanno uno stretto ad intimo punto di contatto; e 
questo contatto è reso ancora più sensibile da ciò, che in 
ambedue i casi si tratta di persone appartenenti alla gente 
Marcia. Né pare sia insignificante la circostanza che ambedue 
i fatti, lo storico ed il leggendario, sarebbero avvenuti a quattro 
miglia da Roma. ' 

Coloro i quali danno importanza alla diversità che v'è 
fra i due fatti, e che magari nella leggenda di Coriolano sono 
disposti a vedere alcun che di storico, non reputeranno per 
nulla probabile che la rivolta avvenuta sotto il consolato di 
C. Marcio Rutilo e la pacificazione alla quale questi con- 
tribuì abbiano dato origine alla leggenda di Coriolano. Di 



Mann. d. L rejp, Rom. II, p. 191 Bg. Ciò spiega anche il grossolano orrore 
de! cronografo dell'anno 334 a. G. oye nelP elenco de* re, p. 113, ed. Frìck, 
isi legge * Maroius Philippus regnayit ann. XXXVI, „ etc* 

' Secondo V altra versione Liv. Vii, 39, 16, i soldati romani si fer- 
marono inyece " ad lapidem octayum viae quae nunc Appia est. „ Tut- 
taTÌa se si iien conto che da Lautulae essi giunsero alle falde del Monte 
Albano e che T. Quinzio lo trovavano nel!' agro Tuscolano Liv. ih. 11, è 
forse lecito sospettare che la fonte di Livio, anziché la posteriore via Appia, 
avesse in mente un' altra via ossia la Latina. Che il tempio della Fortuna 
Muliebre fosse al IV miglio su questa ultima via, ò dichiarato concorde- 
mento dagli antichi v. Fest. p. 242 M. 3. v. " Pudicitia „; Val. Max. 
I, 8, 4; cfr. Dick. Hal. Vm, 26; 55; Plut. Coviol. 



— 78 — 

(Ijvf^rso parere si troverà forse chi, tenendo presente le ana- 
Un^ie fondamentali dei due racconti, considererà come nelle 
iiiemoritì domestiche romane e negli Annalisti si trovino di 
Iroquente fatti posteriori attribuiti ad antenati magari posticci 
e come questo caso si verifichi appunto nella storia della gente 
plebea de' Marci Rutili-Censorini e dei Marcì Reges-Philippi, 
la quale non solo die vita alla tradizione, che essa discendeva da 
Numa, il fondatore de' pontefici romani e dell* «ius pontificium », 
da Anco Marcio e dal primo pontefice Marcio creato appunto 
da Numa, ma attribuì anche al leggendario re Anco. Mar- 
cio la conduttura dell' acqua marcia, la quale, come è noto, 
fu condotta a Roma dal pretore Q. Marcio solo nell* anno 
144 a. C. ' 

Sarebbe certo vano e temerario il voler stabilire con pre- 
cisione come e perchè (ammessa come probabile V ipotesi che 
aìjbiarao testé esposta) sia avvenuta questa sostituzione dalle 



^ Plin. N. il XXXI 41 : *^ primus eam (ossia Taoqua Marcia) ducere 
nu spìcchi H est Ancus Marcius unus e regibus, postea Q. Marcius Rex in 
prAGÈura. rursusque restituii M. Agrippa „. 8i potrebbe, volendo, fare un 
lungo elenea di simili duplicazioni proleptiche nePa storia delle famiglie 
romane. Mi limiterò a ricordare le varie provocazioni delle leggi Valerie 
UrazLc delle quali veramente certa e storica è quella del 300 a G. v. Liv. 
X ì^i 3^ la storia o la leggenda di Curzio dell' anno 362 a C. raccontato 
in tre 4*iirerfti modi e riferita all' età di Romolo v. Liv. VII. 6; Vaer. d. l. L, 
V. 14f 3, Così la storia di M. Minucio, il magister equitum di Fabio Cun- 
ctator^ deU' anno 217 a G. v. Lrv. XXII, 29, come ho già fatto osservare in 
quetjti Slifdij II p. 333 n. 1, fu attribuita a L. Minucio il console dell'anno 458 
a C.| liberato dal leggendario L. Quinzio Cincinnato. Un altro notevole esem- 
pio a cai non ha badato il MoMMSEN neUa sua bella memoria sui Claudi 
V. KoFit. Fofschungtn 1 p. 287, sgg. ( alcuni de' quali Claudi, come dirò in 
seguito tu qiLesti Studia non sono che vuote duplicazioni di altri personaggi 
della tìtojfaa famiglia) lo porge la dedicazione del tempio di BeUona, vo- 
tato nella guerra contro i Sanniti nell' anno 296 a G. dal console A. Claudio 
T. Liv, X. 19, 17, nel quale tempio, secondo una notizia serbatacida Pliitio, 
X IL XXXV, 12, di già Appio Claudio console del 495 a C, ossia due 
t^oeuli prima che fobse edificato, avrebbe posto i titoli de' suoi antenati! 



— 79 — 

matrone ai soldati. Le cause che determinaiio i vari e mol- 
teplici atteggiarsi delle leggende, sono anche esse varie e 
molteplici. Molte e diverse circostanze danno origine a diverse 
e disparate trasformazioni ed a travisamenti di un fatto storico. 
Basti pensare ad es. per un momento quale imagine strana e fan- 
tastica della storia assira ed egizia ci hanno presentata gli sto- 
rici greci. Il poeta, che tale è infine chi dà origine ai miti e 
chi creò la meravigliosa leggenda di Coriolano, non è vincolato 
da nessuna legge e da nessuna fissa norma. NuUadimeno io 
credo che non sia soverchiamente ardito supporre che le ra- 
gioni prime della sostituzione, di cui parliamo, vadano in parte 
ricercate in una nota e vecchia leggenda romana, in parte nel 
culto della Fortuna Muliebre. , 

Al quarto miglio della via Latina, là dove le matrone avreb- 
bero placato il terribile Coriolano, sorgeva il tempio di que- 
sta dea, tempio che giusta la tradizione sarebbe stato ap- 
punto eretto per commemorare V atto generoso delle ma- 
trone romane, a cui Roma avrebbe dovuta la propria salvezza. 
Secondo Dionisio di Alicarnasso la prima sacerdotessa sarebbe 
stata Valeria, la sorella del Poblicola, come quella che a Ve- 
turia, a Volumnia ed alle altre matrone avrebbe dato il salutare 
consiglio di recarsi neir accampamento di Coriolano.* Però se 
si considera come una Valeria figlia del Poblicola da una tra- 
dizione venga pure sostituita a Clelia, ' ovvero come la pace del 
342 a. C, conseguita secondo i più vetusti annalisti dal console 
C. Marcio Rutilo, secondo l'altra versione che abbiamo sopra 
esposta sarebbe stata ottenuta dal dittatore M. Valerio Corvo, 
verremo facilmente indotti a sospettare che anche a propo- 
sito del sacerdozio di Valeria sia da riconoscere quella istessa 
fonte che glorificava le gesta de' Valeri e che sostituiva, ove 



» DiOK. Hal. Vili. 39.; 65.; Plut. Coriol. 33. 2. 

• Pu2f. N. H. XXXIV. 29; Pllt. Poj)!. 19. 9; de muL viri. U. 



— 80 — 

fMiteva, personfì (li questa famiglia a quelle di altre genti e 
che per Io meno inseriva tali personaggi nelle gesta altrui 
v^Ualoi'a non fosse stato possibile travisare del tutto e soffo- 
care tradizioni reputate autentiche e molto diffuse. Il che nel 
caso è tanto pia probabile in quanto Livio a proposito del- 
l' ambasciata delle nostre matrone tace di Valerio e confessa: 
4 id publicura consilium an muliebris timor fuerit parum in- 
verno. 1* Probabilmente questa fonte è Valerio Anziate, e 
in luogo di Valeria, come prima sacerdotessa del tempio della 
Fortuna Muliebre, ci dovremmo attendere o Volumnia o me- 
glio ancora Veturia le quali come appare dalla stessa leggenda 
di Corìolano erano riconnesse direttamente colla fondazione 
di quel terii[>io. Questo inizio è confermato dal fatto che altri culti 
ed altri templi della Fortuna sono a Roma collegati con la 
gens Marcia. Allorquando nel 194 a. C. venne dedicato il tempio 
della Fortuna Pr ini iiienia nel Quirinale, (tempio che era stato 
dedicato dieci anni innanzi da P. Sempronio Sofo che lo aveva 
pure locato come censore,) affinchè compisse la sacra cerimonia, 
fu nominato duumviro « aedi dedicandae > Q. Marcio Ralla ; * 
ed il tempio della Fortuna Virile, che secondo una nota ver- 
sione sarebbe stato fondato da Servio Tullio, secondo un altra 
tradizione sarebbe stato invece eretto dal re Anco Marcio, il 
mìtico antenato dei nostri Marci plebei.* Quest' ultima cir- 



' Ljv. II. 39- 12- Sulle falBifioazioni delle gesta della gente Valeria v. 
la buoim nicmor'rA di MuENZER, de gente Valeria, (Oppoliae 1891). 

' Liv. XiXXIV. 5H. 4. Reputo invece casuale che il tempio della 
Fors Furttina al di là di Tevere presso qucUo che si credeva fondato da 
Servio Tullio sia stato locato da Carvilio ncU^anno istesso in cui fu cen- 
sore C, Marcio Rutilo^ fìssia nel 293 a. C, v. Liv. X. 46 sq. 

• Plct, ih fort, Roman. 5. npfflxog |ièv ydp tfipóoaxo Tóxt^C ^«P*^ 
Mapxtog "Ay^og à Nùjii ^uyaxpiJoOg xat Téxapxog Atto P(i)|1!>Xou yavó- 
jj^evo; fiacvASÙg xot^ xb jièv xfjg 'AvSpsCag Tó^T/C ^sp^v ànò MapxCou* 
"Aptog ToiS -cEidpiou paotXéoog ISpod^év. In opposizione a questa tradi- 
zione v'era T altra clic il tempio di questa dea attribuiva a Servio Tullio 



— 81 — 

costanza ci pare sopratutto degna di essere esaminata, dacché 
il culto della Fortuna Virile è il naturale contrapposto di 
quello della Fortuna Muliebre. Esplicite testimonianze degli 
antichi ci mettono in condizione di affermare che la Fortuna 
Virile era Venere stessa, la dea che recava fortuna in amore 
agli uomini. ' É naturale anzi il sospetto che il culto della 
Fortuna Muliebre, come contrapposto dell' altro, stesse esso 
pure in intimo rapporto con la fortuna in amore da parte 
delle donne. Questo sospetto viene interamente giustificato 
da ciò, che, come diremo fra poco, in Roma il culto vol- 
gare anzi servile della Fortuna veniva ed identificarsi con 
quello di Venere, e che quello antichissimo e patricio della 
Fortuna da taluni antichi scrittori era identificato con il culto 
della Pudicizia/ la dea che porta fortuna in amore alle 
donne con il culto della quale nella sostanza si doveva iden- 
tificare anche quello della Fortuna Muliebre. Perciò tanto 
al culto della Pudicizia patricia, ossia della Fortuna, quanto 



non meno di quello della Fortuna Primigenia e delle altre Fortune, t. 
Plct. jrttae»^. Rom, 74. of. i passi presso B. Peter, s. t. Fortuna nel 
disìonarìo mitologico del Boscher. p. 150 8, il quale non so perchè as- 
serisca che il primo dei passi sopra riferiti da Plutarco non è esento da 
dubbi di interpolazi ne. Forse egli lo confonde con il secondo. Ad ogni 
modo se anche questo fosse interpolato non verrebbe con ciò a distrug- 
gerai l'esistenza di una tradizione che assegnaya ad Anco Marcio la de- 
' dica di tale tempio. 

* Ai passi raccolti al proposito dal Preller-Iordan Rihn, Mi^thoL V 
p. 449 n. 2.; Il p. 185 n. 8; e da R. Peter, nel dizionario del Boscher 
p. 1518 credo si possa aggiungere la notizia seguente serbata da Plu- 
tarco, éL Fort, Rom. 10: loxi di Y.cd icapd tòv x^( 'A^poS^Ti^c iiciTaXa- 
p{oo po>t^òv &pptvo( Tóxif}^ ido(. Anche ad Egira neU'Acaia nel tempio 
della Tiche presso la statua di questa dea y' era Eros a lato, il che vo- 
lea significare, come dice Pausania, VII. 26. 8,che agli uomini in amore 
gioTa più la fortuna che la beUezza. 

" Fbst. p. 242 M. 8. V. * Pudicitiae signum foro bovario est. . . . eam 
quidam Fortunae esse existimant^ Preller-Iordan, Roem. Mythoh ii,' 
p. 181 sg. 



— 82 — 

a quello della Pudicizia Plebea, sorto secondo la tradizionei 
nel 296 a, C, quanto infine a quello della Fortuna Muliebre. 
y' era questo di comune, che essi erano celebrati solo dalle ma- 
trone pudiche andate una sola volta a marito. * 

Da ciò non dobbiamo però essere indotti a pensare che il 
culto della Fortuna Muliebre non si potesse in origine ricon- 
nettere con sacre tradizioni relative all'aiuto che in tempo di 
guerra le donne recarono a Roma. Di queste tradizioni si tro- 
vano tracce dappertutto, tanto fra i Greci quanto fra i barbari, 
ed a Roma esse hanno dato appunto origine a varie leggende, * 
soprattutto a tre che sono fra loro strettamente connesse, 
ossia a quella delle Sabine che s' intromettono fra i padri, i fra- 
telli, i mariti al tempo di Romolo, a quella relativa alle matrone 
romane salvatrici della patria al tempo di Coriolano, e a quella 
di Philotis-Tutela. Le due prime leggende sono generalmente 
note e basti l'averle ricordate ; la terza lo è meno, e non sarà 
quindi inopportuno rammentarla, sia pur assai brevemente. 
Superati i Galli Roma si sarebbe sempre trovata assai debole; 
dì ciò avrebbero approfittato i popoli vicini, alcuni dicevano i 
Latini guidati dal dittatore Livio Postumio, altri asserivano i 
Fidenatj ed i Ficulneati, i quali avrebbero preteso che dai 
Romani si inviassero loro le donzelle e le vedove alla istessa 
guisa, cosi avrebbero essi detto, che i Romani s'erano im- 
padroniti delie Sabine. Un' umile ancella trasse di pericolo i 
Romani: si chiamava Philotis o Tutela. Fattasi dare come com- 
pone altre schiave, ed essendosi al pari di esse addobbata con 
vesti convenienti a donne ingenue, si presentò ai nemici, che 



* Y. Fest l. e; Liv. X. 23. 4 sqq.; DiON. Hai.. Vili. 56, Tertull. 
dt monog, IT» 

' Un buon numero di simiU leggende sono raccolte nelP opuscolo plu- 
tarclieo (h mftikr, viri, e nel libro Vili di Polieno, i quali ad es. ser- 
baiTo ricordo di una leggenda celtica affatto simile a quella del ratto 
deHe yabiiio v. Plut. op, cit. 6; Polyaen. VII. 50. 



— 83 — 

dopo r orgia ed il concubito si addormentarono. Ma ad un 
segno dato da Tutela, che, montata su di un caprifico, dietro 
la veste sollevata mostrò ai Romani una face, questi sareb- 
bero sopraggiunti e si sarebbero agevolmente sbarazzati de' ne- 
mici. A rammentare tale fausto avvenimento a Roma si sa- 
rebbe istituita la festa delle None Caprotine, o direm meglio, 
si sarebbero istituite diverse feste ' Nel 5 Luglio infatti si ce- 
lebrava il Poplifugio, ossia il giorno in cui il popolo sarebbe 
fuggito; il giorno 7 di Luglio si sarebbero celebrate le None 
Caprotine in cui le ancelle uscendo dalla città vestite come 
ingenue con giuochi e cerimonie avrebbero ricordato le gesta 
di Philotis-Tutela ; infkie TS di Luglio v'era la Vilulatio 
con cui si celebrava la facile vittoria ottenuta sopra i ne- 
mici. ■ La festa delle None Caprotine (che altri del resto 
riconnetteva con il giorno in cui Romolo era scomparso pres- 
so la palude Caprea), * secondo la leggenda di Philotis- Tu- 
tela, si collega con il culto di Giunone Caprotina, ossia con 
un culto non particolare a Roma, bensi comune a tutto il Lazio 
particolarmente attestato e che ci è ad es. a Lanuvio ci rappre- 
senta Giunone anziché nella nobile sembianza delia sposa di Gio- 



' YaRROKE d, l, L. VI. 18 ricorda „ tum sub urbe populi ut Fìcu- 
leates ao Fidenates et finitimi alii„; Plutarco Bom. 29, 7, cfr. Camil, 33,4 
e PoLiSKO Vni. 30, dice che erano i Latini guidati da Livio Postumio, Ma- 
CROB. I 11. 37, aBgerisce che Livio Postumio era il dittatore dei Fidenati. 
Per r annalista Pisoke (non per HyUus come dice il Mommsen ad C. l. L 
I 2" ediz. p. 320) apnd Macrob. IU. 2. 4 i nemici erano i „ Tusci „; per 
Ajustide HnjESio apud [Plut.] parali, min. 30 erano invece Galli e da 
lai forse dipende Ovidio de art am. II. 257 cfr. Trini il. 443. A questa 
leggenda accenna del resto anche Ausonio defer. Rom, VII. 24, 8. L* an- 
cella, detta 'Vfi'zéNOL dal solo Aristide Milesio 1. e, è chiamata semplicemente 
^tXé&TiC da Polieno 1. e. ed è detta ^tXwxtg ed anche ToxóXa (o TooTOóXa) 
da Plutarco 1. e. La vera forma del nome latino ce la serba Macrobio 
], 12, 38 il quale la chiama <^ Tutela seu Philotis „ . 

* La stretta connessione della Vitulatìo con le altre due feste appare 
dalV esplicita dichiarazione di Pisone presso Macrob. ni, 2, 11. 

» Dio» Hal. n 56; Plut. IL ce. 



— u — 

ve in quella di una divinità protettrice della prolificazione. Si 
pensi al caprifico ed miine a Venere pandemia. * Ciò appare an- 
che dal nome di Philotis-Tutela; il nome greco Philotis, dato il 
genere delle cerimonie con il quale si connette, allude chiara- 
mente al sìguiflcato eh' esso ha anche di concubito;* d'altra parte 
ricorda l'origine forestiera di questa leggenda. E strano anzi non 
sìa stato osservato come il Pseudo Plutarco, prima di raccontare 
suir autorità dì Aristide Milesio V aneddoto di Philotis-Tutela 
che chiama però Retana, riferisca sulla fede di Dositeo, co- 
me i Sardiaui, avendo posto l'assedio a Smime, richiesero 
come condizione di pace che a loro venissero inviate le 
donne. Una bella schiava, di cui non è detto il nome, dette 
al suo padrone Filarco il consiglio, che venne accettato, di in- 
viare ai nemici lei e la sue compagne vestite da donne libere; 
i Sardìani spossati dalle carezze muliebri caddero cosi in potere 
de' nemici. Gli Smimei instituirono la festa, detta Eleuteria, 
nella quale le donne comparivano in abito di donne libere. 

Una storiella alquanto simile ci è raccontata a propo- 
sito di Policrita, nella guerra tra i Nassi ed i Milesi. * E 
chiaro che la pretesa storia della spedizione dei Latini od Etru- 
schi Galli contro Roma fu escogitata per spiegare le cerimo- 
nie del culto con il quale si connettevano le feste del Poplifugio 



^ Varr. (l L L, TI, Nonae Caprotinae quod eo die in Laiio Junoni 
Capro tUiae muli e rea sacri fi cantur et sub caprifico faciunt etc. „ SulP Juno 
Lauuvina ** cum peUe caprina „ y. Cic. d. dtor. nat. I, 82; cf. le monete 
de* Ronnl in Babelon Monn, d. L rtp. rom. U p. 399. 

' Perciò PbUoHa compare come nome di meretrice ad es. presso Te- 
renzio nelI'Ecira. 

' IPlct.] para il min. 30 Senza darvi naturalmente alcun peso, noto 
che il nome di PMlotiSj come quello di una ermafrodita, ricompare a 
Snume y, Phleo, Trall. fr. 36 in MOLLER, F, H. G. HL p. 619. Anche 
a Samo le *EXst)9^£piix erano fatte in onore diEros, ▼. Erxias apud Athen. 
XIII, 562. Sulla aiorin di Policrita v. PoLYAEK. Vili. 36; Plut. d, tnul. 
tiri. 17- 



— 85 - 

e delle None Caprotìne e che la leggenda di Philotis - Tutela 
venne localizzata a Roma per effetto dell'introduzione di un 
culto tolto dalla Grecia, dove, oltre che nelle varie leggende 
simili a quella di Tutela, ci imbattiamo in culti afrodisiaci che 
si possono a ragione confrontare con quello latino di Giunone 
Caprotina. * Probabilmente avremo in seguito occasione di in- 
vestigare chi e quando localizzò a Roma e nel Lazio questo 
culto e tale mito. Per ora limitiamci a constatare, come a Roma 
il nome di Tutela sia uno degli epiteti della Fortuna * e che 
in ultima analisi le feste che si facevano in nome delle ancelle 
salvatrici di Roma erano istituite in onore della Fortuna Mu- 
liebre ; ma non già in onore della Fortuna Muliebre patricia e 
pudica bensì di quella volgare, anzi servile. Né a quanto osser- 
viamo sarebbe il caso di obbiettare che le None Caprotìne, anzi- 
ché con la Fortuna e con Venere (ossia con la fortuna in amore), 
si connettevano con Giunone, dacché, a parte i contatti che 



* Un altra leggenda simile in parte a quella di Philotis-Tutela si trova 
a Sparta ore il culto di Afrodite armata od 'Aptict (Paus m 17, 5) re- 
nira collegato con la seguente storiella riferitaci da Lattanzio d^ fah. 
relig. 0.20, I Messenl ayrebbero assalito Sparta priva di difensori; ma le 
Spartane armatesi li avrebbero fugati. Sopraggiunsero gli Spartani che 
prese le loro mogli per nemici si apparecchiarono alla pugna. Le donne 
allora **■ corpora sua nudaverunt. At illi uxoribus cognitis et aspectu in 
Ubidinem concitati, sicuti erant armati, permixti sont utique promiscue „ 
Così sarebbero nati i Parteni. Anche la bella e casta leggenda di Tele- 
siila e delle Argive che salvano la patria contro V assalto dei Lacedemoni 
era connessa con il culto ed il tempio di Tenere v. Paus II, 20, 8. Non 
Bara forse inutile rammentare come a Sparta vi fosse pure il tempio di Era 
Aiyo^dtoQ^ Paus IH 15, 9, ecome nell*£lide, accanto alla Afrodite OòpavCa, 
fosse onorata Afrodite Edv^Yj^iog, la quale Scopa avea ivi espressa a caval- 
cione di un capro Paus, VI. 25, 1. Tale Afrodite è stata riconosciuta sulla 
rara moneta delP Elide illustrata da R. Weil, nelle Histor. und phil, 
Au/sdtze pubblicate in onore di Emesto Curtius, Berlin 1884 1. p. 135, 
taT. IIL 8. 

■ Oltre ai testi raccolti dal Pbeller- Jordan, Roetn, MythoL IV p. 202 
n. L V. C. /. L, VI n. 177, e 178: Deae Fortume Tutelae, 179. 



— 86 — 

Giunone ha ron Venere e Venere con la Fortuna/ a Preneste 
il culto della Fortuna era strettamente collegato con quello di 
Giunone e di Giove, al quale ultimo era pur sacra la festa del 
Poplifugio/ 

Non mi sembra sia poi necessario spendere molte parole 
per dimostrare l'identità sostanziale di questo mito con quello 
nobile ed elevato delle Sabine che, stando alla tradizonie, sareb- 
bero state ricordate anche dal dittatore Livio Postumio, allor- 
ché richiese i Romani delle loro donzelle e delle loro vedove. * 



' liitoruo o^ rapporti, anzi alla identificazione di Afrodite-Venere con 
la Tv che* Fortuna, si veda anche Al. Enmìln Krit, Versuche z, àitesten 
gvkch Getiiicfite Kypros u. d. Ursprung d, Aphrodittskultos Mem. d. Ac- 
tìad. <ii Pieti'oliurgo 1886 voi. 84 mem. n. 13 p. 77. L' Eman identifica 
AD e he le duo Afroditi di Sparta Paub. ILI, 15, 10 con le due ben note For- 
tune Anziati d^^Ue quali una, come apprendiamo dalle monete de' Bustt t. 
BaueIcO.\ op. ciL p. 412 era armata. Intorno ad Afrodite Urania congiunta 
con Tycho a Sparta v. Wide, Lakonische Kulte p. 412. intorno a' rapporti 
di A f rudi tu COI) Era basterà rammentare il tempio di Afrodite-Era di Sparta. 
Pau^. Ili, ]3| &, che probabilmente ha grandi analogie con quello di Afrodite 
e Naupatto e ftd Ermione; su ciò v. Wide, dea sacris Troeztnitrum v. p. 36. 
Era ò aEsociatLi ad Afrodite anche ad Acre presso Siracusa v. Kaibel 
Imcr^ Gr. Ititi, et Sicil. n. 208. 

' Gì Ce de dtvin. II. ^ is est hodie loous saeptus religiose propter lovis 
puBrl, qui I lactons] cum lunone Fortunae in graemio sedens mammam ad- 
potcus cfLHt^g^imo colitur a matrìbus „; cf. l'inscrizione urbana O.I.L. VI . 
35 G ove sQj:^o ad una statua rappresentante la Fortuna si legge: Itmoni 
F^ t'iti tu Ceiftnts, La Fortuna è identificata con Giunone anche in un in- 
srrtssìoue ronrvnfi v. C. L, Rhen^ 628 apud. R. Peter, nel Dizion. met. 
dd RoscitET p. 1522. Si noti inoltro che da Ovidio ara atnat. v. 295 sqq. 
ÉÌ agtpr^ntdc cbi^ ai servi si davano doni nel di della Fortuna, alle ancelle 
ili quiìllo dello Xone Caprotine sacre a Giunone. Dei rapporti esistenti fra 
i due e ni ti ai jmò forse veder traccia anche nel fatto che C. Fulvio, il 
c'tìnafire dt^l 1T3 a. C, ricopri con tegole marmoree tolte al tempio di 
G uiiono Lauinia presso Crotone il tempio della Fortuna Equestre da 
lui dedicato noi la guerra Celtiberica. Ma ciò come è noto, fu considerato 
Ctjme un sacrilegio v. Liv. XLU. 3. 

Sui rai>jinrtr dol culto di Giove con il Poplifugium v. Moxmseh ad 
/'./.,/. l 2 od. p. 321. 

' V. Plut. n. re; Polyaen'. Vili. 3*<. 



wvfhr^ 



— 87 — 

E forse non è casuale che la dedicazione del tempio della For- 
tuna Muliebre sulla via Latina cada nel 6 Luglio, ossia fra 
il 5, 7, 8 dello stesso mese in cui si festeggiavano gli avveni- 
menti che si collegano con Philotis- Tutela-Fortuna. In pari 
tempo è manifesto che la leggenda del ratto delle Sabine 
ha strettissime relazioni con il racconto dell' atto generoso di 
Veturia, di Volunnia, di Valeria e delle altre matrone che 
si recano da Coriolano. E questo contatto che si manifesta 
cosi palese nella intonazione generale di tutto il mito si ri- 
trova pure ne' particolari. Per onorare le Sabine che po- 
sero fine alla guerra fra padri, fratelli e mariti, da Romolo 
sarebbero stati decretati vari onori; fra gli altri, che gli uo- 
mini cedessero loro il passo nelle pubbliche vie.* La stessa 
distinzione, ed altre simili, sarebbero state accordate dal Se- 
nato alle matrone romane per onorarle dell' aver allontanato 
Coriolano. * E, quel che più monta, come la leggenda delle 
Sabine si riconnette con i giuochi nel Circo Massimo e con 
le Consualia del 21 Ag. in cui sarebbe avvenuto il ratto delle 
medesime, cosi della leggenda di Coriolano è parte integrale il 
racconto della • instauratio i dei ludi Romani che si tenevano al 
Circo ove stava l'ara di Conso, al qual dio era sacro anche il 7 
Luglio, ossia il giorno delle^None Caprotine. Come nella leggen- 



* Val. Max. Y. 2. 5: ^ sanxit namque (cioè il àSenato in favoro delle ma- 
trone che erano andate da Coriolano) ntfeminis semita viri cedcront.... per- 
misit quoque eis purpurea veste et aureis uti segmentis. Ora Plutarco, 
Bom. 20, 6, dice che in onore delle Sabine si decretò ègtoxaaO-ai |ièv itoìi 
patdijoóoatc la bulla pei figli loro, 6p.oiov Tcoji^óXoyt i:sp'.5sppaiòv ti yaì 
sepiTCÓpcpopov. Air incertezza fra i vart scrittori romani circa ^lì onori roHi 
alle Sabine accenna del resto esplicitamente Dick. IUl. II, 47; cfr. 
Plut. /. e. 

' Gii antichi videro per lo meno la grande somiglianza delle due nar- 
rtzioni ; perciò presso Appiano, Ital. 5 la madre di Coriolano ricorda al 
figlio come sino allora a lioma due sole fossero state le ambnHocric dcll(> 
matrone, quella a cui essa partecipava e quella delle Sabine al tempo di 
Tazio re. 



-.-^ 



fla flelle Sabine i padri ed i fratelli feriti neir onore abbandonano 
]e feste, cosi nella leggenda di Coriolano i Volsci per effetto di 
insidie sono obbligati ad abbandonare la città. • Le due lag- 
(?ende non solo hanno un fondo comune ; ma sono due forme di 
un solo mito. Nulla v' è di strano, anzi è nello spirito delle 
memorie domestiche e romane che i Marci, ima delle più anti- 
che famiglie ilella nobiltà patricia, alle proprie pseudo, gesta ab- 
bia aElattat<j un mito che tutta la cittadinanza attribuì alla 
origine della patria comune. Allo stesso modo e per le stesse 
ragioni i Fabi attribuivaiio al loro proprio antenato Medio 
Fabidio quelle origini che erano pure riferite a Romolo, vale 
a dire al fondatore dello stato romano. 

Se questo tempio della Fortuna Muliebre, al pari di quello 
di altre divinità tutelari posto fuori della cinta delle mura,' 
fosse più antico dei secolo IV e se sino dalle sue origini si 
riconnettesse con la gente Marcia che avea parte cospicua nel 
culto ilelle Fortune, non siamo più in grado di decidere. La 
lej?genda di Coriolano nella forma che a noi è pervenuta pre- 
suppone queiste circostanze ; la redazione più antica invece non 
le richiede alfatto. La tradizione più antica non asserisce infatti 
che Coriolano si accampò al quarto miglio della via La- 
tina bentìi alle fo!^.<e Cluilie, ossia al quinto miglio da Roma, la 
duve, secondo un'altra leggenda, sarebbe morto Cluilioil duce 
Albano che avrebbe minacciato Roma al tempo dei re. In so- 
stanza secondo que^sta versione Coriolano si sarebbe accampato 
ai confini del primitivo territorio della città. La sua seconda 
fermata al quarto miglio della via Latina venne escogitata, 
come fu di già fatto osservare dal Niebuhr e poi dallo Schwe- 



* ^i pcn^i al tempio di Marie fuori della porta Capena, a quello di 
Bclloim nA Campa Marzio, a quello di Tutano sulla via Appia (si pensi 
a Tutoln) mma dol dio che avrebbe aUontanato Annibale da Koma. Su 
que»tn ultimo v, 0. IJossi di un ttmpio di Ercole Tutano o Uedicolo Ro- 
ma 13^0. 



gler, per collegare con questa leggenda il tempio della Fortuna 
Muliebre. ' Ora è notevole che anche il sito preciso in cui sa- 
rebbe avvenuta la pacificazione del 342 a. C. era incerto agli 
antichi istessi. Secondo una versione, come già vedemmo, essa 
avvene al quinto miglio, secondo un' altra all' ottavo miglio del- 
la via Àppia, secoQdo una terza ad una giornata di cammino da 
Roma. Se si ammettesse ciò che abbiamo sopra sospettato, ossia 
che le gesta del console C. Marcio Rutilo abbiano data occasione 
od alla formazione od all'ulteriore svolgimento della leggenda di 
Goriolano, non sarebbe del tutto difficile comprendere come la 
pacificazione ottenuta da C. Marcio Rutilo venisse localizzata 
ove esisteva il tempio della Fortuna Muliebre, cui probabilmente 
la tradizione diceva fondato dai Marci al pari di altri culti di que- 
sta dea. * Se il culto della Fortuna Muliebre sino ab antico 



' NiSBUHB, II. p. 97; Isler; SCHWEotEB IP p. 382 8g. A torto, per 
qaollo che a me pare, questo dato è stato messo in dubbio dal Momm- 
SEV, m. e, p. 126 n. 83, 11 quale dà troppo peso al fatto che lo donno 
non ai accostarono al campo e non tiene conto inrece della circostanza che 
Goriolano si lasciò commuovere dalla madre solo dopo che per yolontà di 
costei ritornò sul campo e sedette sul tribunale t. Dio5. Hal. YUI 35. Che 
del resto quanto si narra rispetto al secondo accampamento di Goriolano 
sia stato inventato, come è stato osservato, per mettere in rapporto il tempio 
della Fortuna Muliebre con Goriolano appare anche da ciò, che durante que- 
sta seconda spedizione di Goriolano sarebbe avvenuta V ambasceria do* sa- 
cerdoti che Dionisio, YIII, 38 dà per sicura, mentre Livio, che sa solo del- 
r accampamento alle fosse Gluilie e che qui come altrove nella storia più 
antica di Boma segue più dappresso le antiche fonti, nota : ** sacerdotes 
quoque suis insi^nibus velatos isso supplices ad castra hostlum tradltum 
est nihilo magis quam legatos plexisse animum. „ Del resto anche al- 
trove XXXTV, 5, ove ha occasione di rammentare l* accampamento di Go- 
riolano, lo pone '*' ad quintum lapidem. „ 

' Ammmettendo l'ipotesi che le gesta del consolo G. Marcio Rutilo ab- 
biano fornita la materia principale con la quale venne imbastita in origine 
la leggenda di Goriolano, apparirà sotto nuova luco quanto il Mommsen 
sostenne a proposito del carattere di non magistrato che le posteriori ver- 
sioni attribuiscono al noslro eroe, cui fanno vanamente aspirare al conso- 
lato. Fcndandcsi suUa testimonianza dell'autore del ''de viris illustribus „ ,il 



— 90 — 

sì colUìRasse con una sacra tradizione relativa alle benerne- 
rf^uze (Ielle matrone romane verso lo stato, non osiamo deci- 
dere. Certo il nostro culto si collegava con le matrone. E 
darché, come la leggenda di Coriolano ci attesta, esso venne 
connesse* con la gente Marcia, date l'ipotesi sopra esposte, non 
do^^rebbe apparire strano che ai cittadini, che con il loro aspetto 
ridestarono nel cuore de' soldati reduci dalla Campagna i' amore 



g-rnmio i^torioo e giurista nota come la più antica versione raccontasse lo 
^pfltft non di un ufficialo del consolo Postumo Cominio, bensì di un con- 
aòlo Marci» Coriolano, il quale più tardi (quando di questo grande console si 
TÌde chti Tion v* era traccia nell' elenco ufficiale capitolino de* magistrati) 
fu (iroH alitato come un subalterno ovvero come un capo indipendente in 
min frtKu>ne di volontari contro gli Anziati. Ed è appena necessario ricor- 
dare <;ho U tesi opposta sostenuta dal Niebubr e dallo Schwegler secondo 
la qu Uè, noUa redazione più antica della leggenda, Coriolano sarebbe stato 
ricordato €ome capo indipendente, non può più reggere dopo Pesame che 
della nn^tr;i leggenda anche dal lato giui'idico ha fatto il Mommsen. 
Tonnul^i anzi presente il fatto cortissimo messo più volte in evidenza dal 
MunuiiHen istesso, che fatti posteriori alle guerre puniche ed all'età grac- 
ctMia vennero duplicati prolepticamente per dar vita alla pseudo storia dei 
primi sectili della repubblica, non credo sia del tutto strano il sospettare 
che detta tarda versione che di Coriolano fa un subordinato si debba cer- 
ear(^ la ciiiisa nella storia in parte autentica in parte favolosa di quel 
L. Marcio semplice ufficiale subalterno, il quale, essendo periti gli Scipioni, 
in tupagna non soltanto liberò e salvò resercito romano, ma con altre ira- 
previe pci^ti-riori affidategli da quel P. Scipione che fu più tardi P Africano, 
riuscì a conquistarsi chiarissimo nome. IScipione lo tenne in gran conto 
che anzi le parole di Livio: „ Marci um secum habebat cum tanto honore, 
ut facik' appareret niliil minus quam vereri ne quis obstaret glorìae suae ^ 
XX Vii 20,^, fanno naturalmente pensare alP altra asserzione di Livio che 
Cnrlfilano ^ sua laude obstibit famae consolis „ II, 33, 9. Della fama che 
L, Marcio si conquistò e delle leggende che si formarono intomo alle sue 
gesta uouo chiara prova le seguenti parole di Livio: „ apud omnia ma- 
gli um noni un Marcii ducis est. et vcrae gloriae cius etiam miracula ad- 
dunt, flanunam ei contionanti fusam e capite sine ipsius sensu cuni ma- 
gno pavort' circurastantium militum, monimentumque victoriae eius de 
Poeuia uaque ad incensum Capitolium fuisse in tempio clìpeum Marcium 
appcllatuni cum imagine Hasdrubalis „ Liv. XXV, 29, 16, sq, cfr.; Val. 
Ant. apd. Plin. N. H. H, 241 ; cfr. XXXV, 14; Val. Max. 1, 6, 2. Si 



— 91 — 

df patria, venissero sostituite la madre e la moglie di Corio- 
lano e le rimanenti matrone romane. 

Abbiamo tentato investigare quali rapporti con la nostra 
leggenda ebbe la gente Marcia. É naturale che ora ci doman- 
diamo quali possano essere stati quelli che con essa ebbero le 
genti Volumnia e Veturia. 
Cofitinua 

Ettore Pais 



comprende infatti come iin eroe plebeo, al quale i natali non avevano con- 
cesso di aspirare alle più alto cariche dello Stato, venisse contrapposto ai 
generali patrizf, e si capisce del pari come a costui da scrittori partigiani 
più che dalla fantasia popolare si attribuisse un miracolo che da molto 
tempo era staio riferito a proposito di Servio Tullio, il re democratico 
raro alla plebe, v. Liv. I, 39. A quale ramo della gens Marcia appartencBSiì 
il nostro L. Marcio detto ** eques Romanus „ da Livio XXV, " priraipili 
oenturio „ da Cicerone j[>ro Balbo 34, **tribunus militum^ da Valerio Mas- 
simo 11,7,15, non è riferito. Il prenome L. si trova tanto fra i Censori ni, 
quanto fra i Philippìi. Ma naturalmente la sua famiglia apparteneva ad un 
ramo meno illustre di questagente. A proposito poi di prenomi fr.ccio iniuiH 
osservare che^ qualora si ammettesse la tesi sopra esposta tra le reln/ii)!)i 
della leggenda di Coriolano con Io gesta del console del 342 a C, f"rs(' t<i 
spiegherebbe perchè, mentre gli autori romani danno concordemente il pre- 
nome di On. a Coriolano, diversi scrittori greci, ossia Dionisio di Alicar- 
nasBO, Plutarco ed Appiano, gli diano quello di C. che è quello dd no^^t.-o 
console. 



I.A PRETESA ORATIO CONSTANTINI 
AD SANCTORUM COETUM.» 



Eusebio Ceaariense nella vita di Costantino, accenna ripe- 
tutamente a studii, dei quali T imperatore si dilettava grande- 
mente ; Costantino, che aveva in generale una vasta coltura 
(V.C, I, 19), era in particolar modo dotto teologo (V.C., 1,44; 
51; III, 11-13; 17; 21; IV, 2433), meditava assiduamente e 
pi^olbndamente ìe Sacre Scritture (IV, 29; 55), era un vero 
imperatore filosofo (cpiXoooqjoOvio^ paoiXéo)^, IV, 29, 2). Le stes- 
se loili dell imperatore si trovano nel De Laudibus Constantini 
(proL 3; II, tì: XIII, 1). Notizie di simil genere dà anche Aure- 
lio Vittore nell'Epitome (e. 4 t legere ipse, scribere, medi- 
tnri t): le qiuiU saranno in seguito ripetute da Eutropio (Brev. 
X. 9ì e da Socrate (Hist. Eccl. I, 8). Eusebio,* seguendo il suo 
costume, ci da più minuti particolari: l'imperatore non solo me- 
di t<iva e scriveva, ma aveva grato altresì leggere ad altri quel 



' Tur V rat io ad Sanctonim co€*uxii, la Vita di Constantino, il Do 

/ IjtiudibuH Conutaulmi, la Storia Ecclesiastica mi valgo dell* edizione del 

, Hcìnichun, Lipsia, 1868-69, per la Praeparatio Evangelica o la Demon- 

«tratio Eviin^L^lìcA ileirediziono del Dindorf, Lipsia, 1867, per le altre opere 

di Eusebio ili'ir ediz. del Migne, Parigi, 1857. Gli Oracoli Sibillini sono citati 

^ dair ©diz. dello Rzach, Vienna, 1891 ; i versi virgiliani dall^ediz. del Ribbech, 

{j Lipaiii, ìSiìl ] i pAHiìi di Lattanzio daU^ediz. del Brandt, Milano, 1890, quelli 

di S. Agostino daUa 2' edìz. del Dombart, quelli di Clemente Alessandrino 

dairediz. di Yciic£ia, 1757, quelli di Platone dalPediz. deUo Stallbaum, 

Gothac, ìSòS-m. 

* ^oi n* n vogliamo qui discutere sulla maggioro o minore veridicità 
delle uqìMg dato a questo proposito da Eusebio, particolarmente per tanti 



che era frutto delle sue meditazioni ; e non solo a' famigliari del 
palazzo, ad Eusebio stesso, suo intimo consigliere, (IV, 34), ma 
anche a persone insigni e venerabili dell'ordine ecclesiastico,, co- 
me a sacerdoti, vescovi etc. Se vi era un'adunanza di essi, l'im- 
peratore frequentemente interveniva: sedeva spesso qual giu- 
dice delle più scabrose quistioni teologiche, e il più delle volte 
pronunziava discorsi sopra i misteri della fede o sulla san- 
tità della Chiesa, suU' iniquità dei persecutori; nei quali di- 
scorsi manifestava i suoi piissimi pentimenti. * Egli parlava 
in latino ed interpreti a ciò destinati volgevano in gre- 
co il discorso dell' imperatore (IV, 32). Ora nella vita di 
Constantino appunto Eusebio dice esplicitamente di voler 
riferire quasi in appendice uno di questi discorsi tradotti; a 
prova incontrastabile della verità di quanto egli dice: TfivS' ép- 
liTjveoeévTcov Xóycov, 8e£y(iaxo^ Ivexev |iexà xJ)V TCopoOaav 6tc6- 
fleotv é§fj^ éxetvov ouvàcpo), 8v 6 aÒTÒ^ èwéYpatpe « T$ xGv àyt- 
(ov cruXXÓY^p >9 "^8 J^^iQ<jf? xoO 6eoO àvaOel^ x))V YP^T^^j ^ 
jiVJ xq; xójiTCov elvat voiiiaete xijv i^jiexipav à|icpl xfiiv Xex6évx(i)v 
(lapxuptav (IV, 32). Dopo i quattro libri della vita di Co- 
stantino si trova infatti in alcuni codici ' un BaaiXéwg Kcov- 
oxovxfvou Xóyo^ 8v lypa^t x(p x©v àrfltay ouXXóyv^ discorso, che 
a prima vista può esser preso per quello promesso da Eusebio. 

Cosi difatto è stato lungamente creduto e dai più si crede 
tuttora; e della nostra Oratio si son valsi e si valgono, come 



e oo«I ininiizioBi particolari; solo ricordiamo che, pur ammettendo che 
r imperatore si dilettasse degli studi e delle lettere, si deve tener sempre 
presente il carattere laudatiTo della vita euseblana. 

' Cfr. A. Db Bboqlie, Ir' Eglise et V Empire romain au IV sièch, 
(ParUf 1882) II, pp. 76 segg. W. M. Flasch., Constantin dtr Grosse ah 
er$Ur chrtstlicher Kaiser (Wflrzburg, 1891), pp. 61-62. 

• Cfr. Adolf Haknach, Geschichte der altckristlich en Litteratur bis 
Eugehius, I, Die Ueherlieferung und der Bestand, 2. (HMfte, Leipzig, 1893) 
pp. 563-564. 



— 94 — 

di fonte contemporanea e non ispregevole , * molti che trat- 
tano della storia della Chiesa nei primi secoli, particolarmente 
nel quarto. Senza stare qui a citare i numerosissimi dizio- 
nari storici, che hanno dato appunto per la nostra Oratìo 
a Constantino il merito di scrittore e di oratore, e le nume- 
rose storie ecclesiastiche, che per la medesima ragione 1' hanno 
posto senz' altro fra gli apologisti e i difensori della religione, 
basti qui ricordare quel che dell' Oratio hanno pensato i 
ma^^giori studiosi di Eusebio e degli altri scrittori ecclesiastici 
del sec. IV. Il Valesio credette in piena buona fede auten- 
tica r orazione; * cosi il Baluze, * il Gallaeus, * il Tillemont, * 
r Alesssandri, * etc; cosi finalmente, dei vecchi critici, il Fa- 
brizio, che, accettando in tutto quel che dice Eusebio, anno- 



' Già peraltro fino dal secolo scorso il Tillemont, Histoire des em- 
pfr€ur$ etc. (Veniso, 1732) voi. IV, p. 294. avova osservato a proposito del 
valore storico dell'Oratio *I1 y a des choses dans cette pièce, qu'on ne trouTe 
pas tout à fait exactes , soit pour les lettres et V histoire, soli pour la 
theologìe, de quo! il n* ya pas lieu de s' etonner. „ Anch' egli peraltro si 
vale liberamente deir Oratio. 

" ti Valesio ha cercato in vari! passi delP Oratio di scoprire le traccie 
della cattiva tradizione per parte deU' interprete, senza venire peraltro a 
t:on elulioni, che potessero accettarsi. È veramente singolare T affetto, per 
dir COI*!, che, Valesio portava alla nostra Oratio. In una nota a V. C. IV, 46 
e^li dice che essa '^ tot mendis inquinata est, ut paene satius fuit cam 
Ì1TJ71 ex stare. Verum cum hoc eximium sit monumentum religiosi Principis 
cnu^que studiorum et ingenii iUustre specimen, operae praetium factorus 
ini hi tideor, si in eo emendando atque esplicando curam ac diligentiam 
adhibuero. „ 

' Nelle note al libro pseudo-Uttanziano "• De Mortibus persecutorum „ 
(ap. Le Bruk-Lenglet, II, p. 284). 

* IHssertatìones de Sihyllis earunque oraculis, Amstelodami, 1688; cfr. 
specialmente la dissert. XVII, che ha per titolo * De Gonatantini Magni 
tesiti monio „ . 

* Op. cit. IV, p. 49, 45, 52, 83 ** étant empereur, il lisait beaacoup, 
caxnpc><ìuit et prononcait souvent des disoours plcins de raisonnement et 
tk scìence, dont il nous en reste encore un fort long„. 

* Mat. Alexandri, Hist, Ecclesiastica f Parigi, 1714, IV, p. 104, 
«rt, IV. 



— os- 
tava nella sua Biblioteca Graeca (VI, 696) a proposito del- 
l' Oratio: « graeca e latino versa non ab Eusebio, seti ab alio 
interprete » ; quasi prevedendo i dubbi che contro la tradizione 
furono poi sollevati. 

Primo di tutti il Reiske in una sua dissertazione sugli ora- 
coli che preannunziarono la venuta di Cristo, edita nel 1688, * 
sembra* negare l'autenticità dell' Oratio, che egli attribuì^ 
senz'addurre ragione alcuna, ad Eusebio: « primus Euse- 
bius in oratione quae ad coetum Sanctorum Constantini no- 
mine inscribitur, adduxit >. Ma tale opinione non ottenne, 
principalmente perchè poco nota ed espressa incidentalmente 
e senza prova alcuna, il minimo seguito. Nel secolo nostro 
degli scrittori che si occuparono della nostra Oratio il Bur- 
chkardt,* pure affermando impossibile che V Oratio sia un esem- 
pio dei discorsi imperiali, come Eusebio (V. C. IV, 32) afferma, 
ammette, che essa sia composta da Eusebio o da altri su un 
canevas dato dall'imperatore; il Rossignol* poi ha dedicato 
in particolar modo all' argomento una speciale e amplissima 
dissertazione nella quale sostiene di proposito la tesi che Eu- 
sebio sia il falsificatore dell' Oratio; il Rossignol ha trova- 



* Exereitationes de Vatieiniia Sihijllinis eto. Lipsiae, 1688, cap. X, 
pp. 51-52. 

' DaUe parole del Reiske, noi non possiarao con sicurezza dedurre, 
che egli avesse queir opinione, che poi gli ò stata attribuita. 8i ricordi 
come r Oratio ad Sanctorum Coetum segnata nei codici come un 5® libro 
della Vita di Gonstantino (cfr. Haunack, op. cit. p. 564) è stata creduta 
tale e così chiamata da moltissimi, che avevano occasione di citarla e clie 
pur non dubitavano menomamente drlla veridicità della tradizione, secondo 
la quale ne era autore Oonstantino. OFr. por es. il De la Cerda, Comm. 
ad, Virg. opera; nel commento alla IV. Ecloga di Virgilio, rOPSOPAEDS, 
Sib^iL Gracula cum itUerpret, lai. Seb» CaUalionis. Parisis, 1607, pp. 
432 sgg. etc. etc. Non potrebbe darsi lo stesso caso pel Reiske, che avrebbe 
citato Eusebio per Gonstantino, seguendo il costumo allora invalso di con- 
siderare r Oratio, come un 5° libro della vita eusebiana? 

* Die Zeit Constantin' s dea Grossen, Basel, 1880, p. 357. n. 1. 

* Virffil et Constantin le Grand, Paris, 1845. 



— 96 — 

to un fautore nel De Broglie ; ' anche il Coen ' finalmente 
non è alieno dall' opinione di lui. D' altra parte però hanno 
creduto air autenticità il Heinichen, * il Gieseler, * il Neander, * 
il Gfròrer/ il Comparetti' ed infine il Flasch* che in un suo re- 
cente lavoro ha creduto di potere sistematicamente esporre , 
valendosi precipuamente dell' Oratio, le opinioni filosofiche e 
teologiche di Costantino. Come si vede adunque due diverse 
opinioni tengono il campo: l'una, secondo la tradizione, dà 
Constantino come autore dell'Oratio; l'altra, come falsificatore, 
Eusebio, Dove sta la ragione ? Noi rispondiamo con sicurezza: 
De air una, né all' altra. 

Ragioni in favore della prima opinione non sono state ad- 
dotte da alcuno, all'infuori della tradizione stessa; né altre cre- 
diamo si possano addurre. Dell'autenticità dell' Oratio, dice il 
Flasch, ■ ci assicura Eusebio; e d'altra parte noi sappiamo che 
Costantino com[ìoneva simili dissertazioni. Ora per quanto 
valore si dia alla testimonianza di Eusebio, nel credere al 
quale noi siamo assai diflfldenti, mentre il Flasch in tutto il 



' Op. cit. pp. 76 sgg. 

■ L* abdicazione di Diocleziano, Livorao, 1877, pp. 19-20. n. 8. 

^ KoUa flun edizione deUe opere di Eusebio (Lipsiae, Mendelssohn, 
I8B8-69] particolarmente nei CommentaHi in Eusebii Pamphyli hiHo- 
riatti tvcì.j ttitam Constant. Panegyricum atque in Constantini ad San* 
ctorum Cùetam orationem et melettmata eusebiana^ Lipsiae, Mendelssohn, 
1870, pp. 571-&86. 

* L^hrbueh det- Kirchengeschichte, Bonn, 1845, I, 2, p. 5, n. 6. 

' General history of the Christian religion and church (from the 
German traiishied hy Joseph Torrey), Edimburgh, 1852, HI, p. 8, n. 1. 

• Aiì gemei ne Kirchengeschichte, Stuttgart, 1841, li, I, pp. 13-14. 
' Virgilio nel Medio Eco, Livorno, 1872. L pp. 134-135. II, 47. 

' Op. cit pp. til-75. La quistione deU' autenticità deU* Oratio è stata 
da molti confusa a torto con quella deUe epistole constantinee riportato 
da Eusebio; cfr. IlEiiriCHlN, Meletemata. 

^ Op. (ut. p. OS. 



— 97 — 

suo lavoro gli presta fede assoluta, ed ammettendo pure che 
Costantino scrivesse di fatto tali orazioni d' argomento teolo- 
gico-religioso, si potrebbe domandare, se l'Oratio, che noi 
possediamo, sia appunto un esempio di tali orazioni, se propria- 
mente sia l' Orazione , che Eusebio avea detto di voler rife- 
rire. In conclusione, dobbiamo vedere se la tradizione sia con- 
fermata dall'esame dell' Oratio stessa o no; che ove un solo dei 
particolari dati da Eusebio (V.C., IV, 32) non si verificasse, 
ciò basterebbe per infirmare l' intiera tradizione. 

Contro appunto l'opinione tradizionale che Costantino sia 
autore dell' Oratio ad Sanctorum coetum ha dedicata la mag- 
gior parte della sua lunghissima dissertazione il Rossignol; i 
molteplici argomenti peraltro pei quali egli ha creduto di 
potere stabilire definitivamente che Costantino non sia au- 
tore dell' Oratio non reggono ad una critica giusta e minuta; 
almeno nel maggior numero loro. 

Il Rossignol ha fatto valere contro l'autenticità dell' Oratio 
il fatto, che 1' autore mostra in essa una grande e profonda 
conoscenza delle opere di Platone; ' non solo in un capitolo 
dell' Oratio egli espone la dottrina platonica del Verbo, ma 
numerosissimi sono gli accenni espliciti e sottintesi alle opere 
del filosofo greco, diguisachè è necessario addirittura ammet- 
tere che l'autore dell' Oratio conoscesse profondamente Pla- 
tone. Tale conoscenza poteva aver Costantino? Il Rossignol 
risponde negativamente fondandosi sopratutto su due argo- 
menti: 1." Costantino non aveva tale acutezza d'ingegno da 
comprender Platone. 2.*" Egli non sapeva suflacientemente il 
greco. Quanto arbitrario sia il credere e dar peso al primo ar- 
gomento appare evidente : per mancanza di sicure notizie noi 
non sappiamo per certo qual fosse il carattere, quale l'ingegno, 
quale la cultura di Costantino: se vogliamo prestar fede ad 
Eusebio (e poco in questo v'è da credergli, perchè egli tende 



» Op. cit. pp. 302 8gg. 



— 98 — 

fiopi'atutto ad esaltare sotto ogni aspetto l'imperatore), Co- 
staiitmo non solo poteva comprendere Platone, ma era com- 
pfitentìssirno nelle più astruse questioni teologico-filosofiche 
(IV, 20; 34; 44): in caso diverso nulla possiamo affermare di 
Hìcuro, ma nemmeno escludere una cosa più che probabile, 
ctnne ùi il Rossignol. ' Quanto alla conoscenza del greco per 
t^artfì di Costjintino, il Rossignol ripete, come pure altri 
critici hanno latto/ un vecchio e strano errore; Costantino, 
che aveva vissuto in Oriente, ' doveva necessariamente sapere 
il greco; e la distinzione che il Rossignol fa tra greco dell'uso 
(Comune e greco letterario, è addirittura senza fondamento ed 
estremamente sottile. Egli cerca di giustificare la sua opinione 
con passi di Eusebio (V.C. Ili, 13; IV, 32; 35): dei quali per- 
altro due. III, 13, IV, 32, non hanno valore alcuno; l'altro 
un* iinportauj^a del tutto apparente. Da esso infatti non si può 
dedurre se Costantino abbia appunto letto il lavoro d'Euse- 
bio, di cui si parla, nel testo greco o nel latino. Tralasciamo 
poi che l'imperatore poteva benissimo preferire di parlare e 
sopratutto di scrivere e leggere il latino, pur conoscendo il 
greco. Se il Rossignol in questa quistioiie si appoggia all'auto- 
rità di Eusebio, noi possiamo rispondergli che Eusebio stesso, 
(V.C. in, 13) afferma esplicitamente che Costantino era 
peritissimo della lingua greca: TXXTjvf^wv x-J) cpovg 8ii |iTj5è 
Tfxù'LTiQ àfiatìa^ zlye yXuxepò^ ^v xal f^5ó$ (§. 2). Si aggiunga 
che il Latino restò sino alla prima metà del 5" secolo, salvo 
poche eccezioni, la lingua ufliciale peri rescritti, gli editti e 



^ n paragono, che il Rossignol fa fra il non avere saputo Constantino 
C4>mpri?ndcrQ V arianesimo e il non sapere comprendere Platone (p. 308) 
ò addirittura irrazionale. 

" Notevole fra gli altri il Volkmann, nelle aggiunte fatte nella quinta 
edizione dalP opera del Bernhard Y, Grundr, d. gritch. Lit., Halle, 1893, 
pp* 690, 

* Cfr. VALt:sio ap. ^inicuek, CommeìUarii eie, (in S.C. XVI, 2) 
p* 578. 



qualsiasi altra ordinanza imperiale. ' Non è pertanto naturale 
che Costantino usi di preferenza, nei suoi discorsi, quella lin- 
gua che allora prevaleva e che a lui nato e vissuto in Occidente, 
meglio conveniva? * 

Un' altra circostanza ha voluto il Rossignol a torto far va- 
lere contro l'autenticità dell' Oratio; Costantino, egli dice, 
non si sarebbe mai abbandonato in presenza di suoi sudditi 
alle violente invettive contro i suoi predecessori, che si tro- 
vano nell' Oratio. Rispondiamo che, ove si sapesse con sicu- 
rezza ed intieramente quali fossero le vere idee di Costan- 
tino rispetto ai suoi predecessori, quali gli apprezzamenti che 
egli faceva dell'opera loro, noi potremmo forse dare un qualche 
peso all'argomento del Rossignol; ma per quel che di sicuro 
sappiamo, tale argomento è privo di qualsiasi valore. Già il 
De Broglio • osservava contro il Rossignol che t la prudence 
n' était pas la qualité distinctive de Constantin, qui parie quel 
quefois en termos trés sevères des prédécesseurs. » Il De Bro- 
glie si fondava probabilmente su alcuni editti di Costantino, 
riportati da Eusebio, dei quali l'autenticità può essere vali- 
damente infirmata; * ciò nonostante è pure innegabile che 
un fiero linguaggio rispetto ai nemici della Chiesa di Cristo 
non sarebbe del tutto contrario al carattere d' un imperatore 
cristiano. Tralasciamo anche che forse il traduttore potrebbe 



* Cfr. Brandt, Uéber das Lehen des Lactantius, Wien, 1890, in 
Sitzung b. d, kais, Akad. d, Wissenschaften in Wien, Philosoph. Hist. 
CI. CXX, p. 24. 

* La preferenza che Constantino areva per la lingua latina appare da 
molteplici luoghi della Vita Eusebiana. 8i confronti specialmente II], 13 e 
HsimcHEK, Comm. ad h»L - 

» Op. cit. p. 76, n. 1. 

* Cfr. Crivellvcci, Della fede storica di Eusebio fiella vita di Co" 
staniino, Liromo, 1888, pp. 50 sgg. Th. Mommsen, nella Ephemeris e- 
pigr. 1890, VII, p. 420, nota 1. 0. Seeck, IHe Anfànge Constantin* s 
des Orosstn (in DeiUscht Zeitschrift fUr Geschichtsw.j yil, 1) p. 81, n. 1. 



' V -s^ps^wri 



^ 



— 100 — 

avere rafforzato le fiero espressioni, che nel l'Oratio dove van 
pure trovarsi contro i persecutori. Anche su questo secodo 
punto adunque T argomentazione del Rossignol è del tutto in- 
fondata. 

Né maggior forza acquista la tesi propugnata da lui, pel 
fatto che nell'Oratio è sfruttato largamente Lattanzio; men- 
tre, secondo il Rossignol, è impossibile attribuire a Costan- 
tino tale uso delle opere di Lattanzio medesimo; inquantochè 
noi non sappiamo come si possa affermare questo cosi libera- 
mente e come in particolar modo lo potesse affermare il Ros- 
signol. Nel 1846, quando egli scriveva, era opinione generale 
(*he i sette libri della Divinae Institutiones di Lattanzio 
fossero dedicati appunto all'imperatore Costantino, e solo 
nel 1889, il Brandt ha dimostrato, secondo noi irrefutabil- 
mente, che le allocuzioni all' imperatore Costantino, che sì 
trovano nelle Insti tuzioni sono aggiunte posteriori. * Come 
adunque poteva parere strano al Rossignol che Costanti- 
no sfruttasse nella sua Oratio le Insti tuzioni di Lattanzio, 
che appunto a lui erano dedicate? Né la cosa può parere 
strana a noi, che pure crediamo le allocuzioni a Costantino 
del tutto interpolate, perchè Costantino stesso, mentre era 
in Gallia, vi chiamò Lattanzio e gli affidò l'educazione del 
figlio Crispo; e Lattanzio mori probabilmente in Gallia, a 
Treviri, nella corte di Costantino. * Il Rossignol inoltre si me- 
raviglia della grande dipendenza, che l'autore dell' Oratio ha 
da Lattanzio e si domanda, che cosa doveva essere V Oratio 
nel testo latino piena, si può dire, di passi lattanziani. Si 
deve peraltro notare che tal dipendenza non è quasi mai for- 



* Ueher die Duahstisclien Zusàtze und die Kaiseranredtn bei Laetan^ 
tius, 11^ Die haiserunrtdtn, in Sitzungaberichte der kais. Ahademie der 
Wissenschaften in Wien, Philosophische-historische Classe, CX Band, 1889. 
Cfr. Flasch, op. cit. p. 67. 

' Cfr. Brandt, Ueher das Lehen dea Lactantius^ pp. 30 Bgg. 



— 101 — 

male e che V Oratio per tale modo non doveva apparire per 
nulla cosa strana, né sconveniente, anche se pronunziata in 
latino. 

Un* ultimo argomento il Rossignol adduce contro l'auten- 
ticità dell' Oratio: nei cap. XIX-XXI di questa si esamina 
con grande sottigliezza e si commenta la IV ecloga di Vir- 
gilio; se l'orazione fosse quella che Eusebio promette (V.C, IV, 
32) di riferire, essa sarebbe stata scritta originalmente in 
latino, e Costantino, pronunziando appunto in latino il suo 
discorso, avrebbe dovuto riferire nel testo originale la 4' ecloga 
virgiliana. Ora invece da questo originale la traduzione greca, 
che noi possediamo, si discosta in più d' un punto. * Già il 
Galleo aveva notato il fatto, e, spiegando il §. 9 del cap. XIX 
aveva esclamato: * < Imploramus heic imperatoris fìdem, ubi 
haec legerit apud Vergilium ». Il confronto istituito dal Rossi- 
gnol e da noi ripetuto e corretto fra il testo latino ed il greco 
porta al seguente resultato: leggere modificazioni hanno su- 
bito i vv. 1, 4, ò, 18-20, 29, 33, 35, 37, 61; gravemente mo- 
dificato è il V. 6. Virgilio aveva scritto: 

Jam redit et virgo, redeunt Saturnia regna. 

Il traduttore sostituisce al secondo emistichio un arbitrario 
dEyoua' èpaxóv paoiXf^a, al qual proposito il Valesio già. notava: 
< In Carmine tamen Virgilii hoc non dicitur. Verum Constanti- 
nus, ut opinari licet, versus Virgilii paulum immutaverat et Sa- 
turni nomen consulto expunxerat, ut argumento suo serviret ». 
Anche la • casta Lucina » del v. 10, la divinità pagana, è 
mutata in 9fltéo<popo^ Mif^vr), e il v. 10 stesso è incompiuto, 
non avendo il traduttore voluto far menzione d'Apollo: < tuus 



' La differenza che v'ha in più di un luogo fra il tesfco originalo la- 
tino e !a traduzione greca era stata già notata dal Valesio, dal Heiuichen. 
Cfr anche Flascu, op. cit. p. 63. 

* Op. cit. p. 389. 



— 102 — 

ìani rfl^nat Apollo. » I vv. 13-14 sono poi talmente modificati 
rhe q[w\ che Virgilio dice esplicitamente di Pollione o di altro 
personaggio reale o ideale, cui vagheggiasse : 

Te duce, si qua manent Bceleris vestigia nostri, 
Insita perpetua solvent formidine terras 

c^ dtìttt* neir Oratio ancor più esplicitamente del nuovo fan- 
cìuMu, di Cristo: 

ToOSt yàp dcpxovto^ (levotixia icdvxa ppóxeia 
'AXy&a xs aTova^af xs xaxsuvd^ovxai dXixpdv 

Al V. 15 « Deùra » è sostituito da à^otpxoTo OeoTo; cosi il 
i Diviiì » è un è>c6(v(p. Il verso : 

HaxpCdi xad {iQixocpeooiv ésXSo|iivoiai ^avslxai 

inanca di corrispondente nell'originale latino. Al v. 32 Thetin 
t^ s( istituita da IIóvxov; i vv. 48-49: 

Adgredere o magnos, aderit iam tempus, honores, 
Cara Deùm soboles, magnum Jovis incrementum, 

sono, tolta la menzione degli Dei e di Giove, cosi cristianizzati : 

'AXX' ayt xtn^ev ox^TCxpov paotX-^tJoc àpx>3c 
Aegixifjpf}^ ànò naxpò^ ipipps^ixao liòtlo 

Fiiialììitìnte l'ultimo verso dell' ecloga (v. 63) : 

Nec Deus hunc mensa, Dea nec dignata cubili est. 

è del tutto alterato nella versione greca: 

■? 0Ò5' Tjcfci) Xsx^oov, oòò* iyvwg 5aixa d-dXstav. 

in (generale adunque il traduttore ha soppresso tutti i per- 
sonaggi mitologici pagani: * Lucina, Apollo, Giove, Pollione 



* Cfr. Flascu, op. cit. p. 71, n. 3. 



■RjB^^pnyw^vf^wr-^- 



— 103 — 

e gli Dei in generale, sostituendo, alterando ad ogni passo. 
Siffatte soppressioni, sostituzioni, alterazioni pertanto non 
dovrebbero attribuirsi, ove non si voglia andare addirittura 
contro il senso comune, a Costantino, che, parlando in latino, 
avrebbe certo riferita V ecloga nel testo originale ; eppure il 
commento minutissimo, che segue ad ogni passo dell' ecloga 
presuppone un testo con tutte queste soppressioni, sostitu- 
zioni, alterazioni. Che cosa quindi dedurne ? Il Rossignol 
deduce senz'altro che l'Oratio non è tradotta affatto dal 
latino, che essa è stata scritta originariamente come ora ci 
è conservata e che Costantino non ne è per nulla l'autore; 
infirma in una parola l'intiera tradizione. * A quest' ultimo 
argomento del Rossignol non si può negare un certo valore 
e le obiezioni che gli si potrebbero muovere appaiono fondate 
su una molto dubbia e improbabile ipotesi. " 

Secondo il Rossignol 1' autore dell' Oratio è Eusebio. Da 
un esame minuto delle molteplici prove sulle quali il Rossignol 
crede poter fondare il suo asserto e che a varii dotti hanno fat- 
to una qualche impressione, apparirà peraltro con quanta de- 
plorevole leggerezza il critico francese si sia lasciato trarre ad 
accusare nel nostro caso Eusebio, come falsificatore e ingan- 
natore. 



* Op. cit. p. 189. 

* Si potrebbe obiettare al Rossignol, se il traduttore non abbia a bella. 
posta modificato il testo e il commento dell' ecloga, o se, yalondosi egli 
di una traduzione deU' ecloga preesistente, non sia stato mosso da ciò ad 
introdurre nel commento le variazioni corrispondenti al testo modificato, 
che egli aveva dinanzi. Si può peraltro rispondere che il traduttore, non 
essendo niente più di un impiegato (V.C. IX, 32: ^isO-ep^ii^veuxad . . . olg 
ToOxo «oisiv fipYOv f^v) difficilmente avrebbe modificato di tanto il verbo 
imperiale e che del resto T ecloga e il commento ad essa non presentano 
nessun argomento da far credere l' autore di cssii diverso da quello dell' Ora- 
tio- Cfr. Rossignol, op. cit. pp. 169 »gg. 



— 104 — 

Una prima serie di argomenti egli vuole far valere in fa- 
\ore della sua nova tesi: t Les preuves par lesquelles j* ai é- 
tabli f|ue Constantin n' a pas fait le discours vont me servir 
à raontrer qu' Eusèbe en est Tauteur » ; (p. VII) il largo uso 
delle opere di Platone, che si fk neirOratio, non meraviglia 
punto, ove se ne ammetta come autore Eusebio; né stra- 
no può apparire che nell' Oratio sia sfruttato Lattanzio; poi- 
ché Eusebio aveva t un esprit peu fertile en idées » ed ha cer- 
cato neir erudizione il fondo della maggior parte dei suoi scritti. 
Senonchè questi argomenti, anche ammessi per buoni senza 
menomamente discuterli, non proverebbero addirittura niente 
(Platone era sfruttato da tutti gli scrittori cristiani; ' Lattanzio 
aveva numerosi imitatori), o, al più, proverebbero solo che, se 
lei tradizione ci riferisse Eusebio, come autore dell' Oratio, il 
fatto the in questa sono largamente sfruttati Platone e Lat- 
tanzio non costituirebbe un argomento contro la verità di que- 
sta tradizione. 

Ui nuovi argomenti pertanto il Rossignol stesso vede il bi- 
sogno in favore della sua tesi; e nuovi argomenti e in numero 
non [uccolo pone di fatto in campo. 

Lo stile dell' Oratio , egli dice , ha molto di simile allo stile 
eustìblano; donde un primo indizio dell'identità d'autore. 
Quanto falsa sia tale affermazione vedremo più chiaramente 
e diffusamente fra breve; basti sin d' ora osservare, che i di- 
fetti di stile (in questo consiste la somiglianza trovata dal cri- 
tico francese) comuni ad Eusebio e al falso Costantino non sono 
alti'O, por dirla col Rossignol stesso, che t les deux vices do- 
minants de la litterature, le péle-mèle et Temphase » ; e a quel 
mixlo che, a confessione del Rossignol, • Eusèbe tient à son 



^ Bi confronti principalmenie Clemente AloBsandrino, S. Giustino ctc. 
Cfr. ]S*KA3rDEit, op. cit. IV, pp. 9 sgg. Uefele, Con:ilienf/8chichte, Frei- 
burg In Breisgau, 1873, I, pp. 252 sgg. 



V. » 



— 105 — 

temps par tous c^ défauts », non dovrebbe parere strano, 
che vi si attenesse anche un altro scrittore, contemporaneo, 
di minore importanza, l'autore della nostra Oratio. Il Rossignol 
aggiunge, che la stessa tendenza a nuovi composti, che si nota 
spiccatissima in Eusebio, ha esempi numerosi anche nello 
Pseudo-C!ostantino. E va bene; ma, tralasciando anche che con- 
tro tale argomentazione potrebbe farsi valere il fatto, che la 
tendenza medesima si riscontra, in quale più, jn quale meno, 
in tutti gli scrittori del tempo, in particolar modo negli 
ecclesiastici, che ad usare e creare nuovi composti erano 
talvolta indotti dalla necessità di esprimere nuove idee e di 
determinarle sottilmente, quanto poco valga questo argomento 
del Rossignol si vedrà chiaramente fra breve ; che dal differente 
uso, che dei composti fanno Eusebio e l'autore dell* Oratio, 
dalla singolarità di quelli che in questa si trovano, noi dedur- 
remo se non un argomento, un indizio, che Eusebio non può 
essere 1' autore dell' orazione. 

Il Rossignol inoltre ha creduto di poter dimostrare che Eu- 
sebio sia autore dell' Oratio pel fatto che in essa sono espresse 
opinioni non ortodosse, che ben convengono ad Eusebio, t II 
était (Eusebio) arien dans l'àme, » dice il Rossignol, « mais 
plus habile que sincère, il a prèché clandestinement sa doctri- 
ne, rinsinuant sous un équivoque, Tindiquant par un mot en 
apparence inoffensif, » E questo concediamo in parte anche 
noi, * sebbene molto d'oscuro vi sia rispetto alle opinioni teolo- 
friche di Eusebio e manchi a parer nostro un lavoro che ben de- 
lìnisca la quistione. " Ma ad ogni modo 1' argomento del Rossi- 



* Si cfr. a tale proposito Hefele, Conciìiengeschichte , I, pp. 306-314. 

' Quanta incertezza yì sia sempre stata rispetto allo opinioni toolo- 
siche di Eusebio, è veramente singolare; mentre Socrate, Teodoreto, Ge- 
Uiio dì Gizìco, Bullo, Valesio ecc. lo credevano pcrfottaraento ortodosso, 
5*. Atanasio, S. Girolamo, il Baronio, il Montfaucon ecc. lo credevano per con- 
trario ariano. La quistione è sempre intrif^ata e di diffìcile soluzione: noi 



— 106 — 

gnol ha il difetto di quelli già esaminati; per esso si potrebbe al 
più ammettere che Eusebio possa avere scritta l'Oratio, ma non 
è esclusa V ipotesi, che un altro, pure semi-ariano, ne sia in- 
vece l'autore. Ma poi che cosa trova il Rossignol di non orto- 
dosso neirOratio? Egli dice di trovare traccie di arianesimo 
sopratutto neir ecloga; ma il suo ragionamento non regge ad- 
dirittura per più ragioni: l.*" noi non sappiamo se la versione 
deirecìofjfa sia o no deir autore del testo deirOratio;* 2."* Am- 
meistìo anche che l'autore o il traduttore dell' Oratio sia da 
idffiitificru^si col traduttore dell' ecloga, bisogna ammettere, che 
certe espressioni indeterminate e che possono, a chi le analizzi 
teolofricaniente , parere non ortodosse, non si trovano nel- 
r ecloga i>er determinata intenzione dell'eretico traduttore, 
ma per necessità, dovendo egli volgere in greco espressioni 
altff^ttjujto indecise ed altrettanto teologicamente incrimina- 
bili; 3." Tali espressioni indecise ed incriminabili non debbono 
per nulla meravigliare in \ma apparente e pseudo profezia, 
finiie quella di Virgilio; molto più che, rigorosamente sottiliz- 
zai ulo, sono incriminabili persino talune espressioni delle vere 
profezie bibliche; espressioni che hanno dato alimento ben di 
sovente alle polemiche degli Ariani. 

Uno dei sostenitori dell' opinione del Rossignol, il De Bro- 
gliti che pur tuttavia non è troppo benevolo giudice delle ar- 
gojiien turioni del Rossignol stesso, ha portato in favore della 



crediamo cito le opìnicni di Eusebio si siano andate gradatamente e len> 
tnmeiitf? modificando, principalmente, perchè con molta probabilità egli 
non ftvovu grande perizia nelle quistioni teologiche, per comprendere bone 
k Tintura i^ T importanza dell'arianesimo. La sua propensione, sia pure non 
contìnuft^ ntlo dottrine eretiche si scorge da H.E, I. 2; X, 4; L. C. Ili, 
7-8; XI, li; XII, 11. 

' Il RfKSSiGNOL (pp. 169 199) ha creduto forse non a torto di potere 
animo ttt^rt^ identità fra il traduttore dell' ecloga e l'autore dell' Oratio. Ma 
per ittutLcziuza di dati sufficienti non si può escludere la possibilità del 
t^on Erario^ 



%'f9r^Yi^ 



— 107 — 

sua tesi un nuovo argomento. « Ce qui nous parait véritable- 
ment suspect, » egli dice, t c'est qu'il n'est(neli'Oratio) nul- 
lement question de Licinius parmi les persecuteurs des chré- 
tiens, et Constantin ne l'eùt certainement pas épargné; tandis 
que les deux Eusèbes gardèrent longteraps qùelques ménage- 
ments pour lui en raison de leurs rapports avec la prin- 
cesse Ck)nstantie. » Senonchè per dare un qualche peso a 
questo argomento bisognerebbe conoscere prima di tutto la 
data dell' Oratio; ' che, se questa fosse anteriore al tempo 
in cui Licinio, da amico che era, divenne ostile ai cristiani, 
tutta Targomentazione del De Broglie cadrebbe. Quanto poi al 
dire che Eusebio ebbe un certo ritegno dall' assalire Licinio, 



' Sul tempo di composizione deU'Oratìo si è molto fantasticato dal 
secolo XYII in poi. II Rossignol, per citare l'ultimo che si ò occupato della 
quistione (p. 219) crede che essa sia stata composta fra il 313 (morte dì 
Massiraino, che dall' Or atio appare già morto) e il 323, non parlandosi nel- 
rOratio stessa di Licinio come persecutore; fra questi termini assai Iati 
il Rossignol propende piuttosto a una composizione più recente ; senonchè : 
1.* egli dà eccessiva importanza all' dtv-i^Xcoxai del cap. XXY, 5; 2.^ il ter- 
minus ad quem, che egli ammette, è tutt' altro che sicuro, come vedremo 
in seguito. Ad og^i modo il Rossignol risponde già assai bene aU' argo- 
mento del De Broglie. 

Sul luogo in cui l'Oratlo fu pronunziata si ò fantasticato o spropositato 

ancor più: il Gallaeus (op. cit. p. 351), il Fréret {Examen cn'tique des 

apologUUs de la religion t^hrétienne, Londres, n77, e. II), 1' Alexandre 

(Oraeles SibylUns, Praef. p. L) ed altri hanno creduto, che la nostra Oratio 

fosse quella pronunziata da Costantino nella solenne apertura del Concilio 

di Nioea, non considerando, che a tale opinione repugna la testimonianza di 

Koaebio presente al ConcUio e che riporta un orazione ben diversa (Y. C. 

Ili, 11-13) e non ricordando cho noi abbiamo appunto il discorso tenuto 

a ^'icea (Cfr. Hefele, op. cit. pp. 300-302); il Rossignol (op. cit. p. 219 

credo senza ragione alcuna, che abbia qualche fondamento, cho l'Oratlo) 

tia stata composta a Roma; inquantochò non ha decisiva importanza il 

fatto, che Roma è detta nell' Oratio neyaXÓTcoXic (S. C. XXII, 1). Altri 

per contrario ha creduto, al solito, nullo adlato argumento, che l' Oratio 

fosse tenuta a Costantinopoli. Tutte questo ipotesi non hanno per noi 

valore veruno e provengono^al non essere stata rettamente capita la natura 

<lel documento in quistionc. 



— 108 — 

nemmeno per questo punto possiamo dirci d' accordo col De 
Bro^^lie ; che molto aspramente Licinio è trattato nella Storia 
Ecclesiastica (X, 8), nella vita di Costantino (I, 49, 51, 54, 56, 
58 ; II, 1, 2, 36.), e noi non abbiamo argomenti per credere 
che il nostro Eusebio di Cesarea (non l'altro di Nicomedia) 
fosse stato prima a lui benevolo. L' argomento quindi del De 
Kroglie è perfettamente abbattuto; per noi peraltro, che non 
crediamo autore deirOratio, né Eusebio, né Costantino, 
il fatto che in questa non si fa parola di Licinio non è pu- 
ramente casuale, ma dipende dalla fonte, di cui, come ve- 
dremo, lo pseudo Constantino si è valso, per gli ultimi 
quattro capitoli. 

L'Oratio ad Sanctorum Coetum invece non è di Eusebio. 
Lo possiamo affermare con la stessa sicurezza, con cui il Ros- 
signol credeva di potere affermare il contrario. Ecco le no- 
stre ragioni: 

L** Lo stile di Eusebio presenta numerose differenze da 
quello deir Oratio ; la semplice struttura del periodo di que- 
sta salta quasi agli occhi di fronte al periodare più ampio e 
contorto, che Eusebio usa non tanto nelle opere storiche, 
quanto nelle fisoloflco-teologiche ;' il periodo dell' Oratio che 
ditlicilmente consta di una lunga serie di proposizioni subor- 
dinate, è sempre a prima giunta intelligibile facilmente e la sua 
lunghezza non dipende che dalle lunghe filze di epiteti, di parole 
quasi sinonime che via via si susseguono (1, 1-2; XI, 11; XI, 7). 
Ancora : lo stile d'Eusebio presenta una maggiore varietà di 
quello dell' Oratio, che colle sue ellissi del verbo, colla fre- 
quenza eccessiva delle interrogazioni, colle numerosissime 
apostrofi ad esseri astratti e a persone reali, appare uniforme 



* Con queste opere fìlologico-toologiche deve essere la nostra Oratio 
confrontata più diligentemente, inquantochè ^on queste presenta maggiore 
affinità di contenuto e di trattazione. 



— 109 — 

dal primo paragrafo all' ultimo. Un carattere notevolissimo 
dello stile (li Eusebio è l'uso che egli fa della Bibbia; tale 
uso. dal quale nel maggior numero dei casi proviene l'enfasi 
e la vivezza della prosa del vescovo di Cesarea, si manifesta 
per dir cosi, in due modi: 1.* con citazioni dirette e testuali 
dei Testi Sacri. 2.* coir improntare a varii passi di questi 
frasi e locuzioni intere. Nella nostra Oratio invece non una 
citazione testuale della Bibbia, non del Vangelo; mentre noi 
che abbiamo pure vari saggi dello stile oratorio di Eusebio 
medesimo/ ci aspetteremmo di necessità tali citazioni, tale e 
tanto abbondante uso dei Testi Sacri. Quanto al secondo punto 
basti considerare i titoli, gli epiteti che Eusebio dà a Gesù 
Cristo, al Verbo di Dio e confrontarli con quelli che a Cristo 
medesimo son dati nel 1' Oratio; gli uni sono molto spesso in- 
spirati a tratti biblici ed hanno in sé qualche cosa di grandio- 
samente poetica: secondo il noto « Tu es sacerdos in aetemum 
secundum ordinem Melchisedech » spesso Gesù Cristo è detto 
fepeó^ o i(>xLepeó^ (HE. I, 3, 2, 8, 9, 17, 18, 19; IV, 23, 35, 
etc. A Ecl. Prophet. Ili, 36 si spiega il paragone di G. Cri- 
sto ad un sacerdote. Ecl. Prophet. I, 1057. D; 1639, C;1077. 
B; De L. C. I, 7; III, 7-8; XV,13; Dem. Evang. IV 15, 37, 44, 
46; 16, 4; 1, 11, 56; V,3, 23; 5, 2; 19, 3; Vili, Proem, I; 



* Oltre al ''De laudibttfi Constantini „ aggiunto come appendice alla vita 
G praniinziato per le feste trioennali dell' imperatore adi possediamo di 
£ii8ebio un Uavr^yupixà^ ini xf x&y éxxXr|ai&v ocxodo^^ EauXCvtp TupC- 
ov ÌKio%ànfp TcpoonecpcovTj^vog (H. £. X, 4). Eusebio che riporta por 
intero quest' orazione, se non afferma esplicitamente di esseme V autore, 
Io fa' capire assai chiaramente: Kolì ti^, egli dice, iv |iéa(p napeXdtbv 

xAv (icipio^ èmtixòv Xóyou aùvcaSiv Tcsnoir^^évo^ xoióvSs napi- 

ax« XÓYOv(H. E. X, 4, 1). E di fatto già il Cave, (Hist. lit,^. 128), 
Io Stboth (Leben u. Sehiften dea Eubebius, p. XXV, n. 6) compresero 
che Eusebio alludeva qui a sé stesso; e tale opinione ritennero poi il Hei- 
SICHEK (Comm, ecc. p. 150), il Dikdobf, (nella sua ediz. della Hist. Eccl.^ 
Ind, p. 503) ed altri. Non devo meravigliare, che Eusebio non citi cspli- 
ritamentc il proprio nome, perchè un tale modesto artificio egli usa anche 



— 110 — 

2, 42; 49, 98; X, Proem. 3,5; Suppl. quaest ad Steph. 14 
(973 B); Praep. Evang. I, 3, 1; VII, 15, 2 etc. etc); e a 
locuzioni bibliche sono pure informati gli epiteti meno comuni 
Yl'VTjjiaeeoO (Dem. Ev. IV 15, 35; 56, 64; V 1, 7, 16; 3, 2; 
17, 5; etc. etc.) e quelli che dipingono Cristo come capo delle 
milizie celesti, annunziatore della parola di Dio e simili 
àpxtOTpàxYjYo?, HE, I, 2, 3, 12; LC. 3, 7-8; 15, 13; Dem. Ev. 
I 19, 3; 19, 5 etc. etc. \kVfiX'q(; pouXij^ irf^Xot; (Dem. Ev. VI, 
Proem. l; VII, 2, 2; 2, 16; Vili, proem. I; IX, 8, 16; X, proem. 
3 etc); gli altri invece non presentano mai questa caratte- 
ristica. 

II. E non solo suU'Oratio non ha la Bibbia queir efficacia, 
che ha su Eusebio, quanto allo stile, ma nemmeno quajito 
al contenuto. Mentre anche sotto questo aspetto noi troviamo 
in tutte quante le opere di Eusebio im' abbondanza straordi- 
naria di pensieri biblici, espressi o no testualmente, in tutta 
rOratio il Heinichen, che pure ha trovato nella Storia Ec- 



a y. e. Ili, 11 (l'altro passo, H.E, I, 1, 3, citato dal Heikicheit, op. 
cU., loc. ciL, non ha valore alcuno). Cfr. poi Heinichen, Meletem. XIX, 
pp. 731-736. 

Confrontando questo saggio dello stile oratorio eusebiano con la nostra 
Oratio, non solo si vede chiaramente la yerità di quanto abbiamo sopra os- 
serrato, ma si deducono ancora altre conclusioni non senza valore : 1.^ Lo 
stile dell' Oratio, per quanto sia esso pure assai scKwUldig (come lo ri- 
conosceva il Flasch, op. cit., p. 62), non è tronfio, tumido come quello, 
che Eusebio mostra, esageratj al più alto grado, nel Panegirico per l'inau- 
gurazione della Chiesa e nel De Laudibus Constantìni ; in ambedue que- - 
ste orazioni, ma specialmente nella prima (X, 4, 14, 15, 19, 20, 21, 23, 
28 eco.) le immagini di lotte, di estefminio, di battaglie si affastellano 
confusamente, mentre niente di tutta questa esagerazione si trova nel- 
r Oratio. 2.® L'Orazione è piena (X, 4) di ricordi, d'immagini bibliche. 
Cfr. sopra pp. 3.^ Tanto l' Oratio ad Sanctorum Coetum quanto il Pane- 
girico, U. E, X, 4, sono pronunziati dinanzi ad im vescovo, (S. C. II, 1; 
H.E, X, 4, 2 passim). Ma quanto diversi sono gli epiteti che al vescovo 
stesso si danno nell'una e nell'altra! in quella il santo vescovo è detto 
(S. C, II, 1) dyvsCac napS-evCa^, x* ini^oXt vaùxXifjpe, in questa lo si dice 
anche iJjYejicbv oxpaxtfic (X, 4, 23). 






— Ili — 

clesiastica 210 passi tolti o parafrasati dai sacri testi/ 11 nella 
vita di Costantino, 18 nella sola orazione De Laudibus Con- 
stantini, non ha trovato che 3 soli passi, ' in cui forse V au- 
tore deirOratio si è valso di essi; passi che non hanno 
del resto, non riferendo testualmente le espressioni bibliche 
ed esprimendo concetti comunissimi, valore alcuno dimo- 
strativo. 

III. Alcuni usi grammaticali e sintattici che si trovano 
neirOratio sono contrari all'uso eusebiano: 1." !va oscilla' 
fra i vari usi dell'ottativo (XI, 15; XXV, 2), del congiun- 
tivo (VII, 2; XII, 3), deU' indicativo (II, 2), mentre in Eu- 
sebio fva finale, non è mai costruito coir indicativo, ma solo 
col congiuntivo ( HE ; I, 7, 2, 5; 13, 13; IV, 23, 21, 27; 
V2, 29, 41; 3, 6; 19,9; 42, 58; etc. etc.) e coli' ottativo 
(H. E. I, 4, 1, III, 26, 6; IV 33, 7; IX, 7, 2 etc). — 2.* 8xav si 
trova costruito ora col congiuntivo (X, 1; XI, 3) ora coli' in- 
dicativo (VI, 1; XXVI, 1), mentre Eusebio, che del resto, 
si noti, non usa mai 8xav come nell'Oratio, conosce perfetta- 
mente il valore della particella àv nelle composizioni èn:T^v, èàv 
( iFjV ), èxcetSàv, ed usa in tali casi costantemente il congiun- 
tivo. — 3.* La parola Jvexev ò usata nell'Oratio una volta sol- 



^ yeW Index /, agginnto alPediz. della Hist. Eocl. (Lipsiae-Men- 
delssoim, 1868). 

* Neir Jwrf^ J, aggiunto all'ediz. deUa Vit. Const., Or. ad S. C, De 
Laudibus Constantini (Lipsiao Mendelssohn, 1869). Per la Demonstratio 
Erangeliea e la Prcteparatio Evangelica si confrontino gP Indici del Din- 
dorf, aggiunti alP ediz. del Teubner, 1867. 

' Iva costituito coir indicativo si trova anche in due editti di Costan- 
tino, riferiti da Eusebio secondo la traduzione di uno dei soliti interpreti, 
V.C, III, 32, 2: tva ^ orj óotóxTjg xclg TipotipTjiiévoig Stxaoxalc ^ to^X^C 
Tvnpto^iat icoif^ast. . . . xaL . . . anoììldoBi (noii^og oi^uSdaig congett. 
e corressero Stephanus, Zinunermann, Migne; ma cfr. V.C. IV, 42, 1). 
V.C, rV, 42, 1 : tva xatg xooaóxatc ènap^iaig tì^v npénouoav àTioScb- 
sixt oo^^iopCav. Cfr. poi Wiener, Grammat. rei, testam. (Leipzig, 1867) 
p.232. 



11 



— 112 — 

tanto * e proletticamente (XXVI, 4); uso, che, non ostante si 
trovi una volta in Eusebio (De M. P. VI, 3), non sappiamo dav- 
vero in qual modo, noi dobbiamo condannare come non Eusebia- 
no per la costanza del retto uso enelitico di Svexev, etvexev, 
Ivexa, levexa, che nelle opere di Eusebio stesso si riscontra (HE ^ 

I, 1, 9;3, 7;8,17;11, 2;13, 1; II, 5, 7;17, 3; III, 25,1,11;' 
37,4; IV,' 23, 30; V, I, 3; 3, 8; 5; VI, 3, 5, 6; 10; 11, 
2- 27, 1; VII, 15, 1; 19; 30, 1, 21; 32, 6; Vili, 1, 4; 5; 
10, 1; 12, 10. De M. P. 4, 3; 7, 4, 7 ; 8, 3; 10, 1; 11, 22; 

II. 24. Quaest Evang. ad Steph. I, 8 (889. C), IV, 3 (908. C) 
XVL 2 (933. D); 3, (936. A). Quaest. Evang. ad Marinum III, 
7 (948. A). V.C. I, 34; 58, 3; II, 16, 19; 20, 2; IV, 6; 18, 2; 
32; 54, 1. De L.C. V, 8; IX, 15; Dem. Ev. 1, 17; III, 2, 69; 
3, 17, 19; 4, 33; V, 3, 17; VI, Proem. 3; 13, 5; Vili 1,6; 
IX, 1, 2; 7, 19; X, 8,^ 68. Praep. Evang. Vili, 10, 19; XI, 
Proem. 4; XII, 5, 4; 11, 1; XIII, 3, 43). 4.* Ancora: il pro- 
nome riflessivo di terza persona aòxóg è usato nell' Oratio, in 
luogo del riflessivo di prima persona (VI, 4: xJjv oExfav a.òx(f 
Tiap' éotuxol^ Xoyt^ójieOa) e invece di quello di seconda (XXII, 2: 
Sb Sa 7cpoeX9ojoa ènéòtùxa^ Éautijv èicepet8o|iévT] x^ Tcpò^ 6eèv 
Tiiaxet ). Ora se noi possiamo legittimare con passi di Eusebio 
tH.E, VII, 32, 9: x( y*P ^h xoóxou^...7uap' éauxoTc ^X^^i) 
il primo uso noi dobbiamo condannare, come contraria all'uso 
eusebiano la 2.' sostituzione. 

IV. Alcune contraddizioni* che si trovano fra T Oratio e 
le opere di Eusebio impediscono addirittura di ammettere la 



^ Una soconda volta eivsxa bì trova usato proletticamente nella ver- 
sione dcirocloga virgiliana (S. C. XX, 10): 

'AXX'.,oò5' aùxèg ò Ilàv dvO-é^exat etvcxa vCxTjg. 
Ma la versione dell* ccloga è dovuta forse ali* autore del resto dell'Oratio? 
Tale c!oncordanza nell* uso di etvsxa farebbe creder di si. 

* La maggior parte di queste contraddizioni, derivano da veri e propri 
errori per parte dell* autore dell* Oratio. È interessante a questo proposito 



— 113 — 

tesi del Rossignol. 1/ Nel cap. XVII, 4 si dice che Daniele 
fu torturato da Cambise, mentre la narrazione biblica ci pre- 
senta come torturatore del profeta Darlo Codomano: (AavtijX.... 
Ini Kafipóorjv xòv UepaGiv psotXéa (ieTfjXSsv ex 0££fl^ iipovofa^, 
(peóvo^ 8è xàvxa06a, xal «póg ^t zip ^Bóvq) èXé6ptoi [iArfiù^ lizl 
^ouXal. 5'jxBoxcd xe xivSóvcov [isY^Xcov xe xal noXXCbv. è^ c&v 
i:4vTtì>v auvatpo|!ÌV7)^ zffi XpioxoO «povofoc^ owSel^ e^X^P®^? ^*^' 
xo£a^ àpexf}^ icefpqc Stlu, etjiev). Eusebio^ che mostra tanta cono- 
scenza dei Testi Sacri e che ha dedicato air illustrazione dì essi 
opere dottissime, quali le Eclogae Propheticae, la Praeparatio 
Evangelica, la Demonstratio Evangelica non poteva commet- 
tere simili errori; ' senonchè si potrebbe obiettare che for- 
se Eusebio seguisse una tradizione diversa del testo biblico 
(tradizione che, del resto, ci sarebbe attestata solo dalla no- 
stra Oratio), ove Eusebio stesso in un' altra sua opera non 
mostrasse invece di seguire la tradizione comune. In un fram- 
mento delle Vitae prophetarum, contenuto nel t vetus Mar- 
chali codex », si dice a proposito di Daniele: ' xal 8xt (se. 
Daniele) aòxò^ Ste^Xi^ d^ xòv Xàxxov x(Bv Xeóvxwv xò |ièv irpu)- 
xov, iiceiSf] x(ov ^^uX(dv{(dv Tcpoaeuxofiévoov AapsCqixq) paac- 
XeT, (lóvo^ aòxò^ 6e$ TcpooTjóx^xo- xò 8è Beóxcpov 8tà xòv BijX 
xaxéaxpiQ4^e* xal xòv Spàxovxa ivatXev ini E6poi> xoO ^afrXéd)^, 
xal adxò^ |ièv Siea<l^6T] xal aòxò^ arcò x6l)V Xeóvxcdv àvf^XOev ex 
xoO Xàxxou. OC 8è èici^ouXeòaavxe^ aòx^ èpXi^OYjaav e!g Xàxxov, 



riferire uno scolio, che si trova appunto dopo il cap. XYII; un copista, 
si è Booraggiato per l'abbondanza degli errori, ohe troyaya neU* Oratio e 
dopo Aavii^X 8& ha scrìtto in margine [*AvaYopt]óoag npbq xò icéXayog 
iiòv aqpoXfid'CfDv xoO pipXÉoo Itcso^ov xyjv x^^P* '^^^ YP^T^tv, 6xt n^jCèv 
ÒYtèg «vi)v T^ icp(0xoxón(p, xotd-ebg àx xfflv Ypacpévxwv Soxt xexji'^paod'at 
toòg dvaYY^cóoxovxag. (Gfr. RossiOjrOL, op. cit. p. 231). 

' Cfr. la dissertazione De Curia Biblicis Eusthii in A. Mai, Biblio- 
tkeca nova Patrum^ t. IV, p. 66. (Roma 1847), riportata dalMiGNE, Curs. 
compi. Patrol. graecae^ Parisis, 1857. T. XXII. 

» Ap. MiOKB, op. cit. I. XXII, pp. 1262-1271. 



— 114 — 

xal eò6v)€ xaxa^cóBTjaav ut:' aùxwv. 2." Augusto regnerebbe 
(XIX, 3) 56 anni, mentre Eusebio dà in luogo di questa cifra 
r altra di 57. (Chroii. ad ann. Abraham, 2029; H.È. I, 9). 
3," Parlando della Sibilla Eritrea si dice nell'Oratio, XVIII, 
1: 'H toLvuv 'EpuQpocCa it'PuXXa, cpàaxouoa éaux^v Sxxtq ^evefi 
ji£xi lòv x^TyxXuofiòv x.i.X. Eusebio invece, che pur nel suo 
Chronicoo jiresenta varie maniere di computo cronologico, ' 
non conosce questa divisione per età, fatta a partire dal di- 
luvio e la pone senz' altro al tempo del primo re di Roma. 
4/ Nei capìtoli XV III* XXIII deir Oratio si esaminano le 
p^of&zie della Sibilla Eritrea e di Virgilio sulla venuta del 
Redentore, attribuenilo a queste profezie uno straordinario 
valore. Noi abbiajno qui la prova più convincente che Eusebio 
non ò autore dell' Oratiu; inquantochè non solo egli non cita 
mai le profezie sibilline, né le virgiliane, ma in un passo del 
De L. C dice esplicitamente che nessuno dei falsi profeti pagani 
aveva f ire veduto la venuta di Cristo: L. C. IX, 4: OòSel^yoOv, 
7E(I>ì^GTe Twv iizX yj^Tp^^l;, tzìXoli 6au|xa^o[jiéva)v, x^v eJ^ àvOpó- 
Tcoy^ ixXa^t^^^tv toO xotvoS Soxfjpo^ irpoYjYÓpeuoev oò8à xò véov 
xV^puYfta \%^ utC ceòxqì} ^popXr)6*{oTf]€ tìeoyvwofot^. La contrad- 
dÌ5!lone fi-a Eu«ebiu e T Oratio non può essere più evidente f* 
V. Neir 0rati<j sì trovano novità di contenuto e di forma 
rispetto alle altre opere di Eusebio; novità, che non solo me- 



' D eo^puto h conflotto partendo o dalPanno dell'istituzione deirOlim- 
piadc^ o da Àbramo, o da Achaz ecc. A p. 177 (ed. Venezia, 1818) bì 
iyggL^ " Sibylla Erytliratìa a^noscebatur „. 

* KtìUfl Praeparatio Evangelica (IX, 15, XIII, 13, 35, 42) si riferisco- 
no duo panai, Tuno di Glujieppe Flavio (Ant. lud. I, 4, 3) T altro di Cle- 
mente Atcsi^andruio (3 troni. 5, 14), in cui si cita ripetutamente la SibiUa. 
Kon vi ai dà per altro valore di profezia ai suoi versi, che solo sono 
aitati nel primo caìio Cf^mc tcHtImonianza storica, nel secondo per mostrare 
i^oiue già i padani avevano intraveduto in mezzo alle fitte tenebre delPer- 
rore qualcbu cosa di voro (il sommario del capitolo porta :,Quac a Grecia 
rcKjte seripta fuoruit, ca cum Ilebraeorum doctrina consentire a Clemente 



— 115 — 

ra vigilerebbero, raa sarebbero incorapatibili col supposto che 
(leir Oratio fosse appunto autore Eusebio: 

1." Nel cap. XXV, 2 deirOratio, parlando della persecu- 
zione di Diocleziano ed accennandosi al noto incendio della 
reggia, si dice: è8T]oDTo [iévxot xa ^aafXsta %al 6 ol%o<; aOxoO 
. èT::ve|to|ilv7]s xe oùpavca^ cp^oyó?. Eusebio nella Storia Ecclesia- 
stica non dà del fatto questa spiegazione. * Può ben darsi 
che egli avesse forse mutato opinione; ma la cosa appare 
sempre molto strana. 2.** Parimente parlando di Diocleziano, 
l'autore deir Oratio dice che AtoxXrixtavòs 8è [lexà xijv piiatcpo- 
vfav xoO SiWYjloO aòxòi; éauxoO xaxa']>T)9toà[ievo5 Sia x^v xfji; à- 
(pfooóvTjg pXàpT]v, jita^ eòxaTa^fpov/jXou olv.-fpetùQ xa6etpYji<p è- 
x:tia){rf|6ir) (XXV, 1), mentre Eusebio, parla dubitativamente di 
un* alienazione mentale e non sa niente di questo partico- 
lare, che certo avrebbe riferito, se l'avesse conosciuto.* (H.E, 
Vili, 13,). 3.^ Nel e. XI, 10, parlando della Vergine si dice: 
al^XifioaoL iteptaxepà ex x^ji; Nfi)e Xàpvaxo^ àTC07cxa|i£vr] èrò xoh<; 
xffi TcapSévou xóXtcou^ xaxfjpev. Di questa singolarissima notizia 
non si fa mai accenno in Eusebio,' sebbene parecchie volte si 
offra roccasione di parlarne (H.E, III, 27, 2; VI, 17). 4." Per 
quanto riguarda la lingua si trovano adoperate neir Oratio mol- 
tissime parole e moltissime locuzioni, che Eusebio non usa mai, 
sebbene molto spesso egli si trovi a dovere esprimere gli stessi 
pensieri. Si veggano queste parole e queste locuzioni, carat- 
teristiche della lingua dell* Oratio, raccolte, abbastanza diligen- 
temente dal Heinichen.* 5." Per contrario è stranissimo che nel- 



praeterea ostendiiur Stromato quinto); e la Sibilla è citata duo volto 
wnza distinzione veruna accanto a Orfeo, Omero, Esiodo, Monandro, Epi- 
canno, Eschilo, Euripide, Eoateo, Parmenide, Difilo, Senofane otc. Di Vir- 
gilio non v' ha in tutto Eusebio menzione veruna. 

• Cfr. TiLLEMOKT, op. oit. IV, p. 45. 
' Cfr. Coen, op. cit. p. 19. 

• Cfr. Valesio, ad h. 1., Heiitichen in note ad h. 1. (p. 214. n. 19). 

• NeU' Index IV (verborum et locutionum) aggiunto air ed. della Vita 
<ii Const., Or. ad S. C, Do Laudibua Constantini. Quest' indice, sebbene 



— 116 -^ 

i'OratJonon si trovino mai adoperate alcune parole, che sono, 
per dir cosi, caratteristiche di Eusebio; cosi, per esempio, è 
strano, che neirOratio, in cui tanto si parla dei persecutori 
(XXIV-XXVI), degli empi (I, IV, XVI, XXII), non si tro- 
vino mai le parole predilette di Eusebio àteo^ (v. g. H.E. IV, 
23, 20; V 2, 9; 32, 20; IX, 10, 12; V.C. I, Ì; 10, 2; II, 5, 
23; in, I, 1, 8; 3, 1; 26, 1, 2, 3 ecc. De L. C. II, 6; III, 
6; VII, 6, 12; IX, 8; X, 5; Praep. evang. I, 2, 2; 
2, 3: ÌV, 16, 4; VI, 6, 53, 61, VII, 7, 1; 8, 16 etc.) Dem. 
evang. I, 1, 7; IV, 9, 12; 10, 9; X, 8, 87 ecc.) esóiiayog e 
eeoti«x£a CHE. I, 2, 19; III, 17, 1; ecc. De L. C. IX, 8, 14: 
XVL 11; XVII, 2, 5; VC. I, 3, 1; 2, 2; 5; III, 50, 1; ecc.) 
ed è imre strano che, per parlar che si faccia nell' Oratio del 
la Incarnazione e Passione di Gesù Cristo, non si trovi mai 
quella parola, che Eusebio usa quasi per legge, oJxovojifa 
(H.E. I, 2, 8; V. 2, 32; De L. C. XII, 1; Quaest. ev. ad 
Steph, I, 8 (889. e) Suppl. quaest. ad Steph. I (960. A); Eoi. 
Proph. I (1025.B); Dem. Ev. I, 9, 22; II 3, 42, 178; III, 
Proem, 2; 2, 1; 3, 18; IV, 15, 2, 50; 16, 8; VII, 1, 10; (X, 
Proem,, 2; 8, 22; Praep. Ev. I, 3, 3; etc). * 



Alesai imperfetto, ha sempre un certo valore; in esso peraltro si tiene conto 
solo dt parole caratteristiche, di diza^ Xs^ótisva ecc. 

À proposito dei composti, che sì troyano usati nell' Oratio, si noti 
contro il Rossignol, che molti di essi non si trovano mai neUe opere di Eu- 
sebio e si noti anche, che talvolta Eusebio rifugge veramente da certi 
cwmpost], di cui v' ha esempio nelP Oratio stessa. Ad es. in 8. C. I, 2 sì 
uaa ita^|ii^xeipo(, mentre invece nel De L. 0. VI, 7; XI, 13, si usa la 
forma rii^TTjp wdvxwv; ofr. Praep, Ev. IH, 3, 4; parimente in S. 0. XXII, 1 
(erra il Heinichen, op. oit. ind. cit. p. 335) si usa iasyocXótcoXi^, mentre 
Euftobig (De L. C. XIII, 7) usa [itydXyi «óXig, come si trova del resto 
anche nell' Oratio stessa (XXV, 4). 

' Molte altre particolarità si trovano nell' Oratio, che è impossibile 
ascTiverfl ad Eusebio; oltre quelle già citate si ricordi* l'opinione che 
fautore dell' Oratio ha di Socrate (IX, 2), non divisa, per quanto sappiamo, 
da Eusebio; la confusione che v'ha nell'intero capii. IX; le strane in- 



- 117 -- 

Gli argomenti addotti basterebbero di per sé a dimostrare 
che l'Oratio non può essere né di Costantino, né di Eusebio. 
Ma ve ne sono altri ancora che hanno doppio valore e con- 
corrono ad infirmare al tempo stesso tanto la tradizione, quan- 
to l'opinione del Rossìgnol. 
Continua • 

Augusto Mancini 



Tetiire che V autore dell' Oraiio ha contro gli Assiri ( XVI, 1 ; XVII, 4 ; 
XX, 5) e che già fecero meraYigliare Valesio, Heinichen, Rossìgnol etc. etc. 
Notevolissima ò poi la mancanza da noi già notata sopra (p. 109) 
degli epiteti dpxtaxpdinfiYoCf dp^tepeóg,, (epeu^ ecc. dati a Gesù Cristo, 
inquantochò per questi epiteti appunto può anche Eusebio essere tacciato 
di poca ortodessia, mentre tale taccia non può darsi per tale ragione al- 
l' autore deUa nostra Oratio È molto interessante a tale proposito uno 
scolio ad H. £. 2, riportato dal RossiaKOL, op. cit. p. XXIY, che si 
riferisce appunto all' uso deUa parola dpxiotpdx«YOC: "'ATtayt toO dttoici^- 
liocxoc ! ot> Ycbp àpx'-oxpotxTjYOv xaC óicoupYÒv ol O-sloi naxipe^, dXX' dpLO^uf^ 
xa£ d|ióxpovov XQii loo8óva(iov ó{ioXoYo3ai Tióv» 



LANGOBARDICA 



DATA DELLA FUGA DI ROSMUNDA A RAVENNA 
E DELL* ELEZIONE DI CLEFI 

Il Muratori, supponendo forse dovesse esservi stretta re- 
lazione cronologica tra la fuga di Rosmunda a Ravenna, che 
secondo Agnello, sarebbesi ivi rifugiata nel mese di Ago- 
sto, e r elezione del nuovo re Clefl, pose questa elezione 
come avvenuta probabilmente nel medesimo mese, cioè nel- 
r Agosto del 573, il quale anno pel Muratori sarebbe stato 
anche quello della morte di Alboino. Ma tra la fuga di Ro- 
smunda e di Elmichi, che ripararono a Ravenna dopo aver 
tentato invano di ritenere il regno, e l'elezione del nuovo re, 
fatta dai Longobardi che non vollero saperne di avere per 
sovrani gli uccisori d'Alboino/ se v' ha relazione storica, non 
v' ha una relazione cronologica determinata e necessaria. 
L'elezione può essere avvenuta cosi prima come dopo la fuga 
e anche non poco prima e non poco dopo. 

Noi abbiamo dimostrato che la morte di Alboino avvenne 
nel Giugno del 572." Agnello, che pone quella morte sotto 
questa data, giunto, nel seguito dei racconto suo fantastico. 



* Cfr. OrUjo^ e. 5; ** Voluit regnare Hilmichis ci non potuit, quia vo- 
lobant eum Langobardi occidero „; Agnello, c. 96; Cokt. Prosp. p. 34 e 
35; Paolo, II, 29. 

* Cfr. Studi Storici^ 1893, II, 203 e BCgg. 



— 119 — 

alla fuga di Rosmunda, dicendo, o meglio togliendo dagli an- 
nali Ravennati le parole t mense Augusti Ravennam venit » 
senza indicare 1* anno, evidentemente intende parlare dell'A- 
gosto del medesimo anno riferito più sopra e quindi del 672. 
L'anno dell'elezione di Clefl ci è dato da Mario Aventicense, 
il quale dice che nell' indizione VI « Dux Langobardorum 
nomine Cleb genti ipsius rex ordinatus est ». La VI indizione 
andava dal 1 Settembre 672 all' ultimo Agosto 573, il che 
esclude che l'elezione possa essere avvenuta prima o durante 
r Agosto del 672, cioè prima o durante il mese in cui av- 
venne la fuga di Rosmunda e di Elmichi, e la pone neces- 
sariamente dopo, tra gli ultimi 4 mesi del 572 e i primi 8 
del 573. Non è esatto perciò il Weise * nel dire che Mario 
Aventicense fa diventare re Clefl nel 573. Sbaglia pure lo 
Schmidt ■ ponendo l' elezione nell' indizione VII, scambiando 
forse nel testo dell'annalista l'anno VII del regno di Giustino 
coir indizione. 



DURATA DEL REGNO DI CLEFI 

Paolo • e il Continuator Prosperi * fanno regnare Clefl un 
anno e 6 mesi, l'Origo, due anni,' il Chronichon Gothanum 
6 mesi,* Mario Aventicense, lo pone eletto come abbiam ve- 
duto, neir indizione VI e ucciso nella VII. 



* Italien uìid die Langohardenherscher von 508 bis 628^ HaUe 1887 
p. 31, nota 11. 

* Aelteste Gesch, der Lang.j p. 72, n. 3. 

* Hist. Lang. Il, 31 : ** Iste cura annum unum et sex menses cura 
Maaano sua coniugo rcgnum optenuissit, a puero do buo obsoquio gladio 
iugulatud est. y, 

* Pag. 35 : ** Itaquo Albocno niortuo Langobardis pracfu^t Cleppho 
anno 1 et VI mensibus ^. 

* Cap. 6: "et regnavit Cleph annos duo» et mortuu» est ^. 

* Gap. 6: ^ et regnavit annos duos et menses sex ^. 



— 120 — 

L' Origo può aver arrotondato la cifra, come per gli anni 
d' Alboino,* e fatto due anni di un anno e mezzo, ed è quindi 
d' accordo con Paolo e col Continuator Prosperi. Mario Aven- 
ticense, ponendo il principio e la fine del regno in due anni 
successivi non esce dal limite di due anni^ e s' accorda quindi 
cogli altri. 

Solo il Chron. Coth., fonte del resto poco autorevole, esce 
di linea ; e non può neppure mettersi d' accordo colle altre 
supponendo che desse al regno di Clefl il tempo che passò tra 
la morte di Alboino e l'elezione dello stesso Clefl, perchè in 
tal caso questi sarebbe stato ucciso alla fine del 574. Mentre, 
ponendone Mario Aventicense la morte neir ind. VII, se noi 
gli diamo 1 anno e 6 mesi di regno, non possiamo andare 
oltre TAgosto del 574. Sarebbe stato eletto tra il Settembre 
del 572 e il 1 Marzo del 573 e ucciso tra il 1 Marzo e l'ul- 
timo di Agosto del 574. 

Erra perciò anche qui il Weise,* che lo fa morire nel 
principio del 575. E questo errore gliene fa commettere un 
altro nella determmazione della durata dell'interregno, quan- 
tunque neir essenziale il ragionamento che egli fa a questo 
proposito sia giusto. 

DURATA dell' INTERREGNO. 

Secondo Paolo* l'interregno durò 10 anni, 12 invece se- 
<*ondo r Orlgo,* il Chronicon Gothanum,* il Continuator Pro- 

' Cfr. Studi Storkt, 1893, II, 206. 
' L. e. p. 32. 

* Ilist, Lang, II, 32: ** Post cuius mortem (di Cieli) Langobardi per 
anno» decjm regom non haboutes, sub ducibus fu^runt „; III, 16: * cum 
per annos decom sub potesiaie ducum fuissont „. 

* Gap. 6: ** Et iudicaverunt duces Langobardorum aanos duodecim „. 
^ Gap. 6: '^ Et iudicaverunt iudices Langobardorum sino rege Italiani 

annos 12 „. 



— 121 — 

speri Havniensis * e Fredegario. * Sebbene Paolo sia solo 
contro tutti gli altri, pure sembra che gli si debba dar ra- 
gione. Noi possediamo una data precisa e sicura in quella 
della morte di Alboino, 28 Giugno 572, un' altra data non 
cosi precisa ma parimente sicura in quella della morte di 
Clefi, avvennta tra il 1 Marzo e l'ultimo di Agosto del 574. 
Paolo e S. Gregorio Magno ci forniscono un' altra data pre- 
cisa, quella della morte di Autari, avvenuta il 5 Settembre 
del 590, della quale il giorno ci vien dato da Paolo, * l'anno 
da Gregorio nella celebre lettera * da lui indirizzata nel 591 
ai vescovi d'Italia in cui diceva che il nefandissimo Autari, 
avendo, nella Pasqua dell' anno precedente, vietato ai Lon- 
gobardi di battezzare i loro figli nella fede cattolica. Dio gli 
aveva tolto di vedere la nuova Pasqua. Ora avendo Autari 
regnato non meno di 6 anni (6 secondo Paolo, 1. e, 6 1/2 se- 
condo il Continuator Prosperi,* 7 secondo l'Origo* e il Chron. 
Goth.' ) se r interregno fosse ducato 12 anni, con essi e con 
quelli del regno di Autari, dal 5 Settembre 690 si risalirebbe 
oltre il 572, anno della mori;e di Alboino, e non vi sarebbe 
spazio pel regno di Clefl. Invece assegnando con Paolo 10 
anni alla durata dell' interregno, • si risale al 574, anno in 
cui abbiamo posto la morte di Clefi, e precisamente all' Agosto, 



* Gap. 35: " Quo (Alboino) mortao per XU annos absque rege fuere 
Langobardi „. 

' Chron. ed. dei Man, Germ. IV, 45 : ^ Defancto Clep eorum principe, 
duodecm dnces Langobardonim 12 annis sine regìbus transegenint „. 

' ini, 35 : ^ Rex Autari aput Ticinum Nonas Septembris, veneno, ut 
tradont, aocepto, moritur, postquam sex rognaverat annos „. 

* Ed. Bened. I, 17. 

* Pag. 35 : ^ Langobardis intra Italiani post ducum principatum rursum 
rex praeficitur Autharich ann. VI menses YI „. 

' Gap. 7 : '^ Et regnayit Autari annis septem ^. 

^ Gap. 6 : '^ Et regnavìt annis septem et mortuus est „. 

* Senza bisogno di ridurli a 9 2/3 come fa il Weise, l. e, p. 34, per 
•vere erroneamente portato la morte di Glefi al principio del 575. 



— 122 — 

se con Paolo diamo 6 anni al regno di Autari, al Marzo, se 
col Continuator Prosperi gliene diamo 6 1/2; la quale ultima 
supposizione è preferibile, sia perchè altre volte abbiamo tro- 
vata la cronologia del Continuatore più esatta di quella di 
ogni altra fonte, ' sia perchè cosi si possono mettere d'ac- 
cordo facilmente anche le citate testimonianze relative alla 
durata del regno di Autari, le quali avrebbero semplicemente 
arrotondato il numero, facendo TOrigo e il Chon. Goth. 7 
anni di 6 1/2 e sopprimendo Paolo i mesi. 

Questo nostro calcolo viene a confermare la data che noi 
abbiamo assegnata alla morte di Clefi e a quella di Alboino, 
e fìssa air Aprile circa del 584 il principio del regno di Au- 
tari e il ristabilimento della monarchia; fatto che ha relazione 
coir invasione franca (che Paolo narra nel capitolo III, 17, che 
segue a quello in cui ricorda l'elezione di Autari) * e colle 
recenti vittorie riportate dai Greci in Oriente, le quali per- 
mettevano loro di volgersi contro i Longobardi * obbligando 
questi a provvedere alla loro difesa col darsi di nuovo un re. 

Ad Pauli Diac. Hist. Lang. II, 11 

« Narsis vero de Campania Romam regressus, ibidem non 
post multum tenipus ex hac luce subtractus est. » La vita di 
Giovanni III del Liber Pontificalis Eccl. Rom., da cui Paolo 
qui attinge, dice : « Narsis vero ingressus Romam post multum 
temporis mortuus est. » Tutti i codici conosciuti della Hist. 



* Cfr. Studi Storict\ 1893, II, 206. Esatto in tutti i dati cronologici 
longobardi il Continuatore solo nella durata doli' interregno, secondo noi, 
errerebbe. 

' Cfr. GREa. Tur. VI, 42 ; Muratori, a. ò84 ; Trova, Cod. dipi 
long. lì. 11. 

■ Cfr. il nostro artìcolo Chie<'a e Impero al tempo di Pelagio II e 
di Gregorio I nella politica verso i Langobardi, in questi Studi Storici 
1892, I, 207 e scg. 



— 123 — 

Lang. hanno il nm; nessuno dei codici esistenti del Lib. Pont, 
lo ha. Paolo ebbe forse davanti un codice col waw, come a 
prima giunta si propenderebbe a credere? o forse volle egli 
correggere il Lib. Pont., come credette il Duchesne? ' Né 
l'una né l'altra cosa fa mestieri supporre; né è da credere 
che l'uno o T altro testo sia errato o che essi si contradi- 
cano. Difatti nel Lib. Pont., come giustamente osservò lo stes- 
so Duchesne, 1. e, il t post multum temporis » indica uno spa- 
zio di tempo computato a partire dalle contese che Narsete 
aveva avute coi Romani, mentre in Paolo Diacono il < non 
post multum tempus » si riferisce al suo ingresso in Roma. 
E non deve credersi che Paolo volesse correggere il Lib. 
Pont, come pensò il Duchesne. Egli non fece che intenderlo 
e interpretarlo bene. Il Lib. Pont, diceva che Narsete, rien- 
trato in Roma, molto tempo dopo le contese da lui avute 
coi Romani, e delle quali si è parlato poco sopra, ivi mori 
e fu sepolto ecc. Paolo che di quella contesa aveva parlato 
parecchi capitoli prima, II, 6, senza riferirsi ad esse dice che 
Narsete dalla Campania tornò a Roma; e, senza indicare 
con alcun rapporto di tempo quando vi tornasse, dall'essere 
la morte di Narsete registrata nella vita di Giovanni III e dalla 
frase seguente relativa a Giovanni t et ipse mortuus est » , 
dalla quale risultavagli che Narsete era morto prima del papa 
(.che visse fino 574), inferì e scrisse che mori ivi t non post 
miiltum tempus » dal suo ritorno. 

Abbiamo, in altri termini, tre fatti avvenuti in tre mo- 
menti diversi: 

1. le contese, 

2. il ritorno di Narsete a Roma, 

3. la sua morte. 

La durata del tempo, che, contata tra il primo e il terzo, fu 

* Nota 10 alla vita di Giovanni III neirodiz. del Lib. Pont, da lui curata. 
Cfr. anche JagobIi Die Quell. d. Langohjirdengesch. des P. !>., 1877, p. -iS. 



— 124 — 

designata come lunga dall' autore della Vita di Giovanni III, 
il quale pone quelle contese come anteriori alla venuta dei 
Longobardi, a. 568, doveva necessariamente parer breve a 
Paolo Diacono che la computava dal secondo avvenimento ac- 
duto qualche tempo dopo il primo, e doveva indurlo a usare 
l'espressione « non post multum tempus » non già per cor- 
reggere il Lib. Pont, ma per essere anzi fedele ad esso. 

Difatti a noi dall'Excerpt. Sangall. risulta che t post con- 
sulatum Justini Aug. IIII anno (che fu il 570) * de Neapolim 
egressus ingressus Romam et deposuit palatii eius statuas 
et Capitolium et fuit hominum et boum nimia mortalitas; » 
da Agnello, e, 94, che « Narsis patricius obiit Romae, post- 
quam gessit multas victorias in Italia, cum denudatione omnium 
Romanorum Italiae, in palatio quievit. Nonagesimo quinto 
vitae suae anno mortuus est. » E poiché Agnello subito dopo 
pone la morte di Alboino, avvenuta nel 672, noi dobbiamo 
porre quella di Narsete tra questo anno 572, e quello fornitoci 
dairExcerpt. Sangall., del ritomo di lui a Roma; quindi 
circa il 571 e non circa il 569, come in margine pose l'editore 
di Agnello nei MM. GG. ; e dobbiamo ritenere perfettamente 
giusta tanto T espressione del Lib. Pont, quanto quella diPaolo, 
che solo apparentemente sembrano contradittorie. 

Ad Pauli Diac. Hist. Lang. II, 32. 

« Per hos Langobardorum duces, septimo anno ab adventu 
Alboin et totuis gentis, spoliatis ecclesiis, sacerdotibus inter- 
fectis, civitatibus subrutis populisque, qui more segetum excre- 
verant, extinctis, exceptis bis regionibus quas Alboin cepe- 
rat, Italia ex maxima parte capta et a Langobardis subiugata 
est. » Hist. Lang. II, 32. Nell'ediz. dei MM in nota a questo 



Cfr. Studi Storici, 1892, I, 494. 



— 125 — 

passo si riporta l'osservazione ad esso fatta dal Bianchi nel- 
Tediz. Muratoriana di Paolo: « Id Paulus ex Gregorio Tu- 
ronensi (IV, 35) in historiam suam transtulit illius vesba male 
iuterpretatus. » Ecco il passo di Greg. di Tour, IV, 41 dell'ed. 
dei MM: « Commoto exercitu (Langobardi), cum uxoribus et 
liberis abierunt, illuc (in Italia) commanere deliberantes. Quam 
regionem ingressi, maxime per annos septem pervagantes, 
spogliatis ecclesiis, sacerdotibus interfectis, in suam redigunt 
potestatem. Mortua autem Chlodosinda, uxore Alboeni, aliam 
duxit coniugem etc. », e viene a parlare dell'uccisione di Al- 
boino. Dell' espressione j)cr annos septem Paolo ha fatto septimo 
anno, ed ha riferito le spogliazioni e le uccisioni non ai primi 
3ette anni della dimora dei Langobardi in Italia, ma solo 
all' anno settimo, al principio dell' interregno, e non a tutti i 
Langobardi in generale, ma ai duchi. Che Paolo abbia nude 
ifUet'petcìtus il testo di Gregorio fraintendendolo non mi pare 
assolutamente da ammettere: esso è troppo chiaro; come trop- 
po chiaro mi sembra che egli volle dire e disse un' altra cosa, 
correggendo Gregorio e consapevolmente riferendo le sue pa- 
role ad altri tempi e ad altre persone. Il maxime per septetn 
annos di Gregorio di Tours è certamente inesatto, perchè 
sotto i duchi, il cui dominio cade appunto dopo quei primi 
sette anni, i Langobardi fecero peggio. A Paolo, che di Al- 
boino registra gli atti di generosità verso il vescovo di Tre- 
viso e verso la città di Pavia, e non ricorda di lui nessun 
atto di crudeltà commesso in Italia, mentre gli eran note le 
crudeltà di Clefl o dei duchi, non poteva non saltare agli oc- 
chi r inesattezza di Gregorio Turonese. Onde, pur servendosi 
delle sue parole volle correggerlo, riferendole a chi secondo 
lui andavano riferite. * 



^ é da notare anche che per Gregorio di Tours il numero 7, quando 
parla dei Longobardi, pare abbia un significato sacramentale. 8. Ospizio, 
profetizzando le incursioni dei Longobardi in Gallia, dice nel racconto 



— 126 — 

E non è questo il solo caso in cui Paolo corregga le fonti 
da cui attingo. * Cosi, nel seguito di quel medesimo periodo, 
dove attinge dai Dialoghi di S. Gregorio Magno, III, 38, che 
parla in generale dei Longobardi senza indicazione di tempo 
e di luogo. Paolo prende da lui delle locuzioni riferendole a 
tempi determinati, cioè al tempo dei duchi, e a luoghi deter- 
minati. 

Ho detto anche a luoghi determinati. Difatti le parole 
« exceptis his regionibus quas Alboin caeperat • si devono ri- 
ferire, secondo me, non a ciò che segue, ma a ciò che pre- 
cede, non air Italia soggiogata, ma alle crudeltà dei duchi; 
le quali si sarebbero esercitate non nei paesi già conquistati 
sotto Alboino, ma in quelli che essi conquistarono di nuovo 
e che aggiunsero alle conquiste precedenti; non potendosi 
r exceptis riferire a ciò che segue oltre che per ragioni logiche 
e sintattiche, attesoché V eccezione più naturalmente ci sarebbe 
posta dopo la regola, anche perchè Paolo, avendo detto al 
e. II, 26 che Alboino « invasit omnia usque ad Tusciam, 
praeter Romam et Ravennam vel aliqua castra quae erant 
in maris litore constituta », ed essendo quindi la massima 
parte d' Italia stata presa da lui, sarebbe stato un controsenso 
dire qui che i duchi presero e soggiogarono la massima parte 
d'Italia, salvo quelle parti che aveva -conquistate Alboino, il 
quale, viceversa, l'aveva acquistata egli la massima parte. 
Mentre Paolo vuol dire evidentemente che colle nuove con- 
quiste fatte dai duchi l'Italia poteva dirsi quasi interamente 
soggetta ai Longobardi. 

La correzione che di proposito deliberato Paolo fece di 



del Turonese che essi avrebbero devastate 7 città. Grbg. Tur. VI, 6: 
^ Yenient Langobardi in Gallias et devastabunt civilates septem, eo quod 

etc Ideo haec plaga supervenìt. „ Quest' ultima espressione fa credere 

che r autore pensasse a quel numero in rapporto alle sette piaghe d' Egitto. 
^ Talora deUa critica da lui esercitata sulle sue fonti avverte espres- 
samente, cfr. ni, 29. 



— 127 — 

Gregorio Turonese e la restrizione pure che egli volle fare 
al tempo e al luogo in cui sarebbero rimaste circoscritte le cru- 
deltà dei duchi, hanno il loro significato. Che Paolo avesse delle 
tenerezze per Alboino fino al punto di adulterare di suo ca- 
priccio la storia là dove egli la trovava esposta con verità, non 
è da credere. Modificando e correggendo i testi di Gregorio 
Magno e di Gregorio Turenese, egli probabilmente seguiva 
un'altra tradizione, la quale ricordava Alboino generoso verso 
i paesi da lui stesso conquistati, paesi trattati meno dura- 
mente degli altri anche dai duchi. 

Il f septirao anno ab adventu Alboin et totius gentis » 
dì Paolo, interpretato in tal modo, può servire anche a con- 
fermare che il principio dell' interregno cadde nel 574. Con- 
tando difatti il primo dal Maggio del 568 al Maggio dell'anno 
seguente, il settimo cade tra il Maggio del 574 e il Maggio 
del 575. 

A. Crivellucci 



RECENSIONI 



M. Schifa, Un lìveteso dominio pontifìcio in Napoli (dubbii sulla 
fede del Registro dei Censi della Chiesa Botnana), memoria 
letta all'Accad. Pontoniana nella tornata del 4 Giugno 1893, 
in 4, p. 9. 

11 cardinale Borgia* nel secolo passato, e, dietro lui, recen- 
temente il P. Taglialatela,' fondandosi su testi di assai dubbio 
valore, hanno preteso di sostenere che sotto il pontefice Onorio I 
(625-638) Roma esercitasse assoluto e pieno dominio su Napoli. 
Il prof. Schipa in questa breve e dotta memoria con buoni ar- 
gomenti storici e giuste osserviizioni critiche dimostra a esube- 
ranza r assurdità di una tale opinione. Ma pur combattendo 
tanto giudiziosamente un^opinione, che solo in cervelli dominati 
da forti pregiudizi poteva metter radice, lo Schipa si è lasciato 
preoccupare dall' interpretazione erronea del testo, sul quale il 
Borgia e il Taglialatela si fondarono, ed ha creduto di dovere affac- 
ciare dei dubbii intomo alla fede di quel testo, i quali, a togliere 
ad esso ogni valore dimostrativo sulla questione in discorso, non 
ci sembrano necessarii. L'excerptum dell' epistola, colla quale il 
pontefice Onorio *' Gaudioso et Anatholio, magistro militum, 
Neopolitanam civitatem regendam committit ciun omnibus ei per- 



* Brtve Istoria del Dominio Temporale della Sede Apostolica nelle 
l>ut Sicilie, 2' od. Roma 1789, p. 20. 

• Gli Antichi Possedimenti della S. Sede nella Provincia della Cam" 
pania Felice, Napoli 1886, p. 29 e segg. 



— 130 -^ 

tinentibus, et qualiter debeat regi scriptis (eos) inforinat' ;, 
questo excerptum, così come noi lo possediamo nel Lib^r Cen- 
suum della Chiesa di Roma, se per il tempo in cui fu redatto 
e per il luogo in cui lo troviamo, giustifica i dubbii che affaccia 
lo Schipa e che egli cortesemente gira al sig. Paolo Fàbre, au- 
tore dell'edizione iniziata e non ancora finita del Liber Censuuwy 
tuttavia, nella forma che esso ha, anche ammesso che possa 
aver subito Finfluenaa del tempo, non significa punto che Onorio 
esercitasse assoluto e pieno dominio su Napoli. L'atto col quale 
Onorio ^ Neapolitanam civitatem regendam committit ;, a due 
ufficiali a ciò da lui deputati, dando loro istruzioni e raccoman- 
dazioni sul modo di governarla, non ha maggior valore di quello, 
a noi più noto, di Gregorio Magno, che pochi anni prima, nel 592, 
aveva deputato alla difesa della medesima città il tribuno Co- 
stanzo. 11 medesimo Gregorio scrivendo ^ universis militibus Nea- 
politanis „ parla delle lettere " quibus, egli dice, magnificum 
virum Constantium, tribunum, custodiae civitatis deputavimus 
praeessC;,,' e allo stesso modo che dopo tali parole in questa let- 
tera raccomanda loro di perstare ubbidienza al tribuno (scriptis vos 
praesentibus curavimus admonendos etc), così nelle lettere che egli 
ricorda e colle quali dava al tribuno quell'incarico, non avrà man- 
cato diraccomandargli come dovesse egli comportarsi. Similmente 
Onorio più tardi commettendo il governo della città a Gaudioso e 
ad Anatolio *^ qualiter debeat regi (eos) scriptis inf ormai ;,. 
L'espressione * civitatem reggendam committit ;, non ha maggior 
valore politico del ** deputavimus praeesse ;, di Gregorio. Si po- 
trebbe citare anche l'altra epistola* del medesimo pontefice Gre- 
gorio ^ Clero ordini et plebi consistenti Nepae ;, , in cui dice di 
mandare Leonzio a governare la loro città e ingiunge loro di 
obbedirgli, ^quia quisquis incongrue ordinationi eius restiterit, 
nostrae resultar! dispositioni cognoscetur etc. ;, E altrettanto po- 
trebbe dirsi delle lettere a Veloce, a Maurilio, a Vitaliano, maestri 



' Jappé, Beg, Pont. Bonu ed. 2", N. 2035. 
" Ep. II, 31, Cd. Maur. 
• Ep. II, 11. 



— 131 ~ 

delle milìzie/ e di quante altre attestano l'esercizio di poteri ci- 
tìU in Gregorio Magno. Sarebbe certamente assurdo, checché ab- 
biano pensato i Padri Maurini" e qualche altro, affermare sul 
fondamento di queste lettere che Gregorio Magno ebbe in do- 
minio Napoli e Nepi. Non meno assurdo sarebbe affermare al- 
trettanto di Onorio sul fondamento dell'excerptum della sua epi- 
stola a Gaudioso e ad Anatolio. Che se in alcune delle citate 
lettere di Gregorio si parla neU' interesse sei'enissimorum Domi- 
noì-um della Resptébblica, in dltre* invece non si accenna né a 
quelli né a questa, ciò non dispensa dal sottintendere che tutto 
ciò che sì :a e si dice, si faccia e si dica sempre a nome di 
quelli. Il trovassi l'exceptum nel Liber Censuum più che conferire 
all'epistola il significato che le si vorrebbe dare, può contribuire 
a sollevare dubbii sulla fede del libro stesso, e in questo l'egregio 
Professore ha perfettamente ragione, in quanto sarebbe stata 
transuntata in quel libro una lettera che non aveva nulla a che 
fare coi censi di Roma; ma il transunto in sé, anche così cx>me 
l'abbiamo, non contiene, ripeto, nessuna espressione che necessa- 
riamente accenni a diritto sovrano. 

E non ci pare necessaria, a spiegare la forma di quel tran- 
sunto, l'ipotesi che fa lo Schipa, e che per vero ci sembra molto 
sforzata, secondo la quale *^ la lettera originaria, transuntata nel 
poliptico dell' XI secolo, fosse precisamente la lettera, che ci ri- 
mane intera, relativa al soldato di Salerno ;, * la quale, secondo 
noi, non ha nulla a che vedere con quel transunto. Esso, a parer 
nostro, non è che l' excerptum d' un' epistola perduta di Onorio, 
nella quale quel pontefice, trovatosi nelle identiche condizioni di 
Gregorio Magno, quando scriveva la lettera U, 31, non fece 
né più né meno di ciò che il suo predecessore aveva fatto. 

Molto giuste invece ci sembrano le osservazioni dello Schipa su 



* Ibid. n, 3, 39 e 30. Cfr. la mia Storia delle relazioyii tra lo Stato 
e la Chiesa, 1885, yoI. Il, p. 301 e agg. 

* Orbo. M. Op. II, col. 1003, IV, p. 271 e sgg. 

* Cfr. II, 29. 

* Mahsi, X, 586. 



~ 132 — 

un altro punto del registro dei censi, sulla pretesa locazione dell'i- 
sola di Capri, che si dice fatta dal pontefice Gregorio II a un 
Teodoro console. 

L' egregio Professore, dando ragione del suo scritto, osserva : 
*^ Quando si annunziano opere importanti, poderose, estese così 
di mole come d'interesse, pari a quella cominciata a pubblicare 
dal sig. Fabre, prevenire con qualche dubbio, con qualche osser- 
vazone, con qualche notizia,, è, credo io, più un servigio che 
un' indelicatezza. „ Ma sicuramente ; nella repubblica letteraria 
piena libertà sempre, e nessun altro riguardo che quello dell'in- 
teresse degli studii. 

A. Crivellucci 



Otto Guntheb, Zwei mittelalterliche Declwnatmien vber Thomas 
Becket, estratto dagli atti della K. Gesellschaft der Winseii- 
sclmften dell'Università di Gottinga, 1893, pagg. 231-243 in-8. 

Sono due brevi orazioni (pigliano ciascuna due pagine appena, 
la seconda manca della fine), die si presentano come se fossero 
state tenute nel Novembre del 1164 dinanzi al pontefice Alessan- 
dro UI a Sens, la prima da im partigiano di Tommaso Becket, 
r altra da un ecclesiastico inglese contro di lui e in difesa di 
Enrico II d'Inghilterra. Ignote sii più recente biografo del Be- 
cket, a F. J. Buss, Der heilige Thotnas, Mainz 1856, e al Ro- 
bertson, Materials for tìie history of Thomas Becket, voi. 7, Lon- 
dra 1875-85, nei Rerum Britannicartim ìnedii ami scriptores, il 
Giinther le trasse da un codice pecudino del sec. XUI, scritto in 
Francia, appartenente alla Biblioteca dell'Università di Gottinga 
(Cod. Theol. 96). Con buoni argomenti egli dimostra che le due 
orazioni non solo non furono in realtà mai recitate, ma che non 
sono neppure da prendere per frammenti d' ignoto storico, che, 
secondo il costume del tempo, descrivendo le trattative di Sens, 
avesse voluto con esse delineare la situazione facendo pronunziare 
agli oratori discorsi da lui stesso composti. Sono invece da con- 
siderare come composizioni retoriche di scuola, come declamazioni. 



— 133 — 

simili a quelle dei sofisti greci quando, per es. , mettevano a con- 
trastare tra loro con dis:-orsi Aiace ed Ulisse intomo alle armi 
(li Achille. Non cessano tuttavia di avere la loro importanza sto- 
rica, come espressione dei sentimenti, quantunque retorici, e delle 
crtK-.enze, quantunque false, che in molti generò il grande con- 
flitto delle due potestà nel tempo a ( ui i due discorsi apparten- 
gono. 

E quanto al tempo veramente non mi sembrano troppo forti 
[xh argomenti coi quali il Gunther vorrebbe dimostrare che fu- 
rono composti negli anni che corsero tra le trattative di Sens 
(1164) e la morte del Becket (1170). Mi par difficile che la lotta 
diventasse un tema retorico di scuola mentre ancora ferveva. In- 
vece, un abile retore, come l' autore dei discorsi, pur sapendo che 
r anatema non era stato adoperato contro Enrico, poteva o cre- 
dere verissimile, o supporre, o anche sapere che da molti fosse 
stato invocato, e farlo dall' oratore chiedere a quel pontefice che 
lo aveva adoperato contro Federico. Che la tragica fine del Be- 
cket, se fosse stata nota al retore avrebbe dovuto dare più ca- 
lore al suo discorso, è argomento più subbiettivo ancora del 
precedente. E d' altra parte la freddezza dell'autore potrebbe an- 
t he spiegarsi ammettendo una certa distanza di tempo tra quella 
morte e la data della composizione dei discorsi. A me anzi sem- 
bra, ma anche il mio è un giudizio subiettivo, che il ricordo 
insistente dei pericoli e delle presecuzioni sostenute dai capi della 
chiesa romana, e del coraggio con cui i martiri andarono in 
contro alla morte, dipenda dal fatto stesso del martirio sofferto 
dall' arcivescovo. Mi pare anche che V autore metta più calore, 
0, se vuoisi, più retorica, nel discorso in difesa del re che in quello 
in difesa dell' arcivescovo e che si riveli più realista che papi- 
sta. Si noti, che il secondo è anche più lungo, così coni' è, del 
primo, e non e finito. 

A. Ckivellucci 



NOTIZIE 

DI 

PUBBLICAZIONI RECENTI 



Ghera^rix) Ghirardini, Di wia toìnba etrusca scoperta nel palude di 
Biefitimt, Estratto dalle Not. d. Scavi, Roma 1894. 

In un articolo pubblicato in questo periodico (Il p. 209 sgg.) 
cercai dimostrare come senza ragione alcuna, vari critici aves- 
sero asserito che Pisa non fu mai città etrusca ma solo ligure. Gli 
argomenti da me riferiti che spero quandochesia di poter confer- 
mare con altri, erano di carattere storico desunti dalla tradizione 
letteraria. Non mancai però di valermi dei dati monumentali rac- 
colti pubblicati dal mio valente collega il Prof. Gh. Ghirardini 
il quale mi fece inoltre 1' amichevole comunicazione della recente 
scoperta di una tomba etrusca nel padule di Bientina. Nella pre- 
gevole memoria della quale abbiamo sopra dato il titolo non meno 
che nei Rendiconti della R. Accademia dei Lincei il Ghirardini fa 
ora un esame particolareggiato della suppellettile scoperta nella re- 
gione meridionale di detto palude e con un esame non meno dotto 
che accurato, dimostra come il vaso greco, che conteneva molti 
oggetti d' oro uniti a frammenti di vasi combusti , appartenga 
al secolo V. Al secolo VI più che al precedente, paiono invece 
convenire le oreficerie di tipo e fabbrica etrusca. 

Tenendo presente il luogo in cui avvenne la scoperta non si 
[)uò non considerare con il Ghirardini che essa si trova a brevi 
distanze da centri importanti della civiltà etrusca ossia a nord 
<li Volterra, a sud di Luni e a ovest di Fiesole. Il Ghirardini 
erede che questo padule che è secco nella stagione estiva dovreblje 



— 136 — 

essere scavato per mettere alla luce la necropoli etrusca che esso 
ci nasconde. Alle sue autorevoli parole aggiungo il mio mode- 
sto voto. Credo anzi sia il cago di osservare come la tomba 
teste scoperta si trovi non molto lungi da quella antica via 
commerciale y già rammentata da uno scrittore greco del IV secolo 
(dal Pseudo-Scilace) la quale per un camino di soH tre giorni cogiun- 
geva Pisa con Spina, le coste del Tirreno con quelle dell'Adriatico. 
Questa via, senza dubbio di sorta, non risali^'a P aspra valle 
del Serchio, abitata dalle indomite popolazioni liguri, né valicava 
V ardua giogaia del Cimone. Essa percorreva invece la facile e 
fertile vai d'Amo, arrivava all' etrusca Fiesole, e di li superato 
il non difficile valico dell'Appennino la per vai del Reno e per 
l' etrusca Marzabotto giungeva alla pure etrusca Felsina e al Po di 
Spina. L'esplorazione della necropoli del palude di Bientina do- 
vrebbe presumibilmente fornire molto materiale archeologico che 
confrontato con quello coevo scoperto a Marzabotto ed a Bologna, 
se anche non ci aiutasse a risolvere la questione delle origini etni- 
sche gioverebbe pur sempre ad illustrare la storia dell' incivili- 
mento dell' Etruria per opera del commercio ellenico. 

E. P. 

Anton Nissl , Zur GeschicìUe des OUotJiaiHscJien Edict voti 614, 
estratto dalle MUtheUimgen des Iitstituts fiir osierreirJiiscIte Gè- 
schichtsfùrschungj voi. Ili, p. 365-384. 

Persuaso che l'interpretazione da lui data all'oscuro editto 
di Clotario nel suo lavoro GericfUsstaìid des Klerus im FrankiscMn 
lielch, quantunque respinta dal Hinschius, Kirchenrecht , IV, 857 
e segg. , sia essenzialmente giusta, l'autore con questo scritto, 
composto poco prima della sua morte, si proponeva di ritornare 
sulla questione e di afforzare la sua opinione con nuovi argo- 
menti storici desunti dallo sviluppo del diritto ecclesiastico in 
Oriente e in Roma, attribuendo l'editto all'influenza della chiesa 
di Roma sulla chiesa Franca. In quell'editto lo Stato cedendo allo 
istanze di questa avrebbe secondo lui accordato ai vescovi giu- 
risdizione, in civile, sulle e causao pecuniariao », eseluso le causo 



— 137 — 

maggiori i de possessione », in penale, soltanto sui sacerdoti e 
sui diaconi. Quantunque il lavoro del Nissl sia più che altro uno 
schema di ciò che il defunto autore si proponeva di fare, esso 
tuttavia non è senza interesse per quanti si occupano della storia 
dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa e in particolare della giu- 
risdizione ecclesiastica in Francia. 

A. C. 

Otto Gunther, BeitrSge zur Chronologie der Briefe des Papstes Ilor- 
tìtùda, nei Sitzungsher. der kais. Akademie der Wissenschaften in 
Wien, 1892, pMlos.-hist. CL CXXVI, p. 50. 

Le lettere di papa Ormisda, fonte importantissima della storia 
dei rapporti tra l'Impero e il Papato e delle contese ecclesia- 
stiche tra r Oriente e Roma, quantunque dal Baronie al Langen, 
l'ultimo storico della chiesa di Roma, non poco si fosse fatto per 
istabiHme l'ordine cronologico, pure molto lasciavano ancora a 
desiderare sotto questo rispetto, che pure è fondamentale por lo 
storico; attesoché i critici moderni non si sono mai gran fatto 
allontanati dall' ordine ad esse dato dal Baronie , il quale non 
aveva in ciò adoperato tutta quella cura che si richiedeva. Il Giin- 
ther mediante una sobria esposizione della storia del pontefice 
Ormisda in quei punti che gli parvero cronologicamente confusi, 
rettifica assai giudiziosamente la cronologia di moltissime lettere. 
Una tavola sinottica mette prontamente sott' occhio le modifica- 
zioni da lui introdotte in confronto dell' edizione del Thiel {Episf. 
Roman, Pont, genmiae, t. I, 1868) e della collezione Avellana 
(Maassen nei Sitzungsherichte der kais. Akademie der Wùisemchaffen 
in Wien 1877, voi. LXXXV, p. 245 e segg.). L'autore rettifica 
anche il testo greco, dal Baronie arbitrariamente svisato , in pa- 
recchi luoghi, prendendo a fondamento della sua critica il cod. 
Vat. 3787 e non il 4961, che già da W. Mayer fu supposto 
copia di quello, supposizione che por il Gùnthor, dopo il materiale 
da lui collazionato, è divenuta cortezza. 

A. C. 



— 138 — 

Menoozzi e LisiM; FratmneìUo di wta Cr(»ictcheffxi Setwse d'annui- 
nio del secolo XIV, Siena 1893. 

E una pubblicazione per nozze Partini-Sarroochi di cui i com- 
pilatori riconoscono in sul bel principio la non molta entità. Han 
ragione in ciò, ma altrettanta ne hanno avuta vincendo le 
esitanze e pubblicando la cronaca frammentaria e lacunosa della 
Comunale Senese. Sempre util cura sarà quella spesa intomo al- 
la publicazione di antichi documenti: aUo storico dare a questi 
r importanza che loro spetta. 

Si tratta nel nostro caso, della trascrizione di una cronaca se- 
nese dei 7 anni successivi alla morte di Arrigo VII, che « ha il 
pregio di essere autentica e sincrona, come lo addimostra la gra- 
' fia uniforme ma non perfettamente identica e che rivela 1 ' an- 
notazione fatta da una stessa mano ad intervalli successivi ed a 
seconda dello svolgersi comologico degli avvenimenti > (p. viii), 
tratta da un codice in 4° della Bibl. Comunale di Siena segnato C. 
VI. 12., nel quale occupa dalla e. 179 alla 194, cioè nella nu- 
merazione romana del codice da pagina LUE a pagina LXVUI 
inclusive. 

Nulla si può dir sul!' autore, « tranne V ipotesi, desunta dalla 
forma della scrittura, -che egli fosse mercatante (p. IX) >. 

Il testo è assai arido e scarso di particolari: accenna a quel 
che è avvenuto sotto quattordici potesterie, e precisamente sotto 
Pigliaterra di Monteluponi (1 luglio 1313-31 decembre 1315) Car- 
lo Guidi di Battifolle (1 gennaio-30 giugno 1314 e così gli altri) 
Alberto degli Orgogliosi di Romagna, Bertolino da Sala di Bolo- 
gna, Benvenuto Todini di Ancona, Bernardino conte di Conio^ 
Ranieri d'Orvieto, Giovanni di Sassoferrato, Ottaviano de la 
Branca di Gobbio, Montedesuppi da Fermo, Azolino conte di 
Magliano, Benedetto conte di Palazzo, Ugo di Battifolle, An- 
drea Gabrielli da Gubbio. 

Ma non grandi avvenimenti accaddero in questi setta anni: 
notevole, per quanto conosciuta, è la sommossa dei Salimbeni e 
de' Tolomei, noli' Aprile 1315, che mise in armi tutta quanta la 
città. La Signoria non esitò, e messa una candela sulla finestra 



r 



— 139 — 

del Palazzo del Podestà intimò che, prima si consumasse, i Salim- 
beni ed i Tolomei si costituissero, sotto pena del fuoco, t Ubidirò 
e venero inanzi e furo costreti e inferiati » indi banditi : e la cosa 
fini con qualche condanna capitale di bassa gente. 

11 Cronista non si commuove neppure quando per aver negata 
t grande quantità di moneta » a Giovanni XXTT, questi colpisce 
Siena e Firenze, di scomunica che durò, per la prima, dal 2 lu- 
glio al 2 decembre 1320: non dice su questa grave pena altro 
se non che t soteravamo e' morti ne 1' ortora d[e frajti, e in quele 
de r altre chiese ». 

I Signori Mengozzi e Lisini fanno precedere al testo una in- 
troduzione (I-XXXV) in cui si discorre con polissità un po' in- 
certa del tempo di Arrigo VII . Fra alcjine inesattezze la maggiore 
è quella di far • giganteggiare la figura di Ezzelino da Romano 
nell' esordire del secolo XIV i, (p. XI). 

Segue un piccolo lessico delle parole difficili (ed anche di al- 
cune, come oste e falò, in verità assai facili), che certo giova al 
lettore poco pratico della lingua del trecento. Son ornamento di 
questa elegantemente modesta pubblicazione alcune preciso ripro- 
duzioni a colori di piccoli ed ingenui disegni che stanno nel co- 
dice da cui la cronachetta fu tolta. 

M. M. 

Ettore Cicotti, AugtistuSf dal Dizionario Epigrafico di Ettore De 
Ruggero, Eoma 1894. 

II Cicotti che insegna Storia Antica nella Accademia Scien- 
tifico-Letteraria di Milano, autore di varie e buone memorie re- 
lative a svariati argomenti di diritto pubblico greco, in questo 
articolo fa una narrazione assai particolareggiata della vita di 
Augusto : lo considera nei rapporti di famiglia, lo segue nel pro- 
gresso delle sue magistrature, delle guerre combattute da lui 
stesso sotto i suoi auspici, e dei suoi onori, dà non poca im- 
portanza alle colonie dedotte sotto di lui, e sovra tutto svolge 
la nuova costituzione dello stato Romano, che è per vero la cosa 
più notevole ed occupa la parte maggiore della vita pubblica di 



— 140 — 

Augusto. Attinge il Cicotti copiosamente alle fonti letterarie ed 
epigrafiche, ma fa pure frequento ricorso e in alcune questioni 
che egli accenna ed in altri particolari alP opinione dei più au- 
torevoli cultori dell'antichità classica. — Vien di seguito un'uti- 
lissima tavola cronologica delle magistrature e dei titoli ottenuti 
da Augusto, e come compimento è dato in fine un cenno brevis- 
simo dei singoli membri della famiglia imperiale. 

L'ordine e la chiarezza sono di questo compendioso lavoro i 
precipui meriti, i quali pure attestano la molta cura che l'autore 
ha messa nel farlo. 

G. N. 

losEWi LA.NGEN, Geschtchte- der roetmschen Kirche voti Gregor VII 
bis fnnocem III, Bonn 1893 in-8 gr. p. Vm, 720. 

E il 4.* ed ultimo volume dell'opera di cui noi parlammo nel 
voi. I, p. 530 degli Studi. Storici, Il sistema teocratico papale a- 
dombrato nella famosa donazione di Costantino, ampiamente svolto 
noUe false decretali dello Pseudo-Isidoro, fu, dopo il vano ten- 
tativo di Gregorio VII, tradotto in atto, sin dove era possibile, 
da Innocenzo IH. Dopo di lui si codifica la dottrina del Papato 
colla Somma di S. Tommaso, il diritto col Corpus iuris cano- 
nici, e le aspirazioni teocratiche continuano il loro sviluppo , ma 
la potenza effettiva decade: il domma dell'infallibilità fìi elabo- 
rato solo quando la potenza temporale del Papato, dopo Grego- 
rio IX, cadde per sempre. Cosi 1' autore dà ragione dall' arre- 
starsi dell' opera sua a questo volume , mentre aveva promesso 
di seguire lo svolgimento di questa dottrina fino ai tempi nostri. 
Egli non mantiene cosi neppure la promessa, fatta nel precedente 
volume, p. rV, di darci, ove avesse trovato favore, una succinta 
storia della potenza papale fino ai nostri tempi. Quest'opera non 
})asata su nuove ricerche, né su nuova elaborazione del materiale, 
d'indole sistematica e d'intento polemico, avrebbe, secondo noi 
trovato maggior favore se fin dal principio l'autore le avesse dato 
minori proporzioni e l'avesse più direttamente condotta allo scopo 
che si era profisso, tralasciando 1' esposizione di tutto ciò che 



— 141 — 

non era strettamente connesso col soggetto. Rincresco tuttavia 
il vederla restare a mezzo. 

Ci piace di riportare alcune conclusioni. Nolla dottrina d' In- 
nocenzo m intorno al papato V autore non trova nulla di es- 
senzialmente nuovo, salvo il metodo da lui in più larga misura 
che dai suoi predecessori adoperato a interpretare allegoricamente 
il Nuovo e r Antico Testamento. È^ interessante oggi sentire ciò 
che nei Senn, 21 e 22 infesto Petri et Patdi Innocenzo III affer- 
mava di Eoma, divenuta, per mezzo di Pietro, di capitale dell'er- 
rore, maestra della verità, che cioè tale onore non potrebbe passare 
ad altra città, ma deve per leggi eteme rimanere a Boma, avendo 
Dio stabilito che dove ebbero tomba Romolo e Remo, i fondatori 
della città, 1' avessero anche i suoi fondatori spirituali, Pietro e 
Paolo. E. a proposito dell' infallibilità, attribuita da Innocenzo 
non al papa ma alla Chiesa, cosi si ragiona nel Senn. 3 de 
dà),: e Lo sposalizio tra il papa e la Chiesa romana è cosi stretto 
che essi solo dalla morte possono essere divisi. Ma per formi- 
cazione potrebbe il papa essere abbandonato dalla Chiesa, dico 
per formicazione spirituale, cioè per errori in materia di fede. » 
E nel 4: e II papa non ha altro superiore che Dio... ma non 
deve insuperbire dell' altezza sua o della sua dignità ; poiché 
quanto meno può essere egli giudicato dagli uomini, tanto più 
lo è da Dio: dico tanto meno, perchè egli può esser giudicato 
anche dagli uomini, anzi può esser denunziato come di già giu- 
dicato, se egli cade in eresia. Perchè chi non crede è già giu- 
dicato ecc. . . Cosi della sua infallibilità dommatica parlava il più 
potente dei papi. » 

Sarebbe stato interessantissimo certo il vedere per quale pro- 
cesso storico da questa dottrina si arrivasse alla dottrina contra- 
ria dell' ultimo concilio ecumenico. Ma da qualche anno ben al- 
tre questioni che quella dell' infallibilità del papa travagliano 
la coscienza della cristianità e dell' mnanità. £d è questa forse 
non 1' ultima delle ragioni per le quali 1' opera del Langen trovò 
poco favore nel pubblico. 

A. C. 



— 142 — 

0. Seeck, Dk invperatorischen Acdamatvmen im viertm JaJirhtmderl, 
estratto dal liheinisches Mmeum fur PhiUdogie, Nuova Serie, 
voi. XLVm, 196-207. 

L'autore combatte con validi argomenti un'opinione del Des- 
seau intomo alle acclamazioni imperatorie (cfr. Ephemeris epp- 
graphica, Vii, p. 429) fondandosi specialmente in un documento 
che dal Dessau era stato quaei interamente trascurato, cioè sul- 
l'editto di tolleranza di Galerio. Egli esamina la tnacrtp^tò del- 
l'editto, dà ragione del trovarsi in essa i nomi solamente di 
Galerio, di Costantino e di Licinio e sottoponendo ad acuta e 
rigorosa critica il testo greco conservatoci da Eusebio lo concorda 
e lo integra felicemente in più punti ricostituendolo nella sua 
forma primitiva. Dalle conclusioni del Seeck lo storico della chiesa 
e il biografo di Costantino risulterebbe ancora una volta interpo- 
latore e falsario di documenti, avendo in quella inscriptio dei ti- 
toli di Galerio soppresso quello di Bnianmcus tnaximus II e sosti- 
tuito quelli di 'AtYUTCìtaxò^ jiéYtoxo^, ©rjpatxòg ^i'^io-zo^. 

Ma come mai il Seeck dopo questa e dopo le tante altre fal- 
sificazioni e menzogne di Eusebio da noi dimostrate e da lui am- 
messe può chiamare Eusebio e dieser gute Mann und schlechte 
Gheschichtschreiber? » Buon uomo in che senso? Il fatto ormai in- 
discutibile di aver egli professato e praticato la massima che nel- 
l' interesse della propria religione si può mentire, ci sembra esclu- 
dere ogni bontà vera e tanto più la bontà in senso cattivo. 

A. C. 

E. Piva, La guerra di Ferrara del 1482, periodo primo: VaUeama 
dei Veneziani con Sisto IV, Padova 1893, in-8, p. 123. 

E un lavoro degno di nota si per l'argomento in sé, si per 
lo svolgimento che l'autore gli ha dato, e come lavoro giovanile 
ci pare buona promessa di cose migliori. Il Sig. Piva è stato di- 
ligente assai nella ricerca dei documenti, e degli autori che ri- 
guardano questo periodo, onde il suo libro è ricco di buone no- 
tizie, importanti non solo per la storia ferrarese, ma anche per 



— 143 — 

quella d'Italia negli ultimi anni del secolo XV. Diligente puro 
ed accurato è lo studio delle causo che hanno preparata e fatta 
divampare la guerra; ben delineato il carattere e la politica di 
Sisto IV. Dei documenti sarebbe stato bene forse fare un ap- 
pendice in fine. Avremmo anche desiderato che delle fonti che 
cita, come lo Zambotti, il Frizzi, ci avesse dato un giudizio e ci 
avesse detto qual valore abbiamo. Cosi di un documento del 1191 
avremmo voluto sapere per quali ragioni debba ritenersi a\i- 
tentico. 

C. A. 

Francesco Ferri, Bazze umane ed attitudine aUe aHi bette, Lucca 
Tipografia Giusti 1893, con cinque carte. (Estratto dal voi. 
XXVlLl degli Atti delia E. Accademia Lucchese di Scienze, Let- 
tere ed Arti), 

In questa sua memoria il prof. F. Ferri si propone di trovare 
in base alla proporzione del numero di cultori di arti belle, T at- 
titudine artistica delle varie razze abitanti la nostra penisola : 
ed è venuto alla conclusione che il primato nelle arti rappre- 
sentative, nell' architettura, nella poesia spetti agli Etruschi , a 
cui seguirebbero immediatamente nelle suddette arti i Veneti e 
gli Umbri, i quali avrebbero poi il primato nella musica. Non 
affatto privi del senso del bello sarebbero i Liguri ^ ed ultimi nella 
scala verrebbero gli Osci, i Messapi e gli Iapigi. 

H concetto deU' autore ci sembra buono in fondo, e sarebbe 
corto interessante il poter ristabilire i caratteri, diremo cosi, in- 
tellettuali dei nostri antichi progenitori. L'impresa però ci sembra 
assai difficile e non ci pare che 1' autore abbia superato tutte lo 
difficoltà. 

Anzitutto egli ha troppo attenuati gli effetti delle invasioni 
barbariche in Italia; e, per cominciare dalla più antica, ci sembra 
oh' egli abbia torto quando afferma che i Celti poca influenza eb- 
bero sugli abitanti della Cisalpina, avendola, dice V autore, occu- 
ltata nel rV secolo avanti Cristo ed essendo stati superati dai 
Romani un secolo e mezzo dopo. Egli suppone che i Romani ab- 



— 144 — 

biano fatto rivivere gli antichi elementi etruschi a danno dei Celti, 
ma noi crediamo che questi elementi all' epoca della conquista 
romana fossero già estinti, e la parto settentrionale d'Italia, ad 
eccezione del Veneto, fosse completamente gallicizzata. Quanto alla 
sovrapposizione dei Goti e dei Longobardi essa fu più profonda 
che V autore non creda, né i Goti e i Longobardi rimasti furono 
eo&ì pochi come sembra al prof. Ferri . Oggi ancora buona parte 
della nobiltà dell' Italia Centrale è di origine tedesca. 

Egli trae argomento delle attitudini artistiche delle varie razze 
dal fatto che molti piccoli paesi furono la culla di pittori, seni- 
turi, poeti. Ma doveva osservare che questi piccoli paesi fanno 
fciempre corona ad un centro notevole, a Firenze per es. od a Ve- 
nezia : ed è in questo caso V attrazione del centro che produce 
gli effetti notati dall' autore. Ha tenuto inoltre poco conto del- 
r aittbiente, delle scuole che si formarono, delle condizioni poli- 
tiche stesse, ed il buon gusto toscano che 1' autore ritrova an- 
vhfh nel barocchismo di nuovo invadente ai nostri giorni, non è 
per noi che un effetto, e non già la causa, della fioritura artistica 
dèi buon tempo. Ed a proposito della musica, 1' autore ha osser- 
vato che dimostrerebbero speciale attitudine gli abitanti di « una 
limga striscia di territorio, che partendo delle rive meridionali 
dei laghi Lombardi e comprendendo la regione bassa della Lom- 
bardia e dell' Emilia va a terminare nell' Adriatico, poco al di 
sotto di Ancona. » V. pag. 36. 

L'autore doveva osservare che su questa zona abitano razze 
diverse, discendenti di Celti, Veneti, Umbri a cui più che in 
ali re parti d' Italia si sovrapposero le razze tedesche; eppure que- 
ste razze diverse avrebbero questa nota comune dell'attitudine 
alia musica. E questo ci sembra un argomento contro la tesi del 
prof. Ferri. 

Noi crediamo inoltre che troppo siano stati cancellati gli an- 
tichi caratteri etnografici per poterli facilmente dalle opere ar- 
ti s*tiche e dalle attitudini delle popolazioni italiche odierne desu- 
mere. Dobbiamo del resto lodare la pazienza e la diligenza im- 
piegata dall' autore nel ricercare colla maggiore esattezza che gli 
era possibile il numero degli artisti fioriti nei diversi rami dello 



— 145 — 

arti belle per ogni regione d' Italia ; e poiché indubitabile è V im- 
portanza di questo lavoro statistico sarebbe desiderabile che V au- 
tore pubblicasse gli elenchi di questi artisti classificati secondo 
la loro patria e le opere loro. 

C. A. 

H. NissEN, Der Verkehr zwischen Chhia und deìn Ronnschen lieichfj 
discorso tenuto nella festa in onore del Winckelmann il 9 Di- 
cembre 1893 in Bonn. 

Il tema non potrebbe essere più attraente. In varie occasioni 
si è parlato di oggetti chinesi trovati in Assiria od in Egitto e 
di monete romane rinvenute in Cina ; tuttavia si trattava o di va- 
ghe notizie o di asserzioni sbugiardate, più tardi, da una sana 
critica. Tutto quanto di vero e di serio esiste in tale questione 
è trattato ora dal valente professore di Bonn (ben noto a noi ita- 
liani sopratutto per il suo egregio libro « Italische Landeskunde i 
e per un altro non meno pregevole dedicato agli studi Pompeiani) 
che con quella facilità che è propria degli uomini dotati di vero in- 
gegno passa agevolmente da un soggetto ad un altro. Il Nissert 
traendo partito degli studi del Hirth, un tedesco già allievo del 
Ritschl e del Haupt, ora residente in Shangai, autore di uno 
studio sulla porcellana cinese nel medio evo e di una traduzione 
e di un commento di quelle pagine degli annali imperiali chinesi 
in cui si discorre delle relazioni tra la Cina e l'Occidente ed 
il « Ta-tsin » ossia 1 impero romano, coglie F occasione di studiare 
minutamente di quale natura questi rapporti fossero e per quali vie 
i commercianti romani giungessero nella Cina, dove si portassero 
si lavorassero i filati di seta portati da quelle regioni. Che dalla 
Cina nell' antichità sieno state portate porcellane che vennero tro- 
vate in Egitto e nell' Assiria è falso ; ormai è chiaro che si tratta 
di mistificazioni, ma è certo che nella Cocincina si trovò un 
grosso bronzo di Massimino I, che a Calcutta si scoprirono aurei 
del tardo impero e che di questi se ne trovano pure in varie 
coste dell'India e nell'Isola di Ceylan. Il Nissen con garbo fa 
la storia degli abiti serici e della seta che già si trova ricordata 



— 146 — 

da Nearco, il ben noto ammiraglio di Alessandro Magno, e che 
da quel tempo in poi si tessè ad Alessandria e a Tiro, ed espone 
le opinioni degli antichi intorno ai Seri e Cinesi. E interes- 
sante adesso sapore perchè mentre i Romani da un lato giimsero 
ad avere notizie sicure intorno ai Cinesi (per quel che pare anche 
rispetto dell'esistenza della famosa muraglia v. Amm. Marc. 
XXin. 6. 64) dair altro canto non riuscirono a comprendere che 
il paese dei Seri ossia della seta era una sola cosa con la Cina. 
Questo onore come fa bene osservare il Nissen ebbe una notevole 
efficacia sull'animo di Cristoforo Colombo allorché andava in cerca 
delle Indie. Rispetto agli annali ufficiali cinesi apprendiamo varie 
curiose notizie, come ad es. ai Seri fossero giunte notizie parte 
esatte, parte favolose, interno alle provincie orientali dei Romani, 
alle loro vie militari ete. In un resoconto del II secolo a. C. fra le 
altre cose si dice che i Romani battevano monete d' argento delle 
quali 10 equivalevano ad una d'oro, che commerciavano con i 
Parti e gli Indi e si afferma, ciò che sarebbe desiderabile eh© 
i forestieri dicessero anche dei commercianti moderni, che i Romani 
contrattavano onestamente e che non facevano mai due prezzi. 
Cosi ci si fa sapere che le relazioni dirette fra i Romani ed i 
Cinesi erano rese difficili dai Parti etc. 

Molte altre preziose informazioni raccoglie il Nissen intorno 
a tali relazioni. Chi sia desideroso di saperne di più legga addi- 
rittura la memoria dell' illustre professore e si troverà contento 
di avere appreso varie coso, delle quali forse per il passato aveva, 
come me, poche od oscure notizie. 

E. P. 

Diziofiario di antichità classica di Arturo Pasdera, con illustrazioni 
e carte, Carlo Clausen 1891-93, fascicoli tre. 

Da lungo tempo si sentiva il bisogno in Italia di un libro, 
che, fatto tesoro di tutte le nuove scoperte archeologiche e di 
tutte le ricerche critiche dei dotti, offrisse la più fedele imagine 
della vita degli antichi, riuscendo utile e grato ai maestri e agli 
scolari non solo, ma altresì a tiìtti gli uomini colti. Il prof. Pa- 



— 147 — 

sdera, or non è molto, si è accinto a qiiest' opera e almeno dai 
primi saggi sembra che ci sia riuscito; nonostante che nei 580 
articoli dei primi tre fascicoli venuti in luce egli abbia dovuto 
affrontare temi difficili in sé e fra loro disparitissimi, i quali ri- 
chiedevano vasta e profonda cultura letteraria, epigrafica e ar- 
cheologica. Neir artic. < Abitazioni » p. e. egli si pone ad inter- 
rogare le fonti por rintracciare la primitiva forma della casa, ne 
espone il graduale sv luppo artistico nella proistoria, sino alla 
costruzione delle bellissime abitazioni di stile puro della Grecia 
e di Roma; quivi pur egli fa notare come la nativa architettura 
italica per T influsso dell' arte ellenica si sia turbata, acquistando 
indirizzo nuovo e nuova grazia, ed abbia avuto finalmente la sua 
splendida fioritura nei sontuosi palazzi dell' età imperiale. Con 
pari larghezza di concetto e ricchezza di erudizione tratta la leg- 
genda di t Aeneas » : ne risale alla prima origine*, ne segue lo 
svolgimento in Oriente, il passaggio in Occidente col suo ulte- 
riore sviluppo e le sue variazioni, cosi nella tradizione poetica, 
come nell'arte figurativa. L'art. 'AxpÓTCoXt^, l'art, t Arcadia » 
e molti altri sono pure riusciti mirabilmente, tanto da sem- 
brare addirittura monografie. La silloge bibliografica poi messa 
in fondo a ciascuno articolo, oltre ad essere per so utilissima agli 
studiosi, porge testimonianza della diligente e lunga elaborazione 
di ciascuno argomento. Di più tutta questa materia arcaica, muta 
o fredda per la maggioranza degli uomini e che desta entusiasmo 
solo ai cultori veramente appassionati, trattata dal prof. Pasdera, 
con quel suo stile facile e ameno, sembra che si rianimi di vita 
nuova e riesce a tutti una lettura piacevolissima. Noi salutiamo 
quindi come felice avvenimento per gli Italiani amanti di cono- 
scere la vita, il pensiero, la cultura « di quei venerandi bisavoli 
del sapere che il greco o il latino parlarono » (Pasdera op. cit. 
fase. I. Avvertimento) la pubblicazione del < Dizionario di anti- 
chità classica b del prof. Pasdera, od anzi ])0Ì suoi moltissimi 
meriti desidereremmo che ossa pubblicazione avvenisse più rapida, 
tìe non sapessimo con gradimento che a tal proposito il professor 
Pasdera si è assunto alti'i lettorati collaboratori. Grande lode va 
pur tributato, al sig. Carlo Clauseu, il quale, come editore, ha avuto 



-- 148 — 

il coraggio di promuoverò e sostenoro quest'opera. 8})ecial lode 
poi egli marita per la nitezza dei caratteri o la s]>lendidezza delle 
incisioni, le quali illustrano mirabilmente il testo; tali pregi in- 
sieme colla correttezza tipografica e l'eleganza delle carte rendono 
cosi bella questa pubblicazione, da non aver nulla da invidiare 
alle migliori straniere. 

G. N. 

(r. Mazzatixti, Inventari dei Maìioscritti delle BiòUotecJie c^Italii, 
voi. ni. Forlì, 1893, pp. 246 in-8. 

Il ni volume di questa importante pubblicazione a cui at- 
tendo con tanto vantaggio degli studi V egregio prof. Mazza tinti, 
contiene descrizione e notizie dei Mss. delle seguenti biblioteche ed 
archivi: Bibl. delP Accademia dei Concordi di Rovigo; Bibl. co- 
munale, Bibl. Concina di Sandaniele del Friuli; Archivio excapito- 
lare e Bibliot. excapitolare di Cividale del Friuli; Bibl. comunale, 
Bibl. Joppi, Bibl. Florio, Bibl. Arcivescovile, Bibl. Bartolini, 
Bibl. capitolare di Udine; Bibl. popolare di Castronovo dì Sicilia. 

Luigi Cantarelli, Il vicariato di Bmta da Diocleziano aUa fine del- 
r impero occideìitaU, Roma 1894, p. 122, con una tav. geog. 

In questo libro il Cantarelli cerca di ristabilire V elenco dei 
governatori che amministrarono le provincie componenti nel IV 
e nel V secolo il vicariato di Roma. Per la diligenza, per la cura 
postavi, por la scolta delle fonti di cui Fautore mostra sapersi 
valere con molto acume critico, la memoria del Cantarelli è riu- 
scita un eccellente lavoro, lavoro importante por chiunque voglia 
occuparsi della storia del basso Impero in Italia. L'egregio scrit- 
tore dopo aver fatto il confronto dello provincie che formavano 
il vicariato suddetto nel 297 o di quello che lo formavano nel IV 
e nel V secolo passa a trattaro di ciascuna di queste ultimo e 
in baso principalmonto ai *monumenti epigrafici cerca di dare un 
clonoo cronologico dei corrretorcM r dei consukires che amministra- 
rono (Hiollo Provincie. A ])roposito della Tuscia o dell'Umbria 



r 



■ • J^ ;Vfc W" "T "* '^■'^'' . . " * ^ - ■ " ' *■ < " '"'*3 • ■ •^^•^'^^- :^^«r^-,^f*^rF 



— 149 — 

tratta la questione doli' iscrizione di Spello e combattendo tre 
nuove ipotesi, le quali contraddirebbero all' interpretazione del 
Mommsen, questa accetta e difende con ottimi argomenti. Cosi 
pure noi pienamente assentiamo alla sua opinione sull' ammini- 
strazione della Sardegna e della Corsica eli' egli crede divise fin 
dal 297. Infine il lavoro, come abbiamo già detto sopra ci sembra 
in ogni sua parte assai buono, e noi non possiamo che lodare la 
diligenza, l'acutezza di cui l'autore dà prova. 

C. A. 

Maurexbrecher Bertoldus, C. SaUusti Crispillistoriarum reliquiae, 
fase. II: fniqmentaj argunierUts, ccytnnientat'us, apparati* critico 
imtructa, ^psiae, Teubner, MDCCCXCni, p. XXn, 311. 

Divenuta insufficiente la vecckia edizione dei frammenti di 
Sallustio del Dietsch, sopra tutto per la poca esattezza critica, 
con cui era condotta, e per la posteriore scoperta di varii altri 
frammenti, vivamente sentito era il bisogno di una nuova edi- 
zione critica in cui si i^ccogliessero ed illustrassero tutte le re- 
liquie Sallustiane. 

Il Maurenbrocher si accinse, anni or sono, all'importante la- 
voro e nel 1891 pubblicò un primo fascicolo contenente i Frolego- 
nieìut alla sua edizione, che ora si presenta graditissima agli 
studiosi. Se i Prokgometia ebbero qualche meritata censura, so- 
pratutto per il trattare che si fa in essi di quistioni che non 
hanno stretta attinenza all'argomento e per una conoscenza tal- 
volta imperfetta della bibliografia delle quistioni medesime; piena 
lode dove darsi all'edizione dei frammenti Sallustiani, che forma 
il secondo fascicolo dell'opera del Mauronbroclier. Il quale non 
solo ad ogni frammento ha fatto seguire un sufficiente commonto 
storico, coi raffronti di altri scrittori; ma altresì una compiuta 
illustrazione filologica. I nuovi frammenti pubblicati dal M. se- 
condo le scoperte fatto dal Dietsch in poi ascendono a oltre 30 ; 
importantissimi sono fra gli altri quelli che si trovano in Firmico 
Materno (Mathcs. I, 3^ e che al M. sono stati comunicati dal- 
l' Usenor. All'edizione dei frammenti seguono tre appendici (sui 



— 150 — 

frammenti creduti a torto Sallustiani, sull'ortografia di Sallustio, 
8U alcune quitìtioni relativo alle guerre Sertorica e Mitridatica) 
e bon tre indici accuratamente condotti. 

A. M. 

Gaetano Capasso, La elezione di M. Pietro Bembo al cardùiaìato, 
1538-39^ Venezia, 1893 (estr. dal Nuovo Archivio veneto, tomo 
VI parte I) pp. 16. 

L'A., € sulla scorta di alcuni, purtroppo scarsi documenti, 
cho ha potuto rintracciare negli Archivi di Stato di Parma e 
Venezia », racconta in quali circostanze ebbe luogo la promozione 
del Bombo al cardinalato, e qual parte vi hanno avuto la corte 
pontificia ed il governo della Serenissima. Egli dimostra cho M. 
Ludovico Beccadelli s' ingannava scrivendo nella Vita del Bembo 
che la Rep. di Venezia avesse rimesso la scelta del giudizio al 
papa, per liberarsi dalla rossa dei molti aspiranti, e che dal 
governo veneto fosse voluta la nomina del Bembo. Sta in fatto 
che essondo prossima la creazione di nuovi cardinali, verificatasi 
poi nel 1538-39, la Serenissima insistette presso Paolo HI per- 
chè fosse eletto Zaccaria Garzoni nobile veneziano, cav. geroso- 
limitano e segretario apostolico, il quale oltre essere suo suddito 
prometteva di armare a proprie spese in servizio della Repubblica 
cinque galee sottili. Essendosi il pontefice opposto risolutamente 
perchè sosteneva, a torto, che la Repubblica se altre volte avea 
chiesto il cappello per alcuno de' suoi nobili, s' era però ben guar- 
data dal designar nomi, ed anche perchè il Garzoni avea j)reco- 
den temente tentato di conseguire il cappello per simonia, la Re- 
pubblica desistette da ogni pratica e prese un' attitudine di piena 
indifferenza dinanzi alle nomine imminenti. Avendo poi il Papa, 
per le sollecitazioni e le preghiere di eletti ingegni, cui tardava 
troppo di veder onorato della sacra porpora un uomo come il 
Bembo, nominato costui cardinale (24 marzo 1539), il governo 
veneto, a elezione compiuta, fece le congratulazioni al nuovo 
eletto e ringraziò il Pontefice unicamente per doverosa cortesia. 
Il Gian poi avea già dimostrato che il Bembo, mentre ringra- 



•^V:.i^^~ 



7^ ^-,srfr »". 



— 151 — 

ziando scriveva a Paolo III d' essere stato eletto non solo senza 
volerlo , « ma neanche pensandolo » , desiderava invece da molti 
anni il cappello cardinalizio, eh' era stato uno de* sogni suoi più 
cari e più insistenti. 

D. R. 

Giovanni Sforza, Mugàhtd e. le sue imprese contro la Sai-degna e 
Limi (1015-1016), nel Giornale Ligustico, Genova 1893, Fa- 
scicolo in e IV, p. 134-156. 

E un lavoro interessante tanto per il personaggio che studia, 
quanto per il modo onde ce lo presenta, spogliato cioè della sua 
veste leggendaria in cui eravamo abituati a vederlo in tutti gli 
storici fino all'Amari. La vita di Mugàhid fino alla sua cacciata 
dalla Sardegna vi è ritessuta sulla scorta degli scrittori arabi e 
dell'Amari stesso, con felici risultati; la sua azione sull'isola x^- 
dotta agli anni 1015-1016, secondo le stesse memorie pisane più 
antiche, come il Marangone e il De Beilo Maioricano. Sarebbe però 
stata desiderabile una maggiore esattezza nel trattare e ben di- 
stinguere alcune questioni, come ad es. al paragrafo II, stabilire 
quanto hanno di comune e quanto di distinto la narrazione di 
Thietmarus relativamente a Luni, e quelle degli scrittori arabi e 
dei cronisti pisani riferentesi all' impresa di Sardegna, come avea 
già cominciato a fare l'Amari; con che l'autore avrebbe evitato 
la confusione che nasce nel suo lavoro dall' aver egli riportato 
senza distinzione alcuna le due narrazioni come riguardanti un 
unico e stesso fatto. Il che se è accertato per certi particolari, non 
si può ancora dire lo stesso dell' argomento principale ; ciò che anche 
lo Sforza mostra di credere al paragj. IV, ove, seguendo l'Amari, 
dice che Mugàhid, occupata la Sardegna prima della vittoria su 
Makft, fece una scorreria sulle coste saccheggiando Luni. E, amos- 
s£r la dualità del fatto, troppo .recisa ci sembra l' asserzione che 
autore dell' impresa di Luni fosse proprio Mugàhid ; il che sebbene 
ragionevolmente si possa per ora credere come la migliore ipotesi, 
secondo che fece l' Amari per la coincidenza del tempo , tuttavia 
ci pare che non possa essere affermata in modo assoluto, non es- 



— 152 — 

sendo punto dimostrato che il rex saracenm del Vescovo di Mer- 
Hoboiirg sia proprio Mugetto. Il cenno sul preteso possesso della 
Sardegna concesso dai papi a Pisa, quantunque si fosse potuto, 
e ben a proposito, estendere fino a dimostrare il non interrotto 
dominio pontificio sull'isola, di cui i documenti sardi fino dalla 
prima metà del sec. XI danno ampia e sicura prova, pure, seb- 
bene un po' disordinato, nella sua brevità è abbastanza conclu- 
dente. Anche 'pev quel che riguarda l'esposizione della leggenda 
pisana e genovese formatasi appresso intorno a Mugàhid, il la- 
voro non lascia nulla a desiderare. E poiché l'autore tocca in 
proposito dell'iscrizione che è sulla facciata del Duomo pisano, 
non sarebbe stato fuor di luogo intrattenervisi con un po' più di 
accuratezza. In generale po.s8Ìamo dire che lo scopo principale, di 
determinare cioè quanto v' ha di leggendario e quanto di storico 
intorno a Mugàhid, l'autore l'ha conseguito; ma, alcune questioni 
che alla sua storia si connettono rimangono o insolute o non trat- 
tate con tutti quegli argomenti che una più diligente critica poteva 
somministrare. 

G. V. 



A. Crivellucci, Direttore responsabile. 



OrTO GiiNTHEU, Be'traye zar Chroìmlogle (kr Bri^fe dea 
Papstes Hormisdì, noi Sitzungsber, der kuis. Aka- 
dfmie d'ir Wissitisch.iften in ìVicn, 18^2, philos.-hist. 
CI. CXXVI, p. 50 pag. 137 

Mexgozzi LisiNi, Frammmto di u:iii Cro)utrJìetia Se- 

mse d' anonimo di sscolo X/T, Siona 1893. . . » 133 

Etdre CiroTTi, Aujiiitui, dal Dizionario Epigrafico di 

Ettore De Ruggero, Roma 189-1: » 139 

Joseph Langen, Geschichte der roemiichen Kircìie von 
Gregor VII bis Tnnoeejiz III, Bonn 1893 in- 8 
gr. p. Vni, 720 • . . . » UO 

O. Seeok, Die imperatoriscken Acnlamationen im riertm 
Jahrhundert, estratto dal liJieiniscJies Mmeum fiir 
Philologie, Nuova Serie, voi. XLVIII, 196-207. » 142 

E. Piva, La guerra di Ferrara del 1482, periodo primo : 
U alleanza dei Veneziani con Siato IV, Padova 1893, 
in-8, p. 123 » U2 

PuANCESGO Ferri, Bazze umane ed attitudine alle aiii 
belle, Lucca Tipografia Giusti 1893, con c'nquo 
carte. (Estratto dal voi. XXVIII degli Atti delia 
IL Aceadvnia Litcehese di Scienze, Lettere ed Atii) . » 143 

H. NissEX, Ber Verkéhr zwischen China und dem Blhni- 
òchen Beiche, discorso tenuto ne' la festa in onoro 
del Winckelmann il 9 Dicembre 1893 in Bonn. » 145 

Dizionario di a/Uichitì classica di Arturo Pasdera, con 
illustrazioni e carte, Carlo Clausen 1891-93, fa- 
scicoli tre » 146 

Cf. Mazzatinti, Inventar! dei Manoscritti delle Biblio- 

tccJie (fltali.t, voi. UE. Porli, 1893, pp. 246 in-8 . » 148 

Luigi Cantarelli, Il vicaricUo di Botila da Diocleziano 
alla fine ddVimpero occiientaìe, Roma 1894, p. 122, 
con una tav. geog » 148 

Maurenbrecher Bertoldus, C. SaUusti Crispi Ilisto- 
riarwn reliqniae , fase. II: fraqmeìUa, argumentis, 
cotnmentariis , app.iratu cntico instructa, Lipsiao, 
Teubner, MDCCCXCm,, p. XXH, 311 .. . d 149 



Gaetano Capasso, Iai elezione di M. Pietro Bembo al 
cardinalato, 1538 39, Venezia, 1893 (ostr. dal 
Nu7vo Archivio veneto, tomo VI parte I) pp. 16 . pag. 150 

Giovanni Sforza, Mugàhd e le sue imprese coiUro la 
Sardegna e Lum (1015-1016), nel Giornale Ligu- 
stico, Genova 1893, Fascicolo HI e IV, p. 134-153. » 151 

Il periodico esce in fascicoli trimestrali di circa 125 pa- 
gine r lino. Quattro fascicoli formeranno un volume non 
inferiore a 500 pagine. "" 

L'abbonamento annuale costa L. 16 

Un fascicolo separato » 5 

Gli abbonamenti si ricevono presso l' editore E- Spoerri, 
Pisa, e presso i principali librai .d'Italia. 



\ Ubri dei quali si desidera 1' annunzio debbono essere 
inviati : 
se di Storia Antica, al 

Prof. Ettore Pais 

Lungarno -Mediceo^ 23 
PISA 
se di Storia del Medio Evo e Moderna, al 

Prof. A. Criveliacci 

Lungarno Galileo^ 20 

p:sa 

Pubblica done recente: 

ETTORE PAIS 



STORIA D'ITALIA 

DAI TEMPI PIÙ ANTICHI 
SINO ALLE GUERRE PUNICHE 

Parte prima: Storia della Sicilia e della Magna Grecia. 

A^olume I. — Torino-Palermo, p. XVI-623. — L. 16. 

Livorno, coi tipi dogli Studi StorirÀ. 



STUDI STOKICI 



PERIODICO TRIMESTRALE 

DI 

AMEDEO CRITELLUCCI 

E DI 

ETTORE PAIS 

PROFESSORI ORDINARI NELL' UNIVERSITI DI PISA 



VoL.m — Fasc.U 




PISA 
ENRICO SPOERRI EDITORE 

1894 



INDICE DEL SECONDO FASCICOLO 



STUDI STORICI 

A. Pirro, Dei inagistrati Eponimi dei Greci avaìtti la 

dofninaziane romana pag. 153 

G. SiMONETTi, / diplomi langóbardi deW Archivio Ard- 

vescovile di Lucca » 189 

A. Mancini, La pretesa Oratio Constantim ad Sancio- 

rum Coetum . > 207 

F. MuciACCiA e A. Pellegrini, DocumetUi inediti rela- 
tivi alla caduta di Paolo Guinigi Signore di Lucca . . > 229 

E. Pais, LUorno alia genesi della leggenda di Corio- 

lano - > 263 

RECENSIONI 

losEPH Reinach, Becueil dea Instructioìis données aiix 
atnbassadeurs et Mitustres de Frutice depuis les Traitus 
de Westphaliejmqi^ a la Revolution fran^nise: Naples et 
Parme, Paris, F. Alcan, 1893, pp, CLXXXVI-252 
in 8.^ — D. Rondini » 283 

De Linocentio V Eoìnano Po^Uifice disserlatio historica 
Laureti Carboni ProtonotarU Apostolici, Romae, 
ex typographia polyglotta, MDCCCXCIV. — A. 
Abruzzese » 287 

Continua nella 3." pagina. 



STUDI STORICI 



DEI MAGISTRATI EPONIMI DEI GRECI 
AVANTI LA DOMINAZIONE ROMANA 



Quando e come sorgesse negli Stati Greci la consuolinlmo 
<li assegnare la data ai documenti pubblici o privati, sarri o 
no, mediante un eponimo, non si può stabilire con sit'iir*v^a 
storica, nulla ricavandosi a questo proposito né dai t^^sti l^f,- 
terarj, né da quelli epigrafici. E non soltanto non si rirsr<^ :i 
determinare esattamente il tempo e l'origine di tale istitu/iniip. 
ma neppure il modo, con cui essa si sviluppò, poiché di n::iii 
stato non si hanno tutte le iscrizioni, né tutte con data rtniii, 
da poter fissare dove prima e dove dopo si segnassero p: li (*iin- 
nimi con scopo cronologico. 

Per tanta scarsità di notizie non possiamo, a spieg-uvi la 
genesi di quest'uso, che pure ebbe cosi grande diffusinjK' ìii 
Grecia, se non tenere una via indiretta e congetturale, A uni 
sembra di non andar molto lontano dal vero suppo^^/nfi^J 
che tale sistema di determinare Tanno derivasse dall' (*s<'nj- 
pio, che a questo rispetto già offriva T Oriente. É notr^ rlH» 
nelle iscrizioni delle monarchie orientali |si solesse pnijv il 
nome del re e 1' anno del suo regno, perciò non ci parr iiii- 
probabile che i Greci, quando sentirono la necessità dì <!:iro 
ai documenti un valore cronologico, segnassero il noun dol 
re, al tempo delle monarchie, e poi quello di im raagi^^fralo. 



* Dell' eponimia in Grecia durante la dominazione romana ci iMofii»^ 
niamo di parlare altra volta. Dell'argomento da noi preso a trattili r h' v 
occupato, per quanto sappiamo, solo lo Gnaedinger, De Graecorifnt mu- 
gistratibiis epony mis quaestiones epigraphicae selectae, Argentoruti, ì^'J'j, 



— 164 — 

sacro o civile, quando il governo ria monarchico prese forma 
repubblicana, o quando, come a Sparta, i re perdettero gran 
parte dei diritti e degli onori, che prima avevano. Del resto, 
divenute annue le principali magistrature dei varj Stati, era 
natxirale, la cosa s' impone vada sé, che, per la determinazione 
dell'anno, si facesse il nome di un magistrato dello Stato. 

Merita inoltre d'esser notata qui la lista degli eponimi assiri, 
che va dal 911 al 660 a. C. secondo il calcolo dello Smith,* 
cioè sino al regno di Sardanapalo." Il re, come si rileva da 
tale lista, almeno sino a Tiglat-Pilesar II (743 a. C), è sem- 
pre l'eponimo del primo anno del suo regno.* Il Rawlinson* 
vide in quei nomi, che si succedono in una serie non inter- 
rotta, tanti sacerdoti supremi, il cui ufficio mutava annual- 
mente come quello degli arconti ateniesi o dei consoli romani. 
Certo non si può negare che fra questi e gli eponimi assiri 
esista una certa analogia; ma non osiamo asserire che pro- 
prio in tale istituzione si debba trovare V origine prima del- 
l' eponimia di Grecia. A noi basta 1* aver fatto notare che in 
tempi cosi lontani esisteva già in Assiria V uso d* indicare 
r anno dal nome di chi copriva una carica neir impero. 



* Berliner Aegyptìsche Zeitaehrift, 1869. 

' Dai titoli che portano questi eponimi, cioè il capo degli eunuchi 
o della guardia del corpo, i diyersi governatori deUe provincie, si argo- 
menta eh' essi ayeyano le più alte cariche dello Stato. Il Lepsiub, U^>er 
den chronology9chen Werth der cutsyrischen Eponymén und einige Bf 
rUhrungapunkte mit der ciegyptischen Chronologie, Berlin, 1869, p. 33, crede 
che se quegli furono ecciti dal re ad eponimi dell'anno, ciò può eesere 
stato tine vom KCnig ertheilte Auszeichnung dieser Ptrsonen, 

* Salmanassar li si trova due volte come eponimo, nell' 858 a. G. , 
cioò al principio del suo regno, e all' 828 a. C. dopo 30, forse per festeg- 
giare, come suppone il Lepsius {op, cit. p. 34), il suo giubileo, compren- 
dendo 60 anni il Sossos, che era a base del ciclo assiro. 

* Athendum, 1862. V. intomo a questo Canone di eponimi anche 
Oppert, Inscriptionn nssi/rìennes des Sargonides, 1862, e Fritz-Hommel, 
Oeschichte Bahi/loniens und Assgriens, Berlin, 1885, p. 486 sg. 



^w^m^vwTl' Ji «"^{^ '''^y^rir^'^^^^^^^^j^ì^ 



— 155 — 



Come^ per quel che s' è detto, regna grande oscuriti in- 
tomo air istituzione degli eponimi considerata in generale, cosi 
non poca incertezza v'è rispetto alle singole magistrature epo- 
nime degli Stati greci. E per cominciare dagli Efori di Sparta, 
diciamo, dovendo qui occuparcene solo in quanto erano eponimi, 
che probabilmente al tempo del re Teopompo nel 757 a. C. 
diedero per la prima volta il nome air anno.* Il Boeckh* è d'opi- 
nione che essi cessassero di essere eponimi quando Cleomene 
III, tolti di mezzo gli Èfori,* istituì i 7^aTpovó|iot.* Ma bisogna 
non trascurare il fatto, che, vinto Cleomene a Sellasia da An- 
tigono, gli Efori tornarono in onore. Antigono, impadronitosi 
di Sparta, ridiede a questa 1' ordinamento politico di prima.* 

Dagli Efori di Sparta crediamo di poter affermare che 
derivassero gli Efori eponimi di Tera, di Cirene, e d'Eraclea 
in Siride.* Per quel che riguarda Tera si sa che fu una co- 
Ionia Spartana,' e a sua volta fondò Cirene," la quale Iso- 
crate* dice colonia lacedemonia, tenendo conto che Sparta 
appunto era la metropoli di Tera. É noto che i coloni greci 
portassero con sé nelle nuove sedi la maggior parte delle pa- 
trie istituzioni. Cosi ad Eraclea in Siride il magistrato eponimo 
è r eforo, perchè fu fondata dai Tarantini, coloni di Sparta.'* 



• V. Abistot., Poi. V, 9, 1. PoLYB., VI, 10; Vin, 10; Plut. Lyc. e. 7. 
CiC. De Eepubl, n, 33, 58. v. Schabfer, De Ephoris Lacedaemoniis, 
Llpsiae, 1863, p. 10. Cfr. Feick, De Ephoris Spartanis, GStting, 1872, p. 15. 

• C. I. G. I, p. 605. 

• POLTB., n. 47, 3; cfr. IV, 81. Plut., Cleom. e. 3, 10. 

• Paub. n, 9, 1. 

» PoL"XB., II, 70, 1; Plut., Cleom. e. 30. 

' y. la Ihvola dei magistrati eponimi, ohe poniamo appresso. 

' Strab. X, p. 484 C. Cfr. I, p. 57 C; Vm, p, 347 C; XVn, 
p. 837 C. 

■ Herodt., rv, 155; Paus., X, 15; Pind., Pt/th. IV; Strab. X, 
p. 484 C; I, p. 57 C. 

• npòg *at7CTCov, p. 83 C. 

*** DiOD. XII, 36. Cfr. Strab. VI, p. 264 C. Efori, secondo che atte- 



— 156 — 

Con gli Efori di Sparta già Aristotele/ Eforo/ Cicerone" 
paragonarono i xóojiot eponimi di Creta.* Il MiiUer' non trova 
esatto il paragone, considerando che i Cosmi appartenevano 
a nobili famiglie,* gli Efori invece al popolo;' più che agli 
Efori trova simili i Cosmi ai re di Sparta. Certo se si bada al 
carattere aristocratico dei Cosmi , che si sostituirono alla di- 
gnità reale, il Miiller ha ragione: ma a noi pare che non si 
abbia torto a paragonarli agli Efori tenendo conto deli' uffi- 
cio, che avevano e gli uni e gli 'altri. Ma lasciamo da parte 
questi paragoni, poiché, anche provata la perfetta identità del- 
l' una istituzione con l'altra, non risulta da ciò come necessaria 
conseguenza, che gli Efori derivassero dai Cosmi: è probabile 
che indipendentemente prendessero lo stesso sviluppo, essendo 
dori e i Cretesi e i Lacedemonj, ed essendo cosi i Cosmi c>ome 
gli Efori sorti per un medesimo bisogno, di porre cioè un freno 
air autorità reale, a cui poi finirono col sostituire la propria. 
La loro stessa posizione doveva portare tanto i Cosmi quanto 
gli Efori al punto, a cui arrivarono. 

Come a Sparta gli Efori divennero' più potenti dei re, e a 
Creta i Cosmi entrarono al posto dei re stessi, cosi i magistrati 
eponimi di Corinto. V è ragione di credere che l'eponimo a 
Corinto, prima di chiamarsi t pritane • , serbasse il nome stesso 



Bta Polibio (IT, 4; lY, 31, 2), erano anche in MesBenia; non si ricava 
però 86 fossero o no eponimi (cfr. Tittmamn, Darstellung der griechischen 
Sfaatsverfassungen, Leipzig, 1822, p. 369) 

* PoL U, 7, 3. 

• Presso Strab., X, p. 482 C. 
» De Repttbl. II, 33. 

* Dei TLÒaiiO', eponimi di Creta, lo Gxasdinoer, non sappiamo per 
quale ragione, non parla affatto. 

» Die Dyrìer, Breslau, 1844, II, p. 125. 

• Arist. PoL II, 7, 5. 

' Gli Efori infatti dagfli antichi furono messi a confronto coi tribuni 
deUa plebe; v. Cic, De Legibiis, HI, 7; Val. Max., IV, 1. 



F 



— 157 — 

(iel re, ^otXeu^. Ciò, come ha osservato, non è molto, il Busolt/ 
è provato dal fatto che a Megara, colonia di Corinto,' il ma- 
gistrato eponimo portava il titolo paatXeó^.* E questo stesso 
titolo noi troviamo avere avuto V eponimo di Calcedone^ co- 
lonia megarica/ come pure quello di Chersoneso, colonia di 
Eraclea Pontica,* la quale fu fondata dai Megaresi insieme 
col Beoti.* Solo dopo la caduta della tirannide a Corinto il 
magistrato eponimo fu chiamato izpùx(x,yi<; , il che si argomenta 
dall' essere un pritane come eponimo nella colonia corinzia 
Anactorio.' Questa fu fondata da un figlio di Cipselo, perciò 
è certo che, non avendo quegli portato colà un magistrato 
eponimo con un titolo del governo aristocratico, il pritane ap- 
partiene al tempo dopo Cipselo ; lo stesso dicasi del pritane di 
Corcira," altra colonia di Corinto.* Oltre che nei luoghi ora 
nominati è eponimo il pritane a Colofone, a Teo,'" a Perga- 
mo, a Gambreo, nelle città Lesbiche, a Chio, a Reggio," ma 



* Die korintiHchen Prt/tanep^, Hermes, XXVIII (1893), p. 318. 
" Paus. I, 39. Strab. IX, p. 393 C. 

* V. la nostra Tiwola, 

* Herodt. IV, 144. Thuc. IV, 75. Strab. VII, 220. V. la Tavola. 

' * Strab. VII, p. 308 C; XII, p. 542 C. V. la Tavola, Lo Gnaedin- 
GER, op. cit., p. 33-36, esclude che a Chersoneso fosse eponimo il icpoai- 
ai(ivo)v insieme col PaaiXeù^, come pure sostiene a ragione, secondo noi, 
che orl'oneamente 8* è creduto fossero eponimi di Megaia oltre il ^a^iXeóg 
anche lo axpoLZCLyÓQ e il ypa[i\3L0LZtù^, 

* DiOD. XIV, 31. Paus. V, 26, 7. Anche Samo^race ebbe per epo- 
nimo il ^aatXaùg. Non si conosce quale fosse propriamente T ufiìcio del 
gaotXeóg; il nome farebbe supporre che quegli serbasse parte dei diritti 
del re. Il titolo paoiXeóg richiama l'altro {lovapx^Gi eponimo di C:) e di 
Calyrana. V. la Tavola. 

' Thuc. 1, 55. V. la Tavola, 

* V. la Tavola, 

* Strab. VI, p. 209 C. V. Busolt, op. cit. p. 320. 

*^ Le iscrizioni dì Efeso, che pure ebbe il pritane per eponimo, sono 
delP età romana. 
" V. la Tavola. 



— 158 — 

perchè queste varie città avessero uno stesso eponimo non si 
può determinare. 

Più che le altre magistrature eponime è diffusa negli Stati 
greci quella di Atene, V arcontato. I mutamenti, che ebbe tale 
istituzione in Atene, sono ben noti dopo la scoperta dell' 'A*rj- 
vaf(ov TCoXuefa d'Aristotele; parlarne qui sarebbe fuori luogo. 
Rispetto al nostro argomento, si sa che nel 683 a. C. gli ar- 
conti divennero annui e che d'allora il primo arconte fu l'e- 
ppnimo dello Stato.* Come ad Atene era eponimo V arconte 
anche nella Doride, nelle città della Locride, della Focide,' 
della Lega Beotica,* oltre che a Ciò, a Nicea, nelle isole Andro, 
Ceo, Teno, Delo, Paro, Taso, Eubea.* È da distinguersi però 
l'eponimo della lega da quello delle smgole città; non di rado 
s' incontrano iscrizioni, in cui è segnato prima l' eponimo della 
lega e poi l'altro della città.* 



* DaU' *À^va£«>v noXvztict (e. 53) si ricaya che gli in<òvu|ioi xd^v ijXixi&v 
erano diversi dagli arconti. 

' Quanto a Delfo, mentre lo iscrizioni portano per eponimo V &px^^f 
Pausania (X, 2, 3) menziona un pritane: ^HpaxXsidou npuxavtóovtoc iv 
AsXfoig. Lo GXAEDINOEB (op, cit. p. 36) a questo proposito osserva: ^ Sed 
cum prytanes et pouXsTdg, qui etiam fipxovxtg appellantur, eosdem fuisso 
magistratoB prò certo possit haberi (c£r. Swoboda, Die griechiàchen Volka- 
beschlUsse, Leipzig, 1890, p. 88), non dubito quìn ille npuxavig quem 
exhibet Pausanias, intelligendus sit apx<ov , qui in titulis occurrit „ . Di più, 
giustamente giudica non esatta V opinione del Gilbert {Handhuch drr 
grkchischen Sfaatsalterthiìmer, Leipzig, 1885, II, p. 38) e dello Swoboda 
(op. cit, p. 88), che cioò i pouXsuxaC si aggiungessero anche in genitivo 
all'arconte per meglio determinare il tempo. E in vero in alcune iscrizioni 
dopo l' arconte s' indica il mese, e poi sono nominati i pouXsuTaC. *^ Quid 
hoc loco ubi monsis additur, pooXeoxaf ad tomporis signlficationom valeant, 
equidem non video „ (p. 36). 

' Circa i icoXifittpxoi, 1 po'.cDxdpxoi, magistrati civili, e gli dqpsSpia- 
xsóovxag, magistrati sacerdotali, che si trovano prescritti o sottoscritti a 
iscrizioni beotiche, e che non sono da tenersi eponimi, v. Gnaediicukr 
{op, ciL p. 29-32). 

^ y. por r iscrizioni di tutte queste città la Tavola, 

' Ad e». oTpaTaYéovcog xwv ^(omio^'^ 'Avxtóxo'j, àpxovxoc iv AeXqpotc 



— 169 — 

A Cizico troviamo per eponimo V tiCTcipyifj^,* Il Boeckh^ 
poiché in alcune iscrizioni è citato 1' dpywv allo stesso modo 
che r EiCTcàpxt];, cioè ini ipxovTO^ xoO 8., pensa che VliCTiàpyyiq 
fosse il capo del collegio degli arconti, t qui et àpycov et In- 
«àpxt]? vocari potuit ».* Lo Gnaedinger invece fa distinzione 
fra r Spxwv e V tTcwàpx^l?. Egli nota che V àpx<ov è menzio- 
nato semjwe insieme con quei pritani, che furono xocXXtà- 
Covxe^,* il quale ufficio assumevano i pritani dopo che erano 
usciti di carica, perciò crede Tàpxwv non già eponimo, ma 
un magistrato peculiare, « quo duce et auctore 2xaXX(aaav ii 
qui priore mense prytanes erant » .* 

Altra magistratura eponima, che, a giudicare dal nome, 
esercita un potere emanante dal popolo, è il 8if]|iioi>pYÌ;. Que- 
sti è eponimo di Ezio, di Samo, di Nasso, di Astipalea, di 
Nisiro, di Cnido;* non è certo se fosse anche V eponimo del 
xoivòv xfi)V *Axat©v- Da un'iscrizione, che porta nel postscritto 
ìtA 8a|itoupYfiiv..., non si vede bene se fossero aggiunti per de- 
terminare il tempo, o per indicare sotto quali magistrati quella 
deliberazione fu presa.* Vero è che anche da questi magi- 
strati, i cui nomi danno al documento, diremo cosi, una san- 
zione ufficiale, si può dedurre a quale tempo il documento stesso 
si riferisca: ma non possiamo perciò tenerli eponimi; altri- 
menti bisognerebbe credere eponimi tutti quei magistrati che 



KXsofflévtoc (Wescher-Foucabt, Inscriptions de Delphes, Parin, 1863, 
n. 90);Aao7£X(i> apxovT[oc] BoKOXot^, •Epxop.sv(otg \lk\ D^oSpCao tùpOTiiiU 
8a[o]. (COLLITZ, Sammlung der grkchiach. DialecU Inschriften^ n. 486). 

* V. la Tavola, 

* CI. O. II, p. 915. 

* o'iSe òirpuxdveuoav xaì ixaXXfaaav ini dcpxovxog xoO l. Y. 
C. I. G. n. 3663 sq. 

* Op. cit, p. 20. 

» V. la Tavola, Per Cnido v. Boecke (C. I. O. n. 2654). 

* DiTTENB. Sylloge inscriptionuiU yrae^janim, n. 182; COLLITZ, op, 
cit. n. 1636. 



— 160 — 

si nominano tanto nel prescritto quanto nel postscritto delle 
iscrizioni. 

Passiamo ora allo oxe(pavT)(p6po^, eponimo di laso, Milasa, 
Afrodisia, Mileto, Nisa, Priene, Smirne/ Che lo oxecpavifjcpópoi; 
sìa eponimo è provato dal fatto, che da esso son datati non 
solo i documenti pubblici, ma anche i sacri. Che a laso fosse 
eponimo lo oTe9avT)96po; come a Mileto si comprende bene, es- 
sendo laso una colonia di Mileto,* ma perchè lo oxecpavTj^ópo^ 
fosse pure 1' eponimo delle altre città carie non si sa con 
precisione: probabilmente ciò è dovuto all' influenza dì Mileto 
nella Caria. Nient' altro possiamo aggiungere circa tale ma- 
gistratura, se non che poteva essere eponimo anche ima donna, 
e una donna infatti è V eponimo in un'iscrizione di Afrodisia' 
e in un' altra di Smime.* 

E da notarsi ancora lo oxpaxTjYÓs. Questo è a capo del 
xotvóv degli Etoli,' dei Focesi,* degli Achei, degli Epiroti, 
dei Tessali,' e spesso è preposto nei documenti all' eponimo 
delle singole città della lega. Il Boeckh, poiché in un* iscri- 
zione della lega degli Acamani" si dice, com'è probabile, èizì 
oxpa[TaYoS3...., crede che lo oxpaxyjyó; pure fosse V eponimo 
civile di quella lega, e l'fepàTroXo? invece, che si trova in al- 



' V. Tavola. 

■ PoL\B. XVI, 12, 2. Thuc. VUI, 28. 

» • * V. la Tavola, 

* Circa i dt(opo£ di Naupatto, quando questa faoova parto della lega 
etolica, V. Boeckh, C.I.O. I, p. 857. 

' I (fcoxapxéovTsg, che si trovano sottoscritti ai decreti di tutta la 
lega, come i f oioDxdpxai non sono eponimi, ma costituiscono, secondo Jo 
GyAEDiNOER, op, ciL, p. 40, il senato della lega, e coniiaicti cum scriba 
decreti Jìdem tetftantur, 

' Prima dello oxparrjYÓ^ ebbero sommi poteri in Tessaglia i Taysó- 
ovtec. Al tempo della Ioga ossi presiedevano V adunanze, e per questo 
sono nominati in iscrizioni accanto ali) oipxxTjY^^C (v- Gilbert, op. cit, 
p. 15, e SWOBODA, ojo. cit. p. 168). 

• C.I.G. n. 1793 b. Cfr. COLLITZ, n. 1380 b. 



— 161 — 

tre iscrizioni, V eponimo sacro/ ma lo Gnaediiìger considera 
r ££pà7T:oXoi; come vero eponimo: « Portasse nominatus erat 
praetor propter rei arguraentum ut peculiaris magistratus... 
Ex titulo ipso cum valde sit mutilatus, res diiudicari nequit. » * 
L' hp&Tzo'ko^ era pure V eponimo di Gela, ed eponimi sacri 
erano anche altrove. L' fepo^ùxrj^ ad Agrigento, colonia di 
Gela, a Segesta e a Melita, Ttepeu^ ad Alicarnasso,* a Nuovo- 
Ilion,* ad Olbia, a Tomi, ad Oropo, a Mantinea, a Tegea, a Epi- 
dauro, a Rodi, a Catania, TEépeta ad Argo, il *6oxóXo^ a Dime 
d'Acaia, V i\L:finokoi; a Siracusa, T àp)(tepeij^ in Licia, TEepo- 
TTOtóg ad Eritre." In quale relazione stiano queste magistra- 
ture sacre in queste varie città, è vano chiederlo alla storia. 



' C.I.G. n. 1793 b. 

■ 0/>. cit. p. 22. 

' Che ad Alìcamasso non fosse eponimo il Tcpuxavi^ si deduce special- 
mente dair iscriziono (Newton, Halic, II, p. C87): 'Enf... •Ap]exdovoc(?) 
IICao)[voc P-'J'Jvòg] noai&6&vo(, èizi Trpo^xavsuovxog zoo 8.] jiexà AtoSóxot) 
xo[0 6.], Ypanp-axsóovxoc (x.8.) xoO Not)[iaYd9'Ou(?), dove ò chiaro che 
in principio stesse V eponimo Cfr. Onaedinqer, op, cit. p. 13-14. Lo stesso 
Gnaedinoer nega puro che fosse eponimo di Alicamasso il veonoióg, 
come potrebbe far supporre T iscrizione, che comincia: èni v]e(i)7ioioD Xoep- 
jió(X)oo (x)oìJ AiaYÓpou (CI. Or. n. 2656; Dittenb. n. 371). * Hic cnim 
cum agatur de sacerdotio Dianae locando seu Tendendo, veconoiòv prò certo 
habeo commemorar! ut magistratum saccrdotalem, qui rem quam fieri pò- 
pulus iusserat, curaret exscquendam. Hoc facilius ut credam adducor eo , 
quod habemus titulum qui eiusmodi res sacras ad neopoei officia pertinuisse 
testatur. Dittemb. 6: [o]Iòb èwpCavxo iiapàxoiJ 'A«óXX(ovoc x[aì x^g] 'A- 
S^vatTjg... yéa^ xai oixfoc^... pegatoQv x^oùg ^]eoòc xòv diòiov x9^^^^y 
oojipspaicfDv 8è xop^] vewnofac x©v ^etbv xoòg &ti óvxag xai è^opxCCs- 
[o]^ai xaxdb'xaSxa „ (p. 15). £ ugualmente tiene come magistrati peculiari 
non come eponimi il ypan[i<ixe\ì^ {Bull. d. corr. hell. IV, p. 395: Dit- 
tenb. 371; Newton, op. cit.j II, p. 687), lo oxeqpavrjqpópog e U yoiiva- 
oCapxoc (Newton, op. cit. II, p. 701, 705). 

* In un'iscrizione si legge: èKipir^vteóovxoc No|icpJoo xoù Atoxpécfoug 
(C. I. G. n. 3595; Dittenb. n. 156). Sesondo il Boecku (a n. 3595) 
1' èTcnif^vtog non è eponimo a Nuovo-Ilion. 

* V. per tutte queste città la Tavola. 



— 162 — 

Esaminate cosi le varie magistrature eponime, merita ora 
d' esser notato che non sempre il capo dello Stato è anche 
eponimo; a Mileto, ad es. il Tcpótavt^ era il sommo magistrato/ 
come anche a Rodi,* eppure in questa V Eepeu^, in quella lo 
oxe^avTj^ópog era 1' eponimo. E parimente non bisogna cre- 
dere che fosseix) eponimi tutti i magistrati che si trovano in- 
dicati al principio o alla fine dell' iscrizione; uno è V eponimo, 
ed è segnato per primo; gli altri sono aggiunti o perchè il do- 
cumento parla di cosa riferentesi al loro ufficio, come il yuji- 
vaofapxos, il vaóapxoc, il xajiia^, 1' ifopavóiio^ i sacerdoti,* 
o ancora perchè si confermi sotto V autorità di quale magi- 
strato il decreto sia stato fatto, e perciò a volte sono nominati 
il capo del senato o chi presiede V adunanza/ Spesso si trova 
citato anche in genitivo il ypainiaxeó;, e ciò perchè dal suo 
nome sia attestata V autenticità del documento. 

Considerando quanto abbiamo esposto sin qui non possiamo 
non riconoscere che poco sappiamo intomo agli eponimi degli 
Stati greci; di alcuni fra essi non è noto altro che il titolo, 
cosi del TcpooxixTfjg delle città d'Epiro, del icoXéjiapxo; d'Am- 
bracia, dell' àYODvoBexIcDv della Locride.* Talora siamo arrivati 
a comprendere perchè in alcune città si trovi il medesimo epo- 
nimo, ma per lo più siamo stati pur troppo costretti, per non 
perderci dietro ipotesi, a cui sarebbe mancato ogni fonda- 
mento, a deplorare la scarsità delle notizie su questo soggetto. 

Alberto Pirro 



* V. DiTTEWB. n. 240, V. 29. Cfr. Aristot. PoL V, 4. 

• POLYB. XV, 23, 4; cfr. XXIU, 3, 10; XXVII, 6, 13. Liv. XLU, 45. 

• Cosi in iscrizioni di Delfo (Wbscher-Foucart, op, cit. n. 3-6) al- 
l' arconte si ap:giunge il sacerdote, non certo per determinazione di tempo, 
perchè in esse, pur variando l'arconte annuo, il sacerdote è lo stesso 
(tapécDg Sa *acDv£5oo xoO •Aptoxojidxou ZaxuvO^dou. V. pure Demosth., 
TiepC Toii oxeifdvoo, 154, 155). 

* Cfr. quanto s' è detto a p. 159 a questo proposito. 
» V. la Tavola, 



fl^-^/{yr;^w^-k,-:*Wi.ir. /'. j« 77.' ;-*f7^^:^» ^ ' ""T^ > ^ ^^T^^f^iF!?'''^^ 



APPENDICE 



^ •'.,;.?iS?'w^^' 



'i^:» 



L-ciT vsrr: ìMV" 



TAVOLA DEI MAGISTRATI EPONIMI 

NEGLI STATI GRECI 

AVANTI LA DOMINAZIONE ROMANA >) 



LICIA 

Tlos 

ènl &f)(iipi[(ù](; KaiotavoO.*) 
Pinara 

en\] àp[x] e[p]é«»>? 'A[p]toxà[v]5pO'j.') 

è]7T[l] àpxtepétó^ na[a]t[x]pà[T]ou/) 
Sidyma 

èTrl àpx £[péw?] (vxou/) 



CARIA 



Cnido 

ìtzì Sa|itoupyo5 ....*) 
Alicamasso 

ènl Eepéo)^ Ménvovo^ xoO 'OpeoxefSou.') 
laso 

èTcl oxecpotvTjcpópou . . . .®) 

ènl axscpavTj'fópou ^HyuXXou.') 

èró oxecpavyjcpópou Ilaxa^xo xo5 SxvXaxo [(;/*•) 

èTtl oxecpavTjcpópou 'A7ToXXo)v[foD.") 



*) Nel disporre i magistrati eponimi delle varie località greche abbia- 
mo tenuto un ordine puramente geografico. ■) C.I.G. n. 4249. Iscrizio- 
ne sepolcrale come le tre seguenti. ') Ibid. n. 4253. In quest* iscri- 
zione è nominato Pisedaro, ohe il Wiener presso Fellows (Iti'n. Asiae 
min. p. 403) confronta con Pixodaro, re della Caria (Herodt., V, 118). 

*) C.I.G. n. 4255. ») Ibid. n. 4264. •) Ibid. n. 2654. Cfr. C.LG. IH, 
p.l4. '') Play. Joseph., 'loufi. àpx- , XVI, 10, 23, anno 45 a. C. 

*) C.I.G. n. 2671. ') C.I.G. n. 2673 b. **») Dittenb. n. 77. Bui- 
lettili de corresp. hellénique, V, p. 493. ") C.I.G. n. 2674. Cfr. n. 2677 b. 



— 1G6 — 

è^l oteqpavTj^ópo'j noasiStovCou xoO ^HyóXXou.*) 

èicl oTe(pavTj96poi> A[a]ji[ao{TC7^ou.*) 

èicl OTe9av7)<p[óp[oi> Aif](iéou xoO Strjoióxou/) 

èir[l oTe]^av7]:pó?ou Haviofou xoO ^lepoxXetou^.*) 
Milasa 

èul oxe^avTj^ópou •A[piox]£ou/) 

èiil oxe^avTj^ópoi) *Aptaxevéxou.*) 

ini ox]eqpavT)q)6poi> 'Exaxafou xoD 8.') 
Afrodisia 

èrò] are9avT)7[ópo'j Atoyévou; xoO 'ATcoXXwvfoD xoO Tijio- 
xXéou^.*) 

èiA oxe9[av7)<p6pou. . . .*) 

èrò oxecpavTj^ópou ") 

IttI axefavT]96p[o]D *ASpàoxou xoO •ASp[à]o[x]ou xoD *A- 
7coX[Xtó]vfou.") 

7wpovo7)oa|iév7j€ x555 8"jYaxpÒ€ aòxoO (Menecrate) Tpu^afvij^ 
x5j5 xal aòxfjs oxe^avTj^ópou xal Yujivaoiàpxou.*") 
Mileto 

èizì oxecpaVTj^épou IIooetSfTCTCOu.") 

It^I oxe^avTfjqpópou . . . .'*) 

ènl axecpav7](p6pou 'Et^iyóxoo xoO , . .") 

ini oxe^avTjcpópou xoO *eoO ['IS-JuMpfxou xoO |iexà Mtjvó- 
5(opov.") 

ini oxe^avijcpópou IlaacxXefoi); xoO OtXoSóKoi), o OtXoBo)- 
pou.") 

ini oxe:pav>j(p6poi> Ilavf^Xou xoO AùxoxXefou;.*') 

èicl ox8(pavT)(pópou Mevexpàxou.*') 

•) Ibid. n. 2676 b. Bull, de corr, hell., Vili, p. 454. *) Ibid. n. 2679 a. 

') Le Bxs-'WxDD.^Asie Min,, n. 250;cfrn. 251 *)Le BAS,n. 253 

•) C.I.G. n. 2693 e. •) Ibid. n. 2693 e ; v. n. 2693 d; 2694 a. b; 
2713, 2714. ') Lb Ba8, n. 394. •) C.I.G. n. 2826. •) Ibid. n. 2836 b. 

*•) Ibid. n. 2850 b. ") Ibid. n. 2850 e. '•) Ibid. n. 2714. V. 
BOECKH, C.I.G. II, p. 476 e. ") Ibid. n. 2852; Dittehb., n. 170; Hicks, 
Amanualofgreek hùaorìcal inscn'ptiona, n. 175; 246 a.C. (?). **)C.LG. 
n. 2853. ") Ibid. n. 2854. *•) Ibid. n. 2855. '') n. 2856. 

^•) n. 2857. *•) n. 2858. 



'»^>-'**' ^f »— v*^» i*^ - •""', «^ ^ - ^ ■^ 



— 167 — 

■ ìtX ox8(pavT]^6poi> Eòxpàxou xoO *) 

è]7cl oTe9a[vTjqp6pou xoO Setvo^.*) 
ì%\ oxecpavTj^ópou 'Avxtóxou At[a]x£vou(?)/) 
oxeqpavYjcpopoOvxo^ Efpifjvoccou xoO Mevfoxou/) 
èjTtl oxecpavTj^ópou 'OXujiicfxou toO *AptoxoxéXot>/) 
Nisa 

èirl -oxe^pavìfjqpópou KX. 'AXe^àvSpou/) 

LIDIA 

Colofone 

irà Tcpuxàveo)^. . . .') 
Teo 

ÌTz\ TCpDxàveo)^ E|xe(v<i)vo?.*) 
Elitre 

èTcl EepoTCOtoO 'ATCoXXoScópou.') 

è(p' tepoicotoO 'ATuaxoupfou.") 

è(p' UpoT^otoO *HYTjoayópou. ") 

è^* EepoTcotoO *Ep|ioopxàxou.") 

I(p* tepoT^otoO *Epjio[xX]e(xou/*) 
Smirne 

oxe^aVTjcpópou 5è nu*oSa)pou.") 

ItzX oxe(pav[7)]cpópoi> Kóf^ij^.") 

èicl xoD •AYadT^|A[epod. èwl xoO axecpàvoo [N]etxt[a]5.") 



•) n. 2859. ") n. 2868. ») n. 2879. *) n. 2885. •) DiTTENB. 
n. 314. Del III o II ssc. a. C. Cfr. HiCKS, n. 200 C = Ditte»b. n. 240 
(145-140 a. G.) *) CLG. n. 2950. Anche Prìene ebbe per eponimo 
lo 0Tt<pavij9Ópcc {BriU Mus. IH, n. 403; Journal of Helh Stud, IV, 238; 
Le Ba8, n.202). ') V. Bur8IAN, Jahresb., XXXVI, p. 73/4. •) CLG. 
n. 3065. L'iscrizione n. 3064 dà un catalogo di arconti eponimi annui; 
Tedine il Commento del Boeckh. ') Dittenb. n. 172. '^ Dittenb. 
n. 159; cfr. n.270 b, 94. ") Dittekb. n. 172; cfr. Mouo. xad pi?X. -cijg 
8ÒaYY« oxoX. èv Snópv^, I, p.l28, II, n. 126. ") Dittenb., n. 370 a, 45. 
'») Id. n. 370 a, 25. ") CLG. n. 3137. Dittenberoer, n. 171 ; 
HICK8, n. 176 § II, anno 243 (?) a. C ") CLG. n. 3150. »«) Ibid. 
n. 3151. 



^ 108 — 



MISI/V 

Pergamo 

Gambreo ^ 

è[7r]l 7c[pL)]xi[v]io^ 'laayópcu.*) 
Cizico 

èicl 'Aptaxàv5pou.') ènl Mai3cvopfo[u.*) 

èwl ^HYTjotou.*) l7i]l Eòcp-^iJtou.*) 

ETiicapxoóvTwv TepevT:v[ou] Awvàxou xal Betpf(ou] *A|icptx- 
TUOV05.') 

èró *l7;7rov:xoi> to3 AooaYÓpou ETCTcàpxxew/) 

éiri 'Avr.yévcu; xoO S. [Tcizàp^sw.*) 

èrti IlauoaviGi) xoO Eòjiévou; E[TC7t[àpxe<i).*'') 
Nuovo Hion 

è]TCl fepéo); 'AptoxovófJtou xoO 2....") 

BITINIA 

Calcedone 

ènl paotXétos 'AvxtcpfXou xoO 6eYe£xou.") 
Ciò 

àpyo]v[x]o(; Opóxpo ") 



*) Flav. Joseph., op.cit. XIV, 10,22. ■) C.I.G. n. 3561. Dittekb. 
114. La data si ricava dal prescritto: paoiXsOovxog 'ÀXegdvSpou, ixsi 
évSsxdxeoi = 326/5 a. 0. ') Ibid. n. 3656. Nelle più antiche iscrizioni di 
Cizico si trova il nome del magistrato senza alcun appellativo. Y. Hermes, 
XV (1880) p. 94. Di poco superiore al II sec. av. C. *) Hermes (\, e); 
DiTTENB. n. 312. ») C.I.a. n. 3657. Supera di poco il II seca. C. •) Re- 
vue Archéolog., XXX (1875), p. 98/4. ') C.I.G. n. 8661 : Si'reminiscimur 
quantae lasensi stephanephoro impendendae fuerint pecunwe, haud veri" 
dissimile est similem oh catisam Cyziceni epont/mi munus ad duos viros 
tramlatum esse, ( Gnaedikoer, op, cit, p. 26). *) CoiszE^Samothrake, 
1,43,21. •) C.I.a. n. 2157. '•) Bull, d, corr, hell. VI, p. 613. Cfr, 
Athen, Miitlg, 6, p. 44. ") C.I.G. 3597 a. Supera di poco il 3." sec. a. C. 

*») Bull. d. corr, hell., XI, p. 296; COLLITZ, n. 3055. V. C.I.G. n. 3794; 
COLUTZ, n. 3053. ") C.I.G. n. 3723. 



— 169 ~ 

Nicea 

è[TC'] àpx6v[x(i)]v *Apto[T]atvextavoO 'AjijitavoO xal Ilau- 
XetvtavoO [TJpùqxovos/) 

PONTO 

Olbia 

èizl xe 'HpoSipou [épeo)/) 

ini xoO aòxoO Eépeo)/) 

èid nXetaxàpxo[u] Eépeo).*) 
Chersoneao Taurica 

èicl paaiXeóovxo^ 'AyXa xoD 'A[Ya]voptvou.*) 

TRACIA 

Bisanzio ' 

èTcl £epojivà|iovo€ Booi^opf^w.*) 

TESSAGLIA 

iv 8è 6eoo. oxpaxay. Aajio*o{vou.') 
oxpaxoyéovxo; x©v 6eoaaX©v *0|xi^pou Aaptoofou, l(i Me- 
Xtxefat 5è àp^óvxwv x©v Tcepl HoXuoàtóva.*) 

[oxpaxoTfojOvxos ©eooaXfiiv jièv ^ItwuoXóxou xoO 'AXe^fw- 

7C0U.*) 

èicl oxpaxayoO KóXXou Eùptó[xou].") 



') Ibid. n. 3749. •) Ibid. n. 2058 a, 25. Dittekb. 248. Del uec. IH 
o II a. C. ') Ibid. T. 85. *) Ibid. v. 59. Y. circa quest' Csptóg le an- 
notazioni del BoECKH alla citata ÌBcrizione. Anche Tomi, vicina ad Olbia, 
ebbe per eponimo Pteptóg (Mìttl. a, Oeaterr. 12, p. 129; 14, p. 24). 

•) DlTTEXB. n. 252, v. 55. Bull. d. corr. hell, V, p. 70; Collitz, 
n. 3087. ') Demosth., nepi xcO oxeqpdvou, 90. ^) *We8CHBB-Fou- 

CABT, op. cit. n. 55. •) Bull. d. corr. hell., V, p, 424, n. 37. •) CoL- 

LITZ, n. 3205. *^ Athen. Mittlg. IX, p. 300, t. BulL d. vorr. hell. X, 
p. 438, 447. Eusebio, Chran., Berolini, 1875, ed. Schoene, I, p. 247 (cfr. 
p. 243), dà la seguente lista di ax^oLxriyoi tessali: Pausanias, Amintas, 
Eakides, Epidromus, Eunomus, Eakides secunda vice, Praviles, Eiinomus 
secunda vice, Androsthenes, Thrasimakhus, Laontomenes, Pausanias, Theo- 
dorus, JNikokratcs, Ippolokles, Elcomakhides, Phyrinus, Philippus. 



— 170 — 

Larissa 

oTpaxTjYoOvto]^ 'AvxJeticàTpoa.*) 

oTparjfjYoOvTOC OtXoxpàxou^ xoO 8/) 

ini o[xpax7jYoO ") 

Lamia 

oxpaxayéovxos ©eoowpou.*) 

oxpaxflcyéovxo^ x. 8.*) 

axpaxocy] éo vxo^ ' laay 6pa.*) 

EPIRO 

Dodona 

Ini Tcjpooxàxa Aeu[xà]pou.') 

èid TCpooxà[xa] Aépxa MGXoaofi)v.') 

l7c[l 8è Tcpoaxàxoc] MoXo[oofi)v.*) 

èirl TCpoaxàxa Mo[Xooo]©v •Ap6axo|i[àxo]u."') 

èTcl TCpqoxàxa MoX[oaa(i^y. . . .") 

axpaxayoOvxog 'ATcetpwtSv Auaavfa Kapwnou, Tipoooxaxeu- 
ovxo; MoXoaofòv 'E^eXàcfu} Hapipoo.") 
Ambracia 

ItcI SxpàxoDvo^ TToXefiipxou.") 

ACARNANIA 

èn\i] EepauóXoi) xq) 'AiróXXcovc x^ *Axt{q) OtXìfjfjtovos.") 
l7i;l Eepa7cóX[ou] ") 



* Bull. d. corr. kell. XIII, p. 395. •) Ibid. p. 397. •) Athen. 
Mini. Vn, p. 232. •> COLLITZ, n. 1439. •) Athen. Mittì. VII, p. 361 ; 
T. CoLLiTZ, n. 1440, 1441. ') GoLLiTZ, n. 1449; r. GirABDTifOER, op. 
cit. p. 42. ') DiTTBira. n. 322. •) Ibid. n, 324. •) Carapanos, Do- 
dane et se» ruines, p. 50, n. 3. *^ y. Gilbert, op. cit. II, p. 3, n. 3. 

") DiTTEWB. n. 443. ") Ibid. n. 442. Circa lo otpataYÓg che, ab- 
battuta la monarchia, fu a capo del xoivòv di Epiro, v. Bursiak, Sitzuìig der 
kdmgl. Ah. zu MUnchen, 1878, II, p. 15. Intorno al npoazivfi^ il Gilbert 
osserva (Le): '^ Dass nur n^oozdzriz HoXoooAv in den Inscbrifien vorkom- 
inen, erklftre ich daraus, dass die Chaoner und Thesproier ihre BesclUsse in 
dem molossisehen Dodona niobi aufstelltcn, Bondern in ihrem Lande. „ 

") C.I.G. n. 1797. '^) Ibid. n. 1793 a. Quest' iscrizione e la seguente 
sono posteriori airOl. 140. '*) Ibid. 1793 e. 



r 



^SRnjlfipiyfgKlM I ^piii I II - ► -'^^ ^^ ;-;:' . ^ '^7:!^rs^-^r^'^-^'r'^^'*r^:^^S(^^^ 



— 171 — 

liei UpairóXoti Tol 'AtcoX. xoI 'Ax-rfoi ©euSóxou.') 
Anactorio 

èicl Tcpuxivto; IIX....àpxou.*) 

ETOLIA 

OTpaToyiovTO^ XaXéwou.*) 
oTpaxayéovTO^ Aos(ioxp{Tou KaXuSwvfou.*) 
oipaTOYéovxo^ Atxatàpx^^ Tptx^véo^.*) 
OTpaiayéovTo; xiov AJxcoXfòv 6óa Tptxovfou/) 
oxpaxayéovxos Aa|ioxp{xoi) xò Seuxepov.') 
oxpaxayéovxo^ $atv£ot.') 

oxpaxayéovxo^ xd)V AJx(i)X(bv 'Ap^eSàfiou $6Xa.*) 
oxpaxoyéovxo; xwv À2xa)X(bv IlpoSévoo Tptxovéo$.*°) 
oxpaxayéovxo; 'Apxe5à|ioi) xò xpJxov.") 
oxpaxoYéovxo; x6)v AJxwXwv Aux£oxou Sxpax£ou/*) 
oxpaxayéovxo; xfi)v AJxcoXGv IlavatxjiXoi).*') 
oxpaxoyéovxog xcbv AJxwXGv IlpoàvSpou OóXa.") 
oxpaxaYéovxQ^ EÒTToXéfiou.**) 
oxpaxoY^ovxo; xfòv AJx(oX(ov 'AYeXàou.**) 



*) Cauer,* Delectus Inscriptionum Graecarum praeter dialectum memo- 
rahiUum, Lipsiae, 1883, n. 240. Dittekb., n. 321, COLLITZ, n. 1379. 

•) CoLLiTZ, op. cit. n. 3180. •) Wescher-Foucart, op, ciU n. 407. 
Y. Bull, d, corr. hell., Y, p. 416, n. 16; della fino del ILI secolo av. C. 

*) W-P n. 804. Cfr. n. 819. y. Bull. d. corr. htlL V, p. 408, n. 15, 
anno 200/199. V. DiTTENB. n. 446. ») W-F. n. 329: cfr. 330, 410; r. 
Bull. d. corr. htlL V, p. 410, d. 17; cfr. n. 18, 19, 20, 21; p. 412, n. 19, 
20; p. 413, n. 22, anno 195/4. •) W-F. n. 188; cfr. 65, 313, 318, 323, 
403, 404, 411, 417. y. Bull. d. Corr. hell. V, p. 413/4, n. 23; p. 414, 
n. 24; p. 415, n. 25; anno 194/3 a. C. ') Bull. d. corr. hell. V, p. 416, 
n. 26; cfr. p. 417, n. 27; anno 193/2. *) W-F. n. 324; cfr. 333, 335, 336, 
408, 409. V. Bull. d. corr. hell., V, p. 417, n. 28, cfr. p. 418, n. 29, 30, anno 
192/1. •) W-F. n. 121; cfr. n. 130, 178, 320-322, 371, 372, 382. V. Bull, 
d. corr. hell. V, p. 418/9, n. 31, anno 191/0 a. C. ***) Bull. d. corr. hell. V, 
p. 419/20, n. 32, anno 183/2. ") Bull. d. corr. helh V, p. 420/1, n. 33, 
anno 182/1. ") Bull. d. corr. hell V, p. 421, n. 34, anno 178/7. *") AV-F. 
n. 64; cfr. 118, 189. **) W-F. n. 74; cfr. 75, 91, 145. ") W-F. n. 80; 
cfr. n. 198, 199. ") W-F. n. 124; cfr. n. 223. 



— 172 — 

GxpaxflcyéovTO^ xoiv AJxtoXwv TppJoxa 'Axpivtéo^.*) 
axpaxaYéovxo^ x(ov AJx(i)Xfi)V HavxaXétóvo^ nXeupwvtou.*) 
oxpaxflcyiovxo^ xfiv AhtaXCby 0[ó]X[ax]o; xoO XlavxaXéwvo^ 
[IIXeup(i)v]fou.") 
oxpaxayéovxos xfi)V AJxwXfòv Ntxàv5pou Xpi^ovéo^.*) 
oxpaxflcyéovxog xGv AJxwXfiv 'AXegàvSpou KaXu5(ov(ou.*) 
oxpaxaYéovxog Ao^àyou KaXXtTcoXfxa.') 
oxpaxoyéovxog noXu^évou TetOpwvfoo.*') 
oxpaxayiovxo^ 'AXe^optévou.") 
oxpaxaYÉovxo^ 'AyVixa.") 
oxpaxayéovxo^ xcov AJx(i)X(bv Acpifiàx^^ Tpc^ovéo^/*) 

oxpaxaYéovxog ") 

oxpaxflcylovxo^ xGv AZxcoXGv Saxópou.") 

oxpaxayéovxog KXeav. . . e.*") 

oxpaxoYéovxo^ Tt|ia{ou.") 

oxpaxoYéovxog x©v AhwXfòv 'I . . . 'Apatvóeo^.") 

DORIDE 

Erineo 

(SpXovxo^ èv *Eptveat 'Avxtjiàxou.") 
àpyovxo^ Iv 'Ep[t]vefòt KXécovo^ xoQ Scoaxpàxou.") 
èv 8è 'EptveOt Swptapyéovxo^ OcXoxpàxeog xoO KaXXixpà- 
xeoc.") 

LOCRIDE 

(ÌY(ovo9«xéovxos xfi)v AoxpGv Aóxcovog Ouoxéo^.") 



") W-P. n. 153. •) W-F. n. 179; cfr. n. 191, 284. ») Bull. d. 
corr. helLy X. p. 187. *) W-F. n. 190; cfr. 204, 316, 339, 859, 362, 
388, 393. ») W-F. n. 243; cfr. 285-287, 294, 310, 325, 328, 345, 346, 
385, 394, 416. C.I.G. n. 3046. •) W-F. n. 252. ') W-F. n. 312. 

") W-F. n. 337; cfr. 376-380. •) W-F. n. 384. '*») W-F. n. 422. 

") W-F. n. 453. Cfr. Dittenb., n. 183; Collitz, n. 1410; t. xi. 1411. 

") Bull. d. corr. hell. V, p. 422, n. 35. «") C.I.a. n. 1757 a.; dalle 
iscrizioni di Naupatto. ") Dittenb. n. 325. Colutz, n. 1409. ") Col- 
UTZ, n. 1439. ") W-F. n. 54. ") Bull. d. corr. hell. V, p. 433, 
n. 48. ") W-F. n. 365. »») W-F. n. 186. cfr. 354, 363. 



r 



— 173 — 

èv oà Aoxpol; dtftóvoOeiéovTo; [Eù]6ooi|xou $Daxéo;.') 

àYtóvo8ex£ovTO^ OtXovfxou Au|iavo(;.') 

èv 5è AoxpoT^ àYwvoBeiéovTo^ Ntx£a xoD Aa(iap|iévoD/) 

T(ov 5è Aoxpfi)v àYtóvoOexéovTo^ TeXeaàpxou/) 

àYWVoOexéovTo; Eòv£xoi> Tptxéo^.*) 

àywvoOexéovTOi; Tfi)v Aoxpwv Kptxo8à|ioo xoO UoXe\té,pym 
Ouoxéo;.') 
Anfissa 

èv 8è 'Afi^iooat àpxovxo^ AafiTcpta.^) 

èv 8è 'A|icp{ooat Spxovxo^ Auxwttou.') 

Jpyovxog èv 'AfKf. Oeocylveo; xoO M[ev]àv5pou.*) 

Sp^ovxo; èv 'A|i(f£ooat BuptàSa.") 

àpXovxo^ èv *A|i9{aoac 'AptoxoS4|ioi> xoO Aàiicovog.") 

èv 8è 'A|iqpfo[o]at àpxovxo; Xapt^èvou.") * 

àpXovio; èv 'A|i(f{ooa AwpoOéou.") 

ipxovxoi; èv 'A|iqp{oaat Eòàp^ou.") 

èv 6è 'A|icp{ooat 'Apxe8à(ioi>.") 

4pyovx[o^ è]v 'A|icpJooat 'Aftoxo8à|iou xoO 'Etcivixou/*) 

èv 8è 'A|i(ffaoat àpx. . .[(; 'Aptaxàjpxou.") 

àpxovxo^ èv 'A|i9(ooat ") 

àpxovxo; èv 'Afi^boai 6a^§[é]o$ (•?).") 
Fisco V 

èv 8è Ouoxéot^ àpxovxog IloXuxXéos.") 

èv 8è Ouoxèots Spxovxo; EuxXeiSa.") 
Tolfonia 

àpxovxo^ 6è èv ToXq)(i)v{a ['A]v8povixou xoO OtXo82[jtou-") 



») W-P. n. 213. DiTTENB» n. 462. ") W-F. n. 177. ") W-P. 
n. 236; cfr. n. 289. *) W-F. n. 243. ») W-F. n. 43f. Dittejtb, 
n. 458. •) Bull. d. corr, htlL V, p. 425, n. 39. ') Bull. d. corr. helL 
V, p. 408, n. 15. DiTTENB. n. 446; anno 200/199. ■) W-F. n* 19- 

•) W-F. n. 92; cfr. 163, 164. »•) W-F. n. 209. ") W-F. n. 215. 

") W-F. n. 224. Cfr. Bull. d. cot-r. helL V. p. 428, n. 41. ") W-F. 
n. 247; cfr. n. 248. **) W-P. n. 256; cfr. 257. ") W-F. u- 360. 

*•) W-F. n. 428. ") C.I.G. n. 1607. ") Bull. d. corr. hell. V, p, 426/7, 
n. 40. **) Bull. d. corr. hell. V, p. 428, n. 42. ") W-F. d. 177. '*) W-F. 
n. 432. DiTTENB. n. 458. ") W-F. n. 289. 



— 174 — 

Tritea 

àpxovTo^ év Tpttéa EòvofSa/) 

FOCIDB 

oTpaTOYéovTo; xwv ^iaxiiay Ilu^^you Tt*o^^^.*) 
oxpaTOYéovTo; xc&v Owxécov TTjXe^àveoc Apu|it[éoc.*) 
oipaxoYéovToc xwv OwxIcdv K... Oavaxéo;.*) 
axpaxayéovxo^ xfòv Ocoxécov KaXXixpxxeo^ 'E[XaxÉo;.') 
oxpaxoYéovxo^ xc&v Ocoxécov 'AptoxoxéXeo^ xoO 'Aptaxàpyou.*) 
oxpaxoYéovxo^ xGv ^(oxécov IIuMa E../) 
oxpaxaYéovxog xc&v Ocoxicov Mevea-Wo^ xoO KptvoXàou 
*rafiiioX{oi>.*) 
axpaxoyéovxo; xwv Ocoxécov 'Avxtóxoo.') 
axpaxxyéo /xo$ iv ^coxéoi^ 'Avxiyéveo^ 'AiiytSzjiou 'A|i- 
Ppuoafoi).") 
oxpaxayéovxo^ x©v O(oxéa>v 'AptaxoxiXeoi; TetS^(ov[t]oi).") 
oxpaxaYéovxog èfi Ocoxioc^ E6^i**éou TanicoX£[x]ou.") 
oxpaxayéovxog xtì)V <&(i>xé(i>v Eòatvéxou *A|iPpuoo{ou.") 
oxpaxoYÉovxo; x©v Oooxécov IloXu^évou Tctd'pwvfou.") 
oxpaxaYéovxo^ [x]av Ocoxicov Zeu^fou.") 
Delfo (dooreti anfizionici) 

ini 'ApyiàSa àpxovxo; èv AeXcpoI^.") 
Ini Sxpàxtóvoc ipxovxo^ èv AeXyols.") 
ItcI Afcovo; 4pxovxos.**) 
Iirl 'Afióvxa fipyovxog.") 
èiwl NtxafSa àpxovxog.'*) 
èul KaXXixXéo^ àpxovxo;.") 

•) W-F. n. 148. •) W-F. n. 35. ") W-F. n. 47. *) W-F. n. 50. 

•) W-F. n. 53. DiTTElTB. n. 465. *) W-F. n. 62; cfr. 63. ') W-F. 
n. 81. •) W-P. n. 82. Dittenb. n. 463. *) W-F. n. dO ; cfr. n. 105. 

") W-F. n. 122. ") W-F. n. 128. ") W-F. n. 212. ") W-F. 
D. 222; cfr. 412. **) W-F. n. 368; cfr. 383. ") Dittehb., n: 294. 

") DiTTENB., n. 184. Di poco anteriore al 229 a. C. ") Dittenb., 
n. 185. Della stessa età. Cfr. W-F. n. 435. *') Dittekb., n. 186. Tra il 228 
e il 216 a. C. ") Dittenb., n. 187. Tra il 228 e il 216 a. C. '^ Dittenb., 
n. 188. Tra U 228 e il 216 a. C. ") DiTTE»B., n. 189; cfr. W-F. n. 7, 8. 
Tra il 216 e il 198 a. C. 



— 175 — 

ènl 'Aptatayópa Spxovxo;.*) 
ènl 'E|i(uv(8a SpxovTo^.*) 
ìtA Ncxo|ià5oii àpxovxos.*) 
èra KXeivSa dEpxovTO^/) 
netd-aYÓpa Sp^ovro;.') 
èiil Aafiooftévou; Sp^ovro^.*) 
ènl Ntxàpxou dcp^ovio^ év AsX^ol;.') 
Decreti Delfici 

àpXovtos Etvo>tp. ..•) — 4pxovxo€ 'Ava5av8p[t]8a.*) 

àpxovtog 'AXe^àpxou.*") — Spxovto^ *Ax«if^veu€.") 

àpXOVTO? ^HpaxXdfSa.") — fipxovto^ Ntxa[ri8a.*') 

àpxovxoi; Tppfa.") — 4pxovTo^ Mavxia.") 

(SpxovTog 'OpBofou ToO Mavtfa.") 

àpxovxo^ Aio8ipou xoO MavxCa.*') 

Spxovxog 'Exe(p6Xoo.**) — fipxovxog KXeoSijJico.") 



*) W-P. n. 3; cfr. C.LO. n. 1«94. Ditteitb., n. 327. •) W-F. n. 4 ; 
cfr. n. 18, 69, 70-73,154, 155, 157, 176, 224, 335-337, 364, 365, 376, 377-380. 
Cfr. DiTTEHB., n. 198, 447; anno 197/6 a. C. *) W-F. n. 5. *) W-F. 
n. 6. DiTTEKB., D. 404; ofr. W-F. n. 352. *) Dittenb., n. 206; cfr. W-F. 
». ai3, 318, 323, 403, 404, 410, 417, 453, 454, v. Bull. d. corr. hell, V, p. 
413, n. 22, 23; p. 414, n. 24; p. 415, n. 25; 194/3 a. C. •) Bull. d. corr. 
hell. V, p. 422, n. 35; p. 426/7, fl. 40; p. 432, n. 47. Dittekb., n. 198, 
212; cfr. W-F. 18, 297, 298, 809, 327, 366, 371, 372, 382, 392, 396, 398, 
436; anno 182/1 a. C. ^ W-F. n. 2. ») Bull. d. corr. hell. T, p. 388. 

•) BulL d. corr. helL V, p. 402, n. 8. *^ Bull. d. corr. hell. V, 
p. 402, n. 9. ") Bull, d. corr. hell. V, p. 403, n. 10. ") W-F. 
n. 427, cfr. Bull. d. corr. hell., V, p. 403, n. 11; p. 431, n. 46. 

") Bull. d. corr. heU., V, p. 403, n. 12. '*) Bull. d. corr. hell. V, 
p. 410, n. 16; della fine del 3* sec. a. C. '•) W-F. n. 18 (Dittekb., 
n. 198); cfr. n. H50, 367. Bull. d. corr. hell., V,.p. 408, n. 15 « Dit- 
tekb., n. 446; anno 200/199 a. C. Per gli arconti dal 199 al 196 a. C. v. 
p. 174, 21; p. 175, 1, 2. *•) W-F. n. 18 (Dittekb., n. 198; cfr. n. 310, 
325, 328, 345-348, 885, 408, 409, 415 ; anno 196/5 a. C. ") W-F.n. 18 (Dit- 
tekb., n. 198) cfr. n. 329, 330, 416, 418; V. Bull. d. corr. hell. V, p. 410, 
n. 17*21; p. 412, n. 19, 20; anno 195/4. Su l'arconte dell'anno 194/3 r. 
nota 5. ") W-F. n. 304, 314, 319. Bull. d. corr. hell, V, p. 416, n. 26; 
p. 417, n. 27; anno 193/2. *•) W-F. n. 18 (Dittbkberger, 198) ; cfr. n. 324, 
333, 334, 352, t. Bull. d. corr. hell., V, p. 417, n. 28; p. 418, n. 29, 30; 
p. 428, n. 41. Dittekb., n. 207; anno 192/1. 



— 176 — 

ipxovxo^ ^dyio(;.') — ipxovtog KaXXtxpàxeo^.') 

&fX^yxo(; Sévwvo;.") — ip^ovio; KXeo5i|ioi) xoD II[oXu]xXe{- 

TOU.*) 

[àpxov] xo^ HetafXa.*) — àpxovxo^ * NtxopóXoo.*) 
àpXovxoi; Euxpixeo^.'') — àpxovxo; Kpàxwvo;.*) 
àpxovxo^ 'Aptaxaivéxoi).*) — Spxovxog AaiiooS-évio^.") 
àpXovxo^ 'Av5pov{xou.") 
àpxovxo^ Mavxia.") 

(3c[pxo]v[xo€ EJòoYY^^otj.**) — (5pxov;o€ npa^fa/*) 
ipXovxos MeXtaofwvoi;.") — fipxovxo; Sevox^peo^.") 
Spxovxog 'ApxéXa. ") — apxovxog AEaxfSa.") 
5pXovxo^ KXeo^àveo;.") — Spxovxo; Aal'àSa.") 



*) W-F. n. 18; Dittkkb., n. 198 ; cfr, n. 10, 320, 321 ; 191/0 a. C. 

•) W-F. 18 (DiTTElTB., n. 198); cfr. n. 305, 315, 316, 817, 331, 339, 
340-343. T. Bull. d. con\ hdl. V, p. 433, n. 48 ; 190/89 a. C. ") W-F. 
18; (DiTTEKB., D. 198) ; cfr. 295, 300, 359-361, 405, v. BuU. d. corr. helL 
V, p. 424, n. 38; 189/8 a. C. *) W-F. n. 18; (Dittknb., 198); cfr. 326, 
349, 351, 401, 402, v. Bull. d. corr. hell. V, p. 418/19, n. 31; 188/7 
a. C. *) W-F. n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. 374; 187/6 a. C. *) W-F. 
n. 18 (DiTTEKB., n. 198); cfr. 179, 288, 369, 370, 373, 375, 38J, 390; 186/5 
a. C. ') W-F. n. 18 (Dittexb., n. 198); cfr. n. 284-287, 394, 419 (DiT- 
TENB., n. 448); 185/4 a. C. •) W-F. n. 18 (Dittbnb., n. 198); cfr. 
n. 296, 388; 184/3 a. C. •) W-F. n. 18 (DiTTENB., n. 198); cfr. 301, 
303, 311, 344, 395; v. Bidl. d. cori*, hell. V, p. 419/20, n. 32; 183/2 a. 
C. '") W-F. n. 18 (Dittbnb., d. 198). ") W-F. xi. 18 (Ditteitb., 
n. 198); cfr. 22, 50, 54, 55, 88, 89, 160-162, 214; t. Bull. d. corr. hell. 
V, p. 420/1, n. 33 ; 181/0 a. C. ") W-F. n. 18 (Ditteitb., n. 198); cfr. 
n. 255, 394, 397, 399, 400; 180/79 a. C. ") W-F. n. 18 (DiTTENB., n. 198); 
cfr. n. 67, 68, 149, 211, 242, 251-253 (Dittenb., n. 449), 268, 384; 179/8 
a. C. *♦) W-F. n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. n. 244, 264, 312, 368, 
383, 386, 406 (Ditteitb., n. 451) 459; 178/7 a. C. ") W-F. n. 18 (Dit- 
tenb., n. 198); cfr. n. 169, 190, 202 (Dittenb., n. 452), 204, 205, 207, 208, 
338, 362, 393,412-414; v. Bull. d. corr. hell, V, p. 421, n. 34; 177/6 
a C. *•) W-F. n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. n. 80, 129, 185, 197-199, 
203, 206 ; 176/5 a. C. ") W-F. n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. n. 9, 131; 
175/4 a. C. ")W.F. n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. 65, 93, 104, 105, 
137, 138, 156, 167 (DiTTENB., n. 453), 188, 191, 222; 173/2 a. C. ") W-F. 
n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. n. 90, 94, 139; 172/1 a. C. *"*) W-F. 
n. 18 (Dittenb., n. 198); cfr. n. 74, 75, 77, 91, 96, 107, 108, 109 Dit- 
tenb., n. 454), 124-127, 254 Pittenb., n, 450); 332, 441; anno 170/69 a. C. 



— 177 — 

if'/o'^xoQ KX6u8à|ioi> xoO MavT(a.*) 
ènl 'Axat|iév80s àp^ovio^.') — ipxovxo; Oeo^évou.*) 
fipyovTog IIu^^ou.*) — ipxovToc £i)xo(ptSa xoQ Oafvto^.*) 
Spxovxoc KXécovo;.") — [4pxO Mévtjxo;.') 
àpxovxo^ Sevéa.*) — àpxovxo^ KaXX£{8«.*) 
SpXovxoc Eò^ótóvoc.") 
dlpxovxo^ iv AeXfoT^ EòScópou.") 
àpxovxoc ©paauxXéog.") — ipxovxo^ Sco^évou.*") 
SpXovxo^ Ilaxpéa.") — Spxovxo^ Iv ùiX^pcX^ 'AMnPou.") 
fipXovxog 'Ayfcovos.") — Spxovxo; 'Ax»to(8a.") 
ipXovxo; èv AeX^poT? 'Aji^toxpàxou.") 
àpxovxoc Bap6Xou.") — Spxovxo? Uetaiftéou.") 
ipxovxos *Apxwvo; xoD KaXXfa."*) — Spxovxoc OtXoxpà- 
xeo;.") 
ipxovxoc Scootvfxou.") — ipxovxoc 'ApxeXàou/*) 



') W-F. n. 76, 81, 97, 98, 99, 143, 144, 165, 166, 192, 193 (Dittenb., 
n. 460), 223; 169/8 a. C. *) W-F. n. 16 Pittenb., n. 313 = della metà 
del 2* Beo. a. C. ») W-F. n. 18 (Dittbwb., n. 198); cfr. n. 79, 82 (Dittenb., 
n. 463), 83, 110, 111, 119, 120, 150, 180-183, 186. *) W-F. 18 (DiT- 
TEVB., n. 198); cfr. n. 92, 100, 103, 140, 147, 148, 153, 163, 164, 170, 219 
piTTEKB., IL 457), 220. Cfr. C.LG. 1706. •) W-F. n. 18 (Dittefb., 
n. 198). •) W-F. n. 11, 58, 59, 84 (Dittekb., n. 455), 86, 87, 106, 112, 
114, 115, 128, 182, 133 (DiTTEHB., n. 459), 168, 171, 172. ') W-F. 
n. 12, 141, 145, 146, 217. ") W-F. n. 13, 60-64, 78, 85 (DiTTEKB., 
n. 456), 102, 113, 116-118, 128, 189, 195, 196. ') W-F. n. 14, 15. 

") W-F. n. 17. ") W-F. n. 19; cfr. n. 41, 42, 47, 279, 280, 283, 
290, 291, 293, 302, 306, 307, 468-465. ") W-F. n. 20; cfr. n, 29, 80, 
38. "•) W-F. n. 21; cfr. n. 422. ") W-F. n. 23; cfr. n. 24, 25, 269. 

") W-F. n. 26; cfr. n. 44-46, 233, 234 (Dittekb., d. 461), 241, 245, 
267. '•) W-F. n. 27 - y. CLG. n. 1700. *^ W-F. n. 82; cfr. n. 33. 

*•) W-F. n. 37; cfr. n. 43, 51, 52 (Dittenb., n. 466), 56. *•) W-F. 
n. 89; cfr. n. 40, 442, 443, 448. ••) W-F. n. 48; cfr. n. 49, 175, 275-277, 
293. ") W-F. n. 63 Pittenb., n. 465); cfr. n. 57, 66, 173, 174, 184, 
209, 210, 215, 218, 221 (Dittenb., n. 464), 225, 472. "■) W-F. n. 95; 
cfr. n. 226-228, 231, 232, 235-288, 243, 246-250, 259, 260, 265, 438. ") W-F. 
n. 101 ; cfr. n. 121, 122, 134-136, 187. ?*) W-F. n. 130; <jfr. n. 142, 
178, 200, 201, 322, 891, 420. 

Il* 



— 178 — 

SpxovTog Ae5(i)v8a.*) — àpyovxo^ Meveotpàtou.*) 
SpxovTo; Iv AeXqpoTc 'Hpuo^.*) 
ipXOVTo^ 'Ay7joàv8pou *) — Spxovxo^ EòxXéo^.*) 
4pXovioc Aa|ioaTpàtou.*) — dlp^ovio^ KXeàv8pou.') 
àpXovTo;] *Apxfa.') — ipxovTo; IltotXàou.*) 
èv AeXqpoTc àp^ovio; Tppfa.") — àpyovTOC Ilu^^a.") 
SpxovTo; [Sev]ox[p]hou.") — Spxovto; Tt|i(oxpfTOu.") 
ipXovTo^ Aà|ici)vo^.") — àpxovxog KaXXtSàjiou.") 
(5]pX0VT0c 'Apt[oTf(i)vo5?]"*) — àpx- Ilàxptovo;.") 
apXovxo^ Mvaai8à{iou.") — àpxovxo^ AtoxXéoc.") 
àpXovxo; MeYaxXéou^.**) — ipxovxoi; *AXe5(a.") 
àpxovTO^ OeoXuxou") — Spxovxo^ HoXJuxXefxou") 
fipxovxoc Stóoiwàxpou.**) — Spxovxog OtXov£xou.") 
Ntxo8à|iou ipxovxo^.") — àpxovxoc Aanoxpàxeo^.") 
ipxovxoc 6otv£aivo5.") — ipxovxo; 'EXé<ov[o]€.'*) 

SpXovxo; iljpoug xoO KXétóvos.") 

Spxovxoc 'Appotiàx<>^-'*) — Spxovxoc 'Avxtyl[veo;?") 
ipxovxo^ 'Avxi7càxpo[u.**) — Spxovxo; Ntxo|iàx^^*") 
àpXovxo? Sxpaxàyou.") — àpxovxo^ SwoòXou.*') 



') W-P. n. 151; ofr. n. 152, 194, 261-263, 356, 357. ») W-P. n. 158; 
cfr. n. 159, 212, 213 (DlTTBKB., n. 462), 216. •) W-F. n. 229; cfr. n. 230, 
239, 240, 256-258, 270, 455. *) W-P. n. 266. ») W-P. n. 271; cfr. 
n. 272, 424, 429-431, 444; v. BulL d, corr. helL, V, p. 424, n. 37. 

•) W-F. n. 273; v. Bull. d. corr. htll, V, p. 428, n. 42. ') W-P. 
n. 274. ■) W-P. n. 278; cfr. n. 281, 282, 308, 354, 355, 363. *) W-P. 
n. 389. *•) W-P. n. 407; cfr. n. 432 (Dittekb., n. 458), 433. ") W-F. 
n. 421. ") W-P. n. 423; ofr. n. 425 Pittbitb., n. 467). ") W-F. n. 426. 

»•) W-P. n. 428; v. Bull. d. corr, hell., V, p. 425, n. 39. ") W-F. 
n. 434. ") W-P. n. 439; r. BulL d. corr. hell, V. p, 430, n. 44. ") W-F. 
n. 445; cfr. n. 446. ") W-P. n. 447. ") W-P. n. 449. •*) W-P. 
n. 460; cfr. n. 461. ") W-P. n. 462. ") W-P. n. 466 (Dittekb. n. 328). 

•») W-P. n. 473. •♦) Bull. d. corr. hell., V, p. 423, n. 36. ") Bull, 
d. corr. hell., V, p- 429, n. 43. ••) Dittekb., n. 319; t. C. I. G. n. 1689 b, 
1705. ") C.LG. n. 1691. ") C.I.O. n. 1692. ••) C.I.G. n. 1693. 

•^ CLG. n. 1695. *') C.I.G. n. 1699. ") C.LG. n. 1701. ") C.I.G. 
n. 1701 b. ") C.LG. n. 1705 b. ") C.LG. n. 1707. ") C.I.G. 

n. 1708. 



- irs- 

àpyovxos Tt|ioxp4T«os.') — 5pxovto{ IlaXouou Eùav6e- 

Elatea 

àpXovTo^ Tevvatou.") — Spxovio; 'AjJKpapIxou.*) 
fipXovTo^ 'AptaTtóvo^.*) — Sp)(ovTo; Ntxo|i?] àxou.*) 

àpxoy[xo€ • • • Jo[ • • •]vo[ . .') — (JpxovTo; [ Joi>.*) 

SpyovTog NtxàvS[pou. . .•) — àpxovxo; no[ ***) 

SpxovToc Nfx(ov[o€.") — 5[pXo]vxo€ NfxcDvo^.") 
àpxovxo;M[ ") — àpyovxo^ KoXXf tttcou xoO 'ApcoxcxXé- 

SpXovxo[<; 0]pa[oup]o6Xo[u].") 
Ambrisso 

àpxovxos i]v 'A|ipp6aaq) 'E7Ctxé[XJou?") 

èv 8è 'AjiPpóaaq) Spxovxog Aà[i(i)voc.") 
Anticira 

5p[xovxo€ iv 'Avxtxó a M|i(i)vo€.") 
Caradra 

àpXOvxo^ iv XapàBpa *Aptoxo|iéveo^ xoO Xàp|Jif8a.") 
l)aulia 

Spxovxo^ èv AauXfqt IloXo^évou xoO 'OXufitówvoc.") 
Stiri 

ipxovxoc èv Sxe£pi KdcXXcovo^ xo5 'AYTfjOWvog.") 

Spxóvxtóv KXeo|i£8ovxo$.") 

Spxovxo^] .... xoO Ilàxpcovo^.") 



* *) C.I.a. n. 1709. ") V. P. Paris, Élatée, Paris, 1892 (Bibl. des 
écoles frano. d'Ailiènes et de Rome), p. 248, n. 59, v. 6. Cfr. Bull, d. corr. 
helL^ XI, p. 324. In un' isorìzione di Delfo (Bull. d. corr. hell., Y, p. 422, 
n. 35) è nominato l'arconte dell'ignota città di Falica: iv di ^aXi%(f 
àpxovtog 'AptoTodflliJiou. •) V. Paris, op. cit,^ p. 212, n. 8, y. 1. *) Ivi, n. 9, 
V. 1. •) Ivi, p. 214, n. 12, V. 1. •) Ivi, p. 217, n. 16, v. 13. ') Ivi, p. 218, 
n. 17. ") Ivi, p. 219, n. 18. •) Ivi, p. 225, n. 31. *") Ivi, p. 225, 
n. 31, V. 12. ") Ivi, p. 225, n. 31, v. 23. ") Ivi, v. 31. ") Ivi, 
p. 227, n. 35. '*) Ivi, p. 242, n. 63. ") Ivi, p. 247, n. 58. ") W-F. 
n. 274; cfr. n. 437. ") Bull. d. corr, htll,, V, p. 431, n. 46. "')W-F. 
n. 442. *») W-F. n. 429. '^ Bull, d. corr. hell., V, p. 432, 

n. 47. *0 DiTTENB., n. 445. ") C.I.G. n. 1724. ") C.I.G. n. 1725. 



— 180 



BEOZIA *) 

Tebe 

KaXXcxpixeo^ àp^ovio^.") 

'Aptaiftovo^ Spyovxo^.') — NtxoXào) àp^ovio^.*) 

*A]Yewtvfx(o SpxoVTo^.*) — [At]oTé(X)[tJos àpyovto^.*) 
Orcomeno 

'AXeua[o] 4[p]xovxos.') — Aa|ioTo£Sao Sp^ovio^/) 

Ouvàpxo) ipxovTo?.*) — Kxetofao àpyovxo; Botc&tu^, 'Epx^- 
(tevb^ Sé Kapafx<«>-**') 

dcpxovTog 2a|ifao 'Io|ietvt[à]Tao 0eipi^(o.") 

T£|i(i)Vos (Jpxovto^.") — 'A6av{ao àp/ovro^.*') 

Mvaafvb) Spxovxo^.'*) — ini Nfxwvo; Jpxovxo^/*) OcXoSi|xou 
dcpXovxo; BottóxoT^, 'Epxofievfoi^ 8è 6toYev£8a(o.**) 

npa)xo|iix^ ipXovxo^ Bokùx^, 'Epxojievfu^ 5à EòocYÓpao 
4>ó5(ovo(;.") 

'Ovaotuw àpxovxo^ BotcoxO^, *Epxo|ievIu€ 5è IloXuxpàxtoc 
Mupcxfco.") 

Aa|i09(Xa> 5pxovx[o^] BonoxoZ^j 'Epxojicvfot^ [5è] S^oSpiao 
Eòpuxtji(8a[o].") 

lui IloXuxpàxio^ Jpxovxo;.") 

'AptaxoSàjio) Mvaatyevdd) àpxovxo^.**) 



') Quanto agli eponimi della Lega beotioa, oltre gli arconti nominati 
in iscrizioni di Orcomeno, in una di Lebadea, in un^ altra di lotto, sono da 
notarsi i seguenti: apxovcog Boicoxoìg 4>iXoxa>[ji(i> (Collitz, n. 570); . 
ox4[Xt]og ftp^ovcog (Ivi, n. 719; C.I.G. n. 1565); 4px<>^'^®6 Botwxolc 
Aoooi|jivd9['ccD] (Collitz, n. &65; v. n. 494, 807); dpxovtog èv xoiv^ 
Boteaxav Stpdxwvoc (C.I.G. n. 1570 »; 171 a. C). ") CLG. 

n* 1576. ■) DiTTENB., n. 95. *) ItL •) Ivi. •) Dittbnb., 
n. 222. ') C.LG. n. 1564. ") C.I.G. n. 1568; Collitz, n. 495. 

•) C.I<G. n. 1589 a. *') C.LG. n. 1573. Cfr. Ranoabé, AntiquUés 
Helléniquesy Athònes, 1855, n. 1306; cfr. n. 679« ") Collitz, n. 477;' 
non è anteriore all'OL 116. ") C.LG. n. 1579; anteriore alPOl. 145. 

") C.LG, n. 1580; della stessa età deUa precedente. '') CJ.G. n. 1583. 

") Rakoabé, op. cit. n. 1005. ") Ivi n. 1304. ") Ivi, n. 1305. 

**) Collitz, n. 485; v. n. 483, 481. *") Ivi, n. 486. ") Ivi, 

n. 438, V. 104. ") Ivi, n. 493 ; v. 489, 492. Cfr. Bull. d. con'. helL, IV, p. 97* 



— 181 — 

Choronea 

SpXOVTo^ [ZJtófXou ToO Eùàv8poi>/) 

àpxovxo^ AtoxXéou^ to5 St(i|ji/ou.*) 

SpxoVTo^ Eiiàv8pou.*) — àpxovxo^ Jlàxpwvo^/) 

àpXOVToc 'Avtìywvo^.*) — àpxovxo^ OtXoSévou.*) 

ipXovxo? Kaqptofou/) — EvTcéSwvo^ ipxovxo^,") 
Lebadea 

XapoTcfvo) ipxovxo^ BotcoxoT;, AepaSeiot^ 8è Ka . . . óxxto;.') 
Acrefia 

'Avxfou Jpxovxo^.*") 

àpxovxo; èv 'Axpat^fot? *Itctcov{xou.") 

IIxa>{(i)voc JpXovxog.") 
Ietto 

'Aya6apxf8ao5pXovxo; BoicoxO^, iiA icóXto^BèlXouOavYiXo).") 
Copi 

MeXavxix<«> ipxovxo^.") 
Tespe 

IIpa^^cDVo; ipxovxog.") 
Tanagra 

. . . . po) àpxovxo;.**) .... ; àpxovxoj.'I) 

'AjicvoxXeTo^ àpXovxo^.") 
Calia 

ipxovxo^ Sévcovo^.") — apxov[xosiièvè]Y XaXsfcp'AXe^fvou.") 

Spxovxo; èv XoXetoot OtXfoxou.") 

£pXovxo( èv (lèv XaXefq) Eòafiipou xoO Aàacovo^.") 

èv 8è XaXefq) ipxovxo^ IlexàXou.") 

Jpxovxoc èv XaXefot Tifiivopo^ xoO Twfa") 



*) CJ.G. n. 1608 a. «) C.I.O. 1608 b. ") C.I.G. n. 1608 e. *) C.I.G. 
u. 1608 d. ») C.I.a. n. 1608 f, •) C.I.G, h. 1608 g. *) C.LG. n. 1608 h. 

") C.LG. n. 1609 ») C.LG. n. 1575. '") C.LG. n. 1587. 

") Bull. d. corr. hell. IX, p. 431. ") Collitz, n. 674. ") Ivi, 
n. 528. ") Iti, n. 553 (C.LG. u. 1574); t. n. 654-558. ") Btdl, d. corr. 
helL, IX, p. 412. *•) C.LG. n. 1562. '') C.LG. n. 1563 a. ") C.LG. 
n. 1563 b. ") C.LG. n. 1567. «*) C.LG. n. 1607. ") W-F. n. 69. 

") Bull. d. corr. hell., V, p. 429, n. 43. ") Bull. d. corr. helL V, p. 480. 

") Bull. d. corr. kelL V, p. 430, n. 46. 



— 182 — 

Oropo 

èizl Xccponlòox} (epéu)^ xoO 'A|itftapàoii.') 

ATTICA ") 
MEO ARIDE 

èTcl paotXéog nao[t]àSa/) 
èTcl] paotXéo? 'AwoXXwvfSa.*) 

ARGOLIDE 

Argo 

ini Xpuo{5o5 èv "ApYet tóxe icevxy^xovxa ouolv 5éovto6 Ixrj 
Eep(j)|iév7jc.*) 
Epidauro 

èic'EapeO; [xo]0 'AoxXa7ut[ot> Atjovuafou.*) 

ACAIA 

Dyme 

èm S«ox6Xou Aéwvo^.') 

ini S'ìoxóXou 'AptaxoXatBa.') 

ItcI 8«o]x6Xou OtXoxXéoc.') 
Egio 

ini 8a|itop[Y©v. . . .]/jya Boupfou, NtxavSptSa/*) 

è[v 'AZffcp 8è SaJutopYÉovxe^.") 

ARCADIA 

Mantìnea 

èTcl Eepéo; x^ IloacSdtvi To^lnnoi),^*) 



*) 'Ecpijji. apxM 1891, p. 91, n. 39, 40; y. 18S5, p. 104; 1886, p. 61 ; 1889, 
p. 22. ') Por la lista degli arconti eponimi di Atene v. M. Albert Dumont, 
FoifUs éponimiques d^AthèneSj Paris, 1874. "J C J.G. n. 1052; posteriore al- 
rOlimp. 102, 2. Cfr. n. 1057. *) Le BaS, n. 17. ») Thuc, II, 2, 1. 

•) OOLLITZ, n. 3025. Tra il 243 e il 233 a. C. ^) C.I.G. n. 1543. Dittenb., 
n. 242. •) DiTTEKB., n. 316. Cfr. Collitz, n. 1612. Del 3® sec. a. C. •) CoL- 
LITZ, n. 1613. '"*) C.I.G. n. 1542 = DlTTEXB., n. 182. ") C.I.G. n. 1567. In 
un' iscrizione di Delfo (W-F. n. 109 = Dittenb., n. 454) si leggo oxpaxa- 
Yiovxog tfflv 'Ax^tóìv *Apxfl)vog; in un'altra d'Epidauro (Collitz, n. 8025) : 
i]ni OTpaxaYLoa xfflv 'AJ^aifiv AiytaXsOg.. ") Dittenb., u. 444. 



— 183 — 

Tegea 

léffi<; Tt(ioxp[à]t7)k]/) 

£épTlU[ -CT^O 

ènl S(i)oxpàx(}> Eep*!/) 

SPARTA *) 
ISOLE GRECHE 

Taso 

àpxóvitóv 'AptaxoxXéou^ toO Satvpoii, *AptoTO|iéveu; loO 

'A|ico[i'/jTO'j, 5t^ [xpàjxou To5 Btxfwvog.*) 

Samotrace 

èwl paotXéci)^ 'AptSi^Xou.') 

ènl paoiXéwc Eòfiàxou xoQ Tif)|iévou.") 

ini paaiXéa)^ Aivwvo^ xoO 'A7coXXov£8ou.') 

ini paotXétoc [xoO Selvo^.") 

èwl paatXétói; *l9 txpàxou; xoO ") 

ini paoiXéa)^ Teto: ou Kpfxwvo^.") 

^aiXéo)^ Aeofl-àpoTQc nufl-oxXefSou.") 

ItcI paotX£co^ eo)^.") — è [ni paotX£(o^.") 

èTcl paoiXéw^ nufl-icovoc xoO. . . .") 

ItcI paatXécD; 'ApioxcDvoc xoO *l9txpàxou€.") 

PaotXeó^ OeoxéXnjc 'Apt^àvxoo.") 
Lesbo 

èrti Tcpoxàvco^ i[|i[ M[uxtXàva SeTvog] ©eXatoftp, iv 5é Ma- 
[^Jufivqt ini 7rpox[àvtoc ScTvoi; xoO SeTvo^, èv] *Avx(ooqt [S'Jèwl 
7cpoxàv[t]oc KXea^ev [....] èv 'Epéocp 5'èul Tcpoxàvto^ 'Aye- 
|iópx(i> Me[X]a[v]xà(i),") 



") C. I. O. n. 1613 b. •) Ivi. ") C. I. G. n. 1513 e. 

*) GàUEr', n. 461. ') La liata degli Efori la dà il Boeckh, 

C.LO. I, 608. •) C.I.G. n. 2161. Cfr. voi. HI, p. XVII. ') C.I.G., 
n. 2157. •) Gonze, Samothrake, I, 48, 21. •) C. I. G. d. 2158. 

'^ C. I. G. n. 2159. ") v. A. GoKZE, Reise auf den Inseln dea traki" 
schen Meeres, Hannover, 1860, n. 64. ") Ivi. **) Ivi, n. 66. ") Ivi, 
n. 67. ") Ivi. ") Ivi,ii. 70. ") Ivi. ") BrU. Mm. Ili, p. 64, n. 444. 

'•) RANGABÉ,op. ciU^ n. 770. Gfr. G.I.G. n. 2265 b.; anno 167 a. C. 



~ 184 — 

ènl Siit-d-iva npoiivio; (Mitilene).*) 

ènl Tcpoiàvio^ 'Apxfa (Metimna).*) 

TCpóxavto^ M8X{8(Opo[{] (Ereso).') 
Chio 

ItcI wpuTàv8(o[s Oo]fvt[xo]; nXuvTY)[pt]6vos/) 

èTcl icpuTàv[e(i>]g EXeoxóSou; IloaiSecdvo^/) 
Samo 

ènl Sa(iioupY6àv Mapofou xal Mv7]oi(ipp6TOi>.*) 
Calymna 

Ini Mo. ^Xaoutou KXcoSiavoO.') 

liei Mo. TOO 'AoxXijTCtoO.*) 

ItcI Mo. KXcoStavoO.*) 

lui Mo, ToO 'AoxXif)ii[toO] Tò Y«") 

ItcI {i[ovàpxou] TÒ p' EevoyGiVTO^.") 

liei (i[ovàpxou] KXe<ovó|ioi> KXeuàvtou {ieià |x. xò ^'Sevo...") 

ijicl |i[ovàpxou] AtoYlvou.**) 
Co 

liei |iovàpx[o]i> npa5[t[iiv]fiuc.") 

liei |i[ov]àpxou Nix6q)pa)vo€.**) 

liei |Ji[o]vàpxou..,.**) 

liei {iovjàpyou Ntxofii^Boo^.") 
Nisiro 

liei Auatxpàxeo; Sa^itsproO.*') 
Rodi 

li€*Cep|(i>c npaTo[9Ìveii€.**) 



■) Cauer", n. 428, y. 36. *) CAUER",n. 433. Quest' iscrizione è 

dol tempo di Ptolomeo IT; fu scritta dunque fra il 222 e il 205 a. C. 

») Cauer", n. 430 C, t. 29. *) Dittekb., n. 360. Cfr. C.I.O. 

n. 2214. ») Iyì. •) Bull. d. corr, helL, V, p. 484. Cfr. HiCKS, op. 
oit. n. 00. ') Bf^. Mu8., II, n. 306 a. ') Ivi, n. 306 b. •) Ivi, 
n. 306 e; cfr. n. 306 e, f, 307. »°) Ivi, a. 308, v. 1, 9.. ") Bull. d. 
corr. helLy VIII, p. 43. ") Bull. d. cort\ helU, Vm, p. 43, b. ") Bull, 
d. corr. hai., Vni,p. 44. ") Cauer*, n. 161. ") Cauer», n. 162. 

'•) Cauer •, n. 1«3. •') Inscr. of Gos, Oxford, 1891, p, 9. ") Dit- 
tekb., n. 195; 200/199 a. C. '*) C. I. G. n. 2905; BrU. Mua. Ili, 

n. 403, V. 38 ; circa 305 a. C. 



— 185 — 

èiA Upéa>; ^A^Eaxpizorj Kapvefo'j.*) 

iit'Eepéo); Aa{i(xivéToa.") 

ini Upéa>( 'ApaTO^àvcu;.") 

ltpiio<; Tfjc TÓ80U 'ApxIXew^/) 
Astipalea 

8a|iioiipYo«3 8; Sv |ieTà XaptYévìjv BanioupY^jt.*) 
Andro 

ìtcI 'Aya*oxXéoo[d Spxolvxo;.*) 
Geo 

èitl 6eo«paviSoii (Jpxovxo;.') 

èicl Aiox65ou€ ipxovTo;.') 
Teno 

èie' àpxovTOC •) 

ili' dpxovxoc ") — èir* SpxovTo;. . .") 

èw* àpxovxoc 'A|ietvóXa.'*) 
Delo 

ìtA ^ApiazdxV-oM àpxovxo^.") 

ini OotSpfoo àpxovto;.") 

èicl NauotCou àpxovxo^.") 

ini Atouofou xot> (lexà Auxtaxov àpxovxo?.") 
Paro 

ipxovxo; Ilo^àxou.") 
Nasso 

ini 8Y]|itotipYoO *Avxt6xoti.") 
Tera. 

ini iqpópcov x£&v 9i>v OotpéxeXec.'*) 

ini èqpópcov x©v ol)v *I|iépxq) Atoo^óvou,**) 

>) Joiirno/ 0/ JSy/. Stud, II, p. 356, y. 29. *) C.I.G. n. 2525 b; 
Caubb*, n. 180. •) Schumacher, De RepubL Rhod.^ p. 49; cfr. C.I.O. 
H. 3656. *) Cl.a. n. 2416 b. ') Bull. d. corr. helL, YIII, p. 26, B, y. 8 
(ofr. y. 7). *) H1CK8, n. 103; 356 a. C. ; y. C. I. G. n. 2349 b, 2416 b. 

^ V. Pridik, De Cei inankte rébus^ Berolini, 1892, p. 159. *) lyi, 
p. 161, ofr. p. 87. •) C.I.G. n. 2338, y. 1. '•) lyi, y. 74. ") lyi, y. 103. 

•») lyi, y. 109; cfr. n. 2339 b. HiCKB,n. 82, §. 3. ") C.LG. n. 2270; 
dopo rOlimp. 153. •*) C.IG. n. 2271. '■) C.LG. n. 2295 ; dopo POlimp. 152. 

••) C.I.G. n. 2296; id. ") C.I.G. n. 2891. ") C.I.G. n. 2416 b. 

*•) C.I.G. n. 2448; y. Cauer", n. 147. ") Ivi Per Cirene y. iyi. 



— 186 — 

Eubea 

KXeoicó|i7rou àpyovTO^ (Eretria)/) 

ip^ovTO^ Oavoiiàyou.*) — ipyovxo^ IIapay6|ioii.') 

ini «pxo[vxod Tt[|i]og£[v]o[u]/) 

ipxovxo; E[ùf]it7C0u.*) 
Creta 

ini T(&y x6a|i(ov xél>v obv nuXipo)[x4). . . .') 

Ì7cl xóa|iQiy |ikv xfidiv ativ HocvoE^y t4> X[e]pyii]xiSa.') 

ini xóa|i[cov iv {ilv] *Iepaic6xya x(dv abv 'Ev{icavxi x4> 'Ep- 
yicdif [xod |ii]vòc] *I|iaXf(p, iv 8k. IIpiavoioT ini xóa|iu>v x(ov 
ob[v Nicdvi xfi>] Xi|iip<i) xal |ii]vòc Apo|ii]t<i).*) 

ini] xoa|i[<o]x[©] 'EXfupfwv? xoO SeTvo;.*) 
Oorcira 

npuxavc&ovio^ 'Aptoxojiivto;.") 

npóxavic Sxpàxwv.") 

. . . .ó^cvoc HoX(i>xa npuxavt6aac«") 
Melita 

ini fepo*6xou *Ixixa *Ixixou."') 

SICILIA 

Gela 

ini EepanóXou 'Aptox{(ovo( xoO 'loxiiouy xaxcviatiofou Scóato; 
xoO NuiifoScópou/*) 

ini (cpanó[Xou xoO Stivo;] xoO OtXo8à[(Aou], xaxev(au[o(oo] 
OtXoxp&x[ou; xoO] 'Ap{oxtt)[vo;.**) 
ini 'AYtax[p]à[xou.") 
Agrigento 

ini UpoWxa Nu|iqpoS(t>pou xoO ^Xwvo;.") 



') Buil. d. earr. helL, li, p. 278/9. •) •) *) •) Itì. •) C.I.G. 
n. 2554. '*) Ivi. ') C.I.G. n. 2556; HiCKS, n. 172; anno 250-200 a. C 

•) C.LG. n. 2561 d. >•) C.LG. n. 1845; CoLLiTZ,n* 3206; C.I.G. 
n. 1851-1868. Del 3® o 2® secolo av. C. ") CoLLrrz, n. 8199. Cauer', n. 89. 

*■) C.LG. n. 1848. Collitz, n. 3210. ") C.LG. n. 5752. Cfr. Kaibbl, 
Inser. Sicil. et Ital. n. 953. ^*) C.I.G. n. 5475. Cfr. Kaibel, op. cit. n. 256. 

") C.I.G. n. 5476. *•) C.IG. n. 5477. ") C.LG. n. 5491. Cfr. 
Kaibel, op, cit. n. 952. 



.^^ V- f 



— 187 — 

Segesta 

fep]o[S']uTéovto^ Oàcovo^ [toO NÓ|a]90)vo; ScoTioXtavoO/) 
Tauromenìo 

èTcl 'A7coXXoS(&pou tgD 'ÀTioXXoScópou.') 
Catania 

Eepaxiiwóoìj; *t55 'A<p]poKxa;.*) 
in' (ep£(i>^ Ilauoavfa^ 'ÀYptav{oii/) 
èii'U[p£(d[c Tt|AOuf^ó5ou.*) 
Siracusa 

KaxiaxYjoe (Timoleonte) 8à xal t^v xax' ly&auxòv ivxt|&oxà- 
x>]v àp^i]y, {)v à|i<f>(icoX(av Alò; 'OXu|itc{ou oC 2!upaxóato& xa- 
XoDar xal tpi^^ TcpCùxo; à^^noXo(; Alò; 'OXiì|aic(ou KaXXi- 
|i£vt);, X.X.X.*) 

MAONA GRECIA 

Reggio 

ini Tcpuxàvio; NixàvSpou xoO NixoSà{iOu/) 
Eraclea 

l^opo; 'Apfoxapxo; (*H]paxXfi{8a.') 

ifopo; AàCi|io;.') 



■) CLG. IL 5546; ofr. n. 5445; Kaibbl, op. eU. n. 290. ') O.I.O. 

n. 5640; r. n. 5641-42. •) 0.10. n. 5652. *) CLtt. n. 5667. •) CLG. 

n. 5673 b. *) DiODOR., XVI, 70, 6. ') DiTTBirB., n. 251. *) C.I.O. 

n. 5755. *) Itì. Risalgono questi due ultimi documenti al prinoiplb 
del 4* seo. a. C. 



I DIPLOMI LONGOBARDI 
DELL'ARCHIVIO ARCIVESCOVILE DI LUCCA 



bella insigne ricchezza dell' archivio arcivescovile di Lucca 
dissero assai bene il Muratori, lo Zanetti ed il Troya, ma pur 
troppo è da dolere che pari alla ricchezza non sia la cura 
adoperata per mantenerla, da chi la possiede. E tanta incuria 
ha fruttato la dispersione e la rovina di rarissimi e preziosis- 
simi documenti, ed altri ancora dovremo rimpiangerne se pron- 
tamente non saranno presi gli opportuni provvedimenti. Sia 
pure che le condizioni economiche della curia lucchese non 
versino più nella floridezza dei tempi passati, ma non crederò 
mai .che non permettano un riordinamento dell'archìvio, 
che dovrebbe essere un bel vanto di chi regge quella diocesi. 

I diplomi longobardi, che si conservano nell'archivio arci- 
vescovile di Lucca non sono già 120, come erroneamente dissi, * 
seguendo il Chroust/ ma 150 e comprendono il periodo assai 
lungo di tempo, che va dal 685 al 744. Si conservano nel primo 
piano del palazzo arcivescovile di quella città in una sala con 
due muri esterni, rivolti a settentrione e ad oriente, e nella 
loro collocazione non è stato seguito nessun criterio né cro- 



» Cfr. Studi Storici, 1892, I, p. 470. 

* Veramente il Ghroust, Utitersuckungen Hher die langobardischen 
K&nifft'Uìid Ilerzogs'Urkuìiden, Graz, 1888, p. Y, dice: „ in Laoca allein 
nielir ale hundertzwanzig „. 



— 190 -^ 

nologico nò topografico, onde stanno uniti con altre carte, 
con le quali non hanno veruna relazione. E però giacciono 
promiscuamente in gruppi di 10 carte, ravvolte da una fet- 
tuccia, che porta un cartoncino, su cui è segnato il numero 
d' ordine : dieci gruppi stanno in ogni cassetto dei tre armadi. 

Anno 713. 

Fortunato insieme con suo figlio Benuald prete fonda e 
dota la chiesa di S. Pietro nel Vico Gassiana^ oggi S. Piero 
a Vico '. 

Cesare Paoli nelle t Osservazioni paleografiche e critiche 
sopra la più antica pergamena dell' Archivio Centrale di Stato 
in Firenze • lette alla Società Colombaria fiorentina il 6 gen- 
naio 1873 e poi pubblicate neir Archivio Storico Italiano % 
dopo avere giustamente impugnata T originalità di questa carta, 
sostenuta dal Bertini % che confuse i termini arigincUe e au- 
tografo soggiunge che « questo pregevole documento é da pa- 
recchi anni perduto ». E veramente che cosi fosse era rite- 
nuto anche da quelli, che sopraintendono all'archivio dell'ar- 
civescovado lucchese, ma la fortuna volle che a me riuscisse 
di rintracciarlo fuori della collocazione segnata, confuso con 
altre carte. 

Questa pergamena è la più antica d'Italia^ ammesso pure 
col Paoli che questa copia autografa fatta dal prete Sicherad, 
che stese anche l'originale, sia di qualche anno posteriore 
alla rogazione dell' atto. Essa ha forma irregolare e nella sua 
massima altezza misura 85 centimetri e 3tì nella massima lar- 



* MuRAT. AtU. Med, Aevi, 1, col. 227; Mabillok, AhmI. Betiefiectim, 
1. XIX oap. 79; Brunetti, Cod, dipi. tose. p. 422; Barsocchiki, Mem. 
e Dyc, per servire alia storia di Lucca^ r. V. p. IL p. 4; Troya, Cod. 
dipi. long. N. 394. 

» Serie III, t. XVH, p. 225. 

■ Op. tit. V. IV, p. I, p. 303. 



— 191 — 

ghezza; l'umidità ha prodotto molto guasto in alto nel lato 
destro di chi guarda e però la lettura è resa assai difficile. 
Il Barsocchini, che meglio di tutti la pubblicò^ e da cui la trasse 
il Troya, non andò scevro d' errori e però, considerata la an- 
tichità della carta, reputo opportuno mettere a confronto la 
lezione di lui con la mia di quel tratto guasto da umidità. 



Lezione nuova. , 

1. f ju nomine domini dei 
et salvatori nostri ihesu chri- 

sti excellentissimus 

rex anno felicissimo regni eius. 

2. secundo per inditione duo- 
decima feliciter jn excelsis glo- 
ria est et jn terra pax 

hominibus bone volun 

3. tatis arbitrìum addidit et 
declarat suo arbitrio perfecta in- 
tentione capiant homane : mentj. 

4. secreta christi suscipere 
humilis esse propter sententia 
ista scrjptura admonit 

5. dicens gentis jnquide via 
celestis jntuenti spiritualis . . . 
.... cinget suavissime agen 

6. tjs hominis expectantis, 
diei hore sexte adveniente. . . . 

7. qua inutilis fama sit lau- 

dator qui seculum meum 

tui nulla mansi 

8. desiderans e te. 

Neil' ultimo capoverso di questa cartii si notano le lettere 
< aXi t , che furono oraraesse dal Barsocchini e dal Troya, 



Lezione del Barsocchini. 

f In nom. Dom.et Salvator is 

nostri J. Xti excell. 

Rex anno felicissimo regni ejus 
secundo. per ìndit. duodècima 
feliciter. In excelsis gloria est. . . 

et in terra pax hominibus 

bone volun tatis, arbitrìum addi- 
dit et declarat suo. . . . arbitrio 

perfe et oepiant humane 

menti secreta Xti 

suscipere humilis esse propter 
sententia ista scriptura admonit 

dicens : via celestis 

intuentis spiritualis 

suavissime agentis hominis ex- 
pectantis diei bore sexte adve- 
niente Domino qua 

inutilis fama laudator 

qui seculum deside- 
rans etc. 



— 192 — 

e dal Bertini * furono lette • Christi ». Invece si deve leggere 

< aXi > come sta nella carta, equivalente alla congiun- 
>:ione ( ei8i » alterata : e questa mia lettura concorda col senso 
del testo e ego 8icheì*ad axi indignus p*esbitef* ». La congiun- 
zione < aXi » per e^» si riscontra anche in un' altra carta 
lucchese del 724 (Troya N. 448) e ivi pure è data la mede- 
sima lettura errata. La congiunzione t aXi » non è regi- 
strata nel Ducange. 

Il Barsocchini nell' intestazione di questa carta erronea- 
mente scrisse che la chiesa di S. Pietro nel vico Cassiana eri 
nelle vicinanze di Vaccole e probabilmente fu tratto in in- 
ganno dall' ingiunta fifitta alla carta, dopoché era stata fir- 
mata : in queir aggiunta, o postilla che dir si voglia, For- 
tunato e Benuald donavano alla chiesa di S. Pietro un pic- 
colo oli veto in Vaccole, di cui si erano prima dimenticati 

< post hanc completa cartula rememoravimus particellula no- 
stra de oliveto in vaccule ». 

Non tutti i cinque figliuoli di Fortunato presero parte con 
le loro sostanze alla fondazione e dotazione della chiesa di 
S. Pietro, come apparisce nell'intestazione, che il Troya fece 
a questa carta, ma solo Benuald prete, che legava la quinta 
parte del patrimonio paterno, che a lui spettava come agli 
altri fratelli « portiuncula mea quinta pars qui ad fratrjbus 
meis advinet ». E per questo Benuald nelle sottoscrizioni, è 
detto t benefactorj et conserbatorj » come suo padre Fortu- 
nato, mentre gli altri figli di questo, interessati per la paren- 
tela, consentono semplicemente alla rogazione dell' atto e filjo 
eius consentientis ». 

La chiesa di S. Pietro fondata da Fortunato e Benuald, 
dà oggi il nome al paese di S. Piero a Vico, ommesso dal 
Repetti nel suo dizionario: esso giace in vaga pianura nella 



' Mem. e Doc. v. IV, p. I, p. 304. 



— 193 — 

sinistra del Serchio a N. E. da Lucca, distante 5 km. circa 
da questa città. Nella parte esterna deir abside della chiesa 
parrocchiale di questo paese, leggesi ancora la seguente iscri- 
zione ben conservata in caratteri del tempo longobardo : 

DE DONIS DEI ET BEATI 

PETRI APOSTOLI ILDEPRAN 

DV8 HVMILI8 VNA CVM 

CONIVGE MEA FERILAPA 

HANC ORATORIV A FVNDAMENTIS 

CONSTRVXIT. 

Di Ilprando e di sua moglie Ferilapa s' ha memoria in ima 
carta dell'anno 800 dell'archivio arcivescovile di Lucca *, 
onde convien dire che la iscrizione riportata fu collocata in al- 
tro oratorio, o che la chiesa di Fortunato e di Benuald dal 773 
al tempo d' Ilprando deperi tanto da occorrere riattamenti 
tali, che meritarono il nome di edificatore al restauratore. E 
di tale usanza non mancano esempi. Sappiamo invero che Per- 
tuald nel 721 fondò la chiesa di S. Michele di Scragio, presso 
le antiche mura di Lucca e non ostante in quella chiesa leg- 
gesi riscrizione che segue: 

DOCTOR. HONESTATIS. VENERANDAE. VIR. PROBITATIS. 

PRESBITER. IN. CHRISTO. TVMVLO. JACET. ANGELVS. ISTO. 

ISTE. TVAE. MICHAEL. FVIT. HVIVS. CONDITOR. AEDIS. 

ERGO. FAVETO. SIRI. CELESTIS. AD. ATRIA. SEDIS. 

VNDECIES. ANNVS.. CENTENVS. TIRI. CHRISTE. 

AC. NONAGESIMVS. QVINTVS. CVM. TRANSIIT. ISTE. 

NONAS. NOVEMBRIS. * 



' Mem, e docum, per servire alla ut. di Lucca y r. IV, p. L p. 187 e 415. 
* Mem. e docum, ecc. v. IV, p. I, p. 309. 



— 194 — 

La più antica carta lucchese, che fa menzione dì Vaccele, 
oggi S. Ix)renzo a Vaccoli, è questa del 713, e non quella 
del 719, nella quale, Aunefrid chierico dona i suoi beni alla 
chiesa dei SS. Lorenzo e Valentino di Vaccole, come asserisce 
il Uepetti. * 

Decembre 718. 

Telesperiano, vescovo di Lucca, concede all' accolito Mau- 
rino la chiesa di S, Prospero d' Antraccoli '. 

Questa carta offre una singolarità degna d* ossen^azione. 
Comunemente quando un vescovo o qualsiasi altra persona 
pubblica conferma una donazione fatta dal predecessore, roga 
un atto nuovo in persona propria, menzionando in esso la vec- 
chia donazione. Qui invece Gualprando, che successe a Tele- 
speriano nell'episcopato lucchese, volendo confermare la dona- 
zione di Telesperiano a favore di Maurino, fa copiare testual- 
mente al diacono Osprando V atto di Telesperiano^ compresa la 
firma di lui, e sotto appone la sua firma e cum consenso de 
sacerdotis • i quali sacerdoti alla lor volta si sottoscrivono 
« ex jussione domni Walprànd i. Il t cum consenso, e 1' • ex 
jussione • pare che non stiano d'accordo e ad ogni modo me- 
ritano che venga richiamata su di esse l'attenzione dei cri- 
tici. 

In calce a questa carta si trova una Noditia del 758 del 
vescovo Peredeo, ma essendo un vero e proprio documento 
non basta separarlo , come ha fatto il Troya * , ma conviene 
anche metterlo al suo posto naturale in ordine cronolo- 
gico. 



* Dizion. Topograf, Tose, alla voce Vaccoli. 

" MuR. op. cìt. y. II, col. 1044; Bertixi, v. IV, p. I, Appendice p. 65; 
Trota, N. 421. 

' Op. cit. V. IV, p. Ili, p. 281. 



— 195 — 

Anno 720? 

Teutpald con altri longobardi fonda e dota la chiesa e l'o- 
spedale di S. Silvestro fuori di porta S. Pietro, in Lucca. * 

A questa carta manca la data, probabilmente ommessa 
dall'amanuense, che la copiò e V anno approssimativo 720 ad 
essa attribuito rilevasi da altro documento del 720, nel quale 
Aufrid chierico vende un orto ai fondatori dell' ospedale di 
S. Silvestro, perchè in esso alzassero le loro fabbriche. In 
questa stessa carta dopo Tatto. della fondazione di S. Sil- 
vestro, rinviensi im' altra donazione fatta alla medesima chiesti 
da Geminiano, e in ultimo la vendita di Aufrid predetto. 
Quest' ultimo atto fu pubblicato solamente dal Muratori, da 
cui lo trasse il Troj^a, e non so perchè sìa stato trascurato 
dal Brimetti, dal Bertini e dal Barsocchini. Certamente lo 
conobbero, altrimenti non avrebbero potuto attribuire al 720 
la fondazione di Teutpald. 

Io non so poi dove il Muratori abbia detto che l'ulti- 
mo atto di questa carta gli sembrò originale « mihi visum 
archetipum » come asserisce il Troya (loc. cit. p. 295, nota I), 
e non avrebbe potuto mai sembrargli tale, perchè non si ha 
verun esempio di più atti originali inseriti nella medesima 
carta. 

Comimemente nei documenti longobardi i solidi vanno uniti 
con la qualificazione anri o de auro, ma talvolta occorrono dei 
solidi senza qualifica di sorta, contrariamente a quanto è av- 
venuto di trovare al Paoli (op. cit. p. 235, not. 4*). In questo 
documento « geminianus prò terra et vinea offeruit soljdos 
quadragenta teudoraci prò terra et vinea soljdos quadra- 
gjntà 1 e poco più sotto « prò vinea per unumquemque nostrum 



' MuR. op. cit. y. III. col 565; Brun. v. I. p. 459; Barsocchikj, v. V. 
p. II, p. 6; Troya, N. 42ò. 



— 196 — 

dedimus soljdos decera • ; inoltre « dedirunt predictos soljdos 
prò vinea et terra, el octuagenta soljdos in auiv • Quest'ul- 
tima qualifica in auro è rarissima e non è neppure accennata 
dal Paoli. 

Probabilmente Geminiano della seconda donazione è lo 
stesso geminianuif della prima; egli oltre molte terre offre 
< caldana una ornile cum catena fumaria » La voce crnile, 
non è registrata dal Ducange e non si sa che cosa precisa- 
mente significhi; per altro la < catena fumaria », che sta unita 
con l'ornile farebbe pensare al moderno j>ata{o, ma non si può 
affermare con sicurezza. 

Nandulo, uno dei fondatori di S. Silvestro si sottoscrive 
ìiegudUmti', neppure questa voce è registrata dal Ducange. 

L'ordine delle sottoscrizioni del primo di questi tre atti, 
non so perchè, è stato nel principio invertito da tutti quelli 
che l'hanno pubblicato. 

Anno 722. 

Orsone Chierico fonda la chiesa e l'ospedale di Sv Maria 
in Lucca e la dota di terre e di servi. ' 

Molte sono le varianti che la mia trascrizione presenta 
dalle pubblicazioni fatte di questa carta e parecchie lacime 
sono state però riempite; delle une e delle altre accennerò 
solo le principali. 

Nella linea terza la lacuna tra < h emente » deve 

riempirsi cosi: e in hac certa mente. » In fine alla dodicesima 
linea nei testi a stampa leg^esi « Fussinulo vachis exitu » 
ma queste parole per la grandezza del carattere, col quale 
il documento è scritto, non potevano essere nello spazio di due 
centimetri, corroso da insetti. Nella tredicesima linea si deve 



' Mabillon, op. cit. 1. XIX, cap. 78; Muit. v. Y. col. 503; Bkik. 
V. I. p. 465; Barsocch. v. IV. parte II p. 8: Troya, N. 438. 



— 197 — 

leggere < fussione • e non Fussinulo », e la lacuna in Me alla 
medesima linea é ridotta, perchè dopo l'iniziale v ho potuto 
leggere t uvjli et », donde sì vede che malamente era stata 
riempita in « avibus » dal Muratori seguito dal Brunetti, e 
meglio si era apposto il Troya, congetturando • vitulis ». In 
fine della linea decimasettima leggasi < zodoar ancila prò live- 
ra » e non t Godoata » e così è tolta la lacuna e corretta la 
lezione; parimente nel principio della linea diciottesima leg- 
gesi « guada » e non < Gunda » e nella fine della stessa linea 
e nel principio della diciannovesima viene corretta la lezione 
e tolta la lacuna quando si legga < habeat et jure posse- 
deat ». 

Prima della Arma dì Sinduin, sono stati ommessi da tutti, 
i due testimoni Samuald e Chmtelmo. 

Alla sottoscrizione di jnsprandus suddiacono, che 

stese questo ^ exemplar » seguono le firme dì sei testimoni, 
che attestano la fedeltà della copia. Queste firme sono scritte 
in inchiostro molto più nero di quello adoperato per il testo, 
e le lacune, che tengono loro dietro nei testi editi^ scompa- 
iono, leggendosi dopo ciascuna firma con varianti di nessun 
conto e unde hoc exemplar relevatum est et jn qua manu 
mea subscrìpsi ». 

Dei luoghi ricordati in questa carta noto soltanto Novale, 
che il T^ya credette essere lo stesso che Nova nel Val d'Amo 
Inferiore. In Piazza di Brancoli^ diramazione delle Pizzome 
nel lucchese, esiste anche oggi un luogo detto Novale, ove 
la tradizione vuole che anticamente fosse un cenobio. Quivi 
in mezzo a estesa proprietà libera, esiste anche presentemente 
un piccolo spazio di terra livellare di un monastero di Lucca. 
Potrebbe essere questo il Novale della carta? 

Merita di essere notato il particolare che il duca Gualperto 
concesse ai testimoni che eran preti di sottoscriversi prima 
di lui. 



— 198 — 

Ottobre 724. 

Telesperiano vescovo di Lucca concede a Romualdo prete 
il beneficio della Chiesa dei SS. Pietro^ Martino e Quirico in 
Capannole. * 

Questa carta, che porta l'indizione ottava e Tanno deci- 
moterzo del regno di Liutprando, quantunque senza indica- 
zione di mese, viene comunemente attribuita alla fine del 
724 ai primi del 725^ perché in altra carta lucchese dell'ot- 
tobre del 724, Romualdo e Rapperga presbitera, già moglie 
di lui, donano alla chiesa predetta, i beni da loro acqtuàtati 
in quei dintorni. 

A me pare che si possa affermare quasi con sicurezza che 
anche questa carta della collazione del benefizio fu redatta 
nell'ottobre del 724^ e anzi nello stesso giorno nel quale ta 
steso l'atto della donazione di Romualdo e Rapperga. Infatti 
noi vediamo che Sicoin é l'estensore dei due atti^ che furono 
tutti e due rogati nella stessa chiesa di S. Pietro in Lucca. 
Notiamo ancora che nell'una e neir altra carta figurano te^ 
stimoni i preti Sichimimd e Deusdede, e il notaro Sicoin non 
si sottoscrive in nessuna carta; circostanza molto notevole^ 
che avvalora la mia congettura. Inoltre, avendo io tolta la 
lacuna^ che nei testi a stampa era dopo la firma di Sichi- 
mund, apparisce che questo testimone fu invitato da Ro- 
mualdo < rogatus ad Romuald » indizio che questi se non 
fu presente alla rogazione dell'atto, dovette almeno essere 
allora in Lucca, e quindi non gli sarebbe stato spedito^ come 
asserisce il Troya* (1. e. n. 1*). 

Oltre al riempimento della lacima seguente alla firma di 
Sichimund^ ho potuto leggere f loco tam tu quam etiam et 



^ MuB. op. oit. T. VI, col. 402; Bruk. v. I. pag. 478; Baks. t. 
p. n. pag. 10; Trota, K. 449. 



f^^J* 



— 199 — 

presbiter alia quieti » parole ommesse finora nelle pubblica- 
zioni, e che si trovano tra Romtudde e in dopo il terzo ca- 
poverso. Dopo fueret di questo medesimo capoverso^ non esiste 
la lacuna segnata dal Troya e il verso termina con fueret: 
« luminaria vel quod dominus condonaverjt salutem adducere 
debeas tam tu quam vel quis post te ordinatus fueret ». Dopo 
€ actum luca » il Troya ha ommesso • die et regnum et in- 
dinone suprascrìpta feliciter ». Il nome dei notari si scrive 
tutto unito Sicoin, e non Sico in, come si ha nel Barsocchini 
e nel Troya e cosi le lettere v, b, che nel prmcipio della 
carta seguono al nome di Telespesiano noA sono staccate, ma 
unite e quindi stanno a significare « venerabilis ». 

Tre Capannoli o Capannori si annoverano presentemente 
in Toscana; e più precisamente il primo in Val d' Ambra, il 
secondo in Val d' Arno di sotto e il terzo nella pianura luc- 
chese. Dì quale di questi tre paesi parla la nostra carta ? Non 
si può neppure sospettare di Capannoli di Val d' Ambra, per- 
ché non appartenne mai alla diocesi di Lucca e però la qui- 
stione si riduce agli ultimi due. Il Repetti ' ammette senza 
mostrar nessun dubbio che qui si parli di Capannori lucchese, 
mentre il Barsocchini * usa altrettanta franchezza nell' asse- 
rire il rovescio, e nessuno dei due ne adduce la ragione. E 
non possiamo nemmeno credere senza riserva che questo Ca- 
pannule del 724 sia quello stesso, di cui si fa menzione in un 
giudicato del 1099 della contessa Matilde, e pur ammetten- 
dolo col Bertini, dalla specificazione « prope Camullianum » 
non si può inferire nulla di positivo, perchè ambedue i Ca- 
pannoli, il lucchese e il pisano per curiosa coincidenza sono 
respettivamente vicini ad un paese, che porta il nome di Ca- 
migliano. Forse potrebbe venire un pò di luce da una frase. 



Op. cit. alla voce Capannori. 
Op. oit. V. IV, p. 19 e 20. 



— 200 — 

che pasró finora inosservata. Romualdo e Rapperga venuti di 
là dal Po, t partibus transpadanis •, si fermarono in Toscana 
nei territorio lucchese, « hic tuscia flnibus lucensis > , dove 
acqnjstanmo terre e vigne, « comparavimus nobis vineas terras 
ej partibus pisana vel lucense ». Le ultime parole e pisana 
vel lucense » fanno credere che Romualdo e Rapperga' abi- 
tassero nel confine tra Lucca e Pisa, perchà essi si stanzia- 
rono dov'avevano le loro proprietà, come rilevasi da altro 
brano della nostra carta « dum ibidem in parvi^ substantiis 
habitasset ». Onde qui si parlerebbe di Capannoli pisano. 

18 Deceìnbre 729. 

Sigemundo arciprete e i tre fratelli Teutperto^ Rotperto 
Godeperto, gasindi del re fondano e dotano l' ospedale di S. 
Colombano presso le mura di Lucca.* 

L'ospedale fondato da Sigemundo e dai tre gasindi del re era 
e extra murascium lucensis », secondo che leggesi nel Troya; 
nella carta sta scritto « extra muruscium lucensis », ma la 
parola murumum non occorre mai nelle carte, e non è nem- 
meno registrata dal Ducange, onde io credo muruscium debba 
scomporsi in murus e cium e quindi leggere e extra murus 
civitatem lucensis » . 

Tra i testimoni di questa carta comparisce anche gisdpertUj 
che secondo la lezione del Troya sarebbe stato < westerarius 
regie potestatis » ora nel testo le due ultime parole sono scritte 
cosi: regi epos, e però mi sembra più corretto leggere « ve- 
sterarius regi episcopus » . Vestep-arius o vestararius dicevasi 
quei^ che aveva in custodia il tesoro del re e non significò mai 
guardarobiere reale come asserisce il Ducange; nessuno degli 
esempi da lui addotti si trova usato in quel significato. 



" MCE. op. oit. voi I, col. 12»; Bbuk. t. I, 477; Bbktini, toI. IV 
p. L p. 70; Trota, n. 476. 



^-«^TrT 



— 201 — 

Che il vesteì'arius fosse una della prime cariche della corte, 
oltre che dal suo ufBcio, rilevasi anche da una lettera di Gio- 
vanni Vili, nella quale leggesi < Cesarius fllius Pipini poten- 
tissimi vestararii > e iaoltre una lettera di S. Benigno abbate 
era diretta all' « Illustri sacri Palatii Vesterario primo Sena- 
tori, nec non unico Romanorum Duci ».' Se pertanto lamia 
lezione ò giusta, come a me pare, abbiamo in questa carta 
un vescovo investito di una carica tanto importante ed onori- 
fica presso la corte, il che non so se sia stato Onora avvertito 
da nessuno. 

Nelle carte longobarde la parola dominus è sempre abbre- 
viata con la m espressa e in tal modo si distingue da deus; 
a questo non posero mai mente il Bertìni e il Barsocchini 
e quindi con poca esattezza scrissero sempre deus per do- 
minus. 

Il Troya, seguendo il Bertini, legge sempre «A Pulia», men- 
tre nella carta sta scritto « apulia ». 

Dei testimoni dal Bertini è stato ommesso t f teudpert, 
notarjus, huic cartule donatjoms, rogatus ad sigjmund.... et 
theutpert: et godepert: et radpert testis subscrjpsi qui me 
presente, conflrmaverunt. 

Marzo 736. 

Lupone vende a Gualperto duca una casa nel castello di 
Uffo." 

Non excellentissimus, come leggesi nel Troya, ma, preceUefi- 
tissimus è detto Liutprand in questa carta; tale epiteto è dato 
assai raramente ai re longobardi, almeno nelle carte toscane. 



* Cfr. DccAKGB alla Tooe vesterarius. 

• MxjB. op. oit. V. Il, col. 769; BRUir. v. I, 490; Barsogchiiti, v. V, 
|). U, p. 13; Trota, n. 508. Riguardo al nome proprio Uffo, cfr. il mio 
lavoro / duchi di Ltécca durante la dominazione longobarda,. Rocca 
S. Casciano 1884, p. 11, n. 3. 



— 202 — 

Nella sedicesima linea della edizione del Troj-a esiste una 
lacuna, che ho potuto togliere, leggendo vduerit et vobis. Nelle 
sottoscrizioni deve leggersi tistefanacis e non Istefanacis, co- 
me fece il Barsocchini, che scambiò la t iniziale con la croce. 

Maggio 736, 

Anualdo dona a suo fratello Anecardo prete parte dei suoi 
beni e riceve da lui il launechildo.' 

Il launechildo, come è a tutti noto, era 1' equivalente di 
un dono e però malamente il Troya neir intestazione di que- 
sta carta dice che il prete Anecardo p-estava il launechildo. 

Essendo questa carta originale si spiega malamente 1' er- 
rore dell' indizione, che è detta ìiona invece di qua)ia, come cor- 
regge il Barsocchini seguito dal Troya per accordarla con gli 
anni di regno vigesimo quarto e secondo di Liutprando e di 
Ilprando. A questo proposito il Troya osserva : t Sarebbe no- 
tabile un tale errore in un Originale, ma V ignorantissimo 
Notaro Giaccio scrisse tre volte questa Carta (post tertiam 
roborationem), come dice nell' autenticarla, e forse in una 
delle Copie fatte da lui, che sono altrettanti Originali per noi 
gli cadde V errore suir indizione dalla penna » . * Non so ve- 
ramente perchè Ciaccio possa dirsi ignorantissimo, perchè il 
documento non è redatto peggio che gli altri, e del recito tutto il 
ragionamento del Troya, si fonda sopra un errore di lezione 
t post tertiam rovorationem » in vece di t pos testium rovora- 
rationem » , donde le tre copie esserite dal Troya. 

A me pare che l'errore dell'indizione si possa spiegare con 
un semplice errore di grafia; Ciaccio avrebbe fatto prima la 
bozza del documento, nella quale avrebbe scritta l'indizione 
in numeri romani, poi nel ricopiare avrebbe letto nona il nu- 



' Barsocchini, v. V, p. II, p. 14; Troya, n, 507. 
• Loc. cit. not. 2.'' 



— 203 — 

mero IV un po' contrafatto dalla fretta dello scrivere, cioè 
con le aste di V di poco prolungate nella parte inferiore. In 
questo sospetto sono venuto nel trovare in questa carta usate 
promiscuamente le parole e i numeri romani t regnante do- 
mini nostrj Lutprand et hilprand virj excellentissimi rjgis gentis 
langobardorum anno regni eorum xxjiii (4) et secundo per » etc. 

Febbraio 738. 

Auripert chierico vende a Giordanni prete una casa in Lucca 
ed una terra in Flesso.' 

A torto il Troya asserisce che il Barsocchini non dette 
alcun giudizio suir età di questa carta, perchè fu da lui rife- 
rita al 738. 

Nella linea decimaterza dell* ediziene del Troya esiste una 
lacuna tra an e ut, causata dall' avere disgiunto Mufnari da 
an e dal non avere scorto V i, che è attaccato ad an, quindi 
abbiamo il testo integro leggendo « in orto Mumarjani ut 
dixi » . 

Notévole in questa carta è il titolo di piissimo dato a 
Liutprando. 

Nelle sottoscrizioni deve leggersi Sicuald e Fuolfii e non 
Licuald e Fùdfu. 

12 Maggio 739. 

Giusto orefice vende a Ursa abbadessa di S. Maria una vi- 
gna in Sassi.* 

In calce a questo documento V abbadessa Ursa ricorda ai 
nipoti il morgincap, che loro aveva lasciato la madre; il ca- 
rattere di questo ricordo, memoì'otunum, è appena leggibile, 
come osservò anche il Barsocchini, e però non fa maraviglia 



* Barsocchini, v. V, p. II, p. 15; Trota, n. 513. 

* BARSOCCHiiri, V. V, p. II, p. 16; Troya, n. 519. 



— 204 "- 

se egli lesse MushUa in cambio di Ferìnasiola dopo Magmfre- 
àula e Magnitmda, tre ancelle del valore complessivo di tre- 
cento soldi. Questo lieve errore di lettura del Barsocchini porse 
occasione di un errore più grave al Troya, che vide due mor- 
gincap, e non uno soltanto, nel ricordo di Ursa.' 

Il nome di Fermosiola oltre al luogo sopra indicato si ri- 
scontra anche verso la fine del documento; il testo suona cosi: 
€ et alia die morganicapu fermosiola et casa franculj da rocta 
medietate ubi resedere visus fuet medietate nobis reserbavi- 
mus quia jam antea devisum fuet jnter duos fratrj jnter nan- 
dulu et guiljnandu » . Non messo in sospetto dalla ripetizione 
del nome di Fermosiola, il Troya nel!' alia die vide il secondo 
morgincap, ma a me pare ovvio che le parole addotte non ab- 
biano altro significato che d' una riserva del morgincap, che 
Ursa faceva a proprio vantaggio, perchè prima del matrimonio 
del fratello di Ursa (Nandulo o Guilinando) era avvenuta la di- 
visione del patrimonio, nella quale ad Ursa era toccata metà 
della casa di Franculo e V ancella Fermosiola. 

AprUe 740. 

Baruncione del Vico Campulo presso Castel Nuovo vesnde 
a Gundualdo chierico due pezzi di terra in Trassilico." 

La lezione, che dalle c^irte longobarde fece il Barsocciini 
non presenta veramente tanto spesso errovi gravi da alterare 
il senso, ma le infedeltà di poco conto sono numerossìssime. 
In questa brevissima carta, a modo d' esempio, ho potuto no- 
tare non meno di 37 varianti ; cosi nella linea seconda e nella 
quarta (p, 685) dell' edizione del Troya leggesi « petia de 
vinea » e « petiolo de terra » , mentre avrebbe dovuto leggesi 
€ uno pezzo de vinea » e « aljo pezziolo de terra » . Ognuno 



' N. 530, p. 659, not. 1.' 

■ Barsocchini, v. V, p. II, p. 18; Troya, n. 530. 



"i^VV^/^^r^Tfr^l^.^-^v^yr^r r %rT' V"' ";'~"^': "5 ^' 7 r-^/ \^r-'r t.tt-^ijv 



— 205 — 

vede quanto è importante la presenza della 2: "in un documento 
di questo tempo. 

Verso la fine dei documento dopo adum il Barsocchini e 
il Troya hanno lasciato Luca, ommissione notevolissima in un 
documento originale. 

Nelle sottoscrizioni si jJeve leggere « gadfrjdì vir devotus de 
niarjlau » e non e GaiMdi de Marilia > . 

Settetnlyre 746. 

Anselmo riceve in locazione da Gualprando vescovo una 
casa in Guamo.^ 

Il Barsocchini unendo Ratchis con vir successivo, lesse er- 
roneamente Ratchi8iìi8, latinizzazione che non si riscontra mai 
nei documenti longobardi toscani; la stessa parola rtV cambiò 
in Luciano il secondo testimone Lucio. Dei sottoscrittori alla 
locazione d'Anselmo dal Troya è stato ommesso Matmperto, 
che viene dopo Lucio. 
Continua 

Giuseppe Simonetti. 

' MuR. V. II, e. 771; Bruk. I, 517; BAESOCCHiiri, v. V, p. II, p. 21. 



-1 



'■ i"^ T 1 8' ,,.V ^^g^^ 



LA PRETESA ORATIO CONSTANTINI 
AD SANCTORUM COETUM * 



Nel cap. XVIII dell' Oratio si riferisce il noto acrostico 
della Sibilla Eritrea, che nel cap. XIX ha poi una brevissi- 
ma illustrazione. Come agli oracoli Sibillini si prestasse nel 
III secolo fede grandissima, come tali oracoli si ritenessero 
ispirati da Dio, abbiamo già osservato poco innanzi; ed è 
cosa del resto a tutti nota; solo è necessrio qui studiare 
quale fosse la tradizione rispetto a questi oracoli, in parti- 
colar modo al nostro acrostico. I Padri che anteriormente 
a Eusebio e a Costantino non solo credono, ma anche ripor- 
tano versi Sibillini sono S. Giustino, Atenagora, S. Teofilo 
Antiocheno, Lattanzio; Tuno nella cCohortatio ad Graecos»* 
l'altro nella sua orazione «Legatio prò Christianis »', il terzo 
nei «libri ad Autolycum»;* il quarto infine in tutte quasi le 
opere teologiche sue.* (3ra se confrontiamo tutti i versi Sibil- 
lini sparsi nelle opere di questi scrittori con quelli del no- 
stro acrostico, si deduce che dei versi dell' acrostico solo 3 sono 
citati da Lattanzio nelle Institutiones (VII, 19, 9: 20, 3), ma at- 
tribuiti non alla Sibilla Eritrea, sibbene ad un' altra (deìnde 



* Vedi il fascicolo precedente, p. 92 e segg. 
« Cap. 16 (ed. Maurin. Vonet. 1747). 

' Cap. 30 (ed. Maurin. Venet. 1747). 

* II, 9, 31, 36 (od Maurin. Vcnet. 1747). 

* Iu8t. II, 8, 48; 10, 4; 11, 18; 12, 19, 20; 16, 1; IV 6, 4, 5; 13, 
21; 15, 9, J5, 18, 24, 25, 27, 28: 17, 4; 18, 13, 15, 17, 19, 20; 19, 5, 
10; 20, 11; V, 13, 21; VII, 7, 8, 13, 6; 15, 18; 16, 11, 13; 18, 5, R, 7, 
8; 19, 2, 9: 20, 2, 3, 4; 23, 4; 24, 1, 2, 6, 12, 13, 14; 25, 7. De ira 
Dei, 22-21. 



— 208 — 

apud aliam) indeterminatamente; e non solo non formano 
acrostico, ma uno di essi comincia con lettera diversa. Come 
pertanto, domandiamo noi, potevasi di tre versi/ che for- 
mavano parte di una profezia cosi insigne e per certo divul- 
gatissima (Or. ad S.C. XIX, 1), non conoscere con precisione 
né la forma, né il testo, né l'autore, se l'atTOstico era senza 
contrasto attribuito ajla Sibilla Eritrea e in quest' acrostico 
appunto si trovavano i tre versi citati da Lattanzio? * 

Si aggiunga, che né S. Giustino^ né Atenagora, né S. Teo- 
filo Antiocheno, né Lattanzio stesso tengono mai parola del 
nostro acrostico; eppure qual profezia più esplicita, più si- 
gnificante di questa? Eppure spessissimo si presenta in par- 
ticolar modo a Lattanzio occasione di citare l'acrostico stesso; 
e tale trascuranza appare tanto più strana e incomprensibile, 
quando si ricordi, che appunto i Cristiani dei primi secoli ama- 
vano di esser detti ciascuno Ix^i unicamente perché tale 
parola era l'acrostico di 'IifjaoO^ Xpetatò^ 6eoO Ylò^ Swti^p * 

Cosicché noi ci troviamo qui dinanzi a questo fatto sin- 
golarissimo: da un lato in S. Giustino, in Antenagora, in 
S. Teofilo Antiocheno, in Lattanzio non si fa menzione del- 
l'acrostico e la tradizione e la paternità degli Oracoli Sibillini 
appare incerta e mal sicura; dall'altro invece, in un' orazione 
di uno scrittore contemporaneo di Lattanzio, Costantino od 
Eusebio che sia, l'acrostico é intieramente riportato, la tradi- 
zione e la paternità di questo appare sicura e si aggiunge 



' I vend ohe si trovano in Lattanzio sono i versi 8, 23, 26 dell* a- 
croBtico. 11 verso 8 comincia in Lattanzio con la parola xpi^^ouoiv, nol- 
r Oratio con ^l^ùìioiy. 

* Noi erodiamo Pacrostioo composto assai più tardi di quel cbe da 
tutti si ritiene e raffazzonato coi frammenti sibillini citati indeterminata- 
mente. 

• Heinichen, CommetUarii in Or ad S. C. XVHI, p. 580. Cfr. S. Au- 
CUST., Dv civUate Dei (ed. Dombart) XVJII, 23. 



— 2()9 — 

ancora (XIX, 1 sgg. ), che questa significantissima e patente 
profezia era oggetto di vivo e pubblico contrasto per parte 
dei nemici del Cristianesimo. Come adunque, ripetiamo noi, 
il contemporaneo Lattanzio, il sibillista cosi tenace, tutto 
ignorava? Evidentemente l'Oratio ad Sanctorum Coetum è 
un documento letterario più tardo di quel che si creda; per 
l'importanza, che vi si dà agli oracoli Sibillini e sopratutto 
per il modo, con cui appare stabilmente sicura la tradizione 
e la paternità dell'acrostico, è addirittura impossibile ed ir- 
razionale ammettere che l'Oratio appartenga al secolo IV, 
che l'autore di essa sia contemporaneo di Lattanzio. 

Àncora: nell'Oratio si illustra e si spiega la quarta Ecloga 
di Virgilio come una vera e propria profezia. Ma possiamo 
domandarci anche qui: l'interpretazione cristiana dell' ecloga, 
che troviamo neir Oratio e che poscia trionfò pienamente 
sulle altre nel Medio Evo, era possibile nel sec. IV? La risposta 
non può essere che negativa. Il confronto cade anche in 
questo caso fra la nostra Oratio e Lattanzio. Questi cita 
frequentemente (Inst. I, 5, 11, 19; 13, 12-13; 15, 12; 17, 15; 
19, 3; II, 8, 2; 10, 16; 16, 18; 17, 2; 8, .27; III 29, 8; IV, 
10, 7; 27, 3; 28, 15; V, 5, 5, 9, 10, 12; 9, 4; 10, 3; VII, 
22, 3, 7, 17; 24, 11.) versi di Virgilio, cercando spesso di 
dedurne un ammaestramento, una verità teologico-morale, 
cita persino versi dell' Ecloga IV* (VII, 24, 11); ma solo 
ammette che il poeta latino non sia stato lungi dal vero 
(Inst, I, 5, 11: « Nostrorum primus Maro non Ipnge afuit a 
ventate » ), sia stato un grande sapiente; spiega i versi della 
IV' Ecloga nel senso dei millenari, ma non ci presenta an- 
cora Virgilio come profeta della venuta di Cristo. La no- 
stra Oratio, che invece non ha nemmeno nel più tardo Medio 
Evo, nemmeno in Dante Alighieri, chi possa vincerla nella fede 
a Virgilio profeta, segna evidentemente un momento poste- 
riore dello sviluppo della tradizione virgiliana; non è quindi 



— 210 — 

anche per tale argomento opera di uno scrittore del secolo 
IV; né Costantino, ne Eusebio ne sono gli autori. 

Che cos'è dunque la nostra Oratio, se non è l'orazione, 
che Costantino avrebbe secondo Eusebio pronunziata alla ra- 
dunanza dei vescovi, se non è una falsificazione di Eusebio 
stesso, come molti han creduto? Noi crediamo di potere ri- 
conoscere -in essa per le ragioni sovraesposte una falsificazione 
di tempi più tardi e siamo per fortuna in grado di spiegarci, 
per dir cosi, la genesi delia nostra Oratio. Eusebio dice a 
V.C. IV, 32 di volere riportare un discorso, 8v 6 aòtòi; (se. 
Costantino) inifpat^t tq) xm àyiwv ouXXéy(p. Probabilmente 
egli non riportò il discorso promesso ed un retore supplì poi 
a tale mancanza. Tale nostra ipotesi è confermata da varie 
ragioni: Eusebio, a V.C. IV, 46, promette di riferire in ap- 
pendice alla Vita di Costantino un' opera, che aveva scritto 
su di una chiesa fondata dall' imperatore, e il discorso pro- 
nunziato a Constantinopoli per le feste tricennali dell'impe- 
ratore stesso. Il discorso, il De Laudibus Constantini, ci resta 
tuttora, ma 1' altra opera manca; Eusebio non ha mantenuto 
la promessa, come probabilmente non la mantenne per T Oratio 
ad Sanctorum Coetum. Ancora si noti quanto il genere della 
falsificazione, un discorso del primo piissimo imperatore cri- 
stiano, doveva attrarre e solleticare 1* attività del retore e si 
noti infine, come questi in passi della Vita di Eusebio stesso 
(V.C. IV, 29) avesse già delineata la traccia da seguire nella 
sua falsificazione. 

Con quali criteri ha proceduto il retore nella falsificazione ? 
E interessante vederlo e prima di tutto esaminare le fonti, 
delle quali si è valso. 

Fonte principale sono le Institutiones Divinae di Lattanzio. 
La ragione di tal fatto è evidente : il nome di Costantino 



— 211 — 

appariva strettamente congiunto a quello del Cicerone cristiano: 
Costantino aveva chiamato Lattanzio in Gallia come maestro 
(lei figlio Crispo, e Lattanzio, legato per tal modo in famiglia- 
rità coir imperatore, gli aveva, secondo 1' opinione prevalente 
ai tempi del falsario, dedicate le sue Institutiones. Si aggiunga 
che Lattanzio aveva numerosi imitatori e compilatori e che 
i sette libri delle Institutiones Divinae, in special modo i due 
primi, avevano immensa diffusione, perchè meglio di qualsiasi 
opera valevoli contro gli errori del Paganesimo.* 

Che neir Oratio Lattanzio sia largamente sfruttato osser- 
varono già il Heinichen e il Rossignol ; V uno peraltro non 
occupandosi di proposito delle fonti dell* Oratio, sì contentò di 
fare nei suoi Commentarii qualche vago e scarso accenno a 
Lattanzio ; V altro invece cercò di stabilire più esattamente 
la dipendenza che * da questo autore ha V Oratio . Senon- 
chè, per quanto notevolissimi siano i suoi meriti* a questo 
riguardo, egli diede un elenco incompiuto delle concordanze 
fra lo pseudo Costantino e Lattanzio e non trasse dal ma- 
teriale raccolto quei vantaggi che poteva. I resultati pertanto 
cui noi siamo venuti dopo un confronto accurato, sono i se- 
guenti : V, L' autore dell' Oratio dipende intieramente da Lat- 
tanzio. 2.* Questa dipendenza non è mai letterale. 3."* Persino 
r ordine e la disposizione della materia filosofico-teologica del- 
l' Oratio, corrispondono in molte parti a quella delle Institu- 
tiones. 4.** Y' hanno fra V Oratio e le Institutiones differenze 
non trascurabili, donde resulta come il falsario si sia valso 
liberamente della sua fonte.* 



' Basti ricordare U passo di S. Girolamo (Epist. LYIII, 10) '^ Lactan- 
tiuB . . . utinam tam nostra adfirmaro potuisset quam facile aliena de- 
struxit. yf 

• Commentarii etc, pp, 572, 574, 579. 

•Op. cit. pp. 229-250. Cfr. Flasch, op. cit. pp. 61 sgg. o passim. 

* Queste differenze fra Lattanzio e l'Oratio sono state notate molto op- 



— 212 — 



Nonostante ohe manchi un' esatta dipendenza letterale fra 
i due autori, non si può negare che 1' autore dell' Oratio si 
valga largamente delle Institutiones. Bastino pochi raffronti : 

I. Nel cap. Ili, 2 dell' Oratio lo pseudo Costantino confuta 
r errore dei politeisti e difende contro di essi l' unità di Dio ; 
nel cap. lY del I. libro delle Institutiones Lattanzio aveva 
già una quasi identica confutazione. 



Or. ad. 8. C. ni, 2. TC o6v ÒtjXol 
6 XóYOg; Tfflv òvxcDV dicòtvxoov Iva 
elvai TCpooxdx>7v . . . . ££ yÀp ^ zoù- 
Tcov, dvapi9'(i'4x(ov cvtov, xups(a 
oòx ivóg, àXXà TCoXX(&v ouoa òt6- 
YXavs, xXfjpoi fiv xaC axoixe^cov 

^d'óvog xai nXsovsgioc xaxdc dóvapiiv 
xaxaxpaxiQaavxa , xi]v Ivappióviov 
x(&v ndvxov 6(ióvoiav SisodXsus , 
TCoXXdv dia^ópcog xrjv XeXoyx^lav 
ixdoxq) {ioìpav dicixovo|iou{jiivcov. 



Inst. I, S, 17-18. Non vident 
qui deos muUoB esse oredunt fieri 
posse, ut aliquid diversum yelint ex 
qua re dìsoeptaiio Inter eos et cer-* 
tamen oriatur; sicut Homerus bel- 
lantes inter se deos finxit, oum alii 
Troiani capi veUent, alii repugna* 
rent. TJniuB igitur arbitrio mundum 
regi necesse est. Nisi enim singula- 
rum partium potestas ad unam pro- 
yidentiam referatur, non poterit 
summa ipsa constare, uno quoque 
nihìl curante amplius quam quod ad 
eum propria pertìnet eto. 

II. Nel cap. X lo pseudo Costantino discute sulla fede da 
prestarsi alle narrazioni dei poeti, ed esprime in proposito 
un' opinione molto singolare, che si ritrova pressoché inte- 
gralmente nelle Institutiones. 



Or. ad. S. C. X, 3 sgg. El ^dp 
àniTcvotqp ^&tcf. pisxipyovxai xt]v hoiy]- 
xtXY]v, ntoxsustv aùxoEg xat «sdOe- 
pOai npoai^xei icepC cbv Xi^cuaiv Iv- 
d-ouoid^ovxsg. . . *AXX* èp8l xi^, ògsl- 
vai icoir^xaìg c);eódeodat * d'éXYStv ydp 
xdg xfflv dxouóvxwv 4'^X^Cf ^^^"^ 



Inst. I, 11, 24* Hìnc homi- 
nes decipiuntur, maxime quod dum 
haec omnia fiata esse a poetis arbi- 
bìtrantur, colunt quod ignorant. Nc- 
sciunt enim qui sit poetioae licentiae 
modus, quousque progredì fingendo 
liceat, ciim officium poetae in eo 



portunamente dal RossiONOL (op. cit. pp. 251 sgg,). Si potrebbero aggi im- 
gere a quelle già notate dal Rosaignol, le discordanze che v* hanno fra Or. 
ad S.C. XVni e Inst. I, 16, 9; Or. ad S.C. IX, 3 e Inst. V, 14, 14. 






— 213 — 

Bivai icoirjxtx^c, tó f àXt^^k^ elvai, sit, ut ea quao vere gesta sunt in 
'^vfxot &v T& X8YÓ{i8va {IT] &XXa)s alias specieB oblìquis figurationibus 
s^Tp, àXX* dbg XÌY«xat. 'Eot© xoOxo cum deoofe alìquo conversa tradu- 
iSiov 7coiiQas(i>c, TÓ tY)v dXiQ^8iav cat.... §. 29. Mentìtos esse poetas 
aod'* 5xs d^apicd^^scv. aiunt et his tamen credunt: ixnmo 

vero non esse mentitos re ipsa pro- 
bant.... §. 30. Nihil igitur a poetia 
in totam fictum est, aliquid fortasse 
traductum et obliqua figuratione ob- 
scuratum, quo veritas involuta te- 
geretur, siout illud de sortitione re- 
gnorum. 

IH. Nel cap. IV dell' Oratio Costantino confuta V errore 
di quelli che adorano gì' idoli ; il contenuto, le argomenta- 
zioni di questo capitolo si ritrovano integralmente in Lat- 
tanzio. 

0. a. S. e. rV. §. 1. icetv xò dp- . Inst. II, 8, 41 sgg. Quod 

X^jv Sx^^ ^^^ xiXog S^ti semper fuit, semper esse non desìnit 

et unde afuit principium, abesse hinc 

etiam finem necesse est 

quod destruitur , aedificatum est , 
quod solvitur, alligatum, quod fini- 
tur, inceptum. 
Aóga 8è X(5v dXoyCoxwv di]^cov I, l6, 4. Uli ergo . . . . . revol- 

xoiaóxyj xtg dtartecpotxYjxsv, (bg icapd vuntur ad id, quod negent, coire il- 
xolg Beolg Yd|ioi Tcaido9icop£ai xe losac parere. Nec enim fieri potest 
ivoiiCoOnjoav. £1 d*dOdvaxoi ol yev- quin duo sexus generandl causa sint 
vió^evoi, Ytvvc&vtai d*deC, icXTjpitxt)- instituti. Becepta vero sexuum di- 
p8lv dvdYX>2 xò Yévog. versitate non intellegunt consequens 

esse ut conoipiant: quod in Deum 
cadere non potest. Sed isti putant: 
nam et lovis esse filios diount et ce- 
terorum Deorum. Nascuntur ergo et 

cotidie quidem dii novi igitur 

Deorum innumerabilium piena sunt 
omnia nullo scilicet moriente. 
§. 2. T( 8*dv 8i7C0t xtg wepC dv- I, 19, 6. Cur .... non credunt 

8pó&v, oOpavfoug ddsX^oòg eìg yd- poetis si quando illorum fugas et 
|iov xoivoovCav ouvanxóvxcov iioiysC- vidnera et adulteria memorant? 
«g xs xa{ dxoXao{ag &YxaXo6vxQ)v ; 



214 — 



T&c Ti|i.àc aòtdcc xt nap* &v6p(Ó7ca>v 



oO«Ì6, dyoXiiaTOitotóc tt |iOpq>i^v xt- 
va diavoCqp 7cpoXapd)v, ivxtxvov xéx- 
ixafpsxai TcaiSsiav, xaf p,txagò ola 
8t2 Xi^Oi]c à^TceaouoT]^, xò Idiov icXd- 
ojioc xoXaxeósi, oépa)v d>^ Oeòv 
àGdvaxov , ónoXoySv lauxòv xòv 
«axépa xaì ÒTjjjitoupyòv xo5 dyflcXfJia- 
xog ^vTjxòv etvat. 

§. 3. xaxotxo[i*voug xe xtnaig 
àd-avdxotg Y*P*^PO^^^^» dyvooOvxsg 
xò dXvjO'g^g [laxdpiov xa£ difOapxov 
dvevCeàg 6icdpxov xfjg «apd xfflv 
(pOapxcòv àicixi[i£ag x.x.X. 

avO-ptótcot yàp ^oav, ^vCxa ifcov, 
ocójiaxog jiéxoxot òvxeg. 



V, 10, 15. Nec est difficile de- 
cere CUT deorum oultores boni et iusti 
esse non possint. Quomodo enim san- 
guine abstinebunt qui colunt cruen- 
tos Deos Martem atque Bellonam ? 
.... quomodo pudicitiam tuebuntur 
qui colunt deam nudam et adulteram 
et quasi apud Deos prostitutam ? . . . 

§. 16 quomodo libidines coher- 

cebunt, qui Jovem, Herculem, Libe- 
rum, Apollinem ceterosque veneran- 
tur, quorum adulteria et stupra in 
mares et feminas non tantum doctis 
nota sunt sed exprimuntur etiam in 
theatris atque oantantur,ut sint omni- 
bus notiora? 

II, 1, 19. Homines et nominis 
sui et rationis obliti oculos suos ab 
alto deioiunt soloque defiguntur, ti- 
ment opera digitorum suorum, quasi 
quicquam esse possit artifioe suo 
maius. 



VI, 1, 6. Quidquid adspectu 
rarum; quidquid opere aut odore 
pretiosum est, haec grata esse diis 
suis .... ex suis cupiditatibus iudi- 
cant, neo intellegunt terrenis opibus 
doum non indigere. 

I, 15, 1. Quibus ex vetus cum 
oonstet illoB homines fuisse non est 
absurdum, qua ratione dei coeperint 
nominari. 



IV. Significantissimo appare il confronto seguente:* 

Or, ad S.C. XIX 'AXX' ol tcoXXoC Inst. IV, 15, 26 sgg. Hìs te- 

x&w dvd>pa>n(Dv dTcìoxoOoi.. 61C01CX8U- stimoniis quidam revicti solent eo 



* Cfr. Harnack, op. oit. I, 2. p. 762. 



— 215 — 

ooot Òi xtva xtìv Tijg i^jisxépac'^pT]- confugere, ut aìant non esse illa car- 

axeCag . . za Sin] xaOxa TceicoiTjxévai . . mina Sibyllìna, sed a noBtria ficta ai* 

§. 3. 'Qp.oXÓYT]xai Y&p Kix&pcova àv- quo composita. Quod profecto non 

Tsxuxiixóxa x(ji Tcoii^jiaxt fiexsvsY- putabit qui Clceronem Varronemque 

xeiv xs aòxò etg xyjv 'PwnaJcov 8tot- legerit etc. 
Xsxxov. 

IV. Nel cap. XIX, 9 deirOratio si dice che Virgilio parlò 
nella sua profezia della IV*ecloga allegoricamente solo per tema 
delle offese dei Pagani; questa singolare opinione si trova in 
Lattanzio estesa a tutti i poeti che scrissero mossi da spinto 
divino. 

Or. ad S.G. XIX. 9. Suv{8|i6v 0% Inst. I, 19, 5. Mendacium poc- 

«pavspagxe&jiaxaCdTCOxpuqpwgfii'àX- taruin non in facto est, sed in no- 
XifjYopi&v x& Xex^évxa .... òncDg mine; metuebant enim malum si con- 
8s \ii^ xic xcÀvd uvaoxeuóvxcov àv x{ trapublicampersuasionemfaterentur 
paaiXsuoóa^ nóXei èY^^^'^^ ^XXi "^^ quod erat vcrum. 
TiottjxJ, (i)g wapà xoòg naxpfpoog vó- 
|jiO!>g aoYYP^?o"^^t èxpdXXovxt xe xà 
icóXai òicó x(&v TcpoYÓvcov nspC xd^v 
d-ec&v vontCó|isva, èwtxaXÓTixexac xy]v 
dXr^Oeiav. 

V. Anche per altre ragioni noi dobbiamo ammettere la dipen- 
denza della nostra Oratio dalle Institutiones di Lattanzio. Lat- 
tanzio accenna spesso in precedenza a questioni che poi in 
seguito tratterà ampiamente e di proposito ; non altrimenti 
fa r autore della nostra Oratio per identici argomenti ; nel 
cap. I, 5, per citar qualche esempio, si accenna già a cose, 
che saranno poi trattate diffusamente negli ultimi capitoli ; 
nel cap. Ili, 3, si pone la questione della provvidenza divina, 
di cui si parla ampiamente nel cap. VI ; ed a questo modo 
il cap. V previene quasi V XI, V XI, 12 il XV e cosi via. 
Questo particolare dell' Oratio non è forse casuale, ma di- 
pende dalla natura medesima della sua fonte. Finalmente 
la disposizione e V ordine della materia neir Oratio, cor- 
rispondenti assai spesso a quelle delle Institutiones, costi- 



— 21(} — 

tuiscono un chiaro indizio della dipendenza dell' una dalle 
altre.' 

Un confronto accurato fra le Institutiones e V Oratio ci ha 
condotto pertanto ai risultati, che appariscono dalla seguente 
tabella delle concordanze certe e probabili fra i due autori : 

Or. ad S.C. I. 

Or. ad S.C. I, 2. Cfr. Inst. I, 2, 2; II, 8, 21 Or. ad S.C. 
I, 3. Cfr. Inst. I, 1, 23 ; 4, 2-3. Or. ad S.C. I, 4. Cfr. Inst. 
I, 4, 2-3; IV, 10; 11, 11 ; 20, 13; V, 7, 1-3. 

Or. ad S.C. II. 

Or. ad S.C, II, 1. Cfr. Inst. I, 1, 22 ; II, 8, 3 ; III, 26, 11 ; 
VI, 6, 2-3. Or. ad S.C. II, 3. Cfr. Inst. I, 1, 7-9. 

Or. ad S.C. III. 

Or. ad S.C. Ili, 1, cfr. Inst. II, 8, 3-9. Or. ad S.C. Ili, 2, 
cfr. Inst. I, 3, 6, sgg; 3, 17-18. Or. ad S.C. Ili, 3. Cfr. Inst. 
I, 2, 2, sgg. Or. ad S.C. Ili, 4. Cfr. Inst. I, 3, 17 ; 19, 6-7. 
Or. ad S.C. Ili, 5, cfr. Inst. I, 3, 17. 

* Basti citare qualche esempio ; V Oratio oomincia, dopo un esordio 
assai esteso (capp. I-II), con la questione se ri sia Provvidenza, che re- 
goli il mondo (oap. IH), se vi sia un solo Dio o no (cap. Ili); e il 2® 
capitolo appunto del primo libro delle Institutiones dimostra * quod Pro- 
videntia sit in rebus humanis „; nel 3® si esamina ** uniusne potestate 
Dei mundus regatur an multorum; „ nei seguenti, é*'-?®, non si fa ohe 
commentare le profezie per avvalorare la retta opinione. Nel capo lY del- 
l' Oratio si parla deUa natura del vero Dio, rigettandosi Fopinione che Dio 
abbia corpo, che vi sia bisogno di sesso, perchè Dio procrei e cosi via; 
parimente si combatte l'opinione pagana che Dio abbia bisogno di onori 
mondani e corruttibili ; si parla del vero culto da tributargli, deU* errore 
degli idolatri e si afiferma che gli Dei dei gentili nuU'altro erano che uo- 
mini pieni di vizi. E nel oap. VII del I libro deUe Institutiones si di- 
mostra ^ quod Deus sine corpore sit, nec sexu ad prooreandum egeat; „ 
nei seguenti IX-XXTII si ricerca qual sia la natura di questi falsi Dei, 
si svelano i loro adulterii, latrocinii etc; sul principio poi del II libro, 
nel cap. II, si ricerca *^ quae fuerit prima causa fingendi simulaera ; de 
vera Dei imagine et eius vero oultu. „ £ bastino questi esempi ; POratio 
ad Sanctorum coetum può ben dirsi sotto certi aspetti quasi un Epitome 
greca delle Institutiones di Lattanzio. 



— 217 — 

Or. ad S.C. IV. 

Or. ad S.C. IV, 1. cfr. Inst. I, 8, 3-8 ; IC, 4-7 ; II, 8, 41-42 ; 
VII, 1, 8. Or ad S.C. IV, 2. Cfr. Inst. I, 9 ; 1. 16, 4-5 ; 17, 9, 
sgg ; 19, 6-7 ; II, 1, 19 ; 2, 1, 10 ; 4, 1 ; V, 10, 15-18. Or. ad 
S.C. IV, 3. Cfr. I, 15, 1 ; 20, 18-28; II. 1, 19 ; 2, 1. 5-10; 
4, 1 ; VI, 1, 6 ; 2, 8, sgg. 

Or. ad S.C. V (cfr. Inst. VII, 5, 11 sgg.) 

Or. ad S.C. V, 1, Cfr, Inst. II, 10 sgg. Or. ad S.C. V, 2. Cfr. 
Inst. II, 12, 15 sgg. 

Or. ad S.C. VI (Cfr. Inst. Ili, 17, 17-25) 

Or. ad S.C. VI,.l. Cfr. Inst. Il, 8, 21; III, 28, 4-5; Or. 
ad S.C. VI, 2. Cfr. Inst. II, 8, 21 ; Or. ad S.C. VI, 8. Cfr. 
Inst. II, 5, 19-23 ; Or. ad S. C. VI, 10. Cfr. Inst. Ili, 28, 
3-4 ; 29, 1. 

Or. ad S.C. VII. 

Or. ad S.C. VII, 1. Cfr, Inst. II, 9, 15-21 ; 12, 2 ; III, 28, 
3-5; 1. 29, Or. ad S.C. VII, 2. Cfr. Inst. II, 9, 15-21 ; 12, 2. 
Or. ad S.C. VII, 3, cfr. Inst. II, 9, 15-21 ; 12, 2. 

Or. ad S.C. Vili. 

Or. ad S.C. Vili, 3. Cfr. Inst. Ili, 20, 2-3 ; 20, 6-7. 

Or. ad S.C. IX. 

Or. ad. S,C. IX, 1. Cfr. Inst. I, 1, 17-18 ; II, 5, 10 ; 
70-71 ; III. 4, 4 ; 28, 19 ; V, 3, 1 ; VII,. 2, 3 , 7, 1-4. 

Or. ad S.C. X. 

Or. ad S.C. X, 1 sgg. Cfr. Inst. I, 5, 2-3; 11, 17, 23-24; 
29, 30, 54, 58 ; 15, 13 ; 16, 4 ; 19, 6 ; e in parte III, 14, 1, 
7 ; V, 1, 10 ; VI, 3, 9 ; VII, 22, 1-2, 17. 

Or. ad. S.C. XI. 

Or. ad S.C. XI, 1. Cfr. Inst. II, 18, 1 ; III, 30, 7-8 ; Or. 
ad S.C. XI, 3. Cfr. Inst. Ili, 1, 4-5 : Or. ad S.C. XI, 8. Cfr. 
IV, 6-9 ; Or. ad S.C. XI, 9-10. Cfr. Inst. IV, 12-15. Or. ad 
S.C. XI, 10. Cfr. Inst. IV, 15, 2 sgg. Or. ad S.C. XI, II. Cfr. 
Inst. IV, 15, 2. Or. ad S.C. XI, 12. Cfr. Inst. IV, 15, 7-17. 




— 218 — 

Or. ad S.C. XI, 15. Cfr. IV, 15. 21-22. Or. sui S.C. XI. 16. 
Cfr. Inst. IV, 15, 1,4-5; 19.2. 

Or. ad S.C. XII. 

Or. ad S.C. XII, 1, sgg. Cfr. Inst. VI, 6, 3. 

Or. ad S.C. XIII. 

Or. ad S.C. XIII, 2. Cfr. Inst. II, 8, 68 ; V, 7, 4, sgg ; 
VII, 5, 13. 

Or. ad S.C. XIV. 

Or. ad S.C. XIV, 1. Cfr. Inst. II, 8, 41-42, 68. Or. ad 
S.C. XIV, 2. Cfr. Inst. II, 8, 68. . 

Or. ad S.C. XV. 

Or. ad S.C. XV, 1. Cfr. Inst. IV, 13, 1. Or. ad S.C. XI, 2. 
Cfr. Inst. IV, 15, 7-17; V, 22, 2 sgg; VI, 18; 23, 32. Or. 
ad S.C. XV, 4. Cfr. Inst. VI, 18, 11-35. 

Or. ad S.C. XVI. 

Or. ad S.C. XVI, 1, sgg. Cfr. Inst. IV, 12, sgg. 

Or. ad S.C. XVII. 

Or. ad S.C. XVII, 1, sgg. Cfr. Inst. IV, 12, sgg. Or. ad 
S.C. XVII, 2. Cfr. Inst. IH, 19, 18-19. 

Or. ad S.C. XIX. 

Or. ad S.C. XIX, 1-2. Cfr. Inst. IV, 15, 26-29. Or. ad S.C. 
XIX, 9. Cfr. Inst. I, 19, 6. 

Or. ad S. C. XXII. 

Or. ad S.C. JXXII. 4-5. Cfr. Inst. V, 19, 1-24. 

Or. ad S.C. XXIII. 
. Or. ad S.C. XXIII, 1. Cfr. Inst. VI. 18, 9.. 

Or. ad S.C. XXVI. 

Or. ad S.C. XXVI. 3. Cfr. Inst. VI, 6, 3.' 



* Potrebbe farsi questiono se il falsario abbia sfruttato piuttosto che 
le Insiitutiones la loro Epìtome. Pel fatto, ohe molti raffronti fra l' Oratio 
le Institutiones mancano fra l'Oratio e l'Epitome, noi dobbiamo ammet- 
tere necessariamente che dell' opera fondamentale di Lattanzio si sia valso 
il falsario; non si dove escludere forse peraltro che gli fosse nota anche l'È- 



— 219 — 

Oltreché alle Institutiones di Lattanzio, l'autore della no- 
stra Oratio ha attinto ad una fonte importantissima: alle let- 
tere e agli editti costantinei, che sono riportati nella vita 
eusebiana. La ragione di tale scelta appare evidente ; che un 
falsificatore, che vuol passare per Costantino sfrutti appun- 
to le opere di Costantino stesso, è cosa naturalissima ; e che 
per l'appunto sfruttasse le epistole costantinee riferite da 
Eusebio appare logico, inquantochè in un capitolo appunto 
della Vita eusebiana (V.C. IV, 32) noi dobbiamo ricercare, 
come vedemmo, Torigine della nostra Oratio. 

Anche degli scritti, che andavano sotto il nome di Costan- 
tino, il falsificatore si è valso molto liberamente ; ciò non 
pertanto la sua dipendenza da quelli si riconosce chiaramente. 

Ed anzitutto alla finzione che il discorso sia stato tenuto 
in giorno di I^asqua può aver dato luogo il fatto che Costan- 
tino si mostrò zelante nel regolare le controversie intorno alla 
festa cristiana più solenne ; come almeno resulta da vari passi 
della vita eusebiana, principalmente da V.C. IV, 35. I con- 
cetti fondamentali poi che sono dichiarati nei vari editti ed epi- 
stole constantinee* si ritrovano tutti nella nostra Oratio. Basti 
qualche esempio: a V.C. II, 48, 2 si accenna alla necessità che 
esista in natura del bene e del male, inquantochè àvóvrjTos 
yàp 4v il ifjg àpeifj; èXàvOave X^P^S ^^ 1^^ xaxavitxpb tòv zffi 
SteoTpajijiévr]^ àicovoco^ ftov t^ xaxfa Tupoùpé^Xr^TO ; lo stesso 
concetto è espresso nell'Oratio e. XIII, in cui si confuta l'o- 
pinione di coloro che volevano (Jifav yjd i))v aÒT^jv x&y Svicdv 
9 óotv (§ 1) e si sostiene invece, come sia necessaria la differenza 



pitome e che perfino la fifrattasse; mancando tuttayia ogni concordanza 
letterale, ogni definitiya risoliizione è impedita. 

' n confronto della nostra Oratio cogli editti riportati in appendice 
air opera di S. Ottato "• De Schimate Donatistarum, „ ci ha condotto ad 
eecludere ogni dipendenza fra l' una e gli altri. 



— 220 — 

nelle cose create e come la scelta fra il bene ed il male de- 
rivi dal giudizio dell'uomo.' Parimente a V.C. II, 24, 2-3; 
25 ; 49 ; 65 ; IV, 11-12 etc, Costantino assale violentemente 
i persecutori e pone il principio che solo i buoni sono felici 
in questo e nell'altro mondo e che ai cattivi spettano solo 
dolori e punizioni ; e lo stesso principio è espresso ripetuta- 
mente nell'Oratio, 1,5; XV, 4; XXII, 1 ; XXV, 5; XXVI, 
1 sgg. etc. Meglio peraltro di questi rapporti, cui potrebbe 
torsi valore pel fatto, che le stesse idee sulla sorte dei buoni 
e dei cattivi si trovano in Lattanzio e in Eusebio, e a questi 
potrebbe 1' autore della nostra Oratio averle attinte, valgono 
a mostrare la dipendenza del falsario dagli editti ed epistole 
di Costantino i seguenti raffronti : 

I. Parlando di Valeriano e della sua morte, Costantino 
e r autore dell' Oratio si esprimono in una maniera del tutto 
simile: 

V.C. IV, 11, 2. (OòoXeptavòc) Or. ad S.C. XXIV, 2. àXXà oó 

(iv (uaTcep ti^ axTjitTÒg, ii ^6Ìa |if|jvtg Y6,0òo^8piavè, tìjv (iiai^ovCav évdei- 

Tffiv x^88 àiceXdoaaa toXg 6|iexépotc giptsvog Tolg ftmfjxóoig xoD 3-6o5, ttjv 

{lépeat TCapad&8o>X8, xfjg in* aòt4^ ÓoCav xpCaiv ègé^T^vag... ziXoQ... 

aioxóvTijc noXoQ-póXXTjtov xb icap' 6- xpóiiaiov xfjg oauToO Joaxu^Cag 6ox7j- 

|ilv xpÓTcaiov dno(frjvavxa. oolq aìcòviov. 

IL Neil' Oratio lo pseudo Costantino cerca di legittimare 
e comprovare quanto dice, asserendo di essere stato egli stesso 
presente ai fatti che racconta. Come al falsificatore può essere 
venuta in mente quest' idea, che vorrebbe conferire alla nar- 
razione un' apparenza di verità e di naturalezza? Un passo 
della lettera di Costantino a Sapore, re dei Persiani, riferita 
da Eusebio, V. C. IV, 9-13, ci spiega intieramente la cosa. 

Or. ad S.C. XVI, 2. Ka£ xaOt'oòx V.C. IV, 12. 'ETcelJov yàp %ai 



* Si confronti Lattanzio, Inst, V, 7, 4 sgg. 



— 221 — 

xai ioTopr,oag, ènónxYi^ xe Yevójievog oxò^Yiiaoi tòv t^ S-e^ C6vax8Ì|ievov 
Tijg oJxTpag tó5v TCÓXscov tóx^jg.* Xaòv àxxapaSdvxwv. 

Or. ad. S.C. XXV, 2. AaX«l Ntxo- 
\s.rfi9ux,' oò aicoTtSai 5è xaC ol laxopiQ- 
oavxec, (&v xai aòxòg fi)v xoyxo^^*"»* 

III. Finalmente gli editti e le epistole costantinee hanno 
avuto un effetto notevole sullo stile dell' Oratio medesima. 
Chiunque legga attentamente quelli editti ed epistole non può 
non restar colpito dal gran numero d' invocazioni a Dio, a 
Cristo e persino ad enti astratti, che vi si trova. Basti con- 
frontare V.Cr II, 51; 55; 56; 57; 58; 59; 68, 1 ; III, 60, 
4 ; 64, 2, 65, 2; etc. Una tale abbondanza di invocazioni di 
simile e varia natura si trova pure neir Oratio : I, 2 ; XI, 
3, 6, 7,13; XXII, 2, 3, 4 ; XXIII, 1 sgg ; XXIV, 3; etc. Non 
si deve quindi pensare con tutta probabilità ad un influsso 
degli scritti di Costantino suir Oratio ? 

Tralasciando di citare altri esempi, diamo qui la nota e- 
satta delle probabili corrispondenze che v'hanno fra 1' Oratio 
e gli editti costantinei che vengono riferiti da Eusebio nella 
Vita: 

Or. ad S.C. I, 5. Cfr. V.C. II, 24, 2-3; 25 ; 27; 49 ; 57. 

Or. ad S.C. Ili, 2. Cfr. V.C. II, 58. Or. ad S.C. Ili, 4-5. 
Cfr. V.C, II, 58, 2. 

Or. ad S.C. VI, 5-10. Cfr. V.C. II, 58. 

Or. ad S.C. XIII, 1. Cfr. V.C. II, 48 ; 59. 

Or. ad S.C. XV, 2. Cfr. V.C. IV, 10, 3-4. 

Or. ad S.C. XV, 4-5. Cfr. V.C. IV, 24, 2-3; 25. 

Or. ad S.C. XVI, 2. Cfr. V.C. IV, 11, 2. 

Or. ad S.C. XXII, 1. Cfr. V.C. II, 24, 2-3 ; 25. 

Or. ad S.C. XXIV, 2. Cfr. V.C. IV, 11, 2. 



^ Correggo cosi il passo oorrotto, secondo la congettura probabile dello 
Stefano. Cfr. Hewichen, II, p. 222, ad h. 1. 



— 222 — 

Or. ad S.C, XXV, 2. Cfr. V.C. IV, 12. Or. ad S.C. XXV, 3. 
Cfr. V.C. II, 24, 2-3 ; 26. 

Or. ad S.C. XXVI, 2. Cfr. V.C. II, 24, 2-3; 25; 28, 1-2. 

Anche delle opere di Eusebio si è valso il nostro falsifi- 
catore. 

La vita di Costantino stessa gli ha dato alcune norme 
nella sua falsificazione : a V.C. IV, 29, Eusebio parlando delle 
orazioni, che l'imperatore soleva pronunziare nelle solenni e 
numerose radunanze, ha i seguenti interessanti particolari : 
§ 3. uTcoStaLpSv 5è ià$ ÒTCoOéoet^, Toxà (lèv xfjf; TroXuOéou TCXàvT)^ 
èXtfypi}^ xaxepàXXexo, nxpio-zx^ àTcixirjv eJva: xal àGeóxrjTo; Tcpó- 
^oXoy x^v Ttbv è6v5)v 5eiotSai(iovfav, xoxè Sé iJjv jiòvap^ov Tta- 
psSfSou OeóxTjxa, Stf^ei S'è^e^fJ^xòv Ttepl 7cpovofa(;,ifi)v le xaOóXou 
xxl T(I)v uspl |iépous Xóyov. "Evflsv 5è èicl x^v otoxi^ptov xaxépaivev 
oZxovofifav xal xa'ixTjv Sstxvb; àvayxafws xaxà xòv 7upoaTf)xovxa 
YeYsv>5o9a: Xóyov, jiexa^àc^ 5'èvx6j6ev, t-Jjv TCSpl xoO Gefou 5txat- 
(i)X7]p:ou 5:5aoxaX{av èxfvei. Non si può dubitare che il falsifi- 
catore abbia avuto dinanzi questo passo e che se ne sia valso 
nel porre lo schema deirOratio. Anche il cap, 45 del IV libro 
della Vita, in cui si dice che i sacerdoti nel palazzo dell'im- 

veratore pronunziavano orazioni xxq uspl xò jiapxipiov |ie- 

YaXoupyfa; Sis^tóvxs^ (cfr. Or. ad S.C. XII, 3 sgg) e interpreta- 
vano gli oracoli e le sacre scritture (cfr. Or. ad S.C. XVI), 
può avere forse avuto una certa efiìcacia sulla composizione 
deir Oratio. Pochi altri raffronti si possono fare fra questa e 
la Vita ; il concetto della felicità dei buoni e infelicità dei per- 
secutori, che si trova ripetutamente nell'Oratio. in Costantino, 
in Lattanzio, si trova anche in Eusebio (V.C. I, 3); a V.C. 
I, 3, si pone in rilievo la vanità di coloro che adorano gì' idoli 
(Cfr. (^r. ad S.C. IV: Lattanzio, Inst. 1, 15, 1; 20, 18-28 etc.\ 
a Or. ad S.C. XI, 3 Costantino affetta un bugiardo disprezzo i)er 
il plauso e per le lodi, e questa lode cerca pure di dare Eu- 



— 223 — 

sebio air imperatore, contraddicendo ripetutamente alla ve- 
rità (V. CI, 39, 3; III, 10, 4; IV, 29, 2 ; 48 ; L. C.V, 7.) 

Anche del De Laudibus Constantini si. è valso probabil- 
mente il falsificatore : appaiono quasi sicure le concordanze 
fra L.C. XIII, 9 sgg; XVI, 1 sgg. e Or. ad S.C. I, 2-5 ; solo pro- 
babili le altre fra L.C. Proem. 1 e Or. ad S.C. XI, 3; L.C. I, 4-5 
e Or. ad S.C. VI, 5-10 ; L.C. III, 6-8 e Or. ad S.C. Ili, 3. 

Finalmente, come ha notato giustamente il Heinichen, an- 
che l'opera di Eusebio Praeparatio Evangelica è stata con 
ogni probabilità conosciuta e sfruttata dal falsificatore; in quanto 
che Tintiera argomentazione, che nell'Oratio (capp. VI- VII) 
si fa contro coloro che credevano tutto nel mondo avvenisse 
per caso e per forza superiore, si ritrova tale e quale nel 
VI libro della Praeparatio Evangelica, capp. 6-9 : dai quali 
in particolar modo dipendono i primi 5 paragrafi del cap. VI 
deirOratio, l'intiero cap. VII, mentre il resto del cap. VI 
vuol riconnettersi con maggiore probabilità ai passi già citati 
delle Institutiones di Lattanzio. 

I due capitoli dell'Oratio, XXIV e XXV, differiscono da- 
gli altri, perchè di contenuto storico-narrativo, anziché teo- 
logico-fìlosofico. Vi si espone brevemente la triste fine di Docio, 
Valeriano, Aureliano, Diocleziano, Massenzio, facendosi in par- 
ticolar modo notare come questi imperatori furono cosi fiera- 
mente puniti, perchè fieramente avevano incrudelito contro la 
Chiesa di Cristo; e l'ultimo capitolo dell'Oratio, il XXVI, 
ribadisce ancor una volta questo concetto della felicità dei 
buoni, della infelicità dei cattivi imperatori. Veramente le no- 
tizie storiche che si trovano in questi capitoli dell' Oratio, sono 
cosi scarse e comuni a' varii scrittori, che non è facile il de- 
terminare la fonte di cui 1' autore dell' Oratio si è valso. A 
due scrittori si può pensare lacilmente, ad Eusebio e allo 
pseudo-Lattanzio, autore del De Mortibus Persecuturum. Seb- 



— 224 — 

bene alcune notizie si trovino in Eusebio, con maggior pro- 
babilità si può escludere che esso sia fonte dell' Oratio, perchè 
alcune notizie che si trovano nel cap. XXIV, particolarmente 
rispetto ad Aureliano mancano nella Storia Ecclesiastica. Più 
probabile è invece che il falsificatore abbia sfruttato il De 
Mortibus;* primieramente perchè tutto il contenuto dei ca- 
pitoli XXIV-XXV dell' Oratio si ritrova respettivamente, e 
non senza notevoli affinità di espresione, nei capitoli VI-XVII 
del De Mortibus; ed anche perchè il fatto che nell' Oratio 
non si parla di Licinio, come persecutore, già notato giu- 
stamente dal De Broglie, sembra accennare ad una fonte 
come il De Mortibus persecutorum, da cui Licinio appare 
ancora difensore costante della religione di contro ai principi 
idolatri. Si aggiunga, che il falsificatore avendo sfruttato lar- 
gamente le Institutiones, facilmente poteva essere indotto a 
valersi di un'opera, il De Mortibus, attribuito appunto a Lat- 
tanzio medesimo.* 

Dopo l'esame accurato delle relazioni che corrono fra 
r Oratio da un lato, Lattanzio, Costantino, Eusebio, il falso 



' RossiGNOL, op. cit. p. 248-250. 

■ Tale attribuzione risale già al tempo di 8. Girolamo {De viris ili. 
cap. 80). Cfr. Brandt, Ueber die Entstehungsverhùltnisse der Prosa- 
schriften des LactaìUms und dea Buches De Mortibus Perseaitnrum, 
Wien, 1891, p. 86. 

Anche Platone è stato da molti ritenuto come fonte della nostra 0- 
ratio ; già uno scoliaste antico si compiacque di notare in una serie di note 
marginali (cfr. Heinicuek, Commentarif pp. 582-583) i raffronti che po- 
tevano farsi fra l'Oratio e le opere platoniche ; recentemente poi il Heini- 
chen e il Rossignol ritornando sulla questione hanno ammesso una dipen- 
denza notevole fra i due scrittori. II Rossignol anzi (op. cit. pp. 263-302) ha 
citato un buon numero dì locuzioni che appaiono informate appunto al 
linguaggio platonico, od ha ammesso decisamente (p. 302) che *^ V autcur 
du disoours dovait parfaitement connaitro Ics ócrits du philosophe et Ica 
avoir louguomcnt médités „. Si può peraltro di contro al Rossignol porre 



^ " "JB -^vv^ T " 



— 225 — 

Lattanzio del De Mortibus Persecutorura dall' altro, poche 
notizie rimangono neir Oratio medesima delle quali noi non 
possiamo determinare la fonte. Piena oscurità noi abbiamo 
sulla fonte dei capp. XVIII- XXI, in cui si esaminano e com- 
mentano le profezie della Sibilla Eritrea e di Virgilio, per le 
quali noi abbiamo negato che T Oratio possa essere un docu- 
mento del secolo IV, come la tradizione portava e come i 
critici hanno costantemente creduto. Del resto, oltre cioè i 
capp. XVIII- XXI, le notizie, di cui ignoriamo la fonte sono 



la questione, bo la conoseenza di Platone per parte delP autore delP Oratio 
sia diretta e immediata o no ; basti un esempio per chiarire il nostro pen- 
siero: nel cap. IX, 3-7 dell'Oratio si espongono brevemente alcune dottrino 
teologico-morali di Platone: il Yalesio, il Heinichen, il Rossignol credono 
che r autore abbia sfruttato qui il Timeo di Platone, in particolar modo 
il cap. 28; e sta bene: ma siccome gli stessi passi del Timeo e di altre 
opere platoniche sono spiegati da Eusebio nella Praeparatio Evangelica 
(XT, 9; 13; 16; 20, 27; XII, <t), è molto dubbio se direttamente dallo 
opere del filosofo greco anziché da questa attingesse V autore deU' Oratio 
a IX, 3-7. Quanto alle concordanze formali notate dal Rossignol, vuoisi 
osservare anzitutto come molte di esso (quelle por esempio fra S.O. IIII 
o Timeo p. 27; fra Or. ad S.C. V, 4 e Parmen, p. 135, B; fra Or. ad 
S.C. VI, 1, e Protag. p. 349, B ; Gorgiaa p. 489, E ; fra Or. ad 
S.C. XI, 3 e Apol, Socr, p. 17, B eto.) non hanno valore alcuno; e che poi 
lo stile filosofico platonico aveva già avuto tale efficacia sullo stile di scrit- 
tori cristiani, che da questi, non da Platone, può V autore dell' Oratio avere 
attinto talune particolarità di stile e di forma ; per citare un esempio, a Or. 
ad S.C. XI, 1 si legge: OàxoDv et zi^ èoxiv dvocgtog xP'J^'^o^ P^o^i oóvotòe. . . 
xà Tfjc 4>ux^<S òt^]ia xa8ap6e£g x.t.X.; P espressione è senza dubbio pla- 
tonica: Sophiist. p. 254, A. B.: tì yàp x%^ xfflv «oXXfiiv t^ox^Jc òmiata 
xapTspelv icpòg Tò Oelov dtfop&vxa àdòvaxa x.x.X.; Reputi, VII, p. 533, C: 
"H StaXsxttxY] jiéOoCog xò xf)c ^^t%^ ò^\i(x. ijpéjjwt SXxet xai dvotY^t «vo). 
Ma essa si trova già riprodotta in Clemente Alessandrino, Pedug. II, 1,1 : 
Tó l8tov xo5 dv0pcl)«ou, xò op.p,a xijg 4'^XflC èxxaGacpetv; Cohort. ad 
Graec. XI, 13: xd cptoaqpópa xf]^ 4^UX^S dnoguva^ d^p,axa. Si noti infine 
come quasi tutti i passi platonici, che possono confrontarsi con V Oratio, 
sono riportati testualmente da scrittori ecclesiastici, particolarmente da 
Eusebio, che nella Praeparatio Evangelica cita ben oltre 200 passi di Pla- 
tone! Anche sotto questo rispetto ò poco probabile che il falsario sfrutti 
direttamente le opere del filosofo greco. 



— 226 — 

(lisserainate qua e là neirOratio: non sappiamo la fonte di 
quel che si dice a XI, 10 sul concepimento della Vergine, né 
delle imprecazioni che si lanciano contro gli Assiri (XII), né 
delle notizie storiche su Daniele (XVII, 4-5), e sulla Sibilla 
(XVIII, 1-3); né sui particolari della demenza di Diocle- 
ziiino (XXV, 1); e crediamo quasi impossibile che queste 
fonti possano essere scoperte, dovendosi talune stranezze e sin- 
golarità dell' Oratio piuttosto all'arbitrio e all'ignoranza del- 
l' autore. Del quale quasi nulla ci è dato sapere e ben poco 
congetturare: dall' esame dell' Oratio medesima egli ci si pre- 
senta come uomo di una certa dottrina e cultura, non im- 
perito nelle lettere e nelle discipline teologico-fllosoflche e la 
sua falsificazione dev' essere considerata come un documento 
non ispregevole anche pei pregi suoi intrinseci; anche la 
scelta opportunissima delle fonti denota nello scrittore una 
certa sagacia ed acutezza di mente. L'autore é greco e cat- 
tolico. * 

Quanto al tempo della falsificazione, noi crediamo di poterla 
affermare posteriore almeno alla prima metà del secolo V. Nel 
De Civitate Dei, XVIII, 23, S. Agostino parlando della Sibilla 
Eritrea, che egli crede inspirata da Dio, riferisce l'acrostico, che 
si trova nel cap. XVIII dell' Oratio, premettendo queste parole: 
« Quod (acrostico) etiam nos prius in latina lingua versibus 
male latinis et non stantibus legimus per nescio cuius interpretis 
imperitiam, sicut post cognovimus. Nam vir clarissimus Flac- 
cianus, qui etiam proconsul fuit, homo facillimae facundiae 



* L'ortodossia del nostro autore si può riconoscere da più di un passo 
dell' Oratio; notevole è quello già notato dal Rossignol (S.C. Ili, 1) 
èTcìoxdxTjv 2a)xfjpa x(^ aìoOyjx^ xóop.fp ègé^ijve; cui si potrebbe aggiungere 
r altro, XI, 4: ó 5è Xó^og aùxòg Osòg wv, aùxòg z^jf^^wsi xat Qsoò Tialc 
col quale quisi si rettificano la opinioni mono ortodosse di Platone, sopra 
espresse. 



— 227 — 

multaeque doctrinae, cum de Christo colloquereinur, graecum 
nobis codicem protulit, Carmen esse dicens Sibyllae Erithreae, 
ubi ostendit quodam loco in capitibus versuum ordineni lit- 
terarum ita se habentem, ut'haec in eo verba legerentur 
'ItjooO? Xp£toTÒ; 6coD Ttòs 2(i)T7Ìp. » Senonchè, come è facile 
vedere, mancano nell'acrostico riferito da S. Agostino, l'ultima 
parte dell' acrostico, che invece è riportata dall'autore dell' 0- 
ratiof mancano in particolar modo, i 7 ultimi versi, le cui iniziali 
formano la parola Sxaupó;. Come si spiega tale differenza? 
Eppure S.-Agostino aveva vedute dell' acrostico ben due copie, 
r una latina, l'altra greca; e la copia greca era anche molto 
corretta. Si può rispondere, che S. Agostino citò, forse sapen- 
dolo, l'acrostico monco; ma ciò non apparisce per niente dal 
precitato passo del De Civitate Dei; e sembra cosa del tutto 
strana ed improbabile. Forse, si può ancora osservare, S. Ago- 
stino seguiva una tradizione diversa del testo sibillino? Ma per 
ammettere una tale ipotesi manca addirittura il minimo ap- 
piglio. La conclusione, che deve dedursi dalla differenza fra 
S. Agostino e l'autore dell' Oratio è, secondo noi, necessaria- 
mente quella, che il falsificatore è posteriore a S. Agostino me-. 
Simo e che l' Oratio segna un momento di ulteriore sviluppo 
della leggenda degli oracoli sibillini.* 
Pisa, 11 Febbraio, 1894. 

Augusto Mancini 



^ Era per buona parte già stampato questo nostro lavoro, quando il 
prof. Victor Schultze nella Zeitschrift fiir Kirchengeschichte^ XIV, 4, 
pp. 503-555, pubblicava una sua memoria Quellenuntersuchungen zur Vita 
ConstaìUini des Eusebius, nella quale si occupa brevemente (pp. 541-552) 
doir Oratio ad ISanctorum Coctum. Un solo punto egli discute con una 
certa ampiezza, la questione delle font', limitandosi per altro a dimo- 
strare come r autore dell' Oratio si ò valso delle Institutiones di Lattan- 



— 228 — 

zio, ciò che noi pure vedemmo, e del De Mortibus Perseoutoram (cosa che 
noi avevamo ammessa soltanto come probabile e che ora concediamo co- 
me sicura), tralasciando lo studio delle altre fonti. Rispetto alla questione 
più importante deir autenticità e conseguentemente della cronologia e del 
valore storico dell' Oratio, lo Schultze, che ignora il lavoro del Rossignol, 
e che tralascia pure di parlare degli altri che si sono incidentalmente 
occupati della quistione> crede che T Oratio sia nel suo fondo il primitivo 
discorso latino dell' imperatore, discorso che subì peraltro profonde mo- 
dificazioni ed aggiunte per opera del traduttore greco. Su questo punto 
i nostri resultati rimangono intatti e sono del tutto opposti all' o^^nione 
- dello Schultze; la quale appare anche per sé stessa poco probabile, perchè 
difiScilmcnte si può ammettere che un interprete tanto potesse avere modi- 
ficato il testo imperiale, quanto lo Schultze ammette (cfr. sopra, p. 103, 
num. 2). 



■^Tvr^>^- 



1 



DOCUMENTI INEDITI 

RELATIVI ALLA CADUTA DI PAOLO GUINIGI 

SIGNORE DI LUCCA 



Fra i molti documenti di cui V Archivio di Lucca è assai 
ricco, noi ci accingiamo a pubblicarne alcuni, i quali riguar- 
dano più da vicino gli ultimi tempi di Paolo Guinigi, Signore 
di Lucca, e che ce lo mostrano quale veramente fu nelle re- 
lazioni che ebbe con gli stati vicini, durante il tempo in cui 
Firenze cercava di abbattere la sua Signoria. 

Le storie narrano diffusamente, e, qual più, qual meno, con 
sufficiente precisione, il principio della guerra, e perciò sarebbe 
superfluo il raccontarlo di nuovo ; come a illustrazione dei do- 
cumenti che pubblichiamo accenneremo ai principali fatti, e 
ci sforzeremo di rendere più sicuri alcuni giudizi che finora si 
sono avuti intorno alla guerra stessa. 

Caduta Pisa sotto la Signoria dei Fiorentini, restava unico 
ostacolo aUa smodata ambizione di questi, che sólo pensavano 
air ingrandimento del loro dominio, la città di Lucca. Le con- 
tinue lotte, vuoi inteme, vuoi esteme, avrebbero richiesto 
la tranquillità e la pace, ma v' era sempre chi non sapeva 
stare tranquillo, chi vedeva di mal occhio il tiranno di Lucca, 
chi attizzava le ire e cercava pretesti per nuove guerre ; e poi 
il pensiero dì signoreggiare tutte le città della Toscana sor- 
rideva alla mente dei principali uomini di Firenze. Già il Gui- 
nigi fino dal 1420 aveva potuto scorgere le mire della vicina 
Repubblica e per mezzo del suo oratore Jacopo Viviani aveva 
fatto manifestare i suoi timori al papa Martino V, il quale, 
come si vede dal documento che abbiamo per avventura tro- 



— 230 — 

vato fra le molte pergamene deir Archivio privato del Guinigi, 
lo rassicura con buone maniere. (Cfr. Appendice, n. 1). 

L'andata di Ladislao, figliuolo di Paolo, al servizio del duca 
di Milano (1425) generò i primi dissapori fra le due città. I 
Fiorentini ed i Veneziani loro alleati se ne dolsero grandemente 
(v. App. 2) e avrebbero voluto che Ladislao non mantenesse 
la parola e ritornasse in patria. Paolo Guinigi rispondeva 
(V. App. 3, 4, 5) cercando di scusare V operato del figlio e 
con buone maniere li persuadeva essere oramai impossibile 
il ritorno di Ladislao.* In queste lettere il Guinigi ci appare 
chiaramente quale lo descrissero i cronisti ed i sitoi contem- 
poranei:" la sua natura l'avrebbe portato ad essere tenace 
conservatore della sua politica meschina, ma mille diverse 
circostanze lo resero sempre servile e sottomesso alla volontà 
altrui, di carattere indeciso e debole. Vuole accontentare il 
Duca di Milano e non si oppone recisamente all' andata del 
figlio ; non vuole inimicarsi né con Firenze né con Venezia 
e trova dei pretesti buoni forse per lui, ma non per gli offesi ; 
insomma si mostra impacciato, impensierito, timido, si rimpic- 
colisce nei suoi cavilli, né ha il coraggio di sostenere sicura- 
mente le sue ragioni. I Fiorentini del resto si acquetarono, 
aspettando poi di riattaccare nuova lite con lui appena un'al- 
tra occasione si presentasse loro. 

Infatti al principio dell' anno 1428 Paolo Guinigi veniva 
richiesto dai Fiorentini, perchè pagasse la somma di 14,000 
fiorini, a cui era obbligato, dicevano, per la condotta di Brac- 



* La risposta che il Cavalcanti, (Storie Fiorentine, lib. VI, cap. VI) 
fa dare dai Fiorentini al Signore di Lucca: "che bisogno non c'era di 
spoppare fanciulli „ non può essere vera quando si leggono le lettere scritte 
a questo proposito dal Guinigi a Firenze. Se tal risposta fosse stata vera. 
Paolo non avrebbe mancato dì rinfacciarla. 

• Vedi Dalli, Cronaca inedita di Lucca, T. IV (1401-1500) e Steeghi, 
Poemetto inedito ^ il Picciniito. „ (Biblioteca Pubblica di Lucca: Ms. 942). 



■ ■ TT''.''''.y* ^^5^ 



— 231 — 

(!Ìo da Montone, secondo la lega dei 13 Agosto 1422. La nuova 
di questo pagamento giunse inaspettata al signore di Iiiu'(!a, 
il quale protestò vivamente e cercò di resistere o meglio di 
mandarlo per le lunghe, per quanto più gli fosse- stato possi- 
bile. Ma le brevissime lettere di Firenze formulate con do- 
mande categoriche * si succedevano con insistenza e richie- 
devano una decisiva risposta. Egli rispondeva di aver saldato 
tutto; ed era verissimo ( v. App. 6); sperava di far decidere 
la questione dal Cardinale di S. Croce, qual arbitro, (v. Ap- 
pen. 1, 8, 9), chiedeva tempo, e mandava suoi oratori a Firenze 
(v. App. 10, 11, 12), ma la Repubblica non ammetteva ra- 
gioni, e faceva comprendere a Paolo il triste dilemma: o i quat- 
trini la guerra. Se da un lato dunque la propria ragione, 
e la nota avarizia lo portavano a ribellarsi e a non cedere 
a quel chiaro sopruso, dall' altro il timore di incorrere nella 
collera dei Fiorentini ed inasprire vieppiù le relazioni fra le 
due città, la paura di una guerra imminente e della sua ro- 
vina, lo trattenevano e lo facevano cedere. S'accorgeva ora- 
mai chiaramente, e con dolore, che il tempo delle piccole 
astuzie, dei cavilli e dei raggiri inconcludenti era finito e 
che le sue arti non approdavano più a nulla. 

Il 18 Settembre 1427, benché a malincuore, gli ambascia- 
tori suoi Jacopo Viviani e Maestro Filippo da Lucca, che tro- 
vavansi in Firenze, ricevettero istruzioni sul modo che dove- 
vano tenere per saldare il debito (v. App. 13).* 

Fu sventato cosi il pericolo, e per quel momento i Fioren- 
tini non potettero più occuparsi di Lucca, perchè Volterra si 



* Vedi Documenti di Storia Italiana^ Commissioni di Rinaldo degli 
Alhizzi, V. 3.^ pag. 188-189. 

* Antonio Mazzarosa nella sua Storia di Lucca, V, 3.® pag. 271, ac- 
cenna a questa contesa come una delle cause .principali deUa guerra, ma 
sbaglia evidentemente, poiché allo scoppiare di questa il debito era già 
stato saldato. 



— 232 — 

era ribellata contro di loro; ma il 24 Novembre 1429 si ri- 
presero le ostilità e questa volta per venire ad una guerra 
aperta. 

Dopo aver domata la rivoluzione di Volterra, la Signoria 
di Firenze, licenziò il Capitano Niccolò Fortebraccio. * Costui 
accampatosi presso Fucecchio, dopo pochi giorni, assaltò il 
contado di Lucca dalla parte del lago di Sesto ^ devastando 
castelli e campagne. Questa prima scorreria, che per noi è 
un fatto a parte, isolato, indipendente dalla volontà della 
Signoria, consigliata dall' ambizione di pochi Fiorentini (Ri- 
naldo degli Albizzi, Cosimo dei Medici ed altri), causa sola- 
mente che dispone la Repubblica ad intraprendere la guerra 
con Lucca piuttosto in questo tempo che in un altro, segna, 
si può dire, il primo atto ostile fra le due città. Narrare mi- 
nutamente la condotta tenuta da Paolo Guinigi in questo caso 
è più che superfluo: cercò egli dapprima, scrivendo ai suoi 
oratori mandati a Firenze, di sapere le ragioni di quella scor- 
reria (v. App. 14, 15) e di mostrarsi, com'era già suo costume, 
più dimesso del solito ( v. App. 16); ma quando vide che l'ac- 
cordo procedeva per le lunghe, e che forse la Signoria si sarebbe 
dichiarata per la guerra, ne fece avvisati i Senesi, il legato di 
Bologna, l'oratore dei Veneziani ed altri, affinchè s'interpo- 
nessero fra lui e la Repubblica in quella circostanza (v. App. 17, 
18,19). Se gli stati ai quali il Guinigi s' era rivolto per aiuto 
si sieno mossi in suo favore, facilmente si comprende: tutti 
temevano l'ingrandirsi di Firenze e vedevano in questa guerra 
le smodate ambizioni ed i disegni che si macchinavano in quella 



* Il Beverini, ^niux/t Lucchesi, I. 3.® pag. 303 il Mazzarosa, il Fabrettì, 
il Gayalcanti, credono che Fortebraccio non foBse stato realmente licen- 
ziato, ma il Bilia (R. 1. 8. XIX, p. 123) V Ammirato, Storie Fiorentine 
(lib. 19) e Pietro Russo, Frammenti della Storia di Siena (R.I.8. XX, 
p. 27) credono fosse stato licenziato. Che quest* ultima sia la verità vedi 
Documenti di Storia Italiana^ V, 3, pag. 199 o scgg. 



— 233 — 

città. La minaccia che usciva da Firenze non spaventava solo 
il Guinigi, ma impensieriva anche le città libere circonvicine, 
specialmente Siena. Il popolo Fiorentino, sperando nelle pa- 
role che si diceva il Fortebraccio aver date in risposta ad 
Astorre Gianni, che cioè « per pratiche segrete egli poteva 
benissimo insignorirsi di Lucca » / radunato a crocchi per 1q 
vie della città cantava versi che alludevano al facile possesso di 
Siena, dopo la caduta di Lucca.' E che Siena, a paragone di 
tutte le altre città, si sia molto interessata in questa faccenda, 
non tanto per il bene del Guinigi, quanto per la propria si- 
curezza, ce lo dimostra Antonio dei Petrucci, che in mille 
guise si adoperò nel procacciare aiuti al Signore Lucchese; 
egli stesso si recò a Firenze procurando che tutto finisse in 
un accordo, ma non ottenne nulla e dovette partire convinto 
della simulazione e della mala fede dei Fiorentini, i quali pub- 
blicamente protestavano che quella guerra era fatta non per 
volontà di acquistare, ma per rassicurarsi nella loro libertà, 
t che molte volte e per lungo tempo il Signore di Lucca 
s' era ingegnato di fare occupare, com'era pubblico e notorio 
per tutta Italia »,' ma internamente ben sapevano che la 
loro ambizione sarebbe stata sazia solo quando avessero ot- 
tenuto la supremazia su tutta la Toscana. 

Troppo bene adunque i Fiorentini conoscevano V animo e 
la politica del Signore di Lucca, fidato solo ai piccoli partiti, ai 
raggiri vergognosi dell' oro, ed incapace di serii e durevoli 
provvedimenti; la soverchieria passata, o meglio, l' ingiusti- 
zia manifesta per il saldo dei 14 mila fiorini, era la prova 
più convincente dell'irrisolutezza del Guinigi; e perciò senza 
dare ascolto a nessuno, dopo tempestose sedute del popolo. 



* Neri Capponi, Commentarti (R.I.S. XVIII, p. 11(57). 

* Documenti di Storta Italiana, Commissioni (H Rinaldo degli Al- 
lizzi, L e, pag. 203. 

* Ihid. pag. 205. 



— 234 — 

nelle quali Rinaldo degli Albizzi si distinse per il suo maneg- 
gio, la sua arte ed astuzia, affinchè riuscissero i suoi disegni 
ostili/ il 15 Decembre dichiarava apertamente guerra a Lucca 
affidando V incarico a Rinaldo degli Albizzi e poscia a Neri 
Capponi e ad Astorre Gianni.' I timori del Giiinigi erano al 



' Il Bilia, l. e, crede Cosimo de' Medici e Neri di Gino Capponi 
ayer consigliato la scorreria al Fortebraccio e cosi pure neir Examine del 
Notaio Tinucci si dice: *^ Cosimo ed Averardo aTcyano giocato una doppia 
partita „. 

Quasi tutti adunque escludono Rinaldo degli Albizzi. Con quanta arte 
ed astuzia avesse operato costui non è facile dirlo. Chi dalle parole che 
Egli pronunziò in consiglio (1° Decembre) Yolesse argomentare il suo gra- 
do di colpa certo non riuscirebbe a nulla. A noi sembrano le parole più 
miti in confronto con quelle state dette neUo stesso giorno da altri della 
stessa parte; ma nel medesimo tempo scorgiamo l'astuzia e l'inganno. Vedi 
Documenti citati, pag. 197. 

' Intorno alla condotta tenuta nel campo dei Fiorentini da questo 
Commissario si trovano scritte brutte cose e nelle storie del Catalcanti, 
(lib. VI cap. 12) e in quasi tutte le cronache^ e nello stesso Macchiavelli, 
che in questo copia fedelmente dal Cavalcanti. La Jettera che i dieci 
della Balia di Firenze, secondo il Cavalcanti , avrebbero scritta *^ A te in- 
diletto eco. „ fabbricata con tutta V arte oratoria, ma impossibile per quei 
tempi, perchè il cancelliere avrebbe adoperato un formulario senza esem- 
pio nei carteggi dì tutte lo Repubbliche, ci avvisa della falsità del rac- 
conto. 

Le altre cronache inedite del Cìvitali, del Dalli ecc. e la storia del 
Mazzarosa narrano invece che ** richiamati i commissart antidetti e pri- 
vati del grado, Astorre fu sbandito, e Rinaldo sostenuto in Firenze „. 

Anche questo è falso, nò si può credere da chi per poco tenga dietro 
alle Commissioni di Rinaldo degli Albizzi (Voi. citato pag. 201 e seg.). 
Noi siamo d'opinione che in questo fatto abbastanza avviluppato od ar- 
ricchito delle più fantastiche supposizioni, il richiamo di Astorre si debba 
ritenere, non come una pena della condotta tenuta da lui nell'assedio di 
Soravezza, ma come eflfotto delle lettere che egli stesso aveva scritte a 
quella Signoria per il suo richiamo. Che a Firenze si facevano dicerie 
intorno ad Atìtorre Gianni ed allo stesso Rinaldo è sicuro, ma di che 
cosa fosse il primo accusato non risulta da alcun documento. Resta sempre 
escluso il fatto di Seravezza, poich^, anche ammettendolo por vero, ac- 
cadde dopo questo tempo. In conclusione il Gianni non fu né condannato, 
uè ammonito, nò riv atto por le brighe di Averardo dei Medici (Examine 



— 235 — 

sommo: li accresceva la peste, il vedersi abbandonato, tradito 
da tutti * e privo di molte sue terre ; * riusciti v^ì i suoi 
sforzi per un accomodamento si decise alla fine a resistere, 
ed assoldò quanti più capitani ed avventurieri potette * (vedi 
Àpp. 20, 21, 22, 23, 24). 



del Notaio Tinucci), poiché in tal caso la Signoria di Firenze non lo 
avrebbe rimandato al campo il 20 febbraio deUo stesso anno, persuasa 
che la sua presenza fosse necessaria e che il Comune ne avrebbe avuto 
buon servigio. 

* Sul tradimento del Viviani Iacopo, ambasciatore a Firenze, (il Maz- 
zarosa sbaglia chiamandolo Paolo) ci mancano documenti; le oronache 
citate del Dalli e del Givi tali lo danno per sicuro, ma noi non possiamo 
accettare queste notizie senza riserva. È molto probabile però che costui 
l'avesse tradito, poiché anche prima aveva preso parte ad una congiura 
contro Paolo, e, sventata, n'era stato assolto. Intorno al tradimento di 
Andrea Giugni, vicario dì Valdinievole, vedi Neri Capponi, Commentari 
(R.I.8. XVm, p. 1167). 

' Parecchie terre per non soffrire molestia da parte dei Fiorentini si 
erano date spontaneamente al Marchese di Ferrara, come si vede da questo 
documento, trovato in una pergamena della Tarpea: 

Ferrara 3 febbraio 1430 
Nicolaus Marchio Etensis 
Considerantes quod libero et sincero animo, et sponte submiserunt se 
Dominio nostro, communitates, et homines infrascriptarum terrarum Yil- 
larum et Locorum, videlicet castri nostri Silici, Sassi Rubei, Masse, Ville, 
Mugnani, Plebis Fessane, Pontecossi, Egli, Gragnanellc, et Barischie de 
Garfagnana territorii Lucani, deliberavimus eis aperire gremium libera- 
litatis nostre, et benigne et gratiose infrascripta cap'tula concedendo, ut 
cognoscani qua suave et mite jugum suscepint subiicendo de nostre Do- 
minationi: liberali igitur animo eos «mpiexantes concedimus eis infrascripta 
capitula; videlicet in primis acceptando ipsos in subditos et fidclos 
nostros etc. 

Seguono le concessioni di privilegi che dà a quelle terre. 
"Vedi Capitoli originali e copie in carta Archivio di Stato, Lucca 
(1413-1447) 85. Avvertiamo che il Mazzarosa ed il Tommasi credono che il 
Petrucci non fosso pagato dal Guinigi e che si adoperasse contro i fiorentini 
solo per paura dell'ingrandimento di quella Repubblica. Che questa s'a 
stata una delle cause per il suo adoperarsi, non si può negare , ma chi 
vegga per poco i capitoli citati troverà che egli era pagato dal Signoro 
di Lucca. 



— 236 — 

Con tutti i rinforzi di soldati procacciati negli stati papali 
e che fungevano per via di mare, non si otteneva nulla, 
onde Paolo spedi ambasciatori a Milano per ottenere aiuti. 

Lo Sforza non realmente licenziato, ma concesso per fa- 
vore dal Visconti, venne a liberare temporaniamente Lucca dal- 
l' assedio ostinato dei Fiorentini, * ma ben presto s' inimicò 
col Guinigi perchè forse egli richiedeva ingenti somme sa- 
pendo Paolo avaro e molto ricco. Narrano tutti gli storici che 
sospetti di accordo con i Fiorentini, o di vendita di Lucca a- 
gli stessi, abbiano cagionata la caduta del Guinigi nella notte 
del 15 Agosto 1429; ma i documenti di cui disponiamo non 
alludono a nulla di questo (v. App. 25), e, come bene nota il 
Bongi {Pado Guinigi e le sue Hcchezze, Lucca 1871), se in ciò 
vi fosse stato una parte di vero, nell'atto di accusa (11 Di- 
cembre 1431) contro il Guinigi, Ottolino Zoppi, Commissario 
e capitano generale, ne avrebbe fatto cenno.* 

Questi documenti, che per la prima volta pubblichiamo, 
scelti fra i tanti che riguardano gli ultimi anni del signore di 
Lucca, li abbiamo riprodotti fedelmente con tutte le loro scor- 
rezioni, pur troppo'in alcuni punti abbondanti, riducendo solo 
air uso moderno le maiuscole e la punteggiatura. Le intesta- 
zioni dei documenti, quando non è indicato diversamente, 
sono le note miirginali del copiaiùo. Dove abbiamo apposto 
dei puntini, il documento è guasto o illegibile. 

F. MUCIACCIA 

A. Pellegrini 



* Quello che narra il Cavalcanti (lib. VL cap. XII a XXIX) non è 
Btorico. lì Tommasi forse poggiandosi suU* autorità di Pietro Russo, Sen. 
Ilist (R.I.S. XX, p. 30) •* ac Florcntiam usquo, oxcurrena ecc. „ fa credere 
die Niccolò Fortcbracci abbia f<itta resistenza allo Sforza, ma Neri Cap- 
poni {Commentari, L e, ])ag. 1170) ci assicura che i Fiorentini sentiti i 
progressi del nemico si erano ritirati a Ripafratta. 

• U Mazzarosa {L c. pag. 279) fondandosi sul Bilia (R.LS. XIX 
pag. 131), sulle sturic del Poggio e del Biondo, riporta lo strata- 



— 237 — 

gemma dolio lotterò attribidto alla furberia dei Fiorentini, o dà il fatto 
per autentico. Documenti in proposito non ne abbiamo o perciò con 
molto riguardo si debbono accettare queste notizie, come anche a noi 
sembra esagerata tutta quella parto della deposizione del Guinigi da 
alcimi storici attribuita al Petrucci, da altri a Pietro Genomi e da 
Alessandro Boccella (Storie di Lucca) a Messer Antonio Togi ^ che 
fu autore e promotore della congiura e presa di Paolo Guinigì ecc. ,, 
n documento i^he noi pubblichiamo, e che secondo il Bongì, contiene 
una menzogna, non allude a nulla ; che il Cenami, il Petrueci abbiano 
cooperato alla riuscita del disegno, è naturale, ma quanti altri non vi 
presero parte? Anche lo stesso Sforza fu accusato di aver cooperato alla 
caduta di Paolo, per consiglio del medesimo Duca di Milano. Certamente 
non si può assicurare so in questa faccenda abbia cooperato il Visconti; 
ma lo Sforza dorette avervi gran parte, consigliato dall'avidità dell* oro 
promesso dai Signori Lucchesi. Egli stesso apertamente confessa che gli 
sarebbero stati dati 64 mila fiorini dell'avere del Gkdnigi. Vedi lettera 
degli Anziani a Maestro Antonio Arrighi ambasciatore a Milano (26 Ot- 
tobre 1436). Sicché noi crediamo che come coli' aiuto di una parte dei 
nobili Lucchesi il Guinigi era riuscito a farsi Signore della città, ora per 
volontà del partito opposto al suo, fosse deposto. Riportare tutte le nar- 
razioni fatte dagli storici e dai cronisti suUa caduta del Guinigi, sarebbe 
più che inutile; rimandiamo il lettore alla cronaca citata del Dalli (T. IY 
pag. 128 e seg.); la quale si accorda con quello che scrive lo Streghi nel 
suo poemetto II Piccinino (Ms. citato) Canto XII. 8.* 43. Frate Niccolò 
avrebbe avvisato il popolo del pericolo che correva e degli accordi che il 
Guinigi faceva con i Fiorentini: 

Voi deviate saper ch'io so' frate 
£ del Signor confesso le peccate. 

44 

Cosi comincia con bella eloquenza: 
Io sono stato a lui a parlare 
Et àmmi detto parte di sua intesa 
E richieggondo me del consigliare. 
Et io li dissi che per mia sentenza 
Facesse pace pel me' che può fare, 
Vedendo suo appetito e suo desio ' 
E per sottrarlo in ciò il consigliai io. 

I cittadini udito il triste proposito del Guinigi avrebbero stabilito di 
cacciar Paolo, e guidati da Pietro Cenami sarebbero andati al palazzo 
facendo un grande baccano. 



238 — 



61 

Quando il Signore il fracasso e l'andare 
Ebbe sentito, e si il gran remore, 
Come savio uom cominciò a immaginare, 
Di gran dolor se li compunse il cuore; 
Onde i figliuoli cominciò a chiamare, 
Che ne dormian due con quel Signore; 
Et Augustin Filippo ebbe chiamato. 
Ed ei si fu tantosto disyegliato. 

62 

Levati su figliuolo, e vanne tosto 
E questa camberà abbi disserrata 
E con r orecchie tese ti sia posto. 
Gente mi par sentir di fuori armata: 
Ed ci si levò su, e fussi accosto 
All'uscio della camberà, e fiso guata, 
Senti parlare più gente et interporre 
Ya*, to* una scurra, va' via tosto, corre. 

63 

£1 Damigello in ciò l'orecchie tese, 
Al Padre ritornò, che non si stava; 
£ lo Signore a domandare il prese 
Quel che sentiva; et ei tutto il contava; 
Onde lui disse, e' non c'è più difese. 
Subitamente dal letto saltava 
In giubba, e scalzo a l' uscio ne fu andato, 
Rinaldo et Augustin fussi levato. 

Atterrato intanto l'uscio di casa, il Guinìgi tentò calmare il popolo 
e corcava parlare, ma tutti lo volevano morto: 

Allor la faccia sua fu scoUorita 
Del suo color vermiglio fatto giallo. 
Cittadinanza mia, disse, gradita. 
Verso di voi non feci mai niun fallo. 



Il Cenami intanto lo liberava da quel pericolo e Io faceva prigioniere. 
Nel medesimo Ms. 942, in fine, troviamo un' altra poesia in 8.* rima in- 
titolata " Guerra dei Fiorentini et assedio della città di Lucca, o sua li- 



nc~.T -r- 



— 239 — 

berazione fatta da Niccolò Piccinino di autoro anonimo y,' ed in prima 
pagina questa oBservaziono : 

" Notisi che il P. Marco Grassi, in alcuno sue memorie dei fatti di 
"" Lucca ha creduto che di questa ne sia Autore Lorenzo Trenta; ma ciò 
*' non può stare, mentre V autore anonimo paro che sia Sincrono, o la 
^ copia del manoscritto che tengo sotto gli occhi è di scrittura molto 
^ più antica ohe non ò P età di Lorenzo Trenta, quale fioriva ancora dopo 
"• il 1580 „. Sentiamo un poco quello cho dice T Anonimo intomo alla 
deposizione del Guinigi: 



Canto II 



A Poscia diemo la prima battaglia 
£t in poco tempo P ebbero acquistata, 
Ma o* mancò loro la vittovaglia 
Et ritomossi a Lucca la brigata; 
Contro il Signor il campo si travaglia 
Diceva il Conte alla sua armata; 
Io son venuto a guardar suo Reame, 
Non ò sei di, e moriam già di fame. 



Il buon Messer Antonio valoroso 
Humilmente col Conte si parlava: 
Questo signor di Lucca ò si ritroso, 
Denari di cassa costui mai non cava, 
Stretto, avaro più che un bisognoso, 
Et tiene la cittadinanza come schiava. 
Iddio che stae di sopra m' hao mostrato 
Che i Cittadini rimetterò in Stato. 

6 

Sicchò ho veduto e sonne più che certo 
Cho costui vivo a mo' d'un pecorone, 
Como un contadin con P uscio aperto, 
Et non hae gonto a sua provigione; 
Sicchò per avarizia e* fie disorto 
Cho ci ò migliaia o migliaia di persone 
A chi ha fatto oltraggio, a chi villania, 
Son malcontenti di sua Signoria. 



— 240 — 



Segretamente r ordine fuc dato, 

Et ehi dìo il modo fu savio e prudente; 
Penso che Dio mutasse quello stato. 
n Popolo montò suso humilmente; 
Mon yì fu nò un ferito o ìnnoverato. 
Il Signor e i figliuoli subitamente 
In men d'un hora tosto furon presi, 
Et presono lo Stato i Cittadini Luochosi. 

Rimandiamo anche lo studioso alla lettera dì risposta che la Signoria 
di Firenze fece scrivere da Leonardo Bruni di Arezzo ai Lucchesi (pubbli- 
cata dairaw. Pietro Guerra, Lucca, Canovetti 1864), la quale sebbene 
tendesse a tirare la ragione dalla sua parte, puro resta monumento in- 
dimenticabile di quel tempo e può servire come ricapitolazione di quanto 
abbiamo scrìtto. 



APPENDICE 



DOCUMENTI INEDITI 



rrT- 



APPENDICE 



1. 

Indirizzo esterno. Dilecto filio nobili viro Paolo de Guinigiia 
domìcello in civitate Lucane Imperiali vicario generali. 
Marfcinus episcopus servns servorum dei. 

Dilectufl filio nobili viro Paolo de Guinigiis domicello in ci- 
vitate Lucane Imperiali vicario generali salutem. et apostolicam 
benedictione. Intellectis que dilectus fìlius Magistre lacobus de 
Vivianis legum doctor et civis Lucane ac Orator tue Nobilitatis 
nobis accuratissime presentialiter referevatis(?) et ad quietudinem 
àc pacem status et honoris eiusdem tue nobilitatis ac dilectorum 
filiorum universitati Lucane paternis affectibus respectantes pre- 
prefate nobilitati ad exposita presentibus respondemus: quod 
quamdiu dilectus filius nobilis vir Brachius de Fortebrachiis 
Comes Montoni ad nonnullarum armigerarum gentium nostrarum 
Capitaneus ad nostra et sancte Romane ecclesie stipendia et 
servitia militabit contro salutem pacem ac tranquillitatem tuam ac 
Lucanorum et tuo regimine subditorum res vel bona eorum per 
se aut gentes suas nuUa offensam realem personalem vel miztam 
inforet aut inferri faciet seu inferro volentibus dabit auxilium vel 
favorem directe vel indirecte modo aliqua seu forma. Et prò se- 
curitate huiusmodi sic ... . serie policemur. 

Date Florentie XVII Kl. Augusti, Pontificatus nostri anno 
tertio. 

R. de Valentia. (Archivio privato Guinigi, \ 35 

(1420), pergamene, £anco D, 
scaffa 5.*) 

•s. 

Magnifico domine amico carissime. 

Quamquam minime verum esse credamus, licet a non sper- 
nendis hominibus et qui aliis in rebus fidem apud notes haberent. 



— 244 — 

nobis aiForatur Magnificum filium vostrum Ladislaum ad stipendia 
diicis Mediolani hostis nostre reipnblice cum qua federe iuncto, 
voterisque benevolentia et vicinitate D.V. vincta est, cmn certo 
numero equitum se conferre visum est nobis D.V. nota facere 
que sentimus, ut cum veritatem huius rei a D.V. audiverimns 
causasque e quibus hos rumores tam vulgatos ortos esse edocue- 
ritis facilius iis qui rem hanc sibi tamquam veram persuadere 
videntur respondere, et eos nequaquam recte sentire manifestis 
inditiis demostrare possimns. Oramus itaque D.V. ut quomodo 
se res habeat, nobis scribere velitis. Preterea ut sciat D.V. 
que bis diebus prope faventia nobis contigerunt, copiam littera- 
rum presentibus inclusam ad M.V. mittimus. 

Datum Florentie, die 27 Octobris 1425. 

Decem Balie Comunis Florentie. 

(Archivio di Stato, Lucca. Lettere 
originali a Paolo Gidnigi, N.** 16). 



D. decem officìalium Balie comunis Florentie. 

Magnifici dominici honorandi fratres carissimi. 

Postquam ex quibusdam vestris literis quas superioribus die- 
bus accepi idem quod nunc de Ladislao nato meo intellexi sta- 
tim ut scitis ad M.V. Ser Antonius Morelli oratorem meum 
transmisi qui ad me rediens retulit aperte M.V. verbìs meis 
exposuisse ipsum Ladislaum penitus sub Martis officio militare 
decre visse, nec magis eo tempore quod nunc sit cuique principi 
ut reipublice teneri. Itaque huiusmodi sue voluntati satisfacere 
cupiens suamque fortunam, ut in tali re moris est, bonam facere 
perquirens, armigeris suis veteribus pecunias proprias solvit. 
Novos autem nuUos scribit nisi eorum loco qui a se removentur. 
Nam ceptum numerum militum ut ait, continuo apud se habere 
constituit. 

Datum Luce, die XXTTT lanuarii 1426. 

(Archivio di Stato. Governo di Paolo 
Guinigi, N.** 6). 



T^-' 



— 245 — 

4. 
Duci Venetiarium reipublice. 

Illustrissime princeps et excellentissime Domine protector et 
benefactor. 

Beneficia celsitudinis vestre quae multa magnaque erga me 
liodie sint semperque fuerint nulla unquam apud me delobit 
oblivio. Memini etemim quantum illustrissima D.V. me semper 
non solum paterna benevolentia dilexerìt, sed etiam excellentibus 
gratiis ornaverit queisdam modum literis suis, quas hodie acec- 
pi, copiose declarat. Pro quibrfis benefìciis quam nihil maius repen- 
dere poteram quòd^ animum et fortunas meas probui, me semper 
ut novit Illustrissima D.V. eidem fidelissimum servitorem, et 
apud celsitudinem vestram cum corde simul pecuniam (follocavi, 
declarans eo modo non solum singularissimam observantiam meam 
erga Inclitam D.V. sed etiam significans illud meum unicum 
et firmissimum presidium esse ubi cor et pecunias meas repositas 
habebam. Colam igitur semper quemadmodum semper colui, omni 
deyotione mea Illustrissimam D.V. , a cuius gremio postquam 
in eo semel susceptus fui nunquam me removere costituii sed 
in eo, ut bonum filium decet, cum omni piotate versari. Quod 
autem scribit Illustrissima D.V. de Ladislao nato meo, id 
sic se habet. Postquam ipse decrevit, rei militari operam da- 
re, a qua nunquam eum amovere potui, non semel nec nupor, 
sed iampridem in multis locis et sepe, ut in tali re moris est, 
fortunam suam bonam facere quesivit. Quod non dubito, Inclite 
D.V. innocuisse quin etiam Magnifici comitati Florentie, et viva 
voce et pluribus literis meis manifestus fuit. Postquam vero 
Ladislaus diu moratus fuit nuUamque via nisi ultima sibi paté- 
fieri vidit, necessitate compulsus, tum timore ne suam comiti- 
vam amitteret quae quotidie ex diuturna mora recessum mina- 
batnr, tum quia magnam impensam fecerat in ipsa, nec simul 
comitivam et pecunias cum onore et expensis perderet, necessi- 
tate, ut dixi compulsus, eas ultimas vias, quas nunc sequitur 
ingressus fuit, quemadmodum Spectabilis orator Inclite D.V. 
D. Nicolaus Contarono, copiose informatus est. Qui ut arbitror D- 
strissimam D. V. quo in loco negotium Ladislai positum sit 



— 246 — 

et qnod mea mens oxtet super inde, certiorem fecisse debet. 
Llud autem certissime teneat Illustrissima D. perfecta me sem- 
per eidem ita affectum extitisse, ut cupiens^ ipsum Ladislaum 
qui non minus affectasset et affectaret, potius sibi quam alteri 
cuioumque dominio inservire. Et cuiusdam hodie sententie su- 
mus si fieri poterit, ut ab bis quod facta sunt boneste et in 
bonore suo possit dissentire. Nec in boc desistam, et quicquid 
dictis superinde babuero, spectabili oratori vestro confestim in- 
timabo. 

Ex Luca, die Vmi Aprilis 1426. 

(Arcbivio di Stato. Governo citato) 
5, 
Domino Azzoni Trivisano oratori Illustrissimo 
Dominii Venetorum. 
Magnifico vir amice carissime. 

Si in banc usque diem distuli vobis scribere solum est ob eam 
quam scitis. Demum revisis pluries et pluries omnibus emergen- 
tibus non videtur Ladislaum posse a promissis discedere cum 
sibi late totum adimpleat. Dolco quod votis vestris per nunc sati- 
sfacere non possit, quod mibi etiam non parum molestum est. 
Ex Luca, ultimo Junii 1426. 

(Arcbivio di Stato. Governo citato). 
6. 
Indirizzo esterno: Paolo Guinigi a Giovanni Guinigi ed altri. 
Paulus etc. . 
Carissimi nostri. È stato qua ser Jacopo de la Fracta cance- 
glieri et procuratore del Magnifico Signor Braccio, al quale ab- 
biamo fatto pagare fiorini cinquantamila di resto. Et per tanto 
sollecitate lo spaccio vostro, percbè dal lato nostro s'è adempiuto 
interamente quello cbe per noi fu promesso, come ancora dal 
prefato Ser Jacopo sarete informati, il quale ci à promesso come 
arriva costà di farvi spacciare prestamente percbè ne possiate 
venire per li facti vostri et d' accompagnarvi in luogo sicuro. 
Luce die, VI Augusti 1418. f 

(Arcbivio Guinigi, Contratti, testamenti 
e lettere diplomaticbe, A.K, 1353-1700) 



— 247 — 

7. 
Florentinis. 
Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 
Intellectis his q^ue D.V. mihi scribit, constitui oratorem meum 
ad eiusdem D,V. presentiam destinare, qui super huiusmodi ma- 
teria informatus M.V. referet mentem meam. Preterea accedenti 
illuc sacre pagine professori magistro Filippo do Luca, ordinis 

minorum, commisi ut super re ipsa quedam D.V. exprimat 

parte mei. Cui dignetur D.V. in cunctis per ipsum exponendis 
fidem indubiam adhibere tamquam mihi. 
Datum Luce, die XXVm Augusti 1428. 

(Archivio di Stato. Governo citato). 

8. 

Magistro Filippo. 
Eeverende pater. Ho visto vostra lettera con la nota che reca 
in quella et tutto inteso : il consiglio vostro mi piace di spoetare 
per in fine alla venuta del Cardinale. Et se pure non fusse par- 
lato potete udire, et se in questo mezzo m' occorrerà alcuna cosa 
vel farò a sapere. Né altro per questa. Apparecchiato a ogni vo- 
stro comandamento. 

Luce, die prima Novembris 1428. 

(Nel medesimo Governo citato, in fo- 
glio volante). 



Florentinis. 

Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 

Sicut novit celsitudo vostra causam XllllM florenorum, de qua 
nuper eadem V. M. mihi scripsit Reverendissimus dominus Cardi- 
nalis Sante •{■ dudum in se suscepit et illam cum non iret ad Incli- 
tam Civitatem vestram pollici tus est expedire. Tandem e Ferraria 
mihi scripsit quod memor promissorum, que Inclite D.V. et mihi 
fecerat in proxìmo redditu suo ad urbem preposse decidere inten- 
debat, et ob id mihi notificavit ut mitterem aliquem ex meis qui 
causam illam notam haberet: quare volens exequi eius mandata 



— 248 — 

ac huius cause finem videro cupiens, oratores meos destinavi qui 
appliouerunt prope Florentiam et ìntellecto recessi! prefati domini 
Gardinalis, cuius festinationis causam ignoro, retrocessernnt. Te- 
noat itaque M.V. quod hactenus non quesivi nec^ ad presens 
quero, causam ipsam in longum protrahere imo ipsins expeditio- 
nem stimmo affecto. Quoniam intensionis mee non est, ob istam ut 
aliam causam cum excelsa vostra in litigis et contentione persi- 
stere. 

Datum Luce, die XXVI Julii 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato.) 

10. 

Per facto 14 m. florenorum. Dominis florentinis. 
Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 
Intellectis quod M. V. nuper scribit decrevi oratorem meum 
ad eiusdem dominationem presentiaifl destinare qui de hac ma- 
teria informatus vobis referet mentem meam. 
Ex Luca, die ultima Julii 1429. 

(D. Jacopus de Vivianis fuit destinatus horator Florentia pre- 
dieta die 31 dicti meAsis Julii). 

(Archivio di Stato. Governo citato). 
11. 
Florentinis. 
Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 
Novissime literas M. V. suscepi, quarum inspecto tenore quid 
respondere velim ExcelJentie vostre commisi viro venerabili ma- 
gistro Filippo de Luca ordinis minorum sacre teologie doctori ex 
cuius verbis D. V. responsionem recipiet, secundum ea que su- 
per hac materia eidem imposui. 

Ex Luca, die XXI Augusti 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato). 
12. 
FJorentinis. 
Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 
Super facto XliilM florenorum de quo nuper scribitis, veniet 
ad dominationis vestre presentiam spectabilis milos et legum 



— 249 — 

(ioctor egregius, dominus Jacopus de Vivianis civis et orator meus 
carissimus, hic die XTTT presentis mensis ad tardius recessurus, 
de intentione et responsione mea pienissime informatus^ que non 
dubito M. y. grata erit et accepta. 

Datum Luce, die XI Septembris 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato). 

13. 

Magistro Filippo de Luca ordinis minorum. 
Come sapete Messer Iacopo fu costi per la domanda fatta per 
cotesti M. Signori de XHIlM et quello ne riporto. Da poi la 
Signoria loro ci à di nuovo scripto et per quello abbiamo com- 
preso la Signoria loro non vuole lo Cardisale dì Santa -{- questo 
abi a conoscere et parci abino pensieri ohe questa non fasse 
via di compositione cercata per noi, il che, come sapete voi che 
più volte e a signori e jad altri avete dicto per nostra parte ohe 
quello a che noi fussimo tenuti vogliamo liberamente pagare. Et 
cosi et voi et degli altri n' abiamo mandati da loro, ci avete dicto 
la Signoria loro non volere se non quello che ragionevolmente 
dovesseno avere il perchè a noi parrà, lo Cardinale essere buono 
mezzo a conoscere questo, perchò non dubitiamo essendo loro 
buono amico et a noi lo riputiamo padre. Et questa offerta fac- 
ciamo volentieri perchò come sapete fin in dal tempo dela éon- 
clusione dela pace et da poi nella coaderentia volse facessimo 
con cotesti M. Signori, sempre ci scrisse et a boca mandò a dire 
che de suo et figli li quali noi ci riputiamo comandamenti non 
dovessimo usare. Et cosi d' ogni cosa aoadesse, dovessimo advi- 
sare la Signoria sua perchè in nella venuta sua a Firenze concerà 
ogni cosa. Et cosi quando prima di questa materia ci fu facta 
mossa, la Signoria sua advisammo la quale scripse costi^ et cotesti 
Magnifici signori funno contenti soprasedere. Venne a Firenze, 
da poi avendoci scripto a che Ì nostri mandassimo costi, perchè 
essendo stato piacere delle parti, la Signoria sua avrebbe preso 
questo in nelle mani. Noi non volendo usare dei comandamenti 
suoi mandammo nostri ambasciatori con piena commissione che 
la Signoria sua potesse determinare quello li pareva et non per 



— 250 — 

via de composictione fu costi,- qual fusse la cagione non sappiamo, 
li nostri non aspectò li quali già erano a Paretole, per andare 
a lui. Sicché da noi non rimase di adoperare li suoi comanda- 
menti in qualunque modo avesse dichiarito. Et questo sapete 
disse Messer Iacopo costi largamente a cotesti Signori . Vegiamo 
che a essi Signori non piace o non pare di seguire la via del 
Cardinale. Quello non piace o pare a loro, non vogliamo che 
piaccia o paia a noi. Et però abiamo deliberato mandare alla sua 
Signoria a scusarci se altra via pigliamo, perchè non essendo di 
buon piacere di cotesta M. S. sua non vegiamo avere luogo et 
per noi non fa, stare in su questi intervalli, ma che una volta 
se ne cavi le mani et facta nostra scusa piglieremo dell'altre vie. 
Et non dubitiamo punto che tra cotesti M. S. et noi non si pi- 
glino de modi che questa materia ne à buono efFecto. Sicché a 
voi conviene essere da la S. loro, a la quale scriviamo che sopra 
ciò a voi abbiamo facta comissione, et niente di meno, vi fac- 
ciamo lettera di credentia che fi con queste, et pregare la S. 
loro veglino avere pazienza fino che al Cardinale si manda perché 
troppo grande carico ci regheremo adesso, avendo avuto dalla 
S. sua quello abbiamo che altra via intentassimo che prima non 
ne facessimo conscienza alla sua S. Et questo non è spazio di più 
di XX al XXV di Sett. né cosi vegiamo che per la brevità 
del tempo di questi signori si potesse in loro tempo finire, cosa 
che s'innovasse, né per questo tempo starà, che per noi non si 
cerchi de le vie et de modi li quali si pensino essere buona 
conclusione del facto. 

Datum Luce, die XXI Agosto 1429. 

Né il dicto tempo et per indicio alcuno al facto domandano. 
Se pure si facesse difficoltà potete essere con chi vi pare, con- 
fortino la materia perchè troppo afare pericoloso, che non &ces- 
simo prima advisato il Cardinale avendola presa come avea, et 
non avendoci dicto altro la S. sua in ne la sua venuta a Firenze 
et noi innovassimo altra via. Et so dubitaste facesseno difficultà 
potete essere prima con chi vi pare et dire la commissione che 
avete; sicché ad ogni modo vi pare si vegna a quello doman- 
diamo perchè qui non per indicio nessuno al facto, come dichiamo, 



— 251 — 

se non differire questi giorni. Et questo fiicciamo per nostro sca- 
rico d^ la parte del Cardinale. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 

14. 

Ser Iacopo de Vivianis et Angelo Georgii oratoribus Florentiae. 

Carissimi nostri. Veggiamo quanto dite, et abbiamo ben com- 
preso tutto scrivete et mandato a boca. Abiamo non meno di- 
spiacere de la contesa di costà cbe del caso nostro. Noi siamo 
disposti non lassare a fiir nulla ^ per mantenere lo stato nostro 
e di questa terra. Et a questo sono disposti li nostri cittadini 
mettere in fino al sangue. Et perchè comprendiamo che da co- 
testi excelsi Signori, a noi padri, non potremo avere soccorso 
per buoni rispecti, et posto, come altra volta offerimmo per lo 
stato e honore de la loro Signoria, mettremmo la persona, li 
figliuoli, et quello potessimo in questo mondo, pur non li vorremmo 
richiedere, di quello potesse essere confusion loro. Ma a noi pare 
potere iustamente richiedere la excelsa Signoria loro, che quello 
è insto, si degnino assentire, et questo è, che se Niccolò, de 
loro terreno centra loro volontà et centra li loro comandamenti 
ae presumpto venire ai danni nostri, et a cosa che la S. loro li 
comandi non vuole ubidire, non li sia dato passo di gente, li 
venisse in aiuto, et a noi, loro figliolo, veglino consentire, per 
difesa della nostra ragione, passo e transito a gente che condu- 
cessimo, che bisognasse venisse per loro terreno sanza fare danno 
alcuno. Offerendo voi stare per ogni cosa, perchè anco noi abiamo 
d'altro da fornirci di quello bisognerà, perchè deliberato abiamo 
d'avere oltre quelli abbiamo, da 1500 in 2000 cavalli, et fanti alme- 
no 1000, et non ci increscerà la sjjesa perchè disi)osti siamo levar- 
celo da dosso, et a nonno modo vogliamo dare queste simili entrate 
ad altri, né ricomprarci uno quattrino, anco piuttosto spenderne sei 
cotanti. Oltra questo pregateli si degnino con effecto voler fare re- 
trarre gli homini di Valdilima et di Valderiana dove niente è per- 
duto se non Pentito et la Schiappa. Et quelli non dubitiamo non 
riavere ben presto, tali ordini sono dati. Oltre a questo veglino 
dare licenza a Tommaso do la Rosa, lo quale intendiamo operare 



— 252 — 

in condiicer genti o in altri nostri bisogni. £t voi instate qnanto 
potete, che quello domandiamo si obtenga, et noi provederemo 
bene per la gi^ia di Dio a quello bisognerà al nostro stato^ et 
di verso Eoma e d' ogni altra parte penseremo poterci valere. 
Luce, die 30 Novembris 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 

15. 

Agli stessi 
Carissimi nostri. Vegiamo vostra ultima avuta per lo figlio 
del soprastante , et a quanto dite dovete pensare , abiamo prove- 
duto et anco più oltra et di gente d'arme da cavallo et da piedi, 
et per Ser Jeanne et per Angelino fusto advisati di Andrea da 
Serra quanto avavamo deliberato, et il modo d'averlo. Siate 
certi che né a nostri cittadini, né a noi incresce il buttare lo 
danaro perchè disposti siamo. Oltre quello facciamo noi cercare 
ogni via et da ogni parte di far perdere a costui li pensieri suoi 
et rivolgere il mondo^ et non dubitiamo punto, di non aver nostro 
obtento, et state certissimi che per spendere non rimarrà. Al facto 
dello esser ito Astore, riferisca quello vuole ; questo tenete chiaro, 
che noi abbiamo bene largamente veduto, quello può fare, et per 
noi è bene proveduto alli luoghi buoni et forteee, che ne gio- 
cherà netto, quelle che sono le chiave di questa terra, sono a 
si fatto segno che a lora si perderanno che si perderà Luca, la 
quale siamo disposti mantenere e usque ad mortem j» et per no- 
stra salvezza come diciamo; vedendo ohe la necessità col volere 
in questo concorre cercare usque ad ultimum terre ; non si de' co- 
stui lodare di questo sospecta, et siamo certissimi ohe Dio aiuterà 
la ragione nostra. Del parlare de le fortezze perdute et luoghi 
si offeriscono: de le foi*tezze vi rego Ser Ioanne. Sapete che Ruota 
lo campanile di S.Andrea, lo campanile di S. Insto a Compito, 
queste fortezze guadagnate anno. Di Pontito sapete la costantia 
non che ebbe lo castellano di S. Quirico et la Schiappa se non fusse 
non monstrare viltà l'aremmo disfacte, et a le buone è bene prove-, 
duto. Voi costà state solleciti a pregare cotesta Signoria voglia leva- 
re li transiti a costui, e questo dichiamo perchè noi abbiamo certo 



FT^'^T' 



— 253-^ 

Àntoniello s'è mescolato con loro con sessanta cavalli et voi ci 
scrivete che cotesti M.S. v'ànno dicto non passare, pensiamo sia di 
quello di Niccolò che contro loro volontà sia o per vostra poca 
soUicitudine. Vogliate stare desti et solliciti et pregarli non ve- 
glino siano dati a costui questi favori. Dello avere advisati gli 
ufficiali loro, dello ritrarre ogniuno loro sottoposto et non ricevere 
preda siamo chiari et anco di più che non scrivete, perchè etian- 
dio l'anno comandato se nessuna nostra terra si volesse dare a 
la S. loro non sia ricevuta, del che vogliamo che summamente 
ringraziate la S. loro e a loro ci raccomandate. Dello avere doman- 
dato il passo di 1500 cavalli è stato ben fatto et a noi è necessario 
saperlo per provedere a le genti conducte. Non dubitiamo non 
ve ne siano larghi perchè siamo certi largamente ognuno che 
vuol ben vivere dee comprendere la domanda nostra essere iustis- 
sima et però vi mandiamo questo cavallaro per lo quale ci advi- 
sate subito se T avete avuto e quanto poi abbiate seguito per 
la novutà di Ser Ioanne e d'Angelo. Siate di buon animo che 
pensiamo non passaranno molti di sentirete cose che vi piaceranno, 
et tutto quello che avete a fare fate con buona sollecitudine. 
Datum Luce, "die 3 Decembris 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 

16. 

Dominis Florentinis. 

Magnifici et excelsi domini patres honorandi. 

Scripserunt Ambaxiatores mei ibi existentes quanta cum huma- 
nitate vostra M. D. ipsos recepit, cum ipsis que quam cordialiter 
condoluit de presumptione Nichelai de Fortebraccis qui centra 
mandata vostra unum scribens Uteri s per M. D. vestram sibi 
transmissis, aliud in contrarium fiiciens territorium istius civi- 
tatis hostiliter invasit. Nec erubuit tante M. D. in obedire, sed 
suam potius sequens presumptionem tantis mandatis resilire. Unde 
cognoscens quod vostra inclita D. in hoc satis atque satis potest, 
ipsam ex corde rogo quod eidem placeat per suumor atorem iterum 
mandari facere, quod a dampnis huius territorii desistat. Et 
mihi qui prò M. D. vostra et ipsius honore et statu non minus 



— 254 — 

quam prò meo sicut alias obtuli.seinper ero paratus, placcai fa- 
cere dare liberum transitum prò meis conducendis tam equitibus 
qiiam peditibus per loca vostra sino aliquo vestratum dampno, ut 
iustitiam meam contra ipsam yaleam defensare. Sibi et illis qui 
ad ipsum prò simili offensione confluerent transitum denegare 
quod iustum apud D. vestram esse, non dubito que talium 
nunquam consuevit esse contenta, sed pòtius ipsos proposse com- 
pressit. Ego enim si qua possum oifero semper esse paratum et 
promptum M. D. vestram exorans, quod oculos sue solite cle- 
mentie veraus me vestrum filium aperit, iusticiam meam foveat 
et defendat, meis oratoribus super scripto Vallis Lime et Ariane 
fidem adliibere, et romedia opportuna elargiri. 
Luce, die 30 Novembris 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 

17. 

Senensibus. 

Magnifici et potentes domini patres honorandi. 

Non dubito ad D. V. noti tiara pervenisse Nicholaum de Forte 
Braciis irruisse super territorium meum ausu presumptuoso contra 
omnem voluntatem et intentionem Magnificorum et Excelsorum 
dominorum Florentinorum, Dolontque de tanto ausu et eorum litte- 
rarum contraventi one cum sibi literis intimaverint quod nullo modo 
de eorum territorio discedens ad dampnificandum me prorumperet, 
quorum precepta non solum non servavit sed contra eorum vo- 
luntatem unum proraictens et aliud faciens territorium meum 
discurrit. De cuius invasione et temeraria presumptione domi- 
num Nicholaum Ser lusti civem meum plenius informavi , cui 
in omnibus relatibus placeat plenam adhibere fidem. 

Datum Luco, die XXX Novembris 1429. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 

18. 

Dominis Bononiensibus. 
jMagnifici et i)otentes domini patres honoi-andi. 
Ut Nicholao de Fortebraeiis qui contra omncm Iustitiam ausu 



T'»*'^^ ^ ■ ^ '' ^ ":^ . "r r^^-- '"-rh-v ^': » - r^ ^^.'''kk^ttjì^ 



— 2,55 — 

temerario territorium meum hostiliter invasit, possim iuxta posse 
resistere et statum meum defensare, «umma confidentia ad D. V. 
reciirro, ut providis viris Laurentio domini Ghosadini de Ghosa- 
dinis et Ser Guaspario de Barufaldinis de Bononia, quos ad 
presentiam vestram mitto, ut ibi conducant aliquas gentes ar- 
morum tam peditibus quam equestrium, sicut ab eia viva voce 
sentietis. 

Placeat de concessione transitus gentis ibi conducendo licen- 
tiam elargiri, quod mihi ad singolarem gratiam reputabo. Pa- 
ratus ad omnia vobis grata. 

Luce, 1 Decembris 1429. 

(Arcliivio di Stato. Governo citato) 

19. 

Domino Oratori Venetorum Florentie. 

Spectabilis et Egregie Amice honorande. 

Accedit ad presentiam vestram Magister Filippus ordinis Mi- 
norum sacre pagine professor. Eidem spectabilitati narraturus 
quantum versus illam Excelsam Comunitatem Florentie Consilio 
Incliti et Illustrissimi domini j vestri sim dispositus, tam circa 
ligam, quam alias praticata fuit, quam circa accomandigiam ad 
quam nunc videtur adspirare. Etiam si opus fuerit de securitate 
fortilitij mei Montischaroli reponendi in manus serenissimi dominii 
vestri prò eorum securitate et mea, quod vigente tempore lige 
vel accomandigie promissa servabuntur prò me, et post finitum 
tempus mihi restituatur. Cui in omnibus per ipsum super huiusmo- 
di exponendis placeat fidem adhibere. 

Ex Luca, die 13 Decembris 1429. 

(Arcliivio di Stato. Governo citato) 

20. 
Battiste de Cannetulo de Bononia. 
Spectabilis et egregie amice honorande. 
Veduto quanto per vostre lettere commendate la fede et pro- 
bità dello strenuo capitano Kanieri da Perugia et della sua com- 
pagnia, sono disposto seguire di lui et vivere per vostro consiglio 



— 256 — 

di questo et delle altre cose che mi occorresseno. Pertanto oe de- 
liberato condurre il diete Hanieri con cavalli 300 et certo nu- 
mero di fanti a pie potendo lui venire di presente et avere il 
passo di venire in sul mio terreno. Et perchè conviene fare a 
lui provisione et pagamento della prestanza et mandare li denari 
contanti per li casi che occorrono è pericoloso^ pertanto conviene 
provedere in altro modo. Non so quello sia rimase in Lorenzo 
di Messer Gosadino et ser Quaspari. Scadendo bisogno per lo 
levare di Ranieri vi darò gravezza di servirmi da 400 in 1000 
bolognini di oro. Advisandovi che se qui in alcuni volete si facci- 
no buoni si faranno, se non in poghi di arò modo pervia di Genova 
o d'i rimetterli o di mandarveli contanti. Come vedete piglio segur- 
tà di voi perchè voglio che in tucti vestii casi et bisogni possiate 
dispuonere di me et di quello che io posso a tucti vostri pareri. 
Et più vi prego che di quello che domino Banieri avesse in nella 
compagnia di Bologna li siate favorevole a lo spaccio et allo pa- 
gamento acciò che presto si possa conducere. 
Ex Luca, diesecundo lanuari 1430. 

(Archivio di Stato. Gbverno citato) 

21. 

Domino Buonfiglio Oratori Janue. 

Egregie doctor orator noster carissime. 

Ricevemmo vostra alla quale brevemente rispondiamo, et udito 
Lodovico che il simile a bocca dice, vi dichiamo che nostra in- 
tenzione è di mettere infine al sangue, etiam si ezpedit sequi 
virìlitatem saguintinorum ut una cum civitate pereamus, et ve- 
duto il Consilio che scrivete deliberiamo in ogni via et modo che 
a cotesta ezcelsa comunità parrà et vorrà seguire in totum et 
per totum perchè siamo certi che di noi et di nostri cittadini 
non vorranno meno che di loro figli et servitori. Se sapessimo a 
che acto mandare il mandato lo faremmo, ma non advisandoci 
voi di specialità alcuna non sappiamo in su ohi fondarci. Tanto 
vogliamo che largamente dichiate che da loro volere non discre- 
peremo in cosa ci sia possibile, perchè come dichiamo siamo 
certi vorranno da noi il possibile. Preterea ritoma costi Lodovico 



~ 257 — 

apportatore di questa per armare la galeocta; operate dove vi 
pare la possi armare, perchè se bene si considererà per cotesta 
excelsa signoria lo facto nostro puonno reputare loro. Avisate 
spesso. 

Ex Luca, 5 Gennaio 1430. 

(Archivio di Stato. Grò verno citato) 
22. 
Allo stesso. 

Egregie doctor orator nost^r carissime. 

Abbiamo per nostre lettere et anche a bocca per Lodovico 
Gìgli, il quale pensiamo che innanti alla avuta delle presenti sarà 
costi, pienamente risposto di nostra intenzione. Et come per le 
nostre lettere et etiamdio dal domino Lodovico are te, nostra in- 
tenzione è, che noi deliberiamo in ogni via et modo che a cotesta 
excelsa Comunità parrà seguire et fare in tucto et per tucto quanto 
vorrà come figli et servitori di quella, facendo quanto a noi sarà 
possibile et iuxta posse in totum et per totum, perchè siamo certi 
che da noi non vorranno se non tanto quanto sarà possibile. Et 
se lo amico del quale scrivete verrà, manderemo a praticare et 
fermare secondo che ci advisate. Noi non abbiamo fatta risposta 
più presto però che Lodovico ae indugiato molto il suo venire qua, 
Advisandovi che il giorno giunse qui ebbe da noi risposta come 
di sopra vi scriviamo. 

Datum Luce, 7 Gennaio 1430. 

(Archivio di Stato. Governo citato) 
23, 
Indirizzo esterno: Magnifico ac potenti domino Ladislao 
de Lucha domino suo singularissimo. 

Magnifico ac potens domine famigliarissime recomandatione 
premissa. Dominichiello da Napoli stato al tempo de la guerra 
conestabile qui ad Bologna al presente vene da la Vostra Ma- 
gnificentia per conciarli ad li vostri servizi. Et perchè merita- 
mente se de' fare che li homini strenui et valenti sono da esser 
commendati ne li loro esercizi, et pertanto prego la Vostra Si- 
gnoria che lo dicto Dominichiello ve sia recomandato, perchè è 
persona da bene e tale homo per quel che in questa terra ho 



— 2.58 — 

veduto i)er infino che è stato qui al nostro soldo. Ad la qnal 
V. 8. sempre mi raccomando. Servitore 

Battista de Cannetulo. 
Bologna, 12 Decembre 1429. 

(Archivio di Stato. Governo di Paolo 
Guinigi, Lettere origÌ9ìaU a Paolo 
N. 17.) 

24. 

Ifidirizzo esterno: Magnifico chiaria. Domino Ladislao de 

Guinigiis domino meo singulari. 
Magnifice domine. Ricevetti per lo Mancino una lettera 
del Magnifico Signore Vostro padre ^ la quale in fra l'altre parti 
conteneva che sua intenzione non è di fare più spesa nello Sbar- 
dellatoy e che se vuole venire che venga, et che esso poteva 
venire quando vennero le galee. Io parlarò con la S.V. il vero» 
perchè è insto, che il servidore parli apertamente il vero al suo 
Signore. Quando ero ad Roma sapendo io che per difendere lo 
Vostro Stato avevate bisogno di fanti et none potevate cosi avere 
per rispecto che li passi erano votati, io come vostro fedele ser- 
vitore et desideroso de la conservatione de lo Stato vostro mi 
disposi, quantunque dal Signore vostro padre non n'avesse com- 
missione, di conducere a li servizi vostri uno conestabile che 
fiisse huomo valente de la persona, pratico et savio, di che pa- 
rendomi queste tre cose essere nelo Sbardellato deliberai d' averlo, 
che mi fu non piccola fatica, perchè esso era soldato di nostro 
signore, et stava ad Castello a mare. Et avuto prima di gratia 
da nostro Signore condussi il dicto Sbardellato con paghe cento , 
et lance quattro, et prestali ducati secento et feci con lui i ca- 
pitoli i quali non rimando perchè gli lasai ad Comete ad S. Piero 
mio cancelliere, che è con li miei cavalli. Et non potè venire lo 
Sbardellato quando venni io, perchè none era ancora venuto il 
tempo, era obligato d'essere ad Corneto. Et però non venne che 
a luj prima, doinde a me sarebbe stata grandissima gratia, che 
con meco fusse venuto, perchè si sarebbero facto molte cose le 
quali non si sono facto, cho sarebbero state di grande vostro 



— 259 — 

onore et di grande vostra exaltazione. Et che io abbia promesso 
a lo Sbardellato che verrà ad servire la S. V. et sia stato già 
due mesi ad vostra petitione colla compagnia addosso, che ho 
valuto mandare per Ini mille volte ma non ho potuto più. Et che 
ora il Magnifico Signore vostro padre, mi scriva che se vuole ve- 
nire venga et che none vuole farvi più spesa, la S. V. è pratica 
et à provato quanta difficultà é tenere la compagnia adesso senza 
denari, si che pensi la S. V. come potrebbe venire lo Sbardella- 
to, dhe è stato già due mesi senza toccare denari ; et se mi dite esso 
ebbe la prestanza sapete quello se ne sa. Prego adunque la 
S.V. vi sia raccomandato l'onore di me, che so vostro servitore, 
quanto nessuno altro n'abbiate, che ho promesso a lo Sbardellato 
che verrà. Et se non venisse me ne seguiterebbe grandissima 
vergogna, infamia e danno, et la S. V. non acquisterebbe né 
honore né utile. Et pure tengo signore mio, che il Signore vo- 
stro padre et la S. V. vorrà salvare l'onore di me che lo potete 
fare senza vostro danno o ùuova spesa. E sono qua una brigata 
di conestabili, che per la fò di Dio. quando son stato in ufficio 
mi sarei grandemente vergognato di scriverli per birovieri, siche 
quando i capi sono cosi facti, pensate quale è la coda, et se non 
credete a me informatevene da altri et trovarete vi scrivo il 
vero, siche la S. V. può ordinare che si cassi quelli che sono 
disutili et che si mandi per lo Sbardellato che se ci viene sarete 
contento averlo facto oltre al gran piacere farete a me. Al pre- 
sente non dirò più sopra di ciò, perchè ho tanta fede et tanta 
speranza nella vostra signoria che di magiore cosa che questa 
non è v'adoparete col Signorp Vostro padre sia compiaciuto, quan- 
tunque la domanda mia sia honesta et giusta. Et sopra di ciò 
aspecto vostra grata et affermativa risposta, et me ora et sem- 
pre raccomando a la S.V. et al Signore Vostro padre n'ho scripto 
di mio parere. 

Ex Petrasanta die ventunesima Aprilis 1430. 

Servitor Vester Antoni us de Petrucciis miles. 
(Archivio di Stato. Governo di 
Paolo Guinigi. Lettele ori- 
(jiìuiU a Paolo, N. 17). 



— 200 — 



Sanctissimo Pape. Serenissimo Imperatori. 
Memi ni t antiqua civium Lucanorum memoria, loquetur an- 
tiquissime rei piiblicae Lucane scripture, confirmat et universa 
mundi fama Lucanum populum et civitatem sedi apostolico obse- 
quentissimum esse. Nec aliter quam fidelis eiusdem ac devotis- 
sima, ima cum civibus, dici potest. Et quicquid glorie honoris ac 
commodi eidem civitati acquiritur tam ipsis civibus quam iis 
quibus devotissi misunt , infertur. Constat enim hanc rempublicam 
Lucanam retroliactis temporibus nec parvo annorum numero 
sub regimine Pauli de Guinigiis et eius imperio positam esse, 
quam tenuit, in qua dominium habuit quousque in eo cura vigilans 
et humanum imporium invictum est. Ubi autem de iure ad iniu- 
stitiam venit, eo honore, eo statu et potentia privatus est, quo 
utebatur. Nec inventus est populus qui tam humaniter ac obse- 
quenter domino suo parnerit, quam hic Lucanus, dum vixit 
iustus dominus. Oppressus a populo Fiorentino, hostiliterque in- 
vasus, omnique periculo subdit et una cum civibus et aliis sibi 
devotis, nulla per eum adhibita civium suorum cura omni versus 
cives eius amorem deposito, tam in bere quam in persona, minus 
quam humaniter ac decenter dominio, ac regimine civitatis funge- 
batur, et ad id ita victuni est. Quod nisi populis libertas huius 
civitatis temptata per Lucenses non fuisset, perpetua calamitas, 
summa miseria, servitus etema, in ea vim ac rubur habuisset. 
Qua ex re, beatissime domine, die XV mensis huius medio noctis 
tempore, vox popularis in eadem civitate Lucane nullo ductore 
in tantam liberta ti s habende sitim devenit, quod publicum dominum 
ac proclamatum fuit: populum una cum libertate vivere, tanto 
favore ipsa libertas patita est, et usque modo manutenta quod 
et cives et in civitate ^'iventes leti ac summo opere gaudentes 
sunt. Et ne mirandum apud S. Vestram sub silentio transeat 
hoc unum in re hac libortatis fuit nedum mors ut civis ut pe- 
regrini evenorit. Sed minima ce ssavi t offensio quod mirandum 
apud omnos et divinum magis quam humanum judicatur sub salva 
himianaquo custodia Paulo et omnibus natis constitutis. V ivit 



— 261 — 

itaque sub regimine populari res publica Luca, vivit, tanta ca- 
ntate ligata, quod perpetuo pacifico vivere monstrat. 

Hoc summe restans quia offensionibus florentinis salubri re- 
medio provvidendum est. Speramus itaque quod iustus ac pius 
opifex deus, potentiam apostolicam, quae benemerito huius populi 
est tutela et defensio, ad talem operam salutarem et manute- 
nendam et augendam inducet, ut apud omnes et filius et devotus 
apostolico sedis hic populus approbit, qui summa se devotione 
et humilitate committit. Ex Luca, die XX Augusti 1430. 

Et simili forma scriptum est Venetis, duci Mediolani, lanue, 
et Senensis, mutatis mutandis. 

(Archivio di Stato. Carteggio degli 
Anziani al tempo della libertà, 
N. 53i;. 



y 7?"°*,7.7j;v^rr'' ,y ^' »t^i -?TTr^^ "t Tji^T'TS^r >>55;:»:: •#■ Yjpi?^^; >5^-#. 



INTORNO ALLA GENESI 
DELLA LEGGENDA DI CORIOLANO* 



Nessun fatto storico relativo alle gesta o magari alle 
pseudo-gesta dei Veturi getta luce sulla nostra questione. Di- 
verso è invece il caso rispetto ai Volumni, quando si ammetta 
che abbia ragione Plutarco, il quale Volumnia chiama la madre 
di Coriolano, Verginia la moglie. Per vero dire i moderni, fra 
questi soprattutto il Mommsen, partendo dal concetto che Plu- 
tarco nella biografìa di Coriolano attinse esclusivamente al dif- 
fuso racconto di Dionisio di Alicamasso e che con costui ha an- 
cora comuni altre divergenze dalle fonti latine, suppongono che 
questo scrittore abbia errato. 

Io confesso che non sono di questo parere. Che Plutarco 
abbia attinto a Dionisio, cui egli per giunta cita nel con- 
fronto finale della biografia di Coriolano con quella di Alci- 
biade, è un fatto innegabile e ciò dimostra il confronto che è 
stato più volte istituito fra i due scritti. * Ma questo con- 
fronto prova anche come Plutarco, qua e là, si allontani dalla 
sua fonte principale. Mi basti ricordare il fatto già notato 
dallo Schwegler (II, p. 370) che solo in Plutarco si trova il 
particolare, Coriol. 22, che si riferisce alla inimicizia che 
prima ancora dell'esilio sarebbe esistita fra Coriolano ed Atto 
TuUio. Aggiungo un' altra circostanza, che per quanto io so, 
non è stata ancora messa in rilievo, ossia che mentre Dionisio 



' y. fascicolo precedente pag. 71 sgg. 

* V. soprattutto H. Petek, Die Quelhn Plutarchs in den Biographien 
der Rdniery (Halle 1865) p. 7 sgg. e le osservazioni del Moìcmsen, mem. 
cit, p. 117, n. 14. 



— 2(]4 — 

Vili. 02, asserisce che i Romani, udita la morte di Coriolano 
lieyàXr// oiiii^opàv uT^oXa^óvie^ elvat x^? 7c6Xe(o$ TrévS-oc èTwOi*/^- 
oavTo tofa xal 57;[ioo(a, Plutarco, 30, afferma che i Romani 
udita la morte di lui iXXo |ièv où5év àTCsSsJ^avxo otjiìsTov ouxe 
xi[if;$ o'j3' èpY^S ^P^? aùxóv e solo concessero alle donne, ciò 
che narra anche Dionisio, di portare il lutto per un anno/ 

Io non vedo quindi perchè, anziché asserire che Plutarco ha 
errato* non si possa pensare che egli abbia qui seguita una fonte 
diversa la quale attribuiva ai Volumni ed ai Vergini ciò che la 
versione più diffusa riferiva ai Veturi od ai Volumni. Di questo 
<;enere di scambi neir antichissima storia romana abbiamo e- 
sempi numerosi. Ci basti citarne solo alcuni tolti tutti dalla sto- 
ria degli stessi anni di cui discorriamo. Il primo dittatore della 
republica creato nel 501 a C, secondo i più antichi autori sareb- 
be stato T. Larcio, altri invece asseriva che era stato Ma- 
rno Valerio; Valerio anziché Menenio Agrippa, secondo una 
tradizione accettata anche da Cicerone , con la sua eloquenza 
avrebbe ricondotta la plebe a Roma dopo la prima secessione.^ 
Il nome ed il numei'o de' tribuni creati in questa occasione 
variava secondo le varie tradizioni. " All'anno 473 a C. alcu- 
ni annali indicavano come uno dei consoli Vopisco lulio, mentre 
altri nominavano Opiter Verginio. Simili cangiamenti nel nome 
de' personaggi ai quali vennero attribuiti gli stessi fatti si tro- 
vano di frequente anche nella posteriore storia di Roma e 



^ Ma anche rispetto a questo punto di contatto va osservato che mentre 
Dioinsio, /. e, dice che le donne portarono il lutto èviaóotog xP^^^Ci ^l**" 
tarco, valendosi per quel che pare della sua dottrina personale (si rife- 
risce in fatti a quanto già aveva scritto nella vita di Numa, cfr. Num. 12, 2) 
dice che tale lutto durò dieci mesi. Rispetto a questi dieci mesi io non ac- 
cetto la tesi del Mommsen suirantìchissimo anno romano che sarebbe du- 
rato appunto tanto tempo, bensì le vedute accolte ad es. dalP Unger, 
Zeitrtchnung d. Gritch, und d, Bomer, p. 165. 

* V. NiESE, de annalib. Roman, ohservationes (Marburg 1886) p. VI. 
»gg'j cfr. in questi Studia II, p. 159. 



— 265 — 

per età interamente storiche, sicché lo splendido fatto d' arme 
che da Livio e da altri viene attribuito al tribuno Calpumio 
Fiamma, da Catone era attribuito al tribuno Q. Cedicio, da 
Claudio Quadrigario ad un Laberio. " 

Qualora si ammettesse che Plutarco non errò e che invece 
segui deliberatamente in questo punto una tradizione di- 
versa non sarebbe fuori di proposito ricordare ciò che per 
r anno 296 a C. si racconta a proposito della patricia Vergi- 
nia, moglie del plebeo L. Volumnio, il console del 307 e del 296 
a C. Ecco le parole di Livio: « Insignem supplicationem fecit 
« certamen in sacello Pudicitiae patriciae. quae in foro bovario 
€ est ad aedem rotundam Herculis, inter matronas ortum. 
« Verginiam Auli ffliam, patriciam plebeio nuptam L. Volum- 
€ nio consuli, matronae, quod e patribus enupsisset, sacris 
€ arcuerant. brevis altercatio inde ex iracundia muliebri in 
« contentionem animorum exarsit, cum se Verginia et patri- 
« ciam et pudicam in patriciae Pudicitiae templum ingressam 
€ et uni nuptam, ad quem virgo deducta sit, nec se viri hono- 
€ rumve eius ac rerum gestarum paenitere, vero gloriaretur. 
« Facto deinde egregio magnifica verba adauxit: in vico Longo, 
€ ubi habitabat, ex parte aedium quod satis esset loci modico 
« sacello exclusit aramque ibi posuit; et convocatis plebeis 
e matronis conquesta iniuriam patriciarum: hanc ego aram 
• inquit, Pudicitiae plebeiae dedico, vosque hortor, ut quod 
f certamen virtutis viros in hac civitate tenet, hoc pudicitiae 

< inter matronas sit, detisque operam ut haec ara quam illa, 
« si quid potest, sanctius et a castioribus coli dicatur. Eodem 
f ferme ritu et haec ara — aggiunge Livio — quo illa antiquior 

< eulta est, ut nulla nisi spectatae pudicitiae matrona et quae 



* Lrv. ep, 17; XXII, 60, 11; Plin. N. IL XXII, 11; cfr. invece 
Càt. et Claud. Quadrio, apd. Gell. K A. Ili, 7. 



— 266 — 

« uni viro nupta fuisset ius sacrificandi haberet » .* Se come 
già fu fatto notare, si considera che la statua della dea ono- 
rata nel tempio della Fortuna Patricia era pur quella della Pu- 
dicitia e che per questo culto come per quello della Pudicltia 
Plebea e della Fortuna Muliebre vigevano le stesse norme 
(in quanto che erano ammesse a toccare ed a coronare il si- 
mulacro della dea soltanto le matrone di castigati costumi, spo- 
sate una sol volta) non apparirà forse puramente casuale la 
partecipazione di una Verginia alla leggenda di Coriolano. E 
questa nostra tesi apparisce ancora più probabile se si con-» 
sidera che secondo la versione nota a Dionisio di Alicar- 
nasso il tempio della Fortuna Muliebre, che era stato consa- 
crato una prima volta da Valerio, lo fu di nuovo una se- 
conda volta, per opera del console dell'anno seguente, ossia di 
Proculo Verginio." È dunque evidente che la gente dei Vergini, 
come dette origine al culto della Pudicizia Plebea, cosi era 
collegata con quello nella sostanza identico della Fortuna 
Muliebre. 

Il Mommsen ha giustamente osservato che la nostra leg- 
genda mira a glorificare tre genti della antica nobiltà plebea, 
le quali per mezzo di quelle falsae transitiones adplebem ricor- 
date ad es. da Cicerone, miravano ad innestare le loro gesta a 



* Liv. X. 23. Che questo racconto sia autentico e non contenga un 
altra leggenda sacra io non oso affermare. Leggende sacre originate dalla 
fondazione di un tempio di questo genere si sono formate a Roma anche 
in età assai posteriore, v. ad es. quella del tempio doUa Pietas a cui ac- 
cenno anche più sotto. Nel nostro caso non riesco poi ad allontanare dalla 
mente il ricordo della Virgìnia plebea del tempo dei decemviri, simbolo 
anche esso della Pudicizia plebea. 

' n tempio della Fortuna Muliebre posto suUa via Latma avrebbe, 
avuto due consacrazioni, v. Dion. Hal. YIII, 55, la prima nelle calen- 
de di Dicembre delPanno seguente alla partenza di Coriolano, la se- 
conda l'anno dopo, il giorno innanzi alle none QuintUie (6 Luglio). La 
prima consacrazione fecero le donne avendo sacerdotessa Valeria, la se- 
conda il console Proculo Virginio. L' Jordan, Ephem. Epigt-, I, p. 234 



j^^, ^'^ TTf^^ ^T^{P^ — ^v-^j^-'^'^ '^ •^Mr'*'T»Tfi""-7^"':^^-/pTyrjF^ 



— 267 - 



quelle delle più o meno autentiche antiche famiglie patricie, e 
giustamente ha pensato a C. Marcio Rutilo che fu console nel 
310 a. C, figlio di quel C. Marcio Rutilo di cui abbiamo più 
volte discorso. Quanto siamo andati mano mano osservando 
conferma, ci pare, nella sostanza le osservazioni d^l grande 
maestro. Se i Marci fossero legati con vincoli di sangue con 
i Vergini e con i Veturi (o con i Volumni), ciò che presuppone 
la leggenda di Coriolano, non siamo in grado di verificare; 
tuttavia se con il Mommsen si ammette che al sorgere della no- 
stra leggenda non sia stato estraneo C. Marcio Rutilo, il primo 
pontefice plebeo, non sarà senza importanza constatare come 
' di costui fossero appunto contemporanei quella Verginia e quel 
L. Volumnio, la cui storia è connessa con il racconto della 
fondazione del sacello della Pudicitia Plebea. E poiché i Ver- 
gini erano imparentati con i Volunnì non è per nulla strano 
riscontrare che secondo la versione plutarchea i primi ven- 
gono sostituiti ai secondi. 

Cerchiamo ora di investigare per quali ragioni la pretesa 
storia di Coriolano venne fissata cronologicamente fra gli anni 
493 e 488 a. C, e quale possa esser stata l'origine del cogno- 
me dato al nostro eroe. 



che ha disoorso delle doppie dedicazioni dei templi cita anche questa della 
Fortuna MuUebre, ma non ne ha indagate le ragioni. Della data 6 Luglio 
ho già cercato sopra dì rintracciare la causa. Quella del 1® Dicembre 
secondo Dionisio andrebbe cercata nel fatto che in quel giorno Coriolano 
abbandonò il campo. Forse non è casuale ohe lo stesso giorno era dedi- 
cato aUa Pietas al Circo Flaminio, il cui tempio era connesso con una 
leggenda importata dalla Grecia (y. Prelleb-Iordak, B6m. MythoL II j 
p. 26?) e non è nemmeno casuale che nel titolo prenestrino C.LL. XIY n. 2856 
si vegga congiimto ed identificato il culto deUa Pietas a quello della For- 
tuna Primigenia. 

A tìtolo dì semplice constazione di fatto noto poi che nel vicus Longus, 
ove era il sacellum e Tara della Pudicitia plebea, esìsteya anche il Tuxt^c 
P(0(iòg EùeXwWoc, V. Plut. de fori, Eom. 10. 



— 268 — 

Livio ove dice che Coriolano in grazia della presa di Co- 
rioli oscurò la fama del console Postumo Cominio, osserva: 
t nisi foedus cura Latinis, columna aenea insculptum, monu- 

• mento esset ab Sp. Cassio uno, quia collega afuerat, ictum, 

• Postumum Cominium bellum gessisse cum Volscis memoria 

• cessisset » II, 33, 9. Da queste parole, nelle quali anziché 
una dichiarazione personale di Livio si suol scorgere una os- 
servazione delle sue fonti, dallo Schwegler e poi dal Mom- 
msen si è tratta la conseguenza che nei documenti più antichi 
nulla si sapeva di una guerra di Coriolano fatta nel 493 a. C. 
Questa guerra sarebbe stata fissata a queir anno in segui- 
to ad una congettura ricavata dal testo del « foedus Cas- 
sianum >. Il Mommsen anzi pensa che della tarda intrusione 
dell'episodio di Coriolano, che fu tolto da una cronaca di fami- 
glia, negli Annali romani si scorga chiara la traccia nello stesso 
racconto liviano, ove questo episodio cosi ricco di particolari 
è inserito tutto di seguito fra certe notizie di carattere anna- 
listico (v. II, 83, 40). Pur riconoscendo nel complesso la 
giustezza di queste osservazioni non credo inopportuno far 
notare che la ragione precipua per cui il racconto delle gesta 
di Coriolano fu fissato nell' anno 493 a C. va cercata nella cir- 
costanza che Coriolano^ il qu^le si oppone alla distribuzione alla 
plebe del grano siciliano ed all'autorità dei tribuni della plebe 
di fresco creati, è uno dei tanti elementi che costituiscono la 
pseudo-storia dei primi decenni della repubblica romana. Corio- 
lano è una figura che fu concepita come parte del grande qua- 
dro m cui figurano la prima secessione , la dedica del tempio di 
Cerere fatta da Spurio Cassio, la pseudo legge agraria di costui, 
l'intenzione di distribuire alla plebe il grano siciliano, il < foedus 
Cassianum > contratto tra Roma e il Lazio. Tutti questi vari 
elementi si collegano strettamente con il fatto storico della 
introduzione a Roma del grano siciliano, del culto pur sici- 
liano di Cerere, con la istituzione dei tribuni della plebe model- 



— 269 — 

lati sul paradigma dei «poaxàxat xoO 6V^|iou siracusani, in- 
fine con la costituzione della egemonia siracusana per ope- 
ra di Gelone. L' episodio di Coriolano non può essere stu- 
diato indipendentemente da tutti questi altri fatti; e perciò 
da pressoché tutti gli antichi annalisti romani questa leg- 
genda di famiglia venne fissata nei primi anni della repubblica.' 
Che lo stesso Fabio Pittore l'avesse di già localizzata nel 493 
non ci è espressamente attestato. Ciò è tuttavia lecito 
ricavare con certezza da un passo di Cicerone ove si dice 
che Fabio al pari degli altri storici raccontava la nostra 
< instauratio ludorum i e che la fissava cronologicamente 
allo istesso modo di Gelilo, di Celio Antipatro e di quasi 
tutti gli altri storici, ossia poco dopo il tempo della guerra 
con i Latini.* Non è quindi casuale che ove Dionisio, a pro- 
posito della leggenda di Coriolano, racconta con quali ceri- 
monie si compiessero questi ludi votati al tempo della guerra 
Latina si riferisca all'autorità di Fabio Pittore.* 

Rispetto al cognome di Coriolano è già stato più volte notato 
come non possa in nessun modo reputarsi fatto storico ciò che 
la tradizione asserisce, ossia che esso fu dato a Gn. Marcio 
in seguito alla presa di Corioli. L' uso di concedere cognomi de- 
rivati dalle città prese in guerra non è anteriore all' anno 329 
a. C. in cui tale onore fu accordato a L. Emilio vincitore 
dei Privernati.* 

Il Mommsen ha giustamente rilevato il fatto che i Marci, 
gli Inni, i Muci, appartenenti alla antica e insigne nobiltà 



* Secondo Dionisio di Alicarnas80 VII. 1, T ambasceria per il grano 
sicUiano fatta al tempo di Coriolano fissartmo al 17 anno dopo la cacciata 
dei re Licinio, Gellio xat ol dXXot oxe5èv (iicavxeg flOYYP*98^6 romani. 

* ClC. rf. (ihinat. I, 66. 

* Dick. Hal. VII, 71 »qq. 

* Fast. Trùimph. ad a. 425 a. C. e Fasi. Cons. ad. a. 438 u. C; 
cfr. MoMMSEK, Som. Forschimgen II p. 151 n. 77; 295. 



— 270 — 

plebea, e che per mezzo di false • transitiones ad plebein » 
innestarono le loro origini con il patriziato, ad imitazione dei 
patrici assunsero il cognome di Rex, di Brutus, di Scaevola.* 
D' altra parte è evidente che il cognome di Coriolano, attri- 
buito al pseudo patricio che avrebbe espugnata Corioli, va 
messo nella istessa categoria di quello di Camerinus, di Me- 
duUinus, di Regillensis, di Amintinus ecc. che avevano le 
genti patricie dei Sulpici, dei Furi, dei Claudi, dei Postumi, 
dei Volumni. Questi cognomi patrici, come ha giustamente 
fatto notare il Mommsen, si riferiscono tutti a località che 
in 'età storica non aveano più « rem pubblicam •, e de- 
signano probabilmente il luogo di origine di quelle genti.* 
Anche Corioli, checché si sia favoleggiato sulla sua im- 
portanza neir età di Coriolano , non ebbe mai < rem pubbli- 
cam » in tempi veramente storici. " La spiegazione di questo 
cognome sarebbe pressoché sicura, qualora riuscissimo a di- 
mostrare che i Marci plebei derivavano o credevano di deri- 
vare da una famiglia che in origine stanziava a Corioli. 

Per vero dire Diodoro e Plutarco a proposito di una guerra 
contro i Volsci, guerra che cadrebbe nel 389 à. C. (o nel 387 
secondo Diodoro) fanno menzione di un colle detto Marcio, che 
come apprendiamo da Livio, si trovava presso Lanuvio, cit- 
tà che alla sua volta era presso Corioli. Ma pur troppo da que- 
sto istesso passo di Livio tale località è detta Maecium e 
non Marcium e tutte le probabilità storiche stanno per la le- 
zione serbataci nel testo dell' autore latino.* 



' MosiMSEN, Rom. Staatsrecht III p. 210. 

■ MoBfMSEy, Rom. Forseh, II p. 241 sgg.; Rom, Staatsrecht III 
p. 774. 

' Plinio, N, H: III, 69 enumera Corioli fra lo c.ttà del Lazio anti- 
camente perite. 

* DiOD. XrV. 167: iv t;$ xaXoDfiévq) Mapxiq); Plut. Camill. 34, 2. 
ttepi xò Màpxiov opog; Liv. VII. 2. 8: " ncc procul a Lanuvio — ad Mae- 
cium Ì8 locus dioitur. „ Le tre narrazioni sono nella sostanza conformi; 



— 271 — 

Comunque sìa di ciò se il cognome di Coriolano, sino dal 
sorgere della leggenda fu spiegato per mezzo della presupposta 
conquista di Corioli, non va dimenticato che la leggenda ebbe 
appunto vita verso i tempi in cui L. Emilio in compagnia del 
collega C. Plauzio, avendo superati i Privemati, ottenne il co- 
gnome di Privemas. (329 a. C.) Ora dacché le gesta di M. Mar- 
cio Rutilio rispetto ai Privemati (357 a. C.) si somigliano 
come vedemmo a quelle attribuite al preteso vincitore di Co- 
rioli e vennero del pari confuse con quelle di C. Plauzio, 
vincitore esso pure dei Privemati/ per il nostro eroe ci sarem- 
mo dovuto aspettare il cognome di Privemate anziché quello 
di Coriolano. Ma dacché quello di Privemate era già stato ac- 
cordato a L Emilio non è difficile comprendere, almeno in par- 
te, come a questo si sia sostituito quello di Coriolano. Il console 
C. Marcio Rutilio del 357 a C. aveva realmente superati i 
Volsci di Privemo, il suo preteso antenato avrebbe del pari 
superati i Volsci. L' oscuro Corioli per vero dire non era mai 
stata una città volsca; essa aveva costantemente appartenuto 
al Lazio, ma se essa veline realmente sostituita a Privemo 
era naturale lo si trasformasse in città volsca e lo si elevasse 
a dirittura al grado di èm^avi} a^póSpa xal SoTtep 4v |iif)xp67roXtv 
Tfi)v OòoXoóoxwv. • 

* 

Un ultimo particolare della leggenda merita forse ancora 



perciò nasce la supposizione che o Mdpxiov debba correggerai in ** Mae- 
ciam „ viceversa. La correzione in Maecium troverebbe conferma nel 
passo di Festo, ep, 136 M. in cui si legge ^ Maecia tribus a quodam 
castro sic appellatur. ^ A ciò si aggiunge ohe i duecento stadi di cui parla 
Diodoro ci conducono non a nord di Lanuvio ove era Coriolano, ma piut- 
tosto a sud. 

* V. s. p. 73 n. 3. 

■ Dick. Hal. VI. 92. Cosi come fa osservare il Mommsen, m, e, p. 138; 
cfr. 151 n. 79, ò in contradizione con la realtà storica radunanza dei 
Volsci alla fonte Fcro-ìtina, ove invece si radunava T assemblea dei Latini. 



— 272 — 

ima parola di schiarimento. Mentre Coriolano va come esule 
fra ì Volsci ed ottiene da costoro V onore del pieno comando 
delle forze militari, la moglie ed i figli anziché seguirlo nel- 
1' esilio restano a Roma. Coriolano, secondo Dionisio, loda la 
moglie dell'esser rimasta in patria, e dell'aver consolata la vec- 
chia madre. Ora in leggende di questo genere, create con 
dati fini particolari politici e familiari, un particolare di tale 
natura non lo si deve semplicemente spiegare per mezzo del li- 
bero capriccio o della fantasia dell' autore del racconto. La 
ragione per cui i due figli di Coriolano restano a Roma, se- 
condo tutte le probabilità, va ricercato nella circostanza che 
le due famìglie plebee dei plebei. Marci Reges e dei Marci 
Rutili Censori credevano di disrendere dal patricio Gn. Marcio 
Coriolano. ' Un particolare di questo genere si trova nella leg- 
genda dei trecento e sei Fabi morti alla Cremerà. Tutti vi sa- 
rebbero morti ad ecce;done di uno, dal quale secondo la concor- 
de testimonianza degli antichi si reputavano discesi i posteriori 
Fabi. La circoatanza che Plutarco nel principio della vita di 
Coriolano, porgendo anche qui una notizia che manca a Dio- 
nisio, riferisce appunto che Publio e Quinto Marci (coloro che 
a Roma incanalarono l'acqua Marcia) e Marcio detto Censorino 
perchè due volte fu censore, discendevano dal nostro eroe, 
lascia adito alla supposizione che nella completa redazione 
della storia di Coriolano si accennasse alla sua discenden- 
za. Se a noi foi^ise per\^enuta tutta intera la leggenda di 
Coriolano, tale quale era esposta nelle memorie dei Marci, 
secondo ogni probabilità vedremmo come dei due figli di 
(in. Marcio si raccontasse che ammaestrati dall' esempio pa- 
terno divennero amanti della plebe ed anzi fecero la « tran- 
si tio ad plebem » allo stesso modo , e ciò era stato in 
paiate notato fla^li an tifili, che i Minuci plebei per mezzo 



' V. s. p. 7(1 n. 2. 



. %/. '•at:^ ^ . 



— 273 — 

della falsa < transitio ad plebem > di quel L. Minucio che 
sarebbe stato l'accutatore del leggendario Sp. Melìo (il pseudo 
prefetto dell' annona e del pari il pseudo undecimo tribuno 
della plebe) si riconnettevano con i Minuci patrici, dei quali 
uno^ secondo la le^enda^ sarebbe stato nemico della plebe e 
molto amico di Coriolano.* Che i discendenti di quel console 
C. Marcio Rutilio, uomo di carattere demogogico anzi che no, 
che con il favore della plebe primo fra i plebei ottenne la ditta- 
tura e la censura dovessero creare una serie di falsi ante- 
nati tutti devoti alla plebe , è nello spirito e nel carattere della 
antica storiografìa domestica dei Romani; è questa stessa ca- 
gione, secondo ogni verosomiglianza, dette vita a quel « Ma- 
nius Marcius aedilis pTebis » il quale e primum frumentum 
populo in modios assibus datavit » ." Non è mancato fra i mo- 
derni chi ha creduto alla realtà storica di questo personaggio. 
Esso è stato anzi assegnato al secondo secolo a. C. Tuttavia 
dal contesto di Plinio, l'unico autore ch^ faccia menzione di 
questo edile, apparisce evidente come egli venisse reputato 
anteriore a L. Minucio Augurino, il pseudo accusatore del leg- 
gendario Sp. Melio (439 a. C.).* In altri termini questo Ma- 
nio Marcio sarebbe vissuto fra il 493 in cui sorsero i tri- 
buni e gli edili della plebe ed il 439 a. C. e sarebbe stato coe- 
taneo o di poco posteriore (ciò che è molto probabile) a quel 
Gn. Marcio Coriolano che si sarebbe invece fieramente oppo- 



* Liv. IV, 16 ^ huno Minaoiura apud quosdam auotor estransisse a patri- 
biu ad plebem, undeoìmumque tribunuin plcbis cooptatum seditio nem motam 
ex Maeliana caede sedasBe invenio; ceterum vix credibile est numerum tribu- 
norum patres augeri passos.... sed ante omnia refellit /a/«Mm imaginis titu" 
lum pauois ante annis lege cautum ne tribunis collegam cooptare liceret „ ; 
Del Minucins amico di Coriolano parla spesso Dionisio, ad es. Vili, 22. 

• Plin. N. H. XVIIl, 15. 

' II Babelon, op, eit. p. 184 basandosi sul denaro del monetario 
*" M. Marcius M' f. „ dell* a. 119 a. C, in cut sotto i cavalli che tirano la biga 
della vlttorii compaiono duo spighe di grano, asserisce che Tedile Manie 



— 274 — 

sto alla distribuzione del grano alla plebe e che sarebbe quindi 
stato il perfetto contrapposto del nostro edile, 11 quale al pari 
del vincitore di Corioli è un personaggio puramente fantastico, 
creato dal cronista delle gente Marcia, ossia di quella gente 
che anche nelle monete del primo secolo a. C. faceva pompa 
del suo amore per la libertà popolare.* 



Marcio di oui parla Plikio, /. e. fu il padre del nostro monetario. Ma 
devo osservarsi che Plinio quivi cita quattro esempi deUa *^ annonae 
vilitas inoredibilis „ al tempo in cui Roma non aveva provincie fuori d'I- 
talia <* nulla provinciarum pascente Italiam «. E i quattro esempi sono il 
nostro Manie Marcio che "• primum „ dette il grano a un asse il moggio, 
poi L. Minucio Augurino che dio a quel prezzo il pane, terzo Tedile 
T. Seio, quarto L. Metello che dòpo la conquista di Palermo, 250 a. C, det- 
te pure il grano allo stesso prezzo. Tutti e quattro questi esempi sono 
anteriori alla fine della prima guerra punica in oui la Sicilia diventò 
provincia romana; ed è evidente che il Manio Marcio, il quale per la prima 
volta dette il grano al prezzo fissato dagli altri, è anteriore al pseudo 
L. Minucio Augurino che l'annalista fissò al 439 a. 0. Cosi è evi- 
dente che errano coloro i quali, come il Corsetti Del prezzo del grano 
nelV antichità classica, negli Studi di Storia antica del Beloch, II (Roma 
1893) p. 87; credono di poter identificare il nostro edile T. Seio con rodilo 
M. Seio che nel 74 a. C. dette il grano a quel prezzo, v, Clc. de off, U 58; 
PUK. ^. lì. XV. 2. Il nostro T. Seio sarebbe vissuto secondo Plinio avanti 
al 250 a.C. e sarebbe stato posteriore a L. Minucio, 439 a.C. Ma è chiaro che 
esso non è altro che una duplicazione proleptica, in altri termini un falso 
antenato dello storico odUe M. Seio; ed è del pari manifesto che i tre primi 
esempi di Plinio furono interamente iaventati da qualche annalista il quale 
certo con qualche fine politico, riportava all'età antichissima della repubbli- 
ca condizioni economiche e prezzi che nel fatto non potevano aversi se non 
dopo che Roma e l'Italia, per servirci della espressione pliniana sopra 
citata, vennero mantenute dalle provincie. 

* Nel nummo del monetario L, Marcio Censorino dell' 84 a. C, v. 
Babelon, op. ciU p. 195, è segnata la statua di Marsia simbolo della 
libertà anzi della libertà plebea (v. quanto ho osservato su ciò in questi 
Studia II p. 185). Questo monetario anche al Mommsen pare sia il fratello 
del monetario C. Marcio Censorino, ardente fautore del partito mariano 
fatto uccidere da Siila. Egli fu forse padre di quel Censorino che fu 
pure caldo seguace del triumviro M. Antonio, in altri termini del partito 
democratico. Il Babelon spiega la presenza di Marsia per mezzo della 



-r^«-«.v-bs>^ - -"v^i -*p. *rr- "J^iv^Tppsf tr-M^-Tfr^* '^^^■f V* ™^|^ ^^ 



— 275 — 



* 



Che una parte almeno della leggenda di Coriolano, per lo 
meno quella della fondazione del tempio della Fortuna Mu- 
liebre si riconnetta con i libri pontifici appare espressamente 
dalle parole di Dionisio di Alicamasso, che da questi libri dice 
di togliere la storia della dedicazione del tempio. ' Se le 
EepocpavTwv ypct(fod menzionate da Dionisio fossero gli Annales 
Maximi anziché i Ck)mmentarii pontificum io non oso definire." 
Certo è ad ogni modo che anche il racconto delle gesta di 
Coriolano, al pari di tanta altra parte dell'antichissima pseudo 
storia romana, si riconnette con leggende di sacrestia. * Ma 
anche ammesso che nei libri pontifici a partire dal secolo IV 
e dal pontificato di C. Marcio Rutilo di questo si fecesse men- 
zione, resta sempre evidente che ivi esso non veniva raccon- 
tata con quel colorito romantico che lo rende cosi bello a 



rispondenza fonetica che t' è tra Marcio e Mar sia. Può darsi che anche 
questo elemento abbia avuto la sua parte. Certo vi fu chi fondandosi su 
un etimo, dei Marsi fece progenitore Marsia, v. PUK. N. H, III, 108; cfr. 
in questi Studt^ II p. 185 n. 2. Ma a parte che i Gensorìni Marci si col- 
legavano con Numa ed Anco Marcio tutt' altro che simboli della libertà 
e della licenza plebea, il monetario L. Marcio Censorino non avrebbe ri- 
connessa la sua origine con Marsia se fosse stato di tendenze antipopo- 
larL In questo caso non avrebbe fatto incidere nelle sue monete un noto 
simbolo ufficiale della libertà popolare in luogo del patricio Numa. 

' DioN. Hal. VIII, 58. 

' A me pare che lo Iordan, L c. si sia fatto un concetto troppo alto 
dei commentari pontifici allorché mostra di non credere che da questi derivino 
lo sciocchezze che a proposito deUa dedicazione della statua della Fortuna 
Muliebre racconta Dionisio; il quale del resto queste notizie ha tolte anziché 
dalla diretta inspezione deUo Upo^avxc&v '(^tK.^fo.ì, da un annalista favore- 
vole ai Valeri probabilmente da Valerio Anziate. 

* Cosi il culto ed il tempio di Castore e Polluce introdusse a Roma 
la leggenda della battaglia della Sagra localizzata alla battaglia del lago 
Regillo, cosi quello di Cerere la leggenda di Menenio Agrippa V. quanto 
a questo pr.q)osito lia osservato in questi Studi II p. 159 sgg. 



— 276 — 

noi moderni. La leggenda di Coriolano sino dal suo sorgere 
e nei suoi elementi costitutivi si manifesta opera di un 
artista non meno che il prodotto di una data tendenza 
politica. Essa non è un mito di origine popolare, bensì la crea- 
zione di una mente colta e geniale. 

E allora chi fu V inventore del racconto? Il Mommsen, 
come* vedemmo, accenna solo al carattere famigliare della 
nostra leggenda che assai tardi sarebbe stata inserita negli an- 
nali del popolo romano. Più risoluto di lui è rihne, il quale, 
pur accettando nel complesso le osservazioni e le conclusioni 
del grande critico, non teme di asserire che tutta la leg- 
genda di Coriolano ha un colorito non romano, e che è opera 
di uno scrittore greco. * A me pare che l'opinione dell' Ihne 
colga solo in parte nel giusto. L' efficacia ellenica appare 
non solo nelle parti più recenti di questo racconto, ad es. 
nel parallelismo fra Coriolano e Temistocle, ciò che fu già av- 
vertito dagli antichi,* ma anche nelle più vetuste. Sotto questo 
punto di vista ancora più notevole delle considerazioni del- 
l' Ihne è certo il fatto che la storiella dell* t instauratio ludo- 
rum » strettamente connessa con il più vecchio racconto di 
Coriolano trova la sua ragione di essere nella falsa etimo- 
logia di &1ZÒ xoO oxaupoo.' Ma se questo avvenimento rife- 
rito da Macrobio al 474 u. e. = 280 a. C. * (il che è anche 
importante perciò che ci dà forse il t terminus post quem » 
della originaria composizione della leggenda) è una delle 
prove evidenti che la storia di Roma venne di buon' ora 
narrata dai Greci e particolarmente dai Sicelioti, i quali sino dal 
principio del secolo ITI almeno (si pensi a Calila ed a Timeo) • 



' Ihne, JiSm. Geschichte V (Leipzig 1893) p. 150. 
■ Cic. Brut. II. 11, 43; Lael, 42. 

• Cf. Mommsen, w. c. p. 145. 
^ Macrob. I. 11. 3 sqq. 

* Gfr. in questi Studi II p. 151 sgg. Anche il drammatico racconto 



'^^jTJ '" r-^ •:&'* 



— 277 — 



avevano preso a narrare le varie leggende che costituiscono 
il fondo dell'antica pseudo-storia romana, non si può d'altra 
parte negare che la leggenda di Coriolano ha un' impronta 
schiettamente romana. Vari e nuovi particolari sono stati 
aggiunti in varie età; ma il fondo del racconto non è che il 
vecchio motivo della leggenda delle Sabine che salvano la 
patria. Difficilmente un greco del III secolo, o nemico dei Ro- 
mani o da essi prezzolato, poteva dar vita ad una leggenda 
nella quale spira tanto amore per la patria romana ed im senti- 
mento così vivo dei diritti della plebe. Dopo tutto può ben 
darsi che nelle parole di Dionisio, Vili, 62, relative a Corio- 
lano f Setai xal OiiveTxai npbz Tcàvieov (i>^ eòae§i)^ xccl SCxaco^ 
àvT^p vi sia un accenno a quei canti nazionali ricordati da 
Catone,' che i Romani al pari degli Spartani* e degli antichi 
Germani* componevano in onore dei loro eroi. In altri ter- 
mini la nostra legenda originariamente potè venire formu- 
lata da un romano imbevuto di greca dottrina. E poiché il 
nostro racconto ha le sue radici nelle memorie di famiglia, 
non è forse fuori di luogo il ricordare che i Marci a partire 
da quei « fratres Marcii nobili loco nati », * i cui vaticini ac- 
canto ai pseudo vaticini furono ben noti a Fabio Pittore,* fu- 
rono sempre fra le genti romane più colte. Basti rammentare 
quel Marcio Censorino console nel 149 a. C. a cui l' accade- 
mico Clitomaco dedicò un trattato. * 



della ribellione dell* esercito di C. Marcio Rutilo parrebbe deriyare da una 
fonte greca. La menzione ohe in fatti Lmo, VII, 89, 7, fa di una cohors 
pare fruito di un malinteso generato dalla parola greca oicslpa che negli 
scrittori greci, cfr. Marquabdt, Rdm. Staatsvervasaung IP p. 435 indica 
tanto cohors quanto manipulus» 

• Cat. apud. Cic. Tu8C. IV, 2. 

• Plut. Cleom. 28,3. 

• Tao. Ann, n, 88. 

• Cic. de divin. I, 89. 

' Su ciò T. DiELS, SibylUn. BlUtter (Berlin 1890) p. 104 sgg. 

• Cic. Acad. n, 108. 



278 — 






Il Mommsen, come abbiamo più volte detto, è di parere 
che questa leggenda attesti la nobiltà .e la grandezza del 
tempo in cui sorse e che accanto a quella delle genti plebee, 
Marcia, Volumnia, Veturia, miri alla glorificazione dei 
diritti della plebe. Io trovo giusto quanto osserva il grande 
storico, ma accanto a questi due fini mi pare se ne possa 
scorgere un terzo non meno importante degli altri. 

In tutta quanta l'antica storia greca e romana non esiste 
forse un altro racconto che per la nobiltà dei sentimenti, per 
la grandiosità dell' insieme possa stare a fronte alla leggenda 
di Coriolano. Tutto al più nella storia più o meno abbellita 
delle donne spartane, per es. di Ghilonide, la moglie di Cleom- 
brato, e di Agiatide la sposa di Agide, che sarebbe divenuta 
la consigliera e l'eccitatrice di Cleomene, come in quella della 
madre di costui si trovano tratti o di eroismo o di soave af- 
fetto muliebre che possono paragonarsi a quello della vecchia 
Veturia. Ma se in tutta V antica storia manca una leggenda cosi 
bella e delicata, si trova invece un altro racconto che con 
quello di Coriolano sta in perfetta opposizione. 

Da Pompeo Trogo noi apprendiamo che Malco o Mazeo, il 
generale cartaginese il quale sul finire del secolo VI aveva 
conquistata buona parte della Sicilia, venne gravemente sconfit- 
to dai Sardi, e che buona parte del suo esercito venne distrutto. 
Il senato cartaginese die ordine ai vinti di esulare. Costoro 
chiesero venia ai concittadini, assicurandoli che non il valore 
era mancato ad essi, bensi la fortuna; ma ai propri ambasciato- 
ri dettero incarico di notificare a Cartagine che se le loro pre- 
ghiere fossero state sprezzate, si sarebbero saputa riconquistare 
la patria con le armi. E così avvenne. Essendo state tenute 
in nessun conto le loro preghiere, Malco salito sulle navi con 
r avanzo del suo esercito giunto a Cartagine 1* assediò, pò- 



— 279 — 

nendo i concittadini in grandi strettezze. Orbene, mentre du- 
rava r assedio tornò pure a Cartagine Cartaio, figlio di Malco, 
reduce da Tiro, ove aveva consecrate le decime della preda 
fatta dal padre in Sicilia. Malco ordinò tosto al figlio di re- 
carsi da lui nel campo; ma questi gli risponde: « prius se 
publicae reUgionis officia executurum quam privatae pietatis ». 
Adempiè cosi ai suoi doveri verso la patria, e pochi giorni 
dopo con il consenso dei magistrati si presentò al padre or- 
nato di ricchi abiti e delle insegne sacerdotali. Se non che 
Malco anziché rallegrarsi alla vista del figlio si inaspri- 
sce; chiamatolo a parte gli rinfaccia il disprezzo in cui lo ave- 
va tenuto, r orgoglio del quale dava segno con il presentarsi 
in abiti purpurei intessuti d'oro ad un padre ormai diventato 
infelice, circondato da miseri esuli. Tu, gli disse, non riconosci 
ormai in me altro che un esule, ed io ti tratterò solo da ge- 
nerale. E cosi fece. Cartaio per ordine del padre venne cro- 
cifisso; la stessa Cartagine pochi giorni dopo veniva presa da 
Malco, il quale chiamati i cittadini si dolse con essi della loro 
ingratitudine. Dieci senatori scontarono con la loro vita le 
colpe di tutta la cittadinanza alla quale però accordò di nuovo 
le sue leggi. Se non che poco dopo Malco stesso, accusato di 
tradimento verso la patria e di avere ucciso il figlio, venne 
spento. ' 

Or bene non è necessario spendere molte parole per far nota- 
re che come Cartaio, il quale in abito pomposo e tronfio della sua 
qualità di sacerdote va nell'accampamento cartaginese, è ben di* 
verso da Veturia e dalle altre matrone romane, che in conte- 
gno di supplici si presentano al campo dei Volsci, cosi Malco 
è il perfetto contrapposto di Coriolano. Tanto 1' uno quanto 
r altro sono stati, è vero, oflTesi dai loro concittadini che 
non rammentano i benefici da essi ricevuti; l'uno e l'altro 



' lusT. xvni, 7. 



— 280 — 

muovono con le armi contro la patria. Ma mentre Coriolano 
air aspetto della madre si commuove, e risentitosi ad un 
tratto romano abbandona gli alleati e ribatte la via dell'esi- 
lio, 11 cartaginese air amore della patria prepone la soddisfa- 
zione della personale vendetta, fa uccidere il flgiio^, prende 
d' assedio le città, sparge il sangue dei cittadini. La leggen- 
da di Coriolano è un nobilissimo esempio di grande affetto 
domestico che risveglia V amore verso la patria; il racconto 
cartaginese, più o meno abbellito anche esso dall'arte reto- 
rica dello scrittore Siceliota che fu fonte a Trogo, porge 
invece un quadro assai fosco della efferratezza e delle dis- 
senzioni intestine che laceravano la repubblica cartaginese. 

Questa antitesi fra i nobili ed umani costumi romani e le 
efferate usanze di Cartagine; questa opposizione che esiste tra 
i due racconti non è, credo, casuale. Gli antichi romani, co- 
me è noto, si compiacquero di contrapporre sé e le proprie 
virtù, ai vizi degli odiati rivali. Di già Polibio flacendosì a 
confrontare la costituzione e le usanse pubbliche e private 
dei Romani con quelli dei Cartaginesi, alla avarizia, alla mala 
fede alla corrutela dei secondi contrapponeva la buona fede 
e r onestà dei primi. * Questa sistematica contrapposizione 
della buona fede romana alla mala fede cartaginese la ritro- 
viamo in tutta la narrazione delle guerre puniche e finisce 
anzi per diventare un luogo comune della letteratura latina. 
Così, per limitarmi solo ad alcuni fatti salienti, la storia di 
AttiUo Regolo venne espressamente raccontata in modo da 
porgere un beli' esempio della santità della fede romana con- 
trapposta alla slealtà ed all' efferratezza punica, • ed a pro- 
posito della battaglia di Canne T. Livio, ove parla del ritomo 
che a Roma fece il vinto console Terenzio Varrone osserva: 



* POLIB. VI, 56 sqq. 

' Sì leggano a proposito le oonaiderazioni di Yalebio Massimo 1, 1, 44. 



— 281 — 

« reileunti et obviain itum t'requenter ab omnibus orilinibus... 
et gratiae actae , quod de republica non desperasset ; qui si 
Carthaginiensium ductor fuisset nihil recusandum supplicii 
foret. » ' 

A partire dalle guerre puniche e da Fabio Pittore, che 
primo fra i Romani le narrò, 1* episodio di Coriolano ven- 
ne pure raccontato in modo da servire a questo perpetuo 
confronto fra le vicende di quella Roma e di quella Carta- 
gine che secondo le leggende greche accolte dai Romani sa« 
r ebbero sorte verso Tistesso anno? 

Io propendo a crederlo. Ma su ciò mi rimetto ben vo- 
lentieri al giudizio di coloro con i quali nella sostanza ho 
comune il metodo nella ricerca. Questo è ad ogni modo certo 
che la storia di Coriolano mira ad un dato fine politico ed 
educativo. Creda chi vuole fra noi alla realtà storica di que- 
ste gesta ; per chi nello studio della storia romana porta uno 
spirito critico non turbato da altro affetto che non sia il 
puro desiderio di conoscere la verità, il racconto di Corio- 
lano non è che uno dei tanti episodi della vetustissima storia 
di Roma, che vennero deUberatamente creati per far sì che 
la storia dei padroni del mondo non fosse meno nobile e 
bella di quella dei grandi stati che come Cartagine, Siracusa, 
Sparta ed Atene avevano ancor prima conseguita una note- 
vole importanza politica. La storia della più giovane sovrana 
del mondo civile doveva anzi essere più bella e più grande 
di quella degli Stati che l'avevano preceduta. Perciò da Bruto 
ad Orazio Coclite, da Clelia a Muzio Scevola ed a Cincinnato 
la pseudo storia romana porge una serie continua di tratti 
di eroismo e di virtù civili quali non si trovano nelle vicende 
di nessun popolo. Polibio ed i suoi coetani più o meno in 



' Lrv^. XXn, 61, 14; ofr. XXXVIH. 48 13, ove si ripete lo stesso 
pensiero. 



— 282 — 

buona fede potevano menar vanto di una simile storia ; la 
critica moderna si mostrerebbe ben ingenua nel non ricono- 
scere che mentre da un lato simili narrazioni tradiscono la 
grande efficacia che sulla prosa storica romana esercitò la 
storiografia greca* dall'altro lato provano all' evidenza che 
i padroni d' Italia, i vincitori di Cartagine, che stavano per di- 
ventare i signori del mondo, non potevano crearsi degli an- 
tenati che non fossero degni di loro e della grandezza pre- 
sente. 

Ettore Pais. 



' Su questo argomento si Teda la buona memoria di Zarkcke, Der 
Einfluss der griechischen LiUeratur auf die Entwichlung der rdmischen 
Prosa nelle CatnmetU€Uione8 Philologae in onore del Ribbeck (Lipsia 1888) 
p. 267, ove però il tema è svolto sopratutto dal lato formale. 



ì 

IL 



^,?7 - 



RECENSIONI 



losEPH Reinach, RecueU des Instrmtions dminées aux ambassa- 
deurs et Ministres de France depuis les Traités de West- 
phalie jusqu' a la Revolution frangaise: Naplea et Parme, 
Paris, F. Alcan, 1893, pp. CLXXXVI-252 in 8^ 

Le istruzioni tratte dagli Archivi degli affari esteri e pub- 
blicate in questo volume (il 7.® della race), hanno una impor- 
tanza non troppo considerevole, inquanto aggiungono soltanto 
particolari poco notevoli e spesso insignificanti a ciò che sap- 
piamo per altri nimierosi documenti sincroni intomo alle relazioni 
tra il regno francese e gli stati italiani nel periodo 1648-1771 a 
cui esse si riferiscono. La condotta, per es., del Mazzarini di 
fronte alla rivoluzione napolitana del 1647-48, nonché il tenore 
delle sue istruzioni al suo agente a Napoli, erano già noti ap- 
pieno dalle Memorie deUo stesso Duplessis Besan^on; così come 
i rapporti tra i Borboni di Francia e quelli di Parma anche di 
recente sono stati sulla scorta di più importanti documenti messi 
in piena luce da Ch. Nodier {Du Tillot, Paris OUendorf, 1887). 
Sono tuttavia con qualche profitto da consultarsi sempre da ehi 
si proponga di chiarire anche ne^ più minuti particolari le re- 
lazioni politiche tra Francia e Italia, specialmente dopo lo sta- 
bilimento neUa nostra penisola dei Borboni, in seguito alle 
guerre della successione polacca e della successione austriaca. Il 
Reinach nella sua lunga Introduzione ha tentato questo studio 
per conto suo, ma non è riuscito a nulla di buono, non tanto 
per essere senza alcun bisogno risalito nientemeno che fino a 
Carlo Magno, quanto per essersi lasciato pigliar la mano dai 
preconcetti e dai pregiudizi. Leggendola mi tornarono a mente 



— ::M — 

le parole dell' arguto Montaigne intorno a certi storici ^ qui 
veulent nous màcher les morceaux, qui se donnent loi de juger 
et par conséquent d'incliner l'histoire a leur fantaisie; car, de- 
puisque le jugement pend d' un còte, on ne peut se garder de 
contoumer et tordre la narration à ce biais ;,. 

Il partito preso, nelle pagine del Reinach, s'intravede subito 
dalle prime righe. Dopo averci rimproverato fin dal bel princi- 
pio il solito misogallismo e la triplice alleanza (p. lU. cfr. 
p. XXXIX), pone come a fondamento della sua trattazione que* 
sta sentenza, che ^ Fintervention de la France dans les aflfaires 
d' ItaUe s' exerce presque toujours dans le méme sens qui est 
le grand courant de la civilisation et de la liberté! „ E come 
se non bajstasse, soggiunge poi che se anch' esso intervento si 
risolve talvolta in una conquista, *^ eette conquéte fran^aise 
n' est jamais stèrile, parce que le genie de la France est le 
plus fort, et le plus souvent méme aux heures des plus doulou- 
reux avortements, elle laisse derrière elle, à defaut de reformes 
pratiques ou d'ameUorations palpable, toute une floraison d'idées 
nouvelles que le tenips fera germer. „ Ognun sa che tuttociò, 
se mai, può accettarsi, ma sempre con le debite riserve, unica- 
mente per il periodo della grande rivoluzione francese, sulla 
quale non verte la trattazione del nostro A. Noi non seguiremo 
il sig. Reinach in tutta la sua corsa furiosa attraverso nove 
secoli di storia, che sarebbe tempo perso, anche perchè un buon 
numero di pagine non hanno che un lontano rapporto con la 
sostanza del volume, la quale è costituita dalle istruzioni sud- 
dette. Accenneremo soltanto a qualcuno degli errori più gravi 
in cui r A. cade, costretto com' è dalle sue premesse a inter^ 
pretare tendenziosamente gli avvenimenti. 

Dopo aver fatto un quadro esagerato della decadenza politica 
d'Italia sulla fine del secolo XV (pp. XXXIV e segg.) l' A. ci 
rivela che mentre papi, dogi e principi invocano l'intervento 
della Francia, della Spagna, dell'Impero indistintamente, pel 
trionfo de' loro particolari interessi, ^ le peuple appeUe le Fran- 
^ais „, che l'Italia sofferente "est tourné tout entier vers celltj 
(loiit le noni signifie pour tous: Liberto! „ 



-> 285 — 

Per lui il fatto di Pier Capponi è insignificante, non è che 
" une querelle de gros sous „^ e non Tede che un risveglio del- 
r anima guelfa e un tradimento del Moro nel movimento ohe 
conduce gli stati italiani a Fomovo. Andrea Doria (lo tace TA.) 
previde a tempo che Francesco I avrebbe dato foglio bianco a 
Carlo V e lasciato che tutta Italia fosse sua; ma il R. trova na- 
turalissimo che il Cristianissimo, minacciata da Carlo V l'inte- 
grità del suolo francese, si induresse ^ à jeter au vainqueur ses 
provinces italiennes et la sùreté de ses alliés „, E passi, ma dove 
sono la libertà, le idee luminose, ecc. ecc., che la Francia re- 
gala all'Italia? 

Al tempo d'Enrico lY, gl'Italiani stanchi della dominazione 
spagnuola, secondo l' A. ^ espriment le voeu ardent d'etre con- 
quis par la France ;, (p. XCIII), senz'altro! E se poi il grand 
dessein di Enrico IV e di Sully non potè subito tradursi in atto 
fu, si capisce, perchè Carlo Emanuele ^ a hésité plus long temps 
avant de se declarer, avec cette manie de trahir qui parait innée 
a sa maison ;, (p. C). E di Carlo Emanuele, di cui F. Testi ma- 
gnificò il generoso invitto core e che il Boccalini salutò scudo 
d'Italia, e, puhlice Italiae Ubertatis defensor, il Beinach ricono- 
sce che contro la Spagna mostrò ** une fierté qui ne lui etait 
pas habituelle! „ Più sotto il R. insiste sull' amore disinteressato 
del RicheUeu per l' Italia, ma è facile immaginare eh' egli non 
si briga di spiegarne poi le parole famose del suo testamento 
politico: ^ Ubicumque fuit antiqua Gallia ibi novam restaurare „. 
Ed è secondo lui proprio il gran ministro che ^ rapprit aux 
Italiens, qui les oubliaient, ces grands mots de liberté et d'in- 
dipendance! „ Passando alla politica verso l' Italia del Mazzarini, 
descrive l' insurrezione di Napoli del 1647 e dice che ne fu sola 
cagione la miseria, ma ** point la noble misere des àmes qui ne 
peuvent pas vivre sans liberté et sans justice; ;, e che si trattava 
d' un foco di paglia e della libertìi di mangiar frutta senza pagar 
la gabella. Dimostra così d'ignorare il libro di L. Amabile, La 
congiura di fra Tommaso Pig nateli i (1604), in cui sono pubbli- 
cati documenti che provano l' esistenza da un pezzo d' una lega 
di principi italiani per dividersi i domini spagnuoli d'Italia, che 



— 286 — 

nobili ed ecclesiastici lavoravano per sollevare le terre del mez- 
zogiorno, e che anima di tutta questa congiura fu il Conte di 
Montalbano, come il C. Corvo di Saluzzo fu dell^ altra che dovea 
dare il Regno a Tommaso di Savoia, secondo anche il disegno 
e le mire del Mazzarini. Del resto, egli che si compiace a insi- 
stere tanto sulla miseria e sui lazzaroni di Napoli, legga o ri- 
legga un po' giusto *^ La misere au temps de la Fronde et Saint 
Vincent de l'ani di Alfonso Peillbt (Paris, Didier 1886, V ed.). 
Più tardi scopre che nella Sicilia, data dopo la guerra di succ. 
spagnuola a Vittorio Amedeo U, i Piemontesi sono più stranieri 
clie gli Spagnuoli e i Tedeschi, e dimentica forse perchè non è 
la Francia che lo ha ispirato, il saluto dei Messinesi al nuovo 
re: ^ Noi speriamo che dal nostro promontorio possa ergersi un 
giorno, al brando formidabile della M. V., un ponte, che age- 
volandole il conquisto di nuovi regni, congiunga queste terre 
alle sue ereditarie delle Alpi „, Durante la guerra della succes- 
sione polacca Carlo Emanuele III avrà fatto male a respingere 
il progetto di Chauvelin e di Villars, che ripigliavano il disegno 
di Enrico IV, ma a che insistervi tanto, una volta che sappiamo 
nel Trattato segreto dell' Escuriale (1734) essersi poi convenuto 
tra Francia e Spagna di non concedergli nessuno aumento ter- 
ritoriale ? 

E molti altri spropositi del sig. R. potremmo enumerare, ma 
a dirli tutti annoieremmo. Ecco a quali storiche aberrazioni 
conduce quella che il Vico chiama boria delle nazioni. ' 

Ma noi perdoniamo all' A. di aver sprecato tanto inchiostro 
nell'introduzione; egli ci ha infine dato dei documenti ed ha 
reso un servigio agli studiosi che possono giudicare fatti e per- 
sone a loro senno. ^ Qu' ils étalent hardiment leur éloquence 
et leur discours, dice di quei cetii storici il Montaigne; qu' ils 
jugent à leur poste, mais qu'ils nous laissent aussi de quoi 
juger après eux, et qu' ils n' altérent. . . . rien sur le corps de 
la matière; mais qu' ils nous la renvoyent pure et entière „. 
Questo almeno il sig. Gius. Reinach l'ha fatto, e glie ne va 
tenuto conto. 

D. Rondini. 



I^^T^^^rrjr^^^iV^^v - -.^* .tt. v t.,t/? -m.^ -- >f^.- 



— 287 — 



Z)é? Innocentio V Romano Fontifice dissertatio historka Laureti 
Carboni Protonotaiii Apostolici^ Romae, ex typographia poly- 
glotta MDCCCXCIV. 

Con questa dissertazione ha inteso il Carboni non già di det- 
tare una compiuta monografia, com^ egli dice, ma d^ illustrare 
il breve pontificato di Pietro di Tarentasia e di mostrare gli 
alti intendimenti che questi portò sul Soglio, divenuto Papa 
nel 1276, col nome d'Innocenzo V. Premesso un rapido cenno 
biografico. Fautore ha cercato di mettere in rilievo alcune ^ note 
caratteristiche „ di cotesto Pontefice, alle quali ha subordinato 
tutti gli ^ atti „ sia dell' amministrazione intema nei suoi do- 
mimi, sia, in genere, della politica con cui si resse nelle rela- 
zioni coi Comuni Italiani e coi Principi stranieri. Innocenzo, 
egli ha voluto provare, ^ ad tria illa perficienda gravissima ac- 
cessit quae tunc Apostolicam sedem maxime sollicitam tene- 
bant, scilicet pacis restaurationem in Italia partium studiis 
discissa: Terrae Sanctae defensionem recuperationemque: atque 
con£|^dationem unionis Ecclesiae Graecae cum Latina. „ Dopo 
aver cercato nei fatti la conferma di ciascuno di questi tre 
punti della sua tesi, e dopo due brevi capitoli relativi alle qui- 
stioni sulla morte e suUa patria di Innocenzo, che Fautore lar 
scia sub indice con un ^ utinam alia documenta appareant quae 
rem in propatulo ponant! „ Passa ad un esame, a dir vero, 
alquanto fuori di luogo di un Codice Vaticano contenente alcune 
lettere dello stesso Pontefice: ed infine chiude il suo lavoro con 
un'appendice in cui ci dà un sommario di queste medesime 
lettere, le quali, quasi tutte, del resto, furono pubblicate dal 
Marténe, dal Potthast, dal Theiner e da altri. 

Indubbiamente, la ricchezza del materiale bene ordinato e 
punto farraginoso, la diligenza e l'accuratezza con cui l'autore 
ha disposte e trattate le varie parti del suo scritto, l'ardore 
stesso delle ricerche e la chiarezza e concisione dello stile sono 
pregi abbastanza cospicui di questa dissertazione. La quale, 
tuttavia, forse pel fine onde fu scritta, essendo stata tenuta neUa 
Accademia Augustana di S. Anselmo ove servì come elogio 



— 188 — 

(Ielle virtù d' Innocenzo V, riesce manchevole in molte parti. D 
Carboni, infatti, il quale piglia tanta aflFezione al suo soggetto, 
fino a ripotere tal volta le adulazioni dei contemporanei e dei 
cronisti quelfi, si lascia trasportare da intenti troppo panegiri- 
stici; egli si vale bensì dei fatti, ma unicamente per confortare 
idee preconcette; quindi li svisa, li dimezza o meglio, isolandoli 
da quell'insieme di avvenimenti che precederono e seguirono 
Tetà d'Innocenzo, e dando spesso con vedute soggettive e sem- 
pre con criterii d'altri tempi, ad alcuni maggiore, ad altri mi- 
nore importanza, li mette in quella luce che più conferisce al suo 
scopo. In altre parole è falsata la verità storica in questa disser- 
tazione, la quale prova, chi ben consideri, lo stento che ha du- 
rato il nostro autore per dare aUa figura del suo Pontefice un 
posto cospicuo nella storia, come di una mente vasta eà infor- 
mata a grandi e nobili ideali, posto che non gli è assegnato 
neanche dagli scrittori di parte guelfa e dagli storici posteriori 
delle repubbliche italiane, i quali tutti in Papa Innocenzo rico- 
noscono né più né meno che un continuatore di tutto quel si- 
stema di idee politiche tendenti a rafforzare la propria fazione 
nei nostri Comuni fino a favorire, per riuscire nell'intento, di- 
nastie di principi forestieri: idee quanto generosamente conci- 
liative, quanto disinteressate, quanto efficaci alla prosperità 
ed alla quiete d' Italia, altri giudichi. Nelle, paci fatte compor- 
re coU^ autorità pontificia fra Genova e Carlo di Napoli, fra i 
Lucchesi e i Pisani ghibellini, Fautore non trova che da enco- 
miare altamente la prudenza del ^ sedulus Pontifex ;, del '^ bene- 
volus pater „ , ma perchè tacere che a ciò Innocenzo dovè essere 
condotto dalla comunanza d'interessi e di vantaggi inaugurata 
in tempi anteriori da Urbano IV e dal provenzale Clemente IV, 
colla Casa Angioina? Passi pure che il *^ praeeidere „ una con- 
troversia sorta tra il Clero e l' ordine dei Predicatori in Arezzo 
per la sepoltura d'un suo predecessore, e il ''ferre censuras in 
Papienses et Yeronenses rebelles contra Ecclesiam „ siano va- 
lide prove di fatto a spiegare il fervente " studium pacis „ che 
Innocenzo volea restituijre ai nostri Comimi. Ma come ammet- 
tere che non dovesse curare gl'interessi della parte guelfo in 



— 289 — 

Ifcalia codesto Pontefice ohe nelle relazioni diplomatiche con Ro- 
dolfo d'Absburgo e con Pistesso Carlo I cerca unicamente il 
proprio vantaggio, tanto da farsi promettere dal primo, avanti 
che venisse in Italia, solennemente, che gli avrebbe assicurato 
il possesso dell^ Esarcato di Ravenna, della Pentapoli e di altre 
città, e dal secondo, come compenso dell'aiuto prestatogli, otto 
mila once d'oro all'anno ed il regno medesimo di Napoli, ^ de- 
ficiente Caroli stirpe ? ;, U Carboni non inferisce da tutti questi 
atti di politica se non che Innocenzo ^ Italiam prope omnem ad 
concordiam revocavit! ;, Parrebbe proprio che per lui siano una 
cosa sola l'amore di assodare, di fronte alla fazione ghibellina, 
se non di estendere il dominio temporale della Santa Sede, non 
ultima ragione di tanti danni alle libertà Comunali nel medio 
evo, e il desiderio di curare la concordia d'Italia, desiderio che 
non fu mai ed in nessun Pontefice scompagnato dall'intento di 
favorire gl'interessi della Chiesa, o della propria famiglia, che 
che ne dica in contrario il nostro autore. S' aggiunga che in questa 
dissertazione si parla di una " consolidatio pacis et unionis „ 
delle due Chiese: ma come potè essere ^ consolidatio ;, se la 
conciliazione avvenne solo sotto i successori del nostro Papa, 
il quale appena avea iniziate alcune pratiche per gli accordi, 
anzi, come ci assicura lo stesso Carboni, avea solo la pia in- 
tenzione ^ animo conceperat „ di troncare lo scisma? Cotesto 
non è piuttosto, mi si passi la frase, un credere di essere in 
Firenze dalle montagne di Fiesole? Molto evidentemente l'au- 
tore s'è fermato alla veste esteriore, alla forma delle lettere di 
Innocenzo, le quali per lui sono lo specchio in cui si riflettono 
il '^ nobilissimum et sublime ingenium „ e la ^ eximia expertaque 
prudentia ^; eppure nella stessa '^ amplissima collectio documen- 
torum ;, del Martène (Tomo II, pag. 310 e sgg.) il Carboni 
avrebbe incontrate espressioni affatto identiche nei carteggi te- 
nuti da altri Papi e da quelli che lo precederono sul soglio 
pontificio. 

E anche quanto ad altri particolari, avrebbe fatto meglio a 
lasciare da banda qualche criterio soggettivo. Metteva prò- 



— 290 — 

prio conto, dopo ri^iiinentata la cooperezione e la docilità dei 
popoli, " more filiorum ^, ad ubbidire alla voce del Pontefice, con- 
cetto che affei^ato così ricisamente com^ è, non risponde alla 
verità storiòa, iiggiungere che questo fu possibile solo perchè 
allora gli animi non erano penetrati dallo spirito della filosofia 
di Voltaire e conchiudere con enfasi: *^ Oh! maximam temporum 
dissimilitudinem? „ Così anche perchè pigliarsela colla malafede 
dei Ghrèci che tornarono allo scisma '^ in quo dedurati usque ad 
praesens p^severant? „ Né ci pare troppo opportuno il parago- 
nare la quistione sulla patria d^ Innocenzo a quella sul luo^o 
di nascita di Omero e di Scoto, ed il ricorrere a molti esempi 
per confortare T opinione che la volgare credenza fa morire i 
^ Magnates ^ di veleno o di pugnale. 

Gonchiudendo, questa dissertazione mostra che T autore è un 
amoroso ricercatore di documenti e uno studioso diligente dei 
cronisti, non però uno storico imparziale. Peccato che da tanto 
materiale, messo insieme con tanta cura e con tanto ardore, il 
Carboni non abbia saputo cavare che un discorso apologetica- 
mente accademico! 

A. ABRUZZESE. 



NOTIZIE 

DI 

PUBBLICAZIONI RECENTI 



Camillo Manfroni, La legazione del carcUitale Caetani in Fronda 
(1589-90), Torino 1893 (Estr. dalla Rivista stmHca itaiiam, 
voi. X. fae. n, a. 1893) pp. 78. 

Spento dal pugnale del fanatico frate Clément, il 1 Agosto 
del 1589, Enrico HI re di Francia, più vive riarsero le discor- 
die e le dissensioni nel regno, che la guerra civile travagliava 
da tanto tempo ; imperocché mentre gli Ugonotti e i più sensati 
del partito cattolico s' affrettarono a riconoscere come legittimo 
erede della corona Enrico di Navarra, i più intransigenti e i più 
violenti zelatori della fede, guidati dal Mayenne fratello di En- 
rico di Gnisa, negarono obbedienza al Beamese, perchè eretico 
e scomunicato, é nel loro cieco fanatismo religioso ed anche nel 
loro desiderio di riguadagnare l'antica indipendenza feudale met- 
tevano in grave pericolo V integrità del regno, verso il quale 
accampavano pretesi diritti di successione Carlo di Lorena, 
Carlo Emanuele di Savoia e più di tutti Filippo II di Spagna. 
Il pontefice Sisto V sollecitato da questi pretendenti e dai cat- 
tolici della lega che avean spedito a Roma Giacomo de Dieu, e 
per la tutela degli interessi religiosi, subito risolse di richiamare 
dalla Francia^ il Morosini, la cui condotta precedente non glielo 
facevano parere uomo all' altezza della situazione, e di sosti- 
tuirlo con un altro legato, che nominò nella persona del cardi- 
nale Enrico Caetani. 

Quantunque, avverte il nostro A., della sua legazione toc- 
chino appena di volo, tutti quelli che in questo secolo scrissero 
la storia della Lega, tranne il Capefigue palesemente partigiano 



— 292 — 

e del resto dì poca autorità, ripetono contro il Caetani le antiche 
accuse e rappresentano l'opera sua come inutile, se non dannosa 
addirittura alla Francia. E nomina il Martin, il Michelet, il Si- 
smondi, il Bouillé, il Foinson, tacendo, non so per qual ragione, 
di Edmondo de la Barre du Parcq (Hist. de Henry IV, Paris 
Didier 1884) e di Henry de TEpinois autore dell* opera impor- 
tantissima e La Ligue et les Papes » (Paris Libr. Palme 1886). 
Non si unisce però a questo coro di riprovatori, suggiunge 
il Manfroni,'il barone di Hùbner (Sixte Quint, Paris Frank 1870); 
il quale pur giudicando con serenità il Caetani tende a 8cusai*e 
l 'infelice riuscita della sua legazione con- le irresolutezze e i mu- 
tamenti continui della politica pontificia. Sulla storia appunto di 
questa legazione, e più particolarmente sulla responsabilità che 
neir ultimo e più violento periodo delle guerre civili e religiose 
di Francia spetta al Papa Sisto V ed al suo legato il cardin. 
Caetani, viene a gettar nuova luce la monografia del Manfroni. 
Oltre che di tutto il materiale edito e di alcuni documenti va- 
ticani, solo in parte e non sempre con diligenza esaminati prima 
dal Hùbner, egli si vale di molte lettere e* di un lungo Diario, 
tratti dalla raccolta di Mss. appartenente a M. Cesare Taggiasco. 
N'è autore il bolognese Camillo Sighiulli, che come addetto alla 
cancelleria della legazione accompagnò il cardia. Caetani, e che 
il Manfroni ha cura di dimostrarci scrittore spassionato, sincero 
e giudizioso. Ecco in breve i resultati ai quali giunge l'egregio 
autore. Sisto V, sempre col concorso del consiglio dei cinque 
cardinali che formavano la Congragazione di Francia, si risolse 
a spedire il Caetani come legato, non trovando nel Sacro Colle- 
gio altra persona adatta. Credendo che tutti i cattolici francesi 
fossero riuniti sotto le bandiere della Lega ed ingannato sui veri 
intendimenti della Lega stessa, si dispose dapprima a soccorrere 
efficacemente il Mayenne per abbattere l'eretico e per sostenere 
il re Filippo. Dipoi avendo avuto più ampie ed esatte informa- 
zioni intomo alle forze e alle tendenze dei vari partiti in Fran- 
cia, e riflettendo agli interessi dell'equilibrio europeo minacciato 
dall' ambizione del re di Spagna, annullò le istruzioni date al 
legato il 30 settembre, e, mentre ne preparava delle nuove, a 



— 293 — 

voce intanto fece comprendere al Caetani che la sua legazione 
avea per fine principale di indagare e studiare le condizioni della 
Prancia, la condotta e le disposizioni del Bearnese e del Ma- 
yenne, lo stato degli animi tutti, e insistette nel dimostrargli 
che a tanta distanza riusciva difficile discernere la verità, e lasciò 
air arbitrio suo di governarsi -secondo le impressioni ohe avrebbe 
ricevuto in Francia. H Caetani invece» partigiano della Spagna 
perchè dal trionfo della Lega sperava si awantaggebbero gì* in- 
teressi della Chiesa, parti da Roma risoluto in cuor suo a non 
dar ascolto alle più prudenti, nuove istruzioni del pontefice e ad 
appoggiare con ogni potere i cattolici della Lega. 

Colla scorta del Sighiulli, il cui racconto nei punti più sa- 
lienti è suffragato da tutte le altre migliori testimonianze del 
tempo, il Manfroni ci descrive minutamente tutti gì' inconsulti 
atti del Legato che oprando contro i Navarristi nuoce agli in- 
teressi nazionali della Francia e si aliena persino i capi della 
Lega; mentre Sisto V informato dal Lussembourg, inviato di 
Enrico IV, e dai governi di Venezia e di Toscana, si persuade 
sempre più che la via più saggia e più utile agli interessi della 
Chiosa e dell' equilibrio europeo è quella di pacificare la Francia, 
riammettendo nel grembo del cattolicismo il re Enrico IV, che 
si mostra animato dalle migliori disposizioni. La morte colse il 
pontefice, quando stava per prendere una deliberazione in questo 
seubo, consentanea del resto non solo alla sua convinzione, ma 
anche agli interessi .reali della S. Sede. Al Caetani che aveva 
sempre cercato d' ingannare il papa e che da lui era stato mi- 
nacciato di castigo, parve questa morte 1' occasione più oppor- 
tuna per uscire da una situazione divenuta per lui intollerabile 
e della quale a lui solo spetta, dinanzi alla storila, la responsa- 
bilità. Però il giudizio severo intorno all'inconsulta opera sua 
dev' essere mitigato, quando si pensi eh' egli agiva in buona 
fede, credendo con la sua condotta di tutelare noi modo miglioro 
gì' interessi della Chiesa e della Francia. . 

D. R. 



— 294 — 

Barone von Helfert, Lea cadxUa delia domnjtazionefrotìicese mlTAlta 
Italia e la congiura militare bresciaìio-miìafìese nel 1814, tradu- 
zione di L. G. CusANi-CoNFALONiERi , con un' appendice di 
documenti, Bologna Zanichelli 1894, pp. 281 in 16**. 

L' opera del barone von Helfert, quantunque consideri avve- 
nimenti e persone unicamente dal punto di vista austriaco, e 
pecchi perciò di parzialità, è pur tuttavia un importante contri- 
buto all' illustrazione dei due episodi più caratteristici che ac- 
compagnarono la restaurazione del dominio austriaco nel Lom- 
bardo-Veneto. Fu adunque saggio avviso quello di darcene una 
versione italiana per renderne più facile e più comune la cono- 
scenza. Osserviamo però che, come in apposite note furon cor- 
retti gli errori in cui cade l'autore parlando del Foscolo, si sa- 
rebbe potuto fare lo stesso anche per quelli che si riferiscono al 
Gonfalonieri e in generale al partito degli italici puri; intorno a 
cui sono qui ripetute le vecchie accuse, che A. D' Ancona me- 
glio d' ogni altro è poi riuscito a dimostrare calunniose in un 
articolo pubblicato appunto su F. Confalenieri nella Nuova An- 
tologia (serie terza, voi. XXVH, ff. X. XH, a. 1890). 

D. R. 

B. Feliciangeli, Notizie suUa vita e sugli scritti di Costanza Va- 
rano-S/orza, estr. dal Giornale storico della letteratura italiana, 
voi. XXm, p. 1-75. 

Degno di molta considerazione è questo nuovo lavoro del 
professor Feliciangeli, dotto e dib* gente illustratore di Caterina 
Cibo- Varano. Il rigoroso metodo critico, la chiara, esatta ed im- 
parziale esposizione dei fatti e le buone qualità di stile e di 
lingua che rendono pregevole quel libro di cui si parlò in questi 
Studi Storici al voi. I, p. 410, sono mantenuti anche in queste 
Notizie intomo ad una delle donne più illustri del nostro rina- 
scimento, cui la morte, che la colse a 21 anno, impedi forse di 
acquistare la fama della Nogarola. 

Costanza Varano educata nelle dottrine religiose ed istruita 



— 295 — 

negli studi classici dall' ava Battista da Montefeltro, la- celebre 
umanista ed imitatrice del Petrarca, vissuta in un periodo di 
transizione rispetto aUo sviluppo letterario ed in un tempo an- 
cora improntato di fervida fede, in mezzo ai lutti ed alle sven- 
ture che funestarono la sua famiglia formò il suo carattere, tenden- 
te piuttosto al misticismo ma non scompagnato da viva opero- 
sità. Ebbe una cultura fondata sulle opere morali di Seneca e dei 
S. Padri, quale veniva impartita a tutti i nobili di allora, ma 
pose anche singolare studio in Cicerone e in Tito Livio, e fu 
vera rappresentante delF umanesimo, per la conoscenza del greco, 
in Pesaro, precedendo Pandolfo Collenuccio. Intrattenne le rela- 
zioni epistolari con Isotta Nogarola, col Barzizza e fu molto lo- 
data da Guarino Veronese. Le sue orazioni, infarcite, secondo il 
costume, di sentenze, citazioni e proteste di umiltà non sono uno 
sfoggio di rettorica erudita ed adulatrice, ma, animate da un 
sentimento vero che conferisce ad esse grazia ed efficacia, hanno 
per noi importanza storica, perchè son dirette aUo scopo poUtico 
di ottenere la restaurazione del dominio varanesco in Camerino, 
disperso alla morte di Rodolfo IH, per le contese insorte tra i 
figliuoli. L' autore ha fatto ben rilevare questo carattere, ordi- 
nandole secondo cronologìa e collegandole strettamente con gli 
avvenimenti, dei quali abbiam cosi una esatta narrazione fino 
all'entrata di Rodolfo fratello di Costanza in Camerino, nel 1443, 
per opera del condottiero Carlo Fortebracci, ed alle nozze di Co- 
stanza con Alessandro Sforza signore di Pesaro. 

La parte storica è unita felicemente alla letteraria e in modo 
che non si possono disgiungere, come l'operosità e la fama di 
Costanza era congiunta alla politica ed alle imprese di Francesco 
Sforza. In appendice sono pubblicati otto documenti, cioè due 
orazioni ed un carme in lode dei Camerinesi, che bastano a darci 
un' idea della maniera di scrivere e di poetare della Varano, una 
lettera di Guarino Veronese a Costanza ed altre di Costanza a 
Guiniforte Barzizza e a Filippo Maria duca di Milano, ed infine 
due belle canzoni in lode di lei morta, che sono importanti per 
conoscere i &tti della sua vita ed anche l'anno preciso della 
sua nascita (1426). Molto erudito nelle numerose note che cor- 



r>rf"i'ì?" 



— 29() — 

rodano il lavoro, felice nell' esporre, sempre con la massima ri- 
serva, le probabili interpretazioni dei luoghi varii dei codici, il 
Feliciangeli ha dato un' altra chiai*a prova della sua diligenza 
nel trattare un soggetto storico con metodo positivo ed analisi 
minuta. 

F. F. 

L. A, Ferrai, / FopUi di Landolfo Seniore, estratto dal BuUeUino 
deU^ Istituto Storico Italiano, n. 14, Roma, 1894^ p. 70 in.4. 

Alla memoria circa il < de situ urbis mediolanensls v e la 
chiesa Ambrosiana nel secolo X, di cui avemmo già occasione 
di parlare (Vedi Studt Storicij voi. H, fase. IV, p. 562), il Ferrai, 
proseguendo i suoi studi sulla più antica storiografia milanese, 
fa ora seguire, la ricerca delle fonti di Landolfo Seniore. 

La riforma canonica e disciplinare, ideata con vasto concetto 
da papa Bdebrando, mentre separava totalmente il clero milanese 
dalla società laica, lo spogliava dei privilegi insigni, che da 
tempi remotissimi godeva ; naturai cosa adunque appare che pre- 
sto sorgessero propugnatori appassionati del vecchio ordinamento 
e che reputassero nemici quanto si facevano a sostenere le nuove 
idee pontificie. Landolfo fu tra questi: egli, spirito conservatore 
per eccellenea, si leva su contro il pontefice riformatore e mette 
a profitto della sua tesi tutto il materiale storico della chiesa 
milanese, che rintracciò in varie città d' Italia e che non pensò 
mai di alterare e tanto meno di inventare di sana pianta, come 
erroneamente ò stato finora creduto. 

Si potrà notare in Landolfo la corta vista, che non gli per- . 
mette di vedere, non dirò nettamente, ma neppure in confuso 
la grandezza della riforma ildebrandea, e non sì potrà neppure 
lodare l'ardore smodato col quale sostiene le cadenti l^radizioni, ma 
non gli si potrà mai fare appunto di mancanza di sincerità. £ 
s' ha poi da pensare all'indole essenzialmente polemica dell'opera 
landolfiana per intendere e forse anche scusare fino a un certo 
punto se nel calore della disputa non si mantenne nella oi^lma 
imposta allo storico. Ma già Landolfo non scriveva per la storia, 



— 297 — 

nò la storia era il fine della sua scrittura, bensì un mezzo po- 
derosissimo per affermare l'antichità delle costituzioni, che Ilde- 
brando voleva per sempre soffogate. 

Man mano che le nuove idee di Soma si facevano strada nel 
clero di Milano e vi acquistavano proseliti, l'antica agiografia 
milanese passò naturalmente in discredito, perchè essa conser- 
vava i ricordi disciplinari e rituali contrari alle riforme e però 
era ricercata dai fautori di Ildebrando per essere distrutta. Lan- 
dolfo rimpiange la distrueione di memorie venerande per anti- 
chità, e sebbene rotto dagli anni e, peggio ancora, afflitto da 
inefGe^bili dolori morali, pure con lodevole intendimento non ri- 
spanaia fatica per rintvacciare e conservare quel pregevolissimo 
materiale storico prossimo a disperdersi. 

Gli Anncdes antichimmif che non sono altra cosa dagli Amali 
Daziani, erano scampati alla marea distruggitrice, e la loro tra- 
Aizione si era tonservata anche senza la citazione del Liber pon- 
tificaUs e di Paolo Diacono. Landolfo non cita mai Dazio, ma 
nel più antico codice AbW TUstoria landolfiana, le rubriche sono 
attribuite a Dazio. Cosi, grazie agli studi del Ferrai, l'esistenzi^ 
degli Annali Daziani non poggia più sopra una congettura, ma 
su valido fondamento. 

Dazio e Landolfo non sono una stessa persona, come erro- 
neamente fu creduto da taluno, ma tale confusione ò stata pro- 
dotta dal fatto che Landolfo conservò fino a noi gran parte degli 
Annali Daziani. 

A questo punto con una analisi diligentissima dell' opera lan- 
dolfiana e con opportuni rafironti con la (xàhagncma e il 3fan#- 
pviìAs Florvm del Fiamma, il Ferrai dimostra che ambedue gli 
scrittori attingevano ad una fonte comune, che altro non era 
se non gli Annali Daziani. Errerebbe peraltro chi credesse che 
gli Annali Daziani siano passati per intero nell' Historia di Laur 
dolfo, perchè questi ne trasse soltanto quella parte, che aveva 
riferimento con la sua tesi. 

Dell' autenticità degli Armali Daziani & testimonianza la no- 
ta marginale, che nel secolo passato Niccolò Sormani assicura 



— 298 — 

di aver letto in xm manoscritto dell' Ambrosiana, ora miserevol- 
mente perduto. Alla testimonianza del Sormani il Ferirai ne aggiun- 
ge altre desunte dagli atti autentici di una lite sorta nel 1285 fra 
i canonici decumani della Metropolitana e quei di 8. Ambrogio. 
Nel processo che fu tenuto per finire tali differen2se; Manfredo da 
Morate confortava la sua testimonianza con quanto aveva letto 
nel libro autentico attribuito a Dazio, che conservavasi nel pa- 
lazzo arcivescovile di Milano al tempo di Leone, t E un volume 
in folio grande, cosi Manfredo descrive il codice, di dimensione 
maggiore che il Salterio comune, legato in assi, e coperto di 
cuoio, non ricordo se nero o rosso e nella prima rubrica legge- 
vasi: DcUii: de antiqiHtatibtis urbis. » 

Altri testimoni confemarono quanto aveva asserito Manfredo 
circa il libro di Dazio, onde è dato conchiudere che gli Annali 
Daziani sono realmente esistiti e furono opera distinta dalla 
cronica landolfiana e però mal si appone il Wattembach col cre- 
dere che le rubriche riferite a Dazio fossero state aggiunte dai 
trascrittori di Landolfo, e fece anche peggio col sopprimerle, 
perchè dovettero essere le antiche rubriche di Dazio. 

Dopo un assai lungo ragionamento non privo di ossevazioni 
nuove intorno al matrimonio dogli ecclesiastici, che si riconnette 
col fine apologetico di Landolfo, l'A. prosegue l'analisi delle fonti 
del secondo libro della cronica; nel quale pure come nel primo 
tenta di ricomporre t gli anelli infranti dell' antica istoriografia 
milanese 1,01 cosi si apre la via a svolgere l'argomento che più 
lo interessa, e in servigio del quale egli ha faticosamente rac- 
colti gli antichi e dispersi monumenti della storia ambrosiana ». 
Insomma < i capitoli riferiti nella cronaca come appartenenti agli 
AmiaH Daziani, e i sermoni degli antichi arcivescovi non sono 
capricciose e fantastiche trascrizioni di leggende e di tradizioni 
orali, e tanto meno ingenue falsificazioni di un chierico senza 
pudore ». 

Queste feconde indagini del Ferrai aspettano di essere coro- 
nate con la ristampa dei più antichi monumenti storici milanesi, 
che ci auguriamo di poter presto vedere. 

G. S. 



\ 



— 299 — 

L. Caeli Firmi ani Lactantii, Opera omnia ^ Partis II fasciciilus I, 
Libri De Opificio Dei, De Ira Dei, Carmina, Frammenta,- veierum 
de Lactantio testimonia, edidit Samuel Brandt, (nel Corpus 
Script. Enel. Lat, editum Consilio et impensis Acad. Liti, Caes. 
Vindobon. voi. XXVII), Vindobonae, MDCCCLXXXXni 
(p. LXXXn, 167). 

E un primo fascicolo del secondo volume delle opere di Lat- 
tanzio, edite a spese dell' Accademia Imperiale di Vienna dal 
Brandt e dal Laubmann, che fa degno seguito al primo volume 
apparso con le Institutiones nel 1890. Il testo è dato secondo i 
migliori manoscritti; le varianti dei quali sono esattamente ri- 
ferite a pie di pagina; come pure a pie di pagina il Brandt, 
valendosi di studii suoi precedenti in proposito, fornisce indica- 
zioni abbastanza numerose sulle fonti e sugP imitatori respettivi 
di Lattanzio stesso. 

La lunga prefazione interessa specialmente per le preziose 
notizie, che vi si danno, dei codici e delle edizioni; ottimo. pen- 
siero fu anche raccogliere in fine dell' opera le- antiche testimo- 
nianze su Lattanzio, che sono per noi del massimo valore nelle 
questioni più intrigate sulla vita e sulle opere di Lattanzio. Del 
quale col presente volume tutte le opere genuine sono state de- 
gnamente edite; manca ora solo il libro pseudo-lattanziano De 
Mortihm Persecutorum, l'edizione critica del quale, necessaria per 
tutti gli studiosi e già promessa dal Brandt, è attesa con vivo 
desiderio. 

A. M. 

G. Mazzatinti, Al fate (Farmi dal fiume Tare de li Framoxcj Forlì, 
Tip. Bordandini, 1894. 

E una relazione della celebre battaglia di Fornovo tratta dalla 
cronaca di un contemporaneo, Bernardo di Francesco Novacula 
(1477-1517), della quale, com'è noto, il I voi. autografo con- 
servasi nella Comunale di Forlì ed il II voi. nella Nazionale di 
Parigi, n." 254, già 9972, posseduto dal Du Fresne (cfr. G. Maz- 



/ 



— 3(30 — 

zatinti; Invent. dei Mss. deUe bibUot. di Frawna, I, 55, e dei Mss. 
ddk hibUot. éP Italia, I, pag. 69, n. 99). 

Di questa cronaca importantissima, che ci fa sperare sarà pre- 
sto data interamente alla luce, il Conte Aless. Albicini per nozze 
Mauri-Brandi ayea già pubblicato (Forlì, Groppi) nel 1891 un 
capitolo che descrive le nozze di Annibale dei Bentivoglio da Bo- 
logna (28 genn. 1487) , e G. Bruzzo per nozze Pergoli-Cagli 
nell'anno stesso (Tip. Bordandini, Forlì) un capitolo che narra dei 
doni dal sultano Bajazet II mandati a Lorenzo il Magnifico (no- 
vembre 1487); e nel 1892 il Mazzatinti stesso (Forlì Tip. Bor- 
dandini) avea pubblicato un curiosissimo capitolo intomo a molte 
foggio di vestimenti alla francese introdottesi in Italia dopo il 
1494; e finalmente, anche nel 1892, il prof. Carlo Errerà ne 
stampava ed illustrava un altro capitolo, sempre del I voi., che 
descrive il passaggio per Forlì di Lucrezia Borgia quando andò 
sposa ad Alfonso d' Este (Arch. Stor. Ital. Serie V, tomo X 
a. 1892). 

A proposito del capitolo edito ora dal Mazzatinti egli avverte 
che le informazioni che ci fornisce il Novacula combinano qua e 
là col racconto di Alessandro Benedetti, con le lettere che il 
Malipiero inserì negli Annali e con l'altra del Roverella, di- 
retta, appena avvenuto lo scontro, probabilmente al cardi- 
nale Ippolito d' Este : e combinano in più punti con le let- 
tere del Gonzaga e coi documenti mantovani che gli egregi 
A. Luzio e R. Renier pubblicarono nell'Archivio storico italiano 
(dispensa 5, 1890). E conclude: t nulla di nuovo nel racconto 
del Nostro, ma soltanto autorevole, perchè sincrono, conferma 
della verità di alcuni particolari di quel fatto d' armi •. 

D. R. 

Domenico Manzone, / Liguri Bagienni e la loro Augusta^ Torino 
Bocca 1893, p. 164. 

Ben poco si sa dei Liguri Bagienni, come in generale di tutte 
le popolazioni e delle città Liguri. Gli antichi in generale fanno 
poco più che indicare il nome di questi, e solo di rado, nelle 



— 301 — 

narrasioni delle guerre contro i Ghilli ed i Lìgnri o nel libro m 
di Plinio e nel IV e V di Strabene ci ò fornita qualche data che 
giovi ad allargare le nostre cognizioni. Anche il materiale epi- 
grafico, sotto il punto di vista strettamente storico, tolti alcuni 
insignì monumenti; come V iscrizione della Turbia serbataci dal 
testo da Plinio, e dell' arco di Busa, non accresco di molto tali 
cognizioni. Ciò non ha però impedito ai ricercatori di storie lo- 
cali di comporre, più volte, nun^erose e non brevi memorie 
(si pensi, ad esempio, al Durandi, certo uno dei migliori) 
le quali sono spesso inquinate da materiale non autentico, e che ad 
ogni modo non sono proporzionate alle tenuità del soggetto. Il dot- 
tor Manzone che con molta cura raccoglie le notizie relative al suo 
argomento evita certo molti degli errori cui non evitarono i suoi 
predecessori; tuttavia a documenti ormai dimostrati falsi & l'onore 
di una discussione che essi non meritano affatto, e si diffonde trop- 
po, «parer nostro, a rilevare le opinioni di scrittori locali di picco- 
lo o di nessun pregio. Le importanti questioni etnografiche da lui 
discusse non troveranno la soluzione dell' esame degli scritti di 
Agostino della Chiesa, di Angelo Paolo Carena o del Muratori (da 
non confondersi, ben s'intende, con il grande suo omonimo) bensì 
da scavi sistematici che società locali potrebbero instituire. Tali 
scavi potrebbero giovare anche a mettere in maggior rilievo il ca- 
rattere peculiare e ben noto per altri sepolcreti (si pensi ad es. 
a quello di Cenisela) delle civiltà ligure. £ dal punto di vista 
geografico ed etnografico, più che una nuova collezione e discus- 
sione di passi di autori, che sono assai noti e che sono stati esa- 
minati le mille volte, gioverebbe uno studio toponomastico, con- 
frontato con quello dei noni epicorici che sono rivelati dalle 
inscrizioni latine trovate nel suolo ove vissero altri Liguri. Sotto 
quest'ultimo punto rimane ancor molto da £Eire. 

E- P. 

Rudolf vox Scala., BSmiache StwUm (Innsbruck) 1893. 

Contiene due studi. Uno sulle fonti di Nevio; l'altro sulla 
leggenda di Muoio. Ci pare assai meglio riuscito il primo, nel 



— 302 — 

quale assai bene si mostra che Nevio nel suo poema intorno alla 
guerra punica non ripetè solo notizie apprese dalla tradizione 
orale, ma si valse di materiali letterari greci, particolarmente di 
Timeo. Nel secondo scritto si indagano le successive fasi dello 
svolgimento della leggenda di Muzio Scevola. L' A. cerca di dimo- 
strare che l'episodio dell' eroe romano, che mette la mano sull'ara 
ardente e che sfida il dolore, sorse in età assai recente, ai tempi di 
Augusto e che fu concepito secondo le idee stoiche, come un no- 
bile esempio di insensibilità davanti al dolore. 

In quest' ultima parte ci sembra ci sia del vero ; ma non ci 
pare che l'autore abbia dimostrato del tutto che nelle più an- 
tiche versioni relative a Muoio Cordo non si faceva menzione 
della mano bruciata. A parer nostro l' A. avrebbe del resto dovuto 
ricordare anche la leggenda di quel Mucio tribuno della plebe 
che bniciò i suoi nove colleghi (Val Max VI. 3. 2.) dacché a me 
pare evidente che un solo fatto, e quale fosse non vogliamo qui 
rintracciare, dette origine a due leggende ed ai due personaggi 
della gente Muoia. 

Ma anche dissentendo qua e dalle vedute dell' egregio pro- 
fessore dell'Università di Innsbruck non si può fare a meno di 
leggere con vivo piacere queste accurate ed acute memorie. 

E. P. 

Giuseppe Praccaroli, Le odi di Pindaro dichiarate e tradotte, Ve- 
rona 1894, pag. 732 in 8^ grande. 

Al di d' oggi si scrive e si pubblica con tanta fretta, con tanta 
rapidità che è assai raro constatare come qualche autore si ram- 
menti dell' oraziano t nonumque preuiatur in annum, membranis 
intus positis ». Perciò assai spesso un libro non vive molto più 
del tempo che è stato necessario all'autore o a concepirlo od a 
scriverlo; perciò anche i libri meno cattivi vengono ben presto 
messi nel dimenticatoio in grazia quelli più o meno buoni destinati 
succedere, per ragioni cronologiche, ad essi. H libro del Prac- 
caroli però non va messo in questa categoria. Tutt' altro ! Questo 
grosso e fitto volume rappresenta almeno tre lustri non interrotti 



— 303 — 

d'ottimi e felici studi pindarici fatti con grande larghezza di mente 
e novità di vedute. 

Dire che il Fraccaroli mostra ^di conoscere appieno il suo 
soggetto è dire poco davvero. Il valente professore dell'Univer- 
sità di Messina oltre al corredo di vasta preparazione storica e 
filologica presenta un complesso di concetti nuovi ed originali, sia 
che illustri l'arte del poeta, che spieghi la genesi ed il valore 
degli epinici, sia che illustri il contenuto Hei medesimi con la 
storia politica, con le dottrine filosofiche del tempo e con i mo- 
numenti dell'arte coeva. I filologi ed i cultori della buona let- 
teratura saranno assai grati al Fraccaroli dell' avere ad essi 
regalato un volume dove con grande facilità e naturalezza di 
lingua e di stile si parla tanto delle più minute e particolari, 
quanto delle più elevate e sintetiche questioni di arte e di filo- 
logia; gli studiosi della storia antica saranno a lui riconoscenti 
nel vedersi aiutati a comprendere un poeta di non facile intelli- 
genza e che giova a conoscere tanta parte della vita politica' ed 
intellettuale del secolo V. Certo questo è un libro che onora al- 
tamente gli studi italiani ed è il frutto di un pensatore e di un 
artista originale che esamina con perfetta indipendenza i risultati 
della critica moderna. 

Ho detto artista. Mi dimenticava infatti di aggiungere che 
questo elegante volume contiene pure la versione metrica del 
grande lirico tebano. Se dovessi fare un rimprovero all'autore 
sarebbe quello di non aver ripubblicato come appendice il suo 
bello ed accurato studio sulla cronologia pindarica, e Trattandosi 
d' una questione aflTatto speciale • dice il Fraccaroli t tediosa ed 
irta di difficoltà di ogni sorta non mi pare conveniente ripro- 
durre qui quello scritto ». H Fraccaroli, credo in questo punto 
si inganna. Un certo numero di lettori si contenterà di leggere 
i bellissimi prolegomeni e le versioni, ma chi studierà le dotte 
illustrazioni storiche dovrà pure conoscere la cronologia degli 
epinici e gli dorrà doverla rintracciare in un periodico poco dif- . 
fuso come è quello in cui tale memoria venne resa di pubblica 
ragione. 

E. P. 



— 304 — 

Angelo Main, I Pisani aUe prime erodale^ Livorno, 8tab. tipo-lit. 
di Gius. Meucci, 1893, pp. 96 in 8. 

Fornito di duplice pregio apparisce il presente lavoro del 
Main. Attingendo a fonti svariate (cronache, poemetti storici e 
documenti nel senso più rigoroso della parola) egli ha saputo 
dax^i anzitutto una narrazione continuata, quanto nuova altret- 
tanto fedele ed esatta, del concorso non indifferente prestato dai 
Pisani alle imprese crociate; sceverando il vero ed il probabile 
dal &lso, lumeggiando maestrevolmente i punti più oscuri e 
difficili, cercando infine con saggia critica di metter possibil- 
mente d'accordo le notizie incomplete o dalla passione ispirate. 
Ma questo non è tutto, né il meglio; si sa che non il sentimento 
religioso soltanto spinse allora l'Europa a riversarsi sull'Asia, 
ma più ancora il desiderio di arricchire e di acquistar nuovi 
possedimenti nell' Oriente : il Main quindi a ragione segue stu- 
diosamente V espandersi del commercio e delle colonie pisane nei 
vart centri del Levante, conseguenza immediata della loro par- 
tecipazione alle crociate, mostrando di quelle il nascere P in- 
grandirsi e le vicende che col tempo dovettero subire. 

Due piccole inesattezze soltanto, non imputabili del resto 
all'autore, perchè per ora nel dominio della tradizione comune, 
noterò. Il Main tiene per cosa certa (pag. 50 e 90) che papa 
Eugenio IV abbia avuto suoi natali nella città di Pisa: ciò non 
è vero, risultando con evidenza da ricerche particolari da me 
fatte in proposito e che presto vedranno la luce in questi Studi, che 
quegli derivò dalla nobile £Euniglia dei Paganelli signori di Monte- 
magno in Versilia. Inoltre crede il Main (pag. 91 in nota) che 
il poemetto < de bello Maioricano » sia di Lorenzo Vemense, men* 
tre, come spero di aver dimostrato in altra occasione, appar- 
tiene piuttosto ad un tale Enrico, diacono di Pietro II, arcivesco- 
vo allora, cioè al tempo dell'impresa delle Baleari, neUa città di 
Pisa (cfr. Studi Sturici, voi. Il, fac. II e HI). 

8. M. 

A. Crivellucci, Direttof^e respanscAile, 



NOTIZIE 

1)1 iTimLlf A/JOXI liBf'RXT[. 



2n 



m 



23Ù 



Camillo MAr^^KimNi, La ktja^mie dd mrdinik Cwtam 
in Fnimiu (1539-90), Torino 1890 ^Estr. dìilla 
Rivktt storha italiana, voL X. fac. II.) pp* 78 . p^ig. 291 

Barane von Helfeiìt, La rMttta d^la dwiitr^ìom 
frinceie nìWAlkt IìhI'H e la noH(/ft*m ttiiiifaye hre- 
Ufi kmo-m danese nel ISli^ trailuziono di L. G. Cl:- 
sAXt-CoxFALoxiEiti, con nn^ appoadico dì docu- 
menti, Bologna ZaniohoIH 1894, pp. 281 in 16** , 

B, FELtr:i ANGELI, Notizk sidla mia è bh^jU servii di 
Cmt'ifim VuratW' Sforza f estr. dal (x^onmk Monco 
della kitenUHnt tìtUrtmi, voi. XXm^ p, 1-75 , 

L, A. Feiìraj, / Fotdi di Laìtdulfo Sfmioref ©stratta 
dal Bulktfitìo dell^ Liiitido Stori/^o lùdimVf lu 14, 
Xioma, 1894, p. 70 in-4 

L. Cabli Fihmiasi Lactantu, Optm o^nmUi Panici II 
fa^oiculus I, Libri Be Opificio Dd, Ih Ira Uei, 
Canniti f FrugmeiUa^ veiertim de LoiUatdio tadimmmf 
edidit Samuel BRANr>Ty (nel Coì*pm Scn;ji. ErcL -, 
Lut^ editimi coimlto et iìHpemk Amd, Litt. Cucs. Vinfio- 
bon. voi. XXVU), Virulobonae, MDCCCLXXXXni 
(p. LXXXn, 1(37) 

G, MAZSSATtNTf, Al /ale starmi dal fiwm Tare de il 
FraH?o£G, Forli^ Tip* BordaudìrUj 1894 . . . , 

D:>MEXi<;(j Mansione, / Liguri Bagknni v kt loro Au- 
fjusia, Torino Bocca 1893, p. 164. . , .V . 

Rudolf von Sgala, Huniache SltsdieHf Innsbrnck 1893, 

Qir^KPPE FìiArc^AROLl, Le odi di Pindurù dìe^wmite e 
trmljtte, Verona 1894, pag, 732 in S" grande * - 

AniìELo Main, / Pisani aUt' ptitm cruciata ^ Livorno . 

Stuli. tipo Ut. di Gim. Meteci, 1893» fp. 9(1 in J^ . • 304 



299 



SOI 



S02 



Il periodico esce in fascicoli trimestrali di circa 125 pa- 
ppine r uno. Quattro fascicoli formeranno un volume non 
inferiore a 500 pagine. 

L'abbonamento annuale costa L. 16 

Un fascicolo separato. . . . • » 5 

Gli abbonamenti si ricevono presso T editore E. Spoerri, 
Pisa, e presso i principali libifti d'Italia. 



I libri dei quali si desidera V annunzio debbono essere 
inviati: 
se di Storia Antica, al 

Prof. Ettore Pais 

Lungarno Mediceo^ 23 
PISA 

se di storia del Medio Evo e Moderna, al ♦ 

Prof. A. Crìvellucci 
Lungarno Galileo^ 20 
PISA 

Pubblicazione recente: 

ETTORE PAIS 



STORIA DELLA MAGNA GRECIA 

DAI TEMPI PIÙ ANTICHI 
SINO ALLE GUERRE PUNICHE 



Parte prima: Storia della Sicilia e della Magna Grecia. 



Volume L — Torino-Palermo, p. XVI-623. — L. 16. 
Livorno, coi tipi degli SUtdt StoìHci. 



STUDI STORICI 



PERIODICO TBIME8TKALE 

DI 

AMEDEO CKIVELLUCCI 

E DI 

ETTORE PAIS 

PROFK380RI ORDINARI NELL' CNITERSITÀ DI PISA. 



VoL. Ili — Fasc. m 




PISA 
ENRICO SPOERRI EDITORE 

1894 



INDICE DEL TERZO FASCICOLO 



STUDI STORICI 

P. Marchetti, Patria e natali di Papa Eugenio III, pag. 305 
A. Abruzzese, DéUa lega dei Pisani con Luchino Vi- 
sconti nei^ impresa di Lucca » 331 

E. Pais, I Fabt alla Cremerà e gli Spartani alle Ter- 

niopiU » 339 

E. CiACERi, La disfatta degli Ateniesi alVAssinaro . . » 353 

A. Mancini, Controversia Lactantiana » 363 

A. Crivelluoci, Gli Editti di Costantino ai Provinciali 

detta Palestina e agli Orientali » 369 

RECENSIONI 

Domenico Comparetti, Le leggi di Gortina e le altre 
insciizioni arcaiche cretesi, nei Monumenti Antichi 
pubblicati por cura della R. Accademia dei Lin- 
cei, voi. m, Roma 1893, p. 490 in 4". — E. Pais. » 385 

Eduard Me ver, Geschichte djs Alterthnms, Zweitor 
Band. GeschirìUe des Abendlatides bis aìjf die Per- 
serknege. Stuttgart 1893, pp. XVI, 880. — E. Fais. . 388 

NOTIZIE 

di PL'imLlCAZIONI RECENTI. 

Elia Lattes, Di dm nuove inscrizioni preromane trovate 
presso Pesaro, dai rendiconti della R. Accademia dei 
Lincei, Roma 1894, p. 202 con tre tavole ... » 395 

Giuseppe Civitelli, [ nikovi frammenti d'epigrafi greche 
relative ai ludi Augustali di Napoli. Napoli 1894 
p. 82 in 4.'» -, » 396 

Gabriele Grasso, Studi di Storia aìvtica e di topo- 
grafia storica, fascicolo I. Ariano 1893 .... » 397 

Continua nella 8." pagina. 



v^—r,^-^'-it— —-■'., r:/--: ^^ : r-rr^ - — .. r^- 



STUDI STORICI 



PATRIA E NATALI DI PAPA EUGENIO III 



I 

Le memorie del tempo e i cronisti coevi o di poco poste- 
riori, all'occasione di parlare del pontefice Eugenio IH, si 
trovano tutti concordi nel!' affermare che fu pisano.' Cronisti 
e memorie antiche non toccano peraltro in niun modo della 
famiglia e della civil condizione di Eugenio; e quanto al luogo 
di nascita, le espressioni: « pisanus, natione pisanus, genere 
pisanus » da loro usate, lasciano col desiderio di sapere se 
egli nacque proprio a Pisa o nel Pisano." Non è meraviglia 



' Pandolpo Masca ; Beritardo Ouidoke ; Kiccola d'Aragoka in 
Muratori, R.LS, ITI, 437, 439. — Annales rerum Pisanorum ; Croni- 
con breve Pisanorum in Uohelli, Ital. Sac. X, coli. 103, 121. -— Tolo- 
meo LUCCHESE in MuR. R.LS. XI, 1101. 

' Si Yodrà in seguito come vadano rettamente interpretate tali generiche 
eepressioni. Non elimina la notata indeterminatezza V epitaffio, ohe da alcuni 
8i pretonde fosse stato scolpito sulla tomba di Eugenio, nel quale si legge 
la frase: Pisa virum genuit; essendo detto anche del cardinale Guido da 
Caprona nella sua iscrizione sepolcrale: Pisa virum peperit. Del resto il 
suddetto epitaffio non fu per niente scolpito sulla tomba di Eugenio; che 
altrimenti non si spiegherebbe il silenzio che ne tione il Canonico Ro- 
mano, riportato dal Papebrochio in Propyleo ad mensem maii; il quale 
narrando il seppellimento di Eugenio solamente dice: "• Recondidimus 
corpus B. Eugenii Papae III octavo idus iulii et focimus ei sepulchrum 
ex diversis lapidibus. „ Quanto non era naturalo che doyesse qui aggiun- 



J 



^'^^'^*:m^v 



— 30G — 

perciò se gli storici posteriori si sentirono stimolati a far essi 
quelle ricerche che alla femiglia e al luogo di nascita di que- 
sto pontefice si riferiscono. 

Apre la serie Raffaele Roncioni, il quale ricercando con 
molta diligenza, come afferma egli stesso, le cose della città 
di Pisa trovò che Eugenio senza alcun fallo derivò dalla fa- 
miglia dei Paganelli di Montemagno, la quale crebbe in 
grandissima riputazione in quei tempi e in tal grandezza si 
conservò ancora molti anni/ E le particolarità circa il luogo 
di nascita e i casi della vita di Eugenio prima che fosse 



gere riscrizione? H Sainati è d'opinione che questo autore pari non 
della prima sepoltura, ma di una traslazione del corpo del B. Eugenio 
accaduta assai dopo, nel giorno anniversario della sua morte: e a ciò è 
indotto dal fatto che il Canonico Komano pone la data del seppellimento 
di Eugenio agli otto di luglio, quando invece comunemente si crede che 
questo fosse il giorno della sua morte. Tale osservazione non costituisce 
una seria difficoltà, oscillando presso i diversi cronisti la data della morte 
di Eugenio tra il sette e il dieci di luglio. Aggiunge il Sainati: ** È certo 
che un* iscrizione fu apposta al sepolcro di Eugenio, perchè TOldoino 
nelle addizioni al Ciacconio (I. 1039) dice di averla veduta egli stesso, 
benchò cosi corrosa, da non poterne rilevare il contenuto. „ Ma dalle pa- 
role deirOldoino: ** Conditus (Eugenius) in Vaticano cum hoc epitaphio, 
quod hodìe votustato attritum legi amplius non potost „ , si ricava piuttosto 
che egli non ha veduto tale iscrizione; ma che, pensando che quella la 
quale viene riferita daU' autore della cronaca belga (sec. XY) vi dovesse 
essere stata scolpita davvero, e nel fatto non vedendola, è indotto natu- 
ralmente a credere, ohe dall' antichità sia stata del tutto corrosa. L'avere 
riportato questa iscrizione per il primo V autore della cronaca belga, e il 
ricordarsene un' altra, pure in versi, fatta da G^erardo di Liegi, che leg- 
gevasi in un codice d'un monastero di Piccardia, conferma il giudizio del 
Papebrochio, che nessuna iscrizione fu scolpita sul sepolcro di Eugenio, 
ma che solo da alcuni cistcrciensi e in luoghi diversi furono composte 
iscrizioni sepolcrali, o piuttosto compendiosi elogi in versi di questo pon- 
tefice. Pertanto non possiamo far conto di una iscrizione composta non 
si sa da chi, né dove, nò quando, ed il cui autore fu tratto probabil- 
mente con erronea illazione a credere nato in Pisa Eugenio, sapendosi 
dalle lettere di S. Bernardo che era stato un giorno vicedomino in quella 
illustre città. 

' Ist. Pis. in Arch. St. It, 1844, VI, P. I, 258. 



->,^-lI^Tp7?*?'":'''*?7^''r'^vr-^^ '-T'^^'y rj^ y^-^^^Ty^ir r^ .yrf^t^^ìùfPf^y 



— 307 — 

eletto pontefice vanno aumentando col Gaetani/ coir Ughelli/ 
coirOrlendi* ecc., i quali giungono perfino a determinare il 
nome del padre di lui (Giovaimi), quello della madre (Maria 
Gaetani); e dicono che, prima di abbracciare l'istituto di 
S. Bernardo, Eugenio professò la regola camaldolense in 
S. Zenone di Pisa, ove anche fu per qualche tempo abate. 
Ma di queste ulteriori notizie poco ci importa: basti l'averle 
appena appena accennate. 

Al contrario quello che preme di far subito notare, si è 
che questi storici, V autorità dei quali venne seguita da tutti 
gli altri in generale fino al principio del presente secolo, evi- 
dentemente presero abbaglio assegnando per patria ad Eu- 
genio Montemagno di Calci, nella provincia di Pisa, che non 
fu mai castello, né dominato da propri conti, in cambio del 
Montemagno di Camaiore, che prima, nel secolo d'Eugenio 
e dopo ebbe per signori i Paganelli.* 

L'errore fu avvertito primieramente nel J802 dall'ano- 
nimo autore del Compendio di storia pisana ; ' a cui tennero 
dietro a breve distanza il cav. Giulio Cordiero di S. Quintino* 
e l'ab. Domenico Bertini, che nel 1821 scrisse delle preziose 
osservazioni intorno alla patria ed alla famiglia di Euge- 
nio III. ' Il lavoro del Bertini, come del resto era da espet- 



' In MUR. R. L fif. ni, p. 409 n. 30. 

■ Addizioni al Ciacconio, I, 1034. 

» (h'his saeer et profanus, li, P. II, 983, 998. 

^ È inutile insistere su questa verità ormai non contesa da nessuno 
e resa evidente dall' ab. Domenico Bertini, Osservazioni intorno alla pa* 
tria e alla famiglia del Som, Pont, Eugenio III, negli Atti della R. Ac^ 
cademia lucchese, 1822, II, 109-192. - 

' r, 46. Cito di seconda mano dal Bertini (op. cit,) non avendo po- 
tuto riscontrare il testo por quante ricerche ne abbia fatto nella biblio- 
teca di Pisa. 

• Della zecca e delle monete degli antichi marchesi di Toscana, n. 29 
p. 170, Pisa 1821. 

' Atti della 2?, Accad. lucchese, 1822, II, 109-192. 



— sos- 
tarsi, incontrò a Lucca l'approvazione universale,* a Pisa le 
crìtiche di Francesco Bonaini e di Giuseppe Sainati. 

Errata affatto è peraltro la critica del primo; ■ di gran 
lunga invece più giusta e assennata quella del Sainati, che 
l>otrehbe riassumersi brevemente cosi: il Bertini dimostra 
fioltimta che nel Montemagno lucchese fiori la famiglia dei 
Paganelli; ma per concludere che Eugenio nacque in quel 
castello e da quella famiglia, avrebbe dovuto dimostrare an- 
cora: 1* che il Roncioni fa autorità irrefragabile quando, 
sema produrre gli opportuni documenti, afferma che Eugenio 
fu di co|?noine Paganelli e che discese dai signori di Mon- 
t*^magrio: 2" che la famiglia Paganelli ai tempi di Eugenio 
era osclusivameiite lucchese; 3* che infine non meritano nes- 
suna fede gli autori coevi o quasi che concordemente affer- 
mano Eugenio essere stato pisano. " Infatti la dissertazione 



^ Cfr, {1 Ragguaglio delle adunanze della R. Accademia lucchese te- 
nute nogU anni 1820-1321-1822 (II, pp. XVI-XVII). Cfr. pure il perio- 
dico luochcao di quo' tfìmpi, V Araldo al n. 4, settembre 1840. 

' "^ Fandtilfo jnsano, dice il Bonaini, e Tolomeo vescovo di Torcello 
fra gli antichi, il Gac^tuni, il Manni, il Muratori, il Lupetti ed altri an- 
corn fra i nifidcrni astìarirono concordemente eh* Eugenio, già vicedomino 
della oIiie^A dì Pi a a, fu pisano di nascita; ma un erudito lucchese di 
molto nome, sperò non ha guari averlo rivendicato aUa patria sua, au- 
gurandosìì d'av^er concluso che Eugenio fosse della nobil casata de* Pa- 
ganelli signori di Montemagno „ {Arch, St, IL VI. P. I, 258, n. 2^). È 
insul«a qui*ata critica o indegna davvero di quel personaggio dotto ed 
acuto che pur era il Bonaini. Quasi si direbbe che egli non abbia nep- 
pure letta la dissertazione del Bertini; poiché non si conclude già in essa 
che Eugenio fodBc delk nobil casata dò' Paganelli di Montemagno, ma 
invece, ammessa come vera questa ipotesi, e per tale è ritenuta dalla 
ma°^j^ìor jiarte degli storici dal Bonaini ricordati, e in ispecie dal Ron- 
cioni, viene il Bertini a concludere vittoriosamente, che perciò stesso Eu- 
genio SL devo r ite nero nato nel Montemagno di Camaiore. 11 Bonaini cri- 
tica uvl Bertini eÌo che piuttosto avrebbe dovuto riprendere nel Roncioni, 
nel Qaetani, nel Manni ecc. de* quali invece irragionevolmente si serve 
per contrapporli al Bertini. 

^ Vita del B. Eugenio ITI, 10. 



-Tj7?!^77^''Ti.-^^ ";-- ; ^,;^ ' v^ -^ .,- "i - - : • --: • • -r ^ f. 



— 3()9 — 

del Bertini si riduce ad una ipotesi, questo essendone il con- 
cetto: è fuor di dubbio, che ove si abbia a prestar fede al 
Roncioni che afferma, ma s^nza produrre gli opportuni do- 
cumenti, esser derivato Eugenio dalla nobil prosapia dei si- 
gnori di Montemagno, non si può né si deve intendere, come 
egli fa, del Montemagno vicino a Calci, ma piuttosto del 
Montemagno di Camaiore. 

É mio proposito, parte correggendo, parte compiendo l'o- 
pera pur troppo difettosa del Bertini, rispondere alle tre giu- 
stissime accennate esigenze del Sainati; ed aggiungere, se mi 
venga fatto, altri argomenti, che contribuiscano la loro parte 
a dimostrare esser veramente Eugenio III derivato dai Pa- 
ganelli del Montemagno versiliese. 

II 

L' eccessiva brevità colla quale i cronisti contemporanei 
ad Eugenio III parlano di lui ha dato probabilmente origine 
all'opinione, altre volte assai diffusa fra gli storici, abbrac- 
ciata dallo stesso Paolo Tronci, cioè che è inutile ricercare 
intomo alla famiglia di questo papa, sembrando evidente, 
quei cronisti antichi non avendone detto nulla, che debbasi 
per ciò stesso concludere che fu di bassi natali. Al Tronci 
pare anzi di avere dalla sua S. Bernardo, maestro di Euge- 
nio, il quale non dice che fosse di nobile stirpe; anzi tutto 
l'opposto, come riscontrasi nelle sue lettere 236 e 237.* 

E facile osservare che, rispetto a quegli antichi cronisti, 
non si può concludere legittimamente che Eugenio fu di 
ignobile famiglia, per la sola ragione del silenzio che essi ne 
tengono; questo solo si potrebbe concludere a rigore, che 



* Annali pisani di Paolo Tronci rifusi da E, ValtancoU Montazio, 
I, 248 e n. 2*. 



-^"^r""^^^ 



— 310 — 

non si può asserire sulla loro autorità che Eugenio fu di 
nobile prosapia. Del resto poi, per dirla col Manzoni, il si- 
lenzio di quei cronisti anche sui personaggi più importanti 
(e questa invece è una circostanza indifferente ad esser mes- 
sa in rilievo) è troppo frequente e comune per essere signi- 
ficante: chi lo volesse interpretar sempre, avrebbe un gran 
da fare ; tante cose hanno hisciato fuori. * Riguardo poi alle 
parole di S. Bernardo^ nelle quali il Tronci avrebbe trovato 
evidente allusione alla viltà dei natali di Eugenio, debbonsi 
riferir piuttosto allo stato suo monacale,» da cui ali* improv- 
viso e senza passare per il solito grado del cardinalato, sali 
alla dignità suprema di pontefice.* E dunque affatto priva di 
fondamento questa opinione, che il seguito stesso avrebbe 
mostrato insussistente; ma che intanto avrebbe ora nociuto, 
perchè atta, in certo qual modo, a infondere negli animi sfi- 
ducia nelle ricerche fatte e da farsi sui presente argomento, 
e difl[lcoltà neir accettare i risultati critici più sicuri e meglio 
provati. Ed ora procediamo pure innanzi. 

La prima delle accennate dillicoltà, mosse dal Sainati, erasi 
pure affacciata alla mente del Bertini, il quale a un certo 
punto finge che gli si replichi cosi: « Non si nega che con- 
cludente sia il vostro discorso, e che, posta la verità di 
quanto asserì il Roncioni circa la discendenza di Eugenio III 
dalla famiglia de' Paganelli, non debba concludersi per le 
dimostrate cose che egli fu dunque lucchese. Ma è poi vero 
quanto egli asserisce? Il detto papa fu veramente della casa 
Paganelli di Montemagno"? Ecco quel che rimarrebbe a pro- 
varsi. » • Ma non gli riesce a nessun patto, e anch' esso è co- 



* Discorso sopra alcuni pufUi della storia longobarda in Italia, cap. !> 
§. 7. 

■ Cfr. il Mai^ki, Osservazioni storiche sopra i sigilli antichi, I, 13-16. 

• Osservaz. intorno alla patria e alla famiglia dd Som. PofU. Eug. Ili, 
1. e. §. 23. 



— 311 — 

stretto a portare il dubbio su quanto il Rondoni afferma 
della nobile discendenza di Eugenio. 

Veramente noi ci troviamo in presenza di un caso ecce- 
zionale, in cui riesce impossibile controllare le asserzioni 
dello storico con i documenti che egli afferma di aver con- 
sultato; senonchè prima di poter dubitare ragionevolmente 
di quelle asserzioni, è necessario esaminare per ogni lato la 
questione e farsi più di una domanda: qual' è in genere il 
valore storico dello scrittore in discorso? nel caso speciale ha 
forse a^nlto qualche interesse a mentire? ciò che afferma sa- 
rebbe mai in contradizione con quello che da altre fonti sap- 
piamo esser vero? e, dato che debba aver proprio consultato 
dei documenti, furono questi per caso falsi o per lo meno 
insufficienti ? 

Il Rondoni, come storico, è stato favorevolmente giudi- 
cato da uomini davvero illustri e competenti: basti ricordare 
fra gli altri Tommaso Dempstero, * Francesco Frosini, * Fer- 
dinando Ughelli,' Domenico Manni,* Francesco Bonaini;* dai 
quali tutti ricevè la lode di essere sempre stato scrupoloso 
ricercatore e fedelissimo seguace della verità, tollerante di 
grandi e disusate fatiche nel ricercare e trascegliere con 
somma squisitezza antiche carte e diplomi; cosicché possiamo 
stabilire che non è lecito apporgli in nessun modo la taccia 
di storico menzognero. Affermando in modo positivo di avere 
con molta diligenza ricercate le cose di Pisa e trovato che 
senza alcun fallo Eugenio derivò dai Paganelli, signori di 



* De Etruria regali, II, 258. 

* Dissertano atUiquissinuie traditionis pisaìMe in Orlendi, op, cit. II, 
P. U, 1452. 

• Addizioni al Ciacconio, I, 1034. 

♦ Op. cit. I,-13. 

» Arch. St. It, VI, P. I. profaz. X, XV, XVII. 



— 312 — 

Montemagno, bisogna eh' ei leggesse di fiitto negli archivi 
qualche cosa di relativo a questo punto. 
, Inoltre più volte il Roncioni dichiarò di voler porre i di- 
plomi imperiali e le altre carte in fine delle storie pisane; 
ma questo suo disegno non ebbe effetto. ' Ora chi ci assicura 
che- insieme alle altre carte non avrebbe aggiunto anche 
quelle che si riferiscono alla patria e ai natali di Eugenio IH"? 
Nò si pensi che quella sua dichiarazione fosse un ritrovato 
per acquistar maggior credito alle sue storie; perchè il Bo- 
naini, il quale ebbe appunto in animo di raccogliere i docu- 
menti dispersi negli archivi, che si riferiscono direttamen- 
te alle storie del Roncioni, ne rintracciò oltre duecento 
e confessa che non son tutti. * Questo fatto mentre da una 
parte giustifica i favorevoli giudizi che intorno al Roncioni 
sono stati dati, mostrano dair altra come egli fosse solito di 
documentare ogni sua affermazione, specie quelle che diffe- 
rissero dalla opinione comune. 

Ma si potrebbe opporre: sarà egli stato mosso in questo 
caso speciale da qualche interesse a dichiarare che Eugenio 
discese dalla nobile famiglia dei Paganelli signori di Monte- 
magno? Da quale interesse? Forse da smania di contradire, 
sapendo che altri lo dicevano nato di bassi natali? Nessuno 
certo ammetterà questo in un uomo, quale ormai conosciamo 
essere stato il Roncioni, amante sempre e sopratutto deUa 
verità. forse egli intese adulare la famiglia dei Paganelli? 
Anche questo non è possibile; tanto più che alla fine del 
secolo XVI, quando il Roncioni scriveva, era tramontata la 
gloria e lo splendore di quella: e poi il Roncioni mostra di 
non avere idee abbastanza esatte di questa famiglia, perchè 



* Arch. SL It. VI. P. I, 227, 234, 281, 286, 424, occ. ecc. 
» Arch. St. lU VI. P. I, pag. XXIIL 



rr 



— 313 — 

fra le altre ammette che fosse signora del Montemagno di 
Calci in cambio dell' altro Montemagno situato nella Ver- 
silia. 

Del resto i dubbi del Berlini e del Sainati circa le affer- 
mazioni del Roncioni procedono d'altronde; e, rispetto al 
Sainati, egli è tratto a dubitarne, perchè crede che in fondo 
poi esse si trovino in contradizione coir autorità, sacra per 
lui, degli antichi cronisti, i quali concordemente chiamano 
Eugenio «pisanus, genere pisanus, natione pisanus». Niente di 
più facile dell'inganno da parte di cronisti, anche contempo- 
ranei; quante volte non è accaduto di dovere rettificare le 
loro asserzioni? Ma esiste davvero nel caso nostro questo 
contrasto? Io credo di no; ma di ciò più avanti. 

Il Bertini poi è mosso a dubitare delle affermazioni del 
Roncioni, specialmente da questa ragione: i documenti da 
lui consultati non poterono esser falsi o per lo meno insuf- 
ficienti? Abbiamo di fatti una carta (la professione religiosa 
del monaco Pietro Paganelli di Montemagno), accennata 
'dall' Orlendi* e che il Bertini crede sia stata l'unica o pri- 
maria fonte da cui il Roncioni abbia attinto le sue notizie 
dei vari particolari intomo alla patria e alla famiglia di 
Eugenio III. * In verità se unica o primaria fonte si ha a ri- 
tenere quest' atto, da cui il Rondoni abbia attinto le sue 
notizie, chi ci assicura che il Pietro in esso menzionato sia 
la stessa persona che prima era stata vicedomino a Pisa, che 
di poi professò l'istituto monastico di Chiaravalle in Francia 
ed in Roma sotto il nuovo nome di Bernardo, e che final- 
mente sali al soglio pontificio sotto l'altro di Eugenio III? 
Ma v' è anche di peggio: questo documento, cosa che il Ber-^ 



* Orbis sacer et profanus, II, p. Il, 983. — Questo strumento si con- 
serva a Pisa neir archivio di Stato. Diplomatico S, Michele in Borgo, 
5 maggio 1107. 

• BsRTlNl, Osservaz. intorno alla patria ecc. /. e. §. 7. 



^•V.^J»' 



^ 314 — 

tini assai lontanamente sospetta, offre tutti i caratteri della 
falsità.* Per fortuna non è altrimenti vero che il Rondoni 
abbia attinto a questa fonte. Di fatti non accennandosi ivi 
che Pietro fu quindi eletto papa, è impossibile supporre che 
non si dovesse affacciar subito alla mente del Rondoni, quello 
che ad ognuno di noi viene facilmente in pensiero, cioè che 
non era provata, né poteva con questo strumento provarsi 
l'identità del Paganelli con Eugenio III. Inoltre se a questa 
carta si fosse unicamente appoggiato il Rondoni nelle sue 
asserzioni, come avrebbe da essa potuto assorgere ad affer- 
mare la nobiltà della famiglia di Eugenio di cui non é in 
quella il minimo accenno? Né solo si deve ritenere che il 
Roncioni non ha attinto unicamente a questo strumento; ma 
che neppure l'ha consultato, neppure conosciuto. Invero, dopo 
aver detto ciò che in esso non si trova detto, non riferisce 
poi quello che vi si trova chiaramente espresso: eppure sem* 



' Anohe il paleografo prof. Clemente Lupi, pensa che ai traiti 
di una falsifioazione. La carta non ò autografa, nò yì si dice percbò e 
quando sia stata copiata e vi mancano i testimoni che assicurino dell' auten- 
ticità almeno deU' esistenza del testo anteriore. Di più non vi si parla 
di castità nò di povertà, come ordinariamente si suole in questo genere di 
scritture. Questa brutta pergamena e piccola tanto che appena contiene Tat- 
to, ò scritta con inchiostro sbiaditissimo e con carattere goffamente ibrido 
che non si sa a qual secolo attribuire, non avendo i caratteri propri di 
nessuno: vi si scorge chiaramente l'artifizio del falsario. D'altra parto 
S. Bernardo, dice semplicemente che Eugenio, ** hac digmtate (vicedomina- 
tus) relieta, habitum cisterciensem assumpsit „ (in Makm, I sigilli III, 102) 
senza punto accennare che professasse l' istituto camaldolense in 8. Ze- 
none di Pisa, come in questo documento sì dice. Occasione a tale fal- 
sificazione ò stato probabilmente un equivoco. Eugenio III prima d'essere 
eletto papa fu abate nel monastero delle Tre Fonti presso Boma, dove 
riposavano ì corpi de' martiri SS. Vincenzo, Anastasio e Zenone (Gardosi 
in Manni, 1 sigilli antichi j I, 7; L'^ohelli, Addizioni al Ciacconio, I, 
col. 1034) ; per cui come ordinariamente vien detto ab. di S. Vincenzo ed 
Anastasio, potè da qualcuno esser chiamato pure ab. di S. Zenone od os- 
sore intoso dal falsario ab. del monastero di S. Zen ne di Pisa. 



'TJ^S^rw^f^Wy^'''^''??^^^^^ ' --'•r ; .- ; , v;^ -^^rT^/i 



— 315 — 

bra che non l'avrebbe dovuto tacere. Infatti riferendo che 
Eugenio si chiamava prima Bernardo, par che intenda avere 
egli questo nome ricevuto a battesimo; invece secondo il pre- 
fato atto prima ancora che Bernardo, si sarebbe chiamato Pie- 
tro. Cosi dalle altre parole éel Rondoni: « Trovo che Eugenio 
primS che fosse da S- Bernardo fatto abate del monastero 
delle Tre Fonti di Roma, fu arciprete della chiesa maggiore 
di Pisa, 1* si capisce che egli vuole alludere ai vari casi della 
vita d' Eugenio prima che fosse creato papa. Ora se il Ron- 
doni avesse avuto fra mano queir atto di professione reli- 
giosa e l'avesse reputato di Eugenio, avrebbe di certo ag- 
giunto che prima ancora di esser monaco cisterciense, fu 
monaco camaldolense. Restano dunque due ipotesi: o egli ri- 
cavò le sue notizie intomo alla nobiltà e al nome della fami- 
glia di Eugenio da altri documenti, i quali notassero espres- 
samente che da tale schiatta derivò quel pontefice; ovvero 
scrisse alla ventura e capricciosamente. Questa seconda ipo- 
tesi ingiuriosa per un tal uomo, non è sostenibile neanche 
perchè, come emergerà dall' insieme di altri fatti che ver- 
remo esponendo nel seguito, il Rondoni non prese ingaimo 
in ciò che narrò; onde converrebbe concludere che indovi- 
nasse per accidente; e questo oltreché insostenibile, è affatto 
ridicolo a dirsi. 

Cosi, mentre da una parte rimane assodato che fa auto- 
rità irrefragabile il Rondoni, circa le cose che narra della 
discendenza di papa Eugenio III dai Paganelli signori di Mon- 
temagno, dovendo egli avere realmente consultato dei docu- 
menti ed essendo stato in pari tempo da noi escluso che 
siasi appoggiato atV ormai noto atto di professione religiosa 
del monaco Paganelli, il quale nonché insufficiente è di più 
una falsificazione; e dall'altra essendo tanto chiaro quanto 



* lat. pia. in Anh. ecc. VI, P. I, 258. 



— 316 — 

consentito da tutti, che i Paganelli furono signori del Mon- 
tamagno versiliese, non di quello pisano, spunta legittima la 
conseguenza che Eugenio derivò non mica dal Montemagno 
di Calci, come pretende il Roncioni e molti con lui, ma piut- 
tosto da quello di Gamaiore. 

Ili 

Superata la prima difficoltà mossa dal Sainati al Berlini, 
le due che rimangono perdono notevolmente della loro forza, 
si potrebbe anzi dire che non ne con^rvàno più alcuna: non 
le lasceremo per questo senza la debita soluzione, tanto più 
che speriamo di convertirle in argomenti favorevoli alle no- 
stre convinzioni. Adunque il Sainati cosi ripiglia: • il Ber- 
tini dovea anche provare essere stata la famiglia Paganelli 
ai tempi di Eugenio esclusivamente lucchese ed essere apo- 
crifi i documenti d' allora, ne' quali parlasi de' Paganelli co- 
me di cittadini pisani. • * 

Qui domando subito: donde la derivazione del cognome Pa- 
ganelli? Il Manni riportando un sigillo dove si legge: s. Ber- 
nardi PAGANELLI, dice: f Non è già che io creda in questo no- 
stro sigillo, che Paganelli sia il cognome: dico bene che essendo 
un puro nome, lo tengo per gentilizio della famiglia, che si 
è dimandata dei Paganelli da Mantemagno. • * A parer mio 
questo non è spiegar nulla. Il Bertini invece: « Attesi i ben 
molti soggetti, che innanzi ci compariscono nell' ampia ge- 
nealogia di tal consortato aventi il nome di Paganello, ben 
essa potè un giorno appellarsi la casa dei Paganelli, espres- 
sione convertita quindi e nel comune linguaggio ed in quello 
degli storici nel cognome della stirpe anzidetta •.'Ma una 

* Vita del B, Eugenio UT, 10. 

• I sigilli antichi, III, 102. 

' Osservazioni intorno alla patrùt ecc. /. e, §. 21. 



'^^•sirxrv - TF-ijw»7- 



— 317 -^ 

insuperabile difficoltà può sempre farsi contro questa teoria: 
come va che i documenti prima di darci alla spicciolata e di 
seguito molti individui chiamati Paganello, ci danno tosto la 
forma del soprannome ? Questa difficoltà è di peso gravissimo 
e insolubile colla teoria del Bertini: tanto è vero che affac- 
ciatasi una volta alla sua mente, ne dissimula l'importanza, 
la declina in bel modo e non la risolve.' 

Uno dei primi documenti in cui un tal soprannome com- 
parisce è certo lo strumento di pace stipulato nel 1188 tra 
Pisani e Genovesi, ove tra gli altri sottoscritti, figurano co- 
me cittadini pisani, Bectus, Ubaldus et Lemmus de Paga- 
nellis; * la quale espressione • de Paganellis i ne avverte che 
il padre di questi personaggi non si dovè chiamare Paganello ; 
che in tal caso si sarebbe avuto secondo il costume univer- 
sale • qd. Paganelli » o semplicemente, « Paganelli ». Non po- 
tendosi poi, come è stato accennato, sostenere V opinione che 
si dica e de Paganellis » perchè molti de' loro antenati ab- 
biano avuto questo nome, si conferma che tale espressione è 
un semplice soprannome destinato a diventar vero cognome ; 
e la sua derivazione va cercata altrove. 

Paganellus, evidentemente, è il diminutivo di Paganus, 
propriamente uomo di villa, ma che nella bassa latinità del 
medio evo prese anche il significato di signore del contado. 
« Paganus est dominus alicuius praedii rustici » come si vede 
in questo documento: « Johannes dictus Paganus de Cherisi et 
domicella Margarita eius uxor. » * Ora niente di più naturale 
che i signori del Montemagno versiliese (che non si può par- 
lare in nessun modo di signori del Montemagno pisano) ve- 
nissero denominati dagli abitanti delle vicine città Pagani e 



' 02J. cit. §. 14. 

* Dal Borgo, Raccolta di scelti diplomi jnt<ani, U4, 

' Du Canoe, Gloss. alla voce Paganus, 



— 318 — 

anche Piiftaiiolli, Nù sembri troppo strana questa spiega- 
zione: chi non sa che in modo analogo si formarono altri 
cognomi? (Cfr, i Cattani, Castellani ecc.). Del resto che il 
cognome Paganelli sia derivato piuttosto da un nome comu- 
Tifì, che da un nome proprio di persona ci induce a crederlo 
anche la nc^tizia che a Fiesole pure vi furono i Paganelli, di- 
stinti affatto dai nostri, come mostrano le rispettive armi 
gentilizie: chò mentre Tarme dei Paganelli di Fiesole, è 
tjua hina bian<'a in <^mpo azzurro con sopra un rastrello 
rosso, ' r arme invece dei Paganelli di Montemagno è un 
leone rampante in campo balzano, come si può vedere in due 
tsì^illi trovati appunto in quel di Pisa.' Anzi l'iscrizione stes- 
sa che uno di quosti sigilli porta: s. Manfredi domini pa- 

GANKLM Ì)K MtiNTE MAGNO MILITIS. dOVC SÌ vede chc a qUOSti 

personaggi è dato il nobile titolo di cavalieri, che tanto pre- 
cisamente voleva dire Dominus e Miles in quei tempi,* con- 
ferma essa pure, al pari della teoria suesposta intorno alla 
formazione ilei (*o^ome, che si tratta del Montemagno di 
Camaiore^ non potendosi, ripeto, parlare di cavalieri e si- 
gnori del Montemagno di Calci. 

I fatti \ìo\ confermano ciò luminosamente: ogni volta che 
gli Htoriri hanno creduto di ricordare individui di tal fami- 
glia, come appartenenti al Montemagno di Calci, si sono in- 
gannati: vediamolo. Afferma il Roncioni che « in im privile- 
gio, che l'imperatore Federigo, cognominato Barbarossa, con- 
cesse alla chiesa maggiore di Pisa, son nominati molti di 
questa famiglia dei Paganelli, e fra gli altri Ermanno^ Paga- 
mllo^wo nepote. Gmdo, Inghirarno che erano molto famigliari 



' Salvino Salttpo, Opera ma, su* canonici fiorentini citata dal Manni, 
I sigilli tjjiikh\ I, 18. 

' maxm, op. €iL T, sigino r — 111 sigillo y^ 

* Ma\ki, ftp. iit^ lì 19. 






319 w 



"7* 



di Federigo. * » Or bene, questi personaggi appartengono in 
parte ai signori di Porcari (consorti dei signori di Monte- 
magno versiliese), e in parte a questi ultimi. E per verità 
fra i testimoni ctie trovavansi presenti in Lucca nel 1160 al- 
lorché il duca Guelfo arricchì di un privilegio i Lucchesi, 
eranvi Guido di Montemagno e Pagandlo di Porcari." Pochi 
anni dopo (1186) Arrigo VI concedeva nuovi privilegi ai 
Lucchesi ; ma tra le cose eccettuate erano comprese le t pos- 
sessiones, villas et terras et quaecumque bona Hennanni de 
Porcari et nepotum suorum et dominorum de Montemagno. »' 
Che più? nel diploma conceduto dall' imperatore Federigo nel 
1178 al capitolo della cattedrale lucchese si trovano nominati 
fra i testimoni: « Ho-mannus et Pagandlus de Porcari, Wido 
de Montemagno et filli eius Paganellus et Ingheramus^* pro- 
prio gli identici personaggi citati dal Rondoni. 

Anche il Manni, credendo accennare alcuni degli indivi- 
dui della illustre famiglia, pisana secondo lui, dei Paganelli, 
da cui pensa anch' egli esser derivato Eugenio III, dice: • Nel 
cod. 204 in foglio della celebre libreria stroziana di Firenze, 
si fa menzione, sotto V anno 1274 di un parentado di questa 
famiglia con dirsi Lemmus Ugolini Saginae duxit in uxorem 
filiam D. Tomasini de Montemagno. Air anno 1275 di un altro 
parentado cosi: Filia D. Codibovis de Corvaria fuit despon- 



* Arch, St. It. VI, P. I, 258. Questo privilegio è riportato per intero 
dal Lami, Monumenta Ecclesiae Florentinae, I, 395. 

' La carta ò riportata dal Cianelli, Memorie e Documenti per servire 
alla storia di Lucca, I, 174. 

* Ibid. I, 198. 

* Questo diploma citato dal Bertini trovasi sotto V indicazione CC. n. 36 
nelPArch. de' RB. Canonici della cattedrale di Lucca. — Tengo ad av- 
vertire che riferendomi qualche volta a carte già riportate in tutto o in 
parto dal Bertini, lo faccio sempre con intenti da' suoi diversi, produ- 
cendole egli unicamente a provaro resistenza della nobile famiglia del 
Paganelli nel Montemagno dì Camaioro. 



-- 320 — 

mta.... (ìlio qd. Bernardini de Montemagno. Nel cod. EE. 
(iella medeshiia libreria (a car. 433) si fa menzione di un II- 
iìeimiììdiìio da Montemagno, senatore pisano, citato dal Ca- 
sotti nella prefazione alle prose e alle rime de' due Bonac- 
corj^i di Montemagno di Pistoia, ove si nominano eziandio 
un Manfredi e un Ranieri figliuolo di un Inghsramo da Mon- 
temagno. i^ Rispetto a questi nomi sono da esaminarsi due 
carte lucchesi, l'una del 1193 contenente il lodo pronunziato 
su c^rta lite fra il Monastero di S. Ponziano di Lucca et 
dominos de Montemagno , * T altra del 1235, contenente pure 
un lodo dì altra lite che verteva tra i signori di Montema- 
gno e il capitolo di S. Martino.' Nella prima è nominato ap- 
fiimru un Udebrandi^ius de Montemagno qd. Paganelli, mentre 
nelìa seconda compariscono 1). Tomazus qd. Guidi de Rosa, 
Bernardino del qd. Ingheramo e Ranieri del qd. Ingheramo 
di Montemagno. 

Dopo tutto ciò quasi saremmo tentati, per semplice indu- 
zione, a ritenere senz' altro, come appartenenti ai Montema- 
gnesi di Versilia anche gli individui Bectus, Ubaldus et Lem- 
mus de Paganellis, che figurano come cittadini pisani nello 
strumento di pace stipulato tra Pisani e Genovesi nel 1188; 
documento a cui alludeva il Sainati movendo la seconda dif- 
ficoltà. Ma quello che cosi sarebbe pur sempre una conget- 
tura^ si cun ferma fino a diventare un fatto certissimo, ve- 
dendo che nel medesimo strumento, e come cittadini pisani 
anch' essi, trovansi notati Veltro di Corrala, Ranieri di Val- 
k^cchia, Oddo, Chianni e lustamonte di Sala, Vagolino, Paga- 
nello, Gueltb e Orlando di Porcari ecc. personaggi tutti con- 
sorti dei Paganelli di Montemagno versiliese : e vedendo 



* Manni, / SigilU antichi, I, 19-20. 

* Riportata dal Bertini, Osset'v. intorno alla patria ecc. nota 61. 
' Riportfttn in parto dal Beutini, o/>. vit. nota 71. 



— 321 — 

parimente che ivi trovansi pure ricordati Albertinus et Rai- 
neriiis de Montemaj^no, di Camaiore s' intende, non tanto 
perchè nella sopra citata carta del 1235 comparisce un Ranie- 
ri del qd. Ingheramo di Montemagno e in un'altra del 1134* 
comparisce un Albertino da Montemagno, quanto perchè 
questi come pure gli altri personaggi trovansi sotto la ru- 
brica: ludices foranei, che è quanto dire Vicecomites scaca- 
riorum, cioè iudices qui in oppidis ius dicunt. * Cosicché senza 
bisogno di mostrare che sono apocrifi i documenti, ne' quali 
parlasi dei Paganelli come di cittadini pisani, si può anzi sta- 
bilire sulla scorta di essi che i Paganelli sono esclusivamente 
versiliesi, di dove passarono poi nelle città di Lucca e di 
Pisa. • 

IV 

Cosi vien meno anche la terza difficoltà messa innanzi dal 
Sainati e fondata suir autorità degli antichi cronisti, i quali 
concordemente affermano che Eugenio III fu pisano; poiché 
avendo noi veduto in istrumenti autentici chiamati cittadini 
pisani i Paganelli della Versilia, giustamente i cronisti con- 
temporanei affermano che Eugenio, derivato dai Paganelli del 
Montemagno versiliese, fu pisano. 

Con questo non intendiamo peraltro dire che la Versilia 
fosse al secolo di Eugenio III territorio pisano.* Questa regio- 
ne prima del sec. XIII fu indipendente non solo dal dominio 



' È accennata dal Bertint, op, cit. nota 51. 
' Du Canoe, Gloas, alla voce ludices foranei. 

* Questo ò anche il giudizio del Repetti, Dizian. geogr, star, della 
Toscana, all'articolo Montemagno di Camaiore, 

* Ciò a8»crÌHce gratuitamente T anonimo autore del Compendio di sto- 
rÌ4i iHHaìMj 1, 46., 



— 322 — 

di Pisa, ma anche da quello di Lucca, * come dimostrano da 
una parte i privilegi d'immunità concessi ai nobili versiliesi 
dai marchesi di Toscana e dagli imperatori germanici/ e dal- 
l' altra l'autorità dello storico Tolomeo, che solo alla fine del 
secolo XII riporta il giuramento di fedeltà prestato dai si- 
gnori della Versilia al comune di Lucca.' Ma frattanto quali 
erano le relazioni che intercedevano allora fra la Versilia 
e le vicine città di Lucca e di Pisa? 

Anzitutto metto in rilievo una circostanza importantissi- 
ma: i Lucchesi erano guelfi, i Pisani invece ghibellini; e i feu- 
datari di Versilia? Stretti air imperatore, cui dovevano tutto 
il loro ingrandimento, e che sovente arrlcchivali di privilegi, 
erano seguaci del più schietto ghibellinismo. Ecco un fatto 
che anche da sé solo sarebbe stato capace di avvicinare i 
nostri feudatari ai Pisani, che riputavano fratelli e di alie- 
narli dai Lucchesi, odiati come stranieri, come barbari; tanto 
erano allora sentite le passioni politiche f 

Si aggiunga che sulla fine del secolo XI i nobili versiliesi 
cominciarono a dare ombra al comune di Lucca, o per le loro 



* Contro r opinione del Bertini, Osservaz. intomo alla patria eoe. 
/. e. §. 9. 

' Gfr. il privilegio di Gnelfo YI, marcheBe di Toscana, dell' anno 1160, 

il qnale concede alla città di Lucca ^ iuriBdìctìonem tam infra 

Bechariom civit. eiasque Burgos, quam extra infra (si noti bene) quinqae 
proxima millioria praedictae civitati ab omni parte eiusdem civitatis. „ 
Cfr. pure il privilegio deU' imperatore Enrico VI, dell'anno 1186, che 
eccettua dal dominio di Lucca *^ omnes possessiones, villas et terros et 
quaecunque bona Hermanni de Porcari, et Nepotum suorum et Domino- 
rum de Montemagno, et hominum de Burlano et Carfaniana et Versilia. „ 
Queste carte furono pubblicate dal Cianelli nelle Mem, e Docum. per 
servire alla storia di Lucca, I, 174, 198. 

' *' Eodem anno (1192) invenitur in registro civitatis lucensis iura- 
montum fidslitatis factum lucano communi per nobilos de Vallechia. , — 
" Kodem anno (1198) invenitur in registro lucensis communis iuramentum 
fìdclitatis factum eidem communitati per illos do Gorvaria et de Montema- 
j;no „. Tolomeo Lu^'CIIESE, Anttales in MuR, R,LS. XI, coli. 1275, 1277. 



1*^;p— .j^ ->fìr 



r 



— 323 — 

prepotenti maniere^ o pel desiderio di quello di ingrandire il 
proprio stato a spese dei vicini.* Cosi per doppia ragione quei 
di Versilia si trovavano ad esser avversi a Lucca; e per spi- 
rito di parte e per quello di libertà, che vedevano minacciata 
da quella repubblica: come per doppia ragione si trovavano 
ad essere amici dei Pisani, e perchè del medesimo colore po- 
litico, e perchè essendo deboli al paragone di Lucca, dai Pi- 
sani si ripromettevano ogni sorta di aiuti. Ed infatti si può 
vedere, come delle varie guerre combattute tra Lucchesi e 
Pisani molte furono mosse per cagione dei nobili versiliesi, 
in favore dei quali i Pisani più volte portarono le loro armi 
in Versilia. ' Non sono già per credere che le intenzioni di 
questi nello spalleggiare e difendere i nostri signori contro 
il potere di Lucca fossero scevre da ogni e qualunque inte- 
ressét credo piuttosto che in realtà fossero animati anch' essi 
dal medesimo spirito, da cui lo erano i Lucchesi combatten- 
doli. Per ciò appunto chi sa che i Pisani a rendersi vieppiù 
amici i Versiliesi, come anche in premio del loro attaccamento 
alla repubblica, non concedessero la propria cittadinanza a 
tutta la Versilia?' 

Ecco la ragione, unica forse, perchè il Rondoni riportando 
le condizioni della pace del 1158 tra Lucchesi e Pisani, de- 



* "' Eodem anno (1088), ut in gestis Lucensium soribitur, oastnim de 
Vaccelo destructum fuit a Incensi populo, quod erat nobilium. „ — " Eodem 
anno (1100), lucensis populus, ut in gestis lucensium scribitur, castrum 
de Castagnore, quod erat Cathanorum, capit et funditus dextruit. „ To- 
lomeo Lucchese, Annales in Mur. B.LS, XI, coU. 1256, 1258. 

' Cfr. Tolomeo Ldcchese, Annales agli anni 1169 e 1170, in Mur. 
B.LS, XT, coli. 1269, 1270. 

* Ciò i Pisani fecero pure nel 1234 in favore dei nobili di Corvaia e 
di Vallocchia e loro consorti di Versilia (Dal Borgo, Bacc. di scelti dipi, 
pis, 182). — Bastino al presento argomento questi brevissimi cenni sulle con- 
dizioni dei Nobili della Versilia prima del secolo XIII, delle quali intendo 
occuparmi più particolarmente un* altra volta. 



\ 
\ 



— 324 — 

sumendole da una carta del tempo, dice testualmente: t si 
volle che i Lucchesi concedessero ad Uguccione e Veltro, no- 
bilissimi pisani, il castello di Corvaia t :* perchè nel privilegio 
concesso da Federigo I alla chiesa maggiore di Pisa, nel 1178, 
compariscono come testimoni, unitamente a certi pisani, « Her- 
mannus et Paganellus, et nepus eius Paganellus et Wido de 
Montemagno et filii eius Ingheramus et Paganellus i :* perchè 
finalmente nel più volte citato strumento di pace del 1188 
tra Pisani e Genovesi compariscono come cittadini pisani: 
Veltro di Corvaia, Ranieri di Vallecchia, Oddo, Chianni, lu- 
stamonte di Sala, Albertino e Ranieri di Montemagno. * 

Pertanto senza pretendere che la Versilia fosse ai tempo 
di Eugenio III territorio pisano, sparisce in egual modo il 
contrasto, che l'Anonimo, il Bertini e il Sainati hanno cre- 
duto di vedere fra documenti autentici e cronisti contempo- 
ranei, riguardo alla patria e ai natali di Eugenio III; non 
formando seria difficoltà il sapere che questi ultimi oltre alle 
frasi più generiche da loro usate : « pisanus, genere pisanus • 
dicano pure di Eugenio più particolarmente t natione pisa- 
nus 1 perchè nella bassa latinità del medio evo il vocabolo t na- 
tio t oltre il significato che gli annettiamo presentemente, 
significa pure spessissimo la nativitas, la generis et familiae 
conditio, l'agnatio, la cognatio, insomma la familia. * 

V 

Se cosi è, come può esser nato V equivoco dell' essersi 
ritenuto per tanto tempo, fino al principio del secolo pre- 

» l8t, Pis. l. e. VI. P. I. 295. 

* ' Questo privilegio ricordato dal RoNCiOKi Ist Pis, L e. VI. P. I. 258, 
fu pubblicato dal Lami, Moti. Ecch Fior, I, 395. 

* Dal Borgo, Race di scelti dij)l. pis. 114. 

* Cfr. Dl' Canoe. Gloss. alla voce Natio. 



y/yjm^ ?Jr^^'" >^> "";^r'^"v'??^:^?>',i' 1-^7"-. ^^ <j^^r 7 - ^ --tj^ty, •.•:v:» 



— 325 — 

sente, che terra natale di Eugenio III sia stati? Monteraagno 
di Calci in cambio del Montemagno di Camaiore? Come si 
spiega parimente la tradizione conosciuta un giorno nel Mon- 
temagno pisano, secondo cui questo paese sarebbe stato ve- 
ramente luogo di nascita del suddetto papa? Attendasi: si 
sapeva dagli antichi cronisti che Eugenio era « pisanus, ge- 
nere pisanus> natione pisanus » : si aggiunga che verso la fine 
del sec. XV cominciarono a conoscersi certe profezie attri- 
buite a S. Malachia, relative alla successione dei pontefici, le 
quali avevano per motto proprio di questo papa : t ex ma- 
gnitudine montis. » * Pertanto cosa ci voleva a concludere con 
questi dati che dunque Eugenio era del Montemagno piscio? 
E cosi fu concluso senz'altro; cosi nacque, cred' io, la sud- 
detta tradizione ricordata soltanto da tardi scrittori. * Un tal 
pregiudizio venne poi consolidato dallo scambio evidentemente 
erroneo, che gli storici fecero, col ritenere che i Paganelli, 
da cui derivò Eugenio III, fossero signori del Montemagno di 
Calci e non piuttosto del Montemagno di Camaiore. 

Ma se niun conto può farsi della tradizione diffusa nei 
contorni del Montemagno pisano, non si può per avventura 
dire altrettanto della popolare tradizione, che anche nel 
Montemagno di Versilia si conserva, che tal castello sia sta- 
to la patria di un papa. Essa infatti non ha nessun prece- 
dente storico, perchè i primi a ritenere per lucchese Euge- 
nio III furono il più volte ricordato Anonimo (1802), Giulio 
Corderò di S. Quintino (1821) e il Bertini (1822). E neppure 
ha, come l'altra, fondaménto nelle profezie di Malachia, ve- 



' Malachia era nato ad Armach in Irlanda nel 1094. Il primo a pub- 
blicare le profezie che gli si attribuiscono fu Arnoldo di Wion, benedet- 
tino, vissuto 450 anni dopo Malachia I futuri destini degli stati e delle 
nazioni ovvero profezie e predizioni riguardanti % rivolgimenti di tutti i 
regni dell* universo, Torino 1860, pag. 66. 

* Manca infatti chi ne parli nei secoli XII, XIII XIV. 



— 326 — 

nendo dagli borici, per es. dal Franciotti (sec. XVII) rife- 
rita erroneamente non a Eugenio III, ma al lunese Euti- 
chiano che subi il martirio nel 283. 

VI 

Un'iscrizione sepolcrale, l'autorità di cronisti contempo- 
ranei, documenti ove si trovano ricordati come cittadini pisani 
i Paganelli, una tradizione infine ; ecco gli argomenti sui quali 
poggia r opinione che ritiene Eugenio III nato a Pisa o per 
lo meno nel Pisano. Ora non solo abbiamo scartato questi 
argomenti ad uno ad uno, ma di più li abbiam fatti servire 
a provare tutto l'opposto, cioè che Eugenio fu invece del 
Montemagno di Versilia. Né basta. 

Afferma il Rondoni che Ermanno, Paganéllo suo nepote. 
Guido, Ingheramo (tutti mdividui delia famiglia Paganelli) 
erano molto famigliari di Federigo I. * Che veramente i mem- 
bri di questa nobile famiglia fossero sommamente cari al 
Barbarossà, ne fa fede, tra l'altre cose, anche il diploma di 
immunità del 1185, dato da questo imperatore a favore dei 
nobili signori di Montemagno. * Ma quale sarebbe st^ta la 
cagione di tanta benevolenza da parte dell' imperator Fede- 
rigo? Forse l'animo e i sentimenti schiettamente ghibellini, 
che questi signorotti in generale nutrivano, e quella cieca 
divozione che professavano all' imperatore, cui andavano in 
gran parte debitori della propria grandezza?- Ma appunto 
perchè questi erano sentimenti di tutti, non ispiegano suffi- 
cientemente la particolare affezione, di cui il Barbarossa de- 
gnava i membri illustri della famiglia Paganelli. Piuttosto 
essa doveva dipendere dal fatto, che questi nobili erano i 



' IsL Pi8, in Arch, St. It VI, P. I, 258. 

* ToMSiASi, Somtnano della storia di Lucca, Ub. I) e. 5. 



u;i^T- 



— 327 — 

parenti di papa Eugenio III, il quale appuntò fu che sol- 
lecitò la venuta del Barbarossa in Italia, perchè gli desse 
braccio contro i Romani sollevati e contro Arnaldo da Brescia. 

Ancora: nel 1148 Eugenio con sua bolla dichiarava im- 
mediatamente soggetto alla sede apostolica con tutti i suoi 
beni il monastero di S. Martino di Gello presso a Camaiore.* 
Quale la ragione di cosiffatto privilegio? E chiara: quel luogo 
era di pertinenza dei nobili di Montemagno, i quali vi ave- 
vano fondato il detto monastero di suore benedettine nel 
1089. " 

Ricordiamo pure che Eugenio III consacrò solennemente 
la chiesa di S. Lorenzo di Vaccole. Si concepisce facilmente 
che nei lunghi e molteplici suoi viaggi a lui si offerisse spon- 
tanea l'occasione di consacrare templi nelle principali città 
da lui visitate:' ma come si spiega la consacrazione che 
egli papa fece della suddetta chiesa nella piccola ed umile 
terra di Vaccole? Basta pensare che questo castello appar- 
teneva esso pure ai signori di Montemagno; e forse T animo 
di Eugenio fu di compensare, con simile privilegio, i maltrat- 
tamenti che la detta terra avea dovuto soffrire nel 1088 dai 
Lucchesi. 



* La bolla è stata pubbloata dal Mub. Antiq. M, Aevi, Y. col 997; 

* Cfr. Repetti, Diz. geog, della Toscana, air articolo Gello di Ca^ 
maiot^e. 

* La storia ci ha trasmesso la notizia delle chiese consacrate da Eu- 
genio. In Viterbo consacrò la chiesa di S. Michele, in Verdun la chiesa 
maggiore dedicata a S. Dionigi, presso Parigi la chiesa del Monte dei 
Martiri, le Ghalon la chiesa di S. Stefano, in Treviri la Paoliniana e l'al- 
tra dedicata a S. Matteo, nella Gallia la chiesa di Fonte Nero, in Ver- 
celli la chiesa di 8. Maria Maggiore, in Pisa T altare maggiore di S. Paolo 
a Ripa d'Arno, in Lucca la chiesa di S. Frediano, in Vaccole quella di 
S. Lorenzo, in S. Gemignano la chiesa collegiata e finalmente la chiesa 
deU' abbazia cistcrciense di Cassamarc (Sainati, Vita del B. Euge- 
nio ni). 



- 328 - 

Finalmente se non possiamo ora portare innanzi docu- 
menti diretti che confermino le nostre conclusioni, abbiamo 
però indizi certissimi che dovettero esistere un giorno, quan- 
tunque poi siano andati dispersi, o forse siano stati i>er mala 
fede sottratti. 

Intanto è stato provato che il Roncioni ha dovuto attin- 
gere a documenti di questo genere.* L'Anonimo poi dopo 
aver detto che Eugenio III nacque nel Montemagno di Ca- 
maiore, seguita a dire : « ciò consta da quantità di autentici 
e infallibili documenti esistenti appresso il sig. Can. Zuc- 
chelli di Pisa, t * Giulio Corderò di S. Quintino, assegnando 
per patria ad Eugenio Montemagno di Camaiore, si appoggia 
egli pure a documenti osservati nell'archivio dello Zucchelli.* 

Ma il fatto più singolare è il seguente, che esporrò colle 
parole stesse del Bertini. Il P. Cesare Franciotti, parlando 
di S. Eutichiano, creduto da lui lucchese, non lunese, cita 
gli strumenti autentici del vescovato di Lucca, ne* quali si 
afferma che questo pontefice era nato nel castello di Monte- 
magno, vicino a Schiava.* Il non avere, lamenta il Bertini, 
indicato il registro di questi documenti è stato un danno as- 
sai grave non essendo si agevole il rinvenirlo- tra tante mi- 
gliaia di altre carte diverse registrate non secondo T ordine 
cronologico. Ma se da una parte non è lecito aggiustar la 
taccia di menzognero ad un uomo per tanti titoli venerabile, 
dair altra si può esser certi, che egli, per mancanza del ne- 
cessario esercizio nel leggere le antiche scritture, prendesse 
un abbaglio, e avendo la mente preoccupata dal nome di 



* Cfr. il §. II. del presente lavoro. 

* Compendio di storia pisana (1802) I, 46. 

' Delia zecca e delle monete degli antichi marchesi di Toscana (Pisa 
1821) 170, nota 29. 

* Feakciotti, Storia delle immagini miracolose e de' stanti, i corpi 
de* quali riposano nella città di Lucca (1613) 49. 



'ViT^v: 



— 329 — 

Eutichiano, leggesse Eutichianus dove probabilmente era scrit- 
to Eugenius III, cosa molto facile ad accadere, quando que- 
sto ultimo nome fosse stato scritto in abbreviatura (Eùs tùs); 
tanto più che è identica la prima sillaba ne' due nomi, come 
pure la desinenza. A ciò si aggiunga che essendo le scritture 
del vescovato, di cui parla il Franciotti, destinate di lor na- 
tura ad" attestare fatti presenti e non a far la storia delle 
passate vicende, ne segue che quanto è inverosimile che 
queste scrittore parlino della patria di Eutichiano, che subi il 
martirio Tanno 283, sia altrettanto verosimile che parlino inve- 
ce di Eugenio III. D'altronde, riflette ancora il Bertini, per 
quanta diligenza abbia io usata neir esaminare le carte dei 
nostro archivio arcivescovile e di altri della città, non mi è 
avvenuto di trovare indicato o in Lucca o nella Diocesi una 
chiesa o un altare dedicato a S. Eutichiano, né mi ricordo di 
aver mai riscontrato il nome di questo santo/ Insomma siamo 
nel caso identico della tradizione ; e come questa va riferita ad 
Eugenio III, non ad Eutichiano, cosi quelle carte evidente- 
mente per tante ragioni. 

Una ricerca più minuta di quella che il Bertini abbia fatto, 
e che presentemente neppur io ho potuto fare, una ricerca 
alle volte più fortunata negli archivi pisani e lucchesi, ma 
specialmente lucchesi, metterà in luce, non ne dubito, an- 
che dei documenti diretti, i quali verranno in buon punto 
a confermare colla loro incontrastabile autorità le nostre 
deduzioni, per ora puramente razionali e indirette, ma non 
per questo meno certe ed evidenti. 

Serafino Marchetti. 



*■ Bertini, Osservaz, intorno alla patria ecc. /. e. §. 31 e. nota 92. 



DELLA LEGA DEI PISANI 
CON LUCHINO VISCONTI NELL'IMPRESA DI LUCCA 



In generale i Cronisti del secolo XIV appartenenti ai varii 
comuni della Toscana e della Lombardia ' affermano solo con- 
cordemente e senza pur dame ragione di sorta, che nella 
impresa dei Pisani su Lucca, questi ottennero da Luchino 
Visconti quei rinforzi di uomini a cavallo, che i Fiorentini 
aveano rifiutati per il sospetto di qualclie trama ordita ai 
proprii danni dal loro vecchio nemico. E gli storici posteriori 
che con maggiore o minore diffusione scrissero di questi 
tempi, come il Roncioni, il Tronci, il Simondi, il Cantù, il 
Capponi* ed altri non pochi, non fecero che ripetere le 
notizie fornite loro dalle cronache. Il solo G. Villani, da buon 
guelfo fiorentino, spiega tutto, e non è questo il solo caso, 
colla malafede del Comune Pisano, e narra che questo per 
guadagnare l'animo del Signore di Milano promise ad un tal 
Francesco della Postierla, fuoruscito milanese, di condurlo 
nella propria città con i due suoi figli e avutolo ùelle mani lo 



* Annales Arretini in MuR. XXIV, p. 879-880; Petri Azarii, Oro- 
nicon; B. CORIO, St. di Mil.; Cronica di Pisa, ibid. XV, p. 1004-10Q5; 
Polyhistoria fratris BartholomMÌ ferrariensfs, ibid. XXIV, p. 767 eco. 

• Tronci, Annali Pisani, p. II, p. 45; Roncioni, Arch. St. ft. T. VI, 
P. II; SiSMONDi, Histoire dea Eep, it. t. Ili, p. 182; Cantù, Margha-ita 
PusUrla, neW appendice; Capponi, SL della Rep. di Fir. T. I, p. 193. 



^ 332 -» 

inviò a Luchino, il quale a ricompensa del crudele tradi- 
mento concesse alla Repubblica pisana i suoi aiuti. ' 

L' annotatore degli Annali del Tronci, i quali molto fe- 
delmente sono ricalcati sulla e Cronica » dell'Anonimo, non sa 
con quali criterii osserva che il Muratori (ed in quale opera 
non ci è stato dato di rintracciare) accenna anch' egli a que- 
sto fatto, fondandosi suU' autorità della Cronaca modanese di 
Giovanni da Razzano. * Se non che questo Cronista, a cui per 
conto nostro prestiamo molta fede, che specie in quello che 
riguarda le relazioni fra Pisa, Firenze e Milano non si lascia 
guidare da intenti partigiani, riferisce al 18 Luglio del 1340 
r esilio del Postierla e dice che la consegna di questo fuo- 
ruscito a Luchino ebbe luogo solo il 25 Settembre del 1341, 
mentre per il Villani ciò sarebbe avvenuto nella prima metà 
dell* Agosto, che altrimenti non si spiegherebbe tutta la im- 
portanza, diremo, immediata e diretta del tradimento dei Pi- 
sani nella pace stretta con Luchino il 12 Agosto. * 

I due Ammirato ripetono parola per parola il racconta 
del Cronista fiorentino;* ma aggiungono che questa «scelle- 
ratezza », di cui non esitano a dubitare^ i:otè, al più, concor- 
rere, ma non essere di certo la causa unica o precipua degli 
accordi di Luchino coi Pisani, dovendosi questi spiegare an- 
che, ed in ciò conveniamo^ coir odio di Luchino contro Ma- 
stino della Scala, Signore di Lucca, del quale voloa ad ogni 
costo distruggere la potenza, colle [)remure fattegli da Arrigo 
e Vallerano figli di Castruccio, * colle profferte di vistose 



* Cronica, T. Vili, Libro XI, cap. CXXXI. 

■ Parte II, pag. 42. 

■ Cfr. Muratori, R. L S. XV, p. 599. 

* Storie fiorentine f Parte I, Tomo II, p. 352. 

* Da alcuni Cronisti è data molta importanza a questa iritorccssiono 
dei figli di Cr.tìtr uccio per procacciar aiuti di milizie ai i*ÌHani, cfr. PUC- 
CINI, CromiM intdit. ^Arch. di Lucca p. 101), Dalli, Cr. ììml. (ibid. p. 41, 



• *«•' j-y»- '^y-'T v?:f - 



— 333 — • 

sommo fatte dai Pisani, coll'intento di stringere relazioni di 
commercio con questa ricca Repubblica e di assicurare ai 
mercatanti lombardi la piena libertà di frequentare i porti 
da questa dipendenti, e, ciò che da nessuno è stato notato, 
collo scopo per parte di Luchino di avere dei forti alleati per 
resistere al Bavaro o rintuzzarne la potenza in Italia. * Ora, 
stante la grande importanza che avrebbe codesta crudeltà del 
Comune Pisano nella sua guerra contro Lucca ci sorprende 
il fatto che non se ne sia fatta menzione dagli altri annalisti 
sincroni tranne che dal Villani; e fino ad un certo punto ci 
pare se non strano, insufficiente almeno, che Luchino fino 
air Agosto del 1341 cosi ostinato nemico dei Pisani, cosi in- 
vidioso della fortuna delle loro armi e cosi bramoso di sce- 
marne non pure la potenza, ma altresì di arrestare i loro 
progressi tanto da accordare mille uomini alla guelfa Firenze 
perchè si impedisse ai Pisani la conquista di Lucca, d' xm 
tratto, secondo il racconto del Villani, cambiato animo, offris- 
se i suoi cavalieri a Pisa perchè menasse a termine codesta 
conquista medesima, e tutto ciò in grazia unicamente del 
tradimento del Postierla: non riuscendo noi, ciò che è più, a 
spiegarci come mai i Pisani fieri avversarii di Luchino, senza 
precedenti accordi o pratiche di sorta, dimenticando i loro 
odii, abbiano un bel giorno commesso un tradimento e sola- 
mente a questo abbiano affidato V esito di una pace che al- 
trimenti non avrebbero mai sperata. 

Ma più che ricorrere ad osservazioni che non avrebbero 
molto valore per negare un fatto assicuratoci dal Villani, 
fonte, specie per questi tempi e a chi sappia attingere con 



T. ITI), Spada (ibid. 145 p.) ed un'altra cronaca, anche inedita, pisana 
3188. 54. K. Ardi, di Lucca ad an. 

* R. Arch. di Stato. Arch. del Cora, di Pisa. Divisiono A, Registro 29 
a e. 80 r. 



— 334 — 

discernimento, attendibilissima, sarà bene, mediante il sussidio 
di documenti da noi messi la prima volta in luce, constatare 
il fatto nelle sue linee generali, o meglio dare quella giusta 
importanza, che gli compete, all'atto scellerato commesso 
dalla Repubblica Pisana a favore del Visconti e correggere 
le inesattezze del Villani, le quali non istaremo ora a cercare 
se dipendano più dal suo spirito non troppo benevolo verso 
i Pisani, da mancanza di vere notizie di fatto, o dall' una 
cosa insieme e dall' altra. 

In una lettera,* che con linguaggio moderno diremmo re- 
lazione diplomatica, di un A. Diodato lacopi ambasciatore di 
Firenze a Pisa, dopo alcune comunicazioni officiali che ilhi- 
streremo'^a loro tempo, riguardanti il governo delle due Re- 
pubbliche abbiamo un esatto ragguaglio di questo tradimento 
dei Pisani che sarà bene leggere colle parole stesse del 
lacopi: 

Chome per altra lettera ieri vi scrissi per un fante proprio 
mercoldi sera fue preso per questo comune di Pisa personalmente 
a Porto Pisano Messer Francescho o vero Francescuolo àela Po- 
steria da Melano con quattro suoi figliuoli, il quale era venuto 
di Proenza in una galea di questo comune et come egli scendeva 
in terra fue acconoaciuto e appostato da alcuno appostatore di 
Messer Luchino da Melano, che gli avea mandato dietro e fecelo 
pigiare e arrestare; e cosi è preso in forza di questo comune 
egli et i d )tti suoi figliuoli ; e dicesi chel padrone lavea aicurato 
campare ma questo Comune costrinse il padrone e fue bisogno 
che lavesso e tutto ciò a fatto questo comune per piacere al 
detto Messer Luchino sognore di Melano e di ciò hanno grande 
biasmo e vergogna da questi mercatanti genovesi e da tutta ma- 
niera di giente marina ; e non vai niente chellabiano arrestato (?) 



* Regio Arcii. delle Riform. di Firenze. Lettere alla Signoria di Fi- 
renze CI. X, Di^t. li, Filza, III, anno 1341, N. 121. 



^^iT^^r 



— 335 — 

ma pare che abbiano preso partito dì non mandarlo a Melano 
ma di tenerlo in pregione colà dove stette Messer Pino dola Tosa 
in via Sancte Marie donde si va al duomo. Se altro ne flaxanifoy 
saprete per iùnanzi ecc.. 

La lettera è « data in Pisa venerdì sera tardi adi X Ago- 
sto 1341 », ed è indirizzata < Magniflcìs viris domijiis prioribus 
artium et vexillifero iustitie civitatis Florentie. » 

Cominciamo a notare alcune differenze col racconto del Vil- 
lani: 1** I figli arrestati col Postierla sono quattro non due: 2" Il 
Postierla è trattenuto soltanto e non nella prigione del conta 
Ugolino ma in quella di S. Maria : 3^ I Pisani prendono par- 
tito di non mandarlo a Milano: 4'' Il Postierla è seguito e 
poi « acconosciuto da alcuno apostatore » di Luchino: 5" Non 
è il Comune di Pisa che promette guarentigia al fuoruscito 
milanese* ma è un privato cittadino, un mercatante che lo 
« sicura campare ». S' ag.i^iunga che il tradimento avviene U 
giorno otto agosto. Di più: dal trattato di p^ce, inedito an- 
cora, * eh' io sappia, conchiuso cpl Signora di Milano risulta 
che fin dal 2 Agosto erano stati formalmente « per publicum 
instrumentum » delegati due cittadini pisani « speciales et 
solempnes sindici procuratores et nuntii » a far patti con Lu- 
chino. Ora, come si può ammettere che la Repubblica Pisana, 
senza avere qualche tempo avanti tenute delle pratiche per 
esplorare l'animo del nuovo alleato e per indurlo agli accordi 
della pace, abbia, prima evidentemente che si sapesse nulla 
del Postierla, inviati cotesti Sindaci a stringere dei patti in 
terra nemica, a Milano, eoa un fiero e potente avversario e 
senza speranza di riuscita? E come poi nel fatto del Postierla 
andrebbe spiegata in Pisa la presenza di appostatori inviati da 



■ Regio Arch. di Stato, Arch. del Comune di Pisa. Divisione A, Re- 
gistro (Istrumentarii) 29 a e. 80 r. 



— 336 — 

[.udiìno? Ecco la nostra soluzione. L'atto fu stipulato in 
t ramerà sita in turri prope caraeram cubiculariam domini 
Luchini 1, si badi all'esatta successione dei giorni nei varii 
documenti, e die dominica duodecimo mensis Augusti ».* Non 
è quiinlt piuttosto da ammettere che le pratiche per gli ac- 
cordi col Visconti gli Anziani di Pisa le abbiano già iniziate 
forile nd Luglio, in tutti i modi prima dell'Agosto, che il 2 
di questo mese sicuri, o almeno speranzosi della riuscita ab- 
biano eletti Sindaci particolari a comporre la pace e che l'otto 
dello stesso mese, colta l'occasione di poter « piacere », come 
si esprime V lacopi, a Luchino abbiano accarezzato il suo ani- 
mo e, secondo noi, abbiano preso il Postierla per tenerlo arre- 
stato come ostaggio, riserbandosi di consegnarlo a Luchino solo 
doi>o essersi, e con vantaggio, serviti degli aiuti di cavalieri 
da questo Signore promessi ? Questa conclusione è confortata 
da un altro passo della relazione dell' lacopi stesso, dove è 
detto, sempre in data dell' 8 Agosto, che « s' attendono tra 
di Lombardia e di Piemonte ben da DCCC cavalieri », ciò che 
ci fa ammettere che già le pratiche con Luchino per avere 
aiuti erano state avviate dai Pisani da un pezzo, ' e dalla te- 
stimonianza dell' autore del Chronicon Mutinense, " il quale 
ri assicura che il Postierla fu inviato al Visconti il 25 Set- 
tembre, dopo, cioè, che i Pisani coli' aiuto dei rinforzi di 
Lorjibardia aveano già riportato notevolissimi vantaggi sui 
Fiorentini e poteano oramai avere pienissima fiducia di un 
esito felice nell'impresa di Lucca, uno degli ultimi sprazzi 
di luce che mandò questa gloriosa Repubblica fiaccata fune- 
stamente dalla rotta alla Meloria. Molto probabilmente il Vil- 



* Ibid. a e. 80 r. 

* Art'h. delle Rifor. di Fir. Cfr. una nota preced. 

' Cfr. loHANNES DE Bazano, Chronicon muiifiense', in Muratori, 
B.LS. v<>l. XV, png. 599, e anche Bernar. Corio, Stop*, dt Milano. 



*'v Hf ; 



— 337 — 

lani'che pure ha parole di fuoco contro i suoi concittadini 
per avere intrapresa una guerra che dovea riuscir loro molto 
calamitosa, ha avuto qualche sentore, essendo ostaggio presso 
Mastino della Scala, del tradimento commesso dai- Pisani, e 
lasciandosi in parte turbare il giudizio dal suo spirito guelfo 
e non benevolo verso tutti in genere i nemici della sua Re- 
pubblica, e non dando o non volendo dg.re quella giusta im- 
portanza ad altre ragioni di fatto, ha creduto bene spiegare 
unicamente con questo insigne esempio di malafede la pace 
dei Pisani con Luchino Visconti. 

A. Abruzzese 



'.^.V^^y^l^^^^' ^T-'^-TT^r *">T^'T^^ 



I FABI ALLA CREMERÀ 
E GLI SPARTANI ALLE TERMOFILI 



Una fra le belle e talora sublimi leggende con le quali i 
Romani intesserono ed ornarono la pseudo-storia della loro più 
antica repubblica è quella dei Fabi morti per la patria presso 
le sponde della Cremerà: « Sex et trecenti milites, oranes 
patricii, omnes unìus gentis > per valerci delle parole di Livio ' 
si assumono come « cura privata » la guerra contro i Veienti, 
pubblico nemico del popolo romano, abbandonano la patria ed 
accompagnati dai loro clienti, erano questi quattro mila, o 
cinque mila secondo un'altra versione,* si fissano in un ca- 
stello non lungi da Velo. Quivi per circa tre anni riescono 
a mantenersi superiori ai nemici; ma alla fine caduti nelle 
insidie loro tese muoiono tutti combattendo. E di quella gente 
gloriosa che aveva avuta per un certo tempo una grande pre- 
ponderanza nella vita pubblica romana e che con la patriot- 
tica deliberazione di tener da sola testa ai Veienti espiava la 
sua condotta per il passato alquanto ostile verso la plebe 
romana rimase in vita un solo fanciullo, che era stato la- 
sciato a Roma, « stirpem genti Fabiae, osserva Livio, dubiis- 



' Liv. ri, 49, 4. 

" Fe8t. epit 8. V. " Scolorata „ p. 335 M. 



— 340 - 

<|iH* tpUus populi Romani saepe domi bellique vel maximum 
iuturum auxiliura •.* 

Se Don che questa eroica narrazione di già agli antichi 
parve ileliberatamente ornata. Lo stesso Dionisio, che secondo 
il suo rostume pur mostra di credervi, non può trattenersi 
dall' osservare come sia addirittura inammissibile che i tre- 
cento e sei Fabi avessero lasciato a Roma un solo rampollo 
ed a proposito di questo particolare osserva t che sa di leg- 
genda e di finzione teatrale • ; * parole che la critica moderna 
\ìuò ibrse estendere a tutto questo racconto. 

La critica moderna tuttavia non si è mostrata unanime 
nel giudicare del valore della leggenda, e mentre il Niebuhr 
e io SehM'Oglfìr hanno più che ad altro mirato a criticare i 
vari parti<!olari ed a trarre un nucleo storico da questo 
racconto,* altri come il Mommsen ha cercato di indagarne il 
carattere didattico * ovvero come il Richter ne ha esami- 
nato il siiiaiiicato rispetto alla topografìa.* Il Mommsen che 
a questa antichissima storia romana è tutt' altro che disposto 
a prestare fede e che ci ha insegnato come debba essere in- 



' Liv. Il, 50, 11. 

* DioN. IIal. |ióGoig yàp 8ij xaOxa ye xaC 7cXdo|iaoiv éotxs Oea- 
Tpixotj* La critica di questo particolare è fatta dal Mommsen, Rdm. For- 
schunffL'ti U, p. 257 sgg. 

* KiEUCiln, Rdm, Geschichte II, p. 219 sgg.; ScHWEOLER, II" p.519 Bgg. 

* MoMMSKX, Rum, Forschungen II p. 247. 

' RiCUTEii,/)»<j Fàbier am Cremerà, noiri?b'm<JS XVII (1 882) p. 425 sgg. 
La Dicttiorìa del Ricliter, sebbene pubblicata in uno dei migliori e più 
diffusi poriodÌGÌ che si occupino di antichità classica è rimasta sconosciuta 
ni nostro Oreste B.vkattieri, La leggenda dei Fabì^ saggio di critica 
militare (Roiim 1886) il quale con osservazioni di carattere strategico e 
t tipografico creilo risolvere la questione. Acconsento ben volentieri circa 
rimportan3?a di questo criterio, che non sempre i dotti di tavolino o usu- 
fruì scono o sono in grado di usufruire, ma constato con dispiacere come 
La mancnnsia di cognizioni tecniche, storiche e filologiche abbiano traviato 
il nostro illuhlrc generalo, sicché lo sue osservazioni sebbene qua e 



— 341 — 

vestigata, non pare sia interamente alieno dal prestare un pò 
di credenza a Diodoro, secondo il quale la gente Fabia sa- 
rebbe perita non isolatamente ma in una grande battaglia 
combattuta dai Romani presso la Cremerà.* Più risoluto è 
invece Tlhne nella sua seconda e recente edizione della storia 
di Roma, che valendosi di osservazioni già fatte in parte dal 
Perìzonio e dal Beaufort ne accentua il valore e considera 
tutto il racconto come una pura leggenda priva di qualsiasi 
valore storico. " 

Per mio conto non nascondo che in questo caso mi accosto 
più air opinione dell' Ihne che a quella del Mommsen, e con- 
trariamente al giudizio di questo insigne critico non credo 
che la versione di Diodoro meriti maggiore fede di quella 
serbataci da Livio e da Dionisio. Io non penso del resto che 
Diodoro sia più esatto degli altri allorché asserisce che i Fabi 
perirono in una battaglia accanto ad altri Romani. Reputo 
invece che come è, per quel che pare, inesatto dicendo che 
costoro erano trecento anziché trecento e sei, cosi lo sia del 
pari confondendo in un solo fatto la caduta dei Fabi e la 
successiva ed immediata sconfìtta che i Veienti fecero patire 
al console Menenio. "^ Ma su questo punto per ora non insisto; 



la, degne di molta attenzione, nel complesso sono priyo di valore e non 
approdano a nulla. Il Barattieri erode alla realtà storica del fatto e de- 
scrive persino la yia fatta dai Fabt air uscire da Roma in mezzo alle 
acclamazioni del popolo. Ma allora perchè anziché: La leggenda dei Fabi^ 
non lo ha addirittura intitolato il suo scritto: La storia dei Fabi? 
' DiOD. XI, 53 ; ofr. Mommsen, /. e. p. 246 sgg. 

■ Ihne, R^m. Geschichte V p. 159 sg. 

■ Che i xtvèg x6)v ouYYP*?é«>v ricordati in questa circostanza da Dio- 
doro in ultima analisi non si possano ridurre che alla memorie dei Fabt 
stessi, io non crcvio con il Mommsen, /.c. p. 2ò7 e in un prossimo studio 
sulla cronologia e sulle fonti di Diodoro spero dimostrare che a torto si 
è pensato che Fabio Pittore sia la sua fonte pressocliò unica. So poi 
Diodoro dice che i Fabi furono xpiaxóoioi e non 306, ciò anziché a sua 




— 342 — 

vi ritornerò allorché, fra non molto, pubblicherò uno scritto 
in cui mi propongo dimostrare che dal Niebuhr e sopra- 
tutto dal Morarasen in qua si è data e si suol dare un ec- 
cessiva importanza a Diodoro Siceliota, il quale non è migliore 
e più esjitto fonte per la storia romana di quello che è stato 
dimostrato esserlo per la storia greca; sebbene per l'una 
come per V altra attinga a fonti spesso primarie, pregevoli 
sempre. 

Ih quanto alla credibilità intrinseca o sostanziale del fatto 
non può non tenersi presente che la caduta dei 306 Fabi 
rlconla troppo dappresso, ciò che non è sfuggito all' Ihne, * un 
latto alquanto analogo, per non dire simile, che sarebbe avvenu- 
to circa 114 anni dopo. Nel 358 a. C. il console C. Fabio Ambu- 
sto, ossia un discendente dei FabI periti alla Cremerà, combatte 
al pari di costoro e incaute atque inconsulte » contro gli Etru- 
schi di Tarquinia « nec in acie tantum ibi cladis acceptum, dice 
Livio, quam quod trecentos septem mitites Romanos captos 
Tarquinienses immolarunt •. * Che alla Cremerà siano periti 
proprio 30(ì guerrieri tutti della gente Fabia, quasi tutti i 
critici dal Perizonio in qua sono concordi nel negare ; • ma 
è pur facile scorgere che i 307 caduti in potere dei Tarqui- 
uieuiii si rassomigliano im pò troppo ai 306 uccisi dagli Etru- 
scìù di Ve io. 

La dii*ùmza di circa 114 anni fra«i due fatti non frappone 
alcun ostacolo ad identificarli. Di duplicazioni proleptiche di 
uno stesso fatto e di gesta attribuite alla stessa famiglia in 
€tà diOerenti nella storia romana antichissima abbiamo esempi 



colpa puC^ ftttiibuirsi ad una fonte, che, per ragioni che fra poco diremo, 
porgeva ^juo>?ta ultima cifra. 

Iniorrio al preteso tradimento del console Menenio v. DiON. Hal. IX, 23. 

' iHNK, ojj. cit, p, 276 n. 2. 

» Lm VII, 15, 9. 

' Ì*KKJZt>.%'tus, Anitnadc. llist. (Amstcrdami 1G8j) V p. 185 sqq. 



— 343 — 

ad iosa e questo dei Fabi non farebbe al più che confermare 
la regola. Nella stessa famiglia dei Fabi abbiamo un* altro 
esempio cospicuo di duplicazione che si collega strettamente 
con la leggenda della Cremerà. 

Secondo la più diffusa anzi la generale opinione degli 
scrittori romani, opinione che non era però divisa dalla fonte di 
Ovidio, la battaglia della Cremerà sarebbe stata combattuta 
il 18 Luglio, giorno che veniva quindi numerato fra i nefa- 
sti. * Ma non solo per questo motivo il 18 Luglio era nefasto. 
In quello istesso giorno era avvenuta la disfatta dell' Alila, 
ossia presso le sponde di un altro piccolo affluente del Tevere 
che dalla Cremerà non distava che circa tre chilometri. Ora 
è notevole che dei tribuni militari, che guidarono i Romani 
contro i Galli invasori alla giornata dell' Allia, tre erano quei 
Fabi che erano già stati inviati ambasciatori a Chiusi assediata 
da quella barbara gente. " 

Plutarco ha un beli' affannarsi a dimostrare con altri sin- 
cronismi in parte autentici e in parte no, come fosse del 
tutto possibile che la battaglia della Cremerà e quella del- 
l' Allia fossero state combattute proprio nello stesso gior- 
no;" la critica anche meno diffidente non vede in ciò che 
una semplice confusione, ovvero una combinazione delibera- 
tamente \oluta; e se vi fosse qualche dubbio in proposito 
lo toglierebbe del tutto la circostanza che Ovidio, o diremo 
meglio la sua fonte, partendo alla sua volta da una inte- 
grazione anziché da un dato positivo, assegnava il 13 Feb- 
braio anziché il 18 Luglio alla strage della Cremerà. * 



' y. i passi raccolti dal Mommsen ad C.I.L. I, 2.* edit. p. 322. 

• Liv. V, 36, 11; Plut. Cam. 18, 3. 

• Plct. Cam, 19. 

• OviD. Fast. II 195 sq. Come è stato notato, v. Mommsen, m. e. p. 255 
n. 42, questa data ovidiana sta in rapporto con la festa dei Lupercali del 
15 Febb., che in origino doveva ossero un culto privato dalla gente Fabia. 



— 344 — 

Cho proprio sotto Ui guida dei Fabi i Romani abbiano pa- 
tite tre memorande sconfitte ossia nel 477 alia Cremerà, nel 
390 air^AUia. nel 358, a. C. contro i Tarquiniesi non e per 
nulla probabile. Tutto lascia pensare che un solo fatto sia 
mito [ìiii volte e vanamente foggiato a seconda del capriccio 
dell' annalista o diremo meglio dello storico di famiglia. E 
che di quelle duplicazioni si sia abusato in modo strano an- 
che a proposito della ^ente Fabia prova l'assurdo racconto 
dei trecento Romani che nella guerra punica sotto la con- 
dotta dì Fafjio Ma^-^ìnio perirono tutti in una fazione contro 
Annibale. E L'hJaro che questa fatto fantastico raccontato da 
ri nel romanziere che va sotto il nome di Aristide Milesio non 
è che un ulteriore e grottesco trasvestimento della nobile 
leggenda dei Fabi caduti alla Cremerà. * 

Secondo ogni verosoiniglianza il fatto meno antico (fatta 
astrazione dall'ultimo pseudo-racconto testé riferito) ha le 
ntaggiorì probabilità perchè sia reputato il meno lontano dal 
vero; d'altra parte il racconto che per colpa di un duce Fa- 
bio, 307 guerrieri roniimi caddero in potere dei Tarquiniesi, 
*;he il sgozzarono nella [)iazza della loro città, ha tutti i ca- 
ratteri della verosomlglìanza , sia rispetto ai feroci costumi 
del tempo, ' sìa per ci<} che Fabio, il duce romano, non vieue 
punto izlorifìcato comft nella leggenda della Cremerà. An- 
zi a proposito della sua imprevidenza, che causò la morte 



^ [TluT.] Faraii. 4. 

' Quattro anni dopo, n. 354 a. C, i Romani avrebbero rosa la pariglia 
ai TarquimeBi ** In Tarquiuit^nses, dice Livio VII, 19, 2> acerbe sacTÌtum 
multìtì morti^lìbu!* in aeìe (?a<?8Ì8 ex ingenti captivorum numero trecenti 
quinqua^inta octo ili?1ectl, nobilissimus quisque qui Romam mitterentur; 
Tolgris alimi tratiidj^tuQi, nec populus in eos, qui missi Romam erant mi- 
tior i'itit: medio in foro omncs virgis caosi ac securi percussi id prò im- 
moìatia in foro TnrquinionBiiun Romanis poenae hostibus redditum „. Tutto 
ciò^ uè non mi inganno, hu P impronta deUa più schietta e rude verità e 
ncliiamft alla mente alcune note terribili pitture murali etrusche. 



— 345 — 

ignominiosa di 307 uomini Livio osserva: « qua foeditate sup- 
plicii aliquanto ignominia populi Romani insignior fuit ». * 
Quest' ultimo racconto, ciò è evidente, non deriva da una tra- 
dizione domestica dei FabI, o da una « laudatio funebris » di 
questa gente. 

Da quanto abbiamo sin qui detto non viene certo come 
necessario ed inevitabile corollario che sia falso tutto ciò che 
è narrato a proposito di una sconfìtta romana alla Cremerà. 
La stessa confessione di una sconfitta da parte dei Romani 
deporrebbe per se stessa a favore della credibilità del fatto 
più che il racconto di una vittoria. Ma a parte ciò, le 
eccellenti osservazioni topografiche del Richter dimostrano, 
mi sembra, che la leggenda ha per base reali condizioni 
topografiche, ossia che tra i fossi della Valca (la Cremerà) 
e della Valchetta che partono da Veio e che si gettano 
nel Tevere, di fronte all'antica Fidene vi era un punto stra- 
tegico assai forte che dovette essere scelto al fine di inter- 
rompere le relazioni tra Veio e Fidene comuni nemiche di 
Roma. A ragione il Richter nota che queste guerre tra Roma, 
Veio e Fidene dovettero essere più di una, ma che il valore as- 
sai dubbio della tradizione annalistica romana ci vieta stabilire 
quando precisamente queste avvennero. Chi fidandosi della 
propria ispirazione e del proprio talento critico stimasse di 
doversi valere con precauzione di un materiale che rispet- 
to a questi tempi è quasi interamente privo di valore sto- 
rico e sperasse di riuscire così a sceverare il vero dal falso non 
solo farebbe un vano lavoro di Sisifo, ma dimostrerebbe di 
non essersi reso un chiaro concetto della natura del mate- 
riale consultato e del vero metodo critico con cui esso va 
esaminato. 



' Liv. VII, lo, 10. 



— 346 — 

Lasciamo del resto qui indiscussa la questione se e quan- 
do alla Cremerà i Romani abbiano patita una sconfitta dai 
Veienti, e volgiamoci piuttosto ad esaminare il quesito se 
nella esposizione di questa bella leggenda dei Fabi lo storico 
romano abbia avuto presente un altro fatto da lui preso a 
modello. 

Nessun critico moderno, per quanto è a mia cognizione, ha 
osservato ciò che in fondo non sfuggi ad un antico scrittore: 
ossia che la leggenda dei Fabi alla Cremerà ha una singolare 
somiglianza con l'eroica difesa che delle Termopili fecero 
Leonida ed i suoi trecento Spartani. * Il numero dei 306 Fabi 
e dei quattro mila clienti può darsi, ciò che pensano ad es. 
il Mommsen e l'Ihne, sia stato suggerito dalle forze della le- 
gione e dai cavalieri della medesima, ma si può del pari os- 
servare che Leonida oltre ai trecento Spartani aveva seco 
quattromila Peloponnesi * e può pure darsi che se talvolta il 
numero dei Fabi periti alla Cremerà è detto essere di 300 an- 
ziché di 306, si sia voluto (come anche nel caso di Calpurnio 
Fiamma che fra poco citeremo) maggiormente avvicinare i 



* Presso il PsEUDO Plutarco, l.c. si confronta appunto Leonida Spar- 
tano che avrebbe strappato il diadema a Serse e che peri alle Tcrmopili con 
trecento Spartani con i trecento Romani che morirono con Fabio Massimo, il 
quale ferito mortalmente trasse il diadema di testa ad Annibale. Questo 
racconto che è in parte favoloso e bugiardo anche rispetto a Leonida lo è del 
tutto riguardo ai Romani. Ma nel fondo è chiaro che vi fu chi vide la 
somiglianza che passava tra la storia di Leonida e degli Spartani e la 
leggenda dei Fabi. 

■ Secondo Erodoto, VII, 202, al passo inferiore delle Termopili 
con Leonida oltre ai 300 Spartani si trovarono 1000 fra Tegeati e Man- 
tinensi, 120 di Orcomeno in Arcadia, 1000 della restante Arcadia, 400 
Corinzi, 200 di Fliunte, 80 di Micene, 700 Tespiesi, 400 Tebani in tutto 
oltre agli Spartani 3900 uomini; secondo Diodoro, XI, 4. Leonida aveva 
seco oltre ai 300 Spartani, 1000 Lacedemoni e 3000 del rimanente Pe- 
loponneso ossia 4000 uomini. 



T*7 "".M'-n ^T^-^-y^T- T r;^^-9r^^l^'^J-'^;^ir*j^^,T^Xri^f' -fz^^^^ - 



— »17 — 

due eroici avvenimenti. ' Le somiglianze fra i due fatti non 
si estendono del resto soltanto al numero dei combattenti ma 
ad altri particolari. Leonida ed i suoi periscono causa il tra- 
dimento di Efialte, ed i Fabi muoiono tutti in causa della 
gelosia del console Menenio, che pur era da essi distante solo 
meno di quattro miglia (30 stadi) e che al pari di Efialte viene 
punito del tradimento. Anche queir unico Fabio che resta a 
Roma, ove diventa il continuatore della sua prosapia, può sino 
ad un punto paragonarsi con quanto Erodoto dice dell'indovino 
Megistia di Acarnania che aveva profetizzata la battaglia, il 
quale licenziato da Leonida rimase sul campo e mandò invece a 
casa l'unico suo figlio. " Dal lato cronologico fra i due fatti, e 
ciò venne di già notato dagli antichi/ v'é un quasi perfetto 
sincronismo. Nel 480 a. C. Leonida muore alla Termopili, nel 
479 varroniano (=275 a. C.) i Fabi si recano alle Cremerà. * 
Ma più notevole di questi vari particolari è la somiglianza 
sostanziale che esiste fra i due racconti, dacché tanto Leo- 
nida ed i 300 Spartani quanto i 306 Fabi si sacrificano per la 
salvezza della patria comune. 



^ Il numero (ii 300 nen è solo dato da poeti ad es. da SiLio Ita- 
lico II, 4; VI 637; ma anche da storici come da DiODOBO XI, 53, y. s. 
p. 357 n. 8 e da Plutarco, Cam, 19, 1. 

' Herodt. vii, 221. 

» Gell. N. a, XVII, 21, 12 sq. 

* Tralascio altri punti di contatto, ad es., le fasi della lotta sostenuta 
dai Fabt secondo una dello versioni riferite da Dionisio, IX, 20, 89. Po- 
trebbe apparire un notevole punto di differenza il fatto che mentre Leo- 
nida congeda gli alleati e muore con i suoi 300 e con qualche Tespiese, 
secondo alcune versioni, DiON. Hal. IX, 23; Oell. /. e, muoiono ancho 
tutti i 4000 clienti dei Fabi. Vero è che dalla maggior parte degli autori 
non si fa menzione di costoro e si parla solo della morte dei Fab! 
(v. ad CH. Liv. Il, 49, 3; 50, 11) ma ciò deriva sopratutto dalla poca im- 
portanza che si dava ai primi. Tuttavìa la differenza ò minore di quello 
che può sembrare a primo aspetto, dacché, come Leonida esonera gli 
alleati dair obbligo di restare con lui e li licenzia, così, i Fabt liberano 
i riiuan?nti Komaui dal pensare alla guerra veiente. 



— 348 — 

Tale somiglianza i^ispetto al fatto fondamentale e 1' appa- 
rente rispondenza cronologica non sono certo frutto di sem- 
plici casualità. La critica moderna, la quale, grazie allo sguardo 
profondamente penetrante del Mommsen, ha riconosciuto come 
tutta la più antica storia romana sia stata oggetto di un com- 
plicato e denso teasilto di deliberate falsificazioni, spiega agevol- 
mente a se stessa questa e le altre somiglianze che esistono 
tra la storia greca e la romana. Allo stato attuale della 
critica io reputo ozioso dimostrare la tesi come per un pro- 
cesso di tran^lazione un fatto greco possa essere stato ri- 
prodotto ed inserito nelle pseudo-gesta romane. Nessuno 
ignora come ciò sia avvenuto in larga scala non solo per la sto- 
ria di Roma ma anche per quella di altri popoli nel medio 
evo. Questo processo non è che una fase ed una forma di quello 
stesso fenomeno per cui i miti greci della madre patria, per es. 
dalla Tessalia e dair Arcadia vennero localizzati in altre re- 
gioni elleniche e barbariche; e la leggenda dei Fabi può 
secondo il mio avviso essere messa nella stessa categoria di 
quanto ad es. si riferisce intorno a Tarquinio rispetto a Gabì 
confrontato con ciò che è narrato da Erodoto a proposito di 
Periandro e di Zopiro, ovvero con la pseudo-storia delle guerre 
combattute dai Romani nei primi anni della repubblica, le 
quali non sono ohe versioni pressoché letterali dell' Iliade 
ovvero ripetizioni di altre più antiche battaglie combattute 
Tra i Greci. ' Intorno alla cronologia va pure osservato che 
la, rispondenza del tempo che v* è fra la difesa della Ter- 
mopìli e la leggenda dei Fabi va messa nella categoria di 
quei molti falsi sincronismi che si trovano tra le storie dei 
due popoli, dei quali basterà ricordare ad esempio la inven- 



'■ Rimando a qaauto ho osservato in questi Studi II p. 337 sgg.; cfr. pu- 
ro E. ZaHKcke, Ber EìnJÌHss der griechlschcn JAtteratur auf die EiUicick- 
lutnj dei* y'ùmhchtn Prosa nelle Commcnt. i>hilol. pubblicate in onoro 
del Kibbetrk (Lipdiae 18^8) p. 267 ^^^, 



-'TfS^RTffp-'^ ^''ìfV?7''*^"l*; -^V^^-TT y:^ . T-^^yi j~r^ 



— 349 — 



tata rispondenza tra Numa ed il suo preteso maestro Pita- 
gora, la legislazione serviana fissata all'età solonica, la cacciata 
dei Tarquini che si fece coincidere con quella dei Pistratidi, 
la fondazione di Roma rispondente al sorgere dell' impero 
babilonese etc. 

Ma anziché indugiare a dimostrare ciò che ammette ormai 
come indiscusso una scuola autorevole di critici parmi più 
opportuno ci facciamo la domanda: chi sia stato colui che la 
leggenda dei Fabì modellò sulla storia delle Termopili. La 
risposta non è difficile. Occorre infatti subito alla mente 
il nome di quel Fabio Pittore, primo storico di Roma in or- 
dine di tempo, autore di una storia scritta in greco, condotta 
sulla scorta dei Greci, * al quale, senza dubbio di sorta, la 
gente Fabia è in parte debitrice, se cosi grande parte le 
viene assegnata nei fasti dell' antica repubblica. Della storia 
di Fabio Pittore, secondo ogni verosomiglianza, o per lo meno 
da altre memorie domestiche della gente Fabia, derivò la tra- 
dizione secondo la quale il progenitore dei Fabì sarebbe nato 
da Eracle e da una ninfa tiberina. * I Fabì sarebbero per- 
tanto stati Eraclidi al pari di Leonida e degli altri re Spartani, 
credenza che nella sostanza si accorda con V altra secondo 
la quale i Fabi erano di origine sabina, • dacché anche i Sa- 
bini, come é noto, credevano discendere dagli Spartani. Ora 
dacché i più antichi storici romani, a partire da Fabio, le 



* Plut. Bom. 3; cfr. C. Trieber, IH0 Romulussagé nel Bhein. 
Mus. XLIII (1888) p. 569. Di questa leggenda credo del resto arere 
trovata una genesi diversa e più probabile. Mi riservo dì esporla fra non 
molto. 

* Plut. Fah, Max. 1; Snii. Ital. IT, 8; VI, 628 sqq. Appunto perchè 
Fabio Massimo si credeva un eraclide si spiega (e non so se ciò sia mai 
stato notato) perchè egli, presa Taranto, lasciò bensì a questa città le statue 
irate dei loro deij ma nondimeno trasportò a Roma la statua colossale di 
Kraclo, v. Plut. ib. 22, 8. 

» Diox. Hal. II, 48. 



— a^o — 

gesta romane narrarono spesso a somiglianza di quelle gre- 
che e per raggiungere una maggiore somiglianza dettero vita 
a falsi sincronismi, apparirà tutt' altro che strano che stra- 
sformando un fatto forse inglorioso, avvenuto circa un secolo 
prima, abbiamo finto che verso Tistesso tempo in cui l'Eraclide 
Leonida iiiimolò se ed 1 suoi compagni per la salvezza della 
patria, gli Ernclidi Fabì a proprie spese, con sacrificio delle 
proprie persone e dei propri clienti si assunsero la cura di 
liberare Roma dalla guerra veiente. 

Secondo il Mommsen la leggenda dei Fabi nel pensiero dei 
più antichi utmalisti avrebbe avuto un significato didattico : 
ossia esporre lo svantaggio e la mancanza di scopo del « bellum 
privatuni » e della « coniuratio • rispetto alla t militia legiti- 
ina ». Nel fattt), egli dice, sembra che il fine didattico di questa 
strage consista neir insegnare che il cittadino non deve fare 
atti eroici di propria iniziativa, ma che invece deve re- 
spìngere valorosamente il nemico sottb il comando dei supe- 
riori ai quali \'olontariamente si subordina. * Senza pretendere 
infirmare il valore delle osservazioni del Mommsen ci pare che 
il fine precìpuo della leggenda sia dimostrare che i Romani ed 
in modo pirticolare la gente dei Fabi non furono meno valo- 
rosa degli Siì^iftani reputati i valorosissimi fra i Greci. La leg- 
genda dei Fabi non è l'unico fatto d'armi che ai Romani sug- 
gerì un confronto con l'eroico atto di Leonida. Pochi decenni 
dopo Fabio Pittore, Catone, alla figura del nobile re Spartano 
contrapponea con forza quella dell'oscuro tribuno militare che 
presso Camarina, durante la prima guerra punica (258 a. C.) 
con quattrocento comimgni salvò V esercito romano, " e affin- 



* Mommsen, m. e. p. 254. 

■ Cat* apd Oell. Ili, 7 = fr. 83 P. •* Leonides Laco quidem simile 
ftp «111 Theirinopylas fecit, propter eius virtutes omnia Qraecia gloriam atque 
gratiam praeeipuam claritudinis inclitissimao decoravere monumentis, si- 
gme, Btcìtaìt^, clogiis, historiit} aliisque rebus; gratissimum id eius factum 



r7«^^rr^«r7 ' — r»-^— ^"..1 •*»"- » 7;?t; tr-. »• --^ /?. ■■ ^;:'"^'^?5T^.^"5TT. 



— 351 — 

che il confronto fosse più sensibile, altri scrittori i 400 Ro- 
mani ridussero appunto a 300. ' Catone stesso che del resto, 
con il suo Manlio, come i Persiani condotti da Idame e da 
Eflalte, valicò di notte il colle soprastante alle Termopili ren- 
dendo cosi possibile la disfatta di Antioco che vi si era forti- 
ficato (191 a. C), là dove menava cosi gran vanto della propria 
azione, confessava che il pensiero di tentare quell'impresa gli 
era stato suggerito dal ricordo del celebre episodio della guer- 
ra persiana. " 

Il parallelismo tra la storia spartana e romana non fu del 
resto limitato alla sola leggenda dei Fabi. Il popolo che aveva 
per tanto tempo avuto V egemonia politica e militare nel Pe- 
loponneso e che per tempo più o meno lungo T impose anche 
ai rimanenti Greci, la gente che si reputava avesse dato vita 
ai Sabini più di ogni altra si prestò a dare pretese origini 
alle istituzioni di quel popolo romano che i degeneri Spartani 
non meno degli Ateniesi trattò poi con deferenza in grazia 
del loro glorioso passato. E perciò senza dubbio non mancò 
chi i 300 celeres romani reputò un imitazione dei 300 hippeis 
spartani, il senato della gerusia, i banchetti delle curie credet- 
te derivati dai flditia,* i tribuni della plebe una istituzione del 



habuere. at tribuno militum parva laus prò factis relicta^ qui idemfeeerat 
atque rem aervaverat ,,. 

^ Liy. XXII f 60, 11 ** priore Punico bello Calpumius Fiamma tre- 
ceniis TolimtariiB... dixit eie. „ ; Oros. Ili, 8, 2. 

• Plut. Cat, Maior, 13, 1 xijv dà nepoixTjv èxetvijv nepii^Xooiv xat 
xóxXooiv 6 EdxQ>v slg voDv po^ó|i8vog xxX.; cfr. 14, 2 sq. 

' DlON. Hal. II, 18; 14; 23. Il confronto tra i 300 celoros romani 
ed i 300 caraUeri spartani è stato oggetto anche dì indagine da parte 
di qualche critico moderno il quale non ha però tenuto conto del passo 
dì Straboite, X p. 481 0. in cui si afferma che i cosi detti Cnneig com- 
battevano a piedi. 

Mostrerebbe poi di conoscere ben poco Dionisio prendendolo alla let- 
tera ohi credcsBO che egli esprima un apprezzamento personale (xoOxó ^ot 
Soxeì xtX.) anziché un dato tolto da quelle stesse fonti dalle quali, II 49, 



— 352 — 

tutto analoga agli efori f^partani. * E questo inopportuno con- 
fronto dei cinque efori con i tribuni della plebe fu la causa, 
se non ini ingcinuo, per cui sorse la falsa tradizione che in 
origine questi rappresentanti della plebe romana anziché due 
o quattro ili numera furono cinque. " 

Ettore Pais. 



appreio che gli S partali i g^iunti in Italia dettero origine al popolo Sabino 
ìì cbe ùìb apio^ara J^origiiiQ spartana di molte istituzioni sabine (xaC Std 
TojTo TCoXXi T^v vop.i^ffiv Elvat Sajivojrv Aax(Dvix& xxX.); ofr. Plut. 
Nitnu ]. L'origine dì <ìiiueta leggenda come apprendiamo del resto da 
Straboxe V p. 250 C. fe di origine tarantina. V. la mia Storia d' Ita- 
lia l p. 587. 

* Cjc. rf. %. m, 7, 16; ofr. Val. Max. IV, 1, 8. 

' Liv, II, H3, £; DiON. Bal. VI, 89. Il numero di cinque tribuni è 
giudicato fiilso au«he dftl MosiaiSEN, Rom. Staatsrecht, II" p. 265. La tradi- 
zione pho furono in origino quattro è serbata da DlODORO, XI. 68. Ma 
au ciò toruL>rù in seguito a discorrere. Per spiegarsi la tradizione dei 5 
tribuni più tardi i dotti Romani la collegarono a torto, cfr. MoHMSBN l. r., 
con le vUxìiìiì delln ooHtituziojio scrviana, v. Ljv. Ili, 30, 6; AscoN. p. 76. 



LA DISFATTA DEGLI ATENIESI 
ALL' ASSINARO 



La descrizione della fine della grande spedizione ateniese 
in 'Sicilia (a. 413 a. C), che costituisce una delle più belle 
parti deir opera tucididea (VII. 78-87), offre nello stesso tem- 
po interessanti dati per potere determinare la via seguita 
dagli Ateniesi nella loro infausta ritirata; dati tanto più im- 
portanti inquantochè il grande storico ateniese è il primo a 
riferire minutamente T avvenimento. Gli Ateniesi, a dirla in 
poche parole, comandati da Nicla e Demostene, sconfitti nella 
battaglia navale dai Siracusani e chiusi nel porto, cercavano 
salvezza nella fuga. Tentarono, ma invano, di giungere all'al- 
tipiano acrense, ed avviatisi per la via Elorina riuscirono a 
passare il Kacyparis. Ben presto però la retroguardia coman- 
data da Demostene fu raggiunta e sconfitta da Gilippo e dai 
Siracusani. Nicla intanto col grosso dell' esercito seguitò la 
ritirata e passando l'Erineo mosse alla volta dell' Assinaro. 
Ma quivi giunti, mentre si sbandavano per bere e per gua- 
dare il fiume, si videro fieramente assaliti dai Siracusani: 
grande fu la strage e di 40 mila uomini che avevano spe- 
rato scampo nella fuga soli 7 mila ebbero la poco lieta for- 
tuna di passare dal campo alle latomie siracusane. 

Quale fosse la via Elorina è ben noto, e si sa pure che 
il Kacyparis corrisponde all'odierno Cassibile. L'acume dei 



— 354 — 

f ritici si è invece esercitato a stabilire a quali fiumi d* oggi 
corrispondano gli antichi Erineo ed Assinaro. Di già THolm 
sostenne che V Erineo sia da identificarsi col torrente detto 
la Ca\ aliata e T Assinaro colla Falconara o Fiume di Noto, 
rutitrariamente all' opinione di altri, come il Leake, che pen- 
sarono doversi ritenere la Falconara per l' Erineo e il Tellaro, 
anticamente detto Eloro, per T Assinaro.* A sostegno dell'opi- 
nione dell' Holm si schierò poi anche il Freeman: in senso con- 
trario scrisse invece il Pais, il quale seguendo, solo in parte, 
il Leake argomentò doversi realmente ritenere la Falconara 
per r Erineo e il Tellaro per l' Assinaro. * Gli argomenti ad- 
di>fcti dal Pais sono forti, ed acute le sue osservazioni, si da 
poter considerare, a mio giudizio almeno, la questione come 
risoluta. L'ultimo critico che l'ha ritrattata, il Prof. Mattia Di 
Martino di Noto, accettando a metà i risultati ai quali era 
pervenuto il Pais, ha cercato tuttavia di giungere ad una 
ipotesi nuova: ha pensato cioè che 1' Erineo sia veramente 
da identificarsi colla Falconara, ma che l' Assinaro piuttosto- 
che nel Tellaro debba riconoscersi nel Laufi, fiumicello posto 
circa due chilometri più ad est di questo.* 

Si è apposto al vero il Di Martino? Io ne ho dubitato e, 
poiché al pari del Prof. Di Martino sono nativo di quei luo- 
ghi, mi sono sentito spinto a ristudiare la questione visitando 
la contrada, dove sarebbe avvenuta la catastrofe della riti- 
rata e mi sono convinto, senza più, non solo che l' Erineo 
corrisponde alla Falconara, ma ancora che l'Assinaro non è 
altro che 1' odierno Tellaro e che quindi l'ipotesi del Di Mar- 



' Holm, Gesch. Skil. II. p. 440 sg.; Dk Stadi Syrakus in AUet^thum 
ed. Lupus p. 154 8gg. 

■ E. Pais, Atahta (Pisa 1891) p. 75 sgg. 

' M. Di Martino, Tai disfatfa degli Ateniesi air Assinaro (Paler- 
mo 1898). 



"?7'^r* 



— Sos- 
tino non è verisimile. Egli è indotto a pensare al Laufi dalle 
parole di Tue. VII, 84: xal oE 'Aeijvalot ijTueiYovxo itpò^ xòv 
' Aaaf vapov TuoTajióv. . . oJ6{ievot f aóv xe ocptotv 5oeo6at, ?Jv Sta^aot 
xòv Tuoxafióv, fi(ia 5è óiuò xfj€ xaXatTccopio^ xal xoO TcteTv èiuiGujii? ; 
pensando essere naturale che gli Ateniesi, spinti dalla sete, 
andassero incontro al primo fiume che si offriva loro innanzi 
nella marcia. Ma io credo che prima di venire ad esaminare 
lo scopo cui miravano gli Ateniesi sia da osservare se vera- 
mente il Laufi poteva essere il fiume di cui parla il nostro 
storico. Questi, 1. e, narra che gli Ateniesi si gettarono di- 
sordinatamente neir Assinaro, e per guadarlo e per bere, e 
che furono assaliti dai Siracusani mentre èv xotXcp 6vxt x(p 
7coxa|i$ èv ocptatv aòxcT^ xafaaGO|iévou^: donde appare chiara- 
mente che r Assinaro era un fiume profondo e largo, e cioè 
un vero tzox(x\s/)^. Il Laufi oggi, piuttostochè un fiume, è un 
piccolo torrente del corso di circa 9 ehm.; e i contadini del 
luogo asseriscono che neppure d'inverno lo si vede abbon- 
dante d' acque. Per quanto grande sia stata in Sicilia 1' effi- 
cacia esercitata dai terremoti e dal disboscamento rispetto 
alla diminuzione del volume d' acqua dei fiumi, non è vero- 
simile pensare che nell' antichità il Laufi sia stato un vero 
fiume. E nell'antichità infatti di esso non si ha alcun ricordo, 
sebbene il Di Martino creda potersi basare suir autorità del 
Fazello per argomentare che anticamente fosse un vero fiu- 
me. Ma il Fazello, che identificava 1' Assinaro colla Falco- 
nara, dice soltanto: « post Assinarum fi. ostium ad Elorum 
usque dirutum castellum tota ferme littoralis ora, quae ad 
p. m. 4 extenditur Lauphis hodie vulgo dieta clamorosa est ob 
id quod exesas habet speluncas et asperas concavi tates... luxta 
mare lacus est gurgus, Lauphi vulgo dictus » ; * dalle quali 
pai'ole appare manifesto che nemmeno il Fazello designa il 



* Fazello, de reh, sic, dee, IV, 2, p. 122 ed. del 1723. 



— 356 — 

Laufi come fiume. Egli parla della spiaggia del mare che 
appunto corre tra questo torrente ed il Tellaro, e che, 
come io ho visto, è veramente cavernosa ed è chiamata lo- 
calmente f i Lauti 1. Ed anche oggi, come al tempo del Fa- 
zello, in tal modo presso i contadini è detta quella spiaggia 
e non già il torrente. In quanto poi al t gurgus • da lui men- 
zionato, si comprenda come in quel luogo potesse essere una 
ma:^^ tV acqua stagnante, formata probabilmente dalle acque 
stesse del mare abitate dai venti furiosi; uno cioè di quei 
pantani che sono tanto comuni sulla nostra isola * e come 
esBO potette quindi prender nome dai vicini Laufi. Non è 
quinfli, a mio giudizio, accettabile l' opinione che colloca TAs- 
sinaro m-ir odierno torrente del Laufi. L' Eloro o Tellaro, an- 
ticamente, senza dubbio era invece un grosso fiume. 

Ma passiamo ora ad esaminare la questione più partita- 
mente. Per qual fine Nicia marciava coli' esercito verso TAs- 
sinaro? Perchè, secondo lo stesso Tucidide, era incalzato dal 
nemico e credeva che passato quel fiume le condizioni dei 
suoi sarebbero migliorate, mentre che si sarebbero liberati 
dalla sete. Non era però la sete il movente principale che 
li spingeva in quella marcia, ma la speranza di sfuggire al 
pericolo. Non offriva forse un mezzo di difesa il fiume stesso? 
LTna volta passato V Assinaro o Tellaro gli Ateniesi avrebbero 
potuto serrai'si quasi dietro ad una barriera in causa del largo 
corso di quello difficile a valicarsi, specialmente dalla cavalle- 
rìa, e quiuili guarlagnare le ripide sponde che per loro scia- 
f^ura tui'ono preventivamente occupate dai Siracusani. Si pensi 
poi come gli Ateniesi sin da quando videro mal riuscito il 
tentativo di ascendere V altipiano acrense, piuttostochè mar- 
ciare alla volta, tli Catania, decisero incamminarsi dall' altra 
parte delT ìsola lungo la via Elorina, verso Camaria e Gela. 



Ctisl b \t. s. nvlh località detta Scaro, tra Pozzallo o Spaccafomo. 



— 357 — 

(VII. 80) E forse improbabile, ciò posto, che essi valicando il 
Tellaro sperassero trovare scampo presso genti poste ad orien- 
te di questo fiume? 

Possiamo dire qualcosa di più. Arrivando al Tellaro po- 
tevano sperare di raggiungere i Siculi di Erbesso. L'aiuto dei 
Siculi l'avevano già sperato conseguire salendo lungo il Kacy- 
paris nella contrada superiore mediterranea; e in tale con- 
trada infatti hanno parimenti le loro sorgenti questi due 
fiumi. E ciò si spiega amettendo che T antica Erbesso esistesse 
in queir altipiano; quivi infatti, e propriamente presso la 
odierna Buscemi, aveva creduto antecedentemente collocarla 
il Pais, giungendo a questa sua convinzione con un complesso 
di osservazioni storiche e topografiche. * Io credo che questa 
città sia da porsi veramente in quella regione e che conse- 
guentemente sia da ammettersi l'identificazione dei tre fiumi 
Erbesso, Eloro, Assinaro, accettando la correzione del seg. luo- 
go di Vibio Sequestre fatta da C. Miiller; « Herbessus qui et 
Hendrius (i. e. Elorius) [ab] oppido Alorino (i. e. Elorino) de- 
ciirrit per fines Helori »." Di più non reputo inverosimile che 
dell'antico nome Erbesus sia rimasta traccia nella voce Abisus, 
colla quale sino ai tempi del Fazello 1. e. solevasi designare 
il corso inferiore del Tellaro, * tenendo conto del fatto che i 
volghi, attenendosi a semplici regole di assonanza, sogliono 
spesso far subire ai nomi non piccale variazioni. Che uno stesso 
fiume poi abbia potuto avere più nomi, particolarmente in 
Sicilia, dove oggi come anticamente i fiumi sogliono prendere 
nome dalle vicine città, notoriamente è cosa assai comune. 
Il Tellaro nel suo corso superiore ebbe certamente il nome di 



^ Pais, Alcune osservazioni sulla storia e sulla amministrazione della 
Sicilia duraìUe il dominio Romano (Palermo 1888) p. 48 sg. 
' V. le note all' cdiz. di Tolomeo edita da C. Mailer p. 403. 
» Pats, Atakta p. 81. 



— 3r)8 — 

Krbesso corno l'icavn <ìa una rarissima moneta degli Erbessini, 
jD:entilmente imlicatami dal Pais, * nella quale oltre alla leg- 
genda EPBHS2TNGX si vede la protome del toro indicante 
il vicino fiume- Nel corso inferiore si dovette sicuramen- 
te chiamare Elora. dal nome della vicina città marittima; 
Assinan> infine dovette essere secondo ogni probabilità il no- 
me del corso medio rlel fiume dove, come diremo fra poco, 
avvenne la sconfìtta degli Ateniesi. 

Che del resto i fiumi nell'antichità come ne* tempi moderni 
abbiano cambiato nome si può dimostrale per molti esempi. E 
mi busti rammentare il Panaro che all'età romana si diceva 
Scuitena, nome che oggi è rimasto al corso superiore del me- 
desimo che il fiume della Beozia che al tempo di Lisandro 
era detto Oi)lJa più tardi si diceva Isomanto (Plut. Lys. 29. 8; 
un altro esempio v. ìb. Demosth. 19, 1). 

Il Di Martino, conseguentemente alla sua ipotesi, ammette 
l'identificazione Lauli, Assinaro, Erbesso, e crede anch' egli 
che passando quel fiume gli Ateniesi mirassero a ricongiun- 
gersi coi Siculi di Erbesso. Egli, tuttavia, credendo che il 
luogo di Yibìo Sequestre sìa corretto, pensa essere stato 
€ Endrius » il nome dell' odierno Laufì ; e dal fatto che i Ro- 
mani raccoglievano in Erbesso le vettovaglie e dalle parole 
di Livio XXIV. S.5: < Helorum atque Herbessum dédentibus 
ipsis recipft (s. Marcellusì i^ stima poter dedurre che Erbesso 
giacesse sul mare, accanto ad Eloro e propriamente sulla foce 
del Laufl, dove il Fanello, 1. e, vide numerose rovine. Ma 
questa convinzione, oltreché basata su niun saldo argomento, 
viene, per quanto a me sembra, ad urtare colle antiche te- 
stimonianze. Secondo Tolomeo Erbesso verrebbe a giacere 
tra il territorio di Netum e quello di Leon tini; " e tra il ter- 



' V. Imiiiiof-Bldmiìb, Mfmnaies Greques (Araeterdam 1882) p. 19n.25 
■ Ptol. ed. 4.ùt. p. 40y. 



— 359 — 

rìtorio (iella stessa Leontini e quello di Siracusa verrebbe ad 
essere collocata secondo il luogo di Livio, dove è narrata la 
presii di Leontini per opera dei Romani. * Inoltre se Erbesso 
fosse sorta accanto ad Eloro sarebbe stata presso alla via 
Elorina, sulla pianura, e in un luogo quindi accessibilissimo 
ai Siracusani mentre essa era una città sicula dove anda- 
vano per aiuto gli Ateniesi ; oltreché se fosse stata in quella 
posizione sul mare, esposta quindi agli assalti dei Cartaginesi 
non avrebbe potuto servire di granaio ai Romani. Tutto ciò 
dimostra palesemente come quella città non poteva «prgere 
presso il Laufl, come vorrebbe il prof. Di Martino, e come 
quindi passando questo fiume Nicla non avrebbe potuto in 
essa torvare lo sperato aiuto. 

Una circostanza fatta già valere dal Pais la quale anche a 
mio parere sembra che nel fatto favorisca il riconoscimento Tel- 
laro- Assinaro è la seguente: Tucidide dice che le sponde del 
fiume, dove avvenne la battaglia erano ripide (f^v 8è xpr)|JLVfi)8g^) 
come quelle deir Eloro o Tellaro dove, a testimonianza di 
Pindaro, ebbe luogo la vittoria di Cromio. " E vero che 
le sponde di questo fiume vicino al mare sono alquanto piane ; 
ma è poi (ierto che la strage degli Ateniesi avvenne vicino alla 
foce del fiume ? Tucidide su ciò non dà nessuna indicazione , 
air infuori di quella già notata, che gli Ateniesi cioè s'erano 
incamminati per la via Elorina. Oa io credo non solo non 



* Lrv. XXIV, 30, 2: ** Hippocratcs atque Epicydea postquam capi 
nìuroB refringiquo porfeas videre, in arcem set^e cum paucis reoepere ; inde 
clam nocto Herbesum perfugiunt. Syracusanis octo milium armatorum 
agminc profeeiis domo ad Mylaa flumcn nuntius oc curri t captam urbcm 

esse exercitum ducunt Mcgaram, ipsi (Le. duces) cum paueis equitibus 

Ilerbcsum proficiscuntur ape territis omnibus per proditionem urbis po- 
tiundao. quod ubi frustra eia fuit inceptum, vi agendum rati postero die 
Megaris costra movcnt, ut Herbesum omnibus oopiis oppugnarent. „ 
cfr. ìb. 35. 

• PiND. Ntm, IX, 95: paOoxpi^|ivo'.o: 5' dcn^' àxxalg 'EXcòpou. 



— 360 — 

potersi argomentare che abbiano tentato di valicare il fiume 
presso la foce, Jiia iloversi anzi pensare che abbiano fatto 
altrinieiiti. Il nostro storico ci fa sapere che proprio quando 
gli Ateniesi spepav;uio raggiungere V Assinaro erano incalzati 
dalla ravtdleria nemica. ' Ora non è naturale pensare che 
*;osi s<jspinti essi, anziché persistere sempre a marciare nella 
via Elorina durante la battaglia (cominciata gìh, a testimo- 
nianza dello stesso Tucidide (e. 84), quando mossero dall' Erineo 
verso l' Assinaro) per schivare l'impeto della cavalleria pie- 
gcO.ssero più ad occid*-^nte^ Gli Ateniesi speravano di passare 
il Tellaro ove un ampio corso d' acqua e ardue montagne si 
frapponevano fra essi ed il territorio di città nemiche o per 
Io meno rivali dei Siracusani e senza dubbio questo fine 
poteva raggiunj?ersi valicando non già il fiume presso alle 
ibci, non lungi da Eloro per piane regioni ove i nemici li 
avrebbero sempre facilmente raggiunti e perseguitati, bensì 
più ad occidente ove i monti, formando come una barriera 
alla cavalleria siracusana, rendevano più agevole la ritirata e 
dove le sponde erano e sono tuttora, come Tucidide dice, 
assai rìpide. 

Circa poi alla colonna che sorge vicino al Tellaro, detta 
eoinunemente la Pizzuta, io credo non potersi asserire con 
tutta certezza che si riferisca alla disfatta degli Ateniesi ed 
alia vittoria dei Siracusani. Attendiamo che questo monu- 
mento, al pari della colonna posta sul corso superiore del fìu- 
rae^ venga esaminata accuratamente da uno storico dell'arte. 
Tuttavia non lo na,srondo io tendo ad accettare l' opinione di 
coloro i quali credono sia stata realmente innalzata per ri- 
cordare la battaglia dell' Assinaro. 



* Tncc. m, 84: nxi ol 'AGrjvaiot -^mi^owzo Tipog xòv 'AooJvapov 



■^jErin».. ..J 



— 361 — 

Il Di Martino però reputa che la colonna debba indicare 
r avvenimento della battaglia sul Laufi, perchè se si dovesse 
riferire al Tellaro si dovrebbe, secondo lui, pensare che fosse 
stata posta dove la battaglia ebbe principio, cioè al di qua del 
fiume, mentre si deve ritenere che sia stata collocata dove 
la battaglia ebbe fine, e cioè al di là del fiume. Ma questo 
argomento si troverà esser privo di qualsiasi peso qualora si 
pensi che gli Ateniesi, a testimonianza di Tucidide (c.84), non 
arrivarono a valicare il Tellaro perchè, inseguiti, furono sor- 
presi di fronte dai Siracusani che avevano occupata la ri- 
pida sponda dalla parte opposta, sicché stretti fra due forze 
lasciarono la vita in quel luogo medesimo. Non ci sarebbe 
stata quindi ragione di innalzare la colonna al di là del Tel- 
laro. CertOj^ se ha peso quanto dicemmo, la disfatta dovette 
avvenire un poco più ad occidente della direzione della co- 
lonna. Ma a determinare la collocazione di questa potè con- 
tribuire r opportunità del luogo atto a celebrarvi la 'Aotvapfa 
éopiT^ * o r 'EXciptos 'aycóv, ' ossia la solennità annuale isti- 
tuita dai Siracusani in ricordo della vittoria. 

Collocata su un lieve altipiano essa era facilmente scorta 
dalle terre circostanti e dal marinaio che percorreva il non 
lontano mare. Presso alle porte della città e alla spiaggia 
del mare, meglio che sul luogo preciso in cui avvenne la bat- 
taglia, attestava, forse, il valore e la fortuna del popolo che 
l'eresse. 

Emanuele Ciaceri. 



' Pllt. Nic. 28. 

* HESYCU. tì. V. 



..^— --■..*-.-. .^^ IV^I t"' '.'T*' ^^' 



CONTROVERSIA LACTANTIANA 



His in Studiis Historicis (ann. Ili, fase. I, pp. 65-70) Samuel 
Brandtius < Adnotatiunculas Lactantianas » edidit, quibus 
sententias quasdara suas, quas penitus ego mihi excussisse 
et infirraavisse videbar, rursus defendere conatus est; ea qui- 
dem humanitate atque erga me benignitate, ut a me quam 
maximae gratiae ei tribuendae sint. Quaedam tamen quae 
Brandtius mihi opposuit eiusmodi sunt, ut eis adsentiri ne- 
queam; liceat igitur mihi sententias meas quam brevissime 
sustinere. 

Adfirmaverat Brandtius libellum lactantianum De Opificio 
Dei Demetriano cuidam, Lactantii ipsius auditori, dicatura, 
neque in publicum editum, neque Christianis sed proprie uni 
Demetriano exaratum esse. Quae cum ego, loco Inst. II, 10, 12 
collato, indrmassem, Brandtius a seutentia sua adeo recessit, 
ut pro/lteretur se fortiisse niniis definite uni Denietviauo di- 
xisse; rursus tamen negavit, libellum in publicum prolatum 
esse. 

Equidem non tantum ex Inst. II, 10, 12, libellum uni Deme- 
triano concinnatum non esse clarissime patet, sed etiam ex loco 
De Opificio Dei I, 2 < nunc profiteor nulla me necessitate vel rei 



— 364 — 

vel temporis irapeiìiri, quorainus aliquid extundam, quo philo- 
sophi sentati nostrae qùam tuemur instructiores doctioresque 
in posterum flaut, quamvis nunc male audiant castigentur- 
que vulgo, quod aliter quam sapientibus convenit vivant 
tìt vitia sub obteutu uominis celent » ; quibus verbis Lactan- 
tìus et quo spectaverit et quid sibi proposuerit declarat. 
LibelUim denique non modo Christianis, sed gentilibus quoque 
compositum constat praeterea ex loco Inst. II, 10, 12: « Hermes 
illud explanare temptavit, quam subtili ratione singula quae- 
<iue m corpore hommis membra formaverit (se. Deus) cum 
eorum uiliil sit quod non tantundem adversus necessitatem , 
quantum ad pulchrìtudinem valeat. Id vero etiam Stoici cum 
tle ProvideutJa disserunt, facere conantur, et secutus eos Tul- 
lius pluribus quidcm locis, sed tamen materiam tam copiosam 
et ubereiii strictim coutingit. Quam ergo idcirco nunc prae- 
tereOj quia nuper proprium de ea re librum ad Demetrianum 
audìtorem meum scripsi ». 

Op[josuit lirandtius Lactantium, eo Institutionum loco 
libellum suum non iddrco laudavisse ut legentes ad ipsum 
libelluiu remitteret, sed tantum ut se purgaret, quod quae- 
stionem, in qua tatus De Opificio Dei versatur, in Institu- 
tionibus praeterìsset. Alterum tamen alterum nullo modo 
exciudi t* Cum Lactantius sibi totam explicandam Christia- 
nam do<:triaam in Institutionibus suscepisset, non modo ut 
Christianì quidem ad bonam frugem redirent, sed etiam ut 
onincs, erroribus abiectis, iter caeleste ingrederentur, claris- 
sime ipse proli tt^tur se quaestionem de Providentia Dei in cor- 
pore liominis lingeiido pertractaturum non esse, quippe quam 
peiiitus excussisset libello De Opificio Dei ; omittit igitur 
tractatJonem, cum quislibet librum singularem adire posset, 
quo tota {(uaestìo defiuitur. Quid sibi velit Lactantius, patet: 
de Providentia [*oi ti*.^endum est; cum tamen proprium de 
ea re librum ad Demetrianum i)erscripserim, nunc praetereo 



!3|rvjf^-^.-^-v— V -*" - -^"^ TT":" 



365 — 



quae supervacanea fore videntur. Atqui supervacanea futura 
òssent et iis, qui libellura De Opificio Dei minime adire potuis- 
sent? Neque obiciendum est librum primo Christianis tan- 
tum concinnatum, in publicum postea prodisse; haec enim 
coniectura nullo nititur fundaraento : liiea vero sententia 
pluribus de causis potior eminet. Eodem, quo Inst. II, 10, 
12, artificio Lactantius iterum utitur: in Inst. II, 17, 5 
cum in asperrimam illam quaestionem, quae de ira Dei 
est, inciderit, amplitudine atque gravitate argumenti permo- 
tus, « seponatur » inquit, « interim nobis hic locus de ira Dei 
disserendi, quod et uberior est materia et opere proprio 
latius exequenda ». Omittit igitur tractationem, quam ta- 
raen mox se in publicum, cui Institutiones conscriptae es- 
sente proditurum adfirmat. Liber de Ira Dei appendix quae- 
dam, ut ita dicam, Institutìonum videtur; liber de Opificio 
Dei, ut Brandtii verbis utar, « eine Vorbereitung »; nonne 
mirum igitur videtur Lactantium Institutiones ac De Ira Dei 
in publicum protulisse^ De Opificio Dei Christianis tantum com- 
modasse? Quod eo gravius ìdemque mirabilius nobis adparet, 
quo vehementiora sunt verba, quibus liber De opificio Dei 
explicit: € quod si vita est optanda sapienti, profecto nullam 
aliam ob causam vivere optaverim, quam ut aliquid eflflciam 
quod vita dignum sit et quod utilitatem legentibus, etsi non 
ad eloquentiam, quia tennis in nobis facundiae rivus est, ad 
vivendum tamen adferat: quod est maxime necessarium. Quo 
perfecto satis me vixisse arbitrabor et ofiicium hominis im- 
plesse, si labor meus aliquos homines ab erroribus liberatos 
ad iter caeleste direxerit » ; quibus verbis Lactantius paJam se 
Institutiones in publicum editurum esse pollicetur; neque in- 
telligi potest quo pacto vir eodem tempore eo animo simul 
fuerit, ut Institutiones contra impios conscriberet, et in publi- 
cum prodoret: libellum De opifìcio Dei, quo tamen, ut ex 
(■apitibus I ot .XX colligi licet, multi errores argui possent. ne 






— 36(3 — 

in publicum qiiidem tradere vellet. Quoti centra, omnibus ar- 
gumentis perpensis, palam adfiniians , mihi minime audax 
esse vide<:n\ 

Exquirendum tamen est, cur libellus De Opificio Dei in 
piiblicurn prodi tus non sit, cur Christianis tantum commo- 
datus. Nuiu suii Christiani instructione egebant^ Minime. 
Prudentia quadam , respondit Brandtius. At ne hoc quidem 
credibile vide tur. 

Ad firma vorat Brandtius de industria Lactantium omnia 
quae riiristlaiifiiii doctrinam ac fidem redolerent ex libro suo 
auiovisse; e-^o autiìm hoc haud probabile esse contendi, cum 
praecipue loci De Opifìcio Dei XX , I novam interpretationem 
jìroposuissem; quam nunc ab obiectionibus Brandtii defen- 
deiidam niihì sunripiam. 

Nego if^itur l.actantium omnia quae Christianam redolerent 
dOL^trlnaTii de industria amovisse ; pluiibus quidem de causis. 
Tametsi ex Stoìcis fontibus Lactantius in libro De Opificio Dei 
conscri beando hausit, (quod intelligere possumus perspicientes 
r[uae furinte Lact^intii studia, antequam ipse Christianus fie- 
retUamen in libro De Opificio Dei, minime fidem suamabscon- 
dere poterai, primum quod in libello tantum inest, unde auctor 
Christianus emiDeat; deinde quod, ut iam dixi, qui Insti- 
tut Jones Gxcngitavisset ad errorem profligandum, qui oflUcium 
suuni reliquisset, ne secum pugnaturus esset, qui denique 
Christianorum /idem palam suscepisset, tanta circumspectione 
nunquam sibi usus esset. Quae, ut dixi, inrita atque vana 
fuisset, cuni locutiones quaedam, ut: « ille conluctator et ad- 
versariuH noster sris quam sit astutus et idem saepe violentus, 
sicuti nunc videmus • (I, 7); « memento et veri parentis tui et 
in qua rlvitate noiiien dederis et cuius ordinis fueris: intelligis 
prof(^cto (juid liifiiuir» (1,9), summam suspicionem iniecturae 
iji ad vergar i OS christiani nominis videantur; cum denique ca- 
jjut X fere tot UHI Christiana doctrina inibutum et .ardor quo 



r 



— 367 — 

perflagravit in errore abiciendo et ventate defendenda et ver- 
ba quibus Insti tutiones pollicitiis est, christiani auctoris spe- 
ciem prae se ferant. 

Haec in universum. Quae autem Brandtius raihi oppOsuit 
de interpretatione loci XX, 1, ad sententiam meam con- 
fìrmandam mihi videntur magnum argumentum suppeditare. 
Locus capitis I, 2 totam sententiam meam confìrmat. luvat 
Lactantii v erborum summam paucis perstringere : etenim 
adfirmat se nulla vel temporis vel rei necessitate impediri, 
quominus aliquid extundat, quo christiani instructiores doctio- 
resque in posterum fiant (1,2); immo hoc facere oportere (1. 3); 
sed statim quantum laborem sibi susceperit, comperit; difllcul- 
tatesque aggressurus animi trepidationem quamdam aperit 
(1,12-16); cuius trepidationis, cum ad finem opusculi suiperver- 
nerit, causam quoque declarat, se timere adfirmans, ne prout 
necessitates rerum ac temporis poposcerint, librum suum non 
concinnaverit: se igitur purgat apud Demetrianum Institutio- 
nesque pollicetur, quibus prò rerum ac temporis necessitatibus 
totam christianam doctrinam defenderet. Quae Brandtius mihi 
apposuit nullius esse momenti mihi videntur: vocis temporis 
quae quid sibi velit, interpretatione mea recepta, Brandtius 
exquirit, vis clarissime patet; temporis necessitates haec tan- 
tum sunt, ut veritas ab errore defendatur (XX, 4), ut 
aliqui homines ab erroribus liberati ad iter caeleste dirigantur, 
ut denique Christiani nominis sui raemores fiant. Vox rerum 
idem ac tempoì-is signifìcat; ita ut necessitas rerutn ac temporis 
nihil aliud sit quam rertim necessitas. Si contra ad Brand ti i 
interpretationem accedimus, inter locos I, 2 et XX, 1 repu- 
gnantia quaedam patet; quam nullo modo, nisi artifìcio quodam 
adhibito, tollere licet, alterttm locum ita interpretantes, ut Lac- 
tantius dixisse videatur, nulla se vel rei vel temporis neces- 
sitate impediri, quominus aliquid faciat, alterum contra ut ipse 
adfìrmet se m;xgnis detineri necessitatibus, quominus hoc certa 



— 308 — 

(iualaiij rìitioin* perlìciat. Mea quidem seutontia hoc tantum 
ÌBterr**^t inter signi ficationem vocis necessitatis loco I, 2 et 
XX, Ij quorl altero de necessitate prohibente agitur, altero 
de necossitato. quam explere oportebat. 

(Jiilbus «omnibus perspectis, interpretatio mea magis ina- 
t^isque limi a mihi videtur. 
LiburuL 

AucrUSTUs Mancini. 



k 



GLI EDITTI DI COSTANTINO 

AI PROVINCIALI DELLA PALESTINA 

E AGLI ORIENTALI 

(Eus. F.C. II, 24^2 e 48-60) 



In ufl articolo, intitolato ^^ueUenuntersuchungen zur Vita 
Constantini des Eusebius, che il prot Victor Schuitze dell' Uni- 
versità di Greifswald, ben noto e in Germania e fuori ai 
cultori della storia ecclesiastica e dell' archeologia cristiana, 
ha pubblicato di recente nella Zeitschrift far Kirchengeschichte, 
1894, XIV, 4. pp. 503-555, ripiglia in esame la questione, da 
lui e da me pubblicamente, e anche, per corrispondenza epi- 
stolare, privatamente discussa alcuni anni sono, dell'auten- 
ticità degli editti di Costantino ai Provinciali della Palestina 
e agli Orientali, che sì trovano inseriti nella Vita che di 
quell' imperatore ci lasciò Eusebio, il primo nel lib. II, 24-42, 
il secondo nello stesso libro, 48-60. 

Il prof. Schuitze, mentre allora, quando esci il mio lavoro 
sulla Fede storica di Eusebio neUa Vita di Costantino, Livorno 
1888, respingeva le conclusioni alle quali io era venuto, ora 
invece, ed egli stesso lealmente lo dichiara, * ripresa nuova- 
mente la questione in esame, è stato condotto, ma da osserva- 



* Art. oit. p. 532 e seg. in nota. 



— 370 — 

zìoni diverse dalle mie, a mutare opinione, ed è giunto a un ri- 
sultato, che in parte è identico al mio, in parte no. Non posso 
non rallegrarmi di avere io se non altro dato occasione all' e- 
gregio Professore di riprendere uno studio che, sia pure per 
altra via, dovea (Condurlo ad un risultato, il quale, nella parte 
sostanziale, corrisponde al mio. L'articolo dello Schultze ha 
dato occasione a me pure di tornare sulla questione. Mi sia 
lecito esporre alcune mie considerazioni intorno al valore 
degli argomenti e dei risultati suoi. 

I 

L* EDITTO AI PROVINCIALI DELLA PALESTINA 

Lo Schultze fu, che io sappia, il primo, in Germania, ad 
occuparsi del mio lavoro. Ne parlò diffusamente in due nu- 
meri, 9 e 10, del Theologisches Litei-aturblatt di Lipsia, 1 e 8 
Marzo 1889* La critica dello Schultze era evidentemente frut- 
to di un esame accurato e rivelava nella questione una com- 
petenza non comune; e perciò, sebbene egli non accettasse 
le mie conclusioni, mi diede la prima conferma esteriore della 
giustezza e della inoppugnabilità di esse. Le obiezioni che egli 
mi fece non mi parvero tali che non si potesse loro rispon- 
dere; e se, dissi, un critico cosi coscienzioso, severo e com- 
petente, come lo Schultze, non trova altro da obiettare, vuol 
rlire che non solo la ragione sta dalla parte mia, ma si finirà 
anche per darmela. Mi parv^e anzi, e ora mi occorgo che non 
mi era ingannato, che egU fosse rimasto un po' scossoso. Egli 
difatti ammetteva che la lingua e lo stile, le immagini e i 
concetti deir editto ai Provinciali della Palestina avessero 
qualche cosa di comune con quelli degli scritti d'Eusebio, 
fl Das ist freilichj aggiungeva egli, cine altere Vermuthung », 
lo confesso peraltro d'ignorare chi prima di me lo abbia av- 



— 371 — 

vertito, f aber der Verf. ist der erste, der ihr die genùgende 
Begrùndung gibt, obwol nicht alle ilon ihm herausgehobenen / 

Belege beweiskràftig sind. Es bleibennun zweiMòglichkeiten: 
entweder hat Eusebius das Edikt koncipirt oder gefàlscht. »' 
Questa per me era già im' importante concessione, poiché la 
mia cronologia e le altre ragioni da me addotte escludendo 
a mio parere la prima ipotesi, non rimaneva che la seconda. 
Ma lo Schultze dando poco peso agli altri miei argomenti 
e partendo da una cronologia .diversa, cercava di rendere 
ammissibile la prima ipotesi e a proposito della seconda cosi 
conchiudeva : « Es ist mir hier nicht gestattet, auf die Fulle 
von Einzelheiten einzugehen, welche der Scharfsinn Crivel- 
lucci' s zum Vorschein und zur Diskussion bringt. Nicht selten 
hat man den Eindruck eines hyperkritischen Verfahrens, das 
in unbedeutenden Zufàlligkeiten wohldurchdachte Tendenz 
flndet. Hàtte Crivellucci recht, so wàre jenes Edikt das Pro- 
dukt eines rafflnirten und zugleich ungeschickten Fàlschers. 
Doch weder die eine noch die andere Eigenschaft traue ich 
dem geschichtlichen Eusebius zu. Das Buch hat mich fùr die 
Ansichten seines Verf. nicht gewonnen.... Aber das Verdienst 
hat dieso Schrift : sie macht auf Schwierigkeiten aufmerksam, 
an denen bisher die Forschung arglos voriibergegangen ist, 
und nimmt mit Energie eine Aufgabe in Angriff, iiber deren 
Nothwendigkeit kein Zweifel bestehen kann ». " 



* L. 0. n. 10. 

' Si occupò a lungo di quel mio lavoro anche il Gòrres, (nella Zeit- 
schrift fUr unaaenschafUiche Theologié di A. Hilgenfeld, Lipsia 1890, 
XXXm, 124-128), al quale le mie conclusioni turbavano tutto il concet- 
to, ohe, intomo alla politica di Costantino e aUa persecuzione lìciniana 
egli aveva fondato su queU' editto. Ma limitandosi a dire che le mie osser- 
vazioni non lo avevano convìnto, solo qualche argomento di secondaria 
importanza cercò d'infirmare, del quale non mi sembra peraltro di avere 
esagerato il valore. In compenso fu per me di grande soddisfazione il 
vedere che trovarono buoni i miei argomenti e legittime le mie conclu- 



— 372 — 

Ora inreco lo Schultze, ritornando suU' argomento, dopo 
più maturo esame, scartata la prima ipotesi, viene alla con- 
clusione che r editto ai Provinciali della Palestina e anche 
quello a^li Orientali, che io avevo pure sostenuto essere una 
falsiflcazìone di Eusebio, sono bensì falsificazioni, ma non di 
Eusebio, e furono posteriormente interpolati nella Vita. 

Esaminiamo gli argomenti che lo hanno condotto a questo 
rij^ultato : 

1." — Le disposizioni che, secondo Eusebio, II, 21, Costan- 
tino avrebbe date in due leggi distinte, qui sono raccolte in 
mia legge sola. — 

Ho paura che lo Schultze abbia male interpretato il citato 
passo di Eusebio: Kol xaOta fièv Tcapl x^v xaOO' Ó7UO|ietvàvT(OV 
il PotatXIttì? ivEfioCÉxei Ypayi^. Uepl 8è x5}g òn&p^ttù^ aòx(&v 
IvteXG)^ hirji^òptm vóito^, il quale non vuol dire che l'impe- 
ratore fere una legge sulle persone, im' altra sulle cose, ma 
che colla medesima legge, dopo aver disposto intorno alle 
prime, provvide pienamente anche intomo alle seconde. E 
diiatii r editto, nei capitoli 30-34, parla (e quasi sempre coli' or- 
dine del sunto 11,21, e spesso colle stesse parole)* delle persone, 
poi, passando a parlare dei beni, e. 35, aggiunge: Ilapeaxéov 
S' 0Ò5È tìj x®y oùotSv, fiv f>taoxot >taxà Sta^ópoug èoxcpf^dujoov 



sioni il Wìa 'owa, efr* Deutsche Litteraturzeitung, Berlino 1890, XI, 749, 
il Soeok, cfr, Dk Ànfdnge ConstatUins dee Grosaén nella Deutsche Zeit' 
schrift fùr Ge9chkht8ìvi88ensehaft, Vii, 81, nota 8, il Mommsen, cfr. 0&- 
servatioms €pigt\ neli^ Ephem, Epigraphica^ 1890, VII, 420, nota 1. 

' n gimtOf al ^, 3 (cito dalPed. del Heinichen), parla prima dei con- 
daiiDati qUg miniere, poi dei deportati neUe ìsole, in fine degli addetti 
ai lavori pubblici: jisTdXXoig xe xaxoicad>8lv icapadod-ivxtg, ^ vi^ooug olxtlv 
xpi^è^tE£, fi ^75[jLoaìoig ipY^^C SooXeóetv xaxrjvayxaojiévot, mentre l'editto 
prima j al o. Si, tmttn dei relegati neUe isole, al o. 82 de' condannati 
aHo miniera o aXìù pubbliche opere, al o. 33 di queUi che erano stati spo- 
gliati delle dignità militari e finalmente al o. 84 di quanti erano con- 
dannati ai gìncRoì o ai linificii, o in qualunque altro modo ayeyano 
perduto la libertà. 



— 373 — 

nfo<fioii^j che è appunto il passaggio e la distinzione che si 
vuol fare avvertire nel sunto colle parole surriferite del e. 21, 
e viene a parlare secondo V ordine stesso del sunto dei beni 
che (e. 35) dovevano esser restituiti o agli eredi legittimi o 
ai proprietari^ e (e. 36) in mancanza di essi dati alle chiese, e 
(e. 37) restituiti tutti, di qualunque specie fossero, e senza 
dilazione, e (e. 38) senza scusa di* sorta, e (e. 39) anche quelli 
detenuti dal fisco, e (e. 39) compresi, anzi specialmente (e. 40), 
i luoghi consacrati dalle reliquie dei martiri. E forse agli 
ultimi capitoli, 37-40, si riferisce V avverbio èvxcX©^. 

Nel sunto v' è dunque qualche piccola trasposizione e sono 
tralasciati quei particolari che precisamente in im sunto non 
potevano entrare; e non di due leggi ma di una sola si parla 
nel principio del e. 21. Ciò a me par chiarissimo. * 

2.* — Eusebio dice indirizzate cosi l'una come 1* altra legge 
« alla chiesa di Dio i e distingue da esse espressamente l'or- 
dinanza ai Provinciali, iizctrfYt&zai, e, 20, mentre invece l'e- 
ditto si rivolge esclusivamente ai Provinciali. — 

Eusebio nel e. 23 parla di un rescritto alle chiese e di 
un altro alle popolazioni non cristiane e dichiara di riportare 
quest'ultimo;" ma in nessim luogo dice che le leggi conte- 
nenti le disposiziani relative alle persone e ai beni dei cri- 
stiani erano entrambe dirette alle chiese; e non lo dice per- 
chè egli non aveva fatto quella distinzione che gli attribuisce 
lo Schultze. Perciò questo secondo argomento, basandosi sul 
precedente, che alla sua volta riposa su un' interpretazione 
inesatta, cade anch' esso. 



^ Anohe il Yalesio interpretò cosi: ^ Et hàeo quidem de iis, qui ista 
perpesfii essent, Imperator Borìptis legibus constituit. De bonis autem 
eorum lege Imperatorìs pleniBsimo oautum est. ^ 

* n quale, al contrario, nel suo testo è indirizzato particolarmente ai 
provinoiaU deUa Palestina, come noi ayoTamo fatto già notare^ /. e. 
pag. 113 e segg. 



— 374 — 

3," — E strano il mudo onde nel e. 23 è presentato V e- 
ditto, il quale mentre ivi è caratterizzato come quello il quale 
attesta che Ck)stantirio attribuiva a Dio tutte le sue vittorie. 
Htm parla di ciò che nella breve parte prima come di cosa 
accessoria. — 

Si potrebbe obiettare che nel e. 23 Eusebio parla non di 
(|uesto solo editto, ma di due: Mà*oi{ S' àv xoD Xóyou xJjv 
àp£T)]v aòtols TCfoa^Xfbv xolj fpi,[i,]iaaij 6óo S' ^v xaQxa, xò 
Itàv zaX^ ixxXTjofaLg xùù OeoO, xò 6è xoT^ èxxò^ xaxà TCÓXtv ST^fiot^ 
otaTTieji^OàVj B Stj rjj 7z%^QÒa^ wpoafjxov ÙTCoOioet 5|iotye Boxe! 
Kapev6£lva£t, e che neir altro editto- non riportato forse il di- 
scorso su quell'argomento era più lungo. Ma a me non par 
breve neppure in questo, considerando che in tutta la prima 
parte, per la quale intendo i capitoli 24-29, (che non mi sem- 
bra neppur essa tanto breve, 6 capitoli, che non sono nep- 
pure i più corti, e costituiscano V esprdio, su 19) si cerca 
appunto di dimostrare che gli amici del vero Dio sono sem- 
pre fortunati nelle loro imprese, i nemici sempre sfortunati. 
Né può dirsi che il concetto delle vittorie da lui dovute a 
Dio occupi un posto secondario, poiché, se si guarda bene, 
costituisce il fondo di tutta quella dimostrazione, nella quale 
r imperatore adduce come esempio se stesso, che, appunto 
Ijerché amico del vero Dio, ebbe la vittoria e fu da Dio scelto 
a ministro della sua volontà, onde in questa sua qualità ora 
impartisce gli ordini che sono contenuti nell'editto, i quali 
(cosi SI cont'liiuile opportunamente nel e. 42** ed ultimo con un 
ritoruo al concetto primitivo e fondamentale), essendo il pro- 
dotto e r esprestsione della potenza e della volontà di Dio 
devono perciò essere da tutti e singoli in considerazione di 
essa osservati. ' 



* La ccjmpomseione deU' editto, iufelicÌ8sima e nella sostanza e nella 
furnut dal pulito di viiìtii lei^i^lativo, ò tutt* altro cho disprezzabile se si 



— 375 — 

4.' — É strana la collocazione dell'editto nel testo: lo si 
aspetterebbe subito dopo il e. 21, come documento del già 
detto; e invece nel e. 22 si parla di tutt' altro; viene poi 
nel e. 23 T introduzione preparatoria e solo nel e. 24 il do- 
cumento. — 

Forse è un po' troppo il dire che nel e. 22 si parla di 
iutt^ altro. Dopo aver parlato Eusebio nel e. 21 dei benefizi 
fatti dall' imperatore alle chiese, parla nel e. 22 di quelli 
fatti in generale a tutte le popolazioni dell' Impero. Il 21 si 
chiude difatti colle parole: 'AXX' o£ |ièv (&8e ècppóvouv, e il 
22 comincia: 'EtceI 6è 7uiv6' ÓTCoxéxaxxo paatXeT BeoO owx^Jpo; 
8uvà{iet, xòv t$v àya6fi)V oòx^) Tuàpo^ov xolg izZoi (pavepòv èwofet, 
xàxelvov xfòv vtxY)Xif]p(a)v odfxtov, àXXà ji9] aòxòv vo{if^etv 8te- 
(laptópeto. E poiché tali benefizi prima toccati all'Occidente e 
ora estesi anche all'Oriente, celebrati come portentosi, da far 
credere a un miracolo non mai visto, a un imperatore piovu- 
to dal cielo, si dovevano alle vittorie di Costantino e questi 
doveva le sue vittorie al Dio dei cristiani, del quale ei si 
considerava come ministro, Eusebio dice anche questo al 
e. 23, prima di riportare l'editto che contiene la prova di 
quanto egli afferma. A me sembrano i tre capitoli stretta- 
mente connessi tra- loro e in perfetta corrispondenza col 
contenuto dell' editto. 

6.** e 6.® Qui l'autore trae prove della falsificazione dalla 
forma e dal contenuto dell' editto, e sono in sostanza e in 
breve accennati gli argomenti da noi più ampiamente svolti 
nel citato nostro lavoro, onde noi non possiamo in essi non 
convenire collo Schultze, e ci pare di poter dire che anche 



considera come espressione del nuovo concetto teologico e teocratico dello 
Stato e deir autorità politica nei rapporti colla divinità. Ed è il con- 
cetto medesimo che troviamo nella Orazione panegirica di Eusebio e che 
per me è una prova di più della paternità eusebìana delP editto. 



— 376 — 

alcani argomenti nostri hanno contribuito a deciderlo, se 
non lo hanno proprio decìso, per la falsità dell'editto.* 
/ 9.* — Anche i e. 30-41 dell' editto riposano sullo schema 

dei e. 20 e 21; ciò che quivi si racconta sotto forma di re- 
lazione ritorna nell' editto mediante un' ampia esposizione e 
una descrizione retorica; ma in im punto importante l'editto 
va più in là assai del sunto: ciò che si stabilisce nei cap. 39 
e 40 circa la restituzione di tutti i beni delle chiese che ri- 
manevano presso il fisco, fossero case, campi, orti o altro, 
oppure anche luoghi consacrati dai corpi dei martiri (cappelle 
di martiri e cimiteri) occupati uicò x(ov iS(x(ov xod |iox07]po- 
làioiv àv5pcj)v, i quali tutti dovevano essere restituiti alle 
chiese, tutto ciò non è neppure accennato nel sunto. Lo 
Schultze trova in primo luogo, a) che siffatte disposizioni del- 
l' editto farebbero presupporre che sotto Licinio le confische 
dei possedimenti ecclesiastici avessero avuto luogo su larga 
scala^ mentre nulla noi sappiamo di tutto ciò, anzi le nostre 
fonti lo escludano assolutamente, t Né nella Storia Ecclesiasti- 
cEj né nella Biografia Eusebio accenna ad alcun che di simile, 
quantunque egli si nell' una che nell' altra parli minutamente 
degli atti perversi di Licinio. Se egli avesse saputo qualche 
cosa dì ciò. ne avrebbe parlato. Se invece non ne sapeva nulla, 
vuol dire che nulla di simile era accaduto t ; in secondo luo- 
go, p) gli sembra strano che Eusebio, commemorando i benefizi 
Iktti dall' imperatore alle chiese e chiudendo il suo racconto 
colle parole: TooaOxa |ièv fg èxxXrjaCf xoO 6eoO al )caxa7ue(i- 



^ A proposito dolio stile, cfr. p. 53-56 e 66-69. Sul rapporto dei con- 
cetti doir editto con quelli dell' opera di Eusebio, a proposito dei o. 24-29, 
olle sono parte estratti parte parafrasi di Y. C. I, 3-8, cfr. specialmente 
p, 50^ tì2, 7a e 78, a proposito della mala morte dei persecutori, p. 70-80, 
dellti niiiìBiono divina di Costantino, del considerarsi egli nell'editto corno 
minìiiln» di T^io e dei rapp trti tra il e. 28 dell' editto e altri luoghi deUa 
Vita I? di nUre opere di Eusebio, p. 60-62, della retorica descrizione 
delle iiiipruie di Costantino (editto e. 28 e 29, V.C. I, 8), p. 59. 



fi* -«■»•« > ' ^ 'T'. ',:: f : ' /' ^ Ki.' 



— zn — 

fOetaai Scopeal Tcapelxov, abbia omesso il più importante^ cioè 
quanto veniva restituito alle chiese in virtù dei cap. 39 
e 40. y) I^ ^6 lo Schultze si domanda: e chi sono gli fiScxoi 
xal |iox07)p6xaTot àvSpe^ ? Eppure non si tratta che di Licinio 
soltanto t. — 

Rispondiamo prima a quest' ultima domanda. Quel plurale 
potrebbe ben essere una figura retorica: l'autore dell'editto 
potrebbe benissimo aver parlato di uomini scellerati pur non 
avendo in mente che Licinio; ovvero, con quel plurale po- 
trebbe aver voluto accennare anche ai ministri ed esecutori 
dei voleri di Licinio. Mi pare si possa ammettere tanto Tuna 
quanto T altra spiegazione senza difficoltà. 

Quanto agli altri due punti, osserviamo che prima di tutto 
le disposizioni contenute nei capitoli 39 e 40 dell' editto non 
mi sembrano affatto le più importanti. La restituzione gene- 
rale di tutti i beni confiscati, o alienanti, o in qualunque 
modo occupati per motivi religiosi, implicava che tale resti- 
tuzione sì facesse anche alle chiese. Anzi, se a tutti, se anche 
ai privati doveva farsi, a fortiori doveva farsi alle chiese.* 
Non si trattava che di restituire; mentre, invece, più impor- 
tante mi parrebbe fosse la disposizione mercè la quale dove- 
vano passare, piuttosto che al fisco, come sarebbe stato di 
uso, alle chiese i beni dei martiri senza eredi. * Qui lo stato 
faceva un vero e proprio dono alle chiese, là invece non fa- 
ceva che restituire. In secondo luogo, il contenuto dei capi- 
toli 39 e 40, nei quali appunto non si trattava che di resti- 



^ Si noti il modo con cui P editto stesso si esprime, e. 89: dXX* olov 
oùOà dvTi^OéygaoOat itpòg tà^ lepdg ixxXigoCag ToXtifjoav, Sv in2 XP^^^^ 
oò Oixa(o)g xaxéoxt, toutcov éxoxi^osTat dtxa£a>g xal^ ixxXTjodaig, e. 40: 
Ka2 lii^v xa2 xoùg tóicou^ aòxoò^ o^ toI^ ocò|Aaoi xC&v iiapTupcov TsxftiigyTai 
xa£ xf)^ dvaxoop'>^^80>g t9}s èvdógou ÒTco^ivi^iiaTa xad>soxaoi, zi^ &v dii^t- 
pdXoi ^r[ oxix^ xal^ ixxXYjoCaig itpooi^xsiy, ^ oh^i xa{ npooxdgectv &v; 

' £ di ciò, il «unto come di benefizio segnalato, parla espressamente. 



— 378 — 

tuisione, Eusebio può benissimo avere inteso di includere nelle 
parole del sunto xal là ex xanefou 5è Ttpóxepov éxépot^ ^ xaxà 
npdIaLv fi xaix 5(i>psàv ÈxiioirjOévxa, xà x' èv aùx^ xaxaXTjcpOévxa, 
eie toù^^btó 7Tpo(jifiX£Lv 10I5 SeoTCÓxat^ à7co5(5oa6at x6 xi}^ Stopefi^ 
Ypi(iiicx 5i£xeXeÙ£To, comprendendo nei 8ea7c6xat anche le 
ckiese, le quali erano appunto proprietarie dei beni confiscati 
che erano in questione e che loro si dovranno restituire. E 
diratti tale accenno nel sunto segue nell' ordine stesso in cui 
se ne parla nell" editto, dopo cioè la disposizione generale di 
restituzione completa di tutti i beni confiscati ai cristiani. 

Finalmente, è vero che Eusebio non parla espressamente 
di confische di chieiàe e di beni ecclesiastici là dove discorre 
degli atti di Licinio contro i cristiani, ma al lib. I, cap. 56 
della Vita, dopo avere nei precedenti capitoli parlato dei ve- 
scovi da lui insidiati, dei sinodi proibiti, de' cristiani esiliati 
e pros<n*ìtti e di altro, accenna a persecuzione generale con- 
tro lo chiese; Tò yo^^v xéXo^ aùxq) xfj^ |xav(a^ xaxòc x©v èxxXrj- 
otctìv ÙTuXi^exOj èizi i£ lob^ èTCtaxÓTCOu? è^^P^^j ^^^ *^ [làXtoxa 
àyavxLoujjLÉvou; lipa^ e nel lib. II, cap. 1, dice che egli 
xòv xaxà XptoTiav&v Stwyixòv SoTcep xtvà TcàXat xaxeopeaptévrjv 
rt»jp&^ d^xfifjv àvE^fiTi^I^e, Setvoxépav ?) oJ TcpóaOev x^v xij^ 5uo- 
QB^sia^ è^àTCTtóv ^Xóya, e nel capitolo seguente parla delle 
chiese di Amasia, al [ièv è^ S^^oui; eJ^ 55acpo$ xoOxo 5euxepov 
H£T% X3t^ T^prixa; xa0T[jpoiJVxo TcoXtopxfa;, xà; 8' à;réxXetov oE 
xaxà xÓTZous ^£[t6vEgj dei vescovi trucidati dai governatori 
dell?! provincia per far piacere a Licinio, della fuga generale 
dui oiistianij della persecuzione decretata contro tutti i cri- 
ì^tiani e solo da Costantino impedita. Eusebio, V.C. II, 317, 
descrive anche la guerra tra Costantino e Licinio come una 
gruerra di relijiiune. Ammesso ciò, qual meraviglia che chiese e 
beni ecclesiai5tici fossero confiscati e anche confiscati su larga 
scala? e v'era bl:^o)zno di parlarne espressamente? Intorno 
air entità, del resto, disila persecuzione di Licinio noi espo- 



— 379 — 

nemmo la nostra opinione nel citato nostro lavoro/ confutando 
il Gòrres, e non è il caso di tornarci su; solo non compren- 
diamo come mai lo Schultze, il quale si meraviglia che nell' e- 
ditto si parli di confische avvenute su larga scala, non si sor- 
prenda più degli esilii, delle condanne alle miniere, alla 
schiavitù, all'infamia, delle uccisioni e delle stragi, che, se- 
condo reditto, e. 30-34, 38, sarebbero pure state compiute 
in quella persecuzione, le quali anch' esse di per sé, come è 
noto, implicavano spogliazioni e confische. 

Lo Schultze esposti gli argomenti principali che lo persua- 
dono della falsificazione dell'editto conclude, p. 351: t Diese 
Griinde entscheiden zwingend gegen die Echtheit des Schrift- 
stùckes ». Noi abbiamo eliminati non pochi degli argomenti da 
lui addotti; restano gli altri che anche da noi erano stati ad- 
dotti e che di per sé forse non basterebbero, crediamo, a 
dare tanta sicurezza all'affermazione che l'editto é falso; ma 
lo Schultze aggiunge: « Es ist eine letzlich ziemlich unge- 
/ ; i sc]^ic]^e Fàlschung » ; e più sotto, p. 532, parla di una e Sum- - ' 
me von Konfusionen auf engstem Raume t che si trovano 
nell'editto. Or noi, appunto dalla e Ungescj^cktheit » e dal Ih 
cumolo di confusioni e assurdità che si trovano nel documento 
traemmo i nostri migliori argomenti per dimostrare la fal- 
sità del medesimo, cfr. specialmente p. 82 e segg. Lo Schultze 
invece accenna ad esse soltanto per dimostrare che autore 
della falsificazione non può essere Eusebio, non potendo cre- 
dere costui capace di tale e tanta confusione e imperizia. 

A noi pervero esse, in un vescovo, in un letterato, in un 
teologo, che, per quanto avvicinasse personalmente Costan- 
tino, rimase sempre fuori della pratica degli affari pubblici, 
non ci sorprende affatto, e possiamo addurre non pochi altri 



' Cfr. p. 92 e segg. 



— 380 — 

esempi dì tale imperizia di Eusebio in fatto di legislazione e 
di amministrazione pubblica. * 

Non é da credere anche, dice lo Schultze, che Eusebio 
nei e. 20 e 21 abbia riferito cosi esattamente sulle leggi di 
Costantino a favore dei cristiani e poi abbia riportato il do- 
cumenta) in luogo cosi inopportuno. A che inoltre, egli sog- 
giunge, r ampia relazione, se egli voleva riportare testual- 
mente Tedittot 

Della pretesa inopportunità del luogo abbiamo parlato. 
Quanto lilla domanda che lo Schultze fa seguire, crediamo 
che a lui stesso parrà facile la risposta ove per poco rifletta 
che la Vita di Costantino è, più che un' opera storica, un pane- 
girico e che Eusebio non voleva soltanto ricordare e traman- 
dare ai posteri i benefizi fatti da Costantino alle chiese, ma 
amava anche di celebl*arli e glorificarli, additandoli all' am- 
mirazione dei posteri e mettendoli in rilievo, come fa ap- 
punto nei capitoli 20 e 21. " Del resto non è il caso di 
scandalizzarsi delle ripetizioni e delle ridondanze nelle opere 
di Eusebio e specialmente nella Vita di Costantino. 

Lo Schultze afferma anche che la conoscenza che abbiamo 
del carattere di Eusebio non ci autorizza ad attribuirgli delle 
falsiricazioni di documenti. Non voglio qui dare alcun giudizio 
sul carattere del vescovo di Cesarea, sul quale i pareri sono 
stivti sempre discrepanti, ma sempre più sfavorevoli che fa- 



^ Cfr,, tAtito ^^r citarne qualcuno, ciò ohe noi scrivemmo a proposito 
d«l periiiiG8t»o dì far testamento senza scrittura, /. e. p. 36 e 87, (ohe pro- 
bftbilmonto Eusebio scambiò colla logge, Cod. Theod. XVI, 2, 4, sulla 
libertà di tostare j cfr. lo stesso Schultze in questo suo lavoro, p. 555), 
del prctetio divieto fatto da Costantino agli £brei di possedere schiavi Cri- 
stian 1^ Le. p. 41 e segg., deU' imposta fondiaria ridotta di un quarto da 
Costantino^ L e. p^ 45 e scgg. 

' Anche r editto di Galerio riporta testualmente Eusebio nella Storia 
EcelefliautLea, premettendo in succinio T esposizione del contenuto di esso, 
ofr, ILf:. Vili, 17. 



WÈ\ I 



i','«^ ■ 



— 381 — 

vorevoli. ' Su due cose soltanto desidero di richiamare V at- 
tenzione dello Schultze: 1" sul fatto, indiscutibile, in questo 
caso, perchè lo aflTerma Eusebio stesso, che la Vita fu scritta 
col fine morale di porgere una lettura utile a tutti, cfr, 1, 10, 
descrivendo un esempio di prencipe preposto da Dio stesso 
agli uomini, ibid. 3 e 4; * 2* sulla dottrina delle menzogne 
utili che Eusebio professò apertamente.' 

E non si dica che Eusebio nelle altre opere non mostra 
la pelle del falsario. Prima di tutto anche nella Storia Ec- 
clesiastica a me pare lo si possa accusare di avere in più 
punti scientemente adulterato documenti * e falsato la verità 
storica. * Ultimamente anche il Seeck lo colse in fallo nella 
inscriptio dell'editto di Galerio. * Ma dato anche, e non con- 
cesso peraltro, che tali accuse siano da ritenersi per infon- 
date, crediamo non ripugni affatto V ammettere che chi pro- 
fessava quella dottrina V applicasse liberamente in un lavoro 
d'indole morale, come la Vita, e si facesse scrupopolo invece 
di praticarla in opere di natura puramente storica. 

Quantunque io non nutra alcuna simpatia pel vescovo di 
Cesarea, sarei tuttavia lieto si potesse dimostrare che auto- 
re della falsificazione non è Eusebio^ ma un ignoto qualun- 
que. Credo peraltro che diflOicilmente vi si possa riuscire. Per 
far ciò bisognerebbe, e questo avrebbe dovuto fare lo Schultze, 
distruggere gli argomenti da me tratti dalla lingua, dallo 
stile e dai concetti dell' editto, argomenti che una volta par- 
vero convincenti anche a lui,' e coi quali io mi sforzai 

* Cfr. CBnrELLUCCl, l, e, in principio. 
' Ibid., l, e. p. 125 e seg. 

» Cfr. Praep. Svanff. XH, 31, Parigi 1628, p. 607. 

* Della fede Horica di Eusebio eoo. p. 123 e BOgg. 
'^ Dando, per es., Costanzo e Licinio per cristiani. 

* Die imperatariachen Aeclatnationén im vierten Jahrhundert, nel 
Rheinisches MusaeumfUr Philologiey Nuova Serie, voi. XLYIII, 196—201. 

^ Cfr. il citato Theologiachea Literaturblatt, N. 10; <^ Riohiig ist, dass 



— «82 — 

(li (ìiinostrare ohe T editto era fattura di Eusebio^ o almeno 
bisognerebbe provare che il supposto ignoto falsificatore imi- 
tasse lo stile j la lingua, i concetti di Eusebio, e spiegare come 



Kwiaohen dieser Urkundo iisd Eii^cbiuB ingendwelohe Beziehungen sohrift- 
ittillerÌEclieT Art b^^etehen mìlesen. ^ Anche il Burckhardt mi BcriveTa in 
tal senso, affacciando Fipoted che Eusebio potesse essere stato incaricato 
della redazione de LF editto. L'opinione d'un uomo di tanta autorità come 
il Burckhardt non può non oBier tenuta in gran peso in questione siffatta; 
credo pertanto di far cosa, iitilo e gpradita agli studiosi riportandola te- 
stualnicnte nel suo buon italiano origiiiale: 

*" Basilea 17 febbraio 1889. 

'*«.,.. Sono pascati S7 anni dalla pubblicazione de' miei studi suU' epoca 
di Costantino, ma k qiiifttionH sulla fede storica di Eusebio mi interessa 
tuttaria, e sono contenti »&imo di trovarmi quasi sull' istessa strada colla 
critica di V. S. Non niego di aver seguito forse troppo un'idea precon- 
cetta, aeegliendo fra i fatti doUa Vita di Costantino queUi che fossero da 
H tonarsi o da rig&ttarii, e iono grato a Y. S. di tante rettificazioni im- 
portanti. Ma quello che non ho potuto capire è che il Ranke vuole sal- 
vare in gtneré T onore di Eusebio. 

** L* unico metodo vero h quello osserrato da V. 8. : mettere in con- 
fronto le leggi autentiche del Codice Teodosiano col racconto di Eusebio; 
ma pure credo posjìibile eh e negli ultimi anni di Costantino, quando ia- 
seiaTa andare le cose come volevano, i preti gli abbiano suggerito tale 
e talo scrittura, che poi ebbe una certa pubblicità ed un yalore poUtìco. 
Chi sa ee l'Iinperatorc non ha ^ lasciato passare „ anche quella lunga 
predica del cotidetto editto della ** Vita di Cost. „ II, 24-42? E forse 
non fu pubblicato come editto, jjoichè Costantino anche ne' suoi ultimi 
tempi (quando era divenuto ^ pupillus „) avrà sempre messo una diffe- 
rcns!a fra leggi dell' Impero ed articoli che oggi si direbbero ^ della Gaz- 
zetta ufficiale ^ ma Uaoiava questa volta correre la penna instancabile 
di Eusebio „. 

Lasciando stare le altre ragioni che impediscono di ammettere l'ipotesi 
del Burckhardt, cfr. il cit. mio lavoro, p. 81 e seg., essa, se mai, potrebbe 
discutersi a proposito del secondo edito, V. C. II, 48-60, non mai del 
primo, il quale per le disposis>;ioDì stesse che contiene non avrebbe potuto 
fìSijer pubblicato che come editto, e soltanto appena conquistato l' Oriento, 
non mai negli ultimi tempi. 



— ass- 
illai, per attribuire un editto a Costantino, egli abbia creduto 
di imitare gli scritti di Eusebio. 

Insieme coli' editto lo Schultze è costretto a ritenere per 
interpolati anche il capitolo che lo precede, 23, e quelJo che 
lo segue, 43. Egli dice che il e. 44 si ricollega perfettamente 
col e. 22^ perchè in questo s' era finito di parlare dei beniflzi 
di Costantino, e le parole con cui comincia il e. 44: Mexa^à; 
5' ex xo6x(ov paotXeb^ Tcpayixàxwv èvepyGv fjTcxsxo, servono 
senza sforzo alla continuazione. 

A me non pare. Dei benefizi dell' imperatore s* era finito 
di parlare fin dal principio del e. 22, poi nel seguito di esso 
si era parlato della meraviglia destata in Oriente dal nuovo 
imperatore, il quale era creduto un vero portento, mentre 
egli al contrario (e con ciò comincia il e. 23, che, come 
ognun vede si riconnette strettamente al precedente e com- 
pie un concetto in quello esposto) Tittribuiva tutto il merito 
non a sé stesso, ma a Dio: 'AXX' ol |ièv (5)5e Icppóvouv. 
Cap. 23: 'Euel 5è tcìvG' ÓTCoxéxaxxo paoiXel 9eoO ooixfjpo^ 5u- 
vàjxei, xòv xC)v àyaGfiiv aòx^ Tcàpo^ov xqXq notai cpavepòv ènoleij 
xàxelvov xa)v vixTjxrjpfcov atxtov, àXXa |i^ aòxòv vo|xf?etv 5ie|JLap- 
xùpexo. Saltando invece al e. 44, la prosposizione con cui fi- 
nisce il e. 22: 'AXX' o£ |ièv È8e Icppóvouv, rimarrebbe sospesa, 
e rèx xoóxtov del principio del e. 44, che, lasciando il testo 
come sta, si riferisce alle disposizioni legislative date dall'im- 
peratore, alle quali corrispondono degnamente i fatti, mu- 
tando come vorrebbe lo Schultze, bisognerebbe riferirlo a ciò 
che è detto alla fine del e. 21, ponendo come tra parentesi 
tutto il capitolo 22, poiché in questo si parla dei benefizi 
fatti da Costantino alle popolazioni non cristiane e a tutte le 
Provincie, Sf^fiot? xoTi; èxxòg xal 7c5atv SS-veoi, mentre nel 
cap. 44 si discorre di atti a favora de' cristiani, i quali 
l'imperatore avrebbe compiuti dopo le leggi pubblicate a 
vantaggio dei medesimi. Né, dunque, si può sopprimere il 



• T .p^, ^TT-n 



— 384 — 

e. 23 senza espungere anche il 22^ al quale è intimamente 
connesso, né al e. 23 si può in alcun modo far seguire il 44. 
Insomma per noi resta provata la falsificazione; e ci ral- 
legriamo che anche lo Schultze sia passato dalla nostra; ma 
non resta ugualmente dimostrata V interpolazione. 
(Continua) 

A. Crivellucci 



':.' v»^;v. .^ ^1?^ ";- ■^.— ',r|-' .jfsr.*; - • » s%i^^<;\* .. i/**^ 



RECENSIONI 



Domenico Compaeetti, Le leggi di Gortiva e le altre insc^izioìii 
arcaiche cretesi, nei Monumenti Antichi pubblicati per cura 
della R, Accademia dei Lincei, voi. Ili, Roma 1893, p. 490 
in 4.'» 

Pochi, per non dir nessuno, ignora come circa dieci anni fa 
l'italiano Federico Halbherr partito per Creta, ove l'aveva in- 
viato il suo illustre maestro D. Comparetti, riuscì a scoprire le 
famose leggi presso alla riva del fiume Leteo e come questo 
monumento pubblicato poco dopo mercè le cure da un lato del 
Comparetti stesso, dall' altro del tedesco Fabricius, abbia dato 
origine ad una numerosa serie di memorie, che nell'opera cui 
ora annunziamo si possono vedere enumerate (p. IX). 

Il Prof. Comparetti d' allora in poi non tralasciò di fare 
investigare il suolo cretese; l' Halbherr ora professore dell'Uni- 
versità di Roma, più volte percorse quell'isola e grazie ai mezzi 
messi a sua disposizione dal Prof. Comparetti e poi dal Go- 
verno italiano riuscì a trovare molte altre epigrafi, delle quali 
le più recenti pubblicò in parte egli stesso, le più arcaiche co- 
municò al suo maestro. L' Halbherr promette una silloge com- 
pleta dei titoli cretesi meno antichi; ^ intanto in questo magnifico 
volume il Comparetti ci da quella di tutte le arcaiche che da 
sei o sette che erano nel 1882, quando le pubblicò il Rohl, ormai 



^ Se non siamo malo informati il prof. Halbherr, non sono molti mesi, 
ripartì per Greta per faro altre esplorazioni pftr conto delT Istituto Ar- 
choolof^ico Americano. 



'T.!2f 



— 386 — 

sulyono al oospinuo n. di 211, di cui 182 appartengono alla 
sola Gortinia. 

Delle inscrizioni ili Gortina meritano particolare menzione 
quelle trovate nel recinto del tempio di Apollo Pizio, in un 
terreno che affinchè venisse liberamente scavato fu acqui- 
stato (la un italiano» che il Comparetti non nomina ma che 
evidentemente è il Comparetti medesimo, il quale come tutti i 
grandi intelletti che si occupano della scienza per la scienza, 
senza fini secondari, evita di mettere in rilievo le somme egre- 
gie da lui spese allo scopo di scoprire e di illustrare i monu- 
menti cretesi. 

Tra le iscrizioni trovate nel Pythion vi sono frammenti no- 
tevoli che si riferiscono alla più antica legislazione della città, 
mentre la grande e famosa iscrizione, trovata presso la riva del 
fiume Leteo, al pari dei frammenti di un'altra grande inscrizione 
si riferiscono a un^età meno antica. 

n Comparetti presenta i disegni di quasi tutte le inscrizioni 
e poi la trii^rrizione del testo ed a questo proposito va osservato 
che la grande inscrizione di Gortina venne di nuovo interamente 
scavata dall* Halbherr , affinchè si potesse dare di lei in questa 
edizione una lezione interamente sicura. L'illustre critico fa 
poi seguire un minuto commento filologico ed ove occorra sto- 
rico e giuridico au ciascun titolo; ed è appena necessario avver- 
tire che egli fa ciò come può farlo chi di già da un trentennio ven- 
ne salutato quale prininpe dei filologi italiani. La felice acutezza e 
l'egregia dottrina si manifestano sopratutto nell'esteso conunento 
delle inscrizioni di Gortina (p. 137-377); ove ad un minuto esa- 
me analitico fa seguire le sue conclusioni sugli alfabeti, sul 
carattere della legislazione, sulla moneta ricordata nelle leggi, ed 
infine sull'età deUe medesime. 

Grazie alle cure clie il Comparetti ha posto nel fissare il 
testo e la sagacia con cui ha esaminato il contenuto ed il va- 
lore delle inscrizioni, questo libro può considerarsi come l'edi- 
zione definitiva di tali titoli. Rispetto al commento giuridico e 
storico 9Ì può, credo, asserire che egli ha risolte la maggiore 
aiv/À la mua'iima ]Jurte delle ardue questioni che queste inserì- 



— 387 - 

zioni sollevano. In questo come in tanti altri lavori il Compa- 
retti accanto ad una vasta dottrina, esposta con la più grande 
sobrietà mostra una rara finezza di giudizio ed una dose così alta 
di buon senso critico, ossia una qualità che non emerge sempre 
sugli scritti di molti dotti, anche se fomiti di molta erudizione. 
In un sol punto, forse, può darsi che non tutti si accordino nel 
parere del Gomparetti. Accenno alla cronologia deUa grande in- 
scrizione di Gortina, che egli assegna ad un' età non molto di- 
stante da quella in cui Solone formulò la legislazione ateniese. 
Coloro i quali seguendo l'opinione accolta da vari dotti tedeschi, 
reputano che si riferisca alla metà del secolo V, anziché al 
principio del VII, non saranno paghi di alcune delle ragioni giu- 
ridiche addotte dal Gomparetti. Nella precoce cristallizzazione 
deUa civiltà cretese qualcuno troverà le ragioni di alcune istitu- 
zioni arcaiche, e per citare un altro punto, qualche scrittore di 
storia greca non sarà forse d'accordo con l'illustre ellenista 
nell' assegnare carattere storico al cretese Taleta, o ad Epimenide, 
identificato da taluni con l'omonimo eroe della gente attica dei 
Buzigi, od a Zaleuco, alla cui esistenza di già nell'antichità 
non prestava fede Timeo, e nel quale qualche moderno non vede 
che un personaggio puramente mitico Ed è difficile poi che mu- 
tino opinione intomo all' età della legge di cui parliamo, molti 
di quei dotti tedeschi che l' hanno accettata e la continueranno 
a reputare vera solo perchè essa fii espressa dal Earchhoff 
e dal Bficheler. Tuttavia chi nelle ricerche scientifiche segue 
gl'impulsi della mente e non si fa schiavo delle opinioni al- 
trui, dovrà pure convenire che molte delle ossrvazioni del 
Gomparetti hanno un grande peso e non potranno più rife- 
rire alla metà del secolo V una legislazione che per ragioni 
paleografiche e storico-giuridiche deve essere reputata ad ogni 
modo più antica del tempo che le fu assegnato oltr' alpe, ove 
del resto non manca chi ha riconosciuto il valore delle os- 
servazioni del Gomparetti ed ha accettate le sue conclusioni 
cronologiche. * 

' Y. ad 68. il Larfeld nel suo reconie manuale dì epigrafia greca, 
edito ncH'Handbuch di Ivano MQller p. 41 C, cf. ib. p. 422. 



— 388 — 

La verità in fondo finisce per farsi strada; e come italiani e 
conte si^oìari del Comparetti non possiamo trattenerci dal notare 
con TÌ7a cxampiacenza come i meriti che l'illustre nostro ca- 
poscuola ha conquistati anche rispetto alla epigrafia cretese ven- 
gano orinai riconosciuti allo stesso modo che da tutta la critica 
europea si apprezzò V alto valore degli scritti di lui, sia che si 
riferissero per es, a Virgilio, ovvero ai papiri di Ercolano. 

Ettore Pais. 

E[)L'AKD Mkyeh, Gt^schichte des AUetilmms. Zweiter Band. Gre- 
schirhk dea AUndlamìes bis auf die Perseikriege, Stutt- 
gart 1S93, pp, XVI, 880. 

Non possiamo eerto lamentarci che nei dì nostri la storia 
della Greeia non sia studiata. In pochi anni abbiamo visto 
succedersi le storie dell' Holm e quella del Busolt; e a breve 
dist£inzn, in questi ultimi mesi, è comparsa la seconda edizione 
del V volume del Busolt, ima nuova storia del Beloch e questa 
di Edoardo Meyer, la quale al pari di quella del Beloch merita 
di essere additata per le novità delle ricerche e delle vedute. 

D Meyer, per vero dire, non e così radicale come il Beloch 
nel distruggere la storia antichissima e tradizionale. Valendosi 
anzi della sua grande e profonda dottrina cerca di formarsi 
un concetto razionale di questa storia, che con il Beloch io 
tendo invece a credere non sia mai esistita ma semplicemente 
frutto delle s])eculazioni degli antichi critici. * Così non credo 
che il Meyer abbia ragione a dare tanta estensione al periodo 
della civiltà Micenea; e tanto meno reputo del tutto siciure le 
conclusioni cronologiche alle quali egli perviene rispetto ai con- 



' Ctìsl io non comprendo come mai il Meyer p, 5 possa ascrivere se 
stesso tra coloro i quali contano tra ** die aiteston rein historischen Nach- 
richten „ od i "* getiaii fixirten Daten der griechichen Oeschichto , tanto 
il principio dcgU olimpionikai al 776 a. C, quanto il principio della lista 
dog:li efori al 75ó/j4. Ma dicendo ciò io so bene che molti, e di questi 
ancbo taluni cho sono veramente dotti, si mcraviglieranno della mia me- 
rATiglia, 



— 389 — 

tatti dei popoli greci con gli orientali. Riconosco ben volentieri 
il molto sapere dell'autore; non ignoro come egli in fatto di 
storia orientale sia imo dei più autorevoli critici dell'età mo- 
derna; ma non so trattenermi da fargli la seguente domanda 
alla quale nessuno meglio di lui saprebbe rispondere: È poi pro- 
prio esatta questa cronologia egizia? Se essa potesse essere trat- 
tata a quella istessa stregua con la quale oggi dai critici com- 
petenti ad unanimità si giudica la cronologia greca, resisterebbe 
ad ogni assalto la data di 12 secoli che si attribuisce ad alcuni 
monumenti della cultura Micenea perrhè si trovano punti di 
contatto con altri monumenti che si sono trovati in Egitto e 
che si assegnano a dinastie per le quali per l'appunto si suol 
fissare tale età? 

Qua e la mi è poi parso notare che il Meyer si sia lasciato 
troppo preoccupare dalle teorie degli archeologi i quali come 
avviene a tutti coloro che sono troppo unilaterali nelle loro ri- 
cerche, esagerando l'importanza dell'unico strumento che sono 
abili a maneggiare, abusano del solo criterio che loro serve di 
guida nel giudicare l'antichità. Ed è strano che il' Meyer, il 
quale senza volerlo, dà talvolta troppa importanza alle indu- 
zioni archeologiche allorché si tratta della storia greca e si 
trova alle prese coi giudizi di autorevoli storici dell'arte, in 
questa istessa opera esca con la seguente giustissima osser- 
vazione.* ^ Lo studio delle collezioni preistoriche d'Italia spe- 
cialmente di quelle che il Pigorini ha ordinato in modo eccel- 
lente nel museo kircheriano mi ha reso persuaso delle impos- 



* Colgo qui r occasione di notare (non avrei per ora modo di dirlo 
altrove ) ohe il Meyer p. 209; 509 si è lasciato ingannare dall' Ebers 
supponendo ohe anche in Sardegna vi siano traccio dell' antico stile Mi- 
ceneo. Quelle gemme illustrate dall' £bers che si rassomigliano alle cosi 
dette ^ pietre delle isole „ appartengono ad uno strato non anteriore al 
secolo y e forse posteriore di molto. £d a questo proposito non sarà 
inutile che io dica, come, or sono 10 anni, il museo di Cagliari (quando io 
ne era direttore) venne visitato dallo Schliemann, il quale si recò in Sar- 
degna per il solo fine di constatare se qui vi fossero o no traccio di stile 
Miceneo. Avendo constatato che non ve ne erano subito se ne partì. 



— 390 — 

ai bili tà di coiiel unioni di carattere etnografico in questo campo 
come in ciuello de^li strati della successiva cultura „, p. 506. 
l'aro le imrce alh^ quiili io sottoscrivo pienamente ma che se 
cadranno sotto i loro occhi faranno currugare la fronte a quei 
non iKjehi ed operosi archeologi italiani i quali in buona fede 
credono di intere stabilire la cronologia di un sepolcreto e Tetà 
precisa di un dato genere di cultura estema per mezzo di fibule, 
di altri bronzi o di vasi il cui tipo senza dubbio di sorta do- 
vette durare per il percorso di qualche secolo. * 

Così io teoio che il Meyer non si sia sempre contenuto nei 
giusti limiti allorché dall'analisi di alcuni monumenti letterari 
t^me le opere ^iodee ed i frammenti dei lirici greci, cerca di 
stabilire nei suoi tratti essenziali il carattere e la natura della 
vita ellenica in un dato periodo. Non già che io non ap- 
provi il metodo, U metodo non solo è giusto, ma è l'unico che 
in questi casi possa seguirsi, ed aggiungo anzi che in una tale 
ricostruzione di mondi morali il Meyer è dotato di una rara 
sagacia^ di una grande finezza. Farmi che egli però sia troppo 
diffuso e tale diffusione sia nociva in un opera di storia; dacché 
sebbene il Meyer concepisca giustamente la sua opera al pari 
del Beloch come una storia della civiltà, nondimeno in uno 
scritto di questo genere è necessario evitare di stare troppo sulle 
generali e di fare considerazioni che spesso non hanno in fondo 
che un valore aoggettivo. Perchè in fine la storia è storia e 
non filosofia; st pasce di fatti e non di astrazioni. 

Un terzo appunto può forse farsi dal lato della forma. Sono 
incompetente a giudicare lo stile del Meyer, ma parmi che 
quella disposizione a paragrafi abbia qua e là nociuto al sogget- 
to; senza quel modo di procedere, talvolta spezzato, frantumato, il 
ragionamento del Meyer avrebbe, mi pare, guadagnato di effi- 



' l'er conto mìo non dubito che a qualche risultato anche per queste 
collezioni italiche tìi verrà. Ma saranno più cronologiche che etnografiche e 
molto dì ciò che una volta m regalava adirittura al periodo preistorico 
che oggi si con e ce* e alla e osi detta età protostorica o per lo meno al 
secolo YJII od Aiiclio IX dovrà attribuirsi a tempi assai più vicini e ma- 
gari al secolo Vi od anello al V. Chi vivrà vedrà. 



. ^ -*>'>•>• 



— 391 — 

caria. Forse qua e là egli doTeva concedere meno al sincroni- 
smo e più al legame logico dei fatti. * 

Ho esposte liberamente le mie impressioni su quelle lievi 
mende che mi è parso scorgere; mi sia lecito ora esporre 
con altrettanta franchezza un giudizio favorevole anzi favore- 
volissimo tanto su alcuni punti come sull^ assieme del Lbro. 

E in primo luogo eccellenti a me sono parse quelle pagine 
nelle quali Fautore discorre del concetto che informa la mitolo- 
gia greca; bellissime quelle dove espone la genesi delle istituzioni 
politiche greche e romane, selxbene qua e la io non sia sempre ri- 
masto persuaso della bontà delle opinioni ivi sostenute; e so- 
pratutto degne di nota mi sono parse le parti del libro, dove il 
nostro autore discorre delle opinioni religiose del VII e del VI 
secolo e dove esamina il valore delle scuole filosofiche e poetiche 
da Stesicoro a Senofane ed a Pitagora, dai misteri orfici alla 
filosofia ionica. 

E non solo di molti e particolari pregi è ricco questo libro. 
U concetto fondamentale che informa ed investe tutta T opera 
è nuovo, e reputo grande merito delP autore P averla concepita 
come storia generale anziché particolare. 

Come sono diverse le opinioni dei critici e delle varie scuole 
alle quali essi appartengono! Poche settimane fa io mi imbat- 
tei in una recensione della storia di cui parliamo, scritta da 
un assai ben noto critico tedesco, autore egli pure di una re- 
cente storia greca, il quale rimproverava appimto al Meyer 
questo concetto di storia universale, che a noi pare invece uno 
dei più «grandi pregi di questo libro. La salvezza della storia, 
osserva questo critico, sta non già nell'essere universale, bensì 
nel diventare particolare. La storia generale rapprenta, egli 
dice, uno stato inferiore e meno perfetto della storia particolare 
che rappresenta invece il progresso di questa disciplina. 



^ Tralascio varie e minori oBservazioni e fra queste noto solo che il 
Meyer, p. 19, seguendo T opinione generale, reputa che per primo Timeo 
si sia valso della cronologia delle Olimpiadi. Ma da un frammento di Fi- 
listo, v. Steph. Byz. 8. V. AóiiTij = fr. 6. Mflller, è forse lecito ricordare 
che essa era già stata usata innanzi. 



■^r ^»T«i»Tr-^4 



— 392 — 

Pensi chi vuole come questo egregio critico; per conto no- 
stro, e non saremo certo sospettati di poco amore e di tenere 
in piccolo conto la ricerca analitica e speciale, ci pare che i 
termini del problema siano assai chiari, e che se la composi- 
zione delle singole storie di una data regione e di un dato po- 
polo sono necessarie, ciò non toglie che fra i singoli fatti storici 
dei vari popoli non vi sia un legame logico che può rintrac- 
ciare solo chi esamini la storia nel suo complesso; legame che 
naturalmente non riesce a vedere chi studia con troppo partico- 
larismo e cx)n cortezza di vedute le vicende di un periodo o di 
una sola nazione. Altro è il compendio di storia imiversale, 
altro è Talta concezione storica, che non solo collega fatti che 
tra loro hanno evidenti relazioni, sebbene avvenuti a grande 
distanza, ma che riesce a scoprire il nesso ideale che esiste tra 
avvenimenti che a prima vista paiono disgiunti.* Per queste ra- 
gioni noi non possiamo che lodare il Meyer di aver scritto an- 
ziché una storia della Grecia, una storia di tutta T antichità sia 
in Oriente che in Occidente; una storia nella quale sono stret- 
tamente concatenate tra loro le vicende di vari popoli di diverse 
stirpi. E questo soggetto al quale diffioilmente si poteva ac- 
cingere anche un valente storico è interamente degno dell' at- 
tività e dell'ingegno del Meyer il quale con rara competenza è 
in grado di discorrere tanto del regno dei Faraoni e delle varie 
storie e letterature semitiche, quanta della storia e della lette- 
ratura dei Greci e dei Romani. Scrivere una storia dell'antico 
Egitto e dei popoli dell'Asia Minore e discorrere magistral- 
mente nello istesso tempo di quelle molte questioni di storia e 
di filologia greca che oggi tengono desta l'attenzione di pochi 
dotti e specialisti, è tutt' altro che impresa facile. E quasi fol- 
lia, allo stato attuale degli studi, indagare allo istesso tempo 
in campi così diversi. Ma se v' è un uomo che si sente pari a 
tanta impresa non possiamo che lodarlo ed incoraggiarlo a pro- 
seguire in una via che ai più ed anche ai migliori è general- 



^ La suporioritÀ della storia unirerBale sulle particolari fu stabilita 
del resto una volta per sempre da PoLiuio, ad os. I, 4. 



— 393 — 

mente contesa. Il primo volume di quest'opera, comparso 10 anni 
fa, dedicato alla storia orientale, venne giustamente salutato come 
un capolavoro. Questo seconda volume che tratta di materia 
nella quale è maggiore la competenza di un numero meno ri- 
stretto di dotti, potrà qua e là apparire non esente da qualche 
lieve menda. Ma ninno potrà fare a meno di riconoscere che 
anche esso è opera di grande valore, di importanza capitale, e 
di tale natura che lascierà traccia nella cultura storica dell'età 
nostra. Successive edizioni, che credo non potranno mancare, 
avranno il compito di togliere appunto queste lievi mende, di 
togliere l'autore da qualche incertezza, di metterlo forse in una 
via più radicale e di maggiore coerenza con i suoi savi principi 
fondamentali. Intanto attendiamo fiduciosamente il terzo volu- 
me; speriamo che esso costi meno fatica all'autore del decennio 
che gli è stato necessario a compiere il secondo. AuguriamogK 
tutta la lena e l'ardore necessario a compiere questa ardua im- 
presa in cui spira tanta freschezza di spirito e tanta assenna- 
tezza, quale può trovarsi solo in chi come lui è nutrito di mi- 
dolle di leone. 

Ettore Pais. 



^,'^^:^r^' 



^ J ,;■ « Tfc i 



NOTIZIE 

DI 

PUBBLICAZIONI RECENTI 



Elia Lattes, Di due nuove inscrizioni prermnam trovate presso Pe- 
saro, dai rendiconti della R. Accademia dei Lincei, Roma 1894, 
p. 202 con tre tavole. 

Il titolo non giunge a dare che xin pallido concetto del molto 
e del vatio contenuto di questo dottissimo libro. Incomincia Fan-* 
toro ad illustrare due inscrizioni trovate su quel di Pesaro (No- 
vilara) e dopo lunghe e minutissime osservazioni epigrafiche e 
paleografiche con il sussidio della storia e dei monumenti giunge 
al resultato sostanziale ohe abbiamo dinnanzi due epigrafi scritte 
da un popolo di stirpe etnisca o più antico o stazionario rispetto 
ai fratelli della Toscana. 

In seguito il Lattes combatte alcune teorie del tedesco Pauli 
rispetto air origine schiettamente illirica delle inscrizioni sabel- 
liche e venete e rispetto a quest' ultime mostra le affinità, ne- 
gate dal Pauli, con T etrusco e quelle fra P etrusco e le inscri- 
zioni della Rezia. 

In una seconda appendice l'autore discute opportunamente le 
opinioni del von Duhn e del Brizio intomo al valore etnografico 
del criterio che si può ricavare dalle diversità del rito funebre 
(esumazione e cremazione); e nell'appendice seguente espone quelle 
che furono a parer suo le cause della confusione fatta tra Tirreni 
e Pelasgi , nell' ultima appendice (alla quale tengo dietro del 
resto varie aggiunte) 1' autore porge la sua interpolazione delle 



— 396 — 

due famose inscrizioni di Lemno che in tutto questo studio rav- 
vicina e confronta con le favelle usate dagli Etruschi a Novilara 
ed altrove. 

H libro è di carattere sopratutto glottogico; ma non glotto- 
logico soltanto. La glottologia forma per cosi dire l'orditura 
dell' opera che è poi in tessuta con una grande ricchezza di osserva- 
zioni storiche ed archeologiche. Non tutti i cultori di storia leg- 
gendo questo libro si troveranno sempre ed interamente d'accordo 
con il dotto autore, ed anche io, sebbene in più di un punto come 
il Lattes mi fa l'onore di mettere in rilievo, mi trovi sostanzial- 
mente d'accordo con lui, per alcune singole questioni propenderei 
ad opinioni diverse. E in seguito come non mi mancherà l'occa- 
sione di confortare le mie tesi con le sue autorevoli osservazioni, 
cosi non tralascierò di dire diffusamente dove e perchè da lui 
dissenta. Ma certo questo ci sembra si possa asserire che l' intrec- 
cio delle dottrine glottologiche con le storiche ed archeologiche 
nel Lattes è adiri ttura meraviglioso e che un libro siffatto, al pari 
degli altri che ha egli scritto, debba essere minutamente stu- 
diato da chiunque si accosti ai più difficili problemi dell'anti- 
chissima etnografìa italica. 

E. P. 

Giuseppe Civitelli, / niMwi frammenti d^ epigrafi greche relative ai 
ludi Augustali di Napoli, Napoli 1894 p. 82 in 4.'* 

In questa memoria, pubblicata negli atti deUa R. Accademia 
delle scienze di Napoli, 1' autore esamina varie questioni relative 
alla storia, all'ordinamento, alla topografia dei celebri giuochi 
istituiti da Augusto a Napoli e che nei buoni tempi ebbero tanta 
fama da essere anche ufficialmente riconosciuti e dichiarati isolim- 
pici. Il Civitelli dai nuovi frammenti relativi ai fasti di tali giuochi 
scoperti in questi ultimi anni in quel classico suolo trae occa- 
sione a rettificare ed a meglio rischiarare le inscrizioni già note 
per il passato e che trovarono molti amorosi illustratori, ad es. 
rignarra fra gli scrittori nostrali, il sommo Boeckh fra i dotti 
d' oltralpe. 



■y;«'w-T ì .T'^^^r' ^V ?-^.*i* 1. A?Tr r ' ■ "J^^t;* T.*-^ -*-?- T'S,"!' ^^ì^nrKTji^r 



— 397 — 

L' autore dà saggio di dottrina, di molta accuratezza, di acume 
ed infine di grande indipendenza di giudizio. Buona ci sembra 
la spiegazione che egli ha saputo ad es. rintracciare dell' espres- 
sione StaTCàvxwv (=pantomimus) non compresa dai suoi predeces- 
sori ; rispetto all' esistenza dei giuochi equestri a Napoli forse 
era il caso di rammentare che essi erano comuni nella Magna 
Grecia come parmi si possa narrare da Tacito XTV. 21 : e Maiores 
quoque non abhorruisse spectaculorum oblectamentis prò fortuna 
quae tum erat, coque a Tuscis accitos histriones, a Thuriis 
equorum certamina » etc. 

Questo egregio lavoro è dedicato a chi incoraggiò l'autore a 
studiare il tema, ossia al Prof. Antonio Sogliono, il valente il- 
lustratore delle antichità della Campania. 

E. P. 

Gabriele Grasso, Studi di Storia antica e di topografia storica. 
fascicolo I. Ariano 1893. 

H dottor Grassi che insegna storia nel R. Istituto Tecnico di 
Melfi in questo fascicolo pubblica tre lavori di topografia storica. 
Nel primo dimostra che vi furono, due diverse Aquilonie una 
nel paese degli Irpini, l'altra nel Sannio, mentre nell' Apulia 
non vi fu che un fiume detto Aquilone ; nel secondo studio trat- 
ta di alcune vie del paese degli Irpini e del significato dell' ora- 
ziano: Mansuri oppidulo quod versu dicere non est; nel terzo 
della storia di Aequum Tuticum e della pretesa antichità di 
Ariano. 

H Grassi conosce pienamente la letteratura sia locale che 
straniera, espone con garbo le proprie osservazioni e fa real- 
mente progredire le nostre conoscenze intomo a soggetti non 
perfettamente noti. Forse un poco più di brevità sarebbe stata qua 
e la desiderabile ad es. ove dimostra ad esuberanza la falsità del- 
l' opinione che Ariano fosse un' antica città; ma a parte qualche 
leggiero difetto, del quale l'autore potrà in seguito correggersi, 
a noi sembra che i suoi studi e le sue ricerche vadano cordial- 
mente incoraggiati. 

E. P. 



r¥^ 



— 398 — 

EDrvRD STEMPLiN?.Ek, Stroboiis LiUerarhistorisnhe Notizen. Mùn- 
chen 1894 p. 93 in 8.^ 

L' autore raccoglie ed aggruppa metodicamente le molte e 
svariata notizie che Strabene porge in tomo ai letterati, artisti, 
ftlosofì. poeti, matematici e via di seguito; e grazie a questa mi- 
nuta stati.^tica giunge al risultato che queste sono deliberatamente 
più ampie ed abbondanti rispetto all' Asia minore. Lo Stem- 
plinger noti crede quindi vera la tesi del Niese che Strabene scri- 
vesse per ugo dei Homani e nemmeno quella di Paolo Meyer che 
Gom ponesse la sua opera tanto per questi quanto per i Romani. 
Egli dichiara invece di accettare quella che, vari anni or sono, 
fu sostenuta da me, ossia che P Amasi ota ebbe in vista sopratutto 
i suoi compaesani dell' Asia minore. Fra le persone illustri e 
e dedite alla scienza Strabene ricorda di preferenza i filosofi ed 
i contemporanei. Degna di particolare menzione é poi la parte 
di questa monografia in cui si enumerano e si esaminano i passi di 
Strabone nei quali rispetto alla patria di tali autori si porgono no- 
tizie diverse da quelle riferite da altri scrittori ; e lo Stemplinger 
giunge al riBultr.ta che Strabone in seguito ad esame indipen- 
dente segue la migliore e più attendibile tradizione. Questa mo- 
nografia^ come ho di già dichiarato, è condotta con metodo e rie- 
sce proficua a coloro che attendono allo studio di Strabone. 

E. P. 

Henhici KAferTj ForìTiae orhis aìUiqui. Erste Lieferung. Ber- 
lin 1894, 

Questa egregia pubblicazione sarà salutata con plauso da tutti i 
cultori della storia antica. Non possedevamo ancora un buon atlante 
per la geografìa antica che oltrepassasse i confini assegnati al- 
l' insìoguamonto secondario e tutto al più all'accademico, che fosse 
comi>leto e che sopra tutto fosse al corrente delle ultime inda- 
gini . Il Kieport, il cui nome e la cui autorità in questo campo sono 
generabuBnfee rie o no taciuti superiori a quelli di qualunque altro 
dotto, e che si era di già reso oltremodo benemerito di questi studi 



— 399 — 

con varie opere e con numerosissime carte (ad es. con il manuale 
di geografia antica, con l'atlante dell'antica Eliade, con le carte 
che ornano il Corpus Inscriptionum Latinarum) senza dubbio di 
sorta era l'unica persona chiamata a compiere questo nuovo 
lavoro. L'illustre professore dell'Università di Berlino infatti 
non è soltanto un valente geografo e cartografo; lo scolare del 
Bitter è stato pure un valente allievo del Boeckh e possiede una 
solida cultura storica e filologica. 

Questi duplici pregi che si ammirano in tutte le pubblicazioni 
dell' emipente professore tedesco si riscontrano anche in questo 
atlante del quale si pubblica ora il primo fascicolo. Ad ogni carta 
geografica va unita una assai accurata illustrazione che riesce 
assai utile, sia perchè il Eiepert discorre delle pubblicazioni di 
storia geografica relative ad ogni singola regione, sia perchè ac- 
cenna a molte ed importanti questioni che egli risolve con il 
sussidio tanto delle fonti letterarie quanto delle epigrafi. Anche 
dal lato dell' esecuzione le tavole sono assai degne di lode. 

L'opera intera consterà di sei fascicoli con 36 carte; questo 
primo contiene le carte e le illustrazioni nell' Asia provincia ro- 
mana citeriore, dell'isole del mare Egeo, della Grecia setten- 
trionale, dell'Illirico e della Tracia, delle Isole Britanniche, 
della Spagna. All'illustre autore ed alla benemerita ditta Beimer 
i migliori auguri di ottimo successo nell'impresa. 

E. P. 

D. More A., Chartularium Cupersanense, Tipografia di Monte Cassi- 
no, 1893, in-4, pp. LXXVm, 429, con 10 tavole fatotipiche 
e una fotografica. 

Sono 202 carte, delle quali ben 197 vedono ora la luce per 
la prima volta, in questo splendido volume, dovuto alla detta 
operosità dei frati di Monte Cassino e di D. Morea, il quale alle 
tante benemerenze che già si acquistò verso la cultura e l'edu- 
cazione della gioventù pugliese, volle aggiungere anche questa, 
che non è piccola certamente, verso gli studi di storia patria. 
A giudicare dell'importanza di questa pubblicazione per la 



fr^ m^'^ ^- 



— 400 ^ 

fitork p pel di ritto e jK^r la filologia o scienze affini basti sapere 
che le 202 carte compresa in questo volume vanno dall' 81 5 ai 
Ì2&8 fì che ben 'òl sono anteriori al mille, altre 31 apparten- 
gono al sec. VI, 80 td XII e le rimanenti al seguente. Sono 
divise ili bi salitine^ normanne e sveve, secondo i varii periodi 
storici a cui si riferiscono. Ad esse faranno seguito , in un se- 
condo volume che è in corso di stampa 'e che ci fa sperare vedrà 
presto la lucej Io carte angioine ed aragonesi. L'autore aggiungo- 
ai documenti un ampio corredo di note illustrative e una prefa- 
eione in cui con molta dottrina e coli' aiuto specialmente dei do- 
cumenti da lui editi rità la storia del monastero di S. Benedetto 
di Conversano. Precede il volume una fotografia del prospetto 
del Monastero ^ della Chiesa di S. Benedetto, la chiudono un 
elenco degli Abati del Monastero, un indice degli autori citati 
nel volume^ F indice onomastico e l'indice geografico, il glossario 
delle voci dialettali o poco note, l' indice generale del volume, 
9 tavole fototipichc riproducenti i documenti più importanti e una 
decima dei suggelli di Goffredo normanno e di Robovto di Bas- 
Bavilla, conti di Convergano. In un capitolo a parte l' A. distingue 
le carte secondo il tempo, il luogo e il contenuto loro, ragiona 
della loro impoitanza molteplice e dà conto del metodo tenuto 
nel trascriverle e illustrarle. Non sapremmo lodarlo di aver vo- 
luto riprodurre il testo delle pergamene fino a rispettarne l' inter- 
punzione o le rnaiuitóolo e minuscule come in esso si trovano. Di 
ciò poca gratitudine gli avranno i poleografi, nessuna gli storici. 
Tenuto cont^j dello difficoltà dipendenti dai luoghi stessi, scarsi 
di libri, nei quali l'autore ha dovuto lavorare, non istaremo a 
rilevare che non seiuproj citando, si richiama alle edizioni migliori 
e più recenti; ne gli rimprovereremo di essersi forse lasciato talo- 
ra prender la mano dal r amore del proprio paese, come là dove 
afferma, che la Puglia, tra le regioni d'Italia è la pia ricca di 
tìtoria, p, Xni; tanto più che appunto al suo grande amoi^ per lo 
memorie putrie si dove ne egli ci ha dato questo Chartularium 
e so le il lus tracio ne ondo lo ha accompagnato si leggono con vivo 
interest, Odaorvoremo s.i [tanto che le cure che certo senza 
risparmio fiu^ono npeso nella trascrizione delle carte, non hanno 



-- 401 — 

potuto impedire che corressero non poche sviste, come ognuno 
può accorgersi facendo il riscontro dei documenti che vengono 
riprodotti in fototipia. Per citare qualche esempio: p. 131, 1. 13 
castdìcmo^ per castellani; p. 140, 1. 39, benevoimtia per hemvólentia; 
p. 141, 1. 1, catepanm per catepanum; p. 180, 1. 3.0, una per une; 
p. 181, 1. 5, clausuriam per clau9uream. 

A. C. 

Georg Busolt, Grieehische Geachichte^ Band. I, bis sur Begriindung 
des Peloptmnesischen Btmdes. Zweite vehmerte un vollig umgear- 
beitete AuBaga. Gotha 1893 p. 716. 

L'utilità di questa opera è indiscutibile. Anche dove non si 
accettano tutte le vedute del Busolt non si può non ammirare 
la vasta conoscenza che del soggetto ha 1' autore: né credo sia 
ormai possibile fare una ricerca intorno alla storia della Grecia an- 
teriore al V secolo senza tener conto dell'abbondante materiale 
raccolto in questa dotta opera. Forse anche troppo abbondan- 
te ; dacché a me pare che talvolta il Busolt avrebbe potuto 
fare a meno di ricordare scritti che nessuno più legge o che non 
meritano di essere rammentati, accanto ad opere di utilità indi- 
scutibile. La prima edizione del primo volume usci nel 1885; 
questa seconda ò aumentata di circa un terzo ; ed oltre a ciò è in- 
teramente trasformata; l'ordine della materia è assai migliorato. 
Nella prima edizione il primo volume giungeva sino alle guerre 
persiane, in questa si arresta alla fine del VII ed al principio 
del VI secolo. Sicché è evidente ohe i due primi volumi sono 
destinati a diventare tre, e che tutta l'opera, che ci auguriamo 
di veder presto condotta a buon termine, sarà contenuta in non 
meno di cinque. 

Le importanti ricerche &tte in questi ultimi anni intorno alla 
civiltà micenea hanno fatto si che il Busolt (come Edoardo Meyer) 
faccia precedere la sua opera da un ampio capitolo di oltre 100 
pagine interamente dedicate a questo importante soggetto. Inoltre 
l'autore ha tenuto conto di molte pregevoli opere pubblicate 
dopo il 1884, come le ricerche del Wilamowitz sull'Odissea, del 



" I .Mi. PWP 



— 402 — 

Helbig suir^pos omerico illustraljp con i monumenti, degli studi 
del Meyer etc, libri che non ebbe modo di esaminare allorché co- 
minciò a stampare per la prima volta la sua storia. Peccato an- 
si che il Buf^olt non abbia fatto a tempo a valersi del secondo 
volume della storia dell'antichità di Edoardo Meyer che com- 
prende presso a poco lo stesso periodo. Il Busolt ed il Meyer 
trattano i*Grò il loro argomento con metodi e da punti di vista 
epopea r^ otìijai diversi. Ma ciò anziché materia di un semplice 
aununaio potrebbe fornire argomenti di ampia discussione. Qui 
non intendiamo far altro se non dare la semplice notizia della 
comymrsa dnlla seconda edizione di questo utilissimo manuale 
che desidereremmo vedere studiato in Italia, dove di libri di que- 
sto genere, e con grande danno della cultura generale, v' é asso- 
luto difetto* 

E. P. 

Ernst OuRTitrs, Gesofmmdte AbhMìdltingm in zwei Bànden, I Band 
mit swei Tafeln. Berlin Hertz 1894 p. 528 in 8. 

Errtesto Curtius raccoglie in questo primo volume le varie 
sue dissertazioni di soggetto antiquario o che si riferiscono alla 
stona di varie città dell'Eliade ed in partioolar modo ad Atene 
ed air Àttica. Queste dissertazioni, pubblicate in parte da molti 
anni ed in periodici che sopratutto fra noi in Italia sono poco 
acceasll^ìi ^ sono state qua e là modificate dall' autore affinché si 
trovassero allo stato attuale della scienza. Fra esse notiamo due 
memorie relative alla costruzione delle vie presso i Greci, la 
ben nota dissertazione sulla lega di Calauria, quella sulla storia 
di Corinto^ un altra su quella di Efeso. Dieci dissertazioni si 
riferiscoiio a speciali questioni attinenti all'Attica, ed infine il 
volume contiene ricerche onomatologiche relative ai promontori 
E fiumi ed a persone. Il secondo volume conterrà le memorie di 
carattere archeologico, mitologico epigrafico e numismatico. 

Non siamo fra i più caldi ammiratori del Curtius; crediamo 
anzi non sia del tutto ingiusto il giudizio in parte severo che gli 
s tesai tedeschi pronunciano a proposito di questa elegante ed 



— 403 — 

artìstica stona della Grecia, la^quale in grazia del nome dell' au- 
tore e dei pregi testé ricordati ha avuto Tenore di una tradu- 
^ zione anche nella nostra lingua. Éiconosciamo però ben volen- 
tieri il talento e la grande dottrina di lui. Forse in taluni di questi 
scritti minori si rivelano le qualità proprie del Curtius, spirito for- 
se troppo idealista e troppo poco positivo per comprendere del tutto 
il fatto politico, atto invece quanto altri mai ad intendere il lato 
artistico della vita ellenica e che dall'entusiasmo per Atene e 
per la Grecia è spinto a studiare con il più grande amore ogni 
più piccolo particolare ohe si riferisca alla grande città greca. 

E. P. 

Adolfo Albertazzi, La contessa cPAlmond, Bologna, N. Zanichelli, 
1894, in-8 piccolo p. 293. 

Con viva curiosità ed attenzione si legge questo libro del 
geniale scrittore Adolfo Albertazzi, sopratutto per lo stile facile 
ed elegante^ adattato all'indole dei fatti che si raccontano, i 
quali, tragici e commoventi in sé stessi, per la scena in 
mezzo a cui si svolgono e per il carattere dei singoli personaggi 
acquistano molto del romanzesco. Basterebbe allargare un poco 
i confini della tela, far servire da sfondo e non a mo' d'inter- 
mezzo la vita delle diverse classi della società in Bologna nel 
secolo XVn e XVJLUL con tutti i particolari e i costumi che 
meglio la caratterizzano, dare insomma maggior unità ed intrec- 
cio all'azione per ricavarne la trama di un vero romanzo. Ma se 
tale può essere stato l'intendimento primo dello scrittore certo 
non fu lo scopo di questo libro. Cosi com' è, il lavoro manca di 
quella unità ed omogeneità di elementi che si richiede in uno scrit- 
to puramente storico. E l'autore stesso è venuto a riconoscerlo di- 
videndo il Ubro in più parti distinte e disponendo quasi in altret- 
tanti quadretti staccati le singole figure dei suoi personaggi abil- 
mente e minutamente tratteggiate. Ma ciò nuoce all' effetto 
dell'insieme. Inoltre più che la storia della contessa d'Almond 
abbiamo quella di un'intera famiglia. Vittoria Montecuccoli, sposa 
al marchese Virgilio Davia, nobile di Bologna, divenuta poi con- 



— 404 — 

toas^a cr AlmoTid per titolo di Gi^omo II re d'Inghilterra, più 
elio dalle relazioni con la regina stessa d'Inghilterra, che accom- 
pagnò nella fuga in Francia, e con madama di Maintenon, è 
postn nella sua vera luce e nel suo vero carattere di donna 
pietosa 6 sventurata dalla narrazione dei delitti e delle malva- 
gità dei suoi cinque figli, uno più sciagurato dell' altro, che la 
fecero presto morire di orepacuore. H primogenito, Giovanni 
Battista, fu un partUante: figura d'eroe e di ladrone insieme, 
ardimentoso, gagliardo d'animo e di braccio, simile in parte a 
un cavaliere da romanzo e più forse a un capitano delle com- 
pagnie mercenarie, desolazione d' Italia nel medio evo. Le suo 
improse e strane avventure sono intimamente collegate coi fiitti 
della guerra per la successione di Spagna e con le vittorie 
dì Eugenio di Savoia, al quale egli rese segnalati servigi come 
suo aiutante di campo. Il secondogenito, Francesco, si macchiò 
di omicidio, eppure fu il migliore di tutti e quello che più 
tardi fu promosso alla carica di senatore di Bologna. An- 
tonio Davia, il terzo, stanco della vita, si fece frate trappista, 
lasciando senza dolore alcuno la madre sola e disperata, che 
poco dopo mori, il 13 Aprile 1703. Sei mesi appresso anche 
il marchese Virgilio le tenne dietro. Una sequela non inter- 
rotta di discordie, fatti luttuosi, avventure, ecco la vita della 
nobile famiglia dei Davia, che l'Albwtazzi ha efiicacemente ri- 
tratto. % appunto nella descrizione sempre difficile dei costiuni 
del tempo sta il massimo pregio e l'importanza di questo libro, 
utile per chi pensa (e non faccio che riportare il pensiero dello 
stesso scrittore ) che la storia dei secoli andati non è importante 
se non quando la narrazione degli avvenimenti più gravi riceva 
luce e spiegazione dalla conoscenza della vita famigliare e cit- 
tadina. 

F. F. 

Alfonììo Professione, Contributo agli studi deUe decime ecclesiastiche 
e deUe crociate, Torino 1894, p. 19 in-8. 

L' egregio professore del Liceo d' Ivrea è di quelli che amano 
lo studio la ricerca; dovunque ragioni d'ufficio lo trsisferiscano, 



— 405 — 

non perde tempo e trova semp/e modo d* esercitare la sua utile 
operosità) a Siena, tra le altre cose, con Nuovi docutnenti su V(in- 
ni Fucei (1891), con Notizie di storia letteraria senese (1894), con 
Corradino di Svevia e U suo passaggio per Siena (1892) e coi Càle^ 
di Sima (cfr. Stt»dì Storici voi. Il, p. 144); ad Ivrea qoW Inventario 
dei Codici della Biblioteca Capitolare é^ Ivrea (1894), 1 pedaggi in 
Ivrea nel sec. XIV (1894). Cosi ora dagli archivi della medesima 
città trae documenti e notìzie utili alla storia delle decime ec- 
clesiastiche e di quelle delle Crociate, specialmente nel seco- 
lo Xin. Sono brevi memoriette che non pretendono di descriver 
fondo a tutto l'universo, ma recano il loro utile contributo alla 
scienza. Se il suo esempio fosse imitato dai suoi colleghi di molto 
se ne avvantaggerebbero gli studi; poiché è vero pur troppo 
che anche le principali, non che le secondarie città d' Italia 
difettato di mezzi di studio, ma non vi è terra d'Italia, si può 
dire, che non offra documenti, materiali e soggetti nuovi di 
ricerca. 

A. C. 

G. EoMANO, Oiangakazzo Visconti avvelenatore, un episodio détta spe- 
dizione italiana di Roberto di Baviera^ Milano 1894, estr. dal- 
VArch, St. Lomb,, anno XXI, fase. Il, p. 56. 

n 20 Aprile del 1401 mentre Roberto di Baviera, nuovo im- 
peratore eletto, si apparecchiava a sceder in Italia per farvisi in- 
. coronare, e con Bonaccorso Pitti e Piero di Samminiato, amba- 
sciatori di Firenze, negoziava gli accordi con quella repubblica 
nel suo castello di Sultzbach, fu fermato un corriere recante 
lettere di Piero da Tosignano, medico del duca Giangaleazzo Vi- 
sconti, a maestro Ermanno, medico di corte, nelle quali Piero 
cercava, per parte del Duca, d'indurre Ermanno, suo antico 
scolare a Pavia, ad avvelenare il re e i suoi figliuoli. Arrestato 
costui e condotto a Norimberga e consegnato dal re ai grandi 
elettori e baroni del regno perchè lo esaminassero, avendo egli 
fra i tormenti della tortura confessato il suo delitto < lo giu- 
dicarono che fosse strascinato senza asse insino al luogo della 



— 406 — 

Giustìzia, e ìk ^li ihssero rotte le gambe e le braccia e le reni 
r poi leBSuto ìd su una ruota di carro e posto in su uno stelo, 
e tanto stosae a quel modo eh' egli vi morisse, e cosi fu fatto ». 
In tal modo ne parla Bonaccorso Pitti, testimone oculare del 
tatto, nella sua Cronica^ cfr. p. 18. 

La verità di questo tentatilo d'avvelenamento per parte del 
eonte di Virtù era stata già o messa in dubbio o negata da 
scrittori e contemporanei e posteriori, tanto che l' autore di que- 
sto saggio non aveva creduto neppur necessario di parlarne nel 
lavoro da lui pubblicato nel 1891 neYH Archivio Storico Lombardo, 
fase. I e n, sa Gkingaleazzo Visconti e gli Eredi di Bernabò; ma 
poiché scrittori recenti che si sono occupati della spedizione di 
Roberto in Italia, come Hans F. Hblmolt, Konig Rvprechls Zug 
mirh ItaUctt, Iena 1892, e Alfred Winkelmann, Der Bormug Ru- 
prenfUs van der F/aU^ Imsbruck 1892, danno per fatto sicuro 
qiiol tentativo, egli ha creduto di trattare la questione di pro- 
poti ito 6 di ritare il processo di Norimberga. Esposta abilmente 
le testlmoniansEO a carico e discarico (documenti e cronache), 
ìidita la difesa che di sé fece Giangaleazzo in una lettera che in 
torma di circolare mandò a' vari Stati, raccolte notizie sull'im- 
pressione che r annunzio dell' accaduto fece nei contemporanei 
e specialmente nel Senato Veneto, molto ingegnosamente dimo- 
stra la poca verosimiglianza d' un tale attentato e la grande pro- 
babili tii che r accusa non fosse che una calunnia e tutto fosse 
effetto d' un intrigo tenebroso e infame. 

Ma quali gli autori dell'intrigo e della calunnia? FecU cui 
pradesL ttia il Visconti aveva designati come tali i Fiorentini 
suoi capitali nemici. Si sapeva anche, dalla Cronica di Bonac- 
corso Pitti, di una rivelazione fatta da Niccolò da lizzano, quan- 
do era prigioniero dei Visconti a Milano, a carico dello stesso 
Pitti corno e8ecutore della trama, il quale perciò nella sua Cro- 
nica cerca dMniirinarla dandola come strappata all'Uzzano coUa 
tortura. Ma il Romano pubblica la dichiarazione stessa di N. da 
lizzano (ed è con essa appunto che egli ha potuto rifare agevol- 
moiite il processo al povero maestro Ermanno e al Visconti) dalla 
qimlo risulta irrefragabilmente che i Dieci di Balia del Comune 



»'. 



— 407 — 

di Firenze, per indurre Roberto ad affrettare la sua spedizione, 
sentendo « chel ditto Nuovo Eletto aveva gran sospeto de veneno 
e massimamente de verso el duca de Milano », immaginarono di 
scrivere ai loro ambasciatori d' aver inteso, benché non fosse 
vero^ che maestro Piero da Tosignano a petizione del Duca di 
Milano doveva fare avvelenare il re per mano del suo medico e 
di raccomandar loro di farlo credere al re t per ogny modo a 
loro possibile etiandio non ispendervi ». E gli ambasciatori, col- 
r aiuto del duca Ludovico di Baviera, architettarono tutta l'or- 
ribile tragedia: il corriere arrestato, le lettere sequestrate, la 
condanna e la morte del povero maestro Ermanno. 

Questo lavoro del Romano, al quale egli ha saputo dare le 
attrattive di un processo riveduto e corretto, oltre ad avere 
importanza in sé, per aver ristabilito la verità dei fatti, ap- 
presta anche nuovi elementi al giudizio da darsi stdla con- 
dotta della Repubblica fiorentina e dei suoi principali cittadini, 
come il Pitti e il Samminiato esecutori della nera perfidia, Tom- 
maso Rucellai e Bartolomeo Valori, inventori, Maso degli Albizzi, 
uno dei consigliatori e capo allora di quella oligarchia, e Niccolò 
da lizzano, rivelatore di tutti i segreti (e diye che il Litta,. at- 
tingendo a ricordi di famiglia ne aveva fatto un eroe, contante 
fra i più barbari strazi!), ed altri, non che su quella del duca 
di Baviera, complice necessario del Pitti e del Samminiato. Il 
Romano mostra anche con questo esempio quanta circospezione 
conviene avere nel servirsi di certi documenti e di certo cro- 
nache per rifare la storia di quel tempo. 

A. C. 

Camillo Manfroni, òiftet^ra, Berna e Carlo Emanuele I (1589-92), 
con nìÀOoi docurnenii della CoUezione Taggiasco, Torino 1893, 
estr. dalla Miscellanea di Storia Italiana, S. H, XVI (XXXI), 
p. 459-551. 

£ un' altra buona monografia che il Manfroni, cultore ap- 
passionato e onesto degli studi storici, aggiunge alle altre da 
lui già pubblicate su Casa Savoia e particolarmente su Carlo 



— 408 — 

Ejiianaelo I (Cfr. / diriUi detta (kiaa di Savoia std nìurchesato di 
S(dt*£iOf nei HendicotUi ddla E. A. dei Lincei 1885; Carlo Efna- 
Hudt. I e il Trattato di Lione, nella Riv. st. ital. 1890). t Quello 
ch'egli faces^ per ricuperare T antica città del lago Lemanno, 
iìulla quale i auoì maggiori avevano avuto dominio/ quali alleanze 
ai procacciasse j qual risultato avesse infine la guerra, che, in- 
cominciata nel 1589, si protrasse fino al 1592, narrerò in questa 
memoria, giovandomi specialmente degli importanti documenti 
inediti contenuti nel manoscritto AA. della Collezione Taggia- 
fico t. Cosi r autore . 

I documenti di cui egli specialmente si vale sono tratti da 
quello stesso manoscritto di cui si è giovato per V altro suo 
lavoro. La kga^iom del Cardinale Caiani in Francia (1889-90), 
Torino 189:i, di cui fu già discorso in questi Stud voi. ITE, 
j>. 291 e &eg., e consistono in circa 30 Aomi o relazioni di fatti 
d'arme accaduti sotto le mura di Ginevra, inviate dal coman- 
dante dello milizie ducali o al Duca stesso o al suo ambascia- 
tore, marcbeae di Sottimo, o all'ambasciatore di Spagna, conte 
di Olivares. L' autore pubblica nel testo i documenti più impor- 
tanti; dogli altri dà il catalogo in appendice. Meglio forse 
avrebbe fatto a relegare in appendice anche quelli, o a riferirne 
nel testo solo quel tanto che era necessario. Il lettore abbandona 
malvolentieri la buona prosa del Manfroni per leggere il barbaro 
italiano di documenti che non per intero ma solo in parte si ri- 
i'oriscono al punto in cui la narrazione è giunta. Peccato anche 
che qualche cìtadone sembri di seconda mano, c£r. per es., 
p. li, nota 4. Ma il Manfroni è scrittore coscienzioso, e forse 
non si tratta che di note messe fuori di posto. 

A. C. 

GiOROio La Cokte, La cacciata di un Viceré, saggio di critica 
storica, Giarre 1894 p. 98 in-8 piccolo. 

L'autore rettifica qualche giudizio e qualche particolare in- 
tomo alla cacciata del Moncada, difendendo la condotta di co- 
stui che dice legale ed energica e attribuendo la sommossa alla 
o! tracotanza dei baroni e al disagio economico delle popolazioni. 



TT^ tv 



— 409 — 

« 

E un lavoro abbastanza diligente e coscienzioso e attesta del 
buon indirizzo che il giovine autore ha ricevuto ne' suoi studi ; 
quantunque faccia cattivo senso la dichiarazione; lodevole del 
resto per la sua sincerità, che gli è mancato il modo di consul- 
tare alcune o{)ere importanti che hanno attinenza col suo argo- 
mento; onde egli stesso temendo T accusa d'incompiutezza di- 
chiara che anziché ridire cose già dette da altri ha preferito 
tacerle. Ma chi lo assictira, non avendo egli consultate quelle 
opere, che in esse non si contenga ciò che egli dice e che dà 
per nuovo? A. C. 

M. Rosi, La Riforma réUgiosa in Liguria e F eretico utnbro BartO' 
lomeo BartocciOy ricerche storiche condotte dall' apparire del- 
l' eresia in Liguria nella prima metà del secolo XVI all' anno 
1569. Estratto dagli AUi deUa Società Ligure di Storia Patria, 
voi. XXIV, fase. 2\ Genova, 1894, p. 178 in-8' gr. 

M. Rosi, professore di storia nell'Istituto Tecnico di Genova, 
noto già ai cultori delle discipline storiche per altri lavori, cfr. 
Studi Storici j voi. I, p. 131 , e di recente anche a quelli delle 
discipline letterarie per la pubblicazione d'una commedia inedita 
del cinquecento (Il Barro di Paolo Foglietta, cotnmedia del sec. XVI 
pubblicata con note ed illustrazioni per M. Rosi, Genova 1894), 
entra con questo suo lavoro in un campo di ricerche affatto 
nuovo e inesplorato, inquantochè, come egli fa ben rilevare nella 
prefazione, della Riforma nella Liguria, regione creduta a torto 
affatto immune da quel contagio, nessuno finora si era occupato. 
L'autore comincia dal descrivere le condizioni morali e religiose 
che potevano esser favovevoli all' allignare di idee di riforma, e 
raccoglie fatti molteplici sulla corruzione e sulla ignoranza del 
clero, i quali non sono privi d'interesse, ma non sempre forse 
sono molto dimostrativi, appartenendo, in maggiore o minore 
misura, a tutti i tempi e a tutti i luoghi. 

Passa quindi a parlare dell' eresia in Genova fino all' anno 
1567 raccoglie notizie su accuse vaghe e su alcuni processi 
d'eresia intentati con esito o assolutorio o ignoto. Tutto ciò che 



— 410 — 

egli ci fa sa|iQr6 finora veramente più che resistenza dell'eresia 
in Genova prova lo zelo della Repubblica e della S. Inquisizione 
nel combatterla^ e non autorizza a parlare d'una riforma religiosa 
io Liguri a j © non giustifica ancora il titolo che il Rosi ha dato 
al suo lavoro e che potrebbe sembrare un pò troppo promettente. 
Ma è da avvertire che egli finora non ci dà che un primo ca- 
pitolo e già ce no annunzia un^ secondo, cfr. p. 111. Di questo 
capitolo la parte pili importante, e che è veramente nuova e in- 
teressante^ è quella che si riferisce al Bartoccio. L'imprigiona- 
mento di questo mercante ed eretico di Città di Castello, diven- 
tato cittadino di Ginevra e calvinista, accusato dall'Inquisizione 
dì Roma di far propaganda ereticale in Italia, sotto specie di 
esercitare la mercatura, arrestato dalla Repubblica Ligure dietro 
denunzia del S. Ufficio di Roma mentre era in Qrenova, la sua 
e&tradi^ono a Roma, prima ordinata, poi sospesa, poi compiuta, 
e le rimostranze o le minacce di Genova e di Berna e le paure 
e le pratiche dolla Repubblica^ prima per non consegnarlo, poi 
per ottenerne la liberazione, tutto ciò è narrato egregiamente 
sulla scorta di preziosi documenti inediti e di notizie che il Rosi 
ha saputo procurarsi anche da archivi esteri. Se tutto ciò ha pure 
poco a che fare con una riforma religiosa in Liguria, onde forse 
m sarebbe l'atto meglio a trattarne in un lavoro a sé, senza 
unirlo iiitramea^arlo con notizie riguardanti le condizioni ro- 
ligiose della Liguria, tuttavia è d' un importanza incontrastabile, 
e giova specialmente a far conoscere il contegno della Repub- 
blica Ligure verso la Riforma religiosa, verso Roma e verso Gi- 
nevra, L^ autore mostra di aver fatto notevoli progressi nel me- 
todo delle ricerche storiche in questo suo nuovo lavoro, del quale 
attendiamo con vivo desiderio la continuazione. 

A. C. 

Italo Raolick, Per un errore di cronisti (V acquisto di Vicenza pei Ve- 
neziim)j ostr, da! Niwvo Arch. Yen. tomo V, parte II, 1893, p. 15. 

Con documenti dell'Archivio di Stato di Venezia l'À. dimostra 
che errano i cronisti quando raccontano < che la repubblica 



— 411 — 

acquistò dai Visconti il diritto di sovranità sul territorio tra il 
Mincio ed il Brenta, mercè il pagamento di sessanta mila du- 
cati », p. 9. Venezia aveva fatto una tale offerta per l'acquisto 
di Vicenza, ma poi « occupata facilmente Vicenza col favore dei 
cittadini (25 aprile 1404), occupata Belluno (18 maggio) per 
dedizione spontanea, tratti gli abitanti di Bassano e di Eeltre a 
sottomettersi pochi giorni dopo alla signoria della repubblica » 
i Veneziani, quando il governo ducale, il 30 maggio, tentò di 
reclamare T indennità offerta, risposero che e propter casus oc- 
cursos. . . illud quod tunc eis dici fecimus non potuit habere lo- 
cum », e fecero riconoscere come legittimo il loro possesso, se- 
condo altri dati e documenti attestano, sul fondamento del fatto 
compiuto e del diritto del più forte. È una breve ricerca, ma i 
risultati sono nuovi e sicuri. 

A. C. 

Ferdinando Gabotto, Lettere inedite di ladano Pantano in nome 
de* Beali di Napoli, nella Scelta di curiosith inedite o rare del 
sec, XTII al XVII, Disp. CCXLV, Bologna 1893, p. 391. 

Sono 148 lettere, la massima parte volgari, pochissime latine, 
edite tutte ora la prima volta, meno tre, pubblicate nel 1890 dal 
medesimo autore, e tutte del Fontano, salvo due, la IX che è di 
un prosecre tarlo e la X autografa della duchessa di Calabria, 
inserite per T intelligenza dalle altre. L'autore le trasse dal- 
l' Archivio di Stato di Milano. In una breve prefazione il Ga- 
botto rimuove l' obiezione che il segretario della corte aragonese 
possa essere stato non l'autore ma soltanto il firmatario di que- 
ste lettere, e accenna alla varia importanza di esse, non solo per 
la biografia del Fontano e per quella di Ippolita Sforza e di Al- 
fonso di Calabria, ma anche per la storia politica generale d'Ita- 
lia, i Non sonza interesse per la medesima, scrive il Gabotto a 
p. 28 e seg., sono gli accordi con Giulio Cesare Varano (n. I) 
e con Astorre Manfredi (n. II) le notizie sul dissenso latente 
fra Galeazzo Maria Sforza ed il cognato (nn. X e XX)... T en- 
tusiasmo popolare a Napoli per la guarigione di re Ferdinando 



— 412 — 

(n. XXII), le misteriose pratiche del piemontese abate di Casa- 
Eova, mestatore famoso (n. XXX), e principalmente i partico- 
lari deIJu guerra di Ferrara, ricchissimi sovratutto per gli anni 
1 4834 481. « £ a p. 32 : e nelle lettere del Fontano da me in 
questo volume pubblicate si scorge come un riflesso delle rela- 
zioni deUe corti di Milano e di Napoli durante cinque lustri •. 

A. C. 

PiBR DKSTDEaio PASOLINI, Caterina Sforza, Roma, Loescher, 1893, 
in tre volumi, Voi. I, pp. VH, 405, Voi. H, 450, Voi. IH 
(Documenti) XHI, 861. 

Caterina Sforza, invogliò parecchi scrittori a trattare in 
varii tempi do Lia sua vita e delle sue imprese. Però nessuno 
seppe superare le gravi difficoltà, che s'incontrano facendo in- 
dagini intorno a donne politiche, e specialmente intomo a questa, 
che vÌ8«o in età burrascosa ed in mezzo ad avvenimenti straor- 
dlnarii^ che mìsero tante volte in pericolo la Signora e la donna, 
e permisero che di lei si dessero opposti giudizi. 

Dobbiamo quindi esser grati al conte Pasolini, che, senza ri- 
sparmiare a pese né fatiche, compose un' opera veramente egregia, 
portando con ossa un buon contributo alla storia del nostro 
paese. Egli magistralmente ritrae le condizioni della Romagna 
al Cadore del secolo XV ed al cominciare del XVI; del papato 
politico svela i difetti senza acrimonia né indulgenza ; degli altri 
stati d' Italia j coi quali Caterina ebbe a trattare, studia la na- 
tura ^ investiga gì' intendimenti, non per vana pompa di erudi- 
zione, ma por conoscere appieno il valore politico della donna 
Btraord maria, di cui tesse la storia. 

Peraltro il merito precipuo dell' illustre senatore sta noli' aver 
fatto cono9<^re bene la donna colle sue virtù e colle sue debo- 
lezze. Altri amò rappresentarla dura virago, che alla ragion di 
stato Baerifìca i domestici affetti, ma il conte Pasolini invece, 
dopo aver provato eh' ella si dette ai maneggi politici con virile 
energia^ che curò le cose militari con molto valore, dimostra 
^tresi come non fu mai sorda ai nobili sentimenti del cuore, né 



— 413 — 

mai venne meno ai doveri di figlia, di madre ; di moglie , di ve- 
dova. Caterina giovinetta è grata a Bona di Savoia, moglie di 
suo padre Galeazzo, e con parole affettuose la ringrazia delle 
amorevoli cure, che per lei ebbe la nobile duchessa; ama la 
propria madre Lucrezia Landriani e la sorella uterina, ed in 
mezzo alle cure del governo ricorda sempre le persone a lei 
congixmte di affetti, e di parentela. Madre amorosa, cura l'edu- 
cazione civile e militare dei figli, e, ucciso il conte Girolamo 
Biario, conserva fra mille pericoli lo stato per loro, non per sé, 
non tenendo quindi a vile la vita di essi, come a torto vorreb- 
be far credere la leggenda, la quale riferisce la nota risposta 
che Caterina dalla rocca di Bavaldino avrebbe data ai congiurati 
che minacciavano di ucciderle i figli. La contessa, moglie gentile 
ed intelligente, unita con uomo volgare, come fu Girolamo Riario, 
gli conserva la sua fede. Vedova, inclinata all'amore, prova forte 
affetto per Giacomo Feo, e, morto questo, per Giovanni dei Me- 
dici (il popolano) , ma disdegnando segreta tresca, vuole un dopo 
r altro averli mariti. Alcuni, è vero, le attribuiscono altri amori, 
ma il Pasolini avverte che si tratta di vaghe voci, nate e diffuse 
per opera di malevoli avversarii politici, pur avvertendo, ed è 
questa una dolorosa debolezza di Caterina, che l'amore nocque 
a lei, non perchè passasse da un amante all'altro, ma perchè 
rimasta vedova di Girolamo Riario, sposò Giacomo Feo, che fu 
di lei non degno, che esercitò sul governo dello stato una per- 
niciosa influenza, e le nocque anche dopo morte, perchè la vedova, 
dalla passione accecata, perseguitò crudelmente persino gì' in- 
nocenti congiunti di coloro che gliel' avevano rapito. 

L'illustre autore nei primi due volumi dell'opera compie lo 
studio con critica severa e con ottimi resultati, e pubblica nel 
terzo volume i documenti più importanti ed i meno noti che 
gli hanno servito, e dà degli altri quelle notizie che giovano a 
mostrare con quanta cura abbia proceduto nell' esame e nell' uso 
delle fonti storiche. 

Crediamo quindi che ben meritato sia il plauso col quale è 
stato accolto questo libro, e siamo certi che non solo lo studio- 
ranno coloro che ex professo si danno alle storiche discipline, 



v^m 



— 414 — 

ma che altresì lo leggeranno con piacere tutti quelli che amano 
libri i quali all' importanza del contenuto accoppiano le attrat- 
tive dell'arte- E ci auguriamo, per l'onore degli studi nostri, 
che r esempio dei nobile romagnuolo giovi a ricordare in Italia, 
a tanti e tanti, quali doveri impongano il censo e il casato 
cospicui, 

M. R. 



A, Ceivellucci, Direttore responsabile. 



r .■-^ «n 



^" ,"».>". , 



_i - — -f 1 



HKT^Rin KiEPERT, FQrmtìf orhk mìfiqm^ Ergto Lie- 

leriing, Berlin 1894 .. pag. 398 

D. MoREA, Charitdammi Cupermmme^ Tipografia di 
Moate Casino, 1893, in-4, pp. LXXVIIT, 421», con 
10 tavole fototipiclie e \iiia fotografica * , . . > 399 

GEorto BusoLTj Grkémche G^^ehkhi^j I Ban*l.^ hi» 
zur BèTfrUndtmif (ks Pdoponnesischet^ Etunk^. Zw'fìite 
%-eb molile und yòllig umgoarl;eitete Aiiiìage. Gotha 
1893 p. 716 ,*...*...... . » 401 

Ehkst CuaTitis, Umtmmelie AhhumìlmKjm in zwoi Ban- 
deiJ, I Band init zwei Tafelu. Barlin Hortz 1891 
p. 528 in 8 . . , - 40£ 

Ar>dLFQ KhmLKixrM, La mntif^M ifAbnnmi, Bologna^ 

N. ZftiiiclieUij 1894, in-8 piccolo p. 293, . , . » Wò 

Alfoxsu PiioFBs^inNE, CoMrihdo agli Hfitdt detì^ì thame 

efidmasHcìie a fkUe r rodate^ Termo 1891, p. 19 in -8, » 4U4 

G. BoMi^fo, Giri Gfdmxzzù Visf^tUi nrmkfiatof^ef wi epi- 
ifodift etlla ^pt^Hzmie iUtUmni di Roùet^to di BiwierUf 
Milntìol894, ostr. doAV Anh^ SL Lontb.^ anno XXI, 
fase, n, p, 5t> * , . » 405 

CvMiLLo MxNFRONi, Gtìttvraj Berna e Carlo Emitnmk 1 
(15S%92)y con nt*(M>i dofiunmdi deiU CùUezione Tag- 
fjìaim, Torino 189iì, estr. dalla Mi^rMinm dì SiortJ 
ìfd^imi, S, n, XVI (XXXI), p. 495-551 . . . » 4U7 

(tk Miralo La Corte, La mwmtfa di un VìrerH, saggio 
di critica storica, Giarro 1894, p. 98 in*8 pic- 
colo * • - " 40d 

M. Rosi , Lti Uifovmn rdigima in Liguria e Veì^ico 
umbro Btjridomm liurtfH^eìo^ ricorcbo storielle con- 
dotto dall' apimrii'e dell'eresia in Liguria nolla 
prima m3tà del secolo XVI air amio 1569. Estratto 
dagli Atti fiflh SofMà Liffure di Storia Patria, 
voL XXXIV, faBC. 2^ Genova^ 1894, p. 178 
in-8 grande ,,,.....*,.. ^ » 40^ 



Itaix) Raulich, Per un errore di cronisti (l'acquisto di 
Vicenza pei Veneziani), estr. dal Niwvo Arch, Ven, 
tomo V, parte II, 1893, p. 15 pag. 410 

Ferdinando G adotto. Lettere ittedite di lodano Fontano 
in notne de* reali di Napoli, nella Scelta di curiosità 
inedite o rare del sec, XIII ai XVII, disp. CCXLV, 
Bologna 1893, p. 391 » 411 

Pier Desiderio Pasolini, Cateritia Sforza, Roma, Loe- 
scher, 1893, in tre volumi. Voi. I, pp. VII, 405, 
Voi. n, 450, Voi. m (Documenti) XHI, 861 . • 412 

Il periodico esce iu fascicoli trimestrali di circa 125 pa- 
gine r uno. Quattro fascicoli formeranno un volume non 
inferiore a 500 pagine. 

L'abbonamento annuale costa L. 16 

Un fascicolo separato » 6 

Gli abbonamenti si ricevono presso T editore E. Spoerri, 
Pisa, e presso 1 principali librai d'Italia. 



I libri del quali si desidera V annunzio debbono essere 
inviati: 

se di Storia Antica, al 

Prof. Ettore Pais 

Lungarno Mediceo, 23 
PISA 

se di Storia del Medio Evo e Moderna, al 

Prof. A. Crivellucci 

Lungarno Galileo, 20 
PISA 

Livorno, coi tipi degli Studi Storici. 



STUDI 8T0EICI 

PERIODICO TRLMESTKALB 
st 
AHEUEO C RIVELI UCCI 

f) SI 

ETTORE PAI8 

PBOrESSORI OBDtìTAitl HGLL' UKITEB9ITÀ SI PISA. 
VOL.IH — Fa3C. IV 




PISA 
ENRICO SPOERRI EDITORE 

1894 



INDICE DEL QUARTO FASCICOLO 



STUDI STOEICI 

A. Crivellucci, Gli Editti di CostcaUino ai Proviìiciali 

delia Palestina e agli Orientali pag. 415 

G. Scaramella, La Dominazione Viscontea in Pisa (con 

documenti inediti) » 423 

E. Pais, La t Formula Provinciae » deiUa Sardegna nel I 

secolo deW Lnpero, secondo Plinio i 483 

G. SiMONETTi, I diplomi longobardi dell'Archivio Arci- 
vescovile di Lucca » 533 

RECENSIONI 

Emile EspÉRANDiEi^ Ifiscnptioìis aìUiqtkes de la Corse. 

Bastia 1893, p. 160 in 16.* — E. Pais. ... • 539 
Victor Schultze, QueUetiwUersuchungen znr Vita Con- 

stantini des Eusébius, estr. dalla Zeitschrift filr 

Kirchengeschichte, Gotha 1893, XIV, 4, pp. 503-555. 

— A. Crivellucci > 542 

Continua nella 3." pagina. 



STUDI STORICI 



GLI EDITTI DI COSTANTINO 
AI PROVINCIALI DELLA PALESTINA 
E AGLI ORIENTALI ' 
(Eus. V,a II, 24-42 e 48-60:) 



II 

L'EbiTTo AGLI Orientali 

Saremo più brevi nel trattare di questo secondo editto, 
poiché nella maggior parte delle osservazioni fatte dallo 
Schultze per dimostrarne la falsità andiamo perfettamente 
d'accordo. Non sappiamo perchè egli all'argomento tratto 
dal modo con cui Costantino accenna all'età sua giovanile 
nel tempo della persecuzione dioclezianea, non abbia aggiunto 
anche gli altri argomenti che noi cavammo e dal modo col 
quale l' imperatore parla della religione professata da suo pa- 
dre e dalla incongruenza che esiste tra la proposizione dell' e- 
sordio e il resto dell'editto.* Ma lo Schultze ha saputo tro- 



^ Cf^. fase, m, pag. 369 e segg. 

■ ** In quell'editto, noi diceTamo, p. 117, nota 1, tra le altre prove 
di falsità vi sono queste: Costantino yi parla del padre suo come di un 
cristiano: ixóvog 8'ó «axrjp 6 é|iòg ^iiepÓTHjTog ipyot jieTs^stpCCeTO, nexà 



— 41G — 

vare anche nuovi argomenti contro l'autenticità, alcuni del 
quali non hanno minor valore dei nostri. Il più forte ci sem- 
bra quello desunto dall'Oracolo che sarebbe stato interrogato 
da Diocleziano prima di dar principio alla persecuzione, Ora- 
colo che secondo l'editto sarebbe stato quello di Apollo Del- 
fico, mentre secondo il De nmiibus persecutorum e secondo 
ogni buona ragione è da credere fosse quello di Mileto. 

Anche il modo onde l'Oracolo di Apollo è indotto a par- 
lare dei cristiani è ottimo argomento a dimostrar falso l'e- 
ditto; mentre a me, per l'opinione che ho del poco valore 
storico del De mortibus, poco peso sembra debba darsi a ciò 
che ivi si dice della ripugnanza che Diocleziano, istigato da 
Galerio, avrebbe provato ad iniziare la persecuzione contro 
i cristiani, ripugnanza contrastante colla voluttà, colla quale 
secondo l'editto egli avrebbe ascoltata la risposta del sa- 
cerdote che designava all'ira sua i cristiani e colla quale 
avrebbe sguainato contr' essi la spada. 

Cosi pure dalla tolleranza religiosa o da altri sentimenti 
pensieri che nell'editto si attribuiscono a Costantino, non 
crediamo si possa cavare alcun valido argomento di falsità, 
attesoché nessuno, pensiamo, possa oggi stabilire con sicu- 



d'ao|iaox^g eòXagtiag èv ndoatg xatg éaoxoD Tcpdgeotv xòv noLxipot, d*eòv 
è7cixaXo6{jLevoc, e. 49; promette nell'esordio, e. 48, di voler parlare deUa 
sua speranza nella vita futura e poi non ne fa pid motto; parla di sé 
come se fosse stato fanciullo, xeiitSi} TcaTg, admodum puer, e. 51, al 
tempo della persecuzione di Diocleziano, quando non poteva avere meno 
di 29 anni. (Cfr., a proposito dell'età dell'uomo, Diog. Laert. YIII, 1, 6: 
Statpelxai (Pitagora) 5è xaC xòv xoO àv9-pa)7iou pfov oSicoc. Halg elxooi 
5xsa, weriyioy.og sixooi, verjvCrjc slxoot, ^épcov eixoot etc. Soxt d*aOx^ 6 
|ièv veT^vCaxo^ |i8ipdxiov, d oh ver^vìT]^ àvT]p). Lo stesso Eusebio, narrando 
di aver veduto Costantino ancor giovane cavalcare a fianco di Diocleziano, 
allorché questi passò per la Palestina, che fu quando andò in Egitto a 
combattere l'usurpatore Achilleo (295) cioè otto anni prima della perse- 
cuzione, dice che Costantino era rfiri àpxt ex TcatSòg èrd xòv veavCav 
8ia?c£;, y.C.I, 19 „. 



^ 417 — 

rezza quali fossero i veri sentimenti religiosi di Costantino, 
sia in determinati momenti, sia in tutto il tempo della sua 
vita, quali le sue opinioni precise rispetto al paganesimo. 

Tali sentimenti, come quelli di tolleranza, espressi nell'e- 
ditto, potrebbero piuttosto servire a provare che il falsifica- 
tore di esso non è Eusebio, essendo tali sentimenti in con- 
tradizione cogli atti e con tutto il contegno che Eusebio attri- 
buisce a Costantino di fronte all'antica religione nazionale,* 
quantimque a noi veramente tale contradizione in Eusebio 
non rechi punto meraviglia. ^ 

Ci sembra anche che non sia difficile rimuovere le con- 
tradizioni che lo Schultze trova tra Vinscriptio, che dà l'editto 
come indirizzato agli Orientali (e colla quale starebbe d' ac- 
cordo la preghiera, e. 55: Sé vDv, xòv {léytaxov fteòv TcapaxaX©, 
tlri^ Tcpfió; xe xal eòfiev^^ xotg aoT^ àvaxoXtxoTg) e ciò che si 
dice nei capitoli 47 e 61, dove si dà l'editto come indirizzato 
xoT<; xaxà Tcav Sfl-vo? è^ap^ecóxat? e xoT^ èicap^e^xatg fi^aat, 
inquantochè l'editto poteva essere destinato a tutto l'Impero 
e portare Vinscriptio agli Orientali.* 

E con ciò si mettono anche d'accordo tra loro le parole 
citate della preghiera: 2è vOv.... àvaxoXtxotg, con quelle che 
seguono: «Iyji; rcdtoi xoT^ ooXq èwapxet&xat^, le quali ultime mi 
pare che lo Schultze sia un po' troppo corrivo a credere in- 
terpolate. 

Ancora: se nel e. 47 si afferma che l'editto trattava del- 
l'errore dell'idolatria, onde i predecessori di Costantino furono 
involti, ciò non vuol dire che esso ne fosse l'argomento princi- 
pale, poiché si aggiunge : XoYtwxepov xoh(; àpxojilvou^ Tupoxpé- 
7C(i)v, xòv ènl Tcivxwv 6eòv YV(op(^e:v, aòxóv xe xòv Xptoxòv aòxoQ 



* Cfr. il mio lavoro citato, p. 29 e seg. 
' Ibid. p. 84 e 91 e seg. 

• Cfr. Th. Mommsen, noìV Ephemeì-is Epigraphica, 1890, VII, 3, 
p. 420, n. 1. 



— 418 — 

5taJf>'if^5Y]v èTU'.Ypi^eaeat ocoifjpa. Con tal fine difatti vi si parla 
di quell'errore, e non può dirsi, mi sembra, che se ne 
parli solo • gelegentlich » se per ben 6 capitoli di seguito, 
46-55, non si ragiona che di esso. Non mi pare dunque che 
neppur questo sia argomento da addurre contro l'autenticità 
dell' editto. 

Non tutti gli argomenti addotti dallo Schultze ci sembrano 
dunque ugualmente buoni; ma, anche scartati alcuni di essi, 
ne restano sempre a esuberanza per ritenere sicura la falsi- 
ficazione. ^ 

Possiamo dire altrettanto dell'interpolazione, che anche 
qui lo Schultze vorrebbe sostenere? t In den religiòsen, egli 
dice, p. 536, und religionsgeschichtlichen Reflexionen verràt 
sich nach Stil und Inhalt der Verfasser des Edikts an die 
Provinzialen von Palàstina. Dieselbe Selbstabschàtzung Kon- 
stantin's, dasselbe harte Urteil iiber die Christenverfolgung, 
dieselbe Spielerei mit dem geschichtlichen Stoffe begegneu 
uns hier. Der Autor dieses Rundschreibens ist derselbe rhe- 
torisierende Theologe, der zum Teil dort wie hier mit den- 
selben Gedanken arbeitet ». Siamo in ciò perfettamente d'ac- 
cordo collo Schultze; e poiché queste appunto sono le ca- 
ratteristiche di Eusebio noi crediamo che Eusebio ne sia 
r autore : * mentre non ci persuade affatto ciò che egli dice 
per provare che l'editto fu inabilmente interpolato nel testo 
eusebiano. Conveniamo che, sopprimendo tutto ciò che lo 
Schultze crede interpolato, e. 47-61 fino a fl-eooépetav èyxe- 
X£'j6[i£vo;, la ricommettitura del testo che rimane avvenga 
naturalmente e senza sforzo. Ma che uno o più periodi o capi- 
toli si possano staccare da un testo senza che ciò appaia e in 
modo che il senso e l'andamento naturale del discorso non 
sia turbato, non prova che quei periodi o capitoli sono in- 



* Cfr. Ve niorfihits ^yerstcìitoriim, e. 44. 



•f. ^ p-1 .jf-*- f^*»^^ ":;s?r . -t^f^^y 'v • ^ rT'-T^^^^-rs'^^^wff^rr*-- f.J^*-^? '- # 7. •* Tw • ^74 r??p' 



— 410 — 

terpolati. In una composizione cosi inorganica e zibaldonica 
com' è la Vita di Costantino parecchi di simili tagli si po- 
trebbero fare impunemente e senza ledere alcun organo vi- 
tale. D'altra parte le ragioni che lo Schultze s'industria di 
mettere insieme per dimostrare che il testo, cosi com' è, è 
sconnesso, non ci paiono né molte, né molto buone. A noi 
non sembra cosi evidente, come apparisce a lui, che le parole 
colle quali principia il e. 47, e colie quali comincerebbe l'in- 
terpolazione: 'ETctxsfva^ 5* Ixi jiacXXov 6 ^aatXeb^ t^v Tcpòg 
Tòv tìsòv óofav, siano imitazione di quelle colle quali principia 
il e. 44: Mexapàc; 8' ex xoóxwv paatXsl); Tcpayiiixcov èvepywv 
fjTCxsxo. E a qual fine tale imitazione? Ancor meno ci sap- 
piamo persuadere che le parole del e. 61 : $at5povo|iév(p S'aò- 
x(o èTcl xoòxoi^ ^'hV'fl "ct? 5taYYlXXexat à|ji(pl xapax^S, colle 
quali, secondo lui, ricomiucerebbe il testo genuino di Eu- 
sebio, non possano riconnettersi che colla fine del e. 46 e 
non si possa riferirle ad altro che alla sodisfazione che l'im- 
peratore provava per l'esecuzione degli ordini suoi relativi 
alle costruzioni delle chiese, di cui ivi si parla. Lo Schultze 
si domanda di che altrimenti si sarebbe rallegrato l'impera- 
tore. Ma dell'opera sua, di tutto ciò che egli faceva nell'in- 
teresse della religione cristiana. L'ItcI xoóxoi^ può riferirsi 
tanto agli sforzi che faceva per convertire i pagani, di cui 
si è parlato immediatamente prima', quanto a tutto ciò che 
precede, alle leggi, alle disposizioni, agli atti suoi intesi al 
bene delle chiese, di cui si è discorso superiormente. 

Passando a determinare approssimativamente il tempo in 
cui, data l'interpolazione, i due editti sarebbero stati aggiunti 
al testo eusebiano, lo Schultze comincia dall' avvertire che 
Socrate non ricorda né l'uno né l'altro, mentre Sozomeno, 
I, 8, riferisce l'editto ai Provinciali della Palestina, onde egli 
sarebbe stato il primo a leggere cosi quell'editto come anche 
l'altro nella Vita Coìvstantini di Eusebio. Ma, si può obbiet- 



— 420 — 

tare, che Socrate scriveva la sua Storia Ecclesiastica rifacen- 
dosi da dove era rimasto Eusebio, cioè dai tempi post-costan- 
tiniani, solo in breve accendo alla conversione di Costantino 
e a ciò che egli aveva fatto a favore dei cristiani, * e non 
aveva necessità di menzionare quegli editti, onde il suo silen- 
zio in proposito non prova che egli non li conoscesse e che 
quando scriveva essi non si trovassero nella Vita. 

A proposito della tendenza che le due interpolazioni tra- 
direbbero, nella quale lo Schultze cercherebbe di guadagnare 
un altro punto fermo per fissare l'età loro, egli nota che dai 
capitoli 56, 59 e 60 del secondo editto viene attribuita a Co- 
stantino una tolleranza in fatto di religione che egli non 
aveva, « die er nicht besass », e che meglio si attaglierebbe 
a Valentiniano I, la cui legge del 371, Cod. Theod. IX, 16, 19: 
t Testes sunt leges a me In esordio imperii mei datae, qui- 
bus unicuique, quod animo imbibisset, colendi libera facultas 
tributa est » , lo Schultze mette a raffronto col e. 56 dell' e- 
ditto: *0{iotav xoT? moxeuouotv di ^Xavàfievo: xoKpovxe? Xafipavé- 
Twoav eJp'/^VTjS xe xal ip^yicLC, àTcóXauatv.... Mr^Sali; tòv Stepov Tua- 
pevox^eiTto' gxaoxo^ 57;ep i^ 'i^^yjl ^oùXeia:, toOio xal T^paTtéTO). 

Osserviamo che queste parole invece che dalla legge di 
Valentiniano I potrebbero dipendere dal cosiddetto editto di 
Milano, dove abbondono espressioni simili: < haec in'ter ce- 
tera... vel in primis ordinanda esse credidimus, quibus divi- 
nitatis reverentia continebatur, ut daremus Christianis et 
omnibus liberam' potestatem sequendi religionem quam quis- 
que voluisset... ut nulli omnino facultatem abnegandam pu- 
taremus, qui vel observationi Christianorum, vel ei religioni 
mentem suam dederet, quam ipse sibi aptissimam esse sen- 
tirei... ut in colendo, quod quisque delegerit, habeat libe- 
ram facultatem etc. » * 



* Cfr. Socrate, Hist. veci. I, 1 e segg. 

' Non sarebbe diftìcilc fare por questo editto il medesimo lavoro che 



— 421 — 

Ci sembra inoltre che V affermazione dello Schultze, essere 
cioè dal secondo editto attribuita a Costantino una tolle- 
ranza in fatto di religione che egli non possedeva, sia troppo 
assoluta, recisa e subiettiva e non vada scevra da influssi 
eusebiani. Or noi siamo convinti che la critica, la quale vo- 
glia giudicare del valore storico della Vita di Costantino 
scritta da Eusebio, partendo dal concetto che si è formato di 
Costantino per mezzo di Eusebio stesso, farà sempre opera 
vana e si muoverà continuamente in un circolo vizioso. 

Concludendo, rimane ormai definitivamente assodato che 
gli editti sono falsi. Su questo punto, dopo che anche lo 
Schultze è venuto alla stessa conclusione, recando un discreto 
bagaglio di prove, mi pare non vi sia più luogo a discutere. 
Per me è anche fuori di dubbio che la falsificazione è di Eu- 
sebio, ma non nego che la questione possa ancora essere ap- 
profondita maggiormente. Il sospetto inoltre non può non es- 
sere esteso anche a tutti gli altri numerosi documenti riportati 
nella Vita. Mossa una pietra o due di queir editìzio, già tutte 
le altre si muovono da sé. Il Seeck difatti, dopo il mio la- 
voro, diede senz' altro per sospetti tutti quei documenti, salvo 
uno.' Ma su tutti convien fare quell'analisi minuta e parti- 
colare che già s' è fatta sui primi due. * E la questione, co- 
me ognun vede, non è di piccola importanza, dipendendo da 
essa il giudizio che dobbiamo dare sul valore storico della 
Vita di Costantino e quindi il concetto che possiamo formarci 
della politica religiosa di queir imperatore, intorno alla quale 
è cosi ricca di notizie quella Vita. Perciò è impossibile che 



per r altro noi abbiamo fatto e dimostrare che è eusebiano in tutto, 
nella lingua, nello stile, nei concetti. Si confronti, per esempio, il e. 58 
deir editto col e. I del Da laudibus Constantini. 

' L, e. 

' Di qualche altro di quei documenti già toccammo particolarmente 
anche noi, cfr. p. 109 nota 4, p. 115, nota, p. 128, nota. 



T^T«BW5?S5^ 



— 422 — 

non sia studiata con interesse vivissimo. Noi siamo lieti in- 
tanto di essere stati i primi a sollevarla e di averla condotta 
a tal punto, coli' attirare su di essa l'attenzione dei critici 
della Germania, dove tali studi sono molto in fiore, che or- 
mai non è possibile non sia incentivo ad altre indagini e 
non venga al più presto condotta ad una soluzione definitiva; 
al che non poco avranno certo contribuito anche le ricerche 
del Prof. Schultze. 

A. Crivellucci. 



p.^ r^»W'>l^«- ••'^TFr ^^.^^ K^*T-UT^-t; ' 



LA DOMINAZIONE VISCONTEA IN PISA 
(1399-1405) 



I 



Sin dal tempo delle guerre sostenute da Gian Galeazzo 
Visconti colla maggior parte degli stati italiani si comincia 
a vedere praticata nella nostra penisola la politica detta 
dell' equilibrio, per la quale i potentati vegliano, affinchè nes- 
suno si accresca o acquisti troppa potenza a spese del vicino; 
politica, che diverrà comune a tutti i principi italiani della fine 
del secolo seguente, formando la gloria di Lorenzo dei Me- 
dici, e si estenderà all'intera Europa al principio del cin- 
quecento. 

Ne abbiamo esempio notevole neir adoprarsi degli stati 
italiani dell'estremo trecento per impedire a Gian Galeazzo 
d'impadronirsi di Pisa, città che avrebbe permesso al signor 
di Milano non solo di tener milizie in Toscana ad oiSesa della 
temuta ed aborrita Firenze, ma gli avrebbe dato agio di 
intercettare ai Fiorentini le vettovaglie, che arrivavano loro 
per mare, sbarcando a Porto Pisano, ponendo cosi in peri- 
colo l'esistenza di quella fiorente repubblica, unico baluardo, 
che resistesse ai forti eserciti e alla corruzione del Conte di 
Virtù. 



— 424 — 

Molti (lei potentati d' allora si impensierirono, quando vi- 
dero Gian Galeazzo ottenere l'intento desiderato, non sup- 
ponendo mai che la caduta di Pisa in mano ai Visconti avreb- 
be indirettamente accelerato la sottomissione della Croce pi- 
scina al Giglio di Firenze. 

Dopo aver brevemente accennato agli intrighi di Gian 
Galeazzo per ottener Pisa, e agli ostacoli a lui frapposti da- 
gli stati italiani, noi studieremo il dominio del Conte di Virtù 
e del figlio Gabriele Maria sulla città tanto desiderata, arri- 
vando fino al giorno in cui Gabriele vendette la città alla 
nemica più accanita di suo padre, a Firenze. Prendiamo le 
mosse dall' esaminare i rapporti corsi tra Pisa e il Conte 
nella guerra del 1391 da lui combattuta contro Firenze. Solo 
allora Pisa, fino a quel momento rimasta neutrale fra i due 
contendenti cercando di conciliarli, cominciò a parteggiare 
per l'uno o per l'altro secondo il capriccio di quello che la 
dominava; solo da quel tempo cominciarono i tenebrosi rag- 
giri del signor di Milano per ottenere, prima l'alleanza, poi 
il dominio di Pisa, della quale per la prima volta in questa 
guerra comprese l'impor^nza. 

Non sappiamo perchè il Morelli * affermi neutrale in que- 
sta guerra Pietro Gambacorti signore di Pisa, alleato invece 
ai Fiorentini, come egli stesso aveva dichiarato agli amba- 
sciatori di Gian Galeazzo, speditigli da questo principe nel 
marzo 1390 per accusare i Fiorentini d'aver violata la pace 
conchiusa in Pisa il 9 ottobre 1389 " e* per persuaderlo ad 
associarsi con lui. " Quest' alleanza non andava naturalmente 



• Morelli, Ricordi in P. Ildefonso di S. Luigi, Delizie degli Eruditi 
Toscani, V. XIX, pag. 2. 

• Vedi il testo della pace in Osio, Documenti DiplonuUici traiti d^igli 
Archivi Milanesi, voi. I, pag. 380, Dee. CCI. 

• MiXERBETTi, Cronaca 1383-1409 in Tartini, R.I.S., voi. II, pag. 189; 
Ammibatu, Storie Fiorentine, Lib. XV, Venezia 1617, voi. II, pag. 789. 



— 425 — 

a genio al Conte di Virtù, il quale con ogni mezzo cercava 
di tirar dalla sua il buon Pietro. 

Nel gennaio del 1391, essendo venuto a visitarlo in Pa- 
via il Duca di Borgogna con duecento lancie, * egli spediva 
a Pisa Lotterio de Eustonibus come ambasciatore, per esporre 
agii Anziani, come egli avesse fatto lega col re di Francia, 
e come questi gli avesse subito spedito aiuti capitanati dai 
Duchi di Borgogna e di Turenna; invitava perciò il Gamba- 
corti e gli Anziani a volgersi a lui, ed a mandare legati a 
Pavia per conchiudere un' alleanza. L'ambasciatore fu rice- 
vuto il 9 febbraio; il giorno seguente, quattordici savi eletti 
appositamente deliberavano di rispondere al Duca, che Pisa 
pur ringraziandolo della sua premura e mantenendo il debito 
rispetto a lui e ai suoi alleati, non poteva 'mancare ai patti 
stretti prima d'allora con altre potenze, e ricusava T offerta. 

Tal decisione, che debitamente approvata dagli Anziani 
fu rimessa all'ambasciatore del Conte, fu presa evidentemente 
conforme al volere del Gambacorti, che presiedeva gli An- 
ziani stessi. " Del resto il Signore di Pisa operò saviaii[>ente 
non lasciandosi illudere da ipotetici aiuti del re di Francia ; 
giacché, con gran piacere di Firenze, i Francesi partirono 
da Pavia dopo soli 15 giorni ; • però la repulsa ebbe malefici 
effetti per Pisa; il territorio Pisano fu subito infestato da 
bande senesi ; * e che di queste incursioni fosse complice il 
Conte di Virtù lo provano: 1* riessere Siena in quegli anni 
alleata ed obbediente al suo cenno; 2"* l'aver i Savi, incari- 
cati di por rimedio a tali incursioni, deliberato di spedire 
oltre a un' ambasciata a Siena una anche a Pavia per chie- 



' CoRio, Istoria di Milano Padova 1646, pag. 529. 

• Vedi le tre provvigioni in proposito nelP appendice I. 

• CORIO, pag. 530. 

• Vedi il registro Provvigimi dei Savi gennaio-giuffno 1391-92 (ab 
lue.) Prov. 1" del 20 aprile ne! R. Arch. di Stato in Pisa, div. A. reg. 72. 



— 426 — 

clere che tanto male cessasse; 3* Tessere l'ambasciata ai Se- 
nesi posta in secondo luogo come meno importante.* 

Contuttociò non erano troncate le relazioni tra Pisa e il 
Conte; il 29 marzo gli Anziani discutevano sul modo di li- 
quidare la paga al Conte di Landò chiesto per lettera da 
Gian Galeazzo agli Anziani stessi. " 

Nel maggio accordavano allo stesso Signor di Milano di 
far transitare pel Pisano duecento lancie dirette a Siena;' 
stabilivano anzi che fosse costruito appositamente un ponte 
di chiatte sull'Arno e che fosse spedito al capo di quelle lan- 
cie Beltramino da Parma per informarsi delle modalità del 
passaggio. * I Fiorentini però non rispettarono le milizie del 
nemico neanche sul territorio altrui, che, mentre transita- 
vano, le assalirono danneggiandole;' i Pisani dando ascolto 
ai giusti lamenti del Conte di Virtù espressi da Heraghera- 
mus suo ambasciatore, deliberarono di dare a conoscere a 
Firenze con apposita ambasceria la loro indignazione. * 

Pochi mesi dopo, il 25 luglio, un esercito fiorentino co- 
mandato dair Armagnac era vinto presso Alessandria. L'Ar- 
magnac stesso lasciò la vita sul campo. Firenze si credette 
perduta; senonchè per sua fortuna un altro suo generale 
THawkwood (Acud o Acuto) potè con celere marcia venire 



* ** Mictatur ambaxiator militum ad dominum oomitem Yìrtutum, expo- 
situras ei de omni reverenter... danma... que Bimt in territorio piBano oontra 
Pisanos et districtualia Pisarum per gentes Senarum, et supplicaturus 
eiiis celsitudini, ut apponere dignetur remedium opportunum, ut illa enor- 
mia in dicto territorio non paterentur. „ Proy. 2% 20 aprile, Reg. cit. 

■ Prov. 29 marzo, reg. cit. 

■ MlNEBBETTI, 252. 

* *^ Mictatur ser Bertraminus de Parma ad Achilinum Porrum capo- 
ralem ip»iu8 (Gùm Galeazzo) gentium per esplorandam veritatem ipsiuB 
transìtus et utrum ipse gentes transire velint particulatim vel simul eto. y, 
Prov. 2 maggio, reg. cit. 

* MiXERBETTI, loc. cit. 

* Vedi in appendice II la prov. datata il 22 maggio. 



— 427 — 

in Toscana e coprire da vicino la repubblica. Lo segui a 
marcie forzate il Dal Verme, generale visconteo; cosi per più 
di tre mesi la Toscana fu corsa dai due eserciti, che mai 
vennero a battaglia campale, contentandosi di fare scorrerie 
sui territori nemici. * 

Il Gambacorti nonostante i danni, che riceveva dalle mi- 
lizie di Gian Galeazzo e le offerte di alleanza fattegli da co- 
stui per mezzo di Iacopo d'Appiano cancelliere della Repub- 
lica, • cercò di giovare ai Fiorentini. Ma i suoi buoni propositi 
approdavano a poco, in causa del malvolere di alcuni Pisani 
nemici di Firenze, fra i quali primo, senza alcun sospetto del 
buon Pietro, il cancelliere Iacopo. Già nel settembre 1392 
diversi pisani, fra i quali Vanni d'Appiano, figlio di Iacopo, 
si erano congiunti alle milizie viscontee e avevano preso 
parte alla battaglia combattuta il 24 settembre in Val di 
Nievole presso Tizzano; molti di loro, fra cui Vanni, rima- 
sero in potere dei. Fiorentini. ' Nel decembre seguente do- 
vendosi spedire da Pisa a Firenze 500 some di grano su 
muli, il d'Appiano ne avvisò Niccolò Pallavicino, capitano di 
Gian Galeazzo, il quale appostatosi con i suoi al loro passag- 
gio, uccise le persone che conducevano i muli, restando pa- 



^ Per quesU campagna in Toscana vedi Ammirato, XY in fine, 820 
e segg.; Minkrbktti, 256-275; Leonardo Bruni, Istorie Fiorentine, X, 
Firenze 1861 (Trai. Acciaioli); Ser NadDo, Memorie storiche in Delizie 
cifc. voi. XVIII, pag. 124-126; Specimen historie tìozzoMENi PiSTORiENSIS 
in MuR. R.LS., XVI, pag. 1147; Bracciolini, Storie Fiorentino , HI, 
in MuR., R.I,S., XX, pag. 265-268. Utile anche per questa impresa del- 
l' Agud il libro di G. Margotti - G. Temple Leader, Giovanni Acuto, 
Firenze 1889. 

* MiNRRBETTi, 276; SozoMENO, 1149; Ammirato, XV, 827. 

* Minerbetti, 268; AMMIRATO, 826. Vedi anche su questa battaglia 
la lettera dei Priori delle Arti di Firenze al Cardinal Fiorentino per 
informarlo del combattimento avvenuto, in Osio, op. cit., I, 301, 
doc. CCIX. 



— 428 — 

il rene di qxiei^iì p del grano, * si può immaginare con quanto 
dispiacere del (faiul>acorti che doveva sopportare non solo i 
danni inferti dall'esercito del Dal Verme, ma ancora i con- 
tinui rimproveri di Firenze! 

Per sua fortuna però il 12 febbraio 1392 si concludeva in 
Genova, per opera del doge Andorno, la pace fra varie po- 
tenze italiane; ' fra le altre cose si stabiliva che Gian Ga- 
leazzo non sì dovesse più impacciare negli affari della To- 
scana.' Questo a parole. Ma si può credere che il Conte, 
il quale non aveva ricavato alcun frutto da una guerra si 
lunj^a e dispendiosa, cessasse di nuocere nascostamente ai suoi 
nemici e in special modo a Firenze? Era lecito il dubitarne; 
intanto solo sette mesi dopo la conclusione della pace, il 21 
ottobre, era ucciso in Pisa da Iacopo e Vanni d'Appiano Pie- 
tro Gambacorti^ uno dei nemici del Visconti in Toscana. 
Quattro giorni dopo il d' Appiano era eletto dagli Anziani ca- 
pitano e difenmre del popolo pisano; il 26 era armato ca- 
valiere in Duomo: il 24 novembre associava al governo il 
Aglio Vanni. * 

Gian Galeazzo fu complice di questa uccisione? Aiutò egli 
in nessun modo l'Appiano? Gli storici son discordi in questa 
questione. Alcuni ajtimettono la complicità del signor di Milano 



' AXMiHATO. XV, 828; CoRio, 532; Annales Mediolanenses in MCR., 
RJ.S., XVI, png. 810; BRACCiOLiia, III, 274; Muterbetti, 284. 

* CoRlO, Ó32. 

" QoBO Dati, Stona di Firenze, 1380-1405, cap. Ili, Firenze 1735, 
pag. 35. 

* Todi por i particolari Sardo, Croniche Pisane, par. CCV-CCVII 
o CCX, m Arch. Stor. It., T. VI, P. II, disp. I; SozoMENO, 1152; Gat- 
TAHi, Moria Padovumx, in MuR., R.L.S., pag. 815; BRACCIOLINI. Ili, 270; 
Ser Naddo, 1:^8; MoftELLi (ohe porta T uccisione al 1395), 4; Miner- 
BETTi. 301 j Bruni, XL 555; Ammirato, XVI, 837; CoRio, 333; Marait- 
GOSE (paeudo) Behhardo, Croniche Pisatte, in Tartini, R.LS, I®, pag. 
812; GIOVABTXI Beroambi, Croniche di Lucca, I, par. CCCLVI-VIII, 
Itoiflft 1892, curato dal Bongi, voi. I, pag. 291 e segg. 



— 429 — 

S3nza specificarne il modo ; * per altri Iacopo avrebbe com- 
messo il delitto forte di aiuti del Conte;" due storici' affer- 
mano che il nuovo signore di Pisa fatto il colpo di sua ini- 
ziativa e con milizie proprie invocò ed ottenne soldati da 
Gian Galeazzo; infine vi è chi non accenna affatto al suo in- 
tervento. * Ma noi, se pensiamo che Gian Galeazzo doveva 
desiderare ardentemente che il Gambacorti fosse tolto di 
mezzo, se pensiamo che il d'Appiano era intimo del Conte 
di Virtù e messo per tal ragione in sospetto al buon Gam- 
bacorti dai Fiorentini, se pensiamo infine che Vanni suo fi- 
glio era stato fatto prigioniero combattendo per Gian Galeaz- 
zo e da lui stesso era stato riscattato, se dico, pensiamo a 
quest' insieme di circostanze non possiamo escludere una 
qualsiasi complicità del Conte in questa uccisione. Dapprima 
forse (è questa nostra ipotesi) egli si limitò a consigliare ed 
incoraggiare il d'Appiano, riservandosi, come poi fece, a man- 
dare, appena riescito il colpo, milizie a Pisa per averla alleata 
fedele e aprirsi il varco al possesso di questa città. 

Da questo momento infatti, Gian Galeazzo che fino allora 
aveva desiderato solo l'alleanza di Pisa, comincia a deside- 
rarne il dominio, ed a questo scopo accondiscende a manda- 
re aiuti ad ogni richiesta del d'Appiano. Già nell'aprile del 
1394 inviava quattrocento lancie der difendere la città dai 
Gambacorti,* che soccorsi da Firenze avevano assoldato ai 
danni di Pisa una compagnia : * ma maggiori soldatesche man- 
dò gli anni seguenti dopo la sua nomina a Duca . ^ tantoché 



. * Gattari, /. e. 

• Bracciolini, Pseudo-M ARANOOirE, //. ce, 

• AMJflRATO, CORIO, il. ce. 

• SOZOMENO, SeR NaDDO, MORELLI, MlNERBETTI, BRUNI, SaRDO, 

Sercambi, II. ce. 

• SOZOMENO, 1157, MlNERBETTI, 334. 

• Tronci, Annali Pisani, Pisa, 1844, pag. 199. 

'' L'incoronazione officiale avvenne il 5 settembre 1395; vi assiste- 



— 430 — 

nel gennaio del 1397 si trovavano a disposizione del d' Ap- 
piano ben 1500 uomini. * 

Gran parte di questi furono ritirati in seguito alla scon- 
fitta che il Conte di Virtù subi a Mantova il 28 agosto 1397; * 
la città però fu munita di nuovo nell' ottobre, ■ mese nel 
quale mori il maggior sostegno del vecchio Iacopo, il figlio 
Vanni. * Parve allora al Visconti, che fosse giunto il momen- 
to d'impadronirsi di Pisa; avvisato da un suo fido, Niccolò 
Diversi, dello scoraggiamento in cui era caduto il d'Appiano, * 
mandò a lui con molti soldati due suoi capitani. Paolo Savello 
e Niccolò Pallavicino. Costoro insieme al Diversi e ad un 
frate Filippo minorità, che servi a quanto pare da introdut- 
tore, andarono dal d'Appiano e gli dissero, che Gian Galeaz- 
zo per essere rimborsato delle spese fatte per Pisa voleva le 
chiavi della cittadella di Pisa, di Piombino, di Cascina e di 
Livorno. 

L'astuto vecchio, né fece alcuna protesta, né arrischiò al- 
cuna promessa: egli personalmente, rispose, non poter disporre 
di fortezze, proprietà di tutti i Pisani; s'impegnava solo di 
persuadere gli Anziani, ad assecondare la volontà del Duca. 
Rimandati cosi gli ambasciatori, il d'Appiano, per mezzo di 
suo figlio Gherardo, pose in pronto i propri armati, e, aiutato 
dal popolo, cacciò parte delle milizie viscontee, parte ne fece 
prigioniere; fra gli altri rimase prigioniero Paolo Sàvelli. • 



vano, dietro invito di Gian Galeazzo, ambasciatori pisani. Vedi Go- 
bio, 537. 

' Sardo, par. CCXTII-XV; Sozomeno, 1162, Bracciolini, HI, 272; 
MiNERBETTi, 358-368; Bruni, XI, 567; CoRio, 541 ; Ammirato, XVI, 857 
e segg.; Bonincontrus Miniatensis, Cronica, in MuR., R,LS,, XXI, p. 70. 

■ MlNERBETTI, 383. 

* MlNERBETTI, 384. * 

* Sardo, par. CCXXII. 

• Sercambi, I, par. DXXXII, voi. II, 67. 

• Sardo, par. CCXXIII; Sercambi, I, par. DXXXTV-V, voi. II, 



"'"*75F^*-.5^.-'i'^^^^yj^^^^ * •" T -"'r'S.Tp^]^^!^ 



— 431 ^ 

li vecchio Iacopo riesci poi a scoprire una congiura in Pisa, 
che aveva per scopo di ucciderlo nel caso che ai soldati du- 
cali non fosse riesci to il colpo. I più notevoli fra i congiurati 
erano Tiglio Upezzinghi^ Piero Rapondi, Ranieri Zacci, e 
un Malpiglio. Costoro furono processati immediatamente ed 
in parte esiliati, in parte condannati a multe. * 

La notizia di un tale avvenimento commosse assai gli 
stati della Toscana; • più di tutti ne esultò Firenze, la quale 
sperò che il d'Appiano si volgesse a lei e si affrettò a tale 
scopo ad inviare ambasciatori a Lucca per trattare una lega, 
certa che Iacopo avrebbe abbandonato il suo perfido alleato. 
Il Duca però, per mezzo di Antonio Porro appositamente spe- 
dito al signore di Pisa, attribui tutta la colpa ai suoi capi- 
tani, dichiarò sé inconsapevole dell'affare, e lo persuase a li- 
cenziare gli ambasciatori fiorentini e lucchesi. Il d'Appiano 
segui questo consiglio e dopo qualche iadugio respinse gli 
inviati delle due città, sotto pretesto di non volere nulla 
conchiudere, finché non si fosse fatta la tregua, che si stava 
stringendo in quel tempo a Venezia per opera di Carlo Ma- 
latesta. " Il Porro frattanto gli prometteva di mantenere a 



pag. «8; SozoMEJfO, 1165; Annales Medhlanenses, 851; Bonincontro, 75; 
MiNERBETTi, 353; Bruni, XI, 576; Ammirato, XVI, 865; CoRio, 547. 
Vedi in proposito in appendice 111 una lettera dei Signori fiorentini ora- 
toribm Venetie constitutis prò pace. 

• Sardo, par. CCXXVII; Sercambi, loc. cit. e par. DXL, voi. Il, 78; 
Ammirato, loo. cit.; Minerbetti, 353. 

• A prova di questa agitazione vedi la lettera citata in appendice IH" 
e inoltre in appendice IV' una lettera datata al 5 gennaio di un certo 
A. de Tortona, ambasciatore di Lucca a Firenze, al Gonfaloniere luc- 
chese. 

• Minerbetti, 395; CoRio, 547; Sercambi, I, DXXXIX, voi. 11,75. 
Ma più specialmente vedi T informazione che ì Signori dì Firenze danno 
su quest'affare oratoribus Pifiis constitutis , a carte 174-175 del reg. I 
dei Signori ( Legazioni e Commissaria, Elezioni - Istruzioni - Lettere , 
1395-99) nel R. Arch. di Stato in Firenze. Nello stesso Archivio a car- 



— 432 — 

Pisa in sua difesa cento lande: armava il 16 gennaio cava- 
liere il figlio Gherardo, riuscendo con tali arti a liberare il 
21 febbraio Paolo Savello a condizione che non avrebbe più 
rimesso piede su quel di Pisa. ' E chiaro che il d'Appiano si 
riconciliò col Duca non perchè credesse alle sue parole, ma 
solo perchè temeva lui più che Firenze stessa. In questo at- 
tentato la complicità del Conte di Virtù è evidente, ma a di- 
mostrarla vieppiù vale una provvisione degli Anziani del 4 
febbraio 14^)0, del tempo cioè del dominio visconteo in Pisa, 
nella quale, si delibera di inscrivere nella massa in-estantm-um 
del Comune, il Rapondi per 10,000 fiorini a lui dovuti e che 
(la lui erano stati sborsati olim per pagamento di una multa.' 
Ora si noti che in 10,000 fiorini appunto era stato multato 
costui dal d'Appiano per aver preso parte alla suddetta con- 
giura. 

Ma Iacopo, vecchissimo, sentiva appressarsi alla fine 
della vita: e un mese dopo la pubblicazione della tregua 
stretta in Pavia TU maggio 1398,' resa di pubblica ragione 
il 26* e ratificata da Pisa il 21 giugno, * egli si associava al 



te 13 del Registro II dei Signori (Legazioni e Commissarie, Rapporti 
ambasciatori 1395-1405) si trova la relazione degli ambasciatori inviati a 
Lucca per trattare la lega col d'Appiano, ma disgraziatamente rimane 
quasi subito interrotta, mancando delle carte nel registro. 

' Sardo, par. CCXIV e CCXXVIII; Sercambi I, par. DXXXVIII, 
voi. II, 73; BOKINCOXTRO, 75; CORIO loc. cit. 

■ Vedi la provvisione nelle Minute di provvigioni dei Savi ecc. 
UOO-UOl (a. I.) R. Arch. di Stato in Pisa, div. A. reg. 76. 

* Vedine il testo a carte 10 del Protocollo di capitoli o strumenti con 
potentati (1300-1399), membranaceo, nel R. Arch. di Stato in Pisa div. A. 
reg. 29. 

* Ciò risulta dai vari storici. A Pisa in quest' occasiono fu graziato 
e liberato un Antonio Lupi reo d'assassinio: vedi la provvisione I del 27 
maggio nel reg. Provvigioni ordinarie e straordimirie ntaggio-gingno 1399 
(a. I). R. Arch. di Stato in Pisa, div. A, rog. 186. 

'^ Vedi la ratificazione di questa pace nel Protocollo cit. ft. e. 164. 



•«. :»^ ";.»-« r» . •^■!^ ' >■' . .T^s ^y yv.tv' .t 



— 433 — 

potere suo figlio Gherardo.* Di li a poco^ il 5 agosto, secondo 
il Sercambi/ il 3 settembre per altri/ spirava; fu sepolto 
con grandi onori il 5 settembre. * 

Gherardo che gli successe, circondato da potentati a lui 
nemici avendo esperimentato la mala fede del Conte di Virtù 
si rivolse a Firenze. Vi inviò Giovanni Grassolini; questi per 
mezzo di Rinaldo Gianfigliazzi e Guido di messer Tommaso 
promise alleanza ai Fiorentini, ove essi volessero mantenere 
sul Pisano 600 lancie. I Fiorentini risposero loro, che essi 
non erano avvezzi a comperare le amicizie; accettavano per 
alleati solo quelli, che disinteressatamente loro si offrivano;* 
d'altra parte però i Fiorentini intavolarono trattative col 
popolo pisano, tentando di togliere di mezzo Gherardo.® 
Quegli, visto che, senza l'appoggio di Firenze, sarebbe stato 
prima o poi spodestato da Gian Galeazzo, pensò di cedergli 
subito Pisa, ricavando da questa cessione il maggior utile 
possibile, e subito cominciò a trattare con Antonio Porro, ca- 
pitano ducale, cacciando dalla città gli ambasciatori fiorentini, 
che avrebbero potuto danneggiarlo.' I Pisani, se stiamo al 
Tronci e al Rondoni, avuto sentore delle mene del d' Ap- 
piano, gli offrirono una cospicua somma perchè li lasciasse in 
libertà; questi si rifiutò dicendo che le trattative erano 
troppo avanzate. * Forse fu questa la vera ragione, forse 



* Ammirato, XVI, 869; Sòzomeno, 166; Minerbetti, 391. 

* Sercambi, I par. DCXXXVIII-IX; voi. II, 226. 

* Sardo, par. CCXXII; Mixerbetti, 395. 

* Sercambi, loc. cit.; Sardo ibid.; Minerbetti ibid. Il Sercambi af^ 
ferma che fu prorogato tanto il funerale perchè Gherardo tenne segreta 
per un mese la morte del padre per aver tempo di afforzarsi. 

* Pseudo-Marangone, 839; Bruni X, 580; Bonincontro, 76. 

* Sercambi I, par. DXCII, voi. II, 242. 

' Ammuiato, XVI, 869; Minerbetti, 398; Sercambi, loc. cit. 
" Tronci, 211; Roncioni, Tstarie Pisane, in Arch. Stor. It. T. VI, 
parte I, di«p. IT, pag. 968. 



T^ 



— 434 — 

Ci litìrarda ricusò temendo, che i Pisani non gli assicurassero 
il possesso di certe terre da lid desiderate. 

Pare che verso la metà del gennaio 1396 fosse conchiuso 
il trattato; ma il d'Appiano per non compromettere l'affare 
usò granili precauzioni; ricevute milizie viscontee nella cit- 
tadella, il 21 gennaio circondato da armati sciolse gli An- 
ziani dichiai^andosi signore assoluto: * il giorno dopo fece giu- 
rare aj^li ulliciali della città che gli sarebbero fedeli' e, dopo 
aver j^oveniato da tiranno per un mese, consegnò Pisa al 
Porro il 10 febbraio' e il 22 ne parti per Piombino possesso 
che sì era ritenuto. * Oltre questo ducato egli ebbe in com- 
penso ilelk citt*\ venduta Suvereto, l'isola d'Elba e circa 
duerentomila fiorini (il Sardo scende a 2000, a 300,000 arriva 
il Dati) pai'te in danaro, parte in gioielli. * Somma fu la le- 
tizia del Duca per tale acquisto, si che ordinò un triduo 
solenne di processioni da celebrarsi in Milano. • 

I Pisani intanto, forse per comando, del Porro, delibera- 
vano il 27 febbraio di mandare una commissione di cittadini 
al Duca per investirlo del nuovo possesso. F'urono incaricati 
fra gli altri Pietro de Grassis, Pietro dei Gualandi, Benedetto 



' SàHJJO, par. CCXXXIV: Sercàmbi, I, par. DXCVI, voi. II, 246; 
Bhacciolini^ [II, 278; Minerbetti, 391; CoRio, 550. 
' Sercvjmui, I, par. DXCyiI, voi. II, 248. 

* Vedi in appendice V le lettore con cui Antonio Porro annunzia al 
figlio dì Gìiiiì Galeazzo e a suo cugino Giacomo Porro racquieto di 
Pisa. 

* Sercambt, I, par. DC, voi. II, 251. 

* Curio, loc. cit.; Matteo Griffoni, Memoriale Historicum rerum 
BmonkHmam 1109-1428, in MuR., R.I.S,, XVIII, pag. 201; Sardo, par. 
ce XXX VI: SozoMENO, 1166; Bonincontro, 77; Morelli, 6; Psecdo 
Mara^oosk, S20; Bruni XI, 580; Ammirato, XVI, 825; Cronica di 
^Vr No/ri di Ser Piero delle riformagioni, in Corazzici, Assedio di 
Fistty Pircnza 1885, pag. 31. 

' Vtidi Ili lettera in proposito diretta al Governatore di Milano in 
Osto, op. e!t>, voi. I, doc. CCXXIX. 



— 435 — 

da Piombino e Totto da S. Càsciano, i quali con gran seguito 
giunsero a Pavia il 31 marzo; furono subito ricevuti dal Duca 
e il giorno stesso fu steso Tatto di dedizione incondizionata 
di Pisa al Visconti. ' Il Duca si affrettò a fare varie conces- 
sioni a Pisa, con un editto pubblico: per esso si ripristina- 
vano gli Anziani, che dovevano insieme ai magistrati da 
loro eletti occuparsi degli affari civili e criminali. Alle loro 
sedute doveva assistere un luogotenente ducale, che dispo- 
neva di due voti; al luogotenente spettava iJ comando delle 
milizie e la nomina dei castellani. L'elezione del podestà e 
del capitano del popolo, (cariche che si mantenevano in quel 
tempo unite in una sola persona), spettava apparentemente 
agli Anziani, ma in sostanza, per le numerose restrizioni 
stabilite, l'elezione era fatta secondo i desideri del Duca. 
Le entrate del Comune dovevano sopperire a tutti i bisogni 
della città e del contado; se vi fosse un residuo questo do- 
veva passare nelle casse di Gian Galeazzo. Steso quest' atto, 
giurarono fedeltà al nuovo Signore i sindaci pisani, • gli am- 
basciatori, i Pisani presenti alla rogazione dell' atto e i 
notai. 

Il 30 aprile, il 26 maggio, r 8 e il 20 giugno e il 28 lu- 
glio successivi, giurarono i cittadini più notevoli di Pisa, il 
14 giugno le sette arti e i comuni del contado, il 19 giugno 
Livorno. 

Tutti i pisani adunque accettavano o per lo meno subi- 
vano la nuova dominazione. 



* Vedi questo documento o l'editto seguente in Dl' Mont, Oorpa di- 
phmatique supplement par M. Rousset voi. I, parte I, Amsterdam, 
Haya 1749, pag. 298 e sogg. 

• Vedi questo giuramento in appendice VI. Esso e i seguenti si tro- 
vano noi R. Aroh. di Stato in Milano nel reg. Lettere Ducali 1390-1409, 
segnato di lett. !N^., e. 9 e sogg. Son tutti inediti, meno T ultimo pubbli- 
cato dal Vigo negli Statuti di Livorno (Livorno, 1892). Ilo riportato solo 
il I, essondo gli inoditi tutti simili tra loro. 



— 436 — 



II 



Dal momento in cui Pisa soggiacque alla dominazione vi- 
scontea fino alla morte di Gian Galeazzo, essa perde insieme 
alla sua autonomia quasi tutta l'importanza politica, non 
acquistando neanche importanza militare, perchè il suo pa- 
drone non potè servirsene come piazza forte in Toscana non 
essendovi stata qui vera e propria guerra. Ciò nonostante 
potrebbe avere un qualche interesse la sua storia interna, 
ed i suoi rapporti cogli stati vicini, se le cronache e le sto- 
rie d'allora ci illuminassero in proposito. Ma purtroppo man- 
cano storie pisane contemporanee; poco o nulla, ne parlano 
altre cronache, non escluse le pisane posteriori (Tronci, Ron- 
doni). Soli gettano deboli sprazzi di luce, documenti da noi 
rinvenuti in vari archivi. Tali documenti non ci permettono 
però di intessere una storia esatta e senza lacune della città 
in quel tempo ; cercheremo in ogni modo di trarne il maggior 
profìtto possibile. 

Prima cura del luogotenente pisano fu d'inviare amba- 
sciatori a Lucca e a Firenze, per notificare a questi governi 
l'acquisto fatto da Gian Galeazzo e per dichiarare il Duca 
buon amico de' suoi vicini. * Comiiicij poi a mettere in vi- 
gore una serie di disposizioni, parte date dal medesimo Gian 
Galeazzo parte dagli Anziani, che tendevano a due scopi prin- 
cipali: 1** a migliorare le condizioni della città; 2** a beneficare 
coloro che avevano contribuito a rendere il Duca padrone di 
Pisa. 



^ Por r ambasceria a Firenze, vedi SozoMEXO, 1166; Minerbetti, 392; 
Ammirato, XVT, 870. Per l'ambasciata a Lucca, giunta in questa città 
il 21 febbraio, vedi Sercambi, T, par. DOT, voi. II, 258. I Lucchesi man- 
darono un ambasciata jijratulatoria al Duca; fu ricevuta benignamente il 
31 marzo, (Sercambi par. DCII). 






— 437 — 

La città non ebbe a sopportare alcuna imposta per pagare 
le spese sostenute dal Duca per V acquisto di Pisa ; che i 
200,000 fiorini dovuti al d' Appiano furono pagati dai Mila- 
nesi* e il Duca d'altra parte disponeva che i debiti fatti 
sotto il governo di Gherardo fossero pagati colla somma a 
lui devoluta sulle entrate di Pisa. La somma infatti, che, 
detratte le spese necessarie, rimaneva a fin d'anno nelle 
casse del comune doveva, se inferiore a 20,000 fiorini, servire 
per intero a pagare i debiti suaccennati e a mantenere una 
galea nel Porto Pisano. Solo nel caso, che il residuo supe- 
rasse quella somma, l'eccesso doveva passiire a Gian Ga- 
leazzo. Estinti i debiti le cose dovevano riprendere il corso 
ordinario. • 

Contuttociò le condizioni della città peggioravano sempre 
e il Duca era costretto a porvi rimedio concedendo dapprima 
il 12 settembre una dilazione ai debitori del comune, " ridu- 
cendo di poi di un terzo le tasse che i comuni di campagna 
erano obbligati di pagare a Pisa, rendendole anzi nulle per 
queir anno. * Il Governo di Pisa però non poteva trar pro- 
fitto da tali disposizioni, poiché il Duca per beneficare tutti 
i cittadini diminuiva le entrate, ed aumentava d' altra parte 
le uscite con esenzioni a varie classi e con premi! e somme 
mensili, che egli stesso assegnava o faceva assegnare ai 
suoi fautori. Cosi le Sette Arti ricevettero l'esenzione da 
alcune gabelle il giorno in cui giurarono fedeltà al nuovo 



* Vedi il decreto deiraprile 1399 ohe ordina ai Milanesi il paga- 
mento di 39,000 fiorini per le spose fatto per l'acquisto di Pisa, neir Ar- 
chivio Civico Milanese, reg. Lettere Ducali 1399-1405. 

■ Vedi la lettera datata il 10 aprile 1399, diretta air Arcivescovo 
Feltrense luogotenente ducale in Pi«a nel K. Aroh. di Stato in Pisa, pro- 
tocollo ecc. cit. e. 1G8. 

* La lettera nel reg. 189 Proovisiani onìhuirte e straordinarie sett. 
(Ut. noe. 1400 (a. I.) K. Arch. di Statj in Pisa. 

* Vedi la lettera in appendice VII. 



— 438 — 

Signore. ' 11 Clero era autorizzato a non pagare alcuna tassa 
(la due lettere ducali, Tuna del 10 giugno 1399, l'altra dei 
5 giugno 1400. * In quanto alle regalie fatte ai privati slc- 
conìi^mtmi già per incidenza ad una ricompensa avuta dal 
Hapnodì. 11 31 luglio si assegnavano a Ranieri Zacci oin- 
qu^mta lìorini mensili;' lo stesso più tardi sarà iscritto nella 
niassa preda ntiarum del Comune per altri 6000 fiorini. * Pri- 
vilegi consimili si accordarono a Scacco di Calci, * a France- 
sco Canis, ' a Giovanni Strambo; ' Tillo degli Upezzinghi altra 
creatura del Visconti venne nominato governatore dell'isola 
del (ligi io, ' Per sopperire a tali spese gli agenti ducali ves- 
savano i poveri contadini, già ridotti alla miseria dalle guer- 
re precedenti. • 

E eome se ciò non bastasse, venne una carestia terribile, 
aumentata a quanto pare da incettatori di grano. I Savi per 
porvi rJme<IÌo provvidero che si costringessero costoro a 
porre fa vendita a [)rezzo modico le granaglie. '"^ 



* La lettem, che dava tal privilegio rei Protocollo cit. e. 169. 

* Ambedue le lettere (la seconda non fa altro che vidimare la prima, 
riportando hi) si trovano copiata in due provvisioni Tuua del 9 T altra del 
26 agosto 140] (a. I.), in cui esse eran messe in esecuzione. Tedile nel 
TO^. 190t dÌT. A. del R, Arch. di Pisa, Provvisioni straardinarie luglio, 
agosto j settembre 1401, 

' Vedi Protocollo ecc. cit. 

* Iia lettera datata da Pavia il 28 aprile 1400 si trova nelle Prov- 
visioni luglio f agosto 1400. R. Arch. di Pisa div. A. n. 190. Prov. 27 
agosto* 

* PmtocoUo ecc. cit. e. 170 t., lettera del 21 giugno 1399. 

* Rog. cit. e. 171, lettera 3 luglio 1399. 

' Hc^. oit. e. 171, lettera 9 agosto 1399. 

' Rt^^. dt. e. 170 t., lettera 30 maggio 1399. 

* Hi rilovji tal notizia da una deliberazione degli Anziani del 13 gcn- 
nft'u 1400. (u. \) Si nomina una commissione per deliberare sui rimodi 
di AlJj'oriii «Ilo lagnanze dei contadini. Vedi la deliberazione nel reg. 
Prttrrifihtiì gt'Witu'o 1100. II. Arch. di Stato in Pisa, div. A. reg. 189. 

"' MÌHHtv ffì procviijlonì cit. G gennaio 1 100. 



— 439 — 

Deve esser giustamente apprezzato un atto di generosità 
compiuto verso queir epoca da Gian Galeazzo, rispetto ai 
suoi antichi nemici politici. Egli infatti richiamò o meglio 
fece richiamare i Gambacorti dal Consiglio Generale il 20 
luglio 1401 (a. I.)j facendo prima a tale scopo abrogare una 
deliberazione presa dal Consiglio stesso il 21 agosto 1370, 
per la quale si impediva a chiunque di richiamare coloro i 
quali erano stati una volta banditi. * 

Nello stesso modo tre mesi prima aveva fatto rimpatriare 
tutti quelli esiliati dal principio del suo dominio fino al 15 
aprile 1400. " 

Ma in molte di queste deliberazióni vi era uno scopo la- 
tente, quello di ridurre il govèrno in mano del solo luogo- 
tenente ducale o almeno di pochi a lui ligi, conservando le 
apparenze repubblicane. Vedemmo già ristretta l'autorità 
degli Anziani, che non potevano più nulla sulla milizia, né 
avevano libera la scelta del potestà; vedemmo Gian Galeazzo 
disporre a suo modo di molti affari con lettere, che solo for- 
malmente venivano approvate dagli Anziani stessi. Di più il 
20 luglio 1401 (abL) il ConsigUo Generale delibera, che gli 
Anziani fino allora estratti a sorte fra tutti i cittadini doves- 
sero esser nominati da una commissione di Savi eletti alla lor 
volta dagli Anziani in carica. Inoltre i principali fra i nuovi 
eletti dovevano avere un altra volta almeno sostenuto TAn- 
zianato: Mantenendosi in sostanza il governo assoluto, si 
cambiava la forma da repubblicana democratica a repubbli- 
cana oligarchica. " 

Dopo quest' epoca, nuli' altro sappiamo dei fatti interni. 
Veniamo ora ai rapporti di Pisa cogli altri stati italiani. Nel 



* Prorriffioni lufflio-agoato 1401 cit. 

" Vedi il ricliiamo in Miwite di provvigioni cit. Prov. I, 15 aprile 

1401 (ft.L). 

* Vedi la provvigione in njjpond'cc Vili. 



— 440 — 

1399, l'anno stesso dell'acquisto di Pisa, furono mandati dal 
luogotenente durale quattro ambascerie: due a Gian Ga- 
leazzo, una ai Fiorentini, la quarta al re di Sicilia. Dal re- 
gistro degli stipendi agli ambasciatori, da cui traemmo tale 
notizia, non risulta nulla intorno allo scopo di queste amba- 
sciate ; solo sappiamo che tutte furono fatte prò factis ar- 
duis. ' 

Con Lucca i rapporti furono sempre buoni; ma l'amicizia 
crebbe tra i due stati, allorché per opera di Antonio Tor- 
niello, luogotenente in Pisa, fu ordita una trama contro il 
Signore di Lucca, avverso per partito al Duca. 

Fu causa di questa congiura l'apprensione che davano al 
Conte i Fiorentini, apparentemente allora amici di Gian Ga- 
leazzo/ e il desiderio di lui di mettere a capo della città vicina 
una sua creatura per averla alleata fedele in caso di guerra. 
A tale scopo nell' aprile del 1400 il Torniello mandò a chia- 
mare il fratello del Signore di Lucca, Pasquale Guinigi e lo 
esortò d'impadronirsi dello stato lucchese. Uccise egli infatti 
il fratello, e avrebbe ottenuto l'intento desiderato se non 
avesse trovato la morte per mano di un altro Guinigi, Laz- 
zaro, che attog.^iandosi a novello Bruto riuscì ad acquistai'e 
il governo. Nemmeno costui conveniva alle mire del Duca, 
tanto che pensò di farlo cacciare un mese dopo, da un quar- 
to Guinigi, Paolo. Più furbo degli altri costui si avvide, che, 
per conservare il potere conveniva di proclamarsi Signore 



* Provvisioni settembre-ottóbre HOO (a. I.) cit., prorv'ÌHÌoni &qV 1 e 
1 1 settembre e del 3 e G ottobre. Le due ambasciate al Dura avvemiero 
una nel maggio T altra nel luglio e durarono Puna 11 giorni l'altra 25. 
Quella a Firenze durò 7 giorni. 

■ Era concesso loro libero transito per il Porto Pisano e TAmo. Ve- 
di infi.tti nelle Minute di provcigioni cit. al 10 aprile 1401 (a. I.) un per- 
messo di Ubero transito per V Arno a granaglie spedite dal tiignor di 
Piombino a Firenze. 



— 441 — 

assoluto e di iniziare una politica favorevole al Visconti. Egli 
infatti operò in tal guisa e se ne trovò soddisfatto. ' 

I Fiorentini s'intimorirono vieppiù nel vedere aumentare 
il numero degli alleati del Conte: tantoché decisero di invo- 
care il soccorso dell'Imperatore Roberto; ma questi sceso 
in Italia si mostrò inetto e tornò quasi subito in Germania 
con più danno che vantaggio dei Fiorentini, i quali durante 
il tempo che egli stette in Italia dovettero subire una forte 
carestia, non lasciando Gian Galeazzo passare il grano, che 
proveniva loro da Porto Pisano. Di questo tempo infatti ab- 
biamo frequenti lettere dei Signori di Firenze agli Anziani, 
con le quali essi chiedevano rifacimenti di danni. * Riuscendo 
inutili questi lamenti, mandarono i Fiorentini una lettera 
diretta a tutti i Pisani ; " ma visto che né colle preghiere, 
né colle minacele si otteneva nulla, si indirizzarono prima 
al Signore di Lucca, poi al Signore di Rimini per ottenere 
un porto ove sbarcare liberamente grano e mercanzie. Ebbero 
infatti dopo qualche trattativa Rimini. * 

Anch' essi del resto non agivano in modo da mettersi in 
grazia dei Pisani, che alla fine di settembre del 1401 tenta- 
rono di prendere per sorpresa Pisa di maìio al Duca e farne 
i Gambacoìii e i Bergolini maggiori, * Mandarono a questo 
scopo milizie a Barga; ma Iddio, come dice il Sercambi, b 
meglio il Signore dì Lucca, come ci dice una lettera del 



' Mtnerbetti, 411; Ammirato, 870. 

■ Vedi queste lettere da e. 42 a o. 71 del reg. N. 24 Signori (Car- 
teggio ^f issile. Registro I cancelleria 1400-1406), Son tutte preghiere o 
ingiunzioni di rendere le mercanzie intercettate. 

* Vedi la lettera in appendice IX. 

* Vedi a questo proposito la prefazione alla IV commiusione di Ri- 
naldo degli Albizzi, in 1ìixaL')0 degli Albizzi, Conui.'ssioni^ voi. 1; Fi- 
renze 1867. Delle due ambasciate quella a Lucca A detP Aprile 1402, 
quella a Uìmini del iciugno. 

* Sercambi, voi. Ili, 30. 



T*^*^^^ 



— 442 — 

luogotenente pisano al Guinigi, * pass neW animo del luayote- 
nenie di Pisa, come alla fine di settembre si dovessero levare 
in Pisa rumori interni cui avrebbero dato mano i Fiorentini. 
Egli tolse ogni causa di agitazione, esiliando i capi dei due 
partiti politici esistenti allora in Pisa. * 

Come questo tentativo fallivano le altre speranze dei Fio- 
rentini e non appariva lontano il giorno in cui Gian Galeazzo 
abattuto il Giglio avrebbe spadroneggiato tutta l'Italia, quan- 
do la morte lo colse il 3 settembre a Merignano. Solenni fu- 
rono le esequie il 2 ottobre, come dice una descrizione ri- 
portata dal Muratori: ' da questa risulta che tutte le città a 
lui soggette mandarono ambasciatori e soldati; quelli di Pisa 
occupavano il 43* posto. 

Pisa è pure rammentata nell'epitaffio scritto sul di lui se- 
polcro : 

« sociate querelas 

« Urbs Pisae quondam Tirreni Roma profundi 
« Massaque etc » 

Riassumendo dunque diremo che il governo del Conte, 
sebbene non buono, non fu per Pisa dei peggiori, e migliorò 



* Vedi la lettera in data del 29 settembre 1401 nel reg. 5 del (ro- 
venio di PcdIo Guinigi {Lettere a Paolo Guinigi 1401). K. Arch. di 
Stato in Lucca. 

* D SerCiimbi e la lett. cit. discordano di un mese nella data; però 
si ha ragione di credere che il fatto sia il medesimo, tantopiù che il Ser- 
cambi erra spesso nelle date. 

* Fra Arrigo Genovese, Ordo qui tentila futi prò ohsequìo et esu- 
mattone funeris quondam recolendae memorine Johannis Gahatii, in MUR» 
R. 1. 8., XVI, pag. 1010. La data portata da questo scrittore concor- 
da con una hstlera della Duchessa di Milano che ordina ai Milanesi 
di tener chiuse lo botteghe il 2 ottobre 1402, giorno dei funerali di Gian 
Galeazzo. Vedila ueirArcli. Civico Milanese, Uj;?. Lettere Ducali cit. 



— 443 — 

un poco le condizioni della città, ben più disgraziate sotto i 
d'Appiano. Ben più si dovrà essa lamentare del figlio di Gian 
Galeazzo sotto il quale dopo essere stata dissanguata sarà 
venduta al miglior offerente, a un popolo che la soggiogherà 
per sempre. 

Ili 

Secondo le ultime volontà del Duca, il suo stato rimaneva 
diviso tra i figli. Hsa, e a quanto pare anche Crema, perve- 
nivano a Gabriele Maria, figlio bastardo ma legittimato, che 
Gian Galeazzo aveva avuto da Agnese Mantegazza. * 

Pei primi mesi però, la duchessa di Milano moglie del 
Conte di Virtù e tutrice dei figli di lui, tenne unito il do- 
minio e governò Pisa a nome suo e del primogenito, quasi 
egli fosse erede universale. Infatti un e liber electionum ofll- 
tialium pisani communis »• cominciato nel gennaio 1403 (è da 
notarsi che -nel gennaio, febbraio e marzo lo stile pisano e il 
comune coincidono), circa tre mesi dopo la morte del Duca, 
si dice: t compositus tempore regiminis illustrissimorum do- 
minorum domine ducisse et domini ducis Mediolani Papié An- 
glerie Virtutumque comitis et Pisarum Senarum et Perusii 



* Non sto qui a rinnovare la questiono ancora insoluta dei testamenti 
di Gian Galeazzo. Seguo invece l'opinione degli scrittori che unanimi 
danno questa notizia (cito solo per tutti il CoKio, pag. 286, ed. Vene- 
zia 1534) senza accennare a una miriade di autori, che dopo data la 
notizia della morte del Duca, parlando del suo testamento terminano al- 
l' incirca con queste parole *^ Pisa poi e Crema furono lasciate a un figlio 
bastardo ma legittimato ecc. „ ed il testamento, che riporta TOsio, op. 
cit. voi. I, 818, doc. CXXIII. Non concordo però coirOsio nella data del 
testamento, che egli, non so per qual ragione, fissa al 1397, mentre vi 
si parla di Pisa, come possesso ducale, dì Pisa, che come vedemmo non 
pervenne al Duca che noi 1399. 

• Vedi il registro nel R. Arch. di Stato in Pisa, div. A, n. 43. 



*^'rw?=?^ 



— 444 — 

domini » , ordinato cioè al tempo della dominazione su Pisa 
di Caterina Visconti, moglie di Gian Galeazzo e del primo- 
genito di lei, che per la morte del padre ne aveva assunto i 
titoli ed era divenuto duca di Milano. Ma a che scopo Cate- 
rina, contro la volontà del marito defunto, voleva conservare 
il possesso di Pisa al primogenito? 

Secondo ogni probabilità ella si ritenne il possesso temix)- 
raneo della città per ottenere buona pace o almeno una 
tregua dai Fiorentini, allettati dalla speranza di avere da 
lei Pisa. Carlo Malatesta, signore di Rimini, fece infatti spe- 
rare a Firenze il possesso di questa città, solo però allo scopo 
di averla tranquilla durante le trattative che si facevano tra 
Milano e la Santa Sede per pacificarsi; poiché la pace fra 
questi due potentati avvenne, ma con scapito, an;5ichè con 
vantaggio dei Fiorentini, i quali non solo non ebbero la città 
desiderata, ma persero un alleato nel Papa, che si era im- 
pegnato a non daimeggiare i Visconti. Acquistarono inoltre 
un nemico in Carlo Malatesta, il quale dopo essersi fatto 
giuoco di loro, rispose ai loro giusti lamenti, trattando Fi- 
renze da nido di villani, * 

Nell'anno stesso però, Caterina Visconti riconobbe Ga- 
briele Maria come Signore di Pisa, ma a quanto pare lo 
volle ritenere sotto la sua tutela. Infatti non sono più la 
Duchessa e il primogenito, ma la duchessa e Gabriele, « Pisa- 
rum domini », che con una lettera datata da Milano il 10 ago- 
sto 1403, nominavano luogotenente ducale in Pisa Guido Co- 
mes Mutiliane. * Almeno il 10 agosto 1403 adunque Gabriele 
Maria era stato riconosciuto legittimo padrone della città 
lasciatagli dal padre. 



* Vedi a questo proposito gli scliiarimenti preposti alle Commissioni 
di Rinaldo degli Albizzi V e VI, nelle Commissioni cit. voi. I. Vedi 
puro Ammirato, 1. XVII, 903; Ser Nofri, 5. 

* R. Ardi, di Stato in Pisa, reg. cit. e. 21. 



— 445 — 

Ciò però non bastava alla sagace monna Agnese, madre 
di Gabriele; essa infatti nell'ottobre dello stesso anno 140t3. 
« vedendo le cose di Lombardia mal condotte e pensando di 
perdere Pisa, come si vedea essere perdute Bologna e Peru- 
gia, dubitando che lei col figliuolo dovessono andar mendi- 
cando »/ deliberò di andare personalmente col figlio a pren- 
dere possesso del suo dominio. 

A questo scopo non avendo ottenuto danari dalla Duches- 
sa, s'incamminò con piccola scorta alla volta di Pisa nell'ot- 
tobre e vi giunse l'S o il 14 novembre, onorata durante il 
passaggio pel Lucchese da Paolo Guinìgi e dai suoi sudditi 
che le fecero ogni sorta di presenti. * 

Gabriele trovava Pisa e specialmente il suo contado in 
cattive condizioni per le continue scorrerie fatte nell' anno 
corso fra la morte del Duca e il suo arrivo nella città. I Fio- 
rentini infatti, morto appena Gian Galeazzo, avevano tentato 
invano di prendere alcune fortezze pisane ; * a questo tenta- 
tivo tennero dietro ima serie di incursioni delle milizie du- 
cali sul territorio di Firenze, e dei soldati di questa repub- 
blica sui domini viscontei in Toscana. * Tali scorrerie arriva- 
vano talvolta sotto le mura della città; cosi un' incursione, 
fatta dalle milizie pisane sul Fiorentino alla fine d'ottobre 
1392, giunse vicino a Firenze e fu interpretata dai Fioren- 
tini, come un colpo di mano tentato sulla loro città. " Di 



» Sercambi II, par. LXIII; voi. Ili, 68. 

■ Sercambi, loo. cit.;.SozoMRNo, 1402; Ammirato, XVII; 903; Bo- 

NINCONTRO, 88; MlNERBETTI, 24- 

* SRRCA.MBI, II, par. LV; voi. Ili, 60. 

* SOZOMRNO, 1177; MlNERBETTI, 468. 

" Si ricava questa notizia da una lettera dei Signori di Firenze del 2 
Novembre 1402 agli Anziani di Pisa, in oui si lamenta un' aggressione 
alla città fatta da truppe pisano e si propone il cambio dei prigionieri. 
Vedi la lettera a e. 76 del rog, 24 dei Signori cit. nel R. Arch. di 
Stato in Firenze. 



— 446 — 

queste guerriglie soffrivano i commercianti al pari dei con- 
tadini; dai due belligeranti era reso impossibile qualsiasi tran- 
sito di mercanzie fra le città nemiche, * tantopiù che a tale 
stato di cose cooperava il Signore di Lucca, il quale per favo- 
rire i Visconti sequestrava le mercanzie, « rompeva le strade » 
come si diceva allora. ' 

Non sappiamo se Gabriele Maria e la madre ponessero 
rimedio a questi mali, sappiamo solo che nei primi due o tre 
mesi governarono mitemente ; * vollero però essere signori 
assoluti conservando solo per apparenza gli Anziani. Con una 
specie di editto del 20 dicembre 1404 (a. I.), si stabilisce da 
Gabriele, che i soli affari ordinari di poca importanza sieno 
deliberati dagli Anziani presieduti da lui oppure da un suo 
fido; le votazioni sugli affari di maggiore importanza invece 
erano valide t reservato arbitrio domini ». Gli Anziani erano 
inoltre obbligati a fare t alias (d'altro genere) provisiones, 
que eis imponerentur per dominum. » * E impossibile imma- 
ginare un' assemblea più servile e che avesse meno autorità 
di questa ! 



* Per esempio Bonaccorso Pitti, governatore fiorentino di Barga per 
comando dei Dieci di Balìa impediva il passaggio di mercanzie da Pisa 
a Lucca e da Lucca a Milano. Vedi in proposito Bonaccorso Pitti, 
Cronica, Firenze 1747, pag. 72. 

* Una lettera del novembre 1403 diretta da Guido di Mutigliana luo- 
gotenente pisano e da Giovanni Colonna e Filippo di Sicilia, capitani 
ducali, a Paolo Guinigi ringrazia questo signore di avere impedito il 
transito di mercanzie da Pisa a Firenze. Vedila nel registro di Lette- 
re a Paolo Guinigi 1402 nella R. Biblioteca Pubblica di Lucca ms. 
n. 112. 

■ Sercambi, II, par. LXIII, voi. Ili, 68. A quanto pare i Pisani ri- 
cevettero il loro nuovo Signore onorevolmente sì, ma senza grande entu- 
siasmo. Naturalmente gli storici fiorentini cercano di dipingere a foschi 
colori il governo di Gabriele per dare il vanto a Firenze di aver riscat- 
tata Pisa da un insopportabile schiavitù. 

* Vedi l'editto in appendice X. 



•r r 



— 447 — 

Ma dopo meno di due mesi di governo tranquillo, nel gen- 
naio 1404 Gabriele, improvvisamente, si trovò una congiura in 
casa e i nemici alle porte. 

In Pisa ordivano trame i Bergolini amici dei Gambacorti, 
sempre irrequieti, anelando il ritorno degli antichi Signori. 
Gabriele forse un poco allettato dalle loro ricchezze (causa 
unica per gli storici fiorentini che lo indusse a infierire con- 
tro di loro), avuto avviso da un Senese, residente in Pisa, di 
una trama che aveva per fine di ucciderlo, imprigionò, oltre 
a molti altri, Francesco AUiata e Bartolommeo di Scorno. 
All'uno fece mozzare il capo, all'altro, pena la vita se non 
pagava, impose una multa di 20,000 fiorini, facendo sborsare 
ai rimanenti somme minori. * 

I Fiorentini dal canto loro, saputo da un Pisano, loro con- 
fidente, che v' era un punto delle mura di Pisa debole (si 
trattava di una porta murata alle due aperture, ma vuota 
nel mezzo) deliberarono di mandare un esercito comandato 
da Filippo Magalotti e Rinaldo Gianfigliazzi con un mastro 
d'ingegni, per far saltare in aria la porta e prendere di sor- 
presa la città. I comandanti dovevano, se questo colpo non 
riusciva, cercare d'entrare in Pisa coli' oro o almeno di de- 
vastare il più possibile l'Agro Pisano.* Gabriele Maria saputa 
l'intenzione dei Fiorentini, fece loro trovare ben munito quel 
luogo delle mura, che essi credevano più debole; cosicché 
l'impresa, come dice il cronista Bonaccorso Pitti che vi prese 
parte, fu per i fiorentini poco onorevole. I Pisani soffrirono 
soltanto piccole devastazioni, quei di Firenze invece ebbero 
molti morti. * 



* Sercambi, II, par. LXV, voi. Ili, 73; Sozomeno, 1171; Ammirato, 
XVII, 903; BoNiNCONTRO, 10; Minerbettt, 487. ^ 

" Sercambi, loc. cit,; SozoMEiro, 1171; Ammirato, XVII, 904; Bo- 

NINCONTRO, 10, MlNERBETTI, 489; PlTTI, 75. 

' Pitti, loc. cit. 



— 448 — 

Nonostante questa vittoria, Gabriele comprese che, privo 
come era di amici potenti, sarebbe rimasto soccombente a 
un altro assalto dei Fiorentini. Pensò quindi di allearsi con 
qualche forte potenza; si rivolse perciò a Genova, retta al- 
lora dal re di Francia, che la governava per mezzo di un 
suo luogotenente, Giovanni Lemeingre detto Bunicaut o Buc- 
cicaldo. Costui un po' per suo interesse, un poco anche per 
assecondare l'umore dei Genovesi, che in quel tempo teme- 
vano la potenza sempre crescente di Firenze,' accettò di 
aiutare Gabriele Maria, ma lo volle non alleato, ma vassallo 
del re di Francia. Il Visconti iù pegno della sua buona fede 
gli consegnò la fortezza di Livorno e s'impegnò d'inviare 
ogni anno al re di Francia, come segno di vassallaggio, un 
cavallo e un falcone. * 

Stretti questi patti, il Buccicaldo li fece conoscere ai Fio- 
rentini, intimando loro di non molestare in nessun modo Ga- 
briele, pena di incorrere neir ira del suo Signore. Si sdegnò 
la Repubblica a quest' intimazione e mandò subito un amba- 
sceria presieduta dal Pitti a Genova, dicendo, che Firenze 
non aveva a;^to a tradimento assalendo Pisa, aveva soltanto 
continuata la guerra cominciata V anno prima e mai chiusa 
da pace o da tregua; lo pregava di non porre impedimento al 
fine cui tendevano, di togliere cioè ogni traccia dei Visconti 
dalla Toscana.* Il Buccicaldo per tutta risposta fece seque- 



» Ammirato, XVII; 904. 

* Vedi il trattato stretto in Pisa il 15 aprile 1404 e approyato dal re 
di Francia a Parigi nell'agosto, in Leibnitz Codex iuris gentium, doc. 
CXVIII; Hannover, 1693, pag. 277. Sekcambi, loc. cit.; Ammirato, XVU, 
905; GiOROius Stella, Annales Genuenses, in MuR, RJ.S., XVIII, p. 1204 
(il 21 aprile si ebbe conoscenza in Genova che Gabriele Maria si era di- 
chiarato vassallo del ro di Francia ecc.); Bonincontro, loc. cit.; Miher- 
betti, 496; Sozomeno, loc. cit.; Commissione VII di Rinaldo degli Albizzi 
nelle Cammissioni ecc. cit., voi. I. 

■ Por questa ambasceria e per le trattative corse prima di conchiudere 



— 449 — 

strare le mercanzie fiorentine, che erano a Genova, pei va- 
lore di più di 100,000 fiorini e lasciò ai Fiorentini la scelta 
fra perdere quelle mercanzie e fare una tregua quadriennale 
con Gabriele. * 

Costoro temporeggiarono per vedere, se potevano almeno 
effettuare due disegni, che avevano intomo a Pisa, disegni, 
cui il solo Ammirato accenna fugacemente, ma che sono illu- 
strati da documenti dell' epoca. « Dopo molte consultazioni », 
dice lo storico fiorentino, • non trovando i Fiorentini ripiego 
f per aver le loro mercanzie da Buccicaldo, né riuscendo di 
€ aver. Pisa per trattato di Bindo delle Brache, né di ridurla 
« in libertà per mezzo di Giovanni Colonna, promettendo per 
« questo, aiuto e denari, e per quello 200,000 fiorini d'oro, 
f né volendo Agnese madre del Visconti, che cercava la pace 
« dare in deposito le quattro castella con le fortezze che vo- 
t levano i Fiorentini, fu conchiusa la tregua ecc. » * A che 
allude l'Ammirato parlando di trattative con Bindo delle 
Brache, con Giovanni Colonna, con Agnese Mantegazza? Le 
trattative con i primi due tendevano a im solo scopo; si trat- 
tava di favorire Giovanni Colonna capitano visconteo, posto 
dopo la morte di Gian Galeazzo a guardia di Pisa e rima- 
stovi anche dopo la venuta di Gabriele, a impadronirsi del 
governo della città. I Fiorentini, se fosse riuscito il colpo, gli 
avrebbero sborsato una somma in danaro; intermediario di 
questo affare era appunto Bindo delle Brache, che si abboc- 
cava a Lucca coli' ambasciatore fiorentino. 



una tregua fra Firenze e Pisa, vedi specialmente Pitti, 76. Vedi anche 
le varie istruzioni agli ambasciatori (29 aprile [data della prima amba- 
' sceria] - 9 luglio) a. e. 58-68 del registro dei Signori {Legazioni e Com- 
miasarie: Elezioni-Istruzioni-Lettefe. 2" 1399-1406) nel R. Arch. di Stato 
in Firenze. 

' Vedi gli storici cit. a proposito della sommissione di Gabriele a 
Francia nei loc. cit. 

• Ammirato, XVH, 908. 



— 450 — 

Daranno però migliore contezza del fatto « le due note e 
inforiìiationi a Matheo di Michele Castellani di quello, che 
ha a fare a Lucca, fatte per li Dieci di balia del Comune di 
Firenze nel MCCCCIV » a di 27 marzo e 18 aprile/ che qui 
trascriviamo : 

1* < Andrai a Lucca all'Albergo della Campana e tro- 

* verai Biado delle Brache da Pisa e diligagli come noi ab- 
i biamo avuta la lettera, la quale egli ci mandò e 

* abbiali] la bene intesa. E per questa ragione ti mandiamo 

* a lui con pieno mandato acciò ch'egli ti dica quello che ta 
t a dire. E cosi udirai da lui pienamente e con intendimento 
I ogni cosa che egli ti dirà. E se caso venisse, eh' egli ti 
I ragionasse di voler concederci Pisa, siamo contenti in ciò 

* possi Rivendere 100,000 fìormi etiandio fino a 200,000. E se 
t dicesse che Joanni Colonna si volesse far signore o mag- 

< giore di Rsa o di voler riducere Pisa a libertà e per que- 

< sto ti richiedesse di gente, diragli che la gente sarà presta 
t e in punto, ma che t'avisi quanta gente vorrebbe e quando 
t e dove. Se egli ti richiedesse di danari per farsi Joanni 
« Signore o maggiore o per riducere Pisa in libertà, doman- 
i darai quanti ne vorrebbe e quando e • sopratutto gli dirai 
€ che noi t^iielo procureremo volentieri di quello che ci sarà 

* possi l)ilf^, facendoci e dandoci egli sicurtà convenevole. E 

* udirai da lui ogni cosa, che egli dirà. E avviserai di tutto 

< ordinatamente o per lettera o a bocca, come parrà a te 
ff che sia il meglio e più utile. E questa informatione non 
t trarre da Firenze. Abbia in mente lo di che tornerai ecc. » 

2* * Andrai a Lucca. E ritroverai Bindo delle Brache e 

< dir alarli che sopra ai quattro capitoli dei quali non rimane- 



' Si trovano ambedue nel R. Arch. di Stato in Firenze a. e. 53 e 56 del 
TQg. Ditìci di balta. (Istruzioni e Commissarie, Lettere missive) 2* 



— 451 ~ 

f sti con lui d'accordo, noi di nuovo vi rispondiamo e cosi 
t gli dirai che le terre che noi abbiamo prese di quello di 
« Pisa le vogliamo per noi e» in modo alcuno non le voglia- 
f mo avere a rendere. 

« Al capitolo del fare la lega con Giovanni Colonna nella 
t forma che recasti siamo contenti e vogliamla fare, ma se 
« puoi ingegnati di vantaggiare, il comune nostro il più che 
« possibile. 

t A due capituli che dispongono dei danari che Gioanni 
€ vorrebbe ora e della provvisione, ti diciamo che noi siamo 

• contenti, presa che Gioanni avrà la Signoria di Pisa, dar- 

• gli allora insieme fiorini 4000. E questi s'intendono per 
« provisione di 4 mesi. E altri denari non vogliamo avere a 

• dare. Et se a questo in ultimo egli non rimanesse contento 
f siamo contenti, che egli per quattro mesi seguenti dopo i 

• detti primi quattro, dargli ogni mese fiorini mille di prov- 
< visione. 

• E se tutto provato, egli non rimanesse anche contento 
€ a questo, e delle altre cose foste d'accordo siamo contenti 
€ per altri 4 mesi immediatamente dopo i detti secondi qua- 
f tro mesi dare anche al detto Gioanni ogni mese di prov- 
« visione fiorini 1000 d'oro. 

« Se a te pare non bisogni andare a Lucca, non andare, 
f ma tieni il ragionamento al Borgo a Buggiano o dove ti 

• pare. 

€ Abbi in mente il di che tornerai ecc. » 

Pei'ò a quel che dice l'Ammirato questo tentativo non riu- 
sci. Quanto poi alle trattative corse direttamente tra Firenze 
e Agnese, ci illumina bastantemente una lettera riportata 
nella prefazione alla Commissione VII di Rinaldo degli Al- 
bizzi. ' Da questa si apprende che Pieretto Pedini andò per 



* Commissioni ecc. cit., voi. I. 



— 452 — 

iut-arico dei Dieci di Balia il 19 aprile a Pisa, per persuadere 
Agnese a porsi sotto la protezione di Firenze e a consegnare 
a questa repubblica alcune fortezze. 

Non essendo Firenze riuscita neppure in questo intento, 
visto che in nessun modo poteva avere in Pisa un Signore 
a lei mggetto, per riacquistare le mercanzie, piegò il capo a 
una tregua impostale dal Buccicaldo. Il 12 giugno nominò 
contemporaneamente a Gabriele Maria i suoi ambasciatori, i 
quali dopo molte trattative si accordarono e segnarono il 
trattato il 25 luglio. La tregua doveva durare quatr'anni; 
in questo tempo era data facoltà ad ognuna delle due parti 
rlì accogliere nel proprio territorio un certo numero di ri- 
belli dell'altra; era libero il transito delle mercanzie ed ogni 
battiiglia incursione era vietata. Chi avesse trasgredito do- 
veva pagare 100,000 fiorini di multa. Pisa approvò questa 
tregua il 30 settembre. * 

Insieme agli ambasciatori pisani era andata a Genova la 
stessa Agnese Mantegazza tanto per ottenere buoni patti dai 
Fiorentini quanto per lamentarsi col Buccicaldo del Signore di 
Lucca. Costui dal momento in cui Gabriele si era posto sotto 
la protezione di Francia, faceva continue scorrerie su quel 
(li Pisa e intercettava le mercanzie di questa città. Il Leme- 
ingre lo aveva redarguito con tre lettere che gli aveva fatto 
scrivere da Percival de Vivaldis suo fido. • Tali lettere non 
ottennero lo scopo desiderato; e in seguito a nuove vessa- 
zioni A^'uese mandò un ambasciatore a Genova per quere- 



^ Vocìi la nomina degli ambasciatori da parte dei Priori delle Arti di 
Firenze e da parte dì Gabriele Maria, la tregua e la ratificazione che 
ne fu e e Pisa, nei Capitoli del Comune di Firenze, Inventario e Regesto, 
ToL II, Firenze, aalileiana, 1893, reg. XI, cap. 55, 56, 57, 60. Quasi 
tutti ^'!i storici accennano alla tregua. 

' Hanno Io date del 17 e 22 maggio e 8 giugno U04. Vedile nel 
K. Arigli- ili Stato in Lucca, Cover ito di Paolo Guinigi, reg. 8 {Lettere 
id f lutti ig* 1404). 



— esa- 
larsi. Il Buccicaldo alla sua volta inviò a Paolo un messo, 
Marchio de Cerreto. * Riuscita inutile anche questa amba- 
sceria, Agnese decise di andare a Genova, ' ma al suo ritor- 
no fra i due potentati bacque un incidente che ruppe del 
tutto le loro relazioni fino allora state ufficialmente amiche- 
voli. • 

Giovanni Colonna, che come dicemmo era stato incaricato 
della difesa di Pisa dopo la morte di Gi^ Galeazzo, ed ivi 
era rimasto, richiese alla Duchessa di Milano la paga. Costei 
non avendo danari gli diede come salario la fortezza di Ri- 
pafratta dipendente dal Comune di Pisa e proprietà quindi 
di Gabriele, rilasciando al Colonna una carta che ingiungeva^ 
al castellano di consegnargli la rocca. 

Il Colonna però non sapendo che farsi di un possesso iso- 
lato, pensò di vendere la fortezza al Guinigi e la vendita fu 
fatta per 5800 fiorini il 30 agosto. * In questo giorno Paolo 
fece noto a tutti; con ima specie di proclama, di aver com- 
perata lealmente da Giovanni Colonna Ripafratta, dichiaran- 



^ Questo particolare come tutti gU altri rapporti di Lucca con Pisa 
sono rivelati da una preziosa lettera di un capitano visconteo, Filippo del 
Pozzo in Sicilia imprigionato non si sa perchè nel settembre 1405 dal 
Guinigi e costretto a ri volar gli tutti i maneggi di Gabriele contro di 
lui. Tedila in appendice XI. 

* Vedi lett. oit. Il Sercambi parla di questa gita (II, par. LXIX; 
voi. ni, 76). Ma la fa risaUre al giugno. 

* L'il maggio infatti Gabriele aveva raccomandato a Paolo un ca- 
nonico pisano. Sempre nel maggio egU dà ampie spiegazioni al Guinigi 
su un brigantino che spinto dal vento presso Motrone e abbandonato 
dall' equipaggio era stato ricoverato dai Pisani nel Porto Pisano. Si di- 
chiara dispostissimo a renderlo a persona incaricata dal Guinigi, Lettere 
16 e 29 maggio 1405 (a. I.) nel R. Arch. di Stato in Lucca, Governo di 
Paolo (xumigi, reg. 9 {Lettere al Guinigi 1405). 

* Vedi Tatto nei Capitoli del Comune di Lucca num. 34. Originali 
e copie, nel K. Arch. di Stato in Lucca. Vedi pure per tutto quest'affare 
il Sercambi, li, par. LXX, LXXII, voi. III, 70 o 78. 



•^ - ' 



.— 454 — 

dosi pronto a rendere la rocca alla Duchessa di Milano quan- 
do essa gli avesse restituita la somma sborsata;* di Gabriele 
in questa lettera non si faceva menzione. Il Signor di Pisa 
si indignò al vedere Caterina Visconti disporre del di lui' 
dominio come di cosa sua; ma si adirò maggiormente nel 
vedere il Guinigi appropriarsi senza consultarlo i castelli pi- 
sani. Il Colonna per accomodare le cose propose di dare a 
Paolo, Carrara e A^^enza (possessi che pure aveva avuto 
dalla Duchessa), ove il Guinigi restituisse Ripafratta e pa- 
gasse altri 7000 fiorini. Gabriele poi, avrebbe avuto Ripafrat- 
ta e per di più Sarzana, previo sborso di 15,000 fiorini. 

Gabriele, piuttosto di perdere la fortezza dovette chinare 
il capo, e il 17 settembre nominò ambasciatori per questa 
vertenza Giacomino Mantegazza e Bernardino Granelli. * 

I patti proposti dal Colonna furono accettati il 26 settem- 
bre ; * ma Gabriele serbò eterno rancore al Guinigi, che com- 
prando Ripafratta lo aveva costretto a sborsare denari, per 
riavere un possesso, che legittimamente gli spettava. * 

In quanto ai rapporti di Pisa coi Fiorentini in quest' anno 
e nel veniente, essi furono in complesso pacifici: per lo più 
sono raccomandazioni di Fiorentini che vengono a Pisa per 
riscuotere crediti o per liti. * Una sola del 20 ottobre 1404 è 
diretta a Gabriele per dichiarargli , che una riunione di 
genti armate formatasi in Valdarno non era stata occasio- 



* Vedi in appendice XII P ordine incluso nella lettera in parola della 
Duchessa al Castellano di consegnare Ripafratta al Colonna. L'ordine è 
indirizzato Castellano meo (sic) Rocche Bipafratte. 

■ Vedi la nomina di questi ambasciatori nei Capitoli di Lucca cit. 

* Cajntolìy cit. 

* Vedi let. cit. in Ap. XI. 

* Cosi quelle del 18 settembre 1, 15 e 2» dicembre 1^4, 31 gen- 
naio, 14 e 28 febbraio e 26 marzo 1404. (stile fiorentino), che si trovano 
da e. 59 a e. 89 del rcp;, 25 dei Signori {Carteggio e Missive /* can- 
ccileria 1402-1 40«) nel K. Arch. di Stato in Firenze. 



— 455 — 

nata da loro; anzi essi, amanti della pace, avrebbero coope- 
rato a scioglierla. Le stesse assicurazioni venivano fatte V 8 
novembre al Buccicaldo, il quale per tale riunione aveva 
protestato a nome del suo protetto. Un altra dichiarazione 
di non volere romper per nulla la tregua stretta in quell'an- 
no a Genova, fecero i Signori al.Lemeingre il 16 dello stesso 
mese, spiegando a questo luogotenente, che essi non en- 
travano ajQTatto in un colpo di mano tentato da Andrea Gam- 
bacorti su Pisa. * Queste lettere provano, come anche du- 
rante questo periodo più tranquillo del governo di Gabriele, 
vi furono tentativi contro Pisa, cui non ostante le loro pro- 
teste è lecito credere che entrassero i Fiorentini. Probabil- 
mente però, pure accettandone volentieri le conseguenze se 
fosse riuscito il colpo, non cooperarono all'impresa del Gam- 
bacorti; poiché l'anno dopo, il 7 giugno 1405, diedero noti- 
zie al Signore di Pisa di attruppamenti fatti dallo stesso 
Andrea e da Giovanni Gambacorti affinchè si premunisse a 
tempo. ' 

Era morto in questo frattempo il papa d'Avignone e gli 
era succeduto Benedetto XIII. Costui per opporsi maggior- 
mente al papa di Roma Innocenzo VII, venne in Italia. Il 
re di Francia, che gli obbediva, come a papa legittimo, cercò 
lina città, ove farlo risiedere, non parendogli opportuno che 
abitasse in Genova; pensò egli a Pisa e per preparare il 
terreno mandò a pregare Gabriele di partirsi dall'obbedienza 
di Innocenzo e di credere a Benedetto,* gli richiese anzi un 
pegno scritto, una p'omissionem psr documenta aut per litteras 
di questo passaggio dalla sommissione ad un papa, alla som- 



* Vedi le 3 lettere nel R. Arch. dì Stato in Firenze: Statori reg. 
cìt. cap. 59, 68 e 72. 

• Vedi la lettera nel R. Arch. di Stato in Firenze: Sifffiori reg. 
cit. n. 103. 

» Sercambi, il par. LXXVII, voi. UT, 82; Minekbetti, 521. 



— 456 — 

ijji^^iODe avi un altro. * Gabriele per temporeggiare disse di 
non potere nulla decidere per allora, se prima non avesse 
tolto di mezzo il Signore di Lucca, che troppo lo importu- 
nava:* fini però coli' accondiscendere al desiderio del re, 
ohbììgaiido Pisa a rispettare Benedetto. " 

Ma il cambiamento operato da Gabriele, non poteva pia- 
cere a Ladislao re di Napoli partitante del papa di Roma; 
ej^li anzi nel giugno 1405 gl'invio un ambasceria esortandolo 
a partirsi rlalla lega di Francia e dalla sommissione a papa 
Beneiietto; inoltre gli svelò un disegno del Signore di Luc- 
ca, per il quale egli si sarebbe impadronito di parte della 
Riviera di Genova sottraendola a Francia. Gabriele non 
iliede alcuna risposta, ma cercò di trarre da questa amba- 
sceria il Jtjaggior profitto possibile per sé e il maggior danno 
per il (tuinigi. 

Mandò a tal fine Ranieri Zacci a Genova a svelare al 
HiiccicaUli» la trama di Paolo, sperando che il Lemeingre 
avrebhtì spodestato il Guinigi e data a lui Lucca. Costui in- 
vece risposo ringraziandolo del servizio resogli e prometten- 
dogli di effettuare un suo antico disegno di spodestare cioè 
il Guinigi e porre Lucca sotto la dominazione francese. Al 
Visconti questo progetto non piacque; comprese, che se il 
Buecicaldo, che aveva già il porto di Livorno, avesse otte- 
nuto anche Lucca, egli sarebbe in breve ridotto a tale da 
esiger costretto di andarsene, manifestò anzi il suo malcon- 
tento al Lemeingre. * Non sappiamo affatto, che cosa repli- 
rasse il governatore genovese; sappiamo solamente che Ga- 
briele cercò di tramare da solo contro il Guinigi per mezzo 
di Ranieri Zacci e di un tale Augustinus de Fighizzano, 



* Yijilì la lettera cit. in app. XI. 

* Ut. QÌL 

* MlSTRKUKTTI, Ine. cit. 

* \HÌ ItiL cit. 



— 457 — 

lucchese, che lo informava di tuttociò che avveniva a Lucca; 
questa congiura non ebbe seguito in causa di avvenimenti 
che esporremo fra poco. 

Il Buccicaldo frattanto non trovando Gabriele ligio ai 
suoi voleri come nei primi tempi, e volendo d'altra parte 
avere amici i Fiorentini, fece offrire loro segretamente da 
Francesco Alderotti, fiorentino residente in Genova, Pisa. 
Costoro accettarono la proposJ;a, e mandarono Gino Capponi 
a Genova per trattare. * Dal canto suo Gabriele visto quanto 
era difficile governare una città, odiato dai sudditi, circon- 
dato dai nemici, protetto da una potenza che mirava di sop- 
primerlo piuttostochè innalzarlo, pensò di porsi sotto la pro- 
tezione dei Fiorentini e alla peggiore ipotesi ceder loro la 
città. 

Si abboccò a tal fine a Vicopisano con Maso degli Albizzi, 
inviato colà dai Signori fiorentini, ma in quel primo collo- 
quio non s'intesero, poiché il Visconti chiedeva solo l'ami- 
cizia di Firenze, l'All^izzi voleva il possesso di Pisa. Questa 
faccenda sebbene fosse trattata segretamente arrivò all' orec- 
chio di Ranieri Zacci, già intimo di Gabriele e recentemente 
inimicatosi con lui, sapendo egli d'altra parte che in quei 
giorni doveva essere condannato del capo,* per salvare la vita, 
sollevò i Pisani dicendo loro che si voleva venderli come un 
branco di pecore ai lupi più terribili, ai Fiorentini- Il popolo 
il giorno stesso 21 luglio si sollevò; Gabriele e Agnese so- 
prafHitti dalla furia popolare si ritirarono nella cittadella. ' 



• Gino Capponi, Comtnentarii Mia presi di Pisa, in MuR. R.I.S., 
XVIII, pag. 1127; Matteo PALinERi, De captivitate Pisarum, in MiR., 
R.I.S., XIX, pag. 170; Ammirato, XVUI, 913. 

• Sercambi, 1. e. 

• Vedi per T abboccamento a Vicopisano e per la cacciata di Gabriele, 
Sercambi, II, par. LXXXII-iri, voi. HI, 86-87; Ser Nofri, 6; Capponi, 
1128; Palmieri, 1129; Stella, 1209; Ammirato XVIII, 914; Sozomkxo 
11«5; Morelli, 11; Minerbetti, 527. 



J^'-^T 



— 458 — 

Di li a breve, questi non stimandosi sicuri, partirono per 
Sar^tuiu lasciando la cittadella e le fortezze difese dalla bri- 
gata della Rosa, assoldata pochi mesi prima da Gabriele. ' 
Da Sarzana Agnese andò a Genova per chiedere al Bucci- 
caldo aiuti e consigli; in questo mentre ambasciatori fioren- 
tini andarono da Gabriele a chiedere la cessione della città 
ed egli H pregò di attendere il ritorno della madre.' Costei 
tornò infatti a Livorno dove la raggiunse il figlio, col Buc- 
cicaldo, il quale, a quanto pare, era disposto a soccorrere il 
Visconti contro i Pisani e a riacquistargli la città.* 

Muni a questo scopo la cittadella di armati e vettovaglie 
e con una galea navigando presso Pisa la danneggiava: la 
galea però fu presa dai Pisani, che fecero prigioniero T equi- 
paggio, fra cui era il nipote del governatore ; essi restituirono 
gli uomini, ma si tennero la nave. * 

Il Lonieingre allora, visto che era troppo difììcile combat- 
tere un popolo desideroso di libertà, acconsenti alla cessione 
(Iella città ai Fiorentini da parte di ^Gabriele, che si era 



' tìERCUiBi, par. LXXVII cit. 

* SfiRCiMBI, loc. cit.; MlNEKBETTI, 528. SOZOMENO, loc. cìt.; Ammj- 
HiTO, tJ15. 

* A Oetiova Agnese aveva consegnato al Buccicaldo le chiavi della 
cittadella porche ne disponesse. Egli però non la poteva vendere sensa 
il iloueouEo di Gabriele, come questi non poteva cederla senza la sua 
approvftzion*>. Tal notizia si ricava d&ÌV EinjJtio civitatis Piaarum fatta 
per i Fiorentini, riportata dall'Oslo, op. cit., voi. l, pag. 891, doc. CCLXII, 
ma con moUe mutilazioni; si trova nella sua integrità a. e. 93, del quad. 
IS bis, dtìi Protocolli in fogli volanti e quaderni ^ reg. 29, div. A. del 
K. Arcb. dì Stato in Pisa. 

* Stella., loc. cit. Queste notizie son confermate dalla Cessio ciri- 
tatti Pìmrum cum certit pactis (e. 98 del q. 18 bis., reg. 29, cit.) in 
cui il Bu/efcaldo, approvando la vendita di Pisa fatta da Gabriele, pone 
fra le alt p ti condizioni, ohe i Fiorentini gli paghino 56000 fiorini per spese 
fatte per ta cittadella e impone loro, appena essi avessero preso possesso 
di Pifia, di restituirgli, rimandandogliela a Genova, la galea stata a lui 
sequotìtratii dai Pisani. 



— 459 — 

vieppiù scoraggiato in seguito alla morte della madre. * La 
vendita si effettuò nel castello di Livorno il 27 agosto.* Ga- 
briele cedeva i suoi diritti su Pisa, la cittadella e poche altre 
fortezze, eccetto Livorno, terra ormai francese, per 80,000 
fiorini, da pagarsi in tre rate; avrebbe per di più diritto alla 
restituzione del suo patrimonio privato, quando i Fiorentini 
fossero entrati nella città; questo trattato, avrebbe avuto va- 
lore solo se il Lemeingre l'avesse approvato. * 

Costui dette la sua approvazione il giorno dopo, alle se- 
guenti condizioni. I Fiorentini potrebbero transitare ed abi- 
tare liberamente a Livorno, dovevano mantenere la guarni- 
gione e avevano diritto di riscuoterne le entrate. Avrebbero 
pagato al Buccicaldo 56,000 fiorini, per le spese da lui fatte 
per la cittadella; erano pure obbligati a rendere, dopo la 
presa di Pisa, la galea genevese fatta prigioniera.* Con altro 
apposito istrumento i Fiorentini lo stesso giorno 28 ottobre 



* Agnese era rimasta morta por una caduta fatta nella fortezza 
mentre sorvegliava i soldati; trovandosi o su di una torre o presso una 
buca ed essendosi tirata indietro spaventata dal rumore d* una bombarda, 
era caduta ferendosi mortalmente. Tutti gli scrittori son concordi in 
proposito. 

■ Il solo 8 RE NoFBi loc. cit. da il vero luogo in cui fu steso Tatto; 
gli altri non so per qual ragione dicono che la vendita si effettuò a Pie- 
trasanta, tutti poi sbagliano sul prezzo sborsato a Gabriele; noi senza 
occuparci dei vari pareri seguiremo fedelmente i due documenti sopra 
rammentati, testimonianze inconfutabili. Notiamo però, che anche il Gap- 
PONT, loc. cit., commette tale inesattezza, fatto questo, che prova, come 
erroneamente sia stata attribuita dal Muratori questa cronaca a Gino Cap- 
poni. Egli infatti presente al contratto non avrebbe potuto commettere 
un errore simile. I Commentari in discussione sono invece posteriori e furo- 
no scritti probabUmente dopo il De captioitate Pisarum del Palmieri cit. 

* Vedi VEmptio cit. nelPOsio e nel reg. cit. del R. Arch. di Stato 
di Pisa. 

* Vedi la Cessio cit. La parto di questo documento che riguarda Li- 
vorno è stata da me edita nella Miscellanea Livornese Anno I num. 3, 
maggio 1894 (vedi articolo Livorno nel 1406). 



— 400 — 

promettevano al Lemeingre altri 70,000 fiurinì, ' Stipulati - 
questi contratti il 30 agosto la cittiiclella di Pisa e le altre 
fortezze erano consegnate ai quattro commissari fiorentini, 
Bartolommeo Popoleschi, Gino Capponi, Benedetto Fortini, 
Niccolò Harbadori: cosi, ogni traccia di dominio Visconteo in 
Pisa era distrutto per sempre. ' 

I Fiorentini avuta appena la cittadella, indirizzarono uu 
proclama ai Pisani esortaniìoli a darsi a loro, che li avreb- 
bt^ro trattati come IratelJi sollevando la loro miseria;* pa- 
role di pace cui corrisposero i fatti [ I Pisani infatti U giorno 
dopo si impadronirono delk cittadella giurando /aruerra a 
morte a Firenze, e Firenze per parte sua seguito una guerra 
altrettanto atroce contro Pisa, distruggendone, allorché arrivò 
ad impadronirsene, ogni traccia di libertà, 

Gino Scaramella. 



' Vedi ristruraonto a e, 102 del q. 18 bis-, rog. 29 cìt. 

' PALanERi 172: Capponi, 1129; Ammir.vto, XVIt, 915; Sozojieko, 
1188; MiNERnETTi, b'iO; Sebcu^ebi, II, par. XCY, voi, lU, 90. 

■ Vedilo nel R, Arch. di Stato in Firenze, Si^nf^ù Iteg, 24 cit 
e. 103. Oltre che aU^ArcMvio di Firenze no ho rintraceiata una copia nella 
Riceardiana in tìni3 a vii codice delle InieUive del PetBaECà ^mSB. IITS 
ultima e.). 



-.,jw» 



APPENDICE I. 

Deliberazione dei Savi intomo ad wi^ Ambasciata del conte di Vii-th 
(9-10 febòt^aio 1S91). 

Die nono februarii. 

Providerunt infrascripti sapientes viri super hiis a dominis 
Antianis pisani populi electi et in eorum et magnifici militis 
domini capitanei prelibati (Pietro Gafnbacorti) presentia constitu- 
ti. Intellpcta ambaxiata ooram ipsis dominis et sapientibus expo- 
sita per spectabilem et egregium militem dominum Lucterium 
de Eustonibns, ambaxiatorem illustris principis et excelsi domini 
domini comitis Virtutum, continente inter cetera in effectu, 
quod prefatus ambaxiator per partem illustris domini prelibati 
significabat ipsis dominis et oivitati Pisane, quod prefatus illu- 
stris dominus ad consumationem guerre pendentis, quam habet 
cum Plorentinis et ceteris eorum conligatis contraxerat ligam 
et cumfederationem cum serenissimo principe domino domino rege 
Prancorum, et dieta occasione veniebant Mediolanum illustres 
principes et domini dominus dux Borgundie et dominus dux Tu- 
ronie, gener ipsius comitis Virtutum et certi alii principes et 
barones, et pertanto reducebat ipsis dominis ad memoriam, quod 
placeat ipsis dominis prò salute et tranquillitate civitatis Pisane 
mittere eorum ambaxiatores Mediolanum cum pieno mandato ad 
intrandum in ligam factam cum eis; et proposito eis per domi- 
num Petrum de Vico, priorem suprascriptorum Antianorum, ut 
super predictis consulant illud, quod ad salutem, pacem tran- 
quillitatem et bonum statum civitatis Pisane crediderint cumve- 
nire, partitu facto inter eos ad voces, ut moris est quod: Quia 
res magna est et magnum habet effectum eligantur sapientes in 



— 462 — 

eo numero, de quo eis videbitur, qui predicta ad sedendum exa- 
minent et praticent et super eis consulte deliberent et que per 
eos deliberata, examinata et praticata fuerint, referentur in 
presenti Consilio vel maiori, prout ipsis dominis videbitur et 
tunc, que in dicto Consilio deliberabuntur execu tiene mandentur. 

(Seguono i nomi di 33 sapienti. Fra questi Benedetto e Ghe- 
rardo Gambacorti; il primo con due voti). 

In margine: Pro ambaxiata domini Lucteri ambaxiatoris do- 
mini comi ti s Virtutum. 



Die decimo februarii 

Providerunt infrascripti sapientes super hiis a dominis An- 
tianis electi sequentes formam provisionis sapientium virorum. 
beri celebrate. Et proposito eis per soprannominatum dominum 
priorem, quod ipsi sapientes electi sunt supra providendo et prati- 
cando de responsione fionda ambaxiatori illustris domini domini 
comitis Virtutum supra ambaxiata ipsis dominis per dictum 
ambaziatorem ezposita et ideo deliberent de viis et modis te- 
nendis in responsione fionda ambaxiatori predicto, partitu facto 
ìnter eos ad voces quod: Respondeatur dicto ambaxiatori, quod 
cum fuerit ad presentiam illustris domini prelibati, patris pre- 
cipui Pisanorum, rengratietur ei prò parte ipsorum dominorum 
et domini Petri predicti et eius filiorum et prò parte communi- 
tatis Pisane de tanta delectione, quam ci vitati pisane ostendit 
in communicando cum ipsis dominis et communitate Pisane tan- 
tam novam, quanta foit adventus dominorum ducam Burgundie 
et Turonie predictorum ; et quod placeat ipsi domino comiti, pa- 
tri precipuo Pisanorum prefatos dominos Antianos et dominum 
Petrum et eius filios ed civitatem Pisanam habere eflPectualiter 
in singulis recommissos, sicut sperant de solita et innuta eius 
benignitate. 

Ad petitum vero per ipsum ambaxiatorem factum per in- 
trandum in ligam factam cum dictis illustribus principibus et 
dominis respondebitur dicto comiti Virtutum viva voce per am- 



— 463 — 

baxiatorem ad eins presentmm transmittendtim ; et quod re- 
sponsio fienda sit in hac forma videlicet quod: Ipsi domini An- 
tiani et dominus Petrus et commune Pisanum semper habere 
intendit prefatum dominum oomitem Virtutum in patrem ed do- 
minum singularem et sperant se ipsos fore eius celsitudini filia- 
riter et singulariter recommissos, tanquam vero patri et domino 
siiifculari. Et quod rei veritas est quod Pisarum oommunitas 
contbdBrationes paces et pacta, que habet, semper fideliter et 
imiijobiliter observavit et fidem datam semper mantenuit et ser- 
vavit, nec ipsum commune unquam defecit promissionibus et 
fidei datis. Et quod ipsum commune Pisarum est in confedera- 
tione et liga pace pactis propterea que prohibetur venire ad 
aliquam ligam vel cumfederationem cum dominis suprascriptis ; 
cuius cum salva fide non videt ipsum commune posse colligari 
absque preiudicio et iactura honoris sui. Et quod placeat celsi- 
tudini ipsius ipsum commune Pisarum habere merito excusa- 
tum et de sua innata benignitate reoommissum. Et si eideni 
celsitudini placet, quod commune Pisarum mictat eius ambaxia- 
tores ad eius vel dictorum dominorum presentiam, paratum est 
ipsos ambaxiatores mietere acturos quecumque fuerint consona 
notis suis, dummodo non faciat centra ligas, paces et pacta, 
quibus obligatum est et fidem dedit. 

(Firmato da quattordici Savi, fra cui Gherardo Gamba- 
corti). 

In marcine: Supra responsione fionda ambaxiatori domini co- 
mitis Virtutum. 



Die suprascripta. 

Providerunt infrascripti sapientes viri super hiis a dominis 
Antianis Pisani populi electi et in eorum et domini capitanei 
prelibati presentia constituti intellectis et auditis hiis, que re- 
sponderi debenlur ambaxiatori illustris domini domini comitis 
Virtutum supra ambaxiata ipsis dominis per dictum ambaxia- 
torem oxposita et hiis, que ^ deliberata et consulta fuerunt supra 



— 464 — 

dieta responsione fionda per sapientes viros a dictis dominis An- 
tianis ad hoc specialiter electos secundum formam consilii inde 
celebrati die nono februarìi presentis et propositum eis per supra- 
scriptum dominum priorem, ut supra predi ctis consulent et delibe- 
rent, si eis videtur, quod responsio fionda domino ambaxiatori fiat 
eo modo et forma quibus per dictos sapientes ad premissa specia- 
liter electos examinatnm, premissnm et deliberatum fuìt, nec ne 
et quod secundum deliberatio mandabitur executioni, partita 
facto inter eos ad voces, ut moris est^ quod: Besponsio fionda 
ambaxiatori prefato sit in ea forma et modo quibus per dictos 
sapientes provisum et deliberatum fuit et prout et sicut et 
eo modo et forma, ut in suprascripta proxima prò visione sapien- 
tum hodie celebrata per omnia continetur. 
(Seguono le firme di trentotto Savi). 
In margine: Pro eodem. 

(Dalle Proimgimi dd Senato e dei 

Savi 1391-92 (a.I.) gennaio-gitigno. 

R. Arcb. di Stato in Pisa div. A, 

reg. 72). 

APPENDICE II. 

Deliberazione dei Savi intorno ai danni inferti dai Fiorentini aUe 
milizie del Conte di Virtk std territorio Pisano (22 maggio 1391). 

Die vigesimo secundo maij. 
Providerunt infrascripti sapientes viri super thiis a dominis 
Antianis Pisani populi electi et in eorum et magnifici militis 
domini Petri Gambacurte, capitan ei etc. presentia constituti, in- 
tellecta narratione facta per dictiim dominum capitaneum conti- 
nente in effectum, quod dominus Heragheramus , ambaxiator 
illustrissimi domini domini comitis Virtutum ad eum accesserat 
exponens eidem casum infortuitum gentis ipsius illustris domini 
in Maritime partibus occursum, cuius causa ipsum dominum 
capitaneum por partem ipsius domini cogitat, ut sibi placeret 
in premissis remedium apponere, ut.... ablata supra Pisano ter- 



— 4G5 — 

ritorio restituerentur, et proposito eis per sapientem Bindum 
Lelli, priorem dominorum Antianorum, ut super predictis con- 
sttlant de agendis partito factu Inter eos ad voces, ut moris est 
quod: Mictatur Plorentiam unus ambaxiatòr expositurus cum 
querela ea, que per gentes Florentinorum contra gentes dicti il- 
lustris domini super Pisarum territorio gesta fuerunt et cum 
ambaxiat& eidem imponenda. 

(Seguono le firme di nove Savi, fra cui Benedetto Gam- 
bacorti). 

(Reg. cU.) 

APPENDICE m. 

Ragguagli dei Sig^iat^ Fiorentini ai loro atnbasciatori a Venezia 
sul te/Uativo del Savello su Pisa (gennaio 1398). 

Oratoribus Venetiae constitutis prò pace. * 

Dilettissimi cittadini nostri. Da poi che vi scrivemmo ieri 
venne qui in gran festa Lazari di Francesco Guinigi. Et per 
quanto abbi avuto da persona degna di fede pare messer Iacopo 
e la comunità di Pisa si dispongano bene e volentieri anno udi- 
to obi a ragionato loro di ritenersi co' loro vicini Et pen- 
siamo, che nostri ambasciadori ciò è Andrea di messer Ugo e 
Nicholò da Uzano, li quali partirono di qui hieri mattina alla 

campana per andare a Lucca , a Pisa faranno 

grande e buon frutto. Et acciò ohe abbiate di questo migliore e 
più ragionevole speranza, pare, secondo che a portato persona 

degna di fede che venne da Pisa ed è stata un mese i fatti 

di cui vi scriviamo andarono in questa forma : Che mercoledì et 
di 2 di questo, messer Nicholò Palavisino et messer Nicholetto 
Diversi, Paulo Savello et uno maestro Filippo, frate minore, 
andassero a messer Iacopo e dissongli, come el Conte conside- 



* Riporto della lettera solo la parte attinente air argomento. Le la- 
cune Bon causate, parte da guasti del tempo, parto dalla difficoltà della 
scrittura. 



- -T •^^^'T^I'T^'TWf -' 



— 466 — 

mudo Tetà e infermità sua, vedea, che non potea lungamente 
mantenere il suo stato e che Pisa verrebbe in mano ai Fioren- 
tini; et pertanto, che pregava et voleva, che esso gli desse la 
tenuta della città di Pisa, di Piombino, dì Livorno, di Cascina 
e di Librafacta; et egli lo provederebbero, si che sarebbe bene 
et in riposo mentre vivesse et ancora che dì lui fusse, et che 
questo al tutto lo Duca aveva deliberato. Messer Iacopo, come 
savio, domandò se questo avevano dal Duca. Allora rispose: la 
persona sua et de' figliuoli et ciò che governava erano sue, ma 
che procedere a questo atto senza consiglio degli Anziani e dei 
baioni cittadini di Pisa sarebbe a lui troppo carico; et che pen- 
sa ira disporli alla volontà del Duca. Costoro dissono non biso- 
gnava prendesse di ciò consiglio, iinperocchè al tutto el signore 
suo voleva cosi: et procedBttero tanto le parole che dissono a 
messer Iacopo, convenia questo fusse, volesse egli,o no; disse 
egli, che voleva scrivere al Duca et avuta sua risposta sarebbe 
ciò che comandasse* Dissero erano contenti dando egli loro la 
tenuta della cittadella. Di ohe con savi modi et che vorrebbe 
farlo: ora non sarebbe udito, non accettato. Pure messer Iacopo 
impetrò da loro indugio infino giovedì. Fu poi chol visconte suo 
figliuolo 6 disseli tutto et egli come ispirato da Dio disse al 
padre: S'io credesse.... che pensasse di mettere in servitù la 

patria sua, esso l'ucciderebbe colle sue mani ; 

posti in ordine con la loro gente et chol popolo insistono in 
quest' intenzione e cosi segui, che giovedì, a levata del sole, lo 
visconte armato e tutto il popolo, sonata la campana a martello 
assalirono Paolo Savello e sua brigata; lui presero e ferirono 
nolla gola e nella gamba tutta sua gente; chi fecie resisteuza 
fu morto, gli altri son tutti rimasi in farsettino e messi fuori 
dì Pisa. Furono ancora presi messer Nichelò e messer Niche- 
lo tto e quel frate in prigione dell'arcivescovo. Segui poi, che 
messer Iacopo domandò messer Nichelò Palavisino, se era pro- 
curatore del Duca; disse che si et elli volle facesse cavaliere 
el visconte, lo quale è fatto fare capitano del popolo. Mostra che 
questo trattato sentissero messer Tiglio Upezzinghi, messer Ra- 
nieri Zacci et sono presi et credesi cbo perderanno la vita. 



— 467 — 

Mezzano tra quelli duo cavalieri fue Piero Rapondi di Lucha e 
colui menava tutta la faccenda et egli ancora è preso. Messer 
Nicholetto è in cittadella; pur sostenuto egli è il suo figliuolo;- 
messer Nichelò sta in casa di messer Iacopo. Le cose sono in 
queste forme etc 

(Dal reg. I dei Signori (Legazioni 
e Cmnmissarie, Istruzioni e lettere 
1395-99) e, 172. R. Arch. di 
Stato in Firenze). 

APPENDICE IV. 

Lettera deW ambasciatore lucchese a Firenze al Gonfalofmre luc- 
' chese svi tentativo del SaveUo (5 gennaio 1398) i 

Magnifice domine mi. Pine di costà io nulla ò da voi, di 
che assai mi meraviglio; né messer Iacopo Viviani è venuto co- 
me per lo vostro antecessore mi fu scritto; questa mattina per 
tempo venne uno fante del Vicario di Poscia, che tutta la notte 
era camminato e scriveva avere da Luca, come Pisa era sotto 
arme, le porte serrate e ohe Pavolo Savelli era preso, volendo 
lui et Antonio Colonna correre la terra per lo Duca etc. (sic)] 
io, eh' era in piaza montai in palagio; fui chiamato da' priori e 
dalloro e da molti cittadini son sempre importunato, se nulla 
ò da voi| io nulla ò, come sapete; la cita è stata tutta in alle- 
grezza; hora a XX hora nulla si crede, dapoichè nulla é nevato, 
né da voi nulla venuto; piacciavi per pratica di me e onore di 
voi notificare la verità et che è seguito, o sia verità o bugia 
quello che è divulgato. Io penso più tosto il contrario, ciò è che 
la terra sia corsa et vinta per lo Duca e questo è utile sentire, 
perchè qui si prenderanno de* partiti nuovi, e parrà loro non 
piccolo guadagno, che il popolo di Pisa habbia mon strato discon- 
tentamento della signoria del Duca e facta qualche resistenza. 
Io penso pure questo di avere vostro messo ; però non mi stendo 
più per questo messo non molto sufficiente, rfo ; per 



— 468 — 

lo migliore Dio ma diunanti quello, che sia vostro stato di 
salute. 

Datis Florentia die V" lanuarii bora XXI'. 

A. de Tortona 
cum reverentia. 

A tergo: Magnifico domino meo Cucchino de Advocatis ve- 
xillifero Insti eie Lucano etc, 

(Dalle Lettere agli Anziani 1397, 
1400. R. Arch. di Stato in Luc- 
ca. Anziani al tempo della li- 
bertà reg. 441). 



APPENDICE V. 

Lettere di A9U0ÌÙ0 Porro, capitano ducakf a G. M. VùscofUi e a 
Giacomo Porro per informarli deW acquisto di Pisa (19 febbraio 1399), 

Illustri ac Magnifico domino Domino lohanni Galeaz Ma- 
riae, nato illustrissimi principis domini Ducis Mediolani etc. 

lUustris ac magnifici domine, domine mi. Colendum et cele- 
bre novum non solum firmum, sed amplificatio, felicitas et gloria 
status illustrissimi domini mei, domini Ducis, genitoris vostri ac 
vestri emullorumque (sic) perpetua confasio, Magnificentie vostre 
nuntiare curavi: hoc est, quod hodie ista bora cum triumphan- 
tibus vexillis et nomine dicti mei Ducis, beneplacitoque magni- 
fici domini Gerardi et omnium civium urbis.... Pixane, domi- 
nium ipsius urbis libere gratias Altissimo nactus fui. Datum 
Pixis die XVI NI Februarii bora XVI. Vester comes Antonius 
Pollensis. 



* Questa lettera è stata pubblicata dal Giulini, Memorie della città 
di Milano, continuazione p. Ili; la riproducinmo di nuovo a causa dei 
numerosi errori di trascrizione che vi si notano. 



^' t'r\ \m :. * ' /• '/^ ' vjk '^^ •.■'•■.,.' . ,1 



— m) — 



.V**^' ■ v-.^. 



Egregie et honorabilis affinis carissime. Notifico vobis ad 
gaudium, quod hodie ista bora et nomine illustrissimi domini 
domini Ducis triumphantibus vexillis beneplacitoque domini Ge- 
rardi et omnium civium Pixanorum buius urbis liberum dominium 
absumpsi gratia altissimi mediante. 

Datum in Pixis XVTTTT februarii bora XVI Antonius, comes 
PoUentii. 

Egregio et bonorando affini carissimo lacobi de Porro, ma- 
gitro intratarum. 

In margine: Pro letitia acquisitionis civitatis Pixarum. 

(Dal reg. di Lettere Ducali 1395, 
1409. Arcbivio Civico di Mi- 
lano). 

APPENDICE VI. 

Giuramento di fedeltà dei sindaci pisani a Gian Galeazzo (31 tnar- 
zo 1399). 

Pidelitas facta per sindicos Pisanos prefato domino et duci 
Milani etc. 

In nomine sanote et individue Trinitatis, patris filii et spi- 
ri tus sancti amen. Pateat evidenter tenore buius publici instru- 
menti, quod spectabiles viri, dominus Petrus olim domini Ra- 
nerii de Gualandis, miles dominus Petrus olim lobannis de Eva- 
sis, miles legumque doctor, dominus Benedictus olim Henrigi 
de Piombino, miles legumque doctor et Lottus olim ser Lappi 
de Sancto Cassiano, mercator, pisani cives, ambaxiatores, sin- 
dici, procura tores et nuntii spetiales communis et populi pisani, 
constituti in presentia illustrissimi principis et excellentissimi 
domini sui, domini lobannis Galeaz, ducis Mediolani etc. Papié 
Anglerie ac Virtutum comitis, dominique Pisarum, suis nomi- 
nibus propriis ac sindacano et procuratorio nomine, universi ta- 
tis populi et communi pisani et omnium civium Pisanorum et 



— 470 — 

districtualium Pisarum civitatis flexis genibus et cura omni re- 
verentia, nominibus quibus supra promittunt et iurant super 
sacra Dei evangelia manibus per eos corporalibus tactis scriptu- 
ris sacris, in manibus prefati domini prò se et etiam prò ipsis 
communi, hominibus, et singularibus personis populi et civi- 
tatis et districti Pisarum prò se et suis heredibus et discenden- 
tibus in in£nitum in animas et super animas ^ipsorum sindico- 
rum et etiam eorum qui ipsos constituerunt ac illorum prò quibus 
sunt constituti et cuiuslibet eorum, prefato illustrissimo principi 
et exellentissimo domino domino lohanni Galeaz duci Mediolani 
etc. Papié Anglerie ac Virtutum corniti ducique Pisarum pre- 
senti et recipienti prò se suisque filiis descendentibus et succes- 
soribus, tamque domino suo quod: Ipsi, universitas, populus et 
commune et homines civitatis Pisarum et subditi fideles vassalli- 
que et dicti diete civitatis et omnis et singuli in eorum sindicatu 
desoripti ab hac bora in antea et perpetuo erunt reverentes obe- 
dientes et fideles prefato illustrissimo principi et excellentissimo 
domino domino lohanni Galeaz duci Mediolani etc. Papié Anglerie 
ac Virtutum comitem et Pisarum domino, tamque domino suo 
et quibuscumque ipsius gubernatoribus, locumtenentibus, pote- 
statibus, capitaneis, reotoribus, offictialibus et quibuscunque eius 
vice gerentibus, nec non ipsius domini lohannis Galeaz, ducia 
Mediolani etc. filiis discendentibus et successoribus centra omnes 
hominem, populos et communi tates ; et quod nunquam erunt 
scienter in Consilio, oonfederatione, conspiratione, tractatu, au- 
xilio, nec in facto quovismodo, per quod amittant vitam vel 
membrum, vel mala captione capiantur, seu quod in persona ali- 
quam recipiant lesionem, iniuriam vel iacturam, vel quod amit- 
tant directe aut indirecte aliquem honorem, preheminentiam, 
quam nunc habent seu habebant. Et si sciverint vel audiverint 
de aliquibus, qui velint aliquod istorum centra prefatum domi- 
num lohannem Galeaz et suos predictos facere, eis significare 
curabunt et suo posse impedient, et si impedimentum prestare 
non poterunt, suum auxilium, ne id fiet cum effectu, dabunt. Et 
si cumtigerit prefatum dominum lohannem Galeaz eiusque filios 
descendentes et successores aliquo casu amittere aliquid, quod 



— 471 — 

spectet ad preheminentiam civitatis Pisarum et distrìctus, quam 
nniio prefatus domìnns habet tenet et possidet, tam in civìtate 
et districtu Pisarum, quam alibi, vel decerto ipsum domi- 
num habere contigerit illud recuperare iuvabunt toto posse et 
recuperatum omni tempore retinere. Et si soiverint aliquem of- 
fendere velie vel aliquem aptentare contra prefatum dominum 
Johannem Gfaleaz, civitatem et districtum Pisarum vel ipsius 
eredes descendentes et successores, quod ipsi prò conserva- 
tione ipsorum suum, quantum poterunt, prestabunt auxilium et 
su&agium. Et in omnibus et per omnia in animas ipsorum 
dictorum Antianorum et hominum civitatis et populi Pisani et 
districtus et aliorum in dicto sindacato descriptorum iuraverunt 
et promiserunt prefeto illustrissimo principi domino lòhanni 
Gktleaz, duci Mediolani etc. suo et quo stipra nomine recipienti, 
prout in forma utriusque fidelitatis quantum (sic), 

(Seguono le dichiarazioni di apposizione di sigilli pisani e 
delle firme dei sindaci ^ del luogo [Pavia. Accampamento di San 
Pietro] e del tempo [31 marzo 1399 st. com., 1400 a. L] in 
cui l'atto fu rogato; seguono i nomi dei testimonii e del notaio 
rogatore [Catelanus de Xristianis] .) 

(Dal reg. di Lettere ducali 1399-1405 

segnato lett. N e. 10. R. Arch. di 

Stato in Milano). 

APPENDICE VII. 

Concessioni di Gian Galeazzo al contado Pisano (1 giugno 1399).^ 

Dux Mediolani etc. Papié Anglerie Virtutumque comes ac 
Pisarum dominus. 

Reverende pater et dilecte noster. Fuerunt ad nos, ut soitis, 
ambaxiatores communis illius nostri comitatus et districtus 
civitatis nostre Pisane, quibus per nos auditis et intellectis 



' Si trovano citate in una prorvisione straordinaria del 1 ottobre, nel- 
la quale queste disposizioni sono messo in esecuzione. 



- 472 - 

ipjBQram neccessitatibus, compatientes illis nostris commumbuSi 
de quorum necessitatibus nos piene informavit ser Soaccus de 
Calci * dilectus noster civis Pisanus, fecimus eis tres gratias in- 
frascriptas: Prima est hec, quia liberavimus, absoluimus dieta 
communia ab omni eo et toto, quid communi nostro Pisarum dare 
et solvere tenerentur prò tempore preterito a die kalendario 
maij proxime preteriti; secunda est hec, quia remisimus cam- 
munibus predictis tertiam partem partiti sive estimi sui, ut prò 
tempore futuro solvere teneantur communi nostro Pisarum duas 
partes trium partium eius, quod soliti solvere erant communi 
nostro Pisarum; tertia est hec, quia dictis conununibus conces- 
simus immunitatem per unum annum de eo, quod supradioto 
partito seu eorum extimo solvere teneantur, incipiendo in Ka- 
lendis maij predictis. Quas gratias volumus per vos debere exe- 
qui et facere per eos, quos spectat libere et absque solutione 
pecunie executioni mandari. Nam non.... contenti, si hec nostre 
gratie, quas eis libere fecimus, deber^nt per aliquos offitia- 
les sive notarios vendi. Date Papié die vigesimo primo iunii 
MCCCLXXXXVnn. in angulo vero dictarum litterarum in- 
teriori: Filippinus." A tergho: Reverendo patri domino episcopo 
Feltriense dilecto locumtenenti nostro in Pisis. 

(Dal reg. Prowisiom straordinarie 

seU.'Ott.-noD, 1400 [a. I.] R. 

Arch. di Stato in Pisa div. A. 

n. 188 e. 51 t.). 

APPENDICE Vm. 
Riforma degli Anziani (22 luglio 1401). 

Dominice Incarnationis anno millesimo quadrigentesimo se- 
cundo, indictione septima, die septimo augusti. Providerunt do- 



* Era priore degli Anziani in queir anno. Vedi Breve vetus AtUhia- 
norum in qu^lP anno; si trova in Arch. Stor. It, voi. VI, par. II, disp. IL 

■ Parola convenzionale, che dimostrava T autenticità delle lettere du- 
cali; cambiava di tanto in tanto: per l'aprile e maggio era stata Vertus, 
Vedi la lettera ducale, che stabilisce questo contrassegno, datata il 10 
aprile 1399 nel Protocollo di capitoli oit. e. 161 t. R. Arch. di Stato in Pisa. 



— 473 — 

minus locumtenens ducali 8 et Antiani Pisani populi, utentes in 
bis generali bailia, quam habent a communi et populo Pisano 
ex forma et vigore consilii senatus et credentiae et aliorum or- 
dine Pisarum civitatis celebrati in sala Pisani populi dominice 
Incarnationis annb millesimo quadringentesimo secundo, indic- 
tione nona, die v^esimo iulij et eadem die ractificati per oonsi- 
lium Pisani populì, partito facto inter eos ad danarios albos et 
giallos secundum formam brevis Pisani populi; et providendo 
per honorem et statum illustrissimi prinoipis et excellentissimi 
domini domini nostri ducis Mediolani etc. et domini Pisarum 
Senarum et per quietem et pacem civium Pisarum et totius 
communitatis Pisarum decreverunt et ordina verunt quod: offi- 
ci um et regimen Antianorum Pisani populi reformetur et ref or- 
mari possit et debeat prò annis duobus incipiendis in Kalendis 
septembri proximis venturi s per modum tascharum eo modo et 
forma, de quibus et prout inferius declarabitur, videlicet quod: 
Electiones sive electio et tascha Antianorum prediotorum fiant 
et fieri possint et debeant annis duobus incipiendis in Kalendis 
septembris proxime venturis, ut infra dicitur, videlicet quod: 
Eligantur per ipsum dominum locumtenentem et Antianos Pisani 
populi nunc in officio existentes, sapientes quadraginta octo po- 
pulares de melioribus et sufficientioribus, videlicet duodecim per 
quidlibet quarterium, videlicet in quolibet quartierio sex Raspan- 
tes et sex Bergulini. In electores et prò electoribus Antianorum 
Pisani populi una cum prefatis domino locumtenente et Antianis, 
qui omnes reqoirantur et cobadimentur et habeantur in palatio An- 
tianorum Pisani populi, in aliquo convenienti loco dicti palatii ubi 
sit . . . (sic) cancellarius illustrissimi domini nostri domini ducis 

Mediolani etc (sic) cancellarius Antianorum populi Pisarum et 

. . . (sic) cancellarius maioris cancellerie Pisani communis tantum 
et non alius vel alii et tamen quod sufficiat, que maior pars dicto- 
rom sapientium utrius partis Raspantium et Bergulinorum intersit 
et eis sic cohadunatis.... nominent et nominare possint et scribi fa- 
cere in et prò prioribus Antianorum quilibet de et prò parte sua, 
solum modo illos, qui alias fuerunt in dicto offitio et non aliosusque 
in quot voluerunt prò quolibet eorum et quod facta dieta nomina- 



— 474 — 

tione predirti.*., elìgant et cemant de dictis nominatìs priores 
iuquolibet et de quolibet Antiani quartierio, sive Raspantes Ra- 
Bpantes et Bergulini Bergttlìnos, faciendo ipsam cernitam electio- 
nem ad scratinimii. 

(Dal Liber consUionm et certarum 
promsionum Pisani commtmis, qm 
stare et esse debet peties cancdia- 
fium Antianorum. R. Arch. di 
Stato in Pisa div. A, n. 197, 
e. 223 t.). 



APPENDICE IX. 

Lameìitù dei Fioreniifd per le mercafizie ifUetveUate nel territorio 

Pisitm (8 apnle I4n2). 

Pisanis. Nobiles viri et amici carissimi. Non sine mentium 
noatrarum commotione perei pimus omnes mercantias Florenti- 
norum apud vaa edicto pubi reo tali ter impedi tas, quod aliqms 
noatronim mercatorum ^ nec Pisis recipi nec ex inde valeant 
exportari. Quod quidem cum centra pacis federa factum sii, 
nullo modo trodimud ab Ìllii,Mtri vestro domino processisse. Pla- 
ceat ìgitur ordinationem Lstam, .... servando libertatem solitam 
revocare voi noa do intenti on e vostra reddere certiores. Cum 
eius hiuuBqiie prò parte nostra nichil, nisi pacificum factum sii, 
non videmus andò talia preci pitationis novitas rationaliter possit 
ant do beat oxoriri. Supra qna materia sicut honestatem vestram 
decet et naturalo ius exigit, i)laceat per latorem.... respondere. 
Datam Fiorenti© die Vili Aprilis X Indictione. 

(Dal reg. 24*" dei Sigmri [Carteg- 
gio- Missive j Registro /' cancelleria 
1 400-1402 J e. 71. R. Arch. di 
Stato in Firenze). 



— 475 — 

APPENDICE X. 

Capitoli degU Afiziam, stabiliti da Gabriele Maria Visconti (20 de- 
cembre 1403), 

Infrascripta' sunt capitala eorum, que habent faoere Anthiani 
Pisani populi, facta et composita tempore illustris principis et 
excellentissimi domini domini Gabrielis Marie Vicecomitis Pisa- 
rum etc. domini, dominice Incamationis anno millesimo quadrin- 
gentesimo quarto, indictione duodecima, die vigesimo de mense 
Dècembris. 

Primo quod infi-ascriptis omnibus agendis per Anthianos de- 
beat interesse vicarius domini et aliter vel alio modo nichil fiat 
per eos et intellegatur vicarius domini, ille, quem dominus di- 
sposuerit debere esse oum Anthianis predictis unus vel plures. 

Item in omnibus provisionibus fiendis per dictum vicarium 
domìni et Anthianos apponatur titulus in forma infrascripta; 
videlicet primo ponatur dies cum annis Domini et indictione, 
deinde dicatur: 

€ Mandato et voluntate illustris principis et excellentissimi 
e domini Gabrielis Vice comitis, Pisarum etc. domini. Provide- 
« runt dominus.... (sic) vicarius prefati domini et Anthiani Pi- 
( sani populi partito facto inter eos ad danarios albos et giallos 

« secundum formam brevis Pisani populi » Et sic omnibus 

provisionibus observetur. 

Et habeant predicti dominus vicarius et Anthiani providere 
omnes provisiones ordinarias, quorumcumque salariorum solven- 
dorum officialibus Pisane civitatis, tam civibus, quam forensi bus, 
sicut offitialibus curie cabelle maioris, curie cabelle minoris, 
curie grasse et dohane salis, portarum Pisane civitatis, campa- 
nariorum, banneriorum, exactorum, curiarum numptiorum, re- 
oercatorum, notariorum, caraerarii calculatorum et aliorum om- 
nium recipientum salarium, vigore suarum electionum sive vi- 
gore ordinamentorum pisani communis. 

Item habeant facere provisiones domini potestatis, executoris 



— 476 — 

stipendiariorum ab equo et pede, posteriorum castellanorum de 
eorum soldis, dummodo ipse provisiones sint primo ascultate ad 
bancum atipendiariorum predictorum. 

Item provisiones militis exbanitonim, potestatum terranim 
PisaDi comitatus et capitaneorum recipientium salaria de pecunia* 
et condepnationibus in forma consueta. Et alias omnes provi- 
siones ordinarias. 

Item habeant facere provisiones estraordinarias expensaruìn, 
sicnt amWxiatorum , qui mitterentur, expensarum massarii Pi- 
sani oommiinis prò laboreriis fiendis, dummodo primo revideantur 
rationes por calculatores pisani commtinis. 

It^m hal>eant facere provisiones elimosine salis, quod singulis 
duobus meiisibus erogatur cumventibus, monasteriis et aliis piis 
ìocis et hospitabilibus in forma consueta. 

Ttem habeant facere provisiones exstraordinarias comitatus prò 
laliorereis fiendis, tam viarum, quam aggerum et aliorum expe- 
dientium^ receptarii et commissiones per electiones necessarias 
predictis. 

]tem liabeant facere provisiones cernita tivo rum maiorum an- 
nia Beptimgiimta, qui volunt se eximi facere de parti tu Pisani 
comitatus prò oneribus personalibus et alias provisiones similes 
per coui itati vos non respicientes in aliquo statum domini. 

Itera faciant electiones modulatorum offitialum reser- 
vato semper arbitrio domino addendi unum vel plures, si res 
reqnireret. 

Itóm 81 expediret aliquando requirere cives ad Consilia^ fa- 
ciant dictas electiones reservato semper arbitrio domini addendi 
vel minuendi. 

Item faciant electiones illorum civium, qui singulo anno 
dufthue vicibus, una videlicet in pascha resurrectionis et alia in 
feste die Sancte Marie mensis augusti eliguntur per relaxationes 
carcerato rum et facere inde provisiones opportunas, reservato 
serap**r arbitrio domino ut supra. 

Item facere alias provisiones occurrentes non tangentes sta- 
tum domini in aliquo, dummodo omnes ipse provisiones fient 
secundum Ijrevia et statuta Pisano civitatis et non alitcr. 



-477 — 

Itom faoere alias proyisiones, quas eis imponerentur per do- 
soinvua. 

Item quod omnes provisiones, quas feoemut^ primo quam 
ponaatur in libro notificentur domino et eius Consilio; et si ap- 
probate fuerint, txmc acribantnr et dentur require»tibus. 

Item Gonveiùaat Anthiani simul singula ebdomada ter, vide- 
licet die lune et die merourii ad providendum et die veneris in 
palatio domiJDÌ ad referendum et plnjries ad volun^tejn domini , 
si reqnirirentur. 

Item faciant iAccaxtaa cabellarnm more consueto et provisi<mes 
necessarias in predictis et diotis incantibus intersit cum eis. 

Item electiones officiarum fìendorum tam ad os quam per ta- 
adias scribantur more consueto et detur electio uniquique, deinde 

aolvatur cabella et post accipiantur fideiuciones et 

donec per notarios (^ncellerie Pisani communis more solito et 

libera ultima uffìcii fiat per (9ic) cancellarium domini et 

non alio modo. 

Item quod per eorum provisiones non possit derogari officio 
potestatis curie maris et mercatoris. 

(Dal B. Arch. di Stato in Fisa 
div. A n.* 197 cit.) 

APPENDICE XI. 

Relazione di FiUppo dal Pozzo, capitano visconteo, a Paolo Oui- 
nigi sui rapporti carsi fra Pisa e Lucca dal 1404 al 1405 (10 set- 
tembre 1405), 

Magnifico et excelse domine. Super expositis et requisitis 
per egregium virum Antonium de Vulterra parte dominationis 
yestre pura et clara yeritas inferius patefiet, postquam si mi- 
lies in bora essem positus ad tormenta et omne genus tormen- 
torum in me mandaretis experiri nichil aliud reperiri poterit. 
Itaque ad narrationem condesoendo. Primo quidem dum Johan- 
nes Assopardus ciyis Pisanus mecum fuit in ciyitate Jan uè prò 
treuga (sic) et coniposicione facienda cum Florentia. ubiqumque 



— 478 — 

solus et interdictus cum societate steti per quatuor menses coiiti- 
nuos, credo quod de mense iunii anni preteriti magnifica domina 
Agnes de Mantegacijs scripsit illustri domino gubernatori lanue 
se dolendo graviter et conquerendo de dominatione vostra, cuins 
querele fondamentum erat, quod postquam ipsa adesit devocioni 
serenissimi regis Francorum dominacio vostra multipliciter insi- 
diabat statui suo, quare rogabat ipsum dominum gubematorem 
ut super factis vestris remedium inveniret; quarum literarum 
copiam nobis transmisit quibusdam literis involutam, precipiendo 
nobis, quod deberemus sollecitare responsionem et remedium su- 
pra scriptis per eam dicto domino gubernatori et sic fecimus; 
propterea quod eo tunc dominus dominus gubernator respondit 
nobis; quod super eo debite provideret quodque dominatio vo- 
stra bene staret cum ea et more solito tractaretis eam; unde 
ordina vit, quod spectabilis Marchio dominus Pardus de Carreto 
ad presentiam dominationis vestre se conferret. 

Item de mense iulii anni proximi preteriti, quando domina 
Agnes lanuam accessit, non contenta de scriptis et responsis, 
eandem materiam replica vit; ego nescio quam responsionem sibi 
dedit dictus dominus gubernator. Post hec supervenit, quod se- 
renissimus dominus rex Francorum misit Pisas ambaziatores suos, 
ut deberent suadere et inclinare animum ipsius domine Agnetis 
et magnifici domini Gabrielis, nati sui, ad se declarandos prò do- 
mino papa Benedicto; agitatum et praticatum fuit in Consilio 
eorum de responsione dilatoria facienda dictis dominis ambaxia- 
toribus. In cuius responsionis argumentis et apparentibus causis 
dicebatur, quod prò ilio tunc non poterant declarare se, allegan- 
do, quod dominatio vostra inimicabatur sibi et se intelligebat 
cum domino papa Romanorum et cum serenissimo domino rege 
lancelao, quodque continuo soUicitabat destrucionem eorum prop- 
terea adherenciam, que fecerat dicto domino regi Francorum et 
sic dictum fuit in responsione facta ambaxiatoribus antediotis. 
Verum quod ipsi ambaxiatores non contenti respondentes quibus- 
cumque argumentis et partibus oviantibus intencioni eorum super 
tangentibus dominationem vestram habuerunt respondere, quod 
bene viderent modum quod vos non impediretis de factis suis; 



— 479 — 

modum antem non explicarunt, tandem ipsis istantibus et requi- 
rentibus sub fide prestita dicto domino rogi Franconim, qnod 
aut facerent promissionem per propria documenta aut per eorum 
litteras patentes, quod veniente dicto domino papa Benedicto ad 
oivitatem lanuam se declararent prò eo; super quo biis datum 
fuit responsum quod volebant mietere ad dictum dominum gu- 
bematorem prò se intelligendo cum eo et tunc ordinatum fuit, 
quod dictus lohannes Assopardus illud preficeret et sic factum 
fuit. Cui lohanni- Assopardo commissum fuit per dictos dominos 
et consilium, quod serper ponere debetur ante oculos dicti do- 
mini gubematoria periculum, quod habebant de factis magnifi- 
centìe vestre, que perìcula toti mundo notoria erant propterea 
captionem Bocche Eipefratte, in qua se plus quam inimicum 
ostendit. Illud idem missum fuit ad dicendum dicto domino gu- 
bematori per Paulum de Benedictis et Paulinum de Cripio 
tunc potestatem Pisarum, super predicta materia ad ipsum 
dominum gubematorem transmissos, quia expedit ista tociens 
replicare. Nam fere in omni consib'o et legatione semper se do- 
lebant et querebantur de vostra dominatione dicendo, quod ad 
nicbilum aliud intendebatis nisi ad destrucionem eorum. 

Item de mense iunij presentis anni parte serenissimi domini re- 
gis Lancelai venit quidam nuncius ad dictos dominos Agnetem et 
Gkibrielem et secundum quod ipsi referebant, dixerunt, quod ipso 
nuncius parte dominacionis vostre dixerat eis quod, si vobiscum 
se copularent, intelligerent cum bona cantate et unione ipsi 
non deberent timere de Franoigenis, neque de dicto domino gu- 
bematore, quod ipsa dominacio vostra habebat modum faciendi 
rebellare centra ipsum magnam partem riperie ianuensis ; ad hoc 
dicendum a dicto domino G^abriello fuit commissum domino Ra- 
neiro de Zacis et micbi, quando nitro fuimus lanuam ad facien- 
dam declarationem predicto domino papa (sic) Benedicto. Quod 
tum in cospecttmi dicti domini pape BenecUcti et dicti domini 
gubematoris dictum fuit; quo audito per ipsum dominum guber- 
natorem se fortiter conturbavit et dixit, quod si dominus Pisa- 
rum volebat intendere et agore contra dominaoionem vestram, 
quando iret lanuam secum duceret ser lohannem de Gastillione. 



— 480 — 

et si non irei, micteret eum, quod secum volebat capere modam 
quo rem abilius agore posset centra magnifioentiam vestram, 
dicendo quod civitas Lucana spectabat ad serenissimum rogem 
Erancorum, de quo habebat penes eum cartas vel litteras domini 
Imperatoris. Nobis autem remissis, fecimus super hoc responsio- 
nem diete domino Pisarum, qui habuit respondere, quod nolebat 
quod dictus ser lohannes iret ad gubematorem, quod prò eo tu- 
tius erat quod magnificentia vostra teneret civitatem Lucanam, 
quam perveniret ad manus Francorum. Sed si centra magnifi- 
oentiam vestram agere vellet non prò aliis, sed prò se volebat 
civitatem Lucanam. ^ 

Item post , quod anno presenti dictus dominus 

pisanus voluit lanuam accedere et galeam iam preparavit u- 
nam, accessus potissima causa erat, ut dicebat, ut se intel- 
ligeret cum diete domino gubernatori super factis dominationis 
vostre, quod una vice opportebat quod aut magnificentia vostra 
aut ipso stare in partibus Tuscie, quod duo domini non bene 
stabant. 

Item super viis et modis valendi et volendi nocere statui vestru 
dictus dominus Pisanus se intelligebat oum infrascriptis : Primo 
cum domino Raynerio de Zacijs, qui se intelligebat cum ser Augu- 
stine de Fighizano, qui sepe sepius aut scrivebat de no vis omne et 
factis dominacionis vostre aut veniebat personaliter Pisas et cum 
eo conferebat; nescio tamen si dictus ser Augustinus tractabat 
aliquid centra statum dominacionis vostre. Scio bene ex relatione 
dicti domini Rainerii, quod ser Augustinus sibi scribebat omnia, 
quo.... in domincUionem vestram aut veniebat ad ea referendum; 
se intellegebat cum Johanne de Castillione. 

Istud quidem scio ex relactione dicti domini Pisarum, cui dum 
dicerem, quod sibi caveret de factis dicti ser lohannis de Castil- 
lione, quod videbar ipsum multum intellegere cum Raspantibus, 
quique erat fraudulentus, sagax et malicio^ns Labuit respondere: 
Quid velles, quod ego expellerem ipsum? Certe illud non faciam, 
quod centra dominum Lucanum nullum aliquem meliorem habere 
possem. Iam mihi promictit dare tria aut quatuor meliora castra, 
que sunt in territorio Lucano, quorum tenebat et 



— 481 — 

considebat de ipso ; qui ser lohannes multum se intelligebat cum 
domino Benedicto de Granellis. 

Item ex relatione dicti domini Pisani dominns Guarcionus 

de Guarcionibus promictebat dare castrnm CoUadii ; autem 

Conradinus et promictebat dicto domino Pisarum sibi dare ca- 
stra Gamaioris. De modis autem et formis, quos volebant tenere 
ad dandiun sibi dieta fortilicia, nescirem exprimere. 

Scio et quod dominus Eanierius de Zaocis pluries dixit dicto 
domino Pisano, quod amicus, quem sciebat de Camajore, sepe 
sepios veniebat et soUecitabat de capienda terra Gamajoris et 
danda dicto domino Pisano; illum tamen nescio nominare. 

Ista sunt, magnifico domine, que mea memoria factis multis 
discursis tenet, super factis a me requisitis. Super quibus omni- 
bus pienissime sunt informati, magnifìcus dominus Guido de Mu- 
tiliana, comes de Bagno, spectabilis miles dominus Gozzadinus 
de Gozzadinis de Bononia, a quibus, si eis placet, possetis habere 
si dico veritatem quaque parte. Dominatio vostra dictum est 
mibi, quod de omnibus plenam et claram noticiam habet ; de quo 
sume (sic) contentor, quod poteritis cognoscere, si refero verita- 
tem; quantum per me nichil aliud scio; si super premissis per 
tormenta aUud dicerem non foret verum, quod puram veritatem 
super modo referivi. Itaque prò nunc non superest aHud, nisi 
quod vostra dominacio me insontem dignemini habere recommis- 
sum; quam Altissimus conservare dignetur salubriter etc. 

euisdem dominaoionis fidelis servitor 

Filipus de Puteo de Sicilia 

manu propria scripsi. 

Datis Aventie X septembris MCCCV. 

(Dal reg. Ltettere a Paolo Guinigi 
1405. E. Arch. di Stato in Luc- 
ca, Governo di Paolo Guinigi 
n. 9). 



— 482 — 

APPENDICE XII. 

Ordùw di consegna della fortezza di Ripcfratta, a Paolo Guinigiy 
diretto dcdìa duchessa di Milano al oastdlano di quella Rocca, 

, Dilecte mi. Est nostri certi et firmi propositi, quod 

magnifìcTiB dilectus noster lohannes Colunna roccam illam habeat 
Hipa&acte prout et quemadmodum in aliis meis literis tibi sub 
inferto tenore transmissis super ista materia continetur. Sed ne 
circa rolasntionem et assegnationem ipsius Rocche fiendam in 
manibus dictis lohannis nlla per te legitima fieri possit exceptio 
ultra contenta in aliis literis meis, que servari volumus et ef- 
foctum sortìri, mandamus tibi sicut etiam precipimus, .... quod 
idem rohanues prò relaxatione diete roccbe tibi non det aliquod 
DiGUTD cnntramsignum et dum tibi satisfiat de pagis tuis, quas 
hoùìe debet prò ipsius roccbe custodia, sibi libere tradas relaxes 
et consignas roccam eandem, inquorum testimonium has litteras 
meas signavi mea propria manu. Datis Mediolani die prima Au- 
gusti Mccccnn. 

Bartolomeo de Petraplana, Castellano meo Rocche Ripe- 

fnicto 

(Dal reg. Lettere di Paolo (hdfdgi 
^ 1404. R. Arch. di Stato in 

Lucca Governo di Paolo Gui- 
nigi n. 5). 



LA FORMULA PROVINCIAE DELLA 

SARDEGNA NEL I SECOLO DELL'IMPERO 

SECONDO PLINIO.* 



I 



La « formula provinciae » della Sardegna è enunciata da 
Plinio con queste poche parole « celeberrimi in ea populorum 
Ilienses, Balari, Corsi oppidorum XVIII Sulcitani, Valentini, 
Neapolitani, Vitenses, Caralitani civium R. et Norenses, co- 
lonia autem una quae vocatur ad Turrem Libisonis » ' 

Queste parole sono travisate nel loro significato fonda- 
mentale da tutti quegli editori i quali, come il Detlefsen, pon- 
gono una virgola dopo XVIII, dacché non solo attribuiscono 
ai Corsi (gli abitatori della regione settentrionale oggi detta 
Gallura) 18 città, ciò che è impossibile come fra poco vedremo, 
ma non avvertono la sostanziale differenza che Plinio istituisce 
fra i « populi » della Sardegna e gli « oppida i. In altri termini, 
Plinio vuole indicare le più numerose ed importanti tra le 
popolazioni della Sardegna, che non avevano un vero e pro- 
prio oppìdtim, ma che abitavano vicatim, e costoro contrap- 
pone agli oppida delle cittadinanze più civili, poste, come si 



♦ n presente lavoro è una piccola parte e, per cosi dire, un fram- 
mento di uno studio sulP amministrazione romana nella Sardegna ohe 
inserirò nella Storia antica di quest'Isola, ohe vado proparando da molto 
tempo. 

* Plin. N. H. Ili, 85 ed. Dotlefsen. 



— 484 — 

vede dando un semplice sguardo agli etnici da lui rammen- 
tati, nelle coste sud e sud ovest e nella grande pianura me- 
ridionale dell' Isola. 

Non dovrebbe essere necessario spendere molte parole per 
dimostrare giusto quanto qui affermo; tuttavia, poiché l'opi- 
nione opposta è generalmente accettata e non mancano stu- 
diosi, i quali partendo da falsi presupposti, pensano che la 
Sardegna nell'antichità fosse molto più popolata di oggi, con 
poche osservazioni cercherò mostrare come sia addirittura as- 
surdo supporre che i Corsi avessero 18 città. * 



' Intorno alla molta densità della popolazione nella Sardegna si suol 
citare con ragione il passo di Polibio I, 79, 6: vfjao^ xaC x^ iisyid'ei 
xftC x{j TcoXuavd'p(on(f %olì xoXì Yevvi^|iaoi diaqpépoooa. Questo ò attestato 
anche dalle considereroli forze romane che vi combatterono anche dopo 
la seconda guerra punica. A parte il fatto che durante la guerra Anni- 
balica in Sardegna ri furono continuamente due legioni romane, oltre 
al soci, in tutto circa 22 mila uomini, y. Liv. XXIII, 40, 2; XXI Y, 44, 5; 
XXVI, 1, 11; 28, 12; XXVII, 7, 14; 22, 6; 36, 12; va notato che neUa guerra 
che durò dal 177 al 174 a. G. vi furono uccisi o fatti prigionieri 80 mila 
Sardi, Lrv. XLI, 28, 9. II numero dei prigionieri fu tanto che die origine 
al prorerbio '^ Sardi yenales „. Fest. p.^22 M; [AUB. ViCT.] d.v.ù 57. La 
popolazione della Sardegna dal 1485, in cui appare di circa 150 mila per- 
sone, non pare salita ad oltre 300 mila sino al secolo scorso. Oggi l'Isola 
conta circa 732 mUa abitatori. I dati relàtiri al medio evo ed all'età mo- 
derna sono diligentemente raccolti e discussi nell'assennato lavoro di 
F. Vivànet Colonizzazione della Sardegna^ GagUari 1898, p. 19, sgg. 

Tuttavia, rispetto a questa questione da molti moderni si suole esage- 
rare. Del che la causa va spesso cercata nelle false notizie che si leggono in 
documenti apocrifi, ossia nelle famigerate carte di Arborea, composte, co- 
me non ignora qualcuno in Sardegna, da un gruppo di preti d'Oristano, 
di cui volendo si potrebbe fare anche il nome. Una Sardegna con due milioni 
e mezzo di abitanti, per un' età in cui l'Italia non raggiunse una popola- 
zione superiore ai 7 miUoni, sul che vedi l'egregio libro del Belocu, Die 
Bevòlkerung dér griech, róm, Welt. Leipzig 1886, p. 442, non la può 
concepire se non chi sia affatto sprovvisto di senso critico e di seria cul- 
tura storica e statistica. Su questo argomento, del resto, mi riservo por- 
gere a suo tempo dtiti non ancora utilizzati, nell'opera che sto preparando 
e di cui parlo sopra alla nota *. 



x-t 



— 485 — 

Tralascio di far notare che sarebbe incomprensibile come 
mai in questo caso, mentre ci porgerebbe il numero delle città 
dei Corsi, Plinio tralascerebbe di indicare quelle dei Balari e 
degli Iliensi; e preferisco far notare che qualora i Corsi real- 
mente avessero avuto un tal numero di città, gli altri po- 
poli della Sardegna, dei quali molti erano più colti avrebbero 
dovuto possedere un numero proporzionato di oppida. E poiché 
i « populi » « gentes » oltre alle t civitates » più civili, che 
realmente avevano un * oppidum », come, vedremo fra poco, 
non erano meno di 20, verremmo ad assegnare air Isola un 
numero di città di troppo superiore a quelle che sappiamo es- 
sere esistite in altre regioni e provinole più popolose. Un 
giusto termine di confronto lo porgono, del resto, le isole di 
Corsica e di Sicilia. La seconda ove si svolse tanta parte 
dell' antica civiltà greca e che, quant' altra mai regione, fu 
popolata da ricche e fiorenti città, ricordate da illustri sto- 
rici e poeti, al principio del dominio romano contava so- 
lo 68 cittadinanze le quali, realmente, possedevano 68 * op- 
pida. » * La Corsica invece, che fu uno dei paesi più barbari 
dell'antichità, al principio dell'impero contava poco più di 
30 mila uomini, distinti in 32 t civitates » oltre alle due colo- 
nie di Mariana e di Aleria. E senza dubbio di sorta non tutte 
queste civitates possedevano propri e veri oppidi. Una parte di 
esse, ossia dodici, ancora nel secolo seguente vivevano sparse 
per la campagna." Anche la Lusitania, sebbene tre volte al- 



* Pli». N. H, ni, 88 Bq.; cf. DiOD. XXIII, 4, 1; ClC. Vtrr. II, 2, 137. 
ti numero esatto di queste civitates Biciliane, ho esaminato neìVArch. Stor, 
SiciL Xin (1888) p. 113 sgg. 

' Il numero degli abitanti è dato da Djodoro (Posidonio) Y. 14; quello 
deUe ciTitates da Plinio N. H. Ili, 80. Tolomeo III, 2, le assegna 13 
icóXeic marittime, 14 interne e menziona inoltre 12 Sd-vT] x<i)pir^8óv oixoOvxa. 
In tutto 89 nomi etnici. Si deve però osservare che fra il primo e secondo 
secolo dell'impero vi può essere stato un qualche progresso neU' incivili- 
mento della Corsica, come ci fu in tutte le provincie occidentali romane, 



— 486 — 

meno più estesa della Sardegna, al principio dell'impero non 
contava che solo 45 cittadinanze o popoli ; * la vastissima 
Tarraconense (oltre metà della penisola iberica) contava 179 
oppida, * e la Betica, senza dubbio di sorta, una delle regioni 
più ricche e popolose del mondo antico e circa tre volte più 
estesa della Sardegna, non possedeva un numero di comuni 
maggiore di quello di 200. * Alla Sardegna possiamo pertanto 
assegnare, secondo ogni probabilità, un numero di civitates in- 
termedio e proporzionale a quelli ora ricordati. I 18 ojppida 
ricordati da Plinio confrontati con le 21 t civitates » rivelateci 
da passi di autori e dalle inscrizioni, se non ci da il numera 
preciso dei popoli sardi, ci offre tuttavia un numero abba- 
stanza approssimativo. 

E affatto naturale del resto pensare che i Corsi della 
Sardegna nell'età augustea abitassero vkatim. In tale modo 



e che non vanno intoBe nel vero e proprio senso di città, tutte le nóXsig 
ricordate da Tolomeo. Alcune di esse dovevano ossero vici, Diodobo (ossia 
Posidonio) 1. 0. ricorda nella Corsica due sole TCóXsig dSióXoYoc Aleria e 
Nicea (Mariana?); Stradone Y, p. 224 rammenta solo alcuni noXt- 

Il Belocu, op. ciU^ p. 445 credo a ragione che il dato dei 30 mila 
abitanti si riferisca solo agli uomini, ma non coglie credo nel vero ove 
suppone che la fonte di questa notizia sia Timeo e che quindi vada ri- 
ferita al secolo III a. C. A me paro assai più naturale che una notizia 
statistica di questo genere sia d'età romana e che la fonte sia Posidonio 
il quale senza dubbio di sorta, corno provano le notizie relativo agli Iberi 
ed ai Liguri confrontato con quello di Strabone, venne usato da Diodoro 
aache in questo libro. Quanto in questo ed in altri Ubri diodcrei oi sia 
di Posidonio accanto ai dati di Timeo ha cercato di distinguere non male 
ma non perfettamente E. Ev£RS, Ein BeUrag zar Untersuckung der 
Quelleihbenutzung bei Diodor, estratto daUa Festsohrift della K. Kealschule 
di BcrUno 1882 p. 31 sgg. 

' Plin. iV.if. IV, 117. 

'' Plin. N. H, 111, 18. 

' Stuab. ni, p. 137; 141 C; cfr. PuN'. N. U. Ili, 7 che dico: « oppida 
omnia numero CLXXV -. 



— 487 — 

vivevano ad es. i Sabini ed i Sanniti; * cosi avanti il dominio 
romano abitavano i Galli nella Gallia Cisalpina, ' ed è noto 
come fu frutto della conquista e della amministrazione romana 
se nella Gallia Lugdunense e Belgica e nelle regioni interne 
della Spagna le cittadinanze si incominciarono a raccogliere 
in vere e proprie città. 

Anche nelle altre parti della Sardegna centrale, sino ad 
età storica, molte popolazioni, anziché in città vivevano in 
grotte e spelonche ; • e per ritornare ai Corsi della Sardegna 
basterà ricordare come anche oggi in questo paese si serbino 
chiare e distinte le traccie dell'antico modo di abitare. Tutta 
quanta la Gallura, il circondario di Tempio, sebbene occupi 
il vasto territorio di 215,457 ettari, non possiede che 9 co- 
muni con una popolazione di circa 28,444 persone. La massima 
parte di questa estesa regione è occupata da pastori che abi- 
tano sparsi per le campagne, in circa 200 stasai circondati da 
territori detti ctissoi-gie (i pagi degli antichi). Dair agglomera- 
zione di questi stazi sono sorti in tempi moderni i villaggi della 
Gallura e la stessa piccola città centrale di Tempio. Dove 
ora (ossia in un tempo in cui la Sardegna ha raggiunta una 
popolazione cosi fitta, quale mai non l'ebbe per tutta l'età 
moderna e per tutto il tempo per il quale abbiamo dati di 
fatto) esiste solo una diecina di centri di popolazione con 28,444 
mila abitanti circa, ossia in un paese roc<;ioso di struttura gra- 
nitica in cui, tolte alcune poche regioni coltivate a viti' ed a 



' V. ad es. Liv. Il, 62, 4; IX, 13, 7; App. Samn. 4; cfr. Strab. V, 
p. 228 C. 

• POLYlk II, 17, 9. 

• Paus. X, 17, 2, riferisce ciò solo rispetto agli abitatori più antichi 
della Sardegna ed ai Lib! sopraggiunti ; Di od. Y, 15, 4, rispetto agli Io- 
laosi del centro. Più esplicito, Strabone V, p. 225 C, che dipende da 
fonti meno antiche (da Posidonio o da Artomidoro), dice che abitayano 
nello spelonche (àv aTCHjXafotc o'.xoOvxeg) tutti e quattro i popoli del centro 
doiriaola. 



— 488 — 

grano, in generale prosperano solo splendide selve di quercia, 
non potevano anticamente aver vita 18 città; e, senza dubbio 
di sorta, gli stazi della Gallura come quelli del Sulcis sono 
gli umili e degeneri continuatori dei Nuraghi. * 

Nella Gallura, come in molte altre parti della Sardegna, 
la popolazione doveva vivere sparsa per la campagna in ca- 



* Le mie opinioni intomo alla destinazione dei Nuraghi ho esposte 
nel Bull, Arch, Sard, che io pubblicai a Cagliari nel 1884 p. 155 sgg. 
I truddi C€tsedde deUe Puglie, che si trorai^o a sud di Trani sino all*e- 
stremità della Sallentina (e qui Tengono chiamati anche pagliai) sono so- 
stanzialmente identici ai Nuraghi, come potei stabilire in vari yiaggi fatti 
in quelle regioni. Senza dubbio i truddi, parola che vuole probabilmente 
significare edifizio conico (cfr. il latino truUeum), che tuttora si fabbricano 
in queste regioni, costituiscono la forma più antica delle abitazioni di quei 
paesi Anche ora, per lasciare da parte quelli deU'agro di Fasano, nel 
cuore della Puglia, ad Alberobello, yi è un intero paese, ad eccezione 
degli edifici più recenti e cospicui, costituito da un agglomeramento dì 
truddi. Che anche in queste regioni gli abitatori rivessero vieatim, ossia 
sparsi per le campagne dimostra il nome dei moderni paesi Alberobello, 
Noci come quello di Silrium, di Cupersanum (Conversano), ricordati in 
queste regioni o neiretà romana, o per i tempi di mezzo. (Y. ad es. D(OD. 
XX, 80, 2; GuiD. 467, 3 ed. Parthey). 

1 Nuraghi non furono mai tombe. Questa opinione fu parzialmente 
accolta anche da me nello scritto la Sardegna prim.i> del dominio romano 
(Roma 1881) e mi duole vederla ora accettata da Kdoabdo Meteb, 
che a me si riferisce, nella sua egregia Geschichte dea Alterthums (Gfo- 
tha 1893) II, p. 166. Como già feci osservare nel 1884, Bull, cit,, ricono- 
sco ben volentieri di avere, in questo singolo punto errato. I Nuraghe non 
furono altra cosa air infuori che case ed in molti casi fortezze ossia case 
ben fortificate, circondate da cinte e probabilmente da capanne (v. su ciò il 
bronzo preromano custodito nel Museo di Cagliari, v. il mio Bull» cU, 
tav. II, e). Su questo genere di questioni non può formarsi un* opinione 
esatta, se non chi ha visitato molti di questi monumenti. Ritornerò su 
tale questione nella mia futura Storia della Sardegna neir antichità. Q^ 
mi limiterò a notare che il più vecchio storico della Sardegna, ossia Gavino 
Fara, vissuto nel secolo XVI, de chorogr, II, p. 92 ed. Cibrario (Torino 
1835) affermava che al suo tempo molti dei pastori Sardi vivevano all'a- 
perto " muUique in Noracibus „, ossia nei Nuraghi che egli qui descrive 
assai bene. 



— 489 — 

panne poste attorno ad un Nuraghe, sede del capo o del più 
anziano della tribù o della famiglia, da cui hanno avuto nome 
alcune città e località antiche dell'Isola, tanto Nora a nord 
di Cagliari, quanto Nura nella regione settentrionale (anche 
oggi detta la Nuìra), quanto i NuìT(en8e8) rivelati da una 
inscrizione da me scoperta pochi anni or sona nel centro 
della Sardegna e che si riferisce probabilmente agli antenati 
dei moderni abitatori di Nuovo. * Dai Nuraghi del resto, anche 
oggi, traggono il loro nome molti villaggi moderni, come Nur- 
ri, Nuragus, Nuraminis, Nurallao, Tres-Nuraghes, Nurati- 
nieddu, Nurachi, e senza dubbio di sorta un tal genere di 
abitazione fu comune air antica Messapia e ad una parte 
dell' Apulia. 

Non tutta la Sardegna venne però popolata in tal modo. 
Il Nuraghe è simbolo di civiltà avanzata; esso segna la pre- 
senza di un popolo che è in possesso della piena civiltà del 
bronzo, o per meglio dire della prima civiltà del ferro , che si 
avanza da sud verso nord, da ovest verso est. ■ Nelle re- 
gioni veramente centrali e montuose dell' Isola è meno fre- 
quente, e dove lo si trova è generalmente una sentinella a- 
vanzata di una civiltà complessa. Le popolazioni selvaggie 



* Edita dal Yivanbt nelle Not di Scavi 1889, p. 203; ofr. Ime. Eph. 
Epig. Vili, 1, n. 729. Le indioazioni date sulla proyenìenza del titolo 
non Bcmo del tutto esatte; e trattandosi di un cippo terminale è oppor- 
tuna una parziale rettìfica. Fu salvato da certa distruzione dal mio 
fortunato passaggio alla cantoniera di 8. Marta presso Orotelli, ed ìyì era 
stato portato da una località detta Porzolu. Però l'ingegnere Clemente, 
che ebbe la bontà di avrertirmi dell' esistenza di questo monumento, avendo 
fatto delle ricerche per mio conto, mi fece sapere che il piccolo cippo, 
secondo ogni probabilità, venne qui trasportato da un' altra località che 
non si può più determinare. È ad ogni modo certo che osso venne scoperto 
nel territorio dì Orotelli. Che si riferisca agU antenati degli abitatori di 
Nuoro, vide anche il Vivanet L e, 

' Tedi nel mio Bull, eit., /. e. ; la Sardegna prima del dominio romano 
p. 42 e sgg. estr. 



— 490 — 

dell' interno, come avevano già notato gli antichi, abitavano 
le caverne. * 

Nel territorio dei Corsi, anche assegnando loro i più vasti 
confini, ossia il Coghinas ad ovest, l'antica Feronia ad est, * 
nel secondo secolo dell'impero, lungo le coste notiamo solo 
come città Tibula ed Olbia. Nel centro non vi fu un solo e op- 
pidum » ; ed è probabile che il moderno Tempio, capitale della 
regione, situato realmente in una posizione centrale, alle falde 
della più alta montagna di tutto il paese, sia sorta ove 
era l'antico templum, ossia il centro religioso e poi amministra- 
tivo delle popolazioni corse. Il costume di adunarsi presso un 
tempio, comune a tutti i popoli dell'antichità (si pensi al Mon- 
te Albano ed al Monte Tifata presso Capua) dura tuttora in Sar- 
degna. Feste campestri sono fatte intorno ad una cappeUa iso- 
lata posta talora sulla vetta di un monte e vi prendono parte 
diversi e lontanissimi villaggi. * Il nome del moderno Tempio 
va forse messo in rapporto con quello di ad Herculem, che è 
rammentato nella vicina Anglona e del moderno villaggio 



• V. 8. p. 487 n. 3. 

' Anche oggi gli abitatori degli stazi posti noi territorio di Po- 
Bada e Torpé si considerano come GaUuresi. Che però sin qui si esten- 
dessero i Corsi dair antichità non pare probabile, v. su ciò p. 493 n. 2. 

Tolomeo nell'enumerazione dei popoli della Sardegna, secondo la loro 
sede geografica da nord verso sud, distinguo i Tibulatii dai Corsi ni quali 
fa succedere i Coraccnsi ed i Carensi. Ciò lascerebbe supporre, a prima 
vista, che i Tibulatii fossero di stirpe diversa dai Corsi. Ma la vera spie- 
gazione di questo fatto credo sia piuttosto quest'altra che Tibula era 
un vero e proprio oppidum, sede di una civitas distinta da quella dei 
Corsi i quali abitavano vicatitn. 

' Cito una di queste numeroso feste che durano molti giorni e che 
si fanno all'aria aporta, ossia quella di Nostra Signora di Gonari nel Kuo- 
rese alla quale prendono parte genti venute da lontanissimi paesi. Anche 
Strabene Y p. 225 C. ci dice dei Sardi della montagna navYjYupij^ouac ydLp 
èizi icXsfoug Tjiiépag Ano x^g XeT^XaaCag. È vero poro ohe qui si accenna 
a foste fatto per la gioia del bottino preso in guerra. 



— 491 — 

di Martis (cioè ad medem Martis) situato nella stessa re- 
gione. * 

Ritornando al nostro passo pliniano io credo pertanto che 
vada interpunto cosi: t Celeberrimi in ea (i. e. Sardinia) po- 
pulonim Ilienses, Balari, Corsi; oppidorum XVIII: Sulcitani, 
Valentini, Neapolitani etc. » Allo stesso modo Plinio nella 
descrizione della Tarraconense distingue costantemente le ci- 
vitates aventi oppida da quelle che costituivano soltanto pò- 
ptdi, e che non avevano un oppidum od un uì'bs. * 

il 

Stabilito cosi il significato fondamentale delle parole di 
Plinio, facciamoci ora ad investigare quali fossero i singoli 
popidi, ed ognuna delle XVIII civitates, 

Plinio enumera fra i popoli solo gli lUenses, i Balari ed i 
Corsi, non solo i più densi per popolazione, ma anche i più 
noti nella Storia. I primi, detti anche lolaenses, sono realmen- 
te nominati come limitrofi ai Balari negli Annali del popolo 
romano, ' i quali del resto facevano menzione anche delle vit- 
torie riportate contro i Corsi, limitrofi alla loro volta ai Ba- 
lari. • Il nome degli Ilienses venne però usato a designare 



^ Ad Hercutem ò nominata daU* Itinerario di Antonino. Il Raronnate 
in 8U9 luogo ricorda Adselona, nella quale forma non bo se bì possa ri- 
conoscere la genesi del moderno nome Anglona. 

' y. su ciò le sicure dimostrazioni del Detlbfsek, die Qeograpkie 
der Tarracon. Provim lei Pliniua nel Philologus, 32, (1873) p. 605 sgg. 
Per lo ragioni sin ora esposte non credo che si debba interpungere in 
modo da credere che Plinio dica per Sulois ciò che afferma per altre città, 
ossia che aveva sotto di so 18 oppida, intendendo per oppida dei vici. 
y. ad es. ciò che Plihio, N. H, III, 87 dice dei 24 oppida ignobilia di 
NemauBum. 

' Liv. X, 6, 6; 12, 5; nel 1. XL, 10, 6, i Corsi sono ricordati accanto 
agli lUesì. 

* Paus. X, 17, 9. 



— 492 — 

in generale gli abitatori del centro dell'Isola/ e non par 
dubbio che dove si accenna alle guerre sostenute dai Romani 
contro costoro, si voglia indicare il complesso dei popoli che 
occupavano le regioni centrali della Sardegna. Anche Strabe- 
ne dopo averli ricordati col nome generico, aggiunge : xixxapa 
8' èaxl xfi)V òpetcov S^vr), Ilipaxot, 23ooatvàxot, BdcXapoi, 'Axó- 
vtxe^,' Ma se il nome Ilienses ha avuto un significato gene- 
rico allo stesso modo di quello di Barbarla (che dall'età di 
Augusto in poi è valso ad indicare il centro dell'Isola, nome 
di cui è rimasta traccia sino ad oggi in quello ben noto di 
Barbagia) e anche assai probabile abbia designato in modo 
particolare una parte dei Barbaricini. * 



* Ad 68. DiOD. IV, 29; V. 15. 

' Nelle parole dì Strabone Y, p. 225 C. ol xocXoOvxai AiaYT^o^eT^ 
'loXaetc Tcpóxspov òvop.o^óp,evoi io sospetto ci sia errore dei testi. La 
fonte di Pausania distinse erroneamente gli 'loXastg dagli *IXistc che nel 
fatto erano lo stesso popolo, che secondo un etimo era derlTato da Ilio 
e che secondo un' altro era invece collegato con il Tehano lolao. Neil' età 
romana prevalse la forma Ilienses ohe ad es. si trova esclusivamente presso 
Livio. Può pensarsi ad un' errore cagionato ad es. da una ripetizione delle 
ultime lettere della precedente parola xocXoOvxai e sarei tentato di leg- 
gere xoXoQvxai IXiet^, 'loXast; npÓTspov òvo}ia!;ó(i8voi. Si intende che non 
do nessun peso speciale a questa congettura. In quanto alle forme nipaToi 
(Tipaxoi un codice) Soaaivdxoi e 'Axòbvixeg non ò lecito nulla asserire. 
La identificazione generalmente accettata dagli scrittori locali di Tdpaxot 
e dì Sooaivdxoi con le moderne Sassari e Sorso non solo è arbitraria ma 
è ridicola. Strabene accenna ai popoli del centro dell'Isola. Per la ^essa 
ragione è da rifiutarsi l'opinione dì C. MOLLER ad Rol. IH, p. 882 che 
pensa al moderno Sasau. In luogo di Axcònixe^ ho pensato talvolta ad 
una forma Aaxcóvixeg ossia al moderno LaconL Ma anche su questa se- 
conda congettura non intendo in nessim modo insistere, e può ben darsi 
che questa volta il testo di Strabene sia corretto. 

' La forma Barharta, per indicare i paesi della Sardegna centrale, è 
già usata in modo officiale in un titolo prenestino dell'età di Tiberio, 
C.LL. XIY, 2954, e durò pure officialmente sino al basso impero romano 
Cod. Iu8t, de off, prasf. Africae tit. 27, ove per una semplice svista il 
MoMMSEN, ad 1., in luogo dì Barbaricini propose ^ Barbari vicini „. Gfk>. 
Proc. Bell. Vand, II, 13, dove non si deve credere che si accenni al ter- 



— 493 — 

Avremo cosi i nomi seguenti di poptdi: 

1." Ilienses. 

2." Balari. 

3." Corsi. 

4.° Parati. 

5." Sossinati. 

6.* Aconites. 

Dalla geografia di Tolomeo III, 3, 6, ricaveremo poi questi 

altri: 

7.® C!oracenses; di sede ignota. * 

8.** Carensi; pure di sede ignota; ricordati da un diploma 
miUtare del 96 a. C, C. I. L. X n. 7890. * 

9.® Cunusitani. Da una inscrizione (C. X. n. 7889, su un lato 
CELES, sull'altro cvsin) forse apprendiamo che i confini 
di questi popoli giungevano sino al ceiitro dell'Isola, os- 
sia à Fonni, ove confinavano le terre dei limitrofi Ceisi- 
tani. 

10.° Lucudorenses; I testi di Tolomeo hanno: AouxoutSwvi^- 
votot ovvero AouxcoutScovi^otot, AouxouiScovvi^oiot. Con que- 
sto nome fu giustamente messo in rapporto Lugdonec 
(presso rovine di Castro) e Portus Liguidonis (foce del 



ritorio dei Sulois. I monti detti KapdXttùz ^TT^C ^^^ 8o°o proprio i monti 
della Sardegna centrale che lentamente e dolcemente digradando ranno 
a terminare a poca distanza dalla pianura limitrofa a questa città. 

' n La Màrmorà, Voyage II, p. 413, li collocherebbe presso l'odierna 
Ittiri) OTe è una chiesa detta S. Maria M Coros. Dal lato fonetico pare 
debba collegarsi con il nome di questo popolo quello di KopaxédYjg Xi^i^v 
(oggi Corohinas? La Marmosa p. 387 sg.) presso Bosa. 

' Su questa località y. quanto ha recentemente osservato P. Tamponi 
nelle Nat. d Scavi 1890, p. 363. Nel caso in cui il Tamponi avesse ra- 
gione e ohe Cares doTesse essere cercata presso Olbia, neUe cui yioinanze 
si troyano le rovine delia località detta tuttora Caresi, verremmo al re- 
sidtato non insignificante ohe i Corsi non oltrepassavano i confini del 
Limbara. '*• Caressi „ è del resto ricordata dal Fara, op. cit. p. 91, fra le 
oitfcà distrutte nel territorio di ^ Civitas „ ossia Terranova (Olbia). 



— 494 — 

fiume di Posada). Parmi probabile che nel primo elemento 
della parola si debba riconoscere con C. Miiller la parola 
Lucus; il secondo elemento non parmi si debba con lui 
cercare nel nome del dio Viduus, comparso in un'iscrizione 
dell'agro cagliaritano (C. X. n. 7844).' Poiché queste lo- 
calità si trovano nella regione che anche oggi è detta Lu- 
godoro e dacché la forma Doris per detta regione è atte- 
stata dal Fara," non credo troppo azzardata l'ipotesi che 
in Tolomeo si debba leggere Acuxou5a)pT^votot. 

11." Aesaronenses. La loro sede é incerta.* Tuttavia non 
dovevano abitare assai lungi da Orosei, nel quale nome 
pare si possa scorgere il continuatore fonetico della forma 
antica. 

12.* Celsitani. Sulle loro sedi vedi s. n. 9. A questi Celsi- 
tani Celes(itani) dato che di essi faccia menzione il 
n. 7889 sopra citato, può supporsi si riferisca il passo 
di Varrone, d. r. r. I, 16, 2 < multos eninr agros egre- 
gios colere non expedit propter latrocinia vicinorum, ut 
in Sardinia quosdam, qui sunt prope Oliem ». Oliem pare 
realmente una forma corrotta. Va letto Celiem? Il rime- 
dio non sarebbe men tristo del male; e, a parte le difficoltà 
d' indole grammaticale, va osservato che difficilmente Var- 
rone accennava ad una ignota regione alpestre anziché ad 
un fertile piano. Meno infelice parrebbe la vecchia corre- 
zione loliem, sebbene d'altra parte sia evidente che Var- 
rone non accenna alle sterili montagne degli Iliesi. Per 



' 0. MOllbb ad Ptol. p. 379. 

■ V. Fara, op, eit. p. 66. 

' n La Mabmora, II, p. 414, senza validi argomenti li colloca presso 
Dorgali. La congettura di C. Moller ad Ptol. p. 883, ohe legge Aioapovi^v- 
010 1 e che gli identifica con gli abitatori della moderna Lussnrgiu (S. Lus- 
Burgitt ossia S. Lozoriua ▼. Fara, op. cU, p. 71), sìa detto con rispetto al 
dotto uomo, è addirittura assurda. 



— 495 — 

ciò che è lecito congetturare nel passo sopra citato si 
ragiona di una fertile pianura soggetta alle invasioni degli 
Iliesi nell'età romana. Può darsi che Varrone accenni a 
quella fertile pianura occupata dagli lolaesi nell' età pre- 
romana, nell'età di Timeo detta 'loXoeTov, di cui forse ri- 
mane la traccia fonetica nel nome tanto della regione che 
nel medio evo fu detta Dolia, quanto in quella presso Isili 
tuttora chiamata : Planu e Olla. ' 
13/ Sarapitani. Per vero dire in Tolomeo si legge: Sxa- 
7zix(xyol e con il nome di questo popolo che abitava presso 
il Flumendosa e che nei codici di Tolomeo è detto Sat^pó^, 
ò stato messo a raffronto Sarcapos, ricordato dall' Itine- 
rario d'Antonino, e Sarpach del Ravennate. C. Miiller 
crede anzi che lo stesso nome di Sat^pói; sia corrotto e 
propone UotpxaTCÓ^ per il fiume, Z[ap]xa7ciTavo( per il po- 
polo. ■ Tralascio di decidere se in luogo di Sarpach, coi 
nostri nomi di SatTcpó^ e di SxaTCtxavof vada messo a raf- 
fronto Sariapis dato dallo istesso Ravennate. Ma poiché 
in questa regione che anche oggi si chiama Sarrabus 
esistette anticamente un paese detto Sarrabi, * non esi- 
terei a proporre la lettura S[ap]a7CtTavof. Non lungi da que- 
sta regione venne infatti trovato il famoso titolo trilingue, 
greco-latino-punico dedicato da Cleone, servo degli appalta- 
tori delle saline romane (di Cagliari credo) ad Esculapio 
Merre. * Esculapio come é noto venne talvolta identificato 



* DiODOBO, IV, 29, 6 dico è vero che questo nome durava sino alla 
età sua, ma, come non ignora chi ha pratica di questo autore, non è 
escluso il sospetto che qui come altrove, ripeta materialmente le parole 
della sua fonte, ossia di Timeo. 

■ C. MOLLER ad 1. p. 378. 

* Fara, op. cit. p. 85. 

* C. X. 7856. Un altro titolo trilingue punico, greco, latino v. a 
Leptifl Magna C.LL. Vili, n. 15, 16. 



— 496 — 

con l'egizio Sarapide/ e la circostanza che nel titolo di 
cui parliamo, in tutte e tre lingue in cui esso è concepito, 
umilia punica, nella greca e nella latina è detto Merre 
ciò che significa ^évto;/ dimostra, per quello che mi sem- 
bra, che questo Esculapio non è Aesculapius = 'AoxXirjmos = 
EifmUn, bensì un dio forestiero tanto al culto greco-latino 
quanto al punico. Difficilmente il dio qui ricordato può es- 
ìgere altri che il ben noto Serapide. Che poi una località 
abbia assunto il nome da un celebre santuario è ovvio an- 
che rispetto al culto di Serapide o Sarapide e si è verifi- 
cato altrove. * Se poi la forma 2at7cp6; sia o no corretta 
non so decidere. Mon nascondo però il sospetto che sia 
errata e che vada collegata con il nome del popolo che 
dimorava presso questo fiume. 
14," Siculenses. Questo popolo occupava, per quel che pare, 
la regione montuosa a sud-est di Cagliari, ove anche ora 
non sono centri notevoli di popolazione. In questa stessa 
regione va collocata la 23oooaXeò^ x(()(it] ricordata dal solo 
Tolomeo tra il golfo cagliaritano ed il Flumendosa. Non 



' Tac. Hist, lY, 84: ^ deum ipsum (Sel'apidem) multi Aesculapium, 
quod medeatur aegris corporibus. . . . coniectant „. Perciò si spiega come 
e perchè in un titolo di Andra C.LL, III, n. 242, Esculapio sia identificato 
con il Sole, aUo stesso modo che Serapide è detto 'EXcog, v. Kaibel epigr. 
834, 1 , perchè un titolo della dacica Apulum CLL. Ili, n. 973, ricordi una 
dedica fatta al dio Serapide da un sacerdote del dio Esculapio. Per la 
stessa ragione forse a Boea nella Laconia Serapide ed Esculapio avevano 
i loro templi nella stessa regione v. Paus. Ili, 22, 13. 

' GiLDMEiSTEB, apd. C.LL, X, n. 7856. 

' Si pensi ad es. al Serapieum della Tracia, v. Polyb. IY, 39 ed a 
quello deUa Cirenaica, Stctdias. maris magni in Moller G, M. I, p. 453 
n. B7 sg. Cosi il culto ed il tempio di Apollo Amioleo a Creta dette orì- 
gini alla città di *A}jiixXaTov, v. Comparetti le leggi di Gortina nei mo- 
numenti antichi editi dai Lincei III, 1893, p. 174. Cosi nota in Polibio 
un Ermeo, IY, 43, 2, un Dioscurio ih. 68, 2; 73, 5; un Artemisio ib. 73, 4; 
un Ereo, Liv. XXXIII, 17, 2 ctc. 



— 497 — 

pochi fra i nomi serbatici da Tolomeo sono corrotti nei 
nostri testi. Mi si presenta iJr dubbio che anche qui si 
debba leggere alcunché come: StxouX7]voto)v xcofiT]. Chec- 
ché sia di ciò la forma Siculensis va messa al pari di quella 
Sardiniensis. Sardiniensis, secondo alcuni antichi gramma- 
tici, indicava il forestiero che abitava la Sardegna a dif- 
ferenza di Sardus che denotava l'indigeno. ' Siculensis 
accennerebbe del pari, se non mi inganno, al carattere fo- 
restiero dì questa gente. Come e quando queste genti si- 
ciliane siano giunte in Sardegna non siamo più in grado 
di stabilire. Ma si comprende come tanto al tempo dell' ege- 
monia dei cartaginesi padroni della Sardegna e di una 
parte dell'altra isola, quanto nei primi tempi del dominio 
romano ciò sia potuto avvenire. • 

Nell'elenco dei popoli della Sardegna Tolomeo menziona 
anche molti di quelli dei quali o prima o dopo ricorda la 
izòXk; od oppidum. Tralasciamo qui di enumerarli perché li 
rammenteremo fra poco nella serie delle e civitates > aventi 
€ oppida >. É incerto se a questa categoria si debbano enume- 
rare le seguenti cittadinanze : 

15.* 16.'' Koputxi^votot; Touppi^votot. Rispetto ai primi con- 
vengo con C. Miiller che siano da identificare con i Pot-ti- 
censes ricordati fra Sarcapos (Sairabus) e Sulcis (Toì-tdì) 
dall'Itinerario di Antonino. Cosi penso che egli sia nel vero 
allorché, rifiutando le varianti Touaxouoiot o Touaxif^votot 
reputa che i Tou^pi^votot, dati da un solo codice, siano da 



* PoMP. PoRPHYB, in Q, Horat. Serm, I, 3 ** adnotandùm et Sar- 

dum et Sardiniensem dici posse nonnolli tamen vetemm grammati- 

comm sic appellationes has diyiserunt, ut Sardum putarent dioi eum qui in 
Sardinia natus sit, Sardiniensem auiem incolam Sardiniae „. 

' Accenno ad usanze politiche ben note. Come i Romani trasferirono 
a Salerno i Piceni, nel Sannio i Liguri Apuani etc, così Annibale tra- 
sportò nella Spagna Afri, ed Ispani in Africa, Polyb. Ili, 33; cosi fece 
il coevo Filippo re di Macedonia. Ritornerò su questo argomento. 



— 498 — 

identificare con gli abitatori di Custodia Rubriensis, ri- 
cordata dal Ravennate.' 

l?.*" A queste civitates protremo infine aggiungere quella de- 
gli Ipsitani. La sua .esistenza, per vero dire, non è atte- 
stata da nessuno scrittore. Ma, poiché Tolomeo III, 3, 7 
ricorda le Toaxa Tcl^tiavà, è naturale supporre che queste 
esisterono nel territorio degli Ipsitani, allo stesso modo 
che nella pertica dei Lesitani, ed in quella dei Neapoli- 
tani erano le TSaxa ATjotxavà e le TSaxa NeaTcoXtxavà, da 
lui parimente ricordate. Le acque Ipsitane, come è noto, 
scaturivano in quello stesso luogo in cui più tardi l'im- 
peratore Traiano fece sorgere un Forum che da lui prese 
il nome, V attuale Fordongianus, ove con il tempo potè 
forse costituirsi un comune. ' 

18. •* Galillenses. Questi popoli ricordati nel decreto del pro- 
console L. Elvio Agrippa del 69, d. C, C. X. n. 7852, abi- 
tavano senza dubbio nel centro dell'Isola non lungi da 
Esterzili, ove la tavola di bronzo che li ricorda venne 
ritrovata.' Al pari della massima parte dei popoli testé 
accennati appartenevano alla regione detta Barbarla. 



* C. Moller ad 1. p. 383. 

• I titoli onorari di Caracalla e di Alessandro Severo trovati a For- 
dongianus e da me resi di pubblica ragione nei Bendiconti della R. Ac- 
cademia dei Lincei 1893 p. 919 non dimostrano che qui vi fosse una città 
avente rem publkatn e possono convenire anche aft un semplice Forum. 
Il titolo di itóXtg datole da Procopio, de aedi/. 6, 7, non ha un valore 
defiiùtivo ed in ogni caso non prova nulla per i tempi dì cui discor- 
riamo. 

■ V. Fara, de chorogr. p. 8Y " regio curatoriao G^rreì, seu Galillae 
dieta, adspersa sylvis (sic) et montuosa, pascuis magis, qttam cuUurae 
idonea „. Ilo sognato in corsivo le parolo del Fara che si adattano alla 
condizione della terra dei Galillenses rivelati dalla tavola di bronzo, scoper- 
ta tre secoli dopo il cronista Sardo ed alla condizione moderna di tali 
paesi. II Fara anche nel trattato de rebus Saì'dois III, p. 298 ed. cit. 
ricorda la curatoria " Q-alilli nunc Gerrei dictae -. 



— 499 — 

*19.'* I Patulcenses Campani, dei quali i Galiilenses invadevano 
i confini, presso a poco all'istesso modo con il quale i mo- 
derni Barbaricini invadono talvolta le ricche pianure del 
Campidano (forma che fa appunto pensare a quello di Cam- 
pani), a giudicarlo dal nome non dovettero essere di origine 
sarda. Forse furono coloni trasportati quivi nell' età romana. 
Dal precitato decreto di Esterzili si ricava che in Sardegna il 
loro territorio venne primieramente ordinato nel 115 a. C. 
dal console M. Cecilio Metello, che vinti i Sardi, su questi 
menò trionfo. * Forse nei cinque anni in cui amministrò la 
Sardegna vi importò coteste genti di origine latina o campa- 
na. Ammettendo tale ipotesi avremo la spiegazione come 
mai dei Patulcienses (sic) si trovi menzione in un' iscrizione 
trovata assai lungi da Esterzili (nelle cui vicinanze invece 
erano i Patulcenses del decreto del proconsole Elvio Agrip- 
pa), ossia presso Cuglieri, nelle regioni occidentali deir Iso- 
la, V. C. X. n. 7933. Certa ad ogni modo mi pare l'origine 
forestiera e non epicorica del nome Patulcenses o Patul- 
cienses. ' 
20." Fifens(es). Un D. Numitorius Agisini f, Taramiwn Fi- 
fens(is) ex Sardinia gregale della flotta misenate é ricor- 
dato in un diploma militare dell' a. 134 d. C, trovato 
neir Ogliastra, C. X. n. 7855. 



* C, X. n. 7852 1. f. ^ fines Patalcei)8Ìum itsk servandoa esse ut in 
tabula ahenea a M. Metello ordinati ossent „. Intorno a M. Metello v. Fast. 
IViuniph. ad e. 643; Eutr. IV, 25; Vell. 11, 8. Sulla durata del suo 
governo v. Klein, Vericaltungsheamten I, p. 235. 

' Oltre al ^ Patulcius „ del carmen Saliare (è uno degli epiteti dati 
a lanus, v. Ovu). Fast, 1, 129; cfr. Macrob. I, 9, 15) si pensi alla frequenza 
con cui i Patulcii sono ricordati nei titoli di Iloma C. YI, n. 23856-59 di 
Napoli, Puteoli, Miseno v. l'indico dei.nomi al C.LL. X. Invece fuori di qui 
di Patulciì io non trovo menzione che una volta nell'agro Beneventano 
0. IX 2104, in un sigillo di Telesia nel Bannio ib. 6089, 109, ed a Sutri 
C. XI, n. 3261. Patidciani trovo a Trevicum C. IX, 1413, ad Aulanum 
ib. 1139, ove compare anche un Patlacìus ib. n. 1140 sq. V. anche CiC. 
ad Att, XIY, 18, 2. 



— 500 — 

21.** Nurr(enses), v. Ihra. eph. epig. Vili, n. 729. Le loro 
sedi dovevano essere non lungi dal moderno Nuoro. ' 
Questo è il numero dei popoli o civitates della Sardegna, 
intorno ai quali pare si possa asserire che non possedettero 
oppida TCÓXetg. Scoperte epigrafiche potranno per avventura 
accrescere questo numero. Tuttavia non crediamo che que- 
sto si avvantaggerebbe di molto, se di tutte tali gentes ci fosse 
giunto il nome. Le sedi di tutte le genti enumerate si tro- 
vano nella Sardegna orientale e nelle regioni montuose e 
la massima parte di esse costituirono, come già dicemmo, 
quel distretto che da Augusto, per un tempo più o meno 
lungo, fu dato a governare ad un semplice evocatus, ad un 
veterano con il titolo di paefectus [I] cokoì-tià Coìsoinm et 
civitatum Barbariche. " 

Veniamo ora ad esaminare , le civitates della Sardegna 
aventi oppida: 
1." Sulcitani, Plin. 1. e. Cfr. i testi riportati dal Mommsen 

ad C. X. p. 782. 
2.' Valentini Plin. Le; Ptol. Ili, 3, 7, ove in luogo di OòaXepfa 
dal Cluverio in qua si legge OOaXevxfa, cf. lapide milliario 
ex. n. 8026, trovato a S. Maria di Valenza. Ad essi si 
riferiscono una parte dei titoli che nel Corpus sono riferiti 
alla pertica di Uselis, ossia i n. 7848-50. É appena neces- 
sario avvertire il carattere romano e non sardo del nome 
che ricorda varie ed omonime fondazioni romane, delle 
quali la più antica e famosa è Vibo- Valentia, 
3,'' Neapolitani Plin. 1. e; Ptol. Ili, 3, 2; 6. Itin. Ant.; Rav.; 
ex. n. 8008. Il titolo di Aquae Neapolitanae, che nell'an- 



* V. S. p. 489 n. 1. 

• Questo titolo di Sex, liUius S. /. Poi, Rufus evocatus divi Augusti 
etc. è il più antico fra quelli degli evocati di Augusto. Intorno ai quali 
V. le sapienti osservazioni del Mommsen, neW Eph, Epigt, V, (1884) 
p. 142 8gg. 



^.■. .-pr, . ^ ,^ .-4 , .-\..- .. •^.■^-i^V'«^..'*a'^ 



501 



tichità romana avevano gli attuali Bagni di Sardara, mo- 
stra che assai estesa era la pertica di questa civitas. La 
dvUas Neapolitanorum è attestata anche in un titolo ro- 
mano medito dell' età imperiale trovato testé a Sulcis 
dal dottore Alfredo Schiff, che gentilmente me Io co- 
municò. * 
4.* Vitienses o Bitienses. Plin. 1. e; Plot. Ili, 3, 3, cfr. le 

colonne milliarie C. X. n. 7996; 7997: Ihm. n. 739-41. 
5.® Caralitani cives Romani. Cf. i passi riuniti dal Mommsen 

ad C. X. p, 787. 
6.® Norenses; cf. Mommsen, ib. p. 385. 
7.® Colonia una quae vocatur ad Turrem Libisonis ; cfr. 
Mommsen ib. p. 826. Anche oggi una parte del territorio 
di Portotorres si dice Bomandia, " 

A questo punto Plinio ci abbandona; prenderemo come 
guida Tolomeo il quale però nella descrizione della Sardegna 
come in quella della Corsica e infine della stessa Italia dà 
talvolta il nome dr tcóXcs a semplici vici o castelli. " Comin- 
ceremo coir enumerare le località della costa che non abbia- 
mo trovate sin' ora indicate. 

[8] TfXiov TcóXt;. L'indicazione relativa alla latitudine di 
questa città è incerta; ad ogni modo non convengo con 
Là Marmora ed i suoi successori che la fissano in una 
località troppo vicina alla colonia di Turris. * Preferirei cer- 
carla a non molta distanza dal Porto Conte (portus Nym- 



* V. la mia precitata relazione epigrafica edita nei Rendiconti d. Ac- 
cademia dei Lincei 1893 p. 934. 

* V. Fara de rhorogr, p. 59. 

' Rispetto alla Corsica y.s. p. 485 n. 2; rispetto alla penisola italiana mi 
limito a ricordare pochi ma sicuri esempi. Tolomeo cita come nóXeig ì 
seguenti vici o pagi: Tanetum presso Modena; Biracelum, Fossae Papi- 
riae, Bondelia presso Luca, Aquileia e Biturgia presso Florentia, Man- 
liana presso Siena e così di seguito. 

* La Marmora, Voyage II, p. 386: C. MQller ad Ptol. p. 373. 



— 502 — 

phaeus) che le stava a mezzogiorno. Mancano altri dati di 
qualsiasi natura intorno a questo oppido etc, che può 
del resto, essere stato un semplice pago. 

9." Tharros. Tolomeo non ricorda nella costa occidentale al- 
tra città prima di Tharros, Tappai %òXn^, la cui florida 
esistenza è dimostrata dalla famosa necropoli punica, ric- 
ca anche di monumenti dell* età romana. * Che avesse 
rem publicam tendono a provare i titoli, particolarmente 
il n. 7903 Rogato sei'vo publ(ico); cfr. la pietra milliaria, 
n. 8009. ■ 

10.® Uselis (presso T odierno Usellus). Grave errore commette 
Tolomeo collocando Usellus sulla costa, mentre enumera 
fra le città interne Bosa. Ad ogni modo OùoeXXf^ è da lui 
detta uóXti;, %oX(i>'Ax. Come già vide il Mommsen, Uselis 
detta colonia Lilia Augusta nel decreto di patronato del 
158 a. C, C. X. p. 7846, fu un inunipium lìdium Augu- 
stum nell'età di cui discorriamo. 

11." Otea (Oristano) Tolomeo la dice: 'OWa tcoXks, Uttealà 
Tav. Peutingeriana, Othoca hanno gli Itinerari. Il Mo- 
vers" confronta quest'ultima forma con Utica; e se que- 
sto confronto fosse giusto potrebbe pensarsi che il titolo 
della vicina Uselis C. X. n. 7846 in cui si ricorda un lu- 
lius,,. Uticensis si riferisca alla nostra città. Che Otea od 
Othoca avesse t rem publicam », non ostante la vicinanza di 
Tharros a nord, di Neapolis a sud lo ricaverei dalla sua 



^ L' esame della Bùppellettile punica di Tharros conserrata nel Museo 
Nazionale di Cagliari, del quale io Bono stato por qualche anno direttore, 
dimostra nel modo il più evidente che a Tharros, come altrove (ad es. in 
Egitto) gli abitanti dell'età romana posero in un canto della tomba la 
suppellettile funeraria dell' età punica e che si valsero deUe medesime 
tombe per collocarvi i propri defunti. 

' Tharros, e ciò è sfuggito al Mommsen ad C. X. p. 822, era ricor- 
data da Sallustio nelle Storie II, 12, ed. Maurenbrecher p. 64. 

' MovERS, Die Phrmizier I, 1, p. 576 



>*aiih. 



1 



— 503 - 

posizione. Essa giaceva alla foce del Tirso, ossia del princi- 
pale fiume della Sardegna, in una fertilissima valle ed in una 
posizione atfatto centrale, sia per le comunicazioni maritti- 
me che per le terrestri. A ragione quindi, come apprendia- 
mo dagli Itinerari, quivi facevano capo quattro vie, due da 
Cagliari e due da Tibula. Nel medio evo Otea cedette il luo- 
go alla città di 'Aptoxtàvrj ' da cui ebbe origine il nome 
del moderno Oristano, che nel medio evo, accanto a Tor- 
res ed a Cagliari raggiunse una certa importanza po- 
litica. 

[12] Populum. La posizione di questa uóXtg è incerta; intor- 
no ad essa manca qualsiasi dato. " 

13." Feronia. ^EhQptovfa, posta probabilmente alle foci del fiume 
di Posada,' ricorda con il suo nome la ben nota Feronia 
dei Falisci. Perciò altra volta io esposi il sospetto che alla 
sarda Feronia si debba riferire il titolo arcaico trovato a 
Faleria, in cui si rammentano i Falisci t quei in Sardinia 
sunt » e che avendo per « magistri > un L. Latrius ed un 
C. Salv.... fecero una dedica a Giove, a Giunone ed a 
Minerva. * Nella parte opposta della lamina di bronzo, 
in cui è inciso il nostro titolo, si leggono alcuni versi 
saturni in cui si ricorda un « conlegiura > di cuochi. Il 
Bormann, che reputa i due titoli facciano un tutto omo- 
geneo, è indotto a conchiudere che in Sardegna vi fu un 
collegio di cuochi Falisci, ma è poi obbligato a confessare 
che non sa spiegarsi come mai esso vi si trovasse. 



* Qeorq. Cypb. Deicript, ed. Gelzer p. 35. 'AptoxidvTj risponde alla for- 
ma indigena che non é Oristano bonBÌ Aristanu. 

' Reputo affatto iiisoBienibile Pipotesi di C. MQller ohe crede fosse 
ove ora è Cala Punga e che modifica il testo noónouXov in IIoòytou^ov. 

* La Marhoka, Voyage II, p. 397; C. MOlleb, ad. Ptol. p. 879. 

* C.LL. XI n. 3078; Pais, La Sardegna prima dtl dominio romano 
p. ()0 n. 3, estr. 



— 504 — 

Qualora coil gli altri editori, a cominciare dal Garrucci, 
che per primo li pubblicò, si riconosca che i due titoli 
nulla abbiano fra loro di comune, renderemo assai meno 
difficile la spiegazione della inscrizione in cui si rammen- 
tano i Falisci in Sardegna. ' Parrebbe a prima vista potersi 
pensare a soldati Falisci di guarnigione in Sardegna. Tut- 
tavia la menzione dei due magistri pare ci avverta che 
questi Falisci costituivano in Sardegna un t vicus » avente 
i suoi magistrati. Questi Falisci furono forse dedotti in 
Sardegna allo stesso modo e per ragioni analoghe a quelle 
per cui vi furono introdotti i Patulcenses Campani ossia 
gli abitatori del Campidano di cui abbiamo sopra discorso. 
Intorno alla condizione giuridica della nostra Feronia 
neir età imperiale non siamo pur troppo in grado di as- 
serire alcun che di certo. Amerei tuttavia pensare avesse 
rem imblicam, e ciò perchè suppongo che tutte e tre 
le località ricordate sulla costa orientale della Sarde- 
gna, ove vivevano popolazioni selvaggie (ed anche og- 
gi questa è la regione meno civile dell'Isola) rappresen- 
tassero il tentativo del Governo di incivilire quella costa 
che tanto per ragioni di commercio, quanto di pubblica 
tutela non poteva essere lasciata sguarnita. Perciò suppon- 
go che avesse rem publicam tanto Feronia quanto Olbia e 
la Sulcis orientale, della quale fra poco parleremo. 
14.^ Olbia. Che Olbia più volte rammentata dagli scrittori 
antichi sia stata una città di qualche importanza ed abbia 
quindi avuti ordinamenti municipali, ricaverei tanto dal 
fatto che sino dal 259 a. C. venne assediata dai Romani ; 
quanto dai titoli latini, relativamente numerosi; quanto 



* E. BoRMANN ad e. L L. XI /. e. Anche lo Zvetaiefp Insenptionés 
Jtaliae mediae dialcctlcae Lipsiae 1894 p. 60 Bg. n. 70, 71 riconosce che 
i due titoli sono disgiunti fra loro e di diversa età. 

* V. i passi apd. Mommsen, C.I.L. X, p. 829. 



— 505 — 

infine dalla circostanza che ad essa facevano capo quattro 
vie, due da Cagliari, due da Tibula. E vero che le testi- 
monianze sia monumerltali, sia letterarie relative a queste 
vie, sono di età relativamente tarda. ' Tuttavia che Olbia 
non fosse insignificante dal lato militare ed amministrativo 
anche in età anteriore, pare dimostri il fatto che qui 
risiedeva forse talvolta qualche magistrato romano.' I ti- 
toli del resto sono del primo secolo dell'impero. Per la 
sua posizione rispetto ad Ostia ed a Roma Olbia dovette 
sempre avere una certa importanza. * 
15.® [16; 17]. Nell'estremità settentrionale della Sardegna, 
Tolomeo ricorda di seguito nXoóp:ov itóXt^, 'louXfoXa TuóXt^, 
TfpouXa izòXi^. E stato più volte avvertito che il testo 
cosi non va. Il La Marmora dapprima pensò che fossero 
scambiate le posizioni di Plubium e di Tibula e la prima 
cercò ove oggi è Castel Sardo. * C. Miiller suppose del 



* I titoli meno antichi della via da Cagliari ad Olbia non sono an- 
teriori al regno di Massimino. 

* Cic. ad Q,fraL 2, 3, 7; cfr. ?j,l;pro Scauro, 38. Quinto vi fu come 
legato di Pompeo. 

■ Va tuttavia osservato che per il tragitto da Ostia verso la Sarde- 
gna non si doveva scegliere la via diretta. La corrente dello Stretto di 
S. Bonifacio, che non è senza pericoli per le navi moderne, doveva es- 
sere ancora più pericolosa per gli antichi, i quali perciò chiamarono Insani 
ossia Tempestosi i monti posti presso Olbia (v. quanto osservai nella Ri- 
vista di FiloL Classica VI, 1888, p. 475). Come apprendiamo da diversi 
racconti, ad es. dal viaggio del console Ti. Claudio del 202 a. C. che le navi 
romane partite da Ostia costeggiarono TEtruria e di H per l'Elba e la 
Corsica giunsero alle coste orientali della Sardegna v. Lit. XXX, 39. 
Cosi il console C. Atilio Regolo neiranno 225 a. C. con i suoi reduce dalla 
Sardegna, sbarcò a Pisa, Polyb. II, 27, cosi infine nel 217 a. C. una 
jflotta cartaginese dalla Sardegna andò a Pisa, v. Polyb. Ili, 96. V. an- 
che Liv. XL, 25, 8 ad a. 181 a. C. 

* La. Marmora, Voi^age II, p. 399; 427 sgg. In seguito il La Mar- 
mora come lo Spano cercarono questa Plubium in Ploaghe, grosso paese 
posto neir intemo della Sardegna settentrionale. Caasa dì questo cambia- 
mento di opinione fu il codice apocrifo pubblicato dallo Spano, Testo ed 



— 506 — 

pari (lei La Marmerà che Tibula dovesse esser cercata 
I)resso Castel Sardo, ma poi pensò che in luogo di IlXo'j^tov 
o di nXoupfa, data da un codice/ dovesse leggersi TtpoóXtov 
Ti^oóXta * e reputò ci fossero due Tibule ira loro molto 
distanti, allo istesso modo che in Sardegna vi furono due 
Sulcis, due Gurulis etc. 

Io accetto quest'ultima ipotesi del Miiller, ma credo che 
le tre località nominate da Tolomeo fossero tra loro molto 
vicine; e, considerando che oltre a Tibula, o meglio Tibulae, 
'nell'Itinerario d'Antonino lungo la via marittima da Olbia a 
queste cittì si ricordano come stazioni intermedie, al caso 
sesto. Longone- Elephantaria-Turiihlo minore, suppongo che in 
quest'ultimo nome, che non compare altrove e che reputo 
corrotto, si conservi traccia di un Tibulmi minus contrap- 
posta alla tnaior Tibula. 

Checché sia di .ciò, par certo che luliola detta tzòXii; nel 
testo di Tolomeo non è altro che la stazione ricordata nell'I- 
tinerario di Antonino tra Turris ed Olbia; • e non può 
ammettersi esistessero tre civitates aventi ciascuna un di- 



illustrazione di un coiice cartaceo del secolo XV, Cagliari 1859, certamen- 
to fabbricato da queUi istessi che produssero le false carte di Arborea. Que- 
sto testo fu fabbricato con il fiae particolare di ingannare la buona fede 
dello Spano che ora nato a Ploaghe, e che mosso da un sentimento assai 
vivo di amor patrio, leggendo tante belle cose intomo alla sua Ploaghe 
ed ai suoi Nuraghi, non s* accorso che sperano fatte beffe di lui, sicché invo- 
lontariamente si fece propagatore delle falsificazioni altrui. La quale sorte 
toccò pur troppo al povero La Marmerà che in tal modo, da pochi e vol- 
gari malfattjri, fu premiato dei quarant' anni spesi ad illustrare risola. 
Simili frodi non riuscirono però ad ingannare i due storici più autorevoli 
della Sardegna, il Manno ed il Tola. Quest'ultimo anzi denunziò l'in- 
ganno. 

* C. MilLLER ad Ptol. p. 381 sg.; non seguo però il dotto illustra- 
tore di Tolomeo in una serie di congetture che qui mi sembrano meno 
felici che altrove. 

* Questa fu già l'opinione del La Marmerà che più tardi erronea- 
mente distinse una luliola da Viniola, cfr. C. Mììller ad 1. e. 



A^ 



— 507 — 

stinto « oppidum • su una costa cosi breve, in una regione 
cosi poco fertile e ricca. 

Persino alla stessa Tibula il Mommsen nega la qualità di 
centro di una civitas, ed a proposito del titolo trovato in que- 
sta località, a Capo Testa, C. X. n. 7973, che ricorda una 
Cornelia TibuUesia, osserva • unde magis concludas pagi 
loco fuisse Tibulatios quam rem publicam suam habuisse •. 
Tuttavìa considerando non solo che i TtpouXàxtot sono ricor- 
dati neir elenco dei popoli Sardi da Tolomeo accanto ai Corsi, 
ma sopratutto che qui vi facevano capo tre strade romane, 
una che partiva da Cagliari e due da Olbia, non avrei difficol- 
tà ad ammettere che Tibula abbia avuta rem 2>ubUcam, Si com- 
prende infatti come questa posizione dovesse avere impor- 
tanza dal punto di vista della congiunzione marittima tanto 
con la Corsica, che faceva parte della stessa provincia, quanto 
con il continente italiano. * 

Nell'elenco delle icóXet^ situate nel centro dell'Isola, To- 
lomeo infine ricorda: 

(18] 'Epuxtvov probabilmente fu l'Erucium dell'Itinerario di 
Antonino. Località nella quale io non vedrei che una 
e mansio >. 
[19] "Hpatov località del pari ignota, che a ragione forse, 
C. Miiller confronta con il Sacerci dell'Anonimo Raven- 
nate. ■ Dubito però che fosse sede di una t civitas » ed altra 
cosa che una stazione. 
20.* Gurulis vetus. L'importanza di questa città è attestata 
dalla leggenda serbataci da Pausania, secondo la quale 
sarebbe stata fondata dagli Ateniesi. È chiaro infatti che 
la somiglianza che esiste fra 'Ayp6Xtj, nome che fu dato 



*■ Secondo il Fara, Chorogr. p. 59, il paese detto YillafVaiica aveva 
ancora l'epiteto di Ericì. So ciò foBSo vero P antico Erucium dovrebbe 
realmente cercarsi nelle vicinanze del moderno Osilo. 

* C. MOLLER ad Ptol. p. 384. 



— 508 — 

anche a roupouXf;, ed il demo attico 'AypuXiQ die origine 
a questo racconto. ' 

A questo proposito non sarà fuori di luogo notare come 
sia corrotto e non sia stato bene corretto il passo di Tolomeo 
in cui enumerandosi i popoli della Sardegna, nella loro dire- 
zione da nord verso sud si legge: Kopvi^votoi oE A^x^Xi^vatoi. 
C. Miiller, partendo dal preconcetto assai comune che i 
Sardi Pelliti ricordati da Livio erano gli abitatori di Cornus, 
è indotto a correggere: ot a?y(x^*^^^*- ' Secondo il mio modo 
di vedere, va invece letto KopvT^voio: [xal] ol 'A[Ypu]XfjVotoi. 
Questa correzione sarà, credo, approvata da chi osservi che in 
questo paragrafo i popoli della Sardegna vengono in generale 
appaiati a due a due, tenendosi conto della loro immediata 
vicinanza e che Gurulis vetus (Padria), quanto Gurulis nova 
(Cuglieri) erano realmente assai vicine a Cornus. In quanto 
alla forma iniziale del nome dei FoupuXT^votot con un A, ba- 
sterà ricordare che essa è testimoniata dal passo di Stefano 
Bizantino. Tuttavia la circostanza che Tolomeo ricorda una 
FoupouXf^ TuaXaià ed una ToupouXls véa potrebbe anche sugge- 
rire la correzione xal o£ FoupouXi^jvatoi. 
21.* Bosa. Che Bosa avesse rempxMicam era già lecito stabi- 
lire dal titolo edito nel C. X. n. 7940, cfr. 7939; ora è 
confermato in modo definitivo da un altro trovato a Cupra 
ed edito dal Gamurrini nelle Not. d. Scavi 1888 p. 563 = 



* Steph. Byz. 8. V. 'AypaóXTj. Da quel passo si ricava che in Paca. 
X, 17, 5 in luogo di 'OypùXtjv va letto 'ApYuXi^ od 'AypiìXtj. 

* B. MOLLER ad Ptol. p. 383. Che i Sardi Pelliti ricordati da Lmo 
XXIII, 40, 4 ai quali Ampricora chiese aiuto siano, non gli abitatori di 
Cornus, bensì i Sardi della montagna, ossia gli Iliensi ed i Balari, notò 
già il Weissenbom, ad 1. e cercai dimostrare più diffusamente anche 
io nel mio BulL Arch. Sard, I. p. 87 sg. È evidente che Livio contrap- 
pone i Sardi del Campidano e della pianura amici a Roma a quelli roz- 
zamente vestiti di pelli che abitavano le regioni della montagna. 



— 509 — 

Ihm. n. 227, in cui si fa esplicita menzione dell' « ordo 
populusque Bosanus ». 

22/ Macopsisa. Che la Maxó^l^toa di Tolomeo (probabilmente 
la moderna- Macomer (o Macomele come dicono gli indi- 
geni) avesse ordinamento autonomo amministrativo non 
si può provare. Amerei tuttavia crederlo in grazia della 
posizione centrale e dei titoli che si trovano in quelle 
regioni C. X. n. 7889-82; Ihm. n. 730 sq. 

23.'' Gurulis nova. Nulla v' è da notare oltre alla presenza dei 
titoli latini, V. C. X. n. 7932-35; Ihm. n. 732. 

[24] Saralapis. La si suole, ed a ragione forse, identificare con 
la località detta Sorabile neir Itinerario d'Antonino e con 
le rovine del paese di Sorovile presso Fonni, dove com- 
parve alla luce un diploma militare de chitate et conubio 
del principio del secolo III, C. X. 8325. Tuttavia se è pro- 
babile che qui nel secondo secolo sia sorto un piccolo t op- 
pidum » è difflcile fare una supposizione simile per l'età di 
. Cesare e di Augusto. Quesit) paese si trovava nel cuore del 
paese degli Iliensi, ossia della Barbarla, e l'organizzazione 
civile qui deve essersi svolta lentamente. Del romanizza- 
mento di questa regione nell* età imperiale porgono do- 
cumento, del resto, oltre la via che da Cagliari per Soro- 
vile conduceva ad Olbia, anche il nome del moderno 
villaggio di Austis, posto a pochi chilometri ad ovest di 
Sorovile, ed al pari di esso situato nel cuore della Barbana, 
dove sono comparsi cinque titoli, C. X. n. 7884-88, che 
enunziano la balbuziente ed incipiente sebbene dal lato 
cronologico assai tarda latinità di queste genti presso le 
quali le forme volgari e l'antica pronuncia latina, si 
sono forse più a lungo conservate che in qualsiasi altro 
paese d'Europa tra quelli che ubbidirono à Roma. 

25.'* Cornus. V. i passi apd. Mommsen ad C. X. p. 823. Che 
ancor prima della dominazione romana forse una delle più 



^■. 'Il ..U^'-SfW'PifJj 



— 510 — 

importanti città puniche delia Sardegma appare da quanto 
narra Livio all' a. 214 a. C. che la dice « caput eius re- 
gionis » e dal fatto che Ampsicora, capo della sollevazione 
Sarda del 215 a. C. (l'anno successivo a quello di Canne) e 
che per quel che pare era cittadino di Comus, è detto il 
più ricco e potente fra i Sardi che richiesero l'aiuto di 
Cartagine, Liv. XIII, 32, 10. 

26.** Lesa. Ove fosse questa città non sappiamo. Se, come pare, 
è da cercarsi non molto lungi dai moderni Bagni di Benetut- 
ti, i quali per quel che sembra sono le « aquae Lesitanae • 
parimente ricordate da Tolomeo, potremo osservare che 
essa si trovava presso la valle del Tirso, ossia presso 
una delle arterie principali dell' Isola, dove, sebbene man- 
chino dati di carattere monumentale, è lecito supporre che 
in qualche periodo d'età romana sia passata una via pub- 
blica. * 

27. ** A queste oppidi potremo infine aggiungere la città di 
Sulcis, situata sulla costa (orientale non molto lungi dalla 
moderna Tortoli. Nella enumerazione dei popoli dell'Isola 
Tolomeo ricorda i SoXxttavof distinguendoli dai SoXxtxavot 
più noti della regione meridionale; nell'elenco delle po- 
che città situate sulla costa orientale egli menziona poi un 
XtfiifjV Undxioi; o StTrrjxtog o SoXTufxto^. A me sembra evi- 
dente che qui sia da leggere SóXxto^ Xi|ir^v e che questa 
fosse la sede dei Sulcitani orientali. • 



* L'Itinerario di Antonino non serba memoria che di una parte delle 
vie romane che percorrevano risola; dimentica anzi l'arteria principale e 
non accenna ad alcune vie doUe quali, secondo l'autorevolissimo giudicio 
del La Marmora, Voyage II, p. 420, si trovavano ancora le tracce al 
suo tempo. 

* C. MILLER, ad l. e. p. 379 emise già timidamente una tale opi- 
nione, ma poi espresso l'assurda ipotesi che la forma DoXtcCxio^ Xt}iV]v 
derivi dal consolo C. Sulpicio Paterculo, che nel 258 a. C. trionfò dei 
Cartaginesi e dei Sardi. 



— 511 — 

Non tengo conto della città di Xàpiit^ e di *HpàxXeta ri- 
cordate da Stefano Bizantino. La prima detta xxfofia Ka- 
pXTQStovttóv e che gli Editori francesi del Corpus Inscriptio- 
num Semiticarum, * dietro ad una communicazione del- 
l' Euting, credettero ritrovare in una inscrizione punica 
tarrense, non è una fórma certamente errata del nome 
di KàpaXi^. • Inquanto ad Heraclea od Herculia, pare 
evidente che Stefano^ secondo il suo costume, chiamò 
città rHpaxXeòg vf}aoc^(r Asinara) ovvero l'HpaxXéou^ 
Xt(iil)v posto Qra Bitia e Nora. * Tanto meno credo un po- 
polo della Sardegna i Ber<mi[cen]8es rivelati da una re- 
cente inscrizione trovata a Sulcis, anche nel caso in cui 
in essa^ nomini genti dimoranti in Sardegna, anziché 
quelle di una lontana città ellenica. * 
Tralascio di tenere conto delle seguenti località ricordate 
nell'Itinerario di Antonino: Ferrarla, Viniolae, Coclearia, 
poste sulla via marittima, Biora e Caput Tyrsi sulla medi- 
terranea che da Cagliari andava ad Olbia, Longon ed Ele- 
phantaria situate tra quest' ultima città e Tibula, Ad Hercu- 
lem, Nure, Carbia situate fra Tibula ed Othoca, Tegula posta 
fra questa e Cagliari, e non enumero nemmeno Metalla, ricor- 
data in quest'ultima via, sebbene di lei si abbiano memorie 



' Corpus Inscript Semit, I, n. 154. 

* Stefano Bizantuto b. y. Xdpfiic si riferisce air autorità di Pau- 
sania. Ora, come prima di me ha veduto C. Mììller ad Ptol. p. 878, 
Pausakia^ X, 17, 9, non fa menzione dì Xdp^ic bensì dì KdLpaXtc (le 
vecchie edizioni hanno EdpvocXtg). Errori di questo stesso genere Stefano 
Bizantino commette di frequente. Cosi per addume uno solo egli cita una 
XsC^jispa nòXi^ SixsXfac, presa dai Cartaginesi, e si riferisce al primo 
libro delle Elleniche di Senofonte, che ricorda non già Xs^jispa (che non 
esista giammai) bensì la ben nota *I|i8pa. 

' Anche questa osservazione fu di già fatta da C. MAller, ad l. e, 
p. 877. 

* Intorno a questi Beronieenses v. quanto ho dotto nella Relaz. s. e. 
p. 934. 



— 512 — 

anche più antiche. * Tutte queste località non sono infatti 
rammentate che da Tolomeo, e può dirsi esser pressoché certo, 
che non furono altro se non semplici stazioni. Inquanto a 
Metalla va ricordato che si tratta di fodinae esercitate da 
servi e che assai difficilmente tale località consegui in se- 
seguito rem puhlicam. * 

Riassumendo quindi i nostri resultati, fra le gentes non 
aventi < oppida • e quelli che li possedevano arriveremo al li- 
di 48, e nella ipotesi più favorevole, avremo che nell' età 
antoniniana il numero degli oppida della Sardegna era di 27. 

Tuttavia, come abbiamo man mano fatto osservare, è più 
che probabile che un dato numero di queste località dette 
TcóXetg da Tolomeo non fossero che semplici vici o x(i>|ia&; la 
condizione di oppidum avente e rem publicam > la possiamo 
accordare con sicurezza solo alle località seguenti: 

1. Sulcis 

2. Valentia 

3. Neapolis 

4. Bitia 

5. Carales 

6. Nora 

7. Turris Libisonis 

8. Tharros 

9. Uselis 

10. Gurulis Nova 

11. Rosa 

12. Comus 

13. Olbia. 



* Off. ex. 7539; 8073, 1; 2. 

' y. quanto a proposito della lex metalli Vipascemis, nel CLL, IL 
SuppL n. 5181, p. 801, osserva il Mommsen. 



— 513 — 

Ed a questi potremo aggiungere con maggiore o minore 
probabilità: 

14. Othoca 

15. Tibula 

16. Gurulis Vetus 

17. Sulcis (l'orientale) 

18. Feronia 

19. Macopsisa. 

20. Lesa. 

Reputiamo invece siano rimasti semplici vici le seguenti 
località: 

1. Tilium 

2. Populum 

3. Viniolae 

4. Tibulion (Plubium dei codd.) 

5. Erycium 

6. Heraeum 

7. Saralapis. 

Il numero di 18 oppida assegnato alla Sardegna nei nostri 
testi di Plinio pertanto, ben lungi dall'essere inesatto, rispon- 
de alla verità e ci dà una giusta idea dello stato di civiltà 
al quale l'Isola era giunta al principio dell'impero. 

Diciotto oppida di fronte ai 68 della Sicilia ed ai 200 
della Betica sono ben piccola cosa; ma cosi dovette realmente 
essere nell'antichità, in cui la Sardegna, tanto sotto il domi- 
nio punico quanto sotto il romano, non fu che un luogo di 
esilio, un paese destinato soltanto alla produzione del grano 
necessario prima a Cartagine, poi a Roma. Le popolazioni 
dell'interno nell'età cartaginese si mantennero indipendenti: 



— 514 — 

tutto al pid da esse Cartagine potè trarre utile aiuto di sol- 
datesche mercenarie. * E dando uno sguardo alla posizione 
in cui si trovano le città sopra enumerate si ricava come, 
»alvo qualche raro punto della costa orientale e settentrio- 
nale, città sorsero e si svolsero solo o nelle coste sud-ovest da 
Cagliari a Sulcis, da qui a Porto-Torres, ovvero nella grande e 
fertile pianura meridionale che comprende gli attuali Campida- 
nìj, il paese occupato, come vedemmo, dagli antichi Campani. 
Qu^*.sf<> Involgimento, che nella sostanza è parallelo allo svi- 
lup])o dei Nuraghi, sta in rapporto diretto, tanto alla confor- 
mazione dell'Isola, quanto alla sua postura geografica. Che i 
Cartaj^iuesi signori delle regioni piane della Sardegna, delle 
Baleari, dì alcune spiaggie iberiche, dovessero posarsi di pre- 
terexua nelle coste meridionali od occidentali dell'Isola ove 
per giunta le terre erano più fertili, i porti assai migliori, si 
comprende agevolmente; e si comprende del pari come i Ro- 
mani non abbiano potuto cangiare uno stato di cose fissate 
dalla natura. Perciò, non ostante che le coste orientali fossero 
sopratutto ihiamate ad avere maggiori e più frequenti rapporti 
con il continente italiano, Cagliari, Sulcis, Bitia, Neapolis, 
Nora, per testimonianza di Plinio confermata spesso dai titoli 
latinij rimasero sempre le principali città della Sardegna. 
Roma non potè far altro che dare un maggiore sviluppo, co- 
me diremo fra poco, alle città di Turris Libisonis, che fece 
colonia, e di Olbia che era il più vicino punto di approdo per 
la nave che veniva da Ostia. 

Ili 

Plinio che, allorquando discorre di provincie più impor- 
tanti, indica con cura quali fra le varie città fossero colonie. 



^ Intoma a tali mUizie mercenarie, come intomo ai monumenti che 
li ricordano, ho ampiamente discorBo tanto nella memoria: La Sardegna 
avat^i il domìnio rotnano, quanto nel mio Bull Arch. Safxio (1884). 



^-'^Iscy 



— 515 — 

quali municìpi romani, quali avessero Vius LcUii, quali infine 
fossero semplicemente stipendiane, a proposito della Sardegna 
si contenta di notare e Caralitaoi civium R(omanorum) et 
Norenses, colonia autem una quae vocatur ad Turrem Libi- 
sonis ». Ma quale era la condizione politica ed amministra- 
tiva dei Sulcitani, dei Valentini, dei Neapolitani, dei Bitien- 
ses, prima ricordati, quale quella dei populi ai quali egli prima 
accenna"? 

Rispetto a quest' ultimi, è appena necessario rammentare 
che erano certamente stipendiarli e giustamente il Mommsen 
a proposito dell' Ogliastra nota: « Probabile est has regiones 
litterarum Romanorum ipsiusque fortasse linguae Latinae 
expertes fuisse neque in partibus illis Latine scripta monu- 
menta exceptis privilegiis, quae classiarii reduces ex railitia 
domum reportassent • ad C. X. p. 811; e la sua osservazione 
è confermata dalla forma dei nomi sardi « a Romana consue- 
tudine abhorrentia », come egli giustamente dice, che si notano 
nei titoli della regione posta intorno a Fordungianus e verso il 
centro dell'Isola, sebbene essi nello stesso tempo attestino 
che la romanizzazione s' andava ivi pure compiendo. 

Rispetto ai cittadini degli oppida, ricordati da Plinio prima 
dei Caralitani, il Beloch, non è molto, espose il dubbio che 
ad essi si estenda la dichiarazione • cives Romani » che que- 
sto autore fa a proposito dei Caralitani medesimi. ' Chi ha 
veramente un poco di pratica con il testo e lo stile dei libri 
geografici di Plinio, non può trovare nulla a ridire dal lato 
formale contro tala ipotesi. Dal lato storico può invece ob- 
biettarsi che diflfìcilmente Sulci, che si era mostrata ostile a 
G. Cesare, proprio al principio dell'impero venne trattata 
alla stessa guisa di Cagliari, che fu di Cesare fedele amica. • 



* Beloch., op. cit. p. 828. 

* Bell. A/rie. 98. 



3^ 



— 516 — 

Sembra invece più probabile l'opinione del Mommsen il quale 
pensa che la copula et in Plinio indichi che i Norensi era- 
no cittadini romani al pari de* Cagliaritani. (C. X. p. 786). E 
se Nora fu realmente un municipio romano si potrebbe me- 
glio spiegare ima notevole inscrizione latina. 

In un bell'epistilio di marmo sardo inciso in grandi ed 
ottime lettere dell'età augustea e trovato a Nora si legge il 
titolo seguente: C. MuciiCs, C, F. Scaev[ola....^ fundanie]nta 
de sua pec(unia) fecit. C. X. n. 7543. E ovvio pensare a quel 
Q. Mucio Scevola che dal 216 al 212 fu pretore in Sarde- 
gna. * È nota la legge della pubblica clientela romana per cui 
i popoli vinti riconobbero come patroni per molte genera- 
zioni i generali vincitori ed i governatori mandati da Roma, e 
vediamo ad es. come ancora all'età di Cicerone la Sicilia 
avesse come patrono un Marcello che discendeva dal conquista- 
tore di Siracusa, * E il caso di pensare che anche quel C. Mu- 
cio Scevola che dedicò un publico tempio a Nora, fosse un 
discendente del noto pretore? Ovvero dobbiamo supporre che 
appartenesse ad una famiglia indigena, che, secondo un ben 
noto costume romano, prese il nome di quella gens romana? 
La presenza del cognome € Scaevola » mi sembra che ci debba 
far preferire la prima ipotesi, e in tal caso un monumento di 
questo genere, come si spiegherebbe assai meglio in una città 
amica di Romani e da essi favorita, anziché in una stipen- 
diarla, così si accorderebbe con la presenza a Nora di un 
teatro romano che difficilmente va riferito ad altra età che 
non siano gli ultimi tempi della repubblica, e che conviene 
appunto ad una città molto civile. Cosi a Cagliari, municipio 
romano, un' iscrizione del principio del primo secolo ricorda 



* V. i passi raccolti dal Klein, Die Verwaltungshtamten etc. p. 201 sg. 

* In generale v. Cic. de off. I, 35; ofr. Mommsen, Rijm. Staatsrecht 
III, p. 65; 776. In particolare rispetto alla Sicilia v. Verr. II, 2, 51, donde 
appare anche il pubblico patronato dei Muct in Asia. 



'-ii2l^- 



— 517 — 

vantaggi edilizi che alla città fece il proconsole Q. Cecilio 
Metello/ che discendeva da quel M. Cecilio Metello che nel 
111 a. C. trionfò sui Sardi; ed un* altra inscrizione della stessa 
età ricorda un L. Aurelius L. f, Orestes* che secondo ogni 
probabilità, si riconnette con un discendente di quel L. Au- 
relio Oreste che sui Sardi aveva pure trionfato pochi anni 
innanzi l'a. 122 a. C. ' 

Una soluzione, del resto, di tutto il quesito non siamo pur 
troppo in grado di darla; le notizie che sono a noi pervenute 
intorno alla storia ed all'amministrazione della Sardegna 
dopo le guerre puniche sono ben misera cosa; e dopo tutto 
la circostanza che tanto Caralis, quanto Sulcis e Cornus fu- 
rono inscritte nella stessa tribù Quirina, parrebbe fornis- 
se un argomento in favore della ipotesi del Beloch, che 
per altre ragioni esitiamo a reputare giusta, dacché anche 
dalla comunanza della tribù Quirina alle principali città del- 
l' Isola non è lecito ricavare come del tutto sicuro questo 
risultato. 

E vero che il Mommsen mise in evidenza, ciò che ha poi 
confermato Tassai diligente statistica del Kubitschek, ossia che 
la tribù Quirina venne ampiamente assegnata ad es. alle Pro- 
vincie africane e spagnuole ed al Norico da Vespasiano,* ed è 
pur vero che Sulcis dalla condizione di civitas non ordinata 
secondo le norme romane nell'età sillana o cesariana.* nella 



' V. e, X n. 7581; ofr. Mommsen nel Hermeg, II, p. 126; Eph. Epigr. 
Ili, p. 14. 

* C. X n. 7579. 

■ V. Fa^t, Gap. ad a. 122 a. C; Lnr. ep. 60; Plut. C. Gracc. 1; 
[AUR. ViCT.] 72, 3. 

* V. MoMMSEK neir Eph. Epigr, HI, p. 233; cfr. KCJBITSCHEK, [mpe- 
rium Romcinum trihittim discriptum, v. ad es. p. 135, 169, 219, 223, 
229, 287. 

* Ciò il Mommsen noarò giustamente dal titolo bilingue latino e 
punico, C. X. n. 7513, in cai si ricordano i prineipes Sulcitanorum, Tut- 
tavia altrove il MoMMSSN, Rnm, Staatsrecht IH, p. 720 sg., mi pare 



— 518 — 

età flavki iliventò mimicipium, * ma è anche certo che la tribù 
Quirma in Africa venne ad es. accordata dagli imperatori di 
casa Claudia ed a Patre dell' Acaia dallo stesso Augusto. • 
Cagliari dall'altra parte, che fu favorevole a Giulio Cesare e 
che troviamo più tardi municipium lulium, difficilmente fu 
iuacritta nella tribù Quirina da altri che dallo stesso Cesare o 
da Ottaviano, prima di diventare Augusto. Un simile cogno- 
me da Augusto ebbe pure il < municipium • di Uselis dacché, 
come ha fatto osservare il Mommsen, ricavandolo dal tito- 
lo ex n. 7845, tale città nel 158 a. C. era detta colonia 
Julia Augusta. Ma poiché Plinio dimentica dì ricordare Uselis 
ed U testo di lui ci vieta di asserire con certezza che vi 
erano in Sardegna altri comuni di cives Romani oltre a Ca- 
ralis ed a Nora, mi sembra alquanto probabile la conclusione 
che Uselis fosse un municipium di diritto latino. 

Tuttavìa è difficile ammettere che Uselis sia stato l'unico 
niimici[jÌo latino della Sardegna. Parmi invece più naturale 
supporre che al principio dell'impero Vius Latii sia stato accor- 
dato anche a qualche altra città come ai Sulcitani, ai Valentini, 
ai Napolitani, ai Vitenses, ricordati da Plinio, ossia alle prin- 
cipali delle 18 civitates aventi oppida; in altri termini che 
nel primo secolo dell'impero le più ricche ed importanti città 
dalla Sardegna (la seconda delie pìwinciae transtnarinae, che in 
ordine cronologico vennero nella soggezione romana) siano sta- 
te in parte trattate cosi come nell'età cesariana ed augustea 



insista troppo rìgidamente sulla mancanza in Occidente (comprenden- 
dovi la Sardegna, Tlberia e TAfrìca) della icóXig secondo il concetto 
greco. Mi sembra che il Mommsen non tenga nel dovuto conto quanto 
anche por questo lato dovette fare Cartagine. 

^ Ciò mi pare lecito ricavare dal C. X. n. 7519 [t] Flavio [t] f- 
ifuiritnn) Stptimino mi vir(o) iu[ì'è\ d\ic{undo)\ [fla]m{ini) Aug(utftali) 
jfùiitiji^js (sio) sacrar um equo publico exo(rnato) patrono munkipii l{pco) 
\<l{nto) d{tcrcto) d(ecurionum)]. Cf. 7518. 

* KlXìlTSCHEK, op. cit, p. 135 sgg. 245. 



— 519 — 

lo furono alcune città della Betica, della Narbonense, varie 
regioni alpine e pressoché tutta la Sicilia. Naturalmente 
non è lecito asserire quando alle città Sarde precisamente 
sia stato accordato questo ius Latii. Il titolo sulcitano sopra 
riferito può dare luogo al dubbio che rispetto a Sulcis ciò 
sia avvenuto appunto neir età Vespasianea; d'altra parte il 
e raunicìpium lulium Uselis » fa pensare che tale beneficio 
fosse di già accordato a qualche città da Augusto. * 

Ma, se può esservi dubbio circa la particolare determi- 
nazione cronologica, si può in compenso asserire che la cit- 
tadinanza romana e Vius Latii vennero accordati per la pri- 
ma volta ad alcune città dell* Isola soltanto nell' età cesariana 
e neir augustea o nei decenni immediatamente successivi. Ciò 
si ricava infatti nel modo più evidente dalle seguenti parole 
di Cicerone: « quae est enim praeter Sardiniam provincia 
quae nuUam habeat amicam populo Romano ac liberam civi- 
tatem? ». • L'asserzione di Cicerone, che in questo caso del 
resto difendeva una brutta causa contro i Sardi, " non può 



^ Rispetto alla stona della concessione dell* «uà L<Uii rimando alla 
pregevole monografia del Hirschfeld, Contribution a rhistoire du droit 
Latin, versione Thedenat, Paris 1880, p. 13. Ofr. Mohmsen, B6m. StcuUsrecht 
III p. 620. Rispetto all'»M« Latii io credo dì aver dimostrato, Arch. Stor. 
SiciL 1. 0., che non è giusta la teoria del Mommsen, secondo la quale 
Cesare donò la piena cittadinanza romana a tutti i Siciliani, e corrobo- 
rando con nuovi argomenti la tesi del Belocu, op. cit. p. 327, credo di 
aver provato che Diodoro, XIII, 35, allude alla latinità. 

• Cic. prò Scauro 45. 

' Produce un senso di pena vedere come le insolenze che Cicerone, 
fatta eccezione per pochi amici suoi, di Pompeo e dì suo f^ateUo, versa 
sul capo di tutti i Sardì che si dolevano di un corrotto amministratore, 
vengano ripetute anche da dotti ricercatori forestieri, i quaU danno 
cosi prova dì una certa ingenuità, non mostrando dì capire il vero 
valore dei discorsi di un avvocato, che si valea di qualsiasi arma per di- 
fendere una cattiva causa. Del resto le parole dì TAcrro, ^n». XIII, 30: 
" Clodius Quirinalis. . . . velut infimam nationum Italiam luxuria saevi- 
tiaquo affllctavìssot „ dimostrano corno i governatori Romani si sentissero 



— 520 — 

essere presa troppo sul serio in quanto nega l'esistenza di 
cittadinanze amiche a Roma. Non pochi fatti e del tutto sicuri 
mostrano infatti come anche in Sardegna sino dai primi tempi 
della loro dominazione i Romani ebbero città amiche. Cosi, 
a proposito della guerra che nel 216 vi fece il pretore Cor- 
nelio Mammula, si dice che il grano € civitates sociae beni- 
gne contulerunt •. Nella campagna dell'anno seguente Teroe 
sardo-cartaginese Ampsicora, in compagnia del generale pu- 
nico Asdrubale, mosse alla volta di Cagliari t ad socioì-um 
populi Romani agrum populandum »,' narrazione dalla quale 
si comprende che queste città sociae si trovavano nelle terre 
piane del Campidano, ove appunto esistevano gli « oppida » ri- 
cordati da Plinio, come ad es. i Neapolitani. E ciò viene 
in sostanza confermato dal racconto dello stesso Livio per la 
guerra del 177 a. C, in cui si dice che vinti i Sardi della 
montagna, ossia gli Illesi ed i Balari, Tiberio Sempronio 
« exercitum in hiberna sociarum urbium reduxit » . • L'esi- 
stenza infine di città amiche a Roma è dimostrato da un 
bello e noto episodio raccontato da Plutarco nella vita di 
C. Gracco. Vi si narra infatti che il senato romano dette 
ragione alle città Sarde, che protestarono di non volere ob- 
bedire agli ordini del pretore, il quale aveva loro imposto, 
durante un crudo inverno, di vestire i soldati. Ciò che non 
si potè ottenere con la violenza da queste medesime città, 
consegui con la benevolenza il questore C. Gracco. • 



prossochò autorizzati a mal trattare paesi poveri e poco colti come la 
Sardegna, che per giunta era un* insula. 

' Lrv'. XXIII, 21, 6; cfr. Val. Max. VII, 6, 1. Liv. XXIII, 40, 8. 

* Liv. XLI, 12, 6; cfr. 8, 5. La menzione delie città sociae era fatta 
por quello ohe sembra anche nel titolo ufficiale posto da Tiberio Sempronio 
Gracco nel tempio di Matuta, v. Liv. XLI, 28, 9, ed. "Woissenbom. 

' Plut. C. Grach. 2, 2, Anche questo episodio si spiega forse per 
mezzo deUa clientela dei Sardi verso i Sempront. Gaio era figlio di Ti- 
berio il domatore dell* Isola. Ma anche il suo console Aurelio Oreste di- 
ventò probabilmente uno dei patroni di essa, v. s., p. 517. 



— 521 — 

Viceversa, non v' è ragione di dubitare della esattezza 
della espressione ciceroniana ove s'asserisce che in Sardegna 
non v'era una sola cittìi libera e che quindi tutte erano in 
dicione e sUpendiariae. Nulla dimostrano in contrario le dichia- 
razioni liviane, sopra riferite, suir esistenza di città sociae, dac- 
ché è noto come questo epiteto sia di frequente usato in 
modo non corretto anche per indicare città interamente sud- 
dite alla dominazione romana, ossia pei-egrini dedUicii, e non 
solo le alleate. ' Ed è evidente che Cicerone, il quale, difen- 
dendo i Siciliani, usa non correttamente del titolo di sodi 
poptdi Ro)nani che estende anche alle città stipendiarle di 
quell'Isola più bella e più ricca, discorrendo a danno dei 
Sardi, abusa del fatto che qui non v' era alcuna città libera 
foederata, per asserire che non ve ne era una sola amica del 
popolo romano. 

Delle città della Sardegna due paiono degne di particolare 
discussione: Turris ed Olbia. Turris, a testimonianza di Pli- 
nio, era l'unica colonia dell'Isola. Che sia stata fondata nell'età 
augustea non si può ammettere anche perciò che nel monu- 
mento Ancirano, dove fa menzione delle colonie da lui dedotte 
nelle varie provinole dell'impero, Augusto tac« dell'Illirico e 
della Sardegna. Tralasciamo volentieri qui di discutere per- 
chè egli non faccia menzione delle colonie illiriche; rispetto alla 
Sardegna accettiamo interamente l'opinione del Mommsen, 
che a proposito della nostra Turris colonia lulia dice : t nihil 
impedit quominus constituta sit a Caesare dictatore •. In fa- 
vore della tesi del Mommsen si può, credo, osservare che 
Turris venne inscritta nella tribù Collina, ossia in quella in 
cui neir età ciceroniana erano inscritte le persone di minor 
conto, • e che anche nella prima età dell'Impero figura come 



* Su ciò vedi Mommsen, Rom, Staatsrecht III, p. 724. 
^ Mommsen, ad Res gtst, divi Aug. 2." ediz. p. 120. 
'' Cic. prò Milùti, 25. 



— 522 — 

una delle meao considerate ; rifugio di libertini e di spuri. ' 
Anziché una delle colonie militari augustee, Turris, pare sia 
stata una di quelle colonie cesariane in cui, come ad Ursone, 
à Curubis ed a Ciupea, vediamo libertini coprir le alte cariche 
municipali. * Questo argomento perderebbe però del suo peso 
qualora, contrariamente all'opinione del Mommsen, con il Ku- 
bitschek negassimo che la tribù Collina sia stata accordata alla 
colonia di Turris. L'osservazione del Kubitschek t haec tribus 
neque antea neque postea ullius civitatis honore digna visa 
est • ' non vale contro i dati di fatto raccolti dal Mommsen, il 
quale si fonda sui detti titoli di Turris C.X, 7953, 7967. In con- 
ferma della tesi del Mommsen si può anzi far notare che non 
v' è ragione di dubitare che sia di origine turrense il n. 7953 
in cui legge: Q. AUio Q. f. Collina) PudentiUo Auguri curiae 
XXIII et ministri Larum Augustalium. Che anzi anche in un 
altro titolo di Turris, al pari di questo del primo secolo, da 
me recentemente pubblicato, si ricordano altre persone della 
stessa gente.* E trattandosi di un sacerdote, di un augure, 
di un ministro dei Lari Augustei della colonia, pare evidente 
che la tribù Collina difficilmente si riferisca ad altra che non 
sia quella della stessa città. Differente potrebbe essere invece 
il caso del n. 7967: C. Vehilio C, L Coll(ina) Eufo, dacché la 
forma esterna del monumento (è una cista di marmo ornata 
con assai comuni e noti ornamenti scultori) potrebbe anche far 
nascere il sospetto che si tratti di un monumento importato da 
Roma o dalla spiaggia del Lazio. Tuttavia in questo caso 
il titolo n. 7953, di cui abbiamo discorso, può garantire fino 
ad un certo punto l'origine sarda anzi turrense del n. 7967, 
e certe somiglianze di forma esterna possono spiegarsi con 



* Le prove vedilo apd. Mommben, Rom, Staatsrecht III, p. 440 sgg. 

■ Mommsen, neìVEph, Epigr, II, p. 133, Staatsrecht HI, p. 452. 

■ Kubitschek, op, cit. p. 127. 

* V. la mia Belaz. cit. 



— 523 — 

le varie relazioni che strinsero Ostia, il porto della Capitale, 
con Porto Torres. Un' altra inscrizione di Turris ricorda in- 
fatti un Cerdonius Veratius Hermei'otis ab Ostia, a cui fece il 
monumento un luvenalis M. lidii Oenialis, C. X n. 7956; 
un'altra ricorda un A. EgrUim A. f, Plarianus decurial (is) 
scfiibanétn) ceìianm-um), Considerando che un titolo ostien- 
se rammenta A. Egi-ilius A. f. Secundus, che fu del pari 
scriba in quel collegio (attestato per Ostia da altri titoli), 
il Mommsen ha supposto, ad C. X n. 7955, che il nostro titolo 
da Ostia, nel medio evo, sia stato trasportato in Sardegna. 
Tenendo invece presente che questa inscrizione fu rinvenuta 
non presso la sponda del mare, dove di solito vengono trovati 
monumenti portati d'altronde, bensi nel monastero di Nostra 
Signora di