(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Trattato di medicina legale: elaborato dai professori dr ..., Volume 1"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



■■-A. 
•Vi;' 



! 



3 2044 097 794 002 



■;/•■•■ 






''l'i*- 

à4. 



'* '-ir. 






■■■■.'.•:;v\;^ •■■'■■ \:, 









aj /Vov./<ia.s 




HARVARD LAVV LIBRARY 



Receivcd MAY 4 iS28 



pigitized by 



Google 



^cJlr 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 




^ 



^ 



i 



LE 



)r. D/ Dra- 

)erg a Ber- 

a Vienna. 

Gottinga , 

ifft-Eb'ing a 

Prof. D/ J. 

Schlager a 

cerzeczka a 

3ÌlaPraga. 



•raga 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



O-A-txi/v^-' 



TRATTATO < 



DI 



MEDICINA LEGALE 

ELABORATO DAI PROFESSORI 

D**. Belohradsky a Praga;, Prof. D/ L Blumenstock a Crarovìa, Prof. D/ Dra- 
gendorff a Dorpat, Prof. D." H. Emminghaus a Dorpat, D.'' H. Eulenberg a Ber- 
lino, Prof. D.' F. A. Faick a Kiel, D.' Faick a Berlino, D.' Gauster a Vienna. 
Prof. D.'' J. Hasner von Artha a Praga , Prof. D.'' Th. Husemann a Gottinga , 
D.'' V. Janovsky a Praga, D/ Kirn a Friburgo, Prof. D.' von Krafft-Ebing a 
Graz, Prof. D.' G. Maschka a Prafl;a, Prof. D.' O.OesterIen a Tubinga, Prof. D."" J. 




REDATTO DAL 



Dott. G. MASCHKA 

R. I. Consigliere, Prof, ordinario di Medicina legale nelP Università di Praga 



PRIMA VERSIONE ITALIANA CON ADDIZIONI ORIGINALI 
NOTE E CONFRONTI CON LE LEGGI ITALIANE 



■V^ol. 



NAPOLI 

PRKSSO NICOLA JOVENK & C'' LIBRAI-KOItORI 

Pinzza Trinità Maggiore, 13 

1893 



■iiìfcfr" ^ 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



::««»^ 

.•*• 



CI 






I,* I I • V w *♦ 



TRATTATO 



DI 



lEDICINA LEGALE 

ELABORATO DAI PROFESSORI 

slohradsky a Praga, Prof. DJ L Blumenstock a Cracovia, Prof. D/ Dra- 

rfff a Dorpat, Prof. DJ H. Emminghaus a Dorpat, D.*^ H. Eulenberg a Ber- 

Prof. Ì)J F. A. Faick a Kiel, D.'' Faick a Berlino, D.' Gauster a Vienna. 

D.*" J. Hasner von Artha a Praga , Prof. D.*" Th. Husemann a Gottinga , 

^' 'ij^^, Janovsky a Praga, DJ Kirn a Friburgo, Prof. D.' von Krafft-Ebing a 

^ ; : ili' ^^^' ^^ ®- >*a8«hka a Praga, Prof. DJ O.Oesterien a Tubinga, Prof. D.' J. 

^: , i-"^ ^Minger a Tubinga, Prof. D.'' A. Schauenstein a Graz, Prof. D.' K. Schlager a 

^ ': i\ ^^^' ^*' Schuchardt a Gotha, Prof. D.' M. Seidel a Jena, Prof. D.' Skerzeczka a 

: *.C Ino, Prof. D.'C. ToIdtaPraga, D.'Trautmann a Berlino, Prof. D.'K. Wall a Praga 

rie U REDATTO DAL 

ii:; i:\ [Dott. CÙMASCHKA.' 

t". ^ - vR,. I. Consigliere, Prof, ordinario di MSSicina legale DeirUniverBità di Praga 

i' - T V "•C 

;*-^ ^--.^ PRIMA VERSIONE ITALIANA CON ADDIZIONI ORIGINALI 

-•>,IZ .0 :^ NOTE E CONFRONTI CON LE LEGGI ITALIANE 






I- 



••": ^ j; volume: primo ^ ' ^ 

t-*" v^*^ c<^n 4 incisioni in legno ed una tavola cromolitografica 






< 



NAPOLI 

NICOLA JOVBNE A C." EDITORI 

1893 £ L l'^lf^ 

^■•'■■■ 






Digitized by VjOOQIC 



^ò^^*^ 



MAY -4 1928 



Digitized by VjOOQIC 



TRATTATO 



DI 



MEDICINA LEGALE 

SVILUPPO STORICO DELLA MEDICINA LEGALE — COMPITO DEL ME' ICO-LEOALE NBLL' ESB- 
iiVlKK LE RICERCHE E NEL DARE IL SUO PARERE — DOTTRINA DELLE LESIONI VIOLENTE 
SOTTO IL PUNTO DI VISTA MEDICO- LEO ALE— PRODUZIONE DELLE LESIONI VIOLENTE MEC- 
CANICHE CON SPECIALE RIGUARDO ALLE ESC0RIA7J0NI, CONTUSIONI, FERITE DA TAGLIO, 
DA FENDENTE, LACERE E DA ARMA A FUOCO — LESIONI TIOLENTE DELL 'OCCHIO ESAMI- 
NATE SOTTO IL RAPPORTO MEDICO-LEGALE— LESIONI VIOLENTE DBLL*ORECCHIO SOTTO IL 
RAPPORTO MEDICO-LEGALE-— LE CICATRICI SOTTO IL RAPPORTO MEDICO-LEGALE — RISPO- 
STA ALLA domanda: OMICIDIO, SUICIDIO O MORTE ACCIDENTALE? — ESAME DELLE TRACCE 
DI SANGUE — ESAME DEI PELI — ESAME DELLE TRACCE PRODOTTE DA PEDATE E DA ISTRU- 
MENTI — MORTE PER SOFFOCAZIONE — ^MORTE PER ANNEGAMENTO— MORTE PER DISSANGUA- 
MENTO—MORTE PER SOTTRAZIONE DI ALIMENTI— MORTE PER SCOTTATURA — MORTE PER 
CONGELAZIONE — COLPO DI FULMINE— DANNI ALLA SALUTE E MORTE PER TRAUMI PSICHICI — 

INFANTICIDIO. 



I>r. V. Janowslc^ 

Docente nell'Univ. di Praga 

I>r. C. -WeU 
Prof, neir Univ. di Praga 

Dr. G. I>rage]idorff 
Prof. neii'Univ. di Dorpart 

Dr. G. Maschka 
Prof. neirUniv. di Praga 

Dr. Falk 
Medico a Berlino 



ELABORATO DAI 

Dr. H. Eolenbera 

Consig. medico in Berlino 

Dr. V. Haser 

Prof. nell'Univ. di Praga 

Dr. O. Oesterlen 

Prof. nell'Univ. di Tubingen 

Dr. vr. Bélohradsky 
Prof. neirUniv. dì Praga 



Dr. Li. Blumenstok 

Prof. nell'Univ. di Cracovia 

Dr. F. Trautmann 

Prof. nell'Univ. di Berlino 

Dr. A. Schauenstein 

Prof, nell' Univ. di Graz 

Dr. F. A. Falck 
Prof. nell'Univ. di Kiel 



Dr. C. SkrsecBka 

Prof. nell'Univ. di Berlino 



TRADOTTO DAI DOTTORI 

ANTONIO RAFFAELE 

Bsicologia sperimentale nella Regia Uni 
Pareggiato in Fisiologia ed in Medicina legale. 



Prof. I. della Tossicologia sperimentale nella Regia UniveraitA di Napoli 
• • Fi8 



Vincenzo Meyer 



NAPOLI 

PRESSO NICOLA JOVENE & C,^ LIBRAI-EDITORI 
Piazza Trinità Maggiore, 13. 

1893 



Digitized by VjOOQ IC 



Proprietà letteraria degli Editori, 



stabilimento Tipografico della Ditta Editrice 
Piana Trinità Maggiore, 13. 



Digitized by VjOOQIC 



00 ^«"t 

INDICE DELLE MATERIE 



V. JANOVSKY 
Sviluppo storico della Medicina Legale. 

Letteratura Pag. 3 



H. EULENBERG 



Compito del medico legale neireseguire le ricerche 
e nel dare il suo parere. 

Letteratura ,....» 35 

Compito del perito nell'eseguire le perizie » ivi 

a) Disposizioni di legge » 39 

Delle perizie » 47 

Capacità dei periti » 49 

Periti non comparsi o renitenti » ivi 

Giuramento dei periti » 50 

Esame dei periti » 51 

Del modo di accertare il corpo del reato. ...» ivi 

Delle denuncie, dei rapporti e delle dichiara/.ioni . b ivi 

Del rifiuto di servizio legalmente dovuto ...» 52 

Falsità in certificati / » ivi 

Della falsa testimonianza o perizia, della reticenza e del falso 

giuramento » 53 

Della perizia v ivi 

b) Oggetto delle ricerche medico-legali » 55 

1) Esame delle persone vive » 56 

2) Esame del cadavere » 60 

3) Esame del sito » ivi 

4) Esame degli strumenti, di cose e di oggetti estranei. » 61 
e) Redazione del verbale » 62 

A. Esame esterno del cadavere v 64 

B. Esame intenio i» 66 

I. Apertura della cavità cranica d ivi 

II. Apertura della cavità rachidiana . ...» 73 

III. Apertura del collo e delle cavità toracica ed addominale » 74 

a) Apertura della cavità toracica. . . » 75 

b) Apertura della cavità addominale ...» 84 
Guida al medico-legale nell'emettere il parere motivato » 103 



Digitized by VjOOQIC 



Indice delle materie 



L. BLUMENSTOK 



Dottrina delle lesioni violente sotto il punto di vista 
medico-legale, 



penale 



Letteratura 

A. Articoli dì legge . * . 

Delle perizie per ferite, percosse ed altre offese simili 
fì. Le varie specie di lesioni violente nel senso del codice 
a) Lesioni violente non mortHli 
aà) Secondo il codice austriaco . 

I. Lesione corporale grave u semplice u 
II. Lesione corporale grave « qualificata » 
III. Lesione corporale leggiera. 
jS^J Secondo il codice tedesco 
I. Lesione corporale grave . 

1) Perdita di un membro importante del corpo . v 

2) Perdita del potere visivo ad uno o ad ambedue gli occhi 

3) Perdita dell'udirlo 

4) Perdita della favella .... 

5) Perdita della capacità di generare. 

6) Deformità permanente in grado rilevante 
7} Debìlitamento fisico permanente . 
8; Paralisi in conseguenza della lesione corporale . u 
9) Psicopatia come conseguenza della lesione violenta d 

II. Lesione corporale qualificata *» 

III. Lesione corporale leggiera » 

77) Secondo il progetto di un nuovo codice penale austriaco » 

I. Lesione corporale grave » 

II. Maltrattamento qualificato. . » 

III. Maltrattamento m 

/9) Lesioni violente mortali » 

G. Distinzione fra lo lesioni violente intra-vitam e quelle post-mortem » 



Pag. ili 

)ì ivi 

121 

123 

124 

ivi 

125 

135 

155 

161 

ivi 

162 

163 

164 

165 

ivi 

ivi 

ivi 

167 

169 

171 

173 

175 

176 

178 

179 

180 

198 



C. WEIL 



Produzione delle lesioni violente meccaniche con speciale ri- 
guardo alle escoriazioni, contusioni, ferite da taglio, da fen- 
dente, lacere e da arma a fuoco. 



Letteratura 

Lesioni con istrumenti ottusi od a margini ottusi 

1. Escoriazioni 

2. Contusioni 

3. Ferite contuse e ferite lacere 
4^ Ferite da morsicatura .... 
5. Ferite da arma a fuoco. 

Lesioni con istrumenti vulneranti acuti . 

A) Ferite da taglio . * . . 

B) Ferite da fendente .... 

C) Ferite da punta ..... 



a 


218 


» 


229 


» 


230 


» 


232 


» 


239 


» 


241 




243 




254 




IVI 




256 




257 



Digitized by VjOOQIC 



Indice delle materie 

Lesioni a seconda della loro sede 

A) Lesioni violente del capo 

L Lesioni violente del cranio . 

a) Loifioni dei molli tegumenti cranici 

B) liesioni violente delle ossa craniche . 

C) Lesioni violente del cervello e suoi annessi 

a) Commozione cerebrale . 

b) Lesioni dei vasi nel cranio 
e) Contusioni e ferite contuse del cervello 

II. Lesioni traumatiche della faccia 

A) Lesioni violente del collo . 

B) Lesioni violente del petto . 

C) Lesioni violente dell'addome 

D) Lesioni violente dei genitali 

E) Lesioni violente delle estremità 



Pag. 


260 


)) 


IVI 


» 


268 


D 


IVI 


» 


271 


» 


280 


» 


IVI 


}) 


282 


» 


284 


» 


288 


» 


291 


» 


299 


» 


313 


» 


323 


» 


328 



V. HASNER 



Lesioni yiolente dell* occhio esaminate sotto il rapporto 
medico-legale. 



Letteratura 

1. Malattie oculari simulate o prodotte a ragione veduta. 
II. Lesioni violente dell'occhip per commozioni .... 

III. Ferite delPocchio senza che in esso rimangano corpi stranieri 

IV. Lesioni violente dell'occhio con permanenza di corpi stranieri 
V. Scottature dell'occhio 

VI. Intossicazioni delTocchio . 



345 
348 
355 
376 
389 
411 
416 



F. TRAUTMANN 



Lesioni violente dell' orecchio sotto il rapporto medico-legale. 



Letteratura 

I. Lesioni violente del padiglione dell'orecchio . 
II. Lesioni violente del meato uditivo esterno' . 

III. Lesioni della membrana timpanica 

Forma della fìssura e processo della guarigione 
Casuistica delle lesioni violente della membrana timpanica 

Infiammazioni traumatiche 

Fissare della membrana timpanica dovute a trauma diretto 
Fissure della membrana timpanica dovute a trauma indiretto 

ly. Lesioni violente dell'orecchio medio 

A. Lesioni violente dell'orecchio medio per trauma diretto . 

1. Lesioni violente dell'orecchio medio per trauma che agì 
direttamente per la via del meato uditivo esterno . » 

2. Lesioni violente dell'orecchio medio, avvenute per trauma 
dirotto, che ha agito dal cavo naso Jfaringeo per le trombe 
di Eustachio » 

fì. Lesioni violente dell'orecchio medio per trauma indiretto » 



» 


421 


» 


ivi 


D 


426 


» 


432 


)) 


437 


)} 


440 


1) 


IVI 


» 


IVI 


» 


441 


» 


446 


» 


IVI 



447 



454 
456 



Digitized by VjOOQIC 



Tiu Indice delle materie 

Lesioni violente dell'apparecchio nervoso deputato alla percezione 
del suono (Labirinto. Tronco nervoso e punto di origine del nervo 
ottico) Pag. 

A. Lesioni per trauma diretto deir apparecchio nervoso deputalo 
alla percezione del suono d 

B. Lesioni violente per trauma indiretto e dell'apparecchio ner- 
voso-destinato alla percezione del suono . . . . s 

G. Lesioni violente dell'apparecchio nervoso per trauma indiretto 
con contemporanea soluzione di continuo delle ossa . » 



459 



IVI 



460 
465 



C. WEIL 
Le cicatrici sotto il rapporto medico-legale. 

Letteratura » 471 



L. BLUMENSTOK 
Risposta alla domanda: Omicidio, suicidio o morte accidentale? 

Letteratura a 487 



G. DRAGENDORFF 
Esame delle tracce di sangue. 



Bibliografia ed annotazioni 
Spiegazione delle figure . 



» 555 
» 561 



0. OESTERLEN 
Esame dei peli. 

Bibliografia » 56r> 

1. Peli umani o di animali? . » 566 

2. Da quale parte del corpo proviene il pelo? .... » 572 

3. Da quale individuo proviene il pelo ? (Constatamento dell' identità 

dei peli) » 577 

4. Si tratta di peli caduti, strappati o recisi? ....]) 585 

a. Caduti o strappati? d ivi 

b. Recisi ? . » 588 

5. Esame dei peli che stanno ancora nel loro punto d'impianto. » 590 

a. Per raccogliere informazioni sopra un delitto . . . i) ivi 

b. Esame dei peli per il constatamento dell'identità . . d 593 



Digitized by VjOOQIC 



IndiM delle materie ix 

A. SCHAUENSTÉIN 
Esame delle tracce prodotte da pedate e da istrumeati. 

Bibliografia ' Pag, 599 



G. MASCHKA 
Morte per soffocazione. 

Letteratura » 621 

Fenomeni che si constatano sui cadaveri dei soffocati. . . » 627 

Reperto esterno d ivi 

Turgore dei genitali e fuoriuscita di sperma . ...» 630 

Reperto interno » ivi 

Morte per appiccamento, strangolazione e strozzamento » 643 

Morte per appiccamento . . » 644 

Fenomeni sui cadaveri di soffocati » 647 

Reperto sul collo. Solco prodotto dalla corda. ...» 651 

Soffocazione » 678 

Strangolazione » 687 

Altre specie di soffocazione n 690 



W. BÉLOHRADSKY 
Morte per annegamento. 



Letteratura utilizzata in questa monografìa .... » 705 

Frequenza dell'omicidio e delle lesioni mortali mercè annegamento » 708 

Frequenza del suicidio per annegamento s 710 

Frequenza della morte per annegamento, dovuto ad infortunio acci- 
dentale ' . . . . . » 711 

Annegamento in combinazione con altre specie di morte » 712 

Omicidio, suicidio oppure infortunio accidentale? . . . d ivi 

Età dei cadaveri rinvenuti nell'acqua » 720 

Omicidio, suicidio, morte accidentale n ivi 

Mestiere di quelli trovati morti nell'acqua » 722 

Omicidio, suicidio, morte accidentale » ivi 

Condizioni di tempo » 725 

Sito in cui si rinviene il cadavere. n 727 

Motivi che indussero all'omicidio ed al suicidio per annegamento. Cause 

occasionali dell'annegamento fortuito . . . . d 730 

Parte speciale o 732 

Ispezione esterna ^) 733 

Ispezione interna « 749 

Interpretazione della morte per annegamento .... » 755 



Digitized by VjOOQIC 



z Indice dalle materie 

0. OESTERLEN 
Morte per dissanguamento. 

Blbliograiia Pag. 761 

Forme del dissanguamento n 766 

Segni e diagnosi del dissanguamento » 777 



F. A. FALK 
Morte per sottrazione di alimenti. 

Bibliografia. • » 787 

Etiologia » 790 

Sintomatologia generale » 795 

Sintomatologia generale e risultati delle ricerche sperimentali . » 798 

Autopsia » 815 

Diagnosi » 823 



FALK 
Morte per scottatura. 

Bibliografia o 827 

Morte per insolazione u8H 



L. BLUMENSTOK 
Morte per congelazione. 

Bibliografia . » 847 

O. OESTERLEN 
Colpo di fulmine. 

Bibliografia » 863 

A. SCHAUENSTEIN 
Danni alla salute e morte per traumi psichici. 



Digitized by VjOOQIC 



lodice delle materie zi 

C. SKRZECZKA 

Infanticidio. 

Bibliografia Pag. 891 

Articoli di legge ...» 892 

Capitolo primo. ~ Introduzione b 894 

Speciali regole da osservare nell'esame medico-legale dì cadaveri 

di neonati » 906 

Capitolo secondo. — Periodo di sviluppo del feto— Maturità del feto v 913 
Capilolo terzo. — Ha vissuto il bambino durante o immediatamente 

dopo il parto? Docimasia b 926 

Docimasia pulmonale » 929 

1. Distensione dei pulmoni » 931 

2. Consistenza dei pulmoni » 932 

3. Colore dei pulmoni d ivi 

4. Quantità di sangue dei polmoni . . . . » 934 

5. Quantità di aria dei pulmoni. Pruova idrostatica dei pulmoni 934 
Capitolo quarto. — Risposta alla domanda— se il feto abbia vissuto du- 
rante immediatamente dopo il parto— desunto dal risultato 
della docimasia pulmonale b 959 

Capitolo quinto. — Altre pruove per dimostrare che il feto visse du- 
rante dojuo il parto b 969 

Capitolo sesto. — Quanto tempo ha vissuto il feto? Da quanto tempo 

è morto? b 982 

Capitolo settimo.— Poteva il feto vivere anche fuori l'utero? b 990 

Capitolo ottavo.— Causa della morte. Morte del feto durante il parto 
e prima del parto b 

Capitolo nono.— Morte del feto dopo il parto 

Morte per lesione violenta del cranio ed apoplessia 

Capitolo decimo.— Morte per soffocazione dopo il parto 
Morte del feto per mancanza delle cure necessarie 

Appendice I. — Le principali disposizioni delle leggi italiane in rapporto 

alle perizie medico-legali . b 1091 

I. Capacità e nomina dei periti; obblighi e diritti di costoro ; 

formalità della perizia » 1095 

II. Disposizioni di legge relative all'opera dei periti in ma^ 

teria civile » 1 1 1 1 

III. Consimili disposizioni in materia penale . . . » 1 1 25 
Appendice II. — Principale letteratura italiana medico-legale recentis- 
sima B 1155 

Indice alfabetico delle materie b 1165 



1002 
B 1039 
B 1041 

1062 



B 



B 1073 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 






SVILUPPO STORICO 

DELLA. 



l l MEDICINA LEGALE 

t — U 

J- ^ PEL 

s2c; 

2.^S Dottor Vittorio Janovsky 

ci ^ Docente nel!' Università di Praga. 

^ i :f . 

5 n ^ 



"} ^4 (.Verfiione del D/ ANTONIO RAFFAELE) 

^5 -:i 



'^ r 






ir":: * 



Maschka — Med. Leg. Voi. L 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



LETTERATURA 

S' intende bene, che il seguente indice della Letteratura non può comprendere tutto 
il materiale relativo, perchè questo supererebbe di molto i limiti dello scopo propostoci. 
Vei ranno qui citati solo quei la?orì che possono essere riguardati come opere classiche 
« di cui si fece tesoro nel fare il presente sommario storico. E poiché per fondare i ri- 
sultati sopra ampli punti, oltre alFesame delle pubblicazioni speciali di medicina legale, 
«ra necessario anche quello de* la?ori giuridici, cosi anche di questi faremo citazione per 
quanto si riferisce alla medicina legale. 

A. Pubblicazioni di medici relative alla storia della medicina legale. 

a) Letteratura. Le pubblicazioni più dettagliate di letteratura medico-legale fino 
al 1819 si trovano in Wildbbro, Bibliotheca medicinae publicae. Tomus I. Bihiiotheca 
medicinae forensis. Berolìni 1819. Inoltre G5likb , nell* historlam literariam scripto- 
rum medicinam forensem illustrantium introductio. Francof. 1723. — De VmoiLUS e 
Creutzbnfbld , bibliotheca chirurgica. Tom. l. Vindobon. 1781. — Daniel , Entwurf 
«iner Bibliothek der Staatsarzneikunde. Halle 1783. — Schwbikard, Tentamen catalogi 
rationalis dissertationum ad medicinam forensem et politiam medicam spectantium ab 
anno 1569 usque ad tempora nostra. Francof. 1796.— Knebbl, Orundiage zu einem voil- 
stàndigen Handbuch der Literatur ftkr die gesammte Staatsarzneikunde. I. Band. I. Abth. 
Gòrlitz 1806.— Chauubnton, Esquisse historìque de la médecine legale en Prance. Pa- 
ris 1806. — Inoltre le relative notizie in: Augustin, vollstAndige Uebersicht der Qe- 
schichte der Medizin in tabellarischer Form. Berlin 18!^. — KrÙger , Handbuch der 
Literatur fùr die praktische Medizin. Berlin 1842.— Gundblach , analecta literaria med. 
forens. spectantia. Rostochiae 1817. «- Choulant , Tafein zur Geschichte der Medizin. 
Dresden 1882.— Le eccellenti pubblicazioni di Hallbr per la precedente Letteratura.— 
Haller, Bibliotheca anatomica. Tiguri 1777.— Hallbr, Bibliotheca medicinae practicae. 
Bemae et Basileae 1786-1789. — Hallbr, Bibliotheca chirurgica. Ibidem 1774-1775. — 
Choulant, Bibliotheca medico historica. Lipsiae 1842. — Fault, Bibliographie des scien- 
ces médicales. Paris 1872-1873. «- Enoblmann , Bibliotheca medico chirurgica. Leipzig 
1848 und 1867. 

b) Dissertazioni storiche di autori antichi, a) Lavori generali. Come lavoro il 
più dettagliato finora si deve citare lo studio serio e profondo di Mbndb nel primo 
volume della sua opera. — Mende , Ausftlhrliches Handbuch der gerichtlichen Medizin. 
I. Theil. Lipsia 1819.— Poscia Ansiaux, De medicinae forensis historia ejusque dignitate. 
Leod. 1822. — Kopp (J. H.) Skizze einer Geschichte der gerichtlichen Arzneikunde in 
Kopp*8 Jahrbuch der Staatsarzneikunde 1808.— Farner, System der gerichtlichen Arz- 
neikunde. Stendal 1795. I. Band. (Storia). — Hechbll, Kritische Geschichte des Be- 
ginnes u. der Entwicklung der gerichtl. Medizin. (polnisch.) Krakau 1839. — Sprenoel, 
Institutionesmedicae. VI. 2. Inst. medicinae forensis. Lipsiae 1819.^no!tre il pregevole 
lavoro di Oesterlen che tratta in abbozzo ma nel modo più completo dello sviluppo 
della medicina legale in brevi tratti fino al tempo del codice Carolino. — Oesterlen, 
Ueber die frùheste Entwicklung der gerichtlichen Medizin. Schmidt*s Jahrb. Voi. 176, 



Digitized by VjOOQIC 



4 Janovsky, 

p. 166. 1377. Lavori più o meno profoDdi sullo sviluppo della medicina legale in deter- 
minate epoche si contengono negli eccellenti trattati della Storia della medicina di Ackbr> 
MANN, Sprengel, Hecker, Puccinotti, Darembero, Haser^ Bouchut, Quitzmann, Leu- 
POLDT, IsENSEE, GrQnder, e poi le recentissime pubbUcazIoni di Rohlf (Geschichte der 
deuts. Mediz. 1875 e 1880, in cui ò valutato il merito degli autori classici della Germania 
nellh medicina legale fondandosi sopra estese sorgenti) e Baa (Geschichte der Mediz. und 
des heilenden Standes 1876 (in cui sono dettagliatamente trattati i rapporti del medico 
anche riguardo alla medicina legale). Nei singoli capitoli della medicina legale si può 
valutare io sviluppo storico anche in rapporto ai Trattati di medicina legale , fra cui 
facciamo qui rilevare specialmente i serii lavori 4i Metzoer, Henke, Bernt, Bernstein, 
Daniel, Friedreich (specialmente in rapporto colla psichiatria forense) Mecksl, Orfila, 
Platner, SchQrmayer, Siebolds (in rapporto alla ostetricia forense) Teichmeiers, dal 
periodo antico, le opere di Bernt, Buchnsr, Casper, Friedbero, Tardibu, Schausnstein 
ed il recentissimo trattato di Hoffmann. Fra queste opere meritano specialmente men- 
zione onorevole quelle di Casper, le quali dagli scrittori della Storia della medicina le- 
gale debbono indicarsi come lavori che segnano una nuova epoca. Per dare un qua- 
dro complessivo completo dello sviluppo della medicina legale, specialmente negli ul- 
timi decenni , è necessario di tener presenti i giornali che si occuparono specialmente 
di questa branca, cioè quelli di Pyl, Kopp, Henke, Scherf, Metzoer, Knappe, Frdsd- 

RBICH ed EULENBURG. 

b) Lavori speciali, Wunderbar , Biblisch talmudische Medizin. I. Abth. Riga u. 
Leipzig 1850. Neue Folge. 1. Heft. Staatsarzneikunde u. gerichtliche Medizin. 2. Abth. 
Ibidem 1857-1859.— Israel*8 Tentamen historico-medicum quae ex Talmudo babilonico 
deprompsit. GrOningae 1845.— Rabinovicz, Législation civile de Talmud. Traité Kethou- 
both. Paris 1873. — Mèdecine chinoise, Ètude medico legale sur T infanticide et Tavorte- 
ment dans Tempire Chinois, Paris 1870. — Silberschlao, Ueber die Sanit&tspflege des 
Staates im klassischen Alterthum. Jahrb. fQr òffentliche Gesundheitspflege. VI. 4 tes 
Keft. — AcKERMANN , Erlftuteniug der wichtigsten Gesetze etc. Pyl , Repertorium. II. 
Voi. 1790.— Gaupp, Das SanitàtsTvesen im Alterthume. Blaubeuren 1869. (Programm.) — 
Brian, L'archiatrie romaine. Paris 1877. »- Beck, Observationes de Romanorum disci- 
plina publica medica. Lipsiae 1819.— Von der Pfordten , Beitràge zur Geschichte der 
gerichtlichen Medizin in der Justinianischen Rechtssammlung. WQrzburg 1838.— Fried- 
LANDER, Darstellungen aus der Sittengeschichte Roms in der Zeit von August bis zum 
Ausgang der Antonine. Leipzig 1873. Voi. I. — Hebbnstreit , Curae sanitatis publicae 
apud veteres ezempla. Lipsiae 1879.— Gerike, Programma quo inspectionem cadaveri a 
in homicidio apud Romanos olim in usu fuisse ostendit Heimstadiae 1739. — Schulze, 
Toxicologia veterum. Halae 1788. — Lannblongue, Etudes historiques sur Taliénation 
mentale dans Tantiquité. Paris 1870.— A. Scraper, Demosthenes und scine Zeit Leipzig 
1856. — Ortolan, Debuts de la mèdecine legale en Europe, Annales d'hygiène. T. 38. 
Paris 1872.— Pare, Les Oeuvres d^Ambroise Pare conseiller et premier chirurgien du 
Roy. Paris 1575, huitièmé edition à Paris 1678, anche sotto il titolo : Tractatus de re- 
nunciationibus subnexus operibus ejus. Francof. 1697. — Codronchi, Methodus testili- 
candi. Fraecof. 1597. (Il merito di aver richiamata T attenzione su questo trattato, che 
è uno dei primi lavori sulla storia della medicina legale , appartiene al prof. Blumbn- 
STOCK di Cracovia, che nel suo eccellente lavoro sopra Fortunatos Fidele si occupa da 
vicino di questo trattato). — Fortunatus Ftoelis, De relationibus medicorum libri IV. 
Panormi 1598 et sequent. ( la prima opera sistematica sulla medicina legale ). — Blu- 
MENSTOCK, Fortunatus Fidelis, il primo autore di medicina legale (polnisch), la migliore 
monografia sopra Fedele.— Krakau 1873.— Paulus Zachias, Quaestiones medico legales. 
Romae 1621. (Seconda opera classica sulla Storia della medicina che si distingue per 
una casuistica accuratamente scelta. — Reinesius, Schola juris consultorum medica. 
Lipsiae 1675.-*Ammann, Medicina critica. Erfurt 1670.— Zfttmann, Sammlung der Gerì- 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 5 

chtsgutachten der Leipziger Fakultàt von 1650-1700. — Feltmann, De cadavere inspi- 
ciendo. Groeningae 1673. — Bohn, Specimina znediciDae forensis in 4 Dissertatio- 
nen. — Behrens , Medicina legalis. Franks. und Leipzig 1696. — Ruland , Proble- 
mato physico medica. Francof. 1608. — Pinabus, opuscula physiologica. Parisiis 1597. 
Fernep deasen de virginitatis notis etc. in verschiedenen Ausgaben. — Welsch, Ratio- 
naie vulnenim lethalium judicium. Lipsiae 1660. — Suevus, De inspectione vulnerum le- 
ihalium. Marb. 1629.— Bohn, De officio medici duplici. Lipsiae 1719. — Bohn, De renun- 
icne atiovulnerum lethalium. Lipsiae 1711. — Valentin, Corpus juris medico legalis. 
Francof. 1722.— Teich&ieybr, Inetitutiones medicinae legalis vel forensis. Jenae 1740.— 
OoELicxB, Medicina forensis. Francof. 1723.— Alberti , Sjstema jurisprudentiae medi- 
cae. Halae 1725-1747 (importante per la dottrina' sulla qualifica delle ferite nel 18.^ seco- 
lo.)— Lobw, Theatrum jurìdico-medicum. Norimb. 1726 ( eccellente opera di Loew di 
Erlsfeld. professore a Praga). — Eschenbacr , Medicina legalis. Rostochiae 1746. — 
Kòrner, Instittttiones medie, legales. Viteb. 1756.— Plenk, Elementa medicina forensis. 
Viennae 17^. — Ploucquet, Nova pulmonom docimasia. TObing. 1781. — Schretbr, Erdr- 
terung der Frage , ob es ein gewisses Zeichen , weiin eines todten Kindes Lunge im 
Wasser untersinkt, dass solches im Mutterleiae gestorben sei. Halle 1745. (lavojro impor- 
tante a causa della prima proposta di docimasia puimonale) — Knebel, Grundriss der pò- 
lizeilich gerichtlichen Entbindungskunde. Breslau 1803. — Brown , Complet description 
of woonds. London 1678. — De Blegny , La doctrìne et rapports en chirurgie. Lyon 
1684. — ^Malle, Histoire mèdico-legale de creatrìces. Paris. 

B. Lavori sulla storta della medicina legale dal lato della giurisprudenza. 
Sui lavori giuridici indiani v. Spanoenbero, Zeitschrift fQs Gesetzgebung. Voi. IV. 
p. 64 u. 8. w. •— Stenzlbr, Specimen juris criminalis Indorum 1842. Poscia i lavori di 
BoHLEN, Weber, Lassbn ed altri sulla Storia della cultura negli indiani. — Sulla Cina 
vedi gli uHimi lavori storici ed etnografici specialmente di Grossier, Description gene- 
rale de la Chine 1818. — Wells Williams, Das Reich des Mitte. (Deutsch von Coll- 
MANN.) Kassel 1853. Non che il relativo capitolo in KLEMMr , Kulturgeschichte , ed il 
lavoro di WarneOoios nella sua Encyklopàdie. p. 112-125. — Riguardo ai popoli della 
antichità classica vedi anche Michaelis, Mosaisches Recht. 2 te Aufl. 1793. — SaalschIìtz, 
Das mosaische Recht mit BerQcksichtiguug des sp&tern jQdischen. Berlin 1836-1838.— 
Hbnbouin, IntroducUon historique à Tètude de législation. — Eimer, Compendium des 
Talmud. Berlin 1832. — Mayer, Die Rechte der Israeliten, Athener und Rdmer. Leipzig 
1862-1866. — Sulla giurisprudenza musulmana in rapporo specialmente alla legislazione v. 
W^ARNKdNios Encyklopàdie e fra gli altri anche Pbrron, Précis de jurisprudence mu- 
selmanne selon le rite Malekite. Paris 1849.— Sul diritto greco vedi: Platnee, Attisches 
Becht. 1820. — Geib, Darstelluug des Rechtszustandes in Griechenland. Heidelberg 1835.— 
Herrmann, Lehrbuch der gchischen Staatsalterlhamer. 1841.— Leruinier, Histoire de 
la législation de la Grece antique. Paris 1853. — Sul diritto penale romano esiste una 
copiosa letteratura, importante proprio solamente per i giuristi, per il nostro scopo: 
Rein, Das Criminalrecbt der Rdmer von Romulus bis auf Justinianus. Leipzig 1844 (opera 
molto completa). — Dann Geib , Lehrbuch des deutschen Strafrechts. L Theil. Geschi- 
chte. Leipzig 1861 (uno dei migliori lavori storici per la compIessivitÀ delle sorgenti). — 
Du BoYS, Histoire du droit criminel chez les peuples anciens. Paris 1845.— Ueber deut- 
sches Strafrecht der Germanen. Halle 1842 (lavoro straordinariamente completo e po- 
sitivo con estese sorgenti storiche. — OsenbrOgoen, Das Strafrecht der Longobar- 
den. (Schaffhausen 1863. «- Rosshirt, Geschichte des Rechts im Mittelalter. Stuttgart 
1838.— Du BoYS, Histoire du droit criminal chez les peuples modemes. Paris 1854.— 
GriMM, Deutsche RechtsalterthQmer. Gdttingen 1828. — H4.berlin. Juris criminalis ex 
speculis Saxonico et Suevico adumbratio. Halis 1837. — Zòpfl , Das alte Bamberger 
Recht als Quelle der Carolina. Heidelberg 1839.— Wachter, Gemeines Recht Deutsch- 



Digitized by VjOOQIC 



6 Janovsky, 

lands, insbesondere deuteches Strafrecht. Leipzig 1844. — OsbnbrQgoen, Das aleman- 
nische Strafrecht. Schakhauaen 1860.— >ZdPFL , DeuUche Staats- imd Rechtsgeschicbte. 
Stuttgart 1858>l — > Eichhorn, Deutsche Staats- u. Rechtsgeftchichte. GOttingen 1843. — 
Walter, Corpus jurìs germanici. Ili voli. Berolini 1824.— IZOpfl, Kaiserliche Gerìchtsord- 
niing Carls V.— Malblank, Geschichte der peinlichen Gerichtsordnung Carla V. Nùrn- 
berg 1783.— BdHMER , Meditationes in constitutionem criminalem Carolinam. Halae 1874 
(UDO dei migliori conimentarii dei codice Carolino, tanto importante per la storia della 
medicina legale). — - Cauciani, Leges Barbarorum antiquae. 1781. I. -*- Carpzov, Practica 
nova imperialis Saxonìca rerum criminalium. Wittenbergae 1638. — Wibrus, De prae- 
stigiis daemonum. Basileae 1564.— Speb, Cautio criminalis de processibus centra sagas. 
Rintel 1631.-rG£ORoius, Corpus juris germanici. Halae 1738. — Constitutto criminalis 
Carolina 1532.— Rossi, Traité de droit penai. Paris 1829.— Walter, Geschichte des rò- 
mischen Rechts. Bonn 1860. 3. Aufl. — Rivière , Esquisse historique de la législation 
criminelle des Romains. Paris 1843.— Gbib, Geschichte des ròroischen Crìminalproces- 
ses. Leipzig 1842. — ^Henle, Grundriss der Geschichte des deutschen peinlichen Rechtes. 
II. Th. Sulzbach 1809.— Walter, Lehrbuch des Kirchenrechts. Bonn. 1856. — Regino « 
Libri duo de synodalibus etc. Lipsiae 1840. (sorgente del diritto canonico antigrazìa- 
uìco.) — Heineccius, Elemen la juris Germanici. Halae 1746. III. editio. — Hbrrmann ^ 
Johann Freiherr zu Schwarzenberg. Leipzig 1841. Halsgbrichtsordnuno , Bambergis- 
che 1507. — Wachter ad historìam constitutionis criminalis Carolinae symbolarum. Pars I. 
Lipsiae 1835. — Thomasius, Dissertalo de crimine magiae 1701 (lavoro importante sugli 
abusi del processo della magia di cui egli fu un accanito oppositore.) — Montesquieu, Tesprit 
des lois. Paris 1748.— Bartling, Das Landrecht von Pfirdt Eiu Beitrag zur Sitten» und 
Rechtsgeschichte des Elsasses (12 tes Capitel) in Zeitschr. far deutsche Culturgeschichte 
1871. .p. 697. — Holtzendorpf , Handbuch des deutschen Strafrechts. Berlin 1871. — 
SoLDAN, Geschichte der Hexdnprocesse. II te Auflage. 1880. — Feuerbach, Revision der 
Grunds&tze und Grundbegriffe des peinlichen Rechts. Thl. L Erfurt 1799.— Feuerbach^ 
Lehrbuch des gemeinen in Deutschland gùltigen peinlichen Rechts 1801. 

Prima di entrare in una esposizione particolareggiata sullo 
sviluppo storico della medicina legale, ci sia permesso indicare 
in brevi tratti qualche cosa di più speciale dal nostro punto di 
vista intorno all'abbozzo che segue. 

• Fra tutte le branche speciali in cui si divide il vasto campo 
della medicina, la parte più difficile a trattare è certamente 
lo sviluppo storico della medicina legale. Mentre in generale 
per le altre branche speciali esiste una grande scelta di scrii 
lavori storici, che, grazie alle assidue cure di molti osservatori, 
rendono facilmente possibile orizzontarsi nel campo della sto- 
ria, la storia della medicina legale non possiede finora contri- 
buzioni recenti di questa natura. Dai tempi di Mendes fino a 
questi ultimi, in cui Oesterlen pubblicò uno dei più scrii la- 
vori storici, troviamo piccoli frammenti monografici, ma finora 
deploriamo la mancanza di una storia della medicina legale, 
particolareggiata e minuta. 

Se ci facciamo a ricercare le cause di questo strano fatto, 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 7 

la ragione principalissima la troviamo senza dubbio in una cir- 
costanza che, mentre nelle altre discipline non ha tanta impor- 
tanza, ne ha moltissima nella storia della medicina legale, cioè 
nella necessità di studii giuridici almeno parziali. 

Se si vuole conoscere lo sviluppo storico della medicina 
legale e la sua origine fin dai primi suoi passi, che si per- 
dono nei tempi più remoti, se si vuol seguire il suo ulteriore 
sviluppo, che va pur fondandosi successivamente sulle positive 
disposizioni giuridiche, bisogna anche studiare lo sviluppo sto- 
rico del dritto, e sapersi orizzontare specialmente nella storia 
del dritto e della procedura penale. Per quanto appaia etero- 
geneo alla istruzione di un medico, basata sulle scienze naturali, 
lo studio di queste scienze astratte, esso è però strettamente 
necessario per conoscere bene la storia della medicina legale, 
però è anche ben difficile conoscere la materia a sufficienza 
in modo scientifico, e mancano lavori che si occupino della 
influenza delle diverse fasi evolutive del dritto penale sulla medi- 
cina legale. D'altronde quando ci facciamo a ricercare la ragione 
del fatto poc'anzi indicato non dobbiamo nemmeno dimenticare 
in generale i rapporti della evoluzione storica della medicina 
in generale. Mentre gli antichi si occupano di minute ricerche 
storiche nel campo della medicina, nei tempi moderni per i 
necessarii lavori sulle scienze esatte , e per V urgente cono- 
scenza delle scienze ausiliarie , i lavori storici sono , pur con 
grande nocumento, rimasti per lo meno abbandonati e trascu- 
rati da uomini eminenti del resto, e non potettero spiegare 
nella scienza medica la loro benefica influenza di cui furono 
certamente capaci specialmente nella critica eclettica. Carat- 
teristico a questo stato di cose è certo il fatto che l'archivio 
di Janus redatto per anni dai migliori scienziati cadde ben 
presto per mancanza di cultori, e che questa importante disci- 
plina trovò solo, per i sacrifici dello ingegnoso istoriografo 
della medicina tedesca Rohlf, un posto in cui potette fare le 
sue pubblicazioni. Questo ristagno nella istoriografia medica, 
in cui da parte dei tedeschi spiccano i capolavori di Hàser, 
Kirsch e Rohlf, offre certamente nei lavori storici che ri- 
guardano branche speciali della medicina grandi difficoltà, che 
vengono senza dubbio ancora aumentate dalla necessità innanzi 
indicata degli studi giuridici. La seguente esposizione, che non 



Digitized by VjOOQIC 



8 JanoYBky, 

può avere la menoma pretensione né meritare il nome di mo- 
nografia, perchè i limiti imposti dalla natura dell' opera sono 
troppo angusti, varrà solo a dare a brevi tratti una introduzione 
storica ai recenti lavori pratici che seguono , ed uno schizzo 
succinto sullo sviluppo storico della medicina legale. 



Se ci facciamo a ricercare le prime tracce dell' origine di 
una medicina legale, dobbiamo primieramente intenderci su certi 
fatti esistenti nello sviluppo storico del dritto penale, senza la 
cui conoscenza è impossibile comprendere l'influenza dell'an- 
tichità, e del medio evo sulla nostra disciplina. — Innanzi tutto 
non dobbiamo mai pretendere di trovare un sistema completo 
di medicina legale nell' antichità e nel medio evo. L' epoca in 
cui questa disciplina, che a questo riguardo rimase indietro più 
delle altre branche della medicina, ebbe un sistema completo, è 
abbastanza tardiva. La ragione di ciò è semplicemente questa, 
che nei primi tempi il dritto penale non riteneva il parere medico 
come importante elemento di pruova, e nei tempi antichi vi si 
ricorreva solo per eccezione. Solo quando l'indirizzo della pro- 
cedura e del dritto penale dal punto di vista piuttosto dell'offesa 
privata,che dominò presso i romani al principio e nei primi tempi 
della legislazione popolare germanica, passò nelle mani dello 
Stato, che si affermò come vendicatore della società, pubblico 
accusatore dell' ingiuria patita, la medicina legale si sviluppò 
come una delle scienze ausiliarie necessarie al dritto penale 
nella procedura iniziata specialmente dopo l'epoca del codice 
Carolino. — Cosi il secolo 16.^, che fu il principio del rinasci- 
mento del dritto penale e che si lega al codice penale Carolino, 
è anche il principio di una nuova era per la medicina legale, 
ed al principio di una medicina legale razionalmente sistema- 
tica si legano i nomi di Pareo, di Fedele, di Codronchio, 
di Z a eh i a, che segnano il termine della oscurità che fino allora 
regnava a questo riguardo. Quello però che noi troviamo* come 
prime tracce nei lunghi secoli che precedettero quest'epoca non 
si deve gettar via come zavorra; giacché non é a credere che 
nel 16.** secolo la medicina legale venisse fuori improvvisa come 
Minerva dal cervello di Giove , essendo che anche questa di- 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della mediciua legale 9 

sciplina è soggetta alla legge dell'evoluzionismo che regola 
tutte le scienze. Quand'anche nell'antichità si trovino di rado 
singoli fatti che hanno rapporto colla materia in discorso, la 
intelligenza dei tempi passati viene, secondo noi, agevolata da 
un fatto che non dobbiamo ignorare e che ci spiega tante cose. 
La medicina nell'antichità ed anche in una porzione del medio 
evo non era una scienza completamente circoscritta ad una 
classe di persone solamente. Poggiandosi fin dal principio 
sulle scienze naturali da cui derivò come loro naturale com- 
plemento, essa diede d'altra parte nell'antichità la mano alla 
filosofia, e divenne così essenzialmente un patrimonio comune a 
quegli uomini di dottrina enciclopedica che incontriamo tanto 
spesso a quell'epoca. Così possiamo comprendere come sebbene 
nelle leggi e nei decreti non venissero consultati medici speciali, 
vi si trovano idee che sono impossibili a ben comprendere senza 
nozioni mediche, come ci dimostrano specialmente i capitoli 
della legislazione romana e tedesca sulle ferite. Da questo punto 
di vista sono di indiscutibile importanza anche le notizie e le 
questioni legali dell'antichità. 

Se passiamo a rassegna le tradizioni scritte delle più remote 
nazioni del mondo antico, sovente la parte in verità spesso insi- 
gnificante delle origini non giunge fino a noi, ma talvolta ci for- 
nisce interessanti barlumi sulle vedute giuridiche di quel tempo. 
Presso uno dei più antichi popoli colti del mondo antico (le cui 
tradizioni scritte sono senza dubbio le più antiche), presso gli 
Egiziani, i cui tesori ci sono stati schiusi abbastanza dai pre- 
gevoli lavori dei moderni egittologi francesi e tedeschi, non 
troviamo alcun punto di appoggio per il nostro scopo. — Presso 
la nazione indiana, tanto importante sotto il rapporto della cul- 
tura,noi troviamo nel codice di Manu scritto circa 600 anni avanti 
Cristo, una quantità di decreti codificati, però nessun punto 
che si riferisca alla nostra disciplina, malgrado che gli Indiani 
posseggano una ricca letteratura medica, e gli Ayur Veda di 
Charakas e Susrutas offrano lavori importanti massime ri- 
guardò alla chirurgia. UH qualche maggior profitto si ricava 
dallo studio della storia degli Israeliti, e la bibbia, massime 
nei libri di Mosè, insieme ad una quantità di deliberazioni e 
disposizioni di polizia sanitaria, che tralasciamo perchè non 
fanno al caso nostro, contiene molte cose interessanti sotto 



Digitized by VjOOQIC 



10 J a D o V s k y, 

il rapporto medico-legale. Così in diversi punti troviamo trat- 
tati i segni della verginità, dello stupro, della pederastia, della 
sodomia e delle ferite. U esame legale dei morti non era in 
uso, secondo i libri di Mosè, e, come già si è detto, era. attri- 
buzione dei parenti per interesse piuttosto privato fare indagini 
sulla morte del ferito. L'omicida veniva abbandonato alla ven- 
detta privata. Come segno della verginità era ritenuta la con- 
statazione della emorragia nella deflorazione. 

Il Talmud sorto dalla Misnà e dalla Gemara si occupa in 
molti punti della soluzione di queste questioni, ed, oltre alla sua 
importanza ritualmente dommatica, rappresenta nel tempo stesso 
una interessante sorgente del dritto giudaico, come dimostrano 
particolareggiatamente i già citati lavori di Israel, Wunder- 
bar e Rabbinovicz. Così la quistione della superfetazione^ 
tanto importante sotto il rapporto legale che troviamo più tardi 
in molti lavori, è trattata abbastanza dettagliatamente nel Tal- 
mud, come pure sono descritti minutamente i segni della pu- 
bertà e della sterilità. Anche V aborto è trattato abbastanza 
bene, e vi si trova svolta l'eterna quistione del feto animato 
ed inanimato^ di cui si occuparono i medici legali del 16."* e 
17.° secolo. 

Nella storia dei cinesi non si trova nulla sotto il rapporto 
del dritto penale massime riguardo alla medicina legale, e pos- 
siamo quindi al riguardo rivolgerci ai greci ed ai romani. 

Le notizie importanti per il fatto nostro si trovano deci- 
samente più nei romani che nei greci. — * Malgrado che i greci 
ebbero leggi stabili fin dai tempi di Solone e Licurgo, seb- 
bene oltre all'areopago sorsero altri tribunali penali che giu- 
dicavano l'omicida, il punto di vista piuttosto privato che 
guidava la querela avanzata dai parenti dell' ucciso o del ferito 
e dava alla quistione una impronta piuttosto privata, impedì 
lo sviluppo dell'applicazione a scopi legali della medicina greca 
tanto riputata. I punti di Demostene e di Syria tratti da 
Schaefer non sono decisivi, perchè da essi non risulta che la 
pruova veniva data direttamente dal medico , ma lo stato di 
debolezza della vecchia maltrattata costatato dal medico veniva 
confermato da due altri testimoni (profani). 

Così pure nel discorso di Antifone sull'omicidio, che 
può servire da modello, noi non troviamo alcun accenno che la 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico ilelld medicina legale 11 

dichiarazione medica fosse in qualche modo necessaria o che 
venisse richiesto Pesame del cadavere, ma la legge, come pos- 
siamo nettamente leggere nella raccolta delle leggi attiche di 
Petit, impone alPufflciale civile Tobbligo di far seppellire il ca- 
davere nello stesso giorno in cui l'individuo venne ammazzato, 
in cui cioè fu rinvenuto il cadavere sotto minaccia di una note- 
vole multa. — Un' altra pruova che la perizia medico-legale non 
era in uso presso i greci, la troviamo nel modo leggiero con cui il 
giudice trattava gli errori dei medici, i quali nella Grecia, come 
lamenta Ippocrate (nel capitolo de lege), restarono per lo più 
impuniti, mentre la legislazione romana emanò una legge spe- 
ciale per essi. — Molto più fertile di risultati è questo studio 
presso i romani. Neppure presso di essi dobbiamo per verità 
attenderci, come già abbiam detto, un sistema di medicina le- 
gale, però un esame esatto dei relativi articoli di legge fa ve- 
dere (ciò che noi già in principio indicammo come momento 
essenziale per comprendere V antichità), che le nozioni mediche 
più popolarizzate e generalizzate esercitarono più tardi una evi- 
dente influenza sulle disposizioni legislative, ma però non esiste 
traccia alcuna sulla deposizione medica come pruova giuridica, 
che la legge cioè V avesse espressamente richiesta come tale. 
Prima ancora che nelle circostanze puramente penali, le de- 
posizioni dei medici pare sieno state richieste nelle quistioni 
di dritto privato. L'essenza del processo rimase insomma la 
stessa, non si tratta di una istruzione penale, ma piuttosto di 
una querela privata. — Anzitutto, specialmente nei primi tempi, 
la maggior parte dei medici non si sceglievano tra le persone 
capaci di inspirare fiducia, e che si trovavano in una posizione 
eminente da offrire una speciale credibilità alle deposizioni da 
essi fatte innanzi al giudice. Avventurieri , per lo più greci , 
quindi schiavi fatti liberi, e gli stessi schiavi, rappresenta- 
vano il principale contingente, la cui abbiezione emerge evi- 
dente non solo dai detti di Catone ma anche dai satirici 
dell'impero, sorgenti importantissime per la storia della col- 
tura romana. — Solo i fatti che si svolsero più tardi nelP im- 
pero, la fondazione dell'archiatria, e i progressi della mediciiia 
produssero una benefica reazione, la quale però venne troppo 
tardi per dare ai medici un'ingerenza anche negli afl'ari le- 
gali. L'autopsia legale naturalmente non si faceva perchè con- 



Digitized by VjOOQIC 



12 Janovsky, 

traria al sentimento religioso della nazione, e tutto ciò che si 
pretese trovare a questo riguardo, specialmente in ordiìie agli 
avvelenamenti, in un punto della vita di Caligola scritta da 
Svetonio , mancava di ogni vera base scientifica, ed anche la 
deposizione di Antistio sulla letalità delle ferite di Cesare, come 
Mende (1. e.) fa rilevare, deve riguardarsi come parere pura- 
mente privato. — Riguardo al testé connato collegio degli Ar- 
chiatri, esso era incaricato anzi tutto di sorvegliare sugli altri 
medici, poteva quindi probabilmente essere sua competenza di 
giudicare degli errori commessi, ma però nessun dettagho si 
conosce al riguardo, di guisa che non resta che una vaga sup- 
posizione. — Che nella Roma antica gli errori erano frequenti, 
è provato dalla lagnanza che ne fa Plinio: Nulla praeterea lex 
quae puniat iustitiam capitalem. nullum exemplum vindictae. 
Discunt periculis nostris et experimenta per mortis agunt 
medicoque tantum hominum occidisse impunitas summa est 

La legge Cornelia, bandita sotto Siila contro gli errori dei 
medici, non ebbe molti buoni risultati. Non è però a ritenere 
del resto che specialmente in un'epoca posteriore fosse mancato 
ai romani il sostrato della medicina legale, massime riguardo 
alle ferite^ giacché in molte opere, e proprio nel libro di . Celso 
(de Medicina) tanto importante per la storia della chirurgia, 
troviamo esatte descrizioni sulle ferite pericolose e mortali. 

Se ora passiamo a rassegna le singole disposizioni penali 
nella cui redazione possiamo ammettere delle nozioni mediche, 
noi vediamo, ponendo mente allo sviluppo del diritto penale 
romano, che già al tempo del dritto popolare, che seguì Te- 
poca dei re, T omicidio va compreso nei delitti pubblici , od 
anche al tempo delle cosi dette quaestiones perpetuae , che 
rappresentano tribunali speciali per i delitti pubblici, vi sono 
articoli di legge fondati sulla base anzidetta, come pure più 
tardi al tempo della così detta cognitio extraordinaria ^ in 
cui la giurisdizione si estese anche air Imperatore, al Senato 
ed al Prefetto della città, e le quaestiones perpetuae perdet- 
tero sempre più di importanza. Lo stesso vediamo anche nel 
Codice Giustiniano , V epoca più fiorente della giurisprudenza 
romana, che elevò la scienza del dritto ad un'altezza non rag- 
giunta mai fino allora nell'antichità, e forma in parte ancora 
la base delle nostre vedute giuridiche. Diamo alcuni saggi per 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 13 

illustrare il già detto. — Riguardo alla importante quistione 
della responsabilità, . che è anche oggi una delle quistioni di 
attualità della psicologia e della psichiatria forense, il diritto 
romano stabilisce le singole pene secondo la imputabilità del 
reo. I fanciulli al di sotto dei 7 anni non sono responsabili 
dèi reati, negli impuberi la inimputabilità si valuta in ra- 
gione della capacità del dolo, così che fino a 14 anni il giu- 
dizio è di assoluta competenza del giudice. Nei minorenni, 
cioè negli individui al di sotto dei 25 anni, Tadulterio e lo 
stupro non vengono presi in considerazione. Gli alienati di 
mente non sono responsabili delle loro azioni. La legislazione 
romana conosce solo una specie di malattia mentale, il furo- 
re, il cui giudizio è di competenza del giudice. Secondo Re in 
(che qui seguo), l'imputato è responsabile solo negli inter- 
valli lucidi {intervalla sensu saniore). Molto interessanti sono 
ìe passioni descritte più specialmente da Cicerone, nelle 
quali la mancanza di una chiara coscienza toglie la respon- 
sabilità , circostanza che , come è noto , è presa in grande 
considerazione da eminenti medici legali e psichiatri moder- 
ni, e che specialmente presso i giudici dell'Impero trovò 
molte volte adito massime nella cognitio exstraordinaria. An- 
che r ubbriachezza fu calcolata più tardi come stato impetuoso 
(passione), e riguardata come colpa intermedia tra il dolo ed il 
caso. La legislazione romana si occupò spesso degli avvelena- 
menti a causa della loro frequenza, che nel secondo secolo prima 
di Cristo aumentò tanto che si dovette creare per essi un que- 
sito speciale, fatto che in Roma si ripetette nei tempi antichi già 
tanto spesso, che 332 anni prima di Cristo fu scelto un ditta- 
tore. — Il Pretore Mennio mostrò al Senato 3000 condannati che 
caddero sotto la sanzione della legge Cornelia. Questa legge si 
estese anche agli errori di professione, alle morti verificatesi 
in seguito di un medicamen quod ad salutem hominis vel ad 
remedium datum erat (Re in 1. e). Questo omicidio era punito 
coU'esilio nei nobili, colla morte nei plebei. Secondo il commen- 
tario di Ulpiapp questa legge si estendeva anche alle morti per 
negligenza da parte del medico. 

Come rileviamo dall'esegesi di Giulio Paolo, la legislazione 
romana riconosce anche l'importante distinzione che si trova in 
tutti i moderni trattati di diritto penale, della morte cioè in 



gigitized by VjOOQIC 



14 Janovsky, 

seguito di una ferita per circostanze speciali estranee ad essa, 
ed altre complicazioni non determinate della ferita. — Riguardo 
all'infanticidio la legge distingue la uccisione del figlio ille- 
gittimo fatto dalla madre, che vien ritenuto omicidio, e quello 
del figlio legittimo anche fatto dalla madre la cui punizione da 
principio cadde sotto la competenza del marito, ma poscia, secondo 
la legge Pompeiana de parricidio, sotto la legge Cornelia. Ri- 
guardo air uccisione del figlio fatta dal padre, fino all'epoca 
dell'Impero erano in vigore le leggi della patria potestà, mas- 
sime rispetto ai bambini mostruosi o deformi. Importantissime 
sono anche le disposizioni delle leggi romane sull'aborto (par- 
tus abactus). Lo stato si comportò da principio in modo ab- 
bastanza indifferente, giacché in questo caso nessuno de' primi 
giuristi ammise l'omicidio, ma vide nel fatto solamente lo stigma 
di una immoralità. Per le donne maritate queste colpe cadevano 
sotto la giurisdizione della patria potestà, per quelle non mari- 
tate si deplorarono solo più tardi quando la demoralizzazione 
della società progredì sempre più, e solo ai tempi di Marco An- 
tonio e di Severo ci si fece attenzione, come appare dal 25.* 
libro del Digesto, titolo 4.* de inspiciendo ventro et custodiendo 
partUy di cui riparleremo appresso. Solo a quest'epoca fu ap- 
plicata a questa colpa la pena del summum supplicium. Per 
stupro la legge intendeva in principio il coito per forza con 
vergine o vedova, e da prima la quistione fu di interesse pri- 
vato cioè dei parenti della stuprata. Solo la legge Giulia dette 
maggior peso a questo reato. — La pederastia importata dal-. 
l'Oriente si estese ben presto e specialmente al principio del- 
l' Impero anche in Roma, e poiché gli ordini dei censori non 
produssero alcun effetto, dovette invece intervenire la legge 
Scantinia, la quale nell'era cristiana dell'Impero romano ac- 
quistò maggior forza massime sotto i figli di Costantino. Quello 
che a noi riguarda particolarmente si é che lo stupro violento 
non ebbe alcuna importanza speciale nelle leggi romane, ma 
cadeva sotto le generali disposizioni delle azioni violente, cioè 
sotto la legge Giulia de vi. — Pene più gravi furpno inflitte al- 
l' incesto, ed a questo riguardo crediamo che i limiti della pa- 
rentela erano più estesi che nella -nostra legislazione moderna. 
Un preludio agli orribili processi contro le streghe del 
medio evo formano i diversi Senatusconsulti contro i maghi 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della mediciDa legale 15 

e gli indovini per lo più caldei , che caddero sotto la legge 
Cornelia de sicariis^ e le cui pene, massime al tempo degl' Im- 
peratori romani, per crudeltà e malizia gareggiarono con quelle 
del famigerato malleus malleflcarum. Al codice Teodosiano 
spetta il merito di aver acceso il rogo per le vittime infelici 
della loro credulità, delPodio raffinato e del delirio di perse- 
cuzione, le cui fiamme ardenti gettarono fin nei tempi remoti 
l'intenso riverbero sullo spettacolo di una delle più orribili 
aberrazioni del genere umano. 

Nel tempo che precedette il codice Giustinianeo emerge 
ordinariamente sotto il rapportò forense lo scritto di Galeno 
sui simulatori (quomodo morbum simulantes sint deprehen-- 
dendi ) , il quale per verità contiene molte cose giuste ed inte- 
ressanti, però non risulta che questo scritto fosse stato inspi- 
rato da un bisogno giuridico, ma piuttosto fu eflfètto di privati 
interessi. 

Il tempo successivo al codice Giustinianeo, che ha origine 
sin dall'epoca dei Severi, accenna, come già dicemmo sopra, 
airepoca luminosa della Giurisprudenza romana, la quale, seb- 
bene non in modo positivo, indicò una riforma nel processo 
penale, in quanto che acquistò piuttosto il carattere inqui- 
sitorio dei tempi moderni. Sebbene questa tendenza sembrò 
favorevole allo sviluppo della medicina legale, pure questa 
conquista venne paralizzata da due importanti momenti , cioè 
prima dal concetto giuridico che Pintenzione determini la pu- 
nibilità delPazione, per lo che Tesecuzione sta in secondo or- 
dine, e poi dalle condizioni si può dire meschine della' medi- 
cina come scienza in cui la teosofia orientale e la cabalistica 
cominciarono ad eccedere, negando le accennate basi della 
classica osservazione che così beneficamente ci si presentano 
nella medicina ippocratica. — Così pare sia veramente più un 
merito del legislatore anziché P influenza della medicina ra- 
zionale, se noi troviamo nel Digesto per la prima volta la ne- 
cessità di un parere tecnico stabilito dalla legge, come la co- 
statazione della gravidanza fatta dalle levatrici, prescritta dal 
Digesto nel capitolo de inspiciendo ventre et custodiendo pariu, 
e che più tardi ancora contribuirono tanto alle pene ed alle 
torture. 

n codice Giustinianeo contiene anche una rigorosa distin- 



Digitized by VjOOQIC 



16 Janovsky, 

^oue delle diverse specie di malattie mentali riguardo alla 
responsabilità, e vi troviamo, secondo Ceste ri e n, già distinti 
fra loro il concetto della demenza, della follia, del furore, del- 
l'insania, della fatuità, della mania, ed anche presa più in con- 
siderazione la dottrina dei lucidi intervalli. Riguardo ai feti 
anche, secondo il Digesto e secondo Paolo, era necessario per 
la legittimità del parto la completa maturità del bambino (H e- 
ker), e le novelle di Giustiniano presero in una certa con- 
si(ìerazione la castrazione allora tanto frequente. L'avvelena- 
mento ebbe secondo il codice un' importanza maggiore del- 
l'ordinario omicidio. 

Questi in breve sarebbero i punti delle leggi romane che ci 
lasciano supporre l'applicazione delle nozioni mediche, e che 
quindi indichiamo come le prime tracce di un principio della 
medicina legale, come le pietre fondamentali per verità ancora 
molto separate, la cui riunione a sistema era serbata solo al 
principio dei tempi moderni. — Nella storia della legislazione, 
dopo un intervallo abbastanza lungo in una direzione che a 
noi interessa specialmente, si debbono prendere in considera- 
zione due nuovi momenti, cioè lo sviluppo del diritto popo- 
lare settentrionale germanico e l'ingerenza del dritto cano- 
nico; a preferenza il primo ci riguarda. Roma soggiacque al- 
l'urto delle burrascose onde dei popoli impetuosi, che si oppo- 
sero forti ed incorrotti con le loro influenze civilizzatrici al 
demoralizzato e snervato impero romano occidentale. — Nella 
vera lotta per l'esistenza, le diverse nazioni per lo più nordi- 
che, nei tempi delle emigrazioni dei popoli empirono le pagine 
della loro storia delle notizie sulle lotte sanguinose e sulle 
conquiste espoliatrici, non ebbero però naturalmente le benedi- 
zioni di un ordinato reggimento nel quale solamente potevano 
svolgersi solide leggi. Solo quando le cose cominciarono a ordi- 
narsi in modo alquanto stabile, si pose mano a raccogliere 
le sparse tradizioni giuridiche popolari, che per un certo tem- 
po furono leggi per il popolo. Era compito dei tempi poste- 
riori di raccogliere queste leggi e dar loro quella forma in 
cui sono venute a noi come i codici dei diversi popoli nor- 
dici e germanici. Queste leggi richiamano naturalmente la no- 
stra attenzione, nel tempo decorso fino alla metà del medio evo, 
perchè rappresentano le sole norme giuridiche solide e codi- 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 17 

flcate secondo il dritto romano a quel tempo, giacché l'impero 
romano orientale nella sua vita apparente tanto interrotta da 
lotte religiose, intrighi di corte ed abitudini semiasiatiche non 
ebbe alcun' influenza sul codice penale. Un genio particolare 
inspirò le leggi della nordica Germania; esse debbono la loro 
origine al bisogno di un popolo che lottava per la sua esistenza, 
e doveva mirare ad assicurare resistenza della sua società in 
principio piccola, per cui, come vediamo, sottrasse alla inge- 
renza deir accusa privata certi reati contro V esistenza della 
società, e li rese piuttosto materia di intervento dello stato. Così 
venne fuori il momento inquisitivo che ebbe sullo sviluppo 
posteriore della medicina legale un'influenza tanto decisa, co- 
me bene a ragione fa rilevare Oesterlen nella sua eccellente 
monografia, da seguirne la costatazione del fatto e quindi Tesarne 
legale. Oltre a ciò specialmente nei codici più recenti si mo- 
stra affatto distinta l'influenza umanitaria del cristianesimo , 
per cui scompare la vendetta privata che sottrasse anche più 
il reato alla ingerenza dello stato. Un momento che è per 
noi di importanza affatto speciale e che troviamo nelle leggi 
germaniche, si è la esatta descrizione e qualifica delle ferite, 
che a causa dell'applicazione delle pene si trova in tutti i co- 
dici, perlochè noi non possiamo pensare che ciò potesse farsi 
senza il concorso medico, anzi per di più, come vedremo ap- 
presso, la legge tedesca richiede in modo affatto deciso in 
cerii casi di ferite la dichiarazione di un medico. L'esame me- 
dico-legale del cadavere non si può con tutta determinatezza, a 
nostro credere, dedurre dalle indicate sorgenti, poiché i relativi 
passi, tolti soprattutto dallo « specchio sassone » e dalla legge 
normanna fanno piuttosto pensare ad un esame giudiziario del 
cadaverej il quale come corpo del delitto era la pruova mi- 
gliore dell'omicidio commesso. Le sorgenti del dritto a questo 
riguardo sono le nordiche, i così detti graugans, il Guta Lagh 
e la legge jullandese, non che i capitolari dei re franchi, e nei 
tempi posteriori, la legge salica, quella dei ripuari, dei franchi, 
dei camari, degli alemanni, dei baiuvari, dei burgogni, dei frisi, 
degli angli e dei verini, dei sassoni, dei visigoti e dei longo- 
bardi (v. Geib). Noi sorpasseremmo lo scopo propostoci se vo- 
lessimo qui fare dettagliata menzione di tutti i rispettivi articoli 
di legge in cui potremmo trovare indicazioni sull'influenza della 

Mascqka — Med. leg. Voi. I. 2 



Digitized by VjOOQIC 



18 Janovsky, 

medicina legale ; noi dobbiamo qui, come per le citazioni delle 
leggi romane, limitarci solamente ad un breve cenno. 

Disposizioni molto profonde si trovano nei diversi codici 
nel capitolo sulPomicidio e sulla percossa mortale. I graugans 
per es. ritenevano come carattere di una lesione mortale la 
qualifica della ferita mortale, e tali erano considerate le ferite 
profonde penetranti, quelle delle ossa e degli organi interni 
(v. Ceste rlen 1. e); le ferite piccole si potevano riguardare 
letali solo quando i giurati dichiaravano che la ferita sebbene 
fosse sembrata piccola in principio, pure aveva recata la morte 
(v. Wilda). Il giudizio delle speciali circostanze del caso in ri- 
guardo alla causa della letalità era naturalmente molto primitivo, 
come non potevamo aspettarci diversamente ai tempi in cui l'ana- 
tomia era perfettamente ignorata. — L'omicidio era compreso nella 
classe delle uccisioni più gravi. La domanda formulata da Me n de 
(1. e. pag. 88), che come testimoni necessari a provare Tomicidio 
venissero chiamati anche gli ecclesiastici, che allora erano al 
tempo stesso medici, e quindi a questo modo sarebbe sorta una 
pruova testimoniale scientificamente tecnica, è abbastanza pro- 
babile se si tien conto di un punto dei capitolari. Le autopsie 
decisamente non si facevano, giacché la bolla di Bonifacio Vili 
proibiva l'anatomia anche in quest'epoca posteriore. Il veneficio 
non aveva maggior importanza dell'omicidio in generale, come 
possiamo vedere specialmente nella legge longobarda di Rota- 
rio (v. Osenbrùggen). Importanti sono le disposizioni sull'a- 
borto, e proprio tanto di quello commesso da mano altrui che 
di quello fatto dalla madre casualmente, in rissa o volontaria- 
mente. La legge dei visigoti distingue nel codice penale il feto 
formato e lo informe. La legge alemanna parla del tempo della 
distinzione del sesso del feto per rapporto alla pena. Più tardi 
su questo modo di vedere influì l'opinione di S. Agostino, che 
nel feto l'anima penetrasse solo dopo il 40** giorno. Interes- 
sante per rapporto alle conoscenze storico-embriologiche è il 
modo di vedere della legge frisia sullo sviluppo successivo del 
feto (v. Wilda p. 721), la cui costatazione non si può pensare 
senza l'intervento medico. 

La somministrazione dei mezzi abortivi, che sembrò reato 
per lo più da sottoporre alla giurisdizione criminale della chiesa, 
e di cui fa menzione solo qualche codice tedesco, viene ugua- 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale ' 19 

gliata all'avvelenamento ed alla stregoneria, come mostrano i 
capitoli del codice dei visigoti e la legge dei baiuvari. L'infanti- 
cidio, specialmente quello fatto dalla madre sulla propria prole, 
in conseguenza dell'influenza decisamente cristiana, venne ri- 
guardato come doppio reato. Una sorgente straordinariamente 
interessante e ricca per gli storici sono gli artìcoli di legge che 
trattano delle ferite, e riguardo alle relative disposizioni romane 
.segnano un deciso progresso tanto dal punto di vista giuri- 
dico che dal medico. Questi articoli sono caratterizzati da una 
buona classifica delle ferite, per la quale si distingue special- 
mente il codice frisio, da una minuta descrizione del sito, della 
estensione e di altri loro caratteri complicanti. Le leggi germani- 
che conoscono in tutto (v. Wild a, la cui classifica noi qui per lo 
più seguiamo) quattro specie di lesioni: ferite, percosse, mu- 
tilazioni , paralisi. Una definizione precisa della ferita , il cui 
più importante criterio era l'emorragia, si trova anche nel più 
antico codice nordico, i graugans. Secondo criterio per quali- 
ficare una ferita era la natura dell'arme usata. Le percosse erano 
le lesioni corporali non congiunte ad emorragie, e si ritenevano 
come lesioni leggiere. Le ferite si dividevano in 1. semplici j 
il cui carattere generale era l'emorragia; 2. misurabili^ in cui 
la grandezza della ferita influisce decisamente sulla gravezza 
della pena, come risulta specialmente dal diritto frisio. Le fe- 
rite si misuravano per lunghezza e larghezza, e si giudicavano 
anche per riguardo al sito; 3. ferite con coltello che reclama- 
vano r aiuto del medico, per le quali alcuni codici, come spe- 
cialmente il longobardo, comprendevano nelle condanne anche 
le spese per la cura (lo stesso è riguardo all'aiuto medico nella 
legge dei visigoti); 4. ferite penetranti prò fonde ^ quelle che 
giungono fino alle ossa o toccano organi interni. Seguendo 
l'esempio dei graugans, quasi tutti i codici distinguono al ri- 
guardo tre sotto divisioni delle ferite : a) ferite del cervello 
(heilund);6) ferite penetranti in cavità(holund);(?) ferite del midol- 
lo (margund). Queste sono le ferite grandi dei graugans. In op- 
posizione a queste ferite troviamo anche spesso le ferite cor- 
poree (wathaesar). Queste tre diverse specie di ferite sono di- 
versamente riportate nei diversi codici. Nella prima specie si 
distinguono tanto le ferite del capo che giungono fino alle ossa 
che quelle complicate a fratture del cranio e contusione di 



Digitized by VjOOQIC 



20 Janovsky, 

parti del cervello. Nella legge dei baiuvari si ritiene come fe- 
rita del cervello quella che giunge fino alla dura madre. Le 
ferite dell'occipite si ritengono molte volte come pericolose e 
sono punite con pena maggiore. Per ferita cavitaria i graugans 
intendono una ferita associata ad emorragia interna, più tardi si 
sviluppò il concetto delle ferite associate a lesione degli organi 
interni. — Come ferite midollari i graugans riguardano quelle del- 
Tosso quando questo è ferito fino al midollo, però questo modo 
di considerare le ferite è rimasto limitato oltre che a loro, alla 
legge juUandese ed al dritto frisio; 5. come quinta categoria 
delle ferite molti codici indicano quelle che attraversano il corpo, 
che, a giudicare dalle descrizioni esistenti, hanno i caratteri delld 
nostre ferite penetranti. Queste ferite sebbene lievi vengono pu- 
nite con forte pena da molti codici specialmente dal frisio e dal- 
ralemanno;6. fratture ossee in generale classificate dai graugans 
fi:a le ferite gravi. Il codice ostrogota indica queste ferite deci- 
samente come gravi (skenna). Lo scheggiamento delle ossa è 
distinto nettamente dalla frattura; 7. ferite visibili formano una 
categoria a se, in quanto che sotto questa denominazione si 
comprendono le ferite che lasciano una citatrice o una de- 
formità; 8. finalmente formano una categoria a se le ferite che 
lasciano conseguenze permanenti (secondo il nostro concetto), 
che spesso si debbono classificare fra le lesioni che, secondo 
la classifica generale, sono da riguardare come paralisi e mu- 
tilazione. In questa classe la legge frisia comprende per es. 
le ferite che lasciano un' impressionabilità al caldo, al freddo 
ai mutamenti di tempo, che determinano una paralisi e un 
accorciamento degli arti, che non sogliono guarire ecc. Questi 
pochi esempi possono servire per giudicare dello stato delle 
conoscenze mediche che servirono di base alle leggi citate, 
ed ognuno si accorgerà che esse non eraaio scarse. 

Ancora poche parole dobbiamo qui aggiungere sul trat- 
tamento e sulla responsabilità degli alienati di mente^ in cui per 
verità non si trova alcun concetto umanitario, né per altro lo 
si poteva chiedere nelle condizioni di allora. La maggior parte 
delle leggi non prendono punto in considerazione la irresponsa- 
bilità del reo demente, o pure, come i graugans, richiedono per 
far questa diagnosi criteri rarissimi ad incontrare. Una circo- 
stanza che rese difficile la quistione, come £3t osservare Wild a, 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 21 

è anche quella che spesso sotto V influenza delle idee eccle- 
siastiche, la demenza si riteneva come una malattia cagionata 
dai propri peccati. Solo la legge longobarda (Rotaris) sembra 
inspirata a sentimenti più miti. 

Si è già, detto sopra che trattando dello sviluppo della le- 
gislazione in rapporto alla medicina legale, non si può passare 
sotto silenzio l'influenza della giurisprudenza canonica o meglio 
detto del dritto canonico. In generale si può dire, che il punto 
4i vista del dritto canonico è eguale a quello del dritto pub- 
blico comune, in quanto che esso dovette lasciare piena libertà 
a chi voleva seguirlo; però sotto il rapporto criminale esso so- 
vente ebbe una decisa influenza, accentuando la colpa contro 
l'ordine sociale dal punto di vista della morale religiosa, ed as- 
sociò al verdetto del giudice lo stigma della colpa che a quei 
tempi era un fatto molto grave. Per verità nelPindirizzo da noi 
dato al soggetto del nostro lavoro, l'influenza piuttosto teoretica 
del diritto canonico si vede poco; è però sempre interessante ad 
apprendere che uno dei primi risvegli ad un giudizio tecnico 
medico-legale si lega ad un caso giudicato secondo il dritto 
canonico. ^ Un decreto del Papa Innocenzo III (1209) richiede 
espressamente il parere del medico nei casi speciali in cui si 
deve giudicare di una percossa mortale (Decretai. Gregorii — ut 
peritorum jtidicio medicorum talis perctissio assereretur non 
fuisse letalis\ v. Mende 1. e. pag. 91. Il dritto canonico però 
non ebbe un'influenza stabile, perchè ben presto troviamo una 
incertezza nel diritto, un oscillare della base giuridica nei giu- 
dizii penali, che solo tardi fu rimesso in parte nella via retta 
dalla cosi dettar recezione del dritto romano e dal battere una 
nuova via^ come si vede nei lavori di Schwarzenberg sulla 
costituzione bambergese e su quella criminale Carolina. I vecchi 
capitolari ed i dritti popolari si perdono a poco a poco, i fatti 
su cui basano si cambiano completamente, il bisogno giuridico 
dei tempi diventa un altro, e comincia a dominare un diritto 
consuetudinario spesso arbitrario, che, per lo meno in Germania, 
non ebbe nel suo individualizzarsi i risultati più soddisfacenti.-** 
Si comprende da se come questo periodo non sia stato il più 
utile allo sviluppo della medicina sotto il rapporto legale. Certo 
però non fìi colpa della medicina in se stessa; essa si sforzava 
allora di bandire le tenebre dell'ignoranza che avevano do>^ 



Digitized by VjOOQIC 



22 Janovsky, 

minato per lungo tempo con uno studio attivo e diligente. 
Proprio queir epoca offre uno dei pochi punti luminosi nello 
sviluppo scientiflco del medio evo, in cui da un lato le uni- 
versità formarono per così dire un centro stabile per una at^ 
tiva vita scientifica, e dalPaltro la notevole influenza dell'epoca 
luminosa della medicina araba e della scuola chirurgica ita- 
liana aveva fomite basi sufficienti perchè si fosse svolta un'in- 
fluenza nel senso da noi indicato. — Riguardo all'influenza della 
medicina araba essa (per quanto ne sappiamo) non fu note- 
vole neppure nei lavori legislativi del dritto arabo. Gli audaci 
figli del deserto, che non solo volevano diffondere con la 
spada il domma del Corano dal limitato territorio del suo paese 
natio nelle inesplorate contrade dell'Asia e dell'Europa, ma si 
imposero anche la missione di estendere una coltura più ele- 
vata, non giovarono all'argomento di cui ci occupiamo. Alquanto 
piii giustificato pare lo ammettere una certa ingerenza che si 
attribuisce ai lavori delle scuole italiane di chirurgia, essendo 
che, secondo la tradizione indicata anche da oste rie n, uno 
dei più chiari seguaci di questa illustre scuola, Ugo di Lucca, 
(1249) fu facoltato di dare sotto giuramento pareri medico-le- 
gali come medico municipale di Bologna. Pare che in generale 
si sia allora proceduto lentamente nel richiedere il parere di 
un medico nei casi difficili che reclamavano un giudizio tec- 
nico, come dimostrano i casi indicati da Ortolane citati da 
Oesterlen, in cui anzi in un editto di Filippo il Bello dell'anno 
1311 è detto ses biens aimés chirurgiens Jurés. Anche gli arti- 
coli del codice normanno citati daOrtolan sono caratteristici. 
Stavano così le cose nel corso del secolo H."" e 15.**, quando a poco 
a poco incominciarono a farsi sempre più strada rim][Tellente ne- 
cessità di sviluppare la medicina legale e il convincimento della 
insostenibilità delle vedute dominanti in rapporto al diritto penale 
ed alla medicina. La medicina fu costretta a convincersi sempre 
più che doveva romperla col vagare incerto in teorie senza fon- 
damento del misticismo e della teosofia, e nei suoi tentativi 
di battere una via determinata si vedono i prodromi della clas- 
sica antichità, che servirono come stella polare per uscire dai 
caos: venne il tempo del risorgimento scientifico, che col me- 
todo poggiato sull'osservazione obbiettiva dei classici antichi 
accennava a migliorare. La tendenza umanitaria sempre più 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 23 

potentemente irrompente oSrì un benefico punto di appoggio 
al continuo tentennare delle teorie, e fecondò copiosamente le 
ricerche di quel tempo. — ^A questo importante momento se ne 
aggiunse un altro di un valore egualmente grande , il risor-- 
gimento degli studii anatomici. — È questo un momento che 
non può esser mai valutato abbastanza per rapporto alla medi- 
cina legale. L'anatomia, maestra della nostra scienza, cui la rifor- 
ma della medicina deve essere grata principalmente del suo pro- 
gresso, e che inaugurò sempre i notevolissimi progressi della 
medicina con la sua influenza obiettiva e calzante della logica dei 
fatti, fu talmente coltivata nel 15.** e 10.** secolo, che dobbiamo 
indicare questi studii come la pietra fondamentale della storia 
della medicina. Dalle prime basi di Mondino de L uzzi, che 
sebbene ancora abbastanza primitive pur ci interessano però 
come prime tracce, dal primo anatomista scientifico del 16.** se- 
colo cioè Berengario da Carpi, comincia la serie degli anato- 
mici italiani, fra cui occupano il posto più eminente Cannani, 
Benedetti e Guidi, fino all'astro luminoso di Andrea Ve- 
s al io, il contemporaneo di quel Carlo V che nel suo codice pe- 
nale assegnò per primo un posto onorevole alla medicina legale. 
Essi sono i fondatori di una nuova scuola che prese per base la 
osservazione obiettiva, e ad essi spetta anche il merito di aver 
iniziata una nuova via anche riguardo alla medicina legale , 
alla quale le loro ricerche giovarono solo più tardi. Dal regno 
di teoremi meschini essi portarono la medicina sulle basi della 
ricerca scientifica, ai fondamenti dell'osservazione clinica dei 
medici antichi essi aggiunsero le basi di una esatta ricerca. 
Simile rivoluzione con le stesse tendenze si verificò anche a 
poco a poco nella giurisprudenza per rapporto al diritto pe- 
nale. Dal caos del dritto consuetudinario individualizzantesi nac- 
que la reazione della così detta ricezione del dritto romano ed 
in parte del dritto canonico come tendenza a dar basi stabili 
a fatui teoremi. E quand' anche questa tendenza verso le idee 
dei più stimati autori spesso degenerò in un vQro e formale ro- 
manismo, essa però appare come una riforma che ebbe per con- 
seguenza la costituzione del codice penale propriamente scien- 
tìfico, adattato ai bisogni della società moderna. Cosi ci avvici- 
niamo al tempo in cui i due momenti, il giuridico ed il medico, 
cominciano ad entrare in un' azione reciproca sempre più pre- 



Digitized by VjOOQIC 



24 J a n o V s k y, 

cisa, ci avviciniamo cioè al tempo molto importante nella sto- 
ria della medicina legale nel quale fu introdotto il codice pe- 
nale Carolino (1532). 

Un'importante influenza sulla introduzione del codice penale 
Carolino ebbero le disposizioni penali che lo precedettero e che 
gli servirono in certo modo di base, confermando cosi ancora 
una volta la legge delPevoluzionismo. La più notevole influenza 
Tebbe forse il codice penale bambergiano (1507) sorto sotto Tin- 
fluenza dell'illustre giurista ed umanista barone Giovanni 
Schwarzenberg; ed in cui troviamo più tardi le basi del 
codice Carolino. — Già nel codice bambergiano e nel correttorio 
ad esso più tardi succeduto, si trova la richiesta diretta di un 
parere scientifico nei casi di uccisioni, errori di arte ed in- 
fanticidio. Inoltre un correttorio posteriore contiene un esatto 
accenno all'eSame medico-legale del cadavere, che doveva in 
un dato caso constatare la causa della morte in seguito di una 
ferita. Il primo schema del codice Carolino rimonta al tempo 
della prima dieta a Worms nel 1521. In seguito il progetto fa 
rifatto e ripresentato alle diete di Nùrnberg e Speier (1524 e 
1526), ai quali lavori prese parte importante lo Schwarzen- 
berg. L^ accettazione finale del progetto, contro il quale da 
principio credettero bene protestare molti stati, accadde in ve- 
rità con una clausula salvatoria alla dieta di Regensburg nel 
1532. — Il vantaggio del codice Carolino sugli antichista es- 
senzialmente nel fissare gli elementi più essenziali per la co- 
statazione di ciascun reato, in cui naturalmente venne accordato 
alla medicina legale un posto conveniente corrispondente ai 
progressi del tempo. Come possiamo vedere neir originale del 
codice Carolino (v. l'edizione di Zòpfl, 1842), esso stabilisce 
esplicitamente l'intervento di un perito medico nei reati di omi- 
cidio, infanticidio, aborto ed errori di professione ecc. (v. spe- 
cialmente l'art. 149), e divenne così il punto di partenza di un 
sistema scientifico di medicina legale. Da tale epoca comin- 
ciano anche i medici ad occuparsi in modo positivo di que- 
sta scienza, fu rotta la scomunica per tanti secoli infiitta a^ la- 
vori memorabili di un Codronchi, Pareo e Fedele, e gli 
studii sulla medicina legale divennero tanto frequenti che ol- 
trepasseremmo i limiti di questa breve esposizione se volessimo 
trattare di tutti anche solo brevemente. A traverso i testé citati 



Digitized byVjOOQlC 



Sviluppo storico della medicina legale 25 

progressi trasparisce per verità un triste punto nero, costituito 
dai processi crescenti contro le streghe , che ricevettero nel 
tristamente celebre malleus maleflcarum di Enrico Institore una 
codificazione, cui i codici bambergiano e Carolino non solo non 
si opposero ma classificarono i reati di stregoneria nella ca- 
tegoria dei crimini. Era riservato ad un tempo posteriore ed 
agl'instancabili sforzi di unWier ed un Thomasius di lot- 
tare vittoriosamente contro questo errore. Alcuni professori di 
dritto (come per es. Mittermaier ed alcuni storici della me- 
dicina) vollero dal tenore dei codici penali bambergiano e Ca- 
rolino dedurre che le autopsie erano ordinate anche per legge; 
ma decisamente questo non è, come abbiamo potuto convincerci 
esaminando esattamente i relativi articoli del codice. La in- 
spectìo cadaveri e Vinvestigatio et inspectio et sectio vulnerum 
si riferisce ad una ispezione esatta, ad un esatto visum reper- 
tum in cui, come giustamente dice Mende Le, molte volte si 
può pensare ad una artificiale dilatazione della ferita per ri- 
cercare il suo decorso, i suoi limiti ecc., ma decisamente non 
già di una autopsia legale. Questa possiamo supporla solo ai 
tempi di Pareo , ma fu imposta per legge solo alla fine del 
secolo 17.** e nel corso del 18.**. 

Seguiamo ora con grande interesse le prime pubblicazioni 
medico-legali fondate veramente sopra una base legale. Come 
si rileva dalla pregevole monografia di Blumenstok sopra 
Fortunato Fidele, una delle pubblicazioni medico-legali piò. 
antiche è quella di P ar e o, alla quale seguì subito il piccolo trat- 
tato diCodronchi. Nella successiva edizione di P a r e o si trova 
alla fine il piccolo trattato de renuntiationilms^ che contiene 
una guida per i chirurgi nel redigere i pareri medico-legali, 
i quali però, a quanto sembra, venivano richiesti allora spesso 
in Francia, poiché esiste un parere di Pareo nell'anno 1583. 
Senza poter qui entrare nei particolari contenuti nelPopera di 
Pareo , vogliamo solo ricordare che il capitolo sulle ferite, 
in rapporto specialmente alla loro letalità, è eccellentemente 
trattato. Il punto relativo al reperto ne' pulmoni dei feti morti 
per asfissia (si ouvert est trouvé avoir les poulmons pleins 
comme d'air escumeux) pare che accenni ad un'autopsia. Nella 
costatazione deUa verginità. Pareo consiglia di guardare piut- 
tosto alla porzione vaginale ed alla bocca dell' utero anziché 



Digitized by VjOOQIC 



26 JanoiTBky, 

airimene; riguardo al latte nelle mammelle, ritenuto antica- 
mente come segno legale della gravidanza, egli rinvia alle re- 
lative opinioni opposte. Alcuni moduli di pareri alla fine del- 
r opera sono buoni esempi di perizie. Di incarico di autopsie 
non si parla in Pareo, il che del resto non ci può fisir mera- 
viglia, giacché anche 100 anni dopo neppure il celebre C ar p z ov 
le rechiede nella sua Pratica nova. Il piccolo trattato di Co- 
dronchi si trova alla fine della sua grande opera del Metho- 
dus testificandi (1597), ed oltre alle regole generali alla fine dà 
anche esempi di pareri da servire come modello. La prima opera 
di medicina legale di quel tempo però, anzi possiamo dire la 
più eccellente fin ai tempi di Machia e Bohn, è Peperà di 
Fortunato Fidele (1601) de relationibus medicorum, e dob- 
biamo specialmente a Blumenstock di avercene fatto cono- 
scere il gran valore. Così fin dal principio della parte medico- 
legale sui segni della verginità egli si mostra critico e spregiu- 
dicato osservatore, come pure nei seguenti capitoli che trattano 
delle condizioni degli organi sessuali dal punto di vista legale, 
in cui egli svolge cognizioni anche molto pregevoli per il suo 
tempo sulle malattie delle donne. Meno felice è il capitolo inse- 
rito in questo punto sulle malattie ereditarie, mentre i capitoli 
seguenti sulla gravidanza stanno all^altezza dei primi. Nel ca- 
pitolo seguente Fidele tratta minutamente delle lesioni vio- 
lente, delle cicatrici, degli errori d'arte ecc., per passare poi 
a trattare in modo semplice il capitolo delle ferite mortali e 
delPomicidio, in cui non possiamo sconoscere Finfluenza delle 
nozioni anatomiche, sebbene egli, come risulta evidente dai 
suoi scritti, non fece alcuna autopsia medico-legale. Nel 17.** 
secolo dobbiamo ancora far rilevare il serio ed erudito lavoro 
di Paolo Zacchia, Quaestiones medico^legales, Romae 1621, 
che si distingue per una casuistica accuratamente scelta dagli 
atti del Bota, e forma una delle principali opere di medicina 
legale. Fra gli autori di medicina legale vissuti in questo secolo 
bisogna notare Ammann eWelsch, che pubblicarono lavori 
critici sulle importanti quistioni della letalità delle ferite, pal- 
panti di attualità, come vedremo appresso. Coi lavori splendidi 
di Bohn, che si estendono anche nel secolo 18.% si chiude 
il n."* secolo, i cui prodotti scientifici noi valuteremo maggior- 
mente in seguito. 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 27 

Poiché nei limiti dello scopo propostoci non è possibile 
addentrarci nei meriti dei singoli uomini illustri e dei lavori 
nel campo della medicina legale nei secoli IT."" e 18.^^ ma 
sembra piuttosto necessario abbozzare brevemente i progressi 
sulle singole quistioni più. importanti nel loro sviluppo stori* 
co, ne sia permesso di accennare qui con poche parole il 
progresso di questa disciplina nel 18.® secolo. A questo ri- 
guardo dobbiamo fin da ora premettere che proprio in que- 
sto senso il secolo 18.'' segna un' era di notevole progresso , 
che gettò le basi delle nostre vedute attuali e riconobbe neUa 
medicina legale uno dei più necessari sussidii ad un codice 
penale razionale. L'epoca belligera, che apparecchiò la nuo- 
va era scientifica , portò i migliori frutti per la medicina le- 
gale, e in essa, meno che nelle altre specialità di cui è tanto 
ricca la nostra scienza, si presenta in questo tempo la man- 
canza di periodo di transizióne. La medicina legale appare nel 
18.** secolo, malgrado Popposto regresso che si verificò special- 
mente nella prima metà di esso nella storia del dritto, come 
un fattore sempre più importante della pruova testimoniale 
scientifica, la cui esterna manifestazione attestano i sempre 
più frequenti pareri della facoltà e del collegio superiore; essa 
guadagna anche nel suo valore intrinseco per Taiuto positivo 
di due scienze sorelle che si sviluppavano potentemente, la 
chirurgia cioè e l'anatomia patologica. L'epoca luminosa dello 
sviluppo delle scienze chirurgiche, che di riscontro all'instabile 
oscillare nella medicina teoretica si manifestò in modo splendido 
in questo secolo,ebbe certamente un'influenza egualmente grande 
a fare utilmente sviluppare la medicina legale; e della comparsa 
dell'anatomia patologica,che per l'immortaleopera di Morgagni 
(de sedibus etcatms morhorum) diede nuova luce a tutta la medi- 
cina, si giovò moltissimo la medicina legale, nella quale il reperto 
necroscopico formò sempre più la base di una diagnosi razio- 
nale. E non appena, grazie alle scuole filosofiche e storiche 
e ai lavori del 18.® secolo, venne un tempo migliore anche pel 
diritto penale, questo trovò la medicina legale in uno stato, 
che potette salutarla come degna compagna del comune lavoro. 
La grande importanza della medicina legale scientifica ed esatta 
del nostro secolo si fonda sulla conquista del secolo precedente, 



Digitized by VjOOQIC 



28 JanoTsky, 

al quale la storia della medicina deve sempre assegnare un 
posto onorevole. 

Nella serie dei nomi illustri che adornano le pagine della 
storia della medicina legale nel 18.** secolo, bisogna notare 
in Germania quelli di Bohn, Teichmeyer, Alberti, Da- 
niel, Hebenstreit, Bòrner, Plenk, Pyl, Ploucquet, 
Metzger, Platner, Leder, Fahner, Wildberg; in Fran- 
cia, Bello e. Podére; in Inghilterra Farr, che appartengono 
in parte anche al 19.** secolo, ed a questi bisogna aggiungere 
anche i lavori di quei psichiatri che promossero le importanti 
quistioni sulla responsabilità e sull'influenza dei disturbi psi- 
chici. 

In riguardo alle idee del secolo 17.** e 18.** sui singoli ca- 
pitoli della medicina legale, ecco in breve quello che possiamo 
dire (v.Mende p. 114 e seg.). Un abbondante materiale raccolsero 
i rispettivi osservatori sulle condizioni degli organi sessuali im- 
portanti dal punto di vista legale, riguardo alla dottrina della 
capacità di generare, alla verginità, alla gravidanza , al parto. 
I segni della gravidanza stabiliti nel diritto penale e la loro 
costatazione fatta dalle levatrici, in seguito degli ulteriori lavori, 
caddero in disuso, in quanto che la costatazione fu fatta per 
lo più dai medici ed anche la presenza del latte nelle mam- 
melle, richiesta dal codice Carolino come segno di gravidanza, 
fu debitamente valutata. I segni della verginità furono anche 
ben studiati nei tempi antichi da Pineo, poscia da Sinibald e 
da Schurig cui seguì lo slancio delPostetricia alla fine del IS.'* 
secolo, al quale tanto vi concorsero i lavori di Osiander. — 
Questi lavori, ai quali contribuirono gli ostetrici francesi e te- 
deschi di due secoli (Mauriceau, Smellie, JSrg, Osian- 
der, Stein, Siebold ecc.) sparsero una gran luce sulla gra- 
vidanza* dal punto di vista legale. Sullo stupro scrissero in que- 
st'epoca specialmente Schurig,Gerstlacher quindi Alberti 
Insieme a queste dottrine fUrono anche profondamente valu- 
tate le idee sui neonati, al quale riguardo fornirono un gran 
materiale la risorta fisiologia ed embriologia, i lavori di He- 
benstreit, Ròderer, Wrisberg, Autenrieth, Sóm- 
m ering ed Oken. — A questi si legano le controversie sulla 
vitalità del feto su cui si diffuse specialmente Bohn. — Una 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico della medicina legale 29 

delle più importanti scoverte sulla questione di sapere se un 
neonato avea vissuto e respirato dopo di esser venuto alla luce, 
fu la docimasia pulmonale. La differenza di colore dei pul- 
moni che hanno respirato e quelli che non hanno respirato, fu 
costatata giàdaBartholin (depulmonum mbstantia et motu 
1663), il quale anzi dimostrò che quelli che hanno respirato 
possono galleg^are: il merito però di aver richiamato Tatten- 
zione sulle cause di questo fenomeno, cioè sulla presenza del- 
Taria nei polmoni, devesi alPeminente naturalista ed anatomico 
Swammerdamm. Lapruova del galleggiamento nelle quistioni 
legali fa proposta da Kaiser, e Schreyer (1682) per il primo 
la eseguì, cosi che il merito della introduzione di questa im- 
portante ricerca è diviso fra questi due osservatori. Secondo 
Mende la docimasìa pulmonale prese ben presto talmente voga 
che già i pareri della facoltà di Lipsia degli anni 1683-1684 
ne fanno esplicita menzione. Le stesse obiezioni che oggi si 
£Mino all' assoluto valore di questa pruova si trovano già in 
Kohn, che prende in esame specialmente la putrefazione dei 
polmoni. Nelle quistioni relative a quest'argomento presero parte 
poi Haller, Alberti, Teichmeyer e specialmente Pio nc- 
que t. La docimasia vescicale fu anche convenientemente stu- 
diata e valutata da Bohn ed Ettmliller, cosi che su que- 
sto soggetto si trova un'intera letteratura nel 18.® secolo. Ri- 
guardo agli altri segni del neonato, Daniel ha rivolto seria- 
mente l'attenzione specialmente sul cordone ombelicale. — La 
quistione dell'emorragia dal cordone, che formò anche in questi 
ultimi tempi spesso oggetto di controversie, ed ampiamente 
lutata da Welsch, Alberti ed altri, ha i suoi fautori ed i 
siftoi avversari. — L'importante quistione delle suggellazioni alla 
tMta formò oggetto delle ricerche di Alberti ed Hebenstreit, 
i quali dissero che esse non sono sempre conseguenze di trau- 
mi ma possono prodursi anche durante il parto, e Zittmann 
accenna ai difetti di ossificazione nelle ossa del cranio dei neo- 
nati, che possono talvolta sembrare fratture ossee, e, sebbene 
di rado , possono anche verificarsi nei parti difficili. — Molti 
buoni lavori apparvero , come vien documentato da una co-^ 
piosa letteratura, sulle lesioni violente, e specialmente sulle fe- 
rite mortali. È impossibile riferire qui tutte le opinioni; bastano 
alcuni esempi. 



Digitized by VjOOQIC 



30 Janovflky, 

Prima deirintroduzione generale ed obbligatoria delle au- 
topsie trattarono della mortalità per ferite Pareo, Jaevus, poi 
Fidele il quale distinse le ferite in mortali, pericolose ed 
innocue ed illustrò le sue idee con numerosi esempi. Nel trat- 
tato delle ferite mortali egli ritiene ancora i giorni critici. An- 
che Sebiz e Zachia si occuparono minutamente di questo 
argomento, e le opinioni di quest'ultimo autore si distinguono 
per avere rigettato la teorica dei giorni critici. Una fondata 
opposizione alla erronea dottrina dei giorni critici, che sven- 
turatamente si insinuò anche nella legislazione , fece Wedel 
alle cui vedute si associarono anche la maggior parte delle 
facoltà. La divisione delle ferite sul vivo in leggiere, gravi 
e mortali , si trova forse per primo in C a Ili se n. — Una de- 
cisa influenza sulla teorica delle ferite mortali ebbero le au- * 
topsie legali che aumentarono sempre più , e dettero un co- 
pioso materiale scientifl.co che rappresenta, massime dal lato 
della polemica, uno dei più ricchi vantaggi. Già Welsch (1660) 
fece rilevare la imperiosa necessità delle autopsie, però solo 
al principio del 18.^ secolo esse divennero generali. Lo stesso 
bisogno stabilisce Bohn nella sua opera classica (7)^ renwn- 
ciatione vulnerum seu vulnerum lethalium examen ^ Lipsiae 
1689), che dobbiamo riguardare come T opera più eccellente 
del 18.*' secolo a questo riguardo. Il concetto di una ferita mor- 
tale fu molto esteso da Bohn, ritenendo come tale ogni ferita 
che ha più tendenza a recar la morte che a guarire, e che se 
non con certezza solo con grandissima difficoltà può guarire 
(Mende, pag. 271). Da queste ferite egli distingue quelle senza 
eccezione letali; le ferite letali egli divide inoltre in quelle per sé 
stesse tali {per se seu absoluto lethalia), e quelle che lo divengono 
per accidente (per accidens lethalia\ in cui la morte accade per 
causa sopravvenuta e non immediatamente per la ferita; divi- 
sione che nello insieme è ritenuta anche oggi. Bohn rivolge 
inoltre la sua attenzione sulle ferite che non sono assolutamente 
mortali, ma divengono tali per la speciale costituzione dell' in- 
dividuo. Su questo punto si aggira per lo più la polemica che 
poi si fece molto accanita. Così Amann allargò il concetto di 
una ferita mortale, e ciò non poteva restare senza influenza sui 
criteri della giurisprudenza, che allora non ancora stabili in 
rapporto alla classifica delle ferite le norme accettate nel nostro 



Digitized by VjOOQIC 



Sviluppo storico delia medicina legale 31 

dritto penale moderno, fondate sopra esatte ricerche medico- 
legali. Particolareggiatamente trattarono della mortalità e clas- 
sificazione delle ferite in generale Teichmeyer ed Alberti, 
di cui specialmente il secondo si appoggiò ai lavori citati di 
Bohn. Riguardo alle vedute di Teichmeyer, egli distinse le 
ferite in quelle per lo più letali e quelle sempre tali, cosicché 
più tardi risultò una triplice divisione di queste ferite, che si 
oppose alle classiche idee di Bohn rigettate soprattutto dai mo- 
derni. Così una triplice divisione delle ferite in mortali assoluta- 
mente, mortali per se, ed accidentalmente mortali si trova an- 
che in Haller e Metzger, di cui specialmente il secondo 
esercitò una notevole influenza sulle vedute della medicina le- 
gale a tempi suoi. Solo verso la fine del secolo 18.** e nel prin- 
cipio del 19.® cominciò la reazione contro questa arbitraria clas- 
sificazione mediante i lavori di Henke, Wildberg ed altri. 

Verso la fine del 18.° secolo noi troviamo l'esame legale 
del cadavere regolato dalle istruzioni diverse introdotte nella 
maggior parte degli Stati sull'autopsia, ed inoltre stabilite 
scientificamente da una ricca scelta di opere eccellenti, le quali 
contengono una guida più o meno particolareggiata per ese- 
guire le autopsie legali (Autenrieth, Hesselbach, Wild- 
berg). Anche le diverse specie di morte formarono oggetto di 
studi severi , come possiamo vedere nei trattati di medicina 
legale di quel tempo. Alla fine del 18.® secolo e nel principio 
del 19.® cominciarono poi anche nel campo della psichiatria 
forense lavori memorabili, che allargarono notevolmente le no- 
zioni dominanti sulla responsabilità ecc. Così venne il 19.® secolo, 
in cui la medicina per il sorgere delle scienze ausiliarie esatte, 
mercè i fondamentali lavori sull'anatomia patologica, sulla fisio- 
logia, sulla diagnosi clinica fisica e sull'istologia, ebbe un forte 
slancio, che influì potentemente sulla medicina legale ponendola 
nella via delle scienze esatte. 

Non è questo il luogo di esporre le conquiste del se- 
colo 19.® nel campo della medicina legale; sia ciò riserbato alla 
penna stimata degli illustri specialisti ed autorevoli uomini che 
debbono trattare nelle pagine che seguono delle singole parti 
della medicina legale: qui solamente notiamo in generale che 
specialmente la testé risorta scienza della chimica creò il giu- 
dizio legale degli avvelenamenti, che il microscopio e l'ana- 



Digitized by VjOOQIC 



32 Janovsky, 

tomia patologica allargarono T esattezza della diagnosi legale 
in modo inaspettato , e che i notevoli progressi della nuova 
psichiatria fondati suiranatomia patologica ebbero una note- 
vole influenza a far rialzare la psichiatria legale. — Cosi la 
medicina legale si è affermata nel 19.^ secolo, nel quale è pro- 
gredita alla pari colle scienze sorelle; ed il seme i cui scarsi 
germogli cercammo di seguire nelle cose dette innanzi, si è 
sviluppato in modo rigog]ioso ed ha dato splendidi frutti. 



Digitized by VjOOQIC 



COMPITO DEL MEDICO LEGALE 

NELL'ESEGUIRE LE RICERCHE E NEL DARE IL SUO PARERE 



PER IL 



Dott. H. Sulenberg 

Consigliere medico in Berlino 



Maschka — Med. Leg. Voi. I. 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



LETTERATURA 

Alph. Dbvbroie, Médecine legale, theorique et pratique. Revue et annotée par J. 
B. F. Dehaussy db Robecourt. Troia, ed. T. II. Paris 1852.— Dr. Adolf Schauenstéin, 
Lehrbuch der gerichti. Medicin. 2. Aufl. Wien 1875.— Dr. Eduard Hofmann, Lehrbuch 
der gerichtlichen Medicin. 2. Aufl. Wien und Leipzig 1880. — J. Briand et Ernest. 
Ghatjdb, Manuel compiet de Médecine lógale. Nout. édit. Paris 1874. — ^Rudolf Virchow, 
Die Sectionstechnik im Leichenhause des Charìtó-Krankenhauses mit besonderer RQck- 
sicht auf die geriohts&rztliche Praxis. In appendice vi ha il regolamento circa il pro- 
cedimento che debbono seguire i medici-legali negli esami forensi di cadaveri umani 
secondo la legge del 6 Gennaio 1885. Berlino 1876. — Dr. Johannes Orth , Compen- 
4ium der pathologischen anatomischen Diagnostik. Nebst Anleitung zur AusfQhrung von 
Obductionen. 2. Aufl. Berlin 1880. — Dr. Max Schottblius , Neue Sectionstafeln mit 
erlàuterndem Texte. Wiesbaden 1878. — Dr. Fr. Presl, Todtenbeschau etc. nach der 
Asterr. Gesetzgbg Prag 1878. 

Compito del perito nell' eseguire le perizie. 

La medicina legale si occupa in generale di tutte le qui- 
stioni mediche che sono di speciale interesse per la giusti- 
zia. Il compito del medico-legale può essere molto variabile se- 
condo che vengono sottoposte al suo esame quistioni mediche 
relative al dritto civile o al dritto penale. Non solo le diverse 
discipline mediche, ma anche tutte le scienze uaturàli sono i 
mezzi dei quali il perito deve a tempo e a luogo disporre, per 
chiarire dal suo punto di vista quistioni giuridiche controverse. 

Primo compito del medico-legale è di osservare accura- 
tamente e descrivere con imparzialità i risultati del suo esame. 
Egli deve quindi tener sempre presenti l'importanza e le gravi 
conseguenze dei suoi responsi, e mantenersi a livello dei pro- 
gressi della scienza, per rispondere convenientemente a tutti 
i quesiti che la giustizia gli sottopone. 

Egli deve farsi guidare dalla più stretta obbiettività, ed ogni 
apprezzamento subbiettivo deve esser messo da banda quando 
non trovi una base completa nel caso in esame. Perchè Pesame 



Digitized by VjOOQIC 



36 Eulenberg, 

medico-legale corrisponda completamente allo scopo e possa 
offrire al giudice criterii sicuri per le sue decisioni, deve fon- 
darsi necessariamente sui risultati obbiettivi del caso che si 
esamina. 

Nel senso giuridico un fatto è costituito da due parti, la 
suhbiettiva e la obbiettiva. La subbiettiva comprende la dottrina 
della responsabilità insieme al concetto della colpa e del do- 
lo ; essa è di pura pertinenza del giudice, giacché il medico non 
deve dare alcun giudizio sulla esistenza o no della colpa o 
suir applicazione delle leggi penaU. 

Al medico-legale riguarda solo la parte obbiettiva; egli 
deve mettere in evidenza da ogni lato non solo tutti i segni 
esterni pertinenti ad un'azione criminosa, per es. ferimenti, omi- 
cidi, stupri ecc., ma anche i segni di mtC alterazione psichica 
per riguardo ai reati tanto in rapporta al codice civile quanto 
al penale, e ciò egli deve fare con tutte le norme della sua arte 
e della sua scienza, astenendosi da ogni definizione giuridica. 

Le ricerche medico-legali si dividono in generale in due 
ordini principali : quelle cioè sul vivo e quelle sul cadavere. 

Le ricerche del primo ordine comprendono una gran parte 
della medicina legale ed hanno un addentellato colle diverse 
discipline dello scibile medico. Per rispondere ai quesiti della 
giustizia, il medico-legale deve tenere a base le dottrine della 
chirurgia, della ginecologia, della psichiatria, della tossicologia 
e dell'analisi chimica, ch'egli utilizza a prò della giustizia per 
chiarire quistioni controverse. Le ricerche medico-legali del 
secondo ordine j)resuppongono le conoscenze dell'anatomia de- 
scrittiva e patologica, non che della fisiologia. 

Al sop^r^ bisogna inoltre si associ il pofer^y l'esecuzione 
a regola d'arte di un'autopsia a scopo medico-legale deve ri- 
guardarsi come condizione fondamentale per ottenere buoni 
risultati, in quanto che essa traccia la via in base alla quale i 
reperti necroscopici possono essere bene indacati ed esaminati 
con rigore da perito. 

Per poter apprezzare le alterazioni nell' esame dei singoli 
organi e la loro eventuale influenza sulla morte verificatasi, la 
più importante branca della medicina che il medico-legale deve 
conoscere è l'anatomia patologica, il cui studio è per lui di im- 
portanza fondamentale, essendo che essa gli dà la guida più 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito 37 

sicura per valutare i reperti necroscopici in tutta la loro im- 
portanza ed estensione. 

Perchè il medico-legale possa eseguir bene un' autopsia 
a scopo giuridico deve riunire due qualità; deve cioè osservare 
con diligenza ed accuratezza secondo le norme dell'anatomia 
descrittiva e patologica, ed essere esperto nel maneggiare il bi- 
sturi. 

Poiché queste ricerche sono le più importanti e le più fre- 
quenti che si offrono al medico-legale, egli ha il dovere di com- 
pletare e perfezionare sempre le sue conoscenze in questo senso, 
affinchè nel raccogliere i reperti non succedano lacune, errori 
difetti di descrizione, che non si possono più correggere e 
quindi cagionano dubbii ed incertezze, i quali anche in appello 
non possono essere tolti e danno occasione al triste non liquet 

Si è non di rado discusso se in generale sieno necessarii spe- 
ciali periti medico-legali, o se ogni medico laureato possa compiere 
Tuf&cio di perito. Per lo passato vi erano alcuni Stati tedeschi che 
comprendevano nell'esame di laurea anche la medicina legale ed i 
candidati approvati potevano anche essere periti. Vista però la grande 
estensione del materiale della medicina pubblica e della legale spe- 
cialmente, nonché dell' igiene pubblica, si è mostrata per lo meno 
nella Germania e nell'Austria la necessità di richiedere speciaH re- 
quisiti dai futuri medici legali. 

In Austria per decreto del Ministero dell' Interno del 21 marzo 
1873, per poter aspirare a cariche persistenti nell' ufBlcio di sanità 
pubblica come medico e veterinario , richiedesi un esame speciale 
sostenuto con buon esito. 

Per essere ammesso all'esame per medico-legale, richiedesi fra 
le altre la pruovache il candidato dopo ottenuto il diploma di dot- 
tore presti servizio almeno per due anni in un pubblico ospedale, 
ovvero abbia esercitato almeno per tre anni la pratica medica. 

In Prussia per decreto del Ministero incaricato della Sanità Pub- 
blica del 4 marzo 1880 è prescritto : 1.** che all'esame per esser perito 
si possono esporre solamente i medici che ottennero la laurea nella 
facoltà medica di un'università tedesca dopo quattro anni di studio 
della medicina, dopo esame speciale distinto da quello della medicina 
ed una dissertazione stampata. Il permesso di esercizio si dà due 
anni dopo la laurea in medicina, quando l'esame per medico riuscì 
molto bene, negli altri casi dopo tre anni. La domanda di ammissione 



Digitized by VjOOQIC 



38 Bulenberg, 

airesame si fa : 2.o allegando la laurea medica, il documento di eser- 
cizio medico, e di aver ottenuto il diploma dalla rispettiva autorità 
locale, che ne riferisce al Ministero incaricato della Sanità Pubblica. 
Da questo vien direttamente inviato al candidato il permesso. 

In Francia , in Inghilterra ed in altri Stati , il medico laureato 
ha anche il dritto di esercitare ogni altro incarico di pertinenza 
medica. 

Nessuno vorrà mai pretendere che V esame speciale per essere 
perito comprenda in sé sempre la garanzia di saper compiere me- 
glio r ufficio di perito; ma molto meno però si potrà contestare 
che la medicina legale si debba insegnare come scienza speciale, e 
nessun medico che non abbia fatto studi speciali possa esercitare 
r ufficio di perito. Il medico pratico non si propone altro scopo che 
di curare la malattia, mentre la quistione della cura è solamente 
secondaria per un medico-legale; egli deve anzitutto giudicare della 
natura di una ferita in rapporto all'arme adoperata, la direzione di 
essa e vedere se è stata inferta dalla propria mano o di altrui; egli 
deve in ogni caso rispondere ad una nuova serie di quesiti che non 
sono propri del medico pratico, e che per i loro rapporti col dritto si 
debbono risolvere sotto un punto di vista affatto diverso, e quindi 
nel loro insieme formano il materiale proprio di una scienza speciale, 
che per lo scopo speciale che si propone vien detta Medicina legale. 

Dacché la nuova legislazione é piCi libera nella scelta dei pe- 
riti, la dignità del perito ha mutato aspetto da quello che era stato 
finora. In Germania non é necessario che il secondo settore sia me- 
dico ufficiale. Non bisogna neppure sconoscere che il perito non 
può essere completamente esperto in tutti i rami della medicina 
legale. Negli avvelenamenti é necessario assolutamente un chimico 
per dare la pruova rigorosa di un veneficio. Egualmente in molti 
casi di psichiatria, specialmente nelle Corti d'Assisie é da preferire 
uno specialista psichiatra. Del resto in Francia ed in Inghilterra 
malgrado il giudice sia affatto libero nella scelta dei periti, già da 
lungo tempo si é vista la necessità di sceglierli solo fra un certo 
numero di medici che vennero sperimentati idonei a procedere alle 
ricerche medico-legali. In Francia si é già dal 1826 emanata un' i- 
struzione dal Ministro Guardasigilli, per la quale i magistrati e i giu- 
dici vengono richiamati sulla buona scelta di periti quando si tratti 
per gli art. 43 e 44 proc. pen. di stabilire l'esistenza di un reato, giac- 
ché questa precauzione é richiesta per la scrupolosa applicazione 
della medicina legale. Essa sarebbe spesso non solo difficile ma 
avrebbe anche grande influenza sulla valutazione delle più impor- 
tanti circostanze. Per questa doppia ragione si dovranno scegliere uo- 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 39 

mini espertiy idonei e pratici. Gli errori e le false interpretazioni com- 
messi nella perizia in primo tempo, non si potrebbero spesso più 
correggere, e se anche fosse talvolta possibile , di correggere cioè 
le osservazioni malamente fatte in principio, ciò sarebbe per lo meno 
an aumento di spese che avrebbe potato essere evitato scegliendo 
buoni periti. Devergie al quale la Francia deve moltissimo per 
r incremento dato alla medicina legale, ha fatto sempre gran conto 
specialmente dell' organizzazione dei periti medico-legali finora esi- 
stente in Germania, ed ha reclamato come urgente che in Francia 
ogni procuratore di Stato facesse ogni anno una lista di medici di fi- 
ducia e raccomandasse ai giudici di sceglierli per le perizie legali, per 
assicurare così che le perizie venissero fatte con scrupolosa esattezza 
da poter servire come base sicura alla giustizia. 

Finora però questa misura di precauzione è seguita rigorosa- 
mente solo a Parigi. 

Per imparare a conoscere più esattamente gli scopi della 
medicina legale, occorre anche conoscere la relativa legisla- 
zione, che è diversa nei diversi paesi ed ha una grande influenza 
sul suo esercizio. Anche le vedute giuridiche mutano con l'an- 
dare del tempo e le innovazioni al riguardo non debbono re- 
stare ignote al medico-legale. 

Non meno importanti sono le formalità nel procedere alle 
ricerche medico-legali per adattarle allo scopo legale ed ese- 
guirle secondo le norme della legge. Anche da questi due punti 
di vista importanti si distingue essenzialmente il compito del 
medico-legale da quello del medico pratico. Per la molteplicità 
dei lati dai quali può esser guardata una quistione legale, oltre 
ai perito medico può richiedersi il concorso di altri periti, quando 
il giudizio da emettere nel caso concreto è possibile solo me- 
diante speciali e svariate cognizioni tecniche. 

a) Disposizioni di legge. 

In Austria esistono: 1. tribunali circondariali^ i quali istrui- 
scono il processo e fanno le relative ricerche : 2. tribunali di 
prima istanza. In ogni tribunale sono i giudici istruttori che 
si occupano delle prime indagini istruttorie. La camera di con-- 
sigilo è una sezione del tribunale che si occupa delle istruzioni 



Digitized by VjOOQIC 



40 Eulenberg, 

preliminari. Il tribunale di prima istanza si occupa anche di 
tutti i reati che la legge non ritiene di competenza dei giurati. 
3. Un tribunale dei giurati si trova in ogni tribunale di prima 
istanza e giudica di certi dati crimini e delitti. È costituito dalla 
corte (3 giudici), dal cancelliere e dai giurati (12). 4. 1 tribunali 
di seconda istanza costituiscono la corte Superiore, la quale giu- 
dica sugli appelli prodotti contro i verdetti delle camere di 
consiglio, del tribunale di prima istanza e dei giurati. 5. La co^- 
sazione giudica come alta corte sopra tutti i reclami per mo- 
tivi di nullità. In ogni tribunale di prima istanza vi è un jpro- 
curatore di Stato^ in ogni tribunale di seconda istanza un pro- 
curatore superiore^ e nella cassazione \m procuratore generale. 

Denunzia di atti criminosi. Secondo l'art 359 del codice 
penale, tutti gli ufficiali sanitari sono obbligati a denunziare 
i reati. In generale tutte le autorità debbono fare tali denunzie 
al procuratore di Stato e in casi urgenti al tribunale circonda- 
riale. 

L' ordinanza della procedura penale è del 23 maggio 1873. 

L' art. 98 tratta delle indagini accurate da farsi sulle tracce esi- 
stenti di reati o di colpe. 

Ispezione, Secondo V art. 1 16, bisogna procedere alla ispezione 
sempre che essa sembri necessaria a spiegare una circostanza im- 
portante per r istruttoria. 

Bisogna far intervenire sempre due testimoni (cittadini integer- 
rimi non complicati nella cosa , appartenenti al comune in cui si 
fa ristruzionej, e nel caso che sembri opportuno anche T imputato. 
Non si può negare al difensore di intervenirvi. 

Art. 117. IL verbale di ispezione deve farsi in modo cosi netto 
e circostanziato da contenere una descrizione completa e fedele degli 
oggetti ispezionati. Allo scopo occorre allegare ad esso i relativi di- 
segni, piani o tracciati ; indicando con certezza e determinazione le 
misure, i pesi, le grandezze ed il piano della località. 

Annotazione. Spetta al giudice istruttore d'invitare i periti. Ter- 
minata Tistriittoria preliminare, si mandano gli atti al procuratore 
di Stato, il quale o manda la requisitoria al giudice istruttore, ov- 
vero dichiara, dopo esatto esame, non necessario un ulteriore pro- 
sieguo d'istruzione. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 41 

Le disposizioni relative ai periti sono contenute nei se- 
guenti articoli 

Art. 118. Quando in un' ispezione è necessario V intervento dei 
periti, il giudice istruttore ne invita ordinariamente due. Basterà 
chiamarne uno solo, quando il caso è di poca importanza, o quando 
sembri nocivo allo scopo della ricerca aspettare che venga il secondo 
perito. 

Art. 119. La scelta dei periti spetta al giudice istruttore. Quando 
vi sono periti permanenti addetti al tribunale per una determinata spe- 
cialità, il giudice si rivolgerà ad altri solo quando Tindugiare possa 
esser pericoloso, ovvero quando per speciali circostanze quelli sieno 
impediti a potervi intervenire o sembri pericoloso di adibirli nel caso 
concreto. 

Se il perito non obbedisce alla citazione ricevuta ovvero si nega 
di intervenire all'ispezione, il giudice istruttore può applicargli una 
multa di 100 fiorini. 

Per r art. 120, le persone, che per le ragioni indicate negli arti- 
coli 151 e 170 non possono essere intese come testimoni, non pos- 
sono neppure esser adibite come periti. 

Per l'art. 121, prima di cominciare le operazioni il giudice istrut- 
tore deve ricordare la santità del giuramento prestato dai periti, che a 
causa del loro ufficio permanente l'hanno già dato alla loro nomina. 

Gli altri periti prima di cominciar la ispezione sono obbligati 
a giurare di procedere all'esame e dare il parere con tutta coscienza 
e con tutte le regole che impone loro l'arte e la scienza. 

Per l'art. 123, il giudice istruttore guida l'ispezione e propone 
i relativi quesiti. I periti possono richiedere le dilucidazioni oppor- 
tune derivanti dagli atti ecc., ed anche prendere visione di essi. 

Per l'art. 124, i risultati delle osservazioni fatte dai periti si deb- 
bono inserire dall'ufficiale pubblico nel verbale. / periti possono fare 
inserire immediatamente nel verbale il loro parere coi relativi motivi, ov- 
vero riserbarsi di presentare rapporto scritto dopo un tempo determinato. 

Per l'art. 125, quando i risultati ottenuti dai periti sui fatti da 
essi osservati differiscono notevolmente fra loro, o sono indecisi ecc., 
si ripeterà la perizia da essi stessi o da altri periti. 

Cosi pure per l'art. 126, quando il parere sia discorde o difettoso, 
bisognerà richiedere quello di un altro o più periti. Se i periti sono 
medici o chimici si può richiedere anche il parere di una facoltà 
medica; ciò si fa dalla camera di consiglio nei casi importanti e 
difficili. 

Ispezione cadaverica e autopsia. Per l'art. 128, l'ispezione cada- 



Digitized by VjOOQIC 



42 Eulenberg, 

verìca e V autopsia debbono essere fatte da due medici, di cui uno 
può esser chirurgo, secondo le norme speciali prescritte al riguardo, 
n medico che ha curato il defunto durante l'ultima sua malattia 
deve intervenire all'esame del cadavere, quando può dare dilucida- 
zioni al riguardo e non ne vengano ritardate le operazioni. 

Annotazione. Secondo Vordinanza del Ministero delV Interno e di GiU" 
stizia in data J98 gennaio i855, nelle autopsie legali, per l'art. 5, ogni 
esame di cadavere, tanto cioè l'esame esterno che l'autopsia, deve es- 
ser fatto da due periti. 

Per l'art. 6, questi due ufficiali sanitarii sono ordinariamente: a) o 
il medico legale espressamente autorizzato dal magistrato, ovvero il me- 
dico ufficiale aggiunto dall'autorità politica; b) Vispettore .necroscopo 
di un comune nel quale ha luogo Pesame, quando sia nel tempo stesso 
medico o chirurgo, diversamente un altro medico o chirurgo. Al- 
tri periti medici che non sìeno gli indicati si adibiranno solo quando 
ogni indugio possa nuocere, uno di quelli indicati sia impedita a 
comparire, ovvero in un dato caso non sembri opportuno. 

Giusta il decreto del 17 ottobre 1868, in ogni caso in cui le con- 
dizioni lo permettano, invece del medico ufficiale si può chiamare un 
altro medico che abiti vicino, che però sia laureato. 

Per gli art. 132 e 134 anche nei ferimenti non che per verificare 

10 stato della mente bisogna chiamare due periti. 

Avvelenamento. Quando, secondo l'art. 131, esista sospetto di ve- 
neficio, bisogna insieme ai medici invitare anche, sempre che sia pos- 
sibile, due chimici. La ricerca del veleno però, secondo le circostanze, 
può esser fatta anche dai chimici solamente in un locale adatto. 

Per l'art. 133, quando è necessario l'esame sul corpo di donne, 
possono , secondo le circostanze , esser invitati ostetrici o in casi 
meno importanti anche levatrici invece dei medici o dei chirurgi. 

Annotazione. Anche nei casi di minore importanza non è da rac- 
comandare di invitare le levatrici ad esercitare 1' ufficio di periti, 
giacché esse per la scarsa coltura non sono al caso di dare un giu- 
dizio indipendente. 

Poiché inoltre oggi solo i medici ricevono una coltura medica 
nel pieno senso della parola, cosi probabilmente la legge sotto la 
parola ostetrici ha voluto intendere i medici che esercitano come spe- 
cialità l'ostetricia. 

Il codice penale austriaco è in data del 27 maggio 1852. 

11 progetto di un nuovo codice penale non è ancora in vigore. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 43 

Dal 1.** ottobre 1879 in Germania sono in vigore le nuove 
leggi di gitistizia^ per le quali la posizione dei medici legali 
ufficiali in rapporto ai giudici ha subito molte modificazioni. 

Secondo la legge àeìVorganizzazione giudiziaria^ la giu- 
risdizione giudiziaria del contenzioso è formata da tribunali 
balivi, tribunali provinciali, tfibunali provinciali supremi e 
tribunale dello Impero (art. 12). I tribunali degli sciaffini stanno 
in rapporto col tribunsde balivo , e quelli dei giurati coi tri- 
bunali provinciali. 

Per Tart. 35 N. 3, i medici possono rifiutarsi ad occupare la 
carica di uno sciafflno. 

Nei tribunali provinciali vi sono anche sezioni civili e pe- 
nali. Queste ultime valgono pure come istanza superiore se- 
condo Tari 73 N.*' 2, per quei reati che sono puniti con pene 
correzionali fino a 5 anni al massimo, non che per gli atten- 
tati al pudore che sono contemplati nell'art. 176 N.^ 3 del co- 
dice penale. 

Nel tribunale provinciale supremo decidono i senati come 
istanza suprema. 

n tribunale dello Impero emana il verdetto supremo so- 
prattutto in materia di revisione dei giudizii dei tribunali pe- 
nali e delle corti di assisie. 

Del codice di p^^ocedura civile interessano al medico le 
seguenti disposizioni: 

Art. 348. Sono autorizzati a ricusare la loro testimonianza le per- 
sone alle quali in forza del loro uflBlcio, stato o professione furono 
confidati sotto suggello del segreto fatti che per loro Datura deb- 
bono rimaner celati. Tuttavia esse non possono negarsi a testimo- 
niare quando vengono liberate dalFobbligo del segreto. 

La legge considera i periti come aiuto del giudice per le 
cognizioni tecniche che a lui mancano, per giudicare di un dato 
caso; il magistrato è arbitro della necessità del loro intervento. 

Per Tart. 369 alinea 2, nella scelta dei periti il giudice 
deve attenersi a quelli pubblicamente ritenuti esperti per certe 
specie di perizie. Solo quando speciali circostanze lo richie- 
dano^ si sceglieranno altre persone. 



Digitized by VjOOQIC 



44 Ettlenberg, 

Art. 373. Le stesse ragioni che giustificano il rifiuto della di- 
chiarazione di un testimone, valgono per rifiutare il giudizio di un 
perito. Il giudice può anche per altre ragioni dispensare un perito 
dair obbligo di dare il suo parere. Un ufficiale pubblico non è chia- 
mato come perito , se le autorità ritengono che ciò riesca nocivo 
alla giustizia. 

La interdizione di un individuo infermo di mente in vista 
delle informazioni assunte vien pronunziata dal giudice ball con 
parere di periti senza dibattimento orale. 

Art. 593. Una persona può essere dichiarata inferma di mente 
(idiota, demente, ecc.) solo per sentenza del giudice. La sentenza si 
pubblica solo dietro richiesta. 

Art. 599. La interdizione non si può pronunziare se non dopo 
che il giudice ha interpellato uno o più periti^ sullo stato di mente 
della persona da interdire. 

Art. 612. Il tribunale può rinunziare alla dichiarazione verbale 
dei periti quando ritiene sufficiente la perizia rilasciata in iscritto 
al giudice. 

Nel codice di procedura penale sono importantissimi pel 
medico-legale i seguenti articoli relativi ai periti, alla reda- 
zione di perizie, autopsie ecc. 

Art. 73. La scelta dei periti da citare e la determinazione del loro 
numero spettano al giudice. 

Art. 75. Chi è stato nominato perito deve ottemperare allo in- 
vito quando è pubblicamente designato come capace a disimpegnare 
la perizia affidatagli o quando egli coltiva la scienza, Tarte o quel 
mestiere che presuppongono la piena conoscenza di quelle cogni- 
zioni che è tenuto a sapere per rispondere ai quesiti propostigli nella 
perizia, o quando egli è autorizzato ed esercita pubblicamente quella 
disciplina o quel mestiere che sì richieggono per essa. 

È anche obbligato alle perizie chi si sia già iscritto apposita- 
mente presso il tribunale come perito. 

Art. 78. Il giudice, sempre che lo creda necessario, deve dirigere le 
operazioni dei periti. 

Art. 79. Il perito prima di dare il suo parere deve prestare giu- 
ramento, che il parere a lui richiesto sarà imparziale e secondo i det- 
tami della scienza e con tutta coscienza. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 45 

Quando il perito ha già prestato giuramento per la specialità 
che esercita, basterà richiamarlo al giuramento già dato. 

Art. 80. AI perito, dietro sua richiesta, si possono dare schiari- 
menti, per emettere il suo parere, mediante audizione dei testimoni 
o dello stesso imputato. 

Allo stesso scopo gli si può concedere di consultare gli atti pro- 
cessuali, assistere all'interrogatorio dei testimoni e dell'imputato, 
rivolgendo ad essi direttamente le domande. 

Art. 81. Per il parere sullo stato della mente dell'imputato, die- 
tro richiesta di un perito, il giudice può ordinare dopo inteso il di- 
fensore, che l'imputato sia rinchiuso in un pubblico manicomio, 
ed ivi sottoposto ad osservazione. 

All' imputato che non ha difensore se ne assegnerà uno di uf- 
ficio. Se contro la decisione del giudice si fa immediata opposizione, 
essa avrà azione sospensiva. 

Il soggiorno dell'imputato nel manicomio non può eccedere sei 
settimane. 

Art. 82. É in facoltà del giudice disporre che il parere del perito 
venga dato a voce o in iscritto. 

Art. 83. Quando al giudice sembri insufficiente il parere dato, 
può richiedere di nuovo lo stesso perito o altri perchè venga fatta 
una nuova perizia. 

Il giudice può disporre che il parere sia dato da un altro pe- 
rito quando quello citato siasi legalmente rifiutato a darlo. Nei casi 
importanti può chiedersi il parere ad un' autorità competente. 

Art. 84. Il perito ha dritto di richiedere giusta le norme della 
tariffa r indennizzo delle spese erogate ed inoltre il corrispettivo 
compenso per l'opera prestata. 

Art. 85. Quando a provare fatti o cose che richiedono speciale 
cognizione si debba ricorrere a speciali periti, si serberanno le norme 
prescrìtte per le prove testimoniali (1). 



[(t) La distinzione che si fa in questo articolo fra periti e testimoni pe- 
riti è molto sottile e non ha riscontro nella nostra procedura. Oiò che 
distingue il testimone perito (sachverstàndiger Zeuge) dal perito è, che mentre 
il perito è chiamato a riferire su fatti da lui osservati, portando nell'osser- 
vazione la coscienza che la sua perìzia sarebbe servita a scopi giudiziarii, 
il testimone perito ^ sebbene per le sue speciali conoscenze abbia potuto giu- 
dicare dei fatti da lui constatati con molto maggior competenza che non 
un'altra persona, sicché la sua deposizione deve avere pel giudice un va- 
lore molto maggiore, pure, sia per l'indennità che percepisce, sia per le 
penalità in cui può incorrere a causa della sua deposizione, è trattato uni- 
camente e semplicemente come testimone. 



Digitized by VjOOQIC 



46 E uleDberg , 

Art. 86. Quando si procede ad un'ispezione giudiziaria, si in- 
serirà nel verbale lo stato delle cose come è stato constatato e si 
daranno chiarimenti sulle tracce o segni che mancano, ma la cui esi- 
stenza si presuppone per la natura speciale del caso. 

Art. 87. Vesame giudiziario esterno del cadavere si fa coU'intervento 
di un medico, Vauiopsia da due medici in presenza del giudice, uno 
dei quali medici deve essere medico-legale. V autopsia non potrà affi- 
darsi al medico che curò T infermo durante T ultima sua malattia. 
Egli però potrà essere invitato a presenziare alPautopsia per dar chia- 
rimenti in base alla storia clinica. 

Quando il giudice crederà superfluo l'intervento di un medico 
nell'ispezione del cadavere, potrà rinunziare ad invitarlo. 

Per ispezionare od aprire un cadavere già sotterrato, se ne ordi- 
nerà la esumazione. 

Per le ricerche giudiziarie sui cadaveri umani in Prussia vale 
il regolamento del Ministero incaricato della Sanità Pubblica in data 
13 febbraio 1875, che per disposizione generale del Ministero della 
Giustizia in data 22 marzo 1875 è comunicato ai giudici ed agli im- 
piegati della Procura. 

Art. 88. Privìfia di procedere aWautopsia, quando non esistono spe- 
ciali impedimenti, bisogna stabilire la identità del defunto mediante 
testimonianze di persone che lo conobbero in vita. Se vi è un impu- 
tato, gli si presenterà il cadavere per la ricognizione. 

Art. 89. L'autopsia^ sempre che lo stato del cadavere lo consenta, 
deve sempre estendersi all'apertura delle tre cavità cranica, toracica 
ed addominale. 

Art. 90. Nell'autopsia di un cadavere di neonato^ l'esame deve spe- 



Gosì il medico, che per caso ha assistito l'ucciso negli ultimi momenti, 
non può essere che un testimone perito; mentre il medico, che lo ha assi- 
stito per incarico ricevutone dall'autorità giudiziaria, non può essere che 
un perito. 

Ad ogni modo, lo spirito dell'articolo 85 si comprenderà forse meglio, 
osservando che esso , anziché creare una categoria di persone per riferire 
sui fatti della causa, non fa altro che vietare che i testimoni, che posseg- 
gono speciali conoscenze relative ai fatti da essi deposti, sieno considerati 
e trattati come periti. 

I cosiddetti teitimoni periti TiQnix&no senz'altro nella categoria dei testi- 
moni puri e semplici. Ciò che conferisce al deponente la qualità di perito^ 
nel significato giudiziario della parola, non è l'attitudine scientifica subbiet- 
tiva, ma V incarico ricevuto ]. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 47 

cialmente proporai di vedere se esso ha vissuto durante il parto o 
dopo, e se sia nato maturo o almeno capace di vivere fuori Tutero 
materno. 

Art. 91. Se esiste sospetto di veneficio, si faranno esaminare da 
un chimico o da un perito specialista le sostanze sospette rinvenute 
nel cadavere "o altrove. 

Il giudice può disporre che queste ricerche sieno fatte con la col- 
laborazione o la guida di un medico. 

Art. 157. Quando esistono indizii per sospettare che una morte 
non sia accaduta per causa naturale, o si trovi il cadavere di per- 
sona ignota, Tautorità di polizia o del comune ha Pobbligo di tn/br- 
marne immediatamente il procuratore di Stato ovvero il giudice. 

L'interro deve farsi solo in seguito ad ordine scritto del prò* 
curatore di Stato o del giudice. 

Per Tart. 193, anche V imputato può reclamare che i periti da 
lui proposti per intervenire al pubblico dibattimento sieno citati per 
il giorno stabilito, e quando il giudice si rifiuti a citarli, può citarli 
r imputato stesso. 

I periti proposti dall'imputato possono prendere parte air ispe- 
zione ed alle necessarie ricerche , in quanto non venga ostacolata 
Fazione dei periti citati dal giudice. 

Art. 255. I rapporti di autorità pubblica contenenti una testi- 
monianza od una perizia e parimenti gli attestati medici sulle fe- 
rite corporee, che non sono da annoverarsi fra le gravi, possono es- 
sere letti al perito. 

Se è stata invitata una facoltà medica ad emettere un parere, 
il tribunale può invitare uno dei membri di quella a riferire sulla 
perizia nel dibattimento. 

[ A complemento e confronto delle disposizioni innanzi ripor- 
tate dei Codici austriaco e germanico, trascriviamo dai Codici 
civile, penale e di procedura penale italiani gli articoli relativi 
ai periti e alle perizie medico-legali. 

IDelle perizie. 
(e. P. P.) 

Art. 152. In tutti i casi nei quali per la disamina di una persona o 
di un oggetto si richiedono speciali cognizioni ed abilità, vi si proce- 
derà coirintervento dei periti, di regola in numero non minore di due. 

Essendovi pericolo nel ritardo, o .trattandosi di un caso di poca 
importanza, basta l'intervento anche di un solo perito. 



Digitized by VjOOQIC 



48 Eulenberg, 

153. Coloro che in un processo penale non possono sentirsi come 
testimoni, non possono assumersi in esso nemmeno come periti. 

154. I periti saranno citati nella forma prescritta pei testimoni: 
e prima di cominciare le loro operazioni presteranno giuramento. 

In difetto di prestazione di giuramento la perizia è nulla. 

155. II giudice farà ai periti quelle domande che crederà del 
caso, e loro darà, ove occorra, le direzioni convenienti o per iscritto 
o verbalmente; e ne sarà fatta menzione. 

I periti faranno quindi tutte le operazioni e gli esperimenti che 
la loro professione od arte suggerisce, indicando i fatti e le circo- 
stanze sulle quali avranno fondato il loro giudizio. 

Ove siano intervenuti due periti, e questi sonò discordi, il giu- 
dice ne chiamerà sul luogo uno o più in numero dispari. Le ope- 
razioni saranno rinnovate in presenza di questi ultimi: se le opera- 
zioni non si possono ripetere, ne sarà loro comunicato il risultato 
dai primi periti: e, dopo gli scambievoli schiarimenti, emetteranno 
tutti il loro giudizio motivato. 

156. Le persone e gli oggetti sui quali cade l'ispezione saranno 
visitati dai periti in presenza del giudice, tranne i casi in cui, per 
riguardi di moralità e di decenza, questi stimasse opportuno di riti- 
rarsi. In tali casi si provvederà acciò sia guarentita la credibilità 
delle operazioni da farsi dai periti, e si accorderà loro un termine 
a presentare la relazione. 

D'ogni cosa sarà fatta menzione nel verbale. 

157. Ogni relazione si farà verbalmente o per iscritto: se ver- 
bale, sarà immediatamente ridotta in iscritto. 

Le carte o scritture che avranno fatto V oggetto della perizia , 
saranno inoltre sottoscritte o sottosegnate dai periti, e vidimate dal 
giudice. 

158. Il giudice potrà nel corso delPistruzione richiedere dai pe- 
riti ulteriori schiarimenti sulla loro relazione, e sopra tutto ciò cho 
egli crederà utile o maggior dilucidazione della loro opinione. 

159. I periti che ricuseranno , senza giusti motivi , di prestare 
la loro opera e di dare il loro giudizio , incorreranno nelle pene 
portate dall'articolo 307 del codice pen. Il giudice stenderà verbale 
del rifiuto, e lo comunicherà al procuratore del re per quelle istanze 
che giudicherà convenienti. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 49 

Capacità dei periti. 

(e. p. p.) 

285. Sodo ammesse a fare testimonianza od a prestare ufficio 
di periti tutte le persone dell'uno o delPaltro sesso che abbiano com- 
piuta Tetà di anni 14, e non abbiano perduta la capacità di deporre 
in giudizio a tenore degli art. 25 e 375 del codice penale. 

Coloro che non hanno compiuta l'età di anni 14, o che hanno 
perduta la capacità di deporre, non possono, sotto pena di nullità, 
essere sentiti come testimoitì, né prestare ufficio di periti, se non 
per semplici indicazioni o schiarimenti, e senza giuramento. 

288. Gli avvocati e i procuratori non possono , sotto pena di 
nullità, essere obbligati a deporre sopra quei fatti o circostanze di 
cui essi non abbiano cognizione che in seguito a rivelazione o con- 
fidenza ad essi fatta dai loro clienti neir esercizio del proprio mi- 
nistero. 

Lo stesso ha luogo riguardo ai medici, chirurgi od altri ufficiali 
di sanità, agli speziali, alle levatrici, e ad ogni altra persona, a cui 
per ragione del suo stato o della sua professione od officio fu fatta 
confidenza di qualche segreto; salvo i casi in cui la legge li obbliga 
espressamente ad informarne la pubblica autorità. 

Periti non comparsi o renitenti. 

(e. P. P.) 

292. Se, a motivo della non comparizione di un testiipone o pe- 
rito, la causa sarà stata rimandata ad altra udienza, tutte le spese 
della citazione dei testimoni o periti, ed altre che sieno occorse per 
la spedizione della causa, compresa l'ordinanza di rinvio, saranno 
a carico del testimone o perito non comparso: il quale colla stessa 
ordinanza, e sull'istanza del P. M., verrà astretto a pagarle eziandio 
coir arresto personale. 

La corte, il tribunale o il pretore potranno ad un tempo pre- 
scrivere che il testimone o perito non comparso sia tradotto per 
mezzo della forza pubblica all'udienza, per essere esaminato. 

11 testimone o perito non comparso sarà in ogni caso condan- 
nato a un'ammenda non minore di L. 10, od anche ad una multa 
non maggiore di L. 100. 

293. In ogni caso in cui il testimone o perito non comparso sia 
stato condannato al pagamento delle spese ed all'ammenda od alla 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 4 



Digitized by VjOOQIC 



50 Eulenberg, 

multa, ovvero solo a queste ultime pene, gli è salva l'opposizione 
nei modi e termini stabiliti dagli art. 348 e 389. 

Se però egli comparisce all'udienza pendente ancorai! dibatti- 
mento, può esporre i suoi motivi di scusa verbalmente nell'udienza 
stessa, chiedendo la parola al presidente o pretore. 

Qualora il testimone o perito avesse dovuto comparire innanzi 
una corte d'assise, e prima che egli abbia fatta opposizione, la ses- 
sione della corte sia stata chiusa, l'opposizione sarà portata dinanzi 
alla corte d'appello, e sarà giudicata nella sezione degli appelli cor- 
rezionali e sulla sola lettura del ricorso e dei relativi documenti , 
sentito il P. M. 

294. Se un testimone o perito citato non abbia potuto presen- 
tarsi per malattia od altra grave cagione, la corte o il tribunale po- 
trà delegare, per riceverne la deposizione o dichiarazione, sia uno 
dei suoi consiglieri o giudici, sia un giudice del tribunale nel cui 
distretto il testimone o perito risiede , escluso però sempre , sotto 
pena di nullità, il giudice istruttore che ha ricevuto la prima de- 
posizione o dichiarazione scritta.' 

Il testimone o perito presterà giuramento sotto pena di nulli- 
tà , e della deposizione o dichiarazione di luì sarà data lettura al- 
l'udienza. 

Qualora la corte o il tribunale non crede delegare l'esame del 
testimone o perito impedito, dovrà far dare lettura della sua depo- 
sizione o dichiarazione scritta, se una parte ne faccia istanza e le 
altre non dissentano. 

295. Se il giudice delegato venisse a riconoscere che l'impedi- 
mento addotto è finto, o che non è tale da porre il testimone o pe- 
rito nell'yn possibilità di comparire all'udienza, ne informerà tosto 
la corte o il tribunale , il quale potrà far tradurre il testimone o 
perito all'udienza per mezzo della forza pubblica, e condannarlo 
nelle spese di trasferta del giudice delegato e delle persone che han- 
no dovuto assistere all'atto. 

Le disposizioni di questo art. e del prec. hanno luogo senza pre- 
giudizio di ciò che è prescritto nell'art. 292. 

Ghiuramento dei periti. 

(e. P. p.) 

298. I periti prima di essere sentiti, presteranno, a pena di nul- 
lità, il giuramento di bene e fedelmente procedere nelle loro operazioni, 
e di non aver altro scopo che quello di far conoscere ai- giudici la pura 
verità. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Disposizioni di legge 51 

299. Il giuramento sarà prestato dai testimoni o periti, stando 
in piedi, alla presenza dei giudici, previa seria ammonizione che ad 
essi dal presidente o dal pretore sarà fatta suirimportanza morale 
di un tale atto , sul vincolo religioso che i credenti con esso con- 
traggono dinanzi a Dio, e sulle pene stabilite contro i colpevoli di 
falsa testimonianza o perizia, o di reticenza. 

300. I periti che avessero già dato il loro giudizio neir istru- 
zione preparatoria , non presteranno nuovo giuramento , e basterà 
che loro si rammenti quello già prestato, ammenoché si tratti del- 
l'esame o del giudizio sopra fatti sui quali non fossero stati prece- 
dentemente interrogati. 

Cosi pure i testimoni o periti che fossero richiamati nel corso 
del dibattimento non presteranno nuovo giuramento, e basterà che 
loro si rammenti quello già prestato. 

Ssame dei periti. 

(C. P. P.) 

310. Sono comuni ai periti le disposizioni degli art. relative a 
testimoni. 

Non pertanto, qualora la natura delle quistioni lo consigliasse, 
il presidente o il pretore potranno ordinare che i periti assistano 
al dibattimento od a parte di esso, e potranno anche sentirli in pre- 
senza gli uni degli altri. 

I3el modo di accertare il corpo del reato. 

(e. P. p.), • 

134. Se la persona percossa o ferita o che abbia sofferto altre 
violenze venisse a morire, i chirurghi o medici chiamati alia cura 
dovranno darne immediatamente avviso al giudice. Questi procederà 
coli' assistenza di essi , o di altri periti a termini degli art. 125 e 
126, ed avrà cura di fare indicare distintamente dai periti le ferite, 
percosse o violenze, alle quali credono che si possa attribuire la 
morte, come pure ogni altra circostanza in detti articoli menzionata. 

IDelle denuncie, dei rapporti e delle dichiarazioni. 

(C. P. P.) 

* 102. I medici , chirurghi , ed altri uffiziali di sanità notifiche- 
ranno entro le 24 ore, e nei casi di grave pericolo immediatamen- 



Digitized by VjOOQIC 



52 Eulenberg, 

te, il veneflzio, i ferimenti od altra offesa corporale qualunque, per 
cui abbiano prestato i soccorsi dell* arte, al giudice incaricato del- 
ristruzione od a qualunque altro ufflziale di polizia giudiziaria del 
luogo ove si trova la persona offesa, od in loro mancanza alPuffi- 
ziale di polizia giudiziaria più vicino; sotto le pene stabilite nel- 
l'art. 308 del Codice Penale. 

Nella dichiarazione s'indicherà il luogo ove trovasi l'offeso, e 
per quanto sarà possibile, il nome, cognome, e tutte le altre circo- 
stanze espresse nell'art. 31 del presente Codice. 

Ove la suddetta dichiarazione non possa essere fatta subito con 
giuramento , il dichiarante dovrà prestarlo al più presto possibile 
davanti l'istruttore od il pretore. 

103. Qualora più medici o chirurghi abbiano avuto la cura di 
una stessa persona, saranno tutti egualmente tenuti di fare la di- 
chiarazione di cui nell'articolo precedente. 

"Del rifiuto di servizio legalmente dovuto. 

(e. P.) 

307. Chiunque esercita pubblicamente un' arte od una profes- 
sione, e legittimamente chiamato, ricusa, senza giusta causa, di pre- 
sentarsi e dare il suo giudizio o prestare l'opera sua, sarà punito 
con multa estensibile a lire 100, e potrà anche essere sospeso dal- 
l'esercizio della propria arte o professione. 

308. I medici, i chirurghi, ed ogni altro ufGlziale di sanità,'che 
nei casi di venefizio, fehmenti,.od altre offese corporali ometteranno 
o ritarderanno le notificazioni o le relazioni prescritte dal Codice 
di procedura penale, saranno puniti con multa estensibile a lire cen- 
to ; e nei casi gravi potrà essere aggiunta anche la pena del car- 
cere, e la sospensione dall'esercizio della professione. 

Falsità in certificati. 

(e. P.) 

360. 11 medico, chirurgo, o altro uQiciale di sanità, che per solo 
favore rilascia un falso certificato di malattia o di indisposizione 
qualunque, propria ad esimere taluno da un pubblico servizio le- 
gittimamente dovuto o richiesto, soggiacerà alla multa da 100 a li- 
re 1000. 

Se le dette persone sieno indotte a ciò fare per doni o promesse, 
soggiaceranno inoltre al carcere non minore di sei mesi. 



Digitized by VjOOQIC 



Compito del perito. Dispoaizioni di legge 53 

IDella falsa testimonianza o perizia, della reticenza 
e del faléo giuramento. 

(e. P.) 

367. I periti che scientemente attestassero fatti falsi, o false 
circostanze in giudìzio , ovvero dolosamente vi portassero giudizi 
falsi, saranno puniti colle pene rispettivamente stabilite nei due pre- 
cedenti articoli. 

372. Se il testimone o perito ritratta la falsa testimonianza o 
perizia , o palesa il vero in giudizio , prima che contro di lui sia 
istituito procedimento penale, o, in difetto di procedimento penale, 
prima della sentenza relativa alla causa in cui sarebbesi reso col- 
pevole di falsità o di reticenza; la pena alla quale avrebbe dovuto 
soggiacere sarà diminuita da uno a tre gradi. 

Nei giudizi penali, il colpevole di falsa testimonianza o perizia, 
o di reticenza, non soggiace a pena semprechè nella orale discus- 
sione si ritratti o palesi il vero prima che sia dichiarato chiuso il 
dibattimento. 

373. Le pene stabilite negli articoli precedenti contro i colpe- 
voli di falsa testimonianza o perizia, o di reticenza, saranno dimi- 
nuite di un grado se il' testimonio o perito fu sentito senza giura- 
mento. 

In tali casi non si potrà procedere, se non dopo ultimata la causa 
in cui il testimone o perito sonosi resi colpevoli di falsità. 

!Della perizia. 

(e. e.) 

252. L'ordinanza o la sentenza, che ammette la perizia, ne enun- 
cia Toggetto, stabilisce il termine entro il quale dev^essere presen- 
tata la relazione, e delega un giudice per ricevere il giuramento del 
perito. 

253. La perizia è fatta da uno o da tre periti, secondo che sia 
stabilito dalle partì, e ordinato dall'autorità giudiziaria. 

Se le parti non si siano precedentemente accordate nella nomina 
dei periti, questa si fa con l'ordinanza o con la sentenza che am- 
mette la perizia. 

254. Non possono essere d'ufficio nominati periti coloro che, a 
termini dell'articolo '236, non 'possono essere sentiti come testimoni. 

259. Dopo la nomina dei periti, il giudice delegato, sull'istanza 



Digitized by VjOOQIC 



54 Euienberg, 

di una delle parti, premessa la citazione dell'altra e dei periti, ri- 
ceve il giuramento di questi, e stabilisce il luogo, il giorno e Torà 
in cui essi cominceranno le loro operazioni; e quando ne facciano 
domanda, determina la somma da depositarsi nella cancelleria an- 
ticipatamente per le spese. 

I periti devono giurare, nella forma stabilita dall' art. 226 , di 
procedere fedelmente nelle operazioni loro commesse nel solo scopo 
di far conoscere ai giudici la verità. 

260. Quando il perito non accetti la nomina, o non comparisca 
nel giorno e nell'ora indicati per prestare il giuramento, o per ese- 
guire la perizia , è nominato d' ufficio , colle norme stabilite negli 
articoli precedenti, un altro perito, se le parti non siansi accordate 
in questa nomina. 

II perito, che, dopo aver prestato giuramento, non comparisca 
nel giorno ed ora stabiliti per l'eseguimento della perizia, può es- 
sere condannato alle spese e al risarcimento dei danni. 

261. La copia dell'ordinanza o della sentenza, nella parte che 
determina l'oggetto della perizia, e i documenti necessari, sono con- 
segnati ai periti non più tardi di giorni cinque da quello del giura- 
mento. 

262. Le parti possono fare ai periti, nel corso delle loro opera- 
zioni, le osservazioni che credano del proprio interesse, e di queste 
deve farsi menzione nella relazione. 

263. Quando i periti non possano terminare l' operazione nel 
giorno indicato, questa è da essi prorogata ad altro giorno ed ora 
certi, senza bisogno di citazione né di notificazione. 

Se i periti non possano compiere le loro operazioni nel termine 
stabilito, possono prima della scadenza domandare una proroga. 

La proroga è domandata con ricorso al presidente , il quale , 
udite le parti, provvede. 

264. I periti fanno una sola relazione, nella quale devono espri- 
mere un solo avviso motivato a pluralità di voti. 

In caso di divergenza di opinioni fra i periti , si esprimono i 
motivi delle diverse opinioni, senza indicare il nome.dei periti, che 
le hanno espresse. 

I periti non possono corredare la loro relazione di piani e tipi, 
salvo sia stato loro ordinato con l'ordinanza o con la sentenza, o vi 
sia consenso delle parti. 

265. La relazione dev'essere sottoscritta contemporaneamente da 
tutti i periti, in presenza del cancelliere dell'autorità giudiziaria che 
ha ordinato la perizia. 

266. Il presidente può ordinare che la relazione dei periti sia 



Digitized by VjOOQIC 



Oggetto delie ricerche medico-legali 55 

ricevuta dal cancelliere della pretura del mandamento in cui la pe- 
rizia fu eseguita, o di quello della residenza di uno dei periti, e il 
cancelliere trasmette immediatamente la relazione in originale alla 
cancelleria dell'autorità giudiziaria che ha ordinata la perizia. 

267. L'onorario dei periti è tassato dal presidente con ordine 
di pagamento in margine del processo verbale, e il provvedimento 
ha forza di sentenza spedita in forma esecutiva contro la parte che 
ha chiesta la perizia, e se questa fu ordinata d'uffizio, solidalmente 
contro tutte le parti interessate. 

268. Il perito che ritarda o ricusa di presentare la relazione nel 
termine stabilito o prorogato, decade di diritto dalla nomina, e le 
parti possono chiederne senz' altro la surrogazione , in conformità 
degli articoli precedenti. 

In questo caso il perito non può pretendere alcuno onorario o 
rimborso, ed è tenuto alle spese ed al risarcimenti) dei danni. 

269. Quando l'autorità giudiziaria non trovi nella relazione ele- 
menti sufficienti per la decisione della causa , può ordinare ai pe- 
riti di dare anche oralmente all'udienza schiarimenti ulteriori, ov- 
vero ordinare una nuova perizia da eseguirsi da uno o più periti, 
nominati d'ufficio. I nuovi periti possono richiedere ai primi le spie- 
gazioni che stimino convenienti. 

270. L' avviso dei periti non vincola l' autorità giudiziaria , la 
quale deve pronunziare secondo la propria convinzione. 

b) Oggetto delle ricerche medico-legali. 

Vispezione giudiziaria consiste nella constatazione dei fatti 
esistenti e nell'esaminare se esistano o manchino determinati 
segni che danno l'impronta speciale ad un caso giuridico. 

Vesame medico-legale è una parte integrante della ispe- 
zione giudiziaria^ in quanto che esso la completa, semprechè 
si richiedano le cognizioni mediche per illuminare e valutare 
queste cose. 

Il sostrato dell'esame medico-legale può essere quindi sva- 
riatissimo: non solo le persone vive od il cadavere debbono essere 
esaminati, ma anche il sito in cui fu commesso il reato non che 
gli strumenti, oggetti e cose che richiedono di essere ispe- 
zionati ed esaminati dal punto di vista medico-legale. 

Se le operazioni medico-legali debbano essere fatte solo 
in presenza del giudice, viene determinato dalle autorità. 



Digitized by VjOOQIC 



56 Eulenberg, 

Secondo V art. 167 del codice di procedura penale tedesco^ ri- 
guardo alla partecipazione del procuratore di Stato alle operazioni 
giudiziarie valgono le stesse norme esistenti per l'istruzione prelimi- 
nare. Lo stesso è per l'imputato, il suo difensore ed i periti da lui invi- 
tati, quando l'imputato come tale sia sottoposto all'in terrogatorio dal 
giudice si trovi in carcere durante il periodo istruttorio. 

Per l'art. 191, quando si procede ad un'ispezione giudiziaria è 
permesso al procuratore di Stato, all'imputato ed al difensore di pre- 
senziarla. 

Lo stesso vale quando si deve udi;*e la dichiarazione di un te- 
stimone di un perito che sia impedito espressamente di comparire 
in pubblico dibattimento, o la cui comparsa riesca difBlcile per la 
grande lontananza in cui si trova. 

L'art. 87 stabilisce che l'esame esterno del cadavere e l'autopsia 
vengano sempre eseguiti in presenza del giudice. 

Per l'art. 193, è permesso all' imputato di invitare controperiti, 
quando si procede ad un'ispezione con V intervento di periti. 

Spetta però sempre al giudice il diritto di guidare le ope- 
razioni dei periti, quando gli sembri necessario ; ed egli può 
formulare i determinati quesiti ai quali i periti debbono ri- 
spondere. 

1) Esame delle persone vive. 

n compito dei periti nelle loro ricerche può essere qui 
delineato a grandi tratti, e proprio non solo dal punto di vista 
clinico, ma sempre in rapporto alle quistioni controverse che 
si affacciano davanti alla giustizia. 

a) L'esame delle diverse condizioni fisiologiche a seconda 
dell' etày i processi di sviluppo e di involuzione che si verifi- 
cano nei diversi periodi della vita, le alterazioni del sistema 
nervoso che li accompagnano, insie me alla loro influenza sulle 
azioni delFesaminando, la durata della vita secondo lo stato, la 
professione, lo condizioni coniugali, l'età rispettiva dei coniugi, 
r età richiesta per adempiere allo scopo del matrimonio, ecc. 
sono le nozioni di fisiologia e patologia che deve possedere il 
medico-legale per rispondere alle quistioni forensi. 

b) Le condizioni sessuali^ la constatazione della capacità a 
generare nell'uomo e nella donna, l'ermafroditismo, la vergìni- 



Digitized by VjOOQIC 



Oggetto delle ricerche medico-legali 57 

tà, la gravidanza, il parto avvenuto ecc. richiedono cognizioni 
fisiologiche e ginecologiche. 

e) L'esame dello stato della mente delPimputato deve farsi 
dal perito per dare al giudice i criteri sufficienti ad emettere 
un giudizio sulla responsabilità e sulla necessità o meno di spic- 
care mandato di cattura. 

d) L'esame della lunga serie dei morbi simulati richiede 
un alto grado di intuizione, di acume ed una profonda cono- 
scenza di tali morbi. Non di rado la simulazione di psicopatie 
impone un esame accuratissimo e coscienzioso per smasche- 
rare il simulatore. 

Per Tart. 487 del codice di procedura penale tedesco, quando il con- 
dannato cade infermo di mente bisogna sospendere Varresto. Lo stesso 
vale per altre malattie quando vi sia imminente pericolo di mta per 
il condannato, trasferendolo in carcere. L'esecuzione della pena può 
anche sospendersi, quando il condannato trovisi in uno stato fisico 
in cui sia incompatibile T immediata applicazione della pena. 

Sotto quest'ultima espressione si allude soltanto airimminente 
parto della condannata. 

Grandi difficoltà s'incontrano invece nel decidere ^uìVimmimnte 
pericolo di vita, che potrebbe risultarne in un condannato infermo 
che dovesse essere trasportato da un sito ad un altro. Il medico-le- 
gale anche qui deve attenersi solo ad un esame puramente obbiet- 
tivo, e non deve lasciarsi influenzare nel suo giudizio da considera- 
zioni accessorie, anche quando esse fossero ispirate al più alto sen- 
timento umanitario. 

f) Nella questione relativa alla incapacità al servizio^ al 
lavoro ecc. il medico-legale tanto meno deve farsi influenzare 
dalle dichiarazioni dell' esaminando, giacché egli deve dare al 
giudice un certificato nel quale debbono essere presi in conside- 
razione tutti i fattori che sono concorsi nel singolo caso, e deve, 
attenendosi ad un rigorosissimo giudizio obbiettivo, istituire il 
paragone fra lo stato di salute che aveva precedentemente 
l'esaminando e quello che ha al momento che lo esamina. 

g) Nel codice dell' Impero tedesco , il danno inferto alla 
salute di un individuo in seguito a ferita non va più giudicato 
alla stregua della durata dell'incapacità al lavoro. 



Digitized by VjOOQIC 



58 Eulenberg, 

Le rispettive disposizioni di legge sono contemplate negli arti- 
coli 223 e 224 del codice penale tedesco, il primo dei quali prende 
in considerazione le « lesioni corporali leggiere )),il secondo le « gravi d. 
Per queste ultime il medico-legale deve esporre verbalmente il suo 
parere nel dibattimento (v. art. 225 del codice di proc. penale te- 
desco). Nel codice penale francese (art. 309) una ferita la quale ap- 
porti infermità od incapacità al lavoro al di là di 20 giorni è con- 
siderata delitto. 

Sotto il punto di vista della procedura è ancora a rilevare, 
che l'attestato in iscritto di un fatto constatato da un medico 
a richiesta e nelV interesse di una persona è indicato col no- 
me di certificato. Se poi il medico-legale deve dare giudizio 
in iscritto a richiesta del giudice, questo giudizio va col nome 
di parere o perizia. 

Per lo passato in Francia veniva denominato « exoine » (proba- 
babilmente da exonorare) o « essoine » il certiflcato che doveva ser- 
vire a scusare una persona e dimostrare che la stessa non era al 
caso di poter adempiere ad una funzione impostagli, per es. quella 
di giurato. 

Essendo stato constatato che i certificati non sempre ve- 
nivano presentati in debito modo, il ministro prussiano addetto 
al ramo della sanità pubblica, con circolare del 30 gennaio 1853, 
prescrive che i certificati medici debbono essere redatti e 
presentati in una determinata forma. 

Poiché la conoscenza dei relativi punti da prendere in conside- 
razione è d'interesse generale, crediamo acconcio di esporli qui. Essi 
sono: 1) indicare esattamente la causa per cui si redige il certifl- 
cato, lo scopo al quale deve servire e T autorità a cui deve essere 
presentato ; 2) esporre le eventuali indicazioni che dà V infermo o 
qualcuno dei suoi congiunti sul suo stato fisico; 3) esporre le osser- 
vazioni proprie sullo stato deirinfermo;'*^) indicare i sintomi pato- 
logici realmente constatati ; 5) dare un giudizio motivato scientifi- 
camente sulla natura della malattia , sulla opportunità o meno di 
trasportar V infermo da un sito all' altro , se fosse possibile farlo 
trasferire in carcere, ed eventualmente rispondere anche alle domande 
che possono essergli state dirette dal giudice che lo inviava al suo 
esame ; 6) dare le debite assicurazioni, che le indicazioni date dal- 
Tinfermo o dai suoi congiunti sono state esattamente registrate nel 



Digitized by VjOOQIC 



Oggetto delie ricerche medico-legali 59 

certificato , che Tesarne è stato fatto scrupolosamente , e la perizia 
con piena scienza e coscienza in base alle proprie osservazioni. Ol- 
tre a ciò, i certificati debbono essere muniti della data (secondo la 
disposizione di legge dell' 11 febbraio 1856 debbono essere anche in- 
dicati il sito ed i giorni in cui fu fatto l'esame) con la firma in esteso; 
deve essere indicato specialmente se il medico abbia fatto il certificato 
ex ufficio pur no , ed il certificato stesso dev' essere munito del 
suggello. 

Per la stessa disposizione di legge, i certificati debbono essere 
redatti nella medesima forma anche dai medici pratici, quando deb- 
bano essere presentati davanti alla giustizia. 

E poiché erano stato mosse obbiezioni sulla attendibilità o meno 
dei certificati medici, specialmente per quei casi nei quali Tesarne era 
diretto a constatare se il giudicabile fosse in condizione da poter essere 
tradotto in carcere^ la legge del 30 gennaio 1853 fa pure rilevare che 
in tali circostanze i rispettivi medici non debbono lasciarsi guidare 
nei loro giudizii da una compassione fuori luogo, né porsi dal punto 
di vista del medico di casa, il quale deve prescrivere al suo infer- 
mo, che trovasi in libertà, il più opportuno tenore di vita. Vero è 
che il carcere spiega quasi in tutt'i casi un' influenza deprimente 
sullo stato psichico delTindividuo, e quando si tratta di quelli non 
molto robusti e non completamente sani, riverbera un'influenza no- 
civa anche sul fisico e quindi aggrava quasi sempre gli stati patolo- 
gici già esistenti. 

Ma da ciò non ne segue che sìa permesso sospendere T azione 
della giustizia e ritardare il trasferimento al carcere, in cui -non man- 
cano mai le cure mediche, nel caso che ve ne sia bisognò. La sospen- 
sione del trasferimento al carcere ecc. può essere proposta dal me- 
dico nel solo caso in cui egli, dopo un esame scrupolosissimo dello 
stato del rispettivo individuo, si convinca pienamente che traspor- 
tandolo ivi ne possa risultare un pericolo grave, immediato, irrepara- 
bile per la vita, e quando possa dimostrare questa sua convinzione, 
in base alTesame dei sintomi patologici da lui constatati ed ai prin- 
cipii fondamentali della scienza. 

Con la legge del 24 settembre del 1870 furono estese anche alle 
nuove province le disposizioni del 26 gennaio e 11 febbraio 1856. 

Fa d'uopo ancora notare che per Tari 277 del codice pe^ 
naie tedesco è punito col carcere estensibile ad un anno chi 
non essendo di sua competenza, si permetta di fare un cer- 
tificato sul suo stato di salute o su quello d'un altro, oppure 



Digitized by VjOOQIC 



60 Eulenberg, 

falsifica un certificato genuino per ingannare le autorità o le 
società di assicurazione della vita ecc. 

L'art. 278 prescrive il carcere estensibile da un mese a 2 anni 
a quei medici di ufiQcio o pratici che rilascino un certificato inesat- 
to , e contro la loro scienza e coscienza , sullo stato di salute di 
un individuo, per ingannare le autorità o le società di assicurazioni 
della vita. 

L*art. 160 del codice penale francese punisce col carcere da 2 esten- 
sibile a 5 anni colui che abbia rilasciato certificato di malattia non 
vera per esonerare qualcuno da un servizio pubblico. 

2) L'esame del cadavere. 

Ha per iscopo di accertare le diverse specie di morte vio- 
lenta e rientra nel dominio speciale della medicina legale. 

3) L'esame del sito 

ove fu rinvenuto un cadavere può anche essere di una 
grande importanza pel medico-legale. Talvolta può influire sul- 
r esame il conoscere esattamente la posizione in cui fu tro- 
vato il cadavere o la natura dei siti immediatamente limitrofi. 
Per meglio chiarire un caso possono in talune circostanze, dal 
punto di vista medico-legale, giovare le tracce di sangue even- 
tualmente ivi rinvenute, oppure capelli, istrumenti, bastoni, 
rami rotti di alberi, arbusti infranti, orme di piedi su di ter- 
reno molle sulla neve, zolle di erbe calpestate, brani di abiti 
lacerati ecc. E lo stesso dicasi di oggetti estranei rinvenuti in 
quel punto, per es. sabbia, terreno, parti di piante, fango ecc., 
che aderiscano agli abiti o ai peli del cadavere, o che siano 
penetrati più o meno profondamente nelle aperture naturali 
del capo. 

Nella morte per appiccamento e per strangolamento, e so- 
prattutto nel caso che sorga la questione se trattisi di suicidio, 
od omicidio, spesso è richiesto un esame accuratissimo in situ 
del modo come è successo Tappiccamento o lo strangolamento, 
della corda o del laccio adoperato, ecc. 



Digitized by VjOOQIC 



Oggetto delle ricerche medico-legali 61 

È chiaro che nel caso in cui vi sìa sospetto di avvelena- 
mento, bisogna esaminare dapprima la camera mortuaria, per 
constatare se ivi si avvertano odori estranei, se vi siano re- 
sidui di bevande o di medicamenti, esaminare le bocce, i vasi 
che vi si trovino eventualmente, ecc. Praticando l'esame in tal 
modo, si riuscirà in ogni caso concreto a schiudere nuove vie 
speciali di esame, le quali daranno contributi da raccogliere per 
emettere il parere. 

Del resto, fa qui d'uopo anche rilevare che non sempre un 
ferito muore proprio nel sito del reato, giacché in talune cir- 
costanze egli possiede ancora forza sufficiente per percorrere 
un tratto di via, prima di cadere esamine. 

Se il cadavere sia stato già trasportato altrove, talvolta può 
essere interessante pel medico-legale conoscere in quale po- 
sizione fu trovato. Quindi può darsi che egli sia costretto di 
rivolgere al giudice certe date domande, e sollecitarne la ri- 
sposta, nel caso che al suo esame precedette una ispezione giu- 
diziaria. Nell'esame di persone viventi è importante conoscere 
la località in cui deve essere praticato, in quanto che per es., 
nel giudicare la capacità al lavoro di una persona , importa 
non poco sorprenderla in casa e quivi osservarla da vicino. 

4) Esame degli strumenti, di cose e di oggetti estranei. 

Gli oggetti estranei già accennati nel precedente capitolo, 
per es. peli, talune partì di piante ecc. spesso debbono essere 
sottoposti ad un accurato esame microscopico, allo scopo di con- 
statare per es. se i peli che sono stati trovati sieno identici a 
quelli del ferito o del feritore. Macchie di diversa specie (di 
sangue, di sperma, di feci, di nieconio ecc.) possono aderire agli 
abiti. Anche gli alcali caustici, gli acidi minerali ecc. possono 
lasciare tracce della loro azione distruttiva sugli abiti o su ta- 
lune parti del corpo. Né meno importante è di constatare il 
modo. come stavano disposti gli abiti e di esaminare se siano 
lacerati, tagliati, se in alcuni punti bruciati ecc. 

Se il cadavere è denudato, spesso può essere richiesto di 
esaminare più tardi gli abiti che indossava. 

Qualunque sia Vistrumento rinvenuto^ la prima domanda 
che sorge, è di accertare se con esso potevano essere prodotte 



Digitized by VjOOQIC 



62 Eulenberg, 

le rispettive lesioni traumatiche. Quindi, è sempre indicato di 
darne esatta descrizione; soprattutto nelle ferite di arma da 
fuoco bisogna prendere in considerazione la circostanza, se il 
proiettile rinvenuto abbia potuto produrre la ferita riscontrata. 

In talune circostanze potrebbe anche essere imposto al me- 
dico-legale di rispondere alla domanda, se si possa determinare 
approssimativamente l'istante in cui fu esploso il colpo col- 
Tarma rinvenuta. Nei casi di questo genere, il medico-legale 
sarà costretto di ricorrere per consiglio alla illuminata espe- 
rienza di qualche perito ad hoc^ e ciò specialmente in tutti 
quei casi in cui le conoscenze di medicina e di scienze naturali 
del medico-legale non bastino per risolvere una questione ac- 
campata dal giudice. 

Nella morte per appiccamento o per strangolamento bisogna 
esaminare accuratamente la corda od altro che sia stato al- 
Tuopo adoperato, di quale natura sia dessa, in qual modo ap- 
plicata, dove il nodo, dove stretta, se la sua larghezza corri- 
sponda all'impronta rinvenuta sul cadavere, ed in quale dire- 
zione decorra intorno al collo. 

Qualunque sia stato ristrumento o Tarma colla quale si 
presume sia stata prodotta la lesione mortale, fa d'uopo sempre 
esaminare a regola d' arte gli oggetti estranei che eventual- 
mente aderivano al cadavere, e soprattutto le tracce di sangue, 
i peli, ecc. 

e) Eedazione del verbale. 

La relazione nella quale sono esposti i risultati delTautop- 
sia praticata in situ e presenziata dalla Commissione giudiziaria 
va col nome di verbale^ oppure protocollo o verbale delVau- 
topsia cadaverica. 

Questo verbale va cominciato colT indicare 1) le autorità 
che lo richiesero, 2) Toggetto delT esame, 3) il sito, il giorno 
e Torà delTesame, 4) lo scopo dell'esame, 5) il nome, cognome 
e titolo dei periti medici. Si farà espressamente notare, se co- 
storo abbiano prestato giuramento speciale prima di eseguire 
l'esame necroscopico, o pure se se ne fece a meno affidandosi sul 
giuramento professionale, dove ed in qual modo rinvennero il 



Digitized by VjOOQIC 



Redazione del verbale 63 

cadavere, ed a quali preparazioni lo sottoposero per praticarne 
l'autopsia- Lo scopo dell'autopsia è di constatare la causa della 
morte. 

I reperti cadaverici vengono ordinariamente dettati dal 
medico distrettuale, che funziona da primo perito, al cancellie- 
re, mentre il secondo perito (chirurgo distrettuale, secondo me- 
dico-legale) esegue Tautopsia. 

Per regola l'autopsia non deve essere eseguita prima di 24 ore 
dopo la morte; però non è escluso che prima di questo intervallo 
si possa procedere alla ispezione esterna del cadavere. Nel caso vi 
sia il sospetto di lesioni esterne, è sempre poco acconcio di limitarsi 
al solo esame esterno. Anche quando il cadavere sia in istato di 
avanzata putrefazione, si può non dì rado ottenere ancora un risul- 
tato positiva dall'esame, soprattutto se trattisi di lesioni craniche o 
anche negli avvelenamenti. 

In Austria ed in Prussia vi sono speciali regolamenti da 
servire di guida ai medici-legali nelle autopsie. In Prussia le 
relative disposizioni di legge datano dal 6 gennaio 1875, mentre 
in Austria le disposizioni dei ministri dell'interno e di giustizia 
sull'esame giudiziario dei cadaveri datano dal 28 gennaio 1855. 

Per essere sicuri che i reperti cadaverici vengano regi- 
strati con esattezza, fa d'uopo di determinate prescrizioni e nor- 
me che si riferiscono alla forma ed al contenuto del verbale. 
Quindi le regole della tecnica delle autopsie debbono servire 
al medico-legale come principii fondamentali ai quali deve at- 
tenersi. 

In riguardo alla procedura è da badare in generale, che 
per le sezioni principali bisogna registrare l'esame esterno e 
quello interno; indi si farà seguire la relazione ^xùVapertura 
delle cavità. Si distingueranno con diversa denominazione le 
sezioni principali e le accessorie, mentre i singoli reperti sa- 
ranno registrati con numero progressivo. 

Attesa la grande importanza del verbale in cui è registrata 
l'autopsia, non è a trascurare d'indicare anche reperti pato- 
logici eventuali. Daremo qui uno schema fondamentale del modo 
di procedere all'autopsia cadaverica; esso potrà servire di gui- 
da al medico-legale. 



Digitized by VjOOQIC 



64 EulenblBrg, 

A. Esame esterno del cadavere. 

Si debbono qui prendere in considerazione : 

1) reta presuntiva, il sesso, la lunghezza, lo stato generale 
della nutrizione, speciali postumi di pregresse malattie, cica- 
trici, tatuaggi; 

2) il colore e la qualità dei capelli, della barba, dei denti, 
nonché il colore degli occhi debbono essere registrati assoluta- 
mente quando si tratti di cadaveri di persone ignote; 

3) i segni della morte, della putrefazione o della rigidità 
cadaverica, il colore della pelle, le chiazze cadaveriche e le 
speciali colorazioni, Tadipocera. 

Nei verbali delle autopsie non di rado il colore della pelle viene 
indicato coir espressione a colorito cadaverico ordinario )). Ciò non è 
esatto, giacché questa indicazione è un pò* vaga, e qualsiasi man- 
canza di precisione deve essere evitata nel modo più scrupoloso che 
mai. In un verbale debbono essere conteniUe indicazioni esatte, ma né de- 
duzioni, né giudizii. 

Parecchi in vece d'indicare esattamente un* alterazione del co- 
lore , si servono della parola a scoloramento ». Ma ciò dovrebbe es- 
sere evitato, giacché sovente questa espressione è inesattamente ado- 
perata, e quindi non -viene indicato con sufficiente precisione il co- 
lore propriamente detto della parte; cosi per es. quando si dice 
(( labbra scolorate » si emette un giudizio, ma non si dà la descri- 
zione del colore delle labbra. 

Delle chiazze cadaveriche bisogna indicare con grande precisione 
il colore e la qualità; incidendole e descrivendole si è al sicuro di 
non scambiarle con stravasi sanguigni. 

L'ipostasi cadaverica occupa ordinariamente le parti declivi; è 
sempre diffusa, di color rosso-sporco, e per lo più segue il tragitto 
delle grosse vene. 

4) Esaminare le aperture naturali del capo per constatare 
se contengano corpi estranei, esaminare la posizione della lin- 
gua, il collo, la nuca, iJ petto, le mammelle, l'addome, i ge- 
nitali esterni, la superficie del dorso, Pano e Tasta. 

5) Nei traumi in cui siansi verificate lesioni di continuo 
bisogna precisarne esattamente la sede , dando P indicazione 



Digitized by VjOOQIC 



Esame esterno 65 

anatomica della parte lesa, misuraiido la distanza da plinti li- 
mitrofi anatomicamente noti, descrivendo la forma, la lunghez- 
za, la larghezza, la direzione, i margini, il fondo ed i contorni 
della lesione traumatica. 

É poco esatto indicare una ferita col nome di a ferita da punta 
o da taglio » ovvero come uua a ferita contusa o lacera », perchè in 
BifTatto modo si emette un giudizio, ma non si dà la descrizione del 
reperto propriamente detto. La descrizione deve essere tanto precisa, 
che da essa deve rilevarsi bentosto la natura ed il carattere della 
lesione. Si eviti il sondamento neìVesame estemo, perchè la profondità 
della lesione può essere determinata con esattezza soltanto nell'e- 
same interno. Per indicare l'estensione di una lesione traumatica, si 
potrà ricorrere al paragone con oggetti noti (si potrà ad ès. dire , 
che essa è grosssi quanto un tallero od una nocella) solo quando si 
tratti di reperti non essenziali; in tutt' altro caso si dovrà preferire 
d'indicare l'estensione della ferita in centimetri. 

Nelle lesioni traumatiche delle parti molli fa d'uopo — ^ soprat- 
tutto per la quistione che potrebbe sorgere , se esse si sieno pro- 
dotte prima o dopo la morte — esaminare, sui margini della lesione 
di contìnuo, se vi sieno suffusioni sanguigne, di quale natura sieno 
i versamenti sanguigni eventualmente esistenti nelle parti circostan- 
ti; — se la vita si protrasse a lungo dopo una tale lesione, si dovrà 
anche esaminare se vi sieno segni di un'eventuale reazione ivi apparsa. 

Nei neonati si dovranno indicare: la lunghezza (in media 
50 cent.), il peso (3200 a 3300 grammi), il grado dello sviluppo, 
la consistenza del corpo , se cioè solida e compatta , oppure 
molle e floscia, quella dei muscoli, il colore della pelle, se liscia 
o rugosa, se imbrattata di sangue, di meconio, di muco ecc. 

Sul capo: la lunghezza dei capelli, le ciglia, le sopracci- 
glia, la congiuntiva, il colore dell' iride, gli eventuali residui 
della membrana pupillare, la struttura delle cartilagini nasale ed 
auricolare, il colore delle labbra, la lingua e la posizione che 
ha nella cavità orale, la misura della grande fontanella, la cir- 
conferenza del capo (in media 34,5 cent.), la lunghezza del dia- 
metro retto (11,5 cent), di quello anterior trasversale (8 cent), 
posterior trasversale (9 cent), lungo obliquo (13,5 cent); inoltre 
s'indicherà lo stato delle parti molli, se cioè sieno tumefette, 
il loro colore ecc. 

Sul collo: chiazze, desquamazioni cutanee, suffusioni san- 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 5 



Digitized by VjOOQIC 



66 Bulenberg, 

guigfié, solchi, strie, incavi, punti cutanei disseccati e di consi- 
stenza pergamenacea. 

Sul petto: la larghezza delle spalle (in media 11 cent). Sul 
Txicino: il diametro trasversale delle anche (9 cent). B\AVaddome: 
misurare il residìio del cordone ombelicale, se ancora vi sia; 
indicare la natura della legatura, lo stato dei margini delP e- 
stremità libera, dei vasi sanguigni, se la consistenza sia molle 
gelatinosa. In quelli di sesso maschile indicare la posizione 
del testicolo, in quelli di sesso muliebre indicare il rapporto 
in cui stanno tra loro le piccole con le grandi labbra; sul- 
Tepifisi inferiore della coscia si dovrà misurare il diametro del 
nticleo osseo. 

Nel caso vi sia la secondina^ indicarne il diametro, la spesr 
sozza e gli altri caratteri, e precisare se il cordone ombelicale 
sia ancora fissato. 

B. Esame interno. 
I. Apertura della cavità cranica. 

6) Parti molli. Nelle soluzioni di continuo: la sede, direzione, 
lunghezza, larghezza, forma dei margini, colore e quantità del 
. sangue, speciali colorazioni, desquamazioni o punti disseccati 
della pelle. 

Dopo che è stata incisa la pelle da un orecchio alFaltro, 
portando il taglio al di sopra del cranio, e sono state stirate 
le parti molli in avanti e in dietro, si esaminerà la loro intima 
struttura, la profondità delle eventuali lesioni traumatiche, si 
constaterà se vi siano stravasi sanguigni e loro sede. Si dovrà 
accertare se questi stravasi risiedano nel tessuto delle parti molli 
o al di sotto di esso, al di sopra o al di sotto del pericranio, 
quale profondità ed estensione abbiano, quale carattere abbia 
il sangue effuso. 

Nei neonati bisogna distinguere il caput succedaneum dalle con- 
seguenze di un' azione traumatica. Quindi si descriveranno sempre 
esattamente la sede, V estensione, la quantità y il colore, la qualità del 
sangue esistente, se appaia in masse coagulate a forma insulare, op- 
pure se sia di aspetto gelatinoso ed impregnato di liquido, se abbia 
un colore rosso-sbiadito o giallo-ambraceo. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 97 

I versamenti sanguigni sotto il pericranio {cefaloematoma] si svi- 
luppano durante il parto, mediante compressione, nei bambini che 
già hanno vissuto molti giorni. Essi hanno forma tondeggiante e circo- 
scritta, mentre i versamenti sanguigni per effetto di un'azione trau- 
matica per lo più si presentano in forma diffusa. 

7) La volta cranica, a) Superficie dei tegumenti del cra- 
nio. Si esaminerà quanto segue: la configurazione e il volume 
del cranio, nonché il pericranio; si constaterà se vi sieno le- 
sioni delle diverse ossa craniche, e se queste lesioni appaiano 
in forma di fenditure, di lacerazioni o di fratture, la loro sede, 
la direzione in cui decorrono, la natura ed il colore dei mar- 
gini, se cioè lisci frastagliati oppure dentati o a forma di zig- 
zag. Nel caso che vi sieno impressioni, se ne accerteranno la 
profondità, la forma e l'estensione. 

Dopo aver aperto il cranio mediante taglio circolare con 
la sega, si esamineranno : la superficie del taglio, la sua lar- 
ghezza, la quantità di sangue della diploe, nonché l'eventuale 
aderenza delle suture col tegumento del cranio. 

b) Superficie interna dei tegumenti del cranio. Il colore 
giallo-grigio della superficie interna può essere alterato e tra- 
sformato in uno bianco a chiazze. Si esamineranno: i solchi 
pel passaggio delle arterie meningee, la loro profondità ed am- 
piezza, la forma dei iuga cerebralia e delle impressiones di-- 
gitatae. Nelle lesioni traumatiche: le sporgenze di tratti ossei, 
le lacerazioni ossee, le schegge, loro quantità e lunghezza, non- 
ché le eventuali lacerazioni o fenditure ecc. limitate alla su- 
perficie interna. 

Le usure sulla superficie interna possono prodursi come segue: 
le granulazioni del Pacchioni hanno perforato la parete del seno 
longitudinale, determinando ad ambo i lati dello stesso una spari- 
zione della superficie interna. La sede di questi infossamenti assi- 
cura la diagnosi. 

8) Meningi cerebrali. Dura madre, a) Superficie esterna. 
I versamenti sanguigni sulla dura madre sono quasi sempre le 
conseguenze di offése meccaniche esterne. Bisogna sempre con- 
statare esattamente la loro sede, profondità, estensione e na- 
tura ed il loro eventuale rapporto con infiuenze traumatiche, 



Digitized by VjOOQIC 



68 E ulenberg , 

con lesioni delle parti molli o delle ossa o con schegge ossee 
penetrate. 

Il colore ordinariamente grigio della dura madre è tal- 
volta di un biancastro piuttosto intenso. In quest'ultimo caso 
le vene della pia madre traspariscono meno chiaramente. 

Un alto grado di tensione della dura madre depone per un 
aumentato contenuto del cranio; si esamina ciò cercando di 
sollevare una piega in uno dei punti più elevati. Se ciò non 
riesca, bisogna ammettere che realmente sia accresciuto il con- 
tenuto cranico. 

I grossi vasi possono presentare un maggior grado di re- 
plezione sanguigna. In tal caso le arterie risaltano per la loro 
posizione fra due vene. 

La dura madre apparisce inspessita, torbida e di colore 
giallastro nel caso di depositi purulenti in seguito a lesioni 
traumatiche del cranio. 

Seno longitudinale. Si esamineranno il contenuto, la qua- 
lità e la quantità del sangue oppure di un grumo sanguigno 
eventualmente aderente alla parete e rammollito nel centro. 

b) Superficie interna della dura madre. Ordinariamente 
il colore della superficie interna non si distingue da quello della 
superficie estema. 

Soltanto nei processi patologici, il colore è di un bruno-scuro, li- 
mitato a molte piccole zone oppure diffuso ad una vasta estensioue. 
L'alterazione del colore per lo più dipende da versamenti sanguigni; 
laonde bisogna constatare dove questi abbiano loro sede, cioè se nel 
tessuto (emorragie intr ameningee), o sulla superfìcie della dura madre 
(emorragie inter meningee], e in quest'ultimo caso se siano liberi o av- 
viluppati da una membrana, oppure se prodotti da un reticolo va- 
saio dilatato, e se contengano . masse di pigmento brunastro (pochi- 
meningite). 

Pia madre. Fa d'uopo notare che una pia madre normale 
può essere asportata soltanto in piccoli pezzettini, mentre in- 
vece quando è inspessita può essere rimossa in grossi pezzi 
dalla superficie del cervello. Si deve distinguere se, oltre il nor- 
male rapporto fra la pia madre e la dura madre lungo il seno 
longitudinale, vi sieno pure altre aderenze della pia madre col 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interDO 69 

cervello, se nel tentativo di staccarla si produca una qualche 
perdita di sostanza della superficie del cervello, nonché se la 
pia madre — che per solito è trasparente e sottile — apparisca 
grigia bianco-grigia, parzialmente torbida per strie grige o 
bianche, oppure addirittura inspessita. 

La replezione delle vene della pia madre non può da sé 
sola essere utilizzata per spiegare sintomi osservati durante la 
vita. A causa delle grandi oscillazioni alle quali è sottoposto 
il contenuto sanguigno nella cavità cranica, le vene della pia 
madre si presentano spesso riempite più o meno abbondante- 
mente di sangue, anche quando vi sia una pronunziata anemia 
generale. Si dovrà distinguere una replezione uniforme (estesa 
cioè contemporaneamente alle grosse ed alle piccole vene) non- 
ché una turgida (che riempie completamente il lume vacale) 
ed un decorso tortuoso delle vene con versamento sieroso nel 
tessuto a maglie, dal contenuto facilmente spostabile delle 
vene, limitato specialmente alla sezione posteriore del cer- 
vello. 

Sulla superficie decorrono soltanto vene; le arterie deb- 
bono essere ricercate nella profondità dei solchi. 

I versamenti sanguigni si riscontrano sulla superficie o 
nel tessuto a maglie della pia madre (emorragie inter^menin- 
gee o intra-meningee). Se ne determineranno la profondità e 
Testensione. Nei versamenti di siero o di masse flbrinoso-puru- 
lente nel tessuto a maglie, si determinerà per i primi la quan- 
tità, e per i secondi anche la sede. 

L^ infiltrazione sierosa con intorbidamento , colore biancastro ed 
inspessimento della pia madre si riscontra non di rado nella vec- 
chiaia inoltrata, in cui questi reperti — cceteris paribus — non deb- 
bono essere riguardati come processi patologici. 

Invece nei bambini questi reperti hanno quasi sempre un si- 
gnificato patologico, e sono spesso complicati a tubercolosi miliare 
alla base del cervello. Tuttavia fa d'uopo ricordare, che nei neonati 
unHnfiitrazione sierosa del tessuto può presentarsi anche come conse- 
guenza di parti laboriosissimi, con profondo impegno del capo. 

Nei neonati possono prodursi eziandio, per il processo del parto, 
tanto emorragie intrameningee quanto extrameningee , se neir ac- 
cavallarsi delle ossa craniche si lacerino le vene della pia madre 
al punto di sbocco nel seno longitudinale. Poiché il trovare sangue 
coagulato depone per la genesi di questo processo durante la vita, 



Digitized by VjOOQIC 



70 Sulenberg, 

fa d'uopo anche ricordare, che durante l'autopsia il sangue liquida 
può consecutivamente coagularsi nel caso che si mescoli con li- 
quido cefalo-rachidiano. 

9) Il cervello. La sostanza corticale. Il colore grigio nor- 
male della sostanza corticale può trasformarsi in uno piuttosto 
grigio-sbiadito o grigio-scuro. Oltre del volume e della forma 
del cervello, si esamineranno la forma delle circonvoluzioni, se 
esse sieno sottili e piccole, o larghe e appiattite, se i solchi 
cerebrali risaltino per profondità ed ampiezza. Nei traumi si 
presentano versamenti sanguigni nella superficie della so- 
stanza corticale. Grosse lacerazioni della sostanza cerebrale e 
stravasi sanguigni tanto vasti, che dopo la loro rimozione re- 
stino piccoli infossamenti nella sostanza corticale, sono sempre 
unicamente le conseguenze di fratture del cranio o di schegge 
ossee penetrate nel cranio, per guisa che la sostanza cerebrale 
e lo stravaso sanguigno si presentano in forma di poltiglia 
molle. 

Fa d'uopo soprattutto accertare, se nei traumi senza le- 
sione valutabile del cranio si presentino — specialmente alla con- 
vessità del cervello — stravasi emorragici punteggiati a forma 
di piccoli focolai, i quali non possono essere allontanati col 
lavaggio, sia o no la sostanza cerebrale nel contorno imme- 
diato degli stravasi imbevuta di ematina o flnanco rammollita. 

JDal punto di vista diagnostico è molto importante il fatto , 
che quando insieme a questo reperto si constatano versamenti sangui- 
gni intrameningei, si può desumere quasi con certezza che vi fu un 
trauma. 

L'eventuale rammollimento di color rosso del contorno di questi 
stravasi {rammollimento rosso) può, nel caso che la durata della vita 
si sia alquanto prolungata, passare nel rammollimento giallo, in quanto 
che alla periferia del focolaio si rinviene un color giallo-rossastro, men- 
tre nel centro si riscontra ancora l'emorragia punteggiata. 

Ventricolo laterale. Con un taglio condotto superficial- 
mente, due millimetri allo esterno del rafe del corpo calloso^ 
si apre il tegumento e si esaminerà se il ventricolo sia dilatato 
ristretto, la qualità e la quantità del suo contenuto, se Vepefi-^ 
dima sia rammollito , indurito o inspessito , o se mostri emi— 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 71 

nenze a forma nodulare; inoltre si esamineranno pure il corno 
anteriore, il posteriore e l'inferiore. 

Nel plesso venoso e nella tunica vasale superiore si pren- 
deranno in considerazione la quantità del sangue nonché le 
cisti eventualmente quivi esistenti. 

Terzo ventricolo. Viene esaminato allo stesso modo del 
ventricolo laterale. 

Emisferi cerebrali. Si conducano grossi tagli perpendico- 
lari attraverso gli emisferi cerebrali, e si osserverà se la su- 
perficie del taglio sijt umida e splendente, oppure, nel caso che 
il tessuto abbia consistenza dura, se la superficie del taglio sia 
secca, e se nella sostanza midollare bianca appaiano molti punti 
sanguigni. 

Le emorragie puntiformi provenienti da processi patologici appa- 
iono piuttosto in gruppi o diffuse. Altre alterazioni di colore del tes- 
suto si presentano soltanto negli stati patologici, in cui sì possono 
rinvenire svariate sfumature di color rosso del tessuto, le quali vanno 
dal rosso più delicato fino a quello completamente oscuro. Nella 
sostanza midollare bianca si rinviene piuttosto un rosso marezzato^ 
( il quale rassomiglia a quel rosso della pelle che si ha nel freddo 
eccessivo ), che si riscontra pure nei grossi gangli. 

I grossi gangli. I talami ottici ed i corpi striati debbono 
essere accuratamente esaminati mediante sezioni trasversali. 

Le più importanti affezioni a focolaio del cervello consistono in 
emorragie e rammollimenti, che dipendono a preferenza da alterazioni 
ateromatose dell' intima delle grosse arterie , soprattutto dell' arteria 
della fossa del Silvio, molto più di rado da embolie. Il più delle volte ri- 
siedono nel contorno della fossa del Silvio, nel corpo striato e nel ta- 
lamo ottico. 

Quando vi sono grossi stravasi sanguigni bisogna sempre 
indicare in quale parte del cervello essi si presentano, quale 
estensione abbiano, quale carattere presenta il sangue, se esso 
già si sia trasformato in una poltiglia brunastra, se nel con- 
torno del focolaio apparisca un rammollimento rosso o giallo 
del tessuto, oppure se nel sito del focolaio vi sia un liquido 
limpido intorbidato da detrito adiposo (mft apoplettica\ ov- 
vero una stria fibrosa (cicatrice apoplettica). 



Digitized by VjOOQIC 



72 Eulenberg, 

La consistenza del tessuto può essere anche alterata da 
un focolaio purulento nella sostanza midollare bianca, la pro- 
duzione del quale stia in raJ)porto con processi patologici o 
traumatici. Focolai purulenti piccoli e multipli provengono sol- 
tanto da processi patologici, e per lo più risiedono nella so- 
stanza bianca. 

Nel rammollimento rosso Tesarne microscopico fa rilevare, insieme 
a fibre nervose in istato d'imbibizione e di disfacimento, anche cor- 
puscoli sanguigni rossi liberi o incapsulati entro cellule, come pure 
granuli di pigmento brunastri o giallastri. 

Nel rammollimento giallo per effetto della metamorfosi regressiva 
predomina la formazione di cellule con granuli adiposi e di detrito 
adiposo. 

Il così detto rammollimento bianco^ che si presenta nella imbibi- 
zione sierosa del cervello e si riscontra pure, quando aumenta Taccu- 
mulamento di siero nei ventricoli, in vicinanza di questi ultimi, deve 
essere riguardato come un fenomeno cadaverico. 

Quarto ventricolo. Si esaminano anzitutto i corpi quadri- 
gemini mediante sezioni trasversali , si apre così V aquedotto 
del Silvio, e si conduce un taglio longitudinale attraverso il 
verme. 

Si deve anche esaminare la struttura delPependima e delle 
striae a^usticcte seu medullares nella fossa romboidale. 

10) Il cervelletto va esaminato nello stesso modo del cer- 
vello mediante tagli condotti a regola d'arte. 

Il ponte e la midolla allungata verranno esaminati (pira- 
midi, olive, corpi cordoniformi) conducendo attraverso di essi 
sezioni trasversali; e si constaterà quale sia il loro colore, la 
loro consistenza, se esistano stravasi sanguigni ecc. 

11) V esame del fondo del cranio per accertare se vi siano 
lesioni della dura madre e delle ossa va fatto dopo asportato il 
cervello. I seni trasversali debbono essere aperti e si esami- 
nerà il loro contenuto. La dura madre deve essere scollata 
accuratamente; ed anche la rocca va asportata in caso di 
bisogno con la sega, per esaminare se sia in preda a carie, 
se in seguito a questa avvenne la perforazione qualora la 
sorgente del pus eventualmente rinvenuto non possa essere 

• messa in rapporto con un trauma del cranio. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 73 

II. Apertura della cavità rachidiana. 

12) Colonna v&i^tebrale. a) Esame esterno. Nel portar via 
le parti molli bisogna badare se vi siano lesioni di continuo, 
stravasi sanguigni, ectopie o fratture delle ossa vertebrali, ca- 
nali prodotti da proiettili. Possono presentarsi ferite contuse, 
da punta, da arma a fuoco, da taglio. Si descriveranno tutte 
le parti che furono impegnate dalla lesione traumatica (mu- 
scoli, ligamenti, vertebra). 

6) Esame interno: Dura madre. Dopo aperta la cavità ra- 
chidiana si constaterà quanto segue: se la dura madre abbia 
un contenuto abnorme per quantità e qualità, quale sia il co- 
lore, Testensione o la tensione e la spessezza della dura ma- 
dre, le eventuali lesioni come pure la replezione dei vasi. Si ac- 
certerà pure se, incidendo la dura madre, sgorghi sangue o pus. 

Sulla pia mady^e spinale si presentano quegli stessi re- 
perti come nella pia madre cerebrale; però nella prima si 
riscontra più frequentemente una forte replezione delle vene 
per effetto d'ipostasi cadaverica. 

Midollo. Si constaterà il suo volume, il suo colore e la sua 
consistenza. Mediante tagli trasversali si praticherà lo stesso 
esame come pel cervello. 

Qui fa d' uopo menzionare un processo patologico, che già ma- 
croscopicamente si rivela con un color grigio-brunastro ed una solida 
consistenza dei cordoni posteriori, e specialmente dei cordoni di G oli, 
-che sono immediatamente limitrofi alla linea mediana (incisura po- 
steriore). E su tale proposito si esamineranno pure i cordoni laterali 
tì anteriori. 

Se in un qualche caso la storia clinica addi ti alterazioni patologi- 
<^he del midollo spinale, non bisogna contentarsi del semplice esame 
macroscopico; si deve allora allontanare il midollo a regola d'arte 
e porlo nel liquido di Mailer, per poter praticare più tardi Tesarne 
microscopico. 

Nel caso in cui si riscontrassero emorragie nella midolla, 
bisogna indicarne la sede e la natura, e dire se si tratti di un'e- 
morragia puntiforme o di un focolaio emorragico. 

Air autopsia si troveranno sempre alterati gli stravasi sanguigni, 
perchè la morte di rado accade rapidamente dopo T emorragia. La. 



Pigitized by VjOOQIC 



74 E u I e 11 b e r t' , 

sede può contribuire ad avvalorare la diagnosi , in quanto che le 
emorragie spontanee sogliono presentarsi piuttosto nella sostanza gri- 
gia e nelle corna anteriori. Anche qui, nel contorno di questi focolai, 
si presentano processi di rammollimento. VinfUtrazione purulenta o la 
formazione di un ascesso per lo più stanno in nesso causale con le 
lesioni traumatiche. Se si presentano diminuzione di consistenza, 
tumidità ed imbibizione con siero per una vasta estensione^ si tratta 
per lo più di un fenomeno post-mortem. 

Nelle lesioni traumatiche bisogna in ultimo allontanare la 
dura madre completamente dai corpi vertebrali, per constatare 
se vi sieno alterazioni dei corpi e degli archi vertebrali (frat- 
ture, lussazioni, conquassamenti) o dei dischi intervertebrali, se 
esistano stravasi di sangue o collezioni purulente, nonché se 
vi sieno restringimenti della cavità vertebrale per ectopia dei 
corpi vertebrali. 

III. Apertura del collo e delle cavità toracica ed addominale. 

13) Dopo condotto un lungo taglio dal mento sino alla sin- 
fisi pubica ed a sinistra delP ombelico, si apre la cavità addo- 
minale, per esaminare dapprima T eventuale fuoriuscita di gas 
e di liquidi, la posizione, il colore e Paspetto dei visceri, non- 
ché il livello del diaframma. 

Nei neonati che non hanno respirato, il diaframma perviene in 
media fino al quarto spazio intercostale, ed a sinistra un poco più 
profondamente, cioè fino alla quinta costola. Quando i polmoni sieno 
più o meno distesi, il suo livello corrisponde in media allo spazio 
fra la quinta e la sesta costola a destra e pressoché alla sesta costola 
a sinistra. 

Negli adulti bisogna badare se vi sieno lesioni del diaframma 
prodotte da ferite da punta, da taglio, da arma a fuoco, ovvero 
anche da rotture. 

Le perforazioni del diaframma possono anche essere prodotte da 
processi suppurativi nella cavità toracica o addominale. 

Bisognerà pure distinguere le ernie diaframmatiche congenite (pro- 
dotte da una perdita di sostanza nel centro tendineo) dalle ernie dia- 
frammatiche acquisite, sviluppatesi in seguito ad un peculiare carat- 
tere della muscolatura, oppure a dilatazione delle aperture fisiologi- 
che. Si constaterà quali sieno gli organi addominali prolassati, e se 
il sacco erniario sia formato dal sacco della pleura o da quello peri- 
toneale. I margini délVapertura del diaframma sono allora sempre lisci. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 75 

a forma anulare, duri, fibrosi e non presentano alcuna traccia di tu- 
midità. I polmoni presentano allora i segni della compressione, ed H 
cuore è ectopizzato. Nelle rotture traumatiche i margini sono ine- 
guali, dentati, o constano di parti muscolari in disfacimento, le quali 
hanno un colore più o meno sanguigno. Oltre a ciò manca il sacco 
erniario ; il peritoneo e la pleura circondano gli organi addominali 
penetrati nella cavità toracica. Né mancano mai versamenti san- 
guigni. 

a) Apertura Mia cavHà toracica. 

14) Dopo aperta la cavità toracica a regola d'arte, si esa- 
minerà quanto segue: lo stato dei sacchi della pleura, il loro 
eventuale contenuto abnorme, l'aspetto ed il grado di disten- 
sione delle parti polmonalij che si presentano davanti, nonché 
r eventuale aderenza delle stesse con la pleura. 

Nei neonati il timo sta nel mediastino; nelle donne talvolta bi- 
sogna badare allo stato della mammella. Per determinare la quantità 
dei liquidi si adopera sempre Tordinaria misura in centimetri cubici 
o se ne esprime la quantità in peso. É poco scientifico indicare la 
quantità di un liquido in quantità di « tazze ». 

Nel caso vi sieno aderenze del polmone^ non bisogna limitarsi a 
dire « antiche aderenze »; fa d'uopo invece descrivere tutti i reperti.' 

Se hawi sospetto di trichinosi, bisogna esaminare col microsco- 
pio la muscolatura del diaframma (specialmente della sua porzione 
lombare) nonché quella degli spazii intercostali. 

Nelle lesioni traumatiche si esamineranno: la sede, la di- 
rezione , il decorso , la profondità ed il carattere dei margini 
delle soluzioni di continuo, se vi sieno stravasi sanguigni nelle 
parti molli, nonché fratture delle costole, loro sede e caratteri 
della superficie della frattura. 

15) Pericardio e Cuore. NelPaprire il pericardio si osservi 
se sia inspessito o disseminato di emorragie puntiformi (le quali 
si mostrano in forma di piccole chiazze nere e grosse quanta 
una lenticchia), oppure se abbia un intorbidamento dall'aspetto 
lattiginoso. Oltre a ciò, sulla superficie interna possono pre- 
sentarsi depositi fibrinosi, aderenze connettivali col cuore ; il 
contenuto sieroso può essere molto aumentato. Nel caso che vi sia 
sangue o pus nel sacco pericardico, si dovrà constatare se vi sia 
un eventuale nesso di questi reperti con lesioni traumatiche. 



Digitized by VjOOQIC 



76 Eulenberg, 

a) Esame esterno del cuore. Si esamineranno: la posizione, 
il volume, la consistenza, il colore, la forma. Si constati se vi 
siano depositi adiposi subpericardici, il grado di replezione de- 
gli atrii e dei ventricoli, lo stato dei vasi coronarii, e proprio 
se siano rigidi, duri, e se la loro parete mostri un colore gial- 
lo-vinoso. 

Si misuri il cuore nel caso sia molto ingrossato. 

Quando si apre il cuore in sitUy si dovrà esaminare ogni 
singola sezione cardiaca in riguardo a quantità, aspetto e qua- 
lità del suo contenuto; inoltre, si accerterà pure il grado di 
permeabilità degli orifici atrio-ventricolari introducendo due 
dita dall'atrio. 

All'esame del cuore si può associare, ove sia richiesto, l'esame 
microscopico del. sangue. 

Potrebbe anche essere necessario praticare l'analisi spettrale del 
sangue. 

Dopo aver rimosso ed aperto il cuore, si esaminerà il gra- 
do di chiusura delle valvole arteriose, iniettando acqua. 

6) L' esame interno si estende al miocardio ed air endo- 
cardio. 

Miocardio: Colore e consistenza del miocardio, grado di 
spessezza o di sottigliezza delle pareti, e dilatazione o restrin- 
gimento dei ventricoli. 

Se il colore si approssima piuttosto al giallastro, se la con- 
sistenza è più molle, se sui tagli si riesce ad accertare che lo 
strato adiposo subpericardico si continua fin nella muscolatura, 
e se il coltello resta spalmato di grasso, si avrà da fare con 
un* infiltrazione adiposa o con una proliferazione di tessuto 
adiposo. 

Bisogna distinguere da quest' ultima la degenerazione adiposa o 
degenerazione grassa del cuore, la quale già macroscopicamente si rivela 
con un colore giallo-pallido e con una consistenza molle e friabile della 
sostanza muscolare del cuore; più esatto però riesce Pesame col 
microscopio, il quale, nel caso di degenerazione grassa del cuore, fa 
rilevare piccolissime goccioline di adipe fra le strie trasversali delle fibre 
muscolari, o, nei gradi più inoltrati, completa perdita della striatura 
trasversale [avvelemiTnenio per fosforo, o atrofia acuta del fegato). 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 77 

Se la sostanza muscolare del cuore presenta un colore rosso- 
scuro o bruno , e se questo reperto si collega a diminuzione 
della muscolatura e corrispettiva piccolezza di tutto il cuore, 
sarà necessario V esame col microscopio per accertare se nelle 
fibre muscolari sieno depositate masse di pigmento granuloso, 
brunastro {atrofia bruna). 

méìV ipertrofia del cuore bisogna distinguere se essa sia 
limitata ad un solo ventricolo o ad entrambi, e se si colleghi 
a dilatazione o a restringimento delle cavità cardìache. 

Un miocardio pallido si collega facilmente a consistenza 
molle, assottigliamento della parete e dilatazione delle cavità 
cardiache. 

Ordinariamente i vizii valvolari acquisiti si riscontrano di più a 
sinistra; quelli congeniti di più a destra. Di rado focolai purulenti 
nel miocardio o la metamorfosi di parti muscolari in tessuto fibroso 
alterano la consistenza del miocardio. 

Le lesioni traumatiche del cuore possono essere prodotte 
da ferite da punta, d'arma da fuoco o per contusioni della cassa 
toracica. Le rotture traumatiche hanno per lo più margini lisci 
e dritti senza infiltrazione sanguigna nelle parti adiacenti. 

Le rotture spontanee possono verificarsi negli alti gradi di dege- 
nerazione adiposa del cuore. Codeste rotture (lacerazioni) sono per 
lo più piccole, decorrono in direzione trasversale sulla superficie del 
cuore, sono poco beanti, presentansi il più delle volte sul ventricolo 
sinistro, hanno margini dentati, e mostrano un'infiltrazione san- 
guigna nelle parti circostanti rammollite. 

Endocardio. L'endocardio, che è trasparente, mostra talvolta 
un color rosso per diffusione dell'ematina; ma questo colore 
non ha alcun significato patologico. 

Le più importanti alterazioni dell' endocardio consistono in 
emorragie punteggiate, in raggrinzamento, in ispessimento, in 
calcificazione delle valvole, in scabrosità per effetto di escre- 
scenze molli, bianco-grige, a forma verrucosa, in deposito di 
piccolissimi grumi di sangue (su queste ultime) a forma di esi- 
lissimi villi papille (escrescenze papillari), nonché in una su- 
perficiale perdita di sostanza {ulcerazione) con intonaco molle, 



Digitized by VjOOQIC 



78 Balenberg, 

spesso giallo in seguito a disfacimento granuloso delF epitelio 
rammollito o delle escrescenze papillari (così detta endocardite 
maligna^ o difterica, o batterica, perchè spesso si rinvengono 
colonie di micrococchi). 

16) Pulni'One. a) Esame esterno. Dopo allontanati a regola 
d'arte i polmoni, si esaminerà la pleura (per constatare se vi sieno 
essudati, tubercoli miliari). Si esamineranno ancora: il volume 
e la forma dei polmoni (se vi sia ingrossamento di alcuni lobi^ 
rimpiccolimento mediante pressione, distensione generale op- 
pure retrazione di alcune sezioni polmonali), il colore (se rosso 
o rosso-grigio, oppure azzurrognolo, brunastro, bruno-scuro, 
nerastro, ardesiaco o nero), la quantità d'aria e la consistenza 
(molle duro), se vi sia mancanza d'aria (ateleitasia) , se gli 
alveoli sieno dilatati dall'aria (enfisema alveolare o vescico- 
lare), se l'aria si sprigioni per lacerazione degli alveoli (en- 
fisema interstiziale), se nel parenchima polmonale vi sieno no- 
duli duri. 

6) Esame interno. In generale il colore dei polmoni è de- 
terminato dalla quantità del sangue dei loro vasi, la quale a 
sua volta viene valutata da quella che sgorga dalle superficie 
del taglio con o senza pressione. 

Il colore originariamente grigio-chiaro del parenchima pol- 
monale è, a causa della quantità del sangue e della sua spe- 
ciale qualità, ora rosso-chiaro ora rosso-scuro, oppure rosso- 
bruno scuro, ovvero rosso-azzurro, o (a causa del pigmento che 
non manca mai) nerastro ovvero ardesiaco. Il polmone del neo- 
nato che non ancora abbia respirato è rosso-bruno perchè non 
contiene né aria né pigmento. La mancanza d'aria (ateletta^ia) 
determina sempre un cangiamento di colore; nei neonati le 
zone atelettasiche risaltano per un color rosso-azzurro o rosso- 
scuro , soprattutto se i bronchi sieno ostruiti da liquido am- 
niotico ecc., oppure — nel caso che si tratti però di adulti— da 
sangue, secreti, pus, ecc. In questi casi spesso è necessario 
l'esame microscopico. 

Quest' atelettasia da ostruzione viene bentosto riconosciuta 
per la forma a cuneo delle rispettive parti ; il vertice del cu- 
neo è rivolto verso il bronco. Se l'atelettasia sia stata prodotta 
da una pressione dall' esterno, le rispettive parti hanno un co- 
lore grigio-sporco, 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 79 

L' atelettasia è caratterizzata da diminuzione di volume, da 
mancanza di crepitìo nell' incidere il tessuto e da alterazione 
del colore. 

Nei neonati, che abbiano vissuto almeno 24 ore, pxiò darsi che 
si presenti atelettasico tutto il polmone e sieno visibili soltanto pic- 
cole zone contenenti aria, ovvero un paio di alveoli distesi. La do- 
cimasia idrostatica del pulmone dà allora un risultato molto incom- 
pleto. 

Quando la morte fu preceduta da stati adinamici, le parti 
inferiori e posteriori del polmone sono più o meno vuote d'aria; 
in tal caso esse hanno sempre un colore rosso-scuro o rosso- 
azzurro per la contemporanea ipostasi del sangue, ovvero sono 
rammollite essendo gli alveoli ripieni di siero e non dissimili 
dalla polpa splenica {splenizzazione). 

L'ipostasi del sangue nelle parti posteriori ed inferiori del 
polmone {ipostasi cadaverica) è un fenomeno frequentissimo. 

In ciò bisogna distinguere ripostasi accaduta durante la 
vita ( iperemia ipostatica ) , nella quale si ha che , incidendo 
il tessuto, il crepitìo è più o meno diminuito; il tessuto si mo- 
stra anche un poco piii compatto^ rosso-scuro o rosso-bruno 
scuro o rosso-nerastro, e dalla superficie del taglio sgorga 
un liquido schiumoso che ha tinta sanguigna più o meno 
spiccata. 

Se il tessuto nelle parti inferiori o posteriori è vuoto d'aria 
e di consistenza compatta^ se dalla superficie del taglio liscia 
e nerastra effluisce un liquido di consistenza mucosa, rossastro, 
si avrà da fare con una pneumonia ipostatica; e si può essere 
tanto più sicuri di questa diagnosi, allorché Pesame microsco- 
pico può far constatare la presenza di epitelii rigonfiati e di 
corpuscoli sanguigni e purulenti nei bronchi e negli alveoli. 

L'iperemia ipostatica e la pneumonia ipostatica hanno pel medico- 
legale un interesse speciale, poiché si presentano quando accade la 
morte per lesioni traumatiche del cervello e del cranio. Nei casi di 
questo genere, talvolta viene ammesso dai settori che « la morte sia 
8tata accelerata dalla sopravvenuta paralisi polmonale con iperemia 
ed edema ». Questa opinione non è esatta, giacché da una parte non 
si può desumere una u paralisi polmonale }) dal solo reperto cada- 
verico, mentre d'altra parte il solo reperto dei polmoni non può far 



Digitized by VjOOQIC 



80 Eulenberg, 

inferire un'accelerazione della morte; questo reperto è piuttosto la 
conseguenza della lesione traumatica del cranio. 

Si nota allora anche quanto segue: un colore scuro, è ac- 
cresciuta la quantità di sangue del polmone (iperemia), la su- 
perficie del taglio mostra un colore rosso-bruno scuro che nei 
lobi inferiori è rosso-nerastro, dalla superficie del taglio viene 
fuori in gran copia un liquido schiumoso o di colorito san- 
guigno, il polmone è disteso a mo^ di un pallone, il diaframma 
ha livello profondo, il cuore destro, i vasi del collo e tutto il 
sistema venoso sono riempiti di sangue liquido, vi ha rossore 
tumefazione di aspetto vellutato della mucosa bronchiale. 

Se la morte sia accaduta per soffocazione in seguito a gravissima 
iperemia polmonale può essere desunto soltanto tenendo conto del 
risultato complessivo dell'autopsia. Un disturbo del processo fisio- 
logico della respirazione è dimostrato tanto più sicuramente quando 
Tesarne microscopico fa rilevare uno stato di iperreplezione dei ca- 
pillari, in seguito alla quale si ha compressione degli alveoli ed 
accumulamento dei corpuscoli sanguigni rossi negli stessi. NelPemet- 
tere un giudizio complessivo sui risultati delPautopsia si eviti sem- 
pre r espressione « apoplessia polmonale ». 

Se dalla superficie del taglio sgorga una grande quantità di li- 
quido schiumoso e se il polmone è di colorito pallido o grigio-tor- 
bido, più pesante del normale, e non si riesca a constatare altra 
causa della morte, bisogna valutare scrupolosamente se questo re- 
perto (edema polmonale) possa essere riguardato quale causa diretta 
della morte. Spesso Tedema polmonale si complica ad iperemia del 
polmone. 

Nell'anemia polmonale, il colore dell'organo è più o meno 
grigio, la consistenza è più molle e non di rado vi ha di- 
latazione degli alveoli. Nei neonati il polmone anemico è 
sempre di un color rosso-roseo sbiadito o flnanco bianco per- 
chè manca il pigmento. 

Non di rado è aumentato il pigmento nei polmoni, e pro- 
prio in seguito a trasformazione dell'ematina. Il pigmento nero 
si riscontra specialmente nella indurazione del polmone, nel 
qual caso il tessuto polmonale diviene cirrotico {cirrosi del 
polmone) ed assume un colore ardesiaco per il pigmento nero 
che vi è disseminato {indurazione ardesiaca). 

Da quest' ultima bisogna distinguere la così detta antracosi poi" 



Digitized by VjOOQIC 



Esame ìnteroo Bl 

monale, la quale è determÌData dalla inalazione di pulvìscolo di car- 
bone, e vi sono soggetti parecchi mestieri. Vengono affetti soprat- 
tutto i lobi inferiori. É caratteristica la presenza di noduli grossi 
quanto un pisello, sparpagliati nel tessuto polmonale nero, indurito 
da strati connettivali cirrotici. 

Anche nella inalazione di pulviscolo di ferro (siderosi polmancUe}, 
i polmoni si colorano in nero (ossido ferroso) o in rosso (ossido fer- 
rico]. Nella calicosi polmonale si trovano piccoli noduli, grossi al mas- 
simo quanto un pisello, con pigmentazione periferica ed un focolaio 
caseoso centrale, che corrisponde al lume di un bronco. 

Nelle emorragie pulmonali con lacerazione o distacco del 
tessuto (rotture, ferite da punta o di taglio) si esamineranno: 
la sede, la diifusione e la qualità del sangue stravasato. La su- 
perficie del taglio è per lo più di un color rosso-nero, e liscia. 

All' infuori delle emorragie polmonali nel disfacimento del tes- 
suto polmonale bisogna menzionare V infarto emorragico nelle car- 
diopatie, il quale ha forma di cuneo, con la base rivolta verso la 
pleura, e per lo più è circoscritto ad un lobulo. 

L' infarto embolico in seguito ad ostruzione di un ramo dell'arte- 
ria polmonale ha anch' esso una piccola estensione , ma è meno 
esattamente delimitato. 

Qui è da menzionare pure V embolia grassa, che si presenta dopo 
sfacelo del midollo osseo nelle fratture, allorché queste determinano 
rapidamente V esito letale. Il grasso può riempire i più grossi rami 
dell'arteria pulmonale oppure un numero enorme di capillari. 

Circa i cangiamenti di volume e di consistenza del pul- 
mone, bisogna prendere in considerazione i seguenti stati pato- 
logici, che spesso si presentano in esame nella pratica forense. 

Aumento di volume, maggiore consistenza in questo o quel 
lobo, colore rosso-scuro, diminuzione del crepitio al taglio, su- 
perficie granulosa del taglio, zaflB fibrinosi, nerastri negli alveoli, 
o efllusso di un liquido grigio-rossastro dalla superficie del taglio 
vuota d'aria e di color fegatino {epatizzazione rossa). 

Trasformazione del tessuto che diviene vuoto d'aria e fria- 
bile, efllusso di un liquido di aspetto mucoso e di colore gri- 
gio dalla superficie del taglio gialla o grigia, contenuto puru- 
lento nei bronchi {epatizzazione gialla o grigia). 

La pulmonite fibrinosa può passare in infiltrazione purulenta, o 
formazione di ascesso. 

Maschka— Med. Leg. Voi. I. 6 



Digitized by VjOOQIC 



82 Balenberg, 

Gli ascessi metastatici risiedono sempre sotto la pleura, e formano 
numerosi focolai, grossi quanto un granello di miglio. 

L' epatizzazione bianca nei neonati si distingue in quanto che il 
parenchima polmonale è compatto e vuoto d' aria; essa sta in rap- 
porto colla sifilide. 

Tessuto pulmonale, in un numero più o meno grande di 
lobuli, compatto, duro, più o meno vuoto d'aria e quindi pallido; 
superficie del taglio liscia, talvolta con chiazze giallo-grige 
(corrispondenti all'essudato negli alveoli) sopra un fondo rosso- 
grigio; mucosa dei broncheoli arrossita, tumefatta, con secreto 
giallo-grigio torbido (pulmonite catarrale). 

La « bronco-pulmonite » è caratterizzata da un essudato cellu- 
lare liquido; quindi negli alveoli si osservano, all'esame microscopico, 
corpuscoli purulenti, epitelii rigonfiati e corpuscoli sanguigni. Nella 
vecchiaia avanzata^ la malattia si complica ad iperemia, ad ipostasi 
ed enfisema. 

Nei bambini la pulmonite catarrale passa spesso in quella fibri- 
nosa, e viceversa. La superficie del taglio del pulmone è allora sem- 
pre liscia. 

Inspessimento, consistenza compatta, color giallastro oppure 
grigio del tessuto, estesi ad un certo numero di lobuli (e nella 
forma acuta, che è rarissima, ad interi lobi); superficie del taglio 
completamente secca; inspessimento o caseificazione dell'es- 
sudato nei broncheoli (pulmonite caseosa). 

Il medico-legale per lo più soltanto nello stato inoltrato di questo 
processo patologico riscontra le caverne [vomicae], prodottesi dalle 
parti che subirono infiltrazione caseosa; queste caverne o sono an- 
cora riempite di contenuto caseoso e chiuse, o stanno in rapporto 
con un bronco. A questo processo si associa per lo più la trasforma- 
zione del parenchima polmonale in un tessuto fibroso nero-azzurro- 
gnolo nel contorno dei focolai caseosi (indurazioìie ardesiaca^ cirrosi 
pulmx)nale). 

Altre complicazioni sono: a) piecole zone fibrose dure, sparpa- 
gliate nel parenchima pulmonale, le quali hanno colorito ardesiaco, 
ed al taglio presentano noduli nerastro-grigi, duri, disposti a gruppi, 
e corrispondenti alla sezione trasversale dei broncheoli [peribron- 
chite fibrosa); b) ovvero le piccole zone fibrose presentano alla su- 
perficie del taglio piccoli focolai caseosi parimenti disposti a gruppi^ 
quando il secreto caseoso inspessito riempie i bronchi minimi (bron- 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 83 

chiù caseosa); e) tubercolosi in forma di tubercolosi miliare acuta (tu- 
bercolosi disseminata) o di tubercolosi locale nel parenchima polmonale 
intatto , oppure accanto al e fra il parenchima polmonale patologi- 
camente alterato, o in forma di piccolissimi tubercoli grigi (che si 
trasformano in ulcerazioni piane) nella mucosa dei bronchi degli 
apici polmonali (bronchitis tubercolosa seu nodosa). 

Bronchi. Si esamini se havvi dilatazione o stenosi degli 
stessi, lo stato della mucoda bronchiale e del connettivo pei%- 
bronchiale, il restringimento parziale oppure la dilatazione o 
Tostruzione di un bronco per corpi estranei. 

La mucosa può essere arrossita, tumefatta, coverta di se- 
creto bianco-grigiastro , denso , mucoso oppure giallo , puru- 
lento od anche fibrinoso o caseoso. Il contenuto dei broncheoli 
verrà esaminato premendo sulla superficie del taglio. Si esa- 
minerà pure: il colorito della mucosa, cioè se rosso-chiaro, o 
rosso-azzurro, o rosso-bruno, o rosso di cinabro; se vi siano 
stravasi sanguigni sopra di essa o nel tessuto stesso della mu- 
cosa; se questa abbia una tumefazione vellutata, se sia inspes- 
sita, intorbidata, facilmente lacerabile; se vi sieno perdite ul- 
cerative di sostanza; se il tessuto sia parzialmente distaccabile 
in piccoli brani. 

Le proliferazioni del connettivo peribronchiale producono le sum- 
mentov^te nodosità, che si presentano disseminate nel tessuto pul- 
monale. Nel pulmone i fenomeni di putrefazione si rivelano con una 
consistenza molle ed un color verdastro o bruno-verde scuro della 
mucosa. 

17) Esame del collo. Vasi sanguigni, alterazioni patologi- 
che delle pareti delle carotidi, esame deir intima, emboli. Vene 
giugulari : quantità di sangue, trombi. Tronchi nervosi: vago 
e simpatico. Cavità orale e faringea: colore della mucosa, 
tumefazione, essudati, perdita di sostanza per ulcerazione, so- 
luzioni di continuo, corpi estranei. Esofago: dilatazione, ste- 
nosi, stato della mucosa, soprattutto nelle intossicazioni, ero- 
sioni, causticazioni, corpi estranei. Laringe e trachea: colore 
della mucosa, tumefazione, infiltrazione, essudati, ulcerazioni; 
ferite da punta, da taglio o di arma da fuoco; fratture della 
cartilagine cricoide o tiroide e delPosso ioide. 

In talune circostanze si dovrà anche descrivere lo stato 
delle glandolo sottomascellari, della glandola tiroide, delle glan- 



Digitized by VjOOQIC 



84 Eulenberg, 

dole linfatiche cervicali, dei muscoli del collo, del connettiva 
sulla superficie anteriore della colonna vertebrale a causa degli 
ascessi che ivi si presentano. 

L' esame della gola può esser fatto prima o dopo l'apertura della 
cavità toracica. Si dovrà preferire di praticarlo prima, quando sia 
di speciale interesse esaminare la laringe nel caso di appiccamen- 
to, ecc. 

L'art. 24 del regolamento prussiano prescrive d'incominciare sem- 
pre l'esame interno coìVapertura della cavità toracica^ nel caso che si 
debba praticare la docimasia idrostatica pulmonale nei neonati, e poscia 
far seguire l'apertura delle cavità addominale e cranica. 

Dopo aver condotto il taglio dal mento fino alla sinfisi si ligherà 
la trachea al di sopra dello sterno, per poi, mediante un taglio lon- 
gitudinale al di sopra della ligatura, aprìre ed esaminare la larin- 
ge ed una porzione della trachea. 

Indi ai recide la trachea e la si aspoi-ta insieme a tutti gli organi 
toracici. Dopo aver allontanati la glandola timo ed il cuore, si pra- 
ticherà, giusta quanto è prescritto, la docimasia idrostatica dei pol- 
moni in tote e poscia dei singoli lobi. 

II rimanente dell'esame nella ispezione del cuore e dei polmoni 
va fatto secondo le regole generali , con la differenza *però che il 
cuore non viene asportato solo dalla cavità toracica, ma insieme a 
tutti gli organi toracici. 

b) Apertura della cavità addeminalo. 

Neir esaminare i singoli organi è bene procedere nell'or- 
dine seguente, affinchè il canale intestinale venga aperto in 
ultimo. 

18) Omento. Nelle ferite penetranti in cavità addominale : 
stato del rivestimento peritoneale della parete addominale an- 
teriore, posizione, colore, quantità di sangue e di adipe dei- 
Tomento. Nelle soluzioni di continuo deir omento: loro sede, 
estensione e stato delle parti immediatamente limitrofe. 

19) Milza, a) Esame esterno. Posizione, colore, consistea-» 
za, cangiamento di forma a causa di sporgenze o depressioni. Il 
volume della milza deve essere sempre misurato in lunghezza 
(in media 11 a 12 cent.), larghezza (8 a 9 cent.) e spessezza 
(3 a 5 cent.). Descrivere esattamente le eventuali soluzioni di 
continuo esistenti. 



Digitized by VjOOQIC 



Ssame interno 85 

Capsula splenica: colore , inspessimento , rugosità, ade- 
renze , proliferazioni connettivali, calcificazione. 

6) Esame interno. Si dovranno qui prendere in conside- 
razione: 1) lapo/pa, 2) i follicoli grossi quanto un granello di 
miglio, 3) i tràbecoli che possono essere riconosciuti più o 
meno in forma di seta grigi nello stroma. 

Nelle lesioni traumatiche: profondità, canale della ferita e 
stato delle sue parti circostanti, stravaso sanguigno; nelle rot^ 
ture: stato del parenchima. 

Le rotture spontanee della milza sono rarissime. Talvolta si pro- 
ducono ascessi metastaticiy i quali del resto sono sempre piccoli ; e la 
loro genesi deve essere ricoudotta ad emboli mescolati a sostanze set- 
tiche. 

V infarto emorragico, che ha la forma di un cuneo, ha la base di 
questo rivolta sotto la capsula splenica; esso presenta dapprima un 
orlo infiltrato di giallo, e forma gradatamente il focolaio purulento. 

Superficie del taglio: si esamini se sia liscia o scabra; in 
quest^ ultimo caso sembra come se la polpa splenica sgorgasse 
fuori della superficie del taglio; inoltre, da questa superficie 
effluisce allora spesso gran copia di sangue ed il colore è di 
un rosso-azzurro scuro o azzurro-scuro (iperemia); oppure, per 
la mancanza di sangue, essa appare di color rosso-grigio, i setti 
risaltano più evidentemente, e la consistenza in generale è più 
compatta (anemia). Nel caso che vi siano alcuni punti circo- 
scritti bruni o rosso-scuri, bisogna indicarne la sede e l'esten- 
sione. Follicoli: colore, volume. 

Alterazione di volume: ingrossamento, consistenza molle, 
color rosso-scuro; sulla superficie del taglio risalta la polpa 
splenica, e quindi la superficie del taglio è ineguale (iperplasia 
della polpa splenica). 

Ingrossamento della milza con colore pallido della polpa 
splenica, i setti risaltano in forma di strie bianco-grige, con- 
sistenza compatta, superficie liscia del taglio (iperplasia dei 
tràbecoli). 

Ingrossamento delPorgano; tessuto più o meno compatto; in- 
spessimento della capsula splenica; ingrossamento e color giallo- 
vinoso dei follicoli; polpa di color brunastro o rosso-grigio, stro- 
ma molto pronunziato (ingrossamento leucemico della milza). 



Digitized by VjOOQIC 



86 Eulenberg, 

Ingrossamento delPorgano; margini arrotonditi edinspes* 
siti; tessuto compatto e friabile ; superficie del taglio liscia e 
di uno splendore opaco; color bruno-chiaro o bruno-giallo, 
cereo; follicoli ingrossati, trasparenti, di un aspetto simile al 
sagù cotto {degenerazione amiloide). 

n Milza di sagù »: degenerazione amiloide dei follicoli; a milza 
dalVaspetto di prosciutto (Schihkenmilz) »: degenerazione amiloide dai 
vasi della polpa splenica. 

Nel rimpiccoUmento della milza^ il tessuto della polpa sple- 
nica è floscio e pallido, oppure anche raddensato e diminuito; 
in quest'ultimo caso il suo colore è piuttosto rosso-bruno, pro- 
dotto da una grande quantità di granuli di pigmento rosso- 
bruni, constatabili col microscopio. Contemporaneamente, i setti 
sono bene sviluppati. 

20) Reni e capsule surrenali. Le capsule surrenali ver- 
ranno rintracciate a regola d'arte, indi incise in direzione lon- 
gitudinale. 

Reni, a) Esame esterno. Posizione, forma e volume. La lun- 
ghezza ascende in media da 10 fino a 12, la larghezza da 4 a 5 
e la spessezza da 3 a 4 cent. È sempre indicato di misurare 
la lunghezza dei reni quando gli stessi presentino un volume 
che si allontana notevolmente da quello medio. 

Nelle lesioni traumatiche: sede, direzione e carattere dei 
margini. La profondità della soluzione di continuo dev'essere 
accertata coli' esame interno. Tuttavia già all'esame estemo 
bisogna badare se sieno stati lesi anche grossi vasi sanguigni. 
Nella maggior parte dei casi si tratta di ferite da punta o d'ar- 
ma da fuoco, le quali debbono essere esaminate con la stessa 
perizia e regola d'arte che per le ferite penetranti in cavità 
addominale. 

Le rotture del rene si verificano dopo traumi conquassanti. 
Tuttavia per il rene, al pari che per la milza, fa d'uopo tener 
presente che, quando il tessuto abbia una fragiUtà patologica, 
la rottura può accadere anche senza un trauma molto rilevante. 

Capsula renale : inspessimento ed aderenza con la super- 
ficie del rene. 

Superficie del rene: colore, consistenza, eventuali depres- 
sioni sporgenze, piccoli noduli o cisti (nei neonati). 



Digitized by VjOOQIC 



£Bame io terno 87 

b) Esame intemo. SMncida il rene, a partire dal margine 
estemo, in direzione longitudinale. 

a) La sostanza corticale ordinariamente è di color rosso- 
grigio e decorre fra i raggi midollari in dentro (piramide cor- 
ticale, colonne del Bertin). 

Alterazioni del colore, che può essere bianco-grigio, grigio 
rosso-scuro; distensione o assottigliamento; quantità di san- 
gue e consistenza. La larghezza media della sostanza corticale 
è calcolata a 5—6 mm. 

h) I glomeruli nell'atrofia del rene possono essere rinve- 
nuti immediatamente sotto la capsula. Nei casi dì calcifica- 
zione essi appaiono talvolta in forma di piccoli punticini bian- 
castri giallo-biancastri. Spesso non risaltano affatto oppure 
il loro colore è molto sbiadito; neir iperemia appaiono infor- 
ma di punticini rossi , o rosso-bruno scuri; talvolta sulla su- 
perficie del taglio risaltano per la loro trasparenza. 

e) I ra^gi midollari^ che si estendono verso la periferia in 
forma di raggi grigi trasparenti e terminano colla loro punta 
sulla papilla^ possono presentare un intorbidamento grigio, o 
ponno anche apparire di color bianco, giallo o rosso-giallo. 
^e\V iperemia e n^W emorragia hanno un colore più o meno 
rosso-scuro, ovvero bruno per granuli di pigmento in essi de- 
positati. 

Strie bianche che hanno punto di partenza dalle papille 
depongono per un infarto calcare; strie rosso-gialle o di color 
rosso-mattone, per un infarto di acido urico (soprattutto nei 
neonati); strie brunastre, per infarti di ematoidina o sangue 
alterato nella sua chimica composizione. 

Nelle lesioni traumatiche del rene: profondità, carattere 
della ferita e sue parti immediatamente limitrofe. Si esami- 
Beranno accuratamente tutte le parti del rene interessate dalla 
ferita, la quantità e la qualità del sangue stravasato. 

Nelle lesioni traumatiche della pelvi renale o dell'uretere: 
eventuale fuoriuscita di urina. 

Le emorragie spontanee si riscontrano in forma diffusa o punteg- 
giata sotto la superficie, oppure in forma SOnfarti emorragici con la 
base del cuneo rivolta verso la superficie; appaiono di diverso co- 
lore, passando esse dal rosso al rosso-giallo o al giallo. 



Digitized by VjOOQIC 



88 Euleuberg, 

Nella suppurazione in seguito ad una lesione traumatica, 
bisogna distinguere se si tratti di un' infiltrazione purulenta, 
ovvero della formazione di un ascesso, ed in quest'ultimo caso 
accertare l'estensione e la sede di quest'ultimo, — Piovvero, in 
un'eventuale perforazione, se il pus si sia diffuso nella cavità 
addominale o nella pelvi renale. 

. Gli ascessi metastatici risiedono nella sostanza corticale, oppure 
nella porzione media od esterna della sostanza midollare, e sono pro- 
dotti da emboli settici. Essi per lo più formano sulla superficie pic- 
coli focolai, grossi quanto un granello di miglio, nel cui centro si pre- 
sentano micrococchi. Dì rado nel tragitto dei canalini uriniferi retti, 
si rinvengono ascessi in forma di strie gialle e*sottili, i quali però non 
sempre sono di natura settica. I grossi ascessi possono vuotarsi nei 
calici renali, e produrre sulle papille una perdita ulcerativa di so- 
stanza. 

Alterazione di colore della sostanza corticale. Colore gri- 
gio-sporco ; intorbidamento del tessuto , come se fosse stato 
messo in acqua bollente; diminuzione della consistenza; aumen- 
to del volume. 

La malattia consiste in ciò: che i canalini uriniferi contorti sono 
infiltrati di corpi albuminoidi. Questa infiltrazione albuminosa de- 
termina pure il rigonfiamento torbido (nefrite parenchiìnatosa) , può 
essere primaria o secondaria, ma si verifica pure negli avvelena- 
menti con arsenico ed acido solforico a decorso rapidamente letale. 

Strie chiazze giallastre sopra un fondo rosso-grigio o 
giallo-grigio. Talvolta insieme all'ingrossamento del rene si 
nota che i glomeruli sono visibili in forma di punticini rossi. 

Si tratta allora della degenerazione adiposa dei canalini uriniferi 
[secondo stadio della nefrite parenchimatosa)» 

Alterazione di volume del rene. Rimpiccolimento del rene; 
inspessimento della capsula, la quale può aver contratta ade- 
renza con la superficie del rene; eminenze giallo-sbiadite o ros- 
sastro-pallide, delicate, grosse al massimo quanto un granello 
di miglio (granulazioni) sulla superficie del rene, insieme a cor- 
rispondenti depressioni laterali; tessuto fibroso compatto, diffuso 
per una estensione più o meno rilevante; rarefazione della so- 
stanza corticale, che nei casi avanzati può avere la spessezza 
di un paio di millimetri (atrofia granulare). 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 89 

L' atrofia granulare a sviluppo inoltrato viene riguardata come 
il terzo stadio della nefrite parenchimatosa, quando viene riassorbito il 
detrito prodotto dal disfacimento adiposo dei canalini uriniferi ed il 
tessuto ha subito la metamorfosi fibrosa per il coUabimento e V a- 
deren^a dei canalini uriniferi. 

Degenerazione amiloide. Ingrossamento del rene, consi- 
stenza compatta, colore pallido, aumento in superficie della so- 
stanza corticale, glomeruli visibili di aspetto vitreo. 

Questa malattia si presenta diffusa in diverso grado. Per accer- 
tare la diagnosi, si adopereranno i reattivi che saranno menzionati 
fra poco. 

Calice renale, pelvi renale ed uretere. Traumi e lesioni 
di continuo; dilatazione o restringimento della pelvi renale o 
dell'uretere; concrezioni. Mucosa: se tumefatta oppure disse- 
minata di stravasi emorragici, se inspessita, se con perdite ul- 
cerative di sostanza, se con essudati scolorati, se con aumento 
di secreto. 

Prima di esaminare gli organi del bacino , si esaminerà 
specialmente V escavazione retto-uterina^ per constatare lo sta- 
to dei plessi vasali, se vi sieno trasudamenti o stravasi emor- 
ragici (ematoma retto-uterino)^ se vi sia un'infiltrazione sie- 
rosa, gelatinosa o purulenta del rispettivo tessuto connettivo. 

21) Vescica urinaria. Si apra anzitutto la vescica urinaria 
nella sua posizione naturale, e se ne determini il contenuto, 
il quale — ^nel caso che vi sia sospetto di avvelenamento — deve 
essere conservato in un vase speciale, e se ne dovrà descri- 
vere la quantità ed il carattere. Si esamineranno pure: la forma, 
Testensione, il colore e la consistenza delle pareti, nonché le 
eventuali lesioni traumatiche esistenti, e di queste ultime biso- 
i^erà descriverne la sede, la direzione ed il loro rapporto con 
la parete addominale o col perineo. 

Nelle rotture della vescica urinaria bisognerà prendere in 
considerazione se esse abbiano potuto essere eventualmente 
reffetto di un'offesa meccanica estema o di un intenso scuo- 
timento. 

Nelle donne cade in considerazione, su tale riguardo, Teventuale 
influenza di manovre ostetriche. Nelle rotture spontanee bisognerà 
esaminare quali erano gli stati patologici esistenti. 



Digitized by VjOOQIC 



90 Eulenberg, 

Mucosa, Il color bianco-grigio naturale è ordinariamente 
rosso-bruno nel trigono e nel contorno deiruretra. 

Le alterazioni di colore sono parziali o diffuse, e sono de- 
terminate da vasi venosi o da versamenti sanguigni nel tessuto. 
Un color rosso-oscuro è spesso associato a tumefazione della 
mucosa oppure ad un abbondante secreto di natura mucosa o 
purulenta. Erosioni; perdite di sostanza; mucosa scolorata o 
scollata. 

Sottonmcosa: infiltrazione sierosa o purulenta. 

Muscularis: inspessimento. 

22) Parti sessuali, a) Negli uomini: si esamini Vuretra per 
accertare se vi sieno stenosi, si descriverà lo stato della mu- 
cosa uretrale e le sue lesioni traumatiche nel caso che ve ne 
siano. 

Prostata: forma, consistenza, colore, volume e carattere 
del tessuto. 

Vescichette spermatiche: forma, colore, consistenza e ca- 
rattere del tessuto, permeabilità del dotto escretore. 

Cordone spermatico: tumidità per ectasie venose; siero; 
cisti; eventuali lesioni traumatiche; stravasi sanguigni. 

Scroto: colore, estensione; nelle eventuali lesioni trauma- 
tiche descrivere la soluzione di continuo ed i relativi stravasi 
sanguigni. Ernie. 

Testicoli: posizione, colore, volume, consistenza, infiltra- 
zione del tessuto. Epididimo: grandezza, consistenza. Asta: even- 
tuali contusioni, rottura, sede dello stravaso sanguigno. 

b) Nelle donne. Grandi labbra: colore, aspetto, estensio- 
ne, consistenza, soluzioni di continuo (in tal caso si descrive- 
ranno la sede, l'ampiezza e la lunghezza di queste soluzioni), 
struttura della mucosa. 

Piccole labbra: colore; grandezza; sporgenza; lacerazioni. 

Imene: descrizione della sua forma e della sua struttura, 
della grandezza, della forma e del carattere del forame imeneale; 
eventuali suggillazioni ; versamenti sanguigni nella mucosa o 
erosioni della medesima; struttura dei residui dellUmene. 

Clitoride: ingrossamento, prepuzio. 

Vagina: posizione, grandezza, forma, estensione, eventuale 
restringimento, aderenze oppure lesioni di continuo. 

Mucosa. S'incida la vagina longitudinalmente a sinistra. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 91 

11 colore^ che ordinariamente è grigio-chiaro o grigio-sporco, 
mostrasi spesso di un rosso-scuro, nerastro o ardesiaco; una 
colorazione più intensa può coilegarsi ad accresciuta replezione 
dei vasi, a stravaso sanguigno nel tessuto, a tumefazione e scol- 
lamento, e ad un secreto siero-mucoso scolorato o fetido. 

Nelle erosioni o nelle perdite di sostanza: sede, profon- 
dità, estensione, colore delle parti circostanti e carattere del 
fondo deir erosione o della perdita di sostanza. 

Nelle soluzioni di continuo: punto di partenza della solu- 
zione^ carattere dei margini , eventuale rapporto della lesione 
colla vescica urinaria o col retto. 

Utero, a) Esame estemo. Qualità del rivestimento sieroso, 
sua grandezza (larghezza, lunghezza, spessezza), cangiamenti di 
forma o di posizione: posizione obbliqua {versio\ inflessioni, 
prolasso, inversione. 

Porzione vaginale: colore, posizione, forma, lunghezza, ca- 
rattere deiroriflcio uterino esterno. 

Soluzioni di continuo: qualità, sede, lunghezza e loro even- 
tuale estensione all'utero o alla vescica urinaria. 

b) Esame intemo: s'incida T utero a forma di una T. Si 
descrivano: spessezza, colore, consistenza, eventuale friabilità, 
quantità di sangue, eventuali infiltrazioni delle pareti, esten- 
sione della cavità. 

Se il colore grigio-rossastro delle pareti passi nel colore giallastro' 
chiaro bisogna supporre che si tratti di degenerazione adiposa. Il 
colore bianco-grigio si ha per lo più quando trattasi di tessuto com- 
patto, che crepiti nel P inciderlo. Il colore nerastro si ha spesso quando 
le pareti sono in uno stato di rammollimento putrido. 

Le rotture dell' utero, prodotte eventualmente nello sgravo 
con manovre manuali o istrumentali, si riscontrano molto più 
spesso lateralmente ed anteriormente anziché sulla parete po- 
steriore dell' organo. Rarissimamente sono prodotte da un' of- 
fesa meccanica esterna. Si dovranno descrìvere: la loro sede, 
profondità, estensione, natura dei margini e delle loro parti 
immediatamente limitrofe. 

Le rotture spontanee si presentano quasi sempre nella sezione in- 
feriore dell'utero, nella sua porzione cervicale. In questi casi bisogna 
contemporaneamente osservare se vi sieno alterazioni patologiche 



Digitized by VjOOQIC 



92 Gulenberg, 

delle pareti (grande sottigliezza e friabilitÀ). Tuttavia, non ogni ram- 
mollimento nel contomo della rottura deve essere riguardato come 
patologico, giacché ha potuto anche prodursi post-mortem. 

La mucosa: colore, spessezza, tumefazione, consistenza, re- 
plezione dei vasi , secreto , versamenti sanguigni nel tessuto , 
pseudomembrane, erosioni, perdite ulcerative di sostanza, loro 
margini ed il contenuto del fondo. Bisogna bene esaminare il 
canale cervicale e la porzione vaginale. 

Nel punto d' inserzione della placenta s' incidano le vene, 
e se ne esamini il contenuto (per es. per constatare se vi sieno 
trombi) e la struttura della parete. 

Sul punto d'inserzione delle trombe o sulla parete della 
cervice si conducano incisioni superficiali per rintracciare il 
lume dei vasi linfatici o dei seni linfatici, ed esaminare il loro 
contenuto. 

Nel caso che vi sieno residui della placenta: eventuale ico- 
rizzazione della stessa, placenta adnata o placenta stùccentu- 
riata, distensione dell'utero mediante coaguli sanguigni. 

Trombe: ectopia, lunghezza, spessezza, dilatazione median- 
te versamento di sangue o di un liquido sieroso, restringimento 
impermeabilità del canale, struttura della mucosa e delle 
fimbrie. 

Ovaia: posizione, grandezza, forma, consistenza e reple- 
zione dei vasi. Si esamini il colore della superficie del taglio 
e si constati se da essa effluisca un liquido purulento, sieroso, 
icoroso; si accerti la quantità del sangue, la struttura dei fol- 
licoli (corpora haemorrhagica et lutea), se vi sia dilatazione 
cistica dei medesimi, quale struttura presenti lo stroma. — Cisti 
colloidi ed altri tumori cistici. 

23) Il retto: restringimento o dilatazione (nei neonati si 
osservi se vi sia Tatresia anale); eventuale cangiamento di po- 
sizione (prolasso); ectasia delle vene. Mucosa rettale: colore, 
secreto, eventuale disfacimento o tumefazione della medesima, 
consistenza, eventuali perdite ulcerative di sostanza, seni fi- 
stolosi, condilomi. 

24) Duodeno e Stomaco, a) Esame esterno dello stom^ico : 
dilatazione generale o parziale, forma, cangiamenti di posizione, 
colore, consistenza, alterazioni del rivestimento sieroso, reple- 
zione dei vasi. Nel caso di lesioni traumatiche e soluzioni di 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interoo 93 

continuo si descriveranno la sede, la direzione e Testensione 
degli stessi insieme alla natura dei margini ed al relativo stra- 
vaso sanguigno, o alla fuoriuscita del contenuto gastrico. 

Le rotture traumatiche consistono nella lacerazione di tutta 
la parete dello stomaco o di alcune tuniche, nel qual caso i mar- 
gini sono ineguali , presentano dentature e suggillazioni, e di 
rado manca il versamento sanguigno nel tessuto dello stomaco. 

Uoa perforazione spontanea può essere a) un fenomeno post mortem 
quando vi sia un rammollimento diffuso dello stomaco e le pareti 
dell' organo sieno trasformate in una massa mucosa, gelatinosa. Que- 
st' ultimo reperto si riscontra talvolta nei bambini che hanno sof- 
ferto disturbi della nutrizione, colerina, o malattìe cerebrali. 

b) Nella perforazione avvenuta durante la vita, l'apertura è ro- 
tonda, di diversa estensione, ma ha margini completamente lisci, 
incruenti, come se fosse stata escavata con un succhiello. La sua 
sede ordinaria è la piccola curvatura. 

Questo reperto ha un'importanza forense, in quanto che un trau- 
ma accidentale può favorire la perforazione. E poiché oltre a ciò i 
sìntomi osservati durante la vita spesso erano ben poco pronunziati, 
potrebbe accadere che nel caso di esito letale sorgesse il sospetto 
di avvelenamento. La fuoriuscita del contenuto dello stomaco nella 
cavità addominale cagiona ordinariamente ben presto la morte. Di 
rado la perforazione produce in situ croniche flogosi o suppurazioni 
(aderenza con un altr' organo, formazione dì una cavità insaccata), le 
quali dovranno essere descritte nel caso che esistano. 

b) Esame interno. Si apra anzitutto il duodeno nel mezzo 
della parete anteriore fino al fondo dello stomaco, si badi al- 
l'odore dei gas che vengono ftiori, e si raccolga in un vaso il 
contenuto dello stomaco. 

Non è soltanto in riguardo alla nettezza che è indicato dì rac- 
cogliere il contenuto dello stomaco, ma anche per esaminarne più ac- 
curatamente la quantità, la qualità, la reazione, ì corpi estranei o i 
parassiti in esso eventualmente contenuti, l'odore ecc. Nel caso che 
vi sìa sospetto di awelenamentOy bisogna raccogliere il contenuto dello 
stomaco in uno speciale vase dì vetro. 

Mucosa del duodeno: colore, consistenza, eventuali alte- 
razioni dei follicoli linfatici (ulcerazioni, ascessi), permeabilità 
del dotto coledoco, esame del medesimo premendo leggermente 
su di esso nella sua direzione verso l'intestino. 



Digitized by VjOOQIC 



94 Eulenberg, 

Le perforazioni spontanee per effetto dell' ulcera duodenale (la qua- 
le può comportarsi in modo completamente analogo air ulcera ro- 
tonda perforant'e dello stomaco, e può persistere durante la vita 
senza alcun sintomo) hanno un'importanza forense, in quanto che 
nel caso che si verifichi la perforazione, può destarsi il sospetto di 
avvelenamento, a causa del vomito intensissimo e dei dolori stiranti 
neir addome. Un trauma insignificante (nelle donne financo le forti 
doglie nei parti laboriosi] può favorire la perforazione. 

Mucosa dello stomaco: colore, consistenza, inspessimento, 
rammollimento, tumefazione, erosioni, perdite di sostanza, se- 
creti. Per un esame più accurato si asporti lo stomaco a regola 
d'arte dalla cavità addominale, e lo si apra. 

Il colore ordinariamente grigio-sbiadito può in alcuni punti 
esser rosso-chiaro o rosso-scuro, brunastro, grigio-nerastro, 
ardesiaco, e questa colorazione può presentarsi a strie, a for- 
ma reticolata o diffusa. Si descriveranno le ectasie vasali (nel 
caso che vi siano) indicandone esattamente il grado, l'esten- 
sione e la sede. I vasi in uno stato di iperreplezione si rinven- 
gono il più delle volte nel cardia ed al fondo dello stomaco. 
Si esaminerà il sangue stravasato determinandone la quantità, 
la qualità e la sua origine , se provenga da punti erosi o se 
si presenti in forma di stravasi emorragici puntiformi nel tes- 
suto. Si badi a ben distinguere da ciò le imbibizioni sanguigne 
che accadono dopo la morte. 

Un colore azzurrognolo si collega spesso a tumefazione 
edematosa del tessuto sottomucoso ed a replezione di grossi 
vasi venosi. La tumefazione con intorbidamento o anche con 
colore giallastro della mucosa fa supporre un'affezione delie 
glandolo pepsiniche, in seguito ad avvelenamento col fosforo o 
coir arsenico. 

Si presentano qui rapporti analoghi a quelli che si riscontraao 
nel rene e nel fegato. Anzitutto le cellule glandolari si riempiono 
di granuli scuri, i quali si distinguono dal contenuto normale delle 
medesime, in quanto che non scompaiono con Yaggiunla di liscivio 
di potassa. Essi sono quindi granuli di adipe, i quali riempiono com- 
pletamente gli otricoli glandolari, e poi determinano una degene- 
razione adiposa delle glandolo pepsiniche, e con ciò il colore giallo 
{gastritis parenchymatosa seu glandularis]. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame io terno 95 

L'accresciuto secreto della mucosa si rivela col deposito 
di un muco torbido, grigio e denso, nonché con rossore chiaro 
a livello delle pieghe della mucosa, specialmente sulla porzione 
pilorìca {catarro acuto dello stomaco). 

Se il muco è molto abbondante e denso, se il tessuto della 
mucosa mostra una pigmentazione grigia, nerastra o brunastra 
(catarro cronico dello stomaco), si hanno talvolta tumefazione 
dell'apparalo glandolare e proliferazioni bernoccolute della mu- 
cosa per un'estensione simile a quella d'un capezzolo. È questo 
quel reperto che gli autori francesi indicano come « surface 
mamellonée ». 

Tutto lo stomaco può presentare nel tempo stesso un restrin- 
gimento per effetto di un marcato inspessimento della mucosa. Que- 
sto stato è dovuto a proliferazione del connettivo interstiziale, e si 
presenta nei bevoni di abitudine. 

Pieghe della mucosa: colorazione rosso-scura, bruno-nera- 
stra nerastra per pregresse emorragie nella mucosa; erosioni 
grosse quanto una capocchia di spillo, le quali sono oblunghe, 
circondate da un' areola emorragica, nel loro fondo vi ha un 
detrito brunastro, e non di rado si collegano a colorazione az- 
zurro-oscura della mucosa per stasi sanguigna nelle vene ga- 
striche {erosioni emorragiche del Cruveilhier). 

Nella sopracennata ulcera perforante dello stomaco, la perdita 
di sostanza sulla mucosa è imbutiforme. Quest'ulcera ha sempre una 
forma rotonda, ma di estensione molto variabile; il suo margine 
è liscio e pallido, di rado tumido o con pigmentazione brunastra. 

Molto di rado si riscontrano follicoli linfatici tumefatti nella mu- 
<^osa, i quali si distinguono dai tubercoli per la mancanza della ca- 
seificazione e per i vaseliini che in essi penetrano. 

É a supporre che il ra^nmallimento della mucosa possa verificarsi 
per tempo nella putrefazione e mostrare un colorito verdastro spor- 
co; e soprattutto nelle affezioni intestinali di piccoli bambini la 
mucosa assume un aspetto peculiare e può essere facilmente di- 
staccata dalla muscularis. 

La tumefazione della mucosa e della sottomucosa può presen- 
tarsi nella piemia. 

Avvelenamenti. Fra gli avvelenamenti che producono determinati 
reperti anatomici abbiamo già rilevati quelli per fosforo e per ar- 
senico. Tra quei veleni che corrodono la mucosa dello stomaco 
sono da annoverare specialmente gli alcali caustici ed i più impor- 



Digitized by VjOOQIC 



96 Eulenberg, 

tanti acidi minerali. In generale si può ammettere che gli alcali cau- 
stici determinano piuttosto una tumefazione della mucosa e della 
sottomucosa con rapido passaggio nel rammollimento; mentre con 
gli acidi minerali si ha piuttosto un disseccamento, e soltanto quan- 
do le dosi sono elevate si verifica un rammollimento nerastro, pul- 
taceo dei tessuti. 

L'esame va fatto secondo i principii sopra stabiliti. In Prussia, 
Tart. 22 del regolamento prescrive sul proposito quanto segue: per 
i vasi sanguigni bisogna indicare se trattisi di arterie o di vene, quale 
sia il grado di replezione dei medesimi, e finanche delle jMCCole ra- 
mificazioni dei tronchi nonché dei troncolini, se la dilatazione del 
vaso sia considerevole o meno. Questi principii si debbono tenere 
ben presenti in tutti i casi nei quali è importante indicare esatta- 
mente la quantità del sangue; e il regolamento prescrive di dare code- 
ste esatte indicazioni, onde evitare che i periti si servissero all'uopo 
di espressioni molto vaghe ed imprecise, come sarebbero per es. le 
seguenti: vasi a ricchi di sangue », « poveri di sangue », « forte- 
mente », « discretamente », « poco » iniettati ecc. (v. l'articolo 28 
del regolamento). Oltre a ciò, non si dimentichi l'applicazione di 
doppie ligature immediatamente al di sopra del piloro, nonché in- 
tomo al duodeno sotto il punto di sbocco del dotto coledoco. La 
stomaco ed il duodeno, l'esofago, l'eventuale contenuto del digiuno, 
verranno conservati (nel caso che il contenuto dello stomaco sia 
scarso) nello stesso vaso di vetro o di porcellana. Oltre a ciò, si aspor- 
teranno dal cadavere brani del fegato e del rene, e si rimetteranno 
separatamente al giudice. L'urina deve essere conservata a parte, e 
parimenti il sangue nel caso che si debba sottoporlo all'analisi spet- 
trale. Se si tratta dì conservare a lungo il sangue, è opportuno te- 
nerlo in sottili tubolini di vetro, fusi alle due estremità. Oltre a ciò, 
in parecchi casi è necessario l'esame microscopico, specie in riguar- 
do al contenuto dello stomaco (per es. nel caso che si rinvengano 
corpi sospetti) o anche della porzione superiore del tenue (trichine). 
I diversi vasi vengono chiusi, suggellati, e su ciascuno di essi si 
indica il loro contenuto. 

25) Fegato e cistifellea. Cistifellea: distensione, tensione, 
colore, contenuto, eventuale disfacimento delle pareti, perfo- 
razione in seguito a calcoli biliari. 

Fegato, a) Esame esterno. Grandezza (la larghezza com- 
plessiva media è 25—30 centim., la spessezza 8 — 10 centim., e 
l'altezza 15 a 20 centim.), forma, colore (bruno, rosso-bruno 
rosso-giallo), consistenza. Si indicherà pure se i margini 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 97 

sieno esili ed acuminati oppure tondeggianti. Si feccia una de- 
scrizione esatta. 

b) Esame inte?mo. Descrizione di eventuali lesioni di con- 
tinuo in forma di ferite da fendente , da punta o da arma a 
fuoco; oppure di rotture, delle quali si descriveranno la sede, 
la direzione, la profondità e l'eventuale rapporto con traumi. 

Nei neonati si verificano talvolta rotture del fegato non soltanto 
nei parti artificiali mediante versione ed estrazione , ma anche nei 
parti naturali. Bisogna allora esaminare se questo reperto stia in 
rapporto causale con stiramenti del cordone ombelicale, o con qual- 
che trauma diretto esterno. 

La suppurazione in seguito a lesione violenta del fegato può ap- 
parire in forma d'infiltrazione oppure di ascesso. Fa d' uopo allora 
ricordare gli ascessi del fegato , che appaiono in seguito a lesioni 
traumatiche del capo. 

Gli ascessi metastatici nella piemia hanno una forma di cuneo, ri- 
siedono sotto la capsula, sono costituiti da un gruppo di lobuli epa- 
tici gialli, e nel loro centro presentano una massa molle, purifor- 
me insieme a molti micrococchi. Vi si rinvengono pure ben pochi 
corpuscoli purulenti. La dissoluzione delle cellule epatiche è il fatto 
caratteristico. 

Nel caso si tratti del così detto fegato noce moscato , si 
constatano alterazioni di colore, di consistenza e di volume, 
colore rosso-bruno intenso della parte centrale dei lobuli epa- 
tici, larghi 1 mra. e lunghi 1 — 2 mm., con periferia pallida ed 
aspetto marezzato della superficie del taglio. 

Nel caso di fegato grasso si riscontra: ingrossamento del 
fegato; consistenza molla e pastosa; per lo più tenue quantità 
di sangue; lobuli epatici poco o nulla affatto percettibili; su- 
perficie del taglio di colore egualmente giallo o brunastro- 
chiaro. Il coltello col quale si praticano i tagli si spalma di 
grasso. 

All'esame microscopico si osservano, alla periferia dei lobuli 
epatici, gocciole di grasso nelle cellule. 

Mediante dilatazione delle vene centrali può essere prodotta una 
compressione dei lobuli epatici , la quale gradatamente determina 
un rimpiccolimento del fegato (atrofia rossa o cianotica del fegato), 

'SeìV epatite parenchimatosa si riscontra: ingrossamento del 

Maschka — Med. L«g. Voi. I. 7 



Digitized by VjOOQIC 



98 Eulenberg, 

fegato; consistenza pastosa, anelastica; i contorni dei lobuli 
sono indistinti; la superficie del taglio è secca, torbida, uni- 
formemente opaca, come se il parenchima fosse stato tuflfato 
in acqua bollente; deplezione sanguigna; colore grigio o grigio- 
giallastro. 

L' (( epatite parenchimatosa » consiste in un'infiltrazione del pro- 
toplasma dei lobuli epatici con corpi albuminoidi. L'intorbidamento e 
Tingrossamento di questi lobuli sono determinati dairinfiltrazione al- 
buminosa. L'ulteriore stadio di questa malattia consiste nella dege- 
nerazione adiposa nella quale i lobuli vengono riempiti da un detrito 
grasso-albuminoso. , 

Nella degenerazione amiloide si rinviene: ingrossamento 
dell'organo; tessuto compatto, anelastico; superficie del taglio 
di color giallo-cereo o* rossastro-sbiadito ; splendore opaco; i 
contorni dei lobuli non sono riconoscibili. 

La diagnosi viene assicurata adoperando speciali reattivi (fra i 
quali menzioneremo qui il iodo). Quanto più la malattia ha avuto 
un decorso cronico, tanto più predominano le parti del fegato che 
hanno uno splendore opaco. — Dopo croniche suppurazioni delle ossa 
si rinviene talvolta questo reperto patologica. 

Si può anche constatare il seguente reperto: impiccoli- 
mento del fegato; superficie scabra, bernoccoluta; capsula in- 
spessita, di un colore biancastro; sulla superficie del taglio 
piccoli residui gialli di parenchima e tessuto fibroso compatto, 
grigio, che crepita sotto il coltello (cirrosi epatica^ iìidurazione 
del fegato, atrofia granulare). 

Il cosi detto « fegato dei bevoni )) consiste nella trasformazione del 
connettivo interstiziale in un reticolo fibroso compatto, calloso. Il 
più delle volte viene attaccato il lobo epatico sinistro. 

Atrofia gialla j ramraollimento giallo-acuto del fegato: 
notevole rimpicciolimento dell'organo; capsula corrugata; tes- 
suto floscio ed avvizzito; sulla superficie del taglio si notano 
parti di un colore giallo di gommagotta, le quali risaltano a 
forma insulare sopra un fondo piuttosto compatto , alquanto 
depresso, rosso o rosso-grigio. 



Digitized by VjOOQIC 



Esame interno 99 

Possono predominare i punti rossi oppure quelli gialli. All'e- 
same microscopico della sostanza gialla si nota che il reticolo di 
cellule epatiche è completamente disfatto, in quanto che predominano 
ovunque gocce di grasso. La sostanza rossa è costituita soprattutto 
da un connettivo avvizzito. 

Non di rado accade che sulle superficie del taglio del fegato 
atrofico si presentano cristalli di leucina e di tirosina , soprattutto 
quando sono state esposte per qualche tempo all'aria. 

26) Pancreas: colore, quantità di sangue e di adipe, dotto 
escretore (cisti, concrezioni), eventuale cangiamento di posi- 
zione, indurazione, ipertrofia oppure atrofia. 

27) Mesenterio: se sia stato leso in eventuali ferite del- 
l'addome, descrivere lo stato del connettivo, delle glandole lin- 
fatiche e dei vasi sanguigni. 

28) Intestino te^iue, a) Esame esterno. Cangiamenti di po- 
sizione, invaginazioni, distensione, stato della sierosa (reple- 
zione vasaio, essudati), colore, consistenza. Nel caso di lesioni 
traumatiche s'indichino esattamente la sede, l'estensione ed il 
carattere dei margini. Se vi sono perforazioni traumatiche o 
spontanee bisogna descriverle esattamente. Soprattutto nei casi 
di perforazioni spontanee si badi se sieno dovute a perdite di 
sostanza per ulcerazione o ad ernie incarcerate. 

6) Esame interno. Contenuto dell'intestino. Si descriva il 
colore e la consistenza della mucosa, se è inspessita o ram- 
mollita, se ne indichi la quantità di sangue; si descriva il ca- 
rattere delle pieghe e dei villi , dei follicoli solitari e delle 
glandole agminate. 

Si esamini il contenuto delVinlestino relativamente a quantità, co- 
lore, consistenza ed odore; se contiene corpi abnormi (per es. corpi 
stranieri, secreti anormali, parassiti, per es. trichine, tenia, ecc.). 

Mucosa. Il colore varia dal grigio-chiaro al rosso-oscuro, 
rosso-azzurro, all'ardesiaco o nerastro. — Un colore uniforme- 
mente rosso dinota che i capillari sono turgidi di sangue. Da 
questi bisogna distinguere, analogamente a ciò che si fa per 
tutte le mucose, i piccolissimi tronchi vasali, che sono ricono- 
scibili in forma di strie rosse ben circoscritte. 

I depositi sanguinolenti o biliosi determinano svariate co- 



Digitized by VjOOQIC 



100 Eulenberg, 

lorazioni, e quindi possono essere ben riconosciuti soltanto dopo 
aver lavato completamente la mucosa. 

Nell'iperemia si nota un rossore uniforme (di rado a chiazze) 
a livello delle pliche; ed in tal caso per lo più havvi iperemia 
anche dei grossi vasi sottomucosi. 

I versamenti sanguigni nella mucosa sono per lo più pun- 
tiformi (ecchimosi). Nei casi di emorragie sulla superficie libera 
si rinviene sangue liquido oscuro o di aspetto catramoso. Ero- 
sioni. Un secreto acquoso, mucoso o puriforme si collega per 
lo più a rossore, tumefazione od inspessimento della mucosa. 

Del resto, nel cronico catarro intestinale dei piccoli bambini la 
mucosa può essere pallida. 

Le alterazioni di consistenza, la tumefazione ed il rammol- 
limento si collegano spesso a versamento sieroso nella sotto- 
mucosa. Nei casi d' inspessimento della mucosa risalta di più 
la formazione delle pliche. 

Quando la mucosa è inspessita i villi assumono un aspetto 
vellutato. 

Follicoli e glandole agminate: tumefazione; colore rosso- 
grigio; consistenza molle; eventualmente anche perdita di so- 
stanza con margini tumidi; fondo piano {ulcera tifosa). 

II colore ardesiaco nel contorno delle placche del Peyer dinota 
che è stato superato un tifo. Nella pratica forense talvolta è neces- 
sario constatare se havvi un tale reperto. 

Follicoli solitaria Indicare se siano tumefatti, se presen- 
tino un colore rosso-grigio, se abbiano subito lo sfacelo caseoso, 
se havvi perdita di sostanza con fondo scabro e margini erosi, 
se sono aggruppati a forma anulare (ulcerazioni tubercolari a 
forma anulare). 

Nel caso di micosi intestinale si può riscontrare quanto segue : 
eminenze a forma di furimcoli della mucosa disseminate a focolai 
circoscritti; disfacimento della mucosa; produzione di pus nel cen- 
tro del focolaio ; versamenti sanguigni nella sottomucosa ; infiltra- 
mento sieroso nelle parti circostanti. — Gli ascessi embolici [neìV en- 
docardite maligna) possono aprirsi in direzione deirintestino, e de- 
terminare perdite di sostanza (ulcere emboliche). Essi si presentano 



Digitized by VjOOQIC 



Parere sommario 101 

in gran numero , sono piccolissimi , ma sempre circondati da una 
areola emorragica. 

29) Crasso, a) Esame esterno. Descrivere lo stato della 
sierosa, so havvi dilatazione o stenosi del crasso, se il processo 
vermiforme sia perforato, quale carattere presenta il connettivo 
nelle parti circostanti (per es. nella peìntiflite). 

V) Esame interno. Mucosa: indicare se per es. il rossore 
della mucosa è uniforme oppure a strie, ovvero se a chiazze, 
o se esiste soltanto a livello delle pieghe. Nei casi di versa- 
menti sanguigni nella mucosa si nota un colore rosso-cupo. 
Se contemporaneamente havvi replezione dei vasi venosi, il 
colore è azzurro-oscuro. S'indichi se havvi pigmentazione ar- 
desiaca della mucosa, e se l'epitelio della mucosa arrossita sia 
tumefatto oppure sfaldato. 

30) I grossi vasi deW addome. Neil' esaminare V aorta bi- 
sogna constatare se le sue pareti sono inspessite, rigide, se 
havvi dilatazione aneurismatica e degenerazione ateromatosa o 
calcificazione. Neil' esame della cava inferiore si dovrà badare 
se le pareti sono inspessite , se presentano colore anormale, 
e se il contenuto di questo vaso è costituito di masse coagulate 
di natura purulenta. — In talune circostanze può essere richiesto 
anche l'esame del dotto toracico (per lesione traumatica, dila- 
tazione, obliterazione) oppure delle glandole linfatiche retro-- 
peritoneali. 



Alla fine del protocollo si aggiunga e senza motivarlo , un 
paì^ere sommario. In Prussia questo parere è prescritto dal- 
l' articolo 29 del regolamento delle perizie necroscopiche. In 
Austria non vi ha questa prescrizione, giacché i medici pos- 
sono, a tenore dell'articolo 125 del codice di procedura pe- 
nale del 23 maggio 1874, aggiungere il loro parere (motivan- 
dolo) al protocollo, oppure possono riservarsi di emettere un 
parere in iscritto, precisando il termine. Inoltre in forza del- 
Tarticolo 123, i medici possono, prima di emettere il loro pa- 
rere, prendere anche visione della pratica processuale, tranne 
il caso che non sia permessa per speciali motivi. Qualora l'au- 
topsia faccia rilevare segni di morte violenta, ciò indurrà il 
giudice a far proseguire più minutamente ed accuratamente 



Digitized by VjOOQIC 



102 E u I e D b e r g. 

Pesame del caso. Nel dare il così detto parere provvisorio si 
dovranno sempre tener di mira due fatti importanti: 

1) Accertare la causa della morte ^ per quanto sia possibile 
desumerla dal reperto obbiettivo ; 

2) Esaminare in qual modo fu perpretato il delitto , e 
quindi descrivere glMstrumenti, le armi eventualmente rinve- 
nute, ecc. colle quali probabilmente fu commesso il crimine. 

Relativamente al primo compito, il giudizio spetta ai set- 
tori. Circa il secondo compito, il giudice d'ordinario rivolge 
loro domande speciali sulPistrumento rinvenuto, e se con esso 
poteva essere inferta la lesione constatata nel caso concreto. 

Spessissimo accade che i settori si accordano nella risposta 
affermativa o negativa alla domanda ad essi rivolta. Però è 
opportuno descrivere con precisione nel verbale ristrumento 
rinvenuto, giacché, nel caso in cui la causa dovesse essere di- 
scussa in appello, sarebbe impossibile poter giudicare con esat- 
tezza se il parere dei settori sul proposito fu o meno giusto. 

Se fossero venuti a conoscenza dei settori altri fatti, che 
avessero un'^importanza per risolvere la quistione loro presen- 
tata, dovranno espressamente menzionarli nel verbale. 

Qualora non fu rinvenuto alcun istrumento, alcun' arma, il 
giudice talvolta domanda se si trattò di una ferita da punta, da 
taglio da arma a fuoco. Se è possibile rispondere in base al 
verbale dell' autopsia , i settori dovranno emettere su tale ri- 
guardo il loro giudizio, però colla clausola che Thanno fatto ad 
istanza del giudice. — Non è di loro spettanza pronunziarsi sulla 
probabile colpa di una terza persona nel crimine perpetrato. 

S'indichi brevemente e con precisione la causa della ynorte. 
Se qualcuno per esempio morì di pulmonite, non è necessario 
dire: N. N. è morto di paralisi pulmonale prodottasi in con- 
seguenza della pulmonite. Per la pratica forense basta regi- 
strare semplicemente nel verbale: la causa della morte è la 
pulmonite. 

Si debbono sempre evitare tutti quei nomi che potrebbero 
essere diversamente interpretati, come per es. « insulto », ecc. 
In fatti, se con ciò si volessero indicare «paralisi», non si 
potrà, inferire con quale di esse si ha da fare. Né si faccia 
un' asserzione qualsiasi — nel verbale dell'autopsia — che non 
possa essere completamente giustificata. Quindi sarebbe cer- 



Digitized by VjOOQIC 



Guida nel r emettere il parere motivato 103 

tamente poco acconcio affermare, nel parere medico-legale, che 
un neonato è morto per mancanza di assistenza, perchè dal 
verbale dell' autopsia non si può mai trarre una tale con- 
clusione. 

Se dal verbaJe dell'autopsia può essere desunta la natura 
di una malattia, si dovrà anche citarlo. Lo asserire in termini 
generali che la morte è dovuta ad una «causa interna», ov- 
vero ad una « pura e semplice malattia >, non può mai sod- 
disfare la giustizia. Se i settori non possono indicare con preci- 
sione la causa della morte, debbono dirlo espressamente, riser- 
bandosi di specificarne le ragioni qualora l'esame medico-legale 
debba essere ulteriormente proseguito. In siffatto modo evite- 
ranno pure qualsiasi contraddizione, nella quale potrebbero ca- 
dere con un'assertiva troppo frettolosa nel parere provvisorio. 

Nelle autopsie di neonati si dovrà, nel parere provvisorio, 
stabilire: 1) se trattavasi realmente di un neonato; 2) la sua 
vitalità e la sua maturità; 3) se abbia o meno respirato dopo 
la nascita, giacché il verbale dell'autopsia deve dare chiarimenti 
su tale riguardo. 

Nel Codice penale austriaco e tedesco non si tiene parola 
di « vitalità > del feto. Però possono occorrere casi , rispetto 
al giure civile , nei quali si deve rispondere a tale domanda. 
D' ordinario la « vitalità » del feto incomincia al 210.° giorno 
(nella SO.*^ settimana), qualora non vi siano gravi difetti di svi- 
luppo che la impediscono. 

Il Codice prussiano permette di fare a meno dell'autopsia, 
qualora dalla costituzione del feto risulti che fu partorito prima 
della 30.* settimana. Però si dovrà praticare l'autopsia tutte le 
volte in cui il giudice lo desiderasse espressamente. 

Guida al medico-legale nelF emettere 
il parere motivato. 

Nel parere motivato si deve avvalorare il parere provvi- 
sorio con altri motivi , tratti sia dalla storia dettagliata della 
malattia, sia dagli atti processuali. 

In ciò si dovranno utilizzare tutti i mezzi che la scienza 
offre per dare una base sicura al parere. Tuttavia ciò presup- 



Digitized by VjOOQIC 



104 Eulenberg, 

pone che i reperti registrati nel verbale deirautopsia forniscano 
un sostrato solido per un'argomentazione seria e calzante. 

Neir esporre il parere bisogna seguire uno schema spe- 
ciale, che qui menzioneremo brevemente. Bisogna incominciare: 

1) con una species facti, nella quale verranno riferiti i 
fatti che precedettero la morte, oppure il modo come fu con- 
dotto il trattamento. In talune circostanze, e soprattutto quando 
il ferito rimase ancora per lungo tempo in vita, il rapporto 
del medico curante può avere una grande importanza per giu- 
dicare il rispettivo caso. 

Il prendere visione degli atti processuali può essere utile 
per chiarire parecchi punti. Per lo passato si discusse molto 
se ai medici-legali poteva essere data tale facoltà. Oggi co- 
desta quistione è stata risoluta in senso affermativo, essendosi 
constatato che ciò può riuscire utile per poter valutare esatta- 
mente parecchi reperti. 

Prima dell' autopsia non è necessario prendere visione 
degli atti processuali; anzi ciò può riuscire nocivo, giacché i 
settori facilmente potrebbero formarsi qualche concetto er- 
roneo. Se più tardi si desiderasse che venissero chiariti al- 
cuni punti, si può fare un'istanza al giudice perchè completasse 
gli atti processuali. 

I risultati forniti dallo studio degli atti processuali debbono es- 
sere registrati nella storia clinica, ailiachè nella motivazione del caso 
se ne possa tener conto. È regola fondamentale attenersi soltanto a ciò 
che concerne il caso concreto, per non sviare con inutili disquisi- 
zioni r attenzione dai fatti principali. Quindi sarà opportuno dare 
una scorsa agli atti processuali per sceverare l'essenziale dall'acces- 
sorio, e tener conto — se lo si creda opportuno — soltanto del primo. 
Non havvi nulla che tanto disturbi Timpressione che riceve il giu- 
dice dalla lettura del parere , quanto una lungaggine noiosa sopra 
particolari di un'importanza accessoria. 

2) Ricapitolare quei punti del verbale delV autopsia che è 
necessario tener soprattutto presente onde emettere un giu- 
dizio nel rispettivo caso. Verranno allora di nuovo addotti i 
momenti più importanti, che sono di un'entità essenziale per 
motivare il parere. Se in qualche punto havvi divergenza dal 
verbale dell'autopsia bisogna espressamente riferirlo. 

3) Considerazioni e 7notivazionL Qualsiasi considerazione 



Digitized by VjOOQIC 



Quida nelP emettere il parere motivato 105 

«deve essere fatta in base al verbale deir autopsia. Si evite- 
ranno perciò tutte le asserzioni astratte, le quali in ultima ana- 
lisi non fanno che complicare un dato argomento ed abbuiarlo 
senza alcuna necessità. Qualsiasi opinione scientifica venga 
accampata, deve avere la sua base nel verbale dell'autopsia. 
Ed il medico-legale deve guardarsi dalPeccedere la sfera trac- 
ciata dalla quistione del dato caso, anche quando vi fosse in- 
dotto da determinate domande che gli vengono rivolte dal giu- 
dice. Desta un'impressione molto sgradita leggere un parere 
nel quale sovrabbondano i « probabilmente ». Così al giudice 
come ai giurati importa ben poco di sapere ciò che è possi- 
bile e probabile. È vero che non è possibile rispondere ad ogni 
domanda; ma in tal caso è meglio dirlo schiettamente anzi- 
ché perdersi in un dedalo di congetture , soprattutto quando 
le domande richieggano taluni chiarimenti sopra cause ed ef- 
fetti, che non è possibile dare perchè il verbale dell'autopsia 
non porge alcun dato sul proposito. Però il medico-legale è 
sempre tenuto ad esporre i motivi per cui non è possibile ri- 
spondere a questa o a quella domanda rivoltagli dal giudice. 
Quanto più un medico-legale è ricco di esperienza, tanto più 
saprà riconoscere con precisione i limiti in cui deve mante- 
nersi, e non sconfinare. In generale si tenga presente che bi- 
sogna aggirarsi sui punti principali che scaturiscono dal parere 
provvisorio, e dare loro una base scientifica. 

11 metodo col quale si cerca di dimostrare analiticamente alcuni 
puDti principali parte da dati di fatto, dall'esame accurato dei quali 
si cerca di trarre le premesse con cui si possono intendere esatta- 
mente quei fatti. 

E poiché il metodo analitico cerca di dedurre i principi dai fatti, 
esso si aggira sempre sopra un terreno reale e positivo, e si adatta 
a preferenza per motivare un parere. Il metodo sintetico trova la sua 
applicazione nei casi piuttosto dubbi e difficili, giacché, partendo da 
alcuni principi fondamentali, ne sviluppa le conseguenze, che poi 
paragona coi fatti derivanti dal caso concreto, onde esaminare se e 
fino a qual punto trovino quelli una conferma in questi. 

Quando mancano pruove positive, non di rado si è costretto 
di fondare il parere medico-legale sopra pure e semplici pro- 
babilità. Così per es. quando in un neonato si riscontrano segni 



Digitized by VjOOQIC 



106 Eulenberg, 

(li morte per soffocazione, ma mancano pruove positive per 
affermarlo con certezza, si dovrà dire nel parere, che il neo- 
nato « probabilmente » o « molto probabilmente » è morto sof- 
focato. Ed in questi casi il medico-legale deve sempre illu- 
strare i reperti con principi scientifici, e porli in nesso colle 
osservazioni confermate dall'esperienza. 

In talune circostanze si può emettere un giudizio in modo 
negativo, come per esempio quando trattasi di morte per an- 
negamento, non completamente chiarita. È permesso allora dire, 
che l'autopsia non ha fatto rilevare reperti, « i quali contrad- 
dicessero alla supposizione che Tizio sia morto annegato ». 

Se i medici-legali non possono intendersi sopra alcuni 
punti, dovranno riferire alla fine della perizia la loro divergenza 
di opinione, motivandola. Neil' esporre il parere non si dovrà 
mai parlare in singolare, perchè amendue i medici-legali sono 
responsabih delle interpretazioni date ai reperti dell' autopsia 
e delle conclusioni che ne hanno tratte. Ogni parere medico- 
legale deve brillare per chiarezza e per ragionamento logico, 
calzante e stringente, acciò sia completamente intelligibile al 
giudice, che è sempre più o meno profano di medicina-legale, 
e nel dibattimento pubblico ai giurati, che in massima parte 
sono profani di medicina. Quindi il medico-legale nell' esporre 
il parere deve sempre evitare, quanto più è possibile, le espres- 
sioni tecniche. Il Codice prussiano prescrive che il rapporto 
dell'autopsia deve essere chiaro, conciso e concludente, e il 
parere del medico-legale intelligibile anche al profano in me- 
dicina. Quindi i settori dovranno adoperare quanto meno è pos- 
sibile una terminologia tecnica con parole greche o latine, e 
la relazione deve essere redatta in modo che sia accessibile 
all'intelligenza di una persona colta. Spessissimo si pecca su 
tale riguardo , specialmente quando si cerca — impinzando la 
relazione con termini tecnici di medicina — di dare un colo- 
rito scientifico alla relazione, per mascherare la povertà del suo 
contenuto. 

Per lo passato si costumava spesso di abbondare — quando 
trattavasi di dimostrazioni — in citazioni letterarie, ed avvalorare 
le asserzioni citando testualmente i relativi passi di questo a 
di quell'autore. Ma questo metodo non è a raccomandare, per- 
chè induce facilmente a giudicare il singolo caso da punti di 



Digitized by VjOOQIC 



Guida neir emettere il parere motivato 107 

vista astratti, ed a trascurarne, sotto l'apparenza dell'erudi- 
zione, l'esame speciale. 

Molti pareri medico-legali non possono essere utilizzati 
perchè ad ogni pie sospinto vi si accavallano dubbi e difficoltà, 
e vi sono lunghe digressioni e disquisizioni che non porgono 
alcun chiarimento sull'argomento, ma sono né più né meno 
che inutili pompe di parole. È certo che il compito più impor- 
tante del medico-legale é di dare una base scientifica al pa- 
rere che egli emette; ma ciò non significa che questo suo pa- 
rere debba avere un'impronta dottrinaria, e che egli debba 
trincerarsi soltanto nelle teorie scientifiche trascurando il lato 
pratico della quistione. La Medicina legale al pari di quella 
pratica non può fare a meno dei principi acquistati coU'espe- 
rienza , la quale ultima può porgere anche una guida impor- 
tante nei casi dubbi. E ciò dicasi soprattutto per i casi in cui 
trattasi di accertare la causa della morte, cosa che spesso 
presenta enormi difficoltà. Le relative considerazioni possono 
condurre ad un risultato scientifico solo quando la storia cli- 
nica sia ben nota in tutti i suoi particolari, il che molto di rado 
si avvera. Dippiù non sempre é necessaria una dettagliata re- 
lazione della malattia, quando si tratta di constatare la causa 
della morte ; importa solamente rispondere alla domanda se 
Tizio mori per una malattia interna, se sia decesso per morte 
naturale, o se soccombette ad una violenza. In questi casi l'e- 
sperienza e la teoria debbono procedere di accordo per bandire 
eventuali dubbi esistenti. Spessissimo le maggiori difficoltà sca- 
turiscono da che i reperti registrati nel verbale dell' autopsia 
sono indistinti, poco esatti. In tal caso anche quando s'inviti 
un'intera facoltà medica a dare il suo parere sul caso contro- 
verso, non si approderà a nulla. Quindi insisto di nuovo nel far 
rilevare che la base più sicura per emettere un giudizio peri- 
tale, si ha solo quando il verbale dell'autopsia è preciso, com- 
pleto e corrisponda realmente ai reperti constatati. 

Va da sé, che non ogni caso può essere chiarito comple- 
tamente in tutti i sensi col solo verbale dell'autopsia. E così 
per es. nei casi dubbi di suicidio bisogna prendere in conside- 
razione anche altri dati nonché le investigazioni fatte dal giu- 
dice. Resta però sempre inconcusso, che il verbale dell'autopsia 
deve costituire il punto di partenza di tutte le considerazioni. 



Digitized by VjOOQIC 



108 Euleuberg, 

4) La conclusione. Deve d'ordinario tener conio delle con- 
clusioni del parere provvisorio , qualora essp forniscano una 
base sufficiente al parere definitivo. In tal caso il parere de- 
finitivo non fa che ricapitolare quello provvisorio. 



In molti Stati della Germania il verdetto supremo nelle 
perizie medico-legali è dato dalle Facoltà Mediche universitarie 
oppure dalle Società Mediche. In Prussia vengono, in tali casi, 
interrogati dapprima i collegi medici provinciali. Se il loro 
parere non si accorda con quello del settore, si ricorre per il 
parere definitivo alla Deputazione Medica Scientifica. 



Digitized by VjOOQIC 



M 



sono IL PUNTO DI VISTA MEDICO-LEGALE 



PER IL 



Dottor L. BLUMENSTOK 

Professore nel!' Università di Cracovia. 



(Versione del D/ VINCENZO MEYER) 



Digitized by VjOOQIC 



Digitizedby 



Google 



LETTERATURA 

Maschka , Sammlung geri'chtsàrzllicber Gutachten aus den VerhaDdl. d. Prager 
med. Facultat u. nach eignen Erfahrungen. I— IV. Prag. u. Leipzig 1853 — 1873.— Casper- 
LiMAN, Pract. Handbuch der gerichtl. Medicin. VI. Auii. Berlin 1876. — Skrzbczka, Be- 
icerkungen zum § 224 des deutschen StGB. (Viertel). f. ger. Medicin. XVII. p. 251). -~ 
Krafft-Ebing, Bemerkungen zum § 224 des deutschen StGB (Vierteij. f. ger. Mediciu. 
XXI. pag. 53). — LiMAN% Kòrperverletzung (in Holtzendorffs Handb. d. deutschen Stra- 
frechts. III. p. 482). -~ Blumenstok, Gerichtsàrztlìche Bemerkungen ftber den Entwurf 
xles neuen (Osterr. ) Strafgesetzes ( Separatabdruck aus der W. med. Presse. 1875).^ 
ScMAUENSTBiN , Lehrbuch d. gerichtl. Medicin. II. Aufl. Wien 1875. — E. Hofmann , 
Lehrbuch. d. gerichtl. Medicin. II. Aufl. Wien 1880. — Glaser, Sammlung strafrechtiicher 
Entscheidungen des k. k. obersten Gerichts-u. Cassationshofes in Wien. Bd. I. II. III.-* 
ScHWARZE, Commentar zum StGB. f. d. Deutsche Reich. — Leipzig. 1873. — Geyer, Zur 
Revision der Bestimmungen des Reichs-Strafgesetzbuches ùber Kòrperverletzung (Ge- 
riehtssaal 1874. Hft. 4. in Holtzendorffs Handb. d. doutschen Strafrechts. III). — Meves, 
Die Strafprocessnovelle vom 26. Februar 1876. Erlangen 1876. 

A. Articoli di Legge 

Antico Codice penale austriaco, 

§ 411. Le lesioni corporali deliberatamente inferte e quelle in 
rissa debbono essere punite come trasgressioni qualora non presen- 
tino alcuna delle più gravi azioni criminose (§ 152 e 153), ma deter- 
minano conseguenze e restano segni sul corpo deiroffeso. 

§ 411. La pena a cui deve essere sottoposto il feritore va giu- 
dicata alla stregua del pericolo inerente alla offesa corporale, della 
gravezza del fatto, nonché alla considerazione se trattasi di un delin- 
quente recidivo o meno (soprattutto se di un accattabriga recidivo); 
essa si limita all'arresto da tre giorni a sei mesi. 

§ 413. Il dritto di salvaguardare il decoro della casa non auto- 
rizza ad inferire percosse che possono ridondare a detrimento della 
salute di chi le riceve. 

Quindi verranno punite come trasgressioni i maltrattamenti dei 
genitori ai figli , dei tutori ai pupilli , di un coniuge air altro, del 
precettore e del maestro agli alunni, dei maestri agli apprendisti, e 
dei padroni ai domestici. 

§ 335. Sarà punito colFarresto da uno a sei mesi chiunque, pur 
conoscendo le conseguenze che può arrecare il suo procedimento... e 
pur sapendo che è vietato per legge, trascenda a vie di fatto per le 



Digitized by VjOOQIC 



112 Blumenstok, Ooltrina delle lesioni violente 

quali viene offesa la sanità di un altro individuo. Qualora ne risul- 
tasse la morte deiroffeso, la colpa può essere punita colTarresto di 
rigore estensibile da sei mesi ad un anno. 

I casi speciali di questa categoria vengono contemplati nei se- 
guenti §§. 

§ 336 a. Il mantenere incautamente carboni ardenti in locali 
chiusi ; b. Trascurare le necessarie precauzioni nelle gite in bar- 
chetta ; e. Il non attenersi alle prescrizioni date per le macchine a 
vapore, ecc.; d. La mancanza di cautela nell'impiego dei narcotici; 
e. Il non apporre sopra un ediflzio segni di mònito per coloro che 
ivi transitano; f. Trascuranza degli speciali precetti sulla produzione, 
conservazione, consumo, trasporto ed uso di fuochi d'artificio, ce- 
rini, esca, ed altre sostanze facilmente infiammabili colPattrito, ecc.; 
g. Omissione delle precauzioni prescritte nei lavori delle mine. 

§ 341. (Imprevidenza nel condurre la vettura e nel cavalcare). 

§ 342. (Danni eventualmente prodotti cavalcando o correndo ra- 
pidamente colla vettura). 

§ 373. (Negligenza nel conservare fucili carichi). 

§ 376. (Negligenza nella sorveglianza dei bambini, la quale era 
di obbligo). 

§ 378. (Il restar soli i bambini in locali pericolosi). 

§ 380. (Omissione di apporre sopra un edifizio qualsiasi i segni 
di precauzione). 

§ 382. (Offese prodotte dalla caduta di un edifizio). 

§ 384. (Offese prodotte dalla caduta di impalcature). 

§ 387. (Offese prodotte da animali arrabbiati). 

§ 389. (Offese prodotte da animali selvaggi o nocivi). 

§ 391. (Incuria nella sorveglianza di animali domestici selvaggi). 

§ 392. (Offese prodotte aizzando animali , e spingendoli contro- 
qualcuno). 

§ 426. (Offese prodotte con oggetti lanciati dalle finestre, ecc.). 

§ 152. Si rende colpevole di grave offesa corporale chi , anche 
senza Tintenzione di uccidere un altro, inveisce contro di lui in modo 
da arrecargli (§ 134) un disturbo della salute, oppure un'incapacità 
al lavoro per lo meno di 20 giorni, una scossa psichica od una grave 
lesione corporale. 

§ 153. Si rende colpevole dello stesso crimine chi deliberata- 
mente inferisce una lesione corporale ai suoi genitori naturali, op- 
pure ad un pubblico impiegato, ad un ecclesiastico, ad un testimone 
ad un perito nell'esercizio della loro professione, o se appunto a 
causa di tale esercizio, anche quando l'offesa non abbia il carattere 
contemplato nel § 152. 



Digitized by VjOOQIC 



Articoli dì legge 113 

§ 154. La pena del delitto contemplato nei §§ 152 e 153 è del 
carcere da sei mesi ad un anno, estensibile — nel caso di circostanze 
aggravanti — fino a 5 anni. 

§ 155. Ma se : 

a) la lesione corporale, quantunque in sé stessa leggiera, fu 
commessa con istrumenti od in modo da implicare il pericolo di 
vita, ovvero se è dimostrato che vi era l'intenzione di produrre uno 
dei gravi risultati menzionati a § 152; o 

b) se dalla ferita ne risultò disturbo alla salute oppure ina- 
bilitamento ad esercitare il mestiere, ufficio, professione , almeno 
per trenta giorni; ovvero 

e) se la lesione corporale implicò gravi sofferenze per chi ne 
fu vittima; o se 

d) l'aggressione fu fatta in connivenza di altri, oppure sub- 
dolamente , e si produsse una delle conseguenze menzionate nel 
§ 152; se 

e) se la grave ferita pose la vita in pericolo, 

la pena deve essere col carcere di rigore, estensibile da uno a cin- 
que anni. 

§ 156. Ma se il delitto 

a) ha apportato per l'offeso la perdita od indebolimento per- 
manente della favella, dell'occhio o dell'udito, la incapacità a pro- 
creare, la perdita della mano o del braccio, od altra mutilazione ri- 
levante qualsiasi; — oppure se 

b) l'offeso ne ha riportato grave ed irreparabile deperimento 
fisico, malattia inguaribile o debilitazione mentale senza speranza di 
un ritorno delle facoltà mentali ad pristinum; ovvero se 

e) ha determinato incapacità permanente al lavoro, 
la pena è del carcere di rigore da cinque a dieci anni. 

§ 157. Se in una rissa avvenuta fra molte persone oppure in 
un'irruenza contro una o molte persone, qualcuno riportò una grave 
offesa corporale (§ 152) deve essere punito a tenore dei §§ 154 — 156 
chiunque se ne sia reso colpevole. 

Ma se la grave offesa corporale derivi da molteplici lesioni, in- 
ferte da molte persone, e non si riesce a dimostrare chi abbia pro- 
dotto la lesione grave, saranno i correi imputati tutti di grave le- 
sione corporale, e puniti col carcere da sei mesi ad un anno. 

§ 160. Se nel duello fu prodotta una ferita, si applicherà la pena 
del carcere da uno a cinque anni. Ma se essa determinò una delle 
conseguenze contemplate nel § 156, la pena è del cai'cere di rigore 
estensibile da cinque a dieci anni. 

§ 161. Se nel duello accadde la morte di uno dei duellanti, l'al- 
tro verrà punito col carcere da dieci a venti anni. 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 8 



Digitized by VjOOQIC 



114 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

§ 140. Se una lesione corporale, che produsse la mG/te,non fu in- 
ferta deliberatamente per uccidere, ma soltanto per ferire, verrà pu- 
nita colla pena sancita per le percosse mortali. 

§ 143. Se in una rissa avvenuta fra molte pesone, o in un' ag- 
gressione contro una o molte persone, qualcuno fu ucciso, chiun- 
que vibrò la ferita mortale sarà punito colla pena sancita per le per- 
cosse mortali. Ma se la morte fu cagionata dal complesso delle ferite, 
delle percosse , ecc. , oppure non si riesca a scovrire chi inferi la 
lesione mortale, saranno dichiarati colpevoli di grave offesa corporale 
tutti quelli che vi presero parte, e saranno condannati al carcere di 
rigore da uno a cinque anni. 

§ 134. Chi nell'intento di uccidere un uomo inveisce in modo 
da arrecare a lui o ad un altro la morte, è colpevole di omicidio, 
vuoi che la morte sia dovuta soltanto alla costituzione individuale 
del deceduto, vuoi a circostanze fortuite in cui fu inferta la lesione 
violenta, oppure ad altre cause sopravvenute accidentalmente, le 
quali però reagirono gravemente appunto per le condizioni in cui 
si trovava Toffeso. 



Codice civile atistriaco, 

§ 1325. Chi ferisce un altro deve pagare le spese occorrenti alla 
cura del ferito e risarcire il danno materiale che gli ha procurato. 
Se r offeso diviene permanentemente incapace ad esercitare il suo 
ufficio, mestiere, professione, dovrà anche nell'avvenire essere inden- 
nizzato del danno materiale. 

§ 1326. Se l'offeso è stato deturpato dalla ferita, il feritore è 
tenuto — soprattutto se l'altro appartiene al sesso muliebre — a ri- 
sarcire anche dei danni permanenti dovuti al deturpamento. 

§ 1327. Se dalla lesione corporale ne risulti la morte, si dovrà 
non solo pagare tutte le spese , ma risarcire anche la vedova ed i 
figli di tutto il danno materiale apportato loro per la perdita del 
rispettivo marito e padre. 

Codice di procedura penale atcstriaco. 

§ 132. Anche nelle lesioni corporali il ferito deve essere esami- 
nato da due periti, i quali sono tenuti non solo a descrivere esat- 
tamente le ferite che l'offeso ha riportato, ma giudicare altresì quale 
delle ferite è leggiera, quale è grave e pone in pericolo la vita , 
quali conseguenze sogliono determinare tali ferite sia in genere sia 



Digitized by VjOOQIC 



Articoli di legge 115 

Del caso speciale, e con quali mezzi od ìstrumenti ed in qiial modo 
furono inferte. 

§ 127. Quando in caso di morte sorga il sospetto che trattasi 
di un delitto o di grave negligenza, prima di interrare il cadavere 
si dovrà procedere alla ispezione cadaverica ed all'autopsia. 

Se il cadavere fosse stato già interrato, bisogna disumarlo, pur- 
ché i periti s'impromettono qualche risultato positivo dair esame, e 
non vi sia pericolo urgente per la saluta delle persone che debbono 
partecipare all'ispezione cadaverica. 

Prima di accingersi all'autopsia, si dovrà descrivere esattamente 
il cadavere, accertarne l'identità, facendovi presenziare persone che 
conobbero in vita il defunto. Se lo si creda opportuno, si potrà in- 
vitarle a descriverlo esattamente, prima che esse ne vedano il cada- 
vere. Se questo fosse di persona assolutamente ignota, se ne pubbli- 
cherà sui giornali un' esatta descrizione. 

Nella ispezione cadaverica il giudice istruttore deve aver cura 
che vengano esattamente registrati la posizione del cadavere, le note 
postcadaveriche che esso presenta, il modo come è interrato e gli 
al3iti che indossa, nonché tutto ciò che, a seconda delle circostanze 
del caso singolo , potrebbe aver valore per 1' esame. Inoltre si do- 
vranno descrivere con precisione le ferite od altre tracce esterne di 
violenza sofferta, indicandone esattamente il numero ed il carattere, 
i mezzi e gl'istrumenti con cui probabilmente furono inferte, e pa- 
ragonare gì' ìstrumenti rinvenuti, e che probabilmente furono ado- 
perati, colle lesioni esistenti. 

§ 128. L'ispezione cadaverica e l'autopsia debbono essere fatte 
da due medici (uno dei quali può essere anche un chirurgo) secondo 
le speciali prescrizioni in vigore. 

Il medico che curò il defunto nella malattia che precedette la 
morte, deve essere invitato a presenziare all'esame del cadavere, qua- 
lora si creda che egli possa fornire indicazioni importanti. 

§ 129. Nella perizia si dovrà dire quale fu la causa che deter- 
minò soprattutto la morte, ed a che essa si dovette. 

Se si scorgono lesioni violente, bisogna prendere specialmente 
in considerazione : 

1] se furono inferte al defunto da un'altra persona. E nel caso 
che la risposta sia affermativa, 

2) se la morte fu prodotta per la natura stessa della lesione 
violenta, 

3) per la speciale costituzione fìsica dell'offeso, 

4) per le circostanze accidentali in cui fu inferta la lesione, 
oppure 



Digitized by VjOOQIC 



116 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

5) se per cause sopravvenute più tardi accidentalmente , ma 
che esplicarono un'azione grave per la lesione che Tinfermo aveva 
sofferto. 

Codice penale dell' Impero germanico, 

§ 230. Chi colposamente cagiona una lesione corporale a qual- 
cuno è punito colla multa fino a 900 marchi (lire 1125) o col carcere 
fino a due anni. 

Quando V attore per ragione del suo ufficio , della sua profes- 
sione o del suo mestiere, era specialmente tenuto alla diligenza che 
omise, la pena può essere aumentata fino a tre anni di carcere. 

§ 222. Chi colposamente cagiona la morte di un uomo , è pu- 
nito colla pena del carcere fino a tre anni. 

Quando l'attore per ragione del suo ufficio, della sua professione^ 
del suo mestiere, era specialmente tenuto alla diligenza che omise, 
la pena può essere aumentata fino a cinque anni di carcere. 

§ 221. Chi espone una persona incapace di difendersi e sosten- 
tarsi a cagione della tenera età , di debolezza o di malattia, o chi, 
essendo incaricato della sorveglianza, od obbligato a provvedere al 
sostentamento, al trasporto o al ricovero di una tale persona, do- 
losamente la lascia in una condizione in cui è priva di soccorso, e 
punito col carcere non inferiore a tre mesi. 

Se tale azione è commessa dai genitori verso la loro prole,, 
subentra il carcere non inferiore a sei mesi. 

Se dal fatto è derivata una grave lesione corporale della persona 
esposta o abbandonata, subentra la pena della casa di forza fino a 
dieci anni , e , quando n' è derivata la morte, la casa di forza non 
inferiore a tre anni. 

§ 239. Chi dolosamente ed illegalmente rinchiude una persona, 
o in altro modo la priva dell'uso della libertà personale, è punito 
col carcere. 

Quando la privazione della libertà è durata più di una settimana, 
quando la privazione della libertà od il trattamento inflitto mentre 
essa persisteva, ha cagionato una grave lesione corporale alla per- 
sona sequestrata, si dovrà applicare la casa di forza fino a dieci anni. 
Se vi sono circostanze attenuanti, subentra la pena del carcere non 
inferiore ad un mese. 

Se dalla privazione di libertà o dal trattamento inflitto durante 
tale privazione, è stata cagionata la morte della persona sequestrata, 
si dovrà applicare la casa di forza non al di sotto di tre anni. Se 
vi sono circostanze attenuanti, subentra la pena del carcere non in- 
feriore a tre mesi. 



Digitized by VjOOQIC 



Articoli di legge 117 

§ 227. Se in una rissa oppure in un' aggressione , alla quale 
presero parte parecchi individui, è stata cagionata la morte oppure 
una grave lesione corporale di qualcuno, ognuno di quelli che pre- 
sero parte alla rissa o all'aggressione, pel solo fatto della parteci- 
pazione sarà punito col carcere fino a tre anni, quando non vi sia 
stato senza sua colpa trascinato. 

Se una delle conseguenze indicate deve attribuirsi a più lesioni, 
le quali se isolate non avrebbero dato queir esito , allora ciascuno 
di coloro che sono responsabili di queste lesioni, sarà punito colla 
casa di forza fìno a cinque anni. 

§ 206. Chi uccide 1' avversario in duello è punito colla relega- 
zione non inferiore a due anni, e— quando il duello era subordinato 
alla condizione che dovesse finire colla morte di una delle parti — 
colla relegazione non inferiore a tre anni. 

§ 223. Chi dolosamente maltratta nel corpo una persona, o ne 
danneggia la salute, è punito per lesione corporale col carcere fino 
a tre anni o colla multa fino a mille marchi (lire 1250). 

Se razione fu compiuta contro parenti della linea ascendente, 
si dovrà applicare la pena del carcere non inferiore ad un mese. 

Se la lesione corporale è stata cagionata con un' arma, special- 
mente col coltello o con altro istrumento pericoloso, o con un'ag- 
gressione proditoria, o colla partecipazione di più persone, o con un 
trattamento pericoloso per la vita , si applica la pena del carcere 
non inferiore a due mesi. 

§ 224. Se in conseguenza della lesione corporale l'offeso perde 
un membro importante, la vista di uno o di amendue gli occhi, 
l'udito, la favella o la capacità di generare, ovvero subisce un no- 
tevole deturpamento permanente, o contrae un'infermità, una para- 
lisi o una malattia mentale, sarà punito col carcere non inferiore 
ad un anno estensibile alla casa di forza fino a cinque anni. 

§ 225. Se una delle indicate conseguenze fu voluta ed attuata, 
si dovrà applicare la casa di forza fino a dieci anni. 

§ 226. Se dalla lesione corporale risultò la morte dell'offeso, si 
dovrà applicare la casa di forza non inferiore di tre anni, o il car- 
cere non al di sotto di tre anni. 

Codice prussiano. 

§ 115. Se l'offeso per la lesione corporale che ha riportata non 
può affatto esercitare il suo ufficio o mestiere, il feritore è tenuto 
ad indennizzarlo dei danni materiali, riportati in conseguenza del- 
l' offesa. 

§ 119. Quando il ferito malgrado la lesione corporale può conti- 



Digitized by VjOOQIC 



118 Blumenstok, Doitrìna delle lesioni violeDte 

nuare ad esercitare, al pari di prima, il suo mestiere, la sua pro- 
fessione, ecc. si dovrà tenerne conto nel valutare l'indennizzo che gli 
è dovuto (§§ 115—117). 

§ 120. Se l'offeso in conseguenza della lesione corporale che ha 
riportata è inabilitato, soltanto per un certo tempo, al suo ufficio , 
mestiere, ecc., può pretendere di essere rivaluto del danno mate- 
riale riportato per la sua forzata inattività. 

§ 1^1. Queste spese debbono essere valutate secondo i principi 
fondamentali stabiliti nel § 115 e seg.; però soltanto in rapporto al 
tempo durante il quale la lesione corporale pose il ferito fuori con- 
dizione di accudire al suo ufficio, mestiere, ecc. 

§ 122. Tenendo conto di questi principi fondamentali e valu- 
tando l'influenza nociva che una lesione corporale ha apportata al- 
l'offeso, il giudice stabilirà il compenso che gli è dovuto, quando 
per la lesione corporale riportata fu inabilitato soltanto in parte al 
lavoro. 

§ 123. Se una donna non maritata resta deturpata dalla ferita, 
e ciò le rende difficile di potersi maritare , può pretendere la dote 
dall' offensore. 

§ 128. Se a qualcuno fu reso difficile di procacciarsi la sussi- 
stenza per il deturpamento infertogli delibel'atamente o per incuria 
colposa, potrà pretendere un giusto compenso. 

Codice di procedura penale dell' Impero tedesco 
(valevole dal \,^ Ottobre 1879). 

§ 87. Il giudice procede all'ispezione cadaverica con l'assistenza 
di un medico; la sezione cadaverica ha luogo in presenza del giu- 
dice e di due medici, uno dei quali deve essere medico-legale. La 
sezione cadaverica non deve essere affidata al medico che ha curata 
il defunto nella malattia che ha immediatamente preceduto la morte. 
Quest'ultimo però può essere invitato ad assistere all' autopsia per 
dare chiarimenti desunti dalla storia della malattia del defunto. 

L' assistenza del medico che curò il defunto nella malattia che 
precedette la morte può essere omessa nell' autopsia cadaverica, 
quando il giudice non la reputi necessaria. 

Allo scopo di procedere all'autopsia o alla sezione cadaverica è 
permesso il dissotterramento del cadavere. 

§ 88. Quando non vi sieno speciali impedimenti, prima di pro- 
cedere all'autopsia cadaverica dovrà essere constatata l'identità del 
defunto , specialmente mediante l' interrogatorio delle persone che 
lo conobbero in vita. Se vi è un prevenuto, si dovrà presentargli il 
cadavere, perchè lo riconosca. 



Digitized by VjOOQIC 



Articoli di legge 119 

§ 89. La sezione cadaverica , sempre che lo stato del cadavere 
Io permetta, d^ve estendersi alla cavità cranica, toracica ed addo- 
minale. 

Progetto del nuovo codice penale austriaco (1874). 

§ 241. Chi per negligenza produce una lesione corporale ad un 
altro o gli arreca un danno alla salute (§ 234, 235, 236, 240) viene 
punito col carcere fino a 2 anni, oppure con una multa estensibile 
fino a 1000 fiorini. 

Se la lesione corporale non cagiona incapacità al lavoro o di- 
sturbo alla salute oltre una settimana, la pena del carcere non potrà 
oltrepassare i tre mesi, e la multa i 500 fiorini. 

§ 242. Se l'attore tenuto alla diligenza Tha trascurata (§ 241), 
per il suo ufficio, mestiere o professione, può essere condannato fino 
a tre anni di carcere. 

§ 233. Chi per negligenza è stato cagione della morte di un 
uomo, sarà punito col carcere fino a tre anni, oppure con una multa 
estensibile fino a 2000 fiorini. 

§ 232. Viene punito colla pena del carcere non inferiore a tre 
mesi chi espone a pericolo una persona bisognosa di soccorso per 
l'età giovanile, per malattia o salute cagionevole, oppure chi abban- 
dona una persona tenuta sc^ la sua custodia. 

§ 251. Chi mantiene illegalmente prigioniero un individuo, op- 
pure lo priva in altro modo della libertà personale, viene punito col 
carcere o con multa estensibile fino a 500 fiorini; e, se la privazione 
della libertà durò al di là di una settimana, col carcere non inferiore 
di un mese. 

Se la privazione della libertà oltrepassò i tre mesi , oppure se 
in seguito alla stessa fu cagionato un grave danno corporale al ri- 
spettivo individuo , la condanna può essere la casa di forza fino a 
10 anni. Se ne risultò la morte per la privazione della libertà o per 
il cattivo trattamento inflittogli durante quel tempo, si potrà condan- 
nare il colpevole al carcere di rigore non meno di tre anni fino a 15 
anni di casa di forza. 

§ 239. Se in una baruffa o in un* aggressione fatta da molte 
persone ne risultò la morte od una grave lesione corporale, sarà 
punito col carcere fino a tre anni chiunque vi prese parte (tranne 
il caso che vi abbia partecipato involontariamente). 

Va da sé che quest'articolo di legge non è applicabile a chi ri- 
portò la lesione corporale. 

Se una delle sopra citate conseguenze sia dovuta a molteplici 
naaltrattamenti, chiunque vi abbia concorso sarà punito col carcere 
per una durata di tempo non inferiore ad un mese. 



Digitized by VjOOQIC 



120 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

§ 217. Chi uccide il suo avversario in duello , sarà punito col 
carcere di stato da 2 — 10 anni, e se fra i patti del duello vi era che 
si doveva proseguirlo finché uno dei duellanti fosse morto, oppure 
fu fatto senza V intervento dei secondi , la pena sarà il carcere di 
stato estensibile da 5 — 15 anni. 

§ 234. Chi maltratta o pregiudica la sanità di un altro, viene 
punito col carcere fino a sei mesi, oppure con una multa estensi- 
bile fino a 500 fiorini. 

§ 235. Il maltrattamento (§ 234) viene punito col carcere : 

1. Quando produce disturbo della salute od incapacità al la- 
voro al di là di una settimana. 

2. Quando fu effettuato con istrumenti od in circostanze che 
implicavano pericolo di vita. 

3. Quando fu commesso sopra parenti della linea ascendente. 
§ 236. Se il maltrattamento ha per conseguenza che V offeso 

perda una mano , un braccio , una gamba , un piede , il naso , la 
vista, Tudito, la favella o la capacità a generare, avvero venga col- 
pito da paralisi o da malattia mentale o da grave deperimento or- 
ganico , oppure riporti un deturpamento permanente, il colpevole 
sarà punito col carcere per una durata non inferiore ad un mese. 

§ 237. Se il maltrattamento fu inflitto neir intento di produrre 
una delle conseguenze indicate n^l § 236, si dovrà condannare alla 
prigione per una durata non inferiore a d mesi fino alla casa di forza 
estensibile a dieci anni. 

§ 238. Se l'offesa (§ 234) ha avuto per conseguenza la morte 
del ferito, si dovrà condannare il feritore al carcere per una durata 
non inferiore di 6 mesi, e— se fu perpetrata nell'intento indicato nel 
§ 237 — alla prigione per una durata non inferiore di un anno fino 
alla casa di forza estensibile a 15 anni. 

§ 243. In tutti i casi di lesione corporale si può, ad istanza della 
parte lesa, condannare l'attore anche al risarcimento dei danni ma- 
teriali, sino alla cifra di 3000 fiorini. 

§ 245. Questi articoli di legge sono applicabili anche nei casi 
in cui, pur avendosi il dritto di castigare, si ecceda nel castigo. 

§ 255. La condanna alla casa di forza per una durata di 2 — 15 
anni è prescritta quando 

4. nella rapina viene perpetrata un'offesa corporale. 

§ 256. Chi nella rapina adoperò una violenza che ebbe per con- 
seguenza una grave lesione corporale oppure la morte del ferito, la 
pena è di 5—20 anni di casa di forza. 

§ 224. Se la deliberazione di uccidere un individuo fu fatta ed 
eseguita in uno stato di sovreccitazione psichica , si applicherà la 
pena stabilita per la percossa mortale. 



Digitized by VjOOQIC 



Artìcoli di legge 121 

§ 223. L'omicidio premeditato è punito colla morte, quando 
5. fu perpetrato in modo feroce ed infliggendo gravi tormenti 
^ chi ne fu vittima. 

IDelle perizie per ferite, percosse ed altre offese simili. 

Cadice penale italiano, 

155. Per gli effetti della legge penale, sempre che questa non 
disponga altrimenti, sotto il nome di armìy quando esse siano con- 
siderate come circostanza aggravante di un reato, s'intendono: 

1.^ le armi insidiose e tutte le altre armi propriamente dette, 
qualora si adoperino per offendere; 

2.** le armi precedentemente indicate e qualsiasi altro istru- 
inento atto ad offendere, qualora si portino in modo da intimidire 
le persone. 

Ove il delitto sia commesso in riunione di più persone, si consi- 
dera commesso con armi, se tre almeno di esse siano palesemente 
armate. 

470. Per gli effetti della legge penale si considerano armi insidiose: 

1.^ gli stili, stiletti e pugnali di qualsiasi forma, e i coltelli 
acuminati, la cui lama sia fìssa o possa rendersi fìssa con molla o 
altro congegno ; 

2.° le armi da sparo, la cui canna misurata internamente sia 
inferiore a centosettantuno millimetri, le bombe e ogni macchina o 
involucro esplodente; 

3.** le armi bianche o da sparo di qualsiasi misura, chiuse in 
bastoni, canne o mazze. 

375. Chiunque per imprudenza o negligenza, ovvero per impe- 
rizia nella propria arte o professione, o per inosservanza di regola- 
menti, ordini o discipline, cagiona ad alcuno un danno nel corpo o 
nella salute od una perturbazione di mente è punito: 

1.^ con la detenzione sino a tre mesi o con la multa sino a 
lire mille, e non si procede che a querela di parte, nei casi della 
piima parte e dell'ultimo capoverso dell'articolo 372; 

2.° con la detenzione da uno a venti mesi o con la multa di 
lire trecento a seimila, negli altri casi. 

Se rimangano offese più persone, nei casi del n.** 1.**, la deten- 
zione può estendersi sino a sei mesi, e la multa sino a lire duemila; 
e, nei casi del n.** 2.®, la pena è della detenzione da tre mesi a tre 
anni o della multa superiore alle lire mille. 

371. Chiunque, per imprudenza, negligenza, ovvero per impe- 
rizia nella propria arte o professione, o per inosservanza di regola- 



Digitized by VjOOQIC 



J22 Blumeustok, Dottrina delle lesioni violente 

menti, ordini o discipline, cagiona la morte di alcuno è punito eoa 
la detenzione da tre mesi a cinque anni e con la multa di lire cento 
a tremila. 

Se dal fatto derivi la morte di più persone o ^nche la morte di 
una sola e la lesione di una o più, la quale abbia prodotto gli effetti 
indicati nel primo capoverso dell'articolo 372, la pena è della deten- 
zione da uno a otto anni e della multa non inferiore a lire duemila. 

372. Chiunque, senza il fine di uccidere, cagiona ad alcuno un 
danno nel corpo o nella salute o una perturbazione di mente è pu- 
nito con la reclusione da un mese ad un anno. 

La pena è : 
1.^ della reclusione da uno a cinque anni, se il fatto produca 
l'indebolimento permanente di un senso o di un organo, od una per- 
manente difficoltà della favella, od uno sfregio permanente del viso, 
ovvero se produca pericolo di vita, od una malattia di mente o di 
corpo durata venti o più giorni, o, per ugual tempo, l'incapacità di 
attendere alle ordinarie occupazioni, ovvero, se commesso contro 
donna incinta, ne acceleri il parto ; 

2.^ della reclusione da cinque a dieci anni, se il fatto produca 
una malattia di mente o di corpo certamente o probabilmente insa- 
nabile, o la perdita di un senso, di una mano, di un piede, della 
favella, o della incapacità di generare, o dell'uso di un organo, od 
una permanente deformazione del viso, ovvero se commesso contro 
donna incinta, le produca l'aborto. 

Fuori dei casi preveduti nel precedente capoverso e nell'articolo 
successivo, se il fatto non produca malattia o incapacità di atten- 
dere alle ordinarie occupazioni, o se Tuna o l'altra non duri più di 
dieci giorni, non si procede che a querela di parte, e la pena è delia 
reclusione fmo a tre mesi o della multa di lire cinquanta a mille. 

373. Quando nel fatto preveduto nell'articolo precedente concor- 
ra alcuna delle circostanze indicate nei uA 2.* e 3.** dell'articolo 365, 
ovvero il fatto sia commesso con armi insidiose o con ogni arma 
propriamente detta, o con sostanze corrosive, la pena è aumentata 
da un sesto ad un terzo. 

Se concorra alcuna delle circostanze prevedute nell'articolo 366, 
la pena è aumentata di un terzo; ferma la pena per il reato concor- 
rente secondo le norme dell'articolo 77. 

374. Quando nei casi preveduti negli articoli precedenti, il fatta 
ecceda nelle conseguenze il fine propostosi dal colpevole, le pene ivi 
stabilite sono diminuite da \m terzo alla metà. 

124. C. P. P. Se nell'atto della visita si troveranno armi, stro- 
menti , od altri oggetti , che possano avere servito ed essere stati 
destinati a commettere il reato , od apparisca esserne stati il prò- 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 123 

dotto , saranno posti sotto sequestro , egualmente che le carte ed' 
ogni altro documento che potrà essere utile allo scoprimento della 
verità; ed avrà luogo quanto viene prescritto dagli art. 145 e 149 
inclusivamente. 

131. C. P. P.'Se si tratterà di persona ferita o percossa, il giu- 
dice assistito da periti descriverà le ferite, lacerazioni e contusioni, 
e ne indicherà la località, la lunghezza, la profondità. Egli farà suc- 
cessivamente spiegare dai periti se le ferite siano o non mortali e 
pericolose, se siano state fatte con armi da fuoco, o con armi da 
punta o taglio o contundenti, od in altro modo. I periti specifiche- 
ranno inoltre il tempo in cui presumono che le ferite sieno state 
fatte, e quello in cui possono essere sanabili. 

Se si tratterà di malattia per causa ignota o sospetta, il giudice 
ne farà spiegare la natura o la causa presunta, e fra qual termine 
possa essere guaribile. 

132. C. P. P. Se i periti non possono dare il loro giudizio im- 
mediatamente, dovranno darlo nel termine che la qualità delle per- 
cosse, delle ferite, o della malattia sarà per richiedere. 

133. C. P. P. Se il pericolo enunciato nel primo giudizio cessa 
cresce, il perito ne darà avviso al giudice, e si procederà ad una 
nuova relazione. Lo stesso avrà luogo se il fatto imputato [risulta 
accompagnato o seguito da alcuna delle circostanze aggravanti in- 
dicate negli art. 372, 373 n. 1 e 2 Codice penale. 



B. Le varie specie di lesioni violente nel senso 
del codice penale. 

Il castigo di qualsiasi azione illegale, perpetrata arrecando 
una lesione corporale, presuppone un esame accurato del fatto e 
la valutazione del danno materiale. Va da sé, che i medici in- 
vitati come periti sono tenuti a dare , su tale proposito , alla 
giustizia i debiti chiarimenti; essi però sono obbligati a tener 
presenti certe norme, che dà loro la legge, per la debita valu- 
tazione dei fatti. Questa restrizione è fondata sul fatto , che la 
legge vuole che le diverse lesioni violente vengano punite corri- 
spondentemente alla lesione corporale prodotta, ciò che d'altra 
parte facilita la posizione del medico-legale, giacché egli ha così 
una certa norma per distinguere fra di loro i diversi casi a 
seconda del grado di offesa corporale arrecata alla salute del 
feritoie può quindi emettere un parere esatto, che il giudice alla 



Digitized by VjOOQIC 



124 Blumenstok, Dottrina delle lesioui violente 

sua volta utilizza per graduare la condanna. Alla stregua della 
legge, che stabilisce diversi gradi e categorie di lesioni cor- 
porali, il medico-legale deve accingersi, nel caso concreto, alla 
soluzione del compito che gli viene imposto, che è pieno di 
responsabilità. Dal punto di vista tecnico, il medico-legale trova 
un appoggio nei relativi articoli del codice penale. 

La classificazione dei danni prodotti dalla lesione corpo- 
rale varia nei diversi codici penali. Però due sono i principi 
fondamentali che essa tiene a base. Nel primo il legislatore tiene 
conto esclusivamente o prevalentemente della durata del di- 
sturbo della salute o della incapacità al lavoro^ prodotta dalla 
lesione corporale ; nel secondo valuta a preferenza le conse- 
guenze permanenti della stessa. Il codice penale francese si 
attiene al primo di questi criteri, mentre il nuovo codice penale 
tedesco si ispira al secondo. Nel codice penale austriaco oggi 
in vigore e nel progetto del nuovo codice si è tenuto conto 
così dell'uno come deiraltro di questi principi; però, nel pro- 
getto del nuovo codice predomina il punto di vista del codice 
penale dell'impero germanico. Tutti i codici penali hanno di co- 
mune la classificazione delle lesioni corporali in quelle dovute 
a negligenza ed in quelle volontarie, le quali ultime compor- 
tano diversi gradi di pena, secondo che l'effetto fu premeditato 
meno. Di questa classificazione abbiamo tenuto conto nel ri- 
portare i summentovati articoli di legge del codice penale te- 
desco ed austriaco. Ci accingiamo ora ad enumerare ed illu- 
strare le singole categorie di lesioni violente nel senso del- 
l'attuale codice penale austriaco e tedesco, riportando in ap- 
pendice le differenze che, relativamente alla classificazione delle 
lesioni corporali, esistono tra entrambi ed il progetto del nuovo 
codice penale austriaco. 

a) Lesioni violente non mortali. 

oca) SECONDO IL CODICE AUSTRIACO 

Nel codice penale austriaco il criterio per paragonare fra 

loro i vari gradi di lesioni corporali è costituito dalla « grave 

lesione corporale > , delle quali lesioni se ne distingue una 

<« semplice » (§ 152) ed una « qualificata » (§ 155 e 156); que- 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 125 

sf ultima comporta una pena molto maggiore, e perciò dal punta 
di vista di questo codice le lesioni corporali possono essere 
classificate come segue: 

I. Lesione corporale grave «semplice» (§ 152). 

È caratterizzata dall'intenzione ostile tradotta in vie di 
fatto, dalle quali ne risultò un danno alla salute, oppure una 
incapacità al lavoro che durò per lo meno 20 giorni, o una 
scompiglio mentale, ovvero una grave lesione corporale. 

Per Offesa alla salute s'intende non solo una malattia ge- 
nerale, interna oppure acuta, come affermano parecchi com- 
mentatori, sì bene qualsiasi disturbo patologico, prodottosi in 
conseguenza della lesione violenta inferta, vuoi che T individuo 
fosse sano, vuoi che fosse infermo al momento in cui fu offe- 
so. — Qualsiasi altra interpetrazione si dia alla legge, ci sembra 
sbagliata. — Se un tisico per es. , in conseguenza del trauma 
infertogli, patisce una frattura ossea, si dovrà ritenere — qua- 
lunque fosse lo stadio della tisi in cui si trovava — che ha ri- 
portato un'offesa alla salute. E lo steSs?o naturalmente dicasi 
quando un uomo sano e robusto in seguito ad una percossa 
riporti una rottura della membrana timpanica. 

Al medico-legale spetta di determinare, in ogni caso, 
per quanto tempo la salute dell'offeso fu disturbata dalla le- 
sione violenta. E si noti che quantunque la durata di questa 
disturbo decorra parallelamente a quella che si richiede per la 
guarigione, non sempre questi due concetti vanno di accordo. 
Così, per es., può darsi il caso che ci vogliono ancora alcuni 
giorni perchè una ferita si chiuda completamente; eppure, noi 
non ci peritiamo di dichiarare che il ferito è già sano. 

L' espressione « incapacità ad esercitare il proprio mestie- 
re, ufficio, professione » dinota che il rispettivo individuo non 
può accudirvi in egual modo come prima di riportare la lesione 
corporale. Nel modo stesso con cui un individuo, per quanto 
infermo esso sia, possiede una certa dose di salute che può es- 
sere menomata dalla ferita, così parimenti, secondo lo spirito 
della legge, ogni altro per quanto giovine sia, intento sempre ad 
un lavoro, può essere disturbato da una lesione corporale. Un 
tale che coltivi la musica per amore dell'arte e non per trarne 



Digitized by VjOOQIC 



126 B 1 u m e n s t o k, Dottrina delle lesioni violente 

un provento, può essere inabilitato a coltivarla qualora gli ven- 
ga inferta una lesione violenta alla mano. Parimenti si deve an- 
che tener parola d'inabilitamento al proprio ufficio, mestiere ecc. 
quando un fanciullo a causa di una lesione corporale, non può 
andare alla scuola , oppure non può condurre a pascolare il 
bestiame. Da ciò risulta, che Tespressione « inabilitamento ad 
esercitare il proprio mestiere, ufficio, professione» ha un li- 
mite molto più ristretto della « incapacità al lavoro >. In fatti, 
può darsi che un uomo sia stato inabilitato ad esercitare il me- 
stiere , ma non reso incapace al lavoro nel vero senso della 
parola. Nò fa d'uopo intrattenersi ulteriormente sull'argomento 
per dimostrare la verità di quest'asserzione. Ci basterà soltanto 
dire, che nel codice penale austriaco è detto (§ 410), che chi 
si produce volontariamente una mutilazione per sottrarsi al ser- 
vizio militare, dovrà anzitutto essere condannato per tale mu- 
tilazione; dopo espiata la pena, dovrà essere adibito a quel 
servizio militare a cui è ancora capace. La legge quindi di- 
chiara espressamente che un uomo può essere capace al lavoro, 
quantunque a causa di una lesione corporale sia inabilitato ad 
un certo mestiere. 

L'inabilitamento ad esercitare il mestiere può essere par- 
ziale totale. E così, per es., un operaio che abbia sofferto 
una leggiera ferita al capo oppure alla mano sinistra, può com- 
piere un lavoro più leggiero oppure una parte del suo lavoro 
ordinario. Parimenti — ripeto — può accadere che per anchilosi 
dell'articolazione della mano, del gomito, o delle dita dell'estre- 
mità superiore sinistra, egli possa per lungo tempo o per sempre 
essere disturbato ad esercitare il suo mestiere, senza però es- 
sere completamente inabilitato al lavoro. Tuttoché il codice pe- 
nale austriaco tenga soltanto parola d' inabilitamento ad eser- 
citare il mestiere, ufficio, professione, senza fare alcuna distin- 
zione fra inabilitamento totale e parziale, al medico-legale in- 
combe l'obbligo di richiamare — quando il caso vi si presti — 
l'attenzione del giudice o della Corte su questo punto. È certo 
che il parere del medico-legale influisce sulla cifra a cui viene 
<5ondannato l'attore come indennizzo alla parte civile. 

L' inabilitamento al mestiere, ufficio, professione, ecc., al 
pari del disturbo della salute può essere transitorio oppure 
perrtìanenfe (§ 156 e). Nella prima categoria l'attore è passibile 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 127 

della pena di grave offesa corporale, quando V inabilitamento 
al lavoro od il disturbo della salute durano per lo meno venti 
giorni. Quest'articolo di legge risponde più ai bisogni della 
legge anziché della medicina-legale: ma poiché in ultima analisi 
costituisce una norma per la perizia, non vi si può obbiettare 
nulla dal punto di vista della medicina legale. 

Va da sé che nel determinare la durata della malattia e 
deirinabilitamento ad esercitare il proprio ufficio, mestiere, pro- 
fessione, ecc., si dovrà sempre dimostrare che Tuna e l'altro 
stanno in nesso causale colla ferita, cioè che non sono simulati 
ina realmente dovuti a questa. Inoltre si dovrà anche dimostra- 
re, che la guarigione non fu prolungata deliberatamente ovvero 
accidentalmente per erroneo trattamento, o per altri motivi in- 
dipendenti dalla lesione corporale. Per accertare esattamente 
quest'ultima circostanza fa d'uopo valutare scrupolosamente 
(alla stregua delle più esatte conoscenze scientifiche) l'entità 
della lesione corporale, e prendere in esatta considerazione la 
storia clinica del rispettivo caso. All'uopo si potranno anche 
utilizzare le deposizioni di testimoni degni di fede. 

Da quanto abbiamo detto risulta che nel codice penale 
austriaco si annette al « disturbo della salute » ed allo « ina- 
bihtamento ad esercitare il mestiere, ufficio, professione » im- 
portanza eguale. Secondo questo codice trattasi di una grave 
lesione corporale quando un individuo in seguito alla stessa 
ha riportato un disturbo della salute oppure sia stato inabilitato 
ad esercitare il proprio ufficio, mestiere, ecc., almeno per la 
durata di venti giorni. Tutto ciò in teoria è inappuntabile; 
ma nella pratica per lo più non é possibile scindere sem- 
pre fra di loro questi due concetti, giacché nella maggior 
parte dei casi essi si presentano indissolubilmente collegati 
insieme. Chi in conseguenza di una lesione corporale riporta 
un disturbo della salute é d'ordinario divenuto incapace al 
lavoro, e viceversa. Ciò nondimeno, il medico-legale nella sua 
perizia deve procedere con una grande cautela quando -trattasi 
di emettere un parere che stia in nesso coli' uno o coli' altro 
di questi concetti. Non é affatto un pleonasmo, né nel Hn- 
guaggio corrente né dal punto di vista giuridico , quando i 
periti od il giudice dichiarano che qualcuno in conseguenza 
della lesione corporale abbia riportato un disturbo della salute, 
per questa o quella durata di tempo, senza che il rispettivo 



Digitized by VjOOQIC 



128 B i n m e n 8 t o k, Dottrina delle lesioni violente 

individuo fosse stato inabilitato ad esercitare il proprio me- 
stiere, ufficio, professione, acc. Può darsi per es., che il medico» 
abbia ragione quando afferma che un operaio in conseguenza 
di una ferita superficiale del capo abbia riportato un disturbo- 
delia salute per alcuni giorni, ma non sia stato inabilitato al 
lavoro. Viceversa può darsi che un pittore, in conseguenza 
di una leggiera lesione di un dito, sia divenuto per alcuni giorni 
incapace al lavoro, senza riportarne alcun disturbo della salute 
nel vero senso della parola. 

Questi casi, a dire il vero, sono eccezionali. Però spessis- 
simo accade nella pratica forense che la durata del disturba 
della salute non è identica a quella deirinabilitamento ad eser- 
citare il proprio mestiere, ufficio, ecc. E si noti che il medico- 
legale ha il dovere di valutare nel singolo caso se la durata 
deir uno si accordi con quella delP altro. Nel caso che vi sia 
qualche sproporzione, egli non solo è autorizzato, ma ha an'*- 
che l'obbligo di far rilevare la distinzione all'uopo esistente. 
Illustreremo ciò con un esempio. Può darsi che un medico, 
in seguito a lesione infertagli, riporti una frattura dell'ulna si- 
nistra, e che dopo otto giorni riprenda la sua pratica profes- 
sionale. Non può esservi alcun dubbio che egli ha riportato 
un disturbo della salute, che dura per lo meno 20 giorni, mentre 
è stato inabilitato ad esercitare la professione per otto giorni- 
È indubitato che, secondo lo spirito del codice penale austriaco, 
egli ha riportato una lesione corporale grave. La circostanza 
che soltanto per otto giorni non potette addirsi alla sua profes- 
sione ha un'importanza in quanto che serve per valutare il danno 
materiale che ha riportato, e quindi l'indennizzo che gli è dovuto. 

Un operaio ebbe una bastonata sul capo. Si recò subito neU'o- 
spedale, ove fu constatata una ferita lunga 6 e larga t ctm., con 
margini contusi , ed osso denudato. Restò per 14 giorni nel!' ospe- 
dale. Trascorso questo tempo volle uscire , quantunque la ferita 
suppurasse ancora fortemente , per riprendere subito le sue occu- 
pazioni. Potette , senza risentirne alcun disturbo, accudire alle sue 
faccende. Ogni giorno veniva a farsi medicare nell'ospedale. Dopo 4 
settimane era completamente guarito. — Non indugiammo un istante 
a qualificare la sua lesione corporale come grave , e facemmo ri- 
levare che il disturbo della salute era asceso in lui per lo meno 
a venti giorni, mentre Tincapacità al lavoro aveva avuto una durata 
minore. 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 129 

Una grave offesa corporale si ha quando in conseguenza del- 
la lesione è cagionato uno scompiglio meìitale. Nel § 152 si tiene 
parola unicamente di scompiglio mentale. Ma quest'espressione, 
come è agevole comprendere, è sufficiente quando il disturbo psi- 
chico è transitorio, perchè nel caso che «non vi sia alcuna spe- 
ranza che esso possa dissiparsi», cioè quando è duratui^o, la 
pena è di gran lunga maggiore , e viene stabilita secondo le 
norme del § 156 del codice penale austriaco. Se il legislatore, 
neir articolo di cui qui ci occupiamo , allude allo scompiglio 
mentale transitorio, e — oppostamente a ciò che ha fatto per 
il disturbo fisico — non ha reputato necessario di determinarne 
la durata , si è autorizzati a trarre Y illazione , che qualsiasi 
scompiglio mentale, anche se di brevissima durata, il quale sia 
prodotto in conseguenza di ostilità a vie di fatto da parte di 
un altro, basta per stabilire che si tratta di una grave lesione 
corporale. 

Non avremmo quindi da fare con un completo equivalente 
del disturbo fisico della salute, perchè allo scompiglio mentale 
viene giustamente attribuita un'entità maggiore pel fatto che, 
anche quando è molto fugace, implica per l'offensore la stessa 
pena stabilita per il disturbo fisico che dura almeno venti gior- 
ni. — Rigorosamente dovrebbe essere definito come scompiglio 
mentale qualsiasi anomalia psichica ridondi ad un individuo 
dalla lesione corporale. Se questa definizione è adeguata, non 
possiamo a stretto rigor di termine identificare lo scompiglio 
mentale colla psicopatia; la legge ha avuto appunto ciò in 
mira, altrimenti la pena stabilita per chi ne fu la causa sarebbe 
stata molto piìi grave di ciò che è. Bisogna ben guardarsi 
dall' interpretare come scompiglio mentale , nel senso che la 
legge annette a codesta espressione, lo stordimento momen- 
taneo, la leggiera vertigine, l'indebolimento transitorio della 
memoria, ecc. Però non esiteremo a qualificare come tale ogni 
obnubilazione della coscienza , che apparisca dopo commo- 
zione cerebrale, e duri per un certo tempo. Così interprete- 
remo esattamente lo spirito della legge, come per es. nel se- 
guente caso. 

Un giovine di 18 anni ricevette un colpo sul capo con un istru- 
mento ottuso. Cadde a terra privo di sensi ; fu condotto a casa e 
messo a letto , ove riprese gradatamente i sensi. Fu chiamato un 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 9 



Digitized by VjOOQIC 



130 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

medico, che prescrisse cataplasmi freddi e purganti, ma senza alcun 
effetto visibile. A stento T infermo riesce ad ingoiare qualche medica- 
mento ed un poco di alimento liquido. In questo stato di completa 
incoscienza trovai l'infermo al nono giorno dopo la lesione corpo- 
rale. Sul vertice del capo constatai una ferita superficiale. Le pu- 
pille erano fortemente dilatate e non reagivano alla luce. Non eravi 
alcun dato per ammettere che si trattasse di simulazione. — Dopo 
alcuni giorni egli riprese completamente i sensi, e si riebbe tanto ra- 
pidamente, che già 9 giorni dopo che era stato sottoposto all'esame 
medico-legale, ripagò l'offensore colla stessa moneta, inferendogli una 
grave lesione corporale. 

Qualora in un caso di questa specie non si voglia annoverare 
nella categoria dello scompiglio mentale transitorio la perdita della 
coscienza durata per molti giorni, si dovrebbe qualificare come leg- 
giera la lesione corporale , perchè non produsse disturbo della sa- 
lute od incapacità al lavoro della durata di 20 giorni, tranne il caso 
che si voglia definirla come grave ex se, e quindi passibile della pena 
sancita nel § 152. 

« Orave offesa corporale ». — Questo criterio è fra tutti il 
più debole , e da tempo immemorabile è stato argomento di 
disputa sia fra i giuristi sia fra i medici-legali. Molto si è scritto 
e disputato sul proposito, e le controversie perdureranno fin- 
ché persisterà l'attuale codice penale. 

Non si può negare che fu fatto un grave strappo alla lo- 
gica quando la legge volle stabilire un nesso fra « grave oflFesa 
corporale » e « grave lesione » , giacché non fa d' uopo spen- 
dere molte parole per dimostrare che fra la grave « offesa cor- 
porale » e la « grave lesione » non vi ha alcuna distinzione pre- 
cisa né nel linguaggio scientifico né in quello corrente. 

Né ciò è tutto. Anche prescindendo da questa obbiezione, 
se ne può fare un'altra di non minore entità, cioè che quella 
stessa legge la quale si arrovellò tanto per definire il più 
esattamente possibile la « grave offesa corporale » (e con ciò 
volle dare ad intendere che il concetto da annettervisi non è 
di quelli che s'intendono di primo acchito), di rincontro vi 
contrappone la grave ferita, senza darsi menomamente la pena 
di definirla come se si trattasse di una cosa che s'intende da 
sé. — Sembra come se il legislatore fosse partito dalla sup- 
posizione, che qui si tratti di un concetto che rientra assolu- 
tamente nel campo della medicina. Proprio in ciò sta l'er- 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 131 

rore, perchè la scienza medica non sa definire e circoscri- 
vere esattamente i limiti di una grave ferita. Da ciò appunto 
deriva, che anche nella pratica forense questo concetto ha 
prodotto una grande confusione. In quei casi nei quali al giu- 
dice sembrava che si trattasse di una grave offesa corporale, 
ma che non era possibile di rubricare fra le due prime cate- 
gorie, egli soleva domandare se era forse applicabile il terzo 
criterio accampato dal legislatore. Alcuni periti s'ingegnavano 
di rispondere a questa domanda; ma poiché mancava loro un 
dato sul quale appoggiare il parere^ hq risultava che finivano 
per ingolfarsi in disquisizioni, che avevano l'impronta di con- 
cetti puramente subbiettivi, per cui spesso accadeva che il 
parere di un medico-legale contraddiceva quello dell'altro. 
Credo che sia opportuno evitare questi conflitti in provincia, 
ove spesso accade che controversie di poco valore vengano 
gonfiate, elevandole a quistioni scientifiche di un'importanza 
suprema; e non poche volte la contesa s'inasprisce e ha ter- 
mine con reciproche contumelie fra i periti. 

Bisogna perciò convenire che il criterio della « grave le- 
sione » non solo imbarazza oltremodo i periti, ma non fa nep- 
pure r interesse della giustizia. — Aggiungi che nella proce- 
dura nell'art. 132 si tiene anche parola di «lesione assoluta- 
mente grave », nonché di « lesione grave per sua natura », del 
che — almeno nel § 152 — non si fa cenno. Tutto ciò ha arruffato 
sempre più il bandolo della matassa, ed ha portato al massimo 
limite possibile il subbiettivismo nel parere medico-legale. — 
Alcuni periti — ed ultimamente la maggior parte di essi — si 
rifiutarono di rispondere allorché venivano interpellati sul pro- 
posito, affermando che in ciò si trattava di quistioni le quali 
non erano d'indole prettamente medica, né ben definite dalla 
legge, e soggiungevano che non si ritenevano al caso di po- 
terla commentare. 

Quest'espediente era logico e comodo, ed in parecchi tri- 
bunali ebbe per conseguenza che il giudice finì per rinunziare 
completamente a questa domanda, il che se risparmiò dispute 
senza fine alle rispettive parti, ridusse a due i tre criteri sta- 
biliti dal legislatore per graduare le gravi lesioni corporali. Di 
ciò naturalmente non si potette avvantaggiare la giustizia, 
giacché — come fra non guari vedremo — i due primi criteri 



Digitized by VjOOQIC 



132 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

non comprendono tutti i casi nei quali l'offesa corporale, pur 
essendo rilevante, non arreca né incapacità al lavoro della 
durata di 20 giorni, né scompiglio mentale. 

Né furono più felici i commentatori neir interpretare la 
espressione « lesione corporale grave ». 

Sotto questo nome Herbst intende una lesione corporale, 
« mediante la quale fu interessato un organo o sistema di or- 
gani interessante per la vita, e ne fu disturbata la funzione, 
oppure andò perduta o fu messa fuori funzione la parte lesa, 
che era necessaria per V integrità del corpo umano >. Questa 
definizione è troppo vaga. Nel § 156 a é contemplato il caso in 
cui, per effetto della lesione corporale, vada perduta o messa 
fuori funzione una parte del corpo, e la rispettiva pena è molto 
più grave di quelle per lesione corporale « semplice >. Né fa 
d'uopo, per rubricare il caso in questa categoria, che la le- 
sione di un organo « importante » sia grave fin dal principio, 
giacché non é l'importanza dell'organo che cade qui in consi- 
derazione, ma la gravezza della lesione. Inoltre, i casi di que- 
sta specie nella pratica vengono per lo più puniti a tenore del 
§ 155 a. Che questa interpretazione di Herbst non sia condi- 
visa dai giuristi, risulta dalla seguente sentenza, pubblicata al 
5 novembre 1877 dalla corte di cassazione di Vienna. 

Un uomo aveva scagliato contro un altro, alla distanza di quat- 
tro passi, una pietra, colla quale un incisivo fu svelto completa- 
mente, ed un altro a metà. I medici-legali affermarono che la ferita 
era grave , ed il tribunale di Kornenburg condannò Taccusato per 
grave lesione corporale. Nei « motivi di nullità » addotti dal difensore 
fu espresso pure, che codesta lesione violenta non rientrava nel con- 
cetto giuridico della grave ferita, e si voleva sostenere che « la legge 
intende come tale quella che pregiudica un organo vitale e ne altera 
le funzioni, o quella che ha per conseguenza la perdita o Tìncapa- 
cità funzionale della parte lesa, necessaria per l'integrità del cor- 
po ». — La corte di cassazione decise che « in questo caso vi erano 
i dati contemplati nel § 152 del codice austriaco. La lesione è stata 
dichiarata grave dai medici-legali e bisogna ritenerla come tale, se 
si riflette che l'apparato masticatorio è una parte integrante dell'e- 
conomia animale, e che è stato leso nel rispettivo individuo per un 
dente perduto, ed un altro fratturato ». 

fGerichlszeitung, iS77, n. 98j. 



Digitized by VjOOQIC 



Varie Bpecie di lesioni violente nel senso del codice penale 133 

Secondo lo spirito a cui è informata questa sentenza, ba- 
stano r offesa e la diminuzione funzionale di un apparecchio 
organico importante per la salute per fare qualificare il reato 
come « lesione corporale grave ». — Nella sentenza che ora 
esporremo, si vede che si può anche tener conto soltanto delle 
conseguenze della lesione corporale. 

L'accusato A. confessò che in una rissa aveva strappato a B. 
il padiglione dell' orecchio destro con una morsicatura. I medici- 
legali giudicarono che la lesione fosse leggiera. La facoltà medica in- 
terpellata su tale riguardo dichiarò invece che era grave, ma sol- 
tanto perchè produceva un sensibile deturpamento. In prima istanza 
Taccusato fu condannato per lesione corporale grave non qualificata, 
a tenore del § 152 (e non già del § 156 a), perchè la lesione nel pa- 
rere della facoltà medica era stata indicata come leggiera, e soltanto 
per il deturpamento prodotto poteva essere caratterizzata come grave. 
La corte di appello, in vece, non ritenne Taccusato colpevole di que- 
sto delitto, ma applicò Tart. 411, motivando il giudizio come segue: 
« la facoltà medica dichiara che lo strappamento del padiglione del- 
Forecchio destro colla morsicatura è in sé stessa un'offesa corporale 
grave; i medici-legali sostengono in vece che debba essere ritenuta 
come leggiera. La prima conclusione non è informata allo spirito 
della legge)). — Avendo il procuratore di Stato prodotto appello 
contro questa sentenza, la causa fu dibattuta davanti alla corte di 
cassazione , che convalidò la sentenza emessa in prima istanza in 
base ai seguenti motivi: 

« La lesione fu qualificata dietro parere della facoltà medica co- 
me grave offesa corporale soltanto per il « deturpamento )) avvenuto; 
e questa qualifica legalmente non può essere ritenuta come infon- 
data. In fatti il § 152 non esclude che nel giudicare se la lesione cor- 
porale prodotta ad un uomo sia grave , si prendano in considera- 
zione tutte le conseguenze di detta offesa, cioè anche quella non con- 
templata neirincapacità al lavoro oltre i 20 giorni, e lo scompiglio 
mentale. Appunto le conseguenze che risultano dalla lesione possono 
apparire come fattori di tale importanza da giustificare il giudizio 
dei periti, cioè che in questo caso la lesione corporale deve essere 
riguardata come grave per le conseguenze ad essa inerenti. E ciò si 
riscontra appunto in questo caso, in quanto che nulla si oppone ad 
ammettere, che debba essere riguardata realmente come grave una le- 
sione corporale, che apporti una delle conseguenze contemplate nel 
§ 156 a del codice penale austriaco )). 

(Glaser, iSamm/u^gf strafrechtL Entsch. des kk. ob. Gerichts.-und 
Cassationshofes IIL pag. Wj). 



Digitized by VjOOQIC 



134 B 1 u m e n s t o k. Dottrina delle lesioni violente 

In ultimo menzioneremo qui un altro giudizio di questa 
Tribunale che riconobbe come « grave » un' offesa corporale 
senza altri motivi che quelli accampati dai periti. 

Un uomo fu condannato per grave lesione corporale inferta alla 
sua serva. I motivi di nullità eccepiti dalla difesa furono rigettati, 
e la corte di cassazione sentenziò che (( la serva fu maltrattata sif- 
fattamente da partorire un feto immaturo , il che costituisce indub- 
biamente una grave lesione corporale, come è stato ammesso anche- 
dai periti. Il sapere che la donna era incinta o meno non decide se 
razione commessa da A. faccia applicare al crimine l'articolo 152. 
Questi è tenuto a rispondere delle conseguenze dell'offesa corporale, 
le abbia o meno prevedute e perciò si deve ritenerlo colpevole del 
delitto di grave lesione corporale ». (Sentenza emanata a 4 luglio 1855; 
Glaser, pag. 467). 

Poiché la corte di cassazione in Austria nel commentare 
il concetto in parola ha seguito diversi motivi, lasciando flnan- 
co libero campo al giudizio subbiettivo dei periti, non deve 
recare meraviglia se i medici non furono più felici nel definire 
che cosa debba intendersi per « grave lesione corporale ». Ep- 
pure noi in base ad una lunga esperienza ci siamo convinti che, 
fino a quando resterà in vigore l'attuale codice penale au- 
striaco, è a desiderare che non venga completamente eliminato 
questo concetto, giacché vi sono lesioni violente che il medico- 
legale non può qualificare come leggiere, e d'altra parte non 
può rubricarle nelle due prime categorie accennate nelFart. 152. 

Per esperienza personale possiamo dire che le lesioni cor- 
porali le quali pongono in imbarazzo il medico-legale chia- 
mato per qualificarle, sono gli svariati disturbi (talvolta fuga- 
cissimi) della coscienza prodotti da commozione cerebrale, pa- 
recchie lesioni violente degli organi sensitivi, come per es. la 
lussazione del cristallino e la rottura della membrana timpa- 
nica, la lesione o la perdita di uno o di parecchi denti, le frat- 
ture di alcune ossa (per es. delle costole), Taborto, le ernie ed 
il prolasso dell'utero, quando furono prodotti da maltrattamento 
inferto. Quindi se accanto alle due prime categorie di grave 
lesione corporale fosse necessario aggiungerne una terza, è 
uopo — finché venga introdotto un nuovo codice penale — sta- 
bilire una norma alla quale il medico-legale possa attenersi nei 
rispettivi casi. Su tale proposito, noi riteniamo come poco felice 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lep«oni violente nel senso del codice penale 135 

la proposta fatta da alcuni giuristi e medici di sostituire la pa- 
rola « importante » a quella « grave y> , perchè non sappiamo 
comprendere il motivo per cui Tespressione « lesione corporale 
importante » debba essere più intelligibile di quella oggi in 
uso, cioè «lesione corporale grray^ ». Più che attenerci a que- 
sto metodo di subsunzione, ci sembra da preferire perchè più 
pratico, quello di comparazione, raccomandato da Hofmann 
{Lehrbuch der gerichtL Medizin^Il Aufl, pag. 299), secondo 
il quale, in tutti i casi in cui la lesione corporale non ha un 
carattere grave ben pronunziato, bisogna esaminare se i feno- 
meni sieno tali che la loro entità possa essere giudicata equi- 
valente a quella della lesione corporale grave. Ma anche que- 
sto metodo ha le sue difficoltà, giacché possono essere para- 
gonate fra loro soltanto cose omogenee. Vi potrebbero essere 
casi in cui riuscisse difficile stabilire il criterio a cui attenersi 
per giudicare se un disturbo della salute, che dura venti giorni, 
od un transitorio scompiglio mentale sieno equivalenti a rot- 
tura della membrana del timpano oppure ad intorbidamento del 
cristallino. Perciò tutti gli sforzi fatti perchè il medico-legale 
accettasse l'espressione « lesione corporale grave » concordano 
in ciò: che bisogna lasciargli piena libertà nel giudicare, in 
base alla sua esperienza personale, se una lesione corporale 
sia grave. Va da sé che il medico-legale esperto saprà fare uso 
giusto e moderato di questo beneficmm competentiae che gli è 
accordato, mentre quello meno esperto può qualche volta er- 
rare. Ad ogni modo, qualunque sia il giudizio che venga dato 
sul proposito, esso non deve costituire mai argomento di re- 
ciproche accuse e contumelie fra i periti, perchè qui non si 
tratta di mostrare conoscenze mediche più o meno profonde, 
ma di interpretare un punto oscuro della legge. 

II. Lesione corporale grave « qualificata » (§ 155 e 156). 

Mentre la lesione corporale grave, della quale ora abbiamo 
tenuto parola, viene punita col carcere semplice da sei mesi ad 
un anno (soltanto allorché vi sono circostanze aggravanti fino 
a cinque anni), la pena è aumentata (carcere dtiy^o da uno a cin- 
que anni) nei seguenti casi : 

1) Quando la lesione corporale benché leggiera fu inferta 



Digitized by VjOOQIC 



136 Blumenstok, Dottrina delle lesioDi violente 

con un istrumento ed Ì7i modo da implicare il x^ericolo di 
vitUj oppure allorché è dimostrato che si aveva l'intenzione 
di determinare una delle gravi conseguenze menzionate nel 
§ 152. In quesf ultimo caso la pena viene aggravata anche 
quando non vi fu che il semplice tentativo di perpetrare il 
reato (§ 155 a). 

Quindi la legge più che prendere in considerazione la con- 
sumazione del reato , punisce Y intento avuto nel perpetrarlo. 
La deliberazione di ferire gravemente od uccidere un altro viene 
arguita dal legislatore da due circostanze: la prima da che la 
lesione corporale fu inferta con un istrumento ed in modo da 
implicare il pericolo di vita, e la seconda dalle pruove di altro 
genere che dimostrano tale intento nel feritore. Al medico- 
legale interessa soprattutto la prima circostanza, benché spesso 
egli venga invitato a pronunziarsi anche sull'altra. 

Potrebbe sembrare che la quistione relativa all'istrumento 
adoperato per ferire potrebbe essere divisa in due: 1) se la le- 
sione corporale fu praticata con un istrumento che implichi 
pericolo di vita, e 2) se inferta in modo che la conseguenza 
doveva essere la grave ferita o la morte dell'altro. Talvolta co- 
desta quistione fu scissa nel modo ora indicato, per cui non 
deve recare meravìglia se parecchi commentatori intesero per 
4C armi » soltanto gl'istrumenti in generale ritenuti atti a porre 
la vita in pericolo. 

Ma questo concetto è erroneo , giacché il legislatore fa 
espressamente una distinzione fra istrumenti ed armi. In fatti 
quando alluse soltanto a queste , non solo usò l' espressione 
« arma », ma vi aggiunse pure le altre « mortale, micidiale » 
(§§ 82, 158, 174, 192 del codice penale). Poiché il concetto da 
annettere alla parola « istrumento » é molto più lato di quello 
da attribuire ad ^ arma » , e s' incontrano grandi difficoltà a 
definire ciò che debba intendersi con precisione per « arme », 
aumenterebbe a mille doppi il nostro imbarazzo, se ci si do- 
mandasse di indicare esattamente quah sono gl'istrumenti che, 
impiegati per offesa, implichino pericolo di vita. In fatti nel modo 
stesso con cui di nessun istrumento può dirsi assolutamente 
che il suo uso determini sempre un pericolo di vita, così pa- 
rimenti non havvene alcuno, per quanto innocuo sia, che in 
talune circostanze, adibito per offesa, non possa porre la vita 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 137 

in pericolo. Anche un fucile può essere innocuo quando con 
esso si faccia fuoco ad una distanza troppo grande; e viceversa 
ogni grosso bastone o sasso, adoperati come strumenti di of- 
fesa, possono essere pericolosissimi se vibrati con forza contro 
•il capo di un uomo. Neppure uno spillo può essere ritenuto 
assolutamente come un istrumento indifferente, giacché se viene 
infisso nella fontanella o nel cuore di un neonato o di un pop- 
pante può cagionare la morte. Un piccolo scalpello di uno scul- 
tore non incute grande paura; eppure può riuscire un istru- 
mento mortale anche per un adulto, come lo dimostra il se- 
guente caso. 

Un uomo robusto fu lanciato a terra dal suo avversario. Non si 
alzò più, accusò grande debolezza, e poco dopo era cadavere. Ispe- 
zionato accuratamente il corpo, si notò che tre ctm. a sinistra del 
margine sternale eravi una ferita apparentemente superficiale , a 
forma semilunare, lunga 1 ctm. L'autopsia fece rilevare la morte per 
paralisi cardiaca in seguito a perforazione del pericardio e del ventri- 
colo destro del cuore. L'uccisore era scultore, che portava seco un 
piccolo scalpello, col quale vibrò il colpo nella regione cardiaca. 

Lo scalpello era lungo 12 ctm., e la sua estremità acuminata 
era larga 1 ctm. 

D'altra parte collo stesso istrumento può un individuo, vi- 
brandolo quasi contemporaneamente nella stessa regione del 
corpo sopra diverse persone, arrecare svariate conseguenze, 
come per es. nel seguente caso: 

Uno scalpellino con un martello che pesava sette chilogrammi 
percosse la madre (donna a 70 anni), la sorella ed il fratello, che 
riportarono lesioni del cranio. Dopo quattro giorni esaminata la 
madre, fu constatata una ferita suppurante lunga 2 V^, profonda V* 
di ctm., la quale incrociava la sutura sagittale ed aveva margini la- 
ceri. L'osso era privo del periostio, depresso, scabro alla palpazio- 
ne. Dopo sei settimane la ferita era ancora aperta, infossata a mò 
d'imbuto; la sonda urtava contro un frammento mobile della la- 
mina esterna, il quale fu estratto, e vi si rilevò un'esile fessu- 
ra , in cui erano fortemente incuneati molti peli lunghi 2 ctm. 
La morte accadde dopo due mesi per pulmonite bilaterale. Aspor- 
tata la vòlta del cranio , fu constatata la pachimeningite emorra- 
gica interna. Sulla stessa vòlta cranica si scorgeva esternamente 
un'apertura (grossa quanto una fava) a forma d'imbuto; inoltre ve 



Digitized by VjOOQIC 



138 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

ne erano altre due piccolissime (separate fra di loro da un esile 
ponte di sostanza ossea) che sboccavano nuì lato interno. (Posseg- 
go questo preparato, che rassomiglia completamente a quello de- 
scritto daKoenig nel suo Trattato di Chirurgia a p. 19 del voi. I). — 
Nei due germani furono constatate analoghe ferite, ma superficiali,, 
né penetranti fino al periostio; guarirono, senza alcun incidente, nel 
corso di 1—2 settimane. I medici-legali le qualificarono come lesione 
leggiera, ma fatta con un istrumento ed in modo da implicare peri- 
colo di vita. 

Il compito del perito viene molto facilitato attenendosi al pas- 
so sopra riferito, e dando alla domanda che gli viene rivolta, una 
risposta adeguata e razionale. Il giudice, per es., informandosi 
allo spirito della legge può domandare se una lesione violenta 
fu perpetrata con un istrumento in modo da implicare peri- 
colo per la vita. Il perito con un accurato esame del rispet- 
tivo istrumento nonché del modo come fu adibito potrà rispon- 
dere se realmente quel dato mezzo di offesa ed il modo come 
fu adoperato pongono la vita in pericolo, e nel tempo stesso 
potrà dimostrare se e perchè nel dato caso fu ovviato a que- 
sto pericolo. Noi quindi attribuiremo maggiore importanza al 
modo con cui fu adoperato un istrumento per l'offesa anziché 
allo stesso istrumento. Fra i fattori importanti da prendere in 
considerazione relativamente al modo di adoperare un istru- 
mento, sono da annoverare Vimpiego della forza, e soprattutto 
la regione del corpo contro la quale fu diretto ristrumento. 
Non ogni colpo vibrato col coltello, non ogni sassata od un 
colpo con un nodoso bastone rivela l'intento di ferire grave- 
mente (per es. quando il colpo, qualunque sia il mezzo adope- 
rato , venga vibrato contro un' estremità). 

Ma se qualcuno con un nodoso randello vibri con tutta la 
forza un colpo sul capo di un altro, oppure con un coltello vi- 
bri un colpo contro la parete toracica o addominale , è certo 
che voleva ferire gravemente, anche quando l'effetto sia stato, 
per esempio, frustrato o attenuato da un berretto di pelle o 
dagli abiti. 

Non sarà inutile far rilevare, che quantunque Fora cen- 
nata disposizione di legge rifletta espressamente soltanto quelle 
lesioni corporali in cui non si è prodotto il grave risultato a 
cui si mirava; può darsi -^anche quando effettivamente si pro- 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 139 

dusse una lesione corporale grave — che al giudice importi di 
accertare se realmente vi era Tintenzione di produrla. Quindi 
può accampare la domanda, se la lesione corporale grave fu 
prodotta con un istrumento ed in modo da implicare il pericolo 
di vita, giaccliè se la risposta è affermativa, trattasi di lesione 
corporale grave « qualificata ^. 

Infine, a tenore del § 155 a, anche nei casi in cui noji vi 
fu che soltanto il tentativo di delinquere , può il giudice ac- 
campare la domanda, se Vintento di arrecare una ferita grave 
possa essere desunto in altro modo. Quantunque al medica 
incomba F obbligo di pronunziarsi soltanto in base air esame 
di una lesione corporale da lui constatata, e non già di accer- 
tare l'intenzione che aveva un individuo nel percuotere o ferire 
un altro, egli non può schivare interamente la domanda quando 
venga fatta indirettamente dal giudice. 

Ud uomo lanciò una scure pesante contro il capo del suo av- 
versario. Questi inchinò celeramente la testa, e rimase illeso. La scure 
restò confitta, pressoché a livello dell'altezza di un uomo, nella pa- 
rete di legno. 

Contro un uomo fu scagliata, alla distanza di pochi passi, una 
chiave di ferro , che gli sfiorò il capo. Non si ebbe alcuna conse- 
guenza. — Pochi giorni prima che fosse accaduto questo fatto, dovetti 
dare il mio parere in un caso, nel quale una donna colpita con uà 
istrumento analogo, ne aveva riportato ferita del cranio (che pene- 
trava fino airosso), ed era morta per meningite. 

Un uomo ricevette con un lungo coltello alcuni colpi di punta 
in direzione della regione ombelicale. All'esame non si constatò sul 
corpo alcuna traccia di una lesione violenta; però alcuni fazzoletti 
che egli aveva nella tasca e l'abito erano recisi. 

In questi casi il medico deve dare una risposta affermativa alla 
dimanda del giudice, se V offeso schivò la grave lesione corporale 
inchinando celeramente il capo, oppure se deve la sua salvezza agli 
abiti che indossava, al cappello, ecc., e se dal modo e dalle armi ado- 
perata neirinveire contro di lui, risulti che eravi Tinteato di arre- 
cargli una grave lesione corporale. 

2. Quando dalla lesione coì^orale ne 'insultò un disturbo 
della salute od un* incapacità al lavoro per lo meno di 30 
giorni (§ 155 b). 

In questo caso non si tratta più soltanto di un fatto vo- 



Digitized by VjOOQIC 



140 B I u m e D s to k, Dottrina delie lesioni violente 

luto , ma attuato , e perciò la pena deve essere superiore a 
quella stabilita nel § 152. In fatti trattasi qui di una lesione 
corporale più grave, la quale costituisce pure un anello inter- 
medio fra quella contemplata nel § 152 e le altre di cui ter- 
remo più tardi parola. Il termine di 30 giorni benché non sia 
stato stabilito in base ad un principio di medicina, non è a 
rigettarsi; anzi per il medico-legale costituisce una certa nor- 
ma che gli riesce abbastanza comoda. Però anche qui, come 
già dicemmo, bisogna accertare il nesso causale fra la le- 
sione corporale e la durata della malattia. 

3. Quando alla lesione corx^orale si associano grandi sof^ 
ferenze per il ferito (§ 155 e). 

Va da sé che per « gravi sofferenze » non bisogna inten- 
dere soltanto il dolore o quelle soflFerenze che si producono 
in ogni ferita, o che spesso si hanno in conseguenza di stati 
patologici oppure di operazioni determinate o rese necessarie 
dalla lesione corporale. Si tratta, invece, unicamente di quei 
dolori e sofferenze che vengono inflitti durante il misfatto, e 
che raggiungono un grado insolito, cagionando sensazioni stra- 
zianti neir offeso. 

Poiché non ogni individuo reagisce in grado eguale al do- 
lore, ed é nell'interesse del ferito di esagerare quando descrive 
il dolore sofferto, il medico non deve mai fondare il suo pa- 
rere unicamente sulle indicazioni del ferito o dei testimoni. Egli 
può ammettere che le sofferenze inflitte raggiunsero un grado 
insolito quando il feritore straziò per lungo tempo la vittima, 
beandosi del dolore che arrecava. Spesso il medico se ne può 
convincere dal gran numero di ferite, di lividure od altro, che 
constata all'esame. 

Un uomo dichiarò che fu buttato a terra da due coniugi, e men- 
tre il marito gli teneva puntate le gambe sul petto, e colle mani gli 
comprimeva fortemente il capo ed il collo, la moglie gli mise allo 
scoverto i genitali, e con ambo le mani gli compresse lo scroto. 
Afiermò che in quest'aggressione, la quale durò per alcuni minuti, 
soffri tale un dolore che svenne. L'esame fece rilevare insieme a 
poche ed insignificanti suggillazioni sul collo e sulla cassa toracica, 
un'orchite acuta a sinistra; la pelle dello scroto mostrava ivi (6 giorni 
dopo la lesione) un pronunziato colore giallastro. 11 parere dato dai 
medici-legali fu : grave lesione corporale (con enormi sofferenze per 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 141 

l'offeso) con disturbo della salute per lo meno di 20 giorni. (Nelle- 
nostre campagne non di rado vengono compressi i testicoli nelle 
risse. L'offeso per il dolore e la lipotimia diviene incapace ad op- 
porre resistenza. Ciò è ben noto, e perciò si ricorre a questo mezzo). 

Un contadino puni sua figlia, donna a 30 anni dedita a Bac- 
co, ponendola col capo fra le sue gambe, scoprendole il deretano, 
e vibrando ivi , per alcuni minuti , fortissimi colpi con un ran- 
dello. Dopo cinque giorni la donna mori per piemia. — Air esame 
constatai che il tegumento esterno dalla regione del sacro fino a 
quella del ginocchio era molto annerito. Alla palpazione si notava 
forte fluttuazione, e col taglio furono vuotate enormi quantità di pus 
fetido. Il connettivo sottocutaneo in tutta questa estensione era in 
preda a disfacimento purulento. — Anche in questo caso, prescindendo 
dal risultato della lesione corporale, si dovette ammettere che essa 
cagionò ({ gravi e speciali sofferenze » alla donna. 

4. Oliando la grave lesione corporale pose la vita in pe- 
ricolo (§ 155 e). 

Oppostamente al pericolo di vita, del quale abbiamo tenuto 
parola, e che ordinariamente è prodotto da certi istrumenti e 
dal modo come vengono adoperati, nella rubrica in quistione 
s'intende il pericolo di vita che realmente vi fu in certi casi 
speciali ; esso aggrava la pena da infliggere per la grave le- 
sione corporale (§ 152). Perciò qui cadono in considerazione 
quei casi in cui fu constatato nel ferito il pericolo di vita, e 
non già quelli in cui detto pericolo è temuto o non può essere 
escluso. Il compito del medico-legale sarebbe semplicissimo se 
sapessimo definire esattamente ciò che si debba intendere per 
4c pericolo di vita ». Sventuratamente non è possibile darne una 
definizione precisa, e perciò le opinioni individuali possono qui 
essere molto divergenti. Nel modo stesso con cui al letto del- 
rinfermo due medici possono non andare di accordo sulla pro- 
gnosi, così parimenti può accadere che un perito affermi e Tal- 
tro neghi che la ferita implichi pericolo di vita. 

Un malfattore con un coltello produsse una ferita da punta 
neir epigastrio del carceriere. Forte emorragia. Lipotimia. L'offeso 
fu condotto a casa, ove fu constatata una ferita penetrante, lunga 
un pollice. Non si potette accertare nulla di preciso sullo stato degli 



Digitized by VjOOQIC 



142 Biumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

organi addominali. La malattia si protrasse molte settimane, e du- 
rante il suo corso si manifestarono peritonite circoscritta con scarso 
essudato, leggiero meteorismo, lieve febbre, ma punto vomito. Gua- 
rigione completa. 

Nel dibattimento uno dei medici curanti, professore di clinica, 
sostenne che la lesione violenta implicava il pericolo di vita, per- 
chè il sacco peritoneale era aperto, e si erano prodotti sintomi di 
peritonite. L'altro medico curante, parimenti professore di clinica, 
fu di parere opposto, e dichiarò che la sede della lesione e l'organo 
colpito non potevano avere alcuna influenza decisiva, soprattutto 
perchè si era prodotta soltanto peritonite circoscritta, decorsa senza 
sintomi minacciosi. — Del resto, in questo caso la contesa era asso- 
lutamente oziosa , perchè la lesione corporale era già per sua na- 
tura « qualificata ):. 



Se il compito del medico-legale è da una parte più diffi- 
cile di quello del medico pratico, perchè la prognosi di que- 
st'ultimo non implica responsabilità, mentre quella del primo 
pesa gravemente sul verdetto del giudice, d'altro lato il perito 
si trova nella favorevole condizione che , conformemente allo 
spirito della legge, egli per lo più deve emettere un giudizio 
sulla esistenza o meno del pericolo di vita dopo trascorsa la 
malattia. Al principio della malattia provocata dalla lesione 
corporale, non si può accampare la domanda se questa im- 
plicò pericolo di vita. Il medico-legale quindi esaminando tutto 
il corso della malattia può formarsi un criterio se realmente 
vi fu pericolo di vita durante il corso della stessa, fondan- 
dosi unicamente sulla sua esperienza e sul suo criterio: i due 
fattori in base ai quah egli giudica i fenomeni patologici che 
posero la vita in pericolo. Va da sé che quello meno esperto fa 
prognosi infausta, là dove il perito consumato non depone an- 
cora ogni speranza. Ma — ripeto — può accadere che anche due 
medici esperti facciano, in un dato caso, prognosi diametral- 
mente opposta. Poiché non é possibile delimitare esattamente il 
concetto da attribuire al « pericolo di vita », non deve recare 
meraviglia se in qualche caso vi sia pronunziata divergenza di 
opinione fra i periti, ciò che non deve menomamente indurre 
a reciproche recriminazioni od offese fra loro. 

In fine, la grave lesione corporale viene punita col carcere 
duro estensibile da 5 a 10 anni, nei seguenti casi : 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 143 

1) Se il delitto arrecò all' offeso perdita o debilitamento 
perìnanente della favella^ AeWuditOy o della vista^ perdita della 
capacità Hproduttiva^ di un occhio^ di un braccio o di una 
manOj oppure qualche mutilazione o detm^amento rilevante 
(§ 156 a). 

Così in questo come negli altri comma del § 150 del co- 
dice penale austriaco vengono enumerate quelle conseguenze 
lìennanenti della lesione corporale, che aggravano la pena. 
Però sono formulate in modo da dar luogo ad equivoci; ad 
esempio si legge: « se il delitto ha avuto per Toffeso una delle 
conseguenze sopra citate ecc. », il che interpretato se- 
condo lo spirito della legge, vorrebbe significare che, per ap- 
plicare la pena, deve trattarsi di un delitto che abbia arre- 
cato una grave offesa corporale, che alla sua volta abbia pro- 
dotto una delle gravi conseguenze sopra mentovate. Ond'è che 
a tenore di questa interpretazione, nessuna delle conseguenze 
enumerate nel § 155 potrebbe costituire grave lesione corporale 
<c qualificata », qualora non sia stata preceduta da grave offesa 
corporale. Questo parere non fu condiviso da quella corte di 
cassazione che, nel caso sopra mentovato, riconobbe come gra- 
ve offesa corporale il deturpamento di un individuo, perchè nel 
parere della facoltà medica era detto che la lesione corporale, 
benché « leggiera », aveva apportato un deturpamento visibile 
(perdita di un padiglione delPorecchio). Come già abbiamo men- 
;!Ìonato, la corte di cassazione in questi casi ha deciso che una 
lesione corporale (sia essa leggiera o grave), la quale produca 
una delle conseguenze enumerate nel § 156, è suscettibile della 
pena in questo sancita; è chiaro adunque che il delitto menzio- 
nato nel § 156 può non essere identico a quello contemplato 
nel § 152. Che questa opinione, condivisa pure da eminenti 
professori di dritto penale, abbia importanza non solo per i giu- 
risti, ma trovi un appoggio anche nella pratica medico-legale, 
e risparmi molti impacci al perito, potrei dimostrarlo non solo 
col caso sopra riportato, ma anche con molti altri occorsi nella 
mia pratica forense. 

Un giovine che fin dalla sua infanzia era affetto da atrofia del 
bulbo oculare destro, ma vedeva benissimo coir altro occhio, ebbe 
un pugno nella regione deirocchio sinistro. Essendogli apparsa una 
suggillazione sulle palpebre, vi applicò cataplasmi freddi tutta la 



Digitized by VjOOQIC 



144 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

giornata. Nel di seguente si spaventò constatando notevole dimi- 
nuzione del potere visivo. Dopo alcuni giorni, all'esame fatto dai 
medici-legali, furono constatate tracce della suggillazione ; però era- 
vi incipiente intorbidamento del cristallino. Egli non stava a letto, 
e non sentiva dolore. Quantunque la cataratta avesse potuto essere 
rimossa con un'operazione chirurgica, tenendo conto che egli aveva 
un solo occhio, e che un occhio afachico non è equivalente ad uno 
normale, i medici-legali dichiararono che la lesione aveva prodotto 
persistente indebolimento della vista. Questo parere fu accettato dalla 
Corte , tuttoché il « disturbo della salute » non si fosse neppure 
esteso alla durata di venti giorni. 

Un identico parere fu emesso in un caso nel quale un miope 
in alto grado, per una percossa nella regione dell'occhio, riportò 
scollamento della retina con versamento di sangue nel corpo vitreo. 

Se l'interpretazione data dalla Corte di cassazione non fosse stata 
approvata dai giuristi , al medico-legale non sarebbe rimasto altro 
che qualificare tali lesioni come « gravi per loro natura )), affinchè- 
le loro terribili conseguenze, per un'interpretazione controversa, 
non fossero state punite come lesione leggiera. 

a) Perdita o dehilitamento permanente della favella. Per 
perdita della favella non s'intende qui l'afonia nel vero sense 
della parola, il balbettamento e simile, sì bene l'incapacità di 
farsi intendere agli altri. Questa può essere parziale o totale, 
e in amendue i casi (soprattutto nell'ultimo) anche perma- 
nente. La difficoltà potrebbe sorgere se venisse accampata 
la domanda: che bisogna intendere per dehilitamento della fa- 
vella, e quale grado debba raggiungere per qualificarsi co- 
me « grave lesione corporale » nel senso che vi annette la 
legge. Su tale riguardo non si può stabilire alcuna regola ge- 
nerale. Per fortuna i disturbi traumatici della favella molto di 
rado occorrono nella pratica forense. Possono essere prodotti 
in duplice modo: o per lesione degli organi fonatori o per le- 
sione del capo, specialmente della fronte e della regione pa- 
rietale sinistra. In quest'ultimo caso si ha da fare coWafasia^ 
la quale — quando persista a lungo — può, nel caso più favore- 
vole, essere riguardata come uno stato associato a debilità- 
mente della favella, mentre nei casi gravi può essere annove- 
rata anche in altre categorie ove sono contemplate le conse- 
guenze di lesioni corporali, quali: dehilitamento permanente, 
malattia inguaribile, scompiglio mentale, persistente incapacità 
ad accudire al proprio ufficio, mestiere, professione, eco. 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 145 

Udb madre snaturata abbandonò in un sito ascoso il poppante. 
Udendo da lontano le grida, rifece. la strada, e con un coltello ta- 
gliente gli recise un pezzo della lingua, credendo in sifTatto modo 
di attutire le grida. Il bambino rimase in vita, il crimine fu sco- 
verto, e la corte accampò la domanda se la lesione violenta avesse 
avuto per conseguenza la perdita oppure Tindebolimento permanente 
della favella. Ma fu difficile rispondere fino a qual punto la lesione 
inferta avesse potuto neiravveuire esercitare un'influenza nociva sulla 
favella. 

Una contadina di 23 anni fu colpita nella metà sinistra del capo 
con un nodoso bastone, in seguito alla quale percossa stramazzò a 
terra, e per un'ora rimase priva di sensi. Condotta a casa, rimase 
per un mese in uno stato incosciente; durante questo tempo aveva 
vomito frequente, deiezioni ed evacuazioni involontarie. Più tardi 
riacquistò gradatamente la coscienza, si riebbe lentamente, ed inco- 
minciò anche a parlare, benché la favella non fosse intelligibile. La 
ferita del capo guari dopo tre mesi (in questo mentre si erano di- 
staccati alcuni frammenti ossei). 

Esaminata questa donna cinque giorni dopo che le era stata in- 
ferta la ferita, i medici-legali constatarono sul capo: a sinistra, al 
di sopra del padiglione dell'orecchio, una ferita lunga 2 e larga 1 ctm. , 
con margini tumefatti. Neil' angolo posteriore della ferita la sonda 
penetra per la profondità di 2 Vi ctm., ed urta contro un frammento 
mobile. Incoscienza. Perdita della favella. Il giudizio dato dai periti 
fa fc frattura della squama dell'osso temporale sinistro e di com- 
pressione del cervello ». 

Un mese dopo sottoposta la stessa ad altro esame alla presenza 
del giudice, si constatò quanto segue: la ferita del capo era parzial- 
mente cicatrizzata; nel centro era aperta, ed ivi la sonda penetra per 
la profondità di un centimetro e mezzo, urta contro un osso scabro, 
denudato , depresso. Alle domande che le vengono dirette non dà 
risposta intelligibile. I movimenti sono lenti e torpidi. Temperatura 
norniale. Polso 100. Il parere dato questa volta dai medici-legali fu: 
V. frattura dell'osso temporale ; disturbo della motilità, dell' attività 
psichica e della sfera sensitiva. È probabilissimo che lo stato fisico 
di questa donna resterà permanentemente debilitato m. 

Dopo tre mesi vidi questa donna, e constatai quanto segue : 
ferita del capo completamente cicatrizzata; forte depressione del- 
l'osso. Nel camminare trascina il piede destro. Per tutt'altro la mo- 
bilità, fa sensibilità, la temperatura ed il polso sono normali. Nes- 
sun disturbo della sfera sensitiva e della coscienza. Afasia amnestica. 
Il parere da me dato fu: grave lesione corporale associata a disturbo 
della salute ed incapacità al lavoro al di là di 30 giorni. La ferita 

Maschka— Med. Leg. Voi. I. 10 



Digitized by VjOOQIC 



146 B I u m e n 8 t o k, Dottrina delle lesioni violente 

ha implicato pericolo di vita e prodotto un persistente indeboli- 
mento della favella. Dopo altri tre mesi la rividi nel dibattimento. Il 
suo stato era immutato. 

b) Perdita o indebolimento permanente della vista. Qui ci 
si presentano in considerazione due importanti conseguenze re- 
lative airorgano della vista. La prima non ha d'uopo di alcun 
commento, giacché si può tenere parola di perdita della vista 
quando un uomo ha perduto completamente il potere visivo 
che possedeva fino al momento in cui gli fu inferta la le- 
sione violenta. Questa perdita concerne d'ordinario amendue 
gli occhi, eccezionalmente uno solo. Più difficile è la risposta 
alla domanda: che cosa bisogna intendere per indebolimento 
permanente della vista. In fatti, noi non possiamo definire come 
tale qualsiasi anomalia del potere visivo che un individuo ri- 
porti dopo la lesione, altrimenti ogni infiammazione deirocchio 
dovrebbe essere riguardata come permanente indebolimento 
della vista, mentre è risaputo che per lo più essa non deter- 
mina tale conseguenza. Né possiamo interpretare come perma- 
nente indebolimento della vista qualsiasi anomalia resti in con- 
seguenza della lesione, altrimenti ogni cicatrice corneale, e so- 
prattutto ogni sinechia anteriore o posteriore, dovrebbe essere 
classificata in tale categoria. Eppure , non cade dubbio , che 
una cicatrice corneale, e soprattutto una sinechia, diminuiscono 
il potere visivo. Ciò malgrado, il medico deve convenire, che 
il legislatore non ha dovuto tener presente un tale danno, al- 
trimenti non avrebbe stabilita una pena così grave. Per ammet- 
tere un indebolimento permanente della vista, fa d'uopo che 
esso sia molto più rilevante, che abbia raggiunto un alto grado, 
che si approssimi quasi alla perdita della vista, e che inabiUti 
quasi l'off'eso ad esercitare il proprio ufficio, mestiere o pro- 
fessione. Attenendoci fermamente a questo criterio, non andremo 
errati quando si è invitati a constatare se trattasi di indebolimento 
permanente della vista. In caso opposto si darebbe una « lati- 
tudine » troppo estesa a questo concetto, il che naturalmente 
potrebbe avere conseguenze pericolose quando il giudizio do- 
vesse essere emesso da un medico poco versato nell'oculistica. 

Un' altra quistione , che qui potrebbe essere sollevata , è 
ciò che si deve intendere sotto il vocabolo <k vistai. Nel lin- 
guaggio corrente per «vista» intendiamo il potere visivo totale 



Digitized by VjOOQIC I 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 147 

di un individuo, sicché sarebbe inadeguato tener parola di in- 
debolimento della vista in un occhio, quando il rispettivo indivi- 
duo vede più o meno bene con amendue gli occhi. Se qualcuno 
in conseguenza di lesione corporale riportò permanente inde- 
bolimento del potere visivo di un occhio, restando l'altro intatto, 
non si può — a stretto rigor di senso — tener parola di perma- 
nente indebolimento della vista. Ma, anche prescindendo da que- 
ste considerazioni, non sarebbe facile giustificare tale parere, 
qualora si consideri che il legislatore ha quasi equiparato Tin- 
debolimento della vista alla completa perdita della stessa, men- 
tre è noto che un individuo con indebolimento della vista di un 
occhio, può accudire al suo ufficio. 

E chi non ha conosciuto in sua vita monoculi i quali fino 
ad una tarda età hanno disimpegnato splendidamente il loro 
ufficio, mestiere o professione ? Ad ógni medico sono note cer- 
tamente persone addette ad uffici pubblici o privati, le quali 
negano davanti ai loro preposti di essere affetti da cecità uni- 
laterale (temendo che ciò possa impedire un ulteriore avanza- 
mento nella carriera), e ciò nullameno sono modelli di zelo e 
di inappuntabile disimpegno del dovere? Con ciò siamo ben 
lungi dal negare l'importanza della visione binoculare, ed am- 
mettiamo senz'altro che due occhi valgono piii di uno. Ma poi- 
ché qualche volta ci fu fatta l'obbiezione che il monoculo è 
inadatto alla visione stereoscopica, ci limiteremo qui, senza in- 
golfarci in minute discussioni, a citare semplicemente le parole 
di Donders (Die Anomalien der Refraction und Accomoda- 
tion des Auges^ Wien, 1866, pag. 136). € Anche con un solo 
occhio si possono valutare abbastanza bene la distanza e la 
configurazione degli oggetti. Fa d'uopo ricordarlo, perché è 
stata trovata tanto importante la bella scoverta di Wheat- 
stone, che si é quasi finito per dimenticare ciò che può com- 
piere un solo occhio ». 

In molti casi della mia pratica forense ho dato il giudizio in 
questo senso, senza incontrare mai opposizione da parte del Tribu- 
nale, ed in ciò mi trovo d'accordo colla opinione di parecchie facoltà 
mediche. Allorché da parte dei giuristi fa impugnato un parere dato 
in questo senso dalla facoltà medica di Praga, e riportato nella Wiener 
Gerichtshalle, i873, N. 33 y pubblicai in questo stesso giornale alcune 
osservazioni sopra codesta quistione. Trattavasi di un uomo che aveva 



Digitized by VjOOQIC 



148 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

ricevuto un fendente sul!' occhio destro con un nodoso bastone, e 
ne aveva riportato lussazione del cristallino. La facoltà medica, invi- 
tata a dare il suo parere, afTermò che trattavasi di grave lesione cor- 
porale con permanente indebolimento della forza visiva «dell' oc- 
chio offeso » ; però soggiunse che la lesione non poteva essere ri- 
guardata come un indebolimento del potere visivo « nel senso che 
la legge annette a questa espressione ». 

Qui non possiamo passare sotto silènzio, che questa opinione 
non fu condivisa da tutti i medici-legali (vedi Hofmann, Lehrbuch 
der gerichtlichen Medicin, Il Auflage, pag. 307), e che anche la corte di 
cassazione in un caso decise diversamente. In conseguenza di lesione 
corporale un uomo aveva riportata commozione cerebrale con amau- 
rosi di un occhio e quindi incapacità al lavoro per oltre trenta giorni e 
persistente indebolimento della forza visiva di un occhio (rofPeso col- 
Tocchio infermo poteva riconoscere gli oggetti di colore chiaro, ed 
i contorni di un oggetto illuminato). In prima istanza l'accusato fa 
condannato ai termini dei §§ 152 e 155 b del Codice penale austriaco. 
In appello fu ammessa anche la qualifica ai termini del § 156 a. La 
corte di cassazione ( decisione del 9 agosto 1865) confermò questa 
sentenza, adducendo « che sembrando indubitato un persistente in- 
debolimento della vista per lesione dell'occhio sinistro, era il caso 
di applicare Tart. 156 a ». 

Poiché r« indebolimento della vista » è un argomento con- 
troverso, il medico-legale può liberamente — nel dato caso — 
esprimere la sua opinione. Nella pratica è opportuno seguire 
il consiglio di Li man: il medico descriva esattamente il re- 
perto, esprima la sua opinione, e rimetta alla corte il giudizio 
se nel caso concreto trattisi d'indebolimento della vista nel 
vero senso della parola. Qui faremo soltanto rilevare che nel- 
l'infiammazione di un occhio, prodotta dal trauma, bisogna 
prendere in considerazione se essa sia tale (ciclite) da poter in- 
teressare presto tardi l'altro occhio ancora sano. In tal caso 
bisogna procedere colla massima precauzione, ed è financo per- 
messo di ammettere che trattisi d' « indebolimento della vista », 
soprattutto quando havvi la minaccia di flogosi simpatica. Ad 
ogni modo il medico-legale ha l'obbligo di richiamare Tatten- 
zione del giudice sopra questa eventualità. 

e) Perdita o indebolimento peì^manente dell'udito. Così i 
medici come i giuristi si accordano nel ritenere, che la me- 
nomata udizione di un orecchio non può essere qualificata in 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 149 

blocco come « indebolimento dell' udito ». Noi ci associamo 
pienamente a questa interpretazione. Ciò che non sappiamo com- 
prendere è la differenza di entità che taluni vorrebbero sta- 
bilire, fra r occhio e V orecchio quando trattasi di valutare il 
danno materiale. Gli estetici possono forse accordare una pre- 
ferenza all'occhio rispetto airorecchio, ma il medico non può 
riconoscerla; e perciò, guidato giustamente da questa convin- 
zione, egli ravvisa nell'occhio e nell'orecchio organi di pari no- 
biltà, e ritiene che, anche dal punto di vista della Legge, le 
loro lesioni debbano essere riguardate come equivalenti (Ur- 
bantschitsch, Ueber die Begutachtung des Hòrorganes in 
forensischer Beziehungy Wiener Klinik^ 1880, 1 und 2 Heft). 
d) Perdita della capacità di generare. Per affermare che 
un uomo per la lesione violenta sofferta sia divenuto incapace 
a procreare, fa d'uopo constatare che abbia perduto l' asta op- 
pure i due testicoli, lesioni che accadono, benché di rado. Il 
prof. Hofm ann {Lehrbuch, 2 Aufl. pag. 308) menziona un caso 
nel quale ad un giovine fu recisa completamente 1' asta dalla 
sua prima amante. Meno rare sono le castrazioni violente e le 
lesioni traumatiche dei testicoli. Il seguente caso dimostra con 
quanta cautela debba procedere il medico nel dare il parere 
sulla capacità di generare. 

Un robusto contadino fu scagliato a terra, e da uno degli ag- 
gressori gli si posero allo scoverto i genitali, e con un coltello affi- 
lato gli si produsse— nell'intento di recidergli lo scroto insieme al 
contenuto — una ferita profonda, che decorreva attraverso tutta la 
larghezza dello scroto. Dopo pochi giorni, i medici-legali constata- 
rono che « la ferita dello scroto era molto beante e suppurava for- 
temente; i testicoli erano allo scoverto, pendevano dai cordoni sper- 
matici, ed erano in preda a profusa suppurazione». Essi stimarono 
che per la rapida guarigione di quest'infermo, che era molto soffe- 
rente, fosse necessario asportare i testicoli u suppurati ». Essendosi 
lo stesso ricusato di sottoporsi a questa « piccola » operazione chi- 
rurgica, emisero il parere, che la ferita da lui riportata era a rite- 
nersi quale grave lesione corporale con perdita della capacità a pro- 
creare. Inoltre giudicarono pure, che la lunga durata della malattia 
dovesse essere attribuita a che egli ricusò di sottoporsi ad un'opera- 
zione, che era « indicata ». L'accusa fu formulata proprio in questi 
sensi. Nel dibattimento fui invitato a dare il mio parere in base al 
protocollo dell'esame. Esaminando quel contadino, notai che era un 



Digitized by VjOOQIC 



150 Bluxnenstok, Dottrina delle legioni violente 

uomo sanissimo. Sullo scroto, fortemente retratto, si scorgeva una 
cicatrice spessa e dura, che ne interessava tutta la lunghezza. I dae 
testicoli avevano volume normale e superficie liscia. Quando si trattò 
la quistione relativa alla sua potenza sessuale, egli si pose a ridere, 
ed accennò col dito a sua moglie, che era incinta. Io qualificai la 
ferita come grave, e giudicai che avesse apportato un disturbo alla 
salute per lo meno di venti giorni. 

Nel linguaggio corrente sarebbe forse corretto tener parola 
di € incapacità a generare » riferendola soltanto al sesso ma- 
schile. Rarissimamente si presenta, per la donna, la quistione 
relativa alla perdita della « capacità al concepimento » in con- 
seguenza di una lesione corporale. Tutf al più essa potrebbe 
essere determinata da aderenze della vagina, da malattie in- 
guaribili deir utero , ma non da un prolasso delP utero. Ga- 
sp e r il quale stabilì giustamente il principio, che una donna 
può essere ritenuta come infeconda allorché può concepire ma 
non partorire il frutto concepito senza porre a rischio la propria 
vita (Li man, Handbuch, I, pag. 86\ in un caso nel quale una 
giovane aveva sofferto una lacerazione del perineo e deirori- 
ficio vaginale, ed era guarita dopo un'operazione plastica, re- 
stando però una grossa cicatrice del perineo, dichiarò che essa 
poteva coire e concepire, ma che vi era a temere una muti- 
lazione nel parto (Li man, Handhuch I, pag. 362). Il tribu- 
nale approvò questo parere , ed ammise in questo caso la 
«perdita della capacità al concepimento». 

e) Perdita di un occhio , di un braccio o di una mano, 
ovvero qualsiasi altra mutilazione rilevante. Per perdita di un 
organo bisogna intendere la sua completa mancanza in con- 
seguenza di una lesione corporale, come per es. la mancanza 
di un braccio in seguito ad un' amputazione divenuta neces- 
saria per la lesione violenta. Al ferito importa poco se Por- 
gano andò perduto in questo modo oppure perchè sia dive- 
nuto incapace per l'ordinaria funzione (per es. quando la le- 
sione ebbe per conseguenza una grave anchilosi). Non è pro- 
babile che fosse nell'intenzione del legislatore d'identificare il 
concetto da annettere alla perdita di un organo con quello 
inerente al suo annientamento funzionale. In ciò non havvi al- 
cuna lacuna nella legge, perchè si potrebbero comprendere i 
casi di abolizione funzionale nelle categorie di cui andremo fra 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 151 

poco a parlare. Se questa subclassiflcazione apparisse difficile 
in qualche caso speciale, il medico-legale può richiamare T at- 
tenzione sul fatto che per il ferito Tabolizione funzionale del- 
Torgano equivale alla sua perdita. 

Il legislatore tiene parola soprattutto di occhio, braccio e 
mano. Circa rocchio è a notare, che per la sua perdita si può 
intendere anzitutto soltanto la distruzione del bulbo oculare , 
perchè questa conseguenza viene addotta fra le mutilazioni. 
Però io fo rilevare, che appunto per l'occhio la distinzione 
fra la «perdita» e r« inabilitamento funzionale» dell'organo 
è molto più difficile che per gli altri organi. Non solo nel lin- 
guaggio medico ma anche in quello corrente per perdita di un 
occhio s'intende la distruzione del bulbo (in modo che l' occhio 
perde non solo la sua funzionalità ma anche la sua forma) ^ 
oppure il completo annientamento funzionale. D'altro lato, al- 
lorché questo è limitato alla funzione visiva di un occhio po- 
trebbe non essere riguardato né come mutilazione né come 
deformità, quando il bulbo oculare conservi la sua forma. Inoltre, 
tale disturbo patologico potrebbe anche non rientrare in altre 
categorie (tisi del bulbo, inabilitamento ad esercitare il proprio 
ufficio , mestiere o professione per lesione inferta) , tranne il 
caso che si volesse alludere ad un persistente indebolimento 
della vista. Ond' è che in molti casi noi non abbiamo esitato a 
qualificare come perdita di un occhio il suo completo annien- 
tamento funzionale, e la perizia non fu mai invalidata. 

Quando il legislatore indicò il « braccio » e la « mano » co- 
me organi la cui perdita induce a stabilire una condanna grave, 
egli certamente non voleva alludere soltanto ad essi^ giacché 
è chiaro che la « gamba » ed il « piede » hanno per lo meno 
un'importanza eguale. Citando il «braccio» e la «mano» egli 
ha voluto indicare che intendeva parlare di organi importanti, 
ed aggiungendo le parole « od un'altra qualsiasi mutilazione o 
deturpamento» ha additato nel tempo stesso il criterio in base 
al quale deve essere giudicata la perdita di altri organi equi- 
valenti. 

Per mutilazione intendiamo la perdita di una parte del 
corpo necessaria per il « complesso », senza badare se avrà o 
meno qualche conseguenza per la salute del rispettivo indivi- 
duo. La perdita del naso, di un padiglione dell'orecchio, di una 



Digitized by VjOOQIC 



152 Blnmenstok, Dottrina delle lesioni violente 

gamba, di un piede, dell'asta, dello scroto, ecc. debbono per- 
ciò essere riguardati come mutilazione nel più lato senso 
della parola. Però la legge allude soltanto alla mutilazione ap- 
pariscente, e proprio quella che risalta a prima vista air oc- 
chio. Secondo questo concetto giuridico , noi siamo autoriz- 
zati a qualificare un difetto come mutilazione appariscente 
quando esso rifletta una regione ove è visibile a tutti, malgrado 
r ordinaria abbigliatura. In questo senso deve essere caratte- 
rizzata come mutilazione appariscente la perdita del naso, di 
un padiglione deirorecchio, di una gamba o di un piede (ri- 
conoscibile già alla claudicazione), ma non già delle parti ge- 
nitali maschili o di un dito del piede. Si fa eccezione soltanto 
per la perdita di un dito, che da parecchi viene riguardata 
come mutilazione appariscente nel senso della legge, perchè 
è visibile, mentre altri con ragioni non meno valide non vo- 
gliono comprenderla in questa categoria, perchè non equiva- 
lente alla perdita degli altri sopracennati organi (braccio, mano). 
Quindi all'occorrenza spetta al giudice di risolvere codesta qui- 
stione. 

f) Deturpamento visibile. Per deturpamento s'intende una 
notevole alterazione di forma di una parte più o meno appa- 
riscente del corpo (Geyer ), oppure un'alterazione inguaribile 
di forma di una parte del corpo per cui venga prodotta un'im- 
pressione sgradita e flnanco ributtante (Li man). 

Meno calzante è la definizione di Emmerts: «un'alte- 
razione di forma che non dipende dalla perdita di una parte 
del corpo » (Friedreich's Blàtter fuv gerichtliche Medicin 
1874\ perchè stabilisce un Hmite troppo reciso fra la mutila- 
zione ed il deturpamento, mentre ci è indiflferente se qualcuno 
abbia perduto il naso od il padiglione dell'orecchiò per dichia- 
rare che trattisi di mutilazione o di deturpamento. Perchè 
quest' ultimo induca a stabilire una pena più rilevante , fa 
d'uopo che, al pari della mutilazione, sia rilevante. Il giudizio 
suir entità di un deturpamento spetta più all' ostetrico che al 
medico. Schuermayer {Lehrb. der gerichtl. Aledizin, p. 125) 
opina che soprattutto il medico debba essere al caso di giudi- 
care la bellezza delle forme maschili ; ma io credo che ogni 
uomo, specialmente se pittore o scultore, possa dare un giu- 
dizio sul proposito. Parecchi medici-legali evitano di rispondere 



Digitized by VjOOQIC 



Varie specie di lesioni violente nel senso del codice penale 153 

a cotesta domanda, e spesso hanno ragione. Nel dibattimento 
io mi sono sempre appellato al senso estetico della corte o 
dei giurati, affidando loro il giudizio su tali quistloni. Ma se il 
medico-legale fosse assolutamente invitato di rispondere ad una 
tale domanda, egli nel giudicare il deturpamento dovrà tener 
conto del sesso, dell'età, dell' occupazione, ecc. del rispettivo 
individuo. 

2) Quando il delitto abbia determinato debilitazione fisica 
permanente, una malattia inguaribile, oppure scompiglio men- 
tale senza probabilità che la salute dell' infermo si ripristini, 
ovvero permanente incaparbita al lavoro. 

a) Debilitazione fisica permanente. Malattia inguaribile. 
Comprendiamo insieme questi due criteri , perchè è difficile 
escluderli; e si può finanche dire che sono talmente identici fra 
di loro, che se ne può formare uno solo. Nel linguaggio cor- 
rente non si fa alcuna distinzione fra deterioramento fisico 
permanente e malattia inguaribile; né ci sappiamo spiegare 
perchè non si dovrebbero riunirli insieme sotto il comune cri- 
terio di « malattia inguaribile ». Ad ogni modo ci limitiamo qui 
ad additare che nel codice penale austriaco si tiene espres- 
samente parola di deterioramento permanente della salute in 
conseguenza di lesione corporale, e che per « malattia ingua- 
ribile » bisogna intendere non solo una interna , ma anche 
esterna (secondo una decisione della Corte di cassazione del 18 
ijennaio 1854). 

6) Scompiglio mentale senza probabilità di guarigione. 
Oppostamente al disturbo psichico transitorio, di cui abbiamo 
tenuto parola nel § 152, alludiamo qui a quello permanente; 
e per dichiararlo tale basta che non vi sia alcuna probabilità 
di guarigione. Ciò facilita immensamente al medico-legale, se 
non la prognosi, per lo meno il giudizio complessivo da dare 
nel rispettivo caso. Va da sé che in questi casi lo scompiglio 
mentale va inteso nel senso di vera psicopatia. 

Però spesso è difficile constatare se lo scompiglio mentale 
fu provocato dal dehtto, tanto che ben poche volte si riesce ad 
accertare se vi sia un nesso causale fra la lesione corporale e 
la psicopatia. Non ogni psicopatia, alla quale precedette una le- 
sione corporale, sta in rapporto con questa; e talflata l'alie- 
nazione mentale può essere ricondotta con certezza ad una le- 



Digitized by VjOOQIC 



154 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

sione violenta sofferta precedentemente. Ad ogni modo , per 
rispondere ad una dì queste domande ci vuole perizia ed espe- 
rienza nelle discipline psichiatriche, grande cautela nel valu- 
tare le singole circostanze, e per lo più bisogna tenere Toffeso 
lungo tempo sotfosservazione, giacché anche quando lo scom- 
piglio mentale sia stato prodotto dalla lesione corporale, esso 
non si manifesta ipso facto, ma col tempo. Allorché il medico- 
legale (che d'ordinario interviene nel primo periodo deiristrut- 
toria) scorge sintomi che più tardi si rivelano con certezza 
come fenomeni iniziali di una psicosi, quando egli anche al- 
cune settimane o mesi dopo constata altri fenomeni che av- 
valorano maggiormente la sua supposizione, e non fa hic et 
nunc diagnosi di psicosi, ma ne addita il possibile sviluppo, non 
merita alcun rimprovero. Il medico ha fatto completamente il 
suo dovere quando, in tali casi, ha accennato la possibilità che 
si stia producendo una psicosi. Spetta allora alla giustizia deci- 
dere, se il dibattimento debba essere condotto a termine, op- 
pure procrastinato per qualche tempo, e neir intervallo porre 
l'offeso sotto l'osservazione dei medici-legali. 

Per il medico-legale è importante conoscere che una psi- 
copatia può essere provocata cosi da un trauma psichico come 
meccanico (Schlager, Zeitschrift der Gesellschaft der Aerztc 
in WieHj Vili, pag. 455. —Kr aft- E b in g, Ueber die durch 
Oehirnerschùtterung wid Kopfverletzung hervorgeìntfenenpsy' 
chischen Krankheiten. Erlangen, 1868, e Bemerhungen zum 
§ 225 des deutschen Strafgesetzhuch nella Vierteljahrschrift 
fiir gerichtliche Medizin, 1894, XXI, Vol.pag. 53. — Schuele^ 
Handbuch der Geisteskrafihheiten, pag. 290), L'insulto mec- 
canico diretto può avere per conseguenza immediata l'alienazio- 
ne mentale, ed in questo caso si produce la demenza primaria. 
Oppure ad una lesione anche apparentemente leggiera del 
capo segue la psicopatia dopo settimane o mesi, e quest'in- 
tervallo sarebbe un così detto stadio prodromico, nel quale 
havvi grande eccitabilità, indebolimento della memoria, intol-. 
leranza verso le bevande alcooliche, vertigini, iperestesie, ecc. 
Nel primo caso il nesso causale é evidente, nel secondo bisogna 
dimostrare che i connati sintomi prodromici, apparsi dopo la le- 
sione corporale, si esacerbarono gradatamente, e passarono nella 
psicopatia. Inoltre al medico-legale incombe l'obbligo, in amen- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesione corporale leggiera 155 

due i casi, di constatare se il rispettivo individuo era predi- 
sposto alle psicopatie. Alcuni autori hanno ritenuto opportuno 
di qualificare come « follia traumatica » i casi della seconda 
categoria, per il quadro clinico sui generis che gli stessi pre- 
senterebbero. Però Schu eie ha rigettato la denominazione spe- 
cifica di 4c traumatic ìnsanity » degl'inglesi, perchè trova riu- 
nita in essa note cliniche, che possono essere ripartite in di- 
versi gruppi; e questa opinione è stata ultimamente ribadita 
da tre casi pubblicati da A. Pick {Prager medizinische Wo- 
chenschrift, 1879), — L'insulto meccanico può provocare una 
psicosi anche quando non agisca direttamente sul cranio, sib- 
bene sulla faccia (diffusione della flogosi, attraverso la fissura 
orbitale, alle meningi con consecutiva meninge-encefalite cro- 
nica) oppure dall'orecchio (per l'intermedio di processi irrita- 
tivi leptomeningitici ; L, Meyer, Schu eie). Una psicosi può 
inoltre seguire anche a lesioni periferiche (psicosi riflesse trau- 
matiche; Koeppe, Archiv fur klinische Medizin, VoL XIII). — 
In fine un maltrattamento può — anche per via psichica — pro- 
durre la psicopatia (ambascia, spavento, soprattutto negli at- 
tentati all'onore muUebre). 

e) Inabilitamento permanente ad esercitare il proprio uf- 
ficio ^ mestiere y professione, ecc. Nel modo stesso con cui 
nel § 152 il transitorio inabilitamento ad esercitare il proprio 
ufficio, mestiere o professione, è messo, riguardo a pena, alla 
pari del transitorio disturbo della salute, così parimenti l'ina- 
lt)ilitamento permanente è passibile della pena stabilita per la 
lesione corporale che produce una malattia inguaribile o debili- 
tazione fisica permanente. — È chiaro che anche qui può essere 
sollevata la quistione se l' inabilitamento ad esercitare l'ufficio, 
mestiere o professione sia totale o parziale. Su tale riguarda 
rimandiamo a ciò che fu detto parlando dell' inabilitamento 
transitorio al proprio mestiere. 

IH. Lesione corporale leggiera. 

Nessuno ha ancora precisato i criteri per definire se una 
lesione corporale è leggiera; ma è facile stabilirli per via di 
esclusione. Deve essere caratterizzata come leggiera qualsiasi 
lesione che non produca disturbo della salute od inabilitamento 



Digitized by VjOOQIC 



156 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

al lavoro almeno per venti giorni, che non cagioni scompiglio 
mentale o lesione di un organo o di una funzione importante. — 
Il limite fra la lesione corporale leggiera e quella grave sa- 
rebbe ben tracciato se non si presentassero talvolta casi in 
cui la lesione, pur essendo di sua natura leggiera, produce però 
conseguenze di gran rilievo. — Più difficile è la risposta alla 
domanda circa la distinzione fra un maltrattamento reale (§ 496 
del codice penale) e la lesione corporale nel vero senso della 
parola. Codesta quistione può talvolta avere una grande im- 
portanza pratica. Secondo il § 153 del codice penale, si rende 
colpevole di grave lesione corporale anche chi maltratta i prò- 
pri genitori, un prelato, un testimone od un perito nell'eser- 
cizio delle loro funzioni, o appunto a causa delle stesse, pur 
quando la lesione non abbia il carattere preveduto nel § 152. 
Quindi in tali condizioni una lesione corporale, per quanto «leg- 
giera» essa fosse, viene considerata e punita come «grave». 

Quando la lesione corporale è molto leggiera, può essere 
anche accampata la domanda se debbasi riguardarla come ta- 
le, se possa costituire un crimine nel vero senso della parola 
oppure ritenerla come equivalente di un semplice maltratta- 
mento. Crediamo che per la risposta a questa domanda siano de- 
cisivi i §§ 411 e 413 del codice penale. In essi si tiene parola 
di lesioni corporali che abbiano per lo meno prodotto segni 
e conseguenze visibili^ indi si fa una categoria per il 7nal- 
trattamento^ col quale s'intende il danno corporale per chi n'è 
stato vittima. Quindi il medico-legale ha il dritto di definire la 
lesione corporale come un maltrattamento che abbia prodotto 
segni e conseguenze visibili , e perciò ogni suggillazione od 
escoriazione originatasi per maltrattamento deve essere definita 
come lesione. 

Lo stesso dicasi della « ferita » inferta nel duello (§ 160), 
la quale è punita col carcere da 1 — 5 anni, abbia essa appor- 
tata o meno lesione corporale leggiera o grave. Però la pena 
aumenta (5-10 anni) quando dal duello ne risulti una lesione 
corporale grave « qualificata ». 

Come già abbiamo menzionato, così la lesione corporale 
leggiera come quella grave possono essere premeditate o do- 
vute à negligenza colposa. A quest'ultima si riferiscono gli ar- 
tìcoli 335, 336, 341, 342, 373, 376, 378, 380, 382, 384, 387, 389, 



Digitized by VjOOQIC 



Leslv-ne corporale leggiera 157 

391 , 392 , e 426 che fa d'uopo esaminare qui per il medico- 
legale. 

Dai sopramentovati §§ 1325 e 1326 del codice austriaco 
risulta che l'offeso può domandare un indennizzo per le spese 
che gli è costata la malattia, nonché per il danno materiale 
che ne ha riportato (essendo stato inabilitato per un certo 
tempo ad accudire al proprio ufficio, mestiere, professione, ecc.). 
Se una donna in conseguenza della lesione corporale ha ri- 
portato un deturpamento , essa può pretendere pure un in- 
dennizzo speciale, e perciò anche su tale riguardo il parere del 
medico-legale ha un' importanza decisiva. 

Quando i periti hanno esaminato l'offeso, e descritto esat- 
tamente le alterazioni che osservarono , debbono — a tenore 
del § 132 del codice di procedura penale — dichiarare: 

a) « quale delle lesioni corporali è da se sola, oppure in- 
sieme alle altre, leggiera, grave o pericolosa per la vita. Inoltre 
dovranno anche dire se la lesione è grave ex se o per le pe- 
culiari circostanze esistenti nel dato caso. 

Le parole ex se vengono d'ordinario falsamente interpre- 
tate, giacché non vengono utilizzate in nesso colle spiegazioni 
che andremo a dare. Così sorse l'erroneo concetto che vi fosse 
una lesione corporale leggiera ex se ed una grave ex se , ed 
esso arrecò non pochi fastidi ai medici legali. 

Ma prendendo queste parole in complesso e nel loro si- 
gnificato naturale , e proprio nel senso a cui si è ispirato il 
legislatore nel dettarle , riesce agevole comprenderle. Esse 
però acquistano un' importanza pratica nel solo caso in cui 
molte persone abbiano partecipato al misfatto. Quando , cioè, 
sopra un individuo si rinvengano molte lesioni corporali, può 
darsi che ciascuna di esse sia grave, ed in tal caso ciascuno 
dei correi è dichiarato colpevole di un reato previsto dal § 157 
del codice penale, e viene punito a tenore dei §§ 154-156. Può 
darsi, però, che una o parecchie lesioni vengano riconosciute 
come gravi, e le altre leggiere ; ed in questo caso il giudice 
indaga in base alle deposizioni dell'offeso o dei testimoni, 
e tenendo conto degl'istrumenti impiegati per la lesione vio- 
lenta. Ovvero può darsi che non si riesca a constatare chi 
abbia inferta la lesione corporale grave, oppure che questa 
sia grave per la molteplicità delle lesioni o maltrattamenti 



Digitized by VjOOQIC 



158 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

inferii da parecchi. In questi casi, giusta Tarticolo 157 del co- 
-dice penale , debbono rispondere del reato di grave lesione 
corporale tutti quelli che inveirono contro T offeso; ma la 
pena è il carcere da sei mesi ad un anno. Però ad ogni me- 
dico-legale è noto per esperienza che sono frequentissimi i 
casi in cui sopra una persona si constatarono molte lesioni 
corporali gravi, oppure — insieme a quelle gravi — anche pa- 
recchie le^^giere. Soltanto eccezionalmente si presentano casi 
nei quali vi sono molte lesioni corporali, ciascuna delle quali 
è leggiera, ma nel loro assieme producono disturbo della sa- 
lute od inabilitamento al mestiere almeno per 20 giorni, e 
quindi la lesione corporale è « grave » soltanto per il « com- 
plesso » delle lesioni « leggiere ». Così, per es., una ferita del 
capo che non si colleghi a lesione del periostio, viene carat- 
terizzata «leggiera». Ma se sul capo vi sono molte di queste fe- 
rite, r emorragia può assumere un carattere grave, e la gua- 
rigione richiedere un tempo maggiore. 

Negl'individui giovani, delicati e deboli può accadere che 
molti fendenti, i quali in altre persone di costituzione robusta 
non produrrebbero che leggiere suggillazioni , comprometta- 
no per lungo tempo la loro salute. Poiché la legge parla 
espressamente di effetto complessivo di « lesioni o maltratta- 
menti corporali » , essa riconosce che flnanco le lesioni più 
leggiere , che isolatamente potrebbero essere ritenute come 
semplici maltrattamenti, quando sono in gran numero possono 
nel loro effetto complessivo equivalere ad una lesione corpo- 
rale « grave ». 

La legge, inoltre, tiene anche parola di lesioni corporali 
assolutamente gravi, nonché di quelle gravi per le speciali cir- 
costanze del caso. Questo passo ha prodotto molti equivoci nella 
pratica, in quanto che si é creduto che si potesse tener parola di 
lesione « assolutamente grave », oppure « assolutamente leggie- 
ra »; ma queste espressioni non sono che pleonasmi puri e sem- 
plici, una lesione non potendo essere che leggiera o grave, 
e la parola « assolutamente » acquista qualche valore soltanto 
quando la si pone in rapporto colle « speciali circostanze ». In 
a Uri termini il legislatore ha voluto dire, che una lesione cor- 
porale leggiera in «circostanze speciali» può divenire grave, 
e flnanco porre la vita in pericolo. Queste « circostanze spe- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioue corporale leggiera 159 

-ciali > sono da ricercare nella costituzione fìsica deirofFeso op- 
pure in condizioni estrinseche. 

Un miope ricevette uno schiaffo nella regione dell'occhio sini- 
stro. L'esame fece rilevare lieve stravaso emorragico nel corpo vi- 
treo e scollamento della retina. Sul nesso causale non poteva esservi 
alcun dubbio, ma i medici-legali nel loro parere affermarono che la 
grave lesione corporale si era verificata in un individuo predispo- 
sto in alto grado alle emorragie retiniche. 

Un infermiere appioppò ad un alienato un pugno nelle costole. 
Air esame si constatò per alcuni giorni una leggiera suggillazione 
sulla cassa toracica ; però tre costole erano fratturate. La lesione 
veune qualificata « grave » ; però nel tempo stesso i medici-legali 
fecero rilevare che i psicopatici per osteomalacia sono predisposti 
alle fratture delle costole, e che perciò tale accidente sopravvenuto 
a quesf infermo non dimostra che fu impiegata nel pugno dato una 
forza rilevante (vedi Gudden: Ueber Rippenbriiche bei Geisteskranhen, 
Archiv far Psychiatrie II, pag, 682-69.2). 

Un uomo a 60 anni si ubbriaco ed attaccò briga, nella quale ri- 
cevette alcune percosse alle costole. Condotto fuori dell'osteria, poco 
dopo cadde a terra, e durante un' umida nottata d'inverno rimase 
per molte ore sdraiato sul suolo. Condotto a casa al mattino , si 
pose subito a letto. Alcuni giorni dopo furono constatate pulmonite 
a destra ed alcune suggillazioni sulla corrispondente metà del petto. 
I medici-legali dichiararono che si trattava di lesione corporale gra- 
ve, avvenuta in circostanze speciali (ebbrezza, infreddatura). 

Un giovine ebbe un fendente sul capo. Si recò subito all'ospe- 
dale, ove fu constatata una ferita superficiale con mediocre emor- 
ragia. Dopo sei giorni apparve l'erisipela sul capo e sulla faccia. I 
medici-legali affermarono che si trattava di lesione grave perchè 
era sopravvenuta l'erisipela. 

Qualunque sieno le cause (estrinseche od intrinseche al- 
Torganismo) per cui una lesione è divenuta grave, essa viene 
sempre incriminata come «offesa corporale grave». Però quando 
all'aggravamento concorsero cause intrinseche od estrinseche, 
si applicano le circostanze attenuanti. Per lunga esperienza 
personale io posso aflFermare, che nella pratica forense molto 
di rado avviene che il medico-legale è invitato a pronunziarsi 
davanti al giudice sulla esistenza o meno di siffatte cause in- 
trinseche od estrinseche all'organismo. E pare che anche i giù 
risti si sieno convinti che è superfluo tener parola di « speciali 



Digitized by VjOOQIC 



162 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

menzione della « lesione corporale grave >, è chiaro però che 
alla stessa si allude. Dal contenuto degli articoli 227 e 229 
risulta che ciascuna delle conseguenze ivi conteraplate co- 
stituisce il dato per giudicare se trattisi di lesione corporale 
grave. In complesso questi criterii, che ora ci accingiamo ad 
esaminare, sono pressoché analoghi a quelli che esponemmo 
quando accennammo alla grave offesa corporale qualificata, se- 
condo il § 156 del codice penale austriaco. Però nell'articolo 
224 del codice penale germanico codesto criterio è espresso più 
chiaramente, giacché mentre nell'articolo 156 viene presupposto 
un « delitto » seguito dalle connate conseguenze « permanenti », 
nel codice penale germanico si tiene parola esclusivamente di 
«lesione corporale violenta», la quale diviene grave allorché 
ha prodotto uno dei danni permanenti, che qui saranno ben- 
tosto menzionati. 

Ij Perdita di un membro importante del corpo. 

Questo concetto è controvertibile. In fatti si può non solo 
accampare la domanda quali sono i membri del corpo che deb- 
bano ritenersi come importanti^ ma anche ciò che debba inten- 
dersi in generale per «membro del corpo». I giuristi lasciano 
ai medici il compito di risolvere la prima di codeste quistioni, 
nella quale, secondo il parere dei più, bisogna lasciarsi gui- 
dare da criterii generali e non già particolari, e quindi non la- 
sciarsi influenzare da considerazioni relativamente al mestiere, 
alla condizione civile, od altre condizioni personali dell'offeso 
(Schwarze, Commentar ziim St O. B. fur das deutsche Reich, 
Leipzig^ 1873, pag. 526). Però Liman {Haìidbuch Lpag. 305) 
giustamente si oppone a questa opinione, ed il suo modo di ve- 
dere é condiviso da Skrzeczka {Bemerkungen zum § 224 dcs 
deutschen St G, B. YierteljahrschHft far geHchliche Medicin, 
Voi. XVIT. pag. 251), il quale ritiene che quando il medico-le- 
gale ha da emettere un giudizio sulla importanza di un membro 
del corpo, deve assolutamente tener conto del mestiere, ufficio 
o professione deir offeso. 

Alla seconda domanda Skrzeczka risponde, che in base 
alla nomenclatura anatomica ed al linguaggio corrente (che in 
questo caso sono identici fra loro) bisogna intendere come 



Digitized by VjOOQIC 



Perdita del potere visivo ad uno o ad ambedue gli occhi 163 

memb^n del corpo soltanto le braccia, le gambe, le mani, i 
piedi, e le dita delle mani e dei piedi, e non già il naso, To- 
recchio, ovvero una falange delle dita, perchè queste a stretto 
rigor di termine non sono membri del corpo, ma soltanto parti 
di essi. Che questa interpretazione non possa avere un valore 
generale risulta già dal fatto, che il legislatore austriaco (nel 
progetto del nuovo codice penale) si è allontanato dal linguag- 
gio corrente, nel senso che non annovera le dita della mano 
e dei piedi fra gli organi importanti. Oppostamente a ciò, molti 
medici ritengono che le falangi delle dita della mano e dei 
piedi sieno organi importanti, perchè la perdita di uno di essi 
può inabilitare qualche individuo ad esercitare il suo mestiere. 

Ed è controversa pure Pentita da annettere alla parola 
« perdita ». Poiché air individuo è abbastanza indifferente se 
Tarto egli l'abbia perduto completamente (per es. colPamputa- 
zione) oppure se fu messo fuori stato di funzionare (per paralisi, 
anchilosi), parecchi commentatori (Schwarze) portano opi- 
nione che si possa ammettere la, perdita dell'arto anche quando 
un membro non asportato dal corpo perdette tutta Fattività fun- 
zionale, mentre altri (come Geyer, Gerichtssaal, 1874, Heft 4) 
sono di parere opposto. Quindi il medico deve nel caso concreto 
dimostrare che un arto andò perduto oppure fu messo fuori 
stato di funzionare, ed affidare alla corte di giudicare se l'abo- 
lizione funzionale di un membro equivalga alla sua perdita. 

Però quando un articolo di legge composto di poche pa- 
role può essere suscettibile di tante controversie, bisogna con- 
venire che è scelto male, e quindi dovrebbe essere sostituito 
da altro più chiaro. Perciò crediamo di poter raccomandare la 
definizione proposta da Geyer, la quale elimina ogni equivoco, 
e corrisponde esattamente alle esigenze della medicina-legale. 
Essa stabilisce che si debba ritenere la perdita di un membro 
del corpo «quando un braccio, una mano, una gamba od un 
piede subirono permanente annientamento funzionale»,. 

2) Perdita del potere visivo ad uno o ad ambedue gli occhi. 

Il codice penale tedesco pone fine a tutte quelle obbiezioni 
« controversie che, come abbiamo detto, erano state suscitate 
per le parole contenute nel codice penale austriaco: « perdita 



Digitized by VjOOQIC 



164 BJumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

o indebolimento permanente della vista, perdita di un occhio »► 
Il codice penale tedesco non tiene parola di perdita di lift 
occhdo^ o di indebolimento permanente della vista, ma stabi- 
lisce espressamente due conseguenze , cioè la perdita del po- 
tere visivo ad uno o ad amendue gli occhi* Nel senso di 
codesto codice è riconosciuta la completa perdita del potere 
visivo ad uno o ad amendue gli occhi, sia alterata o meno la 
forma di uno o dei due bulbi oculari. A giudicare dalle mie 
osservazioni, i casi che più frequentemente occorrono nella 
pratica forense sono quelli in cui & seguito di una lesione 
violenta è annientato il potere visivo di un occhio, senza che 
il bulbo venga menomamente deformato. La perdita del potere 
visivo è la cecità, e quindi P annientamento non solo della 
sensazione luminosa qualitativa, ma anche di quella quantita- 
tiva. In fatti, un occhio il cui potere visivo si riduce, tutto al 
pili, a distinguere la luce dalle tenebre non vale molto, ed un 
individuo che abbia i due occhi in tale stato equivale ad un 
cieco, per ciò che concerne la capacità di poter accudire al 
suo ufficio, mestiere o professione. — A tenore di questi arti- 
coli (li legge, il medico-legale non è più costretto, senza alcuna 
necessità, di cacciarsi in quel ginepraio che si addimanda que- 
stione relativa diìVindebolimento della vista. Egli non deve fare 
altro che dichiarare se vi sia perdita completa del potere vi- 
sivo, e lasciare alla giustizia il compito di giudicare se — nel 
caso di residuo di potere visivo — siano da applicarsi le at- 
tenuanti a favore dell'accusato. Va da sé, che nel codice penale 
tedesco i diversi gradi iVindebolimento della vista non possono 
essere annoverati fra le gravi lesioni, il che, come vedremo 
più tardi, non deve essere inteso nel senso che in questo codice 
non sia stato tenuto debitamente conto dei gravi danni che ap- 
porta una tale lesione corporale. 

3) Perdita deirudito. 

È evidente che qui s'intende la perdita dell'udito ad amea- 
due gli orecchi, giacché ad un solo non costituisce, secondo 
il codice penale tedesco, una grave lesione. Come per la perdita 
del potere visivo, il medico-legale deve interpretare come per- 
dita dell'udito soltanto la sordità completa. Secondo questo co- 



Digitized by VjOOQIC I 



DebiiitameDte fisico permanente 165 

■dice, rindebolimento dell'udito non costituisce una lesione cor- 
porale «grave». Per ciò che concerne i limiti «insicuri» fra 
rindebolimento in alto grado dell'udito e la sua perdita com- 
pleta, rimandiamo a ciò che è stato detto a proposito dell'occhio. 

4) Perdita della favella. 

Neppure per questa il codice penale tedesco tiene parola 
■d'indebolimento. 

5) Perdita della capacità di generare. 

6) Deformità permanente in grado rilevante. 

Su questi due criteri nulla abbiamo da aggiungere a ciò 
<5he dicemmo quando tenemmo parola del codice penale au- 
striaco. È ben chiaro che la deformità persistente ed in alto 
grado è identica al deturpamento in alto grado. 

7} Debililamento fisico permanente. 

La differenza che — nel criterio da annettere a questa espres- 
sione — havvi fra il codice penale germanico e l'austriaco con- 
-siste in ciò : in quest' ultimo è stata tolta la parola « perma- 
nente » , il che ha dato luogo a molti equivoci nella pratica 
forense, ed è stato causa di vivaci dispute fra medici e giuri- 
sti. Liman definisce il deperimento fisico come disturbo gene- 
rale permanente y inguaribile^ sia corporeo, sia psichico, che 
-esaurisce chi n' è aftetto, e lo rende persistentemente debole, 
malaticcio, completamente od in parte inabile al lavoro ». Que- 
lita definizione , colla quale si accorda abbastanza quella di 
Skrzeczka {loc. cit pag. 255\ è inoppugnabile dal punto di 
vista della Medicina, e fu molte volte attaccata dai giuristi 
<Geyer), secondo i quali si dovrebbe anzitutto eliminare da 
questa categoria il disturbo psichico , perchè la legge — se- 
condo essi — ha tenuto presente per questi casi soltanto il de- 
perimento fisico, mentre dei disturbi mentali ne ha fatta una 
categoria a parte. 

Ma avendo il codice austriaco soppressa la qualifica « per- 



Digitized by VjOOQIC 



166 Blumenstok, Dottrina delle legioni violente 

manente ì>, appunto perchè «rinfermità cronica presuppone una 
lunga durata», ne fu tratta la conclusione, che a sensi del § 
224 lo stato valetudinario può non essere inguaribile, ed av- 
valora ciò col parere di una società medica della Sassonia, la 
quale stabilisce che si dovrebbe ritenere in ultima analisi che 
qui non trattasi di altro che di uno stato patologico cronico. 

Secondo questo concetto si dovrebbe ritenere còme debili- 
tazione fisica qualsiasi malattia cotTporale grave ^ generale e 
di lunga durata; e noi non avremmo nulla da obbiettare contro 
questa interpretazione, perchè non possiamo contestare al le- 
gislatore il diritto di annoverare questo stato patologico, con- 
seguenza di una lesione corporale, fra i criterii del § 224. Ma 
anche ammesso che questo concetto sia esatto, ne risulta per 
il medico-legale una nuova difficoltà quando deve rispondere 
alla domanda: quale gravezza e durata deve aver raggiunto» 
il disturbo fisico generale acciò possa essere riguardato — nel 
senso della legge — come debilitazione fisica ? 

Skrzeczka afferma giustamente che, prescindendo dal di- 
sturbo della salute e dalla incapacità al lavoro, bisogna tener 
conto soprattutto della gravezza dello stato patologico nonché 
del danno che ne ridonda all'infermo per il tenore di vita ed 
i rapporti coi convivi. E noi ci associamo pienamente al suo» 
parere , che non è la perdita della gamba ma la cronica af- 
fezione delle ossa o dell'articolazione tibiale, prodotta dalla 
lesione violenta, che debbono essere riguardate come debili- 
tazione fisica in conseguenza della lesione corporale sofferta. 
Così per es. il prolasso dell'utero oppure un'ernia addominale 
possono non determinare il marasma; però rientrerebbero in 
questa categoria le croniche metriti dovute al prolasso dell'u- 
tero, l'epilessia, l'avvelenamento cronico^ l' infezione sifilitica. 
Sarebbe però permesso affermare che nei limiti della definizione 
data da Skrzeczka non vi sia posto sufficiente per opinioni 
opposte, e che i casi da lui riportati vengano interpretati nello 
stesso modo, e non altrimenti da tutti i medici? 

Noi riteniamo in vece come indubitato, che nei limiti della 
sua definizione possono farsi strada anche concetti diametral- 
mente opposti a quelli da lui accampati (vedi Mair, das Strafa 
gesetzbuch fùr das deutsche Reich nei FriedrericìC s Blàtter 
fur gerichtliche Medizin., 1874. pag. 185). Cosi per es. è- 



Digitized by VjOOQIC 



Paralisi in cooseguenza della lesione corporale 167 

diflflcile decidere quando un epilettico debba essere-ritenuto come 
affetto da debilìtamento fisico, giacché può darsi che gli ac- 
cessi si producano a lunghi intervalli. — Quindi il concetto che 
nel codice penale gerinanico viene attribuito all'espressione 
€, debilitamento fisico » può dar luogo a vivaci dispute nella 
pratica forense. Né si può affermare che brilli per esattezza più 
di quello espresso nel codice penale austriaco sotto le espres- 
sioni « debilitamento fisico permanente, malattia inguaribile ». 

8) Paralisi in conseguenza della lesione corporale. 

L'espressione < paralisi » é scelta molto male. Giustamente 
Li man {Handbuch /, pag, 3 12) e Holtzendorff {Handbuch 
des deutschen Strafrechts^ III, pag. 482) fanno rilevare che in 
essa non é bene espresso se trattandosi di paralisi questa debba 
essere completa, oppure se basti l'impedimento funzionale di 
una qualche parte del corpo e quale essa debba essere. In vero, 
la deputazione scientifica a Berlino (von Langenbeck) sta- 
bilì che il completo inutilizzamento di una mano, a seguito di 
produzione cicatriziale e contrattura, debba essere riguardato 
come paralisi nel senso del § 224 {Vierteljahresschrift fur gè- 
richtliche Med,, 1872, XVI, pag, i), perchè definisce quest'ul- 
tima come «incapacità ad usare un dato apparecchio motore 
del corpo per quei movimenti che gli sono devoluti dalla na- 
tura» . . . , «vuoi che l'impedimento al movimento sia prodotto 
da disturbo degli organi centrali, vuoi che sia dovuto ad alte- 
razione periferica. Questo concetto stabilito dalla deputazione 
scientifica é troppo lato, e quindi comprendiamo agevolmente 
perché Li man {loc. cit)^ Hofmann {loc, cit) e la maggior 
parte dei medici-legali non hanno voluto ammetterlo. Sull'argo- 
mento ricordiamo pure che in una società locale di medici fu 
espresso il desiderio che la Baviera proponesse alla Dieta del- 
l'Impero germanico di studiare meglio l'interpretazione da dare 
al § 224 e, occorrendo, sostituirlo con altro più calzante, non 
potendo il summentovato parere della deputazione scientifica 
imporre lo stesso concetto a chi ha un'idea più ristretta della 
paralisi {Friedreich's Blàtter, 1872, pag. 395), Quando i giure- 
consulti affermano che essi debbono ammettere che trattisi di 
paralisi, qualunque ne sia l'efficienza patologica, questo poco 



Digitized by VjOOQIC 



163 B 1 u m e n 8 1 o k. Dottrina delle iosioni Yioiente 

importando all'individuo che è paralizzato, e quando assicurano 
che la definizione della deputazione scientifica di Berlino cor- 
risponde allo spirito della legge ( Geyer neirHoltzendorff's 
Handbuchy III, pag. 541), hanno pro*babilmente ragione. Ma 
nulla havvi da obbiettare contro il medico, quando egli afferma 
che ha il convincimento scientifico che alla paralisi non si possa 
dare un concetto così lato come quello espresso daSkrzeczka. 
Ad ogni modo è giustificato il desiderio che la legge formuli 
meglio il concetto da attribuire alla paralisi, bastando il fatto che 
essa si presta a commenti ed interpretazioni troppo differenti, 
per far comprendere che non si fu molto felici nella sua scelta. 

È d'uopo anco prendere in considerazione, che l'incapacità 
funzionale di un determinato apparecchio motore del corpo può 
durare a lungo, ma essere guaribile oppure inguaribile. La leg- 
ge non dice nulla su tale proposito, non esprime quale specie 
di paralisi si è tenuta presente nel formulare il relativo arti- 
colo. Alcuni giuristi (Geyer, loc. ciL) riiengono che anche la 
paralisi guaribile corrisponda al concetto espresso dalla legge, 
e che soltanto quella inguaribile sia equivalente, nel vero senso 
della parola, alla perdita di una parte del corpo. Il medico-legale 
non può, davanti alla corte, ingolfarsi nell'interpretazione della 
legge; egli ha compiuto il suo dovere quando ha constatata la 
paralisi. Può anche pronunziarsi sulla prognosi, nel caso che 
venga interpellato sul proposito , affidando il resto alla corte. 

In ultimo ci sarebbe qui da accampare la domanda: quali 
sono le parti del corpo che debbono essere paralizzate, perchè 
si possa tenere parola di una paralisi nel senso che la legge 
vi annette? Basta la paralisi di alcuni muscoli, oppure deb- 
bono essere paralizzati interi gruppi muscolari, membra o parti 
del corpo? Skrzeczka nel suo lavoro ha passato in rivista 
tutti gli apparecchi motori, e qualifica l'incapacità funzionale 
di alcuni di essi (però in senso lato) come deformità (paralisi 
dei muscoli della faccia, strabismo), mentre per altri ammette 
la paralisi (anchilosi dell'articolazione del mascellare inferiore) 
oppure la così detta debilitazione permanente (paralisi dei co- 
strittori della vescica e dell'ano), ecc. Questa classificazione ar- 
tificiale non può essere accettata dai medici. Noi la riteniamo 
come superflua, giacché basta riflettere un poco sopra i singoli 
criteri espressi nel § 225 per far comprendere al medico -legale, 



Digitized by VjOOQIC 



Psicopatia come conseguenza della lesione violenta 169 

che il legislatore non poteva riguardare la paralisi di un solo 
muscolo di una parte fra le meno importanti del corpo (per es. 
la paralisi di un muscolo dell' occhio o l'inutilizzamento di un 
dito) come equivalente di debilitazione permanente o di psico- 
patia ecc. Quindi egli poteva alludere soltanto a quelle paralisi 
di parti estese e molto importanti del corpo, le quali per entità 
equivalgono alla debilitazione fìsica permanente oppure sono qua- 
si identiche alla stessa. La paralisi dei costrittori della vescica 
e del retto può indubbiamente essere compresa nel gruppo dei 
casi in cui si parla di paralisi come conseguenza della lesione 
corporale, in quanto che per lo più è di origine centrale, e ha 
per conseguenza deperimento generale dell'organismo e Tinca- 
paci tà al lavoro. 

9) Psicopatia come conseguenza della lesione violenta. 

I giuristi (Oppenhoff, Schwarze, Geyer) vanno di 
accordo nel ritenere che la persistenza di una psicopatia, pro- 
veniente da una lesione corporale, fa rubricare questa nella 
categoria delle « lesioni corporali gravi >; ma che nel caso di 
stordimento momentaneo, di leggiero indebolimento della memo- 
ria, ecc., non trattisi di una psicopatia strictu Hgore. Da parte 
dei medici non havvi nulla ad obbiettare contro l'opinione dei 
giuristi che una psicopatia, anche se guaribile, costituisce una 
grave affezione (pur prescindendo da che non è affatto impro- 
babile che si produca una recidiva). Un individuo colpito da psi- 
copatia subisce non soltanto materialmente ma anche moral- 
mente un danno superiore a chi ha sofferto soltanto una grave 
malattia fisica. Tuttoché il codice penale dell' impero germa- 
nico tenga soltanto parola di « psicopatia >, noi ci associamo 
allo spirito a cui è informato, e ciò per un duplice motivo: 
anzitutto perchè riteniamo l'espressione «psicopatia» piìi adatta 
e calzante dello « scompiglio mentale » di cui si parla nel co- 
dice penale austriaco, ed in secondo luogo perchè sopprimendo 
tutte le lunghe discussioni che potrebbero annodarsi alla « pos- 
sibilità del ripristinamento delle facoltà mentali », libera il me- 
dico dall'ingrato e penoso compito di pronunziarsi sul corso 
che avrà il disturbo mentale in questo o quel caso , compito 
che è tanto più difficile e pieno di grave responsabilità , in 



Digitized by VjOOQIC 



170 BlumeoBtok, Dottrina delie lesioni violente 

quanto che si tratta di stabilire la prognosi al principio della 
malattia (durante l'istruttoria o nel dibattimento), cioè in un pe- 
riodo in cui è difficilissimo emetterla, la quale prognosi può^ 
essere allora decisiva per stabilire la pena. 

La lesione corporale grave la troviamo menzionata non 
solo nel § 224, ma anche nel § 221 (abbandono colposo di per- 
sone che si aveva Tobbligo di tutelare), nel § 277 (rissa), nel 
§ 229 (avvelenamento) nel § 239 (privazione della libertà), nel 
§ 251 (rapina), nel § 351 (danneggiamento di mezzi di trasporto), 
nel § 321 (distruzione di opere idrauliche), e nel § 740 (lesione 
corporale inferta da persona addetta a pubblici uffici). 

Paragonando , i dati stabiliti dal codice penale dell'impero 
germanico sulla lesione corporale con i consimili del codice 
penale austriaco , constatiamo che nel primo il concetto giu- 
ridico è in generale molto più preciso , e per estensione e- 
quivale a quello del § 156 del secondo. La pena corrisponde 
quasi a quella che nel § 155 del codice penale austriaco è 
stabilita contro la lesione corporale grave « qualificata » , e 
raggiunge il grado della pena sancita nel § 156 (5—10 anni) 
allorché deliberatamente fu prodotta una delle conseguenze 
contemplate nel § 224. Da ciò risulta che nel codice penalo 
dell'impero germanico la pena è meno grave di quella stabilita 
nel codice penale austriaco. Ciò che in quest' ultimo è con- 
dannato come semplice voluntas peccandi , è passibile della 
stessa pena nel codice penale germanico quando l'intenzione 
fu tradotta realmente in atto. Ora , è agevole comprendere 
che ben di rado si può constatare se Tizio e Mevio avevano 
anticipatamente , prima di attaccare briga con Cajo, l' inten- 
zione di privarlo di un organo importante : della vista, dell'u- 
dito, ecc. Soltanto in casi eccezionali può il risultato speciale 
far rilevare direttamente quale obbiettivo si ebbe nel delin- 
quere, per es. quando un uomo per gelosia versi sul volto della 
sua amante acido solforico concentrato per sfregiarle il viso, 
oppure allorché qualcuno recida ad un uomo l'asta (come nel 
caso riferito da Hofmann) o lo castra per renderlo incapace 
a procreare (nel codice penale francese è contemplato il delitto 
della castrazione; articolo 316). Ma in generale questa circo- 
stanza aggravante solo di rado ha un'importanza pratica, e più 
di rado ancora richiede l'intervento del medico-legale. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesione corporale qualificata 171 

II. Lesione corporale qualificata (§ 223 a). 

Per lo passato nel codice penale tedesco si teneva soltanto 
parola di lesione corporale grave e leggiera. Ma sia perchè 
la pena stabilita contro quesf ultima era mite (§ 323), sia per- 
chè l'azione giudiziaria poteva essere intentata soltanto a ri- 
chiesta della parte offesa, si dovette ritornare all'antico sistema,, 
che divideva le lesioni corporali in tre categorie {Meves, die 
Stì^afgesetznovelle vom 26 fehruar 1876, Ey^langen 1876 ^ pa- 
r/ina 343-348), per cui fu intercalato un nuovo articolo (§ 223 a)y 
secondo il quale così nella lesione corporale leggiera (in taluni 
casi che vengono ben precisati) come in quella grave si può 
intentare il processo direttamente dalle autorità giudiziarie, e^ 
la pena stabilita per tali reati non è inferiore a due mesi di 
carcere. Quattro sono i fattori, desunti dal modo come fu com- 
messo il reato, che concorrono a «qualificarlo»^ e ciascuno 
di essi basta a stabilire la qualifica. Il fattore principale preso 
in considerazione dal legislatore per la « qualifica », non è la 
gravezza della lesione, e neppure le sue conseguenze, sì bene 
il modo speciale con cui fu perpetrato il reato (Meves). Co- 
desti fattori sono: 1) la perpetrazione della lesione corporale 
con un'arma, specie con un coltello o con un altro istrumento 
pericoloso; 2) l'aggressione proditoria; 3) l'intervento di molti, 
e 4) un maltrattamento corporale di tale natura da porre la 
vita in pericolo. Al medico-legale interessano soltanto i fattori 
1 e 4. Sul 3.'' ritorneremo a parlare in un'altra occasione. 

1. Lesione corporale con un'arma, ecc. Per arma non 
s' intende qui nel senso tecnico soltanto un' arma a fuoco ^ 
da punta o da taglio, ma qualsiasi istrumento pericoloso, nel 
senso che vi annette 1' ordinario linguaggio. Questo concetto 
viene commentato dal legislatore soprattutto con due esempi\ 
quando dice «un coltello od un altro istrumento pericoloso». 
Perciò si allude, in generale, a tutti gli oggetti che, adoperati 
per offesa o per difesa, possono provocare lesioni corporali 
più meno gravi, come: falce, randello, bottiglie, bicchieri, 
chiavi, ecc. (Meves). Questo concetto ha il pregio della chia- 
rezza e della semplicità rispetto a quello nel § 155 del co- 
dice penale austriaco. Anzi, secondo lo spirito di quesf ultimo 



Digitized by VjOOQIC 



172 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

codice 5 la giustizia non deve indagare quale fu V istrumento 
usato, e se fu adibito in modo da implicare pericolo di vita. Né 
crediamo di esagerare ammettendo che — secondo lo spirito di 
quest'articolo di legge — sarebbe del tutto inutile interpellare 
il medico-legale circa l'entità micidiale dell'arma usata, giacché 
si suppone che il giudice al pari del medico deve sapere che 
la falce, Tascia, il coltello, ecc. sono istrumenti pericolosi. Quin- 
di, sempre restando nell'esame di quest'articolo di legge, il me- 
dico non dovrebbe essere tenuto a pronunziarsi sul grado del 
pericolo inerente all'uso di questa o di quell'arma. Ma tutto ciò 
implica l'inconveniente, che quando il medico fosse invitato a 
dare — in un caso speciale — il parere su tale proposito , gli 
manca qualsiasi norma a cui attenersi per fondare il giudizio, 
quando il legislatore che ha formulato questi articoli di legge, 
non ha voluto tener conto del modo e delle circostanze in cui 
fu adoperata un' arma. 

Quindi basterebbe indicare — secondo lo spirito di quest'ar- 
ticolo di legge — che fu adoperato un istrumento pericoloso, 
supponendosi che il giudice nel caso concreto saprà regolarsi 
per la pena da stabilire. 

2. Più importante è per il medico-legale il passo: « quando 
la lesione corporale fu inferta in modo da porre la vita in 
pericolo », poiché — come fu spiegato da S eh warze*— relatore 
della Commissione del Reicfistag — «questa contingenza esiste 
allorquando l'attore nell'inferire la lesione corporale procedette 
in modo che, a detta del medico, fu messa in pericolo la vita del- 
l'offeso, e quindi é assolutamente richiesto l'intervento in causa 
del medico-legale. E l'interpretazione fatta da persona compe- 
tente di questo passo, fa rilevare che l'articolo di legge è appli- 
cabile nel solo caso in cui la lesione corporale pose realmente 
la vita in pericolo, e non quando poteva implicare questo pe- 
ricolo. Poco importa che il pericolo fosse prossimo o remoto, 
che la lesione fosso interna od esterna, che l'attore avesse o 
meno il proponimento di inferire una lesione corporale grave, 
quindi una percossa che determini una commozione cerebrale 
dell'offeso, sarebbe sufficiente — secondo il passo testé citato — 
per far rubricare il delitto in questa categoria (M e v e s). Da ciò 
risulta che il compito del perito non è molto difficile; in fatti 
^gli non deve scervellarsi per esaminare i mezzi ed il modo eoa 



Digitized by VjOOQIC 



Lesione corporale leggiera 173 

cui fu prodotta la lesione corporale, ma limitarsi a constatare se 
questa era di natura tale da porre la vita in pericolo. Ond' è 
che il medico-legale in Germania deve in questi casi procedere 
analogamente a quello austriaco rispetto all'art. 105, ed al sue 
criterio è affidato di decidere in quali casi la lesione corporale 
implichi realmente pericolo di vita. 

IH. Lesione corporale leggiera (§ 223). 

Secondo il codice penale tedesco bisogna definire come 
lesione corporale leggiera qualsiasi maltrattamento corporale 
o disturbo della salute , al quale non sia applicabile nessune 
dei criteri enumerati nel § 224, e che non fu commesso in 
nessuno dei modi indicati nel § 223. Di ciò si fa espressamente 
menzione non nel § 223, ma nei §§ 232 e 233. Per questi casi 
razione penale viene intentata non dall'autorità, ma a richiesta 
della parte civile, tranne il caso che vi sia stata trasgressione 
di obbligo nell'esercizio del proprio ufficio, mestiere o profes- 
sione (§ 232); la pena è allora del carcere fino a tre anni, op- 
pure la multa fino a 1000 marchi (nel solo caso in cui la lesione 
corporale leggiera fu inferta a parenti della linea ascendente è 
esclusa la multa, e la pena è il carcere non inferiore ad un 
mese). Quindi il campo della lesione corporale leggiera è molte 
ampio, ma ben delimitato: incomincia da un lievissimo maltrat- 
tamento corporale o disturbo della salute, e perviene fino alle 
conseguenze gravi e permanenti dell'offesa corporale. Quande 
vi concorrono circostanze aggravanti (enumerate nel § 223 a) 
la pena è maggiore, e non può essere al di sotto di due mesi 
di carcere. 

Da tutto ciò risulta che nel codice penale tedesco la le- 
sione corporale « leggiera » abbraccia una sfera molto vasta» 
per cui si è ristretta quella della lesione corporale « grave ». 
Ciò spiega perchè molti casi, che per lo passato erano quali- 
ficati come « gravi », vengono ora annoverati nella categoria 
delle lesioni corporali «leggiero. Il medico- legale germanico, 
ed oggi anche l'austriaco, abituati alle leggi dell'antico codice, 
mal si adattano a qualificare come lesione corporale leggiera 
le lesioni violente di una grande entità, come per es. le frat- 
ture del cranio, le ferite del cervello, o— come Liman [Hand- 



Digitized by VjOOQIC 



174 Blumenstok, Dottrina delle legioni violente 

buch I, pag. 302) adduce— le ferite penetranti del petto, del- 
Taddome o degl'intestini, la scottatura della bocca con acido 
solforico, l'afasia traumatica, ecc., soltanto perchè ebbero un 
•decorso leggiero. 

Su tale riguardo dobbiamo prendere in considerazione due 
<jose : anzitutto che il legislatore ha il dritto incontestabile di 
«tabiHre con concetti propri i criteri della grave lesione cor- 
porale. E quantunque sia in arbitrio del medico-legale va- 
gliare colla stregua delle sue nozioni scientifiche i singoli cri- 
teri del legislatore, gli deve essere indifferente, se il concetto 
-della lesione corporale grave sia troppo angusto o sufficiente- 
mente, ampio, e se sia giusto, come affermano i giuristi, che 
esso debba essere piuttosto ristretto anziché ampliato (Geyer, 
loc, cit). In secondo luogo è a notare che la lesione corporale 
leggiera può essere punita col carcere fino a tre anni, e che 
perciò le leggi della equità e della giustizia non vengono me- 
nomamente infrante se il medico-legale pur non qualificando 
•come grave (nel senso che la legge annette a questa espres- 
sione) una lesione corporale, faccia rilevare quali sofferenze , 
quale malattia di lunga durata, ecc. essa abbia determinato. Com- 
prendiamo agevolmente che riesce increscioso qualificare come 
« leggiero » uno stato patologico che per molti anni, e con ra- 
gione, si era stati abituati a caratterizzare come « grave ». E 
però sul proposito dobbiamo ricordare, che qui non si tratta di 
una diagnosi al letto dell'infermo, sì bene di un parere relati- 
vamente a quei concetti che, da tempo immemorabile, andarono 
«oggetti, nei diversi Stati, a svariati cangiamenti e modifiche, 
e che — a stretto rigor di termine — debbono essere definiti dai 
giuristi. Perciò crediamo che la reazione prodottasi da parte 
dei medici-legali contro questi concetti non sia che uno stadio 
di transizione, che cesserà col tempo. 

Nel codice penale germanico al pari che in quello au- 
striaco la lesione corporale grave e quella leggiera vengono 
distinte in premeditate o involontaìHe. A queste ultime si ri- 
feriscono gli articoli di legge 230 e 232. 

Oltre alle pene stabilite nel codice penale germanico, nel 
<ìodice prussiano è indicato pure che l'offeso può essere risar- 
cito pecuniariamente dei danni materiali sofferti in conseguenza 
della lesione corporale. Inoltre sono in esso stabilite speciali 



Digitized by VjOOQIC 



Lesione corporale leggiera 175 

pene per i deturpamenti inflitti a persone deiruno e deiraltro 
«esso (articoli 123 e 128). 

Nel nuovo codice di procedura penale germanico non vi 
sono disposizioni speciali relativamente alle lesioni corporali 
non mortali. Quindi il medico-legale germanico al pari del- 
l'austriaco non ha l'obbligo di pronunziarsi se trattisi di lesioni 
corporali leggiere o gravi ex se, oppure implicanti pericolo di 
vita, ecc. Ciò nondimeno, in base agli articoli 223 a e 227 egli 
può essere invitato ad affermare se la lesione sia stata inferta 
da una o da molte persone. Secondo rarticolo,223 a la lesione 
corporale è «qualificata» quando fu perpetrata contemporanea- 
mente da molti, e il giudice può, nel dato caso , domandare 
ai periti, so le tracce delle lesioni corporali rinvenute sopra 
un individuo dinotano che al reato concorsero molte persone. 
L' articolo 227 inoltre contempla espressamente il caso, che le 
conseguenze determinate da una grave lesione corporale sieno 
dovute soltanto alle molteplici offese corporali riportate dal 
ferito, e quindi il giudice germanico può, in base a quest'ar- 
ticolo di legge , rivolgere ai periti una domanda analoga a 
quella che rivolge il giudice austriaco in base all' articolo di 
legge 132 del codice penale austriaco. 

In fine, è a notare che in Germania il medico-legale può, 
nel senso del § 251 del codice penale, essere interrogato se 
un individuo in un'aggressione sia stato martirizzato nel vero 
senso della parola. Noi annettiamo all'espressione « martirio » 
lo stesso significato che dà il codice penale austriaco all'espres- 
sione € gravi sofferenze », e perciò non abbiamo nulla da ag- 
giungere a quanto dicemmo a proposito delle stesse. 

yy) SECONDO IL PROGETTO DI UN NUOVO CODICE PENALE AUSTRIACO 

Il nuovo codice penale austriaco, che è in via di elabo- 
razione, ha una grande analogìa col codice penale germanico, 
dal quale si distingue per taluni particolari che faremo rile- 
gare quando lo giudicheremo necessario. In tutt'altro caso ci 
limiteremo a segnalare l'identità (Vedi le mie «Osservazioni 
medico-legali sul progetto di un nuovo codice penale » inse- 
rite nella Wiener Medizinische Presse, 1875, N. 1 — 22), 



Digitized by VjOOQIC 



ITO Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

1. Lesione corporale grave (§ 236). 

II paragone fra quésto articolo con quello corrispondente 
(§ 224) del codice penale tedesco ridonda, sotto molteplici ri- 
guardi, a vantaggio del codice penale austriaco in progetto. 
In questo troviamo formulato in modo chiaro il concetto da at- 
tribuire all'espressione « lesione corporale grave », per cui non 
siamo costretti di andarlo rintracciando negli articoli susse- 
guenti, come n' è per es. il caso nel codice penale dell'impero 
germanico. La pena stabilita nel progetto del nuovo codice 
penale austriaco è molto più. mite, perchè non viene appli- 
cata la casa di forza. E nessuno più. del medico invoca una 
punizione più mite per la lesione corporale, perchè nessuno 
meglio di lui sa che una conseguenza grave della lesione la 
quale riesce molto sensibile all'offeso e ne mina l'esistenza, 
non sta in alcun rapporto col maltrattamento che voleva in- 
fliggere l'attore. Alcuni giuristi (Geyer) portano a loro volta 
opinione che in un'eventuale revisione del codice penale ger- 
manico bisogna valutare più esattamente ciò che finora non è 
stato tenuto in debito conto: il momento subbiettivo nella lesione 
corporale. — In fine, è a notare che nel codice penale austriaco 
in progetto parecchi criteri sono addotti sotto una forma pifl 
adeguata che non nel codice penale germanico. 

1. Perdita di un braccio^ di una manOy di una garnbay 
di un piede. La enumerazione di determinate membra del 
corpo, la cui perdita costituisce una lesione corporale grave, 
segna un notevole progresso rispetto al concetto generico a. 
cui è informato l'art. 224 del codice penale germanico (nel 
quale si tiene soltanto parola in generale di un organo im- 
portante del corpo). In vece nel progetto del nuovo codice 
penale austriaco cadono tutte le controversie relativamente alla 
quistione che cosa sia un organo del corpo, e quale sia un or- 
gano importante, perchè il legislatore ha formulato con esat- 
tezza che la mano, il braccio, la gamba ed il piede sono organi 
importanti. Resta controverso soltanto il concetto da attribuire 
alla parola « perdita », giacché su tale riguardo si può accam- 
pare la domanda: l'inabilitamento funzionale di uno di questi 
organi equivale, nel senso espresso della leggo, alla «perdita»- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesione corporale grave 177 

degli stessi? Ad ogni modo, come già abbiamo detto altrove, 
Tespressione «inabilitamento funzionale» è da preferirsi a quel- 
la di «perdita». 

2. Perdita del naso. Nel progetto del nuovo codice penale 
austriaco è stata data al naso un'entità che non ha nel codice 
penale germanico, perchè piazzato come un quid medium fra gli 
organi importanti del corpo e quelli superiori dei sensi. Ma poi- 
ché non è né l'uno né l'altro, e la perdita di questo « custode 
della respirazione » produce una delle deformità più saliente, 
per cui può essere annoverata nella categoria degli « sfregi 
leggieri », riteniamo che codesta distinzione data al naso sia 
superflua. 

3. Perdita del potere visivo ad uno o ad amendue gli 
occhi. Perdita dell'udito, della favella. I criteri adottati per 
questi crimini nel nuovo codice penale austriaco sono identici 
a quelli esistenti nel codice penale germanico. 

4. Perdita della capacità riproduttiva. Preferiamo questa 
espressione, perché ci sembra più corretta, a quella di capa- 
cità di generare. 

5. Debilitazione fisica permanente. Paralisi o Psicopatia. 
Identici criteri a quelli esistenti nel codice penale germanico. 

6. Detuì^amento permanente. Questa espressione é stata 
sostituita a quella di deturpamento appariscente del codice au- 
striaco vigente e di deturpamento considerevole di lunga du- 
rata del codice penale germanico. Il predicato « permanente » 
è da preferire a quello di « lunga durata », mentre il concetto 
« considerevole » é contenuto nella stessa parola « deturpa- 
mento ». 

Oltre alla lesione corporale grave, menzionata nel § 236, 
dobbiamo qui menzionare pure gli articoli 232 (abbandono dì 
persone giovani o di fragile salute, che si aveva il dovere di 
tutelare), 239 (baruffe), 240 (avvelenamento), 251 (privazione 
della libertà personale), 256 (rapina). 

Secondo il § 237 un maltrattamento inferto deliberata-- 
mente^ per determinare una delle gravi conseguenze indicate 
nel § 236, è punito col carcere fino a 6 mesi o colla casa dì 
forza fino a 10 anni. Laonde questo articolo di legge si distin- 
gue molto dal corrispondente articolo 225 del codice penale 
germanico. In questo é stabilita la pena della casa di forza 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 12 



Digitized by VjOOQIC 



178 Biumenstok, Doltrina delle lesioni violente 

da 2-10 anni per il caso che fu voluta ed attuata una delle 
gravi conseguenze indicate nel § 224 (ed abbiamo già detto 
che una tale evenienza rarissimamente può avvenire), ma nulla 
è detto sulla pena per i casi in cui la grave conseguenza fu 
voluta, ma non ebbe luogo. Nel nuovo codice penale austriaco, 
in vece, basta l'intenzione di determinare la conseguenza; del 
risultato non si tiene punto parola nel § 236. Quindi la pena sa- 
rebbe dragoniana, qualora da un precedente paragrafo (47) del 
progetto non risultasse che essa è menomata quando il risultato 
non ebbe luogo (in tal caso la pena scema di molto). Ad ogni 
modo il § 236 non è espresso in modo così chiaro come Tar- 
ticolo 225 del codice penale germanico. E poiché nella maggior 
parte dei casi il risultato non corrisponde all' intenzione , il 
compito del medico-legale austriaco è più difficile di quello 
germanico, in quanto che il primo può anche nell'avvenire — 
come oggi a tenore delFarticolo 155 a — essere invitato ad esa- 
minare se Tattore nell'inveire contro Toffeso aveva l'intenzione 
di inferire una lesione leggiera oppure grave. 

II. Maltrattamento qualificato (§ 235). 

Costituisce nel codice penale austriaco — analogamente alla 
« lesione corporale qualificata» nel codice penale germanico — 
un anello intermedio fra la lesione corporale grave ed il mal- 
trattamento. Viene punito più gravemente (secpndo l'articolo 
235 col carcere; secondo Tarticolo 13 comma 3 col carcere da 
un giorno a cinque anni), quando abbia determinato disturbo 
della salute od incapacità ad esercitare il proprio ufficio, me- 
stiere professione al di là di una settimana, quando l'offeso 
ne riportò gravi sofferenze, e quando fu commesso con istru- 
menti od in circostanze che implichino pericolo di vita. Il me- 
dico-legale austriaco può, quindi, nell'avvenire essere chiamato 
a rispondere alle seguenti domande speciali: 

1. Vi fu disturbo della salute od inabilitamento ad eserci- 
tare il proprio ufficio^ mestiere o professione al di là di una 
settimana? Il legislatore austriaco ha qui seguito i concetti 
che prevalgono in Austria presso i medici ed i giuristi, e si è 
allontanato dal codice penale germanico. Ha fatto una specie 
d' innovazione collo stabilire il termine di sette giorni, che è 



Digitized by VjOOQIC 



Maltrattamento 179 

COSÌ arbitrario come quello di venti a trenta giorni esistente 
nelPattuale codice penale austriaco. Ciò ha, tutt'al più, il van- 
taggio pratico di stabilire una linea di demarcazione fra le 
lesioni corporali leggiere e quelle gravi, come per es. le frat- 
ture ossee. Questo periodo di sette giorni s'incontra pure negli 
articoli 241 (lesione corporale per negligenza colposa) e 251 
(privazione della libertà). 

2. Furono inflitte speciali sofferenze colla lesione corpo- 
rale? Anche questo criterio è tratto dal § 155 dell'attuale codice 
penale austriaco; nel progetto del nuovo codice lo riscontriamo 
pure nell'articolo 255 comma 5 (rapina commessa infliggendo 
sevizie corporali). Va da sé che le gravi sofferenze corporali, di 
cui qui tiene parola il legislatore, si riferiscono a quelle sof- 
ferte dall'offeso nell'atto stesso del crimine, e non già a quelle 
prodottesi più tardi in conseguenza della lesione corporale. 

3. Maltrattamento con istrumenti od in circostanze che 
implicano pericolo di vita. Questo criterio è pressoché iden- 
tico a quello esistente nel codice penale germanico (§ 223 a), 
e fu modellato su di esso. Tuttoché vi sia differenza nel modo 
come sono formulati, il contenuto differisce poco. Nel progetto 
del nuovo codice penale austriaco sono compresi due criteri: 
a) istrumenti (in generale), e 6) circostanze di altro genere, 
che implicano pericolo di vita. 

Ili. Maltrattamento (§ 234). 

Nel progetto del nuovo codice penale austriaco s'intende 
per € maltrattamento » qualsiasi grossolana violenza o pregiu- 
dizio della salute, che arrechi sofferenze così com'era nell'inten- 
zione dell'offensore. Quindi il concetto generale che in questo 
codice viene attribuito all' espressione « maltrattamento » ab- 
braccia così il maltrattamento a stretto rigor di senso come una 
offesa corporale, e perciò la così detta lesione corporale. Astra- 
endo dal maltrattamento strictu rigore, nel quale non fa d'uopo 
dell'intervento del medico, dal punto di vista della medicina 
legale bisogna intendere per maltrattamento qualsiasi lesione 
corporale non mortale, che non abbia cagionato nessuna delle 
conseguenze enumerate nel § 236^ né fu perpetrata in uno dei 
modi enumerati nel § 255. 



Digitized by VjOOQIC 



180 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

In breve: nel « maltrattaiAento » troviamo compresa di 
nuovo la lesione corporale leggiera. Non vogliamo qui esami- 
nare se il legislatore abbia avuto le sue ragioni speciali per 
modificare in siffatto modo il § 234, soprattutto se si tenga 
conto del fatto, che il concetto « maltrattamento » è applica- 
bile alle lesioni corporali leggiere inferte deliberatamente, non 
a quelle dovute a negligenza colposa, e perciò si è stati co- 
stretti di intercalare di nuovo il concetto della « lesione corpo- 
rale )►. (Nel § 241 è detto: « chi per negligenza colposa pregiu- 
dichi la salute o Tintegrità fisica di un'altra persona, è punito 
per lesione corporale, però coirattenuante che il motivo è la 
negligenza colposa »). A stretto rigor di termine questo terzo 
ed ultimo grado della lesione corporale è stato annoverato , 
nel progetto del nuovo codice penale austriaco, nella categoria 
del « maltrattamento e lesione corporale » ed in ciò si distin- 
gue dal codice penale germanico. 

Secondo il progetto del nuovo codice penale austriaco adun- 
que, soltanto la lesione corporale grave e la « lesione corporale 
in genere » possono essere state deliberate o dovute a ne- 
gligenza colposa, mentre il maltrattamento non può essere che 
deliberato. Nel maltrattamento e nella lesione corporale per 
negligenza colposa l'azione penale viene intentata* soltanto ad 
istanza della parte offesa; mentre nella lesione corporale grave 
e nel maltrattamento qualificato la giustizia procede ex officio. 

P) LESIONI VIOLENTE NON MORTALI 

Per il medico-legale è mortale qualsiasi lesione violenta 
abbia prodotta la morte delPoffeso. Nel codice penale le lesioni 
mortali vengono distinte, secondo che furono prodotte da ne- 
gligenza colposa (codice penale austriaco § 335; codice pe- 
nale germanico § 225; progetto del nuovo codice penale au- 
striaco § 233), in duello (codice penale austriaco § ibi, co- 
dice penale germanico § 206, progetto del nuovo codice pe- 
nale austriaco § 270), per abbandono di persone che si aveva 
il dovere- di tutelare (codice penale austriaco §§ 150 e 151 ^ 
codice penale germanico § 221, progetto del nuovo codice pe- 
nale austriaco § 251), in rissa (codice penale austriaco § 143, 
codice penale germanico § 227, progetto del nuovo codice pe- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 181 

naie austriaco § 239), per lesione corporale seguita dalla morte 
(codice penale germanico § 226, progetto del nuovo codice pe- 
nale austriaco § 230), per percossa mortale (codice penale au- 
striaco § 140; codice penale germanico § 212; progetto del 
nuovo codice penale austriaco, § 224), per suicidio (codice pe- 
nale austriaco § 134, codice penale germanico § 217, progetto 
^el nuovo codice penale austriaco § 223). — Per il giudice è 
della massima importanza conoscere il delitto che ha cagionato 
la morte, perchè la pena è in rapporto coH'entità del medesi- 
mo. Il medico ha davanti a sé soltanto il cadavere, e gì' in- 
combe anzitutto il compito di determinare la causa della morte, 
e poi constatare il nesso causale fra questa e la lesione vio- 
lenta. Allorché ha soddisfatto questo compito, potrà qualificare 
la lesione violenta come mortale, poco importa se il risultato 
avesse potuto èssere scongiurato col pronto soccorso del me- 
dico, se in altri casi un'analoga lesione abbia avuto differente 
^sito, se essa sia stata mortale soltanto per speciale crasi or- 
ganica del rispettivo individuo, o se sia accaduta per le cir- 
tjostanze accidentali nelle quali fu inferta a lesione. Oggi il 
parere del medico-legale non viene più influenzato dall'antica 
-erronea dottrina dei diversi gradi di letalità, che rimonta fino 
a Paolo Zacchia {vulnus àbsoluie, per se, ut plurimum, 
per accidensj per accidens inquilinum letale). Così nel codice 
penale come nella medicina legale il caso concreto viene va- 
gliato alla stregua del principio d' « individualizzazione », e 
-quindi nei nuovi codici penali (ed anche nel germanico) sono 
abolite le categorie delle lesioni mortali; soltanto nel codice 
penale austriaco sono mantenute quasi completamente (ed in 
parte con ragione). 

Quando, per es., un individuo riceve una percossa nelFipo- 
-condrio sinistro, cade a terra, in pochi minuti è cadavere, e l'au- 
topsia faccia rilevare colossale tumore di milza e dissanguamento, 
non esiteremo un istante ad ammettere che la lesione fu mortale; 
però istintivamente ci sentiamo indotti a dichiarare, che quan- 
tunque l'attore abbia agito con sentimenti ostili, non merita 
affatto la pena devoluta a chi infligge ad un altro nell'ipo- 
condrio sinistro un colpo con un lungo coltello, e preduca la 
morte per dissanguamento. Così nell'un caso come nell'altro 
la lesione violenta resta mortale, perchè il nesso causale fra 



Digitized by VjOOQIC 



182 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

la lesione violenta e la morte resta incontestabile. Spetta al 
medico-legale illuminare il giudice, e dargli i chiarimenti ne- 
cessari su tutte le circostanze accessorie del singolo caso. Nel 
codice prussiano è prescritta la condotta che deve seguire il 
medico-legale. Ivi è detto: 

< Se il giudice rivolge ai medici-legali domande speciali, 
bisogna registrare nel verbale dell'autopsia, che la risposta fu 
fatta dietro domanda diretta del giudice ». 

« Il parere deve essere sempre dato dappìHma sulla causa 
della morte, fondandosi precipuamente su ciò che risulta dal 
reperto obbiettivo, poscia si potrà prendere in considerazione 
la quistione relativa al movente delittuoso ». 

Da queste disposizioni generali risulta, che il medico-legale 
ha Tobbligo di dare il suo parere subito dopo fatta l'autopsia. 
Deve anzitutto indicare la causa della morte in base al reperto 
obbiettivo, ed in seconda linea potrà esaminare la quistione 
relativa al nesso causale. In siffatto modo viene « accertato 
obbiettivamente il fatto ». 

Nello stesso paragrafo è detto; « qualora siano necessarie 
altre osservazioni tecniche, oppure il caso si presenti dubbio^ 
si può riserbarsi es^resssimenie \m parere speciale motivato y^. 

In fine nel comma 4 del § 31 è detto : 

« Quando il giudice rivolge ai settori domande speciali, 
essi sono tenuti a darvi risposta adeguata e completa, oppure 
indicare i motivi per cui ciò non è stato possibile ». 

11 medico-legale nel suo parere, oltre ad indicare la causa 
della morte od il nesso causale, deve anche rispondere alle 
domande che il giudice ha potuto rivolgergli. Va da sé che 
queste domande si riferiscono non soltanto al reperto obbiet- 
tivo, ma anche a tutto ciò che può facilitare il giudizio sul cri- 
mine, ed essere chiarito dal medico. Li man fa giustamente 
rilevare {Handbuch II, pag. 246\ che la risposta da dare al 
giudice non deve limitarsi ad un semplice « si » o « no », ma 
deve essere motivata con ragioni scientifiche: in altri termini, 
deve essere un vero fk consilium medicum motivato ». Ciò fa- 
cendo, il medico-legale ha soddisfatto il suo compito, né gl'in- 
combe altro dovere. 

Il codice di procedura penale austriaco non affida al giu- 
dice il compito di stabilire la domanda, ma enumera nel § 129^ 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 183 

comma 2 tutto ciò che il medico-legale è tenuto a dichiarare 
nel parere, ed ordina espressamente che in questo debbono es- 
sere accennate tutte le circostanze di rilievo, che abbiano entità 
per la causa. E quando in detto codice di procedura penale si 
tiene parola di tutte queste circostanze, troviamo di nuovo men- 
zionali i cennati gradi di letalità, però non nel senso che vi 
si annetteva una volta, sì bene come contingenze che potreb- 
bero — nel caso concreto — mitigare la pena. In questo codice 
(§ 129 2 a) l'antica « lesione assolutamente mortale » è quali- 
ficata come « mortale per la sua natura generale ». In fatti es- 
sendo difficile rispondere alla domanda quando e quale lesione 
è assolutamente mortale, il compito del medico-legale su tale 
riguardo sarebbe estremamente penoso. Nella pratica non si 
presenta la necessità di pronunziarsi sul proposito, perchè delle 
due runa: o havvi una delle circostanze sopra indicate, oppure 
nessuna. Così nell'uno come nell'altro caso non riesce difficile 
rispondere alla domanda: se una data lesione sia o no mortale 
per la sua natura generale. 

Hanno importanza pratica le seguenti quattro domande : 
1) ha la lesione corporale prodotta la morte per la speciale 
costituzione fisica dell' off'eso , oppure per un peculiare stato 
sanitario in cui allora trovavasi?; 2) può darsi che la morte 
sia accaduta per le speciali circostanze in cui fu inferta la le- 
sione corporale; oppure 3) per cause accidentali sopravvenute, 
ma che furono determinate da essa?; 4) si sarebbe potuto 
scongiurare l'esito letale con un soccorso opportuno ed a tempo? 
Ma — ripetiamo — l'importanza pratica sta soltanto nel fatto, 
che il giudice si convinca che al risultato letale concorsero 
circostanze, che l'attore — secondo tutte le probabilità — non 
avrebbe potuto prevedere, e che mitigano la pena. 

Da tutto ciò che abbiamo detto risulta chiaramente, che 
i due compiti principali del medico-legale sono il constata- 
mento: 1) della causa della morte, e 2) del nesso causale. Al 
constatamento della causa della morte si annette un'importanza 
principale così nel codice penale austriaco che in quello prus- 
siano, ed in questo è detto financo nel § 29: 

€ Se la causa della morte non ha potuto essere constatata, 
bisogna indicarlo espressamente nel parere. Non basta dire che 
la morte avvenne per causa interna o per malattia. In quest'ul- 
timo caso bisogna precisarla ». 



Digitized by VjOOQIC 



184 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

Secondo che la morte seguì alla lesione corporale imme- 
diatamente, oppure dopo qualche tempo (in conseguenza di 
un'affezione generale), può riuscire facile o difficile non solo il 
constatamento del nesso causale, ma anche della causa della 
morte. Se questa avvenne dopo la lesione corporale, si dovrà 
anche prendere in considerazione se vi stia in rapporto im- 
mediato mediato. Un avvelenamento con acido solforico può 
provocare in alcune ore la morte, e allora sul marmo anato- 
mico troviamo quelle alterazioni caratteristiche, che rendono 
possibile di diagnosticare la causa del decesso anche senza 
esame chimico. Però se l'offeso morì dopo settimane o mesi in 
mezzo a dolori indicibili, si dovrà indicare se la pulmonite o 
rinanizione in conseguenza della stenosi delPesofago fu causa 
della morte, e allora dall'anamnesi potremo desumere che Tav- 
velenaraento con acido solforico fu la causa mediata. — In con- 
seguenza di una lesione violenta meccanica della cassa toracica 
può accadere la morte dopo molti giorni o alcune settimane. 
Noi troviamo allora la pulmonite o la pleuro-pulmonite come 
causa immediata della morte, mentre le tracce esterne della 
lesione violenta possono essere già scomparse. Anche in questo 
caso è l'anamnesi che può illuminarci sulla « causa mediata ». 

Nelle varie specie di morte violenta, le alterazioni anato- 
miche si presentano così pronunziate sul cadavere, che non 
riesce molto difficile accertare la causa immediata della morte. 

Queste specie di morti violente si verificano: 

a) Per lesioni violente che colpiscono tutto il corpo^ oppure 
organi vitali, e li distruggono, o li contundono, schiacciano, ecc. 
Qui appartengono in prima linea quelle provocate da esplosioni 
di polveri o di dinamite, ed in seconda linea quelle dovute al- 
l'azione di corpi molto pesanti sull'economia animale (per es. 
quando un vagone ferroviario od un carro pesante passano sul 
corpo di un uomo, quando si resta sepolto sotto frane di edi- 
fìci), il restare impigliato nei congegni di una macchina, la 
caduta da una grande altezza, l'azione della temperatura ele- 
vata (scottatura, carbonizzazione). Sono qui da annoverare an- 
che le distruzioni che vengono prodotte da proiettili grossi 
(palle di cannone) oppure piccoli, ma tirati a breve distanza 
con un fucile di lungo tiro. Queste d'ordinario sono così estese, 
e concernono organi così importanti, che basta additarle per 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 185 

comprendere subito la causa della morte. Qualche volta sono 
così caratteristiche , che si può subito inferire il mezzo ed il 
modo come furono prodotte. 

b) Per dissanguamento. Questa specie di morte è frequen- 
tissima e facilmente riconoscibile. D'ordinario è conseguenza 
di una lesione violenta del cuore, di un grosso vase sanguigno 
oppure di un organo parenchimatoso. Ma può originarsi anche 
per lesione violenta di uno o di alcuni piccoli vasi sanguigni 
quando il soccorso medico non è pronto o è reso impossibile 
(per es. nei suicidi). L'emorragia può essere esterna oppure 
interna. Nel primo caso è rivelata dal sangue accumulato in 
vicinanza del corpo (pozza di sangue sul suolo, ecc.), nel se- 
condo dal suo abbondante accumulo in una o molte cavità del 
corpo; in amendue i casi la morte per dissanguamento è rive- 
lata dalla notevole deplezione sanguigna nella maggior parte 
degli organi interni. Eccezionalmente possono occorrere anche 
casi in cui nei dissanguati non si scorga air esterno alcuna 
traccia di sangue , né internamente si riscontra un accumulo 
di sangue (fra poco riferiremo un caso di questa specie). L'a- 
nemia generale acquista, in tali circostanze, maggior valore 
diagnostico. 

e) Per soffocazione. Per lo passato si parlava di morte per 
soffocazione quando all'aria era precluso l'afflusso al pulraone, 
€ quindi a preferenza nei casi di soffocazione, strangolamento, 
appiccamento, annegamento, seppellimento sotto le frane, ecc. 
Cosi non si teneva conto della causa immediata della morte, 
ma piuttosto dei processi meccanici esterni da cui essa veniva 
prodotta; e poiché l'osservazione insegna che oltre a questi 
processi ve ne sono molti altri che determinano la morte per 
soffocazione (E. Hofmann), in questi ultimi tempi fu ampliato 
il concetto da annettere a questa, che fu definita come la morte 
per soppressione della respirazione. Sicché — in base a questa 
definizione — furono annoverati nella morte per soffocazione 
anche casi — come per es. l' avvelenamento colla stricnina , 
col curaro, coH'ossido di carbonio, coli' alcool, coll'oppio, col- 
l'acido cianidrico, la morte per paralisi cardiaca in un accesso 
tetanico od epilettico, la morte per congelazione — non anno- 
Terati per lo passato in questa categoria, perchè non potevano 
essere compresi fra le forme meccaniche della soffocazione, o 



Digitized by VjOOQIC 



186 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

della morte per soffocazione a stretto rigor di termine. Seconda 
questo concetto, che fisiologicamente è al certo esatto, nella 
pratica medico-legale la soffocazione deve essere ritenuta come 
una delle cause più frequenti e dirette della morte. Contro 
questo modo di riguardare la soffocazione in senso generale 
quale causa immediata della morte, fu obbiettato che per es- 
sere troppo pedissequi al reperto anatomico, furono incastrate 
« forzatamente » in un gruppo forme i cui effetti fisiologici erano 
diversi, e fu espresso il desiderio, che il concetto da annettere 
alla « soffocazione » potesse essere limitato soltanto alla morte 
dovuta a preclusione dell'afflusso di aria ai pulmoni. Si voleva 
quindi ritornare all'antico punto di vista (L esser, Vierfel- 
jahrschHft fùr gerichtliche Medizin 1880, XXXII Voi. 2. Heft. 
pag. 224-226). E poiché il reperto anatomico è decisivo per 
il medico-legale, noi non possiamo menomamente approvare 
questo ritorno ad un concetto passato, e nell'interesse della 
diagnostica medico-legale dobbiamo deplorarlo, non ravvisando 
in esso affatto un progresso. 

d) Per lesione di alcuni organi importanti ed impedi- 
mento delle loro funzioni indispensabili per la vita, per es. per 
lesione violenta del cervello, della midolla allungata o della 
porzione cervicale della midolla spinale, del pulmone, ecc. Con 
speciale frequenza la morte violenta accade per emorragia ce- 
rebrale nelle lesioni violente del capo. 

è) Per la cosi detta neuroparalisi: per commozione cere- 
brale e shok. Quantunque per questi casi ci sia ignoto il sostrato 
anatomico, dobbiamo, in base all'esperienza, ammettere questa 
quale causa diretta della morte, benché — ripeto — sul mar- 
mo anatomico non ci riesca di constatarla. La diagnosi ana- 
tomica può essere stabilita prendendo in considerazione tutte 
le circostanze anamnestiche ed escludendo la possibilità di 
qualsiasi altra specie di morte. La commozione cerebrale a 
stretto rigor di senso, cioè quella che non sta in rapporto con 
una lesione contemplabile del cervello o del cranio, si origina 
mediante caduta da una rilevante altezza oppure in conse- 
guenza di colpi inferti sul capo con istrumenti ottusi. Se- 
condo Duret, essa sta in rapporto con stravasi sanguigni, 
costatabili almeno sul pavimento del quarto ventricolo. Que- 
st'asserzione del Duret avrebbe potuto diminuire il numero dei 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 187 

casi patologici e delle specie di morte la cui base anatomica 
ci è ignota, qualora le alterazioni da lui provocate sperimen- 
talmente avessero avuto conferma sul marmo anatomico; ma^ 
per quanto io mi sappia, questa conferita non è stata ancora 
data. Nelle lesioni violente del cranio, nelle commozioni cere^ 
brali io non potetti constatare le alterazioni che Duret vide 
prodursi nelle sue ricerche sperimentali. 

La morte per shok accade d'ordinario dopo scuotimenti 
forti e repentini del trónco, e soprattutto dell' addome, come 
accade per es. in quelli che restano sotto una frana , oppure 
quando un individuo capiti fra le rotaie di due vagoni ferro- 
viari, sotto le ruote di un carro molto pesante. In questi casi 
la morte per solito si verifica repentinamente, ed all'autopsia del 
cadavere non troviamo — all' esame esterno — alcuna traccia 
di lesione. Però all'esame interno riscontriamo alterazioni molto 
estese (emorragia per rottura di organi parenchimatosi, frat- 
ture di diverse ossa, e flnanco del bacino e della colonna 
vertebrale). In un caso nel quale trattavasi di un conduttore 
caduto sotto le ruote, costatai diastasi di tutte le sinfisi del 
bacino. Altre volte si ha un reperto negativo, e dobbiamo al- 
lora ammettere lo shok come causa della morte (v. Maschka; 
€ Urto nella regione dello stomaco, morte repentina » Viertel^ 
jahrschrift fùr geHchtl. Medizin, 1879; XXX Voi. p. 231^233; 
< Morte repentina dopo una percossa nella regione dello sto- 
maco >, Wiener allg. med. Zeitung 1864), Il medico-legale 
non deve in questi casi prendere le cose alla leggiera, anche 
quando V anamnesi dinoti che si tratta di shok , mentre con 
un esame accurato si rinvengono alterazioni anatomiche anche 
quando non vengano supposte. Ciò è dimostrato per es. dai casi 
di « emorragia del pancreas come causa di morte repentina », 
descritti da Z e n k e r ( Tageblatt der 47 Vers. der Naturforscher 
und Aerzte in Breslau^ 1875, pag. 211), — La morte per shok 
può verificarsi anche in conseguenza di leggieri ma numerosi 
e prolungati maltrattamenti (per es. frequenti bastonature). 

In altri casi, che sono numerosissimi, la morte non segue 
ipso facto alla lesione corporale, ma dopo alcuni giorni o set- 
timane, e durante questo tempo si sono prodotte alterazioni 
anatomiche che debbono essere riguardate come causa che l'ha 
prodotta, e non più come causa primaria, diretta, si bene indi- 



Digitized by VjOOQIC 



188 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

retta, secondaria. Per la giustizia è tutf uno se la causa della 
morte fu diretta od indiretta, purché venga stabilito in modo 
non dubbio il nesso causale fra la lesione violenta e la mor* 
te. — Cause indirette *della morte possono essere dopo lesioni 
corporali : 

f) r infiammazione prodotta dalla lesione di organi impor- 
tanti. Cause indirette della morte violenta sono spessissimo la 
meningite, la pulmonite, la pleuro-pulmonite, meno spesso la 
peritonite, T enterite; 

g) V esaurimento in conseguenza di cronica suppurazione, 
per es. dopo scottature; 

h) le malattie accidentali delle ferite, e proprio per gan- 
grena nosocomiale, per eresipela traumatica, per disturbi cir- 
colatori (trombosi, embolia), piemia, setticemia, trisma e teta- 
no. Quest'ultimo può porre in serio imbarazzo il medico-legale 
non solo perchè non può essere diagnosticato sul marmo ana- 
tomico, ma anche perchè la sua genesi è molto oscura (Bill- 
roth dice: «in questo campo havvi ancora molto da sco- 
vrire »). 

Il constatamento del nesso causale fra la morte e la lesione 
violenta non presenta d'ordinario difficoltà, quando si riesca ad 
accertare la causa immediata del decesso. Se per es. un in- 
dividuo morì in seguito a paralisi cardiaca per accumulo di 
sangue nel pericardio, è chiaro che fra la ferita del miocardio 
6 la morte vi è un nesso intimo. La quistione però si complica 
quando il ferito non morì immediatamente dopo il trauma, ma 
fu affetto da un processo patologico che terminò colla morte. 
In questi casi si può accampare la domanda se il trauma fu 
conseguenza inevitabile della lesione violenta. Qualche volta è 
facile rispondere a questa domanda. 

Una donna ebbe sul capo un colpo eoa un uncino. Stramazzò 
^ terra priva di sensi, e fu condotta neirospedale ove fu constatato: 
frattura comminutiva dell' osso parietale sinistro, incoscienza, emi- 
plegia a destra. Trapanazione e rimozione di molti frammenti ossei. 
Trattamento antisettico. Decesso dopo quattro settimane per menin- 
gite purulenta e rammollimento cerebrale. Parere dei medici-legali: 
morte in conseguenza di lesione violenta del capo. 

Un giovine pittore cadde da un impalcatolo e rimase a terra in 
uno stato d'incoscienza. Dopo mezz'ora riprese 1 sensi, ma non sa- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 189 

peva ciò che gli era accaduto. Accusò dolore neir avambraccio si- 
nistro. Nell'ospedale fu constatata frattura del radio. Airesame fatto 
dai medici-legali alcuni giorni dopo, si notò che Io stato generale 
era soddisfacente, e tranne la frattura non eravi altro di abnorme. 
Gli domandammo che gli era accaduto, ed egli rispose sorridendo: 
c( mi è stato detto che sono caduto dalPimpalcatoio; è probabile, ma 
non ne so nulla ». Tre settimane dopo la caduta apparvero sintomi 
di meningite, ai quali soccombette dopo una settimana. Anche in 
questo caso si potette ammettere un nesso causale fra la commo- 
zione cerebrale e la morte. 

Un uomo di circa 40 anni morì dopo una malattia durata otto 
giorni. L'autopsia fece rilevare la meningite come causa della morte. 
Due mesi prima del decesso, gli era stato inferto — a detta della 
moglie — una lesione corporale. Un medico l'aveva esaminato alcuni 
giorni dopo, ed aveva constatato sulla fronte una suggillazione ap- 
pena visibile. In quei due mesi aveva accudito alle sue faccende, ed 
i testimoni dichiararono che, fino alla malattia che precedette im- 
mediatamente la morte, era ritenuto come un uomo sano. Il parere 
dei medici-legali fu: « non vi è alcun nesso constatabile fra la le- 
sione violenta e la morte )). 

Al 3 aprile mi si presentò una donna a 70 anni, e mi disse che 
nel giorno prima suo figlio gli aveva dato un pugno sulla fronte. 
Constatai forte ecchimosi sulle palpebre dell'occhio sinistro ed alcune 
escoriazioni. Lo stato generale era soddisfacente. Accusava soltanto 
leggiera cefalea. Dichiarai che trattavasi di una lesione corporale 
leggiera, la quale poteva produrre un disturbo della salute per al- 
cuni giorni. Al 14 aprile mi fu affidato l'incarico di praticare l'au- 
topsia di questa donna, morta al 12 aprile, e constatai una pul- 
monite a sinistra. Un esame molto accurato non fece rilevare la 
menoma traccia di lesione sulla cassa toracica. Nel parere medico- 
legale dichiarai che non era constatabile alcun nesso fra la morte 
e la lesione violenta del capo, inferta dieci giorni prima del decesso. 

Spesso occorrono casi più complicati, nei quali è difficile 
dare un giudizio esatto. Qui alludo soprattutto ai casi nei quali 
insieme a lesioni violente si riscontrano alterazioni anatomi- 
che, che non possono essere messe facilmente in intimo rap- 
porto colle prime e perciò è dubbio se si verificarono dopo la 
lesione violenta, oppure se esistevano precedentemente, e se, e 
fino a qual punto influirono suU' esito letale. 

Una donna fu accusata di aver fatto morire di fame un poppante^ 
che essa per due mesi aveva tenuto in casa. Le sue deposizioni nel 



Digitized by VjOOQIC 



190 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

primo interrogatorio accrebbero nel giudice il sospetto che quello 
realmente fosse morto per mancanza di alimenti. Sul marmo ana- 
tomico trovai il cadavere di un poppante emaciato al massimo grado. 
La pelle fortemente corrugata, la completa mancanza di uno strato 
tidiposo, i bulbi oculari profondamente incavati, l'espressione senile 
della faccia producevano un'impressione moltre triste. L'autopsia 
fece rilevare anemia al massimo grado , completa deplezione dello 
istomaco e dell'intestino nonché meningite basilare tubercolare, tu- 
bercolosi dei pulmoni e delle glandolo linfatiche mesenteriche. In 
base a questo reperto affermai che il bambino era morto per tu- 
bercolosi, e che — secondo tutte le probabilità — era già infermo 
quando fu affidato alle cure di quella donna. 

Se, come in questi due ultimi casi, viene dichiarato nel 
parere che la morte non accadde in conseguenza della lesione 
violenta o del maltrattamento, allorché havvi una lesione vio- 
lenta il medióo-legale è tenuto, anche quando egli creda che 
non abbia prodotto direttamente la morte, a richiamarvi sopra 
l'attenzione del giudice, e riferire di quale natura sia stato il 
disturbo della salute da essa prodotto, e se abbia o no con- 
tribuito ad accelerare Tesito letale. Cosi per es. nel penultimo 
caso qui riferito, la lesione corporale fu qualificata come leg- 
giera, e anche soggiunto che essa non ebbe alcuna influenza 
sul corso della malattia. Invece neir ultimo caso il disturbo 
della salute che, per confessione della stessa donna, era stato 
cagionato dall'alimentazione insufficiente, non potette essere 
valutato esattamente in tutta la sua entità, e si dovette am- 
mettere che certamente contribuì ad accelerare la morte del 
poppante. 

Andremmo troppo per le lunghe se volessimo qui esami- 
nare tutte le complicazioni , che possono presentarsi nella 
pratica forense, e le quali talvolta rendono non poco difficile 
rispondere alla domanda se trattisi di morte naturale o vio- 
lenta. È impossibile dare indicazioni speciali per tutti questi 
casi. Al medico-legale incombe l'obbligo di esaminare ogni 
singolo caso dal punto di vista clinico, e fondarsi segnatamente 
sulla sua esperienza clinica. 

Qualora sul cadavere si constatarono molte lesioni cor- 
porali, fa d'uopo indicare nel parere quale di esse ha cagio- 
nata la morte, e di quale natura sono quelle non letali. Co- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 191 

desta quistione ha grande importanza pratica allorché molte 
persone parteciparono al crimine. Secondo l'articolo 143 del 
codice penale austriaco, chiunque in una rissa abbia inferto 
una lesione mortale ad un altro, è ritenuto colpevole di per- 
cossa mortale. 

Un sindaco di un comune, uomo in sui cinquant'anni, al 3 gen- 
naio fu aggredito neiP osteria da alcune persone, buttato a terra, e 
percosso nella testa e sul petto con tacchi di stivali. Si alzò, e lasciò 
i)ubito Tosteria per recarsi a casa. Via facendo, fu aggredito da un 
altro, che con un piuulo di quercia, lungo ! metro e del diametro 
di 5 Vs ctm. , lo percosse sulla fronte e poi sul braccio sinistro. 
Stramazzato a terra , privo di sensi , fu condotto in slitta a casa , 
ove li riprese. Al 6 gennaio lo trovai a letto. Nella regione della 
bozza parietale destra scorsi alcuno piccole suggillazioni ; ivi con- 
statavasi pure un enfisema sottocutaneo della estensione di un pezzo 
ài un tallero. Le due palpebre a destra e la palpebra inferiore sini- 
stra erano tumefatte ed ecchimosate. Sul capo non si notava alcuna 
traccia di lesione violenta. L' infermo accusava debolezza generale, 
cefalalgia, dolori alla nuca. Il sensorio era intatto. Sull'avambraccio 
sinistro, Immediatamente sotto Tarticolazìone del gomito, eravi una 
piccola suggillazione. Temper. normale. Polso: 84. — Parere: «se- 
condo tutte le probabilità trattasi di una frattura dell'osso frontale 
4i destra; sulPulteriore decorso non sì può dire nulla di preciso, tut- 
toché lo stato generale sia buono )}. 

11 relativo stato di benessere durò altri quattro giorni e l'infermo 
fu anche al caso di lasciare il letto. Al quinto giorno stramazzava 
repentinamente a terra, perdette la favella, indi la coscienza, e do- 
po alcune ore era cadavere. — L'autopsia praticata al 13 gennaio 
fece rilevare quanto segue: l'enfisema sottocutaneo nella regione 
-della bozza parietale destra è immutato; praticando ivi un'incisione, 
«i dà esito £ul un abbondante stravaso. 11 periostio dell'occipite è 
imbevuto di grande quantità di sangue. Frattura dell'osso parietale 
sinistro e dell'osso frontale a destra, dalla sutura coronaria fino 
^1 margine sopra-orbitale; da questo punto la frattura si continua 
sulla volta orbitale e sulla grande ala dello sfenoide. Meningite 
purulenta sulla convessità ed alla base del cervello. Grosso gru- 
mo di sangue fra la prima e la seconda circonvoluzione frontale. 
I^el parere ammisi la possibilità che parecchie tracce della lesione 
violenta dovessero essere attribuite alle prime percosse con tacchi. 
Però la frattura al cranio nonché la meningite che con essa stava 
in intimo rapporto, e che doveva essere riguardata come causa di- 



Digitized by VjOOQIC 



192 Blumenslok, Dottrina delle lesioni violente 

retta della morte , erano state prodotte dai gravi colpi inferti col 
piuolo dì quercia. Giudicai quindi che le percosse coi tacchi avevano 
prodotto una leggiera lesione corporale. 

Vi sono anche casi in cui sul cadavere si riscontrano 
molte lesioni corporali , nessuna delle quali può essere ri- 
guardata come mortale. Se allora non si rinvengono altera- 
zioni anatomiche le quali fanno ammettere che si tratti di una 
morte naturale, ed il rispettivo individuo era precedentemente 
sano e morì repentinamente, possiamo ammettere che si tratti 
di morte violenta, avvenuta per l'azione complessiva di mol- 
teplici lesioni. Alla corte basta un tale giudizio; il medico può 
indagare la spiegazione scientifica del rispettivo caso (cioè se 
il decesso accadde per dissanguamento, per esaurimento, per 
shoky Fra i tanti casi di questa specie menzionerò qui quello 
che a suo tempo (1874) destò tanto clamore, e che riguardava 
la duchessa Praslin (figlia del maresciallo Sebastiani), che fu 
uccisa dal marito. Sul cadavere si rinvennero più di trenta fe- 
rite delle quali nessuna era mortale. (Schauenstein, Lehr-- 
huchj IIAufl. pag. 456). Questi casi sono stati preveduti dalla 
l6gg6 (§ 143 del codice penale austriaco, § 227 del codice pe- 
nale germanico; § 239 del progetto del nuovo codice penale 
austriaco). Quando tali lesioni violente sono state inferte da 
molte persone, vengono tutte punite col carcere fino a 5 anni. 

Più difficile è dare un giudizio in quei casi, nei quali sul 
cadavere si riscontra più di una lesione violenta, ma ciascuna 
di esse è così grave, che può essere ritenuta come atta a pro- 
durre la morte. Quando al crimine partecipò più di una per- 
sona, oppure si tratta di constatare se la morte avvenne per 
colpa propria od altrui o per accidente, fa d'uopo esaminare 
isolatamente le singole lesioni violente, e constatare se real- 
mente ve ne fossero molte, e sufficiente ognuna a produrre la 
morte, se furono inferte contemporaneamente, e quale di esse 
fosse stata effettivamente causa della morte (appunto in questi 
casi si tratta di esaminare ciò che Skrzeczka ha denominato 
«cause concorrenti di morte» e L iman « priorità della causa 
della morte »). 

Per i giurati è anche di grande importanza la risposta 
alla domanda: se nei casi di lesioni violente molteplici, ciascuna 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 103 

di esse fosse stata di per sé sola mortale. Sono stato invitato 
come medico-legale in molti casi, nei quali un uomo ferito 
mortalmente cadde o fu precipitato in qualche cisterna, fiu- 
me^ ecc., e mori annegato. In tutti questi casi i giurati mi do- 
mandarono sempre se il rispettivo individuo fosse morto in 
conseguenza della lesione violenta, oppure perchè precedente- 
mente annegato. È sempre un po' penoso al medico-legale dare 
una risposta categorica ad una domanda di questa specie; però 
qualche volta è facile , come per es. nel caso seguente : 

Una donna a 20 anni fu trovata morta al 29 novembre in una 
cisterna, profonda 9-10 pollici. Alcune ore prima era andata ivi, per 
riempire due brocche di acqua. 11 cadavere giaceva col capo nel- 
l'acqua, mentre i piedi poggiavano sul margine della cisterna, che 
era alto una canna. Una brocca stava neir acqua, ed un' altra sul 
margine della cisterna. Necroscopia al 2 dicembre. Sul lato interno 
del cuoio capelluto, che è molto inspessito, vi sono chiazze sanguigne 
secche e splendenti. Sull'occipite vi ha una ferita a forma semilii- 
nare, che è lunga tre pollici, larga tre millimetri, e penetra fmo al 
periostio. Sulle palpebre vi sono numerose foglioline di lenticula pa- 
lustris (che è una pianta aquatica). Io corrispondenza della ferita il 
periostio mostra stravasi sanguigni. La volta cranica è intatta. San- 
gue liquido nei seni cerebrali. Sull'emisfero destro un abbondante 
stravaso. Anche nella fossa del Silvio vi è molto sangue coagulato. 
Base del cranio intatta. La mucosa della laringe e della trachea mo- 
strava un'iniezione di colore rosso-chiaro. Su di essa vi era molta 
schiuma, su cui si scorgevano foglioline di lenticu(a palustris. Forte 
i[>eremia ed edema dei pulmoni. Nel ventricolo destro del cuore molto 
sangue liquido. Fegato iperemico. 

Nel parere medico-legale l' annegamento fu riguardato come 
causa della morte; ma la ferita del capo, che ebbe per conseguenza 
un'emorragia cerebrale, fu qualificata come lesione mortale, che 
avrebbe provocato l'esito letale, se questo non fosse stato già pre- 
cedentemente determinato da che l'inferma percossa con un istru- 
mento sull'occipite, perduto l'equilibrio, cadde nella cisterna, ove 
mori annegata. 

Qualche volta è impossibile constatare quale fra le diverse 
lesioni mortali agì per la prima, e ciò accade segnatamente 
quando sopra un individuo furono constatate molte lesioni del 
cranio, o quando vi sono molte ferite, ed il dissanguamento 
sembra che sia stato la causa efficiente della morte. 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 13 



Digitized by VjOOQIC 



194 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

Un uomo di costituzione atletica fu scagliato a terra da alcune 
persone, e linciato. Rimase privo di sensi , e dopo due ore era ca- 
davere. Oltre a molte leggiere lesioni corporali, constatai sul co- 
cuzzolo due ferite che penetravano fino all'osso, avevano un decorso 
pressoché parallelo, e margini lisci. Una era lunga 3 e Taltra 4 cen- 
timetri. 11 cranio era intatto. Fra la capsula cranica e la dura madra 
eravi a destra uno strato di sangue coagulato, che aveva l'esten- 
sione della palma di una mano , e quasi la spessezza di 1 ctm. 

L'emisfero destro era fortemente appiattito. In questo caso le 
due ferite del capo erano talmente simili per posizione, profondità 
e carattere dei loro margini, che si sarebbe stati indotti ad ammet- 
tere che fossero state prodotte quasi contemporaneamente e con uno 
stasso istrumento , qualora T esame medico-legale non avesse fatto 
rilevare che erano state inferte da due individui, e con due istru- 
menti diversi: con un pinolo di legno e con un candeliere di ottone 
che pesava più di */, chilogrm. Tuttavia non si potette dire nulla 
di preciso circa la successione delle lesioni corporali, e si dovette 
dichiarare che ciascuna di esse avrebbe potuto produrre, in egual 
grado, la morte del rispettivo individuo. 

In altri casi riesce molto più facile al medico-legale dare 
un giudizio preciso. 

Una donna a 70 anni una mattina fu trovata morta nel letto. 
I capelli erano abbondantemente intrisi di sangue, il cuoio capelluto 
tumido, di consistenza molle e pastosa. Sulla sutura squamosa destra, 
un po' al di sopra ed all'esterno del padiglione dell'orecchio, eravi 
una ferita lunga 1 pollice, che non penetrava fino all'osso, con 
margini infiltrati di sangue, laceri. Sul padiglione dell'orecchio eravi 
una ferita che penetrava fino alla cartilagine. La fronte, le palpebre 
e la guancia a destra mostravano forti suggillazioni; la lingua era 
incuneata fra i denti. All'estremità e.sterna dell'arcata sopraciliare 
sinistra notavasi una ferita superficiale, lunga Va pollice, a margini 
smussi a sinistra; le parti molli della branca ascendente del mascel* 
lare inferiore erano tumefatte e cosparse di suggillazioni. Sul collo 
a destra, un po' al di sotto dell' osso ioide, vi erano fra la laringe 
e lo sterno-cleido-mastoideo quattro chiazze di colore bleu-nerastro, 
delle quali la prima, immediatamente sotto l'osso ioide, era lunga 
e larga 4-5 millimetri ; la seconda più piccola ed 1 millimetro più 
profonda, a forma semilunare colla convessità rivolta in giù; la 
terza stava un poco più in avanti , e due mm. al di sotto della 
prima, ma non infiltrata di sangue. A sinistra, allo stesso livello 
delle chiazze ora descritte, si vedevano quattro escoriazioni a forma 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente non mortali 195 

semilunare, a decorso parallelo, colla convessità rivolta in giù. Sulla 
«iiperficie dorsale della mano destra eravi una suggillazione grossa 
quanto un tallero, ed alcune più piccole sul pollice e suirìndice di 
<}U9sta mano. Il muscolo temporale destro era infiltrato abbondante- 
mente di sangue. Sulla porzione squamosa dell'osso temporale si- 
DÌstro eravi una flssura lunga 2 pollici. Copioso stravaso interme- 
ningeo al di sopra del lobo temporale destro. Non si notava altra al- 
terazione nel cervello. Stravasi sui due muscoli tiroioidei e sul liga- 
mento tiroioideo laterale sinistro. Iperemia ed edema dei pulmoni. 
Cuore in uno stato di deplezione sanguigna. 

Questa donna malgrado la sua età avanzata era stata sampre 
robusta, e nella notte in cui fu assassinata andò a letto, come per 
solito, verso le 10 di sera. Prima che albeggiasse, fu constatata la 
morte violenta. 

Parere: morte per soffocazione , prodotta colle dita della mano 
destra; lesioni violente del capo provocate con un istrumento smusso 
e pesante (martello), che sarebbero stati mortali, qualora il decesso 
non fosse stato cagionato precedentemente dalla soffocazione. 

Per lo più sul cadavere si rinvengono svariatissime com- 
plicazioni di lesioni mortali, come per es. lesione mortale del 
capo e soffocazione, dissanguamento e soffocazione, ecc. A prinia 
vista si potrebbe credere che dovesse riuscire facile constatare 
quale sia stata la lesione che prima delle altre ha prodotto la 
morte. Però, come lo dimostra il caso che ora andremo a ri- 
ferire, su tale riguardo non si possono stabilire regole gene- 
rali, e quindi bisogna valutare minutamente le condizioni del 
caso singolo. 

Un medico affetto da stenosi uretrale e pielite ordina che gli si 
prepari un bagno caldo , e quando dopo due ore il servo apre la 
cabina del bagno vede che T acqua è tinta di sangue, e sul tavolo 
una lettera ove Tinfelice rivelava Tintenzione di suicidarsi per libe- 
rarsi dalle sue sofferenze. Invitato all'esame medico-legale, mi recai 
sul luogo, e trovai il cadavere sul fondo della vasca. Allontanata 
l'acqua constatai nelle due pieghe dei gomiti da 5 a 6 ferite da taglio. 
La necroscopia fece rilevare che erano lese le vene cefalica, basilica 
e mediana a sinistra, mentre a destra constataronsi soltanto ferite 
cutanee. Anemia generale in alto grado. 

Tuttoché la morte per annegamento soglia verificarsi più rapida- 
mente di quella per dissanguamento, soprattutto quando non sia leso 
alcun grosso tronco vasale , si dovette qui ammettere , in base ai 



Digitized by VjOOQIC 



196 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

risultati della necroscopia, che la morte si fosse prodotta per dissan- 
guaaidQto. Ahneno aon si potettero constatare le note della morte 
per soflocazioae. Secondo tutte le probabilità, l'infelice era stato per 
lungo tempo nell'acqua prima di aprirsi le vene, e dopo la morte o 
nell'agonia cadde sott'acqua, fn quest'ultimo caso la soffocazione sa- 
rebbe stata la causa immediata della morte , tuttoché non potesse 
constatarsi per l'anemia già verificatasi. 

In casi eccezionali può accadere che sullo stesso cadavere 
le lesioni mortali sieno tanto complicate, che non solo fa d^io- 
po valutare le condizioni individuali e tutte le altre circostanze 
accessorie , ma anche ricostruire mentalmente gli avveni- 
menti del caso in esame, per sciogliere il bandolo della ma- 
tassa, oltremodo arruffata o per condizioni accidentali o perchè 
fu deliberato di renderla tale per sviare la giustizia dalle tracce 
del delinquente. Spesso ad un medico-legale che abbia vasta 
esperienza riesce nella sua pratica forense di sciogliere veri 
enigmi tebani. Come esempì di questa specie menzioneremo qui 
soltanto quelli interessanti, riferiti da Mas e hka (nella Wiener 
Medizinische Wochenschrift, 1856, K 8 e 47) nonché il caso 
— unico nella sua specie — occorso a Liman (riferito nella 
Vierteljahresschrift fur gerichtlwhe Medizin, 1869, luglio, 
pag. 47), Trattavasi di chiarire se un individuo si fosse sui- 
cidato, soccumbuto ad un assassinio. L'esame aveva fatto 
rilevare una ferita da arma a fuoco nella regione temporale 
destra con sfacelo del cervello. Solco sul collo. Morte per sof- 
focazione. Liman dimostrò in modo splendido e convincente, 
che quest'individuo aveva applicato una corda suir albero, 
nella quale aveva cacciato il collo, senza stringerla fortemen- 
te. Stando in questa posizione si era tirato il colpo alla tempia, 
che non produsse la morte istantanea, ma fece cadere penzo- 
loni il suicida, ciò che apportò uno stringimento della corda, 
la quale dopo poco dovette lacerarsi. Menzionerò qui pure il 
caso di Hofmann (che concerneva quel portalettere, il quale 
fu assassinato a Vienna nell'ottobre del 1876). Ferita da arma 
a fuoco nella regione temporale sinistra con stravaso intra- 
meningeo, ferita da taglio al collo che perviene fino alla co- 
lonna vertebrale con recisione di tutti i grossi vasi del collo. 
Solchi al di sotto della ferita del taglio. Morte per dissangua- 
mento. — Vedi Hofmann, Lehrhicchy 2. Aufl. pag. 350). 



Digitized by VjOOQIC 1 



Lesioni violente non mortali 197 

Dal punto di vista del Codice civile può talvolta essere 
rivolta al medico-legale la ^omdiVi^B. ^^xWdi. priorità del decesso, 
qualora sorgesse il dubbio « chi fra due o molti morì per il 
primo », (codice civile austriaco art. 25) « allorché due o molte 
persone soccombettero in un comune infortunio, o pressoché 
contemporaneamente > (codice civile prussiano, art. 39) « quan- 
do molte persone, una delle quali é chiamata all'eredità dell'al- 
tra, periscono nello stesso infortunio (cod. civ. ren. art. 720). 
Per quanto importante possa essere codesta domanda rispet- 
tivamente ai litiganti, per altrettanto difficile é la risposta da 
parte del medico-legale. 

I legislatori si sono accorti che é difficile, e talvolta addi- 
rittura impossibile, rispondere ad una tale domanda, e perciò 
hanno stabilito che per questi casi si debba ammettere che 
nessuno abbia sopravvissuto air altro, e perciò non si possa 
trasmettere il dritto di eredità dall'uno all'altro. — Secondo i 
sopra mentovati articoli di legge è permesso il tentativo di 
indagare chi fra due o molti individui morì per il primo; e qui 
soggiungiamo che in taluni casi eccezionali questo tentativo é 
stato coronato da successo. Però il medico-legale che si sob- 
barchi a questo penoso compito, deve armarsi della massima 
precauzione, non trascendere dai suoi limiti, e non scambiare 
la parte di perito imparziale e destinato a giudicare le cose ob- 
biettivamente con quella di avvocato. 

Nella letteratura sono registrati pochissimi casi di questa 
specie. Il più eclatante è indubbiamente quello di Tardi e u 
{Annales d'hygiéne puhl et de med. leg. 1873), La signora Lé- 
vainville di anni 30 e sua figlia di anni 9 al 10 ottobre del 1870, 
mentre stavano sedute sopra uno scoglio dell'oceano atlantico, 
furono sbattute a mare da un'ondata. Dopo pochi giorni i ca- 
daveri furono raccolti sulla riva, ed alla ispezione esterna (non 
fu praticata l'autopsia) si rinvennero lesioni sul capo e sul dorso 
della madre, mentre il corpo della bambina era intatto. Da que- 
sto reperto Tardi e u ne inferì che la signora Lévainville era 
Dfiorta per shok prima di essere inghiottita dalle onde, mentre 
la figlia morì dopo, annegata. Il tribunale supremo di Rennes 
approvò queste conclusioni, e riconobbe in linea giuridica che 
la bambina sopravvisse alla madre, e perciò il signor Lévain- 
ville era l'erede di sua figlia. In vero, Tardi e u in questo caso 
45i addimostrò avvocato modello! 



Digitized by VjOOQIC 



198 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

C. Distinzione fra le lesioni violente intra vitam 
e quelle post-mortem. 

Il medico-legale — che deve praticare l'ispezione esterna del 
cadavere con accuratezza di gran lunga superiore a quella del 
medico che pratica un'autopsia clinica — distingue sul tegumento 
esterno punti più o meno estesi, che per il loro colore, e tal- 
volta anche perchè sporgono sul livello, o sono straordinaria- 
mente cosparsi di peli, spiccano rispetto alle limitrofe parti della 
pelle. Essi risaltano subito air occhio , e non lasciano alcun 
dubbio sulla loro provenienza: o si sono prodotti durante la 
vita, e allora per lo più sono congeniti (melanomi, angiomi), 
ovvero sono la conseguenza di una ferita (cicatrice), oppure ar- 
tefatti (segni di tatuaggio); o si constata la loro genesi posU 
mortale {chiazze cadaveriche). 

Le prime alterazioni ora citate vengono riconosciute bento- 
sto come prodottesi iyitra vitam. Per contro la così detta chiazza 
cadaverica richiede maggiore attenzione, perchè a prima vista 
presenta grande somiglianza con un'alterazione che spessissimo 
si presenta intra vitam, cioè la suggillazione. Entrambe han- 
no ordinariamente un colore rosso-azzurro, e non si elevano sul 
livello della cute. Così nell'un caso come nell'altro si presen- 
tano numerose eccezioni. Quando il sangue del cadavere ha un 
colore rosso-chiaro marcato — come per esempio nelle intos- 
sicazioni con esalazione di vapore di carbone, col gas dell' il- 
luminazione, coiracido cianidrico, oppure quando il cadavere 
fu esposto per lungo tempo ad una bassa temperatura — anche 
le chiazze cadaveriche mostrano un colore rosso-chiaro, e tal- 
volta rosso-roseo. Quanto più lungo è il tempo trascorso da 
che si è prodotta una suggillazione, tanto più si sbiadisce il 
colore rosso-scuro del punto contuso, giacché esso, corrispon- 
dentemente al disfacimento dei corpuscoli sanguigni stravasati, 
assume gradatamente un colore giallo o verdastro. Le suggil- 
lazioni inoltre, oppostamente alle chiazze cadaveriche, qualche 
volta sono prominenti, specie allorché si sono prodotte da poco 
tempo, ed il sostrato sottostante è duro (per es. sulla fronte 
dei bambini). Ciò malgrado, può accadere che la diagnosi dif- 



Digitized by VjOOQIC 



Distinzione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post mortem 199 

ferenziale fra la chiazza cadaverica , e la suggillazione possa 
essere fondata soltanto sul constatamento dell'imbibizione cada- 
verica, dello stravaso sottocutaneo, e perciò uno dei cànoni 
supremi della medicina-legale è che sul cadavere ogni punto 
sospetto deve essere inciso. Se Tincisione non fa rilevare alcuno 
stravaso nelle maglie del connettivo sottocutaneo, manca la 
pruova che l'alterazione sospetta si sia prodotta intra vitam. 
In caso opposto il medico-legale è autorizzato a riguardarla 
come suggillazione. 

Se si ha da fare con una vera suggillazione, sorge la do- 
manda se essa abbia potuto prodursi intra-vitam o dopo la mor- 
te. Codesta domanda ha una grande importanza nella pratica, 
perchè dalla risposta può talvolta dipendere la decisione sq si 
stia in presenza di lesione violenta, e se sieno indicate ulteriori 
indagini per accertare il nesso causale. Quando trattasi di neo- 
nati, l'entità di questa domanda è maggiore. Si presentano casi 
in cui i medici-legali per un motivo qualsiasi non possono af- 
fermare recisamente se il bambino abbia respirato e vissuto. 
Ma se riscontrano suggillazioni sul capo e sul collo , essi da 
questo reperto ne desumono non solo che il corpo ha sofferto 
una contusione, ma che questa lesione si produsse intra vitam, 
e che perciò il bambino visse dopo la nascita. — Benché le sug- 
gillazioni si producano soltanto nel corpo vivente , è chiaro 
che possono prodursi così intra vitam come post mortem^ 
e che perciò possono formarsi durante il parto ed in conse- 
guenza di questo (sul capo, sul collo), o durante l'agonia, o 
financo breve tempo dopo la morte (per lesione violenta con 
istrumento ottuso). Poiché è risaputo per esperienza che , 
immediatamente dopo una contusione , la pelle si arrossisce, 
oppure non mostra nessuna alterazione, e soltanto più tardi 
apparisce il colore bruno-azzurro caratteristico , riesce facile 
spiegare perchè i testimoni depongono — per es. a proposito 
di un uomo che sia stato mortalmente ferito con una coltellata 
nel cuore, e che prima di questa lesione mortale sia stato per- 
cosso colla mano sulla fronte, ma non mortalmente — che nel 
punto colpito non si scorgeva alcuna traccia di lesione, mentre 
all'autopsia si rinvenne una suggillazione abbastanza grande sul- 
la bozza frontale. 

Le suggillazioni sono possibili finché nel corpo vi sono 



Digitized by VjOOQIC 



200 Blumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

le condizioni per la loro genesi ; in altri termini , finché nei 
capillari vi è sangue non decomposto. Se un punto del corpo 
già morto viene leso con un istrumento ottuso, può verificarsi 
la lacerazione di uno o di molti vasi e può accadere che ef- 
fluisca un po' di sangue, ma non sono più possibili abbon- 
danti versamenti di sangue ed imbibizione dei tessuti, perchè 
immediatamente dopo la morte , e qualche volta già durante 
Tagonia, incomincia ripostasi del sangue, ed i vasi perdono la 
loro contrattilità. Poco tempo dopo la morte è ancora pos- 
sibile che si verifichino piccoli stravasi; ed in casi eccezio- 
nali essi possono prodursi anche lungo tempo dopo la morte 
(Engel, E. Hofmann), quando i cadaveri vengono portati 
in, posizione che i capillari della pelle non possono più resi- 
stere alla pressione del sangue che subisce il lento processo 
d'ipostasi, e si rompono. In tali casi non ci è possibile distin- 
guere queste suggillazioni avvenute post mortem da quelle 
intra vitam. — Che all'incisione del connettivo sottocutaneo il 
sangue si presenti liquido o coagulato^ non dimostra se la 
suggillazione si produsse intra vitam o post mortem. 

Soltanto la presenza di coaguli molto solidi depone per la 
genesi intra vitam; e questa opinione diviene certezza allorché 
essi esistono in grande quantità. 

Quando il medico-legale pondera tutte le circostanze, non 
gli riesce diffìcile decidere se la suggillazione si produsse prima 
del parto (nei neonati), intra vitam^ durante l'agonia o pòco 
tempo dopo la morte. La diagnosi , anche quando la putrefa- 
zione fosse inoltrata, benché sia difiìcile non é certamente im- 
possibile. Bisogna però ben guardarsi di qualificare ipso facto 
come traiimaticala, suggillazione che sia stata riconosciuta come 
originata intra vitam. Gl'individui, specialmente se molto avan- 
zati in età, affretti da degenerazione adiposa dei vasi, sono 
molto predisposti alle emorragie ; e vi sono persone le quali 
spesso, senza causa valutabile, presentano vaste ecchimosi con- 
giuntivali. In uno di questi vecchi vidi prodursi emorragie 
congiuntivali come prodromi di emorragie retiniche e cere- 
brali. Sui cadaveri d'individui aff'etti da scorbuto, riscontria- 
mo ordinariamente numerose ecchimosi ; ed è risaputo che 
nella peliosi si presentano sulle estremità inferiori stravasi, i 
quali mostrano diverso colore perchè non si produssero con- 



Digitized by VjOOQIC 



Definizione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post mortem 201 

temporaneamente. Ma poiché questa malattia soltanto eccezio- 
nalmente ha un decorso molto rapido e letale ( vedi un caso 
riferito da Wolff nella Berliner hlinische Wochenschrifty 
1880 j N. 18, sotto il titolo « Un caso di porpora con esito letale 
in 15 ore »)^ potrebbe il medico manifestare o sostenere un so- 
spetto, del tutto infondato, qualora non si tenesse sempre pre- 
sente la possibilità che la suggillazione può anche avere una 
origine non traumatica. 

Oltre alle ora descritte chiazze che sono piane, e talvolta 
sporgenti, ve ne sono altre che si presentano sul cadavere, le 
quali meritano tutta T attenzione del medico-legale. Esse de- 
corrono con perdita delPepidermide, e si presentano come leg- 
giere escoriazioni, oppure come semplici shok con epidermide 
intatta. 

L' escoriazione può prodursi intra vitam per attrito, per 
raschiamento, con un ago o coll'unghia del dito. Qualche volta 
dalla sua lunghezza e sottigliezza nonché dal suo decorso ret- 
tilineo , oppure curvo o a forma semilunare , si può inferire 
ristrumento col quale fu prodotta (per es. ago, unghia del dito). 
Si produce spessissimo sul cadavere, quando venga afferrato 
e lasciato cadere sopra un corpo duro. Quando si pratica 
rispezione esterna del cadavere, si deve sempre por mente se 
vi sieno tali escoriazioni, perchè esse indicano una lesione 
violenta avvenuta intra vitam, una lotta fra l'offesa e la difesa. 
La loro genesi intra vitam é dimostrata con certezza solo 
quando l'incisione nel punto ove esiste Tescoriazione faccia rile- 
vare uno stravaso sottocutaneo, e perciò quando si associa ad 
una suggillazione. Può anche darsi che quest'ultima stia più in 
basso (per es. mentre sul collo, nella regione della cartilagine 
cricoide a destra, havvi un' escoriazione, che secondo tutte le 
probabilità é prodotta dalla compressione col pollice, sulla mu- 
cosa dei primi anelli tracheali vi sia una suggillazione). In 
tutt'altro caso un'escoriazione prodottasi intra vitam non può 
essere distinta da una post mortem. In vece ogni escoria- 
zione, finché persiste come tale nel vero senso della parola 
{e si mantiene immutata soltanto per brevissimo tempo) di- 
nota che esiste da poco tempo, giacché non ancora si svol- 
sero quelle modificazioni caratteristiche, a cui essa per so- 
lito va incontro. In vero queste modificazioni differiscono, se- 



Digitized by VjOOQIC 



202 Blumenstok, Dottrina delle lesioni viulente 

condo che T escoriazione fu provocata alcuni giorni o mo- 
menti prima della morte, ovvero poco tempo dopo. Nel primo 
caso il punto privato dell' epidermide già dopo alcune ore si 
covre di uno strato di essudato , che si dissecca in forma di 
crosta, e, dopo la sua caduta il punto escoriato apparisce gua- 
rito senza che sia rimasta alcuna cicatrice. Quindi abbiamo da 
fare colle metamorfosi deirescoriazione allorché questa si è pro- 
dotta già da alcuni giorni, o per lo meno da molte ore. Sol- 
tanto Tescoriazione recente non presenta alcuna modificazione. 
Poiché ordinariamente Tautopsia viene praticata quarantotto- 
ore dopo la morte, ne risulta che quando sul cadavere noi tro- 
viamo un'escoriazione che non mostri alcuna modificazione, pos- 
siamo affermare recisamente che essa non si produsse né poco- 
prima né poco dopo la morte; quando l'escoriazione è rivestita 
di una crosta, possiamo affermare che si produsse intra vitani; 
quando mostra un essiccamento pergamenaceo, siamo autoriz- 
zati, a dichiarare che si produsse dopo la morte o poco prima 
di morire. 

I solchi possono mostrarsi associati ad escoriazione del- 
l' epidermide, oppure anche ad epidermide intatta. Appariscono- 
per lo più sul collo , ma spesso anche sopra altre parti del 
corpo: per es. sulle braccia. Qualunque sia il punto ove si 
presentano, certo é che la loro larghezza e profondità dipende 
dallo spessore e dalla qualità dell'oggetto adibito per lo stran- 
golamento. Negli appiccati influisce pure il peso del corpo. 

Sui caratteri differenziali di questi solchi^ per decidere se 
si produssero intra vitam o post mortem, sarà tenuta pa- 
rola altrove, quando prenderemo in esame la morte per soffo- 
cazione. 

Anche le alterazioni prodotte sulla superficie del corpo 
dall'azione della temperatura elevata e di sostanze caustiche, 
come per es. le bolle prodotte dalle scottature ecc. , saranno 
prese in considerazione nel capitolo sulle « Scottature ». 

Se sul cadavere si constata qualche contusione od una 
ferita (da taglio, da punta, da arma a fuoco), e sorge il dub- 
bio se prodotta intima vitam o post mortem , bisogna anzi- 
tutto tener presente che ogni ferita inferta intra vitam , ìa 
seguito alla quale la morte non accadde rapidamente, deve 
inevitabilmente provocare fenomeni reattivi, che financo sul 



Digitized by VjOOQIC 



DeflDizione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post mortem 203 

cadavere in putrefazione dinotano che la ferita fu inferta du- 
• rante la vita, ammesso bene inceso che si possano constatarli 
(infiammazione , suppurazione , guarigione parziale). Ma se la 
morte segue così rapidamente alla ferita, che non possa pro- 
dursi una reazione flogistica, non è possibile decidere a prima 
vista la quistione, e bisogna allora utilizzare due fattori, che 
d'ordinario contraddistinguono una ferita provocata intra vi-- 
tam ^ mentre per solito mancano in una ferita postmortale. 
Questi due fattori sono: versamento di sangue (soprattutto se 
coagulato) y e carattere dei margini della ferita (soflfusione, 
retrazione, tumefazione). Tutto ciò è noto da lungo tempo non 
solo ai medici, ma anche ai profani, sicché già Shakspeare 
nella sua opera « Giulietta e Romeo » ( Atto III, Scena II ) fa 
dire : 

La sua ferita io vidi, io con questi occhi... 
Oh Numi ! in mezzo del virii suo petto 
Ahi ! quel corpo sanguigno e miserando ! 
Bianco, smorto qual cenere, di sangue 
Tutto intriso, di sangue raggrumito... 

Ad Ogni modo dobbiamo qui vagliare alla stregua di una 
critica rigorosa questi segni differenziali, per ricondurre al loro 
giusto limite l'entità che loro spetta nella pratica forense. 

Anzitutto prendiamo in considerazione la ferita inferta intra 
vitam. L'emorragia varia secondo il calibro del vase che fu 
leso: il sangue gocciola (se furono lesi dei vasi capillari), op- 
pure viene fuori a getto continuo (vena) o interrotto (arteria). 
Il sangue stravasato perviene all'interno oppure all'esterno. In 
quest'ultimo caso ne troviamo quantità piìi o meno abbon- 
danti anzitutto nella ferita e nelle parti del corpo ad essa cir- 
costanti, e poi sugli abiti, nel punto ove poggiava il corpo, 
sugli oggetti vicini (istrumenti, pietre, foglie, ecc.). Se il sangue 
è venuto fuori a spruzzi, lo ravvisiamo talvolta su questi og- 
getti in forma di una lunga e sottile catena costituita da pun- 
ticini, ed in tal caso abbiamo nel tempo stesso la pruova, che 
la ferita si produsse intra vitam, giacché sul cadavere, e financo 
durante l'agonia, non spruzza mai sangue.— Un'emorragia dopo 
la morte è possibile soltanto in certe condizioni. Per lesione 
cutanea sul cadavere può verificarsi una piccola emorragia nel 



Digitized by VjOOQIC 



204 Bluxnenstok, Dottrina delle lesioui violente 

solo caso in cui sia stato inciso un punto relativamente pro- 
fondo; ma quando vengono lese parti adagiate relativamente 
in alto, apparisce appena qualche goccia di sangue. Ma, se 
sul cadavere venga leso un grosso vase sanguigno, in talune 
circostanze può flnanco verificarsi un'emorragia abbastanza 
profusa, quando trattasi di una persona che sia morta soffo- 
cata oppure decessa repentinamente, perchè allora il sangue 
rimane liquido. Lo stesso accade praticando T incisione in un 
organo parenchimatoso , che era iperemico intra vitam, o Io 
divenne post mortem , per ipostasi sanguigna. Se sul cada- 
vere riscontriamo una ferita profonda, per esempio una ferita 
da arma a fuoco sulla metà sinistra del torace, che abbia per- 
forato il pulmone, noi non possiamo — fondandoci unicamente 
sul versamento sanguigno — decidere che la ferita sia stata in- 
ferta intra vitam. Dobbiamo, invece, indagare altri fattori (dei 
quali fra poco terremo minutamente parola). E se neppure essi 
ci forniscono criteri attendibili , 1' esistenza o la mancanza dì 
un'anemia generale in alto grado, ci indurrà ad ammettere se 
trattisi di ferita prodotta in^ra mtam o postmortem. — Il con- 
statamento della morte per dissanguamento può far deporre 
qualsiasi dubbio flnanco nei casi in cui air ispezione del ca- 
davere non si accerti alcuna traccia di emorragia esterna od 
interna, il che — come è agevole comprendere — accade sol- 
tanto in casi eccezionali. 

Nella Wiener medizinische Wochenschrifi (1875, Nr. 21 e 22) ho 
pubblicato uu caso, unico nella mia pratica, e certamente rarissimo. 
Una serva uccise il suo bambino, che contava da 5 — 6 anni, produ- 
cendogli con afRlato coltello una profonda ferita nel collo. Né paga 
di averla ucciso, si accinse a ridurre il cadavere in pezzi, spiccan- 
dogli il capo dal busto. Ciò fatto, asportò il cuoio capelluto, apri 
il cranio, tolse il cervello ed i bulbi oculari, e li buttò insieme alle 
ossa craniche nell'acqua; indi tagliuzzò il tronco e le estremità in 
molte parti, ed insieme al cervello li seppellì in situ. Tutta que- 
st'opera di distruzione fu compiuta in una mezz'ora. — Poco dopo fu- 
rono rintracciate le parti del corpo seppellite (financo i bulbi). Tutte 
le parti del cadavere furono conservate in una cassa di legno. Io mi 
trovai nella condizione, certamente eccezionale y di dover constatare 
la causa della morte, non già spaccando il cadavere, ma ricompo- 
nendone le sparse membra. I singoli pezzi erano avvolti da un denso 



Digitized by VjOOQIC 



Definizione fra le lesioni Tiolente latra vìtam e quelle post mortem 205 

strato di sabbia e di terra, per cui si dovette anzitutto lavarli e pu- 
lirli. Con un po' di pazienza riuscii a ricomporre completamente il 
cadavere, eccezion fatta del cranio e del polmone sinistro, che non 
furono rinvenuti. Del capo erano stati rinvenuti, oltre ai bulbi, un 
brano di cute della fronte con le palpebre e la cartilagine nasale, 
due brani di cuoio capelluto con capelli scuri e lunghi due pollici, 
un pezzo di cute dell' occipite coi due padiglioni dell' orecchio, il 
mento, la bocca, la lingua, la laringe ed una grossa apertura cor- 
rispondente alla gola. 

Il tronco ei*a diviso in tre grossi pezzi, e ciascuna delle estremità 
superiore ed inferiore era ridotta in molti pezzi più piccoli. Tutte le 
superficie del taglio erano lisce; tutti i muscoli ed i visceri erano 
fortemente anemici. Per tutt'altro non nota vasi nessuna alterazione 
sugli organi più importanti. — Quantunque il corpo fosse stato ri- 
dotto in pezzi, e fossero andati perduti una gran parto del capo ed 
un polmone, si potette ammettere con certezza il dissanguamento 
come causa della morte. Né oravi a dubitare che la ferita da taglio 
al collo avesse prodotto la morte, per cui aveva dovuto essere in- 
ferta intra vitam , quantunque non si avesse potuto constatare nò 
un' inQltrazione sanguigna né una traccia di emorragìa, il che non 
deve sorpi'endere, tenuto conto del fatto, che le singole parti del ca- 
davere erano state dapprima seppellite, e poi lavate e pulite. 

Lo stravaso può essere liquido o coagulato. Per lo passato 
si ammise erroneamente che lo stravaso di sangue nella ferita 
dinotasse che essa fu inferta intra vitam. Si partiva allora dal 
concetto, che il sangue che effluisce dal cadavere , non possa 
più coagulare. Più tsi,rdi si convenne che esso può coagularsi 
anche poco tempo dopo la morte, e che perciò una ferita pro- 
dotta poco dopo la morte non potrebbe, in base a questo cri- 
terio, essere distìnta da una prodotta intra vitam. 

Òggi non si dubita più che il sangue liquido del cadavere 
sia suscettibile di coagulazione, soprattutto se venne a contatto 
coiraria, come pure se questa pervenne nelle maglie del con- 
nettivo, essendo intatto il tegumento esterno (Hofmann, loc. 
cit). Ma Li man fa giustamente rilevare che Casper eccedette 
quando al reperto del sangue coagulato nella ferita oppure in- 
torno alla stessa non attribuì alcun valore diagnostico per de- 
cidere se la ferita fu inferta intra vitam. In fatti è a notare 
anzitutto che (come menzionammo) sul cadavere soltanto in 
casi eccezionali si verifica un'emorragia profusa, per cui nel 



Digitized by VjOOQIC 



206 Blumenstok, Dottrina delle lesioui violente 

contorno di una ferita postmortale quasi mai sì rinviene una 
grande quantità di sangue coagulato. In secondo luogo, i grumi 
eventualmente esistenti in tenue quantità erano laschi, e quindi 
per la loro consistenza si distinguevano per lo più in grado 
pronunziato dai grumi solidi, che si presentano nelle ferite in- 
ferte intra vitam. 

Per ciò che concerne i margini della feHta, è stato af- 
fermato da alcuni autori , che essi nelle lesioni inferte intra 
vitam sarebbero suffusi di sangue, beanti e tumidi. 

È vero che nelle ferite contuse ed in quelle lacere, pro- 
dottesi intra vitam o subito dopo la morte, i margini talvolta 
presentano suggillazioni, mentre nelle ferite prodotte con istru- 
menti vulneranti acuti ciò non accade né così spesso, né in 
grado così rilevante. La causa di questa differenza é chiara: 
le prime sono lesioni complesse nel vero senso della parola, 
perché, oltre al prodursi una scontinuità, si verificano contu- 
sione e lacerazione di molti piccoli vasi sanguigni; — nelle se- 
conde il sangue effluisce all'esterno, oppure air interno, nella 
direzione della minore resistenza, e soltanto in rari casi (quando 
vengono lese grosse arterie) si effonde pure nei tessuti limi- 
trofi. In siffatto modo E. Hofmann {Lehrbuch, 2. Auflage pa- 
gina 338) riconobbe ferite mortali da punta, inferte intra vitam, 
le quali per il loro pallore e per la mancanza delle suggillazioni 
si comportavano come ferite postmortali; mentre Gasp e r {gè- 
richtliche Leichenòffnung , L Hundert, Berlhi, 1853, pag. 152) 
spiega diversamente questo fenomeno ammettendo che le « le- 
sioni per ferite da arma a fuoco e da punta, che colpiscono un 
grosso vase interno, e producono dissanguamento mortale re- 
pentino » non si distinguono menomamente da quelle prodotte 
dopo la morte. Amendue le interpretazioni sono plausibili, ma 
noi, fondandoci sopra osservazioni personali, crediamo che si 
debba attribuire la maggiore importanza alla possibilità del 
deflusso in direzione della resistenza minima (e naturalmente 
influiscono pure il cangiamento di posizione ed il rapido stra- 
mazzare a terra di chi fu mortalmente colpito), perché nei casi 
da noi osservati al pari che nella maggior parte di quelli del 
Gasp e r, spesso la ferita esterna cutanea rassomigliava ad 
una postmortale, mentre gli strati più profondi e gli organi 
erano già più o meno infiltrati di sangue, e le cavità del corpo 



Digitized by VjOOQIC 



Definizione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post mortem 207 

talvolta ne presentavano un abbondante accumulo. — Però tengo 
a far rilevare che la spiegazione di Gasp e r non è sufficiente 
per tutti i casi, e può flnanco indurre in giudizi erronei, come 
dimostra il seguente caso: 

Un gioviue contadino in una baruffa impugnò il coltello, col 
quale vibrò airavversario un colpo nella metà sinistra del petto. 
Questi senza emettere alcun grido di dolore corse alla casa, che di- 
stava circa 50 passi, e non appena ivi giunto repentinamente cadde 
a terra e mori. Sulla metà sinistra del torace, fra la secoaiia e la 
terza costola, rasente il margine sternale, constatai una ferita ovale, 
a margini acuti, che decorreva alquanto obliquamente da destra ed 
in sopra a sinistra ed in giù; la sua lunghezza ascendeva a 8 cen- 
timetri : l'estremità superiore era acuminata, T inferiore smussa. La 
prima s'infossava a forma d'imbuto, e da essa trapelava un po' di 
«angue schiumoso. I margini della ferita non mostravano alcuna sug- 
gillazione, e nel contorno della stessa non si accertava alcuna traccia 
di reazione. Aperta la cassa toracica, si notò che i muscoli perforati 
erano mediocremente suffusi di sangue. Nel sacco pleurico sinistro 
vi erano circa venti once di sangue in parte liquido in parte coa- 
gulato. Il margine anteriore del lobo superiore del pulmone sinistro 
ed il pericardio erano perforati in avanti (quesf ultimo quasi com- 
pletamente suffuso di sangue). Sulla parete anteriore del ventricolo 
sinistro, rasente la base ed il solco longitudinale, eravi una ferita 
ovale, che penetrava fin nell'interno del ventricolo. L'asse del ca- 
nale della ferita decorreva perpendicolarmente alla base del cuore. 
Deplezione sanguigna. Anemia generale. 

Il giudice mi domandò se l'ucciso, dopo che ebbe ricevuta la fe- 
rita mortale al cuore, poteva correre per 50 passi. Fondandomi sopra 
osservazioni cliniche ed empiriche (vedi Fischer, Schmidfs Jahr- 
bilcher, 1870, Nr. /, pag. i23) dovetti dare una risposta assolutamente 
affermativa. Se, invece, mi fossi attenuto a quanto afferma il Casper, 
.avrei dovuto dire che siccome la ferita non mostrava alcuna suggil- 
lazione, la morte aveva dovuto essere istantanea, e che perciò al ferito 
era impossibile correre cinquanta passi. Tutto ciò avrebbe implicato, 
nel caso in parola, che i giurati avrebbero dovuto certamente pren- 
dere in considerazione l'eventualità che la morte non fosse accaduta 
in conseguenza della ferita riportata in rissa , ma di una seconda 
lesione inferta nel sito ove mori. 

Praticando sul cadavere un taglio, si nota che i margini 
della ferita d'ordinario non solo non appariscono suggillati, ma 



Digitized by VjOOQIC 



208 Bluinenstok, Dottrina delle lesioni violente 

non sono neppure beanti, e perciò in questo senso si distin- 
guono da quelle prodotte intra vitam. In queste ultime la pelle 
si retrae specialmente in quei punti ove è più sottile e più. 
spostabile; ed in grado anche maggiore si retraggono le e- 
stremità del taglio di un muscolo , con che la ferita diviene 
beante. Ma poiché la pelle anche dopo la morte non perde 
completamente la sua elasticità, e la retrattilità dei muscoli 
persiste fino al momento in cui incomincia la rigidità cadave- 
rica, ne risulta che una ferita inferta poco dopo la morte può 
divenire beante, benché in grado non così considerevole come 
nel corpo vivo. 

Se la morte non si verifica rapidamente dopo una ferita, i 
margini di questa si gonfiano e divengono tumidi^ il che nelle 
ferite postmortali accade (e neppure allora in grado così signi- 
cante) quando furono inferte in punti ove si verificarono ipo- 
stasi sanguigne. Dippiù è a rilevare che la tumefazione prodot- 
tasi intra vitam può dissiparsi dopo la morte , e che i segni 
di un'accaduta reazione, e soprattutto le tracce di una emor- 
ragia, nonché le ecchimosi, la tumefazione dei margini, ecc., pos- 
sono — in alcune circostanze — essere resi indistinti, o financo 
scomparire completamente, per es. quando il cadavere è stato 
p«r lungo tempo nell'acqua, quando la putrefazione è molto 
innoltrata, quando il cadavere si carbonizza, ecc. 

Le ferite che presentano tutti i segni che si produssero 
intra vitam, non possono essere riguardate sempre come in- 
ferte con violenza. Sul cadavere si rinvengono spesso lesioni 
violente, che in vita furono prodotte per scopi terapeutici. Alle 
pii\ frequenti appartengono: 1) le piccole e caratteristiche ferite 
rotonde, le quali talvolta sono circondate da un'areola azzur- 
rognola giallastra, e pervengono da punture di sanguisughe; 
2) le non meno caratteristiche ferite da scarificazione, che si 
presentano in piccoli gruppi, fittamente stivati ; 3) le ferite da 
salasso , che per lo più si presentano nella piega del gomito, 
e sovente (poiché fatto durante l'agonia) rassomigliano com- 
pletamente ad una ferita postmortale; 4) le ferite che a prima 
vista dimostrano che si tratta di un'operazione chirurgica (per 
es. amputazione di un arto , dilatazione di ferite inferte con 
violenza, trapanazione, ecc.). Il medico-legale deve distinguere 
queste lesioni chirurgiche, fatte a scopo terapeutico, da quelle 



Digitized by VjOOQIC 



Distinzione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post mortem 209 

violenti, il che ha un' importanza specialmente nei casi in cui 
si sospetta che queste ferite prodotte intra vitam, ma non con 
intento criminoso, furono eseguite contro le regole dell'arte. 

Quanto più profonda è una lesione, e maggiore è la distru- 
zione che produce negli organi più profondi, più facile riuscirà 
distinguere se sia stata prodotta intra vitam o post mortem. 

Nelle lesioni del cuore, dei grossi vasi, o di organi paren- 
chimatosi il forte versamento del sangue in una delle cavità 
del corpo e la grave anemia generale depongono per una ferita 
del corpo intra vitam. Se le arterie sono lese, bisogna anche 
tener conto della loro notevole retrattilità. — Le lesioni violente 
di organi interni di rado si verificano post mortem. — È indu- 
bitato che i singoli organi post mortem presentano verso i 
traumi una resistenza maggiore che intra vitayn; ma si esagerò 
quando si ammise che per la lesione degli organi interni di un 
cadavere ci voglia una forza straordinaria. Così, per es., in due 
casi citati da E. Hofmann (Leàrbuch, pag. 544)hdLStò che il 
cadavere, pendente ad un albero, fosse caduto da una consi- 
derevole altezza, perchè si producesse rottura del fegato con 
stravaso di sangue nella cavità addominale. — La caduta di un 
cadavere nel celialo produsse una diastasi della sutura lam- 
bdoidea destra e frattura ossea con non lieve stravaso di sangue 
nella fossa cranica posteriore. 

Casper per il primo, e poscia Malgaigne, Keiller, 
Falk, Aeby ed Hofmann dimostrarono, che d'ordinario il 
sistema osseo verso i traumi presenta post mortem una re- 
sistenza maggiore che intra vitam. Se si consideri qtianto è 
difficile provocare sul cadavere una frattura delle costole o della 
clavicola, e quanto ciò sia facile sul vivente adoperando financo 
una mediocre forza, si acquista la convinzione che su tale pro- 
posito l'asserzione di Casper, benché oppugnata da parecchi 
autori, è esattissima, specialmente in quei casi in cui le ossa 
non sono ancora private dei loro involucri naturali (cute, grasso, 
muscoli). E poiché è certo che anche sul cadavere possono pro- 
dursi lesioni ossee, ne risulta che in ogni caso speciale bisogna 
esaminare se si verificarono int?m vitam o post mortem. Se 
sulle parti molli che circondano l'osso leso si riscontrino sug- 
gillazione, tumefazione, un tumore di durezza cartilaginea in- 
torno allo stesso punto della frattura, ovvero se esistano alte- 

Mascuka — Med. Leg. Voi. I. 14 



Digitized by VjOOQIC 



210 Blumenstok, Dottrina dt»lle lesioni violente 

razioni secondarie negli organi limitrofi (nella pleura e nel 
pulmone in casi di fratture delle costole) è indubitato che si 
tratta di una frattura inferla durante la vita, o per lo meno 
alcuni giorni prima che T individuo fosse morto. Ma qui pos- 
siamo fare completamente astrazione da tali casi. Per noi hanno 
importanza pratica soltanto quelle fratture in cui, nel sito ove 
esse si produssero, non si scorgono ancora quelle note che si 
presentano nel corso della guarigione delle fratture avvenute 
poco tempo prima della morte o subito dopo. — Per ciò che 
concerne le ossa tubolari, sono le costole la cui frattura dà 
più da fare al medico-legale su tale riguardo. All'autopsia ri- 
scontriamo talvolta frattura delle costole, benché nessun can- 
giamento esterno accennasse alla loro esistenza. Se i muscoli 
intercostali e la pleura sono suffusi di sangue in vicinanza im- 
mediata della frattura, o se riscontriamo uno stravaso sanguigno 
nel sacco pleurico, nonhavvi alcun dubbio che la frattura si 
originò intra vitani. Però abbiamo veduto anche casi in cui 
quantunque fossero fratturate molte costole (e parecchie di esse 
presentavano financo due a tre fratture) , né sul tegumento 
esterno né sulla pleura costale si potette riscontrare una sug- 
gillazione. In questi casi trattavasi di morte per soffocazione, 
cagionata premendo col ginocchio sulla cassa toracica, e la 
morte avvenne rapidamente. — Anche allora si potette (ben- 
ché ordinariamente si trattasse di omicidio proditorio, ed il 
medico-legale non potette utilizzare né la confessione del reo 
né la deposizione di testimoni ) constatare facilmente che la 
ferita era stata inferta iyitra vitam^ perchè dalle molteplici e 
vaste distruzioni rinvenute sul cadavere, si potette non solo 
desumere la causa della morte, ma flnanco ricostruire il mo- 
do con cui fu perpetrato il crimine. — Le lesioni violente del 
cranio possono essere ripartite, relativamente alla quistione 
di cui qui ci occupiamo, in tre categorie, secondo che le os- 
serviamo sopra cadaveri ben conservati oppure putrefatti, ov- 
vero sopra crani denudati delle parti molli. Nei cadaveri ancora 
freschi é facile distinguere se le lesioni violente del cranio si 
produssero intra vitam o ^;os^ mortem. Sul cuoio capelluto 
e sul periostio , oppure sulle meningi e nello stesso cervello 
riscontriamo alterazioni, le quali possono fornire dati più che 
sufficienti per decidere codesta quistione. Queste alterazioni, 



Digitized by VjOOQIC 



Distinzione fra le lesioni violente intra vitam e quelle post morteni 211 

specie quelle nel cervello , non si dissipano neppure quando 
la putrefazione è di medio grado; e nei casi eccezionali pos- 
sono — contro ogni aspettativa— conservarsi per un tempo abba- 
stanza lungo ^ come per es. nei casi di carbonizzazione del 
corpo. Però divengono irriconoscibili quando la putrefazione è 
molto innoltrata, e allora ci sfugge un criterio importante. Ma 
su tale proposito ci viene in soccorso un altro fatto, cioè la 
grande resistenza della calotta cranica nei cadaveri. Gasp e r 
e Li man {Handbuch II, /^agr. 252) stabiliscono il principio, che 
quando sopra un cadavere si riscontrano gravi lesioni violente 
del cranio, è da ammettere con probabilità che non si produs- 
sero dopo la morte, ma intra vitam, se dalle circostanze del 
caso non risulti che sul cadavere abbia agito una forza po- 
derosa, come per es. colpi con un forte martello o con un'a- 
scia, esplosione di polvere da sparo o di dinamite, urto violento 
contro blocchi di ghiaccio, passaggio di una ruota di vettura 
pesante sul cranio, vapori che si formano nel cranio nei pro- 
cessi di combustione, e che squarciano la capsula cranica di- 
venuta friabile per la progressiva carbonizzazione (Hofmann), 
forza dilatatrice del cervello congelato per essere stato esposto 
lungo tempo ad una bassissima temperatura, ecc. (Kf ajewski). 
Con semphci esperimenti di controllo è facilissimo convincersi, 
che la sopra cennata asserzione di Casper e di Limane 
esatta. Ed esatta ci sembra pure la loro opinione, che questa 
notevole resistenza sia devoluta a preferenza alla calotta cranica 
morta, perchè sui crani completamente denudati le lesioni vio- 
lente possono essere prodotte molto più facilmente. — Da ciò 
segue pure, che su questi crani è difficilissimo distinguere le 
lesioni intra vitam da quelle post mortem. Se ci si presentas- 
sero in esame crani, disumati da un terreno secco, i quali per 
la loro fragiUtà ed il caratteristico color rosso-ruggine mo- 
strano di essere seppelliti da molti anni, dobbiamo ammettere 
colla massima probabilità che le lesioni di continuo, eventual- 
mente rinvenute su di essi, si sieno prodotte jiost mortem. 

Le lesioni violente del cranio possono, inoltra, essere pre- 
cedenti alla vita extrauterina (per lesione violenta dell'addome 
delle gravide con istrumenti ottusi o per caduta di una gra- 
vida da una rilevante altezza; vedi Maschka, Prager Vier- 
tcljahrsschHft, 1856, IV, 105), oppure durante il parto (per 



Digitized by VjOOQIC 



212 Biumenstok, Dottrina delle lesioni violente 

bacino stretto), o immediatamente dopo (nei neonati). Rarissimi 
sono i casi di lesioni traumatiche del cranio nell'utero; ma 
essi al pari delle lesioni violente durante il parto non debbono, 
sfrictii rigore, essere presi qui in considerazione» Qualora il 
medico-legale fosse invitato a dare un parere sopra un caso 
della prima specie, la diagnosi non è difficile quando vi fossero 
tracce di guarigione incipiente od inoltrata. Ma se il feto fu 
espulso immediatamente dopo la lesione violenta, la diagnosi 
deve essere fondata sull'anamnesi e sulle speciali circostanze 
del caso. — Nelle lesioni violente del cranio, che accaddero du- 
rante il parto, si dovranno anzitutto prendere in considerazione 
se la sua durata sia stata lunga o breve, ed il rapporto in cui 
sta il canale pelvico colla testa del feto. Si deve pure esaminare 
se questa presenti peculiari anomalie nella ossificazione (vedi 
il relativo lavoro di E. Hofmann inserito nella Pra5r(?r Vier- 
teljahrsschrift, 1874^ Voi. CXI), In fine verranno accuratamente 
studiate la natura e la sede della lesione violenta (durante il 
parto accadono più frequentemente infrazioni anziché fratture). 
La lesione violenta impegna a preferenza le ossa parietali, e 
non si presentano allora suggillazione e ferita del cuoio ca- 
pelluto. — Le lesioni violente del cranio nei neonati sono pro- 
dotte accidentalmente (per caduta od urto contro un oggetto 
duro) oppure inferte deliberatamente. Tuttavia può anche sor- 
gere il dubbio se le lesioni rinvenute sulle ossa craniche del 
neonato abbiano potuto accadere dopo la morte (ed in tal caso 
sarebbero d'ordinario accidentali). Per questi casi è molto im- 
portante distinguere se si produssero intra vitam o post mor-- 
tem. Gasp e r {Vierteljahrsschrlft far gerichtliche Mediziny 
Voi. XXIITj Heft 1) credette di aver rinvenuto un importante 
criterio differenziale nel fatto, che le fratture prodotte in vita 
avrebbero margini dentellati , quelle post morteni per lo più 
margini lisci. Però Skrzeczka {Vierteljahrsschrlft far ge- 
richtliche Mediziìiy i869y N. 7, Voi. A", pag. 69) ha constata- 
to — e la maggior parte dei medici-legali si accordano piena- 
mente con lui — che la formo dei margini della frattura non è 
decisiva per dimostrare che una frattura delle ossa craniche sia 
stata inferta ad un bambino intra vitam o x>ost mortem. — Per 
poter dare questa dimostrazione, dobbiamo prendere in consi- 
derazione tutte le circostanze del singolo caso, e tener presente 



Digitized by VjOOQIC 



Distinzione fra le tesioni violente intra vitam e quelle post mortem 213 

<;he le fratture del cranio sono facilissime a prodursi nei neonati 
anche dopo la morte ; in tal caso ha un' importanza decisiva 
resistenza o la mancanza di fenomeni reattivi sul molle tegu- 
mento del cranio. E quando in base air esame dì tutti questi 
fattori possiamo decidere che nei neonati la frattura avvenne 
intra vitam, dobbiamo anche esaminare la quistione se essa si 
sia prodotta nella vita intrauterina od extrauterina. La risposta 
a questa domanda è di una grande importanza per Tistruttoria. 

A stretto rigor di termine potremmo qui affermare , che 
non solo perule lesioni violente, ma anche nelle diverse alte- 
razioni che si scorgono sul cadavere, può presentarsi la qui- 
stione se esse si produssero intra vitam o post mortem. Così, 
per es., allorché trattasi di cadaveri estratti dall'acqua, può sor- 
gere il dubbio se il liquido rinvenuto nei pulmoni e nello stomaco 
vi sia pervenuto durante la vita o dopo il decesso. Poiché dagli 
esperimenti di Engel ediLiman risulta che i liquidi quando 
non sono troppo densi o fangosi possono pervenire nei bron- 
chi e nello stomaco anche dopo la morte, é chiaro che la pre- 
senza nello stomaco e nella trachea di un liquido dal quale 
fu estratto il cadavere non é un segno certo della morte per 
annegamento (vedi E. Hofmann, Vierteljahrsschrift fur gè- 
richtliche Medizin, 1873, Voi. XIX, pag. 255, e la mia relazione 
nei F r i e d r e i e h's Blàtter fur gerichtliche Medizin, 1876, pa^ 
gina 289). — Parimenti, quando si rinvengono sostanze tossiche 
nel corpo può essere accampata la domanda, se vi pervennero 
i7itra vitam e produssero la morte per intossicazione, oppure 
accidentalmente, o se vi furono introdotte a ragion veduta dopo 
.la morte, asrvenuta per altra causa. Per parecchi veleni, come 
per es. per l'acido solforico e per l'acido arsenico, la distinzione 
in complesso è facile; per altri dobbiamo sempre riguardare 
come postmortali parecchie alterazioni (è nota per es. l'imbi- 
bizione sanguigna della mucosa gastrica dopo l'introduzione 
del cianuro potassico; E. Hofmann). La presenza dell'ossido 
di carbonio negli organi profondi e nei vasi quando trattasi di 
cadaveri carbonizzati depone per la penetrazione del gas tos- 
sico durante la vita (vedi Hofmann, Wiener medizinisàhe 
Wochenschrift, 1876, N. 7 e 8, e Iti mia relazione nei Fried- 
reich'5 Blàtter far gerichtliche Medizin, 1S78, pag. 347). 

La distinzione fra le Lesioni violente inferte intra vitam e 



Digitized by VjOOQIC 



214 Blumeostok, Dottrina delle lesioni violente 

quelle post mortem e fra le modificazioni che subiscono neirun 
caso e neir altro, è importante nella pratica forense, giacché 
il medico-legale deve sempre tener presente la probabilità che 
esse sieno state prodotte sul cadavere ; ed il trascurare tutte 
le precauzioni sul riguardo può cagionare errori fatali , come 
accadde in un caso interessantissimo riferito da Maschka 
{Sammliing gerichtsàrtzlicher Gutachtcìiy 1853), nel quale un 
bambino decesso di morte naturale era sdraiato a terra e co- 
verto di neve fin sul capo. Di notte, alcuni cacciatori in con- 
trabbando lo videro, lo scambiarono per una lepre, e lo spa- 
rarono. I periti riscontrarono una ferita da arma a fuoco sul 
capo, e piombo nel cervello, non seppero distinguere una le- 
sione violenta intra vitam da unsi post mortem, e dichiararono 
che si trattava di morte violenta. 

Nella mia pratica forense ho avuto sovente occasione di 
osservare casi di lesioni violente prodotte da ratti, gatti, cani, 
volpi, maiah, sopra cadaveri umani che giacevano allo scoverto. 
Ho osservato anche casi in cui poppanti vivi furono tirati fuori 
della culla da maiali, e mortalmente morsicati. In questi casi 
r esame del medico-legale decide se debba continuare o so- 
spendersi ristruttoria. Quindi il perito ha un compito pieno di 
responsabilità, e — ^^come vedremo — anche difficilissimo, perchè 
di rado vi sono criteri decisivi i quali permettano di dare un 
giudizio sicuro ed inappuntabile. In vece di formulare, su tale 
proposito, dogmi i quali non esistono nella Medicina-Legale, il 
perito farà bene ad utilizzare in ogni caso la sua scienza, espe- 
rienza ed intuito. Se egli non è un tirone nella pratica, ne uscirà 
con onore e decoro anche nei casi più difficili. 



Digitized by VjOOQIC 



PRODUZIONE 



DELLE 



LESIONI VIOLENTE MECCANICHE 



CON SPECIALE RIGUARDO ALLE 



ESCORIAZIONI, CONTUSIONI, FERITE DA TAGLIO, DA FENDENTE, 
LACERE E DA ARMA A FUOCO 



DEL 



Dottor CARLO ^W^BIL 

Prof, all' Università di Praga. 



(Versione del D/ VINCENZO MEYER) 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



LETTERATURA 



A. Parte Generale. 

Pauaeus, Tractatus» de renunciatione vulnerum. Paris 1582. — B. Sue- 
vus, Tractatus de inspectione vulnerum letalium atque insanabilium prae- 
cip. e. h. partium. 1629. — Teutsch untar dem Titel Wundenurtheil. Ham- 
burg 1644. — Fragoso . Secundo, Tractatus de inspectione vulnerum leta- 
lium et sanabilium praecipuarum e. h. partium 1629. Teutsch unter dem 
Namen Chirurgischer Wundbericht von B. Langwedel. Hamburg 1644. — 
M. Sebiz, Fixamen vulnerum singularium e. ìi. partium prout letalia sunt 
vel sanabilia vel incurabilia. Argontor. 1638. — Fortunatus Fidblis , De 
relationibus medicorum libr. IV. in quibus ea omnia quae in forensibus, 
ac publicis causi Modici referre solent, pienissima traduntnr etc. — Fano- 
rum in Sicilia 1003. — Paulus Zacchias Romanus, Questiones medico-le- 
gales. Tom. I. lib. V. Titul. IL Quail. 1. Francof. ad Moen 1688. —Mi- 
CHAELis Alberti, Systema jurisprudentiae medicae. Halao 1725 — 38. Tom. 
4 n. — Herrm Fr. Teichmeyer, Institutiones medicinae legalis vel forensis. 
Je . 1722. 4to. 1731—40. Editio Faselii 1762— 67. — Joh. Ernst Heben- 
STRE1T, Anthropologìae forensis sistons medici circa rempublicam causas- 
que dicendas offlcium. Lips. 1753. — Fr. Boerner, Institutiones medicinae 
logalis. Viteberg 1756. — Alb. v. Hàller, Vorlesungen iiber die gericht- 
liche Arznoiwissenschaft, iibersetzt und herausgegeben von Weber. Bern 
1782 — 84. — GoDOFR. Henr. Kannegiesser , Institutiones medicinae lega- 
lis. Hai. 1768. Edit. alt. Kil. 1777. — 3oH. C. B rende L , Medicina legalis 
s. forensis cura praeloctionibus in Teichraeyeri, inst. med. leg. Edidit T. G. 
Meier. Hannover 1789. — Chr. Fr. Eschenbach, Medicina legalis brevissi- 
mis comprehensa thesibus. Rostock 1740. ibid. 1775. — Chr. Gottl. Lud- 
wig, Instit. med. for. praelect acad. accomodat. Lipsiae 1765. curante Bo- 
sio 1773. — J. Fr. Faselii, Elementa medicinae forensis pract. acad. ac- 
commodata. Jenae 1767. A. d. Latein. iibars. von Lange. Leipzig. 1768. — 
J, W. Baumer, Medicina forensis praeter partes consuetas primas lineas 
jurisprudentiae medico militaris etc. Francof. et Lips. 1788. — C. F. Da- 
niel, Institutìonum medicinae publicae edendarum adumbratio cum speci- 
ruine de vulnerum letalitate. Lipsiae 1778. — Joh. Jac. Plenk , Elementa- 
medicinae et chirurgiae forensis. Vienn. 1781, Deutsch von Wasserberg. 
1788. — M. MiCH. SiKORA, Conspectus medicinae legalis legibus austriacis 
accomodatae. Prag. 1780. Notis auxit J. D. John. 1792. — Joh. Dan. Metz- 
OBR, Kurzgefasstes System d. gerichtl. Arzneiwissenscbaft. Kònigsberg und 



Digitized by VjOOQIC 



218 Letteratura 

Leipzig 1793 — 1805. — Idem. Gerichtl. nied. Abhandlungen. Koiiigsberg 
1802. — JoH. Chr. Fahner, Vollstàndiges System der gerichtlichen Arznei- 
wissenschaft. Stendal 1795 — 1800. — JoH. Valentin Mììller, Entwurf der 
gerichtlichen Arzneiwisseiischaft et<;. Frkft. a. M. 179(5 — 1802. —Tu. G. 
AuG. RoosE, Grundriss raedicinisch-gerichtlicher Vorlesungen. Frkft. a. M. 
1802. — F. ScHRAND, Elcmenta medicin. forensis. Pesth. 1802. — J. A. Sck- 
MiDEMULLER, Handbuch der Staatsarzneikunde. Landshut 1804. — Franciscl 
Bene, Elementa. Medicinae forensis. Budae 1811. — Georg Heinr. Masius, 
Lehrbuch der gerichtlichen Arzneikunde. Rostock 1810. — C. T. L. Wild- 
berg, Handbuch der gerichtlichen Arzneiwissenschaft. Berlin 1812. — Joseph 
Bernt, Systematisches Mandbuch der gerichtlichen Arzneikunde. Wien 1813. — 
C. Sprengel, Institutiones medicinae forensis. — J. F. del Valle, Chinir- 
gia forense. Madrid 1796 — 97. — P. A. 0. Mahon, Medicine legale et po- 
lice médicah Paris 1801. — J. J. Bellev, Cours de Medicine legale, judi- 
ciaire theorique et pratique. Paris 1809. — Dr. Vigne, La Medicine legale. 
Rouen et Paris 1805.-- F. K Fodere, Trai té de Medicine legale et d' hy- 
giène publique oii de police de sante. Paris 1813. — G. Tortosa, Institu- 
zioni di Medicina forense 1802. — Samuel Farr, EJements of medicai Juri- 
sprudence. London 1788. — Thomas Percival , Medicai Jurisprudence etc. 
London 1808. — John Johnstone , Medicai Jurisprudence. London 1800. — 
Adolf Henke's Lehrbuch der gerichtl. Medicin. Zum Behufe academischer 
Vorlesungen und zum Gebrauche fiir gerichtl. Aerzte und Rechtsgelehrte 
entworfen. 12. Aufl. mit Nachtràgen v. Cari Bergmann. Prof, in Gottin- 
gen. Berlin 1851. — Handbuch der gerichtl. Medicin f. Medicinor und Rechts- 
gelehrte und Gericlitsarzto mit Riicksichtnahme auf die Schwurgerichte 
bearbeitet von Dr. Franz Xaver Giintner, Privatdocent und Prosector an 
der Universitiit Prag. Regensburg 1851. — Handbuch der gerichtsaerztl 
Praxis von J. B. Friedreich. 2te mit Zusàtzen vermehrta Aufl. Regensburg 
1855. — Handbuch der gerichtl. Medicin f. Aerzte u. Juristen bearbeitet von 
Dr. L. Krahmer, ord. Prof, der Heilmittellehre in Halle. 2te umgearb. Au- 
flage. Braunschweig 1857. — Lehrbuch der gerichtl. Medicin mit Beriick- 
sichtigung der gesammteu neueren deutschen Gesetzgebung zum Gebrau- 
che fiir Aerzie und Juristen, bearb. von Dr. Fr. VV^ Boecker, k. Kroisphy- 
sicus und Privatdocent an der Universitiit zu Bonn. 2te sehr vermehrte u. 
verbesserte mit Holzschnitten verseheno Auflage. Iserlohn 1857. — Lehrbuch 
der gerichtl. Medicin. Zum Behufe academischer Vorlesungen und zum 
Gebrauche fiir gerichtl. Aerzte und Rechtsgelehrte entworfen. 13. Aufl. mit 
Nachtràgen v. Carl Bergmann, Prof, in Rostock. Berlin 1859. — Medicin 
gerichtl. Gutachten der hònigl. Ipreuss. wissensch. Deputation fiir das 
Medicinal-Wesen aus den Jahren 1840 — 1850. Herausg. von Dr. Kallsch. 
Leipzig 1859. — Lehrbuch der gerichtl. Medicin mit besonderer Beriick- 
sichtigung der Gesetzgebung Oesterreichs und deren Vergleichung mit dea 
Gesetzgebungen Deutschland, Frankrcichs u. Englands. Fiir Aerzte u. Jori- 
sten , von Dr. Adolf Schauenstein. 2te Aufl. 1875. — Klinische Novjsllen 
zur gerichtl. Medicin. Nach eigenen Erfahrungen von Joh. Lud. Casper. 
Berlin 1863. — Lion, A., Compendium der Sanitàtspolizei und gerichtL Me- 
dicin. Mit 14 in den Text gedruckten Holzschn. 8.** 328 Berlin (1867); — 
Hauska , F. , Compendium der gerichtl. Arzneikunde. 2. Aufl. 8". Wien 
1869. — PicHLER, W., Die gerichtl. Medicin nach dem heutigen Staiidpun- 
kte der Medicin und Gesetzgebung etc. Wien (1867). — Komorous, J., Visa 
reperta zum praktischen Gebrauch fiir Aerzte und Wundàrzte. Wien. 8^ 
1868. 2. Aufl. — KiicHLER, Zur gerichtl. medicin. Casuistik. Meraorabìlien. 



Digitized by VjOOQIC 



Letteratura 219 

15. Jan. 1871. — Buchner , E., Lehrbuch der gerichtl. Medicin f. Aertze 
11. Jaristen. Nach eigenen u. fpomden Erfahrungen bearbeitet. 2. Aufl., he- 
rausg. V. C, Hecker. Miinchen 1872. — Maschka : Sammlung gerichtsàrztl. 
Gutachten aus den Verhandlungen der Prager medicin. Facultiit und nach 
eigenen Erfahrungen. Leipzig 1873. IV Bd. — Schìjrm\yer, Lehrbuch der 
gerichtl. Mecicin mit vorziiglicher Beriicksichtigung des deutschen Strafge- 
setzbuches fùr Aerzte u. Juristen. N. verbesserte und vermehrte Aufiage. 
■ 1874). Erlangen. — Casper, JoH. Lud., Prakt. Handbuch der gerichtl. Me- 
dicin. Neu bearbeitet und vermehrt von C. Liman. 6. Aufl. gr. 8°. Berlin 
1876. — Hofmann, E., Lehrbuch der gerichtl. Medicin. Wien, 1878. 

B. Monografie ed Articoli inseriti nei giornali. 

Paul Ammann, Medicina critica, 3 centuria casuum in facultatc Lip- 
siensi resolutorum. Stadae 1677. — Joh. Fr. Zittmann, Medicina forensis h. 
e. responsa facultatis medie. Lipsiens. etc. Francof. a. M. 1706. — Mich. 
Bernh. Valentin, Corpus juris medico legale constans e pandectis, novel- 
lis et authenticis iatrico forensibus. Francof. a. M. 1792. M[ch. Alberti, 
Systeraa Jurisprud. med. — Joh. Georg. Hasenert , Der medicin. Richter 
oder Acta Phys. Med. forens. Colleg. med. Onold IV Bde. — Ernst Euseb. 
Richter , Digesta medica s. decisiones medico forenses. Lipsiae et Bud. 
1781. — C. G. Tropi» ANEGER, Decisiones medico forenses. Dresden et Neu- 
stadt 1733. — P. C. Fabricius, Sammlung einiger medie. Responsorum und 
Sectionsberichte. Helmst. 1722. — C. D. Daniel, Sammlung medie. Gutachten 
und Zougnisse. 1776. — F. A. Waitz, Vermischte Beitriige zur gerichtlichen 
Arzneigolehrtheit. Leipzig 1776. — W. H. S. Buchholz , Beitriige zur ge- 
richtl. Arzneigolehrtheit und med. Polizei. IV Bde. Weimar 1782 — 90. — 
C. F. Uden, Magazin fiir die gerichtl. Arzneikunde. II Bde. Stendal 1832 — 
84. — Dessrn und J. Th. Pyl, Neues Magazin fiir die gerichtl. Arzneikun- 
de. Stendal 1785 — 88. — .L P. Keek, Abhandlungen und Beobachtungen aus 
der praktis^hen und gerichtl. Arzneiwissenschaft. Beri. 1778. — C. H. A. 
ZiEGLER, Beobachtungen aus der Arzneivissenschaft und gerichtl. Arznei- 
kunde. Leipzig 1787. — Ch. L. Schweikard, Medicinisch gerichtl. Beobach- 
tungen. 3 Bde. Strassburg 1789. — J. D. Metzger, Gerichtl. medicin. Beo- 
bachtungen. 2 Jahrgànge. Kònigsberg 1778 — 80. — Lo stesso, Vermischte 
medie. Schriften. 2. Bd. 1781 — 82. — Lo stesso e Elsner , Medicinisch- 
gerichtl. Bibliothek. 2 Bde. Kònigsberg 1786 — 87. — Lo stesso, Annalen der 
Staatsarzneikunde. 1. Bd. Ziillichau 1790. — Meckel , Archiv der prakt. 
Arzneikunde. 3 Bde. Leipzig 1785 — 87. — J. G. Kiihn, Sammlung medicin. 
Gutachten. 2 Bde. Breslau 1791 — 96. — J. Chr. Fanher, Beitriige zur pra- 
ktischen und gerichtl. Arzneikundv. Stendal 1799. — Joh. Th. Pyl, Aufsàtze 
und Beobachtungen aus der gerichtl. Arzneiwissenschaft. 8. Theile. Berlin 
1783 — 91. — Lo STESSO, Repetitorium f. die òffentl. und gerichtl. Arzneiwiss- 
enschaft. 3 Bde. Berlin 1790 — 93. — Chr. Knappe, Kritische Annalen der 
Staatsarzneikunde. Berlin 1802 — 4. — Th. G. A. Roose, Beitriige zur òffentl. 
und gerichtl. Arzneikunde. Frankfurt a M. 1802. Medicin. Miscellen aus 
RoosES Nachlasse herausgegeben von L. Formey. Frankf. a. M. 1804. — 
Fr. L. Augustin, Archiv der Staatsarzneikunde. 3 Bde. B.^rlin 1804 — 6. — 
Chr. Knappe u. Hecheg, Kritische Jahrbiicher fùr Staatsarzneikunde fiir 
das 19. Jhhdt. 1806— 1808.— J. H. Kopp, Jahrbuch der Staatsarzneikunde. . 
Frankf. a. M. — Fr. L. Augustin, Repetitorium fìir die òffentliche und ge- 



Digitized by VjOOQIC 



220 Letteratura 

richtliche Arzneiwisssnscliaft. Berlin 1810. — \V. F. W. Klose, Beitriige zur 
gerichtl. Arzneikunde. Breslau u. Leipzig 1811. — J. Berxt : Beitriige zur 
gerichtl. Arzneikiinde. — Wien 1818. — Adolph Henke, Abhandlungen aus 
dem Gebiote der gerichtl. Medicin. Bamberg 1815 — 18. — C. T. Schlegel, 
Collectio opusculorum selectorum ad medicinam forensem spectantium. Li- 
psiae 1785 — F. B. Waitz, Sarnmlung kleinop akadernischer Schriften iiber 
Gegenstànde der gerichtlich. Arzaeigelahrtheit. Altenburg 1793 — 97. — Lo 
STESSO, Neue Sarnmlung. 1802. — Ernest Platner, Quaestiones. Medicinae 
forensis. Lipsìae 1797 — 1815. — J. Komorans , Ueber Kòpperverletzungen 
im Allgemeinen und insbesondere (òsterr. medie. Jahrb. 1843. Juni, Juii), — 
Friedbeich, Darf eine bestimmte Zeitfrist fiir die nothweudige Tòdtiichkeit 
einer Kòpperverletzung aufgestellt werden? (Arch. d. Criminalrechis. 1843. 
4 St.) — Bernh. Brach, Chirurgia forensis specialis, oder gerichtsàrztliche 
Beurtheilung der von den verschiedenen Theilen des menschlichen Kòrpers 
vorkommenden Verletzungen. Kòln 1843. F. C. Eisen. — Gerichtsàrztliche 
Wurdigung der Kòrperverletzungen und Narben dargestellt v. F. H. Gììnt- 
NER in Prag. — L. v. Jagemann, Zur Revision der Lehre von der Kòrper- 
verletzung und Gesundheitsbeschàdigung. I. Thatbestand. Arch. d. Crimi- 
nalrechts 1844. I St. — F. v. Net, Ueber die Anwendung der Eìntheilung 
der Verletzungen in laesiones absolute individualiter, per se, per accidens 
lethales, bei gerichtl. medicin. Gutàchten. — Krììgelstein, Ueber die Schàt- 
zung dor durch die verletzenden Werkzeuge hervorgebrachten Wirkungeu 
und dercn Wurdigung als àussere Veranlassung zur Lebensgefahr u. Tòdtiich- 
keit. Magazin f. St. d. v. Siebenhaar ti. Martini IV. 2. 1844. — Albert, 
Ueber Eintheilung der todtlichen Kòrperverletzungen. Friedroich's Centra- 
larchiv III. I. — Dr. M. J. Schleiss v. Lòwexteld. Die Lethalitatsgrade der 
Verletzungen in gerichtsilrztlicher Beziehung. Miinchen 1844. — Dr. Brach, 
Einiges iiber die medicinisch-gerichtliche Beurtheilung der nicht todtlichen 
Verletzungen. Rhein. Monatsch. f. pr. Aerzte. Septbr. Octbr. 1848. — Dr. 
Schneider (in Fulda), Die Verletzungen an alien Theilen des menschlichen 
Kòrpers mit besonderer Hinsicht auf die Lethalitàt derselben. Ver. d. Zeit- 
schr. f. St.A.K. IV. 2. — Die Kòrperverletzungen in gerichtl. medicin. Be- 
ziehung in dem Geiste der òsterr. Gesetzgebung beurtheilt v. Dr. Carl 
Snetivy, kk. Dlstricts und Badearzt zu Hofgastem. Linz 1849. Die Grund- 
lehren iiber die gerichtsàrztliche Beurtheilung der Kòrperverletzungen iiber- 
happt. Centralarch. f. d. gerichtl. u. poliziel. Med. W. v. J. B. Friedreicr. 
VI. 5. — Die Kòrperverletzungen aus dem Gesichtspunkte der preuss. Geetze 
fùr Gerichtsàrzte u. Richter beleuchtet v. Dr. Herzog, hònigl. Medic.-Ra- 
the. Berlin 1850. — Ueber die Verletzungen in gerichtl. medie. Beziehung 
von Dr. Jcs. Komoraus. 2te mit einer Casuistik vermehrte Aufl. Wien 
1851. — Die todtlichen Verletzungen nach den Grundsàtzen der neueren Straf- 
gesetzgebungen, bearbeitet yon Dr. C. de Neufville. Erlangen 1851. — Dr. 
Rawitz, Legensgefàhrliche Kòrperverletzungen. Arch. f. gerichtl. Medicin., 
vor den Assissen des Kònigreiches Hannover verhandelter Falle, horausgeg. 
von Dr. Dawosky u. Dr. Polak. Bd. 1. l.Heft. Celle 185i.— Die Beurthei- 
lung dor Kòrperverletzungen bei dem òffentlichen und miindlichen Straf- 
verfahren. Zum Gebrauche f. Aerzte und Richter. Bearbeitet von Dr. Jos. 
Finger d. Z. Assistenzarzte d. St.A.K. an der Pragor Hochschule. Wien 
1852. — Dr. P. J. Schneider, Wie hat sioh der Gerichtsai^zt bei der an iha 
gestellten Frage auszusprechen; Db der Thàter die eingetretene Kòrperver- 
. letzung oder Tòdtung als leicht mògliche Folge seiner Misshandiung voraus- 
sehon konnte oder nicht? Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neuc» Fo\gi\ XL 



Digitized by VjOOQIC 



Letteratura 221 

1. — Dr. \V. Franz, Gerichtsàrztl. Beurtheilung fler Kòrperverletzungen le- 
bender Personen. Vierteijahrsch. f. ger. u. òffentl. Medicin von. J. L. Ca- 
sper. I. 1. — Dr. Klussmann, Ueber die Beurtheilung von Verletzungen an 
Lebenden mit Bezug auf das neuo Strafgesetz. Kbendaselbst. II. 1. — Dr. Me- 
rKLENBUFG , Die tòdtlicbe Kòrperverletzungen ;m Sinne des neuen Btraf- 
rechtes. Vierteijahrschp. f. ger. u. òffentl. Medicin von J. L. Casper. V. 2. — 
Dr. F'. J. ScHNEiDER , Mittheilungen aus der gerichtl.-medicin. Casuistik. 
Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge. III. 2. u. IV. 1. — Dr. Hofmann, 
AnkLige wegen Vergehens der Kòrperverletzung. Henke's Zeitschr. f. d. 
StA.K. XXXIV. Ergànzungsheft 45. — Dr. Hofmann, Anklage wegen Kòr- 
perverletzung mit nachgefolgtem Tode. Ebandaselbst. XXXIV. 4. — Dr. Hof- 
mann , Anklage wegen Verbrecliens der Kòrperverletzung ersten Grades. 
Kbendaselbst. XXXIV. 4. — Ueber die forensische Bedeutung des Schmerzes. 
Hliitter fiir ger. Anthropologie. VII. 2. — Dr. Maschka, Mittheilungen aus 
der gerichtsàrztl iclien Praxis. Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. Neue Folge. 
VII. 2. — Zur Lehre von Kòrperverletzungen. Bliitter f. gerichtl. Anthropo- 
logie. Vili. 2. — Ueber vorgiftete Wunden (vergiftete Waffen, Schusswunden, 
Leichengitt). Blàtter f. gerichtl. Anthropologie. IX. 4. — Schwere Kòrperver- 
letzung. Blàtter f. gerichtl. Anthropologie. VJII. 1. — Die Wunden im Allge- 
meinen. Nach dem neuesten Standpunkte der Wissenschaft bearbeitet. Dr. J. 
Mair, (Hausbibliothek der prakt. Chirurgie in Monographien nach den ein- 
zclnen klin. Abtheilungen derselben mit besonderer Beriichsichtigung der 
chirurg. Anatomie und gerichtl. Medicin. I. Abth.). Ausbach. 1858. — Dr. Ma- 
schka , Bericht iibnr die in dem Zeitraume voni 1. Mai bis Ende August 
vorgekommenen gerichtsàrztl. Untersuchungen. Prager Vierteljahrsschr. Bd. 
II. p. 81. I. Verletzungen an Lebenden (25). — Dr. Maschka, Gerichtsàrztl i- 
clie Mittheilungen. Vierteljahrsschr. f. ger. u. òffentl. Medicin. XIII. 2. Fall. 
2: Misshandlungen eines mit einem hochgradigen Herzleiden behafteten Man- 
nes ; nicht nachweisbarer Zusammenhang des nach 6 Tagen erfolgten To- 
(ìes mit der ersteren. — Dr. Maschka : Gerichtsàrztl. Gutachten. Henke's 
Zeitschr. f. d. StA.K. XXXVIII. I.— Dr. Albert, Misshandlung aus Wollust. 
Blàtter f. ger. Anthropologie. X. 3. — Dr. Hofmann, Aus der gerichtsàrztl. 
Praxis. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge. XIV. 2. (2 Misshandlun- 
fren durch Anfassen an der Gurgel u. Stoss auf den Magen; Convulsio- 
nen ; etc. etc. ) — Fr. Ròmer , Zur Beurtheilung von Kòrperverletzungen. 
Blàtter f. gerichtl. Anthropologie v. J. B. Friedreich. XI. I. — Dr. A. F. Wi- 
STRAND, Zur gerichtsàrztl ichen Beurtheilung der kòrperlichen Verletzungen 
berauschter Personen. Henke's* Zeitschr. f. d. St.A.K. XXXX. 3. — Kòrper- 
liche Misshandlungen mit tòdtlichen Ausgange. Aus den Acten der Wiener 
medicin Facultàt. Oesterr. Zeitschr. f. prakt. Heilkunde. VI. 19. (18G0). — 
Dr. Pfaff, Bericht iiber die vom I. October 1838 bis 30. September 1859 
vorgenommenen gerichtsàrztl. Untersuchungen. Henke's Zeitschr. f. d. St. 
A.K. XXXX. — Dr. Herzog, Die Kòrperverletzungen an lebenden Personen 
un Sinne des iieiien Strafgesetzes fùr Preussen. Viertljahrsschr. f. gerichtl. 
ij. òffentl. Medie. XX. l. — Dr. Ernst Buchner, Welche Verletzungen sind 
nothwendig tòdtiich ^ und welche Verletzungen pflegen nur zuweilen den 
Tod zu bewirken? Welke Verletzungen bewirken den Tod ihrer allgem. 
Xatur nach und wolclie Verletzungen sind nur im gegenwàrtingen Falle 
T\'egen ungewòhnlicher Leibesbcschaffenheit des Beschadigten oder wegen 
zufàlligor àusserer Umstànde Ursache des Todes gewesen ? Henke's Ztschr. 
I". d. St.A.K. XXXXI. 2. — Dr. Maschka, Gerichtsàrztl. Gutachten. V.jschr. 
f. gerichtl. u, òffentl. Medicin. XVIII. 2. — Verletzungen in Verbindung mit 



Digitized by VjOOQIC 



222 W e i i , Produzione delle iesioui violente meccaniche 

Trunkenheit und Eìnwirkóng bedeuteuder Kàlte. — Dr. Ma.schka., Aus der 
gerichtsàpztl. Praxis. Zeitschr. f. prakt. Keilkunde. Vili. 22. Misshandhmg 
eines sàugendea Weibes etc. etc. — Dr. Bergeeubt, Quelques causes d'erreur 
dans les recherches médico-légales. Aanal d'Higiène pubi, et de Méd. lég. 
Avril, 1863. 38. — Dr. C. Wietfeldt, Ausgczeichnete Kòrperverletzungen 
Blàtter f. ger. Anthropologie. Neue Folge. XIV. l. — Dr. Buchner, E., Lange 
dauernde Krankheit und Arbeitsunfahigkeit nach vorausgehender Misshand- 
Jung. Blàtt. f. ger. Anthropologie. XIV. 2. — Dr. Pfaff, Bericht ubar die 
in den Jahren 1861 u. 1802 vorgenommenen gerichtsarztl. Uiirtersuchungen. 
Henke's Zeitschr. f. d. St.A.K. XXXXIV. 3. — Dr. Hartmann, Ueber die 
nicht tòdtliche Kòrperverletzungen. Horn's Vierteljahrsschp. IV. p. 307. — 
TouLMOUCHE, Nouvelle étude médico-légale sur les diftìcultés d'appi-éciatiou 
de certaines blessures. Annales d'Hygiènes 1860. Janvier. — Dr. Maschka, 
Sturz von einer Leiter oder Mord. Ein oder mehrere Thàter ini Falle dos 
Letzteren. Bestimmung des Werkzeuges. (Wien. raed. Wochenschr. 1870. 
Xr. 15). — Maschka, Kòrperliche Beschiidigung, als deren Folge Epilepsie 
aufgetreten sein soli, nicht nachweisbarer Zusammenhang. Vierteljahrssclu'. 
f. ger. u. òJTentl. Medie. 1871. October. — 7'ardieu, Étude médico-légale sur 
les blessures par imprudence Thomicide et les coups involontaires. Aiinal. 
d'Hygiène pubi. Janv. Avril, Juillet, October 1871. — Lengerke, Gutachten 
iiber «inen Fall von leichter Kòrperverletzung mit nachfolgendem Tetanus 
und in Folge einer hinzugetretenen Pleuropneumonie tòdtlichor Ausgang. 
Vierteljahrsschr. f. ger. u. òffentl. Medicin. 1871. Januar. — Emmert, Die 
nicht tòdtlichen Kòrperverletzungen und das Strafgesetzbuch fùr das dsch. 
Reich. Blàtt. f. ger. Medicin. (1874) 5. Heft. — Tardieu Ambroise, Étude 
médico-légale sur les blessures. Paris-Bailliere et fils. 1879. — Schumacher, 
Todtschlag. Schwere kòrperliche Besch^igung. BI. f. ger. Medicin (1874* 
Heft 5 u. 6. — NussBAUM, Elnfluss der Antiseptik auf die gerìchtliche Med. 
Miinchen 1880. (Verlag v. J. A. Finsterlin). — Lo stesso, Einige Worto aus 
d. Klinik des Prof. Dr. v. Nussbaum. Miincht-n 1880. (Jos. Ant. Finsterlin). 

Uno dei compiti più difficili del medico-legale è di chia- 
rire nei casi oscuri, in modo il più possibilmente completo, il 
processo della lesione violenta. — Le domande che gli vengono 
dirette su tale riguardo , ed alle quali egli deve rispondere , 
riguardano anzitutto V isti^umento vulnerante che fu adope- 
rato, giacché egli deve indicare di quale specie è quello con 
cui fu inferta la lesione; e nel caso che sia stato repertato un 
istrumento vulnerante, deve constatare e giudicare se con esso 
furono prodotte le lesioni nel dato caso. — Inoltre egli è spesso 
chiamato a rispondere alle seguenti domande : V istrumento 
vulnerante era tale che il suo uso potesse implicare pericolo 
di vita? come fu adoperato? Fu usato in modo da porre real- 
mente in pericolo la vita dell' offeso ? — Né sono rari i casi 
in cui il medico-legale è tenuto a dare chiarioienti sulla posi- 
zione dell'assalitore e dell'assalito nel momento del crimine, 
nonché a giudicare — nei casi di molteplici lesioni corporali — 



Digitized by VjOOQIC 



specie dell' istrumento vuloerante 223 

se le numerose lesioni violente furono inferte da uno o da 
molti individui. Qualche volta è della massima importanza co- 
noscere la successione con cui furono inferte le lesioni corpo- 
rali , per accertare se T offeso dopo questa o quella lesione 
avesse potuto agire iu questo od in quel dato modo. 
Esamineremo qui brevemente queste diverse quistioni. 
a) Di quale specie era V istrumento vulnerante? — Non è 
possibile classificare gristrumenti vulneranti, secondo principi 
scientifici, in gruppi ben distinti. — Come Li man {Handbuch 
II, ]}ag, 153) ha fatto giustamente rilevare , per la medicina- 
legale avrebbe valore soltanto una classificazione degl'istrumenti 
vulneranti la quale fosse fondata sugU effetti speciali che hanno 
sulPorganismo, giacché allora nei casi inesplicati si potrebbe 
dagli efl'etti constatati (così sul vivente come sul cadavere) in- 
ferire ristrumento che fu adoperato. Quantunque anche una tale 
classificazione non sarebbe scientificamente corretta, ciò non- 
pertanto essa è quella che meglio risponde alla pratica forense, 
e perciò noi dividiamo gl'istrumenti vulneranti in ottusi ^ acuti ^ 
puntuti ed in quelli da arma a fuoco. — Le lesioni violente, 
prodotte con queste diverse specie d'istrumenti vulneranti, sono 
per lo più caratterizzate da distintivi speciali, dai quali si può 
desumere quale specie d' istrumento vulnerante lu adoperato: 
ed io ne terrò parola in uno dei prossimi capitoli. 

6) Ha ristrumento repertato prodotto la lesione violenta 
rncriminata ? 

Per rispondere a questa quistione, è necessario un accurato 
esame dell'istrumento repertato. La sua grandezza deve essere 
espressa in cifra, e bisogna anche descrivere esattamente la 
forma e la qualità delle sue singole parti, e soprattutto se era 
imbrattato di sangue e di liquido dei tessuti, e se ad esso ade- 
rivano residui di tessuti. 

In molti casi , e soprattutto quando si tratta di ferite da 
arma a fuoco, il medico-legale si trova al caso di dichiararsi 
incompetente, ed invocare Tesarne di periti tecnici. — Parago- 
nando la forma ed il volume dell'oggetto vulnerante colla forma 
e coirestensione della lesione, si hanno spesso dati sufficienti 
per rispondere alle domande che vengono dirette. — Se T istru- 
mento vulnerante ha lasciato un'esatta impronta dei suoi an- 
goli, margini, ecc. sul corpo, si potrà dare un giudizio col mas- 



Digitized by VjOOQIC 



224 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

Simo grado di probabilità: però il medico-legale deve essere 
molto circospetto coi giudizi apodittici. Il più delle volte si è 
al caso di dare una spiegazione in senso negativo, giacché si 
può ben affermare, per es., che una ferita da punta con margini 
lisci non poteva essere prodotta con un istrumento ottuso; ma 
non si potrà mai dire con certezza assoluta che una frattura 
commìnutiva del cranio fu inferta proprio con quell'ascia rin- 
venuta presso il presunto attore, perchè poteva essere anche 
cagionata con un istrumento simile. In questi casi bisogna perciò 
seguire la proposta di Casper, e dichiarare che la lesione in 
quistione avrebbe potuto essere prodotta colPistrumento reper- 
tato, però anche con un istrumento simile a quello rinvenuto. 

e) In guai modo fu adoperato ristrumento vulnerante ? 
In quale posizione dell'assalitore verso l'assalito fu perpetrato 
il crimine? 

In molti casi incriminati il medico-legale è invitato a con- 
statare se ristrumento vulnerante fu adoperato con grande 
forza. — Per dare un giudizio su tale proposito, bisogna pren- 
dere in considerazione la estensione, e soprattutto la profon- 
dità della lesione , nonché la resistenza che dovette superare 
ristrumento vulnerante. — Non di rado anche un colpo di col- 
tello vibrato con forza produce una ferita superficiale, quando 
per es. il colpo fu ammortito dalla spessezza degli abiti, da 
un orologio, da un bottone, da una tunica, e simili. L'impeto 
con cui fu vibrato il colpo può , in tali casi , essere desunto 
dalla perforazione di tali oggetti o dalle impronte che su di 
essi rimasero. — Se fu vibrato un colpo contro parti vitali del 
corpo (regione del cuore, addome, ecc.), e l'impeto fu smorzato 
soltanto per una pura accidentalità, sicché non fu prodotta che 
una lesione cutanea insignificante, il medico-legale dovrà dire 
nel parere, che l'istruraento vulnerante fu adoperato in modo 
da implicare pericolo di vita. Qualche volta dalla natura e^pe- 
ciale della lesione violenta oppure dal fatto che per produrla 
ci volle un istrumento il cui uso richiede una speciale destrezza, 
si può desumere il mestiere dell'attore. Così, per es., Tardieu 
ha riferito un caso in persona di una giovine ebrea, la quale 
era morta dissanguata in conseguenza di due ferite delle ca- 
rotidi , quali ferite decorrevano simmetricamente ad araendue 
i lati del collo, per cui sorse subito il sospetto che l'omicida 



Digitized by VjOOQIC 



Specie (lelfistrumento vulnerante 225 

fosse un beccaio. Toulmouche dovette dare il parere in un 
caso, nel quale un castraporcelli aveva castrato lege artis un 
giovanotto. 

Qualche volta il medico-legale può essere invitato a con- 
statare se per es. una ferita da punta si sia prodotta per un 
colpo direttamente inferto oppure per urto contro Tarma vul- 
nerante. Maschka riferisce un caso di questa specie, nel quale 
una donna stava sotto Taccusa di avere ucciso il marito con 
una coltellata nel cuore. — In questo caso era stato accertato, 
per deposizione dei testimoni, che durante la baruffa il marito 
si era lanciato contro la moglie, la quale teneva impugnato un 
lungo coltello da tavola. Entrambi caddero sopra una scala a 
piuoli. Poco dopo Tuomo saltò in piedi, e teneva infìsso il col- 
tello nel petto fino al manico. Potette , traballando, avanzarsi 
fin nella camera attigua, ove morì. Maschka affermò che non 
si poteva ammettere che la donna in tale posizione avesse po- 
tuto vibrare un colpo così forte al marito da infiggergli il col- 
tello nel petto fino al manico; in vece era più plausibile che 
essendo egli caduto col petto sul coltello, questo fosse pene- 
trato così profondamente. 

Nel riferire questo caso Maschka fa giustamente rilevare, 
che quando bisogna rispondere a siffatte quistioni, si debbono 
prendere in considerazione non solò i caratteri della lesione 
violenta, ma anche tutte le circostanze accessorie registrate nel 
processo. 

In quale posizione sfavano l'attore e V offeso quando fu- 
rono inferte le lesioni corporali? Nel rispondere a questa 
domanda in molti casi importantissima , bisogna tener conto 
non solo della sede, della direzione e della forma delle lesioni 
violente, ma anche dello stato degli abiti, e nei casi mortali 
fìnanco della posizione in cui fu rinvenuto il cadavere. Inol- 
tre bisogna prendere in considerazione una serie di circostanze 
accessorie, che variano da un caso all'altro, e le quali per- 
ciò non possono essere minutamente enumerate ed esaminate. 
Relativamente alla sede della lesione violenta, ci sarebbe da 
rilevare che una ferita al dorso può essere inferta da una per- 
sona che stava di rincontro all' offeso. 

T a r d i e u riferisce un caso nel quale un padre volendo inde- 
l^^namente abusare di sua figlia (che tentava di difendersi dagli 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 15 



Digitized by VjOOQIC 




226 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

inverecondi abbracci) mentre le stava davanti e la teneva ab- 
bracciata, le vibrò una coltellata nel dorso, che ferì T aorta. 
Quando si riscontrano numerose ferite da un lato del corpo, 
sorge il sospetto che furono inferte, durante il sonno, da uu 
individuo che stava dall'altro lato. — Tardi e u ha riferito un 
caso molto interessante, in cui dallo speciale decorso di una 
ferita da punta si potette desumere la posizione dell'offeso nel 
momento in cui ricevette il colpo. — Ad un negoziante di vini 
fu vibrata una coltellata, che penetrando tre dita trasverse al 
di sopra dell'anca destra, senza ledere alcun viscere perforò 
Tarteria iliaca esterna. — Egli stava in punta di piedi col braccio 
sollevato per accendere una lampada a gas. Per il livello alto 
del diaframma le anse intestinali erano attirate in sopra. 

Dalla forma e dalla disposizione delle lesioni è possibile 
in alcuni casi trarre importanti conclusioni. Adamkiewicz (li 
che ha trattato codesta quistione da un punto di vista alta- 
mente scientifico, riferisce un caso di presunto infanticidio, nel 
quale egli unicamente dalla forma e dall'impronta delle unghie 
delle dita, potette desumere che il bambino non era stato sof- 
focato dalla madre, la quale era assolutamente incolpevole. — 
Sul lato destro del collo del bambino si rinvenne l' impronta 
dell'unghia di un dito, e sul sinistro ve ne erano tre, l'una sotto 
l'altra. Poiché queste impronte avevano la loro convessità di- 
retta in avanti, Adamkiewicz ne desunse, che l'accusata 
avrebbe potuto afferrare il bambino soltanto colla mano sinistra, 
in modo che il pollice veniva a stare applicato sul lato destro, 
e le altre dita sul lato sinistro del collo, e soltanto la superficie 
della mano sulla nuca; in fatti, le impronte delle unghie corri- 
spondevano soltanto alla mano sinistra in atto di comprimere. 
Però, se essa avesse avuto l'intenzione di soffocare il figlio, 
avrebbe dovuto premere sul collo e non sulla nuca, e poiché 
questa compressione, a giudicare dal numero e dalla posizione 
delle impronte delle unghie, poteva essere fatta soltanto colla 
mano destra, ne risultava che le convessità delle impronte colle 
unghie avrebbero dovuto essere rivolte posteriormente , e le 
cavità in avanti; in vece era tutto l'opposto.— Si tenga per 

Adamkiewicz, Combinatlon bei BeurtheiUing gerichtlich inedi- 
ischer Falle (Horn':s Vierteijahrsschrift fùr ger. Medicìn. 9). 



Digitized by VjOOQIC 



Specie del l'istr amento vulueraote 227 

regola, che bisogna procedere colla massima oculatezza quando 
si tratta di rispondere alla domanda circa la posizione in cui 
si trovavano ToAFensore e l'oflFeso quando fu inferta la lesione 
violenta, perchè le varietà che possono occorrere sul proposito 
sono tanto numerose, che non sempre è possibile desumerle con 
certezza. Frequentissimi sono i casi in cui la confessione fatta 
all'ultima ora dal giudicabile manda a vuoto le più sottili in- 
duzioni dei periti. Perciò il meglio che si possa fare sul pro- 
posito è di formulare la risposta nel modo che segue: « il 

più verosimile ed il più naturale è che la ferita abbia potuto 
essere prodotta stando V attore in questa o quella posizione 

rispetto all'offeso >. 

In parecchi casi è della massima importanza per l'istrut- 
toria che il medico-legale constati se le lesioni violente rin- 
venute sopra un assassinato abbiano potuto essere inferte da 
un solo individuo, oppure da molti. Il numero delle ferite non 
ha un valore decisivo su tale proposito, perchè sono noti alcuni 
casi in cui da una sola persona furono inferte alla vittima più di 
100 ferite. — È di non meno importanza quando dalle diverse 
specie di lesioni violente si possono argomentare quali furono 
le diverse specie di istrumenti vulneranti adoperati. Però, an- 
che allora è necessaria la circospezione, giacché non di rado 
accade per es. che Tizio da prima tiri un colpo di fucile contro 
Cajo, e poscia lo ammazzi col calcio del fucile. E si noti che 
in tal caso le ferite prodotte col calcio o col cane del fucile 
potrebbero essere riguardate come ferite da taglio, il che fa- 
rebbe argomentare che furono adoperati un'arma a fuoco, un 
istrumento vulnerante ottuso ed altro acuto. Nel celebre caso 
riferito da Tardi e u (1), e che riguardava l'assassinio della 
duchessa di Praslin, si rinvennero tre specie di lesioni violente: 
gravi contusioni, ferite da taglio e ferite a lembo. Quantunque 
al principio si fosse stati inclinati ad ammettere che molte 
persone parteciparono al delitto, più tardi risultò che esso fu 
commesso da una sola persona, che adoperò due istrumenti: 
l'impugnatura di una pistola ed un pugnale. — È anche impor- 
tante la circostanza se sul ferito si constatino tracce di 7^esi- 



(1) Relation mèdi co -legale de Passasinat de Mme. la duchesse de Praslin 
et du suicide de Taccusé (Ann. d'hyg. 38). 



Digitized by VjOOQIC 



228 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

stenza da lui opposta. — Se sì tratta di un uomo robusto, e noit 
se ne scorge alcuna, ciò dinota (qualora gli altri reperti colli- 
mino con quello in parola) che parecchie persone partecipa- 
rono al crimine. Però i ben noti casi di Troppmann (1) e di 
Timm Thode (2) — nel primo dei quali un solo ne uccise 6, e 
nel secondo 8 individui — dimostrano che qualche volta si può 
facilmente errare su tale proposito, e che perciò non vi è pre- 
cauzione che basti quando si tratta di rispondere ad una do- 
manda di questo genere. 

Raccomando caldamente a tutti i medici-legali di leggere 
le citate memorie, che qui non riporto per mancanza di spa- 
zio. — Nel modo stesso con cui il medico-legale non sempre 
può rispondere alle domande che gli possono essere dirette 
sulPargomento in quistione (e quando è possibile emettere un 
parere decisivo , deve prendere in considerazione e vagliare 
accuratamente tutte le condizioni esistenti nel caso singolo), 
così parimenti non sempre egli può accertare con quale or- 
dine si succedettero le svariate lesioni violente, e se dopo 
questa o* quella lesione l'offeso poteva aver fatto Tuna piuttosto 
che r altra cosa. 

Relativamente alla prima quistione, egli deve anzitutta 
giudicare quale delle lesioni violente produsse la morte o la 
perdita istantanea dei sensi. Inoltre dovrà anche spiegare se 
le altre lesioni furono presumibilmente inferte prima di quella 
grave. Né dovrà trascurare d'indicare la posizione del cada- 
vere, tenendo presente il fatto che nello stramazzare a terra, 
dopo una percossa mortale, possono prodursi escoriazioni e con- 
tusioni. Le lesioni violente delle mani, le quali fanno desumere 
che fu opposta una resistenza, sono d'ordinario inferte prima 
della lesione mortale. — I peculiari caratteri che fanno distin- 
guere le ferite inferte mentre l'attività cardiaca era ancora 
energica da quelle prodotte mentre essa era affievolita o dopo 
la morte, ed i quali si riferiscono segnatamente sAVemorragia 
accaduta proporzionatamente al calibro dei vasi recisi , ren- 



(l)Tardieu, Relation médico-légalo de T affaire Troppmann (Ann. 
d' hygiéne, 1870, 33). 

(2) Thimm Thode uccise otto persone: il padre, la madre, la sorella, 
quattro fratelli ed una serva (vedi Horn's Vierteljahrsschr.). 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni con istrumenti ottusi od a margini ottusi 229 

clono possibile di dare un giudizio decisivo su tale proposito. 
È da prendere in considerazione anche lo staio dell' istru- 
mento vulnerante. Se, per es., la punta n'è rotta, e si constatano 
molte ferite da punta, ed una sola penetrante fino all'osso, e 
nel fondo di questa si trovi la punta rotta dell'arma, si può 
ritenere che questa sia stata la ferita inferta in ultimo. — Per 
ciò che concerne il secondo punto, il medico esperto può nella 
maggior parte dei casi giudicare quale conseguenza dovette 
subito apportare una data lesione vuoi suirorganismo in com- 
plesso, vuoi sulla funzione della parte lesa, e se il ferito dopo la 
lesione corporale poteva ancora gridare, parlare, camminare, 
correre, fare questa o quella cosa, e per quanto tempo abbia 
potuto sopravvivere alla data ferita. Su tale riguardo il medico-le- 
gale deve tener presente, che si sono veduti individui con ferite 
del cuore e dei grossi tronchi arteriosi correre per un tratto 
di via, ed anche altri con gravi ferite del cervello poter com- 
piere tutto. — Vi sono stati taluni che anche dopo fratture del 
collo del femore hanno potuto percorrere un tratto di strada. 
Ritornerò a parlare suirargomento, quando prenderò in esame 
le lesioni violente a seconda della loro sede. — Sulle altre qui- 
stioni importanti relativamente alla genesi delle lesioni vio- 
lente — cioè se trattisi di omicidio, suicidio oppure di lesione 
accidentale, se le lesioni violente riscontrate sieno state inferte 
durante la vita o dopo la morte — , sarà tenuta parola in spe- 
•ciali capitoli. 

A. Lesioni con istrumenti ottusi od a margini ottusi. 

La maggior parte delle lesioni violente che vengono sot- 
toposte all'esame del medico-legale sono prodotte con istru- 
menti ottusi od a margini ottusi. Così, per es., le lesioni in rissa 
sono in gran parte inferte con istrumenti di questa specie, per 
es. colle cosi dette armi naturali (colle mani, coi piedi, e talvolta 
coi denti); altre volte con istrumenti vulneranti speciali, oppure 
coi più svariati oggetti che capitano sotto mano (soprattutto 
con brocche di birra, ed in caso di bisogno con bastoni, granate, 
martelli, palette, sedie, banchi, ecc.). — Però anche in altre 
iasioni violente, prodotte per imprevidenza od accidentalmente, 



Digitized by VjOOQIC 



230 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

esplicano azione principale i rispettivi istrumenti, come per e3. 
nelle numerose lesioni a cui vanno soggetti quelli addetti ai 
diversi mestieri (con mattoni, travi, massi di terra, scure, ci- 
lindri, denti di ruote, ecc.), negli accidenti ferroviari (con ca- 
tene, uncini, corregge, ecc.). A causa di questa straordinaria 
molteplicità d' istrumenti , che differiscono per forma, volume, 
peso e modo speciale di agire, variano molto le rispettive le- 
sioni. — Quando il trauma con i rispettivi istrumenti è leggiero, 
si osservano soltanto alcune escoriazioni della pelle o leggiere 
contusioni^ mentre quando esso agisce con violenza, si produ- 
cono commozioni, gravi contusioni, lacerazioni, ferite lacere e 
contuse, fratture e lussazioni, 

±. Escoriazioni. 

Le piccolissime ferite lacere, che possono essere prodotte 
con istrumenti ^vulneranti ottusi, sono le escoriazioni, la ca- 
ratteristica delle quali è la mancanza dell'epidermide, special- 
mente del suo strato corneo, il denudamento dello strato mu- 
coso del derma, senza perdita di sostanza di quest'ultimo, e la 
guarigione senza che resti cicatrice. — Il più di frequente si 
originano grattando colle unghie delle dita, oppure cadendo 
a terra (specie se sopra un suolo scabro), ecc. Per il medico- 
legale le escoriazioni hanno una grande importanza, perchè 
esse indicano il punto ove ha agito una forza esterna, e perchè 
dalla loro forma e disposizione si può desumere la forma del- 
l' istrumento vulnerante ed il modo come adoperato. Cosi, per 
es., nelle ferite da taglio si può, dall'escoriazione prodotta, 
desumere la direzione del taglio. Le escoriazioni inoltre hanno 
una grande importanza per il medico-legale, giacché esse di- 
mostrano che è avvenuta una lotta, nel qual caso le si riscon- 
trano ordinariamente sulle mani, sul lato ulnare dell'avambraccio 
dell' offeso , e , nel caso che costui sia stramazzato al suolo , 
sulle ginocchia, sul lato anteriore della tibia, e sulle parti più 
sporgenti della faccia. Se l'omicida ha trascinato altrove per 
terra la vittima, si rinvengono non di rado escoriazioni a forma 
di strie su tutta la superficie anteriore o posteriore del corpo, 
secondo il lato ove il cadavere poggiava sul suolo. Nel ruzzo- 
lare da un pendìo, possono prodursi escoriazioni su tutto il corpo. 



Digitized by VjOOQIC 



Escoriazioni 231 

Anche T assalitore presenta spesso escoriazioni sulla faccia e 
sulle mani, quando la vittima si difese a morsi, raschiandogli 
la faccia colle unghie, vibrando pugni, ecc. l'addome ed i ge- 
nitali subiscono non di rado escoriazioni mercè pedate date da 
chi si difendeva. 

Negli attentati al pudore, non di rado le escoriazioni sulle 
parti sessuali o nelle loro adiacenze dimostrano in modo po- 
sitivo il reato. 

Bisogna, tuttavia, ben guardarsi dallo scambiare le esco- 
riazioni di natura traumatica con quelle che si presentano sulla 
cute come conseguenza di processi patologici. In amendue i casi, 
quando esse sono recenti appariscono in forma di punti rossi, 
splendenti, oppure sanguinanti , che ben presto si covrono di 
una crosta bruna o nerastra. Ma se sono la conseguenza di ma- 
lattie cutanee, si scorgono per lo più alcune efflorescenze, dalle 
quali è provenuta Tescoriazione, ed in tal caso anche la forma 
oblunga e regolare nonché la caratteristica disposizione fa- 
ranno evitare equivoci diagnostici. 

Quando all'esame del cadavere si rinvengono escoriazioni, 
riesce spessissimo molto diflflcile distinguere quelle prodottesi 
intra vitam da quelle avvenute pas^wor^^m (che sovente ven- 
gono prodotte trasportando il cadavere da un sito all'altro, e 
di rado anche per morsicature d'insetti). — Maschka fu in- 
vitato a dare un parere in due interessanti casi di questa 
specie. In uno trattavasi di escoriazioni prodotte da formiche; 
i settori le avevano attribuite all'unzione di un acido che — se- 
condo il loro parere — sarebbe stato versato sulla faccia del 
bambino. L'esame chimico delle parti escoriate della pelle non 
fece rilevare nessuno degli ordinari acidi minerali , si bene 
tracce di acido formico. — Nel secondo caso il cadavere era 
stato talmente morsicato dalle blatfae orientatisi che si produs- 
sero escoriazioni diffuse, l'interpretazione delle quali presentò 
grandi difficoltà. Liman (Handbuch IL 136) ha dimostrato 
sperimentalmente, che quando con una spazzola umida od un 
panno grossolano di lino si pratica uno sfregamento sopra una 
parte del cadavere, oppure allorché questo viene trascinato 
sopra un pavimento umido e scabro, dopo 24 — 36 ore si con- 
statano sintomi che potrebbero essere indubbiamente riguar- 
dati come la reazione avvenuta intra vitatn: un rossore chiaro' 



Digitized by VjOOQIC 



232 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

e di color cinabro che contrasta in modo evidente col colore 
cadaverico delle parti circostanti; croste cutanee di un colore 
giallo-bruno sporco, le quali sono essiccate, e dure al taglio. 
Anche Engel in base ad esperimenti fatti sul cadavere è per- 
venuto alla conclusione, che spesso non si può distinguere una 
escoriazione prodotta intra vitam da una post morteYn. — Però 
secondo Tardieu la prima si distinguerebbe per il suo aspetto 
sanguinante ed arrossito, mentre la seconda apparirebbe secca, 
pergamenacea e sempre scolorata. — Questa differenza di opi- 
nioni fra due insigni medici-legali ci ammonisce ad essere 
cauti nel dare un giudizio nei rispettivi casi. 

Q. Contusioni. 



LETTERATURA 

RiEM, Considerai Médico-légales sur recchymose, la sugillation, la 
contusion, la meurtrissure. Paris, 1814 et 1819. — Chaussier, Considérat. 
médico-légales sur Teccliymos^i, la sugillation, la contusion, la meurtrissure.^ 
nel 4C Recueil de Mémoires, consultation et rapports, 3^ partie. Paris, 1835 >►.' 
— TouRBES, (G.), Doublé assassinat par instrument contondant, exhumation 
de victimes; nella Gazette medicale de Strasbourg. 1843. Nr. 12. — Rul-Ogbr, 
NouveUe espéce de suicide par decapitation sur les rails d'un chemin de 
fer. Anual. Médico-Légales, Belges, 1843. — Bouchardat, Etude médioo-Légale 
sur la coagulation du sang et sur quelques antres faits relati fs aux biessures 
et aux ecchymoses. Journ. de Bordeaux, November 1 860. — Legluddi, prés. 
G. TouRDES, Des accidents de chemin de fer, au point de vue médico-légale. 
Théses de Strasbourg 3.® Serie. Nr. 23. 1867. — Bayard, Considérations 
médico-légales sur le diagnostic differentiel des ecchymoses. Annales d'y- 
gìéne et de médec. legale, t. XXX. p. 883. — Dumém: Observat. de mort 
violente sans lésions extérieures. In Annales, t. XXXV. p. 127. — Plusieurs 
cas de Biessures, t. XXXVII, p. 432. — Lemoine, Gas de blessure par ar- 
rachemenL. In Annales d'hhygiéne et de médec. lég. t. XXV VII. p. 15«. 
Tardieu, Biessures mortelles dans les quelles la cessation de la vie n'a 
pas été instantanée. Plaier par arrachement de l'utérus. In Annal. t. XXXIX. 
p. 157.— Hofmann, (Fr.), Frauenzimmer durch fiirchterliche Schlàge mit 
Stòcken und Peitschen in wenigen Stunden getòdtet. In Medie. Consultat. 
1. Th. Halle 1721. — BosE, Programma de sugillatione in foro caute disju- 
dicanda. Lipsiae 1773 et in Schlegel's collectio. t. IV. Nr. 22. — Siebdolo. 
Gutachten iiber einen zu Tode gepriigelten Menschen. Henke's Zeitschr. Bd. 
XXXI. 1836.— RoLHAMEL, Die Folgen einer Ohrfeige. Genk's Zeitschr. 1843.— 
ScHNEiDER, Obergerichtsarztl. Gutachten iiber Tòdtung durch eine Ohrfeige. 
Deutsche Zeitschr. f. St.A.K.XX. 1.; neue Folge VI. 2. 1855. — Niemann, 
Tod durch Ueberfahren. Henke's Zeitschr. XXXVII et XLI. — Adblmann, 
Ueber Ecchymosen und Blutextravasate in gerlchtsàrztl. Beziehung. Henke*s 



Digitized by VjOOQIC 



Escoriazioni 233 

Zeitschr. 1. Heft. 1844. — Brah, E in Fall von Aneurysma internum, bei dem 
es zweifelhaft war, ob dessen Platzung durch Stockhiebe bewirkt worden 
sei. Henke'8 Zeitschr. f. StA.K. XXXII. 2.— Dr. P. J. Schneider, Oberge- 
ricichtl. Gutachten iiber die Peinigung eines Hoaben. Deutsch. Zeitschr. f. 
d. StA.K. XX. 2. Stockstreiche auf den Riicken, Hintern, und die hintere 
Oberflàche beider Oberschenkel mit lebhaftem Reactionsfleber und krank- 
hafter Reizbarkeit des Nervensysteras. 

La conseguenza più frequente dell'azione di istrumenti vul- 
neranti ottusi sui tessuti del nostro corpo è la contusione. — 
Quando il trauma è leggiero, l'eflfetto per lo più è circoscritto 
alla cute; allorché è grave, vengono contusi anche i tessuti 
profondi. — La contusione della pelle accade più facilmente 
in quei punti ove le ossa ne sono separate da poche parti molli, 
e quindi sul cranio, sulle ciglia, sulPosso vomere, sul mento, 
sulla cresta tibiale, ecc. Se densi strati delle parti molli stanno 
sotto la pelle , può accadere — essendo questa molto resi- 
stente — che un organo, profondo subisca una forte contusio- 
ne, senza che la pelle presenti qualche segno di lesione vio- 
lenta. Quindi dalla mancanza dei fenomeni di contusione sulla 
pelle non si può desumere che non sia accaduto alcun trau- 
ma.— La causa più comune delle contusioni è costituita da urti 
e percosse coi più svariati oggetti ottusi, oppure da urto contro 
corpi- resistenti. I casi più gravi sono prodotti nel sollevare 
pesi eccessivi, oppure dalla caduta da una grande altezza, ov- 
vero da infortuni ferroviari, dal passaggio di una vettura sul 
corpo, ecc. — Fra tutti i sintomi obbiettivi della contusione 
il più importante e costante è la lividura^ che si presenta in 
diversa forma, secondo Tintensità della forza contundente , la 
forma deiristrumento vulnerante e la qualità della parte affetta 
del corpo. Quando il sangue è stravasato equabilmente nel 
tessuto, senza formare una cavità considerevole, si ha il cosi 
detto infiltrato; quando è accumulato in piccolissime cavità 
si hanno ecchimosi e suggillazioni; quando si trova in grosse 
cavità prodotte per disgregamento dei tessuti si ha Yematoma. 

La grande importanza forense delle lividure consiste an- 
zitutto in ciò; che dalla loro forma, grandezza e disposizione 
si può inferire la qualità deiristrumento contundente ed il 
modo come venne adoperato; così por es. le infiltrazioni emorra- 
giche larghe della cute sono dovute ad oggetti contundenti 
piani, le ecchimosi oblunghe ed esili alPazione de'margini ot- 



Digitized by VjOOQIC 



234 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

tiisi di strumenti vulneranti. In molti casi lo stravaso ripro- 
duce completamente la forma del corpo contundente; cosi per 
esempio una compressione intensa colle unghie lascia sulla 
pelle scoloramenti , dalla cui grandezza e disposizione si può 
desumere il volume delle dita nonché se la compressione fu 
fatta colla mano destra o sinistra (vedi Adamkiewicz, Com- 
bination bei Beurtheilung gerichtL med. Falle; Eulenburg, 
Vierteljschr. Voi, XVIIl, pag, 231). Secondo Li man le bac- 
chettate 5 che non di rado debbono essere riguardate come 
causa della morte nei maltrattamenti dei bambini, si rendono 
riconoscibili in duplice modo. si rinvengono strie rosse op- 
pure rosso-brune, di diversa lunghezza, ed a decorso parallelo, 
quando la bacchetta colpi di piatto; o se colpì colla punta, si 
riscontrano molte chiazze, simili a petecchie (d'ordinario ciò 
si riscontra sul dorsa e sulle natiche) suggillate o coverte di 
croste rossastre. 

Già Zaechias richiamò Tattenzione sui disegni che si rin- 
vengono sulla pelle dopo la così detta flagellano; e sono anche 
ben noti quelli che si producono dopo bastonate e cignonate^ 
nonché analoghi maltrattamenti, che oggi per fortuna sono di- 
venuti rari. — Due anni or sono vidi un ragazzo che per ordine 
del maestro, il quale voleva trargli a viva forza dalla bocca la 
confessione di furto, fu legato da due condiscepoli ad un piuolo, 
e poi bastonato da due persone. La regolarità dei disegni sulle 
due natiche e sulle due metà del dorso dimostrava in modo 
evidente la verità delle assertive del ragazzo circa il modo come 
era stato seviziato. 

Questi disegni, i quali spesso hanno una così grande impor- 
tanza nella pratica forense, si sbiadiscono subito dopo la lesione 
violenta, perchè i tessuti s'imbevono di pigmento sanguigno. A 
causa della imbibizione, lo scoloramento si diffonde al di là del 
punto ove il trauma aveva agito in origine. Da ciò segue, che 
dagli scoloramenti, i quali si producono più tardi, non si può 
desumere il punto ove ha agito il trauma. — Di grande impor- 
tanza sono pure le alterazioni di colore che subiscono gli stravasi 
sanguigni. II colore bleu-oscuro, che apparisce al principio, passa 
bentosto in azzurrognolo, verde-giallastro ed arancio; e, cor- 
rispondentemente alla quantità del sangue stravasato, la pig- 
mentazione scomparisce in alcuni giorni, oppure anche dopa 



Digitized by VjOOQIC 



EscoriazioDi 235 

molte settimane. Dal cambiamento del colore si può quindi 
desumere da quanto tempo fu inferta la lesione; e quando 
ciò è noto , si può dallo scoloramento inferire V estensione 
dello stravaso , nonché (essendo ciò uno dei dati più impor- 
tanti per determinare il grado della contusione) la gravezza 
del trauma. Per evitare errori nel valutare le ecchimosi , bi- 
sogna sempre tener presente, che la sede dello scoloramento 
è lo strato cutaneo che contiene vasi sanguigni ; e perciò gli 
scoloramenti, che per es. vengono prodotti dai simulatori, spal- 
mando sostanze coloranti sulla cute , possono essere rimossi 
lavando la pelle, il che naturalmente è impossibile quando 
trattisi di scoloramenti prodotti da stravasi sanguigni. Non è 
molto difficile distinguere le ecchimosi traumatiche dagli stra- 
vasi emorragici che si producono nello scorbuto, nella porpora 
semplice, reumatica e papulosa, oppure nel corso di malattie 
infettive (vedi Hebra, Trattato delle Malattie Cutanee^ nonché 
le monografie medico-legali sulle ecchimosi di A del man, 
Henkrs Zeitschr, Voi. 49, di Rieux, ibidem, e di G. Schmidt, 
Deutsche Zeitschrift fur Staatsarzneikunde von Schneider 
e Schuermayer, 1852). 

Le ecchimosi traumatiche risiedono per lo più nei punti 
molto esposti, sono più grosse, hanno forme più irregolari degli 
stravasi sintomatici, che quasi sempre si diffondono uniforme- 
mente sopra vaste regioni del corpo, e si presentano a preferenza 
sulle parti più declivi. La mancanza di altri sintomi patologici 
depone per Torigine traumatica nel modo stesso della simulta- 
nea presenza di escoriazioni e di suggillazioni. — Anche i piccoli 
stravasi sanguigni, prodotti da insetti nocevoli, possono essere 
riconosciuti dalla forma e dall'estensione, e spesso anche da 
che si rinviene il rispettivo insetto sugli abiti (per es. pidocchi). 
Quando si debbono esaminare ecchimosi sul cadavere, capita 
spesso di dover rispondere alla domanda, se esse si produssero 
intra vitam o post moì^tem. Lo stato del sangue (se liquido o 
coagulato), la scolorazione delle parti circostanti, e Teventuale 
presenza di fenomeni infiammatori reattivi rendono per lo più 
possibile di dare un giudizio sul proposito. (Su tale argomento 
sarà scritto in quest' opera un capitolo a parte da un esperta 
medico-legale). 

Il secondo sintoma importante della contusione è la tume- 



Digitized by VjOOQIC 



236 W e i I , Produzione delle lesioni violente meccanicbe 

fazione. Allorché questa appare subito dopo quella, è conse- 
guenza dello stravaso (1). 

La estensione della tumefazione dipende dalla quantità del 
sangue stravasato; e poiché soltanto nella contusione di parti 
profonde può accadere la lesione di grossi vasi, ne risulta che 
umicamente nelle contusioni profonde può prodursi in primo tempo 
una tumefazione violenta. Perciò questa costituisce un segno si- 
curo, che la contusione è di grado elevato ed ha sede profonda. 
Qui merita speciale menzione la mortificazione primaria dei 
tessuti nei gradi piii elevati della contusione. Poiché in questi 
casi qualsiasi circolazione nei tessuti é completamente sop- 
pressa, manca pure completamente l'ecchimosi. Questo fatto è 
di una grande importanza nella pratica forense, giacché si po- 
trebbe facilmente cadere nell'errore di desumere — dalla man- 
canza di qualsiasi ecchimosi — che non abbia agito alcun trauma. 
(Vedi Moeller: « Pwd una forte compressione esterna im- 
pedire la comparsa di stiggillazioni ? ^ Horn's Viertelfah- 
resschrift, 1860). Soprattutto' sulla pelle della gamba, sulla 
cresta e sulla superficie interna della tibia, si riscontra non 
di rado — dopo un'intensa contusione — la pelle completamente 
pallida, senza qualsiasi scoloramento. L' esame accurato fa al- 
lora rilevare che la rispettiva parte della pelle è assolutamente 
insensibile alle punture di spillo, e che nessuna goccia di san- 
gue trapela dal canale della puntura; si può allora contare con 
certezza sulla comparsa della gangrena. Ma non di rado , n^l 
caso di insignificante contusione della pelle, le aponeurosi ed 
i muscoli sottostanti sono completamente mortificati, e spesso 



(1) Lo stravaso consta per lo più di sangue e linfa, raramente soltanto 
di questa. 6u s s en b a u e r nella sua pregevolissima monografìa sulle 
a Lesioni traumatiche n, che fa parte della a Deutsche Chirurgie », ha esami- 
nato con speciale competenza gli stravasi di linfa. Dal punto di vista della 
medicina legale è importante conoscere, che: gli stravasi di linfa si origi- 
nano per lo più sulla coscia per traumi che agiscono in direzione tangen- 
ziale, i quali spostano violentemente la pelle sull'aponeurosi, e sono rico- 
noscibili per la fluttuazione la quale persiste per settimane in modo evi- 
dentissimo ed ha sede fra la pelle e l'aponeurosi; e che oppòstamente agli 
stravasi sanguigni quelli di linfa non vengono riassorbiti spontaneamente, ma 
richieggono un intervento operativo, che non di rado ha esito letale perchè 
.si produce un'infezione. 



Digitized by VjOOQIC 



Contusioni 237 

è molto difficile riconoscere questo stato. — Dal torpore locale- 
dei tessuti e dall'estensione dello stravaso sanguigno si può — 
valutando Timpeto del trauma — desumere approssimativamente 
il grado di vitalità dei tessuti profondi. — Uno dei compiti più 
difficili del medico-legale è di qualificare esattamente una con- 
tusione in primo tempo. Financo i chirurgi più esperti cadono 
spesso in errore nel giudicare la profondità, il grado e le con- 
seguenze di una contusione; il giudizio quindi deve essere 
dato possibilmente dopo trascorso il periodo reattivo. Nei casi 
in cui perchè si debba spiccare il mandato di arresto contro 
l'attore, o per altri motivi, venga invitato il medico-legale a 
dare subito un parere, egli dovrà lasciarsi guidare nel giudizio 
dal meccanismo della lesione e dai disturbi dello stato generale. 
In alcuni casi l'estensione dello stravaso sanguigno ed il con- 
statamento delle soluzioni di continuo negli organi profondi (le 
quali possono essere riconosci ute colla palpazione e coi disturbi 
funzionali) contribuiscono a far dare un giudizio esatto. 

Circa il processo della lesione , bisogna prendere soprat- 
tutto in considerazione la forma, la dimensione e la direzione 
del corpo contundente nonché la superficie della parte contusa 
del corpo. — Quanto più grosso e pesante è il corpo vulnerante, 
tanto più intensa è la contusione ; ed è di una speciale en- 
tità la circostanza se il corpo contundente abbia agito sol- 
tanto momentaneamente o in continuazione. — In quest'ultimo 
caso — come per es. quando si resta seppellito sotto le frane, 
oppure incastrati fra parti di macchine, ecc. — si producono pe- 
stamenti, schiacciamenti, stritolamenti completi, che abbastanza 
spesso vengono riconosciuti da che i tessuti si sgretolano e si 
riducono in una specie di poltiglia. — Se il corpo contundente 
ha una superficie bernoccoluta, la contusione non è uniforme, 
come non lo è neppure quando la parte colpita del corpo è 
scabra. In tal caso le parti più sporgenti vengono più inten- 
samente contuse, mentre quelle interposte sovente restano del 
tutto risparmiate. Ha un'importanza anche la direzione dell'og- 
getto contundente verso la parte del corpo contusa. Quanto più 
la direzione del movimento è perpendicolare, tanto più inten- 
samente agirà la compressione. — Il criterio più saliente per 
giudicare fino a qual punto una contusione possa j^on^e la vita 
in pericolo, è dato dai sintomi generali che appariscono dopo- 



Digitized by VjOOQIC 



238 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

una lesione violenta, e che d'ordinario vengono indipati come 
shok (1). Nella letteratura medico-legale sono registrati molti 
casi, nei quali in conseguenza di contusioni o di scuotimenti 
repentini dell'addome, del torace o dei testicoli, si produsse re- 
pentinamente la morte; ed all'autopsia salvo tracce (spesso insi- 
gnificanti) dell' avvenuta contusione , non si potette accertare 
nessun' alterazione di organi che avesse potuto spiegare il de- 
cesso. In questi casi la morte avvenne per shok. Secondo F i- 
scher, alla cui opinione ci associamo pienamente, per shok 
bisogna intendere una paralisi riflessa dei nervi vasali (e so- 
prattutto dello splancnico dovuta a scuotimento traumatico. — 
In questi casi il medico-legale deve tener conto soprattutto 
dell' intensità del trauma; e quando ad un leggiero urto o per- 
cossa seguì uno shok mortale, bisogna specialmente far rilevare 
che la morte, benché accaduta per trauma, non fu conseguenza 
ordinaria ed inevitabile del trauma leggiero, e che l'attore non 
poteva affatto prevedere si funesto esito. I casi in cui ad una 
contusione insignificante seguì uno shok rapidamente mor- 
tale sono rari. — Molto più frequentemente osserviamo dopo 
gravi contusioni, soprattutto quando furono contuse parti molto 
sensibili (per esempio le dita), che l'offeso cade in uno stato 
di massima prostrazione. La cute è di un pallore marmoreo, la 
temperatura è abbassata di 1 — 1 V2 C., il polso è quasi impercet- 
tibile, la respirazione è superficiale, tutte le funzioni, incluse 
quelle psichiche, sono depresse: in breve, si ha allora una vdia 
minima. Un tale stato può rapidamente cessare quando si ado- 
perino mezzi adatti, e non esplica alcuna influenza sfavorevole 
sull'ulteriore corso. 

Non di rado, però, esso dura ore e settimane, e talvolta 
i sintomi minacciosi si aggravano, ed accade l'esito letale. — 
Quanto più a lungo dura un tale stato, tanto più grave è la 
prognosi. Tutte le gravi contusioni, in cui i fenomeni di skoh 
durano a lungo, debbono essere riguardate come lesioni vio- 
lente gravi, che implicano per solito pericolo di vita. — Se ad una 
contusione non seguirono fenomeni di shoky oppure se essi si 



(1) Vedi : Th. Billroth, Verletzungen der Weichtheile. Pitlia-Blll- 
roth'sches Handbach. Fischer, Ueber den Shok. Volkraann's Sammlung. 
Klìn, Vortràge, 10,' 1870. L e y d e n , RQckenmarkskrankheiten. Bd. II. p. 106. 
€. Gussenbauer, Traumatische Verletzungen . 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite contuse e ferite lacere 239 

<erano già dissipati quando l'offeso tu esaminato dal medico- 
legale, questi dovrà dare il giudizio tenendo a base principal- 
mente lo stato della pelle. Allorché questa è poco alterata, 
d'ordinario vengono riassorbiti persino i grossi stravasi san- 
guigni, ed i tessuti mortificati subiscono metamorfosi l'egres- 
sive, senza che si verifichino gangrena, suppurazione o flnanco 
una semplice suppurazione. — Ma se la pelle è contusa in alto 
grado, vi sono tutti i pericoli inerenti alle ferite contuse e 
lacere. 

E qui debbo richiamare P attenzione sopra un punto im- 
portante per la medicina legale. — Quando insieme ad una con- 
tusione havvi pure qualche focolaio infettivo sul corpo dell'of- 
feso, può accadere che da quel punto germi morbigeni per- 
vengano alle parti contuse, e allora una lesione, che in condizioni 
ordinarie sarebbe stata insignificante, può porre la vita in peri- 
colo per icorizzazione o gangrena. È stato dimostrato sperimen- 
talmente che contundendo a due animali in modo eguale i te- 
sticoli senza ledere la pelle , ed inficiando uno di essi con 
un'iniezione di liquido contenente batteri, nell'animale inficiato 
si produce icorizzazione, nell'altro mummificazione del testicolo. 
Quindi soprattutto nelle lesioni multiple , inferte da diverse 
persone, si dovrà sempre tenere debitamente conto dei reciproci 
rapporti di una lesione coli' altra. 

3. Ferite contuse e ferite lacere. 

Quando in seguito ad una contusione si produce scontinuità 
-del tegumento esterno, si ha la così detta ferita contusa. 

Gli oggetti a margini smussi, come il coverchio o il manico 
di una brocca di birra, il manico di un coltello, una spatola, 
ed istrumenti simili, che facilmente si adoperano come armi di 
offesa nelle risse, producono ferite contuse quando vengano vi- 
brati con impeto. E con pari frequenza le ferite contuse si pro- 
ducono urtando contro angoli di tavolino, porte, pietre aguz- 
ze, ecc. Né é raro il caso che cadendo sopra un pavimento piano 
si producano ferite contuse sulla cresta tibiale e sull'arcata delle 
sopracciglia. — Però la maggior parte di queste lesioni sono do- 
vute ad accidentalità oppure imprevidenza nel maneggio delle 
macchine, ad esplosioni di gas, accidenti ferroviari, ecc. Le ferite 



Digitized by VjOOQIC 



240 Weil. Produzione delle lesioni violente meccaniche 

lacere o da arma a fuoco, che si producono in tali casi, ver- 
ranno trattate a parte. 

La nota caratteristica delle ferite contuse è data da che i 
margini sono ineguali, sfrangiati, per lo piìi scolorati e tumidi. 
Se razione contundente è stata leggiera, si rinverranno soltanto 
leggiere ecchimosi e tumefazione. Quando l'impeto è stato mag- 
giore, si producono — per i considerevoli stravasi sanguigni suba- 
poneurotici ed intermuscolari — vasti scoloramenti e pronunziata 
tumefazione. Basta Pesame dei margini della ferita per fare 
desumere con quale forza abbia agito razione vulnerante. Dalla 
grandezza, profondità, forma, numero e disposizione delle ferite 
si può spesso desumere la qualità dell'istrumento vulnerante, e 
sovente anche il modo come fu inferta la lesione. Così, per es., 
le lesioni prodotte negli scoppi di mine vengono bentosto ri- 
conosciute per la loro molteplicità, per l'annerimento prodotto 
dalla polvere, per le numerose pietruzze incuneate nei canali 
e cavità delle ferite, e per le contemporanee scottature della 
faccia e delle mani. 

Se l'esplosione è stata molto rilevante, come per es. nelle 
fabbriche di dinamite o nelle officine di gas, si rinvengono i ca- 
daveri schiacciati fino al punto da essere irriconoscibili, e da non 
poter ricomporre le loro sparse membra per il constatamento 
dell'identità. Si ha allora l'impressione come se le membra fos- 
sero state strappate dal cadavere: nessuna traccia di ecchimosi 
di ima reazione. Appunto in base a questi caratteri vengono 
riconosciute le spaventevoli lesioni violente prodotte da ac- 
cidenti ferroviari (per es. quando un individuo cadde sotto un 
vagone ferroviario che gli passò sopra). Se di un corpo spezzato 
in due , il capo è completamente staccato dal tronco , si ri- 
conoscerà quasi sempre l'origine di tale infortunio in quanto 
che le superficie cruente recise non mostrano traccia di rea- 
zione. In altre lesioni prodotte dal maneggio delle macchine, 
queste lasciano spesso caratteristiche impronte della forma 
della rispettiva sezione della macchina sui margini cruenti, e 
ciò fa riconoscere ben presto il modo come si produsse la le- 
sione violenta (vedi Tardi e u, Les Blessiires par imprudence, 
Paris 1879). 

Le fé) ite laceì-e si producono mediante forza di trazione. 
Il trauma che produce la lesione non attacca il punto dove 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da morsicatura 241 

accade la lesione di continuo, ma in an altro più o meno di- 
scosto. Sovente lo stesso offeso si produce la ferita lacera, 
giacché per liberare dalla cattiva posizione la parte imprigio- 
nata del corpo, fa un movimento violento. 

Le più spaventevoli lesioni violente di questa specie ven- 
gono prodotto da cilindri messi in movimento, ruote di mac- 
chine, ecc. Il carattere speciale di una ferita lacera è la forma 
molto irregolare dei suoi margini e delle superficie cruente, 
nonché il modo come appariscono i vasi sanguigni recisi. — 
Come giustamente fa rilevare Gussenbauer, la ferita la- 
cera può essere indicata come una ferita multiangolare. Per 
lo più ci si presentano ferite a lembi multipli, oltremodo ir- 
regolari. La pelle è lacerata in un punto diverso da quello ove 
è lacerato il muscolo, e spesso pende in lunghi brani. I ten- 
dini , i vasi ed i nervi pendono fuori della ferita in lorma di 
lunghi cordoni arrotolati parecchie volte, i vasi sanguigni la- 
cerati (financo i grossi tronchi arteriosi) non sanguinano nep- 
pure quando l'attività cardiaca è molto energica, perchè le loro 
pareti si sono tanto fortemente arrotolate, da ostruire il lume 
vasaio. 

Sulle lesioni violente in parola farò soltanto rilevare, che 
spesso non si può determinare fin dal principio il grado e 
Testensione della contusione. Su tale riguardo vale ciò che fu 
detto sulle contusioni in generale. Inoltre le malattie, che così 
spesso sopravvengono nel corso delle ferite lacere e contuse, 
e soprattutto i flemmoni progressivi, la piemia e la setticemia 
non sono conseguenza inevitabile della lesione violenta, ma 
il risultato deir infezione , la quale con un accurato tratta- 
mento antisettico può essere per lo più evitata se la ferita è 
recente. 

4. Ferite da morsicatura. 

LETTERATURA 

Mittbeilung uber Bisswunden in gerichtiicher Beziehung: Dr. Ròsch, Tod. 
in Folge eines Menschenbisses und hinzugetretener Erkàltung. — Dr. Braun» 
Der Biss der Zornigen. — Dr. P. J. Schneider , Bemerkungen iiber Biss- 
wunden. Deutsche Zeitschr. f. d. Si A. K. Xeue Folge. XI. 2. — Dr. B. Ritter, 
Zur Wurdigung der Folgen des Bisses zwar gesunder aber leidenschaftlich 
aufgeregter Menschen u. Thiere von Seiten der Chirurgie und Staatsarznei- 
Maschka — Med. Leg. Voi. I. 16 



Digitized by VjOOQIC 



242 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

kunde. Ebendaselbst. XII. 2. — Dr. Ebbl : Gerichtsàrztlicher Fall von Ver- 
letzung durch. Menschenbiss. Deutsche Zoitschr. f. d. StA.K. Neue Folge. 
VI. 2. — Dr. J. Maschka: Oesterr. Zeitschr f. pr. Heilkunde. VII. 24. Biss- 
wunde eixies Fingers mìt zuriickgebliebener Steifheit desselben; schwere 
Verletzung ohne nachweisbaren Zusammenhang ralt dem bleìbenden Nach- 
theil. — Wissenschaftl. Deputation. Verletzung zweier Finger. (Die Finger- 
wunden charakterisiren sich als Bisswunden.) Vierteljahrsschr. f. ger. Medicin. 
Bd. 21. 1. Hft. (Ref. Skrzeczka.) — Pinkkrton, Rob., Case of tearìng out, 
of the entire tendon of the flexor longus pollicis muscle by a donkey bite. 
Glasgow raed. Journ. 1877. — Reinl, G., Biss eines Hahnes. Prager med. 
Wochenschrift. Nr. 13. 1880. — Lawrence, Brand des rechten Zeìgefìngers 
in Folge eines Katzenbisses. Brit. med. Journ 1857. — J. Safarik, Ueber 
Bisswunden und ihre BehandIung. Wiener med. Halle 1861. — Podracki, 
Unbedeu tende Hautabschurfung an der Hand in Folge eines Pferdebisses. 
Allg. raed. Zeitg. 1861. — A. Pribram , Verlust von Gliedmassen durch 
Gangran nach Menschenbiss. Prager med. Wochenschrift. 1864. — Sander, 
Obergutachten iib^r eine Bisswunde mit todtlichem Ausgange (.Schr. u. Sch. 
H.'s Annalen d. St. 1842. 4. Heft.^ — Rl'ff , Gerichtl. inedicln. Gutachteu 
iiber cinti Bissverletzung. Annal. d. St.A. von Schneider. X. 2. 1844. 

Gli antichi medici-legali riguardavano le ferite da morsi- 
catura come avvelenate. Essi credevano che la sostanza velenosa 
fosse nella saliva, e che questa contenesse in grado spiccato 
una proprietà tossica, soprattutto nelle persone irascibili. Ne- 
gli antichi annali della Medicina-Legale si trova una ricca ca- 
suistica, la quale aveva per obbiettivo di dimostrare la ventai 
di tale opinione. Oggi ben pochi vi credono; però havvi an- 
cora qualche medico che si fa paladino di quest'antica cre- 
denza, e perciò ho creduto acconcio tenerne qui parola. — Che le 
ferite da morsicatura di uomini e di animali abbiano sovente 
un decorso triste, è cosa ben risaputa, perchè esso può com- 
plicarsi a malattie accidentali delle ferite. E la causa è do- 
vuta a che per la morsicatura gli agenti infettivi, esistenti in 
ogni cavità della ferita, vengono addirittura inoculati nei tes- 
suti. La saliva fresca di individui sani è una sostanza com- 
pletamente innocua. — Che la morsicatura di cani e gatti arrab- 
biati possa produrre la rabbia anche nelP uomo , è un fatto 
noto a tutti, e che qui sarebbe fuori luogo prendere in esame. 

Le ferite da morsicatura sono contuse oppure lacero-con- 
tuse, secondo che i denti si aflfondarouo semplicemente nelle 
parti molli e poi furono ritirati, oppure se nel tempo stesso si 
produsse uno stiramento, nel qual caso sovente vengono prodotte 
ferite a lembi oppure perdita di sostanza. — Le ferite da mor- 
sicatura vengono prodotte non solo da animali, ma spesso an- 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 243 

che dairuomo. Nelle risse accadono morsicature non soltanto 
per offesa ma anche per difesa. Per lo più sono sede della 
lesione le dita della mano, lo parti sporgenti della faccia, il 
naso e l'orecchio. D'ordinario si riscontrano, nel singolo caso, 
molte di queste ferite, e dal loro numero, forma, profondità e 
disposizione si può desumere la specie della morsicatura e la 
violenza adoperata. Le ferite da morsicatura degli uccelli (per 
es. dei galli) si presentano in forma di due lacerazioni, ri- 
volte r una air altra coi loro angoli acuti. Nelle morsicature 
dei caniy che sono le più frequenti ad osservarsi , si notano 
per lo più due ferite lacero-profonde, prodotte coi canini, men- 
tre quelle inferte coi denti più corti lasciano soltanto escoria- 
zioni oppure leggiere impronte, che hanno grande importanza 
per una diagnosi esatta. — Qualche volta il medico-legale è 
chiamato anche a dare un parere sulle morsicature di ca- 
valli , le quali vengono riconosciute dalle impronte degl'inci- 
sivi (disposte su due linee curve), rivolte Tuna all'altra colla 
loro concavità. 

Come Gussenbauer giustamente fa rilevare, le impronte 
si presentano in forma di chiazze di colore azzurrognolo ed 
escoriate, e fra di esse si notano piccole zone di cute sana. 
Soltanto l'uno o l'altro incisivo sarà penetrato più profondamente, 
per cui anche il derma è leso. Quando la compressione è stata 
leggiera, le chiazze sono di un colore rosso-azzurrognolo ; se 
intensa, hanno un aspetto bianco-grigio e pergamenaceo. — 
Qualche volta si producono pure ferite lacere, perchè l'individuo 
morsicato nel tentativo di liberare la parte sequestrata, cagiona 
da sé stesso, per così dire, la lacerazione» 

&• Ferite da arma a fuoco. 

LETTERATURA 

Sectionsbefund und Gutachten uber einen durch einen Schuss (mit 
Erbsen uad Bleistiicken) getòdteten Knaben. V. Phys. Dr. Kònig. (Henke's 
Zeitschr. f. d. St. 1842. 4. Hft.) — Obductionsbericht und gerichtl. Medicin. 
Gutachten iiber don nach einem erhaltenen Schusso erfolgten Tod eiiies 
Mannes. V. Dr. Dolscius, k. Pr. Kreis-Phys. (eod. loc.) — Expertise méd. 
ieg. à roccasion d*un assassinat précède d' un duel p. le Dr. A. Dbveroie. 
Annales d'hygiène etc. 1842. Avril. — Dr. J. Schnridbr, Schusswunde in den 
rechten oberen Theil des Gesichts und Verlust der Sprache mit Làhmung 



Digitized by VjOOQIC 



244 W e i I , Produzione delle lesioDi violente meccaniche 

der rechten Hàlfte des Kòrpers. — Dr. Ch. Pfeufer, Differirendes gericht- 
sfirztlisches Gutachten iiber die Tòdtlichkeit einer Schusswunde. Henke's 
Zeitschr. XXX. 2. 1850. — Casper, Verletzungen durch Schusswunden. A. 
a. 0. I. Centur. HI. 20 — 22. — Dr A. Tardieu, Observations et expériences 
sur Ics effets d'un coup de canon chargé A poudre, pour servir à Phistoire 
mèdico- legale des blessures par armes à feu. Annal d'hygiène pubi, et de 
Méd. lég. Avril. 1859. — Dr. Kònig, Auf welche Weise ist dem Forstauf- 
seher R. die tòdtliche Schusswunde beigebract worden? Henke*s Zeitschr. 
f. d. StA.K. XXXIX. 1.— Dr, Frickhòfer, Gerichtsàrztliches Gutachten 
iiber einen Erschossenen mit eigenthiimlicher Combination der Verletzungen. 
Casper's Vierteljahrsschr. f. g. u. off. Med. XVI. 1. — Dr. K. Buchner, 
Schrotschusswunden. Langdauernde Arbeitsunfòhigkeit. Friedreich's Blàtter 
f. ger. Anthropol. XV. 3. (Verletzung des rechten Schulterblattes, des innerea 
Knochels des Fussgelenkes ^ des rechten Gesàssmuskels und der hinteren 
Seite des rechten Oberschenkels.) — Dr. J. Maschka, Gerichtsarztl. Mitthei- 
lungen. Casper's Vierteljahrsschr. f. ger. u. off. Medicin. n. I. Gutachten 
iiber die Verletzung (durch den Riicken eindringende und die Brustwand 
austretende Schusswunde rait Lungen- und Leberverletzung nebst andar- 
weitigen Verletzungen ina Gesichte bei dem Einen und Verletzung der Schen- 
kelscblagader und Vene bei dem Andem) und die Todesart zweier in einem 
Waldo nebeneinander gefundener erschossener Leichen. — Maschka, Schuss- 
wunde des Unterschenkels. Amputation im Bereiche der Verletzung — tòdtli- 
che Verlntzung. Wiener med. Zig. 1871. Nr. 8. — Waidele , Tod durch 
Erschiessen. Bad. àrztl. Mittheilungen. 1871. Nr. 8. — Maix, Schwere Kòrper- 
verletzung durch einen Schrotschuss in das Knie. Friedreich's Blàtt. 1873. 
Nr. 1 — Larondelle, Observations medico-légales. Journal de medicine de 
Bruxelles 1873. Juillet, Aoùt, Septb. — Falk, Drei Fàllt von Obductionem, 
Gehirnschusswunden betreffend. Berlin, klin. Wochenschr. 1874. N. 20 — 
Maschka, Gerichtsàrztl. Mittheilungen. Tòdtliche Schusswunde. Absichtliche 
Zufiigung oder Zufall? (Letztere wird durch die horizontale Richtung des 
Schusskanals von rechts nach links nach Lago des Falles nicht ausge- 
schlossen.) 1875. — Peltzer, Ueber Schusswunden. Gerichtsilrztl. Studie. Pra- 
ger Vierteljahrsschr. f. pr. Heilk. 1875. 1. Ueft. Brkunne, Schusswunde der 
linken Lungo. Vierteljahrsschr. f. ger. Med. u. off. Sanìtatsw. Voi. XXVII. 1. 
lleft. — ScHLocKOW, Mord. durch Erschiessen. SehrzahlreicheSchussverletzun- 
gen und Projectile. Art und Anwendungsweise der Waffen. Zahl der Thàter. 
Vierteljahrsschr. f. ger^Med. u. òffeutl. Sanitiitswesen. Voi. XXVI. Ueft 2. — 
Bòttcher, Ein Fall von Fettembolie der Lungenarterien nach Schussverlet- 
zung. Dorpater med. Zeitschr. VI. p. 326. — Neumayer, Zwei Leberschuss- 
wunden. Friedreich's Bl. (1878.) 1. — Boutigny, Recherches propres à déter- 
miner V epoque à laquelle une arme à été dóchargée. (Journ. de chimie 
medicale et Annales d' hygiène. 1834. t. XI.) — Sur ce problème déterminer 
combien de temps s'est écoulé depuis qu'un fusil à été tire. (Annales d'hy- 
giène. 1839.) — Mouvelles expériences sur les armes à feu. (Annales d'hy- 
giène. .t. 22 u. 39.) — Klein, Ueber Selbstentleibung durch Schiessgewehr. 
Hufeland's Journal. 1816. — Schenfolen. Ueber die physischen Zeichen, 
woraus auf absichtliche Selbsttòdtung durch Erschiessen geschlossen werden 
kann. Stuttgart 1 827. — Meckel, Gutachten tiber einen Pistolenschuss, den 
ein siebenjàhriges Màdchen sich selbst zugefiigt haben soli. Archiv. de prakt 
Arzneikunde, Voi. 2. Nr. 3. p. 16. — Dr. Mathyssens, Question méd- lég. 
sur le plaies par armes à feu. Gaz. de hòp. Nr. 145. (1848.) — Frickhòffer» 
Gerichtsarztl. Gutachten iiber einen Krschossenen, Verurtheilung des Ange- 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 245 

«chuldigten in Folge eines seltenen Indicienbeweises. Henke's Zeitschr. f. 
StA.K. XXXXI. 1. Tòdtliche Verletzung der Lunge, des Herzens uad Herz- 
beutels, des Zwerchfelles, der Leber und rechten Nieren durch eine Kugel- 
schrotschasswunde von hinten. — Arnal, Mémoire sur quelques particularités 
des plaies par armes à feu. Journ. univers. hebdomadaire de médecine, 
1831. t. III. — Lachèze, ObservatioQS et expériences sur les plaies produites 
par le Coups de fusil à poudre et à plomb, tirés à petite distance. Annal. 
<l'hyg. et de médec. lég. 1836. t. XV. p. 359. — Bevergie, Expériences sur 
le ouvertures d'entrée et de sortie des balles. Annal. t XLI. p. 212 et BuHet. 
■de r Academ. de Médec. 10. October 1848. — Lo stesso, Question médico- 
légale sur un cas de mort violent par un coup de fou. Ibid. 2. sèrie. 1860. 
t. XIII. p. 443. — Gauthier de Claubry, De caractères que présentent les 
armes chargées avec le pyroxyle et la poudre au ferrocyanure de potas- 
slum. Annal. 2te Sèrie. 1858. t. IX. p. 201. — Nouvelles expériences sur 
les armes à feu. Annal. t. XXII. p. 367 — Flambage d'un pistolet. t. XXXIX. 
p. 982. — Lassaione , Examen d'une bourre de fùsil extraite du cadaver 
•d*un homme tuo à bout portant. Annal. t. XI. p. 431. 2. sèrie. 

Le lesioni da arma a fuoco che si presentano in esame al 
medico-legale, vengono prodotte con pistole, revolver, archi- 
bugi , ecc. — La carica contiene uno o molti proiettili, per lo 
più di piombo , di diversa forma e grandezza , di rado anche 
pietruzze, pezzettini di ferro ed altri oggetti qualsiansi. I pro- 
iettili neir attraversare i tessuti del corpo umano subiscono 
cangiamenti di forma tanto più rilevanti, quanto più resistenti 
sono i tessuti. Sono a prendersi in considerazione anche la 
forma e la costruzione del proiettile, giacché soprattutto quelli 
cavi si appiattiscono. Non di rado si osservano fenditure, fra 
le quali vi sono particelle di tessuti, da cui si possono, in al- 
cuni casi, trarre importanti conclusioni sulle lesioni prodotte 
-dal proiettile. Spesso questo va in schegge, a preferenza quando 
urta contro ossa dure, e con ciò vengono determinate vaste 
Jcsioni in profondità, e qualche volta pure molti forami di 
uscita, i quali però non sempre sono dovuti a frammenti di 
proiettile, ma talflata sono determinati da schegge ossee op- 
pure da corpi stranieri pervenuti con esso nella ferita. Può 
anche accadere che il proiettile si frammenti prima di pene- 
trare nel corpo , urtando contro una pietra od altri oggetti 
resistenti, ed in questi ca?si si trovano molte aperture di entrata 
prodotte dal proiettile. Duplay ha riferito un caso, in cui il 
proiettile di un revolver si spezzò sul margine orbitale e pro- 
dusse due canali, uno dei quali conduceva nel cervello, e l'al- 
iro, attraverso l'orbita, nella cavità nasale. 



Digitized by VjOOQIC 



246 W e i I , Produzione delie lesioni violente meccaniche 

Le lesioni da arma a fuoco presentano grandi differenze 
secondo la natura delParma, il modo come era caricata (se con 
uno molti proiettili), la distanza a cui fu tirato il colpo, e 
l'angolo sotto il quale il proiettile urta contro il corpo. 

Quando un colpo è tirato a grande distanza, ed il pro- 
iettile urta (con impeto allentato) sotto un angolo ottuso con- 
tro il corpo , non perfora affatto la pelle , e quindi non pro- 
duce ferita ma soltanto contusione più o meno estesa della 
cute e dei tessuti sottostanti (colpi di rimbalzo). Spesso riesce 
difficile determinare tali colpi. Così, per es., talvolta si os- 
servano fratture multiple del cranio (senza lesioni cutanee) 
prodotte da proiettili di fucile , oppure gravi ferite da arma 
a fuoco degli organi addominali , essendo la pelle poco con- 
tusa od intatta. Questa può essere protetta dagli abiti o da 
altri oggetti accidentalmente esistenti ; però lo scuotimento 
prolungato può cagionare gravi sconquassi degli organi in- 
terni. — Quando V angolo d'incidenza è obliquo, si producono 
spesso i così detti colpi striscianti i quali per lo più non hanno 
grande importanza, ma in alcuni casi, al pari dei colpi di rim- 
balzo, si associano a lesioni profonde. 

Nella maggior parte dei casi il proiettile penetra pro- 
fondamente nel corpo , e produce il così detto canale della 
ferita, che termina a fondo cieco , oppure presenta molte 
aperture. 

Le ferite da arma a fkioco sono più o meno contuse e la- 
cere. Il grado della contusione dipende dalla forza del proiet- 
tile e dall'angolo sotto il quale urtò contro il corpo. Quando- 
la forza propulsiva è molto pronunziata , ed il proiettile cade 
perpendicolarmente, i segni della contusione possono mancare 
quasi completamente e le ferite da arma a fuoco mostrano al- 
lora l'aspetto di quelle da taglio. Simon è stato il primo a 
richiamare l'attenzione su questo fatto. Ciò accade soprattutto 
con proiettili acuminati di piccolo calibro. Le ferite così pro- 
dotte iianno spesso un forame di entrata ovale oppure lineare 
senza suggillazione dei margini. Non di rado guariscono per 
prima intenzione quando non sieno lesi l'osso od altri organi 
importanti. Se la forza propulsiva è piccola e il proiettile ur- 
ta sotto un angolo d'incidenza ottuso, si producono contu- 
sioni e lacerazioni più o meno gravi dei tessuti, le quali vanno» 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 247 

giudicate nello stesso modo che le ferite lacere e contuse. — 
Qui voglio aggiungere poche osservazioni sulle ossa tubolari 
nelle ferite da arma a fuoco. Neir ultimo Congresso dei chi- 
rurgi Bornhauptha svolto quest'argomento in modo davvero 
magistrale. Secondo le sue osservazioni, financo yn proiettile 
che colpisca sotto un angolo retto, non produce mai un fo- 
rame netto ne sulla diafisi né sulP epifisi. In vece si producono 
sempre fenditure più o meno numerose , che decorrono diflfe- 
rentemente nelle diverse ossa, a seconda della loro struttura. 
Queste fissure sono dovute alla peculiare azione che espli- 
cano i moderni proiettili. Nelle fratture da arma a fuoco delle 
diafisi si rinviene sempre — quando la palla non perforò Tosso — 
una fissura longitudinale posteriore, di rincontro al punto ove 
penetrò il proiettile, il quale può uscire attraverso di essa 
senza produrre un forame di uscita nel vero senso della pa- 
rola, perchè detta fenditura si apre nel momento della frattura. 
Codesta fenditura longitudinale posteriore nella maggior parte 
dei casi interessa Tosso per più della sua metà. Se il proiet- 
tile produce anche un forame di uscita, si ha per lo più uno 
scheggiamento molto esteso delT osso. — Sui capi articolari le 
fenditure nel punto ove il proiettile penetra formano una fi- 
gura raggiata di fenditure con anelli concentrici. 

Di una speciale importanza per la pratica forense è la di- 
stinzione fra il forame di entrata e quello di uscita del ca- 
nale della ferita. Nella maggior parte dei casi di ferite da arma 
a fuoco, prodotte con grosso proiettile , il forame di entrata è 
più grosso di quello di uscita. Vi sono anche eccezioni su tale 
riguardo, quando per es. una scheggia trascinata col proiet- 
tile dilata il forame di uscita. Langenbeck ha dimostrato 
che nei canali corti della ferita da arma a fuoco, il forame 
di entrata ha piuttosto i caratteri di una ferita contusa, e quello 
di uscita i caratteri di una ferita lacera. Nel punto ove è pe- 
netrato il proiettile, la pelle viene spinta contro le parti molli 
o contro Tosso; là dove esso fuoriesce, manca la resistenza, e 
la pelle viene distesa fino al punto che si lacera. Corrispon- 
dentemente a ciò sulla ferita recente i margini del forame di 
entrata per lo più appariscono compressi, quelli del forame di 
uscita arrovesciati. Fa d'uopo notare, che questo fenomeno si 
scorge soltanto breve tempo dopo avvenuta la ferita, e proprio 



Digitized by VjOOQIC 



248 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

finché non si presenta alcuna reazione. Li man ha ragione quan- 
do afferma non' essere costante , che nelle persone obese il 
grasso esce fuori dalle aperture della ferita, e che nei cada- 
veri in preda alla putrefazione non si constata nessuna depres- 
sione del forame di entrata. 

Nessun autore ha affermato che il forame di entrata pre- 
senti sempre ed in qualsiasi condizione i margini arrovesciati 
in dentro, e quello di uscita arrovesciati in fuori, ciò che è di 
regola immediatamente dopo la ferita. Altri dati differenziali so- 
no forniti dalle ecchimosi e dai sintomi della scottatura^ i quali 
nella maggior parte dei casi si osservano in grado più o meno 
rilevante sui forami di entrata, mentre su quelli di uscita sono 
appena accennati o mancano del tutto. — Anche la qualità degli 
àbiti ha un'importanza. — Nel sito del forame di entrata si trova 
per lo più una perdita di sostanza, che soltanto di rado corri- 
sponde al volume del proiettile, mentre nel sito del forame di 
uscita si osserva spesso una lacerazione semplice senza perdita 
di sostanza. 

In molti casi ha un'importanza essenziale il determinare 
la distanza alla quale fu sparato il colpo. — Sul proposito 
possiamo distinguere con Tardieu i colpi à bout touchant, 
quelli a piccola e quelli a grande distanza. — I colpi della prima 
specie (cioè tirati a bruciapelo) occorrono di rado (per es. 
nei suicidi). Hanno di caratteristico che il proiettile talvolta 
non penetra, ma cade a terra, e produce soltanto una contu- 
sione alla parte colpita. — Quando fu sparato a piccola distanza 
osserviamo due sintomi caratteristici: 1) nel punto leso la pelle 
mostra un colore speciale dovuto a granelli di polvere incro- 
stati, che — incompletamente bruciati — penetrano col proiettile 
nella pelle. (Quest'alterazione di colore deve essere distinta da 
quella prodotta dal proiettile, che spesso nel forame di entrata 
mostra un intonaco fuligginoso); 2) una scottatura più o meno 
estesa. Nei colpi tirati a grande distanza gli abiti nel rispettivo 
puntoi possono bruciare e produrre scottature profonde e dif- 
fuse. Tardieu riferisce un caso dal quale risulta, che in un 
suicida il quale si tirò un colpo di pistola nella bocca, gli abiti 
che avvolgevano il collo presero fuoco, produssero scottature 
del collo, del petto e del mento, ed il fuoco si propagò pure 
ai mobili della camera. — Non è possibile determinare con grande 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 249 

-esattezza a quale distanza possa ancora verificarsi la scottatura. 
Se il colpo viene tirato con uno stoppino di carta che arde, si 
può produrre una scottatura anche ad una distanza abbastanza 
considerevole. Tourdes con un colpo di pistola, tirato alla di- 
stanza di Vs metro, ha potuto bruciare una carta; ed Hofmann 
constatò che con un revolver del diametro di 9 mm. si bru- 
ciavano i capelli alla distanza di 10 — 15 ctm. Secondo Tour- 
des ed Hofmann, T annerimento della pelle da granelli di 
polvere è stato osservato con colpi di pistola flnanco a distanza 
<U 2 metri , con i grossi revolver a distanza di 1 metro , con 
quelli piccoli a distanza di 40 ctm. Nei colpi tirati a piccola 
distanza il forame di entrata per effetto dei gas della polvere 
è quasi sempre molto più grosso del proiettile; i margini del 
forame sono per lo più a zig-zag. — Per la contemporanea azione 
ohe esplicano i gas della polvere, le distruzioni che i proiet- 
tili producono da grandi distanze sono straordinarie, e tanto 
più quanto maggiore era la carica colla polvere. In tali ferite 
per lo più rinveniamo residui di pezzettini di abiti, numerose 
schegge ossee e brani di tessuti. Questi corpi stranieri, che 
penetrano con grande violenza, spesso dilatano siffattamente il 
-canale della ferita che — specialmente quando il proiettile at- 
traversa organi interni — si produce piuttosto una cavità irre- 
golare anziché un canale nel vero senso della parola. Tengo 
inoltre a far rilevare qui un fatto, sul quale Skrzeczka ha 
richiamato Tattenzione, cioè che, in conseguenza dell' espan- 
sione dei gas, le membrane si squarciano. In un caso nel quale 
fu tirato neir orecchio un piccolo proiettile, egli non vide alcun 
forame di entrata sì bene piccole lacerazioni nella pelle del 
meato uditivo, le quali non erano beanti. Lacerazioni simili si 
riscontrano spesso anche nei casi di colpi di arma a fuoco tirati 
nella bocca. — Nei colpi tirati a maggiore distanza mancano 
anzitutto l'annerimento della polvere e la scottatura. — Diflfe- 
renze molto essenziali sono, inoltre, prodotte dal numero e dalla 
forma dei proiettili. — Mentre nei colpi tirati a piccolissima 
distanza una scarica di pallini produce soltanto un grosso fo- 
rame di entrata (perchè essi penetrano riuniti, agglomerati), 
a. grande distanza si allontanano fra loro, e si espandono in 
forma di cuneo. Secondo Tardieu una carica di pallini nu- 
mero 8, la quale ha in media 34 granelli da 2 mm. di diametro, 



Digitized by VjOOQIC 



250 W e i 1, Produzione dalle lesioni violente meccaniche 

s'irraggia su tutto il dorso, quando il colpo fu tirato alla di- 
stanza di 25 passi. 

$6 la carica era costituita da un solo proiettile, la forma 
del forame di entrata e di uscita dipende molto dalla forma 
del medesimo, — Una palla produce per lo piii un' apertura 
oblunga, schiacciata^ con perdita di sostanza, mentre i moderni 
proiettili conici formano spesso, come già feci rilevare, fen- 
diture senza perdita di sostanza, le quali presentano una so- 
miglianza colie ferite da punta. Per questi casi vale, in riguardo 
alla grandezza del forame di entrata, lo stesso di ciò che è 
stato detto per le ferite da punta, cioè che a causa dell'elasticità 
della pelle esso può essere più piccolo del proiettile. 

Di una grande importanza è l'accurato esame del canale 
della ferita. Ho già detto, che nei colpi che ledono stri- 
sciando superficialmente , spesso non si ha la formazione di 
un canale chiuso, ma per lo più si rinvengono unicamente sol- 
chi, che possono essere scambiati con ferite lacere prodotte 
in altro modo. 

Li man ha fatto giustamente rilevare, che quando si tratta 
di colpi che penetrano molto profondamente, l'accurato esame 
del canale della ferita è possibile solo quando il proiettile at- 
traversi tessuti molto resistenti, e specialmente grossi strati di 
di adipe, muscoli delle estremità, ecc. — Quando i proiettili 
penetrano nel cervello, nel petto o nei visceri addominali, spessa 
non è possibile di accertare il còrso del canale della ferita ^ 
e nel solo caso in cui vi sia un forame di entrata ed altro di 
uscita si può desumere dagli stessi il tragitto del proiettile. Va 
notato che non sempre la linea di connessione di questi due 
forami dinota quella percorsa dal proiettile , perchè non di 
rado questa subisce modificazioni quando il proiettile scivoli 
rimbalzi. Ed una tale deviazione accade soprattutto quando 
il proiettile urta contro ossa , tendini tesi , aponeurosi^; od il 
margine di un muscolo contratto. 

Meritano singolare menzione quei casi speciali in cui un 
proiettile viene deviato in modo , che circola intorno ad una 
cavità del corpo senza aprirla; colle armi moderne ciò si osser- 
va meno spesso, e proprio quando esso perviene allentato da 
grande distanza e colpisce lateralmente. Hennen riferisce un 
caso, nel quale un proiettile penetrò nella regione della laringe. 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 2S\ 

girò sotto la cute intorno a tutto il collo e fuoriuscì nello stessa 
punto in cui era entrato. 

Per il medico-legale ha una grande importanza conoscere 
la direzione del canale della ferita, perchè da essa può trarre 
qualche illazione sulla posizione del feritore rispetto al ferito, 
del quale non si deve trascurare di accertare la posizione. 
Così, per es., può accadere che venga tirato da basso in alto 
un colpo d'arma a fuoco contro un individuo mentre teneva il 
braccio sollevato; se il braccio ricade, potrebbe sembrare come 
se il colpo fosse stato tirato da un sito elevato. — Parimenti 
si può facilmente cadere in equivoco quando il ferito, nel mo- 
mento in cui fu tirato il colpo, stava sdraiato oppure accovac- 
ciato. In tali condizioni un proiettile che pervenga con impeto, 
può fuoriuscire molte volte dal corpo e rientrarvi, per cui si 
potrebbe essere inclinati a trarne la conseguenza che furono 
tirati molti colpi. 

Di non minore importanza per la pratica forense è pure 
l'esame del contenuto del canale della ferita d'arma a fuoco. 
Quando esso è a fondo cieco, la carica d'ordinario si rinviene 
al fondo, se pure i proiettili non passino altrove. Così, per es., 
Hennen riferisce un caso, nel quale una palla penetrata a li- 
vello della spina della scapola, dopo sei mesi uscì da un ascesso 
alla regione del malleolo. — Quando gli organi interni sono 
fortemente sfracellati, spesso è difficile rinvenire il materiale 
di carica; e Li man fa rilevare, che in questi casi sovente è 
dovuto ad una pura accidentalità il rinvenire il proiettile oppure 
lo stoppaccio. Maschka riferisce un caso interessante; un in- 
dividuo aveva attentato alla sua vita tirandosi con una cattiva 
pistola un colpo nella bocca; tutta la carica fu rinvenuta nello 
stomaco che era intatto; il suicida l'aveva inghiottita. In alcuni 
rari casi può la carica fuoriuscire attraverso la bocca aperta. 
In qualsiasi circostanza però al medico-legale incombe sempre 
l'obbligo di rintracciarla, descrivere esattamente il proiettile 
(o i proiettili) e lo stoppaccio, e rimetterli al giudice. § ne- 
cessario ispezionare accuratamente e conservare i proiettili per 
confrontarli col calibro dell'arma eventualmente rinvenuta, op- 
pure con altro materiale da arma a fuoco repertata sul presunto 
delinquente. In alcuni casi anche l'esame chimico del proiettile 
può condurre sulla traccia dell'autore. Così, per es., Roussin 



Digitized by VjOOQIC 



252 W e i l , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

racconta che in un caso dubbio Tesarne del proiettile fece ri- 
levare che era costituito da un miscuglio di piombo e di stagno. 
Questa lega del tutto insolita fu accertata in altri proiettili tro- 
vati in possesso di un uomo sul quale pendeva il sospetto del 
delitto. — Anche l'esame dello stoppaccio ha spesso contribuito 
a porre sulla traccia del delinquente. È accaduto, per esem- 
pio, che fu adoperato come tale un foglio strappato da un libro, 
trovato in possesso dell'accusato, oppure un foglio di carta 
scritto dall'accusato o ad esso diretto, e simili. 

Nel giudicare le ferite da arma a fuoco, bisogna attenersi 
agli stessi principi che per quelle lacere e contuse; le prime 
intanto presentano alcuni caratteri peculiari, che esporrò qui 
brevemente. — Quando tenni parola delle lesioni traumatiche 
<leirosso, feci rilevare che per lo più sono molto gravi, perchè 
quasi sempre accade la formazione di lunghe fissure o di estesi 
scheggiamenti. — Corrispondentemente a ciò , in molti casi la 
guarigione non può accadere, per cui si è costretti di praticare 
•operazioni mùtilative — amputazioni o disarticolazioni — ovvero 
r infermo guarisce dopo lungo tempo (quando è avvenuto di- 
stacco di numerosi sequestri). 

Non di rado si producono pseudartrosi. Raccorciamenti in 
alto grado nonché deformità per abnorme formazione di callo si 
osservano spesso in conseguenza di ferite ossee da arma a 
fuoco. — Le ferite da arma a fuoco delle grosse articolazioni 
sono oltremodo pericolose; soltanto in casi eccezionali si ha 
la cicatrizzazione con anchilosi. Per lo più bisogna praticare re- 
sezioni oppure disarticolazioni per salvare la vita. — Le ferite 
da arma a fuoco dei vasi presentano gli stessi caratteri di 
quelle contuse o lacere di questi organi; per lo più danno 
emorragia insignificante; per ferita da arma a fuoco può veri- 
ficarsi anche il dissanguamento. — Relativamente spesso ac- 
<;ade la formazione di aneurismi traumatici. L'anno scorso vidi 
un caso nel quale l'arteria e la vena femorale furono perfo- 
rati da un pallino. L'emorragia venne frenata cogli astringenti; 
ma si sviluppò un aneurisma traumatico, che potette essere 
guarito soltanto coU'operazione. — Nelle ferite da arma a fuo- 
co dei nervi si verificano non di rado intense nevralgie per 
<;orpi stranieri rimastivi; — e per lo stesso motivo furono tal- 
volta osservati gravi casi di tetano. Un'accurata diagnosi delle 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da arma a fuoco 253 

ferite' da arma a fuoco, la quale si proponga per iscopo di 
stabilire la sede, il grado della contusione, e soprattutto la 
•presenza di corpi stranieri nella ferita, è difficilissima per la 
profondità e la forma canalicolare della maggior parte delie- 
ferite da arma a fuoco. Ma esaminando di quale natura è 
Tarma, la carica, la distanza a cui fu sparata, la posizione del 
feritore e del ferito, si hanno dati per rispondere alle domande 
che possono essere rivolte dalla giustizia. 

I medici-legali spesso si veggono costretti — per stabilire 
una diagnosi esatta — di esplorare colle sonde o colle dita la 
ferita da arma a fuoco. Non approvo menomamente questa 
processo. Vi sono molti casi ben constatati, nei quali ad un 
tale esame seguirono erisipele mortali, flemmoni diffusi, sepsi 
e piemia. Ho veduto coi miei occhi seguire al semplice sonda- 
mento un' erisipela, che dopo tredici ore terminò colla morte. 
Bisogna stabilire il principio fondamentale che i canali pro- 
dotti colle ferite da arma a fuoco possono essere esplorati 
colle sonde o colle dita solo quando si tratta di scopi fera-- 
peutici, e soprattutto dell'estrazione di corpi stranieri. Nella 
maggior parte di questi casi è molto più opportuno servirsi 
delle dita anziché della sonda, le quali conviene previamente di- 
sinfettare bene con una soluzione di acido fenico al 5 7o? ta- 
gliare le unghie , rimuovere il sudiciume accumulato sotto di 
esse, e disinfettare anche i contorni della ferita. In caso op- 
posto si può correre il rischio di attirarsi il giusto rimpro- 
vero di aver determinato per incuria ed imperizia T esito le- 
tale. — Relativamente alla permanenza dei corpi stranieri nella 
ferita, essa non sempre determina gravi conseguenze. 

I pezzettini metallici possono incapsularsi e restare per 
lungo tempo nel corpo senza produrre alcun sintoma. Sono noti 
alcuni casi in cui i proiettili rimasero nel corpo senza pro- 
durre danno di sorta. Questi casi in vero sono rarissimi, ma 
la permanenza di proiettili in altri organi senza cagionare al- 
cun sintoma è un fatto che si osserva abbastanza spesso. Havvi 
sempre il pericolo che un proiettile rimasto nel corpo possa, 
dopo anni , determinare la suppurazione e financo T icorizza- 
zione; ovvero che, migrando, possa toccare organi vitali e su- 
scitare pericolose infiammazioni. Molto più pericolosa della 
permanenza di pezzi metallici è quella dello stoppaccio o di 



Digitized by VjOOQIC 



254 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

altre sostanze organiche, queste essendo molto più frequente- 
mente i veicoli di sostanze infettive, che colla loro capacità 
d'imbibizione possono produrre infezioni gravissime. 

B. Lesioni con istrnmenti vulneranti acuti. 
A) Ferite da taglio. 

Le ferite da taglio sono caratterizzate da margini acuti ed 
uniformi, sui quali si scorgono le superfìcie lisce del taglio 
dei tessuti inalterate. Per lo più hanno decorso rettilineo; in 
profondità si vanno rimpiccolendo. I margini cruenti si riuni- 
scono ad angoli acuti. 

Agli angoli della f'^rita il tessuto è reciso meno profon- 
damente che nel centro. In alcuni casi i margini della fe- 
rita mostrano un aspetto a zig-zag, e ciò soprattutto quando 
la parte colpita della pelle è molto ricca di pieghe , come 
ad esempio al collo delle persone di età avanzata. Può fl- 
nanco accadere che, mutando la posizione delle parti, quando 
le pieghe si spianano, vi siano molte ferite da taglio separate 
fra loro, e prodotte da un solo colpo di coltello. — La forma defl 
margini della ferita è modificata sia dalla qualità dell'oggetto 
vulnerante tagliente, sia dal modo come lo si adopera. Mentre 
i due margini della ferita sono eguali allorché il taglio fu in- 
ferto perpendicolarmente, appariscono in vece trasversali al- 
lorché esso cadde alquanto obliquamente. Se il coltello è stato 
vibrato in direzione tangenziale, si formano ferite a lembi e 
quelle con perdita di sostanza. 

Le ferite da taglio vengono prodotte con istrumenti vul- 
neranti acuti. D'ordinario sono coltelli acuti, oppure istru- 
menti simili (come scalpelli, pialle, forbici o frantumi di ve- 
tro , pietre aguzze , ecc.). Anche corpi vulneranti meno acuti 
possono, se vibrati rapidamente, produrre analoghe ferite. 

Con un oggetto vulnerante ottuso possono essere pro- 
dotte ferite, che rassomigliano moltissimo a quelle da punta. 
Ciò accade quando la pelle nei siti ove è vicina air osso si 
lacera sotto Timpeto di un corpo vulnerante ottuso. Così, per 
esempio, vediamo ferite del cuoio capelluto — prodotte da corpi 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da taglio 255 

vulneranti ottusi oppure da urto del cranio contro gli stessi — 
che spesso rassomigliano completamente alle ferite da punta; 
analoghe ferite lacere lisce occorrono pure sulla vola della 
mano e non di rado la pelle viene ferita dall'interno da angoli 
acuti delle ossa. 

0. Heyfelder pubblicò un'accurata monografia sul mec- 
canismo di queste ferite. La pelle sulla superficie di contatto 
coiroggetto vulnerante ottuso viene recisa dall'interno all'e- 
sterno coi margini acuti dell'osso. Queste lesioni si osservano 
per lo più sul margine orbitale superiore, sulla cresta tibiale 
al margine inferiore del tratto medio del mascellare inferiore 
e sulla sinfisi del pube. Anche le schegge ossee acute possono 
occasionalmente produrle. 

Il divaricamento dei margini della ferita dipende dalla 
forma e dalla grandezza dell'oggetto vulnerante. Quanto più 
esso è voluminoso, tanto più la sua azione rassomiglia a quella 
di un cuneo; i margini della ferita si divaricano. Sono della mas- 
sima importanza la tensione dei tessuti, la loro elasticità e 
contrattilità. 

La tensione dei tessuti non è eguale in tutte le direzioni. 
D'ordinario essa raggiunge il massimo grado lungo il tragitto 
delle fibre che decorrono nei tessuti. Corrispondentemente a 
ciò, le ferite perpendicolari alla direzione delle fibre sono 
quelle più beanti. 

E poiché sulla pelle delle estremità la direzione delle fibre 
coincide per lo più coll'asse longitudinale delle stesse, ne ri- 
sulta che le ferite longitudinali di questa regione sono poco 
beanti, mentre l'opposto accade per quelle trasversali. Un'ec- 
cezione è costituita per le superficie estensorie del gomito e 
del ginocchio, nonché per la vola della mano col lato volare 
delle dita della mano e per la pianta dei piedi col lato plan- 
tare delle dita dei piedi. In questi punti le fibre del connettivo 
sottocutaneo mostrano decisamente una disposizione perpen- 
dicolare, ciò che determina una fissazione della pelle sulla fascia, 
e perciò le ferite di queste regioni, qualunque sia la loro dire- 
zione, non sono quasi affatto beanti. — 

Nelle ferite dei muscoli la contrattilità esplica pure una 
grande azione. Esse sono tanto più beanti quanto più lunghe 
sono le loro fibre, e quanto più parallelo è il loro decorso. 



Digitized by VjOOQIC 



f&6 Weil, Produzione deUe lesioni violente naeccaniche 

Nei muscoli le cui fibre s'intrecciano in modo svariato (per es^ 
cuore, utero) la contrattilità può financo impedire che la fe- 
rita si divarichi. Per le ferite delle ossa e delle cartilagini è 
unicamente V elasticità delle sostanze connettivali , che de- 
termina il divaricamento della ferita. — 

V intensità dell'emorragia dipende dal numero, dal cali- 
bro e dalla specie dei vasi recisi. Fra tutte le ferite sono quelle 
da taglio che sanguinano relativamente di più. Le ferite della 
pelle sanguinano meno di quelle delle mucose. — In un altro 
capitolo sarà tenuta parola delle conseguenze inerenti alle pro- 
fuse perdite di sangue. 

L'entità delle ferite da taglio dipende in prima linea dal- 
l'importanza degli organi lesi. Si ha il massimo perìcolo quando 
sono recisi grossi vasi, quando viene aperta la cavità termica 
ed addominale, e vengono lesi organi interni vitali. Nelle fe- 
rite da taglio delle estremità, bisogna prendere soprattutto in 
considerazione la recisione di nervi , di muscoli e di tendini , 
nonché la lesione di articolazioni. 

Relativamente al modo come accade la guarigione delle 
ferite da taglio, debbo qui combattere un' opinione molto dif- 
fusa nei Trattati di Medicina-Legale (Schuermayer 1874; 
Schauenstein 1875, Hofmann 1878), cioè che soltanto le 
ferite da taglio superficiali guarirebbero per prima intenzione, 
mentre quelle profonde d'ordinario suppurerebbero. Opposta- 
mente a ciò fo notare , che la suppurazione non sta in alcun 
rapporto colla profondità della ferita. Essa è conseguenza di 
una stimolazione della ferita, che nella maggior parte dei casi 
è dovuta ad infezione proveniente dall' esterno. Una pura e 
semplice ferita da taglio non inficiata non suppura mai. Al- 
trove sarà tenuta specialmente parola della cicatrizzazione e 
sue conseguenze. 

B. Ferite da fendente. 

Presentano molte analogie colle ferite da taglio, dalle quali 
si distinguono soltanto in quanto che le prime sono per lo 
più prodotte da trauma intenso e con corpi vulneranti volu- 
minosi (sciabola, bajonetta, ecc.). In conseguenza del grande 
impeto con cui agisce il trauma , le ferite sono più profonde, 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da punta 1^7 

e non interessano soltanto le parti molli, ma abbastanza spesso 
anche le ossa, soprattutto dove queste sono molto prossime alla 
pelle (come per es. sul capo). Il grosso volume degr istru- 
menti vulneranti, per lo più poco acuti, ed il fatto che agiscono 
piuttosto mediante compressione, ha per conseguenza che i 
margini della ferita sono più contusi. 

Grandi differenze sono prodotte dall'angolo sotto cui ristru- 
mento vulnerante colpisce la superficie del corpo. Se si ap- 
prossima molto ad angolo retto, si producono ferite più o meno 
rettilinee, per lo più molto beanti, nel cui fondo, che è impic- 
colito, si scorge non di rado Tosso reciso. Con istrumenti vul- 
neranti voluminosi, come per es. le asce, vengono spesso pro- 
dotti scheggiamenti ossei diffusi. Quando Tistrumento vulnerante 
(per es. sciabola ecc.) è condotto piuttosto in direzione tangen- 
ziale alla superficie del corpo si producono ferite a lembi o eoa 
perdite di sostanza. Quest'ultimo fatto si verifica specialmente 
nelle ferite da fendente della faccia, in cui non di rado parti 
sporgenti vengono completamente staccate (punta del naso, 
lobuli deirorecchio ). Nel giudicare le ferite da fendente dob- 
biamo attenerci a qusi principi , che sopra abbiamo breve- 
mente menzionati. Le ferite da fendente sono molto più gravi 
che quelle da taglio, perchè si approfondano di più, ed i loro 
margini sovente sono contusi, per cui viene protratta la durata 
della guarigione. 

O. Ferite da punta. 

Desgranges, Blessure par instrument piquant. (an. 1792). In liistoire 
de la société de médecin practique de Montpellier, t. IL p. 129. — Bayard, 
Revue médico-lé«rale, coups de baìonnette et de poignard. Ann. d'hyg. et de 
méd. lég. t. XXVII, p. 458 et 461. — Lo stesso, Examen méd.-légale des 
plusieurs cas de blessures. Ann. t. XXXIX, p. 432. — Oluvier fd'Angers)» 
Mémoire et consult. médico-légale sur Ics effets d'épingles avalées. Annal. 
t. XXI, p. 178. — Fodere, Plaiea empoisonnées. Méd. lég. t. Ili, p. 397. — 
Bevérgie, Suicide par instrument tranchant; siroulation d'homicide. Ann. 
t. IV, p. 410. — Lo STESSO, Morsures d'animaux carnassiers. Méd. lég. t. II, 
p. 319. — Lo STESSO, Corps étrangers, t II, p. 271. — Haschek, Ueb. Sticfl- 
wunden. Wien, med. Halle. V. — Filhol, Inductions practiques et physiolo- 
giques sur les forraes de plaies par instrument piquant Thèse de Paris, 1833. 

Le ferite da punta sono profonde ed a forma canalicolare. 
Vengono prodotte con istrumenti vulneranti acuminati (aghi, 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 17 



Digitized by VjOOQIC 



258 W e i I , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

lesine, coltello da tasca, pugnale, spada, baionetta, ecc.). In 
molti casi la forma e la grandezza del forame di entrata del 
canale costituito dalla puntura fa desumere la forma ed il volu- 
me dell' istrumento vulnerante adoperato; però su tale riguardo 
possono occorrere molte eccezioni. Anzitutto è a rilevare il fatto, 
constatato già da Dupuytren e da Malgaigne, che gl'i- 
strumenti vulneranti conici per lo più non producono forami di 
entrata rotondi , ma a forma di flssure. — È questa la conse- 
guenza della fendibilità della cute, sulla quale Langen già 
nel 1862 ha richiamato l'attenzione. Un istrumento vulnerante 
angoloso può, come Sanson ha mostrato, produrre forami di 
entrata così rotondi come angolosi. Ciò dipende dalla dire- 
zione che hanno le fibre della parte lesa della pelle, dalle loro 
condizioni di tensione e di elasticità, sulle quali cose ho già 
richiamato l'attenzione a proposito delle ferite da taglio. Nelle 
ferite da' punta delle articolazioni la forma del forame di en- 
trata sta pure in rapporto colla posizione che nel dato momento 
aveva l'estremità. 

Nelle nostre contrade sono per lo più i colpi di coltello sui 
quali il merfico-legale è invitato a dare il parere. Quasi sempre 
si presentano allora ferite cutanee flssuriformi: due raarg-ini 
cruenti, lisci, leggermente concavi, che ad amendue i lati ter- 
minano a forma di angolo acuto. Eccezionalmente la ferita 
cutanea apparisce in forma di cuneo. Ciò dipende da che 
le parti inferiori del coltello adoperato spesso sono a doppio 
taglio, e nel penetrare profondamente, la ferita viene dilatata 
soltanto colla lama del coltello. Quando il dorso del coltello 
ha margini ottusi, la fendibilità della cute può influire sulla 
forma del forame di entrata al pari di un istrumento conico. — 
Corrispondentemente a ciò, solo di rado si può, dall'esame 
della ferita cutanea, giudicare da quale lato era rivolta la la- 
ma, e da quale il dorso. Neppure la lunghezza della ferita cu- 
tanea ci fornisce un dato per determinare come fu adoperato 
il coltello. 

In una serie di casi la lunghezza della ferita oltrepassa 
in grado rilevante la larghezza del coltello, in quanto che la 
pelle non solo viene trasfissa ma anche incisa. Altre volte, 
a causa della retrattilità della pelle , può verificarsi V oppo- 
sto. È stato dimostrato sperimentalmente, che la lunghezza 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite da pania 259 

éi una ferita cutanea può essere anche due mm. più piccola della 
larghezza del coltello con cui fu prodotta. — Neppure la prò-» 
fondita del canale della puntura permette di desumere in modo 
sicuro la lunghezza dell'istrumento vulnerante adoperato. Con 
un colpo forte, le parti molli vengono notevolmente compresse e 
la punta dell'istrumento può penetrare molto profondamente. 
Se ristrumento vulnerante viene tirato fuori, i tessuti elastici 
si distendono di nuovo, e se si misura la profondità del canale, 
essa oltrepassa molto la lunghezza delPistrumento vulnerante 
usato. Questa differenza può raggiungere un grado dej tutto 
straordinario nelle ferite da punta che penetrano nella cavità 
addominale, perchè i tegumenti dell'addome sono molto com- 
pressibili. 

La maggior parte delle ferite da punta guarisce rapida- 
mente per prima intenzione. La suppurazione per lo più si 
verifica quando non si tratta di semplici ferite da punta, come 
quando l' arma era smussa o molto voluminosa , e allora la 
ferita da punta è associata ad una contusa. Financo in que- 
sti casi la suppurazione non è conseguenza inevitabile della 
lesione violenta, ma è dovuta all'infezione, alla quale è diffi- 
cile ovviare nelle ferite contuse. 

Le ferite da punta divengono pericolose per lesione di grossi 
vasi e nervi, per penetrazione nelle ossa, nelle articolazioni e 
nelle grosse cavità del corpo. Le ferite da punta delle grosse 
arterie non sempre determinano gravi conseguenze. Una ferita 
leggiera può rapidamente chiudersi per effetto deirelasticità e 
della contrattilità della parete vasale. Furono osservate pun- 
ture da ago dell' arteria ascellare, e financo dell' aorta e del 
cuore, non seguite da nessuna emorragia. Perfino un' esile fen- 
ditura di una grossa arteria non sempre ha per conseguenza 
una grave emorragia; anche in questi casi la ferita dell'arteria 
può collabire, soprattutto se venga applicata a tempo una fa- 
sciatura compressiva. Se invece la ferita dell'arteria è molto 
considerevole, si verificano pericolose emorragie, più o meno 
intense, secondo che il sangue possa effluire liberamente o 
meno. Altre conseguenze sfavorevoli delle ferite da punta delle 
arterie sono la trombosi e la formazione di un aneurisma trau- 
matico. 

Anche le ferite da punta di grossi nervi possono guarire 



Digitized by VjOOQIC 



260 W e i I , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

senza lasciare conseguenze rilevanti, e ciò soprattutto allor- 
ché essi non sieno stati completamente recisi. Anche in que- 
st'ultimo caso non sempre ne segue paralisi permanente, per- 
chè il potere di rigenerazione dei nervi è molto rilevante. 
Se nel nervo restano infìsse punte rotte degl' istrumenti vul- 
neranti adoperati, si producono accidenti pericolosi: intense 
nevralgie, crampi, e flnanco tetano mortale. — I pericoli delle 
ferite da punta delle ossa e delle articolazioni non vengono 
più tanto temuti come fino a pochi anni or sono. Ci è noto- 
che queste ferite hanno un decorso favorevole quando si evita 
Tinfezione. Ma se ristrumento vulnerante era inficiato, oppure 
se sopravvenne l'infezione per cattivo trattamento della ferita, il 
decorso può essere molto pericoloso. — Le ferite da punta delle 
grandi cavità del corpo divengono pericolose per lesione di 
organi vitali, quelle leggiere possono guarire per pritna inten- 
zione anche quando interessino i pulmoni, V intestino , la ve- 
scica urinaria , ecc. Noi pratichiamo la puntura deir intestino 
con sottili aghi per scopi terapeutici; e ci è noto che flnanco 
numerose punture del cervello con aghi possono essere tolle- 
rate senza alcun danno. Fino a qual punto sieno mutate le no- 
stre opinioni sul pericolo inerente alle lesioni della cavità peri- 
toneale e del sacco pleurico, è dimostrato dalla frequenza con 
cui vengono aperte queste cavità per scopi terapeutici. 



Lesioni a seconda della loro sede. 
A.. Lesioni violente del capo. 

LETTERATURA 

Dr. J. G. HoFBAUER, Ueber die Kopfverletzungen in Begug auf ihre 
Gefahr und Tòdtlichkeit nnd wie ihre Tòdtliehkeit in foro zu beurtheilen 
ist. Berlin 1 842. — Ebel, Beìtràie zur Lehre von den Kopfyerletzungen und 
ihrer Beurtheilung in medicinisch-gerichtlicher Hinsicht. (Schn., Sch. u. H*s. 
Annalen d. St. 1842. 3. Ueft). — Sander, Obergutachten -wegen Tòdtnng. 
Zersplitterung und Eindriick des Schlàfen- und Seitenwandbeines (eod. loc.j. 
— Lo STESSO, Obergutachten wegen Tòcftung ; Knochenbruch in d. rechten 
Schlàfengegend mit Blutergiessen auf und unter der harten Hirnhaut und 
linkseiiige Gegenrisso im Schàdelgewòlbe (eod. loco). — Lo stesso, Ober- 
gutachten wegen Tòdtung durch Kopfwunde. (Schn. Sch. u. H.'s Annalen d. 
St. etc. 1842. 4. Heft). — Rothamel, Zur Lehre von der Tòdtlichkeit der 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del capo 261 

tìirnwunden. (Henke's Zeitscbr. f. d. St. 1842. 3. Heft). — Lo stesso, Gu- 
.tachten uber die Frage, ob der Verletzte im Moment des Getroffenseins 
bewusstlos niedergestiirzt sei (Henke's Z. f. d. St. 1342. 3. Heft). — Graff, 
Outachten des Gr. Hess. Medicinal-CoUegs iiber die Todesart eines Mannes, 
Avelcher am 13. Tage nach einer von dem Physikatsarzt^ fiir durchaus 
unschuldig erklàrten Kopfverletzung gestorben war. (Henke's Z. f. d. St. 
30. Ergànz.heft). — Winckel, Obductionsbericht und Gutachten iiber die 
Tòdtlichkeit einer schwereu Kopfverletzung (eod. loco). — Rothamel, Ge- 
richtsàrztliche Untersuchung und Begutachtung iiber plotzlich cingetretenen 
7'od nach vorgangigem Ringen in Folge von Zerreissung im Gehirne bei 
vorhandener Gehirnerweichung. (Henke's Zeitschr. f. d. St. 1842. 2. Keft). 

— Adblmann, Fall von einer tòdtliclien Hirnwunde bei einem 45jàhrigen 
Manne, durch einen das linke Seitenwandbein durchdringenden Messerstich 
verursacbt nebst gericlitsiirztl. Gutachten ^Henke's Zeitschr. f. d. St. 1843. 
2. Heft). — Fr. Ebel, Beitriige zur Lehre von den Kopfverletzungen und 
<leren Beurthéilung in gerichtl. medicinischer Hinsicht. (Schn. Schiirm. und 
Hergt's Annalen: 1843. 1. u. 4. Heft). — Winckel, Obductionsbericht und 
-Gutachten, die nach einer am 5. August erhaltenen schweren Kopfverlet- 
xung am 14. Septbr. verstorbene Philippine S. zu R. betreffend. (Henke' s 
Zeitschr. d. St. 1843. 4. Heft). — Simeons, Fundschein und àrztlich. Gutacht. 
iiber cine mit mehreren Kopfwunden todt in ihrem Zimmer gefundene 
Frauensperson. (Henko\s Zeitschr. f. d. St. eod. loco 3. Heft) Tod eines 40 
jàhringen Mannes nach einem Streifschusse mit Schroten an der Stirn, mit 
nachtràgl. Bemerkungen von Henke (dessen Zeitschr. 33. Ergànzungsheft). 

— SoLLY, Zerreissung des Gehirns in Folge eines Schlages ohne Fractur 
der Schiidelknochen. (Lond. med. Hazette. 1843, Mai). — J. G. Wittmer, 
Zur Lehre von d. tòdtlichen Verletzungen, mit einem Falle einer versch. 
beurtheilten tòdtlichen Kopfverletzung. Ver. d. Zeitschr. f. d. St.A. 1847. I. 
1. — Dr. Ebel, Fundberichte und Gutachten iiber Kopfverletzungen. Ebend- 
aselbst II. 1. — Dr. Guentner in Prag, Die Kopfverletzungen in gerichtsarz- 
tlicber, physiologischer, chirurgischer Beziehung. Oester. medicin. Jahrb. 
1847. August. — Graff, Gutachten des Gr. Hess. Med.-Colleg. eine Kopf- 
verletzung mit sternfórmiger Zersplitterung des Schèidels betreffend. H.'s 
Zeitscbr. 1843. 1. Heft. — Pr. Ebel, Beltrame zur Lehre von den Kopfver- 
letzung ùnd ihrer Beurthéilung in medicinisch-gerichtlicher Hinsicht. Ann. 
d. St. V. Schneider etc. 1843. 1. Heft. — Lo stesso, Sectionsbefund und 
Gutachten iiber eine tòdtliche Kopfverletzung ohne àusserlich sichtbare Be- 
5chadigung. Casper's Wochenschr. 1843. 8 Septbr. — Heyfelder, Obergut- 
achten iiber eine Tòdtung durch Kopfverletzung. Ebendaselbst. 4. Heft. — 
P. J. Schneìder (in Offenburg), Obergerichtsàrztl. Gutacht. uber eine Ver- 
letzung des linken Supra- und Infraorbitalrandes, mit nachgefolgter Erblin- 
<Iung des linken Auges. Annal. d. St. v. Schneider etc. 3. Heft (1843). — 
Fried. Ebel, Beitràge zur Lehre von den Kopfverletzungen und ihrer Beurt- 
héilung in medicinisch-gerichtl. Hinsicht. Annal. d. St.-Arzneìk. v. Schn. 
Schiirmayer u. Hergt. X. 3. (1844). — Fritsch, Gerichtsàrztliches Gutacht. 
iiber einen erschlag. gefundenen Mann. Ebenda. — Niess, Fundbericht nebst 
Outachten iiber eine nach fUnf JVochen todtlich gewordene Kopfverletz. 
Annal. d. St.A. v. Schneider etc. X. 2. (1844). — Heyfelder, Obergutacht. 
iiber eine todtlich gev«rordene Kopfverletzung. Ebenda. — Vollmbr, Gutacht: 
iiber die Todesart des nach einer àusserlich scheinbar leichten Kopfver- 
letzang erfolgten Todes des E. E. v. K. Henke*s Zeitsclir. 4. Heft (1844).— 
Blrifus, Ein merkwUrdiger Fungus cerebri nach Gehirnverletzung. Kbend. 



Digitized by VjOOQIC 



262 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

34. Erganzun^sheft. — Jochner, Tòdtliche Kopfrerletzung bei einem 9jàhr. 
Knaben, nebst zwei àrztlichen Gutachten uber deren Tòdtiichkeit. Bayer, 
med. Oorresp.-BI. Ni\ 20.21.22. (1844). — L. v. Pflichtenfeld, Benaer- 
kungen iiber die auf Grundlage des Leichenbefundes zu ermittelnden Sto- 
rungen der Gehirnthàtigkeit nach Kopfverletzungen. Oesterr. Jahrb. Aprii 
(1844). — MuELLER, Psychisch-gerichtliche Analyse einer schweren Kopf- 
verletzung und deren Folgen fùr das Soelenleben u. die Kòrpergesundheit. 
Annal. d. St.A. von Schneider etc. X. 1. (1844). — Schneider (von Eiierdorf), 
Verwundung im Gesicht, arztliche Behandlung and gerichtsàrztliches Gut- 
achten. Henke's Zeitschr. 34. Epgànzungsheft. — A. Giehrl, Bine tòdtlich 
gewordeno Kopfverletzung mit ungewòhnlichen Umstànden. Henke's Zschr. 
2. (1845). — Dr. Vollmer, Fall einer durch einen Schlag erzeugten tdlich. 
Kopfverletzung. Preuss. med. Vereinszeitung. Nr. 11.(1845). — Lo stesso^ 
Tòdtlichei' Ausgang einer scheinbar unbedeutenden Kopfverletzung nach 
vielen Wochen. Ebendaselbst. Nr. 23. — Lo stesso, Eine scheinbai' gefahr- 
liche Kopfverletzung mit gliicklichem Ausgange. Ebendaselbst. Nr. 25. — 
SiGM. A. J. Schneider, Die Kopfverletzung^n in medicinisch-gerichtl. Hin- 
sicht. Eine vom Verelne Gr. Bad. Medici m al beamter z. Fòrder. d. St.A am 
13 August 1847 gekrònte Preisschrift. Stuttgart. — Dr. Voelkel, Gutacht. 
iiber 39 mittelst eines mit Schrot geladenen Gewehres verursachte. Kopf- 
wunden. Ebendaselbst. — Dr. J. Loehr, Die Trapanatìon in chirurgischer 
und gerichtiich medicinischer Beziehung. Ebenda. 1. — Dr. Meyer, Tòdtung 
durch Hirnerschiitterung. Ibidem. — Eine zufàllig tòdtliche Kopfverletzung; 
Obductionsbericht und Gutachten (anonym). Ebenda. 37. Ergànzungsheft. — 
Dr. Vollmer, Tòdtliche Blutung aus d. Naso durch Missbandlung et^tand. 
Henke's Zeitschr. 3. (1878). — Dr. Bernh. Ritter, Zur Lehre v. d. Kopf- 
verletzungen. Gerichtsiirztl. Gutachten iiber den Causalverband einer Kopf- 
verletzung mit dem 3 Jahre darauf erfolgten Tode, nebst einer Epiki'itik 
iiber das Verfahren des H.'schen Landphysic. Dr. P. in diesem Falle H.'s 
Zeitschr. XXIX. 1. (1879).— Dr. Vogler, Ueber directe und indirecte Fin- 
wirkung d. Kopfverletzungen auf verschiedene Organe und Function. nebst 
einem Hinblicke auf die Rolle, welche die Phrenologie in d. gerichtl. Med. 
zu spielen berufen ist. Ebendaselbst. XXIX. 4. (1849). — Dr. Heinrich, pr. 
A., Caries ara Stirnbeine, Erweichung des Gehirns und totale Vereiterung 
der Spinnwebehaut ohne wahrnehmbare Krankheitserscheinungen b. Leb- 
zeiten, Als Beitrag zur Beurtheilung d. Kopfverletzungen und zur Lehre d. 
Zurechnungsfàhigkeit. Ebendaselbst. XXIX. 2. ( 1 849).— Kussmai-l, Gesichts- 
verletzung durch einen Mosserstich mit bald nachfolgender Vemarbung,. 
obgleich die abgebrochene Messerklinge in der Wunde zuriickblieb. Vereintó 
deutsche Zeitschr. d. St.A.K. Neue Folge. V. 2. (1849). — Dr. Albert, Ueb. 
diq Lethalitàt d. Kopfverletzungen. Praktische Beitràge mit Abliandlungen 
aus d. gerichtl. Medicin. Med. Correspondenzbl. bayer. Aerzte. 1850. N. 47* 
— Dr. HoFER, Hòchstgefahrliche Kopfverletzung, deren Verlauf u. Folgen. 
Vereinte deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. N. Folgq. VIL l. 1850. — Dr. J. 
LucKiNGER, Einige Falle von Kopfverletzungen als Beitràge z. \vissenschaftL 
Beurtheilung d. Kopfverletzungen in medicin isch-gerichtl. Hinsicht. Henke's 
Zeitschr. XXXL Ergàanzungsheft 42 und XXXI. 3 u. 4.— Dr. Brach, Drei 
tòdtlich abgelaufene, gerichtiich medicinische Falle von Kopfverletzung, im 
Auszuge mitgetheilt und in Bezug auf mehrere Punkte mit einander ver- 
glichen. Ebendaselbst. XXXI. Ergànzht. 42. — Dr. J. A. Easton, Gharge of 
culpable Homicide; Contributions to Legai Medicine, being Notes of some 
Trials which took place at Glasgow during the Autumn Circuit of 1881; 



Digitized by LjOOQIC 



Lesioni Tìolento del capo 263 

with cursoi7 Remarks. Monthly Journal of Medicai Science. Novbr. 1851, 
Nr. 23, New Series. — Murder by contused Wounds and Kracture of the 
Cranium. London Medie. Gaz. Octob. 1851. — Dr. Santlus, Zur Frage von 
der Trepanation bei Kopfverletzungen. Viertelj. f. gerichtl. u. òffentl. Med. 
V. J. L. Casper. L 2. — Dr. Stein, Bedeutende Kopfverletzungen , welche 
durch mehrere Schlàge mit einem schweren Beile verursacht wurden, mit 
giinstigem Ausgange. Medicin. Correspondenzbl. d. wurttemb. àrztl. V. XXII. 
Nr. 13. — Dr. Fritsch, Gerichtlicher Falle einer nach 6 Wochen tòdtlich 
gewordenen Kopfverletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. Neue Folge. 
XI. 2. — Dr. RiEDLE, Kopfverletzung mit todtlichem Èrfolge. Med. Corrbl. 
des wiirttemb. àrztl. Ver. XXII. Nr. 38. — Dr. Siegel, Kopfverletzung mit 
bald darauf erfolgtem Tode. Mittheilungen aus den schwurgerichtl. Ver- 
handlungen d. L Quartalsitzung zu Bruchsal. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. 
N. Folge. XL 1. — Dr. Rawitz, Tòdtliche Kopfverletzung. Archiv gerichtl. 
Medicin. von den Assissen des Kònigreiches Hannover verhandelter Falle 
von Dr. Dawosky u. Dr. Polack, I. 2. — Dr. Jochner, Schàdelbruch und 
Darmbeinbruch unter besonderen Urastiinden erzeugt. Wundschaubericht, 
Krankengeschichte, Section und Gutachten. Henke's Zeitschr. f. d. St.A.K. 
XXVIV. 2. — Dr. Emil Huber, Ueber Trepanation nach Kopfverletz. H.'s 
Zeitschr. f. d. StA.K. XXXIV. 2. — Dr. Krauss, Gerichtsilrztl. Gutachten 
iiber d. nach einer Kopfverletzung erfolgteu Tod des Gasimir Miiller, ledigen 
Webers in Wurmlingen. Oberamt Rcttenhurg. Henke's Zeitschr. f. d St.A.K. 
XXXlV. 2. — Handbibliothek der praktischen Chirurgie. Von Dr. J. Mair. 
II. Abth. Die Kopfverletzungen mit besonderer Riicksicht d. chirurg. Anat. 
und gerichtl. Medicin. Ansbach 1855. — Dr. A. K. Hesselbach, Hirnerschùt- 
terung und Hirndruck. Eine gerichtsàrztl. Abhandlung. Henke's Zschr. f. d. 
StA.K. XXXV. 4. — Dr. Palm, Fall von Verwundung am Schadel. Medicin. 
Correspondenzbl. des wiirttemb. iirztl. Vereins. XXV. Nr. 22. — Dr. Schabel, 
Fall von Kopfverletzung. Ebenda. XXX. Nr. 26. — Dr. Flugel, Tòdtliche 
Kopfverletzung aus dunkler Veranlassung. Viertelj ah rsschr. f. gerichtl. u. 
ofTentl. Med. VIIL 2. — Dr. Fr. Stadelmayer, Zur Lehre der Lethalitat d. 
Kopfverletzungen. Ein Fall mit gerichtsiirztlichem Revisions- und Superre- 
visions- Gutachten. Henke's Zschr. f. StA.K. XXXV. 4. — Dr. J. P. Schneider, 
Allgemein tòdtliche Kopfverletzung. Deutsche Zeitschr. f. StA.K. N. Folge. 
V. 2. — Zur Casuistik der Kopfverletzungen. Biatter f. gerichtl. Anthropol. 
VII, l. — . Dr. WoLLNER, Fall v. Kopfverletz. Ebenda. VII. 2. — Dr. Welsch, 
Eine Legai inspection von einem 60jahrigen Manne wegen Verdachts an ihm 
verschuldeter Tòdtung (durch Sturz zufiillig tòdtliche Verletzung). Corresp.- 
BI. d. wiirtt iirztl. V. XXVI. Nr. 31. — Dr. Reifsteck, Zwei Schwurge- 
richtsfiille (tòdtliche Kopfverletzung in Folge acuter Gehirnhòhlenwasser- 
sucht durch Ohrfeigen). Ebendaselbst XXVI, 36. — Dr. Schubert, Die Ge- 
himerschiitterung in gerichtl. medicin. Hinsicht. Med. Zeitg. herausgeg. v. 
d* Verein f. Heilkunde in Preussen. XXV. 52. — Dr. Niemann, Adolf, Tod 
durch Kopfverletzungen. Gerichtl. Leichenòffnungen, 2. Hundert, IV. H.'s 
Zeitschr. f. d. StA.K. XXXVII. 3 u. 4. — G. Hafner, Fall von Fractura 
cranii mit gerichtsàrztl. Epikrise. Deutsche Zeitschr. f. St.A.K. N. Folge. 
XI. 2, — Dr. RoTH, Tòdtliches Gehirnleiden, veranlasst durch Schlage mit 
der Hand gegen die Schl&fe. Henke's Zeitschr. f. d. StA.K. XXXVIII, 3.— 
Dr. RoTH, Ueber todtl. Folgen einer Ohrfeige. Henke's Zeitschr. f. StA.K. 
XXXVIII, 3. — Dr. Maschka, Beitràge aus der gerichtsàrztlichen Praxis. 
Deutsche Zeitschr. f. StA.K. Neue Folge. XII. 2. — A. Toulmoughb, Les 
lésions du cràne et de l'organo qu' il renferme étudiées au point de vue 



Digitized by VjOOQIC 



264 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

médico-légal. Annal. d'hygiène pubi, et de méd. lég. Octobre 1859. — Obs. 
IX. — Prof. PiTHA, Merkwurdiger Fall von traumatischer Entziindung der 
Schàdelblutleiter. Ein Beitrag zur Wiirdigung der Kopfverletzung. Oesterr. 
.Zeitschr. f. prakt. Heilk. V. 1. — Dr. E. Doll, Befund und Gutachten uber 
eine Kopfverletzuag mit Knocheneindruck. Oesterr. Zeitschr. u. p. Hlkde. 
V. 16. — Dr. SoTHNEa, Zwei tòdtlich verlau fende Kòrperverletzung. Dtsch. 
Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge. XIV. 2. Zwei Schàdelfracturen mit Blut- 
extravasaten, Gehirn- und Gehirnhantentzuiidung und Vereiter. complicirt, — 
R. ScHROETER, Fractur der Basis cranii und des Schàdelgewòlbes mit Ein- 
druck; blutig-seròser Ausfluss aus dem Olire; Heilung. Medie. Corresp.-Bl. 
d. wiirttemb. iirztl. Ver. XXIX. 2. — Das Zahneeiaschlagen gerichtsarztl. 
besprochen und Replik auf Erwiederung des Herrn k. k. Laudgerichtsilrztes 
Dr. Doll. € Der Verlust von Zàhnen in gerichtsarztl. Beziehung ». Wien. 
medie. Wochenschr. 1860. 12. 17. — Dr. Ed. Doll, Der Verlust v. Zahuen 
in gerichtsàrztlicher Beziehung. Oesterr. Zeitschr. f. pr. Heiikunde Herausg. 
V. d. Doctoren-Colleg. der medicin. Facultiit in Wien, redig. v. Prof. Dr. 
V. Paturban u. Dr. Dràsche. VI. 5. — Dr. A. Toulmouche, Des lésions da 
cràne et de l'orange quUl renferme, étudiées au point de vue méd.-légale. 
Annales d'Hygiène pubi, et de méd. legale. Avril 1860. — Dr. Jul. Sieben- 
HAAR, Zur gerichtsarztl ichen Lehre von den Kopfverletzungen. H.'s Zschr. 
f. d. St.A.K. XXX. 1. — Dr. F. A. Zencker, Zur gerichtsarztl. Lehre von 
den Kopfverletzungen. Ein Vortrag gehalten in der Gesellschaft d. Natur- 
Heilkunde in Dresden am 26. Januar 1860. Henke*s Zeitschr. f. d. StA.K* 
XXXV. 3. — Dr. Maschka, Oesterr. Zeizschr. f. prakt. Heiikunde. VI (1860) 
2. 3. 1 4. 33. 34. Kopfverletzung bei einem TOjàbr. krànkl. Manne; Zeichen 
der Gehirnerschiitterung mit tòdtlichem Ausgang. Kopfverletzung mit spàter 
hinzugetretenen fallsuchtartigen Anfàllen; nicht nachweisbarer ursachlich. 
Zusammenhang; leichte Verletzung; Kopfverletzung mit angeblicher Bewusst- 
losigkeit und lànger andauernder Gesundheìtsstòrung; nicht nachweisbarer 
Zusammenhang;- leichte Verletzung. — Dr. Maschka, Gerichtsarztl. Mitthei- 
lungen. Casper's Vierteljahrsschr. f. ger. u. òflfentl. Medicin. XVIII. 1. Kopf- 
verletzung; Verschlimmerung des Zustandes nach einer bei grosser Kalte 
vorgenommenen Fussreise; divergirende Ansichten d. Gerichtsàrzte, schwere 
Verletzung. — Dr. Hofmann, Gerichtl. medicin. Gutachten. Henke's Zschr. 
f. d. St.A.K. XXXX. 3. Kopfverletzung mittelst einer Axt; nicht tòdtlich.— 
Dr. Hofmann, Aus der gericht. àpztl. Praxis. Deutsche Zschr. f. d. StA.K. 
Neue Folge. XVI. 2. 1 ) Anklage wegen Kòrperverletzung mit nachgefolglem 
Tode. Knochenbruch mit Knocheneindruck des rechten Riickenmarkbeines 
und bedeutende Extravasate im Innern des Schfidelhòhle; 2) Anklage wegeu 
Kòrperverletzung mit nachgefolgtem Tode; Knochenbruch des rechten Sei- 
tenwandbeines mit Extravasat : 3) Anklage wegen Kòrperverletzung; Tren- 
nung des Ohreumuschelknorpels an seiner Ansetzungsstelle am Kopfe. — 
Ueber ein seltenes Gehirnleiden in Folge von Kopfverletzung. Der Alma 
Viadrina zum 3. August 1861 dem Tage ihres SOjàhrigen Jubilàums ehrer- 
bietig und dankbar dargebracht von Dr. Herrmann Friedbero. Beri. 1861. 
— Dr. Klein, Gutachten aniangend den nach einer Ohrfeige binnen 24 
Stunden erfolgten Tod des Hàuslers J. L. zu H. in Folge von dadurch her- 
vorgerufener Hirnerschutterung und Hirnlahmung. Henke'e Zeitschr. f. d. 
St.A.K. XXXXl. 3. — Droop, Sprachlosigkeit in Folge von Kopfverletzung. 
Vierteljahrsschr. f. ger. u. off. Medie. XVIII. 2. — Dr. Gròll, Befund und 
Gutachten uber eine am 225. Tage tòdtlich gewordene Hirnverletzung. H.'s 
Zeitschr. f. d. St.A.K. XXXXI. 1. — Dr, J. Maschka, Oesterr. Zeitschr. f. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del capo 265 

prakt. Heilkunde. VII. 9. Yerletzung^en im Gesichte; nach 8 Tagen aufge- 
tretener mit Làhmung verbandener Schlagfluss; nicht nachweisbarer Zusatn- 
menhang; leichte Verletzung. — Dr. A. Nibmainn^ Gerichti. Leichenòffnung. 
Viertes Hundert. Henke's Zeitschr. f. d. StA.K. XXXXI. 2. (IL Tod durch 
Kopfverletzungen). — Manuale pratico di chirurgia giudiziaria in relazione 
alle leggi del nuovo regno italico ad uso degli esordienti ed esercenti l'arte 
sanitaria, pubblicato dal Dr. Giambattista Garibaldi. Torino, 1861. — Dr. 
LwiNSKY, Acuter Leberabscess, Kròffnung, Heilung und Bemerkungen iiber 
Leberabscesse nach Kopfverletzung. Wiener allgeni. med. Zeitg. 1861. 44. 

— Dr. P. J. ScHNEiDER, Obergerichtsàrztliches Gutacht. iiber Tódtung durch 
eine Ohrfeige. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. XX. I. — Dr. Guyon, Gaz. 
medicale de Paris, 1861. Juin. Nr. 23. Sur une collection purulente dans 
r hemisphère gauche du cerveau aree deux esquilles dont une deprimée 
<ians la substance cerebrale ; lésions par un sabre-poignard existants depuis 
plus de deux ans, sans altération sensible de fonctions Intel! ectuelles. Dr. 
Maschka, Gerichtsàrztliche Mittheilungen. Casper's Vierteljahrsschr. XXII. 
2. 1, Kopfverletzung; Hydrocephalus acutus; nicht bestimmbarer Zusammen- 
hang; schwere Verletzung. — Dr. Bbrnh. Nruhaus, Casper's Vierteljahrsschr. 
XXL 1. Spàtere Folgen einer Schàdelwunde; Durchhauen der àusseren La- 
melle des Stirn- und Scheitelbeines im Umfange von 4 Vt" ; die innere 
Lamelle eingebogen u. eingedriickt; Trepanat; zuriickgebliebener Schwindel; 
mit nachgefolgter Steiflgkeit und Anschwellung der beiden oberen Extre- 
mitaten, Abnahme des Sprachvermògens bis 21 Jahre nach d. Verletzung 
-andauernd. — Dr. Kazanow, Ueber Gehirncontusionen. Gasp. Viertljahrsschr. 
f. g. u. off. Medicin. TXIII. 2. — Dr. Metz, Schwere Kopfverletzung. Gasp. 
Vierteljahrsschr. f. g. u. off. Medicin. XXIII. — Dr. Buchner, Kopfverlet- 
zung. Friedreich's Blàtt. f. g. Anthropolog. XIV. — Dr. Buchner, MìsshandL 
Gesichtsrose. Tod. Friedreich's Blàtt. f. g. Anthropol. XIV. 2. — Dr. Buhl, 
Tòdtliche Kopfverletzung. Friedreich's Bl. f. g. Anthropolog. XIV. 2. — Dr. 
Hofmann, Anklage wegen Kòrperverletzung mit nachgefolgtem Tede. Dsche. 
Zeitschr. f. d. St.A.K. XXII. 1. Stirnknochenbruch mit Absprengung der 
Glastafel, Gehirnquetschung und Extravasatablagerung in d. Schàdelhòhle. 

— Dr. Buchner, Zufóllig tòdtliche Kopfverletzung. Friedreich's Blàtt. f. g. 
Anthropol. XV. 1. Hiebwunde des Schàdels im Duell. — Dr. E. Buchner, 
Blàtt. f. g. Anthrop. von Friedreich. XV. 4. Kopfverletzung. Extravasat : 
lange andauemde Arbeitsunfàhigkeit als Folge der Gehirnerschiitterung u. 
des Gehirndruckes mit Verheimlichung der ersteren. — Dr. Anz. Scarenzio, 
Perizia medico-legale in un caso di attentato omicidio mediante ferita di 
arma da fuoco. Gazz. med. ital. Lombardia, 1864. Aprile Nr. 16. — Dr. E. 
Buchner, Abscess am Hals. Zusammenhang mit der Kopfwunde? Friedr. 
Blàtt f. g. Anthropol. Neue Folge. 1864. VL — Die Schàdelverletzungen v. 
Dr. B, Beck. Feiburg 1865. — Dr. P. v. Maydell, Ueber das Wechselver- 
hàltniss von Gehirnerschiitterung und Gehirndruck in forensischer Hinsicht. 
Si. Petersburger medicin. Zeitschr. 1865, IX, 9. — Dr. Santlus, Notizen 
iiber die physichischen Folgen der Kopfverletzungen, insbesondere d. Là- 
«ionen der wordem Gehirnlappen und die dadurch hervorgerufenen Sprach- 
defecte. Archiv d. deutsch. Gesell. f. Psychiatr. 1865. VII. — Dr. Th. P. 
Pick, Cases of fractures of the base of the skull with remarks. British 
med. Journal, 1865, Nr. 230. — Dr. J. Hofmann, Anklage wegen Kòrper- 
verletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. XXIII. l.(Mehrfache Kopfver- 
letzungen mit Durchschlagung der Frontalarterien bei vulnerablem Kaut- 
organ und zugleìch aufgetretener Rose). Anklage wegen Kòrperverletzung. 



Digitized by VjOOQIC 



266 W e i I, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

Ebendaselbst. XXIII, 1. (Kopfverletzung iìber dem linken Àugenbraueabogen 
luit EntblòssuDg und Eindruck des Knochens bleibende grubige Vertiefung 
an dieser Stelle). Anklage wegea Kòrperverletzung. Ebendaselbst. XXIII, 1. 
(Leichte Kopfverletzung). XXIII, I. (Tòdtliche Kopfverletzung durch Gehim- 
erschùtterung u. Gebirndruck). XXIII. 2. Gehirnerschùtterung mittlerern 
Grades in Folge von Kopfverletzung. XXXIII. 2. Berstung eines Augapfels 
mit Verlust eines Theiles des Glaskòrpers und d. Linse durch einen Faust- 
schlag. XXIII. 2. Durchdringende Wunde des Schlàfenmuskels. -^ Dr. von 
Fabrr, Riickblicke auf moine amtliche Wirksamkeit. Deutsche Zeitschr. f. 
d. St.A.K. XXIII. 2. 4. Apoplexie; Fractura basis cranii; Arteriìtis durch 
Herabstiirzen von einer Treppe. 5. Sturz vog einer Hòhe herab; sehr starke 
Schàdelverletzungen. — Dr. J. Effenberger, Bericht ubar den Sanitàtsdienst 
im Bezirke Hitzing nàchst Wien vom 1. Quarta). 1865. Gesterr. Zeitschr. 
f. pr. Heilk. 1865. XI. 16. (Stichwunden unter dem Augenbrauenbogen an 
der Orbitai wand nach einwarts V," tief mit nachgefolgter Entziindung der 
Augenbilde und Gesichtsschwàche). — Dr. M. Fischer, Schwere Gehirver- 
letzung mit gunstlgem Ausgange. Centralblatt f. d. m. Wissensch. v. Dr. 
L. Hermann, 1865. (Schussverletzung des Schàdels, Eindringen d. Projectils 
am linken Tuber frontal., standiges Ausfliessen von Gehimmasse aus dieser 
Wunde, Aufliegen eines V," langen, 3" breiten gebackten Bleistiìckes ana 
Hinterhaupte und der Haut. Heilung). — Obergutachten der. k. wissensch. 
Deputation f. d. medie. Wissensch. in der Untersuchungssache gegen den 
Wirth Joh. K. liber die Todesursache des Taglòhners A. Casper's Vjschr. 
f. g. u. óffentl. Medie. IL 2. (Tod durch Schlagfluss als Folge einer auf d. 
Kopf eingewirkten mechanischen Gewalt. Faustschliige). — Dr. Kieser, Trau- 
matisches varicòses Aneurysma des Kopfhaut durch Verletzung einer Ar- 
terie und Vene der Kopfhaut mittelst eines eisenbeschlagenen Stockes. 
Wùrttemb. Corresp.-Bl. XXX, 18. — Dr. L. Buhl, Kopfverletzung; Daner 
d. Arbeitsunfiihigkeit ? Friedreich's Bl. f. g. Anthropol. XVI. 2. (Zwei die 
Kopfschwarte durchdringende mit peripherischer Sugillation u. Anschwell. 
verbundene Wunden mit oberflachlicher Contusion an einer vordern Scha- 
delstelle; Uber 5 Tage wàhrende Arbeitsunfiihigkeit). — Dr. Adamkievicz, 
Kòrperverletzung ; Versetzung des Verletzten in eine Geisteskrankheit. C/s 
Vierteijschr. f. g. u. off. Medie. III, 1. (Mehrfache Misshandlungen eines 
lOjahrigen Burschen durch SchlUge auf den Kopf mit nachgefolgter mit 
Tobsuchtanfiillen verbundener Geistesstòrung). — Buhl, Bruch des Unter- 
kìefers durch einen Steinwurf. Bleibender Nachtheil ? Blatt f. Staatsarz.k. 
Nr. 11, p. 68 (1866). — Neussbaum, Aeussere Kopfwunde. Losstossung des 
Knochens. Bl. f. Staatsarzkde. 1868, Nr. 4. — Krah.mer, L., Wie sind die 
Kopfverletzungen des verstorbenen W. entstanden? Zteitschr. f. StA.K. 1869- 
2. Heft. — Deutschbein, Ein Fall von Gehirnabscess nach einer Kopfverlet- 
zung, aber nicht in Folge derselben. Vierteljahrsschr. f. g. Med. 1870. Octb. 
p. 237. — Otto, Tod durch Gehirnerschiitterung nach einem Schlage mit 
einem Stock auf den Kopf. Memorabilien, Nr. 12. (1870). (Augenblicklich. 
Tod). — Otto, Tod durch Fractur des Knken Schei telbeines in Folge eines 
Schlages. Ebendaselbst. Nr. 4. — Maschka, Kopfverletzung durch Schlag. 
Vierteljahrsschr. f. g. u. off. Med. 1871. Octb. — Bardeleben, Gehirnver- 
letzung oder Apoplexie. Obergutachten der wissensch. Deputation. Viertelj. 
f. g. u. off. Medie. 1871. Octb. — Cohn, Leichenbefund von einer Ruptur 
des Grossen Gehirns nach einem Steinwurf. Ebendaselbst. Novb. — >Ikir, 
Schlag auf den Kopf, epileptiforme Convulsionen, Geliirnabscess, bleibender 
Nachteil. Blàtt. f. g. Medicin, 1872, Heft 2. — Mair, Ohrfeigen. Krankheits- 



Digitized by VjOOQIC 



LesioDì vioientd del capo 267 

daaer. Eein Causalzusammenhang. Civilidage. Friedreich's Blàtt. 1873. 4 u. 5. 
— Cloéta, Hirnhautblutung mit tòdtlichem Ausgang. Corresp.bl. d.'Schweizer 
Aerzte, 1873. Nr. 12. — Maid, Untersuchung wegen Mordes. Schàdelbruch 
mit blutigem Extravasat aaf den Gehirnhàuten. Irreleitung durch eine nicht 
kunstgemàss angestellte Section des Kopfs and niangelbaften Sectionsbericht. 
Friedreich's-Blàtter. 1873. Nr. 1. — Horteloup, Rapport sur un cas de 
meurtre par fracture du cràne et strangulation. Ann. d'hyg. 1873, Avr. — 
KuBT, Stich mit einem Pfeifenràumer in den Kopf. Eindringen des Instru- 
ments in die Kopfhòhle? Schnelle Heilung. Friedreich's-Bl. f. g. Med. 1874. 
Heft 5. — Roller, Schwere lebensgefàbrlicbe Kòrperverletzung mit giinstig. 
Ausgang. Wien. med. Presse. 1875. Nr. 2, p. 60. — Hofmann, Casuistische 
medicin. forensiscbe Mittheilungen. Wiener med. Presse. Nr. 45-50. 1875. 
(Schlàge mit der Hand ins Gesicbt. Tod durch Pachymeningitis hiimorrbag. 
Fraglicher Zusammenhang). — Schlemmer, Drei Falle von Schadelverletzung 
mit Einklemmung von Haaren. Wien. med. Presse. 1875, Nr. 9, 10, 12. — 
Schumacher, Mord. Friedreich's Blàtt. f. g. Med. 1876, 5. Heft. (Gehirn- 
làhmung in Folge v. Schlàgeu mit Kniitteln und einer Hacke auf d. Kopf). 

— Falk, Casuistik tòdtlicher Schadelverletzung. Viertelj. f. ger. Medie, u. 
off. Sanitatswesen, 1876. — Skrzeczka, Superarbitrium d. kònigl. wissensch. 
Deputation iiber einen in Siechthum verfalleuen Verletzten. Viertelj ahrsschr. 
f. gerichtl. Med. u. òffentl. Sanitàtswesen. Bd. XXVII, Heft 2, p. 385. — 
Mair, Mittheilungen aus d. gerichtsàrztl. Praxis. Friedreicii's Bliitter f. V. 
1878. — Sexdel, Tod durch Kopfverletzunh. War der Mord an Ort und 
Stelle geschehen eker die Leiche dahin gelegt. Vierteljschr. f. ger. Med. u. 
òffentl. Sanitiitswes. Bd. XXVII, Suppl.-Heft. — Schmelcher, Untersuchung 
wegen Mord d. Anna Huramel, Bauerfrau von Buxlohe in d. Rìchtung geg. 
ihren Ehmann Joseph Hummel. Friedreich's Blìltt. VI. — J. G. Wittmer, 
pr. A., Zur Lehre von den tòdtlichen Verletzungen mit einem Falle einem 
verschieden beurtheilten todtl. Kopfverletzung. Ann. d. St.A. XI, 4. (1845). 

— Groll, Gutachten iiber d. Kinfluss des Verlustes dreies obefren Schnei- 
dezàhne auf Aussprache und Hauen. Henke's Zeitschr. 3. (1848). 

Vater, Dissert. de vulnero cerebri selopetario septim. hebd. absolute 
lethale Viteb. 1722. — Metzger, De laesionibus capitis in eius adv. med. 
t. I, Francf. 1775. — Kuttlinger, Ueber die verschiedene Beschaffenheit d. 
Schàdeiknochen in Bezug auf die Folgen d. Kopfverletzungen, welche durch 
Erschiitterungen, durch stumpfe Instrumente bewirkt werden. Abh. d. phys. 
med. Societiit zu Erlangen. II. Bd. Nùrnberg 1812. — Einhonr, De capitis 
laesionibus eorumque curatione. Erlangen 1815. — Hinze, Ueber eine sehr 
diinne Knochenstelle des Schltifebeines. Hufeland*s Journal. 486. 1819. — 
Kern, Abhandlungen iiber die Verletzungen am Kopfe. Wien 1829. — He- 
DENUS, De difficile laesionum capitis diagnosi et prognosi. Dresden 1833. — 
ScHMiDT, Betrag zur Wiirdig. der Lehre von d. Kopfverletzung. Hamburg 
1838. — Benoit, de l'c^coulement de sang par Toreille considéré corame si- 
gne pronostic dans les plaies du Cràne. Gaz. mèdie, de Strasbourg 1868, 
p. 109. — Bayard, a ppréciation mèdico- legale des effets de la commotion 
écrétrale. Annal. d'hygiène et de méd.-lég. tom. XXVI. p. 197. — Orfila, 
Blessure de la tét; accusation de meurtre d'un enfant par sa mère. Ann. 
t. XLII, p. 374. — Toulmouche, Recherches médico-légale sur les lésions 
du cràne et du cerveau. Annal. 2e Sér. t. VII. p. 395; t. XIII, p. 114 et 
t. XXVII, p. 121. — Haller, Minceur anormale des os. II, l, pag. 84. — 
BucHNER, Zufìillig tòdtliche Kopfverletzungen mit bleibendem Nachtheil ; 
verminderter Sehfàhigkeit, Gehòrfàhigkeit und Gedàchtnisschwache. Blatt, 



Digitized by VjOOQIC 



26S W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccautche 

f. gerichtl. Aathropol. XV, 1. — Schubert, Die GebirnerschuetteruDgen ia 
^erichtl. med. Hinsicht. Med. Zeitung von dem Yerein f. Heilk. in Preuss. 
XXV, 52. — NiEMANN, Tod durch Kopfverletzung. Henke's Zeitschr. f. StA. 
XXXVII, 3 et 4. — Wilhelm, Ein nach mehr als zwei und ein halb Jahr 
tòdtlich gewordene Kopfverletzung. Vereinte deutsclie Zeitschrift f. St.A. 
1. 4. — Siebenhaar's u. Zenker's^ Polemik zur gerichtsarztl. Lehre v. d. 
Kopfverletzungen. H.'s Zeitschr. f. Arzneik. XL. 1. 3. — Neuhaus, Spàtere 
Folgen einer Schàdelwunde, Trepanation, zuriickgebliebener Schwindel, Ab- 
nahme des Sprachvermtìgens etc. Casper, Vierteljahrsschr. XX. 1. — Huber, 
Ueber Trepanation nach Kopfverletzung. Henke's Ztschr. f. StA. XXXIV. 2. 



I. Lesioni violente del cranio. 

La speciale importanza delle lesioni violente del cranio è 
dovuta al fatto che con esse viene interessato il cervello, vuoi 
perchè contemporaneamente questo è colpito dal trauma, vuoi 
per consecutiva infiammazione che vi si propaga. È difficilissimo 
dare un giudizio sopra queste lesioni violente, perchè in molti 
casi è impossibile riconoscere la loro sede ed estensione , né 
si può mai prevedere con certezza il decorso, anche quando la 
diagnosi è stata stabilita esattamente. Financo i medici più esper- 
ti cadono spesso in errore, sia perchè una lesione traumatica, 
che si accompagna a sintomi molto lievi, termina di botto colla 
morte, sia perchè guarisce completamente quella che sembrava 
assolutamente incurabile. È oltremodo difficile giudicare se la 
lesione sarà seguita da postumi, i quali possono apparire dopo 
mesi anni. Da ciò deriva che in questi casi il medico-legale 
deve armarsi della massima cautela. Prima di dare un giudizio, 
egli deve praticare molte volte V esame , e tenere sott' occhio 
il decorso per un intervallo il più possibilmente lungo. Eviti 
di dare giudizi apodittici. 

Per dare al lettore un'idea molto chiara di quest'argomento, 
tratteremo separatamente le lesioni traumatiche dei molli te- 
gumenti cranici da quelle delle ossa craniche, del cervello e 
dei suoi annessi. 

a) Lesioni dei molli tegumenti cranici. 

Queste lesioni si accompagnano talvolta a scontinuità della 
pelle, e rappresentano semplici contusioni del cuoio capelluto, 
oppure diverse specie di ferite. Le contusioni senza lesione pro- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni dei molli tegumenti cranici 269 

fonda si producono per leggiero urto o per percossa con istru-- 
menti vulneranti ottusi, ecc. Il sintoma più importante è lo stra- 
vaso sanguigno, che nei casi più leggieri, quando il trauma 
cade perpendicolarmente, si produce nel connettivo sottocutanea 
del punto leso. Queste bozze sanguigne, che spesso osserviamo 
in seguito a caduta sul cranio, vengono riconosciute dalla lora 
forma oblunga, circoscritta, e da che possono essere spostate 
colla pelle. Quando il trauma colpisce obliquamente, il cuoia 
capelluto si sposta sul periostio, e accadono emorragie fra questi 
due strati. — Mentre nel primo caso la rigidità del connet- 
tivo sottocutaneo impedisce una diffusione del versamento san- 
guigno e la pelle s'inarca, nel secondo il sangue si espande 
ampiamente sul periostio, ed in tal caso questi stravasi sono 
piani e molto diffusi , estendendosi su vasti tratti del cranio. 
Il medico-legale deve badare soprattutto alla peculiarità di 
questa forma di stravasi. Il loro centro contiene sangue fluido,. 
per lo più molle, facilmente compressibile, mentre la periferia 
ha un margine duro, elevato, costituito dalP infiltrazione san- 
guigna del tessuto cellulare. Financo chirurgi sperimentati hanno 
scambiato questi stravasi con depressioni delle ossa del cra- 
nio. In alcuni rari casi il sangue si accumula fra Tosso ed il 
periostio. 

Gli stravasi sanguigni vengono assorbiti quasi sempre ra- 
pidamente. Soltanto in casi eccezionali, e soprattutto in con- 
seguenza d'incisioni, si producono suppurazioni. 

Le ferite da taglio e da fendente dei molli tegumenti 
cranici interessano soltanto la pelle, o contemporaneamente 
anche la galea, la quale se non recisa, le ferite da taglio sono 
beanti, mentre quelle da punta, in direzione perpendicolare, 
non lo sono per nulla, a causa del decorso incrocialo delle 
fibre della pelle. Un'eccezione è costituita soltanto dalle parti 
laterali del capo, ove le fibre decorrono parallelamente alla 
linea mediana. Con fendenti che colpiscono in direzione obli- 
qua si formano spesso ferite a lembi e quelle con perdita di 
sostanza. 

È da rilevare soprattutto la profusa emorragia, che però- 
diviene pericolosa solo quando venga lesa l'arteria temporale 
o quella occipitale. 

Delle fe7*ite da punta, che interessano soltanto i molli te- 



Digitized by VjOOQIC 



270 Weil, Prodazione delle lesioni violente meccaniche 

gumenti cranici , quelle della regione temporale sono gravi 
per effetto della lesione dell'arteria temporale. Le ferite sem- 
plici dei molli tegumenti cranici hanno una grande tendenza 
a guarire per prima intenzione. Per lo passato erano temute 
per r erisipela che spesso sopravveniva, e la quale non è 
una conseguenza inevitabile della lesione. Quando il tratta- 
mento viene iniziato a tempo, si può evitarla con un' accurata 
antisepsi. 

Molto più frequenti delle ferite semplici del cuoio capel- 
luto sono \e contuse e le lacere. Adoperando — come arma — 
istruraenti vulneranti larghi e smussi, non di rado la pelle si 
squarcia, e si formano molte ferite lineari e suggillazioni. Le 
ferite prodotte in tal modo vengono riconosciute da che son 
multiple, hanno margini incavati, vi sono suggillazioni, e scon- 
tinuità inequabile. In alcuni casi anche oggetti vulneranti ottusi, 
vibrati rapidamente, possono produrre ferite lineari, le quali 
non si distinguono affatto da quelle da taglio. Quando T istru- 
mento vulnerante cade obliquamente, o scivoli sul cranio dopo 
recisa la pelle, o il cuoio capelluto venga spostato con grande 
impeto sul cranio , si producono ferite a lembi più o meno 
estese, e lacerazioni di parti o flnanco di tutto il cuoio capel- 
luto. Nelle grosse ferite a lembi suole in alcuni punti essere 
interessato anche il periostio. 

Financo le ferite a lembi molto diffuse del cranio guariscono 
per lo più con grande rapidità quando i lembi non sieno molto 
contusi. Di rado si verifica la gangrena dei lembi. Questi acci- 
denti sono dovuti quasi soltanto alle malattie accidentali delle 
ferite. Da autori degni di fede sono riferiti casi, dai quali ri- 
sulta che possono guarire flnanco lacerazioni di tutto il cuoio 
capelluto. — In una giovanotta di 17 anni, operaia in una fab- 
brica di macchine, tutti i capelli erano rimasti impigliati in 
un cilindro in movimento , e strappato il cuoio capelluto con 
brani delle orecchie, della pelle della radice del naso e delle 
sopracciglia. Questa giovanotta visse più di un anno dopo T in- 
fortunio; la rigenerazione della cute non si produsse affatto, 
ed essa morì per difterite della ferita. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle ossa craniche 271 



B. Lesioni violente delle ossa craniclie. 

Con istrumenti vulneranti acuti e sottili possono essere 
prodotte ferite lineari semplici delle ossa craniche, che ne in- 
teressano soltanto alcuni strati, o li attraversano completamen- 
te. — Queste ferite sono beanti quando ristrumento vulnerante 
è stato vibrato perpendicolarmente; ma se la sua direzione è 
obliqua e il margine superiore della ferita è sollevato, si pos- 
sono allora anche produrre ferite a lembi o con perdita di 
sostanza. Una gran parte di queste ferite, come Bergmann 
giustamente ha fatto rilevare, si collega « in modo tipico a fls- 
sure. E se il fendente andò in direzione della sutura coronale, 
la flssura può pervenire fino alla base. Molto più frequente- 
mente si collegano a flssure le ferite a lembi, giacché per lo 
più dagli angoli della ferita una fenditura decorre in direzione 
di un cerchio, il cui segmento può essere riguardato come il 
margine libero arrotondato del lembo ». Se Y istrumento vul- 
nerante era poco acuto e voluminoso (grossa sciabola, scure), 
le ferite ossee si collegano a fratture, e spesso anche a de- 
pressione deirosso. In quest'ultimo caso viene interessato per 
lo più anche il cervello , subendo esso commozione e con- 
tusione. La gravezza di questa ferita ossea sta in rapporto 
colla eventuale lesione del cervello; e, corrispondentemente a 
ciò, quelle inferte con istrumenti vulneranti leggieri sono meno 
pericolose di quelle prodotte con istrumenti vulneranti pesanti; 
le penetranti più pericolose delle non penetranti. Le prime 
sono gravi per le emorragie, soprattutto se è stata lesa l'ar- 
teria meningea media oppure un seno. — Il pericolo principale 
sta nella consecutiva meningite. Nelle ferite a lembi è possi- 
bile che tutto il lembo si saldi bene. Ebbi a curare uno stu- 
dente, al quale per un fendente di sciabola era stata prodotta 
una ferita a lembi delle parti molli del cranio con contempo- 
raneo distacco di una lamina ossea, in rapporto col rimanente 
dell'osso mercè un sottile ponte. Col trattamento antisettico 
la guarigione si verificò senza che fosse stata disturbata da 
alcun accidente. 

In molti casi, e soprattutto quando una tale lamina ossea 



Digitized by VjOOQIC 



272 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

è distaccata completamente dal cranio, si verifica una necrosi 
più meno estesa. 

Più spesso che per ferite da fendente, il medico-legale 
viene invitato ad esaminare quelle da punta delle ossa craniche. 
Per lo più trattasi di colpi di coltello, che ledono superficial- 
mente Tosso, perchè scivolando sulla superficie rotonda pro- 
ducono soltanto leggiere scalfitture. In altri casi penetrano più 
profondamente, o attraversano addirittura tutto Fosso. Dalla 
spessezza dell' istrumento vulnerante dipende soprattutto se Tosso 
subisca nel tempo stesso uno scheggiamento. Nelle ferite da 
punta penetranti si riscontrano quasi sempre fratture commi- 
nutive del tavolato osseo esterno od interno, e spessissimo tali 
schegge producono lesioni traumatiche del cervello. Di una spe- 
ciale gravezza è la rottura della lamina, la quale se resta in 
situ costituisce un pericolo permanente per il ferito. Sono noti 
molti casi , in cui non si riconobbe la permanenza del corpo 
straniero, e soltanto all'autopsia si constatò — come causa del- 
Tascesso cerebrale — la punta rotta di un coltello. Quindi bisogna 
sempre esaminare esattamente T istrumento vulnerante usato^ 
onde accertare se qualche punta di esso sia rimasta nella fe- 
rita. Nel Bayer. inte/Ì2Ì7^n3;6Za^if (1869) Nobili ng riferisce un 
caso occorso ad un giovine di 19 anni, che 17 giorni dopo una 
coltellata alla testa, riprese il lavoro, ma colpito da cefalalgia, 
morì 15 giorni dopo. Il medico non accertò alcuna lesione 
delle parti molli o del cranio. L' autopsia fece rilevare, a li- 
vello delT osso , la punta rotta di un temperino , vicino alla 
bozza parietale. La morte si era prodotta in conseguenza di 
un ascesso (grosso quanto un uovo di gallina) delTemisfero 
cerebrale destro. 

Tuttoché i corpi stranieri possano restare infissi per anni 
nelTosso, e financo nel cervello, senza rivelarsi con nessun 
sintoma, nella maggior parte dei casi producono presto o tardi 
gravi fenomeni, e spesso ed a preferenza ascessi cerebrali. 

Molto più frequentemente delle semplici ferite ossee del 
cranio, il medico-legale ha da fare colla frattura del cranio. — 
Nella maggior parte dei casi esse riguardano la vòlta cranica 
a causa della sua posizione esposta, molto più di rado la ba- 
se del cranio. Le fratture di quest'ultima specie presentano 
tante peculiarità così in riguardo, alla genesi, come al decorso 



. Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle ossa craniche 273 

che debbono essere trattate separatamente. — Le fratture della 
volta cranica sono prodotte da istruraenti vulneranti ottusi od 
a margini smussi, vibrati contro Tosso, il più delle volte da 
colpi di martelli, col bastone, con pietre, con tavole, calci di 
cavallo, ecc. In un' altra serie di casi la lesione è dovuta ad 
urto del cranio contro oggetti resistenti, come per es. nelle 
cadute da grandi altezze, ecc. Perchè si produca la frattura della 
volta cranica, fa d'uopo che il trauma agisca direttamente su 
di essa, oppostamente alle fratture della base, che possono pro- 
dursi anche in altro modo. Non sempre la frattura accade nel 
punto colpito; qualche volta può anche prodursi in una località 
discosta dal sito ove agì il trauma. 

Corrispondentemente al modo come agì il trauma ed alla 
struttura del cranio (cioè se sottile, spesso, compatto, ecc.) pos- 
sono prodursi soltanto fissure, oppure fratture commimitive, 
ed in casi speciali anche le così dette fratture con formazione 
di forame. 

Le flssure impegnano tutta la spessezza dell'osso, oppure 
soltanto alcune sue lamelle; sono semplici o presentano molte 
ramificazioni. Sovente sono circoscritte alle suture; in rari casi 
decorrono in tutta la sutura, divaricandola, ecc. In alcuni casi 
decorrono circolarmente intorno al cranio. S'irraggiano da 
schegge o da fratture con formazione di forame, vanno per lo 
più dalla vòlta cranica alla base, di rado trasversalmente. 

Le fratture comminutive possono avere diversa estensio- 
ne, secondo l'intensità del trauma e la spessezza del cranio. 
«Quando il trauma agisce con grande intensità, come nella ca- 
duta da grandi altezze , o nel sollevare pesi gravi , si trova 
spesso tutto il cranio sfracellato. Gasp e r riferisce un caso, in 
cui nell'esplosione di un grosso proiettile, fu colpito l'occipite 
di un uomo a 32 anni, e tutto il tegumento cranico fu squar- 
ciato orizzontalmente in modo che bastava soltanto segare 
r osso frontale per asportarlo. In un altro caso riferito da 
Casper, per l'urto del battente di una porta contro il cranio 
di un bambino di tre anni, il cranio fu spaccato longitudinal- 
mente in due metà, in rapporto fra di loi'o soltanto mercè 
parti molli. Esternamente non era visibile alcuna traccia di le- 
sione violenta del capo. Quando le ossa craniche sono molto 
sottili, anche i più piccoli traumi possono produrre le lesioni 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 18 



Digitized by VjOOQIC 



274 W e i t, Produzione delle lesioui violente meccaniche 

più estese. Così, per es., Bujalsky riferisce un caso nel quale 
per un calcio di cavallo un cranio molto sottile fu sfracellato 
in 96 frammenti. 

A causa della contemporanea lesione cerebrale è impor- 
tante il fatto se la frattura si accompagni o meno a depressione. 
Soprattutto nei traumi inferti con martelli o con oggetti simili, 
constatiamo spesso, sopra un tratto più o meno depresso del 
cranio, l'impronta dell' istrumento vulnerante, e nei casi in 
cui esso era acuminato, la depressione è a forma d'imbuto. II 
tratto depresso mostra per Io più esili fenditure sul tavolato 
esterno. Quello interno è quasi sempre scheggiato per maggiore 
estensione. 

Le fratture con formazione di forame sono prodotte 
per lo più da arma a fuoco, più raramente da oggetti acumi- 
nati , da un cavicchio ecc. Nelle ferite da arma a fvboco il 
forame di uscita è sempre più grosso di quello di entrata, e 
per lo più anche scheggiato. Secondo Bergmann, la causa è 
dovuta a che il primo è formato non solo dal proiettile, ma 
anche dalle particelle ossee che esso trasporta seco. La dire- 
zione in cui il proiettile colpisce l'osso è decisiva per il grado 
dello scheggiamento. Quando lo colpisce perpendicolarmente 
può prodursi un forame rotondo, senza scheggiamento; ma se 
obliquamente, si verifica sempre uno scheggiamento esteso. — 
Egli fa rilevare inoltre che le ferite da arma a fuoco si com- 
plicano quando il proiettile resta infisso nell' osso. — L^ anno 
scorso vidi un giovine, che aveva voluto suicidarsi tirandosi 
un colpo di revolver contro la fronte. La palla restò infissa 
nell'osso frontale; estratta da Gussenbauer, che rimosse 
pure numerose schegge ossee, l'infermo guari in poche set- 
timane, malgrado la rilevante perdita di sostanza nell'osso. — 
Di una speciale importanza nella pratica forense sono le frat- 
ture isolate della lamina esterna e di quella interna. — Gonne 
A. Cooper per il primo ha dimostrato, vi sono casi in cui 
il tavolato osseo esterno è spinto nella diploe, senza che vi 
partecipi il tavolato vitreo. Pertanto è certo che queste fratture 
non sono molto frequenti. Bergmann afferma che in tah casi 
bisogna sempre supporre una contemporanea lesione del ta- 
volato interno quando il solco esistente nel tavolato esterno 
sia più profondo di 4 a 5 millim. Non di rado vediamo casi in 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle ossa craniche 275 

-cui, essendo intatto il tavolato esterno, è scheggiato quella 
interno. Bergmann raccolse i relativi casi registrati nella 
Letteratura. In 12 non vi era sul tavolato esterno alcuna 
traccia di lesione violenta; in altri notavansi esili fratture. 
In 28 casi il trauma era stato inferto con un martello , con 
un ferro da stirare, in due con una pietra, in quattro con una 
sciabola ed in due con un fendente (dato in un caso con una 
sciabola, e nell'altro con un coltello da caccia). — Codeste frat- 
ture isolate del tavolato interno non sono dovute a maggiore 
«cabrezza del tavolato vitreo (come per lo passato generalmente 
si ammetteva), ma al modo come agì il trauma. Teevan para- 
gona il loro meccanismo di produzione alla rottura di un bastone 
-che venga piegato sul ginocchio, la quale non incomincia nel 
punto ove il bastone viene puntato contro il ginocchio, sì bene 
al lato opposto. Parimenti, un trauma che agisca sopra un punto 
<;ircoscritto, fletterà anzitutto in dentro la parte ossea colpita. 
Qualora venga oltrepassato il limite deir elasticità, accadrà la 
frattura dapprima sul lato opposto a quello colpito dal trauma, 
e se razione vulnerante è prolungata, si verifica la frattura 
altresì nel punto da esso colpito. 

Ben diversamente accade quando Tistruraento adibito per 
offesa ha una grande superficie vulnerante. In questi casi, come 
Bruns ha dimostrato, il cranio viene alterato in toto nella sua 
forma. Nel caso di caduta sul cocuzzolo, il diametro perpen- 
dicolare viene raccorciato, e gli altri prolungati. Fino ad un 
certo grado (variabile nei diversi crani) può una tale compres- 
sione non accompagnarsi a frattura, e, cessato il trauma, il 
cranio riprende la sua pristina forma. Ma se questo limite viene 
-oltrepassato, accade una frattura nei punti più distesi e più 
deboli. 

Tutte le fi^sure sono beanti finché la pressione agisca su 
di esse , e si chiudono non appena la pressione cessa. Corri- 
spondentemente a ciò, si rinvengono imprigionati nelle fissure 
anche peli, talvolta financo la dura madre o corpi stranieri (pezzi 
di feltro di cappello, ecc.). — La presenza di capelli nella fls- 
sura ha un' importanza nella pratica forense , permettendo di 
-desumere in qual modo accadde il meccanismo della frattura. 
Secondo Bruns, ciò sì riscontra nel solo caso in cui sul 
-cranio abbia agito un forte trauma, o quando una sporgenza 



Digitized by VjOOQIC 



276 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

ossea viene colpita da un nuovo trauma. Hofmann combatte 
quest'asserzione perchè ha osservato casi in cui dopo un solo 
colpo vi erano flssure nelle quali si trovavano imprigionati ì 
capelli. Secondo lui, un tale reperto permette una doppia conclu- 
sione : anzitutto che sia stato leso il cuoio capelluto, ed in se- 
condo luogo che la lesióne violenta sia stata inferta con un 
istrumento vulnerante angoloso, che probabilissimamente abbia 
agito sopra un tratto circoscritto, ciò che non si verifica cadendo 
col capo sopra una superficie, e neppure per percossa con un 
istrumento vulnerante largo e piano. Secondo Schlemmer 
sono necessarie le seguenti condizioni meccaniche: 1) un istru- 
mento vulnerante angoloso o che abbia superficie ineguale 
(e quindi sono esclusi la caduta col capo sopra un suolo piano 
oppure un colpo di arma a fuoco); 2) che il cranio venga col- 
pito in un solo punto. 

Debbo menzionare ancora alcuni particolari sulle così dette 
fratture indirette della volta cranica. Bergmann ritiene per 
fermo che in alcuni casi il cranio subisca una frattura la- 
teralmente al punto ove agì il trauma, ovvero dal lato oppo- 
sto. — W. Baum (Langenbeck's Archiv XIX) è di parere 
contrario, e sostiene che i casi addotti da Bergmann e da 
altri autori non sono dimostrativi, perchè non si può quasi mai 
constatare con debita esattezza il processo che accade nella 
lesione. Così, per es., un individuo cho riceva una percossa 
violenta sulla fronte cade per lo più suir occipite ; e poiché 
questo in tal caso subisce anch' esso la frattura (che tal- 
volta si riscontra soltanto ivi), la frattura in tal taso può es- 
sere anche attribuita direttamente alla caduta. Per il medico- 
legale è necessario conoscere che nei traumi sulla vòlta cra- 
nica si presentano fratture anche in punti non colpiti diret- 
tamente dallo stesso. 

La diagnosi di fratture sottocutanee è spesso difficilissima. 
Nel solo caso in cui la palpazione faccia rilevare fenditure o 
depressioni, si potrà riconoscere con certezza la frattura. Bi- 
sogna guardarsi dallo scambiare le depressioni dovute ad atro- 
fia dell'osso nei vecchi oppure alla sifihde, con quelle di ori- 
gine traumatica. Ho già fatto rilevare gli equivoci diagnostici 
in cui si può capitare a causa degli stravasi sanguigni. 

Anche nelle fratture aperte possono sorgere difficoltà dia- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violante delle ossa crani che 277 

gnostiche, quando la ferita non conduca direttamente al punto 
ove sta la frattura. Dati diagnostici sicuri vengono forniti dal- 
l' efflusso di liquido cerebro-spinale e di sostanza cerebrale. 
Fa d' uopo anzitutto non scambiare le suture colle flssure. — 
Il decorso delle fratture sottocutanee è favorevole qualora non 
vi siano già fin dal principio gravi lesioni cerebrali (commo- 
zione, aumento della pressione per depressione delPosso e stra- 
vasi sanguigni, contusione cerebrale, rottura del cervello). Ra- 
rissimi sono i casi in cui in seguito ai processi infiammatori del 
-cervello oppure ai disturbi psichici si associa l'epilessia. Molto 
più sfavorevole è il decorso delle fratture aperte del cranio, 
giacché flnanco le flssure insignificanti possono, per infezione, 
complicarsi a meningite mortale. Negli ultimi tempi codesto 
pericolo è scemato, perchè come risulta dalle relazioni di Ber g- 
mann e diVolkraann {Centralo latt fùr Chirurgie j Nr. 20, 
1880) rinfezione, soprattutto nei casi recenti, può essere evitata 
con un' antisepsi rigorosa; ed hanno esito letale soltanto i casi 
in cui la lesione è mortale. 

La posizione protetta della base del cranio fa sì che le sue 
fratture dirette si osservino molto piii di rado che sulla volta 
cranica. Per lo più osserviamo fratture dirette solo quando 
penetrino istrumenti vulneranti sottili e lunghi attraverso l'or- 
bita, il na^o e V orecchio. Specialmente in questi ultimi casi 
la frattura può restare facilmente sconosciuta. Bergmann cita 
un caso osservato da Anderson, che riguardava un trom- 
bettiere di 30 anni, il quale accolto nell'ospedale con leg- 
giera ferita sulla pinna nasale e con gravi sintomi cerebrali, 
mori quivi. Soltanto all'autopsia fu accertato che, attraverso il 
naso, era stata infissa l'estremità di un bastone nella cavità 
cranica. Il calzuolo di ottone si era staccato e stava sopra la 
sella turcica. — W. Roser (Langenbeck'5 Archiv, XX, 
pag. 480) ha fatto alcune comunicazioni sulle rare lesioni vio- 
lente del cervello per la via del meato uditivo. In quattro casi 
potette stabilire la diagnosi per Tabbondante deflusso di liquido 
-cerebro-spinale, ed in uno per la fuoriuscita di sostanza cere- 
brale. Nel quinto caso, osservato da Theobald, vi era stato 
anche efflusso di sostanza cerebrale attraverso l'orecchio. La 
prognosi di queste lesioni violente non è cosi sfavorevole come 
generalmente si ammetteva. In tutti i casi riferiti da Roser 
si ebbe la guarigione. 



Digitized by VjOOQIC 



278 Weil, Produzione delie lesionf violente meccaniche 

Molto più frequenti sono le fratture indirette. Qui rien- 
trano anzitutto quelle che si osservano nella fossa cranica 
media, sulla cavità articolare dell'articolazione del mascellare, 
per es. dietro percossa (calcio dì cavallo) o caduta sul mento. Il 
capo del processo condiloideo può perforare a forma di cunea 
la cavità articolare e protundere nella fossa cranica media 
(casi di Presott e di Chassaignac). Per lo più si tratta di 
frattura limitata alla cavità articolare, dalla quale s'irraggiano» 
flssure trasversali nella fossa cranica media. — Fratture com- 
pletamente analoghe si riscontrano intorno al foramen ma-- 
gnum sopra i processi articolari dell'atlante nei casi di caduta 
sui piedi sulle natiche. Le vertebre agiscono da cuneo sulla 
base del cranio. La frattura per lo più si riscontra ad una 
certa distanza dal gran forame. Nel modo stesso delle vertebre, 
anche il mascellare superiore e le ossa nasali possono essere 
incuneati nella base del cranio per forti traumi, e cagionarne 
tratture. Il più spesso si osservano flssure della base del cranio 
dopo traumi sulla volta cranica; in tal caso la flssura s'ir- 
raggia da una frattura esistente nella località ove agì il trauma, 
oppure fra la flssura e la frattura può esservi una porzione 
ossea intatta, ovvero la flssura esiste senza frattura nel punta 
ove agi il trauma, e resta limitata alla base, o si continua sulle 
parti laterali del cranio. 

Il modo come agisce il trauma ha un' influenza decisiva 
sulla forma e sul decorso delle flssure, ed in molti casi il 
medico-legale può da questi dati — se non con certezza per 
lo meno con grande probabilità — desumere il punto ove vi fu 
il trauma e quale azione abbia spiegata. — Così, per es., è ri- 
saputo che la maggior parte delle fratture che decorrono pa- 
rallelamente all'asse longitudinale della piramide, sono origi- 
nate da una percossa sulla regione laterale del capo. Nelle 
percosse date perpendicolarmente sul cocuzzolo si osserva per 
lo più una frattura, che decorre trasversalmente dalla radice 
posteriore di un' arcata zigomatica all'altra. Se il trauma <5ol- 
pisce la fronte da avanti o l'occipite da dietro, la frattura — 
secondo Bergmann — accade per lo più in direzione del- 
l'asse maggiore dell'ovoide, che rappresenta la superficie ba- 
sale. Houel fa derivare tutte le fratture trasversali delle pi- 
ramidi da una caduta o da una percossa sull'occipite; però 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle ossa craniche 279 

Schwarz constatò che sopra 21 casi di frattura trasversale 
della piramide soltanto 11 volte il trauma agì sulF occipite, 
e 3 volte sulla regione frontale, 4 volte su quella temporo-pa- 
rìetale, ed in 2 casi persino sulla regione del cocuzzolo. — Ho 
ritenuto necessario esaminare più accuratamente questo punto, 
perchè nella letteratura medico-legale ho trovato numerose 
perizie in cui i periti , dal decorso delle flssure hanno voluto 
desumere il punto ove agì il trauma e di quale natura esso era 
(se percossa o caduta). Insisto nel far rilevare che financo il 
parere sul punto ove agì il trauma e la sua direzione deve 
essere molto riservato, perchè — come anche Bergmann, 
Zaufall e molti altri fecero giustamente rilevare — la dire- 
zione delle fissure dipende da numerose circostanze che non 
è facile valutare. La quistione se una flssura sia stata prodotta 
da percossa o da caduta non può essere desunta con sufficiente 
certezza dalla sua forma e decorso. — Alcuni autori di medicina- 
legale portano opinione che le fratture trasversali della pira- 
mide ordinariamente vengono prodotte dalla caduta, mentre 
quelle longitudinali sono dovute a percossa (vedi Krahmer, 
Deutsche Zeitschrift fùr Staatsarzneikunde, XXVII), Vi hanno 
tante eccezioni a questa regola , che essa non può servire di 
base ad un giudizio medico-legale. In vece vi sono altri dati 
che permettono di dare un giudizio su questo punto, per es. il 
sito ove si rinvenne il cadavere, la posizione in cui lo si trova, 
il modo come si presentano le suggillazioni e le escoriazio- 
ni, ecc. (vedi Liman, Handbuch II, 93 Fall), 

Le fratture della base del cranio sono oltremodo pericolose, 
perchè vi si associano lesioni delle più importanti . parti del 
cervello, benché sieno noti molti casi in cui una frattura ben 
constatata della base del cervello guarì senza lasciare alcun 
disturbo. In tutte le perizie medico-legali è detto che la condi- 
zione sufficiente a produrre una frattura alla base del cranio è che 
agisca un trauma molto intenso. Oppostamente a ciò potrei far 
rilevare che, soprattutto nei vecchi, vengono osservate fratture 
della base del cranio dietro traumi molto leggieri (caduta sopra 
un pavimento, percossa con un bastone). 

Scontinuità delle suture si verificano quando il trauma è 
molto intenso (come, per es., nella caduta da grandi altezze, 
negli urti del cranio contro tavole pesanti, macchine, ecc.). In 



Digitized by VjOOQIC 



280 W e i 1 , Produzione deile lesioni violente meccaniche 

tal caso vi sono quasi sempre lesioni cerebrali così gravi, che 
bentosto accade la morte. Soltanto di rado si produce una 
scontinuità della sutura per percossa con piccoli oggetti, quando 
l'osso viene colpito nel punto ove si connette con quello limi- 
trofo, oppure allorché viene ricalcato a forma di cuneo nella 
sutura. Per lo più vi sono allora contemporaneamente anche 
fratture. 

C. Lesioni violente del cervello e suoi, annessi, 
a) Commozione cerebrale. 

Il forte scuotimento di tutto il corpo, gli urti e le percosse 
da avanti e da sotto il mento, i traumi sul cranio, le ceffate^ 
la caduta da una grande altezza sulle natiche, sulle ginocchia 
e sui piedi possono produrre commozioni* cerebrali. — Quasi 
sempre sono gl'istrumenti vulneranti voluminosi che percuotono 
con larga superfìcie vulnerante, e quasi mai quelli che agiscono 
su qualche punto circoscritto del ^Tanio, che cagionano feno- 
meni di commozione cerebrale. Questo fatto è della massima 
importanza nella pratica forense; per esso si spiega perchè in 
qualche caso mediante percossa col pugno, con un bastone o 
con corpi voluminosi simili, T oflfeso stramazza repentinamente 
privo di sensi, senza che vi sia alcuna considerevole lesione 
dei tegumenti oppure del contenuto del cranio, mentre altre 
volte dopo una coltellata od un fendente con una sciabola leg- 
giera, una spada, od islrumenti simili, il ferito non perdette i 
sensi neppure per un istante, malgrado la vasta ferita delle 
ossa craniche e del cervello.- 

Il sintoma caratteristico della commozione cerebrale è il 
coma, che apparisce subito dopo il trauma. L'incoscienza può 
durare pochi minuti oppure anche molti giorni o settimane (in 
un caso comunicato da Pirogoff durò sei settimane). — Gli 
altri sintomi , il decorso e le conseguenze della commozione 
variano molto per il loro grado, determinato essenzialmente 
dair intensità del trauma. Si può quindi — e ciò è importante 
per la pratica forense — dal grado della commozione desu- 
mere con quale impeto agì il trauma. — Nei casi più leggieri 
l'incoscienza dura pochi istanti. Il polso e la respirazione, che 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni vioieoie del cervello 281 

sono tanto affievoliti, si rianimano rapidamente, e se se ne ec- 
<;ettuino leggiero malessere, abbattimento negli arti e faciltà 
a stancarsi, spesso non resta altro sintoma. Nei casi gravi l'in- 
coscienza dura molto più a lungo, V infermo è immobile , im- 
merso nel coma profondo, e non reagisce agli stimoli. Spesso 
accade che allo stadio di depressione ne segua uno di eccita- 
zione. — Poiché i casi più gravi di commozione si collegano 
per lo più anche ad altre lesioni del cervello, sovente restano 
i più svariati disturbi di sensibilità, di motilità, nonché altera- 
zioni funzionali psichiche, e di essi terrò parola più tardi. In tutti 
i casi nei quali il coma dura più a lungo, bisogna (e si tenga 
presente che ciò è di grande importanza nella pratica foren- 
se) restare in sospeso il giudizio sulle possibili conseguenze 
della lesione violenta, quando sovente i primi sintomi cerebrali 
possono apparire dopo settimane o mesi. Nei casi più gravi la 
morte accade subito dopo il trauma, e talvolta essa è addirit- 
tura fulminea, — Tuttoché un accurato esame del cervello di 
quelli decessi in tal guisa faccia per lo più rilevare soltanto 
lesioni minime in forma di piccolissime emorragie nelle più 
svariate parti del cervello , e soprattutto nelle parti basali o 
nella midolla allungata, vi sono però alcuni casi nei quali non 
si riesce a constatare alcuna lesione, ed il reperto si limita ad 
una grave iperemia delle meningi cerebrali ed enorme reple- 
zione delle vene. H. Fischer (Sammlung klinischer Vortraege 
vonR. Volkmann, K 27, i87i) qualifica la commozione ce- 
rebrale come shok del cervello. Egli spiega tutti i fenomeni 
ammettendo una contrattura riflessa dei vasi, alla quale segui- 
rebbe paralisi riflessa. Gussenbauer cerca di spiegare l'in- 
tima natura della commozione con vibrazioni delle molecole 
cerebrali, con che si produrrebbero sempre lesioni minime. 
Duret (Étude sur l'action du liquide céphalo-rachidien dans 
les traumatìsmes cerebraux; Archiv de physiol. normale et 
puthologiquej Mì\ 3, i878) spiega la comparsa della commo- 
zione ammettendo che, mediante il trauma, si produca una 
corrente di liquido intorno agli emisferi e nei ventricoli, la quale 
trasmetterebbe T insulto dal punto colpito a tutte le parti del 
cervello, ma specialmente al bulbo. Le indicazioni che dà que- 
st'autore hanno un'importanza nella pratica forense, per quanto 
concerne l'influenza che la località ed il grado d'intensità dei 



Digitized by VjOOQIC 



282 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

trauma esplicano sui fenomeni della commozione. — Secondo lui^ 
quando il trauma colpisce la fronte, l'effetto si riverbera alla 
base del cervello; se ai lati, il controcolpo si ripercuote sul- 
r altro emisfero , e si producono sintomi unilaterali. Ma se la- 
località ove ha agito il trauma è Toccipite, il riverbero è a pre- 
ferenza sui lobi frontali, sulle sezioni posteriori degli emisferi 
e sul bulbo; se sulla nuca, il colpo può risentirsi per riflusso 
della corrente del liquido (vedi Virchow-Hirsch, Jahres- 
bericht, i878, II, 100). 

b) Lesioni dei vasi nel cranio. 

Le emorragie in conseguenza di lesioni dei vasi nel cranio 
accadono fra le ossa e la dura madre, oppure fra le meningi 
cerebrali o nella sostanza cerebrale. Le emorragie della prima- 
specie provengono — quando sono profuse — dai seni venosi ^ 
dal tronco oppure dai rami dell'arteria meningea media. — I 
seni possono essere lesi direttamente (per oggetti acuminati 
che vi penetrano dentro o per schegge ossee), oppure indi- 
rettamente (con senza lesione ossea) per alterazione di forma 
che il cranio subisce quando il trauma è molto intenso. Le 
rotture dei seni prodotte in quest'ultimo modo concernono per 
lo più i seni trasversi. Le emorragie dall' orecchio in casi di 
fratture della base del cranio provengono per lo più. dal sena 
petroso .lacerato. — Nello stesso modo si producono diretta- 
mente indirettamente lesioni dell'arteria meningea media, 
con senza contemporanea frattura del cranio. Fa d'uopo men- 
zionare, che le arterie àéiV altro lato possono lacerarsi anche 
per percossa sopra un lato del capo. — I sintomi delle lesioni 
dei seni variano secondo che il sangue può defluire liberamente 
meno. In quest'ultimo caso si manifestano fenomeni di com- 
pressione di diversa intensità, e può financo accadere la morte 
subito dopo la lesione traumatica. Molto di rado le lesioni dei 
seni possono uccidere repentinamente per penetrazione di aria 
(nella clinica diVolkmann è stato osservato un caso di que- 
sto genere). — Il pericolo maggiore consiste nella trombosi dei 
seni e sue conseguenze. Nelle emorragie arteriose i fenomeni 
che appariscono immediatamente dopo la lesione traumatica 
stanno in rapporto colla quantità del sangue stravasato. — In 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni dei vasi nel cranio A 283 

alcuni casi il ferito può ancora camminare per alcuni minuti 
e repentinamente cade a terra privo di sensi. In altri casi stra- 
mazza subito al suolo, si rialza poi per qualche tempo, finché 
poco dopo ricade per sempre. Anche Tulteriore corso dipende 
dalla quantità del sangue stravasato, la quale se non è molto 
rilevante il ferito può riaversi. I fenomeni da compressione pos- 
sono gradatamente scomparire a misura che progredisce il rias- 
sorbimento del sangue. 

Le emorragie fra le meningi cerebrali si producono dopo 
gravi traumi, per lo più in conseguenza di lacerazione delle 
vene che dalla pia madre vanno al seno longitudinale. Esse 
possono in rari casi verificarsi senza che accadano lesioni os- 
see. Il sangue stravasato e coagulato forma spesso una specie 
di cappa, che avvolge gli emisferi. Dal punto di vista della pra- 
tica medico-legale non è indifferente il fatto, che queste emor- 
ragie intermeningee mortali possono verificarsi negli alcoolisti 
anche per effetto di leggiere contusioni del sangue. Il sangue 
proviene allora dai vasi neoformati (facilmente lacerabili) di pseu- 
do-membrane pachimeningitiche. 

Qui debbo richiamare Tattenzione sulle difficoltà che pos- 
sono presentarsi al medico-legale quando si tratta di giudicare 
fenomeni cerebrali in alcoolisti. Nella letteratura medico-legale 
sono registrati molti casi in cui i fenomeni deirebbrezza furono 
attribuiti alla commozione cerebrale o all'apoplessia, e vice- 
versa. Anche nei casi ad esito letale vi è stata spesso divergenza 
di opinioni, relativamente all'influenza prodotta dall'abuso del- 
l'alcool (vedi Mas chic a, Alkoholismus oder Gehirnerschùtte- 
runQy Gutachten^ Voi, IV ^ pag. 55 , e Apopleane oder Folge 
einermechanischen Einwirkung. Gutachten, VoL TVyNr, XVI). 
Per evitare errori, bisogna sempre constatare la quantità di 
alcool presa dal rispettivo individuo, se esso era alcoolista di 
abitudine , quali fenomeni presentava prima ed immediata- 
mente dopo il trauma, se questo fu tale da poter spiegare con 
esso i fenomeni osservati. Queste indagini insieme all'esatta 
osservazione del corso della malattia possono porre sulla via 
per dare un giudizio esatto. Inoltre spesso i sintomi sono do- 
vuti air azione associata del trauma e dell' intossicazione per 
alcool. Nei casi terminati colla morte, il reperto cadaverico 
fornisce (tenendo conto nel tempo stesso del decorso) per lo 



Digitized by VjOOQIC 



produzione delle lesioni violente meccaniche 

più dati sicuri. — la alcuni casi il decorso può essere identico 
a quello delle gravi commozioni o apoplessie, potendo accadere, 
per es., che un individuo dopo abbondante uso di alcool, senza 
che presenti alcun sintoma patologico, stramazzi repentina- 
mente al suolo, cada in coma profondo con polso filiforme, re- 
spirazione superficiale, pupille dilatate e senza reazione, e 
muoia senza destarsi dal coma. — Ma in questi casi Tautopsia 
fa rilevare i sintomi deirintossicazione acuta per alcool (lento 
sviluppo della putrefazione, odore di alcool che tramandano gli 
organi, specialmente quelli delle cavità del corpo, iperemia 
cerebrale, dei tronchi venosi delPaddome, del pulmone e del 
cuore, ecc.). Talvolta si rinviene pure l'alcool nello stomaco. 
Negli alcoolisti si riscontrano i sintomi deirintossicazione cro- 
nica per alcool: obesità, degenerazione parenchimatosa degli 
organi interni, ecc. (Vedi Li man, Handbuch II, pag, 510^ 
e Harris, On the diagnosis and treatment of apparent drun- 
keness. St. Bavtholom. Hosp, Rep. XIV, 1878). Bergmann ha 
richiamato Tattenzione sopra un interessante reperto, cioè sulla 
coincidenza di contusioni del cervello con emorragie intrame- 
ningee. Se nell'interno della massa cerebrale si riscontra un 
focolaio fresco senza contemporanei stravasi meningei^ bisogna 
escludere che si tratti di trauma ed ammettere un'apoplessia 
accidentale. 

e) Gontnsioiii e ferite contuse del cervello. 

Per penetrazione di oggetti ottusi nella cavità cranica, per 
schegge ossee, per compressione o scuotimento violento del 
cranio, possono verificarsi contusioni, rotture. (Le rotture del 
cervello sono rarissimo. Liman ne vide soltanto tre, le quali 
due volte furono prodotte da che i rispettivi individui cad- 
dero sotto una vettura che passò sulla testa, e la terza volta 
da un fendente. Vedi Liman, Handbuch, pag. 153, 258, 770; 
Gasp e r, Novellen, pag. 346, in un caso vide rottura del ten- 
iorium cerebelli). Se sono stati adoperati istrumenti con larga 
superficie vulnerante, la contusione per lo più si produce nel 
sito colpito. Nella caduta da grandi altezze le contusioni spes- 
so si verificano in un punto di rincontro a quello ove agi il 
colpo, oppure ad amendue i lati dello stesso. Bergmann di- 



Digitized by VjOOQIC 



. Contusioni e ferite contuse del cervello 285 

mostrò che nei casi ove il trauma colpisce il cranio, poggiato 
sopra uno strato rigido, la contusione nel sito ove esso pog- 
gia è maggiore che nel punto colpito. — Poiché è a preferenza 
la superfìcie del cranio che viene colpita nella maggior parte 
dei casi, ne risulta che le contusioni si verificano per lo più 
negli strati corticali. Nelle ferite da arma a fuoco, oppure nelle 
contusioni prodotte da altri corpi stranieri penetrati nel cer- 
vello, può naturalmente essere contusa qualsiasi parte del cer- 
vello. Il grado della contusione dipende anzitutto dall'inten- 
sità del trauma. Dal grado della lesione si può spesso desumere 
la natura delPistrumento vulnerante ed il modo come ado- 
perato. Soltanto in casi eccezionali, per es. quando havvi ab- 
norme sottigliezza di tutto il cranio o della parte colpita, può 
verificarsi upa sproporzione fra l'intensità del trauma e l'effetto; 
ed in questi casi il medico-legale deve far rilevare questa spe- 
ciale condizione. I gradi più leggieri della contusione sono 
caratterizzati anatomicamente dalle apoplessie capillari multiple; 
in quelli gravi si presentano grossi coaguli sanguigni in cavità,, 
le cui pareti mostrano villosità e screpolature. Nei gradi più 
elevati della contusione il cervello è trasformato in una specie 
di poltiglia contenente schegge ossee ed altri corpi stranieri. 

È diflicilissimo dare un giudizio sopra queste lesioni vio- 
lente del cervello, perchè il loro decorso non può essere mai 
determinato al principio. Talvolta si verificano guarigioni che 
sembrano meravigliose, mentre in altri casi financo lesioni del 
tutto insignificanti, possono produrre la morte repentinamente 
o dopo lungo tempo, ovvero cagionare altri disturbi della sa- 
lute fugaci permanenti. 

Appunto queste ulteriori conseguenze hanno grandissima 
importanza nella pratica forense, e richieggono un esame più 
accurato. Qui sono da annoverare in prima quelle infiammazioni 
del cervello e delle meningi cerebrali che seguono alla con- 
tusione coi loro esiti in ascessi cerebrali e piemia. Queste in- 
fiammazioni spesso si producono acutamente subito dopo la 
lesione violenta, ma in molti casi dopo settimane, mesi e per- 
sino anni. Codeste meningiti croniche prendono— per lo più — 
punto di partenza da un'osteite; in altri casi debbono la loro 
genesi ad uno stravaso sanguigno decomposto. Ilarissimamente 
si verificano quando le ossa craniche sono intatte. 



Digitized by VjOOQIC 



286 W e i I , Produzione delie lesioni violente meccaniche 

Gli ascessi cronici possono in alcune località persistere 
anni senza produrre alcun sintonia minaccioso ; però aumen- 
tando di volume ed interessando parti vitali del cervello, di- 
vengono pericolosi. In due casi ben constatati, un tale ascesso 
produsse la morte venti anni dopo il trauma (Gerhardt, 
Lehrbuch der Kinder krankeiten; Bruns, Kopfverlstzungen), 
Il fatto che queste infiammazioni croniche possono persistere 
a lungo senza produrre sintomi è di una grande importanza 
nella pratica forense (vedi T articolo di Masckha, dal titolo 
Giebt es im Verlaufe der Gehirnverletzungen ganz fiéber-- 
lose und symptomlose Zeitràume mit nachtràglicher Exa-^ 
cerbation und Tod? Vierteljschr. fùr gerichtl. MediziUy 1862), 
e richiede la massima precauzione quando si tratti di giudi- 
care queste lesioni violente. Importante è anche il fatto, che il 
punto leso non sempre è dove ha agito il trauma. In generale 
è difficile accertare il nesso fra Tascesso ed il trauma. In molti 
casi è possibile avere qualche chiarimento esaminando ac- 
curatamente il meccanismo prodotto dalla lesione, i sintomi 
che seguirono immediatamente al trauma, ed accertando se 
il processo prese punto di partenza da una fenditura dell'osso 
oppure da uno stravaso sanguigno. Vi sono sempre alcuni 
casi in cui il giudizio può essere dato soltanto con un certo 
grado di probabilità, escludendo altri fattori genetici (per es. 
croniche osteopatie). Ciò che in tali circostanze bisogna sem- 
pre tener presente, è il fatto che Klebs per il primo fece 
rilevare per le lesioni da arma a fuoco del cervello , confer- 
mato poi da lunga esperienza, cioè che non è' la lesione vio- 
lenta del cervello che determina direttamente la meningite, 
Tencefalite e la piemia, si bene un agente morbigeno che pe- 
netra dairesterno. 

Anche le gravi contusioni guariscono allorché Tosso non 
è leso, e T aria non può agire nella sede ove è accaduta la le- 
sione. Ma se venga fatta a tempo e con esattezza la medica- 
tura antisettica non sopravviene alcuna malattia accidentale 
delle ferite, nessuna reazione suppurativa. Il medico-legale che 
debba dare il giudizio in base allo stato attuale della scienza, 
devo spiegare al giudice che le flogosi mortali delle ossa e 
delle meningi, i trombi purulenti dei seni ecc., nonché gli 
ascessi piemici di. altri organi possono essere prodotti dalla 



Digitized by VjOOQIC 



Contusioni e ferite contuse del cervello 287 

lesione violenta; talvolta sono dovuti ad un'infezione soprav- 
venuta dair esterno , alla quale in vero potrebbe ovviarsi con 
un trattamento esatto ed a tempo. La medicatura alla Li- 
ste r può impedire T infezione dall'esterno come è dimostrato 
<ia molti casi occorsi a B e r g m a n n, V o 1 k m a n n ed altri (vedi 
E. von Bergmann, Veber die Behandlung der Kopfver^ 
letzungen. Aerztl, Intelligenzblatt, i880, Nr. 7-9/ Centralblatt 
fur Chirurgie, 1880; N. 20), 

Prima che io mi accinga ad esaminare i disturbi psichici, 
ohe sogliono seguire alle lesioni traumatiche del capo,. e spe- 
cialmente alle contusioni cerebrali, voglio richiamare qui l'at- 
tenzione sopra due postumi molto studiati dai medici-legali, 
<;ioè le pulmoniti e gli ascessi epatici (vedi Casuistik tòdtlicher 
Schàdelverletzungen von Dr. Falk. Vierteljahresschrift fv^r 
gcHchtliche Medizin, 1876, e Baerensprung, Die Lebe- 
rabscesse nach Kopfverletzungen , Langenbeck's Archiv 
XVIIf, pag. 557), In quanto alle pulmoniti è a rilevare che 
^sse — per diverse cause — possono sopravvenire nei c*asi di 
lesioni traumatiche del capo. Talvolta sono una combinazione 
-accidentale, dovuta al P infreddatura accaduta contemporanea- 
mente alla lesione violenta, oppure appariscono in qualità di 
ipostasi (soprattutto nei vecchi , * che dopo il trauma restano 
per lungo tempo in uno stato d'incoscienza). Altre volte co- 
stituiscono un sintoma della piemia, e finalmente nelle lesioni 
<lel vago costituiscono né più né meno che le così dette pneu- 
monie del vago. — Gli ascessi epatici, ai quali si voleva attri- 
buire uno speciale rapporto colle lesioni traumatiche del capo, 
si verificano soltanto nel caso di contemporanea contusione 
del fegato e negli stati piemici. 

Circa i disturbi psichici (1) che seguono alle lesioni vio- 
lente del capo ed alla comparsa deìVepilessia, è a rilevare che, 
anche dopo leggiere commozioni cerebrali, la memoria può re- 
stare indebolita per lungo tempo. In alcuni casi rimane Vafasia 
per un elasso breve o 1 ungo. Così, per es., il dottor de C 1 o s- 



(1) Vedi Griesinger, Lehrbuch der Psychiatrie; L. Mayer, Archiv 
fur Psychiatrie und Nervenkrankheiten, 1872, Voi. Ili; K r af ft- l!) b i n g, 
Ueber die durch Gehirnerschùtterung und Kopfverletzung hervorgerufenen 
psychischen Krankheiten. Eine klinisch forensische Studia. 



Digitized by VjOOQIC 



2S8 Wei), Produzione delle lesioni violente meccaniche 

raandeul (1) riferisce il caso occorso ad un ragazzo di 13 anni^ 
che fa sbalzato a terra da una vettura; quando riprese i sensi, 
si notò che avea perduto completamente la favella. Dopo tre 
settimane fu condotto all'ospedale, ove si agitava come un os- 
sesso, e cercava di fuggire. Un giorno T infermiere gli disse: 
4c tu non vuoi restare qui ? »; al che egli rispose « no »; ed a 
partire da quel momento riacquistò la favella. 

Quando si debba emettere un giudizio sulle psicosi come 
conseguenze di lesioni del capo, bisogna tener presente il fatto 
constatato da numerosi autori, soprattutto da Krafft-Ebing, 
cioè che esse possono svilupparsi sia immediatamente dopo la 
lesione violenta , sìa più tardi , e che in una serie di casi il 
trauma ne predispone soltanto lo sviluppo. Nei casi di que- 
sta ultima specie sovente è difficile constatare il nesso fra il 
trauma, le psicosi e gli accessi epilettici. I dati in base ai 
quali è possibile dare un giudizio sono: un'accurata anamnesi 
(colla quale si dovrà accertare se l'offeso prima del trauma 
abbia sofferto disturbi psichici oppure accessi epilettici , e se 
nella famiglia erano ereditarie le psicopatie) e l'esatta valu- 
tazione del modo come ebbe luogo la lesione violenta, tenendo 
conto a preferenza della sua sede, delle conseguenze immediate 
e dell' ulteriore decorso. 

II. Lesioni traumatiche della faccia. 

I duelli, le risse nelle birrerie e nelle bottiglierie di ac- 
quavite, l'ira e la gelosia, amore contrastato, ecc. danno spes- 
sissimo al medico-legale occasione di dover dare un giudizio 
peritale sulle lesioni violente della faccia. 

Fino a qual punto nel giudicare di una deformità si deb- 
bano tener conto delle speciali condizioni esistenti nel dato 
caso , risulta dal fatto che la stessa cicatrice alla faccia , la 
quale può fìnanco riuscire di abbellimento ad un giovine, può 
distruggere la felicità e l'avvenire di una giovanetta. Le lesioni 
traumatiche della facria hanno una speciale importanza nella 
pratica forense quando colpiscano g-li organi dei sensi, Tap- 



(l) Commotion cerebrale; mutile consecutive, giiórison instantanée. Gas. 
hebd. 18, 78. 



Digitized by VjOOQIC 



Contusioni e ferite contuse del cervello 289 

parecchio fonetico e quello digerente. Poiché le lesioni vio- 
lente degli occhi e delle orecchia saranno trattate in un ca- 
pitolo a parte , riassumerò qui brevemente ciò che più im- 
porta conoscere sulle ferite della faccia. Queste danno pro- 
fuse emorragie, le quali divengono mortali negrindividui sani 
allorché vengono lese Tarteria linguale o la mascellare. Di rado 
si complicano a malattie accidentali delle ferite , che si pre- 
sontano con una certa frequenza allorché é lesa pure la cavità 
orale. Anche le lesioni traumatiche delle ossa guariscono bene; 
per lo piii raggiungono una certa gravezza quando sono in- 
teressate le ossa craniche. 

Debbono essere prese in speciale considerazione le lesioni 
violente di alcune parti della faccia. Sono segnatamente le fe- 
rite del naso, con o senza frattura delle ossa nasali, che danno 
materia di esame al medico-legale. Tratti recisi del naso so- 
vente cicatrizzano bene. Bérenger-Ferand {Gazette des 
hópit 1870) raccolse dalla Letteratura 65 casi di questa specie 
(fra i quali 14 di scontinuità totale), che guarirono bene. In 
uno il naso reciso era stato rimesso in sito con sutura dopo cin- 
que ore. Mal fatti (TFf^w. medizin, Wochenschr., 72) e Burck- 
hardt {Inaugur. -Dissertata Berlin, 1872) hanno riferito casi 
analoghi. Circa le fratture delle ossa nasali é a rilevare, che 
dalla specie della deformità che resta si può desumere come 
agì il trauma. Se questo colpì il dorso del naso , si rinverrà 
una depressione analoga a quelle deformità così frequenti che 
sono prodotte da osteiti sifilitiche. Con un trattamento ade- 
<fuato si può in molti casi evitare la produzione di deformità 
permanenti. — Meritano pure speciale menzione le emorragie 
che seguono alle percosse sul naso. Il dottor Vollmer fu in- 
vitato a dare un giudizio sopra un caso di epistassi mortale 
prodottasi con una percossa. Qui fo anche notare, che un ac- 
curato tamponaggio del naso può quasi sempre impedire un 
esito triste. 

Nei pareri dei medici-legali si riscontra molta divergenza 
di opinione relativamente alla caduta dei denti dietro percosse. 
Nelle monografie di Schuhmacher e Doli si trovano ri- 
portate su questo punto le opinioni piii contraddittorie che 
si possa immaginare. Mentre il primo ritiene come leggiera 
lesione la rottura e financo lo scollamento di molti denti, 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 19 



Digitized by VjOOQIC 



390 W e i I, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

purché più tardi non si produca alcuna complicanza, Doli ri- 
tiene come lesione grave anche la perdita di un solo dente, 
riguardandolo come parte integrante del corpo , e giudicando 
che, insieme a deformità e disturbo della favella, cagiona pu- 
re un disturbo della salute per la pregiudicata masticazione. 
Schuhmacher alla sua volta obbietta che tutti i connati di- 
sturbi soltanto in rari casi seguono effettivamente alla lesione 
violenta, e che il danno arrecato , non quello che poteva ac- 
cadere, deve formare il sostrato per un giudizio medico-legale. 
Anche la perdita dei denti va giudicata diversamente, secondo 
le speciali condizioni del caso. Così, per es., la frattura di molti 
incisivi sani in una giovanotta deve essere riguardata come 
una grave lesione da cui risultano deformità e disturbo della 
favella. 

Le ferite della lingua sono prodotte talvolta nella caduta, 
oppure con una percossa sotto il mento ; possono anche ve- 
rificarsi nelle lesioni traumatiche dei mascellari con sfacelo 
della faccia, e sono degne di nota per la profusa emorragia 
nonché per il disturbo della favella che rimane. Quando le emor- 
ragie provengono dalle parti posteriori, sono molto gravi per il 
pericolo della soffocazione e per la difficoltà di frenarle. In due 
casi nei quali distrussi colla galvanocaustica alcune parti della 
lingua, si produssero celeramente emorragie nel distacco delle 
escare, e gl'infermi morirono soffocati, malgrado la presenza 
del medico di guardia dell' ospedale. I disturbi della favella per 
lo più divengono gravi quando, a causa dello sfacelo prodotto 
dalla ferita e dal processo suppurativo, essa contrae aderenza 
col mascellare e col pavimento della cavità orale mediante 
larghe cicatrici. Le perdite di sostanza della lingua non pro- 
ducono disturbo della favella, e debbo qui notare che io stesso 
nella clinica di B i 1 1 r o t h vidi un caso nel quale questo chirurgo 
estirpò r organo quasi completamente per carcinoma, e quan- 
tunque ne fosse rimasto un piccolo moncone , la favella non 
ne scapitò in chiarezza. Le ferite della lingua per lo più gua- 
riscono rapidamente. — Analogamente a ciò che accade per il 
muso, parti recise della lingua possono completamente.saldarsi. 
Ciò che può riuscire pericoloso nel corso della guarigione è 
la sopravvenienza di un edema acuto, che può uccidere per 
soffocazione (del resto ciò può dirsi per tutte le ferite della 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del collo 291 

cavità orale). A questo pericolo si può ovviare con un tratta- 
mento antisettico della cavità orale. 

Meritano pure breve menzione le lesioni traumatiche dei 
nervi della faccia nonché delle ylandole salivali. Nelle fe- 
rite da fendente, specialmente della regione parotidea, viene 
spesso reciso il nervo facciale, il che può determinare una 
paralisi transitoria o permanente dei muscoli facciali. Per la 
grave deformità che ne consegue, questa ipotesi ha una grande 
importanza nella pràtica forense. Bisogna pertanto ben guar- 
darsi dallo scambiare queste paralisi traumatiche con quelle 
reumatiche affatto rare. Se un uomo nello stato di ebbrezza 
cade sopra un. terreno umido e vi resta sdraiato , oppure si 
espone a folate di vento, può essere colpito da paralisi del fac- 
ciale, la quale del resto può dissiparsi in parte o completamente 
anche quando esista da lungo tempo. 

Le lesioni traumatiche delle glandolo salivali o dei loro 
dotti escretori possono determinare gravi lesioni per le rispet- 
tive fìstole che ne conseguono. Molti di questi casi possono 
guarire con un trattamento operativo; altri resistono a tutti 1 
tentativi di guarigione, e debbono allora essere annoverati fra 
le lesioni con deformità permanente. Nella maggior parte dei 
casi le ferite delle glandolo salivali guariscono facilmente; e vi 
sono pochi organi che tollerano una lesione traumatica tanto 
bene quanto le glandolo salivali. 

A.. Lesioni violente del collo. 

ScHiLLiNG, SectionsprotokoH und Gutachten iiber die Todesart der nach 
erlittenem Wurfe mit einer Sichel an den Hals plòtzlich verstorbenen I5jàh- 
rigen Christina Siemon. (Henke's Z. f. d. St. 31. Ueft. Ergànzungsheft.) — 
Dr. J. H. ScHURMAYER, Verietzung der Zwerchfellsiierven mit tódtlichem 
Erfolge. Ver. d. Zeitsch. f. d. St.A. 1847. I. 2. — N. F. Fritz, Zur gericht- 
sàrztlichen Lehre der Halsverletzungen. Oester. med. ^Wochs. 1843. Nr. 46. — 
Bartsch, Fall einer tòdtlichen Verletznng der Wirbelsàule. Henke's Zeitshr. 
4. Heft. (1843). — F. J. Hergt, Muthmasslicher Gattenmord durch Bruch 
der Halswirbel und Verletzung des Riickenmarkes. Annal. d. St. v. Schnei- 
der etc. (3. Heft. 1843.) — Kussmaul , Crerichtliches Gutachten iiber eine 
Verletzung» durch Messerstiche, welche nach 26 Tagen den Tod zur" Kolge 
hatte. Annal. d. St.A. von Scneider etc. X. 1. (1844). — Martini, Culpòse 
Tòdtung durch Bruch der Halswirbel. Nach den Acten mitgetheilt. Magaz. 
f. d. St.A. von Siebenhaar etc. IV. 2. (1844). — Heyfelder, Superarbì- 
trium iiber einen Strangulationsversueh. Annal. d. St.A. v. Schneider etc. 



Digitized by VjOOQIC 



292 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

X. 3. fi 844). — Obergutachtea iiber eine Kòpperverletzung. Annal. d. St.A. 

XI. I. (1845). — Alleged death from violeuce-marks of strangulation. Lond. 
med. gaz. feber (1847). — Meurtre, fracture de Tos hyoide; traces de vio- 
lences à la face et au cou. Gaz. méd. de Paris. Nr. 11. (1847). — Dp. Si- 
MBONS, Ein mìt einem zinnernen SuppelòlTel auf den Hals elner bejahrten 
Frau gefuhrter Schlag bewirkt deren alsbaldìgen Tod. Henke's Zeitschr. 1. — 
Zur Beurtheilung der Verletzungen des Kelilkopfes und der Luftróhre. 
Blàtter. f. g. Anthropologie von J. B. Friedreich. V. 5. — Zar Beurtheilung 
dèr Verletzungen des Oesophagus; Blàtter fùr gerichtliche Anthropologie. 
VI. 3. — Dp. a. Niemann, a. a. 0. Henke's Zeitschr. f. d. St. A.K. XXXXL 
3. V. Tòdtliche Verletzungen ani Halse. — Dr. Ernsj Buchner, Halsverletz- 
ung mit Eròffnung der Lnftròhre und tòdtlichem Ausgange. Friedreich's 
Bl. f. ger. Anthropolog. XIV. 2. — Schuchardt, Erwiirgung einer Mutter 
durch ihren IQjàhrigen Sohn , bei welchem Acte eine Zerbrechung des 
Kehlkopfes bewirkt wurde. Henke's Zeitschr. f. StA.K. XXXXIV. 3. — 
Steinhaus, Schnittwunde am Hals, Selbstmord oder Mord. Wien. med. 
Presse 1871. Nr. 46, 47. — Guterbock, Die Verletzungen des Halses. Vier- 
teljahrsschr. f. ger. Med. 1873. Juli. — Seydel, Pìigenthiimliche Verletzung 
des Kehlkopfes durch Stoss mit der Fussspitze. Deutsche Zeitschr. f. prakt. 
Medicin. 1 877. Nr. 20. — Orfila, Plaies du Cou. Bulletìn generale de théra- 
peutique. X. sèrie. 7. 12. 1836. — Dubois, Roter et Adelon, Mort par bles- 
snre du cou. Suspicion d'homicide. Anual. d*hyg. et de méd. lég. t. XV. 
p. 394. — Jehl (prés. Tourdes), Des plaies du cou au point de vue mèdico- 
legale. Thèse de Strasbourg, 3e sèrie. Nr. 99. 1868. 

LMnterno del collo racchiude in piccolo spazio un numero 
così grande di organi vitali, che le lesioni profonde di questa 
regione per lo pid implicano pericolo di vita. Quindi il maggior 
numero delle lesioni mortali sulle quali è invitato a dare un 
parere il medico-legale, riguardano quelle del collo. Nella mas- 
sima parte di questi casi trattasi di suicidi; molto più rare 
sono le lesioni dovute a pura accidentalità o inferte da un altro, 
a causa della posizione protetta di questa regione (il mento 
che sporge, gli abiti). Prescindendo per ora dalle più frequenti 
lesioni del collo con istrumenti strangolanti (di ciò sarà te- 
nuta parola in un capitolo a parte), il medico-legale per lo più 
si trova in presenza di ferite fatte con istrumenti vulneranti 
acuti (coltello da tasca, da tavola, rasoio), di rado con quelli 
smussi od angolosi o con arma a fuoco. 

Esaminiamo anzitutto brevemente le ferite di questa re- 
gione. 

La maggior parte di esse si riscontrano sul lato anteriore 
del collo; quelle alla nuca sono molto più rare, e per lo più 
inferte da un altro. Vi sono però eccezioni sul riguardo, giac- 
ché sono noti casi ben constatati, in cui si tentò il suicidio 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del collo 293 

ferendosi profondamente la nuca con armi a dir poco stranis- 
sime. H. Fischer racconta di un giovine, che impugnò un ra- 
soio colla mano destra ed uno colla sinistra, e contemporanea- 
mente vibrò colpi trasversalmente intomo al collo ; le ferite 
s'incrociavano sulla laringe. — Marten riferisce che un psi- 
copatico si produsse una ferita da punta, che attraversava tutta 
la muscolatura della nuca. La ferita era a livello della seconda 
vertebra cervicale, un centimetro a sinistra della colonna ver- 
tebrale. — La maggior parte di queste ferite decorrono obli- 
quamente da sinistra ed in sopra a destra ed in giù, e talvolta 
anche in senso inverso. Molto più di rado hanno un decorso 
completamente orizzontale, eccezionalmente verticale. Nella pra- 
tica forense ha grande importanza la quistione relativa al punto 
ove incomincia ed a quello ove finisce la ferita; sul proposito 
però bisogna schiettamente dire che non possediamo dati sicuri. 
Spesso il punto più profondo della ferita è là dove essa finisce, 
ed i singoli strati delle parti molli sono alla fine recisi in modo 
più equabile che al principio della ferita, ove d'ordinario la 
pelle si mostra recisa a forma di zig-zag. 

Poiché la pelle del collo è plicabile, un taglio sovente 
produce molte ferite cutanee, le quali non sono in rapporto 
fra loro. 

Le ferite trasversali sono molto beanti; i loro margini per 
lo più si accartocciano. Di rado si ha una guarigione per prima 
intenzione, sia per la difficoltà di un'esatta riunione, sia perchè 
le parti non rimangono in riposo. 

Qui dobbiamo anzituUo prendere in considerazione le ferite 
dei vasi. Le emorragie costituiscono il pericolo principale delle 
lesioni violente del collo. Le lesioni delle arterie possono pro- 
durre la morte per rapido dissanguamento; a quelle delle vene 
si aggiunge pure il pericolo della penetrazione dell'aria. Fin- 
a^nco le emorragie leggiere possono divenire mortali per pe- 
netrazione del sangue nelle vie respiratorie o per la compres- 
sione che queste subiscono. Il compito di giudicare le lesioni 
traumatiche dei vasi è molto difficile; soltanto in pochi casi è 
possibile stabilirne la diagnosi intra vitam. Anche i chirurgi 
più esperti sono spesso caduti in errori diagnostici. Se il vaso 
non è allo scoverto, si potrà per lo più fare una diagnosi di 
pf^ohàbilità tenendo a base la posizione e il decorso della fe- 



Digitized by VjOOQIC 



S94 Weil, Produzione delle leBioni violente meccaniche 

rita, la pulsazione, ecc. È anche difficile prevedere il decorso 
della ferita. Può accadere che V emorragia si arresti sponta- 
neamente per molti giorni, e poi inopinatamente se ne verìfl- 
chino altre consecutive mortali. Può anche accadere , che si 
sviluppino molto tardi aneurismi e trombosi delle vene. Circa 
la lesione violenta dei tronchi arteriosi principali , in alcuni 
casi si è verificato che il ferito potette percorrere un tratto di 
via malgrado la recisione estesa e financo completa della pa- 
rete vasale. G. Fischer riferisce un caso osservato da Erwin, 
che riguardava un uomo di 70 anni, al quale un coltello da 
tasca infìsso neir articolazione sterno-clavicolare destra aveva 
recisa Varteria anonima per due terzi della sua periferia, vi- 
cino al punto della sua divisione, e, attraverso la trachea e 
l'esofago era pervenuto fino alle vertebre cervicali; ciò mal- 
grado il ferito potette ancora percorrere 59 yards con passo 
celere. — In un altro caso osservato da Amos, una donna 
con completa recisione della carotide comune, di tutti i rami 
principali della carotide esterna e della giugulare percorse 23 
yards prima di morire. Nel caso riferito da Richels, una 
giovanotta alla quale con una coltellata era stata recisa com- 
pletamente la carotide comune, potette recarsi in una farmacia, 
ed un medico chiamato rapidamente (Mi e ho n) le legò Tarteria 
e la salvò da sicura morte. Le lesioni dei principali tronchi venosi 
sono tanto pericolose quanto quelle dei tronchi arteriosi. Non si 
può mai contare sulla guarigione spontanea. Tutte le ferite della 
vena giugulare interna in cui il chirurgo non apportò soccorso 
a tempo, terminarono colla morte (F i s e h e r); ed anche quelle 
della vena giugulare esterna possono terminare colla morte sia 
per penetrazione di aria, sia per dissanguamento. 

Frequenti sono le ferite della regione dell'osso ioide con o 
senza lesione dello stesso, le quali per lo più sono prodotte nei 
suicidi con rasoi. Possono risiedere al di sopra dell'osso ioide, 
complicarsi a contemporanea lesione delle glandolo salivali, 
dell'arteria mascellare esterna e della linguale nonché del nervo 
ipoglosso; in alcuni casi possono essere lese anche la lingua 
e l'epiglottide. Molto più di frequente risiedono fra Tosso ioide 
e la laringe, e sono molto beanti quando la laringe si abbassa. 
Il pericolo principale di queste lesioni sta nella soffocazione. 
L'epiglottide recisa o corpi stranieri possono ostruire l'adito 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del collo 295 

alla laringe; il sangue e residui di alimenti possono effluire 
nelle vene aeree. Più tardi la morte può essere prodotta da 
edema della glottide, da pulmoniti ab ingesto e da pleuriti non- 
ché da emorragie secondarie. Però anche nei casi gravi si hanno 
non di rado guarigioni complete. Qualche volta rimangono fì- 
stole dalle quali fuoriescono aria e residui di alimenti nonché 
secreti boccali. Non di rado sono state osservate paralisi della 
favella. 

Le ferite della laringe e della trachea sono sempre gravi, 
e talvolta pongono la vita in pericolo. Nelle ferite da arma a 
fuoco la proporzione percentuale della mortalità ascende pres- 
soché al 42 7o ; ^^ quelle da taglio è minore , ed è degno di 
nota il fatto che nelle grosse ferite cutanee la proporzione del- 
la mortalità é minore che in quelle con lesioni, cutanee pic- 
cole. Secondo Horteloup, sopra 88 grosse ferite da taglio 
di questa regione si ebbero 67 guarigioni e 21 casi di morte 
(23,8 7o); sopra 21 piccole feritesi ebbero 10 guarigioni e 11 
casi di morte (52,3 %) (G. Fischer). Le ferite piccole com- 
portano prognosi più grave perchè l'afflusso dell'aria ai pul- 
moni é più difficile, ed é maggiore il pericolo dell'enfisema e 
degli stravasi sanguigni nelle parti circostanti. La causa per 
cui la mortalità è tanto elevata nelle ferite laringee e tra- 
cheali, sulle quali il medico-legale é chiamato a dare il parere, 
dipende da che non si hanno quasi mai ferite semplici. 

Le osservazioni chirurgiche dimostrano che le semplici 
ferite da taglio non sono pericolose. Le ferite della laringe e 
della trachea, praticate per la rimozione di corpi stranieri, gua- 
riscono quasi sempre per prima intenzione senza che resti 
disturbo di sorta. Nei casi in cui è chiamato il medico-legale 
a dare un parere, trattasi quasi sempre di lesioni violente 
complicate. La glandola tiroide ed i vasi che decorrono tra- 
sversalmente al di sopra della laringe sono per lo più lesi, e — 
corrispondentemente a ciò — queste lesioni si accompagnano 
quasi sempre ad emorragie profuse, che divengono pericolose 
subito per l'influenza nociva che esplicano sul corso di gua- 
rigione della ferita. Nei suicidi si producono spesso le lesioni 
violente più complicate che si possa immaginare. Così, per es., 
Jameson riferisce che una donna a 50 anni si vibrò cinque 
coltellate; quando il chirurgo stava per applicare le suture. 



Digitized by VjOOQIC 



296 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

essa estrasse dalla tasca un oggetto che era costituito da tutta 
la cartilagine cricoide, dall'ala sinistra della cartilagine tiroide, 
dalla cartilagine aritenoide destra e da una porzione dei pri- 
mi anelli tracheali , dalla mucosa della faringe e dalle fibre 
muscolari della laringe. Visse altre 34 ore (Fischer). Non di 
rado vengono lesi pure grossi vasi e nervi importanti, senza che 
si possa stabilire una diagnosi esatta. Quindi è necessario il 
massimo riserbo quando si tratta di giudicare il decorso e le 
conseguenze di queste lesioni violente. Anche quando sieno 
cessati i pericoli immediati del dissanguamento e della soffoca- 
zione, può verificarsi più tardi la morte per edema della glot- 
tide, per emorragie secondarie, per dissanguamento o per sof- 
focazione (penetrazione del sangue nelle vie aeree, oppure com- 
pressione per formazione di ematomi). Altri pericoli possono 
insorgere nelP ulteriore decorso, perchè tratti necrotici della 
cartilagine ostruiscono le vie aeree, oppure i secreti della ferita 
effluiscono nella stessa, e producono infiammazioni mortali. Nei 
casi che non terminano colla morte possono prodursi deformità 
per fistole, o verificarsi disturbi della favella ( soprattutto al- 
lorché sono lese le corde vocali oppure i nervi laringei), ov- 
vero completa afonia per aderenze della laringe dopo lunghe 
suppurazioni , cachessia ( per cronici catarri delle vie aeree , 
processi suppurativi, ecc.). 

Sopra un altro punto debbo richiamare l'attenzione del 
medico-legafe, cioè sulla entità della tracheotomia nelle lesioni 
violente della laringe. Ho già detto che la maggior parte di 
questi infermi muore per soffocazione. Non è a porre in dubbio 
che molte volte la tracheotomia, fatta a tempo, potrebbe im- 
pedire resito letale, ed è dovere di ogni medico di esami- 
nare accuratamente ogni caso di lesione violenta delle vie 
aeree, e fare la tracheotomia non appena sorge il pericolo del- 
la soffocazione. In ogni caso egli dovrà decidere se la tra- 
cheotomia fatta a tempo avrebbe potuto salvare la vita deirin- 
fermo (Vedi Witte, Ueber die Verwundungen des Kehlkopfes 
und ihre Behandhmg, insbesondere ùber die Bedeutung der 
prophylacttschen Tracheotomie. La,rìgenhec'k''s Archiv 21). 

Molto più rare delle lesioni delle vie aeree con istru- 
menti vulneranti aguzzi sono (prescindendo dagli strangola- 
menti) quelle con oggetti smussi od angolosi. Fra queste le- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del collo 297 

sioni bisogna menzionarne una non ancora completamente 
spiegata: la cosi detta commozione della laringe, G. Fischer 
(Pitha-Billroth, Die Kranhhetten des Halses, pagina 58, 
1871) dice: una percossa od una forte compressione sulla la- 
ringe, che è così ricca di nervi, può uccidere repentinamente 
(senza che si produca frattura od altra lesione) per shok o per 
soppressione della respirazione, in conseguenza di spasmo gì ot- 
tico. Se la morte non accade repentinamente, seguono lipoti- 
mie « di più o meno lunga durata >. Dopo nove anni lo stesso 
autore {Deutsche Chirurgie , Lieferung 34, 1880, pag. 75) 
scrisse su questo tema: «è dubbio se i gravi sintomi della 
dispnea o le lipotiraie possano seguire ad una semplice com- 
mozione, cioè verificarsi senza alcuna alterazione constatabile 
nella laringe ». È certo che gli urti, i quali colpiscono la laringe 
e le regioni laterali del collo, possono uccidere repentinamente 
anche senza che sieno fratturate. È dubbio se in questi casi 
possa trattarsi di stravasi sanguigni, come per es. in quello 
di Sey del (Eigenthùmliche Verletzung des Kehlkopfes durch 
Stoss mit der Fusspitze, Deutsche Zeitschrift far prahtische 
Med. 20, 1877) y oppure, come Gueterbock inclina ad am- 
mettere, di un edema pulmonale rapidamente transitorio e non 
più constatabile sul cadavere. A favore della supposizione che 
trattisi di una commozione della laringe depongono — a quanto 
parmi — due casi che mi sono stati riferiti dal professore Ma- 
schka. Molti anni or sono costui praticò T autopsia del cada- 
vere di un bambino di dodici anni, che per effetto di una pietra 
la quale, aveva colpito in avanti la laringe, stramazzò cadavere 
al suolo. L' esame necroscopico non fece rilevare alcun' alte- 
razione nel punto colpito e nessun disturbo che avesse potuto 
spiegare la morte. — Nel mese di giugno di quest'anno M a s e h k a 
fu invitato a dare un parere sopra un caso analogo. Un uomo 
a 40 anni per effetto di urto violento cadde col lato destro 
del collo sopra il margine aguzzo di un oggetto; urtato dal- 
l' aggressore altre due volte contro Io stesso margine, morì 
sul colpo. Air autopsia, fatta colla massima accuratezza, non 
si potette accertare nessuna anomalia nel punto dove aveva 
agito il trauma; ed in tutto il cadavere non si rinvenne nulla 
che avesse potuto spiegare la morte. Il parere dato da Ma- 
schka fu che il ferito era morto per shok in conseguenza del 



Digitized by VjOOQIC 



298 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

trauma sofferto, ma le cui conseguenze non potevano essere 
prevedute dall'offensore. 

Molte dispute vi sono state fra gli autori circa le fratture 
della laringe, le quali sono relativamente rare. La controversia 
si è aggirata a preferenza sul fatto: se possano essere pro- 
dotte intra mtam quando P offeso venga afferrato con mano 
ferma pel collo, oppure po^t morfern. Casper e Liman ne- 
gano che codeste fratture possano essere prodotte dopo la 
morte, Keiller ne ammette la possibilità. Liman dice che 
d'ordinario le fratture delle cartilagini laringee non vengono 
prodotte col semplice afferrare per il collo, oppure per effet- 
to di cadute, di urti, di percosse ecc., ma soltanto in conse- 
guenza di una forte compressione esercitata sul collo, e le 
quali non possono originarsi dopo la morte. G. Fischer rac- 
colse 75 casi di questa specie, dei quali 16 guarirono e 58 
terminarono colla morte. Secondo lui, è soprattutto Tossifica- 
zione della laringe che favorisce la produzione della frattura; 
però anche nei cadaveri di individui giovani è possibile produr- 
re una frattura mercè forte compressione. — Gli esperimenti 
sui cadaveri danno diversi risultati. Il più di frequente si frat- 
tura la cartilagine tiroide, più di rado la cricoide. Queste due 
fratture possono anche associarsi a quella dell' osso ioide. La 
causa più frequente è costituita dalla soffocazione colla mano. 
Sono state osservate fratture di questa specie per cadute da 
una grande altezza sopra un corpo solido aguzzo, oppure ca- 
dendo sotto una vettura che passi sopra , nonché dietro per- 
cossa (inferta per es. con un pesante stivale ferrato), con un 
colpo di pietra, ecc. G. Fessard (Des fractures traumatiques 
des cartilages du larynx y Thése , Paris, 1877) riferisce 12 
casi di fratture laringee, che possono prodursi sia mercè com- 
pressione laterale colle dita, sia premendo da avanti in dietro 
e perviene alla conclusione, che le ossificazioni cartilaginee 
vi predispongono in modo speciale. — Le fratture della laringe 
sono oltremodo pericolose. Bisogna tener presente che anche 
quando esse prendano al principio un decorso favorevole, spesso 
accade che più tardi si verifica repentinamente la morte. Circa 
la necessità di praticare la tracheotomia, vale lo stesso di ciò 
che ho detto per le ferite della laringe. Nella guarigione di 
fratture laringee restano spesso stenosi, che determinano di- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 299 

sturbi della favella. La maggior parte dei guariti debbono por- 
tare cannule tracheali. 

Più rare sono le fratture isolate àeìV osso ioide, le quali 
possono essere prodotte mediante urto contro un oggetto duro, 
percossa, ecc. Si frattura quasi sempre uno dei grossi corni. So- 
pra 23 casi registrati nella Letteratura e riferiti da Fischer 
ne morirono 12. 

Molto più rare e pericolose sono le fratture della cartila-- 
gine tracheale. 

Quando la mu:a è colpita con oggetti vulneranti ottusi, 
possono verificarsi scuotimenti e contusioni del midollo cervi- 
cale, nonché fratture e lussazioni delle vertebre cervicali. Delle 
lesioni del midollo spinale terrò parola quando prenderò in esame 
le lesioni traumatiche del torace. — Circa le fratture in generale 
fo rilevare che per lo più sono prodotte da traumi indiretti, molto 
più di rado da percosse sulla nuca, e nella maggior parte dei 
casi costituiscono lesioni mortali per la contemporanea con- 
tusione del midollo spinale. — Molto più rare àono le lussazioni 
di questa regione: le bilaterali in avanti sono prodotte ordi- 
nariamente da una caduta sul cranio e sull'occipite, essendo 
la nuca fortemente incurvata ; quelle unilaterali sono quasi 
sempre dovute a percosse da un lato. 

Le prime, tranne rare eccezioni, hanno un decorso mor- 
tale in poche ore; le unilaterali qualora non vengano ridotte 
hanno pure un esito letale, il quale però si verifica più lenta- 
mente. Le sublussazioni possono essere prodotte dalla caduta 
di pesi sulla nuca, e, tranne una certa rigidità del collo, non 
danno altre conseguenze. Gussenbauer presentò uno di que- 
sti casi alla Società Medica tedesca. 

B. Lesioni violente del petto. 

Krugelstein, Ueber durchdpingende Wunden des Brustbeins. (Henke's 
Z. f. d. St. 1843. (4. Heft.) — Rothamel, Gutachten iiber eine angeblich 
lebensgefahrliche Misshandlung, beziehungsw. Verletzung des Thprax, deren 
eine sterbende Mutter ihren Sohii anklagte. (Henke's Z. f. d. St. 1843. 3. 
Heft.) — Schleier, ZurLehrevon den penetrirenden Bnistwunden. (Casper's 
Wochenschr. 1843. Nr. 33.) — OLLrviBR (d' Angers) , Sur un cas de plaie 
penetrante de la poitrine faite par un instrument pìquant et non tranchant. 
(Annales d'hygiène et. 1843. Juillet.) — Ruff, Gerichtsàrztl. Gutachten iiber 
eine todtliche Verletzung der Arteria intercostalis. Annal. d. St. v. Schnei- 



Digitized by VjOOQIC 



300 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

der etc. 2. Heft. (1843). — Nikolai, Ueber Durcfabohrang des Brustbeines. 
Henke's Zeitschrift. 3. Heft. (1843). — -""Niess, Fundberich nebst Gutachten 
iiber eiiie gefòhrliche Brustverletzung durcli einen Schuss bei einem 15jàhri- 
gen [Màdchen. Annal. d. St.A. v. Schneider etc. X. 3. (1844). — Graff, 
Gutachten des Gr. Hess, medicin. Collegs die Todesart eines einige Stunden 
nach einem S tosse auf die Ernst Yerstorbenen betreffend. Henke's Zeitschr. 
3. Heft. (1844). — NiEss, Gutachten iiber die Todesursachen eines 14 Tage 
nach einer Misshandlung yerstorbenen Mannes. Annal. d. St.A. v. Schnei- 
der etc. X. 4. (1844). — P. J. Schneider (in Offenburg), Obergerichtsàrztli- 
ches Gutachten iiber cine Verletzung der Arteria intercostalis. Annal. d. 
St.A. XI. 1. (1845). — Dr. F. Muschner, Zwei Falle von Stichwunden in 
das Herz und den Unterleib. Ver. d. Z. f. d. St.A. III. 1. (1847).— Dr. Sta- 
BELMAYBR, Ueber cine penetrìrende Herz- und Magenwunde, nebst gleich- 
zeitiger Verletzung einer Arteria intercostalis. Med. Gorresp. 81. Bayer. 
Aerzte. Nr. 3. (1877). — Dr. Simeons , Zur Lehre von den penetrirenden 
Brustwunden, Verletzung der Arteria mammaria interna mit tòdtlichem 
Ausgange, nebst gerichtsàrztl. Gutachten. Henke's Zeits. XXIX. 1. (1849). — 
Dr. Landsbero, Ueber die penetrìrende Herzwunde. Zeitschr. f. d. ges. Me- 
dicin etc. V. F. W. Oppenheim. Bd. 43. 4. Heft. — Dr. J. Moppey , Ein 
gerichtsàrztlicher Fall von einer in Folge von Verwundung des Brustfells 
und der Lunge mittelst eines Stichs eingetretenen Lungenerweiterung bei 
gleichzeitiger Heilung und voUstandiger Vernarbung der Lungen^iunde. 
Vereinte deutsche .Zeitschrift f. d. St.A.K. Neue Folge. IX. 1. — Dr. L. 
BucHNER, Superarbitri um iiber einen mepkwiirdigen Fall einer Kòrper- 
verletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge XI. 2. D. Bbel, 
Sectionsbefund und Gutachten iiber eine tódtlich gewordene Stichwunde. 
Ebendaselbst. XII. 2. — Alfr. Jackson, Entziindung und Brand der Lunge 
in Foige eines Schlages auf die Brust ohne Bruch der Rippen , zugleich 
Gehirnabscess. ('anada medicai Journ. 1 853. — Die Verletzungon des Zwerch- 
fells. Blàtter fiir gerichtl. Anthropologie von J. B. Friedreich. V. 1. — 
Dr. Fluegel, Schwere Kòrper verletzung in Concurrenz mit einer alten Vo- 
mica in der rechten Brusthàlfte; Tod am 9. Tage. Falle aus meiner ge- 
richtsàrztl. Praxis. I. Viertelj. fùr gerichtl. u. òffentl. Med. VIII. 2. — Dr. 
P. J. Schneider > Obergerichtsarztl. Gutachten iiber eine gefahrliche Kòr- 
perverletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge. VI. 1. — Dr. S. 
L. Purple, Ueber Herzwunden in forensischer Hinsicht. New-York Journ. 
May 1 855. — Penetrìrende Herzwunden, Verlelzungen grosser Arterien- und 
Venenstàmme nahe am Herzen. Deutsche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge 
VI. 1. — Dr. N. Friedreich, Fall von penetrirender Brustwunde mit nachge- 
folgter Heilung. Blàtter f. g. Anthropologie. VI. 2. — Dr. R. Volz , Eine 
penetrìrende Herzwunde erst am 6. Tage tódtlich. Mltth. des bad. àrztl. 
Vereines. IX. 12. — Gutachten iiber eine Stich verletzung. Blàtter fùr gerichtl. 
Anthropologie. VI. 4. — Dr. Brefeld , Ueber Quetschungen und Erschiit- 
terungen des Brustkorbs in medicinischer Hinsicht. Henke's Zeitschr. f. d. 
St.A.K. XXXVII. 3.— Dr. Hofmann, Anklage wegen Raubes vierten Grades 
und Diebstahlsvergehens. Henke's Zeitschrin. f. d. St.A.K. XXXIX. 2. — 
Ueber die Lethalitilt der penetrirenden Herzwunden. Blàtter ftìr ger. An- 
thropol. V. J. B. Friedreich. XIII. 2. — Dr. Schurmayer, Aus dem Schwur- 
gerlchtssaale. Deutsch. Zeitschr. f. StA.K. XIX. 1. Penetrìrende Mes- 
serstichwunde der rechten Brust; Verletzung der Arterie uni Vene des 
mittleren Lungenlappens; Tod durch Ruptur des Zwerchfelles und des Ma- 
gens. — Dr. C. ScHWABE , Schwurgerichtliche Falle. Casper's Vierteljahr* 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 301 

XXI. 2. Mord durch Erschiessen in Folge einer penetrirenden Brustwunde. — 
Dr. W. E. V. Faber, Ein volkommener Bnich dea Brustbeines. Casper Viertl. 
f. ger. u. òflfentl. Medicin. XXIII. 2. — Dr. Hofmann, Anklage wegen Ver- 
brechens der Kòrperverletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. XXI. 2. 
(Rippenbruch durch Fusstritt auf die Brust.) — Dr. Maisoneuve, Blessure 
du trono brachiocéphalique gauche, suivie de gnérison. Gazette des hopitaux. 
1865. Nr. 63. (Verletzung der Vena anonyma sinistra durch einen Dolchstich 
mìt nachgefolgter Heilung.) — Dr. Hofmann , Anklago wegen Kòrperver- 
letzung rait nachgefolgtem Tode und wegen Kòrperverletzung. Deutsche 
Zeitschr. f. d. StA.K. XXIII. 1. (Tòdtliche Stichverletzung der Vena jugu- 
laris an ihrer Zusammentrittstelle mit der Subclavìa.) Anklage wegen Kòr- 
perverletzung mit nachgefolgtem Tode. Deutsch. Zeitschr. f. StA.K. XXXIIL 
1. (Lungenstichwunde mit Verletzung des Herzbeutels und der Aorta 1" 
oberhalb ihres Austrittes aus dem Herzen.) — Dr. E. Buchner, Aeussere 
Brustverletzung; Tod; nicht tòdtliche Verletzung; lange dauernde Arbeits- 
unfàhigkeit. Friedreich's Blatter f. gerichtl. Anthropologie. XVI. 5. Con- 
tusion und Erschiitterung der rechten Brusthàlfte durch einen Schlag mit 
einer eisernen Gabel ohno nachweisbare Theilnahme der inneren Brustor- 
gane oder der Bauchhòhle; Subparalyse der Intercostalmuskeln rechterseits, 
Quetschung der Portio sternal. des Brustmuskels mit periodisch eintretender 
Besserung; spiiter Auftreten einer mit hectischem Fieber verbundenen 
Lymphdriisenaffection ; Tod durch ausgebreitete Broncho-pneumonie. — 
GiRALDEs, Rapport sur un cas d*eraphysème traumatique du a une fracture 
de còte. Annal. d'hyg. 1869. T. XXXÌ. Aviùl. — Wutscer, Fall von per- 
forirender Brustwunde mit Prolapsus der Lunge. Sitzungsberichte des Vereins 
der Aerzte in Steiermak. Vili. (1871). — v. Lanoenbeck , Superarbitrium 
dep k. wissensch. Dep. f. d. Med.-Wesen in der Untersuchungssache A. M. 
n. G. C. Vierteljahrsschr. d. ger. Med. 1872. Aprii. (Fall von Brustfellent- 
ziindung in Folge penetrirender Brustwunde. — Med. Colleg fùr die Provine 
Preussen. Ein Fall tòdtlicher Zwerchfellshernie , sechs Monat nach einer 
Stichverletzung in die linke Brustseite. Ref. Med. Dr. Tineus. Vierteljahr. 
f. ger. Med. 1873. Aprii. — Sander', Selbstmord durch Stich in das Herz 
mittelst eines Stiick Glas. Vierteljahrsschr. f. g. Med. u. off. Sanitàtsw. Bd. 
XXVII. Suppl.-Heft. p. 139. — Bremme, Zerreissung des Zwerchfells in der 
rechten Steite in Folge gewaltiger Auftreibung des Magens. Viertelj. f. ger. 
Med. u. off. Sanitatsw. XXIX. 1. — Cavalier, Observat, sur quelques lésions 
du diaphragme. Paris an XIII. — Bavat, Mémoire sur un cas de rupture 
du diaphragme par suite de blessures graves, et sur le questions médico- 
légales qu'elles souleverent. Arch. gén. de médec. 1834, t. Vi. p. 32. — 
Bumas, Rupture du diaphragme. Jour. de la soc. de méd. de Moniepellier. 
November 1842. — Percy, Art. Diaphragme. Dict. des Siene, méd. en 60 
V(A. — Cloquet et Berard, Ruptures du diaphragme. Diction. réport. des 
Siene, médec. 2. édit. t. X. p. 263. — Brefeld, Ueber Quetschungen und 
Erschiitterungen des Brustkorbes in medicin. Hinsicht. Henke*s Zeitschrift 
f. St.A.K. XXXVII. 3. — Trisser, Dissertatio de mirando cordis vulnero 
I)ost quatuordecim dies denum lethali. Viteb. 1775. — Adler, Ueber die 
Verletzungen der Blutgefòsse. Wiirzburg 1850 etc. Blàtter f. ger. Anthrop. 
X. 1. — VoLTZ, Eine penetrirende Herzwunde am sechsten Tage tòdtlich. 
Mittheilungen des Bad. arztl. Vereins. IX. 12. — Friedreich , Ueber die 
Lethalitàt der penetrirenden Herzwunden. Blfitter f. ger. Anthrop. XIII. 2. — 
NiEMANN, Verletzungen der grossen Gelasse der Lungen und des Herzens. 
Henke's Zeitschr. f. StA.K. XXXVII. 3. — Breschet, Rapport médico-légale 



Digitized by VjOOQIC 



302 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

sor une plaie par arme à feu. Lésion de la veine azygos. 1828. — Tourdes 
<G.), Des blessures de Tartère roaramairo interne au point de vue medico- 
iemale ; relation d'un cas mortel. Annal. d*hyg. et de Médec-légal. 1849. 
t. XLII. p. 1 65. — TouLMOUCHE, Des plaies pénétrantes de poitrine au point 
de vue chirurgicale et médico-légale. Annal. etc. 2. Sèrie, t. XI. p. 436 
et t. XII. p. 395. 1859. — Gerdy , Rapport médico-légale sur un cas de 
plaie de poitrine. Ardi. gén. de méd. 2. sèrie, t. XV. p. 435. — Ollivier 
(d'Angers) , Note sur un cas de plaie penetrante de poitrine. Ann. d'bj'g. 
et de médec.-lég. t. XXX. p. 169. — Larrey, Blessure de Tartère mam- 
maria interne. Clinique chirurg. t. II. p. 181. — Sanson (A.), Des plaies du 
coeur. Thèse de Paris 1877. — Gerard, (prés. Tourdes), Des plaies du coeur 
au point de vue raéd.-lég. Thèse de Strasbourg. 1858. — Bouganel, Observ. 
de mort subite par rupture de V artère renale ayant fait soupconner un 
meurtre. Union méd. XII. 147; 1858. — Elvers, Plaie du coeur. Ext des 
Annales des Kopp. Bulletin d. selene, méd. de la société d' émulation de 
Paris, t. IV. Nr. 26. p. 343. — Orfila, Méd. legale, t. II. p. 525. — Colson, 
Rupture de la colonne vertebrale. Annal. d'iiyg. et méd.-lég. t. XXII. p. 
445. — Casper, Ueber die Verletzungen des Riickenmarks in Hinsicht auf 
ihrem LethalitàtsverMltniss. Rust's Magazin. 14. Bd. p. 411. Berlin 1823. — 
Kribmer, Ueber die Krankheiten und Verletzungen des Riickenmarks in 
medie, forens. RUcksicht. Wiltberg^s Jahresber d. gesamrat. Staatsarzneik- 
unde. pag. 62. — Siebenhaar, Encyklopiidie, art. Rijckgratsverletzungen. 
Dr. HoFER, Durch beabsichtigte Kòrperverletzung — Durchstechung des 
Ruckenmarks — verschuldete Tòdtung. Wiirttemb. médicin. Corresp.-Blatt 
1847. Nr. 43. — Dr. Simkons, Tòdtliche Verletzung der Wirbelsàule und 
des Riickenmarks. Henke's Zeitschr. 3. (1847). — Dr. B erg, Fall von Riick- 
enmarks verletzung. Med. Corresp.-Bl. d. wiirttemb. àrztl. Vereins XXV. 
Nr. 35. — NoTHLiNG, Stichwunde in den Nacken. Aerztl. Mittheilungen aus 
Baden. XII. IO.- Dr. Schwandner, Ein Fall von.Riickonmarksverletzungen. 
Med. Corresp.-Bl. d. wi'rttemb. àrztl. Ver. XX Vili. Nr. 1 1.— Dr. J. Maschka, 
Gerichts-àrztl. Mittheilungen. Casper's Vierteljahrsschr. f. ger. u. òffentl. 
Medicin. XV. l. II. Stoss in den Riicken; Phlegmone; Pyàmie; Tod; nicht 
nachweisbarer Zusammenhaug der letzteren rait der Misshandlung. — Dr. 
L. BucHNER, Arbeitsunfahigkeit bleibend oder voriibergehend? Ein Super- 
arbitri um uber einen interessanten Fall von Riickenmarksverletzung. Deut- 
sche Zeitschr. f. d. St.A.K. Neue Folge XIV. 2. — Dr. Haschek , Oesterr. 
Zeitschr. f. prakt. Heilkunde VII. 38. 40. III. Erschiitterung des Rumpfes; 
Hyperamie und acute Bindegewebewucherung; Tetanus etc. etc. — Prestat, 
Verletzung des Riickenmarkes. L'Union med. 1860. 147 e Wien. med. 
"Wochenschr. 5. 1861. — Dr. J. Maschka, Gerichtsàrztl. Beitriige. Casper's 
Vierteljahrssch. XXI. 1. Angebliche Misshandlung eines Sàufers durch Stoss 
auf die Brust und dadurch gesetztes Hinstiirzen auf den Riicken mit cacb- 
gofolgter Riickenmarksentziindung. 2. Schlàge gegen den Nacken; nachge- 
folgte Làhmung der linken Kòrperhàlfte mit Contractur im Kniegelenke. — 
Dr. P. J. ScHNEiDER, Obergerichtl. Gutachten iiber Tòdtung durch Zerreis- 
sung der Bànder der obersten Halswirbel bei einem Gattenmorde. Deutsche 
Zeitschr. f. d. StA.K. XX. 2. — Ludwig Frei, Ueber Tod durch Halsum- 
drohen Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. XXI. 1. — Dr. Maschka, Gerichts- 
àrztl. Mittheilungen. Casper's Vierteljahrsschr. f. g. u. off. Medie. XXIII. 
2. — Dr. Hofmann, Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. XXIII. 1 . Ruckenstich- 
wunde durch die Haut und das Unterhautzellgewebe. — Dr. Buhl, Fried- 
reich's Bl. fiir ger. Anthropologie. XVI. 2. Schlag mit einem in ein Sacktuch 



Digitized by VjOOQIC 



Losioni violente del petto 303 

eingebundenen Stein in die Nackengegend. — Dr. E. Buchnbr, Friedreich's 
61. f. ger. Anthropologie. XVI. 4. Bleibende Berufsunfòhigkeit. (Benteln am 
Kopfe und Missliandeln durch Werfen auf den Boden und Zerren an den 
Haaren und im Genick; Verletzung des verlàngerten Marks und der dort 
entspringenden Nervenstrànge (N. vagus, glossopharyngeus, recurrens Vil- 
]isii und bypoglossus); Làhmung der Sprachwerkzeuge u. Scblingorgane, der 
Zunge und Gliedmassen^ Zuckungen der Arme und des ganzen Kòrpers mit 
zuruckbleibenden epileptischysterischen Kràropfen. — Hall, Carles, Joh>% 
Raiiway Pathology case of Harris versus the Midlead Railway Company. 
The Britisch Journal 1874. Dezbr. — Ledereb, Zertriimmerung der Halswirbel 
und des Riickenmarkes. Wien. med. Presse. 1875. Nr. 27. — Leyden, Ein 
Fall von Riickenmarkerschiìtterung durch Eisenbahnunfall. ArcL. f. Psy- 
chiatrie. Bd. Vili. Heft 1. (1877). 

Le contusioni della cassa toracica possono produrre gravi 
fenomeni di shok. Dopo urti contro la regione cardiaca fu os- 
servato uno shok che uccise repentinamente, senza che T au- 
topsia avesse potuto accertare un'alterazione qualsiasi degli or- 
gani. Quando il trauma è molto intenso possono prodursi gravi 
contusioni e flnanco rotture degli organi interni, del pulmone e 
del cuore, senza alcuna lesione della parete toracica. I giovani 
possono subire una forte compressione del torace (per es. nel 
cadere sotto una vettura, che vi passi sopra) senza che le co- 
stole si rompano. È difficile giudicare le conseguenze di tali 
contusioni. Tuttoché non possa negarsi che pulmoniti, pleu- 
riti e pericarditi possano (1) seguire a contusioni del torace, 
la grande frequenza delle affezioni pulmonali e il continuo 
esporsi di questi individui ad altre influenze morbigene, ren- 
dono spesso difficilissimo accertare il nesso fra la malattia ed 
il trauma. 

Qui meritano speciale menzione le contusioni della mani- 
m ella. Talvolta accade che, dopo un urto contro la mammella, 
si sviluppa, in un intervallo più o meno lungo, un tumore del- 
l'organo, e la donna l'attribuisce al trauma sofferto. Il medico- 
legale deve far rilevare che può esservi un nesso causale fra il 
trauma e la produzione del tumore; il quale tumore però è con- 



(1) Billroth(Krankheiten der Brust. Pitha-Billrotlfs Handbucli) vide 
seguire la pericardite ad un urto contro la regione del cuore. Vedi anche M. 
Behier, Rapport sur un cas de pericardite qui avait óté soumis a des vio- 
lences éxtérieures. Société de mcdecine-legale (Annales d'hygiène publique 
30, 1868). 



Digitized by VjOOQIC 



304 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

seguenza rara anziché inevitabile del trauma, e vi concorre piut- 
tosto la peculiare costituzione organica delPindividuo. Per ac- 
certare la maggiore o minore probabilità del nesso, bisogna 
ben valutare il decorso, l'anamnesi, e soprattutto T eredità, ecc. 
Unp dei precetti fondamentali della nostra scienza è che il 
medico-legale deve sempre rigorosamente « individualizzare » 
i casi. Più frequentemente si osserva la mastoite dopo un trauma 
sulla mammella di una donna che allatta. Anche nel giudicare 
questi casi il medico-legale deve essere sempre riservato. È 
indubitato che un urto contro la mammella in funzione può ec- 
citare l'infiammazione (e quando essa è già inferma, per es. per 
carcinoma, dopo il trauma si osserva sviluppo più rapido del 
neoplasma). Nel caso concreto però è molto difficile dare un 
giudizio esatto ed inappuntabile, perchè una mammella funzio- 
nante spesso s'infiamma senza pregresso trauma (secondo la 
statistica di Winckel nel 6 7o delle donne che allattano), e 
resta sempre dubbio se la flogosi sia stata indotta dal trauma 
oppure dall'infezione per la via della mammella. 

Le fratture della clavicola sono conseguenze frequenti di 
un trauma che la colpisca direttamente; ma il più delle volte 
si producono indirettamente per caduta sulle spalle. Il braccio 
del lato afi'etto è d'ordinario messo fuori stato di funzionare 
per 3-4 settimane. Eccezionalmente si verifica guarigione senza 
spostamento deirosso. La deformità per abnorme callo e so- 
vraccavallaraento dei frammenti potrebbe tutto al più riuscire 
sgradita alle signore delle classi sociali elevate. La frattura 
si consolida pressoché in 4 settimane, e può divenire pericolosa 
solo quando un grosso vaso sanguigno venga leso da qualche 
frammento aguzzo. — Nei vecchi si verificano spesso fratture 
delle costole anche dopo traumi leggieri, dopo semplice caduta 
sul pavimento; nei giovani dopo traumi intensi; da sole non 
hanno importanza. Vidi molte volte individui con due o tre costole 
fratturate riprendere nella seconda settimana il lavoro, senza 
che ne risultasse alcun danno. Gravi pericoli possono essere 
prodotti da contemporanea lesione delle arterie intercostali, 
della pleura, dei pulmoni per frammenti aguzzi. Talvolta anche 
dopo due anni si producono dolori puntori laterali, tosse, ecc. 
(vedi Hamilton, Knochenhruche und Verrenkungen). 

Molto più rare sono le fratture delle vertebre. Perchè 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 305 

si producano, il trauma deve essere intenso, e agire sia diret- 
tamente sia indirettamente (caduta sulle natiche da una gran- 
de altezza). Costituiscono per lo più lesioni mortali a causa 
della contemporanea contusione e lacerazione del midollo, e la 
morte può accadere repentinamente o dopo settimane. Di ra^ 
do restano paralisi inguaribili. Le fratture delle vertebre sol- 
tanto in casi eccezionali guariscono senza che restino danni 
permanenti. 

Analogamente alle fratture vertebrali, anche il midollo spi- 
nale può subire isolatamente contusioni e commozioni. Negli 
ultimi 15 anni i medici-legali in Inghilterra sono stati molte 
volte invitati a dare un giudizio sopra casi di commozione del 
midollo spinale accaduta per accidenti ferroviari; i rispettivi 
interessati avevano intentato un processo alla compagnia ferro- 
viaria per indennizzo pecuniario. Poiché le conseguenze di tali 
accidenti ferroviari sogliono svilupparsi gradatamente, nel corso 
di mesi od anni, spesso è difficilissimo accertare il nesso fra 
il trauma ed i consecutivi disturbi patologici; paralisi, contrat- 
ture, nevralgie, ecc. 

John Erichsen (1) ha raccolto 14 casi di commozione 
del midollo, in 6 dei quali la causa era dovuta a disguidi del 
treno ferroviario. A partire da quel tempo J. Syme, Ed. Mor- 
ris, Savory, J. A. Liddel, Leyden (2), de Beurmann, 
Lawson e Gay hanno pubblicato osservazioni sul proposito. 
Nel dare un giudizio in questi casi bisogna essere molto cauti, 
perchè ad inizi insignificanti sogliono succedere paralisi in- 
guaribili, e talvolta per cronica mielite o per formazione di 
tumore (caso di Leyden) dopo molti anni può verificarsi la 
morte. Altre volte accade che gravi paralisi si risolvono. Ma 
quando la malattia durò piii di un anno, non si è osservata 
una risoluzione dei sintomi. 

. Le ferite del petto acquistano speciale importanza quando 
sono penetranti in cavità toracica. In casi eccezionali una fe- 
rita che perviene fino alla pleura può — se questa fu con- 
tusa — determinare una pleurite nello stadio di reazione. In 



(1) On railway and other injuries of the nervous System. London. 1866. 

(2) Klinik der Ruckentnarkskrankheiten, e Archi v fùr Psychiatrie. Voi. 
Vili. 1877. Vedi anche il Jahresbericht, 1876, 77, 78. 

MASCHKA^Med. Leg. Voi. I. 20 



Digitized by VjOOQIC 



306 Weil, Produzione delle lesioDi violente meccaniche 

questi casi bisogna però sempre prendere in considerazione se 
un tale accidente avrebbe potuto essere editato con un tratta- 
mento adeguato. 

Una ferita perforante del torace può divenire mortale per 
profusa emorragia nel sacco pleurico. Queste emorragie si pro- 
ducono per lesioni del cuore , dei grossi vasi e dei pulmoni , 
nonché per ferita delle arterie intercostali o delFarteria mam- 
maria interna. — Ben poche volte è possibile di determinare 
esattamente la sorgente dell'emorragia, il che d'altra parte non 
ha grande importanza, perchè soltanto in rarissimi casi può 
essere legato direttamente il vase sanguinante. Ciò dicasi sol- 
tanto per i vasi testé citati, la cui lesione per solito non dà 
emorragie mortali. Spesso si ebbero emorragie mortali dalle 
arterie intercostali e dalla mammaria interna; e nella lette- 
ratura medico-legale vi sono molte monografie sulP argo- 
mento. H. Schmid pubblicò nella Prager medizinische Wo- 
chenschr. (Nr. 18; 1879) un caso di questo genere. Un agricol- 
tore cadde dall'altezza di tre metri sopra un palo (di legno) di 
un carro di grano, e di là a terra. Dopo il trauma, potette a 
stento trascinarsi innanzi, ed invocare soccorso. Il palo di le- 
gno, su cui l'infelice cadde, era penetrato nella cavità ascellare 
destra, aveva perforato il pulmone destro, donde erasi infisso 
nella metà sinistra del torace, e la pelle sul capezzolo sini- 
stro estuberava in forma sferica. L'estremità larga del palo 
stava sul fondo della ferita ove era penetrata, ed aveva una 
circonferenza di 12 centim. 11 dottor S e h m i d estrasse il pez- 
zo di legno incuneato, lungo 25 centim., e lo stato generale 
dell'infermo, malgrado l'emopneumotorace bilaterale, restò buo- 
no per cinque giorni, finché di botto, dopo un intenso accesso 
di tosse, apparvero grave dispnea e cianosi, e l'infermo morì 
repentinamente. AH' autopsia si rilevò che la mammmna in- 
terna sinistra^ a livello del terzo spazio intercostale, aveva una 
fenditura beante , lunga sette mm. La morte repentina fu da 
lui attribuita a che, nel tossire, si staccò il trombo che chiu- 
deva il forame, e l'emorragia, che ne seguì, produsse la morte 
per grave compressione del pulmone sinistro trovato intatto.— 
Alla relazione di questo caso potrei far seguire quello del dot- 
tor Gurlt (fratture delle costole). Trattavasi di un uomo nel 
quale una spranga del timone penetrò sotto un'ascella, uscen- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 307 

done per quella opposta. Estratta la spranga egli guari com- 
pletamente. 

La maggior parte delle ferite penetranti del torace sono da 
punta da arma a fuoco, e le quali acquistano speciale impor- 
tanza quando vengano lesi il cuore, i pulmoni o i grossi vasi. 

Le ferite da punta dei pulmoni divengono pericolose quando 
risiedono in vicinanza deirilo, e sono lesi 1 grossi vasi pulmonalì 
oppure i grossi bronchi. Le ferite superficiali da punta dei pul- 
moni possono guarire rapidamente, e senza che si abbia a de- 
plorare conseguenze. Al 12 maggio di quest'anno vidi sulla cli- 
nica del prof. Gussenbauer unagiovanetta, alla quale ramante 
aveva inferto col coltello 8 ferite, fra cui ve ne erano 2 penetranti 
in cavità terapica. L'enfisema cutaneo diffuso, gli sputi sangui- 
nolenti , r affanno , il sibilò prodotto dall' aria che fuoriusciva 
dalle due aperture delle ferite, Paia di ottusità nelle parti de- 
clivi dimostravano con evidenza che era leso il pulmone. Col 
trattamento antisettico il decorso fu apirettico, e al decimo 
giorno dopo la ferita l' inferma si sentiva già tanto bene, che 
volle lasciare 1' ospedale. Ma un decorso cosi favorevole si 
verifica solo quando la ferita da punta non sia molto beante, 
il pneumotorace non molto grave, e sia evitata l'infezione. 
In un caso da me osservato nel 1875, e che riguardava un 
operaio di 22 anni, al quale era stato infisso nel petto (sotto 
la clavicola) un largo coltello, la ferita era tanto beante, che 
si poteva vedere esattamente il pulmone compresso. A causa 
del grave emo-pneumotorace, il cuore era spostato in dire- 
zione del capezzolo destro. Il sangue stravasato si decompose, 
e l'infermo morì dopo sei settimane per sepsi. Le ferite da arma • 
a fuoco costituiscono una lesione violenta più grave di quella 
da punta, specialmente quando corpi estranei rimangano nel 
torace; i proiettili sono allora meno pericolosi di un pezzo 
di panno, di ovatta, di tela di lino, di cuoio, ecc. 11 seguente 
caso , da me osservato , dimostra quanto bisogna andar cauti 
nel giudicare le lesioni violente di questa specie, financo quelle 
gravissime. Uno scalpellino a 25 anni, a nome Janousek, all' 8 
ottobre del 1876 tentò di suicidarsi tirandosi un colpo di pi- 
stola, caricata con carta e tre grossi pallini. Il forame di en- 
trata molto beante, con margini anneriti e contusi stava due 
dita trasverse sotto il capezzolo sinistro. L'esame fisico fece 
rilevare liquido ed aria nella cavità pleurica. 



Digitized by VjOOQIC 



308 W e i K Produzione delie lesioni violente meccaniche 

In questo caso si verìflcò rapida decomposizione del sangue 
stravasato, e dal forame di entrata effluirono quotidianamente, 
per molte settimane, 1-2 litri di icore oltremodo fetido. Il puz- 
20 che esalava dalla ferita era tanto penetrante, che nessun 
infermiere voleva restare vicino a lui* Dalla ferita vennero 
fuori molte volte alcuni pezzettini di carta. Heine dilatò il 
forame di entrata mediante resezione delle costole, esplorò la 
cavità pleurica col dito, trovò i proiettili, li estrasse, e sul punto 
più profondo del torace stabili una controapertura pel deflusso 
del secreto. Ciò malgrado, per altri cinque mesi la secrezione 
persistette abbondante e fetida, Tinfermo dimagrò fino al punto 
che sembrava uno scheletro; la febbre era continua; il pulmone 
molto compresso. 

Allora Heine risecò tre costole per dare maggiore ela- 
sticità al torace, e dopo nove mesi avemmo la gioia di vedere 
questo giovane lasciare — completamente guarito— Pospedale» 
Sono tntscorsi già quattro anni, e sappiamo che egli può bal- 
lare un'intera notte senza risentirne alcun danno. 

In questo caso non rimase alcun deperimento nutritivo, ma 
soltanto una leggiera depressione del torace, che, guarito T in- 
dividuo, sfuggiva air osservazione. 

Casi simili a quello ora riferito non sono rari; però bisogna 
ben guardarsi dal dare un giudizio troppo affrettato sulle con- 
seguenze di tali lesioni violente. Gli essudati molto abbondanti 
possono essere riassorbiti completamente dopo un anno e più, 
il pulmone compresso può di nuovo espandersi, il torace (so- 
prattutto se l'infermo è giovine) può adattarsi in tutto e per 
tutto alle nuove condizioni; e tranne una deformità, che può 
essere facilmente mascherata, guariscono lesioni gravissime 
senza che resti alcun danno. 

Quindici anni or sono Billroth (Krankheifen der Brunst) 
potette stabilire il principio che le ferite penetranti del torace 
non guariscono mai per prima intenzione. Da che si è gene- 
ralizzato il trattamento antisettico delle ferite, la loro guari- 
gione non costituisce più un'eccezione. Molto favorevoli alla 
guarigione sono le ferite con piccoli proiettili di revolver, per- 
chè il forame di entrata non è beante, e quindi il pericolo del- 
l'infezione è minore. Se il proiettile non rimase nel torace, 
spesso la guarigione è molto rapida. Nella sua clinica Gussen- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 30^ 

bauer vide guarire tre casi di ferite perforanti (da arma a 
fuoco) i polmoni senza lebbre , né suppurazione e senza che 
ai feriti ne ridondasse danno alcuno. In un caso la guarigione 
era completa in tre settimane, in un secondo nella quinta, nel 
terzo si completava nella sesta settimana. In questi tre casi si 
constatava chiaramente un forame di entrata ed uno di uscita* 

Qui merita di essere brevemente menzionata la fuoriuscita 
di parti dei pulmonì dalle aperture prodotte con ferite da punta 
o da arma a fuoco. Benché questi casi per lo più abbiano un 
decorso sfavorevole, ciò nonpertanto ne sono noti alcuni re- 
gistrati nella Letteratura, in cui vasti tratti del pulmone si 
staccarono per gangrena , e T individuo restò in vita. — Una 
porzione fuoriuscita del pulmone può, inoltre, dopo il processo 
di granulazione gradatamente retrarsi, analogamente a ciò che 
si verifica in un tratto prolabito delPomento, e seguirne com- 
pleta guarigione (1). 

Esamineremo qui a parte le ferite del cuore, perchè com- 
pulsando la Letteratura medico-legale noto che parecchi au- 
tori hanno concetti inesatti sulla loro letalità, decorso e con- 
seguenza. Anzitutto fo notare che alcuni medici-legali escludono 
Pidea del suicidio quando vi sono due o tre ferite del cuore, 
opinando che basti una sola ferita di questo organo perchè 
rindividuo non sia più al caso di inferirsene una seconda. Altri 
afferma che ogni ferita del cuore è assolutamente letale. Altri 
ancora hanno dichiarato che l'individuo dopo aver riportato 
la ferita non può più rialzarsi, tanto meno percorrere nep- 
pure un breve tratto di via, ecc. — Io riassumerò qui in poche 
parole i concetti fondamentali che debbono guidare il medico- 
legale nel giudicare le ferite del cuore, ed in ciò fo soprattutto 
tesoro deireccellente monografia di Fischer, che abbraccia 
452 casi. 



(1) G. Fischer, Die Wunden des Herzens und des Herzbeutels. Lan- 
genbeck'a Archiv. IX. 571. F. Steiner. Ueber die Electropunctur dea Her- 
zeas, ecc. Langenbeck's Archiv. XII. 741. M. Huppert, Bine Nadel im 
lebenden Herzen. Archiv d. Ueilkunde: XtX. De henne, Rupture trauma- 
tique de Toreillette droìte du coeur. Recueil de mémoir. da méd. mìlit. 
1878. Maschka, Sammlung und Gutachten IV. 21. 22. Herzstichwunden 
L i m a n, Handbuch. E. Hofmann, Handbuch. C a 1 1 e n d e r, G. W. Ent- 
fernung einer Nadel aua dem Herzen. Med, chir. Tranaac Iona. LVI. 



Digitized by VjOOQIC 



310 W e i I, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

Le più frequenti lesioni violente del cuore sono le ferite 
da punta e da taglio, alle quali seguono le rotture e le ferite da 
arma a fuoco, che si osservano con pari frequenza. Rarissime 
sono le ferite da punta. Le lesioni violente colpiscono soltanto 
il pericardio (Fischer ha raccolto 52 casi) oppure contempo- 
raneamente il miocardio. 

Le ferite del cuore sono penetranti o non penetranti; 
queste ultime sono molto più rare. Di 260 ferite da punta e 
da taglio 191 erano penetranti, e soltanto 18 non penetranti. 
Circa gVistrumenti è a notare, che le ferite da punta vengono 
inferte per lo più con aghi, meno frequentemente con la sab- 
bia, con stiletti, col rastiatoio, colla lesina, con steccadenti, con 
schegge di legname, con lische di pesce, con spine. 

Le ferite da punta e da taglio vengono inferte per lo più 
con coltelli, meno frequentemente con daghe, sciabola, spada^ 
baionetta, pugnale, lancia; le ferite da arma a fuoco con palle, 
pallini, con bacchetta, ecc. Le contusioni si originano dietro 
percossa, urto, caduta, calcio di cavallo sul petto. Le rotture 
del cuore possono prodursi in seguito a caduta da una grande 
altezza, calcio di cavallo, grave urto contro un albero nonché 
da leggieri traumi quando vi sieno affezioni del miocardio. — 
Dalla statistica di Fischer risulta che le ferite del cuore sono 
molto più frequenti negli omicidii che nei suicidii. 

Nei casi dubbii la direzione orizzontale di una ferita de- 
pone piuttosto per Tomicidio. Circa la quistione se trattasi di 
ferita inferta deliberatamente oppure accidentalmente , la di- 
rezione da sopra in sotto depone piuttosto per una lesione 
violenta inferta deliberamente. Delle ferite da punta, quelle pro- 
dotte con ago hanno il massimo interesse. Spesso è difficilis- 
simo constatarle sul cadavere ; per lo più sono riconoscibili 
da uno zaflFo nero di fibrina; questo segno peraltro può mancare, 
e soltanto col più accurato sondaggio si constata la ferita. Non 
sono rari i casi in cui negP istrumenti vulneranti da punta, 
questa rimane infitta nel cuore; ed è anche risaputo che queste 
punte possono restare infisse nel cuore, senza che gV infermi 
presentino il menomo sintomo; 

La conoscenza delle conseguenze immediate delle lesioni 
violente del cuore è della massima importanza nella pratica 
forense. In alcuni casi il ferito stramazza subito a terra, come 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente del petto 311 

se colpito dal fulmine. Spesso la sua morte è istantanea, op- 
pure cade in deliquio, e soltanto di rado non perde i sensi. A 
questi casi se ne possono contrapporre quelli in cui gFinfermì 
dopo la lesione violenta possono percorrere ancora un tratta 
di via prima di stramazzare a terra (38 volte sopra 87 casi). 
Si sono veduti individui con ferite da punta e da taglio del 
cuore che potettero percorrere 450 passi, salire molte scale, 
fare un miglio e mezzo di strada, e venire flnanco per sei giorni 
di seguito all'ospedale onde farsi medicare. Talvolta accade 
persino che dopo la lesione violenta ricevuta, i feriti si av- 
ventarono coir arma alla mano contro T avversario. È noto 
che vi furono individui con ferita da arma da fuoco del cuore 
che percorsero 640 passi , e con rottura del cuore 100 passi. 
Un individuo con ferita del ventricolo destro, dell'arteria co- 
ronaria, del pulraone, del diaframma, del fegato, dello stomaco, 
della milza, del colon potette fare 10 passi prima che stramaz- 
zasse a terra. Un altro con sette ferite del pulmone e 3 ferite 
penetranti del ventricolo sinistro potette ancora camminare, e 
morì dopo un quarto d'ora (Fischer, pag. 693). 

Non di rado accade che al medico-legale venga fatta la 
domanda se quelli con ferita del cuore potettero percorrere 
qualche tratto di strada, o vibrare un colpo all'avversario. Emi- 
nenti medici-legaU posero in dubbio tale possibilità, benché 
risultasse il contrario dalle circostanze concomitanti. — Im- 
porta intanto non solo conoscere le conseguenze immediate 
delle ferite del cuore, ma anche il loro decorso e le conse- 
guenze future. Su tale proposito è a rilevare che di ferite del 
cuore guariscono circa il 10 7o) ^^^ pericardio il 30 7o- — 
Non furono osservate guarigioni nelle rotture, nelle ferite con- 
tuse e lacerazioni del cuore, nelle distruzioni parziali dell'or- 
gano per ferite da taglio o da arma a fuoco, in tutte le ferite 
dell'atrio destro e sinistro, nelle ferite da arma a fuoco del 
ventricolo sinistro, dei due ventricoli, del setto e della punta 
del cuore, in tutte le ferite multiple di molte sezioni del cuore 
e nelle complicazioni con ferite di grossi vasi. 

11 medico-legale deve perciò qualificare come assolutamente 
letali tutte queste ferite nonché quelle penetranti nell'organo, 
alle quali la morte segue istantaneamente o per lo meno con 
grande rapidità. Nelle altre egli deve accertare se con un adatto 



Digitized by VjOOQIC 



312 Weil, Produzione delle leeioui violente meccaniche 

trattamento si avrebbe potuto impedire la morte. Sono stati os- 
servati casi in cui furono commesse imperizie di arte, e Tinfer- 
mo possibilmente avrebbe potuto essere salvato (Fischer, casi 
28, 85, 116, 312). — Le imperizie di arte riguardano la erronea 
applicazione del freddo, delle sottrazioni sanguigne, il non aver 
saputo impedire gli eccitamenti psichici , i movimenti corpo- 
rali nel letto, gli strapazzi, la evacuazione difficile dell'alvo, 
l'alimentazione troppo abbondante, l'aver fatto lasciare intem- 
pestivamente il letto, ecc. 

Importa conoscere che soltanto in un terzo dei casi la morte 
si verifica repentinamente: il più delle volte nel corso della 
prima settimana, raramente fìnanco dopo nove mesi. 

Circa la causa della morte nelle lesioni violente che uc- 
cidono subito , viene in prima linea la contusione del cuore , 
per effetto della quale la circolazione bentosto si arresta; in 
seconda linea il dissanguamento, quando effiuiscono molte libbre 
di sangue (circa Vis del peso del corpo); e spessissimo la com- 
pressione del cuore per versamenti sanguigni nel pericardio- 
Di rado la lesione violenta dei gangli cardiaci può provocare 
intensi patemi d'animo, shok ed altre complicazioni. 

Pili tardi la morte accade per lo più in conseguenza di 
emorragie secondarie o di infiammazioni. 

Le lesioni violente del diaframma di rado si verificano 
isolatamente; qualche volta si producono rotture dello stes- 
so per caduta da grande altezza, per urto contro oggetti pe- 
santi, ovvero cadendo sotto una ruota che passi sul petto. 
Sono state anche osservate ferite da arma a fuoco del dia- 
framma. — Quando le ferite di quest'organo non si complicano 
ad altre lesioni violente del petto o dei visceri addominali, la 
loro importanza consiste soprattutto nella formazione di ernie 
diaframmatiche, ed in tal caso la massima parte dei visceri 
addominali può passare nella cavità toracica. Se il forame pro- 
dottosi nel diaframma è abbastanza grande^ quest'ernia può ve- 
rificarsi rapidamente e cagionare subito la morte; se è pic- 
colo, l'ernia può prodursi lentamente, e dopo lungo tempo 
condurre alla morte per incarcerazione. A. P o p p (1) ha rac- 



(l) A. Popp, Erworbene ZwerchfelUhernien. Deutsche Zeitschrift fur 
Chirurgie. I. Voi. 1. Heft. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deiraddome 313 

colto dalla Letteratura 44 casi di ernie diaframmatiche acqui- 
site. Su 37 casi descritti esattamente, 21 volte trattavasi di 
ferite da punta, 3 volte da arma a fuoco, 10 volte di caduta 
da grande altezza, 1 volta di forti strapazzi, 1 volta di mo- 
vimento rotatorio, ed 1 volta di caduta sotto una vettura la 
cui ruota passò sull'addome. Cinque volte i visceri erano pas- 
sati nella cavità toracica destra, 32 volte in quella sinistra. 
L' intervallo fra la lesione violenta e la morte fu una volta di 
poche ore, nei due casi che durarono più a lungo di 20 anni. 
Breume (1) riferisce un caso nel quale per sospetto di av- 
velenamento , fatta r autopsia dell' individuo a 60 anni , come 
causa della morte si rinvenne una lacerazione del diaframma, 
avvenuta dopo aver preso una zuppa di patate ed una certa 
quantità di bicarbonato di soda. Casi analoghi si trovano re- 
gistrati nella Letteratura chirurgica. 

C. Hiesioni violente dell'addome. 

LETTERATURA 

Samesreuther, Obductionsbericht und Qatachten iiber die Tddtlichkeit 
«iner Stichwunde hi den Unterleib mit Verletzung der Arteria und Vena 
iliaca externa. (Henke's Zeitschr. f. d. St. 31. Ergìlnzungsheft. — Kussmaul, 
Gerichtsàrztliches Gntachten iiber eine tòdtlieh gewordene Bauchwunde. 
(Schr., Sch. u. H's. Annalen d. St. 1842. 4. Heft).— Riecke, Gerichtsàrztl. 
(1 utachten iiber den Tod in Folge eines Trittes auf den Bauch. Med. Cor- 
resp.Bl. wiirttemb. Aerzte. 1843, Nr. 9). — Dp. Ebel, Sectionsberìcht und 
Outachten iiber eine tòdtliche Unterleibswunde. Ver. d. Zeitschr. f. d. St.A. 
1847. IL 1. — Ebel, Sectionsbefùnd und Gutachten iiber eine durch Ruptur 
des Diinndarmes tòdtlieh gewordene Unterleibsverletzung. Casper's Wochen- 
schrift. Nr. 7. (1843). — Lo stesso, Sectionsbefùnd und Gutachten iiber eine 
absolut tòdtliche Unterleibsstichwunde. Casper*s Wochenschr. Nr. 10 (1843). 
— N. Fritz, In gerichtsàrztlicher Hinsicht merflwiirdige Milzverletzung. 
Oesterr. Wochenschr. Nr. 18 (1843). — Sander, Obergutachten iiber ein- 
dringende Bauch verletzung. Annal. d. St. v. Schnelder etc. X. 4. (1844). — 
Well, Obdnctìonsbericht und Gutachten iiber die Leiche der am 30. Nvb. 
1829 gegen Mittag, nach kurz zuvor erlittener Misshandlung gestorbenen 
Charlotte etc. (Milzzerreissung). Ebenda. X. 2. — Romberò, Ueber d. Tòd- 
tlichkeit der Magenwanden in gerlchtl. medicin. Beziehung. Schmidt's Jahrb. 
46. Ed. II. H. — Dr. Graff, Gutachten des Gr. Hess. Med.-Colleg. iiber 
die Frage: oh im nachstehenden Falle ein Steinwurf auf den Unterleib die 
zureichende Ursache des Todes gewesen sei, oder angeblich fehlerhafte 



(1) Breume, Zerreissung des Zwerchfells in der rechten Seite in Folge 
gewaltiger Auftreibung des Magens. Vierteljahrsschrift. 



Digitized by VjOOQIC 



314 Weìl, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

Behandlang als Zwischenursache dabei concurrirt habe. Henke^s Zeitschrift 
1. (1845). — Dr. VòLKEL, Ruptur der Milz in Folge eines Schlages auf dea 
Bauch. Vereinte deatsche Zeitschr. f. d. StA.K. Neue Folge, VII. 1. — 
Dr. LiMÀN, Wie sind die Bauchverletzungen in gerichtl. Beziehung za beur- 
tbeilen ? Henke*s Zeitschr. XXXI. 3. — Dr. J. A. Easton, Charge of Murder. 
A. a. 0. 1851. — Dr. Grossmann, Tòdtung durch Verletzung der Harnblase. 
Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. Neue Folge. XI. 2. — Ueber Verletzungen 
der Milz. Blàtter fìir ger. Anthropologie v, J. Friedreich. IV. 5. — Dr. Fi- 
scher, Kòi'perverletzung mit nachgefolgtem Tode. Vereint. deutsch. Zschr. 
f. d. StA.K. I. 4. — Dr. Riedlb, Tod durch Bersten des Krnmmdarms. Med. 
Correspbl. des wiirttemb. ftrztl. Vereines. XXIV. Nr. 24. — Dr. P. J. Schneidrb» 
a. a. 0. XIII. Obergorichtsàrztliches Gutachten iiber eine gefòhrliche Kór- 
perverletzung. Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. Neue Folge. VI. 1. — Gutachten 
der medicin. Facnltàt in Wien iiber die wider P. S. eventuell wegen Todt- 
schlags gefUhrte strafrechtliche Untersuchung. Oesterr. Zeitschr. f. prakt. 
Heilk. redigirt v. J. J. Knolz u. G. Preyss. 1857. III. 47. — Dr. Ad. Niemanx, 
Tòdtliche Unterleibs verletzungen. Henke*s Zeitschr. f. d^ StA.K. XXXVII. 
3. — Dr. Rapp, Tòdtliche Verblutung aus den verletzten Gefassen des Me- 
senteriums des Coecums. Henke's Zeitschr. f. d. StA.K, XXXIX. 1. — Dr. 
L. Thomas, Die gerichtsàrztiiche Beurtheilung der Verletzungen d. Leber. 
Bl. f. ger. Anthrop. X. 3. — Fraenkel, Casper's Vjschr. XXII. l. Ruptur 
d. Harnblase durch Hinwerfen; Tod nach 8 Tagen; ein starker Zoll langer 
Querriss in der Biase. — Dr. Schwabe, a. a. 0. Casper's Vierteljahrsschr. 
XXI. Tod durch Fusstritte auf den Unterleib in Folge heftiger Bauchfell- 
Magen-Darmentziindung. — Dr. P. J. Schneider, Obergerichtsàrztl. Gutachten 
' iiber Tòdtung durch einen Steinwurf auf den Magen. Tod nach 5 Minnten. 
Deutsche Zeitschr. f. d. StA.K. XXI. 1. — Maschka, Plòtzliches Absterben 
nach einem in der Magengegende erhaltcnen Schlag mis einer Erdàpfelhaue» 
Wien. allg. med. Zeitg. 1864. 1. — Don Josè-Sanchez, Tod durch Verblu- 
tung; Riss der Leber durch contrecoup ohne bedeutende aussere Anzeichen. 
El Boletin med. Valenciano, 1865. Jun. — Dr. Hofmann, Anklage wegen 
Kòrperverletzung mit nachgefolgtem Tode. Deutsch. Zeitschr. f. St A. K. 
XXXIII. 1. (Penetrirende Bauchstichwunde mit Vorfall des Darmes; Tod 
durch Entero-Peritonitis). — Dr. v. Richter, Fall einer penetrirenden Ma- 
gensticbwunde im vordern obem Theile des Magens mit innerer und àusserer 
Blutung durch Verletzung der Art. epigastr. oder Mammaria intern. mit 
nachgefolgter Heilung. Wtirtterab. Corresp.-Bl. 1865. XXXV. 18. — Dr, 
LiNDWURM, Eindringende Bauchwunde; bleibender Nachtheil, bestehend in 
einem Netzbruche. Friedreich's Blàtt f. g. Anthropol. XVI. 2. — Dr. L. Buhl» 
Eindringende Bauchwunde; Tod; Friedreich's Blàtt f. g. Anthropol. XVI. 4. 
(Vorfall des Netzes, Verletzung des Diinndarmes mit nachgefolgter Entero- 
Peritonitis). — Maschka, Angeblich nach einer Misshandlung zuriickgeblie- 
benes Harntraufeln. Blàtt f. Staatsarzneikunde. Nr. 1. (1866). — Steppau, 
Einige Falle von penetrirenden Unterleibsverletzungen als ein Beitrag der 
gerichtsàrztl. Beurtheilung solcher Bruchwunden. Allgem. Wien. med. Ztg. 
1872. Nr. 46. — Auer, Ueber Bruchbildung. Untersuchung gegen J. A. u. 
A. A. wegen Kòrperverletzung, Blàtt. f. g. Med. 1872. Heft l. — Schmelcher^ 
Penetrirende Stichschnittwunde des Unterleibes. Tod am 8. Tage nach der 
Verletzung. Bl. f. ger. Med. (1874) 3. Heft., — Landgraf, K. , Ruptur der 
Harnblase in Folge erlittener Misshandlungen. Viertelj. far ger. Med. und 
òffentl. Sanitàtsw. Bd. XXVIII, 2. — Lauoier, M., Étude médico-légale sur 
le déchirures de Tlntestin dans le contusions de Tabdomen. Aunal. d*hyg. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deiraddome 315 

pubi, et de méd.-lég. 1878. Janvier. — Sommerbrodt, M., Ueber Schass-» 
verletzung der Bauchorgane vom gerichtsàrztlichen Standpunkte aus. Prag. 
Vierteliahrsschr. f. Sanitatsk. 1878. Bd. IV. — Handbibliothek der prak- 
TiscHEN Chirurgie. Von Dr. J. Mair. IV. Abth. Die Briicbe und Vorfòlle 
mìt besonderer Beriicksichtigung der chirurgischen Anatoo;^^ und gerichtl. 
Mediein. Ansbacb 1856. — Fabricius^ De lethalitate vu|faerum ventriculL 
Helmstàdt 1751. — In Schlegel collectio. IL p. 106. — Buerr, Dissert. de 
ventriculi vulnere egregie curato. Lipsiae 1790. — Scott, ^Bericht tiber die 
gliickliche Heilung einer Magenwunde. Medie. Communicat. voi. 2. London 
1790. — Heyfelder, Verletzung des Magens rucksichtlich iiber Tòdtlichkeit. 
Henke's literat. Annalen d. gesammt Hilkde. Mai 1828. — Eichhoff, De 
Yulnernm abdominis penetrantium lethalitate. Berlin 1829. — Fabricius, 
Versuch iiber die ersten Griìnde d. gerichtL A.K. u. die Anwendung derselben 
auf die Renuntiation penetrirender Bauchwnnden. Zeitsohr. f. StA.K. XXVIL 
p. 237. — Ruhstraff, Magenwunde durch einen Zaunpfahl und ihre Hei- 
lung. Hufeland, Journal, t. XVII. p. 132. — Metzger, Ueber eine tòdtlich 
gewordene Wunde der Arteria epigastrica. Ver. med. Schrift. 2. Bd. p. 217. 

— Friedrich, Ueber die Verletzung der Milz. Blàtt. f. gerichtl. AnthropoL 
IV. 5. — Thomas, Die gerichtl. àrztl. Beurtheilung der Verletzungen der 
Leber. Henke's Zeitschr. f. gesammt. St.A.K. XXXIX. l. — Friedrich, Zur 
Lehre d. Hernien in forensischer Beziehung. Blàtter f. g. Anthrop. VIIL 2. 

— Schubert, Das Alter der Hernien in gerichtl. medie. Hinsicht. Medie. 
Zeitschr. f. v. d. v. fiir Heilkunde in Preussen. XXV. 43.— Eisner, Die Ver- 
letzung der Hamwerkzeuge in Bezug auf ihre Tòdtlichkeit. Henke's Zschr. 
14. Bd. 394. — GuERSRNT et Denis, Rupture de la vessie par coups portés 
sur la régiori hypogastrique. Annales. t. XV. p. 206. — Fournier, Observ. 
de guérison de piale de T estomac. Journ. de chirur. de Desault. tom. III. 
p. 48. 1792. — Mort par suit d'une hernie étranglóe; domande de dommages 
et interéts. Gaz. méd. de Paris 1855. — Toulmouche, Des blessures mor- 
telles du ventre au point de vue médico-légale. Annal. 2. sòr. t. X. p. 123; 
1858. — Henke, Mort subite par coups portés à Tópigastre ou à la région 
du coeur. Lehrb. der gerichtl. Mediein. § 395, p. 277. — Bohn, Mort d'un 
jeune garden par une houle de neige re^ue sur la région du coeur. De re- 
nunciat. vulnerum. p. 329. — Marjolin, Piale de V abdomen ; emphysème 
par gaz intestinal. Dici répert. 1. 1. p. 129. — Percy, Deux cas de guérison 
de plaies de l'estomac; bien qne cet organo ne fut pas vide. Jour. de méd. 
de Léroux. t. XXXIX. 

Le oflFese meccaniche, che colpiscono Taddome, possono pro- 
durre fenomeni di shok, e flnanco uno shok mortale, senza 
che l'autopsia faccia rilevare un'alterazione apprezzabile sugli 
organi addominali. Maschka (1) fece l'autopsia del cadavere 
di un ragazzo di 15 anni, che dopo aver avuto un pugno nella 
regione dello stomaco, stramazzò privo di sensi, e morì dopo 
pochi minuti. 

Un secondo caso riferito dal Maschka riguarda un in- 



(1) Archiv fur Staatsarzneikunde. 63. 



Digitized by VjOOQIC 



316 Weilf Produz'one delie leaioni violente meccaniche 

dividilo robusto, che ricevette nella regione dello stomaco un 
colpo con una puletta vibrata di piatto. In amendue 1 casi il 
risultato dell'autopsia fu negativo. Il dottor 0, J. Schneider (1) 
dovette dare un giudizio peritale in un caso, nel quale per ef- 
fetto di un colpo di pietra nella regione dello stomaco accadde 
la morte, senza che l'autopsia avesse fatto rilevare le note di una 
lesione violenta. Stromeyer ne riferisce altro, nel quale per 
effetto di urto contro l'addome si produssero crampi dolorosi 
clonici delle estremità inferiori ed accessi epilettici, che si ri- 
petettero per parecchi giorni, e si dissiparono dopo due anni, 
quando l'infermo era fortemente dimagrato (Nussbaum, Fer- 
letzungen des Unterleibs). 

Dopo gravi traumi (per es. nel cadere sotto una vettura, 
nei franamenti, per urto sofferto nella rincorsa contro corpi 
solidi, ecc.) si verificano non di rado ì^otture di organi interni 
senza lesione cutanea. — Nelle gravi contusioni dei tegumenti 
dell'addome gli organi addominali per lo più ne risentono una 
pericolosa influenza; mentre viceversa possono prodursi forti 
lacerazioni di questi organi restando intatti i tegumenti addo- 
minali. Perchè si producano rotture di questi organi non fa 
d'uopo che il trauma sia intenso. 

L'intestino marastico (spesso sottilissimo) dei vecchi, la 
milza od il fegato affetti da degenerazione parenchimatosa 
possono rompersi anche quando il trauma sia leggiero. Sulla 
produzione di tali rotture influiscono, oltre ai processi di de- 
generazione ed alle ulcerazioni , anche il grado di replezione 
delio stomaco, degl'intestini e della vescica nonché la quantità 
di sangue che nel dato momento avevano gli organi dell'addome. 

Di rado si producono rotture dello stomaco. Li man riferi- 
sce uri caso, nel quale con un colpo di randello ftirono prodotte 
rotture del fegato, della milza, dell'omento e dello stomaco. Per 
lo più la rottura si rinviene sul piloro e sulla grande curva- 
tura, molto più di rado sul cardia. 

Alquanto più frequenti sono le rotture dell'intestino. li più 
delle volte si lacera il digiuno nel suo tratto iniziale , meno 
spesso l'ileo al di sopra del cieco. Quando un'ernia è colpita 



(1) Vierteljahrsschrlft fiir gerìchtliche Medicin. XXX. § 231. — Wiener 
allgemeine Zeitung. 1864. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deiraddome 317 

direttamente, è facile che si verifichi la rottura. Le pedate ed 
i calci di cavallo ne sono spesso la causa, e non è raro allora 
che il ferito muoia in 24 ore. Malgrado le lacerazioni multiple 
deirintestino i feriti possono spesso camminare ed accudire alle 
loro faccende. Qualche volta la morte si verifica dopo lungo 
intervallo. Le guarigioni sono rarissime. 

Nussbaum ha proposto di praticare la laparotomia nei 
casi di rottura intestinale, chiudere l'apertura prodottasi nel- 
rintestino,. disinfettare il peritoneo, e così fare un tentativo di 
guarigione in casi così disperati. 

Fra tutte le rotture degli organi, quelle del fegato sono le 
più frequenti. Trattasi per lo più di lacerazioni longitudinali 
della convessità. Molto più rare sono le lacerazioni trasversali, 
ed in tal caso sono d'ordinario multiple e piccole (Liman, 
Handbuch II, 160). Le rotture gravi del fegato cagionano rapi-* 
damente la morte per dissanguamento. Vi sono però casi rari 
nei quali gl'individui, malgrado rilevanti lacerazioni del fegato^ 
restano per molti giorni in vita. Le rotture piccole non di rado 
guariscono. 

Le rotture della milza si verificano sia per effetto di traumi, 
sia spontaneamente nelle malattie interne, per es. nel tifo. Per 
lo più uccidono rapidamente per dissanguamento. 

Le rotture dei reni (Vedi 6. S i m o n, Chirurgie der Nieren) 
si complicano per lo più a gravi lesioni di altri organi, per es. 
del fegato, della milza, del midollo spinale; ma in parecchi casi 
sono isolate. Possono prodursi sia per influenza diretta, come 
in conseguenza di una caduta sopra parti remote del corpo, 
senza che i tegumenti esterni presentino qualche traccia di 
lesione violenta. Nei casi gravi si verifica la morte rapida- 
mente per dissanguamento, o più tardi per suppurazione re- 
nale. Le persone con enormi lacerazioni dei reni possono tal- 
volta, malgrado la lesione, percorrere un tratto di via. Sono stati 
pubblicati molti casi di guarigione di lacerazioni leggiere. 

Max Bartels (Langenbeck's Archiv, 22) ha esami- 
nato accuratamente le rotture della vescica urinaria^ e com- 
pilata una statistica di 109 casi di lesioni violente della ve- 
scica senza ferita esterna. In un terzo dei casi la lesione si 
produsse per rimbalzo contro oggetti resistenti, oppure per 
urto di diversi corpi contro la regione vescicale, e nelle stesse 



Digitized by VjOOQIC 



318 Weil, Prodazione delie lesioni violente meccaniche 

proporzioni per contusioni dirette. In 65 casi (specialmente nelle 
contusioni dirette) eravi frattura del bacino. La maggior parte 
delle rotture della vescica si produce nelle risse a vie di fatto. 

In 41 casi la rottura fu prodotta con pugni, bastonate, cal- 
ci, ecc. oppure puntando fortemente il ginocchio sul ventre del- 
Tofifeso, disteso a terra. Nei casi in cui individui urtarono col 
ventre contro corpi resistenti, essi erano per lo più ubbria- 
chi; mentre le contusioni dirette sono il più delle volte do- 
vute ad accidenti (nei franamenti, nelle cadute sotto un treno 
ferroviario che passò sul corpo, ecc.). La predisposizione alla 
rottura è data dalla replezione deir organo, nonché dall' alcoo- 
lismo pel cui effetto esso perde la sua elasticità naturale. II 
pericolo della rottura della vescica aumenta o diminuisce se- 
condo che fu colpita la porzione intraperitoneale od extraperito- 
neale. Nel primo caso la morte accade quasi sempre (93 volte 
su 94 casi Bartels) nei primi tre giorni, raramente dopo 
una due settimane. Anche nelle rotture extraperitoneali la 
cifra percentuale della mortalità è elevata (sopra 63 casi gua- 
rirono 17; Bartels), e la causa precipua della morte è costi- 
tuita allora non solo dalla peritonite acuta, ma anche dairin- 
flltrazione urinosa. In generale la morte accade più tardi che 
nelle rotture intraperitoneali. 

Nella pratica forense ha grande importanza la quistione, 
se per contusione dell'addome possa prodursi un* ernia. B. 
Schmidt {Unterleibsb'ì'iXche^ Pitha e Billroth) scrive sul 
proposito: « se qualcuno si lamenta che con maltrattamenti o 
violenza gli sia stata cagionata un'ernia, sono possibili tre fatti: 
1) r infermo era precedentemente affetto da un tumore er- 
nioso senza saperlo, oppure lo sa e lo nega; 2) o da un certo 
tempo aveva un diverticolo peritoneale vuoto, e non percepi- 
bile esternamente, nel quale sotto l'influenza del trauma pro- 
labirono il tenue, l'omento, ecc.; 3) ovvero accadde una la- 
cerazione, la quale permise lo spostamento dei visceri sotto i 
tegumenti generali. — Quest' ultimo processo suole accompa- 
gnarsi ad altre alterazioni, e con probabilità viene riconosciuto 
dalla dolentia delle parti adiacenti e dalle suggillazioni sul 
rispettivo punto, — Relativamente ai casi testé esposti, spessis- 
simo occorre notare, che gli erniosi non hanno alcuna cono- 
scenza del loro male, e lo riguardano come effetto repentino 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioui TÌolente detraddome 319 

del trauma , mentre nella maggior parte dei casi V ernia si 
produce gradatamente. Ma poiché non si può negare recisa- 
mente la possibilità che il sacco erniario fosse preformato, il 
medico-legale deve su per giù dire nel parere che l'offeso ha 
potuto illudersi sulla produzione della sua ernia, giacché pro- 
babilmente il trauma ha potuto aggravare una condizione già 
esistente, in quanto che gl'intestini o Tomento prolabirono in 
un sacco erniario vuoto, peggiorando naturalmente uno stato 
di cose già esistente (Streubel)». — Nussbaum afferma 
che la proporzione percentuale dei casi di morte fu cleir87,8 %> 
nella rottura del 66,6 7o> «elle contusioni del 60 % «elle ferite 
da arma a fuoco dell' 84 7o- Su 27 ferite da punta e da taglio 
della milza non è registrato alcun caso di morte. Di 42 rotture 
della milza, 23 accaddero in individui sani e 19 in quelli con 
l'organo infermo. 

Le ferite dello stomaco uccidono spessissimo per lo shok 
concomitante. Le emorragie ed il riversamento del contenuto 
gastrico nella cavità addominale sono le altre cause della morte; 
non molto di rado però si verificano guarigioni. Sopra 79 fe- 
rite da arma a fuoco dello stomaco, guarirono 19. Le fistole che 
rimangono sono accessibili in molti casi ad un trattamento 
operativo, e suscettibili di guarigione. 

L'organo che più di frequente viene leso nelle ferite pe- 
netranti dell'addome é l'intestino (in Ve ^i tutti i casi). Se il 
ferito non soccombette rapidamente all'emorragia ed allo shok, 
potrà salvarsi se non accade riversamento di materie fecali 
nella libera cavità dell'addome. Furono osservate guarigioni in 
casi di colossali lesioni dell'intestino, mentre una piccolissima 
apertura nello stesso, attraverso la quale effluisce il contenuto 
enterico, può produrre la morte. 

Secondo Hofmann (Lehrbuch der gerichf lichen Mediein, 
1878^ pag. 486) nei casi in cui si può constatare che un mal- 
trattamento ha determinato la formazione di un'ernia, debba 
(anche quando vi concorse la speciale predisposizione esistente 
nell'offeso) essere qualificato tale maltrattamento come una le- 
sione grave che abbia apportato una malattia inguaribile. Ma 
quest'asserzione é erronea, quando centinaia di operazioni ra- 
dicali, coronate da successo, dimostrano che le ernie libere 
non sono da annoverarsi fra ì disturbi patologici inguaribili. 



Digitized by VjOOQIC 



320 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

L'entità delle ferite delVaddome varia secondo che trattasi 
di ferite penetranti o meno nella cavità dell'addome. Le ferite 
da fendente, da punta e da taglio non penetranti, come quelle 
che occorrono nelle osse oppure in qualità di lesioni acciden- 
tali, guariscono per lo più rapidissimamente; ed anche le fe- 
rite contuse e quelle lacere, che accadono nel maneggio delle 
macchine, ecc. nonché le ferite da arma a fuoco dell'addome 
possono guarire quando con un'accurata antisepsi si evitano i 
processi infettivi. La suppurazione diffusa, la peritonite mor- 
tale (per diffusione della fiogosi al peritoneo) non sempre sono 
conseguenza inevitabile della lesione violenta, ma spessissimo 
del cattivo trattamento. Nussbaum ebbe a curare una gio- 
vanetta, alla quale la ruota di una macchina aveva asportata 
tutta la pelle dell'addome, e messo il peritoneo allo scoverto. 
In dodici mesi la giovanotta poteva camminare, benché legger- 
mente incurvata. 

Le feriti penetranti semplici dell'addome, senza prolassa 
dei visceri addominali, si osservano di rado. Le innumerevoli 
osservazioni cliniche, fatte negli ultimi tempi, dimostrano che 
con un adatto trattamento esse non costituiscono lesioni peri- 
colose (vedi Wegener, Chirurgische Bemerkungenuber die 
Peritonealhòhle, Arch, 20). Anche le ferite con prolasso dei 
visceri non comportano prognosi sfavorevole, purché questi 
non sieno lesi e venga iniziato subito il trattamento. È soprat- 
tutto nelle ferite del peritoneo che il trattamento antisettica 
ha un valore immenso; tralasciare le cautele antisettiche in 
queste ferite deve essere ritenuto come una grave imperizia 
d'arte, giacché oggi é permesso affermare che l'apertura della 
cavità addominale non costituisce una lesione tale da porre 
la vita in pericolo. 

Quando una ferita penetrante dell'addome si complica ad 
una dei visceri, diviene oltremodo pericolosa. Da una statistica 
di 4863 casi Nussbaum calcola la mortalità all'SO Vo- H dis- 
sanguamento e la peritonite mortale costituiscono, in tali casi^ 
la causa principale della morte. Il grado di gravezza di queste 
lesioni varia secondo l'organo che é stato ferito. Se si tratta 
di una ferita dell'omento, che prolabisce (come d'ordinario ac- 
cade) e viene incarcerato, non di rado si ha guarigione com- 
pleta col trattamento antisettico. Ma se un medico ripone in 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir addome 321 

sito un omento prolassato senza previamente frenare l'emor- 
ragia e praticare la disinfezione colla massima accuratezza pos- 
sibile, è responsabile dell'esito letale, che eventualmente può 
verificarsi. 

Le ferite del fegato e della cistifellea (1) danno una cifra 
percentuale di morti molto elevata. Su 135 casi di rotture ne 
morirono 117; su 59 ferite. semplici da arma a fuoco del fe- 
gato 34; su 51 ferite da punta e da taglio 26 (Nussbaum). 
Molto più rare delle ferite del fegato sono quelle isolate 
della milza (2). Quando hanno un'estensione considerevole, uc- 
cidono rapidamente per dissanguamento. Secondo Nussbaum, 
dei casi di rotture morirono r87,8 ^<,, delle contusioni il 66,6 ^'/o, 
delle ferite da arma a fuoco il 60 7o. Su* 27 ferite da punta e da 
taglio della milza, non si ebbe alcun caso di morte. 

Le ferite dei reni guariscono non di rado quando non so- 
no molto estese. Nella letteratura sono registrate numerose 
guarigioni di ferite da punta e da arma a fuoco dei reni; ma 
quando la lesione è molto estesa, gl'infermi per lo più soc- 
combono al dissanguamento oppure alla suppurazione renale. 
Sono noti, però, alcuni casi in cui finaiico lesioni traumatiche 
estese di questi organi guarirono con o senza l'intervento del 
chirurgo. Rayer descrisse una ferita da arma a fuoco della 
quale l'offeso guari dopo che per gli ureteri e la vescica fu 
eliminato un pezzo di panno. Simon all'autopsia di un indivi- 
duo morto di pleurite trovò un pezzettino di panno ed un pic- 
colo proiettile incuneati in un rene, — In alcuni casi rimangono 
fistole renali, per lo più guaribili con operazioni difficili. La 
tendenza a gravi infiammazioni ed alla formazione di calcoli 
cagionano nelle lesioni renali un permanente deperimento an- 
che quando i pericoli essenziali sieno stati rimossi al principio. 
Le lesioni violente del retto costituiscono oggetto di esame 
medico-legale per imperizia d' arte quando, introducendo ina- 
bilmente la punta del clistere, viene perforato il retto, e T in- 
iezione è praticata nel tessuto cellulare sottomucoso; oppure 
quando, per introduzione incauta di candelette rettali o di tutta 
la mano, venga lacerato il retto. In queste manovre accadde 



(1) Mayer, Die Wunden der Leber und der Gallenblase. 

(2) L. Mayer, Die Wunden der Milz. Leipzig. 1878. 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 21 



Digitized by VjOOQIC 



322 Weil, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

spesso che fu aperta la cavità addominale, ed anse intestinali 
prolabirono nel retto. Un^ altra causa di lacerazioni intestinali 
è costituita dalla pederastia (Li man, Handbiich, I, pag. 195 
211), Né sono rari i casi di ferite del retto per schegge di seg- 
getta rotta; oppure prodotte nel maneggio delle macchine, 
come accadde in un caso descritto da Esmarch (Krankheiten 
des Mastdami€s\ in cui una spranga di ferro s'infisse nel retto 
di un operaio incurvato in avanti; ovvero per caduta colla regione 
perineale sopra forcine, pali di legno ecc. In rari casi vengono 
prodotte ferite rettali deliberatamente per vendetta. Stromeyer 
narra che due giovani infissero un cuneo di legno nel retto di 
un pederasta; e Marc he Hi riferisce che alcuni studenti di 
Gòttingen cacciarono nel retto di una giovane ebrea una coda 
secca di maiale con peli recisi a corto. 

Per dare un esatto giudizio su tali lesioni, bisogna sempre 
ispezionare accuratamente il retto; ed insisto su tal fatto, per- 
chè spessissimo viene trascurato questo precetto elementare. 
La maggior parte dei medici si contentano di un'ispezione 
superficiale della regione anale, e credono di poter fare a meno 
d' introdurre un dito nel retto , prescrizione alla quale sola- 
mente pochissimi ottemperano. — Uno sconcio anche maggiore 
si osserva nel trattamento delle ferite del retto , giacché pa- 
recchi medici infrangono su tale proposito i precetti scientifici. 
È noto che il pericolo principale di queste ferite sta nell'in- 
fezione che possono subire colle sostanze infettive accumu- 
late in grande quantità nel retto. Questo pericolo può essere 
ridotto ad un minimum con un trattamento antisettico scru- 
poloso. Gli splendidi risultati ottenuti da Volkmann nelle 
estirpazioni del retto dimostrano i progressi colossali che in 
questo campo ha fatto la moderna chirurgia. Financo nei casi 
in cui il peritoneo fu ampiamente aperto, si può con una buona 
sutura e colle cautele antisettiche determinare un decorso senza 
reazione. Quando nel corso di lesioni leggiere del retto so- 
pravvengono suppurazioni diffuse, flebite, flebotrombosi e pie- 
mia, il medico-legale dovrà dire nel suo parere che codeste 
malattie delle ferite non sono sempre la conseguenza inevitabile 
della lesione violenta, ma possono essere prodotte da agenti 
morbigeni esterni, che nella maggior parte dei casi avrebbero 
potuto essere tenuti lontani con un trattamento adeguato. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dei genitali 



H. Lesioni violente dei genitali. 

I)r. Berthbrand, Etude médico-légale sur un cas de mutilation des 
parties genitales d'un militai re attrlbuée a un chien et sui vie de guerisoo. 
Annal d'Higiéne pubi, et de Méd.-Lég. 1861. 29. Janvier. — Metsch, Unerhòrte 
Verletzung dar weiblichen Genitalien ; ZeugungsuntShigkeit. Casper's Vier- 
teljalirsschr. XXII. 1. — Toulmouche, A., Etude médico-légale dea blessures 
intéressant les organes génitaux chez rhonime. Annales d'iiygiéne. Juillet. 
1868. p. 110. — Maschka, Einscbiebnng eines Schilfrohres in die Uarnròhre 
eìnes Weibes uach vollbracbtem Beischlafe. Entziindung, Bildung einer Bla- 
senscheidenfistel. Schwere, mit einem wichtìgen Nacbtheile verbundene Ver- 
letzung. Outachten. 1. Voi. XVII. — Lo stesso, Misshandlung bestehende in 
Stossen gegen den Unterleib. Entstehung eines Gebiirmuttervorfalles. Schwere 
mit einem wichtigen Nachtheile verbundene Verletzung. Gutachten. IL Voi. 
Xn. — Lo STESSO. Mehrfache Stòsse gegen den Damm einer 40j. Weibsperson. 
Entstehung eines Scheidenbruches. Schwere, mit einem wichtigen Nachtheile 
verbundene Eerletzung. — Valentin, De illethalitate evulsionis pilorum in 
pudendis; avis de la Faculté de Leipzig. Pandectes médico-légales. p. 1. 
sect. 3. cas. 23. — Watson, Plaies de la vulve et du vagin. Journ. mèdie, 
et chirurg. d'Edinbourg, Juillet, 1831. Archiv. gén. de mèdie, t. XXVIII. p. 413. 
— Manoeuvres excrées sur le scrotum d*un jeune enfant; infli-mités subsé- 
quentes. Union Medicale. 1855. Nr. 37. — Wilde, Observation médico-légale 
sur un cas de gangréne. Noma des parties genitales 2. sèrie, t. XII. p. 347., 
1869. — ^Watson, Examen médico-légale d'un cas de moi*t subite à la suite 
de blessure du vagin. Annal. d*hyg. et de mèd.-Iég. t. Vili. p. 381. — Evrard, 
Plaies des organes de la generation chez les femmes; contusion ayant oc- 
casionné une hémorrhagie mortelle. Annal. 1850. t. XLIII. p. 425. — Wòefers, 
Ueber das Beschneiden des Judenkinder. Henke's Zeitsckr. f. Staatsarzkde. 
K. — Braunz, Zu J. B. Friedreich's Schrift: Ueber die jiidische Beschnei- 
dnng in historischer operativer und sanitàtspolizeilicher Beziehung. Ansbach 
1844. — Klein, Bemerkungen iiber Beschneidung. Henke's Zeitschr. Voi. 59. 

a) Genitali maschilL Le contusioni dei genitali maschili si 
distinguono per stravasi sanguigni molto diffusi nel lasco con- 
nettivo sottocutaneo, i quali possono diffondersi fin sulla coscia. 
Questi stravasi vengono — per lo più — rapidamente riassorbiti. 
Se per effetto di grave contusione accade la mortificazione del 
tessuto, e non si riesce ad impedire V infezione, possono pro- 
dursi vaste icorizzazioni, che in alcuni casi si diffusero ai te- 
gumenti addominali. 

Anche quando si verifichino vaste perdite di sostanza dello 
scroto , la guarigione è quasi sempre molto rapida. Le ferite 
dello scroto, specie quelle trasversali, determinano — quando 
sono molto estese — prolasso dei testicoli, il quale ha poca im- 
portanza, perchè nella retrazione cicatriziale i testicoli si riti- 



Digitized by VjOOQIC 



324 W e i 1, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

rano in sitò. — Nelle contusioni dei testicoli furono spesso os- 
servati fenomeni di shok^ talvolta mortale dopo gravi percosse 
su di essi. 

Le gravi contusioni di questi organi possono anche cagio- 
nare infiammazioni croniche, le quali — come in un caso rife- 
rito da Toulmouche — possono determinare incapacità al 
lavoro per la durata di 13 mesi. 

Sono anche noti alcuni casi, in cui le contusioni sottocu- 
tanee produssero suppurazione, e flnanco icorizzazione dei te- 
sticoli. Quest'ultimo fatto si constata soprattutto quando il fe- 
rito è aflFetto contemporaneamente da suppurazione in un altro 
punto del corpo. 

Se la percossa produce Tidrocele, questo si trasforma spes- 
sissimo in ematocele, il che è un fatto importante, perchè un 
tale ematocele sovente non è piii accessibile al trattamento 
coir iniezione di iodo ; e per la guarigione radicale ci vuole 
un'operazione più rilevante. 

Le feinte da punto e da taglio dei testicoli per lo più gua- 
riscono rapidamente e senza lasciare conseguenze; le contu- 
sioni possono cagionare suppurazione della sostanza dei testi- 
coli e forte dolore. 

Le ferite del cordone spermatico sono pericolose per la 
grande perdita di sangue. — Nell'operazione radicale di ernie 
inguinali esso può essere facilmente inciso, e allora ne segue 
l'atrofia del testicolo. 

La castrazione^ unilaterale o bilaterale, con o senza con- 
temporanea amputazione dell'asta, si verifica sia neir automu- 
tilazione praticata da alienati e da persone appartenenti a certe 
sette religiose; in rari casi viene perpetrata da mano estra- 
nea. N. A. Toulmouche (1) riferisce una castrazione praticata 
sopra un giovine che , legato ad un albero , fu castrato lege 
artis. Dall'esame della ferita deirincisione, che nelle sue parti 
superiori era molto più profonda che in quelle inferiori, ove de- 
correva superficialmente, il medico-legale ne inferì che il ta- 
glio fu condotto da sopra in basso. Da tal fatto nonché dal 
decorso retto del taglio e dalla circostanza che nelPautomuti- 



(1) Etude mèdi co-légale dea blessures intéressants les organes génitaux 
chez riiomme. Annales d*Hygiène publiqun. 80. 1868. 



Digitized by VjOOQIC 



t 
LesioDÌ violente dei genitali 3i^ 

lazione il testicolo viene asportato insieme allo scroto, egli 
argomentò che la castrazione era stata praticata da mano estra*. 
nea, e sopra un individuo impossibilitato a muoversi. Questa 
conclusione è certamente giustificata quando si tratta d'indi- 
vidui psichicamente sani, ma non già di alienati. — L'anno scorso 
vidi un uomo in sui trentanni, che per darò un dispiacere a 
sua moglie, la quale si era rifiutata di dargli danaro per an- 
dare nella bettola, si castrò lege artis. Raccontò che mise lo 
scroto nel cavo della mano sinistra, lo tese, e con un rasoio 
condusse un taglio longitudinale; escise poscia il testìcolo pro- 
lassato, lo avviluppò accuratamente in un pezzo di carta, e se 
lo pose in tasca. 

L'emorragia si arrestò spontaneamente. Dopo che egli — rì- 
dendo — ebbe riferito questo strano * atto di vendetta » contro 
la moglie, tirò dalla tasca il testicolo completamente reciso. 
In pochi giorni la ferita del tagliò era guarita, e T infermo fu 
condotto nel manicomio. 

In Vienna tre anni or sono una donna recise all'infido 
amante, che seppe destramente attirare in un appuntamento^ 
l'asta insieme allo scroto ed al testicolo. I rapporti di Pelikan 
<das Skopzenthuw in Russlandj Giessen, 1876) dimostrano che 
queste lesioni violente possono guarire malgrado la profusa per- 
dita di sangue. È generalmente noto che la perdita di un te- 
sticolo non impedisce essenzialmente la capacità del concepi- 
mento; è controverso soltanto, se dopo castrazione bilaterale 
sia ancora possibile un coito fecondante. E. Hofmann crede 
•che forse lo sperma rimasto nelle vescichette spermatiche possa 
fecondare ancora dopo lungo tempo. Ma una tale possibilità 
non può rattenere il medico-legale dal qualificare una castra- 
zione bilaterale come grave lesione corporale, che toglie al 
ferito la possibilità di procreare. La castrazione non impedisce 
la capacità di coire. 

Le lesioni violente AeìVuretra maschile e dell'aste posso- 
no , quali maltrattamenti infortì da' genitori , tutori o educa- 
tori, formare tema di dibattimento davanti alla giustizia. Non 
di rado per impedire che i bambini urinassero nel letto ven- 
dono legati fili oppure una piccola fascia elastica intorno al- 
Tasta, che si gonfia fortemente, e può verificarsi una gangrena 
più meno diffusa. Spesso il filo recide direttamente l'uretra. 



Digitized by VjOOQIC 



*3!i6 W e i I, Produzione delle lesioni violente meccaniche 

e si forma una fistola uretrale. Due anni or sono ebbi a cu- 
rare per fistola uretrale un bambino di otto anni, al quale i 
genitori applicavano la sera intorno air asta un po^ di spago 
per impedire che urinasse nel letto. La guarigione si produsse 
col recentamento dei margini callosi e con una buona sutura. 
Se le fistole stanno molto in avanti, può accadere che il coito 
fecondi. Se Tinfiammazione, consecutiva alla pratica di appli- 
care il laccio intorno all'asta, fu tanto grave che si produsse 
una cicatrice solida a forma circolare, può accadere che venga 
impedita l'erezione. 

Anche ie lesioni dell'asta, dovute a circoncisione rituale 
eseguita con imperizia (1), possono costituire oggetto di esame 
medico-legale. Ho veduto un bambino di dieci anni, al quale 
nella circoncisione era stato asportato tutto il ghiande. Restò 
un gravissimo restringimento dell'uretra. 

Il povero bambino soffrì un intenso catarro della vescica 
con continuo stimolo ad urinare, ed a stento riusciva a vuo- 
tare l' urina a gocce. Potetti rimuovere la stenosi incidendo 
l'uretra e cucendo all' infuori la mucosa; ma il catarro vesci- 
cale non è ancora completamente guarito. 

Anche le lesioni violente dell'asta, prodotte da atti osceni^ 
possono formare argomento di esame medico-legale. Così, per es.» 
sono noti alcuni casi in cui mediante manipolazioni sull'asta, la 
pelle Al asportata, anzi restò strappata come un dito di guanto. 

È a notare che per la grande spostabilità della pelle cir- 
costante, possono rimarginarsi rapidamente anche colossali per- 
dite di sostanza. 

Così, per es., Brugh (Philadelphia med. und surg. Rep* 
Sept. n. 1887) riferisce un caso nel quale ad un giovine dal ci- 
lindro di una trebbiatrice furono strappati lo scroto, la pelle del- 
l'asta fino al ligaraento interno del prepuzio ed un tratto con- 
siderevole della pelle della regione pubica ed inguinale. Costui 
guarì completamente senza alcuna operazione; i testicoli si retras- 
sero verso ranelle inguinale, e non rimase alcun disturbo; le fun- 
zioni sessuali non ne scapitarono afi'atto. — Tutte le lesioni 
profonde dell'asta a causa delle emorragie intense (e spesso- 
pericolose) che ne seguono, sono gravi. A guarigione completa 



(1) Henke'd ZeiUchrift. IX e XLIX. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violeate dei geoitali 327 

si può giudicare se sia stata impedita la capacità airaccoppia- 
mento. 

6) Genitali muliebri. 

Se si prescinde dalle escoriazioni leggiere prodotte nei 
coiti tumultuari, e dalle lacerazioni cagionate da parti laboriosi, 
si può affermare in complesso che le lesioni violente della va- 
gina non sono frequenti. Nella pratica forense occorrono tal- 
volta casi di attentati al pudore, nei quali furono prodotte gravi 
lesioni violente della vagina. 

Così, per es., Casper riferisce un caso di lacerazione della 
vagina^ dell' uretra e della vescica , prodotta da un ubbriaco, 
che dopo un coito colPinnammorata, le introdusse U mano nella 
vagina. — Una lesione più grave fu prodotta da alcuni rozzi 
giovinastri introducendo sabbia e pietre di silice nella vagina 
di una giovane di 18 anni; la vagina, il perineo ed il retto furono 
gravemente contusi e lacerati , e con ripetute operazioni si 
riuscì a stento a ripristinare il perineo e rimuovere la comu- 
nicazione fra la vagina ed il retto. Li man {Handbuch. 1^ 
pag. 362) giudicò che questa lesione violenta avesse prodotta 
r incapacità al parto. — Mas e hk a {Sammlung von Gutach- 
teriy I) riferisce un caso in cui ad una donna dopo il coito fu 
infisso nella vagina un pezzo di giunco, che ebbe per conse- 
guenza una fistola vescico-vaginale, — Possono, inoltre, verifi- 
carsi lesioni della vagina per lesioni traumatiche del perineo, 
ed essere prodotte perforazioni della vagina con lesione violenta 
degli organi limitrofi. 

Le lesioni violente della vagina possono divenire perico- 
lose (e financo mortah) per gravi emorragie. E. Hofmann 
ha descritto un'emorragia mortale, provocata da una lacerazione 
della mucosa per urto contro un angolo del letto. 

Anche nelle letterature inglese e tedesca si trovano re- 
gistrati alcuni casi in cui da ferite da taglio della vagina, in- 
ferte deliberatamente dai mariti alle invise mogli, seguì un'e- 
morragia mortale. La gravidanza e la dilatazione varicosa dei 
plessi venosi rendono molto pericolose le ferite della vagina. 
Nella pratica forense ha grande importanza il fatto che le 
cicatrici, rimaste dopo gravi lesioni violente della vagina, pos- 
sono rendere difficile o financo impossibile il coito e la capa- 



Digitized by VjOOQIC 



328 W e i i , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

cita a partorire. Allorché rimangono fìstole urinarie o sterco- 
racee, il marasmo n'è la conseguenza. 

Le lesioni violente àeìVtctero normale sono rarissime a cau- 
sa della posizione nascosta e della piccolezza dell'organo, e per 
lo più sono allora complicate ad altre lesioni pericolose. 

Molto più -frequenti sono in vece le lesioni violente del- 
l'utero ingrossato , soprattutto se pregnante. — Nella pratica 
forense ha importanza specialmente Vaborto per effetto di con- 
tusioni di ferite dell'utero ; ma di ciò sarà tenuta parola in 
altro capitolo. Hanno , inoltre , importanza i prolassi dell' u- 
tero per effetto di traumi addominali. Su tale proposito rimando 
il lettore a ciò che ho detto sulle ernie. — Il trauma rarissi- 
mamente cagiona prolasso dell' utero , a produrre il quale vi 
deve essere una predisposizione acquisita per effetto di numerosi 
parti per affezioni della sfera genitale. — Le lesioni violente 
dell'utero nell'atto del parto spesso sono oggetto di esame 
medico-legale per imperizia di arte. E. Schwarz (Archiv fìir 
Gynàkologie XVI) riferisce una lacerazione completa dell'utero 
(nel periodo della secondina) prodotta da una levatrice. In sei 
settimane si ebbe guarigione completa. — Nella letteratura sono 
registrati altri quattro casi simili. Due volte le levatrici nel 
distacco della placenta produssero l'inversione dell'utero. Amen- 
due le puerpere guarirono. Il terzo caso occorse a Gaches, 
che nell'allontanare la placenta accanto all'utero asportò pure 
un pezzo del crasso; la donna morì in pochi secondi. Nel quarto 
caso un barbiere nell'allontanare la placenta tirò fuori pure 
Tutero; la donna guarì. 

Molto più frequenti sono le rotture dell'utero con e senza 
lesione violenta di anse intestinali. In questi casi l'esame me- 
dico-legale non presenta alcuna difficoltà. 

£j. Lesioni violente delle estrenutà. 

Graff, Med.-gerichtliche Verhandlung uber die Frage: obund iawiefern 
die Behandlung einer Verletzung der Oberarmschlagader Einfluss auf die 
Nothwendigkeit der nachherigen Amputation des Armes gehabt hat. — X. 
ScHUMANN, Culpòse Tòdtung durch einen Schenkelhalsbruch, welcber dorch 
Umstossen in der Stube herbeigefùhrt wurde. Henke'sZeitschr. 3, Heft. (1843). 
— ScHNEiDER (von Euerdoff), Schusswunden im Oberschenkel, Amputation, 
Tod, Sectionsbericbt und gericbtsàrztliches Endgutachten. Henke's Zeitschr. 



Digitized by VjOOQIC 



L€8Ì0DÌ violente delle estremità 329 

34. Ergànzungsheft — Sandbr, Obergutacten Uber eine Verletzang der Ach- 
selschlagader. Annal.- d. St.A. yod Schneider etc. X. 4. (1844).— Dr. Mbyer, 
Tòdtlich gewordene Schussyerletzang. Henk's Zeitschr. 35. Ergànzungsheft 
— Dr. Hofmann, Oerichtl. medicin. Gutachten. I. Anklage wegen Raubes 
4. Orades. Henke's Zeitschr. f. d. StA.K. XXXVII. 1.— Dr. Hofmann, Ge- 
richtl.-medicinische Gatachten. Henke's Zeitschr. f. d. St.A.K. XXXXI. 1. — 
Dr. GoTTSGRALK, Beiobrach durch Misshandlang odor durch Fall f Caspor's 
Yierteijahrsschr. XXI. 1. — Hiebverletzung des Yorderarms. Aerztl. Mitthigen. 
au8 Baden, toh R. Volz. XVII 13. — Etude mèdico-legale sur une biessure 
gfave du pli du coude. Gaz. med. de Paris. Novembre. 1864. Nr. 46. — Don 
José Sanchiz, Tòdtliche Schnittwunde in die linke Hinterbacke. El Boletin 
med. Yalenciano 1865. Mai. — Dr. Hofmann, .\nklage wegen Kòrperven- 
letzung.. Deutsche Zeitschr, f. d. StA.K. XXIII. 1. (Verletzung der rechten 
Hand durch. die Haut drigend mit Trennung der Sehne des Streckmuskels 
des Zeigeflnger und der zum Mittelflnger gehenden Sehne des gemeinsamen 
Streckmuskels der Finger.) Anklage wegen Kòrperverletzung. Ebendaselbst. 
XXIII. 1. (Schliisselbeiubruch.) XXIII. 1. (DoppelterBruch des zum Daumen 
gehòrenden Mittelhandknochens.) XXIII. 2. (Verbriihung einer Hand mit 
nachgefolgter Narbe ohne bleibenden Schaden.) — Dr. E. Buchner, Stlchwunde 
in den Oberarm; eine zufàUig tòdtliche Verletzung. Friedreich*8 Bl&tt f. g. 
Anthropologie. XVI. 3. (Verletzung der Vena brachialis und einzelner Zweige 
der Arteria brachialis; Tod in Folge von Pyàmie, unregelmàssiges Ver- 
halten der Vulneration.) (Bruch des Vorderarmes; lange dauernde Arbeit- 
sunfòhigkeit; Biidung von iiberschussiger Knochenmasse (Gallus) die Ursache 
langer Unbrauchbarkeit des Gliedes.) (Stich verletzung in den Gberschenkel; 
zulKUig tòdtliche Verletzung. Ebendaselbst. XVI. 5.) Stichverfetzung eines 
Astes der Art profunda femor. der den Musculus abducens. mago, durch- 
bohrt; h&ufig wiederkehrende Blutungen; Tod durch Pyamie; unzweckm&ssiges 
Verhalten des Verletzten.) — Dr. L. Buhl, Quetschwunden an den unteren 
Extremitàten , hervorgerufen durch Ueberfahrenwerden ; lange dauernde 
(60 Tage) Arbeitsunfóhigkeit Friedreich's Blàtt f. ger. Anthropologie. XVI. 
6. — Dr. R. GiESELBR* Hiebwunde in das Ellebogengelenk. Casper*s Vierte- 
Ijahrsschr. f. ger. u. òffentl. Medicin. II. — Nok, Seltener Fall von Verweilen 
eines grossen fremden Kòrpers im Spati um interrosseum des Vorderarmes 
wàhrend 46 Tagen ohne nachtheilige Folgen Berlin, klin. Wochenschr. 1868. 
Nr. 15. — Hieb mit der Sichel iiber das Uandgelenk. Bleibende UnfHhigkeit 
den Daum zu strecken. Bl. f. Staatsarzk. 1868. Nr. 2. (Aus den Bl. f. ger. 
Medicin). — Ein Schlag. mit der Hand auf den Elienbogen, Bruch des Oie- 
cranon. Brand der Hant und der Weichtheile der Hand und des Armes, 
endlich Verlust der Extremitftt durch Amputation. Oesterr. Zeitschr. t 
prakt Hlkde. N.'6. 7. 8. ( 1 870).— Schneider, Gerichtsàrztl. Gutachten iiber 
eine Verletzung der Arteria profunda brachii und nutrititia magna humeri 
mit am 8. Tage erfolgten Tode. Zeitschr. f. StA.K. 1870. 1.— v. Langen- 
B)«CK, Superarbitrium der kgl. wissenschaftl. Deputation in der Untersuchun- 
gssache wider A. Vierteljahrsschr. f. ger. Med. 1872. 1. — Lindwurm, Stich 
in denVorderarm. Untersuch. wegen Kòrper verletzung. Blàtter f. ger. Medie. 
1872. Nr. 5. — Nussbaum, Bruch der Ulna und Luxation der Speiche. Un- 
tersuch. gegen den Bauem J. F. wegen Vergehens der Kòrperverletzuog. 
Bl&tt f. ger. Med. 1872. 1. Heft — Schumacher, Contusion als Schenkel- 
halsbruch. Bl. f. ger. Med. Heft 5. u. 6. — Schumacher, Schwurgerichtsver- 
bandlung gegen A. E. wegen Verbrechens des Todtschlages und gegen B. 
A. wegen Verbrechen der schweren kòrperlichen Beschfidigung. Friedreich^s 



Digitized by VjOOQIC 



SSO Weil, Prodosione òeWt 1«8ìodì violento meccaniche 

Bl&tter f. ger. Med. Heft 5. (Tod dea Denatas durch Yerbloten aos der 
linken Armschlagader.) — Skrzrczra, Superarbitrium der kònigl. wissensch. 
Deputation f. d. Medicinalwesen iiber die Frage : ob die Verletzuag dea W. 
W. eine schwere im Sinne dee §. 224 d. StO.B. sei; VierteIjahrsBchr. f. 
ger. Med. u. òffentl. Sanitfttsw. Bd. XXVI. Heft 1. — Ausa, Arbruch» Gon- 
tusionem flint- oderz inròlfwòchentliche Arbeitsunfàbigkeit. Priedreich^s Blàtter 
V. Nr. 2. — Henke, CompHcirte Laxation des Oberarmes. Ein gerichtl. Gui- 
achten. Deutsche Zeitschr. f. gr. Medicin. 1878. Nr. 32. — Schlbmmbr, 
Beitràge zur forensichen Casuistik. Wiener med. Zig, 1878. Nr. 11. 12. et 
sqq. — Bernh. Ritter, Zar Beurtheilang der Knochenbriiche iu gerichtsSrztl. 
Beziehung. Henk's Zeitscbr. XL 2. (1845). 

Le lesioni violente delle estremità quando hanno un'esten- 
sione considerevole producono incapacità al lavoro per un tempo 
più meno lungo, e spesso anche permanentemente, potendo 
cagionare la perdita della mano o del braccio, o deformità con- 
siderevole. A causa di queste conseguenze, prese in considerazio- 
ne dalla legge, tali lesioni hanno grande importanza forense. 

Fra le lesioni violente delle parti moUi sono da rilevare 
soprattutto quelle dei muscoli e dei tendini, nonché dei grossi 
vasi e dei nervi. 

Le ferite semplici dei muscoli per lo più guariscono rapi- 
damente, senza lasciare alcun disturbo funzionale. Soltanto le 
recisioni profonde di importanti gruppi muscolari, le quali per- 
vengono fino air osso , possono persistentemente impedire la 
funzione dell'estremità per effetto di larghe cicatrici che deter- 
minano aderenze colle ossa. Le ferite muscolari contuse e lace- 
re — come si OiBservano soprattutto nelle lesioni violente prodotte 
nel maneggio delle macchine, nel cadere sotto una vettura che 
passi sul corpo, sotto una frana ecc. — possono costringere a 
praticare l'amputazione dell'arto, specie quando fossero lesi 
grossi vasi, nervi, e flnanco le ossa. Queste ferite spessissimo 
producono stati di debilitamento e contratture delle estremità 
per croniche suppurazioni. 

Meritano, inoltre, speciale menzione le rotture sottocutanee 
di muscoli e tendini, che per lo più si osservano sui lunghi 
muscoli delle estremità, sul bicipite brachiale, sul quadricipite 
del femore, nonché sul tendine di Achille, dopo salti violenti, 
più di rado dopo urto o percossa. 

Nei muscoli infermi, codeste rotture si producono (special- 
mente dopo il tifo) anche con traumi molto leggieri. Spesso 
sono seguite da debolezza permanente del muscolo. — Molto 



Digitized by VjOOQIC 



LeBÌODt TÌoleote delle estremità 331 

pii\ importanti delle ferita muscolari, che producono gravi con- 
seguenze nel solo caso in cui abbiano vasta estensione, sono 
le ferite dei tendini. Però, è a rilevare che oggi giudichiamo 
queste «lesioni ben diversamente di ciò che facevamo un venti 
anni or sono. 

Le semplici ferite da taglio dei tendini possono — con 
adatto trattamento — guarire senza che si verifichino suppura- 
zione e disturbo funzionale. Bisogna soltanto aver cura, che le 
estremità dei tendini recisi restino a contatto permanente , e 
che si eviti Tinfezione una alla rispettiva suppurazione. 

Le aderenze leggiere debbono essere rimosse con adatto 
trattamento, che deve consìstere nel massaggio, nei bagni ed 
in movimenti passivi. 

Ma se questo trattamento non ih attuato per negligenza 
dell'infermo per ignoranza del medico, anche una semplice 
ferita da taglio dei tendini può determinare croniche suppura- 
zioni, flemmoni progressivi, e — neirulteriore corso — completa 
abolizione funzionale dell' estremità. Nella mia città natale ho 
veduta una donna giovine e robusta, che si era cacciato un ago 
nel dito; nelP estrarlo si ruppe, ed un medico nel rintracciare 
la punta recise un tendine flessore. Per effetto di questa ferita 
da taglio trascurata, si produsse un flemmone progressivo. L'in- 
fiammazione si diffuse alParticolazione della mano ed alle ossa 
metacarpee , cadute in necrosi , e si formarono molte fistole , 
guarite dopo molti mesi. Restò una mano atrofica, completa- 
mente rigida, che non poteva essere utilizzata per nessuna fun- 
zione, ed era sede di dolori, che apparivano ad intermittenza. 

Se è trascorso lungo tempo dopo la lesione (un anno o 
più), se le aderenze sono solide ed estese, e si sono formate cica- 
trici profonde che hanno contratto aderenza col l'osso, e l'estre- 
mità è fredda, dimagrata, di tinta cianotica, il medico-legale 
dovrà affermare che trattasi di una lesione la quale ha prodotto 
mutilazione e deformità. E se il ferito— come per lo più accade-— 
ha d'uopo di amendue le mani per il mestiere che esercita, 
la lesione rientra nel novero di quelle che producono « incapa- 
cità permanente al lavoro». Però fa d'uopo rilevare che que- 
sti stati patologici non sempre debbono essere riguardati come 
conseguenza necessaria della lesione violenta; spesso sono 
prodotti da causa morbigena sopravvenuta accidentalmente. 



Digitized by VjOOQIC 



332 W e i 1, ProduùoDe delle lesioni ▼ìolente meccaniche 

per la speciale costituzione organica del ferito , o per trat- 
tamento inadegnato. Nelle ferite contuse o lacere dei tendini, 
nelle perdite di sostanza, un tale esito può qualche volta es- 
sere evitato ; ma per lo più, , malgrado un trattamento -esatto, 
resta permanente disturbo funzionale, e spesso anche completa 
incapacità al lavoro. . 

Nelle risse non di rado si producono distensioni, e flnanco 
lacerazioni sottocutanee dei tendini della mano. In individui 
per tutt'altro sani e con un trattamento adeguato codeste le- 
sioni violente guariscono spessissimo in breve tempo, e senza 
che resti alcun disturbo funzionale. Ma in quelli deboli, soprat- 
tutto se tubercolosi , possono prodursi sinoviti fungose , che 
nei casi gravi conducono a croniche suppurazioni, e diffonden- 
dosi alle limitrofe articolazioni ed ossa, possono indurre perma- 
nenti disturbi funzionali, e financo perdita della mano. In questi 
casi vi concorre specialmente la speciale costituzione organica 
del ferito. 

Le lesioni dei principali tronchi arteriosi implicano sem- 
pre perìcolo di vita. Le lacerazioni sottocutanee possono de- 
terminare gangrena delle estremità, specie se è lesa contem- 
poraneamente la vena. Lo stesso si osserva non di rado nelle 
estensioni violente di estremità contratte, se eseguite senza le 
debite cautele. Talvolta queste rotture sottocutanee vengono 
prodotte nel sollevare gravi pesi, per gravi contusioni, o sono 
dovute ad iperestensione delP estremità nel saltare. A codeste 
lesioni violente segue non di rado lo sviluppo di grossi aneu- 
rismi. Ho osservato due casi di questa specie, e li ho descritti 
nella Prager medicinische Wochenschrift (1876 e 1880). Nel 
primo di questi casi dopo un salto si produsse un aneurisma 
popliteo, nell'altro dopo molteplici contusioni della regione in- 
guinale si verificò un aneurisma della femorale. — Le ferite di 
grosse arterie uccidono per lo più tanto rapidamente per dis- 
sanguamento, che non si riesce a procurare in tempo un soc- 
corso che possa rimuovere il pericolo. Soltanto in quei casi 
in cui la picciolezza della ferita dell'arteria oppure qualche altro 
impedimento (corpo straniero, lungo canale obliquo della pun- 
tura, ecc.) impediscono l'afflusso del sangue, il perìcolo di vita 
può essere rimosso col soccorso artificiale. 

Egualmente pericolose sono le lesioni violente dei'princi- 



Digitized by VjOOQIC 



LesioDÌ iriolente delle estremità 333 

pali tronchi venosi. Le ferite della vena ascellare possono uc- 
cidere per penetrazione di aria o per dissanguamento ; quelle 
della vena femorale producono spesso emorragie mortali (e 
quasi sempre gangrena delle estremità). — Meritano speciale 
menzione le trombosi, che appariscono dopo contusioni e sti- 
ramenti delle vene, e spesso cagionano infiammazioni della pa- 
rete delle vene e delle parti adiacenti, e, nei casi gravi, anche 
processi pie mici. 

Le conttisioni dei grossi tronchi nervosi possono determi- 
nare paralisi permanente o transitoria dei gruppi muscolari 
che essi innervano, e talvolta anche nevralgie o crampi. Que- 
sta ultimo fatto accade segnatamente quando — come per es. 
nel caso di ferite da punta o nelle fratture complicate— i corpi 
stranieri stimolano permanentemente il nervo, ed inducono un'in- 
fiammazione in esso e nelle parti limitrofe. — Dopo contusioni 
di piccoli nervi sensitivi si osserva talvolta P apparizione del 
trisma e del tetano. 

Non di rado il medico-legale è invitato a dare un giudi- 
zio sopra lesioni sottocutanee, contusioni e stiramenti di nervi, 
dovuti ad imperizia d'arte. — Dopo estensione di arti contratti 
furono osservate paralisi inguaribili ; e lo stesso accadde dopo 
violenti tentativi per riduzione di lussazioni. — Però le paralisi 
che restano per recisioni complete o perdite di sostanza di nervi, 
possono dissiparsi completamente dopo che sono durate molte 
settimane. Quindi talvolta per mesi interi non si può ancora 
giudicare se la paralisi sia permanente o transitoria. Lan- 
genbeck colla sutura dei nervi ha guarito una completa 
paralisi del radiale, durata undici settimane, e prodotta da una 
perdita di sostanza del nervo, la quale aveva un'estensione di 
due centimetri. 

Nel giudicare gli stati di debilitamento consecutivi a le- 
sioni dei nervi, bisogna sempre valutare se queste conseguenze 
potevano essere rimosse con un trattamento adeguato (elettri- 
cità, massaggio, esercizii, ecc.). 

Il medico-legale deve spesso esaminare e giudicare lesio- 
ni violente delle ossa. In una serie di casi deve decidere se 
un'osteite, una periostite, un' osteomielite, una carie o necrosi 
possono essere la conseguenza del pregresso trauma, e in tali 
casi deVe sempre tener presente che le cennate affezioni si 



Digitized by VjOOQIC 



334 W e i 1 , ProduBÌone delle lesiooi violento meccaniche 

sviluppano frequentemente nei giovani discrasici provenienti 
da genitori tubercolosi; mentre nei vecchi affetti da sifilide o 
che lavorano nelle fabbriche di fosforo, e soprattutto nei labora- 
tori di madreperle (Gussenbauer) tali affezioni possono ori- 
ginarsi spontaneamente o per effetto di leggieri traumi. 

Solo allorché i f^omeni flogistici seguirono rapidamente 
al trauma, si potrà stabilire in quale rapporto esso stia coirin- 
flammazione; se il trauma fu intenso e colpì un individuo sano 
e proveniente da genitori sani, T offensore è responsabile delle 
conseguenze prodotte alPoffeso. In tutti gli altri casi il giudizio 
relativamente al nesso fra il trauma e l'infiammazione può es- 
sere dato soltanto con grande probabilità. 

Nei casi di osteomielite acuta purulenta-^ che spesso si 
produce dopo leggieri traumi, dopo una pedata contro la cresta 
della tibia, in conseguenza di una sassata o di urto contro un 
oggetto duro — non di rado in pochi giorni si ha l'esito letale in 
mezzo a fenomeni tifosi, e allora bisogna ritenere come causa 
della morte la comparsa di un'infezione, che non può essere 
riguardata come conseguenza necessaria od anche ordinaria 
del trauma. 

Ma se tali individui si espongono contemporaneamente ad 
infreddature, alla pioggia, oppure (come fu osservato da me in 
un caso) stanno sempre in una stalla, è possibile che V infred- 
datura la cattiva aria della stalla produsse T osteomielite, e 
ciò soprattutto tenendo presente che questa può originarsi an- 
che senza trauma, ma per infezione in individui giovani. 

Le fratture delle ossa costituiscono oggetto di esame me- 
dico-legale più frequentemente degli stati morbosi ora descritti. 
A produrre una frattura è necessario ordinariamente un forte 
trauma; e per solito dall'estensione di quella si può desumere 
il grado del trauma. Però vi sono alcuni casi in cui le frat- 
ture si producono dopo traumi leggerissimi , oppure anche 
spontaneamente. Codesti stati abnormi, nei quali per solito 
si tiene parola di fragilità delle ossa, si riscontrano nella ra- 
chitide, nell'osteomalacia, nell'atrofia delle ossa (come si pre- 
sentano soprattutto nella vecchiaia) nella formazione di tumori 
delle ossa, nella cachessia cancerigna, e qualche volta anche 
nella necrosi; in rari casi trattasi di osteopsatirosi idiopatica 
(Volkmann, Krankheiten der Bewegungsorgané). -^ì^ou di 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle estremità 335 

rado il medico-legale è invitato a giudicare se una frattura si 
produsse dietro percossa o caduta. Spesso potrà rispondere a 
questa domanda esaminando la sede e la direzione della frat- 
tura , e soprattutto il modo di comportarsi delle parti molli. 
Per urto, percossa, sassate, ecc., si producono per Io più frat- 
ture dirette, in cui le parti molli nel contorno della frattura 
sono d^ordinario anch^esse lede; e per lo meno si rinvengono 
alcune suggillazioni od escoriazioni in vicinanza della frattura. 

La sede e la direzione della frattura hanno grande impor- 
tanza quando si deve rispondere alla domanda in qual modo 
essa si produsse. Le fratture delle ossa corte (ossa della mano 
e del piede) son dovute quasi sempre a traumi diretti; per lo 
meno Hamilton non vide mai prodursi una frattura delle 
falangi della mano per trauma indiretto (molto di rado può 
accadere per forte urto contro la punta delle dita). Anche le 
ossa metacarpee per lo più si fratturano per trauma diretto, 
benché in esse le fratture indirette non sono rare. Le fratture 
delle ossa carpee sono per lo più dovute a traumi diretti, e 
nella maggior parte dei casi sono complicate ad altre lesioni 
violente. Le ossa del tarso e del metatarso come pure le fa- 
langi delle dita del piede si fratturano unicamente per contu- 
sione diretta. 

L^ astragalo fa eccezione, (su 10 casi analizzati da Mo- 
nahan, 9 volte la causa della frattura era stata una caduta 
sul piede). Le lunghe ossa tubolari possono essere fratturate 
per trauma diretto od indiretto; però è noto che, per es., la 
frattura più frequente, cioè quella nel terzo inferiore del radio, 
si produce quasi sempre per caduta sulla mano, mentre la frat- 
tura delle due ossa delPavambraccio o soltanto dell'ulna, si pro- 
duce ordinariamente per trauma diretto. Inoltre il medico-legale 
deve tener presente un^ altra causa delie fratture, qual è quella 
per azione muscolare. Vi sono talune fratture, prodotte spe- 
cialmente sopra sporgenze ossee, sulPomero, sulla rotula, sul 
calcagno, sul trocantere, che sono dovute ad una intensa azione 
muscolare, nello scagliare sassi, nel picchiar forte, nel sal- 
tare, nei tentativi di tenersi dritto mentre si sta per cadere. 
Per quesf ultima causa spesso si frattura il collo del femore. 
Tenendo conto di tutte le condizioni ora accennate, il me- 
dico-legale potrà rispondere col massimo grado di probabilità 



Digitized by VjOOQIC 



336 W e i 1 , Produzione U«ile lesioni violente meccaniche 

alle domande circa il modo con coi nel dato caso ha potuto 
prodursi la frattura. 

Per la qualità delle fratture bisogna prendere anzitutto 
in considerazione il modo di comportarsi delle parti molli. Quan- 
do i tegumenti cutanei sono intatti e la contusione delle rima- 
nenti parti molli non^ grave, la frattura rarissimamente è pe- 
ricolosa. Ma se questi tegumenti sono lacerati oppure contusi 
fino al punto che piti tardi si mortificano ; se le parti molli 
sottostanti sono schiacciate mentre la cute è intatta;se nel tes- 
suto fortemente contuso havvi un grosso stravaso sanguigno, 
la frattura può implicare pericolo di vita , e n^ è il caso spe- 
cialmente in quelle dovute a forti traumi diretti. Le stesse 
fratture sottocutanee, eccezion fatta di quelle delle piccole ossa 
della mano e del piede, che possono guarire in 2 — 3 settimane, 
senza che resti alcun dissesto funzionale, producono disturbo 
della salute ed incapacità al lavoro al di là di 20 giorni, e 
perciò nel codice penale austriaco vengono rubricate nella ca- 
tegoria delle lesioni violente gravi. In generale si può affer- 
mare quanto segue: le fratture sottocutanee deiravambraccio 
hanno d'uopo di 5 settimane per consolidarsi, quelle delPome- 
ro 6, del collo dell'omero 7, della gamba 8, della coscia 10, 
del collo del femore 12 (vedi jGurlt, Handbitch der Lehre 
voti den Knochenhruchen, 1860). In condizioni speciali anche 
una frattura sottocutanea semplice può prendere un decorso 
letale. 

Nella Prager Medimnische Wochenschrift (1880) ho pub- 
blicato un caso nel quale un uomo robusto, con frattura sot- 
tocutanea della rotula, morì 14 giorni dopo la lesione violenta, 
mentre si rannodava la medicatura. La morte era stata pro- 
dotta da embolia pulmonale, e Tombolo proveniva dalla vena 
tibiale posteriore trombosata. Nella Letteratura sono registrati 
molti casi di questa specie in cui si produsse la morte repen- 
tinamente. 

Nei vecchi e negl'individui marastici può la vita essere 
messa in pericolo dalle ipostasi, nei bevoni dal delirium tre- 
mens e dalla pulraonite. Negl'individui già affetti da altre ma- 
lattie croniche o acute può accadere ohe una frattura sottocu- 
tanea semplice suppuri, e si verifichi la morte per piemia. 
In alcuni rari casi è stato osservato lo stesso anche in indi- 



Digitized by VjOOQIC 



LeflioDÌ violeuie delle estremità 337 

vidui sani. — Se per indocilità degP infermi T estremità di un 
frammento si sposta e perfora la cute, la frattura semplice può 
trasformarsi in complicata, e la vita può di nuovo essere messa 
in pericolo. — Una cattiva medicatura può èssere causa di gan- 
grena, da produrre flnanco la morte. — Vidi un giovine che, 
per effetto di una percossa sul braccio"*" riportò frattura sem- 
plice deir omero. Un contadino vi applicò una fasciatura con 
quattro stecche di legno, fissate mediante un nastro, ed ordinò 
all'ammalato di non rimuoverla prima che egli fosse ritornato 
a vederlo. 

Dopo tre giorni si recò dall'infermo, e quantunque il brac- 
cio fosse gonfiato, non allontanò la fasciatura, finché si accorse 
che tutto Tavambraccio aveva preso un colore azzurrognolo. 
Si produssero gangrena e tetano. Fatto il tentativo di salvare 
la vita deirinfermo colla disarticolazione dell'omero, non vi si 
riuscì perchè sopraggiunta la morte. 

Il ritardo nella consolidazione può determinare « incapa- 
cità al lavoro » per molti mesi. L' alcoolismo cronico, la gra- 
vidanza, la vecchiaia avanzata, la sifilide, le malattìe intercor- 
renti acute, gli stati marastici, ecc., possono esserne la causa; e 
prima di dare un giudizio, il medico-legale deve esaminare se 
nel dato caso vi sieno tali condizioni. In molti casi la sede e 
la forma della frattura nonché il cattivo trattamento (difette- 
vole riduzione, medicatura male applicata) oppure l'indocilità 
dell'infermo possono essere causa del ritardo nella consolida- 
zione. 

La permanente « incapacità al lavoro » o il permanente 
€ disturbo della salute » possono essere prodotti da mancanza 
della consolidazione , oppure da formazione di pseudoartrosi^ 
di anchilosi, di edema, ecc. — Il perito deve sempre indagare 
le cause di questi stati patologici ed indicare se sieno state con- 
seguenze inevitabili del trauma, oppure prodotte da circostanze 
sopravvenute accidentalmente, da speciale costituzione orga- 
nica, da erroneo trattamento da parte del medico o da negli- 
genza dell' oflFeso (talune fratture , come per es. quelle della 
rotula, dell'olecrano, del collo del femore dei vecchi non guari- 
scono quasi mai con la formazione di un callo solido). Bisogna 
soprattutto richiamare l'attenzione sul fatto, che le rigidità, i 
disturbi circolatorii e gli stati di debilitamento sono spessis- 

Maschka -^ Med. Leg. Voi. I. 22 



Digitized by VjOOQIC 



338 W e i 1 , Produzione delle lesioni violente meccaniche 

sirao dovuti air immobilizzazione protratta ed al difettevole trat- 
tamento consecutivo. 

Anche la posizione in cui l'estremità restò fissata dalla me- 
dicatura, è spesso inesatta, e questa circostanza basta da sé 
sola per determinare sovente disturbi funzionali permanenti. 
Così, per es., dopo fraitture delle ossa dell'avambraccio, il mo- 
vimento di pronazione e di supinazione può essere impedito 
applicando la medicatura in posizione poco esatta. Il perito deve 
sempre tenere debitamente conto di queste imperizie di arte 
quando si verifichino. 

Dopo fratture sottocutanee non di rado rimangono sensi- 
bili defoi*mità^ soprattutto per guarigione in posizione viziata, 
per forti raccorciamenti (specie se delle estremità inferiori) , 
per alcuni dei cennati accidenti. 

Dal punto di vista della pratica forense è importante la de- 
cisione se la deformità sia stata conseguenza inevitabile della 
lesione violenta. Talune fratture, anche se trattate nel miglior 
modo possibile, non guariscono senza che si producano rac- 
corciamento e spostamento, come per es. quelle del collo del 
femore , le oblique nel terzo superiore del femore , ecc. Però 
anche in questi casi bisogna tener conto della specie dì tratta- 
mento istituito, ed esaminare se con un' appropriata cura con- 
secutiva avrebbe potuto essere rimossa o menomata la deformità. 
Vidi un caso nel quale dopo frattura obliqua sottocutanea del 
femore rimase un raccorciamento di 12 centim. L'infermo era 
stato curato da un contadino, che aveva applicato stecche corte 
di legno. Si riuscì a rompere il callo , e ridurre il raccorcia- 
mento a 3 centim. 

Molto più difficile è il compito del medico-legale quando 
si tratta di dare un giudizio sopra fratture aperte. Si noti 
anzitutto che vi ha una serie di casi in cui praticata bentosto 
l'amputazione primaria o la disarticolazione, egli è spesso in- 
vitato a decidere se l'amputazione era necessaria, oppure se la 
morte accaduta consecutivamente sia stata determinata dall'ope- 
razione. Sovente è diifflcilissimo rispondere a queste domande. 
Si tenga presente, che anche i più esperti chirurgi talvolta in 
un dato caso possono essere di contrario parere circa la ne- 
cessità di praticare un'amputazione primaria. Ma in generale 
si riesce a formarsi un criterio giusto tenendo conto dell'inten- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle estremità 399 

sita del trauma, dello stato delle parti molli e delle ossa della 
gamba amputata. 

Le contusioni prodotte nei franamenti, negli accidenti fer- 
roviarii, nel maneggio delle macchine, nelle esplosioni che ac- 
cadono nelle mine, ecc. sono per lo più tanto gravi, che non 
si può affatto conservare Tarto. 

Lo stesso dicasi delle lacerazioni o delle gravi contusioni 
dei grossi vasi e nervi , riconosciute dal colore azzurrognolo 
deir estremità, dalP evanescenza del polso , dalT abbassamento 
della temperatura, dalle paralisi di nervi sensitivi e motori.— 
In taluni casi non è possibile dare un giudizio sicuro. Sol- 
tanto nelle fratture complicate della mano, bisogna astenersi 
da qualsiasi operazione in primo tempo , perchè flnanco la 
conservazione di una falange è della massima importanza per 
la capacità al lavoro, e col trattamento antisettico possono avere 
decorso asettico anche le più gravi contusioni, — Sarebbe grave 
errore amputare dita che pendono con tratti contenenti vasi. 
Bérenger Féraud (1) raccolse dalla Letteratura 87 casi in 
cui dita recise si saldarono. In 34 casi la recisione era compieta. 
Lo stesso autore ha raccolto una serie di casi in cui riuscì il 
saldamento di mani, piedi, avambraccia, braccia quasi com- 
pletamente recise (2). 

Qualora al medico-legale venisse rivolta la domanda se la 
morte sia stata determinata da amputazione o disarticolazione, 
egli dovrà esaminare se queste operazioni si eseguirono a regola 
d'arte , se Tesito letale avvenne per perdite di sangue conse- 
cutive a difettevole ligatura dei vasi, ad operazioni nel tessuto 
infermo, oppure a grave trascuranza delle cautele antisettiche. 
Circa i casi nei quali non era richiesta fin dal principio l'am- 
putazione dell'arto, è a rilevare che le fratture della coscia, e 
soprattutto quelle articolari dell'anca e del ginocchio, implicano 
spesso pericolo di vita. 

Ma le fratture della gamba e quelle dell'estremità supe- 
riore con un accurato trattamento antisettico , istituito subito 
dopo la lesione violenta, non terminano quasi mai colla mor- 



(1) De la conservation des doigts plus ou tnoins complèteniont sépu- 
rós accidentellement (Gazette des hdpìt. 104—117*. 1870). 

(2) Gazette des hópìtaux (53, 56, 58, 87. 1870). 



Digitized by VjOOQIC 



340 Weil, ProduzìoDe delle lesioni violente meccaniche 

te. In 74 casi di fratture complicate, trattate da Volkmann 
col metodo conservativo , si ebbe sempre la guarigione. — 11 
giudizio sulle conseguenze della lesione violenta deve essere 
riservato jfinchè non si sia verificata la guarigione, perchè il 
decorso può essere molto protratto da nevrosi, da croniche sup- 
purazioni, da cronici edemi, ecc. Il ritardo nella consolidazione, 
la formazione di pseudoartrosi, i gravi raccorciamenti ed incurva- 
menti si verificano molto più spesso che nelle fratture semplici. 

Le lesioni violente delle articolazioni meritano un esame 
speciale. Nelle risse non di rado si verificano distorsioni delle 
articolazioni della mano e del piede con semplice distensione, 
o con lacerazione della capsula articolare. Queste distorsioni 
spesso costituiscono lesioni leggiere, che guariscono in breve 
tempo con un trattamento appropriato (nei casi leggieri deve 
consistere nel ma^aggio ed in movimenti passivi, mentre se 
la capsula è lacerata deve consistere nell'immobilizzare Parti- 
colazione). 

Si sia molto cauti prima di emettere un giudizio definitivo, 
perchè dopo tali distorsioni non di rado i ligamenti restano 
rilasciati (e quindi rimane una tendenza a nuove distorsioni) 
oppure si produce una rigidità dolente delle articolazioni. 

In alcuni rari casi può accadere — quando il trattamento 
non è stato appropriato, oppure Tinfermo fu indocile, e soprat- 
tutto negl'individui di costituzione cagionevole o discrasici — 
che alla distorsione" seguano artriti acute, spesso divenute 
croniche. Il medico-legale prima di dare un giudizio deve 
prendere in considerazione T intensità del trauma, la docilità 
o meno dell'infermo al trattamento istituito: in breve, tutte le 
condizioni che esistevano nel dato caso. Nel dare un giudizio 
sulle ferite articolari egli deve sempre tener presente che i 
nostri concetti, circa il pericolo inerente a tali lesioni, si sona 
completamente modificati negli ultimi anni. — Mentre per lo 
passato la semplice apertura di una grossa articolazione, come 
per es. quella del ginocchio o dell'anca, era ritenuta come 
un'operazione pericolosa, oggi queste operazioni si eseguono a 
centinaia, e la mortalità è minima (vedi Volkmann, Beitràge 
zur Chirurgie, 1875, eie ultime annate del Langenbeck\s 
Archiv, del Centralblatt far Chirurgie, ecc.). 

Le semplici ferite da taglio o da punta delle articolazioni 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delle estremità 341 

senza lesioni violente delle ossa possono guarire anche senza 
l'ombra della suppurazione e del disturbo funzionale. Ma le fe- 
rite contuse e lacere con lesione ossea costituiscono sempre 
lesioni gravi, le quali spesso pongono la vita in pericolo, soprat- 
tutto quando sieno interessate le articolazioni del ginocchio e 
dell'anca. Anche quando si tratta di valutare le conseguenze 
di tali lesioni violente, bisogna tener conto di tutti quei fattori 
che ho indicati nelP esaminare le conseguenze della distor- 
sione, e soprattutto la circostanza se è stato istituito o meno 
un trattamento antisettico. È a rilevare pure espressamente, 
«che anche con un trattamento appropriato restano deformità e 
tendenza ad artriti deformanti. Rarissimamente ha luogo una 
restitutio ad integrum. 

Le lussazioni non costituiscono lesioni violente molto fre- 
quenti, e poiché nella maggior parte dei casi sono dovute 
ad una pura accidentalità, spesso non sono oggetto di esa- 
me medico-legale. Non è difficile distinguere le lussazioni trau- 
matiche da quelle spontanee, prodotte da flogosi dell' arti- 
colazione. — Nei casi recenti le così dette lussazioni abituali 
possono essere riconosciute dalla mancanza di tutti i fenomeni 
reattivi. Ma se bisogna formulare un giudizio sopra una lussa- 
zione prodotta da percossa o da urto nel cadere (in rissa) o 
nei franamenti ed altri accidenti , si deve tener presente che 
per produrla fa d'uopo per lo più di una forza rilevante, e che 
la maggior parte di queste lussazioni quando si tratta di grandi 
articolazioni (come quella dell'anca, della spalla e del gomito) 
produce sempre gravi lesioni nel senso del codice penale au- 
striaco, giacché sono necessarie tre o quattro settimane perchè 
guarisca la lacerazione della capsula, e durante questo tempo 
il rispettivo individuo per lo più é inabilitato al lavoro. 

A causa della complicazione colla lesione di grossi vasi, 
le lussazioni possono divenire pericolose. Può anche prodursi 
tina qualche paralisi inguaribile per contemporanea contusione 
o lacerazione di un nervo. Sono le lussazioni inveterate che il 
più delle volte costituiscono oggetto di esame medico-legale. — 
Da noi un gran numero di fratture e di lussazioni sono curate 
<la contadini, e non di rado avviene che dopo qualche tempo 
l'infermo venga rimandato coll'assicurazione che la lussazione 
è stata ridotta e tutto va per lo meglio; soltanto dopo tra- 



Digitized by VjOOQIC 



342 W e i I, Produzione delle leeiooi violente meccaniche 

scorse settimane e mesi, quando tutti gli unguenti non hanno 
giovato a nulla, l'ammalato va dal medico. — Nel giudicare 
questi casi bisogna tener presente che la riduzione di lussa- 
zioni recenti per lo più accade facilmente, e che soltanto po- 
chi sono i casi in cui per lacerazione completa della capsula^ 
per interposizione di una parte di questa, di un tendine o di 
un muscolo, o per contemporanea frattura del capo articolare^ 
non è possibile ridurre una lussazione recente. Bisogna inoltre 
prendere in considerazione, che quanto più la lussazione è in- 
veterata, tanto più riesce difficile ridurla, e che quando la 
lacerazione capsulare è molto impiccolita ed il capo ed il cotile 
articolare hanno subito alterazioni ^ la riduzione è impossi- 
bile. — Spesso le fratture sono scambiate con lussazioni, e non di 
rado grinfermi si lamentano che, ridotta la lussazione, non si 
ripristinò la funzione; in questi casi il trattamento è stato erroneo 
giacché per lo più non si trattava di lussazione. Spessissimo il 
medico-legale riesce a chiarire di che si tratta tenendo conto 
del meccanismo della lesione, della posizione in cui fu collocata 
r estremità immediatamente dopo la lesione violenta, deirulte* 
riore decorso della lesione, dell'età deirinfermo, e soprattutto 
coiresame locale. — Nò è a dimenticare, che possono prodursi 
contemporaneamente lussazioni e fratture, e che nei tentativi 
di riduzione il capo articolare si può rompere. 

Una lussazione non ridotta determina non di rado com- 
pleta abolizione funzionale delPestremità, perchè a causa della 
pressione del capo articolare sui grossi tronchi nervosi ri- 
mangono paralisi inguaribili. 

Però in alcuni casi neirulteriore decorso si ristabilisce una 
certa mobilità per formazione di una nuova articolazione , e 
Tarto dimagrato, ricominciando a funzionare, s'invigorisce di 
nuovo. 



Digitized by VjOOQIC 



LESIONI VIOLENTE DELL'OCCHIO 



ESAMINATE 

SOTTO IL RAPPORTO MEDICO-LEGALE 

PER IL 

Dottor V. H^SI^SR 

Professore all' Università di Praga. 



(Versione del DS VINCENZO MEYER) 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



LETTERATURA 

Le lesioni violente deirocr.hio finora sono state poco valutate sotto il 
rapporto medico-legale, benché la loro casuistica sia gìA abbastanza grande. 
Le monografie in cui esse sono state esaminate più accuramente sono le se- 
guenti: Adolf Zander und Arthur Geisslbr, Die Verletzung des Auges* 2. 
Theile. Leipzig 1863 e 1864. Questa eccellente opera contiene soltanto alla 
fine (da pagina 527 a 531) alcuni brevi cenni sulle lesioni deirocchio sotto 
il rapporto medico-legale. Inoltre sono qui da menzionare pure le seguenti 
opere: W. Whitjb Cooper, The lesions of the eye. London 1860. — A. J. Sch- 
NEiDER, Die Kopfverletzungen in gerichtlich medicinischer Hinsicht. Stuttgart 
1848. — PoLAND, Medico-legal observations in connection with lesions of the 
eye. Ophth. Hosp. Rep. YoL III.-* A. Pagenstegher, Einiges ilber Verletsungen 
des Auges. Klin. Beob. a. Wiesbaden. 1862. 2. Heft. — Bltjbcbnstock, Einige 
gerichtsfirztlichen Falle von Augerverletzungen. Friedreich's Bl. f. ger. Med. 
1874. 1876. — Haasis, Schwere Kopper verletzung mit giù cklichem Ausgange. 
Betz, Memorabilien 11. — v. Arlt, Ueber Verletzungen des Auges in ge- 
ricbtsiirztlicher Beziehung. Wien. med. Wochenschrift. 1874. È questa la 
prima monografia nella quale Pentita che hanno le lesioni violente dell'occhio 
nella pratica forense è esposta brevemente e sinteticamente. 

Le lesioni violente deirocchio costituiscono frequente og- 
getto di perizia medico-legale, perchè quest' organo, a causa 
della sua posizione superficiale sulla faccia, vi è spessissimo espo- 
sto; inoltre i traumi del capo nonché quelli delle parti più re- 
mote del corpo , e soprattutto le commozioni , si riverberano 
suirocchio. — Il giudicare le alterazioni patologiche del rocchio 
è uno dei compiti più difllciU del medico-legale, giacché pre- 
suppone profonde conoscenze spécialiste, che non tutti i medici- 
leg^àli hanno. Sia per tal fatto, sia perché non tutti i medici- 
legali in provincia dispongono dei numerosi mezzi richiesti per 
esaminare la refrazione e Tacuità visiva dell'occhio (lenti, ppto- 
metri, oftalmoscopi, perimetri, tavole per analizzare il senso dei 
colori, ecc.), spesso nei casi di questa specie vengono invitati 
direttamente gli oculisti per V esame. E senza T esatta deter- 
minazione dell'acuità visiva e della refrazione degli occhi, non 



Digitized by VjOOQIC 



346 H a 8 u 6 r , Lesioni violente dell* occhio 

sempre si può dare risposta sufficiente alle domande che ven- 
gono rivolte dalla Corte circa il grado e l'entità di lesioni vio- 
lente dell'occhio. 

I codici penali determinano soltanto in massima la latitu- 
dine delle domande che il giudice può rivolgere al medico 
sulle lesioni violente dell'occhio, giacché vi si riscontrano sol- 
tanto le seguenti espressioni : € disturbo transitorio o perma- 
nente della salute » , « incapacità transitoria o permanente al 
lavoro » , € perdita o indebolimento della vista >, « perdita di 
uno di amendue gli occhi >, « deformità dell'occhio ». Spesso 
accade che il giudice è costretto di fare alcune domande non 
contemplate nella Legge: per es. sul modo come si è prodotta 
la lesione violenta, sulla estensione che questa ha assunta, sulla 
qualità dell' istrumento vulnerante adoperato, suir influenza di 
diversi fattori durante il corso della guarigione , sulle pre- 
gresse malattie, sulla eventuale negligenza dell'infermo a se- 
guire esattamente la cura prescritta dal medico, sull'influenza 
che la lesione violenta o le sue conseguenze hanno potuto 
esercitare relativamente al mestiere che lo stesso praticava, 
ecc.; e talvolta può cadere anche in considerazione la possibi- 
lità della simulazione. A tutte queste domande non sempre è 
possibile rispondere (neppure a quelle d'indole generale). E 
poiché le alterazioni patologiche consecutive a lesioni violente 
costituiscono una catena di disturbi funzionali, la quale si svi- 
luppa lentamente nel corso di anni, il medico-legale non sem- 
pre può decidere hic et nunc se un disturbo visivo sia da 
riguardare come un danno permanente immutabile, ciò che 
appunto nella maggior parte dei casi il giudice desidera di 
conoscere esattamente. 

Nel codice penale austriaco i seguenti articoli si riferiscono 
alle lesioni violente dell'occhio. 

§ 132. Chi inveisce contro un altro senza T intenzione di am- 
mazzarlo, ma in modo tanto violento da cagionare disturbo della sa- 
lute oppure incapacità al lavoro per lo meno della durata di venti 
giorni, oppure uno scompiglio mentale, si rende colpevole del delitto 
di grave lesione corporale. 

§ 155. Ma se: a) la lesione, benché in sé stessa leggiera» fu at- 
tuata con un istrumento vulnerante ed in modo da implicare peri- 
colo di vita, oppure si può dimostrare che Toffensore, quantunque 



Digitized by VjOOQIC 



Lettoni violente deirocchio 347 

non abbia raggiunto Tintento, voleva però cagionare uno dei gravi 
disturbi menzionati nel § 152; oppure 

b] quando la lesione violenta produsse disturbo della salute od 
incapacità al lavoro almeno per la durata di trenta giorni; o 

e) l'azione fu commessa infliggendo gravi sofferenze ali* offeso; 
ovvero 

d) la grave lesione violenta divenne pericolosa, la condanna sarà 
del carcere duro da uno a cinqne anni. 

§ 156. Ma se il delitto : a) ha avuto per V offeso la perdita o 
Tindebolimento permanente delia favella, delia vista, dell'udito, la 
perdita della capacità di generare , di uu occhio , del braccio o di 
una mano, oppure qualche altra notevole mutilazione o deformità; 
oppure 

b) permanente marasmo, malattia inguaribile o scompiglio men- 
tale sanz'à probabilità di guarigiooe; ovvero 

e] incapacità permanente al lavoro, la condanna sarà del carcere 
duro da 5 a 10 anni. 

Nel codice penale germanico i seguenti articoli si riferi- 
scono alle lesioni violente deirocchio. 

§ 223. Chi deliberatamente inferisce un maltrattamento corpo- 
rale ad uu altro, o gli danneggia la salute, viene punito per lesione 
corporale col carcere fino a tre anni o con multa estensibile fino a 
300 talleri. 

Se il maltrattamento fu commesso su parenti della linea ascen- 
dente, la condanna non può essére inferiora al carcere per un mese. 

§ 22% a. Se la lesione corporale fu commessa con un' arma — 
specie se con un coltello o con un altro istrumento vulnerante pe* 
ricoloso — oppure con aggressione proditoria, o da molti in comune, 
o in modo da minacciare la vita, la pena del carcere non può essere 
inferiore a due mesi. 

§ 224. Se la lesione corporale ha avuto per conseguenza che il 
ferito perda qualche membro importante del corpo, il potere visivo 
di uno o di amendue gli occhi, l'udito, la favella oppure la capacità 
di generare, ovvero subisca qualche grave nocumento di altra specie 
(paralisi, scompiglio mentale, ecc.), si dovrà condannare il colpevole 
alla casa di forza fino a 5 anni, oppure al carcere per un tempo non 
inferiorc ad un anno. 

Nei seguenti sei capitoli andrò ad esporre l'importanza fo- 
rense delle malattie oculari. Terrò anzitutto parola di quelle 



Digitized by VjOOQIC 



348 H a s n e r , Lesioni violente deir occhio 

simulate o prodotte deliberatamente , indicando pure ciò Che 
più importa al medico-legale di conoscere per esaminare lo 
stato della refrazione e deiracuità visiva. Mi è impossibile però 
di esporre qui le nozioni fondamentali suiroftalmoscopio, sul- 
Tesarne del senso dei colori, sull'astigmatismo, ecc., le quali pos- 
sono essere apprese soltanto nelle cliniche oculistiche. 

Nel secondo capitolo terrò parola delle commozioni; nel 
terzo, delle ferite dell'occhio in cui non rimangono corpi stra- 
nieri nell'organo; nel quarto, dei corpi stranieri (incluse le 
lesioni violente con arma a fuoco); nel quinto delle scottature; 
e nel sesto delle intossicazioni.— A stretto rigor di termine, il 
medico-legale può essere interrogato su tutto il campo delle 
malattie oculari , perchè frequentissimi sono i casi in cui le 
lesioni violente colpiscono un occhio precedentemente infer- 
mo, e la cui forza visiva era indebolita o distrutta. Se l'infer- 
mo vede bene con un occhio, può darsi che egli non sapesse 
nulla della pregressa atfezione dell'altro, e quindi attribuisce 
il disturbo visivo alla lesione violenta che ha subito dopo, mentre 
nel fatto non havvi alcun rapporto fra entrambi. Questi casi sono 
talvolta i più difficili nella pratica forense, quando il medico- 
legale debba portarvi un giudizio coscienzioso. 

I. Malattie oculari simulate o prodotte a ragione veduta. 

aj Vizi di re frazione. La miopia, l'iperopia, l'astigmatismo 
si producono di rado in conseguenza di lesioni violente,^e perciò 
non costituiscono oggetto di esame medico-legale. In seguito 
a lesioni violente possono però prodursi alterazioni di forma 
della cornea, e queste accompagnarsi a vizi! di refrazìone. È an- 
che noto che negli occhi già affetti da vizio di refrazione, questo 
dopo un trauma può aggravarsi, oppure diminuire, o fìnanco 
scomparire del tutto. Per afachia traumatica possono guarire 
le forme più gravi di miopia. Parimenti diminuendo la con- 
vessità della cornea per trauma, può diminuire la miopia. Per 
contro , questa può aggravarsi se aumenta la curvatura della 
cornea, e l'iperopia aumentare se detta curvatura diminuisce. 
Perciò il medico-legale non può a priori negare la comparsa 
della miopia o dell'iperopia per effetto della lesione violenta. — 
Nei coscritti, che spesso accusano alti gradi del vizio di refra- 



Digitized by VjOOQIC 



Malattìe oculari simulata o prodotte a ragion veduta 349 

zione, trattasi spesso di determinare esattamente il grado di 
questa malattia. 

Il difetto di refrazione deve essere esaminato isolatamente 
per ciascun occhio. — Nel caso che si debba constatare la mio- 
pia, si farà anzitutto fissare con un occhio (a luce diurna di 
media intensità) la tavola tipografica di Snellen — tenuta a 
distanza di 20 piedi*- su una parete, e soprattutto la tavola che 
contiene i saggi CC fino a XX in sette serie, e si faranno leggere 
le lettere a cominciare da quelle di sopra, e terminando a quelle 
di sotto. Se flnanco l'ultimo rigo XX venga letto facilmente, 
rocchio non è né miope né iperopico, ma normale, emmetrope. 
Qualora rocchio non veda chiaramente le lettere tipografiche, si 
applichino dapprima deboli lenti concave, le quali se correggono 
il difetto, si può desumere che havvi la miopia. La lente più 
debole colla quale viene letto chiaramente il rigo XX indica 
il grado della miopia. Se, per es. con lenti concave di N.° 30 
a N.° 12 si veggono più chiaramente le lettere, e col N.° 11 
s'incomincia a vederle meno chiaramente, vi è una miopia di 
12 pollici (32 ctm.), e si può allora non tener conto della di- 
stanza della lente dall' occhio. Ma a stretto rigor di termine , 
se la lente in questo caso dista 7« pollice dall'occhio, la miopia 
ascende a 12 7-2 pollici. — Vero è che gl'individui i quali pa- 
droneggiano molto l'accomodazione, e soprattutto quelli già ad- 
destrati colle lenti concave e che vogliono simulare a ragion 
veduta , superano anche lenti più forti , e quindi potrebbero 
indurre in errore sul grado della loro miopia. Ma se il medico 
sospetta tal caso, può ovviarvi paralizzando dapprima l' acco- 
modazione coll'insiillazione del solfato di atropina (1 : 100), cui 
fa seguire la determinazione ottalmoscopica della refrazione. 

Se le scale tipografiche non vengono lette chiaramente né 
ad occhio nudo, né colle lenti concave, si applichino lenti con- 
vesse davanti all'occhio, e allora la lente più forte colla quale 
viene letto il N." XX indica il grado dell'iperopia. Anche in tal 
caso si può far seguire la determinazione ottalmoscopica della 
refrazione nella narcosi atropinica dell'occhio, ed essa consiste 
in ciò: che l'osservatore dopo neutralizzato il suo eventuale 
difetto di refrazione applicandosi una lente, cerca quella con 
cui egli, sotto l'illuminazione ottalmoscopica, vede il fondo 
deirocchio dell'esplorando ad una determinata distanza dall'oc- 



Digitized by VjOOQIC 



350 H a 8 D e r , Lesioni violente delP occhio 

chio e nella così detta immagine dritta. Se, per es., con una 
lente concava N.** 20 i vasi retinici dell'esplorando si veggono 
chiaramente alla distanza di2pollici,si dovrà presumere che havvi 
una miopia di 20 •\- 2=22 pollici. Se colla lente convessa N.** 20 
i vasi retinici appariscono chiaramente alla distanza di 2 pol- 
lici, vi è unMperopia di 20 — 2=18 pollici. 

Chi è sufficientemente addestrato a praticare l'esame ot- 
talraoscopico ad immagine capovolta con uno specchio tubolare 
può constatare (tostochè sul tubo sia indicata la distanza dello 
specchio e della lente oggettiva) la miopia quando la distanza è 
raccorciata, e Tiperopia quando è allungata al di là del normale. 

L'ispezione dell'occhio ed il quadro ottalmoscopico del fondo 
deir occhio possono dare qualche chiarimento sulla miopia o 
suir iperopia , giacché soprattutto gli occhi fortemente miopi 
appariscono sporgenti ed allungati nell'asse longitudinale; la 
camera anteriore dell'occhio è più grande, la pupilla più ampia; 
la coriocapillare è spesso rarefatta; d'ordinario havvi stafì- 
loma postico nelle sue diverse forme; la sezione trasversale 
del nervo ottico apparisce più piccola e piuttosto arrossita. — 
I bulbi iperopici, per contro, sogliono essere più piccoli, piut- 
tosto tondeggianti; la camera anteriore dell'occhio e la pu- 
pilla appariscono più strette; ma la papilla del nervo ottico 
apparisce più grossa, più sbiadita. 

b) La determinazione dell'acuità visiva è uno dei compiti 
più importanti del medico-legale quando si tratta di valutare 
le lesioni violente dell'occhio, per le quali spesso l'acuità visiva 
è realmente diminuita, oppure non di rado viene simulata l'am- 
bliopia per spirito di vendetta contro l'offensore o per preten- 
dere un indennizzo pecuniario. 

In questi casi per il medico-legale si tratta soltanto di 
determinare se in uno od in amendue gli occhi è diminuita 
l'acuità visiva centrale, se havvi restrizione od interruzione del 
campo visuale, oppure se sia alterato il senso dei colori. In que- 
sti ultimi tempi si è studiato molto per scovrire metodi sicuri 
onde accertare la simulazione di disturbi ambliopici; ma non 
sempre è possibile di conseguire lo scopo, soprattutto quando 
si tratta di simulatori furbi, intelligenti e tenaci. 

In molti casi basta l'ispezione e l'esame coll'ottalmoscopio 
per constatare gradi elevati di amblioplia, giacché allora spesso 



Digitized by VjOOQIC 



Malattie oculari BÌmulato o prodotte a ragioD veduta 351 

vi sono deviazione strabica dell' occhio ambliopico, lenta mo- 
bilità deiriride, dilatazione della pupilla, atrofia o iperemia del 
nervo ottico , alterazioni della retina e della, coroide nonché 
del corpo vitreo. — Le forme elevate di astigmatismo della cor- 
nea possono essere accertate colPottalmoscopio e tenendo ap- 
plicate lenti cilindriche. — La restrizione del campo visuale 
viene esaminata col perimetro, oppure si fa fissare alternati- 
vamente con un solo occhio (escludendo l'altro dalla visione) 
un dato oggetto, per es. la punta di un dito, mentre ad una 
distanza di 2 — 3 piedi dall'occhio, si spinge il dito, oppure il 
lume di una candela, dalla periferia verso l'oggetto fissato. In 
siffatto modo si constata senza diflScoltà una proiezione dei 
contorni del campo visuale.— L'esame del senso dei colori va 
fatto in modo rapidissimo e sicuro coi saggi colorati di lana. 
Si prende un fascette di lana di un colore a piacere, lo si pone 
sul tavolo, e s'invita l'infermo a tirare dalla balla di lana i 
colori analoghi, e porli accanto al fascette sul tavolo. Que- 
st'esame può essere fatto pure colle tavole colorate di Stil- 
ling colla collezione di Wettstein. 

L'esame della diminuzione dell'acuità visiva (V) va fatto 
colle lenti nel modo che segue. Se un occhio, per es., ad una 
distanza di 20 piedi dalle tavole di Snellen viene portato, 
mercè lenti concave gradatamente più forti, al punto che colla 
lente Nr. 20 possa leggere il quarto rigo, L, mentre non può 
leggere il quinto, XL, con nessuna lente, la miopia ascende 

ad — e r acuità visiva V è = — . In tal caso, cioè, esso alla 

distanza di 20 piedi non può, rimuovendo i così detti circoli 
di distrazione colla lente concava, leggere l'ultimo rigo XX, 
ma soltanto il rigo L. Perciò esso non ha l'acuità visiva nor- 

,20 ,^ . 20 

male —, ma soltanto — . 

Se un occhio con lenti concave gradatamente più forti 
vede meglio i saggi tipografici di Snellen alla distanza di 20 
piedi, e per es. raggiunge la massima acuità visiva al Nr. 20 
per il quarto rigo L, esso, analogamente al surriferito occhio 

miope ha l'acuità visiva V == — e l'ip^ropia = — . 

Qualora né le lenti convesse né quelle concave riescano 
a correggere un o.cchio per la lettura delle scale tipografiche 



Digitized by VjOOQIC 



352 Hasner, Lesioni violente dell* occhio 

di Snellen alla distanza di 20 piedi, e se per es. a questa di- 
stanza esso legge soltanto il primo rigo CO, la sua acuità visi- 

20 

vaèV=-~. Se deve avvicinarsi fino alla distanza di 5 piedi, 

200 g 

per poter leggere il primo rigo CC, allora è V = — :. Appunto 

in questi ultimi casi non havvi alcun vizio di refrazione, ma 
soltanto una pura e semplice ambliopia. 

e) Tutti questi risultati dell' esame sono attendibili quan^ 
do r infermo dice la verità, e non vuole deliberatamente in- 
gannare. Qualora per circostanze accessorie sorgesse il so- 
spetto che egli voglia mistificare, dobbiamo fare del nostro 
meglio per smascherare la simulazione. Su tale proposito si 
noti che la simulazione di un disturbo ambliopico o di una 
cecità completa è probabile quando T iride ad illuminazione 
concentrata , e chiudendo ed aprendo alternativamente V oc- 
chio in esame oppure T altro, reagisce normalmente. È pro- 
babile inoltre che V infermo simuli quando P esame ottal- 
moscopico non laccia rilevare alcun dato in base al quale 
si possa diagnosticare un'affezione deir apparecchio che perce- 
pisce la luce, e sia rimasto conservato il movimento normale 
parallelo degli occhi. Qualche volta si può smascherare un'a- 
maurosi unilaterale simulata applicando davanti air occhia 
sano forti lenti prismatiche Nr. 10 a 12 colla base rivolta in 
sopra od in giù, e poi facendo fissare con amendue gli occhi 
la fiamma di un cero, tenuto pressoché alla distanza di tre 
piedi. Se vengono vedute due fiamme a diversa altezza, si deve 
escludere che trattisi di amaurosi unilaterale. Quest'esperi- 
mento, al pari di altri fatti colle lenti prismatiche, non dà- 
risttltati assolutamente attendibili, giacché parecchi individui 
superano agevolmente le difficoltà per tali differenze in altezza 
e larghezza di immagini doppie prodotte da forti prismi, fon- 
dono le immagini doppie, e quindi negli esperimenti con tali 
lenti non havvi diplopia. Io stesso riesco a superare senza al- 
cuno sforzo le immagini doppie prodotte colle lenti Nr. 6, un 
po' difficilmente quelle di Nr. 10, ma non quelle prodotte col 
Nr. 12. Perciò è meglio ricorrere airesperimento di Kugel con 
lenti colorate. Si applichi una lente di colore scuro, ma traspa- 
rente, davanti alPocchio sano, ed una di pari colore ma opaca 
davanti air occhio che vede. Se appressando un oggetto qual- 



Digitized by VjOOQIC 



Malattie oculari simulate o prodotte a ragion veduta 353 

siasi, per es. un dito, esso viene riconosciuto, è da escludere 
che si tratti di amaurosi unilaterale. 

d) Malattie prodotte a ragion veduta. Dai coscritti che vo- 
gliono esentarsi dal servizio militare, dai disoccupati o vaga- 
bondi che desiderano di essere accolti in qualche ricovero, e 
più di rado da giovani che vogliono esimersi da un esame, op- 
pure da coloro che vorrebbero che venisse procrastinato un 
arresto, o che vogliano destare la compassione, viene provocata 
a ragion veduta qualche malattia dell'occhio. A tale scopo si pro- 
ducono deliberatamente, il più delle volte, irritazioni della con- 
giuntiva introducendo nel sacco congiuntivale sostanze che pro- 
ducono una stimolazione chimica o meccanica; di rado vengono 
adoperati i midriatici. 

È ormai risaputo che T infiammazione della congiuntiva 
viene per lo più provocata coirapplicazione di fili di paglia, oc- 
chi di granchi, granelli di frutti, semi di carrubbe, alcool, acqua- 
vite, sai di cucina, solfato di rame, nitrato di argento, calce 
caustica, cantaridi, ecc. I corpi estranei infìssi sotto la palpebra 
superiore si rinvengono arrovesciando la palpebra, mentre V oc- 
chio contemporaneamente guarda in giù. Qualche volta in tale 
esame bisogna procedere con molta cautela, quando vi sia un 
edema della congiuntiva o si sieno già syiluppate granulazioni 
della ferita. 1 piccoli fili di paglia, gli occhi di granchi, le 
scheggioline di vetro sovente vengono bentosto avvolti da gra- 
nulazione, e qualche volta si scorgono soltanto dopo che queste 
siano state rimosse. I corpi stranieri possono restare per lungo 
tempo sulla piega di passaggio della congiuntiva della palpebra 
superiore e provocare unicamente leggiera congiuntivite catar- 
rale. — Anche il sapone, il cloruro sodico non che l'acquavite, 
ecc., producono per lo più soltanto catarro della congiuntiva. 
Le sostanze caustiche — come per es. i pezzettini di lapis in- 
fernale, di calce caustica, ecc. — cagionano escare circoscritte, 
membrane crupali con consecutiva retrazione cicatriziale della 
congiuntiva, oppure cheratite ulcerosa. Non è facile equivocare 
la congiuntivite artificiale colla difterite o colla blenorrea in- 
fettiva della congiuntiva, tenendo presente che la difterite si 
verifica in speciali condizioni esterne, per lo più è accompa- 
gnata da febbre, e dura molto più a lungo di una congiuntivite 
prodotta dai caustici. Nella blenorrea la tumefazione e la secre- 

Maschka— Med. Leg. Voi. I. 23 



Digitized by VjOOQIC 



354 Hasner, Lesioni violente delP occhio 

zione si diffondono su tutto il sacco congiuntivale; T affezione 
dura più a lungo; lo sviluppo e la scomparsa del secreto se- 
guono un certo corso regolare, e per solito si riesce a con- 
statare la contagiosità del secreto. 

Si afferma (Lawrence) che in alcuni casi i coscritti mercè 
punture con aghi da cucire, avrebbero provocata la cataratta 
nell'occhio (specie nel destro che viene adibito nel puntare il 
fucile). Zander riferisce che vi era un chirurgo il quale contro 
ricompensa pecuniaria cercava di esimere i coscritti dal ser- 
vizio militare, toccando loro la cornea con nitrato di argento 
onde provocare la cheratite artificiale. Fra i casi bizzarri di con- 
giuntivite artificiale è da annoverare quello di una giovanetta 
isterica in America (Cooper), alla quale ogni mattina veniva 
estratto un pò di ragnatela dall' occhio. Sembra che dopo due 
mesi questa giovinetta si stancò di simulare, oppure non trovò 
più ragnatela. La congiuntivite allora cessò. 

La midriasi, provocata da estratto di belladonna, è stata os- 
servata da H i m 1 y nei coscritti. La pertinace dilatazione delle pu- 
pille cessò — dopo lungo soggiorno nell'ospedale — coi bagni caldi, 
perchè i coscritti tenevano nascosto sotto l'unghia del pollice 
un po' di estratto di belladonna, e questa provvista bastava per- 
chè essi di soppiatto ne applicassero un poco acciò ricompa- 
risse la midriasi. 

Un soldato di cavalleria, accompagnato dal padre, venne 
a visitarmi, dichiarando che da otto giorni aveva dilatazione 
della pupilla dell'occhio destro con paralisi dell'accomodazione. 
E poiché era un giovine robusto che non stancava eccessi- 
vamente gli occhi colla lettura, non presentava alcuna causa 
di questo disturbo patologico, e le instillazioni di atropina pro- 
ducevano soltanto un miglioramento fugace, sospettai che po- 
tesse trattarsi di midriasi artificiale prodotta dall'atropina, 
tanto più che l'infermo si era lanciato sfrenatamente nel vor- 
tice dei piaceri. Finché durò il tempo del suo congedo, mi ne- 
gò ostinatamente che faceva uso dell' atropina per provocare 
la midriasi, poscia sotto il suggello della segretezza mi confessò 
che pertanto così praticava, perchè annoiato di prestare il 
servizio militare, voleva vivere nella casa paterna e divertirsi. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell' occhio per commozioni 355 



II. Lesioni violente deiroechio per commozioni. 

Le lesioni violente deiroechio si producono per Fazione 
diretta di un istrumento vulnerante ottuso sul bulbo oculare o 
suoi organi accessori ( nel qual caso i tessuti subiscono uno 
spostamento), oppure perchè il corpo che cagiona la commo- 
zione penetra nei tessuti. Può anche accadere che la commozione 
si riverberi indirettamente sull'organo visivo, in quanto che 
essa colpisce dapprima il capo od un altro punto del corpo, 
donde si propaga alPocchio. Le commozioni o le contusioni, a 
seconda del grado con cui agiscono, appartengono alle lesioni 
piÌL pericolose deiroechio, giacché possono determinare ver- 
samenti sanguigni nell'interno di quest'organo, nello spazio 
intervaginale dei nervi ottici, nei centri cerebrali della sensa- 
zione luminosa; inoltre possono determinare spostamento dei 
tessuti con consecutive infiammazioni, perdita completa del po- 
tere visivo e considerevole deformità. 

I sintomi della commozione non sempre si appalesano su- 
bito. Soltanto i versamenti sanguigni nelle palpebre, nella con- 
giuntiva, nella camera anteriore dell'occhio, nel corpo vitreo, 
nella retina, le lacerazioni della cornea, della sclerotica, del- 
l'iride e le lussazioni del cristallino possono essere subito ri- 
conosciute. Ma le emorragie retrobulbari del nervo ottico , 
dell'orbita, i versamenti sanguigni nei centri cerebrali della 
sensazione luminosa, le fratture delle ossa orbitali, della base 
del cranio sfuggono all'osservazione. Le alterazioni reattive si 
verificano qualche volta tardi e gradatamente, per cui il medico- 
legale spesso soltanto dopo settimane o mesi può pronunziarsi 
sull'entità della lesione violenta. Soprattutto nelle flssuro ossee 
può accadere che il processo di formazione della cicatrice resti 
latente per lungo tempo, e soltanto dopo anni, per effetto di 
sviluppo di tumori, venga compromessa la forza visiva, e possa 
aversi financo l'esito letale. 

Nelle ferite della faccia o del cranio, inferte con istrumenti 
vulneranti ottusi, vibrati con violenza (per es. nelle percosse sul 
capo, nelle ferite da arma a fuoco, ecc.) si ha spesso occasione di 
constatare una lesione violenta dell'organo visivo, e perciò le 



Digitized by VjOOQIC 



356 H a 8 n e r , Lesioni violente dell* occhio 

indicazioni che eventualmente può dare su tale proposito il fe- 
rito, cioè che egli ha un disturbo visivo, possono essere ben 
fondate, anche quando il reperto obbiettivo dia al principio un 
risultato negativo. D'altra parte bisogna, in questi casi, tener 
presente la possibilità di una simulazione. 

a) Commozione delle palpebre. 

Le palpebre subiscono spessissimo una contusione diretta 
per diverse cause, fra le quali sono da annoverare i pugni, le 
bastonate, le scudisciate, le legnate, le sassate oppure Turto 
dell'occhio contro un corpo duro (il che può avvenire sia nel 
camminare sia nel cadere). Le contusioni si associano spesso ad 
escoriazione della pelle oppure a ferita lacera della palpebra. 
Indirettamente le palpebre ne soffrono nelle percosse sul capo, 
oppure nelle gravi commozioni del corpo, soprattutto se queste 
decorrono con repentino disturbo della circolazione o della re- 
spirazione, per es. nella compressione o nello strangolamento 
dei vasi del collo , nella repentina compressione del torace e 
dell' addome. 

L'ordinaria conseguenza della commozione è costituita da 
stravasi ed edemi, ed in rari casi da enfisema delle palpebre, 
da infiammazione con formazione di ascessi, e persino da gan- 
grena o paralisi con vizt di posizione. 

Nella leggiera contusione diretta gli stravasi di sangue sì 
rivelano soltanto come macchie superficiali o strie nel derma; 
nei gradi più elevati si producono considerevoli versamenti san- 
guigni nel connettivo sottocutaneo con tumefazione rosso-scura, 
pastosa, indolente. Per lo più la suggillazione dalla palpebra 
inferiore si diflTonde pure sul naso e sulla guancia. Nelle percosse 
collo scudiscio col bastone si può talvolta — dalla direzione 
delle lividure — desumere la natura dell' istrumento vulnerante 
e la direzione in cui esso agì. — È stato anche affermato che 
nelle contusioni dell' osso frontale gli stravasi si diffondono 
unicamente nella superficie esterna delle palpebre, mentre nelle 
lesioni violente della base del cranio il sangue si effonderebbe 
soltanto sulla superficie interna delle palpebre e sulla congiun- 
tiva, perchè la fascia tarso-orbitale gl'impedirebbe di passare 
da una superficie palpebrale all' altra. Ma ciò non è esatto, 
perchè quest'aponeurosi non è priva di lacune, per cui nulla 
si oppone a che il sangue passi dall' orbita nella cute palpe- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir occhio per commozioni ^1 

brale este^rna, e viceversa. Nei violenti accessi di tosse (e so- 
prattutto nella pertosse) nonché nella strangolazione dei vasi 
del collo, e quindi anche negli appiccati, si producono d'ordi- 
nario emorragie delle palpebre. 

Un birraio mentre scendeva in un cellaio fu colpito alle 
spalle da una botte di birra; nello stramazzare a terra si curvò, 
il capo fu spinto con impeto contro il torace, e restò qualche 
tempo accovacciato , finché fu tolta la botte che gli era ri- 
masta sulla nuca. Condotto nella clinica, constatammo che i due 
bulbi oculari sporgevano fuori l'orbita (il che era certamente 
dovuto a versamento sanguigno retrobulbare), le due congiun- 
tive erano di color rosso-nerastro, e le palpebre di color ros- 
so-scuro e tumide; sulla faccia , sul collo e sul torace eranvi 
molte ecchimosi. La forza visiva dei due occhi era rimasta inal- 
terata, né si poteva constatare alcuno stravaso di sangue nel- 
r interno dell'occhio. Dopo otto giorni la massima parte degli 
stravasi delle palpebre e della congiuntiva fu riassorbita, i 
bulbi erano ritornati in posizione normale, e l'infermo potette 
essere rimandato guarito. — Negli stravasi delle palpebre ba- 
stano qualche volta compresse imbevute di tinture aromatiche 
diluite (arnica, ecc.) o di acquavite per determinare il riassorbi- 
mento del sangue. Nei casi in cui vi sono stati considerevoli versa- 
menti sanguigni a forma saccata, si potette fare un'incisione ed 
applicare la fasciatura compressiva. 

L' enfisema delle palpebre si osserva qualche volta come 
conseguenza di contusione diretta dell'occhio, soprattutto del 
naso. E la penetrazione d'aria nel connettivo sottocutaneo delle 
palpebre accade nelle fratture delle ossa nasali, dell' osso la- 
grimale o dell'osso etmoide, o direttamente dalla cavità nasale 
o per lacerazione della mucosa del canale lagrimale. 

L'enfisema si rivela come una tumefazione incolore, pastosa, 
elastica, indolente delle palpebre, la quale crepita sotto la pres- 
sione. Sovente essa ha un'estensione considerevole. In com- 
plesso non costituisce un fatto allarmante. D'ordinario si dis- 
sipa in pochi giorni sotto l'applicazione di panni asciutti caldi. 

YP infiammazione delle palpebre per effetto di contusioni 
si rivela in forma di tumefazione sensibile, tesa, di un rossore 
erisipelatoso ; e non di rado si produce l' ascesso , cui pos- 
sono seguire lagoftalmo ed ectropio. Si produce allora un de- 



Digitized by VjOOQIC 



358 H a 8 11 e r , LesioDÌ violente dell* occhio 

turpamento, che fa ritenere come grave la pregres^ lesione. 
Nella clinica ho veduto una volta uno scopatore, che presen- 
tava una ferita cutanea lacera e suppurata sotto il sopracciglio 
deirocchio destro, prodotta da percossa col manico di una scopa. 
Vi erano fenomeni di blefarite purulenta. In pochi giorni si 
produsse distruzione gangrenosa della pelle della palpebra, che 
progredì senza interruzione, e condusse alla formazione di un 
ectropio. 

Quando si forma un ascesso delle palpebre, è opportuno 
di vuotare subito il pus con una incisione, altrimenti nel lasco 
connettivo sottocutaneo delle palpebre si diffonde facilmente lo 
sfacelo necrotico. Ed è sempre indicata la medicatura anti- 
settica. 

bj Contusione della congiuntiva. Per le stesse cause che 
producono la contusione delle palpebre, accadono d'ordinario 
nella congiuntiva stravasi, che del resto in parecchi individui 
hanno luogo dopo leggieri scuotimenti del corpo e disturbi 
della respirazione (tosse, vomito). Si osservano per lo più 
nella congiuntiva sclerale, in forma di chiazze pericorneali 
rosso-scure; di rado si producono vaste tumefazioni delle pliche 
di passaggio, specialmente nei punti declivi. Essi appartengono 
alle lesioni leggiere, perchè il sangue d'ordinario viene rias- 
sorbito in 6 ad 8 giorni spontaneamente oppure con compresse 
inzuppate in soluzioni alcooliche, senza restare conseguenze. 

cj Contusione della cornea. Questa per la sua posizione 
è molto esposta alle contusioni dirette per percosse, urto, caduta. 
Fra tutti gli organi dell' occhio la cornea è quella che di più 
di frequente viene colpita da corpi stranieri, frammenti di me- 
tallo, di legno o di pietra. La forza che produce la contusione 
può, fino ad un certo grado, produrre compressione o flnanco 
ripiegamento della cornea. In tali casi si rompe talvolta sol- 
tanto la membrana di Descemet sulla parete corneale poste- 
riore , oppure la cornea può anche rompersi in tutta la sua 
spessezza. Nel mese di marzo del 1880 vidi un uomo nel quale 
un frammento di pietra aveva prodotto lacerazione della cornea 
nel diametro orizzontale. Questa lacerazione si estendeva dal 
margine esterno a quello interno, donde si continuava per tre mm. 
nella sclerotica; vi erano stati prolasso dell'iride e rottura 
della capsula del cristallino. Le ferite per rottura della cornea 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deli* occhio per commozioni 359 

sono rare; per lo più si rompe la parte limitrofa della sclero- 
tica. — Osservai la rottura della membrana di Descemet in una 
giovanetta, la quale mentre si spogliava di fretta, il puntale del 
nastrino del busto balzò contro rocchio destro, che era aperto. 
Dopo due giorni constatai leggiera iperemia pericorneale ; la 
superficie della cornea era liscia e splendente; sulla sua parete 
posteriore notavasi una stria lunga tre, larga 0,3 mm. La vista era 
un pò appannata. Per quattordici giorni fu curata con atropina, 
e rocchio tenuto chiuso con una fasciatura; così scomparve lo 
stato d'irritazione. Però air illuminazione focale laterale si scor- 
geva ancora un leggiero intorbidamento sulla parete corneale 
posteriore. — In un neonato, estratto col forcipe, era avvenuta 
nel parto una contusione della cornea. Air autopsia constatai 
una ferita lacera della membrana del Descemet. 

Le contusioni della cornea possono qualche volta avere 
esito in guarigione ; non di rado si produce in pochi giorni 
la cheratite purulenta con ulcerazione, ovvero si formano fo- 
colai purulenti circoscritti nel parenchima, ipopion, iridociclite, 
perforazione della cornea, prolasso dell'iride, formazione di sta- 
flloma, di rado tisi dell'occhio. Alla cheratite purulenta sono 
predisposti più i vecchi e le persone denutrite anziché i gio- 
vani. La cheratite purulenta da contusione può d'ordinario es- 
sere riguardata come la conseguenza di neuroparalisi di questa 
membrana, e costituisce sempre una grave lesione violenta per 
la cui guarigione sono necessari più di venti giorni; e spesso per 
la sopravvenienza dell'indite si accompagna ad intensi dolori. 
Nel caso più favorevole restano intorbidamenti corneali, che 
offuscano la vista, là quale talvolta può migliorare soltanto 
coir iridectomia. Ond'è che tali lesioni violente possono esser 
cause di deturpamento, e financo della perdita dell'occhio. 

Nella contusione della cornea bisogna applicare al prin- 
cipio compresse fredde, l'atropina ed una fasciatura che man- 
tenga chiuso l'occhio. Se apparisce la cheratite purulenta, sono 
indicate le compresse caldo-umide. Nel caso di considerevole 
raccolta di pus nella camera anteriore dell'occhio è indicata 
la paracentesi della cornea, che potrà essere rinnovata qua- 
lora la suppurazione si riproducesse. Nella intensa nevralgia 
ciliare si spalmeranno le palpebre colla tinctura opii crocata 
di oppio, oppure si faranno iniezioni sottocutanee di morfina. 



Digitized by VjOOQIC 



360 H a 8 D e r , Lesioni violente dell* occhio 

d) Commozione della sclerotica. I fenomeni della commo- 
zione della sclerotica variano moltissimo secóndo il grado della 
contusione che subisce questa membrana sotto l'azione di per- 
cosse, urti, ecc. La commozione d'ordinario si propaga dalla 
sclerotica nell'interno dell'occhio; quando è leggiera, si veri- 
ficano stravasi di sangue nella camera anteriore, nel corpo 
vitreo, nella coroide o nella retina, e qualche volta anche lus- 
sazione del cristallino o scollamento dell' iride. Può anche ac- 
cadere la rottura della stessa sclerotica, per lo più con con- 
temporanea lacerazione della coroide e della retina. La scle- 
rotica d'ordinario è più fragile della cornea, e soprattutto nei 
vecchi marastici si rompe facilmente per effetto di trauma. Il 
più delle volte si osservano ferite lacere della sclerotica nella 
sezione anteriore, rasissimamente in quella posteriore. Queste 
lesioni violente hanno sede per lo più nella metà superiore, 
e la ferita lunga 5 — 15 mm. suole decorrere parallelamente 
al margine corneale, 1 — 6 mm. lungi dallo stesso. Le ferite a 
lembi della sclerotica non si producono facilmente in seguito 
a commozione, e dinotano sempre l'azione diretta di istrumento 
vulnerante acuto od angoloso. Sovente si lacera la congiuntiva 
al di sopra della lacerazione sclerale o vicino ad essa. Se 
codesta lacerazione sta vicino al bulbo dell' equatore, la con- 
giuntiva può rimanere intatta. Poiché nelle lacerazioni della 
sclerotica si verificano anche quelle del corpo vitreo , della 
coroide, della retina, versamenti sanguigni, e lussazione del 
cristallino, ne risulta che queste lesioni violente debbono es- 
sere riguardate ordinariamente come gravi, e per solito im- 
plicano perdita o indebolimento permanente della vista. Vero 
è, che anche i versamenti sanguigni nell' interno dell' occhio 
possono essere completamente riassorbiti, e le ferite della scle- 
rotica avere un decorso favorevole; però spesso accade che la 
contemporanea lesione degli organi interni determina un'in- 
fiammazione plastica o purulenta della stessa, cui sovente se- 
guono intorbidamento del corpo vitreo, scollamento della retina, 
e persino tisi del bulbo; e può financo svilupparsi un' affezione 
simpatica dell'altro occhio. 

Nell'autunno del 1878 osservai una gravissima rottura della 
sclerotica con forte schiacciamento dell' occhio e vuotamento 
pressoché completo del suo contenuto. Durante una corsa sugli 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell* occhio per commozioni 361 

asini un giovine cacciò nell'occhio ad un altro la punta di un 
bastone con tale violenza, che Tofifeso stramazzò subito a terra, 
mentre dall'occhio sgorgavano sangue e liquido. L'occhio fu 
fasciato, e l'infermo fu condotto nella sua abitazione, ove lo 
visitai il giorno dopo. I bulbi oculari erano profondamente de- 
pressi ma intatti. Nella profondità dell'orbita notavasi la super- 
ficie anteriore del bulbo depresso; un coagulo sanguigno co- 
vriva una ferita lunga 24 mm., che interessava la sclerotica e 
la cornea. Evidentemente la metà anteriore della sclerotica 
e della cornea era accollata su quella posteriore; il cristallino 
ed il corpo vitreo nonché la massima parte della retina eransi 
vuotati. L'infermo non accusò punto dolori. Coir applicazione di 
compresse fredde, col riposo e con una fasciatura che mante- 
neva l'occhio chiuso, il decorso fu favorevolissimo perchè la 
lacerazione della sclerotica e della cornea cicatrizzò in pochi 
giorni. Incominciò a svilupparsi la tisi dell'occhio, ma non si 
verificò punto suppurazione del bulbo o dell'orbita, né vi furono 
fenomeni cerebrali. L'altro occhio restò completamente intatto. 

Un caso rarissimo di guarigione di lacerazione della scle- 
rotica con conservazione del potere visivo è il seguente: 

Una donna a 56 anni aveva perduto da molti anni l'occhio 
destro per irido-ciclite, e l'acuità visiva dell'occhio sinistro — 
affetto da atrofia parziale della coroide e della retina in con- 
seguenza di coroidite areolare — ascendeva a ^Vso- Un giorno 
nel curvarsi urtò coU'occhio sinistro contro l'angolo della ta- 
vola , e ben presto divenne cieca. Neil' esaminarla constatai 
che il cristallino , attraverso una lacerazione della sclerotica 
lunga 12 mm., era passato sotto la congiuntiva intatta; la ca- 
mera anteriore era riempita di sangue, e l'occhio era ipotonico 
in alto grado. Coli' autopsia e con una fasciatura che mante- 
neva l'occhio chiuso, la camera anteriore ed il corpo vitreo si 
chiarirono gradatamente, perchè il sangue stravasato si rias- 
sorbì, la forza visiva ritornò allo stato di prima, ed essa po- 
tette riprendere le solite occupazioni domestiche. Il cristallino 
lussato si calcificò, ma l'inferma non volle che le fosse stato 
estratto coll'operazione, non procurandole così come stava alcun 
disturbo essenziale. 

Nelle lacerazioni della sclerotica il trattamento consiste 
nelle applicazioni di compresse fredde, nella fasciatura per tener 



Digitized by VjOOQIC 



362 H a s n e r , Lesioni violente delf occhio 

chiuso rocchio, nel riposo, nel rimuovere i grumi sanguigni 
quando vi sono, neirasportare parti precidenti del corpo vitreo, 
neli'allontanare il cristallino prolabito. Se si sviluppa suppu- 
razione nel bulbo (panoftalmite) con forti dolori, si applicheranno 
compresse caldo-umide imbevute di estratto di oppio, ed inter- 
namente si darà la morfina. Per vuotare il pus e diminuire la 
tensione del bulbo, si potrà qualche volta praticare la punzione. 

e) Commozione delViride. Questa d'ordinario produce ver- 
samenti sanguigni nella camera anteriore deirocchio, giaccnè 
si lacera qualche vase sanguigno periferico. Negl'individui sani 
le leggiere emorragie nella camera anteriore dell' occhio non 
hanno grande importanza (quando non vi siano altre lesioni 
violente) per il pronto riassorbimento del sangue, senza la- 
sciare conseguenze. 

Nella clinica vidi un uomo in sui 40 anni robusto, al quale 
sua moglie aveva dato, nella sera precedente, uno schiaffo sulla 
guancia sinistra. La camera anteriore dell'occhio sinistro era 
riempita a metà di sangue, ma l'occhio non presentava traccia 
d'irritazione. Coli' applicazione di tintura diluita di arnica, il 
sangue si riassorbì in quattro giorni, e non rimase alcun di- 
sturbo visivo. 

Nelle commozioni leggiere dell'iride, si stravasa per lo più 
una piccola quantità di sangue , che si riversa nella camera 
anteriore. Stando l'infermo a letto col capo in posizione late- 
rale , il sangue passa dal lato corrispondente ; d' ordinario si 
riassorbe in 3 — 8 giorni. Nelle intense commozioni con lace- 
razione della coroide e del corpo vitreo, il sangue può passare 
dalla metà posteriore del bulbo nella camera anteriore. Del 
resto, le emorragie della camera anteriore non sempre dinotano 
che vi sia stata lesione violenta, giacché nel glaucoma assoluto, 
nell'irite emorragica, nelle neoplasie nell'interno dell'occhio, 
nello scorbuto, nell' emofilia il sangue può anche penetrare 
spontaneamente nella camera anteriore e posteriore, e perciò 
il medico-legale nell'esame deve sempre indagare se vi sieno 
queste complicazioni. 

Nelle commozioni intense si verificano talvolta scollamenti 
dell'iride dal corpo ciliare, in uno o in molti punti contempo- 
raneamente. E può fìnanco accadere che tutta l' iride si scolli 
dal ligamento ciliare, e rimanga sul pavimento della camera 



Digitized by VjOOQIC 






Lesioni violente dell* occhio per commoàoni 363 

anteriore. Nella raccolta dei preparati di cera della nostra cli- 
nica si vede un occhio che presenta tale anomalia. 

In un soldato che in rissa ebbe un colpo di clava sulla 
fronte, constatammo air esame deir occhio sinistro che T iride 
era scollata dal ligamento ciliare in sopra ed in dentro nonché 
in sopra ed airesterno; i due lembi scollati erano arrovesciati, 
e pendevano nella camera anteriore. Si erano prodotte due la- 
cune neir iride, che sembravano quasi due nuove pupille, sic- 
ché la luce perveniva nell'interno dell'occhio attraverso tre 
aperture. — Analoghe pupille traumatiche per lo più persistono 
durante tutto il tempo della vita, e le quali si osservano age- 
volmente all'esame ottalmoscopico. Nel primo tempo dopo la le- 
sione violenta sono spesso coverte dal sangue, effuso contem- 
poraneamente nella camera anteriore; ma divengono riconosci- 
bili tostochè il sangue sia stato riassorbito. — Le lacerazioni 
dell'iride in direzione raggiata oppure al margine pupillare 
non accadono per effetto di commozione; qualche volta T iride 
può presentare deiscenza per effetto di atrofia. Per duplicità 
o triplicità delle pupille può prodursi poliopia o diplopia mo- 
noculare. Allorché tali lesioni violente non sono complicate, 
non ne segue Pirite. Ma d'ordinario sono causa di deformità 
(benché leggiera) dell'occhio e d'indebolimento della forza 
visiva. 

Dopo commozioni dell'occhio si verifica, non di rado, pa- 
ralisi dell'accomodazione con iridoplegia traumatica e midriasi. 
La pupilla por lo più é mediocremente dilatata, rotonda oppure 
ovale, ed allo stimolo luminoso non reagisce affatto o pochis- 
simo. — Benché la midriasi traumatica sia qualche volta asso- 
ciata a lussazione del cristallino, emorragia nella camera an- 
teriore dell'occhio, ecc., può anche esistere isolata, per disten- 
sione lacerazione dei rami del nervo ciliare, o più proba- 
bilmente delle fibre dell' oculomotore. I gradi più leggieri di 
quest' affezione cedono all' uso della pilocarpina , dell' eserina, 
delle frizioni alcooliche oppure alla corrente d'induzione; ma 
spesso la midriasi traumatica é inguaribile. — Quindi allorché 
il medico-legale ò invitato a giudicare un caso di questa specie, 
deve tener conto dell'intensità del trauma, della durata della 
malattia e delle complicazioni. Se permane una midriasi sem- 
plice con paralisi dell'accomodazione si avrà indebolimento 



Digitized by VjOOQIC 



364 Hasner, Lesioni violente dell* occhio 

permanente della vista, che può essere in certo qual modo 
corretto con lenti convesse, per cui il medico-legale può rite- 
nere come gravi queste lesioni soltanto condizionatamente. 

f) Commozione del corpo vitreo. Nella commozione del- 
l' occhio il versamento di sangue nel corpo vitreo si produce 
non di rado per effetto di lacerazione della retina o dei vasi 
coroideali con o senza rottura della sclerotica. Il sangue può 
versarsi a forma di piccoli focolai od accade che un grosso 
focolaio sapguigno riempia il corpo vitreo. Quando si tratta di 
piccoli stravasi, gl'in fermi vedono macchie scure oppure nube- 
cole rosse nel campo visivo. Talvolta gli oggetti bianchi ap- 
pariscono rossastri. Quando i coaguli sanguigni sono abbondanti, 
l'ammalato vede pochissimo. 

Se si riesce ad esaminare il corpo vitreo, si veggono in 
esso versamenti sanguigni. Ma se, per es., havvi nel tempo 
stesso profusa emorragia nella camera anteriore, e quindi il 
corpo vitreo non è accessibile all'esame, si può d'ordinario 
dall'estensione della lesione (ad es. per lacerazione della scle- 
rotica in seguito a una sassata nell'occhio) presumere la con- 
temporanea emorragia nel corpo vitreo, perchè essa in questi 
casi non manca mai. Inoltre si può avere qualche dato diagno- 
stico coll'esame della sensazione quantitativa della luce. Però 
non bisogna dimenticare che di rado havvi emorragia nel corpo 
vitreo senza contemporanea emorragia retinica, e che il grado 
di percezione della retina può essere direttamente menomato 
per scollamento (a causa di emorragia subretinica) o quando 
il tessuto della retina è infiltrato di sangue. Allorché l'emor- 
ragia nel corpo vitreo è considerevole, la percezione della luce 
sarà fortemente diminuita, e può essere anche abolita. — ^L'esame 
va fatto in una camera oscura con una lampada tenuta alla di- 
stanza di due piedi dall' occhio. 

Se l'infermo vede e distingue ancora la luce di una lam- 
pada in qualsiasi direzione, si potrà argomentare che vi sia 
stato mediocre versamento di sangue nel corpo vitreo, e la 
retina restò illesa. Se la percezione è fortemente diminuita nelle 
parti inferiori della retina, mentre è ancora normale in quelle 
superiori, si può ammettere che accadde contemporaneamente 
scollamento della retina oppure versamento di sangue nelle sue 
sezioni inferiori. — Le emorragie nel corpo vitreo possono gua- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell' occhio per commozioni 365 

rire senza restare disturbi essenziali, benché il sangue venga 
riassorbito lentamente (per lo più dopo molte settimane). Però 
spesso restano opacità; e qualche volta, per raggrinzamento 
del corpo vitreo, suole verificarsi scollamento della retina. Poi- 
ché di rado si riesce ad accertare subito se la retina e la co- 
roide sono state impegnate, il medico-legale non può giudicare 
subito l'estensione e Pentita della lesione violenta, ma deve 
tenere sott' osservazione tutto il corso della malattia. E se 
questa dura a lungo ed implica pericolo per V acuità visiva — 
giacché possono prodursi scollamento della retina ed opacità 
del corpo vitreo — le contusioni del corpo vitreo con emor- 
ragie sono ordinariamente da riguardare come gravi lesioni 
dell' occhio. 

g) Commozione del sistema del cristallino. Il cristallino é 
gravemente minacciato nelle commozioni dell'occhio, e la sua 
partecipazione al processo traumatico può consistere in una 
lacerazione della capsula o della zonula, con o senza repen- 
tina sua lussazione. 

Le ferite della capsula del cristallino in seguito a rottura 
dello stesso di rado si osservano nella commozione diretta del- 
l'occhio per urto o percossa. Sono più frequenti nelle contusioni 
della cornea che in quelle della sclerotica, e possono presentarsi 
sulla capsula anteriore o posteriore, oppure sopra entrambi 
contemporaneamente. Per lo più si rompe soltanto la capsula 
anteriore, cui segue in poche ore intorbidamento del cristal- 
lino, e quando la lacerazione capsulare è molto estesa questo 
può staccarsi bentosto totalmente o in parte. Indi seguono im- 
bibizione e rigonfiamento delle fibre intorbidate del cristallino, 
e loro graduale riassorbimento, e per lo più anche intorbida- 
mento completo parziale della capsula. 

Nei giovani il processo di riassorbimento del cristallino 
decorre spesso abbastanza rapidamente in 4 — 8 settimane e 
senza gravi fenomeni reattivi di irite. Qualche volta rimane un 
leggerissimo intorbidamento capsulare. Però negli adulti havvi 
sempre a temere un'imbibizione più considerevole e di più lun- 
ga durata degli elementi del cristallino nonché considerevole 
reazione degli organi interni vascolari: irite, ciclite, persino 
glaucoma. I fenomeni d'iridociclite si verificano tanto più ra- 
pidamente e tumultuariamente quanto più estesa è la ferita 



Digitized by VjOOQIC 



366 H a 8 n e r , Lesioni violeote deir occhio 

lacera della capsula del cristallino. In questi casi durante lo 
stadio in cui i fenomeni d'irritazione raggiungono la massima 
intensità bisogna procedere alla paracentesi della cornea e 
all'estrazione del cristallino, dopo di che Pirite decorre per lo 
più rapidamente e favorevolmente sotto la midriasi atropinica. 

Nella commozione deir occhio la zonula di Zinn si lacera in 
parte o completamente. Nella lacerazione parziale il cristallino 
racchiuso nella capsula non subisce una grave lussazione, ma 
tutt' al più assume una posizione obliqua , viene spostato la- 
teralmente, e per solito oscilla nei movimenti delPocchio. 

Un prete di 54 anni, due anni or sono, nello scendere da 
un vagone ferroviario cadde sulle natiche. Poco dopo notò che 
nel leggere T occhio destro di tratto in tratto non funzionava. 
Gli sembrava, fissando con esso le lettere tipografiche , come 
se si confondessero , e saltassero alla rinfusa. Oggi gli è im- 
possibile di fissare con queirocchio piccoli oggetti, e soltanto 
mentre sta in posizione dorsale sul letto, può leggere per qual- 
che tempo con quell'occhio. Questa descrizione dei sintomi, 
fattami dall'infermo, mi fece subito supporre che potesse trat- 
tarsi di lussazione incompleta del cristallino; ed all'esame con- 
statai che realmente era così. Quando l'occhio era in riposo 
per un certo tempo, non si scorgeva su di esso nulla di ab- 
norme; ma tostochè veniva mosso, si confondeva il quadro ot- 
talmoscopico del fondo dell'occhio, i vasi della retina sembrava 
come se oscillassero; si vedeva il cristallino oscillare intorno 
al suo asse perpendicolare e l'iride fare movimenti associati. 
È chiaro adunque che per una caduta sulle natiche si produsse 
lacerazione parziale del ligamento sospensorio del cristallino, 
in giù e lateralmente. È probabile che la lacerazione della zo- 
nula, la quale al principio era minima, sia stata gradatamente 
dilatata coi movimenti dell'occhio. 

Dilatandosi la lacerazione della zonula, il cristallino assume 
gradatamente una posizione obliqua, ed in ultimo subisce lus- 
sazione completa. Quando il cristallino assume tale posizione 
riride è ricalcata in avanti dal margine del cristallino, e quindi 
la camera anteriore mostra una profondità ineguale. Quando 
la pupilla è dilatata si può a luce riflessa scorgere presso il 
margine della stessa (che apparisce in forma di un menisco 
scuro , circondato da un velo chiaro) il fondo dell' occhio. Lo 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell* occhio per commozioni 367 

stesso sintomo si osserva nello spostamento laterale del cri- 
stallino, senza rotazione intorno all'asse. 

Talvolta questi infermi hanno diplopia monoculare. D'or- 
dinario apparisce loro tutto confuso , perchè le proiezioni ef- 
fettivamente variano molto. La lacerazione completa della zo* 
nula presto o tardi determina lussazione del cristallino. Al 
principio esso è sbalzato sul fondo della camera posteriore, più 
tardi prolabisce nella camera anteriore oppure si affonda nel 
corpo vitreo. Quando il corpo vitreo si lacera repentinamente 
per commozione, il cristallino può passare subito in esso; e, 
nella lacerazione della sclerotica per commozione, passa pure 
air esterno. 

Il cristallino, passato nella camera anteriore e circondato 
dalla sua capsula, s'incunea per lo più abbastanza fortemente 
fra la cornea e V iride, e può soggiornare ivi a lungo , senza 
provocare fenomeni flogistici e senza intorbidarsi. Ma vi è sem- 
pre a temere che in ultimo possa verificarsi la cherato-irite. 
Mentre durano questi fenomeni, esso gradatamente s' intorbida, 
ed in ultimo subisce la metamorfosi calcare-adiposa. — Il cristal- 
lino non intorbidato apparisce nella Camera anteriore come un 
corpo a forma di lente, che riflette fortemente la luce ai mar- 
gini. È sempre opportuno di estrarlo subito col taglio della 
cornea. 

Nella commozione dell'occhio è frequente il passaggio del 
cristallino nel corpo vitreo, allorché questo si lacera. Il cristal- 
lino d' ordinario si sposta in giù , ed al principio apparisce 
abbastanza fortemente incuneato nella ferita lacera del corpo 
vitreo. Più tardi, quando le parti adiacenti si dissolvono, di- 
viene liberamente mobile. Ad ogni movimento dell'occhio oscilla, 
può flnanco eseguire movimenti a forma di zig-zag nel fondo 
dell' occhio, di tratto in tratto persino nella camera anteriore, 
e poi di nuovo ritirarsi. 

Il cristallino lussato nel corpo vitreo apparisce come un 
corpo semitrasparente, lentiforme, che ai margini rifrange forte- 
mente la luce. Havvi allora refrazione afachica. In queste lussa- 
zioni non complicate accade d' ordinario che al principio , e 
qualche volta anche più tardi, non si verificano punto, o soltanto 
leggerissimi fenomeni reattivi. 

Un domestico si trovava nella strada parlando vivacemente 



Digitized by VjOOQIC 



368 H a 8 n e r , Lesioni violente dell* occhio 

con un suo compagno, il quale accidentalmente gli cacciò il dito 
neir occhio destro, Ano allora sano. Bentosto la vista di que- 
st'occhio si offuscò, senza che ebbe altri disturbi. Ma poiché dopo 
otto giorni Toffuscamento della vista perdurava, egli venne a farsi 
osservare nella clinica. Constatai i sintomi dell'iperopia afachica. 
Il cristallino si era infossato nel corpo vitreo; P iride fluttuava, 
ma reagiva bene alla luce. La lente convessa Nr. 3 correggeva 
bene il difetto, e con essa l'infermo poteva leggere il numero 
13 della scala tipografica di Jaeger, per cui si dichiarò com- 
pletamente soddisfatto, né volle fare altro esperimento colle 
lenti. — In una donna di 60 anni, per il rimbalzo di una scheg- 
gia di legno nelP occhio si produsse un'analoga reclinazìone 
del cristallino, e la refrazione afachica fu corretta colla lente 
Nr. 2 Vs- I^ questo caso dopo molte settimane non si era pro- 
dotta alcuna reazione flogistica. 

La lussazione del cristallino nel corpo vitreo può — come 
Io insegnano anche le osservazioni fatte nella reclinazione ar- 
tificiale — durare per molto tempo, flnanco per sempre, senza 
provocare alcuna reazione. Però havvi sempre il pericolo che 
possa apparire qualche grave infiammazione dell'iride, del corpo 
ciliare, della coroide e della retina; e talfiata quest'infiammazione 
si produce dopo mesi, per cui spesso è opportuno di estrarre 
subito il cristallino lussato. 

Qualche volta il cristallino lussato esce subito all'esterno 
attraverso ferite della sclerotica o della cornea. 

Lo stesso trauma che produce ferite lacere di questi or- 
gani, spinge anche il. cristallino verso la ferita. La congiuntiva 
sclerale , che é distensibile , non sempre si lacera contempo- 
raneamente, ed in qualche caso il cristallino attraverso ferite 
della sclerotica perviene nel tessuto subcorigiuntivale , dove 
resta, s'intorbida gradatamente, ed in ultimo si calcifica. 

Ho osservato ciò in una giovanetta, che ebbe nell'occhio 
una cornata di vacca; in un uomo che all'oscuro urtò col- 
r occhio contro il saliscendi di una porta ; in una donna che 
nel curvarsi urtò coli' occhio contro l'angolo di un tavolo; in 
un uomo che ebbe una sassata sulla fronte, ecc. Il cristallino 
lussato e pervenuto nel tessuto subcongiuntivale viene facil- 
mente riconosciuto — allorché non é mascherato da coaguli 
anguigni, edema o congiuntivite — dalla forma regolare di lente 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir occhio per commozioni 369 

e dalla trasparenza del corpo cistoide, mercè il quale la con- 
giuntiva apparisce sollevata dalla sclerotica. In questi casi ò 
opportuno di estrarre, al più presto possibile, il cristallino at- 
traverso un taglio della congiuntiva. 

Lussandosi il cristallino ed allontanandosi dall'asse ottico, 
la refrazione deir occhio diviene generalmente afachica, cioè 
s' inizia ordinariamente un' iperopia in alto grado. Se rocchio 
aveva precedentemente un alto grado di miopia, può accadere 
che per Tafachia diminuisca o guarisca la miopia. LMperopia 
afachica può, del resto, essere corretta con lenti convesse, e 
perciò in questi casi la lesione violenta non cagiona la perdita 
del potere visivo, e neppure incapacità al lavoro. 

Però, le lussazioni del cristallino nel corpo vitreo divengo- 
no spesso lesioni gravi, per V infiammazione acuta o subacuta 
degli organi vascolari dell'occhio che ne segue, idrope del 
corpo vitreo, glaucoma. L'estrazione del cristallino si accom- 
pagna per lo più a considerevole perdita del corpo vitreo, e 
l'acuità visiva d'ordinario resta fortemente diminuita, anche 
quando l'estrazione sia ben riuscita. Il medico-legale deve per- 
ciò nel suo parere tener conto di tutte queste circostanze ac- 
cessorie. 

h) Commozione della coroide. La conseguenza immediata 
della commozione della coroide è la lacerazione dei vasi san- 
guigni di questa membrana. Il sangue si effonde nel paren- 
chima, oppure sulla superficie interna fra la coroide e la retina. 
Vi sono anche casi in cui si verificano ferite lacere molto 
estese della coroide; e se contemporaneamente si lacera la 
sclerotica, può il sangue versarsi all'esterno (oppure nel corpo 
vitreo se lacerati la retina ed il corpo vitreo). 

I focolai emorragici della coroide possono essere percepiti 
airesame ottalmoscopico — quando i mezzi diafani sono intatti — 
in forma di chiazze subretiniche rosso-oscure, sulle quali scor- 
rono i vasi retinici. Spesso sembra che la retina partecipi al 
processo sia per imbibizione di pigmento sanguigno, sia per 
infiammazione reattiva, per effetto della quale essa s'intorbida. 
I disturbi visivi d' ordinario esistono già al principio , e rag- 
nfi ungono un grado più elevato quando la retina viene spostata 
e compressa dal sangue accumulato sotto di essa, soprattutto 
quando tali focolai emorragici risiedono nel dominio della fovea 

Maschka — Med. Leg, Voi. I. 24 



Digitized by VjOOQIC 



370 Hasne-r, Lesioni violente dell'occhio 

centrale. — Le vaste lacerazioni della sclerotica al principio di 
rado possono essere bentosto diagnosticate coli' esame ottal- 
moscopico, sia perchè quasi sempre havvi contemporaneamente 
emorragia della retina e del corpo vitreo, sia per la conse- 
cutiva retino-j alito. Allorché questi sintomi si sono manifestali, 
si può qualche volta vedere la lacerazione in via di cicatrizzazio- 
ne, e flnanco una fenditura coroideale beante, attraverso la quale 
la superficie interna della sclerotica mostra una trasparenza 
bianco-chiara. I margini ed il contorno della lacerazione so- 
gliono essere iperemici, arrossiti e disseminati da gran copia 
di pigmento. In casi eccezionali si osservano contemporanea- 
mente lacerazioni della coroide in molti punti. 

Un ragazzo subì contusione dell' occhio per un pezzo di 
legno scagliatogli contro la tempia sinistra. Dopo 14 giorni at- 
traverso la pupilla dilatata si vedeva nella regione dell'ora ser- 
rata una lacerazione coroidale, a margini pigmentati, la quale 
decorreva in sopra e posteriormente. Più tardi, riassorbito 
il sangue stravasato nel corpo vitreo, si osservò una seconda 
lacerazione della coroide nella regione della macula lutea 
(Knapp). 

La cura delle lacerazioni coroideali e delle emorragie di 
questa membrana consiste nel riposo, nel tener l' occhio ben- 
dato e neir uso di compresse fredde. È da avvertire di non 
usare compresse imbevute di sostanze alcooliche od aroma- 
tizzate. 

Le commozioni della coroide appartengono , in generale, 
alle gravi lesioni violente dell'occhio. Il riassorbimento dei ver- 
samenti sanguigni per lo più è ritardato; il potere visivo di- 
minuisce considerevolmente per la sopravvenienza della reti- 
nite. Quando vi siano focolai emorragici circoscritti, si produce 
interruzione o restrizione del campo visuale. Anche quando 
l'acuità visiva si ripristina in parte, resta d'ordinario diminu- 
zione del campo visuale e dell'acuità visiva centrale. 

i) Commozione della retina. Al pari degli altri organi in- 
terni dell'occhio, la retina può subire una commozione sia di- 
rettamente per commozione del bulbo, sia indirettamente per 
commozione del capo la quale sì propaga all'occhio. L'effetto 
può consistere nello spostamento degli elementi morfologici, la- 
cerazione dei vasi e del tessuto, e forse anche in paralisi dei 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioui violente dell' occhio per commozioni 371 

nervi vasomotori, oppure degli elementi sensitivi della retina. — 
In generale non si può negare che molti casi di disturbi visivi 
sono dovuti meno a commozioni della retina quanto piuttosto 
a contusioni dei nervi ottici per emorragie orbitali o fratture 
ossee dell'orbita, o per lesioni intracraniche dei centri ottici. La 
stessa retina d' ordinario subisce commozione quando il bulbo 
oculare venga colpito direttamente dal trauma, ed in questi casi 
all'esame ottalmoscopico si constatano per lo più lacerazioni 
del tessuto od emorragie. 

Ad un giovine di 18 anni, figlio di un medico di Praga, in 
un esperimento chimico male riuscito, un frammento della storta 
di vetro scoppiata balzò contro l'occhio sinistro, il cui potere 
visivo bentosto si offuscò. Nel giorno seguente mi fu condotto 
in esame. Non constatai alcuna lesione estema; ì mezzi diafani 
non mostravano puntò intorbidamento; ipa nella retina, vicino 
alla fovea centrale, pressoché un mm. all'esterno di essa, eravi 
una chiazza emorragica, grossa quanto un granello .di canape, 
ben circoscritta, di color rosso-oscuro. Dopo tre settimane il 
focolaio emorragico era riassorbito, la visione eccentrica si ri- 
pristinò, ma vicino al punto della visione diretta rimase un 
intorbidamento grigiastro (alquanto sbiadito e disseminato da 
strie biancastre). Eravi anche uno scotoma fisso, che aboliva 
persistentemente l'acuità visiva centrale. Dopo due anni esaminai 
di nuovo l'infermo, e constatai che lo scotoma centrale e la 
cicatrice della retina erano rimasti immutati. 

In questo caso trattavasi evidentemente di una lesione 
violenta (da commozione) della retina per controcolpo. In fatti, 
l'occhio su tale riguardo presenta talune analogie col cranio, 
in cui talvolta per controcolpo si producono emorragie con o 
senza flssure ossee. La capsula del bulbo tuttoché non abbia 
la durezza e la compattezza delle ossa craniche, nondimeno 
insieme al grasso orbitale limitrofo alle pareti orbitali pos- 
siede tanta forza di resistenza, che quando agisce repentina- 
mente una compressione da avanti in dietro, il bulbo non 
può subito distendersi in direzione equatoriale, per cui l'azio- 
ne del trauma si propaga in direzione retta fino al fondo del- 
l' occhio, e quantunque non si producano lacerazioni sclerali, 
può però verificarsi lacerazione della retina e della coroide 
con emorragie. 



Digitized by VjOOQIC 



372 H a 8 n e r , Lesioni yiolente delP occhio 

Quando in un grave disturbo visivo per trauma diretto, 
l' esame ottalmoscopico non fornisce alcun chiarimento sopra 
una lesione da commozione della retina, la causa anatomica 
deve essere sempre ricercata nel nervo ottico o nei centri della 
percezione ottica; e sarebbe per certo un tentativo arrischiato 
voler spiegare Tambliopia colla paralisi dei nervi vasomotori o 
degli elementi sensitivi della retina. Anche quando realmente 
si verificasse una paralisi di questi ultimi per spostamenti, ecc. 
(il che non può essere né affermato né negato), sarebbe pro- 
babile che, in individui per tutt' altro sani, si ripristinasse in 
breve tempo la funzionalità. Ciò ammesso, si potrebbero anno- 
verare qui quei casi leggieri, in cui si verifica soltanto dimi- 
nuzione transitoria e lieve dell'acuità visiva centrale. Però questi 
casi possono anche dipendere da astigmatismo irregolare pro- 
dotto dalla contusione, oppure da disturbi circolatori, o da 
emorragie subcoroideali. 

La commozione della retina con evidenti versamenti di 
sangue in essa è tanto più grave quanto più i focolai emorragici 
sono prossimi alla macula lutea, perchè — come nel caso sopra 
riferito — può conseguirne diminuzione dell'acuità visiva cen- 
trale. La commozione di leggiero grado con fugace diminuzione 
dell'acuità visiva centrale, senza apoplessia della retina, o con 
piccoli focolai emorragici periferici in questa membrana, è una 
lesione violenta leggiera, giacché colle compresse fredde, cogli 
occhiali grigi e col riposo dell'occhio, i sintomi patologici d'or- 
dinario si dissipano in 14 giorni. 

k) Commozione delVórMta^ del nervo ottico e dei centri 
ottici. Le commozioni del capo per urto, percossa, caduta o 
colpo d'arma a fuoco, e forse anche per fulmine, determinano 
gradatamente o repentinamente disturbi visivi, nei quali al- 
l' esame ottalmoscopico non si può constatare una delle forme 
finora descritte di commozione del bulbo oculare. Fin dal tempo 
d'Ippocrate questi disturbi visivi sono stati riguardati come 
un'amaurosi riflessa, dovuta a lesione delle branche del trige- 
mino , e soprattutto del nervo frontale , oppure indicati ge- 
neralmente come paralisi da commozione della retina, senza 
indagare esattamente le alterazioni anatomiche che occorrono 
in questi processi. A poco a poco si sono moltiplicate le os- 
servazioni più accurate di questi casi, ed è stato accertato che 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell' occhio per commozioni 373 

nel maggior numero di essi trattasi di lesione diretta od indi- 
retta, di contusione, di stiramento dei nervi ottici nel forame 
ottico, oppure di lesione dei centri intracranici. Spessissimo il 
disturbo visivo viene prodotto da svariatissime fratture del cra- 
nio, e soprattutto da quelle della volta delPorbita. 

L'esistenza di fratture del cranio si può, in generale, de- 
sumere quando un forte trauma abbia colpito direttamente il 
capo. In due terzi dei traumi, che producono fratture del cranio, 
trattasi di ferite da arma a fuoco, ed in un terzo di traumi in- 
tensi (calcio di cavallo, colpi di -bastone, sassate, colpi con un- 
cini^ con palette, di rado pugni), oppure' di caduta col capo sul 
pavimento, o di frammenti, ecc. Gli ordinari sintomi di queste 
fratture sono: depressione delle ossa, emorragia dal naso e dal- 
l' orecchio, segni di commozione cerebrale, incoscienza, para- 
plegia, perdita della favella. D'ordinario la lesione violenta col- 
pisce r osso frontale, ed a preferenza il suo margine orbitale. 
Anche le lesioni violente della faccia, delle ossa nasali e zigo- 
matiche, delle tempia, dell'occipite cagionano non di rado 
fratture del cranio. Il disturbo visivo per lo più apparisce re- 
pentinamente ad un solo occhio ed è caratterizzato grave da 
che si addimostra ribelle alla cura, e persino inguaribile. In 
casi eccezionali, però, esso può apparire dopo molto tempo, 
fìnanco dopo anni, e ciò malgrado si deve riguardare quale 
conseguenza di dette fratture, come lo dimostra il seguente 
rarissimo caso. 

Un soldato di cavalleria dell'età di 24 anni , in una rissa 
fu ferito alla fronte con un bicchiere da birra. La ferita, estesa 
quanto un pollice, lo molestava poco. Egli vi applicò sopra un 
empiastro, che a non rendere visibile calcò l'elmo più profon- 
damente nella testa, e per sfuggire alla pena, prestò servizio già 
nel giorno consecutivo. Dopo due anni ebbe congedo regolare 
dal servizio militare e ritornato alla vita di agricoltore, si ammo- 
gliò. Dopo altri due anni incominciò a soffrire gravi cefalee e 
convulsioni epilettiche, che apparivano soprattutto all'ora del 
pasto e quando beveva birra. Gradatamente diminuì l'acuità visiva 
di amendue gli occhi. Domandò ricovero nella clinica oculistica 
di Praga. Al limite del cuoio capelluto constatammo nella fronte 
una cicatrice cutanea grossa quanto un pollice, la quale avea 
contratto aderenza col periostio. L'infermo- aveva un'andatura 



Digitized by VjOOQIC 



374 H a 6 n e r , Lesioni violeote deir occhio 

vacillante; Tacuità visiva diminuiva considerevolmente dopo ogni 
accesso epilettico (che al principio producevasi ad intervalli 
di 3 — 5 giorni), e nei periodi intervallari ascendeva per lo 
più ad Ve* Le pupille poco dilatate presentavano reazione tor- 
pida; la pupilla deirottico mostrava, ad amendue i lati, leggiera 
atrofìa; i tronchi centrali erano mediocremente dilatati. Dopo 
che l'infermo era stato per tre settimane nella clinica, le con- 
vulsioni epilettiche divennero più frequenti, ed erano seguite 
da lunga sonnolenza. Dopo sei settimane T infermo morì. — 
L'autopsia fece rilevare un fibrosarcoma (grosso quanto una 
noce avellana), che ateva punto di partenza da una fissura 
trasversale della sella turcica, ed atrofia compressiva del chiasma. 
È evidente che in questo caso pressoché cinque anni dopo una 
frattura basale della sella turcica, si sviluppò un fibrosarcoma 
che prendeva punto di origine dal tessuto cicatriziale della 
dura madre. 

L'apparizione di disturbi visivi nelle fratture del cranio 
dipende essenzialmente dalla sede delle stesse. Quelle della 
volta orbitale sono più frequenti di quelle della base del cra- 
nio, e spesso occorrono contemporaneamente. Nella statistica 
di Presott-Hewett sono registrate 68 fratture della base 
del cranio e 23 della volta orbitale; in quella di Schwarz 
102 fratture basali e 66 della fossa cranica anteriore; in quella 
di Hoelder 126 fratture del cranio ed 88 basali (e fra queste 
ultime 80 della vòlta orbitale). E poiché Hoelder sié fondato 
unicamente sopra osservazioni personali, esaminando in ogni 
caso la dura madre in tutta la sua estensione, si potrebbe am- 
mettere che nel 90 7o delle fratture basali si verificano pure 
fratture orbitali. Lo stesso Hoelder sopra 88 fratture basali ne 
trovò 54 delle pareti del canale ottico , delle quali 34 erano 
lesioni violente dirette (prodotte specialmente per colpi di arma 
a luoco nella bocca) e le altre indirette (dovute a caduta sul 
capo, colpi di arma a fuoco nella fronte, ecc.). 

Nelle cennate fratture del cranio il nervo ottico viene 
qualche volta contuso direttamente nel canale ottico per spo- 
stamento dei frammenti delle ossa. Le ferite da arma a fuoco 
cagionano talvolta la lacerazione di questo nèrvo. Più di fre- 
quente si rinvengono talvolta considerevoli versamenti sangui- 
gni orbitali, emorragia fra i fasci fibrosi del nervo ottico o 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente delP occhio per commozioni 375 

nel SUO spazio intercostale, spesso più unilaterale che bila- 
terale. 

È agevole, del resto, comprendere che pur ammettendo 
come causa del disturbo visivo nelle gravi fratture del cranio 
la lesione del nervo ottico nel canale ottico, certo è che questo 
può essere impegnato anche senza che si verifichino tali frat- 
ture. In fatti, esso — come è ben risaputo dall' esame di altri 
processi congestivi e flogistici — è molto predisposto a versa- 
menti emorragici nello spazio intervaginale; e bastano già le 
contusioni dirette del bulbo oculare con stiramento o sposta- 
mento del nervo ottico per produrre tali versamenti sanguigni. 
Parimenti nelle commozioni del cranio e in taluni individui pos- 
sono verificarsi emorragie intracraniche anche senza frattura 
ossea, e cagionare Tamaurosi. 

I disturbi visivi nelle commozioni retrobulbari sono sva- 
riatissimi. Ciò che tutti i casi di questa specie hanno soltanto 
di comune, è, che quando non si produce contemporaneamente 
una commozione degli organi interni del bulbo oculare, il re- 
perto ottalmoscopico al principio suole essere negativo anche 
quando già vi sia considerevole diminuzione dell'acuità visiva. 

Più tardi si sviluppa il quadro della pupilla da stasi, del- 
l'iperemia del nervo ottico, della neuroretinite, o flnanco (senza 
che appariscano siffatti fenomeni) l'atrofia del nervo ottico. In 
quest'ultimo caso lo scoloramento peculiare dell'atrofia non 
apparisce prima di 6 — 10 settimane dopo la lesione violenta, e 
spesso anche molto più tardi. Né è esclusa la possibilità di una 
simulazione dell'amaurosi nelle lesioni violente del capo, per- 
chè queste al solito hanno luogo nelle risse. E anche quando i 
disturbi visivi sieno dovuti a causa retrobulbare, presto o tardi 
si producono alterazioni del nervo ottico, visibili all'esame ot- 
talmoscopico, e perciò il medico-legale potrà — benché spesso 
soltanto dopo trascorsi alcuni mesi — dare un giudizio esatto. 
Ogni atrofia del nervo ottico — come conseguenza finale di le- 
sione violenta del capo — con diminuzione o soppressione del 
potere visivo deve essere riguardata come grave lesione vio- 
lenta, la quale d'ordinario ha per effetto la perdita del po- 
tere visivo. 



Digitized by VjOOQIC 



376 Hasner, LeBioni violente dell' occhio 



IH. Ferite deirocchio senza che in esso rimangano corpi stranieri. 

Le ferite deirocchio possono essere da punta, da taglio o 
da fendente, a margini lisci, oppure laceri o contemporanea- 
mente contusi. 

a) Ferite delle palpebre. Sono spesso prodotte dai più sva- 
riati istrumenti vulneranti acuti, ottusi o taglienti (coltello, aghi, 
schegge di legno, frammenti^ di vetro, bastone, cornate di ani- 
mali, pallini, palle di archibugio, ecc.), e non di rado è leso 
contemporaneamente il bulbo oculare o P orbita. La direzione 
del canale della puntura o della ferita lascia spesso desumere 
quella dell' istrumento vulnerante. Però qualche volta ciò è reso 
difficile dall' edema che ben presto apparisce nelle ferite delle 
palpebre. 

Le escoriazioni cutanee semplici nonché le ferite da punta 
e quelle profonde da taglio, che abbiano reciso le fibre dell'or- 
bicolare, hanno in generale poca importanza, soprattutto al- 
lorché potette essere applicata a tempo la sutura, sempre 
necessaria nelle grosse ferite da taglio. — Ma le ferite lacere 
e contuse che siano state inficiate, tendono a suppurare, e pos- 
sono avere per conseguenza raccorciamento della palpebra, 
lagoftalmo ed ectropio. — Nelle grosse ferite da taglio con le- 
sione della fascia tarso-orbitale può prolabire il grasso orbitale; 
ma applicando la sutura si riesce sovente a riporlo in sito, ed 
una parte del grasso prolabito può, senza lacun pericolo, essere 
a3portata con forbici. Qualora sulla palpebra superiore venisse 
recisa l'inserzione dell'elevatore della palpebra superiore, vi è 
a temere che rimanga la ptosi. — Le ferite da fendente della 
palpebra, nelle quali questa viene recisa in tutta la sua spessezza, 
sono sempre pericolose, in quanto che qualora i margini cruenti 
non vengono bentosto riuniti colla sutura, resta un coloboma del- 
l'iride, che più tardi può essere guarito soltanto coU'operazione. 

Una serva riportò nell'occhio una cornata di vacca. Quando 
dopo poche ore fu accolta nella clinica, constatai che la pal- 
pebra superiore dell' occhio sinistro era recisa in tutta la sua 
spessezza come da un coltello; i margini cruenti erano perfetta- 
mente lineari e molto beanti. Per fortuna l'occhio era intatto. 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite delP occhio senza che in esso rimangano corpi stranieri 377 

Colla sutura attorcigliata si riuscì ad ottenere la guarigione per 
prima intenzione. È evidente che in questo caso il corno della 
vacca era pervenuto, senza cagionare lorte contusione del bulbo 
oculare, sotto la palpebra superiore, e, ritirando rapidamente 
il capo, la palpebra era stata fenduta da dietro in avanti. 

Nelle ferite delle palpebre di rado vengono lesi pure la 
glandola lagrimale ed il sacco lagrimale; più di frequente sono 
lesi i canalini lagrimali, e proprio a preferenza quello infe- 
riore. Nelle lesioni del sacco lagrimale può risultarne stenosi 
oppure obliterazione dello stesso. Anche quando fu fratturato 
perforato Tosso lagrimale, vidi molte volte la guarigione, senza 
che si residuasse conseguenza nociva. Se nelle ferite delle pal- 
pebre si sviluppa una flogosi purulenta, e restano vizi di forma 
della palpebra, lagoftalmo, ectropio, la lesione deve essere qua- 
lificata come grave. 

h) Le ferite della congiuntiva, specialmente della sclerale, 
quando non sieno complicate a lesioni di altre parti, hanno poca 
importanza, e d'ordinario guariscono per prima intenzione in 
pochi giorni. L'emorragia è leggiera, e tutto al più resta per 
8 — 14 giorni un'infiltrazione emorragica nel tessuto subcon- 
giuntivale. Nelle ferite lacere molto estese della congiuntiva, 
la sclerotica è messa allo scoperto, la ferita si copre di un 
intonaco purulento, accade la formazione di granulazioni, e si 
sviluppa una cicatrice che qualche volta è retratta. Le grosse 
ferite lacere possono essere riunite colla sutura; tuttavia, per 
la guarigione basta mantenere netta la ferita e tener V occhio 
bendato. Se sieno lesi contemporaneamente il foglietto parietale 
e quello viscerale della congiuntiva, si può impedire che si formi 
l'aderenza, scostando spesso la palpebra dall'occhio, ed inter- 
ponendovi un esilissimo pezzettino di grasso. 

Nelle ferite della congiuntiva sclerale potrebbe anche ac- 
cadere che uno dei muscoli oculari venisse reciso, e si produ- 
cesse una deviazione strabica dell'occhio con diplopia. In tal 
caso la ferita della congiuntiva, per quanto fosse insignificante, 
subirebbe una. grave complicazione. 

Un giovine, assistente della scuola politecnica, sedeva in 
un' osteria , ed accanto a lui stava sulla stessa panca il cane 
di un suo amico. Ad un tratto egli, mentre teneva un discorso 
molto vivace, si rivolse di botto verso il cane, il quale temendo 



Digitized by VjOOQIC 



378 H a 8 u e r , Lesioni violente deli* occliio 

chi sa qual cosa, gli morsicò l'occhio sinistro. Oltre ad una 
leggiera lesione della pelle sulla palpebra inferiore, si produsse 
sulla piega di passaggio della congiuntiva una piccola ferita 
lacera, già cicatrizzata quando esaminai T infermo, il quale 
venne da me soprattutto perchè dopo la morsicatura era rima- 
sta una deviazione delPorchio sinistro in sopra. Codesta devia- 
zione con differenza in altezza delle immagini doppie era stata 
evidentemente V effetto dello scollamento e dell' ectopia subiti 
dal retto inferiore. Alcuni esercizi fatti da lui per correggere 
questo difetto, ebbero per conseguenza la deviazione secondaria 
dell'altro occhio. Gli proposi di cucire in avanti il retto infe- 
riore, senza garentirgli assolutamente il successo. L'infermo 
ricusò di sottoporsi all'operazione. Questo caso, in cui si ebbe 
una pretta ectopia muscolare traumatica, costituisce un caso 
rarissimo di ferite congiuntivali. 

cj Ferite corneali. Possono essere distinte in perforanti e 
non perforanti. La cornea è l'organo più superficiale del bulbo 
oculare, e quindi è molto esposta alle ferite. 

Le lesioni in cui vengono strappati, per cos\ dire, gli strati 
superficiali della cornea sono prodotte colle unghie delle dita, 
con pezzettini di legno balzati contro l'occhio, con pietruzze, 
frammenti di vetro, pettini, occhiali, ecc. I dolori sogliono es- 
sere intensi, perchè i nervi corneali vengono messi allo sco- 
perto, l'occhio lagrima, è chiuso spasmodicamente, havvi foto- 
fobia ed iniezione corneale. Coll'applicazione di compresse fredde, 
colle instillazioni di atropina e mantenendo l'occhio chiuso con 
una fasciatura, queste lesioni leggiere sogliono avere decorso 
favorevole, e non resta intorbidamento permanente della cor- 
nea. Ma se si è prodotta una contusione, oppure la lesione vio- 
lenta si è approfondata, è stata trascurata la ferita (in sé stessa 
insignificante), rimangono opacità permanenti. A ciò vi sono 
predisposti soprattutto gl'individui vecchi, denutriti, oppure 
affetti da catarri della congiuntiva e del canale lagrimale, come 
pure coloro che, malgrado la lesione violenta, senza tutelare 
sufficientemente l'occhio, riprendono le loro occupazioni, espo- 
nendo l'organo alla luce troppo viva, al polviscolo, al fumo, ecc. 
Da tutto ciò deriva che il medico-legale potrà emettere un 
giudizio esatto sull'entità della lesione violenta soltanto dopo 
dissipati i fenomeni flogistici , e prendendo anche in giusta 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite delP occhio senza che in esso rimangano corpi stranieri 379 

considerazione le cennate circostanze accessorie. In linea ge- 
nerale si può dire soltanto che le opacità, che restano dopo 
lesioni corneali, cagionano permanente indebolimento della vi- 
sta, menomando T acuità delle immagini retiniche. Quando le 
opacità della cornea hanno sede periferica, alterano soltanto la 
visione indiretta; se invece hanno sede centrale, ne scapita sem- 
pre considerevolmente la visione diretta. 

Le ferite perforanti della cornea sono da punta o da taglio. 
Quelle da punta quando vengono prodotte con istrumenti esili, 
per esempio con aghi da cucire, qualche volta sono quasi imper- 
cettibili, e non sempre effluisce Tumore vitreo. Quando ciò ac- 
cade, riride si accolla sulla cornea, e rocchio diviene ipotonico. 
Dopo penetrazione obliqua d'istrumenti vulneranti da punta, il 
canale della puntura alPilluminazione focale laterale apparisce 
sempre come un intorbidamento grigio. — Col riposo e tenendo 
rocchio bendato, le ferite da punta della cornea possono ra- 
pidamente guarire, la camera anteriore si riempie in poche ore 
di liquido, riride ritorna alla pristina posizione, ed il tono del- 
l' occhio ridiviene normale. Ma quando sono un poco larghe, 
resta un'aderenza filiforme deiriride colla cornea; e se la ferita 
viene inficiata o trascurata, può financo svilupparsi la cheratite 
ulcerosa. In una giovanetta dopo discisione della cataratta vidi 
svilupparsi (in mezzo a fenomeni d' imbibizione del cristallino) 
flnanco il cheratocono. 

Le ferite perforanti della cornea sono a forma lineare, ar- 
cuata oppure a lembi. Le ferite prettamente lineari od a lembi, 
anche se un po' estese, guariscono d'ordinario rapidamente col 
riposo e coll'applicazione di una fasciatura che mantenga l'oc- 
chio chiuso. L' opinione difi'usa negli ultimi tempi presso gli 
autori, che le ferite a Jembi della cornea, e le ferite corneali 
in genere, tendono alla necrosi più delle ferite della sclerotica. 
è contraddetta da ciò che si osserva pure nelle operazioni di 
cataratta. Ad ogni modo, in tutte le ferite a lembi della cornea 
vi sono le condizioni perchè si produca prolasso dell'iride, le quali 
ponno essere evitate con un'adatta fasciatura che mantenga 
r occhio chiuso e facendo stare l'infermo in riposo. 

In qualsiasi ferita, non escluse le ferite della cornea, può 
prodursi (per speciale costituzione organica dell'individuo, 
o per influenze morbigene esterne , o per trascuranza nella 



Digitized by VjOOQIC 



380 H a 8 D 6 r , Lesioni violente dell' occhio 

cura, ecc.) uno sfacelo necrotico, che ha punto di partenza dai 
margini della ferita. 

Il prolasso dell'iride nelle ferite perforanti della cornea 
determina alterazione di forma della pupilla, stiramento del- 
l'iride ed attività irregolare dei suoi elementi motori. Qual- 
che volta anche considerevoli incarcerazioni dell'iride vengono 
tollerate per tutto il tempo della vita senza produrre disturbi 
essenziali. Attesa la grande molteplicità delle complicazioni ed 
il diverso grado di vulnerabilità dei tessuti nei rispettivi indi- 
vidui non è possibile determinare con precisione i pericoli ine- 
renti ai prolassi dell'iride. I piccoli prolassi periferici cagionano 
leggiero restringimento della pupilla, e non alterano fortemente 
il potere visivo. I prolassi centrali, in vece, decorrono per lo più 
con considerevole alterazione di forma della pupilla. Nei grandi 
prolassi periferici può svilupparsi la cheratite purulenta oppure 
la cicatrizzazione cistoide, perchè il tessuto cicatriziale interca- 
lare distensibile viene spinto in fuori dalla pres.sione dell'umor 
vitreo e dei muscoli oculari. Si sviluppa allora qualche volta la 
cronica ciclite. In alcuni casi molto rari accade pure che dal 
tessuto cicatriziale prenda punto di partenza la formazione di 
cisti dell'iride. Se nelle ferite perforanti della cornea vengono 
lesi r iride, il cristallino, il corpo ciliare e la sclerotica, i pericoli 
aumentano quanto più estesa è la complicazione. 

Mentre nella maggior parte delle ferite della cornea per 
ottenere la guarigione bastano ordinariamente il riposo, la 
posizione dorsale, una medicatura che mantenga l'occhio chiuso, 
e di tratto in tratto compresse fredde sulla fronte; nei prolassi 
dell'iride in cui questo procide dalla ferita, bisognerà aspor- 
tarlo con forbici. Nei prolassi recenti, piuttosto centrali, noi 
d'ordinario ci limitiamo ad adoperare 1'. atropina; in quelli pe- 
riferici facciamo uso dell' eserina onde determinare eventual- 
mente la retrazione del prolasso. Financo nei prolassi recentissimi 
dell' iride, i tentativi meccanici di riduzione colla spatola di Da- 
viel od altrimenti di rado conducono allo scopo. — Nella cicatriz- 
zazione cistoide di grado leggiero basta per lo più un'incisione; 
in quella di grado elevato si dovrà praticare l' escisione di un 
tratto a forma di foglia di mirto. 

dj Ferite della sclerotica. Nelle lesioni violente della con- 
giuntiva, la sclerotica viene messa sovente allo scoperto oppure 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite delP occhio senza che in esso rimangano corpi stranieri 381 

lacerata superficialmente. Queste ferite in generale non sono 
pericolose. La ferita della sclerotica si riveste di granulazioni 
di buona qualità, e si produce aderenza cicatriziale colla con- 
giuntiva. — Nelle ferite da perforazione della sclerotica vengono 
lese la coroide e la retina, e per lo piti anche il corpo vitreo; 
se si vuota una parte della retina, il bulbo oculare diviene ipo- 
tonico; nella ferita prolabiscono le parti limitrofe della coroide, 
della retina, del corpo ciliare, ed anche il cristallino. Il sangue 
per lo più si effonde all'esterno, ed in parte anche nell'interno 
deir occhio. — Le ferite della sclerotica decorrono d'ordinario 
favorevolmente tenendo l'inferma in posizione dorsale e coll'oc- 
chio fasciato in 4 — 8 settimane; resta una cicatrice, spesso re- 
tratta e contenente pigmento. 

Un giovine operaio doveva rattoppare una correggia la- 
cerata. Mentre era intento a questo lavoro, il sonno lo vinse, 
e nel dondolare il capo urtò coir occhio sinistro contro un 
grosso ago che teneva nella mano. Si recò subito nella cli- 
nica oculistica, ove fu constatata una ferita sclerale beante, la 
quale incominciava dall'angolo interno dell'occhio sinistro, al- 
l'indentro della cornea, decorreva obliquamente in sopra e po- 
steriormente, ed era lunga 12 mm. Il bulbo oculare era oltre- 
modo ipotonico , ed il corpo vitreo s' incuneava fra i margini 
della ferita, coverti di sangue .coagulato. La visione era offu- 
scata. Riusciva strano il fatto che la camera anteriore era 
completamente intatta, l'iride in posizione normale, il cristal- 
lino illeso, mentre nel corpo vitreo si constatava in sopra ed in 
giù un versamento sanguigno striato. Colla posizione dorsale 
e con una fasciatura che manteneva l'occhio chiuso, la ferita 
sclerale guarì in otto settimane, e si ripristinò il tono dell'oc- 
chio che mostrava aspetto completamente normale; solamente il 
corpo vitreo al lato interno appariva leggermente opacato, e l'a- 
cuità visiva molto scemata. L' infermo domandò di uscire dalla cli- 
nica. — previdente che in questo caso col largo ago era stata 
prodotta una ferita da taglio della congiuntiva, della sclerotica, 
del corpo ciliare, della coroide e della retina, la quale ferita 
perveniva fin nel corpo vitreo; ma T iride ed il cristallino erano 
rimasti intatti. Essendosi l'infermo sottratto molto per tempo 
alla nostra osservazione, non possiamo dire se più tardi si pro- 
dussero in lui fenomeni reattivi con punto di partenza dal 



Digitized by VjOOQIC 



382 H a s n e r , Lesioni violente dell' occhio 

tessuto cicatriziale , oppure se l'acuità visiva si ripristinò com- 
pletamente, riassorbendosi le leggiere opacità del corpo vitreo, 
che allora esistevano. 

e) FeìHle delViride, L'iride tollera ottimamente piccole fe- 
rite da punta e da taglio ^ alle quali molto di rado sogliono 
seguire forme gravi d' irite. Ma esso non è mai leso isolata- 
mente , e viene impegnato nelle contemporanee lesioni della 
cornea, del cristallino e del corpo ciliare. Le ferite semplici 
da punta e da taglio della cornea e dell'iride hanno per lo 
più esito favorevole; però i lembi di una ferita da taglio del- 
riride possono prolabire nella ferita corneale, e contrarre ivi 
aderenza. Anche nelle ferite della sclerotica, in cui l'iride è stata 
lesa contemporaneamente, si verifica sovente prolasso dei lembi 
e stiramento dell'iride posteriormente. Poiché in tali casi per 
lo più viene lesa anche l' iride , le ferite sclero-irideali sono 
sempre pericolose. 

f) Ferite del cristallmo. Gl'istrumenti vulneranti da punta 
e da taglio spesso — attraverso la cornea e la pupilla aperta — 
pervengono direttamente nel cristallino, oppure vi giungono 
attraverso l'iride o la sclerotica. Essi producono una ferita della 
capsula anteriore , ovvero penetrano più profondamente nel 
cristallino, e, qualche volta — attraverso di esso e la capsula 
posteriore— fin nel corpo vitreo.. La conseguenza ordinaria di 
tali lesioni violente è un intorbidamento grigio delle fibre del 
cristallino , che si verifica già in poche ore. Quest' intorbida- 
mento si verifica dapprima nel punto della lesione, e d'ordi- 
nario in 2 — 4 giorni è intorbidato tutto il cristallino. Le pic- 
cole ferite della capsula si chiudono qualche volta presto, ma 
quelle molto estese non prima che si sia riassorbita la massi- 
ma parte degli elementi intorbidati del cristallino. Il processo 
di riassorbimento si assolve talvolta — soprattutto nei bambini — 
in 6 — 8 settimane senza essenziale partecipazione flogistica de- 
gli organi vascolari limitrofi (iride, corpo ciliare). I lémbi della 
capsula anteriore contraggono in ultimo aderenza col lembo po- 
steriore , e tutto il campo pupillare può nuovamente divenire 
limpido, oppure si residuano leggieri intorbidamenti della cap- 
sula (cataratta capsulare che può essere rimossa colla discis- 
sione coirestrazione). L'occhio afachico, corretto da un'adatta 
lenta convessa, riacquista una completa acuità visiva, e quindi 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite deìP occhio senza che in esso rimangano corpi stranieri 383 

si potrebbe ritenere che trattasi di una lesione grave, la quale 
però non ha rimasto indebolimento forte e permanente della 
vista. 

Ad un fanciullo di undici anni un suo compagno cacciò 
neir occhio sinistro una puntina di acciaio. Nel giorno dopo 
constatai una ferita da perforazione , lunga 2 mm., a decorso 
orizzontale airesterno ed in giù della cornea; i margini legger- 
mente grigiastri mostravano in alcuni punti un colore nerastro, 
dovuto all'inchiostro. Nel centro della capsula anteriore vi era 
una ferita beante, lunga 2 mm., a decorso trasversale, nella 
quale già si erano incuneati fiocchi di cristallino, i quali mo- 
stravano intorbidamento grigio. 

Il cristallino era totalmente intorbidato. La camera ante- 
riore deir occhio appariva conservata ; vi era leggiera ipere- 
mia corneale, punto fotofobia, o lagrimazione. Colle instilla- 
zioni di atropina ed una fasciatura che manteneva chiuso roc- 
chio, la ferita corneale guari in 8 giorni, restando leggiero 
intorbidamento nel sito della ferita da punta. Il riassorbimento 
del cristallino si verificò in otto giorni, senza fenomeni reattivi od 
irite, residuandosi solamente leggiero intorbidamento capsulare. 
Colla lente convessa Nr. 4 V2 l'acuità visiva fu portata a ^^so* 
In questo caso paragonando la larghezza della ferita corneale 
con quella dell'estremità della puntina d'acciaio, si potette am- 
mettere con certezza che la stessa era penetrata nell'occhio per 
un tratto di 5 mm., e che perciò si era approfondata nel cristallino 
per circa 1 mm. Le ferite del cristallino anche quando trattasi di 
giovani, di rado hanno un decorso cosi favorevole come nel caso 
ora descritto. Esse sogliono — specialmente nei vecchi (in cui gli 
elementi del cristallino sono divenuti più compatti e più poveri di 
acqua) quando vi sieno anche considerevoli lesioni della cornea, 
dell'iride e del corpo ciliare — produrre considerevole e cronica 
imbibizione e rigonfiamento del cristallino; il riassorbimento 
può essere ritardato flnanco per mesi; e per effetto della com- 
pressione sugli organi limitrofi possono svilupparsi irite, ciclite 
e j alito. Ciò è tanto più a temere, quanto più grossa è la ferita 
capsulare e quanto più rapidamente si sviluppa l'imbibizione 
del cristallino. Si residuano allora — anche quando il processo 
infiammatorio sia circoscritto alle vicinanze immediate del cri- 
stallino — considerevoli intorbidamenti capsulari nel dominio 



Digitized by VjOOQIC 



384 H a 8 n e r , Lesioni violente deir occhio 

della pupilla; i margini pupillari dell* iride contraggono ade- 
renza colla capsula, ed il potere visivo può essere discreta- 
mente ripristinato con un'operazione radicale (iridectomia, co- 
relisi, estrazione od incisione della capsula inspessita), qualora 
non vi siano nel tempo stesso permanente diminuzione o per- 
dita del potere visivo per retinojalite o per scollamento della 
retina. Perciò questi casi di ferite del sistema del cristallino 
debbono essere sempre caratterizzati come lesioni violente gravi, 
perchè la malattia ha un lungo decorso, ed il potere visivo è 
fortemente minacciato. 

La cura delle ferite del cristallino consiste al principio 
nell'applicare cataplasmi freddi ed iniziare una midriasi atro- 
pinica per ovviare all'influenza nociva del cristallino rigonfiato 
sull'iride. Neil' intensa nevralgia ciliare si adopereranno mezzi 
anodini (oppio, morfina, idrato di cloralio). Quando vi sieno gravi 
fenomeni di compressione oppure ectopia degli elementi gonfi 
del cristallino , bisogna praticare la paracentesi della camera 
anteriore dell'occhio, qualche volta l'iridectomia, ed estrarre il 
cristallino in tutto od in parte. 

g) Ferite del corpo vitreo ^ della coroide e della retina. 
Le ferite da punta o da taglio del corpo vitreo accadono da 
avanti, attraverso la cornea, l'iride ed il cristallino, oppure la- 
teralmente attraverso la sclerotica, la coroide e la retina. Le 
ferite da punta dirette laterali sono — in generale — meno gravi 
di quelle attraverso la cornea ed il cristallino, perchè soprat- 
tutto le ferite del cristallino, che penetrano fin nel corpo vitreo, 
determinano per lo più fenomeni d'imbibizione che durano a 
lungo. Nelle ferite da punta poco estese della sclerotica, inferte 
con aghi, lesine, coltelli sottili ecc., nel sito della puntura si 
produce nella congiuntiva uno stravaso di sangue, ed all'esame 
ottalmoscopico si può constatare anche un'emorragia nel corpo 
vitreo, al principio in forma di strie o di nubecole rossastre, 
le quali gradatamente si diffondono. Il riassorbimento del san- 
gue stravasato non che la guarigione della ferita da piinta 
possono verificarsi in pochi giorni, e allora si constata age- 
volmente che la lesione violenta è leiggiera. Ma nelle grosse 
ferite da taglio con schegge di vetro, coltelli, ecc., l'emorragia 
intraoculare per lo più è considerevole, prolabisce una parte 
del corpo vitreo, e possono seguirne retinocoreidite, jalitc, scol- 



Digitized by Vj.OOQIC 



Ferite deir occhio senza che in esso rimangano corpi stranieri 385 

lamento della retina, e financo panoftalmite. La perdita di una 
piccola quantità del corpo vitreo è in generale poco pericolosa, 
e si può financo dire che può uscirne Ano ad una terza parte, 
e ciò malgrado — per effetto di un processo di rigenerazione — si 
ripristinano in pochi giorni la tensione normale e la funzione 
dell'occhio, purché non sopravvengano accidenti infiammatori. 

Quando il corpo vitreo subisce repentinamente una leg- 
giera lussazione, non si osservano emorragie intraoculari, so- 
prattutto se r individuo è sano e di buona costituzione. Per 
qualche tempo furono molto temute queste emorragie come ef- 
fetto di istantanea perdita di tensione del bulbo oculare. Nelle 
operazioni di cataratta con perdita del corpo vitreo rarissima- 
mente accadono emorragie intraoculari. 

Qualche volta si osserva perforazione del bulbo oculare 
in tutta la sua spessezza con coltelli, aghi, schegge acumi- 
nate di legno; ed in tal caso su di esso si osserva un foro 
di entrata ed uno di uscita. Il collasso del bulbo suole essere 
al J ora più considerevole per perdita del corpo vitreo, ed insieme 
a rilevante emorragia intraoculare suole verificarsi una flogosi 
reattiva piti intensa degli organi interni : accade atrofia o tisi 
del bulbo per panoftalmite. 

Nelle ferite da punta o da taglio che penetrano fin nel 
corpo vitreo, bisogna per lo più attendere settimane finché il 
processo della ferita abbia assolto il suo corso. Quando ciò é 
avvenuto, il medico-legale potrà dare un giudizio definitivo sulle 
conseguenze della lesione violenta. Se allora è possibile un esa- 
me ottalmoscopico degli organi profondi dell' occhio (essendo 
la pupilla aperta ed il cristallino intatto), si può constatare di- 
rettamente un'eventuale amotio retinae, oppure cicatrici della 
coroide e della retina, alterazione del campo visuale per tali 
cicatrici o per corioretinite o per opacità del corpo vitreo, ecc. 
Se dopo tali lesioni violente si verifica Tiridocoroidite con oc- 
clusione della pupilla, il bulbo oculare d'ordinario apparirà 
ipotonico, si raggrinza gradatamente, si retrae nella direzione dei 
muscoli oculari, l'acuità visiva scema molto, e può financo acca- 
dere che resti completamente soppressa la percezione della luce. 

hj Ferite dell'orbita. Le ferite da punta e da taglio della 
cavità orbitaria sono prodotte colla punta di sciabole, fioretti, 
baionette, oppure con diversi istrumenti in uso nella vita comune 

Maschka — Med. Leg. Voi. I. 25 



Digitized by VjOOQIC 



886 H a 8 II e r , Lesioni violente dell' occhio 

e neirindustria, come lesine, succhielli, coltelli, forchette, ov- 
vero con cornate di animali, con schegge di legno, ecc. Queste 
lesioni violente possono — dal punto di vista della medicina le- 
gale — essere distinte nella doppia categoria di lesioni dell'or- 
bita isolate complicate a quelle della cavità cranica. 

Nelle ferite da punta non complicate della cavità orbitaria, 
il bulbo oculare resta illeso oppure viene contemporaneamente 
colpito. Nella maggior parte dei casi gP istru menti vulneranti 
penetrano nell'orbita da avanti (attraverso la congiuntiva o le 
palpebre), di rado dalle tempia (perforando la parete esterna ) 
e più di rado penetrano da sotto attraverso la mascella su- 
periore e l'antro d'Highmoro. 

La conseguenza ordinaria di ferite da punta non compli- 
cate , penetranti profondamente neir orbita , è il versamento 
sanguigno. Il sangue non si effonde all' esterno , ma lateral- 
mente al bulbo, oppure nelle parti retrobulbari, sicché l'occhio 
sporge in avanti o apparisce spostato lateralmente. D'ordinario 
si producono allora anche suggillazioni ed edema delle palpebre 
e della congiuntiva; la mobilità del bulbo oculare è diminuita, 
e l'acuità visiva può scemare per la pressione del sangue sul 
nervo ottico o per lo stiramento che questo subisce. Nelle 
semplici ferite da punta il sangue effuso nell'orbita può rias- 
sorbirsi in pochi giorni, accade la cicatrizzazione, e la lesione 
violenta deve essere allora caratterizzata come leggiera. Ma 
ciò accade di rado, giacché nelle profonde ferite da punta del- 
Torbita il bulbo oculare ben poche volte resta completamente 
illeso. A causa della pressione laterale dell'istrumento vulnerante 
che penetra in profondità, si produce d'ordinario commozione 
del bulbo, e quindi si ha emorragia intraoculare, rottura della 
sclerotica, qualche muscolo oculare è leso, il nervo ottico 
può essere stirato o reciso, l'oculomotore, il trocleare e l'ab- 
ducente sono colpiti, e perciò si verificano non solo flogosi 
degli organi interni del bulbo oculare , ma anche anestesia 
dell' apparecchio di percezione della luce , e paralisi dei mu- 
scoli oculari. Può anche svilupparsi flogosi purulenta dell' or- 
bita, specialmente quando la periorbita è stata scollata dal- 
l' osso coll'istrumento vulnerante. Se accade qualche suppura- 
zione nel territorio retrobulbare, il pus non può farsi una via 
di uscita, la necrosi del tessuto cellulare orbitale aumenta in 



Digitized by VjOOQIC 



Ferite dell* occhio Bensa che in esso rimangano corpi stranieri 387 

estensione, il bulbo subisce grave spostamento, può essere im- 
pegnato dal processo patologico, la suppurazione diffondersi alla 
cavità cranica, e sopravvenire la morte per meningite. Ma que- 
st'ultimo fatto accade soltanto se contemporaneamente vi sieno 
fratture ossee e lesioni da commozione dell'orbita, oppure 
grave periorbitite purulenta , giacché V ascesso orbitale an- 
che quando abbia un decorso cronico, suole per lo più farsi 
strada lateralmente al bulbo. Il caso che ora andrò a rife- 
rire, benché rarissimo, dimostra chiaramente che anche quando 
le lesioni orbitali sieno leggiere, havvi il pericolo che possa 
apparire la meningite. 

Ad un uomo balzò contro l'occhio destro un pezzo di ferro 
lungo un pollice; la congiuntiva sclerale fu perforata obliqua- 
mente in sopra ed all'esterno. Il corpo straniero fu subito ri- 
mosso. Malgrado un rigoroso trattamento antiflogistico, l'infermo 
mori dopo 15 giorni con fenomeni di periorbite e di menin- 
gite. Il bulbo oculare all'autopsia non appariva perforato ma sol- 
tanto contuso ; il corpo straniero era penetrato lateralmente 
nell'orbita, contenente pus. Alla base del lobo anteriore destro 
del cervello oravi pure una certa quantità di marcia. 

Sono stati anche osservati alcuni casi in cui istrumenti 
vulneranti da punta penetrarono attraverso l'orbita e la fen- 
ditura inferiore della cavità orbitaria fin nella regione del- 
l'orecchio e delle tempia, e flnanco nella faringe e nella nuca. 
Può anche accadere che l'istrumento vulnerante perforando 
l'osso lagrimale e l'etmoide pervenga fin nella cavità nasale, e 
che — attraverso questa — penetri da un'orbita nell'altra. Così, 
per es., Te irli nk osservò un uomo che aveva avuto un colpo 
di fioretto nell'angolo interno dell'occhio destro. Si verificò ben 
presto violenta rinorragia; la regione della radice del naso e 
quella sopraorbitale erano sensibili alla pressione. Il potere 
visivo dell'occhio destro restò intatto, ma si produsse bentosto 
completa amaurosi dell' occhio sinistro , che sembrava illeso. 
L'istrumento vulnerante aveva dovuto perforare la parete or- 
bitale interna dell'occhio destro, penetrare — attraverso la ca- 
vità nasale e la parete orbitale interna dell' occhio sinistro — 
neir orbita sinistra, ove probabilmente era stato leso diretta- 
mente il nervo ottico. 

Le ferite da punta, da taglio o da fendente dell'orbita con 



Digitized by VjOOQIC 



388 H a B n e r , Lesioni Tiolente dell* occhio 

contemporanea lesione della cavità cranica appartengono ai 
traumi più gravi, per lo più di esito letale, per cui il medico- 
legale deve sempre caratterizzarle quali lesioni che implicano 
pericolo di vita. Possono essere prodotte con punte di scia- 
bola, di fioretto, da forcina da fieno, forchetta, rami d'albero, 
matite, ecc. 

Gristrumenti vulneranti da punta possono facilmente per- 
forare la sottile parete dell'orbita, penetrare — attraverso Tosso 
etmoide nella cavità cranica, più di rado attraverso la fendi- 
tura superiore della cavità orbitaria od il forame ottico ; raris- 
simamente per la via della parete orbitale interna. Nelle leggiere 
ferite da punta della corteccia cerebrale rarissimamente fu 
osservato T esito in guarigione. Quando il ferito resta in vita, 
si residua d'ordinario emicrania abituale oppure scompiglio 
mentale. Qualche volta a causa dello stravaso di sangue ne 
segue in breve tempo la morte in mezzo a convulsioni oppure 
a fenomeni di emiplegia. In alcuni casi è stato osservato che 
gl'infermi, immediatamente dopo la ferita da punta del cervello, 
si sentono bene per qualche tempo, e poi dopo un paio d'aere 
(probabilmente per la grave emorragia che ne consegue) sono 
colpiti da convulsioni, da paralisi e accade la morte. In questa 
categoria di casi è da annoverare quello osservato da Bore Ili, 
nel quale l'individuo dopo una ferita da punta (inferta colla 
sciabola) dell'orbita si trattenne per due ore cogli amici, mangiò 
e bevette allegramente, e nel giorno dopo fu trovato morto nel 
letto. L'autopsia fece rilevare che era stato leso il cervelletto. 

Nelle ferite da punta dell'orbita, la cura consiste essen- 
zialmente nel rimuovere subito l'istrumento vulnerante da punta, 
quando sia rimasto infisso nella ferita. Qualche volta si deve 
vuotare il versamento sanguigno retrobulbare incidendo o di- 
latando il canale della ferita. Di rado con ciò viene raggiunto 
lo scopo che si ha in mira, perchè il sangue in parte suole 
infiltrarsi nel connettivo orbitale, in parte coagularsi. — Se si 
forma un ascesso retrobulbare, si deve vuotare il pus con un"' in- 
cisione profonda nel sito più adatto. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell* occhio con permanenza di corpi stranieri 389 

iV. Lesioni violente deiroocbio con permanenza di corpi stranieri. 

I corpi stranieri restano fissati sulle o nelle palpebre, nel 
sacco congiuntivale e sulla cornea, oppure, attraverso una fe- 
rita penetrante, pervengono neirinterno deirocchio o nell'orbita. 
Quando restano fissati superficialmente e sono accessibili agli 
istrumenti da estrazione, producono emorragio più leggiere di 
quelli che rimangono nella cavità orbitaria e neirinterno del 
bulbo oculare. I corpi stranieri allorché non possono essere ri- 
mossi, distruggono spesso completamente il potere visivo non 
solo delPocchio leso ma— per un'afl'ezione simpatica— possono 
compromettere anche la vista dell'altro occhio. 

a) Corpi stranieri nelle palpebre. I corpi stranieri pic- 
coli — come frammenti di pietre e di metalli — che spesso bal- 
zano contro le palpebre agli operai tornitori, a quelli addetti 
alla lavorazione di metalli, ecc. — di rado penetrano nella cute 
palpebrale. Ma nei minatori può accadere che per esplosioni di 
polvere o di dinamite qualche frammento di pietra od altro pe- 
netri nella cute palpebrale. Nei colpi d'arma a fuoco con pal- 
lini, ecc., può accadere che questi restino fissati nelle palpe- 
bre. Lo stesso può accadere con pezzi di metallo, schegge di 
legno. Questi corpi stranieri debbono essere rimossi, il che in 
generale è facile, sia coir estrazione semplice dalla ferita, sia 
colla dilatazione cruenta di questa, o praticando un'incisione 
nel punto ove sono rimasti fissati. Codeste lesioni guariscono 
talvolta rapidamente. 

Se i corpi stranieri permangono più a lungo nel connet- 
tivo sottocutaneo, può accadere che, per efl'etto dei movimenti 
delle palpebre, si producano irritazione e suppurazione. Però 
spesso rimangono incapsulati, e se non disturbano i movimenti 
delle palpebre , possono restare ivi per molti anni , e financo 
vita durante. 

In uno scalpellino, il quale^un anno prima che io l'esa- 
minassi aveva sofferto una lesione dell'occhio sinistro, potetti 
palpare agevolmentiB col dito cinque frammenti di pietra, 
grossi 3—8 mm., rimasti infissi in diversi punti sotto la cute 
delle palpebre. Uno solo di essi, il più grosso, piazzato rasente 
il margine orbitale esterno , molestava l' mfermo nel movi- 



Digitized by VjOOQIC 



390 Hasner, Lesioni violente delf occhio 

mento di rotazione deirocchio alPesterno. Si decise di estirpare 
questo frammento di pietra coir operazione, cosa che io feci. 
L'individuo si ricusò a farsi operare per rimuovere gli altri 
frammenti, perchè non gli davano alcuna molestia. 

I corpi stranieri attraverso le palpebre possono penetrare 
nella cavità orbitaria oppure nelle ossa sottostanti , e restare 
ivi incuneati. Ciò dicasi soprattutto per palle di fucile o pallini, 
per punte rotte di spade, di coltelli, ecc. Qualche volta è as- 
solutamente impossibile rimuovere i corpi stranieri senza re- 
sezione delle ossa. In altri casi per rimuovere gl'istrumenti 
vulneranti bisogna adoperare grande forza. 

Un ragazzo nel giuocare cacciò un pezzettino di legno molto 
acuminato nell'occhio ad un altro con violenza tale da rompersi, 
e la punta rotta rimase infissa in mezzo alla palpebra infe- 
riore dell'occhio sinistro. Allorché vidi l'infermo (fanciullo di 
11 anni, per tutt'altro sano) constatai che 1 centim. del pez- 
zettino di legno sporgeva dalla ferita da punta della palpebra, 
ed era fortemente incuneato al margine orbitale inferiore della 
mascella superiore. Non si potette estrarlo né colle dita né colle 
ordinarie pinze. A stento e spiegando una grande forza si riuscì 
a rimuovere — dalla mascella superiore e dalla ferita palpe- 
brale — il frammento, lungo ite centimetri. I fenomeni reattivi 
furono relativamente insignificanti, e si produsse una cicatrice 
retratta nel punto ove era accaduta la ferita, cicatrice che non 
impediva i movimenti della palpebra. 

bj 1 corpi stranieri nella congiuntiva si presentano il più 
di frequente sulla porzione tarsale della congiuntiva della pal- 
pebra superiore. Accade talvolta che sabbia, calcestruzzo, carbone, 
segatura, ali d'insetti, schegge metalliche, piccoli fili di paglia, 
frammenti di vetro, ecc. balzino contro la superficie del bulbo, 
donde possono pervenire sotto la palpebra superiore, ed infig- 
gersi nella porzione tarsale della congiuntiva parietale. Per 
irritazione meccanica della còrnea nel movimento delle palpe- 
bre, questi corpi stranieri angolosi acuti cagionano spesso in- 
tensi dolori, lagrimazione e blefarospasmo. Negl'individui isterici 
sono state financo osservate convulsioni di natura riflessa a 
causa di tali leggiere lesioni violente. Samelsohn in un caso 
osservò persino il tetano, neppure dissipato dopo rimozione del 
corpo straniero. 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violento deir occhio con permanenza di corpi stranieri 391 

Ad nn calzolaio di 46 anni, di media robustezza, balzò nel- 
l'occhio una scheggia di legno. Al principio non avvertì alcun 
disturbo, sicché egli credette che il corpo straniero non fosse 
rimasto neirocchio. Dopo otto giorni apparve blefarospasmo, il 
crampo si diffuse, alla faccia ed ai muscoli deir occhio , e si 
manifestarono disturbi della respirazione e della deglutizione. 
Una mattina mentre si sfregava l'occhio il corpo straniero 
venne fuori; ma i fenomeni spastici anziché diminuire au- 
mentarono, quantunque rocchio — che difficilmente poteva es- 
sere aperto a causa dell'intenso blefarospasmo — non presen- 
tasse alcuna anomalia. Dopo sei giorni il tetano era completa- 
mente sviluppato. Fatta una cura per tre settimane col cloralio 
e col bromuro di potassio , tutti i fenomeni spastici incomin- 
ciarono a dissiparsi in ordine inverso a quello con cui si erano 
sviluppati. 

La rimozione dei corpi stranieri dal sacco congiuntivale 
riesce facilmente arrovesciando la palpebra superiore, e ser- 
vendosi — per la rimozione — di un panno oppure del dito o di 
un istrumento. Quando risiedono sulla piega di passaggio della 
palpebra superiore, sogliono — poiché ivi mancano le condizioni 
di attrito — produrre poco o punto dolore, sicché spesso restano 
ivi per lungo tempo senza che T infermo abbia qualche pre- 
sentimento della loro presenza. Si rivestono di muco, gradata- 
mente vengono avvolti da granulazioni, e producono leggiero 
catarro della congiuntiva. 

Una donna mi presentò la sua bambina di 6 anni, la quale 
già da tre mesi soffriva leggiero catarro congiuntivale dell'oc- 
chio destro, che non cedeva agli astringenti prescritti dal me- 
dico di casa. Esaminai accuratamente la congiuntiva arrove- 
sciando la palpebra superiore, e constatai sulla piega di pas- 
saggio un piccolo corpo giallastro, avviluppato da granulazioni 
fungose. Lo estrassi colla pinzetta, e constatai che era un filo 
di paglia lungo 1 ctm. Da alcune indagini risultò che tre mesi 
prima la bambina si era trastullata sopra un mucchio di pa- 
glia nel cortile della sua abitazione, ed a partire da quel tempo 
l'occhio si era infiammato. 

Ad un impiegato forestale nello sparare il fucile un pezzo 
del tubetto balzò nell'occhio dèstro. Ne segui iperemia ca- 
tarrale dell'occhio. L'infermo credeva che il corpo straniero 



Digitized by VjOOQIC 



392 H a 8 D e r , Lesioni violente dell* occhio 

fosse semplicemente balzato contro il bulbo oculare, e poi ca- 
duto, e che Teflfetto fosse stato queirirritazione deirocchio che 
soffriva. Nell'arrovesciare la palpebra superiore, otto giorni dopo 
accaduta la lesione violenta, rinvenni sulla piega di passaggio, 
airindentro, un ascesso grosso quanto un pisello. Praticai su- 
bito rincisione, e col pus venne fuori un frammento del tubetto, 
il quale aveva forma quadrangolare, ed era grosso più di 2 
mm. La sclerotica non appariva lesa, ma nel corpo vitreo si 
poteva constatare un piccolissimo versamento sanguigno, che 
in 14 giorni si riassorbì. L'infermo guarì. L'acuità visiva re- 
stò intatta. 

I corpi stranieri per lo più restano infissi nella congiun- 
tiva sclerale , e segnatamente neir àmbito pericorneale. Per- 
forano facilmente la congiuntiva e si annidano sotto di essa. 
Fra i corpi stranieri sono da annoverare i granellini di polvere, le 
schegge di metallo, di legno, ecc. D' ordinario possono essere 
rimossi incidendo la congiuntiva nel rispettivo punto, od esci- 
dendone un brano insieme al corpo straniero. — Ma talvolta 
ponno restare incapsulati senza produrre alcun danno, né sono 
rari i casi in cui gl'infermi ne dimandano l'estrazione non per 
i disturbi che ne risentono, ma a causa della deformità. 

e) Nella pratica oculistica si osservano spessissimo corj^d 
stranieri nella cornea, i quali sono schegge di metalli (ferro, 
acciaio , ottone , schegge di tubetti di rame , stagno , piombo, 
per lo più in istato di fusione), segatura di legno, fram- 
menti di sostanza cornea, schegge di unghie delle dita, pic- 
coli frammenti di vetro, carbone, polvere, cenere, gesso, calce, 
sabbia, fili di paglia, acini di grano, spine, ali d'insetti, ecc. 
I corpi stranieri angolosi, che risiedono alla superficie della 
cornea, producono per Io più intensi dolori, lagrimazione, ble- 
farospasmo, iperemia corneale. Quelli che hanno superficie li- 
scia cagionano poca molestia, e l'infermo per lungo tempo non 
se ne dà per inteso, o soltanto dopo settimane o mesi chiede 
soccorso al medico a causa di leggieri sintomi catarrali. M a- 
ckenzie ad un parroco estrasse dalla cornea l'esoderma di un 
piccolo scarafaggio tre anni dopo che vi era penetrato. — Quanto 
più profondamente i corpi stranieri penetrano nel parenchima 
della cornea, tanto più grave è la lesione violenta, perchè non 



Digitized by VjOOQIC 



I 



Lesioni violenta dell* occhio con permanenza di corpi stranieri 3d3 

soltanto riesce più difficile estrarli, ma anche perchè possono 
seguirne forme più gravi di cheratite reattiva. 

I corpi stranieri che hanno sede superficiale possono es- 
sere rimossi coU'ago da cataratta, oppure con un bisturi acu- 
minato, ecc. Quando sono penetrati in direzione obliqua o 
hanno sede profonda, si è spesso costretti di rimuovere dap- 
prima la parte soprastante della cornea con un piccolo taglio 
a lembo. Se risiedono fin nella lamella più profonda della cor- 
nea , o protrudono con un' estremità nella camera anteriore, 
vi è a temere nei tentativi di estrazione che si affondino quivi. 
La rimozione dei corpi stranieri della cornea appartiene — 
in generale — alle operazioni difficili, a causa della piccolezza 
dell'oggetto da estrarre, della sensibilità della cornea, della 
mobilità deirocchio, dello spasmo palpebrale che spesso si pro- 
duce (e ciò dicasi specialmente per le donne e per i bambini 
nei quali talvolta Pestrazione del corpo straniero non riesce 
neppure nella narcosi cloroformica qualora non si fissi il bulbo). 
Qualche volta riesce difficile anche la diagnosi, giacché i po- 
chissimi frammenti possono essere coperti da leggieri strati di 
muco, e passare facilmente inosservati. È difficilissimo accer- 
tare i frammenti di vetro , e spesso vi si riesce soltanto col 
dito esploratore. I corpi stranieri che hanno sede molto pro- 
fonda possono essere coperti dall'essudato che ben presto si 
forma. Così, pes es., i granellini di orzo, cagionano per lo più 
un* intensa forma di ipopion cheratite, ed il corpo straniero che 
non è stato scoperto viene sovente espulso insieme al pus che si 
forma. Nella cornea, al pari che in altri tessuti, i corpi stranieri 
possono restare incapsulati per lungo tempo senza cagionare 
alcun nocumento. 

d) Corpi stranieri nelV iride e nella camera anteriore 
dell'occhio. Talvolta i corpi stranieri restano fissati per qualche 
tempo nella cornea, e più tardi prolabiscono nella camera an- 
teriore a causa del rammollimento flogistico nell'ambito della 
ferita oppure nei tentativi di estrazione. La cornea, inoltre, non 
di rado è attraversata da corpi stranieri, che rimbalzano dal- 
l' iride dalla capsula anteriore con forza propulsiva grada- 
tamente scemante. Allorché questa forza è più intensa, possono 
incunearsi pure nell' iride, e rimanere ivi infissi. Molto di rado 
penetrano lateralmente (attraverso la sclerotica od il cristallino) 



Digitized by VjOOQIC 



394 H a s n e r , Lesioni violente dell' occhio 

nella camera oculare. — I corpi stranieri, che piii di frequente 
si rinvengono in questa, sono schegge di ferro, di rame, di 
acciaio, di vetro, di porcellana, di pietre preziose, raramente 
segature di legno, spine o pallini. Talvolta da questi corpi stra- 
nieri le ciglia vengono strappate dal margine palpebrale, per- 
vengono con essi nella camera anteriore delPocchio, e possono 
flnanco rimanere infissi neiriride. 

I frammenti molto piccoli possono pervenire nella camera 
anteriore, ed in parte anche nel ligamento pettinato dell'iride, 
nascondersi dietro al bordo sclerale, ed essere coperti soprat- 
tutto dal sangue contemporaneamente stravasato, oppure dal- 
l' essudato che si produce. Ma d'ordinario i corpi metallici 
possono essere subito riconosciuti — all'illuminazione focale la- 
terale — perchè traspariscono attraverso la cornea pellucida. 
Quando sono infissi nell'iride si rivelano per la sporgenza che 
si produce (e ciò anche quando vi sia l'irite). 

I piccoli frammenti metallici possono qualche volta essere 
riassorbiti, o persistere incapsulati per lungo tempo (ed anche 
per sempre) nell'iride o nel ligamento pettinato senza provocare 
fenomeni gravi. Ho osservato un caso raro di questa specie, che 
ora vado a riferire. 

Un possidente nello sparare il fucile si produsse una le- 
sione nell'occhio destro. Dopo due giorni mi fu condotto in 
esame. Nella parte inferiore della cornea constatai un'opacità 
a forma lineare, lunga 1,5 mm.; ivi era penetrato un frammento 
di un tubetto, che si scorgeva in forma di una laminacela 
giallo-rossastra sul fondo della camera anteriore dell'occhio. 
Dopo praticato il taglio lineare periferico, vicino al punto ove 
stava il corpo straniero — che non venne fuori — introdussi una 
piccola pinza da iridectomia per afl'errarlo; però, già nei primi 
tentativi esso scivolò, e si affondò dietro al ligamento pettinato, 
né potette più essere rintracciato. Non volli dilatare l'incisione, 
e quindi desistetti da ogni ulteriore tentativo di estrazione. La 
ferita cicatrizzò bene, non si produsse alcuna reazione, e dopo 
10 giorni l'infermo lasciò Praga. Sembrava guarito, ma io te- 
meva che potesse seguirne l'irido-ciclite. Dopo otto settimane 
il padre dell'infermo mi annunziò che questi si sentiva bene. 
Oggi sono trascorsi otto anni da che è accaduta la lesione 
violenta, e durante tutto questo tempo non sono apparsi feno- 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir occhio con permanenza di corpi stranieri 395 

meni di stimolazione dell^occhio; egli sta benissimo, lavora, e 
la lettura cogli occhiali gli riesce facile. In questo caso non 
oravi alcuna pruova anatomica che il corpo straniero si fosse 
incapsulato; si potette ritenere come fuori dubbio che T incap- 
sulamento era accaduto nell'ambito del ligamento pettinato. 

Talvolta i corpi stranieri s'incapsulano nell'iride, e cagio- 
nano soltanto leggiere forme di irite, che poi si dissipano per 
lungo tempo, ma di tratto in tratto riappariscono. Quanto più 
frequenti sono le recidive, tanto più aumentano i pericoli di 
un'occlusione della pupilla, della diffusione del processo flogi- 
stico al corpo ciliare, ecc. 

Un ispettore forestale tre anni or sono nel tirare un colpo 
di fucile riportò lesione dell' occhio destro. I fenomeni di sti- 
molazione cessarono dopo alcune settimane, e l' individuo po- 
tette di nuovo servirsi di quell'occhio. Ma ad intervallo di 
tre a sei mesi ricompariva l'irritazione dell'occhio con intensa 
nevralgia ciliare. Quando si presentò nella clinica, constatai 
leggiera iperemia pericorneale; nella cornea eravi una cica- 
trice lineare lunga un millimetro, e sul fondo della camera 
anteriore un poco di pus. La pupilla era stretta, l'iride di un 
colore verdastro, e sul margine pupillare esterno si consta- 
tava una sporgenza di colore rugginoso, che supposi essere 
la scheggia del tubetto infissa nell'iride, per cui attraverso una 
incisione lineare, fatta sul lato esterno della cornea, introdussi 
una pinzetta nella camera anteriore, afferrai l'iride nel punto 
della prominenza, e recisi con forbici la parte tirata fuori. 

Dal tratto asportato dell' iride potetti subito estrarre un 
frammento ossidato di rame, che aveva un millim. di diametro, 
ed era incapsulato nel connettivo cicatriziale. I sintomi delPirite 
si dissiparono rapidamente sotto la cura coll'antipirina, e dopo 
otto giorni l'infermo lasciò guarito l'ospedale. Il frammento di 
rame era rimasto infisso per più di tre anni nell'iride, provo- 
cando ripetutamente leggiere forme di irite. L'estrazione fatta 
in ultimo coU'iridectomia determinò guarigione permanente. 

* Quando trattasi di corpi stranieri incuneati nella camera 
anteriore e nell'iride havvi (specie se sono un poco mobili) 
sempre il pericolo di una grave flogosi purulenta dell'iride, della 
cornea e del corpo ciliare. Possono seguirne suppurazione della 
cornea e flnanco panoftalmite. Se, mentre vi sono questi feno- 



Digitized by VjOOQIC 



396 H a 8 u e r , Lesioni violente dell* occhio 

meni, viene eliminato il corpo straniero, l'occhio è perduto, ma 
si. scongiura almeno il pericolo che Taltro subisca un'infiam- 
mazione simpatica. E poiché i casi d' incapsulamento di corpi 
stranieri con esito favorevole sono rarissimi, è indicato di 
estrarli coU'operazione, che va eseguita colla massima rapidità 
possibile. Né Pirite né Tipopion controindicano allora l'opera- 
zione; ed ho veduto sempre dissiparsi rapidamente gli accidenti 
flogistici dopo rimozione del corpo straniero, sicché non posso 
raccomandare di perdere tempo limitandosi all'applicazione del 
freddo, alle sottrazioni sanguigne, ai purganti ed ai midriatici. 
I grossi corpi stranieri, che stanno liberamente nella camera 
anteriore, possono d'ordinario essere facilmente rimossi con un 
taglio lineare periferico. Essi vengono ftiori coli' umor acqueo 
che effluisce, oppure possono essere tirati colla pinza. Se in- 
cuneati neir iride debbono essere estratti praticando un' inci- 
sione dove risiedono. Per introdurre gl'istrumenti da estra- 
zione soltanto di rado si adatta il punto ove é lesa la cornea. 
Vero é che qualche volta dilatando la grossa ferita corneale 
si può allontanare il corpo straniero; ma in alcuni casi é me- 
glio praticare col coltello da cataratta un' ampia incisione (a 
forma leggermente arcuata) sul margine corneale. Se il corpo 
straniero non é piatto, ma piuttosto tondo, l'incisione deve essere 
fin dal principio sufficientemente ampia, ed a forma di lembo, 
acciò possa essere ben divaricata, ed il corpo straniero essere 
facilmente estratto senza contundere la cornea. Qualora ciò rie- 
sca, la ferita spesso guarisce rapidamente, e si può allora carat- 
terizzarla come relativamente leggiera. Ma se per incuneamento 
del corpo straniero nell'iride fosse necessaria l'iridectomia, la 
lesione violenta é sempre seguita da indebolimento della forza 
visiva. Se si verifica suppurazione della cornea o del bulbo, 
ovvero se l'irido-ciclite purulenta determina occlusione ingua- 
ribile della pupilla, la perdita del potere visivo deve essere 
riguardata come conseguenza della grave lesione violenta. 

e) Corpi stranieri nel cristallino. Piccoli corpi stranieri, 
come pietruzze e schegge metalliche, attraversano qualche volla 
la cornea e la capsula anteriore, e restano infissi in diversi 
punti del cristallino. La piccola ferita della cornea e della capsula 
si chiude allora spesso in breve tempo, e senza che resti alcuna 
traccia d'intorbidamento. Non effluisce neppure l'umore acqueo 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni TÌolenta deiP occhio con permaDenza dì corpi stranieri 397 

nel momento in cui accade la lesione violenta; ed eccezion fatta 
deir intorbidamento del cristallino, non appariscono fenomeni 
morbosi. Nel cristallino catarattoso possono restare corpi stra- 
nieri per molti anni. Spesso vi estrassi frammenti metallici, 
una volta un pezzettino di marmo , ed in un altro caso , nel 
quale si trattava di un orefice, dovetti estrarre una scheggia 
di melogranato insieme al cristallino, già catarattoso da lungo 
tempo. Quando si tratta di schegge di ferro, le fibre circostanti 
del cristallino assumono d'ordinario un intenso colore giallo- 
bruno per formazione di ruggine. È probabile che anche questi 
corpi stranieri vengano talvolta riassorbiti; e taluni autori 
(Desmarres, Arlt) affermano di aver constatato parziale 
rischiaramento del cristallino catarattoso con notevole reinte- 
grazione funzionale, tuttoché il corpo straniero fosse rimasto 
nella capsula. È certo che in questi casi il riassorbimento è 
dovuto a che gli elementi del cristallino disfatti vengono rias- 
sorbiti. — I! seguente caso, da me osservato nel marzo del 1880, 
dimostra che il cristallino può subire lesioni violente per cause 
apparentemente insignificanti. 

Un bambino sanissimo di 10 anni mi fu condotto dal padre 
per cataratta delP occhio destro. L'intorbidamento grigio nel- 
r àmbito pupillare esisteva da cinque mesi senza causa va- 
lutabile. Precedentemente l'occhio non avea mai jsofferto ipe- 
remia dolorabilità. Constatai che la sua struttura era normale; 
la cornea era completamente intatta; IMride liberamente mobile; 
lo strato corticale del cristallino presentava intorbidamento 
g'rìgio pressoché uniforme, e posteriormente ad esso oravi un 
punto nerastro, che io riconobbi bentosto essere il corpo stra- 
niero, e ciò tanto piii perchè trattavasi di un robusto bambino, 
nel quale la produzione della cataratta monoculare poteva es- 
sere spiegata soltanto con un trauma. Ma così il padre come 
il figlio negavano che vi fosse stata precedentemente qualche 
lesione violenta, e, malgrado il piii accurato esame coli' illu- 
minazione focale laterale, non si potette accertare — nò sulla 
cornea né sulla capsula anteriore — alcuna cicatrice, che avesse 
dinotato qualche pregressa lacerazione per la quale fosse pe- 
netrato il corpo straniero.— Poiché l'infermo era molto indocile, 
procedetti all'estirpazione del cristallino nella narcosi clorofor- 
mica. Taglio lineare all'esterno, e — simultaneamente — inci- 



Digitized by VjOOQIC 



398 Hasner, Lesioni violente dell' occhio 

sione lineare della capsula colla punta del coltello da cataratta 
spinta nella pupilla dilatata. 

Premendo leggermente sul margine interno della cornea, 
gli elementi rammolliti del cristallino prolabirono dalla ferita, 
e con essi un corpo duro, brunastro, che aveva la spessezza di 
un millimetro e mezzo, ed era un frammento di acciaio. Poiché 
insieme al cristallino prolabiva anche la parte esterna deiriride, 
e la riposizione non era possibile sema contusione, fu praticata 
riridectomia. La pupilla apparve subito completamente chiara. 
Non si produsse reazione, e dopo otto giorni l'infermo fu riman- 
dato guarito. — In questo caso Toperazione fece chiaramente 
rilevare, che cinque mesi prima un corpo straniero si era an- 
nidato nel cristallino. Il bambino sì era recato nella bottega 
di un magnano, vicina alla casa paterna, e mentre guardava 
gli operai che lavoravano, si era prodotta accidentalmente 
la lesione dell' occhio. Se, tranne TintorbidarAento del cristal- 
lino, easa decorse senza alcun fenomeno reattivo, ciò è spie- 
gabile soltanto col fatto, che quando il corpo straniero ebbe 
attraversato la cornea e la capsula e non effluì l'umor acqueo, 
le piccole ferite ben presto si chiusero; forse vi fu un pò di 
lagrimazione , o qualche dolore all'occhio, acuì l'infermo non 
badò affatto, per cui non si rese consapevole della lesione vio- 
lenta, e soltanto dopo qualche tempo l'attenzione del padre fu 
richiamata sull'intorbidamento del cristallino. 

Qualche volta i corpi stranieri attraversano la cornea e 
l'iride, e penetrano fin nel cristallino. In questi casi suole se- 
guirne aderenza colla capsula e retrazione cicatriziale nei ri- 
spettivo punto. 

Quando i corpi stranieri si annidano nel cristallino, la fe- 
rita lacera della capsula anteriore resta — per lo più — aperta e 
beante; ne seguono ben presto imbibizione del cristallino, alcuni 
frammenti della cataratta passano nella camera anteriore, e si 
produce una compressione sull'iride, per cui suole seguirne ben 
presto l'irite. Il corpo straniero può precidere cogli elementi 
della cataratta nella camera anteriore oppure affondarsi nel 
corpo vitreo. Bisogna sempre tentare di estrarre i corpi stranieri 
coir operazione, giacché non è possibile impromettersi fin dal 
principio (benché qualche volta sia stato osservato) un esito 
favorevole del processo di riassorbimento del cristallino con 



Digitized by VjOOQIC 



Lesiooi violente deir occhio con permanenza di corpi stranieri 399 

consecutivo incapsulamento innocuo del corpo straniero nel- 
r aderenza che resta fra le due metà della capsula. Ed anche* 
quando si verificasse quest'esito favorevole, fa d'uopo — in 
prosieguo — estrarre la capsula insieme al corpo straniero con- 
tenutovi, onde ripristinare il potere visivo. 

La presenza di un corpo straniero nel cristallino catarat- 
toso non sempre può essere determinata con precisione; e perciò 
quando viene supposta, bisogna nelPestrarre il cristallino aver 
cura di asportarlo completamente, senza ledere il corpo vitreo. 
A tale scopo, fa d'uopo escidere un largo tratto dell'iride, af- 
finchè esso non si affondi nel corpo vitreo, ma possa scivolare 
facilmente dalla ferita. Del resto il metodo operativo da seguire 
deve essere adattato alle condizioni del singolo caso. 

Uno studente nello sparare un colpo di fucile riportò lesione 
dell'occhio destro. Dopo 14 giorni venne da me per farsi esa- 
minare, e constatai leggiera irite purulenta; attraverso la pu- 
pilla mediocremente dilatata si vedeva il sacco del cristal- 
lino trasformato in una collezione purulenta. Non si scorgeva 
alcuna ferita beante della capsula, però la capsula anteriore 
a causa del pus, accumulato posteriormente su di essa, appariva 
rigonfiata in avanti. Poiché la sede principale della suppura- 
zione era il cristallino, si potette ammettere che il corpo stra- 
niero si era ivi annidato, e quindi praticai anzitutto un tagho 
lineare sul lato esterno della cornea, feci l'iridectomia, incisi 
la capsula del cristallino con un taglio longitudinale, ed il pus 
sgorgò bentosto sulla sonda del cucchiaio di Daviel, e con 
esso un tubetto , grosso due millimetri. La ferita ebbe esito 
favorevole. Quando l'infermo lasciò la cura aveva una cataratta 
capsulare secondaria semi-trasparente. Egli mi disse allora che 
si proponeva di farla estrarre piii tardi. 

f) Corpi stranieri nel corpo vitreo. I corpi stranieri che 
penetrano nell'interno dell'occhio fin posteriormente al cristal- 
lino, possono essere distinti in quelli che per il loro grosso 
volume occupano uno spazio rilevante, e quindi possono anche 
protrudere ferita, ed essere facilmente estratti; essi determi- 
nano bentosto primariamente una lesione abbastanza estesa ed 
in quelli molto piccoli, che attraversando la capsula del bulbo 
si afi"ondano nello spazio posteriore, per cui sono più difllcil- 



Digitized by VjOOQIC 



400 H a 8 n e r , Lesioni violente dell* occhio 

mente accessibili, e per lo più pongono rocchio in pericolo per 
i fenomeni secondari. 

Fra i corpi stranieri più voluminosi, che penetrano nel 
bulbo oculare, sono da menzionare i pezzettini di metallo e di 
legnro, le schegge di vetro, le pietruzze e le palle di archibugio. 
Cooper narra persino il caso occorso nella guerra di Crimea, 
in cui neirocchio di un soldato penetrarono due denti, portati 
via ad un suo camerata con un colpo di fucile. 

Quando i proiettili penetrano con grande impeto, perforano 
d'ordinario completamento l'occhio, ed attraverso di esso per- 
vengono nell'orbita od anche più in là. 

Soltanto i proiettili che pervengono con impeto alleùtato 
restano talvolta infissi nel bulbo oculare. — I corpi stranieri 
possono pervenire nel corpo vitreo sia per la cornea che per 
la sclerotica. 

Ho osservato due casi in cui grossi frammenti di legno 
penetrarono — attraverso la cornea — nella profondità deirocchio. 

Una giovanotta mentre spaccava le legna, le penetrò una 
scheggia nelPocchio sinistro, e mentre tentava di estrarla, si 
ruppe rasente la cornea. Quando fu esaminata nella clinica 
constatai che sul margine corneale era infissa una scheg- 
gia di legno della spessezza di 1 millimetro, protrudeva fin 
nella camera anteriore, e sembrava che pervenisse fino alla 
superficie anteriore deir iride. Credetti che si trattasse di un 
frammento piccolissimo, lungp appena 2 mm., la cui estrazione 
non presentasse difficoltà, perchè sporgeva alquanto dalla ferita 
corneale, e poteva essere afferrato colla pinza. Ebbi intanto a 
restare meravigliato quando mi accorsi che la scheggia nei 
tentativi di estrazione, praticati lentamente, sembrava sempre 
più allungarsi, ed in ultimo accertai che era lunga 12 mm. 
Essa aveva perforata la cornea e l'iride sul margine estemo, 
ed evidentemente, attraverso la zonula, era penetrata fin nel 
corpo vitreo. I fenomeni reattivi furono leggieri; non ne se- 
gui alcun intorbidamento del cristallino. Quattro giorni dopo 
estratto il corpo straniero l'inferma si presentò un'altra volta 
in clinica, e poi non si lasciò più vedere. 

Un ragazzo infisse nell'occhio destro di un compagno una 
scheggia acuminata di legno, che si ruppe rasente la cornea. 

L'estremità rotta del pezzettino di legno era fortemente 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir occhio eoa permanenza di corpi stranieri 401 

incuneata sulla parete posteriore, e spingeva la cornea in avanti. 
Dilatai la ierita corneale con un'incisione, afferrai il frammento 
di legno colla pinzetta e riusci ad estrarlo, benché la manovra 
presentasse qualche difficoltà. La lunghezza del frammento ascen- 
deva a 36 mm.; la punta era rotta e ripiegata. Era evidente che, 
essendo stato infisso il frammento con grande violenza nel bulbo 
oculare, la punta si era rotta sulla parete posteriore, per cui si 
dispose di lato, e la lunghezza del tratto incuneato da avanti in 
dietro corrispondeva appunto al diametro delPocchio (24 mm.). 
Poiché erano stati perforati la cornea, Tiride, il cristallino ed 
il corpo vitreo, e — nel ripiegarsi la punta del frammento — dovet- 
tero essere interessate pure la coroide e la retina, l'occhio 
andò perduto per panoftalmite, che apparve già al secondo 
giorno. 

I frammenti metallici un pò voluminosi, che penetrano 
per la sclerotica, non sempre rimangono infissi nella ferita, per 
cui possono essere facilmente afferrati ed estratti. Qualche volta 
si affondano nel corpo vitreo, e allora riesce difficile rintrac- 
ciarli ed estrarli. Perciò in questi ultimi tempi si é di nuovo 
tentato (Hirschberg, Fraenkel ed altri) di estrarli me- 
diante la calamite (calamite od elettrocalamite di Jan in), in- 
trodotta per la ferita sclerale, la quale nella maggior parte dei 
casi viene prima dilatata artificialmente. — Quando il corpo 
straniero è fissato in un dato punto , e la sua posizione può 
essere accertata coir esame ottalmoscopico , si riesce talvolta 
ad estrarlo attravèrso il taglio della sclerotica, fatto in questo 
punto. Tuttoché in questi tentativi di estrazione vada perduta 
una gran parte del corpo vitreo , nondimeno qualche volta si 
ripristina la forma dell' occhio , e può essere financo salvato 
un residuo del potere visivo. Però hawi sempre a temere lo 
sviluppo della panoftalmite. 

Fra i corpi stranieri di piccolo volume, rinvenuti nella ca- 
mera posteriore dell' occhio , sono da annoverare i pallini , i 
frammenti di tubetti, le schegge di metalli, di pietre, di vetro. 
Quando pervengono nella camera posteriore dell'occhio, spesso 
cagionano gradatamente sintomi flogistici, i quali non soltanto 
compromettono la forza visiva dell' occhio leso , ma possono 
anche interessare l'altro occhio. 

Non sono rari i casi in cui corpi stranieri restano incapsu- 

M18CBKA — Med. Leg. Voi. I. 26 



Digitized by VjOOQIC 



402 H a 8 D e r , Lesioni violenle dell* occhio 

lati nel corpo vitreo, nella retina o nella coroide, e per anni, 
forse per tutta la vita, non producono alcun nocumento. E 
non sono meno frequenti i casi in cui essi producono fenomeni 
così minacciosi , che la lesione deve essere riguardala come 
grave. D'ordinario si produce allora perdita deirocchio, flnanco 
cecità completa e permanente incapacità al lavoro. 

I fenomeni prodotti da queste lesioni variano molto, secondo 
il volume del corpo straniero, la via che questo ha percorso 
nell'occhio, ed il sito ove è rimasto. Il foro di entrata si trova 
nella cornea o nella sclerotica, e d'ordinario può essere tanto 
più facilmente rinvenuto quanto più grosso è il corpo straniero, 
perchè esso allora produce spesso ferite beanti (specie quando 
si tratta di pallini), attraverso le quali possono prolabire l'iride, 
il corpo vitreo o la coroide. Ma nelle lesioni prodotte da pic- 
coli corpi stranieri acuminati , qualche volta non si riesce a 
scovrire il punto ove sono penetrati. Se il corpo straniero ha 
attraversato l'iride, ciò si rivela colla depressione in un de- 
terminato punto, ovvero con una ferita lacera, o con un'emor- 
ragia nella camera anteriore; se attraversa il cristallino, questo 
subisce' sempre ben presto un intorbidamento catarattoso. I 
fenomeni subbiettivi qualche volta mancano completamente nel 
momento in cui accade la lesione , specialmente quando si 
tratta di corpi stranieri acuminati, che penetrano con grande 
impeto attraverso gì' involucri del bulbo oculare. D' ordinario 
nel primo momento della lesione si producono dolori, scotomi. 
e può anche accadere subito un versamento dì sangue nel corpo 
vitreo e nella retina, diminuire l'acuità visiva, oppure verifi- 
carsi amaurosi completa. Nei versamenti sanguigni parziali 
sovente si produce al principio soltanto annebbiamento della 
vista, oppure uno scotoma fisso. Qualora fosse possibile prati- 
care r esame ottalmoscopico del corpo vitreo , si può talvolta 
scorgere il corpo straniero in qualche punto del fondo del- 
l'occhio, oppure si può intuire la sua sede, perchè il suo tra- 
gitto nel corpo vitreo è contrassegnato da un intorbidamento a 
forma di cordone o di stria. Nel punto ove sta il corpo stra- 
niero ed intorno ad esso si sviluppa (per lo più in pochi giorni) 
un intorbidamento essudativo, il quale però non sempre perviene 
fino al punto che qualche volta i corpi stranieri metallici non 
traspariscano. Qualora non si riuscisse a rintracciarlo, si può — 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente deir occhio con permanenza di corpi stranieri 403 

per solito — dalla natura della lesione (colpo d'arma a fuoco, 
ecc.), dai caratteri che presenta il punto ove è penetrato, dal- 
l'emorragia del corpo vitreo o dall'intorbidamento, diagnosticare 
già fin dal principio la sua presenza nella camera posteriore 
deir occhio. Più tardi può incapsularsi od essere riassorbito, 
ed il potere visivo si ripristina completamente od in parte. 
Ma per lo più nel contorno del corpo straniero ed anche al 
di là si produce una flogosi plastica, flnanco purulenta, la quale 
può persistere a lungo, e determinarne Teliminazione; ma d'or- 
dinario accade che l'occhio si atrofizza, ed il corpo straniero 
rimane in esso. Sono stati osservati molti casi, in cui corpi 
stranieri incapsulati neirocchio atrofico rimasero ivi infissi per 
molti anni, senza produrre alcuna conseguenza: talvolta rima- 
sero per 20 — 40 anni nel bulbo oculare tisico, sul quale esito 
non si può mai contare con certezza. Sovente i fenomeni flogi- 
stici non si dissipano neppure dopo lungo tempo; l'occhio rimane 
ipotonico, irritato, sensibile; oppure, dopo che per lungo tempo 
vi è stata sosta nel processo, accadono nuove esacerbazioni, 
nuovi versamenti sanguigni nel corpo vitreo, forme infiamma- 
torie plastiche o purulente, scollamento della retina, ed in 
ultimo può prodursi un'affezione simpatica dell'altro occhio. 
Bastano allora la persistente stimolazione e la dolorabilità del- 
l'occhio primariamente infermo per indicarne l'enucleazione, la 
quale può divenire addirittura necessaria se apparisse l'oftal- 
mia simpatica. 

Terremo parola déìVoflalmia simpatica quando esamine- 
remo i corpi stranieri della camera posteriore, perchè appunto 
in tali casi essa viene osservata còlla massima frequenza, ben- 
ché qualche volta possa verificarsi anche dopo contusioni, ferite 
da punta e da taglio, senza che l'istrumento vulnerante resti 
nella camera posteriore. 

Non è stato ancora completamente spiegato in qual modo 
le malattie di un occhio si trasmettano all'altro. Per lo passato 
si ritenne che il simpatico trasmettesse da un punto all'altro 
condizioni fisiologiche, donde il nome con cui anche oggi viene 
indicato. Per lungo tempo gli oculisti ammisero una specie di 
4c consenso» dei due occhi, finché Mackenzie perii primo fece 
rilevare — con ragioni positive — che le afltezioni oculari simpatiche 
possono originarsi per la via dei vasi, oppure dei nervi ciliari 



Digitized by VjOOQIC 



404 H a 8 u e r , Lesioni violente dell* occhio 

del nervo ottico, e si pronunziò per la propagazione attraverso 
quesf ultimo. — Kries e Schweigger hanno additato ultima- 
mente gli spazi linfatici subvaginali come possibili vie di tra- 
smissione deir affezione simpatica. Ma la maggior parte degli 
autori ritiene ancora che per ì nervi ciliari si trasmetta l'af- 
fezione simpatica, specie dell'irritazione simpatica e dell' irite, 
perchè l'oftalmia simpatica si osserva a preferenza nelle lesioni 
violente del corpo ciliare (quando corpi stranieri restano infissi 
in esso nelle sue vicinanze) come pure nello stiramento ci- 
catriziale di quest'organo. D'altro lato bisogna ammettere che 
la comparsa dell'affezione simpatica nonché del tempo e del- 
Pintensità del suo sviluppo dipende da una certa predisposizione 
dell'individuo. Essa si sviluppa sopra un « terreno preparato )>, 
come suol dirsi. Qualche volta, come per es. nella sifilide ere- 
ditaria, si può constatare questo « terreno > ; in altri casi si 
può € indurlo » da una speciale crasi dell'individuo o da certe 
pregresse malattie. — Allo scoppio dell'affezione simpatica, inol- 
tre, dà appiglio sovente lo stesso infermo. Le ambasce, il pianto, 
le veglie notturne, l'affaticare continuamente l'occhio colla let- 
tura, mentre l'altro è ancora affetto da stimolazione flogistica^ 
sono tanti fattori efilcienti della comparsa dell'affezione oculare 
€ simpatica >. 

Il tempo in cui scoppia questa malattia varia molto. I sin- 
tomi dell'irritazione simpatica possono apparire subito oppure 
pochi giorni dopo la lesione violenta dell' altro occhio. Quelli 
della flogosi simpatica non si sviluppano prima di 4 — 6 setti- 
mane dopo che ha agito il trauma. Può anche accadere che i 
fenomeni simpatici si sviluppino dopo molti anni, soprattutto 
quando perdurano i fenomeni flogistici nel primo occhio, op- 
pure si rinnovano dietro le più svariate cause. Qualche volta la 
causa ha origine da compressione meccanica, da urto, dal por* 
tare un occhio artificiale, ecc. 

I fenomeni dell'affezione simpatica debbono essere distinti 
per irritazione e per flogosi. — Virritazione simpatica sn^pari^ 
sce d'ordinario sotto il quadro della fotofobia e del blefaro- 
spasmo. L'altro occhio viene affetto da fotofobia, lagrimazione, 
e qualche volta si chiude spasmodicamente sotto l'azione della 
luce. Inoltre, si producono astenopia retinica ed accomodativa, 
sensazione subbiettiva dei colori, scintillazioni, macchie scure 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell* occhio con permanensa di corpi stranieri 405 

nel campo visuale. Mentre dura questo stadio, Tesame oftalmo- 
scopico fa sempre constatare considerevole iperemia del nervo 
ottico di quest'occhio. — Codesti fenomeni possono persistere a 
lungo, senza che si sviluppi inevitabilmente il quadro della 
flogosi « simpatica », anzi spesso si dissipano, ed il potere vi- 
sivo dell'occhio ritorna ad pristinum. Però questi individui sono 
sempre predisposti alla flogosi simpatica, la quale può scoppiare 
per trascuranza dell'igiene dell'occhio, dietro eccessivo affati- 
camento dello stesso per veglie notturne, pianto prolungato, 
lunghe letture ecc. 

In alcuni studenti — che malgrado la lesione violenta di un 
occhio continuarono a studiare per dare gli esami, affaticando 
così l'altro occhio che trovavasi in uno stadio d'irritazione sim- 
patica— osservai lo scoppio della flogosi «simpatica» già dopo 
poche settimane. Col portare occhiali grigi, colle instillazioni 
di atropina, coU'applicazione di compresse fredde, e qualche volta 
anche colle sottrazioni sanguigne locali e coU'astenersi da qual- 
siasi lavoro, i fenomeni d'irritazione «simpatica» si dissipano 
spesso completamente e persistentemente. 

La flogosi simpatica apparisce, il più di frequente, sotto il 
quadro dell'irido-ciclite. Dopo che per qualche tempo vi è stata 
l'irritazione simpatica si produce (mentre aumenta la nevralgia 
ciliare e si sviluppa l'iperemia pericorneale) scoloramento 
dell'iride, che diviene poco mobile, mentre al margine pu- 
pillare apparisce un' essudazione flogistica. L' iride gradata- 
mente si salda sempre più colla capsula; e quando il processo 
flogistico si diffonde alla coroide ed alla retina, l'acuità visiva 
diminuisce sempre più. -^ Pochi sono i casi in cui l' oftalmia 
simpatica non apparisce sotto il quadro delPirite, sibbene sotto 
quello della jalite con opacità del corpo vitreo, o sotto quello 
della nevrite ottica con consecutiva atrofia del nervo ottico. 
Quest'ultimo fatto si osserva per lo più quando l'affezione sim- 
patica apparisce tardi, spesso quando precedette per anni la tisi 
del bulbo oculare che ammalò per il primo. Quando gli autori 
incominciarono a studiare meglio l'oftalmia simpatica, racco- 
mandarono — come mezzo curativo — di enucleare subito l'oc- 
chio primariamente infermo. Più tardi si constatò che questa 
operazione soltanto di rado può arrestare o guarire l' infiam- 
mazione simpatica, che già è apparsa. Qualche volta all'enu- 



Digitized by VjOOQIC 



406 Hasner, Lesioni violente deir occhio 

cleazione segue (dopo qualche tempo) miglioramento temporaneo, 
ma il processo infiammatorio e la diminuzione dell'acuità visiva 
progrediscono incessantemente. È stato quindi consigliato di 
enucleare rocchio primariamente infermo subito dopo la lesione 
violenta, innanzi che appariscano sintomi « simpatici >, oppure 
nello stadio deiPirritazione « simpatica ». À giudicare dalle mie 
osservazioni, V enucleazione — praticata nello stadio deir irrita- 
zione — fa d'ordinario retrocedere i fenomeni «simpatici», e de- 
termina guarigione permanente. Ma quando non vi era nessuno 
di questi sintomi, non ho mai enucleato l'occhio leso, perchè 
in moltissimi individui i corpi stranieri possono incapsularsi 
nella camera posteriore dell'occhio senza produrre alcun danno. 
E sul proposito potrei anche addurre che parecchi autori in 
alcuni casi, nei quali enuclearono l'occhio in primo tempo, non 
potettero impedire lo sviluppo dell'irite simpatica. Così, per es., 
Pagenstecher riferisce un caso nel quale nove giorni dopo 
l'enucleazione dell'occhio leso osservò un'irite simpatica sul- 
l'altro occhio (fino allora completamente sano), che condusse 
alla cecità. — In questi casi eccezionali a decorso tanto sfa- 
vorevole è probabile che il processo infiammatorio per le vie 
linfatiche si fosse già tanto diflfuso all'altro occhio, che il suo 
ulteriore sviluppo non potette più essere arrestato coli' enu- 
cleazione. Ed è anche probabile che un'affezione generale abbia 
« preparato il terreno ». 

Se, a giudicare da queste osservazioni, l'enucleazione non 
può essere riguardata come la panacea contro l'oftalmia simpa- 
tica, nonpertanto crediamo erronea l'opinione di coloro i quali 
per questi casi rigettano a priori l' enucleazione dell' occhio 
primariamente infermo. 

Nello stato attuale della scienza non si potrebbe punto 
biasimare quel medico , che non pratichi 1' enucleazione del- 
l' occhio subito dopo una lesione violenta penetrante. Ed in ciò 
appunto sta l'importanza forense di codesta quistione, giac- 
ché potrebbe accadere che qualcuno, affetto da oftalmia sim- 
patica, divenisse cieco, ed accusasse il medico curante di non 
aver praticato a tempo o nulla affatto l'enucleazione dell'oc- 
chio leso. 

gj Rari sono i casi di corpi stranieri' neir orbita. Nei colpi 
da arma a fuoco accade che palle di fUcile, pallini, nonché 



Digitized by VjOOQIC 



Lesioni violente dell* occhio con permanenza di corpi stranieri 407 

pietre,' vetro ed altro materiale (in conseguenza dì esplosioni 
nelle mine oppure negli esperimenti chimici) penetrino nell'or- 
bita da cui sono stati anche estratti frammenti di legno e di 
paglia, punte di pipa, di matite, punte di coltelli, di spade, 
schegge di frecce, di aghi da cucire, ecc. Quando esaminammo 
le ferite semplici, menzionammo pure in qual modo i corpi 
stranieri penetrano nella cavità orbitaria, e dicemmo pure che 
la lesione violenta può colpire soltanto l' orbita , ovvero che 
può essere interessato anche il bulbo per ferita contusa, da ta- 
glio da fendente, e che i corpi stranieri possono, attraverso 
Forbita, penetrare nelle cavità limitrofe, e segnatamente nella 
cavità cranica. 

I corpi stranieri che pervengono da avanti, penetrano — 
nella cavità orbitaria — attraverso la congiuntiva o le palpe- 
bre, più di frequente dal lato interno che da quello esterno 
del bulbo oculare. I corpi stranieri piccoli — come pallini, pie- 
truzze, scheggioline di vetro — penetrano qualche volta senza 
ledere gravemente il bulbo oculare, i suoi muscoli e nervi. Con 
quelli più grossi accadono d'ordinario contusione dell'occhio, la- 
cerazione dei muscoli e dei nervi oculari, e persino scollamento 
parziale della periorbita. L'impeto con cui accade il trauma 
(per cs. quando un bastone viene infisso nella cavità orbitaria 
e si rompe sul margine orbitale) cagiona commozione cere- 
brale nel momento della lesione. Il bulbo oculare può anche 
estuberare completamente dalla cavità orbitaria per effetto del 
corpo straniero, e le sue connessioni coi muscoli e coi nervi 
ponno allora essere scollate. Però cosi i muscoli oculari come 
il nervo ottico tollerano, senza risentirne grave danno, consi- 
derevoli stiramenti; e spesso dopo la rimozione di grossi corpi 
stranieri dalla cavità orbitaria e la riposizione del bulbo in 
sito, si sono ripristinati completamente la sua acuità visiva e 
la sua mobilità. Qui appartengono i casi di evulsione del bulbo 
o