(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Vetrvvio con il svo comento et figvre"

n 



4r 



r 



'--^ - *°ir» <: -^ 



.1 



$■ 



9 'E» 



e 




* i 







\. ■ -. 



\ 




fW 



MATHEMATl' 

T 






®^ 

















CA- 







*§^sSt /-■■ ■ 






&^.S^^^.^?^^ 




wms^ri 



rsa#iSE5^ 







^À 



ì^-^M:CMn ì^ 



W:-^^^^^ ^ 



^ J»i.^la 



rv-v;.::,,., j.4s.ivv! .£:è"y ^ti-: 




^3!!=gP3S»SK 




tfT^f^ ^"'-V^ r^,--j 





|W^;^T T evo 



YETRWIO f 
ÌN VQLGAR LINGV| 

|AroKixro perI 

PO 
PEPvVGlA. 



•Q\rORAL! Di 



[ 3 




?#%f^Ìl LI. § 




#^S^" ìv-yT^-**-** y— "■'""* *' «■■^«< -'< 



■^i 



ssss'sssass^s^sa?* 



BF.NiT:FACTF>rr'IF- ^' -i /■ SSTTNn:,;^S^^2^^^ 




LITTLRA- 
•TVRAy/ 







p'**W'*\i,-ii?^et''M**»-5 •Cr'"^^^*?'*^ t*^ 




^ 




riTTV^j 




^^ 



'^di^^^ 



CLEMENS PAPA. VII. 

"irNiucKis 8r singulìspntes literasinrpcauris salute 8C apodolid ben. Cùslcutsccc 
. V pmius diledus fiiius loanes Baprifta Caporalis Perusiri. libros Vitruuii de architc 
«ura de latino in uulgarc idioma Italicùnouifsimctraflatos & per eu accurati rtiiiic 
corredos & emédate cu fuas in ilio cómentariis ac etii fjguris nun§ an;ea impicfsjs 
ad cómunern oinm utilitatem edere inrendat seu lanièdìdent & imprefsioni tradere 
ftuduerit,ac in eis traduceudis nò mediocrcs fubient suptus & laborcs ucrcaiu :q; ne 
alii eofdé libros imprimédo frudum labop^ fmpenfarùcjj fuai^ fruflrciur 8: ir teripiat 
liobil<^proptereadeoportuqoluftiiisrcmediohumiliter fnpplicari curaucnt. Nos 
ipsius loinis baptiftx indémtati c5sulere,ut ^quu efl: uolétes pabu% hméi ir dina 
to/oibus & singulis ImprelToribus ac ccteris ublibctcóftitutis.pserrim in noftris &. S. 
R.E Ciuiiahbus tetris ac oppidis nobis & eidé ecclesie mediale uc{ imediarefubicais 
in uirtute sancìa; obcdicntiy.acfubexcóicationis lata fcnté Ì2-,&: c,noad subditos ro 
ftros et amifsionis librop^ & uigintiquin^ aureop; quohés córraucnerint ìrreniiisjbili 
terincurrédis & camera apfici prò una,diao Ioacni baptift^ prò alia, prò tert>a ve 
ro pai'tibus ipsis ludicibus siue officialibus loci,in quo contrauentù firrir applic5dis 
panis inhibenius,ne l'pfos libros per dictó Ioanrcm baptiftam ut pfertiir nouiter fi 
guratos Kimprcffos infra Decénium a dati prsfentium computàdum, neqj in nujqa 
ri Italico hìs uidelicetcù figuris & cómentariis imprimere aut imprimi facere,seo qé 
ab alus imprimatur permittere,autimprimen:ibus consiliu auxiliimmc! fauoréffk 
tc/seu imprcfllim ulbs in locis di&o durante Decénio uenundare/aut uenundari face 
fc,seu uenilcs tenere aut proponere quoquomodo psumant . In contrarium fedenti 
busnoobftantibusquibulcunm, Qiftmobrem mandamus uninersis uencrablxbus 
fratnbus Archiepis & Epis/acdiledis filiiseo^J Vicanìs in fpùalibus, ut eidem [oàni 
Baptilta: cfticacis defensionis f sidjo afsiftentes nò peitr.itrant eundcm Ioanné h»«ìtì 
ftam contra tcnorem gsentiu moleftari seu damnificarijconttadidores & inobedien 
tcs per cenfuras ccclesiafticas, interdici apposiricné & alia [uris remecia appellatio 
tic poftposita autboritatc noftra cópcfccndo & ffentcs literas luiolabititer eycqpen. 
Inuocato et ad hoc si opus flient anxilio brarhii secular «. Voltimus étqd' pfentium 
transumptis manu notarii publia fubfcriptis & sigillo perfonarin di onitate ecclesia 
ftica conftituta: muniti^ piena tam in ludido gi extra Ùes acprorfus'eadem adbibca 
■tur quar litcf is originalibus adhiberctur,si cflcnt exhibiti uel oftenss. Datum in 
ciuirate noftra Bonom* fub annulo piscatoria, Die . X . lanuani . M. D . XXX 1 1 U 
Pontihatus Noitó Aimo Decimo. 



AtMOtTO MACNTFrcO CAPITAMO Tt COMTt lAMO BI^ 

CAZIWI DI PERVCrA: CrANB\TlST\ CAPORALI 

PfiaVGINO FELICiEMENTE SALVIE» 



nnci^qt- 



■■oi nonno ' 

ini' s;ntcq«.i'j/!Ìis;-; 
non "iqti'A ."j.-maii 



4. 
l 




, .-^ 

-'i:iJv.Jo . 4 

•■'Mmiìi'iy. ■ -'X 

ut; li, !.. t 






IL CONTE UNO 
BTGA.ZTN I 
PERVGINO. 





DI DOLCE &gratiosanaturaMagnifico Conte IT pTio dirtele fufle Buon mauro, JlquaTe 
per utile 8^giouamento uniuersal mente di ogni huomo,Hi 'atino à quefla lingua uolgare cer> 
co di rapportare i.X. Libridel' Architettura di Vetruuio,ueramfnteopfra àgran còmodo 8i 
necesfità lasciata in man de poftcri: Similmente dopo coPut,chefiisfino AguflinCsllo.AluigiPiro 
uani, & Cesaro Cesariani,da i qu jli'ronofcendo che per tutto non fi era la mente di Vetruuio expo 
lla,anzi in moltisfimi luoghi in elTò hauer' di più luce &• chiarezza hisc gnc. parimente con diiìgcny 
tia grande Si molta induflna d'csfi eccellenti Profeffon di quefta arte , uolsf no faruici Cemento ,& 
con la loro expolìtioneabbondeuolniente compire in modo , che cosa più da qiieRo canto non fi 
douefledifiderare,ma poi anchor'loro non haucre pienamente nf llVxppne qualunque intelligeti 
zacontentata.impercioche oscuramente hanno parlato ,&' con uocabcli&f ragioni &auttoritati la 
tine: Tra me medefimo cominciai à pensare di non potere per auentura fare cpera.la quale più gìoy 
ueuole ^ grata fu Re à quelli huomini senza littcre.qusnto che da quefta mia poca dexterità 8^ habi 
tudine in efla arte,di soplire à difFetti del pri m o S; de' seondi: E t come che più ragioni mi moue sfino 
à douer farlo (per efler' quella molto più à perfone di mano che di scienz3,bisogneuole & cpportu 
na) fu la potisiìma quefta, che eHéndo io bcncspcfìb da molti Ila tod"'al cuna cosa sopra di ciò ricery 
tato di dire:& per il più in altri penfieri aflratto, poco sodisfatti màdandoli , dubbilo che per quefta 
non fi fiano fatti à credere, ch'io b per ignoranza ò più prefto per malignità di natura , non Phabbia 
uoluto moftrare:La onde per rimouerecotal loro opinioni,cKpursoanchcr io tutti cflirr nati per 
douer giouarc ne cosa più poterfi fare grata di querta^con tutta quella diligenza d'ingegno la quale 
può usare un cotal fatto Pittore, mi sono affaticato la metà de i . X . libri, primamente il texto &f di 
poiUexpofiitioae.dalelorcose latine fif ofcuie^nducerein quedi ixonti uclgari& appertisfimU 



Maxime più .ex^Li^f4m«i»t|W*t3%4° HuogHlcHtflOMrano SffiPttrtffi afxlieW«r?fi{fiJ^>nto> 
ui di molte aLwf p^tekfìtic^itt2ZàA^inteìUgentÌ9:8iin. ultimo latattnia pcrn^^ofioao agge 
uolislima neìfixfoùne quàl^^qyè cosa (i uogUatMa gii^ ispcdrtonù di 4sf<^lfT\ mo corpo luce : 8f 
in queflo foglio.pcr pm nìiasodisfatiònenit souii!fnc,efltrrmi débbitooffirio idouer fare, fi come 
fi leggchaucr' fatto yi antiqui,! quali ogni lor prima cosa prcsentauano a gli Dii, che io alla uofhtt 
Signoria^in segno di sincero amore & oilM:u3ntia,qucfta mia fatica come ella fi fia gl'intitoli &do,<- 
ni, fi come à quella che meritarebbeuia più pregiato 8C maggior dono di quello, la quale ne i primi 
-Anni giouenili prese coflumi Si. conditione Illuftre sotto il grande & inuittisfimo Capitano, il Ziro 
lo Perugiao:&dipoi appreffo Io Illuftrisflmo Signore quarto Malatdla Baglioni Capitano genera 
le(ÌelIeFantarieaeUaIlIuftrisf.S.di Vinetia, {''impetro luce di grandisfimaauttoriti&maggtorez/' 
xa nel gouemo di tutte lesuelancie spezzate, 8f per quello più di giorno in giorno nella sua Citta 
co tpnmtcflét chiaro &riguardosoi& tanto più anchoralo deggio fare quanto che non solo di que 
Ila scienza sómamente dilettare la ueggio,ma d'ogni altra bella uircu,& come Conteprudentifsimo 
Scortese piacerliglihuomini scienti K della patria&(lrani,& loro parimmteabbracdare ingrandì 
te & honorare: Per laqual cosa non altrimente tra l'altre sue uirtu ti immortali compare.che riccha 
gemmali faccia in forDÌtooro:TaI che da tutte le parti àgli antiqui suoi Auià quali ne la patria fem 
presonuisfimentamentehonorati&digradOjfimoflrasopeTiorenonche conforme. Ma per non 
prolifiarmiin quello che ad ogniuno per la ma luce è chiaro» V*S. fi contenterà di gratamente ri 
ceueKildono,ilqualecom*unqneeglièperlenobiIiinuentioni&matureinduflrie degliantiqttt 
alla Ulta humana DÌsoaieuoIi,toltafi alcuna uolta per quiete dalle molte occupatici, spero che dot 




colui il quale ènatohuomo comeglialtri. Et gli addottrinati (chepiu fagioneuolmentestl potrrb 
|>onofare) à Vetruuio illeffi) integro 8f senza diffetto alcuno ^elli loro bisogni potranno aggieucl 
incnsehcorrcfc* &felicyifima uiua de tuoi xicotdcooli* Jn Perugia il primo di Nouembtc • 



\i 



1 

fr;iE,tJl 



;■ i 



:")/T!» 



tlBRO ET PROEMIO 



PRlM0f i 



* 



M.VETRVVIO DI ARCHrT£TTVRA,;OPEKA MIRABILE: TRADOTTO DI LATINO Iti 
VOLGARE DA LO INGENIOSISTS. £T SOLERTE. M. GIAMBATTISTA CAPORALI 
PEROSCINO CON COMMENTO ET FIGVRE DICHIARATO, ET 

CON SOMMA DILIGENZA EMENDATO. 
LIBRO ET IPROAEMlp yRIMO AL DIVO CAESARE AVGASTQ. 

CDifiderado VETRVVIO acqftate l'amicitfaX familiarità di Tulio Cefare primo Imperatore & dot>' 
tiss.peasb maturamcte volere ad elTo dedicare qfti.x.libri d'Architettura cópofti nò folamcte co perfetta 
Scicza de tutte le bone arti , ma achoi'a ragiCi di Rhetorica, co grade^pnetà & còpia di vocaboli l^ eie 
gaza, p ben che fiaitato difficile nello fcriuer« matcfia fimile : Ma qlU che gli ifrafcrittix. cernii bc co 
ftderare fapràno, q(i vn folo li parerano , diuifi in.x.parti : faccdo Eiafcuno cótenga vn diuerlincato libro: 
ne quai fi trattano tutte le ragioni , & regule dell'Architettura : Ma poi che l'impiocafo rapi l' inclita 
vita d'effo lujio Cffaiedittatore , che fecondola oppinionedi quétempi , fu collocatto trale ftclle, 
£i non folamente ne capi El^tìi mcompagnia C come credeuano J)de gl'ialtri Heròi , vetruuio non 
con minore fpemefi accoftb al benigno &iocódisfimù.ii. Imperatore Ottauiano cognominato C?fate 
Augulto , al quale cófacra qfta piefentc opa. Fu qftoCcome ferme Suetonio Tranqllojfìi^liolo naturale dì 
Otcauiano Se di Accia , la qle nacq di Accio Balbo 8i lulia Sorella di lulio Cf fare Augufto fu legittima- 
mète adottato p figliolo , & pcio prefe ij. nome di Cefare Tuo Zeo maggiore , o vero padre àdottiuo . 
Dipoi fue cognominato Augufto , fecódola fentèzadi Numacio placo » a benché altri giudicarono douer 
fi appeliart Romulo , come qllochedi nouo haueffe rcftituta Roma, pur R vinfc il cognome di Augufto^ 
come più Magnifico & felice : p che anchora gli luochi Reiigiofi cófecrati co auguri li chiamauano Augu 
fti dallo accrelcimèto o dalli vcelli p gli qli augurauano : Ma Ennio poeta dilTe Roma elTer fatta con Au^' 
gufto augurio : di q anchora fu detta Augufta l'mclj'ta 8c Illuftre Citta Di PEROGIA: pche era capo di 
Thofcana edificata da i Tyrreni Iperho che di g nacque l'arte di Augurare , abench'aUri vogliano che fia 
detta , Augufta , da Augufto Cefare dal qle fu reftaurata dopo l'incédio . Et anchora fi legge nelle mura 
antiqsfimidi.noftra Citta à lettere cubitale AVGvSTA PERVSIA .ficomevlBIA COLONIA. Adu<5 
p le glàdi vittorie ^ felicita fu cofi detto hauèdo accrefciuto l'Imperio Romano Se pacificato il mondo 
Ch/udédoilTèpiodilano Quirino ch'era fegno di pace vniuerfale ,comeNuma Pópilio.ii.Redc Roma 
ordinò : fatto qfto tempio m batfo luocho , che fi dilfe Argileto , & cofi quado era appertò era fegno di 
guerra : la prlmauolta il serrò elfo Numa , la Seconda volta fu ferrato dopo il fine della prima guerra af 
tricana, la terza volta da elfo Cefate Augufto, nel ql tempo volfe venire in qftò mondo lESv CHRI y 
STO vero DIO ETERNO noftro Saluatore. Si Scriue che qfto fece Cefare Augufto hauendo fuperato.M. 
Antonio in qlla vittoria Attica chisrisfima p cagion delia Bellisfima Cleopatra figliola di Aulete ptolo^ ^ 
rnfo Regina dell'EgKPto , della qie.M. Antonio innamorato, haueua repudiato Otrauio Sorella d'elTo 
Ottauiano: Ma dal felice cognome di Augufto piacque anchora di nominarfi il Mefe che pria fi chÌ2ma> 
Selhlep eflere il Sefto,Secódo l'ordine ddPàno de Romulo ordinato di.x.mefi incominciado da Marzo,fi 
come t^uintile da Julio Cxfarc Augpfto fu detto lulio , come anchora nel pfente :& qfto piacc^ al Po. 
Ro.p che nel mefe d'Agofto Caefare Augufto hebbe il cófuIato,& trióphc tre volte , & fuggiugo l'Egitto 
&Ccome detto habbiamojpose fine alle guerre : Da qfti poi tutti gli fucceflfori imperatori o p virtù o ve 
ro alcuni p adulatione furono chiamati Cefan Augufti 3i.in fino aldi d'hoggi , Comeloiuittisfimo Cary 
io optie merito Cefare;.Chriftianisfirao 8c sèpre Augufto •. Ma fi più abbondateméte vorrai li gefti 3i le 
lodi imortali di Cefare Augufto S: di Ottauiano leggi Suetonio , plutarcho, citrali Poeti vergilio.Ho 
ratio , Si gl'altri di qilo feudo aureo Si felicisfimo. A qfto adiiq; come ad vno Dio terreftrc dirizado l'o 
pera fua cccellctisfima vetru.maturamètecofi incominciando dice. E manifeftonépcetti di Rhetorica 8c 
maxime àppreffo di.M.Tullio parete « fonte d'eloqntia ne primo di Oratore & altroue , che negi'essor/ 
dii douemo pparare l'auditore o il lettore , accio f'habbiamo beniuolo docile A: attcto p tutta l'opera : 
p che a qfto fine fono ordinate qfteprefationi : Etpho vetru.d'ognifcienzaornatisfimo fecódola norma 
de Rhetorici ferua p tutto qfto pernio le predette^pprietà. Etpnmamètecatta'BeniuoIctia dala pfonade 
Celare Augufto, demóftrando la diuina fua natura Se honoradolo corno Dio in terraCqllo che fecero ati^ 

VANDO LA ^'^^ dapoi la morte.ad lulio Cffare & ad elfo Augu 

fto: Ma qui fi gratifica mStre il chiama Cefare Impe.* 

ratore dechiarado clie p la inuitta fua virtù obteneua 

l'Imperio del mòdo , dilche fi glonauailPo Ro.Et 

accrefceqfta parte in molti modi esponedo le grà cure 

de Augufto &reuocado la diuinità del Padre di Tu.» 

lio Cefare. Métte anchora elfo Auttore fé humilia ac 

crefcie la grafia, & masfime che defcriuc l'officio fuo 

fenza arrogaza, sfugge (Ideteftabilevitiodel'mgra 

titudine, Cómemorado il Beneficio rcceuuto dal'Im 

peratore co ppetuo còmodo de alimento fa anchora 

I Ìf^^^^^^^^^^&"fc^ ÌAcUarerra docile&Atre'to mette dice fcriuere de la gran faculta 

I t^^^^^^^SaS locua terra, del'Architettura appone la vtilita de qfta cognitióe fi 

I ^ ggj!* "^i "~ ^^^^ gl Et CO la tua gnificido co ^nte fatighe fia da elfo esplicata accio cR 

y^ — "^'^ luitta virtù di quefta fetenza s'hauefTe piena notitia a:cofi elle> 

gantisfimamcte co breuità códude diccdo . 
CQuando la Diuina mente Se. Dcitatua atcComprc/ 

A tu 



diuina men 
ce 8c deità 
tua Impera 
cor Caefare 
l'Imperio^ 
pofledeua # 
del circuito 
della terra , 
Eccola tua 
iuicta virtù 
abbattuti i nimici & del tuo Tiiopho 




LIBRO -ET 

aetido vetruuio chuna perfona nó può gf vFttoria glorìandofi l Cittadini , 8c tutte le genti 

^^r^7cfSo:^^^ot'^ò^^^ sottomesserFsguardauanoaltaonuto &aPopo. 

fé medermaen"er'cJei vero lume lauia lo Romano & il Senato liberaro del timore, con 

ra, & tanto più efferii concesfi gli fum jg amplisfime tue cogftationì & configli gouerna * 

mi & diurni hcnori : mentcuolmente " *; ,, "& , ' ^ °. , . ,. 

*ce all'imperatotela diurnamente 8c uafi: lononardiuaper letuetantcocciipationii lu 

deità tua : o fumma laude & gioriofa jjjj dell'Architettura Cctitti , & coH ìftudto grande 

esaltationedeglihuomim quandocon ,• l- • ce n. j l :^ . ^~ ^x 

gli loro effetti dimoftrano potere imi, dichiarati , manlfcftate I temendo che m tempo no 

tare le operati oni della diurnamente : atto ìnterpellandotc non cnctaflì in offenlionc del 

3>ercio che noi imortali non fapen^y -,,,_ -»,:f„T» 

do diqual forma & fuftanza fiaTon WO animo. 

nipotente Iddio ,ci sforzamo per vir / 

tute accodarci a quello , & Similmeny ', 

te vetruuio nel ottauo proemio l'ha 

chiamato diuinamente : per che queb 

Ja eterna mente Tempre fubbito pto^/ 

uede & cura tutte lecofe del vniuerfo mondo col cenno . Adunque còfi quaR parche fia bifogno 

àgli Imperatori ne quali pare fi rcceicha vna fpecie de prouidenza al gouemo'del mondo.pur 

che ogni cofa dependa dal'altisfimoRe Iddio fopra de tutti i Re & imperatori, achora come hanno 

scritto più luriscófulti , qfto pofTerfi conòfcere certamcte: Et noi creature humanedouemo tenere che lia 

ftato il pricipio de la nòftra natura humana venuto dal cieio , 3C per altro mòdo formati dalla diuina 




j specie: &co(ì ftato adun 4 fia cóueniétedouerl'huomo venire a guftare &ccnfiderare qftec 

che dalla diuinamente e conuenuto effere cofi formato di quefta materia de gli elementi tranfmutabi- 
le fi come han fatto tutti glialtri animali «cofe particolare , & come che fi vede a poco apoco per lo pé 
fare repiglia p naturai memoria anchora volere affarfi all'altre cofe dclfuo diuin'prxciplo:& qfto s'intro 
duceinetfa animata elTenza ,fi come nel libro de gli Animali , Ariilotele cofi dice folo l'intelletto entra 
inoi di fuori , Se esfo folo e diuino . Adunque la mente noftra la quale è collocata nel capo.pare quafi loc 
chiodell'Anima &:retrice del corpo, & che quafi àcomparationedegli Dei immortali. Et perciò Art/' 
ftotele nel fettimò deil'Ethica dice che glihuomini fi dicon'farfi Dei per la virtù &eccellenza.Ccn 
ciò fia cofa che la virtù dell'Anima .paia pofta nella mente come lo gnomon nello gnomone , 8c 
come il trigone nei tettagono . quella polFemo dire veramente quafi par che fia centro, perche ti 
ra a fé tutte le cofe che occorrono alla virtù de i cinque Senfi dell'anima , fi come nello fpechio 
la reprefentatione di tutte le Idee , pur che le polTa impigliare in quel centro dell'anima quando 
è defaticato o percofl'o t Se in qual modo anchora venir pofft , leggi Valerio masfimo nel primo 
libro Et Vlytiiò nei Settimo de naturaLhiftori. dun certo dottisfimo Athenienfe: Etperchefiam've» 
nuti à gli cssempli d'altri, vn certo Atenienfe hiiomo Dottisfimo eifendo percolTo da vna pietra 
nel capo, retenette con la fenacisfima memoria ogni cofa.escetto le lettere di che s'era difcordato, 
alle quali haiicua grandemente dato opera : hauendo rcceuuta vna gran ferita nel animo, quafi a> 
pofta ricercando i fenfi , in quel medefmo luoco doue molto s'allcgraua per laccerbità dell'oftefa , 
mando fora vna dottrina fingulare : 8i venendo à Te fteffo pieno d' inuidia , che fi non gì' era 
lecito vfar'fimili ftudii più vtue feria ftato non hauer di quella impetrata la via , che di hauere 
manchato della fu a già prefa dolcezza: Aunqua pare fia cofa da'uertire , non folo a i Re & Im-« 
peratoii C nella cui lapienza , :k nuto tutte le cole confifteno à far che quelli fi fapiano feruare ) 
ma anchora glialtri Sapienti Se tutti i virtuofi fiano schifati Se difefi da pericolofi cafi , accio poì 
fano le genti & tutti gli animanti Se le cofe del mondo faperfi reggere & amunire per lo bene vn£ 
uerfale. Concio fia cofa che fin^dalla culla quegli che fi debbono conofcere poITer peruenire alla 
fomma eccellenza , dimoftranti in alcuno indicio chiaro , afono quelli per la grafia che gli ha in > 
fufo la natura non folamente fono da effere coftodlti con grande 8e fumma diligenza , mareueri» 
ti se amati quanto figli diuini, il cui nome Se maefta vigorofamente per gratia gratis data pare 
fia fparta in esfi . Si come fu Hercole , Romulo , Tulio , Seruio , Tito vefpefiano , 8e molti altri fat 
toni da alcuni predarisfimi Hiftorici memoria : quefti .par quafi da vn minimo pricipio fiano in gra 
di effetti pcruenuti generofi : Et cofi come degnamente poITemo quefti laudare , Se per contrario 
biafmare anchora quelli che hanno digenerato da quefti Se altri gran liniaggi : fi come habbiamo 
notitia di molti lirincipi Se Regi non folamente da Juftlno , Se Diodoro Siculo, ma quiui ancho-' 
ta da "Pl/nio , Tlutarcho , Valerio Masfimo , Saluftio , 3e molti altri : In modo che affai più di > 
moftrano elfer quelli che hanno degenerato che li generofi fenza dubbio alcuno. Et per che quel 
il che vogliono in fé ottenere quella maefta Imperiale , pareno quafi conftituiti per naturai difpolì 
rione: fi come dice Ariftotek,Il reggere è cofa diulna, & i vili se poueri non fanno fignoreggiare: 
adunque quelli che vogliono altrui fignoreggiare ccnuiene habbiano haiiutò quella naturai gratia 
dalla diuina mete e data la quale a pochi fi concede. Et quefti fono ftati cognominati Heroi,Dei rcrreftri» 
Beati, 1^ Delicati.Etbc che pcóftitutióe di legge nó fia lecito co vno Impatore.oRe.o altro Vricipepla 
Ritxutale o ac9ftaca degniti icioduceie gl'infeiioii : aC dimeno cólliiuico fu dale Romane leggi > luuno 



PROEMIO PRIMO f 

poJTet' meritare il triompho fenoncome Valerio masGmo nel fecondo libro narra coC diccdo. Certi Ca 

pitani difiderauanofufTe loro cóftitiiito iJ triompho p akhune leggieri &c debile battaglie , alla ql cofa 
accio che fé nparasfc, fu p legge còftituitoche alchuno nò trióphaire se ncUa batraglia nò hauelfe cinque 
iniliade glinirraci occifi: Jltnóphoera honoreeccellctisfimo fcC(3doildecretodel5^enato,Diodoro Sicu 
lo nel.v.iSi "PlyneL vii. fcr/ueno che Baccho fu el primo che triophafle , portado da l'India le fpoglie de in 
finite girti foggiugate, da qfto poi prefero ilcoftiinie li altri , Ma apprelTo li RomaniCcomo Tcriue Dionjr 
fio;» li pruno tu Romab qndo hcbbe vinto Acron Rede li Ceninciì & cófecro le fpoglie opime à louc fé 
ictuo.Altti dicono de Tarqnio Trifco : Ma Liuio & plutarcho fcnuono chel primo de tutti li Romani Fu./ 
no Camillo vsb nel triópho quattro caualli Bianchi Si el carro in orato dapoi la vittoria V eientana:& p' 
hohebbe^randeinuidia. Manonera più giocóda che vedere el triópho: Ini perho the elfo Tricmphatore 
era adornato con corona laureata, con Togaponta &Tunica,cum palme de oro fedeua in fcdia de auc 
tio nel carro inorato 6f teneualaBacheta dauorio: Ma Mario Triompho con anello di ferro in ditto p 
dimoftrare antiqua hunulta Se pho era ccncelfo licenza alli foldati che poteifero dire al triomphante ql 
che voleuano a lorà parole ingiuriofe , come dilTero de .Tulio Cefare : Cefare ha foggiogato la Francia, 
Ma Nicomede Cefare>hauea anchora impendente nel quale erano chiufi li remediiche fi chiamaro Amule^ 
ti contro la inuidia come fcriue Mar.Andauanoincanipidogliocuin li pregtoni incatenati manzi & varii 
figure àftatue de I>rouincie & Citta vinte con la preda magnifica & infiniti thefori & ornamenti &inan y 
21 andaua il fenato Se coli nel Capitello facrificauano iJ Tauro biancho era ichora el minore Triompho, 
chiamato ouatione.p che nella allegrezza fé repete la lettera o:Si qfto fé faceua nelle vittorie minori che 
erano fenzafangue, o vero de li ferui ofimjh ,S:in qftafecoronauanodeMj'rthocomefrondedi vene 
leli come nel giufto Triópho de Lauro imitado ApoIlo,ìlqiediceuano vfarein cielo il carro con qrtroca 
uaJJi. Etcofì aduque fi conofceu^no effer di virtù fortisfimi & inuitti.Tercio che^priaméte virtù e detta 
da viro Cloe huomo forte , che fignifica fortezza , o vero che la fortezza j)prio è delhuomo: vergilioà 
4ftoj>pofico dice. Il pudore iS£ la conofciuta virtù fubbito accede le forze: 5: imperho auuèga che la vir 
tu fia qlla che domina i vitii gi gli fignoreggiaCben che da i maligni odiata fia jnon dimeno Tempre mai-f 
vita froncha rimane : la qual virtù non ha bifogno di alchuna priuata l ode , ma p fé ftelTa fi dimoftra.Et 
p che troppo lógo farla p ordine narrare in qlmodo il triópho fi daua , & faceuafi alli vittoriofi fortisfi> 
mi oigran Ducidelli Armigeri exerciti, leggerai Roberto valturionel.xii.hbro delle cofe militari nelCa 
pitolo.$".A:.6.& in moltiluochi notar potrai d'iUor fauftoche vforonogU Romani , cofe grandemente 
di ammirati one mirabili. «TE tutte le genti fottomeffe rifguardauano al tuo N V TO/cioè impetiale volò.» 
ta didiiarata tacitamente con cenno: o ver freqntemente rifguardauano al fegnoo cenno dfl capo ode la 
faccia, p che temeuano la tua Santa Deità : Etcofi p che elfo Impatore Cefare Ottauiano o vero Augu^ 
fto haueua difcacciato fuora delle terre loro & cafe , chi in q 3i chi i la tutti gli nimici fuoi & del Romano 
Imperio : Gli Cittadini che p tale effetto difiderauano il dominio 8i di ben viuere figloriauano , gli dicy 
dero il Triópho/cioèilgrandehonorealmondodelcjle vi riferimoaqllic'hanno Rritto. C Et ilfena^ 
to/cioè la cógregatione'de gli huomini buoni i qli rendeuano ragione a tutti gli fuditi vniuerfali del Ro> 
mano Imperio. Per la ql cola vedendofi hauer vntanto.gloriofo Imperatore , ben fortunato Si caldo di 
prudenza confulare , eiio fenato fu dal timore de gli inimici hberato : Alhora elfo Imperatore gli gouery 
nana con le amjplisfime cogitationi Si configli. Et perciò dice Vetruuio vedendo qlle gran cofe, chegli non 
hautud ardire manifeftaregli ferirti libri della Architettura che fatti haueua: Etlefueben chiarite & apet 
tornente intefe gran cogirationi : COGITATION I/cioè imaginationi over penfatecofe-CTemendo che 
m tcpo non atto interpellando. Quella parola vetruuio vfa artificiofamente , dimodrando in qual mo > 
do è conueniente vfarc a vòler'parlare à vn "Principe grande : p che prima non elTtndo del l-rinc/pe cofi 
«spedito &intrinfico familiare : cóuien'chel parli con qualche perfona grata familiairdicffo Principe & 
quello farà qllo con chi parlando intende interpellandote/Cioè interrompendote : & che non lafcia chepy 
fumtuofamentc , ma maturamente moftra volere audienza , anchora ch'egli penfa cosa dimoftrare cne 
Lifia grata : Et non entrare in cRenfione dell'animo del Principe. Adunque vetruuio diceinterpellans, q 
fto verbo o vero participio , fignifica interrompere il ragionamento con qllo che con altro ragiona, come 
^Ice Plauto , ne me interpellas/doè non m'interrompere il ragionare : anchora alchunavojlta fignifica di-» 
re fecondo LuciUo : quantunque ti primo comentatore di quella vetruuiana opera vogli che figmfiche 
interrogare o vero intra alchuni chiamare , fauellare ì^ per altro pregare : Et perciò conuien faper'piglia 
re il tcpo atto & cóueniente volendo parlare o vero ottenere qualche grafia con alchune perfone , masfi .» 
me con gli Principi grandi, pure in quello luoco interpeUan» il douemo pigliare per interrompere il par> 
lare con altri, ^emonfitando k già cute de Auguito. 

CMa cócio fia chio ìtédcsli la tua Mae 
ila hauere nò folanictc la cura delia co 

Ma concio fia chioìntédem la tua Maefta hauere i^nòffiSsSKo^^^^^^^^^ 

non folamcntc la cura della comune vita d'ognuno, " o vero pricipegiicòucga hauer cu^ 

& la conftirutione de la Republica , ma anchora '„^a'aSrdrg"i^nimaU«don^^ 

de la opportunità de publici edincìi , accio che la vtiiità al viuer nofiro humano.p li qua 

Cirra non folamcnte di prouincie per te fulTc accre<? ^ «^ '^'"^•>" f^!!"^ glicfiìciali delle c5 
. , '^ , ,. ^n , ,,, - pagne ,«milir.etep lecacciedegli ani 

scjuta, ma che anchora U Maefta del Impecio «laii faiuatichi quadrupedi, & volatili 

A liti 




LIBRO PRIMO 

& achora acqtiii : Et pcio verruu. ha hauesfe de publfci edifìcit le egregie autoritari j ho 

foroa"aciro^^"'p^l^'r?e' péfato non dou.re ptetmettere ch^fo fuor'non ti ma 

$uincie se regioni del m5do , & nò fo nifèftasfi dì quelle cofe d' Architettura , tutto qucU 

i^d'o\f ;;fo ofifnaVleIr? cTffilS: »° ^^e primamente apprefro di tuo padre mi fece co 

tioni nniniapaie . Si come era poi ila Doicere i delle virtu del quale fui lemprc Irudioio* 

ta a gli altri la coftitutióe del Wuere del 
la RepublicaRomana.Ia^l fopral'al 

tre conueniua all'Imperatore più che ad altro Wagiftrato ,ne Cófule, ne ■pretore , ne Acdilela Mma & df 
ligctisfima cura ne haueire-CCóftitutióe , (i§;iifica legge , decrecfo , ditto , inflituto , o vero ordinarne 
tò che dir vogliamo de le cofe dela vniuerfita & publice la qle è qlla che il Re, o vero l'Imperatore có^i^ 
tuike in rfcritto, q ver 'dice & fa fuora di fcritto : fimi.lmcre fi fanno le cóititutioni da i fummi ipontifici 

■ Im 

I ne> 

^ __ _ _ _^ _ ^ 'ogni 

forte.Ma come fianoi publici &^ati edifici! efTovet.glidimoftrerài qfti fuo'ilibri:» ql furano e! Cartel 
li Terre 8c Citta le mura che intorno li chiiideno : di ql^i publicf ne dirà in fino al fel^o libro : dipoi^ delli 
• priuati 8c comuni : onde altrimcte nel pfente luocho nò gli manifei^eremo.CAccio che la Citta/cioc intc 
de R oma della qle amplamcte fcriue Dionj'iìo alicarnafeo , come fia (lata fua origine la à'I poi^ eccellen/ 
za è chiamatta Citta o vero V rbe . Ma in ql modo qfte nominationi fiano intra loro differenti , m parte 
diftingueremo dicen do , v rbs la qle comò alchuni vogliono e detta ab vruo/cioe curuatura di aratro: p 
che gli antichi dalcoftufnede eli Etrufchi cógionti i boui/cioe vn toro & vna vaccha & arando facetiano 
vnlolco in circuito, dentro dal qle edificauano la Citta: .St qfto faceuano p cagione de religione nelgioc 
no felicisfimo il qlpigliauano nello edificare accio che la Citta fuffc fortificata dfosfì & 3 mura Ma dóde 
cauauano la terra lo chiamauano fófso , 5: dalla parte di détto faceuano il muro. Etqfteduili edificatio 
ni le qli fono ftate chiamate Citta , Terre , & Caftelli furono fatti p viuerc in hbera gete , Se fenza al/-* 
/.■ chun'Pricipe & Signore : fi come nel pfente veder 'postiamo nioj-te republice nella noftra Italia come fo^ 
no venetiani, Fiorétini & altri popoli iqli viuonoin libertade. "Perciò che gliantichi in qlli feparati edifi^ 
cii habitauanop cagióe d'amicitia ch'era cógionta naturalmctein tra moltitudine d'huominifpatfi: Etp 
qfto accio nò patiflero dani dalchuni inimici , o ver fiere rapaci Scrpcti «e altri fimili : edificorono li mu 
ri , dentro da i qli co le loro richezze primieramìte fé rèdcuano falui , come nel luocho fuo diremo . Et 
bt che Roma dopòi folamcte p eccellézafia Itata chiamata Citta p leqttro diuerfioni fatte : non dimeno 
varronedisfeche Vrbslaqle primieramtte circondò l'Aratore, nò dalla curuatura di aratro , ma ab oc 
be/cioetódezza & rotódita/cra chiamata , pure in qlunche modo fc fia detta: Valerio Masfimo tiene 
che la Citta nò fia vna giocódita& allegtczza, ma vnamiferia : pcio nel. y.lib.dice che Solone qndo vid 
de vno de gli amici fuoi granemcte piagete , lo meno nella Roccha & pregollo che risguardalTe intorno 
l'altre parti de più basfi edificii , il che come ne furti lo effetto , disfe tra te medefmo penfa qnti pianti fot 
to qftf tetti già furono 3c hoggi fono 3c ne fequenti fecoli faranno : onde lafcierai il tuo pianger'tanto co 
ferrandoti ^laltri alTai incòmodi de i mortali : p la ql confolata risguardaza dimoftro elTer'ia Citta gra 
miferia de mortali :fi fuole anchora cercare dali curiofi Scripto ri chi fuffe il primo che edificafle Citta.^EC 
Plynio nel. vli.referifce elTere ftato Cerropc el qleCcomo dice Trogo pópeio nelfccondo;)fu innante li tem 
pi di Deucalione a chiamolla Cecropia dal nome fuo, & qfta fedo li antiqui fu poi la Roccha di Athene 
Altri dicono Argos elTere (tato la prima/cioè Telafgico/fato da Thoroneo Re, alchuni danno qucfto p 
mato a Sicj'one , Ma li egyptii dicono elTere innante Diofpoli.nódimeno è manifefto C corno fcriue lofe 
pho>he la Citta fu qiì al principiodel mòdo : p che Caym figliolo de Ada primo nollro parente: fece vn. 
Caftello il qle da Enoch fuo figliolo maiore :Ia chiamo Enochia. Di qfto nome V rbs fia detto a baftan > 
za. Al pfente diciamo ql che fia Citta. La.CITTA diremo effere vna moltitudine d'huomini , vincolo di 
cópagnia cógióta concordeuolmente da vna medefma ragione nel viuere : & per ciò non fanno gli edificii 
la Citta , ma gli habitatori i coftumi, & l« arti: Ma Ci da quelle cofe par che fia fatta la Citta, adunq non 
e Vrbs ,ma vnavnione deglihuominiciuili: Et p qual modo far' fi debbano le Cittati 8c habbitar'gU 
Cittadini l<i fubutbani,& glialtri habitatori p le terre & luochi circòftanti, qfto lo hauerai nò folamcte dal 
le publice lcggi,ma da Arift.ne libri dell'Ethica dell'Aeconomica Si della ■polytica.CNó folamcte dipui 
eie p te fulFe accrefciuta ^CProuTcie qui fi dimoUra il modo delle dilatatiói fi lóghedidaze & diuifiói del 
mondo per lo gran dominare , &^priaméte delle maggiori d/uifiói di tutto il cor pò della Terra,& fiumi 
& Monti Si Mari dil mondo.Ma prouincie propriamente fono dette Regione o de Europa , o de Afia , o 
de Affrica ma fempfuorde Italia Si pcrho fono chiamate a procul vincendo, petche li Romani qndo ha 
ueuano fuperate qfte parti le diuideuano ì prefetuie come, L'afia minore ,o in Hispania o nella f racla. Se 
in altri luoChi Se li mandauano li Proconfuli Si Pretori fuoi fecondo la dignità de quelle -prouincie che era 
no fatte Tributarieloro &.M.Tullio nella quarta contro a verre dcmonllra che la Sicilia fu la prima prò 
uincia de li Romani perche non volf ero che la Italia fé chiamaffe prouincia Ma la diuifero in Rcgióe co^ 
me Liguria/cioe la Riuiera de Genoa, La Thofcana , La Galjiia Cifalpina, cioè Lòbardia, La Gallia To 
gata,oCifpadana, cioè La Romagna, La vmbria/cioc il DucatoSpoletano, IlPicenociocla March» 
y\nchonitanaet latio,cioeCapagnadiRoina, Campania.cioe Terra de Lauoro, Lucania cioè il Principi 
to, anchora la Puglia, & la Calabria & Tutte le altre regione d'Italia. Ma vedi anchora quello che ne seri 
ue £lytù.o nella Gcographia faa di naturale hiiloria : Se niaifinie de U Gallia Narbonenli al quale te timet 



PROEMIO PRIMO a 

fo'per noti effer longo a diuider le habitationi di tutto ['vniuerFo circoito della terra che cofìdehe tate CiK 
ta : 'Caltdii : Ville : Mari : Infole : Fiumi : Lachi : Si Monti : Etquefte tai l>rouinciefono in tutto il 
mondo , come le Parochie in vna aplislima Citta che hano varii Domiiìii & luna dall'altra feparate &c. 
per le quai cofc vetruuio amaeftrado Augufto come far' debba a cógre^are Si fortire gl'huomini, & reg 
gergli habitanti iti diuerfe .)ii: varie parti della terra di tutto il mondo : quelle da alchuni fon dette Regio^ 
ni': Onde vetruuio con matura espeditione dice dare quefta fcienza. CI La iViaeita de l'Imperio haucKe d 
publici edificii le egregie auttoritati : quiui fi può confidcrare quanti degni titoli vetruuio ha dato in coli 
poca epiftola all'imperatore. Concio (ìa che la Madia de l'huomo piglia nome da quello nelquale è ho^ 
nore grandezza di coftumi maggior 'degnira reuerenza Sr potefta del dominare xc.Et vederai anchora ql 
chen'habbiano detto li lurifconfulti :Ma Valerio masfimonellibro.!. al. f. capitolo cofi dice. La maefta è 
quali quella priuata reuerenza de chiari huutmni fenza fuperbia di Tribunale , fenza minifterio di nuncii 
o ver'mandati potenti nella grandezza fua da douerfi ottenere con vn grato Si giocondo introito a glia/ 
nimi de gli huomini , la quaì rettamente alchuno ha detto : Longo & beato effere Phònore fenza h^no 
re : Et perciò quefta è la caufa che gli eccellentislìmi hanno in Te tal degnila , di farli honorare conceden 
doesli per grana gli ofiicii da altri recercati Itando in maggior 'beatituaine &maie(tare. deila qual Cofa 
Vetruuio anchora dirà ne fuoi luochiCTEgregie auttoritati. Egregio è detto quello che di tutto il gregge è 
eletto o vero arecapato per lo più eccellente. Ma l'Autore è quello che foiamentc per fuo in^^egnb He l'eie 
za fa o dice alchuna cofa come primo o vero inuentore di quella cofa ch'egli ha detta o veramente troua 
ta : Ma altrimente fé ha apprelTo alli lurisconfulti. L'autorità anchora è vna propria dignità. Si viene q 
fto verbo appreffo de latini da autoro autoras : Per che auttorare è vno elegger' glihuomini alla militiai 
conciolia che l'Imperatore elegge alchuni foldati o vero gli fegna alla militia : Et fappi che tanto è det/ 
to auttore quello che fa il bene quanto quello che fa il male. f£ Ho pèfato non douere prettcrmetrere ^c. 
vetruuio hauendo compreso che quafi di tutte le attificiofe cofe la natura è maellra escetto di quefta A r 
chitettura, s'è espedito di dare all'Imperatore quello Libro d'Architettura : per che ha confiderato che 
molti edifici! fenza vera mefura fi faceuano , accio chun'cofi diuino Imperatore hauelfe de pubiici edifi / 
cii egregia & eccellente auttorità: Si non parelfeno le fueedificationi fenza ragione & ornamento fa 
bricate : come fono le cofe che alchuni potétt fanno opare dalli Architettori comuni nelle cofe de priuati 
o ver'plebei, & achora nò s'habbia à dire poi chelFo vogliaci fiapafciuta la plebe da i Mechanici 8i baf 
fé condirionij&có auarftia intenda acqiiiltare amore Si honore : & fimilmcnte per che inelTc pratiche par 
che generano gran facendo di per esfi tali Architettori pigliano fama : gli quali poi operati in alcune co-» 
fé di egregia Si eccellente auttorità da alchutii gran Principi , o ver' nobili particulari , futto quella voi// 
gar'fama , non folamente i patroni dell'opere , ma anchora fé medefrai per forza della grolTolana & fai 
fa pròfcslionele opere che hanno fatte fabricare fenza l'ordine che vetruuio ha inftituito come direnio 
a pieno difotto , fanno per caufa del male operare che le colpe &non le laudi ftiano ineterno: fi elle non 
fon emendate o date a terra & bene raform-ate.CTutto quello che primieramente apprelTo di tuo padre 
mi fece conofcere. v etruuiotocha quiui con breuital'amicitia che da prima era infieme con Caio Cefa 
re dittatore, che fu chiamato tulio dal quale tutti gli Imperatori fono quafi per religione al cefareo no^ 
me fuccesfi come hauem' detto :& cofi dipoi lamortedimoftratada icelefti fegni come Plutarcho la 
fua vita & portentofa morte ha defcritto : anchora Valerio Masfimo nel primo , medesmamente nel 
felto libro : 8i anchora Plf ni'o alh. i ^.capitoli del libro fiettimo : & Orario nella Oda : Si V ergilio nel fin 
del primo libro della Georgica : & molti altri:^V ottimamente Suetonio tranquillo II qual diuino Impe/ 
ratorenon folamente effendodottisfimo, fi dilettaua nelle vniuerfalitati delle fcienze , ma anchora di q 
fta virtù eratìtidiofo & amico di vetruuio& di tutti gli altri virtuofi & preclari ingegni Lberalisfimo : & 
che fia il vero vedi il fuo gran libro il quale è intitolato gli conientatii di cefare che egli fcriffe tenendo co 
to de fuoi fatti. .aerine Suetonio, Si anchora Plutarcho,ee Appiano, che combattendo Cefare al ponte de 
AlelTandria, fu cònftretto per l'impeto de inimici faltare in vna piccola Barchetta Ma fopraucnendo mol 
te Nani de gli egj'ptii fi gitto in mare & natàdo ftaua con la mano finiftta alzata fopra l'Acqua tenendo 
certi libretti accio che non fi bagnalTero : Si con il morfo di denti tnaua certi fuòi velie le quali erano fta 
te retolte a gl'inimici: accio »he non fi vantaffero dele fpogiie di Cefare Imperatore Magnanimo. 

CMa come per lo configlio de celefti 
««• ^^. f r-i' J- ^ i-n: r>»i -..n-CJ:» Dei nelle fedie della imortalità elfo fé 

Ma come per Io configlio de Celeftì Dei nelle ledie dedicasfi/cioe dopo la morte io fece/ 

della immortalità effo fi dedicaffi & l'Impcno pa <f no Oeo/come achora haucmo da .sue 
terno nella tua potevate fi traftnutaffe, il medeHìio ^Ì^!;^^^^;^^à 
ftudio mio nella tua memoria timanédo , in te tràS do fue che fubbitamente fé apperfe la 
porto il fauoret fepoltura di Cefare Si che in culo ap // 

" ' parfe la Cometa, kmo prodigio a lu / 

Ila caluma della progenie d' Augufto di 
ceuano a pertenere : laltro al Re de Parti il quale capillato fulfe , dalla prima venuta della infcr / 
mità come dice puro deus fio/cioè moro/& cofi elegantemente Philippo beroaldo la espone & dichiara, 
lercio che dopo la morte di Cefare era allocatone! numero de gli Dei , ónde ciafchuno deCefanmc/ 
diante lanima elegantemente poter'farfi Dio : conciofia che dopo la morte vada alla diuinità: dalla qual 
fubbito debbe effer' confecrata nel numero de gli Dii l'honore non fi da mai al Principe inanzi ^che fia il 
fine della vita fua. 

A V 



LIBRO PRIMO 

CEt coli còti Marco Aurelio': quelli furono come Architettori & come dicemo Capitani! & gouer> 
narori dell'artigliarle, quello pf nfamò fuffe Marcoantonio il quale fucceffe il nome Aurelio per la espu/- 
gnatióe della Gittate Aurelicfe/cioc di Aurelia.CSublio Minidio o ver Numidico 8i Gneo Cornelio:q(to 
era amico di Cefare, & fu huoino dot 

ftfSonfd?c'3?'"ortfa5pÌ.b3o ^t cofi con Marco Aurelio. & Publio Minidio , & 
Cornelio Nafica figliolo di Gneo Sci y Gnco CorncHo alto apparachfatnento delle Balille 
CoTÒ&e il ?uaWrTomphb % & Scorpioni,_& de glialtri iftrumenti da ba taglia a 

la feconda guerra Cartaginefe fl: effen^ gli recomponitnenti ftll pronto, & Con esfi comodi 

do di età d'anni.T7ando in quella im. j^^ ^q hauto , quali cotne pritnietamente a me li da 

prefa Cartaginenfe & fu cùfa di amira «• • - V- '^ i • j •- j- 

rione icffer' fuo in esfi preclari fatti : em,lo riconolcimento perla ricomandatioe di tua 
riportando grandisfima vittoria & pre Sorella osferualìi.Concio fia adunque che d'effo be 

mii & triompnanti nonon. Ma publio ^ e : -crrLi* a, r ii?jii • : 

Scipione fu padre di quelli doi Scipio^ "^ "^'0 " "^^ obllgato, , Si fino al fin della Viti IO 

ni , li quali vno per hauere vinta tutta non haucie di pouerta timore, quefte cole fcriuere 

Zaf^cognTrJfnatoTe'^^^^^^^^ a té incominciai , per che confiderai da té molte co 

me degli predetti ha narrato ]piurarcho Se efiere edificate ,& ch'ai prelente edifichi» & fi# 

masfime nella vita di Mario:Ma quello vilmente quel redo del tempo , & de publici & prì 
che fu cognominato Numidico fu Sci> . ..^ .? ,, ,. '^ ^ i ,, ^ r e l 

pione fuperiore il quale espugnò & vi uati edincu , per l ampliamento delle cole Utte,cne 

fé AnnibaUcimperacorede cartagi^y g glialtri d'auenirp le memorie rimaneflenOjCura do 

neli : la qual Regione era chiamata 6 ° ., e • r i i j- ^- i -ir 

ma Numidia chlin lor'iingua fìgniiìca "^"1 haucre . Scrisfi le regule ditcrminate , Icquali 
vagante, imperho cheneffuno itabiie ad esfc attendendo , & l'opcre da prima fatte,& ql 
f'^Cr^^r^ :u laTafcoifndo «^"^ le auuenire , per teftelTo notificate le pofTl ha. 

& habitando in ordinatamente in effe UerCl Et percio in qucftì Ubtì ho apCtCC tUttC le tagio 
Affricane Regioni ftauano : di quelli „ j Jj qu^j^j scicnza . 
vedi Strabene grauisfimo auttore : »«»»iM«..va.jv vi.*» 
coli Salutilo nella lugurtina hiltoria: 
cofi I>l/nio & molti altri preclarisitx 

mi auttori.C Allo appaiechiamento delle BALISTE «Scorpióni &c. BALISTE/'cioc vno iftrumento 
fatto per trare o veramente gittate con elfo, pietre di gran pefo 3c fi ben fulfeno.zf o. libre , 8i anchori 
per mandare groffe faiette. Onde da quella Balille è diriuato il nome di Baleltra con la quale hoggidi fi fa 
ietta.Maechiarochcla baiifta eqllo illrumSto che hoggi di fi chiama dal vulgo Briccola Benché per refpet 
rodi Bombarda & Canone & Falconetto Colubrina Se Cimile Artigliarle hoggi di la Briccola fianalaffata 
pure lo ingeniofo Se valente Signore , U Capitaneo generale de la Signoria de V enetia Bartholomco DaU 
ulano alchuna volta già l'opero . Balilla e detta da greco <3«aaw che fignifica lancio perche tira grandir> 
fimi sasli & armi: Lucano fpargendo la Balilla smefurati fasfi, fli Ouidfo Quanto graue pefo Se Fasft de la 
bricola Battono le mura de le citadi.SCORTlONI/cioe vno illrumento fatto per mandare o ver trare 
le saiette , la quale volgarmente fi dice Balellra/per che fecondo alchuni , fi Come lo Scorpione col pocco 
trarrò dannifica&àmazzal'huomo,cofi quello iltrumento con vn piccol ferro tratto o mandato porge (i 
milmente molto danno . Et glialtri pia & diuerfi iltrumenti da battaglia ""alli ricomponimenti d'esfi fui 
TRÒNTO/cìoc dice vetruuio elfer llato prefente 8c principale con esfi detti , l^ hauere ricercate Se fatte 
le'ordinationl alli ricomponimenti delle dette Artigliarle da guerra , delie quali faranno difcritte 3e figu 
rate nel decimo libro & masfime come egli habbia operato , efroneUi.x.&:.i4.capitolilodirà: Adonque 
per dimollrare la suflìcienza fua, & Ci come è neceffario a ciaschedun'bono Archittettore,;ha icomiciato 
a difcriueredi qucUa.CEtcon esfi comoditate io hebbi/cioe elTere flato tenuto quanto fuo precettore 8C 
fuo maggiore alli quali non è lecito darli incommodita , ma le commodita : fi delle llanze Se della vita 
& veltiiìienfi & caualli •".£ falarii & feruitori conuenienti come à vn gouernatore 8e proueditore di tanta 
importanza quanto e vno eccellente Architettore , fi còme era elfo Vetruuio : Et perciò ha pronunciato 
quello allo Imperatore , & commenda con quelli hauere hauto le commoditati.CT Quali come primie<< 
ramente à me le daelli.I'er quello dimollra le commoditati ,& benefici receuti , elferli grata cofa Ila' 
co , elTendo racordeuole di quelle: perche a molti huoniini affai e che con le laudi fiano remune .» 
rati de benefici loro. CT Lo riconòfcimento perla ricomandatione di tua Sorella offerualli . Quiui 
non folamente s'intende Jeffere ricognofciuro dalUImperatore con buona gratia& di mente 3e di cor 
pò , ma in quella parte s'intende vna certa gran promisfionc de beni fermi temporali , & perpetua 
promfione di buon' Salario, il qual conuenuto premio & amo re era feruaro nella volócadel animo d'eC 
fo Imperatore à far' quei benefici che gli pareua merritalTe: Se quello fu per la ricomandatione fatta dal 
la Sorella d'esfo Imperatore nomata Ottauia laqual s'itramifea lodare vetruuio. Quella e deta> 
Illa laqualehaiicmu detto che fu'maritataa.M. Antonio & da cui p caufadela Regina d'cgj^pto Cleopatra 
fu renunciaracou fuo danno. CConcio fia adunque che d'effo beneficio tifosfi obligato, Si fino al fin del 
la vita 10 non hauesfi di pouerta timore dee. v ecruuio fece come dice Aiillotele ael primo della Meihaphi 



PROEMIO 



PRIMO 



Bca.Gli antichi l-hilofophl aquiftafe c'haucuanò le cofe nccefTarie alla vita, alhora incominciarono a phi 
lofophare . 

CConfiderando vef ruuio la grauicà grandisfima di queda fcienza, che glCndotti come affai difcòllati 
dalia cognittone della verità non ricercano. Come Anftotele dice nel primo de gli Elenci: quelli adunque 
non potendo cognofcere la ver/ta della cofa fi a quella non s'apprelTano a difcernere: & bc che quello an 
chòra non fi posia far fenza fcienza, bifogna adunque ch'operarne quella cognirione delle fcienze come 
elfo Ariftorele nel primo della Phj'fica cofi dice. Perche certamente il fapere & l'intendere ìnteruienc cirx 
ca tutte le fcienze delle quali ne fon principii la caufa, & gli elementi dalla cognitione di tutti . Anchora 
dilTe nel quinto della •polj^tica-.cofi II principio per effere il mezo o vero più chel mezo del tutto . Et nel 
quarto della Methaphifica dice:il primo principio in ogni fcienza debbe elfere nctisfimo in essa & fermiC 
fimo. Adunque per quello vctruuio s'è sforzato con grande amacftramento foccorrerc quelli che voglio 
no architettare: (S: per che ha conofciuto che tutte l'arti s'ufano con certi comuni termini come nel pri * 
mo della Pofteriorc cofi hauemo.Ciascheduna fcienza ha le fue proprie dimande & respolle & difputa* 
tioni& il primo principio in ciafchedunageneratione è il proponimento neceirario& dimollrabile, & la 
fcienza della quale e principio, *:masfime perche quella fcienza e ccme Geometria, la quale non fé op> 
pone alle cofe falfe.Et fé quello farà innoi, allhora giudicaremo ogni cofa conofcere , quando ja caufa 
&ipricipii conofceremo Etpetcìobifognafcvolemoperuenire a quella cognitione, che fia naturale in 
noi la via del conofcere dalle cofe comune alle proprie. ler ciò che come hauemo in libris pric^; di ql/ 
Io fimplicemeute e ilfapere/cioe imposfibile e che altrimenti fia: per che fapere e per dimoftratione inreny 
dere: adunque vetruuio quiui apperto ha la via della fcienza dell'Atchitettura con la prefente oidinario.» 
re: faccio che lanima dell'auditore alle vegnenti orationifiahauraper proemiodeiprob'eriìati .Erp 
che pare nelle cofe de i ptincipii come elfo Arillotcle nel fello del Ethica cofi dice. A gli principii non e ra-» 
gione/cioe ordinaria dillinnone. Et per ciò in quella inllitutione pare vogli fé patiua ad intendere tutta 
l'opera dal principio ordinariamente, con quelli primi ordini: i quali fi non farannno mandati alla me^/ 
moria pocho o niente faranno gli effetti da produrfi, proprio come fé lo fcolaro non intenderà la verità 
chcl macllro propone: per che dice Arinotele nel terzo del Ethica. Il defiderio dello fchoiaro bifogna che 
fia fecondo/la volunta del maellro: vetruuio de tutte le fcicze ornatisfimo feruam quella dignislìma opa 
tutto quello che e conufniente. Imperho che hauendo preparato il lettore col proemio elegantisfimoi 
Alpsète volendo intrare nella inftitutione del'arte.incomenza dalla diffinitione Accioche fé intenda quello 
del quale fé ha da trattare Ma fé debbe fapere effere molte fpecie de dif/ìnitioniCcomo nella Topica feri/ 
uè Arinotele & M. Tullio Imperhò che altre fono proprie altre improprie vna e propria de li phiiofophi, 
la quale da greci fé chiama <:uvt«tV)kh ^ Su^i wAn & cofi fi diffinifce Diffinitione e (propria chiara & bre 
uem;£nte comprefa enunciatione della cofa propoRa E quella de Gcnere,fpecie,difFerenze,5i: proprii. Co 
me fi diftìnisfemol'huomo, diremo, Ihuomo e animale rationale, mortale &Rifiuo,perche animale e gè 
«ere le altre parte fa differire dali irrationali bruti H dali angeli immortali, & ridere proprio e de l'huo 
mo, comò hmnire del cauallo. Altre diffinitioni fi chiamano defciiptioni,quandonon per li fullantiali > 
ma per li accidentali fapere la eflenza die la C6fa,cóme fi diceffe i'huomo e animale fociabile de doi pede, 
ò vero cafa e habitarione compolla de fuBdamenti,parete,camere, & tetti & quella fefam moiri moy.» 
di & e moltoinufodelinoftrihumanifcrittorijComelaprefente, con la quale lo Auttoredimoftralaec 
ceUenza de quella fcienza de Archittttura, v'acqui il fuo genere e fcienza, laltre fapertiene a differenze ic 
proprietati.Dapoidiuide quella in doi parti, donde ha prefo l'origine /cioè da la fabricha & Ratiocina 
tione che e vn difcorfo de ragióe/ & vuole che luno 5i laltro fia neceffario a l'A rchitettore cioè che fap^y 
pia ratiocinare & difcutere &anchora operare per che vale affai la praticha in ogni arte & quelle che 
hanno haute i'una & non l'alcra,non fono ftacl petfetti,oiide v etruuio cofi dice. 

CL'ARCHITETTvRAe fcienza di 

più dottrine ic vani amaeftramenti or 

nata: Et cofi per confequenza l'Archi 

lettore debbe effere amaellrato di più 

dottrine & varie difcipline o arti che 

dir vogliamo. Concio fia che la fcienza 

rationale fia di numero & di beni hono 

rabili, come dice Ariftotelenel primo 

dell'anima vnafcièzafi dice effere me 

glior' dell'altra: & perciò Aueroi nel 

ii.della Methaphifica cofi dice. La faen 

2adeDiocaufalecofe,mala nollra e 

caufata dalle cofe.Effendo adunq qlla 

che mone l'intelleto in vclllgatore ?c 

dominatore delle naturali effenze: 

ha premoffo ciafchedun fenfo natu ^ y 

vale ad acquillar 'quella: per che fcien 

za non e altro che propria veirita, 

tanto dei bene quanto del male . 

£t perciò la diuina mete quale e come 

A vi 



^ CCHE COSA SIA ARCHITETTVRA ET GLI AMAE-» 

STRAMENTI CH2 DEBBOMO HAVERE GLI 
- -. ARCHITETTI. CAPITOLO PRIiVlO. 

'ARCHITETTVRA è Sciéza 
dipiu dottrine, & varii amaeftta 
mentì ornata, colgiudicìo della 
quale s'approuano tutte l'opere, 
che dall'altre arri fi finifconoiEf 
fa nafcie dalla fabrica,& dalla ra 
tìocfnatione.Lafabricaé vn con 
dneucpenfare di preparamento a jfuefano all'ufo. 




LIBRO PRIMO 

centro di tutte le core, u quale ohhfpo la flùal coh le tnanì fi finirce, dima teria dì quafunV<» 

rentevircute penetra dall'vno& ramo ■" „- \ j £■ 1 m ,- j „, 

friggido cardie cEiefte, fattele cofecR ^^ gencrationee^ a dar foima all'propofito deU'o 
fono in effe interpoftc Se che fono at x pera>Ma la ratiocinacione è quella che le cofe fabri^ 

pSiro"t°?"^^coFe"A'K^^^^^ catecondiUgenza&conragionidiconrefponden.^ 
cipe de Thiiofophanti nel primo della ze, può ditnoflrarc & dichiarare. Et perciò gh Ar<!<j 
wechaphifica dice. Tutti gli huomini chìtccti i quali fenza letcfrc con renderono , che con 

naturalmente difiderano de fapere ecc. , -rrT •• er r > -, 

quefto già non accade a molti animan Ic tnani tulleno exercitati,non polTcrono rare eh aut 
ti bruti: onde elTo fapere è per che pos torìtatc haueffeno secondo le fatiche loro. Ma quel 

fiamo conolcere la Natura, impercio .• , „ j-r r j* • o, f r i- e 

che il fenfo e vifibile/cioè il vero fpiri " chc con dilcorlo di ragione 8C lettere, ioli confi^^ 
to dell'anima corporalmente &inreU^ datili fonoj l'ombra di quefta arte, & non la vera 

Kd"^4ff?n^:tuSril quifeln molte ^denza confeguire son .eduti. Ma quelli che luna 
cofehadimoftrato, 8e. fimiimenteio & l'altra imp3rarono(comehuomìni di più lapeti 
dunoftra accio posfiamo con fuoi ornati)pìu ptefto con essempìo di buone opere, quel 

amaeftramenti le dottrine ad altri mse , , e tt-, f t r w»j ^ r. »" 

gnare.Ma conciofia che l'humana gè > lo chC tu aupropofito loro hanno COnlegUlCO, 

ncratione viuecon lagione & arte : la 
qual arte è generata per molti impedi 

iHenci per fupplimentò di naturai manchanza: Onde e (tato birognohauerelacongnitfone di varie dotx 
trine: &: le cofe materiali & iftrumentali o vero Organice al prò polito di qucll'che fi haadar la forma. Et 
auenga che l'arte fia più debile che la naUira, ne huomo è che co l'arte cóseguifca Io ftinto buono d'effa 
natura, anchor che molto s'afatighe. Non dimeno qiicfto li fa accio lì polu peruenire al fine, ^ alla vey 
ra dimoltrationc di quelle: come è fcrirto nel fecondo delia Poetica, biiogna che l'arte feguiti la natura 
accio che tutte le cofe k quali ella fa, facci fecondo vn propolito & vn fine.Et coli in tutti i principii eoa 
uien fare lordine, accio fi polla dimoftrare le cofe che fono al pvopolitc di quello al quale s'ha adar'la 
forma dogni ciafchuna cofa ch'intenderne operare: adunque anchora a noi coli conuiene che la imagina ^ 
rione de noftri penlieri fia per ordine dimoftrato per il fuccesfiuo cafo o vero effetto, il quale per difcorfo 
di ragione con la experienza ne dimoftra l'arte & come fi formano le cofe: per che douemo fapere tutte 
le cofe cha noi so dimoftrate, dalla natura so fatte, o à cafo o a meglior volere. Ma cócio fia cofa che dif 
Acuita griide veggiamo nel tiouare i principi! d^aUhuna arte gli quali dopoi che fon trouatialliintelligcy 
ti par fia facil cofa aggi ogncrc .'^piu oltre ornare quella, & perducerli poi con certi termini di veremefu 
re, fi come e larte di ftanipare i libri: à comparati one dellt fcrictori &c. Et perciò effendo la esperienza 
cognitióe delle cofe fingiilare. Si l'arte delle vniuerfali:poffemo dire quegli huomini fi polTono chiamare 
fapienti gli quali operano come li veri medici che trouare alle infermità fanno li remedii ingeneralita,5c 
non folamente a quelli che operano in particolare, gli quali fono come parabolani à refpetto degli dotti 
JPhf fici. Concio fia adunque che gli dotti Architettori li quali hanno acquiftato laude .% preniii honorata 
mente per lo ftudio delle esquifite dottrine fi come anchora per le pratiche manuali, 3 quelli tali creder 'fi 
debbe: a tanto più quanto con i detti & con i fatti fanno diftinguerc con l'opere le caufe de fubietti p 
il loro vniuerfal beneficio: Onde è fcritto nel decimo del Ethica Nelle humane attioni fi crede manche al 
le parole che'all'opere,percio che quando le parole difcordanò nell'opere fenfibilmente , alhora fon dis y 
prezate,niente dimeno negare lafperienza per la ragione dimoftrata e debilità d'intelletto: come anchora 
fé ha appreffo d'Arìftotele. Adunque quelli Architettori che producer' fanno gli diligenti effetti pareno co 
me Semidei, per che cerchanoche l'arte fi asfimigli 9i fupplifca alla natura. Et per effe eggregie Scienze 
Se operationi , fanno che gli non dotti idioti fcmpre rimangono suggietti alli dotti ?c pratichi &c. 
CMa qlli che con difcorfo di ragione. Si lettere foli confidati Ci fono iSic./cioè quelli fono noninati fai 
fi Architettori per che in qualche fatioreuol'fua temerarità confidandoli, come moiri hanno fatto 3t fan 
no: non folamente cornei! primo comentatore di vetruuio ha detto, effer nel alma & abbundante metro 
poli tana Citta di Milano, ma anchora in molte altre Citta: fi come in J talia noftra fono che a gran fatica 
tapcdo fare vna pocha pratichetta calculatoria delle fabriche ouer fuperficie fenza niifurata figura di geo 
rnetria:pur che niofirano infieme adunare le mura, o ver mefurare alchuna fuperficie terrena, fi fano ferì 
uere allo vfficio della republica per grana di qualche incognita Si falfa laude con lo aiuto di doni o tribù 
ti: I quali fi dagli fapienti fufTono lexaminati fecondo quella v etruuiana inftitutions, certamente fi vede» 
riano parlare nel ombra delia cofa prépofta, & quella confeguire & non la vera cofa: Adunque procede q 
fio per non haiierc gli termini di'queftainftituitafcienza. Onde non è da marauegliare, mail cafo è da 
ridnc feguendo per il dato incoiiueniente gli graui errori nelle fabriche con danni di graui fpefe per le ma 
le fituationi & maturi difcorfi calculatcée gli ediffcii, & altriabifognide l'arte.nonofferuandola leg 
gcche vetruuio dice nel decimo proemio: il che non folamente fan'danno, madifturbanogliornameny 
ti che dilettariano l'anima noftra vedendo le egregie bellezze ^c ornamenti delle Cittàrpoi fuccedano gliy 
altri mail de aulcaufati, come vetruuio nel d etto ;pemio ha defcritto. Aduna auuien qfta per la falfa 
profesfione deili idiori.ipcrtanto Signori noftri Temporali, & Ecclefiaftici effendo quella Scienza imitata 
cialla diurna operati one la qiiala ha creato formato & ornato con vani figuramenti tutte le cofe del vni^ 
uerfo mondo come fi vede: Oltra quello che tutti U Sapientisfimi scrittori fi fono affaticati a volere inten 



CAPITOLO PRIMO 4 

ierc fi cohbrcefe la infinità delle caufe ppr la Talufe.ft inai non e anthòfa appatfo ben chi ITa ftatò pui 
capace. Effendo cofi queftì falfi ArchiteCtori predetti fi debbono diponeie del titolo Si chiamarli folaiiien 
te fabricanti de muratori o vero opcrarii>& non Architettori: perche egli é dato dalle publice leggi cfi nò 
fi debbia fingere & ornare idegnamcterAccio che li veri ftudiofi di tale fcùza più inagnaninianicte poffano 
peracnirp con ia fumma dottrina al verace 8c eccellente dottorato, o vero al fummo nomeide A rchitc-uo^ 
re: Ercoli pigliando quelle ordinationi 8c confcgucnze, non ftarian li fecoLi cofi longhi a producere li diii* 
genti i£ veri Architettori: Magli edificatori dell'opere anchorafono nominati da «pX'": o vero «pXhXo?. 
grece: che in latino fignifica Auttore, "Principe, & Rettore: tI^twi/ o vero in latino fabroquufi principe 
o vero maeftro de Fabfi&anchora principale deli' Architettura:© ver' conferuatione: può eller' detio 
anchora Architetto a f'^^Xó. che in latino lignifica Fabrico Teftonicos/cioè fabrilc. ■ri'trvv, mj fabro fi di 
ce il maeftro di legname, fotto ia quale arte fi Tottopcngono quafi tutti gli artifici St manuali all'vfo di no 
ftra humana vita: il che queftì eccellenti meritano come dice Ariftotele nel primo della Tol^tica.Gli huè)' 
mini che veghiano conia ragione, & con l'intelletto, naturaimente fono Patroni & Rettori de glialtri. 
Concio fia ch'il reggente naturalmente e più degno che il retto: perche il reggere e. cofa diuina. Et per--^ 
ciò ne par quello cofa da eleggere per effer' megliore la virtù che l'arte. Ma perche quello e òttimo che 
non folamente vfa la virtù a fé medefnio, ma ancho a gliaitri: & cofi anchora per lo contrario come ha ^ 
uemo nell'ottauo della Th^fica, Il fapiente pecca alchuna volta quando vfa la fua fcienza peruerfaniente. 
jEt perciò effendo Ih 'uomo animale rationale & politico, & dalla natura dotato di molte intelligenze, 
in dottrine & arti, e ncceffario che dafchuno naturalmente s'inclina in quello mondo a qualche operatio 
ne per alchun Tuo effetto, fchifando l'otio: & a fuppKmentò deila manchanza naturale vfando vita , per 
vita obferuare: non folamente per noi prefenti, ma per li fucceffori come ab eterno e Tempre ftato. Per 
do che nel fecondo della Methaphj'fica. L'attiene dell'intelletto evita. Adunque vetruuio inspeculandó 
con ogni penfare la scienza dell'Architettura efferbifogneuole al vfo della comune vita fi de glihuomi 
ni , 3i 11 di tutti glianimanri & cofe a noi grate: quella con gran ragione ha voluto fidelmcnte fcruiere. Et 
con quali fcienze & amaeftramenti ella fia ornata, quiui diligentemente ha trattato:Et perciò voi non h 
iamente mechanici, ma tutti profeflfori delle buone fcienze, se in especie voi Signori dell'arte Militare nò 
fiati difcordeuoli ne tardi à intendere quella fcienza, accio non rellasfiuo ineruditi dalla ingeniofità quale 
certamente fupera le forzeCfe pur voglia cófeguire molti effetti & marauigliofe operationi )?i anchora fi 
attamente i popoli altrui a voi vogliate tener 'fotto. Et cofi fé fareti diligenti problematori cófegiiireti la 
vera Ratiocìnatione/cioé parlaméto co maturo difcorfodi ragióe o con buona calcularione di numeri & 
comparationi/bcn che anchora Rati ocinatio per Dialefticafia pollo: ]per che cefi dice Ariftotele de moti 
delii animali. Tutte quelle cofeche operano fenza ragione velocemente operamò/cioè imprudentemente 
& fenza verificata cognitione. Adunque fi con Ratiocinatione operareti Se spechiaretiui nella ciarità del 
corpo della ragione, &non nella idea del ombra, Sapendo con veri argiimentf prouarc: potranno l'opey 
re voftre darai famofa auttorita Si fareri amatf, & dalli egregii & dottisfimi huomini in esaminationi: Et 
parereti Ci come li veri militi o vero Athleti effere ornati di tutte l'3rmi:quali a voi faranno li occurrenri 
termini dell'arre per elTer'la vera ragione delle cofe fattibile: quai fono al propofito della formatione del 
la cofa ch'intendereti fenza dubbio fare, per caufa della praticha Se fcienza- Et per ciò voi con buone ra> 
jrioni li parlamenti confonanti aile operationi accettateti , & li dilTonanri schifateti . 

CConcio fia eh 'intute fecofe 8i acho 
Concio fia ch'intatte le cofe & anchora nell'Archi ll'Z'tSno'L '^^eZ^o 

tettura maxime quelle due cofe ri fonoi quello che breuemente manifefta quella propofta 

^ signifficaro & quello che fignlfica, Quello che é ^^^^^^^^^^^^X"^^ 
fignitncato e la cola prcpolta dela qual se diccjcne 11 gnamente ne potremo eftendere,^ con 
gniffica la manifefla dimoftratìóe con le ragioni del "^'^ ^\^ ^'^^ qneiio fi dicha bifognare m 

f . . r> u II' o. Il» I ^ -.« cffettodimoftrarlocomeft vfa impro 

le dottrine» Perche parenell rna & nell altra parte portionedeU'Architettura: Ma confide 
douere cfTe éssercitato colui che fa profesfióe di At rando fimiimente,chc tutte le cofe dei 

1 - ^ o, r I- L-r (T - ' e o. vniuerio mondo dimoftrano anchora 

chltettot & cofi gli b'fogna eflere Igegniofo, & atto ^j^e figntficateper quefteduecofe/cioè 

alla fcienza. Per che Tingegno fenza la fcienza, ove per naturai figura.iaioro idea : acao 
ro la fcienza senza l'ingegno vn perfetto artifice no f ^^^fc^S^aare^i^arie^ S^ 
può raret & accio chel fia litteratO, gU bUOgna elle agente.Come hauemo da v etruuio nel 

re fcientc della Graphìda. ^"' ^'^ ^^^° }!^'° '^«"^ ^'^,^ ■ l'^P^ho 

t^ "" che tutu gli huominunonfolo li Archi 

tettori poffono prouare quel che e bo 
no Sic. Anchora per altri modi come li fiti della terra Si del mare fi veggiano, o vero gli afpcrti de gliani 
manti di tutto il mondo, i quali fotto iL cielo fi coprono: & quefti cofi operati di figmììcati dalla natura, jcnoffra > 
incendere gli cercamo, .Si a daltridimoftrarli. Adunque ha detto vctruuioCConciofia chein tutteleco^ phia acar 
fé Si masfime anchora nell'Architettura quefte due cofe vi fono/cioè qllo che è fignificato o che vogliam' te io 
dire dimoftrato con chiarito manifeftamento , coraeèàdiregnare vna Icnographi3,Ortographiadal o'rtoéray 
chuna sofà da farfe, o veto darne fegno manifeftamente per archetipale dimoftratione , la quale ha pui -^i-^ ^ ^^^ 

te. 19 




LIBRO PRIMO 

forza del dimoltrarc che le cofe difegnate impiano. Et perciò l'Architettore agtnte e quello^che jdimoftra: 
perche Ariftotele nel primo delia Poetri. co(i dice: V fatuo li essempi nello (nfcgnare accio che più faciline 
tes'intendaquclchefi dice.Ma ilpatientefi e la cofa che fé dimoftrai o ver che debbe effér dimoftrata. 
Confimilmentela dottrina vien' fignificata dal vno huomo all'altro fecondo leoperationi le quali il difce> 
pulo ha dal raaeftro: Et perciò dalla cofa propofta quando e raccolto il pensar suo con ragione.allhora fi 
può fignificare « dimoftrare. CPer che pare nell'una 8c nell'altra pa ree douer effere essercitato colui / . 
cioè l'Architettore conuienec'habbia per lo penfare la cognitione della fetenza, & la esperienza con la 
pratica del fabricare, o vero operare a gli abifògni fuoi.CEt coli gli bifogna effere ingeniofo, se atto ai 4 
la fcienza/cioè effere come Dedalo Architettore 1^ operatore acutisfimo & pronto in fapere variare le co 
fé de gli artiici 
di qualunque ( 

fegnare: anchora , ^ . . . 

che sa le caufe óé fubietti: anchora difle. Al sapiente fé aperricne fapere ogni cofa per l'utile, & Papere le 
cofe difficile & hauere la fcienza più certa de glialtri. Si fapere render la ragione di quelle cofe che fono» 
« hauere la fcfenza la quale [blamente fia fua, Se non caufa d'altrui, se hauer la fcienza la quale ordina 
l'altre ch'ilei debbano feruire Sic. Adunque è da confiderarc che quelli che ingeniofamente non fanno di 
inoftrare, come ciechi vanno penfando: & come non fapienti rimangono fenza elfetti ridicolofamcte. ve 
di adunque candido lettore che il fapere e de chi veramente intende: Si cofi la fcienza par^che fia in quelU 
che fanno far'la dimoHratlone: delle quai dimoftrationi deiefrienze vedi Scrabone Rei primo libro doue 
effbparladé fatti de poeti: Cofi ValerioMasIimo, fl/mo, a altri Scrittori clarisfimi. C Etacciochei 
fia Utrerato&c.ln quella inftitutionevetruuio intende dimoitrare le dottrine ch'apertengono ad ornare 
Si armare quelli che vogliono effer'veri Architettori di molte fcienze bifogneuoli: Et prima dice comebi 
fogna che! fia htterato: poi fuccesfiue procedere ordinariamente all'altre regularie fcienze Còme da elfo 
Vetruuio haueremo oltra quella prefcnte espofitióc: accio che i poueri indotti posfano leggcdo amaellrac 
fi Si peruenir' buoni. Cofa chaltro npn par'che vogliano le legge tutte del vniuerfo mondo, & che Ramo 
dottiàbene^operarefiegliè posfibilepla falutenoftra. Quello amaeftramentó di clTer' htterato èd'im/ 
portanza grande, come vetruuio ha detto nel fello proemio, Non poteft effe probata vita finelitteratu * 
ra.cioè. Non poi effere la vita probata fenza lettere. Se come vederai nel nono proemio Si in esfo.ij.Capf 
tolo.Adunquecffendo quellol'origine sfondamento di tutte l'uniutrfali fcièze & lettere de buoni ftudif 
difciplinabiii: per che appare certamente che niuna fcienza fi posfa fapere fenza litteratura : ne gl'huomi/ 
ni pofl*ano fallire alle cofe più alte, ne fare nelle altisfime ne di Thilofophia, ne di legge, ne di ciuili nego 
ciati oni Si contrattorie,o vero altre annotationi mediocre ne minime fenza l'aiuto delle lettere come bifo 
gneuolmente se dirà nel fettimo proemio: adunque e facil quello a credere che non può effere perfetta vi* 
ta fenza lettere: ne fi potriano cofi commodamente fapere le cofe fatte Si dette inanze se quefto elemento 
delle lettere non fuffe Itato.Ter che la ragion'delle cofe palTate fa Papere Se in luminare l'intelletto Si lani^ 
ma: Adunque bifogna che fiano quelle che o ver per aoi medefmi o ver 'da chi la nollra animata intelligè 
za fia amaellrata, che quanto più noi fapremo tanto più ottimamente come diuini faremo. CGli bifogna 
eflerefciente delia GRAPHIDA. quello vocabulo vp»*". latinamente figniffica non folamente fcriuere» 
ma anchora dipingere Si alle volte fculpire. Adunque l'Architettore gli conuien faper leggere Si fcriuere» 
& difegnare o vero affigurare, come s'ufa à dipingere: perche fi comedetto habbiamo fi hauesfimo tutte 
le bifogneuoli fcienze: & non le fapesfimo dimollrare niente parriano, per che a [confeguir verriamo oscu 
ramente, o ver' dubbiofamente effa ombra della cofa di non l'effetto: Et perciò taluolta è meglio fape* 
re fignificar' la cofa che dire. Ma per tal prò pofito è da fapere come li Greci nelli amaeltramenti lorop^ 
pofetto che voleuano gli fanciulli Liberi, * non gU Libertini/cioè nati de fangue feruile/ fparasfino inna 
zi a tutte laltre fcienze, la fcienza Antigraphida/cioè la dipintura/ Si quello era accio che meglio haueC 
nò la cognitione delle cofe vniuerfali a (aperle esprimere: fli fimilmcte cheloro liberi Sempre poteffeno et 
fer più buoni di honelli di corpo &d'anima: Se perciò quello nel gioco delle lettere s'infegnaua,come di* 
remo di molti preclarisfimi, nelle fofcritte lettioni: & cofi effendo amaellrati in quella qual era polla nel 
primo grado dell'arti liberali: perche giudicaua Se raprefentaua poi con facilisfimo comprendiment o piu 
laltre fcienze liberali. Se manuali.Onde per quello è auuenuto ch'esfi Greci i quali erano nelle buone fcien 
ze fundaci, fonno apparii come Dei tra glihuommi dotisfiini: ne fonno tellimonii l'opere loro lafciate a 
succedenti. Adunque a quella fcienza dell'Architettura gli è fempre llato fatto honore Se grandisfimi pre 
zi mentre ella è llata negli Liberi 3i lludiofi diligeotisfimi.Ma dopoi fi come anchora al prefente in gràdis 
fima qu àtita,per effere (lata infegnata alli ferut Si vilisfima eente, fono vituperati gli buoni profelTori pec 
gli Idioti Si ignoranti che quafi fono reputati peggio che guoperanti manuali o vero fabricatori de mu^ 
ra : onde non fé dimòllra più alchuno che con vero lludio acquillar' la vogli Ci come fece«o mólti ;)recla-' 
risfimi non folamente PhiioCophi, ma primarii Romani Si. imperatori: fc a Plynio & a v akrio Masfi ^ 
mo credere debbiamo. 

C Erudito di Geometria. Et per che Erudito dì Geomcrria, & non ignaro di ProFpf tt?^ 

EfSne°dm1nTe7ottfg^^^^^^^^ "3, amaeftrato anchora dì Arithmetica: & che hab. 

comprefe nelle fuperficie Si ne corpi 3 bla intese molte Hifloric; chc diligentemente i Phi# 

"^^^^^S^r^^^^Sil^i^ ^o^o^phi habbia odito, che fappia.Mufica, che nò fia 

preffo alla Graphida, quella fcienza igripraoce di medicina t che habbia cognicionc dì 



CAPITOLO PRIMO 5* 

legge cìu ile » che habbia Aftrolog'a 8t cohofca le fubftantfua ha voluto rubrcqmVe come 
ragioni del cielo, Et accfo che qucfte cofeda cono ^^^S^S^]^ S^.^^ 

Icere Cofi hano, quelle fonno le caule< ma fia produtta con la dottrina deiPA 

rithineticha. Ben che A ridetele nel pri 
mode.'.la'Pofteriore dica. Non accade 
demoltrare di quello che è generale in vnaltro difcendenre partfcularc, come la Geometria nelPArithme^ 
thica &c. Onde ne gli loro essemplificatori potrà effcre tanto zelo che linieranno quelle core dalla natura 
cofi bene imitate, chequafi parranno come elTa natura concordanti: cofi di qualità Afiquantità quanto an 
chora di elTenza motiua , come altroue^diremo. Et effe prepofitioni per efTempi dati daiPlatone .d'Aria 
ftotele , da 'Pf'thagora , & da molti altri clarisfimi & fpecialmente da Euclide . il quale "Platont dilTe inef 
fa fcienza effere di fé più esperto ,fi come da Valerio Masfinio habbiamo-CEt non ignaro di Profpettiy 
uà: Anchora vetruuiooltra le predette , dice che con lince quelle rechiudenole fuperfice & base iacenr£ 
in piano . S'uggiunge adunque quefta fcienza di profpettiua quale ha detto Optica. Tercio che.o^-n ;<«. vie 
ne da verbo greco, ò'wtw, overo oTrTOfi*"'./' ó4''^'ó/<«>.~.e/i^«'. che figniffica veggio o vero.'ó^fTixor. che fix 
gnifficala vifiua virtù . Quefta fcienza è proprio quella per la quale rettamente s'eleua ogni fuperficia'in 
corpo, &:glidimoftrailrettisfimoantiuedere a; tutte ie diftanzc :&ilparerga . Infinoin tutti gli Orizon 
ti 3£ in rutti e Còrpi celeftì , &terreftri, & dell'acque : quefta è la vera compagna della GRAphida/cioè'di 
regno, & che dimoftra U colorire alli veri Pittori, l'^i ombre* lumi, quefta finalmente in tutte le buone 
fcienze liberali d può abbracciare : & fpecialmente nella Mathematica. CT Amaeftrato anchora di Arithme 
Cica. Concio fia che l'ArithmeticaCcioè lo annumerare© ver per L'Abachochedir vogliamo J peruenuta 
da gli Arabi : è vna propria ?£ certisfima còndufione per aiuto non folamente de l'Architettore , ma di 
ciafchuno operatore, & motore , Si contrattore : per che fenza quefta non potrà mai calculare ne fapere 
il valore o vero il potere d'altrui, 8l che fa per l'anumerar' de' guadagni gli diligenti mercadanti non efti 
mano di fortuna , ne per terra ne per mare,lipericolofi cali : ne che gli Signori o altri popoli temano il 
Combattere 8iC. Adunque bifogna allo Archittettore faper' cofi difcerncre le quantità de numeri o ver le 
comune : come anchora fono de corfi dell'acque, doue affai o poca fi mada , nel ordine che fi códuconop 
canelh chiufi o vero apperri, o pur per altri vali da condurr' acque: anchora dell'altre cofe a pertincti de 
mefurar' campi & rnouer' di terreno per cauamento , o ver' dcùi edificii, o de altre cofe che producere 
(intenda al vero effetto di dar'forma . Quefta fcienza per fé a ftare feparata dall'altre arti, & fcienze llbe 
rali.ma le arti liberali pare c'heffernó poffano fenza cópagnia,Vetruuio halaffato che fia quefta rema 
nente delle fopra dette : per che anchor liei conuienfi ftudiare con summa diligenza accio ch'ordinariamc 
te fappiamo componere con lordine de numeri le mcfure proportionabile alle cofe ch'affigure inttdemo: 
non folamente col numero dir'la computatione precifamente effe importanze di fupcrficie 8c de corpi, & 
anchora più oltre bifogna faper dire la fua quantità di pefo , & le potenze che la poffon foftenere , fi co> 
me nel decimo libro hauemo. Et per essempio tale come accade dalla arciuefcouale & fagra chiefa di Mi 
lancia piramide o vero il tholo Hecubale da farfi il quale tutto di marmo douendo effo collocarfi fopra 
gli archiamenti d'otto cantoni dipattiti dalli quattro pilaftri eleuati dalli fondamenti terreni , gagiiard?sx 
fimamente bifogna fapere R effa Hecubaie cima o ver rufteninienro può effere o no durabile per il grandif 
lìmo pefo di marmerò. Anchora per effa A rithmetica faper dire,ognibifogneuolefpefa di ciafcuna forte 
delle materie & manifatture , accio non para ignorante: cofi di molt'altre accadenze di mouimenti Si rex 
percusfioni impotenza Sec. Sappia rendere le ragioni come in altri luochi diremo.CChe habbia mtefe mol 
tehiftorie, Quefto amaeftramento cdimportanzagtande.imperho chegli Architettori, overo alni che 
hanno il pronto ftudiodpUe hiftorie, certamente alli occurrenti cafi fanno antiuedere , de prouedere , X q 
fti conofcirori , fono ottimi configliatori non folamente delle republice per tempo di pace , ma anchora. 
ài guerra , perche la cognitione dell'hiftoria fa l'huomo esperto & prudente per li vani cafi occurrcti,ima 
debbe recercare li nobili & annotandi essempi & monumenti & molte volte recoglierne la R ofa 8c laffare 
la fpina . Et quefti doueriano meritamente dalle republice loro , anchora da gL principi grandi , degnarne 
te tutto il tempo di lor vira effer' premiati. CTEC che diligctemète i "Philofophi habbia odito. v'etruuio qui 
ui ha detto io adieftiuoal fubftantiuo : di gran confiderarione all'Architettore o vero d'altri, dicendo cR 
diligentemente habbia odito i I>hilofophi ; imperho che quel] i che vanno a vdire le lettioni non folamente 
d'ogni forte , ma fpecialmente a quelle di philofophia debbono ftare congionti Si Intenti con gran dilige^ 
za , che fi altrimen'te fanno non acguiftano ne rapportano alchun frutto deffa fcienza : Et perciò chi vuol 
pigliare effe lettioni non fa bifogno chabbia leuata la intelletn'uamenrc , nèglialtti fenfi corporali occupa 
ti da effe audienze : Per che la animata voce 8i le degne dimoftrationi de lettori essimi fono quelle che lìn 
fondeno nell'anime de gli auditori fi di chi gli viuificapmouendo la loro anima & intelletto fecondo la co 
fa che fi tratta : fi cofi la difpofta mente l'impiglia a fé come il corpo ben fano , gli dilettabili cibi . & co> 
meda Ariftoteleè fcrittonellibrodefenfu ^fenfato. Et è coffa da fapere ,chefeI'Architetorenonha in 
telligenzadelle fcritture de i Philofophi , certo egli mancha delle cogniti oni naturali-CChe fappia Mufi ^ 
ca cioè che l'Architettore habbia la ragióe del canto : per che quelle proportioni del canto che talhora nò 
fi fanno trouar' nelle mefure di Geometria , o ver 'di A rithmetica prontamente, fi come fon quelle del co 
munevfo , quefta al beneficio de Ir Achitettura l'infegnerà :& non folamente faprà inefurare le proporr 
rioni de gli edificii , malelorointonanze: &nominationi d'ogni abbracciamento Si proporticnabile nu 
mero .Sf dalle quantità maggiori cauarele minori : fi come da Euclide hauer potrai: Anchora quello che! 
venerabile franchino gaffuro nella fua muficale comentatione ha detto per la Euclidiana & altra lettione: 
iui dalie (implici proportioni maggiori Se minoii de equalitate precifamente cóm polle d'vna quantità 3C 



LIBRO PRIMO 

difcompolte per vnaltra poi [a produttiotie : ancbora come fariadtitia tripla o ver quadrupla & coR dì 
tutti i finipUci : qnando poi fon venuti in vna gran moltiplicaTicne fubduplate fefquiaiteratamcnte poITori 
dopo anchora peruenire all'altre maggiori fub moltiplicate fopra il particolare delle fpecie loro Se di tani- 
ce vanetati fono nelle loro compofttioni che non fòlamente poiTonoperuenire dalle perduttiói dalle mol 
tiplice proporti oni delle portioni Come è la radice di radice de numeri che ne dicemo a carte.! j. lettera.B- 
ma anchoJa fopra i particolari delle proporcicni fino alPinfinito . Si come li. 9. fi cftenderianole normale 
fuperfìcie 'PKtfi^go''ce > ^ Platonice confiderationt qual diftanze de angulo fi condufe faranno le linie 
ch'intra le quadrature d'effe trigonali fi compongono poiTon fare fino in infinito e Iati loro producere » 
adunque fapendo delle proportioni di mufica £ur)'thmiate può fare anchora non folamente la corporatu^ 
ra di ciafchuna grande edificarlo ne ciafchuna fua membratura particolare principale , ma fubfeguente fa^ 
pra dipoi anchora in elTe collocare tutti glialtri menori membretti , fatti per elTa dittributione 3c comma 
nicantemefura, Si ornarli anchora : perche le facultati mobili quando vn luoco è picolo non è lecito Si 
collocare vna gran cofa che occupa & impedifca quello , ma tu debbe conofcere che (non mcnor' impor/ 
taza e fapere occupare l'aere Si fuperficie terreftre, 8c fé per la fanlta Se còmoda espeditióe & vrilità,quati 
ilo le diftanze fono proportionabili d'una voce ad vnaltra dell'Armonia collocate & annotate : che an/ 
chora quelle minime & femiminime voci che pareno fragmenti delle proportioni , non fulfeno bene ab^ 
bracciate nel ordine dun'Canto , non fi potria bene hauer' dell'Armonia la gaudeuole cócinità: Coli adfi 
que le faculta noftre cotidiane poite in vna cafa per noftro vfo humano. fi non fono di inefura d'Armo/-^ 
niaproportionate al noftromottiuo effetto , pocoo ver, niente bellezza farla : fi che vedi adunque quatt 
to per ogni rifpetto è bene à fapere la mufica allo Architettore , come per altro modo nel quinto libro % 
carte. ni.tratteremo.CTChe non fia ignorante di medicina. Creilo Cómmandamento anchora e molto 
bifogneuole : per che auuenga chel non fia necelFano all'Architettore faper conofcere i celefti afpetti 8i 
le fue regióni fi come da Vecruuiohaueremo acar.17.non dimeno la dottrina della 'Phj'fica dimoftra'fa 
per' temperare , non folamente le contrarietà de gli elementi , jna anchora de celefti influxi &c.Quefta ac 
tifta fetenza fi dice che fu trouaca da Apollo fecondo i Greci fcrittori , poi fucceffa nel figlio! fuo Efcuia* 
pio , il quale Con le lodabile & operante esperienze la ampliò X pofe in grande eftimatione, tal che {fu 
chiamato Dio della medicina : il qual dipoi fu morto non dal fulmine come hanno fcrittò alchuni fabulo 
famente , ma di fua morte naturale : quella arte fi dice elTere Hata interdetta & come dal mondo dismen 
t/cata per circha cinquecento anni , che parfe ch'infieme con l'autore Parte manchalTe : Dipoi Artaserse: 
par 'che la produccffe a luce per Hippocrate/ cioè figliolo de Heraclide & ihenerete il quale fé dice che fu 
del fangue de Hercole di de Efculapio corno fcriue Sor ano degno hiftorico.iMa vedi ■plynio nel libro Setti 
moa.fó.capitoliqualcofidice. GliEgiptii vogliono hauer trouato la medicina: Altri vogliono che fulTe 
trouata per Arabo figliolo di Apolline & di baby'lone. Ma l'herbe & emedicamenti Chj^rone figliolo di Sa, 
turno Si ài Phiilire:Ma"Creóte Agi Igétino i Sicilia f rouo la empiri'ce/cioè la medicina per esperienza co 
me Pl^rflo Scriue nel.xxx-perche Coìnelio Celfo nel proemio del prio diuide la Medicina i tre fpecie cioè 
ftHTixHV per dieta curare *aft<axtuTTxHi' cioè potionaria pers/roppi & xt'pb'^'f'i'ìxHi' dcla cjrufia Hy^p 
pocrate ordino la Clinice /cioè. idare a vifitare Si curare ordinataméte. fly. achora a li.7.ca.f ó.FGdere 
il rame & tcperarlo trouòLj^dio di fcidia Si fedo Theophrafto de la di Thrygia la fabrica deLrame,alchu 
ni attribuifcono a Calibi:alchuni a Cyclopi.Hefiodo a qlli cfi 1 Creta furono chiamati Dattili idei,l'ari£ 
to trono Ericronio Athenicfe & fedo, altri Cephico. Cadmo trouo l'oro & come fi-fóde,nel mòte p.igeo: 
Altri dicono Thoas Si Eadis in Tanchaia. o veramète il Sole figliolo dell'Oceano al qle Geltio attribuifce 
anchora la inuentione della medicina , or: del mele Sic. Adunque farà gran beneficio all'Architettore Si p 
fé Si per altri quando egli sappia conofcere la qualità delle terreftre fituationi , Si le specie dell'aere Si del 
acqua , & gli celefti climati come fimilmente dirà vetruuio la proprietà de pafccti animali p i frutti the in 
queluochila terra flc l'acque generano : & per qual caufe creano le infermità &fanitapernamral tempex 
ramento, & cofi molt 'altre cofeche lafl'amo per non molto alongare , pofcia che nelle vetruuianc iettioy 
ni fono manifeftate CChe babbi cognitione di legge ciuile. Quefto comandamento farà di grande vtiJi/ 
tà : per che'non folamente fapera la pratica delli ordinati oSicii ciuili delTe Cittati i quali oue farà biso y > 
gnò , l'Architettore per fé medefmo potrà operare né termini occorrenti dell'Architettura , tanto per gl£ 
edificii quanto anchora per le limitati oni da vicini a vicini Si fi de ciuili come rufticani Si de Campi : o ve 
ro a conducimenti dell'acque per le polTesfioni , ver per le republice ciuili o veramente de caftelli o ve 
ro a.nchora le particolari diftanze delle cafe appreifo alle fortezze delli principii , over'delle acquifitionf 
délli alluuioni Si Infole date da i fiumi : fi come anchora ha fcritto di quefti occorrenti cafi lo predarisfi.» 
mo dottore di Icggge Bartholo de falTo ferrato ne trattati di fluminibus , fery-beriadis ,& di alluuione. 
anchora di infula , ài anchora di alueo &c. Lequai cofe il primo comentatoredi 'vetruuio dice etferglt 
accadute l'anno. i5"iS. elTendo nella Citta di Afta pompeana incópagnia de darisfimi dottori, Alberto 
Bruno , Hieronj'mo Buzo Sc illuochotenente di MelTer louanne di verasiis dottore: &diuiseno lo allu^ 
uione dato dal fiume Tanaro già ;.mòlt 'anni paflati, Si quelle geometrice lettioni apperfeno , & termf> 
narono quello che più la terreftre figura imprelfa dimoftraua , quafi era circulare chehaueua congionto 
alli predii primo del hofpitale dclFa republica , & de molti altri gentiPhuomini : Finalnreute quello del 
fìobile dottore Giouanni di v erafii. l'er le quai diuifioni di Geometria , fare diligentemente intra il pia^ 
no Si gli boschi Si prati, compiantare ferono li pali diritti: alla linia amusfia del pixidale di ramo entro la 
quale pixide nelonghi iScsuttilisfimifori risguardando fi come p la figura s'è dimoftratonel.S.lib.ca. fC 
co lachorobate , il legno della quale hadifoprala lettera. A. & cofi elTendo tutti quelli a chilo fi dero Pi- 
nole parti di clTo alluuione che ingiuftamcte età diuifo p la loro volontà Si non ragione. Adunque vedi di 
guata chiarezza & pace è l'Archirettoce che fa conofcere le regale di legge 8i le refpofte date a chi ha prò 



CAPITOLO PRIMO 6 

pofte le fue caute alli lurls confulti. vetruuio hi Setto rlprpofte & non fentenze : perche nieoLò è ftare 
all'arbitrio de buoni huoniim che a vna fentenza: per che hauemo che dir' la, verità in fronte^'parrurifce 
odio . imperho Achille dicendo il vero ottefe Agamennone me. Et quelli adunque che faperanno honefta/' 
niente quato appartiene a faper' dicidere le controuerfie che pofTono forare in queftc cofe dell'ofticio di 
lo architettare , esfi ottimi saranno a accorrere & aiutare , cofi i litiganti quanto anchora ignoranza del 
le leggi : perche anchor' ci edate fiano accio fi viua in pace, non dimeno luna legge è meglior dell'altra 
pur fono Hate allegate tutte Si p vjrie oppinioni & immag.nationida alcuni Dottori auerra ch'vno 
giudxa'-à taJLhora fopra_ cofe allegate , ma per vnaltra oppin.onechilasaperacduceresara megliore& 
lemouerà l'altre che fatano taluolta cùceffe & date pfauorc, o vero a cópiacza di alchun'male Arbitrò o 
cómiDTario , p alchune cofe inlecitamente occupate ic vfurpate : conciofia che nefluna cofa del mondo qua 
C , fi poffeda fenza ragione : nella quale anchura non gli è vetato il modo che n3 fi polFa litK'are Ma e cer 
to che quelle vane lentenze in legge non hauengono fi non per fraude o per ignoranza de linrerprere per 
che in nel corpo deli digeftì che furo al tempo de luftiniano correcti & raccolti :non e alchuno cóttario ne 
rimile : fi fanno bene esponere : per le quai cofe dice Arinotele nel fecondo della Politica , ie l^ggi inho 
nelle benché grandemente fiano in vfo lecita cofa è di cancellarle Si. torle via : niente di meno dilfe anjno^ 
ra elFer 'meglio giudicare fecondo le leggi Si f^ccnùo le lettere che di fuo proprio fapere.ne e detto ancho 
raàcarte.ii.lettera.iVi. CChehabbia Aftrologiaàcogncuhi le ragioni del cielo. Tudtbbi faper lettore 
che vetruuio ha trattato tutte quelle faenze a l'Arcli;tatort necelTarie indubbitatamente. Ancrota 'io > 
uà affai quella faenza alli buoni Architettori , de qii giouimtnti è necesfita :Ma vetruuio esprelfantente 
dirà in quefto primo libro a carte.it./(c anchora per ^jlaitn ieguenti in fpecie diffuramente nel nono li 
bro.Ma alprcfentevetruuiomiuaifeftaedicecon ragioni kcaufe per che conuiene che l'Architettore 
habbia le preditt^ dottrine. 

C L'Architetto Conuic che fappfa lette 
L'Architettoconmen chcl fappfa lerrtreacco che ^So?^^,;fZ^^\,!^r^ 
con II racoglimcnci di molti Icricti , polla rar'piu ter kttione.CAccioche con gli racogUme 
ina la memoria. Dipoi hauer' la fcienz? della Grao " '^' "'°'" ^""ti o vogUan dire "cm^ 

1 j • I • r •! rr • rt mentarii/cioe annotationi fatte in bre 

phida , accio che più tacilnience polla a cialchuna ui capitoli delle cofe di che fi ticn<; fcrit 

cofa che voglia con gli dipinti CSSempi dar'la foM 'a memor a , p^r la qualbcn che fia co 

ma . Ma la Geometria molti aiuti porge a l'Archi. bTc"qu\t méSe'S^^^^^ /ft": 

CCCtura • Et primamente dallo Euthygrammate del dere largamente commeinciando: qua 

Compaflb , ha pigliato lo essercitio: dal quale gran ^fS^:^;^^::cS^^ZSÌ 

demente con più facilita gli dilegni de gli edincii ii ci , o ver'che nei proemio settimo jiy 

fanno nelle aree t le diritture delle linie , & le nor^^ l^u r^A^^'"''"!,'^'."" ^^ ''"""^^^ ^^ ^ 
,,.--., ,' pHIDA/cioedil disegnare ne detto a 

me , & arcopendoh ifimilmenteperlaprospettiua carte, f.kttera.cfi come lo primo coy 
negli edifici! da certe regioni del Cielo rettamente ì mentatore di vetruuio dice che nella 

a Z.' r J Tua patria fi difegna co vno iftrumcto 

lumi U COnaUCOno . chel chiamano Graphio , & da noi Te 

rogini come da più altri è chiamato iti 
le , quefto fi vfa fopra le tauole tte d£ 
bofTo fotiU con poluere d'olTo abbrufciato fopra effe col fputo in olTare doue fopra poi loperamo . Cofi 
con effoftj'le odi Argento, odi Rame , odi ■piombo difegnamoo nella carta comuna o nella carta pec 
Cora, o vero in altra cofa : fi come fa ] a calcina impalata colcarbone macenato o ver paglia brufciata 
intonacata o vuol.dire smaltata con effa qlehumida fincrofta fopra la polita parete , doue ii pittori pra^ 
_tlcamente fogliono con elTo Ryle o di R ame o di Ferro far figure .s^ fiori come fuffeno opere de drappi 
Adamafchini , 8i quefto nominamo sgraphiarc : Ma fi la lifciata calcina non farà più che la parete bene 
eguagliata la fuperficie fua dalla inenuta poluerèza in fuperficiale cadidezza che fupera la sgraphita fcher 
nifuracomeil corame masfime delle pcUiccie , chevfano perla ifatia é giouanetri villani nel tcpo de l'in yjaAu 
uerno , ma queftc cofe dal tempo fon tolte prcfto di bellezza .Et cofi vedi come rf»<pu figniSca Scriuere, j, „ ^ 
difegnare, ^ dipingere . CMa la Geometria molti a'uti pòrge a l'Architettura: GEOMETRIA qfta ha '-"'^^^^"'5 
uemo esporto àcarte.f.letfera.D.ql fia la fuaimportanza. C Et prima dal buon mefurare &girardelcó 
pairojCompalTo da latini èiiftrumento chiamato Circmus , da alchuni anchora ànoiilchlamamo fé /^ 
Ito : p che qfto iftrunittò fabrile fa chelcircolo fuo di qkinchc q'ntita fi fia sempre mesurandolo fi cópone 
in fei volte di fua aptura la circófcrenza fua', bene.giuftisfimamcte diuidcdo , & cofi p fei niezi diametri 
fi circondi ogni circolo : Quefto fefto o che vogliamo dire compaffo hauerlo p l'ufo dell'arte trouato, fi 
diceelTer ftato Dedalo . Leggi "Plj'nio nel fcttinio libro àf 6.capitoli : per che di qfto fa mctione , & cofi 
dice . La fabrica del legname Dedalo & in qlla la fega , l'afcia , l'archipendolo, il fucchiello la colla-CoI 
la da pietre &la squadra : ma l'arco il liuello da porre Ipiano pfetto , & il torno , 8i la chiauc The odo-y 
ro : Samio le mesure , & i pefi Phidone argiuo o veramcte Palamede come più tofto crede Ccllio . Hora 
fia il Sefto ftato trouato da chi elfia che più necetTarto è ftato alll mefuramenti di geometria , ?i profpet 
tiua che a qualunque altro iftrumento Ila : petche con elfo fi mefutano cotte le limali - dimoftracioni & ie 



LIBRO PRIMO 

angiijarie cole alle quali li expetn le terminarfonf delle lime 8; dtuiRotil. Adunque p meglio luddare il gre 
co vocabulo %\/>\jrpctf.i,cn,jw. concio (ia che la lettera, r . greca in apertione eli ere di angulane finirà p qfto 
Marnano Capelia nelle Tue disfegnationi di geometria coli dice: Ma qusidok lime dentro da Te parimcte 
, tengono l'angiilo 3i che Parano (tate dirizate , farà detto Direttilinio angolo che e greci t'"9«v p «f/'o» : da 
i qli vn Direttilinio farà caufato: Ma Tappi lettore che più Ianni haueniotrouatohauer' detto EVTHry 
CRAMIS. Ma i*J*'i*. cioè retto & if^i'fH cioèlinia quafi rettamente che conduce le linie . Hora, 
ri accoderai a chi ti piace che altro che fecondo esporto hauemo non ne pare che fignifichi in ^ 
ftoluocho.Adiique Vetruuio non intede altrimenteche dal buon mefurare del Sello fi transportano de pu 
to a punn tutte le linie che fono bifogncucle adar forme all'opere che fare intcdemo : & p che fi elfo me/ 
fiiratncto di far ca minare il Sello varia pure vn minimo fpacio o ver piito , certamente el falfifica la for 
ma adattata della figura : & tanto più quàto è maggiore la moltiplicationc p la in equalita de punti co/ 
me è notisfimo alli expern liniatori , di che fpecialmente fono li TProfpettiuì.C Dal qle grandemente con ' 
più facilita gli difegni de gli edificii fi fanno nelle aree/cioè fupficie terreftre o fpacii apianati , ne i quali 
intendemo fare le diretture delle linie con le NORME, norma/cioè quella che volgarmente dicemo sq / 
ara iftrumcnto fatto come anguto retto , di ferro , o ài legno , qle adoperano II muratori Ci Scarpellini . 
diquadrosaiTopdirizaretelnie CEt Arcòpendolo/ciocqlloiftromentochefidiceil Lineilo di legno * 
fatto di regole , Regula/cioèarcopendolo fatto equisgularmcte óe nel mezo di esTo col filo collocamo il 
Cathrtae perpendicolar'pfombo , nel mezo del quale A rcopendolo dimoerà nel fin del buco carhetamentc conio 
la linea a mouimeto 8c punti lesfcre equale ,'k. in equair Sr limportanze delle linie : Del qual notisfimo iftrumcto da 
pionibo..j operare^ n'habbiamo fatta la figura fopral'Amusfiodi marmo a carte. j4. &ropra la Chorobate 
8c con qfto fi puo vfare in ogni cofa da fare eqle , o ver linie d'aiere che fiano rette & dirette , nel qual 
fia neceiTario tirare alchuni iportanri liniamcnti p terminara o ver continuata dillanza : X cofi per qutlle 
due lime potrai accon pugnare contenere & parimcte fare p retto o ver diretto/cioè p piano ellefo & p li 
nia api ombo/gLàte linie che vorrai, fatteparimenre CTSiniilnìcterer la "Prorpettiua o vero che voglian " 
reOptica : di afta nehibbiamodifopra detto à cai te f.lttera.E.laqleanchoraè cópagna della fetenza 
Gnomonica , fi Conducono alchunilumi con ragione Ja certe region' del Cielo doue condurti fono retta/ 
mente i lumi. Ben d/ce il vero vetruuio pche la natura non da ccftamcte la luce Te no p lo curfo del Sole/ 
cioè dal Leuanre elliuo , in fino al Ponete/Zìe pcio talhora alchuno puo ad vn fuo vicino dalla regione d£ 
Settentrione far che egli anuira 8i chiuda vn.i qualche fcneltra o vero altri risguardamenti, quando p al-» 
tro luocho puotc egli hauer la lucce viua : 8i fi quello Ita rcnitcte gli puo elTer fatto con ragione vno anti 
muroilqualei Greci chiamano aSitriv. & i latini paliprando: p il modo ch'èconftituitò dalle publice 
Ifggi » o vero fiatuti delle Cittan . Ma ancbora quando è p ben vicinare : concio fia che dato vcgha dalle 
regole delle leggi , qlche a tè non noce & ad altri gioua , facilmente è da concedere : s'il cielo del palco 
farà alto dal pauimcto fino fotto à efl^o palco o vuol dir'folaro , da cinque braccia in fu fiano fatte le fc/ 
fctftre , accio non fia facilità di fallire Topra a vno caffone o vero altra cofa , a vedere in cafa o vero hor 
to del vicino : Et effe feneflre fi polTon fare anchora tanto pili lònghe quanto fia la capacita che rcndcua 
l'aere d( prima: ac quello non ne pare che fia da risguardare altrimenti alla longa vecchiezza &confuetu 
dine :p che fono fiati fatti gli diuidimenti de muri , -Se delle fepe , & fosfi , da vicino a vicino : accio che 
viua ognuno libero a ficuro in cafa fua , ^ fopra fi fuo Sic Ma accadìdo che nclli edificii fia alchiin luo/ 
co rriolicato , facendofi tenebrofo o pur di luce debile , conuerra Papere alluminare p alchuni luochi da al 
ro, fi come dice ilprimocoinetatoredi vetru. hauer farro il Puopcettore Donato cognominato Brama 
teda vibinonellaPa^rallia della chiePaPacra di Santo Satiro in Milano, gli quai lumi del Sole dal alto 
diPcendono : anchora fi può fare che p reflefione cclelle dalla viua luce dal incontro p ella refiefione oppo 
{la "ìi inrertenuta in qualche parte atta a far quello effetto : o vero Papere diuaricare o vero PcanParc al / 
chuna apertura che jolTa farà entrare elTa luce , fi come Pono lucelli , o ver che vogliam dire le balefi^rie/ 
re che fi fanno Popra gli reta , daefl"ono lume entro a vn 'altro Pecondario o vero inclufo luoco nel mezo 
de i doi , quello ternario luocho conuien Papere per fimil modo alluminarlo & con giintonnachati 8i im/ 
biancamenn Popra le pareti integre : i quali fono facilisfimi Bi megliori à pigliar la luce del di a della noe 
tecfi p lacandidezzadellaPupiìcie facilmctes'imprimelaluce, ficome accadep ianeuequal volta che 
lieta Ita Popta'l terreno. Quando adunque esfi luochi hanno preso quel reflelTo ne rendono tanta luce che 
ne Patisfa, & esfi rtnchiufi luochi Pono Tempre tcperatl dalli ellremi del anuaPvarlatione del tempo ^ cor 
fo del Sole: Et alcuni di noftri Cittadini da certi tempi in qua in alcuni flretti vicinati Jt che hanno alti gli 
edificii & muri , o ver circondata luna ftrada dall'altra , quelli non folamente Pon Tempre per la acciden/ 
za ombrofi 3c malenconici , ma anchora non Pani « contaminati di aeri frigidi &c. j.li hanno imbiancha/ 
si di fuori le mura de luno .Hi; l'altro vicino , cofi alla contrada porgono leticia ?i a èsfi medesmi & alli vi 
^ andanti. Et perciò conuien Papere la fcienza della "ProPpetiua anchora p molt'altri cafi vnuierPali .Si parti 

culari, i quali taluolra all'improuiflo accadcno : 8i non Papendo diTcernere, parranno proprio effer con/ 
fufi & oTcnramente parlare , St perPeuerando ftar come nell'oscura tenebre : delie quat cole i» quello U.^ 
oro ne diremo. 

CEt mediante la Aritmetica quanta i« 

spefanegli edificii fi fonPume/cioeqn/ _ ,. „ . . . , r r if- J-c 

ta vniuerPai'ta di coTe fi può conPuma/ Et mediante I Artcntiiprirs q"anta Ipela nelii edin* 

re in edificare Pecondo l'edificio cheft eli fi confume «T IrnasonJ rll- mefute fi dichiara 
propone di faie checonfiderare & Pa/ o. i j-or -i- n-'juc • i 

pet'fi può s mezo de i'Aruhmetica/ no J 8C Ic diiDciU qucftioni delle bynitnetric con ia 



**-l 



LIBRO PRIMO 311 

fazione della Geomf crìa & Metho Je fi trousno^ t'c^ la pratica dei abbacho i fare Po 
Ma mol^. hmorie gli fa bifogno hauerVognofciu SS^Ju^^rÈcSaSm^tf ^^ 

tO , chcr fpf (Te wolte molti ornamenti nell opere gli nel eftiemo fine produtta/Come di'© > 

Archicf ,to.i diTeanano , da quali ornamenti per p" à carte. y.iertera. F. detto hafabia^ 

, Il ,,. Z' . i,.n • j LL mo.Et per CIO gli Architettori o altri 

che gli babbl3not<<rtI ala Percontann debbano ren^ reftauratorichehaueranno hautoro^ 

de r'Id ragion? i come ^\ alcuno le Stame di marmo P!" ,^? ^Inmi aiiocarori, o ver patto 

didonneSroIareleqnalirono chiamate Caryatidc fe^'^are -XTchVgh^'ab'^^^ 

per Colone ponera , 8C difopra le Menfolc & CoM operare altri per giornata guadagno, 

niclni cnUnfhfra a i rcnrati enfi oe renda lara!7in<> uolmente , o vero chel patrone dia o 
iiicioi couocncra a i pcorati con oe rcnaa laragioe, ^^ fjj„p j^ materie della fabrica o ve^ 

f o altre cofe da oparfe : ^ fi nò pógano fé no le manefarure loro. Certamcte qfto ne pare necelTario fia \ 

sapere pei- Arithmetica : fi anchora per manifeftare le ragioni delIeSVMETRIE/'cio^quefto vocabuloè 

grfco & benché come dice Tli^nlo non fia in vfo appreffo de latini nientedimeno fignifica la procortiona 

bilconmefurationedillintacon rumcri in diuerrequantitatiSf particelle , le qnai tutte appreHe infieme 

ripigliano ?i raformanò tutta la fua integra quàtitade , che eifa cómenfuratione noi diccmo li bracci. Se.. .; 

ancfior piedi , iV deti o vero once , che in esfi scompartendofi (ìdiftingoono ordina riamenre: comedire^ 

mo 3 carte, per che qfte cofe polTono 'n se producere alchuna difficil quiftione p la equals tà V inequali 

ta : Smaslimequadofi^confumano co numeri rotti & integri «f ponce , Sf patri d'oncc : «Vquato più t 

maggior qtita d'integri & rotti.tàto più e maggior fariga, «bicorne da efTe regole di Aritmetica potrai'ha 

uere via le difficulta cne talhora occorreno in qfte Se nelle ragiói di Geometria fi hàno facilnr.cte co le ME 

THODE/cioècólebreuc vie o vero naturai ragiói : comesaris p la viadelalgiorala ifledaEucUde pof 

bauere:S:anchora da Frate Luca dal Borgo San ?^epclchro:Ancl ora iV.cthode manifelteremc i car. 

ler. CMa molte hiftorie gli fa bifoguo hauer'cognofciiitò. Difopra à carte. C.lerrera.G e narrare quato 

d'hidorie f porta fapere: al prefente vettu dice la caufa t fi con breuita aUegsrerncte narra l'hiRoria, dò 

de fon^cedute le Colone c5 Caoitelli cognominati CARYATIcbcda gli Architettori C6 grande cóiìdera Carfatì I 

tiene furono fatte p ess2piodeglialtri popoL ,oip far p'"cuerare!a magnanimità a esfi G'-eci : come fa^ citte. 8. 

ria anchora raccordare de cai! fimiLf che fono oc-orfi all'età nodra p molti ftratagemati/rioè aftucie / à 

varii duci , a Capitani delli essetciti armigeri nelPlralia,fimilmcte se n'habbia a saper rédere la ragióne, 

CCome fi alcuno le ftatue di marmo di dinne 9to' techiamate Cariatide p Colone penerà ^c.E da fay 

pere che gliahrichi dipoi la fua nobibtadelfabrlcharelecare loro di legname co vari! ornamenti rntagL» 

ti, cóprehdendo ch'efTe Colone di legname o vero arbori come la natura gli hauea|)dutti ooffi p Io drit .*. 

to-, pio gr..ue ptfo che qdi alcótineuofufteneuano.o di focto o difopra fi frsgeuano allicapi U>rov&p 

tale aperture gii posero alcuni ornan)« ti: come a car.c .lettera K.diremcPer chi da qftiimirato, Se nef/ 

le Colone di marnio come in 4I'e di legno alli Capi, odi ferro odi rame gli cerchio vero anelli medes.^ 

mamcrepo'"oro. Ma alcuno de gli Architettoti cóorendcdo'la natura della mnteria de legname di defitta 

neruoiitao vena, «e facile alloifenderfi tlacdofiC corneranno anchora d'alcune forti, di dure pietre « 

marmi >Ihora à fchifare vn tal vitip p Io rrauerfo della vena gli posoro vn tronco di legno fi qle adatta/ r 

to in opera è chiamato Mutilò , che in alcun luoco fi dice CaJaftrello , ben che d'alcuni altri come da n r>£ 

p MESi"JO LA fi chiama , ?i di qfti anchora fufano fotto li capi de ttaui p concordia della groffezza del 

inuro:p che alcuni eftimanoche fia ornaméto del traue come the lamonii.COR NIC IONI , diqftiespo 

nertmo nel.T.lib à car.^f. Letti ra.D.X in altri luochiche Vetru pure gli ha chiamati Corone (n quefte 

^len^o!e fi foleuano nel mezo *^criuerc o vero fcolpire alcune rofe memorande « breue come Tana il no 

me di quelle CARYATE,5f de Perfi , chefi poITon vedere nella fegucte figura i carré R.Ma quelli erano 

comefimiimcre fi cófermano alcótinuo fportare ìfuor dell' humilecafe & fua ti edifica. Si come nel pre-« 

fente achora ftino li Tortici dela vecchisfima Citta di Mutina/cioc Modena/^ di molte altre Citta ^ ter 

re che p l'Italia fono, qfteftanocógiótecó li capid'esfi trauiicauigliatio verd p reciafchunefeparate, 

ma fono gli capi de' traui pol^i itrauerfo&lcMcfoleàliniafi cócordano alaxeo verchedicemofufopo 

fto alcétro della Colóna terretra/cioè qdra o di più catoni/che s'aprouano fi so b£ collocare col Terpcdì 

colo/cioà linia apióbo/fle Libella/cioe [piano pfetro/il che alchuni Archircttori al Dorico modo.chi al 

Ionico, chi alCorp'nthio.chi al Attico &chi al Thofcano p più aggióto ornaméto hano foprapofto aW 

Capitelli effe Méfole : Nò maco difotto alla Colóna béche fulfe anchora tal volta alcune fubftrutte, alcu> 

ne di tróchi Mèfolati so porti, accio c'haueiTe più piano il fermanxto col muro di fotto nel fódamèto : & 

achoradallhumorofità della terra co facilita nG fi corrópelTe lacoli;na..ViniilmrtefoptaIi murellidi Ma 

toni doue (lillano l'acq de tetti, gli poneuano.Ma fatti qfti p:atamcti di colóne dipòi nel baffo: .S'opra ef.» 

fc Mcfole pode ipiano, gli poneuano gli traui, U cigeuano effe habitatiói ftrettaméte cu diligcza qnto le 

parti Har poHeuano, Sotto a luochi o ver d'alfe o di muraglia le pareti diuidcti p li fodi fódamcti Ar p la 

leggerezza del legname,& delle pareti, fatte di gelTo o di canne co tomèto o ver de graticci icretati pur co 

tométo nópmeuano itrauf alpiegare.tTA tpcótati.cofinercdalaragióe. PERCONTANTI/ciocdimS 

dati, vero l'terrog.iti, p ciò che pcótari/cioè che è tato comune qnto il dimadare /alcuni altri Voglio y 

no che pcótarl fia detto da qll-o/cioè qllo il qle e cunofo, che particolarmfte d'ogni cofa dimade:Et ner 

ciò, alh pcótàti/cioè a gli difiderofi.Nictedimeno glia me paje vera origine che fé dice da li grfimatici cR 

pcótai i fia telare & domadare ma nò molto curiofamcte pciiftari p.u.llia p dimadare co dllìgèza , p che 

gllo e tratto da cóto ptica co la qle li nauiculari ptètano il palfo o laltezza dekc^. Et quello fiutati vo» 

g^/ono fia deiiuato da cfi^lis qfi pcdtla ire, Se qucilo e vera ragione. 



IIBRO 



r** - t^. 



PRIMO 



CCary'a'Cftta del Teloponesso. voIcJo vefmufo in qfto fuodio rèHdere la ragione per che gli ArcKiret- 

tori antichi conft/tuirno fotte gli edificii publiciCdoue dipoi s'uforono le colonne :) (latue ò[ donne chia^ 

Cary'ati / mate C AR YATIDE. Narra che hauendo gli TPerf? guerra con gli Greci , gli Carj^ati tra tutte Talùe Citta 

cioè popò tideUgrecia,rebellialialor'grecanationeCONS'ENTr/cioefeconcordoronochehoggidifi dice far 

li di Car/a lega/a quella guerra & aiutorono gli Terlì, Et elTendogli Greci glori ofamente liberatifi" con la vittoria. 

della mortale & fanguinofa rotta che haueuano già data alli Perfiani fi vnirono tutti di comune confi x 

glio/cioèconucKationevniuerfale delle regioni iofo/ff come al prefentei Signoti Sueui o vero Eluetil 

cioè ^uizari dicono far dieta, roppe/ 



Stole/cfo 
e habiti eh 
richiedenó 
molti altri 
ornamenti 
& dgne co 
pagnie fi 
come era 
appreiTo / 
deli Ro// 
mani, i q^ 
li haucua" 
no in vfò 
di portare 



Carya Citta d?I Pcloponefib co pli Perii inimici co 
fcnti centra la Grecia i dapoi gli Greci per la ritto -4 
ria gloriofa , aliberatì della battaglia » per comune 
configlio roppero guerra a gli Caryati. Et cofi prc^ 
fa la Citta &gl'huomin{occifij dopo la diftruttio 
de la Citta le Matrone di quelli menorono per Fer^ 
uè j & non volfeno che lafcialTero le ftole » ne gli oc 
namenti Matronali j accio che non'i'n rn fol Trio a 
phofulTeno condotte, ma per eterno essempio dì 
feruitu con graue contumelia praefTe , per la Citta 
fulTero redute pender le pene . Et perho gli Arch»^ 
tetti che in quel tempo furono , ne publici edificii ói 
fegnorono le loro imagini da fbpportare il pefo coU 
locate , accio che rimanefle anchora alla memoria cj 
pofterì , la nota pena del peccato de^ Caryati . 



ro/cioè bandiròno/la guerra alli Ciax 
rpatì/ inanimati gaftigarli della loro 
iniquità : H espugnata diftrutta & ruiy 
nata la Citta di Car/a , tutti gUhuomi 
ni occifono : &le donne Stolate meno 
reno in feruitu non volendo che le Ma 
trone più nobile lafciaffero gli ornarne 
ti & le STOLE, accio che i quegli hab 
biti la feruitu loro fulTe più moleda , 
>ì£ alli vincitori di maggior' Triópho : 
P la qualcofa gli Architettori di quel 
tempo per fare più loOga la memoria 
della miferia de Cary^ati fcolpirono 1'/ 
magini loro, Còme qua difopra hab.» 
biamo detto , per colonne a softenimé 
ti de gli edificii : per che come quefte 
fono elette 3 foftenere il pefo delle Mlf 
sole , Architraui , Fregi, Cornicioni, 
& con altri ornamenti gli edificii : coli 
quelle inulta loro coftrette furono a 
fopportare il pefo di fi molefi-a ferui * 
tu , dimoftrando gli Greci efTer l'effct.^ 
rodi non hauer vinta la popolare & 
volgar gente ignobile , le menorono di , , . ^ n x. • ,,^ 

tsfi veftimenti ornate , fenza effere fpogliate & impeggiori habbiti. Quelto e in quanto rhiitoria : fmpe> 
rhocheCARYA Cittacomedice vetruuio fu nel ■peloponesfo hoggidi chiamata la Morea , (Grecia & 
non e marauiglia fi li Geographi nefannopocamenrione, p chehamoltisfimifecolichefudali Gre^ 
ci diftrutta :Ma reftaua anchora alli viltigi il nome . Et noi cercando più diligentemente trouato hahbia / 
mo appreffodi Stephano de vrbibusche come vetruuio la fa elferedelTelpponefro/cioc in Laccnia,Ie 
parole dei qle fon qfte.xapua x«f'<>''THir A«j<«,jvÌKH»cioèCarp e luóco de laconica : allega Theopomi" 
po «Jemonftrando che era ruinata, & fa de quefta molti deriuati.PaufauI.a finiilmcte fa de quefta mrntio 
ne. Anchora à volere dare alchunanotitia di Caria fcritta per.i.latino , ^'intende per (a pronincia cf-.ia / 
mata Caria la quale e polla in Afia propria over minore che dir vogliamo: terminata dal setrentrio 
ne II fiume Meandro ,.da Leuante Ly^cia prouincia , da Tónente il Mj-ttheo mare , Si dal Mezodi Plnfoy 
la di Rhodi : & quantunche Strabene nel terzo libro dica chel mare Egeo Bagni la Eolide , la Ionia , la 
Caria , la Ly^cia iV nella regione mediterranea TPhrj'gia , la parte della quale è chiamata Galatia , & elTa 
acquiltorono gli Lj'caonii , & Lf'dii popoli per natura fu perbi & indomiti : non douemo perciò intendere 
chegli parli deila Citta di Caryra che come vetruuio dice fu rouinata , ma della regione di Caria nell'Afia 
minore della quale come hauemo qua fopra cspofto Plinio anchora nel fettfmo a.^6.capitolicofi dice : 
Gli auguri degPucelLi trouo primamente Cares , il qual fu Re di Caria-, donde hebbe il nome Caria re.* 
gione.Et ben che non quadri al tefto che elTa prouincia , fu fignoregglata da Maufolo Se ArtimifiaMa noi 
volendo con diligenza inuilligare di quella Citta di Car/a nel PeloponelFo , da vetruuio allegata. Con-» 
ciofia chegli parli della Citta Se non della prouincia : trouamo vna Carya Citta nellaprouincia di l /eia 
pofta nel Tolomeo nella fua Cofmographia a quinto libro capitolo. 3. tabula. 4.Afiff a gradi.éo.?^. ? C. la 
qual Citta risguardandoalMezodi è bagnata dal mare L/ceo.ne anche quella^ nel propofito nollro ben 
che para eirer'nellitica Grecia Secódo che Luciano allega nel fuo djalogo doue trata d'amori dinerfi ^c. 
Non dimeno haucdo noi detto tutto quefto per satisfatione di qualiichc fuiTe Cupido fapere doue fufle la 
predetta Citta di Car/a, Serbamo alla volontà de glialtri quel che pare a loro di credere, over più per, 
fettamente inueftigare.CStola. quefto vocabulo variamente da molti preclari fcrittori è ftato detto ,51: co 
fi da gliespofitori variamente annotato : Nonio Marcello dice che ftola gli antichi 'non folamente vefta 
hone^a , ma ogni cofa che coprifse il corpo chiamorono : Ma fé difideri fapere i nomi delle generation! 
delle vede leg^i le cofe raccòlte da Nonio Marcello nel luocho alleato difopra : perciò ch'in Greco 'tì' ah 
fignifica veftimento longo fino atcoUo dei piede.Ennio nel Teleophone cofi dice.do & diligentemente attg 
do vno , intorno veftito di fordida Itola, varrone nel Cofmorone cofi dice, vedrai vnaltra donna conia. 
Stola amantata. Il medefmo in.eu.vna parte delle donne adorna la bella Stola.Ma Tapia cofi dice, «Troia 
è vna vefta che fi mette fopra l'altre: Ilmedcrmo Recinioin latino Iha chiamato per quefto è appellato 
che la meza parte d'en"o fia gittate a driero dal deftro Iato nella finiftra fpalla il quale il volgo lo chiam* 
mauorte , quafi fegno maritale ,& è vn matronale portamento &c. Il medefmo anchora dice che ftoJa è 



cmTOLO PRÌMCr \LÌ « 

rlift^ gcner.lMciic df ueftimcnto bianco sopra il tìipò%8c U mfM parfed'cflb seaf «gufa in «/io. lì qtisìefnttito 
tii» qui fi colise fi dipingono le matrone apoftolice; & come le donne Vene«3/ie,FerMreie,& Romane . Ouidto nd 
libro de rriihbus cofi dice.Hauemo rimoffo tutre da qucfta rigida arteje quali |.i stola lecon(lringe,& la piglia' 
ta iie.t.i il uet.uMa quel che iia «jrola uedi anchora Herodcto di greca hifforia padre, doue parla delle dóneama* 
* zone.C" rrionipho Aloe publira pompa con gaudio auanre al popolo conseguita, come fcr soleuano i Romani 
j.: per la mtroria alle barraglie de minici ,onde il uincicorenon solamente era laureare di allorcma €on gU tffimi' 
' ci prejioni nella Citta entraua & le fimilitiidini delle terre & Citta & anchora l'altre cose,i rriomphi per ta dol 
ce,Tz.i della memoria a quelli che dopo loro iiQiissero,& ancho negli Archi triomphali di marmo gli ^ccuano 
y Scolpire: liccio che & in Roma & altroue fi uedeiItro»di quello anchora hauem* detto a carte una lettera. A.CCo« 
rjmelia.cdctta contentioneo uero uitupereuel dispregio perche fi fa di parole ingiurioseper il piu.pRE55E<ao< 
grauate o uero condannate 8c conftretteperpetuamente alla seruitu/Contumeliatore,come Arinotele nel secondo 
de la rhetorica dice fi chiamano quelli cne sono superbi & delicati , & quelli che fi atribuiscono o fi presumcno 
più che non sono,i quali si gonfiano per la moltitudine de lepolfesfioni & ftimanfi come fi pofl!tdea«io tutte le 
cose perdo che Io parepoterse con le proprie ricchezze comparare rutti i beni di che la terra e abbundante: Ancho 
ra li medefimo Ari.totele coli dice^Sono molti i quali manchano d'aiutorio a quelli c'hanno le ri<ch•^^e: Onde 
i e scritto da simonide nel titulo de richi & sapienti die ala moglie de Ierone)quando la dimando qual fuflTc me» 
_ glior cosa o l'eifer' riccho o sapiente) fu respofto ueggio di continuo gli sapienti a le porte de ricchi. ì coftnmf 
Ls de le ricchezze fiememente sono coftumi del felice & del pazzo.Ma Contumelia comedice Cicerone e un mal dire 
« con ingiuria & uillanamente detto.CPwdo' lepene/cioepatire le pene/Ma e da sapere appreftò di queptimi an 
ricbi neifuna pena fu saguigna fi come due scruto nel sexto:Ma erano códannate solamente in alcuni greggi d'ar 
menti : Poi trouara che fu la pecunia: tutte lepene furono condannare &aijolute a peso di denari:& per enei mal 
fatturi non contauano,ma pesauano esfi denari: Auuiene anchora ch'infino nel presente tempo fi dice pendere pe 
na$/cioe pfltire lepene & quafi pagare il debito a chi fiamo tenuti/Benché hoggidi fia pena corporale o uero per 
maggior attrocira,sangiugna«mortale.CLa notapena.Notus quefto uocabulo benchein uafiiraodid'alcu# 
j no fi piglia,nondimeno in quella parte fignifica uolgata a tutti o uer cognita percheper le macule e subftantiuo» 
come e in Suetonio parlando de Cesare che hatiea come le ftellederOrsacelefte nel petto disparse leq naie le chi» 
ma Note genitiue perche nascano alcuni co fintile macule. Era adunque nota la peu^idela seruiru de le matrone 
Car)r.itide.Oh mente humana che non sa cófldera dóde nascano gli scandoli & le guerre"; Ma eflèndo che fia dato 
dalfloUro Signore ,£esu Chrifto effcr di necesfita che'Hcngano gliiscaudoliipur diremo guai a iquelli huo> 
mini da i quali ueiigono gli scadolt. Et anchora hauemo da Arili, nel primo ddla Politica chela uirtu Se la ma 
litia determina gli serui & i liberi nobili 8c ignobili. Ma chi ad altro seruenon epe se sufficiente. Vedi anchora 
ledechiarationi dei lurisconsulti.Dicendo che in ogni Citta seno tre specie d'huomeni/ cioè ricchi, poueri, & 
mendicanti /intra quali megliori sono i mediocri :pcrche il mezoseinpre e megliore, come anchora hauemo da 
Arifto.nel secódo del'Etica quàdo cofi dite. fi principio cpiu che'I mezo del tufto/& anchora nel quinto della 
politi ca.[l principio pare che fia il mezo o uero più che'I mezo del tutto. Nondimeno Efiodo conciofia c'habbt 
scritto il mezo più del tutfo.ncl libro del aualeeil titolo tfY»t^'lHHif*ì » noe dell'opera & del di' fimilmente 
uiiiucrsal seiitentia di tutti gli Crea e quando cofi$epone'»<»»(i(«TiTj<»«/.T«»wx; dal quale se raccogli,il mezo & 
moderato eflerpiu che'I tutto difiderato nella sita:cofi anchora fu la uolonta di PIatt)ne,& di molti altri sapiei» 
ti, A quello propofiro anchora nel quarto della Polinca e dal medefimo Ariftotele cofi dato: I mediocri Cittadi' 
ni pi u preilo fi saluano nella Cirta,jperche esfi non defiderano le rcbbe altrui come i poueri,ne glialtri poueri df 
fiderano la faculta d'esfi mediocri,!: impero non Patono le tnuidie,& non fanno fraude» per laqual cosa secura» 
mene uiuono senza pericolo:iió dimeno per la eqlita 8c inequalira fi fanno sempre segrete mfidie:pche la Citta 
nò e cópolla d'una parte,ma di molte,delle quali una parte fono i cótadlnitla seconda gli arrifici manuali la ter 
za i mcrcàtiila quarta quelli che fanno incende per i tribnnali doue fi rende ragione, la.V. gii mercennarii » la.tf, 
gli sùldxi & armigeri i quali nelle Citta e neceifario che fiaao»s*esfi cittadini non uogliono a gli inimici serui# 
re.Er er che senza giullitiaeimposfibiletta legenti uiucrc,funece(I5rioagIihuomii>i sapienn condiruire Prin 
ctpi& Rettori:&cofiemegliofignoreggiarea glihuomini ftudiofichea molti altri:Macoflciofiachcla giuftì/ 
ria s'operi crudelisfinia co le armi. meglio e che la Citta fia retta per uno huomo buono^che per vna buona legge: 
Wa parneche fia felice quello il quale tutti sa concordare. Conaofia che Pcrfio sententiosamentecofi dica: Mille 
specie d'huomini & l'uso di forme delle cose,Il uoler suo e a ciascuno uario &non seuiue secondo un defiderio 
Bolo:Et perciò comepuo quello farfi se nella concordanza di tutti non seconuengono:& effendo ch'ognuno fi reg 
ga secondo la sua Uolonta e necClTarto cke uengano gli scàdoll per le inequalita degli pari.perche doue e la mol 
cirudinciui scmpreela confufione Etper quello alcuna uolta e salutifero il far dellebartaglieacrio ch'in pace 11 
tiiua:Ma la battaglia con i uitii.& la pace con gl'huomini di buona uolunta bisogna d'usare,& per cto Arillo' 
relè ne l'Etica sua dice che bisogna i buoni chiamare alla uirtu con i premii,i mali huomini con la pena,gh llol 
h & poco ragioneuoli totalmente cxterminare.douemo anchora sapere che ogni maleporge uergogna,& ogni be 
ne da g.iudio & letuia:Onde a tutti una salute fu trounta nel mondo» cioè premiar le uirtu accio che porelTeno do 
mareò uero schifare gli octofi uitii/percherdio glorioso nefluna cosaneociosa, ne u.ina,.'iie indarno fecenclla 
natura hor fia adiique fatta la uolonta sua.Ma efftndo che fia dato & permefTo dallepublice legge potere la ragio 
ne effer fatta con l'arniuparnecóuenienfecosa chei ueri sapimtisfimi noftri maggiori Principi co la fua humana 
anzi di uinamen te debbano saper farein tal modo tra la indomita gente della ferrea etade che poDPa Cpfr domita 
te buona^ peruenire la etade d'oroslaquale sempre iì può reiterare chi uole:perchegli secoli d oro & beati sono 
dalla bonra de Principi come gli ofcuri & tenebrofi dalla improbità & mgiuftiric de riranni:& pcio come cofi 
ebnuienechecolnuata fia la terra de frutti boni & (lirpata da nociui:& nò lasciare abbùndarei uelenofi Serpenti 
come de gli afpidi Si Bafilischi i quali co i suoi peltilcntisfinii sguardi fanno nò solamente glihuomini morire 
ma qualunque animali icofl e conuenimtc scacciate glihuomini pesfimi &rdpiu che Demonii, a olTeruaticn* 
ài qu,cl che s'è detto per bocca de prophcta : Caftigher9 gli nimid miei . conigli ntmici miei . Et per/* 
«fo gli Archiretttori che iù quel tehipo furano» dwejtjgxoiw ae public» ediBdi rimagineloro»aiopporw> 



LIBRO 'l>t*l 



^RrMO 




CAprroLo 



PRIMO 



teil pesò eoIIotì''e.'Scflo che rimaaeflTe anchof a nlh ftiemorfa a quelli che ueniflbn'dopcjla'notà pena dd pewà 
to de Cary3n:<luelìo« quali p dino wrc,U come andiora nel prime della Enei da Virgilio còfi dice. Che mentre 
Enea m nel Tempio grandisfimo» Risguard andò aspettaua la Regina , tt per la man del pitcor fi bell'opere. 
Et la teIJcitate qualein Roma >Eirer<louea,il OifCo intra sefteiTo ,Pien di ttuporgiua conhderando; Videordi 
nanamente le Troiane, Pugne, con le battaglie di uolgate.l a fama in tutto l'uni uerso monde: tt mdeaacho/ 
ra & l'uno & l'ai reo Atride, Priamo sfortunato e'I crudo Achille , Et al fido Acate suo piangendo diJ^ : Che 
luogo sarà in terrao regione; Che di noftre fatiche nò fia piciia: Lequai cose certamente anchora fi douerebbo» 

fio otìeruarc&masfimamenre peri palagi de ^;lj grandi Heroi,& Capuani chele gloriGse,uitcorichaiiuo oc:e» 
nuteper firaiglianteessempio,comerhabbiamo jegnato di lettre. A . B. CEt perdiesnchora si pollane sa# 
per dare le forme CdalU sopradatc figure di donne) ;ille tolónccon Capitelli & base in altra mantra da quelle 
imitare farai come uedi nella ps ente figura la ragiouedella narura Dorica per le lettere.CjD.A la lonici.E.ma p 
che se nò Jiai la e ognitione la poifi hauere* chiar amcore có ptendere in qoefta data figura gli fi darà la forma 

e'I mòdo che tu debbi tenere & 
accio àchora auucrtifo cflcr pcs 
fi quàdo legger.ii a car.85. la m 
uentióe de le Colone & capitelli 
che fi posoro al Tempio de Dia 
na,eccctto i fogliamcna & ti tu/ 
licheinteftaaquelli si fanno» 
& Volti o uero tUifi [che dir uoc 
glianio dcle uergiiii co i uaghis 
fimi ornamenti donili. Impero 
che Vcrru.fofi ha detto a car.S? 
lettera .5. nel.4.1i. Dipci finul 
mente còiti tui tuo la chiesa a Dì 
aria ccrcado una specie di noua 
gcneratióc: & co quelli mcdefmi 
Mettigli alla fcminile sutiglieza 
la tràsportorono.Etpnnianien' 
te fecttio la grof^ez2.i de le colò» 
ne de la ctraua parte del'alteza 
& accio c'h^uEsftno unn sprcié* 
f lu alta nel fondo della Base p 
lineposoiiolaBasa: nel capite! 
lo le uolute fi cotiieun capilla/ 
mento cócrispato& rauolto giù 
pendente da fa dcxrra & fimfita 
gli tolloccrcno : & co 1 cimatit 
& Encarpi nel luogo dei dispo 
fti captili orncrono le fronti: 8c 
a rutto il trf.co de la colóna|fero 
Ho Icrcancllature fi come pièghe 
de le ueUe al cottume dele matto 
ne dóne le dilfcscro. Et p tato le 

(ime colonne &capi(elli di que/ 
in fpecie erano di matrone ò 
,ucro ucrgine d'efsa Diana cofi 



~Sr'*Ì?~^^i# iftatuite". Marauigliamoc" nòne 

_-_^V_ liiiij^L-i-z iX fhauer Fly.df tto.Ma glialtrl Ar» 

chitettori nò uolfndo chele uè/ 

Rt& iì posare delle figure cccu/ 

ggy^j^^ '.jy i « r> ' ; » g<? s^ '" -g ^j »;?'-' j-aay j yjg p a s fcn o fato d'aiere?le fimutc 

•^ - ' . ■ ■■ . rono& leredufscno quadre co 

me sono kscancriate colonne 




'5P''»^5T^?553;5;^=n>^5y'y^^55:^!^^ 



'-■W*r-Ti.c^»;|^??-3T^' 



Corj'ttrhfeuecchisfìmcdi sarò Lòrenjo in Mifanò chef ma f! Tempio di HcrniIediceusncMa -gli fecenp a quefte 

im npitel/o ornato co la bcllisfima Uaix o uogJia dir uo'ro di dona oppofta ucrso i risgiiardnti, & l'aiere del 

canedio/rioe luogo adcntrc'come uedi esfe Colone se/narc. n.E. &al collo unomunileoucro alrro ornanicnto 

i! lìJependeua su la colóna comeimitaro dal collo f* petto di pulzella c$fi torquei co gioelli & buie ornamenti: 

poi que^fef jpra il capo/cioc cJpirellc/ & f rto la Mensola h:« ^euaiio una tauolell.i & unn Ouolo Ai fotto rome 

ima CTarera coperta d uno Abaco Dorico ad modo che uedi !a lettera.C.o uero il Ionico segnato.E.qualeejjorio 

come hano i Capitelli legnau.C.D.di Diana prcdm.KEt pche qucfte matrone Carjratf erano flaruite con le braccia 

•nhari al ouaro. caru?o o uero al suo letto Batthearo:cofi da qfto suflcntamento fnr ricauati que legni che i ncftri Baltheì^ a 

chiamano braccioli ouer sci re: Come qfrt a l'incórro di.F.se(^nari.G.& qfteanrhora s'usnno nelle colónedi legno cnrte.8>. 

i qli neflc diit;itie Areoftyle h:ìno gU seguitati trau!:& cofi f>jtro gli sportati traui i quali feruano il luogo del'ar Areoltj'Ie a 

rbirraue fi come ueder fi posfono doue ró collocntijS; come ri dimoftrano quiui le figure di.H.I.sorto le qtiai co/ carte. Tt. 

Ione cominnorcno a fare leBase belle (ì rome ue:5i a le coIónc.K.L.M.sopra le qli ( h anchora ne pilalhi de le [-3/ 

se^ fi soleuano scriuere le publicc lodi nnchori le colpe publice & pene meriteaoIc.Et fu chiamata .^tWographia 

da»''HAax. cioè colóna o uero ftaru?,'aqualefi faceua a 1 sepolcri a sullentamenfo co il riruIo»TA'i' A» »!./<. ^Vi»» 

note Aloe pingcndo o uero scriiicndo alcuno d'infamia noro.Scolpifco nella colóna in lumperio d'alcuno»ove 

IGcógiutucótia di alcuno «Ti AiTKs.cioc noto d'infamia <!<^ta(ì^i>«^idi. cioè cóla dimoHranone del UColo* 



^ LIBRO ■ PRIMO 

CN ON msutho gli tàtohìcì/rioe popoli di lacotlia i qUàlì hoM La(C<Jemotni,& per ptimiSpìttAnl fta-onS 
chiaman'& fi come narra il darisfimo hiftorico luftinoiQ. uefta e pfcuina-i di LicaoniaJaquale dipoi fu cdiftf 
caca da Lacedemone Re de la Grecia figli uolo di Gioue & fii cofi cognominata dal suoiiome, &.la tura metro/ 
pclitana & rutta la prouincia>Metropolitana/cioe dominatrice depiu citwdi.Ma alcuni faaiio scritto che 1 prt 
mo Re dei Lacedemoni! fu Arifteornondimeno saper quefto a noi poco Bpparnaic.Hora hauendo cetto V»tri| 
UIC del portico Cacyato che ferono i Greci. dice no niancho degno di memoria eflf re flato quefto che fcccno 1 19 
•onici a memoria di Pausania.Suo attorco uer difensoreo pur patrone& Duca de 1 csftTcìto d Hrme:qu(ito^i? 
figliuolo di Ageftilcpolido:ben che alcuni tati dicono Agesfipclidos . Grande fu certamente la lode di qurftg 
Pausania:& da tenala alla memoria,ma d'hauer gran meftitia ne l'anima della sua miseranda fine,per eie n.^ 
umdo tiro Pausania conquiftato aliai paefi alla republica de Latcdemcnia, & appreflb alla Otta di Platea iitjl.i 
Bcttia a campi Matratonii come dice plutarcho nella ulta di Camillo hauendo uinto Mardonio Medo geiitro 
del Redi Perfia>ilqualeiui uennecon grani configlicri, &potentisfimodi cento niUiahiiomuu pedoni, &.oia 
temilia cauallieri.E cosiquita la uittoria & hauto il folenne rriópbo,comincio ptr laa di nifeani a tratt;,rt di 
matrimonio con Xerse Re di Perfia,ptr uckre^a grado maggiore salUre : o uero per alcun modo sdegnato con 
gli Signori della Republica de Lacedemonia: mando occultanunte lettere al Re X erse per un pregione iionima 
to Congio di eflb Re amico:alquale co/ 

r„Sm1r.fSS™C'*S!' NonmancogI,Laconici,_alDucaPa,,famaf,g!ioIp 
Bizantiao Ulto Còftanrinopolitana nel di Ageitilepolicioper Jo cobattimetodeila pi;izraco 
la patria sua : doue con altri molti de p j^j supcrorono uno infinito numero de Per 

Perfiani era retenuto;hauendo Xerse ri/ t_ .0 . ,t , .,_,.,, , , • j 1 

teuto lettere con speranza al suo cómo' Sianr.dlpOl Che lU Coieguito li 1 riopno Co glena CiCle 

do potere ipregionihaominicarisBmi spodje&prtde . il portico de Persiani dei manubi! 

a lui nccmperare:diede a Pausania per r ìP • . % ori J J r^,.j. J- . I . J il , ;»• 

Artabanosuofideiisfimo.expeditares dalla uirtiTte Klodcde Cittadini : il segno ddla Hit 

pofta : per la quai cosa ftaendo allegro toria per tropheo cóftituirno a i pofteri.Et ini i simili a 

Sl'Ì2a"SrnifSa'usS^^^^ Cri depegio^., Col Barbarico ornamcto delle iieftcjà 

dalla mehtare armata di mareriuoca' superbia punita delle nicriteiiole contumelie, a sofre 

to&in pena capitale mutato, auaidj nere il tettole colìocorono: accioche eh mimici s'ini 

poi in pena di den.iri trasmutata:* no . - . 1 rt 1 r ? • -^ j- ■ r 

molto dopo ego Pausania di propria pauri^Ieno per timore della lor rorza-&: ! Cittadini ni 
iioUìta a rexercito ritornato paicfo po' cuatdado l'cscttipio della uirtu,8: có gloria in candi 

co prudentemente li caso suo:nel muta/ f r n ^ >.• j/a: 1 1 r 1 t ^ ' r-.. 

rech'eiiocó sua famiglia fece del uefti ti hillono parati a diftendcre la lualibertnoe . tt COSI 

re,dei pariare.dei màgiare, del coftume da eflo eflinipiOjmolti hanno coHocatc Ic (laJuc Per 

f'^nSSaolr^^Taer^^^^^^^ ^ianeche fuftégono gli Archi traui gcloroornaméti: 

per laquai cosa fu con gli Legati di La & cosi da quello esempio hanno aggicintc le egrcqie 

Inl-l'^r^r" Hr?=fn''''^'^?Jrfn?/^'[iJfe "aneta cò l'opere. Sono anchora aftre hiftoric di qu« 

anciiora co deiiarucome prima poterle r . . , , i- t ^ t • 

rac.mparare;non dubito nella suapa/ ite medesme genctationi : delle quali agli Architetti 
ma ricorii.;.te.M.i gli Rettori o uer giu/ tenerne la notitiac di bifogno . 

jtiueri molto di tontrariamente5conian o 

dorono fuffeegli nelle publice prcgioni 

nieifo.DJpoi lasciato effo Pausania accio sua difenfionefar pote(Ie;ilquale confidandosi in Ar?il!lo suo scruo' 
del cui se n'usaua,cerco occultamente de mandarlo ccn sue lettere ad Artabano:Madubir.indofi Argilloiinelfc 
lettere non fuBe scritto alcuna cosa centra di se (lf|lo,per il che portandole cadcfffe in alcunn in(!dra,le a):,CTsc.& 
non ritrouando dijse alcuna cosa>ma solamente de fatti di Pausania & Xerse apartencre Io scritto : cifc ericre 
fimplicimente diedi alli Retton,i quali aftutisfinu,temendo il ualcr di Pausania & q!;elIo uoloido tiinccrf,or 
dinorono cautamente che Argillo fuffeinipieg/onato dal Giudice nel Tempio c!i Netuiiiio apprelfo al fcnaro 
promoiiroriosolita pregione delli rei,cht molare non era lecito secondo di Icr Greci ordinnmenro - aprcHb al 
qual promontorio fi dicetlfereil profendo discendere dell'interno al centro della rcrra/umuto adunque il Gm 
dicecó Pausania ikI prencnanato TempiC5& sedendo sopra raltare,dentro dal quale era Arj:ino:& fotto ad 
elfo altare (in luogo occultamente fatto') ftaendo alcuni de Rettori > sentirono Pausania ilqualt h.^uflIa inteso 
eilcreiui retenuto ArgiUoiche a parlare con elfo giudice era uenuTo'promtttaidoli premin grande se di quefto 
caso suo non parla(Ie,&gli prcftasfi aiuto accio fusse libcrato:gli Rettori pensando nella Cura quellr meglio, 
poter' comprendere,ritoniorono dal Tempio manzi di Pausania,& pausania scguitrndoli de pr ce gli suoi 
seguaci» nella uia perle risguardarcil uiso d'uno degli Retteli ilqualeamonirlodifidcnua; ctgM-lI e k Io/' 
ro infidie tendere alla sua propria morre:Eta pochi pasfifuggi in una chiesa di Mincriia : gli Rettori rxao ih«, 
Pausania non potefse fuggire subitamente aturorono leporte d'efsa chiesa & discarcato il tetto rato più pre/^ 
fto hriuefse da perirefu lui bruttamente ncoperto.Et fi ^ii quefto uorrai più ampia & maggior cogu'tK in !<gg£ 
nò solamente Valerlo Maximo nel fccoUdo libro, ma precipue Emilio Probo il qual piularganiaitcla ulta dl^ 
quefto ha scritto. O uanita humana in cheti riduquaiiti neson già diftrutri rhcerr.no anchora maggior Signo ' 
ri d'efto Pausania per fimigliati uitii & superbia del dominare: Q,uefto e quelle che gli sonan lictisfimi in/ 
ftrumcnn uso in battiglta per tenereglianimi nel combatteie accefi,& uso portarci ucftimenti rosfi a i snidati 
suoi accio non s'auuedessono de l'un de l'altro le ferite: Q.uefto e quello ch'ai Delphicc Oracito dono 'i( 
Tripode d'oro con Io Epigramma cofiscritto.Sotro loefscrcito condotto da Pausania esfcr' i Barbari rotti 
&lracaffati appresso alla atra di Placa, potemo adunque conoscere essere nero il prcuerhiochcsi dice. 
Viue a te uietfefinio & fugge di lótang l nomi gcadi.Maaubu/ooe bucini fatti deh; bagaglic de le gf nri d'anni' 



CAPITOLO 



PRIMO ^ 



19 



e 




porfauAno i« pn 
.. , '' f'"iria pie* 

, ^ _, -, - , ,- oIpKepcipcruanu~ornamenCojficomfuèdniti fregi inane/ 

fichj{ua:.CISin)Ui.Kn'ayelehguredepregicmceprniapaUchefi.noftwtiprcfi-A'deiRctl^^^^ 
ccmeiieHebasecon pufice attere ii.,bbi..mo sacco i nomi ioro.CMcmteuokCcii.unidie. cdccto a cutt.S. lec 
^^1 ^"*^^PP'^'"^^*-Q h-iob taiiioajfigurafo cug dui gr.-idi & i 5imuL,cri deptcgioni,Jlqua!e ♦Barbarico orna/ 

-«- ""^.iitntu nò tro 

iQctì>Hrw?««E«^««^v • ^£5À"ATV£DEPREG[0NIPLArAN£N umio scruto 
»a 6B^>>fc :w< ywsy«g s6l \ 5Un luogo di Colouae ^cftentnrere ncdìiruncce 

dificiu de] Duca Pausniiia gloda [^ utdeino p 

dcLicoijici. IR- leu.,ne .mti/ 

iCÌiert;itiie,ma 

jt'ise bibbia'» 

nio yfiìgura' 

te cxci mando 

pciccrfi fare p 

piiiuaricfoi" 

mecumepes 

so portico fi 

dinif^ilra )ni' 

era. N . O. P. 

Q..S. R. Gì 

siiliciiuaenti 

àc recti sopra 

del capo se 

nolcMcfisoic 

pclic Vttr. ha 

detto dopo £ 

C>ifi;iti?qucl/ 

la parola, nò 

mancho qual 

Q. -fi deuc Inter,/ 

'jdtre, non era/ 

no di manco 

softaitamcii/ 

to quanto ql/ 

IcHira Ilota 

che qutfìeiia/ 

nofta ? in. Ita 

ted.iqlIeCa* 

rj'atidc;Main 

tra !e lecere, p 

r.V.X. collo 

cati hr.biamo 

di qllx Si mu^ 

lacfi che so / 

- (tengono il tet 

'to accio si tal 

{uolta ad a! cu 

/iiop^ncesfeco 

\rt da apltenfr/ 

Ifi: Ancora esfo 

Ihabumo pò/ 

|ftoinvn'al^ro 

|mododi p!U 

lornamcntG > 

icome uedi in 

'i qaali ftàno 
Imcglisperlo 
'sporte Ci di/ 
Ili deiicl Corni 
|d ne. Ma le 
iosse&Merho 

^'phetri.pheate 

um sopra lespcr:-.;tviv;ciuoIcU q;uil coiuuue lujd^. ài AÌ^Dutic^ tnimr:» Si Ali ionica ■^c.Etro 
fi,^,ielii s^^tii.aa uaa colowis & l'altra & s^^'irc'^"^-'^ lioo putrany woifti igpttate,ne aachoti i^'Cn far bellcj 
»uiJjnnJmiuom i mwuVoT- .^ 




,ì' ' r^'V.; ^,V,£^/Wr^^A^M<i^ iiy>y/^yMi^m m miW/^y/ ^^ 



S' 
SofteriQiuj! 



r-<^^è*^. 




LIBRO PRIMO 

fi PtiitMlc Fregio : & 5?It Archfrrauf & Ccrindotd & polirf & liso o Ufro fnraglian di solito orni^mento gli pò 
ttìii fare clie sporfino tri una uguaglianza. 

CMA la philosophia fa I*ArchiKtro>-e d'animo grande: Pensando che la philosophia e ucmmentc ^prio la ma/ 
dredi tureleuirruo5e5CÌeacie:comcgIi sapienciifinu scncrori hanno labci.irolcuieniorie.die curtet ,i!rre niol' ' 
te scientiesenza ella sono senza arnie:tlfa^>priamenreeqllaihc fai corpi &gli :inimi deglihiìoniuu Iibcri,& p 
ierci di ragioni senza dnbio fi sa chcqfta ucramenrefa & pno f.irerr.isnvutar glianimi,& inold .iltri mcraiuglio 
fi e(fi;tti:& chi rccraniciitela sapra confider^re trGUcr.i in la la iiia della ttliar.i nuntrcaltri cin uira & dopo inor 
te;onde la phiioscphia e (fata lanciata al sumugrado:£r perdo queilu Ardiitetrórechecif.i s.ipei\.,nelk disputa 
ritmi & nelle eccellenti opationi puerra in annuo gradcfi Et ch'egli nò lìa aiTog.itedcenù s'alzi in sU;. hia l'Ar * 
chitettorco atramente chi haueraqucfta diurna scienti;Mió p altra uana adulationefi e«imera mei n rare elftreas 
saidapiuch"cglinóe,pchealleuoltesonouanaglori(jn,il qua] segno nnsce pai plfo da un ramo di ftuiriria che . 
di sapienria.C Facile'tioe humiIe,piaccuole & da eilcr domatolo ucro esorabile & demente co ira placida &. ma 
sueta.CFidele'cioeamoreuoIe,reut.rcnteouerofignifica propriamente eifer' dedito a coftumi buoni della legge. 4 
C Auaritia: qfta neramente e proprio la mane di tuta i maggior uirii del mondo : eifa chi rettamente confiderà 
fa ;,.',lian'mi de ghhtiomini più infelici» t- r i n i- 

thcneifuno altro uitioii'auaro nò ama di Ma la phiIosophia fa l'Architetto d'anitno gradc, 

buonccrcmainegiisu&i nesefteiro,&ue nrinni"!? Trrof^atn Fi nin nrplTr. firilp firlrl*» A' aiii 
fifimilmentenó menta nepuo effere da al P""" "^ arrogana iX piu pre Ito tacile noeit & ^lU 

tri amato:& ucramentc.io auaro ha pasfi' fto scnza anaritia,che e cosa gradilisma'. & p tanto 

on' grade ne ranimo.impcio che quanto nefluna Opera neramente scza fede SZ caflita si può 
CU! uienriccho tanto pai e ingórdo aua/ S • j t t i i • i, '- 

ro:&: chi e in qfta auidisfima ucragined'a fare ne Liolc Sia desideroso, ne habbia ranimo occu 
uaritia gi'intcruicn che laiTa tutto l'acqui pato in pigliare presenti, ma haucndo buona fama, 

Rato co rena &niacamenro del ammaina ', • ^ *" - i j v ^ i t 

senza goder mai quello chepoffedc : onde CO granita cciscrua la SLia degnitate: Impero che cjue 

ueram'ente fi può dire cupidità di mifcria, fte cose la phiilosophia le ha pfettamcte scritte Ar» 

fr°ciUr;'Sbi:er"ottra'aitÌ choralap&lolophiad,ch,aradel!anaturadelleco 

trafiroria del mondo-nó fi cótentorono se fé, che in cjreco si dice «jiuf ioAoyi'« . laqualc c di neceffì 

non di conoscere la diuinaessenria,& afa famediat'^lo ftndio hauerlaconofciiita ' perche ha 
ticoroiifi p conoscere la loro anima & ni' , . in- ^ r 

teiiertc a eifa causa ddie cause & ^rao mo itioltc 82 Liane naturai cjneftionr.come ancora SI ran 
torcquaieei'cnnipotenteDio. Deh pche j-jo^ j códucimenti de l'acque, Si a i corsi Si nmramé 

duqucdachcpnoi ilRcdcntoretc^nodi/ ^- «^ n -J i ^ • i- vi r 

fccfedaicido.iiqieneha datoiauia&ue ti^Kallo arcopedolato piano agli cxiti le torzc na 
ra luce pchenóseguimò gli suoi comada turalihoraa unmodo,hora a un'altro'alleofFcnsio ^ 

■ 'Sn^en£i°:^::^^fS'^£ "i ^^^ "elTuno potrà medicare seno chi hauera co 
fi p.io fare. Fede potcmo dire senza piu 15 nosciutoper la philosophia i principii delle cofe de 
go e^tenderf; Io amoreddia cócordin del j ^^tura Et similmente qnello chc di TesibioA' di 

ni(jdo-Ia'iiceltnraindtaco la fperanzadi » i- j -ti •» ' ì-, i ■ ^i ' 

fiacnire al difidcrato sperare che non fi co/ Archimede 1 libn leggera , o ucrode glaltri c hano 
prende il fine; Ma secódo e detto da santo s^ntto di amaeftramenti di quella medesima gcoe 

Gregorio &. S.Ambrofio-la fedeenfcrevna ^ • ti • ■' • ^- j J- 

spcriza di ponidcre& fruire lecosenó uè ratione,come essi libri non potrà mtcdere se di quc 

dure.Ma scm : caRita non fi può puenire a (Jc COSC da i Philofophi non di farà mfc^ttatO. 
neifuno sapicnfefgFcrto: andiorachc qfta i o o 

para innnica dcla narurilecócottione-.nó 

dimeno chi la può f per' concfccrcla rrouera amicisRma:[nipo ch'cifa e il freno di tutti i uit'i del corpojtcgula 
de l'anima. & io : cumcderintcllctro^Iaqualcnefa intenti agli eruditi ftudii& córempIatipni.CAnccr.i la phi, 
losophia della nntura delle cofe che in greco fi dice C^OjioAoi-M^fioe parlare ddc cofe naturali la qk in greco e det 
ra 'j'ffVrchcin latino noi dircnatura.plaql cosa fi dice phifìci aqlli chc di qfta ftudiano-chcpci nengono me/ 7j 
dici tadtiqiic fi l' Architettore debbeuenire d'animo grade a inrendere le cose della natura-glie cóueniente a ftudia 
re moire c"?c aptinmte a fcleqli a insegnare le mene la philosophi.'i:pchcfe nò conoff fremo le u:Tictati le còpie 
xi^ni ^ fiRlricddlccosedi mareria formare dalla natura,nó peremo formar cosa c'habbialóga pcrmanenria. 
CTCtSducimenn ddracqiie&c.òmari bisogna fapcccópraidcTe il fito de! reircno dd paese & la sua specie: cofi 9 
da 1 o -rrniti fiumio altri firi cfa cauar acqua p c<3durla in :ilcii Iiiogho^A p qual uia polfa spadtrfi hora difpcii/ 
sadcfi ad un modo hora a l'altro co Icnatur ili ufcite-CAneoffenfioni deqlli nclTuno Icpotrn mWicarc.cioe cu 
fare&'rcmcdÌ3re,wcerTo^lIi c'haucr.ino Conosciuto p la philosophia i ^ncipii delle cose dela rrarura»a fimiglià y 
Macfifned ''■'' ^^'' ^' '' ''^^■^'C"' •■^' corpo humano in ^jcurnrlo o d'una opilanóeo ueramcnte rotnira,e uacu.ifi'jcnel purgare 
oe come fi ^'^^'^ ^"^ habbia renrramcnro & esciniento.CTCrefibio.collui tra l'altre inucntiói ritrouo gfhrrioli da l'acque 
póno alza T W'' inrcndemoalli eh. so chiam:^ri hibcrni doue fi dimofrrano rhoremcdi.itéil moufr d'una uergella.raier io 
re cefi, per u^g'' 'loriMi noftri nel muro dipinti co un ferro sportatochedal Sclepror^ibredan segno de l'hore, cofi ^lio ir 
mouere le h^ùe"=' i' mmcr d'una nrrgdla causata da l'acqua.dd qle fii liiuenroreCrefibio Alexandriiio. «TArchimcde. tra f: 
coseda vìi r;)'n-csuephiIo<:ophice scienrieììi gr.^ndeinuentorcddle cose^di Machine ■»& de'i rormcnri che s'usano peri ij 
luogho a soldati & che fu efft) eh? nella difenfionedel'a stui Cifra rrouorarrigliarie;dr che Robeito V^^ItUria jiell'upera 
i'aicro. sua de re niilir.iri ha discritto; fu anchora l'inuauote di far^ la Sphcta per dimoftnrtionc de moxjimcnu Cdeftl 



CAPITOLO 



rRIM5 



(tome Cicerone Se alchuni altri dicono,* p meNare grSdisffme & cblònne & mole: /fc forfi megli'o die Crii 
fiphóte haueae molfope di qfte scicze fcntco:& dicefi ch'egli fcrilfe à Hyeronc Re df Siracufa che ciafche 
dtm'pefo fi posfeua portare p arte di machine/'cioe p manuale arte cirer'moiTo/p la ql cofa diceua & af 
firmaua che fi egli hauelfe hauuto vnalrro globo di terra la doue hauelTe polTuto rimettere qfto del moti 
io, gli faria baftato l'animo alzarlo Si pontrlo fopra l'altro.H/erone tato di maraiiigUa pieno, qnto q > 
fto pareaincridibil fatto: volfeche fi esperimctalFe co vna nane carca del fuofolino pexoElTo opòp tvó 
che asfidcdo da luge vna carichata naue,che sdriigilado andana p lo mare.senza aAitorio daltra pfona c<S 
geta mano facilmète à se la códuffe ^ alzolla: da li a vn certo tipo effendo occupato nelL ingeniofi es > 
^isrcitii, difegnado jn casa fua fui poluerofo piano alchuni cximii affiguramcti: dapoi chegli haufdo dalla 
pòITanza de'Romani liigo tcpo diffesa la Citta di Siracufa: da vn' foldatodi iMarcello aU'iprouifo entri 
toin cafa di Archiniedenó oftante che MarcelloCdi qlte fcuzcdilerteuole^haueire comadato alli Toldati 
«he cercafleno faluare Archimede, & fu dmiàdato chi egli fulFecma eiTo vechiarello occupato co l'arimo 
Si òcchi al rlsguardare m terra alle fue djflegnatc figure, altro nò refpofe.fe nò fo Mathematico ti pgo n5 
mi vogli turbare:Onde il foldato p auuidità di rubbare, li taglio il colio. Di che Marcello intcdendo la ed 
JTa fu delfucceffocafo dolete, ne è detto anchgraà carte.i7..1^tera.O. . . .i 

'" CMabifogna ch?egli fappia Mufiai 

'Ma b»fogna ch'egK sappia Mu(ica,acciocheta'raÌ^ 
jgian'del Canto lì ragli» & c'habbià notitìa di Ma i 
jrhcmatica, a tal che de le B^lifte, Catapulte, & (eoe 
^l'oni, fi pofla rettamente fare il temperamento . Peè 
"ìche nelh capi da la delira & da la finidra fono li pct 



tufi, de Hcmrtonii, per li quali fi tirano le 2ttbrrefq 
tiedi neroo, con gli argani o nafpi, & ftanghe da ri 
Ite: le quali non fi dcbbeno chiudere, ne legare pr? ^ 
ina che all'orecchie de l'Artificenonb^bbino fatti 
Vguali, certi i fuonii per che le braccia che in cflì m 
rati fi chiudeno, quando paiì & rgualmente fono 
ftefi , pari & rgualmente renganó a mandare la face 
tiai che fi non faranno hemiconie impediranno il de^ 
«tco mandarrde la faecta, V^ !;"'^?" 



accio &C.QUIUÌ vetruuio rcde la rdy> 
gióe pch a l'Architf tcore bifogna fapé 
lela Mufica/doè ragióe di Cato / Sa 
chcefTa ragióe gli habbia à valere p lo 
tcperamcto dcleBALISTE/cioè Ba> 
ielhe gradi che vfauano in antiche alle 
battaglie/C A TA V V LTE, & SCOR '-» 
V 1 ON I ,che fimilmcte fono iftriimentf 
da tirare o vuol dire madare faette,^ 
pietre di era pefotqftì gli carricauano 
co gli naipi finiigliari à qlh che vfamo 
p vottare gli pozzuTcpeiamirto intede 
che la corda odi fila odi neruofia tira 
ta vguale tato a vn corno qnto all'al> 
tro de la baleftra:^: p cognofcerla opai 
uano co ragióe de la muiica quando la 
fonauano, die quanto pan & vgual'/ 
mete erano tirati esfi bracci che facea> 
no il fuono HOmOTON lO/cioè con. 
cordate p vguagliato & a giuftato tuo 
nx)/tato madauano la faetta dirittamS 
te aldiftinato fegno.AliiTheatri ancho 
' „ . ra fi coUocauano li vaft di rame Con 

f. ,b "iir'iì r,' ,■ ì;. f'Hs'S'iavI ■-:;■; .'.!°ri";- t''ì ragione di MufSca accio rendcffero- 

je Vóci expedite & chiare nel fuono^aUiaudièti tcornentdhemo'àcarte.iii. MVSlCAadiiq debbia 
ino fapere effer lei vna de ie Mathematice scicze onde chi fapra'Ia philofophia opando co qfta nò folamJ 
te come vetruuio dice, potrà cognofcere le dette iportàze, ma hauerà pofTanza di mollificare Si comò > 
uere qfi glianinu de h fenfitiui ammàti:cofi anchora p la luajiportion alita 8i cócinità ha potéza di comò 
ùere glitlemcti. MATHEMATICA, è vccabulo greco, in latino fignifica amaeftraméto di Sa'czz, quefta 
abbraccia quattro Scienze.Aru hmetica,Geometria,Aftrològia,i'<c Mufica,per cui fi può perUenirc a The 
oiogia.se ne dice anchora a carte.iy.lettera.D. < 

CSimilmctealliTheatrili vali di ra^ 
mo.di qftì vafi nel qnto Libro a. carte, 
iij.ne farà detto come alchuni fanno 
differcze de voci p la nò eqle q'nntà / 
cioè p efler'maggiore limo de laltro, 
ben chetuttifiano d'una generatióe ài 
metallo o vero di terra cotta come 
V etruuio ha detto.C £t li variamenti 
défuonio verodiftercze.che li Greci 
chiamano ■>!X""°'/cioe ragione di con/ 
uocalirà o vero de fimphcnice concen- 
ti. SINPHONICE vienaa Simpho> 
nia/cioe risuegLamctodi voci co fona 
ti in dolce muucale harmonia , CON/ 
C£NTI/cioele vniont di Canti & vo> 
ci,& bè che vna da maggiore éì mino-' 
re dell'altra nò dimenop l'unione ren 
donocófonazeqndopportionatamtteficatano SieKe in vnó ordine di càtare lono fuauisfnne a lodile, 
tielk ali o g VOCI acuce o graui le cóuenicce cucordàze fi fano: coli UmigUàcemcce né rifonàti inftrumcti , 



Similmente alli Theatrl lirafi di ramo che nelle cel 
le fotto li gradi con Mathematica ragione H coUuo^ 
canoj & li rariamenti de fuoni, che li Greci hXsì oc 
li chiamano, alle Simphonice mufice, o rero conce 
ti fi cópongono diuifi ne t5di,8c Diate traró,& Dia 
péte,& Diapafonjaccio che la roce del fuòno de la 
fcena fia conueniente nelle dispofitioni quando per 
Io toccato farà ofFefajSc ingrandita con gli accrefci 
menti, renga più chiara & più foaue all'orecchie de 
gli afpettatori. 



DiatelTarG 
Cioè vna 
arra come 
a carte nt 
letrcra.S. 
Diapente/' 
cioc vna 
qnta acar 
te.Tii .let.' 
tera. E. 
Diapasò/ 
Cioè vna 
ottaua co 
me à catte 
iii.letCe.V. 



tei» che di varia fortna 8i in vn tempo (ì fuona^mrchiina getieratfone di canto: quando tnfìeme Tono fon 
cordanti, fono detti in Sj^niphonia similmente fi l'humane voci in qUe citano mei medefino canto fiano 
toncordsti.fono dette in symphonia ^ concento: onde qfte voci fi coniprngono diurfamcnte nel tondo Tot 
toh gradi a cella p cella/cella in qftoluochoè vnofpatiofottogli gradidiuiroch rifuona p la regula dt 
càtoin qrtodecinio & qntodecio.iSc Diapafon DIApASON/aoe vna quarta/come è nortoa li ^a!fici,ac 
Kioche la voce del fuonòche fi fa nella fcena fia conuenientc/cicc^iportionabile nel modo sedo ordinati 
farànbli vali o vero alttl iftrumenti fu facile ne è la figura a carte.t'f .CQ.iiando per la repercustìone fa 
ra offefa/cioè itonata/qfta m.idtrà la voce come fa vna Capana eh dal battaglio di ferro vien pcoffà : ;ò 
yeroccme fino gii organi, o altri pcotteuoli iftrumenti i quali icontinente porgono la voce fi non róno 
Ipediti.Quefto fi può auertire da gli organi di (lagno che elTendo irpiran a la^difpofitione del toccatoy il 
«jUilnoi dicemo atafto.a^ Unni toni & semitoni dicono.CSera oftefa cioè qii la voce fé repcotera nella 
concauita de li pditti vafi/acf refciuta con inoltlplicatione de li concord ti toni/vtnga più chara & fliàue 
a le orecchie de li fpettatori/cioè di qlli che ftanno ad audire Si vedete nel theatro. - ' " 

4CSimilnientele Hydraulice Machine.i i-i ,. ' -' -> •■• •-' ;i.i.i .ji.. -^^ „ 

Ì^cft^o^SpSTfSaliiJ^llJ^'S^^ 

& rendono fucno come nei. /.libro fé litudinc Ddho dì qftì organi» nelìuTio séza rag'one 'dì 

S:cS;ÌÌ^u.'l^^^f:'^qua?u\5 muflca li porrà &re.£rbifognac^habbla ipararoi, 

fl H^dra tchidna o vero lernea fé dice dottrina de la medicina , p iapere la dispofitióe df l 

Cu^fi ferpente aquatile a la palude ler / cìfloj cfi la chiamano gli gr. CÌ,K Aiolard. & li aCrì 

tadeli areiui Dondettìbulolamtntefi . , , . . .;,./< ri -r • ' ' n-,. - « t, 

narra che Hucoie sapientisfimo vhiió de luochi, i qli lon l^lunferi o verpi elljleti,& l nf 

fupho occue 41 marauigUofo ferpente fp dcll'acó I^crcHe tenza qfte tagióì nefliina falutifi? 

l^^httJ^iSu^^n^nSfdarn: ftra habitadóe fi pupf^re. AnchorafVbilbgno c'hab 

iànuficia a li ricercati. Quella Hydra e bla cognìcióe de legge cìnile^ & effe fono a neceffi^ 

;Xa^j'^a'tJ!;a'EÌX^Vn"i\5 ? "^"^ P^^«' de li edificii comuni a rufo d^»e gr5 

na buona opationetdifiderado gli hab> date de tetti, $i df le chiauiche, & de lumi. Simile 

Citatori o veropaefani.vedert li fé pof méte al códucer'dcH'acq, & altre cofe di ql medfS 
leua fare leccare:q ita fi dice c'haueua • . , j.i -r l e i- . « 

cento capi/cioè da cento parti viniua mo mo,ta dibilognoche note iunoa gli Architetti 

eira acqua fuoraiHtrcoie hauendo pfo che cautamétc faccino prima che principiano gli edl 

t^olI:^:^^ò^:S^!:i;^. ficÌI,accion^Ian:ianoglilifigiipl5 6rteote,^g^ 

teeiaatturata,neliaitrasesforzaua a padri delefamigliei &ch.alle Pntézeches'hjnoa^ 

r'c'iri'dèS t^ tfM'Tit dare la Ola prudéza polTapiiedere al facitore ^ a, ql 
terra: li paefani non ricrefcendoio fare lo chc fa fate Imf>crho ch II la legge dottamete lar» 
ugni cofa, pur che il paefe vale ridu . f„jt jg cauf era cB sczà frodo lùo CO laltro fia liberato 

ccr'fi potelle.Hercolc philolophicanic 
te fece che con arte fi fiippiilfe doue la 

natura macaua: >^ iri effa valle fece radunare vna grade abbiidSza di legname dirpofti allo abbrurciare:8ff 
fopra elfe estinte vene, & doiie bifognaua le fece brufciare:Onde tra la forza del cai, re & il cenere che 
quei capi infierne Itrinfeno Se atturcrono,fcce ch'eflfa Lernea valle o ver' palude fì puote liberamente poC 
federe. Di Boetiofiniilmente è fcritto chc già fu espertisiìmoin quelli Hydraulici illrumenti , & maxime 
nel conti 'affigurare il verfo di tutti gli diletteuoli vccelLni,& di Cj'thare.a Liuti, & altri harmcnici iftru 
nienti jtal che rheodonco Re de Gotti al Re di Borgogna (1 dice che con gran pgFii Ccriife che Boetio a fé 
niidare volelTe. Il che di qfte cofe ogniuna-è posfibile pur che il fapiente itdletto fia dirpóllo con la fpefa. 
CEtbifognac'habbia iparatola fcienza de la mediana &c.Quàco a gliablfogni de l'Architettura queda 
fcienza benché di fopra a carte.y.Ira.G habbianio detto, hora piglierai la cagione p che Ci debba elfer coli 
aniaeftr?to chequi vetru.ilm.iifefta. Percognofcerele.iclinatiónidelcielo/cioèle iclinatiue & pendenti 
pti diuife di elfo cielo il come de quatro afpetti ^ncipali/<cioè Leuate, Ponente, sreptentrione,&Mez odi/ 
poi da esli diriuano glialtn da i iati, che qftì da Greci fon chiamate xA(/<o(Ta/cioè climata che fignifica fca 
la o vero alto fallimento: achora dima p vna regione fi dice:alchuniie chiamano zone, fi come le linie pa> 
lali Ik, che la pria è chiamata ^)eros, la feda fienes, la terza Catacórasla quale Affrica fi dice,la quarta 
Rhodos.la qnta Helefpontus,la feda Mefopontus,la fettiaBo/ustenes, Vetru.nel ixiib.lo dira nella gno-» 
luonicabtn che alchunih.ino detto chi più .Si du meno:Ma vedi in Tholomeo,in *;trabone ^in TlyniOjSc 
altri pdari-Alchuni achora hano noiaco Climata vna certa quàtità di mefura di terreno che Ci compone d£ 
felfaiita piedi p ogni verfo,che fono quadretti tre millia fei cento:fi alchuno fapientisfimamente confide^ 
deralfe la varutadi qftì dimati cognofceria tato la virtù naturale,© verofeilluinaria chenon haucria più 
a duputave del libro arbitrio &pJeltiationc:p die fil Ciclo e enderico/cioèidiatiuo A:non difpofitiuo 
bendi Hj'ppocrate dilfe a vn certo bon fin p dar tior a gli idomiti.aciiora c'^ altri herctiramcnte il tràfpor 
tano.E akil legno celettendqlmitabilcorasitendedi qUacofàmi par faciPacrederc.Conciofia dì Dio 
glVofo ftnìp continuamente i tìuiffe ì tutte le eireniie,dopoifcdati4nutt i noi.jPitiio alcjiuni fo ifi dicono 



CAPITOLO PRIMO h 

che tutte le cofe, le quai fono nella fpecfe fono'anchora nel genere, Si che ogni caufa primaria inflinTce fo 
pra il caufato che èia caufa fecondarla, & quaLinchc cofa può la caufa fecondarla , può la caufa 
pi'imaria.ma in pia alto modo to.conie Ariftotde Si Auerois tengono : Ma diccmo, colui che faprà più 
delecaufefupiori, quello hauerà più grande fcienza:poche cofe ballano allo intelligente: il libero aibi^* 
trio è dato da la natura, ma la legge ditta per vno diretto vlo. per le quai cofe ff'conofcono gli aenfa-l' 

X lutiiteri o ver' pefnlenti allehabitationi. C-Etl^ufode lacque quanto al viucrehumano importano co * 
me nel Libro ottauo. vetruufo a pieno ne dirà. CT Anchora ta bùogno chabbia cognitione 

X de le.^geciuile/cioè quanto importa la raggiuneciufle,comeacarte. <J. lettera. [. n'habbian.o detto, Aia 
nel prelente è d^annotare quel che Vetruuiodiftini^ue fopra quello comanJamtnto. Adi nque ricerca con 
diligenza per fapere al vfo de le grondare de tetti/cioè le parte circondate <s^ intorno cinte /dcut; da le 
grondare de tetti delecafe pioijeno l'acque, per che importa affai, cognofcere la neccsfità che fi può haue 
le da vicino à vicino nel rictuerc & volgere le pioucnti acque, per che nera negli canali, ì\ hoia nelle ciy 
fterneconuitn fapere raccogliere per lo laluamcnto de le danze, come faccmcT qui m^PEROSCIA che 
quando pioueno le poffemo mandar perle publicellrade & ancho per lechiauichc fenza proce. er'pena 
del v.fficiale che hauemo delle ftrade Maitre cofe limile le quali elTo concede farli, & perlinoftn ftatuti o 
ver-" per altre publice ordinate Ciuil Legge. Onde è d-'auertirefi come perla Citta fi vfa hauendclamag 
gior 'parte de gli edifi:ii foraterra quanta diftanza voglia hauere vna folTa da vna chiauicha o ver luochi 
da vfare di putrido ftercho, & quello importa affai per la cretofa o vero altra fpecie di terreno à compa> 
rationt- del terreno o che! fia rtnofo o brecciofo, per che è fpaciato &■ raro: il che bifogna pei prouedere 
di Ibdisfìmo muro fotto amurato ben falJamentc a feparare luno humore dal'altro. C£t de lumi . quiu£ 

3 dice con.e ra bifogno faper pigliare e lumi hor per vn mrdo u hor per laltro ftcondo la neccsfita aftrin» 
gè come detto hauemoacattcó.lettera. H C Simil;iienteilccnduccr-'dell'acqiie/cioc li condurti quali in 

4- alchun Uiocho fi dicono reali: come li acqi Si. altri lauatoi che ogni imiìdicie :k brutture polifcano per le 
cafe & Itrade publice, & come quelli dou'e lacque corrono quando dal Cielo vengono le tempeftà grandi 
delepioggiecbn li furiofi venti, che dilauano,& tutttr kftradc purif5c;no. Siicrme il prio comcraturedi> 
ce che in'milano gh fuoi maggiori feceno fare li condurti, la qualevfcita va raccolta al benefìcio de le cir> 
conftanrepratarieallaCitta vicine. £t per ciuchi vuole la Salute de' luochi conuien fapere ordinare a dar* 

S opera accie non reftano per li fetori peftiferi ^ mal fani. C Ai faccitore Si a quello che fa fare o che dir 
vogliamo locatore 8i conduttore-: locatore è il patrone de la cofa qual fi alluoca : conduttore e quello che 
conauce .s; toglie a prezo la cofa allocata da fa rfe, come è l-* Archi rettore o ver' capo niaellro degli ope 
ranti Sic. Aqftì lo conuiene intendere maruratamente di quanto hanno a config.'iare il locatore accio nore 
offenda a qualche fuo vicino: ne fi habbia caufa di littigare, & dare occafióe eie littigii & cheglifia detto, 
impara cautamente fare i fati tuoi : fimilmente per lo tatto fuo niedefmo del Architettore fil toglieffe (o 
pra di fé a rifare & reintegrare vn^opera, faccia gli patti chiari i quali dottamente polTano a mutire le leg 
gè ^ li Dottori, accio del ciuile per disdegno o auantia non venifTe caufa criminofa: per che è degna cofa 
cffere ben confultato i^ preueduto: accio non intrauenga quel che il primo cementatore dice effere inter> 
ucnuto à vn predarisfimo fuo cittadino il quale in quello modo diffe. Nelle controuerfie de le caufe, coti 
porale inimicitie vi nafcono: fasfi perdita difpefe, faticba dramme, exercitafi i corpi di giorno in giorno 
faticandofi, & molte & ihonefte colpe de la vita ne confeguono, le buone i^ vtile opere fi pospógono, fre 
quentamente perdono, Si fé pure ottengono fon tsnte le Ipefe, li affanni, & tempi perduti , che niente o 
poco acquillaiio. 

C CTMadala Adrologia fi cognofcie il 

»*jii«rt.i-'#- PMT _..- «in Leuante ^icbenchedifopra acartc. 6. 

Ma da la Altrologia fi COgnoIce il Leuanre, il Po ,etrera. K.ne habbiamodctto,^ ancho 

nence. il Mezodi ,il Septencrione & la ragione quei che fianecesfita aducere quiui di' 

del Cielo , lo Equfnoaip , il Solfticio & il corfo ^Z^:;^S£^l!!l^:^:^ 

de le ftelle t de le quali fi alchuno non haura la no<J me fi fa cffere le quattro pam pnncipa 

tìda , la raeione de gli horioli non potrà altura li de tutto il .nondo,doue per io Cielo 

p' r, n r • J11.1- le diutrfellelle fanno Ldiuerfificatief.* 

to laperc. Adunque quelta Scienza de lArchitertu fetti,& più che ghaltn ne fono gif 

ra quando fia hornara 8f abbunde di tante Scienze, Aftroio^ cognofciton , come per gii 

„.^ , .. . r r u I u : antichi habiamo che dottisfimamente 

& ancho di più varie cole t non pento che alchum ^^ gh priopii del lorofabricare o de u 

guidamente pofsano fubbito fare profesfione di Ar edifica pubiici o de priuati pigliauano 

chftertori . excerto quelli che da puerile etade con ^;--orii daUe dispofit.om d^^^ 

quelli gradi di dottrina, imparando con la Scienza icinfluxo dcipattire che trali pianeti 

di più lettere , & arti notrìti t saranno peruenuti al ^ altri fcgni de (ielle accadine , esfi m 

r , , ,, . f . tA e e- !• cominciauano che diceuano mentre ta! 

SUmmo tempio de l Architettura. Ma torli a gli cofedur-.uanofempre U poffelforl di 

huommi indotti , lo parrà m arauigliofo che per na quelli patiuano Pire cetelte: onde ftaua 
f rr e • 1 ...no afpettare altro benigno dominare 

tura fi polii perfettamente imparare rn tanto nume ^^ i^^.J^.^ di che Ci può pigliare deiii Cit 

to di doccrine, & titenctlealU memotia Ma qua tadini & habitaton & sub vrbani ài 
* B ili 



LIBRO PRIMO 

molte Citta per Titalia: come da cfTa do cotifidcratino ttitte le Scienze intra loro hauere 
5d"cX pl/rEqumciL /S congiuntione & comunicanza dp le cofe : facilmé; 

quando per lo Mefe di Marzo il So tC poHcrlofare il crederanno» 
le difcoriendo per locirculo zodia^ 
co obliquamente retrouandofi m A^^ 

liete fotto b lima equinoftiale fa per la primauera tanto grande il di quanto la notte, Si:medefmamen> 
te per lo Mefe di Settembre. i>i il Solfticio/cioè quando per Io Mefe di Giugno il Sole girando è ito al piu 
alto del Tuo maggior corfo è lo cftiuale/& del mese ài Decembre fi troua elfo Sole fotto ilcirculo Soilh^ 
tiale dtr!nuernata,del quale chi non haura la noticia.non potrà certamente fapere la ragione de gli ho^ 
rioli/cioè come fé diftingiieno de giorni & de le nutre l'hore,per le quali ne fa fuprenii contemplatori de, 
varii mouimenti delCielo Se fimeli à diuini Prophcti predire le cofe d'auenire,de le gii per li calculamen 
ti dell-'horc & punti, polfemo effer cognofcitori :Onde quelli che quelle cofe non lo faranno note nò po^ 
tranno certamente haucie,comc è ditto la ra^^ione de gli Horioli,lcquai ragioni effe fono vere operati» 
ni: ben chea noi in quella vita frale, altro non ne fa che rotarci femprefino a tanto che ne difponc à ri/^ 
tornare né primi Atomio ver menuti prfncipii della terra: & benchcnefia detto alTaijVetruuio neamae 
ftra anchora nella difcrittione de gli venti, poi nel nono libro : onde ne pare nò eftcderci più quiui,ma pur' 
cerchiamo fapere anchora queda Scienza quanto pcsfiamo: per chenonfolonefa cognofcere quel che 
Vetruuiodice, ma fuperlafui contemplatori de fuoi varii mouimenti A: limili à diurni "Propheti , come 
habbiamodettonefa predire le cofe de venire per opera della Arithmetica &: Geometria: perciò che feli* 
ce fono Panime di coloro che le ftelle gli inclinano. Il che ne fa sprezzare le diabolice richczze, delle qua* 
li Claudiano coli dice:N'oi femp tenemo quello che gli Dei fuperni rennerno yna volta. Adunque fi gli fu* 
perni per non volere noiofa cura, la quale al fin dice la fcrittura facra: V erra à giudicare gli viui Si morti> 
fi ilnìondoperfuocho. Adunque fé elfo il vuole ..brufciare, ^ tu cline vuoi fare.^à thesaurizaredi que* 
Re cofe, per che come dice Ariftotcle nel Terzo della Aicthaphifica, Tutte quante le cofe fé corrompono in 
quella materia de la quale fono compofte: ix de lecofecoirotibile l'fdincorrottibile non fono quegli prm* 
cipil medesmi, per che le cofe eterne non hanno dibifogno di cibo. Adunque deh thefaurizamo in Cielo 
l'^anima noftra, doue non è fortuna ne temeritade alchùna: Et conftringiamo le noftre grandi voluptati , 
.Si purgamele confcienzenoftie,& lafciamo al mondo quel eh"' e del mondo, &fiamo ricchi con lì Cele 
fti buoni: accio più immaculati cheli può rcdiamo il noftrofpirtoaironnipotente Dio poi ch^anoi l'a 
concelTo per conofcere ^ fruire le cofe fue di quefto mondo: accio depoi lo efpirato del alma noftra el- 
la polTa nel fuo fummo coro felicitare gloriofamente fenza peniìere di contare qua il tempo con il folate 
horiolo il quale fempre ne gonfia ^Si: trita in quella mfernal vita 'come habbiam detto Jfino al fine. CAdun 
que quando quella Scienza de TArchitetturafia hornafa .s^abunde di tante Scienze Sic.vetruuioqui raco 
gliendo ne dimoltra chiaramente non s'haucdogii fopradetti amaeftramenti,dice penfare che gli Architetto 
ri nonii pollono fare cofipreftogiuftamenteprofesfi in quella fcienza£xcetto quelli che hanno incomin 
ciato da puerile etade à fallire di grado in grado inelfe fcienze: altnmente non ponno peruenire al fummo 
Tcplo / cioè alla fumnia conteniplatione, la quale.colì dal contemplare è detta. Imperho che quando lia 
mo affaticati in tal modo fagliendo alla fummità ne riposamo & contemplamo: & ne auuiene fi come di> 
ce Anftuteknel Settimo della ph!fica:Rcpofandofi & fedendofi lanimase faprudente.Etcofi lamentefat 
lita al fummo, ben' vede le cofe prefente, le cofe paffute. Si le cofe dauenire. "Perciò che noi habbiamo q.» 
(toanchor più d''Ariftotele nel Sello dell'Etilica che cinque fono gli habitinell ''anima noftra con li quali fi 
dice il vero tutta volta che parliamo/cioè Parte, la Scicza, l-» intelletto, la Sapienza Si la TPrudenza:&: è 
cofi per che il core del fanciullo è come vna tauola rafa Si polita che non vi e dipinto niente, quando vi fi 
impongono dentro gli amacftramenti reftano perpetuamente: gicofi fallendo digrado in grado à quel fu 
mo tempio fatto di escellentisfima Architettura: ma gran marauiglia è à gli idioti Si non dotti che quefte 
tante Scienze li polFanoinfieme alla inemoria ritenere; Ma quelli ciie fanno che tutte le fcien?e fono coU 
legate 8i incatenate infieme facilmente il crederanno . 

CTPerchela Difciplina &c.LaàiTciplI/ 
nahabbiamonon efl'ere medefmamen 
te quella che è la Scienza qucfto l'ha/ Pef che la dlTcìplìna del Encfclvo è COmpofta pfr ^ 

yum ceftamente hfbblanfo^'effe; «i membri come vu corpo- Et cofi quelli che dalle 

quelli amaeftramenti che l'imparano tenere età dì con varii amaeftranit'ntì a tutte le lette^ 

5c1i;iJarS"Sttf a^b'SffSo :'p re amaellrati fono , concfcono le imparate Scienze 

ciò che adifcere fignifica imparare, per & il comunicamento di tutte le dottrine! f% per tal 
che tutti li giouanetti mentre ch'impa. f p^^ facilmente tuttc le cofc ccnofcono.Et fciò 

ranooverofiamaeftranoconledifcu y .• r> , i . -i p «^k:ir«2.« 

pline, paiono hauerefenfo imperfetto de gli antichi Architetti Pythlo il qual noDUmc^ 

come a dire in tutte le arti liberali o f^ ha edificalo in Priene il Tetti DÌO di M ine rua ,di 'f 
ver mecanice. Mala Scienza evnain.^ ,,. n .^ . .,., • • • t> • l;._,,^ -;? 

mutabile Si certa ragione la quale fé ce nelli fuoi fcritti libri .motto piu a T Architetto ca 

ha con UcGpicfa venta: iz la fapicza tutte quelle cofe, & dottrine poHa fate , che a qlu 



e PRIMO 



n 



ft 



Capitolo 

c'hano^dutro co Tue iduUrie & exerafatioi crafchu 
ne cofe fole alla suma clarira. Ma qfta cofa hon fé 
expedifce:Perchenódcbbcnepuo efTere l'Archi^ 
tfrto grammatico cerne fu Ariftarcho,ma no Agra 
maro» ne mufico come Ariftoxenp,ma nò Amufcst 
ne pitroreccme Apelle, ma no l'dorto di Grapbìdat 
re Pialle come M/roneo vero Polycreto.ma non 
Ignorate della ragìóePIafticatnè finalméte medico 
come Hippocrate,ma nò Ametholfcusjne màco ne 
l 'altre dottrme fingularmérc eccellete, tua i qlle no 
fiaidctco. Perche irata varietà delle cofe nò può eia 
fchuno cognofcerelcfuefingulari eleganze» che a 
pena e iproprìa potefla di cognolcere le ragioni d'ef 
fé. Nò dimeno nò folaméregli Architettori nò pof 
fono hauerc i tutte le cofe il sómo effetto, ma àcho 
ra qlli che so dotti folamétc i vna arre.nó feli còde 
de eh' habbio i tutto il sòmo pricipato de la laude. 

thica rhanò toltai&lalparanoscza fancha delalrrr-mm^ r^r. ^ ».....ii. ex. *«i,piequcti da ella Ar 
aaa cGc neccfità che i ta'tte lal^e ^berallle |u n6 h'p^ ¥ f^J^-fi- ¥^ pu. forza 

lideramonó folamcte £uch'deà chi lltcde.ma anchor;,TlS f^ ; ? I -1"?^ elTaiEtpaofi beco 
za vallidisfinia molte volte 'fa pareiVcoSa auSfe nrhl li r '^"' '^■' ^' "^^^ ^^""^ ^^^^^^o-.U qle fciè 
ns(ìme,fagi.ncòfiderSti nmL^ereVfiftupefLf fd^^^^^^^ 

è che cufifta ogni qnnta a esponete Se dEoncre V S /r Ì? i 1„ ^^ certe:ta mete m lei n6 folo 
taie,& anchoi^co\ìedettuh^abbiamo.OItKdL vedn^^^^^^ & alocare, &a c6tiat. 

numeri:come fé hàno li ccfi,& cefi di cefi/cioè pWfaML^^^^^ 



e qlla che dopoi,pf amète tiene la mete 
^ l'itelletto itcto alla cótcplatione,.'^ 
è come polla i vno Encid^'o. C^H 
ClCLYOye vn rctódo cùcùlo. Ando 
te.nel prio de la -poft-eriore dice Tutte 
leSciczefe cumonicanofecódo gli co 
munì piicipù da qli fé dimofttano *c. 
£tneU.deP£thica dicecolm cha vna 
virtù L->ha tutte: aduna qflo è che fo^ 
noicircolate. Ma dobbiamo c6fidcra 
re che (arano akhunepricolarità i vnai 
Se a qlchuo che vi farà itelo nò lafcerà 
no appcrefcnó riny;ulare:& p qfto nò 
li cognofcerà fifa circolarità . A,a dite 
lono.come Arido pone nel j .deU'ani> 
ma che cofi dice: Diuidafele Sciczeco 
me le cofe de le qli fono le fcìcze : & p 
CIO qlla par-Tolta dal circolo de le Scic 
ze.fi Come qlliche fi dilettano folamc 
te d ornare vna parte di fua pfona. Si 
del refto nò hano tata curarMa qn veg 
giatTioCficolpcfier^nó fi erra "-la A rith 
methica cauarfi dal circolo è partici.» 
parcolaltrerondelapiupte de «an 
ricchi A: altri pfequcti da elTa Arithrae 



/COSA 

CENSO 



— - — ' 



B 



altre ifin-tà come habiamo da £udKde,& lo fidito no, ni^^ - ^ '"^'^^ 
?, ^"^'?.^.^^' Borgo ne potrà darti aS fuS apSrSr?'^'F'/^ 
tore ecceUentisfimo. que/^o era nobile i fu'vn ^^Ì'T'^''^'^''' ^^- I>^™IO fu padre dApSeJit^. 
ra del quale in Trienna Citta annchadflalomafi^o^^^^^^ "" P';"«' Architettori de la piccia pe ope 
& d, qfta Sccza di Architettura rcriL,& nelle fuén:?ktÙrTd^^^ ' ?""P'° ^' ^^ '^ea £rua! 

oppinióe di PKthio ne pare forfè voleffe c6rnri^rfi r- -n ?^ '^/"^f '.""^ "^"'fata da Vetru.Ouefta 
cofe vniuerfali alle Cofe fin^lWi bSa cfil rnr? Ì^^ ^ 1 Ariftotele dice nel p, io de lathificaDa le 

ne più cofe come parte, dito a adeThoS . , ^''''^ ''^^ ?''-" '''" '' '""'' '^'^ '^°'' dice. LuniuSe Sirie 
le pditte cofe dobbiamo fcRdlrlreàS^chM *"" S"-' t"." ^ ^'^''^"^ arte Ma cir a ^ 

fappi vniuerfalmcte Se cGfufo- ma biK chp ff n ; I ^ ^ •) """'^^ ^^'^^ ^'^^ ^"«a di alchuno che 
fercze di vniuerfalita vuol icer^are ve^r., n^^ l^appiadiftito & dlterminatamcte.il che fi altriméte dfte dif 
doue ètrattato: bora V etri, X "tL , ^^1 "^ Libri de la Thifica & dlaPoftéviore&i mol altri luofh^ 

come n6 bifogna aUo ArcKore dTa'Sflnar^r""!' ^ 

sadrio il ole i Pergamo era^uD^mrP f^ ^ - " ^^?'J^ f" Anita reo. Quello AR tSTARTHO fu Ali 

fo Ar,ftarcho.Maf6c,ofia cheTéSo1tS.'L\?r^'K" 
ffauoe gli fé ^niba&,notSz:!lI:Ì^^^^^^^^ 



co 



B ini 



ti • tlBRO PRIMO 

tma,& lignifica quìi medefitio St e di qftella tnederma fmporfahza che e.fenza.ar perciò Agramatolt ex* 
pone fenza Grammatica: fi come anchora AMVSOS/cioe fenzamufica/i'V: AGRAT'HIDOS/cioe ftn y 
za liniainenti di di(egno/8i cofi de glialrri il medefmo noterai. C Anftoxene fu Taretitino il quale f mu/ 
fica fi altre fetenze, l'crifle Libri de f<pr. chi dice furono innumero, vt. cioè quatro milia cinquecenra 
tre.Et Coli vetruuio lauda la escellenza di qftì huomini fummi. C Ne pittore come Appelle.di q(ìo viy 
nio & molti altri degni fcritton parlano de la fua cximia dottrina: elfo fu figliolo di Vytiò de la Citta di 
3)rienne del infoia di Coo nella Grecia, del quale apelle e chiara fama eflere flato ottimo dipintore al te 
pò di Alcfandro Magno Re di Macedonia: il quak Alefandto fece vno editto che nelTuno potefle dipm < 
gereli Tua Regale effigie, ma folamente diede autorità ad Apelle per non digtnerare.la kgtatia delfup 
effere che dalla natura de le cote gliela ftatà cóncefTa.Hor per che a tempi noltri vuole Iddio &gli.<^igno/ 
n del mondo che le figure diurne o vero de Santi non fiano prohibite a quelli che derarte de la pittura oó 
fono dotti, accio più diuotione porgelTe nelle noftre rimorofe'contemplationi la bellezza de la effìgiercer 
tamente anchora faria caufa alli pittori ignobili exercitarfi peruenirc m grado maggiore', hauendo al.» 
chuna vergogna non effer' profesfi a pofTere dipingere le cofe diurne: 8i che per caufa dell'ottima profef* 
fionedeloltiìdio, 8c per il difegao di pitturacome Apelle puenne alla Architettura, esft medefmamente 
fuccedcsfino boni Architettori Graphida a cartjf .lettera C.C"Ne come Maone elTer PLASTE o vero JPq 
Ij-creto.Di M IRÒnE , & TPOLYC LETO, qnta fia Itata la loro escellcza m qfta arte PLA.^^Ti CA/ cioè 
opa di ftatue Si altri lauori di terra cotta', o ver^cofe aptincte alli Atmamctarii/cioe luochi d uè uianJ" 
ticho li reponeuano Parmi/o vero anchora altre cofe di getto di metallo p ftapare: come de Lifimacho 
fidiceche nò eralecitoad alchuno altro che àefTo gettare la figura di Alefandro, Similmcte a Tirgòtè 
le Cculpirlo in maiino. Coli anchora p qfto o vero d ' altre cofe p Rapare o fabncare di fcoltura ditegrà 
o di ballo nlieuo:o veramcre intagliate ipiano co bullini al mó de gli oreffeci maeftri o altre fimilmen -» 
te fatte:leggi 'Plinio nel Libro. jA.maxienelotrauo Capitolo. Ma megho intenderai p benefìcio mag^ 
giore de TArchitettura fi tutto elfo Libro leggerai alle volte & p diletto 5; di fap fare come buon^ifeiro 
reqfi vniucrfale.Ilql' narrarne lungamcte di qftaarte Tlaftica, & de molti escdlctisfimiingeniofi ve ri/ 
mettemo alb pdari Scrittori, & vederaicofemarauigliofe, de Romani, .Side altri nobilisfimi che vfoto' 
nodiqltaarteii: deraltre.CJ Ne fjnaimcte medico come Hypocrare, mano AMETHOLOGETO."?- qfto 
vocabulo qiì in ogni anticho tefto che letto habbiamo lo trouamo corrotto: onde chi ha fcritto Anictho 
logetos, chi Amathologetos, chi Accologitus, chi Anfatrolcgctos, alchuni al tutto Aniapeos, .'^chi Ama 
tholicus: ma qfto non volcdo fignificare altro che, nò eirer-» fenza medicina: haucriano polfuto ancho^ 
ra dire come vn vecchio vocabulo poftillato incòtta di qfto chediceao'*'='p/'«''<)A<ii't'TO<;; che voldire miffi 
cazamalefìca o vero medicinale.Ma iltefto dice AMETHOLICVS: p che fu prima cofi noiata la medici 
nada Apollinetrouata. Map che e fcritto da alchuni la logica, o veroladiàkrthicaelFereftata trouatadii 
H)'ppocrate. coli potria in còpolitione del vocabulo dire Amethologetos/cioe non fenza fermone di'nie 
dicma: Ma di qllo che còpohe la medicina 8c nelle parti che fu eff"a diuifa: leggi h fondamenti di qlla dati 
da li pdarislimi che di effa hanno ferito. Quella altreuolte alchuni nò l'hanno voluta connumerare nelle 
arti liberali p che fimilmente vien fatta con opatione mecanica/cioe manualmente opata/Ma p che con/ 
tiene in fé più caufe dmerfe ^ fole: nò dimeno parendo pur la medicina la feconda fcienza o ver'la ciin/ 
elulione di fìlofofiaC p ciò chela prima l'anima 8c qlta feconda p contraria oppolìtione cura dalle infef 
mirala falute del Corpo. EtcofiTuna & Taltra vogliono tutto PhLomo pliche la cura o vero lo exerci 
tlo delia medicina,"^ on e da elFere difprezzata. Ma da chi fulFe trouata elTa medicina leggi "Plj'nio al Lf^ 
bro. 7. Capitoh. jy.che cofi dice: Hyppocrate potente nella medicina il qleprediffe la peiìilenza cheve> 
niua dalli popoh lUiiici, Si mandoh fcholari foi per le Citta vicine a medicare p lo merito del qle la Gre 
eia gli còftituiqllthonori che medefmamente a Hercolehaueaconftituiti. Quello Hj^ppocrate nacque net 
Ifola di Cirio: fu tato i medicia escellcteche i qlle fue reputato Iddio:era ne tèpi di Artaxerxe Re di Ter 
fia.C7 Ne manco nell-'altre dottrine fingularmèteescellente, ma diqllenonfia idotto . Tercio Ariftotele 
nelfecòdo de la Priore dice qfte parole. Bifogna fapere vniuerfalmcte ma non elTer' dotto parricolarmc 
té in ognicofa:^ anchora p fame più aJuertenti il medesmo Ariftotele nel prio de la Pofteriore cofi di 
ce:iColoro che fanno vniuerfalinente fpelFe volte non fanno il particolare de lacofa, Et perciò non deb 
be fapere alchuno più cheqnto chedibifognò fia, maallabaftanza: p che anchora Ariftotele cofi dice. E 
ìposfibile fpeculare vniuerfalmcte fé non e introdutto ne primi principii &c.C"Perche in tante varietà 
di de le cofe .Sic. vttruuio qui racoglie le fopraditte cofe & rcde la ragione breueméte dicendo, fi accadeC 
fc a vno Architettore elTere adim.idato di alchuna cofa allo abifogno dell^Architettura, ben che hauelTe 
ftudiato con buona follecitudine Se tal hora non fulTe fi pronto a rifpondere,non e perciò per quello da' ri 
prenderlo: che p la varietà de le Cofe che il tépo può leuar'di mcte,pareire elferne male experto, ma bene 
e da concederli vn termine che posfi^uederfi glihabbino a valere in confegairefingularmente ad allegare 
Si qfto a qllo:checon difliculta ein poteftanfadi conofcere la ragióe di tanta varietà di cofe: 3: p que 
ftò 11 diccene focrate non volle fcriuere alchuna opa doue la^ua de la verità fi pòtelTe vedere. CTMa an/ 
ehoraqlli che fon dotti fulamètein vnaarte &c. vetruuio anchora di qito dice, non folanictep gli Archi 
tetton, ma per altri artifici fi può intendere, & p ogni altro dotto in ciafci'.una altra faculta:pcr che ni> 
e tenuto alchuno tanto fingulare nell'ope Si virtù fue, che venendo al paragone deldifcorfodi ragione,o 
vero alla dimoftratione dello effetto dell' opere, oin difputare: non d troua vno meglior^dePaltro o in 
aggiongere o diminuire alchuna cofa in effe dimoftrati omo vero effeti, hauendo termini noti megli ore 
vnoche vnaltto:^nò foh gli Architettori comeèdettonò poffono in tutte le cofe hauere il fummo eft'et 
to, ma qlli che fon dotti folamcte d-'una arte nò lo e còceiro:& p qfto è chetata non hahno il principatQ 
delia laude. 



CAPITOLO 



€.: PRIMO 



i CAdiinque (i in ciafchediine dctrr ine fi'archedufiì artifici non tuttiy ma pochi al perpetuo E v O/'cioè alv 

,-^ la loro ptrr.ttua etade/Iniperho che a?uuni propriamente tempo Si etadelongafignifica, il quale fecolo 

dicemo: pet che fecoloc fpacloducnto anni: iniperhochetantoin vita può aurate vno huomo & più 

oltra, fi con e narra IPlynio nel Libro 
Settimo a. a8. Capitoli. ^ anchora ini 
Zi leggerai ccfe marauigliorc della vita di 

rnolti.Onde gli Remani conftituirono 
certe forte di giochi chiamati .Secolari 
gli quali fi taceuano ogni capo di cen > 
to anni: dopoi in quelmedefmo oi"di> 
ne la noftra chriftiana legge iniegitcr* 
modo ha ordinato le plciiarie indul» 
gentie Romane, le quale chiamarlo: 
Gubilei. Et perdo Vetruuioha dettot 

■ che non tutti ma pochi al lungo an^ y 
' dar'dcl tempo a pena la nobiltade hav 

no consequito: qi.aii dica fi ognuno 
stan'pafTe ben cento anni per lo'bifoy 

■ gnochehal^mtelletofi'lnon fa in lu^ 
minarfi Afarfi di valore, a pena an-'> 
choracófegiiircbbe la nobilitade/ cioè 
'latitscellenzacondegnita, come qu Ili 
thè per qualche bene operata virtù fo^ 
no ùati ornati per priuilegii & Decreti 
di pubIiceannotatìoni,o vero'' aureati 
o fegnati con altri ben> ftiidali che es(ì 
Si fue generation! , Si di generatione 
in generatione pofTono effe're poffeiTo 
ri. Arinotele nel Qv' ito de la "Politica 
dice che la nobilita e vna virtù la qua/ 
lejn pochi fé ritroua, ma lanob'lita fé 
difFinifce m tre modi: ^ prima Te pi^y 
glia dalla ftirpe o vero progenie de la 
cafa, & cofi il volgo la chiama; La fé/ 
condafe dimanda da la virtù come ha 
detto A riitotele. 8c Gioucnalc afferma 
che la nobilita è rola,& fola e la virtui 
La terza poi fé dimanda dal'una }>i da 
laltra/cioè generofità &escellenza de 
la famiglia infieme con la virtù deTa 
nimo ornata:&queftaèla vera.Erper 
CIÒ Apuleo dice che non la escellenzà 
de la cafata, ma gli coftumi 1% le virtù 
fanno altrui nobile. C In qual modo 
lo .Uchitettore ^'C.quafi dica fi aper^/ 
tengono tante cofe a far dotto vno Ar 
chitettoreJ con qual profumtiijne, o 
vero con quale inconuenienza effendo 
indotto fi vuol far dottate dal officio 
dela lepublica, o vero d •> altrui , per 
Architettore: Et di quefta Sentcza chia 

ra, ne lalTo giudici rico^ofciton gli Signori temporali, & gli R etton grandi del Senato.o vero Magi^> 
ftrato di ciafchuna republrca: & ognialtr u luris confulto.Si esfi fono (tati collegiata & dottorati fenza fa 
pere quella «Tcienza che gli ccnuiene. Cofi adunque quelli che vogliono effer" collegiali di A rchitettuia: (i 
per lo modo di quefta vetruuiana «Scienza non fanno, non habbino a marauigliarft fé meritamente fcacx 
erari faranno, per elfere in manchanza di dottrine di effe fopra narrate forti: per che mai noi potria fupe/ 
rare o vero aggiongere al' opra fatta d'alcuni artifici, o verodalchunaltradirciplina per non fapere con 
asfiduità o vero follecitudine dimoitrarc ne dire di quelle opere indultriofe : accio chel para elfer-» preltafi 
te k esfi artifici mediante la fuaescellcnza. di quello che con follecitudine continuamente ha ftudiato,& co 
fi come è detto libifogna fapere per render-- le ragioni. CTAdunque in quefta cofa pare che Pj^thio crraf/ 
fé. vctruuionel principio dela inltitutioneha detto, la Scienza del Architettore è ornata di molte <^cicn/ 
ze & varii amaeitramenci per lo cui giudicio fi approuano tutte l'opere che da tutte l'altre arti fi fanno, 
poi vetruuio diftingue Si fuggiungendo cofi dice: Qiiclta nafcedi fabrica o vero opera, ?i di ratiocma/ 
tione/cioè de le cofe con ragione^bene confiderate/adunque fi conchiude quiui che non folan^ente PA r / 
chirettura, ma ciafchuna de 'Paltre arti e compoita di effe due cofe.le quali volgarmente dicemo dire 8e 
fare,)le quai cofe conuien fipere, fi a ciafchedune opere dar ' v olemo effetto con que ternuni & iftiumena 



jftdunqoes'm darchedune dottrine era rchedunì ar 
tifici non tutti, ma poch i al perpetuo Euo a pena la 
nobilradt- hanno confeguìtoiln qual tnodo l 'Archi 
tettore che di più arti debbe efTcf detto non può fa^ ; 
re eflo qurllo marauigliolb &grade,8f cbcnó hab-* 
bla d' qiiefte cofe bifogno, anchora che ruperi tutti ■ 
gli artifìci i quali inciafiruna dottrina con folIecitu<>- 
dine grande hanno dicontìnouo fti/dìatp? A dunque' " 
in quefta cofa pare che Pythio erraflejl quale non 
auerti che ciafchedune arti fufleno cothpoftf d' due 
core» Di opera, & ratìocinatione delia artf . Ma di 
quefte ma e propria di coloro che a ciafchuna cola 
Jbnoexercicati,ideft lo effetto dell'opera, L a Itraé 
comune con tutti li dorri,ideft la rarìocinationc Co 
me con li Medici, 8f Mufici, & del rythimo de le 
.vene, 8f delmotodepiedii&fil bifogna medicare 
vna ferita o fero cauarc Tinfcrmo del pericolo , non 
vi andera il Mufico,ma quefta farà opera pro^^ 
pria del medico 1 Anchora non il medico ai lor-^ 
gano , ma il Mufico modulari aVcìo piglialo le 
orecchi da le canzoni la fua dolcezza . Simil /y^ 
mcncfconli Aftrologi, Sì Muficie lacomune di// 
spurarione de la Sympathia de le ftelle,&: Sympho 
niénc quadrati, Si e triangoli DiatelTeron, 8C Dia<» 
pente: 8i con li Gfcimetrici del vedere,ch? in greco 
fi chiama >^oYò<r bcjTiKótj Et con rutre l'altre 
dottrine ociafcuna o reraméte molte cofc fonoco<) 
mune folamente al difputare* 



e!ie fono Coimétiìenti ì producere effa opera! qtieffó e delle cine coFe (insulari per coinponere farfc, Se qua 
fi al maggior bifogno. CL^altraecomunacon turtiglidortì/ideftlafatiocinarione &c. RATIOCINA 
TlON£, ifitehdemo per lo parlare con difcorfo di ragione nella cofa che fé ha da fare per opera nianual 
mente <*V: di eira alTegnare a parte a parte le dimoftratiom:& peicio e cofa coniicniente quando fé ha à dar 
forma ad vna qualche opera con le còfe materiali, prima farla con l-'intelletto, & dopoi dimolrrarla-.ma 
la prima fé chiama Theorica o vero fpeculatione, «d la feconda per la quale fé dimoftra, e detta pratica: 
* quello e proprio lo effetto di quelUche fanno veramente. Adunque puoi confiderare chel non accade 
faperealchunacofafenonpet 'la dimoftratione come difopra per Anftotele fé t detro a carte, r?. 
& in altri luochi : ^ ben chel fia dimoftrato, eflfendo pure eftimato dotto fel non farà vniuerfa> 
le, ma folainente fingulare egli non potrà fare il principio, ne pigliare il mezo in quelle cofcleq* 
li! intende di fare : imperho che tutte le Scienze fono de la comunicanza che di fopraacarte.ij. let 
tera.K. e detto per Anftotele. Onde Vetruuio fimilmente per dcchiaratione de le prepofte ragioni: 
fé dimoitra per queftecomparationi. Come fariàcon li Medici. giM\SlCI, Si delR^'thmo dela 
:vene. R.YTHMVS in greco fignilìca numero : per che m elTo le fyllabe de gli verfi fé numerano. Ma 
.con ciò lìa che li Canti Mufici fian fatti collo numero de le note, i quali dimoftrano la concordali 
za Se difcordanza de le yoci: p:r quello anchora fc é lignificato Rythmus/cioe modulatio Lati > 
ne /Et coli li Grammatici , A Poeti facendo i verli , offeruano la modulatione/cfoe il mefurare 
de li piedi / come Daftilo « fpondeo &c.Colì per gli medici R^'thmus, lì può intendere lo diinp 
ftramào del mefurare de le battete vene o ver polli. Et per do li Medici che tocchano gli battenti polfi del 
corpo , lo cjbifogno cognofcere ql^a alterratione degli intrinfici fpiriti vitali fi come Arinotele diJ- 
ce Se afferma nel Libro de la Vita & de la morte , quali per fua naturale difcordia dimoftrang 
non folamente con le Trine,main effe vene come diciamo quando li fpirti afttatti infume bollo * 
no conftrengono il (angue per forza del mouimJtO. del Core quale fa pcaufa de oppillatióe,qlli mol 
ti più alfai fi fcaldano:Et esli per non volere pur cbnfuniare il vigor-» naturale, risuevz,liano éi^chia 
mano à fé dal corpo gli aiuti &, apochoapocho pigliando del corpo tutti gh humori fanno che eC 
fo fé indebilifce 8c difcolora : Se cofi adunque tutta la complesfione feccando fé tmpaliidifce & fé 
mortifica'.^ non II fuftantia , ma appeiifce la morte per aiutorio fuo come fanno gli altri ani>.* 
mali che infermi fono . Tal mente s 'il Medico non fa cognofcere ie concordare quella naturale o 
accidental" caufa che fa parere, non' e posfibile che rinfermo dapoi il lungo lanj,uire, fi caua del 
pericolo : cxcetto fé Iddio o vero la natura non lo aiuta . Et perciò volendo il medico di quello 
cognitione bauere , bifogna chWo ricorra al polfo.il qual polfo de Sillole Se Vyadole e confti/ 
mito : Sortole fignifica il moto che fa il polfo quando batte: i*^ Dyallolefignifica quel tempo che 
il moto del polfo mancha de battere , li quali alchuna volta tra de loro fé hanno di modo che 
lui facilmente vn dotto & valente medico può ritrouarp leproportioni de Mufici come emanife * 
fto a quelli che imaginano 8i penfano tutte lé differen/e de polfi apprelTo de Gallieno. C Ancho 
ra fil corpo farà ferito 8e volendo chelTo fia aiutato dal pericolò de la A'.orte , Sara' bifogno 
che taPopera fia propriamente del Medico 8e non del Mufico .C Anchoranon il medico aPor^/ 
gano.ma il Mufico modularà /cioè con le mani farà la proportiòne con mefura de la dillintio 
ne de numeri , Se componerà il Canto con ragione: imperho che 'Modulus/ cioè Canto in que ^y 
fto luochò fi espone Diuifo per diuerfe parti proportionate / & anchora Modulus pigllafi perla 
compofitione di tutte le voci in rifonantia ccncordeuole. CSimilmente con gli Adrolcgie la co.» 
mune difputatione de la Sympathia de le Stelle. SYMTATHl A in latino fignifica cópasfione o ve^ 
ro Collifione/cioe quella mutua confricatone o vero ftrufire che infieme fanno li corpi Celedigt 
tandofi Se rauolgendofi tra di loro/vien ditta Sympathia à "" Se 3r«<x« che fignifica buona pas.'* 
(ione Se difpofitione : Sono anchora di quefta .Vympathia le pasfioni Se perturbationi de l'ani^ ^ 
mo,come Dolore , Gaudio. , "Paura , Ira , Tnftina , Se fimile. Ma gli Stoici negano pò Jeie acx> 
cadere quello nel Ihuomo fapiente, ma dicono elFere in quelli anmii Apathia/cioe iinpasfibile, 
come fopra gli Cieli de la Luna doue nelTuna perturbatione Se Trillicia può accadere, contrai 
quali reclama effa natura. E da notare anchora che lo Aftrologo A lo Mufico nelle proportioni 
tra di loro fé conuengono Se fono conformi in quanto che ciaffheduno di loro ha le piopor x / 
tioni che feruono al fuo propofito. Se non dimeno le confiderà l'AftrologoCcome nel Secondo 
del quadripartito di Tholomeo e manifefto j) per lo Diametro o vero oppofto afpctto, pertrian.» 
golo, per quadrato , Se per fertile : Né quali fé ritrouano qucfte fopradette proportioni/ cioè trfy 
pia , dupla , .Vesquialteta Se Sesquiteitia : le quali anchora con le fu e nominationi fimile circa il fu 
bietto confiderà che e numero referito al fuono. C Symphonia . ben che difopra a carte, n. Lettera. 
K. e detta elTere vna dolce Melodia de le cantanti Se refonantl .voci , eifa viene da (fi""; . 
che (in latino fc dice Suono, onde fé compone Symphonia , Se Symphonifta o vero confo y -» 
nanza . Ma in quella parte SYMPHONIA fignifica lulla concordanza fimile che e nelli quadrati di 
Tuperficia o vero di corpi, cofi anchora ne gU triangoli, in effe rifguardanze anguiaric proportio> * 
nalmètedoue trouerai lecófonàze &concordàze fi come de le voci che formano ilDiapète: DIAPEM 
1£ diriuafi à Dia , che vuol dire doi, àe pente che vuol dir cinque,ae appresso de Mufici fignljìca vna 
quinta /& il Diatexaron:DIATEXARON è confonanza minore del Diapente, cornea dire vna quarx 
ta apprelTo de Mulici , de le quai figure ben che Alchuna cofa Georgio Purbachio nella Theorica 
del afpetto de raggi de Pianeti habbia fentito , pur meglio te ne diri Tholomeo nel quadripar * 
tuo del Libro Secondo . Ma per che ne pare bifogna meglio satisfare , la nollra fpeculatione ;coa 
le fìgme che (guo difc^ace vigonemo pet ^ueft^ dMnoiUauone; Noi, coniptcJumo ^f^a effeie ni 



CAPITOLO 



PRIMO 



»^ 



LA FIGVRA DrMO<:TR.ATRrCE DE 
SENSI ET DE LANjiVlA. 



folamefitereruenteallefopradctte, ma anchora alla Trorpettìua, & qfi i ogni comune Tenfodelt-'aninia: 
ft perciò di quella piinianienre manifefteremo. Circha à quello, benché avetruuio non iia neceiFaiio 
excpiarmcte pallàdi» itutti gfc' werttph adducez'e: pósfiamo anchDra dire che è conuin? dll'putati one di jj > 
poi none ad alchune fecce di .fA;9riSìeDfnefonQ:&;. quella di "Py-thagora, Si di >l;jrone circa all'anima del 
mondo sianoftra rarionale, & come dice principalnience Ariftoceitnel'PriodelPanima. Tello 4f. vno 
in feire circoli diuifi come [e. lulxao GieU &lej:a.guix dell'anima Sedei moco:& accio che qfto fé incenda 
breuemente tocheremo la oppimone di Placonej il quale nel Thymeo come anchora altri dicono/ cu e 
Cicerone nel libro del Somiìddi .<^cipione:Themift/pCi!i altri } vuole che banima rarionale fia comporta 
di natura diuidua, &indiuiàiia:nià per inBiuiduas'intendelaii:ente,per^iitidua l'altre potencic inratio-' 
bileuSf vuole che quando iddraicit'O l'aniiiiafaceire prima vnarettitudm€,laqualc accio poi potclfe fé 
«nedefmaco^nofcere.circunfexa/ctpè piegata/in vn circulo, liquale-diuifo in doi: ilfupenore volfeche 
fulTe la mente, o vero la natura inrelietruale che fia la medcfmairiduiifibile: L-» altro ci rcolodiuife eoa 
proporli oned'armonia in fette circtì}ir i quali fono, irafcibile,coficupifcib;ie,memoria extilii;it!ua fanra 
fia o vero ima^inatiua, fenfo comune,-& fenfo particolare, il quatpoi 11 diuide nelli cinqui: vn lógo n^r 
rar'iarebbe a notificar-» le proportioni di quelle potente deiranimajooftra-rationale, &-anchvra dell^ani 
ma del mòdo: la qual cofa chi diffafamci^te vuol veder leggali Tk^mèò & altri, Si anchora Cicerone nel 
fopra allegato Libro del fonino di <^cipi(3ie: il quale ben ch'egli parla de le proporrioni che fi trcuano 
ne Cieli è vna medesma ragióe dell'anima delCielo,Comc Auerois ìlell'animanoltra rationale cofi dice, 
o vero è vna medefma ragione dtiranimanollra rati onale & dell-» anima del inondo , come ThemiUyo 
dice nel primo dell'anima/cioè le proportioni che ritrouano nel Macrocosmo:anchora li ritrouano nel 
Alictocqfmo il quale è l-'huomr/. Cioè nelle porenzede la fua anima rationale. Appare adunque chele^ 
fortigni fono comune à gli Filofofi, ma dmerfamente confiderate:per che il medico le confiderà nel poi/ 
fo, l'Allrologo nella Sympathia de le flelle/cioèCcome habbiamo detto a carte.i-* nclli Diametri, Trini, 
Quadrati, 3c Sellili. Ma il Mufico nelle cófonJzecome fono li Diapente 8£ DiatelTaron,»: Diapafon Sic. 
JVla il Filofofo nelli Cieli & le potenze dell'anima rationale. Niente dimeno à ordine di confònanze o ve 
ro proportiont di armonie. £t perciò Pythagora volfe ne Cieli elTere Harmonia Se Mufica: Et per ciò 
3>l)^nio nel libro Secondo de la mufica de le Stelle feguendo elfo Pitagora quelle tali proporrioni d'har^ 
monia le quali fonone Cieli: recitano cofi anchora molti più altri che hanno fcritto di quelle cofe come 
^i fottu recitcremo:Ma per lo audico coli Anftotele dice, vn fuono può peruenire à le orecchie di più ma 

per molte fpccie. Et perciò fe^^tiita che 
vn fenfo o vero vn feparato orjpno 
non fia nato o verocaufato in ViTo 
corpo fé non per elTere adattato 
3 vna operatione fecondo la fua pro^ 
prictà. Si come elTo Ariltoteie volt m 
quello de gli animali: Si nel fecondo 
di generatione !^ corniti one : concio 
fia cofa che, gli dica quei medefmo p^ 
manente, quei inedeTmo nato atro à 
fare il medefmo: A a è dafapcrerhe 
la proprietà dei fenfibenchcnon fia/ 
no tutti generati duna medesma coni 
plesfióe a fu(lantia:per che fecondo 
alchuni di aere é caufato il vedere, q/ 
le è proprio il principale dell' anima, 
.Si del intelletto Similmente l'udire, 8C 
lodorare: gli altri paron da lacquu & 
da la terra generati . Et non dimeno 
ne pareCfi non erramolturtt operano ?i caufano da vn'puntotqual pare che quafi fia come da molti filo 
fofi se è detto,lanima elTcr' numero de feftefTa moiiente. Et perciò quello che fé retiene nella intelligenza 
dell-» anima, de le Ideale è vna forma fenzaamifcolata materia. Effendo adunque la naturale o vero or/ 
ganica voce ellefa dal fuo centro pare comodulare fi come fono le canne del organo, o ver corde, che fip 
portionanop ragione del mezo circolo, maefcctedadlcctro ^piicipiodel diametro fegnato à tergo p 
lettera I ellendendofi allaltra extrcmita del diametro fegnato. K. Si quanto la voce fi ellende per vna'cer/ 
ta breue o longa:o da vna lungezza llretta o fpafa &c.Adunque ciafcuna di quelle non farà Te non la hì% 
dtbitavoce, ma non fempre continuata per che indillanza fmanca comeèchiansfimo: appare la venta 
da la percosfione de la voce, che quelli per la reflexione &repercosfioneneloppollo luocho doue fé incó 
tra pcrompcndofi fi diminuifce come fanno li raggi conerà oppolli: ArelTacaufacertelinielc quali pren / 
dono non folamente forma di corpi di fuperficie, ma anchora corporeità di triangoli di varie foi ti. Simil 
mete di qdrati ìk circoli come qlla maggior figura à tergo affai fi dimollra. Et laltra^forchea/cioè efrec 
Co di doc lime che fanno vno angulo rctto/& Gnomonica/ci oe regula di ragióe di hniare a diHingutre co 
ogni mefuramento ogni quantica. Si quella le dillanze in piano, in alto, in balFo, da prefl"o, & da longe/ 
Et di optica/cioe apparenza diprofpettiuaeildimoftramento/Mafi elle faranno congicnte, o ver'mol 
liplicatc in concordanza, da quelle nafcerannodiuerfe confònanze f^'mphonice: fi come appare anch< ra. 
«inqiiellelinialecócordanzedi delie, prefeda Tholomeo, a dalli autori de la spher a che per Li oppolicio 
t^cde^Iiafpecci. Pinoci uuadoleluuedoluii regno Ài' dlU'OjCciuinentefe at'igutaao. 




Diapcte a 
Cane ni. 
a Ictter. S. 
Diatelfa / 
rcn a car/ 
re.Tii.let/ 
tera. E. 
Diapafon 
a erte tu 
lettera. V. 



.fi 



LIBKd 



OJO PRIMO 



Diapcte 1 
carCL-.ni . 
Diaa-ffei'ó 
A taccili 



.• , jnc )*m tV> 



LA EIGVRA NELLE DEMOSTRATlONr ET DI VOCE, ET 
DI £L£MENri, ET DI DPROSKETIIVA . 




Et quedo anchora farà gli corpi de pianeti, & gli Tuoi centricati o vero ecentrfcati raggi, le qiiat diftatitfe 
proportionatamente fono come (ì forma il Diateffaron Hii Diapente Pc laltre confonanze di voci che gli 
diligenti Mufìci hanno annotate: Anchora fi puoquefta confiderare come vetruiiio Senne nel Quinto Lìj 
bro acarte.iio.douedinioftra quel che fia voce ^c.Simitmctepoiremo auertire fi come accade a Ecchor 
Sr come ha fcritto Ariftotelene Libri deb Anima: &: Plynio nel Libro.? <S.à Capitoli, it, il che talhora 
quandjD trouamo i luochi atti à generare la voce:noi veggiamo elTa difpofitione del aere reciproca al re 
percuotere, S: moltiplicare la medefma voce moucdofi in vani modi à quelli che dintorno afcoltano.Que 
fto li può confiderare quando fi fta in vni valle di alchun cimofo monte o vero altra eleuatione per linia 
retta, o veroper luocodi triangulofituato '^ic. Et che queftì luochi fiano equali oinequali , comprenderai 
fi apuco apoco o velocemente fallendo o fpaciandofi la voce,o altre inronn.ize o difcusfi d'acque in baffo 
o malto, o dal mezo che tu afcolterai : indubbitatamente comprenderai le mutationi che farà elfa voce, 
8c noterai quella varietà de luochidala principale intonanza quanto impottano queife proportioni àql 
li che faranno odi fopra odi fotto o vero al mezo: "Per che Ci difopra farai àodire il ribombo intonato, 
di fotto hauerai la voce H/pate/cioì^ grauc I mezo Pari'patemcfon/cioè vna voce o nota de la regula 
della mano di.F Fa.vt: in balfo faraNete Hfberboleon/cioè vna nota o voce nella regula de la mano. A, 
La- Mi. Re. Et cofi le altre, per quello che inferitamente quelle contengono hauerai ogni vna de le loro prò 
portiom nel piaceuole 8c tranquillo aere: Et cofi eife arcolantà troutrai fi dalcuno impedimento intcrtot 
re non faranno: come da V ctruuio nel Quinto Libro haueremo a carte, it»?. lettera. F. ^ non folamcnte 
li Toni, ma li Semitoni, ì<ì altre minime. Et pur quelle procederanno da quel primo punto. L. circunfereri 
do in finoi. M. &: perche noi poifemo comprendere fia imposfibile : Si come dice Gisbcrto "PorettanOjaf 
Anilocde nel Libro prie de le^prietati de gU elemcci cofi dice:N£ corpi celeftì nò e llridoreinc fuono.AÌoI 



- CAPITOLO '" PRIMD f5 

;tihaftfio voluto die Ifnfònanze de le voci (? generano rolamcte(3ooe e l'aere : ma pur fi può &fiikbbe 

credere che in o-spi Inocho doiie fi puo far moto lui far'fi polTa voce. Et concio fia che gli clenicti fcml? 

intra loro ha fabiano appro(iiii;iza Se mefcoliza ifieme faccio fenip qualche cócctto da ftermetterfi . :per 

^fto dicemo ne pare da credere in ogni elemcto fi polTa generare voce'bc che "Pietro iViótioIò n:e\!;a nel 

libro ottano a' fefto capitoloSi^ dicemo anchora tato pia gr:rde crearfi qnro e più moltiplicato cITo nio^ 

Co,o furore della voce: anche ra se U moto falle fopraesft elemcti:&: che aduqucjqllo che fi dice della haC 

monia celefte,faluo fé córra qlla maxia hauelTe più potcza tre iViinimi circoli elemctili nella cóparatiiriie 

di qlli a intertenerii.che nò la i.fcndi.4moq_interra,fi come ognicofa col vedere penetranio .M^Tullio nel 

Somnio de ^Jcipione, ii^poi vacrofaioScnueno noi nò odirel'harmoniacelede, pla4lTuetiid(nè pche le 

crecchie nre sonno repiene de qllo fono, He cofi in qllo alTorditte.fi corno el Nilo Fiinne de eQ:)'pto tra/ 

bocc.idc da ce-ti altisfimi A;óti a qlli iuochi che chiamano Catadiipa,fa giadisfimo Itrcpito & fragore, ai 

nictedimeno qlla gcte che liui habita pia afTijctudineloronó ode, tato a ripieno l'orecchie di qllo roiiio 

■re,pchenó e in noialcl-uno fentimctopiugrolTodelodito.N.Ogftpodirenó ha forfi la natura alle nfe 

,orecchiecóctffb,acciorhelan ctenf a faccia tale epa chefiadegna di ej(T?irarein esfipodirela fumé qf 

Juochi nò più Antipodi faremo ma forfi Anti.ephali,cioe córro a li capi iì facillimo róiiexo.& córra noi 

iferiori àidare, & folo co ritelletro vifuale córra le cofe da balTu opare Hora p còfidcrare fimiimirte la da 

ti figura come detto habbiamo può feruire co vn fol piìto a tutti li coi scfi vedi qnto a la|>rpettiua e ser^ 

liete (.fi fimilmete nafcie folo da ql minio ni'iero eh e p cctro de la vena dt|)rpettiua & rerminato nelli ocu 

lari qie neca in tati.varii modi il v-dere, fi come i q'^a terza figura vi dimoftramo: p lo rjl vedere li C",r« 

ci fcrilTeno &chìamanola ragioni o-^Tixa onde Aovoff oTrTiv/je-zcire ragione dipfpettiua e detta.in lanno, 

£ tp ritoqlta fcièzaha i ferita efficace varietà dimoltratiiiacfi achoraleinarcèdofolanirte da vn-piìto, 

efTo fa cétricare Si diiti'guere^ncipalmcte la linia retta tacete p feilelTa a la bafe de la fondati one fupfìcia 

Jc Testata con Ire. TQ.. poi da la oculare figura cctricatadtl orizonre Segnata L.M.qfteduecomeparatél 

lice ti vfano con termini fimili nel mettere ipiano pfetto le ttrreftre fiipScie,© ver de li conducimcnti del^ 

i'aq óic.Dapoi achora da ql mcdefmo piito. L.fi cA la linia direttala qle e noiata Catheta/cioe linia apiÓ 

l)0 o pur axis comenel ^model.? libro diremo a carré 6'^.lra A Perche Arid-o.cofi dice. Intra qli punti 

tu vogli fegriati hel continuo e dare vna meza lima. Et q(Ìa e qlla d\ fa diizare pportionaf p ogni eqduH 

Za tutte l'altre lime le qli iterfecado le paraleilice itrorfe 8e cadete fu la retta bafe fa tcrminatiune m ogni 

ptecfi tu vuoi: R come da Euclideo ver P^thagora nelle loro d ferirti oni di p^pcttiua appe.Similmcte da inttOì:[e / 

ìiìolti altri cR più diligctemète hàno p liiga expieza i pittura opato:de i qli gli li bri apparono di alcliuni 

oh noderni.Comeeftato Pietro dal Bòr^odefan fepulchro, Melozo.francefco magagnolo Modenefe 

jcognatodel ^mocomentatore il quale dice al te ni pò fuodopola Epidimica morte di elfo Francefcolo / 

pera defcrirta & affigurara gh fu di cafa furata: E t.'ìchor''al tcponfo Leonardo vice da Fircze co'lqiehab 

■fciam'piato fccodi efTa^fp.tUua, .Si elfo ne affirma farla più deglialtri con doicètrio vederi eli dir vo> 

cliamo-^ Pietro Perufino tra glialrri nr-o pcttrcrebc eli non habbia lafciato libro alchuno fcritto. Onde Cubica a, 

tettcre qir ti fera bifogno di eleuare alcluina cufa iacirte nel piano o vero i forma cubica o altre fedo la ra caite.104. 

fa de la^portione di elFe qntifati: bifcgnai à tu fappi cpare cefi come amatllra Euclide: & maxi'e dal lib. 

Stf.I fino al xv.come achora nel.v pernio vna figura dimoftratp habbiamo per elfa vctruuiana lariunt k 

carte.io4.1fa.R.Etcofi fopra elTa q'ntita de lime di Krospettiiìa fi può oparc, p laetjlificata difritionc del 

ci^-colofi come l'parte fegnato haueino N-O fimilmete la Regione del fu ocho àmifcolaza de Vapori la 

^lecofipforma proforcha/ciot effetto di doi linee eli fanoaguli/habbiamofegnato.P. O . Anchora la 

Regione Xmii^olaza del aere nel macchiare il colore celeiTe de le ftflle,Ia-qle fègnaCa habbiamo R.^.la 

gj.e'diftit'ione ecaufara da.Lfuo circi;lareccno,&r aspetto dei «ole p la qle porrai tròuareia ragione & di 

ftaza del piano i ogni circuflexo obietto. *^imi Inure la mificoliza'd el aere Si il macchiare i,lcc.lore celefte 

de le ftelle il qle legnato hauemo cofi p forma nella Prosorclia/doc efFcrto di duelinec che fano viio an 




Ce 

gnata X.Y.'aduque qii li lacere linea. Z ^. o vero qila d'orizonte M.L.& rrapatTandoifiniramcre in fin» 
in.o.sarano mefurate: achora fopra qUa linea apionibo.^z. cRdifcede dal nfo occhio.L.alli piedi. z.&co 
ne da la linea apiombo zenir.^'.voltidofi p li he.mifperii da 52. à M.qita linea apiombo fimilmete fi potrà 
diltìguereconlemedefmecomunicize qnto faralaiftelTa iaceKe .'^itrafe redoppi.ìdofi o vero sqdradofì 
& potrano cadei-e fopra la data del Orizònte o vero de la detta bafe.poi nel cctro imaginaiiuo o ver di 
moftrariuoficomeè ia Ira. L. potrai Cui CompalToo ver felto Collocato i qllo, girare! ogni qnriraclittt 
v<ji fi Come nella Piramide de Pianeti tu vedi lordie fuo:^ come achora e córrano nel cctro folare fegna 
to.j.fie il CUI diametro ei'tra.A.B.porrai fopla rifguardara linea cfi dalcctro. L.a circuire i ifinito ifinoa 
|.aextremira accade nella Ifa.C. il cR dal dato cctio 5 achora potrai circuire ijntesphere tonde ti piacerà 
fedo la per.rióe di Euclide fopra il cctro occupado a.'qnto de fpacio di difegnare il circulo.Ma la pirami/ 
de dagli lati cR ifieme core dal cètro L la dilatatióe de la qle no e mai più del fuo diamctro,& non macp 
gncofi vuoJ.c.auare da la pò rtióe del circolo: ficomecóclulohauemocó le Ire O-Z D.E. &q(top cóueni 
incto diuifo itorno al circolo eqlmct. fi come qfte di balFo polTcno ciré vn piao p oppofitióe d gli raggi 
i qli imaginatiuamcteilpo pigliare & fpaciarefi come vedi di fuadcfita cfi occorre da. F.G H.L. Anchora 
poi co lo'mó dato pigliarla qnrita d'ogni fpacio m difniza qir hauerai formato L'.igulo o vero il qdro- L. 
Ai.pJ-C.o ver. L.M.O-nel temile de la iterpofirióe: de leqli dopocó ragióedtl metterei pianoarcò pcnr 
dolato dverfo orizóce.troueraiil difccdere o ver' pcdere de la linea chs'ufa alla ragióedelcóducer'' del 
l'acque . Adunque se nelTun' vuol fapere alchune diltanze giudicare perfctCìmente, quanto fiano da 
!.w tetmine.a, l'ii'Xxoto. impi^ut uiaalto, ediaeceslic^ lappa UCacaza di pcorpecau^unpcihocià 



TftTiagora fi come Tiglio scrùienel fecondo libro a Capitoli.ìf.&.f thoti hauer/a Tapura dite Io fpacr* 
de le delle: fi come qui nò con efTa ragi6e,ma qfìpformap clinotar''la diftaza de,fìmigliate cofala qle vi 
habbiamo tirata la Unia regnata dal cctro del vedere. L.in fino al cielo de la Lunafegnato.f dapoi al cielo 
di'Mercuna fegnato. K-fli dapoi qlla di Venere regnato.4le qi tutte p mathematica ragtóe: ben che non 
pfettamcte fatto habbiamo le diftaze dal vno elemt:to,ocfelo,alaltro,q(lo è dato pll poco luocod?laffi 
&irare,nó dimeno volirdo altri dilatarlo co ragióe portano fapictemcte cofi efTerCjCome molti hàno par 
[ato, ^maxhVlfniu che di qftocofidice. iVioltianchorahànò tentato dimoftrareglìteruaUi che fono dal 
la terra i pianeti. Et dicono il Sole elTerc di lon^i da la Luna decenoue parti più che nò è la Luna da la tee 
ra..Ma Tf'thagora huomo di fa^,;ace ingegno pone da terra alla Luna. cento vinticinq migliara di ftadii di 
la Luna al Sole doi rati à: dal Sole à dodeci fegni tre tanti. Nella qle oppinióe fu andiora Gallo Sulpitio, 
Ma efl"o V^yriio de la mufica de le Stelle cofi pone. Pj^thagpra p ragione dt mufica chiama alchiina volta 
tono lo fpacio il qle è Ha la terra alla Luna. Da la Luna a Mercurio pone la mèta di qllo fpacio: S; il (imi 
le da lui 3 venere.Da venere al fole altre tato X il feito più. Dal Sole à Marte pone il medefnio fpacio cfi è 
da la ira a la Lna.cfi il dice tonO:& la metà di qtto da Marte a Giouc 8i il medefmo da Gioue a "^atarnov 
&da Saturno al Zodiacho altrct.ito &ilfc.xto più Et in qfto mó fonofettetoni.Laqleharmoniaèdttta 
D)'apafon/cioè vniuerfità di cócentò p vnaottaua. Et in qftaharmonia dice che Saturno fa Canto dono- 
Mercurio phtongo.Giouephrj'gio Etne<;lialtrifimilmctein veftigacó fubtilità più giocò Ja che necelfa > 
ria.Ma vedi in elfo Vlyniu qllo die di Harmonia del mondo dice. Et fi molte altre cofe de -jfte ai^ronotiu 
ce o vuol dire de ftelle vorrai itcdere ftudia I elTo 'Slynio: o vero in Tholomeo 8c altri dignisfimi che alFai 
hanno fcritto &maximein Ariftotele. ' 

CMaPentraredeleopechecóIemani &frattationiad vndegTio fìnefì ^ducono/ cioè ad introducerfi 
■all'opere ;in qlche artificio dimoltratiuò co le manto co le fattatiói/cioèp manuale ftartificofe opa '^ 
rioni, o vero p espofitióe trahcio il fenfo de la cofa come fano li doti maeftri di alchuno artificio che nò 
folamctecó gli detti, ma co fatti dinio 1 

Urano le arti, pamieftrare gli rozzi o ■« • j i^ -^ u 1^ ^ : ...... .^ 

peratori: Si fccòdo come meritano ii Ma lo entrare de le opprCche con le mani o tratta*?^ 

trattano: Et cofi di tutte le cofe agente rioni ad'rn degnò fine R perducono: fono di quelli 

'ilr leti: n^'fi^eS^afc^rSfu^nalò che propriamente fono ordinati a fare marte. Adun. 

trouerfia, xancofelidtain q!la vita que pare che afTaì abbnndantemente l'habbìa fatto 

fé nò p caufa de la trattatiòe;Onde an ^n j^e di cfafch-dune dottrine mediocratnentc 

chorapuerbialmcrefidiceeglieetrat/ p • • j, ,r l r- o, -n u ' 

t3biic:anchora posfiamo fignificare fia le parti 8c ragiont d'eiic ha cognolciute, 8C qlle che 

ìtroduttiuo o ver pfona .glorificata o necflTarie fono a T Archttettura: come che fi alchu/ 

weroartificiofa&c.EtpcioqlUch fanx ,. ^ p j ,,-, o, • j- o. ^^ '^ 

hooparecòietrattatiòifipducono al na di quefte cole dell arte & giudicare & apfroua ^ 

laeleg.itia noe allopatiòe fattibile di re g|i farà dìbifognonon gli habbfa a manchare. Ma 

JeTc "oL^dinSoelmae^^f:: a quelli che la n.atuta ha dato tanto de diligenza c3 

ti e nò foiamcte vn pocho da gii "pre^ U suttilita de la memoria che pofTano la Gcomer-ì:.* 

SaSriftlti'nor^Stia t3.a"tri "'^ Aftrologia, Mufica & l'altre scienze hauere al 

huominie nominati con ellegantialau tUttOCOgnolciUte I paHano gli oRiCU degli ArchlteC 

dabiie. c Adunq pare che aiTai ab ^ j{ 3^ fannofi Mathematìcìi Et cofì facilmente con*o 

bildantemcte l'habbìa fatto allo . vey ir r • cr ■> j-r u ^ • 

truuio qui p cóciufiòe de le ppofteco/ tra efle Icienze poflon' dilputare, che con più arme 

fé & de la ordinatiòe predetta, gli pare (Jj fcìcnZC foHO armati* 

debbano elTcreesaifatiqUi che medio 
cramcteo vero a baltirzababbiano di 

qlle bone parti de le fcicze necelTarie , ., ^ , , ,, , . . ." 

a l'Architettura: Si come nelle nf e leggi e fcritto: Che qllofeceqlche podde &adimpi la legge: cofapcio 
che a gli effetti vtgcii & necefi"arii:nó bada la buona voluta, ma bifogna lo effetto: Onde p qifo gli A rchi 
rettori & tutti glialfri ftudiòfi,efrer' debbono vigilati «1! ftare preparati, Per che nò fapetela caufa nel,tè 
po'qndo farà bifogno: Quelli fonoqlli che palTano gli offidi de gli Architettori 8i fannofi MATHEMATI 
C t. A riitotele nel.6.libro de la "Politica cofi dice:.viaximamcte &^pfio dicemo opare anchora nelle opa.» 
tiòi efteriori coloro gli cjli fono prepofti alle ope co la intelligenza & co la cognitione . Quello vocabulo 
Mathematicoe greco. in latino fignificadoftrinabile o vero difciplinabile,qfta fciéza ein tra leqtro:p che 
primamcte e abbraciata de la co5;nitióe di Thifica come dice Arinotele nel Secódo de la Thifica espolta 
d'Aueroiscò la qle come dicemo e la eficacepotéza de rArithmeticha,Geòmetria, Mufica .V Aftrologia. 
Ma alchuni eccdlctisfimi, già furono nominati Mathematid: altri gli nominorono Gentiliaci fi come Ve> 
truuio nel libro.ix.dice.alchunl Maghi ^li chiamano : p di qlti fi vo.euanocofedi marauigliafaceano qli 
diurne de alchune opariòi loro t.Ko erano fupftitiofe, & masfimedelmdiuinarecomeàchoradialchuna 
cofa di minima fportanza.ma degne di fapere. Alchuni ArithmeticiMa qfti feranno de le cofe dimandati 
tato de le prefente qnto de l'auuenire, & di molte altre vniuerfalita marauigliofe prediceuano che qfi pa 
reali Dclphica dÉÌtafuffeincoftotai<^efta fcienza^tichoraficome vetruulodicefu trouatada Caldrt 



CAPITOLO 



PRIMO 



i7 

masfìmf l'AitroIogia più efficacemente: Ma' sccgInJo le proiifncì« & MxU regioni del niciido quelli h.iwio receu* 
H 1 uarii nomi olcr.i ciie dir M,ithem;irici:tmpero che i pirfi.uii gli iionunarono M.ij^hi,t Grca PhiIc5ophi,i L4 
tini S^FieiKM Fracefi Drudi>gli Eiyyni Prcpheri,gli Indi.im Gpniiosophirti , Cofi gli Ah/ri quanto i C Idei: 
Qtieltadorirmafuguin c.inc.iex.ilc.iaoncptriiiolro tempo auKl;^i.^ coincsciena.is.icr.uisdm-i , per «.he ultra 
quelle ne sc<;ue 1.1 rhi'ulogia: Mi dipci cheperutncnioin .)mbitione& Auanti.udacas.isHcni tu usac.* lu uiiio 
se br!ltc^^c oscene & iief.iude.pcr 1 iqu^l cds.i tacinrjrùsa,n),iledetca & preiigio^a e liata prohibita & uct;ita lò pe 
na dalle piiblicclegge,coitoro la iiscrono iiuianati modi te me alcuni giaoptrara l'haimoiciu con aiuti di bpi' 
riti maligni & di mali hir.inuni morti :& in spintale de gliuccclli o usro di alcuno aaiiuale bruto p irou.iteau» 
giirii & per dare pafto alla aedulita uolgare ptr hauae aa esfi & pmii & duni.Colroru tó forza di parole & d'u 
pfrc,o con herbe,o con pierr£>o con Kirafterc& cose altre molte: con aiuto d 'alcune coi).tillarloneciispolte,& cj 
sutFamigidone& habiri & molte alircs uè apcrtinenrie,faceano cose horrendisfinie,ltqiiali non solo agli huomi 
Ili ma al!i maligni Dcmonii sono ui odio & non gì uogli^uo ubcdiie ; & al fine csii hauendoahn ingannalo i 
in illgni & diabolici Spiriri gli ing:innano & fanno che lì dana l'anima sua alle Uoltc (deh a che ne toiiducemo 
al iiiic)n liberi fiamy coiiftituiti di Dio e dalla natura:& a che fami strui a patir pene da Demonu : che quando 
aii.icnga (iamo danari con chi uoleniu dopoi cui noilre caute scientie disputare per ratcompararci da quelle ma 
iigne sociCTati dalle quali l'onnipotente Dio hi cura di catta la Qiciihana 2cntTatione;& quelli aiichoca che so» 
nò • n breue o alciuia u&lta per douere a eifi legge 5: fede ueiure. 



i Ma qucfti di raro si trouano '. come alcima uolta so 
no ftati, Anftardx) Samio,Philolao, 6i Archita ta 
rendni , ApolIonropcrgco,Eratosrhene Cyrcneo, 
Archimede ST Scopina iiyracusani, i quali molte co 
se d'organi &: gnomonicc , col numero &: naturale 
lagioni trouatc ò; dichiarate a quelli da ucnire gli 
hanno lafcjati . Adunque in uero tali ingegni dalla 
naturai diligentia totalmente ad ogni gente non e 
concelto hauere , ma ha pochi huomini . Ma l'offi 
ciò de l'Architetto , in ogni amaeftiamento elTer 
debbe exercitato : QL la ragione per la grandezza 
della cofa il promette nò fecódo la necessita hauere 
le sume scientie, ma anchora le mediocre difcipline 
Onde io dimando da te o Cesare bC da quelli che 
ìmici libri saranno per douer leggere che se alcuna 

^ cosa alla regula dell'arte della grammatica sarà 
poco dichiarata , a me sia perdonato . Perche non 
come grandissimo Philosopho , ne Rettoricoele 
^ante , ne Grammatico con "randissime raciioni 
d'arti exercitato , ma come Architetto di queftel et 
O tcre ornato ho preso audatia a scriuere di quefte 

3 cose d'Architettura '. Ma della poteda delrartc 
guai discorsi di ragione che in ella arte siano, prò 
metto (come sperojcon quelli libri , séza dubio mo 
Arare co gradifsima autonta , no solamente a quei 
che edificano, ma anchora a tutti i sapienti . 



CTMa quelli ài raro fi troiiano.Ci.uiui Ve 
tniiiio 'lol dire come scn pochislineche 
peruengano a quello grado di dottrine.» 
Adunque moftrano ucnircpiu prcfto dal* 
\» dispulìtione nacuralc,che dalla ftcquca 
tia de gli ftudii. Come già furono quelli ec 
tellentisfìmi i quali iiacqucno in diuerst 
tempi & in du)ci>e regioni. Come fu ARI 
STARCO Sanno delli Insula di samo vi 
Cina alla rluviciaiul mare £geo.ne e ditto 
acarte.ii.phi olao r,cn solamente fu M.ì/ 
themancc,,mae..cei!enfe mafie;. ARChf' 
rA raivatino.fu quelo chcjaiuo Plato* 
nedaDioiiifio S^Mcu^ano con unaepiilo 
la sua , & aiuhcr:! olrr:t 1 . M:ithcmatica 
scienti a eccellente ^5uficL.>q!!efto fu quello 
inuentore della platag.;. Ir , uo la nauicd 
ladatciferc & i plano'ino 'Citepi.;l!et/ 
to>da farpianel'asse anc ri scn.icd'At 
chitertura . Et un'altro Archita scriifc di 
Agricultura.Ap jIlouiopergco.GTEratorte 
neCjreneo.di que.lo il qaalen^j solameli 
te Vetru. ma :inciioia Plinio ncparla.Es 
so fu grade Geometra & sur.ilisfimoCos 
nicgrf phj:anchL.ra senile certe di nioftra.» 
ti Olii di quadr.tur I Circuii, no in qu:mtì 
tn conrinue.ma dU(rue contea di Ariftote 
le.Cì.ueilo fi dire fi gloriaua anchora eiJere 
flato eifc ilqualehauea im/tato molte co' 
sedellaSj'billa Sauna. CArclumcde dt 
quello excel len ti s limo di sopra a cartc.ii. 
letraa.K.ne h ibbiamo d"tfo:dcl quale cer 
tamenre lodarlo nò li ueggiono satii i pre 
clarisfimi saittori;anthcra esso lia scrit* 
to assai sutilisfime opere in Mathemati» 
ca;& tra le altre una opera di Qlindris Ja 
quale fi di e Nicolao quinto Potifìce la fC' 
ce tradurre in latino: 



O bcnra grande de 
I s.ipicnti a l.'rci;;re tufi care cose che maf- 
thcsoro del mòdo nò saria sufficiente a pagare fante finyul.irisfimerperejkvjli nef ne parere come huomini di 
uini . Ma cóciofia ci.eqfto anchora egli habbiacófcjl^io che Anito-nc Ifppeqfto di foratura circoli:Nol penfa 
nio esfendo leloro scrirrurertniaflcallaprcscnrcnijflra.eTade anchora come sono «npresso di alami non sol ■" 
mcn'c m sua greca lingua, ma np.chtra tradotte in latino, & essendo al prestine una tanta copia al mon> 
do di predanssimi sapienti d'ogni faculta de sci enric, & maxime fra la Cliriilianita nella nollra Italia; 
che uol dire che ncalcuna i:olta ne anchora al presente egii ncn ehi;omo the se ne gloria saperlo ne p bisogni 
degli ponderali o uero u..fi metutotii j non fi posdatate nf rai.ifiaftatotUiusatgn'habbia/mafif uc bea 



/ 



l-I31^di>'^^I PRIMO 

aite che (imo cJfi.ftau nlLi pili propinquità che f!^ (laro poSlibtle a tale di mo.'h'anonc-ni.T h.-?ucrl.i ài certe predj: 
ganicare dimcftraca non fi trcua,(i ccJDeAuerots dicecel primo della pliifici : £t pero AriltoaleiiLn nuritacòff 
di f.'CiU eilcrebiaiinaro perche ha dette il uero-Et pcrqucSclascuiiza distori.i tui r-giciKtccnjeccsa da pò» 
tcrfi sapcicnii nò audiora tir «ara. CScopina fu anchora lui Sj'facuiano qlto fu (;ngul;iri>fiiUo niiirhcmaticc & 
5cril[e molte cose d'crg'rini'C.'Ge d'inftrurticnti'& come seno termini' cioè cc.se allf., .,biiogj..j ce r;;nc màii'^a'C 
É;£cgnomGnici.'Ciuedi;lielÌHie de raggi del SoIe& come procedono dai umicdcfd pr^sptccu, allibente/ Q.uJii 
sbn rernuni che fi trou.ino ancliora con lo aftr&Iabio per sapere ne i corpi c£ktii,& dc.tttlJe la lcr<.' (.iiuaticne & ie 
loro diitmric: Si come con quella sci enfia usano per l'ombre di alcune corri o nero aitre fimigU, ine cose siil pia/ 
no de! icrrcno saper direl'alcezza ola profondità sua. àanthora di alcuno pozoo ai acqurt di marco di iax»^ 
o di fiunic.Q.uc:ti CNOMON'I alcuni gli hanno nominari dimoftratori dell'hure con l"onibr?,Q uào coinc.ql' 
le Scyledi rame de gli hjri&U trouari diilla ra^jione naturile del jjirare del Scie. Si come dia- Vefruuioaiihcnoii' 
& quiui in qucfto primo libro a carte.54.Io chiamarono 5chiariras»altri feccno poi per pai maguihctnna per al^ 
tri modi di forme diuerse: Ma pur con le ombre & lumi del 5oIe& con le rote & sU(.ni:a noftra. usanza saper fa^ 
re queitf cose. Altri ;^randi Archi retrcri la perpeniita degli principii grandi come e ftaco in Egiptoic Piramide, 
& a Rhcdc i Cjlosfi,* a Roma leCoIonne,le Mere & gh ObiliTti,tra i quali quello di lulioCes; re a^ prelfo di 
San Pietro ciie ai presente e in piedi con lo apice in cima,delleqiiai cosemarauiglioscucdi Plj'Uio quaionetrat, 
rai& di AiiaxiPKueMiIelio ilqualefi dice di inoltro quefto ai Lacedemoni: Adunqe quelli tali diligenti ingegni 
o ucro unichi & fìngularisfinu & rari in effaarte.chepcchciiolte gli produce la natura al mondo & ferii cfiii et' 
pò di trecento o cinquecento o ufro mille anni ne sera creato uno che fi polTa dire diligente tra l'infinito nun.ero 
dèlia gcnernfioiic humana.Et di quelli in uarie regioni o tho uogliam dire parri'dd mondo,di rado scii trouaH. 
CJMa a pcchi luiomini.Cì^uiui intende pochi huomini uirtuoli magnanimi, lì concede di qucile sdmrrto ucr pò 
remo anchora dire a pochi principi ec^nceifo haucre tali diligenti ammirandi & diuini huomini ai prcfiij di lo 
ro: Aucrois cofi pone.Cnnciclia che quando 1 huonio (ia ftato congicnto a I iiitclietto per cagion d hauer sciai' 
za detufrelecose,:ilihora Dio e qunfi conSionto in un corpo humnno- CM=i I ofiicio de l'Architettore &:c.Q vi 
ni può ucdere con quanto dotto modo ài sopra Vctruuio Iia detto qila inditutione & al presente conclude fia^bi' 
sogno a ^1i Archircrtori ei?cr beneomari di tale scienze non secondo Ianecesfita,ma per la uatiaa de i c.<fi ch'ai» 
l'improuiso auucngonocomeh^-bbiam derro:&non tanto per le cose grandi qu.mto anthuta per le mediccre; 
fercio che coli fi dimrllraogni intelligcnria fé e piena alla forma/dee sarà ottima nltepntticolar' coseintellig» 
bili.COnde io dimando a te o Cesare &c.Ma il texfo dice peto a te o Cesare. Perciò che perereproprianicntee il 
dim^ndire con pre:;hi:& dimandare con ragie ne come Varrciie dice. Adunque tu può conoscere la niagnaiiimi » 
M & doTrinn di Verruuio in qUal modo egli impetra uenia da Cesare l!iiperatore,& da g'ialrri che sono per do 
iier leggerci libri dieflc-comea dirrqjafi tutta l'opera (ia perRrcarMa chepdonato gli fia sealcnna cosa utflis» 
seda riprendere a'Ia regola delaCrammaticaima dell'arre neifuno prenda alcuna dubitstióeuedi Arldolclcntl 
secondo delia Merhnphifira che cefi (ììce Non solamente e giudo conceder grana a quello alla cui r pimene s'è 
fatr^ palcse-ma anchora a crìcw che superficialmente alcuna còsa hanno dimo(lrnta:quelli adunque alcuna co 
siiiisegn-'no' quali hanno l'Inbito noftrc risuegliato.Et per tanto paioi uedercchenon meritoria per queilo al. 
cun biasmo Verruuio fi ben fnffe Tonato in qualche picciolo errore ncn solamente di Grammatica, ma di altro 
senso' Perche In fnrenrirne d'ogni profelTfjr boncqtfando egli fi extende allo amadlrareo ucro cper.irc in a1cu<^ 
na e isa e sempre a bonfne .^i come anrhora opera la narura delle cose: laquale da Auerrois nel sfcndn ce l'ani* 
ma h memo; Anchira Arili, tele nel quinto della politica dice.Ma fi alcuni uolesseno argnire ddla Rhethorica o 
grammarica(fi come anchora nel quinto proemio Vctr i.hi detto nella sua excusationc-per l'ordine ch'eneceslf 
tadi parb recoTi qurfli ur cablili &aIniodohumiIederari:ificc)que!li debbono pensare chenon fi può giapa 
rei-eun summ?) Philoscpho di grauepnrlare.neun piaceiiolisfimo Rhetorico diflErente.Ma dimmc preclaro let» 
tòte qur^Ieechi non erra o habbi.i err-^to in quello mòdo."' Ccmel'afflrma Dauit nella sa^^a scrittura con quelle 
p:irole Io disfi nel 'erre r r>iioogn'buomoefall.''ce'cioeattoa potere errare/chi eadunqueperfetroydonéeins» 
^;natclmi & Icderem- Ir. Adunque ciaschednn uiuenreingegnioso (ben chepolfa refillere nello scriucre') perno», 
eff rearg lito dcllepubliceapparcnzce posfibileerrarcrMa quando ui e qualcuno checommunica.o uer dinicdr^l 
un suo pcnfier-^,* che im'a'tro meglio di lui lo argirffe come detto habbiamo:& c^;me di qucffo urderii nd ter 
zb pr.",emio:parefia da tollerare: perche pare .«Socrate & Apollo hauere errare non haucndo ?'attto:Meg!ioeadutt 
quechcli natura ne h'bbia generiti ne «jh errori che fi scriuenochenór.ehauesfi farti, ne fusliiiior.acccr.lari. 
(fMa d<;'Ia p'^reda der:irte &c.Ve'ruuiohauendoinuocato a Cesare le cose predecteial presente con franchrzrt 
d'animo fi tiene a dimcrtrare la ingcgiiicsa scienza d come spera con qncdi libritnon solamente a gì» edtficatoi* 
ri. ma anchora a rutti i s-'pienricon'Tatideaurtr.rirateelTcr senza dubio»fi che lo habbino in grande afltttiou*. 
Il teifto latinodiccpreHaturum'CioieefTereaurenticato prel^ante & tenere il principato deglialrri & satisfaci'ente/ 
fico'.eela iicrira chcnnnsolamenrecftato il primo & più predante: Ma non so chepoRTir-.pglio matur;>menr^ 
dire.neoper.ire per le scritte sue ragicni-il nero effetto. Hora dapoi che quiui vetru.ha iÌRito la ioftttuCIonfVlftl) { 
turione rtoe ordinatione/attendiamo al seguente capitolo tecondo de l' ArcWcettura . 

■ ■ . v':r"i 

n 



CAPITOLO 



SECONDO »8 



CTMa l'Architettura fi compone di ordinationc la quale in gtecò TAXIS fi dice. Hauendo vetruuio fcrit-' 
IO la predetta iftitutioneo ver órdinatione che dir voglianio;alprefente vuol venire all'efFertuore dime * 
ftratlonide gli principii di quefta fcienza, & à poco a poco procedere accio fé intenda di che cofe fi có^ 
pone l'Architettura, per che fi venir' vogliamo all'effetto di formare le membra de vn corpo, e bffogno 
facciamo come chi penfa à dar forma à gli quadrelli o ver' matoni per fabricare vna cafa, o per vno ary 
ihetippo/cioc volgarmente dicemo modello/è di necesfità, fi cóme di fopra è detto faper' dare al luo/> 
Clio la quantità & capacità di quanto può contenere Sa in lunghezza H in altezza & in larghezza: fi come 

nelimpaftaredtl pane & ponerlo nel 




DI CHE COSA SI COMPONE L'AR^ 
CHITETTVRA CAPITOLO. IJ. 

A rarchìtcttura ricompone di ordì 
natione che in greco foc^iir fi dicei 
8C di DifpofitionejEtquelb gli greci 
chiamano KìaxEqVNt&di Eurith 
mia.Ec dì Symmetriaj& dì Bellezzai 
& di Diftrìbutióet che in greco oi Jto 
HÓjiTa. Si dice. L 'órdinatione e ^ rna poca còmode 
dita de gli membri dell'opera scomparcìtamcnte,& 
comparatfonealla mefura di tutta la correfponden^ 
za, Quefta fi compone di quantità la quale in greco 
saoqofì<r fi dice. Ma la quantità e dal pigliate 
de' modelli dì queiropera,8c di ciafciine parti dì 
quei membri di tutta l'opera rn conucniente cffec 
to. Ma la dispofirionee^ rno ageuolecollocamen <> 
ro delle cole» & elegante effetto nelle compofitioni 
dell'opere con qualìtatc. Le fpecìe della difpofitio 
ne, le quali in greco fon ditte i^eci. fono quefte i 
Ichnographia,Orthographia,Srenographia.Ichno 
graphia e' vn contenente vfo del cópaiTo fatto apo^ 
co apoco, & della regula per la quale fi pigliano gli 
difegnamenti delle fotme ne i piani delle aree* 



forno à cocere, & cofi medermamente 
dell'altre cofe: Adunque è dibifogno 
hauereia quantità diftinta &la mate-' 
ria di ciafchunacofa generata al prò* 
pofito di quello che fi ha à darli for y* 
ma, accio producer' fi pofTa quella co 
fa che otdinariamente intcndemo di 
formare in dimoftratione : MaelFendo 
imposfibile dimoftrare alchuna cofa 
formata fcnza c'habbia hauto princi/ 
pale ordinamento materiale: cofi à co 
uerfo come vuole Aueroys nel libro di 
fubftantia orbis , ^ nel primo della 
3>hifica d'Ariftotele.Et effendo fi come 
detto habbiamo.nel principiare nò fia 
ragione: & che tutti gli principii flano 
di minima qnantua, non dimeno fono 
dcl^la virtù maggiore: Et perciò fadiy 
bifognò fapere incominciare m qualii/ 
che modo fi debbe dar' forma & cor.» 
pò alle cofe di qualunque materia « 
quantità che nella natura delle cofe fia 
no: Onde Ariftoteie nel terzo di Celo 
& Mundo cofi dice . Ordine è proprio 
la natuia,delle cofe naturale: & nel.17 
De naturalibus, cofi dice, Ognicofa eh 
fa la natura è fecondo i'ordme.Ma ve 
di anchora vetruuio che m altri luo/x 
chi dirà quel che fi a ordo che m molte 
fignificationi fi piglia: £t per quefto fi 
mantengano & olTeruanfi tutti gli reg 
gimenti & le cofe del mondo: & fpeci / 
almente doue intendemo che operano 
gli huomini,iui bifogna c'habbiano co 
fideratola polTanza de la natura, per 
qual modo ella ordinariamente le cò> 
fé difpone à gli effetti perducendole, o 
vero à fé contrahendole. Adunque fi vo 



glfamo componert o difcompònere o vero andare con ordini ad alchuna cofa, bifogna procedere per or 

dine, altrimenteconuien' che quefte Cofe reftano in mote & imperfette ^fenzaloensab attu caufatum. 

CEf di Difpofitione. Hauendo noi propofto del ordine imatena con l'agente: bora conuiene anchora la 

difpofitione: per che fenza l'intelletto faria niente loperaredifpofitiuamente: £t cofi fuccede che gli atti 

di chi opera fono nel huomo paciente &: ben difpofto.Ma queftò vocabulo greco Diathefis.ios.cioè affet* 

tus. & vnum eft ex accidentibus verbi quod latini genus vocant. CEur^thmiaqucfto vocabulo è greco & 

fidiceda. »v.che in latino fignificabono, & RITMOS/cioè annumerare/ma vetruuio fimilmente te lo es 

pone & dichiara. Ma Quintiliano anchora cofi lo dichiara dicendo, che gli Rj-thmi non hanno certo fine 

nealchuna varietà nel procedere, ma vanno col rimouimento fino al termine ordinato fene dice à carte. 

zi.lettera.B.CSj'metria.quefto vocabulo e greco il quale ben che non fiaapprelTo de latiniin vfo come 

Plinio dice, non dimeno fignifica lo mefuramento nato dalla Eur|^thmia:quefto vocabulo non folamen* 

te in quefta iettione fignifica numero da mefurare, ma anchora eflo vetruuionelterzohbro al primo ca* 

pitolo lo chiarirà &àcarte.ii.CBelIezza.queftae vnaconueniente correspondenza delle cofe , atte alla 

forma di ciascuna cofa da farfe. CTDiftributione.cioe scompartimenti in diuerfe parti effe quantità per nu 

meri diuife: perche poffemofeparatamente attribuire & apphcare à ciafcuna quantità & scompartire or* 

dinariainentc fi come da Euclide habbiamo. Adunque quefta difttibutione e quando vna quantità prefa di 

qualunque cofa fi fia che fi va diuidendo ordinariamente per vna certa conueniente equabtà: & come farla 

anchora vno Oeconomo o vero Architiclinioominiftro d'una famiglia grande, ài quali conuien che fi Archftfcli* 

ftribuifca per la vita loro & veftimenti per rata : ouero anchora come faria d'uno arbore diftribuire la for no cioè lo 

tezza & fuftazìi del ttoacho per li ranvi priclpali H. glialtri di fotte la fotte fino a ^ minimi extremi:coiI Scalco 



s^ 



LIBICO ' PRIM3 



anchora rome fa vn signore tra gif Tuoi Teruf prrnapali & dimaho in mano le qualità menori; Ef coti fit 

frrco fi dice Oeconomia. Ver la qual cofa volendo fabricare alchuny edificio Architttturalmentt , gli e di 
fognu confiderarecomela natiua opera nelle cofe che elTa crea: txcoCi cbirognocheintendiaino quel/ 
la & inmirrianio Adunque quando cofi operato fia e bifogno che h;.bbianio, 3c di iftrunie nti l>i di mate -» 
rie, tutte le cofe dilpoftealpropofitodi quello che douemo dar la fornia.come Aueroi dice: Chela max 
teria fé soppone per quanto che poi, &quefto e che riceue tutte le forme ondi la materia niuna cofa eia 
atto , ne include nella Tua natura alchuna forma, ma e impotenza a rlceuf re tutte le f orn e &c. £t quello 
eche le fornu naturah fediuidonocon la dluifionede la materia, llche vokndo dar forma à qualt.nque 
co'"a fia fecondo e(Ta materia: ccnuien che fia difpofta Ce preparata con tucno ordina o vtr con buon me 
furamento: Imperholamcfura non fi conuieneallamateriafi ncn inquanto la quantità reticnc C L'ordì 7 
nationeevna poca comodità, cioè vn piccol' principio de le cofe moderato :^'qné(to e quello che prò*/ 
pnamente forma la ragione atta & conucnicnte dal priijcipio in fino al fine, di tutta quella integrità chin/ 
tcndeir.o dar' corpo & membri infino al fine con la conueniente proportionaht J o vero per lo contrario 
doutbiTo^a perlininneri & quantitati. & perciò quello ordinamento pare come e detto fia vna certa ca 
modità de gli membri, o di poca odi affai quantità neioperafepar atamente; C Et f omparatione cioè ret. 4 
toccngiugnimcntoo assotiamentoccnfiimato infit-me, ccme fa la natura nelle cofe nafctnte checcndu/ 
dono in propoirioneefl"obuon rrefurameiito, & per ciò vetrimio ha detto quella .^^'mmetriafi compo 
nedi quanritacheingrecoff'o'oTHe-fi chiama. CLa Q.VANT1TA evn pigliare de modelli di quella epe/ tf 
rachecfatta odafarfi. In quello ordine e da confiderarfi: datto che fia vna quantità di numeri o ver fia 
vna linea o molte cofe di còrpo e quella cofa con la quale infiemcmefuramo con linia difrrumcnti opera/ 
tiui,o vero vafl che mefcono acqua.che i quello modo fi chiamano moduli a ridiiceiii in vn corpo o vero 
fubietto: Ò ver come haiieremo nel libro decimo U in altri luocìii da vetruùio. Aia Eucl'de lo dimcllra 
per Lnie Se nume ri comunicanti prc porticnabilmentt a fimmare 8c dicidere tutta la quantità difcretd o 
continua'! quali compcntndoliinfitme fempreoin tutto oin particelle conuienccheconrefpódanoa tue 
ta la integra quantità: come farla in vn corpo humano v daitro animale, & come fi hauera nel primo ca/ , 
pitolo dei terzo libro, & come dal a cómefuratione del carr.po meticdo nel r.lib diremo,^ cefi cognofce' 
rai quello effetto. Anchoranel «fecondo libro doue palleremo della con.pcfitioncdegli principii delle co 
fé, a masfimcper letregeneratiotii degli matoni, per che prtfi tutti qué membri & particelle infit me ca 
pongano gli muri ?i fabriche t;;nto quanto mckiplicare fi vogliono: Cofi anchotaglipauitrenti &c. 
A talfimilitudine anchora membratamente Se particolarmente tutte le furti de legnami atti in (sfi edificii 
&caftfi per li palchi over' tettici per ogni altro abbifogno ik.4i Scaie & altri nieu bri CMa ladifpofi/ j© 
rione e vno aggeuoU collocamento delle cofe Circa di qiitllo ne pare di fopra habbiamo afl"ai espollo.del 
che niente fi fa fi le cofe non fonoattuat;.mctedifpolle. CLefptCiedelladispofiticnelequaliin greco fon jx 




fica, dal quale Idolo o ver Simulachro fi dice.Onde Idea an.hora fignifica vn nfguardare o vedere firn// 
gliantemente come in vno fpethio, o vero vnoejsemplario della colaci,' operare o affigurare intédtmo .. 
Et perho volendo fpecificare & dimodrare il modo che fi dà le forme alle cofe qualunque fi fiano , masfi/ 
inamente àqueilech.apptrtengono alle cofemanuahdi Architettura, è bifogno operarle come e detto 
con l'ordine fuodi Ichnograpiiia, Orthographia,^ Scenographia C Inchnographia fi dice da nx^'ó'^: gre 
ce che in latino e vtftigium/ci- e vnaimpresfionefartaiopradelterrenOjO ver'polutrco àchor palla 
o neue, over come vn'jifegno ("opra la charta i^^ altre cO fé fimigl. ante, fi dicono, anchora volgarmente 
orme & pedate o Pianta. Et Tpa<pia/cioè pitturao difegnanientoodifcrittipneovef fcultuia. Adiìque 
JCHNÒGRA'VHIA non voi due altro che vno mefuratodifegnamento di piana fuperficic , come a dire 
vn giramento di tondo fatto col fefto.o vero con la fquadra rigare per dimcftrare la cofa da farfe: fi co^ 
me anchora con lo feptro lituuo da non polTer brufciarfi il quale vso R emulo fpecialmente in dimoflra/ 
re gli fondamenti de ghedificii,come dice Vlutarchonella vita ai camilio. Cofi adunque volendo noi fa/ 
re alchuno edificio o vero altra cofa ch'operar vo;liamò:prima facemo vn poco de vno ordinato o ver* 
mefurato difegnu che lo chiamarao, nei pittori, fchizzo & ancho gli fcultori. & cofi dimollramo il fito o 
vero l'ordine della cofada farfe, o per Archetipale o per effetto di murare, per la qual cofa poi fi regu/ 
lanole cofegrandedi tutteleedificationi : doue occuparne lo fpacio del area o terrena fupetfice, &pian * 
ramo gli pali di legno di cantone in cantone: & di parete in parete mterpolli per dillìnguere & dimcdrare 
Ambitu ci eire feparationi dirutamente tanto quanto gli incorporati membri in tutto l'ambitu di esfi edificii dilTe*/ 
oe citali/ gnati iiiconclufi: per lequaicofe acon le linie di filo .V con li perpendicoli/cioè lime apiombo/ ^-col 
loofpa'/ mettere in piano perfttto,&fquadre diritte da lun palo o termine a lalrro, legati o tenuti per qnalchun 
ao. modo.Cofi lel:nie llefe del ambito quanto le infette che diuideno gli interfecatlmébridifegnati: Lagros 

fczzao ver larghezza de gli muri principali, che moeninnl tino fono chiamati: quelli fono Tempre da 
far' più grosfi negli fcndamenti fino al dilcerntre, che quelli che fono indufi o veto difegnati per le pare 
te> .'^ ì;1i inferiti de le membra di dentro: Et cofi per effere infieme tenuti da que di fuori fi polTon fare df 
grofiezza minore per la vnita incatenationeche hanno con gli predetti muri, tanto dei fondamenti quan 
to delle altezze.Onde è feinpre da feruare la buona confuetudine per non escedere da la regujla a ponete 
lelinieditìloneldtntro & ci fora, quale nò folamente dirizzano gli corfi d'esfi muri, ma fanno vguaglia 
re la grolTezza m fino à gli termini de palchi Se le cantonature d'elfe muraCchi vuole Jlpoi di palco'^in pai 
eoa lutigliare effe grclfezze de mura. Et cofi per quella eleuatione di muri la quale ORTHOGRATHrA 
fi nonuaa fatonnu the di (opta f&tanao pei tsU laiienument^ ^U/pacii, de gU edi&cii di dentro maggiori 



li 



f^'*^ CAPITOLO 



FECONDO 



1? 



die quelli del baffb.SimiImenre remarranno awcFibra ff in etto ordine de itiura fufle dìAiito la MgfoBéilfrrubara' 
Icdoc doue pioiioio r;icqiie/nelli quali ui fi pongano sopra le pilaltrf o nero parartariccjò rolóne.Non anche r 
meno fi faifenna ICHNOGRAPHIA di alano tempio grande,© uer palagio die secódo l'oikimedei niun pnn 
cipali della Ctrtah^uelTeninterponeretragli spatii che sono fra unO'^dtenflA i& l'alrr.i .ehordini paraftatici co/ 

; me iiedcrai nelle figure a suol luoghi nel cerio libro & altroucCori rra le ai denrro quanto di flidre intorno kg* 

^tione Pcdiale sportantemente. 

tCM^I^'Ot^ographia ei'imagineeleuatafn piede della foonte&c.Braiementcquiui Vetru. espone efitrquffta 
* l.i eleuara fronte di segnata retramenrc/'cioe quella parte dinanzi de l'edificio l^quale noi diccmo uolgarmenre 
•facciata o frontespicio.CModtrataniente'Ci,oe mesuratamcnte 5comp;ìrtita con ragione , & cofi dapoi che con le; 

diitntera^ioni ella e disegn.Ka,& ói uarioaffiguramento ornata per meglio dimoftrarela ?ua belleiza > fi dipin 
'geua in una téla dìlino.o sopra uilob uer più membri di carta o tauolétte co Colori per afimiglianiento di fuoi; 

uarii membri & ornate particelle & bCnecol sffto mesiirata come anchora uedenio lefacciate sculpiteo di terra^ 
'cotta o uer dipinte di moUi edifici!- di publtci luDgIiÌ,noin solaniente di superficie di pareti a-rtiodo di musaica 
'b in ramò o drfitrione pialli caci©ie^èpei'a<iiterracottai!o uer che ttiHeHyftoria;o'pur fi convcnel Iibro.z.et.J. 8i- 

fllcroue dimoftrarcmo nella gencratiooe delle fabriche;Et di queftecosegia la nobilita de gli antichi dilettandoli 

d 'effe non fi perdonaua alla spesa : che fii 

MalaOrthographìae l'imagìne el.euatadellafró 
te dell'opera in una disegnata figura con le ragio 
ì ni da farsi moderatamente . 



Pnraftntice 
a circe, zz. 

Podio a 
carce.Si. 



PJ aficai 
car:e.i3. , 



come di uarii colori j & firticni diucnuta- 
m bellezza fi curùrono fare che fimile alla 
pittura appannano in eccellenza (. cornei 
ne l'ordine che hnuerenio del Mausoleo) 
csfi di uani marmi &jpietre colorate le ero 
ftedeleparcti faceuanò dipéi non sola/ 
niente le colonne ma IcBase&capIteiliaL 
cuneuoltegittauano di nietaIlo-&rra q'ue 
fogliami inchuideuano alami fieri ose* 
mi o ucro Harp^ginerirfi di masficcio era 
o d'argenro.Co^le3ftcho^a cffcr ritrounro^ 
fi dice nella grotta di Volterra i sepulcci" 
iquali dicffi chefurono df Tarconte & fui 
progeniein qud luogo recódiri ilqualc fu 
Redi Hetruria:Et perciò quelli edificii iió 
fi uedoBo douer effer fflrti ne da gente di 
comune fortuna>ne da Architetfori ."ccmu 
ni>comeqlli che operano muri delle ci rta 
o uer forteze le quai fabricte cose chi ben 
le confiderà, anthor che alla uolgar cpi' 
nione paiano cose gl'afidi effe mura & for* 
tezze,nódii»ieiioapprefsodegli detti Ar/ 
chitettori & alrri buoni f)fesfori di tale 
niarhematice scicntiejparcrano come ccse 
comune& di priuaii edificiirpchepochis' 
lima arte & scianti a e a circondare & infie 
me farei fosfi& riempirli d'acqua,& buC 
tare il terreno dentro a muri del comuno 
& fare le moniriòi & infieme adunare msl 
ta abbudantia di pietre'o cotti maTcniriS; 
coprirfi & difenderfi accio che facilmente 
nonuada alrruiper leguardate porte o 

js _j r A "VI \ } ■ r I ponti &c.Et per ciò quelle cosepredetre de 

'il — 11 ^ 2, V B 1 \\ la Orthographia delle fronti d'alcuni pa 

U [f T ^ Pl~ -V y ! /agi gradi, o uero sagre chiese doue gif 

Egregi! ornamenti fi pcneuano con le for 

me&ftatucdi alcuni <cccI(cntisfimi.acrio' 

chclógamenteicftarseno a vcderfialla per 

petua memoria &circrerosrpenfare& :itri 

te dalla diligmtia de gl'ingcgniolisfìtiif 

Arthitettcri dinioftrafe n mpJt'iira'om 

Archetipo. Si come^uello che AuguUfnodi feufto corn|'atTÌoro del primo ce m cn ra to re, s cu Ipcn do il Sepulcrhc* 

! di marmo con forma di Gafto Duca" di Na'umaii & de refserc/ ro Francese,& Francesco Re successore una co tau 

i trecho^Zcano d'esfo Gatto nella sacra chiesa di «anta Martha l'hanno collocato in Milane. 

Et per dinotaricne di quella pianta la lettera.A.d'ndta super pati cns ch'ewio spatio di'uiso tre parti in fronte & 

tinquein longhezza & la lettera. B.sesquialtern eia fronte.z.psrn & la locgliezza tre,ct.C.eil primo entramrnro, 

cc.D.eil luogo a l'aicrc discoperto:cr.E.scno !eloggiccopfrre,ft.F.$ono le scalc.et. G. e 1" linea diagonale cW e 

paccito il quadro de la frcnce & da cantone a cintene quella linea fia la longhczzaj. 

C il 




LIBICO 



CJOT 



PR IMO 



li'.-!. 



:lr)-.»Ui- 



fcfl irrftfo ti lattrum absrìiKJcnriumj^e^arfno Kncoparegntìli che dìcoaoli^ttTumabsciiidflirMJ: Arti A.i^/f 

toabcndGitiiini.In q ;t'rt^ diftvwiria griHiinfiCileatcnder Huiuk pi^re nd -iUUgnTc^perdìe dn Intuì-, alartrii $4 

<J grininriri thediffumm e pir<.|tjgjfijL§o fi^iiiliw 1 Lti nóns'ui tndrria in queftyparte seauii /ati dei mar 

it ni o quadrelli di ferra ce fta o uer<i\ i^i^.nsfi duri. Ma se'l fefto due ;)bicujde,iuiii7i,ij aÌcrimeiite,dct.baiio i^^e 

fé che A bfida gr'cc inrerprefarur lucida I,itin*:o utro Isto de gli cdihcu o uer uolte ^ uso di forno che uolg-T' 

' ritiite triiina o utro tribun-tfi die perljquaJeilJdmedisopraa l'arcj ns{<I(nda & ;ilunjina &c. Co™* s«ri;i 

ne /a p ristiife figi ra de i e n ne it ittfm.Q .R.S. £rnee p;irsopc ntrb pm prefto di narura Dcncat ched'alcu 

IH de l 'altre , Come Ionica »Gornira,o AUic?cft toperelftr elli prima & più antichamencesiara: Nella qua/f 

^onde habbianio formato k lettirc.A. icno le colonne the fi dicono Ante per benchepiu prefto u i rri»no elPn le 

jraraft.icecomta cArte.92. più apieno hautr^i . ftdoue sono le li ff tre. B» e sopra efle il numero. 4 .et.C. 

s< no le colonne dal lari & dinotano anchora le gocciole ci frigliphi , ma i mezi mgliphi decanconi sono. D. 

I'' Mefope . E . per ben che . £ . F . L . formano aiichora la mensola sporcante in tUfjra . £t anchora . N . O,» 

P . st^no le Colonne di ^< pre ne cantoni . Etlelecrcre . r . sono le colonne intra quelle de cantoni . £rla Ietterà» 

V . e l 'Architrme . Et le ler tre . X • dimoftrano il fregi» : et . y . d cornitfone : e . Z . e Io spaf.o del nnipa» 

no:E'l fronrespici<)cliedaelapendeiKiaaltet(we»e^aUinel<ugfc.i;uiAMl^'^>&«fi'nilmeote lefencilre tuQf 

sc-jn.tri. p. Anchora fi 

dee Abccdat afdificii ; 8c 

abscidis abscidus & ab« 

scidJ.ilquale e hemis/' 

I» lerium - cioè luogo lu/ 

tiiiiioso' Anciiuri alcii' 

ni scriuono Abscls & ap 

si^ I q lali infend'^no R* 

g iific re arco fatto m voi 

(.1 a fucie o a mod'jdi 

iTno. Mi secondo Hi e/ 

fjne nelle sue Mirhe// 

mirice, (iìinilici l.iquar* 

Ci parredel circolooue» 

forata. Er quelo fimil* 

m'^irep trii eifere ch'es 

sa fronte haueria . n c/e/ 

io o uero cedilo apcrro 

sopra la sua q adra ura 

pm Icnga che larga co* 

ivjc a m >lri rempu lìta« 

Cfi: Et a seguire i dati 

dimoftrameui ^Ì3 fu faf 

ti .li n np-ano de la fron 

fc de la predetta ciiivsa B^ 

rircphila laqjale hoggi 

à A iiede. Ma anch ra al 

tri texti h inno absceden/ 

<ium-.i qu li non ne di/ 

$.jiace ptrche si puuin' 

Ce idere lu sp rtato in fu j 

re de li M.it.^ni coinco» 

r;.'llo& abs cedere in que* 

ft CHo seri 1 sport re la 

f iute quello che caufi l'ó 

tra, & dicefi elc^mrcnei» 

Ce .Ma abHs o uero m gre 

Cd ^♦i'»uj1 Jirccosafor 

iiiciri & fan < uoltao 

«juuex.i & e età cuma// 

rura&circulo de la r^ta 

4 )ue seficcm'-i ile^n in 

t rno • & il cielo scponc 

^er li cicc^lu ■ 




CAPITOLO SECONDO fé 

■* "CS'fn'finfntt la 5cmugMphia e raddombrnmcofò della frcntenell'abscinifntij de Uteri &c. Per benché Sce/- 
iiiK<rsphia fidica d;* jlctuiipirucnircda okh^ o uao "««-«. grcro uoc.ibu oj'^ncif'gnitìcaonsbr.ioutr,. imi 
tJtionc della osa liinuiisr;«.Oridc uol^jarmenrc fi dicescrinirc/ciocfareun.i fimi gitante imiraiioneo medi ratio 
ne. grpcr bOichcSfOìannchcra fia detta dn «tsthos-hitho-, ch'appresso de greci fabernsculo da farcomhrasi/ 
^Tnil!c4»del.'3 q:;.ìle Scena nella disegnationcde riienrri fi dira ini quinto libro » carte.iitf . Ma que^a 5ccnc^ra/ 
phia eproprto rn quefta parte non solamente uno adombramento della dipinta fronte predetta deU'Orchogra/ 
piiia.PiA una dimoftn'ticMedell'Abscindentia fitta con la ragione della Prospcrtiua, acciofi ueggia il s.ìlimeri 
to de cantoni & de niatoui i qtuli con;^ioiin chi più in fuori & chi meno» dim«%ftr.ino all'accutczza de l'occhio 
quella regolarità delle linee che al cenare del 5eàb hanno il rcipondimento'roeinlieniec^yrrono al piiitti/i q:-'n*' 

fc «'inTf«v grece-. Se punfusl laiicii, 
: Et «ìht^w/ docpungol.iqiialesaglf^ 

chza adunque regolata dal Sexfo e di* 

Similmente la 9ceTiograpIìiaelWombraffiento SlV^'p^aa^S^P^t^^paS: 
delia fronte ncIJ'absdnaentia de latcri c'nanno u cantonarure & spera le ragic^nf tdei-/ 

respondinientO al CcUtlO del Compaflb tutte le l'ombre dalie saglicntie dei larcr..che 

|. ' »* v.v*»Mv v»*a -«-w*. ^»iiw i«»« parofio imitare la forma dL quelli cun 

il&ee. l'ombra. Ma credono alcuni anihora 

the Vctru. in quella prirre uoglia che 

s'intenda essere uno edificio the sul 

prtno ff ueda rimesso ftiora delle liner rcTTCcomf sarfa afquanro sopra quelle f.r causare un'angulo acuto o uc 

ro obtuso-cioe tcndn/cosa che non pare conucnf ente al riiguardnre in fTonte,mT al corso del Sole (1 potrebbe fa 

tcperdieseil solens^arda la cosacontr. al suo raggio Gppofta,nonparechelesagli(nae,negli sporti delle 

c.»nfonarurco spiceli o t^gli de lareri^habbiano alcuna gT-itia sen?.ì l'addombramcntoiMa se da quello aspet/ 

toessa lucesarj rimossa risguardando c>.nie base ortogonale inequi Isrera.o nero tome un fimiglmntc calo che 

cfj Verruuio hibbi:)mo nella fine del terzo Iibro^A: ancho net settimo all'apparenne delle cose messe nell'ncqna 

omc sariano I remi, sdi.nquedimolh-anoqudh la s»3 bene2?a-. Et?Irranicn efi alluma a gliocchi & la mente 

di chi in altro ordine crede. M?-ptrc'hbfalamorrouai alcuni teiftì latini antichi essere scritto & larerum abscifl 

iien'ium,che parerlo fincopare,q'jelli che dicono Larerum ab5cindentium:& chi ha{crittoab5Ccndcntium.[n qae/ 

ftjdifRTCntfa di grammatica non ne parceffenderti adalungarc-pcrchecja larus» alatcrfisa dagrammanci che 

difftrmttae pcrchese unofi^ifica i Ufinons'in'enderiain queita parte senoni Iati dei matcni o quadrelli d( 

terra cotta oche fi.-, no d» SPsfiduri.Ma se'I teittodiceabscindeiitium, oaJtrimcntt, debbano sapere che Abfida 

^rete interpr^f ■'tu- lucida larirtar: ouero Iato degli edificiioucro u^ltca uso di forno the uolg^rmcnte tribù/ 

Ijao uerc. n-uina(ì,d'ce perlaquale di sopra a l'arco il lume risponda*: allumina &c. Anchora fidicc Abcrdac 

«•Jifini: Sabsddis sb^rìdos &absad3»i!quaIeeheniispherium'CÌoeIi ogo luminoso' Anchoraalctmi scriuo* 

Ho Abscis & apsis il ches'intiendeflgQificare arco fattola Toltsa fastie o a modo di forno. Ma secondo Hie 

"Toncnd!esueMathemance,figniÉca la quarta parte de? circolo ouero rota. Et quefto fimitmente potria effere 

ch'essa Tinte hauffsetincfrcolo o uogliara dire cedilo aperto soprala suapui longa che larga quadratura» 

come? ni jlti -Tempii fif?c-i : Et a sdirei dan diinoftMmenri già Ai fafta .1 Timpano dela fronte de la pre/ 

dettfl rhirs.' B ^ricef. hala la quale hog^i di n uede.Ma anth ,ra altri rexn hanno abscedentiuni , i qu;ill non' ne 

dispiace p Tebe si p<Hj inte dcrclo sportato in fuore de li M.it. ni coneorcIlc»& abscederein 'quoto caso se/ 

riJ.sport.^reifi.flicre-qiienochec.ufj l'óbra. & dicefi elcg.intcmente.Maabf's o uero in greco i^Piff iiol dire co/ 

sa fcrnic.*r-i & fare; j uoln^ocoauaa & ecSa cucuaOira & arculo deb) rota.doueseficcaao i legni intorno» 

Si il cielo icpoa^er il arculo • 

Qvc(k5on nate di' contatone 5rjnr.entionc Ccm rQ.ueftcsonnaredfcfcg-iraricnf &f.Hab 
/-.- ^ _ j -/L j or • j /v • ?, biMt!ic:anotarecheqfterdeeoucr.) forme 

tatroncciro penstetX) pi er.o di ftud 0,&jnduftna&. thediruogllamcchiamarercncgrsphia, 

«isnlantia con uchiptate de! jSpofto efietro . Ma la Orthogrrp hia,& Scaiogr phia ; S, n na/ 
• . ^^ j (1 , /i ^- l_ J- L- »^ tedicogitatiòc&dtinuennone.Erdi qiiC 

muentione e delle qntlt oni oscure , la dichiarato ^ ^,^^^l ^tro esserefi uede: perche la r» 

re , Si raijione dj noua cosa con attento aringo trO tuf^ nen ha dimoarato ne din^oftra tnl co 

tiaM On*.nnrr>nr>ir^rm.ni ?V nr» ■M<«il«' r'ic'-r.ci se.Cnde a uoler' Conf!derare& Pulsare & 
nata. Vi'ftn^noifcrminj ti n.Ov.,C!eilC CiS[OSl trcuare^lcunanouacosab!srffnn,c elo 

tomnclredificare , Mala Eurythmiacuna bclia mreiietton ftrofiabeneato &dispoftoa 
specie , K commo io riseti àrd amento ne i coniro Pl'^'Z': P'^'^i """''I:?]'' K""'? '^f 

r ■ f - I • ^ rt ■ j • ^ nessuna cusa epiu diuina & più ritta di 

!nirrerti eie 1 membri* Queira si fa qnando imcm qurio «e meAri(t<jreieuoiei.eJ!ibrode 
. far; dell 'opera sono conaciLenti aira'tcz^a lakr v^l^'J^ ncicfia che dica perche e ru.tei/ 

C lii 



LIBRO 



r 



PRIMO 



bile fte^.jWa ['rSncroSa cosa 'che'I p nsca 

I-illura :r;:^i;K,i> & tji ticile fi corrompa 

j-^er ben thc'l (ìa .iftr.irro [& i:> e ^rporeo» 

quello pr.cf de q'.i'ido'r;ininia cai cc.rpo 

.p.icisce per glujccrnri stnii , o utro qu;iii' 

do fi ,imiscol:i C) alcuai f iiir.ifin & a quel 

le -iccuidc di f-srro nel suo inrrinfico pc:isa 

'Ci'uiioftiidiod'inuencfoncpcr un alrro 

Ainfenec rro'ro e -n l'ateo spcculiciuo 

& cofi acfTin bono effetto fi produce Adun 

que e bisogno che rintclletCu & la ftnc.i' 

f^A purificata f.ricano in un niejesnio cffcc 



glicrra i Scia lai'gficrsa alla longnesza . 8ichc tut 
te le cose rcspondano allasorama della aiia mcfu 



ra .Similmente la Symmctria e un conucnicnto 
sentimento de i membri d'efia opera &: rcspondi 
mento di separate parti alla specie di tutta la figa 
ra per rata^ di parte . Come m un corpo d'huon-o,. 
da'l cubito , il piede, il palmo , il àto, &; de tutte 
l'altre parti e lamesura: cosi e nelle perfettiomdc 
fo dih.s'cncisfimamcnte uoiendo trouare l'opere . fct primamente ncllc sacrc Chiese come.c 
il defidmo loro : Eccoti succederà quello ^^flc arolTezze delle Colonne, o uero del Tricrlv 
eli Ariftorele dice Cloe enei anima uiteiK - ^ . 1t-i^jtl jti r» 

de quando. uokvna noli sente quando uo pno , o ucro anchora lo Embatc del buco delia Ba 

liflraj ilgualein greco si chiama-'P'-p'To» . Ancho 
ra come lo inierscalmio delle naui, che in Greco 
si dice a;<J);xJ««»: Similmente de l'altre opere de 
membra si ritroiia , la ragione delle mesnrc. Ma 
il Decore e uno emendato aspet o, dell'opera cotiJ 
pofta con l'autorità delle cose approuatc . Quefto 
si fmifce per ftatione , la quale in greco si dice ««f* 
jiffw : o uer per consuetudine, o per natura . Per 
ftatione, e quando a Giouecol fulgurcal Cielo, 
& al Sole, & alla Luna gli edificii, cStgli Hypc 
tri sotto l'aicre si fanno Perche 8C le specie, ST 
gli effetti di qucfti Dei gli uedcttio di presente nel 
lo aperto & lucen-c mondo. Et a Minerua,^: a 
Marte, 8c a Hercole si faranno le chiese Dorice. Per 
che a queftiDeì perla mrtu séza dilicatezzc si apcr 
tiene glie siano fatti gli edificii . 



le perche l 'oggetto de rintelletto uniucr/ 

salceranima. Etptrcio da quello og,J:iec 

to fi caua li scaso particolare & uiene la 

cogita ione come Vetruuio dite*: & quefte 

cose precedono dagli ani aii nobili i qua 

il f inno come gli uèri inanior^ri chesem» 

presone pertinaci & hanno alfii ui,'ilan' 

tic &c.CVoluptare. Quello fi espone. Es' 

ser quella che e diffinita p modo di aper/ 

ra lecitia con una opinioned'un,gran be/ 

neprcsente, nella quik Epicuro conftitui 

Aposeilsummobene. In qualunque al^ 

tra diletcationemolifica l'animo &leuo 

lunra lequ.ili C.nimnmenreQorrianio.Ma 

la Curiofita sempre fa l'animo attento ne 

le cose che a sc, quanto anchora che non a 

se apcrtengono» ma pur ella e una prom* 

p'aafTat.itionepcr eifereagli bisogni de 

gli occorrenti efflrd & per se& per gli al' 

*ri.CQ.ueili sono gli termini & modi de 

ledisp -fi'-U ni o uogliam dire gli ordini 
con lemesure che fi sogliono tenere ^nei 

<crpi delle ediiicationi 'cioe quella cosa 
Jisponere pcr\ma re.gula di r.igione, & 
quella per un'altra qiaado alcuno ha da 
edificare/CEurithmia quella e unaefi^ie 
ccn gratta ben formata, chepcrlo dillin' 
guerc de numeri fa con dilettartene dimo 
ftrnrela cosa bella nei membri delle ccm 
pofirioni.& di quella E'inthmia si forni/' 
scela ueramcsun'di prcportione alhora 

quando esfi membri & particelle correspnndono alla soHima ròmtnb^imenreS' ròmteniVnremfiitf. Et perciò Ve 
truuiodicechelaEury'thnuaeuna bella specie & commodo aspetrc nei componimenn de membri. Ma qiis^ 
Ho ha derto non solamente per la apcrtincntia dei membri & corpi d'Architettura, ma di tutti glialtri : & di' 
chi.ira m qnal mode ella fi hnisce , & come già molto n'h ibbiamo dichiarato disopra per le corrcspondcnne 
delle quantiti congionte &,discongiontc.che p i repigliandolc inficme {formano tutto 1 1 suo n mero /mcsur.itc. 
Ma per chiarire quello proporremo per essenipio Conosciuto :JVetbi grafia fia d:.to nn numero d'integra tiuatj 
tira di Cento : quello se'l diuiderai o spar irai in dueparti coniicniente, sannno cinquanta per parte", se I di 
uiderai in quattro pnrti saranno uinti cinque per parte p' iaggionrcdueiiolte ,'o.f ranno cento fi come quatrn> 
Molte uinticinquc fanno cento:fimilmentesctu'l diuiderai m cinque parri^uerraiio uinte per ciascuna parte: se ut 
diece parti sumandoinfieme dnqueuolteuinti fari'tanro qu-anlb lediece uoltedieceche f.inno cento. Et cefi flmil 
menre le maggiori o mennr' qu.anriran' & parti ceflea quelle c^nginntioni &disgiun''ioni&c. Maperfìmiglinn 
ti numeri conosciamo nonìpoterfi anchora espedire la uerita della Simmetria , quando ne'conuien diui//* 
dere una confimfle quinti tade nella infrascritta prcporrione . Impero che le sue rimanente particelle non seno 

attuati stipliinenti.Adiiquc .iccettcrai i tórimiU numeri di maggiore o minore gtita cSgregau come il numero. «. 



CAPITOLO SECONDO 2I 

èfel quale se dira nel libro terzo a carte.Ti.Ieffera.C vero come e il numero vintotro, che ha gli nicbri 
Tuoi proportionati alla correPpondenza di turta /a Tua integrità: HchcJamità del detto numcio fi è 
guattuordcci: il quarto di quefto vititotto è fette, il quale Copra aggionto à quatcordtcì fa vintuno : Il 
ftttinio di vintotto, e quattro, il quaiefopra dato al vintuno, fa vinticinque. Il quatfordeci d; vintofto 
è due il qualfopra aggionto à vinticinque fa vintifette: poi finalmente il vigefimoottauo de vitotto è vno/ 
cioè fi vno fopra pontrai al vigefimofettimofara vmtottototaln^ente.Etcoftdi queftaEuri'thiiiia fifì 
nifcela vera Simmetria quando esfi membri & particelle conrefpòndono alla fua fuinma commoda ^ y 
mente & conuenientemente . Ma fi pur maggiore satisfatione vorrefti ftudiarai Euclide dal libro dcci^ 
nio m fino al qulntodfcimo.C.^/metria/cioe meTurameJito di correfFondenza diftinta di numeri in diuer 
fé quàritati 8c particelle che aggionte tutte infieme ripigliano U riformano l'integro della quanta fuatque 
fta Spnmefria è vocabulo gref:o. Se ben che non fia tra latini in vfo.pure fignifica il mefuramento nato del 
laEurythmia. Et fi quefta <r/nimetria vuole expeditamente intendere opera &:praticha la u efura de gli 
campi, con gli dati numeri di piedi o ver' di bracci ammefuratio ver' fcompartiri ciafcuni in d^decc par 
ri & particelle Scc. Et concio fia chel mefurare nò facia altro che terminare per fcparatióe con numen:Fa 
adunque che tu mtendi ciò che Euclide pone nel prieno libro dicendo. Qi.eile elTere naturali con/' 
ceptioni del animo: l>i per che fappi che cofa importa lo aggiognert & diminuir' proportionatament£,an 
chora nella ragione cubica fi ha nel libro quinto acarte.io4-Onde Vetruuiodi quefto da vnoessempiodl 
cendo Et primamente nelle fagrechiefe come e nellegroffezze delle cclonne:Tutti quelli mefuramenti Se 
delle colonne s.' de gli Triglyphi gli haueremo nellibro terzo Si qrto. TR IGL l VHO. r Aucfii» i^'ie. cioè 
fcoltura di concamta della faetta nella quale entra il neruo o corda, daqfta origine dice •pl/nio'"venIre an 
chora Clj'peus cioè Scudo pche tAucJìììi' cfculpere fi ai Scudi de li huommi clarisfimi fi fcolpiuano co (e 
vittorie & cofe illuftre & nò à cluó,che fijjiificaua pugnp corno la peiuerfa fubtilità de gramatici esiftima 
uà (TEmbattectcc quello fcauato identrodelteniredoue entra la chiaueo volen dire ferraglio che nere 
^fafccccarela noce della Balefl:raC'''p'TP«''»*. ໫/" prepofirion'grcce.tp.inde.circum.fignificat. tp» 
■'o.»: g? foratus feu telTcllatus: o ver C\ come quel torno concauo il quale fi vfa negli luochi delie cade Reìiy 
gioni di monache renchiufe dentro altcgrofTtZze de mura da dare Si ripigliare alchuna cofa fenza vedere 
liino lalrro ne tocChare chi fta dentro, quello the è d( fuore; volgarmente dicemo ruota: Si anchora nel liy 
btp nono per altro niodo fi vedera per le Balifte.CiJ A L I STA /cioè Baleftra da trare o volendire manda 
re grolFe Saette.Ma meglio e intendere la Briccola la quale li antiqui chiamano Balilla perche <3a a Aw figni 
fica l3CulorcioeIaciare,imperhocH con qftaichora hoggi fc gettano grande fasfi & altrearmida otftn 
dere o muraglielo huomini corno Ouidio & Luchanoanclioradcmonftrano oltra Vetruuio Si Vegetio 
fmbate foro perche «;<'2aTty« fignifica meo .Vintro cioè douèentr^ ilieraglioCTl-ointerfcalmfo.vcaly 
mo fi dice quello orlo delle n..uidoaè fi póne il remo, il quale in greco anchora fi dicei'''*MX'''*H CD^co 
te/cioc fpcciedi Conueniente bellezza: & ben che in quefto modo vctruuio esplica non dimeno Anftote* 
leneltcrzoTopIcpium cofi dice: Si come la forza fta negli neruì Si nei'oira,cofi anchora la bellezza 
ènelordinemefuratodele membra. CS^ratiotle,è luocho doue per qualche tempo altri dimora, ma non 
per lo contineilo Cóme fono anchora le nàui in alchun porto: ponfi anchora quefto nome STA TI O per lo 
conftituifo ordine de li di, & anchora per molte altre figmgcationi, come per quei luochi doue le guardie 
de la notte fi pongano. Si anchora fi ha per gli luochi doue fi pongono le indulgenze: Statio etiam prò 
Tubfiftenza. Et perho ha detto sftraTìff^/o'ffMl che fignifica luocho da porre, o vero nel modo fi 
jfa per confuetudine-Ccime faria vnoofiìciale o vero vno artificc à andare oftare alle volte al 
^tbito tempo alla fua apotega : Ma xnit"'>'i'<"^ . ò'i^.hiatusfignificat. Et cofi erano que tempii H^^» 
petri-ITH/petre. vieri quefto da *'t» che fignifica fotto, .V«»6'p che vuol' dire cielo.Onde Hy^petre figni 
fica vn luocho Cpaciofo che non fia coperto Si all'aere come faria vn gran cortile dun palazo doue molte 
perfone concurgono & per vedere Si per giocare: Si cofi erano queftitempii Hypetri onde alle volte fi h^ 
grificaua à queftì grandi & horrendi Del: & nel terzo libro à carte. 7 6. dcsfi Tempii fi vedono le figure loy 
ro: Et pero dice che a GlGvE il tonante Dio che dal ciel fulmina per confuetudineàsfimigliante ragione 
fi fanno le chierefcopcrteo vero all'aere con li portici intorno alla Dorica, per facrificare al timore de 
gii ftihnini akhuni teftì latini hanno & Celo Si Solf intendédo a lo Dio celo anchora Si al Sole quefto far 




C!/cioe fecondo le ragioni Si mesure che alla qualità Si generatione Dòrica fi coftumano, le quai chiefe se 
za dilichatezzeouer' Putti gliezza di membri negli ornaméti,non come le i onice ^Corinthj'e, ma come 
nel quarto libro 3 carte.? «^.Saranno le figure. Et perche della namra di que fti r^ei trouamo effernc fcritro 
da molti preclarisfim; Hiftorici Si "Poeti, dicendone pocho non lana alla fatisfarione: Si dirne troppo fot 
fi gli lettori fariano oft'efi.Onde di queftì Dei a gli Grauisfimi fcrittori vi rcmettemocome fcno e varrò* 
ne Si Tullio, & Ouldio, 8c VlyniOf & Diodoro Siculo, Si ilDiuo Aurelio Auguftino, & moltri altri. 

CA Venerea Flora, à Proferpina &c. 

Atrar...» .. rt..».. . n..^r..M,;«. *.;•*.M,^« 4./ r^n<-; Abbiamo detto rimerrer'alipdarifcnC 
Venere a Flora, a Prolcrpma, nimphc de fonti ^^^^ ^he di esfi Dei & Dee hano copio . 

& leliie, fé in corynthìa gcneratìone Faranno confti famcte fcritto,accio p molti rifpetti nò 
tuite fi cederanno hauer atte proprierati , per che a raSX S?o"foc^r.^Ìl£"di;;f ì 
quelle Dee per la centrica par che l opere fi nenie chi etano, nò dimeno p che esfi tcpii fu 

C iiii 



LIBR(3' 



PRIMO 



Hy'petre a 
cane. US 



Irroraua/ 
no / cioè 
bagnaua / 
noJ,eggier 
mente. 



▼ cftibulo 
acart.ii. 
ifUeiì.' D 
C 



dafio più smile & florìde»& con foglie & volute or 
nate, le quali accrefcano la giufta bellezza. A luno 
ne, a Diana, a Baccho 8C a gli altri Dei iqualt fono 
della medestna fimilitudine, se le Chìefe alialo^ 
nica fi faranno, fi debbe hauere la ragione della mcé 
diocrirà :perchc dal graue coftutnedegli Dorici, 
8C dalla tenerira^ de Corynthii sarà temperato Tor-!» 
dine della proprietà Moro. Et il decore allaconfue 
cudine cofi fi dichiara, Seinfieme cogli magniBct 
edificii di dentro fimìgliantemente gli Veftibuli co* 
uenienti 8C approuati faran fatti.Per che fi quelli di 
dentro haueranno hauuti gii risguardamentf fuper 
bi, & le entrate pouere & inhonefte, non saranno co 
bellezza.Similmentefi con gli Dorici Architraui 
nelli Cornicioni gli Dentelli fi verranno a sculpirej o 
«ero gli Capitelli medi a fuo letto nelle Colonne i 
Et nelli Ionici Architraui fi faranno gli Trigliphf, 
transmucate le proprietà loro di altra ragione inai 
tra generationc, del opera fi offenderà l'aspetto nel 
ordire del altre confuetudini inftituitf* La naturai 
bel' 'eza cofi sarà s'imprima a tutti gli Tempii le fa 
lutitére regioni, & le idonie fontane d'acque fi eleg 
gerannoj ne quali Tempii deflì Dei dopoi fi faranno 
maffìmamente ad Esculapto 8C alla Salute , con le 
medicine de quali molti infermi son veduti sanaifi. 
Perche quando dal peftilcnte luocho in vno falutif 
fero li corpi infermi saranno transferiti: 8c l'ufo del 
l'acque de Salubri fonti fialoroapparechiato,pre<f 
ftamente lànaranno. Cofi e da fare accio che dalla 
natura del luocho la Chiefa piglia maggiore di\io4 
tione & con più degniti fia acctefciuta. 

maggiórmente ornare ft debbe non "fo 
Jatnente gii edificii, ma le fagre Chiefe di fante vergine,^: altre dóne peruenute nelle diuiffe fcdie: Ma con 
CIO fuffe cofa che a quelli Dei, 8c Dee noa Capendo gli antichi quali più grati ornamenti fuJTeno d'ufare 
nelle opere loro alle cofe di lititia dalla natura operate fpontaneamente conliderorono vfare con quelle/ 
Cloe le porte delle chiefe loro fpecialnicnte, & le Colonne & gli fuoi sagrati luochi doue erano le ftatue lo 
ro ornate di fogliami vÓLv TE /cioè rauolgimenti di viticci ^fiori/I^condo erano alla loro deità con^ 
facrate 8c dedicate: A le quali porte fi irrorauano o vero con lo fpargolo fi humediuano iui gli huomini 3c 
dòne auante entraffono fopra Le molte odoriffere herbe di fiori fpatfi fopra lo piano dinanzi alle porte di 
effe fagre Chiefe: &alchune le quali haueuano le fagre fontane, entro a quelle acque molti fi lauauano 
fecondo haueuano la ordinata confuetudine &c.vedi Ouidio ne Falli, onde fi anchota li sacerdoti al nò-» 
Uro più eccellente Si dottisfimo culto diuino gli egregii ornamenti di tapezarie Si verdi frondi 8i fiori ne 
fagrati giorni: e fpecialmente nelle rogationi. Si debbe confiderare effcr' per dimoftrare la lietisfima mc/ 



ronodi'gradisfima virtute attederemo 
alle dtchiarationi d'esfi ordinf. gico 
me da vetr.habbiamochep lapoteny 
za deceleri fulmini fpecialmète à Gio 
uè fi faceuano gli Hypetri rotondi i qli 
erano con yortichi coperti: e nel me ^ 
zo del fpacio il Selciato Cauedio o cor 
tile che dir vogliamo: nel quale pollo 
fopra gliera vna bafe egregia fculpita 
& Intagliata vna grande llatuacollòs/ 
fica non folamente come fare soleua/ 
no gli Rhodiani, ma anchora gli Ro^ 
mani, gli Egi^ptit, gli Greci, Si molte 
altre nationc & fi come anchora hab y 
biamoda vetruuio nel decimo libro. 
Al quale per non lalTare corrompere 
le llatue de fimili Dei la includeuano da 
quattro Colonne accio da li quattro ax 
fpetti del Cielo fi poteffcno risguarda/ 
re: & accio meglio dalle celefte pasfio/ 
ni quelle fi potesfino difFendere:anchox 
raper maggiore veneratione gli po// 
feno fopra vno pinaculo, nel quale fax 
grato Tabernaculo non era lecito en^y 
trare, per conllitutionereligiofa, altri 
che li primi fuoi Sacerdoti o qli ad es 
fi pareano dicio degni. Ma quelle gene 
rationi di edifici!, faranno fabricati al 
la Dorica mefura,&fcolpiti 8i ornati 
degli ordini come nel quarto libro à 
carte.S9.vedera(;ai quelli ornamenti 
Si follami , erano sculpitidi più ri./y 
gidagroffa forte che non fono dique 
fte Dee, & Nj^mphe Si de foHti , Si de 
S^lue: delle quai Nj^mphe molti preda 
risfimi Poeti Si vergilio , >"4: Ouidio 
ne hanno fcritto . Onde di quelle Dee 
gli Templi fuoi faranno in Corynthia 
generatione diterminati come Vetru^ 
uio dice: per che certamente per molti 
nfpetti al comune fello feminile e cofa 
Confacente effere più ornate che de gli 
huomini, ma fpecialmente di opere di 
più eggregia futtilitade S tanto più qn 
to'fono nobile Si delicate. Adunque 



fi 



moria Si viuace florida virtù de gli noftri diui santificati nel celefte coro. La cui satità douemo fempre pre 
jare a impetrare che ne facciano quelle gratie che lopareno meglio per la falute nollra SccVet le quai co 
,e gli Architettori che vfare quelli ornamenti veduti haueano alle predette Dee Si Dei per confueta religio 
ne: similmente faceano alle ornate chiefe,specialniète de gli eccellentisfimi huomini A: maslimede gli vie 
tonofi & triomphanti o ver dottisfimi, conofcendo quelli anchora loro merritare memorie inmortali,gli 
concedeuanofarelefculpite&òrnatechiefeo verl>alagicó gli V ellibuli o veramente Archi Ttioniphali 
g£ altri luochi: Si finalmente li eggregii monumenti: per le quaijcofe le memorie se retengono con limile 
opere al lungo andar di tempo. CA lunone, a Diana, à Baccho cSiC. A quelle Dee le chiefe fonicelo faran 
no fatte, ma della a>edefma rtmiUcudioe otnace fi debbe incendere, per chela gencraQone Corj'nchia non 



•' t 



CAPITOLO SECONDO i i 

hamcfura fé no come vetruuioha detto ì carte.89.nej. quarto Lbro,& poche altre Co Te del fuo ornarne 

to, fi come fi vederanno per le lettfoni. Adunque con quella mefura 8c ornamento Ionico fi hauerà J.a ra^- 

glène habiU della mediocrità.It r da fapere che Baccho & Libero patre,è il medefmo che il Sole. vedi à 

«arte. 40. Ma in quefto luòcho diftingucria perche V etruuio denota non Polo el Tempio de Bacchoma an 

chora del Soie cioè Apollo & Benché Macrobio dica effere vn medefmo niente dimeno e manifeftirv 

fimo il più de k volte appreffo li Scriptori & lòeti diftinguerfi altramente fecondo Poppinioni de U ftoi 

ci li quali faceuano Colo vno Dio & vna Dea & esfi mutaflcro nomi per le varie loro poteftati imperho 

che maie intendono queilo de vergilio nel primo de la Georgica,Vosoclarisfima mundi lumina lahenti 

celo que ducitis annunijlifaer & alma ccres , iui fi diftingue , Si inuoca prima el Sole & lacuna che hall 

no grandisfima potenza nella agricoltura, A dapoi inuoca Libero/cioè Baccho/& Cerere p rifpetto dele 

vigne & vino,& deli biadi di frumenti per li quali fé fa lagricoltura, & in quefto fé dimoftra hauèrc erra 

to molti interpreti de vergilio non hauendo bene ordinato 8i diftinto quello luocho perche vcrgilio fe^y 

guitò V arrone nella inuocatione ruftica. Ma come quelli nomi fiano detti variamente per le varie proprie 

ta, lintenderai appreffo di Macro. Et per che il Sole è vn fonte di lume cfletle A masfime per che illumina 

l'Aere Sila Luna vien con effbrà lunone à Diana & 3 Baccho gli fiano fatte le thiefe di paro modo alla 

Ionica generatione& di fuemcdefme mefure & ornamenti come 3 fuoduochf diremo. Et per che finten 

da anchòracomeàBaccho,adApoiline& à Mercurio & altri Deli quali fono dcUamcdefmafimilitudi^'./ 

ne, fi faceuanoanchora gli Tempii Monopteti/cioè rotondi &c. Benché fuffeno di mefura .Vornamen- P 

to Ionico: Anchora à HeVcole nel modo chel vechisfimo Tempio in Milano (là alla perpetuità, già intitu 

latoàSanto LaurcntioCTDecorc/ciocbellezza&perhoquiui vetruuioeggregiamente dice non effet' 

cofa conu£ niente ne df bej.lezza à fare l'entrate piccole & inhonellt in vno edificio grande: fi come anche 

ravn nobile o ver' regio lalazoMasnificofaruifenellre over' le vfcite piccole disproportionate dalla 

mefura della fua grandezza la quale fi non correfpondono alla larghezza & longhezza & altezza, fono 

ioconuenienti:SimilmenteafarevnaIanua/cioc porta/disproportionata, Sffenzavedibulonó pare fia 

Con bellezza: quello vocabulo di v ESTIB V LO in diuerfi modi è fignificato, dalli espofltori , chi vuote D 

che fia vn luocho arrcgario difopra dinanzi alla porta, fatto come vna piccola cafa coperto di piombo p 

Magnificenza. Et chi vuoi che fia Còme le regie porte che hanno va certo fporto: chi vuol che fia come le 

porte delle facre chiefe doue fi pongono le Colonne fopra^doi leonf in fignificatione che la virtù de 'gli Dif 

("otto pone ognialtra virtù fi come de tutti glialtri animali ne domatore il Leone: gli quali Leoni fporta^ 

ri infuora fu la comune ftrada quanto è la larghezza del vano delTa pòrta: quello ornamento con la "debi 

ta confuetudinc 8i ài gradi &di paraflatice/cioè fullenimenti da i lati/fi terrà di quella natura o ver con 

lilaftri, Bafe, Colonne, Capitelli, Architraui, Fregi, Cornicioni & Tlutei/cioe fponde di muri o ver' B 

voice df altri ornamenti conuenienti: come il primo Comcntatore dice alla Chiefa Cartufienfe di Papia 

vero in altri luochi effer fatti & nedicemo a carte.io<;.lettera.H.di esfi vellibuU vedi vergilio nel fccó> 

do & fedo libro delia Aeneida & in molti altri luochi tffo "Poeta, * altri lo esprimeno »ariamente:£c ve 

di ciò che dice Macrobio, & inante a effo lo Archetipo fuo huomo dottisfimo Aulo Gcllio nel.i. per che 

demonftra effer Io fpaciodinazi a le cafeo tempii per affìrmatione di Gallo huomo dottisfimo: & vedi 

anchora quel che fia V ellibulo fecondo Gallo de verborum fignificatione, il quale cofi dice: Che non e nel 

le Chiefe, ne in parte delle Chiefe, ma e il luocho vacuo dinanzi da la "Porta: per lo quale e andito Se via 

alle Chiefe: 8i elTa porta fi faceua difcofto da la via, & li finiua il luocho o vero la Piazza interpella : E 

anchora detto vellibuloda ve particula e(lenfiua,& (tabulo: per che quelli che andauano i salutare il fiy 

gnore de la casa fi fermauano li fino à tanto ch'erano mesfi dentro: vedi anchora V alerio Masfimo nel fé 

condo libro al quinto capitolo: doue parla di Scipione Aphricano quando dice: Quelle cofe dapoi cfi gli 

domeftici Si familiari raportorono à Scipione comandò che fulTono mesfi denrro, & referate le porte gli 

quali poi c'hebbono venerato Si honorato ditte porte, come vno altare religiofisfimo o ver Santo Tem>> 

pio, co gra defiderio pigliorono p la delira mano Scipione Si affai bafciatoli & deporti auàti al vellibulo 

quei preferti 8c doni gli quali foleuano tffer'confegrati à Dio de gli Dii inmortali: Lieti fc contenti per ha 

uet' villo Scipione ritornorono à cafa loro. Ma anchora quel che fia veflibulo vedi come ne dice ve.»y 

truuio nel fedo libro al ottauo& al decimo capitolo, &nelljbrofcttimo intorno alla fine del proemio: 

Ma e cofa da fapere che chi ha voluto chel fia vn aortico inanzi a cffa chiefa con vn cortile nel mezo : Et 

chi come v ergilio dice nel fello del Eneida, doue ha detto: V edibulo in anzi à elfo Si ne primi entramenti 

o vero vie di "Plutone: il qual vocabulo varrone dice non hauere Ethimologia, Si perciò non R può haue 

re ferma fignificatione: Ma noi confiderar' douemocheli veftibuli nò folamère fiano quelli fpacii o piaz 

zcchefifannòdinanzea 68*6 porte di Chiefe grandi per ornamento, ma per amonition del luocho doue 

habbita gente degna Si di grauità 8i di reuerenza con rimore Sic. Onde noi dicemo fimilmente pò fiere fi > 

gnificarecome e ilpropileon appreffo de greci, che anchora per la eleuata Archa de monumenti : dinota 

anchora procedrium che volgarmente fi dice il reuelinc il quale fi fa dinanzi alla porta di alchuna Fortez 

za o Cadello o Roccha & altriluochi bifogneuoli. Ma certamente vetruuioin quedodemódra effer par 

te dentroCSimflmentefi con gli Dòrici Architraui Sfc.vetruuio arguifce dicendo non efl'er lecito a con/ TrfglfphiV 

fóndere la generatioiie de gli membri & ornamenti d'architettura cioè li membri dell'opere Dorice co le cioè mem 

lonice, per che non e conforme ne fimile luna con l'altra mefura, come ne trattati fuoi comprenderai lu^ brctti Sca 

na effer' mefurata de Intercolonii/cioetra vna colonna Si laltra/pervn numero, Sflaltraper vnaltto : nellatichc 

coli anchora per meglio comprendere la Ionica e comparrita per ragione di dentelli: Si la Dorica per ra/ fi fàno nel 

gione di TrigJ iphi: «£ quando sari d'una ragione de gli mefurati membri meffa amiTcolatamente nell'ai/ fregio Do 

tra, o veramente li Capitelli podi a fuoi luochi nelle Colonne con l'ordine differente da quello che li con h^q^ 

iiiefK, non farà cauata U appareaza bellS) nelialtte confuetudinc annònte: come per la prima hauemo : 



LIBRO 



PRIMO 



perche fu prima la Dorica,pot la fonica Si la. Cori'ntlif a,deHa quale Vttruuiò dice nel capitolo primo de! 
quarto libro non hauer fé none vna propria generatione di cornicione, & quella ha il compartimento del 
Exoche/i le Urie cioè fcanellaturediuertite a modo di frneftreUe: con le exoche & ftrighe di meze exoche o ver maa 
carte. 86. cho fecondo lo risguardare d'alto; ^fortoelTo Cornicione nelluocho di Dentello comunamenteponetia.' 
lettera. R . oo lo Ouolo petizoniamente: Ma di quefta generatione ?i dell'altre due/cioè Dorica, Si Ionica/fi vedo 
lerizonu "o da molti antichi non hauere feruato mefura alchuna totalmente che parono come cofe moflruofe fat^ 
nute,cioè ferapezatamente di diuifate, & hanno fatto fecondo agliochilo e piaciuto, bc che pur compartito al fuo 
corno cm modoesfi ornameuti,comehanno vfato&vfano molti fapienti Architettori moderni: Et non dimeno ql 
tura fotto licheglisculpifcono, o vero dipingono per altra mefura, manifeftamente fi vcdeno errare, trafmutando 
lemamel^ le proprie confuetudine ordinate per regola che Vetruuio nelterzo & quarto libro ha difcritto, delle Colò 
U. ne melFe a fuiletti & capitelli &c.CLa naturalbellezza/cioeconueniente bellezza o ver' piilchritudine dì 

la fpecie o ver' qualità naturale/farà fi còmodamente s'hauetanno gli fonti & le felue inanzi che fi edifica 
no quefti Tempii in alchune regioni, & ch'esfi fonti di felut fiano idonee & non fiano viciofi, ne di macha 
za à esfi lempii.CEkuhpio quello era fi eccellente medico die come diccmò fu da gli antichi adorato p 
Dio della medicina vedi Ouidlo nel libro de falli a^Methamorphofeon: & valerlo Masiimo nel primo U 
bro come da Romani fu venerato.Et vedi AnchcwalPl/nio nel proemio del l1bro.19.che tei dira come fa 
fabulatodi Efculapio la fua morte.CTEtalla Salute.Quiui dimollra vetruuio come gh antichi haueano 
più & diuerfi Dii Se Dee: Si quefta Dea Salute era come anchora apprelTo di noftra Chriftiana religione fo 
noli Santi Antonio, Lazaro,Cosemo,Damiano,Rocho ^ Sebaftiano il quale fu nobile parritio Milantfe: 
& cofi à molte altre fante, m fanti 1 quali apertamente ottengono da Dio le grafie a gli infermi che per me 
riti di esfi fanti fono di diuerfe infermità fanati, come della Lepra Si fuocho carnofo, & chi di Epidimia/ 
cioè Ve^e/'Si chi del morbo f ranciofo o ver dicono di Santo Job, & chi del morbo comitiale & caduco 
X Cofi di moiri altri morbi concetti U nati da mala complesfione naturale o accidentale, de quali certamE 
te fono fpccie di fonti che per vfo gli polTon'liberare, fi per diuerfe regioni del mondo Ci vogliono ricerca 
re: o veroanchorafi ritrouano quelli che non folamente fcriue vetruuio nel hbro ottauo, ma Arinotele 
nell'Opufculodi admirandis naturalibus: 8i anchora in Plynio Si altri degni auttori: Cofi anchora a rem 
pi noftri a molti Santi fi fanno le chiefe & nelle Cittati Si nel contado ne luochi doue fiano di aere salutife 
ro & buono & in effe alchuna volta vi fono le fontane di acque gioueuoli a talché Si per la naturale bon.- 
ta loro Si pei la graria infufa dalli Santi ad effe chiefe dediCate,chi d'una infermità & chi dell'altra hauex 
refi vedono gli effetti come vetruuio dice quando dall'aere infetto &malfano trafmutate fono leperx 
fone in vno aere puro Si buono molto più predo con la bcnta del vfo dell'acque vengono a fanarfi, per la 
qual cofa altri viene alle chiefe hauere diuotioni maggio re, /^ cofi anchora mediante la natura del luoco 
con molta più degniti elTe fi accrefcono CTerche quando dal peftilenteluocho in vno falutlfero &c Qiii 
ui vetruuiodimoftranon folamente Architi ttore dignisfimo, ma %'hiiofopho .Sd Medico dottisfimo:^ as 
sai amatore della conferuatione Si lunga vita di tutti gli huommi: & augumetatore del culto diuino , coq^ 
ciofiache ne para cofa lecita non folamente con tah effetti euidentisfimi dalia natura del luocho fiada ca*- 
uare fnaggiore oppinione della Diuinirate, ma gli piace dimoftrare le lor 'amirande & pure operatiói:Ma 
ne pare elTere cofa lecita non folamente fiano fatti gli grandi Si belli sfimi edificii tra le Citrati Si luochi do 
medici alla contemplatione di tutta la generatione Politica, ma anchora cercare di far'alchuni amirandi 
Tempii m luochi deferti Si ardui come già di Apollo, Se di Ammone, 3i di molti altri Dei,& Dee acio fus 
fé accrefciuta aJ.fummo la yeneratione della diuinita loro per confufione de gli infideli &faccinorofi che fo 
no preftigiati da gli demonii: & per le aminiftratiòni & opere de gkfacerdoti loro effendo fuo ildimoftra 
re le gratie ."^ degnitati de esfi diuini Dei, le cui Animate poteftati per la diuina gratia con le fante inuoca.» 
rioni peruengono m esfi luociii alle degne preci a exaudire: Si mi gli preganti per le grane ofFerifcono mol 
ti doni. Vedi adunque con quantadiligenza vetruuiofcriue quelle cofe apertinente alla falute o ver'sani^ 
ta de corpi infermi, &masfimeqiiando accade che lo aere fi corrompa in alchuna Citta o Caftello o altri 
luochi Si crea in esfi alchune peftilenze, alihora per fallite tramutare ghnfermi fi debbono quando nò poC 
fon' da fé andare ne gli predetti luochi che egli ne ferme, fi iui non folamente lo aere, ma l'ufo dell'acque 
fi come e il dato modo di viuere Si vfare Si temperatamente bagnarfi fa che più prefto esfi infermi fi sana 
no: & quefto modo vale più che cura de gli Medici lo hauere Hofpitii grandi di allegri Si in luochi aprici 
& ameni lo aere eleuato da luochi basfi o ài paduli che habbiano bone acque: Nel modo che il commenta 
tore primo dice hauere principiato il popolo di Milano fuora de borghi di porta orientale per li Epidimio 
fi Si peftilentit Etfuora de borghi di porta Cumana al fonte di santa ^laria della fontana: ne quali magni 
luochi potranno effei tranfporcati quelli ricchi li qua,li d'ogni forte infermità voranno effer 'curati. 

C'-'^irnilmenre farà la bellezza della na 

tura.Ouiui vetruuio con gran dilieen.^ 

Zi ne dTmoftra per lo faluamento delle 

Cofe « de corpi, o da che parti o vero 

afpctti del cielo debbono elfer' risguar 

dati, perche più longamente fi polTono 

conferuare: come haueremo nel libro 
i-.. - quarto-COccidente H/berno. cioè lo 

oQ o tramontare del Sole dell'inuernata che 

rome e noto più lontano dalla parte di 

Settentrione tramonta che di nelTuna 



Simirmcntc farà la bellezza della natura fi a luochi 
da i letti 8c delle Librarie, dal Leuantc fi pigliaran<> 
noi lumii&alli Bagni, 6C a luochi doue s'habira 
Unuctnata dal Occidente hybernoj alle Cancellarle, 
& a quei luochi i quali é dibifognò di ceiTÌ lumipa^* 
ti, fi pigliano dal Scuéttionci per che quella tcgióe 



^viri rr ■^CAPITOLO _ e^^ 

rifde ?1C Si ó^tfL per il corso del 'Sole , i«à e certa 
Si immntabiìe' del conntìuo giorno . Ma hi diftri 
butìoiie e una comiiiod^dispeijsstionc dell 'abun 
daiitjc, K secondo il luogo ]lgu\fto temperameli 
, to della spesa fat.a nelropcra coiiragiciie . Cosi 
•'•gucfta s'ollèruera se prima i'Arcbiteto in eiia non 
cercherà quelle cose, clic non polTon troaarsi , o 
aesc prepararsi se non con grande spesa' perche 
non in tutti i luoghi e i'abu'ndmtia ài Arena di 
fofse , K Cementi : ne d'AbcLÌ , ne di Sappini > o 
di Marmi;cb'una cosa nascie in un luogo 6i iniaitf !•'', 
un'altro : delle quali prr i riducimcnti d,'cfie £ai 
ria dif:cilc &: con grande spesa: Ala e dascrairsil 
douc non e l'Arena di folte, di quella di fnitni, , , 
«y nero quella del mare lauarai Anchora saranno"'' ■' 
risparagnate le Charcflìcoc gli Abeti, 8^ dcSap 
crni, usando il Cupreilo,il Pioppo, :il Pmo, óC 
t'Olnio . con gliaLri anchora smalli a quvftì che 
saranno da dichiararsi i Vn 'altro grado sarà di 
iliftnbutionc quando gli edificasi d sponcranno 
a farsi alti a l'uso de padri delle famiglie : o ut 
to all'abundat-itia co danari, o nero a'ia degni 
ta dell a magni ficentia. Perche altrimentepare che 
sia bisogno farsi le case nelle Cittadi, & a' trin:en 
te quelle del con.ado , che dalle poffcssioni iui 
mettono i frutti , ncn a quel mcdesmo modo quel 
le de gli Vsurari ' altrimentc quelle de Bcati,&: de 
Dilicati -Ma quelle de Potenti, con le cooitatio 
ni de quali la rcpublica si goucrna , a l 'u ' o a: quel 
li saranno edif cate : 8C del tufo g-i ed f cij con 
le sue dilìnbutioni , si faranno atti ad ogni perso 
na secondo il suo grado . 



'S|E€0>nX5 



«j 



dell'altre ftagicm" . C Cancellarle >* 
Cloe lUuglll iitpiilagi y alat Iwbi" 
dricni ne qiuli fi sanie &. ctiigmo 
libri: Anthi^raft^intie da farceli ixi.r/ 
CUI» tlK lo h bisogno haiiercpari luf 
un Ce me Pittori 5 Oie,fia-R.iah;;nivi^ 
tcn » rclìtfori di brodwri d'Oro 5« 
di ..rialto Scsetcdi sutjle rptrc; & 
RnilioBcrrtttiiri ,& altfi mertriat..iiU 
clic uciidono póniu tolor.iti , & .ilcre 
finiil tose die ritchicdonoi^iaucre In/* 
mi pari'' Cloe chenon u;irunu pern* 
utrbtrJiUone del Sole: & p^ro il lunic 
del Sttroirrii ne the e fcrnio sempre 

;;d'uiia pcrfctficne,& a quelli scpra/ 
detti Ci'Jine Veiruuio dice) li rithie*, 
de. Ci_0,fi quello fi olRruera , quafi 
àie-, fi pctr.i isre se rArthitctrorc nò 
cerdicia quella cesa che ncn fi può ha 
nere seiion eoa grande spesa : perche 

.ncn cunuicnelaniiaccria superate l'ot 
fera, et perdo bisogna r.ceoniodare 
le t.ibrirhe degli edifici! secondo fia 
p4.s[<bikh,.ucrc della niateria;& que*. 
ite .-.1 o'Arih(tettote e nero segno di f» 
f len u^a benehdo d'elfo & dd patrc 
ii-.:dciropeT:(. Della n;iti.r,< dell'are/ 
na Vetruuiu dira nel libro secondo. C 
1 Cernei, ri /Cloe una gtnera'ione di r\ 
filtra morta fimigliante A tufo di 
Roma ilqiial tiifofi troua ucMfondo 
douefi cua la pe^olana ,.o uogUamo 
,dire,>pviU,t.rei ihianiata uo gannente 
Puzolaiia: sene rroua anch( rain cani 
pagna hog^'i chiamata Terra di lauo* 
roiiiti!a qual prouincia c.'Napoli si/ 
niata,doue unuicrsalnicnte di quella 
pietrai fi fabrici &. lui dal uolgo que* 
&.Ì e chiaiuni;. Cemento, il colore d"es 
sae iigiiccioui r.sciatcio se ne di' 
ce'andiora a c.-rre.Jc. lettera. D.er.) e. q 
CSapini/ aoearbori della specie de *3 
l Abetti in lcgno,in foglia, & frutto, 
pillile nel libro .itf.dtinonftraS.^p pi 
no edere p.<rtc o membro ddlo Abc/ 
te senza node che se monda, &cofi sf 
chiama sacinojficomela parte di so* 
pra nodosa & più dura se dice fufter/ 
iia.c:Vn';il;ro grado sarà di didribu 
tice,Q_ucfto da se e chiaro che secódo 
la pcstibilit- & quantità de i denari li 
fanno non solamente lehabitaticni] 
mi ogni altre e ntinue spese» tan/ 



fo perlanfcfl quanto per Io iieftfre & altre CD?e . Mi concìofìa che quelti ngioiie habbiapcrtincatta in gene 
.r4lita '■Cloe & depcucri, & medir,ai-& ricchi secondo il grado loro o ucro elegante dignitade: Pur & chi alti Se 
chi basii sono da farH come e il comune ufo o ucr neccsfita,& cofi hau'.ranno la DISTRIbutione/doe spartire gif 
cdificii con Itera cófidera:i( neallcqualit.»*: nii erode lcperscne,acac h.ibbiiioi luoglii c.-p.ici a cóscruaretsff 
co le sue robbe tato de publici quato de i prillati. CI Pcrchealtrimen repare the fia bisogno tarfi lehabitationi ne 
leCi ffadi. Ci ueH-a ecosa «Tt.ichei Palagi ciudi douefi usa hpolirica uira fijiio da eUerjf.tti paltro modo che 
non sono qudli'de i luoghiriilticnni o del contado: ne quelli dei niclancolicioutTj auiiidi usurari. C.A1# 
ttiiueiue quelle de Beau > &. de i D£lic4Ci . Q £ A JLJL soli cktù eieie le ^ SioM in u^rio modo . U .P&alinifia 



fS 



XfBRO^ 



oJOT!qA\:)pRfMo 



V 
■f. t 



HÈhttltSict kstì In mjctilàti &c.ucdi nella scTirtUM sacri in (^tiX! nòdi ella chiama i Beatirpercfte U hdtìrvdi 
ne e un3 oH^uaC» ulta senza mancanza di quello che la humana moice & corpo dcfidera per ^ccntenrarnc l'ani* 
ria noftTfi:& perdo fi può direetler U nera gr. tia e nctflfa aIIepcr$one,nia)fimea i snpienCi » & a chi la N^tur . St 
t>io gli e fsuoreuolfja fa disponere la Fortuna & gli;4lrri animanti &c.ir utdi -inchorà Plyni'o nel seramo libre. 
<iiuliibeaaDilDfmo(trano.Ariftorciene) primo de l'Ethrca dice: Il felice non fa difrrniria dal misero, se 
hon p(T mezzo della uita: Ern ci terzo dell 'Echi ca cofi dice. Neifuno e bone ne beato ilquale ncnooglm 
èfi^rc nebononebcaco.eda qucft-oi beati son detti felici.Imperciochela feliata laqualetn sP«Jesarae«glihuo 
ineni,non e di guidiUo humano conefla Percioche aascuno determina a suo nu>do secondo i ingegno suo : Et fi 
«lolenio fare nero & .sald» gluditio & tolta ogni ambitione di forttinarat per queftc conoscere quello ihecontfce 
refi debbe n^uno morralee felice: Abundantemente adunque & clementementefi dice hauer fatto la Fertana cca 
(Bucllo ilqualenon può di ragione effer' detto infelice:ccrtafnenre fi altro non fa ella non incitnrLa fortuna e nn fi 
riorei'quale come l'hiiomoVha in se non e fermamente felice: Parole dt Plinio. Leggerai ance ra in Valerio Wa 
Rimo un detto d/ Selene (Iqual dicecofi:Nessuno douere essere detto felite mentre ihe in qncflc mòdo uine: per 
che fi confiderauachefino a rulrimo di della uira sua neffbno essere che non Oa suggetcoardubii & pericoli de 
la Fortuna II fine consuma il nome de la felicita tlquale fi oppone al corso de mali huomini . Ma fi possono an/ 
«ilo chiamare Beati i Ncbili ritchi i quali abundano diproprii beni temporali,& de pretiose cose senza alcuna 
infortunio godi.no in pace, & tanto son' ^Itcì quanto.' quella bona sorte fi mantiene: Onde a qudti fi f^nno 
iccnsedi pio diuerfi ornamenti & pietre di uarian colori dalla natura produrte;sl nei pauimenn &ù nellefcde 
rattiredellepareti : o di tc^ra cotta.dipintec sculpite>o ài ornati lacunarii.Lacunani aocp;ilchi laaorau come 
ài taffia,& di molte altre eccellenze dei quali gli suoi animi & alti intellttti fi dilertano»& fi consola la plaod» 
loro anima. Et ben che i Beati fiano chiamati felici come che specialmente la felicita pare chefia itata dataa l'hu» 
«3onó epero in porefta humana,essendò che uno in un modo>& l'alrroCfi comeefuo partre^in uno altro modo 
ia tcrmina:m3 fi u.lemo fare un ucro giudicio & scacciata la adulanonedi Fortuna, diremo nessuno de mortali 
ri set pur felice non che beato.C Delicati fimilmcnteallericchezzeson detti.percio che in molte cose lequali a chi 
l'ha fi comeg'i appeuti diIettano->fn ciascheduna cosa che difiderano secondo l'animo il corpo & la sua mente 
slibifo uógliono lo pare far fi debbia:onde tiu prefto efeminati spesfcuolreparcno chcabunaani-fi percbs cn 
gblofi^o nero pcrchefi dilettano di odori d unguenti &,;iltre cose delica e.c Ma quelle de potenti &i.Q.aefleha 
' ^ bitationi deglihuomeni primari! & potenti Vetruuio nel sextolib.a.?.capitoli chiarirà tome sono dntsser' fa£ 
(~l te-CEt del tutto le diftributi' ni degli edificii AcQuiUi Vetru.dinota csser'quelta cosa manifefta checomedct 
to pocj di sopra habbi 'mo fi debbe confiderarela qialta fimilmenrecol numero delle ptrscne,acoo habbiano 
I luoghi atti dijueesfi còmodamente possono h^bitt-re [secondo e di consuetiidinepcr tutte leparadd 'mondw 
gm rurtelcloro faoiltadi ne solamente di luoghi piiblici madepriu-iti & politichi & ruftich?ni:& cofi anchori 
a l' babittare della ^te sacra & della aunigeiAiSt fiiialmeace di o^ni persona ael suo decente ordiae à gradu ^ 



CLcpart" d*es5S Architettura snfi 're.Vetru.ha ifscpra detto Si the rose fi compone I*Archirct''ii(a:& le rrr fp( 

eie dd'e [(ice CI c>eforme/&cio'chch:ibbiamohauto mi capitolo. z.al presente egli intende dimofhrirne le tre p.;r 

ti pnncipa'i d'essa Archirettura:in tutto 4*o primo lib.onde dice una esfere.€ La Edificati one.la quale fignifica 

r, cóftnòhonecioei! fabiicamento o nero eleuamento'de muri d'ogni sorte pmantnteo durabili cnedr uoglta 

mo e fi u>.l Fdt.),Ocerc.& moiri altri:& edttto edificano idea Aedem facioiSfccndo S«ruio gr^m.itico ma me 

gfio e l'opinione de Fefto pompeio perche seponeua in loco edito'Cioealto'o uero perche in esseede /ciocedifi 

cv seuiu:» la età eh e detta »uum. Similmente l'altra la Cnomonica.fHora che cosa fia GNOMOnira^cic edl 

regala delineare.* bcnchealc na cesa fla di sopra de tr. a carre..i7, & Vetrnuioanchora specialmente nel libro 

n 'no ne tratteri & per hjuer diuerse figtiificationi anthofa ^uiui diremo quello che e rabiscgno.In queita par» 

figiiifica proprio la r.igionc Con regula de 

Inieire perche eli' contiene medefimameit 

te l'ord ne del lineue p qua' modo al' Ac 

chitetrira fia di bisogno Cofi anchora di' 

•inguercinogni mesuramcntoeogni sua 

q iantita:& qiieftanedimjftra lediftanrie 

inpianown alto in ba5so»diliige& apres 

so:& d'essa scientia ne debbono f.iremol 

ta e^lima come gli AfJrologu i dotti At'/ 

chiretton. fi per potere mesnrarcuna laf 

ghezn d'un fiume per f irui un ponte a 

p'ss<re uno esserritn di gente d'arme, 

& fi per sapere un'altezM d'un Mon* 

te o uer de Torre: anch -ra per sapere 

tneh in f'obra eòe detto h bbiamo mefii 

txecQtt lime di ifila >.& (un gli squadri 



DELIF PARrr DErL'ARCHTTETrVRA NEIIE Dt 

STRiBvno^n Dd pvraia er rRivAii toi/ 

fidi DfUA CNOWCNICA ET MACHINA/ 

noNE. CAFiroLO terzo. 



5 P A R TI cJ'cflTa At^Jiitetnwa seti 
tre: La cJificatióf,! a Gnomonica , 6C 
Ix Machinatiócr LaeJiflcatióe ecfjui 
sa in Jnc parti, Jellc gli una cil collo 
carie mina deia dtta,& dcle eoe opé 




CAPfTOLO 



TERZO 



'gula che;iprincntJ « l'opera fi uc<Jo' 
' e int R uole j fi teme ueàr^i quiui 
orto nel quinto capitolo doue li co' 
nunciH A dinioftriire 1^ hgura de venti; Ji 
cOido.ColIiioCrffi a 1- Dbeila lo Amusfio 
di m.irmo ntJ niczo dentro a i mura de lai 
Orraoucroun hiogo fimilmenrcpouro 
& aplanato alia ffijola & alla libtlla the 
allo amusfio'Ciocregulrf dondeaci;imus 
fitni.Kjeit regularitirnó h adidtri-sopra 



Kfja^p.r cderro. del che qutfto Uctabu» 
lo secondo i greci anchcr; Jw molti figni 
ficaM:pcrchc -k^*-»' . fignifica CLnosroin 
Jarinorc noe di iHt e detio «io/<jh . Il den 
techfgettailc u;;llo dinioflratcre della 
«atcsu.1. Alcuni figuratamenre h.nnoc» 



|)ub! iCJ IiTOgW. L'altra e fargli edifìcii de ghhuomì P^regu 

Ili priiU'.i l,e diftnbutioni de gli edifici] pubìici 5on Ji^s'órlo 

tiVjdci e cjua'i una e de la dififcJisionc,l 'aJrra dciJa 

i<.c]ig;onc,laterzaedc la opportunità Deliadifcn 

«ione e una ragione de le mura,delie porte,& delie 

torrrpensata a scacciare in perpetuo la furia denj 

mici. Della Religione e un coUocaii.en.o de ) Tini 

pii,8i saqre chieste de eh Dei inmortaliiDelia opor '' ''"'' ''"^8^"^' '"'^o ai taitro e ilota/ 

»..«:*„ -7,«o ^: r^o ♦^. ^J . ^ T L LI I 5' «il Ramo le Cncmone-tiot ftiicdin'o' 

tunitaeunadlspOS tOl edltUttllkcghlpubilC al ftr;tortde l\n.bra,il qu«le da I Crea 

rusodclpiiblico-.comc i F'ort],! Fon j Fcitici, I Ba 

gni,i Theativ,anchora le mambulatoni & altre co 

se che con qucftc me^'estt^c ragioni si disegi ano ne 

piibfjci luoghi. Ma qucfte cose cosi fare si debbcno 

accjocnc nabbiano la ragione della fermezza, de gncmm^ti, prudenti ouer a noC gii gno 

J'utilitade,K della bellezza. De la fermezza si haue «>oni:ptrtiie sempre p re the fian mttntt 

I • t I • alis 'pCfiUarK nerfgular£>& thcncn.fia' 

ra la ragione quanuo sarà e auato tanto che 51 troHi nodeiiorc eatxeik pianr^-tosoffiticwai 
il luoeo fermo del fondamento : 8: la diligenza di mut^^biii & p ercit ucig.<rmenrc ^nchora 

I j- • „ • 1- 1 1 • ad aliuni nu(. mini ttns^ncio dire inem/ 

cleggeredi ciascunama enadi abundantie senza nadicemt ffim-ii udmceifereunoGio/ 

auaritia.Et della utilità e una corretta di sposi tionc moneo ucro tcrminccosechesono .< fta' 

&fenzaimpedimentodel;usode,]uoghi.&eura [.^n^^ncK^i.rtZ^^^ 

atta & conimoda diftributióe alle regioni di riafcu S^-^^i fi P'g"-' m ^l'fc figmficattói fi.m» 

ms«agcncr«oncEtddIabclIe«à,aram,ando ,Sl;f£l'„T^„5X.Xf.S""» 
la specie dell opera sagrata , K elegate'Sf io sf om Rrumcnto da Batr.^giia e feto d.i ;'icuni 
partitnento de 1, membn haueranno Je giuftc ragie fc'^So'^rt So rnoj^^^r^^^^ 

facile tnCSUrC^ ucroattfaciicr|'i,=nt ^perline,irctra,te 

ne dite ancora a crrt.3^ £r perdo Verrut 
hA detto gnonionicf. Plinio scriue nd.u» 
che.Aiiaxim.ndro milefic trouo lo Gno* 
mone . £ Mschinarane . Circa quc// 
ftouccabulc « cf.i sppereihch;» mt In fi/ 
gnifìcati» ma fi può quiuf infoi Jerf in generalffarptrche queta e U pfnsafiua & the -Ja gli effetti AinucnOoni àél 
operar maiiualincntepiTtheuogliono alcuni fia tofi diruuiff; d^ttitioh^'t Utine curro operioruoloui».<'vX«'«-« 
o^^( .Cloe delibero Ci ccgitoimachinor trono aeniolio Sc^x/Vo». » » cura confili um latine : ondefadcriuareetfo 
tierbo greco .t"<X-'^Hi cioè conafus cogitano m. china. & f iAan.xoe.aoemecaiiicu» o aero nunuiile operatore; Òa 
de ne pare quafi ad un tal dire che le parti dell'Architettura liane tre cii;erimagm.,re ilmesur^re:& locdifii?re 
perche prima fimoUra per lo pens3re,pni fi approua col mesuranuntj diAinto & affigurato pel finalnunfefi fa 
bric* quella cesa ch'ai propofito s 'e iniagitiaca & pcns.-ita & fi dunoira. Ma quefta mathinaDt ne intelletnua es 
stndochec*usadcl aformatìcncdeguiftrunienti t^brili^o^rtiftì biscgneuoli « chiarire lo tflctrotii qualunque 
cosa the iioi uogli.iniocond'irek hne.ufdemocheper quift.i ; du rerin^i machioanonemed'anreilnoftrointtllet 
to tatptr^remrtrumcn i oiiercctca l'uso da fareodisfare,dibti rm^re & discrc retutn i muri , & mcnn ,& 
f Jrtc^^e & f.ire mouimeiiti di mirabili ifftt i ne soI.-:mtnre nelle cose rerreftre,ma in rutti gii elementi & m;isfime 
nelle oftcìifioiii dcl*anrc& con learrig!i..ritniedianreil ftco "& seii?a & con qucftì iftrununn manu.ili f.-bricarc 
•tutte lecosedd mondo 11 qnil mondo antlic ra e dii: mar^ M china come Vetnaiio dira nel nono libro. F>oi al/ 
lecspugnariuni gli inftrumenri da BatTagIi;< & infidicfi formin 1 1 quali , chi retramcnregli confiderà dfl i biicn 
e. ri & dalla ci.ncordia uedra che sono dlsprc^2;<n : & m n solamtnrer.cirarre militare bisogna quella ingèhii.ft 
sci enfia mecainci-cioemanualt/ma in tutte leliber.ili dimoKrationi & operamtnti : setizi laqualeneRuno i-rna/ 
menro bisogneuole del mcndoi:iriaqiianptsrbiletarfiperl*iis , dell;; comune iiira,ne del ueftireA altre in§BÌ 
te tose de Tarti neccffsrie the a 1 ilio hum..no h;;tierc son bis. g';euoli:Erper ciò Vetrui.io ha detto . C Ddla R« 
1 gioneeun aillicimcnrodei rcmpii & s-crcChit«c degli dtiin nv rr. li . Veruuioquiui nedimoftr.i cou.e 
tnchor.' pcri.cccifi a neciuieni firno diilribuin i u ghi pc molti rispetti alle reliijir.ni come ricdefipiitmenre 
fco^gi di a quella fimilitudiiicutamona le Chiu t de gli Oti Astati tecou^ocrLcrdintdclla Hoftra patita tfe 



ti 



LIBRO 



PRIMO 



fa fede, cfiegfi sacerdoti cflcculnuanoJecui persohe iella Sòtió li iicr.i ftorma delln pacifica & iuiisd >ìii l'tfft? , 
l.)qualefiusa con s;ìniinioiiia&caftiCa che macerai iiicii.OadeAriftotcIeiicl scxto della poUcici cuii .ice. Biso/ 
glia ntUu Orca the alcuni fiaiioi quali habbiflno>Ia cura degli DU-'Uoei sacerdou&c. Anccrranel iiifo'tdmo che 
cofi pone Cuueruare la gran m&kirudme e opera de la diurna potelta, nella qu.ile fi cocticiie il tatro . £c csfi si. n 
felici perche fi dispongono alla grana dello speailare,& parl.nido conCenipianua'mente predicono le cose^diiìnc 
come L Sacerdoti di Apollo & auri Dei che di quti tempi prcdiccunno.Erpero AriftofclencI c«imo derEChic.'j 
due: La ulta contemplatiuajelter megUore chela uica de ghhuomini comuni ; perche la uic. cr.naiiiplariua 
e Ulta diuina,& il medefimo dice Doppia efser qlla felicira de la uica & cprcmplatiua &cuiik,inrr.) le qunli la «6 
templatlua nieg iorepcheediuina:Pia l'altra ciuile e fatuof.i & scRlualcg; Della Oportunila. In ^,IU (imilnifire 
intende la deienfone de imur^Èrorri5& Rocche Jtc.i quali sono^diftiibaitme gli edihcii publici : Ma ghairri 
di priuaca ragliane : potenio dire elferquafi diuifioni de muri coperti /cioc case per separare le persone degne 
dalle comune oueropfebei di baffaconditione: a i quali ignobili uolgari apcna sono a cfftr ce nccilc . Anth(.ra 
di tuttii luoghi public! al'uso diciascuno^ccmci POR ri . quelli sono quei luoghi nelle Otta di Mare 
che i legni grosfi & naui pollano uenire a uela carche a nua, econie eia nectsTita checsfi finno il diremo a 
carte. i}o. FORI» quelli seno lepiazze grandi da fare i mercati , i quali dimol^raremo nel primo e 'pitolo 
del quinto libro. POR TI CI. queftì sono que luoghi nelle ftradepubiicechefi uà sotto cslì ni ccptrro,oue 
di sopra ui sono fabricace lecaseposatc su le colonne o uero pilaftre &c. I BAGNI, (.q^'efti hauemo per le 
ftufe doue ognuno a suo commodo può lauarfi & Stufarli &c. sene dice anchora a carte. >>. lettera. B- 
I HE A r R I/cioequeluoghi amurati a me^^o tondo co i gradi di dentro di m:no in mano permeglio 
potere ftarui a risguardare i giucchi &odire recitare come era d'usanza appreHo degli antichi &c. I N A M' 
6 VLATIONI. quefte sono le ftrade & uiecomune& altre cose come h.ibbiam detto iporfici cheasi' 
migUante ragioni Ccome Vetruuio dice ') fi disegnano nepubJici luoghi . C Della Fermezza . cicc conici fon 
damenti fi debbono eleggcreper edificare ihedurabilmente al tempo teftaiio»& l'altre cose seguente l'bauere* 
•uo da Verruiuo al Iibtu cec^o a carce.So*& la molti akn luoghi d . .^.^^t' 



^fn quello quarto Capitolo intende Vetniuto infftruire in qttatmodof? debbono difigentemenrc eleggerci 
tuughi Ja eiferui edificato : i quali più che fi puo fiano atti & senza uitii , circa la conftitutioiicncn solamm 
ce delle Cittari capaci d'ogni quantità dellepcrsone &popoliineiiÈhabit.anti,magli Qppidi' cioè Tene iute r 
no chiuse da mura» & iCaitelji & in esfile fortezze, & anchòle Ville circunft.iateo altri edificii t.into del ci.» 
niuiio quanto d'altri parti culari , nelle reginni & fUoghi dètjitìli fi poCfa hauerc perpetua sanità di tutti gli i ;> 
bitanti bisogneuoli & animali,o fiano editìcace iieluoghi pi.ini o celli. Et etfendo che nciTuna Citta o altra s&r^ 
ce de 1 predetri luoghi poflfano eflér senza il beneffcio degli elementi & sopra tutto dell'acqbe: In qucfto ne .luctr 
tira vetruuio in qual modo douemo con ragione coniti tuire le Meme/cioè le mura che cingono la Cittade/saUi* 
tlterameiite accio non interucnga a noi come a quelli checdificorono la Citta di Pritnc come intenderemo : Ma 
in qual modo sono da edificate effe mura de Cittade:per non tanto narrare uedi do che ne dira Ariiìotelc nel Iw 

brc della Polirica 8c specialmente nfl libro settimo alla terza & quarta lertione. 

CMa quefti in esfi Mcaie/ «ce mura che incorno cingono la Citea/Vetru.in quefto.^.capitolo d.i l'ordine qunl 

riente debbiamo eleggerete regioni salu* 

nfere pef edificare le mura delle Cittadi, 

& che fiano di luogo alquanro solleuato 

per non hauer nebbie ne brine , & che ns/ 

guardale regioni del cielo non calde ne 

frcidC' Cloe del i.eu3nte& Me cdi : ma 

l'altre pam eftreme,Ponente & scptcntrio 

nefutfeno anchora risgiiardate con alcu/ 

na diff-'ufione di conuicini monti & più 

chepossibiliulft l'aicre pottffepurgirii 

per le cagioni che uetruuio dice,accio pos 

sa la bcnta salutifera il luogo a se teiere: 

aiiertendo anchora che non ui fiano intot 

no o apprcifo paludc/cioepaduli.ma Ari 

ftomel lib.de la lunghezza & bnuita de!a 

Ulta cofi dice:La ulta delo animale fta per 

caldo & hiimido. (£ Aure /elee que 

uenticelli che suauemente aspirano la ma 

nt effendo mosfi data luce de l'aura che ap 



raremàzi al Iettar del Solefuora de Tom 
bre d^la cerca & fi crea foca humidica per 



DA ELEGGERE I LVOGhI SALvTIFE 

Riy ET CHE COSE NOCIVE SONO 

ALLA SALVIE : ET DONDE 

SI PIGLIANO I LVMI. 

CAPITOLO Q_VARTO. 

A quefti in cfTe Menie saranno i pn'n 
cipii . Primamente eleggere il luogo fa 
;lut!feroi8ieflosarasollcuato,&danon 

Ihaucrc qebbie,ne brine,6C che rirguarda 

le regioni del cielo nò calde ne fredde ,ma téperatc 
Dipojs'aueitjfcaanógl'cflcrlapalude.Pcrchecin 




CAPITOLO 

le Aure de la marina col leuar' del Sòie veranno ìU 
la Citta, & con quelle le nate Nebbie s'amefcoie<? 
ranno gli fiati velenofi delle fiere che ftanno nelle 
paludi, mifcolati con la nebbia fpargcrano gli venti 
ne corpi de gli habitatori, 8c faranno il luocho pefti 
lente. Simirmente fi appre iTo al mare faranno le mu 
ra della Citta risguardantc al Mezodi, o vero al Po 
nente, non faranno raluriffre» perche nella cftate l'a 
erecheda a Mfzcdi allenar del Sole fi fcalda & 
nell'hora del Mezngiorno abrufciai Anchora quf 1<> 
la parte che rilgoarda al Ponente, al leuar' del Sole 
fi fa tepida, nell'hora del Mezogiorno calda , & al 
più tardo bolle. Er perciò con lemutatiotii del cìU 
do & del freddo, li corpi che fono inesfi luochi fì 
ritiano. Ma e lecito anchora auertire quello da quel 
lecofechcnon fono animali» Perche nelle cantine 
dal Vino coperte, nelfuno piglia i lumi da Mezo<^ 
di, ne da Ponente, ma da Settentrione» perche quel 
la regione a ne Ifun' tempo non fa le murationi ma * 
ferma & perpetua che non fi mata mai. Et perciò gli 
Granari anchora i quali nsguardano al corfo del So 
le, mutano predo la bonra loro» Et tutte l 'altre cofe 
da mangiare, & li pomi che ncn fi mettono in quel 
la patte del Cielo la quale e contraria al corfo del 
Sole, non fi conferuano longo tempo» per che fem^ 
pre quando il Calore aflai fcalda toglie la fermezza 
a li aeri, 8C con li V'pori bollenti difeccaudole tirru 
ti naturali, elle difibiue dt, Uh dtbile & moUc< 

5 sM^ir. VX^ . ^:i!Ì'38't'locl--h 



Q^VARTO if 

la friggidezza de la notre Si molro 
pili, liKciido la Luna, i quali huii.oii 
fuggcndu air^ii dal calore eh' è fuoco 
tiano, èc di facile naCuialiiunte gii 
nfolui: onde per quella repugnantia ri 
foluetidofi vn mouitncnto C\ yjriitra di 
potenza eie fi conuerte m yent^. , il 
quale fecondo la Tua bcna o rea dispo 
fi tiene per gli amefcolati fiati delle 
feipi Se altre vf lenofe tìere di Palude 
venendo asfieme Con le nebbie alii cor 
pi degli babbitatcri i quali pigliandoli 
lo fi genera infermità , nocendo pia 
à vna coinpleiiìone che a/i'altra ?i co 
Rifanno il luocho peftiltnte. Anitottle 
nel quarto ^.etheororum iui vedeiat 
de le qualità de gli elementi, ^ do^^ , 
poi à quello propofitp cofi dice: Tut^ , 
re quelle cofe chedalifrigido ficum,», 
pongono da il Cólido (ì nfolucno : Se 
Coli per lo contrario: dapoi anchora 
iji elfo libro coli dice: La forza dei*- 
la friggidità impidifce la putrefattióe. 
C-Siniiimente fi apprelFo al Mare fa^ 
ranno le mura dilla Citta nsguardan* 
te à iViezodi o à ponente &c.queftc ra> 
gioni vetruuio chiaramente le dice co 
mefononociue &. che le caafa , onde 
gli corpi fi vitiano/cicè feinfetta^y 
no & cafcano in diucrfe inftriiuta. 
C;A'13 è lecito afichora ..uertire qutfto 
da qui Ile cofe che non fono animali/, 
ciccchenon hanno anima fenfitiua , 
ne ration^le, ne vegetatala, &:eirendo 
cauato 11 liquore di loro frutti non 
hanno più amina, come è ioOieo, lo . 
Vino , Sifimiglianti hquori, dequa^" 
linei tefto chiaramente fi legge. Et 
perciò hauemode gli GRANARI an 
chora li quali fono voliati u. conili y 
tuiti verfo il giramento del Sole,che 
intendemo dal Leuanre eftiuo per Me > 
zodi fino in Ponente tftiuo, diriuax 
lio dale dette ragioni: ilqual gna.y* 
mento è come gli Poeti hanno il teni 
pò diltinco Con quattro Caualii che 
alchuni dicouo cffer fempre rongiJ 
ti al Carro del Sole: & il primo dalla fulgenza del fuochofu chiamato '«u». o vero <ji«?4.,,'pb'ff che 
JLucifer fignifica : ti fecondo Vycoo per là fua acuta calda focoftta , il terzo AEthon per la veLe^^ 
niente ardenza, il quarto Phlegon per la deditianfe cbndufione per la dittante forza , la qual prò 
duce poi la lepidita. Adunque è da confiderare bene la fituaticne de gli edifici! che fono incontr'à 
quelli quattro celeiU afpetti /cioè Leuante, Ponente, Settentrione , ^ A,ezodi/fi per le cofe da 
mangiare che notrifcono ti masfime apertinente alla huinana vita fi dice volgarmente compana-^ 
tico ,che è il proprio di Obfonia .Onde vetruuio ne dice leverisfime caufe : Ma bine affai è da 
tonfiderare anchora il collocamento de gli muri delle Città del Mate masfime quando patifcono 
di Corrotti fettori per la innundatione del mare col dicrefce're alla remesfiouc del acqua naturala *■ 
mente m ogni fei hore : quello inreruiene che Ariftoteie-dtlja proprietà de giickmtnti dice : fon 
deggiaredel mare mo innanzi & mo indnetto feguitta il moto de la Luna.fria è cofa da fapere 
che l'acre & altro elemento fenza feculente mifcolanza non fi può mai corrompere . U cogno ^ 
fette fi e lo aere bono e quando e ben chiaro fi come accade de la pioggia che e fpazato dalle 
poluere pet li venti & rella fenza putrido odore : quello conforta tutto il corpo & l'annua ói o^i' 
gni parte aerea che fi fcalia quando fi leua il Sole Se fi rafredda preiio quando va aiOccafoqua 
le efegfiodifuttilità, ma doue egli e più humorofo & elluofo genera 
di core tu. altre varie pasfioni malencollice , come fanno gU 
dotti ìMkl : pei le quai co[e .v eciuuio ne da g^i csicmpit. 



LIBRO 



PRIMO 



CLe cofe Acre &cNota che In quefto vocabulo ACRE moiri tetti ronodifcorrctf: per che alchunf hannS 
ferito xtibus:Sc pare fi debba leggere ACR IB VS: p che fil Cello dicelTe aeribus potria alchuno intendere 
poteflefignificareaJchuna regione d'aere: Altro anchòra intenderebbe fignificaÌTe alchuna cofa forte o 
ver* dura come fono gli metili o vero pietre o vero materia de legnami. Ma nota che anchora in alchu> 
no redo fi legge aeribus che fignificaria come cofe acetofe o vero di acuta Tuftanza con dolcezza amlfco* 
lata infieme, fi come negli frutti non maturi che fono fenza fuauita al gufto, de quaji volgarmente fi di* 
ce cofa brufca o ver garba non del fuo proprio fapore. Concio fia cofa che da Anftotele fia cofi detto, Et 
quello conferuato masfime in luòcho Si tempo affai naturale & fimile, & non in luocho & tempo ase con 
trario: Similmente nel librò Metheorum il trouerai: Etperhociconufcn fapereconferuare tutte le cofe 
ne i luochi & né i tèpi ad esR conueniSti: Ma molto ne piac? quel tetto latino che ha aeribus per li aeri li q 
li mediante li vapori del caldo fé intcpidifcono 8i corrompono.per che nò folo le cofe acre ma molto più 
le dolce haueria pofto che, fono più fubiette alla corruptione corno mancho acuti: 8c perho non ne piace 
aeribus ne mancho seribus prò fortibus per che feria parlare più pretto poetico che conueniente a vetru* 
uiò fcriptore celeberrimo. Ma quefte muttationi auuengono dalla caufa del rifcaldare gi rafreddare quan 
do certamente fi disuiano in alchuni corpi animati, fi come naturalmente fanno alla Cofa raconcolta dajl 
ghiaccio & poi liquefatta dal Sole, la qual facilmente fi cprrompe,cófi anchora del Chriftallo fi dice il q 
te ftaendo per alchun tempo nel letame caldo da elfo bollore quello che per natural'celefte tempere,di ac* 
qua giacciala fé era fatto in cofa di tranfparenza dura^ Si come piecia dutisfima: onde ceitainence per 
eflb aforzatò calore fi dilTolue Se ritorna inacquo. 



C similmente fi aucrtimo al Ferro • 
Quiui Vetruuio rende la ragione delle 
CoTe fopra dette p fimilitudìne del fer a 
ro, dicendo: benchedifua natura fia 
duro, meffo nella fornace o fccina per 
la forza del calore del fuocho fi fa te^ 
nero talmente che con facilita fi fabri/ 
ca o lauora di quaiunche force di cho^ 
fa chaltri fare ne voglia: & non meno 
anchora de gli altri metalli che di du * 
rezza generati fono iSi fi operano, iq^ 
li fi fono eftinri nel loro rouentc colo/ 
re che per natura hanno, raa quando 
fonoramorti per efTa frigidità rindu/ 
rifcono& ritornanfi nella prima loro 
proprietà: da quetta esperienza del fer 
ro pare che li antiqui noftri R omani pi 
gliaflero il coftume: per che li Nouitii 
.Soldati iSd T^roni , li qualiCcomo feri" 
uè vegetiodere militari ^in campo 
martio fé essereitauano al "Palo 8i nel 
combattere & imparare de fchrimire 
se tirar deritto li colpi & caualcare 8c 
fcaualcare cum fubbita deftrezza difar 
mati,& poi armati Si altre fatiche mili 
tare:dapoi quette fé merteuano nel Te 
uerelauandofedal fudore la poluere 
fi imparauano natare, & cofi confoli/ 
dauano h corpi (% faceuano quelli ro/ 
bufti,non altrimence che fé tempera il 
ferro infocato quando da li fabbri ca 
uato de la focina fé fumerge nell'acq. 
C Anchora è lecito confiderare Sic. 
Quefto il tetto perse chiaramente di/ 
ce.CAdunque pare che fia da guardar 
fi nello edificare le mura della Citta 
&c.Quiui dimottra vetruuio il princi/ 
pio del vero ordine che fi debbe tenere 
a collocare le mura della Circa, &ft 
pur volenio collocarli Si confirmarlf 
chefanamentehabbiano lo acre Sette 
rrionale accio fi schifanno gli vltii o 
manchamentiche fi generano per gli 
calori in elTe regioni: bifogna faccia // 
ino tanto fpatiofe le frequentate vie o 



S imilmence fi aucmmo al Ferro ben che di fua na^ 
tura (ìa duro, nelle fornace per fudanza del fuocho 
afìfai fcaldato fi fa talmente molle che in ogni gene^ 
ration 'di forma fi laoraj& eflb quando è molle 8C 
candidamente afocato fegli riene eftinto menfo nel 
la frigida acqua findurifce, 8c ritorna nella primap-^' 
prieta. Anchora e' lecito cófiderare quefte cofe cofi 
eflere, perche nella eftate, non folamente ne' luo<* 
chi peftilenci , ma anchora ne' salutiferi, tutti i cor 
pi col caldo fi fanno debolii & fimilmente quelle re 
gioni che fono peftilentisiìme ,fifannoperlo in^ 
ucrno lalutifere i& quefto auuiene per che da raffred 
damenti R fortificano. Anchora non meno gli corpi 
che dalle fredde regioni rf ngono ^ no poflono nel 
[e calde durare, mas''infermano> Ma quelli che da 
1 caldi luochi, fotto le fredde regioni de Settentrio 
ni vannot non folamente e ^ che no s'infermano, ma 
anchora per la mutatìone del luocho fi riftaurano* 
Adunque pare che fia da guardarfi nello edificare le 
mura della Citta da quelle regioni che poiTono fpar 
gere gli venti con gli calori a gli corpi humani* 



llu<3e dentro a eslimuri de Je Citta chencUi fiati aerei né 411» 



Capitolo 



Q^VARTO 



t& 



fle gli huomini fii poflTano fpargere quado f ano infetti o peHiIenti: ne che fconrrando luti fiato.Ialtro fi ti 
ceua: perche fi si efferepeftifero veleno qaeUo generato da noftricorotti corpi: & da putridi fiati, o die 
vogliamodire fpiriti vitali:comedalchum animali,! qU fono contagiofi & mortiferi: cofi il foffiato de lo 
aere corrotto, fi ben li acude aile volte intra molte proprietà d'animali. Come è iJ gregge di peccore.Ca 




CPer che da i principiicf quali i Gre 
CI chiamano ?to;x«'«;)cìoc Elementi , 
Quiui Vetru. vuole che fi polTa cófidex 
rare di quai principii fiano cópofti tutv 
tiicorpi,&lecoredel mondo. Come 
anchora haueremo da vetru.nel.t.lib. 
à capitoli, i.&m più luochi masfime 
nel proemio del. 8. libro :& per venire 
alla breuità circa i quelle cofe diremo 
come nel secondo libro di generati one 
ììicorruttioneGli Elementi fono attig- 
ui A: pasfiui ad inuicem,a ifienu ami^ 
fcolarfi tV per quello fi fa la genera^ 
tione & corruttióe nelle materie & for 
me: £tle potrai hauere da Ariftote. se 
da Auerois nei prio libro Methaph. 8e 
in libro Met.Sc altri.Concio fia cofa cft 



Per che da ì principii ( iquali gli Greci chiamano 
«TToTKel ó)mtti i corpi fon compoftiiideft di calo ^ 
re, di humore, di terreno, & d'acre i SC da queftc 
tniflure con «ina naturai temperatura , le qualità ^ dì 
tutti gli animali nel mondo generalmente fi figurai 
no. Adunque in que corpi quando dei prìncipii, il 
calore fupera, allhota a mazza 8c diflTolue quel fer <> 
liore tutti glialrri prìncipii 1 8C il caldo cielo da certe 
parti fa quefti pitii, quando s ^interpone nelPappertc 
rene più che non può il corpo fopportare delle mi^ 
fture il temperamento naturale. Similmente fi l'hu 
more c'ha occupato le vene de corpi fa effi inequalu c'f «hcduno de gii elementi par ch'abx 

o. 1 I • . . •• I . 1,. r .: DI la varietà da I celeftì climati Co più 

Se glialtn pnncipU che da l humore lono corrotti, efficacia m vna ragione che nell'altra, 

le Virruti della Compofitione Icurrono & fi dilToluo ^°"^^ anchòra da vctru.haucremo nei 

not Cofi anchora da gli rafrcddamenti de l'humorc 
da i Venti 8C Venticelli, fi mettono ne corpi gli oi> 
tìi t ne manco quelli de Taere che li terreni i An^ 
chora la naturai compofitione nel corpo aggiogne o 
oerodiminuifcetSc inferma glialtri primi ptincipii, 
per la pienezza del cibo terreno, & la greuita'de 
l'aere del Cielo. Ma fi alchuno più diligentemente 
vorrà' con l'intelletto quelle cofe in pigliare , auerti 
sca&imagine le nature de gli aucelli,&de' pefci , 
& de rerre^ri animali t & cofi confiderera le differen 
zc della complesfione naturale.Per che altra com^<? 
plesfione ha la generatione de gli aucelli, altra queU 
la de i pefci t la natura de gli terreilri , da quelli mol 
to differente. Li aucelli hanno poccho del terreno , 
poccho de l'humore, di calore temperatamente, ^ 
affai de Taere ; & perciò che fono compolli de pri 
cipii leggieri, fi sforzano più facilmente nella polfaa 
za de l'aere. Male acquatile nature de pefci che 
del caldo complesfionati fono, & molto deb aere 
& del terreno fono compolli, ma bé poccho del'hu 
more i onde quanto hanno manche nel corpo de^' 
frincipii de l'humore, più facilmente affai nel'acq 
durano i & cofi q'iando alla terra fi producono lo 
fpirìtocon l'acqua lasciano* 



7libro à.ij.capitoli: & p che breue* 
mente diciamo le regioni di Mczodt 
come dal'£thiopia auerfa glia de Set> 
tentrioni,& benché particìpano delle 
medesmegenerationi 8c ptmcipii, non 
dimeno gPhuomini & l'altre cofeCco ^ 
me vetru-dicenel primo capitolo del 
fello Ubrojhanno pur gran differenza: 
onde iludierai quelle lettioni che fono 
di grandisfima dottrina: ^notale ra^ 

fioni che circa di quello v etru.con grl 
e vtilità chiarifce, Se quello che per eC 
fé sapientisfiiiie ragioni naturale nelle 
procreationi de tutti i corpi per lo ami 
fcolamentode gli elementi, fanno per 
naturai temperatura/cioè ben comefu 
tate ^finfieme amifcolare conueniente 
mente in vna complesfione la quale Ha 
placata e mitigata giullamcce, & ama 
dofi luna cofa con laltra vuol fignifica 
re elTet 'naturalmente bè compartito/» 
Se per quello dispollo temperamento 
fono figurate di generatione in genera 
rioni le qualità de tutti gli animali che 
nel mondo fi trouano.Et quella Tubila 
riua phiUofophica lettione, non fola yj 
mente qfi tutti gli Philofophi & TPhyff 
ci che hanno dcBe cofe naturali fcricto 
fono in quella oppinione, ma moltisfì 
mi 8( quafi infiniti quelli c'hanno ot> 
tenuto 8c ottengono in esfi lludii il prl 
cipato.Cofi anchora gli dotti di Tlieox 
logia non hauerianopofflito meglio i 
tendere quelle dottisfimecofe della Na 
tura: à i quali ad vna col dottisfimo 



-• . ira- - ,. Vetru-fonoda renderli gratie immorta 

«petnanernelafciato di tutte queltecofe la memoria, acciò rappiamointfindeteche cofa fia la narurale 

D 



tlBRO PRIMO 

cohipoRtione generalmente di tutti i corpi chi foho nel vnitierfo wchdo: Si fpecialmente di nói inireri ahi 
mali ratióali cn da glialtri irratiéali nò vi e diftercza fscetto la forma dflcorpo,& ia l'rellieéza fopra na 
turale, ccn quelladiuinitàche è jnnoi, che loro non hanno. Iniperho benigno lettore intendi Si nota in 
guai vanagloria fi infuperbifce la noftra humana mente: conciofia che egli vno animale fia che venghi cau 
fato & animato dalle mefcolanze de gli elementi, lo qualcercha volere in gran mondo in pigliare: fihz^ 
uerlo per fua fuperbia, o vero auaritia ò forfi per la acquiftata fua grandisfima fcicnza, o vero fortezza 
Cchc poi exala & fi diffolue^cercando fia per fé ciò che è del fummo Iddio, & per forza anchora nel'vltì 
inofuofineillafcia, & quel che fia poi dell'anima non fi fa, fé non coriiedcbbitamentecrediamo , 5: gli 
Sacri Thcologi tengono: Ma del corpo fiamo ben certi che ritorna aili pnncipii naturai!/ cioè elementi / 
& Pacquiftate cofe anchora à chi à Dio piace difponendo di quelje la , fortuna, o vero lo preclaro intcllet> 
IO ben temperato di ragione.CAdunque in que corpi quando dà iprincipii il calore fupera aJc.quiui fi dix 
inoltrano le caufe delle infermitati & fanitati: 8i perciò con quelli modi per la difcordia di quelle compleC 
fioni di fsfi naturali elementi procedono; 8c perche meglio ti posfi fatisfare A cognofcere, ricorrerai aUi 
predarisfimi ^byCici i quali hanno compoHi & lafciati gh libri grandi per li quali dilettandoti voler'Ia vi 
ta fli '1 corpo conferuarc, potrai farlo tranfire 8c diflolucre da gli impedimenti che fono in eifa fua natu/ 
ra, 8C masfime per gh mefuranti & battenti polfi, à diffoluere con gli Sj'roppi o vero alteratiui. Se poi le 
folutiue medicine che hanno in fé potenza d'humor' liquido à fcacciare vnaitro Lquido humore che im^ 

Jaedifce & che altera il naturai temperamento: cofi per virtù delle naturali compofitioni, comefonu esfi 
uchi & fpirti d'herbe & altre cofe con li fapienti maneggiamenti infieme amefcolati & temperati, certa^/ 
niente fanno oche effa natura vince o vero perde fé le piglia. Et perciò A nllotelt nel libro di phi^fiono/^ 
mia cofi dice. Li medici che con le n^ edicine purgano i corpi vfandò le diete foluonò la forma del corpo, 
& inficme l'anima permuttanoàvna certa debilità: & imperholuna&laitra fi soluono palefemente per 
che fi conferifcono luno à laitru. C Non mancho quelli de laereche quelli della terra «cvetruuio hauen 
do dettò del calore & de rhumore fimiimcnte dice de i corpi che patiranno la fuperfluità de l'aere per 
che fono più fellini & vigilanti più veloci che quelli delle adufte compicsfioni fanguigne Si coUerice, Si più 
che gli humorofi flegniatici,& più che gli grauisfimi de nalencholici à gli quali è attribuita nella lor'com^ 
plesnone lo terreftre humore: fi per ciò quando gli corpi fi dillempcrano o voglian dire fé inftrmano,;p/' 
cede da lo accrefcerc o ver diminuire del naturai temperamento: & quelle cofe polTono anchora proce^./ 
dereo da i cibi mangiando Si riempiendo più che non bifogna o vero dalla grauità de l'aere del cielo: il ^ 
Je nelle diuerfita delle regioni non lo può ogni corpo comportare, corno habbiamo difopra detto. CT Ma. 
fi alchuno più diligentemente vorrà con l'intelletto quelle cofe impigliare &c.Quiui vctruuio fi è llefo à 
dimoftrare dottamente tante necelfarie ragioni accio fapiamo con qual modo vtilisfimamente debbiamo 
collocare le mura delle Cittati: per che afpendere nello edificare li forti Si vallidi edificii non è cofa à eoa 
lìdarfi'di configli di chi non ha molta cognitione di Architettura, & di Thilofophia grandisfima esperien^ 
za per le prouate ragioni di aueftc cofe naturali, 8i fpecialmente di quelle che altrimente non fi può conr 
tradire, come quelle che habbiamò detto che vetruuio ne ha fino al prcfente amaellrati:5i: anchora quiuf 
ne dà gli amaellramcnti delle nature de gli Aucelli.CEtdeterreftri animali &c. Quiui è dauerrire come 
Vetruuio ne dà lo essem piò circa la diuerfificata natura de gli animali:di quelli anchora più abbfidantcmé 
Ce, da A riitotele nel libro de gl'animali. Si da. ylynio Si da Aeliano, & da Alberto Magpo potrai intende >- 
f e. C""Ma le acquatili nature de gli Pefci &c.Quiui vetruuio medesmamente per le acquatile nature de gli 
pefci ne voi dare amaeftramenti come il tefto dice.& vedi Opianum nel libro di natura de pefci li quah qii 
do alla terra fi producono lo fpirto con lacqua lafciano. Si quello non folamente é vfo de i piccoli pefci» 
Ina de i grosfi Si mafime quelli del mare quando dalie perturbati oni delonde per fortuna fono fcacciati a 
gli fpaciofi liti, come le grandisfime Balene, Si coine Capodolii,& Ceti Si Delphmi, o vero altri greui pe^ 
Tei foliti à nottate nella profondità o vero neialto pelago di mare, che per cITa hauta fortuna ritrouado 
lì in terra Si più nell'acqua non polfere notare, fono conftretti abbandonare l'anima Si iV corpo, alchuni 
con certi mugiti: onde gli citcunllanti huomini che quelli tal pefci fentono, con diuerfi ferramenti gli occi 
deno: & l'olio che da loro fi cauafi ad alchun piace prendono: &nonc molti anni che nel Mare Adriano 
intra Barletta Si Trano Citta de la "Puglia effendo llato gran tempellà, Le onde sbatteron Si gettorno nel 
lito vn Capodoglio il quale e pefcio grande. Si cofi tutte doi le community ii partirno tra diToro del qua 
le ne cauorono molte botte di oeUo, per che in qlto fé rifolue la graffa carne di elfo pefce preditto: & co> 
fi feruando come il telto dice, chi quello farà innanci chegli principia tante grauisfime fpesc & fatiche de 
opere, non potrà dubbitare ne doktfi: pet che il bene operare letilica> Se il male fa condolere Si pentite. 

CSimilmente li terreltri animali &c. 
V etruuio quiui dimollra che glianima 

li terreiiri/cioè intende quiui di queUi Similmente lì tenenti it)\m ali che de i principu,del 

gli quah hanno le complesfiói che par/ _ o, j i i r --ir • o. t. C 

licipano più de gli elementi di aere , Si '"^ oL del calore lono coplcslionati,& pochonan.^ 

di fuocho, i quali non poffonop mol no del terreno, & più del humorei perche d'humi^ 

ial'itr:VpeSSVuX\Tc£a" de parti abbundano, non polTon' nell'acqua lungo 

mente con euidentc ragione danno fe-« tempo la rita difFendere Adunque fi quefle cofe ap 

S^n^te a'rt?fi SSza'dSó P^^^."?.^^^^ ^^me propofto habbiamò , & da quelli 
aichuoo fi dcbbe alle edificdciotu delle pucipii (opolti It coipi de gu animali; gu habbiamò 



CAPITOLO Q.VARTO 2; 

con Pintelletto compresi, & di abhtltìciaMie ', U'er c/tran" ttoUAteSceìeZi,stsi\aoghi Sclete» 

^dimancamentiessifhtt.carsi&disoluersnmparato ^^^^^Ì^S^^^^ÌSL 

„liabDiamo •• non diibitamo che cijiigentementc ci bi aipu molto giudico eifcrereuccata/cioera 

tsogni cercare talmente , che ele^mamo Je tempera asummaca o rtitumta o ucru rance^ra.* 

^tiisiine regioni del cielo ,quandos hadaccrcarela reimoiate/cioeoccise/oiidequuueù.isa 
, fanita ne 1 collocamenti delle mura della Citta . p"^ '^'''^gi' -'""^h' ^'=>i>^-' iJi' «itan ocade 

■rr^ „ L iiV • ^ I* _- j- I j uano le uimme ; &m;ixiiue pecore & uu' 

Et cosi ancho itliai molto giudico la ragione de coccuano qutlle carni .11 loro uso con fari 

gli antichi douersi feguitare . Perche gli antichi da l'i^fqU'i&saicpoiperuencrationemes 
;rerc_corcimolatechepafca«noine& luoghi, ne f.^KSS^'rS^^iiìtpC'S 

.gnau onero Oppldl O Cairn ftatlUl che conftitui oppida daopedandiuperchcerano aux£ 

"^ùano rifguardauano ne i fegati, & si erano liuidi i'M''i*'h'Ì^?K'I"i'4l'''"P*' deiiegucrre. 

,, -^ r» ^^ t, t t o uero ab opibus e detto perche in qutfto 

nelle prime 6i magagnate amazauano laltre , che ibiicaianturopesithcuoigarmentefidu 
diib;tauano non fufleno offese o di uitio di morbo, ^'^"'^ rctrt intorno chiuse da niura,come 

j ^ f ^r o -J i^ L • n^pntu a nouiicini sarebbe Monte pulci» 

.0 de pilcoll . Citando con molte haneuano CXpcri no,Berona Montefaicc & fimHi che h.inno 

•mcntato Spronatola integra K salda natura de «Fp;'™i2adeatta,oueroCa(tciii Grandi 

.^I'nteriori,perl'acqua5rpascoH,iuicon(lituiua ^^^fiSìSp^S^uSuip 

no le habltatioui : Ma se é\ macule gli trouauano, p«"ameate : & pereto le thiaiuaua Caltri 

con quello inditio le transferiuano in altro luogo . 1^S,:^S^^^^:tÌ!^ 

Jl medesimo ne corpi humani la peltiientia da uè ti desoid.ia conftimui ftirem esfi ìu&ghì 

.nirc che nafceua in efsi luo^ihi per labbundautia .^f f^'^rTT^ ^f° ^'"^ ° uer Domi 

••j if, «, 1 T •? >^ ■^ . ^ , ,^ «lo.SouoCa.triftatuiimuaitione&daao 

.dell acqua Kdcl abo 'SC cpsrpartaiansi 8J muta ne de soldati fatti pftareapprcuo a gi'mi 
.nano regioni cercando a tutte le cofè la salubritate. n^'c'pi^' sicuramente, & uuio uei n.no if 

. *^ ■/■■,■'■ Ptodicc dei Romani. G:iftatuiinoftn era 

no aifai seci;ri p il ftrtificanieate.'I ni(?deruiio ancora diiiioftra nel prvvoIu.Et àcora uolgarmeiìte il barco doue 
rs'uucrcliiudona iiioln srmenti o iier g¥<iggì J'grosfi ammali & minua:fatti come in una Ciiiusa di palificati le 
gnaini l.iqualeandiora dicci>iQtjnortec{.ìiiato:o uer come feccEnea rróiancquàdo pniancnte in Italia uennc,il 
qiiaIeposetCa;tri itaci ui,djueiCgiiendj-puicdi,ico la CutalCInterlpci-Vecruuio intende cHere quella soticM 
ideile aie.ubra che noi chiamanió il fegato il polmontjil corC&M nulzfl,i quali tutti,son detti exti percl.eftano 
feìilhcicea gli altri interiori conicgatinari»MÌmenEe:dfil,qujI polpionf.à 'cure prccedpno gli spiriti uirali.Verrii 
ijib-le chiama quuu lociiiwrecioe dat.cipo èi queUi;che era ci xcgato dWc aiichora cpate ilqti il demolirà efTcre 
.sangjic itretco dilftro che ìa qacilo e la'sede''d'(? l'amo,re,'à gii Aruspici'^ cioemdiuini antiqui il diuideuano iti 
'qtMtrro nbre cioealctEepef lequali giudicauono secondo quella arce le cose da ucnire.jUQ. uando con riolte ha 
uenno expenmentato Sci. Vetruuio quiLU per meglio dimoltrare ihe una Qitta rcrra,o Caftdlojfi debbe collocare 
ne I luogiU salutit'cri,& copiofi di buone acque & paftureper gli esperimenti che chiaramciiceil tcxro quim dicet 
Ma quando per eife causenon lì p uo farc,che per poca diftantia di .miglia fi uienc a Iair..re:& dipoi quel hiogo d£ 
utnt.» st|_ucso,onde quella malitia della terra per longo te.npo gli arbori cheiui s'ingroffaranno sucheraniio U 
terra,& qiio pcijsamo di uitiitali si poff;ì purgare:Et quando fi uoglia da li a molto tempo conoscere qlto; fi oc 
fidano anchoradegU anlinaii chexuj nascono & fi notrifcono5& medeiimamehtc^Ii risguardino gli intericri,5£ 
dato ch'esfi animali fi possano cóprciidare corróperfi di pelhlcntia.fia tagliata la detta selua,& i legnami atti a 
operarep le case fiauo conseru.iti:!! rcllo cefi tagliaci sopra esso terreno fiano bnisdati in cenere :•& cofi lo terre-» > 
no,& racque,& l'aerc.i regione sira Itberara.La ucrita poi fi aproucra quando m essa cenerosa terra da li ad ur 
certo tempo per le celeftepioggie un'altra uolta nai<:eranno lépallure,& tacendole dallepecore, & cipre, & porci 
& altro armento grosso p3scere:dapoi notrici perdoi o tremefiifi di quelli ocdderai & esfi interiori di decti ani 
mali C\ moftreranno senza macule,dinQtera csseiepurg,irelepafture,&lefontanesaIutiftramentc:& lui fi pofr.io 
no collocare le bone habitatJoni delIcCittati. Etsedi tal terreno poi uorrai farelepossesfioni leggi Ply.nel Iib» 
li7.'i capitoli. J. che cofi dicc.Quello rheinsegna la terra grassa gectare sopra la magra o la gracile & arrida se 
)ra l'humidi Cbenche alcuni dicano giouare)e ftultitia,che poco può sperare chi ral tfrri laiicra,.' Et caso che £ 
jnti nò fassono anchon ben purgati fiano fatti i fosfi intorno fino al più profondo.'cheposfibil sia:& d'iiitor* 
no fianomcsfipaIiottiinamcnte-,o nero amuratot&quàro discolia dal centro d'esso fonte per piedi . 5'o. gli fi.i 
jiaess.i della calcina a macerare in un mortaro>qit.i nò solamente fi cóscruera sotterra per longo rempo>ma purge 
ra il terrene incorno:& l'acqua che in esso fi rcceucra fi facci diftiUarc p VA rena o uerSabioiic fi purgherano l'ac 
jl^ug di que fonti:& Io inditio ti dmotarano gli huomiiu & ammali che ui habitano come il textc dice, 

j^à quello debbe elTer fatto accio che al pascolo 8Z CMA qucfto dtbbeeirer fatto acdocheal 
-T ^.U ^ l»„-^»^-' * ir i. • • JT ^ T- 1 • pascolo &C.E cosa da sapere che tra le al* 

al cibo lepropneta alli terreni siano uedute . E leci trecause,a conseguitf la saiuarionecome 
fq aiiuertire & conoscere a i campi de i Cretensi , i ^ ^'^^f" = Q"'"' le raccogiiemo ciicr quelle 
auafi sono intorno al fiume Pothei:um che e in Cre SoLtZ SKqSf tSTaU' 

O il 



l 



OS spectf del terreno,it quarto non (fa su? ti intra dufe Cìttàti Gtioson , & Cortyn a -.perche cfa 
^^^^'^ ''.^ri"'P'^°1 ^^":"°"j!Ì fl°1.'!^' la deitra & simftra d'elio fiume pascono le pecore, 

ma di quelle che pascono appreflb a Gnoson , han 
no la Splene , & quelle che da l'altra parte apprcs 
so a Corty na non hanno la splene grolla • Onde i 
Medici anchora cercando d'elFa cosa hanno troua 
to messi luoghi l'herbalagualc le Pecore rodendo 
diminuiscono le milze: cosiefla herba cogliendo , 
curano chi ha il male della Milza con quello me 
dicair!cnto:ilqualeiCretensi «"ahmw anchora chia 
mano. Da eflb cibo èc anchora da l'acqua e lecito fa 
pere le propneta de luoghi se naturalmétc sono pe 
ftilentiouero salutiferi. Similmente se nelle palu 
di sarano edificate le mura della Citta le quai palj 
di uicine al mare risguarderanno a Septentnone c> 
uero intra Septétrione,8C Leuate,& che elVe Paludi 
saranno più alte che'l lito marino , co ragione si u« 
deranno efler conftituite: Perche Io se fa la ufcita de 
l'acqua pergli fossi che la códuce al Lito- fiiilMa 
re creiciuto p le tépeftati,la redundantia de l'acqua 
del Mare nelle Paludi cómofla,pimouiméti Kper 
gli aman amiscolaméti,n5 cóportacheiui nascano 
le generatici delle fiere di Palude.& quelle cose chic 
da 1 luoghi difopra notàdo.uicino al Lito uégono, 
p la inusitata salsitudinc dell'acqua morono Et gli 
exépii di quella cosa póno cffcrc le Gallice paludi , 
lequali intomo a lo Aitino a Rauéna ad Aquilegia 
& all'altre ne i luoghi di quel medesimo modo cne 
sonol'habitationi uicinc alle paludi, le quali hano 
p quefta ragione una salubrità in credibile -.Ma da 
quei luoghi che sono le ftaenti paludi, & non han 
no l 'ufcite che scurgano ne per fiumi ne p fossi , Co 
me quelle di Ponto ftaédo ferme, si putrefanno • 8C 
i graui Si peflilenti humori padano in que luoghi . 



tun putrido soffiiarcti quinto che Zìa su./ 

Imito accio l'acqucpofTino discorrere>a 

i^l che le Regioni del I e celefte tempere non 

rinxan^anoinfctt^jtedagli humidt uapo 

ri il ?cilo che habbia le commodita faale 

de Porti del mnreo d'altri fiumi da ncn 

jecc^rfi ,& che (i pofla anchora dare cònio 

dita di corrente abutidantia d'acque alle 

pafturc per i modi che a suoi luoghi dire 

Ilio. CCreten(i.(ìuefti seno Popoli In/ 

sulani de'l.i Grecia de quali alTai scritto 

R-e da molti Hiftorict & Poeti, & secondo 

alcuni fu noniinita da Greto primogeni' 

to di Nembroth Re di. Babilcni.i d' Asy 

ria fu anchcra Creta chiamata da Hottiero 

hecitopoIi'Cice Centopoli - pche in eifa fn 

sola a;Ii er.mc c:nro Dttati, il mare che la 

circondi fu c!ii-'matoC''eticG'.nel ptescn» 

te !i .-ìimanda Candia della qua| Virgilio 

cofi dicenel terzo de 1 mdde.L'fnsola di 

Creta dtl gran Gioue cpoHa nel mezo del 

Mare doue e il monte Idao la onde .^nchó/ 

ta e l'ori jTine della noftra gente & ^(li ab' 

bun-i.'ntisSmi regni seno hnbit^ti da cen 

to Cittat!. In quefta fi direclTer ttouate le 

leggi a benefì io dcU'AgricjItura^ & coli 

anchora furono trouari gli na-tigli & gli 

excrcirii da battaglia: seno in eiTe regioni 

molti pascoli-. & armenti i quali domati 

da Satiirno in Italia furono menati il che 

diede il modoa glihuomini dell'Aurea e/ 

ta,ddla aita polliti ca. In quella insula la* 

qunleehoggi della Signoria de Veneri» fi 

fa il Vino rhe gli antiqui il chiamaro ere 

tico & palTo-i noftri Malphafia nobilisfi/' 

ma giudicito.LeCitari di quefte sono già 

Rate diftrutte Ik erano quali nel mezo d'ej 

sa Insolandla qualcHmilmenteeraloin 

eftricabiIcLabcrj^nto che anchora li uedo' 

no le ,j;lobcse ruinc.Et come che Verruuio 

ne dicepet- lo tifo delle Citrati in Creta per 

queita Icttione chiaramente narrate per Io 

qual modo fi debbe conoscere la proprie/ 

ta de luoghi fé sonò sani o nero pellilenti 

perle dimolìntioni dellepafturechealle 

pecore fanno groltìi la SPLENE' cicc Mil/ 

za'laqiale per bu^na dispolìtione non so 

lamcnrc lì dire ch'ella induce ne noUri ani 

mari Spirirt lieto riso.ma noce a i curioli che di alcuna melancoli ce Schy^dropice infermità parono»o ueroeffa 

eifendo off sn e ilare bisogno Intarla dal corposa coloro rimanere poi uelcci nel correre & saltare: l Cretenli afi» 

ebora effa hrrba chiamano ASPLENON.lequai cose certamente $on tutte da tencrlealla menioria.CSimilmentt 

fc nelle paludi saranno edificatele mura della Otta &c.Q.uiiii Vetru.nedimoftra cheuolendofi fabricarc le Cit» 

r'ti in iHogo di paludi o cheuogliam dire paduli apreifb al mare fé elle sarano daerminótc essere uolte alte re» 

pioni del seprenrrinneo nero tra septentrione& Leuaiitc,& lepnludi saranno più alti che'l lito del mare,LrrO 

cioè terra at m-^re vicina & prosfima laqualeCcome respofe.M.Tulio chiamato arbitro) s'intende in quanto può 

«correre pili olrra uno 'randisfimo impeto dell'oiidedel mare nel tempo de l'inuerno. Et gli smttori di leggt 

demonlrano i Un essere ad ogni huomo cornimeli comeanchora il Mare che a nessuno li puo4:ihibire,purchell 

abftenganc/e-fi lii-idinehabir-irionii^ nafcheduno puoiui ponerenel lito cafio capanna douefipolfi riduca* 

comesono Piscitori & Mannari & fimile.Ma dei fiumi propriamente dicemo Ripe'CÌoeRiue.Comie fi sctiuedi 

rerum diuilione.Ma Verniuio patta secondola sententia de Varroneil qualenel secondo dereruftica dicedomf 

fi schipirelehabitarioni ne i luoghi pa!uftri,perche Tettate se sogliono seccate alquanto & ini si generano cerei 

animati come miifceloni tanto pfca'oU che non si uedono&quefti si tirano con lo fiato>& coli intrando nel corpo 

noftro generano Tinfirmita niclto piculose:Ef peto se saràno elle paludi (come sopra e dettoìpiu alte che'l ìi» 

r->»essecó ragioni saranno conftituite/ cioè determinate & datoli il luogo ben ordinato' perche essendo in pia 

9lC(2ea che il mare > ^cilmoite per fosti fi códucoa al mace:£c il mate aefccado pec le l£MP£sr AH ' aoe It 



CAPITOLO 



a VARIO i8 



s 



•perturbationi del mare che volgarmente R chiamano forfutie, afichora turbato aere tcmpeftofo con gran- 
dine & impeto di venro con acqua amiTcolato. C7 Redundantia/cioè il refpirare o ver'niouer 'dell'ode 
del mare che efcono fora del Irto Se firnilmcce non dimorano, ma rapidamente entro a effo mare ritorna 
no, o vero come il noftro alitare del corpo ilquale da le nare fempre mada & repiglialo aere nelle no ^ 
ftre intime artarie vitale/C Amari amifcolamcti/cioè il falato fapòre amaro & veknofo/p che nò e pur 
gata la jniftione/cioè mefcoliza/dell^acq del mare o vero ancho de le paludi, nelle qli foprafacendo il 
mare/onde le fiere & altre cofe che pesit difopracallano all-'acq falfaSi amara,vengonoàmorire:&cofi 
illuochopde qU fiati che fanno l'aere pcllilente.C Etloexcpio di qftacofa porno elTerc le Gallicepaìu ^ 
àije qli fono Ttorno à l'Aitino: A LTfNO fi diceeiTere (tata vna Citta apprelTo v EN ET f A. 14. miglia, nel 
piire é vn Calvello che medefmainente ritiene il nome Cofi.Tono anchoraesse valli che feguitano dal Va. 
tauioDiocefeconlevallidi Comachio, &delPolesene di Rouicho,o vero del dominio Ferrarefe, le qi 
valli variamcte vano limitando col lito del V.are ADR r ANO ^ verfo VENETI A, & verfo RAv ENNA. 
AQ^vriEGlA cnelFriuoie, ilqualPatriarchato,&tuttele Cittati,& Terre fuggette che pofTedeno gli 
Signori venetiani; quali fon terjnini de la Gallia Cefalpina/cioc quella Prouincia di qua da gli Alpi in 
Italia. flT f nfidente/cioc doue fied? entro l'acqua .Si nò efcie da neffiin luocho/come molte ne fono per lo 
Ferrarefe.Sf altri luochi iquali p l'acqua de la pioggia crefcono, 8i al Ciel Sereno dicrefcono, ilche è bel 
lo intendere fi I-'acqur hanno participationi c"^ vicini tà col mare o ver no:come diremo a fuoi luochi. An 
fhora fi può dire fnfidente Palude, per che in luochi tali rpefleuolte fi fogliononafconderenecannuceti 
gli infidiofi & fraudolenti I atroni,fi come alla Palude dì ponto nelle prouinae Romane,de la qiial Pljr 
nio nelquarto libro ne dice. Qiiefte paludi di Ponto poi per vn Frate di Como, à noftri giorni fono fta ^, 
te purgate & vacuatejcofa che gli Romani mai non poterono fare. 



C Similmente nella Puglia . Quella e 

_. ., « « ,. f ^. ,.„ 1 • f. Prouincia del Regno di Napoli, nella 

Sltniimenre nella Puglia la Ctffa di balapia vecrhia quale era come il tefto dice la Terra ài 

'"^ - '"• * 1 . — Salapia vecchia, onde vetruuio cóme 

mora qfta edificati one malconfiderata 
ptaliinfani difetti, perla qual cofa 
auertifce & cófulta qlcfi Seneca coli di 
ce. Non e vergogna di riuocare il con^' 
figlio, quando procede di bene in me^ 
gli o. Et cefi gli principi o ver gli Reo 
altri che vogliono con le edificationi 
Cet maxime di fimirfortej) ottenere la 
fua perpetua memoria conuiencche pc 
fano non folamente con fuoi configlie 
ri, &Filofofi, & Hiftorici, & Altrolo/ 
gi, ma con dortisfimi & experti vecchi 
Architettori , 1 qli habbia veduto mol 
ti vari fin de Cittati,Terre,& Caitellf , 
con le mura che li circuifcono o ver' 
fenza esfi mura: accio fappiano confi.» 
derarefi per lo tempo auenire perpe-y 
tuamente le perfone 3c gli habitanti def 
fé prouinciea qtulmodo !^ comodi^ 
tàpolTano hauerelacopiofa abbunda 
za del viuere in esfi territorii più cony 
tinuamente fani che fia posfibile: Se fi 
altramente effe edificationi vengono 
f oi trafmutate :fi lafcia il nome del pri 
mo edificatore &pigltafi quello di chi 
la reedifica Si raforma:Conie fono nCj 
folamente ftatc quelle, ma molte altre: 
fimileche fu Emilia la quale hog[7i di 
fi chiama Regium lepidi perche fi co> 
me e detto Marco Lepido la trafmuto 
doue ella e nel prefentc, la quale e pia 
luverrqiImonrerEti'uf BrennoRe de Galli Transalpini dopoi la expugnationedi Roma: retornando fé 
ce conUituire vna porta che anchora hoggidi C\ chiama Porta Brenonè con le Tue infcrittioni , & per 111 
regna tre correnti Leoni. Anchora fi comete (lata tranfiiiutata la Citta de Laudenfi antichi che già fi chia^ 
mauanoLaus Pópeia al pfente appreffo al Fiume Adda & la Mutia e conh'rmata abbunJante Si Pana. Et 
cofi conuiene che tutte le Cittati babbiano comodità di Fiumi o Mari fi elle debbono elTer'fane & abbun 
danti. C Marco Hollilio. Alchuni tedi hanno fcritto Tulio Hoftilio. chi qnello t'uffe leggi in v alerio ^laxi.- 
mo neI.?.Libro:cofi in Plj'nio,& moiri altri Et da elfo gli dimandanti da lui Cpcr che era Re de Roma^ 
ni^publicamentelpetrorono ch'egli cercasfi come il tello diceEt mercantò vna POSSESSIONE /cioè 
*nof pacio di paefe quanto gli era bifogno » non hauere chi gli turbaffe quello leni torio a pofTerui fare 

D ili 



Jitnflmenre nella Puglia la Cifra dì Salapia vecchia 
e (lata edificata la qual Diomede remando da Tro 
ia la edifico ,oreroCcome molti hanno fcHrto)da 
ÌÈIphia Rhodienfe, in quc luochi di quefta fimiglia 
?3, era ftara collocata! da la quale gli habitarori che 
iui lauoratiano, ogni hanno s'infermauano.Venne^? 
ro ma volta a Marco Hoftilio, & da cfTo gli di'ma^ 
danti Dublicamenre imperrorono ch'egli ad loro 
cercalTe . 8f eleggelTe rno idoneo luocho a trafmuta 
re le mura de la Citta in vnaltro luocho. Allhora ef 
io non tardo' , ma fubiro con ragioni cercato dot 
tisfimamenre, ricino al mare compcro'vna poffes^ 
(ione di luocho faIurifFero:8c dal Senato, & dal po.^ 
polo Romano dimando che li fusfi lecito transfcn> 
tela Citrai 8f edifico le mura intorno, & [diftribui 
gli (pacii del terreno» & a cìafcheduni Cittadini lo 
dfedirn Seruoconrna moneta d'argento di pelo 
di due libre e mczo. Fatte quefte il Laco aperfe nel 
Ware, & il Porro,di laco monicipiolo Fece. Coli 
nel preFentegliSalapinlhabbitanoinvn luocho fa 
lutiffero, (ontano quatto miglia da la Citta di Sala 
pia vecchia. 



Laudenfi 
cioè Lode 
fi>IaqlCit 

ta è appi y 

foà Cuyy 

mo la edf 
ficaro gii 
Boli. 



LIBRO 



PRIMO 




fiUo che voIeua:*& à ciarcheduno d'esfi Cittziini/U quali Vetruuio li nomina municipii cioè genK de le 
Citta/diedi vnferuoi^: vna moneta d'argento di pefo didueLbre&mezoRomane:le dice vttiuuion'i 
mo Seftertic, Si li ferui mancipii/cioè quelli comparati o vero conqiiiftati per k guerre, o refcosfi per al 
chuni diLtti de le pregioni, o legni di mari/& fon detti Mancipii quafì da mano prtfi. Per le quai cofe 
molti ITincipi ?iRe comeiimilmente gli Romani alTai rifpetti haueano a fare perire gli "Pregi oni, o ve 
rodilinquenn, ^ perciò più predo li fegnauanonelfróte &:lafciauanlilauorarea Tetraedouefi cauano 
metalli, & viuere lino a tanto che naturalmente mormano, o che da altri tacompaiati erano. 

ITAdunque quando con qlle ragioni. V etruuioquiuidimoftra quello che e necelTarioà fare le diuiiìoni 
de la terra per lo bifogno humano onde è bifogneuole hauer prima il lenimento di terra poi l'acqua ac^ 
CIO che principalmente posfiamo far' quefti eftetti a diuidere gli fpacii per rhabitatioai:poi per lepoiTeC 
fioni da frutti: le monitioni de le ftra^ 

l^feTct/un'Xrotl'S^'rfi DE FONDAMENTI DE MVRA ET 

quando fi conducono l'acque dalchun TORRE DE LE CITIATL CAP-V* 

fiume o vero fulgente fontana al vfo 

deloperatiuo terreno come di tutta 15 

bardia: & (imilmente in ogni Uiocho 

oueè posfibile condurre acque che fa^ 

cerno poi ptr canale radunarfe ne fiux 

mmon hauendo mare:&di quello al 

prefente vetruuio viene a /ntcdere. Ma 

lì non vi faranno Finmi,o Lachi.o vai 

li, per più vtilità fi Sanità Ci veda di 

farli o vero cauarli che fi congiungano 

o con li Fiumi o col Mare accio fi pof^ 

fano portare le cofe per naue più cxpe 

dite che quelle de Carrnde le quai eOi* 

fé fuperfiuo ne pare chiarire effcndo el 

le notisfime per l'Italia : Si fuora an 

chor' d'Italia chiaro fi può vedere. 

CAllhora li fondamenti de le Tom 8i *"' " """'"'V V."i51I. •j"'~"*"V"'*~~;'»-~^:"'*-~~~ x 

delemuracofifono dafarfi/cioè cox ' 

niehauerai confiderato ?i deliberato 

esfi predetti muri de la Citta conftituir 

li; debbafi cauare li fondamenti fino al 

luocho fodo Si duro dicemo voigarmé 

te Teffello, fi è posfibile attrouario do 

ne fi vorrà fabricare,& lo fondamene 

to fia profondo Si di più largezza fot' 

terra che la parete del muroTopra ter^ 

ra, amurati Pipiti come il tetto dice. 

Crsimil'mente fon da fportare le Tor^ 

ri da la parte di fuori/cioè con ordine 

conueniente fiano fportatc le quali fi ve 

dono In figura quiui difegnate per le 

lettere. A. B. & dilungeluna Torre da 

l'altra Sino i.C.D-di quanto tira da la 

cocca vna faetta , Si fiano apiccate col 

muro caitellare fatto à fcarpa, la grof 

fezza dello muro ql èalinia à piom 

bo. E. F.la fcarpa, la fetta parte di fua 

altezza debbe fportare da piede:come 

fi vede per lettera. Ginfinoà.H.daca'x 

pò doue faguaglia per lo cordone col 

detto muro a fua conueniente ragione: 

accio che quando li nimici inipttuofa.' 

mente veranno a combattere il muro 

da effe Torri per le feritoie da la parte 

deftra fegnata di lettera- 1. nella rotonx 

da Torre: Si nella finiftra di più canto/ 

ni. K L. io fi posfi nuocere Si fcacciar/ 

li o co faette , o cóArcobugi alla no 

ftra vfanza,per li apri lati tra luna Tor 

resi l'altra da li Cittadini più ficuramc 

te. £t vuole che a combattete il muto 



Dunque quando coti quefte ragfoni 
di fanicatì farà il dtrhiaraméro da col 
(ocarfe le mura de la Citta, & le Re 
^ioni faranno elette abbudaci de fruc 
ci ad alimentare la Citta, 8c li proue^ 
dimenti de le V ie, o le cómodita'de Fi'jmì, o vero 
li fouenimenti marini per li Porri alle Cictati haueo 
ranno li traffichi prefti 8C ifpiditti. Allhora li fonda* 
menti de le Torri sede le mura cofi fono da farli t 
cheli cauenoCfélfipuo trouare)alfodo,SC nel fodo 
(quantoper la larghezza de l'opra e di rjgione) co 
più (patiofa grofezza de le Pareti de le mura che Io 
pra terra fono da farfit & effi fondamenti fi enipia<^ 
nodimoltadutiiTìma ragione di pietra amifcolara 
con Calcina & Arena. Similmente fono da fporta ^ 
te le Torri della parte di fuori, accio che quàdo gli 
inimici con impìto fi forano auui'cìnare al murot da 
le Torri da la deftra & finidra , per gli aperti lati co 
le fa ette fi ferifcano. Et grandemente debbe elTer'da 
curare, accio che nel Combattere il muro non vili 
polla di leggieri accollare, 8c cofi di pricipitofi folli 
fi circuifcbaj Anchora e dauertire che le ftrade de 
le Porte non fiano deritte, ma ftorte» Per che quan^ 
do cofi (ara fatto, allhora il deftro lato,di quelli che 
fi accollanojche con !o feudo non farà copetto,fara 
apprellb al muro. Ma le Cittati fono da efler collo^ 
care non quadre ne dìfportari cantoni, ma di tòdea 
ze^ accio chel nimico da più luochi fia viilo' Per cH 
in que luochi gli cantoni fportano, difficilméte fi dif 
fende: imperho'che'l Cantone più diffende lo ini 
mico che'l Cittadino. Ma la groflezza del muro co 
fi da douerfarfi giudico, accio che gli armari huo'^ 
mini venendo di fopra, luno scontrando l'altro,sen 
ZA impedìmenco polfano paiTace ) pur che in qualiii] 



CAPITOLO 



Q, VINTO 



* 9 



groffczza del muro li perpetui Taleì de oliuagf^ non fi vada de leggierr/ cioè chei fia 
ne incotti fi amurano, accio che luna &lalrra fronte fomficatodifosrTc.pi _^acuanel f5 
del muro in tra Ioro(come p le fibule^eilì Taleì col«^ 
legati habbiano eterna fermezza» 



do,o co acqua ofenza, fecondo iichie 
diUluocho.Et anchora leftrade che 
vanno alla porta non vadano di lima 
retta, ma ftorte,&: vadano appreffo al 
murodaqlla parte cheglinimicifcor 
rendo alla porta moftrano il deliro Iato al muro desfa Citta accio con io Icudo non polTano dalle ofy 
fenfioni de Cittadini coprirli. CTMa le Citrati Sonoda elTer' collocate &c . Quiiii vetruuione ainae^y 
ftracomeper lo tetto chiaramente fi nota 8c ancho per la figura che habbiamo tormataacarte.^6. fi può 
vedereCMalagroff^^zza del muro &c.Quefto muro dice voler'chelfia fabricato in tanta fpatiofa gtoC 
fczza eh li Cittadini armati fcorrcdo p la cima dello alla diffenfióe de la Citta,& fcótràdofi,& Inno &; l'ai 
tro posfanopaffarefenzadarfi ipedimcti.<ri'ur chein gliichegrolTezza del muro «c.Quiui vetruuio 
vuole chel muro dal fondo fincomincia a fafìricarc o vero a murare dun filo o vero eroda, di pieti a o di 
rnatoni per luna 8i per l'altra fronte dentro Si di fuori per dei piedi in altezza : dapoi s'empia di Calcina 
Arena Se pezzami di piena o vero di Chiara amefcolati & impattati infieme: dapoi con legni di Oliua i^ 
cotti come trauecelli o vero tauoloniincaftratilun con l'alttoCche in latino fi chiamano TALE l^ a que 
fti non folamcnte per elTer' di Oliui di col fuoco incotti , fi poffono lungo tempo diffendere dall'humidi;' 
tà infracldarfi, impercio chel fuocho diftende A: fa indurire, ma per clTere il muro per lo tiauerfo con li 
detti legni de, tauoloni fibulati/cioè afribiati a fimiglianza che per le fibbie di ferro o grappe fi aftringono 
LA FIGVR A DE L'ORDINE A CONCHIAVAR' LE MvRA. mfieme iSi colle^ 

V//W/y>//>y'/y>/^?/AWy'yy2m>A'yA^'y////A>V>/'Jy>/?/^^^^ CO fermez 

za/fono polTen 
tiarefiUeieagb' 
vrtioegli Arie-- 
ti: Cofi tutauia 
feguendofi lune 
fcpra l'altro Cu 
qllo ordie,nó e 
dubio d'i fi pfer 
utià da le tor f 
ze de le Mine: li 
qli legni o tauo 
loiuccnlegati fi 
dimofrra "^ui la 
lor figura per le 
3 lettere, W.N.O.. 
T.Q..congion{i 
molto fpesfi da 
luna & l 'altra 
„ ^ . , rr u . , —'fróte del muro, 

& cofi per effe fronti con legate poffono nauere perpetuità a conferuarfi longamente. 

CTImperho che ad effa Materia 




Imperhochead elTa materia ne tempefta.ne Tar 
li , ne vecchiezza può nocere,ma elTa nella terra foM 
ferrata ,& nell'acqua collocata remane fenza titio 
vtile incterno. Et cofi non folamente nel muro , ma 
anchora nelle Subftruttionìi & quelle pareti che co 
gro(To muro fon da farfi, Collegate co quelle ragio<» 
ni, non ^\ ritieranno predo. Ma li fpacii de le Torri 
fonocofi da farfi, che non fia più lontano dall'una 
all'altra di rn tratto di Saettai accio s'inalchuna 
parte fi cóbarta, allhora da le Torri che Tarino da la 
dftra,& dalla finiftra co li Scorpiói,& co altro tirar' 
de faette,gli inimici fi fcacciano. Et àchora all'incó 
tra di dentro de le Torri e" da fcompartire il muro 
càtaro grade ciafcun'S gli Spacii qnto fatano le Tor 
tij Et le eie fiano nelle parti di détro de le Torri Co 
tignati» & no fiano effe cótignacioni ficcate co ferro. 



Quiui Vetr.ftcdc MATERIA p i legna 
mi: Ma fé nel capitolo penultimo dei li 
bro.t.nó ha voluto ponete le virtù de 

fli arbori bifogneuoli a lufo de le fa^x 
riche:gli vien nominado & lodando 
ne cógrui luochi: enarra diqltiaibo 
ri de ohua come hano virtù di durare 
sépiterno.CTEt cofi nò folamcte nelmu 
ro&c.QiJiui narra Vetru.chenó fola / 
mete è cofa vtile nel muro o parete che 
fiano fopra terra,qfti legni fopra detti 
incaftrati & conlegati, ma achora ne 
Ic.VvBsTRVTrioni/cioèle fabriche 
de' fondamèri in fino al difcernerc fuo 
radei terreno/con quelle dette ragio-» 
ni fono molto durabili. C'^ìa li fpatif 
delle Torri Are. Quiui intende vetru^ 
uio debbano farfi le Tom tanto lenta 
ne luna dall'altra quato può tirare, o, 
mandare la faetta che dalla cocha per 
la corda de la Baleftra è mandata Sf 
non piuCma ne' tempi noftri che fi yfa.^ 
no li S'copiem & Arcobugi fi poffon fa 

O ìiii 



LIBRO 



PRIMO 



Kpìtt3ircoftate>ccioff alchitna part? 3^ Inura R cóbatteffif.daJIe Torri cR dala deftra parreodala Rnu 

ftra fatano co li SCORPlOni/cioè Baleftredi cfi piuàpfenoacar.? nehabbiainoderto/éiicó altro tira 

re,o di Saette,o Dardi,o "Pallejo Sasfi, a genetaimctc di qliiche cofa di grandezza che dalla lungha (ì ti^ 

ra. Con li quali fi fcaccia at noce il nimico.CTEtanchora all'incontra di dentro 5£C.?i può quiui in quefta 

parte intendete il fcperare le torri nella parte di dentro del murò della Citta, cótiguo dal dcftro & finiltro 

diuiamcnto nella gtoffezza del fuperiort muro fino al primo vergolatoofolarodilegnameCft chiamano 

in latino contignati^come li foleuano fare ad effe TorruMa meglio fi debbe intendere gliarchi di dentro l 

quali sonfattiTopra lispacii de le pilaflrc daluno * l'altro.congiuftamefura diftand quanto e la larghez 

za di dentro di effe torri,come fono le mura della Citta di Roma o vero quelle di Pauia.o di Alli di Pia 

monte,* altri affai per l'iraliaro verocomeacarte.j6.fi vede la diffegn afa figura per la quarta parte de 

mura che può effere Iw integro della Citta, &cofi dimoftraio dall'una 6c laltra torre.ben che fiano disfo 

gnati ftrettamente per non poffere gran cofe in piccol luocho dimoftrare: per che folaniente habbiamo at^ 

tefo alla fultanza più 

che fia (tato posfibile LA FTCVRA DE LE MVRA DELLA CITA ET DE TORRONI. 

come fi poffon vedere 

diffegnati per fimpli 

«forma 8: nò perdi 

ftanza perfetta: & co 

fida vna diltanza zl^ 

l'altra fi fa vno ar^/ 

cho fotto il quale an^ 

chora fi può commo 

da mente ftare coper.' 

to.come e fegnato p 

ii numeri d'abacho < 

X, 3.4..$" .6.Nel mo^ 

do che fimilmJtt fi ve 

dono nel muro della 

Citta noftra alla Por 

tadel C afferò nel q^ 

le vi era alla Cima df 

fo muro.vnocorrito 

te che andaua alla Cit 

tadellala qle haueua 

già ferofcia, che fu 




poi tagliato p faruf vna ftrada ne i borghi della Citta che anchora volgarmente C dice ITrai 
pra d^qual muro fi diceC& è credibile ^vi paffauano caualli armati cfi scurreuano alla pde 



ITradamoza, fo/ 
etra Cittadela 
bcfi vogli dir Rocha: Ma vetruuio mette che tra vnapilaftra & laltra fi faceuanoeffe opportunità CON 
TIGN ATf/cioè di legno come folari/códuri legnami fenza operarui ferri nelle congionture ad esfi corri 
tori: che difiderandofi durare perpetuaméte per la fabricha d'esfi erano validi,ch'ella non farla perir anen 
te con li chiodi di ferro per che sappiamo corromperfi dalla rugine:Ma quando il ferro dalfuocho ècan 
didaméte infocato,fuffe ramorto nella ragtna 8c cera infieme liquefatte, fi temperata di modo che^fi pre 
feruaria perpetuamente come il primo comentatòreper proua dice. 



CTer che fil nimico hauera occupato 

alchuna parte del muro ^c.Quiui Ve» 

truuio intende che quando gli inimici 

fiano falliti per forza fopra'l muroca 

fteUare,li Cittadini che difFenderanno 

laRESCINDERANNO/cioèla re-. 

moueranno per modo che farà abban 

donata dalle mura: "Perche Refcldere 

è proprio, foluere,remouert,fepara^-' 

rc,« rettrattare/ Et perciò vetruuio 

fegue dicendo:.*^ fi con preftezza haue 

ranno ADM IN i.<>TRATO Aloe mane 

giato/non fi comporterà che Pinimico 

occupa laltre parti delle Torri/cioè fi 

h Cittadini che fi diffendono haueran> 

Ilo à tagliare li fopradctti Colati fatti 

de legnami/gli inimici non potranno 

correre ne paffare per la cima del mu/ ..„,...,., . -, - .. f,r.,- 

ro.che cafcarano al baffo effendo tagliati esfi Colati fatti di legname che sono tra vna pUaltra» lairri 

appiccate Se in ferite co lo muro dalla parte di dentro deUa Citta : & pciò vuole che li Cittadini U del> 

biatio tagliare con pftezza accio ch'esfi inimici non habbiano a pattare nell'altre parti dale Torri : 

« cofi;tiitertcnèiok il pericolo di non rouin^e al biffo, gli Cittadini Tengano à poterfi mei^o dittende >■ 



Per che fi rinlmrco hauera occupato alchuna parte 
del muro,quellì checepugncrannolarrfcinderàno» 
8C fi con prcdpzza haueranno adminiftraro, non fi 
componrrarhel nimico paffa nell'altre parti dtlte 
Torri ,8cmurai(i non vorannolor'mcdesmi gtu ro* 
uinarfi.Et cofi le Torri rotóde o vero poligonie fono 
da fàrfìtimpcro che le quadre ptu prcftamente le ma 
chine le rouinanoiper che gli Arieti percotendo ró ^ 
pono li CantonitManellc rotóde(come Cunei aggio 
gncndo al centro)non le poflbno offendere 



CAPITOLO 



q^ VINTO 






LA FIGVRA. NELLA DIMOS 
RATIONE DEL'OP.DINE 
DE 




LATERJE. 
MATONE. 
LATEPvI. 



MATONI 



re. Et Verru * 
uioinrtndcef* 
fcr''fattc rimile 
a quelle che fo 
nomila viaco 
pta della Roc 
cha O CaftcUo 
di Gioue in Mi 
lanorV maxi ^ 
me quella eh? 
fecefareBiax 
mante da vrbì 
no nobile Ar y 
chitetrore à ti 
pinoftri: laq^ 
l? fporta dal 
muro callellai« 
re del proprio 
Cartello, over' 
Rocha.oltrali 
acquofi fosfi 
alla cauafa via. 
CEtcol;letor 
ri rotonde &c. 
Quiui vetruy 
uioinrcdc che ■ 
le Torri, cicè 
Torrioni fa r'R 
, debbano rotò 
de.overaniìte 
' PO LI Come/ 



cioè 
vrci 



■ - ...,..,. , 'POLlGonic/ 

di più catoni/' •Si nò voiechrianotatteòdrc,p eh oiteie da le AiACHINE/cioè cole grande a dategli 
vrti con li Arieti/non n fifteno quanto quelle da gli Cantoni,© vero le rotonde certamente meglion ì gli 
vrri dcsfi A ritti: le quali fon da farli nell'ordine che in quefta prcfente figura fi dimoftra: il cui Centro è fé 
gnato di lettera. R.^elTalardiezza del diametro ne,l vacuo di dentro e quanto la larghezza de ambe le 
eftreme parti di fuori: Et fi effe Torri vuoi fare amodo quelle del caftello o roccha fopradetta di Gioue cR 
rifinendo alpercottcte dell'Arti?.iiarle,fi vengono à fràgerc le palle di ferro ndli Cunei. CvNElfonoco 
me li chiodi di ferro alle ruote de' carri: o vero come fi vede nella prefente figura più chiaramente J% infie^ 
me congionti da."s.à.T.& fi non potrai hauere la pietra dura à farli tutti integri, farai come e da.T. ad. V. 
o vero volendo tu fare vn'filo o crofta di pietra didentro* difuora àeffa Torre, fa nel'ordiiieilquale 
cda.v ad X.& fi non vuol farli patire tanta frigidità fa difuoriCàd/fFenfioncdcIi Arieti o vero altra gene 
rationc di vrti;& di dentro Come e da. X.ad.Y.Ma queldi dentro fi faccia di matoni o fero quadrelli di 
terra cotfi:che come il tefto dice non le pòlTono offendere gli Arieti. 

C^fmilmente le munitioni delle mura» Torri con li Aggeri &c.AcCERr volgarmente dicemo Argeni 
o ifcroR epari i quali s'alzano da terra fatti di terreno,fi dicono anchora Terrazi ; & quàjo fono da dif 
ftniìonihchiamamoBaltioni come fi debbono intendere in quello luocho: li quali fi fanno in più Si diuer 
fi modi, chi li fa di balle di lana,chi di letame & terreno collegati Con frafche conchiauari con legname (i 
mile a quello che fece fare il Sig,nor.Malaiefta Quarto de Baglioni connguo al muro della Citta noftra di 

I>erofcia alLa porta à .«^anta Margheri^ 
ta,iIqualdapoifu amurato ccme fi 
può vedere aggrande vtilità deffa Cit* 
ta: Ma hSiieiìi,Si Eluetii cioè Suizza 
ri, gli chiamano fpolueri: fi fanno an^ 
chorj dalla parte di dentro diftantedal 
muro per Io tirare delle artigliane di 
bronzo,iI quale òfFcf'j &rouinato cfi 
fuffe il muro esfi BaPaoni fatti di terre 
no come è detto,» letame cauailino 
bagnato,» di grado in grado co le fa> 
fcinecó f rondi o senza entrameffe , 8c 
co pi ichiauati traui p lo dritto mesfi, 
& i trauerforp lo abbifogno fono qua 
ro vnaltro muro i diffendere & confer 
uarfi dalle palle di ferro, madate dalle 
artigliarie.CMa nò i tutti i kiochi Sco, 



Similmente le munitioni delle mura & Torri con li 
i\ggeri congionti grandemence fono più diffcfitper 
che ne' gli Arieti. ne le Sufoflioni,nc' le Machine, 
o altre cofe a quelli vagliono a nocere.Ma no i rutti 
ì luochi la ragione de gli Aggeri e' da farli i eccetto 
In quc' luochi che difuori dal muro da alto luocho 
a piede piano farà raccoftarfì a combattere le mu^ 
ra»Et coli ne' luochi di elfo medefmo modo, prima 
mente fon da farfi gli fosfi , di larghezze & d'altez* 
zc amplislìmii dipoi lo fondamenco del moro é da 



LIBRO 

Concio (ìa cofa che qucfto atnaeftra 
niento che ne da V etruuio fia verisfi // 
mo: non dimeno per che ne tcpi noftri 
s'urano aftutie grandi in qfte fi mi coy 
fe:NeUo affiguranictode gli condotti 
d'acque habbumo dimoftrato vna fS/ 
gura finùle di Argini doppji fi co^ y 
rie fece lo ingeniofisfimo Hercole Du/ 
cadi Ferrara a fupplire détro Si difFuo 
ra dintorno aili muri basfi che figuita 
no con li acquofì fosfi della Roccha o 
ver Cafteilo di Rubiera del Duca prc 
detto:nó n'c parfo cofa da lafciare eh 
non fiadimoftrata:&cofi li basii Ba/ 
ftioni che furono fatti per lo Re Lu^/ 
douico:&fimilmcteil ReFrancefco à 



PRIMO 

eflTef calcato Intra T Aluco del fofToj Et quello e da 
edificare di effa groflezza che facilmente fuftegna lo 
pera terrena. Similmente nella parte di dentro il fora 
damento della Subilruttìone che dilcoda dalla par^ 
te di fuora nel dentro con ampio Spacio da farfi,im 
m odo coli ,che le squadre de gli armati in ordinane 
za amacftratì a diffendere fopra la larghezza del' Ag 
gerepoffano (lare- Ma quando gli fondamenti coli 
diftanti intra cilì saranno conftituici,allhora intra es.^ 
fi glialtri trauerfi congionti al diRiori &'l di dentro 
fondamento pctinaiam ente dispodi nel modo de 
gli denti delle Seghe cheseghano, fi colluocano» 



gli lati de basfi fosft delCaitello o ver 
Roccha di Giouc,fono di egregio con / 
fideramento,&di vallidadiffenfione:£tfi quelli che fono in esfi fuochi basfi.nonfacceflfero il fuo debbi/ 
toCda quelli del Argine alto fpaciofo^otriano ctrer''combattuti:Ma fempre chi vuol combattere è meglio 
venir'contra Tinimico efTendo alquanto in alto che à piede piano, o nel baffo-.^tcosfi vetruuio fimilmcte 

•«. adiffcfióemag 
giof dinr.oftrac 
ncircie, dicen 
do.CEtcofiné 
luochi di elfo 
Imedefmomó» 
pmamSte'sóda 
faifi gli fosfi, 
di largezze 3s 
di altezze &c. 
cioc^ fondi da 
elfo Argine Se 
zYì vadaoà fcar 
panelfódo co 
accutezzat&il 
terreno che di 
l'i fosfi fi caua 
ponerdal iato 
detto più pilo 
eh difuori,pctì 
l Cittadino è 
più diffefo , 8C 
meglio noce il 
nimico ftacdo 
piuauuantagy 
gio o vero àca 
ualiere : come 
fi polfon' vede 
re in BrefciaSi 
in Crema àtc> 
pi noftri dal Sr 
gnoreBartho* 
lomeodalvia' 

no ordinatf:& achora p rifpettò cfi più chiaro ?i speditamente li Cittadini poflano li inimici >^ altri ris j* 
guardare,che esfi loro poITer vedere:^ pcio nò faria (lato bifogno fare le Ròcche & "Promótorii oppslt. 
CTDopoilofódamctodelmuro edaelTer' calcato itra lo Alueo del FoiTo. ALveO è|>^olocócauodox 
uegli fiumi ìelTo Argenato terreno scórrono lacqCEtqllo/cioèfódamcto è da edifhcaiio co tal gros^ 
rezza cfi facilmcte fuftcga ql terreno cfi vie canato faccdo il folTo ^ cH fi pone accollato à elTo fódamèto 
doiie poi difopre fi pò (fa (lare. CSimilmtte nella parte di detto de fòdamcti della SvESTRVCTlONE/ 
cioè qllo amurato sot'tcra finoaldirccrnere/(ìanodi''co(lati à qldiftuoiiinql più adctroappIToalArgi 
natióe &nó alcauodel folToCcome nel libro, vi. ne dirà Vetru.&p figura dimoIlraremo^CCó apio fpa 
ciò da farfi &c.cioè cofi fi faccia in tal mó che le cópagnic de gif còbattcti Capiranii polTano andarui in ot 
dinate schiere ò fquadre pcrladifFenfione della Citt:i fopra elTa larghezza dcl'Argineo vero opera ter y 
rena.&ancho (larui.CMa quando gli fondamenti cofi diftanti intra esfi faranno conftituiti / cioè de/^ 
pumi duna ordinaria groiTeztza / Allhou intra esfii^ondamenugUaltrt pur di muro trauerfi congióci 




6 



"CAPITOLO ■ q^ VINTO 31 

al ài fuori .V didentro fondamenro/cio^ come ff vede nella prefenfe figura fegnata con le lettere da A ad 
B.&da.Cad.D.quale cefi congiontc nel dentro &difuori fondamento PECTÌ NATAMENTE /ciocco^ 
-»ne denti di pettini che moltranoelTa forma l'ordine de le lettere E F.G.iquali niuii di fondamenti pcn/ 
denti dicemo volgarmente fatto i Scarpa: a quel modo DI STOSTf/cioe ordinati/che fono gli denti de 
le Seghe da seghare legname, fiano collocati: fi come dimoftrano li fpacu de le lettere. A.C. leqliali mfiey 
fnetranno al centro le trauerfe fegnato. H. le quali formano da ogni partede l'altre lettere come è det ^ 
foli denti de le Seghe esfi collegamenti: ^ fi cofi queftimuri faranno fatti hanno àfatichareatTai gli Arie 
ti &le Mine auuate che tremano ilderirto del niurofodo di mezo: Etanchorapir certo fchifaranno le 
frequente percoffe de le Palle di ftrro de le grandi artigliarle: per che ogni pendente muraglia fa sdrufci^ 
care 8i sfugire ciafchedun 'corpo rotondo come fono tife "Palle: & tanto più quanto elfo muro è vgua x 
gliatamente fatto Se ben congicnto con calcina 8C Arena, o fia di Matoni,o di SalTo quadro:& quefto per 
effetto s'è veduto i alchune altre fummità di muri, come dice il primo comentatore de Vt truuio hauere 
vifto nelle mura de la R. òccha di Milano quando in affedio erano percosfi dalle Artigliane di f rancefco Re 
di f rancia* 



(TTerche quando cofi farà fatto. Qui 
Perche quando cofi fan fatto, Mlhon la grandezza i^^/orqZ^modS^bbaXS 

del pelo del terreno cefi ftribuita in piccole patritnó muro pred< tto: per che ha ccnfidera > 

rutte le cofe pefe che premono potranno per neflu. - '^^ ^^ 3r.^^^iSó^?Tcoie t^iTt 

|)a ragione molto guaftare le lublrrtittione del Mu-? onde vuoieche fia fattobene impitoo 

ro. Ma di qtial materia eflb muro fi fabricha ouer fi 5°" '^^"'""^ ^' '' '^ ^tom o vero ricalzi 

> . .^ . , ,._, . r L • ••! di pietra o altre materie atte a quella 
lacci perciò non e da dlffimrlet per che in tutti I luo didribunone di piccole parti fpezate : 

chi ne quali defideramo le abbfidinzc. non le poflTe come era d'ufanza.CNon tutte le co^ 
.^^V.....^ .> ii>i j r I j -• r ìt* \., fé pefe/cioè quelle che fanno gli colle./ 

mo hauerej Ma doue Tono li quadrati lalTi , o vero ga;;,enti o vero fabnche di fopre, qua 

Belicelo vero Cemento, Q vero matone cotto over' to è quella fino ai difcerncre da efler' 

crudo quello Para da vf.re. Per rheccme in Baby. llZtttt'^.Z^n^^^^^^ T. 
Ionia abbudante di liquido B'tume per Calcina & no parti tutte minute se equaii accio 

Arena 8C cotto Matonr, fatto hanno il Muro: Cofl v-ualmcnte polfano calcare: perche fi 

> .., — I T^ • • I larannoFasfi grosficon 11 pezz! di ma 
limU mente pofTono tutte le Regioni, orerò le prò toni amefcolati, non pmononcfi fer^ 
prieta de liiochi hauerf tante rtilitari de le meées^^ "no vguaimente: ^ a fi ferannodi eq 

,^.^^„ .: .- • r j> n- • • r legrandezza non portane per ncITuna 

me generationi: accio che d elle comparationi len^ cagione molto guaftarfi .ne mouerfi 

za vitios'habbia il Muro perfetto alla eternitate. fuor'dcifodo.neftrambarfi cv adi 

qual materia elfo muro fi fabrica / 
cif^èfi conduca alla pcrfettion' dello 
abifogno al vfo ordinariamente/CT'er che in tutti i luochi neqtiali difideramo le abbùdanze/cioè quelx 
le varietà di cofe che ricercamo hauere per fabricare al noftro modo/de le quai cofe difopra habbiamo 
detto à carte, ij. lettele. CD. E. per che talvolta volendo hauere coftarebbono troppo.CT.'v adouefonoli 
quadrati fasfiAioè quelli che fi polTono intagli? re delordine di quadro/CSclice/cioèfairorotTo&dii y 
roti) quale sbattendo col ferro fall viuofuocho5: cbonoa fare la Calcina come vetruuio dna né fuoi 
tuochi/CCemento.queftoe salTodigrolfa congeratione/cioèadunamento/ilquale ben che fia meglio 
Operarlo di grosfi & grandi pezzi: non dimeno nota quello che vetruuio nel. ó.capitolo del fecondo li^y 
brodice:_& maxime quando narra che fia amifcolato con Calcina ^Cemento, che in quel modo non fo 
lamente à glialtri edifica concede la fermezza, ma anchora alle cofe grandi che nel mare fi fabricano fot 
to l'acqua, alfodano &indurircano.Manota quello chePapiaquiui espone. Il Cemento àcedcdoc det 
to,che la grolTa pietra Purga la congregati one di minor pietre ouer'le feffure de le pietre o de le mendace 
o de le megtion:ne habbiamo detto anthora a carte. ? ?. Lettera. D.CT O vero Matone cotto o vero era 
do.C^iefte cofe fon già dette di fcpra à carre.TS. & cofi dinioftrar'fi può lo intelletto de l'Architettore.p 
che chi non può fabncare duna cofa conuien chal meglio chel può vfi à fabricarc de l'altra: come fono 
anchora in molte Cittati & Cartella affai cafe fatte Tolamente di cotto Matone, & amurate con Calcina 
le parere de mura doue ì quel diritto fi pongono li Traui il rello fabricato di matone crudo/cioe nò cot 
to /àc fi e pur cotto in luocodi Calcina amurato con laCrera, ma rabboccatele diuifionidesfi di Calci 
na:accio poi da le pioggie non fi difciolgliano & fcurgano. C Ter che come inBabj'lonia abbondante Sic. 
Doutmo Tapcre che in Babilonia d'Afiria nelle muraglie de le fue edificati oni fu opatoilBITVME/cioe 
vna generation! di terra come fan^o di natura vifchiofa 8c tenace con la quale fi amura U fa il muro fai 
do &duro:come anchora fene dira a carte fj. C Alla eternitate. Qiiefto ottimamente il telfo chiarifce: 
Ma eternitate fi dice elTere queUa cofa che e perfetta & nmane fempie fenza vuio o ver macula ; benché 
alaimence anchora esporremo. 



LIBRO 



PRIMO 



CDopoi che le mura de la Citta foho circondate, fcguiraho intra lo muro le dunRoni de li fpacii : 8ec.Di 
fopra ne ha vetruuio dimoftrato in qual modo p la cóferuatióe dobiamo circuire le inura,<3c Torri Me^ 
niane,Fosfi,& Argenidele Citrati over Terre ii:CaltelLi:AlprenteexpUcando dice.CSeguono intra lo mu 
roli fpartinictidele Aree/cioeli fpax 

DE LE DIVISIONI DE L'OPERE CHE 
SONO DENTRO ALLE MVRA. ETDE 
LA DISPOSITIONE D'ESSE ACCIO 
CHE NOCIVI FIATI DE VENTI SI 
JFVGGANO CAPITOLO SESTO. 



■jUu. . 




elide la ttrra come piazze fatte egli 

fenza impedimenti gli quali non laUaf 

feno fare li defegnamenti de le Piante 

o che voglia dire a Ciaccati, ■"'i diuitiox 

ni,o p caufa de gli arbori & vigne o ve 

ramente^smontorii &c. Et pe'rcio ha 

ditto Arca,' come di fopra è detto di 

Marco o ver Tulio Hoftilio, che diuife 

la entro cbiufa Area. Imperho che Oi/ 

gnicofa anchora che fi cinge intorno ef 

sedo vaci:a fi diuide & empicfi di Aree: 

A'.a AREA è fi come quella doue fi bat 

tcno li biadi: ^ perciò fi faranno cofi 

equale, facilmente fopra con ragione 

più euidcte fi difegnano: ?i le Piazze, 

o vero per l'ampia larghezza al noftro 

vfo il luocho o ver campo doue fi fa il 

mercato, & fiere 3c altre cofe, C Angi 

porti f^c.ANGlPORTO: dici£ & hoc 

Angipormm in neutro genere : l'i hic 

Angiportus in quarta 8c feconda infle^ 

xione tcllibus Plj'nio Libro Primo ar 

tis grammatice: & Senno: Ma è Angi^ 

porto come vuol Fert^o Poinpco.iter 

compendiarium in oppido: queito An 

giporto è ftrc'cra ritorta via che non 

facilmente ve fi posfi palTare: o ver Ma 

quale non ha vfcita quando fi viene a 

palfarui entro : Anchora l'Angiporto 

fecondo alchuni è detto via (tretta da 

elfo che fia filetto a quelli cH portano: 

Per che è V ia p la quale alchiini porta 

no nelle Citrati, come vuol Donato 

nella dechiavati one Terentiana: In adel 

phi fopra efl"o qual Demea dice:quefto 

e vn certo Angiporto non ftretto : An.f 

chora Donato in Eunuco Terentiana : Angiporto elTer" Via publfca : Ter la qual cors ^ Inam'fcfto Io 

Angiporto: Ma bcche applTo de molti pare lignificare via Uretra & difficile p le fopra fcritte autoritati 8C 

difcrlttioni: non dimeno da qllo che Donato dice che Angi^crto evia publica: Dicemo Angiporto polFe 

re fignificarc ogni forte de via in vna Terra o ver^'Citta perche come vf ggiamo nelle Terre Se Cittati vn£ 

uerfaimcte non fono cofi fpaciofe Si expedite le vie comò fono nelle capagne Si nò cultiuati luochi: Et pec 

quello ledim;idamo Angiporti/cioè ftrette al gran concoifo di chi porta/nella qual fignificationc veggta 

moluce chiara nella piefente vetruuianalettic)neelferJpofta:come alchuna voltali dimanda Angiporti 

che quefii difetto in qfio capitolo,in molti luochi p elTer capo di più vie, alchuna volta gli dimada V ici / 

cioè vicinanze/come qua difetto qltomedefmo fi piglia:quadò dice fé due figure manifeftate; vna coli 

datoli forma che dimoftra donde li fpirti certi de venti fofiiano: L^ altra in ql modo alimpitod''esfi con 

trarli drizamèti de le vicinaze Si Piazze fi fcbifano li nociui fiati o foffiamétl de v èti. Per il cH vetruuio 

nediinofiralefiradedeleTerre & Citrati debbono efl"ere,voltate da le Regioni de venti, taimcte che dette 

vicinazeo vero Angiporti & piazzefidirizanointra doe Regioni di venti, accio che folFiandocifi Vfii 

tifi rópano alli cantoni de le Infole, & retenuti fi disfipano:conie in qfta lettionc vetruuio dice poco di 

fottoacarte.jj".."?inellafigura vederaifegnatap. A. Maitre lettere. Etloesèpio diqfto ne dice dielTa in 

prudenza come àuenne "nel Infoia di LESBO nella Citta di Mitj'lene, la quale e in Grecia, volgarmen 

te nominata Metalino: de le quali vetruuio le nomina Infolechenoilenominamo vicinanze o contrade 

circuite da tre odaqttroftrade: le quali Infulele vedrai nella figura a carte.?6.p la lettera. B. & leftrade 

fegnate.C. da qlla parte doue è. D.E.F.E.G- & qlli fegni che diuideno esfi qdrati dimoltrano gli termini 

delecafe.^da.A.ad.H fonogli principali drizamèti de gli Angiporti: E.r.lecóftrettióifi come. K. L. Et 

doueè.M le atfeze degli Angiporti £i;.N.O.P.O.,.fonodiuironeftrade.C Nella qual Citta quado Auftro 

soffia gli huomlni snnfermano, quando foftia Corone. Da le quali.Regioni quelli venti vengano (i 

vedevano nella figura feguente a carte.5 T.infieme con la Regione fredda di Septctrióe come dice.CT Qi'a 

do reptctrione/cioè chel veto feptètrionale loffia gli huomini Ci ritornano nella prima fanita loro/onde 

la lode di quello vèto te dinota anchora ciò che vetruuio di fopra ha detto nel quarto capitolo. i£ Ma, 

ne gli Angiporti.Ben che quiui ti rello chiaramente dica^ Si difopra per le autorjcaci habbiamo decto qìlo 



Ipoì che le Mura de fa Citra Torio 

ctrc5datc,feguifano itraloMuro le 

diuifiói de gli fpacii,^ piazze, 8f gli 

drizanieiKi de gli Angiporti alla Re 

gi'one del Ciclo.M acquette cole dri h 

zerànofi rettatnéte fé gli Venti farinò fcacciati dà 

gli Angiporti prudétementesi quali fi fon freddi Ié> 

deno, fi fon caldi vìtiano, fi fono humìdi noceno t 

Onde mi pare fia da fchiuare quefto vitto: & auef^ 

tire non fia fatto quello che in molte Citrati per ufo 

fuole auenirei come nell'Ifola di. Lesbo la Citta d£ 

Mirylenc elegante & magnifìcaméteedìfficata, ma 

non polla prudentemente. Nella quale Citta quarii» 

do Auftrofcffia gli huominis''infermonot quando 

foffia CorOjtoflenoiquando Septpntrione,re reftituf 

fconoi fanitai Ma negli Angiporti 8f nelle Piazze 

non polTono ftare per la forza del freddo. ^ * 



16 
17 



CAPITOLO 



SBO-O 



Ati» A«g«>om),d)c 13 doae due o .«r Wo quattro «rad* ftat>o capo quel luogo d'cemoflT ^Angfporro: aru 

Sfi/J^me inaura a tr.iuer.o pa J.^u.le o u.k pigli.rr". uia d. m;^i.o dalr. o. finger., o^iiuna n.. ,a u.cua 
lu "S ;«iSjfÌ lu quah come ined.fim.meare uflltpiazze per U fo«a del gran freddo nuli ui fi può softiire » 
Kìal^TuS e «uvtiiu:laquaU- V.trucUo dice p«: couiirmare le sopradeccc r.igioni dimollr^ndo quaacu ba 
pu!l-c!k i?n?ddo che 11 caldo-unpero ca'tiTo ciid« dmemf aa U u»m aacuralciS causa i £uad..óui i^raai a *U 
Media & speuaU. 



Ma il vento e una onda de l'aierc corréte.con incci 
ta redundantia di mouiraento- Nasce quando il cai 
iio offende l'humorCjà: l'inipito del caldo exprimc 
la forza de lo fpirito che foftia Ma che quello sia uc 
ro e lecito a nsguardare da le Eolipile di ramo:fiida 
le nascofe ragioni del celo co l'art; htiose inuétiom 
delle cofe cxpnmere la uenta della Diuimta.Perche 
le Eolipile di ramo so fatte uacue, elle hàno un pun 
to ftrcttifsimo p loquale lui l'acqua si mette, OC Te so 
pofte al fuoco, inanzi che incommciano a scaldarsc 
no bino alcuno rpinto,ma dipoi che hanno comin 
dato a bollire ^no al fuoco un sforzeael fiato . 



LA JIGVT^A. 

■/r 



CMAiLVENrO e una onda de Va 

jcre corrente &c.Orca qutjlo Philoic./ 

bhicu manittllamtnco chcVecruuio di 

ct,non ne patene allonghiamc yltri'/ 

mence: Ma f: alcuni di qudto vogliono 

eiler baie amatìtrari,Ieg^ano co iiuen» 

dirli Aristotele maximenelia Mcrlieo 

ra: Pi'yiuo nel secondo libro anchura 

nel llbro.lS.ad.5^.ec. 35. capitoli: Sera 

bone ntl primo libro. & moki più al/ 

tri auttori di grauita. (["Ma cne quc 

fio fi.» uero ekciro a ns^ii.jrJ.iredalr 

ItEolipiledi ranio;Ciueile£OilPILÉ 

sono Vafi concam, fatti con un copcr/ 

chio come le presente figure dinioitra/ 

no:o uero come dicemo uno ramino 

da scaldami l'acqua. In quella parte il 

tuco e corrono > m alcuno habbiamo 

Ietto Copidis 

Aereis:in altro 

AeolidisAtnif 

Ma sono dette 

A£olipile:&.'n 

cera quelle sctt 

dette ccnie It 

Palleeolide o 

uero uentcse.-li 

tnilealle palle 

a uento da giù 

ente, o glie da 

cauareil supet 

chio sangue & 

humori:ma dì 

quelle da gitra 

re fuochi artiS 

doli in era uno 

esercito milita 

fe,o in una Oc 

ta & maxime 4 

infocare legfS 

dai di retti: & 

porte p bqual 

ccia Vctruuio 

dira nel penu!# 

timo capitelo 

del secondo li 

broa carte.6), 

lertcra.F.t rime 

dii mediante t 

legnami r tal 

m$e. Ancncra 

e da sapere che 

fignJficano gè* 

Wrationf di ualì li come elsdiA'onefn Greco. •«*«. Et seil rfWodfcecòpiJfjAerei.uedimluumalechefi' 

tnifica gladiui curuus o atto falce orerò easantcoa «he uni cupa o.nuftaa dicemo volgatmente a ubo luftUa 




LIBRO 



PRIMO 



di terra ih bttierèo da cibare o coclRi^re enttùtUlU eÒBsuttudfnedi'rhcsnna & cofi intcndeil uxtc. AcìmqueVt 
ttutiiG dici, per c&niparatiune dd nnscer di quefti venn,fia Icaro risguardare non sol^nunte ad «lìeEc iff i(c,nia 
aiuhora da le nascose ragioni del CieIo:& con l'arrifiaoseiniicnrióm delle cose, Mprinienia umn della diui* 
nic.i:CLucfte cose in moki modi dira Vetruuio Cfi le sapersi commemorare)i&: stguicando itianifaia la ragicne 
. laqualeper coniparatione coli dice.lUPer chele EolipUe di ramo soli fatte uaciie.Doutmo sapere che m ogni uà* 
cuo sempreiu serinchuideraicrc.Mad'cUepalIene soft tatrealcimecheh.mno mi pulirò (trcrtisfinio incimasì 
coint quelle che sc.'ldandoli il fondo & uolte sotto sopra, pefo t ro entra l'.icqi.a còiiuine,& odorifera come 
di r9»sL,empundofi qnafi tuttcpcr lo calore che quella riceue:Ma ponendoli poi nelle calde ceneri al ^oco-, mette*' 
ranno una subirà forza:& non solaijiente snelle saranno di metallo o di uetrojina di ttrr.i cotta o di legno o al* 
tra tósa concoua atta,uedr^l farli inipico grande nieiureche'l foco fsra l'acqua bollirci fi diiopra gli se pone 
r.i un coperchio fatto in forma d'una piegata caneila di rame come im calamo grulla & per queila i/abb/a a spi # 
rareii uento sotto nel foccjquello quanto entro ui sarà la caldisfima acqui tanto S( ificra un uenro in eifo fcco: 
Ma fi entro ui chiudesfi l'Argento uiùo per il calore che crea lo spirirojda quello uno fnepito borrendo scnrircfti 
&.inchora core altre molte Cche non escruaamo per non alungarnOfi ponilo f/re.£t peto non senza molta coniì 
deracioue Vetruuio ne ha suggiunto. CEt da le nascose ragioni del C'cIo>con rarriticic.se inueatiòni ddleco* 
se,exprime la uerita della diuinira. Vetruuio in quefto luogo dimoftra l'homo ingegnoso per opera buinana pò* 
cere uenirc a chiara cogmtione della, iierita de secreti diurni , a finiile operando : i crche fi cuiue fi conosce , da 
l'acqua ne Vah di ramo mcira,& dalli calidita del foco Ceonieedecro')geaera_rfi il Vento a ufcireper esfi piccolis 
fimi lorbcofiumiamo a conoscere quello segreto diuinomel qual ordine (ìad'fsfi utnri il Icro i^enerarfi ,dicen* 
do. il vento n;isce quando il caldo offende rhumido&c.Et poi nesuggiungela compotitioncdei Vafi.di ranje 
(che d'altre fimilitudini anche ra li fanno) quelle son Palle che gittate ne falere fanno parer segni fimili agli 
sccefi uapori di notte che ne pentiamo fiano (Ielle che fi mouaDo:finnleche di tai cose tccc Glene, & altri principi 
graiidi,come Alexandro magno: & altri anchoraa i giorni noftru& cornei giochi della congrcgafionedeipre* 
itigiolì ingannati da i Demonii chepareno iui sia foco & non e cosa della Dii.inira,ma inganni Diaboli ci. Dico 
nuanchorai poeti quafi fimile a quelle eifere già fatto in elide: perche saimcneo figliuolo de Aeolo un regno Ko 
mo il Canta superbia che non R contentando anchcra della regale altezza uolse fingete d'eflere il dio tìoue & Ta 
bricito in alto un ponte di rame tale che copriflfe di sopra parte di Elidecita-faceua dipoi correrei c.uialli co Ro 
te & carette,& con tanto grande ftrepico & rronijche parcuano tonirrui-& cofi spaucntaua d'improuiso i subdi* 
ti.Oltra di quefto hauea (./cogitate certe fiaccole lequali girtaua a similitudine di saetteSt ficea ftareartcnti i fa* 
migli suoi-che quando quelle fiamme non occideffero quello contro del quale le gì ttaiui, esfi f.tmigli subito con 
arme lo amazzalfero,accio pareire elfere (lato fulminato & cofi uolea contrafare Giouc. Ma Virgilio dice che effo 
Salnionep ptouo poi il uero fulgure perche moti .di sactta,come meritaua la sua s upcrba insania. 



CCOsr e lecito sapere & giudicare 
da un' picciolo &breuisfimo spetta* 
tulo. Q.UÌUÌ Vetruuio ne dichiara i{' 
disopra dato esscmpio delle Eolipile 
cioJuafiopalIe/& per tale SPErrÀ* 
CVLO'Cioepicciola cosa da risguar* 

■ darc-.di quel Vento che per l'acqua ne 
detti Vali fi genera al foco appreiriri* 
^Gtemc sapere & giudicare quedo uè* 

■ r Dire in uera cogmtione dcllegradi ra* 

gioni dey enti & della loro smesura* 
ta naturala m qual modo fi generano 
perche seno terribili -. & come Ouidio 
nel Methamorpho. dice quefte parole. 
Al presente appena ad esfis'olta. Con 
ciofia che ciascuno d'csfi regea in suo 
segno con diuerso soffiare che non ro* 
u ncil mondo. Er Virgilio nel primo 
della Aoieidaifmari anco le terre & il 
ciel profondò a ciascun seco feriscono 
r.ipidamentc&uertino per le A ure. A* 
dunque Spéttaculo fignifica quello che 
e risguardaro. Virgilio. Nortcpluitto 
ta redeunt spetbrula manc.5pfrtacuIo 
potemp in quefto luogo anchora dire 
edere non solamente un picciolo foro 
come di qlli che sòrio ne i capi de gir' 
Diopreri.cioe mettere in piào come sa 
tia la mica d larchibuso o ^Ue Ligule 



Cosi e lecito fapcre K giudicare , da uh' pìcciofo 
& breujffimo fpcttaculo , delle grandi & fmefura 
te ragioni della natura del cicJo , 8C de yenti . 
Perche se i ycnti faranno fcacciati , non sol amen 
te faranno a i corpi gagliardi iilnogo salutifero, 
ina anchora s'alcuni morbi per altn uitii per for 
te nafceranno, i quali ne glialtri fai uti feri luoghi 
hanno i curatnenti della medicina contrarii , in 
quefti per lo temperamento dello fcacciare de i 
venti più expcditamente si curano . Ma i uitii che 
dificilmente si curano , fono quelli nelle regio 
ni foprafcritti : Come quefte, la grauitudine Ar 
tetica , tulfe , puntura , Tisico , l'ofcire del fanguc, 
& l'altre infermità , che non conle dimiriuitionì, 
ma con gliaggiognimentisi curano. Per ciò qucftl^ 
difficilmété si me(Ìicano,prima pche dal freddo fon 
generatc,dipoi che macate le forze loro, dal morbo 




CAPITOLO SESTO 3J 

Viete corti tnofTo , da gli mouìmenti de' Venti, de griAftroIab/i, come quello da mec 

fi airacigliera, 8C infieme da i vitiod corpi caua il fuc ^-".he'K c^onSqua^^^^^^ guar 

co» 8c fa esfi deboli. Ma p lo contrario l'acre leno Sc da per ii capi, & come fimibiente fo 

grofTo che no ha lì molti foffiaméti d é Venti, ne le !?° f ,?ii^5°^"''' * ■'^^4°p"-' ' ° '%' 

^ , j-j- ir n. Lw •- -j M- ro altre cole da ns2uarda re i poter' 

crebre rcdudaze, p la tertna ItabUlta , giognedo atll rettamente tirare.-vo/garmcte fi dice la 

mébri loro ,effi notrifcie, & reftaura qlli che in quefti mira Condofìa cofa clie fpcttacuio n5 

^ L- r • ."r ^,.: A — I ; • ; • u !• può lignificare altro che vedere o ris^ 

morbllonoinullupatl.Amoltl-' piaciuto che Inno guardamenti publici . Et perciò quiui 

quattro lì Ventii dal Leuanteequinottiale Solano t vctmuio tocca ecceiictemcte vna bella 

dalMezodiAuftrD,dalPonenteequinottialeFauo \!^r^Sf^^^Ì^^:^^ 

nio i dalSettentrione Settentrionale i Ma quelli cR ficata da l'Architettore wonacho dob 

più diligentemente hanno ìnuiftigato, hanno detto s^i?oSÌfofifar"arta f tSj 

cfiere otto : K masfime vn certo Andronico Cyrc^.5 in aichima tauoletta di quatiti di quat 

(le , il quale anchora per essépio colloco' in Arhe^ "° ^'^^ °^^^ *°g''^" '^"'^ 0'!5^='^ i^ 

-T" -J-— ^ j- - • o. • • rf cauo once due vel circa:& quelto hab/ 

ne ma 1 otre di marmo di otto catoni .& in cialchu bia nei concauo centro vn piccol foto 
ra faccia de cantoni fculpi rimaginì di ciafchedu de Cii quale <^copos anchora fi dice;) & co 
ì Venti, & conerà aafchun fuo soffiare dilTegnd . SXra"ato VrS ^"veTo'Ara 

chiufa per tal modo nel luocho doue al 
tri fia che non vi posfi entrare altra la 
ce, & habbiafì vn poche di bianca carta o vero altra cora che riccua fu quello che fi raprefenterà da ef^y 
fobucò con diLgenza fatto: tuttel.ecofe vedrai quanto dalla piramide di efTojinfino à rutta la terra S£ eie 
lo contengono, cofi colorate & affigurate 
dei Venti del Cielo & della naturarli qi 

lini: fi come del dinaropoito nel acqua . _ 

le diminuitioni.ma con gli aggiognimenti fi curano. Quefti cafi cHe fono da curare le infirmita con le fuftan 
ze più preftoche col cauar del r^ngue, Grauedine , Lethargo & veternoche induce gtaue sono ac 
qutfti el diurno Hippocrate nel libro Secondo de Totione *Hordeacea & Etifana cum vino degra 
tiato l'Arthret/cioe Artetica nelle gfonture de li membri la quale peruiene da frigidità. alchuna voi 
ta per la troppa tumulenza,como aduéne ad Ennio, el qualeCcomo Seruio dice^fe deletaua del vino piu 
dcldoucre acquifta fé fanno varie mtione. TulTcf CComo fcriue el diurno Hippocrate nel. ó.Iibro de Epi> 
dtmiis :queJJe fono periculofe le quale tocchano linteftini principali & ,tc gionture. Se molte volte nclle'fe 
bre fono secche & inuechi.ate difficilmente fi toglieno,& quando poi dogliono le coffe ole gambe dice effe 
re segno de liberati one.TJ.euritfs morbo periculofo & graue imperho che ilmedefmo Hf'ppocrate nel.jo . 
libro el nomina intra li graui,chiamafi dai latini morbo de i Lati: dalvolgoTóturajilqualecapollema 
* allhora e pcriculofa quando non fi fputa, ma rimane da i rimedii, legge il predetto nel. j. de Morbis . 
"Phtifis de quefta infirmita legge ef diuino HKppocrate nel.i.de T^asfionibus.la caufa de queito male dice eC 

f fere putrefattione & flegma quando de eìTa le reimpie el capo,& corrotta calla nel puhnone donde li gre> 
ci anchora la chiamano Peripneumonian, a quefti Hjfppocrate da il Veratro & altre purgatiói per le par 
te iferiori ^ latte vaccino o capno p.4 ^giorni i potóe ScphibiCce cibi grasfi Si vifcofi nó'^ cofa facile da 
esponere f breuiti: Et phò 3 esfi gradisfimi volumi de f "Phifici vi remettemo: p eh co difficulta ficurano 

j ver'medicano: come il tefto dice. CMa'p Io cótrario l'aere LENO/cioè placato over dolce o piaceuole. 

g CCrebre.ha molte fignificatói qfi duna fuftaza medefma còme gli exponitori pògono.cioc fpclTo asfiduo, 
copiofo,o vercrefcente.CRedundontia. cioè cómouimento o cócusfione, nel proprio modo che fa l'acq 

^ commofTa: o vero come fa lo aere che dal corpo per le nare mandamo Si retiramo:o vero anchora il mo 
lamento del aere foffiato Si commofTo fi come de l'acqua detto habbiamo: impercio che da lun mouimé 
to à l'altro per dimoftrationcpenfiamonongli eifere altra differenza che la grcuita de l'acqua, Se la leg 
gerezza de l'aere, il quale in ogni modo nel mouiméto fuo pare chinduca maggiore preftezza Si velociti 

g con furore.CMorbi.Quefto vocabulo sintende generalmente per ogni fpecie di pasfione o vero infermità 

^ del corpo, masfime quelle che procedono per gli corrotti humori. CTA molti e piaciuto che fiano quattro 
gli Venti. In quefta dimoftratione vetruuio vuol diftinguere h venti & dimoftrarli per la Sphera piana: & 
anchora la luce del giorno: per che fi alchuno vuole vfar'elfa luce gliconuiene fapere diftinguere la ragio 
nedel corfo del Sole: per che neffuna altra cofa e il giorno fé non il Sole fopra la terra: .V la nòtte non e 
altfo fé non ombra delia terra. Et perciò fi volemo anchora vfare l'annojnel modo de gli antichi come 
relprimodeFaftida Ouidio habbiamo, o vero come da Ply^nio al decimo òttauo libro» capitoli. ^ ;■ Se 
nel Secondo libro: doue hauerai in mólti luochi di queftenecelTarie ragioni, fi come anchora elfo Pl^v 
nio nel.7lib. dice qualmente gli antichi non vfotono neldiffegaamentodeledodecetauolefenon doiter 
rifni che fulTeno del giorno nominati/cioè il.Leu.ìte & il Ponete del Sole/ Et dipoi d'alchuni altri fu ag 
giuntò il Mezodi: Si M fi vedrano molte altre cofe per il modo che l'horiolo fu diterininato: Ala vetru. 
intede al prefente dimoftrarne foiamète li qttro principali afperti & venti del gioruo, i qli dimofìrati fo'' «. 
liopbcucOferenzAdfivnmaroniudo^pattiuin jjtttosaKi: Etabe eh alctìuni habbiano pollo cK neili ^ 



LIBRO 



PRIMO 



^luteale cj 
pè al pu^ 
no de le fé 
neftre. 
Trigonale 
conte i ter 
ZQagvtQ, 



gphera il fetfpntrfone Si di risffiarJarf per Io ptfncfpalc retfSre, nò dimeno nella Spher a piana 'come è ! 
gita pacte.noi dicemo cR voltdofi naturalmf te p lo Gnomone hauer la ragjóe * Leuate Ce Voncte del Soie, 
incominciandofi da l'Equinottio »'ìc a fcguiie per tutti I tempi de l'Anno: èonuienci vobertle spalle ali* 
Regione dj <rettentrionc, H volgendo al auanto il collo fu h fpalla limftra hauere il nafcer d4 sole de la 
citate, poi del Cquinottìo, St finalmente dePln v ernaCd;dapoi firmando il capo permezo al petto hauere p 
diretto!» ragione del Mezodi;vltimatamente volgendo anchora il Capo alla fpalla delira risguardare il 
Soleiin tutti gli occafi di elTo Sole : fi come tengono anchora U nauigati del mare.nelli cui punti de gli doi 
diametri per la diuifione del corfo del Sol nel giorno è vnico punto equinottiale nafcendo il S ole ; come 
anchora vuole Giouanne del facro bulto; & VlyniQ nel libro fecondo i capitoli 7 r. per elTer' la terra cen 
tricar^ nel mezo del mondo, procedere li equinotni , Adunque nfguardanao per i'ordme del Gnomone il 
leuar» del Sole dalla finiltra mano lui segnerasli il vento Sciano; <sc tirando U Uni* Equinottiale per lo 
centro della ferra P vero del circolo che fìa diffgnato rettamente della delira fino all'occafo, fegntrasfi il 
Vento Fauonto: poi pigliafi queUa mità che farà fatta di me?i circoli, « in esfi tra li detti venti fi dife^na 
rail vento AuUru ineflo centro del Me?o di.Sc a Jincontro à quello giullamente nell'altro mezo circolo il 
Settentrione, dal quale fi tirer J vna linia eh? fi contenga col centro dPelTa terra in fine dei centro della Rex 
giofje di Settentrione, 8( lai segnerasli il vento Seitentrionale.CMa quelii che più diligentemente hanno i 
uilliearo.fi come e ftato ANDROn" ICO Carpile il qual fu di Egitto «collocò lo essempio in Athene Cit 
fa della Grecia, nell'Archjtettare vna torre di marmo di otto Cantoni «in dafcuna faccia tra lun cantone 
& l'altro fpcerilfuare l'imagin? di ciafchun ventò come nella figura prefente fi può vedere. Aul£ 
Gelilo anchora, d'ingegno grande dc ài elegante fcienza nellbro.ii.Notdum atticarum quaft concoraà 
do cqm Andronico e cum la Sphera Nautica fa principalmente otto venti cum bellisfima «ration4e di* 
ftintionc, rmoerho che proua che l'Oriente ha tre parte cioè equinottiale: da la quale fpita Euro d^U grg 
Ci mfM'Syìif da li latini fulTolanp chiamato cioè leuante. La feconda parte e la «iliua Solftuiaie , donde 
«afce Borea. Aqutlo chiamato da li latini da vulgari e marinari greco: La terza parte orictaie e dal tropf 
co hjrbcrno, donde fpira il terzo vento che da grjci fé chiama ì«i>'9»' »9tq> dali ngltn vulcurno,dali man* 
nari Sjrroccho Equelli fono li tre orientali : Et tante parte ha l'occidente doue et Sole tramonta per.;he Cv 
rroad Euro fpiraZephyto CIO Fauogno o, ponente da i volgari contro a Borea f/ra Affrico ^'^•^■ da £ 
greci fi dicono cioè iib(co:contrò a vulturnofpira Cauto daligrfci detto «"/•rsfff? da li Marinari Car* 
Emo, Ma da Mczogiorno per che ha certo & fifTo Lmiite, ne fpira vno folo,clnaniato Auftro & da a gre 
ci Noto cioè Olirò da i volgari.Córro a qllo fpira dal Settentrione Settctrióale.da li gr^ci chiamato «wa^ 
9C1W, Benché altri ne fecero folo quattro fequitando Hcpiero/cioè dimdcdojU nelle quattro parte del luu 
do,Euro,Zephyro,Noto,a{ Borea. Altri ali etto predirti aggionfero quattro « fecero dodfci.Ma la >phe 
ra nautica hoggi Otto ne reconofce. Alchuni hanno fatti anchora certi v enti li quali dicono regnai e foio 
In certe regioni, come i^pix dala i'ugliii,come Quqìo u aUri , Ma come € detto queUi lon*» ii otc j pria 
cipali Scardinali, 



CEf fopra elTa torre fece vna Meta df 
Uiarmo.META/ctoè jlimilitudledi Vi 
Ho aaita/quella più pretto è da penfa 
re che fulfe vna cimafa de otto facce c!\ 
tonda; per che grande errore faria aU 
|rimentifacenadfi;im perciò che tutti C 
corpidiArchitetmra nafcendo da va 
fuo primo ordine, di ciucilo debbono 
feguire» <V non fabrithare fuora del 
fuo fodo: fi come dice il primo comen 
tarore, hauer fatto akhuni Architetta 
ri di fua patria masfime neUa facra chi 
efaCathedraledi Milano: effendo da 
fabricharefoprale quattro principali 
pilaftrediMarmo.La Hecubaleo vero 
Tholata Tiramide come, l'ino quale 
(auatadagli fodi, hanno fatto nel mu 
ro il circundamento d'otto catoni:fi£ 
fódatl gU i poltamenti fopra i lati dele 
V.olte a Terzo acuto:& ano ifieme chiù 
fodalun lato à l'altro le arcuate voice 
col grande foro fatto nel mezo che da 
il lume al terrcltre fuolo & à elfo Te* 
pio: fopra deilequai v olte volendo col 
locare la grandlsftma Piramide predef 
ta separata dal fodo del plutcale ris^.f 
guardamento.Cubiti fei intorno intorno & douendo sallire per la trigonale ragione,bracci,f tfnc pare f* 
posftbilcofa.rantograndisfimo pefo óf smifurata altezza suftenerelenzasuftentamenti fi poffa, & sa 
ranto innumerabile pefo non ruuinare poi m brtue rempo.Con ciò fiacofa ch'uà Braccio Cubale di mar* 
fno pefi libre ottgccaco J4a ql Ubta è ài, once.is.di yelo MiUnefeiie quaÀ figure Cono di (opti àimolUate 



io 



Et Copra eCfztótnTeccvtM Meta di marmo, & diTo 
pta vn Tritone da acre colloco , nella deftra mano 
vna pcrga aflegnacricc i Et cofi e ftato penfaro come 
per lo Vento fi poltafte intomo , & lempre centra il 
Soffiato ftacfTe i & fopra limaginc del foffiante Ven^ 
to per dimoftrare, la terga tenefle. Et cofi fono col^ 
locati Intra Solano, & AoftrodalLeuante Hyheté 
no Euro t intra Aultro, & Fauonio dal Ponente Hy 
berno Affrico t intra fauonio & Settentrione Cau^ 
ro, il quale moiri lo chiamano Choro t intra Secten 
trione & Solano Aquilone i in quefto modo par' cft 
fia esprclì'o, accio che fi pigli gli numeri gli nomi & 
le parti, donde li fiati fiano de' Venti soffiano, Pec 
la qual cofa quando cofi hauerai esperimentato ac^ 
do fiano trouate le Regioni Oc il nafcimento d'cdi, 
cofi farà ^ da fare con ragione. 



CAPITOLO 



■v>idLl SEXTO 



U 



'ALA.UBELLA. 

E? . 




CEr di sopr» ufto Ttitnne ds affrt 
collcco.TRETO Nf£ «ftsro tietro dà 
moiri tabukjsnmfjirc, fjprcuno de 
gli Dfi marini: £f di qutlìo noi m' 
chora hsu*ndo unhifo la sra #pria 
fit^ura uedtte 8< in RoJna& in moltì 
altri Uio?hi d/pinra& scolpita p# 
affigiirar.'s fi fonie fi piio uerifrcne/./ 
la bwlc della uctchir, torre di Mode/ 
na:& bencheda molli aucfori graitt 
d esfì Mcftri & Bduedd m.-^renefia 

Ì(n'Co fitpicrf?: nódiJ»imK pochi di 
itingueno &dimoftrflno Prfrisamen 
te lefigort loro del nafiiralr.Mn Pljr. 
nio ài qfto ntl'Iibro nono a. y. cpi 
toli fofi dice. A Tiberio principe a» 
durone ambasdattirr i popoli Olf 
i'ipcnenfi/ Cloe cita de laHj'spagnai^ 
solamcntcp aliisaric <1ic edito bs/ 
UCUriBG & ue/ 
d'Ito in ima 
conchi • cioè 
iiiiii COCCI-) ca 
ui de cóchi' 
lepefciertin' 
Cjiie che SO' 
nm.^ U z.ipo 
/in Se era di 
quella f-^jima 
omefidipin 
^e . Et non e 
t.ilsa l'oppi 
iiione delle 
M-T-idele^lf 
n.mno corpo 
humaac>m» 
copte di ssi' 



■'■ -Ji-jDnoq 

• .-■fb 
■ '■•■■Il 



TE. 



isn 

MOSTRA 



,qyMEl . , 
'cHIAMAjro medi pesce. 
Vna di 'que 
te cértamtii' 
c« nel mede8 
nio liio in ue 
duta&dapa 
esani ancho* 
ra udito da 
longe Io fhi' 
iierem«fto morendo . E' il legato di 
Calila scrilfead Auiiufto Impcradc» 
leche'lmare haucua gucntu a liti 
più corpi mor i di queltc Nereidé io 
. ho autori nobili caualieri Romani i 
quali dicono hiuercuediito ne l'O' 
ceaHu Gadit;ino un' huomo marino 
in r gni p.irtcftmilea naijilqualedì 
J notte sale rn su n unii & aggirare ili 
forma lep.irti doue lì pone , che se 
ft.iesfi molto tempo la farebbe affjit 
dare.Nel tempo di Ty berlo li uide* 
T- -^Tw'^ ' ?, '"o '" *"" ''" "^^'I-' ptonincia Lugdo 
'•^'^'/^'-•ì ncte più di trecento pefci motn di 
'S '•■y V- uarie tornie& molto j;Mndi: nenie 
noneliridesantoni-traqiiali erano 
^ Mótoni,& Hdcphìri e'I colore cidi 
;;^~. do facauj le corna; & mo're Nertide 
, &c . Ne! mcdefimo c.ipi'clo il rcfto 
(niaraxjigliosan-.enrefi /fggc.Adùquc 
juedi la predente effigie di rncoiiela 



.;.l-'-^i 



i--i>i\. (,\I:J 



crvr''^ LIBRO 



OIOTiqA^RfMO 



V. 



tibdla'CÌ/ 
oc al «110/ 
de che fi fa 
ad Ateo ' 
pendolare 
unpianw 
cheiiiogiii 
uerf > rcfpó 
da esferp' 
fercameiuc 
apianaco . 



quale còti tre sonati zSpègne & n corpo &; Ip code, cofi I 'h.ìllbÙfflaX^S.y dfH'^lfe dd ni^\tiim3ìièl<ì .M ^^cù^ 
Ì\Lt debbano p^irere marauigiiose ne incredibile a chi sa ben có(iderareI;jpGicntia danna poter h.uicr fatto kfai 
ftupeBdc& m:rabil cose che fuifor mai aiicboraiicin ferrane in niareftireinfte.Adiui^aeqiulto rnconc ilqii.jJ< 
da nc.ftri uolgarniente e detto la Banderola da Nento,fi fa dt R inieo d'altro metallo conu' di fcrr<r]l.aw7iar'j.jltj' 
le Andronico nella cima il colloco con degna conlìHerarionc,(5< non sofamefttta l'aicrepcr se^noftabilepaifui, 
ma incorno uolgcrfi come umilmente il pesce f.i nell acqua :& poi con rauca UocetareftrcpJtó quniidacoauiKi p 
•il uento agirar(i>& cofi con U de<tra mano per ima utrgclla e (t.,to pensato nlTegiiaiIe / dot in unoC^onione e» ( 
-ferro in mezod'un cerchio afibiato(>ri come anchora fi potria pensare mio pcritriton di sutil lanunfrdftcno l'tiii 
gnatojo nero d'olfo che u era ile entrare il uento ^lle noturne lucerne o ucro lanterne rendendo lo spandente Ii^niC 
delle accese candele come usano alle uolte tal cose gliaftuti,&^a/ii)iei ladri.. -571 ! 

CSfa collocato alla libelU uno Anuisfìo di marmo. AMVSSIO. qftp e un piano polire ordinariamente dir fi 
ueggiael(J:rperfetCo,ilijle dia la rej;ola delle lince,fi come ucdi u\ qae(tafi;iura psénte& potrai ucdcrencii'adrc 
.sCguente:Conqutìto nò solamentefi opera nelle predette cosa da fabricare de le Cittudi & mura di qtnrlunqiR la 
briche,ma anchora ai mesurare decampi accio postiamo derizare tutte le lince di qualunque supiriicic du- nlh' 
gurata fia:Ma in mezo di quello il quale efatto come unc> Stylobate/cioePiedeftalIc.'dLtJco/fipoiic uno Gii^mo 
ne/cioe uno ftile/o ài ramo o di ferro eòe 

Sia collocato alla'Ljbella uno Amussio di maimo 
imezo delle mura della Citta:o nero il luogo 5;a co 
si polito alla Rcgula Sballa Libclla,che all' Amiis 
sio non sia desiderato^SC sopra nel meio ai centro 
deflo luogo gli sia collocato uno ^nomóe di ran;o 
dimoftratorc de l'óbra ilgle da greci c«i*T'f«'' si dice 



Areali de/ 
chiara a 
carte. 59. 
Iettera.f. 



ui habbiamo segnato con la lettera. A. & 

,fia collocato con l'arcopendolo dal quale 

4? l'ombra che qllo ui dimoftra su la pia/ 

na supficie,fi può saper diftingucre squa/ 

dratameiireeile Regioni del cielo & de la 

terra : nel quale anchora fi pone una fune 

o uero altra linea di fila doue poi in elTa 

terra coperta di candida calcina fi polfa fa 

te un circolo grande 'erminatamente , co/ 

me fece Aleilandro Magno: accio gli arato 

ti sapedono con r..ratro circuire,a piatarui i fondamenti p le mura della Citta:& pcio fa di bisogno qfto cràif 

nedi PiedeftalleeJCerecqualmentc spianato alla REguIa/cioe squadra in qfto luogojo ucro Arccpendolo/& :.1U 

UBella.rettamente e collocato nel centro o al mezzo d'elio sp^^ric ddJ' Art:i ndla qual fiano iirccndate le mura 

dela Citta da farfi.Et da greci fi diceschi.ithiras.«.ff=<<'».»''.H.^leóbr.ifignifica "«ic^.oTvToff.ogràdeóbra fare. 

CEc di quello circa l'hora qninta &c.C5.uado cófidcrerai ndl.i f sente figur:»-& ucderai dal termi ne che dimonra 
to habbiamo lo cquale diuidi mento dell'hcra prima dd leuar del Sole ne l'£qumòiho:pcrd)" quella linea prò 
priamente palp p diametro sopra il 

Et di <^fl:o circa l'hora gnrainàzi il Melodie da piglia 
relae)itrcmaóbra dcloGnomoue, &colputoc dase 
gnarla. Dipoi col sefto ìdutto al puto iléjle e il legno eie 
la lóehezsa do l'óbra del Gnonióe : & da ella al cctio e 



Gnomone/ 
cioè vnap» 
ta o di ter/ 
ro o di ra/ 
me: che noi 
chiamamo 
ftyle& an/ 
(ho Afta . 



centro5& diftendefi a lo Equinoriode 
l'Occaso del Sole p equale diuifione 
laijle senza dubio fi uede hauer seca/ 
to m due parti giuftisfimamcnte tut/ 
ta la linea rotonda; Et perciò gli s'è 
dato che debbia incominciare dal pii 
to d" l'Equinotio del nascimento del 
Soleqila disegnatione di rot&ndita 
chiaramente: & inrorno alla quinta 
hora fi debbia segnare la extrema om 
bra de lo Gnomóe,& scguircnel'or 
dlneche'l texto chiarisfimamente co 
efficace ragi one dice impero che eilén 
do collocato nel mezo d 'ciTa rotód; / 
ta il Gnomone al centro^D. p il nio/ 
uer' del Sole te dimoftrera:& nò so^ 

iamente l'óbra de l'hora ^^^^^^ ->- 

quinta auate alla se/ta 

cne sarà p il mezodr.ma 

ancora per quella sphcra 

piana di Amusfio Equi/ 

n jiliale, la rimetterà ina 

ziaqlladiseptenrnne, 

per diritto. C Dipoi col 

sello mdutto al puntolo 

uogliam dire pollo dóue 

termina l'óbra de! Cno/ 

mone >& da inde aprire 

elfo sello fino al centro & 

tenendolo saldamente a 

fsso centro, fi aggirerà | 

una linea di tutta roron/ ^9^ ^ 

dita.CJEtfimilmenteeca ^LLA. RE. 

seguire dopo i! Me«cdi 

la crescente ombra d'es/ ; 

so Cnonicnc . <■ 



d'aggirare la linea rotóda Etsimilmétee da feguirc do 
poli Mezodila crefcéteóbra d'elio Gnomi'^e&l qunco 
haucra toccata la lino rotóda, &;loauera fattopaia a 1 o 
bra inazi n:ezodi quella dopo mezodi e da fes-narla (v\ 
pu-o.Et da qucftì doifcgm col Sefto decullatim e da 01 
BCgnarse'Si p la dcculTaric'e QL p mezo del cétio , e da ,)> 
ducere la Ijnea all'cftremojacoo si habbia la regione dì 

Mezodi 8i di Sep.cntrione . 







B. OMBRA INANZf MEZCDI. 
circa l'hora quinta de lo Equino/ 
tio del nascimento del Sole. 



OMERA DCrO N'EZODl. 

nello tquinotio dello (jccìiìc dd 

Sole. 



D. GNOMONE/ CIOÈ ST^LE. 
DIlV;OSTRATORE. 
OEU.'OMBR'^ DtL SOL: 



CAPITOLO 



SEKTO 



$ì 




Et quando hmtrn foccarà la linea che intorno gira fatta p Io aggiramene, 
todelsefìocomcedtrro&haiiera fatfopara all'ombri in.mzi Mejodt 
quella dopo il MC2.dl:e da segnarla colpfUo.C Et da qlti dot segni col 
sclto DlCVSsarim/cioeinttriecatamenfein croce,o in fcrnii delittera.X 
e da discgnarfi/& per la DlCVSsatione^cioe in(crsecaticiit/& p niezo del 
centro e da tiratela linea dritta infino al line della piegata linea del gira 
mcnto,& coli sarà dimsa la regione di Mezodt)& qlla di Stptcntrione. 

£t perclica tempi noftri si ha molto in uso la Calamita per ccnosccre la 
Stella tramontana ouogliam due il Polo artico (a noi peni piuope/ 
rato) ti ponemo quell'altra tìgura diiiisa per i quattro aspetti de] De* 
lo / Cloe Leiiante. Ponente. Septentrioiic. & lVie2odi . Et col suoi 
quattro Venti principali :& perche csfi regioni meglio po>(i annotatei 
segnati glihabbianio coli accio con la prima tigura picuula che nel cen/ 
Ito ha segnata la lettera. D. pcsfi secondo n.irra Vetruuio a pieno co» 
.iosc£re& operare. Ma con qucita che ha nel centro la lettera .A. sapi 
,^ai speditamente & di giorno Ccol Soleo 5enza)& di notte operare: per ' 
.he la Calanuta sempre ti demolirà la parte o rtgicne di ieptcntrione . 
tir coli per quella sphcra , terminata che i'haurai ad eif.i Regione & 
Vento Seprentrionale , l'altro d.il rimpetro& quelli da i lati fi dimo^ 
iraranno chiarisfiniamcnte. Ondei tui.i sp. irti menti dadouer&tfi C* 
:uo beneplacito) Saperai a qual regione tu gli potrai litu.atc. 



Dipoi alhora e da pigliare la fextadccima parte de tutto il 
ramento della rotula linea'&: il centro e da collocarsi nel 
linea di Mezodi , lagnale tocca il giramento : 8^:e da segna 
re dalla dextra & siniftra nel giramelo, 8i la parte di Mezodi 
& di Septétrione . Alhora da effi quattro segni per mezo del 
centro itersecataméte le linee da l'uno K l'altro extremo del 
giramento siano produtte; Cosidel'Auftro S^Septentrione 
s'hauera il disegnaméto delle otto parti . Le altre parti , tre 




cor poi alhora e da pigliare la ffxtadecima 

parte de tutto il giramento della rotonda li/ 

nea &c. Vetru.quiui dimcftra per la data ro* 

ródita quadoella e diuisain quattro parti 

equaIi:Gli s'è dato che debbia mconunciare 

dal punto equinottialeapijAliare gita dise/ 

gnatione di rotódita : £t perciò comiudàdo 

sopra la data linea sfgnrira del'hora prima 

diftinguerai dcsfa ci rcii ferenti a la mita in do 

decepara:Si couieaiichora uoleciascuno p* 

darò scrittore della i(.eramondiale:& anco 

in qtfropartl equah coincedetfojchepoiKn 

. do il sefto o ucr CópalTo in nit^o della linea 

1 elle dirizza la Regione di Mezodi a qlla ài Sep* 

MVSSrO DICV^SALò tentnone & effondo scupartira eiT.i rotondità di 

•( tutto il circolo in (cdcc. p;irri &pcneiido il pie 

de del ieftoineila linea de l'Auitrctanto dalla 

de«ra quanto dalla siniftra hauer.i di sparlo 

equ,iImente,come dalle lerrere. E.F. coli. G.H.o 

come . I.n. che ciascuna d'ededillatie formano 

uno ottano di tutto il circolo: che l'imo ottano 

e diuiso in. «/.particelle per ciascuno extrenio: 

& coli la mita d'cflb ediuisa in diece particelle 

d'ella rqualita : & dipoi le linee pasfandò retta 

mente per lo tentro.K-si diuidono per trauerso 

& cofidirizando le linee fanno sep. rare la Re/ 

gione del'Auftro & il SeptentrionaIe:fìmilmca 

te del Solano,& i catoni del Fauonio:&colìpuo 

farfi deglialtri qtrro da i lari , & ciascuna delle 

i6.parti diuidere (romeedetto) per diece : che 

tutta la totondita interseca da Euro a Catiro» & 

da Africo ad Aquilone : coli con glialtri Venti 

intorno ala mondiale rorondira e diuisa per lo 

^Equinoflio in.z4.hore : laqual figura promoue 

io indirlo di collocare Porte o nero Angiporti 

delle Ci ttati accio fiano esse Vie schifate da i no 

ciui Venti:pur che fiano coUocatenel modo che 

uederai nelle soscritte Icttioni & affigurati di'/ 

moilramenti : Ma delle altre parti che saranno 

all'abiiogno nella regione dello Gnomone a 

suoi luoghi d(remo»&ma)cime nel nono libro. 

Et da quelle regale dal nascimento del sole per 

lo andar suo nelle risguardantie & di Mezodi 8e 

di Occidente o di Septentrione,potrai collocare 

E il 



le Pcrtf.& A«jiporrf,deiic DrMn,o vero Caffei dalla cJcxtra & hc dalla siniftra eguale ncf eflc siano diflrlbii 

;Ì:j;i'dcS;^;K:^rr"f^;^Se^ ke:acc:ocheintutto,Ig,ramento,]ecqu.:,d:ui.ioniaegli 

tsfi veutcper modo che le forze loro quadoim otto vc^tì^siano disegnate tKllo spartimento* Alhoraperi 

pemub.inKiueesfi soffiano ne detti diuisi luo/ cantoni intra due regioni de venti, & delle pazze , &: de gli 

k^hi.pcrlelnsoleo ticrocongiontchabitationi> » • i ?ii- n- i • ■ ■ ' ..• 

;i nocete nò hnbbinno alle vic/n;)ze& psoncche Angiporti.par che debbiano cller denz.itig.i spartimenti . 

sarauo in qllc ad lMbirnre,ne coloro che ni ande 

rann j o dniìor.iran!io:Erfe flilfon fatte anrhora gr.indisfi.".;c,& con rancc porte etnie già furono qiidlcche Plynio al libro. ^6. a 
i4.cnpircU cefi dice.Dicono chein Thcbedi Edypto facno Orti penfìli/acesospefi da tcrra'& non solanicntcr0rto>nia andio 
ra tuct-i la Otta in forma chei Resoleuano cauariie fuori gli excrciti armati,& neifuno cittadino gli scjitma &c.Ecaiico del lem. 
pio de Diana Ephefia che nel prealegato luogo fi narra . 

C'Pcrc'ie con quefteragionij&'elTospartfmcnro/cioe de collocati Venti interno al circolo come e detto & icdcfì nella figura. 
4]7 Vici'Cioe Vie o Angiporti:Angipcrto:e quel luogo dc.uc fanno capo dei quattro o più uic.ccmc fi dice a cnr-ji. Vetruuio ■. sa 
qudlo nocìbulo VICI in luogo ài Angiporti^come quiui sotto uedraimealtro puo (ìgniÉorein q^ielfo luo^o:pcr chepnma ha 
detto habicaticne & poi suggiunge Vici cioè qiiuii e ma o Angipcrfo:Et n&ta che vichs .inch.' ra fignifica Vicin::n2C o ucgliam 
dire Borghi o una moltitudine di case come e una Villano chiusa inforno di mur.i,o uero c&mes'.nc le Vicinazcin Vn.i Otta 
che sono d'una o didueo di pui Parrcchie: Madiuisein moire Vie da caminar^l^fi come e ne Municipali d: MiI.iP.o.VLCO.an 
choracpiaeza da Mercatoo uero GalatateS; finiiglianti lucghijcheascfaiafiemeuenite^uafi tutreraltre Vie-.Sc pano Vetru 
intende non solamente conseruare dall 1 niolefta 

forza dei Verni quelle piccicie case & vidnàze. Perche conquefte ragioni, K eflospartinféto sarà leuata dal 

ma i cartelli 'randi che sono duplicatile tripli/ i i i- .• ^ QrJ^^r,-^-! »„^i n r J -^r ^t' r> - 

cari =)'eirevre:Cofi maggiormente ancora le cir/ k habitatiom & dagli yici la^iolelta forza dei Venti . Per 

ta chcsono quadrupiate&di aiTu muitiplica/ che guado alle Piazze contra i venti de diretto !o sarà da 
:iT^£S:e:!^:i::S^o^^S!ÌÌ^-^^:^ to format dallo aperto snatio del Cielo l'impito 6: frequcn 
cosesoMo da 5ucltare,cinechcnó <ìano nella de te softiato rinchiusonelJe bocche de gli Angiporti co pia ro 

rin-3 regione de iucntiftcse^ma Ccome di sopra linose forze rauolgera . Per lequai cosesonoda suo! tn re le 

ederto)fi3nc colloc.ìte tra 1 una&l altra Regio .. , ,, ■''in • J j ■ - • • t -, 

ae di doì Ve Iti. C-Accio cheuenendo a i canto/ diretture delle V'^, dalle regioni de 1 vetnaccio che uenedo s 

ni-doe alle extremira delle tele de mura doue (ì j cantoni de le Infole sì frangano & letenuti SI dissipano . 

BHolge la Via p andare in altri luoghi delle Vi ^ ' 

finanze congregare in una niultitudineche han/ 

no tre o iier' quattro Vie da caminarui fiano schiuarf, & per le inequali & ftorte Vie,sono efié chiamare da Vetruuio fNSOLE ? 
perche qnando pur d li Gelo in effe pioua, seno interno chiuse da l'acque che discorrcn&:fi come propriamente sene Iclsoleo 
eie Fiumi,o de Mariilcquali fsclenon son fattese non comcha ordinato il uclcte della Natura. Io [sola e detta da salc-c uero 
da! sodo circondato da l'acqua:Er perciò Vetruuio intende fi debbiano efle Vicinanze determinare per tal mrdo che soffiando t 
uenti Ca i quali più sono suggette') fi poltano ni es fi cantoni delle mura o ueroneglientramenfi delle Viefragere:perchehaucn 
do tr jiiato cosa laquale lo ripugna fi difipano'' cioè spezuio in diuerse parti /& separandofi perdendo la prima lor' gran ft rza 
fi consLim^norcome l'ordine in quefta presente figura de Cina fi dimoftra : laquale per ben che non 'gli hatbiamo se non per il 
quarr 1 di mero il suo spatio dato forma,e ftato per più breiiita5& ancho a non occupare molto luogo^Ma quiui per le soprrdet 
teletrioni fi può ucderela concluficne di quat/to e detto» & principalmente fi uede nel centro d'effa figura il quarto del Pièdeffal ' 
ledi marmo Amusfio collocato nel mezo del circuito delle mura,il,cui centro dfIoGnomone/cioeSt)'le di ramo/c segnato di let 
fera. r. dal quale cutt'- l'altre linee nascono per eifere tirate doue per le Vicinanze bisogna : Et per le Meme, & Angiporti i 
quali son segnati conia lettera .A. & le [sole segnate. B. i canali o uero condotti d'acque che dentro sccrrcno purgfndocflla 
Cirra o Caftelìo > tanto coperti quanto discoperti , segnati .C. scpra de quali sono i corfio nero arcuate Volte : Cerne rncho* 
ra nella noftraCirra di Perugia si puo ucdere. Et douee la lettera .D. sono spatii o nero luoghi di Spiazze diuffi d.iHe Vie» 
atre, o ue'-o due Vie, o triuie,oquattrinie, onero doue per Io conmne abisogno delle Vicinanze fi soleuanoriseruare al/ 
cunil'.ngh di.ierfi per solazare, onero per congregatione: &comtfiniilmenrepernecesfira i puHici pozzi onero digtftrriì 
fareanrichìmeiitefisolcu.ino : cofianchora per dar' luogo a i Carri per la ftrettczza delle Vie quando l'uno rijrontrando l'ai/ 
ttomii DolFoiiopiss.'re senza fareordine: onero doue fi può dare luoghoal letame nepurgamenri delle fmllcro il terreno 
cauat^Derbis'giio di alcuni cdificii . Ma doue franilo le lettere . E. F. C. sono le Vie & sparii delle piazze: Er doue e 
lalet-era. H. fi dimoerà il luogo del Palazzo della ragione, & della Bafilica : Bafilica sene dice a carte : i o f . Similmcn/ 
te.r.K- sono piazze di palazzi piccioli o uero luoghi di pascolijo spatii pcrlesaae chieseicofi.fC.sono quelle piazze da Meica 
ti come -aria in Milano i! Vftzario, o in Roma Campo di Fiore, & in Perugia noftra Scpramuro , & in molte alrre Citta con 
Rmili.&r .A. L. sofiole linee, che seruono n trouare il modo de i dirizamcnti de gli Angiporti : le quai Vie fi conlfrin/ 
^cno come otriamo ne i noifri Angiporti pensando a quelli che le Vie pcrncngcno a Portasele doue e San Fiorenzo: 
& dalla Porrà a San Pietro doue è la Chiesa di Santo Hercolano: & per l'^altre Porre come quelle della Porta di Bcrgne 
fheperuengnno a l'Angiporto che fi dice il giglio di srn Sraiino >& per l'altre porte. Anchtra d( ne (fanno le lettere di 
IC. sono gli spatii delle piazze douedcuemo edificare le Sacre Chiese o grande o picdole. Ma dcuc seno le lettere di. M. 
Sono le dimoflratt'oni de i diuidimenri farti delle Fnsolarecase: delle quali chi occupa meno & chi più spatio interno 
ad elle Vie comune, ma doue sono le lettere. N.O- in quel luogo fidimoftrail sopradertn modo rome fu della citta di Mityle 
«e le cui rasole sanano cucteinsanisfime & anchora fi rome segoauxo le lecccre. P. Q., R. lequali seno le Vie comune : il quale 



CAPITOLO 



SEXTO 



f« 



©rdtnejnffno a l'extremo dcS-condadeth msaticuelmente:& per ì Vaitf> & per Io calore del Sole che da l'uno 
al altro ordì ne Ccofi aperto ^duaso) trascorreriano esfi uain irreparabilmente. Adunque e da pigliare Io ej/ 
sempioda le Vie dellea.itichisfiniecittati & Oppi di/ooe Coltelli grandi & anco Terre incorno chiuse da mura 
ie quali hanno suolt^tedal denteo sofriato de Venti esse Vie o Isole di casanienti>con iscientia^rande: accio fia 
no fituatecome Veauuio Iia detto.Lequai cose fi poffono anchora fare chi le uoleift duirte,o uero llorte l'cffem* . 
pio dalle fabnche de matoni p da uedere,quafi un fimigliante collocamento come sono conipofti & coiiftrctti as ; 
Ijemeneilepareti de mura & separati da i conltringimentÌ5& dalla calcina, 

EOIFICfO ENTRO AL MVRO DELLA CITTA CON LA DIVISIONE COME DH-L'AREg 

£r DELLE PIAZZ-E ET DELL'ISOLE ET DE GLI ANGIPORTI: ALLE a VALI. 

REGIONI DEL CIELO I DIRIZAMENTI SI DIRIZANO: ACCiO CHE 

SI SCHIVANO I NOCIVI FIATI DE VENTI: ET IL Q.VAR 

TO AfflGVRAME^fTO Di TVTrO LO AMVSSIO 

fM DIMOSTRATIONE^ 



,is.i.n 



■^■l'ìKOkiAS;-^'' n, ,.i 




'>::ìio: 



N lù 



*? tlBRO ; PRIMO '■ 

COn^ mo'pwb «omprenderecomeeoltocari sono queftì vftiriqu.ìttro Venrf,i quali per titriradc Vetruiii'o. dicr, 
pliche tntr^ csfi quattro principali,aaque s'mterpoii^no dalLi dexcra &. d.tlia smutra taitudo alTkmtnil inezo 
MIO de i quattro da i lari,fl come la presente figura Io dinioiba.Ma sono alcuni cde tcn^'^ono non gli hauere ve 
ttmk» coHo^act benco uero poftì i nomi loro per ordine,come conuenuto farebbe per le Regioni d.illc auaji na 
sfono:come seri uè Ariftotele,& altri scrittori. Ma quello importa poco a noi>cunciori3 the gUaurichi ancnora lo 
roaftìgurarao il mondo al meglio cheseppono. Hors diremo le propnecati loro uoleiidoch'esii (ìhiio dodect 
Venti uiCcruo ftaenti alle Regioni del mondo: Ma quiui diremo secondo alcuni x loro effètti. Impero che'lpti 
moc Septenrrionale Vaicc frigido & sccco»ilquale t.i il freddo, & disfa le nube,iii(ienie Ihinge i ce.rpi , purifica 
gli humori & lieua l'aierepeftilente & fa raserenare. Borea o uero Aquilone Vento»^ gelato Si sccco-scnzapiog-' 
gie Uqualeoftnd^ i fiori & frutti tenerla anchora le Vigne che gerininanù:& abruscia l'herbe die ticriscono. Se 
toglie le forze de gli arbori.Cecias e Vento callido alcuna uolta di secca,detto da Lucrerio > Al ti tonante: la ogio* 
ne e che in cielo genera foni. Subsolano e quello che chiamamo Leuante il quale e contra Zephiro o f auonio E' 
quinutiale.Euro Ventoecildo àhumido liquale produce oscure nuuole&pioggie,lignQreggia in terra peni 
pui ne tempi derinuerno-Vulturno Vento collocato contra A phri co sopra il circolo di C.fpncorno>ci^rigido 
& humido soffia alto fi come l' Auuoltore uol.i:epluuioso & ne l'inuerno regna in terra inheme con rhrascia, 
producono Neui:a tempi noftrt i nauiganti lo ch'amano Sifocco. Euionoto ouercj chiamato Eur©^4j««D=-e3l*-' 
do & humidQ>congrega le nuuole & non furiofe pioggic & nebbie,l'auregroiro denso & spciFo , alcuna uolta e 
peftilente"& masiimequ:mdo soffia per la Regione Cyraiaica. Libonoto oppolto al circolo di Cipriconio finiil* 
mente e Vento temperato calidojcongrega le nuuole & quando ha per comp.igno il Vento di Leuante produce 
ptoggie grandi ma poco durano. Aphrico o uer Libio»oppcfto al paralello Equinoziale e Vento frigido & Lu* 
nido & fi piouerc,anchora anunciale tempeftc. Z'ephyro altrimeiueFauonio-.r.ppoftc alla Zona o ucr' Tropi* 
co di Cancro,di calore & d'humoreha reniperanza,& e salutifero inucrso la scra,ilquaIerisolue& disdpa kne 
ui & brine.& tutte quelle cose che s'Erano indurateperl'asperainucrnata-& ecrigincdel'heibc&ficn,& tutte 
le cose animate qnando effo soffia uannoìn Amore. Coro o uero Argefte e utnto frigido & hunudo h.i poca for* 
za perche risguarda Arton-cioeSeptcntrione/quando ciso soffia fa le nuuole a noi > & nel Leuante il Di sereno. 
Thrascia fimilmrnte e Vento frigido & ha temperala d'hymoie & secatace> & fa il congelamento della Neue 
& gtandme eoa abbundantia . /, 

CMARAvrcLfERANOst forfi fili che Marauìglicranosì forsJGuelIi clic molti nomi de yé 
rqLXhemr,tiV<;K^^^^^^ ti hannoconofautr.pcr che da noi solamétc Sia fl. 

- - todichiaratoeflereotto V^nti' Mas'auuertirànoal 

circuito della tq^ezza della tetra perii corso del So 
le,& l'ombr&de lo Gnon^one Ei^uinotionale dalla 
inclinationé del Cielo.da Erathcftene Cyrcneo con 
Mathematice ragioni, & Ccometrice Methode , efle 
re trouata d: duecento cinquatrtadoimilia Staclii : 
che^fanrio treccto milia nugliafg &^cirquarita mi 
liara:Ma di quefto la ottauji.partc là'^uate un yéto 
si uede tencre,e pass; tre milia niigliara filtr ecéto no 
uantasettc migliata^ cinquccéto . Nò doucmo ma 
rauigliarci se in tato grade spatio un yento'aiagan 
doalleinclinationi , Si ritornamenti faccia lè,uarie 
tati con le mutationi del soffato . Et cosixiàl/a dex 
tra &siniftra intorno all'Auftro,Leuconoto 8^ Al 
tano suole soffiare. Intorno all'Aphrico t Litòno 
to & Subuefpero. Intorno a Fauòftio,. Argefte:^' da 
certi tépi le Etesie a i lati del Cauto, Circius ,&: 0ìp 
ro. Intorno al Septcntrionale Thrascia & GaHico; 
Dalla dextra ancho dalla siniftra, intorno alPAqui 
Ione Supernas &Borea.Intorno aSolano,Carba & 
da un certo tempo leOrnithic Ma d'Euro tenédo le 
mezane parti, ne gii extremi Ceci Jjfc uiikurnó . , _ 

•Vi.'. 

ino»di corpo- d*irrgegno,& eli uirru cflcresutflmente discorso con ragione Et Pj'thagcra philosophohel ticeue» 
te UcxccIIeacemisn» della longhezza d'ii«o5?»dio co.i^eeaPisaafpreifoa Ciuue Olympio U tiuak lì $1456, 



I 



n>& alcuni Philosophi,& Hyitorici / Ma 
Vetruuio tiene quiiii per confirmatione co 
me di sopri e detto di Andronico Cyrre// 
fte. Cofi anchora per il corso del Sole nel 
la dittinticnedel Zodiaco: & per Tom' 
bre dello Gnomone Equinottiale , che nel 
li bro nono se ne dira . CDa Eratofthene 
Cyrreneo.chi quello fuffe & d'esfi mcsura 
menti del circuito della terrd uedi Plyiiio 
nel libro secondo al primo capitolo & an 
chora a.zz.et.z^.cofì da Strabene nel pri' 
mo libro & secondo de mundi Cecme/» 
tria, & icggctai cose utile: per the tri ppo 
longo sarta dirne.cofi a.J. & a.i7. Ancho 
ra Tolomeo nel suoprimo libro arguì// 
sce Hypaico. (ì come anchora Plynio cir-' 
^ caqueftì mesuramenri di the con ragioni 
certe la terra fi niesurn. Et chela terra nò 
fia più di duo cento cinquanta due milia 
ftadit . cos 1 che a nói pare poco da crede/ 
.^e fi Come Vetruuio di ce cllere (tata nega// 
'ta:Conciofii che uno ftadio comunamentc 
é detto eiTcrelaottaua parte deano Mi'/ 
glio.ilqtialc miglio a noftro mesurare si 
coinpoTiedi fre milia Bracci -.'per ben che 
Vetruuio anchora lo dira net decimo li" 
broa.t^.cnpiroli.& in quello acarre.izz 
lettera. E-uedi (imilmente Pljrnio nel libro 
5?.:i.'o. capitoli. Ma di quanto spatin (i 
CnnipoiTelfe uno Stadio nedi Aulo gelio 
che nel principio del stio libro cofi pone: 
pUirarcnc) nel libro il qii.ntc scrilfe quan/ 
to sia differenza intra gli huomini d'ani 



li 



I 

Ù 

« 

I 
i 

* 



cXpITOLO SHXTO if 

MOToIe co i pìfdi sol" haueric mcsurafo >"& quello fatto lotico piedi diiocento ; & mih<jtn gli affn Sthóii nelle 

terredeGreadaesfìpoi fi uedonocilerfatti di lUi.utrQdi doueiitcpudi : M.rnondiincnoeifercalcun.i cesa più 

Corri • N-lpresentee da intendere Iwutìidoi Greci uoiutoprou;ireil ualorcd'un cjrpo &j'mcclIerco qtiàto dif 

fer::nKdauiioad,iin'alcroria : &ei{endo ueiiuro -illa pruu^ del CorrtreHercGkaiiu.ìnce ch'egli reftailea ripiglia 

te a tiaco a férniarfi , lui se-jnoroiio lo ilare o nero dimorare suo : & perciò h.umo iionunaro Stadio da Io ilare 

de; correr suo: percheffj< A..y fi dice & ctt-j-o che fiiiutìc. fto:& quel),j eifae dyrato al ntenert d'un fiato, il nux 

mero di doicento de i suoi pasfl.-Adunque fi otto i;o Ite duoicato sono luille-sciccato , coniepoiibno formare di 

noftra misura trenulia pasft o iier braccia: Et léd'eifi Greci nìilleseicciito-fi/rmano v«o niigliarointincraric' gli 

SCadu doicento cmquata doi niigliara mulaplic iti p docento,f.iiino p".isfi.)'y.milione &.'^oo.miliara.Ma pche 

hibbiamo trouato molti texti discotretti in qiiclh numeri nò sappiamo in qiial modo chiarirui la ucrita di quc 

fto namero:alcuni secondo Io so'iuere loro ne hanno dimclrrato per calculaniento non eiUre se non pasfi trenta 

Bo miniane & ciiiquccenro miiia la ottaua p:irte, che sana da tin Vento a l'altro trentuno milia & cinquecento. 

Alerò texto ne ha poi dimoftraco uno altro che per numero sana la ottatid pjrDe, tre niillione &nouecento trenta 

sette migliata & ciaqiic cciitinata di pasfi. In akuno altro tcxto fi legge che son fatti di pasfi trtcento uolte & die 

<t uolte cinquanta milia:Ma di quelto la ottaua parre,Iaquale pare euerc iigiioreggiara da un Vcnto:c tredece voi 

te nouanta & trentasette milia & cinquecento pasli: In altro texro fi legge eiiu- isSj pa-jS .15. uolte diece milia Oc 

cinquanca:Ma la ottaua parte di que.toslaqualeparc che un Vento Signoreggia e tredece uolte mille uolte otto// 

cento & nouanta none pa^fi . Ma alTai ne matauigliamo non poter noi hauer mai trouato Auttore che per certo 

ia mesata del circuito della terra h.tbbia scritto . Ariltotek nel libro dellaj)>opri£ta de gli animali al capitolo 

settimo cofi pone . Trouato habbiamo con ragioni Ceoin.etruc che la rotondità' delfa terrà e uinciquatrro eni/ 

lia miglia. Adunque sana queita una ragione molto conforme alla di^rntione fi dei Venti dati qua da Vetru/ 

uio, fi anchora perla diuifione del cele(le2?odi..co & detutteleccleftec ucro^elementale Regioni : £t cefi per ter* 

t« tutf:i la Machina del mondo sana facile a eircrmisurai:a,conie sono tutte iVilrreccselequali h:^nno fine: fi ce* 

me ^ffer.ua eilò Anftotele die ncceffaria cosa e che'l mondo ila finito . Magliaio neffine del secondo libro refferf 

ice n collie Oionyfio doro Melio fu eccellente Geometra liquate morendo'dfyecchiezzn fu sepelito da 1 parenti a 

i quali reitaua la heredita . Dipoi atidando quèHi m spatio d'alquanti glotn'r a fare certe excquietrcuorno nella 

sepultura una epiftcla, laquale Dion) fiodoro scnueua a g!ihuomini vi ut & in quella narraua lui tlTfr scese da! 

la sepoltura infino al centro della terra, & eiferui quàrantadsK.milia Stadii „Q_ueilù fu interpretato da i Gcome 

cri che eifendo dalla sumnuta infin» a! mezo della terra qticfo spatio:iJ arcui to debbia eHere duicento cinquan* 

ta cinque migliata de stadii . Ma Plinio dice che secondo la legione harnionica laquale conftnngela natura ha/ 

uerc uera proportione Aggiunge a que.'ta mesutajette miIij.Stadii & effa' terra eiferela ncnagefima sexta milled 

ma patte de cutto.ilniondo in tanto che respetto a l'cceano mare e quafi un punto . Ma la koghezza ddla terra 

anciiora e difinita, benché fia uariat'a secondò ATffi'^iindòrÒ'anRdbrò & fi corno recoglietnò''da Ptolomeo coli* 

pene nouanra quattro pruuintie . Di quello mesuramento chcErathcilene ha dato e da marauigliare . Ma nondi 

meno doueaio sapere Cpcr baichc fia di grande & amplisfimo calculamcnto) eflfer' poco a ncftra importanza r 

Conciofia che come dice Platone le cose infinite seno a.\ esser nlassate da l'arte , delle quali non se ne puo fare 

disaplina/cJoesnentia. onde nelle Cose induiifibile perche sono infinitenon esci cntia: &cofi anchora rienePot 

phirio : Ma uolerecogìiere quanto sia un Piede,|^n pairo»,& uno MigUo-l'hauerai.da Vetruuronel decimo lib« 

CNon doueino luaraiiigliarci &c . Perche quiui il texto chiaramente dice, non ne pare alrrimente ricerchiamo 

intendere, se non quello che dimoftra la figura di quefti nomi de Venti come tu,|Uedi collocati . Ma se uorai le 

proprietà & gli effetti d'esli' Venti inreii'dere'secondcUIor soffiare o utró bóffare.- perche seno apprcuati da ui» 

certo tempo haucr pai fr)r2a che ad un'.iltro,fi come sono le Ethefie delle q^ali Plyniodicenerquintolibroa.ff. 

capitoli ,&nel libro sexto a. 17. capitoli : Anchora nel libro.iS. a .JJ.c.lpitoh .Et di quello uedi anchora Stra. 

bone , & Si milnicnrcDiodoro Siculo . .Maj^.j^itu-Uogliono fi^nificarc «x^tU . eiTere annali ne quali perueni/ 

mo nei giorni ciniculari,finnosgQrifi3rf ^'"^''nEnreiI NiIo:& deglialhi Venti lasciamo perche non ne p» 

fé a gli Architertcri di grande importanza sap^-^ ma a i nauigagti: puré^lremo quello thene dice AnicniOì' 

di twj'iK' . del quale alcuni dicono Vento greco ■ «tth \'t \^^'^r efo'i'tTj,;Ti:po» tt:; n/poc Tii7r\.iTu<; ncÌTi:\xra<i^ 

XMso-HH ajTos^ptwH iH^rxx.toi ì; a-a-oiuTo ■no^~t'iViK-,c »".'» 'TT^iToir . Qhe cofi fignifìca . Euro Absolano quall 

ficorrentedi foco dalia latitudine, pcrchenef largo soffia li Ventodi Leuant.e. & cofi deglialtri Venti uedere po' 

trai . Ma sappi che per quelli mntiquatiro Venti Veciuuic^ ha detto nel terzo libro chei Greci diuisono per qiirf 

il numeri di Venti k Ci tr.idi loro . come trouerai a.arCC. . 7 j, lettera ,'0 . &.aói alttóut; babbiaiue pautó" 

fcdei VcflUsetpBdoIadiuificaede.A.GèiUo.O'-:- -ir noj" j V-ii,-.-'; - ' .-. 

''~j ynik'jìì:' -■: ' !;r2:rnKfih^ .... ' { 



.. nyi o-f 


:».-•; .-■- 


. g'ìijH (. 


. 


'-\vì hz; 


! 


"ìq-ìva-ju 


■' JJ.. . ,■> 




; 'ISrjRfl 


.... ,: 


.':^ libisi 



:.'2:!J 


h uh 


i ijf*' r- 


•TT-'T' 


e ■' ., 




si-Vonnol!?» 


i-nEF' 


. !noH>:1'r' 


r.T .-,..• 


hn-V ioo'n 




^J.iìqp.f'- - 




iftnrj ; 




oliti 




»oìi '3;' . 




.2l53li:i! b-.ì ■:: 


-,'iiri . 



'1 
I 



'ji.jTjq 



L^RO 



lAFIGVRA. KEL DEM 



PRIMO , 

NJO DELLE RAGIONI 
O VENTI. 




ANCORA LI "\ y E • ^^/^QVATTROAS 

PETTI/ClOE LE^-i^ S_^t ^^A>1TE.I>0NI:NTI 
SEPTENTRIONE ' "^T ME Z O D I . 



CMA SONO piii'sfrrì nomi & fiari ài Vmri &c.Disoprs dmo s'equafT rutti i Venti ndfeRegiofii doucsf 
.. .. ./» .^ , . .. . . . )mi tati : Cornea 

cui procelle noa 



'— » • • --— ' ^ ^ -. ..w- y ■— . ••nvaua » *.IH* «Al,«L/I J<~/>/l<* «*»it/J WUMMIItUdll Tallii IH.ÌIV. 

cTMno o uero per gli effetti rìei turbamenti & imperi loro-o da altro tempernmenro riceiicno nomi tali : cnmea 
tJ\ óA croHere'. Anchora quelli thenaicoao dalle Regioni de fiumi o dalle Procelle demonti,le 



gol inienre sono biiulafi m de Monti 
ma fsfi II .pori n mescolati,! quali col» 
ueiuosepi ;g^eimpcruosamo]tefan/ 
no Jr.iiidf Si horrendi ftrepiti:& d'csft 
cose 'k de yen'i 'cljnicri! da Ariftote. 
nel lib.Me'"heo. Ma quando csfi Venti 
per'i carili -lem. nri srffiiino-sfcndoa 
n' IT diiierfepa- i come fa l'acqua affai 
Coft^nreir iciiid 'Inino tur ppodu 
r.< (? diiiidcMis'ella pi! rif-jm-reiti 
ficaie,T(nchora enrti a f re il nedcPmo 
effrro di pri'^ a co<i fanno Cfli affai fof 
Ca.iti Venti cheelTendo diu's > la f rea 
lorc pnrerhMtni'wfnrpiiadan ■ uagan 
do: Ma qtiaJo ^flf" forza einfieme ndu 
unta u.lno fon f r r ennde irruucndo 
& rtinn più se fi tronano ne'le atte Vie 
dellec/rr dio de altre habitarioni . 
COlrr' d' qticflo !e Aure, cioei Vfntt 
celli della m->nethe ipiiemen'-e aspira/ 
Ijo ins'i l'A'ba dd dr i quali i Latini 
dicono aure maturine, ncnendo o ucro 
surgeli :1o fuora senz.i impeci mento» 
iperdie uedemd alle uolte nel nafcece 



Ma sono più altri nomi SC frati <Je venti che et 
i luoghi o ucco dai fiumi o dalle procelle de Mon 
ti son tratti . Oltra di quefto le Aure dell'Alba 
del di le quali quando il Sole esce delle parti di 
sotterra raggiando percuote l'humore dello aicre, 
& con impito sagliendo SC spegnendo caccia gli fia 
ti delle Aure col antelucano spirito : i quali quan 
do saranno remafticol nato Sole, tengono le pat 
ti del vento Euro. Et quefta cosa che dall'Aure si 
crea , da Greci «"?•» pare efler chiamato, similmcn 
te li di ai uenirc per l'Aure del la mane, "«p^»» si di 
cccfier cI:iamato. Ma sono alcuni i quali negano 
hauer potuto Eratofthcne, cogliere la ucra mesi» 
la dei cùcuito della terra; lacuale o che sia ceita 



CAPITOLO 

©ucrainentc non ucra , non pno laftoffra scritta 
tu non haucre le nere terminationi delle Regioni 
donde gli spiriti de yentì nascano • Adunque si 
ccos'i , tanto sarà come non certa la ragione d'ef 
samcsura: Ma oucro maggiori impiti habbiano, 
o uero minori ciascuni yenti ■ perche qucfte cose 
da noi breuemcnte sono expoftc , accio più facii 
mente s'intendano , a me e parso nell'ultimo del 
libro la forma , o uero come i Greci •X'H-'r* dico 
no: Doi dichiarare, uno cosi datole forma, che 
Rioflra donde certi spiriti de y^nri nascono : l'ai 
(tro in qual modo l'empito loro dalle cetrarie diret 
ture delle yk 8J Piazze siano schifati i nociui fiati . 



SDfTO 



l« 



éel Sole aparirc alcune nmolechtqwt 

fi moftrano hauerlo suninicrso & faa 

no che quella Aurora ddlw mane hab/ 

bla fjcro più picciolo il giorno per lo 

impcdinienro d'qirenuuolc,o aero pcf 

t uapori grandi nella longhisfima du 

ftantiache'l nasca fuorn della terra» 

Ma qiiefto e perche a noi ne rende la ter 

ra anchora una exiremita della notte, 

chenonealtro che l'ombra d'ella ter* 

ra , & perdo pare ch'effo nasca dalle 

parti di sortcrra,& qucfto tengono gli 

indotti: Ma gli sapienti molto ben' sa 

no quello eilere sempre nel suo cielo» 

& la sua uifione effere sempre nella za 

na del Zodiaco . CAnrtlucano spi* 

rito'cioc lo spirito o uero agitatione 

della luce quale e tra l'alba del di & il 

nasnmento del Sole: perche Anteluca/ 

no uol dire mante la luce. CPfl'AU 

re della mane fi diceda, ^Onov. cioè 

quello aiere tinto peri uapori&lu// 

mi del raggiare del Sole in un colore 

che pare d'auro cnde Aurora e detta quafi A urea hora. Erpercioquelprimcaspettoenominaro Auricn:Eti Pie 

tori che sono excellfiiti n[imig!i,4re un paese colorito o uero un parcrga ben finito ilquale del tutto e più chevna 

gioia Cricntnle^peiche eiIa non essendo seno d'uno cok re, se ben fuffe legata in oro, fimilmeiitenon saria seno 

d'un colore.& per qucfto non edi tanta uaghezza & dil«tationeqaanto e la cosa excellcn temente finta & dipinta 

da nlcuni dotrisfìnii Pitrcri.come nel presente assai in Italia,in Francia, nella Spagna , & Germania/ cioè nella 

m-.gna'spcrialmenrcin Fiandra fi rrouanctperlaqual cosa udendo della predetta lertioneduarirti potrai ucde# 

re anchora Plynto nel libro sexto a.22.capitoIi:& nel tibroo3,a.4.capitoli. Et quando quefto colore Roseggii 

te fi uede,nnn solamente nell'aspetto della mane-ma anchora nella sera (ign'fica Vento il di seguente, & pereto 

uokarmentefi dicenei rosso tempo,o chel picueochel fa Vcnto.Etil fimile dice Virgilio deliri Luna. CMa so 

no alcuni i quali negano hauer' potuto Erathoftene,cogliere la nera mcsura del circuito della tcrra.Disopra a su 

ficienria s'è detto da chi ricorrere fi debbbe,& cofi Vctruuio s'egli hanelUsaputo il certo, a noi l'haurebbe pet 

alrr ) modo data . Ma se alcuni s'affaticano uolerla sapere col mecaclini(3)noii sappiamo in qaal modo fi peto 

quella ragione giuftamente pigliare . 



CMA .SARA nel uguagliare piano il centro doue e la lettera . A . Q.uefta IcrtionepSrera fadle forR ad aleti 
ni cheleggerannojma chi non la sapera impigliare cerminacamentc,sara molto confusa .Onde e da notareil ceti 

trodiqnefto circolo doue e. A- che 
ui sarà lo Gnomone. Q.ueOo GNO« 
MONE noi Io chi a marno Stj'leo uc/ 
ro afta di Ionghe^2a il meno piedi set 
te laquale e segnata & tutta diuisa nel 
modo che ri dice Pljrnio nel sexto li' 
broa.54. capitoli, & ancho quan/ 
ra ombra rende, & altre cose che ser* 
uono a gli Aftrologì , laqualepianta/ 
no anchora la notte quando lo accade 
uedere leeleuationi d'alcune ftelle : 8t 
cofi in molti medi si chiama o uero S 
piglia il (Tgnificafo de Io Gnomone co 
me di sopra dicemmo: & per ciò dice 
Vetruuio usare (ì debba "con lo Cno" 
mone accio per esso (ì possa hauere 
l'ombra manzi Mezodi doue e la let* 
tera. B. laquale procederà per deric 
to dell'ombra dal Centro . A . ben* 
che fiisscdeuariata da l'oppolito rag' 
gio del Sole. Ma poi col Compasso 
tomincierai a dare la forma al Circo* 
Io: Et in esso segnerai il perfetto qu» 
àto i cume pórrai ucdcie da tergo p 



Ma sarà nel uguagliato piano il centro douc e la 
lettera. A. Ma l'ombra dello Gnomone inanzi 
Mezodi , doue e . B , & dal centro doue e . A . col 
compaflfo indntto a quel segno dcll'ombta douc 
e . B . sia intorno aggirata la linea di rotondità. 
Ma repofto lo Gnomone doue prima €ra flato , 
e da elTere aspettata sino a tanto che dicresca , SC 
faccia un'altra nolta crescendo para all'ombra ina 
ei Mezodi quella dopo Mezodi , K tocca la linea 
di rotondità doue sarà la lettera. C. Alhora dal 
segno doue e . B • K dal segno doue e . C . col Cora 
pafTointersecatamente sia segnato doue sarà. P» 
dipoi per la intersecatione doue e . D . 8J per il ceri 
tco sia perduta una linea 2 l'atrenio : nella Quale 



-^ 



LIBRO 

la data fifiira picciola & cufi di par/ 

te in p^ne afHgiiMre ilfo Circolo / 

Cloe collie tu lied 1 sconip;irHcanien' 

te neU;i figura gr^indc' CM;i rcpc 

"fio lo Giicmoiie&c. Q.uiui Vccru/ 

"oio dict fia da nouo polio o nero mcs 

■So nel Centro ;il luogo doue p ri 

ina .era ftato Io Gnomone / due 

Scylc Q uero cosa piantata ptr 

lo ritto a dimoftrare la prima 

ombra del Soleexpettata allo e-c/ 

tremo termine della linea del' 

la rotondità/ Et coli quando il 

Scjle ha cominciato a girare do' 



PT^IMO 

Sarahuo le lettere * E . et. F. Qiiefln linea sarai! 
dimoftramento della Regione ài Mczodi , Si dì 
Septentnone . Alhora col Compasso e da effe» 
presa la sextadecima parte dì tutta ia rotondità; 



i^iP 



HABETIC A. DIS LG^ AirJaHL DELLO AMV5 STO IH 



n 


^ 


' ^N. 


>/ 


1 


N 


P 

L 




■^^ 



po l'hota del Mezodi che per/ 
uenga a toccare Cifi linea diro' 
tondiM & faccia un'altra uol/ 
ta nel crescere suo l'ombra pa^ 
ra a quella manzi al Mczodi, 
Sia sei^nata coi punto come pri/ 
ma f.icefti, ilqunle ti dimoftra 
doue e la lettera . C. Alhora 
dal segno doue eia lettera. B . 
ìtitersecatamenre linierai infino douC 
e la lettera <• P . & dal punto doue 
e la lettera > C. limerai intersecata/ 
mente per lo Centro infino alla let/ 
r&ra . D . Mi noi vrouando nel te/ 
xto Latino eitcre segnata la lettera. 
D . f^re p?c la Intersecata linea la 
riportata alla lettera . B . certa// 
mente a noi pare che (ia scorretto ._ 
Cofi adunque secondo il noftro giudi 
tio conniene che la lettera. B . hab 
bia un'altra corre-jpondmrc littera 
jtl fine della intcrsccara linea la qua* 
le sia d'on'alrra sorte che la lette// 
tH. O . Et perciò liaucndo noi tre 




\ 



MANIFESTO AF 

DE L' KORE £T ©E 



nCVRAÌlENTO 
RE DIVISICOU" 



8J il Compano e da ponersi al centro nella linea 
di Mezodi , laquale tocca la' rotondità doue eia 
lettera . E .8: e da segnarsi dalla dextra ancho 
dalla siniftra doue saranno le lettere . G . H. 
Similmente nella parte di Septentrione al Centro 
il Compaio e da porsi nella rotondità della li 
nea Septentrionalc doue e la lettera . F. Si. t da 
segnarsi dalla dextra anchor' dallasiniftra , do 
uc sono le lettere . I . et . K • et da . G • ad . K . K da 
H . ad . I . per il centro son da producersi le lince - 



«aco in uno aacicho textg qaefta Ietterà, P . laquale e per ordine con la somma de l'altre lettere n'eparia' 



^a^ 



CAPITOLO 



SELCIO 



$p 



ftf '^«gjjfre Se emendftre qucfto luogo accio non patisca più effet* formata queUa figura di Amusfio con uitio tale 
jI cjifacoafa(ionep;mre^gii leirori & cofi ui dmiolìr;imo I.i lerticnc chiara. Dopo per lo centro fia perduta o 
nero tir.ita per diametco una line^ retta allo cxrrenio>nellaqu3lc saranno Je lettere.E.&.f.quelLT linea sarà lo di/ 
moftrainciKo della Regione di Me^odi & di 5eprmtrionc: Ma quello squadrato circolo conuiene eilfcr fatto pui 
periettamc/ite che fi può & ben diui5o,atdo che fi polpi non solamente naucre la perfetta fituaticric de Venti ,ni.-i 
anchora dell'iiore del giorno & della notre,ri comeper la figura de i vinti «^jttro Venti ik hore a carte. ^y.dinio/ 
ftraco habbiaiuo:Il rclto di quefta lettione ne pare fia chiaramente di inoltrata: & anchora molto apttta &. dlftinta 
a gli Imerati i quali curiofi seno di sapere intendere 8c aflìgarare qucile scientie naturali . 



Cosi lo spatio che sarada.G. ad H. sarà Io spatìo 
del yento Auftro 8C la parte di Mezodi. Similméte 
lo spano che sarà da. 1. a K. saradel Septétrionale. 
lì refto dala deftra in tre pti fono da diiiidcrsi equal 
mente, lequai fono al Leuante nelle cui sono le let 
tere. L et.M.Et a ponente, nelle quai sono le lettere 
N.et.O.da.M.ad O. & da. L.ad N- fono da pdur 
se le linee itcrsccataméte : & cosi sarano egualméte 
gli otto spatii de yenti in circuitione . 



tcre.L. cr.M. che senza altro direpuo con' uera ragione Ilare. Onde 
espone ucrrat a operare. 



CrCofi lo sparlo che sarà da.G.ad.H.&c, 

Q.U1UÌ il texto egregiamente e/:plica tutto 
quello che per la data figura grande fi ut' 
de eifere scompartirò per gli spam nella 
di moftratìone delle quatordeci lertereal* 
phabetice in rutta la lina del giramento 
del circolo. (£11 refto dalla dc/tra &c. 
lluiui noterai the fi alcuno uolesse di* 
re Ccome di sopra a carte. 55. lettera. D. 
s'edimoftrato;) fi debba uolgerelespaU 
le alla regione di Seprentrione & dalla 
siniftra spalla hauere il Leuante del 5ole, 
non riesca quello ordine che nella presen* 
te figura piana e dato: Diremo che ris'# 
guardando effa datafigura s'intenda la 
D£X TRA parte doue s^no segnare le Jet* 
comejl retro chiara & degnisfimamcntc 



f quali quando così saranno segnati in ciafcuno de 
cantoni dell'otto faccie . Alhora che dal Mczodl 
incorni ncieremo' Intra Euro 8C Auftro nelcanton? 
sarà la lettera. G. intra Auftro 8i Aphricp-H. ifì 
tra Aphrico SC Fauonio .N- intra Fauonio & Cau 
roiO. intra Cauro & il Septentrionale.jK. intra 
ìi SeptentrionalefiC Aquilone. I. intra Aquilone OC 
Solano. L. iiitra Solano fit-EurpiM, , , 






n^'r 



per quello felatfuo che nel texrò tannò dìce.Qui cum fra (Jes cripta 
fpri re a quelle lettere polle ne cantoni di cita detta o uer darà figura . 



Ir. 



£7h in 



Cctfi effe confette, intra i cantoni delr otto Faccie 
«ia pofto lo Gnotnóe,8C cosi siano dengate le^iaz 
se,6{ gli Angiporti in dodece diuisioni . •^" "' '- 



Crr quali quando cofi saranno segnati l'n 
ciasaino c.<nrone dell' otto faccie. Q.uiui 
Vetttiuio per ccndufione dimoftrarc intea 
de niTolutamente la data figura del Orco' 
lo accio chefia giuftificata,c&meper leda < 

te kterc farai molaproua del collocameli 
to d'esfi Venti,accio posfi exp ed ita mente 
sapere dift:nguere ]e s(5pradette celefte Re/ 
gioni:& non solamente piantare le Citta> 
ti>rerre & Caftdli , ma di qualunque al/ 
tre sorti di edifica che sono da diftinguet 
fi con la foriìiata figura nella superficie de 
lo Amusfio nel modo che quiui ti habbia AmusRo » 
mo manifeftata la presente figura : Come carte.54. 
ecuntin fiiigulis anguiis odoSoni:fi può re/ 



CColìcffecófette. A dichfàratfone di qud 
locheuole figHificare CONFECTIS: ài* 
remo che uiene didinato confctìus ccnfe/ 
Ha confcihitn , quello uocabulo ha mol" 
te figniflcationi comefitroua appretto de 
gli antichi dotti sfinii scrittori : & cofi gli 
cxpofirori lo hanno annotato in uarii nio 
di' tanto in verbo quanto in nome & par 
ticipiqrMa quiui his confeilis j.doea se/ 



gnati comittf 6 ucro dimoRrate fignifica.Er perciò qua?ido san ft tra quella dimoftraticne segnata , Àlhora fia 
godo lo Gnomoiie' ride ftj-ld rome Sopra e defro/CEt cofi fiano c^ /rigare le Piazze, & gli ANGIFOR TI m dode Angiporti 
cediuilToni. Q.uiui.ed'auuerarebenchetróiiiamoncl reictoL inno c&fi dire, & rome di ce fi primo comenrato a fàrce. 3u 
re hauei troaato i^n texrp che pu^e esaitto in dodece di aificii,i : iaofi dimenoCfé non si erra )degna cosa e di emcn 
darse : perche solamditè sono otto diinfioni de.i VenH principali:co;Tie publfcamentea carre.;6. Vetruuio cofi 
«jlce,MarauigIier3nnofi fot-R quéUiehemolti nome de Vam h.mnó conofdurirper che da noi solamente fia flato 
^idiiacaop effcreotto V^ti j;& ,cqfi per quefta noftra presente ti^ijiii the dimoftrata habbiamo.Ma quelle otto di 
uifioni fi polfbno anchóra racfopp'iare,& rrfplicare,cóme nel prÌp>o capitolodel terzo libro da Vetruuio hiUete 
Wójlequali dmiioni uso tono i Greci per.leCutndi;iui lepocrai uedtte;a carte.75. 



\ 



^ 



LIBRO 



PRIMO 



ITDiui/j gli AngipòrH,& le piazze jC&nftìtuifC con U eletticfle dell'Aree &c.Di sopra a cartc.jj, habbiamo hau» 
Ito quello cheedjbisogiio.a fabrjcare& circondiirelemura d'una Otta. Al presente intra quelli spani nella Òt 
tacile li chiama Arte in tende collocarci Tempii & sacre-chiesc, Se maxime i principali che in diicnfione,o uc/ 
ro protettionc hanno leOttati > o Calvelli 

■ ' DA ELEGGERE f LVOGHf PER SII VARE LE 5ACRE 

CHIESE AL COMVNE VSO ENTRO £1 DI fORA 

OcLLA arrA capìtolo sErjrmo. 



che inuocati fiano per uofi o per amòre vo 
luntario a impetrar le grati e,come Sopra / 
tephilosopho sapientisfimo difléjlequa/ 
h a nollra s aluce fianc&ne cucedano quel 
bene che da es li impcrramo . Et perciò cslì 
antichi che ne hanno lasciati gli Tempii 
loro per eifempii} Jquali dipoi habbiamo 

{termu tati a salute noftra per conftituita 
eggeChn/tjana , Ma chi fiano ftafi quefti 
soscritti Dei,&Dee uederai Quidio nel li 
bro del Mefamorphofi> & più largamente 
neFafti»Similmente m molti luoghi Ver 
gilio>Varione,Cicerone,&in specie Dio/ 
doroSiciiJo,Pl)'aio»Macrobio , & molti 
altri clarisijmi Hiftorici?& Pocci:£t intra 
gli e;tcellentisfimi Chriftiani Santo Agufti 
pò nel libro de fluitate Dei>& molti altri 
fhe di quefti D>^i & dee hanno scritto. Ma 
i Tempii di qftf Dei saràno da farli d'or 
namento secondo e loro potenza > li come 
disopra nel secondo capitolo & maxime 
a carce.zi.habbiarno haMCo»Ma diremo di 
qualdjeunoancboracon più breuita cheli 
fonuenga:afcicnon mancha |a memòria 
di quelli Dei,& Dee,(i come ha polio Dio 
doro Siculo nel primo lib, di honore imi 
riortalium & tcmplnriim edififationeco/ 
fi dicendo . [primi huomini gènerari già 
in Egypto:Cótemplando rornamento del 
rnondo:& marauigliandofi nella natura 
de le cose sono arbitrati doi eiftr gli Dei, 
^ esfi eterni 'Cloe il Sole,&IaIima:dequa 
ti al sole citato ambuito molti nomi per 
le sue gran proprietari & marautgliofi ef/ 
fettusimilnientealla Lunarper liquali eh 
fetti glianrìchi hebbero ardire tali nomi 
ponerea esfi primi Dei,nomiaandoIi da 
gli effetti cl)e fi nedeano i loro Regi & si' 
gnori imitati.Er perciò gl'imortali sub/ 
seguenti poi adororonoTo spirito p Dio 
jPerche'l fi.i causa a ciascuno della loro 4 
faiconteniplando succesfiuainfnte:Ma per 
fhea uirru degli elementi tutte le cose so 
generate,adororono esfi elementi per Dei: 
mutando i nomi loro secondo lesucvarie 
propriecati & utilitari che da quelli rice/ 
tieuano:Etelfqido in quei tempi qlla gen« 
fé anchora ruzza > ciaschuno tiic con sua 
uirtu & ingegno a i mortali porgeflfe qual 
che emolumento , o nero hawe(Ie hauto il 
Corpo di maraufgliosa bellezza ►pei- Dio 
o uero D?a Io reputorono.Da quelto epro 
ceduto il nome di Giouea gionando : al 
quale hanno conili tnjte le chiese auree nel 
più sublime^ alto |uogo:quefteneIleCi 
rati sono le Rocche,perche hanno creduto 
che eflb Gioue spccHlaflìe gli detti & fatti 
de mortali & spcfialmente de i Re. Et 
quello medesimo mandaffei Fulmini co 
tra i mal fattori ^Et quello nome di Cioue 
l'hanno arribuito al supcriore Elemento* 
cioè il foco'Q. uefto fu già Re di Creta co 
me d'flTo mQlci hanno sceicco: ma quello 




lulsi gli Angiporti 6f le Piazze confK 
tuiteeda manifeftarsi allo abisogno 
& comune uso della Citta la elettionc 
deirAree,alle sacre Chiese ,al Foro, 
&: al refto de i comuni 1 noghi.Et se sa 
ranno le mura della Citta uicine al marc^ l'Area do 
uè il Poro si cófl:ituira,e da eleggere uicina al porto. 
Ma si salano infra terra, in mezo della ( jtta.Ma le 
sacre Chiese degli Dei da quali gradissimamentem 
de Tensione la Citta si uede eflcre,& a Gioue^ & a In 
noiie,& a Minerua in altissimo luogo, onde la mag 
giorparte della Citta si ueggia, sian l'Aree diftnbui 
te. Ma a Mercurio nel foro , o uero anchora si come 
a Iside, K a Scrapio,nel Empono. Ad Apojline , SC 
al Libero patre,uicino al TheatroA Hercolei quel 
le Cittati che non ui sono gli ftudii , ne gli Amphi 
theatri,acirco sian fatte . A Marte, ftjora della Cit 
ta,idcft nel campoJBt similméte a yenerc al porto: 
Ma quello anchora da gli Hetrufci -Aruspici , da gli 
scribi del le sciétie così e dedicato^ Fuora del muro , 
a venere,a yulcano , a Marte , i Fani per quefto si 
colluocano,accio non sia in uso nella Citta alli gjo 
uanettio uero alle matre delle famìglie la yenctea. 
libidine : Et la forza di vulcano scacciata , co le re 
ligioni & sacrificii , di fora da le Cittadine mura, 
dal timore de gli incendii gli ediflcii liberar' si ucdo 
no . Ma la Chiesa di Marte quando sia fuora dei 
le mura dedicata,nó sarà trai Cittadini l'artnigei-a 
discordia ,madagliiwmiciefia in difensione dal 
pericolo della battaglia laconseruera . Similmente 
a Cerere fuora della Citta nel luogo , Uguale non 
sempre glihuomini se nò per necessita di sacrificio 
habbiano a ire ■ Conclosia che di tafta religione SS. 
santi coftumi eflTo luogosidebbeconseruare.Et a 
glialtri Dei alle ragioni de gli sacrificii,ai Tempii 
le còmode Aree sono da diftribuirc . Ma delle mefu 
re di elle sacre Chiese da farsi , & delle Aree, nel 
terzo 81 quarto libro renderò le ragioni : per chc^ 
nel secondo a me e parso prittìamentc del legna 
me le moltitudine , che ne gli edificii sono d'ap 
parechiarse , di quelle uirtu che sono , acquale uso 



CAPITOLO SBTrmo 40 

fiabblaìlO, dichiarate. Et a J mcsuramentO de diedi 'imbuisce a luncne suaSorel/a&mo* 
ficii rédcre tutti ^1 lordini &: le generation! delie me f " h^."" i'^itit^) utro tu'a Aiere.Er q, 

Sure:(X m CiaòCneauni ilbn eApi;Care . to dio derarqua,o uero eira acqua ,rai^ 

tro PiuroneDio della terraKJ uero e^ ter 

ilqual fi d/ce hiuere mang.aro rutrf glialo-i suoi figli oli excerro qu.t: ^^ '^cSi^^M^'c'S 
tempo:&: il tc.npc consuma ratte [e cose del nicndu e/ccrro i quattro elemenn , nn,i, ^^r,.^ "'^°"'"'o/ 4"*^* 
raw. le mura delia OtraCche .1 texco dice MLNLE) aaneal mar l^r^dTue'e ,?F«r T t^T'^^, ' tf.' 
truu,., da Tardine nel mcdu die debbono cif.r iat:ei'AR££.ciceyi '^at.fdeluózlf alle r.r^ rh^A^n n 
^ sul .arecoHK fi uedenel secoudo Ub a.. capuU, racrono nel fiióS^f l^'rS,^^.^ MaTsoSS 
fcfi alienerà il Fcro-CMa se saranno infra terra uhe 1 texto diceMed.tcrnneOSano confatuia Rd mezu del'Òp 
pidu. Cìuiui chiaramente Vrtruuio dl.hngae la gcuerauone & specie di tali edilicu,ncl modo che fiano da fa^f 

|.^r^^"n?^'r'*n '^ V.?P± .' Trf '^ 'f ^'"^^ 't™^'^ '''^" ^"^ "'"^'^ Cictan:pcrche eire hanno altre ài 
fcnooni&firaanonidelu.ghi peraltro modo come Vetruuic due & a queito sono cciiosciuti secaratar vcnte 
da ■uolce specie deOrcan.CMa le sacre chie.e degli Da &c.Q uiu, dK^delle scluc de Ten r u^S cnS a 
csfi Da * Dee,& dira sim.lmmre Vecru nei cereo U.ro al secondo capitolo le mSch int«^fi ri eia elei & 
altri romp.ninenti, a c^rte 97- Et cofi sapre.nc ccn ragione e pcrare come di ^opra u. quefta Ictaure habbn" 
ino detro.e: A Mm.^ua q::eia anchora Palla e chiamata , di csl rfa.nno fabulato Sk nata del apo di Gióu^ 
sdegnato per L-, fteriUra oella Dea lunoae £c per quefc ha.nc detto efTere itarc ncti solamente la D« della sapiSa 
ni, ma muain- ce ae.le Roeehe,& per q^oto gii fi conftituiseono i Tempii in alti.fimo luogcG A Mcreuno nel 
Foro'aoeil Palazzo della ragione^Anehora eflo Marame scpra furti e honorato à, i mor:.H;p£r.he fi dice eSc, 
re »ato "naaitored. moke cose neceiTane alla uita degl huomini,& quefto ma^cimamcnte ucgUono chel fia ftato 
Il prtmo cne habbu redurre le parole in cedine a cciraponere pertoa uraiic-iitCà ijautt^ 

te U nome aa gli cff-rti Uro) de per quefto gli e acmbu. to 1,, elcquenna laqua^e neceti irla a tu-ct dlli che fi exer 
erano nel pai ^^^o della Rag.one.CA lsu-i..Q,-.eit. dice p,odo?o Siculo ^iTere ce"ta p "pr ameme [una K 
elTi Ifide e derto e>s«eaata prima inuentrice dilegge.& di moire altre co.c degne di nien.lria appresso di lor" 
Eg.pCi,&p qio gh fi ft.uuisce .1 Tempio appreffo aj EMPORIO/doe la Vi,z^ da i mereari<,ccio che ad cgnu 
no sa secata la giuftiaa che nelle leggi fi coU«:c cA Scrapio. qfo fi RedegliArgiui chiamato 6ma Apis & 
trasport to m tlipte fu derto Ser.iTls dio degl Eg.pni comeagufti.m a.dei.CAd Apolline.di qftu nefafro dt 
sopra menti -nea e r.2z.lerceraj>.& nel terzo proemio ancora alcuna cosa ne diremo. CAI Ubercpatre. Q uefto 
da molti Hi.-tcriei & F-eriecelebratcdcl quakehi ha detto essereilsoledel mende:* chi ha detto ch'ebioni 
fio,& chi lo Dio B3cco,& mola alrri nomi gii sono ftan arrnbuiri secondo gli suoi uaru efilrn- Et oerac aaefti 
Tempii gli er..no cóftirum di natura Icnic; come a carte. zz. lettera .Q. detto habbiamo.& deputati -ppresso al 
rheatrctperchein esfi fi rapresentauano uanecose per ama eftra menti, o uero per iocondita di ncftra humana ui/ 
ta.C A Hercole.MoIti preclansfimi huomini in uane Regioni & tempi scilo già ftan nominati Hercoli-si come 
legger poslTamo da assai saittcri degni di fvderqueiti hano fatto molti preclari fnti utili a i morali & deci- 
di mcmoriaa quali poi ioao ftan rjcri atrribuiti ;id uno solo,come anchora alcuna co^a a carte.zz.& 57 dato 
habbiamo.iTSrudii Cchel texto diceGymnasiOqudh sono i pub!id luoghi doue fi le^ge delle uniuersali scien/ 
tiepublicamer.te,& douesono depurate le grandi Librane.ccmenel settimo proemio haueremc Et ecosa da sa 
pere che intra moln Studu conaicuiti m diverse Regioni & Ottadi nel mondo-non fi troua esserne ftan seno cin 
quecfaeottoicsserc U prlnapatorc^mefurmo quelli degli Ebrei,& deCaldei,& de Alexandria di E^ipro,& de 
g:i Adieniefi : poi quello de i Lanni,&de i Galli comec ajicho ih PARIGI merropoht.ma: Ma hoggi'tfì tanti al 
tre sono coniti Piiti nella ncftra Italia che qaafi baiterebbcnc a mneiìrare & dare sci curia alla maa de el'huomi/ 
r.i del mondo.CTAmphitheatri'Cice fi come in Roma il Ccliseo che archerà fi pwo uederc a qusl mudo era ftitto 
in drcDlo>che non di perfetto rondo,raa quafi eonie Quc/Ma pet nò esfere in quiclle Ottadi ne gif studii r» i Cn* 
Ii>ei Vetru.infendefianofatteIeChieserotondeficomee;l Tempio di Hercole dedicato a Santo Fi dele nella Gt 
t) di Corneo uero anchora equale a allo in Mil no che molto nthabbiam detto cheassai dura dedicato a 9'ro 
L5urcnrio,o uero come e m Ramai! Pantecn/doe Santa maria Rotonda/CTA Marte.Q.ucfto eftato dimandato 
M-rte a maribiis.a i quali maschi 1 antichità ha aedaru lui essere prinapaleaiutcrio ne farri militarihino fii 
b'.ilato qudto i Poeti da lunoncchc fa anchora chiamata Bellona , essere itato generato egiza huomo ne Campi 
0!enii,hauendo toccato un florcilqual flora moglie di Zfphirò gU moftro a quefro effttio, & rrió » detto Dir. 
della guerra. CA Venere.Sono già ftate molte Venere ui pio Re^^icni & m diuerfi tempi-Ma perche Vaiere fii 
interp rerr^ra per la uoluptatc,tre Venere sono ftate più dell slrre celebrate-ace tre uoluptate la Diuina,Ia Hima 
na,& la Ferina.peggiote d; rutte.CA Vukano.au^o e ftato nominato il Fercil quale hanno detto essere dau 
do^pcr che cerne uedemo la fiamma mai non ftare equale,ma sempre essere moiiente:Q_ uefto fì diccehe fu dar 
per marito a Venere : perche la uolupta Venerea nò si exercira s«iza il fccordoe senza colcrc.Et pero dice a Vere 
re,a Vulcano a Marte,! Fani p q^^o fi e jlloeano &c.CFano. a qftì pche da molti expofifori e fatta differeiza delle 
sue dcriuatiói^ne pare a utilità de lettoni&Grimatin ala j.iro dirne; Aironi Himnr^ ir-.r.i.,„,, „..-: j_J 



e. LTBRO PRIMO 

n f quali lo erróre de popoli gentili coftftimcua i rtni^fì.o ufrsmente perche in quel hicCo le imagfni de / Demo 
nii appariscono: impero chef.inaingrecoedara,apparirionc:oiifr;)m(nrca Fundco uctl dal greco Ccxs.cioc 
uoce iniperc cheiui fi daiiano le respoll:e:ondc coloro chcpredicoHolecosed;i ueniresono chiamati phnnatici . 
Etiunianodicechci Fauni>&i poeti già cantauatioi uerfi Fauni Dei de Latini in Mi modo > che Fauno & Fauna 
(iano i uerfi quali fi chiamano Sarurnini ne i Silucitri luoghi fi due eilcr soliti p:irl.ìre:i quali Vairone dice fhea 
Fando son chiamati Fatuf-cioe quafi pazzi .Et Cornucopia cofi pene «nchc rarn Fando se ne dice Fano^ioe rem, 
pio:per(he il pontifice nella dedicatióe del rempio,pariauaccrteparole:pb(nchefiano alcuni i quali -■tot<,i. (Juc 
H'.éoH uegliono che fia detto ,il che lignifica manifeltoiimpcro che dal Fano fi dauaiio lercspoffc: donde i Pro* 
phetf chiamati sono Anriftiti dei Fani» & degli Oracoli-, & H^pophed scn detti miniftri di induiinare a quali 
senza dubbio i Propheti comandauano: Et Fanatico fi chiama uno insano:impero che gli Sacerdoti quando da 
uano le respofte, pareua che pieni di furori insaniiroro:di qui echiamato Fano una Otta della Marcha poila nel 
lariua del Mare Adriano tra Pesaro & Sinigaglia,Citta,piu amena di tutte l'ai trt Curati d'Italia secondo il no 
ftro giuditio>o uero che fi confidere la narura del luogo o l'ingegno deCirtadini:& in quello luogo e un bcllisfi 
mo Tempio di Fortuna del quale ancho fi uedono li rcliqui:di qui sono chiamati Fanelì o ucro Faneftri & Fané* 
tii.jAnchora Prophano» uol dire un luogo religioso non Sflnto:dice Plauto o consacrato o profano che fia tenu/ 
to fi disprezza:& certamente quello e profano che non e legato alla reIigione,quafi disroftato dal Fano & secreto 
dalla religione : Anchora e appellato profano quello che da religioso luogcsC conuerso ne l'uso de gl'huomi/ 
ni. Donde Virgilio dicco Fauno ti prego che tu babbi misericordia: & tu ottima terra rimii sempremai gli uo 
Rri honori io ho cultiuato col fierro,i quali ftcero profani nella battaglia di Enea : Comehauca detto di sopta: 
Ma in ncffuna diftrenza suttentati la sacra ftirpe. Di quiui e detto che profanare da una cosa sacra e fatta coniu^ 
ne alle cose humane : Et noi diccmo un Tempio eflfere profanato quando in e(Io fi eccbartuto» o uero f^tto qual 
che cosa brutta, dalla qual cosa se ne caua profmatione: Alcuni uogliono che tutte queftc cose come canate dal 
greco cxtimare fi scriueffeno.PH.piu pretto cheper.F. Gli antichi scrifforo profano.Hannum, & Hannulum per 
un picciolo Fano>& si ne dice a car.88.CA Cerere.D» quefta.si ne dira a carte, al reito per Io texto chiaraniea 
R fi explica. 



CAPITOLO SEPTIMO 4» 

BOmclO ENTRO A LE MVRA DELLA GITTA CON LE DMS/ONI 
& delle A ree oche dir uogliamo sparii terreftnK dell'Isole delle case ErdcgìiAn i 
v'fl giporti a quali regioni de ucntj siano situate per schifare i princpali uenti nociui 
nella lor frequcncra del gelido uerno K della calda cftate con lo affiguramc ^ 
Io dello Amussio ne l'ordine che {si potrebbe fare che le ftrade i 

"'' fuirenodiritteallapiazzaK l'altre più che si 

nV poteffe per tale ordine. 




^etché^lso^ Ìeirtè>ÌÌXi\ éi'Sato a ptinà ^"«^(iKI/cóie^ìu àpérnhéte dì fiÀ6àré rfehìTd àHéifli 
ra d'una Cit£a,nondimefto tiC e parso anchora farne un'altra figura come a tergo fi uedt ?ccio .iitii^ 
no poflaanrio.tarelauaricuchexral'una& l'altra fi ritroua &fare a suo moaoodi alcuno e idfr=c 
di ambìdoi.0 ueroperaitM uia che sempre uariar fi puoj&Tanchoraa dimoflrareitl qùeffn !c còfe it' 
tuaiehdbbìàyno tenuto ilmcdèsmo ordine che e nella prima conl'àtphaberichelittere.Eltpriniamé 
te annoterai cheperlatirtcra.Iis'intoideeflereilcenrro del quarto della figura doue S uede il piede 
ftalle di marmo collocata fhe,d»90ta douc ftia lo Gnomone per il qiiale fi può fare nella piazu pria 
cipale un Circolo 8^4'ft'nguerai lé'umtiquattro Kore chemédian^^e etto Gnomone/ cioeflile di Ra^ 
mo/fi può conoscere rhore del giorno co'I Sóle per l'ombra quàdo (iabcnecalculato.da! qual era 
^ ^ ^ trocuttel'aUreliaeenafconopereflertiratedoueperleuicinanze bisognano. Encta chedouee sc^ 
r gnato la littefà. A. s'intende efTf re gli Angipoitl.Edouc sono le litrere.B. sono le isole ouogl'an 

i aire lecasechesono arcuile dalle ftrade.&doue sono lelittere.Csono i canali o uero conddtt: d'ac 

' iquechc dentro scorreno purgando lacìtta tanto coperti quanto discopeirti sopra de i quali sono fot 

teParcuateuoltcafascie. Etdoueèla littera.D.sono spatii o uero luoghi dfspfàgceaan/ì dslleuie 
o uerodoue per lo comune abisogno delle Vicinanze (isoleuanorifeniare alcuni <^utrfJh;nghj pet 
^. «olazzareorarcongregauonej&: anco perpubIicipozzi:& per dar luoghi a Carri accio quid o i'ui»o 
haueffea scontrare l'altro si poteflero ritirare,© doue fipDUa dar luogo al letame ne pcrg^ munì del 
le dalle, ©terreno cauato all'abisognod'alcuniedificiikMadouesonolclittere. E. sonoleuiepu 
klice&reale>Edoueèlalittera .C. èlachiesaCathedralcochediruogliamoil Domo ddla Cut» 
Rdoueè. H. anchora e da farli il Palazzo della Ragione. Et doue sono le Iittf te. 1. soncpi..27e 
di palaazi picaoli. Etlelettere. K. sono lepiazzedaniercati.Etdoue eia lettera. L. sonolecjur 
gre Chiese© grande opiccioleo per parocchie:ct coli potrai seguire de l'altre cose molte oppoimne 
al uiuere& uso human© ,& di (^uatouihabbiamo dato regola se picciolo spati» uiparrllealla m«l 
titudine de glihiiomini nelle Citta grandi uè imaginerete secondo lordine dato deschiuareinocitji 
Venti tanto per la frequcntu delSole.quanto per i'aigentia del freddo , accrescere le (Irade & d: lon^ 
ghezzaquelle che uano diritte aUa piazza magiorecóftituita nel centro della Citta segoara con laiic 
tera.T.& di longhezza anchora quelle altre molte che cifcuisconoRradaper ftrada dentro aljxiuta 
che è ia difeaiìoQe de tutto il corpo della Cina • 

.' ■ i 

'V / \ 



i 



LIBRO 



SECONDO ET PROEMIO 



42 



Cln quello prefente proemio pare che V etruuio maturamente laudi gli huomcni che hanno le virmti Scfyc 
uidamtnte defidcrano dimoftrarIe,ma non cofi imaturamcnte come Dynocrate:jpche del fuo lionort ha patito 
p la dimanda che a effo Alexandre fece come diremo:&p cheauienea queftì come Annotile nc^li cknci coli 
.dice:Lihuomeniche poco cófiderano,a tutte le cofe facilmente fono biasmati folamentep dimoili are cori 
prellezzal'o ere loiO l'peifet. e. Adunque nò parca v etruuio che alcuni p v olcre fa Urea gloriofa fami deb/ 
bano fenza maturità prudenrisfima moftrare impublico 1-" opera virtuota,iSi: maxime come q fi narra che D/ 
nocrate ad Alexandre fece.fenzaconftderare qlio ch'importaua a fare edificare, £e non poffcre alimcture vna, 
Citca:Et quanto alia memoria tener "lì debbe non lolamente p le Citta de monti.ma in qlle de piani:cofi an/ 
chora douemo auertire non incominciare qlie cofe che non hanno le comode & debbi te ragioni di pulfer'' ri' 
pirli, 3imantenerlì.Conciofulfecofa pur che la diligente virtù, & la ferma giouenildalla natura ornata 2i di 
fceltade S£ di rapienria d'animo checonelfainuentione difegnatadclmonte Atonincitalfe, 

Dy'nocrate venire dalla fua patria con 




PROEMIO DEL 

LIBRO SECONDO DI AR.CHITETTVRA DI 
MARCO VETR.VVIO. 

tnocra'te Architetto confidato nel 
le cogicationì & diligentia, quando 
Alexandre era dominatore delle co/? 
fé del mondOjUenne da Macedonia 
ìlio esercito defiderofo d'eirer'coni>7 
uendato dal Re,6r dalla corte . Co// 
ftui dalla patria da i più anaicipOPto' lettere di fauo// 
te alli priini del Renaccio che più facile entrata egli 
hauedea' parlafgh:riceuro da qUi humananicte, Sub 
bito dimando'' die AlevandrofuiTèpredutto: hauen// 
dogli co!l"0'"o spontaneameme pmelFo turono tardi, 
^ aspettare il rèpo più idoileo.Ét cofi Dynocra'te efti 
mandofi daqlU eiFcr' betfatOja seftdFo dimando pre<> 
fìdio:p che egli era di grande ftaturajdi Volto grato, 
& di sumadegnita'.Confidato adunque di qfti doni 
della natura, nello albergo pose i uedlmenti fuoi , & 
con oleo il corpo fé unfe,il capo con frondi di Piop 
|)o corono': La finiflra fpalla coperlie con una pelle di 
Léone,6f nella d^xtra mano tenendo una mazza c5 
^auita' uenne auante al Tribunale del Re quado egli 
rendeùa pablica ragióe. A qfta nouita'uoltatofi i'I pò 
|)oIo,Al€xandrouidde qllo^ marauigUandofi, Co ? 
tnando' glifulTedatoil luoco accio chel precedelfe 
àuante:8i dimandato chi el fuflTe.Respofea qllo io so 
ilo Dynocra'te Architetto di Macedonia, che le mie 
iogitationi & forme ti porto degne della clarita ti>a» 
tmpero che il monte Aton io ho forniato in figura di 
Statua d'buomomella man finirtra del quale ho dife 
gnato le mura della aplisfima Citta: nella delira una 
Còppa la qualpigUaire l'acqua di clafcun de 1 fiumi 
che in eifo monte sonojaccio che dMndipoi foffe nel 
'mare sparfa. Dilettato AleJfSdro di elTa ragion'di for? 
ma,fubbitodimando's'intorho uifolTeno campi da 
framenci^i^uali potdTeno'ion ragióe qUa Cicca diffé 



lettere di raccomandaticne,3(: di ttfti/ 
monianzadifuoi fatti , alli principali 
Barom.ai Cóli glieri del Re AlexSdro, 
1 quali p demoftrarli egregii non folo 
fuITeno d-» altri degni veftinienti ornati, 
ma p^pria degnila fi come alli Cardi/ 
nali Romani gli fi dona purpurea ve > 
fte,btn che purpureata fi può intendere 
anchora con altri ornanùti mifcolati li 
come intefuta d^oro con la ftta purpu/ 
rca/cioe colore rolTo come di rofe ver 
miglie.Et elfendo elfo Dynccrate acce 
tato,&: esfi hauendo pronieffo più voi 
tedi cxpedirlo Dynocrate non vedendo 
da eìli fé non tarda refpofta,o ucro co 
me intetucne alla Dea Virtù voltdo au 
dienza da Gioue.chc Luciano cofi di / 
ce.Ma p la Dio gratia gli e hormai paC 
Fato vn mefe intiero di quanto espetto 
e(icreintrodutta,&nonho lafciato di 
pregare quanti Dei vanno Se vengono 
che mi faccino hauerc audlenza,ma se 
pre mi e data qualche noua fcufa & re/ 
spofta. Alcune fiate dicono che li Dei so 
no occupati a fare che Sic.C A CeftelTij 
dimando PRESIDIO/ Cloe elfo di'/ 
mando Taluto alla fua fcientia la qua 
le era aiuto allui.Concio fia che pre^ 
fidio e detto a pte & fedeo/cioe pti 
cipale aiutorio che per fé Kelfo ciafcu/ 
no alli abifogni fuoi prepara fpeian / 
do vfarlo quando gli fia dibifogno : 
ccnfiderando adunque che tutte le co 
fé cedono alla virtù, & che la virtù nG 
ha bifogno di nelTuna priuata lode', 
ma per femedesmi puofarfi cogno/ 
fcere, Anchora che agli audaci gioua 
la Fortuna , & li timidi difcacu : Se 
anco a talppofitofi approua che la 
beLezza ha quello in fé che più pre 
fto volemo a lei feruire die a gli al 
tri lignoreggiare della qual cofa Ro/ 
berto valturiafamentionenel Deci/ 
mo Libro dell'arte mclitare,coft di/ 
cendo.La mazza ^ la pelle del Leo 
ne allo antico Hcrcole fé apartengo/ 
no, nel qual tempo le armi anch'ora, 
non erano trquate , ma con li ballo/ 
ni gli huomeni se dilFendcuano dalle 
ingiurie , ^ con le pelle delle fiere m 
lubco di armature copriuano i corpi 
loro.CTAccio chef pnccdelTe auante / 
Cloe chegli (i prefentasfinelconfpetto 
iel,Re,&cofi quello con grauua ven/ 



^;'!o <-. 
Vip r<y 



,i.ih% 



LIBRO 



SECONDO 



cioè quel 
lo che dice 
moCoiu/ 
p<iiuCi:o . 



ne al Trfbanate del R.e Aletandro nel tempo che daua ptibUca audienza :rinica la audienza :^If mo/* 

ftro il d Te^io del monte Atos. Et concio fia che la natura habbu procreato nella tondezza de la Tee 

ra noi folamente gli alberi, mi i monti sasfoii :t quali moftrano hauere vna malfa digroirata di aU 

cuna figura riprefentata alla no.lra cognitione: per quello Dynocrate die cura adimoftrare ciromonx^ 

te in tal figura, ma confiderò mjftrare cofa ^rata allo Imperatore Alexaiirocome che elfo moti 

re veramen're e de più alnslimi del mondo Se maxime oer ellere in Macedonia prouincia di effo Re 

& Imoeratore Alexandro Ma^no, il qualmonte'e celebrato dalli eximii Cosinogrophi, a: Hiitorici.ve 

di Plj'nio nel Quarto Libro a. io. Capitoli, di Valerio maximo, Se Aiiftorde, come nel ottauo Libro di 

remo 3c altri atTai che dVlTo hanno fcritto : con ciò (ia cofa aichora che in que.to mon * 

te gfhabitatorl viuono più di cento Se quaranta anni, vedi fimilmente Pl/nio che teftiffica nel Libro 

fettimo al fecondo Capitolo. Adunque gli parfe hauere a operare gran D.'nctjcio alla vita di Alexan 

dro fi haueHTe ridutta la voglia di lui che inefo monte lì fusii deliberato e Jifncarevna Citta, &iui con 

L chansfiini Tuoi repatriare. Ma concio Ita che come Ariilot.-ie nel Libro della Icconomicadilinifce co 

fi dicendo. La Citta e vna moltitudine di cafe,)3«di Cittadini abbundante dlcamp» ^poffesdonia con 

cordia rettamente ordinata al ben viuere. C Quando tro.io non (ì poffere .Vcquiui dice d'Iettato che 

fu Alexanlro di quela ra^gione 8c forma, fubBito dimando f. diiitorno glierano campi da fare fru^ 

menti , 2C ntefo che non u polfeua ciuilmente mantenere : co^ioobe non elTere bene m queito auerti^ ' 

to Oj^nocrate : Et perciò cautamente parla Vetruuio alio fmperarore, dimotrandoU lui elfere vecchio 

& difforme Scc- Ma che egli e fapiente, quali dica''che coS fàcilm.-fire come difopra habbiamo detto 

non (ì farebbe moiTo fenza confideraie quello che importa a fabncarc ^ deteinunare in vn paefemoti 

tuofo o di piano, vna Citta come fece 0|'iiocrate|: a: fecondo narra Uiodoro Siculo nel Sexto Libro 

efTendo che già altutto fulFeno per la iteriuta abandoaace Alcune la.'ole , ic altre terreftre rcài^^ni : co# 

me auenne nella infoia chia:uata 

Dia, la quale fo chiamata Panarax* 

tidada gli Tracii. Coltoro dopola 

habbitatione di ducento anni in efl*a 

Infoia, oer la conftringenza de la fec 

cita fo necefTario aban.lonarla: coS 

anchora vedi Plinio nel De:fmo fet.» 

timo a. 4. Capitoli quello che auen./ 

ne a elfe regioni : Et oercio Alexan 

dro diflTe con pruientisiìme ragioni 

a D/nocrate quelle parole che vetru 

Ilio dottamente narra dicendo. C" •'^e' 

feiza labbundanza de cibi etfere fre 

quentata/cioe Come dice Ariflotele 

nel Libro della Politica. Ma Teren > 

rio, a quello propolto co-ì dice. Sen 

za y;rano, & vino non folamente man 

cha la libidine, ma nitti gli exercitii 

& gli artiiìci neceflfani alle ertati nel 

lo abifogno per la comune vita , co 

me ditto habiamo nel primo de la 

in.litutione, per chedoue non può la 

natura bifogna fupplire con Parte: (ì 

come anc'iora del beneficio de l^ac.« 

qua che vetruuio ne dice nell'otta/^ 

uo Libro a.i4. Capitoli 8e ben ch'e 

gli parla delUutilita dell'acqua altri > 

mente, non dimeno quali proprio ài 

confiiiiile fentenza al benefìcio de la 

vbertate, ^ abundante copia de frac 

ri vniuer''ali , ?i de gli animali, St Oh 

fonie pertinente a pofler far viiie^ .* 

re , & frequentare o vero di variate 

arti operare gli huomeni,.''i popO/> 

lo duna Citta : il qual popolo (i 

clùama propriamente vna moltitU'* 

dine di gente humana concordata in 

vna comune focierate, o che fianori 

chi ciuili. o mediocri, o poueri, o di 

balTa plebe.ouer' villani, pur tutri a 

viuere de vn confenfo fecondo le le g 

gi : 8c coli fecondo le regioni ^ vfò 

del confueto vmere fi conftituilFeno 

gli ordini de le leggi accio le perfo 



dere. Q,uandO|troiio' non (ì poiTere Suftentare la 
Cicca fé lio.i con le uituagUe che fi conducono per 
mare,di!reo Dynocra'ceio a' miro la egregia com/» 
polìrioiie della for.na, 3^ di quella midiletco.Ma io 
confiderò che ij alcuno hauera' da ordinare fi che ia 
tal luoco s'abt)ici,giudico che di quello egli sarà [uU 
tuperaco.Per che come il nato infante fenza il latte 
della Nutrice non fé può alimentare ne ancho alli 
gradi della crefcente uica produceretcofì la Citta fen* 
za campi & di quelli i frutti abbundeuoli,ne laCit# 
tapuo crefcere, ne fenza abbundiza dicibieflTere fre 
quentata^ne il popolo fenza la abbundanza confer/; 
uare.Eccofiper quel modo darli forma péfofia laa 
dabile, ma giudico da non laudarlo: pur uoglio che 
tu (ì^ meco, per che fono per hauere a ufare la tua opC 
ra, Et per quello Dynocra'te dal Reno fi dipaiti',ma, 
in Egitto il fequito'.Quando Alexandro fiauidde ia 
<juel luoco elTereilpoitonaturalmétedifefOj&il Uio 
co egregio per uendere & comparare : li campi da fa 
re frumenti intorno a tutto lo Egytto, con le gradì 
utilità del gran Nilo, comado' ad elTb collocare dal 
nome fuo Alewndria Cicta.Et cofi Dynocra'te dal 
Volto & d^'gnita del corpo laudato. peruenne a! quel 
la nobilita. Ma o Imperatore a me' tale SCbianza' no 
diede la naturarla etade me ha Cangiato il Volto^la 
infermità' m'ha cauate le forzze,& cofi perche da ql 
li aiuti io fono abandonato: per li aiuti & fcritturc 
della fcienza (d come fpero)uerro' a eiTer comenda* 
co.Ma concio fia che iicL primo libro de l'Oifiùo d^ 



SECONDO 



45 



PROEMIO 

I'arcMfettura,& de la ferminatìoni de l'arte hab 
bia pieno fcritco, fimilmente de le muraglie, 8c 
intra le muraglie de le diuifìoni de gli fpatii.Se^ 
qta a dire l'ordine de leG.cre eh efie ,& de publi 
CI edifici!, & fimil'mére de i priuati : co quali t or 
rtrf^jondentie.&mefureche debbeno elfeie, accio 
fiano dechiarati : Non ho penfato fuffe da pò / 
nerli inanzi. Si primamente de la abbundaze de 
la materia, de la quale ne le spatiofe fabriche di 
edifìcii, &alla ragioni de la materia (i fini!'co* 
no, Sedie virtuti nel vfohabbiano, non bauef 
fi chiaritoio detto de quai principii la natura de 
le cofe fofse fiata complesfionata , Ma inanri 
chele n-itural'cofe io comincia chiarire; De le 
ragioni degli edificii, onde habbinohauto pri 
cipioSf come leìnuentìoni loro crefciute fiano, 
primamente penero t & feguitaro l'origine dell* 
antichità de le cofe de la naturatagli loro prìn 
cipii del viuerehumanamente: &le inuentioni 
cercate, con gli amaedramétidegli fcritti a noi 
dati. Et cofi per quel modo da esfi fono amae^J-c 
(Irato e)fponero» 

me. CTBt'cofiDj'nocritc dal volto 
& degnità del corpo comendaro penientic a quella nobili ta/cìoc pare che fia (tato anumcrato tra qiitUi 
pochi gli quali ha amato il giufto rettore del cielo. C Mio Imperatore a me &c. vetruuioejfclay 
ma à Cefarc Au^ufto moittandoli la Tua qualità nutiirale, Se in qual forte egli fi troua condot > 
to dalla vecchia et^jde la qual Tempre accompagnata vun da vani languiti : Si. anchor c'hel fia ahi 
donato da quelli aiutoni ci refugii giOiien li vtUi éc merritejoli i quali per grande aiutotiofclu 
no : fpera per gli aiuti de foi feruti nc.la faenza .perche accade agli vecchi come dice Ariftotele 
nel Libro "fecondo della Rettorica doue de gli eftetti, & habbitide vecchi, ma prima de giouanf 
cofi dice . Gli giouani fono di quella natura ixicoftume/ cioè attisfimi a defiderare,* polTentiafa 
re tutte le coie che difiderano, maximamente dalie cupidai che fono le cofe lafciuc, ài veneree, 
& m quelle non continenti , mutabili , 8c prcllaniente faftidiofi, gli quali hanno le voluttati acute 
Se non grandi, come auuienc de gli infermi la Sete o la Fame: poco dopoi il mcdefimo Ariftotele 
cofi dice che gli Giouani fono atti a irarfi d'una fufabita ira : fono defiderofi d'honoti, anzi eoa 
tendono per clTere reputati, perciò che la giouentu defidera la vittoria la quale i vn certo exy ^ 
ceflfo : Gligiouanni fono più predo ftudiofi d'una vittoria Se d'una e5cellenza,che di denari, per 
che noia han fatto paragone nelPelTer' loro de la careftia : Da nuouo à quello propofito il me > 
defimo Arinotele tra molti prcpofitioni che fa de giouani cofi pone. Gli gioueni prefumeno fape 
reo-^ni cofa, iSe affermano che anchora lacaufa è che nitte le cofe fiano troppo: Ma hauendo noi 
dettò alcune cofe del coflume fi de la elfcttione la qual peruienne quafi generalmente da la Gio 
uentu , nel prcfente ne conuien dire alcune cofe di quello che peruienne dalla vecchiezza : redu x> 
cendole a quello propofito noftro perla matura cognitiune de la buona fenetu riceuendo da Ari ^ 
Itotele (juello che meglio ne parfo.Et perciò Ariftotele nel predetto Libro cofi dice. Gli vecchi 
& di età perfetti per che molfisfinii anni fon visfi hanno fcieniia:ma alcuni errorono 8i forono 
ingannati nella più parte di esfi vtcchi : Anchora a prefo di quello per che de le cofe più vitiofe 
fono ne affermano alcuna co^a , Si extimano tutte le cofe molto meno che non bifognano : X:non 
fanno niente, ma dubbiando fempre ag^ion/.ono al lor parlare forfè : 3C cofi dicono tutte leco^y 
fé 8C niente affermano , Gli vecchi fonò lofpettofi per che non credono, ma non chredono per che 
hanno prouato. Gli vecchi non amano ne troppo hanno m odio , ma fecondo il precetto del phi 
lofopho Biante amano come huomini da effere hauti in odio. Se hanno in odio come huomini 
da douerfi amare. Gli vecchi fono pofilanimi : fpenti da la longinquita de la vita : niente dimeno 
non difiderano alcuna cofa grande ne fuperflua , ma defiderano le cofe necelTarie a la vita : lono 
più ftudiofi da reprendere « accufare che non bifogna , .V perciò quello è anchora vna certa vii 
U d^^nimo.GU vecchi riueno ai vcik , alFai più cae non biioffii-.Siqueàoc che femedefimigran^ 

F lì 



He potesfino in nueHela v/ta>&an>* 
chora Icfue robbe curare : Se gli ve * 
gnenti foreftieri & ftaenti ccnicruarfi. 
e Vur voglio die tu fie meco. Qi.aiu 
dice a ben che gli hauefle ri^rouato 
che elTa fua propc Ha ragione non fuf ^ 
fé del tutto laudabile niente dimeno 
non volfe Alexandro per quella mini 
ma cofa perdere vn cofi degno huo> 
mo, fi come per prouerbio attrito (ì 
dice, per vnafteccha perdere »no aibo> 
re, che cofi h fapictiifimi huomini deb 
bon ■• fare di non perdere vno mgegnio 
Io egregio. Si fi gli accadelTe m qual> 
particolarità errare, di facile condcm 
narlo, ma fopcrtarlo & excufarlo, o 
vero più prello per lo meglio tacer* 
lo: come fece Alexandre fubbito a^ 
maeftrarlo per ciò che anchora che 
fulTe dottisfimo come vno Homero, 
fi ;'icc chealcliuna volta dorme il buo 
no Hcmero : Et perciò non è da doy 
uer fare ad altri quello che per noi 
iftesfi à publico biafmo non vorria* 
mo fatto giamai ne fufle : Et cofi Djr 
nocràtc non fi parti dal Re anzi la 
Egj'tto il feguito tilRedi poicon ra./ 
gionedi quanto bifognaua a f.^brica* 
re vna Citta , comando à Dj'nocrà-y 
te m quel lubco cdificafle vna Citta 
& la cniamaffe dal fuonome A Itxan 
dro, Alexandria: la quale anchora al 
di d''hoggi è permanente elFa & il no 



t fBRO 



SECONDO 



demente fé amano , & amano Purile loro , ma lonelto Si il bene l'amano fimplicemente : Gli vecchi tì> 
nono più con L t^j^ione che con ii coftumi : per che la ragiont e d'urilica,& gli coftumi fono di virtù me. 
CTDelaqu^ieconfpatiofe fabnche dt ediiìcii/quiui dice come con lerpariofe ^bcneinfieme alfodate 
i^ f.bncarc con orami ec modi di calcina arena Ik fimili , & però con le matene.cioè legnami atti a reg 
gere Si durare nelle muraglie Sic. C7 Ma manzi che le naturai cofe io cominci a chiarire ixc. v ctruuio qui 
ili dottislimamtnte , pare hauer' detto le cole di fopia quafi ftnza affegnare le càufe nectlTane che in ^ 
■ducono a douere fabricare gli edifica : Al prefente egli intende chiarire onde di principii fiano coimncia 
CI : Si come fiano crefciute le inatntioni loro dirle primamente . ^la quefte cote non dire folamtiue cod- 
ine elle fiano (tate a la falute de gli huomini , ma per dinioftrare de la formatione humana : che cofa era 
èi la nollra gcncratione che tanto nella fuperbia è dapoi peruenuta , da che incominciorono a fcparatfi 
&conferuar(ì da glialtri animali : con gli quali nafccuano^ viueuano, fecondo il confueto loro: Et co 
fi ne da notitia non folamente a lo Imperatore Cefar.e , ma i tutte l'altre perfone ch'elTer penfano Dei 
onnipotenti : benché ne. prefente ptrconfueiudine de le Scuhtie fiano peruenuti a la cscellenza, ^ do 
mimo de Paltre genti terrene , gi habbino polle le reguLe de k legale , & le cofe fepaiate a fuo modo. 



CDE^'LAVrTA DE PRIMI HVOMINr ; 
ET DE PRINCIPI! DEL VIVERE HV*. 

MANAMENTE; ET DI FARE LE^ . 
. CASE: ET DE GLI ACCRESCIMEN 

TI D'ESSE. CAPltOLO PRIMO» 




CGli Hiiomimi per antica confuetudi 

tieCcoiiie le fiere untile fpelunche , nel 

le fclue Si bofchi nafceano ^c. O 

vanitate hunana debiUsfima dehfer^ 

ini qua la nente drizando Pin ^ y 

telk'tto /<iildefiderio tuo infatiabile 

non dimorando più a temperarti: v'i^ co 

fiderà non solamente col folito penfiey 

rofapientcmct. teltelTo conofcere, ma 

anchora tutte Taltre perfone che pri * 

me forono auante quefti noftri fecoli, 

m che genti conno ellere ftate in cotan 

te vaiìetati di forme & intelletti hu.^ 

mani, iSi pur da vna fola gentratione 

& forma huivanà habbiaino hauto ox 

rigini'tPoi da vn' cofi contento di vi 

tai.bcra, ^ che poi per auaritiafiafiC 

ta vna tanta confi-fionc di viuere per le 

feparationi Ji prouin.ia in prouintia > 

& de regione in regione per le cofe del 

mondo : non folamente per comhtuire 

lehab:tationi, ma fareleg^e & vidici, 

a «mignon , lictori che ne ànionifchi & 

amacftri. Cofa che mai non ha volut o 

vfare, ne tante diftrutrioni fare lo o^ 

inniDOtcnte [ddiocontra gli angeli, Si 

celeftì fpiriti.che inimici à lui fi r. bello 

rono 'come creder douemo alle facre 

Scntture>3 fimphcita humana che nò 

fi accorge elTer-» compoitadi tanto po 

chisfimòfpermailqleil fen e di mol > 

ti potria (tare in vn giifcio d'ouo & nel 

qualgufcio fola'rente poteffe capere 
vn' pulcino, o vero vno vccellino . O 

ignoraza grande che anchora nò fi acy 

colga la creatura in che mó ella e crea 

ta,.N: nata nel mòdo: COcio (la che net 

funa prona p fé ftelTa lo fapeua: ^ nel 

pricipio del nafcere , cofi àchora in li 

no eh fu fparsa nella vulua materna.ql 

la dolcezza, onde Comincio p lo natu 

ral bollore affaticarfe p hauer forma: 

Etcofi coneilprmcipioentale di fua ,, e r t. n 

vita fu p dolcezza:^ e cóuerfo p amare fatiche il Tuo trasmutabile 8i m reparabile fine fare che alla mor 

te nò puen ^a ftnza fapeie in quàto tcpo. O (tultitia & crudeltà inhuntfta, a che attende la humanu scieti 

za co varirftuduCanze asfidua infidia::p mantenere qlloche mai non ordino roirnipotcte Iddio fi a yly 

nio è degno di credere nel Capitolo Settitro al Secòdo LibroicVfpecialmcte quando di Dio parla. Cofa 

molto da còfiderare Si non volere tante colpe tribuire a elfo Iddio, s^ a la Fortuna : Conciofia che mol 

te volte le colpe fono p lo noftro mal viuere : /V p la inaduertentc confideraticne delPan biguo inttllct^ 

to, Si mal difpo!la anima a fapere intèdere la diurna elTentia:.'^ alle volte inrendeie gli ftrfi de le fcienze. 

cóncio fu àchora chel medefimo Sl/ni,o cofi dica. Le quai cofe còfondono la ipt ouidà mete del gl'huo 



LI HVOMINI perancicha con^ 
fuecudine(come le fiere nelle rpelui» 
che, nelle feUie, ^Bofcbi nafceua 
no, & di faluatico cibo pafcendofi 
la vira conduceano . In tra qiie^ 
(To tempo m vn certo luoco da le rempefìati 
& Venti con lofpesfeggiar' commosfi gUarbo 
ri folti, 8C tra loro sbattendofi gli rami, fece> 
no il fuoco : & da eiTo per la gran fiamma, quel 
liclìintorno a quel luoco ftaiianofuggirono,ini 
pauriti, Dapoi abballata la fiamma più vicini s'a 
cofVorono . Concio folle cofa che fé auertilTeno 
eder'gran commodita alli corpi : al caldo del 
fuoco lelegne aggiunfeno, & conferuando quel 
Io menauano glialtri, & col cerno moflrando 
dìnotauano quale vt>llta hauelTeno da elfo. In 
quelconuento degl'huominile voci ncdrite dal 
fpiriro quando erano proferiti gli vocabuli fi co 
me lo veniuano li conftiruirno , Dapoi nomi-» 
nando più volte le cofe al vfo , a fortuito cafo 
incominciorono a parlare 5^s cofi intra loro gli 
parlamenti creorono» 



CAPITOLO PRIMO . 44 

mìni : IH fonti .t che dopo molta in mftì gettone, di quefto scio rcftiamo certi che di niente liabbiatnò certezza . Efr 
»it.JTuiio e più miscfu clic rhuonio^uepiu superbo. Perche glialtri animali solamente procurino del uirco in the . 
1 1 n iruri p^r sui benigniti >aUs/a a pieno,» & quello che in loro ed.i preferii e a rutti i beai: pache ne di ?lcna» 
nedi peciiiiU>nedi ambitionc,iiesopr.i di morte pensano . Hor sono queftì glihuoiuini i quali ^ii uoC»boiiJI 
e jinc if ucci d.il spirto norrite lo uenin;inoiCr;ino da loro conftituite/'cii^e l'uno eoa l'altro parlrtndu nfl gergo 
giwre de Ia GoI^>o uero con Ungua tregli-i a l.i e^peditionede Icpariykncn us3fa,come nell'iniantia ae niamo 
il, quando l'uno con l'altro cominciano primanRiue a formare Icuc cfr Et queft,) a cfil per eccellente de l'ani" ' 
nu> gli e ìt,ito arribuito il p/ieipio de la ragióe & de le cose naturali di furto il módo,i{ ^lein quii óncipii nafta 
u i& uuieua per long^ consuetudine cjme le fiere nelle Selue A spelonche,in compagnia de gli Dei & di tutti gli 
:iiiini,.IMe quali tanti poeti banno tratratornon manco Canti predarisfi ni H^ftonci & Phiicscphi» Ma la ori/ 
gmedi noftra humanita non fi può sapere altrimenrepiu certo per i dttfi degli Scr- ttori del mondo, se non co" 
ine dice !a nditra sacra scrittura, nd qual modo fotfeno i primi h.iomini generati,ne ancho da Ariftotele per ben 
ihcncl primo libro di methcorum cefi aica.GIi antidiishmi tìuomini furono Egiptii. Ma Trogopoinpcio & lu 
ftiiio inCfoduccno la dupufadeSaih i/cìoe Tartan /& de gli £giptii.& finalmente pare che gliargumenti degli 
Scirhi 1 pr OU.1BO ch« fiano (lati più anCiqui de gli Egiptii, & pm fbrti & nobili come qudli che sono indurati a la 
inclcmtatia del rr-ddo. Per ben che gli Arcadi fi uantano eiler nati au.-ntelaLuna & lesrelleStatio tofidice. Gli 
Aie iiii de le S elle Se de la Luna furono prima.Et Salu-tio dice i Crftcnfi eller ftati pnnii muentori de la religione 
Et per quetto fi tìnge GioueeHer* nafo apretlo de esfi.& nondimeno i predetti hanno hauto ardimento iiant.irfi di 
tal su., origine nel uokrfi esaltare per i più nobili delle nationi mortali accio aprouafffno etfer comediuiniiccsa 
ftoltisfim;.,ciieueda Platf.netjcd . D-niocri o,&ogniàltro-neda Plynio>nedi Str.ibone^eda Ariftotdesiap/ 
proua,il quale ;,el secondo de la Phiicacofi dice I! <fole & l'huemo generano l'hucmodi matcria:& nel setti// 
ino della iueth.ìphi(;ct. La natura humana n .n e sencn in quefte carni & in queftì ossa: Anchora nell'undccimò 
de la meth 'phiiica.La materia non e fatta ne la forma,ma tutto il componimenrorpcr tante che l'artee principio 
in altro. in.) la n ■.tur.iepr;ncipiomsemedeimo.E"nondimeno dicedal primo principio dipende il relo& tue 
ta la nanira:& Il pruno prinapio di fuori di se non intende niente &c. Non fi accorgano anchora per ben che nò 
fia e; inune i] uedi.re ce le forme degl'huomini Gi.<Canti , & ài quelli che uolg..rmenre diciamo huomini> o u^o 
Dii S^Iuanii quali ueili ri da la natura uiumo per finoal presfnre,prcpnoa Is uitacheqmui scriue Vetruuiq. 
Ma noi douemo chi-ramenteper quella Itrri -ne e,jnfidcrare!,rheritroUandofi le genti humaneeflcresen?3 edificio 
«Icuno-era di bisogno per salute sua habitarc ne bosciu & seli;e: .Si comeanchor.) hr oggidì ueggiamo cilendo al 
CLiai per maggio &fiaao alla campa.'^na per non patire Tira Celefte lo e per natura C^t cerne fanno tutti gli aai'* 
m.ili bchiuando effe passioni) .'"uggire sotto gli arbcn ftlti e nec-meriiofimonri nnnhiiieido altra habi tari c^iìf, 
per lequai cosene li i uoiuto Verruuio am,e;lrarc .DAL FVOCO ACCADVTO DA LA NA 
r V K A . La Ulta di queftì pnmi huoruni ethiamata l'era o uero il Scculo d'ero . Come per molti Poeti e 
Kcrirro,ft come da Virgilio ne l'ottano de la Encida-da [umano nella Safjra sefta, da Ouidio nel primo del Me* 
rharacrph. da Hcliodo nella rheogonia, da Diodoro Siculo nel primo libro c-jfi dicendo. Ma della generaricne 
degrhuomiui& di quelle cose le quai nel mondo e detto antiq;iamenrceiRTfatte:di igenteroenre tqusnto in tati 
re teinote tose per l'antiquitas.ra lecito) come da quelli antiqii tempi piglio ilpriiuipioscnueremo. Lapri/ 
mageneraticnedeglihuomini appresso a djttisfimi dcpreilantisfimi huomuui quali la natura & hiftcriahan/ 
no trattatojdi due sorti fi dice . Alcuni h m.dett ■ 1 1 mondo non generato 8c incorruttibile , & la generaticne de 
gli huomiai .'.b ecerno eftre ftato & non hauere hauto nenascimento neprincipio . Alcuni l:annoh,niro oppi/ 
nicnecheiia; generare & corruttibile: & hm detto gl'hucmini liauerdiuìso il principio della generarionc perii 
tempo. Impero che dai primo nascimento delle cose dicono il aelo & la terra hauerehau o una scia idea nafta 
deU.ilornaaira.Ec da essjhauer cominciato il mcndoaquefto ordine il qual ueggiamojdiflinn i corpi l'uno 
da l'altro: L'aicre dicono ce; rir.entcqueilo moto con'inno haner preso & l'infocata parte d'esso « più alti luo 
ghi per la legge, ezzA, h;.ucr dc'idcrnto. Per la medesm;» causa dicono il Sole & le 5relle,i corfi loro hauer preli . 
Ma quella cosa la quale era mifta con Ihumorenrl riedesnio luogo per la greuita essere ftata:lequai cose essere 
domifte.derh'.niorcil lu.ireefar o Erdelepiudurcl.ilutosa terrena alteiza essere ureita . Q.ueila m prina*, 
pioper l'ardoicd^l Solepiudurn dìuenuta, dipoi li sua superficie per forz.a di caldo indurarajà in molti luo 
ghi cerei humori essere adunati: ne quali putreiinccopcr econsutilepellicei.a jonniti , come uedemo accadere 
nellepaludi &. ftagni di E^itt>j: qiv.indo il caldo de raieteresc.iUa subito la frigid.i Ccrrà;ma quando la pfcCTca 
ticneef.it-anelkcjseh imidemiscilatòui 'li oildo & l'aier' dela notte por<ie l'inforno sparato humorcil 
qualei! giorno per uirtii del .Sorc^'indur-a-finalmenicquelleputredini uenrndoal sommo comeil parto perda* 
centcii tempo-&rabruiar.te& roiteeue pd lied le meiano fuori le forme d'ogni generatione d'animanti. De qua 
ìt qudle cose che maggior caldo h inno hauto diufnratcuolatiIe,sono andate ndla regione superiore Ma quelle 
cheteneuano pm della terra. SeTpe.nri 3<altti terrc.lri .•animanti diuentarcno:Ma quelli the teneuano di acqua an# 
darcno nel/o demento de 1:ì sua generaricne & cliiaman'i pesti. La terra dapoi parteper calore del 5ole» par/ 
reperì Venti di'giomo in giorno seccata inriiico di generare maggiori animali . Ma quelli ch'erano gene*/ 
rati miscolactfi i'nficme , al n animanti geiierorono . Et queflo medesmo Euripide discipulc del Phifico Ana 



A 



aragoca par che conferma quniKlo va meinlippo coli dice . Il cielo & l.i tcaa già essere ftjti rnescalati'S paeaO 

f iiì 



. ^•^^\'""^- 



LIBRO SECONDO 

ii'poi ogn'uno hiu» goiEr.ito arborf,r;ccenf,(Tere,& ogni geherarfonede mortali . Dtlla prima f oieraffctìe ddla 
terra bmche fuor.) d'ngni penfieru paia ad alcuni tifere , nondimeno quelle cose che nei presente anchor se fanne» 
a qucìi certimo.'iJi rendono. Impero che appregò la Theti.-iide di Egypto quando cefa la inundatione del Nilo ri' 
snidato il Ssleil limo lasciato daH'acqa.i in moiri luoghi nasce mcltitudine di sorciperl'.^pptrcuradela ter»' 
ra.Laqual cosa ear^umenfo da elFo principio del mondo tutti glianimann finiilmentecifcr gener.iti . In quel nie/ 
desnio modo gl'hìioniini anchora jri principio effér generati dici;no»& ne campi il pafto cercinrio di filneftre& 
non ornata uira,eirer uis(i:a i quali Tlierbe & frutti d'arbori di propria uolunta il uiuer dauaiio.OIfra di qucfto 
dicono le beftie a quelli hauerdatnmoleftiainqu.di accio che !o refill eiTeno il radunamento de glihuumini per il 
finioreeifer furo dicono a cagione della cuinune utilita:& per darfi l'uno a l'altro aiutorii, luoghi pcrhabitarc 
haucr cercato. Et effendo il suono della bccc.T confusola poco a poco la uoce cffer crescitiCa dicono: & ogni cosa p 
suommebaucr eh am.«o.Nondimeiio ci'nid" conili turi in «{lucriì luoghi del mondo» dicono non b.iucre usato 
lemcdesmeparoleiuirr.idi queiVi dinerfi segn.ili di lettere eifereftaCe . Et dicono li primo radunamento degli 
huomini ogn'uno .i sua gente eirereit.tto. NondimeBo i primi huomim non haiiendo alcun subfidio^di aspra ui 
cauiucuano:Pfrchecr.;n.jnudi>&non us umo ne case ne fuoco trouare,il cibo di giorno in giorno cfrcauano: 
Conriofia cosa che non sapeifono i filucftri frutti nel futuro uso rcponcre& saluarepcrgli abbisogni, perlaqual 
cosainterueniua cherinuerriafa ipiu òdi famec di freddo luoriuano: Da la csperientia dipoi .im.icftraìi dice, 
no haticr cercato Speloncheper fuggire la forza dd frcddo:& haucrei frutti incominciato a serb. re .Ma la noti' 
tia dcIfu..co&deralrrc cose utili &anchora dell'alrre comodità de gi'huomini i.n breue tempo cflcrftaìf ^.tro' 
nate diconcFinalmcntceifa neccsfita cifer maeftra di tutte le cose:& haurre. mmiuiftraro a gli ingegni de mortali 
la dottrina a quello & a quello^a quali s^on dati per ai uteri ile mani? & il parlare, SlaprcItanHa de l'animo. 
CHoM hai inteso quello the d' ce Diodoro Siculcma lasciamo l'alrr; cose chenr.rra ne! scquente alle predette, 
per uenirea rcfiempio naturale ch'egli dice.per cjniettura di qi'cllo the segi;e quafi cflcr da credere quàto ha det 
ro,&eiIlr cosa per picaceaconfider.ìrcche'l principio del nascer' de ^l'hucmini & degli r.nimr.li del mondo 
fuìlr ilafo nell'Egitto enfi dicendr.I primi animanti appreso di lòto eifir' p^ti-usano quella conurCura quale al 
prccnte anchora nel retri torio de le rfeebaidein certi tempi molti & grndi 5i.rci nascono. Per l.iqual cosa m?;l 
to fi ftupiscono gì huomeni quando ueggitno d'alcuni Sorci la p.irre dinan2! per fino al peffo: & i ^riml piedi 
animata mouerruA la parte pofterioren<-n anchora incominciata & saiza forma . £rp£rquefto perspicuo duo/ 
no eifcr fitto dal principio del mòdo i primi huomeiiiiSt Io Egitto habbia produtto.impero chein altra p. rtedel 
mòdo no accade in quel modog'i animali eiler creati. Impero che dicono o uero cbe'l diluuioal tempo di Dcu/ 
tallone più ammani hauere consum.iti,o che lo Egitto c^ me che risguarda a Vi czodi, perche in elfo le piogge scn 
di rado,taI calamita hauerprouato.o uero (erme alcuni hanno cppinioni) mcrirno tutti e cosa giuftasclarer 
ra di nuouo ha generato gli ;<nimaIi.apprelTc Tegifto il principio della gencratiooe di tutti glianimali ettcrefra 
to. E cosa giuda che 1 1 temperanza de l'aiereh i bia dato principio & causa alla gciitratione di gcnerarc.Impero. 
che al presente .-nichora dopo/ la inundatione del Nilo fi uede il nascimento di diucrfi anininnti. Perciò che parr 
tcndoii l'acqua.* il limo d Ila rcrra seccato d il Sole cornee detto producono certi ?nim.ili perfetti nitri iniper/ 
fcrti:&alm anchora per nascere, a dunque quei primi huominigia nello Egitto generar' :risguardadoquefto ce 
namentodel mand(<.& marauiglia de la naruramogui cosa : pensarono che fiiiroro dei Dii & qlli eterni' ooC" 
il !?oIe8(Ia Liih.i..& il SoIeOfrridf-Ia Luna Ilde per certa ragione di nomi chiawarorio &c Ma perche a noi non 

fjare somare di ciò chepotriamo emenderei m molta scrittura a inueftigare & dire molte cuse già scritte da Verr. 
ìnel seq ieii'cc.ipit,Io. ?. fi nell'ottauo proemio. coli daalfai rhilosophi& PhifJci & da ass;ugraui scrittori eie 
CI allachianrionedi qte/li principlidelccosenatunli&dela humanirade & degl'hUDinini ridutti alla uita. 
presente politica & di scien?a:unIeino posponerleperiicn ^^rtcdiarci lettori . M« dopo tante Chimere Philoso/- 
phice & niftorice fabulose & ma'fime de Dicdor. «cu o:doucmo sapere & fìrmamenre credere quello che gli sa^ 
cri noftri doftcri scriuono & i libri Mos.iici & il uir^-ddico Icsepho nel primo de l'antiquita che l'erigine de 
l'buomo ennradal sómo creatore di rurrelecr se Dio ottimo ma sfimo ilqualehaucndo fattoli nu'fdo di niente 
& il Soleva tuna-A Ie»elle,& tutti g'i elementi 5f ammali terrellri,aeiee,& cquatili formo poi Adamo & Euai: 
quali furo primi noftri parenri,& pare che Oui.nel.i. del Merh.toccassep.ìrte di quella uerira comese hauessc Ict. 
to il G?ne(1. Benché immiilico poi le u.me opinioni de gli .■'nnqui:chc'l mondo fusfe f^tto del Chao/cioe ói quella 
cófuficneclementale-l.'qual cosacfalsarpcrthedio fecfi! mondo di niente cernei sacri iiollri diccno.Ma cofide* 
ra da teftrsfc rh'esfer Puorii uorrai.diuino-pur che lasci.mio Io scelerato appetito di ranra cupidità d'haucrele 
còsecltra niorfu:perchc Hi p- co seacccntenta la nolra iuta fi ben confideranicEt più diuinira 8c naturai pace era. 
inrr^glihuominicol lilcntio & fCnno:£tccnla |i'.chisfimai!limationedcIeccse. Plkjcilide dice fia comune il 
uicto uii;uersa!e.& tn'^tt leccse5<rànoini("rordia,tiedi anchora m opufculo Ariftoreledeadmiràdisnatur.libus, 
& quello forse fu ilfiloirio in iisoperlefìerr,'&al.rÌ3nim.iIi bruti che gli fsce.ian' temere &spaHenrare*. seda 
quellierano sentici nella dilcrarione del humana comp^agnia : Ma nel presente qurnro piuscieotie &diuitie. 
habbiamo^tanfo peggiori quali per la gran cupidità par' the pcrueniamo : £c non par che uog!i.amo annota/, 
re quello chedicePl^nioma' (ime nel settimo proeniiu, & nel capitolo prtmo d'esso settimo li bro.& ne glia! 
tri luoghi douenedisfoprepurcafarecheccnoscianio^sogni lato del cielo:actiola natura seaglialmanim.t 
li «(lata clemente madre seni prel'habbiam" per noftrt dite ri per crudel marrigna:Gia f;iri migiiara d'anni che, 
ne xeno (lacelasdatele scrirruredt ranri etceflenfisfìnii s.^pienti per rpcccrdarcK cose (l.ite di quello mende e e 
la noftra scrirturà s.>cra & altre dicono non fefcre ft.ito principiato se nò da sei milia & quarrocento setranraserre 
ìini in qua,& t.iro più gto e infiao al tciupo HQftr« ciwC.i^l^.pigludo da la nauuita del noftro Signe re-die u Jfr 



CAPITOLO I^RfMO^ 4^ 

rdufjqi:? d«ne mólte dorrrine,& t»,1i turioni. P^rfiagcM figlialo 9i Men«9rcò«culroreeflQjdo perucnutó in tsné , 
Ci eccellenti 5 fima s.ipiearu tr.uferir fi ft in Egypco per acquiftarepiu fcientié : & cercare gh libri che trouo a fuo' 
propofìfo deinunifrabili secoli del paifico mondo,quali hebbeda quei sacercfou il numero di quanti anni che 
fumo diccemitia Cfì e degno credere di tanti giorni fiiireno gli anni quanto sono i noitri ) diuifi ciafcuno cornee 
iifjnsfiino in.u.mcfi.Et li chiaramente qaerto noi sapere leggi Valerio Maximo nell'ottano libro qual dottamcn 
remi ha d ciroPythagoraateftacorCofiilcomentacoreperscnteimadi Hetodoto grauisfimoauttore ha annota* 
tu. Ma conciofia che delle cose di quefto mondo ne paia Imposfibile saperle confiderare se non per graue dei di' 
nini ftudu:per che l'ecate noftra cilendo breuisfima & fragile a leggere per intendere la infinita sua uarietade : 8c 
U para doue mo'te marauigliose cose fi dal cielo ftellifcro , fi da 1 .nere i grnndisfirat ponenti fiano auucnuti .-» 
Pe,ia eii) noftra potefta saperlo chiarotben che leggiamo gli anttori & nò fiano concordanti : conciofia anchora 
chi.' 1 foco prirao apparine a queftì primi hucmini o ucramcnre no: perche Pl)'ni& nel quarto libro al capitolo 
duodecimo cofi dice.Sgkjltenela dilania Qnthla.-altri Ortigia.Afteria:L.igia:Cerha:,M^'dia:Qnetho:p/rpiie-per 
cbciui" primamente fi trono il fbco,il quale in greco e detto Pyr.E cinta per cinque miglia s'inalza dal mòte Cm 
thio &c. Ma il comentatore primo dice cofi ne i bofchi Cinturi enfi patnnionu de cittadini di sua patria Milane 
se della ftirpe deCaj'ani intra gli amii mille quattrocento ottant.i,daI n.itale deChriftiani:per fimigliante contri 
cinonetra gliarbon per gli uenti Ccomenirra Vetruuio') bruscrno ni&lti bolchi in reparibilmente: allega tefti 
molilo intra glialtri il Reiierendo Prete Fauftino il quale dice habitare & haucr cura della prebenda eccleffaltica in 
VilLincerio Dtocese Padouana qu.)lein eite regioni iiisegnaua grammatica cofi queftecose dalla sua annotano* 
ne uiuen-fo dice hauere hauto ■ Non nunco e if ito fi/nile incenda in molte parti per l'italiaquantb anchora fuo* 
T.i in molti luoghi del mondo:nclIe quali anchora non mancha gente a ui uere di tal coftume C\ come Vetruuio ha 
dimcftrato quiui;Credi anchora oltr.i che molti auttori di quello hanno scritto per lecrati loro. Ma anchora da 
moln ne habbiamo hauto relattione quali degni fon di fede & che hanno ricercato molteparri del modo: Ma tal 
uoìta poco sanno quelli cheniuiganoisepiu oltre non fi scoftano dalleCiftati & maritimi liti fiiora de nauiglì 
pcriiirenderecosc i)oue:Ma ecosa da sapere cheil foco non solamente conforta molti animali & specialmente 
la humana generati one > ma oltta l'altre o,se più la commoue a parlare maximamcnrc quando esfi hanno man* 
giato & fiano in compagnia. Ma maggiormente fi sanano ajai più impauriti fé haueffero ueduto l'anno. i S i SAI 
grandisfimo portento della fiamma quale dall'aiere apparse come dail.i Lunaprocedeifeconlopingrandiffimo 
fonare chepcnfiamo più mai non fi odufe a noltri secoli uniuersalmente da circa le trehote della nette autumna* 
le come dice elfo primo Comentatore etler uilto:^ & le genn f uora delle case ufcirno & elfa fiamma a neflfuna cosa 
del mondo fi udì chenocelfe.il che ne pare per l'indotd aifu hiuer detto: & per pai snplimeiuo quiui uno fimi* 
gli.inteaffigurameuto ponete del caso che disopra mediante Vetruuio detto habbianio. Ma Diodcro dilttntein 
qL.e.f o che non da la confricatione de sechi ;irbori,dice ma per caso di saetta o fulgore eltér accesa la selua, pure 
noi sapemo coro quello che anchora Plinio & altri fcriuoiio che fi alcuno piglia doi pezi de secchi legni come de 
lauro & hedera chehinno caJidita Se infiemegli confrica & rescalda,& di poi ce applica Bambagie o altra efta 
che fa f jco come il ferro infocato &queflo e exp cri men tato & pero e credibile quello che dice Vctruuio.CTConcid 
ì fia adunque che per la inucntione del fuoco. quini Vetruuio dlmoftra p Io ritrouar del foco fufit causa tra gl'hiio 
mini del conuento.<rConuenfo/cioe congregatione di persone o nero per respetto di supplicare a [Dio nellechie 
2^ sc:o nero per cuifa de ludirii quando da i Magiftrati sono congreg3ti:o uero fi p qualche altro respetto in un luo 
go la moltitudine fi raduna: & fi dice a conuenìo qualeproprio e congregatione: Virgilio nel primo dcla Eneida. 
fi radunano quelli i quali o uero odiauano il crudel tirannojo^ero grandemente haueuano paura.5aluilic Dipt)ì 
chein un luogo tutti fi conuenirono &c.Conuento anchora significa conginntione.-Iuuenale nella Satj-ra scitra C5 
ucnto nientedimeno & patto & no?e aparechiate a tempo ncftro:e detto anchora conuentc da alcuno in gitiditio 
- chiamatoidondeedettoconuenticulaiqualesemprequafifi pigliainmala parte:quefto eperii conucnto &con* 
' gregaricne de sediriofi A scelerati.CTConalio fi e una moltitudine di popolo congreg.ìra per rifpctte di consulta 
4 rc,& tanto più son sapienti & di uini,quanto più se conuengono al ben comune: perche ogni bene quanto e pf ti 
comimetanto epiu diuino:DaI condiio neuiene cóciliabulo^luogo nel qtiajeil concilio fi raduna corno dice Fé* 
fto.CTCoBuitto fi ederiiiatoaiiithisiil quale a dire chiaramente fignifica ogni cosa che apcrncne al mangiare & 
al beucrc,quale speffe uolte quelle doi congiugnemc->uitto & ueftiro: Vitto anchora fignifica una generatione divi 
ta in quanto a i coftumi : onde dicemo.conuitto si e una comune congregarione infieme adwnata a uiuerc in una 
fompagaia,come sariano le pers one d'una copiosa ftirpe o uero di qualche religienegrandero uero spedali » ì 
quali non tanto mangiano & bcueno di compagnia^ma anchora usano i mcdefimi cofti:tni:Adunque dice Vetru 
Die lainuenticncdd foco baiare congregato a viuere&habbitareinfieme,& usarci medefimi r&ftumi»o uer legge 
peri morfaIi:qualcprimamenrc nelle scluedisperfi& con le fiere uagabundi andaunno:& qucfto non elfcre (lato 
diffi eliclo dinodra diccndo:rhuomo il quale dalla natura e animale sctinbile non comeglialtri animali chi* 
n:iri in terra effere al paltò abiertoima alzato a contemplare la inefabile magnificenria del cielo & delle delle '■ la 
qual cosa anchora Ouidio ha detto nel primo de Methamorphofi.Bcn che tutti glialtri animali risgtiardano col 
capo balfo la tcrra.nondimeno i Dio a'I'huomn diede la boccn alra,& cimando che uedeffc il cielo? & che'I uo! 
fo diri zaffe uerfo le ftelle.Q.uclli usarono al mondo che anchora usano le cauerne cernei popoli Tfogloditl » de 
quali dice Plinio nel quinto libro al settimo capitolo & in molti lucghi nnchcra affai oltramontani: o uer co* 
fnesono i nuoui popoli trouati ncll'fsole della raprobana:n uero di Calicut di i nauiganti del Redi Spagna 
Simigliant^i a quelli del redi Porfugallo,da quai luoghi seno trcuate infiniferichezzcchare& diIerreuo!e:& aU 
eecoseall'abisogno della politica humana noftra uitaChcilliana;deIeqti« coseafl^i ac seno in public» saiti 
tui3 Stampate. 

f iiiì 



"1* 

■l'= 



.yùÒ'-iUiUiiilQiiàrnQiii *6up5iiorj.«j.uBi.. . ..c-.k^e 



LfBRO 



SECONDO 



l'ETA DORO , er UÀ VITA DB P RIW HVOMTKI '. ET II PRINCIPIO DELLA H AMANITA : ET PER 

Il lue cu la L^rocreanone de «ernicni > & il principio de '1 Architettura eifereft.,ra fi dice . 




CTS d'ingegno fia ftro.F'huorrinichenon P ructnim il couctoil cóaho,8Zi\ collido narfelTe:Et in un Inogo 
eolmeattpei seha farto.inumdone qua, inglti huomini sìcóucni (Tono- che haucni) dalla natura primanw 



CAPITOLO PRfMO 1 4* 

tcolt'raglialtri animali che no ancfaiTonocfunatiiterra^ma i"perftttfoneddrar«: wada 
diritti &nguardalfeno la magnifjcétia dei mòàoài. delle (lei 
le: Anchora co le mani Oc co 1 dita,qualuque cofa uolellèno 
facilmétc trattall'enoln cjuclla moltitudme alcuni cornicio 
reno di frondi a fare tetti, molti a cauarc le spelonche sotto 
i monti , altn imitando 1 nidi delle Ródine alle edificatio 

tìi ,di loto àc di uimine corainciorono a fare i luoghi sotto CTAihora oiitruando/ cioè uol/ 
i ^uali andare potcfl'eno . 



gliiilm iu i)igli.ito l'cxeinpio 
iiwxiinedaiieKoadineoiidt col 
se l'uso di t.tr i gracica iii ere* 
faci nel luogo di parete come 
ucdianio anchora .^Il'eca noltra 
sppreiTo de concadiui la niol' 
n luoghi . 



LA EDIFICAirONE NELL'ETÀ DE PRIMI HVOMINr DEL M ONDO ; 



gariuCiiLJ se duono qlli che ftan 
nov»sfidm£x uiteuaa renurare 
o ucr' confi* 
I <! VALI DA GLI derare.&exa 



animali l'txcmpio del conltruaiiiauu della uita hf,auo iniuato &c. minare una 

cefi ciie lo 

pi;'ccia>o uè 

ro dilpiflcia 

p conoi,cerc 

aiqualnum 

M cllasiii:ac 

Co p qlla ve 

mUtiioacc* 

■nofctte d'o/ 

pcrarc cesa 

ipiu bella & 

' tiigliore : p 

hclidicc, ta 

1 1 1( fi e ;ig/ 

,ic gntre ale 

xferrouatc. 

il Ccrtarió'/ 

kioedifinita 

leni diffìni 

ce che fi {imo 

pconofcere il 

ero della co 

a.plecóren 

rioni come p 

dialetìc'', ql 

fànc l'huo' 

ino più inge 

aiolo & dot' 

to.C Glebe' 

zuppe o uct 

maliettr di 

terra. Clug' 

_ „ .^^ meiitàdó'ci/ 

oe augumentantlo o acrefdaido, o uero come di sotto hauemo la qua? cefi e megliorche si'gnifics congiusijncndo 
infienie l'uno con l'altro o uerò commettere o ucro ponete ordine d'ejfi casamenti sopra altri ordini coti 
chiauati , & materia sopra materia o uero iugmcnrare e trauersaie trauecelli per fare ri tetto & per fift* 
re fecuro delle pioggie,& descende da iugo& quello medefimo demonda poco dipoi. Ma sappi che Ma/ 
feria e cialcuna cosa jaquale e atta a riceuereal propofito la cosa da formarse • ncome nel principio de^ 
la inftitutione a carte.}, habbiamo hauto . Cl'^bri /cioè pioggtc grandi impero che imber fi diceda, o/'/ 
Bh'. la qual tosa latina fignifica pioggia :& può anchora fignificare ogni acquoso homorc; virgil. dice Ficca le 

abundanri pianrenella terra & adacquale 

Alhoraoflcruado il modo de gli altri tetti, SCaggÌLi " • - • 

gnendo coi loro penfamcnti cofe nouedi giorno in 
giorno faceuanomegliorgencratiócdi cafe Macó 
ciosia che fuffeno gl'huomini di natura ad clTerlo in 
segnato, SC da imitare: gloriandosi tutto il giorno,p 
le inuentioni,I'uno all'altro dimoftrauano gli ePfet 
ti de gli edifirii -Et cosi cxcrcitando gli ingegni co le 




S 



CCrtationidl eiorno in giorno diucntauano dime pericntia,qualeepcrfcrrisfiraam.icfl 
I- • • i-.-° r. • ° _^ ^ 1- f^../.l,««». 1^ le cofe:li faccuano pendenti . perche 

ghon giuditn . Et primamente «on le iorchc pei lo di« q^ì. j, i^ tnUnt cose uien Taf 



co le amiche Imbri.CF.iftigii cioè le cime 
o uer/summita quifi come culmini punta 
ri a mododesummita delle torrido uero 
de i fenilio uerpngliarr,c uer delle pie 
ciolecafedoueh:ibirano gli cótadini (cn 
gli armen'i esfi cimali. & quelli perche ha 
uendopriniamcnre fatto gli coprimcntt 
delelofo h.ibif.itioni piane come un so» 
laro»o uol dir palei: r le ncui oucrpiog 
gieerano roi!Ìnari:& cofi seguendo hex* 

ncflra del 

come 

aduna* 



K 



LlBRa 1 



rjcSECCNBO 

dritto^ 8f con uiftiìnì Inteffiiti con il loto /feroiio le 
pareti. Altri di lotofe glebe facendole, componeua 
no le pareti ,di materia cfle lugmentado • a Ichinare 
gl'lmbri & i caldi, di canne & di fròdi le copnuano: 
Dopoi perche alle tcmpefte de l 'inucrno j tetti non 
haueuano potuto softenere le pioggie tcrono i farti 
gli alli tetti chinati di loto coperti , cosi faceuano pio 
uer l'acque. Ma elle tutte da quelle origini che sono 
di fopra fcritte cller cosi ordinatc^pofTiamo conside 
rare ch'msino a hoggi di alle extenori natici di quc 
fte cofe gli edificii son fatti Si come nella Gallia,ne 
l'Hifpagna.nell' Lusitania, nell'Aguitania con le 
gni durr.o uero con ftramenti. Aprfleo alla natione 
deColchiinPontoperla abbundantia delle óckic 
dì arbori perpetui '■ podi per lo piano in terra dalla 
deftra èC dalla siniftra co lo spatio tra essi lafciato, 
guanto le longheze de gli arbori comportano collo 
cano . Nelle tefted'efl'] sopra glialtri a traucrsoqua 
le intorno chiudeno in mezo lo fpatio della habita 
tione:Alhoradi fopra glialtri traui da quattro parti 
acrefcendo i cantoni, & cosi leparcti d'arbori pone 
do a linia a piombo a quelli da bado conducono le 
torri alle alteze: Et gli ipatii i quali si lafciano per la 
grolTezza della materia con ftechi &; loto gli fabrica 
no. Similmente ritagliando gli tetti sporgeno fuo 
ra gli fcandoli alli cxtremi cantoni reftrcmandoli a 
poco a poco alla cima: cosi da quattro parri alla al 
tezza conducono le mete : lequai coprendole &dc 
frondi 8i de loto fanno i tetti coperti ^delle torri 
al Barbaro coftume . 

'•tim.1 ali;. Iberia & Albania nell Afi;t regi 
one frigida di cheStrabone,& Plj^fiio>& 

altri n'hanno seri tto.Cìueftì adunque finulmcntepoffon far le case come e detto pert'hanno le abondsnrie He le 
^r"^ seltie. CDi .irbori P£RPErVI'CÌoedurabili.& come son produtti d.illa natura scnz'altri mente segarli o polir 
li;Ma che pur fiano di fortis(vmaiieruofira&durcz2a;&cori fi chiamano pcrpenii: comcanthc rahaiictuo da Ve/ 
rruuio. Poftì per lo piano &c.Vctruuio uol quiui dimoilrarel'crdine & nel qual modo anchor.i s'usa fibrira/ 
re nella Germania & molte altre regioni ^quello modo .inchora s'usa nelle campagne doue fi {^nttn le fiere o uero 
merchati ne qiiai luoghi de ajfe o uer tauole fi fanno fi dicano tr;ibache,c.ipanne . Ma quelle sono fnbricatc & ccm 
polle per buoHÌ ordini come fuffeno a piantare i fondamenti sotterra per amurarc.Erpoi dice.C Pedi per Io pia 
no in terra da la dexrra Se da la finillra parte nel ordine che in qiicfta presente figura fi ucdepcr le segnate lettere. 
A.P.a.b.C.D. a i capi de i tram di legno piani con Io fpatio lafciato intra esfi/cioe lafciato Io sprtio nel mezo 
d'cirasegnaco di lettera. E.& cofi e l'ordine a fare una cafa.t Quanto le Icnghezzc degli arbori a.niportano/tioc 
fiano diltanri per spano quadro quanto fia la Icnghezza d'esfi nrborircofi medefimamente fiano quelli che per lo 
dritto fi pongono a cantoni deilepareti come quelli, segnati. F.CH.f. sopra de quali fi pongano i traui rheftan/ 
no a trauerso come quelli segnati. K.L.M.K. o uero fi te accade intcrponerli per fortezza come quelli segnati. O. 
P.CJ. .onero come che fi fanno le gabbie de gl'uccelli vetruuioquafitedimoftra un'ordine fimile a fabricare:ma 
quello e di arbori fatto a solari o uero palchi di hgni a più ordini fi come le torri ilqualccrd'to modo con le// 
gni chiauiri & incaftr.ari infieme nell'ordine che ucdi le lettere ne] baffo segnate. R.5.A.B.V.T. dall'altra parte 
mettendofi per lo dritro da.a.b.c.p inCno in cima.d.comela psenttfigura di torre dimcftra. CEtgli jpatii qua 
li (\ lafciano &c.csfi fi empieno di ftecchi o uero afl[eri,o uero piccioli l^nctti a quali e segnato.Xcofi segueno tur 
ti gliordini degli spatii asfimiglianti modi da ciascun lato. I traui fimilmente come da. y. ad.Z. ouero.&.?. la 
dmalereUrematura e.ijr.il redo de traui di legno d segano quanto sporra in fuora:accio PofTano apparire equal 
mente a lima a piombo:come oedi gli sporti. &.ir.a.o ucro.N.D.M.B.CTCofi in quattro parti ali 'altezza- A: .ilcu 
ni texn hanno fcrirto.Et cofi da quattro parti alla larghezza coaduccflo la ania al mezo. Ma meglio e leggete dal 
inezo 1« mete/ctoe le cime e coli coprono 3 fadiiflioae • 



j CMA efCb tutte da quelle origini&c. VetrU. 
tiol dinioftrare cheda turtele sopradette 
cofe fia il uero per lo exenapio di dmiglià 
fi editicii,cheanchora conltituiti sono ale 
fexrERlORInationi'Cioc fuori d'Italia' 
fi Come e in Gallia laqualeper difftrentia/ 
re da l'Italia dicenio Transalpina cornea 
dirdila da gl'AlpiiO-uolgarmentela Fra 
cia:Ma la parte d l'iMlia di qua da gl'Ai 
ì piifechiamaua gallia cifalpina/cioCLOM 
BARDIA^'quelle genti adunque.che sono 
f uore de l 'extrema Italia le chiama exterio 
renationi comefrancefi suizcri, rodefche 
Spagnoli5& di quelli lufitani/cioePòrtu/ 
^a]lcfi:percheIaSpagnaediuisa da Pto' 
lomco in tre parti /Cloe in prouincia rat/ 
raconenfe, che contiene Catalogna e Cadi/ 
glia m molte regJoni.L'altra parte Lufita 
nia detta portugallia . La terna eBethica 
<ioe il Regno di Granata verfo Barbarla. 
Ma Aqtiiiania e una ddleparti della Gal/ 
Ila trafilinna/cioe Francis.Laquale Cesare 
ne! principio dei comentarii la diuidein 
tre parti/cicc Belgica/ Aquitania & Ceki/ 
ca.Ma Ptolomeo ne fa quattro parti/cice 
Aquitania o uoglian dire Guafcogna/Lug 
dunenfl da Lugduno/cioeLiona detta che 
contiene la Normàdia la Lotorlngia & la 
Burgiindia/la quarta parte e Gallia narbo 
nenfe detta prouinci<i/o DelphioatoA: que 
fta e imminente &finin ina alla [talia:pu/ 
remoltihànofeguitatola diuifionedelu 
Ito Cesarei! qualesuggiugo tutta la Gal/ 
lia per forza de arme > & optimamente la 
di seri Ile. SCANDOU'Cioc legni sfesfio 
segliati di grcsfipezi i quali sono di du/ 
ra & robuita natura/o uero con STRamen 
ti/ Cloe edificano co cofe molle & tenere 
quafi di uiniincintellute con certe herbe fi 
milea le Store di scharza o gionthi.fi; A/ 
preiTb alla natione dcColchi/cioequei pò 
poli dell'afia i quali habitano il Caucalfo 
monte dal mare chiamato Pento & e fini 



9 



IO 



IZ 



18 



14 



tApirota 



a COtLC^AMBNtO DE tfCNf NEUA EOrflCAlTOMP Kb 
PRIMI HVOMIMI UARBART. " ^^ °^ 



mm 



47 




CMa quel/i ^i Phn'gia / cioè poptitì 
de l'Afta minorc.^jjriinmli^ciue ituj* 
ticellj di ferra comeela cnuerfit cheva 



a.-f^?' '- -^f^^S^^^Jlj da Roma a Napo'i& molcealrri qua 



CVhia. queftae 

herba Ia<}I chiamatno galliga si ope 
ra p portare uetri da hiogo a lucgo 
ecosaqua(ìincóbuftibile,conieh,iue 
temond.X.Ub.Scl'ala^efpnoher 
ba de pai ude fi come aliga le dice qllt 
^emarina.CAnchora apresfo ad al* 
rregenn&c.Q.iuui vetru.dicecheli* 
milmcate alt e gcnfi usano come e 
detto tale ragioni ncll'cdificare & co 
prire:aucftesonno de le ragioni che 
VetrD.ha detto nel primo lib.a carte 
Jo.Iecjli fanno bisogno a l'Architec 
tote per accomodarfi se.Odo la nstu/ 
ra de liioghi,& operare con qlie cose 
che sono còmode haucre,3ccio le pso 
neesfercitadosi in esfi luoghi fi pos' 
sari cóseruare. CAnchora nò msnco 
i tetri di Masfìlia Otta antiqua del 
Delphinatojo depronenzaCcome deC 
to habbiamoDneflagallia Ncrboneft 
sehog^i Marfilia detta douc e il cof 
pò dt" la dina Maaialcna,."fu >]fta edì 
ficata.DCXlII.anni mate lo aduenfo 
del ncftro Signore & es fendo poi rui 
natai phocenfì la inftnurarc & refece-' 
rodcIsqu;iIe legge (ultra Strabene 
& gl'altri Geo^raphi) Val.Mar. nd.ff.Ijbfoil quale feda molto gli inditiiti * cùfttimi dequella nobile citta. 
Direbbe nicncedinie.ip in qnefto Uiogo Veru.inrcndeie per MasfiUa tutto quello ferri "orio & regione da la 'pfi« 
cipalecirr^jfi come disseto rreii.Er quelle cose non solamente sono Rate anrichamfnte;,.ma anchora 'fi usano in 
«ijlcepara del mondo pec gli abisogiu de luoghijdic nò potendo farti come se unrriajbiscgna usare al meglio 

eh eposfibile, pur ch*in esse regioni & 
m.t 11. »-rwf . . I - - -f II- luoghi con sanità fi posfi ft.^re. Et di qfte 

Maqiie]IidiPhi»fgiachepicapihabbitano,pcare - — - 
ftia delle selue,di legnami bifognosijelegpono i tu 
moli naturai j;8f quelli nel niczro co la folta facédo 
uacuo,KlewJeGauàdoaIar9;anodifpatiiquato co ... 

_ ^ 1 ^ j Tt ÌC ( j- 1 /X-^».' ;« olc b»nno usato glitsuci aistecesscri . 

porta la natura del luogo. Mzà SOpragll Ibpitnn (LAreopago.Areopago fu appresfo degù 

fra elsi rilega do fa no le mete- 1 rquali di cane , 8C lic Afhcmefi una e na & luogo dque gli ludi 
m coprédo cópoagano fopra l'habitatione i grandi f' ^""'^'^"'' ^''?^r^^" Areopag.ce sen.ea 
móticelli di terra Cosi ncirinucrnata so caldifsimc 
nella eftate frcfche p la ragice del reggimcto AIcu 
ni di Vlua dj padule cópongoiJO le copte capannci 
Ancora aprcfib ad alti'ecéti.SJ'Mcuni luoghi aque 

rt . V. - • • I- ■■' • •*' -fi ■ cau"to Monetilo & quello Venti uio dice 

fio modo 8c CO Somigliante rag.OOe sì fano l-fabnca f.^cr io essemplarioo uoglia dire efsem 

jaiétì del le case. Anchora nò manco i tetti di Massi p^io.cc-^Tip^dogiio.queOo fuia gran'Ro 
Jia potemo.cósidefa.re -ézs. tegole di terra, battuta SZ 

plài'.'o a,cl!a nnticHita de 



cose ne da essempio accio nò insuperbia/' 
mo fato cerne a' presente fi ucdcnolema 
gnifice case & palazi Regali fatti ne !e me 
sure D.iricc,o ucro foni ce &c.Et quefto di 
cea Cesare 'a ugufto per darli notitiaco' 
olc b»mio. usato gli^suci aistecesscri 



riauano sopra de le cause capitale & cosC 
de la repub.fu derro Areopago quafi uicq 
deM<<rte.f fliegli dissero che M^irtefu ab 
soluto o'a l'bomicidio de Adoais & ini 
era il JTempiodi esso Marte. Ilqualeessp 
tDedesmnmcnre fi ucdeua fatto in uno in>^ 
cau"to Món'ccllo & quello Vermuio dice 



paglie In Atbene lo cfsemph 

j'ArcopaE 

nel Capi ' 

fofh«mic_ - -, ,--. 

dia de sacri coperta co paglia Si ìicuo. Et cesi con 




tha V ufr cnltcUr» the àit t,ogii;inÉC>iIqua 
letra in Rciiin che primamcnfe da Sifurf^ 
no fu fi'òricato in forma di citta, & chia*' 
msfo Saturnia.nipoi essendo essa Satur. 
M-T riiin.iM fu ref: bri cara da Ronuilo prf 
no Redi Rom;i in Rrma di Rocca o.ugj 
caftcllG.Et de p(-'i la guerra fitta [tcn s^bl 
ci fu thi.-rnt^ra rarpe.',d.i la uergir.e Tat 
pta in ^! lucgo occisa da]i iabini> come 



LIBRO 



SECONDO 



•mio : vitiniamenre perche fi/ gucftl scgni Faccdo ragioneucl difcor^o de l'Àtkh^ 
n"Sur,rc^o"hÙnS:!'fu uientione de gli edificn pctcmo giudicare guelli e. 

sere ftatc cosi. Ma hauéaopoi afiuefatfe le mani al 
cóhnuo edificare, & mentf e excrdtauano gli subtili 
ingegni fuflTero puenuti p cósuctudiiic a l 'arte, alko 
ra fece pure aflai laiduftria aggiótanc glian^milo 
ro a tale che quelli che furono pju (ludiosi nell'cdi 
ficare sijfaceUcropoi maeliri . Góciosia aduCjuechc 
primaméte siano ftate cosi'qftc cofe cóscguite. Et 1 a 
natura nò folaméte co i sensi ella lìaueflc ornate le 
géti,conie glialtri animali^ ma anchora co le cogita 
rioni, S cosigli hauefle armate le nienti , 8i sottopo 
fto glialtri animali allapotcfta de l'huomo. Allora 
da i fabricamenti de gli edificii a poco apoco pérue 
nuti a l'altre arti,& sciéze, da la fera Si siluaggia ui 
ta,aHa niafueta humanita fé redulfeno.Etcosi ama 
eftradosi animosamétc & rifguardado co le magio 
ri cogitatìoni nate dala uarieta de l'arte,n6 cafe,ina 
anchora Dome fondate di Matoni le pare ti, o ucro 
di pietra fabricate,& di materia, 8i di tegola copte 
a fare incomjnclorno Dipoi co le oflèruatiói de £,\i 
jftudii , ficcò gii uagabódi giadirii dalle iticerte alle 
certe ragiói de le mefure le redu{Téno;Et da che auer 
tiro effcre da la natura largaméte cócefsi i frutti de', 
la materia, K l'abundatc copia p edificare elTefe da, 
cita aparecchiata,operadola la nutrirò, SZ accrefciu 
ta per le arti l'adomaro a i piaceri de la uita ad unt»; 
polito modo» Adùque de quelle cose le quali ne glir 
cdi fidi sono idonic a l'uso,22^ di chequalita siano,; 
$C guai uirtuti habbiano(come p me si potraj diro.; 

. . ... 3 

re fondamcnn ccnarfe-&ordmariamenremesuratecomesonolecaseopalagi ciuilio ueroch entro in" capino, 
gran luoghi & moire Dersone.CTAmplinri i nnsdmenti'CicegliKfftm che procedono da la naruralccópofirioiieo^ 
uero pfetcìone per laqiiale conoscendo l'hiimano inreJlerro la uarieca de la natura fi iiede che opcràdo gli fa nafce 
re & nò solanienfe reme le pietre che seno di uarie & diuerse madiie o uer' mischii sparfi,/ quali denioftrano ca- 
lne cose pópo5e,&dfuifiose,ma fimilmenteuarfe spcciedi MAteria'CiocIegnami/heinopera niaetlreiiolmente 
laiioratt dimoftranoun gride ornamento iiicópofitioneCOpcràdo/cioe co le mani f.ibricnndo.CNutrito/'cioe 
^iftesero & ampliare. daendo il senso a esse cose di quello che dinotare »oglianio3& in opanone fi iiedoiio p effe 
dilFuiitiói dinioftràdo fia cosa da notrire& tenerla n usojcofi gliandchi ordinotono la uita secondo l'arre. 



aiceProperti 

bricmdo 

di Giouentrouo uno capo 

chiamato Capitolio; & Il Tempio di Gio 

4ie Capitohno,alquale andauano sempre 

I rriomphanfi come sopra detto habbia/ 

nio^del quale la ficcia era fabricata d'ai/ 

tenuira,ntlla sómita coperto di uetro & 

di rame indorato , Disotto la Rocca fu il 

Tempio del quale l'ornamento &Ia sun' 

tuofifa si ducua ualeee la terza parte del 

nionio.Imperò che per la maggior parte 

era d'oro & di pietre preciose di sublime 

fabrica & arte ornato à copto: senza l'ai/ 

tro infinito^ thesoro il qleinql luogo era 

rcpofto:ln qllo gli era lo Asylo che coniti/ 

CUI Romulcdd qlen'e detto & da Ply.Sc 

da Virg.& da Val.Mix. & da molti altri 

eccdlentisfinu scrittcri.Il refto dell'infta 

scritte lodi che Vetru.dice deTartepuenu 

ta a pocoa poco in eccellenza : Et special/ 

mente dimortrado di quanto beneficio (ia 

ftata esfa Ardiitettura a glihuommii pche 

gli ha dato la comodità de senfi p cólide/ 

raregliornamcnti bisogncuoli alla huma 

na uita:& il dominare & il sómettcrea se 

gli animali» & l'altre cose troucrai che'I 

i exto dice.CNó Case ma anchora Dome. 

Q.UIUÌ diftingueremo: chcdiiRrenzisia 

tra esfe due,& diremo che case sono le pi/ 

cole habitationi di genti pouere , fatte di 

pali&: canne & uimene, come fauno i cóta 

dini o come nella sopra dimoftrata figu/ 

ra da nei s'è data. Virgi. nella Bucolica 

a l'Egloga secóda coli dice.Habitnrelehu 

niil case^& ficchirei tróchi.Fcfto pompeo 

scriue casa esser defta a cauatione pche ca 

uauano le grotte altri accadendo pche fia 

di terra o di ramaglie & (trami come ca" 

pane & di qlla di Ronuilo quado era pfl/ 

ftorenedicel'auttore& Oaid.anchora di 

ce.Mentrela picciola casa rcceueua Q.uiri 

ho nato di Marte. Ma domus ehabitafio/ 

ne ampia & dcriualì dal greco . Aot^' .» 

doma come dice Fdto,& fignifica edifica/ 



CMa sealcunode l'ordine di qucfto li/ 
bro hauera uoluto disputare . Vetriiuio 
«ole dimoftrare in che modo fi procede 
à manifeftare qudta scienza con i ueri 
fondamenti. Et che dimollra essere fta/ 
to di necessita apprire la ombrosa uia 
della scientia 'ddl'Architetrura , fi co'/ 
me hai ueduto con qtianta fatiga ancho/ 
ra noi habbiamochianto nella infttu/ 
ttone:& tutto il primo libro: accio minor 



Mafe alcuno de l'ordine dii qucfto libro hauera uà 
luto di{purare,ilcile egli habbia pesato primaméte 
elTere amaefti'ato bifognalTcaccio chegli nò pensa 
ch'io habia errato, cosi federo le ragiói ■ Cócio fuHe 
cosach'iofcriueffii il corpo dell'Architettura, nel 
primo li bro péf li chiarire dcqli amacfijamentj&: 
sdcntìe cUa fulTe ornata., K co quale terminatiolje 



-.-3 



CAPITOLO 



■^ 



PRIMO 



48 



s 



e h fpecie di ella finire, & narrare co qiiaì cofe el 
la fulfe nata , 6r cbfi quella cofa che fa bifogno 
elfer' nello Archirertore vi ho detto .Adunque 
fi nel Primo Libro ddl'ofTicio dell'arre: In que 
fio de le cofe naciircìli de la maceria qual vfo hab 
biano difpuraro. Per chequeflo Libro non fa^ 
fesfione onde l'ArcKi.ertura nalca, ma d'onde 
le origini degli edifici! fono amaeftrati, & con 
quai ragiói , & notrite & discoftati apoco apoco 
fiano a quella finidone. Adunque cofì col fuoor 
dine&luoco Tara la cófticu.ióe di que?lo Libro. 



fan'ca fia per le Jettionf che fegiiirara 
no da quefte manzi, de le quali quuft 
ro al meglio che potremo farannouf 
chiarite ^^ le cofe Sii vocabuli neccfy 
farli : il redo ne pare non allonghia^y 
nio ij. dire , n.a che attendiamo a U 
vtilità de le Icttionl , le quali vi dinio 
ftraremo per /Viodo chtlì potranno fpt 
ghare:£t iafcieremoui agli autori i 
quali di effe cofe hanno trattato, Se 
paffarerpo alla baldanza più che pox 
tremo , dimonitrandoui con gli voca^ 
bull & ligure annotate per lettere di Al 
fabeto : il reftofidele ^ chiaramente 
Vetruuio veldirà, tertificandoui che 
non ha errato di neffiina cofa: A-,a 
fi m alcun luoco è pano , la culpa 



vien da gli (ìampaton idioti , i qua^^ 
li hanno fcritto Tenza vera orthcgraphia &bona examinatione d-'ts(i vocabuli,i quali lono reftatt 
orcurari & difcorreti.CT In quefì^o de le cofe naturali de la materia, vetruuio dice qual mente hubiano. 
queltecofe i-'uf© , il quale vfo (intende generalmente & non parucoUimente: come altri forfè ctedeno. 
per lo ettectùderArclutetcura. 



CTAl prefenre ritornalo al propcRro 
X dcle COPl£/aoè le veneta de le 
cofe abiidante che fiano atte ne gli editi 
cii. Et perciò copie (intende vnaabun y 
dantia,^ moltitudine di vane coie:>.a 
in quella disputatione &ùrnateparoy 
kCbencheda fé fi vedano come cWax 
re «p!..ne>on dimeno poffonopro^ 
mouere granfilogiTmi di Filofofia, ■■<£ 
de la dottisfima Icicza de lai hifica.Ma 
quelfe cofe folamtnte fon dateacio li 
sapia imitare per Toperatione namra^ 
le a diuidere o per quantità difcrete o 
ver'continue ogni cofa che pcsfibilfia 
mfino in infinito fecondo il proprio di 
loro più Se meno per cagione di atbura 
danza o ver fopra abbundanza:pec che 
anchora il rompere fi fa con la rag'O'' 
ne. Similmente a componerle infieme 
poi in opere tabricarle non folaiiun^ 
re per lo benefino dell''Architettura » 
ma di qualunque altre arti nel mondo 
fiano fino a vn minimo Atomo, elfta 
do che fia puntocome Euclide nel prm 
cipio de la Tua opera dice non hauer» 
parte. Et perciò gli Aromi Secondo la oppfnione di alcuni dimoftrafian' quafi veduti tlftre Itati 
la compofitione de i principiì:ma da molti dotti fi nega elTereftati quefi:i,ccfi precifamente, ma ami 
fcolati con gli altri principii degli elementi dimodra chabino polfuto in molte cofe difpolìe per/- 
ueniie con esfi alla naturale procreatione : £t perciò non fi vede elFercofa da credere, che da fc poC 
Fano procreare cofa alcuna fé gii altri pr.ncipu in esfi non fé infundesfino come la dottrina de la 
TPhifica vuole : adunque Vetruuio cefi dice .'C 'mperho che nelTuna generatione de le materie &c. 
Quefte cofe da le quali procedono le vane mattnature naturali : accio ditfinitamcnte fi fappia co 
me nel fexto de la Topica Anftotele pone , non niancho nelle lettioni del libro de iecaufe.nel qual 
modo tutte le fpecie Si generaticni de le cofe pofTano perla forma ipi glia re la proportionedecoc 
pi: per che e conueniente faper fare le ellettioni che fiano atte a gli àmifcolamenti di tutte le cofe. 
3>er qfto adiìquene vuol vetruuio dire le caufeche dili^'ctcmètecóuiene le habbiamo ainiendere. Se 
con lutrile ragioni dimoftrarle per molte alfe cofe. Et ben che quelli Atomi fi vedano apparere eC 
Ter" principi! k corpi di minima quantitade non dimeno esfi fono di grandisfinu vittude neli'efy 
fetto de le dimoilrationi per le cofe , le quali conuiene riceuanoforma per la materia : Ter tal propo> 
fito Arinotele nel primo de la generatione Si corruttione cofi dilfe. Qualunque cofe nella nia ^^ 
teria non hanno la forma qucfre fono imposfibile di fare , ma qualunque cofe che nella 
materia hanno la forma fun pasfiue : La materia dicemo elTer'' fimilmente quella nude.'"^ .» 
mi di qualunciie ti puce conciiiùi. Anchoia, nei fecondo Libio del mcdcrmo quello hauemoi 



Al prefente rìtornaro à propofiro&delecopie 
qual fono atee a le perfercioni de gli edi^cii m 
che modo (i vedano eiTer dì la natura de le co/f 
feprocreare, & con qual mifluregli adunamen# 
ti de principii fi temp.?rano, accio non fiano a 
gli leggenti ofcuri, ma chiarij io ragionaro.Im 
pero che nelfuna generatione de le matene.neen 
eh ora gli Corpi, nelecofefenza la congregatio 
ne degli principii nafcerpoioiio nefottomet^f 
terfi all'intelletto t ne altrimente la natura de le 
cofe comporta hauereledechiaritioni vere per 
gli comandamenti degli Phyllci. (e non per le 
caufeq lal fono in quelle cofe, a qual modo cofi 
fianot &coa Cottile ragioni habbiano le demo 
(Irati oni » 



IIBRO 



SECONDa 



Quelle cofe che fono corporale, lune al altre hahho fa me^edma mareria,» fono tranrmutabile 
a l'uno &a Inalerò . Anchora nel Comenrario delTrigefimo ottauo quefto hauémo: Quelle cofe 
che fono generate fecondo U natura » o ver' fempie o molto fon generate o dal caro o da U 
Eorcuna. 




CThalere penfo per certo il prfncfpfo de le cofe effere ftato l'acquaJquefta opplnione medefma di Thi 
lete anchora Vetrumo nel ottauo proemio afferma. £t coli degli altri F ilofofi che fono iuidifcrit 
n elTa lettione di proeinii te dichiarerà affai loppinionidi queftf Filofofi, Et di quelli principi! a 
carte.16. Lettera. "P . ne ditto alcuna cofa. Ma pur fi confiderarai bene per Arinotele Se per Aucro 
ysne iprimrdelPhiiici haueraiche la moltitudine de le cofe fu fecondo la forma, o vero fccon 
do la quantità) & quelle due moltitudini glianfichi diffeno de i principii : Onde la fcientia certa 
fé fa de U cofe le quali hanno elementi: ?c non lì acquifta fé non per cognitione de le caufe & de gli 
dementi. Et perciò volendo vetruuto venire all'effetto fi come fi formano le cofe neceJTa ^> 
ne all'^Archirettura , quelli principii ha voluto nartaré,acio fia più efficace l'oppinlone & l'intelkc 
to noftro : Concio fia che di alcuna cof» fé ne fa alcuna cofa. Si aconucrfo, di niente non fi fa ni/ * 
ente: Del primo libro di Gentratione 
Se Corutione Capitolo, f 4- Le picco 
le cofe fi mifcolano conl'altre picco^" 
le, più facilmente : per che più a'^euol 
niente & prefco paffano mo alluno mo 
all'^altro, ma molto dal molto più tar 
do a quefto e operato .'^c. Et perche 
fappi chi fosfi quello. Thalcte. coli 
come da t graui Icrittori habbiamo 
hauto> con breuita racordaremo di 
elfo alcuna cofa. Thalete fo di pa /• 
tria Milcfio , & fo il primo de gli 
fetti f apienti eletti di tutta la Greg- 
eia, il quale difputo l'anima effere 
imortale : mori vecchio per la Tuffo/ 
CAtionedel caldo per gli giochi G^m^ 
nici. Glialtri fei furono Solone Athe 
nienfe nato in Salamina, li ceneri dei 

?uale anchora furono sepolti in eC 
a Salamina per la ingratitudine de 
gli Athenienfi.il terzo tu Chilone Fi/ 
lorofo Lacedemoniente. Il quarto fa 
jp^thaco Filofopho de la citta di 
Kuri'lciie. U quinto fu Biante Prieneo 
Il lexto fu Cleobolo Lyndo. Et il fet 
timo fu l'eriander Corynthio : de t 
quali ne gli loro ditti notabili Laer/ 
tio & molti altri n^hanno fcritto. Se 
fimilmente m Valerio Maximo anno /• 
tati fono : Ma tanto vane fono fta/ 
te le oppinioni de i fapienti FUofo / 
fi circha le caufe de principii compo/ 
Ri nelle procreationi Cche il fimile a 
noi anchora pareXotto il giudice fta/ 
re la lite.Ma per che primamente con/ 
uiene o ver chel fia ftato la materia 
nanzi a la forma : o ver la forma 
inanzi a la materia per caufa di af/ 
figurare le cofe naturali : Alcuni co// 
tnc dicemmo da gli amifcolanienti de 
gli Atomi fopra aggionti con l'acqua 
nanno tenuto elTere il patte delle co y 
Te l'Occcano : Alcuni li quatto eie/ 
menti. Empedocle fecondo da Lucre/ 
rio e narrato tener'' procedere da le 
celefte piogge, o vero dal humore 
di luniuerfo Occeano collegato con 
la terra , ^ da la terra ogni par/ 
CO naìcere C lì come anchora par che 



DE r PRiNcrpir de le cose secom 

DO L'OPPINIONr DE' PHILOSO 
PHI CAPITOLO SECONDO. 

H ALETE penfo per certo eflfere ffa# 
co il principio di tutte le cofe l'ac 
qua» Heraclito Ephefìo,ìl quale 
per l'oscurità de' fuoi fcritti, da gli 
jgreci (TK-OTÌvòcr. fu chiamato, dif 
e eifere il fuoco. Democrito & ciafcheduno il c| 
le ha feguico elTo Epicurio, elTere gli Atomi ha 
ditto : i quali molti nodri, corpi infeparabilit 
Et alcuni indiuifibili hanno chiamati» Et la fetta 
dì Pychagora aggionsea l'acqua , & al fuoco 
l'aere,et il terreno» Ad un que& fé Democrito le 
cofe proprie non nomino , ma folamente propo 
fé gli corpi indiuifibilijPer quello gli medefimi 
elfo R vede hauer detcotper che quelli conciofia 
che disgionci (ìano,non fi racogliono, ne pena 
di morte riceuono, neper più partirli iì poflbn 
diuidere, ma alfempiterno auenir perpetuo in 
fé recengono infinita fermezza.Conciofia adun^ 
que che da quedi conuenienti tutte le cofe veaiiS 
re &nafcer(ian vedute, &es lì nelle infinite gc 
nerarioni delle cofe per natura efTcre dispartiti» 
Ho penfato chebifognidicharire de le varietà 
ti, & differenze nelvfodi quelle,.& chequahta 
ti habbino negli edificii : accio quando cogno 
fciute faranno, coloro che pcnfano edificare no 
hdbbiano errore, ma preparano per l'ufo delli 
cdificii commode abundanze» 



CAPITOLO SECONDO 4^ 

tenga diodoco SiciiIojMaelTo Empedocle, & tucrerfo da li vfrrii del fuoco.o ver calore generarfì Nani^ 

me de le coHe nacurali: quefto hanno afennro,?; (iniilmenreconesfi Tiutarco. ,\,a gii epiciini niente di quello 

hanno aproiiaro £t dicono elTer doi principii/ cioè de' corpo,& del anima/ perche ogni cofa che a Pef 

fenria o ch'elfa conricne o che e contenuta : Va che Ita il corpo di mifcolanza d'Atomi . atomi/:ioe 

quelli minuti granelli di poluere che veduti Tono nella fpera del .Vole: quelli Ton detti da. «. priuaniia 

particella, & e«w . cioè mozzare o ver tagUare/Et in effa corprreifa fia o<inÌ3lrra compagnia de ì 

principii collegata, per che non vogliono che limo elemento fenza l'altro poffa ftarc: neche a^niunaco 

fa Te dia il vacuo nella natura: & per quello amircolandofì le cofe infìeme con gli «"Tiiatro elementi fia 

per necesfita disponete la origine & effetto de le cofe naturali: Ma perche fono ftatY tante le varie op 

pinioni d'esfi Filorofi.ne pare per qnefta confufa oppinione fiano da laTciarb' vnaltra volta al Qiioti^ 

diano Chaos Si nella diuina dispofìtlone quale con Tua fumma fapientia le adatta: !k in effenza le fa 

per formare fecondo la fua volontà: Et impero come dice Platone, Le cofe da non hauer fine fono 

da eirer' lafciafe indietro da l'arte: di quelle cofe ne poterfi fare per inre^namenri ne per notitia 

onde da le cofe da non dmiderli per che fono fenza tìne non fé n''ha noritial'pero che in quella in di 

• liifibilita fana cofa abforda andare ptu oltre: Per che Ariftotele nel terzo del Celo & mondo cefi di 

ce E imposfibile le cofe da diuidere poterfi componere de le cofe indiuifibile: impero che nel Primo Li 

bro de la Topica cofi dice: Diffirile e aiTegnare o fi o no chel monJo fia eterno: &nel medefimo Li 

bro primo nella dift'initione. «rimirmente cofi pone La pofitione e oppmione illrania di alcuna cofa de 

le cofe note fecondo la Filofofia & quello impero che tutte le cofe inoiano fecondo Etadito perciò e 

da penfare che la matetia permilla da gli Atomi Concio fia cofa che fiano da le compofinone dalac^ 

qua raccolte, in alcuna cofa polTono effer' compolte. Et perciò il nobile 9c ricchisfimo Democrito Se 

Con lui lo fuo imitatore Epicuro, di tale oppinicnc fono llati. La qual fentenza a molti cofi certame 

te elTer mollra: per che fi tutte le elTtntie de corpi del mondo fon compolli de i quatto elementi, o 

delle mobile o immobile, vegetabile o vero infenfate, grandi^fime ouer-» mediocri,© che fiano minime 

infino alextremo come gU Atom.i, inelTe minime quantitati ben che fiano da non pcfferfi separare ne 

dmidere, non dimeno perche fono infieme corporati di vifibile materiatura fublime,fono tenuti quafi 

per certo m quelle elTere anchora loro participati II quattro naturali principii.Si: con la debbita quan 

rita d'esfi infieme. adunata per naturale celelle difpofitionc , lequai polTono pigliare forma in qualche 

■ modoagenerarfi ,V effere per vn tempo da la natura de le cofe animati, dmoi fimilmente rifoluerfi es 
fi nella qualità che prima medefimamente erano: per che celi dimoftra elTere la dispofìtione degli eie 
menti, per elfere le direrminationi finite ^ non infinite. Adunque come elTo A ridotele vole in nel medeC 
ino terrio La prima confideraticne de la fcicnza naturale S. de corpi corruttibili: imperho che gli i^le 
menti fono primi corpi de quah fono altri corpi, & impero che gli Atomi ben che fiano di quantità 
da non poller' diuiderfi non dimeno corpo materiale vedemo loro hauere, & ogni materia facilmente 
fi può disponete a pigLare forma 8c fullanza. CTH^radiro. quefro fu de la Citta d^Epheso figliolo d'ii 
no nomato Blofonc o vero Gratino elfo non fu auditore d'aLrun Filofofo, ma net naturai grafia 'fu 
iliuftrisfimo di fcicnza, ofcuro nel parlare : Jl,: perciò fu da greci chiamato ''■"<3thho? .fioe ofcuro Qiie 

* fto efTtndo peruenuto HyJropico non volfe dalcuno elTer medicato: ma vngendufi da fé con lo Herco 
Eouino, & nella calda poluere al tempo dellMlate fì pon(a:,V cofi difeccaua que la acquolìradelcor^ 
pò: Pur eflendo guarito, "^ per rimanere più libero vnaitr;; volta anchora vngendcfi & il medefimo fa 
cendo, gli cani di certi cacciatori fpaucntando di quello huomo: Et vedendolo riuoltat^ cofi nella poi 
uere lo llracciorono, .V per elfo cafo mori CT Democrito, que.lo fu figliolo di MegefiUrato : {-i chi ha 
dettodi Athenorico: altri dicono fu figliolo di Dainafippo, di vna Terra chiamata Abdtrita in gre x 

* eia: fu al tempo di J^ocrate, & auditore di Anaxagora, « di Hfuripo, & de i A'aghi & de Caldei, 8c 
de Perfi: lafciato ch'ebbe tutte le fue patrimoniale & altre grandi facultati, alli fùoi Cittadini, fi trans 
feri in Eej'tto Se in India per imparare la doitrina di quelli sapunti.-fimi: Et rirornat>.fi nella patria fua 
fu fatto fignore. Et vdt H^'pocrate medico, & fu Cofmographo fapientisfimo. Et fu huomo ridente: 
al contrarlo che fu Keraclito, il qual piangea: A quelli doi i contrarii effetti vfauano de cafi di quella 
tioltra confufa vita. Come per il laureato Poeta volgare & milite Antonio Fregofo Patricio Milane^ 
fé il rifo, Se pianto di quelli con ornati verfi e fcrittb, i quali apregiati amaellramenti fon pure a vti 
lira di nollra humana vita. Et in più alTai cofe di elfo Democrito potriamo ellendernci, ma le lalTe* 
remo per dire delle feguenti imparte-CEpicuto. quello fu Philofopho figliolo di Neoclc Athenienfenac 
que nel Caftello chiamato Gargato : Incomincio a leggere impublico a alfai gioueni: la fua profesfio^ 

3 ne fu di introducere la primamente alle cofe naturali: dapoi Itette per certo tempo col patte, poi an^ 
do in Athenc: Se ini nel fuo proprio giardino infegnaua, accio con la fatica recreafTe g'i fuoi vitali 
rpiriti: il quale anchota da Propertio ne le fuc Elegie fu chiamato dotto. Quello hauea tanto dot 
tamcnte la Filofofia di Platone, Se di Arinotele, &:di Democrito: Se per tanta dottrina facea fu.' 
dare il fronte alli dottisfimi di tutta la Grecia : Se tanto più in elfo tempo ch'esfi citcunllanti era^ 
no viui/cioe Platone, & Atillotele, Se altri dcttisfimi: Quello fu auditore di molti Filofofi masfi y 
,»ne di Pamphilo. Fece fcola in Metalyno, poi in Athene duro la fua fetta infino al tempo di Ce* 
fare Iniperatote, per anni "fi T cioè duecento vintefette. quello efTcn do giouane femore fu mal fano 
■per modo che mouerfi non fi poffea di letto, fé non con fuo danno: Se era cofi de Hocchi deb li che 

■ non ardiua vedere l'aere, ne il fuoco: pati morte per fluxo di fanguc: fi fece fare l'cxeoiue manzi 
chel moriffe.Anchora gli fuoi cópaaii morirono inlferabilmente: qilo lafcio molti volumi:Et traPaltre '"uè 
fententie hebbe adire cogni cofa di quel^o mondo venia a cafo, non per configlio o vero giudirio de gli Dei 
■& che niedcfinuniente di Àtonu li4fatCi infieme effere fittto gli ^Eitmenti &:c,ilctie efTcndo'molti f Uofofi de ia 



LIBRO 



SECONDO 



sua herefìa"> difputorono, vriumaoti efTere alcuno Idio , o vero degli era non curalTedi quelle cofedel 
inondo: concio fia che fono fae ^ mai nonU ponno mancare > per il che fi le curatTe non faria bea 
to : perche in Dio non conuien pasSone > ne faftidlo di gouernare tutte le facende 9c cofe del mondo : 
Si perciò conuiene che fia Tempre nel Tuo beatisfimo ocioalegro & non alterato . "Per le quai cofe li 
Milfeiui, popoli della Morea per publico configlio comandorono inanzl chd fole andalTe all'occaso tal 
ferca ultra li monti d'elFa MelFenia fulTe difcacciata . Ver che la fententia dell'Epicuro laquale era chel 
fummo bene talTe pofto ne piaceri della virtù fu tolta dalli fuoi difcepoli , 8c scolari conuertendoli 
alli piaceri de vitii : Et non credeuanu che fulTe alcuno Dio . Et queftì haueuuno fatto l'habito 
del viuere fé non cercando il loro fummo bene nelle lue irrationali piaceri di gola o coyto , noa 
riguardando a honeftade alcuna di lor parenti Se affini, ne di alcuni amici, & molti altri enormi vi > 
tu, i quali hanno da?oi prohibito le pubUce leggi per la falute noftra . Et perciò fcacciati tali corrut> 
tori ££ Heretici Epicuril , fu comandato alli sacerdoti d'ogni generarione con publica procesfione do^ 
ueifeno purgare la Citta , ?i li rettori della fua Citta. Et cofi tuora del Infoia di Candia furono ban 
diti tutti quelli Heretici nominati LydicL C Vy^^'^à'^c^- ài quclto nel Nono Libro al Capitolo Secondo 
alcuna cofa degna di fua memoria diremo. 




In quello terzo Caoitolo vetru.ne dice il modo c'ne douemo v''are per far la compofitione di terra p 

conducere o ver Tare gli Lateri i quali noi chiamamo matoni o ver'^quadrelli chehano ciafcuno per le 

fei lati ouer fac:ie piane come e cofa notisfima : Mafianoo di che qualità o di che forte fi fia e ne 

ceifario a darli forma c'habiano fei fupertìcie : fi dalla ragione cubica quadri latera , o vero Dadi qua 

dri che dir vogliamo parimente faranno produtci ?i. fegati ;i quali modelli a farne de diuerfe forti so 

noiiotfsfiininon folamente 3ll'Architfettoa,3Cperli muri,Et perlifuoli,ma3nchoraallifornaciarichecoB 

le forme di vane forti li fanno: Et pe 

ro elfendoche dUoprahabbiamodic 

to delli principii delle core.alprefente 

ne vuole "dimofcrare per quello iigu > 

ramento di terra cotta come vniuet 

falniente tutti i corpi fi compongano 

dalla naturale diuerfita & differenza 

delle qualità ^ varie quantità, come 

infinitamente la gencratione Scorra 

tione accade più in vna fpecie che in 

vna altra : Onde cofi dice voler ■'elle 

re per fare che qiiefte cofe polTano 

hauere la perpetuità. Et cofi prima * 

mente diro de gli Lsteri aquali con.» 

mene fiano conllderate le fpecie delx 

la terra difpoda . Per che non di are 

nofo, ne anchora di calculofo/ cioè 

habbiano dentro qlle petreUe ouer di 

remo glarofi saiferti/ne di sabionox 

&o locQ fono da conducerli: Quelle fpe 

eie di terra per la fua magrezza non 

e posfibile fi pofTanoimpaftaretabnc 

t« che infieme fi cóprendano, ne mei 

seccharedal foLejOCOcerfi dal fuoco: 

Adunque e necesfita che fi troui ter/ 

ra o cofa difpofta al propofito a da 

re tal forma 8i non fiano mfieme mi 

fcolati ne di fafTctti, ne di trite pa * 

glie, mafolo di pura terra facendo 

chesfi matoni rimfigano leggieri/^ fa 

cilmenre fi impattano in fieme. CMa 

fono da farfi per lo tempo di Prima 

vera, >*?; del Autunno. Si fa da tutti li 

pratichi fornaciaii,fi come da glialrri 

artiiìciche rermini & quai tempi con 

uiene per meglio operare la fua ar./ 

te: Et cofi accade a chi non fa impa 

datene alTodare il pane fi cornea q 

fti matoni. Ma nota alchuni voglio^- 

no che quelli generationi di mato^ ^ 

ni fi debbiano intendere non elTer" 

mai da cocere infornace : per quello 

sedi Vlynió nel Libro.3'j'.a.i4.capi^ 



DE LE GENERATIGNI DE GLI MATONI 
CAPITOLO TERZO. ^ 

T COSI primamente diro' delli Lateri quai 

terra a conducerli fia bifogno. Perche non 

d'arenoib,neancho di calculofo, ne di fa 

bioiiofo loto fono da conducerli: che qui 

'do di eiregeneratiói fiano fatti: primamcte 

fon graiui.Da poi quando dalle pioggie nelle pareti 

so bagnati fi difcioglieno & cadeno;&C le paghe qua 

li ineslì R metteno non fi (Iringono infieme p l'afperì 

ta.Ma fono da farfi di terra bianca cretofa , onero dì 

rofegiante,ouerodifabbionemafchio. Per che qftc 

generatiói p la leggierezza hano firmezza,& nò foa 

peli inopera, & facilmente s'adunano infieme. Ma fo 

no da farfi p lo tempo di Primauer;i,& de l' Antimo, 

acio che i un mó pollano feccharfi.Per che qlli chep 

la edaie s'aparechiano hano mancamcto,che di fuor» 

nella crofta quando il fole alTai li;scalda fa che pare// 

no fecchi,ma più adentro non fon fecchi:& quando 

poififecchaofi pieganOj&rópenoqlU ch'erano fec 

chijcofi isfesfi fi fanno deboli.Ma più utile grandimé 

te ferino fi doi anni inizi faràno fati: Impero che nò 

totalmente più predo polTon seccharfi.Et cofi quado 

frefchi & non secchi fono amurati, dalla durabile i-7 

tonnechatura poda,& rigidamente alfodata, esfi fta/7 

enti non polTono quella medefima altezza mante//» 

nere quale e' linchonnecamenco : Ec quando fo * 



TERZO s*> 

■ toIi.CCbfi sfesli fi fàno deboli/doe duien 
gono romnoft per lo riencr;ire & sftiidere 
che fi ftao quàdo hAno Iwuto di sopia U 
durabile mcónecaturachiamata da Vcr.ce* 
dorio'aoecorciccfacta di calcina & Are* 
na/in supfine p dialbare o ueio inibiàca* 
rceifa murigli, impero che uok cifert dì 
nie^llcrp.ilia chcTaiua acio dluenta pui 
dura & riggidamcntcatì;jdarfi:Ma qita m 
tonnccaruia di iupfitie nò gli potrebbe (U 
re quàdo i niatcm o uer' qu;ìdrelli faci sii 



cAprr<xo 

fto inossì riétrando nella cogìótuta^tìo sìataecaflo 
•co l'intonacato , ma dalla cógiótura d'eflb si diipar 
tono. Adùquegl'intonacati dalla fabncasi sparto 
■pQ'jChe p se dalla debolita nò pono ftare , ma si fri 
gono: 5i quelle pareti sedete si uitiaop alcu calo Et 
p cjucfto anchora gii yttcési il matone che sia fecco 
ti cmqp anni inari fatto, cosi alhora co l'arbitrio de 
l'uficiale aprouatOjl'osào ne le fabriche d le pareti. 

no niutarionedcl loro ftachte ordine p io 
., , .. , j ,, ^.. rr .«l's'cc.srfi&prtmcredel carco che soppcr 

Wiiu 1 un sópra 1 altro ne I ordine de l amurarcCMa lì fran Jono/cioc li rCpuic co crepature, & òlle pareti Ita/ 
ente per alcuno fortuito cwso/cioeper alcuna iCoHa o da teir.imoto rouiuaiicdcllc quii cose uedi PI v nel stccn 
do hb.al capi.8J.i r«Mnedii ch'egli dic£,cofioel.7.Iib.:).'6-c.ipitG.chi furono i primi inuentori deniuri di ma/ 
toiii&altrecose.CVticenC.Q.uefti sono popoli dell Aphiica uedi Ptolomeo al.4.1ib.c.inir.5 r buia seconda 
Aphricuui troueiMi gli Vticet fi effer detti da V tua citta latjle epolhi nella riua del mare iifrico.C Cefi co l'arbi 
trio del ufiaaleaprour.to'Cioequado sarà cóceiTo die p eifeie csii Matcniidc nu.niente fatti, & da l'Vficiale della 
citta o uero dal cipo raaeftro dell 'arte de) fabnc.ire haiiro ]icenria:alhora usare fi del bano nelle fabn e he delle pa 
rerNcii^equeniuri che scn fatti d'aparisccntepaiua dentro & di fuora con sodc2ia,comepcr le suscritce figiife 
fi dimoftr.,ranno. *^ ** 

Ma so fatti di tre genera tiói i matoni, l'imo da greci 
/iriiTu-poH fi^i chiamato ideft quello chei noftri usào lo 
go un piede, di mezo piede largo'- de glialtri doi gli 
cdif.cii de greci so febncati: de tjii l'uno Pétadoron 
l'altro Tetradoró fu detto. Ma Dorò i greci chiama 
no il Palmo,ilquale anchora un dare di dono greca 
méte Ai-fo« fu chiamato. Ma elio Doron sépre si por 
ta nel palmo della mano * talmente che quello ch'e 
pciafcuno lato di cinq,' palmi, e Pétadoron. quello 
che e di quattro, Tetradoró si dice: Et queUi edificii 
che sono di publica opera al Pentadoron , quelli di 
priuata.al Tetradoron si fabricanoMa so fatti con 
quefti Matoni i mezi matói,i qii qua do si fabricano 
daunapartegliordinide Matoni ,da l'altra imezi 
matonisipógono. Adùquedal'una , & l'altra par 
te che a linea si fabricano, con le radoppiate scorze 
Jep.iretison collcgate,&i Matoni di mczo sopra 
i conftrignimenti collocati : 8i la femiezza ÒL la fpe 
de tanno l'una & l'altra parte bella . 



CMa son fatti di rregcnerationi i Maro' 
ni &c: [ cr la presente latione & figure, fa 
cilmcntc potrai intendere quel che Verru. 
dice; Conciofia che in molti luoghi in Ro 
ma le muraglie fiaiio fabricatedi fimiglià 
te cólegature jjccdcare dal Doron» quale e 
come un corpo di Dado largo quadro di* 
ta i'hauemo da Verru. nel primo cip. del 
terzo Iib.a carte. 7i. lettera. B. die formano 
un palnic&cofi mu!tiplican inficmcpuo 
fof iiiareil matonc.Dl DORON fi cópone 
di longhezza vii p/edc/cioe quattro palmi 
cótinuar iiifitnif,& largo un mezo piede 
che e doi palmi, la groi\tzz.\ ài qHc mate* 
ne ben che Vetru.nó l'habbia dat.i,pcnsa' 
nio fi di-bbia fare d'un palmo . Ma Ply.al 
lib 55-' •' '.c.'p.dice.Lcgencratioiii dema 
reni scn trcLidoron ilquale usamo lógo 
sexqiui tde» cioè un piede & mezo o uero 
cubito-lafgo un piedcfegnato ncla figura 
a tcrgoctn la Icitvr:?. A. L'altra cheeil 
rctradoron,la terza Penradorcn. Pure a e 
ciò eh'err.ire non posfi hauemo trouato p, 
alcuni cheli^no anchora allegato qde gene 
raticni di ft rmare i maroni fiauer coii in 
latine dirtorCertamei; te delle loro genera 



tioni eranc tre apieHo gli antichi Lidorc n 
longo sexqnipedclargo un piede, l'altro 
TerradoronMl terzo Pentadoron. ma il correttore diPIynio ha derto Didc ro.d Degl'altri doi/uoepentadoró ne 
f.T hgura 5egnara.B.& Tetradorcnison cofi chiamati da greci. C Ma Dorcn i gren chiamano Paimcchc anchora 
un dare di dono grecamente Doron fu chiamato. Cofi cjuando alcuno uolea fare un dono gli potcuano dare qua 
tu gli cmpieua il palmo della 'm.ino: Ma dono secódo Arinotele nel. 4. di Frpicorll cofi dice:Datio egcncratio 
ne di dono^pcio cheil donoeun dare da no scrender mai. Ma son qftì maCccini qlli che fi tioltano da ogni laro 
sopra il palmo della mano come un dono.^^c e a modo d'un dadt).Er cofi hauendo la fomia p ogni fuo laro dì 
J. palmi e Penradoron,da Pente che uol dire.5.& fi eSpcr.c nella s 'a fomiationedi.iz^. Dorom /cioè parti d'effo 
Doron.CQ. "filo ch'e di. ^. Tetradoró fi dice'cioc di. 4. palmi p ogni lato largu,nela figura es"gnaro.C.&chia 
niafi Tetradoró da Terra chei greci dicoJio.4.& Doróchc uol dir galnio.Quelto matone Tetradoró fi forma c5 
C54.0crcni:pche la radice del numero e.4.1acjlemulriplicata p csi'.4.forma iniUpfide.i5.dipoi multipli caco' 
qttro uolte.i6.f.?.tf4.ch'etntro Io integro corpo suo:Etd'elie.<54. parti senefanodoi mczi maroni,ch'cIa fua 
figura segnata di lertcra.D.&poi la mira d'elio mezo mat^nc che e la si:a figura segnar;). F. G.Sdel Pi-ntadoroft 
la sua radicee.J^.mtiltip!icaropilmedefimomcdoinfeniedcsmofa.z>.cr.^.iiia.z5.fa.izJ.il chedaqftì matói !i 
gradi , f\ fanno i Mezimar jnl-iquali cótcngono la mira de i derti numeri ne la fi<fura iq^nar.i.F. Poi di ^fti Ma* 
tt ni mezani son fatn i Matoni del mezo d'elfo Matone che sono un quarto di tutto il grande Pmradoronin'e U 
flgura legnara.G.er qti.ìdo fi fabricano fono l muri fi grosfiidie da I ' una a l'altra parte uifieme adunafi come l'oc 

dine di quefta figura che uedi je^oAta, H.'{> K. L. & bcaiht la fabrua (i parere la conci&uacione semore sMa« 



LIBRO 



SECONDO 



non dfmmè'Ì!» cn]ciha,& le chiwetre ponJincaHbdatefnfiemele teti^^ono:Nel mede(inio modo può vedete i pezf 
di mirino come e nella sagra cKicsa di Milano qual sono eólefluauecteouerospr;igiiedi terrò im pi abate & col 
Icgate.Etdi qftì fimi«<Iiatt modi lono in Roma maxime m p-rra Fl.iniiiua.Ma pdmorare le pareti loro collega^ 
te intra le tolcnneOrtoftatc/cioe incaltrate da tcncrc/ordinarnmente quiui per Ijgura le h;iuemo disegnate come 
ucder potrai p cfR'ttoiCóaofia che già molte mcroftaciói o ucr' todae di pieirc, & m pitture iì polTonp iicdcre Se 
non solamente in Rema > ma in molti luoghi per l'Italia , i quali pu la fermezza & per la specie d effa 1 Una 
& l'altra parte moftrano bellezza & pulchritudine. 

L'AFFIGVRAMENrO DE GRECI MATOMI DI TRE GENBRATLONI FORMATF, ET 
LE LOR ) DfVEse TCDviPARrfrfONr. 

'■'77,/m 




CAPITOLO 



TERZO 



;i 



ITMA enella Hispagni vlPeriore'noetift'SorOaiclciitecofnerieneZoncr.i bytiorìco U grande Citt3 di Galeri/ 
ti/. Non che in moiri reirri non hsbbi^Jitio mai trouaro che Otcate Cu^no quelle cxcctru che in un tcao qual cfjiì di 
tCyin tìifpmU Wr<TÌoreCaIentum:& in Gilliis Marfi/ia:& in ACu Puhiinc: & in Plysiio nel predice j libio due 
in grccia Pirhaijc.ma noi habbi.imo ne ^ii.iltri ierto ftanerqiiafi i '■-'{h. cioefi^/iiiica secha:Ma ojiia^fi i cne mai 
Coahabbism trouaro nell.ite^loned'Hispa^na CaIenro>ne marauigUanio di alcuni rexti.ma Plyn. nel ò. libro 
„ :■ .■ ; nel primo c<ipu&lo 

■^ dulie v.'gU sinue del 

rtiiiop I cl (i dice: 

L.i Diuur^t, cultan 

itJ.Muha, Xerelìbuj 

: fi rrunales & calenfi 

bili emanicim fiche 

I vJ dcscriuemo sol.i 

mauecuniehabbu 

nio trou.iro gli.il/ 

, tri teictu&coniecor 

retti gli hdbbianio 

aaglinlrn. CChe j 

! la ttrr.i della quale 

fi iducono ' Cloe si 

compungono o uè/ 

fu fi notormati Se 

p.lti inopcra.Aru 

ito.iicl pi lino libro 

dcUi.propri(.t.Ul de 

'glielim iKi cofipo 

ne ti. uando la ter/ 

rae iiince.ite sopra 

Ucorpo^comeiJ ter 

ro&ilrame fifum 

mcrgjentU'.icqiia: 

& quando il uiiiccn 

tede! fuoco &. par/ 

- tt de l'aere nuota o 

< M Wt mm!mrma Bsm£^^ sopra l'acqua. 

S tppi che qftu iicr* 
b-> duro diicis: ha moiri iiguifictiom uè/ 
ci :Iiexpofirorm..c.b'iliifi. Macofieda 
sa,..<.;cc'jt certamente molte utilità negli 
ed nel dfbbcno concedere quelli matoni 
di tal miftura di terra: Terchefi Icgrandif 
fimeHccube piramidale come ssiia della 
sagra chiesa Baricephala / citc di grande 
intonantia / di Milano & la nodra di san 
Domenico nr,n potcH'.' esser solarità da i 
piloni & sue.irchuatcuoIte& àrihi in uol 
ri.dopoi chequefta pomicosa rerra fi può 
formirecomc fi fa l altra figulare/cioc da 
Vafi.Ne patria ottima et sa sc i pe^^I grà 
di & idonei fi t ouassciio formarli & del/ 
le Statue & ornamenti da che in se e tanta 
perpetuità: ma ccnciofia che'l pernice e di 
colore di cencre,& il marmo cbianchisfi/ 
mo come neue,ne pare cesa più excellen'*" 
teoperare di qucllo.se ben fi douessepro 
mutare la mesura & d'essa Hecubale cue 
ro cìm: sia figura,rantochecon belle?a fy 
re fipt ssa: Ma unauirtu intra le altre del 
pomccedircmoCbenrhe plinto l'aftferma 
per cosa uencnosa) non dimeno rhco" 
phr;ulo ne! nòno libro.a rìicioto opitolf 
..,:,;.]; dcH'hiftorii de piani ti cofidicc.La forza 

--tu .«jf — • «!• e .- „t ., * . . delpon ece esser tara grande che fcin uno 

crcio bollente il metterai gli fi rogherà il bollore, ne solamente m alcuna parte di tempo , ma in tutro. Vo!/ 
se anchoraessereil proprio del pomece,preIlamcnte U diseccare. & a se tueuete tutta la spuma,& quello 
i.«set€caus«delloftinsti«e, -.n ..i^mù^^ihu. 

G il 




Mae iieIf'H]Tpagna ulteriore nella cittadi Calén 
to ,& in Marsiliadi GalHa ,j8tii) Asf^ Pithine:_ 
doue alhor quando i Matoni son fatti $f' secchi 
buttati in acqua nuotano;. Ma póiTèrc c^si notare, 
per quefto si uedc , cbe la terra dcUaquaie si educo 
no , e pomicofa • Cosi quando ella è legLjiera da 
l'aiere afsodata, non ricede in fé ne beue l'acqua . 
Adunque perche ell^ sia di leggiera & rada proprie 
ta non comporta penetrare nel corpo l'hurpida pof 
sanza , ma di qualunque pefo sarà , sforzasi dal 
la natura delle cose Ccome il pomece) nell'acqua 
softenersi . Et cosi hanno grande utilità ,perche nel 
le edificationi non fono de grcue pefo : & quando 
son códutti in opera dalle tempede iiQfi iiìn guafti. 



■-.» 



b 



LIBRO 



. ÌTMA nelle fibriche di cementi . Q.tii' 
«Il VetruuioHe noi dire la bontà del* A 
rena , & qua! fin atta a «llere miscela// 
Ca uelle f^briciie di cementi / cioè sasfì 
mez-iw o ik.l mcniiti di gcucracioiie di 
pietra morta finiiglianrc ;il tufodiRO 
ma quale e nel fondammto doue (i ca/ 
U.1 l'Arena rhismata pozolana : fncani 
pagna hoggi di chiamata Terra ài la / 
uoro ne!Iaqii.-il 4)uinci.ie Napoli di quc' 
Rh jiictra unJutrsalnicntc fi librici & lui 
«ffa uolgarnientefi chiama cemento? il co' 
lordellaqualeebiginccio in rofciaccio: es 
ia pietra conc'lcina & arena e atta C(5gre 
garll infKme& stccarfi pretto & f:ir presa 
di corso in corso tanto quanto importa a 
dfe muraglie de tutte le fabrithe douc con 
Jjien congiugnere detti salii, ouer cotri ma 
tbRi, & come il tcxto chiaramenrcdicein 



SECONDO 

DA eleggerei' AR£N A IN a VAL MODO SIA DA UE'' 
SCOLARE CON LA CALCINA P£R L'OPERA . / . « 
CAPtrOLQ q. VARIO. 



A NE L LE Fabrichc de ccméti In prima 
e da cercarse dell'Arena a tal ch'ella sia 
idonea a mifcoiare con la materia, laqua 
le non habbia inie miscolanza di terra - 
Et le generation! dell'Arena de fofle son qucftc: 
Negra , Candida , RoiTa , & Carbiincula . Delle 
quali quella che per la mano confricata haucra fat 
to ftridorc sarà ottima: ma quella che sarà terrò, 
sa non hauera tale aiperita. Similmente se in un 
ucftimento bianco efia- sarà gittata , poi scofla o 
nero sbattuta , & quello non habbia machiato. 




tciidere potrai . Ma conciofia chela natu/ 

rat.peraindiucrfimodi ficomcn&n sola . . ■ n i 

fnenreda varuuipneiibroottauocdit/ ne in qùcl luogo U terra sia reftata , sara-lC;C^ 

to a carte .ma come eia opinione de ^^^ ^ ^ se noH gli saranno le Arenane donde 

principali philosopni ,& come rutto li . il ^ n j r • j ii t • 

giorno nierj ricercatori di ella natura co/ s\ cauano t.alhora^quellajle i^iumi dalla ghiara 

sarà da cernere. Anchora non meno quella del 
la riua del Mare , ma ella nelle fabnche ha que 
_fti manchamcnti^che con difficulta siseccha , &1 
doue sia la parete , ìnon comporta di peso effcre 
carcata , se" non- e meffa con le intennessioni ^ 
ne ancho riceue le uolte . Ma quelle del mare 
qucfto hanno di phi , che anchora quando iti ci 
se pareti gl'intonacati fatti saranno, , rjmandfin 
fuore il fiore di 'Sale ,^ guaftan^ósi tigualmérite;. 
Ma quelle di ifolTe con prellèzza nelle fahrichie 
secchano , & gh intonnachati sono durabifi , $C 
comportano le uolte*. ma quelle che sono dclfe 
Arenarie fresche se m elTcre lungamente ftanno, 
dal Sole _, dalla Luna, K dalla Pruuina concot 
te si risoluono , & fannosi terrose : Cosi quaft 
do nelle fabrichc si compongano noh poflbnò 
insieme tenére i cementi , ma essi difcorrcno , & 
rouinano ■. Se le pareti non pofiono i pesi sufterìe 
re . Ma le fresche Arene delle foffe per ben che 
habbiano nelle fabrichc molte uirtuti , per cmc 



prendcno. Per che condofin che da elfe di 
iicrse specie terreftre procedano tutte le co> 

- se lepuali h.inno fermezza & greuezza.pro 
cedono anchora per e/Te iiariati conkga// 

- rictiri & diucrsi eflRtti di concc^rporatio' 
ne : Et per ben che nel capitolo secondo a 

; carte .4 9. habbiamo hauto la compofi// 
• tioiicdegli Atomi che pare effere (lata la 
prima concetfione delle. cose,nondtme/ 
-no eifa oper.iuonepare chcda molti ferir 
tori Ila impazzita onde dimoftta secon' 
<Jo il uero fonte di Philosophia che teri- 
ra pura non fia piefra,laquale non fa con 
tinuatione, ma communicamento & per 
chcineila uincela seccitatc non permette 
cir» conjtlufinarse: come saria quefta A' 
REMA yo Sabbia . Se ài opinionee nel/ 
l'effetto chefiuede tutt'il giorno , chei 
iìumi masfin»amcnte son quelli che per 
loprorompfrfi desasfi quando uengono 
«rommosfi , dalle uariescaruricntie,o uè 
ro corentie d "acque ce nimoslì:& trasporr 
Tati ili eflTa correima infieme fricandofi esfi 
«JiHòluontì & fi diminuiscono più & me/ 
no secondo la specie & di Aroia di folle 
& sabbione, o uer ài fiumi . Ma noi eie 
timamo per quella ragione ncn eflfere alv 
tto l'Arena che una pai trita Sabbia, o 



proceda da i fitmii o uero più trittisfima 
dalla frequente & spelta fluttua"' " ""' 
Mare queUneifer cosa facilmen 



aaiia frequente & spelta fllittuatione del fto , cflc ne gli intonnachaiiicnti non sonó utile: 

Mare quello eiler cosa facilmente da_ ere' ^.J^^ | c^^Jce-per eflèr ©taffa SlVttatkòhtX CÒfl'pis 
dere.Peril che (anchor chefiaposnbile) .. . l . . ^ o , / 



pertanto ctinsumamento peruòiire infr^ glia , per la Subita fotza non puo dentro scccha 

no a gli ultimi Atomi ciaschunod'esfi jg senza crepature . Ma quella de Fiumi per la 

rranetticoroepuntro uero quando sono ^ m> n. ... j ii ^ r i\. J<. 

aiturtofrittan daniiouoadifponerfinei magrezza nell impaftationc della superficie de 

le eilentie de primi principii. Anchora ne gl'mtonacaraéti (cOtne rAftreCO) riCEUC la durcza. 

pare facii cosa a credere quello eh ella *^ 

tnarerianira poffa eflerc dispoHa a con' -'^ 

uè; tir/e più in nnode gli Elementi che . » , , ." 

Bell'altro . C Ncanchoriccuele Volte. quiuiVetxuuiodimoftra che efia Aren»noR comporta fabtKartctO 



CAPITOLO 



Q^ VINTO 



^ 



DI avAL PIETRE LA CALCINA FAR' 
DEBBE CAPITOLO aVIKTO, 



SI 




^ITa gli eJifìcii fatti in archr &in volte chenon può fopportarlf nerenerli : Tedicono afichora coh tatve* 
rafiònc qiiale (ìmilniente fi polfono intendere gonfiamenti gli quali per accidentia fono intra le pareti SC 
gli inronachatj. C Non pofTono infiem e tenere gii ceni enti /cementi in quefta diftintfone lignificano gli ró 
penuiit! Hi maroni in abbundanza o altra materia , onde volgarmente chiamamo recalzi : Ma cemento 
anchora vuolefignificarela calcina molle nella quale (laendo l'altre pietre clTalo cócede illuoco &: coft 
fa inlieme adunare * congregare m vn malTo ogni cofa che gli s-'impone o vuole iJintegre'o le tagliate 
& roite pietre, che per ella fòrza le fa tenere m vnione. 

CDi quài pietre la calcina far, fi deb> 
be . In quefta lettióe vetruuio ne vuo 
le dar' notitia ben che molte .fpecie ài 
pietre fiano atte mediante il fuoco cai 
cinarfi, pure anchora che quello diy 
inoltra a glìhucmini elTer' cofa notisi 
fima , non dimeno à pochi è concefTo 
di connofcere la qualità de le fpecie 
di qtitfte pietre, fi come de altre cofe » 
escetto a ciucili che per longo vfo de le 
arti loro hauendo fatto molti expe.» 
rimenti acio pollano la certezza ha/- 
uere dei loro operarli per dimoftrare 
ladottrina de le loro fapienzc. Concio 
fia che le pietre fecondo la naturale jdu 
fpofitione in varii modi fi cócreano : 
le quali fecondo la oppinione di Ari./ 
ftotele nel Libro Primo di minerali ^ 
bus , coli pone. Gli fasfi fé fanno co n 
vna conglutinaiione & congelatione: 
nella natura de certi faifi che la terra 
fignoreggia : in alcuni altri e l'acqua 
&c. Et perciò fi quelle pietre fono più 
participeuoli duno Elemento che du-x 
no altro-» conuiene adunque che lo Ar> 
chitettore fappia cognofccre quelle fpe 
eie attamente disporte, ne folamente 
per quelle, ma per ogni altra operai' 
rione la quale intende di vfareo verdi 
sponerealcocerle. Et perciò elTendo 
conceffb da la natura quello cheliaope 
ra.imitareda le cocente fiamme del 
Sole vedendo fopra alcune fpecie di 
fasli 8c terrena concreatione , eftato 
confiderato quelle difpofitioni che fo> 
no arte a difolueifi con facilità per cau 
fa dello ellingiierle nell'acqua : Et dap- 
poi fimilmcte dalla fecchezzadelgiorx 
no expeditamcnte concrearft infierne > 
,V csfi fiano Itati da operare 8£ tenerli 



^5ENDo trattatofìde leabun-^an// 
'e de le Arene, anchora oltra di q 
'lo e a dare opa con diligcza de la 



:alcìna , acio che di bianco falTo o 
vero di felice fìa corra ; Ec c]Ua che 
farà di faltio & più duro falTo Para più vrile nel 
ia muragli^» Ma qlla che farà fpognofa nelh in// 
tonnacamenrì farà vrile, qndofara evtinra.alho 
ra {3 mareria fia cofi amifcolara, che fì l'arena fa 
radifoiTa/rcparridieflTa in vna di calcina fia 
meira. Ma fi ella farà di fiume o di mare , due di 
Arena in vna di calcina fiano mede : pche cofi fa 
ra la fua ragióe della misura il rcperamenro. An-7 
chora in qlla di fiume o di mare,fi vi farà di eoe 
ci di va fi o matoni pifl-i gh fi aggiungerà p via 
terza parte , nella calcina , farà U réperanza del 
la nnd-ura a( vfo megliore. Per che qndo la Cai 
cinariceuel'jcq Sdirena , alhora fa sodo il mu 
ro : qfl^a fi vede elfere la causa, che da gli princì 
pu ficomeglialm corpi , gli saffi anchora cofi 
sonotéperati :Er qlli che hino più de l'aere so// 
no teneri, & qlli che hino dell'acq sono fiacchi 
dall'humore, &qllichehino della rerra sono 
duri, & q'U che hino del fuoco sono più verrio 



li : Et cofi di qfti saffi s'inanzì che fiano corti fi gf ^"^.'^' ^5 ""^":-^" '" fP"'^_ ^I": 



piflanomenutameure&amefcolaclcon la Are/ 
na mesfi nel muro ne fi alfodano , ne elfo mui'o 
potrlno far renere ; Ma quiidofarano mesfi nel 
la fornace, p lo sforzaro calore dal fuoco corri, 
pdono la virru della lor pria durezza. Alhora a 
brufcìati &fecchi, abbidonanole forze loro p 
le apte creparure, 8f diucgono deboli . Adiique 
il liqrc'lqle e nel corpo desfi falfi, & l'aere quan// 
do farà abrufciato & cauaro, & in fé hauera il re 
(io del calore nafcofto , melÉ nell'acqua prima 
chel fuoco fé nefca piglia forza : 6^ p lo penetra 
tiuo Immote nelle aperture fi vene a fcaldare& 



_. carelecafe, «edificare le perpetue 
."^vallidisfimc muraglie come e notif> 
fimo : 8C per ben che fia quello aflai 
volgare, & quafi dimoftra fuperfluo eC 
Ter" lo fcriuerne, non dimeno à gh fuc 
celTori indotti, accio ch-'amaeltrarc R 
polTano , lo debbe elTere cofa gra /> 
tisfima il demoltrarlo come fi difpen^ 
fa loperar' de le cofe fenza perdere il 
tempo ?i ancho connumerare le fpese: 
JtC perciò quelle pietre è bifogno che 
fiano raccolte 8c elette per modo che 
fiano atte a coccerfe inanzi che fi abru 
sciano nelle terrellreconcauita qual di 
cerno calcinai come pozzi da cauare 
l'acque de vna alta canna , ma habbia 
di fotto la bocca da darui fuoco al pre 
furneo come e dimoltrato nelle lettio/ 

G ili 



Prefurneo 
acart.itó 
lecteta. R* 



ss 



tmLO ^i 



SECONDO 



bollire j Ercoli refredda ro caccia il caldo fora, 
del corpo della calcina . Etp qiiefro di qua! ]^c(o 
gli faslì fon mesfi nella fornace, quado iì cauano 
l'imàgono di quella niedefma grAdezza,ma p Io 
cófumato liquore fi ritrouano elferMiminuiti del 
pcfo, circa la terza parte.Adùquequido apri fo 
no gii pori dì quelli & le aprure ripigliano in fé 
l'amifcolamcco dell'arena &cofi s'accompagna 
no, 6£ feccandofi co gli fasfi o ver maroni fé con 
giongono, & fanno la durezza del congiognlmé 
todel muro» 



ftirntccdehtl&Jìgure.Etconla calcfna 
nò folamcte haucdo pottfta di aftringe 
re infieme le pietre o di falTo naUirale 
o di rnatone cotto:a bc che i efTa fiano 
trouatejnolte altre virtiiofe proprie^ 
tati tato neiracq doue fia entro extia 
ta, quato è nelcorpo d-'elTa.&p Medi 
. camctoqfta vimanlfeftamo: la calcf* 
Ka polucrizata nò folamcte 3 gli Ca> 
ualli Si Boui 5: alcuni altri aniinali,ma 
anchora alla humanacarne effer' giox 
ueuole, niasfime ne luochi -corroti 8c 
amahfi, fi come è anchora chiaro a 
qJli chelmcbro verilegli era marcito 
*iffcrniato: cofi almaldeiegàbe 8i ai 
triiuochi Ififtoliti in breue giouare a. 
chi ia può Toffrire, & qfto da molti è 
ftatoexpcrimctato.CChedagli finci-» 

pii fi come glialtri corpi, fi gU fasfi anchora cofi fono fcperati.Qui'ui dimoerà bc che alle coPe d'Archf 
tetturaqfte aprmctefiano,nò dimeno p itenderealcun^ altre cofe affai marauigliofede la natiira,ne pare 
trarle à nne,accio posfiamo eleiiarc le mirti ^ itelletti di coloro che le fcicze nò sano: Et fpecialmère di ql 
lecofeche Arilìorelenel Libro de amiradis naturalibus delfalTo foch.ofo di litania ha trattato qiiado di^ 
ce: In litania, anchora applfo à gli mòti AppoUoniati affermano elTere vn certo faffo dal qle n'efcie il fuo 
co: Ma nò fì può mai vedere, K fi alcune vi gettaife fopra lolco, fubito s-'inccde & mfiàma 8i puofi vede 
re chiaramcte. Anchora da Ariftotele eli inelTa opetta ferme del fuoco il qle appare oltra la regióe del mare 
dcue fono le coione d'Hcrcole, cofi dic(:do:ScriueAnnonoeirereachoraceit'altri luochi di la dalle colóe 
d'Hercole de qli alcuni la notte femp ardono. Alcuni anchora folamcte il giorno:& chi in Lipara e risguar 
dato nò può effere veduto fé nò la notte folamcte. Anchora elfo Ariftotele di molt'altri luo:hi che hàno 
le fornace naturali gli qliabruciado calcinano ia terra de qi luochi,& bc che fiano itegri esfi fasfi: & an 
chora fi fono triti ."<£ redutti ìpoluere,no lalTando la virtù d:l fcendio, fi fono fparfi & bagnati d"'acq bue 
tano la fi^ma, fi come a noi la calcina, la Jle esséipdi frefco dalla fornace cauata & fopra elfa gettatout 
Tacq, fu ole fenza dubbio bollire & co efio bottate bollore, buttate le caldisfimevaporatiói. Ma quefte 
che Ariftotele dice nel mó che madano la fiair.a cofi narra.Del fasfo chiamato Spino.ElTo il qle in Thracia 
fé ritroaa die habià ditto chiamarfi fpino fé in più parti fi diuidera il pezzo piccolo 8i if pezzato arderà 
nò altnmcte che Ci fulTe fano: ma ritornato m cenere /^ bagnato c5 acq da nouo madar fuori le fiame & 
ardere, il che certamcte affermano che.fail luóco detto A;aritha.<rQH^°'° '"^'''^ brufciato & canato &c. 
p tutta qfta k ttiòe bifognaria che lo Architettore haueffe al qnto di cognitiòe Filofofica a cóprtdcre q(to 
che vctruuiodortamctedice:cofi àchorap còfiderare &faper'calcularearithm.eticamcte qnto iporta il 
pefare de ia cofa foda, & dalia vana o vero vacua p trattatiòc artiiìciofa 3 diuertire, come gli A rchiiniK 
le còplcxiói de gli Eleméti cauadole dale corporéaturc.Et cofi di tutte laltre fimigliate cofe,nò folamite co 
ne le pietre calcinate,ma anchora l-'acq o ver altro ha.imore feccato da f calori bollcte fuora diin corpo 
& fupficie di alcuna marcriatura,o fta^o d'^acq, o vero altro vafo. Cofi anthora p molte altre cofc det 
te alle quali per non ci aliongaie le taceremo. 

UTAnchota è vna gnatióe di poluere la qle fa naturalmére cofe maraurgliofe. A qftoppofito poco di fo/ 
pra è detto de la^creatiòe de l'Arena ik Sabia, X anchora de la calcina. Al pfenrc din.oftraremo da che p 
cede la caufa de lapcreatióe di qfta poluere ■pozolana: Bii'ognena còfiderare le lettiòi di Arilìot. nclii Li 
bride leppricta degli Elemcti: Et nelli Libri Mctheo^, cofi anchora qUoc'ha detto Vetruuio nel Libro 
vili- Anciiora alcune lettiòi di flymo 



luaxiecomencl Libro.?? à.ii. Capi-» 
toli di q(ta poluere Pozolana in quey 
(io mó marauighàdofi ha detto : fono 
oltre di qfte varie diuifiói de la terrai 
E t f perciò nò è da marauigliare che fia 
clfa la peggiore chiamata poluere de 
colli Putcolani , refiftere all'onde del 
mare: Et che tuffaruila fubbito farli 
pietra,daironde inespugnabile,.*^ ogni 
di diuemr-'pfu forte , &che fi amifcoli 
colcemètoCumano. La medefima na 
turaè della terra nella Cj'zicenia re^ 
gióe: Ma lui nò che la poluere , ma la 
ferra di al gi.ìdezza fia tagliata Si. (&■' 
mergèdola nel mare , pietra fi caua: 
Queltomcdermoifornoà Calfandrea 
dic-ono. fatfi. JEC nel foncé Qudo di ac^ 



DE-LA 



POLVERE 



POZOLANA CAPITOLO.Vr» 



'nchora e* vna generatioe di polue 
re la quale naturalmcte fa cofe mara 
uigliofe, effa nafcie nelle regioni di 
Baia,& nella capagna Romana gli 
quali fono uomo al mòte Vesuuio, 
la qual poluere amefcolata co la calcina,& pietre 
cemtticie, no folamcte a glialtri edificii cócedela 
fermezza, ma anchora le magnificétie grandi le 
quali fi fabricano in mare,fotto L'acqua,fa ch'elle 




CAPITOLO; 7? 

s'induriscano. Ma queflo fi vede fare con que 
(Ira ragióe, che Cotto gli moti fono le terre & gli 
rpcsfì fóti che bollono, gli quali coli nò Cariano 
fi nel fódo della terra nò hauefleno o di solpho, 
o di Alume, over' di Bitume grandiffìmo arden// 
te fuoco, Aduquetotalméteil vapore^della fiama 
6f del fuoco che ài cótinuo fta dctro da le vene,& 
arde/aleggieraeffa terra: Et quello che nafce in 
elTo luoco e tupho (eccho, & e senza liquore.C^i 
doadùquetrecofedefimiglìante ragione per la 
forza del fuoco formate vengono in vna mifco// 
lanza/ubbitamentericeuto il liquore infieme fi 
c5gregano,& co preftezza indurate dall'humore 
s'airodano: Ne quelle la tempefta del mare ne le 
forze de l'acqua le può diflToìuere. Ma che fieno 
gli ardori in edìluochi il può dimoflrare queda 
cofa,che negli mòti di Cuma & di BaÌ3,fono luo 
chi cócaui coni sudatorii,ne gli quali il bollen^ 
te vapore nafcendo nel fódo per la forza del fuo 
co perfora eira terra, & per quella difcorrendo in 
queftiluochi nafce: & coli fa le egregie vtiliia de 
Bagni.Non anchor mancho fi ricorda antichamé 
teeifer' crefciuti gli ardori & elTere abbùdaci Cotto 
ìlmócc VesuuiOj&dapoi haucre fuor buttato la 
fiamma intorno a gli campi. Et per quelli ardori 
quello c'hal pfente fpogna, o vero il Pomece pò*" 
peano e chiamato^che per elTerealCai cotto, daltra 
generacióe di pietra fi vedeelTer' riduito in quella 
qualità di generation' di Pomece. Ma qftagene/ 
ratione di Pomece che da quello luoco fi caua,nó 
nafcc in tutti qnti i luochi , Ce nbn intorno d'Et 
na & ne colli di Myfia, gli quali da Greci JtccTot 
K'£K.vja.€H&u Ce nominano; Etcofifono altre prò 
pricta di luochi fimili.Si adunque in quelli luo/// 
chi gli bollenti fonti d'acqua fi trouano,& ne i ca 
ui monti i caldi vapori, & efiì luochi dagliatichi 
fi racordano hauere hauti gli vagabondi ardori. 
Quello certo fi vede elTere (lato del tiipho & de la 
terra, & in quel modo che da le fornace , cofi da 
queilì dCer cauato il Hquore, Adunque le coCe dis 
fimili & dispare corrette & in vnapoflTanza con 
gregate, la calda degiunica del humore fubitamé 
te con acqua fatiata, negli comuni corpi col na// 
fcoflo calore infieme bollono: & con vehemctia 
qlla fa conftringerCj&celct» mente pigliare vna 



SESTÙ ilu 

dolce, in tra ottomefila tèrra diuctar 
pietra. Da Oropo in fino'Auiide ciò 
eh-» è di terra Si chel mare ia toccha (i 
muta in faffo.Non molto differcntiare 
dalla poluerePozolanal-' Arena fi fot 
file del Nilo da non foftenere da l'on^ 
de effere franta, ma auincet''gli corpi 
nelli ftudii de le paleftre.£t certo de fai 
a Roma da ì'atrobio libertino di Ne^r 
rone Imperatore era condotta: Ma (ì 
troLiache Leonato, & Cratere, ancho 
ta Meleagro Capitano d-> AleiTandro 
Magno hauere ritrouato portare gue/ 
fta terra con gli altn loro cariaggi da 
guerra. CRegioni di baia.hauendo àet 
to vetruuiok virtù de la polucre chia 
mata Puteolana la qual pare c''habbia 
receutoilnomedaloppido Tuteoli, il 
quale nel,prefcnte fi chiama lozolo a 
preffo a Napoli: Ma par che douelTe es 
fere detto più predo nel titolo, polue-» 
re Baiana, per che nafce nella Regio ^ 
ne di Baia,la quale volgarmente acho 
ra fi dice Baia di Campagna di Roma- 
Ma concio fia che Baia è ae confini df 
I'ozolo,& vicino al monte Mifeno nò 
e cofa marauigliofa fi e dimandata pc» 
zolana,& non Baiana,dal luoco pm vi 
cino all'origine di elTa poluere:ancho/ 
raVetruuio dice che di queita genera* 
rione di poluere fi troua intorno al m5 
te vefuuio, Sene Campi Municipali/" 
cioè de Cittadini Romani: Quefta poi 
uere è bene marauigliofa.Cóciofia che 
la natura quafi par c'hauelTe iui à be* 
neficiQ de gli Romani preparato l ' aiu 
to de fare le muraglie non folamente 
acio che poteffeno ottenere la loro for 
rezza 8c gloria del dominare o ver ■'co 
mandare per tutte le terre, ma ancho> 
ra per tutti i luochi di mari & d'acque 
haueffeno il modo a poterfi conferua.* 
re entro alli murati 6c fortisfimi edifi> 
cii:ddqual modo vetruuio dira nel 
Quinto Libro à carte. ijo.CEMENTI 
CU. e detto àcarte.fi. Lettera. E.BI 
TVM£ è vnageneratione di terra arri 
da ?£ comefangortna di natura tenace 
&daindurarficonla quale fi àmura 
& fa il muro forte.nafce ne paefi di AS 
SIRIA. C Quando adunque treco 
fe.Qiiiui fi può intendere quato vaglia 
la potenza del calore, o ver fuoco,il q 
le genera o ver difpone le fpecie de la 
terra o vero fasfi a generare il Solpho, 
o vero A lume, & anchora il Bitume, Si 
per virtù di esfi medesmi arfi & tedut> 
ti da la forza del fuoco in vna mifco^ 
ianza di calcina & acqua elTa poluere 
3POZOLANA, o veropuzolanajper-» 
uiene alla marauigliofa durezza la qle 
refilte alPonde del mare, 8c t ogni al» 
tro humore,Si talmente fottolacqua fi 
afsoda che infieme fa tenere Si calcina 
& cementi Se tutte laitre materie dispo 
Re al mut jyrc.JE e quefta poluere ne pare 

G iiu 



thella op*re<5 più perpetua efficacfai vì«*tu df durezza, Reflera a defiderare fi in qnet 

t\TJlpe?:tltS£^'m>:Z: modo fono in Ecruria d'acqua calda gli spefTì fa 

do findurifca Se fottoiacqua & fuora ri?pcr che iui anchora non nafce la poliiere de la 

ndSSStXoS nTa '« quale con quella medefma ragione forco lacqua 

Ihuinido inmarcifce,t% à luochi fecchi, la fabricha indurifca?Et coli a me e parfo inanzt 

ì^^3l^SÌ'S^£r^ì Che fi difideraire d. quefte cofe, chiarire in qua[ 

cotti matoni.CMa che fiano gli ardo tnodo Vengono a elTereJche in tutti i luochi & re/ 

SgufuncT ie'batr^^^"d? vSuu^ è^ovi non nafcono quelle medesme generationi 

ttei Libro ortauo chiaritamente, ma/^ di terra of pietra: Ma molte fon terrofe,altre Ssf 

xinie per le ^"^^/^^^^?P}'.,, blonole, & atìthora Ghiarofe.in altri luochi Are 
CChenemontidiCuma Kc.Cumcda r j- i -i \ ■ r j- <- o. 

Greci e detta Cym«,ma i latini hanno nolej non dimeno m altri luochi fon diuerfe: of 

nutatoj-icttera greca in y. lettera lati f^^^j ^jy^jo j^ <jininii[e & dispare penerationi . 

na.con.Cfemplice&vnfolo.M. & di> _. , • j i n • • r^ i 

cono Cumjf: Quella e Citta d "Italia i Come nelle varietà de le Regioni, fono entro La 

Campagnaàpreffo 3 Baia in piccol terra Ic qualitaCÌ» 

Colle al mare Ty^rrheno volta: edinca* ^ >_-* 

la da Hippode Cumco ?t Megaftene , ' 

venuti da Chalcide Citta de la Euboea 

à cercare nuoue fede, & per quello V ir , ,. , . , 

PiUonelfextodiffeiFmalmenteleggierififermÒnelIaRoccha di Chalcide fonommataaa Cumei i quali 
«ennenodi Euboea à ben che fulTc edificata da Caladen(i:(i come ha fcritto Strabone: Altri hanno fcritta 
elTere ditta da li fluftì gli quali i greci dimandano y^t"*-"*: per che e nel lito edificata, aprelTo la quale fora- 
terra è la (tanna de la Sibilla indiuinatrice, quella a ben che Erythrea fé dimandalTeCcome Ariltotele ha 
detto>iente dimeno da noi Italiani Cumana è (lata ditta:per il che tu intendi gran diftantia eflere da que 
fta Citta Cume:& da ComoCiqual molti errando dicono Cume^conciofia che quella fortisfima &com^ 
moda Citta Sia nel confine di Lombardia aprelTo al Laco Lario il quale Sfatto dal Fiume Adda, & dal 
fiume Mera che viene nelle radice de monti che fono chiufi verfo gli già Rheti,come scriue Strabene nel 
Quinto Libro.fo altramente mediocre Citta Ma Pompeo Strabone padre di Pompeo Magno reduffe gif. 
habitatori in queUaila qual poi fu da Rerhi rouinata Et dopo con Scipione gli fopra àggionfe tre niilia' 
huomini:Eta ìultimo DiuoCefaremenò à quella habitare quattro miUia cinquecento hab;tatoridi Ro>' 
inani:X cinqueccto Illuftrisfiiini Greci: i quali per ben che Cefare hauelTÉ; queda Citta rinouata.Ma da Cu 
me la chiainoronoNuouoComo,&i Cittadini NouiComenii:Adunque da Como -ne deriua Comenfi &' 
Comano, per il che vetruuio dice nelli monti di Cuma o ver Cumani/cioè de la prenomina- 
ta Citta di Cume eia quale per antichiti auanza tutte le Citta dTtaliaa: di Cecilia^-CSono luochi 
concaui con li fudatorii/cioè bagni come paefi di Viterbo & fimili, de quali è detto difopra a carte. 14. 
A anchora ne diremo à carte. CSotto ilmonte Vefuuio AC VESv vIOilquale anchora vefeuo fu 
detto Si mutato il primo nome al prefente fi chiama Somma & è vn monte in Campania apreffo Napo^ 
il il quale alchuna volta ardendo come dice Arillotele de admi.tiat.o ver''I'l/nio Sccódo in epi(lole.& Sue 
tomo: & Eufcbio fignoreggiando Tito:tanto incendio da feìhando fuora ch''abrufciò le vicine regionf- 
^ le Citta con gli huomini. Ma quello par'che foITe mancho danno che la morte di 'Plynio il quale in que 
tempi fu CufFocato dall'incendio di quello monte. Et quello che è più marauigliofo è che fi dice cITere abii 
dante di frutti «maxime di vite ben che arda dentro,» come il redo dice per elTaardentia fi produca la 
poluete puzolana& il pomeceCSe non intorno d'Etna. Etna e monte di Cicilia notisfinio ha preso il 
nome da Aetna figliadi Briarco Ciclope,Sorelladt Siccano.dal quale alchuna volta già Sicania,al prefen-. 
te pure Sicilia infola.Etna anchoraCitta di Sicilia chiamata per altro nome Adianium. Queda fimilmere 
teda molti fi chiama Enna: ben che Strabene habbia ditto Enna eflfere Citta in alto colle polla, ornata de£ 
Tempio de" la Dea Cerere: Apreffo la quale fu rapita I>roferpina da Plutone come dicono molti Hyftoriy 
CI, & -poeti.Quefto monte ha nella fummita fuaduéeifalationi le quali gli autori chiamano Cratere, per 
le quali lo fuor buttato vapore erumpe poi per li caldi luochi fcgreti o celati de le caucrne del monte core, 
fremito « longomugìto intrale viiiere de la terra lungamente riuolto,la cagione delquale e conuenicnte 
pieliarfi da le Filoforiice confiderationi. Entra lo fpirto ne la terra dall'aere intorno fparfo il quale quan 
to più hal'ufcita procede fcnza ingiuria. Ma ritrouanio oftaculo 3 chiuderli la via.allhora aggrauato 
dalfopfauegnentefi elfo entra per alchuna rottura, malignamente fugge, & è con tanto de più forza qua. 
to più troua ftretto luocho: Et in effo non può effer fenza pugna, ne laiFa pugna fenza moto: & di quiuf 
procede il terramoto. Mafinonritrouafeffura perlaqualpoffafuggire:iuirenchiufo& moltiplicato fa 
furia, &hor di qua 8i hor di la fé disbatte, fin a tanto che la forza de lo fpirto fia per la refcaldata Se per 
la moltiplicata callidità e necesfano conuertirfe in fuocho, .'^ farfi fimile al cclefte fulmine, il quale imr> 
petuofamente commoffo prerompe effatremente terra tonitruofamenre,con grande occifione non fola> 
mente d'huomini, ma egm forte di edificiuabbriifciando Se cocend,o effa terra & fasfi: Alcuni di qui c5x. 
prendeno quedo monte d'Etna romperfi & confumarfi perche altre volte da Nauigantifolea effere vido, 
&ai|ii.vfenceaonfi. vedecliura:n£&te; Qud&opuQiUiiei^ noti petihe.l' Altezza dei_tnoate A fìa abb^ 



tAPlTOLO 



SEXTO 



?4 



fata, ma percheil fiiocho e quali annichilato Se fatto df m?nor forza perla grandisfima exalatiohe fattai 
Er dicono alchuni elTo incendio non hauere ilnotiimento fn clTo nionte,fna folanientela via vegnente da 
alchuna prosfitiia valle, o vero dall^onde del mare, in quella durezza de la bollente natura fi vede fuftene 
re leneui ainifcolate con gli fuochi: 8i benché di grandi incendii abbóda perpetuamente, dimoftra la faccia 
de la funiina altezza candida di perpetua neue: Et cofi in Tuna .iiTiiiiraltra èia violentianon vinta che ne 
il calore è mitigato dal freddo ne il freddo fi difsolue per lo calore. Et è molte volte (lato notato che sb^ 
blindando glincendii più del folito ha fignificato le battaglie, & vccifioni d''auenire, le quai cofe v irgilio 
ha pofto intra li fegni della morte di I ulio Cefare comc'dice. Habiam veduto Etna ondcggante dalle rotte 
fornace & i masfi<K le fiamme, & volgerfi 1 liquefatti fasfi: Ma la Campagna di quefto'^mnnte Tempre è 
ifiorita, 8£ non fi troua mai per alchun giorno fenza h"ori,come Ariftotele, Solino,Cicero. & molti altrC 
hanno detto: lui infanta copia fono i fiori, & con tanto odore,che li cani non polfonTeguire le corrente 
fiere ne le loro orme, ne anche fé non per forza poITono cifer ''tolti dal grande odore de fipri.CEtnecol 
ìidi W/fialaqualedaGreciCATACECAIMENOl funominata.MYSIA èTrouincia di phr^'giagiacea 
te al mare Heliefponte, quella fecondo •plynioal Quinto Libro à.jo.Capitoli fu nominata Aeolis . nella 
quale è vna Citta chiamata Mefia non lontana da Troia come da Scruiohabiamo fopra il primo de la 
Georgica. In quefta fono gli caldi monti & per quefto yetruuio dice effe: chiamata da Greci :CATACf -'.' 
C AYM£NOI/cioè Arfiua oucro mcendibJLe. 



tt 



CMa quella cofa grandemente è lecito confidet are, che in quella 

Ma quella cofa grandemente e lecito confiderà* 
re, che in quella parte che il monte Apenino cir// 
condeggia le regioni d'Italia,& di Thofcana, gli 
fono in molrisiìmi luochi le fofsc da canare Are^ 
ne. Ma di la allo Apenino k qual parte e al mare 
Adriano, non fi ritrouano di queftc Arene.Simil^ 
mente in Achaia,nell'Afia oltramare Certamente 
non fi nomina che se ritrouano» Adunque non in 
tutti e luochi ne quali gli spedì fonti dacque caU 
defurgono, de quelle medesme vtilita fimìlmen// 
te polTono concorrere. Ma ognicofa fi come la na 
tura de le cofe ha collocato non a volunta degli 
Il uomini, ma a fortuito cafo dilTcparatamcnte se 
generano: In que luochi adunque doue non fono 
terrenofi i monti, ma hauendo là qualità de le di 
spofte materie, la forza del fuocho efciendo fuo/» 
ra per le loro vene elTaabrufcia, &qllacofa qua// 
le e molle & tenera abrufciando dilTblue, Et quel 
lacheeafperalafcia.Eccofi come in Campania 
ia terra abrufciata diuien poluere: cofi in Etruria 
affai cotta la materia diuien Carbunculo : & luna 
& l'altra viene eggregia nelle fabriche : Ma altre 
iielli edificiìterreni,altreanchora nelle Mole del 
niarehano virtutì. Ma in quelluoco doue la ma 
teria hapotellateepiufiàcchachc il Tupho, & 
più foda che la terrai il qual luocho totalmente 
nel fondo per la forza del vapore abrufciato , in 
molti luochi fi genera quella generatione di Are/ 
naUqiwl fi-chiam^ carbunculo. 



patte che! monte A penino. Dfquedo di/ 
remo nel fine di quefto Secondo Li/ 
broacarte 66. lettera.D. CT Italia, 
meglio è certamcte di cffa tacere che 
di molte cofe anze infinite dirne poco: 
Concio fia che le lodi defsa fono fiate 
celebrate da infiniti Si grandi autori 
CteciySe Latini.Etda Vetruuio ne ha' 
ueremo allPrio Capitolo del Sefto Li 
bro.Ma flymonclterzu. Libro a . r» 
Capitoli cofi dice. ITALIA feguita SC' 
ài primi fono Liguri, dopoi Thofcani.' 
vmbna, Latio doue è la foce del Te'/' 
nere è Roma capo delle terre lontana 
dalmare.ió.miglia.Dopoilariuerade 
Volfci, & di Campania, Picentio, Lu 
cani, Brutii:douc più alungi nel mare 
fcorre J talia da gioghi de gli Alpi qui 
fi in forma di Luna piegata. Dopoi S 
grecia. S3lentini,'peduculi, Apuli, Peli 

fni, Ferentani, Marucini, veiNni, Sa> 
ini,picenti. Galli, vmbri, Thofcanf, 
VENETI, Carni, Lapidi, Is tri, Libur 
ci : Sarebbe ingratitudine trafcorrere 
contanta breuita la terra nutrice dell'a l 
tre terre 8c Madre da Dio eletta per fa 
re il cielo più famofo,«f per congrega 
reglifparfi Imperu,&le confuctudini 
far-'piu humane,.S<: per ragunare in vrt 
parlare tante varie Se fere lingue,^ per 
darehumanitaalhuomo,& per elferé 
patria à tutte le ge»ti del mòdo. CTMa 
di la allo A penino la qual parte è al m» 
re Adriano, non fi ritrouano di que > 
Re Arene/cioè come a dire fimigliantei 
de le arene di Lombardia le quali are> 
ne di foflTe fon più magreC che proce> 
de da la fpecie del terreno ')à\e qucllei 
che fono più denfe & crctofc:Ma le no 
(Ire PEROSCINE Arene di fofse foi 
nografrec"?:cretofe, 8c perciò opera.^ 
ino quelle magre del Teuere.CTAchaia. 
quella nella Regione del pcloponef/ 
fo e cofi chiamata da Acheo figlio» 
lo di Xuti , la qiM'le da poi Egia/> 
tea 4al Re fgitaQ. fu npHù{uta«>j> 



trsua 



SECONDO 



f In queTuochx adunque doue non fono terrenofì i hiofiti 5rc.Quiuì vetruuio dimoftra la potcza iel fuo 
co qualmente a quelle cofc ch'ella può fi cftende a Concocers fi come la molle terra 5: reduceria m cenere: 
& anchora aUi duri sasfi cauare le propnetaH naturali cocendoli per modo che li reduci non folamente in 
varia fpecie di calcina, ma inespognofa Pomece come difopra a carte, fi. habian detto. £t per quello fe 
gran beneficio a gli Architettori hauere la ricercata notitia de le preditte cofe accio fapiano difcerneie le 
nature de le fabnche nel mutare a pofTere operare in qualunque luoco fia bifojjneuole edificare-CTMa in 
quel luoco doue la materia ha potella &c.Quiui chiaramente vetruuio dice la càufa de la cócreatione ter 
rena nel qual corpo fi genera per che alcuna materia di terra efsendo molle Se tenera e atta a peruenire in 
Tupho,dx quello fene adopera afsai in Roma nel fabricare: Anchora t atta a venire come le pietre da ro 
care é ferri,quefte fono megliore hauendo il colore de l-» Arena carboncula.. 



DE LE PETRAE O 
CU SA5SI» 



VERO DOVE SI CAVANO 
CAPITOLO SEPTIMO. 



CDi qual varfetà fia la calcina Se l'Arena 8cc. Tn quello Capitolo vetruufo intende amafcftrare gli Archi.» 

tettori,i cognofcere non folamente le molte varietà de fasfi & pietre nell'opcrarle in varie cofe de ghedi 

fieli de Architettura, ma anchora per quelle fpecie de gli efculpiti ronipementi di marmi che fono atti à eC 

ferecalcinati.Dopoi anchora diftingue la fpecie di quei fasfi gli quali fono di materia arenofa cópofti da 

la natura. Et perche di quefte varie fpecie di lapidicineo Petrac che dir vogliamo, fono molto diuerfe a« 

non folamenre di colori, ma di cóplejfioni & naturale temperanza: perche qual di dura, & qual di durisfi 

ma fpecie fi rrouano, come anchora di quelle che di tenera & tenerisfima natura fono create , come 

da vetruuio poco di fopra è detto:'De le quai cofe volendo intendere le caufc & le coinplexiomloro.bifo 

gna recorrere alle letrioni Si difputationi Filofofice.Ma volendo la breuita leggerai Tl)/hio maxime nel Li 

bro. jé.&iuifcriffedelecoCcmarauigliofediRoma & nel fine d'elfo Capitolo cofi pone.Et tra molte al 

tre marauigliofe cofe d'Italia esfi marmi gli qli crefcono nelle caue fedo "Payrio Fabiano peritisfimofnef 

le cofc naturali. Et qlli ch< dal publico coprano le caue affermano che qlle p fé medefirae fi ricpino. Il che 

fé è vero e da fperare che non manche 

ramai lalusuria. Anchora nel medeC 

mo Libro. j6.àCapfroli.i6.i7.iS.&. 

19- anchora à- il. &■ xj. & in altri. 

Ma nel prefentenon folamente in tal 

(uochnma peri-» Italia ì^ in altri luo/ 

chi externi fono apatite altre noueca/ 

uè o ver'' petrae di candidi marmi , 8c 

chi più duri, & chi più teneri di varie 

complesfioni generati: Ma fono ancho 

ra trouate di varie mifture di pietre,^ 

di vana confufione di machie comples 

fionate, & da la natura dipinte come 

cofa impita in vna infieme equale ^ tE 

perata congela tione. De quai fasfi alca 

ni de noftri per bellezza 8e ornamento 

di alchuni membri de gli edificii hanno 

incominciato à fareCpiuchenon fi fo/ 

leuaXogliareesfi fasfi con le piaftre o 

ver lamine di rame,& di lPiombo,con 

Pafprosmiryrglio Sabionato, con acq 

fgocciolando tutta volta in effi come 

lalfegatura o ver partitura fe pur no.» 

tisfima:la quale & nelle fabriche de le 

pareti; & ne pauimenti di pietre lauor» 

ti omufaichati rende diletteuole 5ifu<< 

perbo ornamento: de le quai cOfe an/ 

chora più amplamcte ne balleremo da 

vetruuio, 5i per la noftra comentatio 

ne nel Libro Quinto, Sefto,& Settimo. 

Degli CEMENTI habbian detto àcar 

te.tj,Lettera.D.crFidenare/cioè le ca 

uè de le pietre F ianefe dette dal Caftei 

lo che nel prefente R chiama Fiano.pA 

LIEN,9£. Ciocie caueo che voglian 

dire petrae Valianefe chiamate dal ca 

ftcllo che nel prefenre fi chiama l'alia / 

DO nel Regno di Napoli, ALBANE. 

Cioè le Petrae chiamate Albane dal 

Cartello che nel piite fi chiama Albano 

CVinbru-qfta leg^óe vogliono gli au 




avAt varietà fia la Calcina , & 
l'Arena, &chevìrtutihabbianoho 
ditto. Al presele feguita chiarire l'or 
dine de le Petrae, dalle quali & li fas 
fi quadri , & l'abbundanze de gli 
I Tementi fi cauano & acquiftanfi per li edificii: Et 
quelle fi trouano effere di virtù differente, & non 
fimìlc luna al'altra» Perche alcune fon tenere fi co 
me in torno a Roma fono le Rofse, le Palinefe, 
leFidenate, & le Albane,altre temperate come le 
Tyburtine, le Amiternine, le Soratine, & lalrre le 
quali fono di quelle generationi, alchune ne so*'* 
no dure come le focaie: sono anchora di più al/// 
tre generationi, ii come in Campania il Rofso 8C 
il negro Tupho in Vmbria,Piceno,& a v ineti A 
il Tupho bianche, il quale anchora con la adden 
tata Sega come il legno ii sega. Ma tutte quelle co 
fé che fon tenere hanno queda vtilitade, che gli 
sasfi quàdo fono cauati non tardando, facilmen 
refi laorano; & fi fiano in luochi coperà fudcgo^ 
no la faticha, ma {i saranno in luochi fcopern,& 
spaciofi da gli ghiacciaci & brine amontonati 



<• 



iì 



SEPTIMO 



a 



CAPITOLO 

fi rompono 8f difpartono , Simiitntte fi faranno 
apprcfso a gli afpecti del tnare.dalla falfugìne fo 
no conruniacij&disfannofì pfto.'nepoflibno fopi> 
portare l'ondeggiamento del mare. Ma la pecra 
TeLjerrina,&qUechefonodcl3 medcsmagene/-» 
ranóe, sopportano tutte le cofc, &le ingiurie de 
pefì,& de le tépef^atì, nia dal fuoco nò poflTeno ef 
fereficure. Etanchora dopoi che da elfo fuoco 
son tocche, fcoppiano, 8f disfipafi: Impero che 
dalla naturale cóplexióe fono di poco humore: 
\anchora p che non hanno molto del terreno , ma 
più affai dell'aere, 6f del fuoco, Addque quando 
l'humoreSf il terreno e manche in ede, (ìmil'mé 
ce allhora dal toccar'del fuoco & dalla forza 
de! vapore di effe e cacciato l'aere al tucto.Segué 
do &occupado le vacuitati nelle vene bolle, 8C 
falle arieti limile a gli corpi fuoi , Anchora sono 
moke più Petrae nelle confini de Tarquinienfi, le 
quali sono ditte An)tiane,cert3mcce di colore co 
me le albane : fono le grandi officine di elTe intor 
no al Laco Vulfinienfi. Similmente nella pfcrtun 
Statoniéle, quelle hanno infinite virtuti: per che 
a' queOe nelle tcpefle deghiacci, ne il toccare del 
fuoco lo può nocere, n-a fon ferme, & per quello 
alla vecchiezza permanete: perche hanno po/i^ 
co della nacural' mifcolanza del'aere, & del cuo^ 
co,ma téperate de Ihumore & molto più del terre 
nOjCofi di fpclTe eópofitiói asfodate,ne dalle tem 
peflraci, ne dalla forza del fuoco fon guade. Ma 
quedo grandemente e lecito giudicare da gli Mo 
iiumenti ^li quali fono intorno al municipio, dif 
ferente fa ree da quede Petrae: 

comiicini a 
pajna di Roma- CAnchora fono molte.pm "Petrae &c.quuif per dinotare d'elTc Petrae ouercauedi fas> 
fi, elTeiido dalcuni Scarpelli ni o vero da macftri dottisfinn fcultori di ftame, trottato qualche caua desil 
fasti di marmi o vero d'altra nattiral niiffuraelTer recordato.fi come anchora alla noltta etade da alcuni 
cgregii Scultori e ftato a cafo ritrouato sfendèdo alcuni masfi di pietra: Anchora p elTer quello daconfir^ 
inareàdilcttationedegli Scultori Se de glialtri che in quelticórnentariileggerano, peneremo vn cafo aC 
fai notato de Artftotele nella operetta de le marauiglie de la natura, le parole del quale quefte fono : De 
f.e Petrae de Lj'dia.cócio fia cofa ch"una vclta in Ly^dia vna certa battaglia fpettadofi, Se ciafcheduno a 
i luochi forti fpintodal tiniorc lì ritraelTe,!! dicceU^ere iteruenuto che certi maeftrl ^\i qli hauiano pra 
ricato nelle petrae le quali à preffo alla Città di pergamo (i ritrouano à c^uare gli metalli ad esfi come 3. 
fortis(ìmeRocche,infienieftigisrano,iperhochedaesfigi3 inarealReRoccfomolte & alTaf magnifiche 
cofe hauea fattc.Ma essedo che qllidi detto p alcuno fpacio di tipo fulTero ftati, & nò hauefsero hauto;ar 
dire vfcir'^fuon'Jnanzi che s'incomfciairero gì: empiti fieri di qlla battaglia rotto f ql mezo difopta ilfas 
fo de gli inimici, à qlli chiuforo èc al tutto gli tolfero la podefta del partire: Dapoi lógo tcpo effendo che 
quelle petrae in vfo venilìcro, & fulTe- bifogno aprire la entrata ?i leuar via qlle rouine p le qli gli ininuci 
furono condotti: ritrouati finalmente gli corpi di quelli dicono ch'infieme con gli loro yafi gli quali dcn^ 
tro haueano portati tanto edere diuentati duri che ogni cofa in pietra hilTe conueitita. Ancnora il medcf 
fiio Ariftorelenel primo Libro de le marauiglie coli pone: Certe cofe vegetabili & certi animali fi conuer 
.jtono in pietre per cert4 rirtu minerale da far conuciuce in pietra & faifi in quello petroCo. 



tori (Ì3 nominata coli fperci'o che p lai 
rezze de le viciniti de 1 monti Apcni^ 
ni fia vmbrofa: a bc che alcuni dicano 
più predò clTere ditta. «•»r«Tou«; /-foy 
cioè da ibre:p che quelli d''vinbriade 
tutti é popoli Italiani anticiusfimi e 
<refo cirere fcampati dala inniìdatione 
del acque ."^da la pioggia puenuta nel 
ttpochein Italia vene vndiluuio. VM 
BR r A de quella regione la quale comi 
ciandoda loApenlno «anchora fi es> 
tende in fine al fino del Mare Adriano 
Sconfina con popoli gii chiamati Sa.* 
bini: de quali pmutato il nome fi chiax 
mano al prefente vmbri o voglian di/ 
re popoli del Ducato di Spok te, Si in 
tra quelli popoli fono quelli di Ma-;lia 
no & dal tre Terre p 'l cui mezo corre 
ilf lume Farfaro : £ le Citta più famo 
fé di elfa vmbria fono diuidcdo il te/ 
uerc verfo Or éte.la Citta di Cadello 
Si Spolcti: & 'i quello che più fi eff en/ 
deiTe viUumbn è chiamata da Tolo- 
meo ndla fua Cofino^ropliia nel Li > 
bro. j . alla fella Tabula di Euro-a. 
Cn iceno. quella e q'ieila regione nel 
ritahachcinelTaè la Citta d'AfcoU 
Fermo, & Anchona funointnata Pice 
nodagh Sabini: da Pico vccello.p che 
pafl'andurcxercito de Sabini per tiro 
luocho fi dice gli volò fopralo ftcdar/ 
do grande . Dopol è Hata chiamata 
iHarcha Anconitana. C vENEriA e 
quella propria regione pur d'Italia di 
anchora fi chiamala Marcha Triuifay 
na: Ma fi più copiofamente intendere 
vuoi di quello vedi Plinio a Libro. J 
Capitolato. CTTarquinienfe/cioè po/ 
poli nobiLsfimi che già furono in £tru 
ria o voi^lia dire Tofchana de li qli nac 
raD^'onifio Hallcarnaseo. C Vulfinclì 
furono qu« popoharmigerl conuicmi 
de Romani H cópagni de Latini /cioè 
Campagna di Roma/có gli quali fpes 
fé volte combatteuano come Dj^onifio 
predetto narra di esfi Similmente de 
Ferentini gli quali fon g;a ftati popoli 
Fondi &Teracina in Camy 



LIBRa 



SECONDO 



C Ver che hanno ftaftic grandisfime egregramente fatttAfoè i3a effere pietre di marmi fon fatte grandif 

fiine ftatue Ji effigie di huommi di. donne , (ìniilmente fi;;urette di menor forte &dt balfo relfeuu tal vol> 

ta con fogliami , tì^ri, iX ammali diuerfi , i quali o grandi o piccoli imitati dal naturale ^ viui & morti, 

onde confilk leticia ci melliJa o vero horrore alii animati fenfi asfimigliandofi benc.Concio fia che la na 

tui a habbia fatto tanta infinita generatione de animali, <5£ le loro differente fpecie & afpetti. Inno al altro 

danno piacere o vero auerfita àglianiim,non folamète de noi humani, ma anchora di bruti fatti di fegilli 

o vero di baffo rclieuo vniuerulmcnx 

te. Et perciò s'ha inulta fempreC^ ere 

do andiora morendoci vno amore. Se 

vn timore per ia varietà de le forme 

« fpecie differente dalluna aialtra qua 

lira : Wa le laudi di quelle opere de le 

ftatue vedi Vlj'nionei Libro.jó.fpeciy 

almcnte a. J". Capitoli il titulo de le qua 

li dice Nobilita d'opere d'^artefici in 

Marmo.CXXtr. Etdimarmo Parie 

Maufoleo. Ma fi in elfo I. ggierai entia 

do in conlìdcratione della oceJcnza di 

quelli fcultori, mirabii cofe gufterai , 

&. volendo anchora a quelli tirtre eqy 

peratoovero potergli augumcntare 

non rcftaredileggeie &coi.lukrare la 

varietà di effe opere, L quali anchora 

hoggi di molte fono con grandisfima 

diligenza m. Roma conferuate , de le 

quali «legante ftatue, i>i le lora de le 

Dee, &:E>ei Vetruuionehadi fopr- à 

carte.40.di molti nominati gli quali x 

da Romani, ^ da altre nationi adorai 

refi foleuano : Ma leggiendo ancho/ 

la in effe lettioni di Vlj'nio trouerai di 

tante altre varie l^atue, & effigie di al 

tu edifica fculpiti, odi opera dimi^x 

nor figurcttc/cioe fintende di baffo ri/ 

lieuo come fono le fcclture di fiori Si 

di fogliami, & di molte altre forti/on 

de elle opere Tono ftare caufa di fare 

peruenire a degnità molti huomini nel 

la noftra Italia non folamente ftatua/ 

ni, ma andiora molti egregii Pittori, 

& Architettori : Si maxime nella Citta 

di Milano come il primo comentatore 

narra, dapui che mcomiciorono a diiaregli Principi delIaCafa .«rforzefca : Diremo alla Citta di Firenzi 

fimilmcte dapoi la Cafadi Medici effer-» puenuti.come Michelagnelo Bonarote llatuario 8i dipintore di^ 

gnisfìino.Schora Leonardo vinci : Baccetto & molti altri h:mo cpatodi eggrcgia laude nemachoche a 

fé medefinii hino giouato a molti darisfimi & nobili Cittadini di affai eggrtgii ornamenti Si public! /ie 

pticulan: Xnó foloa glipdittima in moltisfimiluochipTltalia hano lai ciato gli excpi : acofidigior 

no 1 giorno (i (ino,8i co più esgregia bellezza & futilitade:nó anchor^'m.ico gli altri artificii 8i cófimili 

artegiani pucnuti excellcti de qHi ì buona qntita ne habbiamo:onde i ogni paefe póno fare o ver 'dare ad 

altri li excpi Si archetipi de li gradi Se cari ornaméti nelJottia eruditióe daltrui,i tutto l'uniuerfo mòdo. 

CTLe CTeneratiói de le fabriche/cioe muri co ordine fatti. Se edificati con fundamèti buoni , Si luna cofa 
co l'altra fcrmatamctecóftretta&iniìemecongicta, nò folametc quelli muri & fabtiche gli quali fi fan 
no co la calce di pietra cotta, con fasfi, 
ma.ichorale fabriche di materia di le 
gnami fatte ipite di pezzami Si recalzt 
pur co calcina & arena : o vero in alcu 
ni luochi di materia di geffo cóglutina 
ti , o vero di ftuchi fatti di mai mo pi *• 
fto co calcina ipaftato.o vero altra fot 
te che a gli legnami fi opa. Ma le gene 
rationi de k fabriche le quali nel pfeny 
te vetruuio parla fono tjfte. RETI//- 
Cv LATO /cioè muraglio fatto a mó 
Si pgura'Tièto di Retbè, il quale nelte^ 
poài Vetruuio diced''ufarh.£[ àchora 



Per che hàno ftatuegradisfime egregiamcte far^ 
te, & anchora minori figuretre, &fiori,& foglia 
mi di achanà elegatemtcefcuipitiJ gh quah ben 
chefianovecchijCofiaparifccnofrcfchinel mó 
che furono fatti.Anchora no maco gli tabri che 
lauorano di mecallo,& da elTe pietre le forme co 
pógano,nel lèdere del ramo da quelle hano gri 
de vciUtati:Le quali fi fuffeno apHb alla Citta di 
Roma farian' p cofa degna,che di quede opatiói 
tutte l'ope fi fariano.Cócìo fia cofa aduqiie che 
p la vicinità la neceflìtadeaftrigadelePetraerof 
se, &palicfc, &delequaifonoapfro alla Citta 
di Roma,accio s'alcuno le copie scza vitìo vor 
ra tódure, cofi Tara da ppare.Quàdo farà da edi 
ficare,doi ani inazi esfi sasfi,non deliuerno, ma 
de la efiate fiano canati, 8f co iacentia r.manga » 
no in iuochi fcoperti : Ma quelli che p doi anni 
co otfenfiom, dalle tcpefle tocchi farano,esfi ne 
fondamirnri iì getteranno, gli altri che non fari 
no vitia;i,dalla natura delecofeapprouatijdura 
re potranno fopra la terra edificati: Ne folameu 
re esfi neìle pietre quadra e fon oda olferuare, ma 
anchora nelle fabriche de cementi» 



DE LE GENERATIOMI DI 
LITA MODI ET LVOCHI LORO CAP.VIII, 



MVRI , ET LE Q.VA 




EGENERATioNi de le fabriche só 
quefle,ReticuIato il quale nel prese 
ceognuno vfaj&loàticoil qual fi 
-hiaina Incerto.Ma di quefli il più 
bielo e il ReticulatOjp lo 5le,a far# 



CAPTTÒl-O 



OTTAVO 



)< 



Io sofloacflferc apparechiati lediuisioni delle pie 
■tre, che in ogni fua parte habbia disaolti i cubi 
Ji&:i ' 



. conftrjgnimenti 



ne habbiamo a dimoftratione fatréin «e " 
maiierecomeep.A.B.C.andiolo;mcicho 
muro p eiler furo di gliiara o ikt di incy 
li sasfi di hunu o nero par d'.iicn rompi/ 
menti àpurrecomcecofinotufima ppm 
& diuersisfimi luoghi jilquai (5 chiama INCERTO segnare .Q- usandoli per le Villea renipi noftri .- &grioa 
L AFfiguraU di moHrationc delle uariegencrationi demurareciculati effcre facci co equalira che no uà 

— rmiMiiiii 1111 — -- ■ -- ono CO rcgula della squaarj> ma 

poftì a calo l'uno sopra raitio fi 
chiamano INcern a ben the tr^ì è$ 
fi VI s'interpolano alcune o ueir» 
tabule di pietra o alrrc falfo npia . ,., 
naco:Ancora tra qftì vi s'inttipó 
gono I canelli di pietra o di terra 
cotta a riceuerele pioggieo vero 
altre acq.Vetr.gli thiania IMBri' 
cati:pcheimbri sono le gcceiolc 
d'acqua pioucnte. tCubiU-cioc f 
1 coUocimena dei legni nel mù/ K 
ro quado fi uol fare gli palchi o 
altre legni in pcftare ne inurn . Ve 
ttu.nel.4.Iib.a c.ir.?'.lctC(Ta .O. 
dice cuba Colùbaria / cioè CAVE 
COLVinbaiie.c voglia dire doue 
fàno 1 nidi teCoIóbeo altri uccel 
li n'ctìetco achora a cr.r.p". kctie 
ra.F.C Eti cóftngnimenci.cioc il 
cttenercinfiemc l'ima pietra con 
l'altra, fi dice ancora co.-?gmoiro 
qfto può figrificarc della hniilitn 
dine che ficLftringe il Iacee raln.en 
te pclTere ccprendcre fare la cala* 
na pparaca che mera clfa ccftriuge 
lepiette& altre cose del murare 

IT T. , . . .^,- - . , . 1 •• • volgarmentefidicelama tal; qua 

ma gli Incerti de l LemcntT,a!tn sopra altri laCCntr, lee.farta con calcina impadata mediante 
& tra loro fmbricati non bella , ma di più fermezza l'acqua co sabbia avogliam dire arena co 
,1 ^ • r> ^- 1 ^- ^ 1 » f L • meecosanotisfima.EtbciKhenon fia ncr 

Che I KetlCulatl,COnceae la hlbrica . cesfica a dire chi fusfino i pnim muento/ 

ri di fategli mari5:palagi di mDtoni:Nódimeno sealle tiolte alcuni Afchitetori difiJcrafftno da quali huomiiif 
fuifeno ftad" nrrouati leggano ply.nel.y.lib.a.js.capir.che coS dice.EuriaIo^& Hypbio fratelliifurcno i jpmi a fa 
reMatcni &casein Athene:Chelcspdóche ^ma erano in luojjho di c'se.A Geho piate che inuentcre degli edifi 
cìi i oli fìf-tnrT-i di UiCo. fuife Do xio lì j-iiolo di Gflio.pigli?do «empio da i nidi delle R òdi ne.Cecrope fu ilpri 

me a far terra murata>& dal nome 




LA.fìGt\BJ^ PE LA FABRICA ANTICA LA QVALE 
SI DIC£ MVRI INCERTI . 



suo la chiamo Cecropia laqle nd 
pfcnteelaRocha d'Achene.Alirrmi 
uoglicnocbe Argo fuslìedihcarò 
^ma» da phoroneo re & alcuni da 
iicyce.cii Egypni diconocbe md 
ro mazi appffo di loro fu Diopc 
li. Cynira figliolo d'Agriopa ero' 
uo le regcle,&le tane del rame 1 ii 
na cofa & l'alua nell'infola di Cy 
pri.anthorale Tenaglie-* il Mar/ 
tello>& l'ancudine. Danao a^iua/ 
Co di Egyptù in qlla parte digrccta 
detta Argidipfic p chareltia d'ac<5 
rrouc 1 pozzi. La caua delle pietre 
Chadmo a Thebc&Archeophralio 
m Phenicia.rrasó trouo i muri.Le 
torri "furono trouate da Cyclopi se 
cèdo Ariftotc.& fecódo rhcophra/ 
fto da Phenici.Gli Egyptu U reffere 

_^ .___ ■■, , _ ,^ & Lydi tigncrelelane.Ma di quefti 

MVRt faaiìii.cl"Gecom''5C'n - ?"^i RErrcuIari,furnno trouati da j Perfi3ni,& alcuni hano detto da gli Arabi: 
alcuni altri daijli Inù:.iuiJv!aqiti sono Itati usati per la magnificentia delle incroftaciontlequall fifaceuano di 
iiariepiecré mischie in uìrii colori ben polite & luihranfe:come furono nella Regale casa di Mausolo : Ma non 
ipofflndo hauere delle uariecolorare pietre atte a segarli piane:alcuni come gli £gyptii &gli Ar.ibx ,gU usortto 
d'(JC^r.idi Vasari fjceiidoli dipinci inuetriati in superficienel proprio modo «he UsaQQ fare l DOttll DaUCClipt 
^di Maiolica &d'aIcfIuatiatameiiceanugUaaci a gli £2^ptii di AdaiftaifiQ.i . .. .. ....o 




LIBRO 



SECONDO 



5 CMAda Tuna ATalm parte di CEMENri'cioCcernimeatf di pietre odi satfi a modo che sono le ghfarede 
f iunii outjfi anchora cementi oltra che KchAMmo traCMto a c^rct..^3.,att.ra.D.lepifrrecÌJcsoiio UtK'aeiitr c6tì« 
pie f. rnt c.ilaiia |. amur.ue:& anchcta Cementa fi può iiiceaderc^jer ìa malta in caiaha. ^ia tóciofla c&fa the qftt 
muri dimoltriiiio parere cosa facile fabti/ 

Ma da l 'lìfia 8: J 'altra parte di mctiut'ifsttnì Ceiréti 

fono da ellcr fabncati , accio che Ja materia d» Calci 



>i 



na & Arena Je pareti satiate^pju Jógaméte isienie sì ^ 
tégano. Perche elsédodi tencra&rarapofsazasipfc 
canojluccàdo da lamatena ji iucco-Aja quàdo iupc . 
rera èc abùdera la multitudine della calcna & Are 
na,hauédo la parete più de humore,nósarapftofat 
ta uanajtna da ieiierra a tenersi . t/laàìj^oi^bcVhu 
mida pqfianza per la rarità de i cementi insieme co 
la materia sarà nseccata, albera la calcina da PAre 
na difpartendosi si difcioglie ■ Et similmente i Ce 
m-enti non poITono con elle conftnngcrsi, ma nella 
uecchiezza fanno le pareti ruuinofe . 



c.irli:edasapeie cnesono difhcili (he si 

tciig.ino beutuifiemequàdo alle uolteptr 

uuìnezzA^o p mal fcndamento>o [btierra 

amurato luaduerrcntemente,» uero p i r t 

tamotu o p qualche gradiffifno pefo fono 

troppo agi^reuati -che quado crepano dis 

lolutiidoli e difficile il repararli che;;ilc/ 

dacanunce fi bullciigancdi modo che in 4 
Pseufiso' (t, jy,„c aiic^r^ aeipfcudisodomi,chtdi 
do ''i.a e. r ^^^^^ uedrai, da gli Architertori scfio da 
re. 57. lette cilcrc dilig&itls fiinamentf curati ne scia # 
ta.t. menrt le aperture loro delle porte o ticro 

f enelhe,nia tutti glialtri luoghi de ce dot' 

ti d'acqueo ucro di Cloache- cioCchi.,ui/ 
, chc/o uero slin spatii che rf-a lor.j fusfino 

lafciati, o p -iMiarU o altre colefinuli da 

optrarfi con Value / cioè fuiti di kguo da 

aprire&icrr .rc'Ie^ili nellcpililìrelleo uè, 
■fo de incilh-jte pietre d di rerra'cctta fi vfa 
"ho: qiti sono iio'uari muri in' 

jcerti.tjt pelo fé alle volte LA HCVRA DE MON /MEMI I NfUE OR rO^rAPI DtLLE PAREPr CONTEN VTf, 
'n accideriuolcre entro ^ 

ala p ir^te opare alcuno 
abuogiio &peiijcrai di 
5.uurarcfclarii.iitc qllo 
che ri tara necejHta, ce 
me j.Ti fatto nel iuuro 
d m. toni ri auern p' 
cueisisii .Inno incer'^ 
tieirendobiitodi &nó 
e j le faccie ^iane & qua '? 
dre,p jno chucaaarene' 
uomi nella pcosfione 
che e jI martello l'.rafir 
tasenediitiogliera vni 
quinta di qlli intorno 
ftaean&.lkuoltecauri 
nel re.iipo aueiure la ru 
ini di tutta la parere, o 
la pai parte della f.ibri 
ca da ^llaD: dille quai 
cofen'habbtamo vedu/ 
ti molti p tal difetterò 
Wnarc.Erpuolerc altri 
jp .11 a tal rouina ter ira/ 
re&i-enurarepocoon 
tnK eifcre ualuto il coii 
gijj;nereilnQUo m'ito 
Culuc.chio^ben'chc! fia 
filato (il Cotti mntohi ori 
.din (riamente kimurari A 



b uero della specic^pria d cUo htiro con 

meglicrccilcinachenó citato riraip', sii/ 

.bile far che nò hflbbia dinioftrato alarne 

^rigosesfeirurelequali gli iioftri muratori 

. c'hianlano pelijpchefficsfesfnreallcuc'ie 

sono rottili comeuii pelo o ucro capello. 

^ ITMA qfto e lecito ccfidcrare àchcra da al 
cuni MÓNVMENrf'aoc lesepolmrcle 
quali quad che ui fi e fepclito ale ino cofi 




Ma qucfto e licito cósidcrare anchora da alcuni mo 
numéti i qli itorno a la e ta di Roma so fatti di mar 
mi ,o uero di pietre quadrate,&nei mezo di dctro fo 
no calcat: di rotture; a materia fatta p la uccchicza 
nana ,& gli Cemcti p la leccata rarità rouinano . Et 
gli cóftringiméti dalla rouina le gionturc difcioltc 
mancano.Peril chesi alcuno na uorrain guefto er 
..Aiamare fi póno: Ma Monimento eia se/ ^^^.f, Scorrere, ferbdto la mita del cauo a canto le Or 

,,t)oIturain3n?i cheuifta sepchto alctinn. in i J- j- ,-r n i •• 

Citta p benché di sopra a e t.7. I errerà. c. thoitatc,ai dcfro di rollo sallo ric]nadrato,o uero di 

■ fiadettoqi chefìa crtti anc ;raquiui dire ferra cotta,o di dura felice le pn reti ordinarie. faccia 

"Wocome Vrbe'Cit* cura p An^o(»f>mafia j. j ■ j- «r - r ^ J- e ^r --V i 

Q che uogliam dite aalleiua s'incende. . «J aOJ.Piedi; U CO le grappe di feirp Si Con piobp, le 



CAPITOLO 



OTTAVO 



S1 



frbnti siano collecrateOnde co^ nofi accutinilatamctc , hia ^S!^- ,<r^«'''^fo ^^ "i'" dei «uo a canto le 

p ordine la tabrica, tara potere eficre senza uitio in scmpitcr alarne wooiec di piar-.o ji terrai air. o a al 

no perche i cubili &: i conftrìqnimenti loro, intra le sedcntie f" fo^a:;; (inuiituaiht chtvedtmu < tuiti semel 

&gionture collegati non coftioueranno I opera neanche le menon.fininQ^ucrciuo m cci„po oej'iuur 

Orthollate intra cflecollef;ate,comporteràno il dilcorrere . iiopnpar.irejimgidontre,non togueiiauil 

° hiiut-.£rcofi p rmulitudiiic dd o sc.iiiill::Cu Cr 

thoftarojiiù sol-tmciirc carro ;i[,i'predi:tcecu5C> 
m.i a moire altre come a fare cose da serrare o uero alcuni' coperchi inc^tìrati.Erpcio chi.-nrimofhcriaOnhoft.^roi, air fi ortata 
ftario:iii:pcrochv<!f9^, /Cloe muti deOtrao iicroedificii ''f-»''f.cioelì,irionc.aiichor.i Orros'CioctrediùUrtlioltato t^^li eadiui/ 

jltratlùiic 




rfi 

di uarie sera &. di ittro & di piora per cógioSnere & fare tenere infume l'una putra co l'altrajoucT Kgiio Coa legno, & di "ite 
doiiescuo alcune lectireEtruschelequali nel rapo iiolttrranofidice furono rrouarcscuìpitescpr., i^Ii stpiJthri ti r;irt6te l*al 
rrc sepolture che utdimqfteSijiirc&p Ile & Vinesono comes'uscrno -il tempo de gr.intichi.Ero'bUi.t segnato di latcra.£.ri/ 
giiiftca II f'bncaro di r&lfo sudo requ:idracc,o ner d'opera di terra corra,ouer di StLICt'doe pietra dur., iaqual noi diccniopie 
traf.c^ia cheandio nt paefinoftri nasae& e più leggiera & pui diirislima del marmo a Sufctnerei ptfi & stj.ra & sotterra ,m 
c^u membro degli cditìcii & p mcnumentis& anello p Pik da 0'io,o da ."qiia,o da vino sono di bono u>ov & ottimamuite 
iijgHono.Ma la propria pietra Sclkealaqlequiui forseliespertaii]rei]dere,saria come il marmo Veronese ii quale ematclii.^to 
di chiocciole tinto cu lollezza pallida come sono i matoni oc letegulecctreo uer del colore di I boloarmmio. Ma ..prcffo degli 
an ich! era qii;;fido gì uraliano per il nome di Giouechereneuano una di' qftepictrein mano pch. e di qualira da gtit.ir ti!ccc:& 
cofi duellano in sacranKntc giiidiciale,seconsapeuoleingnnno quello il quale baiili ni guarda>3alua la Citta & la Rocchajeiib 
|j}i getta ài fuori comeio quala pietra . 



Aduque nò e da elTer difprerzata la fabrica de grcd:Se nò l'u 
fano di mollcceméto polita. Ma guado si partono dal fabri 
car di gdro,p5gono della selice , onero della pietra dura or 
dinariaméte.&rcosircome fabricadodi matoni) col legano 
d'efs^ radoppiatamC'te i corsi a i cóflngnimcti : Et cosi grade 
méte tirano a fine le uirtuti della fnrnezza eternamente . Ma 
qfte di due gcneratiói si fabr:cao:£C di effe una Ifodomu ,1'al 
tra Pfcudjfodomu e chiainata. Ifodomu si dice quado tutti i 
corsi di ccjie grolTezza Tarano fabricati.Pseudifodomu quan 
do non pari SI non equali gliordini de corsi si inngano . 



CA dunqnc nò e da cnfer disprezzata la fabrica 
deGrea.lnqiiiUtrfóeVetr.ppciieqfte generai 
tieni ài fabruhco ucr muraglie : fi p Dinotare 
elTe p la torczza loro5& fi p i loro ti.bricnmea 
ti i quali teftano alla ppctiiita cólrgafi nel mo 
do ciicuci-i la su., figura signara. A. p il >jleoc 
dine nò solamente le fibridied;. marcni so<io 
Cofi cópo.tc Icpareti da duep.iin/ ciocia patte 
di dcniro & Jlla di fuori ma ;rnchora nella of 
dmari.nc delle s\ipfic:e di m.irmo> di nutr-Ho 
ix di legno ;cu}piie:o uerfatredi piano cómes 
so incaitratamcntccomesono ftateuiatenó so 
lanunteda esf: grcn , ma da gli eccelUnrisHmi 
Roiu.jnii&neniuri ix nelle scpolrurt,& ne Cas 
soni & Vaine aoefu.li ches-rraiio leporte/co» 
me.:nchoraa ,101 luoghi uedrai qualmente su 
ne & di f, .rrerr- Se di beltade da poter farfi in tutti i dea:nl luoghi durabili eteraamenrc ORdin; tiamcnte/iiot c^ me d'cemo rti/ 
fan N& multi fina & alrri fimile dicendofi cofiaduerbir.lmente.CT.Vl-iq'tedi ducgcDcratioi &c.Vetr.aiiiingiìeq:ref btich: Gre/ 
ce.L'uiu fi chiam i [SOdomUruedi anchora Fly.che ài quefra ha dertoal lib.JC.a.zz.cpito.E 1 altra chcfi chiama PSEVdisodo 
rua di 4(io Uo« in greco fignifìca equale:& crhlcc. otdine di-solchi.o nero d :i'rre «^se fmigaateche hanc rctritudme di pare II 

■ "™~ - o corfi. Cofi P scudi sodomum>n 

nifìcafa'so outro dispari cori! o 

ero ordini ched.ino i-egula di que/ 

'ire muraglie il che anchora glianti* 

\hisfimi edificii al di d'boggi lo dì 

|moftrano. Ma conciofia chequefta fa 

§jbricao ucr murag'ia His jcioma o 

pur come alcuni antichi tocti hanno 

perHisogonia,&pseuisogonia chia 

mato:qfta Hiscgonia fi può fare eoa 

i matoni di doi l'icdelli ^drati fi co 

meuedi il cóllrigni mento doucc la 

lettera.B.Ma i maggiori matoni so' 



EABRrCA n SEVDISO' 
DOM VM. 




^^\> "° *^' ^''^ Doron ' cioè di tre tcffe dì 

1 t P *-^ niatoni & i menori di doi:& cofi fa* 

j H v^ briciti formano tal sodisfima fabrf 

I 1 ks;^'^ " senza potere haucrr causa di roni 

i I , ^ gy pere un qdrcl'o cioè matone o nero 

puoi formarci Matoni ciascuni dì 

doi Doron & poi congionri infieme 

qu.attro matoni :ma di vn Doron atu 

rano il cubile o uero il foro ouer let 

to co calcino tópolla & Kmpctata co 

arena pilla tó.lac^ > laquaiìc e inora 



LIBRO 



SECONDO 



II mc2Ó d*«R m.irofii (ì cornei dei bidofó thesctit infra ! fól^gan mafoni seg'nnti di lerteni.B.U'iieordinepuòf cedere in laE 
lilCofedofro sarà V Ardmmore relÌA niolriplicaCióe dei corit'Cioctorfi di supiiciedi niurHha d:iM pttdi duicro aiijllri di fors 
CPiei'disodonuì &c.Q.Mcfto fìgnifica fnliccioe ordine di corlì dispari o atro nledeaiuiir..ii macòi e pierrenelle pareti cheh^ 
no rfgula Ih q(te muraglie a pezzami de le spezzate pietre o altre cose finiMc,che ;;iuh(jra ui nioltiifinu aiiruhi edifica & publia 

t' pruiati p la noftra Italia fi uedono> & nelle cittadi > & Oppidi. fi dicea carte.zy.letttra.R. &. sp tci.ilmemenemonram caftclri 
uille o ujcinanze sono remaili:di quelle fabriche . 



Et l'una se l'altra d'eiTe per qiicfto sono di fermezza: 
Prima per che essi Cementi sono cii folta, di soda proprie 
ta'-Si non poflbn dalla matena succharc il iiCjuoie,ma essi à 
conseruano nel suo hiimore a l'ultima uecchiezza . Etd'cssi 
i loro cubili primamente poftì impiano di arcopendolati no 
cóportano ruuinare la mater]a,ma in tutta la gsollezza delle 
pareti collegati insieme ftano a l'ultima ucchiczza.yn'aitia 
fabrica e che «h'waevtokì greci chiamano laguale anchorairo 
ftri contadini usano:Ie fronti della gualc si polisx;ono ,ihe 
fio cosi come son nati collocandosi cu la materia si conJct.a 
no mo con l'uno SC mo con l 'altro a i ce ftrignimcti,iVìa i io 
ftri ftudiado la preftezza i dritti corsi collocado fanno le fio! 
tifa di'eirer può entrata in effa fabrica di muro fj gr jn mczocmpieno di spezati ccméti con la matena sci a 

o uero che fia fatta di maroni,od opera di ce/ „^ ■ rr (- \ ■ ^ n r 11 ■'•r 

ratamente, cosi in ella fabrica tre croire si fanno , due dciic 
fr(3 ti,8; una nel mezo d'arépi'ture. Et i Gre ci non cosi, m.i in 

7AmTCADEMVRABlPITI SlMl 



Ctt l'una ?< l'altra d'cflfe perquedo sono di 
fermeza.Ci_uuu dimoftra Vetru.ccme ciascuna 
di queflegenerarioni di fabriche sono da reità/ 
re .1 non mouerfi a lógo andare: eia causa pche 
sono di dura & said-ì proprietà csfi cementi co 
i quali sono anmrate «.ile fabnche : habbianio 
deCtMenri narrato a c.ir.z3. CCubiIi/ cioè gli 
spatii I quali andiorn son chiamati foramini 
(ìiiili airefcafftrellc come haueremo nel libro 
4.1 car.v;i.lctfcra.C.cr. s»7.Icrtaa.F. Ma quiui 
Veti'u. intende cilcr fatte come le buche lequali 
sono laffate nelle pareri de muri p alzare fa bri» 
caudoquato da un palcho a l'altro il maftro 
tó:nodameiitc può t-ibricare che noi duerno le 
ponrate habbiamo segnato. D-p lequali fi giù/ 
ftamenre sono alzate per quantità de corfijgiu/ 
dicarcfjcilmente fi può di tutta la diucrsa qua 



me Iti ,0 di quadrati sasfi:o uero Pscudisodo/ 
mi o uero Elmuaim,o uero Elmuariphe: esfi sa 
ranno con breuccilculamento eftimatii hauen/ 
do l'integra siuna de l'altezza & groifezza.Ma 

§U')tc(ì anchora inrendereche Vetruuiu dica Cii 
ili per gli spatii doue entro R pongono i tra/ 
111 gr jsfi I quali e cóucnienre c'nabbiano in un 
perfL'tto piano tutte le buche l'una dopo l'ai/ 
tra per fila comeecjsa notisfimaa doucr frre 
ogni sorte d; p. Ichi fatti di niateria'cioc legna 
mi'aicor 1 puoi inrcndercper materia pofTa es/ 
sere ogni altra cosa atta a f.ibncare come inol/ 
to di sopra detto habbiaim. CJV'n'altra fa/ 
brici ecfie e/'a-as^i-o'i i Greci chiamano: Ci.ue» 
fto noi ducnioimpiti coinepfrla figura prc/ 
senti-'segiiata. E. puoi intendere & (forne s'usa 
che per ogni Cirr itello d'cife pietre (i poffa fa/ 
re d ji più lunghi sparii o uero quadretti intor 
no di colleg Ito muro cinti & dentro con pcza/ 
mi di pili Sorti aniescolati con calcina & areni 
inipire . CLaquale anchora i noftri contadini 
ii5ano:le fronti della quale parete fi poliscono/ 
cioè le fanno come ancora in molti luoghi mó 
tani &ruftici s'usano haucndo abundanzade 
Cementi, che di firaigltari cdificii sonofabrica 
ri le m ira di C^mo i quali sogliono co lo mar 
tello che h lucndo la tcfta & la pe/ma tagliente, 
ugua^liaMi cifcpierrede Fiumi Icqualisoiio 
polle alla :'pparen?a della incroft itione di fuo 
ra delle p ireri onde fanno più bello li uedere» 
bench? intra le incqh'radi fiano rabc.ccnte i corfi 
loro: Erpe-rio circndocofi uguagliare di fuori 
alleinrrìl.iriói ddlcparcti njnoartislimea pò 
terfi coprirei intonacare di fuori, & polirle p 
diDÌiig"rc con quella degnita the fia posfibile. 
CTMa i iio'M ftudiado alla (iiicz;^:^ i dritti corfi 
co"oc3do'ctocnó olP^^ruanoa polire fife pietre 
nelle incroftariói di fuonSma usano farli fenza 




piano col loca do le lóghezze de corsi con radoppiatl condri 
gniméti nelle grofrezzefabricadole'.&: nò empieno nel mezo 
ma dalle sue fróti la cótinuata parete, 8J in una grolTezra m 
sìemcaGbdano.Qltra l'altre dette cose interprngonoa eia 
fchcduni in cótinuata grolìi^zTa da l'una 8^ l'altra parte le ci 
tonate, lequali ì greci <vi«TfH«w . chiamano" lequali grademen 
tecollegado fermano insieme la sodezza delle pareti . 

altrimente poli>!i'-p'ur cli'e habbianc^p più fortezza a tenerfi inficmcuni interpofirice di pietre ferme ci;fro grclft ordinariflmet» 
tepoHe fi come leaìrre doi al di fuori delle parcti:a fimiglianza che snio lem ra f-tti di quadrdli de! primo cignimento del Ca 
ftdio o uer Rocrha de Milano. r quali h.anno poi intra csfi l'arrcmpimentn di si disfìma gh ■ ra & rrc'lzi mifti ccn Caldn.a « 
Arena:Ma anchora de mura di quella scrtealcuni gli hanno empiti di cretosa tcrra-IaqualercfiftegrademeiitealIeimpetUOSeboU 
te delle polente arti gliarie/i come per certo ueduco habbiamo eflhe ualidisfima opera . 



CAPITOLO 



OTTAVO 



58 



CEtper ratilo fi alcuno haaeravoIataAfc.rn quella parte v«truufodimoIhra di quanta importanza fia 
hauere osseruato da le lettioni de i comentani greci k forti delle v arie fabrichc : pche qllo ch'hauera be 
ne di cai cofe il tutto raccolto poeta fare jdificii ^ muraglie ppetue>& furano fatte con lumma ragióe de 

Archìtcttu 

ra. C^ni' 

perocR ql 

le cofe che 

fono : de 

molle &/• 

ruttile ce^ 

mèto/cio 

e Sasiì di 

natura ta^ 

le, fatte p 

le faccie p 

bellezza/* 

cioè fìano 

fculpiti fut 

tilmìte Si 

pofti nella 

» fróte o ve 

■ ^ ro faccfa.» 

ta fuperfi^ 

ciale di ql 

che public 

co o priua 

to edificio 

p clTa ra^ 

glorie non 

polTono ef 

fere di bel 

lezza.ove 

rop lógo 

tempo fay 

re che non 

fiano rouf 

no(i u fraeili.CT <^ado adung gli arbi 

trii/doe ridimatiói arbitrarie cfi fi co 

mettono à gl'A rchi terrori overo à chi 

sa iftimare qfle cofe cfi fi fanno alle co 

mune pareti , non alTumniano in clTa 

iftimationediquato prezzo elle fiano 

Rate fatte : per che li tempo l'ha cor/ 

rotte , hauendogli tolto vna gran pary 

te della fuabeUezza.CTMa quando dal 

lefcritÉure/cioè quelle che hanno te > 

nuta la notitia dcUabbundanze chefox 

no (late computate in elTe fabriche le 

locationi/cicè quando forno prfcipia 

ti esfi edifica & dipuratolii prezzi lo> 

Io/Si quato coftorono per ciaschuno 

anno le cose di effa fabricha : per che 

tutte le cofe £mporetice/cioèmercan> 

tefche & venditorie secondo gli tempi 

& gli ani , mutano i prezi : Ma gli pre 

detti Arbitri/cioè edimatori/non ris* 

guardauano à tante futtiliratijche indù 

cerebbono cofe grandi à dire : Ma di' 

ponendo le longhe allegaticni & cauil/ 

lattoni vcniuano alla condufione reale. 

Allegando checomunanicte fi ella hau 

ueua durato da quel tempo in fu : nel/ 

l'auuenire poifeua durare per la Comti 

ne etade d'uno huonio /cioè ottanta 

àni/Et cofi del refto della si'ima p par 

te della pegione che ànujlmenre rende 

H 




Ec per tanto (ì alcuno baaera da quefti raccolti Tcrity 
ti voluto a vercire 8f eleggere la generatione della fa 
brica i potrà hauere la ragione della perpetuità. Imo 
pero che quelle cofe le quaf fono di molle & futtile 
cemento per apparenza dì bellezza fatte , non pon^ 
roeflere che nella vecchiezza non fiano rouìnofe: 
Et cofi quando gli arbitrii delle comune Pareti fi as 
sumcno , non s ' iftimano di quanto prezzo fiano es 
se (late fatte» Ma quando dalle fcritture ritrouano 
le loro allocationi gli prezzi di ciafcunì pallati anni , 
gli riducono a gli ottàta : & cofi la parte dal'altra sii 
tna per efle Pareti , 8C per fentenza dcfie pronuncia^? 
no non podere più che ottanta anni durare Ma quel 
le de matonì , pur che fiano fatte in regola di diritta 
ra i filo nefluna cofa le può diducere : & di quan^» 
to prezzo che per i tempi paflàti fuficno fatte , tanto 
effe Tempre sono ifti'mate.Et cofi in alcune Cittatl, 
& le publice opere , & le priuate case , anchora li 
Regii Palazzi di Matoni edificati fi pu o vedere. Et 
primamére in Atene il muro , che risguarda al mòte 



IIBRO 

Offro il red'to/c/ofc il conurnirror> 
nare à refabrichare quelle Pareci/cofi 
comandauano fi da efTe anchora la sen 
tenza per lecatifediropra in queO-e lec 
rioni allegate. CMa quelle de Matoni/ 
cioè le "Par eti/ordinarianienre fatte di 
corti Matoni , nelle quali verruuio di 
tnoUrar vuole di quanta petpetuità , 
Senilità & anchora Ji bellezza fiano 
gli edificii fatti de gli detti Matoni o 
Quadrelli pofti in opera : che pare nò 
^Llfia contraditionechenon fiano da 
Iftimarlì fetnpre di quel medefmo prez 
zo di prima. Ercoli vetruuio narra 
Io elTempio di esli grandi eJiiìcii : onde 
dice . CEt primamcre in Athcne. Que 
Ri fu Citta famoslslima glàdi grecia : 
Pi Metropolitana /cioè comandatrice 
ì più Citta /HjTiieto è vnmóte nella re 
gionc Athenitnfe'o voIemodire^Attl.» 
ca : il qual monte è giocondisfimo & 
florido. (TThctclcnse Gli teftl latini ha 
no "Pe ntelenfe/Ma ne l'uno n< l'altro 
ne piace , ma più preftò ■patarfnfe,p/ 
che ■pataraCcoine fcriue .'^trabonepcra 
Citta del'Afia minore nella Regione 
de L^^ciala quale fu i^difìcata da Tata' 
ro Si acctefciuta da TtclemeoT^hilav 
delpho àpiisfiira Si Inclyta, *fprirna 
per il Tempio di Apollo Babylcnetan 
chora fi fcriue hauere haute mura mi-" 
tabiledi Matoni : edificata da Sem^^ra 
mis regina de gii Asfi'ri.CEt di Merco 
le di Matoni le Capelie intorno Nel pri 
no libro nel vltimo capitolo à cart. ?•> 
habbiamo hauro cofi . A Hercole in ql 
le Cittadi che non vi fono gli ffudii ,ne 
gli Amphitheatrl, ìt circolo Itano fatte: 
come la prefente lettióe dichiara . Kei 
quali edffìcil fono anchora polli li fot' 
ri membri di SafToAioc Colonne Ar^ 
chitraui & fìmili/al vfo moderno da 
quelle imitati fi coli di Matoni o vero 
Quadrelli nelle fornace cotti come è 
cofanotisfima. Etpcrho vetruuio di 
quelli dice.CIn (rafia Arezo.Arezo.in 
Tofcana intra l'altre cofehavn mu* 
ro fatto di Matoni tanto egregiamente 
radati l'i refilati al mattello Se polli l 
opera che appena fi vedono le congion 
ture della calcina intra luno 8c laltro : 
fC fono anchora esli Matoni de fi bona 
cotta che luno non pare scolora * ' 
ro dall'altro : Cofa che al prefente l'a 
uantia non lafTa quello operare feno 
in pochisfimiedifìcii: Maiecódo ileo 
mune vfo coprono con le in croftatio^ 
ni di calcina, Si in elTa fuperficicimbla 
cano o vero dipingono ma non molto 
i durabile .Tlynio anchora in nellibro 
3^. loda li muri df matoni deArezo 3^ 
a Beuagna > Si dice che le opere de Ma 
toni fono eterne fi fé fanno 3 regula 8C 
pero li greci molro fcn dilettarodi fi/ 
mili edifica & muraglie. Pur ft el fi ha 
uelTe da fare m Tempio , & ma^fime 



SECONDO 

Hympfò',& Pararenre. Anchora If Pareti nelfa 

chiefa di Gioue , & di Hercole , di Matoni le capei 

le in circolo 1 concio fia che nella chiefa gli Architra 

ul , & le Colonne fiano di pietre. In Italia Arezo e' 

tnomuro vecchio fatto egregiamente. In traili la 

casa fatta de gli Re Attalici , la quale ad habitare sé 

pre fi da a quello che miniftra il Vefcouo della Cit* 

ta. Anchora nel' lacedemone di alcune Pareti di 

tnatoni fimilmente con le pitture tagliate , interfeca 

te fono incluse nrlle forme di legno : 8c furono por^ 

tate nel comitio a lomamento della Edilità di Varrò 

ne , 8f di Murena . La cafa di Crefo Gerofia appel é 

lata hqitale da Sardianì a Cittadini riposando lo^ 

ciò della età ' del Collegio de gli Seniori la dedico* 

rono. Anchora inHalicarnalToil Palagio dil poten 

tilTìmo Re Maufolo , concio fia che di preconnefio 

marmo haueflr ogni cofa ornato , le Pareti di Ma* 

toni hafabrìcate: lequalia queilotrpopreilano e«* 

gregia fermezza : ciofi Topere de lì intonnacati fono 

polirì , che come dì vetro la lucidità' pareno haue * 

re t Et non eflb R e da la pouerta quefto feceifmpero 

che d'iufiniti tributi era impito che fignoreggiaua 

rutta la Cariai ma dalla acuta Sutilita \ & dilì^* 

genzadielToa preparare ne gli edificii , cofi e'leci# 

to confiderare 1 per che efltndo ch'egli folTe nato in 

Mylafe, 8c confideraffe il luoco de Halìcamaffo na 

turalmen e eflere munito 1 el mercato commodo,il 

Porto vcile,iui per se' lo Palagio conftirui. Ma esé 

so luoco e fimile alla piegatura di Iheatro . Et cofi 

nel baffo appreffo al Porto La Piazza del Mercato e 

conftituita : Ma per la meza piegatura 8c recingimr 

to nelPaltezza la Piazza fatta duna ampia larghez** 

za,ncl mezo della qaalec il Maufoleo di cofi egre* 

gie opere fatto , che nefetti Spettacoli del mondo e* 

cònumeraio. Nella sòma Roccha di mezoe' il Tem 

pio di Marte in fé hauendo di CoUolTo vna (lacua la 

quale aK^oX'róH. li greci dicono, fatta dalla nobi 

le mano di Leoare, Ma anchora elfa Statua altri 

di Leocare , altri di TimotheopeniànoelTere. Ma 

al fummo Tempio di venere & di Mercurio nel 3/ 

ftro corno a elfo Fonte di Salmacida t Ma qfto con 

falfa oppinionee' penfato di Venereo Amore impli 

carfi quelli che di elfo Fonte haucilìno beuto.Ma q 

fta oppinione per qual caufa nel circuito delle terre 

con faìfo rumore fia notificata, non me l'ncrefcera 

esponete I Per che nonpuoqucircflerc che fi dice 



CAPITOLO 

df efla Fontana, fare altri molli & ìpiiikì,m3 c^ di 
ffr* acq la chiari potcrta"^ & lo egregio faporc . Ma 
cócìo ùa cola che MeUs & Arcuania da gli Argi & 
Troezf ni Iiabltatori in effoluoco comune méte idu/ 
cessio:Ec gli Barbari diCaras,6f di Le Irge difcaciaf 
fero.Ma qUicógregataméte fuggiti, i mòti dìfcorrc 
tiuno 8i lai cruddméte latrocinii facédo gli guadai 
uano. Dipoi vno delli habitatoci ad cflb fóce p la bó^ 
ta dcr lacq a caufa di guadagno, rna Tauc ma di tue 
te altre abbùdanze pparo*, & in qlla essercitàdofi, ef 
fi Barbari allecraua } Coli ad vno ad vno trnédo , & 
alle Societati còueniéti, dal duro Sc feroce coftumc 
ptfmorati , nella ^fuetudine & fuauita dr Greci di 
fua voluta fi redui:euano.>*diique da elTa acq e acq< 
li «ra qlla (ama , nò pr r ipudico vìrio d'amore, ma p 
la «-1oi«z/a lidia humaRÌrade , molliffìcari glianimi 
d'dìi Saibari.Rcihfi adelTo » p che alla chiatitionc 
df 2.;i ediRcii df efìì Po pcnuto,3f a^ ql modo fiano, 
rutii gli diiìnifo^.Per che aql ordineche nella deftra 
rarte e il Tépìo di Venere & il fonte foprafcritroiCo 
11 nel fiindfo Como il Regal Palagio , il qle il R e 
M aufolo a' fua ragióe colloco. Per che da cffo alri^ 
petto n riiguarda dalla deHra parte la Piaza del mer 
carOjSf il PofCo,& tutta la finitióe delle Muraglie i 
JSorto la finiftra e il fecreto Porro entro a i monti tal 
mete nafcofto, che nelfuno.puo quello che in cito fi 
porri lifguardare, ne fapctc 'come eflo Re delfuo 
Palagio comanda a i Marinari & a i Soldati , Sen^ 
za che da alcuno fi fappia che opcie fiano • 



OTTAVO 



T9 



nel modo che è la Telata Hecuba Si ri 
pio de Hf rcole in Milano : o veiamcce 
del Tathcon/cJcè sata Maria rotóda/ 
in Roma pria cofa grade : & tato più 
cITendo al pfeticc dinudaca de gli orna/ 
mcti df mofaico:Ala rcde anctiora bel 
leza gràde coli di appartila di Matoni» 
fatta intódo coinè voicsfimo dire a ot 
to facce 9i p ogni diftintióe di faccia il 
fuoarco.CIn Traili la cafa fatta de 
£li Re AttaLci.Qi^iiui intcde nella Cit* 
ta de Traili in Afia gli' popoli apprelTo 
alMeàdrofiume.iicjl Meadro prima (l 
chlam3u:i Anthracio è florida p la ab& 
dazadefiòri/achorafu chiamata £r/ 
mna Etp gii Re Artalici ftende li difcZ 
denti della ftirpe del Reattalo, come 
più apitno nel. 7 .poemio ne diremo, 
qlla cafa o ver palagio fem6 era data 
alli TPrelatigràdicomcvefcoui, o Ai* 
citiefcoiii, applTo di noi, i qli amini/^ 
ftranoiiSacerdotio.CAnchora Lace.* 
demone. Qu idi ftende vetr.la Citta de 
Lacedemone chiamata achora Sparta 
fu nobilisfima Citta di Laconia lodata 
ai! ai p le giti fortisfìme Sc magnanime 
douc dice elTerui Pareti fatte diMato 
ni & fopra le Tue crofte in fupficie dipi 
te.Ondc poi da alcuni p códecite qnu> 
tà fecare A: qlle nelle forme o ch.Me df 
legno iclufe Si afieme ftrette per caufa 
che nel portare attamète fi pferualTero, 
a degna memoria de bello ornamento 
efferc ftatc portate nel COMITIQ ^ 
ciOfCcome vsrrone a molti altri espó 
gano>ITere illuoco de la coree doue fi 
adduna la vniuerfirà del popolo à fare 
Il cùfegli * creare li magfati:dittum a 
CÓ.& toqficoitin gjfimuleaf.CTAedlU 
tare/cioc il magratollqlcurale cose 
ptinète folaniite nelle Citati gradi / & 
come furono in Roma i^altfoue: Et 



diceuàfi AediLcurulidali carri &fedie 
de auorio fopra i qli andauano essercitàdo illoro officio il qle era in cofe magnificc dela Citta come i fa 
I e edificare Icpii ^ Theatn & Amphitheatri & fimili, q^i anchora curauano che nelle foùmtào pò^efu 
nebre fé faceJoro fede de ogni forte & repfentatiói di atri fcenicc Si era magrato nobilisiimo erano acho 
ra fdiliT-lebeidetti,ma era minore officio: qftì altri li greci chiamare Agoritiomi che curauano le cofe 
che fé videano nella Citta £i li VeCi .V altre ftmili, corno a •ptrofcia L offici ale generale del comune: oft'i> 
CIÒ a tuttivtileqndofifagiuftamcte. Map la notitiadellecafe^di varione^i di Mv RENA: diremo ql 
le furono Alate/cioè dóppie di cafaméti/come qlle de le fscre chiefe, Otero fuifc vn yalazz o in mezo 
di due corti CORTi/cioie Talazzi/o vero come haueremo nel j.capitolo del 6.1ibro.Anchora vedi qlio 
che dice ■pl>'.nellibro.5f.alll.Jf.capitoli. In che ordine erano qfti edificii.CI-acaradiCrefo . Quelto fu 
Re di Lydia ricchisfimo: lo Archetippo o vero csscplare/cioe Modello della fua cafa fu portato a Rom.a 
il qle ferono li Sardiani/Cioè Cittadini di Sarda popoli di L^Jia/Chiamoronla esfi greci GERV-^IA/ 
cioè SenaailoCcome dice varro;^ che li greci dicono Tep«i»ia» |I Senato & curia «wot'óv yspói'T8»da/ 
li vecchi che fc eleggeuano Senatori come Romolo chiamò pri da la era, « prima ne ordinò ceto, dipoi fu 
tato accrefciuto ilnumerochefu neceffario C^jfare Augufto fccódo Imperatore Romano pontiTeilmò / 
do a ordine,acCioche'l Senato nò fi ricpilfe de ogni gctaglia Sc fulTc qfi infinito:Sc qfto leggerai apprelTo 
Tranqllo nel ubro Aiiguftalo luoco doue fino conloqo in cógregatióe collegiaimcte a cófulare Li Sapienti 
huoinini Senatori/p che mi Peno portati o vero trattati li gtfti de 1 fubditi da i SEN lOR 1/Xioi Senato 
ri/AnchoraelTaGerufiaalchunihano voluto fia come luoco &Cuiia de i prelati Eccleliallici.Ma di quc 
ftecofevedi Pl^.nel libro.? ^.rpecialmttealli.ii.itc.Tj. capitoli :doue|)prio ha deferito qfì tuttala fullany 
za della letticne di qftocapitolo.S.CAnchoram Halicarnafso.Quiui narra vetr.come in Halirarnaffo 
Citta de Lafia, nella regióe de Caria, pria d'Hcrodoto fi Dionyfiò li fu il palagio del potctisfirro Re Mau 
folo.Di qfto Re h.ìnofcritto molti autori Hiftorici, fi poeri talché di elfo eftederci pare fupfluo.Ma coti 
b^^euirà fcorretemo a cratcarc di ql^o fico Halicamasseo fi p le gtàdislime Se àmiràde edifficationi che clTo 



LIBRO SECONDO 

3le fece fare, & fi anchora dopo la «Mortf diluì Attetnìdi fua moglie in Tpecfe il fuo.Seputchro fece fabfi 
care il qle dai nóme di elTo, MA V SOLEO fu chiamato, Mole che de fetti Tpcttacoli o miracoli del mon 
do è anumerato.Di qfto Tcpio alcuni hano fcritto il dctro fuo era cópofto con.j ò.colónencra le airre vna 
nel mezo era di mirabile arte fculpira: nella ale Itauano Voeti Se altri buomini ecceUètI a dimoftrare le 
loro fcicze, Si Tragedie come Gellio & Theodoro hano fcritto : Ma qfto luoco forfi potria elTere fiatò k 
forma diAmphitheatro: velerai achora TPljr.nel iib.j^.alli.ó.&.ij.capitoli.Et alcuna cofa ne diremo an 
chora nel.j.Lb.nei.i.capitoloi&degli Scultori egregii che ioiopornofimilmentep fuo honore, dopoia 
fnorte df Artem.ilia, li qli edifìcii furono conumcrati ne fetti fpettaculidel mòdo : Se qfti Spettacoli fono 
Itati chiamati luochi di publicc rifguardaze,di varie forme fatti come cofe de amirande ccnrcplatiói ttnc/ 
do in es(i luochi gli huomini in dimora co amifta lentia nel animo.faccdoli rimanere ftupefatti .t attoni^ 
ri rijorgcdo i maggiore fgeenoiìta ondo hàno confiderato Jla grade magnificcza la qle;pccde da gli itellet^ 
ti nfi/cioè le habitatiSi nelle qli habitano li potctisfimi Heròi, & li Semidei huomfni/adornate di tate va 
rietà di cofe lauorate come fulTeno àchora ad effe ope ftati diuini qlli artifìci che fui «cllornamcto hanno 
cpato Et cofì adunq iui fi pafcelanimo &la huniana mète di contcplarescpre, cheqfi mai non vorriano 
clfere fiui da effe risguardàze gli fpettatori.Etp cR faria lógo lo eftcderfi à narrare dli fetti Spettacoli del 
mòdo: come e il Tcpio di Gioue Amone, di giti leggerai lo atluto Poeta Marfiale doue ha fcritto p com 
inèdatióe del Amphiteatro di Cefare Dominano: cioè del Colifeo di Roma: Et iui gli comctatori lì fono 
cllefi a narrare le Barbaricc 'pv'ramide. Se Obelifci come e in Roma qllo di Cefare: le qi cofe più fano re 
manere gli huomini attoniti il tràfportumcto Se metterli fpiede, che nò fa la ìtegrita del gra faifo diligete 
mete itagliato in acuto,p le ai cofe nò volcdo gli Romani emulare di altisfime Mole Se Colosti, a qlli di 
Egytto, & di Babilonia, Se di Grecia: Se achora gl'altri edifìcii del módo,fi come 11 ha da pclarislimt ferie 
tot I che d'esli hano fcritto: Et qllo che p veritade achora le ruine memoria nefanofìcomemedcsmamé* 
te il Laberito del Re "Porfena nella Citta di Clufio/cioè Chiufci vecchio al psète/ il qle è guaito. De Mar 
mopconnefìq.TProcònefoCcomo]PlK& Tolomeo fcriuono> vn Infoia nel ThraccioBofphoro alla pro/ 
pò ride nel pricipio dePAfìa doue fé caua Belliffimo marmo Si qllo il chiama pcòncsfìo come iui anchora 
Il ccziceno Efiftima "Ply-efrerc piimamcte tròuato fegare el marmò in tauole p incruftare Se fculpire i nel 
laCaria cioè ad HalicarnafTo p ornare glia memorabile Cerufia Se Palagio del R« Maufolo antiqsfimo il 
qle mori l'ano fedo de la cctelima fella oljfmpiadc,Et Maniurra Caualiere fu il primo applTo li Romanf 
cheincrullo di marmò IcparetidelacarafuancliróteccIio.comefcriueCorncIionepQte.MplafeqUa ey 
ra vna Cita nella Carialibera,appfloà Ealbi fiume, doue nacq Maufolo el qle vedcdo maggiori còmodi 
ad Haljcarnairo, iui volfe eleggere il •palazzo.CCclosfi.qlli fono gràdislimeflatue come già furono in 
S.hodi:^ in Roma limile a Merforio & altri gfa efscdo fatte in figure dgli Dei bé che p borro re niuno ado 
rar^li voleua Nerone ne fece fare vna Ioga cèto diece piedi C" ««PoATei». fn vnotello ancbo: ait}oXu'6fa, 
Cigna, cuna ò vero fumita di rafro:qtro fcuitori nobilisfimi oporno in elfo Maufoleo: li gli furono Scopa 
Bryax.Timòthf o, Se Lcocare plv.fcriue che agiòfe poi il qnto fcultore Pjfthis qle fece il carro de q ttro ca 
Halli fcpra la Altislima p^ramide.Ma nel siimo il tcpio di venere K di Marte aldeflro corno/cioè punta 
del mòre/Vedi qui come le leggi loro cóportasfino doiTfpiilunoppinquoà l'altro: & il Maufoleo per il 
terzo. CTSalmacidaqfta e vn ftte nella Regiòe di Caria pfe il nome da vna Nympha falmace chiamata, ef 
f en do veduta abbracciata co Hermapbrodito figliolo di Mercurio Se ài venere come il nome ifttffo il di* 
chiara &abi doilifcsfivcnoro in va corpo essedo che effanj^mpha figaffegli Idii perla dolcezza di qllo 
abbraciamcto nò mai più poterfene diuidere. Se il garzone p che già del virile neruo fi sétiua indebiiito p 
-jb gli Dii che come lui, coli achora tutti glialtri che in itCo fòte itraslìno diuenilTero e nerui & iiioUi i guC 
a dedi'licate femine: Se fabulofamétefidicep volóta deli Deiremafe taleppriet3aqlFonte:che quelli 
che iui faeueó o vero entro lì bagnano, esG poi diuctano androgini/doc efeminati Se molli p generare coi 



f: 



toacòcipere che hano & vranolunoM'altrofe;(o:còfuIìóe & mòllruoltta di marauiglia, cReqfi èincre 
dibile vn tal fecrcto di tata àmirat'óe, ma limile a qlle che fon pgne magiando l'hcrba noiata Rimife, f.t 
no nafcere li figlioli col labro di fopra sfeffo.come è cofa certisfima: Di qUi Androgyfni.ne dice Arillò.vo 
lere p legge che non vfano fé non vnorrembro genitale o fianò agcti opatienti &non promifcuo come le 
lepore: vedi achora Ply.cò altri Hillorici Se Medici.qllonictedimeno è certisljmo nafcere e fiinill Androgjr 
ni/cioè mafcoli & focmine ma poco vrile co luno felfo Se noi li habiamo viUi.CArgi.qlla è Citta, Se può 
fi achora chiamare Argo:pcheèdetta dal Re Argo delqle fé dira nel lib.4.acar.87Ma vedi Diodoro Si 
culo nel. ó.lib. Quella Citta è i grecia i Thefaglfa o Morea: altramcte anchora fu chiamata Forena.CTròc 
zene.QueftaèCittadel Peloponeffo /cioè Morea in Grecia la quale fu edificata da pelope&cNell'eu/ 
ropa apprcflTo a My^cena &herminia vnaltro ne i nella fudali coloni greci detta nella Caria vctruuio par^ 
Ifl ne la grecia troezenei nel PeloponefroycioèhoggledettalaMoreapeninfuladeriftimo. fimilmcte do 
ueera la predetta Fontana la quale non è da bfafmare. Ma li auuidi mangiatori, che per la gola & appetì 
to diucntano efeminati Se molli: Onde per la fopra abbundanza che conturbagli interiori vitali Spiriti di 
corpo Se anima, conuene elfo corpo commouano à operare Se digellire: altramente per la troppa abbun^ 
danza del mangiare la quale è fparfa in esfi fpirti vitali , che essedendò lordine de la ragione cometteno 
alchuna cofa tltetna Se enorma: p li qli errori fono Hate ordinate le leggi che regulano la nra humana vi 
ta: Pur il cibo anchora fopra ognaltra cofa, fa opare Se erudire ciafcluino aiale.Ma di qlli popoli Ca ^ 
ras.& vcg.nellib.S. della Aeneida, ^Plynel lib.y.^ Diodoro Siculo, .S; strabene, 3£ Tolomeo, Setnol 
ti fimilmète degni ne bàno fcrltto:Et cofi di qlli altri popoli p nò molto ellédercl lafaamo.Ma che cómu/- 
tatifulTeno dal duro & fiero colliime Barbarico pia fopra detta fontana o vero tauerna pare cofa da ere 
dereCli p alcuni giorni far'li poteffie qllo;:ma affai effer difficil mollra à pmutare lanima Se il naturale ha 
bicOjCiie ^offa fare Si. reuocare la cotifuetudicie del aacurale libro orbitilo. 



IO 



fussepttb.pur alcmu uogliono fussc/n qucfo ordine la sua pianta sc^nm'o.Sc la tua cleu"nSfsce,ura e F 
A ni 12 «'d'n^n^il^ Sicura conK.A.iI p.Iazo Re.ìU.B.Ia pia.a del mere -tu m mezo de la q Ice ilré ncm r 
éi Xar^";?'',!'^'^^'''".^' MausoIo,|;.D.e la p-àra d'esfo lempio. er.fi.e la ft.rua od a> osso P ffciS 
fin Ir /: ^'*"*"° *^' V-cuere.H.il Tempio di Marie.K-L.il porre co i gradi-M.N.tl Uro,& Ja .t^w O 

chiudono.II r.fto sono le ascde la riffa di Alicarnafso da la natura munito co i monti & m;irc. 

mondo 
s'annu* 
mcraua^ 
no. La tt 
gurae 
quella» 







CEt coli dopoi la morte di Maurolo Regnando A rttmifia &c. Quefta fu Regina preclarislìma,* di effa 
damolrineefcnrto&in fpecie de Valerio Masfimo: Et dicefi diqueftacfi volfe feruare la legge «Tch/rea 
mangiare nelle epule & fepeiire nelfuo corpo il defunto marito:Hora noterai la prudenza & afttiria di ef* 
fa Regina.afapereconferuare&fuperareli Tuoi inimici Rhodianicomc vetruuioquiul dice. CTCIafley 
cioè vnamolntudicdi naui munite o vero finite di gcte d'arme &digcreda namgare CEpibari/cioe (jiif 
datori iSd fopraftanti delle naui profunde U grandi «-"^'^«tji*-"' «./cioè scala clie s'opera nella naue «t» 
*(«:i». Cloe f'undamento di bafe: tTrtóafr^oo». cioè quel che aitta alfaUjre. siri^aTKr '^uo. cioè queiio che fai 
le. tsi^A.acH».iw?. Cloe nocino, onde meglio e cofi dire nei tcfto: perche nrHfl'7/.ei. icmigi fi dicono: AL.* 
chuni hanno detto anchora Epibatt quelli che fanno fotto acqua notare per acconciare le naui doue fi róy 
peno in quaJ. che modo.Et cofl anchora fanno notare à perforare le altrui naui accio poiTano affondarfet 

<Sr coli loro per lo fallire fopra dal prò 

Et cofi dapoi la morte di Maufolo regnando Arte^ fódo deiracq poffonoeiTere detti Epi 
milìa fua mogliera , Ir Rhodianì sdegnandofi ma ?^';oS&trc';mo''dTg;"c. f-^tl 
donna comandare a tutte le Cùtatt ai Caria : con <iyrfii»7M se in. 4110 agmtìcato fé pigda 

H ìli 



EIBRO 



SECONDO 



apprelTo de Hircio deia guerra àiet^i lartnjta Clafle pfcseno l'I viaggbjacci'o ql regno oc 
Ì\tllT^7S'6:clnl rf!X cupaireno-Allhoraquandofu quefto ad Arremifia 
-'.'j. . _r_ j .--- — pr?nuncìato,Gotnando in quel Porto eUere le na <* 

fcofe naui armate co li celaci retnigi^Sc Epibaci ppa 
raci.Ec il redo de li Citradini,Comàdo' ftaesflnoal 
le mura.'Ma qndo li Rhodiani con lornace nane ac 
mare nel porro maggiore fìpoiforontArtemifìa co 
màdo^ che dalle mura fi teneifero in lecitia^Sc a esfi 
dare la Citta promcttesfinoGli quali Rhodiani .qn 
do furono pafTati dentro alle mura, & le Naui va^^ 
cue lafcfate. Artemìfia di fubbito fatta vna foiTa , dal 
Porto minore addulTc lenauìatmate nel pellagot 
entrata fu nel Porto maggìore.Ma porti li militi 8C 
li nauiganti nelle vacue Naui de i Rhodiani, le ad 
dulTe in alto maret Coli li Rhodiani non hauendo 
luocho il quale gli riceuesfi,in mezo rinchìufi,in elV 
fa Piazza furono occifit Cofi Artemifia nelle Naui 
de Rhodiani con li fuoi militi & nauiganti entratiti 
Rhodiandorono.Ma li Rhodiani quando dalla 15 
gha hebbcno risguardaro le fue naui laureate venire, 
penfando vittoriofi li Cittadini rìtornarfijli Coi ini-*^ 
mici riceuerno. Allhora Artemifia presa la Citta di 
RhodOjgli Principi occifiiil Tropheo nella Citta di 
Rhodo a nome di fua vittoria conftitui}& fece due 
ftatue di Bronzojvna che reprcsentaua la Citrt^de 
Rhodiani} laltra la imagine fuat 8c queda afHguro^ 
chimponeua li (ligmati alla Citta de Rhodianit Ma 
dopoigli Rhodiani per religione impediti ( essédo 
éinlecìco gli dedicati Trophei rimouere ) intomo a 
esso luocho vno edificio fabricorno;& quello erecto 
alla greca (latione inteficrono accio non li potefie al 
chuno rirguardare,8c quello comandorono fi chia^ 
masse AB ATON. Quando adunque li Re di po^* 
tenza fi grande non dispzorono le fabriche a pareti 
di Matoni,3lIi quali & con Veftigali & con preda . 
speffeuolte lecito Caria ftato non folamente di cemé^ 
ticio,o di quadrato saflfo, ma anchora di marmoro 
hauerle.'Non penfo fia bilogno nò appi'ouare li edi 
ficii che fon fatti di fabriche de Matoni,pur che fia^ 
no rettamente fa tti> Ma di quella generationepercS 
cofi dal popolo Romano non fia io Roma bifogne 
uole farfi esponerotEr qual fono di effe cofe le cau 
fe,& le ragioni non pretermettere» . 

TiONE/cioè lo coprlroriiTacdoneiru 
ITO lo potefTe ne daionge ne da prelTo risguardare.Et quello/cioè luocho o vero edificio/ comldorno ef 
fi Rhodiani fulTe Chiamato ABATONxhe in latino fignifica in accesfibile/cioe faticofo à polTerni an / ^ 
dare. C Quando adunque U Re di potenza fi grande . Quiui dice non hauendo esfi fopradetù oltca'il Re 



■ » da tropo Tpojtw, i latino Te diriacóuer^ 
fióe p che qndo fi dlfcacciauano gli ini 
mici mi p memoria di tale vittoria fi 
crizauadicompiantauavn traue lon^ 
go o vero vn pilaftro doue entro gli fi 
fcolpiua tal memoria ?c fatti, al modo 
Topra dimoftrato & detto à carte, io. 
la forma del tropheo ottimamente la 
demonftra vergiìionell'vndccimo, do 
uè Enea fatto tagliatele Rame ad vno 
arbore: dedico a Marte le fpoglie del 
Re Mezcntio vinto da elTo , Se quefte 
erano celata infanguinata,arme taglia 
te,la coraza molte volte perforata, lo 
feudo de Ramo &la fpada ornata:ma 
Artemiiia fece fare vna imagine de 
Rhodo &vnailatuaàfe,&dimoftra> 
uafi che Bollauacum perpetua .vergo-' 
gna qila Citta , 8i poi li Rhodiani-volc 
do coprire qlloj, Retrouorno fpecie 
di editìcii intorno,e(rendo impediti g 
religione leuare li detti Trophei.Ma Sa 
pientemenrelldignisfimo auttore Ve^ 
truuio interpone bellisfime digresfio/^ 
ni accio che ia feuerita delle cofe di 
Architettura non facciano moleltia 8c 
faftidio al lettore per che mediante q/ 
Re narrationf gioconde Ji animi fere^ 
creano 3c dapoi perfcuerano più atren 
tamétealle dif/ìcultatidi quen:'arte,ql 
lo cheriellaRhetorica fiignano li Rhe 
tori.CSrigmati/cióe piaghe fatte per 
punta infocatarfi come anchcra fono 
quelli che fegnati vengono con lo fuo^ 
cho o per batefmo Indiano o vero per 
Condemnatione Se pena de rigorofe leg 
gi, acciò quella cottura del fuocho già 
mai no fia leuata.ne dalla natura o ve^ 
ro medicamento.il quaie può fare ri^ 
nouare la carne dunaltro colore,ma co 
lo primo coiore non fi può mai cócor 
dare Si cofi reità la carne fetnpre may 
culata Se Itigmata/cioè fegnata/bcche 
alchuni fcriuano chel'letame collibino 
lieua le ftigmati. CMa dapoi li Rho x 
diani per religiée impediti. Quiui dice 
Vetruufo chedopoi la partita di Arte> 
mifia della Citta di Rhodi,cfrendo ven- 
duto elfo ftatuico Tropheo,^ le figure 
deBronzo,Cercoronodediftruggcre(| 
fte còfe.Ma per che haueuano Conftimi 
to per legge & giuramento a rnodo di 
profesfionalc religione:conofccdo che 
peccaranofi non osseruairenoiiuliaffo 
rono li dedicati Trophei:.Via intorno ài 
elfo iuocho tanto quanto egli era lar,' 
go Se longo chiuftno duno edificio, 8C 
quello ERECTO /cioè in alto eleua-'x 
to/loTEXERONOalla greca STA/ 



CAPITOLO 



OTTAVO 



c- 



JUaiiroló fi potctf:a tió hano difprezaro le fabn'che fatte a Tar?ti <3f Matoni cotti a gif quaji R«gì &pU 
V£CTIGALI/doè Tributi, o vero pagamcti ordinari! dati agli luochiexattori de li 'Principi ,p la vecru 
■fadeitrrobbecódotrep lefueRegiói &ftato:Dicemo volgarmcte gli datii cioè Gabelle Sih refcotertori 
deeÌTe chiamano datieri o vero Gabellieri CPreda/cioè itrata Regale.o vero di pricipi fuora del ordj 
rario:Et anchora Preda fi dice aUi Biitini o vero Robaria ima qfta fi fa de la roba de nuruci o vero acgfta 
taneJLla battaglia come è detto nella iftituTióeacartc oma qftì edifica piii pftofonoftati fatti di talma^ 
teriacotta, plafanitadehabitare;nesfi,chedeCIlViENTI7lO/cioè come hauè detto a carteijodi 
Qiiadrato rafTo/cioè come purehauc detto a carte. 50 bc chcgli nfi volgari chiamano ogni forte di pie 
tra villa ó vero di minerà, dal marmo I fuora:i,l qle eso marnio p la càdida fua biachezza e trattabile da 
©pare in tutte le fculturc 1^ figure egregie e perhoha receuutopiu laude che li fasfi.ma ne in l'una ne ia 
i'ditra generatióc non vi è fana habbitatióe pia fua frigidezza iVhuinorofità Et pcio fcno ftate più in 
vfojle hbricatecafe ?i altri edificii,eirendo di cotto matone,che di crudo, odi viuofalTorEt li doi^cefirfi 
à edificare la fortisfima Roccha o cafteUo de la porta di GicucriVia e la gerufia/ cioè come fi dichiara a 
carte.f9 /&Iacorte Senatoria, *ilgrade rpcdaleprincipale& tuttiikiochi publici che di Matoni Se ài 
iaffo fono fabricati:fi come àchora li f uati p la ppecuicà Se g. ia faoitade: A cofi è qfi p ogni loco d'Itaiiji 



C te 'eggì pùbiice nò cóporrano Src. vètruuio in q(tò capitolo vuol dire di qlgroflezza R faceano leniu> 

3 raglic deje edificatióf n habitatiói entro alla Citta di Roma:come achora dice "plynio al Lbro. ??■• alli- 

4 ■ij.ììi.i4.Capitoli.CMa qlle di Matoni/cioè le pareti, o muri che dire vogliamo Cf l'nrhii/cioè Matoy 

ni qdri, pchewARve'o'ff in greco fignifi 
ca il qdrelio cioè .V.afone.fi cóme an / 
chorancUi inebri de la Bafa haueraia 
carte.Si anchora ■n'AivtioV. fignificala 
terra de Matcni o qdrelli , ma di esfl 
Matoni fé ne faceano dei loghi , come 
a pirfare che fustino larglii once o vero 
deta rei,& léghi dodecitA'a vetruuio 
lihadìliitip piedirà rifpetto meglio» 
re.Et pcio itenderai vtIì D r T> L INTt t 
didoiréeiRlTLfNtrr di tie:maqfti 
muri fono da cóponerfi come la fabri 
cha Hifodoma-p che fi faranno lonp^hi H/fodoma 
ài dot, slarghi di vnoresfi qdrelli cioè a carte. f 7 
matoni/farano da fabricarli o vero iettera.'j». 
da cólegarl' p tefla,come fi f a p ragie 
ne del murare: EIFa grolTezza del mu » 
ro e quato vn piede 8c mezo:comc di» 
riamo appITo di noi vn muro di tre te/ 
fte:.V cofi ordinariamcte Si rettamen > 
te e la fabrica:per che tale era la loro 
oppinióe.CDi vn piede &r mezo 1 grof Crebre à 
fezza.cioè le pareri de mura che fiìfTe^ carte, jj. 
no di eff"a mefura nò potriano Toltene 
reppetuamire fé nò vnaCONTIGNA 
TIONE/cioè vno ordine di palco di 
legname ò ver vogliamo dire folaro/ 
& di fopra poi il tetto ordinariamète. 
CTMa in qlla maefta di Roma . cioè et 
fa citta fu coftretta pualerQ delaiuro di 
alzare le cafe di più d'un "^olaro vfan / 

io la ragióecubica,Come nel qntopemio vetriiuiodicet&pcfo feceno li fojari co legnami luno fopra lai 

tro:roa fortificado efle pareti co oilallre fortisfime o di cotta materia o di falTo-CrDi pareti cementitii/' ^ 

cioe^come fé detto a carte. 13. di bona opa fatta co calcina ^ arena Ifpaftatióe & conchiauati le fabnche 

di còtignatiói/cioe Ir legni come di palchi Crebre/cioè fpesfi/coaxati/cioecóchiaiiari (TEt alla fumma 

vtiliradeii CENACvLÌ/cioeliluochiladoueCescettò in verlo la fera tSto>sfi antichi folcuano manx 

giare ìfieme il ql^rado &.icora 8i alpiueichiamaocena etpofop li Triclinii cioè loco doue era appechia TricL'nii ì 

ti tre [Irati da m.igiare come fanno anchora hozi li turchi C& nò a menfa come noi ^mangiauano ui h ra carte. 

peti podi fopra esfi folari Etòa esfi altilochi riceueuanole DE<JTPECTATlONt cioè le verdure da i'altoì 

balToCrAdiique dentro alla Citta gli cdificii/cioe doiiemo ftendere elTere fabricate,o vero come fece Me 

nio Romano il qle fu iL-primo a fare per tale necesfita di eleuanóedi"edificii,le varie contignationi/ cioè 

folari, o vero come iicemo li corridori o veroplìeUi fportati in fuora da le mura: ^ come dtcemo le bai 

trefche da (fendere li panni .'.auati. &r cofi laltre fimigliante fatte co varie contignationi pofte in alto fenza 

impedimento:ma chi le fa con bona mefura pareno egregie habitationi. ma quelle non fono da faife in 

ogni generatione di edificii.niafolanienteà tal necesfita,econueniente operarle. -' 

H ut t 



Le le^gi publlce no cóporrano cfTerc ne comuni lue 
chi cóftitujre le mura dì maggior grofTezza che vn 
piede & me zoj Ma le altre pareri acio nò fi facelTco 
no ftretre, de la medefma groflezza fiano collocatei 
ma quelle di Maroni (excrtto che di PIinthii,o t»e<> 
roTriplinrhli fiano ftare)de vn piede 5f mezo i grof 
ffZZ3,n5po(ronopiuchevnacótignati5efu(lenere. 
Wa iqlla macfta di Roma, p la [finita freqntia de li 
Cirradin{,eftarobirogno explicare le moltitudine 
de lehabitatìói. Adijque qndo riccuerc non pofieua 
lo fpacio a piano tata moltitudine ad habitarc i Ro 
ma .pfla anguftia del loco codréfe venire a l'aiutorio 
de l'altitudine de li edificii. Et cofi co pilaftte di pie 
tre co fabriche tefl-accee & di pareti Cemétitie in al^ 
rezza fabricate co le cótignatiói,crebre coaflate,& al 
la filma vtilita de li Cenaculi & le loggie fi finifco^ 
no. Aduque p li porfielli & varii folari pédéti molti 
plicati i alto El popolo Romano ha belilTime habiw 
tione fenza Ipedire lo fpacio al baltb* 



imiCf' 



SECONDO 



'CA(3un3 p che dichiarata e la ragìóe J^cQùim' Verru.dimoftra hauere dichfararo la cadiTofira fc Setti. 
CTMa qn fuora de la Citta farà bifogno.Anchora vuol'dimoftrare in ql mó fi debbenó coprire effe Pare/ 



ti che fimil'mctc fi fano fuora de la Citta:come faria negli foborghi:o vero nelle vicinàze che noi dice. 

ino ville. "Perche fi faceuano di altra 

forte di muri: come fariano quelli che 

chiamano Incerti a carte, f 6. o vero 

JPfeudi[odomi,a catte.fy.o veroEm 

pleton.a carte. fS.lettera.D.o vero co.» 

me di cotti matoniro veramcte nò cot/ 

ti de qlf dicemo loppe di rerra.Et pcio 

ne da il mó di cóferuaf effe peti Si dice. 

CTSopralacimadele yaretila ftru/y 

ftura/cioè la materia/TESTACEA / 

dicemo aftreco Se a venctia fi dice Ter 

xaza pche fé fa de pezzi di Teuole pi y 

Ite e calce ^bitume fotto la tegola fia 

pofta/cioè fottò il cupertime di tetto. 

A4a p ftrudiura teftacea intederai effier' 

fatta di materia cotta come fono li Ma 

toni o vero qdri di lati eqli , poftf alla 

pèdctia nella cima de le pareti come è 

folitoftaedo allofcopro a l'acq 8c al 

Sole.Anchorap opa Teftacea itcderai 

fiano copte elTegroffezze di Pareti di 

tegola cotta o vero de Hymbrici li gli 

dicemocoppi o tomboli:fatti i model 

li fopra la ipresfióe de la colTa de laoy 

trio dalginochio ifinoal pettignonecB 

colina col fiaco.Te(ta:te:fi dice ia gu/y 

fcia,p che è opa fotrile:Tefta e la Coc 

eia de J.aflreco,fignifica acora la coccia 

de alchuni aiajj.o de v afe & botte anti 

que de terra cotta.& habbiamolo fuo 

fportarè in fuora pcediitc del piouere 

qnto qlle de le CORONE ò vero lab/ 

bro cioè in qftoluocho e Iorio de lete 

goledalqle sgocciolano icpiouctiac 

que da esfi tetti/cofi potrano schiuare 

li vitii che fi fogliono fare f effe pare/ 

ti.Et qlla coptura fi dice cffere del mu 

ro vna LO R rCA/cioè armatura, co 

me dicemo che portano fopra il dolTo 

le gèti d'arme, noiate corazze.Etnota 

cheqlta Lorica fimiPinenre è fatta nel 

ordine d'Altrico nò folamcte fopra li 

palchi, ma .ichora fopra la groffezza 

del muro,che fparge ifuora de li dif/ 

pluuiati tetri,come i Genoua Citta fu/ 

blimemète fatta: o vero i fino fopra la 

CO RON A, la qle nolano fgocciolaro 

io co la Syma/cioè La cornice,cR chia 

marno gola/ma e da fape fotto molti 

fgocciolatoidi marmo i Roma fono 

fcolpite le gatte, p dinotare quelle cofe 

eh poITono penetrare qil lacqua fta fo 

praesfi.CTNó patirà/cioè nò daraluo 

Cho/la coptura TESTACEA/cioè a// 

ftreco/che s'offcda il Matone ouer pa/ 

reti:fegucdo come il redo dice.CMa di 

elTa tefta &fc. Quello mó di cognofcere 

effa Tcfl-a vecruuio ottfamètelo dimo 

ftra:p eli altro non itcde cfi a^uare la 

creta/Cioè terra de la qle fi f.ino le cot 

te ope Tcftaccee/cioe' Matoni, Quadrelli, regule,& Coppi Ma fi esfi nò fono affai bc cotti & fatti di buo/ 

na Crera:al tcpo del ghiacciato iuerno fi diicipano & frag.ifi:medefmamcte gli fuoLi o vero li copti fopra 

lo terreno o ve;o alalto fatti di elTa opa groffa^qnto esfi più suctili coppi o vero altro còptime cotto cS. 



fo 



Aduhq p che dichiarata e^ la raglóe p cui coli nelli 
Citta di Roma p la neccflita de gli ftretti fpacìi non 
fopportano èfTcre le Pareti di MatonijMa qn fuora 
de la Citta farà bifogno vfare qfte séza vicii alla veC'f 
chiezza,cofi farà da farfe. Sopra la cima de le Pareti 
la Struttura Teftacea fotto la tegola fia porta di al ^ 
tezza circha pn' piede 8c mezoiEt habbìano gli fpoc 
ti de le Corone.Cofi fchiuare potranno li vkli i qua 
ti in effe foglio farfijPer che qndo nel tetto le tegole 
fatano rotte o reto da Venti buttatejda le qli polla 
da le gra pioggie lacq piouer,nó patirà la durezza 3 
Paftreco fi o^enda il Matone,ma lo fportarè inanzi 
de le Corone,m5dera le gocciole di fuora de la diric 
turaiEt elTa ragióe hauera Seruaco itcgre le pareti fa 
bricate di matonì.Ma dìefla Tefta fi ottima fia ot»c 
rot>itiofa,allafabrìca,fubitaméteneflunoilpuoben 
gìudicaretp che nelle tépeftati & nella eftate quado 
hel tetto é collocata fi allhora cTerma,Sara approua 
tajimperho cheqlla cfi no farà di bona Creta,o vcé 
ro farà pococottatiui fé dimoftrara efter' vitiofa,co 
pta da la brina 8c dal ghiaccio* Adunq qlla che non 
potrà fopportare ne gli tetti la fatìcha, effa non può 
nella fabricha portàdo li pefi efTcr' ferma.Pcr la qual 
cofa gràdisfimaméte di vecchie tegole da tetto fa ^ 
bricate le pareti gràdisfimaméte la fermezza potrano 
no hauere .Ma li Grattici o camorcàne certaméte io 
no rorifei che fulTeno trouatii Per che inquato fé fan 
nopr?fto& occupanomàco luochogiouauano,tan 
to fono di maggiore & comune desfactióeip che a 
gli icédii(come facelle)fono pparatiiEt cofi più vti<f 
le pare etfer' veduta la fpefa del opa Teftacea nella 
siituofita ch'el poco fpédere de li Graticcii a cffere i 
pericolo. Anchora qlli Gratici che fono nell'ope de 
gliitonacamétijfano sfeftureinesfi cflcndo pofti p 
Io dritto 8C p trauerfoi Per che qndo fono indcbilì 
ti riceuédo l'humore fi gonfianosdopoi feccàdo fi ri 
tiranno, & cofi a lutigliati rópono la fodezza de gli.^ 
tonnacati» Ma perche alchuni la preftezza,o la care^ 
ft'ia ,o reto gì 'impendcnri luochi la difccptionc co^ 
ftringe, cofi fera da farfe* 



ffl 



ij 



14 



CAPITOLO 



NONO 



iSì 



Il fuolo fìa subftrutto alto accio che no (ìano tocchi 
da la Ruderarióe 8c dal Pauiméroip che csfi quàdo 
fotceratì fonOjda la vecchiezza fi fanno marcidii& 
dopoi ftaéti fotto pédéti dirópono la fpecie de glin^ 
tónachatij & de le pareti le apf itiói di gencratióe in 
generarióìi de la materia loro di che virtuti & ritii 
lìano,nelnióches''cpofluto ho dichiarato. Ma de 
le cótignatiói & de le abbudàze loro co qli ragioni 
fi facciano accio eh' alla vecchiezza non manchano, 
come la natura de le cofe modra dichiarerò' 



Teitacea fi chiama:& cofi fé di rale opa It muri Tarano fatti,bc che fuffeno grosd cofi di dentro quanto di' 
fuora, p lo patire del carco di efTa fabrica (i fraccafTerianorOnde vetru.Iauda 8i a^ua qlle cofc cotte, (ì 
be fulfeno rGpeture o vero Recalzi pur cR fiano (tati in opa,ie tiene aiTai megliori cR (enoue p clTadetta 
ragióe.CMa li Graticci. «Inietti li chiamamo coli 8c di legno Si di cane groiTe o minuterò vero di altre vi 
mine fatti come fono notisfimi, Copra de i quali odi creta con tomento o con Borra o con paglia trita in 
corporata:o vero con calcina impalata con arena, o vero coj. GelTo fi ftucca Se polifcc come nelle pareti 
lintonacatirilrefto vetruuio chiaramente dice: per che con queftiper allegerireilpefo molti glihanoope 
rati:&per fempliCeparete,&nellefafciediArchi,&in voltea crociere.&aBotte. 

CU fuolo fia ftruato cioè fia ordinato 
aidifpoftodifotto p tró eli ftiano II 
Graticci alti o vero difcoftati i altezza 
dal fuolo terreno, ma folamcte toccai 
nolaRvDERATlONEecalcina ami 
fcolatacó arena,fli ghiara de fiumi o 
ver róp/mctf di cofe di terra cotta.pcR 
Ruderatióe fìgnifica cópofitióe afpa & 
nò vguagliata.Ondefidice Rudo cioÌ 
grolTo cfi alciia volta apptiene à gli hu 
omini groffolani & vetrii-. demonltra 
ecr rudo cioè materia cópofta de la no 
uà douc la tertia pte fia de coccie trite 
& le doi pte del calcina. E anchora lo 
vecchio rudo de calcinaccio vecchio do 
uè fono mifticate tutte le pditte cofe Se 
cóeìóti qfi c5 la fupficiedel Tauimcto 
rPer che fi fusfino siimerfi nel terreno ifracidariano p la humidira:& rio folamcte efl"a materia di legname, 
ma lafmaltatura o ver ftonnacatura bella,fidiróperia,laqleecoptada ledoipti di ciafciìo Gratticelo. 
DPer (ino al piite.lettor'mio haihauuto ognigiiatióedelefabriche le qli polTono hauerc ppctuità.Ma q> 
fti Graticci V etfu.gli ha porti piti pfto p la cóltrigJte necesfita la qle accadclTe cfi p vfo di ppetuitatp di co 
me egli Ila detto essedo esfi di debile forza,nó vorriacli mai fuITeno Itati trouari:,viadapoi eli fon cofi tro 
nati nò folamcte fé ne può oparenelfar'delecafe, maachoraneNauiglicopndoliodi corame ocó te^ 
la diligcteméte iceratapmó eh nò vi penetralTeracqr&fimirmcteeofi.rono atte à molte cofe. come fox 
rogeruii,corbe,eauagne,celti & altri vafidi vimine >ic molli pcGferuatiòe di molte cofe: 8f fedète,^ "Pò 
ti'da portarli,eofi achora de le teftudine,& altre aptincti file a latte Militare i varie cofe di gradi vtilitati: 
tedino polfanoeirer'ppetueelTeope qntoqlledi aHe & altra materia di legname, de le gli vctru.i qy 
Ito feqnte capl'o dice:nó dimeno fi poÀTono achora oparep lettiere Se greppie dì atmcti,& p errate da bat.* 
tere lana & bóbacc,& altre opportunità. " 

CLa materia tagliar fi debbe.fer dirti co breuita.vetru.i qto.ix capl'o fi comedotto di pRia pia de la 
natura di qftaMATERIA/eioe Arbori liqlifonò atti adulate ppetuamètenell'ope,& nelle fabriche 8C 
i tutti gli edificii,masfimep lo abifogno de le cafe.Et chiama esfi Arbori MATERIA /cioè Legname. Ma 

cR cofa fia la materia difopra hai ha^/- 

DEL MODO DI TAGLIARE LA MA* - -. 

TERIA CIOÈ ARBORI ET LE 
GNAME. CAPITOLO. IX. 

A Materia tagliare d debbe al princF<> 

pioderAutùnojpfino aql tépo)il 

ql farà inizi eh 'a loffiare icomincia il 

FauoniotPerche nella Priauera tutti 

gh arbori fi fanopgni,& tutte le fue 

virtute de le^prieta cótrarie^ducono 
i frodi & fruttinogli adunq fatano vacui & humidi 
p la necesfita de tépi,fi fino vani & p la rarità' debo^ 
li jSì come achora li corpi de le dóne qfi hàno cocce 
rojda la cóceptióe al parto no fi giudicano eifere im 
tegrii & anchora le cofe vendibile efle quando fono 
pregne non fi promettono per fané. 




uutoqiTdicePcrdi nfuna gfiationcde 
le matetie ne i corpi ne le cofe senza 
molti ^ncipiinafcere&c.Etp cfi Ari / 
ftote.nel fedo de la Thifica dice La ma 
teria e chiamata natura & achora for-» 
ma ^^uatiòc.Onde fi pienamcte iten> 
derdifideri che cofa fia qfta Materia 
vedi al pncipio de L'autunno cioè del 
mefe deAgolto adi.xi.fcdo varronep 
fino appifo a la f mauera o al ^ncipio 
cfi icomizara a fpirare zephjro o fa .» 
uognoo ponete cR e vn medefmo cioè 
acirca.vii.de febraro come varrone 
fcriue dotnsfimo de li Romai dal pnci^ 
pio ve Aufiino fino a pniauera so gior 
ni.oj.par E Arilt.S:qllocR exponer'a il 
coiiiètator Auero Ma códofia eli mol^ 
ti volgari vuole fiano e?fi arbori da ti 
gliariii certiafpettidela Luna, a noi 
pe marauiglia cR vetr.Cfi qlto fufle ve 
io>iò rhaìielfe fcritto,Bccfi vegetio 
a.?8.CaplÌpladodi qlta Materia di le 



gname à eifere pferuata,fia lo fuo dire che da la gnradecia infino a vintitre giorni de la Luna debbia clTe^ 
re tagliala per lo congiongimcto di che foleuano fare gli antichi le Libutnee naui.TPoi fcnta de li traui nel 
fcusifrempoperIoSolftitioeftiuo/cioedelmefediLu2ioi^d'Agofto:&cofi pio Autiinale equinoflio 



tI6RC5 



SECONDO '> 



in fino al Calende Genaro ff poteflTe tagliare. Impercio che in (\ue Mefi feccandofi l'humòfe,ies(i legnav 

j-jii fi fanno più fecchi Si forti.Ma fa efchifarc che non di continuo quando faranno buttati a terra & taf/ 

li traui farà che peruengonò fecchi:.'^ anchora non di fubbito quando faranno fegati fi operano per le Na 

iiitperchefi anchora gli fedi arbori feranno fegati per Tauoleridoppiaà maggior fecchezzaesli nierri.» 

tasiinoindutia bifognarcbbe lafTarli ben'feccha're: per che effe accompagnandoli effcndo verdi : anchora 

in clFe lo naturale humore quando e fciuchato fi retireranno & faranno le sfelTure molto large: per la qua! 

Cofa fi effe fonno fatte in Naue rendono fempre pericolo allinauigantich'iui (tanno fopra. Adunque ne pa, 

re che trouanio il modo di conferuare quella materia, & per ciò attenderai a quello che quiui ne dici ve^ 

trauio,& anchora TPlj'nio ne fuoi frittati de la natura de gli arbori & in quelii de gli edifica diuturni. Ma 

ottima ragione anchora cquellached/ce Aueroisla quale non ne pareadimenticarla:quando dice. Su ^ 

ftanza cioè la forma fuftantiale dà lo effere alje cofe 8ic.'£er che fi come la trafmutatiòne fa fapere la ma 

teria.cofi la operatione fa fapere ia forma, impcrcfo li macftri de le fabriche quando coenobbero le fpe 

eie & le fuftanze di ciaschuna materia fi pòfferò a fare le loro opere per tempi atti accio cnc la perpetuirà 

a effe cofepoteffero dare. vedi anchora Arinotele nel libro de le piante. Ma piuecctUentisfimamente ve.» 

derai quel degno volume di Theo phraftofuo difcipulo fingularisfimo,il quale picnamenre ha trattato d£ 

effe piante Maitre cofe: Et mafime di quefti ha fatto /nfpecie vn trattato a beneficio de l'Architettura, 

& nei capitolo primo deffo quinto libro come e da tagliarfi la materia, & da tutta effa opera hauerai c6 

fé degne di grandisfima confideratione de la natura: & ti dirà cofe merauigliofe le quali alla fpeculatióe 

dei'Architettura fono comentarii ottimi tranflatari di greco in latino Idioma,daTneodoro Gaza huo/ 

modottisfimo.vedi anchota vegetio douc paria del tagliare del legname. 

CPer quello la prefeminatfone / cioè 

el fcme innante nella matrecina conce/ 

pto & animato tira el nutrimento de li 

cibi che piglia la pregnante fcmina/ Si 

quanto più crefcieeffo feto/canto più 

indebiiifce la matre ala quale toglie ti 

to più lo alimento. Quiui Vetruuiocó 

grandisfima philofophia,& con ragio.» 

ni apertinenti alia phifical dottrina a 

ehiari-re parla di quefte cofe non fola > 

mente alli animati corpi vegetatibiU> 

ma a tutti li corpi de gli animanti mo 

bih 1 quali fono atti a riceuere Se infie 

me tenetene corpi loro la prefcmina ' 

none da effer concetta & mctre che ne 

corpi loro la tenghano, produce li effet 

ti vanamente fecondo Tufo de la fpe/ 

eie loro, in fino a tanto che la parturi / 

fcono.Et perciò con il qual modo che 

Io cibo e riceuuto Si in esfi corpi digc / 

ftito.vedi ciò chequiui vetruuio ti di 

ce, ma folamentealli arbori apertinen/ 

te accio con tal ragione Se tempo fiano 

taghati che poffano Ilare faldi & fenza 

conuttione alchuna perpetuamcte.On/ 

de dice.C'^'^a tagliarla cofi farabifo// 

gno &:c. Quiui il tefto ottmiamente ef/ 

falettionechiarifce. Mapchenol delet 

tandoci già da alcuni madri di legnami 

espertisfinu voler'fapere Ci p altri mo 

diche per lo corfo de la Luna fi poteC 

fé tagliare quella materia/cioè arbori 

che lìaeffe continuamente faldaxondu 

demo cofi.Prtmametiteallo arbore i/ 

pede doueello e nato, fiano tutti lira/ 

mi tagliati: Si effo pedone tuttoquanto 

icorzato: & oltca di quello fi a fegato 

in fino a mezo la medolla:cio fi fa per 

che ne da la fcorza ne da le radice que 

fto può hauere valida fuHanza.nc da/ 

re più nutrimento alli menibrofi rami 

coli eneceffarioà effodiltijlarelhumo 

re cha dentro fempre al baffo, & fecca/ 

te fenza vitio: & cofi reità falio per / 

petuamente Si fé gli accadelfe qualche 

pa.ne fulfe nepima. di alchuna huinoio 



Per qfto che la prefcminatióenel cotpo crercendo ì 
fé' di tutti ì cibi caua la potefta de lo alìméto,& ql* 
la qnro fi fa ferma alla marurira^ del parro.e fia man 
co pjtifcie efler'' fermoql corpo,dal qleè|)creata,Ec 
cofi f fciro fuora il parto qllo che pria fn altra gf ne# 
ratfóe nel crcrciméto fi cauauajquàdo poi alla difce^ 
paratióe de lapcreatióe e liberato nelle vacue & ap 
re rene in fe^ riceue,& feccàdo il fucco anchora fi af 
foda,& ritorna nella prima natura di fua fermezza. 
Per la medefmaragióe nel tépo dello Autiino alla 
maturità de frutti sbiàcheggiàdolefródije radice 
de gli arbori teceuéte in fé da la terra il fucco»reanno 
fi &retornàfi nella lor pria fodezzaiMa al cótrario 
l'aere del iuerno asfieme ftrige & alfoda come \p Io 
tépo difopra fcntto. Adùque fi a efla ragióe & a ^ ql 
tépo il qlec^ di fopra fcritto, fi raglia la materia,ra à 
ra comoda al tempo. Ma tagliarla cofi Èra bifogno, 
che s'incida la groflezza del arbore a meza medol^ 
la,& lafiafi iui, accio p elTa il succo ftillàdo fi secca, 
cofi il liquore in rtile il qlc e in elfo ofciédo p lo to -^ 
rufo morédo no patirà in elfo putrefati5e,ne fi corro 
pa la qlita de la materia. Ma allhora qndo farà l'ar^ 
bore lecco & fenza flille,giett3fi a terra , 8C cofi farà 
ottimo al vfo. Ma qfto cofi efiere, e' lecito auertirc 
àchora de gli arborfellf.* Imperho che esfi qndocìa^ 
Icuni al Tuo tépo al baflfo pforati fi caftrano.màdanoi 
da le medolle p li buchi ql liquore il qlc in se ' han^ 
no fopra abbiadate 8C wtiofo,& cofi feccadofi rfce 4 
ueno in fé la diurnitate«IVla qlli humori détpocrefcé 
ti che no hàno da gli arbori" le vfcitéjPutrefanofi , 8C 
fanno esfi vani pc vìnofi. Aduque fi ilaéci & pini Tee 



CAPITOLO 



NONO 



éi 



ca hdofi rioh ìnuecchiano^fenza dubbio coti fa fnw 
defma maceria fon da buccarfìi & quando con cflà 
ragione fono curati , potranno ne gli edifìcii alla vec 
chiezza hauete le grandi vcilicati* 



acomittioneineflo Ratio fatti de ìi 

buchi ralmente che impiede (ì pofTa va 

cuare.CTEffluendoycioe difuora escic 

do/Ma fluere/cioè vfc/re/f tre modi 

fi dice:in perciò che vini i corpi nox 

ftii naturalmente gli humori & più al^ 

tri fupfluitaCcomeanchora morti^ma 

dano fuóri.CTToruIo.fn alchuni tcfti (I legge Corulum fn Iiiòcho ài torulumre meglio Caria leggerecorcu^ 

ium in nel tefto latino/o vero torulum/como hanno molti:per che anchor'fi dice vn Torlo de ouo o ven 

tello de mezo:& e limile la medolla dl'arbore,quafi fui parato ligno torto per certe vene nello legno in te 

riórecomefariaquellacircuitione di dentro appreffb alcentro dei arbore ma fi ci dice Torulum parerla 

deriuare à toro, perche à torte herbe (i dice:ma volgarmente fi fa che i molti luochi per l'Italia fon chia^ 

' nati rotili torli de li arbòri:&anchorà in quella (uftanza di dctro fi dice il torlo del ouò li com'è detto 

fimile alla fuftaza di elTo legno che le parti elìreme biancheggiano & pin adentro rosseggiano & fono più 

forteo ver'dure:onde può ftare,& Torulum & Corulum. (TMa queltocofi eirere,è lecito auuertire ancho 

ra da gli arbucelli Sfcyetruuiò per le cofe fopra dette ne da loessempio:Ma come fi caftra vno arbore q 

ni narreremo diccdo:Dal baffo piede del arbore circa vn braccio o vero dòdece once/cioè dita/ alto dal 

terreno fi fa vno buco con vno triuello groffo fimile àvn dito &pafferai infine ilcentro,pòientrocalca 

tamenrecon diligenza metterai vna cauiglia di legno: & quello caftrare fi fanelli arbori fruttifFeri & do > 

meftici, accio che gli lapfi humori conftringano & poffano li frutti Ilare con li rami ben confirmati:gc coli 

per quella cauiglia impiditi come a dòlerfi della lefionedimagrandofi fanno più faporito il frutto fi pia 

conferuatiuo. A rillotele nellibro della giouentute & vecchiezza dice: Le piante hanno il principio del notrC 

mento loro,nelmezo della parte di fopra,fli quella di rotto:impercio che quella particella fecondo laq> 

Ze entra il notrimento la chiamarne fuperiore.risguardando a effa Pianta & non a tutto quello che la eie 

oiifce/cioc al tutto:Ma quel Ji fotto fecondo il quale fi manda fuore il fuperfiuo primieramente . Ma lì 

di Theophrallo ne fei libri leggerai che ha fcrltto delle "Piante masfime nel quinto del tagliare de gli Arbo 

rijfi rotondi & fi quadrati alchuna volta da tagbarfi il duro Tronco.Ttouerai anchora ne glialtri trattatti 

le differente fpecie di quelle operati oni d'arbori.Tàlchenon folamente hauerai le I)hilofophice trattationi 

-di quelli arbori, ma anchora di molte herbe, & di molti altri marauigliofi arbori più che vetruuionó ha 

voluto trattare p nò allungare lo fcriuer'di più che quelli bifogncuoli à i caffairenti,o vero per orna> 

' menti che s'ufano alle faculta neceffarie a munire & a commodare in ogni generarione o forte di edificii 

publici o ver priuati:lordine de quali legnami chi con ferramenti, & chi folamente con le cauiglie» o vcrt» 

reguledilegno,o*trauicelli,rono attamente Ilari polli in opera &infiemetenerfi come d'integra corpora 

tura secondo è acaduto a componere le fpecie loro & quantità de corpi:la qoal varietà dinfinite affìguray 

lioni fono Hate vfate,& é di necesfita che anchora s'ufano à beneficii & a commodi della humana vita:Ec 

tanto più quanto fono le perfbne ciuili & di poLncacultiuatione.Jl che vetruuio per fare conofcere la 

differenza delle fpecie le quali fono vtiU Se idonie alla perpetuitate,per la qual cofa cofi dice. 

CTiWa quelli intra loro hanno le virtu> 
ti contrarie & disfimili.Quiiii daendo 
fi loessempio,/ì^eirecofe effendo dal 
auttore manifellate dalli scritti foi 
nò accade fare altre chiariti oni. CRo^ 
uero/cioc Cerro arbore/ di quella gè 
neratióe di Cerri li quali' fono arbori 
ghiandifFeri,ma ne fon'anchora alchu 
ni cheniuna ghianda pròducono.troua 
fi di molte fpecie,benche quafi tutta la 
generati one de gli arbori fi come di qy 
ila, fi dice effere di mafchi & di feinine 
la fpecie, & non polTer' generare la fe^ 
mina fi ella non vede il mafchfo o ve > 
ro fentire ] odore deffordel quale ne di 
cerno àcarte.óii.lettfra.E. COlmo. 
Theophrallo del'Olmocfferne due fpe 
cicy cofi dice.Sono del'Olmo due gene 
ratloni , vno derto Montiolmo , & 
laltro chiamato Olmo: Si euui quella 
differenza fra di loro chel'Olmo è più 
fruticofo:^ il Montiolmo più crefcie 
&ha le foglie congionre ferace atorno 
leggiermente, al quanto più longheche 
quelle del Pero tiTcie:& non leggiera 
mente auuantaggia quello arbore di 
groffezza & altezza gli altri arbori: 
ne Ce ricrouano folti appreffo à Ida. 



M»quelliìncra loro hatino le virtuti contrarie & 
disfimile,fi come Rouero,OImo,Pioppo,Ciprenb, 
Abete, & gUaltri i quali grandemente ne gli edifi<?<i 
cii Tono atte» Impero che non può quello il Roue 
*o che r Abete, ne il Cipreflb, ne l'Olmo, ne tutti 
glìaltri mcdesmamehte in tra loro hanno la fimiglià 
za dalla natura delle cofeiMa ciafchuni nelle gene^ 
fationi alle proprietà deprincipii asfimi'gliati, altro 
ad altri predano nelle generatiól dell'opere gli efFet^ 
ti. Et primaméte r Abete ha più del 'acre & del fuo 
cho, & pocho del'humore & del terreno, fetta la 
comparatione alle più leggiere poRanze delle cofe 
della natura, non e'pero.Et coli dalla forza naturale 
contcnto,non piegha prefto al pefo,ma diritto rema 
ne nella contignationejMa quello che ha in Te più 
del calore,genera & nudrifce li tarli,& da csfi (ì vU 
tiaiEt a nchora per quefto ccleremente s 'accende, cfi 
quella rarità dell'aere la quale e in erto corpo aper^ 
t>> piglia ìifuochotEccoiicon fotza da se manda 



IIBRO 

che rari vi hafcono, amano I Rfuì : di 
Legname e color' rosfOjduro, toba^y 
fto,neruatodifformc,esscdo tutto me 
rollo vfano elTo alle pin polite "Porte: 
quando e verde fi taglfa facilmcte qu4 



— \ SECONDD 

fa fiamma» Ma òi efló arbore inanzi che fìa raettai ì 
to,quclIa parte la quale è applTo alla terra riceuend» 
l'humore per le radice dalla più propinquità fi fa pò 
lita & Fenza nodiiMa quella parte che e' di sopra 
per la forza del calore edutti in aere li rami per li no 
di ta gliati & eguagliati in alto circa 20. piedi, per la 
durezza de li nodi fi dice eflcre durabile.Ma la bas^ 
fa parte quando e' tagliata & dalle quattro fluente 
parti fi diuidera gìttato il torolo del medefmo arbo 
re asfitnigliata a lopra di détro^Sapinafii chiamato* 



10 e fecco con fatica:finalmente e ripu 
rato fterile,genera Góma & certi Bru/ 
chi a fimilitudine di CuUce : 9e ha 
fcorze attedaiegare.nel Autiino fono 
futtili 3inere,neglialtritcpicome fia* 
no non e (lato autrtito Tltnio nel. 16. 
fa quattro fpecie de olmo qllachegia 
chiamauano Attinea altisfima de tutte: 
laltra e Gallica:la Terza noR:rare:la qr 
ta S)rlueftre:intra le quali la Attinea nò 
produce frutto chel chiamauano Sanie 

racioeelfemedel'olmo.CI'opuleaAioe'lI'ioppooche vogUadireOppio.Qiieftofitròua biancho & f 
nero,ma e d'una forma.luno 8i l'altro di Tronco diritto, ma il nero va più alto ?i e più leggiere.la figu/ 
ra delie frondi efimilc: ft il legno quando Staglia e di bianchezza fimilc:luno &laltroeftiniato che non 
habbia pur fiori. CCipreffb.Di quello arbore la virtù Si perpetuità e notisfima apprtlTo molti che deUe g 
forme di eff'o legno fabricano , ma anchora fare li fonanti iltrumenti . Et di quello arbore vederai 
quello che vetniuio in quello capitolo a car.64lettera.F.& à carte.6$" Jettera.R.dira ala Chiefa di Dia < 9 
na Ephefia.CAbete. Di quella generatione d'Arbore Theophralto nd capitolo, il. del v. libro, coli pon- 
ile . La differenza che e infra l'Abete Si il Pino in quattro o vero in due parti diftinta che fimplice R dico 
no, le quali i Maeftridi LegfiameBreue chiamano.Et perciò ineflo capitolo leggendo vederai le difttreti 
ti fpecii di quefti.accio posii alle volte fapere operare di quelli arbori,o vero ch'altri non ti dia duna fpe 
eie darbore per vnaltra. CMa ciafchuni nelle generationi alle proprietà oc gli principii aslimigliati/ cioè 13 
delle parti de ^i elementi, vetruuio in quello capitolo inrende Philofophicamente dire le proprietà de e(i 
elementi le quali non folamenre hanno caufato la generauone de gli arbori, ma anchora le accidcntie che 
jnteruenire poflTono ncUe complefioni di tutti glialtri ammanti del incndo,le caufe de quali poITono proce 
dere della amifcolata procreatone nel participare dell! principi! come hauendetto/ciot; tlTere L quattro 
etementi. 

CMa per contrario la Qwercia.Theophrafto nel terzo libro alli diece capitoli del hiftoria delle Piante co n 
fi dice. Quelli di Macedonia faceuano di quattro generationi:Il verola Quercia che produce la ghi.ida dol 
ce.l'Escuio chela produce amara:il Faggio che la produce rotonda: II Cerro il quale alchuni dilforo elBe 
re llerik,alchuni altri differo il fuo frutto elTere viciato intanto che di effo neflunp animale poteffe man^ 
giare cscetto 1 Porci, ^s; quelli quando non haueffero altro & per queUo U fi mouesfi molcllia alcapo, « 
lUegname anchora e riptouato: impe^ - j 1 1 r • 

rhocheiaoratoaituttoe in vtiie che Ma per Contrario la Qucraa delle làtfeta de princf^ 

fi fpezza &cade, ma rozoe meglio/.' .. . . _ - . 

re,& per quello cofil'ufano:3i non e 

còmodo alfuocho ne a fare de carbo.» 

nijimperho che 11 carboni foli fono in 

vtih:conciofiacofa che scoppiano Se 

diuenganò cenere, fono alquanto accó 

inodati alle fucine doue (ì laoraao i 

mettalii cflendo à quelli più vtili de gli 

altri per che fubbito che lo mancha il 

soffiare fi eltingueno 8c cofi meno che 

gli altri fi confumano . Il legname del 

SaUìcortice e accominodato a fare tax 

uole & altre cofe limile. Le generano/ 

ni del R ouero qlle alTeguano vedi Vìy/ 

modella natura de gli Arbori saluati/ 

chL incominciando daliibro.Jtii. inlino 

al xVii.C Ma lo Esculo quello e Arbo 

ro ghianAffero il quale gliantichi fole^ 

uano de loro frutti cibarli come di pa/ 

ne anchora "Plynio nomina fei fpecie 

de arbori ghiàdirteri C" Il Cerro.di q/ 

fto nella ftquenccdifcrittionedel Fag/ 

gio alchuna cofa diremo a cai te.64.let 

reta E. C annero de qlli Arbori ne fo 

ao aifai in Italia mjfime nelle regioni 

Romane della fuafcorza e nocufirno. 



pii terreni abbundando.& pocho haucndo del hu^ 
more Sc del'aere & del fuocho, quando nelle terre 
ne cperefi summerge,ha infinita cternitajper que<>.? 
ftochefia quando Thumorc la tocca non hauendo 
rarità' de Pori per la spedita ' non può nel cor 4^ 
pò riceuere il liquore, ma fuggendo darhumore 
refifte Se rorcefi & in quelle opere le quali efla e fa le 
sfelTure.Ma lo Esculo il quale da tutti gli Elemen^ 
ti e tempcratOjha negli edificii grandi vtilitati . Ma 
cfib quando nello humoree collocato, riceuédoco 
tatméte per li Pori il Iiquore,buttaro lo aere & il fuo 
cho,ncl opere dalla humida potella fi corrompe . li i» 
Cerrojil Suuero,iI Faggio,gli quali parimente han* 
no la miftura dello humore,deI fuocho,6f del terre 
no,& del'aere aflaiflìmo,per la fpariofa rarità li hu<» *J 
mori al tutto riceuendo,preftamente marcifcono. li 
Pioppo bianco & il nero,anchora il Salce ,il Tiglio, 
H Vecice,dal fuocho 8e dal'aerc satiaci 8c àchora de '^ 



CAPITOLO 



NONO 



4 

f.ca. 



tiumorc «liipf rati,poco haucndb di ieMnot al Ifggi^rc fcp^^ CT n Faggio Theophrafto àtf. fi. 

raméro..nm>g)ia!i,cgirgia rigidità paiono haurre a^ufo^Adù ì^^^^^::^^^^^^!^ 

qae come iió liano duri ddla complcfionawra terrena p la ra a f, dimdono.chi il dice domellico , & 

V ta fono cadidi,& ntllcfculture cóccdono còmodo maneggio chi faluatico noi diftigucdo già p dolx 




tcperatOjnciiioJloul itiiciiujot i^ui.m4'iiuiiiui«.ji.v Maill'aggiC. 

fi qlb chc'ha màco nel cotpo di humòre m paludofi luochi fra più ne mòti Ja gfiatióe 31 faggio alcuni 

li fondamenti degli edificii alle palificatióifptffe ficcate.iiceué^ qtro alciTi cinq ne airegnano:Ma dlno> 

do in se ql menode],q«orec'bVnelcorpo;reftaìn.or^]e alla '^i^'^^S^l^^;^^ 

tterni'.3'M fufticnr gli smcsurati pcfi della fabrica,&:ien:a uitij alcfu altri i)lacidala nofano:Ma come 

fi còferua : etcofi difuori dflla terra nò può fc nò poco tépo da gli ledei haueuano in vsaza Tpcire qfta prugj 

rare:& effo ntl humore lotterrato remane lungo tépo : Ma ofto g-'j.itióe.i :Placiclo,i Cerro,! i-at|fo^''o feri 

r ' j rj 11 #- ^ jD^ -^» « I,...,; i RoucrOj^iSalficortice il quale aleni cioè 

niasfimanicte e da confiderarc nella Citta di Rauena,p che lui Retticoriceil chiaraao & tutn fono fra yt,u. 

tutte l'epe &' le publice & le priuate lotto gli fondamcti , di elle eiferi.ma la più dulcissia ghiada e qlla 

generatióihanoli pali.lVla l'olmo SfilFralìnobanogridisrimi di Faggio &c.cil Cerro edirittissio.al g 

htimori,8c poco d''aerc 5:di fuoco,contépErata m.ftióe di terre tissi;o,& e diLegnamc p longhezza rox 

r -^1 .• •• j Un rc\..x. {, C^ * Oi.ru m; fl> f«» bunssio,alcua volrane luodu cultuiati 

no asfimigliati,qndo nell^pere fi fabnchano lonO flefibili & lof^ nafce.mà di rado: Et il LatlfoUo di feda 

to il pefo p l*abbudàza de gl'liumori nò hano fortezza, ma pfta dirittezza & cofì altezza ma per vfo df 

mete fi aprono ; Ma ìiicmefi dalla uccchiezia fonofatri arridi , cdificii.dopoi ilSalficortice eil peggior 



o ucro nel capo' pfetti,in ql'i gli qli e inesfiftaentc il liquore mo 
xeno 8i finoli. pui duri,& nelle còmiflure & nelle coaginctationi 
dai piegarli ricencno ferme cócatenat!oni.A'nchora il Carpine p 
the e di minima miftióedi faocho &di terreno,madi aere Si 
di humore cótiencffperamra grade,nò e fragile^nia ha utilisii 
mimanfggi:Etcofi Ji Greci pxhcdcssa materia apparechiano 
li giochi alli giouenci iquali apprcffo de Greci egioghi^*''^ 
'"* so chiamati,&^choe(To'^^>'''°"' chiamano. Nò cnia'codama 
rauigliaifi delCiprcflb & del Pino p che esfihaucdod«gl'humo> 
nabùda'za,5:eqìede!l'altremiftiòi;pla'laticta de gli humori 
nell'pere sogliono edere fiefibili,ma nella uecchiezzafenza uitii 
cófcruar(i,pi.he cfib liquoreii qle e totalmcte ne corpi loro, ha 
ilfapcre amarOjilqlc plani anrudinc nò coperta penetrarci 
Tarlijiie altri Aniniatettii qìi nodui fono.Etp qfto qlli di cfle 
gcneratiói che nell'òpc frcòflituifcon,rimagono alla eterna du 
rabilita.Anchora il Ccdro,& li Geneprohànolamedesma uir 
tu&utiJita,ma come d3rCip(To& dal pino la ragia,cofidalCe 
dro nafcc Tolco che cedrino fi dice,col qle qndo laltrc cofcfono 
unteCfi come i libri }da Tigni & da Tarli nò fono offcsc:Ma gli 
arbori di qfta generatiòe fono di foglia di materiadritta fimile 
al Ciprcffo:nellachiefain Ephcfoil fimulachro di Diana &an 
chora i Lacùnariidi ella &'iui&nel refto li nobili Tempii perla 
eternità fon fatti: Ma nafcono esfi arbori masfimamentcìn CI 
if^ dia,& in Aphrica,& m molte regioni de la Soria , 

f'iGVRA DILACVNARIA SPÈCIE ClO£ INTARSIATA. 




cfi (ì troua,& à fare fuoco & caibòc nò 
molto atro,ma di niaghagna,& come il 
Salficortice fi putrefa, & e di grolTa fco 
za huida e fógora,& fi l'arboro e grof^ 
fop la maggior ptefi vedera vacuo, Sc 
ci vtilcdi ipiccol tempo fi marcifcie. 
CTPioppobiàco &nero.A cart. 65. ira. 
H C II lalce ha molte fpèC come fcriuc 
Theoph nel 3 al. 8 .c.S: I>li.ne.i ó.li. a. c- 
vi.piatato né luochi aqfi 8c fagliato mol 
tiplicaalTai.Etqlli cfi^piucono vimine 
futtile fc ne fano .V telfono ope gctile d 
gli altri fé fino cede & fil'i,Catone il po 
nenelj.gradoSiarepondonecapi Se a. 
i frumcti e prathpcfi e di macho Cpcfa 
& e ficuro da tcpefte. CT Tiglio. Theoph. 
ncl.j.U.a.io.cdicechiemafchio Se cM 
efcmra,& so differcti tra loro nella gli 
ta dillegname,& 3lcorpo,Uino frutifo 
ro l'altro fterile.-al mafchio e di Ugno 
dur co nodi e fpie:la fcmfa più biaco la 
fcorza dlmafcnio e più gralTa e d rami 
mtpiegheuòli <f lefemie:Lafemfac di 
più odore:il mafchio e fterile & nò j)du 
ce pur i fioriila fcmina genera fiori & 
frutti-CTAlno nópuieneienó nelli aqli 
luocli,nó^ducefeme ne frutto alcuno 
ftipalefiepe &caMati fenefano Truoui 
Si Canali p li códutti 3 lacq m copto in 
terra dura gradissio tempo comò fcriue 
3)JLin.a.hbi6. colmo a car. ój.Ira.G. 
CFrafinoacar. Ira. Ferme còca 
tenatiói/cioeda cóchiauarctro ale 
voitee ottioqndoefecco:&efl"o e 
buó à fare li aratri & gioghi de Bo 
ui Si altre cpfeCCarpie.e arbor cfi 
p ilpiuamaoi inóti.CC/piroaca. 
ósMa.l.U acar-óf-lfa-RCPino. 
JPlj'.li.j j.c.f.có elfo legno 8i pap/-» 
fo di eg^fto Se paglia il rao ferro 8c 
l'oro fi fóde:la calcia &. pietra Thra 
cias acccdeficó acq>&raniottafi cu 
olco.Et 11 fuocho ramortafi con ace 
to vifchio,& ouo:la terra non ar3: 
&ilcarbone ha maggior forza: fi 
ramòrtato da nouo t'accende . 



l'ino 
Tlin. 
voi J 
garlf 
if.c 
9- 



LIBRO 



SECONDO 



CCf dro.il cedro Se il Gcnepro hino cófimile Wrtnfì & ? uliratf, 8c ài ^nature fiano qlti arbori fcilo narra The 
ophrafto in molti lacchi ne ilibridcl'hfftoHa de le piate: ma deglidettifuof nelj.libroicar. diremo aU 
cunacofa II Cedro alcuni dilTeno effcredidue manere *:Iuna fune aportata de L|'cia,hltra de Aphrica.alcu 
ni diflVro effere vn folo/cioc qlli de Ida/c nò molto disfimile dal Genepro, ma affai differite nelle foglie , p 
che il Cedro le ha dure aguzze &rpinofe, il Genepro l'ha più morbide &crcfce più in alrezza:ma alcuni nò 1£ 
fanno diftertza di nomeche iuno Se l'altro p tn medefmo nome chiamano, ma quado cogliono effere incefi 
p Cedro gli agiògono Ccdroacuro, & qndo vedano effere Itefi p G«nepto 11 dicono fimpUcemcte Cedro, Lu 
no 8i laltro e nodofo A di legname ftor 



*l 



to a guifa d'Ali, ma il Genepro ha mag 
gì or legno ^ più spesfi rami: Se in più 
preuetcpo quado è tagliato fi riprede 
& Col rópe. Il Cedro pia maggior par 
ce e più ripieno di meroUo Se nò fadl 
mete fi marcifcc ma è durabile sèza al 
cuna magagnatil Cedro ha frutto bel 
lo8e di foaue odor Se guftcal Genepro 
in tutte laltre cofe è (ìroile : ma il ne ^ 
grò nò fi può guftare pia troppo accer 
bita, durano vno ano, Sf qndo lun pox 
mo e finito di nafccre laltro cade : Ma 
qili di Arcadia vogliono che retcgano 
tre frutti infieme /cioè qllo de lànojis 
fimo paffato>qllo nò anchora maturo 
Se del tetzo ano il pfente già maturo £« 
gufteuole de il terzo il nouo demolirà^ 
no. Il Satiro ambo gli Arbori séza fio 



MailLariceilqlenonenotofenónci luochi municipali gli 
quai fonoin torno alle ripe de] Fiume Po Si. ne litidel mate A^ 
driano^nó folamcnteper Ja forza delia amarezza desucchi, da 
Tarli ouetoda TigninoneofTcro^ma anchora la fiàma del 
jfuoco nò riceue,nc effo p se mcdesmo può ardere feno co lal<* 
tre Irgne btufdàdoicome nellafornaceil saflo a coccerlo t calci 
na:non dimenone anchealhora receue la fiamafne mette car/ 
bonenna con longo fpatiotardamétc fé brufa:p che da i princi 
pii e di iTunima téperatura di fuoco &* d''Acre : Ma d'humore 
Se terreno fpesta materia asoda t3,non hauendo li spatii de P o<« 
ri:pli,41ipoflailfuochopenetrare:& discacciatela forza d'ef 
fowo patifcc da qllo a fé pretto nocere: Et per il pefo da l'a<?^ 
equa non e suHenuto.Ma quàdo fupottato:o utio nelle Maui 
Querofopra li abeti: Rate fu collocato. 



ri dice efferli ftato apportati da foi vii 

lani:Di suafcor/ LA flGVRA DE RATE CIOÈ ZATTA OVER. ORDINE CHE SI CONDV 

za ^rimile al Cips^ CONO PER FlVMI LE VARtE SORTI nr LEGMI. 

so bcche alqnto più f 

fcabrofo.pochcra' ' 

diche &qllc pia fii 

miti dia terra fpar 

Te, nafcononefaffo 

fi & freddi luochi , 

ie folamcte cercano 

luochi brecciofì.'PU 

nioin varii luochi 

ferine del cedro ar 

boreperegrina.Iaq 

le dice effere lauda 

tisfima in cadia in.» 

fulainafrica,fl:f fo 

ria,el medefmo nar 

ral'oleocfdrinoeC 

fere cóferuatiuo da 

corruptióe co elqy 

U erano óre gli libri 

de N urna Pò pillo fc 

condoRede li Ro 

mani liqli Cn.Teren ^^^^j, 

rio repaftinando el gi^ 

fuo capo li trouo fa 

vna arca de pietra, ^ 

che erano durati da S '. Z~ , , V ' '. '' r j ,- / ^ ., '7- ^4 

Numa.al Tcpo fuo ani cinqcento trctacinq .Si erano de chartacedrata.e pano erano rofe da Tignf. C Magli 
A rborl di qfta generatióe fono di foglie di materia dritta fimili al Cipffo.vctr.ne vole in qfta lettione dime» 
ftrare come fiano le foalie de pdetti arbori, & la loro virruofavtilitadedicédo.fono di qlti arbori Cypsfi as.» 
sai nella Grecia masfime in torno al capo di Creta cioè Càdia ifola, coli achora nella Syna fedo Theophrafto 
& i molte rcgiòi del leuate nafcono, U achora nella nfa Italia come in Lòbardiafono verdeggiati ."fc frutiferi: 
Ma didfti dami molti luochi ne hauerai, & i fpeciedaTheophraitonel.J.lib.ali.f.capit.cR nelPhifto ria delie 
piatecofidice.DinaturappctuafonoilCipffo.ilCedro, l'Ebano il Celte, il Boffo, luna Se l'altra Oliua/ 
cioè la .Valuatica & domdlica, iltediffero pino, lo Arignoil Roucro, & la Noce Euboica, ma più durabile I 
Ira atti cUCipffo.Et cofi m Ephcfo de legname di CipiTo, le porte del «pio de Diana Ephefia, fi pferuo qtro 
erati » folaméte qfto riceue lo fplcdore Se politezza Se iperò di dfto li àrichi vsorono farelope delicate. De li 
altri Arbori dopo ó Ilo CitlFo, «^laThuia : ilA'jorofi giudica elTer fermo peremo, & ffieme forte &nd'ope j- 
fzc.le Se vh vecchiezza a fimiliitudme delCelte fi fa negro. CRate.Quiuifi fa la dimoftratiòep figura fi co^ 
me fi códucono varie forti di legni in acqp fiumi qfto ordine chiamato in latino R atemei paefe di Genoua fi 
^Jijama Ra;nel venttiano H n*l Milanefefi chiama Zatca;nel leiofcino Chiauatc alcuni TrauatcEt ^le m vna 




CAPITOLO 



NONO 



^S 



& 



còfa & quale in vna altra fi fanno perpetui >& còme l'olmo per lanrichiràfi anncgriTccIl Rouere 
che fia canato &rum£rfo nel acqua certamente non fi putrefa, &per quello nei Fiumi mne Laghi se ne 
faano d'elfo legname le NauJ : ma nel Mare fi putn-fa che da quel Vale fi mardfce Si corrompe,nen cfi nel 
Mare glialtri legnami più predo fi veggano indurare , come col fale fulftno à Todari ^ vniti.Ma elfendo cR 
di quella materia de Ciprelfo , già ftata vfata fia inescultura de li Siniulachri di aUuni Dei Si Dee , come 
in Roma il Simulachrodi Giouedi CiprelToè Rato viftoncUaRoccha dal principio de la edificatone 
di Roma anni seicentounoèdetto effere durato integro fino alli tempi di Traiano imperatore: Quello 
arbore s'è tagliato mai più non nnafce. Et imperò è confecrato a gli Dei infernali,* cchiamato funebre 
& oscuro da i poeti, & i rami foi soleuano elTer porti dinanzi alle cafe de i defunti accio e e alcuno per 
ignoranza entrando nella detta casa non fi amoibasfi ocorrompesft : Ma de la virtù dei detto CipreffcJ 
kggi l'iynio n<Li6. Libro a.i4.CapitoU : che per non effer iongo nel direlalfamo. 



Ma pcrqual modo (ìa rifa tnacfrlarìtrouaca e cau# 
fa de cognofccre. Diuo Cefate cerne Io essercìto ha 
uefTe incorno a ^ gli Alpi,& cotnandafTe a li munici 
pii gli prcftaflTno virtuagliaiEt iui elTendo vn cartel a 
lo munito , el qle fi chiamaua Larigno alhora 
quelli che furono in eHb còfìdati dalla naturale mu 
nitionc,non volfero vbidire al comandamento j on^ 
de lo Imperatore comando* alle moltitudini mouer 
(ì airalTcdio i Ma era auante alla porta drOb Cadel 
lo vna torre dì quella materia di traui intraue rfo ra ^ 
doppiati come pna pyra in se comporta altamente t 
accio fi poteflino dalla cima con pali 8c sarti gli aco^ 
ftanti scacciare . Ma alhora quando fu confiderato , 
erti altro che legni per dardi non hauere & non pns^ 
sere lontano dal muro per Io pefo gettarli, fu coma* 
dato a gli accontanti porrart!eno de glifafcicoli di ver 
gelle ligati & ponerli a' fiamma ardente ad erta tor<ìi 
rejEr cofi subitamcte i soldati fi congregorono. Di^ 
poi ch'intorno a quella materia perle tfrgclle la fìi 
ma fi comprendessi Tulleoata a' cielo/ece of pinióe 
parere già tutta quella terre caduta. Ma quando fus 
se la fiamma ertinta 8C reposata ,& la torre apparirti:, 
marauigliandcfi Cefare comàdo che di fuori uomo 
il mandare de Teli furtfe a colorot& cofi dal timore 
quelli del cartello coftrcttiQuando furono refi di^ 
mado di qual fico fulTeno eife legne le quali dal fùo^ 
co non fono offefcjalhora quelli dimoltromo efij ae 
bori de quali in queluochi fono in grandisfima co<!? 
pia i & per qiiefto quel Cartello Larigno, Similmen 
cela materia Larigna e chiamata . MaquertaPeriI 
Po a Rauenna fi porca, nella habitatione di Fano,dt 
Peraro,& d'Ancona,8c altrimunicipiiinfrtTeRe^* 
gionì alle quali fi da i della cui materia fi gli furte la 
acuita del portarla nella Citta di Roma, hauetìa ne 
gli edificii grandirtlme vtilitadi, & fi no in tutte, cer 
tamence nelle tauole delle Grondare intomo alle ifo 
le furteno detta collocare, dal tolglierfidel pe*<? 
ncolo de gli incendii gli cdìficìi fariano liberati i per 



CMa per qual rreJo fia flTa mate^* 
ria/cioc legname come è detto . quitii 
ti dimoftra v etr.nel modo che fi troL b 
narrado.CDiuo Cerare cerne ^c.Ha ^ 
ucdo elfo Cefire, il fuopssercito itor< 
Do à gli alpi (^làdo andaua ottenendo 
l'imperio del mondo 8c comandindo 
aili MVNlCIPII/cioi Citta particci 
pi degli offici Romani , o verohabita 
torifuditi allavbidunza delle Citta/ 
vcleua gii fufie filato COMMIATO/' 
cioè quelli espeairfi à darli vituaglia , 
o vero quello che egli comandaua ac< 
ciò elfo fatisfacesfi allo essercìto fuo/ 
& non folamente à quelli , ma à chi gli 
piaceua voleua fi ncognofceifino ?c 
fusfino per Tuoi suditi , & a quelli ha/ 
uf uà ardire di ccmandare.CTDaUa na 
turale munitione/cioè luoco fatto dal 
la natura muniro,fi può intendere co/ 
piofó di frutti 8i cofe sili abbifogni di 
viuere loro abundantemente , o vero 
comedicemo più che per fpendere anu 
almente.fi come molte i tal fimiglian/ 
za ne fonoin Italia . £t àchora fi può 
intendere quello cartello elfer colloca/ 
to in kioco munito/cicc fatto ficuro è 
forte dalla natura/ nelmodo 3 pcfar 
chefabricato fulTe fopra vn falTofo 
fcogLohauendolacqua de fiumi d'in-* 
torno > come è il Cartello diTrezonel 
fiume d: Adda o vero di altri simiglia 
ti . Ma megLo i dire che fé confidaua/ 
no della naturale monirióe per rifpet/ 
ro di quella materia la Rigna la quale 
non potea elTere oftefa dal fuoco co^^ 
me vn Caldo diamante CComandò al 
le moltitudini/cioè alle fquadre o vero 
le genti fótte li Capitani.CMa era i/ 
uante alla porta di elfo Cartello vna 
Torre di quella materia /cioè legno 
Larigno/il quale potea forse eller fat/ 
to come difopra à carte. 4 t.habbiamo 
dimoftrato.C'Pyra.cioè vna compcfi/ 
rione di legne polle luna fopra laltre di 
temo volgarmente catrafta.CGli acco 
ftanti/cioe quelli foldati m inoltitudi/ 
ni che fi apprelTano àdarc la battaglia, 
crocila cui materia /cioè della qua! 
forte di legname Larigno & quanta fia 
la vtllità (U elfo accio le case fufTtno 
diffese dalli pcricolofi incendii douen / 
dofi almeno fare alle grondaie de h ed» 
fieli che non hannu li fpoi caci Cornicio 



LIBRO 

Bì ài matlno o vero dalrro omawcHto 
ài terra cotta,onde per quefta imporr 
tanza leggi Roberto valturia al deci/ 
mo libro : quando TitoLuio dice che 
trentotto anni da la edifìcatióne di Ro 
ma , alcuno con ardente Fiaccole alcu 
nocon li Magli (loppa 8i pece , porta- 
do nelle fiammeggiante squadre peruZ 
noro , Si nel concaio di quello Maglio 
vno auiluppamèto & Fomento di fuo^ 
co fu I eftinguibile : del swlpho Colo* 
phonio/ cioè da Colophone Citta ?c 
Sale Nitrio , tutti [(ìeme liquefatti nel 
eleo Laurino > /^fecondo alcuni altri 
nel oleo Setrofo con la Grafcia de 
pAnnetra, & co lamedolla de la Cana 
ferula col folphò come ad alcuno è 
parfo se oleodi01iua,fego,Colopho 
nia,camphora,Ragia di Tino, Si Stop 
pa , quella compoiitione gli antichi 
guerieri Incendiario locliiamarono. 



SECONDO 

che effe he la fiamma he carbone pelTono tfceueire , 
ne fare per fé ftcfle . M a fono cflì arbori di foglie fi^ 
tnlleal Pino , ta materia di cflìe' longa trattabile al 
opera di dentro , non tnanchoche la Sappinea , 8c 
ha la Ragia liquida del colore del Mele Attico^col 
quale fimilmente medicano li Phtifid .Di ciafcune 
generation! con quale proprietati dalla natura delle 
cofeparonoeflereafllmigliati , & con qualr ragione 
fiano generati ho cspofto.Seguita mo la cófidcir rio 
ne per che coli e che nrlla Citta di Roma lo Abete 
che nafce nel monte /pennino al mare di' Topre , cf 
fer peggiore che quello dal mare di fotto , il quale 
egrfgìamfntecrncfde,alvrodegl{ edificii lungo 
durare , Et ài e fle cofe a qual modo fi vedono haue 
re nelle proprietà de luochi li ritii & le virtur? , co <? 
me fiano a? gL' confidercj^ti più aperto eh i.iiiro'' . 



CLE prime radice del monte Apennino&c.Qiiiuivctru.cònbrcuita dice non folamentcla d/sfimiL'tudi/ 
ne degli Arbori predetti ,ma la differenza de I calia fittiata col n.onteApennino intra li doi. Vati y cio« 
l'Adriano Si ilTj'rrheno/che luno è detto il mare fupernas/cioc di fopre/ilquale è verfo l'ombrofo 3C 
alpeftro Settentrione & ha alto il fcnx 



do terreno , con poca acqua in compa 
ratione del mare Tj'rrheno .Ma'l Tyr* 
rheno per elTere più baffo e detto In / 
ftrnas : Quello è verfo ilMezodi il q' 
le per l'amenità è chiamato Aprico.cli 
è proprio per effcre poflo al caldo So-» 
le: Ik quelli doi mari (ì cógiongano nel 
Freto/cio'e intra lo (Iretto entramcìo 
commolfo da la feruentia dell'onde: 8C 
e detto il Far di Mefj^na Citta di Sici/ 
lia,& la Regione di Calabria : le quali 
fono à riscontro luna allaltra per poca 
dillanza : onde à qllo Freto/cioe ftret 
to mare/reno luochi picololì chiamati 
SCf'IIa ,& carybdi : Scj'Ha e vn' caucr/ 
nofo Scoglio : &CARYBDI ,equan 
do tcpella: Quello fa in nello fcoglio 
tale llrepito cRe pare abaiare di cani 
donde e dato luócho allefabole come 
e notisiìmo: Quello Freto fu fatto già 
dalle diuorantefiutuationi de gli doi 
mari predetti : elfendo l'Italica terra 
coi monti altrauoltacongionca co la 
Regione di Sicilia 3i hora e feparata : 
che per tanto sbattere d^J'onde inariy 
ne per il rapito de la terra feceno tal se 
paratlone : Ma innanzi che fuife nomi 
nata Italia da Italo Re di Sicilia , fu 

Sia dettala magna grecia da qlla terra 
e Calabria doue Rete Pcthagorajpoi 
Saturnia: altri lanola chiamorono: 
poi Aufonia : anchora Hesperia per la 
juggettione de la Stella Hespero per es 
sere verfo le Regioni di Occidente : Et 
chi la chiamò Ocnotria da Oenotrio 
Re de Sabini o vero à bonitate viri cfi 
U greci efjti dicono. £t altri nomi 



DE L'ABETE CHE NA5CIE NEL MONTE APENNI 
NO VERSO IL MARE DI SOPRA , ET Q^vELLO 
VERSO IL MARE DI SOTTO PARIMENTE COM 
LA DlSCRITTiONE D£ L'APENNINO.CAPITQ.JC- 




E prime radice del monte appennino 
dal Tvirheno mare nell'Alpe & nel 
I Vftreme Regioni di Hetruria nafco 
no . Ma di cflb monte la cima girane 
do & la mcza piegatura apprciìb toc 
cando le tiue del mare Adriano per* 
fcttamente cocca conlecircuitt'onicontra il Freto. 
Et cofi la più oltra Tua piegatura, la quale volge alle 
Regioni di Hetruria & di Campania,e' dì portanze 
aprice: Impeto' che ha glimpiti perpetui dal corfo 
del Scle.Ma la più oltre patte la qualec^ chinata al 
mare di fopra foggietca alla Regione di fettentrione 
e' occupata dall'ombre & frefco di contineuo. Et co 
(ì quelli arbori che in effa parte nafcono da Ihumida 
potcfta nodriti non (blamente fi angumétano di atn 
pli'flìma gradezza , ma àchora le cene loro dalla co 
pia del'humore gonfiate con Pabbundàza del liquo 
re fi fallano « Ma quando tagliati & Dolatc perfa la 
poflanza vitale , permutando il rigore delle vene , 
feccando per la rarità"* fi fanno deboli & vani: Et p-^ 
ciò negli edificii non poffono hauere longo durare. 
M a quelli cB ne luochi ris^uardici al ccìtfo del S ole. 



CAPITOLO DtcrMO €t 

8Ì c rcanOjfió haucdo la rad ta delle ÌRtetuetie a/ciii 3iir,i,ha effa haiitoi& còmcpone ii ejcdo. 
gati dalla secatateli fanno sodi: Perche,] 5ole «6 lSS^r;^rl'runi^cÌSS'a ^.'/ne; 

50.a;Tl>:l>te de la terra lambcdo, ma anchora de gli allaqu^leper diucr/ìra de tOngi cSerU &iì' 

arbon a se tira gì, humori: Etcps, quellj arbori c^e SfJSa JarRV^Sct^r^alf: 
sono nelle apnche Kcgioni co le uene di speiTc ere Et certi aitn da Vueiii (i quali in effa ^bu 
bntaci afTodate.non hauendo da l'humore la rarità daten,entegcnerarfi ) da l'a.mch. lingua, 

. j -1 i ■ • 1- • Vitaliahauerla cm;inMtn: Nondimeno 1 

te,qiudo si laorano rendono in materia grandi uti cred nei medcfmo tcnipo la chuimorono 
litadi alla uccchiczza. Per qucfto quelli dal mare di '« gràdeHespena per la sug^'emone tffoi 

- »» i. J- ^ • u- I ^u- ' J: ^ 1- do ueriòU Regioni di Poncnrcdel che :ìa 

«otto che di aprichi luoghi so portati, tsono meglio thora Virg.ncl.7.ha seguito dlceiida,Nel 

ri che quelli de gli ombriftcri che dei mare di sopra '» &^àe Hesperia .- dóde scruio honcrato 
5, portano Q]uanto con l'animo ho potuto cósidc ìSSS!SSfm:^.S^ 
rare del le copie , le guai sono nccenarie nelle cópa Rine 5crf uc ì primi hsbit^itoii d'ttaiia cs/ 

rarioni de ffli cdificii fif di che. téoetahire dalla na ««e Rati da la Origine del Re Saturno il 

ranom ae gu eaincii , oc ai cne repcrarure aauana ^^y^i^f^ ^i ràtagiuiiitia chenóvoJseneffu , 
tura del le cose si ueggiono haucre la milhone de i norfuire se tuo sotto ij suo reame,& no no 

prÌncÌpÌÌ,8C quelle uirtuti 8C uitii che ui sono in CÌas »^"^ che alcuno haueffe cosa propria , nu 
*■ ' ?-'• • - . i« j-r tuttelecosefuflciio comune: onde in quei 

cune generatici, accio no siano ascose a gli edifica tempi fu poi chiamata saturnia dai nome ' 

tori ho dichjaratoi Per laqual cosa quelli c'hanno dei suoResaturno.CLucftacomePiir.fcri 

. . ^ -. T " v^ j f JÌ /l__.^-i- I uè nel.3.1iD.3.4.cap.dicendo. E adunque 

potuto seguitare le scritture de gli aniaeftrameti lo R^iie a una fronde di quercia , più long» 

ro, sarano più prudenti , K in ciascune generationj che larga &c.effa da l'uno & l'aitro mate 

potrannonell'opereeleggei^el'uso A^Squepchc \S:SSSl^S^Z^Ì^^ 

dcpreparameMtiemanifeftatotnegliaitrilibrid'cs sopra ,& dai mezodi,& da l'occaso dai 

si edificii si esponera Et primatnéte de le sacre chic ^^^^^^^SS^^S. 

se de gli Dei inmortali,8C delle loro meiure & j>por «crso septcntnone ha i monti aitisfimi i 

tióiCcóe l'ordine richicdejnel sequele libro scriucro t^" '" ''"p^ C''"'^'' '^^ i^^'?^^f' f 

^ -fi tniamati Alpe; quella come dice rullo la 

Barbarica asperc22a nel corso dalla Hata/ 

raha domefticata.La sua lóghezrt da l'Alpe della Prerorea Augufta perfino a Hidrunfo, milleduecento miglia 

eftenderti. La larghezza sua doueepiu larga dal Varo per fino ad Arfia anquecenfo & quaranta miglia circa a la 

Otta di Roma dalla uscita dere'erno monte. Pi scaria che nel lire Adriano s allarga per lino a l'Olbia Teuerina 

tento &.2(J.migIia,& tutto il suo circuito dal Varo p fino a l'Arfia treccnro.J^. miglia abbraccia . Ha I Italia il 

tìorsojCumeai pestio uedcmc hauer saa ftirma dal capo perfino a l'infima parte della Spina ; Er eiIVndone coli 

da noi deUo di quella noftra Italia per haucrla Vetruuio tacitamente iiomin:ita discriumdo il monte Apanino 

ilq lalc tutto pnre un dorso ciiruo « nodosoiti'e parso andicra formarne la Propria figura de ITALIA . C Del 

Monte Apeiiino accio fi snppiail principio d'elfo (secódo roppiniont d'alcuni ;& le rermmate sue regioni n'e 

srs.> ftVirnea chi non ha alcuni notiti.i. Il mòte Apennino comincia il principio da Genua & sopra Carnos inca 

_ic,ha il lago il qu.ilf ncrs» nel fiume Atacc che mcscicnel mare Adriano.Ma luniano di qfto diuerso mòte dice 

hiuer termine C(5numerato& effendo che'l Cornucopia nella ditióedel Fano di Forfoua cofi dica ma in pmameitf 

te nel mio sentino cil Tempio di Fortuna qfto e nel lifo Adriano>intra Sitiig^iglm & Pesaro nò lót.ino,daI fiume. 

Metro-C fituato ejo otto miglia dal mòte Apoimno.L' Apennino anchora da l*Alpe da quel laro che r\ parte dal 

m,ire di sotto nato co coperte corso alla Cita d'AnconaCcome uole plpio^s'accofta nel mare di sopra & lui pà 

re che'l finÌ5ci,& nódimeno de indi da nouo parrendofi p mezo d'Italia ne Brurii & nel mare di Sicilia trascorre 

CDal ryrrheno mare.Q.ne!to secódo scriiie Diodcro Siculo al.tf.lib.fu nominaro da i prpoli ryrrenM qu.iIC 

furono i primi che trouorono fa rn:ba,&4lll • qucli primnmenreil portico al le Chiese aduceffono , quafi dipoi 

furono imitati da i Rom:5ni douela cócorrenfia della turba fi diuertiKe.CEtruria nonsfimamente fi dice la rhos 

cana dellaqualcsccódo da molti pc!ari>fim! Hiftofici e saittcquelti ftircno i pruni iiiuentori dela scientia Ara 

spicma.Etcose altre inoltc,come n'e aip:i d'fsfì scrittn.CDoIate/cioc uguagliati o dirizaii co la Dolabra di fer* 

ro laqual dicenio nunara o accefa pche e qiiafi da d« lo librare o uero dirizare pche ciascun legno nò eifendo rit/ 

tocóu'cne elitre adarraro& librato d ; qndleineqtislfradi che dalla natura pcreUcrein quella forma ha parito. 

CRi?orc/ci(ie duTe^^a n ucr fcrz i di ncruufit.!.(rNó haucndo la rarità delle interucne / cioè non ciTcndo il legny 

raro tral'unuien- &ral«.i.ma sptToSi; sodo-come ein un corpo qndln carne chee intra unaucna & l'altra, 

la qualefi e rara che non f\.\ bene imp ira fa il ci.rpo debole & fi e spella lo fa robufto.SìniiImente quello dire Vcrr. 

accadere nella materia di le?iiainc:& anchor.i in molte specie di pietrc.CLambendo-cioc Icuemcnte asc tirando» 

ouol dire cauareo quello ch2i!oI>(arnicnicdiccmoprppare,tertare&lccchnre.De ITALIA. Solamente com'clla^ 

s'eftende&ai Mnrich'eltaconfin:i ^en?:.! disegnnrui delle. '(Krccirconfl.intie the in effa ui fitrouano, & uolcndort 

accoftareal senso dello Auttoicneil.i prcscn'clctt'nRf per quanto habbiamo potuto di parte in parte secondo il 

ucder' noftrojnefiamo sforyati a dimoilra IrEciichein alami luoghi discoft'idofi alami contermini dTsclcrtc, 

<i«io alquanto uidneal liro d'fsfi dai Mari nò h.ibbiamo hauto cura a pcfncrle,nó solamente pecche fi dimoftra/ 



l 



IIBRO 



m'fmzo 



"L'Àsp'firro D'irALfA vE*so rt sÒK^or Vomente. 



^O CHE IL WM 1)1 SOl^b^ ^. 



rì?n© pò» intra f< ombre che fanno spiccare effa ftalica tétti <?« ì ^oì «(etti Mari,hia anchorn per aoti thtiltfplfei \ 

rt fcCTtauM a nominarli rCouciofiii cosa anchora chcnó habbianio pofiiro pei' il poco lUogu poutrmc fitaarc i nò 

mUdemonri,ddleRcgioni delIcQcta ned'alrreopporrimitari secondo accadtria alla tci;iiU dilli dficritt/óe di 

€osmographi.ì.Ma fi fbrfi d'alctiiio G frouaffeper qiiefta fimi gliàtf figura haunfi£i«!»)pIafo-<Jt (onteTn'Àn.>to ptu 

AftntJmente. preghamo i pcria lettori ne fictiano la escusflCione: Perche P3raen<--n p»rc Sa posfifciil£ ft p&sfa di' 

i-ene dimoftrare affai ctìrstpcisamenteé^ diftintecó poche parolcjcofì medèsniamcnfedimotepefìó psrt Ik posi 

bile integra la figura di Italia in pochis&no spatio : Ma a gli dotti coméintfad?n:i • con più brttnta anchina 

lo batta qaado p la figara di tutto U mòdo fi nomina una palla ouero tonàciza cirtolarenela qusScrt conaené 

Jtatte le cose che m ejo opera Dio 8c la natura.Èt fi di quella iioftra Regione dTtaliafcrs* tu tiplesft la prcrisa ma 

nifi*afióe:p bcicheffa «ta molti Cosmographi^ccmc da ToIomeo>Sttabon»>PIj'nio-& inoìH'sfTrf «rdinariamcn. 

tediscritta & da eSb Tolomeo nò solamente discritta,ma afigurata con l'altro terrcJtrc fito dtì mon-di): £t fimil' 

«iiente alcuni mederai IBaliaiii con egregia induftra l'hanno eiTemplata & in publica figura scritta ,* dirriutcara;» 

ui rimetremo a tutù i prede tti,acdo più eScacemente fi poflPapiglKirc"il senso di qufftj jcinitia di Chi-rographfa 

$c di ttitra la Cosmographiardelle quai cose ne sforzaremo anchora mòftrateal meglio che potremo «ej scquenK 

ottauo Iibro3& ne faabfaiamo detto anchora a carte. >4. 

perche i «jet 

citftcti «nig 

ni-M iòno a 

IJ (egea ti, dì 

gr.idisfìma 

cjfid«ratióe 

& special// 

jiienct e(icn* 

dò sempre' 

apr^o a do 

ttsfimi'qfte 

coseingra* 

de sftimatio 

ne;perche il 

verbo Diui 

no non do 

gni cosa là/ 

tof«ilnien' 

te da «gni 

li'jomoa'in 

tender' eflfet 

debbcCCe' 

<io co qu»' 

liinque eosC 

gli:egiptit, 

Ecriucano:|? 

letagljrphi : 

che noi dice 

mo Ciphece 

6 uero t^^ 

tatt«re cerni 

usano acho 

ra itPrinft'/ 

piascriuere 

ad alcuno 

Ascano . EC 

pchene pa 




fiano conosciuti denrro & fuora.Lc quai legge tutte tinuiersaImenfeparcdispon;5,ino rhesd aUrui far fi debba 
ta'iello che iiorriano fufsc fitto ad esfi.Eca cóucrsoiNó fare ad altri qllo chea ic nò uori.in' faito f.jne. Etcofi rcu 
derecgni cosalaquale a seconuiaie,reguIa naturalmente proportionata.Erper qticfto conuimei^iclfo speculare 
&auuertireachecosa suggettiSamo comedicePij'.al.7-!ih.a i.y.cspiioli. Etficomcmoftr.ilem3lecpcr.itioni 
fiano dadispreearle.Cofi;iduBquec6uieneche(iamp reconosci tcri ad altrui p i! br.ieopfrare.^ farccó bona cóli 
dcratione premiare le operarioni ài ciascuni secódo la loro bona jjfcsfionc utile & neceflòria (maxime dei dotrf 
€c lirterati sapienti^o uero^pfiamcntc degliarrifici i ^li assai hino afaticite p dim«iflr.rfi prudfnn a meritare 




haucT* legge Si p schiuare^ito mo'ti dicono cfser acccfsario gli fia l ;ìbb»Gà^a:Per l^gl cosa sono da aiutare 4*' 
e di beni'dela ll^ublica>o d<l ipfi culate tìi ^Ithuuu.Ma pti quato «olio alcuni puenuti fctcllenti in esfe dottriae 



PROEMIO 



:i rm 



TERZO 



^7 



ovcro artìBciijtàhto pofTano anchora oltralf premif merifarecoti autfonrattfiano memorati alla eter/' 
na memoria per essemplo de U dignità loro,o vero gratta gratis data.Et quefto per fare più caldi eli ani> ■. 
de gli eloquenti &ftudiofi,ù vero artifici:accio l'opere loro reftano a perpetui essem pi, non folamente 



mi 



aJUt prefeBti,ma anchora a quelli dauenire con le dottrine & ornamenti del mondo: Imperho che plvnio. 
dice.Ben che la fumma del'Arte fia:non dimeno lingegnio e oitral'arte.quefto anchora Cara da farli: ac/ 
ciò non aiiuenga come già in Italia gran tempo èftato ignorato la diligenza di molte arti,[e quali cóme 
dicèmo circa anni.ro.in lino à hora:iVia per le publice memoriein tra l'altre cofe che hanno laTciato li glo 
rio/isfimi&liberalisiiniiRomani,gli Architettori & Scultori ScPitrori degnamente hauendo di quelle 
cofc imitate le mifure Si essempi/ono molti peruenuti alla eccellenza:.^ chi n'ha cófeguitò la nobiltadc:ft . 
come Andrea mantegna, Leonardo vince.Bramante da vrbino,& alchuni altri come MicheJ.agnelo.Firé-' 
tino.il quale m pittura & fcoltura lì vede cggregio.Onde per quefte cole Vetruuip moftra memorare quel' 
lo che A{5oilo ha detto per li refponii che dette a P^-thia fuo Sacerdote:5>er che ^i huomini o vero "Prin. 
cipi 8c Rettori de gLaltri huomini:Qiiandoda fé non polFeuanó fapere alchune cofe de li naturali fegreti 
che alli bifogni loro cóueniuanotNecelTario gli era recorrere àgli Oracoli, accio sapesdno quello cognoi» 
fcere che n5 cognofceuano praticàdo: Quella fu per poter' regg£rri,amaeftrarfi,/fc per diffenderfi dafli oc 
culti fenfi vitiofi de li fraudulenti huomfni l quali aj,le volte dimoftrano efTer come agnelli, & con li effetti; 
appateno Lupi:& quella malignità che è Cottoli oscutatti petti o vero ingegni de gli altri huomini, li qu»» 
li non polTendo con le loro fcienze pigliare o vero operare.fu dj necesfita ricorresfino alli deificati o vero 
fantificati huomini 8i femidei che fono Itati fimiU gli ellefti figli del Onnipotente Iddio. Si come fono an 
choraJ,i noftri Santi 8c Sante:a i quali corpi o vero Simulachri per grandislima fede con fperanza fuppliy 
candoli con le debbife fi humile prece che ne ha inftituito la npflia fanta Matte Chiefa ^ li Sacri Theoloy; 
ci,pofreino farne de^ni di ottenere quelle gratie,le quali non polTcndole hauere per fcienza o vero opera 
rumana,Ji vedefpelìe volte per diuino aiutorìo miracolofamentelehabbiamo:Co(i anchora aUe volte p> 
lediuineinrpirationi o rcuelationi dalle menti de g^i santi huonuniover'donnecaftisfime &fenza peccai 
ti.Come già appteffo Alchuni antiquisfimi in diuerfe parti, &'durò gran tempo di quefte perfone elletfe:fi.» 
mile che già furono de le vergine veftale,& Sibylle:maXime Là CumeaCcomo li Soeti cantano ;;caftamc 
te amata da Apollo, coli anchora altre che ne hanno denotato molti precìarisfimi ScrittorLTer lequaico 
fé vetruuió intende che perii benemeriti di qu'elh,non folamente gli Antichi li premiano,ma di es(i diuini 
Se diuine che già per esii il mondo fi reggeua con lo fenfo de, gU altri eccellenti come difopra diccmo: Colt 
con molti modi &fpecialn)entecon editicii perpetui ^ dotte fciitture,deli predetti hanno tenuto boncon 
10:^01 effendo paffata la loro eccellenza o vero diligenza corporea & non elTcndo più copiofi di denari 
ne più curarli delle cofe Fragile & mortaci del mondo.Si come debbono hauere anchora tutti li boni.fpe 
cialmcnte li fapienti & dottisfimi h quali hanno hauuta la gratta diurna gratis data:à quelli per più eter-' 
na memoria come diccmo glierano fatti li Tempii con le facre Chiefe,accio gli huomini o donne potesfiy 
no iui peruenire effendo della loro religione o vero oiferuanza di quelli deificati/cioc fanttficati/li quali 
non hanno più li petti ne li fenli de li intelletti & ingegni occulti ne oscllrarI:^.a fonoapparenti peruenuri 
alconlìderare gli fenli loro di dentro Si di fuora per le gratie & miracoli che dimoftrano corwc cofe glori 
ficate.Et perciò fi può dire come il noftro Signore lefu Chrifto,Da l'opereloro cognofceti esfi:Et a Pope 
re loro fiano cognofciuti loto:o vero anchora può dire, lo esemplo diedi a voi,che nel modo chio feci co-» 
fi facciati voi hora torniamo a quelJ.o che V etruuio dice . 

Clldelphico AppoILo ne refponlì à P^thia fua Sacerdote le parole de l'OracoloCcomo fcriue Diogene ^ 
furonoqueftiin verfo grfcoa^fpw"' «iravxwv ^wxpsTiTff {r'jo»-Ta7o» /cioè De li huomini folo Socrate ve 
tamente e fapiente pare che elfo Dio o vero Oracolo cóftituito dello àmirando Tempio nel Parnafo moa 
renella Citta di Delphi confirmaffe la prefentefentenzache vetruuioannotatoha quiui.Manemarauiy 
gliamo anchora più della fua grandislima fapienza Se magicafaenza effendo ftato dotrisfimo nella Philo 

fophia 8c fpecialmente in medicina,che 

"PROEMIO. 
DEL LIBRO TERZO DI ARCHITEITVRA 
DI MARCO VETRVVIO. 



L DEL-PHICO ATOLLO NE y-. 

refponfi a pyrhìa difle , di rutti 
Socrate effere il sapiencisfimo. 
Ma di effoe racordato pruden-o 
te & dotrifllmamente haucr'det-^ 
toi Saria ftato bifogno li petti de 
glihuotnini eflTec' feneftrati & ap 
perticacelo che non occulti fulTeno li fenfi, ma appti 
cfler'confiderati.MaDioPoleffeche la Natura de 
le cofe feguìtata la fcntéza di eflb,quelli manifcftati 




gli non confiderasfi bene chello amaf> 
fé Socrate,come fi vede, limilmcte per 
Valerio Maximo in molti detti anche 
ra fuffc feneftrato & aperto non fola^ 
mente tutto il petto & lo corporeo or-« 
gano,non faria pósiibij.e fenza li effet-» 
ti di fuori:come diffe il noftro Saiuato 
re lefu Chrifto ne gli animati scnli del 
Corpo cognofcere ciò che entro occul 
toglilia.DiAppollo vlymo aUibio. 
34 à Capìtoli. 6. coli dice Ritrouo à 
Pj'thagora & ad Algibiadeà Coini di 
Cornino effer 'portele ftatue hauendo 
al tcpo della battagha Sannitica Vyno 
Apollo al più fortisfimo de la gente de 
Greci comandato Si à vnaltro Sapien/ 
tisfimo che in akhun luocho famofo lì 
douesfmo porrei Simulachri:per la ql 
cagione credo che mi S^'Ua dittatore vi 

I ii 



^à PROEMIO DEL IIBRO Ci TERZO 

raceffelacuriarEtè marauiglia <iuc£ ìR aperti haucflé (Conftìtui ti. Per che fi coli fufle,n5 
patri hauer' prepofto iPKthagora à So fo[3mf tice le laudi o vero lì vitti dc glìanimì apperta 

criceilqualepreporeilmedefmo Dio *" ,- i ■ j i „ • i j-r • i- 

per Capienza a ciafcuno o vero a tanti mente fi wderiano, ma de le scienze le dtlcipline an 

altri per virtù Aicibiade.o vero altri p ^hora fottopofte alla confidcratìone de gliocchi no 

ilTa^oiJSef oilfSS^^^^ con giudici." incerti fariano approuate,ma alli dot.^' 

no Copra il refto de mortaii.iaquaico jf gf sapienti U egregia 8c ftabile auttorita gli fi ag^ 

iy:SSnet;o";\a'MÌS^^^^^^ giugneria. Adunque perche quelle non cofi, ma CO.: 

iiore cominciò da Greci , & a neiTuno me la Natura de le cole ha poluro lono conltfcuitc, 

mi penfo più ftatue elTere dicate che a ^5 fi fa che poflàno gli huomini fotto gli occulti pec 
Demetrio t'halerco in Athene.Dique/ uu •• « .."«. t-w"- «s • & r ^ 

fto Dio ApoUo da molti ciarisfimi ti lingeni totalmente con le icienzc de gliartincu 

3>oeti & Hiftorici è ftato fcritto fi cc^ pp[ ^^^^l tnodo fiano, giudicare .Ma efli artiffici, an 

me da OuiJio I molti modi ncil'ope ^ , ' , i„ r.,- ^.„ j=^-> <: « .. P-,,.^ 

re fue& maxime nel Methamorphofey chora chc promettano Ulua prudenza. Il non Iorio 

os,A: ne Fafti:poi da Virgilio * altri : copfofi di dcnari,o Vero per recchiczza habbiano ha 

narodòro Sio,S da'ciSone : uuto la notitia de le officine,o vero anchora di gra. 

nel ubro di natura deorum «quafi da tfa & ciuilerioquenza,non Saranno dottijper la in 

eTe\S/nSÌfA^"ouó?if p^i! àufirhdc li ftudii non poirono hauere autrorìra che 

mo fu figliolo di vulcano & di viiner-f di quello chc elfi tanno proteilione de laperc , U Uà 

uà il quale in que tempi fu molto vpne ctcfo « 
rato,5i qucfto fu il più antiche de co/ 

ftoro:per che oltra le altre cofe troub ,^,.,. ,. ,.«j 

Ù Medicina & la notitia de l'herbe: va queffo Apollo Dclphfco fi dice fu figliolo delSeconao Gioue & de 

Latonanimpha,la quale co Diana adun parto nacque nel Infoia di Delo & fu eccelicntisfimo con fi;a gra 

disfima fcicza-.Fiorie fra glialtri dotnsf.ir.i leiianio il nome del primo Apollo:Quefto fu inucftigatort n5 

Tolamente nel Capere le cole prerente,ina le oafTate fi le future: 8f per Capere meglio operare fu inuentore 

duna certa Ccienza magicha la quale fu nominata Thitonia:» per quello fu chiamato Fatidico,.S: fecondo 

le opcrationi 8c gli luochi doue da molti popoli fu per Dio adorato receuue vani nomi. A-la dopoi la fua 

morte,da li Capienti Se ftudiofi fu cognominato Dio della fapienza,& delie Diuinatione,non mancho Dio 

de -poeti, & delle mure:dopoi Mercurio gli hebbe donato la ConoraCKthara.Quefto quando fonaua 8cci 

taua letificaua & confolaua tanto che ogniuno chi l'odma diuentaua benigno & gratioCo. V ede quello che 

ti dice Horatio:que(to anchora quando era armato era nociuo:Que(to fu quello che amò Daphne & altre 

preclarisfime donne Capiente: a: la dea Cerere: Queito fu nominato Titan o vero Solepche era SoU 

lerte Si radiante di Capienza f^ come splendentlsiìmo giouane [mortale fra li Deificati huomini . In Dclos 

eli fu fatto vn Tempio grandislimo 5i iui reuerentemcnte fu adorato,*: di effo Tempio fi dice anchora ap 

parere alchuni membri Si veftigii.fudi marmo Candidisfimo colonnato:anchora con vna Colosfica Ila ^ 

tua alta molti cubiti 8i nella base di quella erano certe inscrittioni in fua laude Cculpitc Et in elfo Tempie) 

conllituirono molte Cilterne accio li terremoti non gli nocelTeno: Quello hebbe vn figliolo anchora nomi 

nato Apollo del qle Hefiodo parla,& lo nomina Nomios cioè paftore.Ma a qflo Delphico Apolline fu do 

nato tati Thefori, p li amirandi reCpóli che erano dati dal Cuo oracolo Copra li tripodi d'oro co altre pre 

ciofisfimecoCechénon Colo Aleffandro magno,ma altri Re potentisfimi gli haueuano donati che parea 

volelTeiui acqllare tutti li Thefori del mondo: i quab da Dionj'fio furono expogliati & portati fi come 

detto hanno di quello molti Scrittori.Ma alchuni hano narrato che furono li TholoCani Calli, per quello fu 

tono puniti da Scipione: Et redutri in miferia.leggeraiin Trogo. Quello fece già ceffare il cócorCo del ora 

colo de Ammone:le quai cofe parendone hauere affai di qdo detto;!e altre Cue amirande cofe che ha fatto 

le latreremo alli altri che di effo hanno diffufamenteCcritto.HOratornamo alla Ccntenza Cua chequiui fi 

explica. r'oT/fftav/Tov. cioènofce teipCum. Lequai coCe haueffe voluto Iddio cofi fuffe,per cheCfi ce» 

me elialtri cercano intendere^meglio potriamo da nollra polla conoCcere fi per le operationi manuali 

quanto anchora per la cloqucza che per gratia data nell'anima,come in molti modi Valerio maximo ha 

detto di affai preclarisfimi che cori la eloquenza Cua non ColamentccómotTero li ànimi de li auditori al 

benedeUa vita, ma anchora fi come Hegefia -philofopho a defiderarela voluntaria morte: Ter le quai co 

fé: dalReTholomeo tale orare gli fu prohibito.Ma pur fia come fi voglia.fe non appareno li effetti de gli 

huorami fecondo la profesfione loro quafi nonpotranno quelli prudenti litterati o vero artifici fare o ver 

dire cosa che li dia auttoritate.o vero li fia creduto . 

CTMa quello maggiormente poffemo 

Sori^v^;;tu,tVu"ole li, q[S[èÌt,? Ma que Jo maggior'menrf polTemo cófiderare da 

ne fignificarne la eccellenza di quelli gli antichi Statuarii, & Pittori, per che da quelli gli 

scultori stafuar(i,& Pittori ecceiientif „^J^[l hgnno hauuto le notitie & la gratia de le co ^ 

finu,li quali hanno latrato le Opere de ^ , . . ■ ■• i n . r 

gne di comendatione a memoria ifinita mendationi a eterna memoru da la poftentate lono 



CAPITOLO 

pcmianeliti,comeMyrone,PolycIetó, Pijjdia, Ly 

sippo,6i g!ialtri i quali hanno dall'arte nobilita co 

se<^uiri, Perche si come nelle Magne Ciitadi,o uero 

^ I Re o uero a i Cjtadmi nobili hino fatte l'^operc 

jfosi di guclli sono acquiftate le auttontati.& p con 

trario quelli che non di minore ftudio èC ingegno Si 

dijigétia sono ftati,haaédo fatte le opere pfettanié 

tt ,ne meno egregie a Nobili, & Qttadini di hunvlc 

foituna a ncffuna memoria sono confeguiti , pchc 

gaefti non dalla iuduftria,nc ancho dalla diligétia 

dcll'artc,ma dalla fclicitadc sono ftati abbàdonati 

si come Hcila, Atheniése,Chione Corynthio , Mya 

ero Phoceo,PharaxEphesio,Bedal3izantio. Etan 

chorapiii altriiNon. manche similméte i Pittori co 

ine Anftomenc,Nicomaco,& glialtii i quali 8: non 

dalla iduftna ne da lo Qxidio deiParti ne p diligétia 

l'è macato,ma o p le poche cose familiare o debili 

ta della Fortuna o uero nell'ambitióe a pugnare co 

gli emuli il fuperatDéto ha contrariato alla loro de 

gnitade.Nondimeuo nò e da marauigiiarsi , se per 

l'ignoraza dell'arte le uirtuti seofcurano: A'ia gran 

dissimamcte e da sdegnarsi quando anchora speffe 

uolte siano Iodati per grafia de i cóui .i?da ueri giudi 

ìli alla falfa approuatjone- Adunque (come a Socra 

te p acque) se cosi i sési & le fentérie & le scìczc au 

gumétate da le difapline, pfpicue 8C chiare fufleuo, 

nò grafia 8C nò ambitione lo uarna.Ma si alcuni co 

le uerc K cetre fatiche de ile dottrine fuflbn pucnuti 

alla sùma sdcza,a queUi spòtaneamentc l'opere si 

darebbono.Ma pche essi nò sono illuftri , ne appa 

feti nell'afpetto conle pesame bisogna(Te,ai còside 

ramo più pfto gli indotti che gli dotti di gra"ia supe 

rare,giudicadonóeffcredacósidcrarc cógh ìdotri 

l'amoitione ma più pfto da cfsi amacftranicti publi 

catijtnoftrare la Uirtu della noftra scienza: Et cosi o 

Imperadorc ne! primo hbro a te dell'arte Sicheuir 

tudi cita habbia , K di che d:scipLne bisogna elTere 

lo Architettore augumétato hoexpofl:o:&: dipoi pò 

fte le cause perche cosi bisogna ad eiTo eilér di quel 

le dotto: Et del le ragioni del fumn-o della Architct 

tura co 1 cóponiméti le ho scoparti e, 8^ cóle finitio 

ni le ho terminate Dipoi qucich'era prima necefla 

no, 8C delle tv.ura de la citta SZ nel qual modo si eU 

ganoi luoghi salutifcaxódid-orso di ragione l'ho 

chiarito:8ii Vèti Quai siano èC da quai Regioni eia 

scuni spirano > p le formationi grima^tice -ho diftio 



TERZO 



69 



&. et£rn3i,accio Sstìb come dfrcJno' queflf < 
che habbiano a ^ftre gli amaeftrarori àe 
glial;n da utiiire fi comedi queftì saiuc 
Hynioa^lib.J'f.a.S. capitoli ccfi.diceii/ 
do MjTone nato in Eleuuri & f-u lui disci 
polo di Agciade & fu in grandi^sfinia fa' 
ma per una Vacc« Icdafa co ufrfi di Poe/ 
ti,& inccruienespcffo che moiri son più 
lodati per lo ingegno de altri che p il suo 
FtceaBchora un cant>& uno discipc.lo>& 
perbeo>& uno Saryro ilquale ftupiuaper 
udir s6Hare i FifttrijA Mmerua PoiCiihli 
in Delphi, &i. Pàaaftut;* anchcra fcjctco 
le il qualee jippteiio al circo niaifimo nel 
Tempio ài Pompeo magno^Fcceaechora 
une niQJiiinienro a una Cicala > & uno acl 
una locufta cerne lignifica Ecrina ne suoi 
uerfi.Feceancora Apollineilquale.M.An. 
roiuo Colse n gli Ephesu,& dopo/ Augu/ 
lo amonucre in sogno lo iiftuui. C^ftui 
pareichefuffeilfinio che muiripiicaffela 
uarictaà fu più numeroso nell'arte che, 
PoIfcieCo»& più diligyice nella Symetria 
cioesfópartmóe/Manófu curioso sena 
Belccrpo>necxpffegli senfi de l'animo» 
ne fece I capelli o glialtrt peli che iono, 
nel corpo più emendati che Ja nz7.a anti / 
chita.gli inftUuiffe.CPoUclcTc.Di quefto. 
(Quintiliano al libro duodecimo nel ca/ 
picolo de le manere del dire col pone. La 
degnita&ftriwiucntoin Puliclero sopra, 
turo glialtri pipuiegiudicacogli fl dia. 
la palma nella humana forma per la còae 
nienti» appreflb al ucroanondimenopare. 
fi dica non h^uere cofi ad' mpiia l'a uttori 
rade gii Iddi,& ancora l'età più graire,p 
nò Cifere Rato ofo oltra le polite guaciedi 
pignere: ma qlle cose che a Polydero ma 
ih^rono^ Phfdia & a Alchemane fi aceri' 
buiscono.CPhydia. Ne miracoli de lana 
tura cofi dice: FH/DIA già anruhisfimo 
de gii tlluftri 5cuicore,tsfendo che la ima 
gine di Pallade sculpisse-accio che ne l'ai 
U Rocca d'AChenefussecollocaca.qiiclIe 
cose che ad essa Diua da principio dedi' 
cate furono co tsnta arte & cinto marauc/ 
glu.so magifterio fatte fi dice anchora la 
effigie di stmcdcsmo nello scidu di qlla 
hauereimpresfoche'a i.iuno>da /ndim 
qiia>fia ftaco lecito qucfta fornia de indi 
leu-^rla senza macchia & gii,ift.inìento dij 
tutto ql Simulacro : finalmente t,ì f) cem'. 
pò qufUauii essere Hata dictno quanto 
c«mp-ì ftie la imagine incancc ch'infieme 
con lo scaldo di Pallade f'hydia .nchora 
sempre fusse risgu.irdato &. ;id' rarr. 
Ctyfippo & gllalTi Aloe ajiie'il fuo di 
stipole chiamato eh rcs L)dias'delcapi, 
mir-ndeopei-e loro mas(^raei>ioIt'& Co' 
losficeftatue: benché di sopr^lo h.hbinm 
memorato-n'jnjimeno Lyfippo Cu quello 
a chi scio era leaco sculpire la ftaru ' ni 
Alessandro Mstguo onde leggerai in Ply^r 
nio al libro. 54. a li. 7 .capiteli quàdo ài 
dice.Manienrediiiuiione5Cgni;^rand*jf«. 
tju & alcliaa uoltade causa aiviotata uo', 
' I ni 

V 



r^ ^' LIBRO 



TERZO 



(Irato: Et tJe! fé piazze & uicinanzr , acoochc s'ai O 
fatte emendate le diftnbu:àoni ncJie h;enic lo iiistf 
gnato Et COSI ia finjtione nel primo he coriftituito: 
Anchora nel secondo della materia quale u Ijtace 
habbia nell'opere , & con qoal uirtiiti dalla natwa 
delle cose e assimjoliata bo detto Al presente nel 
ferzo delle sacre Chiese de gli Dei immor; aJj divo», 
a come bisognano efl'erc discritte esponero. 



Idttiogr:)/ 

|>:il.l fi àit 



f HRfaffo t iitingtSeii gli orrifici cdcbra 
ti iuikncminatt & ciascuno b.<bbiat^tto 
nioltisfimt: opere cóctofiM che quelle di l.y 
fèppofuillHoaru. DCX. & di qualità 
ette ci<<icua . per se medefìma porrebbe d»t 
f.iiHaall'jrtc.flcin uero s'intese dopo la 
sua morte qwiàdo gli Heredi ;<perscno gli 
suol thesotMmperocheLy'fip^o soleadt 
qualunque granpregio d'alcuna sua epe 
ta^porre da p^^re un deniio d'oro.Q.ue/ 
fii arte g^tli i» grande hnnore per felicita 
flipoi per audacia & per pr^ua della sua 
prosperità. CHeU.Chioae.Mragro.Pha ,-.,,,, 

f K.Beda.A aDchora moiri altri. Q.utfti Come Vetni.dit« fi pUo ben dire e h:ibbiano hauto la Fortuna per matrc*' 
gnj.fi' per eflere *ati loro poco da erfa fortuna fauoriti,reputofiafto manco celebrati da gli autr. ri.f ctr.no adi 
quc eifiT Contenti «sfbthe fi altri aatttri non gli hanno uoluto racrdare almeno hauendo Verru. ccgnosdute le 
loro opererò senza laudabile mem<>ria gli ha lasaan.Ma perche poca scritrura &operch: ucre f^,tt, di quelli 
ili Plinio hauem trouato non nepsreextcndernev'ccio chea queft'filrri arrendiamo per cjere (tati di celebrata fa# 
ma & di gr andisfima autrcritate.Nota che alcun di queftì nomi nò solamente de gli scu!tcri,ma anihura de pif 
tcri habbiamo in alcuni rexa trouato corrotruMa credo a noi imporra poco excerte fi alcuni d'esfi,rccitarli Koicf 
se lii propria hidotia-CNon ihanco fimilmcn tei p(rtori>fi Come Artftomene rhafius Hauendo noi dei scpryd^t 
Ci Scultori recitato alcuna cosa degna di memoria:Hora perche delle amirAde opere lequali iiano ccdotcca fincal 
curii nobilisfimi Pittori che seno fta J di uarie re^'ioBi « nomi & in dnierfi tenipi,Ccrtamen'e andura raernta/ 
no per hauer f*tte in antico cose di tanta egregictade effìre nel numero de i prtclarislìmi d'ii genti in luce alla no 
ftra inemoriaiMa conoofia cosa ch'a dire d esli non ne parepoterfi mani feftare con pr-ca scrittura Per tanto exor* 
fcmo tutti quelli che di qufifta eccellenti t fimi scientia fi uogUono far profetfc rio uer per csli pigliare gcàdisfimi 
amaeftrameati dalle opere loro predofislimelcquall da else furono fatttLeggsfto Plp.nel libro.: 5- ir.cominciao 
da dal proemio intitulato Honoredi p(tfura,infino al fine d eflo libro:& uederanno con quanta affectione Plyn 
dilect.lilmcntc trattando di quefta scientia ordlnatiamenrc ha uoluto scriucre:Crcdiarao i satisftra meglio the 
|»byl&(tr..teauttore grecane qualunque altri autteri latini habbianom fino al pscnte di auffteccse scrutf .CN3 
di meno nò e da marauigliarii AcVedi medefimamentedi al cosane! decimo proemio di Ve ru.cnde dice come 
del uJtio che usaiianc i magiftrwti a» giudirii delle opere & specialmente ne i doni de i giochi gladi?torii.Et pec 
do quena soi-entia di Secate non cflendo di pocs importanza non e c'a nimenncarla-^iia per tale e ccorrenza d.i 
IcflWla sempre alla mmoria.CEt Cofi o Imperatore. Vrtru.in quefta pr rre rfplic» ni te quelle cose le quali ha deC 
to di sopraTaccio che la memoria diuenn ftabile & ferma Per lo suenire , nella disctitricne ffclle sncrc Chiese. 
C Delle formatiofli grammance-cioeddleafigarationi dcpuiori d^scripra co ragicne di ordmc gì ammat calci 
Veauuio in quc*a tcquentelettioKdiscriutrc uuolem qual modo la cópofiric ne dellesacrt chiese fiano da cfief 
e niirui e:& da diftinguere la Ichuographia-cioe pianta o j; ropria f<,rma / & Orrh' gr-iphie delle riorbra Icra 
xipor lonalmaiteanthora m ugni corp >rata di Architettura accio cfTo Architrrtore sappia operare ce n le ucrc n e 
fare & occupare qualunoue i^atio di die sorte fia,©nde fj PcR per U diftintione& diitribiu tiene hauercla pfct 
t' membratura per rcgma de luoghi i quali siriano iaefl[tdiiese,&altroueda f^bric<rst.Cócio(!ache'lliicgi o 
uero luoghi fiano comenel primo libro delle ropice da AriiL:rele .cefi e descritto • Iliuogo da tutte lepairi m 
qaan it?,3 tutto quello che deue etftre m ogni c^sa uo.e £ll«e <J„ potere riceuere diuificne;Et per ac. esso Vetru* 
ulo uolendo dilUiiguete cfaefte agiom cefi prepone. 

età tompofi-Iofte delle Aede dee delle casco uero Tempii ntr/ecdefiiiftice come degli Romnnf Drd nali • 8t 
Arciuescoui,Ve5Coui,& altri prelati &muiiaiiia:& VergiBechejbnnorelìdente alle sue sacre chiese & mcnafte* 
^U beache Aedes in numero del più se intenda per ogni sorte di e seoiondimeno in q lelta lertione se intsnde per 
le s«ce case nelle quali la h.imana uita & » Cadaueri aoftri proprianunre debbcno permanere & construarfi;&di 
quCite cose Ariftotele nel sotto della poli 



Cica e fi dice.Sono da preponerc al gouer 
no dell coiegagrc. Re o uero i masCmI 
Pontifici de i quali la cura fia arca il sa/ 
grimentoicirimonie & altre cosediuincj 
& circa a i rempii accio fi habiano da co 
struare (Quelli che nel loro ef[ere sono > St 
rep ararsi quelli che fustino per ruum^re 
& tutte l'altre ccfe che aperfeiig no al cui 
to diufno.D'pof nel medcfimo libro dis' 
sc:Apcna Diott^rcnd suo bene cffere.ft 
hitt , il mondo>a i qu li Iceperationi nò 
sono eftcrne oltra le proprie fi ncn fusse 
ottima ulta la contemplariua.Etqticftcsa 
gre Chiese sono ftate lattecon qtiellepiu 
diligente scópartirioni di mesuricne fu 
(beo ipot Abile }ii fcr.locultis diurno A 



DEILA COMPOsrTr:^NE ET ME<rVRA DgLLE SAGRB 

CHIESE Er DcLLA MESVRà PtL CORPO 

HVMANO. CAPrrOLO IRlMO. 



A COMPOSITIOME delle Aedc 
si compone di scompartìtione della 
quale diligentissimamente glj Archi 
etri la ragione dcblxjno tenere Ma 
erta nasce dalla proportione la quale 
eia Greci Analogia si d-scc . La prcportionc e rata 
della pait« de iueaibri in ogni opera, Sidj wutto ù 




-CAPITOLO PRIMO 

mesLir;iiiléto,daI quale si fa la ragióc delle raefurc. 
Impero che non può Chiesa alcuna senza mcsuraSC 
amrho proportionc hauere la ragione della cóposi 
tfonc,se nò come a l'imaginc d uno huomo ben ' fi 
gui'ato che de i mchri hauera fnita .'a raeione Per 
che il corpo de l'huomo cosi la natura 1 Tu cópofto 
come f jIÌc l'olio del capo dalia somma fronte & le 
tialfe radice de capelli la deama parte d'elio corpo- 
Anchora dala pa ma del la mano allo articolo eftre 
mo del dito di mezo un tanto II capo dalla summa 
cima al mento l'ottaua parte. Vn tato dalle cerulee 
balle Dal sùrao del petto alle baflfe radice de capei 
li la selli parte,dalla summa cima la quar a parte. 
Ma d'ella faccia l 'altezza e la terza parte dal baflb 
mento alle balle nate 11 naso dalle bafle nare a! fi 
ne del me;o delle ci;^l a un ranto ■ da cfla fine alle 
Iwile radice de capelli cfoue si fa la fróte , similnicn 
tela erzaparte.Ma il P'cc^cdell'altezza del corpo 
la seftaparte.il cub to la quarta partell petto simil 
mente tfella quarta parte . li refto anchora de gli al 
ttj membri sioi , hanno del mesuramento le^por 
tioniCon le qui li ancora gli antichi Pintori 8L Seul 
tori di ftatue nobili di .ale uso graudi 8i infiniti lo 
di a loro sono seguite. 



é^ 



ancoMper/nfertencre dilctrabilmentegH 
h-ifeiniiri o uero quelli chc.idminiftr.mo' ' 
Il s;ittrdcri( . C •'>' cnipani di niesiire/ '■ 
Cloe propurtion.iri mesurimcnri diftinri 
iiumtr.)bilnientcindiufrse qu.iijrir.ìti Se - 
p.HrticclIi-,li quali prese tutte iii.'k ne rspt '** 
gliaiio & reform.irio U sua intera quan* 
tua fi e me d.4 Euchde h; bbj;imo»o uero 
per figure de nunien,o di lince.^ de cose 
siipfrfiaale,occrporee:l.iqu;i|nitsur:inó ... 
s;ipr.iiiiio mai alcuni fn'tndcrhbene, ne «ffrimm 
operarla fi diHgtnfelnehte& prcntamente ^■' "'^^ :'nii 
non sapranno le regale Arirhmerice:& fpe J^' rare o ^ 
cialmentc quella duiinaregula delle pr».' T'^'ic^Iia 
f crtioni laqualcnominanolaregiil,! ma d'rsAb.iro 
gioreo uero delle tre cose:delleqii.jli prò 
porrionf oltra quelle che h i scritto frare^' 
Luci s'inrcnde,ma Alberto ài ^ansonis; ' 
Et perno Verruuiò dice . C Della qa.<!e/ 
cioemesura diligenti sfimamente gli Ar/ 
chirettcri e ngioni debbano tenere/ eie e 
come sono de ruttele parti di Una Sut^Ie 
qiantita d&poi te particelle cofifiano di' 
numero integre quanto di numero dini* ' 
nuriuo o nero dic^mo rotto. perche un rcC 
to non e alrru che vna parte c.iuara da uno 
inregro.Iequ.iicose.icc.id noa leinregre 
qu -nt ta come di sopr i diceiuo e ;fi ;mco * 
raprf lelinialc& ccrporeeqi.anti'a regu/ ^'- . 
lare cefi anchori neiltcosedc pefio uero '■' 
d.i nieuirare fi "come ueder' potemo i bi* '^ 
sogneuoli rompimenti dcLit rc.once,au# f' 
ri scropijli.gr^ui boli & Siliq le-cofi al* "' 
trefimilc'diminutiont Wk usano i dorri i 
riiedui nelle c.ilculr.'noni loro meditinoli ' 
Non manth'j le rcgule Aft-^cnomice nelle . 
calailaricni loro r.indisfime come fi sa ^"'"«^"OTi 
uoglicnoquillcdotfisfime reguleihecó/ 5^'"''^*^ 
oen'^nondlcEfhemerWesirtcgli sninI^»Tiffì,A^^gifo'ri>^coHipaMricH poi dfelle h„rc,m'nutK&gr di degli *** 
ascendenti otier destendenti pi.^ncn tiiv)e5!p{(ii,cfÌw>,fic.)iMein ^uc^e diurne opere delle raudeAltronomicc di ' 
Alphonso Erneil'altreoperedi q elioicccelfciir/siimo f hofomec fi uedenofipientfsfimr^mente pe^n' rare & i .al 
fime nelle cilcularioni apcrtinmri alli crfi dej Oelc-.^ tuf e le principali Srellf.^ capi dell'altre Sfellc,& di tur ' 
telealcremotiuepG!^entie ficomene juci t mci^t rii dati Alm.igcfto e annotato & e fiinfioitCiltrerigioni 5^/ _ 
metriate non solamoitcnetìecosede mere ncie.ttCi)dc(io,m33nchcr,idcllemcsure deca ' pi,&p!usctri i seno • '"''"^"'''* 
q ielle dell' Architerrura,,! *: per diftingtcre la mtttir >come (ì usa sopra una regula o uero uno baffone di legno ^'°^ ^<:om 
d'uiso comt 1 notori Architettori us.inó che dictmo un Ljra?c:oiiìq laleidiuiio per Io secando nodo del dito pò P'^^^'^^* 
lice della mano di uno ben proporrionaro hu ,moa?.di,ei,fi|<..nniiuari nodi.o uero doi n-.di auriculari comuni ' 
cinniitfiemcf(jrmin.i la ì.n^hcizs del detto i5raccio:£" ciascune VBcé poi seno cómunanientediuisepcrdode-: 
reparti principari Poi «..scuna particella ;.ncl)ora m docjece altre fi come 'e dato per la rgula della mesura del^ 
campo>quaiecofi iiltingneno una p :irrice!i;.noi'ìiii.ifa iViiiiufoiiheqeompefta di dodete minime parti celle no/l 
miniirenulleper cheson'ao cnfisutilisft:iiefhc,psrcndoinC(7',mprehinfibtleleh^inno chiamate nulle: Tel dodeti l 
minuti f^inmj la comptifitunedi uno Atojmo.dei quali dodeci cópqn^oijo una Oacii ifneale.Mi uno punto an# • 
chora fu fatto cnn.i '.Atomi .5; tutta laoncia confifte dl.I^.piln'i.4 ìotBrnccio o uero piede agrimeuscrio . Agrf ' 
«nensrrio'ciocil mesurare de campi 0(di rrrcno/ e ppoft di eiit. iz. onde ben che il braccio o uero mesura 'd;t 1 
muri & legnami-ouero di panni fi^npoi rivirila qu.iliconic dicemo per fu. to il mondo. Ma q.i;:ntloqueftoci 
f .ritinto perfertamenreper più e'.pedi rione fi f-ìrinA mia re..^ulf» o uero un'afta knga il meno sei piedi: q tal' da ' 
alcuni uolg^rmenrefr.cfainma tr.-ìbuchu&gli.mesurarGi:i de.àmpi.. dei q;iair]sCunip.Triti mesurimeijti ^due* 
ino nel nono Iibr., a carte. NcptTuiMiie; f.wr r-/niiuyMrti,predetti mcsiiramem cheperabuiid.-'nfiadi tir- 
*«no chi pai & chi manco usano la Sy^ntnif^ri V& chi ,I:i Peric-i» & chi a bulmlceS. chi a ur^en : & dn a cimpu < 
Nondimaio \n principale di'tintiuiiernfifje/») form.irelii mesura enti le dall.i qu^ile^rcduto ci! Br-cc'»^ o'trò' 
il Pied''piu If.nvjo oU£rup^ubreuc^^M^v,p^n4s<l'^J'^ro^Co!)le scnzi dubii'fcosa m.inifefta . Mnc-nciofia che" 
•i.te le CvniimcQsurjriion(..dUU ote d4i0iùi<.4ài C«iiio cuaifce>e,pg(Cie Tcrunure da uno C'-cn humaiK^' 

■■"■■''' ^ ''- '^ ■■^' •- - -^I-liti ' 






Ittici .juìJIU. :i 



•i:od O II v,.wr ci 



LIBRO' < TERZO 

iftìt affìgurarò; perciò V«ruufo per la presoire lettione he ha minto non solamente moftrr.re le cómmsunrfcni 
a d.<fe forma a uno corpo humaiio.nuaachora per cdfu potere puform.rdencsurea scoaip.iru:eit.pri'octTÉfij 
pertìcie terreftre:Acao fi sappia in qual modo occupHte fi poir< uno spaci" di rcrrcno: & in tiio fr.r; i-no e.ntiao 
Con le diligente ragioni -fi ti.-me pxre special nicnfe più per il decere & propcrrion;<ta beikzx-i curj^rninura da u ■ 
bisognojcomendle Sacre aedcyaoe ne renipii,& k-ro c^se circ.jnft.tnte;fi come h.inuo curato cptr. re -nolci rcli« 
gioii in Italia,& maximei Monaci C'rtufioifi nel Padouano quali non gi.t^ptraon pottn neptr auantia,>ii^ per ■ 
le male Mesure,& alrre cose che per dcfetto di chi (ia Raro senyi diibio hauer cómeifc nioln gr.iiii errori i.& qnaP» 
m tacci i membri di ciascuna chiesa Ioro:G.ciofia che CLnuen.aitt cosa cene curi i membri & icp^truellt oclle 
riie!,urenon p.aano form.ire un m jftruoso corpo:& ciuirlo d iUa cópagina lonedelUi Jebira pr pc reice & q.ia 
ttta della E'ir>'thmìa>accio diinoftrare poffa la sua specie con lo giuito dfcorc & bellezza conticnitnte a ule gciiC^ - 
r.itioni di edific .tioni.Et e cosa da sapere in uerifadcche per c..mparatiL.e di tal Ctiifsesr ere (i può hautre l.; at ■ 
titudine.Ondé Vctruuio ha curato più ad aprire qu&ta mciura proportionata per le Sacre Chicle (fi cumeil sua 
parlare il maiiifeìa^ che n^n ha fatco di tutre le alrre cose di A' chue-tuta scritrc.Et a tiottrc giudino pare pni tà - 
ci'isfima'cosa circundate& fabricrci membri principali meniani d'une Oppido,o Citrade,o rutto uno gr.n^c .; 
C:ftelIo,& alcri luoghi Ci uili:che bene edificare una s^cra Chies*:congii su .i debri mcmbn prcp'Ttiun;jti &di 
ligcntenienremesurati Etpero'edanota e quello che s'è scritto nel primo libro.Ctncic.fi.' to^acht fi trcu^^nc oi* 
liane profeslìom ope.-are gli Arch" tcttcri i quali per ncii h'aucr poi iì debiro ftudio coHìC di sopra e decto'itfia 
mente fi poffoMo cognominare Uf\ Architetcoruo nero profeili ri particalan-comesono negli eUercic.inti de gì 
letter.-.rii ftudii & uariesorti descritCorrSimilmtnce de gli Orefici &alrri rratcìbili fabn di u.rii ..rihci & pri' 
inamente come sono che decrjhabbiamoi i ittori di uanesorti fimilechef no gli Seul te ri: che chi opera di qaa 
drato & chi di ft-egiarie& altri ornamenfi.E. quelli che poi diligenti fi uoglit no dimcftrari, non fi cuc-no di^aL 
rre cose che di edere S tatuarli o uero scuTtvri di. minor figuretfCpche le Idee delle figure deccrpi hum.ni & d al/" 
tri animali per lebone mesure loro proporMonatcson- più a'Mtciueana hiimana dilerrati. ne che m n s<.no'!e 
alrrec se lu irate dalla natur.::& t ;n o piii fi moftrano gratisfime quanto meglio seno Ihite fitte co ledtbitt mo 
. ucntie & habiri che paiono conuenienti a l'officio o uero ago eia che sono e jnftituire a dinir Itr- rt.De le qu.i me 
sureuun sonoft rei ignora te da gli antichi, St'tu ni & prti.n.tì comeànchora molti modirni Pitt. fi non sola/_ 
liu'.i eleh.nn-; s-spurepigliare dalle effigie de gli anim;mtl nellacM presente, ma comefrcttufi.éìraui ji a ucKre 
acqiiiftarc leperperue I..udi & non eiftrj fternmjenre colpan-sonnoli sforzati non s€>lamcac€pcr hgtre & di P.l>' 
iiio^& di Philoitr.ito gre.o-à di molti aitri aaxtori ficqmedi Vecriuip'jeloro-Vlefcicn'i per rakarte & sticntiT 
bis ;gneiiol€ ma gire & h ibiiare in Rom^^Sc lui adorrrinarfi perfeitamente'spcailsn^o & rB€5iirando alni'no ItJ 
tu'edi quelli diligentisfimi : IquaU.trlouando daéireSCitae altre pm slittile & electeiiiesufe con .grandisfiin.i 
diligeatia operare di quelli ftituarii-c!jtn?^attrvitti A ihip^f.-.rti fcpufan^c,^ p-co p ci'iafiwen'^e sapere a compa/ 
r iciouedi qudii prcclari5fimi,ritornau.inci pascinr! di'c 'n^efttamento spVc^l'a luo alf^ patrie loro;* a suo piace 
re laiiorando h nino c^n elTe mesure imit^e rfalìe bone ft.itue & cose operatcchc qu;vft;ijpuni degli Italiani ,caa 
pjnno alla comparita ne d cs(i antichi, SJ e me cofi dice Aluigi pirouano.MiiheL ngcld-fiiii harott , & B^wc» 
*." '*^ 'fcr indiai Fioraiciui Giouanne Chifiityinio Rom.m' .1 ! noflro Chriftofcro rierto Jl G bo:& /aigulhno Bullo Mt 
• • lanescfulio Lombardo in Veueti.VBarthólome- elemento m Rtggio di lom!-ardia:& molti altri (hefiorifco' 
• -flop^r loro opera là Italia seno ^fg'ii di flTeri. c^meadari con grnndisfi.ma lode. Non manco molti firtori h/lita» 
nc.i.C impagni hultri;Coine fu la singul inra del pfngeft le fdcédi'ì^uri'ciìhi iiiuchdo^nynne AJitom i Bollar- 
|)hio:& la grandisfima & diligente pratica uniufr^ale di Marchb di C>^(.no. La praticidcl pingerx', ne muraria 

au.tkhepartedi Archi tetrun di,l3ernardo rriuiltaqb non mancho Barfolumeo detto Eram3nnno:& Bcrn-ird^nqi 
e Lupino:& m Ad :ilrru quali all.inoftrier.''tesòiicfiorenci,& le loro r^prre non solamente in Milani -ma tm* 
'(.i«SKiv>'^hyra in molti lu./ghi con gli .ilrri excerni patricii polTolio ftarec'^n degne te mpar. tu ni &c. Hora nti uedcndo 
Vecruuio h laere di uoftr.ito là predem Icttionc e de uecesfita che dimoftf i-nno quanto breucmente fia posfibileU 
creseirefigur i.ECprimimentcfla una figura htimana di etfere mtsurata àexcmp lata sopra imnsupcrhcicpianj» 
Disognachcpri n 1 f -cci um liae?lCuh«'a'CÌ jeperpchdiculare.qnmto Comporrà lo elcnderti della tigur..:Com e 
striiìa p^enceiàCifaCith tt se:ju2ratìe lettere in cima. A.e^B. nel fondo sopn del baffo piano»accio li h^bianoì 
tutte te altre linee derirteà d.i i ]■ ri scóparti'ament'e dalla dtftra & finiftta prte.tanto quato uuci terminarc-,pcq 
por'ionat amente e fi qiantita della hgipra.Er quella gradualmente fi porrà diflmguere dJilla lettera, a. H cerne p.it 
|.i prjspetcìujleeff crruedipiuHueefnKhcrapuoucdererhenssconi^dfllK lettera. A. sopra la sumi-nacima-oel 
capo dell .figura d'hu mo exiendèadófi'C mpr'rti'-iue le lettere da l'iiha exrremir» delle palmedeUcmanl dj 
C.ad.D. rurtiquellf prosp tciu,:li s comparti menti chetermin no 5opr3-Ietmcesc<i»mparrire&*illeroani;& alif 
br.'.C£i 1 & .1 perto. M.i ICiltrc da lati a linei .i pi imbo^fi e me tiedi e nchiiideno il perfcrto quadro.da.£.F..CiH 
ilqiale da cantonea e intone duiide d.i É.ad.H-& dx.G-ad.F.per lo inrrà^arti mento nella raditsta ce tricajPtJie 
à- 1 membro uirlU donde segnamo 1 ;■ lèt fn.I.i gli estremi della quaiepefeffcsa linea frih^naata facendo diius;' 
dcre la integra conclus superficie: &rn quattro pari quadri se mpirritfmenre.aglrtltrrmi di qucfta setto k 
lert TC K-di la p n-te de tr i'& dal) fìai'.ti'a.L.rer i qti^li sp 'rnmenti fi anchora tirerai riumori canccni da.TA.nd 
IC & d..A:3d.l-SimiImenr d-i.L.'d.B-& da.B.ad.K-h<utr.n ino scc'p.'-riiro &pr-ro quadro nellicfn ri ckqun' 
li ser .nno Je lettere. v5.M.O.P.Ma conciofia cesa chenrcesfiri sapere ord'nr-riamentefia.a giuftarcla niesur.rcl«i' 
la diretta base sopra Io bisso pi no: icCopoifa proporrionarh secando la corcetrim de l'animo di Euclidei»/ 
lioinfiniró ffe i accidceficilaicn.req^iet?' regni i ri uog'iam m; niftJlare fi c<.me habbiamo usan^ srnyj àlir;» 11/ 
br>ri' ncin tutte U cose che fiiùls & dU&àle per {irasp ettiu^' dis^^antento con 't^laiuibbi^imo: utiiU'^ 



CAPITOLO 



PRIMO 



^ò 




91 FT 



U 






•DUO r.^>fo 




■ J 'W fOJi l"jj 4 



--"■ ''fi'^'''"' 



■4r-i mi> 



iiiiiS . ...1 



i.»'.! ib-:i'pi"c .. :^;^/:\ 



^ CVBTTO 

SCCMTAKmc 



o~ 



Ol'Uil'i i-IBRO 



r 



)Tiq',TERZO 



CEf fimif men W &c.Q.iifii[ Vetru.chiaranienre dice come le sacre Chiese dcbbenc hautre la ce rrespondenri.-j a me 
t j 11 Corpo di cx.iscun.i chiesti secondo la generinone che fi cditic i fi cjmeyl cui-p i ham^nu respond^ no pn por 
tioiiataiiicnre tu te le nieiubra come per qiiefta figura da ter^o ciinioftraniu & perche aperto m endii: D.ito tue ba 
la liiie.1 C-^thets.A.B.in arbitrio iioitro a farla longj o corta & ponere eif.i linea doiie tìoleiiio.- & .iccic poihimo 
trou;<re la ugu.igliata base cofi e da farfi.poneil centro del Salo immobile nella ertrema C-ìfheta doue tccca la IcC 
tera. B. & salle soprala detta Cathcta quanto u piace a centticare nella lettera. Q. . iimiln;tn e qi; i./ 
tosarait-Uoi salhreda.B.ad.Q.. f .raip 



lo aggiognimeno della linea O cheta da 

B.ad R.Poi aprirri il setto da.Q.. adR. 

& pone l.t punta del Selto alla lettera. Q.. 

& gira il rae2o iircoloidipoi lo porrai al 

la lettfT .R.& fimilmcnteaggirerni un me 

zo circolo & doue -, 'intersegherano i doi 

mezi circoli da.S.ad.r.tirerai al trauerso 

una linea rett^ che fi chiamata Base in que 

fio luogo.,per laquale fi pollono tutte le U 

neepar.ilelle diitnbuire per longhezza & 

perraltiil'.no in infinito se tanto operar 

dorrai: Per l;.qu^Ie scompartita quadtatu 

fa non solamente potem j dilhnguere qua 

lunquefigura eife-nplare vogliamo-ma pi 

gli.tre le ragioni de tutte l'aree & |S upfiiie 

ài che quantità elemen'"ale uogliamo fi co 

me alle superficie piane & terreftrc d.'d'ac 

q le.le quali pil ^-lu nccadcno s 'pere le 

q lannta de Cubia ■, o uero come diccmo 

Br 'cci & Pieduqiiadri o uero più k nghi 

Similmente le sue cjpofificni chfpcrucn/ 

gono Ccomedice Ver uuio) da i palmi > 

da i Dira diftimri fi come calla lettera. V. 

cueroil palmo risquadrato. X. leq ;al/ , ; i i , 

membrature sondiuiseA prese conic di' i— f--| — •--- - — !~-[ — t~t~~!~ 

remo nel libro nono. Ma perche quefta ragione e conuenienre sapere a i dottf ArchiiettorÌ3& dtbbianfi operare 

solamente nelle fimplicesuperticie,ma ne corpi cubici-acccio sappiane, con ragi<,neuel discorso eximere le jjfcu» 

din decauamenriio uero uguagliare le a|rezze,& le prof ndita dell'acque. Anchora mcdelìm^menrc pijli.mo le 

fa:ji:,ni del tipo humano dal drccloA in etfodisegn ire il quadro che diihngue la faccia outro Volro,fici.niesC 

guto h ibbiamo c^n lelKtere.f.Z.&-?.fuora dal crcolo.Et cofi se'l pi de del Sello penerai nel centro dt la [ .il* 

ma de ta m n^ trouer ii che nella crcuatercntia del arculu miramente t^cchara la e&tdnita de tutti l 'cng.e de di 

fcij tccetto lo auriculare . 

CMa qucfta prejenteffgura d'huomo gli daremo che'I suo cen'ro fia rombelico come ni liedi : làqii.iflo prima* 
mente e intlu>a nel maggior quadro di pan bti segnato- A-B.CD.di le qum lettere tieago no rirateduehneetJa 
cantone» cantone Come e d.t.A.ad.D.fit d i.B.ad.CJi^^lU intersec.fione dejlequali s.r.i ij centro segnato di lette» 
ra.E.& sarà lui l'ombelico defàlìgura del'h lomolmpirocheteneydoalqu-ntoin alto & spafi le braccia , & 
fimilmenteleg.imbe a un certo termine p^se,trouer;u l'una & l'altra mane,» & l'uno & l'altro piede rccc;ire uà 
minore q ladro cjmeuedi da. F.ad.G.& da. H ad.l.dal qjaleuiennusatt, cin tirculoperfertatheci tunegli cftre 
mi I.<ti del maggior quadro & i cantoni de] minore quadrato h uendo Per raezc una linea a piombo segnata in 
dm i di lfttera.K.4; m baifo-L.nel qualefi mani fetta la figura de l'huomo de cofi fi uede maniFftò hauere la natu» 
ra produrrò l'ombelico ia mczo d<l corbo per dire naturalmente le sue debite 5uft:'ntie a tutti riueinbfi CLfìde» 
centetnci^te. Ecosaapertineite.gli Archi te;-torl saper c;iuare le quantità di cubi ce"&circularccubicetioe quadri 
ocoiieO«li.fi come accadono i c^Iculsmenti def>o72i o uero altre cirailnre profondi t.ir& potrasfi prima ; iglia 
re il dise.<n.. delq'iadro poi le ficoe dai |ati e usrgUdUan ondile pareti secondo lercj;ol«digeomeaufi«j# 
•ieU£-^clidehabbi<)modc<«rcu & cwtji'^ 



Et similmente le membra' (ielle sacre Chiese , a tut 
ta la sutiima !dc l 'uniuersà grancJezz a, eia ciascuna 
delle parti debbono haucredci mesuranicnro la co 
uenientiissima respondcntiaA Anchora <ic\ corpo il 
centro di niezo naturalmente e l'cmbelico : ttpcr 
CIO se l'huomo sarà collocato a supina , con le ma 
ni 8c piedi pasi . & il Scfto collocato al centro ne 
l'ombehco . effe intomo aggirando la rotonda io 
ne, la linea locherà i dita òi de i pjcch èidc l'u 
na 8f l'altra mano . Non mancl:o nel modo che 
la figura de rotundationc nel corf o si faetSmiihvl 
te la disegnatone del quadro meiìo si troua. Impe 
ro che seda i bafsi piedi al. -a sun.mita del capo sarà 
mesura o Keflamesura referita alle mani pase > si 
trouera la medesima lar^hesia , come e l'altez^aj 
nel modo de le arce che ala scjuadra sono re^'dracc 

i 



1 Q-.l- 

Limili III imi 



^mit:^-- 



CAPITOLO 



PRIMO 




e AJiinqfif se caB fa natura ha t*?ofto «ì corpo ée f'huomo.Ms se nlle 'mfonf.Cr.r^ nf rrfmenrf «Trinò itoMe p 
ordine fu iTeno diftinte come hanno scnt*3 3i(:uni '^hifìci niremo & p !c sopr.idcrre & (ì ;inchora r '<^ psen te raffio/' 
m the vettu.qua segue:elle ne paiano a|f»i m3nifrftare.Mi (óCd^ì<»>ch? potnamo Faresjr.ntiislima scrimrra in 
«RpIicarcq'icUo che seguirà di quefti numer,-.j^ parendo a noi cosrficCi-pensam che meic(imame:ire debbiala 
«aerea rura i detti di ArithmcHca:Couao(jacheapertttmenre fi tratti per b Copofiriunedeinunieri (iniPlici, po> 
ter* poenire a formare un cpoft ) di qua 

»;ar5ttruSuSh%tiSb»rao Adun9,ics*co*IU»j-.ut.hacctnrcftoiIcorpo.<3« 



dìefto) « p6«re U qu3tÌM diutdere j.pof l 'hnOttWjCome co le ^portionl delle tnf hra a tutto 

i^mrtr/a rionatamcntein diuerse parti nelle quali il figaratuéto d'cilo respódono, appare che gli anc! 

fe* hottri humani rrouarfi.o uer' p eflb poter che ailchora nelle ptettioni di cialcuni mcbn dell o 

fducere tutte l«ragi_oiii denumeri_&^por p ^jj^ ^p^^jg j, (^^j-fj j^ fj^^.^ habbiano del me 

tioni delle mesure fato p poter coponere t. - f <- .l- a j- ^ lj ^ ►► !? 

quato anchora discóponcre una integra furamctO la fllTltlonc . AduCjUC COttie Ch m tutte i O 

quatita di niimeriifi come m uo corpo de p^^g dacffono gliordini,Qucfto maggioiinéte nel Ic 

raJelStlI mSf Van'a^aH intet Chiese de gli De,,tìellequal, deII'opere,8f le lode. 

' ■ " -•■ 8f ibiafmiiSoglioneterrianiéteftarfermJvNeir-eno 



dere le in apparente cose & ccn Monture 5 
altre parti le q uai molti phifid hàno flrriE 
to:comea pensar' da un Braccio un cubi 
toy& dal cubito la mano>& da efla i dita 
il da esfi gli Artiaili'cioe nodi' & da esU 
gli internodi & anchora le unghie,& le uè 
ne & i nerui, & le pelliccfle,& t musculi* 
tutta la carne:& pelle,& d'effa ogni poro' 
fita,o vero i peli. Similmente rutti glialtri 
membri di fuori & di dentro : Per lequai 
tose,có tale fimtIitudine&j>pofito Vetru. 
ha figuificato tJfto p le corporeità & mera 
bnrure:nó solamente delle s.«tre Chiese, 
ma di tutti i corpi fata o uero da farff pn 
scientia dell'Arcnitertura.CEtle lode « i 
biasmi &t.& p qfto Pl^.nrt ^mio del 6' 
tno dice:chcci;isciinofa sSmoiudicedel' 
la causa sua qualuque elfo elegge:onde^ 
tiocatione e ehiamata.C'Ne meno ler»gio 
ili delle mesurc: quelle lì raanifeftaao facil 
mente pie ragioni già alrra uolta sopra 
dette,* dimoftrate,maxime nella ragione 
delle generattoni de Mafoni:if nella Ibpra 
detta figura del corpo humanorpcr i qua/ 
li di mesuratJ membri fi puo)Comah^bia 
detto sapere a mesurare tutti le coft che fo 
no nel módo.fino in infinito (se ftato uc 
leftì renere bon cóto & receuere la siìma de 
gli anumcramentOpoi diulderle jjpor/ 
lionatamente:* da nitta la auàtita sape/ 
re s membrare,& de tutto ^l che i caua sa 
per ucdere Se fare il refto del tutto., quato 
uogliono^jpriamente le regole della Ant 



ic ragiói delle mesurc, le quali in tutte l 'opere si iic 
dono elTereiieccITariejle hanno raccolte dalle meni 
bra del corpo,come il Dito, il Palmo,il Piede, &: il 
Cubito, 8C da eltc le diftnbuirno nei pfetto numero 
ilquale i greci 'rEAMtv . dicono • Ma gli antichi ordi 
liorono iT perfetto numero il quale si dice diccc: Im 
pero che da i dita delle mani se ritrouato il numero 
diece.Ma da i dita il palmo , Sidal palmo il p cdc 
se ritrouato • Ma si come i dita nell'uno fii l'altro 
palmo dalla q atura in diece sono difmiti : Cosi an 
choraa Pia once piaciuto efTere elfo numero per 
cffa cosa perfetto , perche delle cofe singularc che 
t>et»fie appreffo de Greci sidicoi^o, sifmisccil de 
cenano, [quale dipoi che undcceo uero dodeccsó 
fatti ,pche sopra uégono, nò polTono c(fcic pfcrti si 
no che all'altro diece puerrano pchc le cofc sole fo 
nopticelle d*eflo numero Ma i Matematici cetra di 
spuràdo effa cofa pfctta difTcno edere quel numero 
ilquale sei si dice, pchc elfo numero ha le parti di 
loro co ragioni còueniéti di numero sci Cosi per il 
scxtante uno, per il tnente doi'pcr il fcmific tre,p il 
beffe quattrojilqualei greci 'i hi ^fov dicono 



metica per le {àcende de debitori &credito 
ri CTColi anchora a Platone e piaciuto ftcOrra qfto numero Decennario/doe difcc/eflfo'Afif^^.ncI ^mo ddl.i me 
taphiftca cofi diceJI den^rio dotioftra effcrc perfetto»* cóprendcre il numero di tutti i numeri . M.i riouómu in 
numero deceaariouolendofia|)porrioaaronó puoriufcuesenfn.8.pche,?.ha solo un mc2oche(.).& un quiri/ 
ro chee.?.& un decimo chea uno,i fli gióti'infieme fanno diece.CSingulare/doeunifatco ucr iGlep;irricdle di 
numeri fimplia]. /'««oAiff . cioè unitares comefingulsres.Maecosa da sapere in quefta lerricnenó sdlamaire Ve 
tru.intendea dimoftratelo scópattimento di qucftì nuraeiijma solamente pchc fi habbin la ucr.i 5ymmcrrM/cice 
loscópartimentodamesurarc/diqftodicemoil paltò onero Braccio o il piede col qle (iniesiir.i il ttrnno & ci.i, 
Scuni di quelb sono dilhnti in.i>.parti chepoi diiplicado fanno un palTo operatalo & da pt rn re rome e scllito 
ìft gli Archi tcttcri:ma cófideràdonechepotriamo tare gr.ìdi stima scrirturn .jcao co più brcuit;) pt, turno manitf 
ftarti la presente lettione ti bisogna senon sai gli debbiti termini ddla Anr!imcrica,ccrcare di s:.pfdi-&fi d'esl 
sei ^feffore,ccrc^re perete cose ftudl.^reEudide,o BGerio:o uero come altra uolti habbiam' dtrto ^".^tr( bic ^& 
Marnano capella,Er pi moderni di quello tempo Budeo che i] suolibroh.i intimlato de Alfe & pcrquflli ifiini' 
hi che Vetruuio prepone uedere quanto hsuno manifeftato . CMa gli Muthfnmrici'Cioe i dotti <^i quefre srKiuie 
tìie son detti Wathematid i quah per Io prouatisfimo calculaniciito son pf jfti dd numero ddle ueri s fime scicnrie 
perche a qudti ncn Io coniiicnccrrore:ma dalla figura & calculamentopcri > proua sono eni denti & ninni fe.li.fì 
tomcquefte'Cioe,Anthmetic3,Ceomctria,M'i(ica,t',espeftiua,Aftrolcg^ia; & coli di confina le. <r Elln cusa ( e r/ 
fetta d/cono eflftre qud numero il quale Sei f\ dice. Pcrdie eHo numero iia gì sparri mcnri i qiK.li $< no v r.vc 
lìienti & per benché fì,-;no disgiunti dascuni fndli &conuenic«temcntefi ucdcnoacffcr' ccngionfi !nfiemc-& pdi 
Sa Come in UH corpo cubo >otej^a>o dado : Maquelto humefo ha seuimcatc: Vcrruuio prre che I] tutta 



CAPITOLO 



PRIMO 72 






^J^,''^i^^'''^^!']^'Ì°'^\'^''''^^ poftò perla Trita parte 

del AlTe/cioe la libra.Ma concio fia che nello Senarjo numero fia.i.i. j.4.«- 6 auali o comooftì o nimma 
n compongono lo Alfe/cfoè dodece numero queft. molcpLcan o fumm^aL*:?^ ' fa^S mezo d ' 
<6e.7.poiquefto.hatre.2.iqualfficome.j.voltcdoifa.6.&fopraaggiontòui.t à ^ fa doi tnenti o vero 
tr'o Form! .1 nl^ «"^'^'P^'"^" '| renufTe/aoc .1 numero j.fa .fdodfa^nte/cS^^pt, moltlp^^^^^^^^ 
tro forma il Dtmeron ,cofi molciplicaro,il quinrario forma il Pentameron.cinquc volte !^ il perfetto fer 
volte Cofi tuttt li numeri molnpLcat. m fc mcdefmi che fono contenuti nel 9.fo?manSa f. aSperfiae p 
fertarin qual modo 1 Greci li chiamano:^ che fign.ficato hanno in lanno.quefti da Sti au tori fé n'hah 
no.Ma tutti queftì £( i feguenti numeri vetruuio da fé gii esplica & chiarisfe. 

fH q^i^^ri'o '^«ale Pentameron dicono cinqueper che ttì vt? fignifica rinque mutato nelli còmpofff, 

"d nume/ 
bbiamo: 

Lbrb Mecheororum:quando dice: Alihora quello ,.n, che diccm^;^^:^ ^iSSS;":!^^ 

q^ale è effoiEf perciò Vetruuio dice. 

Il qui'ntario il quale pcntamcron dicono cioquf 




CQuandoildupIiicamcntocrefre fo/ 
pra fei/cicc peruentndo in fine chefac 
ciadoi.é.odoifex aggionto al Afle/ 
cioè lo numero duodecennario o che 
dir vogliamo, iz.che fu detto m varia 
ti nomi ^fcrittor&chi per vna libra 
RomanauVchinelpefodi.it vna on-< 
eia:»: chi per vno foIdo,ilquale a noi 
vaIe.iz.denari:Dcllequaicofe che ve- 
truuio difcriuc vederai come dice Ma^- 
crobio,* "Prifcianoianchora nel libro 
di Budeo: Et deglialtri dottisfimi che di 
quefte fcienze hanno fcritto:Non man 
cho ne libri di alchuni dotti Mufici fi 
come Franchino Gaffuro il quale fi e 
dilettato molto esplicare & per figure 
mòftrarc quella proportione di numeri 
li qtiah fono de diuerfe quantitati Com 
polli fi Come fono cauati dalla integra 
fumma,eirendoefre parti proportiona 



perfetto fei. Quando al computo crefce foprafef, 

aggiorno Io Alle eroìlif t'Sn . Quando fatti fo 4<o 

no otto che e' la terza parte aggionta,tertiariù:qua ^ 

ie EpltrffuS;fi dicei fi fa de la mitra ^ aggìontaiQuan 

do reno fatti noueiSfsquialtcpt, quale Hcmiolus lì 

chiam3,& le due parti aggionte diecc e fatto» Bes 

l'altio qualee' Greci froV2ìL»j!ÌoTpo^N chiamano, 

ìu ruimeto vndece, perche aggionti ri fono cinque e 

quintaiioiìl quale i Greci. érsHinfàAoi^on dico 

ro.Ma ildodeceilqualcdi dnifimpiici numeri e^ 

loE9tH.Tòidicffi2^Ì7fXoc«ricÓHà. Non manchofi 

milmente il piede del huomo il quale ha della Tua al 

tezzalafextapartc. Cofianchora dieflbchefi finio ,. ,._^ 

fce dal numero de piedit de quali Tei laltezza termi ^^ ^' ^"^ f""°= ° ^^ ^' p°"3 ° "^i "^^S 

^^„^^ -(r J;„-f...t__j:ii.:...: c- c n _ - g'ot' quantità, riceuono dalla fua sum 

ma la denominat(one,fi come in effe 
vocale potenze di harmonia hanno le 
confonanzedi variate fortirOnde ac> 
ciò non impediamo molto le menti 
de i lettori, in quello de femplict Si. 
compolli numeri che vetruuio ha qua 
prepollo li quali meriterienogran prò 
ceffo di fcrittura:noi alli predetti auty 
tori ti refenmo.Ma fopra tutti gliarti 
per più tua expeditione recorrerai al 
vero fonte Euclidiano Megarenfc : per 
che tutti glialtri fono flati come foi co 
menrarii gli quali fi fono sforzati intc- 
dere & fiorire ,le opre loro per quello. 
CAggiunto lo Affé .Qiiello vocabulo 
penfamo fia corrotto:in alchiino antiy 
cho tetlo fi legge t-rrfi ». che fette in nu 
mero fignifica.Ma fili fello dice ifl-i^y 
KTÓB fignifica fopra (ei:o vero vn fesq 
fello: In altri telli dice efFectum:corroc 
to vocabulo: fn vnò altro '^<f>'''<'"^i':ma. 
da Greci e detto icpixfo'i;. (p Epitritus. 
Jn alchuno teltohabbiamo letto «Vr^ 
(TT/T'o'ffche pare vocabulo corrotto: 
Ma in molti habbiamo iettò Epitntos 
chefignificafesquitertius perche quan 
do di doi numeri vno maggiore con/-» 
tiene il minore in fe:& auanza la terza 



nando, elfo corpo perfetto cóltituirnoi Et fonofi c5 
fiderati il cubito de fei Palmi componerfi,chee dita 
uintiquattro.Da elfo numero anchora le Citati de 
Greci fi vedono elfer' fatte,come nel modo che il cu 
bitoé di fti Palmi, Cofi nella dragma anchora p eù 
fo numero fulToro psate» Impercio che efìi crei se^^ 
gnati(come li afn)dal giudo fei, che oboli, chiama 
noiEt li quadranti de li oboli, i quali altri dichalca al 
chuni trichalca dicono, per Dita rintiquatro che nel 
la dragma hanno conftìtuìto.Ma li noftri primamé 
te ff cf no il diece anticho numero, & nel denaro die 
ce Afli di ramo conflituirnot Et per ella cofa la com 
poficionedenummiinfinoaldi d'hoggì, il nome 
de denari ritiehe.Et anchora la quarta parte di cffi 
che fi faceua di doi AlTi,& il terzo Semifle » lo han 
no chiamato reliertioDopoì per che confiderorono 
luno ,&raltro dcflì numeri elter' perfetti/cioè' il fei 
& il diece ambedoi in vno congittorno, & feceno li 
pfettiflim o numero fedecerario Ma li autrori di q <> 
fta cofa trouorono il Picdei Per che quando dal 



vl'i^wjoi; 



LIBRO TERZO 

^attcqilo fi chiama E pitnto'.Si pehfa Cob'to Tori tolti doì Palmi «f (la il Piede di q ttro pai 
S?zf;"o:i'ISSrud£ S mi,MailPaImohaqtfro dica , cofi fi fa eh il Piede 
fce in f^^mphonia il diateiraró:Ma «w5 habia fedecc ditatEt altri tati Alfe Io dnaro di rame, f 

ffiiq,etjt, ou'ó. cioè cótinuOjfuccelTiuus : 

defenfus adinuicemfupcuirens fignifìcat, &come.6 aggiótofopra a tre-^.coiì lonumero^porcionato 
in quello modo e chiamato Epitnto.CQijando fono fatti noue.Cioe il nono numero e fato il fesquialte 
ro,o vero fesquipiusiche e proprio come e quelto. 9. numero, perche in fé ha il tutto quale e. 6. & la mita ^ 
che e_. ?.i quali aggionti infieme fanno ^.quello li Greci chiamano »s><'o Aio?, cioè Hcmfolius che e quan 7 
do di doi numeri il maggiore ha tutto il minore: Se difopra da elio e vna mità del fuo tu tto:come faria. j. 
h.z.Si 6 à- 4 da quello (i compone ms)'mphoniaildiapente.CDipia(iona.cioeduplicatione:che tt-ffi^y^ 
7rA«i;off o ".perche quadruplus lignifica. CrNonmancofìmilment€iJ.piededelhuomo &c.Quefta ragione & 
per fé ftelTa fi chiarifce : Ma più huominimeruratihabbiamoeirer''longhi/cioe alti di fette piedi delif 
luoixhe di fei:& cofi molte donne effere otto piedi de li Tuoi la loro altezza, quello accade in varie loro 
nature 8c complefioni di regfoni.CDa elTo numero anchora le Citrati de Greci fi vedeno elTer 'fatte, cioè 9 
perche breuemente diciamo:quello numero feccno accio che hauelTeno lo celelle aspetto del Sole libero 
ditiiKtoilgiornOjfi comefonoin traildi &lanotte.i4-hore:cofi ferono la circonferenza di effe Cittta 
tidiuifacantonamentein.t4.parti.Crimperhòchecsfi aerei fegnati &c.X«AkuS b'u.cioe aereus denaro co / IO 
Oticako . megiali Athenicnfiche àhonoredi 'Palladegliferonollamparefoprala Auenofturna/cioeaucello no/» 
Cloe otto*, minato Ciuetta-.vediSuidam.Ma per II propria fignificatione che quantità fiacalcus vedi quadi fotto 8C 
tie. il numero & il carattere.CDicalcao vero Trichalca. quelle erano monete piccole o vcr'minute valendo 4 

■ doi o vero tre denari fpendibili delli predetti, & erano di argento & chi di Ramo,^ di oricalco/o ver'co/ 
me anchora fi vfano alchuni denari in fpecie venetiani.MaJinoftri Scrofcini conio Ramo& Argento at 
ligaro,gl( quali dicemo trini:Ma li Romani in alchune monete per più eterna memoria volfeno che ne di 
Oro ne di Argento haueffono ilcoHio,ma di oricalco accio non foIToro fuse Secolare à disfarJe:molti de 
nari o vero monete di effo oricalco,IequaJ.i fono anchora gratamente conferuate:& le dicemò volgarm? 
te medagUe,o vero metalice li antichi chiamato mimifmate fii'paxi'ov. cioè numo che contene due drag ^ 
me.Niimus alchunida Niima Pópilio vogliono fi dica.meglioeiaoppinióedeglialtricR dicono numo eC 
fere detto da Numifma.V quello dal greco cioè «t'ótov wom"?. de la legge Stregala pchelafciata la permu 
tatione de le mercantie fu ordinato poi li denari che fé fpcdano. Plinio fcriue che longo tempo non hebbe 
ro li Romani altra moneta che de ramo donde fiiechiamato'Erario l'arca doue fé conferuauali public! II 
denari che era nel tempio de Saturno.prima fu Ramo fenza conio Dapoi Seruio Tulio Re ia'figno & Ti' 
meo fcriue che fu Signa cii notata de vna pecora donde poi fu chiamata pecunia ma nummus in quella i» 
parte quafi per numerali denari è da intendere.CEt il terzo femiffc/Cioe il mezo/come Saria.iS.dena^ 
richeappreffodeMilanefi fi dicevn pecchione:cioe vn denaro de.iS.denari JLofuo valore.ficomecdtfol 
di o vero Asfi.CScdecenario/cioefedece/o vero più prello p moltiplicatióe nònagnefimo fello, come à 
dire-6.via.i6.produce.96.poiremo anchora intendere p numero fesagenario/cioè oo.perche.^.via.io.» 
duce.6o.come fono nello eraciodenario/tioc lidenarodimetallodilegao vero comeè di cupro cioè 
bronzo o di Argentò alligato con lo Eramo:delle quai cofe di numeri, ez di pefi,& di mefure,ne diremo 
nel libro nonoranchora nel decimo:Ma peruenire à più breue chiaratione del fenarlo & duodenario nu/y 
- mero à illuminare alchuni curiofi che apetifcono fapere come gli antichi latini vforono quelle compofitio 
ni di numeri nelle monete o vero de pefi,o delinie,o di mefure, fi come fi hano nelle regule Arirhmetice: 
' de le quali Cofi anchora illituirno li valori fusseno nominati dalle quantitati loro:come afFigurorno li Ca 
rarteri vetusfimi dalie marmoree infcrittioni che in varii luochi habbiamo raccolte non mancho da mol^ 
re monete.come anchora da alchuni auttori celeberrimi che di quelle cofe fi fono dilettati à fcriuerctqui^ 
ui nelle fofcritte figure con le espofitioni di alchune al meglio che fi è poffuto ti dimoIlramo:Et priraamen 
te diremo quello che li lurisconfulti hanno notato nella Inltiruta de heredibus inllituédis nel Paragraphó 
della eredita : con quelle proprie formai parole cioè . Hereditas plerunqj Diuideft in dodece on .» > 
ce, la quale ha nome Affe:perche hanno quelle parti proprie de'nomi in fino al AlTetPenfa cofi Sextiixr 
Sextans:Quadrans:Triens:QÌunqunx:Semis:Septunx:Ees:Dodians:Dextans:Deunx:As:Mala espofitione 
della Glofa iui.Sellunx/cioc vna vncia Se mcza/Et fi dice Sextuns, quafi vna vncia Se. meza : Sextans la 
sexta parte del Affé la qual sexta parte vuoldire due vnce:Triens la quale e la terza parte:& cofi fequita 
quattro parti.Ma requenzahailnomediethimoiogia ^ di effo che da fegno dun certo numero de vnces 
per che R dice quinquns la quale non ha la quinta parte,ma effa dinota cinque once.Semis anchora fei ,3d 
cofi di ciafchuni per ordine:Ma concio fia che di quella chiaritione alchuni vorrian'piu chiaritamente ha^ 
ucrla:Si Come dalla Euclidiana comentatione Se de alchuni altri auttori ti poneremo:anchora congiugne/ 
remo qualchuna di quelle che li pefi medicinali vfano.Et li nollrf antichi che con lintelletto Se con ragione 
tutt'effe infieme vno integro mdodeci parti equali diuifeno.Queltochiamarono.As.Ma di effo Deunce 
diffeno vndeciiMa dei Deftante Dece:Del Dodrante,Noue:Ma del Beire,Otto:Et del Septante,Septuncc,o 
vet'cinqueunce.Ma del Semis,Sei Del Quinquince.Cinque.Del Iriente,Quattro.Ma del Quadrante , Tre. 
Ma del Sextante.Doi.Ma vncia la chiamaino vna.Et esft per tali ordini disfegnoron le figure, delle qua/ 
U fpeffe volte fi trouano in antichi libri, come quelle che qua vedi 



ri^Mi^l^l^iic^ri^i:rip! ^i 



I 

A9. AS. 



DcunK. DextaflS. Dodras Beffe. Septunx, Semis. Quinciis. Triens. Quadras. Seiftani* 
I.ibra>ò>ix II xo 9 & 7 6 f 4 32 



' CAPITOLÒ PViìMO 74 

AfKhoM Tottàa liquaje'fifcenio doucre essere éoéedphtì de l'Asscmoetutcoil cor^o. (Ja tiouSU ditiisiro'ia. 
dodeci altri pìircinimti ma ptT altra uia:impero che la mcia dell'onda 1^ ch(;jmarGiio nie/onas:Ia t(3■^a mera 
Dtiella;la qiurCa SicUico: U scfta Sescula:! ottaua Dramma:la»duodearnaSemisncta: la dedma on'aua Tmuis 
st; ia uijjehnia^uarta.24.Scrupolo:laquadrJgcfimaortaua.4S. Obolo.' la settuageftma seconda. 72. ViPtiqu.ii 
la nonsgcfimasefta. j5.Cerace:& l'ultima la qualeela caifcfima qUatragefima quarta parte à'ess'oBcm.iJm. si 
liqiia 1j cliiainaruao.A gucftì dodea paramenti del'onca i moderni m aggiunsero il Calco ilquilecpartecen* 
teHin:uionageft.iWsefoada'Cioe.t9i.dcircncia, deLquale aggiogui mento iu cagicuechc fiaoalmiiuaio ulri* 
lìiij DiatCii«ron5& Diapente delle Simphonic, Tuoni > Mezi Tuoni > con gì inreriiaili ài quelti dttian^para/ 
ineiiti, in AonunciKoni peiutniss^& de tutte esse secondo cali ordini ft atvaocano leigure » 



. 1 ■» V; 



Vr.a.i.SefTiiiincia.D lelIa.Sicilfcus.SèJraila. Drapna. Eniifcela.TermtsfisiScrupoIus. Obolus . 

«islìUqua.Ceratfs. Siliqua.. <l;^i«Sv, peaajius^. ,^i,i|)ondius.Se/fcftìÌJS, Nuninitis S« ertiùai.- '^'^^ 

f ■■'. -'■..■■ '■ 'J , • '■■:''" ■::■■'..,; :'■■;; 'V 

3CEt il Denaro hala figuràcotiichaucm segnato. Mail Dcnarioualcna soldi diccc 
cocil SUD corpo , Obolo ^\ dkc uno Scfuopolo, cioè il denaro del pesò : Ma do» 
Dfig^ic finao il SiciIico»iI Dupendiasecomeil Sextertio generation neutra ch'era 
in ualofc de Ducati uinticingue v Ma il SeJitertio minóre era il ualcrc come appreilo ài 
a ji, doi soldi, ffi deaai «ti, lacuale e la Quarta parte del Denaro , aoc didieci soldir 

» ■ - . 

C Al presente seguono le Figure de nutticri latini secondo Prisciano '.ancliof a sccódo 
Probo : ma doue si pone la letteragrcca.i.earanno secondo Probo , tna de l'altre se 
. condo Prisciano : o nero apprcfifo alla nolgarc imprefsionc . E da notare che l 'unita o 
nero runitadichc.sipógonodaunoin finca . a • «ipoffonoponcrc.accópagnatcnclla 
tnultiplicationc de tutti glialtii nuincii:-p.Dcjroapreflb a i segni come e noto, che comu 
rumente anchora hoggidi s'usano maxime gHcfliche radoppiano la scritturao uero il 
numero difcorso co ragióetchcHponeinquefto modo secódogliantiquissittirlatinitgC 
in altro modo sccódo l'ari thtncrìce figure de gli arabi : uolgarméteechiartiara scientia 
d'Abaco la quale per breuita fit pei€cc€licatiad'cS*e Cgareo uero Karattere nella no 
(Ira opera pouem» » 

r. .y. .X. .L, .e. ìD. c^)v 

Vnum» Quiaq^. Deccni . guìnquagìnta . Ccntutri . quìngenta . Mille.' 
1))-. •((!)).. -CM). ,)M(. .IMI. ,D;). .(CCl))).' 
quinqirnilia. loooo.ioooo.ioooo. loooo-. 50000- ioòooo* 

Diece«iilia,Diec'm'ia.Dieccmili3. Diecemilja. Cinquan^milia . Ccntomilia . 

.^. .CM . .«33. .DM. .CM3. 'CqD. 

10000; looo'oofooooo. "ooQOO. 1000000. 1000000^ 

Diccemi!ia. Ccìitsntilia.Onqjcccfiromilta.Cinquerenroniilia. Vn milione . Vn milione. 

CE da notare in quefto numero che gli apoflr.. phi 1 quali non sono figure della lettera. C 'ì quali da akuai'pa 
reatefiso uerosepararioni de di trioni, debbono essere eguale a la lettera iti mezzo: Ma in nel numero di diccèmì 
lia le fimiglianre figurerà lettera di niC2odebbeesserepmeminenre secondo prisciano per diff-Tcnriaic da l'altre 
Et ancho e da notare che la linea sopra polla a ciMiCun numero figniSca tanti mi gliara , quante che qitello ha iti 
se unitan come e gSo . ( . ooe mille . V . cioè anquemilia . X . diecemilia . L . nnquatamilia. C .uccntomilia . 

. C£ da sapere anchora che . M . nonsepone perilnumeròdt mille,ma. ("X'5."co(tiii'quefto mo3o.Per ben 
che ne gli scrirri annqui gli apoftrcphi fiano congionti conia Urterà . X . comedi sopra e pedo nel ordine de nu 
meri : Mal' . M.p«" il numero di milie solamente fi scriuidgue si BOtsnoipasR come. X.M.pSs(ì;CÌoediece 

«lilla pa5fi:corae molti apptoaatiawcpri e annptato» " ■ ''"'»- 



« iii ■. 



,l>i.-i;:..J 



LIBRO 



TERZO 



CAdunque se! «oauime da i dita de glihuomeniMTnumcro effer trouaro : cioè per quel modo nnchora che ptx 
c.fi dita non solamente i nodi che ui sono>ma da i sepatart membri come sono gUaltri più lattari cbeptiisido 
Il capo»! bracccia & le gambe die rendono la specie» cioC tutta la qualità & quantici dimoitrat^ ni uncollociinto 
to da ns?uardare:cofi qutfta può accadere nell'altre cose da nunurarcjquaiiro cheanchora nclkcosf c'iiaiio c^r 
pò & membra fi come Vctruuio in quella parte intende.fct pero ciascuno che di afligurare o dar .forma iatwidt » 
qualunque corpo di che generafiofie fi uq 



lecomeenecflfirioin tutte l'opere di Ar/ 
chi lettura & fpccial mente per più be^e^^a 
& decorationecóuiene usare gli scompar/ 
E'iryrbmia timenti Eur)'thmiatc nelle faCTeChieiC,per 
Ci ^t'icomi molti rtspcta a i quali per non tato a lon 
partiti a gare non ci eftendemo:Ma candido lettore 
urtt.Ul. 



Ichnogra// 
^ laa car 

tv.l;X 

Ur iìogtif 



pia : 



a car/ 



Adunqnc sei cóuienc da i dita de gli huomini 2I nu 

Riero cirertrouato,& da separati mébrialia speac 

di tutto il corpo.per rata de pane del mcsuraméo 

farsi la rcfpódentia'.refta che pigliando e&si numcn 

uoriamo che anotaftì nella icttione di Pljr con i quali anchora Ic ducsc de ali Dei in mortali 
mo,masfime circa q ueftecose.dellemara/ v-v-aj 1 «^u^ij a^i i^v _ .-, ,. 

uigUose chiese lequali ha scritto nel libro 51 CoftltUlfcono , COSI Ic tncbra dc 1 opere oramoro 

56.^.i).apitoii &nn iti speculare quel/ j^^ ^he coH le propottioni &scópartimcnti separati 

lochedi poehi edifitiiinRomaalprcfen „ , . t C. . „^ ^ r rr iJ i- 

te ueder' fi pernio ,.& quanta non che ma/ SCanchouniucrsali coacniente SI taccllono allelo 

gn.inimita,ma più prelto come Dei fi ni» j-q cJiftributioni « Ma i principii delle Chiese SOllO 

firaffono di ccceUentisfima magnanimità ii-j -^ r ' ^'^l^^ì'^^n^n^^A^U^f.n,,^^ f* 

esfi principi Romani a uolere cercare di fu guelll da I quali SI Coponcl aspetto delle figure, tt 

perarc tutte Icgentidel niond© nei suoi prìmamétedePAntlSchedagreci «««"«i» "«^«T»»,» 

si diccDe inde Pit>ftyIos> Amphiproftylos,Peripe 
ìX)S,Pfeudodiptcros,Dipteros,Hypetros . Diqucfte 
si esprinlcno le fortrie loro con queftc ragioni, I>c 
l'Antis sarà la chiesa quando hauera nella fronte 
le Ante alle pareti che la capclla intorno chiudono 
K intra le Antcin mezo due coloni : èc sopra collo 
cato il Paftigiccon quella scópartitione che m que 
fl» hbio sarà discritta • Ma lo elTempio d'ella sarà 
le tre Fortune , da tfc parti 1 laquale e apprcflò alla 
porta collina . 



grandisfimi & di merauigliaiublimi eiù 

fieli :acdo pareffe lui fUlfe il principato» o 

uero un nouo mondo nerhabitarione de 

gtihuomini>Ar non che per la gente huma 

na>ma propria per i Caletti Dei:£tper ciò 

conuienehibbiamo a notificare quefte gè/ 

nerarioni di sacre chiese & cófiderare la Io 

ro tchiiographia Se Orthogtaphia ne l'or 

dine che i greci Architettori operorono in 

esse chiese le quai Verruuio qaiui intende 

esplicare coti uocaboU Cred i nomi de le 

geierationi loro comeper quelle figure gli 

aspetti ui dimoftrarao . CMa t principii 

delle Chiese &c. Q.uiui Vetru. narra gli 

aspetti delle figure delle Chiese & case de 

Sacerdoti :che o fficiano e(fe chies e leq uali 

so fatte uariaramente ne l'ordine che fi c6 

ponelaspet 

to & figura 

d'eife,&có 

cji;re<jia ra// 

glene inco' 

ininciando 

qi-iiui dalle 

|>iccioIe> & 

tnediocre et 

gradi pua/ 

rii modifac 

te dicendo 

fmieramen 

tediqitedie 

fi chiamano 

/NriS: il 

qlv&cabulo 

greco fi pi' 

glia in mol 

te fignifica/ 

tiói ■ Ma in 

i§(la parte'p 

dirte breue/ 

mente e co/ 

mediranoi 

principati 




k 



CAPITOLO 



PRIMO 



"4 



pflatr/jC uffo contraftm ■& uedi anchoM dft cfte ti «pcBjono f UoMbuIiftì : AUlLSe dcrro in *»«''•'■?• 
0«i.f.4.w.T.»»T,#7fi ♦■'«oecunuerro tace vtrsa ^H-ricrp. ,>«.cioereuersio:o ueroche medilo et^Iiranio di 
cendc da «HT;»t«»e».i.H. cheinlacno fignifica umile c,tr;in&tqum.ilence/rtteasfiniigli«nu&. cefi Qir« 
fipuo esfere IeantrtteparartHM£:c(.tfalep;,riti T~i,$r fitcn: ci(.£..lt;.ndc:'r-fx«T.,«.^A.<».c;oe portico fi 
fonie ucdi quiui nella iijjar.i doue sono le lertere >egnare. A. & mtra esse sono i c;Ilccaù»eiiii aelie coicno 
segnaci co le letcere.B.& leUctere.C.dim&ftranG Icp. reri:& qite^ tolUgameutt cciii'^tta u..cua di dencrt» 
& co lo sportare de l'ordine delle colonne segnato di laure.D.fanno l afhgur.imi.rito cerne f.^bricate iuifo* 
lioinpGrciatoilqualeini;rccc h ditcCNaostnpar.fti.fin, H-^tetHi^f-oTua.H) ace portico aitante/ '^■'M 
»T«»i»: Anchora lignifica afiitema af jrmacione & prouanone p teilimouu impero upaicnc queiìe cclón» 
«sere Paraftance in guisa di teftimunlo affirmante & ftacnte & ccn loro ccnipagraa gituano al Portico 8e 
frincipalmenrcil r. presentano. Anchcra fiexp cr,e: •ut^c.cH-r^imTj.eiH: cioepcrticosportritoinfaor..òf 
qiiefta pripofirione greca Tf-»-' ccn molte diftinnone accompagnata fa ccnfcrniare diutrfi fignihCrtCì '^■*p-t 
fr'i\th*j.h.Mire ftu.-r.ì)^hti: doef.ibricc: Ma perche qutlh intorno chiudono la parte di mezu della Chitfa. 
ael qual raezo seno le letrete.E.& e detta la capella o uer cella perche e celata & occulta nel mezo de i doi 
portici e ntonarii & segnati pcrlelettere.f.laqual chiesa fi la noie fare in arthi,{ar.u la colUgauone coma 
u diraoilranolelftterc.G.ma fila uolefarein uolti come ti dimcftra il girare le Unere.h.o ucro nel girare 
I terzo acuto lelettereJ-Ec intra leparaftacicc colonnare segnate di lettere D.fi tcpiaces;eeleuare lat-cuba 
Cloe tribuna'thcl'ta o uero a drculo o di più cantoni o a otto i'accic:fa cerne uedi nella pianta d'esfa chie 
ja.poi (i tepi.scefsespcrrare olerà nel capo d'elfi capella una tnbuna;anehora farai come ci n.oftrano i cen 
tri doue seno !c lettere. K.o uero.L.Et cofi potrai f.ìre in ogni finugliante gener^in^ne e i thusa,lc porte au 
diora dellaqualescno segnate.M-C Efsup ra collocato il FASriGlO'Cioeainutate o'esf- ire nceo uero W 
cara della chiesa/quefto fi dice il frcnce spitio da inspicictidc/cioe risguardando il frcntC' il quale fronte 
• rrccantoni e segnato di lcrrere.N.O.P.& cs.'ì antichi per uimoi'trarelarccseira nósolanuntedi tutta tsla 
lrótc,ma di tutta la chiesa ftccno.& ehi la diftinse coi denteili al mcdo Icnico,& (hi ce grArthetti:al mo 
do Doricu5& roschano;Ma i Ccrinthii feceno co lo sgocciclarcio«cpra il qlela sima'CieeCcla'Staglia 
ta,& di sotto rouolo co i fulmini.SimilmeateloEpiftylio'ficeArihicra.^e/Qlindrato'CtGeec i pianuzh' 
co 1 fufiioli &c.Ma Vecfuuic.per bteuiu re rimette all' esempio de l'Antiche du^se m Roma .lequall ael' 
presente sono ruuinace. 

CIL Proltylos oj^i" cosa ha &c. Prcftf 
loS'doe córra colonnato' fi atee da prò 
prepofirione laquale figr.ifica aiit. o ver 
tontca:&5rjl ;s,in latino co'on.a fi di 
ce'cioc cótra cclonnato ' onde disopra 
hai hmtò raffiguramcn:o d- Antls-.có 
le sole Colone nei catoni degli suolra/ 
menri'Cioe riuolte de i criifoni intorno 
d'esfa qundrarura:Ma ófte Proftyle An* 



II Proftylos ogni cosa ha si come Io Antis: Ma le 
colonne a rimpetto alle due Ante de Cantoni', 8C 
di sopra gli Epiftylii ha p quel modo che e lo An 
tisSt dalla dextra anchor dalla smiftra ciafcuna 
ne i Cantoni che riuoltano . Lo cxépio di quefla e 
nella Insola Tiberina nella Chiesa di Giouc , Si 

ài Fauno. " '""'' ''teicó lenefiano 

LA FORMA PROsriLA RAOCMICOSANEL MODODE.L'ANrtS. MA LAGO/ 
iONiNfACONlRALÉDOI Ai^JTEDE CANTONI. SOPRA i-E Q.VALI GUAR/ 
tiutfaui come m aucis & dalla fiautra in aascuni suolcamenci 




copt late alma 
^o oele Paraiìa 
tice'aoecol'ala 
,^ljfiapogg!aa 
•un'ahra pfufte 
gnu' cerne ucdi 
ne catoni segna 
ti di Ictere.Q_. 
q. doli e haue/ 
moradopfiata 
mente diltinto 
la carenarla q/ 
dr.Tura per lo 
spcrtarc & reti 
riir^ della quale 
iicrso la parete 
fanno la v^un* 
gliarathuaric 
ne:&de;icBaIfe» 
& C'pitelli? & 
Archufr Ili < .& 
Fregi •& Comi' 
Cloni fi cerne ne 
la hgrra eli .4. 
careni? segnata 
habbi?mo > nel 
Ijasfctralediie 
AiHcdi lettere, 
Q.q.R.r. i.s« 



LIBRO 






fERZO 



ft alle Pòf te.T.r.Ilchc ciTepr/marie Colone 3ì Antfs Rtito poffono eSere,cmaine singul.ire , cioè ronde séfe 
ZA c-intoai^qu.inro anchora con cinroni fi c&me ri diinoftra/no per U bianca euacuira farra da esfi catoni dfl 
Je Ante segnare co le Ieccere.Q_.& le lettere che segnare habbiania di dentro di nicftrano operare p il ruocp 
che detto s'è de rAntis>& dòde sono le letterc.V. serano i catoni dellt Volte a lunette:& donde sono le Ict 
eete.X.leVoIre a lunette fatte come e 11 Trigono/cioe terzo acuto/ & douesono lelettcrC.r. cflcrelecoloniit 
paraftàrice che circondudeno le capellc segnate di Icttere.X.Et nel meeo la Tribuna.Z. aptrra da porger lu* 
rie,cótenura anchora da grarchi perticali segnati di lettere.&.nw rcmofib il poftico di niezo tcdo segnA 
lto.3.9''''*J-seruiente alla figura Amphiproftila & coli elio portico finules:;r.i alla fronte del pronac.Q..R.S 
Ma Vetr.hauendo dato che di qfta lo exempio era nella Insola Tibenna.Q. i:efta insola nel Teuere;rcnio Ieri" 
ue.T.Ltuto nel.it.se incomenzo qii fur gettati i farri in spiga del capo de i rarquitiii cósccrato a Mirtc,S 
cofi il limo Io ritenne & fece mi il fncipio del'lsola:dapoi exiftima Liuio che fiufe aiutata da le ninno de 
gli hucmini,p che era alzata & firma (comeelib dice)asoftinerei Tempii & portici degli du deiqlipar 
la qua Verru.nia Valerio max. anchora narra cheEsculapio sotto specie di serpente effcndo portntc dal luq 
go sue epidaurico fi lanciò natando m qlla insula defideràdo hauere lui il rcmpic>fi che ui erano già rnoÌ 
81 luoghi consecrati a i loro falfi dii traglialtri di Gioue& faunó,FAVNO fu Re nel tano, terra di Roma 
& fu figliolo di Pico &niporcdi Saturno ilquale di MaricaQyniphagciicro il Re Latino (come Virgi. di* 
cenel.Mi.) era Fauno ftimato eifcre dio fatidico & haueua l'craculo Fauna/cice la bona dea fu sua consce 
te/ allaquajc separatamente saCTificauauo le fenune,& era ordinaro che nciruno mafculo ui fi poteffc ritroua 
re & pero Clodio Romano fu accusato che sotro habito di donna ce andojtffendo inamorato de la moglie 
de[ulio Cef.<re.Altramenteli Poeti chiamano Fauni du Sylueftrijcome Satyri da i Greci di :^rnxa Caprina 
da! mezo m giu.Lattantio firmiano nel primo de le diume.inftitutioni due che Fauno ordino le uane Reli* 
gioni neil atio , (i come dapoi Nuraa p&mpilio Resecondg de*i Romani. Veramente e già gran tempo fa 
che tali edificii s ono ruuinati. 

CL'Amphiprcftylos: diriua da of<>t 
qdeftarcum& ffT,Ao«r:ciQecoIón3 qua 



fi a modo non di tutto il corpo>ni3 fpe 
cialmente i catoni antati & interno co 
lonnanjQ.ue.fe chiesa dice Vetru.haui 



«etutoqllGchc 
hi il Proft)^' 
los excettoql' 
le colonne che 
ha nel Poftico ' 
Cloe la pte di 
drierc^'inme/ 
20 segnata a 
tergo la figura 
dt icttcre.5.9!. 
■*f.!a^le eco/ 
me tribuna di 
drieto: Ma Ve 
tru. uolesola/ 
mente fiacome 
pbreiiitaqui/ 
ìli polla hab/ 
bianio la figu 
ra segnata di 
lerrere. E.CE. 
D.F.antita, & 
coinee.G.H.r. 
IC.oueir* come 
eia figura scó 
parrita nel pa 
roqdro .L.M. 

N.o.p.a-R. 

S.r. Il ql dia/ 
metroe.V.ma 
uolendo ri ce/ 
uere il Penta/ 
gono ' Cloe di 
J.catoni' haue 
f e puoi il laro 
più o manco 



L'Aamphiproftilo ogni cofa ha e(To cornei! Pro 
ftylo , scoltra di quefto ha nel Poftico al n:7edesi 
mo modo le colonne fic il Faftigio . 




temDerato"tom^"^<^* da.X.et.y.o uero comeeil Trigono/cioè 6i.".taroni.Z-&.?.Et qfta babbi amo fello 
più j dimoStattée d»e£ ncceffitia sausftùèftficbsai énoL U fcuia «acisÉacto la figura Prosala » 



il 



CAPITOLO 



PRIMO 



7t 



CMA il Peripteros' cioè le ale de muri mromò/Q.ueftò uien da 1f^Pl q*eff arcu:& ttì^jct. greefrqtialc in Istf 
Eo e detto Alaper quello fi dice intorno AUro:& ancho nò Alaro:o Ufro di eftcsc Ali :Q.uclta Clnefa Aiara l\ chiai 
mara tanto nella fronte quanto nel dneto elitre Hexallyla/cice di sei colonne / le quali di ItabutioW le hauerenio 
mesuratenel seguente capitolo a carte.7S.lettera.D.& 75.lectcraO.cbi fulTe METELLO» da molti Hiftorici dxe 

de i preclari Romani hano scritto il po' 

Ma il Pcripteros sarà quello che hauera nella frótc 
& nel dricto sci colonne: 6C ne Iati con le cantonate 
undece: dC efle colóne siano collocate, che lo spatio 

dell - 

torno 



la largherà degli intercolùnii sia dalle pareti in 
no a gl'extrcmi ordini delle colonne , ÒL habbia 
no l'andamento intorno alla Capella della Ghie 
«a:come enei Portico di MeteIIo,diGioue Statorio 
di Herttiodio,&:a i Mariani il Tépio de l'Honorc,8C 
della virtute senza Poftico da Mutio fatto . 



trai naiiere & nò folamcnce da Plutatcao: 
Ma daLiuio. Ma ^ncipalmente legge plf 
nionel.vii.doueaL'tainentc dinioitra 1* 
nobilita dei Merelli.Peiche.Q^.Metello lo 
dando Metello l'uo padre dille nill'oran» 
ne funebre il suo padre hauereadimpK« 
diecegrandisfime& opnmecosc,nelle>ili 



LA PfANrA DE FV.NDiAMENrr PERIPTERf , DEQ^VALt A T VriA LA CHEE' 
SA £L£VArA,fACrLM£Nr£GLIARCH[rErriF05S0ND0rriF£RVENIRH 



I sapienti sogliono nff )tigarlì tutta 1 eca 
p coieguirle.Impero che hauea uoluto es* 
sere de i ^mi guerrieri: Optimo orutores 
forrisfimo Capitano generale : £t ^otto il 
goucrno suo farse C(jscgràdisIìnie:haucL« 
le pme dignitajellerc di s:ìma sapientia» 
cflcr tenuto sumo Senatore : hauer molt* 
robba acqui ftata 
a bono modo : 



lafciar molti lì' 
gliol!& elitre da 
rtsfimo nella cit 
t.).Et«iftecofee({e 
reanenutefoloa 
qlodacheerafflt 
taRoma. Etqfto 
fu qi Metello; il 
^leellindo Pon. 
MaJc.Evolendo li 
berare il palla/ 
dioicloelaftatua 
di Palude nel 
tempio dela dea 
Vefte,che fi arde/ 
uafiacecc.Etpe/ 
ro il pòpolo Ro 
mano gli cócesfi 
chequàdo anda 
uà nti Soiato»v/ 
sasfeilcarrotha 
ucndo pfa la lu« 
ce p pia causa. 
Ma lì figliolo di 
qfto. Ci.. Metello 

c'ieprcdico talelaudc,del pnrre fi chiamo Metello Maccdcnico-ilqle e numerato tra i rari erempu deThumana 
feUcita,impero che altra gli amplnfimt sci M"giftr.ui & iK.ncri - Quando meri fu porrpto da quattro figlioli 
suDÌ>vnóPretcre,trc consiliari, Del Triumphili & unoCensorio.Perqual modo fuITedttro GIOVE 5ratorio»p 
chc'l fece con nna certa uilione ftar fermo e cóltante Io excrato R omnno córra i! tradinunfo che tcccno i Sabini co 
me de la donna ingannata hnucnio detto. Onde Liuio nel pri.lib. da la edificante di Roma cefi d[ce;RoniuIo:& 
cssotratto dalla turba di ql'i che fiig^^inano alzando l'arme al (lelcCdisse^GLoue.a tei occelli comada qui nel 
Palagfo i primi fondamenti alla Citta di Roma.r Sabini bora bino la Roccha cópanta eó cjfcelleraza & di quin 
ài pasfata la mita della uallcarmati a qfto luogo s'muinno^Ma tu pndredegli Dii & degl'liuomini di qui al 
meno tien di Icngi i nimici,leua il terrore n i Romani & ferma la ueigognosn fugga-,& io quiui a te Cioue Sta 
tore il Tempio che fia memoria a quelli che ucrraao dopo che con tuo a; iitorio & fauore siala Citra difrsa fo 
Motn.Cofi pgato come fi haueffe sentito gli cxmàm pghi,dt qui (dissecò Romani Gioue ottimo Maximo refifte 
Te,lk raraccarela battaglia romàda-& reftorono' Romani coir.edn cekftcuccccom Jdari-& esso Rcnuilo nolo 
ai più primi. CHermòdio.Qiicfto fu n-^minaro Mercurio pchee detto interj-tconiltio degli Do ilqledaGre/ 
ci hermcs fidic.".CEta i Mariani. Q_ucfti(p benché in uno imarginc di rcxto fia ftato scritto Mari.ina) pmol ti 
(i dicmo Mariani'cioe luoghi nomati rofi da Mario/ne gl'honori del ql Mario legcrai de la ulta d'esso in Più/ 
rarcho,5r uederai i gnidi hcnori & le ftntue d'oro che gli fece aprercntare Ci/o Cesare nel CapidogIio,maVetru, 
dice cheqlta Chiesa era cnmeqlla della Dea del Honorenel qual Tempio no era licito entrare ad alcuno fi prn» 
nópassauapil Tempio dela Dea Virture,n euidentecogni i-.-ne firono fVuti qftì dei Tempii, pdimoftrarc al/ 
Iepfone,nó esser' learo potereo'fequirchònoresen'a uirtute,qito s'intende p molti degni auttori ne solamente 
in Roma cofi erano cóftmiiti i Tempii a qlte sorti di Dee, ma a molti alni: ome Tempia paris & più in nume 
ro molto fimiglianti secondo il duiino effetto. Et p ciò Vetru.diceqfta Chiesa fu futa da MVTlO'cioeqllo ec/ 
celente&cóftantisfimo Mutio del quale narra Tito Liuio a!. z.Iib. dalla cdificnrtone di^Roma ondealcuna cosa 
fcreucmeiite diremo: Q.ucfto nù hauendo pGtuco uccidere il Re Porscna & iu cambio d'esso Re hauendo otns© 

K i« 




Libro' 



TÈRZO 



^■■' li'.' ] " ■ " 

un suo Càctìlierojìn psentia di Porsena fi bmRìo U mano delira nel feco de l'alMre, dóde d.ipoi fu derto 5ceùk 
la pchc uso poi la finiftra,come Liuto nel.ii.& Plutarcho ne ipbleman dimoftraiio;& iniiiatcuido nirai a f|{o Re: 
dicendo rhe (ìniilmente rrcceiito giounm Rctnani sono di cócordia giurati cccidere elfo Poritiia: B nò h..utudo 
potuto lui tale tftttto fare che arto nò scapara da qualcuno de cópagni siici. Per I.iukgsa haiitado ucdaco Por^ 
sena tanta coullatia durata per il foco non uohe che fulfe aitrameucegmthtiacoiMa dubuandoli per alai uó ci(ie<' 
te cccif o subito p qfto libero TalTedio della Otta di Ronia;Q. uefto Tempio adunque era C(.me Ledi i-eila figura 
ina intorno Alato/doe in tondo tatto a Uolte coli di più grande forma facce deaero che concludeno la capeila/5i 
come uedi per lo ascgnainento delle littcre;& doue sono le littere.a.sono le porre della froiite & pc'hio-cioc die 
tro'l'altre sono delle Ante di fuorc:& doue c.b.c.p offono cflcre anchora le porte : o uero douc e .d. eàe. ma nel 
dentro a.f.g.h.s.ono gli cleuamenti degli archi infiemetenuti in una:comeda.m.ad.a.gIi altri sciio minori fi c(|> 
pie asegiia doue e.p.& cofi tutti gl'altri sono gli eleuamcnti delle lunette ctme.q.r.ma.f.t.u.soiio li sporti deca 
toni.&da.X.ad./.elalonghezzadelacapella. " » 



Ma il Pseudodipteros cosi si colloca che nella Fron 
te,8i nel Portico siano otto colonne^SC ne i lati con 
quelle de catoni i;.Ma sono alle pareti della Capei 
Ja nel rimpettOjin mezo.4 colóne nella frótefit nel 
poftico. Cosi che di doi Intcrcolùni] dcla balla grof 
sezza de la colóna sera Io spatio^có le pareti itorno ...-, 
a gl'extremi ordini delle colóne . i.o e>épio di que 
fto nò e in Roma^ma dellaMagnesia Diana,di Her 
inogeneAlabldeo,8cdi Apolline da Amncfte fato. . 



Ì.A PIOVRA W DIMOSTRATIONE 
D£ PSEVDODIPTERI f VNDAMEN 
TI PER LA PL*MTA ET^ ESSA. 
FPvONTE LLZV/n-K^ 



CMA il Pseudodipteros/ Cloe falso Ala/ 

to/alato fatto co ali di muri falso/ciocnó 

paro cornea dire.5. y.ety.ecofi finiileper 

fimile/ederto Pfcudo chefigaifica filso» 

& Ptcro,alafo.Nella fronte & il diriero di 

qfta Chiesa fiano collocate otto colóne co 

pur.idoui lecolóne ante de catoni. Q^uefta 

fróre&podico/cioedirietb'li chiama Qf/ 

taftj'la/ciQe di ott'j colonne il suo ordine/ 

le Antate cotóne sono doue tu uedi la Tua 

ligura regnata ordinariamente di lettere. A 

rna doue c.B.sono i paretali intercolunii. 

IntercoUìnio /cioè spatio tra una colonna 

& l'altra/EC dgue sono Icliftere.C.iui so* 

no le porte & doue sono 

Jeletere.D.mtraledueli 

cere. B. iui fcràno l'altre 

porte Et doue sono le le 

tere.E.F.lal:)rghez?adel 

la opella. Ma. G-H.I.la 

larghezza delle i Pipare 

fortisfiine Ali o luro voi 

te "ili intorno chiudono 

elfi capella : p ben che fi 

puc fatela lóghczad es 

.sac-pellada.K.L. &da. 

•M.N. & poncre anchora 

z.colóne diritte, alJ'crdi 

.ne che pollano haucre lo 

spatiotra l'una cotona 

ATalrra comee.KL.o 

uetoponerlepinin den' 

tro fi come.Q^.R. o uero 

S.r.p4ftG nifi diminuì 

ria già la bclicza del cor 



pò dell-' CapeUa.Ma co/ 

do fia eh? qucft.i ordine 

& scOpartimcnto Pscu/ 

dodiprero fipotria nelle 

ijolre della capella fare q 

dr.''g!lare fi come da.Q^ 

R.V.X.&nocnmeda.y 

Z-V.X.n uero.p.^. ne p 

CIO fi diniinuiria la bel' 

lezza d'eifn Capella, ma -.-■_.■,- ,•„,-■, 

tió snria di tanta fortezza ddla f pria syrnmetria/nce scopartimento/Aduqiiene pare meglio celle caria sccodo 

la dita mesiìra che'l peg/io fare a di falsare eneuolrc le cui ordinarie gre If^zze delle :!iciìaticni diftintestprale 

coir'nesono còme e.?.". 4. .Et p più intelligentia nò solancnttpcfto t'hatbi.-ìmo la Pianta del ftnd.-'mcnto» 

ma la fróte co otte cntc;ni fi come la p uci cófiderare nò sclamentc p le lettere (he dinicftrano lo alzarfi delle colò 

ne ma anchora Ici'olutc& Volte d'cKa co gli Acroterii'Cioe i pesamenti dcllefigiirepcftcin cima aIlechicf.^/& 

imaeinesculpited'cffa Diana,& altri suoi ornanunri-.Ef p bai the qftcimaginedl frcte-ciscgnatcnó fiano seco 

do le ucrisfime Romancio uero IcGrecenel ordine che Vctru.ledifcriue.nòdimeno pchelcelaiationi dellacapel 

la sc?nara.a.b.puoe(rereeleuat3 più che no sana dal Tymprnc ch'ein mczoilqualcha srpra di se gli Acroterii 

doue fi ditiutarifl alta lettera. d. Et comealcuni antichi & anchora quakh'uno dedotti moderni habbiano còpre/ 

so potere deputarfi più in atto l'impella della Volta.cioe doue sono segnate le letrcre.c.f. p tato fi ucggiono Coli 

dircrminate & co l e fticftre da lumijfi in effa cipdia & fi nelle Aladói come sono incorno a gli acoftamenci delie 




CAPITOLO 



PRIMO 



7<5 



pareri segnati apprcsfo alle Ante le Iettcre.g.& disopra Je uo!te le letffre.h.m.n.p.o uero.q.r.f.t.Ma tutta esfa frS 
cedinàte& lapolhole/cioedeneto'habbiaa ql mcdefinio modo ghordini delle colòiic, come la fi^juran dinio 
ftra;Et cefi fi^no gli alrri orduu delle col(3ne & de gl'In rerc^ldiui ^cunencj incotno a t Iati,come dinioftra la de 
bitaimitatìone delle Aliti miìiio alli larghezza.E.M.có le corone lifcie&c.coronc cioè Sgocciolatoi o ueio tutto 
il cornicione.CMagncfì.i.e regione de Afia dcue anchura fi tr&ua la pietra bianca Magnefia o magnecc/cioe cala* 
tiiita dcllaqleplj'nio al hb.36.a.i Copiteli ne di ce. Magnefia nell'ionia apspj ad Epheso douefu ql tempio ce 
lebrati sfimo deDiana^e anchora lViagllcfi;^ Regione cógiunta co la Tbesfiglia apsfo la Mactdonia,dc la^lescri* 
uè Plynio nel.4.a. 9.capitoli.ma qui inrei.de della afi.itica,la calamita magnefia biaca e la pcgiote de tutte.qlfc» 
fi chiama Magnes da qllo cheprima la trouo in Ida piche se auiddechei chioui o desoIetfe,&il ferro de la ba 
thetta fi era ataccato a qlla pietra cnlaiiiita delaqlcneabuiida la Siria,comcsmsfeNicandro & Plv'.Diana seca 
do i poeti fu figliola di Ciouc & d: Laroaa,nata in un medelìno parto co Apollo ma nacq esfi pnia & dicono 
che come obftarice^cioe rfcoglietrice aiuto la matrc p qlta intendono la Luna,&voglióche fiaProlèipina af sfogli 
ìnferi & nelle Sci ue,Diana dea della caccia. come nell'artificiof) difthico demóftra Virgi.pncipe de i poeti. Her/ 
mogeie fu da Alabada,citta libera de la caria nell'afia minore & nò e molto difcofto da magnefia di Ionia della 
ql leggi Pl)r.nel.)c.lib.& Ptolomeo,fu adiìque qfto Hcrmogenealabando architettore sokrtisfimo & celebrato il 
quale trouo in qlla arte molti còmodi & ornamenti del quale ne dice in altro luo^o. 



Et il Diptcros oclafl-ylo,neI pronao, & nel poftico: 
ma intorno alla chiefa doppii ha gliordini delle co 
lóHc,si come e la chiefa dorica di Quirino:8fde Dia 
na Ephesia fonica da Ctesipbontc conftitiiita. 




CET li Diptcros ortaftylG.Dipteros/doe 
lagencrationcortaftyla laqle fi ordina di 
otto colonne doppiamente come fatia la 
thiefj Exad^Ia/cioe di sei ordini di colò' 
ne di gradeintonatia del domo di Mila/ 
no:ma qita codiftylanel PRONAO/cioe 
la fronte nella pncipale aurata dela chiefa 
pare ad alcuno fignitìcare Pronnos grece: 
da Pra' pofitioncgrecailaqle Ante, o uero 
contra figaifica,& Maosjjcrchein latino e 
detto portico: Adiìque qfta chiefi anchora 
lei pare fia c&fi cópofta che nò solamente 
nf l,pnao'Cioe la f iccia dinante ma nel Po 
ftiro'cioe la faccia o nero pfc di drieto' & 
cefi da l'altre parti intorno cingerfi da do 
pii porticiiijfi come u^di in qlla figura di 
piata G uero jjpria forma segnata di fuc 
raintr.t.a.b.c.d.&inrraessepdiuiderele 
pam di dentro delle Capelle sono segna* 
tedi fuori Iclettere.c.chedimóftrào legrà 
disfime uolce & archi in uolte delle capei 
le di dentro che sono anchora segnati. f.g 
h.i.Etgliarchi softcnenti da gliordini del 
le Colone o uero paraftatici fi ueggióno fé 
gnati.Kl. nella lòghczza detleCapelIe. Et 
le littcre.m.sono le porte primarie d'es fa 
ccduficapella: & leUttcrc.n. dimoftrano 
anchcrai centri delle dette gradi ffime voi 
te a crociere o uolute:& ancora a qfta chie 
sa fipotriain essa Capella fare.sei telludi 
nate fornice come qlle del fbrtisfimo Pfeu 
dodiptercS5& haueriaiK) bellezza fi come 
ti dimoftramo il pauimento o uero piata 
resquadrata laquale fi come p Amusfio il 
potrai affigurare.Il Coro Sacerdotale sa/ 
ra intra lelertcre.o.p.q.r.nel mezo fia l'ai 
rare doue e.s.Er doue e.r.l'entrare dele mi 
norporte:& intra le littere.u.x.e l'andito 
primario intorno turrente:Et.y'.z.&.?5di 
moftra l'ordine del colónaro:Et.>.4. .f. 
il sccódo andito aplTb alla Capella: le 91 
capelle anticamente furono fatte apte fi co 
me anchora la noftra RcligioneChriftiana 
le ufa: Similmente di qlte gli àtichi le han 
no ufatecòclufe,maneeHenei dopiipcr 
tici suoi^fi della faccia prima,fi di qlla dì 
drieto » fi anchora da qlle pam da i lati» 
posfonohauerelumcchedimofira leti eia 

rerthe la oscura inclufione & tintura de 
'ombre cófundono la chiareza del lume, 
&cofi facendo tenebre inducono trilliria 
ne l'animo noftro:Ma forst qfto poi a l'o 
fare ne induce salute.Di qfto Tempio dì 
J K ili . 



11 



reftudina/ 
te'cioe uol 
teabctte. 
Forni cc'ci* 
oe logo fat 
to in uolta 
a modo di 
forno. 
Amusfio a 
C3rte.Ì4, 



ì 



LIBRO 



CTERZO 



Dnna Epheruyplynio al Ub.36.^.i4 ■capitoli cofi pc>ne.Si moltra la ucra ammiratione dclln magnificenri.i.Cre* 
capii tempio di Diana Ephefia furo indoì cento vinti anni da rutta IAìih. feci nemico in luogo p.^llt.^uoio;ìc* 
Cloche nò fulfe noiato da teirenioti ne hauclfe a sentire apri ture di rerra & accio die i £.. iidaniuM ai tato edificio 
nò fuiToiio in luogo lubrico & inltabiJcmiseno di sotto ikI f.ibncare carboni btn calcaci oc udii di laua.la lou» 
yhezz.i di tutto il rcnipio fii quartrocenro uinticinquepiedi.La largtiezza doi cento uinti.5onoui cento umti Ict 
te Colone ciafcune fatte da cialcheduncRejalteseiIanta piedi: ttdi qite.56. seno scolpi tt> una da Scopa. L'archi 
rettore di qi-itìto rcmpio fu Qcf'phonte.Sumo miracolo ehauercpotutoaI^aresugil Architraui di tanto peso: 
(L^ucitoec, sucre chcqlli col Betoni per gli inoruidi puluini punì di arena exaggerafQ/cioe;.niótonato sopra 
i capi elli delle colonncja poco a poco sniancàdo da basso accio che pianamente tutti nella summita sedeshno; 
& piu cose che mi potrai leggere. 

CMA l'HKpcrros.in alcuno texto letto habbiamo o<?rTtfo(r:che fìgnificaria edificio senza ali, ma i molti più tcx 
n ietto habbiamo HyperrosiEt per cto dice Vetru.Ma lo HirP£rK05 e di Ciil^'io/cioe di diece cc<ióne dnrinte/ft 
come la figura di qlta Imographia.fcnographia/doe discgnamento e dtibipcionc della ferma & del vtitigio il 
yle in greco fi dice IX v^» in uolgare pi.ita. Vedi la Icnographia a carre.ip.ti dimeilra quiui dalle lettere. A. b-CD 
gli eiurainenti delle Value/cioeporteo nero fulh da serrire^sono-K-Quello uocabulo Hj-petros v'ctru.lo expo/ 
ne liti lib.'.i. Impero cht demóftra mi che! 'Hj'peaeambulatioc fi dicono xiftì portici colauati i lili 1 gte 

fi chiamano '^'fViTiioA'iiiAff Q_ueita e fitta 

Ma l'Hypetroscdccaftylos nella FróteS^ nel dine 
to.il reftoogni cofa ha le medesime come il Dipte 
ros.ma nella parte di dentro le colónc in altezza do 
3Ìe,rcmote dalle pareti in circuì toCcome il portico) 
eloggiejmainmezosottoil Diuo senza tetto. Et 
. 'entrare delle Porte dall'una & l'altra parte nella 
Fróte èC di dietro . IVJalo exépio di quefto nò e i Ro 
ma,beneeinAtheneOótafl:}'lo: òL nel Tempio di 
Gioue Olympio . 



cointiiolgarmentcdiccmo una sala apra 
nerorduiecheucderaiderHexcdra Sexy 
fto liei iib.v.a carte.i3c.Ma qlta chiefa era 
Culi di sopra quanro di sotto co i medes' 
nii ordini. Ma di maggiore capacita che 
DiprCTos a nò e il Dipteros p che 11 uacuo di mezzo 
{tr^'3. inrra.E.f .G.H.ecome sana s'il fuffe dop 

pio:ilcauidio pronao occidentale Cane/ 
dio occidenrale'cioe U uacuo sotto l'apcr 
to aere o cielo circondato da i portici/ ma 
dalla parte & f iccia dinate laquale fi uede 
auchora al remjino di sanro Ambrofio m 
Milano.Ma in qih Tempii apri farri a gli 
dei immo'tah tornea Giouechenel f mo 



Stilobate 
i' pofo ài 

li cjloU'ia 
a faccie 4' 
d-ata d in 
d-'ilcaiH 
u:lti esci/ 
u taccila. 



1. :^!.6:Jiflf. 



Hiperr? 1 
carte .ii}. 



lib.a carte.zi. habbia/ ' ^ LA PIANIA D£ GL'HyPETRI FVNDAMENPr 

ITI) detto p gli effetti 

chcf.no ne l'apto mó 

d.<in qAu uacuo nel 

me^ofi lifcnua il fu|> 

duio'cioe sjrfol'.'is' 

petto dello ftellifero 

cielo'& nd mezo d'es 

sodjuee.L.M.N.fidi 

fiutauaiioletìasesty" 
obatale doue sopra 
eiR;si pjiieaanolefta 
Ciie&.s'i nulaai d'esii 
óci-.tì uerofi faceuanq 
gli loro altari sopra i 
-jti 11 f ice.iaiio I sagri 
lica &anchor lin esfi 
fi f icou ino gli H-ató 
be.HiCAfOVlBt'cio 
e sacr:i)c.o di cento be 
ftie' liccio che i rolliti 
odori bene r).i-)n..tij 
eleaàdofi-p l'aiere co'|, 
tne Tigniamo. Stor;/4 
ce- dilmezo l'odorcj 

& p l'incenso rende^' - . . , , v , . ■ 1 , .^ > • i. .•• 

(ino5uaucfumea gli Dci;Similmentediqftoiieder.aiDiodoroSic"loncI.u.lib.dcI Tempio de Giouctripnilti. 

me di 
numenti 

moftrareqlli sempre tflere Itati pn ^ ,., ^ r 

me furnov^i rinite nela Ict ulta àcora il suo corpo efliendo un rimafto-spótaneamente il dispcgr no & oneri Feo 
no alla iioliia di uina-accio che expcditamentegli polla tr.ismutaie in qllo chegli pare & piace;Er prie òli che 
• sono sepulti subduio/tic e sorto alio scopro Cielo/paono eifcre (tan grati aliai più a Pio & alla Natura che qlli 
che ne gli amurari sepulchri o di pietre o ^1 bronzo ftanno richiufi?Map [cn chep.ireesfi l'h.ibbiano farro a ce 
cafionedi racccrdeuol' magnificentia-nódimcno a molti douria parere l'hauelfcn fatte come uoUtcìuì tfr.crccc 
culti 1 loro ceneri più longamentechefia posfibika nò uenirea i succedenti in odio o'p la moltitudine o^p la of' 
fcnfioiiedplcót.;minatoIÙGgo,nel douerfi tenere purificato ql celefteaspctto& aerea Regione: Alcune d'effe Hi* 
pettemel suo uaciu, mejzo cgdufo segnatp.^i i£tt«e,0.P.Q..R.£cr3,ccmca Demcptit ifrcco epiaciutcrmiilea 





CAPITOLO SECOMDO 77 

fuio S<yiob''te h.iucndo fi choro b^ffo firfò in poSióilaeohtò'.nA qua! luoCo ticfluno altro che ì sacerdoti & chi 

*aJri^.-«..« . • »*_1 . r^ _•- 1. O t. 1_ _ .. -■ _ ,- • -- _ . I 




_ _. 1 gli poncLfano un dinaro d'AC Pod/oa 

2«iro o d ore Non per pnirire-ìl fiume Achercnce.nia per teihnionio del principe o Resotro il-jlcuilfono:Ma p carct. ■ f. 

cnedi q(to non haucmo haiito da alcuno antico auttcrclafciamo crederea relecrorcquelcheti p; re,ptr chcpc co Alueo a 

"esnipcrta;ftlendochefiidaro dalla natura che qftanoftra gloria tutta finalmentcìniCneresiariducra.CDiGio cuce-io 

uè olimpio. Di quefto eftaro scritto da molti Hiftorici,& nel prohemio del nono libro alcunao.f.i fi dira. Ma q/ 

fto Tempio de alcune opere ftaniane fu omatcspecialmente di qucfta ftarua di Gioue fatta da piiidia Come Pìy 

pio nel lib.34.a.S.capiroIi coli dtce.Ma di minori figure & ftatuesono ftati infiniti ottimi maeftri.Etnondime 

no sopra rutti glialtri emeffo Phidia Atheniese.per la figura di QoucOlympio che fece in olimpia d'auorio: 

'Ma anchora laoro di bronzo. Coftui fieri nell'oaogetinia terna olimpiade trecento anni dopo la cdificatione ài 

Boma.Era quello Tempio de l'Olj'mpico Giòue (come nell'otlauo scriue Strabene) nel territorio di Pisa , Si 

nel pelcpcnelfo & in: nte a[ Tempio era un fiero bosco di oliucnel qualeera lo ftadio duue fi corrcua co le qua/ 

dngc nelle fcHe ordinate da Hcrculemhonoredel Bisauo suo materno Pelope le quali etfrndo poi tralniTati le ri 

nouo Tphltó (comò dice Solino) & Hcrodcto nell'ortauo scriue che in queito cóbattimento fi correua non sola 

malte co i caual!i,ma sedinudau.ino al ^loco delle braccia come Hcrculecóbattetc con Anteo-& il premio deU 

uiaoria era la corona de oliua filuaggia.[mpero che fi cóbatteua per uirtu & per la fama non per defiderio di di 

iiari,& qfti fi faceuano apsfo Io Alpheo fiuinc,Ioco celebransfinio dela greaa del qual Vlrgi.& nioln altri poeti 

hanno derto . 

DELLE QMa VE SF EOE DEUE CHIESE, CAPITOLO .1 f. CMa le specie del e chiesefono cinque &c. 

. , Vetru.alpresenreneuoledimoftrarclara 

A LE fpecieclellecnieie fono Cinqj, delle gione come fi debbono darete forme delie 

mali auefti fono i nocaSnl; Pvrnciftilo<: sacrech:ese,& in qlefc^Dartimento d'In/ 
.] lail tjueui lono UlOCa^llUi-t') cnoitllOS, f^fcoidmi/cioe spam che sono tra una co 

idelt de Ipeiie Colone,OlLÌtylOS,lin poco lonnn & l'altra/fi collocano diftintamcn/ 




Upiu rimeile.DYaftilos , di più fpatiofa lar 
ghezza, Più rare quanto bifogna intra elle didutte . 
AREOftylos.EuftyJos , co giufto scópartiméto de 
glifpatiJ.AdùquciIPycnoftilose quello il qleuna 

grolTczzaSCmezadella colónanerintercolùniosi , ^ ^ ^ 

puo,terponerepgimodocUch,cfad,Y.ncrenel K;/r„S„5r ''.["et^t^pS'?,? 

Foro del UlUO lullO Celare:oi se alcune altre cosi lo te breuementcezpone quato importa la fi* 



teellecolóncqfta ragione fi mcftra cerne 
diccino m uno erette posare dun'hurmo 
cólegàbechi più & chi manco apte-o di/ 
ftanferunadall"altrn:& quante ^rofeze 
d'eie pofTonc entrare di fpatio di una ga 
ba alMitra, accio (tire meglio polTa ben 
fermo diritto in piedi a suft.nerii il corpo 



fio cópofte. Ancora il Siftylo e quclio nel qle la grò 
fezza di due colóne ne l'intercoiunio si potrà collo 
care. Et i plynthidi delle Bafe siano di eq luridezza 
d'eflb spatio che farà tra unPlintho 5J l'altro , p ql 
modo e la chiefa della Fortuna equeftre. al Thea 
tro de pietcajSCl'altre che a simigliante ragione fon 
compofte . 

if 




gnificationcdi quelli uocaboli:£ta noi al 
rramcnte non e parso ejfpoiierc , ne darlo 
Ethmiologia pdietu gli puoi uedere nela 
presente figura &c di quanta diftatia fia nel 
lo IntercoU'mio del Tycnollilo da .A .B. 
il qualee una & meza cc'óna.pigliàdo la 
mesura nel baiVo della colonna . Cofi fu la 
chiesa di VencCjdetta genitrice-perchefu 
l:o Cesare s'eilimaua eifere della ftirpe [it 
lo figliolo di Enea cheuenneneranoda 

pò la dcUrurrióe diTro 

ia. & qilo fTrmo eflo 
Cesare quado laudo In 
Zia sua [ulia dicendo 
chela materna (\ia fge/ 
nie era nata da gli Re & 
la paterna cógionta co 
gli dii Immortali per 
causa di Venere matre 
di Enea come scriue sue 
tomo Tranquillò il me 
defmò anchora dichia/ 
ra come [uUo Cesare he 
la sua edilità fece tifo/ 
ro/ cioè il palazo dòUC 
fi rendeua ragione ^ co/ 
me dapoiefTo Cesare au 
giilló ne fece vn'aitroa 
badando afTaiiamulrì 
radine & i litig^nri an/ 
Cora rullo Cesare hcno 
ro Roma d'altee cperft 
romei! Capitello dùU€ 
K ivii 



LIBRO 



TERZO 



fece portici. Similmenteil Sk^K^os nella presenfe figura puoi dis cernere come dice.CStft^'los . Q.uefto eqllo che 
i:) grolftzza di due colonne nello inrercoluiuo fi potrà coUocire : Ma può ucderectiLquutu Iiiart-oAinimo p.re 
che proceda d.iUa larghezza dei Plpichide'cioei quadri che fi fnnuo .ti la Basa nel b.iUo comeciiuedi leterniiiia 
iiuui che segnare habbiamo alla figura 5iftylos per le licrere.CD.E.F.G.H.lequali si aivizz-.ìno a line, a pionibo 
segnare ancho di sopra di lertere.LK.L.M. Adunque panie coG douerfi uer.inienreinrendciela diftantia cr.i vna o./ 
lonna & l'alrra noniinara InrercoIunio:Ec di quale generarióe fi fia debba incominciare & capire era l'uno & l'ai 
tro sportare dei plynthidi quando il Baftone da ballò d'efla Basa cade a linea a p lombo.coii es fi plynchidu^ lo 
sporto o uero agetto del Cimatio del Capitello. 

ca"<^ftEgcnerarioni,i'una & l'alrra u./ 0^6^^ gencrationi J'una Si l'altra uitiofo hano l'ii 
tioso hanno l'uso.cìoe hano troppo ftret so'.Perche Je madre dcUe famiglie qnado p fupplica 
to gli IF"' ll"ll' ?£°"n?Pr?/nnl[Vw"^ ^^ soVts. i gtadj saqljeno nò polVono tra lo fpatio de 

ecosa dafiperecheqllijntercùlunii II CO' , _^, c^ A^ L J ■ ^-1, 

ccdeuano tare :u più perpetui cdificii che "" .-^~ - ^~ ■ •« ^ -- 

fi f.iceuano.CTPer che le madri delle fami 

glie &c.ln qitù luogo Vetru.dimoftra non 

solatuenre la quantità della Colonna & 

l'intercoliiniccioe spano da una colóna 

& raltra/& quato potea effcrela sua altea 

2.1, fi bene la saperai calculare : Ma dimo' 

ftr 

gì 



le Colone a braccio a braccio andare, si nò hauerano 
fatto gli ordini: Anchora l 'afpetto dell'c Value si at 
tura per la fpefsita delle colonne, & eflc Statue si of 
curano'.Similmente intorno alla Chicla per le ftret 
tezze sono impediti gliandaméti. Ma del DIASTY 
ira anch'ora fagrauita &amicabilecópa/ LOqueftasaralacópositione:quando lacroflerza 
SrdS^^migl"^^^^^^^^^^^^ detrecolonnenellofijtercolùn.omterp^nerepotc 

Ti come anchora ai.di d'hoggi s'usanoin mo,tanto quanto e nella Chieia di Apolline , 6c di 

riolte regioni, & per la nollra Italia,& al — • ■' -,•-•■ . fi t.^ 

trouecoft denob'li huonuni quato di dò 

nc'& maxime in Napoli gentile. CVA/ 

IVE'Cioei fufti delle porte eh cseruien 

te sono a serrare & in dentro aprire,Ieqiia 

li s'adornauano de Aucrio & oro > come 

ouclle che discriue Ouidio nel.z. del me/ 

tha.fifaceuanoan- -- «-r, ct-^ttm 



Diana:Maqucftadifpositione anchora ha de difTì 
eulta, che ql'Architrauipergli spatii larghi si speza 
no:Ma neìli Areoftyli, ne ài Pietre ne di Marmi gli 
Architraui usare e dato, maponerui Traui di legno 



chora de Bronzo to 
ne le porte del tem 
rio di rranoinpu 
gli:i,ilquale epen' 
file fi come la sua 
piramide mirabi" 
le. CM'^^'^IDIA' 
sr^LO fi può dire 
Per compofitionea 
-greca propofitione 
'itiU. Dia, in lati' 
no fignifica., per. & 
ctthAo« /Cloe colon 
ni' da quello e det 
toDiaftylosfignili- 
careper colonn.itc 
ci&ealpiio uero pei 

fetto colonato il ql 

di tre colonne fia L 

spano tra una cole 

na& l'altra: 8c più 

nefeguea carte.??- 

Di quello scompar. 

timento fu fatto ql- 

Io marauiglioso s« 

pulchro di Augnilo 

a iniitatióe del Mausoleo di Caria il qual 

fece fabricareArtheniifia.d'elTo a carte. yp 

detto habbianio : Et quello fu in Campo 

Martio fabricato in Roma: & gli fu ag'/ 

giontododece ofcite principali a imita/ 

nonedei'.iz. segni Celcftì : oltra a quello 

«ui nello obelisco di pietra furno inserì 

ppe alcune leragliphe'cioedfare delcccse 

della natura, Philofophlcamcnte secon/ 



DEDiAsrrLrrNrERCOLVMNrr,ErLA figvra AREOsmrwA de q valz 

INrERCOLVMNUECERrALlBtRTA DA. 4. MODELLI 5rN0 A CÌVAWrO 
d 'elB; colonne la longhezza d ampia difenna collocare e cgnfacen te . 




perpetui. Et le rpccie d'enerhiefe sono Barycc: Pari 
ce:Phalc:HumiIe:\,7TniIe:che spacicsamente s'orna 
no con segni FidliIi,o uero c5 Metalli indorati': Gli 
Fronti fpjcii loro al coftume di Tofcana : come e al 
Circo maxi'mo di Cerere, K d'Hercole, Anchora nel 
Pompeiano Capitolio . 

do le AegyprieintcrDfetationi, da'l quale effo diuo Augudo aggainseil niirabileusoa pigliareper ordine dd 
CnomGne specie di horiolo solario con l'ombre del $oIe,Ie grandezze de i giorni & delle notti: « cofi da. ef^Q 



'CAPITOLO 



SECOblDO 



G 



78 

! obelisco li h.'ìueua refttto:obeIifco pietrn de vtiòpno còme una torrecella quadrata finale la Guglia di Rem?, 
Dipoi a qiielto Tempio ag lonse uno porri co iongo millepiedi:& iui coiiititui alcuni dilecteucli hotti & Sii// 
ne di marauigliosa bellezza: Ma di queitc cose & d'elfo Mausoleo che amngcua con la uia flammea , leggerai 
in Siietonio nella diseriptione d'elfo AuguUojiI medeimo scriue che Augulto veto nel ceftamenco che ne Julia li/ 
gli^U nela nepctC'fi ptt caso niorilfero-, fallerò sepoirenel suo Mausoleo perchel'uua e l'altra tu impudicisfi* 
iii.i. CDi Apol'ine. di queito nehabbianio derto a carrc.67- Ma il modo della chieda sarà fimile a quella di 
DI AN A : Di queit^ Ariftotele nella operetta delle c:ise m.irai.igliose della natura : del Toro della Orchofia Dm 
iiicjiìdice. Si uirra nei Te.iipio della Orthofia Diana elfere un cerco Toro da poterli fondere, ilquale quante 
-uolrei cacciarori entrano in elio Tempio subirò quali spauentato muggia & manda fuore come fulie uiua uoce. 
CMa ne gli AreoftyU &c. Q.uiui intende <li spam che sono da una coknna & l'alerà di quarcro grollezze di 
colonne fiano come nella gaicracione del DIASilTLO sopra de:ra ma uolendo inferire che sein qlti Diaftyli par 
cjsa ditlialc a ponerc i continuati ordini de gì' Architratu di pietreo uero di marmi:chem queiu dello Areo' 
Jtiio molto più per la diltantia grandclaquale il più fia quanco e la longhezza di tutta una colonna, dei suo or/ 
d:ne Nepero saria anchcra sigìirezza alcuna, setsli Architraui ccntiniiari d'un pezzo li poncHero sópra le colo 
ne, & se anello fuife cuao im pezzo l' Architraue & il Fregio col pluteale Cornicione a non spczarfi : E: perciò Ve 
truuio dicene con Archi traui di pietrene di marmi fiano da us.ire,ma leTraue di legno grolfe, & non li luendolì 
d'un pe^zj fi debbano incaftrarc infiemc. CTPerpewe. cioè connnuate sopra lecoloniu;perchenon faceuano que 
■fri ediricii arcuati sopra le colonne ma a palchi . EtperfireniegliolacuCignatione^cioepalchi'Sono da ponec 
ui csfì traui di legno, come anchora s'usa al di d'hjggi in mola luoghi . CTMaEVSr/LO/cioc la colonna de 
la ciuesaEVSr/LA.e da notare che alcuni antichi texti in quefta parte sono mendofi dciiumeri. Et della copar/ 
ririone, laqual fi debba diuidere come il DlASTiTLO in otto & mczo.akuni comeil SliTILO, in noue & mczo. 
'<r£t le specie d'eife chiese sono B ARICE'cioe di grande intcnanza come Ci sa comunemente le graui uoci fi sen- 
tano o per li canti o per altri mouimenti o ftref.iti ne i luoghi gtandi de Tempii richtufiEt pie prio Baricee ft.i 
to tolto della uuce & corpo dello Elcphante perche Barrhi sono detti Elephanti, & la uoce loro Barrhito, lacuna 
le e d "uno horrendo suono:Et e chiamata la chiesa Barricelo uero perche ella e di grandisfima eleuatione, p 1 or 
dine che fi uedeuano fare m antico da soldati le Torri da battaglia & altri edifici! alti collocati sopra i dcrfi de 
I v^randisfimi Elcphanri , o uero per cheelfendo spariosa , Può generarsi in elfi grande inton-izaiEt pero in que 
fttlettione ne pare grecamente siano dette BARICEPHALF'Cioe di grande intonanza/che sono fimile a quelle che 
jioi ch-amamo Domi o ChieseCathedrakjfi può direanch;,ra fia il Tempio de gì altri Tempii . Ma di quelli 
Tempii come fiano orn.ftì di segni fidili & indoran metalli, leggera Diodoro Siculo al sexto Ubrcriui mirabil 
mente dilfe circa il Tempio di GioueTriphiIi.Anchurafi^fVff.ioff. figuificatdoinus:iiauigium:porricU5:Turris: 
afichora e <i»;<r.£:'». i.cioe grauis. Ma anchora qucfto uoabulo poma dirse da Bafileas chefigniricaria la grandif 
fima casa RegaIe,o uero Imperiale Et perdo quefte chiese principali che còme habbiam.derto Icchiamamo uol' 
gannente II Domo o uero la chiesa CathedraleiEtdebbafi intendere esere tanto quanto ima grandisfima cr.fa Re/ 
galco uero Diurna. CJParice.aparcnibus qu* nauium genera sunt ex uariisccmpofitionibus,ufi paro : donde 
My^parone nauili fatto de dei sorte del quale val.M.che eia generatióe de nani gli. Perche quelfe specie di Teni 
• Oli & dechiese sono Fornicate,o uero teitudiiiate come la generarione delle naui:fe quali uolgarmtnce fi dicono 
le Voltefitte in fasceo a botfe,&ancho a crociere.pci di ce eifere anchora le chiese pHALE.che uol direalte & he 
cubate'Cioe a uso di pino.Ma propriameire sono dette Phale a falarica,laq uale e machina o itero arme bellico 
sa-Et perciò Roberto Valturia nel decimo libro cofi dicc;Falarica gcncraricne dearmi da scagliare,laquale usa/ 
no da le Fale/doe da i luoghi & Torre a ciò edificati / come piace a Seruio un gran dardo facto il ferro a to' nio 
d'un cubito & ha la tondezza del piòbo a guisa di spera,& nella cima d'eifa acutezza fi dice hauere attaccato il 
foco & con quefto dardo fi combatte: De le torri lequali eiler chiamate Pale e cosa notisfima,& da Pale e chiama 
ta FaLarica come anchora dal Muro e detta murale &iui più copiosamentepotrai leggere. Altri texti latini han 
no Barwe, Bancephale.quafìBarrhi capitari per Bans era una speciedi Nauili egyptii come dimcftta Herodo/ 
to nel.z.fijznifica anchora el portico & la casa come fi piglia quiui ^i 5.^Ah lignifica capo . Ma Vettumo oitra le 
eencratlcm de Tempii che di sopra dice essere cinqucdemoRra poi certe qualità o specie d'esse lequali chia/ 
ma Earcc'B iricephale, humile,o umile & late,o uero Laure,como diceessereal arco maxtmo il Tempio della 
Dei Cercs & di Hercole.& anchora della cuna fatfa da Pompeio,Ouid.Ma tu oooso spass^gia sotto 1 ombra 
del portico di pomp£Ìo.& in SucccDio leggono l'ri cello rcgalido Oceil Regdo hàucr fitto prodigio & augu# 
no afulioCesarcpercheintro in essa curia pompeiana co uno ramcttllo di lauro.& gì altn uccelli inrran dm 
tro il laceraro-doue poi lulio Cesare fu amazaro nel senato apreslu al Capitello . Pel dice di qiselle chiese che 
sono minore la chiama.HVMILE perche all'altre fi salle alla porta sopra certe gradbper degnita superna & uic 
tu d'esfi Dei a chi erano ccnftituite Ma queft'altre alle Porte loro deputare con certe ragioni religiose: non sola 
mente fi discendeua,ma anchora fi faceuano di bassa forma a cóparatione delle scprr,dettc:Alnin ..Itre fi faceua/ 
no rctondeo uero di più cantoni lequali Vetru.le chiama VRNiIeadinctaticnedelle Vrne lequali da^uolgari 
son chiamate Olle & scine,& quefte non solameute perche sono seruiente a tenere una certa quantità d acqua o 
altro Iiquore,ma anchora perche gl'Antichi in essesoleuano ponere le ceneri de gì abrusciati Cadaueri/cioe coC 
pi delle persone degne,à in esse ceneri per segncsotto a qual pnncipe sono uisfi fi dmotasfi (& non per dare a 
Charon come dice Diodoro-& luue.ncn ha untcrncseelqualeil porga con bocca;) perche fi metteua in bocca al 
morto secondo la consuetudine da^li egyptii ma era 11 dinaro di moneta col conio d esso Pnnnpe:accio p qua 
lunque tempo fusse trouata essa Vrna & cenere hauessero la memoria d esfi Pnncipi:& alcuna udrà scn e tre/ 
uato d'esse proprie psone fatte in 5pecialitate:& aimxtecó le monete d argento & d oro dei Re-dei gradi siimi 
rmperadnri-& P6tifici.uedi Plyn.allib.;?.a.x,capirc!i.Étpchein esfi Tempii anchora o in ogni parte di tutt» 
hi sacra chiesa fi soleuano reponere esse Vrne.ne luoghi i quali diremo Omiteni il q! Cimi terio e detto a ciiiis 
grxce & tero.cice trito terrenojcome uolesfimo dire nposo & absentióe di mcrte.Pcr dirte lettore a 1-uplimentoi 
ffouamo in una poltitla di antico reicto di Vetr.m cibio di Pancefcritto Laute.ilql iiocabulo pensnmo no fia au 
cho daporbin5corda2a:Kpbcncheinqftacapito. Vet.n habiadimoftracoilcituloefserede.).fEerte«J'due[» 



Fornicate» 
qos luogo 
fatto in ar 
co a guisa 
di forno», 



LIBRO 



TERZO 



^dclofo ìtitercoItmiirnondimfljoqtidJouocabuloriVparsopùnerloadimcftrarela qiialir;i& spcdd efli» 
Chiesa ondcfidtimeitelaponenio , Cìuelleinute sepurca,:?giuga(.ccui li iigUire i,in.)iio ihurefatte^cr la gtn^ 
te pam culate: Uqualisoaodl uica laudaca'CioegeiiHle& nobile gli quai Tcnipu fi dipucauaiioafpteiro a i 
fofiH o nero lauacrj , Et perdo dicechespcfiosamenrefi&rnauaiju con 5IGNI' tiui.' Sculture FICflLrne V-ifi o 
cose di terra cotta come fogliami & altri Anagliphi o uetp co metalli indorati &c.£c ti da lo exenipio m Roma. 



CAL presente e d.i rendere la ragione dello EVSrrLO'Cine ben cuicniiafo o che uogliam dire fia lo spatio tra 
una colonna & l'altra de la grosiezza di trecolonnc/& due come grandemente e prob.bik per Icrngicni che! re* 
xto ti chiari seconde quiui fi uede in quefta figuta segnata di lettere.^. T- i-tt per bai che auihora gli fia Ja dimo 
ftratione della figura Areoftila segnata co 



B 



|elittfre.A.A.& douriali dirne come che 
li tcxto di Vetruuio la n.irra pure in que 
Ilo capitolo a carte. 79. Urterà, P. &nel fé 
gucnte a t;irte.8o, luterà. Q.. la chiarire/ 
me. CJAdito'Cioela cntrara . jfAnda/ 
mento /Cloe lo andito doue fi pofsa m/ 
toriio alia e ptlla andare & conimoda/ 
mente usare/ Et cefi faccndcfi s:;ra deaut/ 
tori tate, de grati a rcp, ntunc & nenera^/ 
none/ tue aprouato di doucrfi ufre per 
cslb modo . C MA la ragune di quello 
cefi fi miinifeftera.La frónte del lu.go &c. 
dumi Vetruuio ne dimcftra la diuifio/ 
ne d'ogni forma di Chiesa fonica : per 
ben chesolanuntedi quelle qu:ittro sor/ 
ti ne dica /Cloe rerrallyla . che uol dire 
una generatione the nella fronte ha col/ 
locate quattro Colonne/ TjTpa grecequa 
tuor I <tine : & «th^o» doe colonna . 
Ma quelli nume/ 



AI presente e c3a render la ragione dcTEuftyloil 
gnale grandemente e probabile : 6i a l'ufo , & alla 
specie , & alla firnìezza ha Je ragioni nianife 
ftate : perche , sono da farsi gli spatii tra una 
colonna Si l'altra , della gro^ezza di due colon 
ne 8i della quarta parte della grolTezza d'una 
colonna . Et a quello che sarà nella fronte d'un 
mezzo Intercolumnio : l'altro il quale sarà nel 
la parte di drieto, sarà JarOT della grolièzza di tre 
colonne. Impero che cosi hauera OC dello ,afligura 
mentolo afpetto bello , Si del adito l'uib senza 
impedimento : OC intorno alla Capeila i'anda 



r di modelli di 

uideuoli alcuni 

hanno dttto. 

dJSeScr.mno de 

sei Colone in par 

te.Ì8. alcuni. 19. 

CTSeOclaftylo ciò 
e di otto colonne/ 
sar.mnj coftituite 
fiaduiifoÌa.24.al 
cani Conici hàno| 
(critto.z^.& mczc 
douerfi Scoparti re. 
Pure il tejcto dic£ 
in.24.&mezafidt 
ba Icompartire, 
CCrepidmcPhn.l 
cìi 4'to ncl.zz. par, 
!ado delo achantt 
Virgulto qle e ha 
ba artaaleope ro 
Diarie cioè nido/ 
■ naie & figa rate ne 
diceniuGelfomin(> 
qle e di foglia acu 
ta & che uelle i la 
bri & extreme pai 
te delle pareti o l' 
mi tarli 'Cloe le Crej 
fidine del le mar 
gme. & Virgilio 
nd.Jt. chiama Crc/ 

pidine,la eminenria ern à uno alto risfo. 
& cofi U terra anchora nella quale l'acqua 
li oftnde& fa crepitO'.la chiamaro crepi/ 
dine, corno Coluniella ni nel'agricultura. 
£i per ben che in altri modi qfto uocabu/ 
to fi expoaa nondimeno in quefta patte il 



LAFrGVRADEL'EVSTV^LO,LAaVALEESERVrENrEANCHORA AtTETRA» 
SrirtlEr CL'AREVSrrU INrERCOLVMNII. COME A CaRIc. «I. SI VtDfi 
ILA PROPRIA FlCVRA^ErULEffERt CHESONO SèGNAlELN 
ESSA >MOSrR ANO I SlGNlHCArU 




a ragione di quedo 



liqii 
o il 



mento d'auttorìtatc . Ma I 

manifefterafsi cosi , La fronte del luogo ii qua 

le alla Chiesa sarà collocata s'ella sera da far 

si TETR ASTILA siadiuisa in lUidece parti* 



CAPITOLO 

& ftieza : cxcetto le Crepidine 8C de le Base gli ipor 
ti . ò'esara di sei Coloiane: in parte deadoro- Se 
Odaftyla sarà conftitnita : diuidasiin uintiguattro 
parti &meza. Anchora di giiefte parti -.o nero che sia 
Xetraftyla,o Exaftyla,o (Jdaftyia : una ptc sia pre 
i'aM efla farà li Modello il ^'l Modello sarà la gros 
sezza d'una colóna.Etciafcuno degli itercolùni,ex 
cetto quel di mezo,di doi modelli ócd'nna qrta pte 
del Modello. L'intercolùnio di mezo.neia frótc,6C 
nel poftico ciafchcduno di tre Modelli. Di effe colo 
ne, l'altezza sarà d'otto Modelli & della meza pte 
d'un model lo. Cosi da elio icópartiméto gl'inrerco 
lùnii,8i l'altezze dele colóne hauenino la giufta ra 
gióe. Lo exéplano di quello nelTuno habiamo i Ro 
marmai Asia in Tco.l'odtaftylo Tcpio di Bacche; 
Ma eili fcópartiméti cóftitui Hcrmogcnc,il qie acho 
ra fu'l prio che trouo la ragióe de l'odaftylo & del 
Pfeudodiptero.lmpo che dalla symmetnadel Tem 
pio Diptero leuo gliordini di détro delle colóne.58. 
Et co quella ragióe refparagno la Ipefa &fecc l'opa 
pftoEiio 1 mezo de l'adito cgregiaméte fece il lalla 
méto itorno alla capella".& dell'afpetto nefluna co 
fa diminuì ^ma sézadisiderarui altro fupfluo , cóser 
uo I "auttonta di tutta l'opa co la diftrilDutióe.lmpo 
che la ragióe del Pteromatos, & dele colóne itorno 
al tépio p quefto la difpositióe e ftata trcuata, accio 
che i 'afpetto p l'afpita de gii Intercolomnii baucfle 
auttorita GÌ tra di quefto se dal pioucre de l'acqua 
fufle occupatióe Si ui fulTe ìterchiufa la moltitudine 
(de gì 'h uomini: accio s'habbia nel Tépio SC itorno a 
Ja capellap lo lafciato fpatio il libero dimorare. Ma 
gucfte cosi manifeftate nele difpositiói deTépii Pfc 
iidodipteri:Per laqlcofa pareHermogene haucre c5 
iaccuta Kgra diligctiagli effetti dell'ope fatto, 8f la 
fciato i Fóti dóde quei che uenifleno dopo cauar'po 
telTono le ragiói delle sciétie. ManeTépii AREO 
ftylije colóne sono da fiirsc , che le grollezze loro 
siano de la parte ottaua de fue altezze Anchora nel 
DlASTYLO e damelurare l'altezza della colóna 
■in otto parti èC meza: 8f d'una d'effe parti la groffcz 
za delia colonna sia collocata Nel SISTYLO Pai 
tczza della colonna sia diuifain noue parti 8C me 
;Sa*. & d'effe, una alla .CrofTczza della colonna sia 
data. Anchora nel PÌCNOSTYLO cdadiuidc 
re l'altezza della colonna in dicce parti tKd'ede 
una parte e da effer fitta la groffezza della colóna. 
Mane Tempii EyST^LI le colonne Ccomc nel 
OIASTYLÓ ) in otto parti 8C mezza siano a di 
Elidersi t £c d'effe una parte si^pn^tuii^A U^^^ 



e SECONDO 79 

proprio di CREPIDINE (Taia óraindsu^ 
ra aei mc;i)bn inugiiaci aella e^sa dei* 
la coioiina come quiui il baftone di fopra 
& quel di soCfo,& gli scaui,& tondini : t 
quali hanno gli spura o ueroaggctu tuo 
ra dello 5capo ' ciocia fine del fullj delia 
colonnari quai membri uanno sopra del 
Pl/nctio'cioe il dado quadro o nero diia 
maro rsegulo d'eifa Basa/(ì come nella gè/ t\ 
neratione delle Bafe uedrai a carré . Sz. £t ^ 
perao Vetr u.cofi le ha ciuamatc. ([Se sa/ * 
ra d' SEI colonne 11 suo In ercolumnio fi 
chiamer.) Exail,la.CSc Ociaiìyla.queib fi 2 
chiama gcner.uióe che fi forma di otto to , 
Iòne la sua frótt. CLo scempiano di que ■> 
Ito'Cioelo eifempio di quelta forma-Verr. 
in qitegenerationi di Tempii u uerc cnie 
se,pcr tiure di egregie iiancraci nò ha uo^ 
luto dimeiiticarlc:eiIendo che di cicquifita i 
inueimóe difideraua la citta di Roma no 
eif.rc senza qucita guittatione di Tempio 
Ecpero due a l'imptrarorc/neltlmo hab/ 
bi.mic in Koma,nia nell 'ASIA-, in T£0' i 
cioeoppido o ciftello di Theoii/dclaqual 
dilcriptieneein Plinio aUe)rro llbro.>.^. ! 
capuoli.rurncp.iria chequiui Vetruuio 
pari.iiltdl recparria di Anacreontepctta 
iyricoiiqualetu Icius: qila Ttrra t nella 
L;nia alla manna appreifo .nfniima cerne 
HciodUo & Ptclomeo demolirano F Un. 
anche ra f.t mentionc di reo nd.v. & di/ 
ceeìferelont.ina da Chio.kxi.imglic-. eba 
gnata dal marelcrio di Anacrcóte de Te 
lo parlano Horatio & Ouidio.iMa di The 
on da luni.ino cefi trou.imo scritto. The/ 
ón, 1 Greci chiamano, un monte alto ol/ 
tre al (ino gadìMno che di perpetui fuo// 
chi arde,oItre dd quale ncrdeggia un col/ 
le di kngo sp:itio & da longhi lui circuì 
ro:ondefiucggicno campii pai spatioR 
che rifguard-ir fi poir..& di qui e. C& nca 
senza cagione) la opinione che de 5ary ri, 
& di Pan dio de p.ift( jri mcominciasfi ad 
hauerfede,&comcinquellinófiuedcco/ ^ 
sa alaina checiilnuata fia,tcfi neifuna cafa- 
Jiesegiioaeirunodehabitanri ui fi troua:' 
nel giorno e immensa solmidinc & graiì^ 
disfimo filentio : & la notte spcsf; fuochi 
ni risplcndono: & come campi spntiofi 
de soldati fi dinioftrano & suoni ouerru 
morideOmbaIi& Timpani si odono. 
Pom.rhecn anch( ra fu uno de,glt Sculto 
ri I quali facno quel grandisfinio Scpul^ 
chro Mausoleo del quale di sopra detto 
habbiamo a carte.yp. qfc Tcon uguaglio 
la inferiore akcza dtlla Tuperiore pyramì 
de con. 24. scalini riltrem.idofi nella cima 
in forma di Mera. Ma nella cima gliera vf 
na cirretra di marmo co qttro eguali cor/ 
renri caualltrlaqlefcce Pytis:ircui .iggio/ 
gnimeiito di cento quarata piedi in alte?/ 
za intlydcua tutta l't.perarnellaqle opera 
tiitca fatta di mirabile scoiptura : dolili 
parte di Oricntcopcro Scopas. dal setten 
trióe Brinxis.dal Mezo giorno Timoteo, 
dal OccisoLecchares laqualeopa manzi 
chc.'fulle finita mori Arthemi(ia:nia qftino 
mati sniltori p nò pdere la fama di tanta 
degna opa,nó uolseno ccITare fine a tanto 
cbe aó rh€t)«!i9 fiiu»>&li)(cuca al pdecté j ' 



4 
s 

6 

7 

E 



9 

lo 



11 

P 

i z 



1*3 



i4 



LIBRO 

rheon quale fti il quinto che fini.Hexaftjr/ 
lon.Q.uefto uoc.ibuJo in alcuni texri Icrro 
habbiamo OClASrirLON cofa che a te 
leccorc dato h:ibbiaiiio notitu di qfta fcor 
retri one:onde cercarax operateli megliore 
per qlta dUhiitione&scópartimento'dJ co 
Iòne come feceqllo H£RMOG£NE Alaba 
dco. BACCG.chi tulle qfto di sopra a c.ir 
tczz.edecto.CJPseudodipteros. fi narra a 
carte. 7j».CSpiiraetfia.fi narra a carte.! S. 
CDiptero.fi natta a carte.Td.CI-airmuH 
to/cioe spatio laffato da ufatfi.CI'npeto 
che la ragione del PrEROMATOS/cioe 
del alaniento o ueto ale di muri : e dettò 
anchota t^ì tpoir.grec*. Ala in latino o uè 
ro m qft^ parte da noi.uolte a crociere , o 
uolte in atchi o a botte.per qfto PTERO/ 
MArOS'CioeaIaaone.((]7rntcrcoIuinniox 
Cloe spano tra una coluna& l'altra. COI 
tra di qfto fi d.il pioucre de l'acq ftiffe oc/ 
cupatione &c.Di qfta rajjióe hatierenio an 
choranelhb.y.iiella Icttione delle paleftre 
a carre.izS.CTPseudodipttri. a carre.yj.p 
che pseudodipteros/cioe falso alatorala/ 
to Ali di muri.Falso'Cioe nò paro. CTMa 
ne Tempii Areoityli &c. AREOSrVLO/ 
aoe una gcneratione di Acde/cioe Tempii 
o ucro chicse,che gli fi collocano gli Inter 
colunii/cioespatu tra una colóna & l'ai/ 
tra/de diftanrin grade & qfta e ragione de 
gli Arcoftili:Ma le sue colonne fiano fatte 
di otto tette alte ciafcuna coIóna,pigliàdo 
la xefta nel ballò della colóna. CAnchora 
nel DIASriTLO &c.Diaft^lo/ cioè specie 
Ionica da collocare la chiefa chehabia gli 
spara tra una colóna & l'altra di grolfei 
za di tre cotóne pigliado la grollezza del 
baifo della colónajcomeil texto dicca car 
te. 7 7 'Et eil;i colonna cofi e la ragione di 
darli forma che la sua altezza sia mefura 
ta & diiiifa in otto parti & meza »& una 
di qucfte parti siali diametro nel baflo. 
CNelSy.tylo.srSTi'LOS' Cloe specie o 
uero gcneraticne di fare la chiesa che hab/ 



li 



16 



TERZO 

groITeza del balTo fcapo deIJa colónz'cosi s'haucra 
p rata di parte la ragióe de gli Intcrcolùnii . Ancho 
ra a ^'I modo che crefcono gli fpatii tra le colóne,c5 
sue f)portiói fono da accretcere le grolteze de gli Ica 
pi. Perche si nelo AREOSTYlo de la nona, o uero 
decima parte la groffezza de 1 a colóna farà fatta so 
tile & debile aparira: Per qucfto quello che nella la 
titudme de gU intercolùnii l 'aere caluma èC dimmu 
ìfce la grofleza dello afpetto de gli fcapi.Ma p lo c5 
trano i J Picnoftylo si dell 'ottaua parte della grofìe 
za farà fatta,p la fpeiTita bl ftrettezza de gli Interco 
Iianii,gó fiata & nò bella farà la fpecic. Et cosi delle 
generatiói dell'epe bisogna pfeguirc le symmetrie. 
Et achora le colóne de ca toni fono da farsi più grof 
fé del fuo diametro la gn^'gesima pte : pche elTe da 
raere,itorno so tagliate, & più sutile apparono elle 
re a irifguardati.Adugi quella cofa che falla a l'oc 
chiOjCol difcorfo di ragióe e d'aiutare . Ma le cógió 
ture nelle sumita de gl'Hypotrachelii delle colonne 
cosi sono da douer elfer fatte,che se la colóna siap; 
meno di.xy.piediJabafTagrollezza sia diuilai par 
ti sei :&: d'effe parti, le cinqj alla cima siano cóftitui 
te . Anchora quella che farà da. xy .piedi a piedi.xx.^ 
nel baflb fcapo i parti fei SC meza sia diuifa,8f d'eflè, 
parti cinqjX meza la groflezza della cima della co 
Jóna sia fatta. Anchora quelle che sarano da piedi 
20. a piedi 3o.il baffo fcapo si diuidain parti fettc,8C 
d'effe le sci , la cógiótura di sopra sia fatta. Ma quel 
la che da.jopiedi a.4o.sara alta : la batta groflezza 
sia diuisa in parti sette Si meza , & d'elle le fei 8C me 
za habbia nella cima la ragione della cógiontura . 
Quelle che saranno da .4opiedia.5o.sonodadiui 
dersi in otto parti ,SZ d'effe sette nel sumo scapo nel 
Hypotrachelio si cógiungano.Anchora quelle colo 
ne che saranopiu alte, co la medesima ragióe p rata 
di parte alla cógiontuta siano conftituite Ma effe p 
Io fpatio de l'altezza sagliendo l'occhio inganano 
lauifta.perlaqual cofasi aggiungano alle grofl'ez 



bla collocate Iccolónc di fpario»tn l'una 

& l'altra , della groifezza di due- rolonne 

nel loro baffo scapo : cofi saràno un poco 

piuremeitedel PKnoft)'lo Crome Vetru.a 

cirte.77 dice)Similmentedi qfto Syftilo 

fia diùisa l'altezza che sarà della colóna, 

in pasti noue & meza , & d'elle una parte 

alla grolfeza della colóna sia data nel bas 

so scapo.c; Anchora nel picnoftylo'cice 

generatione di collocare le Colone diftate 

l'una da l'altra di spatio d'una groffeza i " " 

& mei.a d ella colónarEt elTa colóna a qfto ZC le temperature < i 

modo gli fi da la forma:fia diuisa la sua 

altezza in dieceparti,& d'csfevna ptee da cffer fatta la grofTeza della eolóna.CMa netempii EVSTYLl lecòlóne 

(come nel DrXSriloìin otto parti & meza fia diuisa & d'eife vna parte fi cóftituifca nella grosfezza della colóna 
al bisfo scapo.BASSO SCAPO'Cioeil più basfo del fiifto della colóna doue fi fa un liftello piano a fimilitudl* 
ne d'uno cerchio che difftndeua alle colóne cheprimanjentefi faceuano di legno accio nò fi haucsfino a sfendere. 
Scapo e fpriqdódc escono gli seme incerte hfrbeoros e dódcRhodo insula disfero alcuni che fu chiamata da 
uno scapo derofa trouato qiì cauauano i primi fondamenti, ben che Dlodoro nel. vi. disfe da ma N/mpha Ro 
di.T amata dal Sole.Cofigli spatii tra una colóna Euftyla Gl'altra di grosfezza di tre colóne s'hauera la ragióè 
per rata di parte /ti oe coniicniente parte / Etnota che alcuni antichi texti in qfta parte fonò mendofi di numerf. 
Et dello scópartimento ilqlcuogliano fia diuiso Come il Diaftylo in.jf.pti & mczaralcuni cornei! Siftyloin.9- 
& meza.CAnchora a ql modo che crescono gU spatii tra le colóne,có le jjportioni'ctoecorrefpódentie/sono d» 
l g nccrescefcere le grosfezze degli scapi.CPcrche fi nello Areoftylo della nona,o uero decima parte/cioe fi sarà par^ 
tira essa altezza di colóna in.9.0 ueto.io parti & la grosfezza della colóna nel suo basso sarà fatta , apparirà 
essere sotile & debile onde dice.CPcr qftoqllo che nella larghezza degli Intercolunii l'aere cósuma &c.E da tie 
tace quello che la ragioae dmiottia fate nò sulameace in erse co$e £ Ig uedcrejnia g gixalai senfi de l'anima* 



I 



i7 



CAPITOLO 



^^■TEUtO 



so 



CfMPERO cheil «edere psfgne I.i belJe??.! &f.Q.iieftn M^ionenrffuMle.Ccflòfia chcséccdo AtiSiotéle. A nof if 
senso del iiederc nia«maniente fn conofcerc & la molta diffèrentia delle cose din cflra.Et pero actio nò ftia la ccn 
trarieta a impedire & far mai belle le nssruardaiiCie delle cose Archuert^ire-.a.trcneche U b.';idiamo co le^tpcrno 
b;>& pensa carne fa il Mufico a cócoidare je noci accio piacciano pia ccccrdàtia .-^lle ; utcchi & allo intelletto no 
ftrorp laqlcosa qu es(i uogliono ccc.rdare alcuni inftriimenci sonori : "fisatrotisrmamcnre chep le accrfscerto 
uerodiminuiredel tirare o allentare le exrcic corde f^nopuenire le mesiir.ite^jpcrtli.iccSf nàti ;tnoauoire;&.co 

' ^ ■ fi fi tcniperano qffi obietti faHi ..^ nò belli 

Impero che'I uedcrc pfcgne la bel lerza'a-Itìlc si non 
cófcntimo al piacere, co Ic,pportiói Seco l'aggiogni 
méto de modelli, uaftoK nóbelloarifgnardati di 
minuifccra l'aìpctto^onde quello nel ^le s'affalfa , 
rol tépamento sia accrefcinto.Dcllo agg'ògniméto 
che si accrefce nel mero alle colóne.ilqualc aprelTo 
di Greci «-«■» e chiamato: d'eflb ne l'iiftimo del li 
bro la ragione sarà fomiata: 8<: a qual Riodo conue 
niente molle ella sia , sarà fubfcntta . "•• '■ •^•' 



delle cr.;5C;irtitìc osamente fatte Jtqiiali fi 
rspsci'.tano a gliccchi licori. £r anihcra fi 
può in 4fto altro ni'. d<:< t/p^ nere. In. pero 
cìk'ì ueder( pse uè là bellt^^; àcDi «^lìa 
ce sa qlc e neceifria a^iVcrtic vcioe pipcc 
rina raj,'ionecóuiene che !V per. tcrt cale 
h nrsc Cl l'cchii, suo-Si due ni cifecc- 
5t':Ieqlichi le fa in' poro. 'In i.\iu e in. co 
m-a^gic'.ri-o min< n t:nr( the ftiSnr- buie, 
tutti i me'mbn&ellec' (l'ri una n cdUniii 
jjen'ftarieC & qiiàtirari ci membr- tw:".cao. 
clic fi to^ i>i p qft-c da se ina certJ p; sGóft 
chenf pi: c<? ql nò la sap enic •,:ltL;na U!:,l< 



r>é)fpriiii(re ch';:Ireregj<iara5petro- & ?; 
gli ochi nof^ri pare falsa: Et pa-acó'.ienealletrcIrerCTnperar'a farendf'nfftnachcnà d'nnaltrr: megliorequatica: 
intra il piti e'I manco»accio paia ncatrale intra 'e medicete^ ^rt ifc c'iierc intrilesunk & ftfctt;,o nero intra 
(e gonfi ire &■ gr.ldii 5qua!e:^r.1de2za n<5 e fjrara.pchc cif'ndc horrida.disft ima |a bellciza si-at&cofi a i rifj^uar. 
dati d'ein^fafhedifpiaceil iiedere^Ma tenip^radocó iin poco pin e m'-'cn'fìridiire1,icosa;irr.etro nedcre & lui 
poi e da annera eairn 1' Svmerria/ciocsct'parrimenrc & mesrr^/d'ftTi ptìperarJ:Ucia!tr«'Cc5e.C Dello aggio 
gnimen'"o cheQ accrescienel mezo alle Colone. Q.ueiT-opr rrn' uedcrenci'nlrirn'odi alfe terzo-Kincheranel.4.'ib. 
nella figura che sarà fatta a car.?9.Ma pchc tu pos'i'sppcrc cFCrare qftr t«f 'l'.qk lì^.ifca in latino tumeifatlio 
ne/cfoegonfiamenro'Erp ben chefn a'riini ffxri rrbfi- P^o trmiptr it^'C^"-. anchcf.T" lette in un ifXfo (Mgj.iAoH, 
c^e lignifica un\belico:nia EmphaFs anchora fitrnifica e^f sFone nr dimeno ne piace pai leggere En afis quale la fi, 
^ira sua (i dimoftra a carte. S9.& iui li manifefta.CMolle.cioe renero & non asp.ere.o consentito & uguagliato. 

Cr fondamenti delle subftrnftioni nelle Icro e perp &c.In óftp capirolo Vefr.uole dimoftrare Cjf mente f. r'Ii deb 
bone i fond.imenri di ciascuna opa che habbiamo a edificare:ar:ic che la ff;trica e ucfo mun'glia delle iubftfu* 
Sioni'Ciocg'i amurari sotterra fino al discernerc'leqli joften<?onoCitrelealiremcmbranEcfabriche.& sopra es 
segli Srylobari'cinedódeH-ilado cadeno le acque: .«^tylcbari Varronedcmóftra cifcre ncragnciilnira e naie pil 
<|leha gireacq-& it mejcfinio le H^'Iobate delecolóne dice c'ode ca He l'acq pchc fffuAoff nò solo iìgnilica lolena 
maligna &rrabe.&ej<Tot fignfica puio pcheccerrocsferediihcegrxi-i qh icyloban acora chi. m:imo redeftalli 

■dódescnpcftelecclene&sepra eift colp 

DE I FONDAMENTI Er DELLE COLONNE Er D£ GL'AR 

CHlrRAVI ANCHORA DE GLEALPRl ORNaMENìI 

TANTO NE LVOCHI SODI Q Vy NTO NE lEx 

NERI. CAPITOLO. TERZO- 




FONDAMENTI delle subftrutìiói 
nele loro opere siano cauateCsi trouà 
re si pno}al sodo,& nel sodo , qtiato 
dalla amplitudine dell'epa p ragióe 
si uedera da fabricaretlaql fabrica* p 
tutto il Soloquatosi può sodissima 
sìa fatta, 8i fopra terra alle pareti da fabricarc: sotto 
Je cotóne della mita più g!ofle,chc le colóne che s5 
da farse disopra". accio più ferme siano p le fabriche 
di sotto leqli ftylobati si chiamano, p che riceuono 
i pesi'.Et gli sporti delle Base nò efcano fora del so 
do. Anchora sopra le Pareti al medesimo modo la 
grolTezza e da ellere oflèruata'-Ma gli fpatii sono da 
farsi 1 uolte .o uero da aflodarli co pali , accio siano 
itcnutc . Ma fé non si trouara il fodo, & il luogo sa 
ra al baffo mobile , o uero Palude*- Alhora effo 
luogo sia cauato 8Z uacuato • Et con Pali di Al 
HO, o uero di Ohuagini o di Sàliginio di Salci, 



ne grArchitr::uic.fi .incora scpra effi ar 
chitraui i Fregi & c.rniciéi.rc.li gl'altri 
membri che sopra qjfi nano Ercofi esfi fiy 
lob: ti poftt se pr.i I:' f brica ci sotterra fi 
ano ài 'aiegr sstzza & ìi.rghcz^j thepcs 
sano snft'.ncrt le r.iembr.i che ài scpra va* 
no Coiiadi'iq. tfìmiln.enrecói'cnt frrpiu 
Jpertafa gressezz.i accio che f pra il p. do 
posf no tenerle p lo mede (he ti dimcftra 
Ilio nella iig;.t.' dcfc d-nunti o uelea car 
re.'o.o urro a tergo m qlta segnate cc le 
■lerere.A.D.et O.Mapis'.i inttnia'li'circ 
■fparii arcran a terzo aciitd: stpr./l terre* 
noamurti. ficcraeuedi p'ckttcrc.F.V. 
M ' prima haiicr. i da nof. re le parole de 
Vcr.nel modo ihe tu debi rmcre pniamcn 
fc. Dipei a porre Pali fi cerne ti nauemo 
;inotaro da.O. ad.D. Et I.i subliqua ma/ 
china lacjlecda ceficcare cslì Pah , cerne 
iiedi la fua figura laqleeariccara o fufpefa, 
a una e rri'ciila . Alcuni tcxti l.itini h.ino-. 
rebuftiis che lignifica Renerò specie cf ar 
bere ghiadi feri-fe leggi robullis feria fer/ 
reaggiógeàcora uftiians cicevibriilc.in& 
asfjdari al fumo. come Vi rg. di ce nella gè 
cr. Li roucri & Iigni pvHi al fumo accio 
cheindurifcane.Siiblicesonop; li & trcn 
ceni deligno robuftì & pricheaccra gros 
se che fi cauigli -no come nel fiume Pece lu 
lio Cesare donde fu detto a Roma il pére 
sublicio ili^le fi pcdeua leuare & rcloluete 



{i\ 



pIcnéftyTo 
a carte. 7 7, 



I _ 

al Libraméto i PediftaiJi sono da collocarsi Sopra 
ì Pediftàlli le colóne sono da ponersi ,p quel modo 
chcdifopraescitto:oiieronel Picnoftylo come e la 
Picnoftyla diftnbutióe-.o ucro nelSiftylo,o nel Dia 
ftylo , o nel Euftylo , nel modo che di sopra sono 
fcritte 6C cóftituite . Perche ne gli Areoftyli e liberta 
di guato a ciafcuno piace di conftituire. Ma ne Peri 
pteri le colóne cosi siano collocate- che quato gli in 
tercolùnii siano nella fronte,dueuolte tanto gli In 
tercolùnii siano fatti ne lati: Perche cosi sarà dopia 
la longhczia dell'opera alla larghezza . Et certame 
te quelli che duplicate le Colonne feceno s'è uifto 
ch'errorono: Perche uno Intercolùnio in lóghezza 
più che lo abisogno si uede sportare . 



.LIBRO ^. TERZO . 

Tot sepfS «sH & intra la rarità de i Coi (pa o et roUClì abfUSf atj sìatlO cóf catJ& p fom ì fllhlt 

'"'^".Ki'Ttn^^fi^ yn'^'^S.feidfri cei cauigliano co le machmerS: co i carboni si riépia 

te di carboni : acao u pou;mo diRendere i°-ir>i„ ii jn irf*^ 

à» i'humorc,comc disopra detto Jiabbia no gli spatii de Pali; & alhora dettructure sodiltimc 
tuo a c3rtc.7<s.dei tempio di Diana £phe j fondameli si empiano: Ma fabncati i fondamenti, 

fia-Ercoft le t-bricnelequali sopra esficar _t,.- ... ... _ » 

boni & pali saranno fatte refteranno per/ 

penianitutc:pur che fia ogni coCi per libra 

ta/tioe archcpf ndolara in pfetto piano/ 

Etftteccnueniffediftribnirecsfi edificane 

le cinque specie de chiese soDradette: fi sa 

ranno da farfi o m Picnoftyfojo SySilo^o 

Diaftylo o Euftjlojo Areoftl^lo farai (ì co' 

me ti ha detto Vetruuio:Ma ineflfo ARE' 

OSTALO pare clTcre una certa liberta fi co 

me ucdi intra gli Intercolunii segnati. A. 

Ma fi te accadcra a scópartuc una Chiesa 

Periptera uedi qllo che Vctru. di sopra a 

car.74 . ha dettor&uedi a cócordareql/ 

lo che al prcfcnre dice perche in efla lettio 

ne seno sei &vndeciima qiiiui parecóueii 

ga cllere di doi quadri tutta la longhezza 

d'eifa chiesa: Dipoi neparech'cfTo biafi' 

mi la dupluaticiie delle colonne fi come 

tu puoi mtcndfre. Ma letto habbianio al/ 

cuai teifti che in quella parte cofi dicono. 

NANCI VE Q. VI COLVMNAR VM DV 

TLlCArtONES FECER VMr ERRA vrS5E VIDEPVR Ci. VCD NVM. INrERCOlVMNfVM IN lONCtry 

DINE PLV5;Q. VAMOPORTEAr PROCVRRERE VIDETVR: & nota che gl'Antichi NVM,pro NGN,poso 

tio.che sana In difiercntia qucftaCa te uolgare)o dire VNO Intercolunmio.o NON Incercolumnio^ in longhe?* 

za più che lo abisogno fi ticde sportale. INIERCOLVNNIO / cioè spauo tra l'una Colonna & l'altra ma più 

retta ledh'cne ne pare vnirm . 

Cr Gradi nella fronte cofì seno da coniti" tuìre. GRADf iiolgarmenrealcuni chiamano Basfdlijaltrì Pecbì>noi 
Scaloni & Scalini. I gra.ncl frótc cofi fono da cóftit. Vctruuio insegna quiui che i gradoni dcle scale de i rcniptf 
fi douesfcro fare di numero difpare/cioe cajFo accio die qu saUiuano imprimo mctteilcrc a! ptinio grado il pie* 
dedexrro donde còmodamente poi al capo della scala fi poneua prima il dextro piede nella chiesa. Et quello il 
f.iccuano per bono augurio fi Como quan 

do cfciunno & cntrauanó in cafa & maxi/ f Gradi nella fronte COSI sotto da cóftituìrc , che sia 

me le noue 5pcse.Ci.ue(ti gradi non fiano 

fiiu grosfi d'uno SEXTANIE'cioe.z.chee 
a se;<ta paicedi.iz.perchcil noftro piede 
o ucro quello Romano di mcsura di Ar/ 
chitertnr.i e partito in once / cioè d;ra.i2. 
Ma trouati doi texn habbiamo che dice/ 
uano Dentante/ cice cauato l' scorante del 
Corpo di •iz.pr.dcrto remane in once»cice 
dita./.Adunquequcfti gradi sanano mol 
Co più alci che di.z.oncc . Onde ne pensa/ 
mogli Antichi scnrtori hauendo pcftoja 
Itrtera.D.ter.S.h bbiano causato quello 
flTorc:perche mai nonhabbiamo trouato 
Gridi di r.inta altezza . Dipoi Vctruuio 
segue diccu do . (TEt non più Tenue del 
Dodrantc . TEN VE in queiln parte iiol di 
restretto . DODRANTE fignifica enee 
o ner dita none. CTMa gli rcftrememen' 
ri de Gradi /cioè non fiano manco ftremi 
che SESQ.VIPEDE /cioè un piede & me 
zo: ne Pili che doi piedi . Q_uell,i larghe 
za fi faceua tanta accio ehc fi dcmottraife 
non'Solamentela magnificentia d'esfi già 
^it ma perandariii più commodameiite: 
fi come molte 'icilc sono anchcra in Ro/ 
ma di qlla fimile manera laqualcpogni 
tre Gradi hanno una piana più largha de 
lino CubiroMccio fi alcuno cafcaRc nò po' 
tefTe descendere più giù di tre gradi: delle 



no sépre dispari. Perche quando col dextro piede il 
primo grado si sagliera similméte sarà nel sumo il 
primo a ponersi nel Tempio. Ma le grolTezze d'essi 
gradi cosi da finirli giudico:chen5piu grossi siano 
del Sextate: & nò più tenue del Dódrante siano col 
locati: Perche cosi non sarà duro il sallire . Ma i re 
ftrcmamenti de Gradi, ne mancho che Sesquipedc 
ne più che doi piedi dimoftrano da eflere fatti. Sì 
milméte se ìtorno ala chiefa i'gradi sono da farsi ,al 
medesimo modo fare si debbono. Ma si itorno alla 
chiefa da tre lati il podio sarà da farsi ,a elio sìa con 
ftituitocheleqdreBare,ilTruco,lecorone, Lisis; 
ad eflb Stylobate si cóuégano-pche sarà fotto le Ba 
fé delle colonne . Lo Stylobate cosi bisogna clTerc 
uguagliato, che habbia p mezo del Podio l'agiogm 
méto p gli Scabelli difpari. Perche fc alla Libella si 
dirizera lo Alueolato a Tochio si uedera.Maquefto 
accio gli Scabelli ad efllb Podio conuenìenti siano 
fatti : similmente ne l'ultimo di quello libro la for 
ma & la dimoftratione sera scritta . 
§li uederai le figure nella dimoftratóe dcle fcale del Ih<^trp,3 car.iij.ma nota acora che può Ilare il tor.dic<Bi(foi» 



CAPITOLO 



^ TERZO ji 

CRncn più TENVE del Dodràte. per Tenue dei intendere eftesein larghezzaio uero tre gradi in fnnta aU- 
rezza che habbia i detti scalini grosh/cioc l'altezza di cu^cuno/un ScxtaiitCjche e doi dira: & largiji Cdoue 
posa il piede) un piede & mezo di ni€iUra,o ui^ro tanto che ui fi camini i;n palio & mczo : fi come sono ^.l 
nolìro S.icro Domo di santo Laureitic quelle scale che tiiguardano tra Mezudi & Ponente acl ucrno pur 
uieiitedimeno molto ncpiaceria quello Tcxro. Ncque aasfiores sext;,nte,nequereiiuiores dodr.ite demcura' 
do eleij;!nremeiite,chei -rad&ni de le scaie dei f empii non fi facciano più grcsfi'dut più airi d'un sextace 
Cloe dicce ditale pili sucile,o balfe de nciie,Lo allè-cloehbra/cofifi dluideiia da gl'Anthmccici ii<. Geome 
tri. Vncia e ditta da iino,pche dclle.xii.parte e una.El sexcante e doi onat, perche e la stxr.i p.irtc,il quadra 
te e trc.pcrche ha la quarra,&queito authora fi dice rruincio>quafi bis dempco triuuetx aiie.cioc d^i men 
n leuati dalla Iibra.El Dextanre e dccc,co!no a leuare alla libra un sexc.mte cioè dot oncie. El Dconte e un^ 
dccccc/nefia tulra un'oncia dalla libra. & cufi segue T Aifocice libra detta da i gicci hv«,.d.\ i noltri Min» 
colilo pai diffusamente puoi leggere Prisciano denumeris &. pcnderibus • Ne ucgUamo ancnora ptamtt^ 
tcrequello che fi coftuma da gli eleganti autori ufurpareper tràllacione l'oncia del peso perla nie^ura de 
m dito gì ulto per larghezza, & quello troucrai in Vegetip renato deRemi!itari,il quale dice che i Rimani 
nello scriueie insegnauano a ferire di penta cioè di ftocchacepiu prello che di taglio per cheli taglio pai di 
rado amara. Ma la ponta cacciata in corpo a diiccncie>cioedifa,ptr larghezz.i, sptifeuolcee mortale. £C 
»n4'to fignificato il piglia quiui Vetru.parlado de i gradi, la larghezza anchora ac i quali nò uole ha ma' 
co d'un piede e mezcne più de doi picdi.Ma il piede si fa di-icgaiftì dita,&il palmo maggior di.iz.mi' 
norc di. 4. il scsq^iipcde cioè cubito d'un piede ik mezo;il paffo de.>.lo itadio già di ctnto.xxv. p;;sibcn e 
l'odaua parte d'un iuiglio,chcfi fti d'otto ftada alla greca o ucro de mille pasU secondo i latiiu.Ete da la 
pere che le Mesuresoiio prcsedal corpo humano> ma da huonum gmlìisfimi perche i membri loro rcfpcn 
dei.umo a q.lc mesure, come il piede di.xvi.dita longo-.^ cofi la spanna o ucro spah mWfCcfi U cubito > « 
i! palFo elTtìido maggior delle comune ftature,come fu Hercole, & noi anchoran'habbiamo s'ifto alcuni « 
ma;fimein Napoli vno Spagnolo de più di.vii.piedi di ftatura longo>il quale cofi fi diccua haucre una io 
rella,& peiisauano alcuni che fallerò Giganti. CPodio e quello spatio che fi fa tra gli Itilobari dee pie di 
ft.illc'fi come DUO uederep qfte figure l'una retraltila segnata di leccera.R.& l'altra Atcoftila segnata, b.l 
quali h.ino gli ordini de gl'inragli come il rR VNCO'Cioe la fascia della Corona,il qu.l Irunco Veiruiuo 
dic.,trunci,cjrune,lifis:che fignifica acqua,onde dici tur lilimn o lifis/cioepolitura dcbilc& heuole . C Ma 
se intorno alia chiesa da trel.iti il Podio sarà da firfi. cioè come sariano alle chiese PciipterCjo ucro I seu 
d&dipcerc,o leHj'pecre.ArcGfi fimiledarakre come fi dice al libro sexro a.ii.capitoIi-CLo ^^y}^°^}^ "^f " °'- 
sogna eif.re ugu.i^'liato/ace di fucra uguagliare a lima retra/accio che l'habbia per mtzo del Podio lo ag 
giognmjento per un'alrro salire:Ma cfso aggiògiimiento sporta m fuor<i,quato e la meza larghezza del Al 
uco.V.et.F.ma h Parete' del- Podio.R.er.B.tja tirata in dentro^cofi csfi parerà Alueolata/doc cauata in dcii 
ero fi come gli Tauolieri ne quali fi gioca con i Dadi a tauole rotonde,& hauera gli ornamcnu come tu uè/ 
il nella figura Fresenfe:o uero coniènel quarto libro a carte. 9). sono farti gli Stylobati'Cioe- pedeltalli lo/ 

- - - ^ - - ■ • • . Le pai-ett degli 

Jine chedisp.iru 
'uno sopra r. litro 
poltiili comehaueremo nel libro quarto nell'ordine delle porte Dorice 6c [onice a car1c.98.lVla anchora per 
gii SCABELLro uero Scamilli,fi come,in alcuni texti letto habbiamo puoi intendeic i Gradi o ucro sca ini 
i quali ficeuano gli antichi dal primo fondamento che fermamente posasse segnato.U.et.U. Wil'^P^'J; '^Z' 
go & tutta uia reftrcmasfi di grado in grado dimoftrando il suo perfetto piano di ciascuno reitremarc a c{ 
/ì gradili de sparlo in spatio sotro esso podio &ftilobate come anchora e nelle figure ^"''''j^5"'^^'^^p]^[^'J^^ 

f heatro deuatora 

;ir.u9.anchora lo 

Ipoi ucderencl.y.lì 

|broacar.iz7.& ài 

qlìo ucdciai inesfi 

fplutei del The.ntro 

ficomeqftì all'o' 

chiori dimoftrano 

l'ai utariòi' Cloe p 

'eilcrc in fucra U fty 

lobati. Q. . o uero. 

,0-&inentroil pò 

ìdio: segnato. R.o 

uero.B.ccfigliSca 

■ belli 1 qli Rno fpe 

;^cie de stilobati: p 

schetffiiiófolarnetj 

tehanolaahicatu^ 

jiratmalo spcrtare 

l&lorctir.Jrejbrn' 

che nimgli ordini 

fuoi fi.ino p rcgul» 

ilineariichiin den* 

'tro&diiinfbra:a 




Coron s/ri/ 

oe s goccio 

latoio . 

Pcriptere. 

74. Pseu# 

dodiptere. 

lS.79. 

Hy^petrcii 

car.ci.7.. 

&.125. 

E 




Plureia ett 
te.zz. lette/ 
ra . E. et a 

car.iotf.iae 
teta.H. 



X/BRO 



TERZO 



Jknrfiorti gli'pno chiamare ScabcIIi Imputl/det e he tutti non tm Jone il largo dd s tiolo & ccntfnua mtifS 
gUa>ma ioiio come tu uedi nelle figure da cergo segnare di lerfert.0.et:.D.& cjclJc<.hic»e& ctil;. aifiHLuri« 
ne delle Cipeile di dentro & del Pronao 'Cioe la fnirc de la chiesa o come h.i bbiaiuu deunjitr.uo .. c^rce. v7> 
ccjfi anchora letopra demoftrateiielJa.Orthographia & Scenograpbia a carte.i^.ttptio leail.i libtiia'Uce* 
tegula di piano perferroWe deruerarseiua alcun dubbio ti accorgerai clic soiio Aluccl-ti' tJ(,t cui.iaue nel 
foiido>o ueru in acuto esfì gradili fanno la iìgura del uacuo. 

CFINITE Q.ncftetose. Q.uiui uolc inferire, che fatti i fondamenti alla pferticne, o fcpra il f iano mcffo 

ipianatameiitea squ:idro o icpra le laftre delle dure selue pietre f;ittea gr.diluo m-ro scpr,^ gii^tylcbati/ 
Cloe doue cadono oa Tetti le pioumtc acque/ ne i joi luogiu donde sono determinati a pontrtì per lo scó/ 
paramento o uero dlftributicne ben mesurata: i£ SPIRt'Uoe quella pai b^Ua pietra inu.gliata cun uaria 
te membra laquale fi pene sotto la colonnajeflà uolgarmentc fi alce la 6asa:nia e thiam^ta spira p chepare 
•i come uno riuoluto Iegamento»quaImcnte che fi legano anchoragli ..rbcri delle iiaui grandi o uerc altre 
cote fimigliate:niafpriamentc spira e 

uno circolo nnRente da vn punto aggira Finite quelle COSO. Lc fpirc ne soi luoghi siano col 

tamentea torcolato, come uno Serpe o locate & ^(Tp allo scomnarhiTirntr) fn<ci siaro fini 
uéro Biscia qii in se fteifagiacene suol locaie OC cueaiioscomparnmemocosi siaro uni 

eauoltigiri: £tfi ccmcanchura ucderai tc,chcJagroflezzacolPlJnthosia cicllameza grof 
nelle V f^'''''J;[^'"^±^^^^^^ sczza della Colonns :& la proicdtira iaqle i Greci 

del Ionico CapìtelIo:Ma m'aita parte II , . . r ii • •i'- i ^ ■ 

giufic .pprio la Basa della colonna co i •««*?*•«. cniamano habbia il quadrate, COSI maxima 

tuoi me,ubretti,pche intorno ad effe so p^éte larcra & JoiiM sarà una Qi oflezza & meza de 

no come ghirlandereuolute& circolate • i - *^ r li. • j- 

spire,o c.mt fune a uoite. Lo s(óparti la colona . La al tezza sua se atncurga sarà , cosi di 

mento della quaicvcrr. la da in queito uida5Ì,chcIapartedi sopra sia la terza pai te della 
:^^^;^^::;:!^ot^!A gtofìczza delfa colóna-.n reflo al Plinti s: Mei. 
pam , uni fi daeaiia Basa col Plintho. Excettuatoil Plintlio , il refto ouidasi in cjuattro 

parti, 6C sia fattoi) Toro di soprc della quarta par 
te:l'altie tre,equaln:ente si diui Jane: & una sia il 
Toro di sotto . l'altra parte co i soi qd retti sia fat 
talaScotica'laqualei Greci, pxU»' . dicono . 



PLINTHO/ Cloe il quadro chee mem/ 
bro primo nel baflfo' fi come M u:di se/ 
gnatolntraIelettere.a.b.&d^^'ilIelafua 
gròfTezza segnata da.d.3d.a.& da.e, ad 
b.lacile e p la terza parte di qu;it' e grof 
■a'Cioc alfa'tiita la Basa : la cui alteza e 



»8 






'«¥tlié(if 



^y 



rr-wy/iirat 'ééùiueiUit 



'imfmmm ' Mm 'm jn^z/ww vm'm ^^yM» */i '»ir , 



se;<nata da.f.ad.s^.&da.h.r.d.i."! cófine 

ddlo «^capo'Cioe ql/ LA FlGVRa DELIA BASA SERVlEMrB A VARIE GErVERATlONI DI CO 

Io che volgarmente fi LONNfi Q.VAOÌÌÌ; »0 VtKO CrtlAMAIÉ AnCVRGE. 

diceilpianetrochee 

del fuilo della ^lonf 

niii-'Ipttibaffo.CEtj 

la Proiechira la-jua/ 

lei Greci la chiama/ 

no i'Jjpj»*» noi fto 

A3;^etroo lo sporge 

fi il fo"a pili che la 

gro.feza del bailo del 

facalóiii come e da. 

f.g.a-l.a.&da.h.i.ad 

b.Écqti spirti in fo 

M sono ciifciiii una 

qrta p.irred'e.ro btj 

sodetl.icoló'iail te/ 

irto dice (iVA-Irate/ 

il ^'uo e mentatore 

Sext.iteiiT^Iioei] re 

rio appro iato . Di/ 

poi sc.fa .CCofi ma 

xini ìmciice lar^a&ló 

sa sarà vrn grolfcz?. 

C! mejra dell i cilón 

ild-iqueuicneae.r« 





i^juiii^a^'Éé^^ 



'^</^^/jzÀmmó^, W/^//A 1'^.^///éW«<^^r-r'^ 7 'Am 




tei quarti il rutto d'(i(a b^a.CLn altezz.i sua (6 ATTICvRCA sarà doeal mode di Amca eh gli... 
tno dire Arhenrenselaqlcfira nello scóprrrimento&mesuraCcrj'nrhia.r r^ (iadiuisp r^ier p n-edi so' 
prefia dn.p.nd.n.Ienii lertere.n.m.p.'.sono p una terza parte,dell.i larijhcz?^ del bnpp- M^-x cr 'i.na. CH 
rciìo al PLINTO fi lasci 'cioe l'altra tredetta patre che e un terzo di csin Basi fìa de? n'mrhr -cior il qdro 
o uero dado.CTEJfcctruaro il Plinrho/cioe nò ui cótando e(To dado/il refto r. uern qn "nn che rfmnre, diui/ 
dafi in qrtro cqual parti come ui moftramo per.i.z.3.4.& d una tia fatto il TORO i\ -^orrn TinroHo chf 
«olgarmeacc dicenio il 6 ailonc ilqualc e tt^ade a mede di peluino'Oeeil tondioo o uero cbUarioo cMl 



CAPITOLO 



TERZO 



tr 



fi in fiiBft alla cclcmùilqu :IceIttroaI Opftcllo/cJetrodflhcrbearcrfolarccuiiical Kmp<5dellacftattfif:iii 
Ho l 'barbose ghirlaiije Alir^imtncef.gn/hc.i |. cifoli m^ruofi liti c^rpo de l'anmi;.Ie/ ciGepejciteili o niiiicuU 
iquall se appyriscoiio miliare e iC^Tio ài tcicce^-.t come dei C.malli^oueVerg.uv:'-rtCtori;i.iIi:etto animoiu 
abbunda de i ori / ctoe nuiituli exc nei iii iUoii & piuii/ Ma tr.ino i Tcn / ciot b^ftofii ' prcpriamuiie de trtii/ 
di intorno rauolri alle tun. pi tuetceptr orii.imeiiCu.i»ia ^li Scultori & /\rchuttrori tgiegu , iucuo pei cofi orna 
te eu'eBase : quelto Bail^nt e «.e^iiatu . r . & sperei da . e . ad .u. il più bUoiido le egregie Bait : ^5a di que 
Ito Vetruuio non ha uolutu dire il ^^crdie aLcu..i le hanno letiratechi ^i- & chi nKtacho: c-nto a i Baltoiii quan 
toaì r^OCt-ULI'Cioei Scolli the ii i..nuo sotto il b-iuone etile i>;.sc& Altrag.ili .;\ftragaIiacarie.S5. non 
Sol .mente m quella basa che o'uero quadra o rotonda fi puc f. te ctn i.^ sua Coknnascncllaia: osccrmciara 
tonienedinioltrainopir le lettere. X.f.Z.^c. ma delle loiuce uoa ha t-.tro nunticnt . (J, i-<- altre tte,cqusl/ 
nicacclì<jiuidano.& J unafiaMctoil bauoue ai sotto segnato intra .d."'.e.t'. del qu.ile sportare torà nelle 
CicctUcare Base sono sportate equale al Plintho/cioe il Dwdoqu.,dro'Si lonic uedialine^a pkniboU lw« 
nee .p.ji. sopra .a.b. C L'altra parte co i sol quadretti sia fatta l.< ICOIICA 'tioe io Stano sotto ilBa/ 
èone/ segnata .^.lo.ii.iz. la cui sciuaturao concauita einniCzo dei CLVADKl/ciuei quadrctri o utTc pia 
nuzzi: Et sappi che da Greci e detto Scotica & Scotino. :quUIo che noi ducnio anebioso u ucrooscur : ma 

Siieilo membro da alcuni e nominato orbiculaoucrogiidla &'i Gnci 'fo.v.Aoy. Ma rrt ck* sisacneein 
tumentj daiirarepeli/aoela chioUola& i mannari la chuin>ano rroaio!a.dellaqu;iK'p;.rlaLuc..noquà 
do due e . emolte cose si tirano per rt.-tticle,& rjnipani/aot argani. Trochtlo anchor.i e uno ucuilo ilqi.ale 
iuetonio in Cesare ciiiania Regalie Io ' cice Regolo lo aspetto del qu;; le si exiftima giouatc a quelli che pateno 
l^ male Itlhcnco aoe aroqt(.iro Se uulgarc reniuilo.Ma eiltndo che la Basa del bair&,& aniho ne l'altcì scii^^orsoC 
toirilllello del coU.umo fi usa agli sporti loro Infinuare/cioc unire con iscauatura: onde farai che ua per un. 
quarrode! circa:oficonieuedi nei centro, ij. o utrow. facci la m'aggicre jcauatura,ouiroper la minore fi co/ 
4ue t. ij er.i 6. & le jnu che da quthepiombano fa che fi.aio concordarne con la concaua ScoricaCnia no« li co 
me akuui c'hanno f itt) tanto scauata chcpiombaua al nudo della C loHuaconieticdi la lettera, g. io. ctad.t, 
il. Et ;;ccade!idoti f re il Q inailo o uer.. la cormcetta intorno alla Colonna aundra segnata. 17.1 8: entro ad.&. 
^1 pianuzo.u nero rtniH.ienta figniftca estrema parte de la fasiia,come Virgil. deiuoftr-i fi fa Tenia della knga 
vaca 'Cloe Iifteilo'segnatc.Z.fa the nel fondo apprelfo al balfo Scapo. X.Y. fia alquanto più l.trgo de l'altro»* 
caso che l'othio superaijftif,, basa. A'-ihora fi ttaccadefarla seme lata fi comeitgnanio da .i^.ic. fa chela 
conduficnc CTrtnia cella taua Scaaeiiatura fia scpra la data linea.zo.zi.oucro a) pin sopra la linea. i^.iC.lC qua 
Il scimeli iture 1 ! nunco-fiano setti:& li più nouc tu'éndo pi^ne e(Te Colonne ; fi come anihcra liauemo da Vetru 
Hio nel quarto libro a carte,5^-tc cofi &<.i.vniio perfette leBase & le colonne. 



Mas'tlle saranno da farsi fonìce , 'e Syn":mctric loro 
cosi saranno daconftituire". chelalargherza della Bà 
sa in ogni fuo uerso , sia della grc{]fezza della' Colon 
na , aggiontaui anchora di effa grolTezra Ja guaita 



LA FICVRA DELLE BASE TONfCE DE DfVERSr MEMBRr SCOMPARTITE 
tf PERiViVrATI £ roKI'tr SVPfeRCILU. 




CMA S ELIE saranno da far 

fi ionice» le Symiuetrieloro ' 
cioè gli Scopartimcnti de mera/ 
hi d'eife base/ Vetruuio ne 
dice che dallo Scipo ' aoe il 
basso del/* 
; i:- ' la Ce Innna 

si piglia lo 
sparto fi co' 
meuedi in' 
tra .A.B. il' 
quale diui/ 
derai in par 
n sedei! » Se 
essa Basao 
a farla qua* 
dra , o toii' 
da per ogni 
lato fia can» 
fo quanto e 
la g^ol^ez^* 
della toloii' 
na: ag^icn/ 
toui il quar 
ro &uaoot 
tallo di ega 
grofcza» 
a rutto il 
PLinthog 

Vi 



LIBRO TERZO 

fómetifdi seghnto per le lettere fn«/ gf ottaua parte . L'altezza come la Attlcurga* & 

soPlititho.Cef.D.nel'uno & l al' • • •]' „ plintho • & il refto cxcetto ilPlin 

tro sporto scompartitamente :^oli \OSl Sia U SUO FUntno • OC U reiTO excetio ii riui 

rutta fa iarghcz?a nel Plintho della tho che sarà la terza parte della groliezza della CO 

integra B.^s^j^raprti uiutidoi-d^^ lonna , sia diuiso in parti sette . Dipoi delle tre 

mezi ottani della grolleZza deliaco/ • '- /• • i '^ i • u 1* ^ „ -.♦ 

lonna. Ma l'altezza fia come la Atti/ parti SI faccia il toro che e in citna: 1 altre quat 

curga . A r r r c V R G A/Cloe Athe j^q ^^^^ ^qj^^q c}^ diuidcrsi In due ugual parti : 82 

nieoseo rome se uso m Afneijeoia ., i ^ r ^^ ■ • n. -^P or :1 f.» 

rutta l'Attica regione laquaie e qua/ d'una parte Sia farto CO 1 soi altragali , K il lu 

*a >&ed£llamita del batfo della co percilio il Trochilo di sopra : l'altra parte al Tro 
IroTd^'uerriÌTuJdr'o'h^^il^^S chilc disotto cou p.anuzi et tondinosia lafciata. 
baffo membro della Basa /sia fi co/ tna quel di sotto apparirà tiiaggtorc t perche ha 

me e d'^;. Attica • CE^'i "i^fto «' uera al fine del Phntho lo sportare in fuora . 
certo il Plintho 'Cloe Ultra li prilla >,,, .7, t- j r • j fi, ^ _* j f 

piodei.A.ct. B.finoai.c sia dmt// GlAftragali sono da farsi dellottaua parte del 

so come di f"^"^'''g'''^3^^^g^'!,J° ^ Trochilo . Lo sportare della Basa sarà l'óttaua 

5SSpci"d?iié"trf parf/d"eiiefiafa't/ . & la sextadccittia patte della grolTezza della co 

Co 11 Foro ilquale e m cima . r O' loiina . 

RQ/cice quel membro che chiama 
tnó il Baftone che fi fa tondo segna/ 
to alle sue Canronate di lettere .E. 
Le altre quattro parti fimo diuise m 

doi parti equali : & d'una patte fia fatto col superciìio&lo Adragalo if l'rothilo df sopra . SVPERCTr 
irò/ cioè il pianuzzo che fi f* sotto il Baflone / se;;nato di lettera . F. Supercilio m quefti uocabuli pa/ 
re che habbi li^uttore pigliatola tranflatiope dal corpo humano>& noi sappiamo che la Colonna l'asfimi/^ 
gliano a l'huomo > fi come il Capitello al capo > & il fogliame sono i capelli , & il modello al corpo , & la ba 
sa a i piedi •» & il supercilio sapenio effere quello che il Vulgo chiama il ciglio > ben che proprio in latino d/ 
Ilo fia la palpebra de l'ochio > donde poi si dice supercilio che fia sopra il nlio , cofi quim per fimilitudine di 
quello spigolo come ciglio. Virgilio anchora piglia nella Georgi. per unaeminentia di pciggictta donde cor/ 
reaqua. ASTRAGALI ' cioè i tondini doppilo fimplici con ipianuzzi de spigoli che fi f.inno dai lari / se/ 
gnati di lettere . G . Alh-agalo quale e ornamento della Colonna quello rondino quafi a fimilitudmedelloa/ 
dragalo di'ennoosficello in nella gionrura del piede& maximenei Bifolci animali comò seri ne Ariftofele 
nel secondo della natura de gl'animali. Et de quiuienato che Allragalo fignifica il Talo infttumento da 
giocare ilquale ufauano glianrichi & anchora alcuni popoli si comereffera e il cuboo Dado . & Plinio 
neI.34.parlandodepoI)'cletodice che fccei putti aftragalizonri'rioe che giocauano coni Tali' come in lom 
bardia, ma già h:ìueano uariiimagfni cioè de Venere del Senione dello Auolrore& del cane ilquale era dan/ 
fioso punto > A: Propertio dice > sempre! danofi cani apparirò fi come Venere era guadagnosa &. lo Altragalo 
e quadrato la refferaedi sei lari & in ogni angulo scolpiuano una de quelle imagine predette > fi còme nel da 
do i punri fino a sei . TROCHILO / cioè lo scauo che fi fa sotto il pianuzzo del Baftone / segnato di lette 
re.H. L'altra parte al Trochilo di sotto fia lasciata . Q.ucfta bAbiamo segnata con letrere.l.K.L.come e il suo 
scomparrimenro che sporge sopra il Plintho. Et per benché Vetruuio habbia discritta la Basa Atricurga col 
Baftouedi sopra di tale quantitare non dimeno l'uso che di quelle lonitein Roma sono di egregia scoi' 
tura ornate per gli anrichisfimi edificii>non hanno ofllruaro quefta ruedefima jj'mmetria /cioè scomparti/ 
mento e mesura/ qual forseo fu per temperare l'asperità , o uero ombra che occultaua gli altri membretti:o 
ueto fulieper ponerle sotto alle colonne Corynthie come Vetruuio dice nel primo Capitolo del quarto libro 
pot?r!ì fare.Ma ne l'altra Basa il Bailone sopra il Plintho / cioè dado / fi come uedi segnato di lettere. M. & dì 
sopra eflb il Trochilo segnato.N. co i soi pianuzzi o che chiamamo spicoli segnari di lettcre.O.P.Poi gli Aftta 
Usbffcioe gali sculpiri nlla foggia di Lesbii» fi comegliscgnaa di lettera.Q..o ueròche fiano fimplicio doppii come 
iiltazUati/ uedi nella integra Basa ponno effere lisci & sculpiti. Similmente il Trochilo disopra segnato. R. con soi 
pianuzz(>& più grotto quello sotto il baftone segnato di lettera. S. Etil Baftone di sopra efl^e solamente 
d'una sctrima parte . Lo scapo. T. inCno ad . V. dinotando perciò l'tatero > quefto col suo debito aggetto 
fi fa a circolo, il qual baffo ' cioè pianuzzo» chi l'ha fatto alto delle uintotto 'parti una >& chi una delle trenta 
doi»a!cuni nelle Dorice d'una delleuinriquattro patti. Le linee.-» piombo* atraueisomoftcaiiÓidliu6|ÌQt 
mamenn; Di guefte Base uedi qudie di sanca Sabina in Rema «come sonno faCK» 



CAPITOLO 

lenite Te Base , SC collocate : Le colònfte di mero, 

nella frónte ÒC nella parte di dneto sono da coi 

locarsi a linea a piombo del centro di mero. Ma 

quelle de cantoni , èc tutte quelledelle regioni Io 

ro sono da farse nei lati della chiesa dalla dex 

tra&: dalla siniftra ,acc'o le parti didentro che al 

le pareti dellacapella risguardano, ahneaapiom 

boli latohabbiano collocato .Male parti di fuo 

ri come dicano elle della loro congiontura : per 

che cosi saranno le figure del la composi tione del 

le chiese ,fin;te con gmfta ragione cfel la cantona 

tara Collocati di Scapi delle colonne, laracrio 

ne de capiteiJi , se pulumati scranno , con cjuciti 

scompartimenti conformerannosi : che quanto sa 

ra groflb il baiTo scapo , aggiontoui d'cfio scapo 

una delle dicidotto parti : Lo Abaco habbia la lon 

gitudine o latitudine d'eda mita della c^rolTezza 

con le volute. Ma e da reftremare a l'uìtimo de 

l'Abaco nella parte di dentro delle fronti delle uo 

Iute , una decima 8Z ottaua parte , 8C d'ella lami 

ta • Alhora l'Abaco in quattro parti delle yolute 

seguano a l'ultimo de l'Abaco le linee a squadro 

Je quali cathete son dette . A! ho fa la groOezza 

^eda diuidersi in parti noue 8Z mcza.,5C delle no 

ne parti SC mezza ,una parte 8C rnezza alla gros 

sezza de l'Abaco si lasci : de l'altre otto alle uo 

Iute si concedano. Alhora dalla linea chefeguc 

la cxtrema parte de l'Abaco, se'ramefTa nella par 

te di dentro • l'altra rctorna una parte èC mezza 

nella larghezza . Dipoi efle linee siano diuise co 

sì , che quattro parti & mezza sotto l'Abaco sia 

no lasciate . Alhora in elTo luogo il qual luogo 

àiiiide le quattro parti SC mcza , K nelle treSCme 

za il centro de l'ochio della vo^'"^^ sia segnato*. 6C 

menasi da cito centro uno rotondo giramento tan 

Lto grande nel diametro quanto e una parte delle 

otto parti , eda sarà la grandezza del'ocLio , SC per 

'eflasia fatta a linea a piombo rispondente nel dia 

metro . Alhora dalla summita sotto lo Abaco co 

tnincia in ciascuna anione de i Tetranti il dime 

. Jtato spatio de l 'occhio minuendosi sino che uenga 

nel medesimo Tetrante , qual'e sotto l'Abaco. Ma 

''la grodezza del Capitello cosi e da farsi , che del le 

noue parti SC mezza le tre parti piombano sotto 

l'Aftragalo alla cima della colonna*, il Cimatio tol 

té.S^ l'abaco, sia del canale l'altra patte . Ma lo 



TERZO 



»? 



CFINire leBase,& cóHeiMre; te colon* 
ne &C.CÌ. lidio ne pare che il rexto chiara' 
mente dic.i.CGli Sc^pi cJelle colonne col' 
l(jCrtti.sC^p[/cioei c.<pi dellccolonnew 
to quelli da basso quàro quelli di sopra* 
C Se piiluin.ici saranno/ cioè fi a sol lectì 
poftì sar..iiiio/P VLVINO duerno uolgac 
mente un' piuni.ìccio:ma qfli furono più 
preito detti da csfi puluiii.irii chene i eiu 
[il fi >oleuano fternere cioè (tratare/ apres 
so a l'alt, re.ipparati il gicrno della fé* 
ftaConicquafi aspettando Io aduenimen* 
Code loro Oei; & alleuiiiande erano in» 
lutari alle cirimonie de pontl^;c! : quefto 
enti fiiiiile uso fi uede anchora .il tempo 
d'hog>^idi: perchendie r:oftre c.ruucnie 

I sacerdoti so^'iono dispoi;ereo in terra 
c> sopra rapeti i piumacci o cugini. PuIuC 
noanchorafi pigJia per- lo incruii ento 
col qu.ile pofto sotro la naucessa ir por 
ro-fa conducere: Anchon puluiiiarm P ài 
ceuano leledice di gli diiii o 'lero iiitauu' 
lati nei qu;ili ftauano gli rrt acao chepa 
rcssoiiopiu eminenti. Alcuna iiolt.ipuluì 
no einteso per il tempio: &tcfi Viiruiito 
piuoirra dicc.^TCon quelli scópartimen' 
fi conf&rmerannofi: e ime a dire per qual 
modo sarà ^^rofio il b:!fso Saipo de la to 
lonna» cice?.iraIargo'perdleesso Capi» 
rellc.secondo Vetruuio dice nel qu.irto li 
bro .i/cnrre.89.fi fa della rcr^a parte d'es* 
so scapo;Ma a quella IarfjhC72a fia agfjió 
ta la decima &otrauap3rte di tutto Io fta 
potacelo Io ABArO'aoeiI quadro o noi 
dire D;do che fi fa sopra if Capiterio se* 
gnatodi lertcra.CÌ.Ry habbia in tutto il 
^lospcrtare dei ctmatii da nitri i lati,ma 
coniput;jt,. ut Io spettare delle Volute» 
VOLVTE'cioei cartocci o uerr. l'.iuof,?!'' 
nicnri de capirelli'altuno Io haueano fat* 
fo quanto uno Abaco & me?o:ma nò har 
ueua tanto egregio aspetto c(iiantn ha qtie 
(lo che nella prcsfnre figura idimotlramo. 
Abaco ha molli fignif.tati. perche (i dice 

I I crtden ja douc fi collocano i Vafi per ^/ 
parecciiiareia mens^A quello il demo» 
Urano [uuenalc& Ausonio poeti re i qr.i 
li Wìnr^ dice sei crc'nl' padornarela ere* 
denza. l'altro riceche'l Redi .Cicilia A (^a 
thocle > per he era figliuolo de un urf-rci 
usaua ntl!a credfn?a sua f.ir .ponere ita £ 
Vafi d'oro gemmati altri Vafi anchcra di 
Creta o terra per denióftr.^rc che da humi' 
le fcrtunR per sua uirtu era salito a quel* 
Io grado & anchora per non insuperbire: 
eperoAb.ico fi piglia ^inchoni per essa 
mensa,e .nnchora una Tabula doue i Gee* 
metri disegnano le sue figure & calculi.Et 
per (imilitiidine Vetruuio chiama Abaco 
quella tibula df Ha Colonna in longo che 
e tra la cima & le uoIure,rioe i cartocci di 
esso capitello comec.CMaeda re(lrem.'«# 
re dal ultimo de l'Abaco scgnntc.Cl.R. 
nelle più .t ócn-ro parti delle Volute fi co 
merlri fetfer-.S.catbeta/cinelineaapiom 
to}poi E da diutdere tutta l'altezza dalU 

L il 




oLìBRO 

x:.«"ma del'Abatoinfino da b^ffoarl^t 
^.tiaiodfUe Volute alla leH:erR.r.& bla 
V .diuisam pam nouc& nie2a;& qutiio 

ì.Tiaperfarek quattro Volute dalie due 
N.frpiiri d'eilo Capitello . Dipoi che sa* 

>:j:andiuise,siadytouna farce & mcza 

: a l'Abaco segnato. Q. .R.& l'altre alle 

<:,VoUite da.S.ad.r.stcódo'Ciceappres 

rio 11? spettare del' Ab-^^couelHquac-/ 

jRo parti/Cloe le.qiiattro Volute apies' 

.'SO la quadranita nello cxtrenio de L' A 

• baco sofie da mesurarfi lelii)ee.kqua^ 

, li catliete son detti /cioè linee a pioni» 
bo.CAlhora delle noueparci & me/ 

. 2ia una parte & nieza alla gtcllezza de ^ 

. l'Abaco sia à L- 

,JflfciataIeaI 

i.JBre otto alle 

t,yptute(iano 

i.toiiftituuc. 

V,C Alhora 

» jjalla linea , 

j; «he nppresf 

j^odaUiiecf 

j trema parte -r 

, dello abaco ; 

;$ir3 pyfla 

,,|icna p.«rre 

^ài dentro la , 

rial linea e 

j( letteti. S. 

, niadallaler 

jfera . ^l.R*. 

].dilcenderai;,' 
vinrmoaitàe' 
jJtere.V.&iut; , 
jCoaftitutjcaiji . 
.&ii)conicii/; 
vZcrii i ò<xii: 
\^ntri delle 
^ Volute, & il 
jijecondi sotj 
,«ó<to.V.i'| 

x'r,id>!iapt4 
« segnerai lai 
;,lecoera.X. la]_ 
>-;4Ìt linea s:i/J 



aggètto del c'imath habbìa di fuori de l'Abate la 
Quadratura della grandcr-a ucJ'GchiolPuluim de 
baithei de l'Abaco ancho io.spoito, che il Cópailo 
come.sja pofto nel centro aiu^juadratura dei ccpi 
tello. 6i l'altro condotto al!ef:tiemo !Cimat;o,inior 
no aggirato toccando l'e.xtreme patri de Baltcì. Gii 
axi dclkyo^ut^ *^*^^^ siano p;H grosiìi, cl^eiagràdez 
za.d'uno ot-hiQ-&; elle volute cosi siano intagliate, 
• che della sua altjc^za habbiano-la jaagliezia, d'una 
duodeciniaparte.il j j; otiatir... .ao :^.vj) 



tl'7 rlrjOl'or* .f"ff t 



.f-iìAiiO SCAi*Q LA'.icOA!iPAHJ.:a"A iiiiiA.U! 



;in:' 




CAPITOLO 



TERZO 



M 



CBalthej cioè le cenrtire d 'cfle Volate o carrocci)iIquaIe rauolginiento pare che incomincia come uno P VL VI" 
NO'Cioe coginoo uero Iwogo ilqiul f.jccu lettcgito e segnstoccl.b. Epitrachelio della colóiwciot scipo a ts^ 
saCoIonna,ch*edi parti cinque,eireado il suo baici sc.ipo dnusoinpHrtiseunialcparti su triplicate & trucio 
me quelle de l'Abaco sono diciotto.Etconciofia chelelineca pionibo alf.ii da ;ìiiiiot.ire fiano cuii qu;.iita regni» 
dagli antichi Architettori fiilTeiio imitate a corrcsponden conlcmtnibra dilla Basa.Ma perche tu ueggi un;iltra 
sccnipartituraCpcr bea cheatrica)quiui anciiora pofta l'habbiamo:!! balio Scapo dtll.r colonna. A. li. ccrre(pua 
de per linea a piombo Col. C.& sono i sol sporti o aggetti.D.E.d'una ottau.<parte,& sextadecima:Qi,tlto sc;Hpo 
e alto la sexta parte del PUntho:!! toro'CioeilBaltone/segaato.f.ealto un settimo d'elio scapo: [I l rochilo col 
pianerti/cioelo scauo'da balfo segiiato.G.e.ilto un decimo ch'ealto loScapo;ciafcuno delli Vi-nnizi alti la luta 
parred'eilo Trochito sonno seguati. H.Vn'altro decimo de lo scapo eda.t.ad.K-Ja tutto l'uno tondino & l'A* 
tro & fra esiì il rrochilo'doe scauo/co i doi pinnuei segnato.L.iI tondino di mi2o quanto quello che coniiiia co 
lo scapo segnati. M. lo scapo o uerolilkllo thedir (i Uoglia e ( b compartendo la coloiinftnti suo dianiarobas/ 
so in trentasei partO una d'elle parti segnato di lettera. N. il suo infinuato sportojo con la extrema coiicauita de 
la e matura di sopre: o col suopiaiiU2zo di sopre corrisponderà. I tapi del ìoro'tioe.il baltone-doue e la lettera 
O.riaiio per mezo tondo fatti. Ma gli Afi delle Volute/cioe quel dolio che di fore da i c;iriocci aggira:seg!iati di 
lettera. p.fiano scalpiti con le foglie come per figura ui dimoltramo fatti nel mezo con la scanellata lirta:& poi le 
gua di fòglie ucrtitu,gonfiaro come un bottone o polzuolo di rosa o di papauerino scapo . o utro d'un pomo 
granato quando ha fuore meifo il fiorc.La regula di fare elio capitello e che fiano i centri delie uolute sotto l'O' 
Uolo,d( col Sextù fi tocca il centro di mezo o uol dire Axe delle Codcc/cioe chiocciole o voi dire come lumache le 
riuoIrurC'& la exrreniita degli spora (ia 1' Ab;ico/cioc il Dado della cima del capitello' E cosa da sapere che niol 
ci anchora hanno pofto lo Abaco più largo^ilqu.ile correspoiideua la extrcnia parte del Cimatio per linea a piò/ 
bo alla lettera. A chehafotto il.C.cofi.B.& queih sporti degli Abachi sonno fitti con degna confidcrationcaccio 
fé accade ejer polli i piedi dei cartocci sopri eslifi.iiiogli scapi sol sopra la perpendtntia/ cioè linea a piombo/ 
dello Scapo di sopra delle colonne>o uogliam dire quanto iraport:i il pai sporcare dello Hy'potratlKlio-il qua/ 
le dicemo uolgarmente il tondino o uè o collarino della cima della Colonna:Er perciò esfi sporti sono da cffcr fé 
parati dal piede del capo della Voluta 'Cioeil cartoccio'tanto quanto sarà la grolleza.de i centri fatti delle sottile 
afe&cofi per quelli rellreiuamenti parerà c'habbino elegaiitia & bellezz:i perche epur latta per ragioiieiiolene* 
cesfita : Ma a piantare esfi arcuati> gli bisognaua il mtitilo'Cioe la menfola/ sotto l' Arcliicrauc, & non per altra 
uarieta: cofi adunque fi farà non solamente sopra quelli CapicelU tunici> ma sopra de Cory iithUjDorul)rosca^ 
(ji>& altri 1 quali luueranno sopra esii l'Ab-ico • 



Plfntho % 
carte. Si. 



rnlinuaro» 
Cloe <?riiro 
c«" iscaua 
tura. 



O 



CQ.iieW saranno gli sccmpartimcnr 
ti de Capitelli &c. Vetruuio in qutfta 
iCTtioiie prej oner ucle una regul^'gene 
raleptr saper tauare dal balRj scapo - 
delle colonne lonice il Capitello ilqua 
le comunemente fi fa d'una terza pac 
te dtl detto Scapo ' cioè il diametro 
nel baffo della Colonna ' Ma fi gli bi/ 
sogna poi agiognere ral tiolta alcuno 
Co , quanto e grolla nei Dallo la L^Olonna , con altro picmbictto,come eia sopra di// 

la nona parte ag<>lonta : accio che quanto man moftrata gulfetta , o altro ornamento Gmretta/a 

* K ^-, ^ per quello non toglila granosa ragio oecanaler/ 

ne d'elfo capitello:ma bisogna fia in/ to o scand 
teso come mcmbretto della Colonna latura. 
doppiamente acollarinata : Di effe co* 
lonne non solamente dalla ragi&ne de 
la quantità da cauarfi da effe Colonne 
per esfi Capitelli, ma anchora de i foi 
Abaci, & Archi tram : Incominciando 
alle colonne non minore di quindeci 
piedi infiiio a quanto ti place di più 
altezza farle:Et in quelli medefinu per 
rata ccnucniente secondo la parte,ha/ 
uere la ragione- de gli Epj^ftilii: Ma 
E'^irST/LIO fi dice da la Greca noce 
n7Urx)f.aa.c.„.o. che latinamente fi// Ep/WIlo» 
.' " gnifica ponderatorc/cioefirmatorc^ ci ce lo Ab 

, , ..^ - • . , .. A' - quello che da il peso alle cose erette/ chictaue. 

cioeperIodritJb/imperciocheperIasuagrn]C2?3Sl«snftiene &ffrma:& anchora fi può dire tiri>Ts$«a.t«<r, 
X.w. Cloe coronato: Et perao lo Epyftilio cuna trauerectriteperfctta laquale sulliene tutti gl'altri pefi, fi come 
uno rettore ilquale merita edere coronato : dai iiolgari e détto Archi traue: perchtfi fa molte uclte uno arco di 
«natoni o di pietra sopra il quale si posano gU edi(jcii>& alcuna uolta fi mette Iraue da una colonna e l'altra, 

L lii , 



Quefti saranno c;Ii scompartimenti de Capitelli, 
i quali fono eia farsi alle Colonne , delle mino 
ri a piedi quindeci '. L'altre che sopra quindeci 
piedi saranno , haueranno al medesimo modo gli 
scompartimenti. Ma l'Abaco sarà longo ficlar 
50 , quanto e groffa nel baflTo la Colonna , con 
la nona parte aggionta *. accio che quanto man 
co hauera alto la colonna la congiontura , non 
manco elio Capitello habbia ilsuoscompartimen 
to dello sporto , SC nell'altezza per rata la con 
ueniente parte dell 'aggi ugnimento . 1 disegnameli 
ti delle volume accio elle siano rettamente col Se 
fto aggirate, &: per qual modo si difegnano: ne l'ul 
timo di quedo libro la forma £C la ragione sz 
tauui scritta. 



j V'-.'- , 



i:ii.ji;>jjii:>ii,':^ .liiijjjlji.iJjjjhiiJ 



L/BRO 



TERZO 



con lo scóparri mento sin anchora dimo' 
ftraca la debita bclleza . CDe^i Epift^hi 
la ragione rofi e d'baucrla . impercio che 
EPISryuO fi dice da tT;«T^„>off .^v... 
che in latino fi diceponr'eratot rctforum: 
ac lì.itiuoriim pnfertus:& anfhcra fi può 
direda '•'riffTs jHff.EaiT.j.H. cios corona» 
ro^f perdo Io EpHiylio e una traue rettrl 



<rF[Nlrt i Capi"teni>&c.Q.uiui dimoflrA comeeffOKJófiairi i Cipitelli debbianfi poucrcm la cima delle col3 
ne con le Axe nel mezo'Cioe un ferro firmato nei mezo del Caputilo col piombo ftniffo>& cefi nel n^e^Q dei pia 
no alla cima della colonna fia fatto uno foro della Urghezza d'elfo ferro.che ehrniato nel detto Cipitello & pò* 
fto uilo drtnro accio non sciirga,& qiiefto uoleche s'intenda per loequaleraodelo fian coIIocìclCT Accio quel 
Io aggiognimento ilquale ne gli Stilobati sarà farro &c.Q.tiiui Vetruuio dice che quanto sarà aggi unto ne gli 
Sti^l lobati più in fuora che la hncA a pióbo de la prima faicu de l'Architraue qu^l posn su'l Capitellojfia per 
dare forza al posare dtllc colonne, & che 

Rniti i Capitelli ,8C dipoi nelle cime delle colóne 
non a i'arcopendolo , ma allo equale modello col 
locati: accio quello aggiognimento il quale ne gli 
Stylobati sarà fatto , nelle membra di sopra rilpon 
da lo scompartimento de el'Architraui . De s^li £pi 

iorf:i perno IO tpiiiyiio cuu^ irnut [ciiii. ^t-i - JjLt 1 ri 1- - 

ceperferta,iaquiaesubftenta tutti giiaitri ftylu la ragioe COSI ed hauerla:chelcle Colone sara 
peli: fi come uno rettore,ii quale merita es nodeìmaco da.iz.piedi i smo ai^. l'Architrauesia 

d'altezza della mita della grolTezza della colonna 
nel ballo. Anchora da. iy. piedi a. zo.laltezza della 
colonna sia fcópartita in parte:Ì5. d'una parte , l'ai 
tezza de l'Architraue sia fatta. Anchora s'è da.zo.a 
zj.pieditdiuidasi l'altezza in parti. iz.èi meza:&: du 
na parte d'effe in altezza l'Architraue sia fatto • An 
Cora s'è da z>".a.5o diuidasii parti -iz & d'una par 
te d'elTe l'altezza sia fatta. Similmente per rata iccó 
do da l'altezza delle Colonne sono da elTere al me 
desinx) modo fatte l'altezze de gli .Architraui . Per 
che quanto più alto sagli la Acic de gliocchi nò con 
facibta palTa la spefsita de l'aiere •. Et cosi dilatata 
nelk>spatio de Paltezza& dalle forze manchata, 
renuncia a gli sensi la incerta qualità de i Moduli : 
Per laqual cofa sempre e da aggiognere con radóc 
le mefure a suplimento de membn:accio quando fa 
ranno ne più alti luoghi dell'opera : o uero ancora 
efsiColloisicoten ,s'habia la certa ragione delle gra 
dezre. L'altitudine de l'Architraue nel bado sopra 
il Capitello sarà quanto e la groflezza de la fummi 
ta de la Colonna- Et cosi tanto l'altezza de l'Archi 
traue sia fatta neWasumita, quanto sarà il baffo fc^ 
pò della colonna. j1 Cimatio de l'Architraue, la set 
tima parte di sua altezza e da eder fatto- Et lo spot 
to pur tato. L'altra parte eccetto il Cimati© e da di 
uidere in.iz. parti & le tre d'effe, la prima fafcia e d? 
farsi: La secóda fafcia di.4parti:& quella di fopi^ 
di cinque parti . Anchora ilZophoroche e sopra 
l'Architraue , si fadella quarta parte minore che 
l'Architraue: Ma se farà bisogno difegnarui i sigilli 
sia dela quarta parte più alto'che l'architraiie.acciQ 
c'habbiano auttoritate le scolture : il Cimatio suo 
della settima parte d 'effa altezza • Lo sporto del Ci 
matio quanto e la fua altezza . Sopra il fregio il De 
tellQ e da farsi tanto alto , quanto dell 'Architraue 



sere coronato: & perciò ?li Ionìci> à Do/ 
riciornorono co diuerse cinture scolpite 
quafi come corone regie; Ma nota che in al 
Clini texti habbiamo Crouato scritto > Hx 
erunt ^j'nimerria? rapitulorum>qu« Colti 
nae ftiturxfunt ab minimo ad pedes vijia 
riquinquesupraeruntiAltri textihanoco 
fi in laano.HicruntsymmettiaJcapirulo 
rum qua; colane futur* suntab minimo 
ad pedes. xv'.qu.» fupra erunt reliqua ha/ 
bebuntad eundem modum symetrias.Ma 
quiui s'è scritto secondo trouato babbi a 
mo in altri te/ti che più correttine pare/ 
no ciTere per le mcsure che qua sotto narra 
no degliarchitraui coli da doucr farfi, 6n 
cipiando dal balTo scapo della Colóna 15 
ga de,i^piedi-)Comeil te/to flicc. CPct' 
che quanto più alto sagli la ACIE degli 
occhi^cioela acuita della uifta laqualeefci 
fora di quella minima pupilla de l'echio 
chelasua nirtuteconfilte comenel centro 
del circoloiil quale (ia radiante Acialmen 
rc'cioe acutamente/ s^ come nella superio 
re Prosorchi'Ctoe eftetto di due linee che 
fanno uno anguló retto ' del Sole & .ìlrri 
Pianeti,& dalla figura de l'ochio de l'Ar 
chitettore a cartc,i6.s'edimi)ftrata;Etcofi 
fignifici Acie quel sentitiuo spirito chia/ 
ro&di suftantia-il quale e proprio come 
centro & niinrio di wrti gli animati fpiti 
O ne corpi de ogni animale cheopcrano p 
elfi uirtu del uedcre: Ma sono queftecose 
da annotare dalle pythagofice,& Ariftote 
licedimottrarioni.Maqu.idQlachl.ira vir 
tute de Tochio fi pone per diftantia a uè/ 
dereuna cosa. non fscilmcntefiTa uirtu vi/ 
fina puo perscc.ire/rioe perfcrtamente pene 
trare quell i corporatura d' Aereper la fpef 
fitudme,anchora che fia molle. Et cofi di / 
latata nello spario deiralte72a REMVN/ 
TEA/ ciocnedimoftra & dinotala cosa 
che intendeiiio a uedere in diftantia eife 
re m certa. Ma nota che in molti rem hab 
biamo letto: & uiribus ex mda altri extri 
ta:che(u3[nificaria fruita o uero indebilita: 
In altri Jwbbiamo letto cJftrurta.chefigni/ 
Bearla eleuata:la qual cosa se cofi effo tcx 
tofi Iege5se,fipotria intendere fusse come 
e detto di sopra una eleuationedi cose o 
uero fibricheper lo dritfo>& per ben che 
essa quantica ne paia incertajnondimeBo 



CAPITOLO TERZO tt 

e alta la fafaa di tnezo : Lo sporto d'cflb quali pereffereralhora mesCì f^bricammrf 

ta e h sua altezza . La d.u,«one che da Óreci g^rr^^L^rSL^^^'^dJ^S 

''sTftXM . si dice: cosi e da diuidersi , che'l Dentei amura sopra i qu;ii ponti oueronu/ 

lo hnbbta nella fronte la me22a Darte di fua al rauolati softmimenti de i lauoranti , 
^O naODia neua ironie la mezza pane ai lua ai a toicrui pietre calcina & altre materie 

tezza . Ma io SCauO della dlUlSlone a ella iron comeecosanorisfiniacprarfiAdun/o 

te , partito in tre parti , n'habbia le doi in lar q^^sfi cermim a dimurtrano p i sm 

, ' t , ^•'- j> rr • 1 II I. I fi «for2e la extructa& incerta quanti* 

ghezza . li amatiod elio sia della sua altezza la radei modvli/ cioeiacommodu* 
sexta parte ■. Lo Sgocciolatoio col suo cimatio lata oueto c^j„n,c„5u„f^^5^jj„, 

^*^ 1 • • '^. _i 1 f r • J J ria « ben dice incerta , Dcrche non sì 

excetto la sima sia quanto la falcia di mezo de può diredicerto:ma fi calcala aia pm 

l'Architraue : Lo sporto dello Sgocciolatoio col apprciroecnmationechefipuo.cCo 

rìentpUn e da farse Qnanto <5iri Palte'r-i dal Prc losficotcri/cioelegrandisrmveedifica' 

uenteiio eoa rarse qnanro sarà i aite-.^a aai rrc „q„, ^.^^^^ ^^ (^^lese, quanto anchora 

£;io alla siimmita del Cimatio dello Sgocciolato di ftatuegrandisfimc finnica Giganti 

to . Et perche al tutto ciascuno sportare in fora ha ' 1"^i' '" ^"1"^^° '' soieuano faredC 
, f, lì I fu j> I pietre grandisfimetometorri ala: & 

più bella specie , del quale quanto «auera a altez & e detta Coiosficotcra dalia Coiiifio* 
za tanto ha da sportare . «i*^ ^5'^=' ^^"^■>° "«■» «^^ Colosso: eflm 

*■ - do dieColossofia chiamato da Colas 

se artifice il quale il Coloffo del Sole e 
fama in Rhodi liauere fabricaro di 
altezza di Settanta cubiti il quale ^'ia 
dodeci anni in eflfa opera consumo 
& dicefi cffere (laro di ualorc di rrecen' 
ro Talemonu il quale dipoi cinquan/ 
ta anni dal terremoto fu gitrato a ter' 
lF.i,j50cht li suo diro groffo abbracciauano. Era quefto ColofTo Rhodio di Eronzo> & il gran Soldano il fece poi 
distarc,& di quello neftcecaricharenoucccnto Camelli> & cortollo in Babelonia . Nella Puglia in Barletta an 
Cora se ne uede uno di queftì Colossi / cioè statue grande di Bronao'non già di merauigliosa altezza. Colos " 
ficoteri anchora erano qudle grandisfimeftatuecomedi Apollinerransportara da Lucilio da Apollinia Citta di 
ronto-:quefto in Roma età alto trenta cubiti:Moln anchora già in Roma erano conftituiti a honore di quelli gra 
disfimi Dei.de quali disopra a carte.zi. Vctruuio ha disaitto esfi erano collocati nelle Hypetre tsotto lo aperto: 
come in Campo Martio il Coloffo di Gioue,& la Statua graadeequeftredi Dominano Tniperatore di mormoro 
bello fabricata sopf a la grandufima grandezza di Colonne : da papiiuo & Marti ale celebrata .Ma conciofia che 
Colisficotera pare pernenire da Cote, : che fignifica un grande & duro laxo: Cofi di queftc sorti altisfime pare Ve 
truuio intenda : eiferctórriti edifici i : delle quai cose a causa delle elcuationi al decimo libro dira nelle Machi/ 
De che sono da douerfi usare . In aictin textc la.itudine in cambio di altitudine. Cl-'alCta parte eccetto il Cima 
Cio.Quiui noterai come in più parti il rcxro ha diiiiso effo Arthitrauc fimplice:l'alrro lui aprelfo e segnato con 
U.ifi.e fatto ornatamente co i soi intagliati fusaioli.& paternoftri a i coftumi deLesbii . CAnchora il Zopho^i 
fo. CJ.qeftoedettGda w« cheinlatinofignificaanimaleondefiniilmcnteedcttoZ'odiacoceldleper eiroani* 
«naie dacelcile natura deSiellc Ci^nformata: anchora fignifer fi dice : Ma quello e il Fregio perche in effe uè fi fcot 
f)isconolefigiire,CQm«d('bassorelreu'oÌequali Vetruuioquiui IcchiamaSEGILLI. fctperchc quello memìjro 
Zonale Vctruuio ha nominato ZOPHORO* cioè in quella parte propriamente e detto il FREGIO : onde come 
il tatto dice seguir VI . C>Soprail Fregioil DENTELLO .C:Q."efto inlarinofi diccDenticuloilqualcfi debbe 
fate m quelli Cornick pi Ionici i quali catnicioni sono allu asfimigliamcnfo de un rrauecejlo che fi pone alle 
grondare de tetri : Mp r,co tiene là règola della sua syrnmetria /Ooc scompartimento/ comeil textodice& di* 
mdefi in quello modo «Ji .nella figura a rergopuo uedere/ciocin doi quadretti l'altezza & sporto dal peiitello iti 
fino alla extrcma tupcri::!!' delia GoIa:deIlaqualc una sexra parte eil Omatio & sotto e scotenoso'ciòc oscuro* 
Malocauo della diuifone/cioe d'esso Dentello partito in tre parti &c$$acauadiuifionefiadi dueparti:&sal/ 
li infino alla linea scorifa;non rutto a un modo : Ma il cauo d'una sexta parteeornato cornea feneftrellcritula' 
teoueroaraiateccntreccntridclsdlo. .C^SIMA inqucftapart«,figmfica propriamentequellacrirnicechechìa . , - 
namo Gola dritta.dalLa qqale e cauato lo sporto suo squadrerò fi ccmcucdi la fua_ figura a carte. Se;, segnata. A ritmate^ 
R.G.D. rtratain unaliiiea pernicafzod'essa/segnata.E.A inqùefto modo poi penerai il piede del jcflo nel.B.il "^ 
£iiale to'ccande sfottono" cxtrcmo d?j CuivitJO. A. aggirerai tanto die tooa la linea segnata. E. & poi poncrat un 
piede del Scilo nrlla hne3.D.& l'aKro'.-i} pùnto doucelale'trecà.E.aggircrai sino al remiine della lettera. C. Di' 
poi udendo Io Sgc cciàlatoio sotto S'mu^€,a<.c!o ! 'atque'piuiconuenientemente scolano (per benché fia in utile 
per la grauezz^}fa come ucdi per ^d.lcelertcre.G.H^. Ma potrai ^otto esfo intagliare o uero sotto poncre il CI 
niatio dei Dentdi scgnaro.K-'L. Vii^j» <r '. >pl3Gre'cÌpe sportò in fora. «if\'poHovi. ciòeplanta pedis;antÌjora: 
fi legge in alcun texro ecphore ma in greco f^wfj'.w.-Hv figfjific^tpro funneris<ooeindioo della pompa del 
«norto;fiàutcm fittierbum ^p-^pj^ fi^nittcìr efièro ' ape portar fore il morto: nota che in molti texti letto h abbi»; 
fnoexphore;ma^u(3t3diCtic^ewswdehtofigRÌtofclàéifportao«)fl«j9quwo dtbbesportarep i 

" w t iiii 1 



iruiarc 

n 



LIBRO 



TERZO 



.M-r 



111. 



i 1 



CMA fL rampano ilquale e nel F^ftigìo l'altteM cofì e da firfi.TVMP ANO/ cioè la parete del fronte spirto S 
ac.ice^za della debita pendearia che fi concede a i tetti, fi dice il f aftigio il quale se anchora da uno circolo caucrai 
uno quadro grande laeleuatioued'cifo rampano sarà del lato del quarto tre sedece(ìmi . per ben che uno no// 
no tìa peraltro mo<Jod'eifalGngirudineeIeuato conieiIre/todice:&forinafianchora'l rampano da uno mtzo 
circolo ornato con l'ordine del corniaone : come aiichora e solito tare cutro a ejlb l'occhio o uero feneftra, ro// 
tonda della chiesa per imitare la ragione 

MailTympanoilqualeenel Faftigio, l'altezacosi 
e da farsiiche la fronte della Corona da gli e>trcmi 
Citnatii, tutta sia ammefurata in parti.p.&rd'elTe una 
parte nel mezo alla cima del Tympano si conceda: 
pur che mcótro a gli Architraui,& a gli Hipotrache 
lu delle Colone, a linea apiombo rcfpondano. Gli 
sgocciolatoi che fopra'l Tympano si fanno equa! 
méte alli Bafli sgocciolate^ excerto le Sime,sono da 
col locare: fopra gliSgocciolatoi le Simc che gli Gre 
d «niTijjf^ff dicono: sono da farsi più aitai 'ottaua 
parte dell 'al tezze de gli Sgocciol atoi .Gli Acroterii 
de Cantoni tanto alti quanto elamita del Tympa 
no: 8^ quelli di mero più alti l 'ottaua parte che quel 
li de cantoni . Tutti i membri che sopra de Capitel 
li delle Colonne sono da poncrsiidcft Architraui , 
Fregi, Cornicioni, Tympani , Faftigii , 8i Acroterii: 
sonò dà inchinarli delle sue frónti in ciafcune altez 
ce la duodecima parte Perche quando saremo ftati 
a nmpetto alle fronti' se le due linee da Nocchiosa 
ranno e.xtese, & una toccara la balTa parte dell'epe 
ra , l'altra la cima : quella che toccara la cima si fa 
ra più longa .Cos i quanto p;u longo il uedere del la 
linea nella parte di sopra procede, fa più rileuata la 
fua specie . Ma quando (si come di sopra e scritto) 
la fronte sarà chinata, alhora nello afpetto si uede 
ra edere a linea a piombo , & a squadro . Le Strie 
delle Colonne sono da farsi uintiquattrocosi fcà 
uate che la squadra nel cauo de gli fcanellatiquan 
do sarà pcfia & intorno aggirata , cosi coi ferri 
piegati nelle scanellature , dalla dèxtra & dalla 
siniftra parte tocca i cantoni , che la pia altezza 



del Sole &c.CCorona/ctoe lo Sg'occiola/ 

toio che fi ts sotto la Sima. sima f cice la 

torni ce o nero gola ^mo membro del cor 
P nicione.^UHipotracheliijCiGei Todini co 

1 liltelli che fi fanno in citna a cnfchedu/ 

ne colonne : chianiafi anchora ilCullari/ 

Bo della Colonna.C Gli extremi Cimata. 

tìuiuieda notare ad uque che fato che ha 

uerai la debita Larghezza del risallirtche 

fi fa sopra la colonna» tutti come regolati 

da cantone? cantone d'elfo quadro cheli 

mene a fare a! f f(^io i quali sportano per 

quadro: Et cotrelpondere (\ uedeno i loto 

f pcrti a linea a ptcmbo,il moftrano le jet 

tere.N.7:mfino a.O. o uero da la siimita 

della figura del cantone del Acroterio se/ 

«lata.p.piombimdoa.cl.ilquale poi da 

O.ad.Q.fannoalquadro la summitadel 

Abaco in cima al capitello:ccrrefpondcn/ 

do anchora con l'Architraue & col Toiidr 

no a capo alla colonna nel mezo del qu.ile 

la piomb;mte linea cade dalla cima di.1 ca 

pò delia figura Acrateria segnata.R. mfi/ 

fio al mezo del plintho' cioè Dado * della 

Basa segnato.S' Et quanto fia la dilìanria 

da.0.ad.Q..conolccreIapoi dalla larghe 

za del baffo scapo segnato con lelcttete.r 

V. Ma l'altezza del_ piano nel mezo del 

Timpano laquale e una nona parte di tut 

ta la gola e segnata. X. il Dentello segna/ 
ro .y.ai congiognimento:& sopra elfo lo 
Sgocaolatnio.segnato.N. Cte Simese/ 
gnire.Z^ticfte dicemo Goledrite di fopra 
eqnalineu'ecompolte, Etdi quella dìttio/ 
ne e,Iendo che'l re/to di Vetru. dica Pri/ 
ter(imas'& noi Io cxpIican»o.Excetto lesi 
m&.l aquale dirti one tanto può fignificare> 
quanto Juifta. Adunque qucfta Gola tanro 
puoeiferedi sopra il Dentello eioe nel fot 
rode lo sgocciolatoio douefi stana (,Is/ 
qdalém quello luogo u/ene sopra il Den/ 
teRo segnarci. yO quanto sopra Io sg&c/ 
ftolaYoio 6Cghat3.Z-&x:hcfia uero quello 
«haHàfablahio dcroo^vedi ciò che Vetruuio 

éicsmEy anchora dice le gole di quelle dell^jquadra intorno al giramento toccando pos 

«e IgJirmentc diremo smufface come vna fo 

sctìtaoii.vDj,.con Virgilio nella ^Bucolica 

di cnDitm tenera attondentsvraxVirgul/ 

lIa.ci#Ue/' cioè mentre le capre có'l mu// 

s&pieSWacBrpanoi;rentrì Virgulti • Ma 

qiiuii In-qaefta partctanto fi piglia per lo 

«ano disotto loSgofcioiatoioche alcu/ 

riihnnmjifatro sopra ti: DcftfeUp > quanto 

anchora. (-come più ne hauepio. detto) R 

dte intendere cs serequeUa-firaatit Gol.'* dt 

Sc^stiw&.ri.pao.pigllireilQgfiificato: Co '■■''■ : i.jj^q so.jv ot^iì ìsì' .i-'!Jd-'3 : i/i ir.oii: ■ '1 ■ -.ji 

nofia ch'eireGoIepaieroGormcefi pìeganoarfHPRnottifìhidiiTlainrcadnno alcuni ff;^(^p|e.HftQnafo #" Sirni^ 

o di pecora o Capra ■ Quelle Corone o uero cornicioni'sono pofte sortogli Sfj'Hcidii'ci'je grohdr.re de retti/ M^ 



sa|)aflare. Le groflezze delle scane)] attire sono. da 
fà'rsi'^iianto lo aggiegnimento iièlmezp alla colo 
na perda dirigatione si troua. NenelGole che sopra 
lo Sgocciolatoio sono ne Iati delle CJliéSè , le tesbe 
. jdeJjeeni fono da fculpi re,& cosipoftij ohi^a rimpcrè 
to idafcuna delle Colotìne pTimamctìtecffe' siano 
■disgnate.. ... -.y^omiMo: . ■ ; 



le CÒROf^E ìli qiicfta parte anchora fi può intendere quelle che contengono n#i g'i ordini preJerti.cioed.il Fre/ 
gio se^atorordine.?.)r.N.Z.& da.p.in su ftn'a tutra la Cola ( 



10 Sima.CGli Acrotcni decutoni. o"'f-«T«fi«i'. 



CAPITOLO 



TERZO 



idcft Prómontoriufn'cioe altezze. Ma qtiiìi? gli di'cfmò ì wnroni de f ronrispicfi o nero a fsntcnari TyiVL 
patii.alfUfu gli h:iimo f-cn come piraini fi come liedi gii se^aati per la lecttra.pi. Ma acros in greco figiii 
fica promontorio Jn latino>a noi altt^^■^ /iionfuosa'anchora ha akrt fignificatioai£tquefta ragione la di 
ftinguercmond sequente Iibro.4.Maqudf.iI(tHonc&claufoIa che due. £, Da inchinarli &c. tgii t Am* 
phibologico scnso.ii quale può tanto rcto-iriì adl'ulcezzA de «.fcuna fronte quinto della fronte di cias' 
cuna sua alte2za.Mainchinarepropriofi^mtìcahumiIiare /Cloe abbaff-rfi & piegarli &c.alcuni uogliono 

L'aFFIGVRAMENrO NELLA ;DrMOsrRAriONfc" DELLA RAGIONE DE GL'ARCHirRAVf 

FREGI CORNICIONI riTMPANr ACROfFRlI ET LE PENDtNriE DE CANTONI PER 

Ragione di prcspertina & anchora la diinoftrciticne del'tnrafis /cioegonfi^nun 

to d<IIcCol( lini & IcscaiicHaturccon regola. 

'tlj 




IIBRO - TERZO 

S.1 10 Spòf fife.CTPfrchc qimndo jarcmo ftatf a rimpetto'-an* frónti: stle due Ijdce da l'ochio saraiino csrwe &c. 
Q_iicfta r.igione di prosf etriua,non solamente accade in quefte cose,ma in ructel'alrrc limigliante,dcue fia dato 
cerdiftanna a uedereuna alfe22a:£xenipli yraria m quefto noftropropoficorfia data un'alce^^a,cheplJneaapIó' 
bo nel niczo della sua fronte fi nsgiiarda sopra da.R.in.S.fia piedi o braccia cinquanta & l'echio ael risgu^rdi 
eefiadou'eii numero.z.alto dallo cqualc piano della lertera.s.ptedi oBracaa tre senza dubbio la linea che di 
sopra toccara la 1 ettera.R.sara più longa di quella che toccara.i.Cofi fitiiilruente scnipre tune l'altre lineerche da 
dio centro de l'ochio fi exrenderannoiRon solamente hauera pigliato il tutto, ma (imilmente piglicra 1 membri 
di parte in parte: fi come uedi le linee che cadcno alla larghezza del Plintho nello sca po segnate.!. V. o uer come 
di sopra doue posa l'Archirraue su Io Abaco segnato de littere.O.J.Q..o uero come e sopra l'altezia del'Ar» 
f hitraue doue cil numero-4.& coli sopra il pilallretto o uero quadro del fregio segnato.^. fimilmenre dalla tetta 
del Leone di tìiezo scgnato.tf.Et cofi dal ACROTEKIO Stj-lobate' cioè Palamidone o piediltalIe/& figura:fi come 
fi ucdesemprela linea estesa nel baflcefTer più corta di quella che sagli a l'alto.CTMa quando Cfi come di sopra 
e scritto) &c.Lo inchinare di quefte cofe de Acroterie non e che habbuno apparcrc cadente per inchinarti come sa 
ria a renioucrele lincea piombclequali può uederedal numero.J.derizandofi per cantone acuto nella supcriore 
littera.P.nccofi dal numero. 7.al lato del Acroteriale Stilobate come e la suapendentia doue'il numero .8. cof» 
dal .9.ad.J?. ma e da intendere che tutti gli ordini predetti,! quali uaniio sopra del Capitello fiano da inchina/ 
re una dclle.i2.parti:accio torrefpondano in più placido aspetto,fi comeeil capo della data figura inchinata dal 
la lettera.R.ad.F.ch'e un duodecimo .CtE Sttie cioè quelle concauitaoscauature,lequali per dichiararle fi dico' 
no cinellatec scaneilate:cofi fi usano nelle colonne Canate per le loro ueftecome a carte. 7. detto h.ibbiamo:&que 
(te anchtra le hanno usato primamente i Dorici,i Ionici,& i Corjnthii:ma le scauate doire e la squadra segnata. 
Ì6.Sc II cauo scgnato.i7-ilqualeeper tre ftrigli comecirj Strix e segnata pcrnumero.iS.doueela cógicntiua bre 
iiiatura: come nel libro quarto diremo a cartc.ptf.etjp7-& seno dette efléitrieiii greco Exoche.Ma tutto il circolo 
della colonna uolendc f.ire.z4.scanellaturefi può tcópartireanchora in.72.0 meglio:& più tlegàtelì come fi la 
in parti, 9(?.dacndo tre parti alla ftria & una allo Striglo.C Le groflfezc delle scancllature&c.Q.ucftc sarano chia 
rite nel.4.1ib.a carte.9<f.Ma gli a^gicgnimenti chenel mezo alla colonna fi fanno comein qfta Ionica segnata. D 
moiri sono che l'hano fatta ccn rEntafis-tHT^eiT. alcuni dinuando da greco iTijVff^a.aToff. perche in latino fi' 
gnifica tumefanone,& aprcffo deuolgari gonfiamento»come a carte. So.detto habbiamo.Ma pche sapi dare il de 
to gòfiamentc cofi farai. Data che fia la debita lógheza col capitello & Basa ala Ionica coliyna fia p mezo dcllaqle 
rirat:i una linea apióbo»o uoleal deritto de l'axe segnato nel balfo al Plintho. C.& sopra l'Abaco del Capitello 
D.ealla fimftra & deftra fiano segnare le lettere.C.H.kquali a linea apióbo cadono al iinedel balfo scapo d'ella 
colóna segnato.A.B.Dipoi anch&ra a dimoih-are lo sporto d'elF-i Basa fora del nudo della colonna nel baffo se/ 
gnato. l.k-Sc sopra lo .nbaco.L.M.di poi parte tutta effa colonna col capitello & Basa in tre pam & una di quefte 
pone nella linea di mezo al balfo scapo douee.s.il piede del serto & a l'altro piede nel centro la doue a fquadrt^ 
da 1 lari segnerai. E.F.iui conftituirai il gontìamento,dipoi aprirai il sedo o nero afta quanto fia tutta la colonna 
col capitello &Basa&rireraiti nella linea a squadro la doue e segnato.E.e piantato l'altro piede agirerai dn.S. 
ad.E.fino ad.R.& da l'altra parte medefimamenteda.S.ad.F.infino ad.R. quefto sarà uno dcgonfiamfnti.& fil vu 
rai d' unalrra manera piglia la longhezza della colonna.Q.uefta ferono a inu taticne della colonna Dr^rica fcmi» 
nile confiderando che per il più le ^regie uergini bano minori i piedi che l'altreyergini per lequali uolseno le co 
Iene.9.piedi in altezza ciocncuegrolTezzedela colóna nel balfo ppiu-bello a spetto formarle & tóftifuirliglial' 
tri suol ornamenti al fonico coftumc.Ma alcuni uolendoeffa colonna usare senza il gonfiamento, hano tiratele 
linee daH'arcfttemamento che fi fa in cima alla colonna-infino al baffo scapo sciettuato il pianetro,the fi lascia a 
la colonna nel suo ballo a imitHticnedelleprime che fi ferono di legno?&pchenc. fisfendelfonogli pcsono vno 
anello o altro cingi mento:Dipoi per più bellezza da eflìi grcflezza di anello o ueropianetto hanno smiiffaro infi 
no al nudo della colonna: quefto anello e ftarp fatto di più manere, chi l'ha fatto più alto &chi meno chi l'ha 
sportaro più in fuora & chi manche» 
^... , , „ , . ,. Ma l'altre allo cqual modo ordinate*, accio che eia! 

ITMA le altre allo cqual modo ordinare. ■ f j-* ,, ^ i r j ka 

accio che finguia finguiis / dee ciascuna a Cima a ciaicune delle tnczc tegole relpondano . Ma 

ciascune/alle regole respondaoo: In qfta quelle chcsarànoincótro alle Colone siano forate 

Ce^drirtaSm tr feTegiai ^1 canale,il quale riceuc da le tegole l'acqua celcfte. 

di mezo per la m«gritadf sua: ma ancho' Ma quelle di tnczo siano sodc,accio che la forza de 

ta insegna 11 modo di coprire qfte forti de l 'oroiia che rade n Ipt^anle nel canalf» nò si sPida 

quali generationj de tegule-.o voi dire im/ * ^\^^^ *^"^ i^^^ P ^f ^f &°'^ "^^ "" , ' . ^I spaaa 

brite:o dt laftceo afttechi al modo deieco P gli itercoJuriii,neaenc bagnatili che ui paliano : 
PTm '^^^'^ ''"?"^" * P la Germania & ^^ silc che sono a rfpeto alle coione si uedano ma 

la Gallia rransaipma«aoe Francia fi vsa: , v > Ji U' r i n >- i-\ 1.. 

o uero come in anrico& àcora al di d'hog a are tot di bocca 1 ipetuoso ipargcre at i acq .Vele 
gi In molti luoghi tanto in Italia quàto chiefe lom'ce quato attifsimainente ho potuto le lo 

snchora aitrouc sono usati di uaria sorte j /- •. ■•■ ■ /> i» « • * «i j^ii^ 

d'opera di terra corta:o uero di uas ari ve «"O dllposit om in quefto llbrO ho SCHttO . Ma dcl Ic 

triateai modo de Todeschi, quali haucm Doricej&Corvnthie, quai sianolc proDOTtìoni lo 

detto»& altri luoghi.CMaqlle che fatano ronA fpaiicnfc lihrormnif£>ft<»rn 

incótro &c.Q.uefto p semedesroo il texro ^° "^^ lequenie JiDro manireitcro . 
chiarifcieÀ tanto più qu«to la figura te dimoftra qftegródarccceo uero Styllitidate collocamenti o fiano uerso 
a r^-mpano sporrate.o in altro modo nelquale R pollon collocare. Ma e cosa da sapere cheqftegenerarioni de co 
lóneionfce sono ftari diuifi da gl'antichi in uarii scópnrtimenti nelle scanellature loro: Alcuni hano scc"partito 
lo scapo nel modo che fi narra delle Colone rcfcanc,nel libro sequenre,3car.ioi. Alcuni hano voluto IeIcniceC& 
cofi le rofcine che sono mf.ncncauate le scanellature di tutte l'altre/fianoscófsrtire solamente in.^z4. scanellatu 
re:Afttmi hanno sdópartiro gli scapi lofó in parti. 7^-d^cndo dei d'cife parti alla scauatura in dentro>& vnaal 
pianuaodi fuoreAlciini altri hano diftinri i predetti scapi in pafti.Jg.fclccadofiniilintnteloftrigb'Cioepiantt 
go<'unipArce}& tre fiano d^realli sauicl'elIcUri«'Cioe scanellature. 



PROEMIO 



Q.VARTO 



^f 



CCotiCiofia cosa th'io hauesb Mèttitòìò tfflpff.ifore. Vetruuio in quefto qu.irfo pfòOiuojpfr ben che pur sii 
chiaro dascnondimeno egli auercilcieIoimptMrore,peril modo che ass.ii di sópra detto habbianio nel prinio 
Ubto>S( fuccesfiuei'n ogni parti;doueeftato bis.&gno a chiarire neiraiicrdre i ictrorijaccio di facile non attenda/ 

no a gli trrabiindi configli : e nero cxem.r 

PROEMIO DEJ- . - .- 

LIBRO Q.VARTODEARCHirErrvRA DIMARCO LV/ 

riOVErRVVfO. NELQ.VALSI f RATTA DEL 

LE COLONNE DORICt ErCOK/NTHIEfar 

re CON LE PROPORllONI . 




plari di icgnatijo Archetipi dinioftrati di 
alcuni male expcrti Archittttcri. Ma sono 
cose come h:ibiamo molte uclte dato da 
renderne ragione manzi che fermamente fi 
pongano ad cftetto:conie 5alultio dice Ina 
21 che tu cominci e n)iftieio di configliArfi 
& quando sarai maturamente configliato 
alhora l'cpera da f. rfi e da excquirc perfec 
tamente.Et perciò Vctru. dice. CDegna 
& utilisfima cosa reputai &c. Q. uafi dica 
scriucrcFermcdo che gli Architettori pof 
sano rettamente in pigliare & amaeftrarfi 
nella disciplina dilla Architettura: laqua 
le tutta in un corpceiocintutto queftouo 
lumeilqualcin dieci protmii principali) 
cerne h.ibbiam dette regclati,a fimiglian 
za dei deci membri principali d'un cor' 
pc humanòji quali tiafcuni in (ebano al 
culli altfi mcmbretti Arti'culaiii : fi come 
in quelli per diftinticiK dille Iettimi dice 
ino capitoli. Et percioVaruuio quuii nar 
ra overc repiglia tutta la cctinentia de gli 
superiori trartati ne predetti libri. Ma pri 
mamcntebiafenia la poca diligentia deal 
cuni scrittori de Architettura i quali hauc 
u:ino male ordinati i precetti di quella ac 
te & faceuanopiu pretto confuficnechca/ 
mae[lramcntOì& pero esso dice haiier or/ 
dinaro inante tutto quello che era oporru 
no 3 quella fcienria & cofi catta beniuolen 
tia dalla persona de gli emuli o aducrsa/ 
rii quello che fa anchora.M.TuIio nel prò 
hcmio della Rcrhcrica adhcrrnnio.& mcn 
trequiui fa unarecapitulationc & soma 
dellecoscprcdettc-laqualei greci chiama/ 
no Anacephalcofi.& dapai demolirà quel 
Io che ha ne! presente volume da trattare> 
cofi fa esso lettore attento , quello che in 
tutte le prefationi & proemii si dcueferua 
re.comc nel primo libro anchcra bauemo 
insegiiaro.CAI presente in quello libro &c.Q.ual (idica conuiene procediamo a quelle alrr? generation! di ediR 
cii fatti co I Dorici>& Ionid>& Corynthii ornamenti , & con altre calculati scompartimenti che non sono ftat£ 
1 sopra detti. 

CLE colonne Corynrhie &c. Vetruuio in quello Capitolo uol dire l'origine delle Colonne, & in qusl modo le 
specie &generationi loro sono gencratc:& per qu al modo la loro symmetria/doeproportione oche dir uoglia 
nio scompartimento di mesnra/fia imitata o asfimigliata dal corpo ncn sclamente d'huomo bene complcxio 

nafojma anchora da i corpi delle Donne 
DE LE TRE GENERATION! DELLE COLONNE NELLE ORIGI*- 
NIETINVENTIONI LORO. CAPITOLO PRIMO. 



\ONClOSIA cosa ch'io hauessì auuer 
l^'tito , o Itnperatore molti d'Architettu 
ragli amaeftramcnti ,&i libri de co 
iiicntarii , non ordinati , ma principia 
ti come particelle errante lalciafsino: 
degna & utiJilsima cosa reputai, inanzi al corpo de 
l'Architettura la perfetta ordinatione producere. Et 
le auantc scritte gualitati in ciafcuni libri ,ciascu 
ne generation! manifeftare. Et cosi o Cesare nel 
primo libro a te dell'offitio d'elfo, & di che cose 
elTer dotto allo Architetto e di bisogno , exposi. 
Nel fecondo delle abbundantie della materia, BZ 
che cose ne gli edificii si conftituiscono disputai: 
Nel terzo delle difpositioni delle sacre Chiese , & 
della uarieta d'elle generationi , Squali specie hab 
biano,8f di eife guai siano m ciascuna generario 
ne le diftributiom '• OC delle tre gencrationi come 
haueflfono le suttilifsimequalitati con le correfpon 
dentie de modelli della Ionica generatione , i mo 
di teinfegnai: alprefenteinqueflolibrodelIeDori 
ce 8C Corynthie, èC d'ogni ordinamento diro:6i del 
le differenrie^SC proprietadi loro manifeftero. 



E COLONNE Corynthie excetto i 

Capitelli tutte le Symmetrie h.ìno co 

me le lonice.Ma le altezze de Capitel 

li d'e(te si fanno per rata di parte più 

alte,&: più sottili,per che l'altezza del 

Ionico Capitello e la terza parte della 
groifezza della Colonna. Ma i Corynthii Capitel li 
tutta la crrolTezza dello scapo . Adunque per che le 
due parti delle grollczze delie Colone si aggiogono ^ mancato fi me m qualche cosa.pgama 




matrone , o ucro delle Vérgini > con git 
eltganti ornameati fabricatcrOnde co brc 
Ulta quiui diccla quantità d'esseCoIon/ 
ne; & dei Capitelli in cspccic de l'altezza 
del roiiico Capitello : come' la forma dì 
esso e scritta ^Raffigurata disopra. Ma 
la diflfcrcntia chefia da qfto al Corcnthior 
per la sequcnte lettione al tutto fi hancra 
le sue symmetrie/cioc scompartimenti dì 
mesure/&per più supplimento d'esfiCa 
pitelli & sei generation! ài Cotonne,deIIe 
quali le mesurehabbiamo raccolte tutte 
tifi subscquenre foglio affi giiratc quanto 
n e pflrso oltra quello c'ha derro Vetru'/ 
uio quiui fidcImenterhabbi.imo pc(lc>& 



Archetipi/ 

Cloe mo«!/ 
delli. 



Difciplifia 
a carte.iz* 



Libro 

i prudenti & sapienrisfimi Icrtori & quel/ 

Il che hanno d'alcuni scricrori parricols/ 

ri hautuioucr dalle anticheopfrcpiu su* 

blime n,esure,con la beniuolentia loro ca 

'Rstiocfna ftiijare U iioftre rariocmarfoni (< degnino. 

tìòne/dis' Hora attendiamo alla presente Ictrione la 

corff di ra' qualeethiara.CTDoro iigUoIo di Helcni/ 

tfio'ie, '^o^ "-^ '^' O^richos &c.rurteqiiefteinfra' 

° ' 6ciictecosik.no iiellegreccHf'Itortegia di 

sopra narraa";di quel'ti alcune cose: ic qua 

il per longhisfimo narrare lepretermctte/ 

renio;Maiii plmio leggerai nel quinto li 

bro specialmente a.zP.er.lo.capKoIi doue 

h.nirai gran parte di qucfte Citrati &Op' 

Oppfdi a picji bona ncticia. CDi quello inArgis. 

C3rce.z7. •^''^° ^" ^^ ^ '^' grandisfiina prudentia& 

per tante suo prouederepareua c'haucilfe 

"'■ ctijto occhi, (ì come da rnolri aiittori efcrit 

tc.Cluefto fu'l primo che trouo di far la 

tiiuecon laqualc nauigo fason , Hertule, 

Ca(torc,Polluce>Orphco & molti altri co 

nic semidei & pncipali giouani della Gre 

eia, de quali Stano parla,nella Argonau/ 

tK3:& da ArgoCcon)ediceHomero)nó fo 

lamentela Otta, ma tutta la prouincia S 

chiama Argo pcllagica dcllaquale ancho/ 

ra Plynio ha scritto nel quarto libro : Ma 

fu di, poi chiamnta rhesali3,ne! quale tra 

gli, litri monti famofisfimi sono PeIion> 

& Olt3,& il monte Olympo. Ma e ancho/ 

ra un'altra Argo in Attica laqualeeptico 

la^Regionenon molto discofto da Athcne 

& un'altra nella Achaia laqual fu chiama 

ta Hippia scriue fimilmente Plynio fopra 

il luogo deLecHa difcoiìo otto miglia dal 

niareepicciola Regione & quelli greci ha 

bicanti sono chiamati Argiui.cXuthc.di 

.quefto uedi aiichora Diodoro Siculo al se 

xto libro: & anchora Herodoto ntl Primo 

libro,& Strabene nclt'otrauoiche lì scriue 

Iùne&' Xutho & delle terre da quelli no' 

minate. lUEphefo. secondo plj'nio narra 

nel libro quinto a.So.capitoli tu Citta de 

Lidiaopcca delle Amazcnehebbevn rem 

pio dcDiana:tn.3oo.aniU da tutta l'Afia 

edificato come altra uolta a carte. 7 6. di ce 

nio & qua di sotto fi dice.C WÙeto.fu Cit 

.tacdelli Igiua capo d'efia Regione dalla 

.quale so detti 'Milesii:& noi sapiamo che 

Tli;iUt<7 viiq degli fette sapienti fu Mile/ 

fìoelquìiJeCcomc scriue Diogene) secódo 

la opinione di molti trouo molti secreti 

nel! Aftrologia 3i la cclipfe del Sole & le 

conuerfion!»)lcuni dicono che seri fife dello 

^cquinótio& chcprima de ruri affìrraafle 

■gli anihii degli huomini clfereimmorra/ 

Ji;,& scriité di elfa natura prima de tutti, 

alqualc succcffc Aniixim^ndro ingegno di 

uino.del qualcmolti hanno scritto perche 

trouo lo Gnomone oArcopcndolo come 

Plynio Anchora scriue, Vn'altra anchora 

de' mcdcfimo nome fu in Creta. Vn'altra 

in Lesbo insola;dellaquale perche mi i vel 

li delle lane se fingono e detta Milcfia . 

f£l Fani son differenti da Tempii: inipe/ 

ro che Phana propri amente e derra a f aft^ 

doctoedaliircdcrcsponfidegli Dii: Il 

'phano più prefto tmeuafoima d'otto ca* 



Q^VARTO 

a farcì Capitelli de Corynthii , fanno pcrl'alterza 
Ift loro specie più sotile. Gli altri memliri che fopra 
le Colonne SI pongono jOucr dalle Donce scom 

f)artitioni , o da i Ionici coftumi ne] le Corynthie co 
onne si coUuocano- Per che cfìa Cor) ntliia genera 
tione non ha hauto il proprio ordinamento de cor 
Kicioni, òi de gliakn ornamenti : Mao ucro dalle 
ragioni de Tngliphi, de Mutili nei Cornicioni , 8i 
ne gli Architraui le Gutte al Dorico modo si difpó 
gonOjO uero dai Ionici gl'ordinamenti dd Fregio, 
con le fcolture ornati con dentei li Si Sgocciolatoi" 
si diftribuilconoXosi de le due generationi lo intcr 
pofto Capitello, de la terza gcneratione ne l'opere 
e generato. De le Colonne perche in tre genera'io 
ni le forme fon fatte,son nomate, Dorica , fonica ,èC 
Corynthia,delle quali e la Dorica prima , SL più an 
ticamente nata. Impero che in tutta Achaia, & Pelo 
poneflb regno Doro figliolo di Hellenis, & di Opti 
chos nympha . Ettjuefto in Argis antica Citta il Sa. 
grato Tempio de lunone a calo editico d'cfla gene 
none di forma ■• Dipoi con cfie medesime generano 
ni ordino in tutte le cittadi dell'Achaia come ancho 
ra non fuile nata la ragione delle scoparti tioni. Ma 
dipoi che gli Atheniensi ,dairefponsi d'A polline 
Delphico,per comune cósiglio di tutta laHellados 
tredece habitationi in un tempo in Asia códufleno*. 
& i Duci in ciafcunc habitationi conftituirno : & Ja 
summapotefta de l'Imperio a lono figliolo di Xu 
tho , & di Creusa dierono:ilquale anchora ne i fuoi 
refponsi Apollo a Delphi confeflo ch'era fuo figlio 
lo : & elfo quelli habitatori meno in Asia & tutto il 
confine di Cana occupo. Etiui qucfte Cittadi atn 
plifsime ordino:comeEpheso,Mileto,Myunta , la 
quale e già dall'acqua diuorata , le sacre cofe Kil 
bifogno dellaqual Citta a i Milcsii gli lonii attribu 
irno : Anchora edificorno Pricnne, Samo,Theon, 
Colophona, Chio, Erythra, Phocea , Clazomene, 
Lebedo 8C Melitene, quefta Melitene per l'arrogati 
za de Cittadini d'effa Cittade , con disfidata guerra 

f>er comune consigho eftata disfatta*, nel luogo del 
a qual citta,dipoi per beneficio del re Attalo 5C de 
Arsinoe e ftata receuta citta de gli Smyrnei , intra le 
lonice cittadi . Quefte cittadi quaiido hebbono fcac 
ciati quei di Caria & di Lelega ; quella regione del 
la terra dal suo Duca Ione la chiamarono Ionia: K 
iui i Tetnpii de gli dei ima:ortaIi da eITcr conftituiti 
incomincioino • fiC edificare i Fani: fic primamefite 



CAPITOLO ''PRIMO n 

* ad ÀpolHne Pancione la Chiefa (sì comt hancua fon' che di quadnro . m.i ìi Tempio 

4' • • ■ •*• t ^ • A I • j- Or ir r^ ' f ciglila coiitcmpl.uione e detto 5 il aual 

■ no iicdntoin Achaia; ordinorono,& ella Dorica la nome per ciÀaxm luoght gr.'ndi gli 
' ' diiamorono' perche nelle Cìttadi de i Dòrici' prima ' anticbi duaiano: quafi'da gu spatiofi 
' -n^fìtc: d'ella genef atione fatta l'haueano ueduta . : ^^^SJ^^S 'PTCX 

Mainéfla chiesa C[irando uolsòno collocare le Co -^ 'Wente incoimiiuauanoi canonia otfì*- 

ìóniie libn bauendo le scómpartitiom d 'cilè , & cer ;' "'■'. fi »Ì 'f. ,f "',7:'^'""°'"' = P'^^i""^« 

,-,■■■ , . ,- e rr ^ \ J n~ ^ RU'aiigiisu dalle quattro parti princi/ 

; cando con qua! ragione far con cftetto le potelìono . ^ ■ f ali dei aeio per io corso dei soU-. & 

* à'Cclo che & al portare il pefo fulTeno snffrciente , èC quefte^cnaaaói de rempn per II pai 
f-i^ji-M ■ ■ ^L t Ci- ^ i :^ j L TI nt- ^ "' 11 «ape d eslinaucuano come tribune 
^ Ìl<laspcttonaue(ÌO«oàpprouata la bellezza, rhan ri nei quai.capmerso Oliente gii altari 

^%'0 mesurate al ueftigio del piede de l'hllOmo .Et ' degù Da poneuano tanto quanto nei 

^^oinc trbubrno nel ^td, d/l'h^omo elitre la seta ^^^SS'SS^^S^S^SSppS 

parte di sua altezza. cosi nella colonna la transpoc gea Audrumade Achmifia:& a gu Dii 

tornn-^diaml frniTp-zi fprrnol-i hisedel scano' tnfmderOrco/cioe infl-rnob Plutu' 

rorno oc ai tjLiai i^roue>.za leccno la oaseuei scapo. nesotto eira parte tribunale conititue^ 

essa sei tanti col Capitello in altitudine 1 alzoro ' uano come un carcere de gli Dii: Alca 

r^lio '/Cosi la Dorica colonna deir,apfó:ptirtic5nc del , ni^jinnouoiutoperdKU principio a 

* •■ j I,, ^ , ^ o f l'ii -t ".: 1 ocnioAcueiido'Cioe da 1 intuite /Ci' 

'■ corpodel nuomó,S::la rcrmczza&^la bellezza ne . 'òeftira sguardatura/ rcmpiocifer' ho" 

di edifi'ciicommÒOa concedere. minato ,. per loqualeintorno ti detto 

♦^ 1 ■ - Tempio uno Atrio del Cielo» &tnnio 

■ '•'.-■•i->ii ■ ■ P'poeta.dui'ecori tremo II Tempio gran 

•; o.>:3tìtn. . . . ;.. . ; ^,: .,; . . , .;..,j...dederakitdnàttGloUC\dei quai Tcnt 

5 jnj!.'y,o.: 5:w,j;i) .n ;: ■r;. : i ir fxj A:i> luo -.i'/A: 3; ì -ni --Ln:.! ::ipii a-muiio deglialtri ch'alli grandis. 

itiili'Òfi-fi Pb«caù.lno: ^^cdI^ pljrnfo & anchdfS 0iiidtfe nel libr<3 "(te FafH:& 
■'•I'e(:(eta.'G.C^se del 5rapo.Cl.ueihi dicano eireie/lipianazzo o uero Itllello che li fs nellafiiie del fufto della cp^ 

loniia'. ■Ancliar.i. e:'ff.''.i«ff.uocabiilo grccò^w latKió'fìiiufica gr.ido o ticro.gi-eslione/ctor'salliimenco sopra i! 

biiiltefaito il firinaiiienco de laBase.Q^uèita Base^ra a modo d'itiiG.-Sa^lobatc/cioe pftdiftaJIe/mezano o pKC 

* j^iolojil qu'rldictiuo uii2ocriooii,ero cbnp3lnof.dec{JiH>}ibroaicapito!ósetnnnoh.urtmo'deL Gololfo d'Apoi^ 
'■'■'td ine' quali basaiucnn I» soleuano Wrejt seriWkHiel a perpetua meiutiriìJdfcqiKUl' itditaaadC:lod;irtin queiteco 

se &c. Alcuni hanno tenuto in queilo p-ntn che la colonna Dorica non haucHt la Basa quilldo primamente fu fcit 
ta : Cofin<^ pare che ncnsoleuanoda piifinaponeicla colonna con la base sopra la Basa predetta. Ma trouo'^ 
rotio quello mgdo per più altitudine di noua i,a'nerationedi specie & collocamenti :olltruando pero della colotz 
'■'na'^lùedC11llft■llcltlgl^eKeJtlt?>tìleTaccualIod^L»IDfl^ode)todl^lu'IltIcl^hdt(dI5n & ancl^ 

' bJ'Ài'u^'fo à'tscoUuraj&rcòrt coUcconioeiìeColoanectìni C.ipiDeHispul'pificomeditfi.laprestiite lettioiie:,&: 
■■"itoitttii'eMeprrniefigiire del portico Cai-iarr co a 'ca<'Ce.».dinTGftiat;qitiabbniifa<t»&.anthera|>t<); pai mani teftanioi 
^'ÌDheRefi^iii:èacarcc.89.dutioftranvD.C.'Cofi:Ia.Ddrtca Colonna iStc. quffta;e4fcndo( cviiara dai.córpo del'bao^^ 
'mb^a prima sccóndór'tcoUó(0toiei(èrsc<wipaccuo' uno 4e6UQt piedi Uu.&ccoipac^^ co« 

■Ìoìlltaltì!"CÓncede{onoà- 'ib.oii- ,; . .«-f-o-; l-iq'»;-»:!) il!i!..rjmi>,M.ij i^yi 0.;''-iTh!v".-::,4 f"!;';,J ( ^] .-^ r,-, 

•"j2iiU0;!y- ^ -.-,>,-,...,•, .•;;:!i'ioiii;n.l> ^^Rf;:iì:'■v!oh::a■^aKI3'^co "■-^ -, -,-,.; ,^,,-f 

Jliaup siroi:- upi.fvi.p.m.iOab oiqiH3Tbii«i.;\ono v-^ 

«.■.■) illatlp n.x- il, -ij ,..!•..!- . ,;-.: n" )!?. l!;,:'n loo l'in-fti^ ibri -f) ih m:;, , . ..^ .,.';-, 

^fi.' 3nclJi..5c-r oTf '■'■ITO !b ini;)li. A hniqìh mn ;b ni m-.n^r^lSipòì Gmilraewp'cóftiCuimo ÌflVW«> 

hb3ònr.i)tni:;; : n,iitnfì.a,!;-i •' .loj n3in ' I ; r.vlii ^jaOiana.DiiqiUfta.chiesa de Diana fìipi^ 

"".^7on'iijp.'jHÌ';':' ;.■ 'i^iqi >r : ;iii:iTi ca :■.>:" T'hienteuedrply^ii.è Come detto habb^amo 



S;Pfl3èì'S?fttìItticnte òoiiftititlrinQl^'fchiésà a Dia'; '•- "^ f^ setnf.ro.ub.K3 a.?7.capicoii.& ..einb 

-v^',x ■ ■-. ■ j ;n-,.. •• 1- ^ : M '.-••n ■;;.": wTjti^-i.tHlitcìfiitblK'^i.'ii'diftcfiiie Come esso 

'.ma cercando una specie di noua» generationetuii n-xchipto tu fatto in.zoo.anai:A tale spefji 

^ Ci egri qiicfti medesirnj ueftimi alla feftllililé'''''' ^^S'^ctiìienhiurnóttiTtele^cgiouiddl'Afia 
"■i 'i-ivl'i;' >^ i' i.' ù « • * "'A, 'Hi' jv~ •)_;_. ,if;ì;jh oijdeplymofmulmcnte nel libro. 56» a 
. ^HtigJ.ie&?a^ la transportoròno ..3 i'riiijiamej9,„.n'.z;?rcnRitoii'fQfti#ite:. u ceiqnne po^ 

'^é'fe'ceno' la groflczza delie Gofonne dielt'otta'-^r/ ftepKrespesseiiS/T empii paiono pi ugr<?|S 

' uà barte dell'alfc-za '''i^ arno rlr^ h-jhp<;<;>TicV '^^^^ ««• ^lin-^ttm stmoìe specie di qtiefté. 
uà parte Qtii aitc-za Y'^^'■"'^,^P^,^^"?^^"■^?i^.^!ì^HC^■u«llfic>^ dei'aL- 

•una speac pru alta nei- basso alia base per' fi )!>-:..tjtìzrt'tìcti-agrotfeiadflibasro,sGnochi^ 
'^é postriola Basa; nel Capitèllo U yòUite'si^»^^^^^f'^^J^';'f ^M^^'t^^j^'^i^''"^^^ "«n? 

•' ^ r^ < II ' - - r^ ttV(F'-Y ■■' , ■•i'iiio!p(irtt's!I!9«ife:&qutU6che hanno la sctt/ 

- come un Capeii-aineto coCretpatoSJ rauolto giu^ \ x-.-^r^mM Tk-scAne . Neiie Qjf,inthij; e lamV 
^-^jendente dalla destra 5aJ"sìriil^Scollocoton]ò:"-"^'-'^'d*f«'"^'«"^?*tjn€ch^pei^ ma e d(£^ 

'"\^' ■ /"■• 'i-bri-'i ■ i-^ l'-t" " ■•y''^''ir ''/4-''''^J?. '''f'i'^'*'»^' persie, i^ItÉf^arXspituIare ad/ 
JK CO iCiniatn^Cfcn'Tarpl nel luogo de ldlipoftl-n,K-,rle^Coryiuh.e e qu^^^ (^«vietiau laqiiar 

'■•'ìcdpcili ornorono- le fregiti : & a tutto -il -tronco -i ^i.M\ («s!"^ deiiij, js^if^,' [-m^^M^M^ m 

*■ quello paiono più- sotriucHeJictoniceé 



Q_VARTO 

Jella colonna fèceno le scanellature dAcse sì co 
me pieghe delle uefte al coftume del le matrone cfon 
ne : COSI con due different e e lainucntioncdelle co 
lonne: una di specie d'huomo scnra ornamento 
l'altra con donnile sut glìezza & ornamento , Hi 
scompartitione sono imitate. Ma quelli che sono 
ucnutidopo conelcgantia SisunlitadegiuditiidiS 
coftati: & di più sottili modelli dilettati a sette gres 
sezze per diametro in altezza alla colonna Dori 
ca : Alla Ionica otto SC meza conftituirono . Et quc 
fto che gli lonii feceno primamente , Ionico e no 
minato. 



LIBRO 

L'.'nrirhi ferma ddl'alrczza deUecotcn' 

ne era la ter m parte della l.:rghe22a dtl de 

lubro'Ck t Ciiiesa . NU Tempio ài Diana 

Ephelirt del quale dicemmo ài sopra a c.-r 
V. ie.76.fi comincicrono a porre IcBase sot 
•.. to le colCne ix CapttelJi & p/.^cquela grò 

sezza fosfi la ottatia parte de l'altezza : & 

che leBaseh:iueiìbno legroirezcpcr la mi 
^ ta:& la settima d'effe prrn» traendone la 

grcfiezz:'.CItr3 quelle sodo quellechescn 

chiamate Colone Attiche di quattro faccie 

di pari Iati ^U spatii. Q.iiefto Tempio de 

DlAna il quale tra t sttri Spettacoli o mi 
. tncoli del mondo e ccnumcraro: fu fonda 

loinkgopaluftre/cicepaludofo'col mo 

do sopra detto da Vttruuio- & accio non 

renieiici terremoti , atturorono le ucnede 
> l'ocqua con le balle de lana-poi coprirno 
•il iUrjlo ài carbone al tutto: dicono alcu/ 
ì: ni, che anchora sopra qtiefto ffceno un'al / 

i; ero copriinento de lana sopra il qualcpoi cdificcrcno.Fu effo Tempio Iongo.4zf.picdi:&in Inrghfzza.zzo.tctt 
•V «27. colonne fatte da ciascuno Re.alrcpicdi.^o.furono sciilpite de scolfura egregia & « n suttilitngranderccn e 
e sanano quelle cheanchora m Romafurono di AdrianojTraianoiAnroniiio Pio & altri Impfratori:Delleprcd>C 
1 ptc rrenrasd Colonne.una che fu sculpifa da Scopa supero tutta la excellenza dell'altre; quello Tempio cerne si ci 

ce bniso la notte che nacque Alexandro di Macedcnia.CVclute/cioei rauoI.Timenri chefif.ninoal Capirellosct 
■ toil cimarlo. CCiniatio. Q.iiefto e quello doucnella figura del predetto CapitellorCiheinrcrscci nel cantei e 
^«id c^pirello la linea che mene dal numero .J. Ma anchora CIM A T IO quiui fi può iiittndere : come 

diremo uolgarmentei fregi o uero ghirlande inreffure de ftcndi dilerteiiolc &fiori che propriamciirc soglicno de 
-fider re& porr.irein c.npc i pueri a i rcmpf.crEncarpi.Cì.u(ftD e uocabulo greco quale «Jif Tcff.ev.o.fignifìci fruc 
' tc:oucro i-'i4'iriira delc mani.'' f'o'Jof «*'«.''»«'. i-.ya cioè fruttificc.=f'"foì'3piiff.ou,o.n.cioefrurtifer.Ma qito econi* 
•di ruoftramo che iiolgarmentefi dice lino fefl-cnc,& chi grillandao nero fregio di fo!?Iie : tutto il reilo di quefta 
lerrionc e ihu;rii,finia-.& la figura del TRONCO' Cloe il fufto di quelle Colonne scanellate imitare dalle utfte del 
fc donne come h.iiiem derro a cartcSS.Hii da notare lettere la grolltzza di qncfte Doruc colcnne.Ma ne i Thcp* 
in scranno maggir re quiui etìbido di.7'di..metri furaiino la diuifiouepcr i modelli conie uedrsi nelle seguente 
lectioni per i Opitelli ♦ . 



-If La dfmoffraffcnedi quelle set gencrancni diCoIonne coff saranno da cffer fatte. Priraamenre la rclonna DoriV 
ca mascu'ma sei'n'tanel niczo.A.douegcnfia-,fatta con Icmesuredimoiirareper Vetruuio : Coliti ballo scapo» 
ijjanro la ccngi -nturi di s opra chiamata hj'porr:>chelio'tioe il rondino cól liiieljo' sari segnata & cofi a tutte 
Taltre cinque colonne sarà da cifer farto per rara di parte delb congiontura secondo saranno longhe [fi comelo 
-Sfomp^«i4rcnto nel'criinederto da Vetniiiio) Icquai linee Pcrpfndenti dalla cima, de Capitelli cl^e discendo 
no con lab^iffa parre delle Base & de ciascune facilmente le poi comprendere onde elle bgftonp in fpq,(ió?, Ma la 
nerica femini1esegn;!ra.B.o ucro come la superiore segnata C.fiano fatte co i loro Capitelli & Base tif comedi» 
ce Verr.iu.)che in quello modo furono fatte nel Tempio de Diana. Ma quelli Encarpi sono propriamente quelli 
clic diremo Ile Igarmcntc Fedoni fatti di fr:.ndi & frutti co i quali si emano i giorni delle feltuara con quelli co* 
5rt'e«;{>iri nfftruli'ciocfeindellc.o in sftfiJ^lciini f.tti di carta dipinti & alcuni di crefpatooricalco'cioe ottone die 
^à crepiro & llridore> sotllmente batturo.& riluccnrr.CL" Ionica colonna segnata. D.fimilmente ad imiratióedel 
"la predetta ronfidcrando che per Io più le egregie feminc hanno manco grandi i sci piedi che l'altre quelle colò/ 
ne non sol-'OT-nre Icuolseno osseruare & farle denoticpicdi in altezza; Ma perpiu alro &-bel!oìisp«trq-fif,perpc» ' 
tere h.-nrere gli spcrri degli Architraut onero da gli arcusmcnti . C La Colonna Ccry'ntliia$ej;ìi;u;!.E.daÌ.corpc> 
di fcm nìinrrineeimitatatmoltestPc sculpiteccl gcnfiamentbdoueela lettera. E. con la reftrematura quale 
f" u"de pie sue par.ileIlelinre/cioeeqti3Ìmcntediitanre/di fuori ppendente dal lj\siimmita delCipitelloinfinq a 
'reirrreroir.i dd basfo Plyntho'CiceOadodtlla Ba53,(! come uedi per le lettere. F.G.H.l. Ma alcuni eccellenti Ka* 
TfK^do uoliiro a scfigliare & remperare bcilisfimimenre rt-sperrò di quella colonna tauro sotto if coilanrtc^K-L. 
srfianr - nel baflb scipo.M.N. hanno fatto la scauara finuatione col compalFo dij'taro per un quarto del 0:>ll3r«' 
-pò & hanno collcnro effo piede irat.obile del compaifb (i come uedi per IcIetterc.O.P.o con)e.Q..er,R.d«nii/' 
ìiuendn per smu-^so in nitro un' diiodecimo.ranto dalla destra qir:'.fito dalla siniflra pnrci' d'cjla Colónna nd 
'ft-isso-laquate alb <;porratura del Neftrulo'cic e lillcllo de l'alto Scapo rifcri'sse.Ma a linea a piombo fia la gió 
'tura del sim capitello con cartocci &ouolo come dimoftra il circ;ilo nel centro de.O.p. che pióba cdla.sua fatta 
>;ciiiantn acdciiessuna parte delle congionture tx rf- rramrehabbia a far' piafireil peso fora del fodo della ito 
ìonna ilq'tal peso sarà da esser p'Ho srpra i Capite) /.Ci uan do cofi saran fatrt esse congionrure,aIhora le li// 
needi. F.G.sono da esser riferiteallefetrere. V.X.lequ.alecrcr'q uero per il proprio Entaf's ' cioc gonfiamento* 
^on segnate & pnfle in alre7?a per rrebasfi Scapi d'esca -oloi:na ser.Ti la bisa.Ét quello (ia da f irfi la temperatu 
"n d'esso gcnfiamenro.qualeni più (ccmedicemo") fi fa la sua fine allo ejfrrcmo di.V.Y.o uero riftremato uno 
uigdiino quarto del suo fondo del scapo.Ugoa&ameaGojdeljLiiguqlfco^eda^sfcfatCoifia lieta una liaea cbc 



CAPITOLO 



-jfww^^^^^fim' 



PRIMO 



t9 



teiagmerationi di col5ne,c3pitelU,spìre6 6«e4 a/icftort à*altre genetatiuni deOpitelli é<qua* 
lescomparnricmaffigUMfcda Verruuio sono ibrcscriite. 



^^^5É- 






M. 



Il 


m 


i 


^ 




g 


fy 


m^ 




fi 


l\f 




^M ^ 








1 


HB Q 








v! 


Wi U 


: 1 


■ .1 


\ 


M ^ 








' S 






; 1 


* 5 

5 ^ 


: 




1} 


?ì 


UA 


: 




■ \ 




i-J 








' vi 


s 


H 


: 




■ 


1 


►"5 


C 


i 






'h 


? 












<4 


^ 


• 






II 




'è 


• 




■ 


■: 1 




S 


■ 




■ 


■ . 


« 


o 


" 






: '. ' 


a 




; 


'1 


■ 


\ '\ 




; 






' ? 'H 


1 


^ 


; 




; 


' • 'ili 


1 


' 






; : 


; 






: 






. ;■ 


• 




r. 




. 




;; 








, 




t 




, 




P 




: 


B 


■ ; 






^ 






. 




1 




PS 

o 




'ì 


: 


:! 


1 







: : 1 


■ 




' ' 5 


^ |<^ 


\ ■' 






- ■ 


èl >? 








'5 


,r 


'mI c* 


; 


■ 




^-^ 


3- ■ 








■ 1 






~^s o 


'. 




. 


'j 


J 


—'W "^^ 


-, 






•' 'i 


. : 


TT^Ì^ •<}' 


■ 






M 




^ -1 


• 






ì 


1 




■ ì 


^^yu^^^^ 


: 


3 


J J 


JSi 


•i 



g 



^ 




I 



§ 






I) 



l^ 



> ^^fc>»i>^itfìS 



IP' 

Uè 




fi 



O.C 

MrQ 





ir 



«■#^&ai««^«rt« i^^BH, 



m^w^y0w/mm^ w/ m^^/*^^^^ 



i 







Biltheatc 
a c<ir. d'3> 



Subrc/fi,jc 
pi.iiicilè di 
siier^. da 



LIBRO 



OJOT 



ferwmfntefiewendaatr.mersosopMilmeiodeI£nW(ìj /cioè il gtnfiamcnro' almeno sia rsnrolonfs quanr» 
e la Cuioima : ncU.iqimk eifrrtmica farai checoH l'aperro Seiìo o uer& una alia longsquanto accade sia tua iii* 
ttgra Colonna : che talmente aggirando tocca la Icrrcra. V. & firailmtnte facci da l'altra banda die tocchi la itr* 
ttra.x.f.iccndo che tue due linee agijlcitepcruengano intersecate come uedi nel b-ilfo sta^-o dilla Colonna ionica 
allaletCìra./.&di sopra alla lertera.Z-ò: nella quarta parte nel arca d'efraCorynrfiiastanclIata Coloun.-jiaii* 
scendono lo cxtrouo delle baift croche delle scanellarure:txochc a carte. i->6- luterà. S. Sm^i^liantenunit potrai 
usare quatemeaure ntllelomte che hauno le extremira de l'Abaco thepicmbano'ccl centro de Tcihio delle sue 
Voiuti'Ciuecrtotcì'Baliheaa &pofteasuoletto toccando lo sportare del pianuzzo del baffo scapo (ì come da 
1.2.3.4. Etnella fhoscana il numero segnato. ).che di sopra e.tf.& di sotto ala congiontura.7. Ma conpo» 
ca con.uratione & rellreniatura ; nella r.igione delle Colonne Ooriccpredme fi può usarerqucfto gonfiamento il 
qu.iie>cDlloc-.to ndla prima terza pJirre della icnghe2?a ch'effe Colrnne fi come e da.8..id.9. ìeBascdiquc 
Ite colonne mascoiine sono ftate di u. ne forme & aggercuma le più bw. sene ftate come qucita Dorica intr.-. 9 
ct.io. Ma alle tenune gli fu pcfto sotto la Basa fttta a tnutatioue delle pianelle Con Z'agan d.ì donne o uero co 
me una Ugatura d uiixakiamenCo a uso che fi poitauano in antico le starpedi corda Kxure comei,cane2« o pa* 
/nitri di Slittili uiinine.o ucr' p iu preftpquefto fine di Basa fu facto alla iraitatione d'una bella & araliaosa le 
garura con)e alniiia uolta s'usano agHarbori delle naui grandi che su ui porrarnolc uele, la donde li icg.ino di 
sotto con minute corde,* di sopra interpoitamenre Ct-n^Ic grolle, tal the.pare. etra Basa in se conflrettaco/* 
me un strpi. quando fta rinchiuso & nftretto nel tempo de rinueriio in alcuno oscuro luogo . La Colonna AT' 
nCVRGA scgn.ita.ii. fifa sita per ragionedelsubscapojquauco.-ela Ionica, àia Cor)nthia::^iKhorainfi/ 
.no a duce modelli-à più quando quefta& le altre sono accompagn.<ré & accoltate coli le paraftatueinfino alle 
Volte acr^cicreca fascie o a psichi & alcuna tiara più & manco secóndo eattadutoln uariate cf crciCcnao* 
(il cesa tlicquclte se pongano pepi] più affai conuenientementc intra le resquadrature delle dilatate intauolatu// 
renelltquili atcanicntesi multipticano gliorduii loro coiitmuaa in longhtZir^i ia larghezza, & in altezza: in^ 
Cr.ii quali Intercolumniio di scultura, odi Pittura o di altro ornamento.quelk colonne sono ntolre» conue^ 
nicn i,& anclu.ra molto bene fi .idattano con tutti, le fompofitiani,o ucrc orn.amentlparaftatid;iiegli Spam de 
le quali qu.aidoh.iimo la larghezza ediuisa di dieceal più, & nonniiìiicho di ottcdi.'eparti si danno per le 
Arpaginate eime/cioe Gel. ,0 ucro golette^ch'intcrno tingono,le altre parti filafcianopcrlocampo : nel quale 
òltiCulpiscKo (ì orna di ( peradi.lhicchi-ouer'fidipingede alcune^I^icidetoscc d: uasamcnfi & altri orna 
nienti:fi erme nella tì^urid.: tergo dimoftramo una piaceucle& bella apparentia haucndo concordantia con 
tucri i meinbti sopta polii ad tife : Si come sotto gli Archltraui,Fregi , & Coraùioui , &. c-fi de l'a.tre ccsf : 
Xcapiteihdi queftc Colonne sono quafi di tanta bellezza, quanto i Cor) nthii ,& sono f tti inuariati na/ 
di:ma qu. fi pero con poCo r.icjglinunto ài mesuredifftrente,tonieedetro da i Corymhii-: La uarittadei qualt 
& de altri Capireìli imit.ti dalle mesure delle campane & u.-?fi : fi come e segnata la figura per la lettera.9i.& d'ts 
fi da molti < dificil Romani h.' bbiamo roko lo exempio & affigutau queiti che dl,sppra ucdi per dim&llrate 
aauura di quello chediceVecruuio nella presente letuone. H- 



CMA n fftzo che Corynthfo 
Il dice &c. Qui.u Vitruu odi' 
SITI ut la iiu.u'.tione dei Capi/ 
ttilo Corynthio con breuita de 
l'hiltoria e me il tcxto chia// 
rameace dice. C Matura alle 
nozze . Cloe effa Vci'gine cri 
già utnuta a qael tempo che 
doueua esser' marirara ; o uc/ 
re .-ia poncrla mila religione: 

t)er c'ie m quciU doi modi al/ 
e uergini per loro fi celebra'/ 
no le iijz;e. e; £t Cauliculi 
«ov ^jff ,iu . dMcur pars ha'/ 
fte q'iae terre inhngi tur ftrruni, > 
iKu i hait.i h.iftile. uirga ui / 
rilis : rhyrsus ,: quod eriam 
prò uirgi caiuscunquc planrje 
divi pctcft . «^t^t.xhoìt. Ci 
tatecnos- fi.jiiifìca.m.,i ire prin 
rpale dcirarre- & so^r.no a 
gì altri macfrn . cndei C.iulicu 
li poteino qui'ui chiim: rcFultu 
chi.CMa la niesura d'elfc Capi 
fello cofi e da eifer fatra. Volen/ 
do Vcrruuio moftrare cnie (ì 
fa la figura di queil j Cor}-nrhio 
Capite!Io,hreieinente ne dice il 
suo ScompattimenCo pur dM 



Ma li terzo che Corynthio si dice di uirglnalesnttlglicz 
za ha l'ìmitationc: perche le uergine per la tenertzz.T del 
laetade, con più sottili membri figurate, riceuonor elio 
ornamentogliefFettipiu belli. Et d'efii) capitello la pri 
ma inuentione cosi si raccorda eiler fatta • V"^ V^fg* 
ne Cittadina Corynthia già matura alle nozze uenuta 
in malatia mori . Dipoi ch'ella fu sepulta , quei uasi de 
quali ella uiua , usati al beuerc s'era dilettata , la notricc 
sua radunateli fiicompofteli in un cefto gli porto al mo 
numento , & nel più alto gli colloco: 8d accio più longa 
mente essi reftassino sotto l'aiere, con la tegula gli co 
persi . ElTo cefto a caso fortuito sopra una radice di gel 
suminoera stato collocato ; in gueì spatio di tempo la 
radice del gcisumino aggrauata dal peso , le mezze fo 
glie se i cauliculi intorno al tempo della primauera man 
do fora: i guai fuftuchi secondando i lati del cefto crcfcé 
do. Se da i Cantoni per il peso della tegula calcando ne 
cessitati,i piegamenti nell'extrcmeparti a fare gli auol 
gimenti furono ccnfttetti . Albera Callimaco ilqualc 
per la elegantia dcU'arte marmorea^ da gli Atheniensi 



OT5CAPrT0LO 



PRIMO 



90 




rie 



li a fars • che iluata sarà la groffczza della còlbirifìa 
fi bàlio. tAta sia! 'altezza def capitello c5 l'Abaco 



ila k^g •!cz:ìa de l'Ai)aco cosi habbia la ragi(óc,chc 
^uatóHira i*altezza rati siano i doidiagoiih Ha caii 
torte a ci tene. Perche gli spa'ii cosi balleranno giii 
^e le fró; 1 in o^^r^ uerfo Le larghezze delle fróti sia 
no sinuate nel dctro a gliultimi catoni de l'Abaco, 
ia nona parte dcU a larghezza delia fua frótc li fon 
dodel: -api cllohabhatata groffczza quàtabaJa ;;;j,-J^ .porr.redcinrmioidifuere 

BUnìta PC la ColónajCXCettliatO l'ApOthcsittljSi lo dei sumofpitrndKlio delie Colone itinro 

Aftr.T^alo: La nroflèzza dello Abaco,Ia fcttima par P"o ucdtre p uviJìu quanto p£«i«^^^;i 

..«■'. s , „ . .. . ^t crmrrn e errerr.CD.E. sonnlcaltre ma 



•4- ,t: iiiVI 
il r,d li 3u 

^ _„,^ , . _ . , ,_ . .... " Jiiii« 

glia locano d.?la tu ffr' Otra-dc uè inno 

di twrie sotti di q^i CLClntbii C'pUtlU , 

esculti mpl orduil-tone da tirgc h b^^ 

binnio f.if ce le figtirtioiide breueniente n-C. 

reremo:£ d^ sapere the dal brrfb sxapo dCi 

kColóiw fi scòpartisccootuitelenitsiirCjj 

de l'archttetcura douc cntr.'iio le grolfezCi 

de mura,& delle Colone in ogni g€i;er:Jti(?o 

nedi^dificuiAdiìqiK efllndo ih'erf;. bas,) 

vo scapo fia qllo dal quale )i prinde il me.) 

5urRnieiitOHin4ft-'""3n'"di«"io.EI bas> 

so Scipo e quello c'habbianio, scjjnaio - 

co I numeri ruid parav& di sottcj l'Epi' Epfrrachf/ 

trachelio del Apothefini cice afct.sc dtlla ho a tdcce 

coIona. A. il b.iitoscapcefegnaro tn.fpti ^4.i;uaa 

cólelettere.B.alderirro alelintea pn boiO. 

di qfta,elcgàre set pamtura ptrcl]f eiUdi» 



tncdcsimi a 'tczza,da i quali nascono le fporiatc fo 
«.Va ^^^:^ ^!-.., rjceua 1 catilicuH nati dalc foglie Tpot 



gl>e f^rcvyc 



l ::oc iiiii.:.! .ii-t-" <jt ■>■»>"." .. ..11.....^ ii.- 
scpredello Abacochepióbacol Trcfhi' Sintiareti* 
lo c;cescauo della Basa & le lettere. G.ct nicluiiaco 
H.e li cadere a piubo che fa In eftrcmi ta de la co lalirA 
lo Abacccol Plintho/cioei! n^do della frochilo a 
Basa/segnato.r. Malelctere.K.Jr.dcJ'aba car.: z.let» 
co dtnicftra Io sporfarcdel Baibnedi so tcr.i.E. 



t.r^o a-a ed »'nrita ce can oni !c Volir c'& iminori 

Hebc; n^"' fuo meiosi ^lual; sianone PAbaco coni ^ _ _ 

Bn^re^t' fori fcu! Diti . ( fiOr; m qttro partì , quató sa pr^ àtlU Basa segnaro.H Cefi -■•na r.-,.G. Ab.cu a 
,-' ,^ T ti A r ^ . 1- ■ ' •* f dinioltra li centro dello spcirroacl Ballo' drCc.-j, 

ra la :t'i*'^'irezza dello Abaco tato gradi Siano torma - ^ - . ... 

titcosi con quefli scon>pjrtirt:entii Capitelli Coryn 
t'iii baucranroi soi finimenti. 







ne da balToià lo sporto dd pianuzzo da 
baffo del Trochilo : Ma la piana rabula 
thianiata Abico»'pflri quadrata e se;'nata 
L.M N.O-Ma le due linee Di.igtnie sono Diagonio 
da.l . f^ O 8' ^a.M.ad.N.il ciu centro e.P dac-iiitoue 
?I tua le lirrere.Q .sonò i fio a cincone. 



Il ri sportati daj'ab.'co d'u' 
Jsiia dcle.j.parri come vedi 



#p'^tó'(^H '■'' d'^'iif'óe fatta co l'.ip' 

' '^^^Su f'f^ del stfto sopr.i la Ioti 

^"m!^; ; ^^hc?a rie Iceftesclinre.CJ.. 

®''l ènrr.ado nel idrato ima de 

n^^P^ Vi-,^'-^r!;l^ìlÌ|Ì' le.?.partt co l'apto scft» 

^è^;j.T*^.i|%'?,i5'^|5 ' qii.'tto e lina linea da cali C 

y-T^ '•^'-'JTW^/^^dÉ^^tó'^ \ a catene * la lars^bra d'i^ 

\^ ì ^'Xi./ ?4Ì&ìS&\<- fiorcrficcap.'scdi doino' 



^Wmi^ — ;- "~ ' 

liU 







i 










■j,i^„kÌMai^^t^^^i^f</jC<(4ùiiUi 



L. 



ria unta t & la fe.j^Iia 
me??o d'e^^o r^f-irdto: 
M 



( Lì^V^o 



O.V Q_VARTO 



tfmStì/ ti/ 
«-«■■ il bii.i 



b 
ó 



t d) lui in su 50110 ffli Hcliti fbvrtian st.tro If Vclure,M.-»ggit:f« 4; mirtori Htlici riturri'. £r sopri h S.)gl«.i d» 
■iiTu s\iiu) 1 C^uIuiili.Q>ii indiitp.irn dmioft/.»uuri ^i^JtijCur.i del tv'ì}' '=''>-' Ci^'i te! lo:!' uii.i cl.<pi.ic.to vo^^Iù 
-irt^pri.t tl)riiia>\ l'.iltr.i p Jo ilft^ef sa'pirnr«;M.i iiura chc.jU ^iindii in nioUi modi di 4'** «If^uT .nòe se. 1* 
ptri..Mi«Ì'^wu"dodd C.ipirrllodiiuoth j comcim uaso o utToCip->'i«soCU:>'.>pra ndcii Limbofidii'Tt». r. i;»^ 
iJh madTi scutpiftk. titmio^uf Onolo'A di sotfolu A.tr.«i;.ilo li>bio ciocil fiis.UoIoCoi sui iiatui-li' uerci 
ioli ciuf puiuuvi' 1.1 cifCU'.turJi dt'ifo C^putlk* Col nudo dn cipo all.i Cclóan cd:« (irli. fi come di .vopr.t h.ibbl» 
juu liittu a cjirK.y3.1l (he li per lanijACu U colòni ael batfo e >i3>ncllii sùmica Jcbbc tiltxt cuiquc. 

CMasoHu anchcrs ..Icrc^erariòi di a Mi fono iincfiora alrrc ConcratJoni S Capitelli , f 
f inili&c. Vitni. nuuji n.irr.» qualniouf ,111 j .-. i""- n. y ^ 

sopn un.i gmtTM ne di coiòncpiu v-..nc ^iKili aUc mcdosmc Coiouc .^ono poltl , di IKint llO 

fora di caputili fl ^on^^.noi quali nc-n c.llx)Ii noniillviri i qu.lli 110 lor prOOriC'l dcIIc sc5 

KulcJ^^Slint'r^ i^oS F'^nitU, ne altftr ooncut on, J, Colone nominar 

dtrfkalòdMiifn-ii .«itr.i comin.itioiic, potctixi.nM J'cs.o uocabuli rrui'fotri ST conuit.iti dx 

c'':::t:Ìl:::'^:::;^'£i:ì.'^;^{!: ,Corvnrhn,S;nv!^;,a(\.o,lort,.nonccl<:scomPar 

su^.i leni unTf (i,f>(i .iiifG Ione nelle scó titioni uoocrr.o, lc'C]i'a: ; 5i.'omL\irtit OHI soro nella 

. hr- *'\'"'XfA'l.^u';!'Sc '",") ""^•'. '"' sottilità delle seoltiirc none transportate . 

u.iniOire >.l 
f ii\iiw . £t .» 
■ - e^.rr.lH ti ' 
ttoiic di qii.i { 
to itipru t ', 
decri ...(tubo ■ 
ri h.ibi*ii)i 
Jiiiurtr.to 
yleiKineh' 
yjrv d «vtì 

C.ipl(«lll fi/ 

tik>. qiiuii pò 
iicjirei q i.i 
lih.bL-iuiiiJ 
tu.a.ttJ del/ 
Ic^apriC li 
^ure W-ro -iil 
tiqiu,& pCT' 
clK iiiCiJ.ior 
ciTte^i.i pci$ 
lihuacq^h 
OpiWi co 
U .^. ùnel >/ 
fu* di ba 
RlUCtl'l St 
d'.,Krek'.irie 
piecre di p' 
^io durt le 
, »ili hibbiiu 

nio che cjtre 
erjiio ad iKi 
te.upio dir» 
t^ a.l.) Dv.'* 
fljri lucin j 
dill.ifioslri 
art.» di Pera 
già cmq nii' 
gli ;Nihv- lidi 

ce hjjf,'! il 
nonie del e» 

I.^d^Amorauffto Tempio fTJu.ìftó Ctonie d' tifo f.i mennc-re li ^nl C pit'nc^ & drtro nf Rim:.ri i.crf & 
Fro..,U.„dro SijJ.k re'!, ael suo libo imnlato Acf.h & po'C .te !e .pogHe dmcrv. di Pe™ 1.. ^o«e a"* 
Lrc.. del.. Re.n, e5epteiitnun..k ne fu crn;.Ci un;. chie.M ccu g-n.' thun ata al prcsoites.r.r ^Ì!"''';„'y;r,r ^^ 
Cisfirn,>,ncll.-. q\i.;le chiesa in n.ezo eimo .ilrare di molt.i uer.cr.cione & dui. n nc.& rcr picdt »;^r.n. mn to drt 
q ■ 'e t i:n plLitro di nuirmo co q.into fi.it,=phio scuKo di Uxm;- n...r.i(lii < Luint & c.r- 1 h .bbi. no cjmipla 
ti i' tujdaoe meriotu a chi non ut < ilat^j, di ^uanCu ptt le httac fi njrra . tic tpi h-'puio a Ui'jJ»-' c-'r.i ji. 




CAP/TOLO 



SECOMDO 



5f 



CMA perche le on'o^ni & muendoni ddle còlente &c.D:>pochf di sopra e scruto il mcdo Ageneraricne d«il« 
Ovionae & gli.Jlcri ornata niefQÌ)ri>aIprei enee non jclarriei re delle Ch:e5e,maaecgiag£nCTrfticiie di toincii ; a 
qij.<i riodo sono da elUr coDiem.iri copera-^mulr/pliaio à crnaa fi du ai ue.£r perdo in quefto capitolo V'ecru 
uio r^ccresomeritoj& protertione loro & gli a mci arati sópartiir.enn con sol comembraii otnarritntijdella Do 
ric^ ra^onedifaiuendonianiffciacammtecofidice.C Noti rat pare AUtNG'aoeiiiCÓufciuojteo. da tfierpospo 
fto fuora di prtpofiu^.£t peroo uol dire con U medcfinie ragioni degli ornameaa loro a qutJ modo seno f-KO' 

GN/ilI'aocprogeiiCTAti o Leto procrea/ 
DECUORNAVESTI DELLECOLONNE Er GRIGINr 
LORO. CAUrOLOltCONDO. 



ti 'Lcrchcogiu cosa ooua ccmen chabbia 




A PER che delie origini, Slinuétioni 
•ieJle Colone di fcpra sono scuttc no 
mi pare douer effere alieno a dire le 
:ticaesime rauiioni de eii ornamenti Jo 
j ro a qua! modo sono procnatra dire 
diquaiprinapii.óCorigsn-s.ano troua 
ti. In tutti gli edificii ai sopra fa collocata la genera 
tione della materia co uani uocabuli nommata. Ma 
cfTa SI come p gli nomi uani,cosi nel'ecoschauarie 
utilitadr.per che i Traui sopra le Co]Qne,& Parafta 
te,& Ante si pógono'.nelle cótignationi i Tigni , 6C 
IcAxe sotto 1 tetti. Si maggiori sono gli spatii ,i colia 
relli nella cima al sumodcl Fafticio: V'nde,8:Co 
lumneson detti,ciTranftra ci Capreoli, si còmodi 
iCoIunelli òrCanteriidai più eminéti alla extrema 
grondareccia Soprai Canteriii Tempiali, dipoi di 
sopra sotto le Tegule gPAfTeri cosi proemmenti ,ac 
do che le pareti per gli spora loro siano coperte. Et 
cosi ciafcuna cola, ói il luoqo OC la generati óeci l'or 
dine proprio uiencóferuato- dallequaicofeàllage 
neratione della materia fabrile de Pietre 5i de Mar 
tniedificationidellechiesefacre , gli Artif-ci le dif 
positioni loro nelle sculuire bano imitato^Et effe in 
uentioni daedcrperfeguite penfarono . per quefto 
che gli antichi Operarli in alcuni luoghi edificatori 
quando cosi nel le Pareti di détro dalle e.xtreme par 
ti liproemincnti Traui hauellono collocati, intra es 
SI Traui fabricorno' ór sopra i corniciói , 8i i faftigii 
con più bella specie di manua'i opere ornorno . Di 
poi gli sporti cfe Traui quanto in fora ueniuano a li 
nca della Parete &r a piombo segorouolaqualefpe 
eie conciosia che non bella ueduta fuiTe le tabelle co 
si formate, come al prefente si fanno i Triglyphi,c5 
trai segamenti dei Traui nella fronte fermorono: 
H effe con cera cerulea le dipinseno : accio che le se 
garurc de Traui, coperti nonotfendeffeil uedere:co 
si le diuisìoni de Traui coperte per la dispositione 
de i Triglyphi intra i Traui 8: opa, nelle Doriceope 
re comincioronohanere l'ufo . Dipoi gl'altri opera 
Ili nell'altre opere a linea apiombo dei Triglyphi, 



hauro qualche pnapio & origine da qual 
(h'uno-à a itunecMe de qualunque Ipe/ 
eie & gentraaoni siano e de neeeiTita e' ha/ , 
biano li Ino nome,acno di loro fi p offa la 
tognincnt hajcre, & l'ufo da cptrarfi m 
ogiu abisogno & necesfitade. t Mat'.na/ 
Cloe icgname.Et per ao Vetru.oice. t Ma 
etfa fi comeper gii noni &c. Perche i Tra/ 
ui sopra le colonne: Vetruuio dimoitra a 
qual modo riprccedcper ordine nel niul/ 
ciplicirei subite, ita Olii sopra le muraglie 
o tjero le ccIóne,o PARASTA X E'Ooe ce/ 
sa laquale s'apoggia ad ^-n'altra per su/ 
fte..^(;/& ANTE/ Cloe corrie di sopra det/ 
to hsbbiamo soa de:te conrraforti o ucro Ante p csr/ 
pilatìri principali a Softci;erei p.-jlrhi ove te.73.1ecie 
ro peducci delle uolieo altre suiegneiine ra.E. 
da farei luoghi in tumgliordini coperti. 
C Nelle co.-itignationi'Ooei palclii o so/ 
lari di legnamc/riCN'I/aoesonoi Tra/ 
ui diesuirengono i detd pal'chi'i quali in 
anricho fiusau;ino Ccome anchora aldi 
d'hrggO fare per i primi fufteiiimaiti de 
Palchi soprai cui Traui fi pone gli Vct/' 
goli, sopra i qu.ili fi pongano le A«/ que 
Ito uocabulo noi lo proferinio per d._i.ll. 
& duerno le Ade fttce di legname/ & an'/ 
chora per un'altro ordine diremo le rauo 
lette quele fi fanno d: terra cotta & pon/ 
gcnfi sopra i Vergoii.CTSi maggiori so/ 
no gli sp..rii.Not2i cheefloìdo maggiori £ 
dera spani richiedeiio h.iuere gli ordini 
di legriJimi multipli cari,& più grosfi Co* 
lunel'i fi pongono nella ama al più alto 
del FASriGlQ'fafagicdce queilj cima 
Iaqu'4eh.i pendenria da doi Iati sopra il 
C rnicionedaendo la ferma a! tetto do/ 
uè pioucno racque.cVnde-& colline ff n 
derre.N'or^ che/n molti reitn fi legge VN' 
DE&COLV.MMAEDfCVNrVR.nepa/ 
re effere ditbcnesccrrerra, perchese^ui/ 
ta li texfo & Tranftra & Capreoli . Ma ne 
pire ucglia dire Vrde&Columne gh su/ 
ftentarùli per lo drirtoV.N'DE'cioe luoghi 
in rima a tetri douepioue.purektnóeret 
ta a noi pareeflferecolumnellevo nero (co 
mo a!rn t&rri) e. li;men in siimo fal^igio 
rulm.misjVnde &columncdicunrur.cioe 
che fi li spani alla rima de le pareo sono 
maggiori fi h.ibbiano a collocarei colon/ 
nelli.per forteea de! terto» Dódesóno det 
teleculonnea rulminibus ' cioè cime do/ 
uè per softeni mento si soleuano colle ca/ 
re/o uero perche scSen^ono lealree?ede 
glicdifiril. Et Varronenellibro de agri» 
nlnira dice che le colombe anchcra sono 
dette da i culmini - perche per li naturale 
timidità sempre eleggono le alrertanze& 
colombarii . Dr poi soggionje Verniuio 
che àcora i triltri/cioe trauicel'i a trauerso 
M li 



i'ì 



LIBRO 



& e^tSoU. CTranltri/tioctraiifcefliche 

BponytìnD a rrauerso'jgli potemochia/ 

mare uergoletti.fi dicono aiichora tabule 

nauale m greco («r» :cioeluga in latino 

CCaprcoli'tìo* quella cópofitione di tra 

Utcelli ct>e siiftcngono il colmo del tetto il 

qtialcpfthauerea trauersouna colónclla 

o ucro rraue di legno»A doi altri legni dì 

doi corni :moftrano & hanno nonicBicor 

nei uolgarnicnteCaua:^li da tcao.& d'es 

lì tehabiarao fatta la figura peri numeri. 

5.io.u.iz.i3.softcnendo i rrauecelli.i4.ct 

gli asserì segnati. 8. ma gli Affen sono 

setto le regale da baflose'nan . S. &cs(i 

Orli fatti rome Tempiali sono sopra i ca 

reni o trnbelIi/fiGegli legni the ueiigano 

dal tirante della cima dei tetto alla patete 

segnati di numero. i4. Ma degli Aiuti ?.n 

Cora nel libro settimo a i .?. capitoli ucdi 

ci« che Vetruuio dice,& che di esli expone 

tuo. <rsi comodi i colunelli &canterii. 

, . Quiiii dice fi non saranno di gran diftan 

tia fiano conftiniiri per tal modo àtei co/ 

lumnelli come sopra haucranno didurti i 

cmrerii da un colonnflto a l'altro^sopra i 

Q quali scapolano ordinariamente gli alfe/ 

ri da I più eminenti in fino alla eJttrema 

grondarecaa.c; Sopra i Caterii i Tempia 

C.1rcr7/fio lijquelIechedicemopianelle.CEtcofi eia 

e rrauicclli scuna cofa.& il luogo &c.Q_uefta ragione 

uergoli o ha in se una Philof jphica confidctatione: 

Cofcll. conciofia che tutte le cose del mondo fé co 

prono o nero fopra coprono l'una p l'ai' 

rr;i:impero p quella ragione diccuano al/ 

Clini il mondo elfcre sempiterno. CDalle 

quai cise & la generaticnc d'Ila materia/ 

cfoe legname F AERILE ' cice da fabricare 

o inuoraredi dentro alle satre chieste, di 

pietre & di marmo ornate di sculture di 

eilolegnamc.CGIl Artitìa led'fpofitioni 

loro'floe le cose ordinate de gli crnamen 

ri delle scolrurc da loro (late asfimigl late. 

CEf eifcinuciitioni &c.Q.uiui dicepcrche 

e-fi ornamenti sono ftati fatti con diligcn 

tcscompnrrimentcdaeirere seguitati esli 

Artifici b.innn pensato. delle quaicosean 

choraaldi d'h. ggi sonoasfimigliate S( 

5eguitc,&con dilCTtatione grande sculte: 

ò uero dipinti uolontieii.CTTriglyphi.ue 

di a c.irre.9:'. CCera Cerulea. N^^ta chelec 

te habbi:imo terraCeruIea in alcuni texti. 

Wa Cera cerulea douemo intcndetejpcichc 

quella f pra i legnami mfglio puo Itare & 

cóseruarfi dall'acqua come da Verru.haue 

remo nella diferi rru ne de! Minio al setti' 

mo lih.CER VLEO'Cioe colore tia Io <«?ur 

ro & il ucrdc.Nicntedimeno fé tu leggi ^ter 

ra cerulea s'intende terra vfrde, laqìe s'a/ 

dopra in Architettura a pingtreparCTe,& 

fnirre ceruleo e colore dd mare verde, pu 

re fé ha manche de la mi dura dd negro fi 

chiima celcftro perche A.gellio demolirà 

im me-'cfimr, nomestruire apreiTo li aut/ 

fori a rìiucrfe qualità o me ditfero fuluo 

oro'fulua agla'fulua arcna/& nientedime 

no sono alquanto di uerfificati i colori p 

edere p:u participi del roffo o del bianco 

cofi anthora fi fa nel ceruleo>o vaio glauco 



r Q_vARTO 

J Catitcrlì più eminenti fpottorono in fora, & i loro 
sporgimeuti sinuarno:Da girefto come da i Traui e 
la difpositione de Triglyphi,cosi da ]c fporti de Cà 
teriileMenfole rottogli sgocciolatoi la ragione e 
trouata. Cosi ne l'opere di pietre & de marmi le Me 
fole inchinate di failtura le formano-pcrche hanno 
le imitationi da i Caterii.Et pero e neccflarfo per gli 
Stillicidii, pendenti si collocano. Adunque èi de Tri 
glyphiKlVìérolenelleDonceopere,daelTahnitatio 
ne la tagióc e ftata trouata. Et nò in cjuel modo che 
alcuni co errore ha detto , le imagine delle fetieftre 
cflere i Triglyphi-.come cosi puo ctrcre ,^ che nei cato 
ni se cétra i Tetrati del le colóne i Tnglyphi si còRi 
tuifcano.-'nei guai luoghi a uelTun modo nò cóporta 
no gli si facci cose de feneftre- Perche sidilciogtiono 
le gióture àt i catoni ne gli edi ficii , se in quelli sarà 
no lafciati i lumi p le feneftre'.Et ancora doue al pre 
fentei Trigliphi si cóftituifcono,se lui gli -spatn effe 
re flati si giuaicheranoPer le medesime ragioni gli 
Dételli,nei Ionici edificii so ueduti ocuparc i luoghi 
delle feneftre*. Perche ciafcuni Ipatii che fono & itra 
i dételli Kintra i Triglyphi ,Methope se nominano: 
Perche i greci chiamano i cubili Opas, Tigni , & As O 
feri: si cornei noftri effe caue col ubane: onde quello 
Inter tigneo spatio ilquale e tra due Ope apprcflo 
de greci Metopa e nominato: cosi come pnmamcte 
ne 1 Dorici edifici i la ragione de Trigliphi & iVlenlo 
le e ftata trouata, similméte ne i Ionici , la cóftitutice 
de i Dételli nell'opere ha fua ppria ragione : Etper 
guai modo de gli sporti de Càterii , feceno le im?.^i 
ni delle méfole:cosi nei Ionici gli {porti de i dételli 
hano da gli Afferi la imitatione . Et cosi nell'opre 
degrecineffunofottola méfolai Dételli confìitui: 
Perche nò pofibno sotto i Canterii efferc gli All'eri . 
Quefto adùquc e che sopra i Càterii & Tempiali in 
ueritate debbe effer col locato. Se qi elio nelle imagi 
ci di sotto farà ccftituito,emédofa hauera la ragiòe 
de l'opa. Et anchora gli antichi nò l'3picuorno,8C 
non iftituirno fare ne i Faftigii i Dételli , ma le pure 
Corone. Et per qucfto ne Càterii, ne Aficri centra le 
fròti de Faftigii si diftribuifcono ,ne pofforo sporta 
re in fora, ma da i pendenti Stillicidi! si collocano: 
che cosi non puo in ueritate fare. A qucfto fatto no 
penforono nelle imagini potere certa la ragióc ha 
nere Perche tutte le cofeda nna certa proprietà , 5C 
da le uere natiwe & coftumi didutte,han tradotto le 
pfettioni de l'opere, 8C effe bang approuate-lcguaii 



SHCOMDO n 

calnre& Virgilio cfu.im.1 il ci'cumefo «* 
ruJeo.cOp-.NoCii ch'in alcuni cera fiug 
gc Opìi-* iiltuni Hnchora p Mtropiirt>lirfn' 
Ilo scatto Metopiini ; M.jcai.^ie e Irato 
siritCo Oph.im pcr.PH-& no p doi.lt. per 
che hauvri.i alcr.i proprietate ae ugcUuIo 
che lij^iiificana come una cosa gctìataiM.-» 
Opa o ucru Opha, figiufica quella auiw 
separata intra! uno & l'altro frane: p t 
btn che fiauo molti in uno tiUre ordio..ria 



CAPITOLO 

celle disputatiori! poflbno hatière la cliiarihone cfel 
Ja ucritade:Et cosi da elle origini le mesiire , & prò 
portioni di cjafcuna geiieratione cóftituite hano Jal 
sate-rentramento delie quali ho perseguito. Delle 
ioni.e&Corynthjeinrtitutionidisopra ho detto: 
Mane! presente la Dorica ragione, Si lasunima 
d'clVa specie breuemenic e.\ponero . 

mente : cofi anchcra fi potria dire Mecopa 

o Mercìph.i quello altro spatiò di jopra coperto eh? Copre cITj cperanlqule il primo comenca.lo chiama il 2à/ ^larnbfno 

bino QueroBaomno che sana m quella parte lo sp..tiolnr<.ragnec.C:-tiHioroao.in quella parte t'ifticndcsmus ac,^r.9j.le 

jorono come a dire leuarc il taglio del cantone fuio a uu q laldic termine, e Da quelto,cciue da i Traui e la dix ^gj.,,^ ^_ 

pofitione de 1 rigliphucofi da gU sparti de i Canteni la ragione delle Meusolette sotto gU Sgocaolatoi de Cof mterngnfo 

nicioni&aiico cioelLacio 

tA FICVilA aVALE SOPRA LE COLONNE PARASTAFE ET ANTE»I l ouoloe tro/ tra uno tra 

PALCHI AL DORICO COilViVii: SI ORNANO. uata.cicela re ^^^^^^Xo &i 

gula dello scò iMcrj. 

partiretiitigU ca;<r!i rie, 

edihcu Dona ^ uer^cli 

fi cerne i:„op etr.bdH 

ordine F'-fUi duuefpra 
Trauii quali p ^y„e ,, 

sono ftari scC/ pi^neliada 

partiti p la ra l^^^^^, . 

gloiie dello in 

tcrcoliiiiio ce» 

me e detto .ni a 

Ufo fcom partì 

memo e [iato 

fttopla qua 

tita delirigli 

phi& de le ve 

toplie-le quali 

fello tra l uno 

ttauea l'altro 

8c come scijo 

grosfi esfi tra* 

ui dno Ja rcr 

gula a dciicr 

farfi le tabelle 

derngUphi. 

C Cofi da gif 

sporti de Care 

rii/aceqncnt 

legni che chi a 

marno vcrgolC ' 

da terrari iqll l 

di sopra glifi ' 

f)one la pianel 
a di terra cct' 
ra & a capi ài 
rsfi fi fano do 
pii acoftpnJii 
nof^praTal/ 
rro:o che spot 
gano fi^ra del 
la pareteo m 
dentro •> pm. 
sporge fl'orai 
Tuno che Tal 
tro- a Pili a oc 
nano I e pi c3 
certo modo eh? (luedendlefigiirfdrt primo libro & in quelli figuri sfiata perleletffff.F.I.rofida quednor* 
dine sorto Io igocciolaroio seno ftare imitate le scolrurc di pierre& di mapmi che le chiamarne Mensoletrcfic 
«dio l'ouolo pur.jwOo lo tgocaoUtoi» del CotaiaotieA cefi il t«te dite stfw aeuata.CECftcn inqud modo 

M Ile 




va 



LIBRO Q_ VARIO 



Aealrtnf con errorchanno aero Uimìgi ni dille fadtiesi[kti Tri^iphT. la qutia parte Verrjuioutl<au:?a/ 

tirt Come haucrii' deto noti cda" leato firf le taiaìri ce cajicoui so:cj >pca<; Ji ca^'iciie de Iri^iiph. : per^ht ii 

dcbilmn-t il cantone del muro la r.ijione V'fT-iio cofi due. CConiccofi può «Jferi/che -^ i caiCcc! & centra i 

I £TR A N r[' Cloe [e q aadratjre c^u.<ce dii arcalo diileCcionne »i« mca à ed i pacu corweie cofiàicnire i Fri » 

gliphir'cL.nic nelle liguri fi ucdeiegn-ateiQunitrt.4.scno jUtn-innuteccULt-ii":. £:peio V'ta-uiodicc CN« 

quai liic^lxi .1 iietfun modo non tompowano gii (i f <cci Cuse de feae&e^ ciò* ner ucie fi faccno apern;:^- da ricxi> 

uerelanii:i;]qu.ilr.)gicnedi'eil;3 lenicnecburit'ccecosa la-ioitòb.fercheb^Uc'Jiiopocas U Moire ne gii€Qi&* 

ai che coli s-icmao rtaa fjtn.croueri cheper il più quote cote taraauo aerufimcct il tuza cniarj«Kn:e ilnsrtJ. 

CEf P*r q^^' modo de pi spera d<C;Mixrii.ttc«ùo le ira.Jgrcc delle MoisoIetK ic-qatìta ngiaieaR cheti e da 

sapere per lo scomp .♦rameiKo che arci aik Corcuevao<; SgucCoiatoi deCotnuioni'de racla antichxsfimi r«m 

pii fi uedsro.che aitra uolca derro hjbbianiOiq-ieiU che paioc^ Archcrn ritu di pictr^iyj ^tro di cotti Meteci co 

ne hanno molti Tempii sagri di MiIano»ra3 per chirrira di quata cosa fi aede .uidKra circa ia Sacra diitsa C?.' 

Chedrale socto i ^mi ordini ddle baile teneùre nel iircuico ài ios^ che i Gdtraaoi diiuaiena la nitsora di csfa Glie 

sa Contali ornainend di u.xte specie d'ima^ini&iui quaii fi diouilira mio timigìiance come qua ia letcìM'.e di' 

ce-CCofi neliC tonici gli sporti de DeitelIuEanno da gi Aiéri la inutaticrie.Q.aui VectuLic diSiiisct la r.igio' 

ne £omca»A non solamente dimNÌra il loto ornameito icragliato d£nacaIatan:Bitt(cjm£ dtmoiìrama fora del 

laextrennc»d'es!] Aflfcri) il quaj propriamente e una certa sccmpartiaccepartiLain dodici partii cade e la Isr/ 

ghezra &g^ul^e:^^.^d'c^I.^ tagionedi aaiiellt dimoftrafa;Map€r «da quantica del numero Aii'c ne p: re n.i derru: 

la diuilione & dtlnnacne dille ade lequali proprie son j tabule pe efl.re eq jalineare ci.ìiie.Q.i;ele ;i, aerir.i tei' 

ciis S !no ttrette e larghe sono iiaidute per io più a braccio o ucro-piede diuisu in dodect ccct'acjedita^CEc «'fi 

neU'opere de greci nciTjno pose sotto fa Mensola i 0«celli . pare che li Gno in quefta j. ;,r:e usafftro ia{ laias 

gr^ndcnoa sclaractite uolere a qucra sjrmfKema anwscolar la Dcr ca.iaquaie e ne^i dnciiif.i cri le Mais-ie^raa 

inch.ra perche sotto esfi Cioteru non poflbno edh coUcc'ti gU Alitr: cntiiaéic bei 5aldan-.eure& conacnuia 

Ciacetii a come elle Mfflscle. Ma acoo che! uocaboli della predetta lemciie!', colTJnoinre.-.dfre idcueeòucgneutUma' 

t«r«i9<«j/ ClI{<i^arel racmbrt diquefteDoriceedificaxicni summ3ramence,Cv,a qaeita figura pe leali.h beacelejteredimo' 

tH/uS^ Itraremo: Ecprtmamenredcuesonoinbaflb lelettse.A- oHo le Anteo aero te colonne de Ontoiu -Icqunfi f.iii 

preilo nella dorica ragioneucrriano elfere para]iate:& nic-uu uolra il Podio fi e. me dellcii^iiice «deno-c'ha es' 

serfijnplice tome seno le ragione decedi sopn.Aao la mctade delle Mercpe (fi Cjmehv^trsmone! ifqucceca 

pitelo terzo') potTjflo diftinraroen.^ correspoirdere ce i TrigUphi quauto u ^i.^ i 'ordine de l'Intere^ lumnio: 

non sol-imenre quale e dato di sopra da Vetr:u.3,m;i perche nella sequente lettioceC diàiuguera. H-ibbiarco da 

toil termine delle Ante: Ai p-esenrese?Jicano le slfre Colonne segnate-B.lcquali di sopr la Prima corsa di cut' 

Aatsacai' to J'Atchirrauee.C$egnaCoaochofa 4.& Scpraesfinumen sono ieCcat'^k'. I m^liphi di sopra tssepiom* 

te.>i. bando alle Colonne &. mea inttrcolumnii at^ora.son seguau.D-ie Wetope scfic.tqu; utea'enaanc m tutta la 

P^dio** longhczzi: enfi l'Architrau* suorerao &eniinenneael luogo a< le gocaolesegnato-C- Ma dln.oftr.til'affigu* 

Uficiiu rara «portimr» della Mensola ooueeinttaeft W<nscle.fj«a.E.dimcftra lo spano dcue usnno te Merr;pe -. che 

segJicaro hibòiimo la fi^.ira secondo qj.i di sotr^ nella DorKa ragiotK Vetruuio hi dette. Et al ccnrtario le 

Colonne de Cantoni^ Tri^-fliphi nelle exjerr-.e p;.rn nccnihn2isccai-.Q.i:iui dinota come per 'e due Itrrtre.G-G 

lequ'i sene necint.:ni dtUe s op reme Col cnr.e-S ài mcirra la uera comparar: or? che c; n. leiie c'hatrti.-nc esse 

moiscle ne Cantoni. Ma socTdIo sgccciolatcic segnato. H.iui seno le s up teme Oc e scolpite oiol direMetcp* 

segnate.!. Li supenoreCorofla-ctce sgoccici fcU & anche fi pig'iaperni tDilComiacne<on:eperessees< 

gìi.t^.H.coiì disopra a: rngÌ!phol.iSima.<iceCol. /esesraca.K.M.t la lettera. H. cimrfira .luthora essopU« 

co e solo sgccdolaroio del Corricicne. Atchora r.eila psrre di sotto che per bona ir.rsiligenaa S cinioftra .-per 

Caaesfic'pi deiCMiteru scoo seguace le lettere.F. sorte csli sene le Mensole segiiate.L. Ma la lenirà. M.di setto 

losgocdnlatoioecomecrdinediOiclc sopra il Cfpo derrigJypi ii& N'eccpein entro l'ordine; Ubasse dd/ 

Ca rabcllaesegnato.F.L.Lo scu!pitorrtgl)i-phosar3.D.Mal'crdiaede:l£am.-.teregolethetcprcnc la tiP:.T e ) 

segoato ci Duraerc.^. nelle regole il numero-tf-sono i sop rahymbri 'Ooeccppi.Ma dcuee.7. scro i cpi de 

(Cjn.fri:,ouogiiamdirec.ft„.'i ; Etperle Asse e segnate. S.Sono 1 rempiai ciucili che dicemo pianelle. La 

Scei>Jri' lig'^ra ài sopra medefimamenre pctri.* cofi esser'.f-Kta nel luogo thee qjeua omcrat:! U qjaledim.ttr» le .1»» 

pnia sidi' petto d'una diiesa f,;tta :n L'otta a aonerco iiec arcJanfasaa'Oceabctte/chcfip'Jo farecó'emedefimcragio 

chiaraa iu:Lecui Anrcmofrrateper Jcencgraphia scbo segii.tedi I<trfrc,V.C.P.l3 Arcuarle ne ej.'. t^.R-'^.g eie lettere. 

CizW.i'^ r.scnointn le Ancate Colonne. Anchora le lettere. Q..R. 5. sono dimciìranne de gl'Inftrcot-mr.ii tlocrpaci 

tra Dna cuknna & l'altra^il cui centro eJi. L'Artbicraae e segnato. V. Et fregic con le M<r.sc!e.Cpeo Matp« 

intuirà la st:.; ccrsaesega.ico ai lari negli eirrerri di laLere.X.LaCorcna'cce5gcttiolatcic & rutrc U Cerci' 

noce ultimo -e segn-'to di lettera.l'. lo spano del rimpacc esfgn^tn.Z. £1 Fai^igio nelsiimmc iiL<V(.PÌiH 

che iz ìMì pccdecda al rsis^e sc^u a4 <u« ccsiac»;.&.£t i't^r^iutdcUeX^^^ ^ seguace •? > 



CAPITOLO 



TÈRZO ^ sì 




u 



CMOLTI antiqui Archirettori h.mno negato chch dotici r'n^'ichc Ar.Ln Dorica ragione in ^iial modo ffa' iie-- 
nuc.i:bt.i] chedisoprsfia dercada Vecniuio, Nondimeno perche i Dorici sono ftan inuenrori diniclte gran co/ 
se Cfi come d'esfi anchora narra Diodoro Siculo^ne pare (ia degno a far memoria d 'alcuna cosa di qutìh conie 

dice Strabene nel libro. i4.M.< i Rcdiani 
DELLA DORICA RAGIONE CAPITOLO TERZO. Sono Dorici comegli Alicarnalili, & Gni 

dii & Col. Impero ciiei Dorici i quali do 
pò la morte di Codrogran coseedihcoro 
no:aIcuni altri con Altliemcne argino ha 
b'tatori mandati in creta furono partici' 
pi:alcuni altri furono dispartiti inRho' 
di &perlesuecitt,idi delie quali poco a/ 
ii.7nte habbiamo fatto nicntione: Ma certa 
mentequefte dopoi seno de quelle le qua.- 
Il da Homero seno ftate narrare . Gnidio 
Alicarnaffo anchora nò era. Ma Rhodo:& 
Coo erano & lehabitauano i popoli dee/ 
ti Hcradidi; quareTlepoIemus m uirum 
auditus.lmperochequeftepiu predo pa' 
Tono eifcre della generatione eolica che de 
la DoncaiRhodo primamente dittaOphi 
usa:& in breue cóclufione Dores per ben 
ehe da alcuni faturnrii malehci son detti, 
non dimeno alcuni tennero il contrario de 
laudoronli di arte excellcntc & furono £ 
primi cheopcrailcno il feiro, & il Rame: 
pache auare che tulicnc Architettori i det 
n propoli lìudiorono circa le armi,& l,af/ 
tre cose degne di memoria come habbiax 
motrouatodaantichrsfimi & approuatì 
auttori.Per laqual cosa la' Dorica ragione 
ne gli editìcii nò ne pare ejfpedita lì come 
la Ionica per le c.~use the approuate hab' 
biamo lequali m qi elfa lUc'one Vetruuib 



iOLTf antiqui Architetti ncgorono che 

dela Dorica geiieratióe bifognalìe Eire Je 

sacre ChicseiPcrche médole 6t icóuenien 

te, in efl'e Icópartitiói si faceuano . Et cosi 
licito 1 artcsio'.Similméte Pytio: nò maco Hermo 
genc.Coftui p béche haucfic apparechiato una mol 
titLidinc di marmi:nella pfettióe della chiefaDorica 
la pmuto.Et de la medesima pparati5e,la chiesa Io 
iiica,a Bacche fece. Ma niétedimenonó pche bella 
nò sia Iaspccie,ouero la generatióe,o la degnila de 
la forma, ma pche ipedita e la difl:nbnti5e,8t ìcomo 
da ncll 'opa de i Triglyphi^K ne gli fcópartiméti de 
iacunarii-.Per tato e neceflario i Trigiiphi cóftituirc 
cótra i mezi Tetra ti dele colóneEt le Metope che in 
trai triglyphi si faranoequalmételóghe elTere deb 
bono cjLiato alte. Ma al cótrario nelle colóne d'cato 
ni i trigiiphi nell'cftrcine parti si cóftitmfcono,8Jn5 
cótra i mezi tetra ti. Cosi le metope che aprto i trigly 
phi dei catoni si fanone rierconoquadre:ma più lo 

ghe la mcza alteza de i trialvphi.EtqnelIi che le me ^''E^t""- Ecp«p fi uoicmo.ftnbuireie co/ 
r 1 T- r '^i,^ 1 1' •■ niodulationi dei Irigli-phl & metope co 

tope equale uoglion tare grextremi Intercolunn re le generationi degi'inrércoTrmii detfi nd 

ftremano dela mez'alteza del tr dypho Ma qnefto ^^^^ ''^i" » carte.77.& ys. nò trouamo 

o uero nelle lógheze delle metop"e,o nero nePreftre '^^Ì^^^^^^Ì^^Zo^S'^S 

mare de gl'lntercolùnii che si faccia e emédoso:Per f'^mo laii indo la curaa chi uorm megiib 
laql cofa gli antiq so ueduti schifare la ragióc della 
dorica symctria Ma noi si come l'ordine rcc!]iede,a 
qual modo da i pcettori habiamo hauto efponemo: 

accio se alcuno atededo,aqfte ragioi hauera uoluto ni principiati i rrigiy'hi,& ainmi la me/ 

cntrare.habbia le pportióimanifeftatetcó leali pof z-TM'topaoia^Metopa.pcricquai cose 

r r 1 C4.^---^ì r 7- r i j • n. L. "ogliamoIalTare cheti Btreni^hi a quelli 

la tare le ptettioi ddc lacre chicle al dorico COltume exemplari ai modo che ti piace.crMetope 

cmédatc 8iséza uitii cosi. La fróte della chiefa Dori sono proprio come ii primo comcntato/ 
ca nel logo doue le colóne si cóftituilVonosia diuifa fil^S i'Sr^l^Smn ^i ^! 
fé Tetraftila sara,ìparti. Z8.se farà hexafl:ilai.44-8i per ornamento son pofte lerabeiiedei 
di qfte pti ,una farà il modellof ilqlei areco^/a^H^ si ^'^^^[^llS^ZSiStaSrS^iS 
oice)della qie trote nela coftitutioe del modello co li auoiteo uero a p3ichi:& per fare più d 
maturi discorsi le diuisiói di tutta l 'opa si fino: La 
grofleza dele colóne farà di z.ModelIi: laaltezacol 
Capitello di.Ì4. La grofleza del capitello farà d'un 
modellojalarghezadi.z.&lafeftapte d'un model 



Sueroniò 
tranquillo 
nela vira d 
Tibcriolni 
paro re ài' 
ce che i Ro 
diipncipal 
mente ufa/ 
uano la lin 
gua dorica 



cómodula 
rioni 'Cloe 
scomt.irti 
niCiiti. 



elfa scompartì tioneoperare,perihe ancho 
ra in Rema molte fròti di edifica di mar 
mo fi ueggicno di quefta Dorica genera/ 
rione (ben che dal tempo fiano guaftì ^nó 
dimeno fi ucdcnoalcunihauere ne canto/ 



Canrerii a 
car.pi- let/ 
Ccra.G. 



gna eleuaricne fi sogliono sotto i Caterii 
poncre le mensole. (fEt al contrario nelle 
toicnnne de cantoni / cioè come le Atti ce 
che sono quadre piane: e uero fipuoan/ 
chora intendere siano le colonne de Cinto 
ni Come hsbbi,imo detto delle Anris. 
Terranti dellec^Ic nne co 
eTetras fi dice qn^ 

,■ , , ,. ... ,,, f 1- • rt - -'o.rriglj'phi.prDCCdc dalla dirrio 

J ouoiocoglianulr.la.J.colhvpotracheliosiarcltre negreca.Tf;vA«x;v../w.o.,. iwbcnstres 

mata la colona,comc nel.^.lib.d' lelonicee fcritto. ^l'l'°ll''^^T'"''-'- "^'^'^P^'-f^^V^^ ha 

' , Dcnstrfsoculosiouea jfA<^7;e.ucF)e fignifi 

M scolpircdocJecdetto «coca Clipeo pchefisculpiu3&:el3uncóvaruscgaipiy,so:iucinnatu.hifto.<r La fróM 

M liti 



Jo.la grofleza del capitello sia diuifa i parti .5. delle CContra i mezi rerra, 
qli unail PlinthocoIfuoCimatiosia fatto: l'altra Sù'rlS^'rS^ 



Antfs a car 
te. 75. icc/ 
tera.f. 



LfBPO 



Q_VARTO 



Cii-./S. ler 



dell i Chiesa Donw.Nura chcfe dMiider.-»! elT» in partt.zS.cóuien lo Inteicolunio fia DiA&ylc.CSt san H«Mfl}'> 
li in t/irci -f - E da iapert che molti anrichi Kxn di Vetr.sono scorretti in qutftc niiraeroichi ha scritto in p. r 
' ' chi ^kchVin ?).iii.4i.& chi in.44.1aqual parte Vetruuio ne da cheleci)lonne Cano larghe ai doi Meati 



n ìz chi 5^ chi in 3).in.4i.& chi in.44.1aqual parte Vetruuio ne da cneiea)ionne nano largnt ai doi Meati/' 
h'ii come qu i più ballo haueremorma se ccn qiicito nuniero.58.conuenga diuidere cofi farai.i.e Ance fiano di di t 
M. delli &^mefo cialcuna di luro^A con raltre.4. interpoftc lequali ciascuna sarà di dei Moduli :in tutto t.n* 




toiunio scompartire uorrai:tanto iiedi di adattare gli detti scorretti numeii:& glialtri chequa seguaano.c: u/ 
(SxTHir In mola textl letto habbianio;m molti altri. u-o^th»; .H^a^Tta, f^u larghezza di doi^ cioè la larghezza 
del capitello sarà di dol modelli & la sexra parte d'un modello-Parne molto brcue quelìa l.ir/liezza: effendo che 
molti capitelli habbiamo mesurato hauerepiu bello afpetto elitre di più larghezza.Ma códcfia che Vttru.ncgli 
scorti o aggetti delle Corone lonice a carte .8>'. cofi habbia detto. Et al tutto ogni spettare in torà ha più bel' 
la specie,il quale quanto hauera d'altezza tanto ha da spottare.Per tanto neparequelto capitello meglio hauere 

t!"£Ya?àgSé LA CERTA DIMOSTR AriOME.DE CAPITELLI DORICI SOPRA LE CONGiON'. 

la e ngioiuura di T VR£ DOLE COLONNE: ET LORO ACCETri . 

sopra della colon' 

ua.gt e neceilarlo vi 

fianc cóitltuici gli , 

Echini àesfi sXi" - 

VG'j.Grecein latino 

sondetnvaridira/|.^ 

me delle mCiilé gm |^^ 

diciate ne i qu.ili ; ^ 

fi repcneuanp le lec | 

tere:madiqitlEchÌ 

ni'CiocOuolùrrep 

fronte fi fanno co/' 

me gli segnati in 

queita figura di nifi 

da.A-B-B.B.fino a 

C-D-o uero.E. pchc 

se seranòl Capirei J* 




Il su le Colone atri \ vfm?fmh 

ce/ Cloe qdre piane ' 

osodeoscanellace 

o e H fogliami co/ 

me e in uso farle' , 

Farai (S'iltipiarj 

ce') che'l texto in ' 

S-r^froifezta'd'et ^LVi JlCtVJlAI^ETO DE GLI AGGETTI DIVERSI D E DORICI cAnr-LLI 
capitello un model 



lo:lal.irgheza doi 
Modelli & la mita 
d'unModeUo,&U 
sexra parte.che coli 
in figura sopra lo 
scapo superiore lu 
nera l'aspetto egre 
gio.Ma perla bas' 
sa l irghezza dello 
scapo puoi uederc 
fegiiata.F.G&la fu 
periore.H.I.dt qua 
ta dilF^rentia cógió 
geda.KL. ondene 

fiare fia meglio adi 
atarla quanto e da 
W.ad.N. Anchora 
potrai uedere quaij 
tafii la data largc 
za del Caoitello ai 
comparatione del 
ballo scapo senza 
la Casa enee per la 
mica d^Ia sua lac/ 




CAPITOLO 



TERZO 



94 



riùoe. 



5 



|hez« intra le lertere.O.P.Q. .R.l alw ftiJM e.P.R.S.r.Ma uedi per la I/nfa ;, pjombo.P.R.ftifìnò sopra fa ba- 
se del baffo sapo segnato. V.sopra laqu.Ie se inftnua per un q u.:rto del Circolo neUt^omi^^e^nTi xT^ t r, . 
to a collarino .H.I. L'altro Capitello disottocorrespondencecoiiIaBasSaco laline^^^ f"''""=' * • 

ìnt: 'r' '?""•"" n '''' Collarino,Z.&. uedi eh*, parte h...cnn c6 la Bas^ Siati Ì^Trij^Xp^^vS 'f ''■ f^ 
;inlhot3chcpartesarlane^ospùrto.l3a■+.cula).l6.respcttogIlcolla^nIdecaDltdtlse^naflV- siO^-^Prrtr ^''^"^"'I''' 

rtida.z7.z^.puci ,^:^"^*^ 
artinindcdtte!'^^'"P«fa 

modi puci or' 

da & spinoso corno la cottecaa decaftagna Cditta Echino) ;.n ^^ncnoìn;i^r;:Zv,:Sk^foI?!^ 
o nero annul^ito & ornamento craterale o uero de tonde Margcrirc o gcnimeronie nu i leVir .^p^ìo! 1 ,„ , .ì 
quelle di sotto segnate da.ai.a.zz.come quelle di sopra da.£!ad "D-o come '.5^^.57^. ^ ^"'^ '^' """'''"° ' ^"^^ 

L'altitudine deIl'Architraue,de un Modello cóla 

Tenia QL le Gocciole : la Tema la settima parte del 

Modello, la longhezra delle Gocciole, sotto la Te 

nia in cótro a i Tnglyphi , alta co la regola del Mo 

dello, lasexta parte perpenda. Similmente la bafla 

larghezza dell'ArchitrauerefpondaalCollarino in 

cima alla Colóna'- fopra PArchitraiiesonoda ciìcr 

collocati 1 Triglyphi con lesue Methope alti d'un' 

Modello òL mezo ".larghi in fronte un modello, cosi 

diuisi che nelle colóne de catoni SI in mezo incótro 

a i mezi Tettanti siano collocati • Et glialtri interco 

lumnii siano duplicati : in quei di mezo del pronao 

& del portico trepljcati: cosi lafciati gì 'Intercolunii 

di mezo, senza impeditione sarà lo entrare a quelli 

che s'accoftaranno alle imagini de gli Dei , Lalar 

^heza de Tnglyphi sia diuifa in parti sei , delle qua 

li cinqj parti nel mezo , due dimezzate dalla dextra 

anche dalla siniftra siano disegnate: yna regula in 

mezo sia formata di Femur laquale da Greci ^'><f°' si 

dice*. &secódoacflaglicanaliculialla cima della 

squadra siano imprefli de gli ordini defsi dalla dex 

tra anchor dalla siniftra , l'altra linea Femora si co 

ftituifca:8C nelle extreme parti imezi canaliciili sia 

no interuertiti. I Triglyphi cosi collocati: le Metho 

pe che sono intra i Triglyphi equalméte alte siano 

guato lóghe. Anchora ne gl'ultimi cantoni le meze 

Methope siano imprefiè della mita della larghezza 

del Modello : Perche cosi farà che de tutti i uitii , &C 

le Methope,^ gli Intercolùnii ,K i Lacunarii che di 

«quali diuisioni fatte.sì emédarano.Del Triglypho ""[f'^kf ""'r^'' Methopa in aiaVniti 

-i* -^ Il I n ^ J t J 11 J r • C 'f" Gabbiamo Ietto semimemtjhia cheli/ 
il capitello, la setta parte del modello e da tarsi. ÒO g„,fica cosa spauenteuoleo uero orrenda: 

pra i capitelli de Triglyphi la corona e da collocare & codammodo monftruosa. cDc i Tri» 

nello sporto del mezo,& dell a sexta parte, hauédo ^^^S^^^^^^!, K 

il dmatio Dorico in baffo, l'altro in cima: Anchora il più l'intendono come e io Apothefim 

co i cimatii la corona,gro[ra della meza pte del Mo InTdnSeiJa roinnnf '^m '°^^"''T 

, ,, ,. ^ . fr°i- • • 11 1 (T- * 1- u^i'3 orna della colonna. CMa sono da 

dello. Ma fono da ciier diuisi nella balia corona a li eirercdiuiiì i rrigifphi nei pre^jiò at baf» 
niap.omboddTrislyphi,Salk meie Methope 'J^^ilì-SÈ.TpS'chJi^-iS 



CTI. ALtirudinc dello Architrauee d'un 
Modello c<3 la tema A le gocciole. rEnta/' 
lignifica come detto h.ibbiamoil liitello 
della gola del Cornicionc,o di cosa fmii' 
gli.inte,uoIgarmentefi d'ce una fttctta bin 
da o biiide;la:uedi Virgi. nel settimo del 
la Aeiieida; Vipereaminspir.ini amma: 
fit fordlccollo aura ingens coluber ftt Io/ 
g^TENia uirs Inneifiquecomas:&mcm 
bris Iiibricu. errar. Gocciole fimilmente 
Come quelle rheuederai fegnate nell'ai-cht 
traueda tergo. A.pofto fopra i opitellide 
le colonne doucrraft.ircmo delle proporr 
tióni & scomp;irtimenfi delle porte Dori" 
cc:Ma la tabella & il mgl^pho te l'ha 
nioftrato ncla detta o data figura l.iquale 
segnata ediIcttera.B-CLa subtenia/cioe 
la sorto facaa , o nero quella bafla parte 
qiialce di sotto la detta Tenia , sopra de 
I.iqual parte fi confriruifcono le Gncciole. 
CAnchora la bafla I.irghc^?a delTArchu 
truierespcndaal Collarino in cima alla 
Colonna; queda cosa e ftata cxpofla nella 
ragióe dello Archi trauefonico a carte. Jfy. 
lertera.C.CTiopra Io Architraue sono da 
eirer collocati 1 rrigliphy,Q_ucftoordine 
de rrigl^-phi,dc Ope , & Merhope e quali 
a modo de uno Fregio segiiirato sconipar 
tinmciitecomee.-iirai di fnpra dettoacar 
re.54.& come per concludere in breue fi/' 
milmente legere potrai: & nella figura da 
tergo tedimoftraremo , CFemur.'Benche 
habbia altri f?gnificati nondimeno in que 
Ita parte lignifica una linea diuisoria, la* 
qu.'.Iei Grfci la chiamano /•Vpoir. fu alcur 
ni texri fi legge «£/><>?:& per fcmur, alcuni 
nino scritto famina:anchora habbiamo 
Ietto infima p foemma. CCanalicoli'cioe 
canaletti o uol dire scanelIati.CTnferuer» 
tiri/ cioequcllo che uolgarmente dicemo 
diuili intra loro.CAnchora ne gli iilnmì 



P.issncoro 
na /due li 

hn e del cor 
niciòe do' 
ce Cu min/ 

cu il [cÉ'f 



texri habbiam o laro nella ima columiia: J dirizattiétì delle uje' Et le diftri butjói dei le Goccio 
'^'^'^S^'^^^^S: fu? le,cosi che sa Gocciole, in longitudaie^tre m latmi 
rcniaderArchitrnuepercurrentcd.i.H.nd dine Siano Patente'.GJialtn spatii K^uaii piu larghi 
icSr Te^'cf Je!"S"r;2: sono U medìope che , Tnglyph,,suno Jak.aii pmi 
giyphi scgiiari.E.B^f.principaimence.Ma o uero a uilmini SI lciilpilcano:& a elio mento della 

Corona sia incila la linea laquale scotica SI dice: 
Ogni altri U Tympani, OC Gole,&: Corone , p cjuel 
modoch'e scritto nelle fonice,cosi siano finite; 
Quefta ragióe nell'epe dei Diallylo farà cóftituita. 



alcuni per pui spello ornamcnro anchora 
gli hanno poftì centra la mira delle Me// 
thope.Habbiamo di sopra derco la coru/ 
tela che può procedere o da gl'indorti 
scrirrori, o dalle uaricra delle lingue gr.i/ 
macicale de grcci,scriuere Mcthophe& chi 
Methcpe: &per 

ben che in alcuni 

rcxfi Mcchophe •IS'4Kwa(f<A«ai'■4J»ì^tó! 



Anchora hnbbia/'l 

ino Ietto Metho/; 

cheperchc ht'^of. 

Xh.wix . fi;i;nificat 

parriceps sca s o / ì' v> ^ ^v ' ^"-"-": ^- '"'^->'''''^^-'''-' -' W^w^>^7 - ^^^'^^^'>f 

cius:uel partici// 



Corona 'ri' 
oe Sgoccio 
laroico tu 
toilcc/rni/ 
doae. 



puim: & parti ci ^ ^,„„„-,.^,. 
patio: Et perciò] 
potriano eifrreql 
le segnate con le 
lettere.M.N.er.D^' 
àfono gli spati! 
loro larghi Come 
una propria di/ JM 
ftmtione fatta co '" 
la regni a o uero 
di quadro che le 
interticne quanto 
e l'altitudine del 
rri>;lfpho al più 
quelitsono tre, fi 
come Ultra i tre 
Triglypht di doi 
canal, tti.E.B. F. 
ciascune al derit^ 
to a quelle diuilb 
ne lime da .E-H. 
ad. B. A. f .A. le 
Gocciole doi tan 
to longe quanto \ 
'largehiuendo es 
se una forma di 
tre cantoni. CGIi; 
altri spati! /cioè , 
qlli che sono con '^ 
tra le methope di ; 
mezo sono.PP.et i 
L.L. &irRigI>"! 
phi partiti in tre; 
canaletti sono se; 
gnari da.G. ad.A« 
& coli. R.O. S.\ 
CTPuri/cioesen/; 
23 intaglia uà/ 
cui. CEt a elFor 
Menro'CÌoee«rc/'i 
mira dielI'aCoro' 
narper chenóco',' 
uene (ìa al tutto J 
spiccata pequal' 
mente. Mamtor/| 
no alla mrema. 




CAPITOLO 



TERZO 



J>) 



^..iic i 'intaglia UB.T Goletta o ucro Gola tenersi. Q.uefta Vctrodo la cJuama linea scoticrpnàìe •«♦♦«';«r.i^ 

. «. o ucro c'ioTin/»» rijiuficicaiebros;i:ou£rjojcuw:ione:di qLisedttcoscoConu.);quod ù uirilgo oculoru . 
Mi» m .ilaim Kxà lerro h.ibbMmQ hm;) quejcobiiM dicirjr. Cii-^'io IwiO.iti puri/tioCiCiua scuicum Jlcuna: 
o nero a f jlntmi'Cioc doi a.irdi le^:^ti la e<p;»so diuiii come sono quei tulnum Jic fi dice fi poiituano in iu..aó 
a Giouf Coti l\ cuspide :ift'jc..c.i;& quciia era per f.ire qualche spedi tiua cosa nel c.<nipo & per ucntraciót dtlia sa 
g«t.» del fulmine di Gioue quando per li trcniferi celdti sono cjncctri>cscano con gr^ndisfimo impuu dA Coc 
pò delle dt.niemiuoIe,Sinuiracncehpoiri.'uio sculpircdej rsmi dei .liloroiniiuiiored'ApolIuptrclicfi du^il 
l'Jiiuiiic iioii ofeideeiR» arbore. IT'Q.iJ'-'**:! r^^iunc/cioe:delle!iuerpofitionr de i predetti inenji. ri df i Iti^'wf 
f)'r,i-&. Mwiiop. &c. Conucimdo i^re cc^mencll^i di.tributiyaedegi'InteTcoluninii della ragioni Di.iltyla:qucv 
, «i sarà l.i Symincci"! » ch^ fi con.aicii rictuat dai siimnio scnpo d^ l'unaa l'altra mei.i Coloniia.prosuponiamo 
cne esso sc-ipo fi.i groiib cfice-cioe dua/iei:£t d:^to ctie la CokMina sia di doi Modelli, .iccio essa niodulacionc 
ù.i ti comi/iirdm&uodi apsciiniscùnipartiti membri qucita ragione che dalle opere del Dialtiio fi piglia csscn* 
do il Capitelly grosso un ModclIfj:£trArchitr.iuc mio altro come apaij.irchelfiaona/aoe dita sei in tutto: 
--\duuquc il Tri jiiplio e alto tino Modello & mezo che sono oncie cioè dita/quartro & iueeo:& largo tre.Ma far 
fi riebbe che circi qifflh sufficientemente peruenj;.ii.) ccllocatione dei Iriglj'phi & delle McthupeHora in que/ 
fta r.igioiicDialliia,bisoga;i din primi rngliplu dolile due parti delle Colonne de cantói fiaiio collccaa m fi* 
Ilo :ì1Ic doi Colone di mezo da esse dei c.Uoni.h.comep la pnia eia l«ttcra.Q..tresri i mgliphi intra le doi Me 
•;tliope di mezo fiano cunlliruiti:Dipoi in qfiello spatiojin comincierai a coniti tuire le reqn.idr<ite inethope;fi co* 
'lue e per dmioitnirioné alle lettere. M.'N.D.frmigUantementeljaucrai da queiteexcetto quello Trigl^'pho.G.A.dl 
HK-zo, tre integri Trigiyphi. Similmente hitieraidiic integre Methopcrln esso niÈjospatio delle due Colonue da 
Cl.ad.O.tofi mcdesmamenreralrre dtied.).O..id.I.Sc qu .ttro frlgliphi di tre canakcn ciascuno alia data di* 
(ì:incia di quella culonn.i.Q..ifi(ìno all'altra colonna che sana .[. Icquali cuntaigoiio rinrerculumnio di mezo 
liei Pronao & poftico:ncI quale sono lotcrpofte-comec detto quattro integre Mctho). e,& (reintegri Triglj'phi.R 
O.S.wccrto i d.i mezi dalle Itrtcre.Q.f.Dipoi l'altra parte f.icendo tal ironte rciraftyla,sara altre tanto quan* 
to e l'antedetta prima parte (fi errore non tengono ^rinterculumnu Diaftyli ) Ma conclofia co$.4 the Sano ftate 
fitte alcune {brine di Ccronefi comein nani P.ilaz^i in Roma sono m diocrfi atHguramcnti scnlpite nciropere 
di marmcchep ben chcinolnsfi no (i;mo durati anchorafi obseruano per queili Dona edifitU:ma peri difidc 
roti di quelle cose,qualchuno in figura qu.i ui ponenio^fi come il primo segnato ccn la lettera, r. Il s'ccndo.V. 
fi te^^o.jt.II qaarto.y.II q:into.Z.& coli sono di molte oltre geiier3ni.ni,& dldiuB-jeccmpartitif m di meni* 
brijin diuerfi luoghi per I Iralia:da i qu.ili habbiamo prefi gli exempii niesurati:Cofi .inchora qiicfto del Tym/ 
pano acroteriale segnato.*. p.ctléfi^jurCJoropureatrotcrialc segnati. ì^.prvpriamentehmno la debita altezza 
fi come Vctruuio nel terzo libro hascrftto a e irte. Stf. delle quali habbiamò discorso con ragione delleinrlinnrio 
ni loro.& per figura moftraCo e.Q^utftì Dorici eJific i hinno anchora i sCibgrundii Coroiiarii in modi uariari 
sciilp'ti fi come ti dimollMnQlehgurc;à:ìnchorauedi le subsquadrature qua sotto il coronario segnato di Ict 
tera.V.cuer' come.jf.^.&gli subsg' caolanicnti.E.C.thein longhezza sono sei G tciole per ordine excnlpite 
Se trein larghezza. CLa Cotona colkc«a jopra ( rriglyphi,eproprio'perqu;ìto Vetruufo di ce onde e segna 
ta.z.La Semrmetnphia/cioccosa moflrucsa.o uerolamcntaDileo incusabfie&r. Q,uefta escgnnta.J.per laqual* 
la sugrondationc disopra alla eJtrrciua sportsnira uenc dilatata dal quadfo»f5 come ucdi da i numeri. z.3, Di uà 
fio aftìgiiramento sono anchora ftatestuipirt i Trigl^phi come ucder puci il fomparti mento lorodipoi c'hat 
hauto li Femur cioè linea diuisótta o dittidaio!e,scgnari ambi doi.4.y.alcini gli n.inno sciiipiri.cGme uedi.f. 
7.8.0 uero q-aelli .p.io.Et Sini.1ti/o uero smussao figuraramoite dalle pam iwlpiri fi cornee per il nunurci.iz. 
i^. Anchora 01 nane som sono Hari affigurati crnatamciite&sculpiti gli Archiir.iui fi come per forma segnato 
habbiamoqu&li doi.i4.er.i5. Ma Verruuio propriamente a discritto'quellu Cornitióechc segnarne allo spot 
Co la Iitrera.r. Ma l'ai tre prcorrente lettere come scn dettuper gl'Intcrcolumnii Prima qucfto per scompartì* 
meato di mesur i fu usato da iDorici peri quali duudimenri & quanti tati%fimilmfnic(ì possono usare di ma* 
cena di leguamc,& sapere la sua suftoifarionc Anchora le Gjlonnencn solamente qii.idre.ina foggia di Atri* 
ca (si comedi sopra assai le figure loro dimoftr.atehabianiolma anchori p 1 ratta ti ca mente fi possono fare:ben 
che quelle finnoptrcquatc,& non comcquelte che scnioreitrcfiiateda.i6.i7-ad.i^\i'^.dimoftrando lo sporto def 
Opittllo segnato. zo.ilquale alcuni l'hinao ccngionto a linea a piombo della Corona epi trigl^phea. haucndo 
lo sporto segRatD.z.L'altez?,! del <^'ialeeq lanto ei basso scpo da. itf.ad.-^i. diretti linio a Piombo dei Trigl^ 
t3hi & coIlcVamenn delle gocc'olc (1 comcucdi d^ essa lettera. H.ad.zi.Hiiiendo infieme scritto quafi tutte le me* 
sure delle membra A ragiciii [onice, Articurje,Coiinthie,&DDrice.Sequi'rs a dimóftrare alcuna cosa de gli Sty* 
lobati 'croji quali sopra i fondamenti fino al disccrfierearrian sono da esser rettamente col lotari: Et cofi un» 
Dorico segnato. z?. ''quale e ^hIIc Romane anti chi taieragliphjre:[erafIyphateac.irre.tf^.Ieffera.E.inrra gli altri 
haucndo quelle sculpite figure che qu/ui polle h.ibbiamd con le circondante latitudini tenialeo uero regolare. 
Tenia'3 carte.3»4.Iettera.B.& a carre.Sz.Ictrera.D.per RÉr.VLARÈ.Lesymmerrie/cfocscompammetiO de qiia^ 
ti debbono comunemente essere longhi quanto doi Plinthi della sua BnsadtIla Colonna : il basso Piintho de| 
quale fia alto la sesta parte della sua larghezza del meno-.$opra il solo di quale specie fia da esser fattorie spor 
to^i ei,safua63sa dal/.a àcxtr\S( dalla Cni ll.ra,ciaS;CUfia habbia unasexta parte: tanto cheiu mrto nerra a essere 
d'orro patri. Di Jcpta a cssh PI whovctoed do/jata fatta una Basa co iBaftoni & Go?cApcphi(!ne,aIta il 
rutto d essa quanto e il Plintbo & anchora un'altro tanto "MM il Cim*tìt5«di -sopre col truRco della Corona ti 
J!s:& il »uo sporto fia tato quàto e il Plinto, sorto il qual Cimatio ,fia una Tenia Fimbriata & ragliata come 
diuifione di Triglipho & di Mtehi pa. afta in tutto quanto il Cimatio con la Grcctolata subtfniarquefta fia al 
ea jf U raiu d'use sette Omacio>sotto U quale ueugono x c»seie in ciaschcdung et i quatto Citoai uoo i?g9 



Diaftifc t 
Citte. 7p 



Cor5a efot 

Icsgotcìo 

l:'tcic-ma 

SlpIglKsp 

tnttoil cor 
OICICMK» 



LIBRO 



Q_VARTO 



di Ariete-, àa i quali pendono qu Attro encarpc/fioe ftìloru ò ghirland* pet.ilaK:5octo de qua!/ Ontoti IcOcò' 
glie e À pie^sco Callo che par rr.i loto fi [turno : nel balTo ioab dui occellim i quali fi cibano delle spichc di ira.*. 
tninzn . Sopra il frondoso fedone e una reità di Medusa:& sopra ella una tabella o uero £piraphio cofi icntto . 
Tito CI <udio ercpco facis iniquisfvinis . CAnchora lo Srylobate tonico segnalo . z-i. eiieciifaria «osa mani» 
feit ire le cui S)rininefrie» cioc scompartimenti/ sono quafi a l'urdiue mcdefiiuo del Donco'Cioe di lógitudine co 
me e II Pl^ichochedicemo Dado aclUBaSa'MaiJ plynthod eUò e quanto del Dorico : sopra il quale la Ba* 
ja e quafi come i Battoni & gli schaui delia basa Cor/nchia haue.ido qu..lche apophifine Golette dcbilmciite in* 
tcrpoite : El Omatio di sopreecome il Colato cimatjo del CApictUo Dorico: ilqualetme la mita di tutta quer 
fta alte^^a:ula lo Aggeito piomba cornee decto,deI Dorico . El sotto Ciniatio e aito altre tanto con le regule de 
guifectc. Gulfcttc/ Cloe Canaletti' àdcbiliifimeG-jlette & altri crnamenti . l.earpaginc,del'ahieoIatione.Arpa* 
giiie/ Ciocie Ulte piane / della lategra larghe^^a > non niaiico siano d'uno cttauo : & non pm d'uno settimo: le 
Gole reuerse o l'iucauolate circundate non manco de un nono> infino a uno .iz. cofi altre canto sarà lo spntio : 
quelto fia absoluto per i disegnamcnti o uero alae sigillate Icragliphe : leragliphc' ci&ecif.ire^ o ucro^ Gioicbu 
late,Iar^o intra le predette gole & arpaginate plauu^ace. C Ne i cantoni &c. Quanto e uno spatio d'uno nie/*- 
zo modclIo;quefto actadenello tntercoluniiiio Diaftylo, Dialtylu a carte. 7^7. 78. 7p. dillnbucndo per Tctrafty 
lo.retraityrlo a carte.?)*. Etpcro e da diftribuire qucfta poca quantità ntll'intercoliimnio di «nezo : per ben che 
fia dilatata alquanto pm the lo sconiparrinioico non prepone : Cosa che noi pensamo che seranno tre rnglj"' 
>hi > & quattro Mcthope, ciascuno Intercolumnio tara ai tteColoane quel di mezo nel fronao, & poftico-cioe 
a fronte al dinante >& drieto della chiesa/di quattro : Ma nota cbeque&a epiJogacioneche qua Varuuiuha fat 
eo non e ftata inconamience alla diftoicioae di queita ragioae. 



fa 



Ma se SiftyIon,8: Monotridyphon l'opera sarà dz 
effer fatta. La fróte della Chiefa se sarà Tetraftyla 
siadiuisainparte-zj.s'ellasara Exadyla siadiuisa 
in parti,5^.& d'elle parti una sarà il Modello, al qua 
Ie(come di fopra e scritto^ siano de l'opera diftnbu 
itexosi sopra ciascuno architranej& le Methope &i 
Triglyphijbinati sarano da collocarsi : in quelli de 
catoni quefto di piu,ildimczato spatio tato gradc 
guato e lo spatio d'un mezo Triglypho . Quefto ac 
collera nello Intercolumnio centra il Faftigio di tre 
Tnglyphr.gi lo spatio di tre Methope , acciocbelo 
Intercolumnio dimczo habbia il lasciato fpatioa 
gli accollanti alla chiesa : & incontro a i simula 
chri de gli Dei ladegnita dello aspetto- Disopra 
a i Capitelli de i Triglyphi , la corona e da^ellcr 
collocata •• lagualehabbia (comedi sopra e scritto) 
il cimatio Dorico nel ballo , l'altro in cima : Simil 
mente coi Cimatii la Corona grolla della mita. 
Ma sono da dìuidere nel baffo della coróna a piotn 
bo de i Triglyphi :8: alle medie Methope, ledi 
rettioni delle uic; &ledifl:ributioni delle Gocciole; 
i8£anchoral'altie cO^eper qual modo e detto ne i 
Diaftyli. 



CMA sesiftjrlon, & monètrfgliphon 

l'opera sarà da clllr fatta &c. Sifty/ 

lo /'cioè specie o uero gencratione the 

dir uogliamo » di fare la chiesa che 

habbia collocate le Colonne di spano 

tra l'una &l l'altra , de la grollezza di 

due Colonne, mcsurate nel suo baflb 

capo : cofi saranno un poco pm re/ 

meflc che quel dil picnoftj'lo.Picno* 

ftj'lo fi n.irra a carte, 79» lettera. F. 

& ancho a citte 7 7. lettera. Q. come 

d'eife yretruuio narra : & come final* 

mente nel Sittylofiascompartitaral» 

te^^a qu..l $ara della Colonna in par/ 

ti noue& mcia, &d 'cab una parte al 

la groflczia ds^lia Colonna fiS daira nel 

suo baifo Scapo . Scapccioe li piede 

dclfiiiio dtlla Colonna, C Mono/, 

^rfjjliphon'cioe d una stoltura-solao 

o che uogliam dire vna Scanellatura iu 

Cirt jitp o in ac.ito. CS^ sarà retta/ 

Oyla.duim e da notare effere Tetrafty^ 

la unagcneranonedi se ompartinun/ 

^ chenelU sua fionrc ha collocare qua 

tro Colonne: nota die dalla uotegrc/ 

ta T£Tfx in latino quactuor fi di?e,» 

& ?tmAo» . Cloe Colonna : queta gè/. 

neratione di scompartimenti fi debt>f , 

intendere c-lì'ella fia di natura Ionica 

come ài sopra detto habbiamo a csr/ 

te.7S.I«tera,B. f£g*i^^U , Q,^^^ ^ • 

una generatione da doucre : scompare 

tire la fronte d'effa Chiesa o uer faccia 

che itti fiano collctate sci Colonne»co 

me firaiimcnte a c-irte . 7iS.rntra la Ice 

tera.CecD.fi narrt & dice> se saranno ^ei Colonne iiipacCe.ÌS.aIcUAl derìdoUClI deU>aad Stompàltfre) & C06 A 

carte.7v9Ttl trouerai doue eneUmar^inela leccc[a.O>J 



" VÌ4U'Ì» 



CAPITOLO 



TERZO 



9é 



C'Ma le Colonne ftriare/doeseanellarc/queffe s'intendono per le rotonde a fnrie crespate fimile s le falde delle 
iiefte Ai donne come a carré. Sp.habbiamo di sopra detto degli sconipnrcinieiici loro.Ma eifeloiiice perche seno 
più ftcette,(t fanno con.aH.scanellarure.Qucfte doricc che sono di più forte2za solap.icnrc haimo.zo. sc;HielIati& 
sono manco cócauao che le Ionice,fi come iiedi per la figura aridinra qua porta per tcltnnonio a comparaticnf le 
gnata nel centro.A.& per li mezi Diametri. B.C.D.E-il che dal rerctro scapo tutta la circuntereiitia diuisa come 
di sopra detto habblamo ciaicuno scanello eilèiido fatto col Scxto collocato nel mczo ài ciascuno d'esfi come ne 

la lertCTa.F. ucnircfa Io scandio concauò 

Ma Iecolóneftriarccon.z4ftriccdi bifogno • quel 
lesepianefaranOjhabbiano zo. cantoni difegnati: 
ma se si cxcaLiaranno,cosi eda farsi la forma: accio 
che quanto grande e Jo fpatio della ftria , i! quadro 
d'efla ftnatura di tanti gridi pari lati sia difegnato . 
Ma nel mezo quadrato il cétro del compaflb sia col 
locato: facendo la linea del tondo , 1 aquale toccai 
cantoni del nquadramento: Etquanto sarà della 
piegatura intra la rotundatione , OLÀ quadrato di 
segnamento, tanto alla formasi scaui . Cosi la Do 
fica colonna nella fua generatione , hauera la per 
iètnone delia scanellatura- 



SUA FIG\rRA "^ 




rercrto' d 
(jcdi «jtro 
parti o w/ 

toni. 



di mezo ciccuIo-Mi uoleiidole taieDor." 
ce;(i diuide intorno alfa terctra/cioe qua//' 
dra colonna in zo. parti conriuuate come 
uedi nd rroncu segnato. L. ta ragione di 
qiidtcftne'Cioel'canelli o scanelLmirc'cofi 
tararla linea che diucrtifce ccmuncmcntc 
ciafcun I dclczo. parti •(fi comeda.G.ad.|-f 
farai uno quadrcrto di legno o di piaftra 
di ferrcjil qualeda ogni lapo fia di uguaw 
Icgiultezza comeeqlto segnato. I-ncl coi/ 
tro che fan croce: i quattro catoni collocan 
do incsfo lesuecjcrrtmita de parte in par 
ti>ponerai riinniobilc piede del sexto nel 
detto centro : & cefi e cr tutto intorno in// 
torno jdiuidtrai gli scandii d'eiIa co// 
lonna-.! quali cofidiftinri come lo spano. 
Call'cxtreino corpo dello scapo:& tirati 
d^lfiio centro. L. Ma .-mcbr ra li (itcculóne 
«'saranno piane. 



I Cloe quadre co/ 
„ me cjib che ne 
Ciioni fegnanio 
ile lettere. M.f>j. 
'O.P.a tutti iq/ 
j tro lati legnerai 
I qttro piaiuizi p 
Maro, à^ttrop 
[gli cantonarii > 
che tra riafcuni 
' de catonarii uè 
j l'ino cinq ftric/ 
cioescandlatu/ 
rC'Cofi saranno 
]in tutto Minte. 
jErpche di mol' 
ìteffìrri penien/ 

gono cafoni fi come da Euclide habbianio nel prmcipio.II Reihlmeo sana come quclto the qii;i segnato Habbia- 
fWù.CL.n ucro querto che nel mezo della extreniita ddla linea del paro quadro efegiwro.R.chcforn'ia comela nor 
tiia/cioe regula da farcia squadra segnara.S.Ma anch&ra formali Angulo p molti alm modi fi come qua p gli 
dof pari quadri ui di.1inguemo:[l cui centro produtto da i doi diagcnii segnato de lettere.!. Nei quali parinTcn 
te porta la punta del CompalIo:& eflfb intorno aggirato al modo delle ftrif prejerre.- tanto che ru uedi alli do-i ejr 
fremi gli incroctchiati .iggiramenti.,fi comemoftrano le lettere. V.X.potrai anchora fimilmenrcpcr qucfta ugna/ 
fé parti rione operare quafi la forma dcrOuoIcdl sopra detto: Anchora fi uorrai tirare una linea da l'unalcrte 
ra a l'altra & 5epararle;qua(i come le date scaiiellature potrai ornare & sgliphare effa colonna fi come moftra// 
nio per le lettere da.y.ct.Z. 

CDdlo agìognimcnto d'effa colóna S<u 
Di sopra ne pareasfai hauercmanifcftato 
quelle r:'gioni di rune le col'- nne che Ve// 
truuioha scritfo& pei'oa eire.1carre.89. 
terimetremo :& elfeiido che iìnita fi.i la ra 
gione qua & ddlc Dorice,& [onice, & Co 
r>'nrhiescompartitioni,& i loro membm 
menti & corporature : tanto delle sacre 
Chiese quanto anchora delle ragioni di 
qualunque sorti di edifici! che sarino da 
esser fatti di quelle gencr-irioni , & quafi 
di tutti i sol ornamenti : Ma qudklerrio 
ni da baffo annotarai con gli scomparti// 
fnenri,& rutti i membri & corpi loro con diligentia. De necesfìta e anchora ddle Capcflc di dentro . & 
del Pronao . Profiac e la ftotite della chiesa. P«: benché Veir. iid libro cerao habbia detto de|)ncipii de.leChieTe 



Dello aggìogtiìmento d'elTa Colonna , che nel me 
20 si accrcfcie (si còme nel terzo libro delle foni 
ce e scritto ) cosi anchora in quefte sia trans feri 
to . Perche le fpecie delle mefure di fuori : &de i 
Corynthii , K Dorici , 8^: Ionici , e a pieno scritto : 
De necefsita e anchora delle capelle di dentro^, 8C 
del Pronao la diftributionettianifeftaxc. 



Sgliphare/ 
doc scaua/ 
te/& fi Co/' 
meintodo 
puointen/ 
deremacu 
tj. 



LIBRO 



avARTO 



Antij)nao' 

CiuC tunic 
uà punico 

pi : reo e de 
to a t.^r.^2 
lccccra.E.& 
a c.ir. io(S. 
lecar.i.H. 
Pedice de 
toac.ir.8i 
DiiguiUoe 
qii.) luna 
che fi dtm' 
ded.i cito 
ne a caaco' 
ae. 



comeGcópcng.mo ne gì afperrti del/c figure,cdtiiriid.indo primamente in Anris-comca carfe.Tj.Ietter.i.F. det/ 
to h;<bbian»o:e moftrare l'altre. Al presente in quella letticneparea noi uogha a più suplimCi;Co aprirnej quato 
& dcllecellc&deglialtri membri eIaoporcunita;& pero m qudlo ordine due. 

CMA fi scomp'iftela longezza de la Chiesa cofi &c.Vetfu.nedimoftra in quefta parte in qual modo fi debbc prì 
ma (per quelto 5Cóparriniento)forniare un quadro perfetto comeuedi segnato con ie littere.A.B.C-D.Ma uoien 
do che la capella fia della quarta parte più louga:aggiognerai quella parte ch'e da j nunicn da-z.ad.^.Et essa ca 
pcila delle quattro pam le due fia nella sua larghezza la parete del muro dmanre segnato di nunim.4.<S. >.4.& 
i collocanienii delleporte seno segnati. pj, intra gli del ordini di colónesegnntJ da.fi.ad.P. et. da.M. ad.Q.. Le 
grofczed'eifc colonne onero mura sono intra. E.L.et.M.F. fi come le difuoti. G.G.et.HB. qucdepoironocami' 
nate tutte d'una mcdcfima groire22a>fi anchora ponefti uno antepronao iirMzi la t'n.ntc della ciiiesa infino duuc 
sono 1 numeri. 7.8.9. lo. Ma fé ti pareife rientrare cffo antepronao nel dentro della chieda ricntrarefti anchora la 
Parere della frontc.C.D.& l'Ante sanano 

DE GLlSCOMPARTrMENrr DELLE CAPELLE DI DENTRO 
erDELPRONAO CAPIIOLO Q. VARIO- 



rreroma / 
tos e a cat' 
te.l9. 
proni J--* 
carré. 7 J* 



Orfografi:! 

s'ej.ico .i 
car.iS. 

Ichiog-ra' 
pilla acar* 
te.iS. 

SrylobarT 

leacir.Si. 

Alueolito 

acar.8i.let 

tera.f. 



iz.13.1l pluteo o ueto Podio alueolato sa 
ria.i4.tf.).iJ.&fifomeil centro dei doi 
diagonii uenga dal paro quadro.16.0 bi/ 
sognana uenifefalfamente da.itf.a.iz.oue 
ro.15.le altre parti sono scga:iteper li da 
ti numeri & anchora sariaao ducFore.i7. 
iS.gli Inrercolunii.i4.i9.zo.zi. CJPtero/ 
matos.di sopra a carte.7^'.lecrera.E.hab^ 
biaino expofto fignificarc leali che fi fan/ 
no da le due parti che condudeno della ca 
pella.C, Pronao.s'e detto a c^rte. 76.l€tK 
ra.R.CIntercolunii. s'è detto a carte. 7>. 
CAnte.s'edettoa carte.7> COptraIn 
teiiinn/cioe di opera di terra cotra,o uero 
quafi la Signina laqualc riitemo aftrico: 
o ucr j di opera come sonno quelle di dcn 
tro ndli corporatura della Chiesa:per che 
fi di dentro ella fulfe fatta di Matoni cotti 
&non potendo fare di fuori d'opera di 
marmoro» conuicn fare come fi può » ma 
qucfto uocabulo INFESTINO .anchora in 
altre fignificaiói.Io esplicheremo a foi !uo 
ghi : Ma le parti di dentro che sono tal/ 
mente fatte come le Fore / doe porte qua/ 
dre ouero in mezo tódo'plc quali fi hano 

leuiechcfifano 

dalPteromatos 

& nella capella 

&iid Pron lojct; 

meuedi.R.S.T 

V. P.Q^.X.Y. 

ma da.7.ad.&. 

e [urc^ la larghe 

zi daTuna Pa/ 

rete a raltia:La 

Ortograpliia di 

e;[i l'roiitcddln 

detta chiesa fi 

puocó.;iog(Kre 

sopra la Ichiio' 

grihia qua dal/ 

lelettere.C.D. et 

p ^ CI- Il cui 

Pluteo o vero Po 

dio Stylobatale 

&alueolato:sie 

dai numeri. 4. a 

p. Q.. S'ito al ql 

pluteo fipollbn 

fare i gradi in 

tutta la ^curren/ 

te I&nghezza Se 

alla porta nel 

di fuori, Il Ve/ 

itibulo &c. 




ASIScotnpartelalonghezza della Chic 
sa cosi chela larghezza , sia de la mezza 
parte della lóghezza' &elTa capella sia de 
la quarta parte più Ioga ch'e la larghezza 
conia i; rete, nella qual Parete, si coHocaranno le 
Porte Del reftotre parti il Pronao:ad le Ante delle 

f)arcti procorrano-lequali Ante la grofleza de. le co 
óne debbano hauere;Et se la chiefa sarà di larghez 
za maggiore che piedi. zo. due Colonne intra le due 
Ante s'iterpóganOjfeqli difgiugano il Pteromatos, 
& lo spatio del Pronao.Anchora i tre fntercolunii, 
ì quali sarano intra le Ante & le colonne , co i Più 
tei di marmo , o uero di opera fnteftina fatti in 
terchiusi cosi , che habbianole porte ^ per le qua 
li le uie al pronao si facciano . 



LAFIGVRADEIA PIANTii-NE FONDMlETi DI DENTRO ET DE LE CAPELLE 
.AJNCHOEA LA ELEVZOTO^^ DEL TRONAO SCOMTAETITA. .^ 




CAPITOLO ^' 

Ancsra se maggiore sarà la iargbéza chcpicc?! gue 
fata le coiònc cocra leparti de le Co!óne,ie(5ua!i fo 
no Ultra 1: Ante, nei deiitro iiano collocate , dt'efTe 
habbiano l'altezze e;]ualni.nte ignito t^uelle che io 
ilo nella frv3te:Ma ie gtOitjzzed'eire siano sniacate 
co ^Liefte ragioni, the se de laottaua parte iarano, 
quciic cae fono ne la fróte siano elle fatte di noue 
partr.Mao d'una nona, o iKr d'una decima parte, 
p rata d'elle siano fartè;Perche nel cócliilo aiere se 
alcune colane salano asotiL,liatc nò Si difccrneian 
no Ma (^uidopiu Tortile saran ucdiitedi fuori m es 
se sari da elìcr fatteflti-; ui r.trq narro j in alcune uin 
t'otto à: tre:aduc,cosi ^ueilo ch'c cauato del corpo 
delio'capo, aggiui^to il nùiricro de girscai:ielli,s'ac 
crefciera co la ragione d' ^It-'el meno cl^esara uedu 
to,Etcosis'aguaglieraladisparai'agióe ellagios 
sezza de le coxóne.Ma cjuefto fa ella ragione : pche 
l'occh.ò più cose & più speli fegni toccando, paffa 
co niagj^i jre circuuione del uederc Che se due >.oió 
ne e<]Liabnétc di gro.Iezze , con lineo seraqno m or 
noiiics jrate^delle quali una nj sia ftria.a & l 'altra 
ftnata, di equalméte siano le colónc grolle, le linee 
che u'crranno circ Jdate non sarano eguali : impcio 
cheintOiiio a i corpi puri, sarano le linee p,'u corte, 
cheqaclleaicau; ftngli. &i cantoni delle ftnctoc 
candola linea perche Io spatio de le ftre&ftrifgli 
farà maggiore la longheiza de la tinca. Ma se que 
fte co :i*sara ucduto , non e alieno conft; uire ne gli 
ftrettj luoghi ,& nel cócluso spatio più sotih gli fcó 
partimenti delle colóne nell'opere per quel moco 
che habbiamoper adiu:rice la réperatu -a del 'e (Ine 
Ma la groitczza della pa'-ete della Capella per rata 
d'elfa grandezza far] a e di bisogno , & sia cosi che 
auailte alle loro £!iolìczze delle colonne uenrano 
cquah Eseperloaucn-redaciTcr fabricate siano 
€^c pareti jCÓminutifvimi cementi siano rcttamen 
te fabricate. Ma se di quadrato saffo , o nero di mar 
tno SI fabricarió ^di pn^che paritati maxsnie , son da 
«Ter fatte perche gì coagn'éti intra n safs; insieme 
te n c'rt do m ine zo fan no p u fé rm a 1 a pc r fc ft: e' e d 'o 
gni opera. Anchora intorno a i eoa ijmcnfi, 51 sede 
tic le eminenti dm-od^; a onj de' la Graphicotera fa 
rannonell'afpettoladilettat.oTie . •" 

anchora per rata delle grindczzc c>^tli U pòrccCEf ''s tufi the auàtc 



QLV^ARTO ,r 

t Aachof^i se maggiore sKra la larghezza 
thepitdi qu.if r^. Verni, dn se Io esplica 
ja quota Itrciont-C Si-uo uref^ttedi no* 
uè p^rii . Nóf^ che in alcuni ctxrj rr-.uaro 
habti.imo scritto cfiectin cambio di no/ 
iie;MH e cos^ d^ s;iptre che iitll;< qum ira 
de lijumtri rotti nelle reg.. le de Ih Anth/ 
nietiM eiftr maggiore p rre la diPiinutio- 
ne d'un nono che d'uno ciecimo:cofi mi/ 
noretiTtre un nono che uno ott.iuo: & ce (i 
degloltri nomi . ^ Percht nel a ncluso 
aerc&c.quefta r.igiqnepareihe d.isechia, 
Mmen;e fi dichiara: m^ bisogna e. fiderar 
1.1& congrn.imcnce conoscerli dalle r,:gio 
ni diprcspettiua, t In alcune umt'orro. 
Nota che molti rexti sono scorrerti in qftr 
numeri in alcuni e scritro.?J.in aìcum.zó 
in aIc';ni.56.t'Ma i più ueri reirri , & nof 
tt n le aprouate antiche fimmerne cioè fcó 
piirtimi-orixrrouptoh. bbiamo scritr^.z.'* 
o uero.j7.& CDfi troiv.tu h bbiamo diftiii 
guerfi leaniche & pfrferte colonne cfi mar 
mc.CCf. fi quello che e canato del corpo 
de Io Se pò. erche bisogna che fi;»no Mn 
tiqiia tro. STRIE eie e sc.mellaiureo sc.i/ 
ui quanto più son poche , tanto più cupi 
S( noi caui.& diminuiìcono il corpo del' 
la co!onna:Ma quante sono pia a nume/, 
ro^manco son inculate: & Io sc-po/ ci oc 
il furto/rimane più groiTorEr perciò Verr. 
dice.Cofi quello cheecauato del ccrpo de 
Io Scapo 11 actresctra'cioeeiTo scapo :4ccre 
scendo li numero de le Strie cerramcnce 
eileiido scaliate per le modo di sopra mo 
ftratojfararemanere piugrollo Io scapo 
iri dentro/ciof furto lo scneilaro rroneo 
dell'H coluiina. Ma e da dotare che edifTe/ 
rnre striglK da 5 tri a : «frigi/ , e come uà 
dente della srreglia con laqii:ile fi Strigli» 
no 1 Cau,)IIi. Ma Stria e quella coi.cai ir* 
che e infra gli ftrigli - dot i denri . uedi a 
t..ne.8f.Itrftr: . S . C Che fi due Colonne 
eq alnientedi grolFezze 6 c.Qi.cfta ragie/ 
nep.rtcosa d i credere-c nciofia che'noij 
solamenrccon poca confidcratione della 
r.igionedi pnspedhua : leinequaluati di 
quelie due linei procedere potrà fmiilmen 
te pf r Io nicsuranunto che conuc rria efler* 
f.^ttc Con la Iiiiia nelle còcauira'cte le ftrie 
fi e Pie :inchtraaccade a uedcre Si pra la 
supcrhciede /oftnglo ' cioeil pianuezo' 
rqu:ileepiu brei;e o Corta che quella la* 
qualcentr in ella cau.-* i;ria:dtl:, quale c6 
fimiili.irer. glene habbi.imo anco' a hau 
to di S( pra :, carré. 86. Icfrcri-S. C Ma la 
groflezza della parere d'eff. Capella p r.ita 
Qiiilla iimmiiiiitif net nccciiaii.' c< sa : p 
che non conuiencpaif.re la ^rvffeizn delle 
p.iren.nt f. re Neomenie Iti errano Xscire 
e A peso della pareti fuora dello scipo di 
SI iredeli.s colonna cofi adunque fi debbc 
dare non solanxnrclcfìic ifjz^c dellep re 
ti.cioedi tur-oii grolF, eltu; fu nuro.Ma 
alle loto ^toue^^e delle colonne fiano cquaie 



Strie a car 
te.86,Ierre 
ra.R. et.S, 



LlBrUO 



* : qiyARTO 



Adunque ueSi che la tolóiia dimoftra lagrcBezza àe i mun.i qaalf jcpr? «fla Colonapcr dare miicTr ÉartD,tiòr« 
tht lep;)rm filino f.^b^care dtnrinunidnn cenicntijfi comeiisoru/io gli «ituhi Jit,Icutc£hiep:irtn;Te/ìimcnij so 
Ho ;iiunc-r.i fn'jlteuccthisfirit chiese& altri muri &c.Có«gmfiìfi.rn qiidla p;,rr« fi pnò hct^ireche figlii'ficJ ct.me 
di scprMi» c^rcc. >f.l«rtTa.S.e''d*rto uclg-irrnienrcgu ricalzi;! qu«li Oitrolii me?o dei muti có€.»kiA;i fi j|:tóhifo# 
tiL'-.o atro ;<i)choM puoi intendere come in qi^fta ulrim«^l«cio«f c^iantnot. <i. Anchora interno alh toaginenti/ 
Cloe JetùgiofiEure dei corlio ueroordim di alcuni .^lnMra^l,cógióntìcQl^diuer(ipe^«'& cunipoftì . C'secleJitif/" 
Cloe laciincnti dt'gli-Hmuraci sasfi besi che'I terto dica cublliMjliilabbianK>«pdftQ a r:»rtc.;>é.lcrrfrft.R'.CEmt 
ntnre'tiueorn*mcn;i fatti con dilcttaHone.<[:G"phicuttTa.{ioeIa pittura>o ueru. 5cLilclira di uaria sertt'di p&Iiì 
«•pietre: Q.ucte greco «ocabulo uienedi» Ciaf>hoCilquai di sopra a carte.).habbianiv espofto J i(S:Corer"cs-o uc^ 
re coteche a noi fìgnitica inejfione o ueroa cos cotisiche^oprio iìgnificw© pietre dtiire, le quali dàmoke sono 
de'tv' codili! & cote-:il eh 'e nella dtlerteuole dupqritiorie fi come sono gli ordini del Arcfurrauf, FKgiq &.Q)r)iù 

inrJ',.i ■) i;i'V i:'j ,.:tì ::.-. ' i'. -, fi suniu.i "•- - ' '^J* C;UJiJi>> Ij.. >l^ì.3 i Ziii.i '^liZIc juj U iiXl <J 

ÉTMa le sagre chiese de Jli Dei immortaif alleijuai regioni JfbboBo rlsgiurdare &f.tìi quella Uttione Vf'cmiic» 
«ji.iiortra Ja ris,s'uardantta delle regioni d^I ciejo all^equ^t .debbono effer coi^tjyu & loUacati gli Altari coi Si» 
niul.icTi/cioeSCatiie^deiCtlefh D*i :Ste , ' ' - - -o 

OEtl-f GOMSriTVtlÓNI- DittE SACRE 
CHlgSE SECsONÒO LE REGIO' ' ' 

*»«. GApiroto av^Nio.^ - - - . j 

. Milla " , . . 



da nctareptr btjichc Vctcuaio & glialf 
tri aurtori spcile fiate dicono Dii & Dee; 
& nominano per d^iierfi nomi j Icdiuers* 
loro dii.inepotcrtatijhora mascoline ho/ 
ra t'emjnine.noòlincno el uó e se non uno. 
onii^otentc Dio : ilquale e trino À uuo:. 
iRi'fi'j'n & ^jde nella rnnitadc come ha detto 
■j-.-tìV-it'' ■ /v^trturio Trlmegiito inlìeme con gli anti 
,i.'a .ìi. chi & moderni rhcologi;£t Virgilio pa/ 
rechc'l inoltra quando dice Dio gode de 
l'iinp^iro numero » laqual cosa mente al 
tro dice bcncn che Dio gode per (a eterni^ 
ra. Etladijcriifa dei nomi & scifonoii' 
da altri eperueiiuta appresso de sapienti 
se non d-ille diuerse uirruti Si poteilatl 
diuine» le quali sono Jnlìnitc & incum* 
prùieufibilc ; S( pero ueggiamo che gli 
fdonii auttofi non faiino sempre dis". 
critfi.ne di Scilo in nomi tali de diui' 
ncittributioni > come specialmente ap<, 
prcifo di Vir^jilio M^'cne nella Enei/' 
òa nel secojido doue parlando di Ve/ 
nere , Im qual tìnge «sser la madre di 
Enea c>f\ dice: Mi parto & menando' 
mi la Dea intra lefia,.je, & de inimLci 
mi sbrigo r. rmi fanno la ftr.ida & 1^ 
iamms ii t.;glioa uia : £t il medesnio 
nel settimo parlando della furia infrr/ 
naie . Alerro dice . Ne fu lontano la 
Dea delia mano errante. £tse più ol/ 
tra iiogliamo efttnderci : diremo tutti 
, gli huomini & donne > che moralmea/ 
te nella presente uita uiuono > hamio le 
diuinc: legt^e a rutto suo potere per fi' 
Ilo al fine della sua uita osjeruare, te' 
nere dclli Oiuinita de Dio (come altra 
uolta detto habbiamo) i quali noi chia 
maino Santi : & più ampiamente dtcia 
mo tutti i uiuciiti secódo le diuineleg 
gè per qual modo uiuer debbc quello 
che uuoic neramente ottenere jl gr.ufto 
titolo di eifcre huomc 5 Si non fera, non 
()Up eifcr se non deDio:laquaI cosacifa 




A Le sacre chiese de gli Der inmQrta 
li a legnai l'egionicJcbbonorisgiiatd are 
H libera sia la podcfta dela chièsa accio 
nefluna ragióeiratibia ipecfito,cosi sód:i 
cfier cóftitiiite.li fcgno cbc farà ne la Capei la Colio 
cato.rifguarda a la rcgióé del ciclo di Ponete, accio 
quelli I qaali s'accoftano a l 'altare imolidcouero 
facendo sacrificii,rÌ5guardino a la parte del Ciclo 
d'Oriente il Simulacro che sarà nella Chiesa, &: co 
si quelli che pigliano i uoti si uoltano nella Chicsn 
ai cielo d'Oriétej&efsi Simulacri si uedano contri 
l'Oriente rifguardare a qxielli che suplicano , SC sa 
gnficano,pchegH altari detutriiDci neceflariamc 
te si nedono efsi risguardare a rOriéte:Ma se la na 
tura del logo iterponera, alhora da udger sono de 
le Chiese le cóftitutióii loro accio che la pin parte de 
i meniani edificii da i Tépii de gli dei si risguardmo 
Anchora se appreffo a i fiumije chiese sacre si far5 
no cosi comem Egitto intorno alla ripa del Fiume 
Nilo, si debbono ueder risguardare . Similmente 
s'intorno alle Vicpublice saranno gli edifici] de gli 
De^cosi si conftituifcano: accio che quelli ch'oltre 
uanno, pofìTano rifgua»darc , èi fare nel conipetto 
le salutationi . 

ùetita m f<iliibile>Chtifto Dio &. honK);ae h.i ap tamence dimvUrato dicendo:[d Ko détro a uot che seri $àti:Rdl4 



:iiK:/;lioilMÌ-.> 



CAPITOLO 



SBcTO 



99 



adunque eh 'indub/r^tamenre ceniamo effer uno solo & omnìpofenfeDio nella rnntra godendo5& ftaendo peti 
petua mente iiisCiJiKira ugni C(^sa &c.Per benché lo abuxto&igiioranreuulgo per sua inibealliUtehabbia errata 
& sta scordo in uSric & talse opmioni:lnqu;iJetmbcciLita Myiiio diplcra5& apertamente il tutto mamfefta luj 
libro second'j a.7.capitcli:& pare che-udendo parlare de Dio uoglia ampliare la uia a gli ambigui checcrcan' 
do uanno che cosa fu Dìo & la sua tt'àgieà che pensane eiTtr mola, non dimeno el non e senon uno solo: Et ac» 
do che .ilciino nò incidi ni perucrsa herefia quelte poche parole del suo trattato ui ponemo. Il petche i Itinio cne 
da hum^na imbecillirà proceda el cercare qual lia l'eOigie & forma di Dio.Q.u,iIunchtcosa fia Oio>se altro Dio 
fi croua,& in qualunqueparte esso (i...uiccu e senso- tutto e udire.ru tco e de l'anima-tutto e de ranimo:cioe tur/ 
to e uita,cutCo e incelietto. Ma maggiore itulritia e credere che innumcrabili Dii iì-^no secondo le uirtu & uitu de 
gì huomini:come e Pudiciti .Concordia. Mente.Speranza.Honore.Clementi.ì.Fede:o ueramente Csecondo l'cpi 
Olone di Democrito) credere quelli eUciedoi' cioè la pena & il benetìtio. Mala tragile & laboriosa natura de 
mortali raccordandcfi del proprio mancamencoiquelio ch'era uno diuisein parti & fece pm DUjaccio chccias' 
cuno quello honoraifedel qualepiu h.mciledi bisogno.Il pcrcheda uaru nomi m uanegenti Se in queliemcdelì 
me^iniiniti Du trouamorrri quali glmftri anchora:& i morbi cjn nioltepeftc sono discritti rperihenoi pieni 
di timoie quelli duìderamopl.icire.ttper qucitjnei palagio e dedicato il Tempio alla Febre; &nJ tempio di 
lane l'altare sacro a Orbon.ccioe quella Dea che pruu i padri de soi hglioli Et nel culle detto Exquilu e l'alta 
re della mala FortuUa.ptr laqu.ilcosa aiuh ora poi intendere che maggiore e il popolo de gli Du che de gl'huo' 
mini.Conciofia checiasaiiiodi senudefinio fA altre tanti Da -.Stimando Giunone & il genio in se hautre. Sono 
de a.cuuenanoni i quali certi animali,& alcuni non honefte cose adorano per i Dii>& altre cose da non putete 
seiizA uergogni dirIt:Giuraiido per cidi fetidi & altre pur fimili, [ui anchora piucusesr.no le quali puo legge/ 
re. Adunque tu può intendere quanto Plynio arguisce la humana imbecilitate the da se fi h.i generato quelle ^pC/ 
ciedeDii:non eilendo seno un solo ma l'altro ilqualeeifononha conosauto per certo citato il figlio del'Um 
nipotenteDio chee ilnoftro (igiiorelcsu Chrifto:fi come tutti i ueri sacri rheologi.&; la ncftra santa matte Chic 
sa neha amaeilrato; sotto la cui uerisfima & suaui sfima legge debbiamo cercare de uiuere & morire. 




DELLA RAGrONEDE LE PORTE ET ANrirAOMENTt 
DELLE SACRE CHÌE5E. CAPUOlO SEXTO. 

^ A DE GLI hoftii & loro Antipagmenti 

i nelle Chiese, quefte sono le fagionr.chc 

primamente s;ano conft.tniti , di qual 

Il generaticne sono da doucr farsi . Per 

chele generation! deThyromati ,son quefte, Do 
rico, Ionico, & Aticurgo . Le symmetrie della Dori 
Cd generatione si fanno con quefte loro ragioni, che 
la summa corona laqualc sopra all'Antipacmento 
si pone, equilibrata sia al summo de Capitelli delle 
Colóne.che serano nel Pronao. Mail lumcdel'Hy 
pertyrocosi si cóftituifca che l'altitudine laquale fa 
ra della Chiefa dal pauimento allauolta,sÌ3diuifa 
in parti tre 8C meza^ÓC d'effe, due parti al lume delle 
ualueper l'altezza, si cóftituifcano.Ma quefta sia di 
uisa in parti.iz.SC d'effe, j. 8: mera la largherà del lu 
me sia fatta-Dal bado insino alla sùmita sia contra 
da ne l'alto de l'Antipagmento la terza parte, se il 
Imne sarà dal baffo a l'alto piedi i6.se da. i6. a. zy.ne 
laparte del lume di fopra s; cótrahede l'antipagmé 
to la qrta parte . Se da z^ a 5o • si cótrahc de l 'Anti 
pagmento nella parte del lume di fopra la ottaua 
parte . L'altre quali più alte scranno , a linea a 
piombo collocate si ucdono cffer bisogno . Ma 
essi Antipagmenti siano fatti grossi in fronte la 
duodecima parte de l'altezza del lume". &: siano 
contrade nel summo della sua groflerza la quar 
fadecima parte L'altezza del supcilio,quantasara 
nella pa