(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Vocabolario parmigiano-italiano accresciuto di più che cinquanta ..., Volume 4"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



y-> f t .^a. 




HARVARD 
COLLEGE 
LIBRARY 



■m 



Digitized by CjOOQiC 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



VOCABOLARIO 

PARMIGIANO- ITALI A]>0 

▲GGABSGIUTO 

DI PIÙ CHE CINQUANTA MILA VOCI 

COMPILATO 

DA CARLO MALASPINA 



VOLUME OUARTO 



PARMA 
TIPOCRAnA CARMICNAMI 

1859 



Digitized by CjOOQiC 



W\k.'i-t 



/9G 3, CA'/e.;i.^,, /'< ^~/c 

9' 



HARVARD 

UNIVERSITYl 

LIBRARY 



t> ti 



Digitized by CjOOQIC 



SA 

S. S. La diciasseuesima lettera dell'al- 
fabeto italiano e l' ultima delle semi- 
vocali. Come lettera numerale valeva 
presso i Romani VII e come segno 
rausicale, signiGca Solo. 

Sa. M. imp. Dammi j Porgimi. 

Sa sinc. o'Assi. A4sai, Molto o Ab- 
bastanza. V. Assà. 

Saba. s. f. T. de' Confett. Mostocollo. 
Ma se è ridotto col fuoco a due terzi 
dicesi Caroeno, se ad un solo terzo 
Sapa, se alla massima densità e quasi 
sodo DefriUo. 

Sabadén*na. 8. f. Sabbatino. Banchetto 
cbe si fa la notte del sat>ato venendo 
la domenica. 

Sabadiglia, s. f. T. Farm. Sabadiglia. 
Cosi diconsi in commercio e nelle 
farmacie le cassule e i semi del Vera' 
trum sabadilla Ratz. 

Sabbia, s. f. Sabbia j Rena. Ma sabbia 
dicesi la rena mista con terra , e rena 
alla parte più arida della terra rila- 
vata dall'acque che si trova ne' greti 
de* fiumi ecc. 

Sabbia, s. f. T. d'Agr. Renaccio. 
Terreno simile alla rena o pieno di 
rena. 

Sabbia, s. f. T. de' Selc. Ghiajottola, 
Rena grossa. Quella rena mista di 
minuta ghiaja usata per selciare le 
strade. 
Sabbia da calzén'na. Renaeeiolo. Rena 
grossa per impastare la calcina. 
Sabbia da scritturi. Agro* Quella 
rena di ferro che si stritola, e non 
serve che a farne polvere da scritto. 
V. Polvra. 

Sabbia da vidi, direna dolce. Arena 
calcare che serve a concimar le viti. 
Sabbu d' cava. Rena di cava o fossile. 
Sabbia d' ficii. Rena di fiume o flu- 
viale* 



SA 

Sabbia d* mar. Rena di tnare. 
Sabbia fifén! Corbezzoli/ Sorta di 
interjezione di esagerata meraviglia. 
Sabbia grassa. Sabbia grassa. Atta 
a favorire la vegetazione. 
Metter la sabbia sòra la scrittura. 
Impolverare lo scritto j mettervi su 
la polvere. 
Piantars in TLA SABBIA, ilrreiuire. V. 
Insabiars. 

Sabbia, add. ro. Sabbioso. V. Insabià* 

Sabbiada. s. f Renajo, Dosso o banco 
di rena. V. Sahbionara. 

Sabbiador. s« ni. T. d'Agr. Yigliatore* 
Colui che getta all'aria il grano nel- 
l'aja per separarlo da viglinoli, (locch) 

Sabbiaduba. s. f. T. d*Agr. Vigliatura. 
V. Sabbiar. 

Sabbiar, s. m. Renajo. V. Sahbionara. 
Sabbiar, att. T. d'Agr. Vigliare. 
Separar con granata o frasca ì vi- 
glinoli bacellì sfuggiti alla trebbia- 
tura che sono ancora sparsi sui monti 
del grano. 

Sabbiar, att. T. de* Matt. Arenare. 
Dimenare la pasta de' mattoni e si- 
mili nella rena di fiume perchè non 
si appiastricci nella forma. 

Sabbiaroéul. s. m. T. di Micol. Salatel' 
lo. Fungo vinoso. Fungo di color 
rosso bruno, coperto di una lanugine 
finissima che nell'autunno cresce ne' 
boschi sabbiosi ed è non cattivo a 
mangiarsi. É VAgaricus vinosus Bull. 
Sabbiaroéul. T. d'Ornit. Piovanello. 
Uccello che abita in estate le rive 
de' fiumi ove specialmente la notte 
vola lungo le acque e talora in esse 
8i immerge. É il Totanus hypoleucos 
Temro. 

Sabbién. 8. m. Polverino. V. Spolvrén. 

Sabbiétta. 6. f. Renischio. Rena minuta. 
Sabbiétta. 8. f. Renella. Sedimento 



Digitized by 



Google 



4 SA 

delle orine che viene da* reni, spesso 
derivante dai malore dello pure re- 
nella. 

Sabbiòn. 8. m. Sabbione, Renone. Terra 
renosa. 
Sabbiòn. 8, m. Voce venulaci dall' In* 

. glese Siiab*by che vale Cencioso vile, 
e4 è usala dalla noslra plebe per 
schernire quella mascheraccia goila o 
abbietta che da* Toscani è della Al- 
lóra. 

Sabbiòn. s. m. Fig. Baygeone, Vil- 
lanzone, Zoticone. 

Sabbiomara. s. f. Reniccio, Renajo. Quan- 
tità di rena che si trova per lo più 
raccolta intorno alle acque correnti e 
renicele. Banco di rena o di sabbia. 
Aggeslione, lo stesso che accuniula- 
nicnto, rialzamento, greto, ridosso; 
e sono deposizioni di rena e di pietre 
scantonate o fluitate e di diversa gran- 
dezza secondo le distanze dai monti. 
Sabbiera, Sabbionùto, cava dove si 
estraggono le sabbie che sono di na- 
tura da essere lavorate. 

Sabbiòs. add. m. Sabbioso. Sabbioniccio, 
sabbionoso, renoso, arenoso. 

Sàbet. s. m. Sabbato, Sabato. 

An gh*é sàbet senza sol, e an gh'é 
DONNA senza AMOR. Tulle le donne han- 
no i lor bachi' ( Buonaroti Fiera ) 
Non è cosa senza difetto ò speciali 
qualità. 
DzòN DEL sXbbt sant. Digiuno delle 
campane. 

Sabla. s. f. Sciabola, Sciabla. Arma 
nota che in complesso ha le seguenti 
parti, cioè: 

Arch dia guardia. Fusto. 
Bottòn .... Bottone del fusto. 
Carcagnoèol • • Tallone* 
Gozzétta. • • • Coccia. 

Costa Costa. 

Cusdura del foèu- 

der • • • • Cucitura. 
Debol • , • . Debole. 
Dragòn*na . • . Dragona. 

Fals Falso, 

Passétti . • • • Fascette. 
Foèuder. • . • Fodero. 

Fori Forte. 

Cresta .... Bottone del puntale. 
Guardamàn. • • Guardamano. 



SA 

Guardia . * . . Guardia. 
Guarniziòn . • • Guarnimento. 
iraaiangadura . • Manico. 
Impugnadura • . Impugnatura. 
Lama. ^ . , . Lama. 

Piati Piatto. 

Puroell .... Pomo. 
Fornài .... Puntale. 

Taj Taglio, Filo. 

Sabla. s. f. T. de* Conc. Scarnatojo. 
Lama d*acciajo simile quasi ad un 
coltello a due manichi, che serve a 
nettare le pelli dalla carne. Quando 
è tagliente dicesi Coltello da scarna- 
re, e quando è smussato Coltello 
sordo. 
Sabla. a. f. T. de* Stamp. Setola. 
V. Sèvla. 
SykBLA D*ARLiCBéN. Striscia, Draghi" 
nassa, Cinguadea. Cosi dicesi per i- 
scherzo la sciabola di legno di cui si 
serve Arlecchino. 

Sablada. s. f. Fendente. Colpo di scia- 
bola per taglio, e con voce di reg. 
Sciabolata. 
Sablada. s. f. T. di Stamp. Setoluta. 
V. Sevlada. 

Sablar. alt. Sciabolare. V. di rcg. Fe- 
rire con colpi di scialala, 
Sablar. att. T. de' Sump. Setolare, 
V. Sevlar. 

Sablazza, Sabluzza. s f. Cattiva scia- 
bola. 

Sablén, Sablén'na^ Sablétt, Sablétta. 
Piccola sciabola, 

Sabli. Fig. Bilie. Gambe storte. 

Sablòn. s. ni. Bilenco o Sbilenco. Dicesi 
di persona torta, malfatta. Un bilia 
dicono i toscani quello che ha le gambe 
storte. 
Sablòn. s. m. Squarcino, Scimitarra, 
Sorta di arme offensiva usata un tempo 
in battaglia simile ad una gran scia- 
bola. 

Sablott. s. m. Paloscio. Specie di scia- 
bola corta. V. Paloss. 

Sabò. V. Zabò. 

Sabogbén. s. m. Caramoggio. V. Sadòccb. 

Sabràca. s. f. Gualdrappa. V. Valdrapa. 

Saca. s. f. Bisaccia. V. Sacchétti 

Saga. s. f. T. di Cacc. Sacca, Borsa. 
V. Sachi. 
Far SAa. Far saccaja o sacco. Si 



Digitized by 



Google 



SA 

dice delle ferite quando, rimarginate 
e non guarite, rifanno occultamente 
marcia. Decumbere, T. Med., cascar 
giù, stagnare, e dicesi degli umori 
del corpo e simili. 
Sacch. s. m. Sacco. Arnese fatto con un 
pezzo di tela ripiegato, cucilo a due 
lati e ribadito intorno la bocca per 
uso di tenervi grano o simile. Ha: 
Bocca • • • . Bocca. 

Cui Fondo. 

Ligaja • • • • Comandolo» 

Piiz Pdlicint 

Sacch da frA. Sacca. Sacco che ha 
uno sparato nel mezzo per lo quale 
i frati questuanti insaccano in esso il 
cibo questuato. 

Sacch da insaclar el yèn. Calza. 
Sorta di feltro a cuccuzzolo. Y. Sac- 
chèlt da colar. 
Sacch da nota o da tiazz. Sacca o 
Bisaccia da viaggio. 
Sacch da pb. Guardapiedi. Borsa di 
pelle guernita di pelo, entro la quale 
8i tengono i piedi viaggiando o stan- 
do il verno a tavolino. 
Sacch da soldX. Zaino, (Botta) 
Sacch d*oss. Ossaccia senza polpa. 
Si dice per ischerzo di persona sover- 
chiamente magra. Sacco di mestoli, 
scherz. persona magrissima, la qual 
non sia che ossa e pelle. 

Sacch d'pugn. T. Furb. Guardia 
campestre* 
Sacch d* roba. Saccata. Tutto quanto 
può contenersi in un sacco. Sacco 
qual misura, s'intende generalmente 
di tre staja, a meno di convenzione 
di consuetudine contraria. 

Sacch d' véii. Otre pien di vino. Si 
dice 6g. ad un briacone. 

Sacch voéud an sta in pe. La boccf 
ne porta le gambe, cioè per via di 
mangiare si mantengono le forze. 

Andar in t*un sacch e tornar in 
t' on barìl. Andar giovenchi e tornar 
bue, Non rroGttare d*un viaggio, e 
degli studj fatti in altro paese. 

Andar la con el co in tel sacch. 

Procedere, vivere alla cieca. Infilar 

gli aghi al bujo. Operare senza con- 

siderazione. 

Ah s' poéul dir gatt GATT, t*BL 



SA ii 

N*É IN TEL SACCH. Non dir quattro 
ie tu non V hai nel sacco» Non U 
tener certo se non a cosa compiota. 
Compagnia del sacch. Confraternita 
del sacco» 

Corsa di sacch. Palio de' sacchi. Sorta 
di trastullo notissimo. 
Dar el sacch, Dar el conce. Dare 
il cencio. Dare il lembo. Licenziare* 
In altro signif. V. Saccbèzz. 
Esser pién bl sacch. Traboccare il 
sacco. Il sacco esser colmo. Fig. non 
ve ne capir più. Non si potere aver 
più pazienza. 

Metter in tel sacch. Insaccare. 
Metter in t*un sacch. Fig. Mettere 
in sacco o in un calcetto. Stringere 
e convincere altrui con forti argomenti 
in modo che non sapia che rispondere» 
Vesti Rs da sacch. Vestir sacco, cioè 
una cappa od un abito di penitenza. 
Vudar el sacch. Scuotere t pellicini. 
Sgocciolar il borlotto. Dire aperta- 
mente la sua ragione. 
Sacchèla. s f. Voce contadinesca. Sac- 

coccia. Tasca. V. Saccozza. 
Sacchétt, Sachtén. s. m. Saccuccio, Sae* 
chetto, Sacchettino. Piccolo o piccolis- 
simo sacco. Saccolo. 
Sacchétt. s. m. T. de' Pizzic. Gam^ 
betta, V. Pret. 

Sacchètt. s. m. T. de' Tint. Barella 
per lo zaffrone. Così dìcesi impropria- 
mente quella madia in cui si purga 
il zaffrone. 

Sacchètt da colar. Cóla, Calza. Stru- 
mento di tela da colate il vino. Gabbia, 
quello ad uso di stringere le ulive 
infrante. Buscala, quello in cui si 
mettono le mandorle peste per ispre- 
mere l'olio. 

Sacchètt da hagnàn. Bolgia. Il sac- 
chettino entro il quale tiene i suoi 
ferri il concialaveggi ambulante. 
Sacchètt da roba d'odor. Polviglio, 
Cuscinetto d'odore. 
Sacchètt dil bali. Saccuccio o Borsa 
dette pallottole. Quello che contiene 
le 90 pallottole segnate ciascuna da 
un numero per uso delle lotterie o 
tombole di famiglia. 
Sacchètt dla bussla. Retino. Sacchetto 
di pelle fermo sotto il bossolo nel 



Digitized by 



Google 



« SA 

quale si raccolgono le limoaine nelle 

chiese. 
SAccHèrr dla sgobba. T. de* Fora. 

Calza. Specie di manica di tela che 

è ferma alla bocca della tramogia e porta 

la farina a poco a poco nei barat- 

tcllo. 
SAccaèTTA* 8. f. Sacchetta, Piccola sacca. 
Sacchétta, s. f. T. de* Drapp. Banr- 

dìnelia. V. Bandén*na. 
Sacchétti da montahab. Bisacce. Due 

tasche collegate insieme per portar 

roba in viaggio. 
Sacchézz. s. m. T. Mil. Saccheggio^ Sacco. 

Saccheggiamento. 
Dab el sacchézz. Saccheggiare. Dar 

il sacco, mettere o porre a sacco. Far 

preda di quello che è in una città 

quando è presa per forza d'armi. 

Saccomettere. Dar saccomanno. 
Dab el sacchézz. Figurai. Dare il 

guasto. Sperperare, Par piazza pu» 

lita. Divorare quanto è in una men* 

sa, quanto è in una casa per eccesso 

d'ingordigia o altro. 
Saccb'tab. att. Sacchettare. Percuotere 

alcuno con sacchetti pieni. 
Saccb*zX. add. m. Saccheggialo. 
Sacch*zar. att. T. Mil. Saccheggiare. V. 

sopra. Dar el sacchézz. 
Sacco. T. Mil. V. Zacò. 
Saccòn. s. m Saccone, Sacco grande. 
Saccorotto ! 5acco rotto. ( Fior. ) Sorta di 

esclamazione d'impazienza o di lieve 

sdegno. 
Saccozza, s. f. Tasca, Saccoccia. Ma la 

lasca si intende sempre più piccola 

della saccoccia. Dicesi Ladra la tasca 

interna di un abito contro la sinistra 

del petto. 
Saccozza, s. f. T. de'Manisc. Ferriera. 

Tasca entro cui tengono i chiodi i 

maniscalchi. 

Saccozza del zilé. Taschino. 
Saccozza fénta. Tasca falsa. 

Aver 'na cosa in saccozza. Aver una 

cosa nel carniere, in pugno, nella ma* 

nica. Tenersela per sicura. 

ZoNTAREGH d' SACCOZZA. Rimettere del 

suo. 
Saccozzada. 8. f. Tascata. Tanta roba 

quanta può capire in una tasca. 
Saccozzazza. 8. f. Tascaccia. 



SA 

Saccozzén o Saccozzéh'na. 7a8cAtno^ Ta* 
schetta. 

Saccozzén dall* AELoÉui. Borsellino, 
Piccola borsa che si tiene cucita alli 
cintola de' calzoni. 

Saccozzòn. 8. m. Tascone, Tasca grande. 
Fig. Ciucciolaccio, Gaglioffaccio , e 
in altro signil., Saccheggiatore, Ru- 
batore. 

Sàcher. add. m. Sacro, Sagro. Fig. /n« 
concusso. Indubitato, Certo, incon* 
traslabile* 

Sachi. s. f. pi. Bisacce. V. Sacchétti. 
Sachi d* na réj. Sacche, Borse, Cti« 
euzzoli. Quelle parti che nella ragni 
stanno raccolte fra le maglie maggiori, 
e che inviluppano gli uccelli, facendoli 
star pendenti, cosi involti nella rete. 

Sacramert. 8. m. Sagramento, Sacra^ 
mento. 

Aver tctt i sacramert. Essere in 
piena regola. 

Trar di sACRAMEifT. Bestemmiare, 
Sagramentare. 

Sacramenta, add. Sacramentato. Munito 
di viatico. 

Sacramentar, att. Sacramentare. Ammi- 
nistrare i sacramenti. 

Sacrari, s. m. T. Eccles. Sacrario, Chiù* 
sino. Luogo dove si buttano le lava* 
ture de' vasi, panni o simili, che 
servono immediatamente al S. Sagrì* 
fizio della Messa. 

Sacrén. s. m. T. Eccles. Reconditorio. 
Piccolo chiusino di marmo situato nel 
mezzo della mensa dell'aliare sotto 
il quale sono riposte le reliquie de' 
santi. 

Sacrenòn. 8. m. Rodomonte. Smargiasso, 
Bravaccio 

Sacrenòn. Sorta di esclamazione o 
meglio di bestemmia infranciosata cor- 
rispondente a Perdicoli, Poffar il cielo, 
Deddina ecc. 

Sacrilego, s. m. Sacrilegio. Violazione, 
ovvero, usurpazione della cosa sagrata. 

Sacrìlegb. add. m. Sacrileffo. Che com- 
mette sacrilegio. Fig. Tristo, Cattivo, 
Pestifero, di pessima sorta. 

Sacris. (Andar in) Entrare in saeris. 
Conseguire il suddiaconato. 

Saciiosant. add. m. Sacrosanto. Sacro e 
santo. 



Digitized by 



Google 



SA 

SicaosAiVT. add. m. Fig. Certo, In* 
dubitalo. Sicuro, sostaot. V Effettivo, 
il Dovuto. 

Sàda. 8. f. T. d'Agr, Maggete. V. Col- 
tura mazzénga. 

Sadòcch, Sadocchén. 8. m. Nanerottoìo , 
Caramogio, Cazzatello, Sconciatura. 
Dicevi per ischerno a persona piccola, 
sbilenca, mal faiu. 

Sadòll. add. m. Satollo. Sazio, Satollato. 

Sadollar. att. Satollare. Saziare. 

Sagagnà. add. m. Malaticcio, Malsanic* 
ciò, Baeaticcio, Infemnccio, MalaZ' 
iato. Crocchio, Valetudinario. Di 
salute cagionevole. 

Sagarzoèula. s. f. Salureja. V. Savorèscn. 

Sagatìr. att. Brancicare, Palpeggiare, 
Malmenare, Stature, Slazzonare. V. 
anche Stombazzàr. 

Sagatàr alt. T. de' Macell. Tambur- 
rare, V. Cassaràr. 

Sagatón. 8. no. Brancicone, Brancicato' 
re. Ma vale anche Ciarpiere, Acciar- 
patore, 

Sagàza. 8. f. T. d*Agr. Catena. Quella 
che unisce la bure collo scannello 
dcir aratro. 

Sagén*na. s. f. Moccolo, Bestemmia. Im- 
precazione. 

Trar dil SAGéN*Ni. Bestemmiare, Imr 
precare. Lanciar bestemmie, impreca- 
zioni. 

Sagg*. s. m. Saggio, Salsa. Piccola parte 
che si leva dall* intero per farne pro- 
va mostra. V. anche Mostra e Tast. 
Far el sagg'. Saggiare. Fore il sag- 
gio o la salsa di alcuna cosa. V. Saggiar. 
Saggiadòr. 8. m. Saggiatore. Colui che 
saggia Toro o altri metalli. Dicesi 
anche delle bilancie colle quali si saggia. 

Saggiar att. Assaggiare. Saggiare, gu- 
star leggermente. Assaporare è lo as- 
saggiare con attenzione per distinguere 
il sapore. Libare gustar leggermente 
e coli* estremità delle labbra. V. Ta- 
star. 

Saggiar l* or , l' argent e simili. Sag» 
giare. Far la prova, il saggio delPo- 
ro e d* altri metalli. Cimentare, As- 
saggiare. 

Saggioèul. 8. m. Matraccio. V. Malrèzz. 

Sagber. 8. m. T. Mil. Sagro. Sorta di 
pezzo di artiglierìa usato un tempo. 



SA 7 

Sagittari. 8. m. T. Astr. Slo^tUart'o. Uno 
de' dodici segni del zodiaco. 

SiGMA. 8. f. Forma. Modello In cui si 
forma alcun lavorio. Formato. => Gar^ 
bo, curvatura, piegamento in arco 
di alcune opere. == Modano, misura 
o modello col quale si regolano sii 
artefici in fare i lavori loro, ed è di- 
verso secondo le diverse professioni. 
Gli architetti dicono Sàgoma al vivo 
profilo d' ogni membro e modanatura. 
Passapalle, T. Mih, cerchio di ferro 
pel quale si fan passare le palle da 
cannone. 

Sagmà. add. m. Scorniciato. Modanato. 

Sagmadura. s. f. Modanatura» 

Sagmàr. att. T. de* Mur. Scorniciare, 
Modanare? Formare. Modellare le 
cornici col modano. 

SlGRA. s. f. Sagra, Saera. Festa, per Io 
più, del Santo titolare d*una chiesa 
parrocchiale. 

Sagra, s. m. Sagrato, Sacrato. Luogo 
adiacente alla chiesa, che un tempo 
godeva anch'esso dell'immunità con* 
ceduta alla chiesa medesima e perciò 
dicevasi anche Asilo, Salvigia, per 
esser luogo di sicurezza. Lo diciamo 
anche per Cimitero. 

SagradònVa. Sagratona, Sagratina. Ag- 
giunto per lo più di fame. 

Sagrén. s. m. Zigrino, Sagri. Pelle dei 
pesci. Squalus canicula, e Squalus 
catulus. Cani di mare la cui pelle 
concia serve per coprir astucci, libri 
e sim. 

Sagrestàn. 8. m. Sagrestano. Chi è pre- 
posto alla cura della sagrestia e di- 
cesi per Io più a' laici, confratelli, 
di qualche pia unione. V. Sagrista* 

Sagrestìa, s. s. f. Stgrestia. Luogo nel 
quale si ripongono e guardano le co* 
se sacre e gli arredi della chiesa. 
La sagrestìa patìssa. Fig. La can^ 
dela brucia. Il tempo se ne va. Di- 
cesi quando alcuno s'intrattiene so- 
verchiamente con discorsi frivoli e 
con perdita di tempo e di roba. 

Sagripicà* add. m. Sagri ficaio. 

Sagripicar. att. Sagrificare, Sacrificare, 
Immolare, Ma si sagrifica o|;ni cosa, 
si immolano le vittime e gli enti a* 
nimati. 



Digitized by 



Google 



S SA 

' SiMBiriCAR TOH. SolUrrare altrui. 
Opprimerlo, ridurlo in islato misera- 
bile umiliante. 
Saorificars. n. p. SagrificarsL Offerirsi 
In sacrificio. Fig. Annij;farsi, Tediarti 
e aim. 
Sagrifixi. 8. m. Sacrificio, Far un 90* 
erificio. Sì dice dei rinunziare a qual* 
che profitto, o del dare altrui cosa a 
sé stesso cara. Vale ancbe Nqja, Fa- 
ilidio. 
^AGRiNÀ. add. m. Inguidalescato, Maga- 
gnato. Pieno di guidaleschi o maga* 
gne, e parlandosi di stato di fortuna, 
Spiantato, Ruinato, Fallito. 

Sagrinà. add. T. de' Guoj. Zigrinato. 
Imitante il tigrino. 
'Sagrinar. att. Maltrattare, Ruinare e 
sim. 

Saorinar att. T. d'Art. Sa^rtfwrc^ Zi- 
^rtnttre^ Lavorare la pelle, la caru 
ecc, ad imitazione del zigrino. 

Sagriuar del tctt. Ruinar di itra- 
fine fatto. Spiantar dalle radici. 
Saquista. s. m. Sagrestano. Colui che è 
preposto alla cura della sagrestìa. Tem- 
piere chi ha la custodia del tempio. 
Santese chi ha cura del santo. 
Sairà. ( El ) // ga ira, fa ira dei fran- 
cesi. Canzone republicana. 
Saìa. s. f. Safa. Spezie di pannolano 
sottile e leggiere. 

Saja arversa. Rovescio e Saja ro^' 
scia. Specie di pannina. 

Saja a spén'na. Saja a spina. 

Saja bianca. Saja lingia. 

Saja castorada. Saja castorina. 

Saja da fra. Saja carmelitana, 

Saja d' Segovia. Saja di Segovia. 
Sorta di saja detta cosi dalla provin- 
cia spagnuola da cui ci capitava. 

Saja grossa. Sajone. 

Saja imperiala. Saja arcimperiale. 

Saja pannada. Saja feltrata. 

Saja velada. Saja velala. 
Sajétta Saétta, s. f. Saetta, Folgore, 
Fulmine. Ma folgore pare esprima 
meglio lo sfolgorio del fulmine ossia 
il lampo che lo precede. 

Sajétta. s. f. Scoto. V. Scot. 

Sajètta. s. f. T. de' F. Ferr. Acce- 
catcjo. Nespola. Spezie di saetta da 
trapano, che ha la sua estremità tronca 



SA 

A Knea retta e tagliente, atta ad m 
cavare un foro, onde possa riceTcrt 
la capocchia di un chiodo di uni 
vite altro sicché spiani e non risalti 

Sajétta. s. f. T. de' Legn. Saetta 
Ferro da scorniciare a coda di rondine 

Sajétta d' ra donna. Diavolessa 
Donna oltre misura impertinente e 
riottosa. 

Tirar dil sajétti. Fulminare. Cader 
fulmini o meglio scoppiar fulmini per- 
chè taluna volta essi vengano anche 
dalla terra. 
Saji. s. m. T. de* Capp. Feltrini. Pie- 
coli feltri che si pongono per fasce 
interne alla testa de' cappelli. 

Saji. s. f. pi. T. di Comm. Rovescia- 
mi. Nome collettivo delle saje rovescie 
Sajòn. s. m. Spinone. Stoffa di seta. 
Sajtòn. s. m. Puntoni. Que' travicelli 
regoloni d'un cavalletto che dai lati 
vanno ad unirsi nel mezzi» ad angolo 
ottuso. Sergozzone, dicesi un puntone 
che regga una mensola che ne faccit 
in certo modo le veci. V. Coèussi. 
Sal s. m. Sai comune. Sale da cucina, 
e dottr., Cloruro di sodio. 

Sal. s. m. T. Cbir. Alcali Sai ve- 
getale. Il sale cavato dalle piante do- 
po averle abbruciate. 

Sal d' amonìaca. Sale ammoniaco. Cosi 
dicevasi anticamente l'idro clorato 
d' ammoniaca. 

Sal d* Inghiltera. Sale di Epsom. 
Cosi dicevasi nelle antiche farmacie il 
Solfino di magnesia. 

Sal d' luss. Sale bianco. 

Sal d' Modna. V. Sai d' Ingbiltera. 

Sal d' potassa. T. de' Tint. Sai pru- 
nella. Il nitrato di potassa dopo eh' è 
stato fuso col fuoco. 

Sal d' satùren. Sale di saturno. Sorta 
di acetato di piombo. 

Sal géma. Salgemma Salgemma. 
Specie di sale minerale, lucido, tra- 
sparente che si cava in diverse mon- 
tagne. 

Sal gross. Sale marino o bianco. 

Sal mndd. Sale rosso di moja. 

Sal scur. Saletta. Sorta di sale infe- 
riore e di cattiva qualità* 

Alvar bl sal. Dissalare. Tener in 
molle i salumi per cavarne il sale. 



Digitized by 



Google 



SA 

Ah vcttbbgb nt péter he sal. £a- 

' varsene le mani. Non voler prender 

parte in on negozio. I Dnlonaij hun- 

no Senza meUervi su né sai né olio, 

per dire Presto, Subito* 

Atbh sal iif ZUCCA. Ài?er sale in zucca. 
Aver senno e giudizio. Esser dolce di 
sale. Significa l'opposto, e dicesi ad 
Uno sciocco. 

CiAPPAE EL SAL. Pigliare il sale. Di- 
cesi degli oggetti messi in salamoja 
o sale. 

FABaicA DEL SAL. Salina. Luogo dove 
ai cavano ie acque salifere che poi si 
purgano ed evaporano per ricavarne 
il sa/e. La nostra Salina è nel comune 
dì Salsomaggiore. 

Lavoraziòh DEL SAL. Salinatura. Il 
lavorìo che si fa nelle saline per fare 
* Il sale. 

Magazzén del sal. Canova del sale. 
n locale dove si tiene il sale in grandi 
quantità per darlo a misura del bi- 
sogno a' Salajuoli che poi lo vendono 
in piccole quantità. Salaja dicesi il 
luogo destinato alla vendita del sale. 

Magazzinèb del sal. Canoviere, Chi 
soprainlende alle canove del sale. 

Metter m sal. Insalare. 
Skìfk DA CARROZZA ecc. AssUc, Sala. V as- 
se delle ruote; comprende 
Banch . , • • Corpo. 

Da Dado. 

Pus Fusoli. 

liagazzén da Toli. Setbatojo. 
Quader .... Spallette. 
RondèU • , « . Girello. 

Sveli Acciarino. 

Tond Piatto. 

Vidi Vermi. 

Vidòn .... Dente. 

Sala dadrè. Assile delle ruote. 

Sala dednarz. Assile dei fratini. 

Sala d* legn. Sala di legno. 

Sala vestida. Assile a guscio. V. 
* Soann. 

dALA. 8. f. Sala. La stanza principale 
di una casa, dove per lo più si ap- 
parecchiano le mense, si tengono le 
conversazioni, si fanno i festini ecc. 

Sala a iiangé. Frane. Salotto da pran» 
Morvi. 

Sala da ball. Sala da ballo. 



SA 9 

Sala da biliard. Sala da biliardo. 

Sala da rizèver. Sala da parata. 
Sala ove si ricevon le visite di ceri- 
monia da gran signori. 

Sala da zoéugb. Sala da giuoco. 

Sala d* dissiplén'na. T. de*^ Mil. iVì- 
^tone disciplinare dei soldati. 
Sala. add. m. Salato. Insalato. 

Sala cmè va. Giusto di sale. 

DviNTAR sala. Insalare, Insalsare. 

Pagar sala. ù)star salato. Comprare 
a prezzo carissimo, e figurat. Pagar 
un gran fio di un errore, di un im- 
prudenza ecc. 

Sa VER salX. Fig. Saper di sale. Di* 
spiacere. 
SalabrX add. m. Amaro di sale. Troppo 

salato. Soprassalto. 
Saladòr. s. m. Insalatore. Che insala, 
che condisce ?i sale. Salatqfo, il luo* 
go ove si insalano le cose, per es., 
carni di majale, cacio, ecc. 
Saladura. s. f. Salagione. Operazione 
che ha per fine la conservazione del- 
le sostanze alimentari come pesci ^ e 
carni di animali per mezzo del sale. 

Saladura. s. f. T. de* Cac Salatura. 
La dose di sale che si dà al cacio e 
simili. 
SALAGiitèLA. s. f T. Bot. Epitimo, Cu- 
scuta. Pianta parassita che cresce prin- 
cipalmente tra 1)1 canapa, il lino, l*'er« 
ha medica, le vene ecc., sulle quali 
piante arampiccandosi ed attaccandosi 
per nutrirsene le spossano in breve 
tempo. È la Cuscuta Epithymum di L. 
Salai, s. m. Bacchio, Salame, Salsic" 
eia. Salsicciotto. Ma dicesi rocchio a 
quel cilindro srosselto e corto in cui 
sono divisi i budelli pieni di cnrne 
salata^ salame è budello grosso ripie^ 
no di carne di majale tagliuzzata gros- 
solanamente, salsiccia è budello pic- 
colo di carne simile pestata, salsie* 
ciotto è salame piccolo. 

Salav. MeUf. Carciofo. Babbuasso, 
lasagnone, minchione ecc 

Salam. 8. m. Spiga, e dottr. Chiva. 
La pannocchia ossia il seme della Tifa 
ordmaria. V. Paviròn. 

Salaw cott. Salame cotto o lessato. 

Salam crcd o vecc. Salame crudo o 
stagionato. Salame secco. 



Digitized by 



Google 



io 



SA 



Salam d*oca. SalafM d* oca. Quello 
fatto di carni d*oca ben aromatizzate, 
in grande uso presso gli ebrei. 

Salai fuesch. Salame verde. Patto 
di fresco. 

CULÉTT D* SALAM. CulattO. > ^ichè 

del saUicciotlo poco altro rimase che 
la culatta e la legatura. > ( Proc. dei 
Grasc. ) 

Dar el salav. Fare il manichetlo. 
Alto ingiurioso che ai fa battendo 
una mano sulla snodatura dell'altro 
braccio. 

SalauIr. 8. m. Salsicciajo. Salumiere, 
pizziingQolo. V. Botigar. 

Salasielécch. Voce usata per ischerzo in 
signiiicalo di Baciabasso, riverenza 
profonda. È formata dall'Ebraico e 
Arabo Salem kcha, che vale Pace e 
salute a voi. 

Salamoéura. 8. f. Salamqja. Acqua insa- 
lata per uso di conservarvi entro pe- 
sci, funghi, ulive e simili, per simi- 
litudine si dice di ogni liquido so* 
prassalato. 
Far dla salamoéura. Salamojare. 
Parer salamoéura. Essere soprassa* 
lato. 

Salamòn. 8. m. Salsiccione. Gran salsic- 
ciotto. 

Salavòn. add. del Pesce Sermone o 
Salomone, V. Pèss salamòn. 
Grupp d* Salamòn. Vene dorsali del 
naso. 

Salàpa. 8. f. T. Farm. Scialappa, lalapa, 
Sciarappa. Radice medicinale di erba 
simile ai gelsomini della notte, che 
viene dalle Indie occidentali. Il suo 
fiore è detto Maraviglia del Perù, ed 
è detta dai Bot. Convolvulus, lalapa 

Salar, att. Aspergere di sale. Dar il sale 
alla superficie. Insalare, far penetrare 
il sale internamente. Saleggiare, sa- 
lar leggiermente. Salare, porre in 
un alimento il sale necessario per dar- 
gli sapore. 

Salar. Per metafora. Mandare alla 
banda. Mettere da parte. Non pensar 
più ad una cosa. 

Salar el breviari. Riposarlo. Non 
lo recitare* 

Salar el pbvròn, il zigòli ecc. lér- 
TERJA IN tl' àsÈu Confettare. ( Fr. ) 



SA 

Salar la polenta. Flg. Ineadare. 
^ Involtare nel cacio grattato, o nella 
ricotta, la polenta a boccon per boc- 
cone. 
Salar holtbén. Soprassalare. 

Salaràn. s. m. Salajuolo. Colui che vende 
distribuisce il sale. V. Salaroèul. 

Salarén'na. 8. f. Bulleuina da once. 
Bulletta di testa piccola e di asta sot- 
tile. 

Salari, s. m. Provvisione, Salario. Ma 
questo era in antico una distribuzione 
mensile di sale ai soldati romani, co- 
me il clavarie pei chiodi della calza- 
tura. Onorario, diccsi ciò che si dà 
per opera liberale. Stipendio, è ciò 
che si dà agli impiegati. 

Salaria, add. m. Provvisionato, Saia* 
riato. Che ha salario o provvisione. 

Salariar, att. Provvisionare, Salariare. 
Dar salario, Stipendiare. 

Salaroéol. 8. m. Salinatore. ( Legge Sale 
4701 ). Colui che lavora alle saline 
delle moje. Gli operatori, le operazio- 
ni, gli strumenti e le cose ad esso atti- 
Denti, sono: 

OPERATORI 
DEL SALINATORE. 



Asnàr • . • 

Caporal • • • . 

Carattèr. • • . 

Direttòr dil 8a< 

lén'ni • • é 

Foglàn . « • . 
Impiega dla salén- 

na 

Lavorant • • 

Magnzzinèr • • . 

Pozzaroèul.. • . 

Soprastànt • • . 

Tiradòr • . • . 



Acquajolo. 
Capocuocitore. 
Conduttore del saie. 

Provveditore dei 

sale, 
Cuoeitore. 

Doganese. 
Manifattore. 
Canoviere. 
Mojatore. 
Salinaruolo. 
Tiratore, Attigni" 
tare. 



OPERAZIONI ecc. 



Cavar T acqua. 
Coèuscr • . • 

Granir . • • 
Limpir il padeli 



Attinger l'acqua* 
Sorrisciare, Eva» 

parare. 
Precipitare. 
Disporre a aorrt- 
scia/uro. 



Digitized by 



Google 



SA 

Limpir il Teschi • Empiere le vasche. 
Manir il padeli . Allestire o Sgrofare. 
Passar in magazién Sgomberare ilgab- 

beo. 
Purgar . • . . Defecare. 
Svaporar l'acqua . Graduare, 
Tirar su '1 sai. • Passarlo al gabhèo. 
Zoolar il calderi • Condir le caldqje. 

STRUMENTI ecc. 

Canali • . • • DoccionU 
Fornell • . • • Forno armato. 
Padda . • • • Caldaja. 
Padela fDxaoa. • Biscottqja. 
PaloU .... Cataluffo. 
Provéo • • • • Salinometro o Sali* 

nogrado» 
Rastell • . • • Riscio. 
RodÒQ • • • • Noria. 

S'cèll Bugliolo. 

Tavlaxz del scoi • Gabbèo. 
VascòQ da svapo- 
rar. • • • • Edifizi di gradua' 

zione. 
Tascòn pr il Cal- 
der! Inferni. 

COSE ATTINENTI ecc. 

Acqua roadra . • Acqua madre. 

Acqua salada • . Acqua salifera o sa- 
lifica. 

Coltura .... Sorrisciatura. 

Gradaziòn • • . Graduazione. 

Grauidura • • .Precipitazione. 

Crcpa d' vasca . Sponda. 

Magazzén del sai • Canova. 

Bfucc d' sai . . Cappuccio. 

Oli d* sass . . . Aapa. 

Pozz del sai • • Pozzo delle moje. 

Purga .... Defecazione. 

Rogna dil padeli. Grofo. 

Sai gross • • • Sale bianco o fila- 
rino. 

Sai géma • • • Salgemma o Sai' 
gemmo. 

Sai ronud • • • Sale di moja o rosso 

Sanghev. , . • Sangue in grumi. 

Scoladuri del sai • Pigne, Pinocchi. 

Tera di pòzz • • Grotta. 
Le voci Italiane sono tolte dalla leff* 

gè Toscana del sale che redola la 



SA 



il 



fabbricaxione di esso nelle moje di 
Volterra in data del 2 Dicemdre l70f . 
Salass. 8. m. Salasso. Cavata o Emis^ 
sione di sangue. 

Salass. s. m. T. d*Agr. Rottorio. 
Incisione che si fa alle piante per 
dare sfogo al loro soverchio umore* 

Salass. s. ro. T. di Vel. Salasso. H 
ferro da cavar sangue ai cavalli. 

Salass. s. m. T. di Vet. Salasso al* 
la giugulare. Salasso comune pratica- 
to sul cavallo e sul bue. 

Salass a la véN*if a del spbòn. T. di 
Vet. Salasso alle vene dello sperone. 
Salasso praticato dagli antichi mani- 
scalchi in una vena di tal nome nel- 
le malattie di petto. 

Salass al pb. T. di Vet. V. Salasa 
in ponta. 

Salass d' pRECArziòN o d' prima véRA. 
T. di Vet. Salasso di primavera. Uso 
di salassare gli animali in primavera 
allo scopo di preservarli dalle malattie. 

Salass in ponta. T. di Vet. Salasso 
in punta. Dicesi del salasso praticato 
nelle suole del piede in corrispondcnxa 
della punta. 
Salassadòr. s. m. Flebòtomo. Esperto in 
flebotomia ) che è Tarte del cavar san- 
gue. 

Salassadòr. s. m. Figurat Arciere. 
V. Sloccadòr. 
Salassar, att. Salassare. Cavar sangue. 

Salassar. Figurat. Frecciare. Dar la 
freccia. V. Steccar. 
Salbrunéll. s. m. Salprunella. Sorta di 
sale artlGciato detto oggidi. Nitrato 
di potassa fuso. 
SalcrXu. s. m. Cavolo salato. (Tar. Tose.) 
Vivanda di cavoli affettati in striscio- 
line fermentati e conci con aceto e 
sale detta dai Ted. Sauerkraui che 
vale appunto cavolo salato. 
Sald. 8. m. Saldo. Il jBaldare delle ra* 
gioni e de* conti. 

£l sald. T. Mere. L* Appunto. V ul- 
timo residuo di debito che si paga 
per saldare un conto. 

Far el sald. Far il saldo. Saldare 
i conti. Attestare il pagamento, dice- 
si del dichiarare sotto il documento 
del proprio credito che se n'è rice- 
vuta la dovuta somma. 



Digitized by 



Google 



IS 



SA 



Salda, s. f. T. d' Agr. Salda. Campo la- 
sciato a erba nell* inverno, in cui si 
introduce a pascere il bestiame. Sodo 
terreno incolto ed infrutlirero. 
Salda, add. m. Saldato. Fermato con 
saldatura. Saldo j Pari, Saldato in 
fatto di avere o di conti. 
Saldada. s. f. T. de' batti!. Caria di 
buccio. Carta pecora o sim. in cui si 
mette l*oro per batterlo* V. anche 
Liber da battilòr e Forma. 
Saldadòb. s. m. Saldatojo* Pezzo di ra- 
me lungo alcuni pollici e manicato 
che serve per saldare. Ha: 
' Bacchétta • . . Bacchelta. 
Mànegh • • • * Manico. 
Poma » « • . Punto. 
Testa Testa, 

Saldadòr 8. m. Saldatore. Colui che 

salda. 

Saldadura. s. f. Saldatura. Il saldare, 

il luogo saldato e la materia colla 

quale sì salda, che dicesi anche Lega. 

Saidadcra d' terz. T. degli Oref. 
Saldatura di terzo. Quella che ha due 
parti d'argento, e una di rame. 

Saldadura d'ottav. T. degli Oref. 
Saldatura di ottavo. Quella di un on- 
cia d'argento e di un ottavo d'oncia 
di rame. 

Saldadura d' rah brusX Saldatura di 
rame arso. Serve per saldare in argento 
ma è debole assai e di poca durata. 
Saldar, atl. Saldare. Unir cose insieme 
con saldatura. 

Saldar a foéugh. Saldare a calore. 
Modo speciale di saldare i metalli. 

Saldar i cont. Saldare, Pareggiare 
i conti, 

Cawètta da saldar. Cannello ferru- 
minatorio da avvivare. 
Saldétta. s. f. Soderello. Piccoi tratto 

di terreno sodo. 
Saldòr. s. m. Cialdone, Cialda con zuc- 
chero e mele che cotta e accartoccia- 
ta serve per mangiare la panna mon- 
tala. ( latimèl ) 

Saloon, s. m. T. d' Agr. Sodo, Sodeto 
Esteso tratto di terreno infruttifero 
ed incolto. 

Saldò!* da brusi. Brughiera^ Terra 
incolta piena di pruni e ai altre piante 
spontanee. 



SA 

Saldonar. 8. m. Cialdonaio. Che fa cialde 

e cialdoni. V. Ostlar. 
SXlem. s. m. Salmo. Canzone sacra. V. 

anche Gloria. 
Salén. s. m. Saliera, Vasetto nel quale 
si pone il sale che si mette in tavola. 
Fig. // Sedere. 

Saléw. s. m. T; di Vet. Conche, 
Fontanelle o Fosse soprorbitati. Quelle 
due cavità più o meno profonde si* 
tuate ai lati della testa al dissopra 
dell'occhio, nella parte anteriore delle 
fosse temporali, le quali dando indi- 
zio di vecchiaja vengono talora dai 
cozzoni insuflate di aria col praticarvi 
un sottile foro nella pelle. 

Salén del péver. ( Idiotis. ) Pepajola. 
Vasetto simile alla saliera ove si tie- 
ne m tavola il pepe, acciaccato o pol- 
verizzato. 
Salén'na. 6. f. Canova del sale. Il luogo 
dove per reffia privativa si conserva 
il sale e si dà a' salajuoll da vendere 
al minuto. Maja, Salièra dicesi il luogo 
ove si fabbrica il sale colle acque sa- 
lifìche. Salina è luogo dove si cava e 
si raffina il sale. V. Salaroòul. 

Salén'na. 8. f. Saletta. Piccola sala. 
V. Salèlla. 
Sàles. s. m. T. Bot. Salcio, Salicaslro. 
Cosi noi diciamo l' albero che più pro- 
priamente è detto Sa/ice da pertiche, 
ossia Salix alba da Linn. 

Sàles. s. m. Salciolo. Vermena di 
salcio con cui si legano le viti e sim. 

Sàles da cavagnén. Vetrice bianca. 
V. Brill. 

Sàles dla VADÒKifA. T. Bot. Salcio 
da legare o giallo. Salcio che tiensi 
a ceppaja per averne solo sUlcioli da 
legar le viti, granate ecc. É detto da 
Linn Salix vitellina. 

Sàles giazzoéul. T. Bot. Salcio fra^ 
gite. Salcio che non dìITerisce dal pre- 
cedente fuorché nella fragilità stia. £ 
il Salix fragilis Lino. 

Sàles mgher. T. Bot. Salcio nero. 
Salcio che si alza sino a quaranta 
piedi sulle rive de* fiumi, detto Salix 
praecox dal Willd. 

Sàles piawzépit. T. Bot. Salcio pen- 
zolino. Albero noto coltivalo per la 
sua 8ingolnr forma in quasi tutti i 



Digitized by 



Google 



SA 

giardini È il Saiix baffyUmieù L!oii< 

Sàlis ROSS. T. Bot. Salcio rosso. V. 
Biill. 

Sàlbs saltategh. Salieastro. V. Sàles 
primo siguif. 

SJlles siÉsTEGH. Vtnco, Salcio rosso. 
V. Brill. 

BoscB d' sXles. Salceto. V. Salsèra. 

£l CARBÒN d' SÌLES, CH*BL TéMZA 

o cb'el scotta La lancia di MonU' 
rappoli che punge per tulli i verìi. 
Cosa che nuoce io qual si voglia modo. 

Salétta. 8. f. Salella. Piccola sala. Sa- 
lotto ogui stanza dove si mangi, o si 
stia a far checcbessla , fuorché a dor- 
mire. 

SAlev. add; Salvo, Sicuro. 

Sàlbv. avv. Salvo. Tranne che» fuo- 
ri che , se non y se non che. 

Metters in sXlev. Andare alla pa» 
rata Mettere la propria vita o la 
propria fortuna in difesa. 

SalgX. 8. m. Selciato. V. Insalgà. 

SalgX. add. Acciottolato ? Lastricato 
di ciottoli. 

Salgàr. att. Selciare, Ciottolare, Acciot- 
tolare. Lastricare una strada con ciot- 
toli. 

Salghén. 8. m. Selciatore. Y. Giaronén. 

Salida. s. f. Salita, Erta, Luogo per 
lo quale si va ali* insù, contrario di 
China o Scesa. V. Montada. 

Saliva, s. f. Saliva, Scialiva. Umor sie* 
roso che da* condotti di diverse glao- 
dule poste nella bocca, cola in essa, 
e quella umetta e le fauci e favorisce 
la digestione. 

SalivAr. att. Salivare. Render saliva, 
scaricarsi della saliva. 

Salivaziòn. s. f. Salivazione. L'opera- 
zione animale per cui si produce la 
saliva. Ptialismo, T. Med., frequente 
e morbosa salivazione. 

Salmì. 8. m. T. di Cuc. Salmi^ (^<>^* 
lui.) Manicaretto di salvaggiume ar- 
rostito, tagliato a pezzetti e poi con- 
dito in cassarola con salse. 

Salmistrara. V. Salnitrara. 

Salmòn. 8. m. Sermone. Discorso, ora- 
zione, predica. Ma propriamente lo 
usfamo per denotare il Predicozzo che 
fanno certi cicalini cbericalmenté nel 
Giovedì santo in certe chie80. 



SA » 

Salnistraia. 8. f. Nitraja. Luogo dova 
si fa il sai nitro. Al tempo della do* 
minazione Francese noi l'avevamo io 
Parma; ma ora abbiamo solo una pie» 
eola officina che appena ne merita il 
nome. 

Salnìter. 8. m. Salnitro, Nitro. Spezie 
di sale che si estrae da diverse cose, 
come dalla terra, da' calcinacci, dalle 
8talle, dalle polveri,' delle caverne, 
da' cimiteri ecc. Dotlr. Nitrato dì 
potassa. 
Salkìter in fior. Afjronitro, Aloniiro, 
Lanugine' salina simile alla ne\e e di 
sapor acre , che fiorisce su alcune mu« 
raglio. 

Salnitrar. 8. m. Salnitrajo. Fabbricatore 
raffinatore di salnitro. Salnitrajo 
da muro è chi raccoglie le fioriture 
de* muri, e Salnitrajo da fondi chi 
raccoglie terre nitrose. Le operazioni, 
gli' strumenti e le cose attinenti al 
Salnitrajo sono le seguenti: 

OPERAZIONI 
DEL SALNITRAJO. 

Far il j'alsii • • Far le aeque di 

colta. 
Lavar la lèra • • Macerar la nitriera 
Passar la tèra. • Graticciar la nitri* 

era. 
Raffinar. • • • Raffinare. 
S'ciumar il coti . Schiumar le eotte. 
Svaporar • • . Evaporare le liscivi 

STRUHENTL 

Calderi • • • . Caldaje. 
Formi • • • • bacinelle. 
Fornài • • • • Fornelli. 
Grada • • • • Graticcio. 
Mes'cia • • • • Getto. 
Palòtt • • . • Palascia. 
Pistòn • • • > Pestatojo. 
Provén .... Pesanilro. 
Scadòr • • • . Seccalojo. 
S*ciumén • • . Schiumatojo. 
Scoladòr. • . . Scolatojo. 
Soèuji .... Tinozze. 

COSE ATTINENTL 



Alsìa. . 
Fabbrica 
Lavadura 



.Acqua di cotta. 
• Nitraja. 
. Lavanda. 



Digitized by 



Google 



u 



SA 



Méstra . • . • Maestra* 
Méslra d* prima • Acqua debole. 
Tèra Mtriera. 

Salòn. 6. m. Salone. Gran sala. 

Salòn del filatòj. Grillanda. Ca- 
stello cilindrico, che circonda il va- 
lico senza toccarlo, e sostiene i fusi, 
le rocchctte, i guindoli e quanto oc- 
corre per torcere la seta col iralico. 
V. Dublàss. 

Salott. s. m. Salotto. Piccola sala per 
lo più ad uso di pranzarvi. 

Salottén. s. m Sabilino. Piccolo salotto. 

Salsa, s. f* Salsa, Saporelto. Condimento 
di più maniere, che si fa alle vivan- 
de per aggiunger loro sapore. Passi salsa 
bianca, salsa verde, bionda, rossa, 
dolce, piccante, pungente , forte, d'ac- 
ciughe, di scalogni ecc. 

Salsa, s. f. T. de* Tabacc. Gomma 
melata. Sorta di colla che serve per 
tener uniti i lembi esterni della foglia 
che veste il zigaro. 
Salsa con bl pévbb. Peverada (Cav.) 
Bagnar in tla salsa. Intingere nella 
salsa. (Fr. ) 

La salsa d' san BeaNARD. Modo scher- 
zevole per dir V appetito. È invero 
Tappetilo non vuol salsa. 

Salsaparilia. s. f. T. Bot. Salsapariglia, 
Sarsaparilla. Pianta medicinale detta 
da' Bot. Smilax Sarsaparilla. 

SALSARoéuL. s. m. Salinatore. V. Sala- 
roèul. 

SALséGGiNA. 8. f. Fiammasolsa. Specie 
d'infermità che viene in pelle, cagio- 
nata da umor salso. Serpigine, impe- 
tigine. 

Salsén'na. ( secondo s aspro ) s. f T. Bot. 
Rapunziu. Pianta bienne comune nel 
letto della Parma che fa fiori gialli 
ed ha radice tubercolosa buona a 
mangiarsi. £ 1' Oenothera biennis L. 

Salséra. s. f. ( il secondo s aspro. ) Sai» 
celo. Luogo pieno- di salci. Salciaja, 
dicesi una siepe bassa fatta di piccoli 
salci intrecciati per riparo delle rive 
o degli argini. 

Salséra. s. f. Salsiera. Vaso in cui 
mettonsi le salse che si pongono in 
tavola. 

Salsétta. 8. f. Saporelto. Salsa gustosa 
e semplice. 



SA 

SalsIzza. 8. f. Salsiccia. Carne di majale 
sottilmente tritata, addobbata di saie 
droghe, e messa a stagionare entro 
intestina. 
Salsizzòtt. s. m. Salsicciotto. Rocchio 
di salame fatto con carne ordinaria. 
y. Strolghén. 
Salt. s. m. Salto. L'atto del saltare, 
ma dicesi più propr. Lancio, quello 
che si fa nel lanciarsi da una riva 
all'altra di un fosso o canale. 

Salt. s m. T. d'Equit. Salto. Mo- 
vimento subitaneo del corpo in varie 
direzioni, ma il più spesso all' innan- 
zi operato dal veloce distendimento o 
dei quattro piedi o di due riuniti a paja. 

Salt. s. m. T. Idr. Cascata. La ca- 
duta che fa l'acqua di un fiume o 
di un canale da un livello superiore 
ad un inferiore. 

Salt. s. m. T. Mus. Salto. Passo da 
un tuono all'altro per gradi staccati. 

Salt. s. m. T. de' Scarp. Caduta. 
Sasso grande o strato solido che in- 
terrompe 11 corso de' filoni. 

Salt. s. ni. T. di Vet. Salto, Monta. 
Il primo atto dello stallone allorché 
si accoppia alla cavalla. 

Salt del montòn. T. d' Equit. Capan* 
none. Quel salto che fanno i cavalli, 
spiccandosi in alto e scalciando coi 
pie di dietro. Dicesi anche Satto del 
montone. V. Corvétta. 

Salt d' terza, quarta, quinta ecc. 
T. Mus. Salti di terza, di quarta ecc. 
Salti che lasciano sentire un dislacco 
più o meno violento. Cosi diconsi an- 
che certi salti de* ballerini e gioco- 
latori ne' quali fatto un salto verti- 
cale ribattono i talloni a precipizio. 

Salt mortal. Salto mortale. Dicesi 
da' giocolatori quando senza toccar 
terra con le mani né con altro, sai* 
tano voltando la persona sottosopra. 

A SALT. A salti a salti. Di salto in 
satto. Con salti continui, saltelloni, 
balzelloni. Fig. vale Interpolatamente. 

D' SALT IN piANT. Di punto in bianco. 
A un tratto, subitamente. Improvvi- 
samente, di pianta, di botto, tutt'a 
un tratto. Esabrutto. 

ToèuR UN SALT. Dare o Prendere un 
salto. 



Digitized by 



Google 



SA 

se AH salta! Se mi prende il ticchio/ 
EscJaiu. d'impazienza o d'ira che ai 
cooimove. 

Salta, add. m. Assaltato. Aggredito falla 
strada. 

Salta, add. Saltato. Lanciato indietro, 
omesso. 

Saltacrar. att. Salterellare, Salticchiare. 
Andar salterellando, saltarellare. 

Saltadéu'na. 8. f. Saltarellata, Balze- 
retto. Così mi pare sarebbe da dirsi 
il salticchiar delie botte e delle raga- 
nelle (camparètt). 

Saltadòr. s. ffl. Saltatore, Giucolatore 
di schiena» Quegli che fa il meslier 
dì saltare. Mattaccino, saltatore o 
giuocolator mascherato. 
Saltadòr da corda. Ballerino da cor- 
da. Ballerino da canapo, Funambolo, 
e con voce gr. Acròbato, 
Saltadòr da salt mortai. Saltatore 
mortale. Colui che fa i salti mortali. 

Saltadòr da strada. Aggressore, As- 
sassino. V. Sallastrada e Assassén. 

Saltadòra. s. f. Funambula. 

Saltaliòn. s. m. Passaperla, Saltaleone. 
V. Fil da coronén. 

Saltahartén. 8. m. Bisivizio. (Dati Le- 
pid. 60. ) Misirizzio. Balocco da fan- 
ciulli fatto di un fusto cfi saggina con 
nn po' di metallo nella sua parte 
inferiore pel peso del quale si rizza 
uè ricade ancor volendosi. 
SALTAHARTéN. s. m. T. d'EotouL Ctt- 
lice. V. Papatàs. 
Saltamènt. s. m. Saltellamento. Frequen- 
lamento di saltare. 
Saltahènt. s. m. Assaltamento, As* 
salimento. L'assalire. Agressione è la 
violenza fatta contro alcuno per de- 
rubarlo. Grassazione, T. de* Legisti, 
è l'assassinio fatto alla strada. 

Saltar, att. Saltare. Levarsi in alto colla 
persona ricadendo nel luogo stesso od 
anche lanciandosi da un punto ad un 
altro. 

Saltar, att. Salteggiare, BàUonzare. 
Far salti d'allegria. 
Saltar, att Rimbalzare. E dicesi de* 
corpi che per la resistenza de' solidi 
ripetono il balzo nella loro caduta. 

Saltar, att. Assalire, Assaltare, A f' 
frontare, Imestire, Dar dentro. An- 



SA 



45 



dare alla volta di chi che sia con animo 
risoluto di offendere o derubare. 

Saltar adoss* Investire uno. Saltare 
o venire addosso ad uno. 

Saltar adré. Inveire. Parlar^ contro 
con energia, con collera. Rimprove- 
rare, nmbrottare. 

Saltar a pe zont, a pb pari. Salta* 
re a pie giunti, a pie pari. 

Saltar d' in t' un per in t' un poh. 
Saltar di palo in frasca. Saltar d' Ar- 
no in BacchiUone. Passar d'una cosa 
in un altra. 

Saltar dla levra. Balzellare. L'an- 
dar della lepre quando non esce di 



Saltar el foss. Fig. Far del resto* 
Far un colpo ardito che risolva come 
che sia una quistione intricata. 

Saltar foéura. Sbucare. Uscir fuori 
come si fa da un buco. Balzar fuori 
uscir come che sia d'onde non era- 
vamo veduti. 

Saltar foéura dil boschi. Uscir del 
gagno. Uscir del pecoreccio. Liberarsi 
dagli imbrogli. 

Saltar in posta. Pigliar caccia, L'av- 
ventarsi de' cani al selvaggiume e far 
caccia. 

Saltar IN tel lbzer o in tel scriver. 
Saltare, Ommettere. Lasciar di mezzo. 
Bs Lasciare, Far un lasciato, o una lai* 
sciatura, dicono i stampatori. V. Pèss. 

Saltar in tla testa. Correr per V a* 
titmo. Venir in pensiero. 

Saltar la colora, la buzra, la mo- 
sca AL NAS. Saltare o Entrare in coU 
ter a. Saltar la mosca, il grillo, il 
mascherino. Adirarsi. 

Saltar l'oca in tla pescherà. Fig. 
Perdere la pazienza. 

Saltar *na mén'na. Brillare. Scop- 
piare una mina. 

Saltar su. Insorgere, Interloquire, 
Prorompere. Levarsi su. E per lo più 
si dice di chi si leva su per dire o 
rispondere francamente. 

Saltar via. Staccarsi un bottone, un 
ugna ecc. 

Saltar via un dént, un ciold. SpW* 
tersi. Cavarsi. Uscir di suo posto. 

Far saltar dil rottigli. Dar la stura 
a varie bottiglie. 



Digitized by 



Google 



i% 



SA 



Far saltar i sold. Dar fbndo ai da- 
nari. Consumarlii dissiparli. Sprecare, 
scialaquare. 

Saltarèi. s. m. Saliatqj o Posaiqf. Ver- 
gelle che attraversano a \arie altezze 
il vano della gabbia, sulle quali sai- 
tauo, o posano, gli uccelli in essa 
rinchiusi. 

Saltaréla. 8. f. T. Furb Pulce. 

Saltaréll. s; m. Salterello. Lama di le- 
gno armata di una piccola penna di 
corvo, la quale ne* gravicembali toc- 
cando i tasti, riscontra le corde, le 
colpisce e ne fa uscire il suono. 

Saltarén. s. m. Saltatore, Ballerino 
E lo diciamo di chi quasi per vezzo, 
e per aggiunger grazia al portamento, 
va saltelloni o a salti. 

Saltastrada. 8. f. Grassatore, Malan» 
drino. Aggressore, Assassino, Ladrone. 
Colui che assalta i viandanti per og- 
getto di rapina. Y. Assassén. 

Saltatrav. T. Furb. Gabellotlo, Stra- 
diere. Guardia di finanza. 

Saltén. s. m. Saltello, Salterello, Sal- 
tellino, Piccolo piccolissimo salto. 

Saltén*na. s. f. Salettina. Piccola saletta. 

Saltimparza. 6. f. Pastafrusla. Sorta di 
dolce fallo con colla di farina, zuc- 
chero e miele sbatluti a lungo colla 
frusta, e cotto a mo' di ciambella. 

Saltòn. 3. m. Saltuccio. Salto grande, 
A SALTÒN. Saltellloni. A sbalzi, a sal- 
ti, interottamente. 

Far un saltòn. Fare un salteUino» 
Cioè un salto proporzionato al bambi- 
no a cui si dice di farlo. 

Salùm. s. m. Salume, Salsume. Tutti i 
camangiari che si conservano col sale. 
Carne salata. Le carni del majale con- 
servate nel sale. 

Salùm giòvbn. Misalta. Carne insa- 
lata di porco non ancora rasciutta e 
secca. 
CòLL DI SALÙM. Salumaio. Venditore 
di salumi. V. Bottgàr. 

Salut. s. m. Saluto. Il salutare. 

Negar el salut. Tener fiwella ad u- 
tio. Negare di risalutarlo. 

Saluta, s. f. Sanità. Perfezione delle fun- 
zioni da cui risulta la vita. Salute in 
Italiano è sinonimo di salvezza. V. 
Salve. 



SA 

I La saluta b pò pu. Chi è sano è rie- 
co. Sanità e libertà vaglion più di 
una città. 
Bever a u saluta. Bere in saniià. 
Bere augurando sanila ad uno. 

Salutar, att. Salutare. Pregar felicità, ed 
anche far uno o più saluti. Dar il 
buon anno. Far ris^erenza. Salutare 
con rispetto. 
Salutar, att. T. Furb. Pugnalare, 
Uccidere. 

Salutar con la testa. Fare un ca* 
pochino, una capota. 
Mandar a salutar. Raccomandare. 

Salutares. n. p. Darsi la pace. Salutarsi 

Salv. add. m. Salf^o. V. Sàlev. 

Salva, s. f. Salva per es« Salva di cao- 
Donate* 

A MAN salva, a sahamano, A salsH^^ 
mento. 

Salvacondòtt. 8. m. Salvaguardia^ Sak 
vocondotto. V. Salvaguardia. 

Salvàdegh. V. Salvàtegh, Salvatgòn ecc. 

Salvadinar. s. m. Salvadanaio. Vasetto 
di terra colla, nel quale i fanciulli 
mettono per un piccolo pertugio ch'e- 
gli ha, i denari, per salvarli, non li 
potendo riavere se non rompendolo. 
Ghindarolo (Spad ). 

Salvadura. 8. Y. Ranciume, Rancio, Ran- 
cidume. Rancidità. La parte rancia 
del lardone. 

SalvJLgn* s. ro. Bietolone, Lasagnane. 
Omacio goffo e grossolano. Per simii 
il nostro volgo chiama cosi le Mac- 
chie lunari, perchè se le dflSsi offrono 
un informe e goffa faccia umana. 
Parer Salvagn in tla lòn*na. iSsaere 
fina figura da cembali. 

Salvaguardia, s. f. Salvaguardia. Cuslo- 
dia, sicurezza, schermo. 

Salvano, m. avv. Salvo, Eceetio» 

SaLVÀND el ME, SiLVIS SBMPER. Sai 

mi sia. Si usa dire nel nominar cosa 

che potrebbe tornar in nostro danno 

o scherno o vergogna. 
Salvànt dbi« fbrb da sgar. Manico. La 

mazza che serve a tener in mano la 

Calce e a maneggiarla. 
Salvar, att. Salvare, Liberare, Campare. 

Trar dal pericolo, o difendere. 
Salvar, att. Salvare per Serbarti Con* 

f^rvart. 



Digitized by 



Google 



SA 

JSàltar. alt. T. de' Nsy. Aceonigliare. 
U ritirare i remi nella barca o galea ag- 
giusUodoli in modo che poco o nulla 
sporgano in fuora. 
Salvar l'ort b 'l terzi. Salvar la 
capra e i cavoli, Ptkv bene ad ano 
senza nocumento d* un altro. 

Chi 8* PoèuL salvar s' salva. Chi ha 
spago aggomitoli , cioè chi è in pec- 
calo scampi fuggendo. Alla larga sga- 
belli f si usa dire per allontanarsi dai 
pericoli. Chi si può salvar si salvi. 

Salvars. n. p. Salvarsi, Porsi in sicuro 
o In difesa. 
ZuGAR A SALVARS. T. di Giuoco. Fare 
a salvo. Salvare la propria posta. 

Salvàtegh. s. m. Salvaggiume, Salvag- 
gina, ipa Salvaggiunie. Dicesi di ogni 
sorta d'animali vivi o morti che si 
pigliano in caccia buoni a mangiare; 
Salvaggina la carne di salvaggiume pre- 
parata da prepararsi per mangiare. 
SalvJLtbgh. add. m. Salvalieoj Selva* 
lieo. Non domestico , e si dice delle 
piante, ed altresì delle bestie che vi- 
vono in selva. V. Salvatgùzz. 
Odor d' salvXtegh. Odor di selvati- 
co. Quello che mandano certi animali. 

SALVATGHèTT. add. SalvaiicoUo, Salvali' 
ckeiio, Salvaticuszo, Alquanto selva- 
tico. 

Salvatgùm. s. m. Salvaticume. Salvati- 
cheiza, rozzezza. 

Salvatgùzz. s. e add« m. Salvalicone, 
Tanghero 9 satiro , grosso , duro, mal- 
creato. 

Salvaziòn. s. f. Salvazione, Salagione. 
La salute dell* anima. 

Salve. Dio vi salvi. Dio vi ajuli. Ma- 
niere di dire che si usano con chi 
starnutisce. 

Salvia, s. f. T. Bot. Salvia. Pianta nota 
coltivata per uso delle cucina perchè 
aromatica. La Salvia officinalis Linn. 
Salvia da zardén. T. Bot. Salvia 
bianca 'Violetta. Salvia di odore acuto 
che coltivasi, ne' giardini pe' suoi fio- 
rì graziosi. É la Salvia leucantha Linn. 
Salvia grossa. T. Bot. Sclarea. Erba 
moscadelta. Trippa di Dama. Erba 
ortense detta Salvia Sclarea da Linn. 
ed è poco dissimile dall'officinale. 

SALVièTTA. 8. f. ÀseiugatofOj Sciugatojo. 



SA 



IT 



Tovaglietta quadrilunga per Oso di ra- 
sciugarsi le mani o la faccia. Salviet" 
ta, dicesi il tovagliolino che si usa 
stando alla mensa. 
Salviétta da barrar. Tovaglietta. 
Pannolino col quale si fascia il collo 
per davanti nel fare la barba e che 
poi serve per asciugarsi il viso. 

Salvo che. Salvochà, Fuorché. M. avv. 

Salvum me pac. Lat. Salvaguardia. V. 
Paramàn e Salvaguardia. 

Salza. s. f. Salicone. Specie di salice che 
cresce molto in alto. Y. Sàles. 

San. s. m. Sciame, Esciame, Seiatno. 
Quella quantità e moltitudine di api, 
che abitano e vivono insieme. Alvea^ 
re. Apiario, luogo ove sono le ar* 
nie, i bugni ecc. che dicesi anche Ar^ 
niojo o Bugnereccia. V. Bisocul. 
San d'armissa. Covaja. La riuniono 
delle larve delle api rinchiuse in un 
alveare* 

Catar 1 SAM. Smelare. Raccogliere i 
favi per trarne il mele e la cera. 

Samàr. att. T. d'Agr« Sciamare. Fare 
sciame y ridurre a sciame. Dicesi Apia^ 
ria, l'arte e le cure neces8ai.^e in- 
torno le api. Melissograp) , scrittore 
della storia delie api. — Melimografia, 
descrizione delle api. 
Samàr. s. m. T. d' Agr. Apinjo. Colui 
che va per le campagne comprando e 
raccogliendo i favi degli alveari. Cosi 
dicesi anche colui che ha cura degli 
alveari delle api. 

Sambràca. s. f. T. de' Sell. Soprassella. 
Copertina di pelle con pelo che si pò* 
ne talvolta sopra la sella. 

Samboéugh. s. m. T. Bot. Somatico. Ar* 
boscello con grossa midolla che sec- 
cata serve a for palline per gli speri* 
menti elettrici e de' cui rami servoosi 
i fanciulli per fare scoppietti. É il 
Sambucus nigra L. I fiori del sam« 
buco oltre essere medicinali servono 
anche a dare all' aceto un grato odore. 
Samboéugh salvàtegh. T. Bot. Ebbio. 
V. Nebi. 

Sambott. 8. m. T. de' Stovigl. Truogolo. 
y. Zambott. 
Sambottar. att T. de' Stovigl. Scia- 
bordare. Y. Zambotiar. 

Sambràu. 8. m. T. dt' Lego. ( dal Frane. 



Digitized by 



Google 



a 



SA 



Chamhranh ). Cardinatelto. Mostra che 
contorna le porte de' piccoli apparta- 
menti delle case. 

Sàmbranèla. 8. Conlrostipite? Cardina- 
Ietto (sambràn) che si fa agli stipiti 
delle porte per solo ornamen(o. 

SXn. add. m. Sano, Contrario di amma- 
lalo Usasi anche in signif. di Vispo, 
Vivace, Furbetto e simili. 
SiM. add. m. Salutare, Salutifero, 
Salubre. E dicesi di cibo, di luogo e 
simili. 

San. per Inter: E dicesi di cose fra- 
gili che si trovano nella loro inte- 
rezza e ben condizionate. 
San. Sine. di Sant. Santo, Y. Sant. 
San cmé un còren. Sano come una 
lasca. Più sano che il pesce. D' intera, 
di perfetta sanità. 
San d* testa. Sano di mente. 
SiN E SALEV. Saìio e salvo. Libero, 
esente da ogni danno o pericolo. 
Chi va pian va sIn. Pian piano si 
va sano, Prov. noto. 

Sani. add. m. Risanato. Y. Rissane. 

Sanah. att. Sanare, Dar salute. Y. Ris- 
sanar. 

Sanatoria, s. f. T. Leg. Rescritto sana^ 
torio. Assolutoria* L'atto di proscio- 
gliere dalla censura una viziala am- 
ministrazione di assolvere un accu- 
sato di mal versazione. 

Sanatott* a. m. Panacèa. ( gree. ) Ri- 
medio universale 

Sancògn. s. m, (Yoce del basso pop.) 
Moncherino. V. Monchcn. 

S4NCÒN. s. m. T. degli Sqner. Zattgoni, 
Forcacci. Madieri delle navi e de' na- 
vicelli cosi detti dalla sua forma che 
somiglia un Y. 
Metter zo i sancòn. T. de* Squer. 
Imbastire i zangoni. Cosi dicesi l'at- 
to di impostare i zangoni forcacci 
nella barca nel costruirla. - 

Sancta Sanctorum. Santassanctorum. Il 
sito dell'aitar maggiore cinto ordi- 
nariamente da balaustrata. Santuario. 
Andar in sancta sanctorum. Entrare 
in sagrestia. Ragionare di cose sagre 
in mezzo a cose profane. 

Sanculott. 8. m. Sbracato, Senza brache. 
Nome sotto cui furono indicati fra 
noi dopo il 1791^ que' soldati racco* 



SA 

gliticci e indisciplinati che seguirono 
in Italia l'esercito Francese. 

Sànder. 8. m. T. de' Legn. Sandalo. 
Legno duro, odoroso e di varii colori 
die ci vien dalle Indie usato da* le- 
gnajuoli in certi lavori di tarsia e serve 
anche a tingere in rosso. Si ottiene 
da una pianta detta P^erocarpua aair- 
talinus da Linn. 

Sandòcc*. s. m. Singhiozzo, Singulto, 
Moto espulsivo del ventrìcolo. 

Sandocciar. alt. Singhiozzare. Singhiot- 
tire, singhiozzire, singozzare, siugul- 
tare. Avere il singhiozzo. 

Sàndol. s. m. Sandalo, Y. Sander. 

Sandraca. s« f. Sandraca, Sandracca, 
Resina che geme dal ginepro o Junh 
perus volgaris e Oxicedrus, e dalla 
Thuya articulata. Linn. 
Sandraca minorala. Risigallo, Rubi' 
no minerale. Sandracca. Combioazio* 
ne naturale deli' arsenico col solfo. 
Risigallo artificiale, preparazione di 
farina d' arsenico sublimalo colle piriti. 

Sanfassòn. s. m. (Frane.) Impronto f 
Acciarpatore^ ecc., e dicesi di chi 
opera senza riguardi o cerimonie. 

A LA SANPASSóN. Alla buona, Senzs 
cerimonie. 

Sangbev Sangov. 8. m. Sangue. Umor 
vermiglio che scorre nelle vene e 
nelle arterie degli animali. 
Sanghev. 8. m. Sangue, per Stirpe, 
Famiglia, ed anche per Avere. 
^ Sanghev eleo. Sangue nobilissimo. 
Quello che il Parini chiama Divino, 
antiquissimo sangue, onde si dice 
Essere della costola di Adamo coloro 
che vantano antichissima nobiltà. 
Sanghev db dragh. Sangue di drago. 
Sostanza resinosa di color rosso vivo 
che viene usata per tingere in rosae. 
La più (ina è quella che Vendesi io 
canna e che si trae dal frutto del 
Giunco d' India , ossia dal Calamus 
Rolang L. La seconda specie è quella 
più scura in lagrime che stilla dal- 
l'albero delle Canarie, dello Drago. 
La più ordinaria è quella che cola 
dal Pterocarpun Drago. L. 
Sanghev d'nimàl. Dolce, Dolcia. San- 
gue di porco imbudellato e condito 
con droghe. 



Digitized by 



Google 



SA 

Samghbt sìiAceB. T. di Vel. Sangue 
brutto. Chiamasi dal volgo quel san- 
gue estratto dalle vene che presen- 
tasi un pò* sbiavito per quantità gran- 
de dì fibrina contenula. Y. Sango. 
Al priv sànghev. Al primo sangue. 
All* ULTiM SARGHBV. A tutto transito , 
A guerra finita, A morte. Fino al* 
i* ultimo sangue: e dicesi da' duel- 
lanti. 

Andar À sanghev. Andar a genio. 
All' animo. Dar neW umore. 

Andar in tant d* sanghiv. Toccar 
il cuore. Toccar V ugola. Dar soddi- 
eTaxione intera. Mangiar con gusto si 
che faccia prò. Dar la vita, si dice 
di cosa che apporti somma consoia- 
sione , grandissimo piacere, vera uti- 
lità. 

An restar un* GÒZ2 d' sanghev adoss. 
Non rimanere sangue adosso. Restar 
senza sangue. Abbattersi, accorarsi, 
aver grandissima paura. 

A SANGHEV CALO. A songuc caldo. Nel 
bollore della passione. 

A SANGHEV FREDD. A songuc frcddo, 
A senno posato. 

AvERL IN T*BL SANGHEV. Avcrlo nel' 
V ossa. Aver per abito. £sser cosi fatto 
da natura. 

Aver un bel sanghev. Essère rubi' 
eondo. Parer di latte e sangue 

Cavar el sanghev. Dissanguare. Cac- 
ciar tutto il sangue ad un majale, 
ad un pollo ecc., per farne dolcia, 
migliacci frittura. 

Cavar sanghev. Trar sangue. (B L.) 
Farsi scemar sangue. 

Cavar sanghev al bottilii. Trarre 
s7 molle dalle mezzette, 

CiAPPAR A SANGHEV FREDD. Cogliere 
all'impensata, a man salva. 

El SANGHEV N* È ACQOA. // songuc tira. 
Si dice del risvegliarsi alcuna incli- 
nazione altro sentimento da naturai 
simpatìa, somiglianza o congiunzione 
dì sangue. 

El so SANGHEV* / consonguinci , ed 
anche fig. // sangue proprio, cioè i 
propri i averi ed i suoi nati. 

Far el sanghev gross. Inimicarsi. 

Far sanghev in tel so. Far sangue. 
Aver mero- e misto imperio. 



SA 



i9 



GuASTARS EL SANGHEV. Farsi lutto cer* 
cone il sangue. Alterarsi per forte 
commozione o paura. 

Passar del sanghev. Andar del corpo 
sangue. 

Purgar el sanghev. Dolcificare il 
sangue. 

Sborgh d' sanghev. T. Med. Emotossia. 
V. Sborgh. 

ScARMÌR EL SANGHEV. Raccapricciarsk 
Commovimento che ci viene da sen« 
sazioni vive eccitate da cose orribili 
o molestissime. 

YOLTARS EL SANGHEV SOTT SÓRA. Ri' 

mescolarsi il sangue. 
Sangiòzz. 8. m. Singhiozzo. V. Sandòcc'. 
Sangla. V. Zangla. 
Sango db Diana, d' Cai6n, d*un fra 

d' LBGN, d' gol GAN, DEL DIAVOL, D* NA 

BISSA e simili. Sorla d'imprecazioni 
misurate equivalenti alle frasi: Sangue 
di un turco nero. Sangue del nico 
mio. Corpo del mondo o del Diavolo 
ecc. . 

Sangov. V. Sanghev. 

Sanguétta, s. f. Sanguisuga, Sansuga, 
Mignatta. Animai noto che nasce nelle 
paludi, nericcio bruno. L'J7tru(io me* 
dicinalis Linn. 11 disco della sua testa 
è detto dottrinalmente Copula, e 
quello della coda Cotila. 
Sanguétta. Figur. Segacene, Mignatta 
delle borse. Dicesi di chi indebita- 
mente esige, per via illecita cava 
d'altri roba o danari. Barbiera, Ar» 
pia, Pelaruola (Arci.). Donna astu- 
ta che sa pelar gli uomini meretri- 
ciando. 

Sanguétti da caval. T. di Vet. Sangui' 
sughe da cavallo. Specie più grossa 
delle sanguisughe da uomo, adoperate 
di rado però sui cavalli. 

Sanguìgn. add. m. Sanguigno. Abbon- 
dante di sangue. 

Sanguinabi. s. e add. m. Sanguinario. 
Uomo micidiale, che si diletta di san- 
gue. 

Sangconar. att. Sanguinare. Versare il 
sangue, far sangue. V. Insanguonar. 
Sangconar. Fìg. Spolparsi. Consu- 
marsi, struggersi. Durar gravi fatiche 
per sostenersi. Esser povero in canna. 

Sangconàzz. s. m. Sanguinaccio, Biroldo, 



Digitized by 



Google 



90 



SA 



Doleia. Ma pare che dicasi meglio 
biroido al budello pìeoo di sangue di 
niajale che si fa poi cuocere. Dokia 
al sangue dì roajale acconciato che si 
pone nel biroido. Sanguinaccio , alla 
doleia già posta nel budello e lessata 
per oso di venderla o mangiarla. 
Cascar bl sànguonìzz in tla zbndra. 
Ca$car k budella. Cagliare. Sbigot- 
tirsi 9 perdere la baldanza, sbaldan- 
zire, uscir di speranza , perdere il 
coraggio. 

Sangconéla. s. f. T. Bot. Sanguine, Rin- 
ianguine. Arboscello il quale nasce 
moUo nelle siepi, e produce bellissi- 
Dìe e sode verghe, delle quali si 
fanno vergelli da uccellare. É il Cor- 
nu8 sanguinea di Linn. 

SANGuoiféNT. add. m. Insanguinalo, San* 
guinoso. Sanguinolento. Imbrattato o 
grondante di sangue. 

SamitI. s. f. Sanità, Valetudine. 

Sarmarch! Giuoco fona/ A marcia far- 
zat per es.: 

Ch'andaralT San March! Anderà 
eglif A marcia forza! 

SàNMARTÉN* s. m. San Martino. Cosi di- 
cesi tra noi il tempo della sgombe- 
ratura o delle mute, cioè il di il 
Novembre. V. sotto. 
Sanmartén. 8. m. Muta, Sgombro. 
Ma dicesl muta il passare i contadini 
colle sue robe da un podere ad un 
altro. Sgombro, il trasportarsi i cit- 
tadini colle proprie masserìzie da una 
casa ad un altra. 

Far sanmartén. Tramutare, Sgom^ 
berare. Far lo sgombro o la muta. 

Sàmiichel. Y. Sanmartén. 

Sanpeder. s. m. T. Furb. Chiave. 

Sanrochén. s. m. Sarrocchino, Veste che 
cuopre le spalle ai pellegrini. V'ha 
tra noi chi lo dice per derìdere chi 
porta un abito troppo corto. 

Sa!«sàn. Voce con cui si salutano i fan- 
ciulli. Sta sano. Slate sano. 
Far sansàn. Far santa, cioè augurar 
sanità, toccando la mano come fanno 
i fanciulli. 

lAifsàccH. s. m. Vite di macchia. Sorta 
di vite selvatica la quale dà molte fo- 
glie e rari frutti. É la Vitis labrusea 
syl9€Slris. L 



SA 

Sansòn. Sansone. Nome proprio. 

Parer un Sansòn. As^er /brme t fbrze 
etculee. 

Un Sansòn. Un Mastaccone. Udo di 
grosse membra. 
Sansossì. 8. m. Spensierato, Apatista. 
Trascurato, senza pensieri. Dalj^ranc 
SanS' sonci. ^ 

Sart. s. m. Santo. Chi è nel numero 
de' beati, e usasi anche add. 
Sant'Alt. T. Furb. Sant'Alto. Do- 
meneddio. 

SaRT in cesa e DIATL A CA. Chi in 

chiesa sanlinfizza, in casa martirizza. 
I falsi devoti essendo eccessivamente 
intolleranti ed egoisti sono il peso più 
insopportabile delle famiglie. 

Sant om. Pio uomo. Di santa virtù, 
di vita intemerata. 

Andar in paradis a oispbtt di samt. 
Ficcarsi. Intromettersi ovunque a 
marcio altrui dispetto. 

An gh'é sant< Non c'è via. Non 
c'è modo. Non c'è scampo. Essere 
giuocoforza il far checchessia ad uà 
dato modo e non altrimenti. 

Aver el sant. Avere paglia in becco. 
Essere già indettato in qualche na- 
scosto diseguo mediante promessa. 

Dar bl sant. Dar convegno, Tem- 
perar la celerà. Indettare. Aodar 
d'accordo con uno. 

Dar el sant. T. Mil. Dar la parola. 
Segno militare che si da alle ascolte, 
alle ronde ed a' corpi di guardia per 
(arsi conoscere. 

El dì d' tutt I sant. L'ognissanti. 

Sia ho che sant se sia. Sia che vuole, 
lasciamo ire. 

Tirar zo i sant. Grattar i piedi 
alle dipinture. Dicesi di coloro che 
fanno il collo torto intorno alle im- 
magini per parer buoni. 

Tirar zo tutt i sant. Bestemmiare 
da eretico. Bestemmiare alla perduta, 
bestialmente. 

Un sant UN SAN RoccH. T. Furb. 
Uno scalpello. 
Santa cròsa. Croce santa. Tavola. Li- 
bricciuolo delle prime letture. V. Parta, 
es Talvolta lo diciamo anche per Ab* 
bici o alfabeto solamente* 
SANf acnoAula, a. f. T. de' Carrois. dm- 



Digitized by 



Google 



SA 

traeoieiak. ( Tose ) Quel ferro calet- | 
tato tra la sala ed i cosciali che serve 
per tenere più sicuraacote riunita 
runa air altra. 

Santarèla. 8. f. Santina, tnnocenteUa 
devota, e ironie* Beatella, Santeua. 
Falsa devota. 

Santaréll. 8. m. Santerello, Santarello. 
Persona pia, molto religiosa e devota. 
Santocchio se di simulata pietà. 

SANTAROècL. 8. m. Pila dell' acqua bene' 
ditta. Quella specie di vasca per lo 
più di marmo, ove nelle chiese si 
tien r acqua benedetta o santa. Piletta 
diminutivo. E dicesi Secchiolina quel- 
la secchia più o meo piccola entro la 
quale èì porla la stessa acqua, e si 
tiene a capo del letto. Piletta. 

Santén. s. m. Santino. Immaginetta di 
santo. V. Santaréll. 

Santificar. atL Santificare, Far santo. 
Canonizzare. Dichiarare un defunto 
degno di essere annoverato tra santi, 
e tale dichiarazione solenne costituisce 
la Canonizzazione. 

Santifici^ur. 8. m. Sanlt/fce/tir. Simula- 
tore di divozione, santinfizza, ipocrita, 
bacchettone, picchiapetto, grafiiasanti. 
La para un SANTiFicFFUR. Ella pare 
ii Santusse, Diccsì di donna che fac- 
cia ad arte la contegnosa e la mo- 
desta. Una schifa 1' poco, una monna 
onesta, una beatella o spigolistra che 
pare un santificetur. 

Santissim. add. nK Santissimo. Superi, 
di santo. 
SAifTissm. m. avv. Che ha vari si- 
gnificati come la nostra voce Bondant. 
y. ma in senso più basso per es.: 
Un santissim pugn. Un pugno ba^ 
diale. 
Con I so santissim solo. Co' proprii 
denari. 

El Santissim. T. EccI. La Santissima 
Eucaristia. 

Santo. Voce usata nella frase: 

Fatta la festa gabbato lo santo. 
Fatta la fèsta, è eorso il palio. Di- 
cesi quand'egli è fatta e finita ogni 
eosa. 

Santòcia. 8. f. T. Forb. Chiesa. 

SànrouÈK. 8. m. Rapè grattata di Parigi. 
( B. L. ) Sorta di tabacco da naso CO- 



SÀ 



U 



s) chiamato da una città di Francia 
ove si fabbricò forse la prima volta 
di quella qualità. 

Santonén*na. 8. f. T. Bot. Santolina. 
Pianta usata contro le malattie de* 
vermi intestinali detta da Linn. San* 
tolina ehamaeeyparissus. V. Sem sant 

Santòsa. 8. f. T. Furb. Messa. 

Santuàri, s. m. Santiuirio, Santassan" 
etorum. Il sito dell'aitar maggiore 
cinto per lo più da balaustrate. Pre- 
sbiterio, luogo nelle chiese destinato 
ai preti. 

SANTUcciAMèNT. 8. m. Santocchierio. Si- 
mulata pietà, ipocrisia. 

S4NTUCCUR. att. Spaternostrare, Dire o 
far mostra di dire paternostri. Bia- 
sciar orazioni, snocciolar corone, ón- 
d'esser tenuto dabbene. 

Santucciòn. 8. m. Bacchettone, Bacia» 
pile. Graffiasanti, picchiapetto, santin- 
fizza, ipocriio, bigotto, collotorto, 
gabbasanti, don pilone. Falso devoto. 

Santucciòn'na. 6. f. Bacchettona, SpigO'^ 
listra. Beghina, Pinzochera, Bigotta, 
Chiesastra. 

Santus! Lat. Certo/ Senza dubbio/ e 
simili^ 

Santus dla messa. Inno angelico. 
I santus. // tocco deW Inno angelico* 
Suonata che sì fa al sanctus della 
messa. 

Sanvitala. 8. f. T. Bot. Sanvitalia già- 
cenle. Pianta erbacea Messicana in- 
viata dai Gualtieri al Lamarck nel 
1792 che la coltivò neU'orto bou- 
nico di Parigi donde si diffuse per 
tutta Europa. É stata denominata dal 
Lamk. Sanvitalia proeumbens. 

Sapient. ^. m. Sapiente, Dotto, Erudito. 
Nota però o lettore che è sapiente 
chi sa applicare i raziocini che si ri- 
cavano dalla dottrina, dalla scienza e 
dalla erudizione, che dotto è chi ha 
copia di idee proprie, ed erudito chi 
è ricco di idee non proprie. 

Sapibntòn. 8. m. // sapientissimo de' sa- 
Qi, e iron. Saeeentone, Pesamondi, 
Arcifanfano. 

Sapienza, s. f. Sapienza, Dottrina, E- 
rudiziane. L'attitudine per la quale 
l'uomo contempla, osserva, opera ed 
ama. 



Digitized by 



Google 



M 



SA 



SàPoÈUR. 8. in. T. Mil. Guasialore, Mar* 
rajuolo. 

Sapòn. 8. m. T. Furb. Soldato. V. For- 
miga. 

SiPONAnu. 8. f. T. Bot* Saponaria, Sa- 
ponaja, Piaata ti cui legno diboUuto 
nell'acqua la rende spumosa come il 
sapone, e che si usa per lavar le ro- 
be di colore geloso perchè non ismonti* 
£ la Saponaria o/pcinalis de* Bot. 

Sarà SARA. Un serra serra. Un le^^a 
leva. Un bolli bolli. Un parapiglia, 
un subila e numerosa confusione di 
persone, e irale anche ordine improv- 
viso. 

Sarà. add. Serrato» Dal v. Serrare. Chiu- 
so, fino, unito, stretto. = Uscio ser- 
rato, panno o tela serrata, squa- 
drone serrato, giuoco serrato e sim. 
Sarà o' oardé. T, di Vel. Garetti 
serrali, Diconsi quelli del cavallo man- 

, cino in cui si toccano. 

Sarà SD IN MBZZ. Intercluso. Dicesi 

> cosi Mna terra od un campo qualun- 

^ que chiuso da terre dì ragione d' altri. 

Andar sarà. Camminare chiusamente. 

Andar sarà. Andare, Essere o Star 

serrato. Si dice di cosa che ben strìnga 

e combaci. Sigillare, essere, andare 

. o star sigillato. 

Aver za sarà. T. di Vet. Aver ser* 
rato. Si dice del cavallo quando non 
si può più conoscere quanti anni ab- 
bia. 

Esser sarà. T. del Giuoc. di Dama. 
Aver fatto il pieno. 
Saver d sarà su. Saper di sito acuto. 

Sarà. Sarà, dal v. Essere, usata in va- 
rie frasi come por es.: 
Sarà! Può darsi/ Può essere! Interj. 
dubitativa. 

A SARÀ COL CH* SARÀ. S'ella è rosa 
fiorirà, e s'ella è spina pungerà, 
cioè dair esito si conoscerà la cosa. 

Sarabàn. 8. m. (dal Cbar-à-banc de* 
Francesi) Sarabaeehino. Vettura a 
quattro ruote lunga e bassa. 

Sarabanda, s. f. T. de* Ball. Sarabanda. 
Sorta di danza grave e graziosa d' in- 
venzione spagnuoia, somigliante al 
minuetto, clic un tempo ballavasi colle 
nacchere e le castagnette. 

Saràca. s. f. T. d'Iitiol. Salacca,. Sargo. 



Sorta di pesce che ci viene inutaCo 
dal Baltico e dall* Atlantico entro gros- 
se botti che è più grosso delle accio- 
ghe ed è chiamato da Lina. Clupea 
sprattus. 

Saraca. 8. f. Fig. Palo in pelliccia. 
Persona magra tutt*os8a e pelle. Vale 
anche Bestemmia e Percossa* 

Parer 'na saraca. Esser magro al- 
tamponato o lanternuto. Essere smilzo, 
assai magro. 

Tirar dil sarachi. Bestemmiare. Sa- 
gramentare. 
Sarada. 8. f. Chiudimento. Il chiudere* 

Sarada. 8. f. Stretta, Serra. Lo in- 
calzare o strìnger taluno con fatti o 
con parole per modo che non sappia 
da qual lato riusdrne. 

Sarada. s. f. Ora del ritirarsi. V ora 
da chiuder la sera le bettole, i caffè 
altri raddolti, mandando fuori chi 
in quelli ancor si trova, la qual ora 
viene accennata dai tocchi della cam- 
pana di palazzo. V. Campanela. 

Sarada. s. f. T. de* Fprnac. Serra- 
glio. Quello strato di mattoni erodi 
che nella fornace è di mezzo fra gli 
addentellati e il cavallicre. 

In TLA SARADA. Al Icvor delle tende. 
Alla fin del iatto, all'ultimo. 
Saradòr. 8. ro. T. de* Tess. Cane. Lieva 
imperniata nel suo mezzo contro il 
brancalc che imbrocca ne* denti car- 
vi della stella ed impedisce che ai svol- 
ga il subbio ed il subbiello. 

Saradòr. add. m. Serramanico. 11 
contrario di inastato, e dicesi di col- 
tello. Y. Còrtell. 
Saradura. 8. f. Serratura, Serrarne. 
Strumento che tiene serrati uscj, casse 
e simili, e per Io più s*apre colla 
chiave. Ve n*ha di varie sorta come: 

Saradcra a cricch. Serratura a sdrtic- 
dolo a colpo. Serratura la eui stan- 
ghetta a mezza mandata è smussa in 
guisa che 1* uscio spingendolo si chiude 
da se, ed apresi col pallino. Dlce- 
si anche Toppa a scatto. Ha ia più 
della serratura a cassetta. 
Cadnazzoèul de( 

cricch. . • • Serocehetla. 
Cricch . . • • Nottolino. 
Gambètt. . • • Fusto del noUolino. 



Digitized by 



Google 



SA 

Pumell . , . . Presa a PaUùio. 
Secretéa. . . . Fermo. 

SAIumiRA DA UN tÒRBN B MBZZ. &r- 

ratura a colpo e mandata. Serratura 
in coi runica stanghetta agisce per 
colpo di molla e^per mandata di chiave. 

Saraduba a scatla. Serratura a cas' 
éetta* Quella serratura, la cui piastra, 
( lastra ) ha i lati rilevati in forma di 
cassetta sicché non lascia vedere, quan- 
ti* è invitata o inchiodata nell'imposta, 
gli ingegni che ne formano il mec- 
canismo. Le parH di essa quand'è la 
più complicata sono: 
Barbeui. . . • Gambetti. 
Bus del cadnax- 

loèul • • • • Feritoia. 
Bus dil vidi • . Invitatura. 
Bus dia clava • . Buco della chiave. 
Cadnazzoèul • . Stanghetta. 
Cana. * • • . Guida. 
Castlètt . . • • Balzana. 
Cavalètt. . • . Piegatelli. 
Contrari. . • • Ingegni. 
Contraspén'na • • Contraspina. 
Cr^i. .... FemetU. 
locassadura. • . Impostatura. 
Lastra • • • • Piastra, Fondo. 

Leva CalciOjContramolla. 

Omètt .... Reggistanghetta. 
Orèccì • • • • Orecchiette. 
Resgbètta . . • Rastrello. 
Scatla .... Coperchio. 
Spén*na • • • • Spina. 
Susu Susta. 

Sabadura a mbblbtta. Saracinesca. 
Stanghetta ferma nell* imposta delFu- 
scto. avente nella sua testa un mona- 
chetto (nasèll) che entra nel buco 
della toppa confitta nell'altra imposta 
e sul quéle cadendo un ferro a molla 
k chiude in guisa che non si riapre 
senza chiave. 

Saradoba da gassa porta. Toppa se* 
greta o da forzieri. Sorta di toppa 
che si apre con una o più chiavi e 
mediante certi movimenti altri dal 
girar della chiave. 

Saradura da incassar* Toppa da in* 
cassare. Quella che si incassa nei so- 
do dell' intelajatura dalla parte del 
castello balzana lasciando allo sco- 
perto la piastra. 



SA 



25 



Saradura da incastrar. T. de' F* 

Ferr. Toppa alla piana. Quella che 

va tutta nella grossezza dell'imposta. 

Andar d* saradura* V* Agdar sarà, 

in Sarà. 

Armòr d' na SARADimA. Rughiorc. 

Gol ch' fa il saradubi. Toppalac" 
chiave j Magnano» Facitor di toppe e 
di chiavi. 

Metter su la saradura. Conficcarla. 
Il porla per la prima volta. Riconfic^ 
caria, riporla dopo averla sconficcata. 

Sforzar la saradura Sconficcarla. 
Saravila. s. f. T. Mil. (Neol. Frane.) 
Serrafila. Uffiziale o sottuffiziale che 
sta dietro alla squadra o drappello, e 
invigila alla regolarità delle evoluzioni 
militarL 
Saragrupp. s. m. T* Chir. Serranodi. 
Strumento che serve ad assicurare 
certe legature fatte in parti dove mal 
può operare la mano. 
Saraj. s. m. Parata, Composto di ritti 
di legno e di tavole che chiude un 
dato spazio per tenervi il bestiame. 
Dicesi Agghiaccio, Il luogo dove i 
pecorai rinchiudono il gregge per 
passarvi la notte. Parco, il recinto 
mutabile the i pastori fanno per chiu- 
dervi momentaneamente le pecore. 

Saraj, per Ritiro, Ospizio. V. Con- 
vent. 

Saraj da bbsti. Serraglio. Luogo mu- 
rato dove si tengono serrate It fiere 
e gli animali venuti da' paesi strani. 

Saraj del gran turch. Serraglio. Il 
palazzo dell'imperatore de' turchi. =a 
Il Peschieri dice aver letto nella sto- 
ria della letteratura turchesca, doverai 
piuttosto scrivere Saraglio; volendo 
stare alla vera origine della parola e 
al suo reale significato. 

Saraj d' un carr. Sbarra, V. Badàcc'. 
Saraja Saranda. s. f. Imposta. Legna- 
me che serve a chiudere uscio o fi- 
nestra in genere* 

Saraja. s. f. T. de' Vetr. Serra/tiro. 
Il finimento della volta delle fornaci 
da vetro. 

Saraja da botti. Calzatoja. Sorta di 
bietta colla quale si calzan le botti 
sui sedili, (toppi) 
Saramént. s. m. Affissi. ( Fior* ) Impo* 



Digitized by 



Google 



U SA 

ttanii. Tutte le traposta di porte e fi* 
Destre di una casa. Serrami, le top- 
pe, i chiavistelli e tutto che serve per 
fermare a luogo gì' impostami. 

Sàrambnt db stòmegh. T. Med. Asma, 
Asima. Dificoità notabile della respi- 
razione. Quando è acuta costituisce 
una varietà di croup e minaccia la 
soiTocazione; quando impedisce di e- 
spetlorare dicesi asma secca, e quan- 
do sì può espettorare chiamasi asma 
umida* 

Saramént d* testa, d' pett. Intasa- 
tura. Intasamento. Intasazione di te- 
sta ecc. 
Saranda. 6. f. Ventola. Imposta unica 
ed esteriore di finestra, che dicesi 
anche Gmtrawento se U le veci di 
persiana. 

Saranda da fòren. Lastrone. Piastra 
di ferro colla quale si tura la bocca 
del forno. Credo dicasi C/^itMtno se è 
di pietra. Fig. Cappellaccict montato, 
e dicesi quel cappello (lùma), sdru- 
seito e di forma antiquata o goffa che 
portan taluni servi in parata. 

Sarakda del pozz. Copeixhio. Asse 
o pietra rotonda con cui si chiude la 
gola del pozzo a mo' di eopercjiio. 
nibalta, se si alza e si abbassa. Spor- 
tello, se fatta a usciuolo. 
SarIr. alt. Serrare, Chiudere. Ma ser- 
rare è più, per es. si chiude una porta 
eon saliscendo, si serra con chiave, e 
in (al c^«o ognun vede che è più sicura. 

SaràrÌ att. T- d'Equit. Inforcare 
% fianchi. Strìngere con forza di gi- 
nocchia i fianchi del cavallo per far- 
gli provare T azione preponderante 
del cavaliere che lo governa. 

SarXr. att. T. di VeU Sgualire i 
denti incisivi. Chiamasi cosi il consu- 
mo dei denti incisivi o decidui o per- 
manenti, per cui viene a scomparire 
più o meno il germe di fava. 

Saràr appressa. Socchiudere. Non 
chiudere interamente. Rabbattere. V. 
Arbatter. 

Saràr ancora. Risserrare. 

Saràr con dil sbari. Abbarrare. Sbar- 
rare, barrare, serrare con ìsbarra. 

Saràr con 'na séza. Assiepare. Chiu- 
dere con siepe. 



SA 

Saràr dintbr. Inchiudere, Rinehiu" 
dere. 

Saràr PoècRA. Escludere, Serrar fooni 
d'alcun luogo. 

Saràr il botti. Imbiettare. Calzare 
le botti sui sedili coji calzatojc perchè 
non ismontino. 

Saràr il littri. Serrare le lettere. 
Vale Sigillarle, ed anche Terminarle, 
Finirle. 

Sarar in hezz. Circondare. Cignere, 
circoncignere. 

Saràr i pass. Negar pratica. Non 
ammettere in una città, porto o si- 
mile le merci o le persone in tempo 
di contagio o di guerra. 

Saràr j occ. Fig. Morire. 

Saràr la bocca a von. Chiuder la 
bocca ad alcuno. Farlo tacere, con- 
vincerlo. 

Sarar la strada. Abbarrnre, Sbar- 
rare. Chiuder con sbarra una strada. 
Asseragliare , fare il serragh'o, che è 
quando più persone messe insieme, 
serrano la via, e non lascian passare. 
Attraversare la via, dicesi figurai, del- 
l'opporsi, impedire, contrariare, torre 
altrui il comodo di operar checchessia. 

Saràr 'na piantada. T. d*Agr. jDtf- 
sodare i filari. ( Lastri ) Arar la terra 
de' filari addossandola agli alben de' 
medesiuii. 

Saràr 'na prozissiòn. Chiudere una 
processione, un convoglio, una schiera 
ecc. Andar dietro a tutti. 

Saràr su bottega. Chiudere bottega. 
Chiuderne le imposte. Smettere il traf* 
fico, dicesi quando si chiude pernii- 
nuneiare al commercio. 

Saràr su con el cadnazz. Incatenac- 
ciare la porta (Sacch. ) 

Saràr su un contratt. Conchiudere, 
Terminare, Defpnire un affare. 

Saràr un carr Abbarrare un carro. 
Fermarlo con ìsbarra. V. Saraj. 

Saràr un nuiier. Accecare un nume- 
ro. Annullare o rifiutar le giuocate 
fatte in soprabbondanza rovinosa sopra 
un dato numero. 

Saràr un occ*. Chiuder gli occhi a 
checchessia. Yale non conmderarlo 
non ne far conto, &r le viste di boi 
vedere* 



Digitized by 



Google 



SA 

SabAr nif YOCT. Serrare o pam il 
serraglio ( tajoèula ) ad un arco. 

Aif possèR SARAR CN occ'. Noiì polcr 
chiudere occhio. Non poier dormire. 

.Tornar a sarar. Riserrare. 

SaRàRES ADRÉ a VOIf, ADRè A DLA ROBA. 

Serrani addo$80 o attorno a chec" 
chessia o simili, iiale accostarvisì con 
forza o con violenza. «* Serrare il 
basto o i panni adosso altrui. Yale 
stringere e quasi violentare alcuno a 
far la sua volontà* 

Sarares d^nter. Rinchiudersi, Am- 
serrarsi. 

Sarares el nas. Intasarsi. Serrarsi il 
naso per ristagno di sostanze mucose. 

SaRÀRBS 'nA piaga O 'NA FRIDA. Ri» 

marginare. Saldare, rammarginare, 
ammarginare, cicatrizzare, ricongiu* 
gnersi. 

Sarares suw Serrarsi in casa, ed 
anche Ctrcumct^nerst. Chiudersi in* 
torno. 

Saratbsta. 5. f. Serrateste. Sorta di cuf* 
fia che le donne portano e più spes- 
so portavano legata al capo. 

Sarci. s. f. T. do^ Navic. Sarte. Alzaje 
o corde che servono per far risalire 
i fiumi alle barche. Sartie, le corde 
delle vele che son legate all'antenna. 

Sarda, s. f. T. d* Ittiol. Sardella. Pescia- 
tello simile all'acciuga ma più pic- 
colo. La Clupea sardina Guvier. 
Sarda ih oli o salada. Sardina. La 
stessa specie ma salata in ceste o fritta 
in olio. 

Sardela. 8. l Sardella. V. Sarda. 
Sardela. s. f. Fig. iicctu^a. Persona 
assai magra e sfinita. Sacco di mestoli. 
Donna magrissima. 
Sardela in t' il man. Palmata, Spai- 
mata, V. Sparamàn. 
Magber cmb 'na sardela. Magro al- 
lampanato o lanternuto. Secco più che 
mai. 

Sardù5. s. m. Sardella grossa. 

Sardoni. s. m. T. de' Gioj. Sardonico. 
Sorta dì gemma dì color rosso. 
Sardoni. add. m Sardonico. E dicesi 
di certo riso ironico in col si torcono 
le labt>ra con mal ceffo. 

Sarlotta. a. f. T. di Guc ( dal Frane. 
Charlotte. )r ifctola coi erosHni. Vi- 



SA 



« 



Vanda fetta con mele cotte, ridotte « 
forma di pappa ed imbandita con In* 
torno crostini fritti. 

Sarò. s. m. (dal Frane. Sarrau. ) S(^o, 
Sajone. Sorta di tunica di tela greg* 
già aperta dinanzi portata per lo più 
da' soldati in estate e poco dissimile 
dal Saltini o veste di guerra de' ro* 
mani. 

Sartòr. s. m. Sarto, Sartore. Quegli 
che taglia i vestita e gli cuce. Le ope* 
razioni, gli strumenti e le tose ad 
esso attinenti, sono: 



Ul'lUI Alluni 

DEL SAftTp. 


Arbatter. . . . 


Rimboccar la costui 


Arfilar .... 


ra* 
Raffilare, 


Attaccar d* insèma 


Cucire a fermo. 


Bagnar « • • . 


Far rientrare il 




panno. 


Bordar • • . . 


Fregiare. 


Cusìr 


Cucire. 


Far il tacheli • . 


Orlare gli ocdiieili. 


Ffstonar. . . . 


Smerlare. 


Fodrar .... 


Foderare, Soppan^ 




nare. 


Cattar .... 


Far la bandiera. 


Imbottir. . . . 


Intelucciare. 


Imbottir d' bam- 




bàs 


Abbambagiare. 


Infilztar. . . . 


Infilzare. 


Inzipar • • • . 


Impuntire» 


Metter insèma. • 


Imbastire. 


Scompartir la roba. 


Partire la stoffa. 


Scurtar .... 


Scortire. 


Serzìr .... 


Rinnacciare. 


Soprassar . . • 


Stirare. 


Spianar il cusdari. 


Ragguagliar le co* 




sture. 


Strènzer. .... 


Strettire. 


Tajar 


Tagliare. 


Voltar unvesti ecc. 


Rivoltare un abito 




ecCk 


STRUMENTI 


Assa 


Pressa. 


Biliò 


Forma. 



Borcaj .... Punteruolo. 
Bottonera . . . BotHmaia. 



Digitized by 



Google 



M 



SA 



Care. . . . 
Didàl. . . . 
Ferr .... 
Forbsa grossa . 
Forbsa piccén'aa 
Gcss. 
Goccia 
Goccìaroèul 
Legn goèub. 

Pistoléo 
Mezalòn'oa. 
Milena 
Modcj 
Msura 

Blsora Tojadj 
Omén • 
Passèlt . 
Passètt da 
Patirào . 
Pés . . 
Pislolén ' 
Pumazzoèul 
Rév . • 
Riga. . 
Rigott . 
Roletta . 
Scarpell . 
Scarpcli eoo Toc- 

célt 
Sifràn 
Tavla. 
Teli da bagnar 
Toriéo'na 
Violén. V. SifràD 
Zuccota • . • . 



Cttsir 



Sloppiniera. 

Anello. 

QuadreUo* 

Forbieione. 

Forbieetta. 

Micio bianco* 

Ago, 

Agorajo* 



Spianatoio. 

Ceppo da spianare. 

Modelli. 

Misura. 

Misura metrica. 

Attaccapanni. 

Infilacappio. 

Passerino. 

Trapunta. 

Pielrone. 

Regolo. 

Torsello. 

Refi. 

Riga. 

Regolo. 

Girellino. 

Stampo da occhielli. 

Anelletto. 

Ceppo da scollature. 

Banco. 

Tele da rientrare. 

Quadrelletto. 

Forma. 



COSE ATTINENTI 



AL SARTO. 



Abit . • 
Alamari • 
Arbatdura 
Bàver • 
Blus • . 
Bluscn • 
Bollén • 
BoDzur • 
Bordadura 
Bordén • 
BotKòn . 
Bòzza« .. 
Braghi • 
CapoU . 



Abito, Vestimento. 

Alamaro. 

Ribattuto. 

Bavero^ 

Camiciotto. 

Camiciottiao. 

Rattoppatura. 

Camiciotto. 

Bordatura. 

Filetto. 

Bottoni. 

Grinza. 

Brache. 

Cappotta, 



SA 

Contrapiga . . . AmmaccaturOé 
Cosdura. . . . Costura. 
GheU .... Ghette. 
tmbastidara . . Imbastitura. 
Infilzelta. . • . Punto aoanti. 
Inzipadura . . . Impuntura. 
LesgDoèul • • . Punto passalo. 

Lisia Conto. 

Livrèja .... Livrea. 
Maccadura • . . Sovvaggia. 
Morbi .... Vantaggiato. 
OlivoU . • • • Sappine. 

PaOD Panno. 

Panlalòn • • . CalzonL 

Pecbès .... Pastrano alla pe- 

lacca. 

Pìgbi Grinze, Rialti. 

Pighi Talai ; . . False pieghe. 
Pirlén*ni. . • • Fondelli. 

Poni Punto. 

Riccbezxa . . . Lasciatura. 
Robar .... Scorciare. 
Sartoria. • • . Vestificina e volg. 

Sartoria. 

Soléo Bugrane. 

Sorlù Soprabito. 

Tabar .... Tabarro, Mantello. 
Taj d' abit . • . Stacco d' abito. 

Tela Tela. 

Uniforem • • . Assisa. 

Vesti Vestito. 

Zera Cera. 

Zilè Panciotto. 

SaRTÒR CH' LiVORA DA DONNA. DOH' 

nicciuolo. Sarto campagnuolo che ve- 
ste anche le doone. 

Sartòra. 8. f. Sartora. Donna che taglia 
e cuce vestimenti femminili. Sartrice, 
Sarta, son voci d*uso. Per le opera- 
zioni ecc. V. Sarlòr. 

Sartorèll. s. m. Sar torello, Sartuccio. 
Sarto che solo rappezza» e di poche 
faccende. 

Sartorén'na. 8. f. Sartina. ( Tose. ) La 
fattorina della sarta. 

Sartòri, s. f. T. d' Entom. Libellule. V. 
Sposi. 

Sartorìa, s. f. Vestificina. (V. ant. ) 
L'officina del sarto o segnatamente 
quel quarto delle camere a servigio 
d'un teatro ove i sarti si stanno la- 
vorando per le occorrenze degli attork 
Sartoria V. d'uso volg. 



Digitized by 



Google 



SA 

Sarùgci. s. ri. Nudata? €olpo colla mano 
ebiusa sul capo percotendo col primo 
nodo dcir indice. La voce del dialetto 
credo ci sia venuta dal Ted. Zerrung 
(tirare) perchè nel dare il colpo si 
ritira la mano con atto slmile a quello 
di strappare dal capo i cappelli. 
SARZG5ÒN. s. m. Sudicione. Chi è lordo, 
imbrattato. Lercio dicesi chi è sudicio 
eccessivamente. GuiUo chi è Inoltre 
lacero per abbiezione e miseria. 
Sarzidora. 8. f. Rinacciatura* Y. Ser« 

zidura. 
Sarzìgna. 8. f. Roccia. Untume > sudi- 
ciume y. anche Cricca. 
Sarzìr. alt. T. de* S^ri, . Rinacciare, V. 

Serzir. 
Sass. 6. m, Sas90j Pietra. Ma il sasso 
è per lo più informe, la pietra è la- 
vorala. Ciottolo vale sasso rotondo ed 
è manesco. V. Preda. 

Sass. s. m. Scheggion di rape. (Bart.) 
Masso petroso che esce dal monte. 
Sasseto, terreno coperto di sassi. 

Sass. s. m. Pietrone. Grosso pezzo 
di marmo o di macigno che si soprap- 
pone al peso ( formajòn ) per premere 
la. pasta del formaggio entro la forma. 

Sass colà. Vetrella. \. Colon. 

Sass da frombla. Frombola, e dicesi 
Frombo quel frullare eh* è' fa quando 
è per aria, V. Frombla. 

Sass da insalo ar. Ciottolo, Ciotto. 
Sasso bislungo o ritondo di fiume, col 
quale si selciano le strade. Selce. 

Sass da calzén'na. Calce carbonata. 
V: Preda da calzén*na. 

Sass da calzolar. Marmotta. Sorta 
di ceppo sopra di cui si battono le 
suola per dar loro la forma che si 
\uole. Sasso da battere. 

Sass da vur. Sassi da far muri. 
(T. Fior.) 

Sass mica viv. Sasso morHgno o (e- 
nero. (Bir. ) 

Sass scajós. Piètra scissile. Che si 
sfaldella. 

Sass viv. Selce viva. V. Preda viva. 

Dar bl sass. T. Mil. Lustrare a ealdo» 
Dare il lucido alla cera di alcuni ar- 
nesi militari con un ciottolo tondo e 
, ealdo. 

Esser d* sasì. Essfir sasseo.. Essere 



SA 



« 



immobile, ft*eddo, Impassibile, stalmhio. 
Far ai SAsa.iPare a' sassi. V. Far 
:! sassadi. 
Pilla d* sass. Macia, Jforci. (Dante). 
V. Pilla d' sass. 

Restar o' sass. Impietrare, Restar 
di sale. Restar immobile, preso meta- 
foricamente. Allibire. Esser preso da 
subito terrore. 

Sassàda. 8. f. Sassata, Ciottolata. Colpo 
di sasso o ciottolo. Pietrata colpo (]i 
pietra. 
Dar uh tòccit d* t>XR b *ifA sassada. 
Dare il pan colla balestra. Porgere 
gì' inchini e scagliar k sassate. Vare 
il pane colla spada o col bastone. 
Dare il pane e la sassaia. Far in 
maniera che il beneficio sia di disgu« 
sto a chi lo riceve. 
Trar 'ha sassada, dar un togch. Toe« 
care un tasto. Intonare. Domandare 
alla lontana, entrare In qualche prò- 
posilo con brevità e destrezza. 

Sassadén'ua. Piccola sassata. 

Sassadi. b. f. Sassaiuola. Battaglia fatta 
co* sassi e cosi dicesi anche del trar* 
re più persone contro alcuno. 
Far al sassadi. Fare a' sassi o alle 
sassate. Tirar sassi l'uno contro l'al- 
tro. Fare a' sassi con fìromba. (B. L. ) 
Dicesi la sassajuola in cui si scagliano 
i sassi colla fionda. 
Metter a sassadi. Lapidare, Assas" 
sare. Scagliar sassi contro di alcuno, 
far la sassajuola dietro alcuno. 

Sassamént. 8. ni. Sassajuola. Battaglia 
che talvolta i monelli fanno co* sassi. 
V. Sassadi. 

Sassar. b. m. Sasseto. Tratto di alveo o 
dì terreno coperto di sassi rotolati daN 
l'acqua. V. Sazzàr. 

Sassaroèu. 6. m. Capasassi, Capatori. 
Coloro che raccolgono ne' torrenti i 
sassi da far cc^ce. 

Sassàzz. 8. m, Sassaccio. Pegg. di sasso. 

Sasséh, Sassètt, Sassinén. s. m. Sassuo^ 
lo. Sassetto, Sassatello, Sassolino, 
Sassieello, Ciottoletto, PietreUa, Pie^ 
truzza, Pietruzzola, Pietruzzolina. 
Piccolo o piccolissimo sasso, (ciottolo, 
pietra. 

Sassètt. s. m. T. d'Agr. Carretto. V. 
Carrètt. 



Digitized by 



Google 



98 SA 

Sàssmi. 0. in. TrUone, Onudo bruco 

firelto, miserabile 9 rovinato. 
SASsinX. add. m. Atsasiinalo, Vittima 

di un assassinio. 
Sassinà d RAM E D* RAVisi. Spiantato 

alla radice. Spiantato nelle barbe, 

miserabile. 
SAssmAMiNT. 8. ro. Assaisinamento , e 

6g. Guasto j Sciupo. 
SAssifiAR. att. Assassinare. Assaltar svila 

strada i viandanti per derubarli ed 

anche ucciderli in caso di resistenza. 
Sassinar. alt. Fig. Ro{>inare, Nuoce* 

re. Danneggiare, Guastare. Sciupare 

per mal modo. 

SA<(SinAR SaSSINARS D* RAM B o' RA- 

viSA. Andare o mandare a fuoco e 
' fiamma o in fóndo. Lasciar in chec- 
chessia le polpe e l'ossa* Rovinare 
di strofine fatto. Andare o mandare 
in rovina o in precipizio. 

Sassitiares. Assassinarsi la persona. Ro- 
vinarsi la sanità. 

Sassinares un brau, *na man. SciU" 
parsi un braccio, una mano, 

Sassòn. s. m. Sassone, Pillorone. Gran 
sasso. 

Sassòs. add. m. Sassoso. Pieno di sassi. 

Satanass. 8. m. Sàtana, Satanasso. Fig 
uomo fanciullo indiavolato. 

Satélit. s. m. T. d'Astr. Satellite. Pia- 
neta minore che gira intorno ad un 
maggiore come la luna intorno la 
terra. Fig. Seguace, Parziale, Fau- 
tore ecc. 

Sàtir. 8. m. Satiro. Dio boschereccio 
finto da* poeti in figura d* uòmo colle 
coscie e le gambe di capro. Fig. Tan- 
gheraccio, persona rozza e salvaiica. 

Sàtira. $. f Satira, Libello. Ma la sa* 
tira può anche aver di mira di ri- 
provar il vizio per correggerlo , il /i* 
bello è quasi sempre uno scritto in 
altrui diffamazione. Pasquinata è spes- 
so satira, o libello vile o ingiurioso, 
che si appicca in certi luoghi publici. 
Metter in sàtira , o satirizzar. Sa- 
tirizzare. Satireggiare, 

Satìrich. s. m. Libellista, Satiro. Com- 
positore di libelli o satire. 

Satìrich. add. m. Satirico, Satire- 
sco, Mordace. 

Sàtrap. 8. ro. Satrapo. Uomo che vive 



SA 

rilirafo, PIA eomunemente lo dieténio 
per Satiraccio, Tanaheravcio» 
Satùrbn. 8. m. T. d'Astr. Saturno. Il 
pianeta più distante dalla terra. 
Satùren. add. m. Saturnino. Malin- 
conico, saturnio, lunatico. Fantastico. 
Satutt. 8. m. Scherz. Omniscio. Che 

presume di saper ogni cosa. 
SaAs o Can da saùs. Segugio. Specie di 
bracco detto cosi dal seguitar ch*ei 
fa lungamente la traccia della sel- 
vaggina. 
Sausàr. att. Braccheggiare, Vstolare, 
Fiutare. Andar cercando o spiando 
qua e la come il segugio. 

Sai^àr. at(. Fig. nip-ugare, RoqÌ' 
gliare, Tambuzzolare, Rovistare, Ri* 
vistare. Cercare con gran cura. 
Sausòn 8. m. Fiutone, Fiuta fatti. Bracco. 
Colui che va indagando i fatti altrui, 
che va rifrustando qua e la in cerca 
di qualche cosa. Detto in mal senso, 
vale Spia. 
SAVARéff. s. m. T. d'Ornit. Marzajola. 
Sorta di anatra salvatica che in estate 
abbonda negli stagni lungo il Po* É 
V Anas querquedula Linn. 
Sàvér. add. m. T. di Vel. Sauro. V. 

Sàvor. 
Savér. att. Sapere. Conoscere bene, sa- 
per bene alcuna cosa. 
Savér. alt. Fig. Sentire, per Parte- 
cipare di alcuna cosa. 

Savér d'avìs. Parere, Sembrare, Es- 
sere proprio avviso, propria opinione. 
Savèr d' bon. Sajìcr buono. Aver 
buon odore. 

Savér d* brusà. Saper di brucialic 
ciò o di leppo. Puzzar di bruciaticelo 
di leppo. 
Savér db barca menandk Saper di 
barca menare. Saper vivere. Avere 
astuzie per arrivare a' suoi fini. 
Savér d' littra. Saper di ietterà. 
Avere un infarinatura di sapere* 
Savér d' maladbtt. Ammorbare. Pa- 
tir di pessimi odori. 
Savér d' musc*. Saper di muschio, 
e cosi pure Saper di rose, di mille 
odort ecc. Gettare, rendere o tramane 
dare odore di questa o quella cosa. 
Satér d* RAM. Tener rame, e fig» 
Saper di rame, cioè costare aisaL 



Digitized by 



Google 



SA 

Savìi d* scAPtfN. Saper H flroikio. 
Saper di riscaldato. Si dice pariico* 
laroieote del formaggio. 

Satéb d' tutt 1 SAvOa. Eeeere eapo* 
riiissimo, 

SivÈa I so coifT. Sapere a quanti di 
è San Biagio, Saper àwe il diaw>lo 
tien la coda. Sapere il suo conto. 

Sivéa MAU Saper male d* tuia cosa. 
Dispiacere, sentir doglia e ramarlco. 

SAYèa 'ifÀ cosi A mér'nadid. Avere 
alcuna cosa iu per le dita o iu per 
la punta delle dita. Saperla a mena- 
dito, saperla, conoscerla bene. 

Satéi 'jfA COSA D* BON CANAL. Saper 
alcuna cosa di buon luogo. Averne 
certa e chiara notìzia. 

Satée prbcisahént. Saper U netto di 
quel che si è, e si vale- (Bart. ) 

An SAVÉa ALTBa. Ifon saper più la. 
Saper poche cose, appagarsi delia pri- 
ma apparenta. 

Ali SAVÉa GNAlf DIR AMEN, 11*111 SAVÉR 

UÈ uf piST, Né IN POLVRA. Non saper 
mezze le messe. Non sapere quel che 
uom si peschi. Non sapere quante 
dita si ha nelle mani. Non sapere 
quanti piedi s* entrino in uno stùmle. 
Non ne sapere né poco né punto. 

Ah sa vèr Né o' ti ve d* mi. Non es» 
sere né uti né suli. fi dicesi per lo 
più di vivanda o bevanda insipida o 
scipita, che dicesi anche Non aver 
sapore né tipore. 

Con PO SAvéa. Saputamente, Sciente^ 
wiente. Con proposito deliberato. 

El savér. Il sapere. La scienza, la 
dottrina. 

Far savbr. Far assapere. Far inten- 
dere, far noto. 

L'è TUTT SAVÉR È tutto pretendere. 
Sostenere affermativamente una eosa 
che potrebbe esser contradetta. 

N'iN VRèa PO SA VÈR. Non né voler 
piik caccia. Non voler più saperne. 
Lafarsi le mani. 

Par d* savérin. Far il ser saccente. 
Far il saputo. Sprecar dottrina senza 
averne. 
Saverla longa Aver V alfabeto per ogni 
portila. Esser fuori dei pupilli. Saper 
dove il diavolo tien la coda. Essere di 
molta sperienza, essere patu scodata. 



SA M 

Satbrla longa b larga. Saperkt lunga. 
Essere pienamente informato d*iina 
cosa, ed anche essere addottrinato. 

El savéva. Sapevamcelo, disson quei 
da Capraja. Si dice quando alcuno 
ci narra cosa già nota. 
Savi. add. m. Savio, Quieto, Buono, 
Tranquillo, Docile » 

Sta *na volta savi. Sia di grazia cheto. 

Vrbrgh I SAVI E I matt. Esscrci che 
ugnere. Dicesi quando in una faccenda 
sianvi difficoltà molte da superare. 
Savién. m. avv. Savio. E dicesi a* bimbi 

perchè non trasmodino. 
Saviezza, s. f. Saviezza. Prudenza, av« 

vedimento. 
Savoja. s. f. Doppia di Savoja. V. Do« 

bla nel Supl. 
Savòn. s. m. Sapone. Mestura di diverse 
sostanze per lavare e purgare i panni, e 
per bagnar la barba innanzi di raderla. 

Savòn. Figurai. Soja, Quadra. Adu- 
lazione. 

Savòn da purgar. Sapone semiduro 
da gualchiere. 

Savòn d* Còmm. Sapone $nolle e in 
grossi pani. 

Savòn d' Genva. Sapon sodo. 

Savòn giald. Sapone di resina. 

Savòn marmorizza. Sapone screziato» 
Quel sapone la cui sezione mostra «e* 
cidenti molto simili a quelli dei mar- 
mi colorati. 

Dar del savòn. Ugnere gli stivali. 
Lisciar la coda. Piaggiare, Insapo* 
pare. Adulare. 

Fabrica del savòn. Saponeria. Luogo 
dove si fabbrica il sapone. Saponaio, 
fabbricator di sapone. 
Savonada. s f. Saponata. Schiuma che 
fa r acqua nella quale sia disfatto il 
sapone. 

Savonada. Figurai. Insaponata. Liscia- 
mento, adulazione. 
Savonén. s. m Saponajo. Colui che fab- 
brica vende il sapone. Le opera- 
zioni, gli strumenti e le cose ad esso 
attinenti sono: 



OPERAZIONI 
DEL SAPONAJO. 



Coèuser. 
Impastar 



Cuocere. 
Impastare. 



Digitized by 



Google 



30 SA 

Marmoriuvr . . Mamzart. 
Purgar .... Depurare. 
Ttjar i^are in pofieUL 



STRIWBNTI. 



Bidil. . 

'Caldera . 

Cortili . 

Fil . . 

Hastelì • 

Pistòn . 

S^ccll. . 

Seccia . 

Spalla . 

Slamp . 

Téa'ai . 



• Badile. 

• Caldaia. 
. Colullo. 
. PèUine. 

. MasUlli. 

• Maglio» 

. Bugliolo. 
. Secchio, 

• Meitalqjo. 
. Stampi. 

. Tini. 



COSE ATTINENTI. 

Alala Lisciva» 

Calxén'oa . . . Calce. 
FoodÒQ • . • • Fondiglio. 
Grassa • . • • Grasiume. 

m Olii. 

PàQ . • . . . Panello. 
Potassa • • . . PoUiisa. 
Savòn • • • . Sapone» 
Soda Soda. 

Satomàttà. 8. t.' Saponetta. V. d'uso. 

. Palla di sapone purgato. Saponetta 
•apoDe gentile 9 odoroso. Pasticca. 
SAVONàTTA. 8. f. T. degli Ori?. Sapo- 
netta, (uso volg.) Specie d'orologio 
da tasca eoa cassa bivalve che cela 
castello 6 quadrante. 

SivoR. T. di Vet. Sauro. Agg. di quel 
mantello del cavallo e dei bovini, i 
cui peli offrono diverse gradazioni del 
rosso, ma colle estremità dello slesso 
colore. A seconda che il colore è più 
foen carico dicesi Sauro chiaro, 
fulfo castagno, cilieggia, cupo, bru* 
eiato. 

Savòr. s. ro. Sapore. Sensazione che pro- 
ducono nella lingua le cose che si 
gustano. Dicesi anche per gusto, sa- 
vore. Saporetto diminuì. 

Savòr s. m. T. di Cuc. Sas?ore. Salsa 

fatta di noci peste, pane rinvenuto, 

agresto premuto e altri ingredienti. 

Savòr tra dolz e brusch. Mazzo. 

Metter in sayòr. Stuzzicare o sve» 

giiar taj^tita,- Inuzzolire, Destar 



SA 

la voglia. Mettere in zurlo, Aeoendert 
bramosia. 

Savorazz. Saporaecio. (Tose.) Sapore 
aspro, ostico. 

Savorètt. s. m. Caroeno. (Frane.) 

Savorésew. s. m. T. Boi. Savoreggia, 
Santoreggia:, Santureja. Erba odori- 
fera ed appetitosa per gì' intingoli. La 
Saturegia hortensis Linu. 

Savorì. add. m. Saporito, Saporoso, gu- 
stoso. = Salato, parlandosi di cibi 
di brodo. 

Savori R. Assaporare. Saporare, guatare. 

Savuda. s. f. Saputa» Il sapere notizia. 
Prescienza, notizia del futuro. Anti- 
saputa, notizia anteriore all'avTeai- 
mento. 

Senza he sayuda. Senza mia saputa 
notizia* 

Sàzi. add. m. Sazio, Pasciuto, Satollo. 
Fig. jRis^ticco. Nojato. 
£l n' è MAI pu SÀZI. Non l' empirebbe 
Amo colla piena. Non può satollarsi, 
non è mai satollo. 

Saziabil. Saziabile. Che si sazia. Sazie* 
vote, che sazia, allo a saziarsi. 

Saziar, alt. Satollare, Sfamare, Sbra* 
mare. Saziare. 

Sazz. s. m. Sozzo? Sorta di misura di 
legna usata nel fiussetano e terre cir- 
costanti, che corrisponde ad un qua- 
drato di 4 metri e 374 miilimeUi 
quadrati. 

Sazz o Nadeb. Anitra, AniWoUo. V. 
Nàder. 

Sazzàr. alt. (zz aspre). Accatastare. V. 
Passar. 
Sazzàr. att. Culeggiare. E dicesi di 
que' fanciulli che per essere bilenchi 
e naticuti culeggiano per mai modo 
camminando. 

Sazzén, Sazzétt. 8. ro. Cectno mio. Ca- 
rino e simili. Si dice per vezzo ad un 
fanciullo. Altrim. Anitroccolo. 

Sbacc. 8. m. T. Furb Specchio. 

A SBACC. A josa, A bizzeffe, A fuso- 
ne. In gran quantità. A sbacco Modo 
basso. V. Balùcch. 

Sbacioccada. 8. f. Scampanata, Strim» 
pelUo. 

Sbacioccambnt. s. m. Seampanamento , 
Scampanìo, Scampanata. Continuo 
suonar di caropane. 



Digitized by 



Google 



SB 

SBiaocoi. att. Scampanare. 

Sbacioccbir. alt. Rintronare, Aaordare. 

Sbadì, add. Sbadato. DisaUenU), spen* 
aierato. Uomo a casaccio» 

Sbaoicciàr. alt. Sbadacchiare , Sbadi- 
gliare, V. Badace' ecc. 

Sbàdilab. étt. T. d'Agr. Solcare^ Far 
soiehi e fótseUi, Lavorar eoi badile. 
Spalare, tramenar terra col badile. 
Gittar la terra in sui ciglioni, affon- 
dare col badile i solchi aperti dall'a- 
ratro, ecc. 

SflADOFTu. 8. f. Basoffia. Micca, minestra, 
'Na gran sbadoffia. Tanta di mieca. 

Sbaozars. n. p. Sbattezzarsi. Lasciare la 
religione cristiana. 

Sbadzars. n. p. Fig. Traseeeohre , 
Slraùigliarsié 

Sbagar att. Votar gli otri. Cavarne V o- 
lìo o il vino in essi contenuto. 
Sbagar. att. V. Cont. Trincare. Bere 
a canna, a otri. 

Sbagrccrar. att. Ammollare. Far molle, 
inumidire, bagnare: ed anche iSprta- 
zolare. 

Sbagottì. add. m. Intronato, Sbigottito. 
Balordo. 

Sbagottir. att. Sbigottire. Atterrire, met- 
tere paura, incutere timore. 

Sbajaffar. att. Schiamazzare. Gridare. 

Sbajaffòn. s. m. Schiamazzatore, Gri' 
datore, Bajone. 

Sbalì. add* m. Spallato. Si dice d'uo- 
mo sopraffatto dai debiti, e di cosa 
rovinata o di disperato esilo. Mercante 
spallato, negozio spallato. 

Sbalaoura. s. f. Disfacitura. L'opera- 
zione del disfare le balle e la merce- 
de dovuta. 

Sbalarza. s. f. Altalena. Trave più lun- 
ga posta sopra un altra, ficcata in 
terra ed equilibrata in modo, che se 
l'un capo si china, l'altro si leva, 
ed è macchina per lo più ad uso di 
attinger acqua dai pozzi. 
Sbalanza. s. f. T. di Giuoc. Altalena. 
La trave attraversata sulla quale si fa 
il giuoco dell' altalena. 

Sbalanza. s. f. Biciancola. Nome che si 
dà in vari luoebi della Toscana a quella 
specie di altalena che si fa con un 
asse o trave, la quale si fa alzare ed 
abbassare a foggia di mazzacavallo. 



SB 



Si 



Sbalauza ▲ CORDA. Altalena, Dondolo. 
U giuoco che fanno i fanciulli seden- 
do sopra una tavola sospesa tra due 
Alni pendenti da Iato o in altra guisa 
facendola ondeggiare. 

Sbalanzar. att. Altalenare, Pare altaè* 
talena. Giuoco che fanno i fanciulli, 
i quali sedendo sopra una tavola so- 
spesa tra doe funi, la fanno ondeg- 
giare. Fare a biciancole, bilanciarsi 
su e giù sopra una trave bilicaU sUn- 
do uno due alle rispettive estremità 
a distanza proporzionale da formare 
equilibrio. 

Sbaur. atk Sballare. Aprire o disfar le 
balle. Disballiggiare. 
Sbalar. att. Figurat. Basire, Andar 
tra i piò. Morire. 

Sbalar. att. T. di Giuoc. Avere lo 
spallo. Spallare. Oltrepassare il tren- 
tunesimo punto nel giuoco della baz- 
zica. V. Andar. 

SbaldarIa. a. f. Vitupero, Sudiciume, 
Fastidio. Quantità di pidocchi o altro 
simile malore che infesti una persona. 

Sbaldzar. att. Vacillare. 

Sbali. 8. m. Abbaglio, Sbaglio. Ma 11 

primo è la causa, il secondo l'ietto: 

l' abbaglio preso è causa dello sbaglio 

commesso. 

ToèuB IR sbali. Prendere in cambio. 

Sbaliar. att. Errare, Sbagliare, Sfallire. 

Prendere errore, abbagliarsi, travedere. 

Sbaliar el colf. Sberciare. T. di Cacc 

Non coglier giuato. 

Sbaliar la strada. Errare, Smarrire 

la via.^ 

Far sbalur. Cavar di tema* Far 
perdere altrui la regola. 

Sbalordì, add. m. Sbalordito, ed anche 
Stordito, Maravigliato. 
Restar sbalordì, ^on si rinvenire. 
Esser vìnto da forte stupore. 

Sbalordimént. s. m. Sbalordimento. Am- 
mirazione, stupore. 

Sbalordir, att. Sbalordire. Rimanere at- 
tonito, perder il sentimento o far 
perderlo. 

SbXlz s. m. Sbalzo, Lancio. Salto grande. 
Sbìlz. s. m. T. di Giuoc. Caccia. 
Quel luogo dove finisce il primo bal- 
zo del pallone. 
Sbàlz. Fig. Avanzamento. Dicesi di 



Digitized by 



Google 



ehi da on iufifflo posto o impiego 
teoga portato ad un posto primario 
e lucroso. Dirassi Autnenio se si in- 
teoda del pre2io delle cose portato 
dall'infimo al sommo. 

De SBÌti. Di lancio. Di primo lati' 
àio* In un subito, in un baleno. E 
vale anche A colpo d'occhio» 
SiuLZADòa. 8. m. T. degli Àrg. Caccia' 
fuori. Sorta di ancudinetlay con due 
cornette lunghe di cui si servono co- 
loro che fanno figure o altro lavoro 
di cesello per gonfiare il metallo e 
far apparire il primo rilievo del lavoro. 
Sbalzar, att. Balzare. Andar di lancio. 
Slanciare, Xanciare^ scagliare con im- 
peto* Mònlar in bica, andar in collera. 

Sbalzar, att. T. d*Agr. Spastojare. 
Levar via le pastoje. 

Sbalzar, alt. T. de* Cesell. Rinnal- 
gare. Far risaltar le figure dal cam- 
po a colpi di martello od altro. 

Sbauar FoécRA. Balzar fuora. Uscire 
impetuosamente. 

Sbalzar i'oèdra d' MÀif. Slolzare. 

SbaUars. n. p. Spagtqj'arsi, Levarsi le 

pastoje. ( balz ) Strigarsi , sciogliersi. 

Sbalzars adoss. Avs^eularsi, Sca- 
glioni, Slanciani. Gittarsi impetuo- 
samente sopra checchessia. 
SBANdL add. ro. Scusso, Brullo. 

Esser sbancI. Essere al verde o sbu* 
salo. Aver perduto tutto il danaro al 
giuoco. 
Sbancar, att. Sbancare. Vincer giocando 
il banco dell' avversario E persimilit, 
è detto d' un commerciante che fa di 
molte faccende quasiché gli aliri suoi 
colleghi non avesser più banco* 
Sband, s* m. Spalancamenio, 

Arvir in sband. Spalancare, 
Sbanda, add. m. Sbandato, Disperso, 
scomposto. 

Sbanda. Fig. Scialo, Discolo, 
Sbandar, att. Sbandare, Disperdere» 

Sbandar I arvir in sband. Sbarrare, 
Spalancare. Aprire largamenle. 
Sbandares* n. p. Ssfiarsi, Scorrere la 
cavallina, E T. Mil. Sbandarsi, la- 
sciare gli ordini, e correr qua e là 
a branchi o in fuga. 
Sbar* 8. m. Sparo. Scaricamento d'ar- 
ma da fuoco* 



SB 

Sbar. a. ol Saloa. Quegli spari cfai 
da molti in un tratto e di continui) 
si fanno per lo più in segno di pub- 
blica allegrezza, o per onorare i fu- 
nerah d'alcun valoroso. 

Sbara. s. f. Sba$*ra, fiarra» barriera, 
serraglio. 
Sbara. s. f. T. di Blas. Sbarra. Pei- 
zo d'arme che dalla sinistra dello 
scudo va io basso a terminarsi verso 
la destra. 

Sbara. s. f. T. di Guaich, Sbarra, 
Pezzo di legno assai forte, situalo in** 
Danzi del telajo, e spaccato in tutu 
la sua lunghezza, perchè vi possa pas- 
sare la parte già tessuta del panno. 
Sbara. s. f. T. de' Squer. Capo di 
banda. Parapetto che ricigne la nave. 
Sbara a crosera. Arganello, Argo- 
netto. Quella croce di legno fissata 
con chiavarda orizzontalmente sopra 
un pinolo, per lasciar passar i vian- 
danti ad uno ad uno. 
Sbara ola fibbia. Staffa, 
Metter 'na sbara. Abbarrar^, Y. 
Sbaràr. 

Sbaraccar, att. Sgomberare, 

Sbaraoa. s. f. T. de' Cavali Sco/otàlo. 
Colpo di calci di un cavallo o sim. 

Sbaradòr Sparacalci. Agff. di cavalla 
che abbia il vizio di scalciare. 

Sbaraj. s. m. Sbaraglio, ho sbaragliare. 

Sbaraja. (A la) il sbaraglio. Confusa- 
mente, in modo disordinato. Fig. Al- 
la scoperta, all'aria. Al sereno. Al 
cielo scoperto, 

Sbaraglién. s. m. Sbaraglino, Giuoco di 
tavole che si fa con due dadi, e si 
dice anche dello strumento sul quale 
si giuoca. 

Sbarar att. Abbarrare, Sbarrare. Asse- 
ragliare i passi. 
Sbarar, att. Sparare. Scaricare armi 
da fuoco. 

Sbarar o Scalzar Sparare, Scalciare, 
Tirar calci come fanno i cavalli e al- 
tre bestie simili. Sprangar calci, scal* 
cheggiare. 
Sbarar i cadXyer. Sparare, Fender 
la pancia ad un morto per cavarne 
le interiora o per conoscere le cause 
della sua morte. 

Sbarattì. add* m. Spalancato. 



Digitized by 



Google 



SB 



53 



SBàAàTTuu ali. SbaraUan, SpaUmearej 
Sbarrare^ Aprir largamente. Y. Sba- 



SBAaATTiaS, 8B0TT01IABS EL CORPBTT, LA 

CAUSA. Speiioranù Sciorinarsi, sco- 
prirsi il petto: aprirsi, allargarsi, sfil>- 
biarsi ì panni. 

Sbaeazzada. 8. f. Sgombramento. 

SfiASAiZACi. 8. m. Repotiiorio» Stanza da 
chiudenri e conservar quegli aniesi 
domestici che sono soverchi o di non uso. 

SBAiAZZAm. ali. Sbarazzare. Tor via gl'im* 
baraui. Spacciar un luogo, vale vo- 
tarlo, lasciarlo libero. Sgomberare, 
Sgitmbrare, portar via le masserìzie 
per cambiar domicilio. 

Sbaiazzabs. n. p. Spedirsi. Sbrigarsi, 
sciogliersi dagl* impacci. 

SftARBi. s. e add. m. Sbarbalo, Imberbe. 
Privo di barba. Però gli eunuchi e 
le donne si diranno meglio ibarbati 
che imberbi perchè molti di questi 
vergognandosi di esser tali si fan cre- 
scere la barba sbarbandosi. Menno, 
colui che per difetto di barba appa* 
rìsce come castrato. 

Sbarbadéll. s. m. Sbarbalelio. Giovane 
di primo pelo. Barbueino di barba 
rada e spelacchiata. 

Sbabbadòb. T. degl'Iocis. Ratchiatojo 
quadrangolare, ^rta di bulino ad an- 
goli acuti col quale si smussano gli 
angoli troppo vivi de' tagli. 

Sbabbaduba. s. f. T. de' libr. Riccio. 
L'orlo frangionato, pinzoso e ine- 
guale della carta che si raffila da' libri. 

Sbabbafoss. s. m. Villanzone, Yillanac' 
do. M. basso. 

6babbaìav6!«t. s. m. Abbagliamento. 

Sbabbajar. att. Abbaqliare, Abbarba' 
gliare. Ferir gli occhi, offuscar la vi- 
sta con soverchia luce. V. Vista. 

Sbabbajabs. n. p. Agitarsi, Tremolare. 
Sbattersi il lume della candela, lu- 
cerna o simile per soffio. 

Sbarbar, att. Radere. Levar il pelo della 
barba col rasojo. 

Sbarbar, att. T. d'Agr. Sbarbare, 
Sbarbicare. Svellere dalle barbe o 
dalle radici. 

Sbabbar. att. T. de' Capp. Aecappa» 
re. Radere col rasojo i peli vani del 
feltro de* cappelli. 



Sbarbab. att. T. de' Libr. Diricciare. 
Tagliar i ricci a' libri che non si vo- 
gliono raffilare. 

Sbarbatlada. s. f. JRisctaegua/a.^Sciagua* 
lamento, diguazzamento. 

Sbarbatlar. att. Risciaquare. Sciaguat- 
tare, diguazzare. 

Sbarbatlars. n. p. Diguazzarsi. Agitarsi 
neir acqua. Sciaguattarsi, sbattersi 
come fanno i liquori ne' vasi nor« 
pieni. 

Sbarcar, att. Sbarcare. Cavar della bar- 
ca, uscir della barca, e in generale 
scendere, smontare, arrivare in qual- 
che luogo. 
SiT DA SBARCAR. Porto, Spiaggia o 
Scaricatojo. (B. L.) Dicesi anche 
Sbareatojo. 

Sbarcarla, m. avv. Sbarcarla. Usa Pa- 
nanti come noi nel nostro dialetto in 
senso di campacchiarla, cavarsela al- 
cun di cosi alla meglio. 

Sbarch. b» ra. Sbarco. Lo sbarcare. 

Sbablafp. V. Sberlaff. 

Sbarnà. add. m. Spezzato. Rullo, in- 
franto. 

Sbarnar. alt. Spezzare. Rompere, infran- 
gere. 

SbARNAR la testa I CÒREN. SpCZ" 

zar e la testa. Rompere il capo. Figur. 
vale Infastidire, aonojare, dar noja o 
fastidio. 

Sbabtìr. att. T. Furb. Ammazzare, Uc^ 
cidere. Freddare. Schew. Mandar co» 
gli angeli a cena, e in altro signit 
Smaltire, Spacciare*, Esitare ed an- 
che Dileguarsi o Morire. 

Sbabcffì. V. Sbaruffènl. 

Sbarcffar. att. Arruffare. Scapigliare, 
abbaruffare, rabbaruffare; Scompiglia- 
re, sconciare, disordinare i capelli. 

SBARUFFéNT. add. m. Abbaruffato. Arruf- 
fato, scapiffliato. 

Sbasìr. alt. Basire. Transire, morire. 
Sbasìr, ANDAR VIA. Dileguarsi. Andar 
in dileguo, ed anche Allonlanarsi, fug- 
gir con prestezza e quasi sparire. 

SfiASSà. add. m. Sbassato. Abbassato. 

Sbassada. s f. Sbassamento. Abbassamen- 
to. 

Sbassamènt. s. m. T. Idr. Avvallamento. 
Cedimento di un argine per difetto 
del fondo, o de* suoi fondameiuì. 



Digitized by 



Google 



34 



SB 



Sbàs^ab. alt. ÀbÒMiore. Bassare, sbas- 
sare, chinare. 
Sbassai, att* Fig. Umiliare. Tarpar 
Tali ad uno, fiaccarne F orgoglio. 
Sbassab il jobecci. T. di Vet. Ab- 
ba$$are le orecchie. Queir atto che fa 
il cavallo sospettoso, caparbio , che si 
dispone a mordere, o a tirar calci. 
Sbassar j ocg*. Calare gli occhi. (Gay.) 
Sbassar un camp. Sterrare. Sbassare 
le allure levando la terra soverchia. 
Sbassars. n. p. Abbas$arsij Umiliarei. 

E in altro signif. Chinarsi. 
Sbastar, att. Sbastare. Cavare il basto. 
Sbastardir. att. T. d'Agr. Sbacchiare, 
Sbastardare. Levare i nuovi capi o 
caccbj d'un magliuolo senz'uve. 
Sbattaciar. att. T. de' Conf. Montare 
la chiara. Agitare la chiara d'uovo 
colla frusta. 
Sbattdòr. s. m. Frusta. Mazzetto di 
giunchi, vètrici o simili, che si ado* 
pera per montare la chiara d'uova, o 
sbatter liquidi. 

Sbattdòr. s* m. T. de' Legat. Fruì' 
lancino. Arncsètto formato da uno stec- 
co avente una piccola crociera che fat- 
ta frullare nella chiara la rende atta 
a spalmarne i dorsi de' libri. 
Sbattdòr. s. m. T.de*Tìp.Battitoja. 
Quel legno quadro e spianato, con 
cui si pareggia il carattere, o la for- 
ma prima .di stampare, che alcuni 
dicono anche Sbattitoja. 
SBATTER.att. Sbattere. Spessamente batlere. 
Sbatter, att. Avventare. Diccsi di co- 
lore sguajato che dia nell'occhio vi- 
vamente. 
Sbatter, att. Fig. Sbattere il dente. 
Pacchiare, dare il portante ai denti, 
caricar l'orza o la balestra, scuffiare, 
manducare, morfire, mangiare. 
Sbatter dl' acqua o alter in t' na 
BOCCIA. Diguazzare. Agitare i liquori 
il vaso che li contiene. 
Sbatter el capell. T. de' Capp. Scuo- 
tere il pelo. Scamatarlo perchè si levi 
il pelo raro o non feltrato. 
Sbatter el lattmell, el ciar d* oéuv 
ecc. Montare, Y. LattmelL 
Sbatter el vostazz. Abbattere. Dicesi 
di certi colori che non convengono, 
non si confanno. 



SB 

Sbaxtbr I brutt. Bacchiare, AUae* 
chiare. Batacchiare. Batlere con bac- 
chio o pertica, • dicesi delle |frutu 
col gusdo quando sono in sull'albero. 
Sbatter il j ali. Starnazzare. Dibat- 
ter le ali come fanno le starne, le 
galline, e altri uccelli, gittandosì la 
terra addosso, e diversamente Sbatier 
l'ali. Aleggiare, Aliare. 
Sbatter i liber. Trabattere, BaiSe* 
re. Percuotere insieme due o più libri 
insieme. 
Sbatter in tbra o per tbra. Schiaf' 
fare; Buttare di forza per terra. 
Sbatter in tu fazu. Sbaechiar sul 
viso checchessia. 
Sbatter i pagn. Scuotere o Battere i 
panni. Scudisciarli, o scamatarli per 
levarne la polvere. 
Sbatter i pagn. T. de' Lav. Abbae^ 
chiare. Sbattere il filo o i panni ao- 
pra il lavatojo per meglio purgarli da 
ogni sudiciume. Sfognar le lenzuola, 
vale dibatterle nell'acqua chiara. 
Sbatter j oèuv, Sbatter la tridura 
ecc. Dibattere, Diguazzare, Sbattere, 
Battere. Stemperare entro a vaso uo- 
va materie simili per incorporarie 
insieme. 
Sbatter j uss. Sbaltacchiare. Ciò che 
facciam noi talvolta per dispetto o per 
forza di corrente il vento. 
Sbatter via. Avventare. Scagliar con 
violenza. 

Sbatter zo. Abbattere. 
Sbatters. n. p. Guazzare, Sbatacchiare, 
ma guazzare e il muoversi che faono 
i liquidi ne' vasi scemi allorché son 
mossi. Sbatacchiare è qual rumore che 
fa il vento nel muovere in vario scu- 
so un uscio, una finestra, quando è 
socchiusa. 

Sbatters. n. p. Bazzueeare. Si dice 
del vento quando fa percuotere insie- 
me le frutta in sugli alberi. 
Sbattibent. s. m. T. de' Pitt. SbaiU- 
mento. L'ombra che viene cagionata 
sul piano, altrove dalla cosa dipinta. 
Sbatto, add. m. Scamatato, Spolverato 
ecc. e dicesi di panni scossi dalla pol- 
vere. 

Sbatù in TLA CERA. AbbaUui&. Smor- 
to. 



Digitized by 



Google 



SB 

SBATrODà. & f. Sbailuta. SUttimeoto» 
•gilaziòDey percotimento. 
SaATTCDÀ. Fig. Mangila^ Seorpae* 
data» 
Sbatzabs. V* Sbadzara. 
Sbaolar. ati. Sbauiare. CaTar faori del 

baule* 
Sbava, add. m. Sbavato. Senza bava. 
SaiVAOciif. 8. m. Bavaglino. Pannolino 
cbe 8i pone al petto de' bambini per 
conservar più pulite le vesti. 
Sbavaccènt. add. m. Baoo$o* Pieno di 

bave. Sbavazzato, bagnato di bava. 
Sbavaccudoba. s f. Sbarazzatura. Ba* 

gnameoto di bava. 
SBAVAGciABéirr. 8. m. Scombavamento . 
Gran dispersione di bava che in T. 
Medico dicesi Ptialitmo.. 
Sbavaccub. att ScombavarCj Imbavare, 
Imbrattar di bava. Sbavare, mandar 
bava. 
Sbavacciòn. 8. m. Seombavatore . Che 

scombava o sbavazza. 
SBàYADUBA. 8. f. T. de' Fil. di Bozz. S6a- 
9atura, Peluria che circanda i bozzoli 
da seta che non si fila. 

Sbavaduba.s. m. T. degl'Incis. Sbava^ 
tura. Que' piccoli rialzi che formansi 
sulla lamina del rame da cadaun lato 
del taglio del bulino. 

Sbavaduba. 6. f. T. de' Lit. Bavatw 
ra. La dispersione dell'inchiostro de' 
contorni fuori della originai traccia. 
Sbavaduba. s. f. T. de' Tip. Boppieg* 
giatura. Diffetto di impressione, per 
eui le linee sono doppiamente impres- 
se runa accanto ali' altra. 
Sbavar, att. Sbavare. Toglier la bava ed 
anche mandar bava. 
Sbavab. att T. de' Gett. Binettare. 
U ripulire con ciapole, strozze, ceselli 
ecc. i latori di metallo dalle scabro- 
sita ecc. colle quali escono dalla for- 
ma. 
SbeffA b Sbbffab V. Cont. V. Sgognà e 

Sgognar. 
Sbendi, add. m. Sbendato. Senza benda. 
Sbendar att. Sbendare. Toglier la benda. 
Sberla, add. Sbrigliato. S^pestrato, dis- 
soluto. 
Sberjada. 8. f. Stradina. Mimetta, Lor* 
darella, Donnetta poco contegnosa che 
sempre va per le strade. 



SB 



5» 



Sberiagar. att. Cavare altrui il vino 
della te$ta. Ridurlo a cognizione del 
suo dovere. 
Sbbriagarbs. n. n. Disebbriare. Uscir 
d'ebbrezza. Fig. Bisensare, rinvenire 
da un forte stupore. 
Sbebiòn. Y. Stramblòn. 
Sbebla. s. f. Colata, (ruanciata. Bove» 

Bcione, Streeola, Sgrugno. 
Sbeblaff. 8. m. Squarcio, Schianto. Squar- 
datura, taglio grande, straccio, strac- 
ciatura, bueone in una tela abito o 
sim. Sberle/fé o SbarUffé, taglio o sfre- 
gio sul viso. 

Sbeblaff. s. m. Frittella. Blacehiao» 
eia o imbratto grande sugli abiti. 
SBERLEcaRS. V. Sperlcccars. ' 
Sbkblìff. s. m. Leccapiatti, Leccasco* 
delie, Leccapiatelii, Leccarda, Ghiot* 
ione. y. Berliff e Uff. 
Sberlifisem. 8. m. Leceoneria, Ghiottor* 
ma. Leccberia, Leccornia, Ghiottone- 
ria. 
Sbeblocc'. 8. m. T. Bot. Stoppione. Va- 
rietà del Cordata Criepus di Linu. 
che cresce ali* altezza di tre o quattro 
piedi le cui foglie sono spinosissime ed 
irte. 
Sberlocciada. 8. f. Occhiata* Guardata. 
SBERLOcciAMèNT. 8. m. Giramento d*occhL 
Sbeblocciab. att. Occhiare. Guardar con 
compiacenza: girar gli occhi attorno. 
Occhieggiare , sbilucciare. 
Sbeblocgab, védbrgh poch. Sbirciare. 
Socchiuder gli occhi per veder me- 
glio: cosa propria di chi ha la vista 
corta. 
Sberlocciòn. 8. m. Occhieggiatore od an- 
che Bircio. Che va occhieggiando, o 
sbirciando. 
Sberlusara Sberlusabént. s. m. Occhi* 
bagliolo, Abbagliaggine, Abbarbaglio. 
Offuscamento della vista per sover* 
chio lume. 
Sbbrlusìr. V. n. Lucieare, Splendere. 
Sbbrsaj. 8. m. T. Mil. Bersaglio. Luogo 
ove si va a colpire a segno colle ar- 
mi da fuoco, e più propriamente se- 
gno a cui i tiratori dirizzati la mira. 
Sbersaj. 8. m. T. Mil. Campo d'espio* 
tione? Spazio che abbraccia o a cui 
si estende il cerchio in cui divergono 
i pallini di un fucile esplo^. 



Digitized by 



Google 



36 SB 

Sbbvacear. alt Sbevazzatt. SbombeUa* 
re, strabere. Bere a larga roano. Sbe- 
▼ere. 

SfiSVAcaòR. 8. m. Beone, Trincone. 

SfiEZZOLÀa. alt. Far bezzi a epizzico. 
Raggruzzolare. 

Sbgazz. 8. m. Scorbio. Macchia d* incbio- 
atro caduto sopra la carta. Caesalura, 
tratti di penna dati ad uno scrìtto per 
cancellarlo alla meglio. 
Sbgazz. s. m. Figurat. Bambocci, Fan- 
tocci. Le pitture, fatte da cbi non sa 
di pitturai o di disegno. Altrini. Abor- 
to, Sconciatura. Personcina contrafat- 
ta e ridicola. 

Sbgazzì. add. m. Sgorbiato, Cateato, 
Pitturàcchiato. V. setto. 

Sbgazzada. 8. f* Scarabocchiatura, Cae^ 
Matura, 

Sbgazzar. att. Scorbiare. Lasciar cadere 
lo incbiostro sulla carta per uiaccbiarlo 
o sia a caso o sia a posta. Fare scor* 
bj. Caetare, Cancellare, annullare, 
annicbilare una scrittura colla penna, 
con pennello e simili. Far cassature. 
Scarabocchiare, fare scaraboccbi. Im- 
brattar molta carta per cose da nulla. 
Pitturacchiare, dipmgere goffamente 
come fanno gì' imperiti. 

Sbgazzén. s. m. Pittore da chiocciole. 
Pittore da egabelli. Pittor granata, di* 
pintoruzzo. Cattivo pittore. 

Sbgazzòn. s. m. Scarabocchiatore. 

Sbianczà. add. m. Imbiancato. Scialbo, 
Curato. 

Sbunczadura. 8. f. Imbiancatura. Bian 
chimento. 

Dar 'na sbianczadura al mur. Dare 
un bianco {¥ìor. ). Scialbare un muro. 

Sbianczar. att. Biancheggiare, Imbian- 
earei. Sbiancare, Sbiaìicheggiare, Im- 
bianchire, ma biancheggiare esprime 
io stato, r effetto del colore sul sen- 
so; imbiancarsi una graduazione di 
scemamentq*,. sòtane^f^^tare una gra- 
dazione durevole. Imbiancarsi, Im* 
bianchire. Divenir bianco. 
Sbianczar. intr. T. de* Ceraj. Bian- 
chcggio. L'imbiancar le cere. 
Sbunczar il cani. T. degli Organ. 
Bianchire. Dar loro quel lustro argen- 
tco che le rende lucicanti. 
Sbianccar la tela. Rimbiancare la 



SB 

teh (B. L.). Curarla, purgaria dal- 
la bozzima ecc. 

Sbusmar. att. Biasimare, Censurare. V. 
Criticar. 

SbiavI, Sbiìvod. add. m. Sbiadite, ^ia» 
dato, Sbia\?ato, Dilavato. Indebolito, 
smorto pallido anzi cbe nò. MorticiDo. 
Abbacinalo, dicesi di marmo, pittura 
simile che abbia smarrito il suo lu- 
stro e sia di un colore velato. 

SbiavIr. V. n. Smuorire. Farsi di color 
pallido, morticino. 

Sbiavìrs. 0. p. Smontare, Smortire, 
Sbianchire. Scolorirsi: sbiancare, sco- 
lorare. 

Sbicg'radòr. 8. m. Trincone. Beone. V. 
Bagòn. 

Sbicc'rar. ▼. a. Sbevazzare, Trincare, 
Tracannare, Pecchiare, ma sbevazza- 
re è bere spesso trincare è ber molto, 
tracannare è bere ingordamente, pee- 
chiare bere onasi succhiando il vino 
come le pecchie i fiori. ( Meini. ) 

Sbiéss: 8. m, T. d'Arch. Sbieco. L'ob- 
bliquità de' muri delle fabbriche. 
Sbibss. 8. m. T. delle Sarte. Doppia. 
Quella lista che si sovrappone in giro 
dappiede alle vesti donnesche, per lo 
più dello stesso Drappo dell'abito, ma 
tagliata in tralice acciocché la diago* 
naiità delle spine delle allisuture o dei 
fiorami rompa la Tasta linea in cbe 
sono nel resto dell'abito. 
Sbiéss. add. in. Sieco, Sbiescio, Sghem- 
bo, Obliquo. Storlo. 
CiAPAR DB SBiàss. Schioncirc, Coglie- 
re scarso. Percuotere o Cogliere a 
Schiancìo. 

De sBièss Per si^ièss. m. avv. A 
sbieco. In isbieco, A sghimbescio, A 
schiancio. Per ischisa, A schisa. Per 
ischiancio. In tralice, A sghembo. Tor- 
tamente. 

De SBièss. T. d'Agr. A canna, A 
flauto (Lastri). Foggia di taglio de' 
rami d'alberi e simili. 

Sbiglà Sbigolà. add. m. Smesso, Di- 
messo, Sciancato, Senza fianchi. E 
dicesi per lo più di donna nel porta- 
mento e nel vestire. 

Sbignar. att. Svignare. Fuggire con pre- 
stezza e nascostamente. 

Sbignarsla. Cogliersela, Córsela, Far- 



Digitized by 



Google 



SB 

nta, Baiienela. Andarsi ratto» Fu* 
oiarsda: dileguarsi qual fumo. 

Sbilancia, add. m. Di$$esiato. 

SBibA5ciABS. o. p. Distesiarsi. Mandar a 
male il proprio a ^ere sprofondarsi in 
debiti rovinosi. 

SfiiNDACÀ. add. m. ScompoHo^ Seoneio, 
Seiat0, Seiasnmanaio. Disordinato, e 
negletto negli abiti. 

SaiRDAcòR. s. 01. Cendoiaedo. Disotilac- 
ciò. 

Saiòas.'iVudo^ SpogUaio ag. di cosa pri- 
va d*ogni ornamento. 
Saiòss Sbiùss. Scusso, Àrido. Si 
dice il pane quando lo si mangia sen- 
x' alerò. 

Sbiebàe. att. Sbirbare, Sbirbonare» Vi* 
vere «Uà birba, da birbone. 

Sbìra. 8. ra. Birro, Sbirro, Berrooiere^ 
Zoffo, Famiglio, Fante, Donneilo, ma 
Birro è ministro della giustixia che 
la prigione ad istanza di essa gli uo- 
mini. Zaffo, vale lo stesso ma è voce 
plebea è più particolare dello Stato 
Veneto. II Berroi^iere era una guar* 
dia della giustizia piuttosto che un 
▼ero birro, e fu per rendere meno 
abbominevoli i birri che si incomin- 

- darono a chiamare Famigli, Fanti, 
Donzelli, che propriamente significano 
tutt! altra cosa. In gergo Ciaffero, Az* 

. Muffino, Bracco, Marabiso* 

Far ai sbirb b ai ladbi. Fare ai 
birri e ladri. V. Zug&r. . 

Sbìma. s. f. Sglèerra* Donna del birro. 
Sbìbba. s. f. Bargella, Spawilda. Don* 
na fiera, vivace, soprastante, che ha 
del virile, che non si lascia eoman* 
dare, che fa la camarlingona o la bra* 
▼accia. 

Sbibbada. t. f. birreria. Atto da sbirro. 

Sbibeaja. s. f. Sbirraglia, Sbirreria. 
Tutto il corpo insieme de' birri o fa- 
miglL 

Sbibbazz. s. m. Sgherraecio, Mangiafer^ 
ro. Squartatore, Tagliaeanloni, Zaf' 
fo. Ve%%. di Birro. 

Sbisbétt. s. m. Sbiraeehiuolo. Diminut. 

. di sbirro. 

Sbibrìtt. s. m. Fig. ArdiUllo. Faccia 
toau. 

Sbizzabìbs. n. p. Shizzarirsi. Scapriccirsi. 

Sbuxxab. atl. T. Mil. Aprire o levar 



SB 



37 



t assedio, 11 rinunziare che fanno gli 
assedìantt all' assedio di una città ecc. 
Liberarsi dalt assedio. Costringere gli 
assedianti a levar l'assedio. 

Sboba. s. f. Bigotta. V. Boba. 

Sbocci, s. e add. m. Sboccato, Svii^agna^ 
to ohe ha bocca larga. Lubrico, Cro* 
naca seorrettOé Largacelo di bocca. Di- 
cesi chi sia disonesto, o soverchia* 
mente libero, o incauto nel parlare. 
Sbocci. T. di Equit. Sboccato. Agg. di 
cavallo, che non cura il morso e che 
dicesi anche Bocca perduta. 

Sboccadìzz. s. m. Svivagnataccio. 

Sboccala!, att. Fiascheggiare. Comprare 
il vino a fiaschi ora in un luogo or 
in un altro. Noi però nel nostro dia<^ 
letto lo diciam più frequentemente nel 
senso di vendere il vino al minuto* 

Sboccab. att. Sboccare. Uscir fuora, mei* 
ter capo. La Parma sbocca nel Po. • 
Son due strade che sboccano in una. 
* Sboccarono in venti fuor del bosco. 

Sboccabs. n. p. Allargare, o Allargarsi* 
Dicesi particolarmente dei fori che o 
vengono ingranditi ad arte, o s* in- 
grandiscono per l'azion d'altro corpo 
che entro loro s'aggiri. 

Sbòcch. s. m. Sbocco, Sboceatofo, Sboc- 
camento, sboccatura, sboccamento d'u- 
na strada. Foce, imboccatura. 
Sbòcch d' SANfiov. Canalala o Sbocco 
di sangue. V. Sborgh. 
Sbòcch n' tm lach. Emissario se na- 
turale. Scaricatoio, Trabocco, Rifiuto 
se artificiale. Apertura d'onde i laghi 
scaricano le loro acque. 

Sbocén'hi. s. f. Ampolline. Quelle bolli- 
cine che si trovano per entro i vetri 
e che li rendono difettosi e come ba- 
terati. 

Sbocia. s. t T. degli Ott. Aececatoja. 
Strumento a foggia di saetta ^1 quale 
si fanno le accecature. 
Sbocia. s. f* Accecatura. Piccola incava- 
tura in figura di cono arrovesciato 
per ricevere la testa o capocchia d'un 
chiodo, d'una vite o d'altro, sicché 
spiani e non risalti (Ch'el vaga a fil). 
Sbocia. s. f. PuUea, FuUga. Quello spt- 
zietto piano d'aria che s'interpone 
nella sostanza del vetro. 

Sbociadoba. a. f. T. de' CeselL Pslte. U 



Digitized by 



Google 



58 



SB 



segno ammaccatura die lascia ne' 
lavori di metallo il colpo del ferro. 

SsoaiR. att. T, de' F. Ferr Accecare. 
Incavar buchi coir accecatqjo in si fat* 
to modo che possano ricevere le teste 
delle viti affinchè non risaltino in fuo- 

. ri. V. Svasar. 

Sbogbì. add. m. Sbigottito. Malmenato, 
umilialo da violenti rimprocci. 

Sbogbìr, att. Bravare. Minacciare impe* 
riosa mente e alteramente. Tartassare, 
maltrattare, malmenare, sbigottire. 

Sbojàca. s. f. Pappolata. 

SfiOJACRAR. att. Crosciare, Bollire a ero^ 
scio a ricorsolo. Bollire in colmo, 
gagliardamente. 

Sboìu'ura. s. f. Battitura. Quella scagliet- 
ta die staccasi dai metalli nel battersi 
a caldo. 

Sbojentar. att. Sboglientare. Quasi bol- 
lire. Scaldar molto, scaldar bene, e 
diccsi dell'acqua o altro liquido che 
si metta al fuoco per farne poi uso 
quando a bollire è vicina. 
SoojEKTAR. att. Scottare con acqua o 
altro liquido bollente; Scottare o Ab' 
brucciafe un porco, vale scottarlo per 
pelarlo. 

Sbojintòn. s. m. Bucatino. Piccolo bu- 
cato. Per similitudine noi diciamo S6o- 
;tn/07i un piccolo Ritrovato, cioè un 
merendino, una cenetta, una festic- 
ciuola o altro discreto trattenimento 
che alcun faccia con alcuni amici e per 
lo più in sua casa, per divertir la fa- 
miglia senxa sfarzo o etichetta. 

Sbolazzàr. att. T. dcgrindor. Imprime- 
re di bolo. Dare una leggera mano di 
bolo. 

Sbolognar, alt. T. Furb. Vendere. Disfar- 
si di una cosa ed anche usasi in sen- 
so di Bastonare, Imbrogliare e sim. 

Sboradura. s. f. Seme, Sperma. Genitura 

Sborasar. alt. T. degl'Indor. e Arg. 
Sboraciare. Purgar dalla borace i la* 
veri. 

Sbordacg'. s. m. Intriso. Broda, liquido, 

' imbratto. 

Sbordaccià. add. m. Imbrodolato. Insoz* 
zato, insudiciato, e dlcesi per lo più 
di cose liquide. 

SbordaccU d'or, ecc. Fig. Bordato, 
Gucmito, Coperto d' ora ecc. 



SB 

SbordacciasArt. s. m. Sudicciume, Sas* 
zura. Lordura, Sporcizia, Lordume» 

Sbordacgiar. alt. Imbrodolare, Lordasi. 
Imbrattare di broda, intridere, aucì- 
dare. 

SBORDAcciòif. 8. m. Sudicio, Lercio, Bro^ 
datone. Sozzo. 

SBOROAcéNT. add. Brodoloso* Imbrattato 
di broda. 

Srordonaddra. s. f. T. de' Cest. Borda- 
tura. Ornamento che i ceslaj fanno 
con vermene a certi lavori, come per 
es. alle zane (còn'ni) da bimbi. 

Sbordonar. V. a. T. de' Cest. Fare bor- 
dature. Ornare. V. sopra. 

Sborf. s. m. Buffo. Soffio non conti* 
nuato, ma fatto a un tratto. 
Sborf o Cannonada. Zaffata. Colpo 
ehe danno al naso i mali odori quando 
ne sopravvenga a un tratto «Iciid 
buffo. 

Sborf oFlata. Sbuffò, Fiato. L'atto 
di mandar fuori per bocca il vento 
cagionato in corpo per soprabbondanza 
di bere si che spruzzoli 
Sborf oel cavall. Sbuffo. Lo sbuffar 
del cavallo nel veder cosa che lo apa- 
venti. 

Sborf d' tent. Folata di vento. Yen- 
tata. 

Sborfada. s. f. Zaffata. Colpo che dan- 
no altrui talvolta i liquori, uscendo 
con furia in gran copia e all' improv- 
viso, come il vino di sciampagna. 

Sborfar. att. Soffiare, Sbuffare, Sbruf- 
fare. 

Sborfòn. s. m. Zaffata. V. Sborfada e 
SgonGòn. 

Sborfòn d' vent frbdd. Brezzolone* 
Un vento freddo gagliardo. 

Sborgar. att. Stasare. 

Sborgars. n. p. Spurgarsi. Scaracchiare. 
Sborgars, dir l'anim 90. Sciorre la 
bocca al sacco. Dir l' animo suo. Sfo- 
garsi. 

Sborgars el tehp. Sfogarsi il tempo. 
Dicesi quando dopo alcuni giorni nu- 
golosi piove a ciel dirotto. 

Sborgh, Sborgada. Spurgo. Lo spurgarsi 
trar fuora il catarro dal petto. 
Sborgh d' sangov. Canalata, Trabocco 
sbocco di sangue. Emoragia di san- 
gue per la bocca. Emottissa, sputo 



Digitized by 



Google 



SB 

dt SMigtte che Tieu da' bronchi per 
rottura di rasi. 

Stoaoii'. Bircio j Bornio. Berciloochio, 
sbìrdo, losco. 

SaoBiufA. 8. t. Bertuccia. Imbriacatara, 
ebbrena, sbornia. 

Saomi. add. m. V. Contad. Ai^^eniato 
Predpitato, senza considerazione. 

Sborib. aU. V. Contad. Malmenare, Mal- 
trattare, Tartassare, Minacciare, Stri- 
anere il basto o i panni addosso. Vi- 
lipendere. 

Sbomisì. add. m. Cinigimtof Cosi di- 
tesi un focolare o?e sia cinigia tutta 
messa allo scoperto. 

SioiufiSAa. att. Allargar la cinigia. Span- 
derla, stuzzicarla per sentir quei ca- 
lore che ancor contiene. 

SiOES. s. m. Sborso, Sborsamento. 

Ssoasà. add* ro. Sborsato. 

Sborsar, atu Sborsare, Disborsare. 

Sbosca, add. m Sboscato. Diboscato. 

Sboscar, att. Diboscare. Sradicare un 
b<Kco. Disertarlo. 
Sboscar i folsbi. Sbo%zolare,Sfrascare. 
Sboscar il pianti. Diramare. ( Lastri ) | 
Tagliare le ramature minori aegli al- 
beri per farne fascine. 

Sboscar il tidi. Stralciare le viti. 
Levarne i tralci perchè Tuta presso 
ad invaiare abbia minor ombra. 

Sbosià. add. m. Sbozzimato. Purgato 
dalla bouima. 

Sbosvar. att. Sbozzimare. 

SBonrroNÀ. add. m. Sbottonato. Che ha 
sfibbiati i bottoni. 

Sbottohar. att Sbottonare. Sfibbiare i 
bottoni. 

Sbocz. 8. m. Nocciolo. L'abbozzo greg* 
gio d'una figura di gesso o simile. 
Sbozz. s. m. Taccio, Staglio. 
Sbozz, Sbozzìda. Bozza, Abbozzata, 
S^zzatura. Abbozzo, abbozzatura. 
Dar un sbozz. Dare un taglio. Fare 
uiì defalcameuto senza minuti calcoli. 

Sbozzi add. m. Abbozzaticcio. Appena 
abbozzato. 

Sbozzadòr. s. m. T. de' Scult. SearpeU 
latore. 

Sbozzar, att. T. di B. Art Abbozzare, 
Imporre. Far la bozza o l'abbozzo, 
cioè cominciare a dar forma sul qua- 
dro, all'opera schizzata. 



SB 



39 



Sbozzarla. Zittire. Finirla, acchetarsi. 

Sbraca. Squarciato, Strambellato. Fatto 
a brani. Sbracato vale senza brache. 

Sbraoada. s. f. Sbracciata, Millanteria. 

SbragagiiX. m. avv. A cavalcioni. Con 
una gamba da un lato e una da un 
altro. 

Sbragagnìrs. n p. Spalancar le gambe. 
Porsi a cavalcioni. 

Sbracar, att Squarciare. Stracciare, 
rompere, spezzare. Strambellare. <» 
Sbracare, cavar le brache. 

Sbragars un pusìl. Scoppiare. Rompersi 
e aprirsi la canna d'un archibuso 
nell'atto dello scaricarsi. 
Sbragars un vor, dn mont. Scoscen- 
derai. Fendersi, aprirsi, spaccarsi. 

Sbragh. s. m. S^tiarcto^ Sbrandolo. Sbra* 
no, rottura, squarciatura. Squarcione 
accrescit. 

Sbraglar. Y. Sbragar. 

Sbragòn. s. m. Spaccone, Spaccamonti, 
Milantatore. 

Sbraj. s. m. Grido. Strido, urlo, vociata. 

Sbrajada. s. f. Gridata. 

Sbrajaffòn. s. m. Schiamazzatore» Gri- 
da lore. 

Sbraj AMÈNT. s. m. Busso, Gridare. Gri* 
daroento, gridata, gridio, schiamazzo. 

Sbruar. att Schiamazzare. Gridare ad 
alta voce, alzar la voce, gracchiare, 
dar nelle grida. Arrangolare, Bango^ 
lare. Aprir la gola gridando forzata- 
mente, y. Zigàr. 

Sbrajar adbé. Bravare. Riprendere 
ad alta voce. V. Publicaziòn. 
Sbrajar cvé un strazzàr. Y. Strozzar. 
Sbrajar FORT. Gridare a testa. (Frane.) 
A tutta gola. 

Sbrajòn. s. m. Schiamazzatore. Grida- 
tore. 

Sbrajòn'na. s. f. Schiamazzatrice. 

Sbrana, add. m. Sbranato. Fatto in brani. 

Sbranar, att Sbranare. Ridurre in brani. 

Sbranz. s. m. Rebbio. Y. Branz. 

Sbrasì. add. m. Sbraciato. 

Sbbasada. s. f. Sbraciata. Allargamento 
delle brace. 

Sbrasar, att Sòraciare. Allargar le brace. 
Cercar il fuoco. Stuzzicarlo perchè 
maggiormente si accenda. Attizzar la 
fornace. Stuzzicarne le legno per farle 
ardere con più forza. 



Digitized by 



Google 



40 



Sfi 



SBMTTACOSéN*!! A« 8. f. SUMlbugtUo. SUO- 

zinuccio ore ti ripoogooo gli arnesi 
della cucina. Vale anche Timllo. V. 
Guardacntén'na. 

Sbeattab. alt. Sbraitare. V. Desbrattar. 

Sbbazzabs. n. p» Sbraeciarn. Afiaticar 
grandemente. 

Sbeazzòr. s. m. Sbracia. Spaccone. V. 
Sbragòn. 

Sbbéga. 8. m. Fiandrone. Spaccone, mil- 
lantatore. 

Sbrémz. 8. m. Sbrinzo. Sorta di formag- 
gio cbe ci vien d'oltrepò. 

Sbbétbd. add. m. Floscio, Flaccido. Sner- 
bato. 

Sbbigalbtt. 8. m. T. Furb. Medico. 

Sbbigab. att. Sbrigare. Spacciare, Spe- 
dire. 

Sbbigatìv. add. m. Sbrigativo, Spaccia- 
Uva, Speditivo. 

Sbris. 8. m. Tritolo, Minuzzolo {Fior.) . 
V. Bris. 

In SBpiis. In bricioli. In peueltini : in 
minutissimi pezzi. 

Ili 8BRIS. Figurai. Sbricio, Brullo, 
scusso, smilzo, gretto, meschino. Ri- 
dotto al verde, in sul lastrico. Fallito. 

.Sbrislar. 8ti. Sbriciolare. Sbrizzare, mi- 
nuzzare, stritolare, ridurre in bricioli. 

Sbrislém. s. m. Minuzzame (Fior.). 

Sbrocar. alt. T. d'Agr. Sbrancare, Po- 
tar le branche o i rami degli alberi. 
Broccare, levar le frondi dai rami. 

Sbrodgòn o Sbrodlòn. Brodolone, Bro' 
dajo. Brodaiuolo. Vago, ghiotto della 
broda, o che s'imbroda. Sudicione. 

Sbroéudla, Sbrodla, Sbrodaja. Broda. 
Quel superfluo della minestra che o 
rimane nel calderotto, o si leva da- 
vanti a coloro che hanno mangiato. 
SfiRoàuDLA. 8. f. Fig. Sangve. 
Andar in sbroéudla o in brod d* ziz. 
Andar in broda di succiole, q di la* 
cagne. Provar estremo piacere. 

Gnir zo la sbroéudla. Versar san- 
gue, E dicesi di quello che cola cop- 
piosamente dal naso per colpo in esso 
dato. 

Sbrojar. att. Sbrogliare, Sbrigare, Stri- 
gare, Disviticchiare. V. Dcsbrojar. 

Sbrovattì. add. m. Scottato. 

Sbrovattada. 8. f. Scottatura. Scotta- 
mento. 



8B 

SanoTATAi. att, Seou&re. Ewafe cakfo 
caldìsainio, bollente bollente. 

StftUFT. 8. m. Fnfveeeiù, Sot^mmsò. Ri- 
gaglia gnada^, profitto che si ritrae 
da checdiessia oltre il soldo patloìto. 
Palmata, Ingoffo, Iwsbeceaia. Danari 
tisati a corrompere altrui ne poUitiei 
e privati negozj. Sbrugb, buona maoo 
di denari. 

SbRUFF D* VAMÉM*nà D* POLVRA tOt. 

Ventata di farina tee. (Hans.). 

Sbruffar, alt. Spruzzare. Spruzzolare, 
sbruffare. 

Sbrdffel. 8. m. Bolla, Bozza. Piccole 
cnfiatello. 

Sbruttar. att. T. de' Scarp. Sgalesirare, 
Lo staccar il galestro dal marmo. 

Sbucciar, att. Dibucciare. Levar le bucee. 
SbucuaR. att. T. d'Agr. Tondert. Ta- 
gliare i rami superflui alle piante. 
Sbucciar, att. T. Bot. S6oceùire. Usci- 
re 11 fiore fuor della sua boccia. 
Sbucciar, att. T. de' Cest. RipaMsare 
a coltello. Torre da cesti e panieri le 
estremità sporgenti de* vetrici o i noe- 
chii loro. 

Sbucciar un bognòn eoe. Scoppiare. 
Uscire la marcia da bubboni e simili, 
crepare la pellicola che li contiene. 

Sbucc LAR. att. T. de' Setaj. Sbroeeare. 
Ripulire la seta con un ago, od altro 
ferruzzo appuntato, dagli sbrocchi e 
sudiciumi che nel filarla vi si sono at- 
taccati. 

SbudU. add. m. Sbudellato. Che non ha 
più le budella. 

Sbudlaoa. s. f. Modo basso. Baldraeae- 
eia. Bandiera, Svivagnataccia. 

Sbudlar. att. Sbudellare. Ferire in guisa 
che escano le budella, ed anche Jm- 
mazzare. 

Sbuffar, att. Buffare dalla collera. Al- 
terarsi fuor di misura. 
Sbuffar, att. Sbuffare. Il soffiare 
che fa il cavallo nel veder cosa che lo 
spaventi. 

Sburlauerda. s. m. Letamajuolo, ma In 
senso ingiuriativo o sprezzativo. 

Sburlapasti. T. de' Conf. Calcatore. Y. 
Anma. 

Sburlamént. 8. m. Spignimenlo. 

Sburur. att. Spingere, Urtare. Fig. Far 
di spalla. Ajutar uno sottomano. 



Digitized by 



Google 



se 



41 



Sm»lòii. fl. m, tfnm^. Spinta forfè, 
«plotone. 

Sborlòh. 8. m. T. de* Peic. Cerdbta- 
/s. Spexie di rete fermata aopra un 
asta lunga che termina in aemieirco- 
lOf con cui ai pesea per le fosse. 

Sbcs. 8. ffl. Traforo, Straforo. Specie di 
lavoretto che (anno le donne, detto 
dai Francesi JPotfii au jour. - Law>ro 
di ea^, dicono le donne que' hiTori 
traforati ch'elle fanno in sul panno- 
lino. 

Sbusjle. att. Bucare. V. Sbusir. 

SausAociAE. att. Foracchiare. Sferacdiia* 
re, crr.diare. 

SaiSACÉaT. add. m. ForaecMalo. Crivel- 
Meo. 

Sbitscadòe. 8. m. T. di Gualch. Bipedi- 
tare. Colui che rivede il panno colla 
molletta. 

SauscADGBA. 8. f. T. dì Goalcb. Bipulitu- 
ra. lì pulimento delle lane in sudicio. 
Rwdina, cosi dicesi la rìveditura o 
molettatura del panno dopo lavato e 
purgato. 

SiuscAa. att. T. di Gualch. Bioedere. Le- 
var colle mollette la borra che si tro- 
va nel panno tessuto, e purgato. Ai- 
neiare. Tagliar colle forbici I lunghi 
peli de' vivagni che aopravanxano gli 
orli. 

SbosIr. att. Bucare. Forare, bucherare, 
traforare, pertugiare* Sbuiare, vìnce- 
re altrui tutti i danari. 

Sbdsìr. V. intr. T. de' Caciaj. Bolli' 
care. Svilupparsi nella pasta del fru* 
maggio que' vani spugnosi che fanno' 
rigonflare la forma. 

Sbusìr. att. T. de' Caciaj. Trafora- 
re, Sfiatare, Quella perforatura che si 
fa eoa una specie di spillo alle forme 
dt cacio che tendono a bollicare per 
interna gasosilà. 

Saiisia. att. T. di Cuc. Steccare. Far 
qua e la nella carne dei fori per fic- 
carvi dentro spicchi d'aglio o sim. 
Sbusìr. v. a. T. d* Equii. Superare, 
Vincere al corso. 

Sbusìr a covetti. T. de' Cali. Stam- 
pare. Bucar collo stampo gli orecchi- 
noli delle scarpe per infilarvi il cor- 
reggtuolo o sim. 

SeuTTòif. s. m. Spintone. V. Sburlòn. 



Sbottòn. 8. m. Fig. ^atto. Coagedo, 
licensa. 

Aix' ORA DEL 8Bi}TTòii. Al caior dcUc 
tende. In sulla fine. 
Dar di sbottòn. Urtare^ Riurtare. 
Dar bl sbottòk. Dare tT cencio. Li- 
cenziare altrui, mandar via. 
Uif BOH sbottòn. Sa/tomoiio. Ajuto di 
eosta: sussidio, provento straordina* 
rio. 

Sbottrar. alt. T. de' Cac* Sburrare. Ca- 
var dal latte la panna con che si fa il 
burro. 

Sbozzar, att. Sbudellare. Sventrare, ca- 
var il buzzo, la budella. V. Sbudiar. 

ScABi. 8. m. T. Furb. Chiaro. Siroppo di 
cantina, cioè Fino. . 

ScABiAR att. T. Furb. Bere vino. 

ScABiòSA. 8. f. T. Furb. i^o^na. 

ScABLÉN. 8. m. T. de' Pitt. Oeladia. Se- 
dia flessibile di forma triangolare con 
un semplice cumo disteso. 

ScABBOs. add. m. Scàbroto. Difficile, In- 
trigato. 

ScAGÀ. add. m. Scaeeato. Fatto a scacchi. 
Scaccheggiato. 

SacADA s. f. Scoccala. Colpo dato con 
uno scacco. 

ScAccfl. 8. m. Scacchi, he varie figure 
che servono al giuoco degli scaoJii, 
che sono sedici .cioè: un Re, una Re- 
gina, due Alfieri, due Cavalieri, due 
Hocchi, e otto Pedoni per ciascun 
giuocatore. V. Zugar a scacch* 
S€ACCH. 8. m. Casella, Scacco. Uno 
di que' quadretti, che per lo più si 
veggono dipinti l'uno accanto all'al- 
tro nelle insegne, nelle divise e ne- 
gli scacchieri con differenti colori. 
ScACCH. 8. m Scacco. Avviso al Re. 
ScACCH. s. m. Vivandiera. Cosi chia- 
masi un Portavivande tutto di stagno 
o latta formato di più ciottolo con 
due manichi (orcén'ni ), soprapposte le 
une alle altre, e tutte rattenute da 
un unica striscia di pelle. 
ScAccH. s. m. T. de^ RattiL QuarHl 
Pezzetti di cordella lunghi un pollice 
e mezzo 56 de' quali formano U jirt- 
mo pacchetto. 

ScAccH. 8. m. T. delle Cab. QuAéet* 
letto. Specie di gheroncino tra la due 
staffe a ciascun Tato della ealza ed è 



Digitized by 



Google 



in 



se 



, laYorato UiUo d'oD petzo eoo essa. 
Confilo. 

Scacco a la tórba. Seaceoroceo. Lo 
scacco che si da al rocco nel giuoco 
degli scacchi. 
ScAGCH ATERT. Scacco icopérlo. Quan- 
do il Re è talmente bloccato^ eh' esso 
non pnò più nuoTersi. 
ScAcCH isoLà. T. di Blas. Plinto. Scac- 
co figura simile isolata nel campo 
di uno scodo. 

ScAGCH HATT. Seoccomaito. Cosi dicesi 
nel giuoco degli scacchi il chiudere 
l'andaU ài re. Tavola. 
Scacco matt. Fig. Rovina, Danno. 
Perdiu eoe. 

Dar scacco hatt. Mattare, Dare $cac' 
co matto. Dare scacco matto di pedioa 
nel mezzo del tavoliere: Fig. JRoinpe- 
re l'uovo in bocca, guastare o rom- 
pere gli altrui disegni, ed anche ca- 
gionar danno o perdita. 
Fatt a scacco. Fallo a scacco. Fatto 
a dama, a quadretti, a quadrellL Scac- 
cato, scaccheggiato. 

SaccoERA. s. f. Scacchiere. Tavola scae- 
cata e quadra composta di sessanta- 
quattro quadretti, mezzi di un colore 
e mezzi di un altro, chiamati scacchi, 
sopra la quale si giooca colle figure 
dette pure scacchi. 

ScAciARSU. m. avv. Deliziani. V. Sga- 
giarsla. 

ScAca. add. m. Scaccolato (U. T.). Spil- 
laccolato, Senza Caccoli o Pillaccoli. 

ScACLAR. att. Spillaccherare, Scaccolare. 
Levar le pilacchere o zacchere. Smor* 
bare. Pulire o liberar checchessia da 
alcuna cosa rea o sudicia. 

ScADAGNòif ScADAYòN. Ciascìicduno, Cto* 
scuno. Cadauno, Cafuno. 

ScADÈNT. add. m. Scadente. In cattivo 
stato. 

Scadenza, s. f. Scadenza. Scadimento, ed 
anche Risposla* T. de* Mere il ter* 
mine in cui scada un pagamento. 

ScàDBR. att Scadere. Declinare, venire 
in peggiore stato, ed anche il tempo 
prefisso in cui si ha a fare un paga- 
mento, altre cose. 

ScADiiÀ. add. ra. Scatenato, Sconeao: 

ScADNAR. att. Scatenare. Levar le catene, 
scioglierle. 



se 

ScADKARs. n. p. Scatenarsi. Seiorsi o 09cif 
dalla catena, e per metaf. Scappar fuo- 
ri, sollevarsi con furia ed impeto. 

ScADiVAZZAR. Rtt. Schiavacciarc, Aprire o 
levare i chiavistolli. 

ScADèR. 8. m. Seccatelo, Seccatola. LacH 

go ad uso di seccarvi frutta e aimìit. 

ScADòR. 8. m. T. de' Birr. Seccatcjo. 

Specie di graticcio da seccare l'orzo 

tallito. 

ScADu. Scaduto. Agg. d'interessi corsi e 
non pagati. 

Scapa, s. f. T. de' Chiod. Cambra? Bu- 
co nel ceppo in cui si impianta la eo* 
da dell' incudine de' chiodajùolL 

ScAFADA. 8. f. Canto. L'angolo interao 
che si forma da due case contigue 
una delle quali sia più innaniì dd* 
l'altra. Cantonata dicesi l'angolo e* 
sterno di una casa che sporge. 

Scafarli, s. m. T. de' Tabacc. Trinciato 
fine. SorU di tabacco da fumare trin- 
ciata sottilmente e tratto da foglie di 
tabacco scelte. 

ScAFiss. s. m. T. de' Drogh. ScafaoMo. 
SorU d'involto fatto di pelle con os* 
satura di mazze o costole di palma 
che forma come una cassa, entro coi 
si chiudono le gomme e gl'incensi 
che ci vengono dal Levante. 

ScAFF. Y. Scacch. 

ScAFFÀL. 8. m. Scaffale. Strumento per 
lo più di legno ad uso di tener limi, 
scritture e simili. V. Scanzia. 

ScAGARGNAR. V. ScRgazzar. 

ScAGAZZADA. 8. f. òcacaizìo. Scacatza- 
mento. 

ScAGAZZAR* att. Scacazzare. Cacare in 
più riprese e in più luoghi. Sconca' 
care, bruttar di merda. 

ScAGAZzòN. 8. m. Caeacctano. Che si ca- 
ca sotto, fig. Merdellone, Merdoso, 
Arroganlello. 

ScAJA. 8. f. Scaglia. Pezzuole di marmo 
che si fa saltare collo scalpello lavo- 
randolo. Scheggia pezzetto sottile <M 
legno che staccasi da un altro io la- 
vorandolo altrim. 
ScAJA. s. f. Fig. Bagascia. Baldracca, 
cornacchiuzza, pedina, donna ^i par- 

. tito. 

ScAJA. 8. f. T. de' F. Ferr. Stozzaci 

, ciò. La scorza del ferro bollito. Sesh' 



Digitized by 



Google 



se 

fUa h seona dd ferro che si 8t«oea 
tiuando è percosso dal martello sul- 
1 incudine. 

ScAiA. 8. f. T. de' Mur. Svtna. Pic- 
cola scheggia di mattooc o pietra eoa 
che si rtemptono le fessure delle mu- 
raglie. 

Sgaja. a. f. T. de* Ram. Ramina. 
La scaglia che scappa oel rinfocolare 
il rame. 

Sgaia. s. f. T. de* Tabacc. Seaglietia, 
Cruseheiio. Sorta dt tabacco di grana 
grossa ora non più in commercio da 
eoi. 

Scaia di péss. Squamma, Scaglia. 
i«a scorta dura e scagliosa del pesce 
e del serpente. 
ScAilu add. m. Scheggialo, Sverzato. 
ScAiAa. att. Scheggiare. Fare scheggia, j 

ScAiAa. alt òverzare Far isvezze. 

ScAiAR, ■BTTEa DiL scAii. Riuverzarc. 
Riturar fessure di legname con pez* 
aelti di legno, che diconsi sverze. Ma 
dìcesi meglio del riempire con ischegic 
di pietra il vano che resta tra pietra 
e pietra nel murare. 
ScAiAfts. Scheggiarsi. Rompersi in ischeg- 
gie. 

ScAiARS xm Din ecc. Scalfirsi, Graf" 
fiarsi, Le^rsi un poco di pelle, pe- 
netrando alquanto in sul vivo. 
ScAJÉTTA. 8. f. Scaglietta^ Scheggeita. 

Piccola scaglia. Scaglinola. 
Scili. 8 f. Scliegge. 

TiRAa vu IL scAii. Scagliare. Levar 
le scaglie. 
ScAioEULA. 8. f. Scagliuola, Pietra epe* 
eulare. Selenite. Spezie di pietra te- 
nera SHBÌle al talco, altrimenti detta 
specchio d* asino, della quale si fa il 
gesso de* doratori, ed anche una com- 
posizione mesiora , con cui si ricuo- 
prono le iavole e simili. 

ScAioéuu. 8. f. T. Bot Scùgiiela. 
Erba che cresce in montagna nei Ino- 

fhi ombrosi. I] Milium paradQxum 
ino. 

ScAioàcu. 8. f. T. de* Tabacc. Crusca. 
Specie di farina di tabacco tratta dal- 
ia parte più grossa della foglia. 
ScAiòN. 8. m. Scheggiane. Grossa scheggia. 
Souòif. 8. m. T. de* BotUj. Lulla. 
V. Lunétta. 



SP 



45 



ScAÌÒli. 8. m. T. di Vet Scaglioni. 
I quattro denti canini del cavallo. 
ScAiòs. 8. m. T. Furb. Pesce. 

ScAiòs. add. m. Scaglioso. Che ha 
scaglia che sì scaglia. 
Scala, s. f. Scala. Cosi dicesi in genere 
tuttociò che è fatto acconcio a salire 
scendere per distinti gradi posan- 
dovi il piede. V. Scala d cotu 

Scala. Figurat Scala. Ordine di chec- 
chessia che vada gradatamente cre« 
scendo o scemando. Tutto quello che 
da una cosa ne conduce ad un altra. 

Scala, s. f. T. d* Agr. Vicenda. Ruota 
giro delle coltivazioni del medesimo 
terreno. Dicesi Ammendamento de* òo- 
scAt. 11 taglio regolare degli alberi 
boschivi secondo la loro età e secondo 
certe regole che importano alla mag- 
giore e miglior nroduzione de* boschi. 

Scala, s. f. T. d^ Agrim. Scala metrica. 
Determinata misura di miglia o leghe 
per rilevar le distanze da luogo a 
luogo, 1* estensione d*un luogo. 

ScAU. 8. f. T. Mus. Scala. Suoees- 
sione gradata di suoni rappresentata 
da note ascendenti o discendenti sul 
rigo. Grec. Diagramma. 

Scala a cordòn. Cordonala > oppure 
Scala a cordonata. Quella che invece 
di scalini ha pietre, rotonde per lo 
più, in foggia di mezzo bastone. 

Scala a lciaga. Scala a chiocciola. 
Quella che rigirandosi in sé stessa, si 
appoggia da una parte al muro e dal- 
1* altra o sopa sé stessa o sopra una 
colonna. Dicesi Scala a pozzo, la 
scala a chiocciola quando le branche 
rigirino intorno a collo sicché nel 
inezzo rimane uno spazio tondo a mo* 
di pozzo. 

ScAU A MAR. Scala portatile, a mano. 

Scala a pertga. Staggiera. Specie 
di acala che consiste in una soda stag- 
gia attraversala da piuoli a guisa di 
rastrello. ' 

Scala a viifTài. Scala da scorrere. 
Scala con pìuoK snodati che si na- 
scondono negli staggi e chiusa ne for- 
mano come un solo. 

Scala comda. Scala agiatissima* Che 
si sale e scende senza grave fatica. 

Scala con i pUn. Scala a paUhù 



Digitized by 



Google 



44 SG 

Quella che ha i gradini larghi di la* 
volc. 

Scala da hur. Scala murale. Cioè 
che si appoggia al muro. 

Scala d* curda. Scala di corda, 

ScAU d' coroòn d' seda. Scala di 
seta. 

Scala d* cott. Scala slabile. La scala 
di pietre che mette a vari pìaoi della 
casa sim. Gomponesi di 

Cassa Gabbia. 

Imposi • • • • Impostatura. 
Maotègn. • • • Appoggiatqjo. 

Pechi Scalini, Gradini. 

Aampànt • • . Branche, 
Ripiàn • • • • Pianerottolo. 
Viv • • • • • Anima» 
Zìma Caposcalo. 

Scala db strabalz. Scala a collo. 
Quella che ha un solo muro nel quale 
souo incastrati da una sola parte i 
gradini di marmo o legno. 

Scala doppia. Scala aperta. Scaleo. 
Scalone. ( Ramb. y, se ha un solo ram- 
pante. Scala di l^no che si apre in 
due ed aperta raffigura un compasso 
e si trascina ove è il bisogno di far* 
ne uso. 

ScAU D* PROèuj. Scala a piuoli; la 
quale si compone di due staggi o 
correnti in cui sono collocati di tratto 
in tratto ad eguale distanza i piuoli 
che servono di scaglioni. 

Scala dritta. Scala distesa. Quella 
che è in diritta linea a differenza delle 
scale a chiocciola. Scala erta, dicesi 
quella che ha poco sdrajo ed è molto 
ripida. 

Scala incassada. Scala a eassetta. Sca- 
la tra due muri. 

Scala orba. Scala cieca. 

Scala segreta. Scala segreta. Scala 
che non è d*uso comune. 

Scala volanta. Scala a volo. Quella 
le cui branche non sono appoggiate 
ai fianchi da alcun muro e solo si 
reggono sulla loro impostatura. 

Dar zo da la scala. Tombolare tutta 
quanta la scala. 

Far u scala. Scalire, Ascendere o 
Discendere le scale. 

In ziVA A LA SCALA. A sommo le scale. 
( Vasari ). A caposcala. 



se 

Per scala. Gradatamente, A sùakt. 
Pbndeuza du sgau. Sdrajo. 

ScALADA. s f. T. Mil. Scalata. Ascesa di 
muraglia che si fa con scale per im- 
possessarsi del luogo assediato. Ingali" 
zione, scalata furtiva che dà il ladro 
per introdursi in una casa a rubare. 
Acrobatico g Grec. Qualunque Bpecie 
di salitojo, ossia macchina per salire 
ma specialmente le belliche. 

ScALAMèNT. s. m. Scalamento. L*allo e 
r effetto dello scalare. 

Scalar, att. Scalare, Salire^ montare ia 
un luogo con iscala. 
Scalar, att. Digradare^ Scontare a 
scaletta. 
Scalar, att. V. Contadi Importare, 
Calere, altrìm. Osare. 

ScALAZZA. s. f. Scalaccia. Pegg. di scala. 

ScALCH. s. m. Scalco. Quegli che trincia 
o mette in tavola le vivande. 

Scaldabanchi, s. m. Fannullone, Pan- 
cacciere. Chi frequenta le pancaccc, 
cioè i luoghi publici per ciarlare. V. 
Ozios. 

ScALDADA. B. f. Un coldo. Scaldata {Tosic) 
Dar 'na scaldada. Dare un caUo. 
Scalducciare. 

ScALDALETT. s. m. Scaldaletto. V. Scaldén. 

ScALDAVÀif. 8. m. Scaldamane. Sorta di 
giuoco puerile che sì fa ponendo le 
mani de* vari giuoeatori Tuna sopra 
r altra e tramuundole sopra batteudo- 
le ogni volta per scaldarsi le mani. * 

ScALDAMÉNT. s. m. Rìscaldo. 

SCALDAPOLS. y. Polsètt. 

Scaldar, att. Scaldare. Indurre il csiéo 
in checchessia. 

Scaldar, att. T. de' F. Ferr. Tener 
in caldo. L'operazione di tenere il 
ferro o l'acciajo nel fuoco della fab- 
brica, perchè prenda quel grado di 
calore che è necessario per bollirlo , 
piegarlo o fabbricarlo. Tre souo ì gradi 
del caldo, cioè Caldo rosso. Caldo 
ciliegia e Caldo bianco, che è il mag- 
giore che si possa dare senza che il 
ferro entri in fusione. 

Scaldar bl ferr T. de' Cbiod. Bol- 
lire il fèrro. Rendere il ferro alto al 
lavoro. 

Scaldar bl mum fòrer. DiVeeeAtare. 
Riscaldare il forno la prima volu nella 



Digitized by 



Google 



se 

gioroata dopo che è raffreddato. Dice- 
si Caricare o Scaidare il rimetter 
fuoco in esso ogai volta che è già 
caldo. 

Scaldar el rasòr. T. de* Barb. Scal- 
dare il ra9ojo. Immergerlo Dell' acoua 
calda perchè riesca più smusso il filo 
Dei radere quelle parti della barba 
ove 1 peli SODO più reslsteoti. 
ScALDARS. n. p. AtsoaMarst. Ripreodere 
il calore perduto. 

ScALDARS. D. p. Dafst tcfui Ikta o 
un buon caldo. Scaldarsi. Accostarsi 
al fuoco ^ esporsi al sole ecc. per ri- 
ceverne il calore: e figurat. Pigliar' 
Mela, Eiécaldani, Rinfocolarsi, en- 
trare in collera, infiammarsi |>er qual* 
che afletto o conunovimento intemo. 

ScALDARS 1 FERR, Fig. Cuoccni. In- 
namorarsi ardeDtemcDtCy scaldarsi d'a- 
more. 

ScALDARS 11 JORBCci. ScaldorH di 
vino. Ed aoche Far gli occhi groui. 
Entrare in valigia: Saltar in ,$uila 
bica Incollerirsi, riscaldarsi. 

ScALDARS IN t' UN AFFARI. PugnCT^isi, 

Infèrvorirsi. (Frane.) 

ScALDATORi. s. m. ScaUotofo. Staoai co- 
muDe ne' monasteri, dov'è il cam- 
mino. 

Sc^LDAViVANDi s. m. Scaldavivandc. Stru- 
mento di più fogge, ad uso di tener 
calde le vivande nei piattelli. V. Stua 
da cusén'na. 

ScALDéN. s. m. ScaldalettOé Vaso di ra- 
me o simile in forma di padella, con 
coperchio traforato, dentro al quale 
si mette fuoco, e con esso si scalda 
il letto. 

Bus DBL SGALDÉN Occhi dcllo scalda* 
letto. 

ScALéN. 8. m. Sea/tno. Scaglione, grado, 
gradino. V. Peca. 

ScALÉN. 8. m. T. de' Carr. Ridoli, 
Cosce. 1 lati d' un carro allorché son 
hai a rastrelliera con pinoli o stecche. 
ScALÉN. s. m. T. de Squer. Starni^ 
nare. Pezzi di legno più o meno curvi 
che foriiiano parte della eosta di una 
nave o navicello. 

1 pam SCALÉN. invito. Que' prhni 
gradini che accennano una scala. V. 
Pechi. --' 



SG 



45 



Metter i scalén. Imbonar le «lomt- 
nare. Calettarle tra loro e riempirne 
i vani con legni di riempimento. 
Scaletta o Scalén*na. s. f. SeaUHa, 
Scalino. Piccola scala. 

Scaletta, s. f. Scaleo. Specie di scala 
movevolc con due o tro gradini che 
si regge sui nroprii piedi. 

Scaletta, s. i. Sdrucciolo. Quella scesa 
che talor si trova in una svolta per 
discendere da luogo alto in basso, 
come dalla nostra Strada del ponte 
di mezzo verso la Ghlaja. 

Scaletta, s. f. Cincischio. Sorta di 
taglio mal fatto a foggia di dentello. 

Scaletta, s. f. T. di Goalch. Scala. 
Colpi di forbici, o solchi fatti ne' peli 
del panno per soverchia fretta, o per- 
chè le forbici striogono troppo nel 
taglio. 

Scaletta, a. f. T. de' Torn. Scaletta. 
Regolo di legno a sinistra del torni- 
tore nelle cui tacche si ferma all' al- 
Itezza voluta l' appogffiatojo. 

Scaletta, s. i. T. di Vet. Scaletta o 
Passo d^ asino. Strumento di ferro 
per tener aperta la bocca dei cavalli 
e de' buoi quando si fiinno esplora- 
zioni ed operazioni in essa. 

Scaletta da altari. Salitqfo. 

Scaletta du tiorba. T. de' Tabacc. 
Scalettai Quella che regola il movi- 
mento della trincia. 

CONT A SCALETTA, CoNT SCALAR. CÒflIO 

graduale, graduato, di proporzione. 
Cioè fatte con la scala di proporzione. 

Far la scaletta. Fare scala. Servi- 
re far servire di scala la propna 
persona perchè altri salga ò dia la 
scalata ad un luogo. Fare il saUscen" 
di. Far la scolina. Far montare un 
uccellino coi suoi piedini da un dito 
all'altro della mano della persona. 
Scaletti del v azzabécch. Sproni. Ritti con 
vari piuoli in essi infissi che servono 
per assettare la carrucola della berta. 

Scaletti dla piola. Balzi. Le irre- 
golarità che lascia la pialla nella su- 
perficie del legno riscontroso. 
ScÀLEV. 8. m. T. d'Agr. Diramatura, 
Scapezzamento. Taglio de' rami degli 
alberi che si fa ordinariamente di tre 
in tre anni. V. Scalvar. 



Digitized by 



Google 



M se 

SclLtT. i. m. T. delle Sari. Scolio. 
S|»ro da eolio o apertura delle ea- 
micie da doDoa. fieDeralmepte Taglio 
angolare, a sghimbescio, a schisa, a 
schianeio,. a sbieco. 
ScXlbv DiL VESTI ccc. Scovo. ( Fior. ) 
SclLBY DLA VANGA. Giro. Taglio cir- 
colare al quale si cuce la manica. 

ScALP. s. m. T. Furb. Boccale di vino* 

ScALFAROTT. 8. IH. Pantofola di einu)ssa. 
(Fior.) Scarpa di feltrali. (B. L.) 
Scarpe per lo più di cimossa che si 
sovrappongono alle altre onde tener 
più caldo U piede e per camminar 
sicuro sul ghiaccio. 

ScALFAROTTAR. s. m. Pantofrlajo. Chi fa 
le pantofole ossìa le scarpe di cimossa. 

ScALFAROTTÉN. 8. m. PantufoHno. Scar* 
pettina di feltrati pe' fanciulli. 

ScALu. 8. f. T. d'Agr. Pollino, Ficea" 
tojo. Terreno di polla. Acquitrino. 
Terra frigida ove scaturiscono polle 
d'acqua cne stagnano. V. Sortùm. 

ScALiNADA. 8. f. Scalinata, Ordine di 
scalini avanti ad una chiesa. Scalea, 
doppia scalinata che mette ad uno 
stesso luogo. Gradinata, dicesi la bre- 
ve scalinata che è tra la balaustrata 
a l'altare elevato. 

ScALFÉTT. 8. m. T. Furb. Mezzo boccale. 

Scalmana, s. f. Scarmana o Scalmana. 
Infermità cagionata dal raffreddarsi 
immediatamente dopo d' essersi risesi* 
dato. Caldana. 

Scalmana, s. f. T. d'Agr. Afa. Ma- 
lattia delle piante per cui appassiscono 
i fiori e le foglie in forza di una ec- 
cedente evaporazione. 
Scalmana o Scarmana. s. f. T. di Vet. 
Attrappatura, Attrappamento. Infiam- 
mazione cutanea del petto e sue vi- 
cinanze che viene a' cavalli e simili, 
per freddo umido. 

CiAPAR 'na scalmana. Scormanorsi o 
Scalmanarsi. Prendere una caldana, 
e dicesi di persona. Attrapparsi di 
cavallo. Afare, (v. di reg. ) dircbbesi 
delle piante. 

Scalmana, add. nt Scalmanato, Accal- 
dato. Afato. V. Scalmana. 

Scalógna, s. f. T. Bot. Scalogno. VAllium 
ascalonicum Linn. Specie di agrume si- 
mile alla cipolla, ma di piccoi capo. 



se 

ScALòN. 8. m. Scalone^ Scaia grande; 
ScALùN. s. m. Caseiajo. Speeie di 
scaffale a molti palchetti sostenuti da 
travicelli verticali collegati, sui quali 
si tengono ìm serbo le forme del ca- 
cio ne' escili. 

ScALòN. 8. m« Scalo. Quella coppia 
di travicelli sulle quali si voltolano 
botti, balle ecc. dai facchini. 
ScALòN A DU RAMPANT. Scolca. Y. Sca- 
li uada. 

ScalonA. add. m. T. Mil. A scaglioni. 

ScALONAR. alt T. Mil. Porre od Accam* 
pare a scaqlioni. Cosi dicesi il di- 
sporre i vari corpi dell'esercito gli 
uni dietro gli altri a somiglianza de' 
scaglioni di una scala. 

Scalòn'na. s. f. ScalonOé Scala luoga e 
grande. 

ScALOPi. 8. f. T. di euc. Braciuoletu 
in salsa. Fettine di vitello panate, sof- 
fritte e poste in umido a cuocere. 

ScALVMAR. V. a. T. Furb. Scorgere, Ve- 
dere. V. Slumar. 

Scalva, add. m. T. d'Agr. Scapezzaio, 
Diramato. Privato de' rami. Dicesl 
Bernoccolato queir albero messo a ca- 

fn'tozza, come il salcio, dì cui si tagliano 
e (rondi per procurarsi de' pali o de* 
vincigli. 

SaLVÀ. add. m. T. delle Sarte. Scot-^ 
lato. Che ha lo scollo come per ca. 
le camicie, le vesti e sim. 

ScALVADA. s. f. T, d' Agr. Scapezzatura, 
Scapezzamento. 

Sgalvaj>or. 8. m. T. d'Agr. Scapezza» 
tore. (Lastri) Colui che scapezza o 
dirama le piante. 

ScALVADDRA. s. f. T. dcIlo Ssrt. Scoiia' 
tura. Lo scollo delle camicie e simili. 

Scalvar, att. T. d'Agr. Scapezzare, Di^ 
ramare. Tagliar i rami agli alberi in» 
fino presso il tronco. Capitozzare, 
Scapitozzare, hisciare il solo tronco. 
Rimondare, il togliere que' rami che 
disadornano la pianta. Diveltare, il 
tagliar le cime delle piante. Tbndere^ 
il rotondare il capello della pianta. 
Coronare, scapezzar a corona i gelsi. 
Tramarrare, tagliare i rami delle 
ceppe sterpigne tra le due terre per 
ajutare le ceppaje delle fratte. V. ìfo^ 



Digitized by 



Google 



se 

ScALVÀA IL CASTAGNI. JfeoccMara. Te- 
nerle moode da* cacchi e da* rami 
inutili. 

Scalvar il sbsi. rotore. Ritoodare 
le siepi. 

Scalvar 'na causa. Fare lo $eoUo, 
e geDeralmcDte lo diciamo dd Ta- 
gliare angolarmente, a schisa ecc. 
y. Scètev. 

Scalvar *na macia. Arrancare. 
ScALz. 8. m. Estremità. L'estrema parte 
di checchessia: cootrario di paota. 

ScALZ. s. m. T. d*Agr. Ceppo. La 
parte più bassa e più vicina alla ra- 
dice di una pianta. 

ScALz DEL copp. Testoio. V estremità 
più larga del tegolo. 

ScALz n' TBN*NA. Sgocctolatura. V ul- 
timo vino che si trae dal tino. 

ScA.LZ d'un pass. Pedale. Cosi dicesi 
per analof^a alla parte della fascina 
opposta alla vetta, (zima) 

ScALZ d' un fusil, d' na lanza. Cai" 
ciò. Piede d*archibuso, di lancia esi- 
roilL 
ScAixk. Scalzato. Add. di dente che non 

sia ierraio e coperto dalla gengiva. 
ScALZADA' s. f. Calcio. Colpo che dà col 
piede il cavallo o altra simil bestia. 
V. Calz. 
ScALZADòR* s. m. ScaUatqjo. Ferro da 

scalzare i denti. 
ScALZAMORlJ. s. m. T. Furb. Piccione, 
Colombo. 

Scalzar, trar dil calzadi. Scalciare. 
Scakheggiare, calcieare, calcitrare, spa- 
rare: è in modo furbesco. Mandare a 
Calcinaja, sprangar calci. V. Descaixar. 

Scalzar la branca. T. de' Canap. 
Graffiare la manata. Strappare col graf- 
fio la manata che si vuole pettinare. 
ScALZARÉN. 8. m. T. d' Ornit. Cardellino, 
Carderuaio. Uccelletto che ha il capo 
rosso e l'ali chiazzate di giallo e di 
nero, e canta dolcissimamente. Il Frin- 
gilla cardueUs. Linn. 

ScALZARÉN. Fig. Suggellino. Persona 
eealtrita, ed anche giovanotto che 
si piglia gusto di far l'innamorato, 
canterellando sotto i balconi dell'in- 
namorata. 
SoRLEGNAMèNiu 8. m. Scalpiccio. Lo stro- 
picciamento de' piedi in andando. 



se 47 

ScalzgnIr. att Scricchiolare. Scricchiare. 
ScALZCNiR. att. Fig. Menar le ealcole. 
Macinare. V. anche Scaragnar. 

ScAUiNÀ. add. ni. Scalcinato^ Distoni- 
cato, privato dell' intonico. 

ScALZiNAR. att. Scalcinare. Levar la cal- 
cina dai muri, guastandone lo in to- 
nico. 

ScALziNARBS. n. p. Scantcare. Spiccarsi 
dalle muraglie e cadere a terra gli 
intonachi. 

Scambi, s. m. Cambio. V. Gambi. 

Scambiar i pbrsonàr. T. Mil. Commutare 
i presi. V. Cambiar. 

ScAMBièTT. 8* m. Scambietto. Il tornare 
addiettro come fa la lepre; ed è an- 
che un salto che si fa ballando. 

Scamonèa, s. f. T. Bot. Scamonea, Sea- 
monio. Pianta che cresce e si coltiva 
nel levante, da noi conosciuta pel sa- 
go lattescente delle sue radici, che 
ridotto a stato concreto si conosce in 
medicina e in commercio sotto il no- 
me di scamonea. Ve ne sono di due 
sorta, quella in lagrime è la migliore. 
La pianta è chiamata da Linn. Cofi* 
vol^lus scammonia. 

ScAMOTTADA. 8. f. Trafurelicria. Traforo- 
ria, ruberia. 

ScAMOTTAR. att. (dal Frane. Escamoter). 
Furacchiare, Tra furare. Camuffare. 

ScAHOTTOèiJR. 8. m. (Frauc.). TrafureU 
lo. Baro, Barattiere. Ladroncello, 
sottile inganatore. 

Scamp. s. m. Scampo, Discanso. Salute, 
salvezza. 
An oh' é d' scamp. Di qui non si esce. 

SaMPANAMéNT. s. m. Scampanata, Seam^ 
pania. Gran suono di campane. 7bm- 
pellata, suono interrotto £ campane. 

Scampanar, att. Scampanare. Fare un 
gran sonar di campane, altr. Tem^ 
pcllare. 

Scampar, att. Salvare, Liberare. Trarre 
di pericolo. 
Scampar. Intr. Campare. Vivere. 

ScAMPAzzAR. intr. Campacchiare , Cam^ 
par refe refe. Vivacchiare, campar 
male, a stento. 

ScAN. s. m. Scanno. V. Scann. 

ScANÀ. 8. m. Tritone, Scannapidoechi. 
Povero in canna. 
ScANi. (dd. m. Seanna/o. ^gonato. 



Digitized by 



Google 



iS 



se 



Sgahaconftéh. 8. m. SeipiuUo. Uo uomo 
seDM Bile. 

ScAiiADòi. 8. m. Seanmiqfù. Laoco dove 
81 scàQoano gli animali per u beo- 
d^eria. 

ScAjiAPOss, 8. m. Contrafòsiù. Fosso prò- 
foùdo. RampieoUo, luogo in cui faoil- 
meote si cade. Tacca, Attacca, In^ 
tacca. Piccolo taglio, squarciatura o 
maocamento, in legno, pietra, ièrro o 
simile. 

ScANAGRÌLL. 8. m. CastrapoTceUi , Coitri" 
no. Coltdio di cattivo taglio. 

Scanalar, att. Accanalare, Fare o sca- 
vare checchessia a guisa di canale. V. 
Scanlar. 

ScAif APioéuGC* 8. m Scorticapidocchi. Piat- 
tola, spiisèca, tignamica, mignatta, 
saccliera, pilacchera, spilorcio, ava- 
rooe. 

ScAHAR. att. Scannare. Tagliar la canna 
della gola. 

ScAMARs. n. p. Sgozzarsi. Uccidersi, Ac- 
oolfellarsi. 

ScAifAVOGCiAR. Rtt. T* de' Can. Dipelare 
la canapa. Levare il tiglio dal cana- 
pulo. 

SaitniJ. s. m. Scandaglio, Piombino. 
Strumento di piombo clie legato ad 
una funicella chiamata Sagola, serve 
a misurar 1* altezza de* fondi . Fiasca 
idronietriea. Strumento inventato dal 
Nardi per misurare la portata del- 
r acqua di un fiume, canale o simile. 
ScAHDÀJ. 8. m. T. di Fcrr. Pacchia^ 
ro. V. Faciar. , 
Far I so scandàj. Fig. Scandagliare, 

' Fare % calcoli. Riandare entro se le 
ragioni del fare o non fare una cosa. 

ScANDAJADòR. s. m. T. dc' Sslio. Assag- 
aiatore. Colui che nelle moje assaggia 
f] grado di saturazione delle acque 
delie moje. 

ScAiiDAJAR. att* Scandagliare, o Piombi- 
nare. Gittar lo scandaglio. Fig. ^Esa- 
minare per lo minuto. 
ScANDAjAR. att. T. de' Squer. Stazà* 
re. Misurare una nave per vedere se 
è della tenuta che deve avere. 

Scandalizzar, att. Scandalizzare, Scan- 
daleggiare. Dar mala vista. 

ScANDALOs. add. m. Scandaloso, Seanda- 
lizzalort. 



se 

ScARMLA. V. Scinsla. 

ScJLHDOL. 8. m. Scandalo. Scandolo ed 

anche Inconveniente, Indecenza. 
ScANÉLL. 8. m. Scannello. Arnese da si- 
dere, deschetto, predella. Y. Scranéi. 
ScANàLL 8* m. T. de* Mac. ScanneU^, 
Quel taglio del culaccio che è più vi- 
cino alla coscia. 

ScANàLL. T. di Vet. V. Scranèl. 
ScANÈLL. 8. m. T. de* Squer. Agw 
gliotto. Ganghero che assembra Tago- 
glia, confitto al timone perchè posa 
voltarsi. 

SCANÉLL DA ViOLÉlf. PontidUo. Qud 

legnetto che tien sollevate le eorde. 
Fig. Gobbuzzo, Gobbeilo. Uno alqnao* 
to gobbo, rattratto, rattrappato. 

ScANÉN. 8. m. Sgozzino (U. Tose). Col* 
tello di lama stretta e cuspidata de) 
quale si fa uso specialmente per sgoi- 
zare i polli. 

ScAHÉif. s. m. T. de' Becc. Scannabeceo, 
Specie di coltello colla punta ritorti 
con cui i macellai scannano becchi e 
montoni. 

ScANFORGNA. 8. f. Sninfio. Schifiltosa e 
fig. Nieehiolinaé . 

ScANFos. 8. m. Rigetto, Scarto. Cosa me- 
schina e sdruscita, e dicesi per lo più 
di chiodo smentato o spunto o d'ai- 
tra coserella monca. 

ScanfOzen. s. m. Conca fèssa, ScrialeUo. 
V. Livèll e Scanfus. 

SganlJL add. m. T. d'Arch. Accanalato. 
Scavato a guisa di canale e più 8p<» 
so Intagliato a solchi o a canali. V, 
sotto. 

ScANLADCRA. 6. f. Scanalatura, Scannel- 
latura, Canale. Cosi dicesi ciascuno 
di que' solchi fatti colla dovuta regola 
lungo il fuso della colonna. Dicesi 
Glifo il canaletto che serve di orna* 
mento in alcuni membri d'architet- 
tura. 

ScANUDURA d' UH cortìll. Ralla. Spe- 
zie d'augnatura curva o a mandorle 
dalle due parti del taglio d'una la- 
mina di coltello di qualsivoglia stru- 
mento. 

ScANLADURi. 8* l pi. T. de' Torc. Guide. 
Solchi regolari del tamburo del torci- 
tojo che guidano i fili sui fusi o sui 
volanti 



Digitized by 



Google 



se 

Scahuuu att Scawktrt. Incavar legBO, 

o pietra, o simil eoaa per ridurla a 

guisa (U piccolo canale. Scannellare, 

T degli Otton. Fare incavi sonili. 

ScàKLÉif. 8. m. Sgabellino, Sgabeliello. 

V. Scranén. 
ScAKN. 8. m. T. de* Carr. Scannello. No- 
me di due pezzi di legno situati l' u* 
no al dissopra della salaci* altro sotto 
la pedana, per sostenere le stanghe 
d*una carrozza. Le sue parti sono: 
Barilén .... Rialzi. 

Cpcli Chiocciole» 

Gambarètt . • • Gamberino. 
Palastri .... Cosciali. 
Placa del masc' . Piastrone. 
Rodlòn .... Ruolino di voltieel' 

la. 
Staffi del masc' . Slaffe del mastio. 
Suffi del rodlòn . Staffe di ruolina. 
Staffi del tiròn . Staffe del punlonci^ 

no. 
Staffi d* testa . . Ghiere di Ustala. 
ScAifOMAR. atu T. Mil. Cannoneggiare. V. 
Canonar. 

ScANORAB. att. T. de' Setaj. Trascan- 
Ilare. Svolgere la seta o. altro da un 
cannone o cannello all'altro. 
Scài«s. 8. m. Seansamento. Scliifamento. 
ScANS. add. m. Vuoto. Dicesi di cor* 
che sia senza l' usato necessario ci- 
• Sfiancato, Volo, Sbulimo, dicesi 
il eavallo quando i fianchi di lui son 
cavi, non a livello delle costole e del- 
l' anche e come ritratti in su. Affossalo 
dicesi de' buoi ed anche delle vacche 
prossime al parto. 

ScANS d' fazia. Di viso tra/ptto o 
$eon fitto (Fir.). 

A scANS. A risparmio. Per cansare, 
schivare, evitare, sfuggire; a cessare. 
Db scaks. Obbliouamente. 
ScÀHSAFAoiGA. 8. f. Fuggifatica, Franca- 
trippe. Uomo che schiva, sfugge la 
fatica, i pericoli. Ciccialardone, Scan- 
sardo. 
Scansar, att. Cansare. Scansare, sfuggi- 
re, evitare. 

Scansar, att. T. de' Scherm. Sfalsare. 
Render falsi, scansandoli, i colpi del- 
l' avversario. 

Scansar il dificoltà. Andar largo, o 
ksto ai canti. Esser destro e cauto. 



ScarsIa, 8. f. Scansia, Scaffale, Scun- 
eia (ma non Scanzta). Strumento 
per lo più di legno ad uso di tener 
libri, scritture e simili. Ha: 

Dént Tacche. 

Pé Fondo. 

Pian PalchelU. 

Rigoit • . . • Mensolette. 
Schinai .... Dossale. 

Spali Fiancate. 

Sportèi .... Imposte. 
Trameii. . . . Tramezze. 
Zimasa .... Cappello. 
Scansia in t' bi* vur. ReposiloHo. 
Piccolo armadietto praticato nel muro 
per uso di chiudervi cfaeccbesaia. V. 
Armari. 

ScANTÀ. add. m. Svegliato, Aeci^tlato. 
V Descantà. 

Scantinar, att. Stuonare. Uscir di tuono. 
Fig* Dar in ciampaneUe, errare, forvia- 
re, andar fuori di via, mancare, uscir di 
proposilo. S(;anare^ A^ere il cervello 
a oriuolh Esser volubile girellajo. Ba- 
lenare. T. Mere. Essere in pericolo di 
fallire. 

Scantoni, add. m. Scantonato, Smusso. 

Scantonadura. 8. f. Scantonatura. Il luo- 
go e la parte scantonata. 
Scantonaoura dla pronta. Cantonata 
(Frane). 

Scantonar. atU Scantonare. Levar ì can- 
ti a checchessia. Smussare. 

ScÀNZLA ScANoéLA* Scandella, Seande- 
la. Orzala, Una delle varie specie 
dell'orbo vero cioè Y Hordeum disti- 
cum di Linn. usata come alimento da' 
nostri montanari e per altri usi do« 
mestici. 

Dla SCAN2LA. Di niun conto. Inutile, 
dappoco. 

ScANZLAR. att. Scancellare. Cancellare, 
cassare. V. Scassar. 

Scapi. Scappato. Fuggito. 

Scapa pegri cbb l lov badIccia. Ba- 
date pecore che il lupo sbadiglia. £ 
dicesi per ischerzo a chi sbadiglia scom- 
postamente. 

ScAPADA. 8. L Scappata. L'atto dello scap- 
pare: la prima mossa del cane o del 
cavallo liberati dal ritegno che li im- 
pediva. Fig. error grave e poco consi- 
derato in fatto in detto. 

4 



Digitized by 



Google 



50 se 

ScAPADA. f. t Tratto j Frizzo. Modo 
iriface di rispoodere o di operare. 

ScAPAPA. 6. 1. T. dì Gualch. BerdigliO' 
ne. Filo che u interiDett« nel tessere 
a cagiooe di ao gioocchielio. 

DaB 'ha 8CAPADA IN T* UN 81T. Fur 

una gita, una corsa. 

Db 8CAPADA. m. avv. Alla i/uggiasea. 
Alla sfuggita. Dì sfuggiasco, di pas- 
saggio, di soppiatto, sottecchi, furii- 
vameote, oascostamente^ 

De scapada. T. d*Equit. Di volo, A 
briglia sciolta. A tutta carriera, a tutta 
brìglia. E dicesi dei cavalli, correnti 
fuggenti. 
ScAPADàLA. 8. f. Scappatella, Scappatina. 
E nel senso di primo error giovanile 
dicesi anche Sboccatura. 

Far dil scapadéli. Correre un po' la 
cavallina. Cavarsi ogni suo piacere a 
beneplacito, come il cavallo libero e 
senza freno. 
ScAPADòR. add* m. Corridore, Veloce al 
eorso. Cavallo corridore, cane corri- 
dore. 

ScAPADòR. Figurat. Sfrenato* Giovane 
che s'abbandona talvolta alle sfrena* 
tezze. 
ScAPAMÈNT. s. m Scappatura, Scappata. 
Ma dicesi più propr. di chi scappa 
evadendosi da carcere a sim. 

ScAPAHÈNT. s. m. T. degli Oriv. Scap^ 
pamento. Meccanismo per cui il re* 
golatore riceve il moto dell* ultima 
ruota, lo rallenta perchè l'orivolo 
sì possa movere. Hanvi varie sorta di 
scappamento, cioè Scappamento a re* 
trocedimento , a riposi, ad asta, a 
serpentina, a palelle, ad ancora, a 
cilindro, a forza costante, a conca, 
ecc. 

ScAPAMÈNT. s. m. T. de Raza^ Scop* 
pietlo. Sorta di fuoco artifiziato, come 
stelle, topimatti eoe. che fanno atre- 
pito nella esplosione. 
Scapar, att. Scappare, Fuggire, Darla 
a gambe. Nota però che dirassi me- 
glio scappare il sottrarsi dalla pri- 
gione dal pericolo di andarvi. Fug* 
gire all' allontanarsi dai pericoli im- 
minenti. Darla a gambe, vale fuggi- 
re spaventato il più spesso per viltà.< 
Scappa il reo, fugge il savio per e- 



SC 

vttare un male imminente, la dà aUe 
gambe il pusillanime. 

Scapar, att T. di Giuoe. Disdire la 
posta. Far passo. Essere caccialo. 
Non tener l'Invito, e cosi Cacciare 
o Fare una cacciata, il costriogert 
l'avversario a rinunziare all'invito. 

ScAPAR. att. T. de' Pese. Scocciare. 
Dlcesi quando il pesce attaccato aJ- 
l'amo se ne stacca e fugge. 

' ScAPAR A LA SVELTA. Lcpporc, Sòich 

tare. 

ScAPAR CHE L' DiÀVOL DA L* ACQUA 

SANTA. Fuggire come il Diavolo la 
croce. 

Scapar da rider. Ifon poter tenere 
le risa. 

Scapar de scòs. Scantonare. 

Scapar d'in man. Sguizzare o Fu^ 
fir di mano. E dicesi de' pesci presi 
sim. 

Scapar ditt. Uscir di bocca. 

Scapar el ponzòn. T. degl'Incis. di 
Caratt. Doppieggiare, Battere col pun« 
zone la matrice in modo che ai se* 
condo terzo colpo devii dal punto 
primo e renda cosi l'impronta della 
lettera o quasi doppia od ombreggiata. 

Scapar el pont. T. de' Sart. Per* 
dere t7 minto. Dicesi quando per man- 
canza di nodo la gugliata non fa il 
punto sul cucito ma trascorre tutta 
fuora. 

Scapar poéuRA. Uscir fuora. Schii- 
zare ecc. Diccsi Incarrucolare , Tu- 
scine che fa il canapo dalla gola della 
girella, entrando fra essa e la cassa 
staffa. 

SciPAR IN HEZZ A u GENTA. Trasfisg- 
gire. 

Scapar in t' una ca« Riparare, Rico- 
verarsi. Ridursi in salvo. 

Scapar la pazienza. Uscir di flemma. 
Dare in impazienza. 

Scapar la pissa. Scompisciare. Aver 
gran voglia e stimolo di orinare. 

.Scapar *na moèvn ecc. Scattare. Lo 
scappare che fanno le cose tese da 
quelle che le ritengono. 

Scapar un cavall. Rompere il freno. 
Fuggire in sua balia. 

Sgapar un pe. Scivolare, Sdrucciolare. 

Scapar indré. Darla addietro. 



Digitized by 



Google 



se 

ScAPAR VIA {Da cappa. Fuggire aa- 
the lascìaudo la cappa. ) Lessare il tac* 
cone. Corsela, Fai-sela, fuggirseoe al- 
la disperata. (Bari.) 

Far scapar. Fugare, Far fuggire. 

Lassars scapar ditt o rATT Scap- 
pare a dire, 6 a fare alcuna cosa. 
Vale lasciarsi andar a dire, o farla 
quasi non volendo, o dopo essersene 
rìlennlo. 
Scaparla rén. Lavarla liscia. ( Mol. ) 
Scaparla pr* el bcs ola grattaroàula. 
Mangiar il cacio nella trappola, Pas^ 
aarsela liscia. Trarsi feliceoiente d* im- 
paccio^ di pericolo. 
ScAFATORiA. 8. f. Ciunsatojo Cansatoja. 
Luogo dove l'uomo cansandosi irova 
rifugio o salvezza. 

ScAPATORiA. 8. f. Scappatoia, Gretola. 
Sotterfugio y scusa affettata, ripiego. 
ScAPéif. s. m. Scappino, Pedule. Quella 
parte della calza che calza il piede. 

ScAPéM. 8. ro. T. d'Agr. Bomberale, 
Vomerale. La parte anteriore del den- 
tale dell* aratro y in cui si calza il 
vomere. 

ScAPéN. 8 ro. Sito, Riscaldo. Diffctto 
del cacio riscaldato. 

El scapé». T. Furb. // gattq. 

Tacar I SCAPÉN. Rimpedulare. 

Saver de scapén Sapere di riscaldato. 
Dicesi del formaggio quando ba odore 
dì peduli sudali. 
ScAPiNAR. att. Rimpedulare. Rifare il pe- 
dule della calza. Scappinare. altrim. 
Pedovare. 

Scapiuar o« piò. T. d'Agr. Bombe- 
rare un aratro. Rifargli il bomberale. 
V. Scapén. 
Scapinbla. V. Scapén. 
ScAPiT ecc. V. Descapit ecc. 
ScAPiTALAR. alt. Spogliar del capitale. 
Levar da un fondo , officina o negozio 
i capitali. 
ScAPLAZZADA. 8. f. Scappellata. Il levarsi o 
cavarsi il cappello. Fig. vale Fare una 
gran ripassata. Una gran riprensione 
ad alcuno. (Pezz.) 

Far dil scaplazzapi Scappellarsi. 
ScAPRizii. add. m. Scapricciato. Cbe si 
è cavati i capricci, cbe ba fatta espe- 
rienza. 
ScAPRiziAR. alG Scapricciare, Sbizza^ 



se 



^ì 



rire. Vincer l'altrui ostinazione. Spun- 
ture alcuno i rimuoverlo dalla sua o- 
pinione. 
ScAPniziARS* n. p. Scapricciarsi. Cavarsi 

i capricci. 
ScapOzz. s. m. Scappuccio, Inciampata, 
Sparto di pie. Lo scappucciare. Figu- 
rai. Errore, sbaglio, svista ecc. 

ScapCzz, cATTiv MOBiL. Suggellino. 
Cattivo arnese, discolo, scapestrato, 
rompicollo. Gabbamondo, Bindolo. Tal- 
volta lo diciamo semplicemente per 
Volpone, Diritaccio, Furbone, e in 
gergo. Camuffo, Marcio. Ladrone da 
strada. 
ScAPuzzADA. 8. f. Scupuccio. Inciampata. 
ScAPUZZAR. att. Scappucciare. Inciampare, 
intoppare, incespicare. E fig. Dar in 
ciampanelle. Dar ne* cenci. Far sboc* 
calure. Commettere errori, Dare il 
tuifo, perdere il credito. 

ScAPUzzAR. att. Bazzicare, Capitare. 
Andare senza proposito in un luogo. 

Scapezzar spess. Cempennare. Inciam- 
pare sovente, per debolezza di gambe. 
ScAR. att. Seccare, Disseccare. Torre 
l'umido, prosciugare. So/e^^i'are^ As» 
solare, esporre al sole cbeccbcssia per- 
chè si prosciughi. 

ScAR, RòHPER BL FASTIDI. Importuna* 
re. Saziare, Seccare. Infastidire, an- 
nojare. 

ScAR A LA PRiH ARIA T. Furb. //ina- 
inorarsi al primo sguardo. 

ScAR LA VERNISA. T. dcgl' Incìs. Cuo- 
cere la vernice. Spalmarne la lastra 
e poi far cbe a fuoco lento si secchi 
in modo da intagliarsi ad acquaforte 
senza cbe essa vernice si disperda o 
rompi. 

ScAR l'ovara. Aver il ristretto. V. 
Ovara. 
ScARAROCc'. 8. m. Sgorbio, Scarabocchio» 
Imbrattamento di fogli nello scaraboc- 
chiare. 
ScARAROGC^N. 8 m. Scarabocchino , Im* 
brattafbglL Scaraboccbiatore, che fa 
scarabocchi. 
ScARADOGciAR. Rtt. Scarabocckiare, Com* 
ponicchiare. Imbrattar fogli nell' im- 
parar a scrivere o disegnare. Schic- 
I cherare. 
ScARABOss. s. m. T. Bot. Bossolo gentile. 



Digitized by 



Google 



52 



se 



Variclà di bossolo del quale fennosi 
boschetti sempreverdi y e eh* è il Bw 
xu$ bakarica Lino. 

ScAiuFAZZ. 8. m. T. d'Entom. Piatirla, 
Blaila delle cucine. Insetto notissimo 
e fiidbifosissimo che iofetta le nostre 
case, e particolarmente le cucine, oVe 
fan nido ne' crepacci de' muri e de' 
camini e dentro la doccionata de' cessi. 
Solo la notte escono a rexare i suoi 
guasti. Linneo lo chiama Blatta orieii* 
Uxliè, V. Méo'namerda e PanaroU 
ScARAFAZz. 8. m Fig. Scarabocchio, 
Pilturaccia, Cefiò da ventole e 8im., 
e dicesi dalla plebe per bcherno a' 
preti e a' eherici. 
ScARAFAZZ DA RUD. T. d' Eutom McV' 
dajota ovata. Insetto che vive nella 
bovina e meglio nello sterco di ca- 
vallo allorché comincia a seccarsi. É il 
Copris ovatus Linn. 

ScARAFAZzÉif. s. f. Sparafiiggifìo, Piccolo 
scarafaggio. Fig. e bass. Chericuzzo. 
Piccolo chierico. 

Scaranzìa. 8. f. T. Med. Scheranzia, 
Squinanzia. Malattia notissima delle 
fauci e della laringe che rende diffi- 
coltà nel rcspirai'c e Dell' inghiottire. 

Scaravoltar. alt. SlravoUare, Stravolgere. 
ScARAVOLTAR UN VAS ecc. Ritiìboccorlo, 
( Frane. ) 

ScARAZZAR. att. Spampaìiare. ( Mol. ) Di- 
sramare una pianta (Alam. ) 

ScARBOMAR. Rtt. T. di Fcrr. Sfondacciare 
il carbonile. Rimovere il carbone trito 
misto alla terra che si raccoglie nei 
fondo del forno fusorio. 

Scarooncìr o Scarbontìr. intr. im- 
porrare. Imporrire. Si dice del ri- 
bollire e mandar fuori gli alberi ed i 
legnami alcune piccole nascente con 
uiuir», simile a' porri che vengono 
nelle mani, e si dice de' panuilini 
ancora quando si guastano per Tu- 
mido che vi sia rimaso dentro. 

ScARBONTÌ. T. de' fiiad. Bufonato. Ag- 
giunto di quel irumento che abbia 
palilo a cagion dell'umido. 

ScARCAGMÀ. add. m. Scalcagnato. Che ha 
perduti i calcagni delle scarpe. 

ScARCAGNAR. alt. Scalcagnare. Porre il 
piede sulle calcagna a uno Dell'an- 
dargli dietro, od anche calcargli il 



se 

cak^oo della scarpa. Bincakagnare , 

sciupare la scarpa in modo ch'eUa 
vada giù dalle calcagna. 

ScARCAGjfòN. s. m. Sciupone. Che sciupa, 
e specialmente le scarpe. 
A scARCAGRòN. In cianta, A eaeojuoia, 
A zoppelleto, A ciabatta. Si dice delle 
scarpe non tirate sa dietro le calca- 
gna. 

ScARCioFLA. s. f. Cartaccia. V. Fèlia. 

SCARDASS E SCARDASSÉN. CurdO. V. SCAT- 

lass e Card^sén. 

ScARDA96éN. 8. 11^. Carddjo. Colui die la 
i cardi da cardar la lana. 
ScARDASSÉN. 8. tù. Cardajuolo ^ Cor- 
do/ore. Colui che carda o petUna k 
lana o il cotone. 

Scarda. .8. f. T. d'iuiol. Scardo. Specie 
di piccol pesce d'acqua dolce. Il Cy- 
prinui latus di Gmel. 

ScARDòif. 8. m. T. Dot* Cardo ialwiHeo, 
Cardo Bagno di Venere, Ver^ di 
pastore. Pianta che ha il fusto diritto, 
alto, aculeato; le foglie riuntle «Ila 
base in una specie di bacino, i fiori 
di color violaceo, che cresce lungo i 
fossati e ne' luoghi incolti di tutu 
Europa. L'acqua di pioggia che- si 
raccoglie nella cavità fatta dalle foglie 
riunite alla sua base passa per oftal- 
mica presso il volgo. È il Diptacut 
8yl\^estri$ di Linn. 

ScARDòN. 8. m. T. d' Ittiol. Scardowi. 
Sorta di pesce vilissimo d'acqua del- 
ce che ha squame molto grandi. Il 
Cyprinus brama dei Nat. 
ScARDòii DA TiifTOR. T. Bot. Cardo 
da lanaiuoli. Cardo da scardassare. 
Scardioacciolo, Cardo. Varietà del cardo 
salvaiico dal quale diferisce partico- 
larmente per le squame o pagliette 
del ricettacolo più rigide e unoioalc 
alla loro punta. Si cdtiva Id Francia 
per servirsene a cardare i panai. È 
il Dipsacus fulUmum di Linn. 

SciREGH. 8. m. Scarico, Sdebilamenta. 
ScÀREGH. 8. m. T. de' Mur. Scarico. 
Luogo appartato vicino al luogo ove 
si fabbrica per rìporvi i calcinacci, gli 
sterri e sim; 

ScÀREM. add. m. Scarno, Scamaio, Sear- 
nito. Magro talmente che non si pare 
che r ossa. Segaligno, persona di com- 



Digitized by 



Google 



se 

pkssiooe adusta, secca, non atta ad 
ingrassare. Scareo, magro ma di mcm* 
bra agili e robuste. 

ScABFAaòTT, SCARFAROTTAR. V. ScalfarÒtt 

e Sealfaronar. 
.ScARPdLLA. 8. f. Bruito, Brtucolo, Mi- 
auixolo piccolissimo e leggerissimo di 
legno, {Miglia o s'unilì materie. 
^RPCLLA. 8. f. T. d*Àgr. Ventoiae- 
eio. lì tritume o la punta delle scorze 
prosciugaCe e riarse dello castagne di 
cui -si ripuliscono prima di ridurle in 
farina* 

SCARFÙLLA DL*AJ, DIL ZIGOLLf CCC. 

PtUkola, Tanica. Veste dell'aglio, 
delle cipolle e simili. 
ScARFùLLA OLA TESTA. Forfbra , Por* 
fore. Quegli escreineuti bianchi, secchi, 
e sottili, che si adunano fra i capelli. 
V. anche Voladga. 

SuRGA. s. f. Scarico, Scaricamento. Lo 
ftcarieare. 
ScAfiGA. 8. f. T. Med. Sgravio, Sol- 

. lievo di corpo. Evacuazione. Andata 
di corpo. Dicesi Yotamenlo quella de* 
gli animali. 

ScARGA. 8. f. T. Mil. Scarica, Spa- 
rata. Esplosione di pii!i arme da fuo- 
co in un tempo. 

ScARGARARiLLA. s. f. Scaricabarili, Fare 
giuocare a civetta. Giuoco fanciul- 
lesco che si fa da due soli i quali rivol- 
gono le spalle Tun l'altro e intricale 
scambievolmente le braccia s'alzano 
a vicenda. 
ZuGAR A SCARGABARILLA. Fare a sca* 
' ricabarili. Si dice figur. del gettarsi 
in due la colpa Tuno sull'altro. 

ScARGADòR ScARicATòR s. m. Scafìca- 
Ujo. Piceolo tubetto che sporge dalle 
grondaje e serve per sgrondale l'a- 
cqua eccessiva che i cannoncini delle 
doccio non possono ricevere e con^ 
durre a terra. 

ScARGAOòR. 8. m. T. Idr. Rifiuto. Quel- 
la emissario superiore che si costruisce 
nella sponda de- canali regolati per 
tramandare altrove l'acque soprab- 
boodanti, e trattenere nell'alveo quel- 
la che è necessaria. V. Soradòr. 

ScARGALÀSEN. 8. m. Scaridi/osmo. Criuoco 
fanciullesco. 
ZcGAR A scargaUsen. Fare a scari^ 



se 



bS 



ealasino. Si dice flg. di chi getta sur 
altri la propria colpa. 

Scaroar. V. Dcscargar. 

ScARiANZÀ. y. Screanzà. 

ScARiFiCATòR. s. m. T. Chir. Scarificatore. 
Strumento che s^rve a levar la carne. 

StARiOLAR att. Correttore. Portar via 
con carretta, ma in senso continua- 
tivo. 

ScARLATT. s. m. Scarlatto. Panno scar- 
latto. Pannolano rosso di nobilissima 
tintura. 

Color d' scarlatt. Colore scarlatto. 
Ross ciè n' scarlatt. Rouo nelle 
gote come un peperone. Rosso in« 
fuoeato. 

Scarlattéa. 8. f. T. Boi. Scar/afteii. Bella 
pianta che termina con grappi di fiori 
rossi scarlatti vivissimi che durano 
diversi giorni. É la Lychnis calcedo' 
nica Linn. 

Scarlattén'na. 8. f. Scarlattina. Spezie 
di febbre maligna. 

Scarlattén'wa. 8. f. T. Bot. SaliPta 
perpetua. Sorta di salvia che fa bella 
mostra pe' suoi fiori rossi scarlatti, 
detta da Linn. Salvia coccinea. 

Scarlircà. add. m. Sciancato. Malandato, 
sbilenco, torto, malfatto. 

ScARMÀJ. 8. m. Ventaruola, Schermaglio. 
( Tose. ) Parafuoco • (llal. ) Arnese con 
che si ripara la faccia stando al fuoco. 

SCARIAJADA. 8. f. ColpO di porofuOCO 

di ventaruola. 

ScARMANA. s. f. Scarmano. V* Scalmana. 

ScARMiGNAn. att. Spelazzare. Cernere 
la buona dalla catHva lana. Carminare, 
pettinare la lana. 
ScARMiGNAR voN. Tartaésarc. Malme* 
nare, maltrattare* 

ScARMiGNAas tk. p. Scarmigliarsi , Az* 
zuffarsi. 

ScARMiR. V. Schermir. 

Scarna, add. m. Scarnato. Senza carne. 
Scarno di poca polpa o carne. 

ScàRNADòR. 8. m. T. de' Sell. Colullo 
da scarnare. Sorta di coltello col quale 
i sellaj levano la parte di cuojo che 
soverchia in certe parti de' loro la- 
vori. 

ScARNADURA. 8. f. Scamowienlo. V. anche 
Scarnùzz. 

Scarnar, att. Scarnare, Seornire. Levar 



Digitized by 



Google 



54 



se 



alquanto di carne: dimagrare, assot- 
tigliare una cosa qualunque* E pro- 
priamente dicesi nelle arti dei consu- 
mar le pelli dalla parte della carne. 

ScARNEBiAA. att. Spruzzolate. Pioviggi- 
^ nare. 

ScAn.NÌcc*. 8. m. Mingherlino, Scriato, 
scrialello, afato, sotiiiino, roagrino. 

ScARNiDCRA. 8. f. T. de* Libr, Sner^falura. 
£silissima pelliceila che i librai, i guan- 

* tai e 8iui. levano alle pelli di capretto, 
d'agnello e simili per dar loro gros- 
sezza unifomie. 

ScabnCzz. s. m. T. de' Cuoj. Carniccio. 
Quella smozzicatura che si leva dalla, 
parte di dentro della pelle allorché si 
netta o se ne fa carta pecora. Dicesi 
anche Limbelluccio. 

ScAROzzAR. att. Scarrozzare. Farsi por- 
tar in carrozza. 

Scarpa, s. f. Scarpa. Il calzar del piede, 
fatto per lo più di cuojo. Le sue parli 
sono: 

Anma .... Anima. 
Canadòll. • . • Fesso. 
Conlrafori . . • Forte del suolo* 
Covètti .... Orecchie. 
Cusduri • . • « Costure. 
Dardo .... Quartieri. 
Fuls ..... Fiosso. 
Foèudra. . . . Fascette. 
Guilder .... Huardione, 
Orladura ^ . .'Orlatura. 
Pispén .... Spighetta. 

Pont Punti. 

Soèula .... Suolo. 
SoratAcch . . . Coperta. 
Soltpè .... Soletta. 
Sòltacch. . . . Tramezsetto. 

Svi Bullette smentate, 

Tacch .... 7Vicco. 
Tmara .... Tomajo. 
ZuffiMt . ; . . Becchetti. 

Scarpa alta d* col d' pe. Scarpa 
accodata. Quella che sale molto sulla 
fiocca dorso del piede. 
Scarpa arsolada. Scarpa risolata. 
Scarpa, a scarcagnóin. Siurpa a pian- 
ta, a ciantella, a pianella, a ciabatta. 
Scarpa a zopelletto. 
Scarpa bassa d' coll. Scarda scollata. 
Scarpa con el sùver. Scarpa superata. 
Scarpa con il fibbji. Scarpa affibbiata. 



se 

Scarpa d' «omva. Soprascarpa ài 
gomma. 

Scarpa grakda. Scarpa guazzatofo. 

Scarpa lazzada. Scarpa allacciata. 

Scarpa pzada. Scarpa rattacconata. 

Scarpa scarcagnada. Scarpa sfbrfnat^. 
Scarpa che si va acciabattando anzi 
tempo per il mal uso. V. anche ScarpL 

ScàRPA. 8. f. T. delle Arti. Scarpa. 
Quel pendìo delle mura, degli argini 
ecc. che lì fa sporgere infuori più da 
pie che da capo. Cresta, quel termice 
a scarpa fatto in cima de' muri divi- 
sorj d*orti o cortili. 

Scarpa, s. f. T. de* Calligr. Scarpa. 
La suìussalura della cannuccia della 
penna che precede quella che forma 
la punta. 

Scarpa dl' arzen vers l'acqua. Calala. 

Scarpa dl' arzen vers tera. Scalo. 

Scarpa grossa. T. Furb. Patentato. 

Scarpa pr'il roèodi. Scarpa. Quel 
ferro incurvato che si adatta alle ruote 
d' una carrozza perchè non girino prc* 
cipiiosamente nell'andare alla china. 
Le sue parti sono: 

Brazz Coda. 

Brazz del zoèugh. Collo. 
Bus del rampòn . Occhio. 
Cadén'na • • . Catena. 

Mezz Fondo. 

Rampòn del carr. Tenitojo. 
Rampòn dia scarpa Gancio di ritegno. 
Sguanzi . . • . Alie. 
Zoèugh .... Scatto. 

A scarpa, a scarpa. Dicesi in gene- 
rale di quegli strumenti, opere, or- 
digni ecc. che sono tagliati a sdrucdolo, 
cioè che da una base alquanto larga 
vanno diminuendo da una banda sino 
in cima. 
Scarpa, add. m. Calzato. Monito di scar* 
pe. Vale anche divelto, scassato, ara* 
dicato e sini., ed altresì Sdrucciolevole, 
Scarpata. Fatto a sdrucciolo o a scarpa. 
ScARPADA. s. f. Colpo di scarpo. V. Scar- 
par, 
Scaupalzéra. 8. m. Capitale, Mariuolo. 
Uomo fraudolento, barattiere, ingan- 
noso, ribaldo, monello, mal bigatto. 
. Detto di donna Baldracca, donna di 

mal affare. 
Scarpar, s. m. V. Contad. Calzolaio. 



Digitized by 



Google 



se 

ScàAPAR. alt. Cahare, Fornire di 
Mcarpe, Mettere a scarpe j Calzo. L' o- 
pera del calzare quanto ali* effetto del- 
la calzatura, e dicesi di ud calzolaio 
che ha un bel cal^o quando fa bene 
j calzali. 

Scarpai, Strazzar. alt. Stroppare. 
Spiccare, lacerare, levar via con vio- 
lenza, ed anche schiantare, scerpare, 
squarciare, sbrandellare. 
ScARPARS LA ROBA d' IN MAN. Andar via 
a ruba. Spacciarsi le merci a gran 
concorso o con tosianissiino spaccio. 
ScARPAZZA. 8. f. Scarpuceia, Pegg. di 

scarpa. Scarpettaccia. 
ScARPAZzòN. s. m. T. di Guc Erbato, 

Erbolato, Torta fatta con erba. 
ScARPÈLL. Scalpello, Scarpello, Strumento 
di ferro, tagliente in cima, col quale 
si lavorano le pietre e i legni. Ve 
n'ha di piii maniere. 

ScARPÈLL. s. m. T. de* Geli, Ugnetlo. 
Sorta di scalpello piano che serve a* 
gettatori di metallo per Ugliare i con- 
dotti di esso metallo dopo aver fatto 
il getto. 

ScARPÈLL. s. m. T. de* SarL Stampo 
da occhielli. Sorta di scarpello che 
serve a tagliare negli abiti gli occhielli. 
ScAQPÈLL A BECCH. Scarpello a becco 
di civetta. Scarpello raddoppiato per 
incassare i ferri ne' lavori di legname. 
ScARPÉLL A NAVÉTTA. Scarpello a doc" 
eia. 

ScARPÈLL A SCARPA. Scarpello à icar» 
pa. Con taglio ingordo. 
ScARpÈLL DA RANCH. Scarpello da banco. 
ScARPÉLL DA FRAR. Taglia firro. Scar- 
pello d*acciajo finissimo per tagliar 
ferro. 
ScARPÈLL DA HARIMGÒN. Scarpello» Stru- 
mento di ferro notissimo. Ha: 
Carcagnoèul • . Calcagnolo. 
Gamba .... Asta, 
Imniangadura . • Cadalo. 
Paletta .... Lama. . 

Taj Taglio, 

ScARPÉLL DA HARHORÉN. Subbia, Scar- 
pello grosso e appuntato da dirozzare 
le pietre da far le figure. Calcagnolo 
o dente di cane, scarpello corto con 
una tacca in mezzo per lavorare il 
marmo dopo di averlo digrossato con 



se 



55 



la subbia. Picchierello, scalpello che 
usasi a picchiettare il porfido. 

ScARPèLL DA MUBADòR. Scalpello. Asta 
di ferro tagliente da un lato e accia- 
jato che si picchia col martello dalla 
parte del riccio nel far buche in un 
muro. 

ScARPÉLL DA SGROSSAR. T. de* Scarp. 
Scarpello da digrossare, 

ScARPÉLL DA TonLiDòR. Ferro spiano. 
Ferro simile ad uno scarpello per uso 
di tornire. 

SCARPÉLL PICCéN DA HARHORÉN. (rfa- 

dina, y. Gradén. 

ScARPÉLL SOTTIL. Scarpello a taglio 
sottile. 

ScARPÉLL TORT. Scarpello augnato, 
torlo, tondo, in isquadra, a colpo. 
V. Spnacc! e Viadana. 

ScARPÉLL VOLTA. T. dcgU Arm. Seal' 
petto rovescio. Sorta di scalpello in- 
ginocchiato per scavare le impostature 
delle casse da archibugio. 

SCARPÉN, ScARPÉn'NA, SCARPETTA, ScAR- 

piNÉN. Scarpino, Scarpetta, Scarpelli^ 
na, Scarpettino. Piccola o piccolissima 

scarpa. 

SCARPÉN DA BALLARÉN. CakettO. SCBPpa 

sottile che usano i ballerini. 
Scarpetta, s. f. Scarpetta. V. Scarpén. 

Scarpetta, s. f. Pisciatoja? Vaso o- 
blungo, aperto sopra, con una specie 
di calza opposta al manico, nel quale 
orinano le donne che giacciono in 
letto. 

Scarpetta, s. f. T. de* Ciamboli. Scar- 
pino? Sorta di dolce di pasta reale 
detto cosi dalla sua forma. 

Scarpetta, s. f. T. de' Forn. Spuola. 
Sorta di panetto affusato simile alla 
spuola. 
Scarpetta, s. f. T. de* Ram. Lingua da 
stampi. Sorta di lingua inginocchiata 
di varie forme sulla quale foggiansi 
i lavori de* stampi. 

Tacar la scarpetta. Appiccar Vin^ 
segna? Cosi dicesi ad una beffa che 
si suol fare in Parma il di di S. Ilario 
a certi gonzi, appiccandogli alle spalle 
di celato una scarpettioa. Chi pensa 

sia derivato un tal uso dall'insegna 

che portava Tarte de' calxolaj che in 

maggior numero festeggiavano il Santo 



Digitized by 



Google 



16 



se 



protettore della nostra CHtà: e chi 
opina sin un rieordo die in antloo 8i 
= dava a chi andava alla festa di detto 
Santo di portalo le searpettine a pro- 
' prii bastardi, ricoverati un tempo nel 
locale contiguo alla chiesa, ora rin- 
chiuso neirOspedale maggiore. Da un 
' passo del Mastro giallo dell* ospedale 
pare che si facessero obblazionj di 
• scarpe e d'abiti a' nocentini. 
ScAnpi. s. f. pi. Scarpe. Voce usata più 
abitualmente in alcune frasi che si 
' nTeriscono alle scarpe appajate. 

ScARPi ARMONTABi. Scarpe rimontale. 
ScARPi coMDi. Scarpe agiate. 
ScARPi cuRTi. Scarpe corte o brevi. 
ScARPi DA FRA. Sandali, 
ScARPi N0ÉI3VI. Scarpe nuove. 
ScARPi VEa. Scarpe vecchie o sciur 
pale. 

Aver il scarpi a liss. Fìg. Far un 
bngììo involontario. Aver le scarpe 
rotte in tempo dì pioggia. 
Cavars il scarpi. ScaUarsi. Trarsi 
' cavarsi le scarpe. 

Far il scarpi a von b l'alter. Cal- 
zare. Il calzolajo dice: io calzo il tale 
' per dire, che gli fa io scarpe. 

Metter i giold al scarpi. ImbuHet- 
tare. ( Fior. ) 

Metters il scarpi. Calzarsi. Porsi 
le scarpe. 

N'esser gnan deck d' portargh a- 
DRè IL scarpi. Non esser degno di 
sciorre ad uno la correggia del cal- 
zare. Essere molto inferiore a lui. 

TgWIR I PE IN DU PAR DE SCARPI. Ouf- 

rer dietro a due lepri. Tener il pie- 
de In due staffe. Far male per voler 
fur troppo. Fig. e scherz. Gianeggiare* 
Aver due facce, essere di dubbia fede. 

ScARPiONAR att. Scarabocchiare. Fare sca- 
rabocchi. Dlcesi anche assolutamente 
per scrivere, e in M. Furb. Processare.^ 

ScARPÌR. att. Carpire. Pigliar con vio- 
lenza e improvvisamente. Strappare, 
arruffare. 

ScARPLAR. alt. Scarpellare, Scarpellinare. 
Lavorar checchessia collo scarpello. 

ScARPLÉM. s. m. Scalpelletto. Piccolo scal- 
pello. 

ScARPLÉN DA ZISLADÒR. Ciappola, U' 
' gnella. Ciap|>o]etta diminut. Strumento 



se 

d' aeeiajo a foggia di aealpelletto qot- 
drato eon punta o tonda o mezza fonda, 
o quadra, il quale serve per la^orart 
metalli che debfoonsi smaltare, po- 
rinettar figure di metallo ed altri osi* 

ScARPLòif. 8. m. T. dì Masc. Tagliafèrri. 
Martello tagliente per fare in peszi 
le verghe di ferro o la reggia da cavallo. 

ScARPOLéif. s. m. Ciabattino, ealzolajo» 

ScARPòN. 8. m. Scarpone. Scarpa pia 
grossa e grande delle ordinarie. 
ScARPÒN Strazzadura. Strappo, 
Straccio, Squarcio, Schianto. Rottura. 
TVtncto^ il rotto d'un vestito, ia 
modo che paja tagliato. 
ScARPòN DA cazza. Scarpa seoilates. 
ScARPòif LAZZà. Scarperotto. Scarpa 
moltissimo accollala che si stringe con 
cordellina al di sopra del collo del 
piede. 

ScARPONAR. att. Calzare di searperoUL 
Mettere a scarponi. 

ScARPONZÉif. s. m. Scarponcello. Calza- 
mento affatto simile allo scarp«ro(to, 
ma di pelle più fine. 
ScARPONzÉN. s. ra. Sbrandolo, Sirap* 
pettino. Piccolo strappo o rotlura in 
un abito o sim. 

ScARS. add. m. Scarso. Alquanto man- 
chevole. 

ScARS. n. p. &ccorst. Ammazzerarsi, 
indurirsi. 
Un PO SCARS. Scarsetto. 

Scarseggiar, att. Scarseggiare. Sofferire 
scarsità d'alcuna cosa. Parcheggiare, 
andare a rilento nello spendere, od 
donare ecc. 

ScARSÈLA. s. f. V. Contad. per Tasca, 
Saccoccia. La Scarsella è taschetta o 
borsa di cuojo cucita a un imbocca- 
tura di ferro od altro metallo per por- 
tarvi dentro denaro, e pare corri" 
sponda al nostro Portmoné. 
ScARSÉLA. ( s aspra ) T. d' Oroit. 
Falco. V. Scarzèla p ScarzIétU. 

Scarsézza, s. f. Scarsezza, Scarsità. 
Pochezza, difetto. 

Far scarsézza dil so grazi. Care^ 
giorni. (Cav. ) 

Scarsità. Y. Scarsézza. 

Se ART. s. m. Chiappolo. Ammasso di 
cose che si rifiuta o che si mette da 
parte come inutile o di niun conto. 



Digitized by 



Google 



se 

Marramt, Suliume, TaiMiM ddie | 

. eote cattive separato dalie buone. 
ScAET. 8. m. T. dì Giuoe. Monle, 
Scarto. Le carte che in giuocando sì 
scaruno perchè non buone o non 
convenienti. 
ScART. s. m. T. de' F. Ferr. Ca/ea- 
gno. Quella parte lamellirornie da ca- 
po delle molli da fuoco che molleggia. 
I 8CAaT« La ietgiiiura. Le ciappole , 
il marrame. 

ScAiTÀ. add. m. SearUtio. Dal verbo Scar- 
Ma dieesi anche per Sbiecato, SmuHO' 
Bssn SCARTA. Aver la ripuUa. 

ScARTABLAR. ati. SearlobeUore. Svolgere 
libri > carte e simili, senta la neces- 
saria attenzione. 

ScARTiciAYi* s. f. T(tppa. y. Saradùra. 

ScARTADA. s. t T. di Giuoc Seariaia. 
Scartamento, lo scartare le carie. 

ScARTADòR. s. m. T. do* Gonc. Ferro da 
pelare- Sorta di coltello a due mani- 
chi con lama curva a mezaa luna, ta- 
gliente dalla parte concava. 

ScARTAFÀzz. s« m. Slraccùifoglio. Qua- 
derno ove nolano i mercanti le par- 
tite per semplice ricordo. Scartafaccio, 
acarubello, sfogliazzo. 

Scartar, atu Scartare. Gettare a monte, 
in giuocando, le carte che altri non 
vuole che si hanno di più. Per me- 
Uf. Rumare, Rigettare, Escludere. 
Scartar, atl. T. de' F. Ferr. Spia- 
nare il ferro a sghembo. 

ScARTARS. n. p. Deviare. Uscir della strada. 

ScARTASSA. s. f. Acculattomento. L'atto 
di acculatare. V. sotto Dar lo scar- 
tassa. 

Sgartassa. 8. f. T. di Giuoc Cariac* 
eia. Garta che non gìuoca. V. Fèlsa. 
ScARTASSA. s. f. T. dc' Lsu. Scardasso. 
Strumento composto d'una tavoletta 
eoperU di pelle con più filari di ponte 
ovvero denit di fil dì ferro auncinati, 
detto anche Cardo, col quale si raf- 
fina hi latta acciocché si possa filare. 
Si adopera pure per ìscardassare il 
cotone. V. anche Scartòn e Pètten. 

SCARTASSA. s. f. T. dc' Parrucch. Car^- 
do. Quel cardo pel quale si fan pas- 
sare, e nel quale si tengono i ca- 
pelli per tesserli. 
Dar la scartassa. Acculattare, Cu' 



se 



ìa 



latlare. Pigliare alcuno io due, uno 
pe' piedi, l'altro per lo braccia, t 
percuoterlo col culo per terra. 

Scartassi, add. m. Cardato, Scardai' 
saio. Passato pei eardo, altrim. Scar^ 
migliata. 

ScARTASSAOA. s. f. Cardatura. V opera- 
zione del cardare. Cardata quella quan* 
tità di lana che è lavorata volta per 
volta ne' cardi. In altro signif. Ab* 
barrù/fàmento* 

ScARTASSAtfèRT. s. m. Abbaruffio. Azzuf- 
famento di molti piuttosto foUeggianti 
che rissaoti. 

ScARTASSAR stt. T. dì Gualch. Scardai* 
sare, Cardeggiare, Cardare. Raffinar 
la lana o il cotone cogli scardassi o 
cardi. Fig. Tar tonare. Malmenare. 
Stracciare, trarre da' boszolacci la seta 
cogli straccioni. 

ScARTASSÀRS. 0. p. ScardossarsL Petti- 
narai,speliicoiarai, acciofiarei, pigliarsi 
a' capelli. 

ScARTASséN. s. m. Cardajo. Colui che fa 
i cardi da scardassare* 
ScARTASsÉif . s. ra. T. di Gualch. Car- 
della. Sorta dì piccol cardo senza ma- 
niglia le cui punte sono di fil di ferrro 
sottilissimo per passar la lana In ul- 
tima cardatura. 

ScARTASsÉN DA CAPLAR. Cardino. Pic- 
colo cardo. 

Scartasse^ da lana. Ciompo, Lavi' 
no. Cardatore, Colui che pettina o 
scsrdassa la lana. 

ScARTAssÉNT. add. m. Scarmigliato. Scom- 
pigliato, arruffato. 

Scartassi pr' i strazz d' seda. Straccioni. 
I pettini di ferro coi quali si straccia 
la seta de' bozzolacci e simili. V. Pètten* 

SlADINAR O inviar il SCARTASSI. Dt- ' 

rozzare i cardi. Si dice del farne uso 
allorché son nuovi, scardassando del- 
la lana mollo unta, la quale poi si 
chiama Dirozzatura. E si dicono Di- 
rozzati i cardi, quando i filari dei 
denti si toccano: aperti o piazzati, 
quando I denti sono troppo staccati: 
serrati quando i denti si toccano. 
ScARTASSJNAR. s. m. T. de' Capp. Cardai* 
iiere. Cardatore. Colui che lavora I 
capelli cai cardino. 
ScARTASsiKAR. Rtt. T. de' Capp. Dare 



Digitized by 



Google 



98 



se 



it cardino. Riptesare col cardino il 
feltro etteroo de' cappelli. 

SCARTAZZ, SCARTAZZARy SCARTAZZéN. V. 

8G«rUss, Scarlassar, ScarUsséu eoe. 
ScARTÉif. 6.01. T. di Giuoc. Scarli. Le 
carte che non fanno giuoco nel tre- 
«ette e simili. Cartaccia, caria da 
fiiMirto. 

ScARTÉH. 6. m. T. di Gualch. Car- 
della. V. Scartasséo. 

SCARTLADA» ScARTLADURA, SgARTUMÉNT. 

Scauo. Apertura fatta con iatrumento, 
e propriamente la frattura di cassa o 
cassetta per un furto, che allora si 
dice qualificato. 
ScARTLAR. alt Scassare, Scassinare. Rom* 
pere, guastare le serramenla di una 



ScARTOCC*. s. m. Cartoccio, Ruotolo. Re- 
cipiente fatto di carta ravvolta in for- 
ma di corno, 

ScARTocc*. s. m. T. d*Arcb. Cucuz- 
zolo. La sommità acuta de' caoipanili. 

ScARTOCC*. 8. m. T. de* Carr. Ghiera 
a staffa. Sorta di gbicra che cerchia 
la testata della sala, e che si prolun- 
ga con una coda luogo il fuso nel 
quale è incastrata. 

ScARTOcc*. s. m. T. di Giuoc Schiavo. 
V. innanzi, Far el scartocc'. 

ScARTOCG*. s. m. T. di Pirotec. Gu- 
scio. Cilindriuolo di carta che contie- 
ne la polvere artifiziata per farne 
fuochi. , 

Scartocc*. s. m. T, di Vet. Fodero, 
L* involucro della verga del cavallo. 

ScARTOcc* DA NÒSA 60GA. T. de' Gacc. 
Cappello. Sorta di imbuto invischiato 
nel cui fondo si pone cibo e noce 
vomica per far si che il corvo man 
gtando resti accecalo e in breve an- 
che inebrialo dalFesca data. 

Scartocc* da pajòn. Cartocci. Le fo- 
glie secche del formentone spicciolate, 
colle quali empionsi i sacconi de' letti. 

ScARTOCc' DA scARTOCCUR. SfoglL Le 
spighe del formentone spanocchiate 
con tutti i cartocci fermi ancora al 
mozzo del gambo. 

ScARTOCG* d' perr. T. de' Carron. 
Granchio. Ferro ripiegato che abbrac- 
cia stringe checchessia. «=: Granchio 
dei timone: granchio, davanti e dietro 



se 

per tenere le legature alla cmb& ed 
alle stanghe d' una carrozza e simile, 
ecc. 

Scartocc' d* polvra. Cartoccio. Carta 
di polvere da cannone ravvolta in nn 
cartone. 

Scartocc' d* sold. Cartoccio di mo- 
nete. 

Scartocc' scartoccia. Cartocci spic' 
dolati. Gioè staccati dai mozio ddk 
spiga del formentone. 

Far bl scartocc'. Schiavar la earia. 
Cavare con arie una carta dal maxw 
per darla al compagno, ritenendo per 
sé quella fatta schiava e che all'altro 
si perveniva. 

L'È PU BL SCARTOCC* CH'b|. PÈVWk. È 

più la giunta che la derrata. È più 
l'accessorio che 1' principale. 

Un .scartocc'. Pieno un eanoceio. 
Tanto quanto ne cape in esso. 

VOJAR MÉTTBR IN T' ì SGABTOCC*. 

ilccorloectare^ Incartocciare. Avvol- 
gere a similitudine di cartoccio. 

ScARTOccéN. 8. m. Cartoceino. Pieeolo 
cartoccio. 

ScARTOccÉN. 8. m. T. Bot* Finoeekio 
dolce. Pianta ortense assai nota die è 

. chiamata da Linn. Foeniculum duiee. 
Le foglie che si gettano mondundolo 
chiamansi Rappe o Ciocche. 
ScARTOGcÉN. s* m. Cortocdajo. Ven- 
ditore di cartocci di formentone già 
spicciolati e mondi. 

Scartocciada. 8 f. Sfogliatura. (Cuppari ) 
Spanocchiatura. Disfacitura de* car- 
tocci di gran turco, e radunanza di 
donne che a tal oggetto suol farsi. 
Scartocciar, alt. T. d* Agr. Spanoe* 
chiare. Cavar la panocchia dalia sfo- 
glia spiga. Sfogliare, spicciolare i 
cartocci o le toglie della spiga del 
formentone dal mozzo che lo univa 

, allo stocco, (melgazz) 

ScARTOcaAR. alt. Svolgere. Aprire un 
cartoccio che involga o contenga chec- 
chessia. 

ScARTOcciòN. 8. m. T. Bot. Dragonzio, 
Serpentaria. Pianta che trovasi nei 
campi ove nel marzo produce un fio- 
re paonazzo che puzza di cadavere, 
è detto da Linn. Arum draeuneuius. 
V. Fami. 



Digitized by 



Google 



9C 

ScAATòii. 8. m. T. di Gualch. SlraeeUme. 
Specie di cardo di fil di ferro da scar- 
dassare la lana. V. Scartasea. 

ScABTorfAB. alt. T. di Gualeb. Scardas- 
sare, Raffinare la lana cogli scardassi. 
V. Scardassar. 

ScARUFLòs. add. m. Ruvido, RonchiosOj 
Scabro, Rotato. Che non ha la su- 
perficie liscia. Forforaceo, direbbono 
1 medici parlando delia pelle. 

ScABCGÀ. add. m. Rovistato» 

ScARUGAMÉNT. Rovistomento. 

ScARVGAB. atl. Rovistare. Cercare e ri- 
eercare senxa riguardi. Sla:tzonare ,, 
malmenare o brancicare lascivamente 
una persona. 

ScARzétA. s. f . T. d' Ornit. Gheppio. V. 
Falchètt da torra. 

ScARZGNARèiiT. 8. m. ScricchioUo. 

ScARZGiiAMèNT DiL 8GARPI. Sgrigliola' 
mento, Confrichio. V. Armòr. 

ScARZGNAR. V. intr. Scricchiolare, Scric- 
chiare. Il crepito di cosa secca e dura 
che voglia rompersi. Gemere, lo stri- 
dore de* legnami aggravati da un peso. 
Crepitare, dicesi quel rumore che 
fan le ossa nelle articolazioni. 

ScABZGMAR 1 DBifT. Digrignare Pro- 
prio de* cani quando nel ringhiare 
ritirano i labbri e mostrano i denti. 
Per similitudine si dice d'altri ani- 
mali e degli uomini ancora. Diruggi' 
nare o Arrottare i denti, vale confric- 
Carli insieme cagionando una disso- 
nanza come quella della linla sul ferro. 
ScARZGKAR IL scARPi. Sgrigliolarc , 
Scarpieciare. 11 rumore del confriccbìo 
o scarpiccio delle scarpe. 

ScARZLèTTA. s. f. T. d* OmìL Airone mt- 

. fiore. Uccello che nella slate frequenta 

i pioppi che sono lungo le rive del 

Po, e che ha penne per lo più bianche. 

È V Ardèa garzetta Linn. 

ScARZòN. 8 m. T. Bot. Cardorosso. Pianta 
erbacea che cresce lungo quasi tutte 
le strade, dove fiorisce nel giugno. 
Il suo fusto eretto, ramoso, scanel- 
lato e peloso, si alza un piede e 
mezzo. 1 suoi fiori sono porporini e 
talora bianrhi* É il Cardutis nutans 
di Linn. V. Scardòn. 

ScARZÓif. 8. m. T. d*IttioL Lasca, 
Mozzella. V. Molinarètt. 



se 



»9 



ScARioiiAR. i. m. T. d*Àgr. Cardeto. 
Luogo seminato di cardi da lanajuolo. 

ScARZONARA. 8. f. Cord}cctq;(3i. ( Targ. ) 
Luogo pieno di cardi salvatici. 

Scassa, s. £ V. Conud. Svolta. V. Sca- 
fada. 

Scassa, add. m. Cancellato dicesi di 
scritto sim. Eipunto dìcesi un de- 
bito cancellato dal libro del creditore. 
Scassato, un oggetto levato dalla cassa. 
Sgommato, un foglio dal quale sìansi 
con gomma levati i s^ni di matita. 

ScASSADURA. 8. f. Cossatura, Cassazione. 
Msi cassatura si dice di uno scritto, 
cassazione di una sentenza. Accecca' 
tura, il coprire con inchiostro od al- 
tra materia le parole scritte, in guisa 
da non poterle più leggere. Fregac 
dolo è cancellatura o frego fatto alla 
peggio. 

Scassar, att. Cancellare, Cassare. Ma si 
cassa con raspino o altro strumento, si 
cancella colla penna. Dar di penna. 
Depennare, cancellar la scrittura con 
colpi di penna. Cancellare o dannare 
a serpicella, cancellare con freghi a 
serpe. Acceccare, coprire con inchio- 
stro lo scritto interamente. 

Scassar, att. Scassare. Cavar della 
cassa le mercanzie. 

Scassar, att. T. di Comm. Spuntare, 
Spegnere, Espungere. Cancellar dal 
libro ricordo preso o scritto, a titolo 
di dare o avere. 

Scassar, att. T. de' Giojell. Scasto- 
nare? Levare dalla sua cas^a le gioje 
già incastonate o legate. 
Scassar, alt. T. de* Pili. Dar di 
spugna. Cancellare una dipintura fat- 
ta di fresco. 

Scassar i sigh d' lapis. Sgommare. 
Levare colla gomma elastica i righi 
o segni di matita. 

Scassar VON da una cohpagnìa. ftpef- 
lere. Licenziarlo togliendo il suo nome 
dalla lista de' soci. 

Scassoéula. 8 f. T. de' Cesi. Schisa? 
Il taglio sbiecato del piede delle ve- 
trici da cestajo. V. Seazzoèula. 

ScASSOLAR. att. T. de' Cest. Scalzare, 
Pareggiare. Levare col coltello quella 
parte delle vetrici fatta a schisa che 
resta loro da pie nell' esaere tagliate. 



Digitized by 



Google 



iO 



«: 



SciiflMiB. «IL &arrrff0rìf, F«r trasporti 
dì terr» eoi cséone a ctrrctli per 

. «lego^fliire oo campo. 

ScATAtAa. alt. Scatarrare. B io T. MeJ. 
EMpeiiorafe. Spurgare il catarro. Sor- 
maeekiare, tpolar foroaccLi. 

ScATiòfi. •' m. Capegii arruffaU, Si dice 
folo od DOOicro del più Cerfuglio, 
Cerfuglione, ciocca di capelli luoghi 
e dùordinalL 

CufAa ra'i scaTióif. Aeeapiglmre. 
Preodere pe* capelli. 

ScATioHi. add. m. Arrughio Scapigliaio, 
fcariDigliato, diaordioato oe' capelli. 
y. Speftnanà. 

SanóN'iu* a. f. Spetaechiala, Dicesi di 
donna che abbia pochi capelli. 

ScATU. f . f. Scatola. Arnese a somiglianza 
di vaso, fatto di legno sottile e an- 
che d'altre materie , per uso di ri" 
porri entro checchessia. 

ScATLA. s. f. T. de* Cesell. Bostolotto. 
Specie di cassetta di latta od altro si- 
mile ad uso di riponri diversi ferri 
come bulini, pianatoi, cacdabotle ecc. 
ScATLA. 8. f. T. de* F. Perr. Ca$$elta 
della icrratura. Quella piastra eo' suoi 
piani rilevati, in cui sono compresi 
gl'ingegni. 
ScATLA« s. t T, di Minrr. Alveolo. 
Cosi dicesl ciascuna di quelle caver- 
nuzte de* marmi e simili, dentro le 
quali si annicchiano pezzetti vari, co- 
me prismi, corpi fossili e simili, che 
talora si staccano e n'escono. 
ScATLA A MiTRALiA. T. Mil. Scatola a 
melraglia. Sorta di scatola che serve 
a caricore il cannone a scaglia in vece 
di saccbelto. 

ScATLA DA BESCÒTT. BiscoUiera, Sca- 
t(»luc€ia entro la quale fansi cuocere 
i hiicolli. 

ScATLA DA coivFBTT. Confettiera* 
ScATLA DA NASTER. Noztriera Scatola 
dove si serbano i nastri. 
ScATLA DA Bizz* Treccicra, Scatola 
entro la quale i parniccbieri serbano 
portano attorno ricci o altre petti- 
nature. 

ScATLA DA 8IG1LL. SaUmbacoa. Specie 
di scatoletta per lo più di rame, en- 
tro cui si conserva il suggello scoi* 
pito in cera di chi concedette un pri< 



SG 

Ttlegio, ona paieofe, autenticò ooa 
reliquia ecc., e vi sta pendente eoo 
una cordicella o nastrino. 
SciTLA DA TABACca. Tabacchiera. Sca- 
fletta in cai si tiene il ubacco da 



ScATLA OLA LtTVÉTTA. Busta. La parte 
delia lucerna a cassa ove si pone ca- 
poverso il serbatojo (magazxén) del- 
l'olio. 

ScATLA DL*osTOf9oai. Scatola, e Orrc. 
Teca. La parte dell* ostensorio ove tra 
due crisulli sta T ostia consagrafa. 

ScàTLA D'oDoa. Libretto d'essenze. 
Scatola in Ggura di libro entro la quale 
si chiudono diverse essenze. 

ScATLA DorriA. Tabacchiera tf tra- 
mezze. 

ScATLA D* Patìa. Scherz. Scatoia di 
Cartagine. (Faggiooli) Cartoccino dì 
carta con tabacco. 

ScATLA ra'lL BAU CALDI. T. Mil. Pa- 
rascoppio. Scatola eotro la quale si 
pangon le palle arroventate entro ii 
cannone* 
ScATLAB. s. m. Scatolaio, Seatoliere. Fab- 
bricatore o venditore di scatole. 
ScATLéii*ifA, ScATi^ÈTTA. ScotoUna, Scato- 
letta, Piccola scatola. 
ScATLò5*ifA. s. f. Scatolona, Scatolone, 
Grande scatola. 

ScATLòit'hA. s. f. Fig. Seiattona, Spe- 
Hiona, Spavalda, Fumosa. Ferooil- 
naccia vana o sudicia. 
ScATò. add. m. Scadente. Che è aca- 
dente di qualità 
ScATT. 8. m, Scattatofo. Quello strumento 
adunco, dove s'attacca la coda del- 
l'arco della balestra, e dicesi anche 
Scocco^ Scoecatqfo, 

ScATT. s. m. T. degli Oriv. Scatto. 
Petto che libera il meccam'smo della 
soneria. 

SCATT DEL CARILIÒN. NottoUnO, SOfia 

di rocchetto che mosso dalla susta del 
tamburo fa scattar le leve del cari- 
glione. 

Scattar. V. Scrocar. 

Scaturir, att. Scaturire, Pollare. Il sor- 
gere che fa l'acqua dalia terra, fig. 
Rinvenire, Tfvvare, Scoprire, cavar 
fuori e sim. 

ScAY. s. m. Scavo, Cavo. La parte sca- 



Digitized by 



Google 



se 

TaU. £$camMUme, Sterralo, litigo 
ctio sì è sterrato o scavato. Sterro. 
Sav. 8. m. T. Idr. Incof^rnatura. 
Corrosione falla da aa botro o torreo* 
leUo ia profondo. 

ScATÀ. add. m. Scavato, Inea^Uk 

ScAYÀGNi. add. m. Sgangherato, Semnr 
posto. Malaadato. 

ScATAGHAa. alt. Svwagnare, Sgangherare, 
Guastar i kti, allargare sconciameBtc 

Scavalca. •• m. T. delle Galzelt* Sca^Hil' 
caio, Àcetwallato. Sorta di stretto che 
risulta da più maglie scavalcate. 

Scavalcar. Fig. Soppiantare, Dare il 
gambetto. Far pdcre di grasia qual* 
ebeduno. 

Scavalcar aU. T. delle Calsett. &a- 
iHikare, Accavallare una maglia. Preo- 
dere con uno de' ferri la seconda 
naagUa dell'altro, farla passare sopra 
la prima, lavorarla, e far cosi una 
specie dì stretto. 

Scavalcar, att. Scavalcare, Scavai* 
lare. Passare una gamba aitandola 
sopra una cosa che sia d' impedimento, 
e trarre indi con sé 1* altra gamba co- 
me chi smonta da cavallo. 

ScAVALCBà. s. m. Trapoli o Trampoli. 
Due bastoni lunghi, nei mezzo de' 
quali è confitto un iegnctto, su cui 
ai posa il piede: e servono per pas- 
sare acque o fanghi senza immollarsi 
o infangarsi. Calobate, colui che abi- 
Uialmenle cammina sui trampoli. 
ScAVALGHà. Fig. Sestoni. Gambe lun* 
ghe e sottili a simigliaoza di sesta- 

ScAVAHéirr. s. m. Scavamento. Scavatura, 
scavo, cavo, cava, escavazione. 

Scavar, att. Sixivare. Cavare, affondare. 
V. Cavar. 

Scavar i poss. Bimeftere le fosse» 
Scavar von. Scavare, Fiscaleggiare. 
Cavare i calcetti ad alcuno. Fargli 
dire tutto quel che ne sa. 

ScAvÀzz. s. m. Castello, L'ossatura delle 
rame o il punto d'onde le rame si 

. partono dal tronco. Fig. Villanzone. 

Sgavazzar, att. T. d'Agr. Spenzanare. 
Levare i tralci della vite che sono 
vecchi improduttivi. 

ScAvcuR. att. Scavigtiare. 

ScAVOAGMAR. att. T. d'Agr. Sterrare. 
Levare la terra o soverchia o scom- 



9C 



61 



posta delta te^uu (cavdagna) per 
poi aprire il solco acquajp. V. Sriva- 
lar p Testar. 

ScAvai. add.^ m. Scapigliato, Scarmi* 
gliato, 

ScAViLAR. alt. Scarmigliare, Scapigliare. 

ScAvizz. a. m. T. de' Drapp. Sottigliumi. 

Ritagli di telerie d' inferior qualitit. 

ScAvizz. add. m. Snodato. Che ai 

piega aggirandosi in un perno, in 

una caviglia, in un mastietto o simile. 

Savizz d' PARif ecc. Scampolo. (B. L.) 

V. Cavèzz. ' 

ScAvìzz IN T* u VITT4. Scìolto, Svetto. 

Di vita fine, svelta^ leggiadra, geoUle« 

ScAvizz ScAVizzÀ. Scavezzato, Rotto. 

ScAVizzAGOLL. s. m. Mal bigatto. Sotkpe^ 
strato, rompicollo, forca, capestro. 
Uomo di scarriera. 
ScAVizzAcoLL s. m. Rompicollo, Scala, 
passo ripido tanto, o a petto, da cor- 
rer pericolo di fiaccarsi il collo* 

ScAVi^ZADURA. s. f. Scovczzatura. ^oU 
tura, spezzamento. Per Snodatura. V. 
Snoèud. 

SCAVIZZADDRA d' LBfl d' GANVA. (kh 

pecchio. Quella materia grossa e li- 
scosa che si trae dalla prima pettina- 
tura del lino o della canapa avanti 
alla stoppa. 

ScAVizzADURi. s. f. T. de' Forn. Crusca 
Semola. Le parti della buccia del 
grano sceverate da quasi tutta la fa- 
rina cioè la parte del grano macinato 
che sta fra il cruschello e il crusoone, 
( ardond e ròmoi ) V. 

ScAvizzAR. att. Scavezzare, Rompere, 
Spezzare. E dicesi di ramo secco che 
SI pieghi in due o più parti. Annqc* 
ciliare diccsi di vinciglio o salciuolo 
che si pieghino come nocca senza che 
le parti si separino. 
ScAvizzAR L'osa DEL coLL. Dinoccolare. 
Romper la nocca o giuntura dei collo. 

ScAvizzòN. s m. T. dc^ Drogh. ^v^^- 
zoììe. Rottame. Polvere di china, can- 
nella e simili. 

ScAvzADòR. s. m. T. dì Gualch. Scapee- 
chtatojo. Primo scardasso o pettine 
per la lana. 

Scazza, add. m. Cacciato, Espulso, In 
T. Eccl. Ejetto, /scacciato, dicesi d' un 
religioso cacciato dall'ordine. 



Digitized by 



Google 



69 se 

ScAXZACiouD f. m. T. di Mase. Caeeia'^ 
chiodi. Strumeoto uo po' Ugiieote 
cb« più spesso è uo pezzo di lama 
dì spada vecchia di buon acciajo, e 
che serve a togliere le ribaditore dei 
chiodi uel piede che si vuol sferrare. 

ScàZZàutnr. s. m. Cacciata, Scacciamen' 
to. Espulsione. 

ScÀxzAR. alt. Scacciare, Discacciare, 
Espellere, ed anche Sbandire o Ster- 
minare da un luogo. 

ScAZZoèuLA; s. f. Grappa, Arnese di 
ferro ripiegato da uno o da ambi t 
iati e talora a vite o ad alia *da una 
parte 9 con occhio dall'altra, che ser* 
ve a tener collegato checchessia. Fer- 
mi del baule, diconsi que' ferri ri- 
piegati e fermati a vite sopra l'asse 
di dietro delle carrozze perchè II baule 
Don {scorra. 
ScizzoàuLA. s. f. T. de* Mur. Pun- 
allo. Sorta di ritto con cui i mura- 
lori ecc., assodano i travicelli che so- 
stengono i ponti. Dente, Intaccatura, 
la tacca fatta in una candela o pun- 
tello per unirla anche con chiodo alle 
traverse d* un ponte (T altro, la qual 
candela prende allora interamente il 
nome di Scazzoèula quasi Grappa 
che afferri e ritenga. V. Gatèi. 

S'cÉLL. 8. m. Secchiello. Piccolo secchio 
a più usi. 

S'cÉLL. 8. m. T. d* Agr. Secchio. V. 
Séccia. 

S'céLL. 8. m. T. Furb. Berretto da 
giudice. 

S*cÉLL. s. m. T. de* Nav. Aggottatojo. 
Vaso che si usa talora in vece della 
gouzza a mano per aggottare o ca- 
var l'acqua dall'interno delle barche. 
S'céLL. s. m. T. de' Salin. Bugliolo. 
Vaso usato da* marinai per aggottare: 
ma adoperato anche nelle saline, per 
uso di travasar l'acqua da un vaso 
all'altro. 

S'céLL DA ■OLÉTTi. Botticcllo. Qucl 

vaso da cui cade l'acqua sulla ruota 
da arrotare i ferri. 

S'céLL Di HòifZBR. Bigonciuolo da 
mugnere. Sorta di secchio o mastello 
senza manico uve si mugne e tiene 
il latte. 

S'céLL DA MURADòK. Btgonciuolo, Va- 



8Kj 

iO di legno fctto di doghe, con ma- 
DICO lungo che serve a manovali e 
muratori per portar acqua alle fab- 
briche. Bugliuolo, vaso di legno si- 
mile al bigonciuolo, ma un po' mi- 
nore, con manico semicircolare, o eoo 
orecchiello. T. Séccia. 
SCELLEBÀGI5A. s. f. Scellerolezza. V. Sei- 

leragina. 
S'cérr. add. m. Schietto. Sincero, puro; 
ed anche Semplice senza mistione. 

S'céTT B RéTT. Alla ricisa. Chiari»' 
Simo, cioè Manifesto, Evidente Colla 
feccia dell'anima svelaU. Nettamente, 
schiettamente. « 

Un birbòn s'cérr b Nérr. Un fitrfam' 
te bagnato e cimato. 
S'cBTTAiièifT. m. avv. Alla ricisa. V. 

S'cètt t nètt. 
S*CBTTézzA. s. f. Schiettezza. Ingenuità, 

sincerità. 
Scheda o ScBéoLA. s. f. Scheda, Schedala, 

Carta scritta, cartuccia, biglietto. 
ScHéLTER. s. m. Scheletro. \t Schilter. 
ScBéNCA. s. f. Stinco, Fucil maggiore. 
Canna, e con voce Dott. 7Y6ia. L'os- 
so maggiore della gamba che va dal 
ginocchio a^ piede, fi minore chiamasi 
Fibula. 
Schén'na. s. f. Schiena. La parte deretana 
dell'uomo dalle spalle alla cintura. 

Scbén'na. s. f. T. de' Macell. Schie* 
naie. L'unione delle vertebre che com- 
pongono le schiene delle bestie da ma- 
cello. Arista, dicesi la schiena del por- 
co macellato. V. Aognòn. 

ScHÉNNA. s. f. T. di Vet. Dono. La 
parte del tronco che nel quadrupede 
ha per base le ultime 42 vertebre dor- 
sali e i muscoli corrispondenti. 

ScHÉr(*ifA DEL GiiéR. Pctto. La parte 
superiore del vomere fatta a comi- 
gnolo. 

Scbén'na dla fdsén'nA' Spaletta. Quel- 
la che si eleva sopra il piano della 
fucina dalla parte del mantice. 

A schèn'na d'asen. a schiena d' osi* 
no, A scarpa, A pendio, A comignolo. 

A schém'na d' bo, d' mull ecc. Per 
ischiena di Buoi, di Muli. Cioè tra- 
scinato o porUto da Buoi o da Muli. 

Aver bòn'na schén'ra. Aver buona 
schiena. Reggere al lavoro. 



Digitized by 



Google 



se 

Atb» la scb<!i*na al mob. E$$ere tu 
un camallo grosso. Essere sul sicuro. 

Dbotar la scaiif'if a. Lavorare di ner- 
vo, o a nuizza e stanga, Sudare t 
eapeliù Porsi a fare una cosa risolu- 
Uflueote. 

Fab Bòif*HA scHÉif'ifA. Far cotenna. 
lograssare. 

Fa DLA scBto'NA. Spina, Spina dor' 
saie, FU delle renù 

In 8CBÉ!f*iiA. Supino, Sesnpino. 

Lavor db 8chéi«*na. Lavoro da (ulta 
lena^ 

M ABOLLA DLA 9CBÉ1I*1IA, fILÉT, PILÒlf 

o ZAHOBàTTA. Schienale, L'aoiaiella che 

è cooteouU Delle vertebre della schie- 
na d' oDa bestia macellata. Midolla 

spinale negli Domini. 
M BTTBBS III scBÉif *Ff A. Aossodarst. Par* 

landò del tempo. Rafforzarsi se di sa- 
lute o di forae. Arricchire, se di a** 

veri o sim. 
VoLTAB u scBÉN'ifA. Dare U tergo. 

Voltare il dosso. 
ScHEBiif . s. m. Scherano. ( da Scan bai- 

leJlo, angheria feudale riscossa dagli 

searanii. ) Cosi in molte nostre carte 

antiche. V. Bullo. 
ScHERLiHci. Gambeseio. V.'Scarlincft. 
Sgbebva. s. f. Scherma. L'arte dello 

schermire. Le operazioni e gli stfu- 

menti principali della scherma sono: 

AssalL • . • • Assalto. 

Bàtter .... Battere. 

Conlratèmp. . . Controtempo» 

Difesa . s . . Difesa. 

Dsarmar. • • • Disarmare. 

Distesa . • • . Distesa. 

Fénu. M . . . Finta. 

Fiorètt .... Fioretto. 

Frir Ferire. 

Guant • . • • Guanto. 

Guardia. • « . Guardia. 

Mascra • . • . Guardafaecia. 

Parada . • • • Parata. 

Passar • • • . Trafiggere^ 

Passètt. y. Fiorett. 

Positura. . . . Positura. 

Prim sanghev • • Primo sangue. 

Sabla Sciabola. 

Schivar .... Parare. 

Sottman. • • « Sottomano. 

Spada, .... Spada. 



se 



61 



Star in guardia . Stare in guardia. 
Stooch .... Stocco. 
Temp .... Tempo. 
Tir .... . Ttro. 
Trovar la spada . Trovar la spada. 
Ultom sanghev • A morte, a mifo 
sangue. 

TiBAB DE scBBBHA. Sccrmirc. Giuocar 
di spada. 

TiBAB DB SCBBBHA. Fig. Frecciare. 
Cercar denari all'uno e all'altrOé V. 
Stoccar e Frizzar. 
SgberhXj. s. m. Schermaglia, Parafuoco. 
l Fiorentini lo dicono Venlaruola e i ve* 
neziani Guardafnoco. V. -Scarmaj. Ve* 
rissimilmente deriva da Scrimaglia , 
eolla qual voce appellavasi nelle guer- 
re de' secoli di mezzo in Italia una 
casella di legno per istarvi al coperto 
dell'armi nemiche sulle mura. (Mnr. 
Disert. T. L p. 455). 
ScHEBMiNAB. V. Scarmluar. 
Sgbbiuiìb. att. Allappare. Produrre quel* 
l'effetto che fanno le cose acerbe nel 
volerle mangiare. 

Scbbbhìb bl saiigbev. Aaghiaeciare il 
sangue. Rimescolare produrre quell'ef- 
fetto che fanno una subita paura i il 
racconto di cosa disgustosa e simili. 

ScBBBMiB I DEHT. Allegare i denti 
(Fior.). E dicesl di frutta lazze. Moz* 
zare i denti, dicesi del seotimcDto 
che produce il soverchio freddo de* 
cibi e delle bevande gelate. 
ScBEBBiBS. n. p. Schermirsi. Dtfendersi. 
ScBEBZ. s. m. Scherzo, Burla, Beffai 
Gabbo. 

ScBEBZ DA HATT. Capestreria. Vivezza 
licenziosa o scherzo sciocca 

ScBBBz d'ahob. Druderitk Scherzo o 
tratto amoroso. 

ScBEBZ DA viLÀif. Crocchlo, Schcrzo 
asinino. Sgarberia. 

ScBBBZ d' natoba. Bizzarria, Mostro. 

ScHEBZ halIgn. Burla di pepe* Tiro 
fraudolento o pungente. 

Bbutt SCBBBZ. Mal gioco. Mal tiro% 
V- Buria. 

SCBBBZA CON I FANT B LASSA STAB I SANT. 

In chiesa coi santi, e all'osteria coi 
ghiotti. Ogni cosa a tempo e luogo. 
ScBBBZAB. att. Scherzare, Folleggiare, 
Ruzzare. Far burle o scherzi. V. Burlar. 



Digitized by 



Google 



u se 

%cmuaÈn, • m. Sehentti»* Scfaeno fare- 
te e vivace. ÀUuuio, pecd inotta, o 
ceflo ùQctUc* 

Semaa^nuL éIL Sckkckiokrt. Y. Scws- 

Scaizau. f « f. Scheggia, Penello loogìta- 
dìoale di legno che sUccasi dal Ì^B^- 
jDe lavorandolo o osandolo eoo istra- 
pazxo. Schegginola, Schcggiusia, dì- 
min. Scheggiane Mter» 
Scmlazk» i« f. Sn^Tta, 0|^i mìntina par- 
ticella di legno apiccaU dal ano fusto 
e più propriam. sebeggia ebe si ao- 
Diraiia nella spessesza della peilt e 
eagiona vivissima irritazione e infitti- 
maziooe. 

Scatoi! Inter. Gnafe/ Piccola co$a, 
Nienu mono! 

ScuKi'ijj». n, p. Sgreiolani. Scheggiarsi. 
Rompersi in gretole o scheggie, come 
accade di eerli legni e delle ossa del- 
le gambe. 

ScHÉzzi ScMÈn^ Trampoli da ifan- 
gore» Sorta di trampoli con gamba non 
molto lunga per uso di camminare per 
lo strade melmose. V. Scavalcbè e Sga* 
ramp. 

ScBtozi. s. f. T. de* Lego. Schianti 
Ssbegge cbe si sollevan nelTegoo piallan- 
do e che sottili in principio s* interna- 
no grosse nel legno se non si usa un 
ferro a registro nella pialla o il rabotino. 

ScviBuii. alt. Squacquerare, V. Scbirlàr. 

ScurcRADA* s. 1. Sehieeheratnenio. Pig. 
Sbevazzamento , Bevuta. V. Chiccràr. 

ScarcMAa. alt. Spippolare, Sciorinare. 
Parlar chiaramente e francamente* 
Fig. Sbevazzare, Cioncare. 

ScHiDA. s. f. Scheggia. V. Schòzza. 

ScHirèTTA. s. f. Vanojno ad uso special- 
mente di porvi sopra cose minute e 
di pregio come giojelli o altro all'at- 
to dell adornarsi, o di svestirsi. 

ScHiFGNOS. s. m. Schizzinoeo, Ritrosa. 

ScBiLTBR. s, m. ScheUtra, Carcame. Tut- 
te le ossa d*un animai morto tenute 
insieme da nervi, o artificialmente da 
fili d* ottone. 

ScuiLTBR. Fiff. Oaaccia senza polpa, 
Lanlemulo, Sacco di me$ioU (Tose). 
Persona magrtssima. 



se 



di ima 
del san 
è coperta 



CareaoML U 

non ancor €0- 

Dieeai Scafo 

flMdierì o <U1 



DvoTAa cv scaiLTsa. It c kekirir o . 
ScnLTmte. a. 1 SeJbelefrMO. 
ScanaÉic. a. o. Steniimo (Fior.). Fan- 
ciullo cresdoto a slealo, magro» spa- 
ruto, gracilissimo. 
ScHiHADA. a. t Sekiemaia. Colpo di schie- 
na. 
ScamiL. 6. m. Daziale, Tergo. Io gene- 
re il dosso deUe cose. 

ScnHiL. s m. T. de' Legn. Fonale, 
n dosso di on armadio o sim. che ala 
appoggiato al muro. 

ScBiNÀL. 8. m. T. de* Teas. Spraga, 
Astone. Tavola o legno traverso nella 
parte posteriore del telajo contro la 
qoale poggiasi il tessitore nello apio- 
gere i licci. 

ScHiiiÀL OAVARTL 0OSSO «nltriorf. La 
parte della cassa delia carroBxa verso 
la cassetta del cocchiere. 

ScBiifiL DEoai. Dosso. La parte po- 
steriore della cassa delle carroaae alla 
quale posa le spalle ehi vi siede en- 
tro. 

ScBIRlL D' RA BAHCA, D* HA SCBARA eCC 

Spalliera, Appoooiatofo. Queiraase» o 
Guojo, o altra si&tta cosa, alla quale 
sedendo si appoggiano le spalle. 
ScHinlL o sghén'na d* un coapàTT e 
simili. Il di dietro. Il dosso. 

ScBiNAZZA. s. f. SchienacciOf e fig. JVo- 
stracone. Uomo di gran ior^^a e mem- 
bracciuto. 

ScfliNCADA. s. f. Stincata. Percossa nello 
stinco. &tneo/t<ra. 

Dar 'na scbincada. Toccare una sUth 
cola. Rimaner stiocato. 

ScBirrcADAzzA. 8. f. Sudicia stincata. Una 
forte stincatura. 

ScBiNCAR LA BALA. Sbiecar. la palla. Di- 
cesi nel giuoco del biliardo quando 
si sgarra il colpo, non battendo la bi- 
lia in pieno. 

ScfliifcTTA. V. Zcbinètta. 

Scarnò. V. Cont. Altrimenli, Se nò, I» 
altro caso. 

ScBiN6if*BA. a. il ScUenone. 
I ScaiNua. V. a. T. de* Jattil. Schinzmre. 



Digitized by 



Google 



se 

Tagtiftre le foglio d*oro battuto in quat- 
tro parti. 

ScBiftu. 8. f. Squacquera. Squaccfaera, 
sterco liquido. 

ScHiauDA. 8. f. Fruttata. Squacquera, 
scacatsamento. Squaequertlfa diininut. 

ScamuB. att. Squaquerare. Cacar tenero. 
ScHiALAR c»è UN OCA. A^er la sqaeque» 
reità come un oca. 

Schisar. atU T. d'Aritm. Schisare. Ri- 
durre il numero rotto a numeri mi- 
nori, ma di valor eguale. 

Sghiv ScBiVA. Schifo. Schifiltà, 8chi- 
fezia , alomacaggine. 

Far schiva Essere schifoso. Commuo- 
vere, perturbare lo stomaco. 

ScBivADEBiT. Y. Borgb. 

Schivar, att. Schivare, Scansare, causa- 
re, sfuggire, schifare. Bvitare. 
Schivar, att. T, de' Scber. Parare t 
colpi. Tenersi beo difeso dagli attac- 
chi dello schermidore avversario. 

ScBivòs. add m. Schi/bso, Sporco, Sw 
ciào. Che induct; nausea. Fig. Schifò, 
colui che odia le cose schifose, schi- 
fante. 

Far el schivòs. Fare del vezzoso, o 
detto schifo. 

ScHizAR. intr. (z dolce). Scheggiare. Far 
scheggie. V. Schezzòrs. 

ScHizz. 8. m. T. di Pltt. Schizzo. Abboz- 
zo, bozza, prova. 
ScHizz. 8. m. Fig. Amico. 
ScHizz. add. m. Schiacciato. Piatto, 
scofacciato, e dicesi di cose elastiche. 
Simo, Camoscio, Camuso, chi ha il 
naso piatto e schiacciato. Nasino, chi 
ha piccol naso. 

ScHizz. avv. Stivato, Cosi dicesi chi è 
pigiato tra il muro e la calca di po- 
polo agitato. 
Star schizz. Schiacciare. Rintuzzare, 
reprimere la collera, il risentimento. 
Fig. Star quatto, ristringersi tutto in 
se onde non esser veduto. 

Schizza, s. f Calca, Stretta, Pressa. 
Folla di gente, stivaincnto, che i Fior, 
dicono anche Pigia o Pigio, 
Schizza, s. f. Simità. Schiacciatura 
del naso. 

ScHizzM>A o Schizzadén'na. 8. f. Schiac 
data. Schiacciamento, schiacciatina. 

ScHizzADURA. 8* f. Schiacciatura, Ammac- 



se 



6» 



calura. Il segno della sditaccialura. 
Granchio secco, si dice di quella 
strignitura, per esempio di uu dito, per 
la quale il sangue viene alla pelle sen- 
za schizzar fuora. 

SCBIZZADURA DEL PETT. T. di Vct MO'^ 

strite mammite. Infiammazione o 
flemmone della mamroelJo degli animali. 

SCHIZZADURA OLA COPPA. T. di Vct. 

Accollatura, Quella contusione che il 
giogo fa nella coppa del bue. 
ScHizzALiBÒN . 8. m. Matricina, Pera. 
Quella specie di strettojo con cui 8Ì 
spremono i limoni. 

ScHizzALiHÒN BACTòN. Fig. Graffia^ 
santi. Collotorto, baciapile, coronciajo, 
bacchettone. 
Schizzar att. Schiacciare. 

Schizzar, att. T. de' Piti/ Schizzare. 
Accennare il disegno delia cosa che si 
vuol fare. 

Schizzar dl'occ Far l* occhiolino, Am- 
miccare. Stringer un pochettin roc- 
chio per segno d'intelligenza. 

Schizzar bl cacao. Pestare il cacao. 
Cosi dicono i cioccolatlieri dei pillarlo 
in un mortajo riscaldato. 

Schizzar el pb. Pigiare il piede. La 
qual cosa usa per lo più tra gli inna- 
morati. 

Schizzar i figb in t' bl cavagn. Ser* 
rare il basto o i panni addosso, Strih* 
ger fi-a V uscio e 'l muro. Fare ad al* 
cuoo una forte reprimenda, fargli 
paura. 

Schizzar i lihòn. Strizzare, Spre* 
mere i limoni. Gocciare. -?- E fig. Spa* 
temoslrare, Scoroneiare. Far Tifto- 
crita, il bacebeitone. 

Schizzar la prutta, o cose simili. 
Frenare. Ammaccare* 

Schizzar l' uva. Pigiare. 'V. Mostàr. 

Schizzar via* Sgusciare. Fuggire leg- 
germente. 

Fars schizzar. Farsi pigiare, come 
avviene quando si va in una calca. 
ScHizzARBS su. Ristringersi. Stivarsi, u- 

nirsi strettamente. 
ScHizzAV su. M. Schcrz« Largo al camuso. 
e diccsi allorché si presenta uno che 
sia Simo, Camuso o Nasino. V. Schizz. 
ScHizzÀzz. 8. m. Camusaccio, Acer, di 
camuso. 



Digitized by 



Google 



66 



se 



ScHizzàTT. s. m. Simuixino, Camuiowio, 

Che ha alquanto caiDuso il naso. 

^cHizzBTT. s. m. T. de* Piti. Bozza 

o Bozzeuo. Cusi dicooo i pittori lo 

scbizio in piccolo d* uo opera grande. 

ScHIZZéTT DA SPRICCUR. ScIliZZCUO. 

SeMzzatqjo, Strumento per lo più di 
stagno d'ottone, col quale si attrag- 
gono schizzano i liquori per diverse 
operazioni. Gonfiaiojo, strumento si- 
mile allo schizzetto per uso di gon- 
fiare. Obenchite, T. Chir. altra specie 
di schizzetto o siringa per le orec- 
chie. 

ScHizzàrr dla macchina da tdear il 
BOTTiGui. Cakaiappi. 

ScBizzàTTA. s. f. Sehiaceina. SoUobraeei" 
no. Cappello, arricciato per lo più, 
e guernito di piume che si porta sotto 
il braccio. 

ScHizzGNòs, s. m. Schizzino$o, ' Schifò» 
Schifiltoso, lezioso, ritroso. 
Far el scbizzgnùs. Fur del lezioso, 
dello schifo. Usar schifiltà, ritrosia. 

ScHizzGNùSA. s. f. Ifonna schifa 7 poco. 
Donna artatamente modesta e conte- 
gnosa. 

ScHizzòif . s. m. CàmosctoiM^ Camusaccio. 
Fig. vale i4fiitcoiie. 

ScHZAR. V. Schezzars. 

S^ciAFjp. s. m. Schiaffo. Ceffata, guan- 
ciata, gotata. Colpo dato nel viso a 
mano aperta. 
S*ciAFF. s. m, Fig. Sfiregio. Onta; 
torto, ingiurìa, offesa. 
. S'ciAFF. s. m. T. d'Agr. Corregge. V. 
Corèzzi. 

S*CIAFF A MAN ARVERS* RoveSciOTie, 

Colpo dato colla parte convessa della 
mano. 

S*ciAFFéTT. s. m. Ceffaiella. Ceffiatina, leg- 
gier ceffata. 

S*ciAFFòN. s. m» Ceffatonc. Gagliarda cef- 
fata. 

S*ciAFFZAR. att. Schiaffeggiare* Dare schiaf- 
fi ceffate. 

S'ciANcAcoéua. s. m. Cérepacuore. Gran 
travaglio o cordoglio. 

S'ciANCAFORCA. s. m. Scampaforca. Fur- 
fantone, capestro. 

S'ciANCAR. att. Squarciare. Schiantare. V. 
Sfrazzàrs* 
S'ciAifCAR. att. T. d* Agr. Scoscendere. 



se 

Dicesi Dropriamente del rompere i ri- 
mi degli alberi. 
S*ciAN€H. s. m. T. d*Agr. Racemo (Gagl.). 
Una parte del grappolo. Alquanti n* 
cerni formano il grappolo. Racemoso, 
agg. di grappolo che ha molti racemi. 
Racimolo j il raspollo che resta sulla 
vite dopo la vendemia. V. Grapp. 
S'ciANCH. 8. e add. m. Straccione, La» 
cero. Stracciato. 

S*CIAM:uéN S'CIANCHÉTT D* UVA. RadJM' 

letto, Racimoluzzo di uva spiccato di! 
grappo. 
S'ciANcòN. s. m. Straccio, Schianto. Stra^ 

ciatura. 
S'ciAPA. 8. f. Sherz. Ciarpiere, Guasta* 
mestieri. Guastalarte, acciarpatore, cia- 
battino, ciarpone. 

S'ciAPA A SONAR. StrimpcllatoTe. Pe- 
statore. 

S*ciAPA A zuGAR. Sbercia. Cerna. 

S'ciAPA D* CQRÀM. Pczzo. La metà del* 
la pelle d' un bue concia. V. Gròpa. 

S'ciAPA D* LEGNA. Stiappa, Schiappa. 
Scìuggia, Stecca. Pezzo da catasta. 
Pezzo di legna da ardere* 

S'ciAPA D*oèuv. Spicchio d*aovo so- 
do; una delle due o quattro fette die 
suol farsene. 

S*ciAPA d' per, d' pòm, e simili. 
Spicchio. Una delle parli nelle quali 
SI tagliano per lo lungo le pere e si- 
mili. V. FètU. — E nou che per 
S* ciàpa s' intendono anche le pere e 
mele guaste, che rimondate poi si 
' vendono da' fruttajuoli, e si potreb- 
bero dir Scarto, tema. 
S'ciAPÀ. add. m. Schiappato, Spaccate 



S*ciAPADA. s. f. Fenditura. Fessura, aper- 
tura* Fig. Gofferia. V. S*ciapinàda. 

S^ciAPADA. 8. f. T. delle Arti. Feritoja. 
Traforo o apertura stretta in cui possa 
liberamente passare come per taglio 
alcun pezzo di ferro, legno o simile. 

S*ciAPADA. 8. f. T. di Giuoc Sbercia- 
ta. Sbaglio che noi farebbe un prin- 
cipiante. 

S'ciAPADA. 8. f. T. delle Sari. Fim- 
stretta. Apertura fatta nel davanti del- 
la cottardita (Bournòus), simile per 
infilarvi le braccia. 

S'ciAPADA DEL COL. Sdssura o fess9 



Digitized by 



Google 



se 

delU naiiehe. V iovavo del corpo u* 
mauo che è tra il eodrioae e l'infor- 
catura. 

S'ciAPADà IN TI VBStI, llf T' IL CAIII81. 

Sparalo. Sparo, tagliatura o apertura 
per lo più dalla parte davanti delie 
vesti e delle camicie. V. Vèrta. 

S'cupADOii. s. ni. T. de' Cesi. Spacchino. 
V. Corlell. 

S'ciAPAOORA. 8. f. Spezzatura, La mer- 
cede che ai da a chi spezza o spacca 
legoe. 

S'cuPADORÀ. 8. t T. de' Macell. Mez- 
zo zehienaie» La metà dello schienale 
che è attaccata ad ogni coscia delle 
bestie macellate. 

S'cuPALÒMZA. 8. m. Squartapiccioli Colui 
che vuol trarre il sottil dal sottile. 

S'aAPAR. att. Schiappare. Spaccare, scbeg* 
giare. Ridurre in iscliiappe. 

S*ciAPAR. att. Tagliare, Dicesi de' li- 
quori quando uno si mescola, o si 
tempera colf altro. 
S'ciAPAR. att. T. d'Agr. Sparigliare. 
Scomporre un paja di buoi per ricom- 
porne un altro. Di^apparigliare. 
S'ciAPAa BL BROD. Maritarlo. V. Rom- 
per el hròd. 
S'ciAPAR BL coèuR. Flg. Trafiggere, 
Trapassare il cuore. Recare grande 
afflizione, accorare. 
S'ciAPAM I LBCif. T. de' Cest. Fare lo 
spacco. Dividere nel mezzo le mazze 
traverse del fondo di una cesta, per- 
chè vi passino le mazze lunghe e si 
formi la croce. 
S*ciAPAa LA TBSTA« Diccr^llare» Sba- 
lordire, stordire, colle strida o con 
altro frastuono. 

SciAPARS. n, p. Fendersi, Spaccarsi, 

S ciAPiif. 8. m. Taglialegna. Colui che 
atterra alberi, e fanne legna. V. Stlèn. 
S'ciAPÉN. 8. m. T. de' Cest. Spacche- 
rello. Cono tronco a mo' di frullino, 
con tre o quattro scanalature, per spac- 
care in quattro i vimini di già rifessi 
col coltello. Usasi ne' monti. 
S'ciAPÉif , BiORéif. Ciarpiere. V. S*ciàpa. 

S'ciAPiifADA. 8. f. Gofferia, Strimpellata, 
Malafatta. Errore. 

S'ciAPiifAR att. Acciarpare, Acciabattare, 

S*ciAPtBTTA. s. t Stiapperella. Dim. di 
Schiappa o stiappa. 



se 



er 



S'cua. a. m. Acquajo. Pila con stK> con- 
dotto per ricevere la rigovernatura , o 
l'acqua con cui sono lavate le stoviglie. 
S'ciARAZZ. 8. m. T. de' Fornac. Usciale. 
Apertura nel lato della fornace oppo- 
sto alla bocca, e per cui si passa e si 
scende per infornaciare il materiale. 
S'ciARELA. 8. f. T. de' Tess. Chiarella. 
Specie di ragnatura, prodotta ne' tes* 
suti da alcune fila del ripieno più sot* 
tili, mancanti, o non bene e nnifor* 
memento colpeggiate colla cassa» Ao-' 
gnatura. Badare, difettosa trasparen- 
za dei tessuti prodotta da logoramento. 

SciARELA- 8. f. Spiraglio, Fessuolo. 
V, Fissura. 
S'ciARÉTT. 8. m. Pila dell* acquajo. Vaso 
o spazio per lo più quadrilatere mu- 
rato presso l'acquajo ove si pone in 
iscolo la rigovernatura. • 

S'cuRàTT. 8. m. Lavamani. Acquaio 
del refettorio ne' monasterj, e nelle 
sagristie, dove i religiosi si lavano le 
mani. 

S*ciARèTT. 8. m. Avello. Quell'aper- 
tura ne' lati dei sepolcreti ove si sep- 
pelliscono i morti. 

S'cuRÉTT. 8. m. T. di Cart Marcia 
tqjo. Quel luogo dove si tengono i 
cenci ammontati prima di passarli nel- 
la pila. Doccia del trincarello, dicesi 
lo scolo d'onde esce l'acqua sudicia 
che serve a lavare i cenci. 
S'ciARiR. att. Schiarire, Schiarare. Far 
chiaro. 

S ciARiR. att* Chiarire, Rischiarare. 
Far conoscere. 

S'ciARiR. att. T. d'Agr. Diradare. 
Torre da un campo bosco o simile le 
piante troppo spesse. Discocciare. Tor- 
re ad una pianta i germogli superflui. 
Scannellare, diradare i canneti taglian- 
do le cannucce sottili che sarebbero 
di pregiudizio all'altre. 
S*ciARiRES. n. p. Diradarsi, Radificarsi, 
Inrarirsi. E detto di tempo nuvoloso 
caliginoso. Allargarsi. 
S'ciARòif. s. m. T. de' Cac Tralicio. Te* 
la di accia che serve per trasportare 
dalla caldaja al banco la pasta del ca- 
cio e per farlo scolare. V. Carviòn. 
S'ciAsBM. 8. m. Storp. di SpIsem. Spasi- 
mo^ Spasmo, affanno. 



Digitized by 



Google 



68 se 

S'ciASMAE. att. Spoitnare. Spafflmare. 

S'cuTRA. 8. r. Spruzzo. Leggiere bagea* ] 
mcDlo d* acqua. V. Spriccia. 
S'ciATRA d' FANGi. Zaccfuta, PiUac 
ehera, ma la zacchera è achiszo di 
fango più grande della pillacchera. 

S'ciATBÀ. add. m. Zaccheroso, PUlac^e" 
roso. 

S^£iATRAiièiiT. 8. DI. Spruzzametìlo. Gli 
aprutfi d'acqua. /iijsaccÀerafnefilo, Gli 

- schizzi di fango. 

S'ciATRAR. att. Sbruffare, Spruzzare, ma 
sbruffare è spruzzare forte un liquo- 
re colia bocca, e spruzzare si dice me- 
glio lo spruzzolar colle dita o con gra- 
natino la biancheria che si vuol stira- 
re. V. Spricctar. 

S*ciATRAR D'FAifOA. iuzacchcrare , Im- 
pillaccherare. Schizzar di fango. 

S'ciATRÉif*ifA. 8. f. Spruzzelto. Piccolo 
spruzzo o sbruffo d'acqua laccherei' 
la, PtUaccherella. Schizzo di fango. 

S'ciATRòN D* PANCA. Zocchcroiìe. 

S'ciATRÒlf O S'CMTTÒN. 8. Su. GocdO' 

Ioni di sudore. 

Gnir zo I s'ciATRÒif. Sudare a dirai' 
ta. Cadere il sudore a grosse gocciole. 

S'ciXv. 8. m. Schiavo. Quegli che è in 
intera podestà altrui, avendo perduta 
la libertà. Fig. Ligio, Obbligalo e sìnu 

S'ciavén'na. 8. if. Schiai^ina. Coperta da 
letto, fatta con quel panno grosso del 
quale un tempo vestivansi gli schiavi. 
Sciavén'na. ?• f. T. de' Fatt. Terzone. 
Grosso traliccio entro il quale si pone 
la pasta delie ulive e di altri semi 
oleiferi per ispremerne l'olio. 1 To- 
acarii usano invece la gabbia o BuscO' 
la che è una specie di sacco fatto a 
rete con stramba. 
Sciavén'na. 8. f. T. Furb. Veste, A- 
òlio. 

S'ciAviTù. 8..f. Schiavitù, Servitù, ma 
nella servitù V uomo non è tutto di se 
nella schiavitù è computato come tut- 
to d'altrui ed appareggiato agli ani- 
mali domestici. 

S'ciAviTù. 8. f. Fig. Dipendenza. Di- 
sagio, soggezione. V. Servitù. 

S'ciAVO Addio, Salve, Ti saluto. Buon 
di. Buona sera. Maniera di salutare. 
S'ciAvo. Festa, Buon anno, come 
nel seguente esempio: 



se 

A ch'era del pan, del véN, 'ha dòn*- 
NA hnestra e 8*01 avo, Oppure e addio 
C'era pane, vino, buona minestra e 
festa, oppure e buon anno. Vaie an- 
che Eccetera in senso affine. 
S'ciAVO sior! Addio fare, Buonan^t* 
te pagliericcio/ Dicesi di fatto ebe doq 
si può impedire o di cosa già av\e- 
nula contro la nostra aspettativa. 

S'ciAvòN. 8. m. Schiavane. Dolinatino, 
Illirico. 

ScmiA. V. Simia. 

S'ciòBGA 8. f. T. de' Forn. Gallozza. Cro- 
sta arsiccia che leva il pane messo ia 
forno troppo riscaldato. 

S'ciopcA. 8. f. T. de' Mur. S&u/lello- 
tura. Quel getto che fanno gì' intona- 
chi di calcina di un tratto di superfi- 
cie di piccola dimensione. 

S'cioPGAR. att Crepitare. Leggero stre- 
pito che fan legno morticino al fuoco. 
Scoppiettare, dicesi meglio il rìpetuu» 
scoppiettio del caffè appena tostato. 
Schianlellare , lo scoppiettio del legno 
che schianta per seccore. 
S^cioPGAR. att. T. de' Mur. Sòulieita* 
re. lì gettare che fanno gl'iotonachi 
di calcina di una porzioncella dì lor 
superficie per lo più di figura tonda. 

S'ciOPOBi. 8. f. Brozze, Bolle. Piccoli 
eofiatelli cagiouati da umori acri o 
da poca nettezza della persona. 

S'ciopp. 8. m. T. Mil. Archibugio e eoa 
y. mod. Fucile. Arme da fuoco usata 
dalla fanteria. Moschetto, sorta dì ar^ 
chibuso più corto usato dalla cavalle- 
ria. Schioppo, diccsi ora l'archibugio 
da caccia. V. S'cioppètta. Per non re- 
gistrare io un luogo solo troppo nu- 
merosa serie di nomi che corrispon- 
dono alle parti dello archibugio te ho 
divise sotto i nomi delle sue parti 
principali. V. Azzalèn, Bajonètta, Ca- 
na, Incassadura. 

S'ciopp. 8. m. Scherz. Canna da $er» 
viziali. 
S'ciopp. 8. m. T. Furb. Bilancia, Sta- 
dera. 

S'eiopp A ARIA. Fucile a vento? 
S'ciopp A CAVALèTT. Archibuzo da /br* 
cella, da posta. 

S'ciopp DA DO CANI. Schioppo da cat 
eia. Noto archibugio a due caoue chi 



Digitized by 



Google 



se 

un certo tale chiamò io una poblica 
diceria Schiappa e che il Gherardìoi 
con buona logica e chiaro atgoificato 
diiaina Fucile a due canne. 

S'ciopp DA HONiziòif. V. S*eiopp i*^ 
Sign. 

Sciopp D* MSUBA, Archilfuio a misti- 

f(i(B. L). 

S*aopp FULMiNART. Arckibuio a ptr* 
cussione ossia capeilozzo o come vuo* 
le il Diz. Veoex. Àrchibuso brontico. 

S'ciopp SGUARNÌ. Archibuio sfornito 
{B. L ). 

Sciopp spoiiCH. Schioppo intasaio. 

A CH TIR DB s*ciopp. A un trar d'ar* 
ehibugio. Al portare di un arcbibuso. 

Calar el s*ciopp. Spianar il fucile. 
Per isparare. 

Far paura con un s^ciopp voéud. Brh* 
vare a credenza,. Fig. Fare gli acop. 
pieni colle fave fresche. 

Montar el s*cìopp. Montare, o aUch 
re il cane. 

Star con el s'ciopp al hostazz. Sta» 
re eoli' arco leso. Cioè pronto, lesto a 
cogliere il destro. Mettere a viso il 
fucile. 

Trar del s'ciopp. Sgrillettare, Spa- 
rare (B. L.)- 
S*cioppAR. atL Scoppiare, Crepare, schiat- 
tare. V. Carpar. 

S*cioppAB DA LA YOÉUJA, Ardere, Spa- 
simare di voglia. 

S*cioppAR DAL RmER. Smaace//are^ Dì- 
sfarsi dalle risa. 

Post s*cioppar. Che ti venga il ma* 
lanno. Che tu possa crepare, E di- 
eesi io atto di rabbia o di scherzo a 
taluno. 
S*cioppÉrr. 8. m. Schioppetto. Piccolo 
schioppo. 

S'cioppèrr d' samboèugh. Scoppietto. 
Ramo di sambuco, nel quale cavatane 
r anima , s* introduce una bacchetta 
con due stoppacci di carta masticata, 
altro, de' quali i ragazzi fanno scop- 
pi, mercè la forza elastica dell'aria 
compresa nel vuoto che è tra pallot- 
lottola e pallottola. 
S cioppéTTA. s. f. Moschetta. Arcbibuso di 
canna n>en larga ad uso specialmente 
di cacciare. 
S'cioppòN. 8. m» Arehibusone. 



se 



69 



S'aoppTiDA 8. f. Arehibugiata. Colpo ò 
sparo d'archibugio. Archibusata, paro 
esprima più propr. il colpo di palla lan* 
ciata da arcnibuso. Fig. Pesata. 

S'CIOPPTADA. 8. f Fuoco VSVo. Il PU* 

more prodotto dallo spesseggiare delle 
fucilate o archibugiate. 

S^cioppTADAZZA. 8. f. Archibusuta in pie* 
no, 

S'ciopPTAR att. Archibugiare , Moschet* 
tare. Uccidere con arcbibuso o mo- 
schetto. 

S'ciopPTÉN. 8. m. S'cioppTiNéN. Piccolo 
schioppetto. E si dice per lo più di 
quegli schioppetti di latta entro cui 
pongono i fanciulli una bacchettina, 
che lanciano sgrillettando un ordigno 
a modo d' arcbibuso. 

S'ciorlIr- att. Involpire, Scaltrire. Uscir 
di gatta morta. 

S'ciozzAR. att Chiocciare. Far la cbioc- 
eia. Levare i pulcini. 

S^ctùMA. 8. f. Schiuma. Aggregato d' infi- 
nite bolle, sonagli o gallozzolioe ri- 
piene d'aria che si producono nelle 
cose liquide, o per forza di calore, o 
quando con forza e veemenza s' agita* 
no e si dibattono. Stumia o Stummia. 
Queir escremento che nel bollire man- 
da alla superficie una pentola o altro 
vaso con carne dentro. Spuma. Dicest 
quella che fa nel mescerlo il vin gè- 
neroso. 
S'ciùiA. 8. f. T. di Cari. Fiorata, Cre* 
spa. Quella schiuma che si vede gal- 
leggiar sul vagello, quando è riposato. 
S'ciùBA. s. f. T. de' Confor. Spumino 
Spumiglia. V. Spuma. 
S'ciùMA. s. f. T. de' Sai. Stummia. 
Le materie estrattive dell'acqua salsa 
coagulate coli' ebollizione. 
S'ciùMA. 8. f. T. de' Tini. Fioritura 
d'allume. Quel fiore che getu l'allu- 
me nel cuocerlo. 

S'ciùMA d' balòss. Schiuma degli scia» 
gurati, de* ribaldi e simili. Ribaldis- 
simo, sciagoratissimo. Cima di bric- 
come. 

S'ciùMA DEL FBRR. Ferrugine. 
S'ciùHA DEL VEDER. Arzumc. V. Scla- 
madura. 

S'ciùHA DU BIRRA. T. de' Birr. £ie- 
vito. 



Digitized by 



Google 



70 



se 



S^atMk MA woccà* Boom. Umor des- 
io e raeoio che ulora a^i uosiniy 
ot fpetfo eoU dalla bocea di eerti 
rettili e di altri aotinali idrofobi. 

S'aesA d' ■!«. fteoltle. Terra k^- 
femaeote ootuota chiamata impropria- 
mente fcfaiama di mare e cbe si trora 
a doe leghe da Riovia in ICatoQa. 

Fae la s ciùma. Spttmare. Fare a ge- 
nerare fpoma. Spomeggiare eome fii 
il vino generoio. Stwmmare, hr la 
sfumia. V. S'ciùma. 

Gina LA 8*aùVA a la bocca. Venir la 
uhiuma o baoa alia bocca» Dieesi di 
chi ft la bava per eccesao d*ira. Fig. 
Adirarei aanL 
SciCaA, add. m. Sehhtmalo p Sfiiminta- 
to. Fig. Sfiorato, e dicesi di merce o 
altro da cui siasi ^ levato il meglio. 
S'ciL'ifADA. s. f. Schiumata* 
S'ciCNAa att Schiuniare. Levar la schiu- 
ma, Siummiare, levar dal brodo la 
ttoronia cbe ai cumula alla superficie 
per cbulliziooe della carne. 

S*aimAi il còti. T. da* Saln. Schiw 
mare o Stummiar le coUc, Levar dal- 
le caldaie della salina le materie estrat- 
tive del sale. 

S*CIUMA1 LA PÙGNATTA. TVor gli OCCki 

alla pentola. E si dice figurar, dello 
scerre il meglio tra diverse cose. 

S'ciUMAa EL BBOivz. Railrcltare il 
bronzo. Cavar col rastione la stummia 
dal bronzo dopo eh* è fuso nella for- 
nace. 

S*ciuBABOÉuLA« s* f. Mestola, Seumarola. 
V. Mese' fora. 

S'ciuMéif. s. m. T. de' Saln. Sehiumatqjo. 
Gran mestola usata da salinai per 
'stummiar le cotte. 

$'ciCBÌ. s. m. T. di Ferr. Scodella. Pie- 
tra forma che resta sotto i caldatori, 
dai quali si estrae la loppa del ferraccio. 

S'ciUMLÉif. s. ro. Schizzinoso, Delicatuz- 
zo, Delicatello, leziosetto, troppo dili- 
cato. Vale anche Profumino, muffelto, 
profumatuzzo. 

S'ciùs. s. m. Sugo. V. Gius e Sgius. 

S'ciosAR. att. Sc^it/dere. Aprire, dischiu- 
dere. Alzar le cateratte, disfar le tu- 
re, lasciar correr libere le acque. 

S*ciu8AR8 S*ciusÌB I oÈuv. Sgusciorsi. 
Sgusciare i pulcini fuor del guscio. 



se 

ScLAMADCBA. s. f. T. àt* Yctr. Arsum. 
Specie di sale praveoieote dalle Boi^ 
ne ( Padeii ) da vetro io foaioDe. Cr^ 
do si chiami aoeiie Fiiele dì oelro. 

ScLAMAC BtL. T. do" Veir. TVo^ellare» 
aerila. Cavare il crslallo fuso beoe 
dalle padelle e passarlo io eoocfae graa- 
di piene d* acqua perché vi perda la 
più parte di quel nle alcali die eoa- 
tieoe. . 

ScLÌBBB. s. m. Y. del CooC. fmieraiiif. 
y. Sliber. 

ScUbes. a. m. Sfudnata. Quantità gru- 
de di checchessia. 
j SaiBHZA. s. f. Semenza. V. Sroènsa. 

Soiiirri. add. m. Sgowtentato, Sòi^ottiiù. 
Disanimato, scorato. 

ScHiicTiBÈHT. s. m. Sbigotttmemto. Sgo- 
* mcntamento. 

Schintìb. att. Sgomentare, Sbigottire. Di- 
sanimare. 

ScBiifTiBS. n. p. Sbigottirsi, Sgomentarsi. 

S'cNÌcc s. m. V. Cont. Stentino. V. Schiah 
rén. 

ScòA. s. f. Scorni. V. Scova e deriv. 

Scoazzén'n A. s. f. T. Bot. Fior d' aiim. 
Gentile pianticella che fa bella mostra 
coi suoi fiori bleu^ne' campi di fni- 
mento e di fava. È la Cenlawrea cyo- 
nta Linn. V. Scovaxzén'na. 

ScòcA. s. f. T. de' Carroz. Cassa, di' 
scio. Quella parte d' una carrocxa o 
altro cosimil legno da trasporto, ove 
stanno i viaggiatori. Le sue parli sono 
per lo più le seguenti : 
Brazzaj .... Appoggiato^, 
Cassétta V. Siarpa. 

Castòn dardé . . Sederino di tergo. 
Ciavi di fond • • Arconi di fondo. 
Còfier .... CulqUa. 
Colòn'na dednanz. Colonna anteriore. 



„ dedré 
Cussén . . 
Fanaj . • 
Ferr dia pala 
Fianch . . 
Fodrén'na . 
Fond. . • 
Goéub y. Tambo* 



„ postertojft. 
Cuscini. 
Fanali. 

Grucce, Erre. 
Fiancate. 
Contr' asse. 
Pedanino. 



rcn. 
Incaster . 
Magazzén 



. Calettatura. 
. Bottino, Contrape- 
dona. 



Digitized by 



Gòogk 



*• Manètti .... Ame del eocekio, 
* MaotòD • . • • Bandellonù 
Ossadura • • • Intelajatura. 
Pala • • • • • Pedana. 
Pìantòn . • • • Ritti. 
Forièri .... Sportelli. 
Qaaltadura. . • Addobbamento. 
Règgi V. Stafì. 
Schìnàl .... Dosio. 
Sederà • • • . Luoghi. 
^Ulpa .... Cassetta. 
SoUfond. • . . Controfóndo. 
Spcèra • • • • Spiatolo, 
Sportléo. • . • Boccaporto. 

Staffi Camere. 

Staflòn • . • . Predellini. 

Tamborén . . . Scrigno. 

Tra?er8 del còffer. Pianta della culatta. 

Travers del seder. Chiavi de' luoghi. 

Travera d' testa . Archi. 

Zel Succido o Tettino. 

Scoccia, alt. Scoccare. Il cadere del filo 
ar^ollo sul fuso ed anche lo scappa- 
re le cose tese da quelle che le rìlaQ- 
gono. 

Scoccar il nòsi. Smallare. Levare I 
malli alle noci. Sg1ieri§liare , trarne 
il gheriglio. 

ScocciTTA. 8. f. Cappuccio., y. Capùzz 
secondo slgnif. 

ScoccHèTTA. 8. f. T. dc' Cest. Cestina. 
Arnese simile al cesto che si ferma 
sopra un carruccio per scarrozzare i 
fanciulli per le Stanze o pe' corridoj. 

ScoccoifJl. add. ro. Sturato, Aperto. Di- 
cesi della botte o barile a cui siasi 
levato il cocchiume* Scocchiumato f 

ScoccoNAR. att. Levar il cocchittme, Scoc» 
chiumare (V. di r. ) Sturar le botti. 

ScocHÉN. s. m. T. de' Carr. Cassa da 
seggiolini. Quella picciol cassa o gu* 
SCIO che posa sulle stanghe de' seg- 
giolini od è sostenuto da cignoni e 
molli sovr'csse. 

ScociA Scozia. (V. Storica.) Popone, 
Cosi chinmavasi tra noi una specie di 
popone assai dilicato che il nostro 
Cofnune soleva regalare ogni anno 
con varie forme di Parmigiano ai 
Duchi di Milano. (V. Pezz. St. di 
P. T. 4 U77). 

Scodasi, s. m. T. Bot. Scòtano, Colino, 
Roso. Albero simile al corbezzolo il 



S€ 



71 



cui legno è giallo, e ferve a' tintori 
e conciatori di cooj. Il Rhus càtinus 
de' Bot. 

ScoDGl. add. m. Scotennato. 

ScooGAR. att. Scotennare. Levar la eo* 
tenna al glasso o lardone. 
ScoDGAR. att. T. d'Agr. Scotennare, 
Scoticare. • Levar la cotenna. Il suo 
contrariò è Piotare. E si dice segna- 
tamente de' prati. Scotennatura, le 
cotenne levale, Scotennatolo il ferro 
da levarle, che è fatto a guisa di zappa. 

ScoDGADURA. s. f. Scotennotura. 

ScoDGHÉif. 8. m. Scotennatore. Che sco« 
tenna. Fig. Squartapiccioli. Usurajo. 

ScoDicciAiièNT. 8. m. DimergoUo. Dimer- 
golamento continuato. 

ScoDicciAR. att. Dimergolare. L'azione 
che si fa quando ficcato un chiodo al- 
quanto in legno altro di resistente» 
si tira a sé poi circolarmente per trar- 
nelo più comodamente. Figurat. si 
dice per Barcollare, non potere star 
fermo. 

ScoDicciAR. att. Fig. Occhiare la bara. 
Essere malato in modo che lasci poca 
speranza di guarigione o migliora» 
mento. Altrim. Tentennare. Stare tra 
il si e il no. 

Scodò. Riscosso, Esatto. 

ScoDZA. 8. f. T. d'Agr. Costola. Cosi 
dicesi ciascuna delie accosfolaturc idei 
tribolo che serve a trebbiare il grano. 

ScoDZù. 8. m. T. de' Fllat. Volte. Le 
traverse dì lesno, curve siccome la 
grillanda del nlatojo, e poste tra essa 
e i colonnelli per appoggio dei fusi. 
ScoDZù DEL LusTRòN. T. de' Tabncc. 
Vergoni. Le accostolature dei diluci-* 
datore. 

ScoèuDCR. att. Passare, Attraversare. 
Far passare una cosa pel vano di una 
porta o finestra più per arte e inge- 
gno che per materiale ampiezza. 
ScoèuoER V. n. Capire, Esser capace. 
Esser atto a contenere o lasciar pas» 
sare checchessia. 
ScoèuDER. att. Schiudere, Uscir del 
guscio. Lo sgusciarsi, il nascere de' 
pulcini e d'altri animali ovipari dopo 
che sono slati covati. 
ScoBUDER I piGif. Ricogliere il pegno. 
Rivendicarlo o recuperarlo. 



Digitized by 



Google 



n se 

ScoÈvDBii DI soLD. Riécuolert. Scuo- 
tere, esigere. Tirar danari. 
ScoèuLA. 8. ìf. Scuola. Luogo dove s* in- 
segna s' impara arie o scienza. Gin» 
nano, loogo ove sono le scuole. Li* 
ceo, luogo publìco ove sono le scuole 
supisriori. 

ScoÉoLA d' incisiòn. Calcografia* Luo- 
go dove 8* incidono, imprimono o si 
vendono stampe in rame. 

SCOÉULA D* VETERINARIA. T. di Yet. 

hiitulo veterinario. La scuola di ve- 
terinaria. 
, Dar scoéuLA. Leggere in cattedra. 
Saper molto bene in una scienza o 
materia. 

Metter a scoéula. Porre a scuola, 

(Cav.) 

ScoÈczz. s. m. Coccio. Rottame di vaso 

di terra coUa. Greppo si dice a un 

vaso di terra rotto ma non in pezzi. 

Scoàuzz. s. m. Fig. Sferra, Conca 
fessa. Uomo o donna logori da età o 
da morbi. 

Scoèuzz^ s. m. Greppo. Piatto, te- 
game altro vaso di terra, anche 
lesso, sdruscito o rotto che si usa 
per dare il mangiare o il bere ai 
polli, ai gatti sim. 

DiL VOLTI A DURA PU I 8C0BCZZ CHE 

I s\N. Talora vai piUt una conca fes- 
sa che una salda; cioè vive più un 
miilsauo che un sano. 

In cas d* bisògn tutt i scoèczz j Éif 
BON. A tempo di guerra ogni cavallo 
ha soldo: A tempo di carestia pan 
veccioso. Il bisognino fa trottare la 
vecchia. Al bisogno ognuno è buono 
a qualche cosa. 

Un scoèdzz. Una pignatta fessa. E 
similmente si dice di altro qual sia 
vaso che croccbj. 
ScoFÉN*5A. s. f. Scoffina, Raspa. Lima 
da legno. Raspare o limar con essa 
diccsi Scuffinare. 

Scofén'na. 8. f. T. de* Stagn. Scuffina. 
Specie di lima con un solo ordine di 
denti vivi fatti a dente di sega. 

ScoFÉN*NA DA PETTNAR. Pìanettonc. 
Stromento addentato a scaletta con 
cui fi riuniscono i denti del pettine 
e si tirano a pulimento. Pianettoncino 
dimin. V. Pianèlla. 



se 

SconlR*iiA 61088A. /fMOfdiiui. Sora 
di lima da legno che leva mollo I» 
gno raspando. 
Scoppia, s. f. Cufffia, Berretta, Bonetto, 
Cresta, Scuffia. Copertura del cap* 
ad uso delle femmine, che si legi 
per lo più sotto il mento con due 
nastri che servono ad incresparla. NoU 
però che ora si dicono Cuffie quella 
delle nonne e bisnonne. Berrette le 
ornate di gala o no siano pel gioroc 
o per la notte. Bonetti diconsi questi 
se fatte dì velluto o di raso. Cresu 
è voce antiquata. Scuffia è voce 4i- 
susata. 

Scoppia, s. f. Flg. Bertuccia. Eb- 
brezza. 

Scoppia, s. f. T. de' Cuoj. Rete, Bw' 
datojo. Sorta di rete di fil di ferro 
foggiata a mestola per levare il pa* 
staccio dai bagni. 

Scoppia, s. f. T. d*Osletr. Cuffia, e 
meglio, Celata. Porzione delle mem- 
brane del feto che esso spinge talvolu 
innanzi a sé, e rimane applicata sopra 
la sua testa quando nel nascere si pre- 
senta la prima. Il volgo crede qae- 
st* accTidente segno di buon augurio, 
e dice di uomo fortunato. Egli nacqut 
colla cuffia. 

Scoppia, s. f. T* de' Sell. Testiera. 
Quella parte della briglia, dove è at- 
taccato il portamorso dalla banda de- 
stra, che passa sopra la testa del ea- 
vallo, ed arriva dalla banda manca, 
dove termina colla sguancia. 

Scoppia, s. f. T. di Yet. Reticolo, 
berretto, o cuffia. Secondo stomaco 
dei ruminanti, che è piccolo, globoso, 
e le CUI pareti somigliano ai ì^vi del- 
le api. Il suo udìcio si è di ricevere 
Terba dal rumine, comprimerla e ri- 
mandarla in bocca per subirvi una 
seconda masticazione* 

Scoppia a canon. Cresta a cannoneinL 

Scoppia da nota. Berretta. Cuffia da 
notte. 

CiAPPAR LA SCOPPIA. Brùicorsi, In" 
ciuscherarsi. 
ScoppiARA.s i.Seuffiara, Crestaja.(Tost.) 
Colei che lavora cuffie, berretti e cap- 
pelli da donna. Le operazioni, gli stru- 
menti e le cose ad essa attinenti sono: 



Digitized by 



Google 



se 



se 



7S 



OPERAZIONI 


DELLA CRESTAIA. 


Cosir. . . . 


. Ctietre. 


Fermar • . , 


. • Impuntire. 


Guarnir . . . 


» . Guarnire. 


Moour . • 


, . Fornire. 


Pontar . . 


» . Ispillettare, 


fijmodernar 


> . Ammodernare. 


STRDMRNTL 


Cartòn . . , 


> • Cappelliera* 


Cussinètt . 


, . Torsello. 


Forbsa . . 


, . Forbice. 


Goccéo • . , 


> . SpiUeUi. 


Gocci. .. . 


. • Aghi, 


Passèlt . . , 


> . Infilaeappio. 


Scalda da oas 


ler. Nastriera» 


TavU . . 


. . Banco. 


Testerà • . 


. . Testiera. 


COSE ATTINENTI. 


Agremèn • 


. • Bigherino. 


Blonda • • 


. . Blonda. 


Caliga . . 


. • Cocuzzoli. 


Canétti faasadi 


. . Cannucce vestite. 


Capei. . . 


. • Cappelli. 


Capotti . . , 


• Cappotte. 


Car?lòo- . 


. . Cartone. 


Cocch d' nasti 


ir • Rosa. 


Finlcn'oa . 


. • Gala, Cervellino. 


Fior . . . 


. . Rappe di fiori. 


Folèu o Maral 


t>ù • Piumino. 


Fual, . . 


. . Fusto. 


Galèn . . 


. . Galano. 


Galàodapettot 


kdu« 


dura . • 


. . Fiocco, Intreceiatfh 




jo. 


Gocciòn. . 


. . Crinale. 


Gaarnizìòn • 


. . Guarnizione. 


Mootadura . 


. . Fornitura. 


Nastcp . . 


. . Nastri. 


Orladara . 


. » Cariello. 


Paja . . . 


. . Treccia di cascola. 


Petlnadura . 


. . Trecciera. 


Piami . . 


. . Piume. 


Pio . . . 


. . Merletto. 


Poacc* . . 


. . Tremolante. 


Ramén'iii d' fior. Barbine. 


RamèU . . 


. . Gabbino. 


Sooffii . . 


. • Cuffie. 



Suati. • • . • Sustini. 

TcrnèUa. . . • Trincila. 

Tuli da fust . . Veletta da fusti. 

Tuli gomé . • • Ve/f//o gommato. 
ScQPPiARàTTA. a. f. Crestajuceia. Dimin. 

e avvil. di crestaja. 
ScQFFiAZZA. 8. f. Cuffiaccia. Peggior. di 

cuffia. Cuffia da ooDoa. 
ScoFFiéN. 8. m. Berrettino. Cuffietla da 

bambini. 
ScoFFiMAR att. T. de* Pcttin. Scuffinare. 

Ripulire i peltiui con quella aorta di 

lima che è- delta scuffina. 
Scoffiòn'na. 8. f. Cuffione. Grande cuf« 

fia, berrettone. 
Scoffiott. 8. m. Serrateste. Sorta di 

cuffia che le donne portano talora Ìc« 

gata al capo sotto altra cuffia elegante. 
Scoffiott- s. m. Cuffiotto. Cuffia che 

portano gli uomini la notte legata 

sotto il mento o Cueufa (benda) di- 
cesi quella che legasi intorno la testa 

tra la nuca e la fronte. 
Scoffiott. s. m. T. de' F. Ferr. 
Cappelletto. Piastra o ghiera di ferro 

con cui si cuopre e ripara la testa di 

un colonnino, piuolo o altro. 
Contar tri tia ott scoffiott. Valere 

uno straccio. Una buccia, un frullo, 

un bel niente. 
ScojoNÌ, ScojoffiR eoe* V.DescanU, De- 

scantar. 
ScÒL. 8. m. Seolatojo, Smaltitoio. Luo« 
go pendente per lo quale scolaua la 
cose liquide. «=> Scolo, Scolatura,^ 
esito delle cose liquide. <» Canale di 
scolo, quel canale cbe si apre per 
ricevere e tramandare gli 8Coli, e va 
n'ha di scavati, si dall'arte, coma 
dalla natura, di maestri e di secon- 
darli, d'immediati e di mediati ecc. 
Chiassajuoh, canale fatto a traverso 
de' campi per ismaltire le acque pio- 
vane. Capezzaggine, scolo traversale, 
che trasmette le acque al fossato. Di- 
consi infine Gorne, Colatoi , le fos- 
sette acciottolate che si aprono ai lati 
delle vie e de' publici piasseggi, per 
iscolare le acque ne' fossati laterali. 
ScÒL. a. m. T. d'Agr. Colmalura, 
Colmo. (Ridolfi)II declivio cbe si dà 
ai campi per fervi sgrondare le acqua. 
ScóL. 8. m. T. di Cuc Navicella, 



Digitized by 



Google 



74 



^ 



Anima. Quella lamina traforata che 
si pone dentro la pesctajuola per trarne 
il pesce affinchè non si rompa* 

ScÓL. 8. m. T. di Ferr» BoUino, Spa* 
zio murato, in cui penetra l'estremità 
inferiore della tromba. 

Scoi. 8. m. T. de* Tromb. Scaricatoio, 
Tubo che serve a lasciar colar )* acqua 
soverchia di un bacino o vasca , o serve 
a mantenerla ad un livello costante. 

ScÒL DA ziSTERNA. Aif^alo/o. RiccUo 
murato ove scolano le acque piovane 
e vi si purgano prima di passare nella 
vicina cisterna* 

ScÒL d' ifA CORTA. Pozzo snuiltiK^'o. 
Bottino in mezzo alla corte ove con- 
corrono e si disperdono le acque ca- 
dute dal tetto, le lavature dell'acquaio 
ecc. 

ScóL MÉSTBiL T. d'Agr. Capifosso. 
Acquidoccio principale , e propr. , fossa 
dove si riducono tutte le acque de' 
fossetti o scoli del campo. 

Mettr in SCÒL. T. d'Agr. Sanicare 
un terreno. Migliorare un terreno a- 
gevolando lo scolo all'acque. 
Scola., add. m. Scolato. Prosciugato del 
liquido contenuto. Scollato staccato 
daUa eolla. ScoUaociato chi ha il collo 
scoperto. Y. Sgola. 
ScoLABOTTifiLi. 8. m. Panca traforata, 
( Carena ) Asse o panca traforata da 
spessi fori circolari entro i quali pon- 

{{onsi capovolte le bottiglie a sgoccio- 
are dopo che sono laiatc. 
ScoLABOTTCGLi. 8. m. Schorz. Beone. 
Trineatorc. 
ScoLADA. 8. f. Scolamento, Lo scolare. 
ScoLADOR. 8. m. T. de' Cac. Scolatoio. 
Tavola pendente sulla quale dispop- 

rnsi le forme di cacio perchè scolino 
siero. 

ScouDOR. 8. m. T. di Cari. Colino, 
Telajetto di legno arretato con funi- 
cella, sopra cui si pone la colatoja. 
ScoLADOR. 8. m. T. de' Salin. Scola- 
tqfo. Tavolato sul quale si pone il ni- 
tro pelrchè scoli le liscive che contiene. 
ScDLADORA. 8. f. McstoUniera, Arnese 
appiccato verticalmente al muro della 
cucina al quale si attaccano le me- 
stole perchè scolino nella sottopoeta 
doccia. 



gc 

Sgola»ura. 8. f. Colatura. Materia ci- 
lata, come quella delle candele e si- 
mili* Cerume, T. de' Cerai, colature 
ed avanzi di cera. V. Rud. 

ScoLADuai DEL SAL. T. de' Salin. Pigne, 
Pinocchi, Quelle concrezioni che il 
sale forma sotto i gablei simili alle 
Stalla tidi. 

Scouj o ScoLAiA. Abbeveratieei. lì com- 
plesso de' centellini di vino avanzati 
ne' bicchieri e raccolti io una botti- 
glia. Fondimi, Fondigliuoli. 11 con- 
plesso da' rimasugli di cose liquide 
cavato da' rispettivi vasi. 

ScoLAMÉNT. 8. m. Scolamento, Lo scolare. 

ScouR. 8. m. Scolare, Scolajo. Giova- 
netto che vada alle scuole. 
Scolar, att. Sgrondare, Mettere ia 

f pendio a guisa di gronda, aedocchè 
a cosa scoli. 

Scolar, intr. Colare, Scolare. Il co- 
lare o defluire delle materie liquide 
o liquefatte* 

Scolar o Descolar. Scollare. Sta^ 
care d'insieme le cose incollate. . 

Scolar, att. T. d'Agr. Aeguapen* 
aere. Dicesi di quella parte delle terre 
e de' monti verso dove acquaversaoo 
o stanno a pendìo. 

Scolar, att. T. de' Nav. Aggottare, 
Cavar l'acqua entrata nel naviglio 
per mezzo dell' aggottatojo e gettarla 
nel fiume. . 

Scolar i biccér. Centellinare, Bere 
i vari centellini rimasti ne' biocfaierì 
nel levare le mense. 
Scolara. Fattorino. Ragazza di bottega 

della sarta o crestaja. 
Scolaresca o Sgolarìa. s. f. Scolaresca. 
ScoLATizi. 8. m. Colaticcio. Colatura, 
materia colata. 

ScouTÌzi, VANZlj D*j alter. Culae* 
eino. Centellino, Àbbe^^erato, Abbcvt' 
raticcio* Avanzo del vino che occupa 
il fondo del bicchiere. ' 
Scolaziòn. 8. f. Scolazione, Gonorrea, 
Scolamento, e in T. Chir. Bkmior* 
ragia. Stillicidio involontario dell'u- 
retra per infezione venerea. Fluore, 
Leucorrea, scolo di mucosità della 
vagina chiamato anche Fiori òimnckù 
Sfilato, scolazione di rene. 

ScoLAziòii mcoRDADA. Scolazione m* 



Digitized by 



Google 



se 

cordata, cioè eoo cpntmiione de' mu- 
scoli. 
ScoLàrri. s. f. Scuole minori. 
Scòli, s. oi. Scoglio. Masso in riva al 
mare o nel mare. Pig.. Difficoltà, Itn* 
pedimento. »= Scogliera quantità di 
scogli. 

ScoLiiiGÀ. add. in. Dinoccolato, e fig. 
Contorlo, Sghembolulo. 

Scolino ARS. n. p. Dinoccolarsi, Fiaccarsi 
il collo. Snodolarsi. 

ScoLSAR. att. Scolmare. Levar il colmo. 

Scolobì. add. ro. Scolorato. Scolorito , e 
parlandosi di colore poco vivace di- 
cesi Abbagliato. 

Scolorir, ali. e n. Scolorare. V. Desco* 
lorir. 

Scolpar, att. DUcolpare. V. Descolpar. 

Scolpir, alt. Scarpellare. Lavorar le pie- 
tre collo scarpello. Scolpire, vale for- 
0iar figure in materia solida per via 
d* intaglio. 

ScoLTAR alt. Ascoltare, Udire. y.Sìniìr. 

ScoxBÌLL 8. m. Soompiglio, Saominio. 
Trambusto 9 disordine y perturbazione, 
confusione. 

ScoHBiLiAR. att. ScomipigUare. Disordi- 
nare, turbar 1* ordine. 

ScoiBTTER. atl. CitAoeare, Metter pegno. 
Scommettere. Pattuire pel manteni- 
mento della propria opinione quél che 
81 debba vincere o perdere. 

ScoMBTTBR. Btt. T. de' Lcgu. Scom* 
mettere. Disfare opere di legame od 
altro, commesse insieme. 

ScoHissA. s. f. Scommessa. 

ScoHissA? Giuochiamof Invito che si 
la a por pegno ne' casi di dissentione 
di parere. 

ScoitPAGiNÀ. add. ra. Scompaginato. Fuor 
d* ordine. Scomposto, dicesi un foglio 
di slampa del quale siansi disùitte le 
pagine di caratteri da stampa. 

ScoBPAGiNAR. Btt. Scompagifiare. Turbare 
la simmetria, cookinder l'ordine. 
ScoiPAGiNAR att. T. de' Stamp. Scom» 
porre. Il disfare una forma, separan- 
done le lettere, e disponendole di nuo- 
vo nelle easse, ciascuna nel suo pro- 
prio nicchio. 

ScoMPAGiNAas. n. p. Scompaginarsi. Di- 
sordinarsi. Fig. Turbarsi. 

ScoMPAGRAR. V. Descof^pBgnar. 



se 



75 



Scomparir, att. Scomparire, Sparire. Il 
perdere die fa di pregio o di bellezza 
una cosa posta a confronto di un al- 
tra. Disparere, far brutta vista 2>i7e- 
guarsi, torsi dinanzi agli occhi. V. 
Sparir. 
Scomparir, att. Screditarsi, Sfigura* 
re. Far inala figura, far cosa che ne 
cagioni vergogna. 

ScoMPART. s. m. Scompartimento, Cam* 
partitura. Le parti della cosa scom- 
partita. 
ScoMPART. 8. m. T. d' Àrch. Campar' 
timento. Specie di divisioni che si prt. 
ticano ne' pavimenti, nelle facciate^ 
ne' muri interni ecc. 

ScoMPARTiDOBA. s. f. T. degli Oriv. Par* 
titora* Ruota d'un orologio che serve 
a compartire le ore. 

ScoMPARTiMèRT. s. m. Scompartimcnk). 

Scompartir. Scompartire, Compartire. 
Far le parli, dividere. 
Scompartir ben 'na fabbbica. Dispen* 
sare agiatamente un abitazione. Ren- 
derla agiata e comoda. 

Scompartir la roba. T. de* Sart. Par* 
tire la stoffa. Tagliarla in modo che 
se ne consumi il meno possibile* 

ScoMPiASéMT. 8. m. Scortese. Che non usa 
cortesia. 

ScoMpiASÉR. att. Sgradire, Dispiacere. 
Negar cortesia. 

ScohpIli. Y. Scombili. 

ScoMPLET. add. m. Incompiunto, Imper* 
fello. 

Scompletar, att. Rendere incompleto o 
incompiuto. Mutilare un tutto di al- 
cuna sua parte. 

ScÓMPòNER. alt. Scomporre. Guastare il 
composto. Vale anche turbar la sime- 
tria> l'ordine. V. Scompaginar. 

Scomunica, s. f. T. Eccl. Scomunica e gr. 
Anatema, eensura che separa dalla co- 
munione della chiesa. Interdetto, sen- 
tenza ecclesiastica che proibisce ad un 
ecclesiastico l'esercizio degli ordini sAcrì. 
Assolver da la scomunica. Ricomw 
nicare. Ribenedire. 
Dar la scomunica. Gettar la scomw 
nica, cioè Publtcarla, fulminarla. 

Scomunica, add. m. Scomunicato. 

Scomunicar, att. Scomunicare. Anatema- 
tizzare. 



Digitized by 



Google 



76 



se 



ScoNcoRDAitZA. I. f. Sconcordanza , So/e- 
cUmo, Discordanza, Errur di gram- 
matica. 

Far dil sconcordanzi. Solecizzare^ 
Sco.NcoRDiA. 8. f. Sconcordia, Discordia, 
Dissensione. 

Hettr in sconcordia. Semminar di- 
scordie zizzania. Metter zeppe. Ca- 
gionar dissensioni con calunnie, rap- 
porti e simili. 
ScòNDER. att. Nascondere, Ascondere, Ce- 
lare, OcctiUare. Ma celare è meno di 
nascondere, dacché per celare basta 
talvolta dissimulare e tacere. Per Na- 
scondere cdnvien talvolta mentire, ma- 
scherarsi, ingannare. Ocultare, pare 
che indichi un nascondiglio più si- 
curo. 

ScòiVDER SOTTA. Soppiattarc, 

Anoars a scòifDER. Andare a riporsù 

Non poter più comparire al paragone. 

Ficcarsi in un cesso, vale sottrarsi 

alla vista degli uomini per. vergogna. 

ScòNDERS. n. p. Appiattarsi. Nascondersi. 

ScòNDERS III t'cn CAiiTòif. Rinconluc- 
darsi. Ritirarsi in un canto o can- 
tuccio. 

ScòifDBRs m T* NA MACIA. AmmaccMar- 
si. Nascondersi in un cespuglio, in una 
macdiia. 
ScoNDòN. 8. m. Trafugane. Cosa trafu- 
gata, presa di nascosto. Contrabban- 
do, cosa fatta furtivamente. Matassa- 
ta, azione fatta in fretta e segreta- 
mente e per lo più in cattivo sedso. 
Soffoggiata, fardello o cosa simile che 
si abbia sotto il braccio coperta dal 
mantello, e quasi nascostamente si 
porti via. 

Db scoNDòif* Di soppiatto. Di nasco- 
sto, di straforo, alla macchia ;. occul- 
tamente. Di contrabbando. 

Far il cosi de scondòn. Fare a capo 
a nascondere. Far le cose di nascosto. 
ScoNDONZÈTT. 8. m. Ciambcllina alla na- 
scosta. Rigiro, ritrovio, colloquio na- 
scosto. 
ScoNDRoèuLA. 8. f. T. di Giooc. Rimpiat- 
tino. Giuoco fanciullesco che i putti 
fanno, quando gli uni si nascondono 
e r altro deve cercarli* Credo si dica 
anche Bargia. 

Far la scondroéula. Fig. Far capo- 



SC 

lino. Guardar di soppiatto: athcciarv 
destramente di tratto in tratto per 
vedere altrui si che difficilmeote si 
possa esser veduto. 

ZuGAR A LA sc(>!«DRoàiJLA^ Fare a rim* 
piattino. Fare a capanniseondere. Fig« 
Non lasciarsi trovare. Dicesi di chi si 
cela si tiene lontano da chi lo cerca. 

ScoNFcnós. s. m. Schizzinoso. Schifiltoso, 
ritroso, spiacevole, caiciiroso. 

ScoNFòLLA. s. f. Slimmento di persone. 
V. Stricca. 

SconI. add. m. Svanito. Evaporato. 

ScoNiR. att. Svanire, Svaporare, Dissec- 
carsi. Scemare, disperdersi. 

ScoNQUASs. 8. m. Conquasso, Conquassa^ 
mento. Rovina, fracasso e simile^ 

Sconquassar, att. Sconquassare. Agitare, 
trar sossopra, malmenare. Conquas- 
sare. 

ScoNQUA96òN. 8. m. Sbilancione. Violenta 
scossa ondeggiante: strabalzone, sbal- 
lamento improvviso; couquassoae. 

Sconsacra, add. m. Dissagrato. 

Sconsacrar, att. Sconsacrare, Dìssagnh 
re. Ridurre dal sacro al profano. 

Sconsoli, add. m. Sconsolato. Travaglia- 
to. 

Sconsolar, att Sconsolare. Recar Irava- 
glio. 

ScoNT. 8 m. T. di Comm. Sconto. Per- 
dita che si fa nel vendere una cam- 
biale, ribasso che si fa sui prcxzo 
di una merce. 
Far el scort. Scomputare (B. L.). 

Scontar, att. Scontare. Diminuire o Eatin- 
guere il débito. 

Scontar la pén*na. Espiare i euoi 
fallii Farne la penitenza. Sconiare la 
pena. Yale consumare il tempo della 
condanna. 

ScòNTBR 8. m. Deviamento? Cosi dicono 
i chiodaiuoli quella varia inclinazione 
de* guancialetti die fa si che il lavoro 
di un chiodaiuolo non sMngmtri eoo 
quello dell* a Uro nella fucina. 

ScoNTRÉN. 8. m. Polizza, Contrassegno. 
Scheda che serve per ricuperare una 
cosa depositata come passaporto, om- 
brello e simile. 

ScoNTRÉN. 8. m. T. Mil. Scontro. Quel- 
lo che le pattuglie fanno tra loro ad 
un convenuto posto. 



Digitized by 



Google 



se 

ScoKZiRT. s. m. Sconcio, Incomodo, Dan- 
no, Sconcerto, Inconveniente. 
Sgorzertì* add. m. Sconcertato, Disordi- 
oato fuor di concerto. Fig. Angustiato, 
Contristato, 
ScoifZERTAR. M, Sconcertare. Disordinare» 
guastare y scomporre. Fig. Contristare. 
ScoNZURAR. att. Scongiurare, Congiurare. 
Strettamente pregare. Gravare, Pres* 
$are. Sollecitar caldamente. 

ScoiizuRAR. att. T. Eccl. Scongiurare, 
E9orci*zare. Procurar di costringere i 
demonj ad uscire d* adesso ad alcuno 
Scòp. 8. m Scopo. V* Mira. 
ScoPADòR. s. m. Scopatore. Che scopa , o 
a cui s'appartiene lo scopare o spaz* 
mtt appartamenti signorili. 
ScoPATOJ. s. m. T. Mil. Lanata. Asta al- 
la cui estremità ha un cilindro con- 
tornato da setole di cignale a mo' di 
brusca, che serve a rinfrescar il pezzo 
ad ogni tiro. 
ScoPAZZAOA. s. f. Salva di scappellotti. 
ScoPAZZAGATT. s. m. Tcrzonc. Frate bro* 
dajo, frate inserviente. Cacciacani, In- 
serviente per lo più laico di un con- 
vento. 
Scop AZZAR, att Scappellottare, Dare sca- 

pezzoni. 
ScopAZZòN. s. m. Scapezzane. Colpo for- 
te che si dà nel capo a mano aperta. 
CoUata, il colpo che si dà colla mano 
aperta sul collo. 
CiAPAR UN GRAN SCOPAZZÒN. Fig. Ri- 
portare gran danno. 

Dar di scopazzòn al scudlott o al 
cozzoTT. Far le fiche alla cassetta. 
Spendere in uso proprio i danari che 
si hanno come in consegna, apparlc- 
oenli al padrone della bottega, del 
negozio altro. 

Dar vn ron scopazzòn a n* lavor. 
Dare una buona spinta. Mandare in- 
nanzi un buon tratto un lavoro. 
Dar un gran scopazzòn. Fare un gran 
vuoto. Appropriarsi o consumare mol- 
ta parte di una cosa. 
Scoperta, s. f. Scoperta, Trovato, Inven- 
zione, ma scoperta e il rinvenire cosa 
che stava celata; trovato è incontro di 
cosa che prima non si disccrneva; in- 
venzione è cosa nuova, è frutto di 
molti pensieri: si scopre ciò eh' è na- 



se 



77 



seosto, sì trova ciò ch'era perduto, 
sUnventa ciò che non esisteva prima. 
ScoPBRTA. 8. f. T. Leg. Soproprendi" 
mento, Trapolatura. Discoperta di un 
complotto di una conventicola di 
mascalzoni e di inesperti nell'atto del* 
la piò palese causa di loro unione. 
Scopi, s. m. Scoppio. Rumore, fracasso* 

E si prende andic in senso morale. 
ScoPLA, ScoPLòTT. Scappcllotlo. Scapez- 
zone. Colpo dato nel capo a mano a« 
pcrta. 

ScoPLA. Fig Donao^ Bolzonata. 
ScoPLADURA. s. f. T. do' Mugu. Bozzolai 
tura. Mercede della macinatura che si 
paga al mugnajo. Mulenda. 
ScopLAR. Dare scapelhtti. 

ScoPLAR. att. T. de' Mugn. Sbozzo* 

lare. Pigliare col bozzolo parte della 

mulenda, lo che fa il mugnajo per 

mercede della sua opera. 

ScopiJn'na. 8. f. Scappczzatina. Legger 

scoppellotto. 
ScoppAR. att. T. de* Mur. Dislegolare, Le- 
var le tegole. Disembriciare, Levar dal 
tetto gli embrici. 
Scoprir, att. Scoprir paese. Veder nuo- 
va terra o paese. Odorare. Fig. Cer- 
tificarsi, prender notizia. Scoprire, Z>t- 
scoprire, manifestare, svelare ed an- 
che inventare, trovare e simili. 
Gnirs a scoprir. Venir tn palese. 
ScopRiRBS. n. n. Scoprirsi. Appalesarsi. 
Fig. Dar fuora. Manifestarsi un mala 
celato. 
Scoraggiar, att. Scoraggiare, Scorare. 
Togliere altrui il coraggio, sconforta- 
re. Sfidare, Disanimare. Tor l'animo. 
ScoRAGGiARS. u. p. Scoraggiarsi, Sbigot* 
tirsi. Perdere il coraggio. Impussilta* 
nimarsi. Diventar pusillanime. 
ScoRAJARBS. n. p. Faticarsi. Mettere tutto 

il suo. 
ScoRRATTlR. stt. V. Coutad. Tartassare. 

Malmenare, maltrattare. 
ScoRiTATTòN. s. m. Y. Cónt. Tartassa* 

mento. Malmenio, maltrattamento. 
ScoRRùT. 8. ra. T. Mcd. Scoròti/o. Malat- 
tìa nota. Antiscorbutico, rimedio con- 
tro lo scorbuto. 
ScÒRc*. 8. m. T. di Pitt. Scorcio. Una 
cosa disegnata in faccia, corta, eiie 
non ha l'altezza o lungbeaa che ella 



Digitized by 



Google 



7« 



se 



dimoetra. Fuggente, T. Pitt, che fog* 
gè air occhio e si vede io iscorcio.. 

ScoBciAR. at(. T. de* Pitt. Scorciare. Es- 
sere in iscorcio. 

Scorda, add. m. Stemperìito per hcor* 
dato, e dicesi di .strumento. Obbtiato 
dicesi d*uomo. Pretermesso. 

Scordar, att. Dimenticare, Scordare. Met- 
tere nel dimenticatojoy Dissovenirsi. 
Scordar, att. T. Mus. Scordare. Tor 
la consonanza, e dicesi di strumenti, 
di corde e simili. Discordare, Disac^ 
cordare. Dissonare, non accordare. 

ScòREN. 6. m. Scorno. Umiliazione oon 
molto disprezzo. 

ScoRÉNZiA. s. f. Soccorrenza. Squaque- 
relia, cacajuola, uscita, flusso di corpo. 

ScoRÉzzA. s. f. Peto, Coreggia. Il suono 
di quel vento puzzolente che si man* 
da fuori per le parti di sotto. Peto 
vestilo, quando dietro il peto esce 
anche il resto. 

Esser color de scoràzza. Esser ca- 
ehettico. Esser livido, internato, di- 
scolorato. 

ScoRiATAR, ScoRiAZZAR. Scavallare, Scor- 
razzare. Correre qua e la. 

ScoRioécL 8. m. T. di Cart. Doccia, 
Conserva. Specie di pila che porta 
r acqua alle cartelle. 

ScorUda. s. f. Scossa. Y. Scrollar. 

Scorna, add. m. Scornato. Che è senza 
corna. Cornomozzo, che ha mozze le 
corna. Fig. Svergognato. 

ScoRNABàccB. s. m. T. Bot. Anonide. Pian- 
ta medicinale comune ne' luoghi ste- 
rili ove estende lunghe e forti barbe 
legnose che danno impiccio a* buoi 
neir arare. È 1' Ononis spinosa e ar* 
vensis Linn. 

Scornar, att. Scomare. Rompere le cor- 
na. Fig. Svergognare, Sbeffare. 

Scorrazzar, att. Corneggiare. Menare in 
qua e in la le corna. Cozzare^ scor- 
neggiare. 

ScoRNiSAR. att. Scorìiiciare. Dicono i 

muratori del far le cornici. 
ScoROMADùRA. s. f. T. de* Pettin. Fusto 
del corno. La parte di esso che è tra 
la punta e la radice. Ceppaja, la 
parte della testa a cui stanno attac- 
cate le corna. 
ScÒRPi. a. m. T. d'Entom. Scorpione, 



se 

[Seorpio. Sorta d' insetto the aomigUa 
al gambero, che ha sei occhi e otto 
gambe, le due prime più lunghe con 
. chele forbici. Quattro mascelle e eoda 
articolata e aculeata con due fori da 
cui esce quando ferisce tifi umore a- 
cre e velenoso. É lo Scorpius euro- 
paeus de' Sist. 

ScÓBPi. s. m. T. Furb. Giudice. 
ScòRPi MAGioa. T. Furb. Presidente 
della corte. 

ScoRpiéTT. 6. m. Scorpìoncino. Piccolo 
scorpio. 

ScoRPiòN. s. m. T. d'Astr. Scorpione. 
Uno de' dodici segni del zodiaco. 

ScòRPOR. att. T. Leg. Scorporo. Lo scor- 
porare, il separare una cosa da ciò 
a cui era incorporata. 

Scorpori, add. m. Escorporato. Cavato 
dal corpo. 

Scorporar, att. T. Leg. Scorporare. Ca- 
var dal corpo o dalla massa della ra- 
gione eredità ecc. 

ScoRRARÌA. s. f. T. Mil. Scorreria, Cor- 
reria. Cavalcata. Quello scorrere che 
fan gli eserciti ad oggetto per lo più 
di dar il guasto al paese nemico. 

Scórrer, alt. Scorrere. Moversi con pre- 
stezza. Scivolare, scorrere leggermen- 
te e facilmente per forza di lubrica- 
mento del piano o altro su eui si 
move, come per es. il carro del tor- 
chio sul suo piano, la ruota sul suo 
asse ecc. 

Scórrer, att. Scorrere. Leggere o 
vedere con prestezza. 

Scorsa, s. f. Corsa, Corrimento. lì cor- 
rere. Soorribandola, piccok corsa. 
Scorsa, s. f. Rincorsa, Corso. Quel 
dare indietro, che altri fa per saltare, 
e lanciarsi con maggior impeto. 
Dar 'na scorsa a n' lìber. Dare tuia 
scorsa a un libro, a una scrittura o 
simili. Vale leggerlo, rivederlo eoo 
prestezza. 

Dar 'na scorsa m t'on sit. Dare 
una corsa sino ad un luogo. Yale 
andarvi correndo. 

ToÉUR LA scorsa o scorsia. Prendere 
la rincorsa. Prender campo. Farai 
indietro per aver spazio di mettersi 
in piena carriera. 

ScoRSADùRA. 8. f. T. de' Tess. Discorso, 



Digitized by 



Google 



se 

ScoTMlo. Fallo Della tessitura de' drap- 

ScòàsiA^ s. f. Corsa. Gorncnento, biovi- 
meoto impetuoso. V. Scorsa. 

Scorta, s. f. Scoria. Guida, compagnia 
oppure Bisnvo, Convoco, = Gruzzolo, 
Fetido, ciò che si tiene io serbo pe' 
bisogni a venire. Manguardia, T. 
Art., cosa di riserva per un caso di 
bisogno in supplemento di un altra 
che venga a mancare. 
Scorta, s. f. T. de' Fornac. Carica- 
tura. 

AvBR LA so scorta, iii^er degli avanzi, 
o un' riservo di danaro, grano ecc. 

Pars ola scòrta. Raggruzzolare» Ap- 
provecciarsi, munirsi 

Scorti, add. m. Scortato da Scortare. 
B in altro signif.. Vantaggiato a denari. 

Scostar, att. Scortare. Accompagnare, 
fare la scorta^ Coniatore. 
Scortar voif , Faregh scorta. Appro» 
vigionare. Dare ad alcuno di che s' in- 
gegni. Fargli credito. 

Scortoà. add. m. Scorticalo. 

ScoRTGADùRA. s. f. Scorticotura , Scorti' 
eazione. Piaga leggera dove sia levata 
la pelle. 

ScoRTGÀR. att. Scorticare, Scuojare, Di* 
scuoiare. Tor via il cuojo, la pelle a« 
gli animali. Spellare, stracciar la pelle. 
Scalfire, levar alquanto di pelle pe- 
oetrando sul vivo. Abrasione, esco- 
riasione della membrana interna del- 
lo stomaco. 

ScoRTGÀR voN. Fig. Cùvar il cuore 
ad uno. Imporgli soverchie gravexse. 
Pelare, Smugnere alcuno. Tor le so« 
stanze con angherie. Far il collo. Es- 
ser troppo rigoroso nel prezzo delle 
cose vendute. 

ScoRTGlRS LA PELA. Intcrtignerii. Scal- 
firsi la pelle. 

ScoRTGHÉii. 8. m. Scorticatore. Che scor- 
tica. E si direbbe anche d* un bar- 
bieraccio o cattivo barbiere. = Scor- 
iichino. Scorticatolo, dicesi il coltello 
de' beccaj per buttar giù le cuoja. 
ScoRTGHÈf. s. m. Scorticapidocchi. 
Avarone, scorticavillani, segavene, an< 
gariatore. 

SCORTGBÉN, DOLOR DA PARTORÌR* JDo* 

gliuzze. I premiti dei parto* 



se 



79 



Sgortghén o bbstioèula magra. Scria* 
lo jt Scrio/f//o. Animale venuto su ma.- 
grò, cresciuto a stento. Di poca car- 
ne, debole. 
Scorza, s. f. Corteccia. La scorza indu- 
rita delle piante. Buccia, la scorza 
tenera delle piante e dei frutti. La 
parte interna della scorza aderente 
all'alburno (biumna) chiamasi Libro e 
serve ad alimentare l'alburno. V. Pela. 

Scorza, s. f. T. de' euoj. Pasta, e 
volg. Tanno, Polvere di concia, eor- 
teccia di cerro o rovere macinata, con 
cui si conciano i cuoi. 

Scorza, s. f. T. de' Drapp. Caridari. 
V. Scorzètta. 

Scorza, s. f. T. de' Lego. Sciavero , 
Piallaccio. Y. eodga. 

Scorza del pom granìr. Malicorio. 

Scorza dla kìzìoèvla. Scoglia. 

Scorza dla nòsa. Mallo. 

Scorza d' partugal. Buccia. 

Scorza indorada. Oro in pelle. (Bart.) 
ScoRZADA. 8. f. (z Rspra ) Spetezzata. 

Sequenza di peti. 
Scorzar, alt. (z aspra) Trullafe, Sco^ 
reggiare. Buffare, Far vento, Peteg» 
giare. T. di Vet. Corneggiare, Cor* 
nare. Quel diifctto de' buoi del man- 
dar fuori per le parli di dietro il ven- 
to troppo frequentemente. 

Scorzar, (z dolce) Bucciajo. Colui 
che va la slate per la città raccogliendo 
le buccio de' poponi per darle a man- 
giare a' majali. Venditore di scorza, 
colui che vende la scorza ai concia- 
tori, scorzando gli alberi o raccoglien- 
dola da chi li scorza. 

Scorzar, alt. Scortecciare, Scorzare. 
Sbucciare, levar la scorza. 
ScoBZAZZA. s. f. Trullala, Gran vescia. 

ScoRZAZZA. s. f. Trullata, Strombet' 
tata? Imitazione del irullare fatta colla 
bocca in derisione d'alcuno. 

Dar la scorzazza. Battezzare un 
frullo? Batter colle due mani accop- 
piate nel capo ad uno facendoglielo 
piegare per atto di spregio accompa- 
gnato da voce pure di spregio, e ciò 
per mostrare a quel tale che lo si ha 
per un trullo, cioè pei^ona sciocca. 
Sgorzén'na. s. f. Pettizzo. Piccola coreg- 
gia. Vesciozza. 



Digitized by 



Google 



80 



8C 



ScoRZiTTA. s. f. T. de' Drapp. Caridari. 
Tela di varj colorì fatta ddla scorza 
di OQ albero iDdiano. Fottahngo, sorta 
di drappo delle indie, a rìgbe, fatto di 

' seta e di scorza d! albero. Fotu, tela 
di cotone dell'indie tassata a quadri 

ScoaziNÉTTy ScoRzmÈTTA. Nomi vezceg- 
giathi che si danno a' bambini belli, 
graziosi, Cecino mio. Carino. 

ScoRZòN. 8. m. Coreggiero. Cbe usa trar 
coregge. Petardo* 

ScoRZòN MA. s. t Cacatesia. Donna da 
nulla*. 

Scorzòn'na. Sifeseiatrice , Petardo. 
Donna che spetezza. 

Scòs. s. m. ( dal Ted. Scos ) Gretnbo. 
Quella parte del corpo umano dal 
bellico quasi insino al ginocchio in 
quanto sedendo ella è acconcia a ri- 
cevere checchessia. 
In scòs. In grembo. 

Scòs part. p. NaseoBo. Nascosto, celato. 
Andar de scòs. Andar per le celate. 
Andare occultamente, di soppiatto, 
furtivamenle. 

Lavorar db scòs. Lavorare sott'a- 
cqua, di straforo. Far fuoco nel- 
V orcio. 

Star scòs. Starsi celato o nascosto 
« in T. Por* Latitare, Star latitante. 
Dicesi di un inquisito o simile cbe si 
ten^a nascosto alle rìcerche della giu- 
stizia. 

Scòss. add* m. Riscosso. V. Scodò. 

Scòssa. s« f. Scossa, Scotimento. Lo scuo- 
tere che si fa in una volta. 

ScossÀL. s. m. Grembiale. Pezzo di pan- 
nolino d'altra materia che tengono 
dinanzi cinto le donne, e pende loro 
sino ai piedi. Zinnale, sorta di grem- 
biale usato dallo nostre montanare 
che cuopre loro il seno e il grembo. 
ScosslL. 6. m. T. delle Arti. Spara» 
lembo. Grembiale usato dagli arteOci 
per non lordarsi gli obiti. 
ScosslL. s. m. T. Eccles. Grembiale. 
Drappo prezioso con croce nel mezzo 
cbe si pone in greinbo il vescovo quan- 
do celebrando pontificalmente siede 
nel faldistorio. 

Scossi!., s. ni« T. éo* Calzol. 6rem- 
òitUino.' Lo sparalembo ò grembiale 
de' caizolaj. 



se 

ScosslL. s. m. T. de* Carrozs. Grem- 
bialim, ManUlUtUi. Quella rìbaha 
per lo più di cuojo che si alza e li 
abbassa per coprire le gambe di dii 
è in calesse. 

ScosslL. s. m. T. de' Fomae. SpM- 
natoja La parte indinaU del banco, 
sulla quale si tiene la forma con ed 
si fanno i materiali. 

ScosslL. s. m. T. de' ìfanisc. Ferriera. 
Tasca o hisaccino di pelle o simile 
nella quale si tengono chiodi o stro* 
menti da ferrare i cavalli. 

ScosslL DA cusén'NA Grembiale. 

ScosslL DA SEDioÉOL. Parafango. Grtm^ 
bialino da calesse. 

ScosslL DEL DUBLlss. Fionco dei M- 
lieo- Le parte del valico a cui si ap- 
poggia il setaiuolo nel regolare la tor- 
citura della seta. 

ScosslL DA FRAR. Zoffia. Sparsleffibo 
di pelle (Fior.) 

ScosslL . D 'na PNèsTRA. Parapetto. 
Sponda. 

Alzar el scossIl. Fig. Ingravidare, 

Ineignere. 

ScossALlDA. s. f. Grembiata, Grembialata. 

Tanto quanto può capire nel greon- 

biale. 

ScossALÉN. s. m. Grembiulino, Crrewh 

bialino. Piccolo grembiale. 
Scossalén'na. s. f. T. delle Sart. Grem* 
biale, e spesso finto grembiale che le 
sarte fingono con vari ornamenti nel 
davanti delle vesti. Seno, piegatura 
della veste fatta in modo da cooteoer 
checchessia. 
Scòssla. s. f T. de' Canap. Scotoia. 
Strumento di legno o di ferro col quale 
si scuote e batte il lino, prìma che si 
pettini, per farne cadere la lisca. 

Scòssla. 6. f. T. de' Stov. Cóla. Vaso 
bucheralo nel fondo ad uso di colare 
la terra sciabordata. 
ScossLAR. att. T. de' Canap. Scotolare. 

Battere il lino colla scotola. 
ScosTlR- att. Scostare. Discostare, allon- 
tanare. Fig. Rompere le costole. 

ScosTlR. att. T. de' Tabacc. Scosio- 

lare le foglie^ Levar dalle foglie del 

tabacco le costole per farne farina da 

fiutare. 

Scòta, s. f. T. de' Cac. Scotta. Il siero 



Digitized by 



Google 



se 

' BOA rtppreao che aTanka alla rteotia. 
Spurgo, il Jistillanieato del siero della 
pasta del cacio allorché ò posto oeila 
fonila. 

A GBB 8C6TA. É icoua: la soglia $eoh 
ta, È V* abbaja la volpe. Suol dirsi 
di luogo stato, in cui si arriKhi o 
fita salute o riputaiione. 
CoLL roèuoH ca 'ah Mnk èm aaCsA. 
Tanio è il mal ehi non mi nuoce, 
quanto il ben ehe non mi giwHt. 
La scdTA. Ella ecoila. Si dice di doa* 
na o cosa che rechi oocumento. 

ScATHkj. V. Scottuiàj. 

ScoTBÌGii*. Molliccio. Tracotto, stracotto. 

Scott, s. m. Scolo. Specie di drappo 
spinato di sUiue, cosi detto perchè 
dapprima il migliore veniva dalla Sco- 
zia. 

S€<yrrA. V. Scòla. 

Scotta, add. m. Scottato, Incotto. 
Coi è %ik scorri dall'acqua calda 
BA PAuaA ANCA DLA paBDOA. Chi dalla 
serpe è punto, ha paura della lucer' 
Mola: Al tempo delle serpi le lucertole 
fan paura. Chi è scottato una volta, 
t altra vi soffia su, 
ResTAa scorri. Rimaner scotto o tin^ 
io, cioè pregiudicato. 

ScoTTADCaA. 8. f. Scottatura, Seotiamen» 
io. Cociore. Lo scottarsi e la parte 
scottata. Inarsicciato, segno che ri- 
mane in pelle dell' arsiooe o scottatu- 
ra. Ambustionè, T. Med., Scottatura 
d'acqua bollente, d'olio ferrente, me- 
ullo liquefatto e simili. Antipirotico, 
rimedio contro le scottature. 

ScorrlNA. s. f. Solata, Solinata. Impres* 
sione violenta e talora morule, che 
fa il solo sovra certe cose esposte a' 
suol raggi in certe circostanze. «» Fi- 
nestrata di sole, dicesi quando subito 
dopo una pioggia o frescura s' apre a 
un tratto un tendone di nuvoli per 
cui passa il sole, la qual cosa è fata- 
le alle piante. Caldana, gran caldo, 
ed anche scarmana o infermità cagio- 
nata dal riscaldarsi ed indi raffreddarsi. 

ScoTTÀa. Scottare. Dicesi anche del dare 

una breve cocitura, un bollore. V. 

Blao^r. 

ScoTTÀa LA MILZA. T. di Yct. Scottare 

la miUa. Manovra ridicola consisterne 



sa Sì 

neir applicare un ferro rovente ad u* 
DO dei lati della regione costale nello 
scopo di agire sulla milza nelle ma- 
lattie carbonchiose o credute tali. 
Chi am s'yoàuL scorrÀa srAOA iiiDaÉ. 
Chi si sente scottar tiri a se i piedi. 

Scorràais* n» p» T. di Giuoc Ingannarsi. 

. Dicesi de' giuocatorì che nell accusare 
i loro punti errano a loro danno. 

ScorTAaoiuLA. Y. Scottana. 

ScorrÀiiT. add. m. Scottante. Che scotta, 
che eccita scottatura. Bogliente, bol- 
lente, fervente. 
Scorrer. T. Furb. Caffè. 

SG0TTKÀ4. 8. m. Soprannome. Terzo no- 
u-iC che si pone a chicchessia per qual- 
che singolarità notabile In lui, cosi 
in bene come in male. V. Stranòm. 
Scormii. s. m. T. Furb. Gergo, 
Tranello, e l'uno e l'altro, seconde 
le parole accessorie. 

Scòv. s. m. T. de' Squer. Lanata. Spe- 
zie di grossa scopa o pennello fatto 
da noi di pelle con lungo pelo. Ser- 
ve a' calafati per impeciare o insega- 
re i commenti o il fondo di una barca. 

Scova, s. f. Granata, Scopa. Mazzo di 
fusti di saggina o scopa, sgranati e 
legati insieme col quale si spazza. Ha 
Bas»tòo • • . . Manico. 

Lignj Vincigli. 

Mauza • • • . Pannocchia, Chio^ 

ma. 
Mauzaroèu • . • Monelle. 
Melgazz. . . . Fusti. 
Spi'och .... Catena. 
Scova d' asvoia. Scopa di belvedere. 
Surta di scopa formata con ramicclli 
della pianta detta Chenopodium eco* 
paria da Linn. della quale fan uso i 
campagnuoli per pulire il grano dalla 
loppa. 
Scova da auDÉR. Scopa di scoparia. 
Sorta di scopa formata colla pianta 
annua, detta da iinn. Erka scoparia 
e che serve per scopar le strade. 
Scova d' sanguombla- Scopa di san^ 
guine, che credo dicasi anche Busca? 
Sorta di scopa forte fatta con vermene 
di sanguinella per scopare le stalle ecc. 
Scòta roàuva spazza bbn la ca. Fat- 
tor nuovo tre di buono. La granata 
ìAAOva spassa bene la caia. 

6 



Digitized by 



Google 



82 



se 



CoLL ch' fa il scovi. Gfaìuilajo. Y. 
Scovén. 

Far da 'na scova. Enere una man 
dei cielo. Diccsi di uno speciOcOy da 
cui ne venga la guarigione lostana. 
Michel Angiol bòn*ka scova. PUtor 
da chiocciole j dd boccali, da igabelii 
da fantocci: PiUorello, Fanlocciajo, 
Dipintoruzzo, Catlivo pittore. 

Scova, add. m. Scopato. Battuto eolla 

scopa e in Contad. Pulito con scopa. 

ScovX. Mozzicoda. Agg. d'animale 

cui sia stata mozzata la coda. V. Moz- 

zeò%a. 

EssEa scovi. Portar il cartoccio. An- 
dare in gogna. 

ScovÀDA. s. f. Scopata, Granatala, Col* 
pò percossa data con iscopa o gra- 
nata. Scopatina diminut. 

ScovADùRA. s. f* Scopagione, L'atto di 
essere scopato per pena. 

Scovar, att. Scopare. Percuotere con la 
scopa, ed anche Spazzare. 

ScovAROÈULA. T. Bot. V. Scoazzéo'ua. 

ScovAZZÉN'ifA. 8. f. T. d' Omit. Btìlleri' 
na, Cutrctola, Codinzinzola. Uccel- 
letto notissimo detto da Linn. Mota* 
cilla alba. 

ScovÉii. s. m Granatajo, Chi fa o ven- 
de granate. 

ScovRiDòR. 8 m. T. de* Gioj. Runpetta, 
Scalzatalo, Sorta di raspa che serve a 
levare i lembi della cassa delie gem* 
me che soverchiano le loro faccette. 

Scozia, s. f. M. Scber. OUraparma. La 

parte della nostra città che trovasi 

sulla sinistra del torrente Y. Dedla- 

dalacqua. 

Scozia, s. f. T. Furb. Ciotola. Scodella. 

ScoziÀR. att. T. Furb. Sbombettare. Sbe- 
vazzare. 

Scozz s. m. Coccio, Y. Scoèuzz. 

Scozzès s. m. Scozzese, Dì Scozia. Scherz. 
Oltrapamiense . Abitatore deirollra- 
parma. Y. Scozia. 

ScozzèTT. s. m. Caccino. Piccolo coccio. 
Zocar a scozzètt. Fare o Giuocare 
a truccino. Y. Zugar. 

ScozzòN. 8. m. T. d' Equit. Scozzone, Co- 
lui che sotto la direzione del cavalle- 
rizzo ammaestra le cavalcature prima 
di farle cavalcare da cavalieri. 

Scozzo.fAMBNT. 8. ui. SbardcUatura, DI- 



SC 

rossamento. I primi rudimeiiti di bb 
arte, di una scienza. 
Scozzonar, ati. Scozzoìiare. Ammaestra- 
re i cavalli, domarli. 

Scozzonar. Fig. Dirozzare, Dirufgi* 
nare. Cominciare ad ammaestrare e 
disciplinare, scaltrire alcuuo. 
ScRAN. 8. m. Scanno, Seggio. 
ScRANA. 8. f. Scranna, Seggiola ma la 
Scranna e più rozza e rustica delk 
seggiola. Componesi di 
Impajadura. • . Inlestitura* 
• e. • • • • . i\eat, 
Proèuj . • • • Cavigliuoli. 
Schinai • • • . SpaUiera. 
Seder. • • . • Piano, Sedere. 
Spadaroèuli. • • Traverse, 
Spalerà . . . • Cartella. 
Y. Scranén. 

Sgrana balorda. Ciscranna, Seggiola 
rovinata. 

Sgrana da partorIr. Predella, Foggia 
di sedia sulla quale si mettono le don- 
ne quando partoriscono. 

Sgrana desproccada. Seggiola tfilaia» 
Seggiola non ben soda per essere spcr* 
niata. 

ScRAfiTA iNSPROccADA. Seggiola impcr* 
niata, 

ScRAMA LiGADA. Seggiola inUssuta. 

Sgrana sligada. Seggiola nwku Sen- 
za impagliatura nel sedere. 
Scranada. s. f. Seggtolata. Colpo di teg* 

gioia. 
Sgranar, att. Seggiolajo (Tose.). Seg-' 
giajo. Che fa le seggiole, o le iatesse, 
le vende. 

Sgranar von. Dar d* una seggiola $u 
le spalle, su la testa ecc. ad aicumo. 
Dar colpi di seggiola, 
Scranèll. 8. ro. T. de' Mugn. Seannciio, 
Arnese a piano Inclinato sul c|uale si 
tien capovolta la macine, ossia il co- 
perchio del mulino, nell* aguzzarla. 

ScRANÉLL. s. m* T. di Yet. Bacino 
degii animali, Y. Gropa. 

ScRANèLL da campagna. T. de' Piiu 
Ociadia. Sedia flessibile di forma trian- 
golare imposta di tre bastoni mastiei- 
tati in mezzo e con un cuojo disteso 
sopra le teste de' bastoni. Y. Scranén 
a iza. 
Scranén. s. m. Sedia. Seggiola elegante 



Digitized by 



Google 



S€ 

^ vernichta e spesso imboUit» dì crine II 
e coperta di drappo. $e il telajoo del " 
sedere è iotessulo di sala dicesi propr. 
Paglkito. 

Sciuaéif. s. m. Seannelio, SeanncUo, 
Seggiolino. U seggiolino pe' bambini: 
se è forato dieesi SeggeUina. 

ScRANÉN. s. m. T. de' Strae. Ingin» 
nocchitttura. La piegatura cbc si da 
ai denti del pettine da stracciajuoli. 

ScRANÉM ▲ ix^ Seggio a ieàshe o a 
fibriccino. Sorta di seggio senta spai* 
liera che si può ripiegare sq se stesso. 

ScaANÉN OA CALZOLAR. Sederino. Seg- 

f;ioia per lo più sfilata e senxa spai* 
iera. sulla quale il calxolajo sta al de* 
adietio. 

Scagnili DA Tal pA. Deseheiio, Arnese 
d^ sedere che si regge su tre piedi. 
V. Tamborén. 

ScJiAiféif pa' i p6. Seggiolino. Sorta 
di soppedaneo so cui le donne posano 
ì piedi. 

Far el scRAivéii. Far chiocciolino. 
Accovacciarsi. Ditesi delle galline » ehe 
mansuetamente si acéoraceiano allar- 
gando le ah quando altri le vuol pren- 
dorè. 
Far el scraméu. Portar uno o pre- 
delUne, o ^ prcdellucce vale portarlo 
io due con le mani incrociata, su le 
quali ei si pone a sedere. 

Scrakén'na ScBAMÉTTA. Seggiolino. Pìc- 
cola seggiola. SeggeUina, dficesi la seg- 
glolina forata nel sedere. 

ScRAifèRA. 8. f. Stradina. (Donna da atra* 
da). Cosi sono chiamate le povere 
donne che ne* nostri borghi delle 
Carra e de' Minelli o Imenei menano 
la vita loro stando sedute in istrada la 
miglior parte dell'anno lavorando o 
ciarlando. In questo caso potrebbersl 
chiamare più propriamente Pùncac' 
cere. 

ScRANLùif. s. m. T. de* Carr. Sederino. 
Terzo posto di dentro alla cassa de* le- 
gni a due luoghi il quale è mastiet- 
talo per poterlo alzare ed abbassare. 

ScRAiiòii. s. m. Seggiolone, Seggiola gran- 
de. 

ScRàVÀ. add. m. T. d'Agr. Disocciato, 
Spollonato. Digrossato. V. Scravonà. 

ScRAVÀR àtl. T, d'Agr. Diiocetare. Tor- 



se 



83 



re ad una pianta i germogli superflui. 
jSpotlonare, ripulir gli albei*i e lo vi- 
ti, troncando tutti i falsi polloni. 
ScluvlR. att. T. delle Arti. Digros' 
s^re. Abboztare, dar principio alla for- 
ma delle opere manuali, pianare, pa- 
reggiare. 

ScaAVÀR. att. T. de' Peti. Scarnire. 
Assottigliare internamente il rocchio 
del corno mezzo aperto, col ferro da 
scarnire. 
ScRAvoai. add. m. Zucconato, Bertone, 
Decalvato. Dicesi di chi ha tagliati sin 
al vivo tutti i capelli. 
ScRAYONADùRA. s. f. Zuccona/ttrOi ZUC' 

coiiafnento. 
ScravoiiXr att. Zucconare, Decalvare, 
Schiomare. Tagliare sino alla cotenna 
i capelli. 
ScREANZl. add. m. Incivile, Malcreato, 

Inurbano, Scortese, Villano. 
Scredita, add. m. Screditato. Senza cre- 
dito. 
ScrìditIr. att. Screditare, Levare il cre- 
dito. . 
ScRiBAccéif. s m. Scribacchino, Impia- 
stra fogli, Scrittor di cose inette* od 
inutili. 
ScRiBAcalR. att. Scarabocchiare, Scom* 
bicherure. Scriver male e non pulita- 
mente. 
ScrIgn*. 8. m. Scrigno Spezie di forziere. 
Mct. Pecunia, Gruzzolo., 
Scrìgn'. Fig. Gobba. 
ScRiGKèTT ScRiGNÉN. Scrignctto. Piccolo 

scrigno. 
ScrIma. s. f. Serima. Regola dell'operare* 
Pèrder la scrìma. Perdere la serima. 
Perdere la tramontana, Escir di via. 
Non trovar modo né verso. 
ScRÌTT. s. m. Scritto o Scrittura, ciò 
che si è scritto o composto scrivendo. 
ScRiTT. s. m. T. Leg. Libello. Doman- 
da giudiziale» in genere» fatta per 
iscrittura. 
ScRÌTT. T. Scoi. Sunto, Stratto. Com- 
pendio delle lezioni di un maestro. 
Scrìtt da apfittàr. Appigionasi, Car- 
tella clic si pone nella facciata de* luo- 
ghi che si vogliono appigionare. 
Ili SCRÌTT. Per iscritto. In iscritto. 
In carta. 
ScRLTTòR. s. m. Scrittore, Autore, Sari- 



Digitized by 



Google 



S4 



se 



^ano. Sriba, ma l'autore ere», lo serit- 
tare pone io bcrilCo i proprii pensieri ^ 

10 scrivano copia gli alirui icriUi, sic- 
come fa l'attuale scriba, che anticamente 
valeva dottore della legge giudaica. 

ScEiTTORÉTT. f. m. ScriltortUo. Diminut. 
di scrittore; ma dicesi in dispregio di 
chi credesi autore. 

ScaiTTòRi. 8. m. ScriUojo. Piccola stanza 
appartata per uso di leggere, scrivere 
e conservar scritture. Scrivania, ta- 
vola o tavolino (atto io diverse ma- 
niere per uso di scrivere. 

Scrittura, s. f. Scrittura. Lo scritto. 
Scrittura, s. t Scritta. Obbligo in 
iscritto. 
Scrittura d' matrimoh i. Scrittura nu- 

AsE.f D* NATURA CH* AN SA L^ER LA SO 

SCRITTURA. Re degli asini. Asinaccio, 
asinone. 

CoRBZiòN D* SCRITTURA. Afostille, li- 
neature, cancellùiure , rimessioni, ra- 
sure rastiature (B. L*). 
Esser irdbé d' scrittura. Essere ad- 
dietro. Essere addietro in un* usanzti. 
Non sapere quanto basta. Slondarsi 
poco. Esser dotto in buezio. 

ScRiTTijRl. add. m. Scritturato. Per es. 
Pagare lo seriturato (B. L.). 

Scritturar, att. Scritturare. T. TeaL far 
la. scrittura eoli' impresario. 

Scrittoraziòn. 8. f Scrizione, Scrittura. 

11 solo materialismo dello scrivere. 
Scritturén'na. 8. f. Scrittino. Piccola scrit- 
ta. Occhi di pulce, scritto minuto ma 
bello. 

Scrivanìa, s. f. Scris^ania. V. d' uso. Ta« 
vola, tavolino, credenzione, cassettone 
o altro fatto per uso di scrivere. 

ScRivAZZÀR. atl. Scombiccherare. Scrivere 
biasimevolmente. Scrivacchiare, Im- 
barattar carta inutilmente. 

Scrivcnt. T. Furb. Cancellare. 

Scrìver, alt. Scrivere. Esprimere le pa- 
role co* caratteri dell'alfabeto. 
Scrìver, atu Aggregere, Ascrivere. 
Scrivere il nome di un tale io aggiun- 
ta a quello di altri consod. 
Scrìver, att. per iscberzo. Rigover" 
nare le stoviglie. 
Scrìver, att. T. di Yet. Scrivere o 
Porsi in guardia. Dicesi del cavallo 



se 

ebe «Uorqnando è in riposo porla ubi 
delle gambe anteriori più innanxi drl- 
l'altra. 

Scrìver correttameht. Scrivere ajh 
puntalo. 

Scrìver cunRERn calamo. Srivere o 

tnan corrente (Bart. ). 

Scrìver ir Berkéscb. Bemeggiart. 
Imitare lo stil giocoso del Berui od 
verseggiare 

ScRJviER iRDRi. Rispondere. Riacoo- 
trare una lettera. 

Scrìver in mIrzbn. Immarginare. 

Scrìver bòra. Inscrivere, Iscrivere, 

Scrìver sotta. Infrascrivere , Sotte- 
scrivere. 

TgnIr drìtt in TEL SCRÌVER. ^^eggcT 
la linea. 

Tornar a scrìver. Reurivere. 
ScRòcA. s. f. Scrocco. Scroccbim. Le 
scroccare. 

Viver, star, o andIr alla scròca. 
Campare a scrocco , Mangiare a mac 
co. Sbattere il dente a ufo. Essere la 
gallina di Biondo, che chiamavasi le 
serocchina. Andare scroccando. 
Sgroc\da. s. f. Scroccamento. Altrim. 

Scatto, Scrocco. 
ScRoclR. att. Scroeoorf. Vivere alle al- 
trui spese. 

ScRocÀR. att. Scattare, Scoccare. Lo 
scnpparc cbc fanno le cose tese da 
quelle che le ritengono, come archi » 
oriuoli e simili. Sgrillettare, Fare scoc- 
care lo scatto del grilletto d' un arma 
da fuoco, per scaricarla. Prendere un 
sorcio. Far cricch, dicesi il fallire, 
non levare il colpo. 
ScROCARÌA. s. f. Scrocco, Truffa. Giuoterìa. 

V. anche Magnarla. 
ScRòccH. 8. m. Scatto. Cosi dagli oriuolai 
è dclto quei pezzo degli oriuoli, die 
libera il meccanismo della soneria. 
Scattino. Piccolo scatto delle ripetizio- 
ni il quale è messo in libertà dalla 
stella dei suono. Frate, Fraiiceilo, 
Monaco. Scatto nocellate o snodato 
mediante un pernio che serve a far 
alzare la soneria degli oriuoli da torre. 
ScROCHÉTT. s. m. Scatto. Quella parte 
d'uu ordigno per eoi se ne liltera ti 
mecanismo. 
ScrocUr* Sgranocchiare, Seroedare. 



Digitized by 



Google 



se 

Mangiar cose, che toasticando sgreto- 
lino, come Pan fresco e simili. 

ScROcuysA. 8. f. T. Furb. Biada. 

ScROcòif. 8. m. Scroccone, Arciere. Scro- 
chinoy scroccatore. Che vive alle spal- 
le altrui. V. Stoccadòr. 

ScROFLA. 8. f. Scrofbiaj Gavina, Gonga, 
Siruma. V. Mal fredd e Maghètt. 

ScROPLds. add. m. Scrofoloso. Affetto da 
scrofola. 

SCROLLÀDA ScORLaDA. 8. f. ScOSSO. ScUO- 

timento, lo scuotere. Crollamento, croi* 

lo, erollala. 
ScROLLÀDA D* TESTA. Crollata di capo, 

Scroilamenlo di lesta. Atto col quale 

si dà a conoscere disApprovazìone. 
ScROLLADé!«*if A • 8. f. Scosscita. PìccoIr 

scossa. 
ScfLOLLktL.M. Squassare, Crollare, Scrol^ 

tare. Muovere dimenando qua e in là. 
ScnoLLÀn LA TESTA. Dondolare il ca- 
pe. Scuotere la testa. Disapprovare. 
Scrollò:!, s. ro. Crollo, Scrollo, Squas* 

so» 
ScROLLòiv DLA MORTA. Brivtdo, CapHc» 

ciò di freddo. E in T. Med. Oripila- 

sione. V. Termiòn. 
ScrosXda FALSA. T. de' Gapp. Doppieg' 

gialtura. Piega viziosa della falda del 

cappello. 
ScROsÀR. alt. T. de' Capp. Incrociare. 

Ripiegare in più versi replicatamente 

le falde neir imbastirle. 
ScRòYA. 8. f. Scrofa, Troja. La femmina 

del bestiame porcino, e per metafora 

81 dice a donna di mali costumi. 
Far la scròva. Meretricare. 
ScBOvXzzA. 8. f. Scrofaccia. Pegg. di Scro* 

fa. 
ScncoÌR. alL T. de' F. Ferr. Snervare il 

ferro. Ripiegarlo in varie guise soprìn 

se stesso nel fabbricarlo, per renderlo 

più soggetto a rompersi. 
Scruflos. add. m. Scrupoloso. Che si fa 

scrupolo agevolmente; ma vale anche 

Esatto, Bilicato. Dicesi Conscienzioso, 

Conscienziato, un uomo di buona co^ 

scienza. — Casoso, chi d'ogni cosa fa 

caso. 

I TRÒPP SCRCPLOS AH FAN HAI GIfElfT. 

A chi guarda a ogni nuvola non fa 
mai viaggio. Prov. che si riferisce agli 
nomini di difficile contentatura. 



se 



S5 



ScRùPOL. 8. m. Scrupolo. Scrupolosità, 
Dubbio che perturba la mente. 
ScRùPOL. 8. m. Scropolo, Scrupolo» 
La vij^esimaquarta parte dell'oncia o 
danaro. 

ScRÙPOL D'MADÒlflfA CBèCA. ScTUpolel" 

tucciaccio. Scrupolo sotercbio, inop- 
portuno, siccx)me quello che si favo-* 
ieggia del tarlo, che dopo mangiato il 
crocefisso non volle mangiare il chiodo. 

Aver di scrùpol. Scrupoleggiare.Scrìi- 
polizzare, essere scrupoloso. 

Fars SCRÙPOL. Avere a scrupolo. Par* 
si coscienza. 
Scrotìni. s. m. T. For. Scrutinio, Sguiì- 

tinio. 
ScrutiniIr. att. T. For. Squittinare, 
Scrutinare. Esaminare con diligenza, 
pensare, ripensare. Caratare, esami- 
nare per la minuta per giudicare una 
persona o una cosa. Razzolare, cer* 
care con curiosità. 
ScucciARADA. 8. f. V. Mont. VUto. 
ScdcciarXr. att. Scucchiajare. Dimenar 
presto il cucchiajo , affrettandosi a 
mangiare. 

El scucciaràr. La vittuaria. Ed è 
quella che si chiede da mietitori so* 
pra il prezzo dell'opera loro. 
ScDD. 8. m. Scudo. Moneta d'argento, il 
cui valore varia secondo il peso, la 
lega che lo compone, e la nazione o 
stato che il fa battere. 

SciD. 8. m. Scudo. Arma difensiva 
che tenevano nel braccio manco gli 
antichi guerrieri combattendo. Se ne 
usarono di varie sorta e i più noti 
sono: il Clipeo, la Targa, la Pelta, 
lo Scudo a cetra ed il lonntVtco^ il 
Pavese, la Rotella, il Brocchiere, la 
Parma. Consta lo scudo dì 

Arma Impresa. 

Lig«j Guigge. 

Imbrazzadura • • Anello. 
Impugnadura • • Sovatto. 
Piastra .... Cdìrpo. 
Spontòn. • • • Spuntone, 

ScuD. 8. m. T. di Blas. Scudo. Quel- 
ro\ato ove son dipinte le armi delle 
famiglie. 

SccD. 8. ro. T. di Cart. Stella. Sorta 
di disco fatto a stella che{per mezzo 
di pinoli che sono nella sua circonfe* 



Digitized by 



Google 



%ù 



se 



reniBi fa girare i cilindri del cìlindra- 
tojo. 

ScuD. s. m. T. de* Mugn. Lubecchio* 
Ruota Torticaie ferma nella parie op- 
posta dello stile della ruota a pale, i 
cui denti imbroccando ne fasoli del 
roeclicttOy fan girare il copercbio della 
macine da mulino. 

ScuD. 8. m. T. de' Polv. Lanterne» 
Diselli rotondi di legno , cercbinli di 
ferro, riuniti paralellamente da una 
serie di fusi che ingranano ne' denti 
della ruota interna del mulino da pol- 
vere. 
ScLDARiA. 8. f. Scuderia. Stalla nel pa- 
lazzo de' principi, e gran signori, ove 
si tengono i oavalli; ed ove in locali 
contigui tengonsi i finimenti, le car- 
rozze ecc. 
ScuDÉu. 8. f. Ciotola, Scodella, ma la 
ciotola è da bere, da brodo e da altri 
usi con manico o senza; la scodella è 
da minestra e un pò più fonda La 
nostra voce pare derivi dal Cello Bret- 
tone Skudel cbe vale Piatto cupo, 
SciDÈTT. 8. m. DUchetto, Scudetto, 

ScuDÈTT DA PERiOR. Paltìcca. Quella 
piastra di metallo die portano appesa 
al petto i capi di certe confraternite. 

ScuDÈTT DA PIVI AL. Borchia, Gioja, 
Bottone. Scudetto colmo di oro o d*ar* 
genio cbe serve d'affibbiaglio a) pi- 
viale. 

ScuDèTT DEL BURATT. Stella, Ruota a 
denti fermala nella testa del buratlel- 
lo nella quale urtando l'asta nel gi- 
rare scuote di continuo la cassetta. 
ScuDLÀR. 8. m. Scodellajo- Fabbricatore o 
venditore di scodelle. V. Bòcalàr. 

ScuDLÀR. alt. Scodellare, Mettere la 
minestra nelle scodelle. 

Sci;DLÀR. alt. Shombettare, Sbevazza- 
re. Vuotare scodelle di vino. 
ScoDLÀzzA. 8. f. Scodellacela. Peggior. di 

scodella. 
ScuDLÉN. Ciotolino, Scodellino. Piccola 
ciotola scodella 

Sct'DLÉN DA CAFFÉ. Piattino, La sco- 
delli na di una tazza da cafTè. V. Ton- 
dén. 

ScuDLéif DA CAVDÉN. C/ippelletto. Ar- 
nese di legno o di gonuna elastica in 
forma di piccolo segmento, con una 



9C 

prominenza vuota nel mezzo per rke- 
veni il capezzolo, cui serve di riparo 
quando per setole è dolente. 
ScDDLéN DEL CALiz. Coppetttno. Quel- 
la specie di vaso vtaccato, in cai la 
coppa del calice sembra essere €Ollt^ 
nula. 

SCEDLÉN DEL FULMINART . Lucignoh 

(Tose). Il vano interno dei cappd- 
lozzo fulminante. 

ScuDLÉN DEL cuiRDOL. Piattino. Quel- 
la parte del naso (roccbètt) dell' a^ 
colajo fatta a foggia di ciotolÌDO per 
posarvi il gomitolo» 

ScoDLÉN DEL candlbr. PialtcUino. La 
parte cbe circonda il bocci uolo dd 
candeliere e nella quale cadono le goc- 
ciolature della candela. 

SCUDLÉN DEL NIGHBR. T» dcgl* loClS. 

Ciottolino della tinta. Quello che ser- 
ve a contenere la tinta o inchiostro 
di cui spalmansi le last#e incise a 
brevi traiti. 

ScuDLÉn dl'azzalén. ScodelUno. V. 
Bassi net t. 

SGUDLéN'i<(A Scodlétta. 8. f. ScodcUina, 
Scodellelta, Piccola scodella. 

ScuDLòfi. 8. m. Grande scodella ^ CioUh 
lone.y. Séccia. 

ScuoLòTT. s. m. Ciotola, Scodella, coppa 
di legno cbe serve a più usi, e fu 
gli altri ancbe a tenervi danari. 
Sccdlòtt. 8. m. T. de' Gioj. Calice. 
Pezzo di durissimo legno, cbe «*iiii- 
perna per base della ruota di piombo, 
slagno rame, colla quale ti laToraoo 
le gioie e pietre dure. 
ScuDLòTT. s. m. T. di Mie. Pisnie 
scarlattifia. Sorta di fungo rosso-focato 
e lucido, imbutiforme, che nasce sui le- 
gni fracidi coperti di terra. É la /V- 
zita epidendra Bull. Cbiamasi con si- 
mil nome tra noi ancbe una specie di 
boleto coriaceo di color fulvo che na- 
sce ne prati, cbe credo sia il Boietm 
coriaceus Scop. 

Sccdlòtt del masnén. Tramoggia . 
Quella bacinella del macinello entro 
cui si pongono i grani di caflè cbe si 
vogliono macinare. 

SCOPAZZAR salassar EL SCUDLÒTT. 

Far le fiche alla eassetta Dicesi de* 
fattorini de' mercanti quando soitrag- 



Digitized by 



Google 



S€ 

gODo denari dalla cassetta del priDci* 
pale. 
Scola, add* in. Senza culo, e parlandosi 
d^ agili y Scrunato, Sgroppato. Parlan- 
dosi di cavallo e simili. Scarico di grop* 

Sgulàrs. n. p. Restar senza culo. Detto 
per amplificazione 9 di chi dimagra e 
s'assottiglia assai. 

Sgulàrs. n. p. Sfondarsi. Parlandosi 
di orci bicchieri 9 ceste ecc. 
ScuLÀRS LA GOCCIA. Scrunarsi t ago» 

Sgulazzàda. s. f. Sculacciata, Sculaccio' 
ne. Percossa che si dà sculacciando. 

ScuLAZzÀR. att Sculacciare.. Dare scu- 
lacciate, o sculaccioni. . 

ScuLAZzÀR. alt. Scivolare. Quel don- 
dolio de' carri e baroccini allorché la 
lunghezza del mozzo della ruota e mi- 
Bore della lunghezza dei fusoii intor- 
DO ai quali si aggira. 

ScuLAzzlR LA PREDA. Dar del culo 
èul pietrone. Soffrir la vergogna dei 
falliti; e per metafora vale, non istar 
per riguardi a fare il proprio interes- 
se. I Sanesi dicevano Meller la mano 
alla stanga, perchè cosi imponeva una 
lor legge ai debitori. V. anche Prèda. 
ScuLAZZÀR UN zoccoL. T. de' Mur. Li- 
sciare uno zoccolo. Ripassarlo colla 
cazzuola dopo che si è intonicato con 
cake e polvere di mattore. 

ScDLTòR. s. ra. Statuario, Scultore, ma 
lo statuario scolpisce statue, lo seultO' 
re puoi anche scolpire solamente fo- 
gliami ornati ecc. Gli operatori 9 le o- 
perazionÌ9 gli strumenti e le cose ad 
esso altinenti sono: 

OPERATORI 
DELLO SCULTORE. 



se 



87 



Cavadòr • . 

Formadòr . 

Lustradòr . 

Plasllch • • 

Rcsighén. . 

Sbozzadòr . 



Cavatore. 
Stuechinajo. 
Lustratore. 
Plasticatore. 
Segator di pietre, 
Abbozzatore, Mar- 
morajo. 



OPERAZIONI 
DELLO SCULTORE. 



Bagnar il pezzi 



Intridere i pannili' 
ni. 



Cavar foèura 
Coiiipòner . 
Desgrossar . 
Far la mascra 



Finir . . . 

Formar . . 

Gradinar • 

Limar . • 

Lustrar . . 

Metter el pont 

Modiar . • 



Moèuver. 
Muèuver il figi 
Passar el viv 
Piccar . . 



Pomsar • • 
Posar. . . 
Quatiar i modèi 
Rilevar • . 
Riportar. • 
Sbozzar . . 
Scolpir . • • 
Scolpir risenti 
Scurziar. • 
Sgrossar. • 
Sgrostar. • 
Spricciar • 



un. 



. Scoprire, 

» Comporre, 

. Subbiare, 

. Formare il ritrailo 

dal vero, 
, Pulire, 
. Formare, 
, Gradinare, 

Limare, Ammorbi- 
dire. 
> Lustrare, 
, Appuntare. 

Plasticare, Fare di 
terra. 

Currare. 

Alleggiare. 

Bucare il sasso, 

Macerare la pietra 
il marmo, 

Apponiiciare. 

Posare. 

Vestire i modelli. 

Campare. 

Rapportare, 

Smodellare, 

Scolpire. 

Trafiiggcre, 

Scorciare, 

Digrossare. 

Sgulestrare. 

Spruzzolare. 



STRUMENTI 
DELLO SCULTORE. 



Ranch . 
Canètta • 
Carbòn . 

Carr matt 

Cc^valètt. 
Compass tori 
Ferr . . 
Forma . 
Forma persa 
Gradén . 
Grippa . 
Lapis. . 
Lima • • 
Lima torta 
Vanichén 
Martell . 



• Banco. 

• Matitatojo. 

. Carbone da dise- 
gnare. 

. Carromatto Bar^ 
rucola. 

. Leggio, 

« Scorpione 

. Ferreria, 

. Forma, 

• Forma cattiva. 
m Gradina, 

• Ulivella. 
s Matita, 

. Lima, Scuffina, 
. Lima torta: 
. Modello, 
. Mazzuolo. 



Digitized by 



Google 



8» 



se 



Martlén^iia . 


. . PicehhreUo, Mar- H 




fó//tfia. 


Originai . • 


. . Modello. 


Palén'ua. . 


. • Palo di ferro. 


Peni. . . 


. • Pannilinù 


Fonia. . . 


• • Subbia, Sbozzino. 


Preda . . 


• . Frassinella. 


RaffèU . . 


• . Graffiellù. 


Ra6})a • . 


. . Raspa. 


Resga • . 


. . Sega da pietre. 


Rodlètt . . 


. . Rullo. 


RcHllòn . . 


. . Curri. 


Scarpcll . . 


. . Scalpello. 


Sfcrgòo . . 


. . Stroffoli Struffoli. 


Sgablén . . 


. . Sgabello. 


Sprìccèlt. . 


• • Schizzatqfo. 


Stanghi . . 


. , Leve. 


Slecca . . 


. . Stecco. 


Slecca con i é 


lèni . Pettinella. 


Taja . . . 


. . Taglia. 


Taparèll. . 


. . Calcese. 


Viulón . . 


. • Archetto, Violino* 


COS 


E ATTINENTI 


ALLO 


SCULTORE. 


Bassriliev • 


. . Basso rilievo. 


Bus dia grip 


pa • Seggiola. 


Busta. . . 


. . Busto, Erma. 


Food. . . 


. . Cerro, Torlo del 




ìtwsso. 


Cesa . . . 


. . Gesso. 


(ìesK Ogurà. 


. . SlucchinOé 


Grepa • . 


. . Gromma* 


Crosta • . 


. . Galestro. 


Grupp • . 


. . Gruppo, 


Màrinor . . 


. . Marmo, 


Muserà • . 


. • Forma. 


Musa. . . 


. . Masso. 


Mett rilèv . 


. . Afezzorilievo. 


PedesUli . 


. . Piedistallo. 


Poinsa . • 


. . Pomice. 


Poni • . . 


. . Punti. 


Prìni • • • 


. . TrantBZzuolo. 


Sabbia . . 


. . Rena- 


Sc^ji . . . 


. . Scaglie, 


Snierili . . 


. • Smeìiglio. 


Statua . . 


. . Statua. 


Sioppazz. . 


• . Borra. 


Tera . . , 


. . Terra da formare 




Rena di tufo. 


Tripol . . 


• . Trifola. 


Sciir.TURA. 8. f. 


Scoltura, Scultura, Sta* 


tuQfia. L'ari 


e dello scolpire. 



se 

ScùM. a. m. T. d'Agr. Seeeame. Tolto 
quanto ha di aecco sugli alberi e saìh 
piante. Seceajone, ramo d'albero sec- 
calo sulla pianta. Stipa, gli sterpi t 
aeccajonl tagliati via dagli alberi per 
uso di bruciaglia. 

ScuR. a. m. Bujo. Oscurità y tenebre. 
Mancaosa di lume o di luce. Oscu- 
rexza. 
Scua. add. ni. Scuro. Oscuro, cupo. 

Seca CHE LA aÒCGl DEL LOV. Bt^ 

come in bocca, o come in gola* Bv^o 
pesto. 

ScuR D*rrA FNèSTRi. Seuri. (Lambr.) 
Scuretti, Quelle imposte che per di 
dentro si chiudono 80{>ra riovetrìau 
od impannata. 

Pars ^ur. Oscurare, Abbujare, Bab* 
bujare. Y. luscurirs. 

I SCUR. T. di Piti. Gli scuri. La 
' parte della pittura che è ombreggila. 

Restar al scur. Rimanere grosso. 
Restar air oscuro, o senta cogoiaìooe 
d'una cosa. 
SccRiA. a* f. Scudiscio. Lunga bacchetta 
con sferza di corda per uso di afcr- 
zare i cavalli che tirano le carroue. 
Frustino, la fui^ìcella della sferza cbe 
produce il chiocco. V. Battuda. 

Scoria, s. f. Treccia, Coreggia. La 
parte della frusta fermala alla verga 
che ha dall* altra parie il frtuiuM 
(battuda). 

Scoria d' mascadizz. Seuriaia Sferza 
di cuojo colla quale si frustano per 
lo più i cavalli da carrettone. 
ScoRiiDA. a. f. Sferzata, Frustata. Col- 
po di sferza o frusta. 

Coll dil scurii. Frustajo. Quegli 
che fa o vende lo fruste. 
ScuRÌRS. n. p. Abbuiarsi, Antwtare. Farsi 
scuro, farsi notte. Rabbujarsi, (arsì 
bojo, infoscarsi. 

Scurìrs el temp. Fig. Intorbidarsi bs 
marina. Dicesi quando alcuno comincia 
coir aggrottare delle ciglia a dimo- 
strare aver disdegno od ira. 
ScuRòif. a. m. Oscurità grande, ed an- 
che Nuvolone oscurissimo. 

ScuRòif. 8. m. T. de* Chiod. Attizza* 
tojo Ferro appuntato col quale si sol- 
leva e si dA aria al carbone nel fooolart 
della fucina. 



Digitized by 



Google 



se 

Scvmorr. «dd. m. Buiceh. Alquanto bajo. 

ScumTà. add. m.. Scorcialo. Accorciato, 
raccorcio. 

ScuBTlOA. 8. f. Accorciamento. Soorcia- 
mento» scoiamento, abbrefiamcoto. 

ScoBTADURA. V. Scurtòn. 

ScciTAOuaj. s. f. T. de* Legn. Capponi. 
Peni di legno che cascano nel riqua- 
drare. 

ScuATlE. atu Accorciare. Scorciare, scor- 
tare, abbreviare. Il contrarto di allun- 
gare. 
SctRTÀB. alt. T. de' Sart. Scorlire. 
Scorciare un abito o sim. 
ScuRTlR 1 CAVi. T. de* Parruccfa. Ac 
cordare i eapelU. Tenerli a discreU 
misura. 
ScuaTÀB IL J àu. Tarpar le ali. Spun- 

. lar le ali agli uccelli e altri votatili, 
figurat. indebolire alcuno o tògliergli 
la fona» Dime%zare la podeeià, vale 
sindacare la condotta di uno o sce» 
niargli T autorità. 

ScCRTAa I BRAGBÉN LA VBSTÉr'NA. 

Cadere del capisteo. Nascere ad un 
fanciullo un nuovo fratellino od una 
nuova sorellina. 

SccRTÀELA. Andar per le icorciatoje. 
Andar per le brevi o per le corte* 
Per scurtàrla. Per farla breve. In 
breve. In somma. In conchiasione. 

ScDRTÀRS. n. p. Rientrare. Si dice del 
panno che scema o si raccorcia ba- 
gnandolo, iccorciorsi divenir più corto. 

ScuRTòif* 8 m. Mozzicone. Quei che ri- 
mane della cosa stuta mozzata o tron- 
cata o arsiccia. Atcìso dicesi di legna- 
me mozzato a meno del. meszo della 
sua lunghezza. 
Scurtòn. a. m. Scorciatoja, Traver' 
•a. Via più breve. Scorcione ( Giusti ) 
ScoRTòR. 8. m. T. di Bil. Le corta, 
MaMze^ Sorta di asticciuola da bi* 
liardo. 

ScùRzi s. m. Scorcio. Positura o atti- 
tudine stravagante, scontorcimento, 
contorsione. V* Scòro. 

SccRZiAR. au. T. de' Pitt. Scordare, Y. 
Scorciar. 

Scusa, s. f. Scusa. Ragione che si reca 
per iacusarsi o per iscusare alcuno. 
Vale anche SulterfUgio , Pretesto, 
Agèrratqfo, Trovatello. 



SD 



89 



Scusa, i. f. Venia. L*atto per lo 
più in iscritto col quale lo scolaro è 
da* genitori scusato della sua non pre- 
senza allo lezioni del maestro. 

Trovar 'ha scusa. Trovar cagione. 

V È GIUST GRE DIR SCUSill. A^on SC 

ne fa nulla. 

Scusar, att. Scusare* Procurar di scol- 
pare con addurre ragioni, favorevoli, 
ed anche risparmiar checchessia, ado- 
perando altra cosa in sua vece. La 
polenta scusa il pane e la minestra. 
Coonestare, Tirar a bene. Dar colore 
di giustizia a checchessia, che è o 
sembra mal fatto. 

Scusi, s. f. Flg. Coperchielle , Scappalùje. 
TuTT scusi. Tutte scappatoie. 

Scusi, add. m. Sdrucito, Scucito. JFig. 
Sconnesso, slegato. 

Scusidura s. f. Sdruccio, Sdrucitura. 
Disfacitura del cucito operatasi da sé 
oppure fatta ad arte. Sdrucito. 

Scusìr. alt. Sdrucire, Sdruscire. Disfare 
il cucito. Scucire o Scuscire. 

ScusÌRS 'na soàuLA T. de* Calzol. Scop^ 
piare. Sdrucirsi la cucitura della suola. 

ScvBRciÀR. alt. Scoperchiare. Levare il 
coperchio. Scoprire una cosa coper- 
chiata. 

Sdagn. s. m. T. di Vet. Setofte. Corpo 
straniero per lo più sotto forme di 
bindello che si introduce sotto la pelle 
degii animali. Laccio, corda fatta per 
uso di medicare alcun malore, e sin- 
golarmente de* cavalli Travaglio, chia- 
masi r altro ordigno in cui si mettono 
le bestie fastidiose per medicarle o fer- 
rarle. 

Sdarbn'na. s. f. Annaspatora, Trattora. 
V. Mèstra e Voltndora. 
Sdarén'ra. s. f. T. de' Taroc. P^- 
nella. Sorta di mazzo di setole che 
serve per istampare le figure delle 
minchiate od anche per collarle. 

Sdazi!, add. m- Sgabellato. 

Sdaziar, alt. Sgabellare, Sdoganare. Ma 
si sdoganano le merci pugando la ga- 
bella, lo sgabellare è il mezzo dello 
sdoganare e dove non è dogana si 
sgabella non si sdogana. (Toram.) 

Sdazz. 8. m. Staccio, (non Setaccio che 
non usasi da' Tose. ) Arnese noto per 
uso di stacciare la larina. Ha 



Digitized by 



Google 



90 



SD 



CiokI BuUéUù^. 

Garbi • . • • CoiHni. 

HodeJl • . . • Rimboeeatura. 

7eh Teia di crino oiefa. 

V. Sdaizén. 

Sdazz a acqua. T* de' Tabace. Frul- 
lone a $cot»aT Sorta di frullone che 
. è mosso verticaimeiite da uo motóre 

idraulico e serve a stacciare io gran 

copia la farina del iabaceo. 
Sdazi ciar. Staccio rado. Slaccio che 

ha la tela di crino e serve a ataociare 

ki farina di formentone. 
Sdazz fiss. Colo. Sorta di wglio o 

slaccio fitto che ha la tela di seta. 
Sdazzada. 8. f. Siacciata. La quantità di 

farina che si mette ogni volta nello 

staccio. Fig. Macinata. 
Sdazzadòr. s. m. Cernitore. Chi eeme 

la farina collo staccio. 
SoAZZADtJRA. s. f Stacciatura. L'atto dello 

stacciare e la cesa stacciata. 
, Sdazzàr. att. Stacciare, Cernere. Sepa* 

rar collo staccio il fiore della farina 

dalla crusca. 
Spazzar. Fig. Sucotere il pelliccione. 

Macinare. 
Sdazzaroéula. s. f. T. de' Legn. Cerni' 

tojo. Quel telajetto sopra il quale si 

regge e si dimena lo staccio nella 

madia quando si fii l'azione dello 

stacciare. 
Sdazzén. s. m. Stacciajo. Chi fa o ven* 

de gli stacci. Le operazioni, gli stru- 
menti e le cose ad esso attinenti sono: 

OPERAZIONI. 

Far el rodell • • Rimboccare la tela. 
Fermar il garbi . Fermare i canini. 
Incìoldar il testi . Imffullettare i casti- 

ni. 
Limpir el rodell • Formare il ner^elto. 



STRUMENTL 



Ciold. . 
Forbsa . 
(ìoccia . 
Lcsna . 
Martell . 
Ronclietta 



Bullette. 

Forbice. 

Ago torto. 

Lesina. 

Martello^ 

Roncokita. 



SE 

COSE. ATTINENTI. 

Garbi Coinnì. 

Lazza* • • • • Spago. 

Pavèra .... Sala. 

Teli Tele di crina. 

Véli .... . Veli. 
SoAZZéif. 8. m. Staceetto, Siaceiuolo. 

Piccolo staccio, e dicesì per lo più di 

quello che nelle eucine fa le v«xi dì 

colabrodo e di passatojo. 
SoAZzàTT DA COLAR. Stamigna. 
SoBRNiRS. n. p. Sgrtmchiarsi, Distendersi, 

snighittirst* 
SDmDOiflR. att. Dondolare, Croiiare, 

Scuotere. Mandare in qua e in là la 

eosa sospesa o pendente. 

SniNDOIfÀR, BALLiR IN t'bL ■JkKEGl. 

Ninnolare^ Tentennare, Lellare, Croi- 
lar nel monito. Vacillare, TOubare. 
Non andar di gamba, non and«r ri- 
soluto. 

Sdintà. add. m. Sdentato. Senza denti, 
e per similit. si dice anche delle cose 
alle qaali manchi alcun dente, eoroe 
seghe e simili. Bioscio, agg. di per- 
sona a cui par che sibili la voce per 
diffetta di denti. 

SoiNTÀR. aU. Sdentare. T. di Tarj arti- 
sti. Rompere qualche dente d'en i- 
stromento o ordegno, come sega, 
ruota simile. 

SnOBkR.atU Disadornare, DisaddtMare. 
Levare gli addobbi. 

Sdoganar, att. Sdoganare, Sgabellare. 
{B.l.) 

Sdolintìrbs. d. p. Sdoglìarsi. Uscir dì 
doglie. 

Sdòiv. 8. m. Setone. Funicella di setole 
per uso di curare alcun malore. V. 
Sdago. 

S'doràr. T. degl' Indor. Disdorare. Le- 
var l'oro da alcuna cosa. 

SoRAdL. add. m« Sdrajoto. Y. Stravaci. 

Sdrùssi. add. m. Ruvido. Rouo, che non 
ha la sQperficie putita o liscia. 

Se. m. avv. Se. 

Sb. part. Se, Caso che. Dato che ecc. 
Se no. Altrimenti. Se non che. 
Sb ron atbr. Non foss altro. 
Se! 8b! SEt Se rovinassero i cieli si 
piglierebbon éi molti uccelli/ E dì- 



Digitized by 



Google 



SE 

cesi a meticolosi che si staono sempra 
sul dubitare. 

Con Et sb b l* «a ak s* ta bai ne li ne 
LA Chi la guarda in ogni piuma non fìi 
mai il Ielle. La troppa incertezta non 
conduce mai ad ùtili risoluzioni.* ■ 

SecànT) Secàb. V. Scccaui e Seccar. 

Secca. s.f.T. d*£nloin. Crototio ricino. 
Zecca del cane. Sorta d* insetto paras- 
sito cbe atiacca gli animali e spesso 
anche l'uomo. Allorché si fissa sul- 
r animale» come parassito, il suo corpo si 
gonfia come una vescica e rassomiglia 
allora ad una verruca rotonda o ovaie 
sostenuta da un corto peduncolo for- 
uiaio. dalla riunione di tutte le zampe 
inserte presso il succiatojo. É il Croio* 
nìu rieinuB degli Entom. 
La secca. Met. La Morie, 

Seccabau. s. m. Seccatore, Mosca eula- 
Ja, Seecafistole, importuno. 

Seccada. s. f. Seccatura. Cosa o persona 
che secca. Rompicapo. Persona , o co* 
sa che giunga molesta. Stampita. Di- 
scorso lungo e nojoso. 

Seccafastidi. V. Seccabàli e Seccatura. 

Seccag€1NA. s. f. Seccatura. 

Seccakt. add m. Nojoso, Stucìèevole, 
Sazievole, Increscioso, Fastidioso. 

Seccar, ali. Seccare, Nojare. Importu- 
nare. V. Scar. 

Seccatura, s. f. Seecafistole. Seccatore 9 
seccaggine, uomo increscioso; impor- 
tuno, seccante, appiccaticci\>, una mi- 
gnatta, una mosca cuUja. ^ ^ 

Sbccb. s. m. Secco. Siccità, aridità. 
Secch. s. m. T. d* Agr. Seccume, Tut- 
to quello che ha di secco sugli alberi. 
Secco, s. m. T. di Pilt. Secchezza. 
Affettata diligenza in un dipinto. 

Secch. add. m. Allampanalo, Lan» 
iemuto. Magro più che più e dicesi 
d' oomo. Alido, dicesi un fiore, uo er- 
ba simil cosa diseccata. 

Secch. add. ro. T. del giqoeo del lot- 
to. Secco. V. Tèren. 
Secch arabi. Secchissimo. Adusto. 
Gnir secch. Risttcchirè ,. Stecchire. 
Divenir secco* 

Mezz secch. Secchereccio, Verdesèceo* 
Quasi secco, Seccaginoso agg. cbe si 
uà agli alberi quando hanno addosso 
rami secchi. 



SE 91 

Restar m sacca. Dare in secca Ri* 
maner sulle secche. Dicesi di cose gal- 
leggianti a cui manchi 1* acqua sotto. 
Fig. Essere impedito io sul più bello 
di far checchessia. 

Savee 0* SECCH. Saper di secco. Di- 
cesi di botte o Tino che abbia preso 
r odor, di legno. 
Séccia, s. f. Secchia. Vaso cupo di ra- 
me, ferro, legno altro, col quale si 
attinge 1* acqua. 

Seccia, s. f. T. d* Agr. Secchio. Vaso 
entro il quale si raccoglie il latte nel 
mugnere. Secchiello, Secchiolina dimi- 
nut. Secchione accrescii. 

A. B. La nostra Séccia è altresì una 
determinata misura del latte che i con- 
tadini portano alla cascina per farne 
poi il cacio la loro volta, e si com- 
pone di sessantaquattro pozzoeuli, o 
sia otto hazlòtt altrimenti chiamati 
scudlòn. V. Baslott e Pozzoèula. 

SècciA. s. f. T. di Cart. Caschwllo, e 
Cassinolto. Truogolo o vasca di mate- 
riale in cui si mette il pesto delle pW- 
me pile, ed ivi si fiorisce eon fior di 
calcina perchò consumi il sudiciume. 

Séccia a bocca bass. Secchio appoz* 
zato. Cioè caduto nel fondo di un 
pozzo col fondo in alto. 

Séccia da pompèr-. Bugliolo. Secehio 
di cuojo per uso di portar aeqna da 
gettar sul fuoco. 

Séccia d* roda. Secchiata. Quanto tie- 
ne una secchia. 

Dar un calz a la séccia. Iron. Z^ii- 
ctare il palo. Dar la vela ai venti, 
il tratto o tracolio alla bilancia, in 
eosa malagevole for animosa risolu- 
zione. 
Secol. 8. m. Secolo. 

EssBR raoRÉ tn sbcol Esser addietro 
cento usanjse. Essere ignorante di una 
cosa. 
Secono. s. m. T. di Giuoc. Posliere, Quel- 
lo che- dall' angolo parallelo al batti* 
tare sta per dar di posi a al pallone 
rimandato dalla squadra avversaria. 

Second. 8. m. T. Mus. Secondo, Al* 
temo. Cantnnte che canta aH* unissono 
con un altro. 

Secoiid. add. m; SeeoYido^ Seconda* 
rio. Cbe vico dopo il primo. 



Digitized by 



Google 



H 



se 



SicoND. prop. Seeomh, Giu$la, Con- 
forme. la quel modo die eooverrà 
meglio. 

Second lctt. Siconio tetto. Seconde 
Dozse. 

Second lor. à toro parere. 

Secono lu. à iuo giudizio, 

Second mi. A mio avvito, A ienso 
mio. Secondo me. 

Second mz^n T. di Vet. Secondi mez- 
Zani. V. Mxan. 

An gh* è el 8EC0N0. Non ha pori. 
Seconda, b. f. Seconda ela$$ef La scuola 
dopo quella delle prime letturOf 

Seconda, s. f T. d* Ost. Seconda, Se- 
eondina. Membrana cbe avvolge il feto 
neir utero. È nome volgare della placen- 
ta e delle membrane del feto» piglia- 
te in complesso. 

Seconda d* cambi Seconda di cambio. 
Frase cbe si usa per dinotare una re- 
cidiva, un secondo mancamento. 

Andar a seconda. Andare a seconda. 
Secondare, seguitare la corrente, adat- 
tarsi air umore altrui, alla condizione 
de' tempi. Andare atta seconda, si di- 
ce anche delle cose che ci succedon 
prospere. 

Passar la seconda. Secondare. L'uscir 
della placenta o seconda dalla cavità 
dcir utero e della* vagina, il che serve 
per dar compimento al paKo« 
Secondar, att. Secondare, Assecondare, 
Piaggiare. Secondare V altrui parere o 
volontà. 
Secondari, add. m. Secondario, Che sta 

dopo il primo. 
Secret, s. m. Segreto. Secreto. Gosfr oc- 
culta. 

Secret, s. m. Ricetta, Modo saputo 
da pochi di far diecchessia. 

Secret, s. m. T. de' Capp. Segreto. 
Quella soluzione mercuriale che serve 
a dare ai peli di lepre e di coniglio 
la proprietà di feltrarsi da se. 

Secret. T. de' F. Ferr. Fermo detta 
stanghetta. Piccolo palettino cbe entra 
nella stanghetta di una serratura e ne 
impedisce il corso. 

Secret che bl tròn. Segreto come 
un trombetta» 

Secret o nascondili. Segreto, Chiù* 
sino. Luogo nascosto, ripostiglio, can- 



SB 

tuedo in una easa, in on mobile, ove 
custodire per lo più cose preziose. 
Contar i secret. Manifestare te a/- 
irui credenze. 

El secret del cmòn. // segreto dette 
sette comari. 

Easr a parta Del secret. Essere at 
segreto (B. L.). 
Par di secret. Iron. Tenere segreti 
I 6andt. Nasconder cose chiarissime. 
In secret. Di segreto, DicelatOi Se- 
gretamente. 
Secreta*, s. f. Segreta. La prigione ri- 
stretta. Segretante, dicesi colui cbe è 
carcerato nella segreta. 
Secreta da par i bisogn. CamerHI^ 
Luogo dove fare i suoi agi. 
Secreta, s. f. T degli Org. Secreta, 
a vento Congegno di valvole annesso 
al somiere. V. Portavenl. 
Secretar, att. T. de' Capp. Seereleire. 
Purgare le pelli per poterne Uglìare 
il pelo spoglio d' immondizie. 
Secretar!, s. m. Segretario. 

Secretare dai baffi. Segretarione. Se- 
gretario di vaglia. 
Segretaria, s. f. Segretaria. Donna atti- 
nente al segretario, ed anche quella 
femmina cui si confidano I segreti, la 
quale pur si dice segretessa. 
Segretaria, s. f. Segreteria. Luogo do- 
ve stanno ì segretari e le peraone 
cbe vi sono fniptegate. Segretariato. 
Carica od ufficio di segreUrio. 
Entrar* in -segretaria, ingerirsi ne' 
segreti di Santa Marta. Inframmetter- 
si ne' segreti altrui. 
Secretén s. m. T. de' F. Ferr. Fermo. 

V. Secret. 
Secretèr Segretari. Scrhanfa. Mobile 
ad uso di scrìvere e custodir le scrit- 
ture fatto in diverse maniere. Stipo, 
armadietto da conservar cose minute 
dì pregio. 
Segretezza, s. f. Segretezza. 
Sbgrista. V. Sagrista. 
Segundum luna. Lat A punti di tuna, 
A votte di cervetto. Secondo il capric- 
cio. 
Seda. s. f Seta. Filo cbe ne danno i 
bachi da seu o filugelli. Il filo cb' esce 
dai bozzoli posti in caldaja, prima di 
cavarne la leU, si dice baoettu: l'aN 



Digitized by 



Google 



SB 

tin» grossa pelatura che si cava dal 
bouolo prima di tirarlo» si dice mo' 
Mila: la seta per ordire organzino o 
or$m: la seta floscia bod lavorata, 
cbe né filare si può oè torcerei ea- 
iano scatarzo: quella cbe si ha, 
Del pulirla dal guindolo dopo tratta , 
ti thmig sbroceaiura o sbrocco: Vài- 
in che viene dai bouolì non com- 
piuti dal baco 9 si dice filaticelo di 
palla. Finalmente chiamasi Trama la 
seta die serve a riempir la tela. Ca* 
fiume chiamasi hi seta più grossa e 
disuguale dell'altra* Frisetto la seta 
sceltissima da tendali. Vergola la seta 
addoppiata e torta. Setaiuolo chi la- 
vora la seta. >» Varj sono i lavori a cui 
si sottopone la seta. La si trae, s' in- 
naspa, s'addoppia» si solfora, si tor- 
ce acca\iglia, si accannella, si or- 
disce, si tesse o sen fanno aspate o 
scagni, faldelle* trafusole» matasse o 
inatassine. 

Seda. s. f. T. Furb. Scabbia. Rogna. 
Seda alzerà. DrappicelUh Sorta di 
drappo di frisetto. 

Seda da etisia. Se/tno. (Fior.) Seta 
da cucire* 

Seda »' doppiòn* Terzanella, Seta 
soda. Quella seta che si trae dal doppj 

doppioni. 

Seda doppia. Vergola, Seta addoppiata. 

Seda gruplòsa. Seta broeeosa. 

Seda da spagh. Setola di cignale. Y. 
Sèdia. 

Seda lavorada. Seta indrappata. Tes- 
suta in drappo. 

Seda sémpia* Seta leale* (B. L.) 

Seda sfilada. Seta sfilacciala* Non 
ritorta. 

Binar la sfiDA. Addoppiar la seta. 
Coire due Gli di seta già filata in uno. 

haNRAR LA seda, incannarla. Fare 

1 cannoni. 

Mostra d* seda. Guidana. Matassa 
di prova del titolo della seta. 

Roba d' sboa. Seteria. T. collett. che 
abbraccia tutte le mercanzie di seta. 
Sbdària. s; f. T. Bot* Alettoria crinita. 
Sorta di lichene cotonoso che cresce 
sui rami de' pini e degli abeti dai 
quali pende come una nappa di crini 
cinerini. É il Lichen iubatus Linn. 



SE 



93 



SsDBKTARi. s. m. Sedentario. Dtcesi di 
chi siede molto. Stanziala, guardia 
di finanza che per riguardo alla sua 
età si pone di servigio permanente in 
luogo di poca importanza. 
Seder, s. m. T. de' Carrozs. Sedere. La 
parte della cassa della carrozza, sulla 
quale si sta seduti. Sederino dicesi il 
tei*zo posto interno delle carrozze. 

SèDER. s. m. T. de' Sell* Seggio, La 
parte della sella ove su seduto il ca- 
valiere. 

Seder, att. Sedere. 

Seder ola scrana. Piano. La parte 
della seggiola sulla quale si siede. 

Dar da sìder. Dare da sedere. Dare 
altrui comodità di sedere. 

El seder. Il sedere, lì culo o le na- 
tiche. 

Métter a seder. Mettere a sedere^ 
Adagiare. Figurai, vale Deporre al* 
trui di carica, • in altro signif. 7*1- 

Ìfiiere alcuno. Far compare. Trappo- 
are uno, frecciarlo e sim. 
Vatt a seder. Vci a siedi. Vattene 
a sedere^ M. scherz di allontanare 
uno. 
Sèders. n. p. Sedersi, Assidersi, Aceo' 
modarsi. Porsi a sedere. Accularsi, 
posar le parti deretane, e dicesi de* 
cani, de' gatti, deile lepri e siroilf, 

Suando si pongono in positura di se- 
ere. 

SèDERS appressa. Assedere. ( Sp- ) 

Séders in t'i carcagn*. Accoccolarsi. 
Porsi coccoloni Sedere sulle calcagna. 

Séders in t' la cassa ola erra. Sedere 
a scranna,^ Andar per la maggiore. 
Essere superiore agli altri. 

Sbders un mur. Assettarsi. Dicesi del- 
la labbrica che va a 'trovare il suo 
sodo col proprio peso. 
Sédes. Sedtct. Nome numerale di dieci 
e sei. 

SéDES. T. Furb. Sé. 

SèDES PiozzAt Le zucche marine/ 
Modo di escldmazione. 

Còll di sàDEs. // sedicesimo. Il sesto- 
decimo o decimosesto. 

El sàDBs. L' utriusque. Il culo, e in T. 
di giuoco de' Tarocchi, Torre, 
Sedi. s. f. pi. T. degli Strum. Setole. 
Fascette di crini fermato nelle sue 



Digitized by 



Google 



94 



SE 



eslremìtà al becco ed al oasdlo del- 
l' arco con cui si suona il violino ecc. 
Ha 

Me» Mezze, 

Talòn .... Setole d*impugna^ 
tura. 

Zima Setole di becco. 

Sedi. s. f. T. di Vet. Setole, Peli 
duri e rari di cui è coperto il mojale. 

Sedia, s. f. Sedia. Arnese da sedervi 
sopra 9 ed anche calesso da tirarsi da 
un sol ca%allo. V. Sedioèul. 

Sediìnt. s. ni. Calessante. Che conduce 
sedie da veUura. 

SEDièTTA. s. f. Seggetta j Predella. Sorta 
di sedia per uso di scaricare il ventre. 

Sedìl Sedìli. 8. in. Sedile. Arnese di 
più fogge e materie per uso di sedere. 
Sedìli d' coti. 3furiciuolo, Marcilo. 
Sedile di cotto affisso ai muri dinanzi 
«Ile porte delle case. 
Sedili del cohod. Predella. Sedile 
del luogo comodo. 

Sedili del coro. Stallo, Prospera. 
Quello scanno, banco o sedile di le- 
gno marmo sul quale si siede in, 
coro. Manganeile diconsi le banche 
maslietlate che si alzano e si abbas- 
sano. 

Sedihént. s. m. Sedimento. La fondata, 

. la posatura che fa il vino nella botte, 
o altro liquido o mescuglio. 
Sedimèrt. s. m. T. d*Agr. Assetta^ 
mento. Lo assettarsi, o sia lo sforzo 
che fa la fabbrica di portarsi al contro. 
Cedimento, quell* abbassamento dell' e- 
di6zìo che procede da patimento del- 
lo muraglia. , 

Sedimént. s. m. T. d'Agr. Abbaàsa* 
mento. Avvallamento. La depressione 
che risulta nelle terre sommosse. 

Sedioèul o Sedioéula. Calessetto, Cales* 
nino. Piccolo calesso per lo più da un 
sol posto. Ha 

Assa dardè. • • Pedana. 
Moèuj • . • • Molli, 

Roèudi Ruote . 

Sdla Assile. 

Scoi'chén . • » Guscio^ Casietta. 
SiiiDghi .... Stanghe, 

Seoiolén. s. m. Seggiolino. V. PadvanèlL 

Sàula. 8. f. Setola. Il pelo che ha il 
porco in sul fil della schiena, e dice* 



SB 

si anche dì quello delh coda de' ca- 
valli e d'altri animali. V. anche Sèvla. 

Sédli. 8. f. Setole, e doiit. Ragadi. Cre* 
pacci, scoppiature o fessure che ven- 
gono alle mani, nelle labbra, nelle 
palpebre e segnatamente ne' capezzoli 
delle poppe di donna lattante. 

SéDOL 8. lu. T. Bot, Erba sardòa. Erba 
de' prati umidi ehe viene riButaU 
dalle bestie bovine, perchè velenosa 
e detta forse per ciò (la Linn. Ranun* 
culuB iceleratus. 

Sedòtt. add. m. Sedótto, Corrotto, S^ 
bomato. 

Sedùr. att. Sedurre, Subornare, Cor' 
rompere. Ma chi seduce trae al male 
con artifizi e inganni; chi suborna 
conduce al male per la via dell'inte- 
resse; chi corrompe ispira mali sen- 
timenti e male opinioni. 

Seduta, s. f. Ragunanza, Riunione. Con- 
vegno di più persone che suolsi con 
brutto frane, dirsi anche Seduta, dal 
frane Seance. Nota però o lettore che 
volendo scrivere Italianamente dirai 
come consiglia l' Illustre Filologo Gae- 
tano Valeriani. Adunanza^ alla riu- 
nione degli Accademici. Assemblea, 
Parlamento all' adunanza de* Deputati 
politici al publico parlamento. Concilio, 
un adunanza solenne di prelati chia- 
mati a stabilire articoli dottrinali o 
disciplinari. Sinodo, se è adunanza 
degli ecclesiastici di un solo slato per 
cose di mera disciplina. Consialio delta 
città alla riunione solenne de' magi- 
strati municipali. Consulta, il consi- 
glio de' notabili raccoltosi presso il 
principe. Capitolo alla ragunanza di 
frati, canonici, monaci o monache. 
Conferenza, alla riunione de' ministri 
di uno Stato. Congregazione dirai la 
ragunanza delle compagnie secolari o 
confraternite. Corte, il congregarsi 
de' giudici e sedere prò tribunali. 

Sedcttor. s. m. Seduttore, Seducitore. 

Seduziòn. s. f. Seduzione. Il sedurre. 

Sefp. 6. m. M. Furb. (dal Frane. Chef) 
Capo. Padrone, Superiore ecc. 

Séga. s. f. T. d'Agr Falce fienaja. V. 
Ferr da sgar. 
Séga. s. f. T. d'Agr. Falce.ì\ tempo 
di falciare. Falciatura. L'azione del 



Digitized by 



Google 



SE 

fikiare che dicesi anche Fienahira, 
FruUanatura. 

Segb. Seco, Con se. Con lei, Con loro; 
e si osa con tulli ì generi e numeri. 

SfiGB*G50èi]UL. 8. f. Manovella. Quél ma- 
nubrio con che si melte in moto la 
ruota degli arrotini e sim* 
Segb*gnoèiila« 6. f. T. degli Oriv. 
Manubrio. Quel braccio o manovella 
che fa muovere in cerchio la lima 
nella pialtaTorma* 

S^LA. 8. f. T. BoL Segate, Sàgola. Spe- 
xie di biada più minuta, più lunga 
e di color più fosco che il grano» Lr 
Secak cereale L. 

SàGUk coRNODA. T. d' Agr. Grano spro- 
ne. Escrescenza morbosa della segala 
€he da alcuni si vuol cagionata da 
una crilogama. Sclerotium clavus. Dee. 
e da altri un degeneramcnlo della 
soslanxa de' granelli. É malattia rara 
tra noi perchè non coltiviamo la se» 
gala ne' luoghi bassi ed umidi. 

Segnìl . s. m. Segnale, Segna, ConU*assegno. 
Segiùl. 8. m. T. di Yet. Segnale. 
Un enumerazione più o meno com* 
pietà delle varie particolarità che ser- 
youo a far distinguere un animale 
dair altro, e risulta dai seguenti eie* 
inenti: nume, specie e sesso, raxza, 
età, servigio, mantello, taglia, segni 
particoluri. 

Seghatlba. s. f. V. Sgnadura. 

Su:nu;À add. ro. Segregato, Appartato. 

SfiGACGAa. att. Segregare, Separare. 

SEcaÉif. 8. m. Sagri, Pelle di pesce che 
conciata e raffinata serve per formar 
buste, coperte di libri e simili. 
. SBGRéN. 8. m. T. de' Drapp. Zigrino. 
Sorta di moerre. 

Segkst, Segreta ecc. V. Secret, Secreta 
ecc. 

Segkoéol. T. de' Legn. ecc. Accetta. Pic- 
cola scure della quale si servono i 
legnaiuoli ner tagliar legnami per 
spezzarli o dividerli. 

Segrobdl. 8. m. T. de' Pettìn. Pie- 
cozzo. Piccola accetta colla quale si 
da alle lastre di cornò una prima ri- 
nettatura. 

5fiGB06uLA. 8. f. T. de' Bigonc. Pie- 
cozza. Specie di martello tagliente col 
quale si digrossan le doghe. 



SE 



W 



Sbsrdlada. 8. f. Colpo d'accetta. 

SCGR0I.AR. att. Rinetlar colf accetta. 

SfiOROUta. 8. f. Piceozzina. Piccola ae* 
celta o scure. 

SfiGUÉRT. add. m. Seguente. Che segoe. 
Agguagliato dicesi il filo o 8im. che 
sia pari e non broccoso. 
Lézbr BmoÈKf. Leggere correntemen' 
U, difilato. 

SioniT. 8. m. Séguito. Accompagnamento, 
scorta, compagnia. Vale anche conti- 
nuazione, come Principio, Sèguito, e 
Fine. 

SÉGDIT d'or gran PBR80KA6G*. CÒ- 

daxzo. 

Séguit d'oh «ortori. Assoeciazione. 

Ségvit d'un sposalizzi. Corteo. 

D* sàociT. Di sèguito. Senza inter- 
ruzione, continuatamente, seguitamcn- 
te. 

In s&guit. Poscia, Indi, Quindi, Pòi. 
Successivamente. 
Seguitar, alt. Seguire. Andare o venir 
dietro. Vale auche Continuare, Du* 
rare. Proseguitare. 
Séj. 8. m. Sego, Ses^o. Grasso rappreso 
d'alcuni ammali, che serve per far 
candele. 

Far bl séj. Assetare , Rassegare. 
Il rappigliarsi che fa il sego. 
Sèi 8. f. Sete. Appetito e desiderio di bere. 

An 8PUDAR GNANCA IN BOCCA PER LA Stl. 

Non dar fuoco a cencio, Non dar 
del profferito* Non voler lare il me« 
nomo servizio, anche senza costo. 

Aver 'na sèj da borir. Ardere o 
trafelar di sete, AUampare o allam^ 
pattar dalla sete. Morire o affogar 
di sete. Avere intensissimo desiderio 
H grandissimo bisogno di bere. 

Aver séj. Sitire, Assetire. Aver sete. 

Cavar o Cayars la séj. Trarre o 
trarsi la sete. Dissetare o dissetarsi. 
Fig. Cavare o cavarsi la voglia o il 
ruzzo, Scapponire o scapponirsi. Ren- 
dere rendersi persuaso o sazio. 

Far gnir séj. Assetare. Indur sete. 

Esser erusà da la séj. Aver asciti- 
gaggine o arsione 

Gnir séj. Farsi sete. Veoir sete ad 
alcuno. Adipsia, mancanza di sete o 
inappetenza dei liquidi. Adipso, cbi 
non patisce sete. 



Digitized by 



Google 



90 



SS 



Grah sèi Sitakk Gran sete e oon* 
tinua. SoprateU. 

La tera ha sài. La tetra ha iete^ 
Si direbbe del bisogno di pioggia, 
come: QueUi fiorii queste erbe, han 
ecte, per dire che ban d'uopo d*es- 
sere irrigali. 
SéLA. s. f. Sella. Arnese che si pone 
sopra la schiena del cavallo per po- 
terlo accoiìfiauiente cavalcare. Le sue 
psrti.adno: 
ArclìèUoCavalèU. Arcione o Burella. 

davanti. 
Argiòn • • • • Ardiglioni, 
Bardela • • . . Bardella. 
•Cadén'na . • • Randello. 
Fondén'na • • • Fonda. 

Fust Fuilo. 

Gaveli .... Camere» 
Gropera. • • . Groppiera. 
Mariingàl • • • Martingala* 
Pagnoti • . • • Paniotine. 
Pelloral • • • • Pettiera, Reggipetto 
Penta o còli • • Pomo della sella. 
Quart . • . • Quarti a Quartieri. 
Quaitaja dia fon- 
dén'na • • • Cappelletto della 



Quartén'na. . • Gualdrappa. 
Sambiaca • . • Soprasella. 
Seder • , • • Seggio. 
Sorfè. • • • • Sopraeinghia della 

coperta. 
. • Codone della grop* 

piera. 

> • Sottopancia. 
, . Staffs. 
. . StaffiU. 

> • Sugheri. 
. . Burella di dietro. 



Soltcòva. 



Sottpanza . 

Staffi. . . 

Staffi] • • 

Sùver . . 

Valisa . . 

Zingia da fassòn • Sopraeinghia. 

Zingiòn . • • • Cinghia. 

Zinlnrén . • • Porta staffile. 

Séla da mùl. Bardella. Speùe di sella 
con pochissimo arcione dinanzi e quasi 
spianata, di cui per lo più si servono 
i contadini, i mulattieri e simiK. 

Chi Aif poÈOL batter il cavall ratta 
LA sèLA. Chi non può dare alV asino 
dà al basto. Chi non si può vendicare 
con chi vorrebbe, si vendica con chi 
può. 

Metter la séla. Insellare. 



SB 

Sblìh. a. rà. Seelltno. Moneta inf^es* die 
vale ff. i. 35 se vecchio, e I. 16 se 
nuovo* 

Selisì. s. m. T. de' Drapp. Costansista. 
Sorta di pannolano leggiere. 

Seller, s. m. Sedano. V. Sèner. 

SellebX. s. e add. m. Scellerato. 

Selleracina. s. f. Scellf raggine, SceiìS' 
ratezza. Nefandezza. 

SfiLLERATARèMT. Alla peggio, A eaiafti» 
scio, E dicesi di cosa fatta malameute, 
senz'ordine ecc. 

SfiLVAGG*. s. m. Selvaggio. Chi vive nel- 
le selve. 

Selvagia. s. f. T. di Ball. Camaiea. Sorta 
di ballo imitante una danza selvaggia 
de* Kamtschatali della Russia asialita. 

Sem ADA. s. f. Semata, Orzata, Lanata. 
Bevanda fatta con mandorle peste e 
stemperate in acqua con zucchero e 
fiori d'arancio, e poscia colate. 

Sbribiscroha. s. f. T. Mua. Semiòizero' 
ma. Mezza biscroma. 

Sevibréva. s. f. T. Mus. Semihre^e. Nota 
musicale che vale una battuta, cioè 
due minime o quattro seiniminime^ 

Semicadéhza. s. f. T. Mus. Semicadenza. 
Mezza cadenza. 

Semicroma, s. f. T. Mus. Semicroma. 
Metà della croma, e una delle figure 
musicali. 

SemidiXpent. 8. m. T. Mus. Semidio» 
pente. Così dicasi la quinta Imperfetta 
o diminuita. 

Sehiiiinima. s. f. T. Mus. SemiminiwuL 
Nota musicale che vale metà della 
minima e ne va quattro a battuta. 

Seminari, s. m. Seminario. Luogo ove 
si tendono in educazione i giovanetti 
che 81 tiran su per sacerdoti. Fig. 
Monello, Forcuzza. 

Seminarista, s. m. Seminarista. Chi è 
in educazione nel seminario. 

Semi!«éri. s. ffl. T. d' Agr. Seminatura. 
V. Sémna. 

Semitòn. 8. m. Lezj, Leziosaggini, Ca- 
ci^erie. Gesti puerili. Daddoli, smorfie 
di tenerezza 59uasi7/o^ lezio amoraeo. 
Smiaeip, m. basso superfluità di espre^ 
sioni e di parole. 
Semitòn. s. mi T. Mus. Semtltioii«. 
Mezzo tòno. Cosi diconsi anche i pie- 
gatelli di ottone che mossi da' pc^ii 



Digitized by 



Google 



SB 

di conserva 9 coi cupitisti, aUìngon per 
modo le corde dell'arpa da raccorciar- 
le unto quaolo basti a produrre i veri 
aeiuitueni. 

Fu DI SBHITÒN. Far del Vezzoso o 
deiio schifo. 

PiÉii D*SBiiiTòif. Atteggevote, Auoso* 
S%mironksjL. s. f. Monna tenerinu o Ma* 
doiuèa tenerina, die si slomàava a ti* 
rare un peto, Diceii iroo , di colei che 
fa lezj e si duole faciloieiiie d' ogni 
piccola cosa. 
SniTONZÉii. a. m. Daddolini. Steoevo- 

ladini da bambini. 
Sina. Siomo dal verbo Essere. 

A CH sèaM LO. Siamo alle solite. 
SìBBA. Sopiamo dal V. Sapere. • 
A l' 8ÈMHA CH L* É oif PBZZ. Sape^orìh 
eeiOé 
Sémna. 8. f. Seminatura, Semùìagione, 
Seminamento. Il seminare, e la sta- 
gione della semina. 
PaEPARia PER LA sÉMifA. Porre a s«- 

SEunk. s. m. Seminato. D luogo dov'è 
poata la sementa. Sementato, che è 
posto a seme. 

San Luca chi n'ha semnà se plùca. 
O molle asciutto per san Luca se- 
mina. Perchè più urdi sarebbe getur 
il seme senza speranza di frutto. 
Sbmnaoòa* s. m. Seminatore* Colui che 
aemioa, ed anche si dice d'una mac- 
china di nuova invenzione che serve 
a spander meglio il grano, ed a ri« 
aparmiare più cha se si facesse colia 
mano. 
Sebuah. att. T. d'Agr. Seminare, Se- 
mentare. GetUre, spargere il seme so- 
pra la materia atta a produrre. lose- 
luinare. Dicesì Seminar a buche, lo 
inseminare come si fa la fava e Semi» 
nare a vento, lo inseminar la terra 
come si fa col frumento e sim. che si 
getta a pugnelli. 

Seskar. att. Scanicaref Perdere per 
terra caminando alcuna parte di ciò 
che li porta sulle spalle, come paglia, 
frumento e simili. V. Strasàra- 

Sehnar a rampòn. Seminare in cro- 
sta (Lastri). Seminare sopra terreno 
ebe non abbia ricevuta precedente a- 
ralunu 



SE 



97 



Sehnar ola ziZANiAt Flg. Seminar la 
zizzania o la discordia* Metter male 
fra le persone. 
Sehnar in PIAN. Seminare a minuto, 
oppure a campo andante; cioè in ter- 
reno privo a&tto di solchi e di por- 
che. 

Tornar a semnaRì Ringranare* Il se- 
minar di nuovo quando per qualche 
disastro sia andata a male la prima 
seminagione. 

Sbhnéll. s. m. Sirstia» Riga. Quel se* 
goo che rimane in terra delle minute 
cose versate camminando, come gra- 
no, cenere, sale e simili. V. Strasàra. 
Semnéll. s. m. T. Mil. Seminella, 
(Segneri). Traccia. Quella striscia di 
polve che si dispone per 4)0ter dar 
fuoco ad una mina senza proprio pe* 
ricolo. 

Semola, s. f. T. de' Past. Semolella, Sé- 
molino. Sorla di pasta in forma di 
piccoli granellini, che cotta, si mangia 
in minestra: in altro signif. V RòmoI* 

Seholòn. s. m. T. de' Past. Semolone. 
Semolino più ordinario e più grosso, 
che parimente serve a far minestre. 

Sbmper. avv. Sempre, Maisempre, Ogno* 
ra, Sempremai. 

Sehper che* Con questa che. A patto 
che ecc. 

Sehper sehper. Sempre mai. Mai sem- 
pre, ogni sempre. 

Quasi sehper. Sovente, Quaei tem- 
pre. Tutte le più volte. 

Semperyérd. add. Sempreverde* Agg. di 
pianta che sempre conserva le sue fo- 
glie fresche. 

SéHPERviY. s. m. T* Bot. Sempreviva. 
Erba che per lo più si trova sui tet- 
ti, sui muri umidi e fra i sassi. Gli 
antichi credevano fosse la stessa che 
la barba di Giove. È il Sempervivum 
tectorum Linn. V. Erba pr j caj. Cosi 
diconsi anche i Perpetuini o fior aec« 
chi dei campi che sona lo Xeranthe» 
mum annuum Linn. 

SéHPi. add. m Seempio* Contrajrio di 
doppio. 

Séhpi. Semplice, Semplieione. Agg* 
d' uomo d* intelletto ottuso. 
Far el séhpi. Far il Calandrino o il 
Grasso legnaiuolo. Infingersi scempio. 



Digitized by 



Google 



98 



SE 



SfiMPiAGiNA. 8. f. Scempiaggine, BaloV' 
daggine, Scempiezza, Pecoraggine. 

Sbhpiar. att. Scempiare j Sdoppiare. Con- 
trario di addoppiare. 

Sbmpitbhna. a. f. Sempiterna. Sorta di 
tela stampata o ìd altro modo colorita 
da far per lo più vesti da donna. 

Semplipicak. att. òimplificare. Scempiare. 
Ridurre a chiara semplicità. 

Séhpliz. a. m. CuccioloUo. Inesperto, sem- 
plice. 

Sémpliz. add. m. Semplice. Puro, sen- 
za mistione. Schietto, senz'artifizio. 
Scempio, non addoppiato. 

Sempliziàn. 8. m. Fantoccino. Uomo scioc- 
co, scimunito. 
Povfia SEMPLiziÀN, per ironia. Bambino 
di Ravenna. Uomo aggiratore; fantino. 

SaMPLizérr. s. e add. m. Semplicetto. 
Semplicello, scimunitello 

Sempliziàzz, Sempliziòn. Sempliciaccio , 
Sempliciotto, o Semplicione. Molto sem- 
plice. 

Sbmsant. s. m. Semenzina, Semenanto. 
Nome che si dà ai semi acri, aroma- 
tici, e creduti vermifughi dell' ilr/emi- 
iia Judaiea e di altre. 

Sin. s. m. Seno, Quella parte del corpo 
umano che è tra la fontanella della 
gola ed il bellico. 
In sén. In seno. Cioè nella parte del 
vestimento che copre? il seno. 

Sèna. s. f. Scena. Tela confìtta sopra te- 
laio di legno e dipinta, per rappresen* 
tare il luogo finto dai comici, e si di- 
' ce pure del luogo stesso, e di ciò che 
vi si produce, e delle parti onde snn 
divise le produzioni teatrali. 

Sèna. s. f. T. Farm. 8ena.*Nome a- 
raho che si dà in Egitto a diverse spe- 
cie di cassie e che presso noi indica 
la specie più usata in medicina che è 
la Cassia semia Linn. 
Sèna. s. f. Fìg. Sciarrata, Piazzala* 
Azione romorosa e scandalosa, ed an- 
che Lezio, Invenia, Smorfia. 
Sèna. Per Vista, Prospettiva. 
PossBSS d'séna. Atteggiamento. 

Sbnapìsem. a. m. T. Farm. Sinapismo, 
Senapismo. Cataplasma irritante che si 
prepara con farina di senapa, lievito 
di frumento, cloruro di sodio e aceto. 
Dottr.£|>tfpaslico. 



SE 

Senàri. s. ro. Scenari. Le scene dipinte. 
Scherz. Seno,. Petto; ma dicesi per lo 
più é\ quello di donna. 

Senàt. 8. ro. Senato. Fig. Seno V. Sopra. 

Sbnator. s. m. Senatore. Persona che li 
parte di quelle che compongono il se- 
nato. 

Seneca. Seneca. Nome di un celebre fi> 
losofo Latino che si usa da noi od 
Dettato. 
Seneca svena, per dir Lantemuto, 
Ossaccio senza polpa, ad una perso- 
na spoipata. 

SéNER. s. m. T. Bot. Sedano, Apio gran* 
de. Pianta ortense assai nota. L*Apium 
graveoleas di Linn. La radice e i frutti 
del sedano vengono adoperati io me- 
dicina-come eccitanti. 

Séngio. s. m« T. de' Scarp. Breccia òu- 
térata. Sorta di marmo di Verona che 
spesso ha cavernosità, e serve a far 
mensole. 

Seno!.... Altrimenti. Intrerj di minaccia. 
Obdìssa! seno a t'dagb. Obbedisci al* 
trimenti io ti batto. 

Sens. s. m. Senso. Facoltà di compren- 
dere le cose. 

Sens cmòn. Senno o Senso comune. 
Par sens. Far colpo. 
In sens invers. All'opposto. A rove- 
scio. 

Sensa. add. m. Sensato. Saggio, giudi- 
zioso, prudente. 

Sensàl. s. m. Sensale. Quegli che s'in- 
tromette tra i contraenti per la con- 
clusione de' negozi. Dicesi pure Media" 
tare. Mezzano, ma di faccende dome- 
stiche il primo, di amorose il secondo. 
SeNSlL DA MATRIMONI. Paraninfo, Ma- 
trimoniajo, Ammogliatore Mediatore 
di nozze. 

Sensalétt. 8. m* Sensaluzzo. Sensale di 
poche facendo. 

Sensaria. 8. f. Senseria. L' opera del sgo*> 
sale, e la mercede a lui dovuta. Mez. 
zanità (B. L.). 

Sensaziòn s. f. Sensazione. 

Far sensaziòn. Far senza, Imptez- 
sione. Colpire, Toccare, Ferire. 

Sbnsia. 8. f. Ascensione. Festa solenne. 

Semsìbil- add. m. Sensitivo, Smatpo. Che 
di leggieri si commove. Sensibile, at- 
to a comprendersi dai sensi. Jefiero 



Digitized by 



Google 



SE 

a patire, chi per ogni lieve seosasio- 
ne resta fortemente commosso. 
Seusìbil. add. m. Fig Notabile , Grò* 
^oso. 

Sensitiva, s. f. T. Boi. Sensitiva, Erba 
$en$iUva. Pianta annua, spinosa, con 
fiorì rossi. Le sue foglie quando sono 
toccate, anche leggiermente, si ripie* 
gano con prestezza, e così anche i gambi 
delle foghe se sian toccati brusca- 
mente. É la Minosa pudica di Llnn. 

Senta, add. m. Seduto. Modo Piacentino 
usato Della frase. 

QUANO A S*HA DA ÈSSER DBSGRAZIÀ A 
PlOéUVA IN T*BL CUL DA STAR SENTA. 

Quando non $' ha aver bene tempesta 

il pan nel forno. 
Sentars. n. p. Assettarsi. Porsi a sedere. 
Sentenza, s, f. Sentenza^ Decisione di 

dubbio di lite ecc. Condanna, pare 

si dica meglio la quantità della pena 

che sì infligge al reo o alla parte che 

ha torto. 
Dar la sentenza. Sentenziare, Giù* 

dicare. 
Rigettar 'na sentenza* Tagliare una 

sentenza, cioè Rigettarla ,. riprovarla. 
Sentenzia, add. m. Sentenziato, Giudi* 

CillO. 

Sentì, add. m. Sentito. Udito, inteso. 

SgNTiHéNT. s. m. Sentimento. 

Esser D*sENTiMàNT. Essere di tnVi sen- 
si. Avere energia. 
PoÉtjRA D* SENTiMÉNT. Fuora de' sensi. 

SEfiTiMÉNTAL* s. m. Sensitivo. Che age- 
volmente è commosso. 
Far el sentiméntal. Affettare sensi- 
bilità. 

Sentinàl. s. m. T. degli Squer. Baglio. 
Grossa trave messa a traverso della 
nave da un fianco all'altro, per so- 
stenere il tavolato de' ponti. 

Senfinèlla. s. f. T. Mìl. Sentinella. Sol- 
dato che fa la guardia. Scolta, Ascol- 
ta o Vigilia. La guardia che si fa in 
tempo di notte. Veletta o Vedetta. 
Quella sentinfUa che sta di guardia in 
luogo eminente, come sulle mura della 
città la sentinella a cavallo posta in 
f;ran vicinanza dell'inimico. E si dice 
tigurat. anche di cose immateriali. Far 
la sentinella, far la guardia, o star di 
guardia. 



SE 



99 



SentIr. alt. Ascoltare, Udire; ma udire 
è ricevere l' impressione del suono, è 
proprietà del senso. Ascoltare è porre 
attenzione per udire, ed è azione del- 
l' intelletto. 

Sentir, alt. Sentire* Provar una sen- 
sazione per mezzo de* sensi altrim. /n- 
tendere. 

Sentìr. Assaggiare, Assaporare, Li-' 
bare. Gustar leggermente di checches- 
sia per sentirne il sapore. 

Sentir db scós. Origliare, Orecchia^ 
re. 
Sentir d'na cosa. Odorare, Olezza* 
re. V. Savèr. 
Sentìr in bocca a vòn. Cavare un 
calcetto. Cercar di risapere checches- 
sia da alcuno artificiosamente. 

Sentìrgb. Sentircisi. Fervisi sentire le 
anime de' trapassali in un luogo co- 
me credono gli ubbiosi o fauno cre- 
dere certi impostori. 

Sentirla ual. Portare molestamente. 

Sentì RS ben o mal. Sentirsi bene, Sen* 
tirsi male. Avere o non aver sanità. 

Sentìt? Fate motto. Dicesi in modo tra 
aiuroir. e inter. per indurre chi nega 
una cosa a darsi per vinto innanzi al 
giudice competente che dà la sentenza 
simili. 

Sentòr. 8. m. Indizio, Sentore, Fummo. 
Avviso di checchessia avuto quasi di 
nascoso. 

Sènza, prep. Senza, Tranne. 
Sènza. A non per es. 
Agh sèmma in sès, sènza contar I 
SERViTOR. Siam sei a non contare i 
domestici. 
Sènza sèla. A bardosso. 

Senz'oss. s. m. T. d' Enton. . Zaasara 
comune» Insetto notissimo per la mo- 
lestia delle sue punture in tempo di 
notte detto da Linn. Culex pipiens. 
V. Papatàs. 

Armòr DEL sENz'oss. Ronzio* 
Oèuv DEL senz'oss. Delfinctto. 

Separa, add. m. Separato. Disgiunto. 

Separar, alt. Separare, Sceverare, Di* 
partire. Disgiugncre, Disunire, Ap* 
parlare. Sparlare, vale allontanare. 
V. Spartir. 

Sbparaziòn. s. f. Separazione. Sparli- 
mento. 



Digitized by 



Google 



iOO 



il 



ÈÈPkfii s. m. Cortina, linda. Il tendone 
tht si alza e cala inoanxi alle scene 
àe\ ttùXnu Sipario è foce d'uso. Tela, 
Panno (Fior.). 

Sépia, s. f. T. d*IU. Seppia officinale. 
Sorta di malàcoftoaro che dicebi an- 
éha Calamaro e Tito neri mare, del 
cui guscio calcarlo fassi mollo uso nel- 
te arti. L'aohuale è detto da Lion. 
Sepia offieinaliB. 

Dar la sépia* Seppiare. Ripulire o 
Usciere un latore di legname con os- 
so di seppia. 

Oié D* SÉPIA. Osnieino di eeppia. Il 
guscio colla concrezione calcare che 
contiene^ 

SmJR. ett. Seppellire. Mettere i eorpi 
morti nella sepoltura: sotterrare, met- 
tere sotterra, interrare. Talora anche 
in senso di Nascondere, Occultare. 
8ErLiii l'ijisalàta eec. Ricoricare, 
Ricorcare. Ricoprire eerte erbe colla 
terra per diverse cagioni, cioè per 
dfffendefte dal freddo, o imbiancarle, 
simili. 

SaròLcflÉR. s. m. Sepolcro. Quello the si 
III per le chiese nella settimana santa 
per figurare il tumulo dì Nostro Si- 
gnore. Vale anche Sepoltura V. 

Sepólcro db l* urto. T. Furb. Forno, 

StPOLtURA. S. f. Sepoltura, Sepolcro » 
Luogo otc si depone il cadala ere di 
uno o più individui per dar riposo 
alle loro ossa. Tomba, è quella sorta 
di sepolcro che si eleva dal suolo. 
MaUioleo, é sontuoso monumento se- 
polcrale. Aitilo, è voce poetica e vale 
sepolcro. Sarcofago, montimento Se- 
polcrale antico che conteneva il cada- 
vere non consunto dal fuoco Cenata- 
fio, il sarcofago senta 11 cadavere. Ar- 
ea, qucHa specie di custodia ovn stan- 
no disposti i corpi de' santi. Tamìih, 
specie di sepolcro che si elevai da ter- 
ra a forma di cono, o éi piramide. 
Piramide, monumento sepolcrale in 
massimo grado sontuoso. Urna nepol- 
trate, era em vaso presso gli antichi 
da riporrl le ceneri de' morti. Car- 
nafif, sepoKura comune di spedaH e 
simili luoghi. 

SipoLttRA. i. f. Fogn» animata. Pia- 
to$o. Fiato d' ascilo. Dicesi isetAf. di 



SE 

Persona che abbia un fiato (risto pax- 
zolente. 

Séppo. a. m« T. de' Gliiod. Ceppo. Gros- 
so toppo d* albero sul quale è fermalo 
il tasso. V. Zòca. 

Sequènza, s. f. Seguenza Sequenaa dì 
gente, di carte, di giorni. 

SgQOèsTER. s. m. Sequeitro. Sequestra- 
feioiie: il sequestrare. Quando è ter- 
mine legale, equivale a Staggire, da 
cui viene Staggimento. V. Pignorar. 
Métter iit sbquéstbr. Segueetrare al- 
cuno in luogo, vale obbligarlo a non 
ne uscire. T. Leg. Staggire. 

SBQtESTRÀ. add. Séguestrato. Staggito. 

SeovestraTàri . s. m. Depositario. Chi 
tiene in custodia o a cautela le ckm 
staggite. 

Sbrìoa. s. f. Bene fidala. Beneficio (cosi 
il Pananti). Rappresentaiione teairale 
accordata ad esclusivo profitto d'uno 
degli attori. Serata, si dice lo spa- 
zio della sera in cui si veglia. 

SlJSAVÀLL. s< m. T. de* Scarp. Mischio di 
Serravalle. Sorta di arenaria fine. 

Sbravazza d' pibìort. T. de' Scarp. Ver» 
de di Susà. Bel marmo verde che si 
està fu Piemonte, forse detto d'affrica 
perchè somiglia il verde antico che di 
là si traeva. 

Sbrayézza €IÀR. s. f. T. dt' Sc^rp. 
Sera^e^za di Mojola. Sorta di marmo 
verde poco diverso dsFi verde di Sosa. 

Sergia, s. f. T. d'Agr. Correggiaéo. V. 
Zèrei*. 

Serén. s. ro. Sereno. V< Srén. 

Serena, s. f. T. Bot. Gelsomino étiim Ma- 
donna. Fior bianco odoroso, che naare 
da un fruttlce di cui fannosi bosrtieiti e 
siepi, detto Phyladelphus coronarius 
da Linn. Cosi dicasi ancbt il fiore dui 
Viburnum lontana. 

Serbnàda. s. f. Serenata» ì\ eaAiRre t 
suonare che si fa di notte dinanzi la 
casa d'alcuno. Mattinata, vale il am^ 
dcsimo ma fatto in sul mattiiNS^ 
Serbrìda. s. f. Serata smagliaia. Cie- 
to chiarissimo, e dicesi anche per Nat- 
te serena e fredda d' inoemo. 
Sbreràda. Scherx. Bigoneiqja^ Quel 
rumore che fan la notte i votaccssi co* 
bigonci e il piombino ( OoaètU ) nel 
vuotare le fogne. 



Digitized by 



Google 



8E 

Smcnìoa iif cAiiAzSA. • f. Cocehi0ia. 
SorU di tereDiU che r musici od i 
suonatori vanao a fare io cocchio. 
Far 'ifA SBREMloA CON I BOCAJ. Fare 
unn scampanata» 

SsrbjiXrss. b. p. Baitertnmrsi. 

Serés. s. m T. di Ferr. GavoMza. Misura 
di legno che regota la quautità di ye* 
na di ferro ehe si mette ad ogoi tol- 
ta nella fornace. 

Seres^. s. m. Saracino. E dicasi per signi« 
ffcarc uno Spavaldo, un Otiilc4iecto« 

SiRfiéifT. 8. m. Ser§enle. Soldato sotto 
uffiziaie. 

SffROiRTiK'iiA, s. f. Sergeniina. Sorta d'ar- 
me antica, io asta, simile ad una la* 
bartia. 

Sèri. add. m. Ssrto^ Grai?é, ImporUmte. 
MsTTRBS SIRI. Recarsi m sul saldo. 
Porsi sul grave, sia nel parlare, che 
nel operare. 

Scrìa, s. f. Serie, Ordine di cose fra lo- 
ro relative. 

Sbrirtà. s. f. Serietà. 

Metters in serietà. Ingraoire. 

ScRO o sto. s. m. Siero, Siere. La parte 
aequoaa del sangue e del latte. 
Sébo. s. m. T. Bot. Colto vainiglia. 
Catto che fa fusti lunghi e fiori bian- 
ebl neir intemo e giallo seuri di fuo- 
ri. È il Caeltis graudiflorus Lino. 
Sèro, l»tinismo delle scuole. Tardi, 
Far séro. Far tardi. 

Serpàn. s. m. Serpente, Strumento da 
fiato, che è un tubo grosso e tortooao 
a foggia d*un serpente. Dioesi anche 
Biuimie inglese, 

Srrpàn a aAvi. Ofickide. Serpei>te a 
diiavL 

SsR»iNT- i- m. Serpente, Serpe grande 
per lo più seiixa piedi. Retile scono- 
sciuto da noi e usato per lo più nel 
aeoao figur. di Cattivo, Tristo, Ven^ 
dieatwo. Infesto, 

Sbrpént a sonai. Serpente eùudisono, 
Cmialo. 

Serpént Boa. Imperatore dei eerpen* 
a. Y. Boa. 

SaRPÌ|.i. s. mv T. Boi. Serpillo, Timo di 
levanie. Pianta ebe eresea spontanea 
nei Doatrì eoUi ean fiore rosseUino di 
gfiu oibro. È il Tkiftnm eerpiUum 
di" 



SE 



IM 



Srrpìli. s. m. Pig. SerpentMe. V. 
Diaviètt. 

SsrpintAll. s. m. T. de' Ran. Srrpìesf- 
la. Sorta di salterello che si spicea co- 
me ondeggiando da fuochi d* artifizio. 

Serpintén. s. m. T. de' Scarp. Serpenti' 
no. Specie di roocia porfiritica, neft 
o verdastra, con eristalli grandi di 
scherio che imitano in qualdie modo 
le macchie de* serpenti. 
Sbrpintén ola tiorba. T. de' Tabae. 
fittola. SorU di mota dentata ehe da 
moto alla trineiatcja. 

Sbrpintén'na. s. f. Fig. LiwkbeUo. Lingua 
mordace. 

SbrpinténVa s. f. T. de' Liq. &r- 
peatina ila stillare Tubo lorluoso a 
modo di serpe che ai adugU o rav- 
volga sopra se. 

SERPiNTéNNA s. f. T. degli Oriyol. 
Jttiola serpentina. Quella ruota d'un 
orologi» che imbocca la corona e serve 
a spignere il tempo, o il pendulo. 
I Sbrpintòn. s. m. T. de* Ran Serpe, Sp»* 
eie di Rsz20 che va strpcndo per Ta- 
ria. 

Sbrpintòn. s m. T. Mua» Serp e niem é» 
Strumento da fiato in forma di aer- 
pente che fa le veci di contrabasso 
agli strumenti da fiato. Succino. Spe- 
cie di trombone usato nelle muaiche 
militari con un padiglione tagliato a 
guisa di gola di serpente* 

Serra oa noR. Tepidario, Aratila 
(Savi). 

SèRSNA. s. f. T. de' Nav. BigoreUo, Guai- 
na, L'orlo ripiegato delle vele eniro 
il quale sta una corda ehe si chiama 
wmdoUa» 

Sersnéi. s m. T. de' Nav. CappieUi di 

' òorina. Capi di eorde a forma di cap- 
pi i quali vanno attaccati alla ralioga 
od orlatura della vela e servono a pas- 
sarvi altre corde che dieoosi Piedi o 
Zampe di borine. 

SéRYA. s. f. Ancella, Fantesca. FénCe, 
servente, serva. Dicesi Servigiana cpiel- 
h donna secolare che serve le Mona- 
che ne' loro affari fuori del monastero. 
Serva d* Pilat. Svivagnatacda. Don- 
DO o fiinte seiamannatA. 
Far la sArva. FanUggiare. Dicesi di 
quelle deboli padrone di casa ohe so- 



Digitized by 



Google 



102 



SE 



glìono pagar la fante e farne gli uffi* 
ci per debolezza o spirito faccendiere. 
Servàzza. s. f. Stfrvaccia, Fantoccia. Sù- 
dicia servente, ma dicesi anche di 
Sgherraccia che sia servente ma pa- 
droneggi. 
Serventa. s. f. T. de' Bigonc. Fattore. 
Asse lunga circa due piedi, calettata 
ad angolo ottuso in un ceppo, contro 
la quale il Barilajo poggia i bigonci 
nel rinettarli esteriormente. 
Servétta, s. f. ServicciUola, Servicella, 
Fanticella, Servuccia. Serva giovane 
di povera e umil qualità. Servetta, 
dicesi propr. La Cameriera delle com* 
medie. 
Servi, s. f. pi. Serventi, Fantesche. 

Andar matt pr*il sèrvi. Infanteeca* 
re, Eissere un fantajo. Andar paxzo 
delle fantesche. 

Colla ch* métta a post il sèrvi Met» 
timassare. Mezzana che colloca mas- 
sàre al servigio. 
Servì, add. m. Servito, 

Dar el ben servì. Dar l'erba cas- 
sia. Licenziare alcuno. 
SeryibIl. aJd. m. Usabile, Atto, Adope- 
rabile, opportuno. 
Serviètta. V. Salviétta. 
Servìr. alt. Servire. Prestar servigio. 

Servìr. atl. Far il bracciere. Far il 
cavalier d'amore. 

Servìr da amigh. Servir dall'amico. 
Servire a grado. Servir bene. 

Servìr da buffòn. Esser zimbello, 

Servìr d* barba e d*parùcca. Servir 
di coppa e di coltello. Servìr di tutto 
punto. B figarat. Conciare pel di del- 
le feste. Conciar male, far grandmale 
ad alcuno. 

Servìr in tavla. Servir le tavole. Ser- 
vire a mensa. 

Servìr mal. Disservire. 

Andar a servìr. Acconciarsi per ser- 
vidore, 
Servires. n. p. Usare, Servirsi, Impie- 
gare, ma^dicesi usare di una facoltà, 
servirsi di un mobile di una persona 
impiegare una somma ecc. 
Servitor s. m. Servitore. Chi serve a 
prezzo. Servo, dicesi chi non ha la 
sua libertà e serve come il bue che 
tira il carro. Domestico é frances. che 



SE 

signif. Servitore che convìve colla fami- 
. glia de* padroni. Famiglio, vale birre. 

Servitor. s. m. Reggìbussole (Tose.]. 
Arnese che serve per tener aperta U 
bussola (ussàl). 

Servitor. s. jn. Servo muto, V. Buffi. 

Servitor. s. ro. T. de* Carr. Reggi- 
carro, Mozzo di legno mastiettato al- 
la coda della carretta o carrettone che 
lo tiene ali* uopo in equilibrio momen- 
taneamente. 

Sbrvitor s. ni. T. de' F. Ferr. Fat- 
tore, Strumento di ferro fatto a gme- 
eia, con piede e guida e con perni 
da alzare secondo il bisogno, per so- 
stenere ferri o per altri usi di boUrga. 

Servitor da la pesta o da la zitppa. 
Domenichino, Quell'uomo che yr le 
doméniche dietro certe signore, che 
in que* soli giorni vogliono fare li 
loro bella figura. 

Servitor d* piazza. Servidore di piaz- 
za. Cicerone. Voce d*uso. Colui che 
conduce per prezzo i forestieri a ve- 
dere le cose rare e antiche del paese. 

Servitor o pe dla lùha. s. m. Lu- 
cerniere, Strumento comunemente di 
legno, nel quale si tien fitta la lu- 
cerna col manico. 

Servitor patròni. Servidor padronL 
Modo famigliare con cui si tronca ao 
discorso, una trattativa ecc. 
Sbrvitorétt. s. m. Servitorino, Fanti- 
cello, fanticino. 
Sbrvitoràzz. s. m. ServHoraceio. Cattivo 

servitore, servaccio 
Servitù, s. m. Servitù, Famiglia dì ser- 
venti, e si dice anche per servaggio, 
soggezione, obbligo, legame ecc. Ser- 
vitorame, massa, numero o quantità 
di servidori. 

Servitù, s. m. T. Leg. Servitù. Di- 
pendenza di un fondo dal proprietario 
di un altro fondo contermine, che vin- 
cola in vario modo il diritto di pro- 
prietà o di libero uso nel proprìetario 
diretto. 
Servìzi, s. m. Servigio, Servizio. 

Servìzi da tavla* Fornimento, &r- 
vizio. Tutto il vasellame da tavola. 

Servìzi d* ca. Servizio. Noote col- 
lettivo de' servidori .che servono at- 
tualmente una persona o famiglia. 



Digitized by 



Google 



SE 

BòN DA sbryIz]. FoMcrviziù 
Far I so servìzi. Fare t suoi agi. 
Deporre il superfluo peso del venire. 
Far un servìzi. Giovare. Far cosa 
utile, comoda. 
Fai uh viazz b du servìzzi. Fare 
un na e due servigi. Pigliar due co* 
lombi ad una fava. Adempiere più 
cose ad un tempo. 
ToÈGR AL so SERVÌZI. Condurrc a 
proprio stipendio. 

Metters al SBRvizj. Acconciarsi con 
wto. (B. L. ) Addirsi ecc. 
Serviziévol. add. m. Servisiaio* ' Che 

volentieri fa servizio. 
Servizioéul. s. m. Servigiuolo. Piccolo 

ma caro servigio. Servìziuccio. 
Serviziòn. Servigio a cielo, Servizione. 
Sebvòta. s. f. Fantoccia. Fante giovane 

e atticciata. 
SERzmùRA. s. f. T. de' 9art. Rinaeciatura. 
Dicesi Sessitura la piegatura che si 
fo per lo più da pie alle vesti, for- 
mandola col cucito, per iscorciarle o 
allungarle, a misura del bisogno. 
Serzìb. att T. de' Sart. Rimendare, Ri" 
naceiare. Cucire \u maniera ì lembi 
de' panni ch'ei non si scorga la cu- 
citura. Ma Rihaceiare, è lavoro più 
fino del rimendare. 
Serzòk. V. Zersòn. 

Ses. Sei. Nome numerale di due volte 
tre. 

Ses. s. m. T. de' Biliar. Palla gioita. 
Palla d'avorio che nel giuoco della 
carambola vale sei punti. 
Ses volti tant // sestuplo. 
Sèsa. s. f. T. d' Agr. Siepe. Riparo di 
pruni, rovi o simili che si piantano 
attorno ai campi per chiuderli e ta- 
lora anche per tracciare i confini. 
Sésa. s. f. T. de' Carb. Paraventa. 
Riparo di fastcUa che si fa attorno 
alle carbonaie perchè il vento non 
lurbi la combustione. 
SésA BASSA. Cisóie Cesale. Siepe 
teoota bassa. 

SésA FISSA. Siepaglia. Siepe fplu e 
maltenuta. 

SéSA SORTA. Siepe morta. Siepe fatta 
di sterpi e di pruni secchi. 
SisA VIVA* Siepe viva. Siepe di pru- 
ni o rovi vegetanti 



SE 



i05 



Bus DU sèsA. Caltaja. Vano traile 
piante che formano siepe. 
Contornar d' sesa. Insiepare. Cignere 
con siepe. 
Far la se<«a. Siepare, Assiepare, Tu'- 
rar la siepe, Imprunar le siepi. Tu- 
rarne i passi con pruni. 

Sesazza. s. f. T. d* Agr. Siepaja, Siepa-- 
glia. Siepe folta e mal fatta. 

Seséni. s. in. Sesennio. Lo spazio di sei 
anni. 

Sesén'na. 8. f. Siepicina. V. Contòrca 
da zardén. 

Sesia, s. f. Staggina, Staggimento. Se- 
questro posto sopra una cosa spettante 
ad un debitore in favore del credi- 
tore. Y. Contraband e Sequester. 
Far sesìa. Staggire. Sequestrare. 

Sesissant. s. m. (Frane) Inventore. 
( B. L. ) Chi scopre uno in fililo o in 
delitto, e dicesi per lo più in mate- 
ria di gabella. 

Sbss. s. m. T. de' Carr. Scannello. Pezzo 
di legno stabilito sopra la sala per 
reggere il letto d*un carro villereccio. 

Sessanta. V. Ssanta. 

Sessé. add. m. T. de' Ball. Passo seae- 
ciato. Passo cosi detto perchè in esso 
un de' piedi, percotendo l'altro, lo 
scaccia via, e gli fa fare un passo 
naturale. 

Sessà. Voce infantile che si adopera 
nei seguente modo: 
Far sessé. Cecctare^ Far ceeeia. Se- 
dere. 

Sessétt. s. m. T. de* Carr. Scannelietto. 
Il piccolo scannello del carretto del- 
l' aratro. 

Pession, s. f. T. Chir. Autopsia. Sezione 
cadaverica. 

Sèssu. s. f. T. de* Sai. Bozzolo. Pic- 
cola padelletta di rame con manico 
di ferro che serve a vuotare il bagno 
delle caldaje. Si adopera pure in altre 
manifatture, come in quella dei ta- 
bacco e simili, per attingere un li- 
quido da' truogoli o altro recipiente. 

SèssoLA. s. f. T. de' Navic Gotazzuola, 
Gotazza a mano. Pala . da aggottar, 
i navicelli. . 

Sest. s. m. Sesto. Ordine, misura. 
Sest. s. m. Cesto, Corbello. Y. Zeste 
Sest. s. m. T. d'Arcb. Sesto. Cur* 



Digitized by 



Google 



404 



SE 



vita o rotondità degli archi e deRe 
irolte. 
Sest. 8. m. T. de^ Libr. Sesto. Lun* 

Shezza e larghezza di uo libro che 
al modo con cui è piegato il foglio 
dtcesi io foglio, in quarto, ottavo, 
dodicesimo, sedicesimo ecc. 
Sest. s. m. T. de* Squer. Tontura 
Arcatura di alcune parti delle navi, 
e generalmente il rilievo di tutto ciò 
che esce fuori del piano di esse. 
Métter a sest. Sestare. Assestare, 
aggiustare, porre in sesto o in asset- 
to, dar sesto, rimettere in sesto, ri- 
ordinare. 

Sesta, s f. Cesta. V. Zesta. 

Sesta, s. f. T. di Giuoc. Sesta. Se- 
quenza di sei carte dello stesso palo 
al giuoco del picchetto, 
Sesta s. f. T. Mus. Sesta. V. Sè- 
stupla. 

Sbstant. s. m. T. d*As(r. Sestante» Stru- 
mento astronomico che contiene la 
sesta parte della cjrconferenza del cer- 
chio. 

Sestén*na. s. f. festina. Strofa di sei 
versi e più propr. canzone lirica di 
sei stanze e di sei versi ciascuna eu- 
decasfllahi. 

Sestén'na s. f. T. Mus. Sestina. Com- 
plesso di sei note contro quattro. 

SESTèrr. s. m. T. Mus Sestetto, Pezzo 
di musica cantabile, o sonabile, od 
anche ballabile in sei persone 

Sèstupla- s. f T. Mus. Sesta. Intervallo 
di sei gradi. 

Seti^n. s. ui. Selino, Tela di cotone a 
spina rasata o vellutata. 

Setenteriòn. s. m. Settentrione, Tra- 
montana j^ Nor<i. Plaga del mondo op- 
posta a mezzogiorno. V. Vent 

Setiné Risi. add. m. Rasalo. Lustro 
quapto il raso. Accomodato come raso. 

Setósa. T. Furb. Barba. 

Sbtt. Sette. Nome numerale. 

Sett. 8. m. Squarcio, Sbrandolo. 

Strappo in un abito a foggia di un 7. 

Sett. s. m. Sconnetto. V. Sèss. 

Scrr e uezz. CastraporcettL CoKcllo 

serramanico di cattivo taglio. 

Sett e mezz. Sette e figura. Sorta 

di giuopo che ai fa colle cart^ nel 

quale le cartacce valgono i punti re* 



SF 

lativi e le figure un mezzo puntò cia- 
scuna; e vince chi prima fa sette punti 
e una figura. 

Sètta, s. f. Setta. Quantità di persone 
di un'opinione medesima. 

L* È DLA MEDESiHA SÈTTA. La sckeggta 
ritrae dal ceppo. J^on traligna da* aooi 
progenitori. 

Settember. 8. m. Settembre. Il nono 
mese dell* anno. 

Sbttbhbrén. add. m. Settembrino. Di aet- 
tembre, e dicesi de' frutti e dì altre 
cose nate in detto mese. 

Settim Lva. T. Eccl. Candela del pcmH* 
ficàie. 

Settima, s. f. T. Eccl. Settimo. UflSeia- 
tura mortuaria sette giorni dopo l'o- 
bito. 

Settima, s. f. T. di Giuoe. Seitima. 
Sette carte di seguito di uno stesso 
palo nel giuoco del picchetto. 
Settima. s« f. T. Mus. Settima, In* 
tervallo dissonante di sette gradi. 

Settmén. s iu. Settimio. (Luech. ) Fan- 
ciullo nato nel settimo mese della 
sua concezione 
Settmén. s. m. T. Mus. Selihmno. 
(V. d'uso) Pezzo di musica sanabile 
e cantabile in sette persone. 

Sèver. s. ni. T. di Mlcol. Porcine bua» 
no. Il Boietus eduHs Linn. V. Parda- 
roèul. 

Sevignì. s. m Frontale Ornamento mu- 
liebre. Ghirlando. (B. L.) 

SèvLA. s. f. T. de' Stamp. Setola. Spaz- 
zola di setole colla quale si toglie la 
morchia d'inchiostro da' caratteri da 
stampa. 

Sevlada. s. f. T. de' Stamp. Seiolata. 
(V. di reg.) L'operazione di siDor- 
chiare i caratteri da slampa. 

Sevlar. att. T. de' Stamp. Setolare. Soior- 
chiare i caratteri da stampa. 

Sfacchinar, att. Affhechinare- V. Faechi- 
nar. 

Sfalsa, add. m. AHemate. Dicesi di co- 
se poste io azione a vicenda o a ri- 
scontro inversamente poste ad una 
ad una tra loro. 

Sfalsar, att* Alternare. 

Sfalsar, att T. di Scber. SMwmrt. 
lender- felsi acafisandoli, I eaipi dd- 
l'avversario. 



Digitized by 



Google 



SF 

8vìL«. V. Sflfri. 

SwamX. add. m. Sfièwuile. Satolle». 

SFA«Àa. ali. Sfamare, Saioliart- Cavar 
la iaaie. 

Sfaboì. add. m. SpiUaceherato. Senxa 
pillaeohere. S/kngaio ditesi chi è u- 
scito dal fango* 

Sfahgar. att. SpiUaeeherare, Levar via 
dagli abiti la ptllacebere o xaecbere. 
Sfangare vale camiiiiDar per il fango. 

Sfaaàgina. 8. f. Farragine. Mucchio oon* 
fuso e inesoolanaa cu varie cose. 

Sfaeinae. atl. Sfarinare. Disdirà in fari- 
na o ridurre in polvere a guisa di 
farina. 

Sfarikars. n. p. Sfàrinarei. Disfarsi o 
ridursi in fiirina o in altro di simile. 
E' si dicono sfarinate alcune frutte 
«he non reggono al dente, come pe* 
Fé, nele o simili, le quali sogliono 
essere anche scipite e d*ogni altro 
colope sbiavato e pallido. 

Sfabhù add. m. ArdUeito , Sfrenato , 
Monelluccio. Dicesi di. fanciullo che 
aia vispo oltre l'usato ed appellasi 
«DO sviluppo precoce di malizia. Vale 
anche Sformato. 

Sfàrs. s. m. Sfarzo, V. Luss. 

Sfarsi, s, f. T. Med. MorbiUl Sorta di 
rosolia. Chiamasi con tal nome dal 
Dostro volgo anche i Sudamini che 
sono un erosione di piccoli bottoncini 
simili a semi di miglio, che si msni* 
festa ne* fanciulli per isporcizia nella 
stagione calda. 

Sfassà Spassar. V. Desfassà e Desfassar. 

Sfazgndà. s. m. Sfaceendato. Che non 
ha faccende. 

Sfaiiàr. att. Sptsoré' Guastar il viso. 

Sfazsì s. ni Sfacciato, Sfrontato, Sver* 
y0g$4ato, impudente. Inverecondo, Sgua» 
jato. Ma è sfacciato chi non si ver- 
gogna, è ifrontatù chi non solo non 
SI vergogna, ma ftorU alla la fronte. 
Lo evergognato è pia che sfrontato 
ed è affino blP inverecondo che di 
Dttlla arrossisce, sguaiato è un pò* 
meno di sfacciato e àUmfmdente. 
{ Tomm. ) 

SFAZ2À. add. m. T. di Vet Sftteeiato. 
Dicasi quel eavallo ohe ha sulla feccia 
una atMSQia di peli bianchi larga al 
segae, da eeenpafé tolta la parte aa- 



sr 



405 



tenore della testa, fino in Flainanza 
agli occhi, e anche dietro di questi 
organi. 
Da sfauà. a faceta fresca. Con aa« 
dacia stolta o trista. 

Sfera, s. f. T. Astroo. Sfera armillare. 
Macchina tonda e mobile composta 
di varii cerchi rappresentanti quelli 
che dagli astronomi sono stati Imma- 
ginati ne' cieli. 

Sfera DL*osTRii80Ri. Sfera dell' asten^ 
sorio. Quella parte delP ostensorio che 
comprende le ciambelle, la raggiera , 
le nuvole, le testine de^li angioli, e 
altri ornamenti simbolici. 
Sfìra d*n ARLOèui. Indice, Lancetta, 
Saetta. Quello stiletto che scorre la 
giro sopra una mostra ed indica le 
ore. ss Dicesl'Xancelltiia quella che 
è sul registro. V. Rata, 
b' FRiMA SFERA. Di prima riga. Di 
primaria ««fera e dicesi per superlativo 
di quslità buone o cattive, per es.: 
Galantom d* prima sfera. Galantuo* 
minane. 

Lader d' priva sfarà. Ladrone, La' 
dronaccio. 

SferdI. add. Sfirvorato. Sensa fervore, 
che ha rimesso di quello zelo che di* 
mostrava prima in una faccènda. 

Sfbrdìr. att Raffreddare, Freddare Far 
divenir freddo, rinfrescare. Altrim. 
Sfervorare. 

Sfbrdìrs. n. p. JSfervorarsi. Rattiepi- 
dirsi. 

Sferbmziar. att Bif^ren%iare, Dlsfèren- 
ziare. Render differente, e vale an- 
che Racconciare, Rappatumart. Met- 
ter d'accordo. 

Sfbroar. V. Fergar. 

Sfbrgazzar. att. SfregaceMare, Fregaé* 
ciùlare. 

Sferoòn. s m. Struffhlo, Tortora. Pa- 
glia fieno ritorto insieme, con cui 
si stropiccia un cavallo quando è su- 
dato. 

Sferi. s. f. T. de' Fabb. di Gas. Lan» 
eette. Quelle che segnano sui mostrini 
del misuratore del gas la quantità di 
esso consumata. 

Sfbrnì. Arditelìo. V. Sforni. 

SFBRzéif 'na. s. f. BrezzoUna, Brezza. 
Picaolo venticelli ma freddo. 



Digitized by 



Google 



106 



SF 



TiRAE *ifÀ smxÉa'nk. Brezzeggiare. 
Spirar bresu. 

Sfudà. ad(L in. Sfiatato, Trafelato. 

SpiADARS. 0. p. Sfiatarsi. Perdere il fiato 
per soverchio gridare. 

Sfianca, add. m. Setaa fianchi. V. Sbi- 
glà e Scàos. 

Spiandbén. 8. in. Sfiatatoio. V. Fiandrén. 

Spiandròn. 8. Od. Gradaiéo. Bravaccio, 
Sfiandrone. 

Sfida, s. f. T. di Gtuoc* Invito. Segno 
o parola coi quali ai eccHa il compa- 
gno o r avversario a fare certe giuo* 
cate. 

Sfida, s. f. T. do' Scherm. Sfida, 
Disfida, Appello. Cbiamata dell'av- 
versario a battaglia. 

Sfida, add. in. Sfidato, Disfidato. Invi- 
tato a duello. 

Sfioab. att. Disgradare. Diniegare ad 
uno cbe sia capace di far ciò di cui 
sì vanta. 
Sfidar, att. T. di Giuoc. Invitare. 
V. Sfida. 

Sfidab. att, T. de* Scherm. Sfidare. 
Chiamare a battaglia. 

A GH*flO Ulf TlbEGH CHE A 8FÌD AL 
DIAVOL A FARMEN VèOER DB* PIÙ. Ho 

tanto coraggio che ne disgrado il de- 
tnonio. 

Sfidgà. add. m. Spasimato, e bass. S/h^ 
gatato. Cascante di fatica, di stento e 
sim. 

Spiogar. alt SjH)ssare^ Spolpare. Torre 
altrui le forze con. troppi «tenti o gli 
averi con smodate angherie. Sfegatare 
V. d*u. , quasi sputare il fegato per 
la forca di far checchessia. 

Sfidgares. n. p. Sfegatarsi, Trafelare die- 
tro checchessia. 

Spiga, s. f. T. d*Ornit. Fifa, Pavoncella. 
Sorta di uccello di padule che si pi- 
glia come i pivieri, che ha. penne per 
lo più di color paonazzo, ed un ciufiFo 
sulla testa con tre penne più lunghe 
delie altre. É il Vanellus cristatus 
Mpyer. 

Sfigura, add. qi* Deforme, Difforme, 
Sformato. 

Sfigurar, att. Sfigurare. Deformar la 
figura. Scomparire, far cosa che ci 
torni a vergogna. 

Sfìlà. add. Sfioccato. Sfilacciato a guisa 



SF 

di nappa. Seerrato dicesi quel vivagoa 
di una tela dal quale siasi tolto 1* or- 
dito. Sfilato, dicesi uri trefolo (blgor- 
di) dei anale siaosi sfioccati i fili, e 
dicesi inane sfilato chi ha più verte- 
bre della schiena uscite dal suo luogo, 
chi è uscito di fila e chi è accasciato 
dalla fatica. 

SfilIda, Andab a la sfilIda. Andare 
alla sbandata. (Fior.) A pochi per 
volta. 

Sfiladdra. s. f. Penero. Quell'orlo qua- 
si sfilacciato delle fasce de* bambini e 
de' tovagliuoli ordinari. 

SfiLab. att Sfioccare. Spicciare, sfilac- 
ciare, far filacciature. 

Sfilar, att. T. Mil. Sfilare. Uscire 
dalla fila e andarsene alla sfiIaU , sen- 
ta ordine. Affilare, metter in fila. 
Sfilab. att. T. de' Passam. Seerrare. 
Sfioccare il cerro de* passamani. 

Sfilabaji. 8 f. Sfilacciatura. I fili che 
escono dalla stracciatura di un drap- 
po. Filacciche. 

Andar tutt in sfilaraji Sfilacciarsi, 
Sfilacciare, Stfrandcllare , Sbrandel- 
larsi, Strambellarsi. 

Spilars. n. p. Sfilarsi. Direnarsi, slem- 
barsi. Uscir del suo luogo una o più 
vertebre delle reni, '•s Sfitaeciarsi 
far le filaccia, ed è propriamente lo 
uscir che fanno le fila bul taglio o 
straccio dei panni o tele. 

Sfilakz. s. m. Colombo. FascL di filo 
che formano l'estremità d'uQ oor- 
dono. 

Sfilazzà. add. m. Stoppacciato. Dicesi 
di corda o sim. die per esser mollo 
usau lascia sfuggire i fili di cbe è 
composta. 

Sfilazzàb. att Sfilacciare, Sfilaeeicare. 
Far le filaccia. 

Sfilza, add. m. Sfilato. Dicesi il filo 
tolto dalla cruna. Smagliato, un gra- 
nello di paternostri o avemarie uscito 
dalla maglia. Sciolto, ilicesi un cerio 
numero di avellane tolte dal fito cbe 
le poruva. 

Sfilzar, att. Sfilare. Levar il filo òàllà 
cruna dell'ago. 
Sfilzar dil cAPBBioéuLi. Trindart, 
Tagliare, Intrecciare capriole. 

Sfinì, add. m. Allampanato, Scarno,. 



Digitized by 



Google 



SF 

Smunto, ed anche Rifinito, Attrito 

di forse, 
SFinmÈMT. 8. m. Sfinimento. Esaurimento 

di forxe, languore, deliquio. 
Sfiorì, add. m. T. d*Agr. Sfiorato, 

Dt^fwrato- Che ha perduto il fiore. 

Confetto dicesi. un terreno ben stagio- 
nato dal sole o dal ghiaccio. 
Sfiobàr. att T. de' Mur. Rifiorire. Dicesi 

di muraglia che butta in fuori certe 

efflorescenze saline. 
Sfiorioihia. 8 f Sfioritura* Il cader dei 

Oori e ratto del togliergli dalla pianta. 
Sfiorir o Sfiorar, v^ n. Sfiorire, Dicesi 

delle piante che perdono il fiore. 
SnoRin. n. p. T» d*Agr, Sfarinae- 
. tiarsi. Dicesi della terra che per V a* 

zione dell'umido e del sole si polve- 
. rizza. 

SfiorIr att. T. de* Mur. Riposare. 

Lasciare alquanto ali* aria la calce do^ 

pò spenta. 
Sflagèll $. m. Massacro, Macello, Stra* 

gè. Oppure semplicemente Trambustai 

sollevazione, confi::;ione. 
Sflagèll b' genta: i^uvoio. Flagello, 
. Mondo, infinità, subisso. Frotta di 

genie. 
Sflagellar, att. Sfracellare, Quasi in- 
teramente disfare infragnendo. 
Splagellar i>* aòTi. Fracassam- Sbat- 
tere, conquassare 
Sfloss. add in; Floscio, Floccido, Flaci- 

do. p. es. Seno vizzo, fievole, 8net'\>ito, 

morbido: che ha fl4)scezza, fiev4ilezza, 

languidezza: caloscio, debole, tenero. 

y. Pass. 

Sfloss p* CAh^k, Floscio, mencio. 
Carta o pann sfloss. Carta o panno 

dilegine. Cioè di poco nervo, facile a 

piegarsi. 
Dyintar sploss. Affloscire, Ammo- 

scire. Divenir floscio, ammencire. 
Sfai. add. m. Rifinito, Spossato, 

Aver el stòmegh sfnì. Avere lo stO' 

maco invincidito, cioè reso vincido, 

molle, debole. 
Sfnìr. att. Sfinire, Spossare, snervare. 

Y. Fnir. 
SfODRÀ. add. m. Sfoderato, Senza fodera, 

e dicesl di abito. Snudato dicesi un 

brando fuori del fodero. 
Sfodrar. att. $fi)derare. Levar la fodera. 



SF 



107 



Fig. Sfibbiare, cominciar a dire p ma- 
nifestare checchessia con molte parole. 
Sguainare, Snudare, cavar dal fodero* 
la spada. 

Spoéugh. s. m. Sfogo, Sfogamento. E lo 
diciamo talvolta anche per Passo, 
Transito, Sfogalojo. 
Sfobugh s m. T. d*Arch. Sottarco, 
Il dissotio di un arco, e propr. il 
punto di sotto del mezzo. di un arco. 

SpoÈtj. s. m. Foglio, V. Foèùj. 

SpoèujA. s. f. Sfoglia. Falda sottilissima 
di checchessia. Scheggia, Sfoglietta, 
diminut. 

Sfobuja. 8. f. Ti de' Conf. Tortiera, 
Specie di teglia dove si fanno cuocere 
le torte, crostate e simili 
SFoèuJA. s. f. T. d' Iltiol. Soglia, So- 
gliola. Lingua. Sorta di pesce di. mare 
molto stiacciato detto da Linn. Pleuro- 
nectes solca. 
SpoèuJA. s f. T. di Ferr. Sfaldatura, 
Sfogliame, Quelle piccole aperture che 
si veggono nel ferro e in altri me- 
talli, quando non sono ben fabbricati. 
Sfoécja. s. f. T. di Gualch. Svenaturn, 
Piccola sfaldatura nel taglio delle for- 
bici de' cimatori, la qual cosa accade 
ne' colleIN che hanno poco ferro per 
reggere l'acciajo. 
Sfoécja d* pasta. Foglio, V Fojada. 

Spogà. add. m. Sgravato d' animo» Sbra- 
mato di rimprocci contro chi gli ha 
fatto alcun torto Sfogato, dieesi un 
1(^10 aperto, alto, che ha molt'aria. 

Spogamènt. s. m. Sgravamento, Alleggc" 
rimento d'animo. 

Sfogar, att. Sfogare, Dar esito a cbec* 
chessia. 
Sfogar, att. T. de' Carbon. Dar va- 
lezzo. Dar alquanto di sfogo alla car- 
boniera aprendone i cagnoli (respìr) 
per meglio carbonizzare le legna. 

Spogares. n. p. Disfogarsi, Se torre la 
bocca al sacco. Dir rianimo suo libe- 
ramente. Spassionarsi, Discredersi, 
Allargarsi con uno. Slogarsi con pa- 
role di qualche sua passione con al- 
cuno, confidandogli il segreto. Sbra» 
morsi, Sbizzarirsi. Prendersi piena 
soddisfazione. Svelenarsi, trarsi la stiz- 
za o la rabbia. Sftijarsi, cavarsi la 
foja. 



Digitized by 



Google 



i08 



tP 



SfOGàEiòN. s. f. BÌsealdamcnio, Suiami' 
nij Pruzza^ RiòolUmenio, Esantema. 
Bollicine iDinu(e e rosse, cbe vengono 
nella pelle per troppo calore. Ristori, 
Qiacchie rosse cbe appaiHSCooo UlvólU 
sulle caroi. 

Sfogo*, s. m. Sfoggio. Lo sfoggiare» il 
vestir sontuosamente, il tener casii con 
lusso» pompa, grandetta, sfarxo, son- 
tuosità. 

Spoggiaru. Sfoggiare, Scialare. Eccedere 
in cbeccbeBsia. Rallarganij far più 
che non si suole. 

Sfognatar. att. Gualcire, Statsonare. 
Palpeggiare lascivamente. Y.«Stoecaz- 
tar. 

Sfogonì. ^dd. m. Sfoconato* Cbe ha gua- 
sto il focone, e dicesi di arcbibuso. 
Sfogonà. add. m. Fig. Sfondalo, Che 
000 ha fondo, e si direbbe di perso- 
na insaziabile. Svivagnato, dieesi in 
genere chi non ha più limiti in chec- 
chessia, ohe è senza vivagno, preso 
quest'ultimo termine in similitudine 
di ripa o sponda.. 

Sfogonar. att. Sturare» Dw la stura a 
cosa turala o intasata. 

Sfojà. add. m. Sfogliato, Sfrondato. Che 
è senza foglie. Ta^/tafo^ «dieesi un li- 
bro nuovo al quale siaosi tagliate le 
piegature de* fogli. 

SfojXda. s. f. T. de' Conf. Pasta sfoglia. 
Pasta delioalissima fatta con farina, 
burro, uova e zucchero, manipolata a 
laide sottilissime ohe sovrapposte «'una 
all'altra, si cuoce in forno, e viene as- 
sai gustosa e leggera. Sfogliata, vale 

• torta fatta di sfoglie pasta. V. Torta 
fritta.. 

Sfojar. atL S/bgliare. Levar le foglie, 
sfrondare, brucare, dibrucare. Far la 
frasca. 

SpojAR IL VIDI Spampanare. 
Sfojar un libbr. Tagliare, Soaria^ 
bellore od anche Carteggiare un litro. 
Andar a sfojar. Andar alla bruca» 
iuru de' gelsi, 

Spojars. 0. p Sfogliarsi. E parlando di 
metalli si dice anche Sfaldarsi. 

Sfoiazz. s. m. Fogliaccio. Cattivo foglio 
di carta. 

S^oj^if. s. o). Sfrondatore. Dieesi de* oo- 
stri Appeniningeri che si recano ai- 



SF 

l'oltrepò ad offrire l'opera loro a ehi 
abbisogna di sfrondar gelsi, e cosi si 
chiama pure chiunque s'occupi della 
sfrondatura. 

Sfoj^s. add. m. Foglioso. Cbe ha molte 
foglie. — Sfbglievole, Sfaldevole. Cbe 
è soggietto a sfogliarsi e sfaldarsi. Di- 
cesi Cipolloso il marmo legno e siai. 
soggetti a sAildarsi. 

Spojòsi (II). // /t6ro del quaranta. Le 
carte da giuoco. 

Sfolla, add. m.* Pigiato, Malmenai». 
fi dicasi per lo più di letto che è seoui- 
posto per osservisi aggravati su ruaaao- 
do. Sfollato dieesi un luogo ove è sce- 
mata la fòlla. 

Sfollar, att Calcare, Pigiare. Premere 
checchessia coli' aggravarlo in qual sta 
modo. S/i)liare, vale disfarsi la folla. 

SpofiD. s. m. T. de' Pitt. Sfondo. Quello 

, spazio vana hiseiato nei palchi o nelle 
volte per dipignersi, ed anche la pit- 
tura medesima fatta in simili sptuj. 
Fondo, la parte inferiore di checches- 
sia. Sfondato, veduta di pros|ietli\a 
che dimostra gran lontananza. 
Sfond del forén; Raggiera. La cir- 
conferenza interna della volta dei for- 
no. 

AveR del sfond. Essere sfondato o 
sfonéUato. Dicesi di luogo assai gran- 
de, spazioso. 
Far UN sFOND. Affondare. Render più 
fondo profondo. — Sfondare, dircb- 
bono ì pittori del far apparire lontano 
o in lontananza. 

Sfonda, add. m. Sfondato, Sfondolaio. 
Senza foinio. Affondato, fatto più fondo. 
Sfonda, add. m. Fig. Diluviane, Bu- 
dello sturato. Gola senza^ fondo» Gran 
mangiatore: detto di giuocatore vale 
Fortunatissimo, e di persona neca. Aie- 
chissimo. 

Sfondàja. s. f. Posatura. Quella parte più 
densa e spesso impura che depongono 
in fondo ai vasi le cose liquide. 
Sfo.'^dàìa del bród. BotHlicùia. La 
posatura del brodo e simili. 
Sfoisdàja del dolégh. Fonàakz. 

SpONDÀIA DIL rottigli DEL VÉM. A»> 

digliuolo. 
Sfondàja dl* or^n'aa, Soài m emia. Dì- 
cesi Capoinorlo T. Chìm. qùeftU msst- 



Digitized by 



Google 



lem cbt rinafie dopo te dislillftiioni 
dei mlneralL 

SroiiDAE. ali Sfìmdart» Fare uno sfon- 
do — Affondate. Rendere più fondo 
o profondo. Rajfondare (Botta). 
Sfordab. alt. T. Mil. ^ndar». Rom- 
pere le linee tieojiclie io modo da 
partirle io due e iliover loro alle 
•palle. 
Sfondar, alt. T. de* Pitt. Sfondare. 
Far apparir fondo urta prospettiva 

Spondares. n. p. Ammeimare» Affondare 
Della melma, nel fen||;o. 

SroNDARS. n. p. T. de' Nav. SfbnàoiarsL 
Dicesi del rompere la nave al primo 
dare delia carena sui renaj (Bart.)* 

Spo!f Din DEL PALCO. Alcova. Il rondo del 
paleo acenico nella sua. parte «he so- 
miglia ad OD alcova. 

Sfohdór* 8.m. Si^orioni. Detto sproposi- 
tato. Farfkitom, detto sproposiuto e 
sciocco* 

Dir di spondòn. Dir HmrptUonU Sira- 
falcioni. Svarioni ecc. 

Un spoNDòif. Un infamaia* Gran do- 
Ttsia di una data cosa. 

Sfondradòn. s. m. Brieeoncello^ ed anche 
Furbo, SeaUro e siro« 

Sfondradòn. add. m. Orande, Forte, 
Sterminalo. Seiiu misura ^ eccessivo. 
Un freddo granile, un rumor forte, 
uno spendio sterminato ecc. 
BesfiA sfoiioradòii*iia. Beeiim fòdero* 
nm, dice Pananti. 

Ri^A sfondradòn'na. Ras$fi me^an-' 
drina. 

Sfor. a. m. T« degli Ai^h. Apertu/ra. 
Luce, foro. 

Sforaccù. add m. Sforacchiato, Fbrac" 
ehiato. Bucberellato. 

Sfobacciahént. s. m. Foraechiamento. 

RiCÀM SFORACCIÀ, FrXPA 8F0RACGIÀDA. 

Ricamo o Gala a Traforo o Straforo 
eee. Soecie di lavoretto ricamo che 
fanno le donne e che volgarmente di- 
cono a giorno, 

SforacciXr. att. Sforacchiare, Foracchia» 
re. Bucherare, bucacchiare, forare con 
ispessi piccoli fori. 

Sforvà. add. m. Sfrrmàto. Ohe è foorì 
della fornM. Dejtn-me, Difforme. Che 
ha perduta la foraaa. 

Sformar, att Sformare. Cavar di ferma. 



Sf 



109 



Defhrmare. Render deforme, disgui- 
sare. 

SrosNAà. itt* Sfornare. Cavar del forno. 

Sfornì. V. Sprovist. 

Sfortòn*na. s. f. Sfortuna. Disavventura. 
Mala sorte. 
Aver la sfortònVa. incappar fUttfé* 

SfortùnI. add. m. Sfortunato, DisfbrtU' 
nato. Disavventurato. 
Sfortuna in zoèucti. Disdiceiùto* 

Sforz. s. m. Sforzo. L'impiego di tutti 
I proprj toe^zi. 

Sforz. i. m. T. di Gidoc. Forte, 
Giuochi od eserciti ginnastici. V. For- 
zi. 

SroRZ ut spala. T. di Vet. Sfòrzo di 
spalla. Storta, Spallo, Sbalzo. StorU 
per lo più di spalla, che diccsi siofft- 
latura se è storta del garctto o delle 
articolazioni femore- tibiali o femoro- 
cosciali. 

Spòrz d*r£n*ni. T. di YeU Sforzo di 
reni. Chiamasi cosi nel linguaggio co- 
mune un dolore della regione lomba- 
re degli animali , la cui causa per lo 
più è dovuta ad uno sforzo oel tiro, 
ma che può essere sintomo di altfe 
a£Fezioni. 

Far di sforz. Contorcersi. Divinco- 
larsi, tentar di sottrarsi ad un osta- 
colo. 
Far I SFORZ. Giuoeate o Giuocolafe 
di fòrze. Far giuochi od eserciig gio- 
nastici. 

Far tCTT I SFORZ. Far il possibile. 
Sbracciarsi, Fare i suoi s fighi. Le 
sue lotte. Prendere a far una cosa a 
vela e remo cioè con tutti I suol 
mezzi. 

Sforza, add. m. Forzato o Sforzato. 
Tabacco o vén sforza. Tabacco o t^t- 
no forzato. Fermentato con gran forza. 

SFORZAièNT. s. m. Deflorazione, Stupro. 

Sforzar, att Forzare^ Sforzare. Vio- 
lentare, costrignere, fare o osar for- 
za. Coartare, Forzare un chiavistello, 
una serratura o simile, vale aprir di 
viva forza, rompendo, oppui*e falsan- 
do gl'ingegni. 

Sforzar, att. Sverginare e Lat. De* 
fiorare. Torre la verginità. Violare, 
Comprimere, torre la pudicizia. S/u- 
prare, vale sverginare, ma dicesi cosi 



Digitized by 



Google 



4iO 



SF 



aoche il congiangioieoto illecito. 
Sforzar, alt. T. Mus. Forzar la vo- 
ce. Difetto de' caatanli quaudo sodo 
rocoiDodati. 
Sforzar a pagar^ T. Leg. CompxUsa" 
re al pagamento, 

Sforzén. s. id. T. de' Fuq. Merlino. Spe- 
cie di spago fuoicelia a tre fili, ùz* 
Zino, cordicella assai più grossa del 
merlioo. Sferzino, spago torto da sfer- 
za. Spa^o^ Spaghetto, funicèlla sotti- 
le. Brocco, é spago sottile per intes* 
ser reti. Sottigliumi, dicoasi io geoere 
le cordicelle più sottili. . 
Sforzén. s. m. Ti de* Razz. Strozza* 
tofjo. Slrumeoto col quale si fa la stroz- 
zatura alle cauue de' rauì di carta o 
artifiziati. 

Sfracassar, att. Fracazsare, Sfracellare. 
Sfracassare. 

Sfragil. add. m* Friabile, Frangibile. 
Agevole a fi*augersi. Rigido, dicesi. di 
ramo o tronco che è difficile a pie- 
garsi e facilmente si rompe. 

Sfrantumar, att. Stritolare, Tritolare, fran- 
gere, far io pezzi, spezzare. 

Sfranza. s. f. V. del Cont. Sega da ri' 
fendere. V. Àrfìndroèula. 

Sfranzar. att. Sfrangiare. Sfilacciare il 
tessuto, e ridurlo a guisa ài frangia 
Cerro. 

SfranzeR; alt. T. de' Lego. Rifendere. 
Ritornar sotto la sega il legname. Ri- 
fender le assi. V. Arrènder. 

Sfrars n. p. Sferrarsi Si dice de' ca- 
valli ed altri animali quand' escono 
loro i ferri da* piedi* 

Sfrasador. s. m. T. degli Oriv. Acceca' 
tojo. Strumento di acciajo di diverse 
forme, Che addattato ad un cannone 
serve ad incavare i piani nelle diverse 
parti dell' orinolo. 

Sfrascar i folsei. Sbozzolare (Mol.). 
Raccorglierli dalle frasche. 

Sfrata, add. m. Sfratato. 

Sfratar. att. Sfratare. Cavar da una re- 
ligione di frati. 

Sfratars. n. p. Sfratarsi. Uscir' da un 
ordine fratesco, dcpornc 1* abito. 

Sfratass. s. m. T. de' Mur. Pialletto, 
Appianatoia* Assicella quadrata con un 
regolelto da una parte ad uso di pre- 
sa, piana dall'altra, che menata in 



SF 

giro dal muratore sopra l'intonieo ser- 
va a spianarlo e lisciarlo. NeUatofa, 
dicesi quell'arnese sul quale il mura- 
tore tiene la calce intonicando. V. Spa- 
ravèr. 
Sfratass da volt. T* de* Mur. Piai" 
letto tondo. Pialletto scantonato e a 
superficie un pò* convessa col quale 
si piallettano le volte ed i soffitti a 
stuoja. 

Sfratassar. att. T. de' Mur. Piallettare. 
Lisciare e. pianar l'intonieo col pia Hello. 

Sfratt. 8. di. Sfratto. Licenziam eat« da 
uà luogo. 

Sfrattar, att Sfrattare. Licenziare dare 
lo sfratto, ed aoche andar via con 
prestezza. 

Sfregahènt. 8. m. Attrito. Quell* azione 
ch'esercita un corpo sopra uq altro 
allorché le loro superficie si toccano e 
si fanno scorrere l'una sull'altra. 

Sfreg AZZAR att. Fregacciolare, Sfregac 
dotare. Leggermente e alla peggio fre- 
gare. 

Sfrena, add. m. Sfrenato, Sbrigliato, 
Effrenato. Audace, impetuoso e simili. 

Sfrìs. a m. Sfregio. Taglio fatto altrui 
sul viso , cu anche la cicatrice che ne 
rimane. Per metafora vale smacco , di- 
sonore, infamia. Intaccatura, Calieri- 
tura si dice in genere di qualunque 
piccole taglio fatto nella superficie di 
checchessia. Frego, linea falla con 
penna, pennello, o altra simil cosa. 

Sfrisà. add. m. Sfregiato, CaUeriio, 
Scalfito. 

Sfrisar. alt. Sfregiare, Intaccare, Cai- 
terire. Scalfire. 

Sfrisar. att. Fig. Sottoccare, Toccar 
di costa. Leggermente toccare che 
appena ne rimanga il segno. 

SfrittU. add. m. Schiacciato, Sco/ae- 
ciato. 

Sfrittlar. alt. Schiacciare, Scofacciare. 
Comprimere a modo di focaccia. 

Sfrittlòn. s* m. Camuso. Che ha il 

. naso schiacciato. 

Sfrittlòn. s. m. Fig. Schiaeciamenio. 
Scofacciamento, compressione. 

Sfroèuva. s. f. V. Cont. Sfruttamenlo o 
Sfruttazione annuale del bestiame vac- 
cino, ed anche assuluL Sfrutto in ge- 
nere. 



Digitized by 



Google 



SF 

Sfeogni. 8« f. T. di Ferr. Paktioni. Aste 
di ferro con graa palella in fondo 
che sostengono i materiali del ibrno 
quando si debbon tirar fuori le abbal- 
lottature. 

Sfròhbla. 6. f. Fionin- V. Fròmbla. 

Sfromblada. s. f. Colpo di fionda, Sfion- 
datum, scagliamento con la fionda. 

Sfrohbumémt. s. m. Frullo, Rombo. Il 
roDxare, frullare o rombare delle cose 
lanciale e tratte per l'aere con vio- 
lenza. 

Sfbomblar alt. Frullare j Sfrombolare j 
Sfiondare. Tirar colla frombola o |fion- 
da. Rombare, fare uno strepito come 
di sasso lanciato colla frombola. 

Sfbòzna. s. f. T. de' Pese. Fiocina, Pel* 
iinella. Ordigno di ferro cbe è una 
specie di foi'ca con raoite punte , cia- 
scuna delle quali ha una barbuccia a 
guisa di freccia, e serve a cacciare 
i pesci cbe vengono alla superficie 
dell* acqua. 

SpRds. s. m. Frodo, Raraito. Quella 
fìrode cbe si fa celando alcuna cosa 
ai gabellieri per non ne pagar ga- 
bella, e diresi Frodo anche la cosa 
stessa cosi celatat. Contrabbando, frodo 
di cosa proibita dai bandi, come pol- 
vere, taoaci'hi, sale ecc. 

SFRts. s. m. Fig. Trafugane. Ciò 
cbe si trafuga o trasporta nascosta- 
ipente. 
Sprùs. s. m. Scherx. Coìiirabbando. 
Amarazzo o parto clandestino. 

De sfrùs. Di frodo. Alla macchia» 
Nascostamente, furtivamente. Disfug- 
giasco. 

Comprar o yEiiDBR de sprùs. Compe* 
rare o vendere per iecarriera. Com- 
perare o vendere fuori del traffico 
comune, e quasi occultamente. 

Sfeusaoòr. s. m. Frodatore, Conlrab- 
bandiere. V. Sfrus. 
Sprosaoùr da sal. Salajuolo. 

Sfrosar. alt. Frodare, Far contrab- 
bando. Ma si frodano le merci che 
sono soggette a dazio, si fa contrab* 
bando frodando quelle di cui i bandi 
vietano T introduzione. 
Sfrosar. alt. Fig. Trafkigare, Rarat» 
tare. Commettere un frodo, un con- 
trabbando, un baratto, un trafugone. 



SF 



444 



Sprdsar bl bcòn. T. de' Pese. Seoe 
dare. V. Scapar. 

SPAùsffA. s. m. Cipiglio. V. Gronda. 

Sprusnòn. s. m. Ruidaccio, Rozzo, Rur- 
bero. 

Sfrutgàra. s. f. T. de' Pese. Vangajuola* 
Sorta di rete alquanto lunga da pe- 
scare. 

Sfrutta, add. m. Sfruttato, oppure CTsu- 
fruitala. V. sotto. 

Sfruttar alt. Usufruttare o Vsufruttua- 
re Godere le rendite di ub fondo. 
Sfruttare, trar da una cosa più frutto 
cne si può, senz'avere riguardo al 
mantenimento di essa. 

Spugida s. f. Sfuggita. V. Scappada. 
Alla spugida. Alla sfuggita. Di efug* 
giasco , Sfuggiaseametite. 
Veder a la spugida. Veder per ìtptc- 
eh io. 

Sfùlmin. s. m. Turbine. Oragano, tem- 

. pesta di vento. Altrim* Sfucinata, 
moltitudine di cose. 

Sfuma, add. m. Sfumato. Che ha man* 
dato via il fumo. 

Sfuma, add. m. T. de' Pitt. Sfumato. 
Modo di dipingere cbe lascia molto 
incerta la terminazion del contorno 
a prima vista. 

Spumadura. s. f. T. de' Pitt. Sfumatura. 
Digradamento di colore. 

Sfumar. aK. Sfumare. Svanire, svapo- 
rare, ed anche per figura, perdere 
la memoria. T. dei Piti. Digradare, 
Sfumare, Fumeggiare, e vale unire 
i colori componendoli dolcemente fra 
loro. 

Sfumar, alt. T. degli Oref. Arenar 
V oro. Ricuocerlo con renella di vetro 
per levargli ì cattivi fumi. Avviare 
dicesi lo* espor l'oro all'azione del- 
l'acquaforte e del mercurio per di- 
sporlo a pigliare più l' oro o la viva- 
tità del colore. 

Spumén. s. m. T. de' Pitt. Sfumino, 
Spolverezzo. Boilone. dì cencio, carta 
o pelle di camoscio, il cui capo serve 
come il pennello per istendere la pol- 
vere sulla carta bucherata che chia- 
masi Spolvero. 

Sfurdgòn. s. ro. T. de' Cacc Frugone. 
Bastone col quale si fruga per istana- 
re gli animali. 



Digitized by 



Google 



Ili 



SF 



ftffvilUR<«ti^TideVP6Ct Alkrfan^Snm* 
dare col lerro da allargafe il vanii io* 
terno d«* coVuii 

SFDdtÀ. addi m. Affuiùto, AffkioUila. 
Composto u modo di fuso. 

Si^usLADURA s. f. T. d' Arcb. Ratta 4i 
topta, SniumoBeapo. Ln parte supe- 
riore affusala della coIoana. 

SrusLAA. atti Ti delle Art AfTuiolare, 
Affusare. Dare a chaxhessia la forma 
del fuso. 

SgA. add. ro Se^tOé Reciso colla sega. 
fhtciaio, tai^lnto' colla falce. Seghete 
tata, fatie come i denti della sega. 

Sgabéll. 8. m. T« deVPettin. Sgabello. 
Pìg6iIo scannò in forma di triangolo 
tronco sul quale il pettinagnoio sta 
seduto lavorando. 

SoAiUif. s. m. SgabeUetlOé Specie di 
panchetta più alta da capo che da 
pie 9 che si tic II sotto I piedi sedendo. 
Seggiolino, quella specie di predellino 
simile ad un piccolo canapè sul quale 

• tengono i piedi le signore. 

Sgablinada. s f. Colpo di ngalfello. 

SakDh. s. f. Segatura. L* atto del segare. 

SoADÒR. $4 m. Falciatore. Che sega o 

taglia colla falce. Segatore, ohe sega. 

&ADÓB. s. m. T. d* Astr. Mercatanti. 

\m tre stelle del cingolo d'Orione vi* 

cine al Tauro. 

SoADùBA. s. f< Ti d' Agr. Segatura. V atto 
del segare^ • la cosa segata. 

SoAoOu Scaduta. T. d*Agr. Segalic* 
eia, Erbocre segate. Tutta sorta d* er- 
be |)alustri o sim. per far 1* impatto 
il letto «Ile bestie. 

SoAGGiX. add m. Attilalo, Lindo, Sfoggia- 
lo* Destro, svelto, sontuoso, magnifico. 
Andar SQAOGiik< Star sulle lindure. 
Andar co' fiocchi e festoni. Vestir 
lindo, attilato ecc. 

SoAGGiARsLAt Sfoggiare, Darsi tempone. 
Deliziarsi. Godere deliziosamente di 
ebecchfessift. Far lo smargiante, fàt 
relegante e vivace* 

Sgaqna. 8. f. Voce meato Furb. Man- 
giare, Vittuaria. 

Sgagnà. add« ra. Roso^ Addentato. 

Sgagnada. 8. f. Mangiata, Scorpacciata, 
Mangeria, guadagno illecito. 
Ora dla soagnada. Ora del pranzo 
cena. 



SO 

SsAdNAOimA* é. f. Tw di Guhldk 
sciaturu. DifeUo di cimatura allorcshè 
la forbici in oàmblo di tagliare il pelo 
lo stringono tra i due eoltelli. 

Scagnar, att. Rosicchiare, Addentare, 
Intaetare^ Lef^germente rodere o dar 
del dente. Morfire, sbattere, muo- 
giare. «a Far mangerie ed atiehe 
Mangiare, profittare d* illeciti gaa* 
dagni. 

Sgagròh. So m. Mangione^ B figurat. 
Mangiadoni, Angariatore. 

Sgajoéula. 8* f. Soagliuolak Pieoola Mi- 
glia di checchessia. 
Sgajoéula. Qàrgana. Cosi si ehbma 
a Firente una voce strìdula. 

Sgaiòh. 8. m. T. delle Calaett. Qaaèet- 
letto. Specie di gheroneino tre le due 
staffe a ciascun lato della calta. V. Fior. 

Sgalabbozsa. 8. l Brina ^agliardm. Neb- 
bia freddissima che si congela sogli 
alberi) nelle tegole, ne' capelli de* 
viandanti ecc. Credo che sia io atea» 
che la Giilavefna de' Rìodenesi. (Peti.) 
V. Galabrùtta. 

SoALéMBiR* add. m* Imbiecato» Sbiecato, 
Sbiescio, Schimbeseio , Obliquo, Tra- 
verso. Che 8lemba, che ha forma non 
dirftta 

Sgalémber. add. m Bilenco, Sòikmto, 
Storto Detto d'uomo 
SoaUmuer. add* m. T. di Vet. Aa- 
cajone. Dicesi del cavallo che va «o* 
cajone allorché ha una delle anche 
più bassa dell'altra. 

Sgalehbrà. add. tn. T. di Vei. CoUo 
torto. V. Incolladura torta. 

Sgalrmbrar. att. /m^iecare assi od altro 
legname messo in opera, che s'alia 
dalle due cantonate e risalta dal piano 
incurvandosi. 

Sgalihbrarss n. p. Bghembarsij, 8ior- 
eersi. Imbiecarsi. 

Sgalonares n. p. Sc$sc(arii. V« Dnga- 
lonar. 

Sgaltàr* att. Sbozzolare* Levar I bai* 
toli di sulla frasca. 

Sgai^arén. V< Scaltarén. 

Sgamba, add. m. Sgambato* Senta gam- 
be: o stracco per soverchio eomuHDo. 

SoambXzz. 8. m. T« d'Agr* Oemituh. Il 
gambo de' lupini della segala e sim. 
piantai Bullaecio da rostro, f gambi 



Digitized by 



Google 



SG 

4ù' biadali alquanto più grofii del 
bullaccio da scopa che restan suir aja. 
V. Bulla, Leruùxx e Trid. 
Sgambìzz ola fava. Favule. I gambi 
delle fave svelti e secchi e cosi chia* 
masi purè quel campo ove sìenu sta- 
te seminate fave l'anno precedente. 
Sgambazzar. att T. d*Agr. Spigolare la 
fava. 

SC4MBERGRÀ(I .ScAMBERGNÒlf. Cramiy/O. 

Cbe ha lunghe gambe. 
ScAiBEaGNò^. T. di Vet. Alta di monta. 
Dicesi di quel cavallo le cui gambe 
sono troppo lunghe. 

SGAXBI2IADA 8. f. Sgambata. Corsa. 

Sgaibinìr. att. Sealeagnare, Spulezzare, 
Sgambare. Menar le gambe, cammi- 
Dare in fretta, scarpinare. Sgambettare 
vale dimenar le gambe. 

Sgambisa. (La) T. Furb. La morte. 

Sgamà. add. m. Sgannato. Tolto d*in- 
ganno. 

Sgan AR • att. Sgannare. 

SGA9ARES. n. p. Sgannarsi. Uscir d'in* 
gaiuio. Fig. Divagarsi. 

SoAKASSAR. alt. Sganasciare, Snuucellare. 
Rompere, slogare la guancia, la gana- 
scia. 
Sganassar. att. Schere. Maciullare, 
Strippare, Mue 'tiare a due palmenti. 
Mangiare avidamente e mollo. 

Sgahassars. n. p. Sganasciarsi, Sma- 
scellarsi. Si dire per lo più del ridere 
smodato, dello Sganasciarsi dalle risa. 

Sganassòm. 8. m. Mascellone. V. Masslòn. 

Sgahdolar. alt. Snocciolare. Cavare i noc- 
cioli. 

Sgangai. Sr m. Seampoluccio di refe. 
11 pochissimo filo di un gomitolo che 
mal copra il baUiffo o anima dello 
stesso. 

Sgar. att. T. d'Agr. Falciare. Tagliare 
il fieno, lo strame o altro colla falce. 
Strafalciare, tralasciar colla falce se- 
gando. 

Sgar 009 LA GAMBA. T. di Vet. Fal- 
ciare. Dicesi di quel genere di zoppi- 
catura degli animali, in cui Tarlo 
afiètto, descrive nel portarsi avanti u- 
na curva alFcsterno, che imila^il mo 
vimento che si fa nel falciare. 

Sgarabattla. Carabattola. V. Garabnllla. 

Sgarìda. 8^. f. Millanteria, Braveria. 



SG 



U% 



Soperchiansa, soperchieria: atto mi- 
naccioso. 

Sgaraip. s. m Trampoli da guadare. 
Sorla di lunghi trampoli che i nostri 
appeiMiiningeri usano per guadare i 
torrenti. V. Scavalchè. 

Sgaravlar. att. T. de' Stovigl. Scaccare. 
Sovrapporre i vasi abboccati alterna* 
mente a foggia di scacchi. 

Sgarb. s m. ^arbo. Dispetto. 

Sgarra, add. m. Sgarbato, Sgrazialo, 
Scortese. 

SGARBÀGif A. 8. f. Ccsta. V. Cavagua. 
Sgarbàgna da viTURÉif. Cesta da veP' 
turale. Quella ove tien dentro i piedi 
ed altro nel guidare. 

Sgarbagnòn. 8. m. Cestone. V. Cavagnòn. 

Sgarbarìa. s. f. Sgarbataggine, Sgrazia- 
taggine. Impolitezza, cattiva grazia. 

Sgarbéla. s. f. Cispa. Y. Papa. 

Sgabbia, add. m. Spellato, Scalfito. Graf* 
fiato. 

Sgarbiadura. 8. f. Sbucciatura, Spella- 
tura, Scalfitura, Graffiatura. Grafllo, 
sgraffio, scalfito. Calteritura della pelle. 

Sgarbiar. att. Spellare, Scalfire, Graf* 
fiore. Stracciar alquanto la pelle. 

Sgarbiar. alt. T. di Giuoc. Far dop- 
pietto di cartiglia. Cosi dicesi al giulè il 
fare due cartiglie dello stesso seme. 

Sgarbiars n. p Sbucciare, Spellare. Cai- 
terirsi la pelle. Sbucciarsi 

3garbU Sgarblént. add. m. Sciarpel- 
lato. Sciarpellino, scerpellino, che ha 
le palpebre arrovesciate. £ lo diciamo 
anche per cisposo, lippa, (papén). 

Sgarbujà. add. m« Strigato. Libero d' im- 
pacci. Ravviati, dicoosi i capelli. 

Sgarbujàr. att Distrigare, Sviluppare. 
Si dice Ravviare, Scrinare, il rior- 
dinar cose avviluppate come capelli, 
matasse e simili. 

Sgabgaj. s. m. Scaracchio. Sornacchio o 
sputo catarroso. 

Sgargajìda. s. f. Scatarrata» 

Sgabgaj AR. att. Iscaracchiaref Imbral* 
tare di scaracchi. 

Sgargajàrs. n. p. Scaracchiare, Scafar' 
rare. Spettorare con quel rumore detto 
Jach, cbe precede T espettorazione. 

Sgargajòn. 8. m. Scaraechiatore. Colui 
che scaracchia, che fa sorriRcihi. 

Sgargarizzìda. 8. f. Gargarismo, Sgar- 

8 



Digitized by 



Google 



4U 



SG 



garizzo. Risciacquamento che si fa 

della canna della gola. 
Sgargarizzar. alt. Gargarizzare. Fare 

de* gargarismi. 
Sgargarizzars. n.p'Gargarizzarsij Sgar- 

ganzzani. E per metafora, Sbizzar* 

Tirsi. V. Sgaizarìrs. 
Sgargnaplasént. 8. m. Risata. Ridere 

smoderato. Croscio di risa, il rumore 

che fa colui che smoderatamente ride. 

Sghignazzamento. 
SgargnaplIpla • s. f. Sghignapappole . 

Donna che sghignazza. 
Scargnaplar. alt. Sghignazzare. Ridere 

a scroscio : ridere smoderatamente , 

sganasciarsi o smascellarsi dalle risa, 

ghignare, ga\iizzare. 
Sgargiaplò:*. ali. Sghignapappole. Ri- 

sanciano, ridone, uoin che ride per 

poco e ftior di modo 
Sgarlòss. s. ni. Calusciu, Sciancato. De- 
bole ecc. V. Si'oòuzz. 
Sgarlòss p*pollXster. Catriosso. V. 

CaiTÀss. 
Sgarninar V. Scarminar. 
Scaro. T. Forb. Tagliaborse. 
SoAROLÀ. add. m. Sgherigtiato. 
Sgarolar. att. Sgherigliare. Cavare alle 

noci il gberigHo o la polpa. 
Sgarolar al pìn. Cawir la midolla, 

cioè quella parte del pane contenuta 

dalla corteccia. 
Sgariflar. atu Razzolare. U raspar de* t 
' polli. ! 

Sgaruflòs. add. m. Bitorzoluto e talora 

vale anche Ruvidtì, Ineguale, Gretto, 

Rozzo ecc. ] 

Sgarz. s. m. T. de' Gualch. Cardo. Pan* ! 
' nocchia o testa spinosa d*una pianta 

detta anche Dissaeo^e Labbro di Ke- 

nere la quale serve a cavar fuori il 

pelo ai panni: Garza. 
Sgauza. 8 f. T. d'Ornit. Sgarza cine* 

rina. Uccello comune in tuttei le sta* 

gioni e che abita presso ì grandi pa* 

doli. È V Ardea cinerea di Lìnn. 
Sgarzada. s. f. T. Furb. Sbirciata. Guar* 

data per banda alla sfuggita; ma at- 
tenta. 
Sgarzada d*finiziòn. T. di Gualch. PiO' 

natura. V ultima mano del garzo che 

hi iÌH ai panni fini. 
Sgarzadùr. s. m. T. de*. Ganap. Scapec* 



SG 

chiatojo. Il primo scardasso per h ca- 
napa. 
Sgarzadór. 8. m. T. di Gualch. Gar» 
zatore. Colui che garza il panno. 

Sgarzadùra. 8. f T. di Gualch. Carda^ 
tura. Garzatura* L'azione del car- 
dare o garzare, e la cosa cardata j^ 
garzata. 

Sgarzar. alt. T. di Gualch. Cardare,, 
Garzare. Dare il ^rzo, la garzatura. 
Dare al panno var) tratti di cardo |icr 
trarne fuori il polo. V. Cantar. 
Sgarzar» att, T. Fùi*b. Sbirciare. 
Guardar per banda a fine di uon es- 
sere osservati. 

Sgarzèla. 8 f.' T. d'Om. Ranocchiaia. 
Uccelletto di passo che vive ne*, padoh 
ed è abbondante nell'autunno. È ì* Ar- 
dea purpurea Linn. 
Sgarzétt 8. m. T. di Orn. Taraòu- 
so. Uccello che solamente la notte bat- 
te la campagna e che per la dilìra- 
tezza della sua carne è dettò andte 
da toscani Cappon di padule e da 
Linn. Ardea stellaris. 

Sgarzòn lo slesso che Sgarz. V. 

Sgass s. m. Baccelli cotti. Fave fresche 
cotte col guscio, le quali si tuaugiauo 
senza verun condimento. 

Sgassar un scrìtt, cn oftèoiT. Tirare 
un frego su un rigo. ( B. L.) V. Scassar. 

ScASsoèu. V. Sgass. 

Sgatinar. att. Friggere, Trafugare. Ap- 
propriarsi l'altrui per astazia o per 
inganno. Yale anche Subornare, co- 
rompere, guastare, viziare. 

Sgatòj. 8. m. T. d' Agr. Seccatajo. Loogo 
ove si seccano da nostri colligiani le 
castagne. 

Sgàva. s. L T. de' Mugn Balzualo. P et 
zo tli leffname che si mette per f or 
tezzà delle pale nella mola cui s! ap 
poggiano ì nerbali e le ascole (Pali ) 

Sgavagnar. V. Scavagnar; 

SGAvéTTA. 8. L T. de* Minug. Gaveita. 
Maiassina di corde di minugia e si- 
mili. Una grossa 8i compone di do- 
dici douine di gavette. V. Gavétta. 

Sgavlar. alt. T. de' Legn. Smussare, 
Solcare. Levare da un legno quella 
porzione che per un corpo sporgerne 
non potrebbe accostarsi al muro. 

Sgavlén. V.. Sgablén. • ■ ■ ■ 



Digiti 



zedby Google 



SG 

Sgaxadìxz. 8. m. T* d'Agr. SeoaHecio. 
Fleoo erlM segata lungo i fossati o 
albi luoghi mista di sala od aliro. 

Sgazz. 8. UL Sgorbiatura. V. Sbgazs. 

ScAZZàaÀDA* 6. f. Cica, Bocdata, Bocci- 
caia, cioè Niente. Y* Bustiancada. 

Sgbéva. s. f. T. de' Fornac. Pkeimlo. 
Fila di inattooi o sim. posti gli uni 
contro gli altri per coltello e a spina- 
pesce. 

Mbtter in sgbAta. T. de* Fom. Ap- 
piecioiare. V. Sghivir. 

Sgéibézzl add. m. Bilia. V. Sablòn. 
SoHifièzzi. Sghimbescio. M. avv. usato 
nelle frasi. 

Andar o*sgbibézzi. Andare a sbieco, 
a sehiuneio (Fior.). A sghembo. 

Tajà db SGHiaàzzi. Sgheronaio. Ta- 
gliato a gheroni, a .schisa, in tralice 
«ce. cioè largo di sotto, e stretto di 
sopra, e dicesi propriamente di tela o 
panno, o d'altro taglialo. 

ScBiGNAZZiDA. 8. f. SghigMizzata $ Ghi* 
gnaia, Sghigiiauainento , sghignazio, 
risata, cachinno, gavasxo. Riso, smo- 
dato, risacelo. 

ScHiGNAZZÀR. att. Sghignazzare. Ghigna* 
re, sganasciare, gavazzare, ridere fuor 
di modo.. 

ScHiaBiÈTT. s. m. Scambieiio. Un certo 
Milto che si fa ballando. Ganghero, 
Ganghcrello. Quella volta che fa la le* 
pre per uscir di bocca ai cani, plorai* 
mente si prende l'uno e l'altro per 
mutazione di parere, diversità di ope- 
rare dalla sera al mattino. 

Sgbiratt. s. jd. T. di Zool. Scqja$iolo. 
Animaletto salvatico che partecipa del 
topo e della simia Lo Sciurus vulga* 
ris dei Sisl. Detto di uomo vale Vispo, 
SeioUo, Lesto e sim. e Fig di fan* 
ciullo Demonieiio, Frugnolo, Nabisso. 

S«HtaiBÌzz. s. m. Ghiribizzo, Sghiribiz- 
zo. Capriccio piuttosto strano che ma* 
lizioBo. 

Gnib DI soBiRiBizz. Ghiribizzorc. Fan* 
tasticare, venire o Multare la fantasia, 
il capriccio. 

S'gbìva. 8. f. T. degli Squer. ArealwrQ. 
V. Sghivlr. 

SGBfTia. Tagliare a schisa. V. Sghibèizi. 

SgbivIr. aU. T. de* Fornac. Appic* 

eiolate. Porre i mattoni, le pianelle e 



SG 



115 



sim. suH'aja disposti in picciuoli (jsghè* 
va). 

Sghivìr. V. a. T. degli Squer. Cur^ 
i^are. Dare a legnami delle varie parti 
della nave una forma arcata a secon- 
da del oso a cui sono destinati. 

Sgiafpar att. Scaravenlare. Scagliar con 
violenza. 

S GiANP s. m. V. Cont. Sguancio, Schian- 
ciò. Obbliquità. Y. Smùss. 

S'GiAROèoL. s. m. T. di Caca Quagliete 
da le^a. Grosso quagliere. 

Sguyazz. s. m. Ambra nera. Varietà del- 
l' ambra grigia che sfregata manifesta 
proprietà elettriche. 

S'giavòx. s m T. Bot. Panicaslrella , 
Panico salvatico. Sorta di miglio che 
cresce tra il riso e coi quale si trova 
quando lo si monda per cuocerlo in 
minestra. É il Panicwn Crux galli 
Linn. y. Melghetta. 

S*GiÀYRA. 8. f. T. de* Fornac. BiscolU. 
Que* pezzi di pietra, che per la loro 
sovèrchia durezza sono rimasti mai 
cotti nella fornace. 
S'giàyra. s. f. T. de' Mur. Calce- 
struzzo. Mescolanza di calcina con al* 
tre materie per accrescerle tenacità, 
ed è un certo mezzo tra la calcina 
pura e il getto. 

S'giottonar att. Purgare dal gittone. 
Mondare il frumento levando i semi 
del gittone o gittajone. 

Sgiùs. s m. Sugo. V. Gius e Sizz. 

Sgnà. add. m. Segnato. 

Sgnà dà dio. Segnato da Dio, cioè 
offeso dalla nascita in qualche parte 
. del corpo. 
Sgnà da Dio, trb passi in indrio. 
Niun segnato da Dio fu mai buono. 
Bestemmia è questa e non adagio o 
proverbio benché suoni per le bocche 
del volgo. I difetti del corpo non vi* 
siano r anima e talora sono stimolo a 
.raggentilirla e ad educare la mente* 
Esopo, e mille altri ne sono una prova. 
Sgnà dal varoèul. Bulleraio. Che ha 
le margini del vajuolo che è segnato, 
o beccato dal vajuolo. 
Appén'na sgnà Accennato appena. Di- 
cesi di disegno o altro simile lavoro, 
di cui siasi tallio solo leggiero abbozzo. 

Sgnacar. att. Piantare. Metter dentro 



Digitized by 



Google 



I4« 



ftG 



dlccebeMMt in uo pertugio, o simili 
con 8(;art)0 o con forza, ed andie far 
tenere ad aKri coli* arte ciò cfae non 
avrebbe voluto di buon grado. 
Sgnacab dénteb. T. Furb. Aggrati- 
gliare. Imprigionare. 

Sqnàcol. 8. m. Segtèttcolo. Quel nastrino 
od altro che si pone per segno ne' li- 
bri. CapUeUo^ Brucò è 1* attaccagnolo 
dei segnacoli. V. Sign. 

ScMACOLÀDA. s. f. Corpacciata. V. Pac- 
ciàda. 

SoNACOLAB. alt. Ugncre il grifo. Dare il 
portante ai denti, mangiare. 

Sgnadura. s. f. T* di Stamp. Begittro. 
Lettera o asterisco che si mette in 
fondo alla prima pagina di ciaschedun 
foglio di stampa per servir di norma 
ai legatori nel mettere insieme i varj 
fogli d*un volume. 

Sgnai>ura del passaport. Bifcgna, Ciò 
che ad ogni uffizio di confine si scrive 
sul passaporto per poter continuare. 

Sgrar. att. Segnare, Notare. Far qual- 
che segno: sottoscrivere: far conoscere 
per via di qualche indizio o segno 
Sgnab. att. T. EccL Segnare. Dare 
la befiedizione. 

SGKAm. att. T. degli Oref. Sgraffiare. 
Lavorar Toro collo sgraffio. 
Sgnab I PBZz. T. de' Legn. Scom-^ 
partire il legname. Segnare co* mo- 
delli i pezzi di legno che si vogiion 
tagKare da un asse ecc. 

Sgnars. n. p. SegnareL Farsi il segno 
della croce. 
Sgnars a do Mkn. Segnarsi a due 
mani. Far le più grandi maraviglie*, 
ed anche Segnare e benedire, ralle- 
grarsi d'essersi disfatto d'una cosa. 

S*G!«AVLÀDA. s. f. Miagolata, Miagolio, 
Gnaulio. Il mandar fuori che fa il 
gatto la propria voce detta Miào. 

Sgnavulmènt. s. m« Miagolio, Gnaulio. 
L'importuno miagolare di uno o più 
gatti. 

S'gnavlab alt. Miagolare, Gnaulare, 

Sgnavlòn. s. m. Fig. Belone. Dioesi di 
vhi affettatamente piagnucola. 

S'giiaez. Mnl ugno. 

S'GrriH, S'gnétt. s. m. Segnetéo, Segnuzzo. 
Pircol segno. 

SsNiccAdURA. s. t Fitta. Ainmaccatura 



S6 

nel corpo di qualcbe vaso wielaHha 
cagionata per la più da caduta a da 
percossa. Caiza il colpo che 
la fitta. 

Sgniccab. att. Ammaccare. Alquanto i 
che infragnere o rompere. 

S'gnìgu. add. m. Pena, Ammaeealm. E 
dicesi di frutta. 

Sgnìci Scaìu. Carnuto.. Cht hn il 
naso schiacciato. V. Schisa. 

Sgmiplén. s. m. Boccuccia. Peraona e 
per lo più fanciullo che non aoM a- 
gni sorta di cibi. In altro siga. Smot- 
fioio, Smanuroto, Lezio$o. 

S'groch'lab att. T. de* Mur. Stemperare. 
Disfere i noccioli che son nella cake, 
a i bossoli che son nella colla e sìaiili. 

Sgnòool. s. m. T. Furb. Cibo, Yiua* 
V. Sgnacolada. 

Sgnocolab. T. Furb. Morfire. Mangiare. 
V. Sgoacolar. 

S'gnòn s. m. Segno grande. 

Sofcòir. s. m. T. de' Parmccb. 14^ 
lotto colle etaffè. Sorta di accoDciatura 
de' capelli delle donne usato un tempo, 
che consisteva in un cipollotto, (cocòn) 
attraverso il quale si facevao pasaara 
molli nastri con molte treccìoline. 2Ì« 
gnu e Tignone son tignose parolacce 
da schifarsi. 

SonoB. Sigtiore, Dio, Iddio. 

Uh SA ARCA BL Sghob. Diamine, &•- 
aa fallo. Davvero. Modi d'eaclanara 
o asseverare. 

El Sgnor. Per antonomasia, Iddia 
e più comunemente il Cristo. 

Sgmobzab. Dar del Signore, 

Sgobaoòb. s. m. Sgobbone. Chi a fona 
di schiena impara una scienaa aoche 
con poco ingegno. Altrim. FéOicQlare, 
BùBtraccone, che dura molto alla Da- 
tica. Sgobbatore v. d'u. 

SGOBAMèNT. s tn- Affacchinamento. Fac> 
chineria, sgobbo. Studio materiale. 

Sgobab. att Sgobbare. Portar sui dosao 
alcun peso, e fig. studiare con tanu 
assiduità do quasi ingobbire. Faceki^ 
neggiare, durar fatiche da facchini. 

SgodazzJLbsia. Gavazzare. Tripudiare, 
strepitare per allegrezza. 

Soognab. att. Belpzre, Begeggiare, Sbef^ 
fore. Far beffe. 

SgòIm s. m. ScoUo, ScolbUf^, SeoUaiurm. 



Digitized by 



Google 



86 

Lo sparo o raperlora ddte eftnicie | 
da dootta, ed anche quella parte del 
iwstìio ehe sì unisce al colletto. 

Sgòl dl'àbXcb. T. d'Arcb. ilrco. In- 
cavatura dell'abaco che è quasi sem- 
pre abbellita da un fiore. 

Scoli, add. m. Scollacewto, SeoUato. 
Col collo scoperto, ed è proprio se- 
gnatamente delle donne quando noi 
coprono, od hanno le Testi poco ac* 
collate. Sgolalo vale propr. aeaxa gola. 
PocH SGOLA. Accollalo. 

Sgoladùba. Y. Ssòl. 

Scolar atL Scollare. Fare lo scollo al- 
le camicie. 

Sgolars. n. p. Sgolarsi. Gridare a tutta 
gola si che questa si guasti. 

Sgòmber. s. m. Sgombro. Lo sgombrare. 
V. Spedir. 

Sgòmbbr. s. m. T. d* Ittiol. .Sgombro 
o Maccarello. Pesce notissimo che si 
trova in lutti i mari e del quale fas- 
aene pesca abbondante per poi iosa- 
tarlo. È lo Seomber scombrus Linn. 

Sgondér. s. ra. Guardiola. ( Rosini ) Sot- 
locarceriere. 

Sgorpiar. att. Sgonfiare. Votare d'aria 
un pallone o simile. V. Desgonfiar e 
Gonfiar. 

Sgonfiétt. s. m. Bombe, GalhlH, Spe- 
cie di frìitellelte fatte d' un meseuglio 
ben denso di farina di grano, butirro, 
scorza di limone grattata, xuccbero 
ed acqua, cotte in padella, ben gon- 
fiate e di bel colore, indi spolveriz- 
tate dì succherò fine. 

Sgorfiòr. s. m. Sgonfio. Enfiatura pro- 
dotta dairaria in alcuni corpi, come 
nel pane, nelle vesti e simili. Dicesi 
anche di quelle prodotte dall'arte in 
cose che hanno T apparenta d'essere 
leggiere. Sgonfietto diminuì. V. anche 
Boflf dil vesti. 

Sgorfiòr d' ridbr. Folata di ri$o. 
Prurito impeto grande di ridere. 

Sgorba. 8. f. Corba. Cesta intessuta di vi« 
mini d'altra simile materia. Dieesi an- 
che di quanto essa contiene. V. Zesta. 
Sgorba. s. f. T. de' Mugn. Tramog' 
già. Cassetta quadrangolare in forma 
d'aguglia che si accomoda capovolta 
sopra la macine donde esce il grano 
che s'ha macinaro^ Cosi dieesi* anche 



»G 



il7 



la cassetta conslmile del frullone d' on<» 
de esce la farina da abburattare. 

'Na sgorra d'rAGAZZ D*FtOÉU ccc. 

Una gerla di raga^izi, di figUuoli ecc. 
V. Zerla. 
Sgorradura. s. f. T. de' Conc AifNis- 
sala. Quella raschiatura che risulta 
dalle pelli già scarnate sotto l'azione 
del coltello a due nmnicbi. 
Sgorbar. att. T. de' Conc. Purgare, Ri^ 
pa8$are. Dieesi del pulire le pelli vi- 
telline dopo che sono tolte dalla fossa. 
Sgorbén. s. m. Cestone, Zana. Specie 
di cesta per someggiare fatto di vin- 
cigli di castagno, capace di metta so- 
ma, che si addatta e ferma wL^iiasto 
colle funi. iv! >; 

Far I SCORRER o aver i scorrer. Rim* 
pinzarsi. Essere pinzo. Dicesi delle 
bestie pienissime di cibo, tolta la si- 
militudme da quelle da soma che por- 
tano i corbelli dall'uno e dall'altro 
fianco. 
Scòrbi, s. m. T. de' Cali. Sgorbio, Seor^ 
bio. Macchia fatta in sul foglio eon 
inchiostro. V. Stòrpi. 
Sgórbia, s i. T. degli Arm. Doeeetla* 
Strumento simile ad un tubetto con 
bocca tagliente che serve ad alcuni 
lavori dMncassatura. 
ScòRRiA. 8. f. T. delle Arti. Gorbia, 
Doccia, Sgorbia. Specie di scalpello 
per intagliare in legno. &=> Sgorbioli' 
na diminut. Jngorbiatura, il lato in- 
cavato della sgorbia. 
ScÒRRiA DA iHPRORT. T. degli Arm% 
Gorbia da ineazsare. Sorta di sgorbia 
inginocchiata^ per far le tacebfi del- 
le casse da archibu80. 

Sgòrria fatta a FoéujA. 8. f. Foglia. 
Specie di ferro da scorniciare o tor- 
nire, conformato a guisa d' una foglio- 
lina. 
Sgórbia quadra. T. degli Intagliai. 
Càntera. Sorta di sgorbia col taglio 
triangolare. 
Sgórbia torda. T. de' Legp. Taaelio. 
Sorta di sgorbia calcagnata. 
Sgorbiar, att. Sgorbiare. Intagliare colh 
sgorbia. Dare di sgorbia. 
ScoRRiAR. att. T. de' Cali. Sgorbiare. 
Imbrattar con freghi o scbiui d' in- 
chiostro, carta od altro. 



Digitized by 



Google 



118 SO 

Sgormbtta. s. r. T. de' GeU. Strozza. 
Specie di scarpellelio a taglio allunato 
per Dettare i metalli. 
Sgormott. 8. m. T. de* Legn. Scarpello 
di mezzo cerchio» Sorta di scarpello 
alquanto addocciato. 
Sgorbòn. 8. m. Còr^/(oiM. Corbello grande. 
Sgordur. att. Sgolomre Infrenare l'in- 
gordigia la goleria di uno. 
ScoRifAR. alt. V. del Coni. Stanare. Trar 
fnora una coaa dai .luogo ov'era na* 
scosta 
Sgozà. add. m. Snoda/o. Che ha lìbera 
la gola da ciò che in essa faceva nodo. 
V. Dcsgozar. 
SGdafc.l«rm. T. d'Arcb. Colatojo o Goma. 
Pielra incavaU e posta negli edifisi 
per dar esilo alle acque, piovane sic- 
ché scorrano lontano dalle muraglie. 
Soffitta della cornice, la parte^ di 
• sotto della cornice tra Tuno e l'al- 
tro modiglione, nella quale soglionsi 
intagliar rosoni e simili cose. 
Sgòzz. T. de' Falegn. Gocciolatoio, 
Grondatojo. Membro delle cornici de' 
telai e delle finestre fatto perchè l'a- 
cqua sgoccioli. SoUogrondaie , parte 
incavata dal gocciolatojo dalla banda 
dì sotto. 

Sgùzz s. m. T. de' Mur. Mattone 
da modanature. Sòrta di grosso mat- 
tone che fa le veci della gorna e della 
sofTìttn della cornice. 
Sgozzadùra. s. f. Sgocciolo, Sgocciola- 
tura, Lo sgocciolare. 
Sgozzar, alt. Sgocciolare, Gocciolare. 
Versare sino airultnna gocciola: di- 
Bgf^iolarc. Rimboccare, mettere i 
vasi e le stoviglie a rovescio perchè 
sgocciolino. 
Sgozzar il j'ori. Patsare, Scoccare. 
Il trej sgozzadi; Le tre passate o 
scocca te • 
Sgozzi, s f. T. de' Gett. di Carati. 6foc- 
ciólature. Gettata, lì piombo che ca- 
de si getta dalla forma nel fondere 
i caratteri. 
SgozzolatoJ. 8. m. Gocciolatojo. V, Sgozz. 
Sgradar, alt T. Mil. Degradare. \\ De- 

sgradàr. 
Sgradir, alt. Disgradare, Disgradire. 
Non Mper grado ne grazia di bene- 
ficio ricevuto. 



S6 

SoRAFA. 8. f. T. de' Stamp. Sgraffi 
Unione di diversi pezzi di piceol^ li- 
nee che servono nella stampa per 
raccogliere diversi articoli. 

Sgrafgnar. Y. Sgnin%nar. 

Sgrafgnòr. V. SgranfgnòD. 

Sgranì, add. m. Sgranato, Sgraneellaio, 
Sbaeellato. V. Sgranar. 

Sgrakar. alt Sgranare, Disgranare. 
Cavar i nrani. Sbacellare, levare i 
l^umi dal bacello. 
Sgranar, alt. Fig. Strameggiart , 
Sbocconcellare. Andar alquanto man- 
giando intanto che venga in tavola 
altra vivanda. 

Sgranar i solo. Sgaltigliare. Cavare, 
tirar fuori, sborsare. 
Sgranar l'uva. Sgranellare. Dieen 
propriamente dello spiccare gli acini 
o granelli dell' uva dal grappolo e da' 
picciuoli. Sfiocinare, vale levar le 
fiocini ( vinàzzoèu ) dagli acini del* 
l'uva. 

Sgrandìr. att. Aggrandire. Allargare, 
ampliare, distendere, dilatare. Kcnder 
più largo lo spatio o la capaciti^ di 
checchessia. 

Sgrandìr il cosi. Ingrandire. Magni- 
ficare, esagerare, amplificare. 
Sgranfgnà. add. m. Graffiato, Scalfito. 

SgRANFGNÀ PICCA DAL VAROÉUL- But» 

terato. Beccato, tarmato, segnato dal 
vajuolo. 

SgranpgnXda. 8. f. Sgraffilo, Gra/patura- 
L'atto del graffiare e i| segno die vi 
resta. 

Sgranfgnìoa RosTÌDA 8. f Zòdro- 
neccio, Ladroncelleria , Ruberia. 

Sgranfgnar. alt. Graffiare, Sgraffiare. 
Stracciar la pelle coli' unghie o altra 
simil cosa. Cagionar graffiature, o sgraf- 
fi. Rampare, ferire colla rampa o zam- 
pa. Artigliare, prendere e ferire ool- 
r artiglio. 

Sgranfgnar o rorar. Sgraffignare. 
Arrafiare, rubare, portar via. 

Sgnanfgnén. 8. m. Trafurello, Mariuola. 
Ladroncello, rapinatore* 

Sgranfgnòn. 8. m. Gnocchi buteraii* Spe- 
zie di pastume grossolano di figura 
rotonda in foggia di rotolini o mor- 
sellelti fatti di farina di grano, eii- 
trovi pan grattugiato. Noi li chianaia- 



Digitized by 



Google 



se 

mo cosi nel nostro dialetto perchè sia- 
mo usi tirarli sul rovescio d* una grat- 
tugia onde vi restano le impressioni 
degli occhi di essa quasi hùlteri o mar- 
gini del viguolo. 

SGaAnrcNòN. s. m. Sgraffio, Graffia- 
tura , S^ra^^one. Sgraffio grande* 
ScRANtrcNòM. 8. m. Trofurello , Y» 
Sgrantgiìén. 
SgranVgnòM s. e add. ro. Butterato. 
Pieno di hùlteri. Che ha nel viso le 
margini del vajuolo. 

SGIU9FI. 8. m. T. di Vet. Granchio e 
latin. Crampo, Movimento impedito 
nei muscoli estensori dello stinco per 
cui la gamba rimane rigida e T ani- 
male non può camminare. V. Granfi. 

Sgrasp d' uva. Ba$po ( Alam ). V. Grasp. 

Sgraspar. att. T. d*Agr Digraspolare, 
Levare i graspi separarli dai granelli 
deiruva» Sfiocinare, torre i fiocini o 
le bucce degli acini. 

Sgrassar att. Digra$sare, Levare il gras- 
so. 

Sgrassar, v. a. T. de^ Battìi. Far su- 
dare. Battere la caria di buccio tra 
fogli di carta ordinaria per sgrassarla. 
Sgrassar, att. T. degP Inrls. Sgra$- 
Bare, Torre le untuosità dalla lastra 
che si vuole incidere. 

Sgrassar. T. de* Mac. Digrassare, 
Tagliare dalla carne di macello il trop- 
po grasso 1 cuochi lo dicono pur del 
brodo. 

Sgravar, att. Sgraifare, Alleggerire. V. 
Alarir. 

Sgrazià. add. m. Sgraziato. Sen^ gra- 
tta. V. DesgraziA. 

Sgrésa. add. m. T. d*Arc. Alla rustica. 
Muraglia latta a secco, ossia ali* an- 
tica di grosse pietre quadrate senza, 
intonico. 

SoRèzz. add. m. Greggio, Gretto. Rozzo 

Sgrìff. V. Grif. 

Sgrignamént. s. m. Sgrigno. Scroscio di 
riso per beffa. 

Sgrignar, att. Sgrignare. Beffare con ri- 
so forte. 

Sgrisolar. niU Scricchiolare» V. Scalz- 
gnir. 

Sgrisòr. s. m. Brivido, Brividio. Freddo 
acuto che penetra ne* corpi ^ e più 
propriamente quel tremore che scorre 



SG 119 

per le carni , o per orrore di checches- 
sia, o per freddo che fa arricciare i 
peli) per febbre sopravvegnente, il 
quale pur si chiama Capriccio. Il fred- 
do capriccio della febbre dicesi an- 
che Bibrezzo. 
Sentirs di sgri^r. Bahbrivìiìare , Bi" 
brezzare. Sentirsi do' brividi: sentirsi 
il ribrezzo della febbre. 
SoRisoRÈTT. 8. ni. Sgretolio. Leggiero bri- 
vido di febbre. 
Sgroéusbl. s. m. P.isxerajo, Pinsipissi. 
Rumor confuso di gente e specialmen- 
te mormorio di popolo agitato. 
Sgropar. att. Scuffiare. Mandar fuori quel 
certo suono dalla bocca die fanno 
gP ingordi nel mangiare simjle a quel- 
lo di persona che russi. 
Sgròssa, s. f. T. de* Battil. Seconda sc^ic- 
data. Mazzo di carta di buccio che 
serve a battere le foglie già assotti- 
gliate in un primo lavoro. 
SgrossaDòA. s. ni T. di Scult. Dibozza* 
tare. Abbozza tore. Colui che digrossa 
abbozza la* prima forma. 
Sgrossar att. Digrossare, Assottigliare. 
Vale anche Abbozzare, ed altresì Di- 
razzare, dar lo prime lezioni, scozzo^» 
nare, ammaestrare. V. Desgrossar. 
Sgrossar, att. T. degli Occb. Soffre* 
gare. Il lavorare le lenti sul Bacino o 
Piatto ( Forma ) collo smeriglio. 
ScRosséit. 8. m. Barlotta. V. Dcsgrossén. 
Sgrostar. att. Scrostare. Y. D<ssgrostar. 
Sgrostar. att. T.* de* Scai*pell. Sgale* 
strare. Levare la galestra dai massi 
che si levano dalle cave. V. Grosta. 
Scrostar un MtR. Stonieare. Levar 
r intonaco. 
Sgróstars bl mùr. Scanicarsi, Scortec* 

darsi (Vasari ). 
StiReoNAR. att- Sgrifare, Rompere il grifo 
grugno. Sgrugnare, vale dar sgru- 
gnoni. 
ScROtifCAR. att Scuffiare. Mangiar con 
prestezza, con ingordigia e assai. Il 
nostro Sgrugnar vien forse dal gru- 
gnir del porco, il quale non suole 
pacchiare senza grugniti» 
SGRùGAAtÀR. att. Sgrugnare, 
SgruonatòN. 8. m Sgrugno. Colpo dato 
nel viso colla mano serrata. Sgrugna^ 
ia. Sgrugnone, vale Sgrugno grande. 



Digitized by 



Google 



420 



SG 



SoUobeeeo, colpo dato allrui allMosù 
nella bocca e nel naso Sorba, Som* 
mommolo, colpo dato col pugno sotto 
il mento GoÙno, Sorgozzone, dicesi 
quello dato nel gozzo. 
Dar di ^«RUGNATòif. Sgrugnare* Dare 
agragnoni. 

Sgruppar. V. Desgruppàr. 

Sr.nCzz. add. m. Ibivido. SalvatIcOy ri- 
tiH)60, rozzo, stitico, calcilrosoi mu- 
sone, difficile, intrattabile. 

ScRtzzXGiNA. 8. t. Ruvidezza. Ruvidità, 
rozzezza, ritrosìa, ritrosaggine, ritro* 
site, salvatichezza, ripugnanza, spia* 
ce\ olezza, stiticaggine. 

Sgruzzòn. s. m. Zoticone, Ruidaccio, 
Sorgnone, 

Sgualdo. s. m. T. Furb. Pidocchio, 

Sgdaldrén^na. s. f. Baldracca, Landra, 
Cantoniera, Sgualdrina. Donna di mal 
affare. 

Sguanza. 8 f. Gota, Guancia, ma gota 
dicesi propriamente la parte più vici- 
na alla bocca. Pozzetta, Fosserelia 
delle gote. Buco, o avvallamento, che 
si fa nelle f^ote nelfatto del ridere. 
Pomo, Pomello, La parte superiore e 
più rilevala il cui osso è detto Ziga* 
ma Zigomatico dagli anatomici. Ro- 
u il vermiglio delie guance. V. Ro- 
sètti e Sguanzl. 
Sguanza. 8. f. T. degli Arm Guancia 
La parte della cassa dell* archibugio 
tra rimpugnatura e il calcio che sta 
più vicina alla guancia nello scaricar 
l'arme. 

Sguazza del raffctt. Guida. Il toppo 
che scorre parallelo al rigntojo del 
graffietto.. 

Sgoai^zìLj. s. m. T. de* Sell. Sguancia. 
La parte della briglia alla quale si at* 
tacca il portamorso, dalla banda sinistra. 

Sgcarzàzza. 6. f. Gotaccia. Pegg. di gota. 

SGCANZto'ifA, ScUANZéTTA. 8. f. GotUZZO, 

Gotellina» 
Sguanzi* 8. f. pL Staffe. Fascia di ferro, 
ripiegata, nel mezzo della quale gira 
la puleggia sopra un asse di ferro, i 
cui perni, girano in due fori fatti uno 
per ciascun ala della staffa. 
Sgcanzi. s. f. pi. T. de* Cali. Sbee- 
ehi. Le punte laterali della penna 
temperala. 



Sgcaiizi. 8. f. pi. T. de* Tess. Guantf. 
1 labri della spola. 

Sgdanzi del castell. T. degli Aram. 
Staggi del telajo. Quelli che teogoio 
in sesto i calcolini del telàjo alla h* 
cquard. 

Sgdanzi del cASTLérr. T. de* Lib. 
Coicialetti. I due toppi del . lorcolelo 
del librajo Tuno de* quali mobile ba 
il ferro da raffilare, o 1* altro sccrre 
nella guida dello stretlujo. 

Sguanzi d*iva morsa Rocche, Guan- 
ce. Ganasce. Le due parti principali 
d*una morsa, che si aprono e strio- 

gODO. 

Sguanzòn*5a 8. f. Gotona. 

Sguarnì, add. m. Sfornito, Sguarnito. 
Sprovveduto. 

Sguarnir, att. Sguernire, Sfornire, sguar- 
nire, levare la guernizione, o guarni- 
zione. 

Sguàtter. 8. ra. Guattero. Il servente 
del cuoco. Lavapiatti il guattero delle 
comunità religiose. Lavascodclle , il 
più basso servente di cucina. 

SguXttra s. f. Guattera, Pelapoìli, La* 
vascodelle. Fregano. Fantesca del sot* 
tocuoco. 

Sguattràzz. 8. m. GuatteroLCcio. Pegg. di 
Guattero. 

Sguazz. 8- m. Guazzo, Guado, Vado. 
Luogo pieno d* acqua, ma di tale al- 
tezza che si possa guadare. 
A SGUAZZ. A guazzo, e? Pastore m 
fiume a guazzo. Si dice del passarlo 
senz*ajuto di battello o nave. Dipin- 
gere a guazzo, vale lo stesso che di- 
pingere a tempera. 

Sguazza, s. f. Guazza, Rugiada che in 
villa fa Tcrba guazzosa o piena d^a- 
acqua. Pacchiarina, mota liquida ed 
abbondante delle strade fangose in 
tempo di pioggia. 

Sguazzadòra. 8. f. Guazzatoio. Luogo 
concavo, dove si rauuano Tacque per 
ablieverare e guazzar le bestie. 

Sguazzar, att. Sguazzare, Gavazzare, 
Guadare. Passare a guauo o a guado 
ov*è minor la corrente, ove il fiume 
è più basso. Diguazzarsi, 1* agitarsi e 
dimenarsi nell'acqua che fanoo per 
loro natura le anatre. 
Sguazzar m t^ l* ASBONDAHau SGeAJL- 



Digitized by 



Google 



SG 

XAiSLA. Sguasxar^, Gavazzare, Sga- 
puzzartela. Far iempone. Nuotar Del- 
l' abbondanza, tripudiare. 

Sguazzar Va barca, t. de' Squer. 
Abbeverare una nave. Getti^fvi sopra 
tina gran quantità d'acqua allorcbè 
ella è fabbricata, per provare se sia 
Hstoppata a dovere. 

Sguazzar un càyall Guazzare un 
cavallo. Menarlo al guazzo e farvelo 
camlnar per entro. 
Sgoazzétt DA MAGBER. ToeckeUo. Guaz- 
zetto di pesce. Manicaretto di vivanda 
tagltau in pezzetti. V. Guazzètt. 

SGUAZzèrr. s. m. Piaggella. Piccola 
pioggia. V. Squassètt. 
Sgcda 8. f. T. Cont. Cicala. V. Cicuta. 
SccèRZ. Losco, Cieco d*un occhio. Y. 

Guèrz. 

SgverzXj s. m. T. de' Se». Falsaredine. 

Redine accessoria cbe governa V andar 

del cavallo senza costringere il morso. 

Sgcensar. V. a. T. de' Battìi. Schinzare. 

Tagliar l'oro battuto in quattro parti. 

Sguildrar. att. T. de' Calzol. Rompere o 

Scucire il guardiane. V. Guilder. 
ScmitzÀi. 8. m. T. di Cacc, Guinzaglio, 
Lassa, Lascio. Striscia per lo più di 
sovattolo, la quale sMnGla nel collare 
del cane per uso d'andare a caccia. 
Accoppiatelo, legame col quale si ac- 
coppiano insieme i cani da caccia. V. 
Filagna. 
SgcinzAj. 8 m. T. de' Sell. Falsare- 
dine. Striscie di cuojo cosi dette cbe 
si attaccano alle briglie de' cavalli ap- 
pajati sotto la carozza per impedir lo- 
ro di sviarsi. 

Mollar el sgoinzài. Sguinzagliare. 
Sciogliere il guinzaglio. 
Sguizzar, alt. Guù^are. Lo scuotersi che 
fanno i pesci nell'acqua per ajutarsi 
al moto. 

Sguizzar, att. Fig. Sgusciare. Dicesi 
di fanciullo cbe scappi di mano per 
sim. al pesce. 
Sguizzétta. 8. f. T, d'Orn. Cutrellola 
gialla, Strisciajola. Uccelletto frequen- 
te ne' luoghi paludosi, della famiglia 
delie ballerine ( scovaz^n'nì ) detto da 
Linn. Molacilla flava. Chiamasi cosi 
da* nostri cacciatori anche la Fifa os- 
sia il Vanellu$ erislatus Meyer. 



8G 



4Si 



Sgùra. t. f« Scure, Seura^ Strumento di 
ferro da tagliare per lo più il legna- 
me. Accetta. y« Segroèul e Sguròtt. 
Sgùra doppia. Picciacuto. Scure a due 
tagli, detta anche Latin. Bipenne. 

SgurX. add. m. Rimpulizziio. Fallo pu* 
lito della persona. Spurgalo, dicesi 
un abito fatto mondo dal nettapanni. 

Sgurada. 8. f. Strofinala^ Stropicciata. 
Ripulita, pulimento. 
Sgurada. s f. Macinio. Stropicciata. 
In senso Lubr. 
Sgurada. s. f. Colpo di scure. 

ScuRADJ^K^ifA s. f. Strofinatina, Slropie* 
ciatellu, Fregatina, Strofinio. 

Sguradòra. s. f. Lisciatrice. Donna che 
pulisce per proprio mestiere. I fran- 
cesi la dicono Polisseuse. Y. Sopras- 
sadòra. 

Sgurar. att. Strofinare, Stropicciare^ 
Fregare si dice per lo più delle co- 
se che si vogliono ripulire o nettare* 
Sgurar. att. Arenare. Dicesi di certe 
cose che si pulisconoi. con rena e sai)- 
bifl. 
Sgurar. att. T. de' Lav. Spurare, 
Spurgare. Lavare con lisciva od acqua 
corrente i pannilini che pel loro dili- 
cato colore non possonsi imbucalare. 
Sgurar. att. T. de' Tiot. Accenciare, 
Lunare. Il pulire con cencio o lana 
una caidnja o altro vaso in cui si vo- 
glia tingere con colore divèrso da quel- 
lo che*\i si trovava. 
Sgurar i sold. Far piazza pulita,, 
Sbusare. Vincere altrui tutti i danari 
o checché altro in giocando. 
Sgurar la vista. Scuotere il pellic* 
eione, Trar la bambagia dal farsela 
lo. Macinare ed anche. StropicciarsL 
Cosi per metafora cui non giova spie- 
gare. Al senso proprio si direbbe 
Strofinarsi, Stropicciasi o Fregarti 
gli occhi. 

Sgurars. n. p. Azzimarsi, Slrebbiarsi. 
Lisciarsi, ripulirsi. Dicesi Rimpulizzi* 
re V aquislar pulizia nuova negli atti 
e nel vestire. 

Sgurén'na o>SGURèTTA. Scuricella. Pieeola 
srure. 

Sguròtt. s. m. Piccozzino. Strumento si- 
mile all'accetta o scure ma più pic- 
colo. 



Digitized by 



Google 



123 



SG 



Sgurottàda. s. f. Colpo di pìeeozzina. 
Sgùss. 8. ni. T. de' CeselL Sguscio. V. 

Sgussén. 
Scussa, s. f. T. delle Arti. Sguscio. Co- 
si dicono i falegnami un incavalura 
fatta in un legno per calettarlo con 
un altro, e che pur si chiama Fem- 
mina, Incanaialura, Gli architetti di- 
cono Guscio, Cavetto, e Grec Tro- 
chilo un membro d'ornamento d* ar- 
chitettura. 

Scussa o fah. Sagrata, Sagraiina, 
Sagratona, Fame di quella . sagrata o 
sagratina. Fame maleUetta. 

Scussa d*un libbe Sguasciatura. 

Fatt a scussa Sgusciato, 
Scossar, nti. Sgusciare. Propr. Cavar dal 
guscio. Altrim. Incavare a sguscio. 

ScussAR LA FAVA. Sgranare la fava. 
V, Sgranar. 
Sgussén. T.^de.' Cesell. Sguscio. Specie 

di profilalojo, o ferro incavato. 
Scussòff ScuzzòN. V. Piula arsana. 
Sì. sost. // si. L* atTermativa. 

Sì. avv. air. Si. Contrario di no. 

Si. Seconda pers. dell* Indie, pres. 
de' verbi Essere e Sapere che vale 
Siete, Sapete.' 

Si. a. m. T. Mus Si Settima sillaba 
del moderno solfeggio. 

Si NÉ? Si ehy Termine del quale ci 
serviamo per dimostrare che abbiamo 
conosciuto r inganno cattivo tratta- 
iDento, che alcuno ci abbia .fatto , od 
abbia io animo di farci. 

Si SA. m. avv. Assai, Molto, 

A GH* É si SA. C è gran tempo anco- 
ra. per. es. Passerà buona pezza di 
teiùpo prima che ciò avvenga. 

A CH* n' é sì sa. e ve n' ha a cataste. 

Andar a dir d'sì. Sposare il matri» 
monio. Dichiararsi sposo o sposa al- 
J*ara nuziale. 

Dir d'sì. Affermare, Asseverare. 

Dir si E HO. Parlare a beneplacito 
{ Cav. ). 

Far sìgn ad si. Far capochino. Pie- 
gar il capo accennando di dire di si. 

I/É si SA. Ira ^ cosa di vecchia data, 

O CHE sì! La si vedrà/ La vedremo! 
Modo per lo più minaccevofe. 

SI NO. dentro o fuora, gua- 
sto o fatto, O Dell* OD modo o DelÌ*allro. 



SI 

Star tra l*8ì b l'no. Star fra dui, 
Star in pendente. Barcollare, Sitar 
sulle due acque. Stare irresoluto. 

SÌA. 8. f. T. d*Agr. Brania, Passata* 

Ed anche con voce propria ma di ooo 

bel suono. Porca. Spazio di terra tra 

solco e solco detta meglio se graode 

Campetto. V. Sion. La Maneggia che 

taluno vuol sinonimo di Porca, sigili* 

fica invece quello spazio di terrt^no die 

ai serba io un campo dopo la mieti* 

tura per distendervi sopra i covoni. 

Sìa. Sia. Uscita del verbo essere 

ta nelle frasi. 

Che s'sìa. Comunque sia. 

Sìa col che 8*sìa. Succeda che 

le. Quel che vien viene. 

Sia. add. m. Rappreso, V. Sièrs. 

SiALÉN SiALÉTT. s. m. Plccolo seiallo, 
E se piccolo affatto dicasi FazzoUtta 
da collo. 

Sialén'ra. 8. f. Sciallina, Scialle stretto 
e lungo. 

SiÀLL. 6. m. Seiallo, Specie di grande 
fazzoletto, che portano le doDue in 
sulle spalle. 

SciÀLL A STOLA. ScicUUno a stola ( Bre- 
sciaoi ) Piccolo scialle ripiegalo a fog- 
gia di stola. 
SiXll d*véll. Velo da collo. 
SiÀLL del zilé. T. de* Sarti. Goletta 
del panciotto. Le partite del panciotto 
che scendano sul petto a mo* di seiallo. 
SiXll zopp Seiallo, zoppo. Seiallo o* 
pernio per metà, e per metà lìscio. 

SiALPA. V. Siarpa. 

SiARADA. 8. f. Sciarada, Franz, d* uso 
Motelto? Enimma che consiste nel 
prendere in diversi significati le di- 
verse parti di una parola. Logogrifo, 
sorta di enimma più lunga e coroplk*ata. 

Siaradìsta. s. f. Scrittor di sciarade. 

SiÀRPA. 8. f. T. de* Car. Cassetta, Sede- 
rino che sta innanzi alle carrozze nel 
quale siede il cocchiere nel guidare t 
cavalli. Serpe e Serpa, son Franze* 
sismi. ^ 

SUrpa. 8. f. Sciarpa. Ornamenlo che 
cuopre il collo alle dotine e va sino 
ai piedi. 

SiÀRPA DA oFfiziiL. Ciarpa. Banda, 
fascia cintura che per distintivo por- 
lanQ gli uomini di guerra. 



Digitized by 



Google 



SI 

SilRpA d' lana. Gcieiione. Gront é 
lunga strìscia di .maglia di lana, a uno 
o più colori che portasi l' inverno at- 
torno al collo. 

Ferb ola siXftPA. Grucce. Ferri soste- 
nenti il sedere isolalo de* cocdiìerì. 

Montar m siàrpa» Montare a eaneh 
#a (Berti). 

SiABPÈf. 8. m. Sederino di tergo. Sedile 
de* servi dietro le carrdxze. 

Surpén'iia. s. f. Pìccotofoorfkiy ed an- 
che Ca»9ettina. ^ 

SiARPÉif*!iA. s. f. Cravatta. Striscia' di 
drappo |>er lo più di seta che si an- 
noda al collo, per lo più con fiocco sul 
davanti. 

SiÀRPi. 8 f. T. de* Pilat. Serpi.' Ardii 
di legno concentrici al valico, soda- 
mente femiati ali* estremità di un se- 
condo ordine di stanghe, piantate esse 
pure nello stile, alcuni palmi sopra il 
forcone. 

SiJtmpùN. 8. m. Stola, Siarpa larga di la- 
na che portasi il verno spiegata e di- 
stesa si che cinge il collo, e cuopre 
anche una parte della schiena. 

SiÀRS o SiÀR« Rapprendersi. Rappiglinr- 
8i , congelarsi , assevare, rassegare. Ed 
è proprio delle sostante grasse. 

SiÀTiGA. 8 f. Sciatica. Aspro dolore che 
risiede intorno ali* articolatione del- 
Tosso della coscia coli* osso scio. 

SiÀTicA. 8. f. Fig. Seccaggine. Zecca, mi- 
gnatta, mosca culaja. Si dice di per- 
sona incresciosa, importuna, fastidiosa 

Siai. (s aspro). Esibito. Offerto, prof- 
ferlo. V. Esebi. 

Sibilla, s. f. Lisciapiante , Mazza a li' 
sciare. Bastóne un po' ricurvo col qua- 
le i caliolai li|8trano le suola delle 
scarpe. 

SiBiLLòif. 8. m. Giuoco delia sibilla, ^r- 
cizio e divertimento letterario nel qua- 
le colui che si finge la sibilla ris4>on- 
de sempre cose estranee alla domanda. 

SiBÌR. ( 8 aspro ) Esibire. Y. Esebir. 

SibOti. 8. t T. Furb. Scarpe, e più pro- 
priamente scarpe sdruscite che appena 
si possono calcare a modo di ciabatta. 

Sicàri. 8. m. Sicario, Quello che iiccide 
altri per altrui mandato. Fig. Mercan- 
te usurajo, nefario. 

Shuié? Orbene f E cosi? 



SI 



i33 



SiciLiAifA* 8 f. T. de' Frenai. Fiocchetto. 
Arnese che pende dall* imboccatura, di 
alcuni morsi per rinfrescar la 'imbocca 
de* cavalli. Ua|: 

Aneli Campanella. 

Cadnètti* • . » Catenuzze. 
Olivetti .... Favette. 
Taccaja .... Telarelto. 

SicDR. 8- m Sicuro, Sicurtà. 

SicuR. add. m. Fidato, Infallibile, 
Sicuro, Leale. Osservator di pro- 
messa. 

Dar per sichr. Affermar per vero. 
Dir£ affermatamente ( Bart. )• 

Sicura, s. f. T. Furb. Porta del carcere. 
Sicura; aw. Sicuro, Sicuramente, 
Certo, Certamente, 
Far LA SICURA. T. de* Career. Stor* 
flore le a^tuioni. Visitar di notte le 
carceri, e sperimentare se siavi rot- 
tura di ferriate, cancelli, muraglie ecc. 

SicuRAHÉNT. Infallibilmente. Senza fallo. 

SicuRAH. att. Inchinare. Stabilir salda- 
mente checchessia con chiodi, chia- 
varde, o chiavetta. V. Assicurar. 

SicùliAR L*ALBER. T. dc' Squcr. Amar- 
rare un albero. Guarnirlo del suo sia- 
gio, delle sue sartiei, e del suo biso- 
gnevole. 

Sicurézza. 8. f. Contro forte. Quelle cose 
che si aggiungono ad altre per dar 
loro maggior robustezza e solidiià. 
Sicurézza, s. L Sicurezza, Certezza, 
Sigurtà. 

Carta d' sicurézza. Carla di passo, 
o di sicurezza. 

Dir con sicurézza. Dire a bocca pie* 
na, cioè accertatapiente. 
Per più sicurezza, il cautela, A si» 
gurtà,.A ben essere. 

SiGutÉRAT. Man. Latina che nel senso suo 
naturale vale Come prima o Com' era 
primoi e dicesi di chi operando l^na 
sempre alle medesime azioni. 

SicuT IN CELO. '5/0^0. Dicesi tra scherz. 
% iron. (Quando un oggetto fragile ci 
8Cappa di mano, dà in terra e^va in 
cocci. 

Sìdòn. T. Furb» liiio. 

SiBLT..add. m. Scello, Prescelto. 

SiSLTA. 8. f. Scelta. Lo scegliere, elezio- 
oe, ed anche la parte più squisita di 
checchessia. 



Digiti 



zedby Google 



iU 



SI 



Roba sielta, // fior delie robe, 
SiPòN. s. m. Si/òne. Cancello vuoto deo* 
tro. Sifoncino, diminuì. 

SiPòif. 8. iD. Comodino^ Orinaliera. 
Gassa da orinali. 
SiFRÀN. 8. m. T. de' Sarti. Ceppo da eeot- 
lalure. Come mitra ed è il nome che 
ora la mitra modificata conserva. V. 
Mitra. 
SigIll. 8. m. Suggello s Sigillo. Stnimen- 
lo per io più dì metallo nel quale è 
incavata i' impronta che si effigia nella 
materia colla quale si suegella. E di- 
cesi pure dell* impronta che vi rimane. 

SigIll da arloécj Càondoli/ Ghian- 
dine ecc. V Zugattién. 

SiGÌLL DI DiPLOH. Salimbacca, Arnese 
ritondo a guisa di scatoletta che si po- 
ne pendente da una cordicella ai pri- 
vilegi, patenti e simili. 
Sigilla, add m. Siiggellalo. Improntato 
con suggello. 

Andar sigilli. Sigillare o Suggella^ 
re. Abinare. Combaciare: turar bene: 
unirsi strettamente ad ahra cqsa. 
SiGiLLÀDA. 8. f. Suggellamento. L'atto del 

suggellare. 
Sigillar, att. Suggellare, Sigillare. Ser- 
rare segnando o improntando con sug- 
gello. Fig. Gabbare, Tniffare, Im- 
Brogliara uno. 

Sigillar o aver sigillX. Sigillare o 
Aver sigillato, Bei'e o aver bevuto un 
bicchier di vino dopo i^angiato, per 
non prender più altro di quel pranzo, 
cena o colazione. 
SiGn. 8. m. Segno, Segnale. 

SiGif. 8. m. Calza. Quella legacela o 
èimile che sì lega alle gambe de' polli 
per contrassegnarli. 

SiGN. 8. m. Cenno. Segnò, gesto. . 

SiGN. 8« m. Fig. PrtnoBlico, Indizio, 

Presagio, 

SiGN. 8. m. T. de' Bigat. Calcino, 
Malattia del baco da séta che è pro- 
dotta dalla vegetazione di una muce- 
dine d* un fungo microscopico che si 

f;enera negli umori del baco e che svi- 
uppandosi sulla superficie esterna del 
suo corpo in l'orma di muffii einerina 
ne Cagiona subito la motte. La.muc^' 
ffinea ricordata è la Botrylis bauiana 
Bah. 



SI 

SiGif. 8. m. T. de* Bilanc. Tacche. T. 
Taj. 

SiGN. 8. m. T. di GiuoCCeitno. Mo- 
vimento convenuto della mano «IH 
corpo della testa pel quate si fa io- 
lendere se si ha buono in mano e «li 
qual grado sia il trionfino a cui si ae- 
cenna. 

SiGif. 8. m. T. de* Ltbr. SegnaleHo. 
Laccctti.di nastro collati per lo più a 
lembi' de* fogli di un messale per ìb« 
picare il luogo delle giornaliere prea. 
Segnacolo, Siratlo, segnale de' mastri 
o simili che esce Aiora dal margine a 
indicazione de' punti ove si deve a- 
prire. 

SiGÌf. 8. m. T. Mil. Segno o Scopo. 
Il punto circolare del bersaglio ove ai 
tende ad imberciare il colpo. 
' SiGif . 8. m. T. Mus. Segno. Nome ge- 
nerico di tutti I caratteri musicali. 

SiGN. 8. m. T. de* Tess. Passino. Se- 
gno che fa Torditora ad ogni giro 
dell' orditojo. 

SiGif ARALDicH. T* de' Tip. Segni arai» 
dici. Segni d'armi o imprese osati 
da' Tipografi. 

SiGif ASTRoifoiiicH. T. do' Tip. Se^i 
astronomici, cioè sole, luna, pianeti, 
costellazioni ecc. A simìglianza di cfue- 
sii hanno ancora I tipografi segni Al- 
gebrici, Botanici, Chimici, Geologici, 
Mineralogici, Zoologici ecc. 

SiGif DA STRADA. Ihdìcator viùle. Palo 
con cartella in alto indicante ove e«Hi- 
duca una strada. 

SiGN DEL BAS. Succio, Rosa. V. Sin* 
zòn. 

SiGN DEL LiGÀM. Riscgatura. Quel se- 
gno che rimane nelle membra proce- 
dente da una forte allacciatura. 
. SiGif DEL HÀRTéLL Battitura. Que* sol- 
chi che fanno i martelli ne' metalli, 
battendoli a dilungo o in altra guisa. 

SiGif DEL s'ciARòN. Rigatura. Le im- 
pressioni lasciate nella forma del ca- 
cio dal tralicio. 

SiGN DEL VAROéDL. ButUrO. 

SiGN DI RASTARD. Crepundc. I con- 
trassegni che si mettono agli esposti 
per essere riconosciuti. 

SiGN DI PBZZ. T. de* Gess. Biee&iUrL 
le tracce che laseian le giuntare éd^ 



Digitized by 



Google 



SI 

k fiMYM Higit slycchioi cbe M M €•• 
▼ano. 

SiGN DLA CRÒ9A. Scgno (kUa croce. 
Quel segoo che distingue. U cristiano. 

SiGN DLà FiòLA. BalzL I segoi che 
lascia la pialla nel piallare il legno a' 
ritroso, ossia contro l'aodamenio iia* 
turale delle sue fibre. 

SiGif DLA TAioÈuu. SbictfatUra. Quel- 
la forma che lascia la biétta uscendo 
del legno o del corpo che ba spac- 
cato. 

SlOfI D*NA CAMPANA. TOCCQ, SiniOCCO, 

Suonata, ma locco dicesi ógni colpo 
. che il battaglio dà nella campana, ria» 
tocco è il dar tocchi separati e distinti 
.ad intervalli, suoiMito e meglio sonala, 
'irale sonare con lungheua determina- 
ta e seguita di tempo. 

SiGff D* HA FRIDA. Cicatrice, Margine* 

SiGR D* PÈNNA Tirata di penna. 

Sion in tla fazu. Catenaccio. Gran 
cicatrice sul viso. 

CiAPPAR IN TEL SIGN. Dar giuito* 

Dar el sign. Recare indizio. 

Fargh sòra un sign DLA CRÒSA. Man» 
dare o Laeciare segnata e benedetta 
una cosa, vale disfarsene interamente 
per non più rivolerla. 

Far diGN. Accennare. Far segno, dar 
cenno. Additare, Accennar col dito. 
Ammiccare, Occhieggiare, Accennar 
•eogtt occhi. 

Lassar bl sign. Lasciar la traccia. 
Lasciar Torma, il vestigio, il segno, 
intendendo ariche la macchia, il tivi- 
dorè, il rossore, la cicatrice, o altro. 

Passar i sign. Trapassare i segni. 
Passare i termini, eccedere. 

Star a sign. Slare a seano. Ubbidire. 
StGURTÀ. s. f^ Stcurla. Malleveria, mal- 
levadoria, fidcjussione. Promessa di 
mantener sicuro, assicurazione. Soda- 
nmto (B. L. ). Sigurtà è voce anti- 
quata. 

SiGURTÀ. s. f. Mallevadore, Fidejus* 
sore. Promettitore, che presta malle- 
veria, che promette per altri. Corri» 
sponsale, T. Leg. Che è reciproca- 
mente mallevadore in solido con altri. 
Espromissore, quel mallevadore che 
non si obbliga ad' un debito pecunia- 
rio, ma ad alcuna cosa da farsi. 



SI in 

Dar siGORtÀ. Dar mallevadore. Dar 
cautela. Sodare (Sacch. )• 

Far la sigurtà. Entrar sigurtà (Dan- 
te). Slare sodatore o pagatore (A* 
malt ) . 
La sicurtà n* é ròr'na s* u nb s' paga. 
Chi vuol sapere quel che il suo sia , 
non faccia malleveria. Chi del suo 
vuol esser signore, non entri malie* 
vodore. Chi entra fnallevadore, entra 
pagatore. 
Pagar la sigurtà. Uscir pagatore. 
SiLÀGCH DiL boti. Vcrghcggiatura. V. Ver* 
nigpn. 

SiLACcR D* UN LiGAM. Riscgatura. V ef- 
fetto di un legacciolo che troppo strin« 
ga la carne. 
Silenzi, s. m. Silenzio. Il tacere e T as- 
senta di qualsiasi rumore. 
Silenzi! Zi7/o/ Modo imp. eoi quale 
si impone il silenzio. 
SiLGA. T. de' Stracc. Bavella. Quel filo 
che si trae dai bozzoli posti nella cai- 
daja prima di cavarne la seta. V. 
Strusa. Manetta, Queir ultima grossa 
pelatura che si cava dal bozzolo prima 
di tirarlo, o porlo nella caldaja. 
Silgrén'na. s. f..T. de' Strace. Codetta. 
Prima filaccia raccolta col cranaiino 
nella caldajuola da benzoli difettosi che 
costituisce una delle inferiori qualità 
di bavella. 
Silvi, s. m. T. de* Stamp. Silvio» Sorta 

di carattere minore del testo. 
SmÉN'NA. V. Zimén'na. 
SihbtrIa. s. f. Simmetria, Ordine e pro- 
porzione delle cose fra loro. Ametria, 
vale r opposto di simmetria. Euritmia, 
ordine ben inteso delle parti relativa- 
mente al lutto. 

In sihbtrìa. Simetriato. Fatto con si- 
metria. 
SiHiA s. f. T. di Zool. Scimia, Scimmia, 
Bertuccia, Monna. Animale notissimo* 
La Simia silvanus di Linn. Coceare, 
quell'atto di sdegno che fa, se irri- 
tata. 

SiHiA. s. f. Fig. Bertuccia. Ebbrietà, 
ebbrezza. 

SiHiA CON LA COVA. Mocaco. V. Ma- 
caco. 

Far la siri a. Far la scimia. Sci" 
mieggiare. Contraffare, imitare. 



Digitized by 



Google 



426 SI 

SiMiADA. B. f. SeinUeria. Ridioola imitt* 

zioiie. 
SiMiAE. atL V. CoDtad. Roisomigliare. 

SoiDigliaret 
SiMiL. udii. 111. Simile. Conforme* 

Ogni simil ama el so simic Ogni ii* 

miie ti Ktto iimiie appeli$ce (Bocc. 

Corb.). 
SmiLoa. 8. m. Simiioro. Lega di xinco e 
di rame. Toinòaceu, lega consimile ma 

** che talora si compone di stagno e di 
ottone. Orpelio, Rame io sottilissime 
lamine la cui superficie è in lutto si- 
mile air oro. 
SiHiòTT. s. m. Seimioiio. Scìmia giovine. 
Fig« Bertuccione, uomo brutto e con 
trai'atto. 

SiMiFARA (col primo a rimesso) Sninfia» 
Smorfiosa, lernia, leziosa, smanziera. 
Piena di smorfie, leij, smancerie* Mor- 
inierosa. 

SiHiTÀRA. s. f. Scimitarra. Sorta di 
spada. 

S1111T61V. 8. m. Ciiietterie. I lezj e gli at- 
ti caricati delle donne civette o ailcl- 
tate. V« Semitòn. 

Simon, nome proprio Simone. 

Per san Simon asWbstìssa i v^ciòn. 
il saia Simone ( 28 ottobre ) il venia- 
glio ii ripone. 1 calori estivi sono ces- 
sati. 

ZuGAR A SAN SuiòN. Giuocare a guan» 
ciaiin d'oro. V. Zugar. 

Simonìa, s. f. T. Bccl. Simonia. Merca- 
tanzia delle cose sacre e spirituali. 
Confidenza, T.'CAtì. Specie di simo- 
nia nel conferire alcun beneficio, ri- 
traendone un frutto illecito. 
Usar SIMONÌA. Simoneggiare (Pali.). 

Simpatìa, s. f. Simpatia. Impulso natu- 
rale cbe porta ad amare. 

SiMPATicH. add., m. Simpatico. Che ecci- 
u simpatia. 
Esser simpatica. Simpatizzare. 

SÌMSA. Cimice. V. Zimza. 

Simular, att. Simulare, Mostrare il con* 
trarlo di ciò cbe si ha nell* animo. 

Sina. prep. Sino, Fifio, Ineino, In fino. 

Si.^AGOGA. 8. f. Sinagoga. Tempio adu- 
nanza di ebrei; Fig. ChiuchiurU^a. 
<^hiaccbicrio di più persone in una volta. 

SiNcéR. add. m* Sincero. Puro, schietto, 
\critiero. 



SI 

Surcéa che l* acqua d* pantàn. Leale 
come un Zingano. Dicesi di persona 
finta. 

SiNCERARBS. D. p» Sincerarsi. Veoìr ia 
chiaro* . 

Sinceriti, a. f* Sineerità. 

SiNDicH. 8. m Sindaco. Colui cbe rap- 
presenta il Comune in assenza del Po* 
desta. 

SindrXca. y. Sandràca. 

Sinecura, s* in.^ (Latin.)* Pagamoria. 
Impiego che non richiede da ubi Toc- 
cupa -altro che V assumerne il titolo e 
il goderne la retribuzione o stipeudio. 

Sine pine dicentes. Biodo Lat che signi- 
fica Senza fine. '' 

Sinfonìa, s. f.- Sinfonia, Armonia. Con- 
cordanza di slxuineoti musicali. Irou. 
Frastuono, rumore confuso di luolte 
voci. 

SiNGouR. add. m. Singolare, Pariieotare. 
Réndrbs singolar Uscir di greggia. 

SiNcdLARizzARES. u- p. Singolarizzo^sL 
Rendersi singolare. 

SiNiLiA. 8. f. T. delle Crest. Ciniglia. 
Nastrino o Tessuto di seta a modo di 
bruco che serve per goarnizioui* 

Sinistbr. s. m. Storta. Distorsione nu- 
scolare in conseguenza di uno sforzo. 
Sinistro, vale disgrazia, accidente, in* 
(austo. 

SiNisTER. add. ro. Sinistro, Manco. 
Che è dal lato opposto al destro. * 

Dar un sinistre. Storcersi un piede, 
una mano ecc. Muoversi Tosso di esse 
parti dal luogo suo. 

SiNiSTRBLA Stinèi^. s. f. SpoUeiSaf 
Quella pane del fondo delT aratro avi- 
ta quale posa il rovesciatolo ( asse ). 

SiNòDAL. T. Eccl. Sinodale, 

SÌNOCH 8. m. T. Med. Sitieco* Aggiunta 
di alcune febbri continue, nelle qo^K 
le funzioni del sistema nervoso, o di 
qualche parte di esso sieno ueiabd- 
inenle alterate. 

SiNsÀL. V. Sensàl. 

SiNTèR. 8. m. Senliere, Sentiero- Piccola 
strada via per cui si cammina. Trag- 
getto, piccolo sentiero non frequeou- 
to* Sdrucciolo, sentiero che va alla 
china. Pesta, parie della strada segna- 
la dalle pedate dei viandanti* Andari, 
Viali, quei viottoli' bene accomodati 



Digitized by 



Google 



SI 

ne' giardini o in simili luoghi per co- 
modo di passeggiarvi. Gallare, è quel 
seuiiero ene dalla via conduce alla*ca* 
sa del coniadino o all' aja od al po- 
dere. Calkj è voce generica, che nel- 
r Ilio Toscano esprimo per lo più stra^ 
delia ebe munii per Terla. Dicesi Pan* 
china, quello spazio di terra che è 
traile guide della strada » e gli orli 
delle fosse laterali. 
SiNTEa. & m. T. de' Fun. ondano. 
Luogo dove si fila o si torce la canapa 
per le funi; dicesi aucbe Scalo. V. 
Aodana. 

SiirrìLLA. 8. f. T. de' Gioj Ghiacciuolo. 
Difello delle gioje che sono come in* 
crinale per esser state tratte con trep* 
pa violenia dalla cava. 

Sirtìb il pitanzi. ÀBiaggiare. 

St%TÌa EL CAVALL. T. d*£quit. Avere a sé 
il cavallo. Conoscerne la forza e l' in- 
dole per valersene utilmente nelKam- 
luaesirarle. V. Sentir. 

SiNTòa. s. m. Sentore, Odóre, avviso, in- 
dizio di qualche cosà. 

SiNTBÈrr/SiMTHÉN. s. in. Senlkruolo. Pie- 
culo sentiero. Andari, si dicono quei 
corti viottoUhene accomodati ne' giar* 
dilli, nelle ragnaje e in Si fatti luoghi. 

SiNZÈa, SiNzeaiTÀ. V. Sjncèr, Sincerità. 

SioccÀzz. s. m Scioccone, Seioccaccio, 

SioccH 8. m. Baggeo, Scimunilo, Di po- 
co senno o prudenza. Sciocco^ dicesi 
un intingolo scipito o senza sale* 

SioccBàzzA. s. f. Sctocc/ies^a^ Scioccag^^ 
yine. Scioccheria. Scipitezza, stoltisiii. 
Far oil sgioccdézzi. Folleggiare^ Far 
cose da sciocchi. 

SioèuL. s. m. AmìUo. Y. Asioèul. 

Sion. s. m. Mugolato. Quello spazio di 
campo, quella branià ( sia ) più larga 
due o ire volte de' quaderni compresi 
tra solchi disunti circa un metro tra loro, 

Sioa. s. m- Signore. Che ha dominio o 
signoria oppure che è ricco di averi. 
SiOR 8. m. T. di Giuoc. Signore, 
Bardotto. Quello fra i 5 giuocalori che 
è dalla sorte escluso dalla partita ma 
gode degli utili del giuoco. Quello che 
i Frane dicono Biat* 
Sion. add. m.Vìf. Eccellente, Ottimo, 
Sfoggiato. E dicesi di pranzo, di pie- 
lènza ecc. 



SI 



l« 



SioR? Che cosa ^ ChediUf Usasi in- 
lerrogando chi non si intende. 

SiOR SI- Così è. Modo affermativo. 
Signor si, Messer si. Frase recensiva. 

Con niemt an s* dvénta sior. Il fiw 
me nonr ingrossa d' acqua chiara. Prov. 
che sì riferisce a coloro che troppo 
prèsto arricchiscono. 

Far el sior. Gratideggiare. 

Farla da sior. Far il signore. Spac- 
oiarsi per gran personaggio, trattarsi 
alla grande. 
Siora. s. f. Signora, e schcrz. Signoressa. 

SiOHA. s f. Fig. Sgualdrina, Civetta. 
Donna di mal affare: donna ardila ciie 
amoreggia con l'uno e con l'allro. 
•SiORA. s. f. T. d'Entom. Libellula, 
Damigella. Sorta d'insetto a lunghe 
ali di vari colori, corpo pure allun- 
gato, e .svelto di forme, detto da Linn. 
Libellula depressa. 

SioftA LIVIA. T. Furb. Gendarme. 

Andar a siori. Bordellure, Andare 
in gattesco. Andare in chiasso. 

Far la siora. Guadagnar di peccato. 
Viver d'amore. Merci riciare. 
SiORÀzz. s. m. Signorazzo. Signor gran- 
de, d'alto affare. Signorazzaccio ae« 
ci*e8cit. 
SiORÈTT. 8. m. Signoretio, Signorello. Si- 
gnore di piccolo Sisto. 
SiORéN. 8. m. Signorino. Si dice per vez- 
zo a persona. 
Sìorén'nà. 8. f. Signorina e Fig. Sguai» 

dvinella. Puttanella, civetttna. 
SiorU. 8. f Signoria- Ricchezza. 

Andar in siorìa. Esser in siorìa. Trai" 
tar con signori, Praticar con signori. 

Don dì siorìa. Figurai. Addio fave» 

Per dire la cosa è finita, è spacciata. 

E dicesi pure È festa come nel caso 

addotto alla parola S'ciavo V. 

SiORòN. 8. m. Signorazzo. Un signor 

grande. 
ÌSioaoTT. s. m. Signorotto. Discretamente 

signore. 
Sipari. V. Separi. 

SiRA. 8. f. Sera. L'estrema parte del 
giorno. Serata, lo spazio della sera 

in "Cui si veglia. 

Dar la bòn*na sira. Dar la buona 

sera. Salutare altrui nel tempo della 



sera. 



Digitized by 



Google 



ISS SI 

Pàk ciba Fior «ero. CMMiBart 3 V 
tempo sino alla sera. 

Paas siaA. Farsi seftu Venir la senu 
A$serar$L 

bf t'el fa» dla siai. La sera in 
sul far bruzzo. Verso sei'a» essendo 
il brusio « bruxzolo o crepuscolo: quel- 
Torà nella quale se ne va o sparisce 
il giorno. 

In TLA siiA. À sera, Posio il sole. 
(Cav.) 

Vbas sira. il//' ofròofsor del giorno. 
In altro siguif. Ponenie, Occidente , 
Ovest. La parte donde sembra discen* 
dere il sole. 
SiaÉLA. s. f. T. de' StoT. Tagliere. Disco 
di legno che è sulla parte superiore 
del palo della ruota e sul quale lo 
stovigliajo lavora V argilla colla stecca. 
Siringa, s. f. T. Chir. Sciringa. Cannel- 
lino rotondo, liscio, simile ad una pen- 
na, cbe s'introduce nella vescica per 
cavar fuora l' orina ecc. 

SinÉHGA. s. f. T. di Cuc Sciringa. 
( U. Tose. ) Piccolo sifone o cannella 
rotonda a più usi. Ha 

Cassa Cassa. 

Manòtti • • • • Manichi. 
Sburlapasta. • • Calcature. 

Stèla Boeea o Stampino. 

SiBii. 5a/ti/o. 

Par un siri!» Fare un saluto. Sala- 
tare: augurare il buon di, la buona 
sera. V. aiu'be Sansàn. 
SiRiNGAt. att. T. Cbir. Sciringare. Ado- 
perare la sciringa per cavar fuora 
r orina. 

SlRINGAt LA PASTA. T. di CuC. 5ci- 

ringare. (Cuoco Liv.) Ripassare nella 
sciringa la pasta detta sciringata pri- 
ma di friggerla in pezzi bislunghi. 

Siro s. m. T. Chir. Scirro. Tumore. 

SiaòccH. 8. m. Scilocco, Scirocco, Si- 
rocco. Vento cbe soffia fra levante e 
mezzodì, e dicesi anche quella tem- 
peratura che |>roduce nuvolo o pioggia. 
Esser siròcch. Esser dolcore di tempo, 
( Frane. ) 

Siaò?i. s. m. T. de' Cac. Sièro. Quello 
che riman nel cacav.o (caldèra), do« 
pò che se n*è levato il cacio. 

Sinòpp* s. m. Siroppo, ScUoppo, Sci' 
roppù. Bevanda medici nule fatta con 



n 

dicoiioBi o soflii d'erbe eonditi eoa 
zucchero, t^ìsi dicono ì cuochi anebe 
certi sughi o estratti coi quali rcgH 
lano p condiscono le vivande* 

SiAOPPÉH. a. m. Siroppeuo. Siroppo kg- 
giere. 

Siaa. a. m. &irro. V. Siro. 

Sis. s. m. Ceee. V. Zis. 

SiséacEL. s. m. T. Bot. Mochi. Varietà 
della cicerchia che produce gli slessi 
eflèttì suir uomo della seguente. È il 
Lathyrus cicero Lion. 

SiSfitaA. s. f. T. Bot% deerehia. Piaau 
annua che seminasi ne' campi di col* 
lina per ingrasso de' bestiami ed i 
eoi semi produtìsero la paralisi delle 
gambe mangiate in tempo di carestia. É 
il JLathyrus sativus Linn. 

SisèTTA s. f. t. Bot. PesiBront. Erba 
comune ne' prati e ne* campi umidi. 
E la Letoria glauca del fieauvois. Coà 
chiamasi anche il Ceee saivatieo, oana 
r i4s/ro^a/tis ctcer Lino. . 

Sisma, s. f. Seisnia. Divisione» separa- 
zione, discordia. 
'Na sisma. Zizzanioso. Che semina 
zizzania o discordia. 

Sisò. s. m. T. de' Lego. Pedano. Soru 
di scarpello stretto e grosso, 

SisÒRA. s. f. Cesofa. V. Forbsa. 

SissA o Sizza. V. Zizza. 

SissoLA. s. f« Bozzolo. V. Sèssla. 

Sistèma, add. m. Riordinato, AssezUOs. 

SisTEMAB. att Assestare, Riordinare. 
Dar sesto, dar buon ordine. 

Si^TBMARES. n. p. Acconciarsi, AzseztarsL 

SiSTBHA^iòN. s. f. Riordinazione, Rior- 
dinameiìto. 

SizèLL. s. ni. T. de' Cesell. Cesello, Pro- 
filatojo. Strumento àfi cesellare o in- 
tagliare i metalli fatto come unosear 
pellelto. Cacciabotte, strumento a fog- 
gia di cesello, che serve agli ottonai per 
fare gli sfondi: e ve ne ha di pii 
grandezze. 

SizàLL A GRANA. PuHtino. FèrroUoò 
da segnar sui metallo piccoli punti o 
segni. 
SizàLL BOTTONI o DA FÉN. T. de* Cesell. 
Svenaiajo. Specie di cesello cbe fa U 
pelle più morbida, -cioè di grana pia 
sottile e più fffanita. 
SizéLL PIAN. Pianatojo, Piano, Specie 



Digitized by 



Google 



SI 

dì scarpello ìiteio eoo eui si dà al 

\ bromo venuto cod pulicbette per Ji- 

•ciarlo. 

SiZBLL TONO. Pianutojo eolmo. Specie 

' di cesello da lirar il kyoro in piaoo, 

o per gli scaenellati. 

SizLADòR. 8. m Ceullalore. Artefice che 

lavora di cesello. 
SiZLAR. att T. de' CeselL CestlUire. La* 
Torar eoi cesello figure d' argento , 
d'oro o d'altro metallo ridotto in 
^ piastra. 
SiSLÉN. s. m. T. degli Oref» SifomiÈqjo, 
Spezie di cesello che fa la pelle del- 
r ero più morbida, cioè di grana più 
sottile e più granita. 
SiZLéR GAY. T. degli Oref. Perlina. 
Sorta di cesello convesso per lavorare 
le parti colme dalie lastre. 
SiZLÉTT. 8. m. Ce$eliitw, Ce$eUeUo. Pic- 
colo cesello. 
SiT. s. iB. Sito. Luogo,, situatione, si- 
ioainenlo, abitazione, ed anche nei 
nostro dialetto lo diciamo spesso per 
Pùdire, i\>sxfssiofie^ 
SiT ni BUTTAR I CALZWASZ. Seurico* 
SiT DA CARGAR. Caricatojo. 

SiT DA SCAROAB. StfOrtOHlOfO. 

SiT FRBSCB. T. d* Agr. Graceta. Ter- 
reno grasso e fresco che produce 
inolt' erba. 

SiT MALBifìiA. Che tu sia mahaettof 
Che li venga il malanno! Modo d' im- 
preeacione. 

SiT scòs. Ripostiglio. 

Srr YoèuD. Luogo spigionato. 

A srr A SIT. À luogo a luogo. Qua 
e colà, qua e la* 

Aver tòn iif col sit. .4ìw* tino sotto 
la tacca ikllo soccolo. Averlo a noia, 
dìsprezzarlo, non istimarlo. 

Ili QVALOKQCE SIT SE SIA. DoVUnqUC 

altro fosserv. { 3art* ) 

Sitarlìtt. V. Sitén. 

SiTizz. s. m. Luogaceio* Luogo bratto 
e meschino. 
Srrizz. s. m. Grillaja. Podere sterile. 

SiTÉM. s. m. Luoghicciuolo, Luogo pic- 
colo e meschino. Poderetto, PoderuC'' 
eia, piccolo podere. Sitérello vale odo- 
ruzzo cattivo. 

SiTòN. 8. m. Latifondo y riunione di molti 
poderi o possessioni. 



SL 



4» 



SrrvAR. att. Situare, Collocare. 

Sitvaziòii. s. f. Situatione. Sito, posi- 
tura di luogo. Pig. ottona o Mala 
fortuna. 

SivÉ. s. m. T. de* Cuoeh. ( dal frane. 
Civet. ) Manicaretto di lepre. Vivanda 
fatta con carne di lepre pet lo più 
regalata e ridotta ad Intingolo. 

SivÉ. s. m T. degli Oriv. Cristallo. 
Quello pochissimo convesso che ponesi 
sopra le mostre degli oriuoli deUi a 
cilindro. 

Slzz. s. m. Sugo o Liquor del ktame. 
Liquido che cola dal letame ammon- 
talo nel letamajo o che si depone nel- 
la sugaja ( busa del sizs ) scolandosi 
il pacciame e le urine delle stalle vi- 
cine. 

Slacciar- alt. T. di Ferr. Cavar la lop* 
pa. Aprire il foro mediano della sco- 
della, fondo del forno, e cavare la 
materia impura ohe galleggia sul fer- 
raccio fuso. 

Sladinà. add. m. Allentalo, Lasco, Sciol- 
to, Scorrevole, Molle ^ Trattabile, 
Flessibile, Pieg fievole. 

Sladinar. alt. Aueniare, Lascare. Ren- 
dere più lento: far che una cosa strin- 
ga meno. «> Sciogliere, rendere molle, 
trattabile eoe. 

Slahadura. s. f. Sma/to/tira._ L' opera- 
zione di smallare le noci. 

Slamar, att. Smallare. Cavare 11 mallo 
alle noci. 

ShAUk. add. m. Sbroceqto, Sfilacciato. 

Slahàr il ponti. T. de* Libr. Stigliare 
i correggiuolù 

Slanars. n, p. Sbroccare, Sfilacciarsi. 
Diccsi del refe e sim. quando perde 
la bava. 

Slanoròn. 8. m. Sciatto, Sciammanato. 

SLANDRòrf*NA. s. f. Londfa, Seiamma* 
nata. Donna sucida, indecente, ed 
anche Donna disonesta. Sciatta. 

SuNGORiR. intr. Sdilinguire. Venir meno. 
. Far SLAHcoRiR. Far penare. Far pa- 
tire per troppi stenti o per poco vitto. 
Far slangorir i solo. Fare storiare. 
Darne a micino, farli sospirare. 

Slantbrnàr; att. Vedere, Scorgere ecc. 
V. Sluiiiar. 

Slanz s. m. Lancio. Salto grande. Sbalzo. 
De slauz. J}i primo lancio. Di volo. 



Digitized by 



Google 



150 



SL 



SL 



A dirittura, in un subilo. In altro 
signif. A briglia rotta, A tolta corsa. 

SlahzI. Lanciato, Scagliato. 

SlanzI. add. m. Svelto, Snello: E 
dicesi di cosa goffa o tropoo grosso- 
lana che si renda più sottile, aflusaU 
e gentile. 

Slanzàr. att. Lanciare. Slanciare, sca- 
gliare, gittar con impeto. 

Slahzòtt. s. tn. T. Furb. Brodo 

Slapp SlapazOcch. Alemanno, Tedesco» 
E detto in senso più spreg.. Sporco, 
Jnconlinente. 

Slàr. s. m. Sellajo. Colui che fa selle. 
Fra noi il sellajo fa pure altri lavori 
di cuojo non solo, ma molti altri re 
lati vi alle drapperie delle stanze, al- 
1* interno delle carrozze ecc. Brigliajo 
dicesi chi fa solo brìglie. Addobbatore 
chi solo addobba appartamenti Le o* 
peràzioni, gli strumenti e le cose ad 
esso attinenti, sono 

OPERAZIONI 

DEL SELLAJO. 

ArBlar . • . • Raffilare. 
Briccar • • • • Punteggiare, 

Cusir Cucire. 

Imbottir. . • • Imbottire. 

Montar • • • • Armare. 

Qnattar • • • • Foderare, Riveàtire. 

Tajar Tagliare, 

Zontar . • • • Congiugnere. 

STRUMENTI 
DEL SELLAJO. 



Arfiladòr . • 

Bricch • . . 

Caprétta. . • 

Cortell da ^àr 

Forbsa . . . 
Forbsa da gross 
Goccia da basi 
Lésna . . . 
Machina. . • 
Martèll da slàr 

Mezzalòn'na 
Passacorda . . 
Portafinimènt • 



• Raffilatoio. 

• Rigatojo. 

• Morsa a coscia. 

• Coltellaccio da va- 

ligiajo. 

• Forbice, 

• Forbici a grossa. 
, Ago da bastieri. 

, Lesina, 

• Segnalojo. 

• Martellino da im» 

bukttare. 
. Coltello in piedi. 

• Passacorde. 
. Reggisella. 



Rampén da slàr . Cavapelo. 


Scaruadòr 


. . . Coltello da seaman 


Spagh . 


, . . Spago. 


Spolètt . 


. . .• Stampo. 


Tonajòn . 


. . . Tanagliane. 


COSE ATTINENTI 


AL SELLAJO. 


Bardèla . 


. . . Bardella. 


Bardlòn . . 


• • Bardellane. 


Braga. . 


. . . Imbraca, Braca. 


Bria • • 


. • . Briglia. 


Camàj . < 


. . Capperuccia? Te- 




stieraf 


Capeltòn . 


. . Sopraschiena. 


Cavézza • 


. '. Cavezza. 


Cavzòn . , 


. . Cavezzone. 


Colàni . . 


. . Collane. 


Coram • . 


. • Cuojo. 


Cordòn . 


. . . Guide. 


Dosséra . 


, . . Dossiera. 


Filagoi . . 


. . AllungìiC. 


Filétt. . . 


. . Filetto. 


Fior . . , 


. . Flòre. 


Foétt. . , 


. . Frusiino, Sferza. 


Fornimént 


, . . Finimento. 


Frusta • 


. . . Frusta. 


Fust da slé 


Q . . Telajo. 


Gropéra. . 


. . Groppiera, Posali' 




no, Posolatura. 


Guidi. V. Rèdna. 


Martingàl 


• . Camorra. 


Mascadizz . 


. . Maschereceio. 


Mascaròn di 


1 fini- 


mént . 


» . . Borchia. 


Moscaroéula 


. • Paramoscht. 


Paramoschi. 


• • Cacciamosclu. 


Passabridòn 


• . Passanti. 


Passaguidi di ferr. Portaguide. 


Pél . . . 


. . Borra. 


Péli . . . 


. . Pelli 


PéU . . . 


. . Pettorale. 


Pettoral . . 


. . Pettiera, lìeggipeUo 


Quarlén'ni . 


. . Copcrliue. 


Rédna . . 


• . Redina. 


Scurii . • 


• . Scudisci. 


Sela . . . 


. . Sella. 


Slén . . . 


. « Sellino. 


Sottcòva • , 


. • Sottocoda. 


Tirant • . 


. . Trapelo. 


Zonclén . . 


. . Gombina. 


Zinturén 


. . Cinturini. 


Zuccott . . 


. . Apjjannatojo. 



Digitized by 



Google 



SL 

Slàii ali. Sellare, Mettere la sella. 

Slàregh s. id. T. de' Sari. Lasciatura, 
R'nnesM. Quella ri voltura di roba, 
che nel cucire le vestimenla ai lascia 
libera dalla baoda interna, pel caso 
occorra di slargarle o slungarle. Di- 
cesi però più propriamente Slargata» 
ra, la lasciatura per uso di slargare, 
e Slungatura o Allungatura^ quella 
che serve per slungarlo. • 

SlaUgabobsa. s. m. Piccion tenero. Cosi 
dicesi scberz. chi per prodigalità o per 
troppa fidanxa ne* brogliooi paga spes- 
so lo scotto altrui o presta il suo sen- 
za cautela. 

SLABCACoèca. s. m. Lietezza, Conforto. 

. Fausto evento, compiacenza o gaudio 
che ci tocchi in momento di angustie 
o di aiigoscie. 

Slargada. s. f. T. de' Sei. Jncrociamento, 
Specie di graticolato che formano tra 
loro i iiii della seta inaspa!a per la 
variante obbliquità de' giri dell' asse 
del nnspo. 

Slargada. s. f. Allargala, Slargata, 
Lo allargamento di uira cosa. 
Slabgaua. s. f Fig. Spnmpanata, 
Vanto, Esagerazione Aggrandimcnto 
inopportuno delle cose in parlando. 
Millanteria. 

Slargadé5>a. s f. Allorgatina. Pìccolo 
allargamento. Eiogerazioncella , pic- 
cola esagerazione. 

SuRGADòR. s. m. Allargatore, Colui che 
allarga. V. Slargòn. 
Slargadòr s. ra. T. degli Oriv. Al- 
largatojo. Specie d'asta d'acciajo fi- 
nissjmo che serve a lisciare ed allar- 
gare alquanto i fori tondi di qualche 
pezzo - Dilatatore, Dicesi uno stru- 
mento chirurgico per dilatare le parti. 

SuRGADòRi. s. f. T. de' Tabac. Sundito- 
re? Le donne che nella nostra fab- 
brica de* Tabacchi attendono ad aliar- 
gare le foglie di tabacco accartocciate 
per farne «le coperte de' zigari. 

Slargadcra. s. f. Allargatura, Slarga- 
tura. Lo allargare. Fig. Sbracciata, 
Vanteria. V. Siàregh. 

Slvrgar att. Allargare. Slargare, dila- 
tare, ampliare, òli stampatori dicono 
un carattere slarga più o ineno, per 
far iniondcrc che tiene più o meno 



SL 



431 



di luogo, che consuma più o meno di 
carta. 

Slargar, metaf. Ingrandire, Magni^ 
ficare. Esagerare* 
Slargar* att. T. de* Capp. Sfoggiare. 
Allargare il cappello per metterlo sul- 
la fai*ma. 
Slargar att. T. de' Tabac. 5/«n(/rre. 
Aprire le foglie accartocciate e dìMon- 
derle per farne le vesti o coperte a 
zigari. 

Slargar el latt T. de' Cac. Espan* 
derlo. Asolarlo, Passarlo in vari bec- 
chi in piccola quantità perchè non fer- 
menti troppo e si conservi. 
Slargar il gambi. Scosciarsi, 
Slargar la man. Largheggiare, Esse- 
re generoso, usare liberalità. Sbracia» 
re, largheggiare prodigamente. 
Slargar zo. Distendere, Svolgere, 
Sciorinare checchessia perchè sia \e- 
duto. intero come, lenzuolo, drappo e 
sim. 

Slarga AES. n p. Allargarsi, Slargarsi. 
Divenir largo. 
Slargares. n. p. Distendersi, Dilatare 
il desiderio. 

Slargars ¥.1 coÈUR. Rioverst , Riconfor* 
tarsi. Racconsolarsi, Tornare a nuo- 
va vita. Sentir conforto, consolazione. 
Slargars in zintura. Fig. Uscir del 
manico. Andar oltre il dovere e le 
convenienze. Altrim. Rizzarsi a pan^ 
ca, rimettersi in avere, in fortuna. 
Slabgars l'aria^ Indolcar l'aere. Di- 
sporsi a buon tempo. 

Slargu ola campana. Curvatura. La li- 
nea cur%a divergente che dalla culatta 
arriva al labbro della campana/ 

Slargòn* s. m. Ingranditore, ed anche 
Millantatore, che si millanta, mena 
vanto e gloria. 

Slarìa. s f. Sellarla. O/Ticina del sella* 
jo, ed anche stanza ove si custodisco- 
no le selle ed altri oggetti tli barda - 
mento. 

Slattadòba. s. f Disvezza Ir ice. Colei che 
ha incanta di slattare i bambini. 

Slattar, alt. Slattare, Divezzare, Spop- 
pare. V. Deslattàr. 

Slava, add. ra. Smafcato, Insipido. Dol- 
ce di sale. Dilavato, pallido, smoiio. 

SLAVACciAMè.NT s. m. DilQvamtìHo * V. 



Digitized by 



Google 



432 SI 

Slavacctar. Dìcesi nocbe per Lagume, [ 
GuazzO' y. Lavèll. 

Slàvacciaa. ati. Dilavare. Con^amare e 
portar via lavando, luimoliare. 
Slavacciar el stònegh. InPineindire 
lo stomaco. Cagionar viocideiza, mol- 
lezza debolezza allo stomaco. 

Slavaccuòn. 8. m. T.* Furb. Cimitero, 
Andar al slayacciòn. Morire. Aùdar 
tra i più. 

Slavahèmt. 9. m. T. de' Liq. Abbasna- 
mento. Lo scemarsi di forza de* liquori 
spiritosi, per TaggiuDla di un poco 
d'acqua, o per essere spossata la di- 
stillazione di quella materia, dalla qua- 
le si otteugoDo sul finire. 

Slavorazzar. att. Lavorucchiare. Lavorar 
poco, a stento, o di mala voglia. 

Slazzar. att. Slacciare. V. Deslazzar. 

Slén. s. m. Sellino. Piccola sella. 

Slén. 8. m. T. de' Sell. Arcione. Quel- 
la parte della sella e de' basti fatta ad 
arco. 

Slén o SlX. add. m. T. di Vet. Sel- 
lalo. Dicesi quel cavallo che ^la la 
schiena, la quale piega tro|)po verso 
la pancia. 

SxENOUAzzòN. s. m. Lingtiacciulo, Lin^ 
guardo. Maldicente. 

Slén'na. s. f. Scliina, Sellelta. Piccola 
sella, ma piò grande del sellino se- 
condo la forza del dialetto. 

Slépa. s f. Schiaffo. Ceffata, gotata, guan- 
ciata. Percossa nel volto a mano aper- 
ta ina colla estremità rovescia della 
mano, 

SLEPèN. s. m. Mastellone. Guancione, 
ceffone 9 rovescione. V. Masslòn. 

Slìber. 6. m. V. Coot. Emicrania ed 
anche Compressione cerebrale. 
T4RAR su EL SLÌBER. Scotennare il «in- 
cipiief Mon saprei come esprimer me- 
glio un atto^ non so se più ridicolo 
doloroso, pel quale certi nostri mon- 
tanari ecrcaoo di liberare taluno dal- 
l' emicrania simil malore, tirando 
tanto i eopélli del calvario al paziente 
findiè (credono) la cotenna si stac- 
dìi dulie essa d&l sincipite. 

Sugar, att. Sk^tre^ Sciogliere dai le- 
gami ' 

Slicar. alt. T. de' Gioj. Sf&fciare. 
'Dislegare le gioje dai \em « anelli. 



St 

Sligar I CÀN. Sguinzagliare, ^io- 
gltere i cani. 

Slind. add. m. Svelto. Sciolto ddla per- 
sona. 

Slippa. 8. f. Disdelta. Sorte awe^M,tfe^ 
tuna. V. Deslippa. 

Slippà. add. m. Disgraziato, Un tstco 
di disdelta. Si direbbe di persone di- 
sgraziatissima. 

Slìppete, Slàppetb Tifffte, T^/fe/e. Vo- 
ci imitanti il suono dello schiHJTeggii- 
re, còme il J/j^fe Ta/fe del vocab. imi- 
tano quello del combattere. 

SLÌ8sm. 8. m. Liscio, Lisciamenid, li* 
sciatura. V. Lis e Sbrèved. 
Dar el slIssid. Lisciare. 

Slitta, s. f. Slitta. Spezie di carretto 
senza ruote tirato da* cavalli, per w* 
rere gli uomini sul terreno nevoso ed 
agghiaccialo. V. Léssa. 

Slòccar. alt. T: d'Agr. Spulare, tcnr 
la pula , la loppa , ò la lolla } cioè quel 
guscio delle l)iade che rioìaoe io tem 
nel batterle. 

Slocchì. add. m. Svegliato, Scosto i ^i- 
sensato. Cosi dicesi chi si fa riavere 
da uno stato di stupidaggioé o di stor- 
dimento. 

Slocchir. att. Scuotere, Svegliart. Ri- 
tornar uno in senso. 

Slòfer. att. (Dal Ted. Schlsfen). ^' 
mire, e come sost; Riposo. 
Andar a slòfer. Andare a poUojo o 
a cercar domani. Andare a dorroir». 

Slòfete. V. Slòfer. 

Sloga. Slogato, Dishgnto, 

Sf.oGADURA. 8. f. T. di B. Art. Perer^. 
•Ornamento aggiunto ad un opera ei)< 
non ha relazione coli' opera stessa. 
Slogadura. s: f. T. Chir. Slogatura, 
Slogamento, Lussazione. Il dislogara 
delle osaa. Calar tismo, riduzione i 
suo luogo di un osso slogato. Oito' 
mismo, riposizione dell'omero. >4fW*' 
bolo, strumento per rimettere al po- 
sto un osso slogato. J?aflco di j^f^ 
erate, macchina per le iussatiooi Fjf- 
Storpio, Storpiatura, Storcimento. 0»- 
sa che non ben s' acconcia, o non M 
conviene. 

Slocamènt. s. m. Lussazione. Slogami'» 
delle ossa dal luogo della naturale l*»* 
ro situazione. 



Digitized by 



Google 



SL 

Slo^a». alt Shgart, Luuare, Dùh^ 

gare, 
SuMARS. n. p. Shgarti, DUtogarsi, Lus- 
sarci Muoversi di luogo, e 8i dice prò* 
priamenle delle ossa, quando per aiv* 
cidenle«i rioiovaiiu daua loro nalural 
positura. 
Slogais una coéusA. Scosciarsi. 
Slòr. & m. T. de* Basi. Sellino. Parte 
dèi fioiiaento da tiro che sta od luo- 
go della delia e eul quale poggia il 
portastanghe. 
Ai&nkzz DSL sLòN. Catena» Legno in 
arco cbe ha due incanalature nelle qua- 
li s'appoggia il portastanghe. 
Sloiusar. att: Allungare, Slungare, Pro* 
lungare. Rallungare, . 
Slongar el PA36. Affrettare il passo. 
Slongar bl vÉif y e simili. Temperare 
il vim eec» Vale crescerne la quanti- 
tà coir infusione di un altro liquore 
cbe lo renda più debole. 

Slokgar jL BUDELi. AUwsgare il collo. 
Aspettare il mangiare. 

Sldrgar il man. Alzare le mani Di- 
eesi del menar le mani, del battere 
e singolarineute degli inferiori verso i 
•upenorì. 

Sloagar la MAiu Allungare la mano. 
Stenderla e dicesi specialmente del- 
r accattare. 

Slongar la yitta. Allungar la vita. 
Campar oltre, ed in gergo si dice 
dev'essere impleeato. 
SLeNGARBs. D. p. Allungarsi. Farsi. lungo. 
Slorgaris. n. p. T. d* Agr. Accimare. 
Cosi diaesi delle piante quando aliun- 
gitfi di troppo la sua cima. 
Slougaris bl dì. Rallungarsi il giorno. 
Slqngarbs FoénRA. Protendersi. 
Slongarlà D*iNCdÈu A DMÀN. Allungar da 
di in di. Mandar dall'oggi in domani» 
e scben. Appor code a code. 
Smmigq. s^ m. T» di Idr. Dirizzagno. 
JSstremità di un argine che si ingros- 
sa, allungandolo per più saldo riparo. 
Slongb. s. m. T. de' Sell. Tiratojo. 
Quella parte del tirante cbe si unisce 
al collare. 
Slontanamìnt. 8. m. T. d' Astr. Elonga- 
sione. V allontanamento di un pianeta 
dal Goky rispeUo all'occhio dell'osser- 
vatore. 



891 



435 



Slontanar. att. Slontanare, Allontanare, 

Discoslare, Rimuovere da sé. 
Sloktamars. n. p. Dilungarsi. 
SioNTANARES DA TERA. Allargarsi da ter» 
ra. 

Slontanares da un sit. Rimuwersi 
I da qualche luogo, Ceuarsi, Allonta* 
** nursi. 

Slontanares da von. Allienarsi da 
alcuno, Stranarsi, Abbandonarlo. Yol- 
urgli le spalle. 
Sloyà. add. m. AUupatq, Cbe ha sem- 
pre gran fame. 
Sloyada. s. f. Pacchialona, Sparecchia" 
la. Diluviata. Mangiata grossa o in- 
gorda« 
Slovatar. att. Scuffiare. Mangiar presto, 
con ingordigia e assai. Diluviare, man^ 
giare con voracità. 
Slovazzòn. s. m. Diluizione, Diluviatore* 

Mangione. 
Slozar att. Sloggiare, Diloggiare. Par- 
tirsi far partire, dall'alloggiamento, 
andarsene o mandar con Dio. 
Far slozar. Diloggiare» Cacciar dal- 
l' alloggio. 
Slcmada. s. f. Occhiala. Guardata. 
Slumar. att. Vedere. Scorgere » scoprir 

cogli occhi, osservare. 
Slumaregh poch. Balugitiare, Tirar pò* 

co di mira Aver cattiva vista. 
Smaccà. add. m. Ammaccato. Fig. &er- 

gognato. 
Smacgadura. s. f. Ammaccatura. Ammao^ 
camento. 
Smacgadura. s. f. T. de' Ram. Fitta» 
Ammaccatura nel corpo di qualche va- 
so per caduta o percossa* 
SMAcrADURA. T. degli Oref. Pelle. La 
raaccatura clie lascia nell'argento, oro 
o sim. il colpo de' ferri come ceselli 
ecc. 
Smaccadurén'na . s. {• Ammaccaturina. 

Piccola ammaccatura. 
Shagcar. att. Smaccare. Svergognare. 
Smacgar. att. Ammaccare. Alquanto 
meno che infrangere. 
Smacgar la fazia. Rompere il muso. 
Smacch. 8. m. Smacco. Ingiuria, torto, 
svergogna, disprezzo. Scorno, Diso* 
fiore, add. Ammaccato. 
Smagcia. add. m. Smacchialo. Y. Macciàr. 
Smaggiar. att. Smacchiare. Levar le oiac- 



Digitized by 



Google 



131 



Sltf 



chia ed oiithe usctr da una maccliÌA. 
Snaffaròn. s. m Cicalone. Cicalone sci- 
pito ed importuno, che parlilndo spa- 
lanchi la bocca e faccia co9Ì de' vi- 
sacci. 
SmagtiX. add. m. Corroso. Guasto per at- 

trito per leggeri percosse 
Snagnadura. 8. f. T. di Starop Ladro, 
Quella parte irregolare della fraschetta 
che riceve la stampa in vece del fo- 
glio verso le margini. 
S}iAGNAR. alt. Smangiare. Distruggere o 
rodere a poco a poco. «= Sassi siiran- 
gìati. 
Snagnccrar. att. Mangiucchiare. Mangiar 
tratto tratto, a poco per volta. Sboc- 
concellare, denticchiare. 
Smagnucròn. s. m. Mangione, Mangia- 
tore. 
Smagonars n. p. Sfogarsi. Alleggerire le 

proprie passioni narrandole. 
SiiAGòTT. 8. m. Assai, 

I>AREN UN SMAGÒTT. Poggiare buona 
dose, un mondo di busse, di basto- 
nale, e simili. 
Smagrì, add. m. Smaarato, Smagrito, 
Dimagrito e dicesi di persona, detto 
di terreno Sfruttato. 
Smagrir, alt. Dimagrare, Ammagrare, 
Render magro. 

Smagrir la tera. Sfruttare, Sterilire. 
Rendere le terre infruttuose e sterili 
seminandole senza mai concimarle. 
Smalizia, add. m. Smaliziato. Accorto, 

malizioso, ammaliziato, scaltrito. 
Smaliziar, att. Ammaliziare, Rendere ma- 
lizioso. Scaltrire, rendere astuto. 
SiTALiziARES. u. p. Involpire, Intristire, 

Divenir malizioso, cattivo. 
Smalt. s. m. T. degli Oref. Smalto, Quel- 
la materia composta df ossidi metal- 
lici misti a sali fissi o fusibili che si 
pongono per ornamento sulle orerie. 
Berchia, sorta di smalto cileslro. 
Smalt foga. T. degli Oref. Smalto 
ragia. Smalto di color rosso che non 
si adopera che sull'oro. 
Smaltadòr. s. m. Smaltista, Smaltatore. 

Artefice che lavora dì smalto. 
Smaltar, alt. Smaltare. Dare lo smalto, 
U smaltatura, lo smaltamento. Lastra- 
re.T. d'Oref. Spianare i lavori smal- 
tati prima di metterli al fuoco. 



SM 

Smaltici*, s. m. T. di Pilt. Azzurro di 
smalto. Colore che si fa con vetro di 
cobalto, e serve a dipingere a fuoco 
o in isinalto, a tempera o ad olio. 
Smaltir, atl. Smaltire. Dar \ia^ esiUr 
mercanzìe. Dicevi pure per loglierbi 
H dinanzi, far perder alcuna eosa o per- 
sona. 
Smalto, s. m. T. Furb. Burro. 
Smalvazzà. add. m. Malazzato, Chi si 
regge sulle cigne, ammalaticcio. V. 
Sagagnà. 
Smanch. s. m. Mancamento. Deiìcienza. 
Smakch d* cassa. Buca, Vuoto, In- 
tacco. Il disavanzo che risulta in una 
cassa per frodolenta amminii»! razione 
il che costituisce la colpa di Peculato. 
Dicesi Scapito, quel manco di caséa 
che risulta da fallimento di eoi*ri»poo- 
dente o da perdita di grosse parlile 
di merci. 
Smangà. abd. m. Senza manico, 

SMANGib. add. m. Sbracciato. Che ha 

rimboccate le maniche fino hi gomita 

Smangadura. s. f. Smanicatura. T. de' 

Suon. di Viol. V. Snangar. 
Smanoar. att. Cavar il manico, 

Smangar el violén. T. de* Viol. Fa* 
re smanicature. Discendere colla ma- 
no. 
Smania, s. f. Smania. Eccessiva agìlaso- 
ne di animo o di corpo per soverchio 
di passione. Frizzafnento, ^'ecoean^o 
prudore di certe eruzioni cutanee. Cò- 
eimento. Smania che deriva da tìvì 
dolori prodotti da infiammadooe dì 
organi essenziali della vita. 

Smania per *na cosa. Ticchio, Mnrlì- 
naziohc. Passione, pendenza, trasport«t. 
Aver la smania o' saver ti/Tt. Aver 
il ticchio di essere ohni^rio. 
Smaniar, att. Inquietarsi, Essere ioquie- 
to, irrequieto, agitato. == Smaniare, 
Dar nelle smanie, nelle furie. Infu- 
riare, delirare. Assillare, 
StfANiEROS. add. m. Sinanieroso. Scortese. 
Smanili, s. ro. Braccialetti, Maniglie* 
Cerchietti d*oro, talora giojelfati, con 
cui le signore cingonsi per ornaoienii» 
le braccia o i polsi. 
Smanios. ad<l. m. Smanioso. Pieno t^i 
smanio. Affannone, Quegli clic do^uii 
cosa si prende soverchia briga. 



Digitized by 



Google 



6M 

SiiÀiitU. add. m. Smtmieliato. Diroccalo» 
sfasciato. 

Smàntlar. alU SmanUUare. Dismanlella- 
re» diroccare» roìnare. 

Smakucrar. alt. Manlruggiare. Maneg- 
giare» trattar eoo mano: brancicare, 
stanooare, palpeggiare» malmenare. 
Gualcire. V. Manlrusar. 

Smarca, add. m. Senza marea. 

Smabcar. atl. Torre le marche. 

Smargina, add. ni. Smarginato. V. d*u. 
Libro a cui sieno state tagliate molto 
e margini. 

Smargimar. alt. Smarginare. Tagliare le 
margini de* libri. 

Smariassada. 8. f. Smargianala. Smar- 
giasseria» rodomontata» bracata, mil* 
laqterìa. Talora lo diciamo anche per 
Rabbuffo, risciacquata» reprimènda ri- 
prensione» correzione. 

Shariassòh. s. m. Smargiauo o Smar» 
giassone. Cospcttoi^» spaccone. Bra* 
vazzone. 

SmarinI. add. m. Dighìacciato. Squaglia- 
to» rammorbidito. V. Smariuars. 

SMARiriARS. n. p. Didiaceiare, Dighia* 
dare. Sghiacciare. Lo sciogliersi del 

fliiacoio lo scquagliarsi delle nevi. 
lammorbidirsi dicesì delle cose indù* 
ritc dal gelo. 

SiARiR. alt. Fugare. Disperdere: porre 
in fuga. Dicesi Smarrire il perdere. 
Smarir. T. di Caccia. Buisare. Get- 
tare terra e sassi contro la ragnaia 
prr discacciare gli uccelli» perchè ap- 
pannino. 

Smarirs uk color. Smorlire, Smontare. 
Scolorarsi. 

Sharmaja. 8. f. Marmaglia, Bordaglia, 
Canaglia. Gente vile ed abbietta. 

SmarolU. add. ro. Smidollato. Privato 
del midollo. Fig Slombato, Sfinito di 
forze e altrim. Lanternuto, magro al- 
lumpanalo. V. Smarollars. 

Smamollar* Smidoilare. Tor ^ia la midolla. 

Smamolars. n. p. Trar la bambagia dal 
fareetto. Snervare» indebolire per trop- 
po coito. =s Smidollarsi vale spogliarsi 
di lutto» impoverirsi» per lo più nello 
scopo di giovare un dilapidatore o di 
sostenere un impresa rovinosa. 

SmascarX. add. m. Smascheralo. Senza 
maschera. 



SM 



i38 



SmascaRar. atl. Smascherare. Cavar la 
maschera. 

Smastlar. atl. Sfassiare. V. Desmasllàr. 

SxAzzÀ B Smazzar. V. Desmazzar.* 

Smazzcccamànt. 8. ro. Dicervellamento» 
Affaticamento grave e luogo del cer- 
vello intorno a cosa difficile. 

SxAzzcccAR. alt. Dicervellarsi. Lambic- 
carsi stillarsi il cervello. 

Smazzcccars. n. p. Scaparsi, Almanac' 
care. Appostare intentamente qualche 
verità. 

Smela. 8. f. Favilla, Scintilla, Ignicolo. 
Corpuscolo o parte minutissima di fuo- 
co. Lojola, Lojuola, scintille che scbiz* 
za no dalle legna» o da carboni accesi. 
Favolesca, Favalesca, Fanfaluca, por* 
zione di frasca o simile che abbru- 
ciata si levi in aria. V« Soèuri. 
Smela. 8. f. V. Furb. Bestemia, Im» 
precazione. 
Smela del mazz. T. di Cari. Gallóne 
Zola. Grossa bietta di legno da tenere 
in punta il mazzo alla sua stanga nel- 
le gualchiere* V. Tajoeula. 

Smeli del ferr. Ferrugine. Quelle scorie 
infocate che si staccano dal ferro ro- 
vente quando si balte suir incudine. 

Smemorià. add. m. Dimentichevole , Di» 
mentico, irricordevoie . Che facilmente 
dimentica. Smemoriato, che ha per- 
duta la memoria. 

Sméngla. T. Furb. Giovanetta, Ragazza. 

Sménta, s. f Sementa. Semente, semen- 
za, seme. Ogni cosa che si semina. 

Sménta d* canva. T. d*Agric. Cana* 
puccia. Il seme della canapa. 
Sménta di folsej . Seme di bachi 
(Frane). 
Sménta d* lén. Linseme. 
Sménta polsinada. T. d*Agric. Seme 
sbianchito, ^icesi delle uova de' bachi 
da seta quando nell' incubazione bau 
preso un color chiaro che ìndica es- 
sere il baco vicino ad uscirne. 
Andar in sménta. Semenzire. Fare o 
produr seme. Tallire, far il tallo e 
dicesi di lattuga e sim. quando s'in- 
nalza per far il seme. 

GUSSA PELA DLA SMÉNTA. FolMcoio , 

. Foilicola. 

Smf.ntén*na. s. f. Sementa di trifoglio. 

Sménza. V. Smonta. 



Digitized by 



Google 



{3« 



SM 



SkENfiB, aU. Se$k€n$an. Mettere h lem 
a seme. Seminare. 

SmluuLD. s* m. T. 4o' Gioj. SitifitiMo. 
Pietra preaiosa di. uà bel verde. 

9iiiiiUDé!i*iT4. a. f. Smeraldino o Vtrde 
• minerak. Sorto dì verde cosi detto 
perchè aomiglìa aol eolore allo soie* 
raklo. 

Smebc'. 8. m. Ento, Spaccio, VendiUt. 
Lo spacciare le cose con buona aorte. 

SHEUDiPÀTAJà. a. f, MtrdeiUme, Ugna» 
noUo. Giovinetto insolente ed iacauto. 

Smeroar. att. Snwrdare. Imbrattare di 
sterco, insosiare, insudiciare, sconca- 
care. Mondar dalia merda. Far OKmdi 
i bambini lordati di sterco. 

SvERDòif. 8. m. M&réeUone, Merdoso* Im- 
brattalo di merda. Figurai. Arrogan- 
tone, arrogaotaccio, iavone, soffione, 
goolUgotc, gonOanogoli , pallon da 
vento, scioccone. 

Shbrdòn*na, Smerdonazza. 8. f^ Mona 
merda. Si dice per vilipendio a iohiz- 
linosa e superba jfemmina. 

Sherglar. att. Piagnucolare, Piangola- 
re, Sbietolare, Beìart. Voci espri- 
menti il piangere rendendo un certo 
suono doglioso. 

Sherglar. att. Mugolare, NOrire, 
Vagolare ecc. Voce contadinesca che 
denota in genere il gridare di certi 
animali, e nel senso vario secondo gli 
animali stessi. ¥• Vera. 

SHeRÌLi. 8. m Smeriglio, Polvere mine- 
rale durissima che serve a segare le 
pietre dure e a brunire Taccìajo. É 
i1 (erro ossidalo quarzifero deirHaiìy. 
V. Spontili. 

Smeriliar DAR EL smerìli. Smerigliare, 
Brunir Taceiajo collo smeriglio ecc. 

SiiésTEGii. add. m. Munsueto, Manso, 
Maniero. Persona od animale di ca- 
ra (tc'e trattabile. Domestico, è più 
propr agg.di pianta opposto a selvatico. 

Smestgàr. V. a. Ammansare, Ammansi- 
re. Far mansttelo. Addimesticare, e 
dieesi delle bestie e delle persone. 

Snestgabes. Fig. Apparentarsi, Affratel- 
larsi. Procedere eon alcuno con più 
sicarezza che non comporti la decen- 
za, né il convenevole. Dimenticarsi, 
Addomesticarsi, prenderai delle ille- 
cite confidenze. 



SM 

SttÉTTCA. alt SUkeiUrt, DésmHiere^ ^mm* 
tere un usanza, smetlere il ballo» aibet- 
tere un abito ece» 
Shezàr. att. Annneg§are, Dimea^mre. 

Dividere, partir per meno. 
Smilz. add. m. Smilso, Magro. Ma di- 
cesi smilzo chi ha la pancia vuota od 
è stenuata per poco maogiare, magro 
è chi ha poca oaroe per poea a hom^ 
.lubre villo. 
SiiLZA. s. f. T. Furi), ^tfonaa^ Jmim, 

od anche Ragazza» 
Smindgar. alt. Dimenticare, Sooréare, 
Obbliare, Porre in dimenticanza, 
tere nel dimentiealqjo. 
SMiiVBGòif. s. m* Oblioso. Dimeùtk 
Facile a dimenticarsi 
SHiiiDoòif. add. m. Dimemickt^ok , 
Obblivioso, ^memorato. 
Mal del sxihooòr. Male dimmUiea- 
lojo. com*è quello del parto. 
Shhkgol. 8. e add. io. Mingherlino, Smil- 
zo. Scarso, SolliUno,. Magrino. Di 
membra leggiadre ed agili: aii» ma- 
gro che no. 
Smiktén'na. V. Siiienlén*na. 
Siinuìr. att. Diminuire, Menawmre, 
Scemare, Stremare, Ridurre a meno. 
Smìs^ V. Camisén. 

Smisrìr. alt. Stremare. Ristringere, im- 
poverire, diminuire, scemare. 
Shìss. Dimesso. V. Desmìss. 

SmIss. 8. m. t. Furb. Miccio, Genio. 
Smobilia, add. ro. Stnobiliato. V. d' ibo. 

Sfornilo di mobili. 
Smobiliar, ali. Stnobiliare. V. d'uso. 

Sfornir di mobili. 
Smocladòr. s. m. Smoccolatore. Che somk- 

cola. V. Moccar. 
SMODI.AR. alt. Modellare. Far il ittoddlo. 
Smoìoì. V. Smojar. 

Smoéuver. alt. Smuo^^ere, Muovere. Um 
per lo più s'intende con fatiea e drf- 
ncoltà. Smuovere la terra, dicono gli 
agricoltori del muoverla aJqaanlo eoa 
qualche islrumeolo. 
Smojà. add. ed. SmoHato. 
Smojar. ali. T. de* Lav. SmoUmtre, IH- 
mojare. Tufbrc i paoni lini oelFa* 
equa avanti che si pongano ia Lo- 
cato. 
SMOJABoéoLA. 8. f . Vossojo o ToooicUm 
per dimojare i panni. 



Digitized by 



Google 



SM 

SttoftÉTMM. add. m. TramoUkei^* Lèbrieo 
molliccio 9 glutinoso, moccicoM. 

StaoLaiNà. add* Mollificalo, Awtmoròidito. 

Smolsuvaoa. 6. f. Ammorbiiaminto, e 
fig. Piaggeria. Adulazione destra ed 
•ppoiiuoa. 

Dar Olii sMOLSiifAOA. Mollificare al* 
qìtanio^ Fig Piaggiare, 

Sm^lsir AR. alt Ammorbidire, Disasprire, 
Indolcare, Appiacevolire, Imbonire. 

Sholtì. add. ni. Smontalo, Sbiadilo. 

Smoltìb att. Smontare di colore. Dieesi 
óeÙe tinture ebe non mantengono il 
fiore e la vtveiza del suo colore.. 

Shoma dil ròsi. Mallo. V. Lama. 

SaosAA. att. Smallare. V. Scocar. 

Smonti, add. m. Smontato. Sprovveduto 
di cavallo. £ dicesì d'un soldato di 
cavallerìa, cui non sia stato dato, o 
m cui sia mancato per qualsivoglia 
causa ii cavallo. Scomposto dicesi uno 
schioppo le cui parti sieno disgiufite. 
Appi^lo è chi è sceso da cavallo. 
V. Smontar. 

Su Off Taa. att. Smontare. Scendere d' alto 
io basso. 

StfOHTAa. att. T. Mil. Smontare. Ter- 
minare di fer la guardia. 

SaoKTAa DA GAYALL. Sccudere da oo- 
oalio. Appiedare, Appiedarsi. Scavai* 
care. 

SnoMTAR D* GOLoa. Smontar di colore. 
Divenir pallido, e dicesi anche delle 
tiolure che non mantengono il fiore 
e la vivezza del loro C4)lore, scolorire. 
Smontar n'arloéuj ecc. Smontare 
un orinolo. Slegarne le diverse parti 
al fine per lo più di correggerne qual* 
che difetto. 

Smontar un gannòn Smontare un 
eannone. Vale scavalcarlo, levarlo dal 
suo carretto. 

Smontar un s*aopp. Scomporre uno 
schioppo. Sfornire delle sue parti la 
cassa di uuo schioppo» 
Smontar von, Tirarol zo, Quibtabol. 
Calmare, Placare. Racchettare, quie* 
lare uno. 

Smqmtarsòr. s. m: T. degli Arm. BÈor^ 
setto. Strumento simile alia morsa, 
da tenersi in nano pe* lavori sottili 
• per tener compresse le molle nel 
collocarle nella cassa. 



SU 



IS7 



SMORBà. add. m» Smorbai^^ e eoa voce 
incerta ScompuztokUa» 

Smorbar, att. Seompusi^olart. bvar ' la 
nausea con alcuna cosa che riaeeeoda 
l'appetito. Smorbare, levar il. morbo. 

Smorfia, s. f. Scorcio di bocca. Aito che 
si fa sconciando la bocca a beffe e 
dispregio di alcuno. 
Smorfia, Simitòn, DbsnOm. Smorfia. 
Moina, sceda, leziosaggine, smancerìa» 
ritrosia. Dicesi de* lezi di donna o 
timorosa o scaltra o schifiltosa. 
Far dil siiorfj. Far bocchi^ Far le 
bocche. Aguzzar le labbra in verso 
uno in segno di dispregio nella guisa 
che fa la bertuccia, (simia) 

Smorfida. s. f. T. Furb. Corptieeiaia, 
Scorpacciata, Satolla. 

Smorfién'na, Smorfiara, Smorfiòn'ma ecc. 
Sninfick. Lernia, smorfiosa, mormie** 
rosa, siuorfiosetta, smancerosa, rìtrosa, 
ritrosaccia ecc. 

Smorfièn*ki. s. t Daddoli, Fiehini^ Boc- 
cuzze, scede da bimbi. 

Siorfiòn. s. in. Smorfioso, Ritroso, Ri* 
trosaccio. Lezioso ecc. 

Smorpìr. alt. T. Furb. Morfire, Empiere 
il fusto. Mangiare. 

Shorcagn'. s. m. Moccio. Quell* escre- 
mento del cervello che esce dal naso. 
Moccicala, materia simile a' mocci. 

Smorgagnènt. add. m. Moccioso, Moc* 
cicoso. Imbrattalo di mocci. 

Smoigagnòn. s. 01. Moccione. Dlcesi ad 
uom dappoco, quasi non sappia aet- 
tarsi i mocci. 

S110RCÌ.AHENT. s. m. Amorazzo. Cittisbeato, 
aroorcggiameoto, amoi'e. 

Shorosar. att Amoreggiare, Donneare, 
cicisbeare. Far ali* amore, corteggiar 
donne. 

Smorosén. a. m. Civettino. V. Morosén. 

Smort. s. m. Pallore, Pallidezza. Bian- 
chezza livida che vien nel volto na- 
turalmeute e più spesso per paura. 
Short, add. m. Sigiorto. Che è paU 
lido come corpo morto. Interriaio, 
e meglio Interralo, dicesi chi è si- 
mile alla terra di purgo o color ci- 
nerino. Allibito, impallidito per cosa 
che fa restar confuso. Sbiadito, Dito- 
oato, dicesi di colore che ha perduta 
la sua prìma vivacità. Sparuto, Spa* 



Digitized by 



Google 



438 



SM 



rutelio, uomo o faociallo di poca ap- 
parenza e presenza. 
Smort. Grasso. Agg. d'oro^ d'ar- 
gento che non è brunito ^ ed ha il 
colore naturale del nietaHo. 
DviNTAR SMORT. Impallidire. V. Smor- 
tir. . 

S110RTÉN9 Shortétt, Siortott. s. m. Pai- 

' lidiccio, Palliduccio, pallidetlo. 

■ Smortìr. att. Smortire, Impallidire, sco- 
lorirsi. 

Smortìr. alt. T. di Gualch. Diluslrare, 
Abbacinare il lustro de' panni.' 
Smorti» EL color. Perdere l'occhiò. 
Scapitar d'apparenza. 

Smorza, add. m. Spento, Smorzato. E 
dicesi per lo più di fuoco. 

Smorzada. s. f. Spegnimento L'atto di 
smorzare spegnerò un lume ecc. 
Smorzada. s. f. T. degli Oref. Gru- 
mota, Acqua con gruma di botte. 

SMonzADizz. add. m. Morticino. Legna 
che seccatasi naturalmente sul terreno 
in arbore è fucile ad estinguersi nel- 
lo abbrucciarla perchè non si abbragia. 

Smorzadòr s. m. Spegnitore, Smorzatore, 
Smorzadòr s. m. T. de* Piani)f. 
Smorzatore Troversa impannata che 
è come una sordina che da per lungo 
su tutte le corde del cimbalo per i- 
smorzarne la vibrazione e il suono, 
dal che ne venne il nome di Piano- 
forte dato ai cimbali. 

Smorzadura. s. f. T. di Mus. Acciacca» 
tura. Sorta di grazia, vezzo musi- 
cale. Groppo, maniera di cantare, 
di suonare più note insieme Tuna 
appresso l'altra. 

Snorzaméist. s. m. T di Mus. Ammor' 
zamento. Quell'abbassamento pas- 
saggio insensibile di \oce che si fa 
da un tuono superiore a un tuono 
inferiore. 

Smorzar, alt. Smorzare, Spegnere, Estin» 
guere. Ma forse dirassi meglio ^- 
qnere Smorzare il fuoco. Estinguere 
la sete. 

Smorzar, att. T. di Mus. Ammorzare 

Abbassare insensibilmente la voce. 

Smorzar, att. T. degli Oref. Grumare. 

Purgare con acqua e gruma ossia con 

gnimula i lavori d'oro d'argento. 

SMonzAR LA CALzéN*i<(A. T.. dc' Mur. 



SM 

Spegnere ia calce. Gettar acqua iidf 
calcina viva. 

Smorzar la colora. Rappaciare. Cal- 
mar gli sdegni. 

Smorzén. s. m. Spegnitoio. Arnese di 
latta cilindrico per uso di spegnere i 
lumi. V. Smorzepla. 
Smorzén s. m. T. Mus. AmmorzaUio. 
Sorta di bietlina foderata di pelle die 
si pone tra quelle corde del piano- 
forte che si vogliono sorde Dell'ac* 
cordarlo. 

Smorzepìa. s. f. Asta. Quella per 1» più 
di canna che ha da capo uno stoppino 
per accendere i lumi degli altari, t 
dall'altro un cilindretto imbutiforme 
per spegnerli. Quando si usi per ac- 
cendere dirassi più propr. Accenditoio, 
e allorché si addoperi per spegnere 
dirassi Spegnitojo, 

Smoss* add ni. Stnosso. Dal verbo Smo- 
verc. V. Smoèuver. 
Smoss add. m. Allentato. E dicevi 
di chiodi di altri oggetti congegnali 
che sieno stati disgiunti o spostati 
dal loro. luogo. 

Smostaccènt. add. m. Impanicciato. Di- 
cesi di frutti che per essere stati ri- 
posti con troppa forza sono pigiati e 
schiacciati come panicela. 

Smostacciar. att. Impanicciare. Scofacia- 
re, schiacciare, e dicesi di frutti. 

Smostazzada. s. f. Babuffo, Gridata, 
Rimbrotto. 
CiAPPAR 'na smostazzada. Toccarc un 
rimbrotto. Una sbarbazznta. 
Dar DiL SMOSTAZZADi. Affibbiar bot- 
toni senza occhietti. Fare dei rimproveri. 

Smostazzar. Rimbrottate, Sgridare, ed 
anche Rinfacciare. 

Smostuar. att. T. . di Ve t Rovesciare 
la vagina. Chiamasi cohi nelle \ acche 
quel prolasso assai facile, di più a 
iiien grande quantità della vagina, 
che avviene abitualmente, o succede 
al parto. 

Smura, add ro. Smurato. 

Smurar, att. Smurare. Guastare e disfar 
le mura. Camr del muro, levare le 
cose murate. 

SuiTsX. add in. Svisato, Sgrugnato. 

Smusar, att. Ss^isorc, Sgrugnare. Rom- 
pere il viso, il muso. 



Digitized by 



Google 



SM 

Sutss. 8. m. Smuuaturaé SmnisaiDtiiU). 

Smùss olà basfa. Balla. Lo smusso 

cbo r arrotino fo Della rasiera ( raspa ) 

per meglio rileTare il riccio coU'ac- 

ciajuolo. 

Smussa, add. m. Smusso, Stnussalo, Che 
lia taglialo il canto. 

Smcssadoba. 8. f. Augnatura. 

SicssAB. att. Smussare. Sì dice in ge- 
nere del tagliare Fangplo o il canto 
di checcbessia. 

Smussar, alt. T. d' Arch. Stutnsolare. 
Lavorare un peizo sottile in cima e 
grosso- nella base a foggia di mensola* 
Shissar PAR EL SHOSS. Augnare, 
Tagliare a ugna. Tagliare o mozzare 
qualsivoglia casa, come mazza, trave, 
tavola pietra, in modo cbe qel prio« 
cipio il taglio sia largo e grosso, e 
nella fine sottile ed acuto. Dicbsi an- 
che Tagliare a schisa, o in tràlice, 
a quartabuono, ed anche Smentare. 

SiCTLAR. att. V. Cont. Mugghiare, Mug* 
gire. Il mandar fuori la voce che fa 
il bestiame bovino, il che dicesi Mug- 
ghio o Muggito. V. Yera. 

Snavra. 8. f. T. Bot. Senape, Senapa 
nera. Pianta annua indigena, che cresce 
spontanea ne' luoghi umidi, ne' rude- 
ri e negli orti , ove si coltiva per rac- 
cogliere i suoi semi, che servono al* 
la medicina e come -condimento pel 
loro acutissimo sapore. £ la Sinapis 
nigra di Linn. La Senapa bianca che 
cresce particolarmente ne' campi è 
detta Sinapis arvensis da Linn. 
Gnib la snavra al nas. Venir la 
senapa, kk muffa, o la mostarda al 
naso. Adirarsi. 

SravucciX. add m. Snodato. 

Snavucciarrs. n. p. Scapigliarsi. Uscir 
dalla caviglia. Dinodarsi, sciogliersi 
da' nodi, o congiunture, staccarsi, se- 
pararsi. 

Snatucciares. n. p. T. d'Agr Piegar- 
si. Dicesi delle biade che per V ondeg» 
giaaiento che loro cagiona il vento 
piegano verso terra le spighe. 

Snerva, add. m. Indebolito r Infiacchito, 
Sp<Msato di forze, e dieesi di persona 
e sim. 

Snerva. Dilcginc. Facile o piegarsi, 
e dicesi per lo più di carta, drappi e sim. 



SO 



Hi 



Snerva, add. m. T. de' Guaich. Saar- 
bato. Snervato. Quel panno, che nel 
garzo, ( scardassadura ) e nella cima- 
tura ha perduta la sua forza. 

Snervar, att. Sners^are, Snerbare. Tot' 
re il nerbo, infiacchire, spossare. 

Snicciar. att. Snidare, Snidiare. Cavar 
dal nido o dal proprio luogo. 

Snicciars. n. p. Snidare, Snicchiarsi. 
Slaccarsi del suo posto. 

Snizzar. alt. T. <1§' Taroc. Assortire le 
mezze. Separare le carte figurate del- 
le cartiglie o le coperte dalle carte 
di palo. 

Snoda, add. m. S:odato. Mastietlato mo- 
bilmente. 

Snodar, att. Snodare. Contrario di An- 
nodare, Sciogliere. Ma dicesi più spesso 
in senso di rendere mobile o latino 
un corpo rigido. 

Snoéuo. s. m. Snodatura, Chiovola. Pie- 
gatura delle cose nelle loro giunture. 
Nocella, specie di palla posta in modo 
che renda mobile per tutti i versi 
un qualche strumento meccanico. 
Snoéod del ropfétt. Mtifi tritatura. 
Il punto in cui si congiugne il co- 
perchio del solTìetto col palco ed il 
portacanna, 
Snoàud del holòn. Nocca. La piega- 
tura che forma la testa della molla 
del fucile neir archibuso. 
Snoéi/D dla cagna. Nodello. La parte 
che unisce il dente alla leva del cane« 
Snoéud dl' ala. Cubito. La parte del- 
l' ala che si unisce al metacarpo o 
alla parte di essa ove sono le dita. 

Snohblà. add. m. Dilombato, Sciancato. 
Sfibrato, snervato. 

Snovblar. alt. Dilombare, Direnare, 
Sciancare. Fiaccare od offendere con 
fatiche o percosse ì lombi o le reni 
ad uno. 

Snowìblars* n. p. Dilombarsi. Sforzare i 
muscoli lombari si che dolgano. Scian- 
carsi. 

Snudar, att. Nudare. Spogliar ignudo, 
denudare, spogliare. 

So. 8. m. Proprio o Propio. Quello che 
ci appartiene. 

So. pron. d'ogni {gen. Suo, Suoi, 
Sue. 
El so coèUR, I so FioÈu, [l so carti. 



Digitized by 



Google 



Meiier di bocca. 
csposmone di uoa 
pro- 



140 SO 

Jl AU0 cuore, I iuoi figli. Le 9m carte. 

So ISSI. T. Furili In emipagnia. 

Aver dbl 6Q. A^er del «tio. Posse- 
dere. 

Dar bl 80 4 c«i l' va. Dare U prO' 
pri0 di cui è, 

I so. / iuoi i parcntL BL Cimi- 
liare. 

N*ATER GNENT D* SO. EàBcrc $$nza 
proprio. 

ZONTARBGH DEL 80. 

Aggiugnere alla 
missione parole o eircosiaase 
prio capricciu. 
Sòl. proli, f. Sua» 

Dm LA sòA. Eiporre il proprio giu' 
dizio, e scbert. Narrare la propria 
iloriella e sim. 

N* ESSER «GA IK T* LA SÒA. Avcr U 

paturnie. Sonare a maUana. BaUer 
Ja luna. 
Star in t* la sòa. Slar sulle iue. So- 
éienersi. Badare a sé, ai fatti proprj. 

TUTT l CAN TRAN »LA CÒA TUTT I SO- 
NAX VOÉIJLEN DIR LA SÒA Ogui CCHCiO 

vuol entrare in bucato* Ognuno dice 
la sua. Chi fa la casa in piazza o 
la fa alla o tu fa bassa. V. anche Sòva. 

SoARÈ. 6. f. (dal Frane. Soirée) \ealia. 
La serata che si passa in casa altrui 
batlaodo o sollazzandosi coiuecbessia. 

SoATT. s. m. SoaUo. Specie di cuojo 
del quale fannosi cavezze ai giumenti. 

SofiBAomuRi. s. f. T. di Vet. Suggella- 
zione al piede od Echimosi. Inteadesi 
una macchia sanguigna avvenuta per 
rottura di minimi vasi comparsa sot- 
to la suola 9 quando essa viene com- 
pressa in seguito a corse su terreni 
sassosi e scabri , ed anche in conse- 
guenza di cattive ferrature, o di vi- 
ziata conformazione dei talloni. Può 
essere secca od umida. Quest'ultima 
porla il nome di sobbattUura o suola 
ballala. 

SòcA. s. f. T. de* Gett. Baccaglia. Il 
carico de* piccoli getU. In altro sigo. 
V. Sottana e Zoca^ 

SoccòRBR. att Soccorrere, Sovvenire, 
Assistere, Ajutare. Si noti però che 
Soccorrere è aiutare io un pericolo 
imminente. Ajutare è giovare per vita 
per bontà di cuore. Assistere è sop- 



SO 

pniv«gllare per limgo lèmpo in prr« 
sona ai bisogni d' un uumi». Sov^emre 
è OQ ajtttare che si h chi non- è 
stretto ilal bisogno. 

SoccoRs. s. m. Soccorso, Ajutò, Ani» 
slenza, Sooosniinenlo. 
SoccoRs. add. ni. Soccorso, AjuSato, 
Sovvenuto. 

El socgors »* Pisa. Soccorso di Pitsi 
di PalusUo^ Arrecar acqua quando 
la cosa è arsa. 

SoD. add. m. Sodo. Duro, noti arreade* 
vole, e dicesi per lo più di cosa. Po» 

. salo, dicosi meglio di persomi seria 
grave. 

Parlar sol sod. Fa^Uare in zmi so- 
do* Parlare da senno. Dir daddovero. 
Star« soo. Star sodo, star firmo. 
Nou si muovere. Star sodo aila naoc- 
ehia' al macchione. Nop si iaaoiar 
persuadere né svolgere a far eheoahes- 
sia» 

Tgnir sod. Pigliare, Prendere, 7V- 
nere. Per esempio: 
Toni soo st* capell. Prenda, Tene- 
te. Pigliate questo cappello. 

SoRA. a. f . T de' Vetr. Rochetta, ihU- 
verino. Genere portata dui LcTMite 
della quale i vetraj si servono per fa- 
re il vetro. 

Sodar, ati. Sodare. Assodare, fermare, 
stabilire, rassodare. 

SoDARBS. n« p. T. d* Arch. i4sseff0r»L Di* 
eesi ddJa fabbrica che \m a trovure il 
suo sodo col proprio peso. 
SoDARBS^ Far giudizi. Meiser gnedi- 
zio. Far senno. 

SousPAR. alt. Soddisfare* Appagare, pa- 
gare il debito, aquietare ece. 

Sodisfatt. add. m. SoddisfiiK^u Appaga- 
to soluto. 

SoDiSFAZiòN. 8 f. Soddisfiiziont. Ripara- 
zione, espiamenlo. 
Dar sodisfaziòn. Dar soddiefiMone. 
Riparare ad un torto od altro tim. 

SoBNZONOH. s. ,m. (Lai.). Sagfimei. Coà 
trovo nominata nella nostra eronica di 
Fra Salimbeae UBO specie di saggioa 
che si coltivò per le strade ecc. vene 
il 4300 in occasione che la peste e la 
carestia aveva spopolala la noelra città. 

SoÉPDA. s. f. T. d* Agr. Èiaggeee. V. Col- 
tura maaeoga. 



Digitized by 



Google 



so 

SdAoj. 8. ni. Maètetlo, Bigoncia. Vaso 
di legno teou cep«rebèo e ffttto a do- 
ghe, eoe delle quali piò alle e trafo- 
rate , per eomodo di trasportarlo. È 
anche una miaora di liquidi e vale la 
metà d* una brenta. «=> Si adopera . pu- 
re qnal mistura del carbone. Le sue 
parti sono: 
Bitf dil } orèooi. • Pori. 

Cui Fondo. 

Dveli. .... Dogko. 
Orèed . • • • Orecchie, 
Zén'Da • • . • Caprugini. 
Zèrc . • i . . Cerchi. 

Soàuj DA ALSÌA. Eanniere. V. Sojo- 
èula. 

SoÉcJ DA BA6N. TifìOMBa. Vaso di le- 
gno o di rame ad uso di bagnarsi. 

Soèm BA BOGADA. Conca. Vaso di le- 
gno grande e assai eoncafo a simili- 
tudine della bigoncia 9 per uso d'im- 
bucatare i panni lini. Colalojo, dicesi 
lo stesso vaso da imbucatare quando 
è di terra cotta.. 

SoÉcj DA LAfAR. T. do' Lavaud. Ttito- 
goie. V. Bttèxs. 
SoÉvJA. s. f. Beffa, Burla, Berta, Sqja. 

SoéoJA. s. f. T. de' Birr. Bigoncia. 
Sorta di mastello assai grande nel 
quale si spilla dal tino la birra. 

SoÉuJA. 8. f. T. di Cart. Secchia. 
Truogolo poco dissimile del Oisciollo 
nel jqoale si condiiiona il pesto cavato 
col tozzo dalle pile. 

SoÉiUA. 8. f. T. de* Lavand. Canea. 
V. Soèuj da bugada. 

SoÉojA. s. f. T. de' Mugn. Soglia. 
V. Codàlber. 

SoÉojA. s. f T. de' Polv. Sedile Mas- 
siccio df malloni o di pietra, con cui 

è collegaU la ciocca che regge uno 

dei perni degli alberi di uno dei mu- 
lini da polvere. 

SoèciA. s. f T. de' Saln. Tinosza. 

Sona di bigoncio cosi dello dalla sua 

forma ovale simile alla tinozza da ba- 

lunature* * 
SojtoJA DEL PònBif* Altare del fimo. 

V. Pèca. 
SoÉOJA dl'uss Soglia, Limitare. La 

parte inferiore dell'uscio ove pesano 

gli stipiti. 
Dar la soéiia. Dar la berla, la so- 



S0 



Hi 



ja, la quadra, e s'intende per lo pii 
di parole. Dar un piccino alla mano, 
vale roeileggfare alla sfuggita. Dar la 
cenciata, burlare altrui in fatti o i^ 
pareli. 
SoÉDL. s. m. Suolo, Falda. Disteso o 
piano di mercaiansle, o di grasce, o 
di cose simili poste ordìnatsmcnte e 
distesamente in pari l'una sopra l'al- 
tra. Strato, Filare. Le disposizioni in 
piano di quelle terre o cose che ca- 
vando si trovano nel seno della terra. 

A soÉCL PBR soèuL. A iuolo a svolo. 

Metter a soéul a soìitl. Stratificare, 
Assuotare. Por le cose assuolate l'una 
sopra r altra. 
SoÈDLA. s. f. Suola. Quella parte della 
scarpa spettante alla pianta del piede, 
e non al calcagno, che si pone in ter- 
ra. Dicesi anche Siio^o^ ma in plurale 
fa le suola. 

SoècLA. 8. f. T. di Vet. Suola. La 
parte di unghia del cavallo che corri* 
sponde alla pianta del piede e riem- 
pie lo spazio compreso fra il lembo in- 
feriore della muraglia ed i puntelli. 

SoèuLA BRUSADA. T. di Vct. Suolo ah* 
brucciata. Effetto più grave della suo- 
la inGammata per la medesima cagio- 
ne. V. Soèula scottada. 

SoècLA dl' apfOst. T. Mil. Suola. As- 
se posto sotto il pezzo che si alza e si 
abbassa mediante il giuoco della cer* 
niera del meccanismo della puntata. 

SòÀuLA scada. T. di Vet. Suola dis" 
seccata o inaridita. Effetto che si ot- 
tiene quando l'applicazione del ferro 
caldo non è tale ( o per l'intensità del 
calore o pel tempo di applicazione) da 
produrre J' abbrucciamento. Il piede 
vien detto allora alterato. 

SoÀoLA scoTADA. T. di Vct. Suolu in- 
fiammata o riscaldata. V effetto che 
8i produce nel piede del cavallo te- 
nendo troppo applicato il ferro.rovente, 
allo scopo di levare più facilmente l' un- 
ghia, effetto però che si dissipa presto. 

Contar cmé la soécla dil scarpi. Te* 
nere a vile. 

Metter la soéula. Risolare. 

Mezza soéula. Mezza piantella. 
SoéuRA. iB. f. Suora. Monaca, religiosa 

regolare. 



Digitized by 



Google 



442 



SO 



Fàrs soéura. Monacane 
SoÉUBi. 8. f. Monachine, Quelle scintille 

di fuoco che nelP ìDcenerirsi la carta 

a poco a poco si spengono. 
Sopì. 8. ni. Sofà. Sorla di lettacelo da 

sedere. Ha: 

Fianch .... Fianchi. 

Fond fust . . Sedere. 

Imbottitura* • . Imboltìiura. 
. Pe Piedi. 

Rolò • • • . . jRo^o^. 

Schinàl .... Spalliera. 

V. Canapè. 
SòFFEGB SòFFOGH. 8. ni. Soffogamcnlo. 

Impedimento del respiro. 
SòFFEGH GRAN CALD- Caldoccio. Gran 

caldo. Afa, A faccia. Vampa affannosa, 

fastidio^ inquietudine proveniente da 

soverchio caldo, o gravezza d'aria. 
SoFFiòN. s. m T. Mjl. Soffione, Mania' 

chetto. V. Màncs. 
SòFFiz. add. m. Boffice, Soffice. V. Te- 
ner. 
Soffoga add. m. Soffocalo, Soffogato. 
Soffogai!, att. Soffocare, Soffogare. Im- 
pedire il respiro. 
Soffrir, alt. Sofferire, Soffrire, Com- 

parlare. Tollerare ciò che non si può 

impedire. 
Soffrir, att. T. d*Arch. Risentirsi. 

Parlando di edifizj, vale dar indizio di 

patimculo, far pelo. 
Sofisticar, alt. Sofisticare. Sottilizzare, 

cavillare. 
SofIhticu. add. m. Stìfistico, FìsicQSo, 

Schifiltoso per fantastico,' stravagante, 

riiroso. 
Sofìtt. 8. m. Soffitta, Soffitto. Stanza a 

tetto Si dice anche d* una sorta di 

palco ( ussèll ) Soffittane .accr. 
SoFÌTTA s f. T. dì Teat. Soffitta, Cielo 
, del palco. La parte supcriore del pal- 
co scenico de' teatri d* onde si calano 

le scene o dove si ritirano. 
SoFiTTAR. ali. T. d*Arch. Soffittare. Far 

la sonina, impalcare. 
Sofrìzer V. Sufrizèr. 
SÓGA. s r. Fune, Corda grossa. == Tra» 

pelo. Sorla di canapo con uncini che 

serve por trainar pesi e hnrche per acqua. 
SocGÉTT. s. ni. T. di Pia. Tema, Sog* 

getto Argomento o concetta di una 

composizione. 



SO 

SooGÉTT. Sé ffl, X* di Tcatr. Manàt* 
fuori. Scenario. Quel foglio «he si 
appicca al muro dietro le scene affin- 
che colui il quale assiste possa far u- 
scire i recitanti aggiustatamente e a 
tempi debili. 

SoGGàTT. add. m. Soggetto. Dipenden- 
te dair altrui volontà per ordine gerar- 
chico. So/loposto^. pare dicasi meglio 
chi serve per prezzo ad una persona. 
Cattiv soggètt. Malbigatto. . 

Soggettar, att. Assoggettare,. Sonameitt' 
re> 

SoGGETTéri. 8. m. Iron. Suggetlino. Uomo 
tristo. . 

SoGGETTòN. 8. m. Soggcttonc. Persona di 
alto grado o- di qualità eminenti. 

SoGGEZiòN. 6 (.Soggezione, Sottomissio* 
ne, ma la soggezione suppone la vio- 
lenza e nella sottomissione si ritiene 
più meno libertà di moto. 

SoGHÉTT 8. m. T. d*Agr. Capestro. Fu- 
ne con che si legano gli animah alla 
mangiatoja, o me.dianlc la quale si 
guidano aggiogali. 

SoGLiÉRA s. f Calderotte- Caldaja grande 
per. uso di rigovernar le stoviglie. Dil 
volgo de' gualteri dicesi pia spesso 

. Bacciàcia V. . 

SòJA. s. f. Minohiotmtura, Corbellatura, 
Canzonatura, derisione, beiTeggiamcn- 
lo, motteggio. * 

Sòl A. Sa 10. Unione della prima per- 
sona del verbo sapere col pron. io 
usata in moltissime frasi come per es. 
SùJA mi! Che so io! So assai. So iV> 

. mollo! e sìro. 

Dar la sòia. Sojare. Dar la soja. 
Canzonare, cuculiare, mettere in can- 
zone. 

SoJàzz 8. m. Bigoncia sdruscita : eh 
versa, che si sfascia, cattii'a, iarda 
ecc. Talora lo diciamo anche per Bi- 
goncione, bigoncia grande. = Ma pro- 
priamente è così chiamala la Bigoncia 
delle immondizie dei detenuti. 

SojÉN. s. f. Bigoncia jo. Artefice clic com- 
pone bigonce. Barlettajo, facitore di 
Wlctli barilettc. Le operazioni, gli 
strumenti e le cose ad esso atUiietiii 
sono: 



Digitized by 



Google 



80 



OPERAZIONI 
DEL BIGONCIAJO. 



SO 



ii% 



Arvir na borila ecc. 
Far il 2én*oi . . 
Mcltr iosèma . . 
Piolar • . . • 
Sbusirel coccòd . 

S*ciapàr i lego . 

Spianar i favor . 

Siriccar i sere* • 

Tirar il dveli • • 

Zerciar • • • • 



Sdogare, 
Capruginare, 
Far la dogaiura. 
Piallare. 
Pertugiare il eoe^ 

chiame. 
Far le schegge. 
Rineitar t lavori. 
Stringere i cerchi. 
Adilogare* 
Cerchiare. 



STRDMENTI 
DEL BIGONCIAJO. 



Baoca da zero*. 
Bancb . • 
Barcbètta . 
Cadiiau • • 
Cagna • • 
Cavali . . 
Cazzaroèul . 
Corlell da gassa • 
Cortell pr'i icrc'. 
Cortell tort. . . 
Maxzoèul. . • • 
Modén • • • • 
Pigadora. • . • 

Rase* 

SerrenU* . • . 
SguroU • • • • 
Soiibancb • • • 
SiooDgaroèula o Aa- 
sa da peU- . • 
Tcrièla .... 
Znador .... 



Banco. 

Cavalletto. 

Brocco. 

Mannoja. 

Tirafundi. 

Sederino, Ceppo. 

Spina. 

Coltello da cerchi» 

Spacchereilo. 

Coltello a petto. 

Mazzo. 

Modano. 

Piegatila. 

Pialletto torlo. 

Fattore. 

Aicia* 

Ceppo. 

Guardapelto. 

Cocchiumatojo. 

CapruginaU^o. 



COSE ATTINENTI 
AL BIGONCIAJO. 



Barilén da 


viau . BariUetta, Barlet- 
ta. 
. . . Barile. 


Barili. • 


Bnazz. • 


. • • Truogolo. 


Botlazx . . 


. . Bottaccio, Barletta. 


Dvèli. . . 


. . Doghe. 


Masièli . . 


. . Mastelli. 


Mastico . . 


. . MastelUtto. 


S'ccU. .. . 


. . Bigonciuolo, Bu- 




gliolo. 



Séccia .... Secchia. 
Soèuj. • . . • Bigoncia, Mastello. 
Soèuj da alsia. . Ranniere. 
Soèuj da bagn . Tinozza. 
Soèuj da bugada. Conca. 
Sojoèula. • • • Bigonciuolo. 
Zerc* Schegge o Cerchi. 

SoJÉN, Sojérr. s. m. Bigoncina, Bi- 
gonciuolo. Piccola bigoncia. 
SojoéuL DA HOLèTTà Bottìcello. V. SVèll. 

SoJOÈiL. Ghezzo, Porcino. Agg. di 
varie specie di funghi cosi delti dalla 
loro forma. 
SojoÉDLA s. f. Bigonciuola. Piccola bi- 
goncia » mastella. 

Sojoèula. z. f. T. de' Fornaj Poz-^ 
«eAa. Piccola tinozza in cui si immoN 
la lo spazzatojo de* forni. Concolo, di- 
cesi più propr. il bigonciuolo del lievito. 

SojoÉoLA. s. f. T. de' Lavand. Con- 
cheito. Piccolo vaso da bucato. Ran- 
niere. Vaso a similitudine di piccol 
doglio, che riceve o tiene il ranno 
cbe passa dal colatojo o dalla conca. 

SoJOèL'LA. 8. f. T. de' Polv. Tinozza. 
Bigonciuolo conico cerchialo di legno 
entro il quale poncsi la polvere allor* 
che si leva da mortaj. 

SoJoéuLA. s. f. T. de' Slracc. Mace- 
ratojo. Sorta di mastello entro il qua- 
le si faano macerare i guscettì prima 
di porli sullo straccione. 
Sojòif. 6. m. T. de* Lav. Mastello, Ti- 
nello. Vaso di legno simile ad un tino 
ma meno alto entro il quale si fa il bu* 
cato in vece della conca: hi altro si- 
gnif V. Bagn. 
Sòl. 8. m. Sole. Pianeta che illumina il 
mondo e conduce il giorno. 

Sòl. T. Furb. Fuoco, 

Sòl cbe bbosa. Sol die abbronza, o 
cocente. 

Sòl SVOET9 SBiÀTED. Sole annacqua" 
to. Solicello. Sole abbacinalo. 

Andar zo el sòl. Andar sotto il so- 
le. Calcarsi. Tramontare. 

Aver quatter garatòn al sòl Avere 
al sole, oppure Avere del suo al so- 
le. Vagirono possedere beni slabili. 
Aver terra al sole. 

Battù dal sòl. Assolato, Saleggialo. 

Colp d* sòl. Solinola, Stilala. Colpo 
di sole cocente. 



Digitized by 



Google 



144 



SO 



Dab bl sòl alla BOBAf Sohgfìare. 
Ditesi del porre il grano o qaalsiTo* 
glia altra cosa al sole, all' effetto di 
aseiugaHa. 

El calob del sòl. Sùkggiata. V. di 
reg. L* atioae calorìfica e continuata 
del sole. 

Gnib su EL SÒL. Spuntar- il toh. Sor- 
gere, nascere il sole, fìirsi giorno. 

GUABDABS YOLTABS INDBÉ EL SÒL. 

Imaccare. Dicasi del sole quando tra- 
monta attraverso d'una bassa striscia 
di nebbioni densi > essendo il cielo al- 
trove sereno. 

In tl andab zo el sòl. Al diehino o 
chino del sole. Sul tramonto. 

Mbttbb al sòl. Soleggiare, Anoli- 
nare. 

Occ' DEL SÒL. Occhio di 8ole» Sfera 
del sole. 

QUAND BL SÒL EL S* TOLTA INDBÉ, TUT- 
TA LA NOTTA AGH PIOÉUYA ADBÉ. QuaU* 

do il gole intacca in Giove, non è 
iabalo che piove. 

S' BL SÒL DASS BAI IN T* IL HE FNESTRI ! 

Se la palla balia in sul mio leUo! 
Se poeso pigliare la fortuna pel ciuf- 
fello/ Se quelia ciechina volesse girar 
bene/ Se fortigna mi arridesse. Sorta 
d' Interjex. 

SpBBA d' sòl. Finestrata di sole. Di- 
cesi quando s'apre a un tratto un 
ammasso di nubi , per cui passa il sole. 
Stab al sòl. Assonnarsi. Fermarsi 
in un luogo dove dà il sole. 
Va el sòl va. Vanne al sole, cioè 
cedi a me, rìtiraii riconosci la tua in* 
feriorità. 
Sòl. Solo. Non accompagnato. 

Do? ANNI E UN CORP SÒL. Duc anime 
in un nòcciolo. Dicesi di due amicis- 
simi fra loro, che pure si chiamereb- 
bero fratelli giurati. Essere pane e ca- 
cio, anima e cuore. 
Sòl. avv. Solo, Soltanto, Solamente. 
Stab sòl. Tenere la solitudine. 
Sòl. 8. ro. T. Mus. SoL La quinta delle 

note musicali. 

Sola. add. m. Solettato. 

SoLADURA. s. f. Soletiatura. Il solettare 

le scarpe, metter loro le suola. Aiso- 

iatura. Il soleltar le scarpe di nuovo. 

SoLÀN. s. m. T. Bot. Solano, Solairo. 



se 

Pianta di due spezie: Pana detta ìob- 
nifera, 1* altra furiosa. La prima più oo> 
ta tra noi è la Physalis somn^n 
Linn. L'altra è una varietà della BtU 
ladowna. 
SoLAB. s. ta* Granajo. Starna a tettoia 
cui sì rìpone il grano. Solajo, altea 
il piano che serve di palco alla stana 
inferiore e di pavimento alla siipem- 
re- V. Granar. 

Solar, s. m. T. de* Polv. Stendiioj: 
Luogo destinato a stendervi la polve- 
re da fuoco per (aria seccare all'aria. 

SoLAB. att. Soleggiare. V. Dar sol. 

Solar att. T. de' Calsol. Soiàre^ So- 
lettare. Mettere le suole alle scarpe, 
stivali eec. Risolare, mettere nuove 
suola alle scarpe. V. Arsolar. 

Solar, att. V. Coni. • Assuolan. Di- 
sporre' a suoli. 
SoLÀzz. s. m. T. Furb. Manutengolo. Che 

tien mano. 
SoLCB. s. m. T. d'Agr. Solco^ FoaeetU 
che si lascia indietro l'aratro in fen- 
dendo o lavorando la terra, e che poi 
si va affondando nelle testate del cam- 
po col badile. Solcomaestro , il solco 
che divide una porca dall'altra. 

SoLCH ad TESTAbA. T. d' AgT. Capi» 
solco. Quel solco che si fa io capo 
de' solchi arando, perchè prenda Ina- 
cqua di essi solchi e guidile fuori del 
campo. 

SoLCH armondadòr. T. d'Agr. Caoinù 
Solchi più larghi e profondi degji al- 
tri che tagliano la terra In y%n sensi 
e si dirigono fuori del campo nella 
sua parte più bassa per facilitar lo 
scolo delle acque soprabbondaoti. 

SoLCH TORT. T. d'Affr. Solco bas^T' 
do. Quel solco imperfetto, che per io- 
avvertenza degli aratori suol talvolu 
nascere nella porca. 

Solco trasvagn'^ Aèquajo, Solco a* 
cquajo. Quel solco a traverso al caoa- 
pò elle si fa per ricevere l'aequa de- 
gli altri solchi e trarnela fuori. 

An n' aver mai solca «bitt. Aòa pa- 
ter cacare buccia da una eo$a. 

Far I soLCB. Solcare. Far i- aaldù 
nella terra. Menare i solchi. 
Solcbétt. s. m. Sokhetto, Solceiio. Pic- 
colo solco, fossatello. Occhiello, solco 



Digitized by 



Google 



^0 

vhe si fa coli* ocdiio del roarrooe od* 
U boct preparata per piantarvi piante 
cucurbitacee. 

SOLCBÀTT DLA STàLU- ScolaiOJO, Bù" 

so/e. Solco fatto dì mattoni per col- 
iella entro il qaale ai raccoglie, spaz- 
iando, vi scola, il pacdauie e da- 
glisi esito. Fognuolo, condotto o foro 
per isgorgare dalle stalle le immon- 
dezze. 
SoLD. 8. m. Soldo, La ventesima parte 
deir antica nostra lira cioè di quella 
or detu vecchia o Borbonica non che 
della Imperiale e della Farnese. V. 
Lira. 

Solo, Bìgc*, DitiAB, BoMt, QoiTTftÉrr, 
Bezzi ecc. Soidi, Danari, Contanti, 
Bezzi, QKOl/riiii .ecc. Le monete in 
genere. 

SoLD. s. m. Soldo. Paga, sMpeodio, 
salario. 

Solo ihpbestà. Danari ripreii, cioè 
tolti a prestanza. 

AvBA 01 SOLO MOLTBBif . EiiOT danajo* 
so. Aver molti danari. 

AvBBta 01 SOLO. Eitere in quattrini» 

Atebob adoss I SOLO. Aver danari 
allato ( PraiM. ). 

Cattab so di SOLO. Entrare in de- 
nari. Riscuotere* 

GiAPPAB 01 SOLO. 7o<;car denari. 

0AB 1 SOLO OA BANBaGUB A J ALTEB 

La$eiare bahceare il danaro in man 
d'altri. 

El szén fa bl solo, b l' solo fa la 
UBA. A picciolo a picciolo zi fa il 
ducato. 

FaB 01 SOLO A BOO, A BATALIÒIf. FoT 

danari a buzza. Guadagnare quattrini 
in gran quantità. 

I SOLO VAif AOBÉ il SOLD. La robu 
va alla roba. 

MaNCAB OESNOèUV SOLD A FAB 'ifA LI- 
BA. Slar fra due zoldi e ventiquattro 
denari. 

Pagab FiiffA l'cltik SOLD. Pagare a 
lira e zoldo: Pagar il lume e i dadi. 

Savéb SPB.10BB I SO SOLD. Sapere zpen- 
dere la sua lira per venti zoldi^ 

Stab in t* 1 SO ou SOLO. Slar ne' zuoi 
ztracci. 

Stab i» t*i so zìnc $old. Stare zul- 
le $ue. Star sostenuto. 



SO 



U5 



Soldà. s. m. Soldato, Milite, ma salda* 
to dicesi da soldo cbi milita \ìer prez- 
zo^ milite cbi serve la patria per amo- 
ré per solo dovere, e ben dice il 
Tommaseo che gli Svizzeri sono mt- 
liti in casa, zoUati Atìorì. MiHtare in 
senso di soldato o di guerriero non è 
usato da buoni scrittori Italiani. 

SOLOÀ.A TITTA. StOMÙzle. 

SoLDÀ D* cavallebìa. Cavaliere. Sol- 
dato a cavallo. 

SoLol DEL PAPA. Flg. Soidato da ehioc* 
dote; zoldato del Tinca, che vene vote* 
vano trentazei a cavar una rapa. 
Soldatello, soldstuccio. 

Soldi del tbbno. Soldato del ireno. 
Quel carrettiere armalo cbe conduce 
le carra del treno- dietro gli eserciti. 
Bagaglione,à\eezì chi porta il bagaglio. 

Soldà d' fantabìa. Fon(e, Fantaccino, 
soldato a piede. 

SoldX d* guabdia. Guardaposto. Sol- 
dato messo a guardia di alcun posto. 

Soldà paisàn. Guardia foreze. Solda- 
to forese. 

Soldà sbhplis. Comune, Soldatino. 

Andab soldà. Entrar zoldato. 

Da soldà. Sùldatezcamente. 

Fab bl soldà. Militare. Servir nella 
milizia, far il soldato, essere soldato. 

Fab soldà. Fig. Imbrogliare, Preti' 
dere al boccone. Far pagare lo zcot" 
to e simili* 

Fab di soldà. Azzoldare. Soldare, in- 
caparrare staggire soldati. 
Soldadaja. s. f. Soldatagiia. ìfoltitudinc 

di vili ed inesperti soldati. 
SoLOADAZZ. s. m. Soldataecio. Peggior di 

soldato. 
SòLOAoéif. s. f. Soldatino. Soldatello, Sol' 
datuccio diminuì, di soldato. Noi di- 
ciamo per lo più soldadèn dei figli' 
uoli di zoldati, alunni o allievi di un 
corpo militare. 
SoLOAjoéu s. m. Danajuoli, Danajwszt. 

MocciABES 01 soLDAioÀu. AggruzzolU' 
re qualche zoldarello. 
SoLOABÌA. s. f. Soldateria, Soldatezca. 

Adunanza di soldati. 
SoLDÉN. 8. m. Soldino. Diminut. di soldo. 
SoLDòN. s. m. Bagherone. V. Bagaròn. 

I, S0LDÒT4. / dindi. Cosi parlando co* 
fanciullciti sogliain chiamar i danari. 



Digitized by 



Google 



14« 



SO 



SoLÉN. s. ni. Canavaccio ed anche volg. 
Canoi'occio, Surta di tela canapina 
grossa e ruida. Dicesi Traliccio, quun* 
do è assai grossolana e si rada che 
quasi traluce. 

SoLÉif DA IMBOTTIR. Bugranc, Quel 
traliccio forte di cui si servono i sar- 
tori per mettere al di dentro di alcu- 
ni luoghi degli abiti, per tenerli più 
saldi. 

SoLBRifiTi. s. f. Solennità. Giorno di gran 
festa pompa. Fig. SoU gagliardo, il 
saettare, il battette, lo sferzar forte 
del sole. 

Solìtt. s. m. T. di Mie. Fungo Jozsolo. 
Pungo cattivo, giallìccio, detto da 
Linn. Bòlelui inanii. 

Solétta, s. f. Soletta. Quella parte delle 
calze che si mette sotto ai piedi. Pe» 
duk. 

Solétta, s. f. Voce Borgh. Raeiera. V. 
Raspa. 

Sòlfa, s. f. T. Mus. Solfa , Zolfi». Le 
note musicali e la musica stessa. 
Fab la sòlfa. Fig. Soffiare. Riferire se- 
gretamente i fatti altrui a persona che 
comunquemente sovrasti. 

SoLFABAB. att. Intingere. L'atto dello im- 
mergere gli stecchetti nella cosi detta 
2k^fiera perchè restino ricoperti nel- 
l'estremità di materia fosforica. 

SoLFABABA. s. f. Zolfieraf Arnese dentro 
il quale si prepara la materia fosforica 
che serve ad accendere i solfanelli fui* 
minanti. 

SoLFABÉN. s. m. Solfi»nello, Zolfitnello, 
Zolfixrino. Fuscello di gambo di ca- 
napa d'altro, inliuto da due capi 
nello zolfo. 

SoLFABÉN. s. m. T. Bot Erba zolfi- 
na. Loto domestico, Meliloto. Pianta 
biannui, che fi fiori piccoli di un 
giallo pallido, che aromatizza seccata 
il fieno tra cui cresce. È il Trifiìlium 
melilota indica di Linn. 
SoLFABÉif A SPBB6AMBNT. Fiammiferi. 
Fuscellettì con capocchia infiammabile 
che strisciata su corpo ruvido s' accende, 
Tgbib da cat I SOLFABÉN. Cruordarla 
nel lucignolo e neW olio. Curar le mi- 
nime quanto le gravi cose perchè il 
proverbio dice: Molti pochi fauno un 
assai. 



SO 

SoLFABiNAB. Zolfànellojo. 

SoLFATABA. s. f. SolfanoTÌa , Zol^iwra. 
Luogo ove si cava e si lavora il aeUb. 

Solfe, s. m. T. de' Sell. Soffietto. Spe- 
cie di tettuccio de* mantici delle car- 
rozze fermato con due perni, code 
buttarlo giù ed alzarlo secondo il bi- 
sogno 

Solfe da cavall. T. de' Paaaan. Bth 
dovano da cinghie. Sorta di tesauCo « 
foggia di gran nastro per oso di ein* 
ghie di lusso. 

SoLFÉoo. s. m. T. Mus. So^^gio. L'arU 
e l'azione del solfeggiare. 

SoLFBoeiAifT. s. m. T. Mus. Solfhgpmmie, 
Solfeggiatore. Che sa di eoìkf^. Fig. 
Sof/wM. Spia. 

SoLFiSGiAB. att. T. Mtts« Solfbagimre, 
Solmizzàre. Cantar la solHiu Vocolù- 
sare, vale solfeggiare eolle sole tocì* 
li. Fig. e in mal senso Buizaro, Sof' 
fiore, ht la spia. 

SoLPBB. s. m. Zoìfii, Solfi>. Miaeraie ia- 
to di materia che tosto si aeeeo d c, T. 
anche Solfarén. 

SoLPBB. T. Bot Erba veUurima. Ptaa- 
ta che nasce ne' campi con fiorì pic- 
coli, gialli a spighe, dalla quale sì di- 
stilla la famosa aequa di Triòoii cbe 
serve per la concia di alcuni labaechi. 
È il MeUlolhui offUcinalis Uno. 
SoLFBB. a. m. T. Furb. Vino bimneù. 
Dab el solfeb. Solfioire, Zotfitre. Pro- 
fumare, mondar collo solfo, iniùègert 
Sì dice dello immergere' i capi de' sol- 
fanelli nel solfo strutto boglieote per- 
chè vi si appicchi. 

Sóli. add. m. Piallato, Leoigato. Piaos 
senu alcuna irregolarftà. Lucio, aerah 
pio, senza ornati. 

SòLiA. s. f. T. de' F. Ferr. Staglia. Spraa- 
ga di ferro che si mette appiè da' por- 
toni. 

SoLiANA. s. f. Altana, Terrazzo, HeAw- 
dere. V. Terrazza. 

SoLiAB. att. T. di gluoe. Scompagnart. 
Mettere sola una carta che stava bene 
con altra del seme stesso. 

SoLiEBA. V. Soglièra. 

SoLio. add. m. Solido. V* Sod. 

SoLiDÀL. add. m. T. Leg. Solidario. Ob- 
bligato in solido, cioè iiisicuie. 

SoLisDAii. v. a. V. Cunt. S^)liccitare. 



Digitized by 



Google 



so 

SoLiT. «dd. m. Sélito. Che è di oso. 
EflBtn souT. SoUrt, Avere in eoilu* 
Vìe, per coumelo. 
Là solita siiirofiu. Sempre quella 
musica, È canftolo il maeeiro di 
cappella, ma la muiica è sempre 
quella. Al solito, giusta II coosueto, 
secondo il solito. 

SouTABi. s. m. Solilariof Pietra presio- 
sa cbe per essere assai grossa e bella 
si lega da sola, e si porta per lo più 
io luogo avTÌstato. 
SouTAM. s. ni. Eubeetù, FaroiHeo. 
Colui che fogge ogni compa^joia per 
viTer da solo. SoUHago, dicesi chi aoia 
aodior vagando da solo. 
SouTAEi. add. m. Solingo, RawUlo, Di* 
seriio, e dicesi di loogo ooo freqoeo- 
tato. SolUario di passera verme o 
giooco del soUtaffo, di vita solitaria 
ecc. 

SoLLBTi. add. m. Sotto ^ Soffice, Boffice. 
Dicesì di cosa noif pigiau o calcata. 
SoUtoaio. Dicesi di un malato che ab- 
bia sentito qualche alieggiamento Al- 
trini. Rielorato, Riconjbrtato oppure 
Ribellalo 

SoLLB\Aa. att. Sollewtre. Levar so. Fig. 
Ribellare. Par insorgere. 
SoLLiTAa atl. Pìgur. Solkoare, Rai* 
Untar t animo. Dar un pò di soll(^evo 
ad uno. 

SoLLBZiTAToi^ s. m. CavcioceAto, Solle* 
eiialore. Chi per mercede sollecita le 
cause altrui presso i curiali, riscoote 
crediti per altri ecc. 

SoLLié. s. m. (Dal Frane. Souliers). Scar» 
pe. 

SoixiBT. s. m. Solile^, AUeviamenio,- 
Conforto, Asolo. 

SoLSTiu. s. nu T. d'Astr.. Soistizio. Il 
tempo che il sole è ne' tropici. 

SoLuxiòN. s. f. ilóo/iistoiie. Isctoglimento 
di dubbio, quistione ecc. 

SOLUZldM. S. f. iisSO/lMtOflS^ /VoSCtO- 

glimento da peccati e fig. Condona* 

monto di debiti, di obbHgasioni- 
Sói^Tim. att Assoli^re, Prosciogliere. V. 

Solution. 
^oi^visiL. add. m. T. Lcg. Solvente, Che 

paga, che può pagare. 
^ò«A. s. f. Soma. Il carico cbe si pone 

ai giumenti. 



SO 



U7 



Aoai LA STRADA A s' GIUSTA LA SÒMA. 

Per la via s'acconciano le some. In 
onerando si superano le difficoltà. 

kfiTTia u SÒMA. Auomare. 

PoaTAS LA SÒMA. Someggiare. 

Roba da aòul. Roba soa^aja. Si dice 
quelhi che poò caricarsi sopra un giù- 



SoHÀocH. s. m. Sommaeoo. Cuojo concio 
colle foglie dell* arboscello chiamato 
eoo tal nome ossia del Rkus coriaria L. 

SoHAE. V. Somma, Sommar ecc. 

SooARiA. s. f. Somara. Asina. 

SooABt. s. ro. Somaro, Somiere, Giù* 
monto. Asino. «■ Somarino diminut., 
Soauraeclo pegg. V. Asen. 

Sorta, i. m. T. degli Org. Somiere. 
Qnella parte dell'organo che resta 
Immediatamente sotto le canne. Vi 
sono doe sorta di somieri, uno a ti* 
ro, r altro a molle o a vptto. Ha per 
lo pia 

Bus Canali. 

Lingnètti • . . Ventilabri. 

SooàTTA. a. f. Sometta, Somella. Piccola 
soma. 

SooiAE. V. Somiliir. 

SooiLiAifT. add. m. Somigliante, Rasso- 
migliante, Somiglieooie. 

SooiUAlvzA. s. f. Somigliansa, Assomi' 
glioma. Rassomiglianza, 
Atìbgh dla somiliansa. Tenere o ave- 
re somiglianza. 

SoHiLiAa. att. Somigliare, Rassomigliare. 
Assomigliare. 

SooiLiAa A 80 PADsa. Padreggiare, 
Far ritratto del padre. 

SooiLiAa A voN. Arieggiare alcnno. 
Far ritratto di uno. 
SooiLiAE im PO. Arieggiare. Aver 
convenienaa. 

SouimsTBAa. att. Somministrare, Mini- 
strare. 

Sooissiòir. a. f. Sommissione. Sommes* 
sione. 

SoooA. s. f. Somma. Quantità. Sommato, 
il risultato, o la somma d*un conio 
di più partite. * 

In SOMMA DLA SOMMA In sommo delle 
somme. Per final conclusione. 

Sommar, sii. Sommare, Snpptitare. Rin- 
corre i numeri , far la somma , il 
sommato. 



Digitized by 



Google 



i48 



SO 



SomiÉTTÀ. s. f. Alquanim somma, Dana' 
juolù. Piccok soffimi di danaro. 

SoHVòii*NA. B. f. GroiM 9omma, 

SoMossA. s. f. Sammoua^ Solk^Hone. 
V. RufoluxioQ. 

Sói«« 8. m. Suono. Il sufin della Toce» il 
suooo d' uo iaifuiDento ecc. 
SóN CBLE3T. T. Mus. Suono €eleéte. 
Suono di lomoMi dolcezza che ai ^* 
tiene sul piauoferle medianie la peda- 
liera celesU, 

SÒN D* CAMPANéN* SquUlo. 

SòN DE scATLA. T. dì VfL Suono mai' 
io. Dicesi qu^l rumore cbe si oUieoe 
percuotendo lo zoooolo di un cavallo 
quando vi sia il distacoo della OMifa- 
glia io qualche punto. 
SoNi. add. m. Suonalo. Da suono e in 
senso di tempo. Passato, 

SoNi CAMl»ANi! Sonate un doppio. Di- 
cesi per maraviglia > ma più spesso per 
ironia quando uno fa bene usa eosa, 
che per solito fa sempre male. 
SoNADA. 9. f. Sonata. Il sonare; ma con 
detcrminata lunghezza di tempo. 

SoNAOA. s. f. Se/iato (Fior.). TaaU 
roba quanta cape in seno o io uii 
seno. 

S04NADA. s. f. Tocco ^ Bolla. Avviso 
dato senza parere. Fig. Rovescio di 
bastonate. Bravata ecc. 

SoNADA LONCA. Scampanellato: 

SoNADA nojòsA. Stampita. Suonata 
per lo più stucchevole come quella 
che fanno i ciechi cantando per istra* 
da qualche canzonetta 

Andar adké a la sonada. Aeeomo* 
darsi alle batate. Secondare T altrui 
umore. 

AlfDAR IN SONADA. SpOSSOTSi, Abbai- 

tersi. Non durarla. Dicesi di cavallo 
o simile che per poco dì fatica infiac- 
chisca. Sonare il eorno , dicesi fig* de' 
carnami e camangiarì, quando coioio- 
ciano a spirar mal odore. Schenur/n- 
ciiacAcrorsij prendere la bertuceìa 
avvinazzarsi. 

SoNADÉN'Mk. s. f. Sona/ino. 

SoNADÓR. a. m. Stfoiuilofc. Che suona 
fa professione di suonare, che dal- 
l' istrumenlo prende spesso altro no- 
me come per es. 
SoNADÒR DA ARPA. Arpista. 



SO 

SoNADÒR DA hksa. BsLssista. 
SoNADòm DA aAKiNÈTT. CtnrinemoH. 

SoNADÓR DA CONTRABASS. Gufllratestì* 

alo. 

SoNADÒR DA còanv. Cornista^ Cptimi- 
dore» 

SoNADÒR DA ORGBBN. OrgonisltL 

SoNADÓR DA PIAN B' PÒRT. PiemÌ9§a. 

SoNADài DA PiATT. CatìMsta. Sti^na- 
lor di' piati metallici o cattibe. 
SonadÀr da piva. Piva, ComamuosMM 

SoNADÓR DA TÌHPEN. TimpomsUL., 

SoRADÓR DA zìhbol. CembatiUa. 

SoNADÒR d' CWTàRA. CAttorHjfft. 
SOMADÒR D* GONTRARASS. ' CÒfllr«6ttfSÌ- 

Sta? 

SoiiADÒR M TROIIRA. 7Voill6elAl* 

SoNADÒR DB TROKRòN. Trombane. 
SoNADÓR DB VIOLA. Violista* 

SONADÒA DB PUDT. TtÒtCiMO. PlaBli- 

sta. 

SoRADÒk DB viOLÉN. Ftoltfiiato. 

SoNADÓR D' PAG(hT.' SuonaioTo di /Si- 
golia. 

SoNADÒR d'odob. Oòoc (Bor8.). Oè#- 
tfla. 
SoNADÓRA. s. f. Suonalriee. 
SoNADORÓLL. s. fu. Sttimpellatort , Zm/^ 

hjo. 
SoNADORòN. 8. m.' GroH suotM&re. Graa 

ipaeatro di suono. 
SoNÀJ. s. m. Sonaglio. V. Ciocearièii. 

SoNii^ 8. m. JMinehione. Baggiano» 
babbeo» balordo. Fig. Granelii, Ttsii' 
eoli. 

AvERBN PiÈN I SONAI. Essemo siufb, 
stucco, risiuceo, in fastidilo. 

Aver foéura di sonàj, An passar 
OHà» pr'i SONÀJ. Aver uno t» far/ 
servizio: Aver uno nella Iacea detto 
zoccolo, nello zero, in cupola, mi 
forame eec. Modi Imssì per esprimere 
che non ci cale di uno. 

Di SONÀJ ! Sonai, poi Finocchi/ 2ac- 
cAe fìritle/ Zucche marinale/ Lo zw- 
che marine/ Esclamazioni usale da 
chi non menando buono il detto al- 
trui, ha che dire in contrario. . 

Fa a aoÉOD d'un sonàj. Fa a modo 
d'un pa^so, oppure Se vuoi fare a 
modo d' un pazzo. Modo dbe si ante- 
pone ad un consiglio che può riuscir 
disgustoso a chi lo riceve. 



Digitized by 



Google 



so 

Faa bl soNiJ. Fare il norri, lo no* 
farij il baseo, l'indiano, il nescio, 
io gnorri, il munone, la galla mor» 
la, l'addormentalo: Fare a cheli" 
ekelii. PìQgere o simalare semplicità 
e ignoranxa per proprio interesse. 

Fa sonàj. Sappianone, Sorbonc Uo- 
mo astuto che fa 1* innocentino. 

GiffR iif TI SONAI. Pare smuovere il 
tarpo: Torre il capo. Infracidare, sec* 
care, annojare, infastidire. 

GniR 1 soirAa. Venir la muffa al na» 
90, iallar la mostarda ^l naso. Adi- 
rarsi. 

Savérbl ogni rcDBL SONÀJ. Essere 

scritta pe' boccali. Saperla t pescio» 

fini. Esseme pieno il paese. Sapersi 

una cosa da tulli. * 

SoNÀJA. s. f. Baggea, Babbalea , babbac- 

eia. 
SoNAJDcvL. 8 m. Catxatello. Omicciuolo. 
SoNAJOÉcLA. 8. f. Scrlatella. Femminetta. 

V. Sonaja. 
SoNAiòN. s. m. Ciondolone. Colui che non 
cava mai le roani di nulla. Altr. Ba- 
celione, baggianaccio. 

SONÀVBER. V. SOBÒj. 

SoNÀHBOL. 8. e add. m. Sonnambulo, 
NoHambuh e gree. ipnobale. Colui 
che sano e addormemato, sorge di 
letto, cdmmtita, ed esercita Tarte ope- 
rationi come fosse vregltato. 
SoNAVÉNT. 8. m, Sonamento. Il sonare 
ora lo usiamo più. spesso in senso di 
Scompone. 
SoivAa. att. Aionare e meglio Sonare. 
Rendere suono. 

SaNAK. att. Pig Sonare. Dieesi coper- 
laniente per putire. V. Companàr. 

Sonar, att. V. Contad. Sembrare, 
Parere e sim. 

Sonar a bott. Rintoccare. Sonare a 
tocchi separati. 

Sonar a la lonca. Sonare a dtVtin- 
go, a distesa. 

Sonar a racolta. T. Mil» Suonare a 
raccolta. V, Batter. 

Sonar rén. Sonare maestrevolmente. 

Sonar campana martrll. Sonare a 
stormo, Stérmeggiare. V. anche Marllàr. 

Sonar con aniia. Suonar con espret^ 
sione E dicesi di chi suona strumenti 
da arco o da fiato; 



SO 



U9 



Sonar da festa. Sonare a festa, o a 
gloria, e dicesi anche Scampanare. 

Sonar da bort. Sonore a morto» So- 
nare 1* ave maria de* morti. 

Sonar el còro. Suonare a capitoliti 

Sonar el iiezdI. Sonare la saluta 
zione angelica. 

Sonar bl tedbuv. Suonare a Dio Lo' 
tHamo. 

Sonar bl temp. Snonare a mal tem- 
po o a tempesta. 

Sonar bl vbspbr. Suonare a vsspero. 
Chiamare alle preci Tesperali. 

Sonar il j*ori. Sonare, Battere, 
Scoccare le ore. 

Sonar in terz o a doppi. Sonare a 
doppio un doppio, cioè più campa- 
ne ad un tratto. 

Sonar i santds. Sonare al iantO'. 

Sonar i solo. Contar i danari, Sgat* 
Ugnargli. Pagare. 

Sonar la bbndiziòn. Sonar m Signore 
(Saceh. N.* 192). 

Sonar la bebioca. Suonar a tnan^'a- 
r«* Dare colla campana e col campa? 
nello H segno di andare a tairola. 

Sonar la campancla. Sonare a .co* 
prifuoco. 

Sonar la comvniòn. Suonare a eth 
munione. 

Sonar l'agonia. Suonare a agonia. 

Sonar la messa. Sonare a messa. 

Sonar la musica. T. di Vet. Essere 
sibiloso. E dicesi di quel cavallo che 
è malato dì sibilo o che manda ran- 
tolo acuto nel correre. 

Sonar la predica. Sonare la predica. 

Sonar l' ARèNOA. Suonare f^suplizio? 
Sonare la campaiia del com uoo ia.oc- 
casioqe di publico gastigo. U nostro 
detto venne per avventura daU'uso 
che un tempo si aveva di snoaare la 
stessa campana per chiamare il popolo 
ad ascoltare qualche pubblica arìoga, 
che vuol dire alloa»U>iie, diacono, 
orazione, diceria, sermone, eoDcione. 

Sonar la stmana. Fr. del Cont Ac* 
doiolare quattrini. Dimenarli nelle U- 
sche e farli sonare come fa spesso chi 
ne ha* pochi e di rado. 

Sonar l'atemaria. Suonar l* ave o 

t angelus. 

Sonar la zafrana. Sonare a lavoro 



Digitized by 



Google 



iW 



so 



o a scopri/beo? Non ho (rnvaU frase 

più affioe ai significalo del nostro ditt- 
ici lo che appunto indica il ciiiamar 
a lavoro gli artigiani. 

SoifAR i/o»i IK ROTT. Suonare l* a* 
vemaria de' morii. 

Sonar mal Strimpellare, SquiUerire. 
Suonare a mal modo uno strumento 
da corda. Carminare, suonar mala- 
mente uno strumento da fiato. 

Sonar *na calenda. Sonare un cari* 
filone. Sorta di suono di campane die 
rende armonia. 

Sonar pr* bl foìoob. Sofiare a fuoco 

Sonar pr on angbl. Suonar la gloria 
degli angelL 

Sonk% UN s'ciAFPy UN PUGN*. Appog- 
giare un pugno, Appieeieare uno 
$ehiaffo ecc. 

Sonar vo)f • Sonare alcune. Vale per- 
cuoterlo , batterlo. 

Mbtters a sonar Dar nelle campane. 
SoNÀRA. a. f* CoMcaggine. Inclinazione a 

dormire. T. Sonnèra. 
Sonarla, a. f. Senlensiare o Infliggere 
una pena, un caeiigo. Accoccarla, 
Sonarla ad akuno. Vale farlo aure 
al partito che si Tuole. 
Sonda, a. f. T. d* Agr. Succhio, Stic- 
chiello. Tritello Strumento di coi 
serfonsi gli agricoltori per scandagliare 
i terreni. 

Sonda, s. f. T. degridraul. ed altri. 
( Dal Frani. Sonde ) Scandaglio, Piotth 
bino. Palla attaccala ad una corda 
detu Sagola da ecandaglio per iscan- 
daf^iara il fondo delle acque. 

SONDA, s. f. T. Mil. Spillelto. Stru- 
mento de* cannonieri per scandagliare 
la lumiem de' caifnonì. 

Sonda da cerusich. Tenia, Specillo, 
Specchiilto. Sottile istrumento ool qua- 
le il ceruaioo conosce la profondità 
deUe ferite e ire n' ha d* acciajo e d* ar- 
gento. Tenia ecanalala. Tenia incera' 
ta. «- Melode l' esploraxione che si 
fa mediante lo specillo. 
Sondar, alt. Scandagliare, Tentare, Sue* 

chiellare. 
Sonén pò! Inter). Finocchi/ V. Sonaj. 
Sonerìa, s. f. T« degli Oriv. Soneria. 

V. Battarla. 
SoNèTT. 8. m. Sonello. Composizione no- 



SO 

tissima di quattordici versi. Fig. S» 

nettino, breve sonno. V. Sounè». 

SoN^TT ralord. Sonetteua. Sonetto 

cattivo. 

SoNÉTT CON LA CÓVA. Sonetto emdtM. 

Col cb' fa i soNèrr. SonettanU. So- 

nettisUy Sonetuiore. 

Far di sonétt. Soncuiizare, &m- 
lare* Comporre, spiatellare lODetll 
SoNBTTÉN. a. m. Soneflino. StmettMeoi, 

dim. di sonetto. SoncWme aecr. 
SoNN. a. m. Sonno. «> Ipnoloaia, tnain 
del sonno. At^narcolico che è conin 
il sonno Imonnia privauooe del 9om, 
V. Dormir e Ioaòoi. 

SoNN ALZàR. Sonno wegliepole, 

SoNN dl' ALEA. SonncUm deWm. 

SoNir DVR. Sanno proftmdo. 

Somi tìner. Sonno leggiero. 

Cascar o grodar da u som. Jbrì* 
re, Caeeare o tracollar di eomie. A- 
ver grandissima voglia di dormire. 

Cavars u aomi. Fare una iomi- 
Urna. 

CiAPAR EL SONN. Pigliar eomic Al- 
laccare il sonno. 

Esser tra la veoua e l* sqiin. Eum 
etare fra il dormiveglia. 

Far grir sonn. Indur conno, Imi^ 
fiora. Conciliare il sonno. 

Far PASSAR la sohn. Levare il w»^ 

Far tutt mi aoiiii. Dormire un imm 
tnlefo. 

Far un somi. Sc^téeetare^ Dermìn, 
Fare un conno. Dormire alqnialo* 

Tra u veglia s l' aoim. Setm- 
chioni. 
SoNNlRA. a. f. SofinoISniM^ Caecagfit» 
Inclinazione a dormire o per wu», 
per debolezza. Moraemo, cootioia 
propensione al sonno. Letargo, IMV' 
già, oppressione di cerebro cagKMMOte 
obblivione e continuo sonno. 
SoNNETT. s. m. SonncUo, Sonninc, &■* 
nellino. Sonno breve. 

Far un sonnbtt. Velar T occhio, &»• 
necehiare, leggiermente dormire 
SoNNiòN. ( In ) SontiaccAioni. V. loiooiòo. 
SoNòNA. (Dargb d*) Far ambam » 
fbndo. Mandar a male i proprii «^cn. 
Far del resto «» Lavorare a b»«ij« 
e stanga, Metterci$i eolt. arco ifK^' 
so. Impegnarsi nei lavoro ardcatc* 



Digitized by 



Google 



so 

mente. Zapfort, SirimpeUare, dicesi 
del sonar male ^n iitromento. P€$tart 
ae si traili di cembalo- 

Sciiòn* add. m. S(moro. Qie rende suono. 

SoiiTVÒs. add. m. Sunluo$9, Sontuoso. 
Aicco, di grande spesa. 

Shnzk. s. f. Sugna, Sugn^ecio, Ma sugna 
si dice più propr. al grassa che si 
trae dal suyiiaeelo^ che è qu^a parte 
di grasso ebe è intorno agli arnioni 
de' majali. 

Soisèii. s. m. SudÌ€Ume, SeùUto. Dicesì 
ad uomo carico d* untume o cui puiccia 
sn^erehìo ugnerai il grifo. 

Sopì. V. SupL 

Sona Va lita. Sopire, Ammorsare^ Com* 
ptirsi air amichewle. 

SopoiTAa ali. Sopportare, Comportare, 
Soghire. Aver la vita in pazienza » 
sostenere con forza gì* incontri avversi. 

SoFOKTAaiL. add. m. Sopportabile* 

Soppi. s. m. Soffio, y. Boff. 

SoppiAft. alt. Soffiare. V. Boffar. 

Soffiar o SoppiAas bl ras. Soffiare 
o soffioni ii naso. Trarre dal naso 
i mocci, 

SoppiàTT. s. ro. Soffietto. V. Bofféll. 

SoPFiòii. s. m. Soffione, Sussurone. De- 
latore, spia. 

SopRABiT. s. m. Sopravveste. Qualunque 
\esU che si porti sopra 1* altre. So* 
prabito è voce d*uso. Sortii è voce 
Francese. Soprana dicesi una specie 
di sopravveste lunga. V. Pacbès. 

SoptACABiCB. s. m. Sopraccarico. Ciò che 
si aggiugne al carico solilo; ma più 
spesso è usalo in senso di af^ravio. 

SoFRACOFEBTA. s. f. Bustina. V. Carpèlla. 

SopnADOTA. s. f Sopraàdota, Sopraddote. 
Quella quanlità di effetti che ha la 
donna sopra la dote. Contradote, do- 
no che fa il marito alla moglie quasi 
in compensamento della dote. 

SopRAPis. add. m. Sopraffine, Sopraffino. 
Più che fino. 

SoFRAFoàuDBa. s. m. Soprafbdero. Fodero 
posticcio con cui si cuopre 1* altro per 
amor di nettezza. 

SopiÀif. s. m. Soprano. La voce più alta 

della musica e la persona che canta 

il soprano, che un tempo era per lo 

più un castrato, ossia un cantore e* 

. virato. 



SO iU 

SopRlN. 8 m. T. Furb. Cappone. 

SopaANETT. 8. m. Castratino^ Fanciullo 
evirato che canta il soprano. 

SoPRANòK. s. m. Soprannome. V. Sor« 
nòm. 

SofeanAmbr. s. m. Soprannumero, So- 
prannumerario. Che è di più del nu- 
mero voluto. 

SopBAPiù s. m. Bioalia. (B. L.)/ttcre« 
setmeiUo. (B. L.) Quella piccola par- 
te di una merce o d* altro che si do- 
na sulla quantità principale. 

SoPBASCBiTT. a. m. Soprascritta, Sopra» 
scritto. {B. L.) Mansione. L'indirizzo 
di una lettera. 

SoPBASiLvi. s. m. T. de' Stamp. Sopras- 
Silvio. Carattere più grande del silvio. 

SoPBASS FBBB DA 80PBA8S. Ferro, 
Ferro da dar la salda. V. Ferr. 

SoPBASSÀ. add. m. Stirato. 

SoPBASSADA. a. f. Soprestata. (B. L. ) 

Sorta di salame o mortadella per lo 

più di carni e cotenne di majale as- 

aavorate e cotte. Volg. Sopressato. 

SopBASSAAA. s. f. Stiratura. Lo stirare. 

SoPBASSADòBA. s. f. Stirotora. Donna che 
esercita il mestiere di stirare bianche- 
ria. In molte parli d'Italia la dicono 
anche Stiratrice, ma non certo in 
Toscana. Le operazioni, gli strumenti 
e le cose ad essa attinenti sono: 

OPERAZIONI 
DELLA STIRATORA. 

Cannettar . . . Arroccettare. 

Dar r amid. . . Inamidare o Insal- 
dare. 

Inumidir i pagn . Spruzzare, SpruZ' 
zolare, 

Soprassar . . . Stirare. 

Slriccar .... Sopressare, 

Strinar .... Abbronzare. 

STRUMENTI 

DELLA STIRATORA. 

Assa . • • . . Asse da stirare. 
Canlcn .... Ferro da arroccete 

tare^ 
CornèU .... Cucchiara, 

Frrr Ferro da stirare. 

Fcrr a cassétta . Ferro a ca:(«e/ki. 



Digitized by 



Google 



155 SO 

Ferp con raon». Ferro a anima. 
ForneM .... Fornello. 

PuDD Stiratelo. 

PorUferr . . • Peduccio. 
Pugnela. . . . Presa, PugneUa. 

Tavla Tavola. 

ToiTétl ..... Soppressa. 

COSE ATTliSENTI 

ALLA STIRATORA. 

Acqua d*amid. . Salda. 

Ainfd Amido.' 

Bianca ria . . • Biancheria, 
Pcrlcn .... Turchineno, 
Spopch .... Lnmaealo. 

SopRAssADURA. s. f. Stiratura. Lo stirare. 

SopRASSAA. att. Stirare. Lisciare > insal* 

dare la biancherìa. Dar la salda. 

SopRASSAR. att. T. di Gualcii. Pia- 

neggiare. Pianare il panno, 1* ultima 

operazione che si fa ai panni colla piana. 

SopRASsoLD. s. m. Caposoldo. Ciò che si 
^W^$^^ ^^ soldato sopra la p8{;a. 
Nel plurale dicasi Capisoldi. 

SopRASTAifT. 8, H). Sopracapo^ Sopromof 
e con voce d'uso, Soprastante e So* 
vrastanle. Quegli che sopraintendc a 
quakbe lavoro. 

SopRASTAMT DiL SALéN^M. SoUnaruolo. 
Colui che attende alla fabbricazione 
del sale nelle saline. Mojatore Tope- 
rajo delle nioje. (pozz) 

SopRATòDos. s.m. Sajone. lì Sopratodos 
è voce spagnuola cui è sottentrata la 
francese Sorto. Abito che si porta so- 
pra tutti gli altri; V. Pachès. 

Sopravanzar, att. Sopravanzare, Sor» 
montare. Soverchiare, e in altro si- 
gniflcato, Avanzare, Sorgere. Sporgere 
in fuori. 

SopRAvivBR. alt. Sopravvivere. Vivere 
più d'altri a dopo una marcata epoca. 

SopRÈssA. s. f. Soppressa. Strumento da 
soppressare composto di due assi, tra 
le quali si pone la cosa cl|e soppres* 
sar si vuole. V. Prèssa. 
Metter in sopréssa ò sott prèssa, 
Pressar. ^/?pre»are. Mettere in sop- 
pressa. 

SoppRESSfòN. s. f. Abolizione, Abroga» 
zione. Annullamento. = Soppressione 
vale repressione, cessazione ecc. 



SO 

Soprìhea. att. Abolire, Abrogare, Ah 
nullare. Far cessare. «» Sopprimere v^ 
nendo dal Lat. Sub premere, preinrc 
sotto 8fgni6ca piò propriaoieme Of* 
primere. Comprimere ecc. 
SoQii^DEB. s. m. Soqquadra. Seonvoìg- 

Diento, ruioa. 
* Metter a soquìdou Soqquadrmn. 
Mettere sossopra, sconvolgere, ruiaars. 
SóBA. prep. Sopra, Sovra, Sm. 

Andar d' sóra. Sboccare, Rièoecan, 
Traboccare. Levar io capo> e ékm 
de' liquidi. 

Andar d* sóttA. Salire, Montar su. 

Andar sóra. Farsi importumiK Y. 
' Curlosèr. 

Andar sóra T. de' Pitt. Bipawewre 
caricare i contorni. Ripassar cm 
colori tinte sui «ontorni o altro . di 
una pittura. 

Dar sóra. Dare giunta o per gémuta. 

Esser sóra. Essere il sopracciò. Es- 
sere sopra a un qualche ufficio o a^ 
sienda. 

Passar sóra. Fig. Sopportare, Tol- 
lerare.' Procedere senza rigore sulle 
altrui mancanze. 

SoTT SÓRA. Sottosopra, Sossopra. Ma 
vale anche Circa, A un dipreuo. 
Tanto quanto. 

Star sóra. Tenere a una eo$a. Non 
soiìrire un minimo che iti certe pre- 
dilette circostanze. 
SoR^* add. n>. Asolato, oppure Sturato* 
Schiuso alquanto, aitriui. Fredimia, 
Raffreddato. 

SoRi. add. m. T. di Blas Sarata, e 
Sorante. Cosi dieesi uno scuiio nei 
cui campo sieno rappresentati ueaelli 
con ali mezzo spiegate. 
SoRARiT. y. Soprabit. 
SótACiusA. s. f. T. Idr. Sopraehimsa. 
Giunta di tavoloni per coltello, che 
si. fa ad una pescaia j coinè il sopra- 
soglio agii argini. 
SoRADÓR. 8. m. Sfiatatoio, Sfògaltjo. 
Apertura fatta per dare ^ogo od csuo 
a checchessia. Sfiato dicono i gettatori 
l'apertura fatta accanto al getto onde 
l'aria possa sfiatare. V. Arsòr. 

SoRADÓR d' cn holén. RisdacqmaUijo , 
Emissario, Scaricatoio, Diversivo. Ca- 
nale per cui i mugnaj danno la na 



Digitized by 



Google 



so 

all'acqua, quando non Togliese «a- 
cinare. Diversivo, se devia 1* aequa 
di un fiumew 

SòiiAriù, D* SÒMA Ftù. Soprappià, Sor^ 
più. Il soverchio: in forza d'avver- 
bio Tale IrtoUre, Da vantaggio. 

SoAAa I Sobàes* RaffMiéart, Raffred' 
éar$i. V. Arsorar. 

SÒitAn u TOLTA. T. de' Bare. Sbiitare. 
Svolger alquanto la gomena dalla 
bitta. 

SòiiASGRiTT. y. Sopraserllt. 

SÒBATACCH. 8. m. Coperta, Soprataeeo, 
Il suolo che vien sopra il (aeco, 

SÒBATesTA DLA BBiA. Testiera, ^pracapo 
della briglia. 

SÒBAviA o d' sòbavia. Di sopra, A galla. 
Al di fuori. Esteriormente* 

SoBÀxZA. s f. T. d'Ornit. Barbagianni. 
Lo Slrix flammea di Linn. Cosi dieesi 
da alcuni anche il Gufo grosso. \. 
Duch. 

SoBBA. 8. f. T. Bot. Sorba. V. Sorbla. 
SoBSA. 8. f. T. Idr. Tromba aspi* 
tante. V. Pompa. 

SoBBACciAB. att, Sorbecehiare. Sorbire » 
prendere a sorsi. 

SoaaÉTT. 8. m. Sorbetto, Gelato. Sorta 
di bevanda congelata. E so ne fa di 
caffè, di fior di latte, di cioccolata, 
dt ananasso, di fragole, di cedro, di 
IhBone, di pesche ecc. Vi Arlichén e 
Granita. 

SoBBèTT. Fig. Pillola, Siroppo. che 
dispiace. Cosa the ci reca pena o di- 
sgusfo. 
SoaBèrr Ben mantbcà. Sorbetto bene 
stiletto. Cioè manipolato e diacciato 
bene.^ 
CoLL CB* PA I soRBftrr. Sorbettiere. 

SoBBÌB. att. Sorbire, Assorbire, Assor* 
bere. Inghiottire, ingojare, proprio 
delle acque, e si appropria per simi* 
Htudine alla (erra. 

SoBBÌB i!f Téiv. Avvinare una mine' 
strina. Mangiare un poco *df minestra 
senza brodo affogata nel vIqo generoso. 
Sobbìb la boba. Succiare o Succiarsi 
thecchessia. Si dice per similitudine 
dell' appropriarsi l'utile e l'avvantagio. 
Sobbìb uif msocsT. Succiare un dt- 
spiacere, un* e fisa ecc. Sopportarlo, 
aofferirlo abbenchè contro voglia. 



SO 



nz 



Sobbìb, tibab su il fià. Succiare. 
Tirare il fiato a se, rcslringendosi in 
se slessi, quando o per colpo o per 
ahro si sente ^rave dolore. 

SobbIb un oéuv. Bere un uovo. Sor- 
birlo. . 

L'è ciust cMè soRBhi un obov, l'è 

CHE TOÉUR UN BBVBR IN V&N, l' É GIUST 
' CKÀ DIB AMEN, L* É CBÈ BIOEB, L* É BO- 
BA DA BiDBB. È come here un uoi?o. 
È cosa facile. 
SoBBU. 8. f. T. Boi. Sorbo la pianta, 
Sorba il frutto, che è piccola ed a- 
oida, fatta n foggia delle, pere, e più 
colorita, mentre è verde È il Sorbus 
domestica Linn. 

Sb a CAGB sta yOLTA AN IIAGN PIT d' SOB- 

BLi. Se caco cembali , non ne va* sen* 

tir sonata, cioè se esco da questo 

• imbroglio non voglio più intricarmene, 

impaeciarmene. 
SoBBòJBR. att. Soprabbollire. SignificB 
bollir di soverchio, bollir per troppo 
tempo. 

SoBBÙJBB. att. Fermentare, Levar in 
capo. Bollire io modo che se ne veg« 
gano sulla superficie gli effetti, come 
nell'uva, nella birra e simili. 
SoBBTAB. s. m. Sorbettiere, Diaeeiatore. 
Cokii che fa i diacciati o sorbetti. 
SoBBTAR. att. Sorbettare. Congelare 
in maniera da far sorbetti. 
SoBBTBRA. a. f. Sorbettiera. Vaao nel 
quale si tiene a congelare il sorbetto. 
SoBBTÉBi. 8. i. Slèvalonaeei. Cosi cbiamansi 
per beffe due stivalacct troppo a;randi. 
SoBciAB. att. Sorecchiare. Dar a orec- 
chio, orecchiare, origliare. 
SÒBD. 8. m. Sordo. Privo dell'udito, e 
fig. si dice snelle delle eose inanima- 
te che non rendon suono. 
SÒBD. add. Disarmonico. Dìcesi de' 
teatri e simili e di vari strumenti che 
non hanno* armonia, eco ccc» 
SÒBD B BVTT. Sordomuto. Cioè (il 
più spesso) muto per sordità. 
DviNTAB sÓBD. Insordire. 
Fab bl SÒBD. Far il sordo. Far orecchie 
di mercante. Far le viste dì non udire. 
Un PO SÒRD. Sordaslro. 
Famìa sórda. Famiglia ricca, sorda. 
Si dice di famiglia ricca sebbene non 
l'apparisca. 



Digitized by 



Google 



454 



SO 



Spiu>liu. s. in. Sordaeekhnt. Aceréscit. 
di sordo. 
SordJLea d*amià. Vecchia. 

SoM>Afi*NA. 8. f. Sardina. Sorta d*ordi- 

' ^lìQ che sì mette agli strumenti per- 

èkè rendano minor suouo. Cosi dioesi 

anpbe U bottone cbe risalta sull'orlo 

deiln ta^ d*una ripetizione e die 

spinto H mo^ al martello della soneria. 

SoanlM'nA D*im arch. Soprareo, Arco 

morto. Arco che si fa per entro il 

muro sopra un altro arco» perchè 

questo ricava meno peso. 

A u soRDéif NA. Sordamente , Alia 

Morda, Caulion catelione, CbeU* 

mente, in modo ch'altri non senta 

o non 8* avvegga. 

Lavorae a la 80RnéN*NA. y. Lavorar 
sott* acqua. 
Star d' soRnÉN*if a. T. Furb. Origliare. 

Sordéu'ni. s. f. T Furb. Orecchie. 

Sordità. Sordaggine, Sordità. 

SordOn. s. m. Sordaccio, Sordacchione. 
Che è sordo assai ; ma dicesi anche di 
colui cbe fa le viste di non udire. 

SoRDòas. A ridouo. Addosso, al di sopra, 
p. es. Cavalcare a ridono, in Tosca* 
na diccsi A bardoeto. 
SoRDòss. s. m. T. di Blas. SUprappo* 
nimenio. Peno d'arme posto in uno 
scudo sopra un altro. 

SòREGB. s. m. T. di Zool. Topo dome» 
etico e anche 7'opo casalino. 11 più 
antico ed il più molesto degli animali 
che ami di vivere coli* uomo, del qua« 
le apetisce volenlieri i cibi da esso 
preferiti, come grani, cacio e sostanze 
oleose. È fecondo al sommo produ- 
cendo la sua femmina 4 o b volte 
Tanno cinque o sei figli ad ogni par- 
lo. É il Mui museuius Linn. 

SÒRBGH DA ACQUA. TopO acqUOJolo. 

Sorta di topo somigliantissimo al do- 
mestico, dal quale diferisce solo per 
la brevità maggiore del muso e delle 
orecchie. £ cosi detto perchè abita le 
rive delle acque stagnanti o perchè 
nuota facilmente e sta sott'acqua per 
lungo tempo. È il Mus amphihiue 
Gitici. 

SónEGH DA CAHADELA Topo di fogna 
e propt*. il Mas deeunianus Linn. gin- 
\anf. V. Pondga. 



SO 

SòREGB DA GRANAR. Topo delU me$$L 
Sorta di topo che specialmente rode i 
grani e che è assai distruggitore nel 
tempo delle messi, detto perciò Mot 
mt'uorius dallo Shaw. 

SòRBGH D* CAMPAGNA. Campo^numio, 
Topolino giaiiogiiolo supcriormeote a 
bianco lionato sotto, che vive ne' ter- 
reni elevati de* eampi, detto da GmeL 
Lemmui onni/tf. 

SòRBGH mzROLiif. Ghiro. V. Niiaolèii 

AgH rOÉUL RAUR DBRTER 1 SÒRBCa. 

È vi 8i pud giuocare, oppure Itrer 
di epadone. Si dice famigliarmesiie 
d'alcun luogo spogliato di maaacrìxie. 
Color d* sòregh. Sorieigno. Di color 
di sorice, e dicesi di sorta di mAa- 
tello del cavallo. 

SoRÉLA. s. f. Sorella. Correlativo dì fem- 
mina tra nati d' un medesimo padre, 
o d*una medesima madre. Cosi dieesi 
in dialetto la Compagna di chiogtro e 
vale anche Monaci^. 
SoRÉLA. s. f Fig. Compagna, Simiie. 
Cosa che ba molta sonugltanaa con 
un altra da poter esser presa in iacambio. 
SoRÈLA. s. f. t. de' Mur. Smareatm- 
ra. Intestiiio verticale tra mattone a 
mattone. 

SoRÉLA. s. f. T de' Teas. DoppionL 
Fila doppie di ripieno, ossia man- 
camenti cbe succedano, nel tessere, 
perchè le fila dell'ordito sono rad- 
doppiate. 
SoRÉLA pA LATT. Sorella coUatlanea. 
Cosi diconsi le bimbe non nate ma 
allattate dalla madre di una di esse. 

Sorén'na. s. f. Monaeella, Monachina, 
Monachetto, Monacueeia, veneggia- 
tivo di Monaca. 

Sorér'mi a. f. Monachine. Quelle adir- 
tille di fuoco che neil' incenerirsi la 
carta a poco a poco si spengCHio. Fo" 
volesca, e Favaleeca. Le stesse scia- 
tille ascese in alto. L'ultima scintilla 
dicesi AbtHideMsa. 

Sorìrba. Erpicatolo, Straedno, Caper* 
tojo, Ajuolo. Sorta di rete asMì gran- 
de, con la quale 1* uccellatore cuopre 
e prende le pernici, quaglie, e fagia- 
ni, e alcuni altri ucceHi, con l'ajato 
d'un cane che li cerca e, trovatili, sì 
ferma. 



Digitized by 



Google 



so 

SoAàTTA. 8. f. Mofufeeila. T. SoréD*na. 
SoRèTTA. 8. f. T. d'Orn. Cmeiarella, 
Cincia piccola. Uccelletto cuiDunissiuio 
che reca io prìioavera gran danno al« 
le gemme degli alberi. É il Parta 
eoeruicus Linn. 

SoRFÈ. s* m Sopracinghia delia co* 
perla. Gingliia altra da quella della 
«ella per solo uao di aasicurar aofr' es- 
sa la coperta. 

SoRFRONTA. s. f. SincipUc. La parte da- 
▼anli del capo tra il confine superiore 
della fronte e il èocussolo. V. Platea, 
o Piata. 

Sorga, s. f. Sorda? V. Pondga. 

SoRGARA. 8. f. Sorciqja. Nido di sorci. 
Topaia, ro|;ino;a. Nido di topi, e per 
similitudine si dice di case antiche, o 
che siano in pessimo stato. Stamberga, 

SoRGABOÉDL. s. m. SpocchercUo. V. S*cia- 
pén. 

SoRGARoAiTU. s. f. Sorcicra (Spad.), 
Trappola. Ordigno da prendere insi- 
diosamente i topi fatto in farle ma- 
niere dalla cui forma prende on ag- 
giunto. 

SoRGAROÉuLA A LovÀiT. Trappola a 
eirozunp. Sorta di trappob nella qua- 
le il topo nel rodere l'esca da lo scat- 
to ad un grosso ed elastico filo di fer- 
ro, ripiegato a occhio e maglia, entro 
il quale esso rimane preso e stressato, 
o altrimenti ritenuto. V. Traplòn. . 
SoROAROàuu A PARARòRA. Trappola 
a cateratta . Cassetta quadrangolare 
bislunga, chiusa da un lato da una 
grata fissa, e dair altra da un cate- 
rattiuo mobile che si alza e s* abbassa 

Sei moto del timone Ha: 
US dednans . . Entrata. 

Cassa Cascetta. 

Frén ... • • • Tenitojo. 
Gambètt. ... Forcella. 
Ramadén . • . Grata. 
Sportlén. . . . CatertUla. 
Stècch • . . Timone. 

SORfiAROUèLA A TRARUCCBÉLL. Trappo* 

la a ribalta o a trabocchetto. Sorta di 
trappola simile alla precedente colla 
diiferenia che ha un trabocchetto in 
vece di una cateratta, un Cicaja o 
cassetta in vece del tenitojo ed un 
iulitojo di fiaiicu invece deli' entrata. 



SO 



155 



SoRGAROiuLA o* FiL PERR. Trappola 
a gabbia. Sorciera fatta di fili di ferro 
piantati in tondo su un assicella a si* 
miglianu di una gabbia d'uccelli, con 
sopra, un ritroso pel quale entrano i 
topi, ed uno sportellino di latta infe- 
riormenle per cavarne i topi presi. 
SoROizz. s. m. Topaecio. Pegg. di topo. 

SoRGlilf SOROflàTT, SOROfllNATT SOR- 

GBiiciif. s. m. 7bpo/tno. Piccolo topo. 
Fig. Ceeifio, Naccherino, Rubacchino 
e dicesi per vesso ad un fanciullo. 
Sorgbìn add. m. T. di Vet. Sorcino. 
Sorta di mantello del cavallo o del- 
l' asino la cui tinta e analoga a quel- 
la del pelame del sorcio* 

SoRGòN. s. m. Sorcione. Accrescit. di sor- 
cio, y. Pondgòn. 

SoRiÀii. Sortono. Aggiunto di gatto. Per* 
siano, persianino. 

SoRiHPOSTA. s. f. Sopraddazio, Sopras* 
oellop Soprassoma^ Giunta delle pub- 
Uidie gravexse ordinane. 

SoRiNTBiiDàirr. s. m. Soprintendente. So- 
prantendeote. 

SoRiNtBRDRiiZA. s. f. Soprinlcndenso» So- 
prantendenxa o governo di una casa 
di una grande società commerciale. 

SoRiirrÉROBR. att. Soprintendere. Gover- 
nare. 

Sorlar, att. T. de' Mur. Murare a snior- 
sato. Non alternare i mattoni nel mu- 
rare per modo che il muro resti in 
ogni senso sinorsato. 

SoRLASCA. s. f. Sorellastra. Sorella di pa- 
dre e non di madre, o di madre e 
non di padre. 

SoRLéN NA. s. f. Sorellina* Vezz. di so- 
rella. 

SoRHÀif s. m. Sopraggitto Sorta dì la- 
voRQ che si fa coir ago, o per con- 
giungere fortemente due panni insie- 
me, perchè il panno suil* estremità 
non ispicci o anche talora per oroa- 
mento. 1 lenxuoli soo cuciti a soprag- 
gUto. 

Far bl soriìn. Sopraggittare. Fare 
il sopraggitto. 

Sormonta., add. ni. Siirmontato, Trac^ 
malo. Vinto superato ecc. 

SoRii0.iTAR. att. Sormonture. Vale mon- 
tar sopra) ma si usa da noi ilMlctio 
verbo il più frcquentenieuie m scuso 



Digitized by 



Google 



iW 



so 



di Superate, Vincere, Scorrer sopra. 
Tracimare. Straripar^. 

SoBNACCiAa. alt lìuesare, Ron farete prò* 
prUmenle. Rotnoreggiare per aver il 
naso intasato. Siffatto russo involonta- 
rio il Frapciosini lo dice Somaeare, 

SoRNAcaòN. 8. m. S^macQlore (Frane). 

SoaNòx* s. m. Sopranr*wne. V. Seolmàj 
e Siranòm. 

SoaOss. s. m« Soprosso, Capo d'oao, 
Apo/iù. GrosseuM che apparisce ne' 
nicrobri per osso rotto, o scenimcsso, 
o mal racconcio, ti si dice ancite d*un 
malore ebe vieti a* cavalli e^i altri 
animali. 
SoRùss. 8. m. T. d' Agr. Cercine. 
Queir ingorgauicnto legnoso che si va 
ormando intorno ad una pianta ogni 
volta che sia stata spogliata di ona 
porzione della scorza. 
SoRùss. s. m. T. di Vet. EsoefowL 
Malattia delle ossa che coaHituisce una 
sporgenza riconoscibile anche sotta la 
pelle. Sparavagno, cbiamaaai Tcao* 
slosi ebe trovasi alla parte superiore 
ed esterna dell'osso dello sUnco. 
Far soròss tu t' na cosa. Far il callo 
in checchessia Incallire, assoefarsi. 
l'iÉN D* SORÒSS. Soprossuto. 

Sorpassar, ali Sorpassare. Sopravanure. 
Ftg. TVosofidare. Tollerare ecc. 

SoRPòNT. 8. m. SoprappuHto. Impuntura. 
V. Inzipadùra. 

SonpoBTA. s. f. Soprapporlo. Pittura ebe 
collocasi Tassi sopra le porte. Il Tas* 
soni ha soprapporta, 

SoRPOSTA. s. f T. di Vetcr. Attinto. Con- 
tusione forila che da se stesso si fa 
il cavallo nella corona di un suo pie- 
de quando la percuote col ferro del- 
r altro, oppure quando esso la riceve 
dal ferro del piede di un altro ca- 
vallo. 

SoRPRENoàNT. odd. m. Sorprendente. Ma- 
ra viglioso, mirabile. 

Sorprender, atl. Sorprendere, Sopra- 
prendere. Cogliere ali* improvviso. = 
Altrappare, sorprendere con inganno. 
V. Maravla. 

SoRPRÉs. add. m. Sorpreso, Maraviglia^ 
to ed ancbe Sopra preso. 

Sorpresa, s. f< Sorpr£,sa. SorprendimeHlo. 
Sorpresa, s. f. T. Furb. Ubbriachezza. 



SO 

SonrRESA. s. f. T. dcgfi Orivol. Sor-^ 
presa. Pezzo fermalo sulla lumaca dei 
quarti di un orivolo a ripetizione per 
render certo 1* effetto della sonerìa. 

SÒRS. 8. m» Sorso» Quella quantità di ih- 
quore che si beve in un tratto senaa 
raccorre il fiato. Sorsata. Sorsino, zar- 
sello, sorsettino diminuì. 
Bever a sòrs. Zinzinnare, e meglio 
Zinzinare, Sorsare. Bere a zinziui o 
centellini. 

Sorsètt: s. m. Sarsello, Sorsino. Sorse!- 
lino. 

Sorta, s. f. Sorte. Fortuna, ventura, ac« 
cidente, caso fortuito. <=» Sorla, vale 
specie, genere. 
Sorta! Sorte, Buon per me, per 
lui ecc. Sorta d* interjezìoae. 
D' SORTA. Di naturai Di quaiiià. 
Per propria essenza. 
D* SORTA, avv. Per modo. In guiam. 

SoRTAJOàuLA. 9. f. Sorriso di fbrtima. 
Olile guadagno o risorsa qualunque 

- sufficiente a metterci in isialo se ooo 
proapero almeno comodo a sicuro. 

SoRTESTA. 8. f. T. dc* Scll. Testiera. P*rte 

' detfa briglia dov'è attaccato il porla- 
norso dalla banda destra, e paasa ao- 
pra la testa del cavallo,^ arriva dalla 
banda manca dove termina cou la 
sguancia ss (ganassèn). Seudtcciiiolo^ 
Parte della briglia, che srrve ad ooi- 
rc la soggola con la testièra. 

SortI. add. m. Uscito. 

Sòrti. Sorla, Specie, Genere. 

D* TUTT IL SÒRTI. D' Ogni queUiSà, 
D'ogni specie. Di tulle sorte. 

SoRTiBA. 8. f. Sortila. Uscita improvvisa. 
Prorompimento, uscita fatta cdn iai- 
pelo. 

SoRTmA 8. f. per metafora. Pazs^ia, 
Bottone ed anebe discorso, -o parlare 
qualunque. 

SoRTiMÉKT. 8. m. Assorlimento, Sorierit» 
Quantità di cose diverse- ordinate ia- 
sieme. 
SoRTiiràNT D* COLOR.' Scah di eohri 
Serie di pandlini di colori a pastello 
o sim. che offrono la scala conaplessa 
di tutte le varietà di colore. 

Sortìr; alt. Uscire. Andare o venir foa- 
ra. Sortire e Far sortita drcoo» i 
militari dell* uscir de' ripari, o delk 



Digitized by 



Google 



so 

fìéUé' mediale', per aiMlUre il ne^ 
Ittico. Sortire, vale anefae eleggere a 
sorte. 

SoETÌa. att. T. di Gittoc. Giuotare. 
Ptrr ea. 

SoRTim A SPADA, A COPI». Giìiocare a 
spade a coppe eec. 

SoKTù. & m SoprwMe, V. SoprabU. 
Sorti) da paraiu* M. Scherz. e Purb 
Cassa da morto. 

SoATù D* Ria. T. di Cu& GraalaAi H 
riso. Solala di loaoiera di eiidiiare il 
riso, cbe diversifica secondo i gusti, ì 
IMMoai é r abilità de' cuochi. Riso «Ila 
milaoese. 

SoaTCv. a. m. T. d'Agr. Aquilriiw. Acqua 
cbe geme dalla terra e la tiene sem* 
pre umida. Fitta, Ficeatojo, Pieeaio* 
ja, è quel lerrejio paludosa sul quale 
DOD si può camminare sema atiòn- 
darsi. Pollino o Terra di polla, terra 
frigida dove scatoriscono polle d* acqua 
che stacoano. GrmUio, quella poca 
acqua cbe ai vede in alcuna Grotta 
quasi sudore delbi terra. Lasza, ter- 
ra frigida, acquitrinosa dove nascono 
giunchi ed Altre piante paludose. 

Soaroids. add; m. ^c4tftlrtnoso> Uligi' 
noso. Terra soggetta agli Acquitrini ed 
alle polle. 

SoRùss. s. m. Soprapporia. Pittuk*a o 
simile da collocarsi sopra le porte. 

SoRvioLil. add. m. Osservalo, Spiato. 
Tenuto ad occhio e dicesi di persona 
cbe non si tuo! perder di vista. 
Sorveglia da la polizia. Vigilalo, 
Vegliato dal buongoverno. 

SoRVB6LiAi«T. a* ». Mwigilatore. Sopra- 
stallie. 

Sortegli ANZA. s. f. VigilansQ, Soprain* 
tendenza. 

SoRVEGLiA!fZA. s. f. Precetto. V. Pre- 
seti. 

Sorvegliar, att. Vegliare, Soprmmdere. 
Fare la guardia ad alcuna cosa. Vigi- 
lare > Soprainlendere , Sopraslare, u- 
aar vigilanza su checchessia. V. Pre- 
cettar. 

Sorzìa. s. f. Sorgente, Fonte, Fontana. 
Luogo dove scaturiscono acque. Sor* 
gioa. Scaturigine, Polla, trapelaoiento 
d' acqua attraverso d* un argine o neU 
la campagna adjaccnle. 



SO 



457 



SoàziOÉOL. s. m. T. d'Entom. Gordio 
acquatico. Verme bianchiccio e hingo 
spesso sette od otto decimetri, che 
vive nelle polle di pianura e che per 
la sua figura filiforme è anche detto 
Capetto ai strega. «: Da alcuno é 
creduto atto a fare dei filtri amorosi. 
È il Gordius aqutUicus Linn. 
Sospender, att. Sospendere. Appiccare in 
modo che non tocchi terra. 

Sospender, sii. Dimettere in viaproQ* 
pigionale. Sostenere da un unpiego 
per qualche mancanza. 

Sospender per DiftrUre, Prolungate. 

Sospender, att. T. Leg. leoarla pèn^ 
na. Dicesi di procuratore, notaio o 
simile Quando per gravi colpe gli vie- 
ne proibito di trattar cause o di ro- 
gare. 

SospBNDER *NA SENTENZA. Ritenere, 
Sostenere. Bsemfip: Sostenne l'e^ecn- 
lèone. (Villani.) 

SOSPENDRES IL i ÒRÉ|l*Nt. AcCCCarsi le U" 

rin^. 
Sospensori, s.' m. Sospensorio. Specie di 
sacco di tela con iin foro pel passag- 
gio del pène il quale sacco è soste- 
nuto da una cinghia e htenqto fermo 
da due sottocosce, di cui sì ia uso 

Gr contenere lo scroto nelle sue ma- 
itie, in quelle de' testicoli. É u- 
sato anche per precauzione nel caval- 
care. 
SosPÉs. add. m. Sospeso. Incorso nella 
sospensione. Vale anche Ambiguo, 
Dubbio ecc. 

Tgnir sospés. Tenera in pet/idente o 
in ponte. Tènere sospeso. 
SospèTT. s. m. Sospetto, Dubbio. Ha il 
dubbio può essere indifferente, freddo; 
il sospetto è più solleciio, ansioso. 
CiAPAR sospÉTT. Prender sfidanza. 
( Sacch. ) Aombrare, Insospettire. 
Dar soapÉTT. Dar sqspe'zione o so" 
spello. Essere sospettevole. 
Legittimar in fatt el sospétt. VeH- 
ficare la difManza. { ?all. ) 
SospiR. s. m. Sospiro, Trotta di sospi* 
ro. L*atto del gettar sospiri. 
Gnanca un sospir dalla parta di Dio. 
Nientissimo. 
Un sospir. Fìg. Niente, oppure Un 
momento. 



Digitized by 



Google 



IBS 



SO 



VtoDBR Tolo» A 808PIR. VendéTt 
Dare, Oamperart o Prendere pe' 
tempi, cioè non a contanti^ ma per 
darne o noeireme il preuo al tempo 
o ai tempi accordati. Y'. ftespir. 

Sospirar. ?• n. So$pirare. Maodur fuora 
sospiri. 

Sospirar. ▼• aU. Anelare. Bramare 
ardentemente. 

Sospirai, a. m. SHfireUa. Dim. di so- 
spiro. 

SpspiRdN. s. m. Soipirmie. (Tose.) Grosso 
e siQgbionante sospiro. 

SospTAR. att. Soepetéare. Aver sospetto. 

SosptAs. add. m. Sùspettoeo. Pieno di 
sospetti. Soipeuevok, Soepelto, che 
arreca sospexione. 

£osTAifZA« s. f. Sosiciua^ SuiianzQ. Gò 
cbe CQStitalsce il meglio di una cosa. 
ConlehenMQ, lo spirito o Tidea prin- 
eipale di ano scrìtto o di un discorso, 
ni SOSTANZA. In fine, AUa per, firn. 
In $omma. Atte corte. 

SóSTARzi. s. f. Stato, Avere. 

It so SOSTANZI. // proprio aoere, I 
beni. I sQoi capitali* 

SoSTANzite. add. m. Soi(aiuiòfo> Soitan- 
zievotei. Che ha sqsUnia. 

SosTèaif. s. m. Sostegno, Soetentaeolo , 
Soetentamenio, com die sostiene. So* 
tenitore, Soetentatore, die protegge, 
difende t simili. 
SosTtaf. s. m. T. Ur. Sostegno, Cai* 
Ione. Palibriea cbe altraTcrsando un 
canale o naviglio serve a frenare la 
velocità delle acque e a sostenerle per 
comodo della navigaiione. Consiste di 
Ciusòn ? ... Porioiit, Ventole. 
Vasca? ... . Conca. 
Dicesì Camera del $o$tegno il fondo 
del sostegno tra i due portoni ove è 
rtienutfl T'acqua. 

SosTtoN DOPPI. T. Idr. Sostegno fri- 
milo di ripresa. Sostegno posto a 
contatto con un altro. 

SosTGNia. atL Sostenere Prestare soste* 
gnoy sosteoUre. Quest* ultimo vale spc- 
eiaJmcnte Annientare, mantenere co- 
gli atiiiienli. 
Sostgnìr: àtt. Propiare o Propriare. 
AiferniHfe, asseverare checchessia con 
insistenza. 

SosTGNià^s. n. p. Durare, Resistere. E 



SO 

in altro signif. Campaeekisurim* Vive- 
re decorosamente y oppnre Far opmiia. 
SosTGNù. add. m. Ssaleniflo^ Coiile^iioaa. 
Che SI comporta con fasto che ha por- 
tamento altiero e grave, detto di 
drappo o panno Sodo. 

Andar sostonù. ilndar tu eomiegmo. 
Andar sul grave. 

Star sostonù* Star grosso o Amdar 
grosso ad uno. Battere da broaoo. 
SosTiNTAR. att. Sostentare. V. Sostgoìr. 

SosTiNTAR 'na ioììa. Sostenero ma 
bugia. 
SosTWTARS D* PRBZzi. SoÉtenoTsi, Sasim- 
tarsi. Mantenersi. I grani si manlea* 
gono per dure che sono a presso piat- 
tosto alto. 
SosTrruiR att. Sostitmire. Mettere one 
una cosa in luogo proprio o d'al- 
tra COM. 
SosTiTdT. s. m. Sottodelegalo. (Gap. de 
Pori, di Norda. ) Colui che in man- 
canza di un impiegato ha incarico di 
sopperirlo. Sustituto. 
SosTiTOZiòiv. s. f. Sustitusione, Sostiiu- 

zione. 

SoTÈm, T. di Ballo. ( dal Frane. San- 

tense) Salterella f Balloniolo allegro 

e celere venutod dalla Francia^ 

SoTT Sotta. avv. Sotto. Ndla pnrte 

inferiore, al basso, abbasso, al fonda. 

Sotta. Sotto per Quasi, Circa, per es.: 

El costarà sotta ai zént prarcii Co- 
sterà quasi o circa cento franchi. 

Andar d' sotta. Andar sotto, o di 
sotto ,^ Scapitare. Disastrare, andar 
disastrato. 

Andar sotta. Andar sotto. Diccsi nd 
giuoco dd biliardo del giocare io 
guisa da dar all'avversario il vantag- 
gio immediato di un colpo. 

Anoab sotta Somsnergersi, E dicea 
di chi imperito non sa nuotare e af- 
ionda. 

Andab sotta a von. Scalzare o Sot' 
trarre alcuno. Si dice del cavargli di 
bocca alcun segreto, entrando con arte 
in qualche ragionamento. 

Aver sotta. Comandare Aver souo 
di sé. 

Dar 0* sotta. Mettere a leva aleuM. 
Dare occasione di alterarsi. 

EsSBR SÉVPER SOTTA Focchiiìtggìare. 



Digitized by 



Google 



so 

Far fedche da focebina, dorar fatiche 
da b«tìa. 

EaSBR SBBPBa 80TTA, BSSE» SBVPBB Al 

DÉRT. Sfar punia o puntUj Ei$er du€ 
volpi in un Miieeo, Bezsieare. Diccai 
di peraona che aempre garriacono e 
eoniendooo fra loro. 

fissaa aoTTA. TraUare, Far praHeht. 
Adoperarai per la buona riimcita di 
una cóaa. 

FaABN D* aOTTA B D* 8ÒBA, FaBBN D* O* 

•HI «BRBaAsiòii Far d'ogni iana un 
pno. Far d^ogni erba un fascio,' 
Fare a lascia podere. Fare ogni sorta 
di ribalderie aeaxa alcun riguardo. 

Faésla sotta. Sconeoearat. 

Mandar sotta. Far a^ronkare alcuno. 
Scoprire le intensioni ecc. 

Merm sotta. Calzare* Porre una 
teppa sotto un mobile che tentenna. 

Restar d' sotta. Rimanere a piedi 
di alcuno. Esser superato. 

Tacar sotta. Riprendere se IsToro 
introinesao, Incominciare se ancora 
non lo fu. Vale anche Aggiogare i 
buoi, e Auaccare ì cavalli al calesse 
e sim. 
ScnTASiT. a. m. Soiio9esie, SoUo^sia. 

V. SoUYCSU. 

Sott'acqua, avv. Sotlaequa. B fig. Di 
soppiatto, soppiatto, 

SoTTAnTTUARi. s. m. Sottoafftttalore» Co- 
lui che prende a subaffitto i fondi ru- 
stia. 

Sottana, a. f. Gonnella. Veste che por- 
tano le donne dalla cintola inaino ai 
piedi y o sia sopra, o sia sotto ad al- 
tre \esU. V. Sottanén. 
Sottana s. ih. T. de* Cer. Soltana, 
Quella cera d'inferior cjualità, di cui 
si c<nuinciano a coprir i lucignoli si- 
no a certa grofsessa prima di dar al- 
b candela ciò che dicesi compimento, 
eolia miglior cera. 

SoTTANADURA. s. f. T di Fcrr. CamiteeAio. 
Incamiciatura di pietra che si fa a 
certe fornaci perchè possan reggere 
lungo tempo senxa vetril]care« 

SoTTANAR. alt. T. de' Cer. Lavorar di 
sonano. Coprire i lucignoli sino ad 
una certa grossetsa con cera ordina- 
ria , e completar poi il lavoro con cera 
tiiia. 



SO 



IM 



Sottanén. s. m. Sotsana, Gonnella. Ma 
dicesi più propr. sottana alla parte 
del vestire donnesco che è cucita alla 
vita della veste, o è tutta dr un pea- 
zo con essa, e gonnella è quel vesti- 
mento senxa vita che porU^i sotto la 
veste legau alla cintura. Per le parti 
della sotuna V. Vcsta^ 
Sottanén d' crén*na. CrinoUho. (U. 
T. ) SorU di gonnella tessuta con 
crino e lino. 

Sottanén d* lbgn. Gonnella dt truc» 
ciclo. Surta di gonnella intessuta jcon 
lino e troccioli. 

Sottanén imbotiì in ti pianéh. Gon^ 

nella a guardinfante» 

Sottanén inamioà. Gonnella insaldata. 

Andar con bl sottanén tira su. An* 

dar alzato. 

Tirar su i sottanén. A^zar la gonel* 

la. Fig. Far copia di sé. Meretriciare. 

Sottbanch. s. m. T. de* fiigonc. Ceppo. 
Moxzo di trave nel cui messo è calet- 
tata in isbieco il fattore ' ( seirventa ) 
su cui lavora II bigoociajo i secchi e 
le bigonce. 

SorraÉccB dla putén*na. T. de* Cakèt. 
Sottobeccò. La smussatura. delle lamine 
del telajo da calxe opposta, al beccò 
che lavora la maglia. 

SoTTCALOBRA. s. f* T. dc* Cbc. CaUcraro. 
Il garsone del cascinajo che attende 
al cacavo, ossia alla caldaja. 

Sottcalza, s. f. Calcetto. Specie di so- 
letta sciolta che si pone ai piedi sotto 
la soletta o il pedule della calza a 
maggior riparo dell' umido o del fred- 
do. Sottocalza, diccsi la calia die si 
porta sotto altra calza. 

SoTTCAP. s. m. Vicecapo? Vicario? Que- 
gli che fa per il capò, in sua assenso, 
o per altro impedimento di lui. 

SoTTCoÉuon. s. m. Sottocuoco. Ajuto del 
cuoco: dicesi anche Ctioco ih secondo 
e Aiutante di cucina. 

Sottcòppa, s. f. Sottocoppa. Spezie di 
tazza sopra la quale si portano i bic- 
chieri daodo da bere. E per lo più lui 
il piede. a=s Quella clic paniiicnie Tos- 
se di stagno, o d'altra iiiatcrin, e li- 
scia fosse, dicasi 7oti(/o. 

Sottcòva. s. in. T. de* Soli. Popolino, 
Groppiera , Socfodofjuaiu. Quel cuojo 



Digitized by 



Google 



460 50 

che di mtìUtt alta coda del cavallo per 
lostenero k setta alla tchieoa. Codone, 
quella; parie della groppiera, che è 
tonda, e paasa sotto la coda del. ca- 
vallo, del mulo ecc. 

SOTTCOZZ^ SOTTCOZZÒN O SoTTCOCIÒIf. M. 

Coni. Sotteeehù Sotl' occhio, furtiva- 
mente, celatamente. V» Sottquacciòn. 
SoTTcozzÈTTA. s. m. ApÀtmnie. Che ajuta 
altri neir esercizio di sua professione, 
SoTTDòPPi. T. Furh. Sottocapo, 
SoTTEMàNC s. Qi« Soti/ori'aneo, Strada o 
slam» latta sotterra. Critta. T. Arch. 
Volta o cella sotterranea sotto una 
efaiesa per tomba di persone o dì fa- 
miglie par iicolari. 

SOTTFATTÒR. 8. UL SottofaUOTC 

SorrròflD. s. m. T. de* Carroz. Conira^ 
fondo. Il secondo fondo di una cassa 
da earroz]ca 

Sottgóla, s' m. T. d'Agr. Giuntùja, 
Quella jmrte del giogo de* buoj che 
pa^saloro sotto la gola e unisce le 
estremità' inreriorà delle aocole (gra- 

péli). . 

Sottgóla s m. T. d*Arch. Sottogola. 
Membro degli ornamenti d' architettu- 
ra, che sta sotto il dentello o altri 
membri. 

Sottgóla s f..T. de* Scll. Soggòia, 
SoggàLO' Cuojo che si attacca mediante 
lo scudicciuolo, colla testiera , e passa 
per 1- estremità del frontale sotto la 
gola del cavallo, e s* affibbia insieme 
dalla siiiìstra. V. Frontàl e Sortesta. 

Sottoronda. s. m. Sottogroudali* Quella 
parte dèi gocciolatojo della cornice 
dalla parte di sotto, che si porta in- 
cavato; atlìnchè l'acqua non si appic- 
ohi alle membra della cornice, o aU 
tro, ma necessariamente si spicchi e 
cada. 

SoTTiL (El). T. Furb. // burro. 

Sottinsù, s. m. T. de' Piti. Sottonsù, 
Pittura che è figurata stare in alto e 
che sia veduta all' insù. 

Sottintènder, att. Sottintendere, Sotton^ 
tendere. Intendersi una cosa non e* 
spre$sa# 
CosT AS sottintènda. Qucito è impli' 
cito. 

SoTTLiNBAR, SoTTScNAR. IihUrlinearc, Ver- 
golare, verbo att. della preposizione 



SO 

ialina tn/dr (in niezao) e linean, k- 
gnare con linea tra verso « verso ( Ira 
riga e riga). 

SomàN. s. m. T. dì Sohem. Sotiommne. 
Movimenlo di spada che si h ferendo 
r avversario passaodo sotto la maoo. 
SoTTMìUf. m. avv. SoUomano. Di na^ 
scosto. 

SoTTMANCA. s. L Sottomanka. liaiiica po- 
sticcia, che si porta sotto altra au- 



SoTTMURAZiòii. s. f. T. de* Mttr. Rimpel' 
lo. Muro che si riprenda dai fooda- 
menli per riroèltere in piombo «oa 
vecchia muraglia che spiomba. Lavoro 
per di sotto. 
Par 'na sottmoraziAn. Rimpeliare. 

SoTTòcc*. m. avv. Sotiocchi, V. Sol- 
tquaciòn. 

SoTToxàTTER. att. SommettcTe, SoUotmH- 
fere. 

SoTTOHÉTTRES n. p. RitneUerti. Cedere, 
indui*si al volerà altrui. 

SoTtoaiss. add. m. Sottomae^^ OUw 
diente, docile. 

SoTTOPòNCR. att. Sottoporre, Sopporre. 

Sottopost. add. m. Sottoposto, Posto sol- 
lo ed anche dipendente. 

SoTToscRiTT. s. m. SottoicriUo. Scritto 
sotto. 

Sottoscriver, att Sottoicrivere. Scrivere 
il proprio nome sotto una scrilMtra per 
convalidarne l'autenticità o per obbli- 
garsi a ciò ch'essa dichiara: Inaian- 
dosi di una cambiale dirassi meglie 
Firmare 

SoTToscaizióN. s. f. Sottoscrizione, e aie- 
glio Soscrizione, L'atto di soscrivere. 

Sottpagn'. avv. Soppanno. Sotto i panni. 

SoTTPANZA. s. f. T. de' Sell. Siracoak, 
Arnese per lo più di cuojo, che, at- 
taccato al basto, o simile, fascia i fiat- 
chi della bestia. 

SoTTPè. s. m T de* Calzol. Soletta. Cae- 
jo sottile sovrapposto internaaiaote al 
suolo della scarpa. 
SoTTPè. 8. m T. de' Garr. Sotiopiiét, 
Cuscino asse, su cui posano i piedi 
ì servitori ed i cocchieri nelle carrostt. 

SoTTPÉLA. add. m. Succamneo. Sotto la 
pelle. . 

SoTTPERiòR. s. m. Sottopriore o Sep- 
priore. 



Digitized by 



Google 



so 

SormASTiA DiL GAS. 6ola« L* ÌDcavo che 
è sotto la lesta del cane* 

SoTTPONT. 6. iD. Sopjmnàa, Punto an* 
dente. Quel punto che si fa per or- 
lare, e rimboccar la tela, i panni ecc. 

SoTTQUACCiòN. 8. m. SorbouB, UMno fin- 
to, simulato. 

SoTTQiuccidif. anir. SotleeekL 
RiDEA soTTQOAcaòd. Btder soilnchi, 
SoUoridere. Ridere in om>4o da non 
(arsi vedere; prosando una soddisfa* 
xione maligna dell* altrui danno o Ter* 
go|pia (Pes.). È il Birt $&u$ cape 
de' Frane. 

SomAa. att. Àrit Sottrarrti Tor via, 
cavare. 

SomuTT. add. n. Soitraite. 

SoTTRAZiàii. 8. f. T. Arit. Sottrasione, 
Soliraimemio. 

Sottscala, s f. Sottoscala. Quello spailo 
che resu vnoto sotto le scale. 

SoTT'ft'cuvÉHUA. T. Furb Panciotto, Gilè. 

SoTTSFEaA. s. in. T. degli Onv. Quadra- 
tura. 11 complesso di tulti i pezzi che 
SODO contenuti tra la carteMa e la mo- 
stra dell* orinolo o sim. Y. Arkièuj. 

SoTTsnnà. add. nu Rigato, ma vale an- 
che Segnato ioito e Soecritto, 

SoTTSGSAa. ali. Rigare. Sottolineare lo 
scritto la stampa. Altrim. Firmare. 

Sottsòha. So9sopra, SoMOpra, Sottoso- 
pra, a rovescio, capopiè, alla nnfusa. 
SoTTSòaA. avv. Solloso]»ra, In eom' 
butta. Considerato tutto insieme, a far 
bene tutti i conti. 

AlfDAR, TaAR BUTTAK SOTTSÒaA. An^ 

dare o fnandore all'aria, a eoqqua» 
dro, sottoeopra. Scompigliare, Con- 
fondere. V. Tràr. 

SoTTSTALLÉa. s. m. Mozzo di stalla. Chi 
in le infime faccende della stalla, ed 
è sottoposto allo stalliere. 

SoTTSTAK att. Sottostare. 

SoTr*TACCB. s. ra. T- de* Caltok Tramez- 
zetto. 1 pezzi dì cuoio che si intro- 
mettono tra il tacco e il tallone delia 
scarpa. 

Sottvesta, s. f. Sottoveste. Veste che 
8* usa portare sotto la sopravveste. 

SoTTvdsA. s. m. T. di Cacc. Quagiierino, 
Quagtiere a sordina. Piccolo quaglie- 
re per fare il fischio della quaglia 
quando è vicina. 



SO 



161 



SoTTv^A. avv. Sa/loi>oce. Con voce, 
bassa « o sottomessa. 
CiAKAR soTTVdsA. Socchiomore, (Sp.). 

SdvA. pron. f. Sua. 

Aver da la sòva. Aver dai suo par- 
tHo. 

Faren DIL sòvi. Far delle sne, cioè 
delle sue soHte scioechesae e simili. 
Star in tla sòva. Star in contegno, 
sul tirato. Far gli oceM grossi. 
Usar gravità. V. Sòa. 

SovBRsi. s. m. T. d*Agric. Sovescio o So- 
persHo. Bhide che non producono spi- 
ga, le^qualì seminate e creschrte al- 
quanto* si ricuoprono per Ingrassare il 
terreno. 

Sovo!fiR. att. Sovvenire. Ajutare, soceor* 
rere, giovare. B al proprio jRammemo- 
rorsi^ Ricordarsi, ritornare in mente. 

SovRÀN o SovRAivA. Sovrona. Donna che 
ha sovranità « ma dicesi anche cosi 
una moneta d*oro. 

Sovrastìnt. s. ro. Soprastante., Sopran- 
tendente, sopracciò, sopraecapo. 

SòWA. pron. f Sua. V. Sòva e Sòa. 

SòzoA. 8. t Sòceita, Soceio. Accomàn- 
dita di bestiame* 

MoRT la PB6RA SrARTÌ LA SÒZDA. Jfor- 

ta la vacca disfbtta la soccita. Par- 
lando d*ogni cosa che cessi per ces- 
sar d'altra. 
Sòzi. s. m. Sozio, Sodo, Consorto. (Dan- 
te ) . Colui che con moki altrr contn- 
buisce una determinata somma per un 
negozio ecc. che richiede un capitale 
grandioso. 

Sòzi. s. m. T. d'Agr. Rivale. Quel 
proprietario che ha diritto di condur- 
re acqua a propri! fondi per uno stes- 
so rivo, in consorzio con altri possi- 
denti. 
. SoziETÀ. 8 f. Società, Compagnia, Asso- 
dazione. Contratto o Trattato di so- 
cietà tra varie persone. Comandila, Ac^ 
comandila, società di commercio per 
cui una o più persone somministrano 
il danaro necessario per lo trsffico ad 
altre , le quali mettono la loro opera 
per farlo fruttare. 

Far SOZIETÀ. Fare accomandita. 

GuASTAa LA soziiTi, Disfove o Sgre» 
gare la compagnia. Por line |nd una 
società. Disdir la ragione o • fa 'eom* 

iì 



Digitized by 



Google 



462 



SP 



pagnia* Far intendere a compagni di 
non voler più seguitar i negozi con 
esso loro. 

SpACÀ. add. m. Fesso, Spaccato. Diviso 
in due o più parti. 
SpidL add. m. Fig. Spiaiellato, Pret' 
to. Sputato, Maniato. 
Parlar paehsàn spacì. Parlar par^ 
migiano spaccato, cioè il pretto par- 
migiano. 

Spacada, Slargapa. s. f. Sbraciata, Spa^ 
rata. Hitlanteria, spagnoiau, traso- 
nerìa, smargiasserìa, rodomontata. Bra- 
vura a vento. Pettata. 
Spacada o Spacadura. s. f. Spacca- 
mento. Spaccatura, Spacco, ma spac 
eamento è Tatto delio spaccarsi spac- 
catura è l'operazione dello spaccare 
e l'effetto: e spacco è il vano della 
cosa spaccata. 
SpACAOA DA BALLAE^N. Forcota, Squar- 
ciata di gambe che (anno i saltatori e 
i bailerìnj. 

Far biL spacadi. Smargiassare. Lan- 
ciar campanili, trasoneggiare, millan- 
tarsi, sbraciare, vantarsi. Far lo spac- 
cone, squartare. 

Spacaloiiomdo. 8. m. Spaccamontagne. V. 
Spacòn. 

Spacar. aU. Spaccare. Fendere, aprire. 

Spacar, att. T. de' Taroc. Dimezzare 

le cartelle. Tagliarle in mesto a 5 a 5. 

Spagars. n. p. Fendersi, Spaccarsi. 
Faql a spacars. Scissile se dicasi di 
pietra, Fissile se di legno. 

SpacXt. s. m. T. d' Arch. Spaccato, Sio- 
arafia- Disegno interiore d'una fab- 
brica rappresentato sopra una carta. 
Onza, lo spaccato di una nave o si- 
mile. Sezione, spaccalo di una parte 
minore della fabbrica 

Spacciar, att. Sbelfare. Mostrare disprez- 
zo, ed anche tratiare con disprezzo. 

Spacòn. s. m. Spaccone, Mìlantatore, Pa- 
rabolano. Quegli che promette e mi- 
lanta grandi cose. Rodomonte, Spac- 
camontagne, Divoramonti, Squarcio- 
ne, Smaraiasso. Colui che minaccia o 
si gloria di gran forza, di coraggio o 
simili* 

Far bl spacòn. Grandezzare. Far 11 
grande, far del grande. V. Spacàda. 

Spapa. s. f. Spada. Arme oiicnsiva ap- 



SP 

pontata, lunga intorno a due bnecb 
e tagliente da ogni banda. Per le par- 
ti. V. Sàbk. 

Spaoa. 8. f. T. de' F. Fcrr. Archetto. 
Quella sprangbeiu di ferro o di Icfiio 
immanicata alle cui estremità è fler- 
mata una corda di minugia, eoo coi 
8i fa girare la saetta del trapaoo. 

Spada, a. f. T. di Giuoc. Spade Udo 
de' semi delle carte da giocare. 

Spada, add. m. T. d'Ut. ^pada. Y. 
Pèes spada. 

Spada, s. f. T. de' Libr. Trincetto. 
Specie di scarpello del quale mano 
per tagliare i cartoni. 

Spada, s. f. T. de' Set. Andwietu. 
Asta di legno mossa dallo steIJone e 
fermata alla fantina della tratiara il 
cui moto fa the la seta filata si inaspi 
in tralice. 

Spada romana. T. di Vet. Spada ri- 
mana Specie di contrapelo siuuaio so- 
pra r incollatura vicino alla crÌDiert 
del cavallo che vuoisi segno delk bon- 
tà del cavallo stesso. 

Andar cmé 'na spada. Andar iaiino. 
Dicesì delle cose che si muovono spe- 
ditamente, e regolarmente. 

Andar in spada. Andar in falda, h 
fiocchi. Vestir elegante e dicesi anebe 
dell'andare sferrajolato il verno. 
' GoLP d' spada. Spadata, Spadaedm- 
ta. Colpo di spada. 

Far cascar la spada. Disbrandare. 
Disarmar della spada. 

Mbttrbs la spada. Cignersi ia spada. 

Montar 'na spada. Monture utia iama. 
Spadacén. 8. m. Buona spada. Colui che 
ben maneggia la spada. 

Spadacén. s. m. Spadaccino. Chi si 
diietta di portare la spada per pomi». 
Dicesi anche ad uno sgherro e più 
spesso a chi sta sulla scherma. 
SpADAOA. s. f. Spadata. V. Culp de spa- 
da. 
Spadàr. s. m. Spadajù, Spadaro, Colai 

che fa le spade. V. ArmaroèuL 
SfADARéLA. s. f. T. de' F. Ferr. ilnix- 
zatojo. Verga di ferro usata da fab- 
bri ferrai per attizzare il fuoco. 
Spadaroéuli da gelosìa. Stecconi. La pri- 
ma e l'ultima stecca deila {wrsiana da 
tirare. 



Digitized by 



Google 



SP 

SpADAEOécLi DiL scRANi. Spalliere. As- 
sicelle steoche delle seggiole, che 
teogoDO commessi gli staggì di dietro 
e a cui s'appoggiaDo le spale. 

Spadahoéuli di PAUksòì. Assicelle, Slec' 
the. Que' traversi posti in qualche di- 
stanza l'un dall'altro obbliquamente, 
i quali formano le griglie o persiane. 

Spàdaeoéuli d'una babbla. Slaagi, 
Traverse. Quelle che formano il lietto 
della barella. 

IPADÉIf , S. ro. SpADÉr'iIA, SPADàTTA. 8. f. 

Spadino, Spadina, Spadella. Piccola 
spada. CosloHere, spada che ha il ta- 
glio da una sol banda. 

M»AO<ii*5A. s. f. T. de' Pett. Spadella. 
Quel ferro con cui si pulisce in ulti- 
mo da ogni sfregio la costola del pet- 
tine. 

)PADÉTTA. 8. f. T. de' Canap. Spadella. 
Lama a foggia di spada colla quale si 
ripuliscono i spilloni del pettine, dal 
capecchio e dalle lische. 

;pAi>i. 6. f T. de' Tip. Spade. Que* due 
ref^oletti di ferro mollo lisci sopra i 
quali si fd muovere il carro del tor- 
cbio. 

IPADiLiA. s. f. T. Spadiglia. L'asso di 
di spade o di picche, che nel giuoco 
deir ombre è invincibile. La fulmi* 
nunie (Fior.). 

Spadilia d' BOSOLh Boccello o Boc" 
celtìna da rosolio. Boccettina da li- 
quori spiritosi. 

IpADOLAB. V. Spaltàr. 

PADOLèTTi. V. Spadaroèuli. 

IpADòii. 8. m. Spiadone. Spada grande in 
genere che un tempo dalla sua for- 
ma e dimensione dicevasi Durlinda^ 
na, Fusberta, Balisardd. 

Spadòiv. 8. m. T. Bot. Toòacco spa- 
done* Genere di tabacco il più usato 
per la fabbricazione della farina da 
fiutare e dei sigari di prima qualità. 
É il Tabacum anguslifolia Linn. V. 
Per spadòn. 

PAGB s. m. T. de' Calsol. Spago. Cor- 
dicella di più Ala ritorte, impeciate e 
setolate, che adoprano i calzolai a cucire- 
Spagh con il SEDI. Spogo selolalo. 
Quello spago ai capi del quale si è 
attaccato un fil di setola perchè passi 
più agevolmente nel. foro della lesina. 



SP 



165 



SpAGHèrr. s. m Spaghetlo Spago sodile. 
Spagbètt, Fcffa, Fuffòn. Fig. Buh 
lisoffiola. Cusoflìola, tema, paurn. 
SpAGBèTT. s. m. T. de' Chine. Afjf/hhì' 
dana. Scia per lo più di colore vcidcs 
colla quole si legano le estremità de' 
mazzi di coralli lavorali. 
Spagbétt. s. m. T. de' Fun. Spago. 
Funicella sottilissima per uso di cu- 
cire imballature o terzoni o per legar 
piccoli pacchi ecc. 
Spagbètt. s. m- T. de' Past. Siìoghel" 
ti Sorta di paste tonde lunghe e sot- 
tili e non forate per lo lungo. Spil- 
loncini, spaghetti sottili che sì avvici- 
nano a capellini. V. Mnuden. 
Spagbétt. s. m. T. de* Tess. Jnror- 
satura. Pezzi di filo torto, che riman- 
gono dalla parte del subhielio, a' qua- 
li si raccomanda l'ordito per ravviare 
la tela. 

Spagiar s. m. T. d' Orn. ZìshìIo giaìlo. 
Bell'uccello che somiglia all' ortolano, 
detto da Linn. Emberiza citrinella. 

Spagna, s. f. Dobblone. Moneta d'oro di 
Spagna assai noia che vale in Purina 
lire 82, 01 se anteriore al 1785 e 
80, 67 se posteriore. Dicesi anche. 
Doppia di. Spagna. 

Spagnolétta, s. f. Spagnoletta a leva. 
Specie di serratura delle imposte delle 
finestre. Ila: 

Fibbj MaglieUe. 

Gazi Bocchette. 

Lazzètt .... Collari. 
Manétta • . . • Leva. 
Paltòn .... Pironi. 
Paltonzèft ... Contrapironi. 

Pivò Nottolino. 

Rampén. • . . Gancetti. 
Spranga. . . . A$ta. 
I Fior, lo dicono anche Serrarne a 
torcetto. 

Spagnolétta, s. f. T. degli Oref. Ca- 
tenèlla d'oro o d'altra materia da 
portarsi per Io più al collo ed anche 
ai polsi 

Spagnolétta a pistòn. Spagnoletta a 
catenaccio. Sorla di spagnoletta che 
in vece di girare ne' collari per V a- 
zione di una leva, scorre dall'alto al 
basso entro alcuni piegatelli. A Fir. 
Serrarne alla Spagnuola. 



Digitized by 



Google 



164 



SP 



Spagurìzz* V. Cont. V. Spavurìzz. 
Spaia, add» ni. Spaglialo. Seoza paglia 

o sciolto dalla paglia. 
Spaiar, alt Spagliare. Levar la paglia o 
dalla paglia uoa cosa che vi sia in- 
volta ed anche levar la paglia del frn- 
mento. 
Spkih.8.t Spalla j Omero; ma V omero 
è più propr* il sommo della spalla 
che regge il peso ehe talora vi si por- 
ta sopra. 

Spala, s f. T. di Ferr. Camicia. La 
parte del forno delle ferriere compre- 
sa tra la bocca e la pancia* 

Spala, s. f. T. de* Pizzic Spalla 
(Fior.). Spallaccio (Burchiello). Spe- 
cie di prosciutto ammagliato die si fa 
con la spalla del majale. Il migliore 
ed il più celebrato di questi salumi si 
fa a San Secondo Borgata del Farmi* 
giano. 

Spala, s. t T. de* Setaj. Fettuccia. 
Sorta di nastro che supera l'ordiuarìa 
larghezza de' tessuti congeneri. 

Spala del razz dil roéudi. Conio. 
La faccia triangolare esterna del razzo 
presso il punto ove s* incastra nel 
mozzo. 

Spala dla forbsa. Calcagno. La parte 
della cesoj« fatta a molla della quale 
SI fa uso per tosare le pecore. 

Spala d' un ripar. T. Idr. Presa di 
una rotta. Quella parte di un argine 

sim. d'onde si incomincia il riparo 
di una rotta. 

Cavall oh' lavora de spala. Cavallo 
che opera sulla spalla. I Francesi di« 

1 ebbero Cheval qui traverse. = Di- 
cevi Spalleggiare dal camminar che 
fnnno i cavalli con leggiadria , dall' agi- 
tar bene le gambe iu andando. 

Metters il gambi in spala. Menar le 
seste. Gambettare: menar le gambe, 
camminare. Precipitare gì* indugi, af- 
frettarsi con somma sollecitudine. 

Mezza spala. Fettuccina. Nastro più 
stretto della fettuccia. V. Spala. 

PoNTA DLA SPALA. Copo dell' omcro. 
Acromio. 

Portar in spala. Portare a cavalluc- 
cio, a pentole, a pentolini Portar uno 
col fallosi sedere sul collo e largii 
passar le gaml)e avanti il petto. Por- 



SP 

tar sulle spalle, o in eolio, t> addovo. 
Portare in braccio, recarsi in sai 
braccio un fanciullo o altro e porlarit 
attorno. 

Spali, add. m. Spallala. INcesi dì per- 
sona fig. e di bestia propr. che abbn 
rotte le spalle. 

Spalada. s. f. Spanala. V. di Reg. Colpo 
dato colla spalla, o rkevoto nelle 
spalle. 

Spalanca, add. m. Spakmee^o, Sbarrata 
ecc. 

Spalancar, att. Spalancare, Sbarrare. 
Largamente aprire. Squadernare, di- 
cesi propriamente degli occhi. 

Spalar att. Spallare. Guastar le spàXk 
al cavallo o simili, o per soverchio 
affaticamento, o per percossa. 
Spalar, att. T. d'Agr. Spulare. Le- 
var i pali dai campì dopo fatta la veo- 
demia sulle viti 

SpALARoèuL. s m. Saeehiero» V. del G»- 
tado. V. Portascàccb. 

Spalars. n. p. Spallarsi. Guaatarsi le 
spalle. 

SpALAZZ. s. m. T. de' Sell. Soprmepatta. 
Quella parte del finimento d*un et- 
vallo da carrozza, che pende daHa 
sella e sostiene il pettorale. 
Spalazz d' na camisa. Spalieu Lista 
di tela che va sulla spalla della eaoM- 
eia dal attaccatura della manica sino 
al celle ove talora dividesi in due per 
prendere in mezzo un quaderletUao. 

Spalazza. s. f. Spallaecia. Spalla grande 
e deforme. 

Spaleggià. add. m. Spalleggiaio. AjcHalo. 
giovato. 

Spaleggiar, att. Spalleggiare, Fianckef' 
giare. Fare altrui spalla, aju tarlo. 

Spalén. 8. m. Spallino. Ornamento delb 
spalla fatto a scaglie, o tessuto in or«, 
il quale s'appicca sotto il bavero del 
vestito, fiocco da spalla, spallaeeio. 
Spalén da camisa Spalla V. Spalàn. 
Spalén del bust. Spallazzino, Spei- 
laccio (Bresciani). Quella parte de 
busto dell' abito che copre le spalle. 

Spalerà, s. f. Spalliera. Quella verzora 

fatta con arte, che cuopre le man 

degli orti, o piante i cui rami saif^ono 

e s'appoggiano sovra graticolali. 

Spalerà dla scrana. Cartella. Qiiel- 



Digitized by 



Google 



SP 

r assicella che è per lo più nel mexto 
dello schienale della seggiola. 
Spalétta SpÀiiN*NÀ. SpalieUa. Piccola 
spalla. 

SpALèTTA. 8. f. T. de' Filat. Atcialo- 
ne. Specie di meosoleita del filalojo. 

Spalétta del bassinétt. Spondella. La 
spalla eslcrua del focone de* fucili a 
polvere* 
SpALèrri. s. f. T. di Gualch. Rinytostù 
Pezzi di legno (ra asta e asta tenuti 
dalle guide del oiazxo da gualchiera. 

SpALèrri DA OFPizuL • Spallaccii , 
Spaltini, Spallaeini. 
Spali, s. f. T. de* Calz. Spalliere. Aste 
di ferro che reggono i fianchi della 
gabbia del telajo da calze. V. Spala. 

Spali, s. f. pi. T. de* Carr. SpaUetle. 
I due travicelli paralleli superiormen^ 
te a scivoli della treggia ( léssa ) sui 
quali posano.! fianchi del letto. 

Spali del mòk. T. de' Legai. Spigoli 
della culalla. Gli angoli sporgenti a 
lato della culatta che coprono poi la 
grossezza de' cartoni d*un libro. 

Spali d' ka poeta, d' iva fnestra, e 
simili. Stipili, Spalle, SpaUetle, I 
fianchi delle porte e finestre che po- 
sano sulla soglia, o i davanzali e reg- 
gano l'architrave. 

Spali freddi. T^ di Equitaz. Spalle 
fredde a intirizzite. Quelle del cavallo 
che nel movimento invece di presen- 
tare la conveniente estensione, sono 
impedite nel loro esercizio. Se il difetlo 
è più esagerato diconsi Incavigliate. 

Spali d' xm toec' da stampa. Còsce* 
1 due panconi che tengono in mezzo 
il carretto, il pianelle, il letto ecc. del 
torchio da stampare. 

Laegb de spali. Spalluto. 

Mettbrs in t' el spali. Accollarsi. 
Torsi in collo checchessia. 

SiifTiRSLA zo pr'il SPALI. Sentirsela, 
giù pel giubbone. Sentirsela granire. 
Prevedere un danno vicinissimo. * 

STRéNZERS 111 TiL SPALI Fare Spalluc- 
ce. Stringersi nelle spalle. 

Voltar il spàli. Dare il dosso. Vol- 
tar le spalle per andarsene. 

Voltar il spali a von. Mostrar le 

' spalle ad uno. Voltargli tanto di rene. 

Fig. Abbandonc^e , Sconoscere e sim. 



SP 



465 



Spalmonarbs. V. Spolmonares. 

Spalòn. V. Spalada. 

Spalòn* 8 m. Frodatore, Contrab' 
bandiere. Colui che sui monti porta 
sulle spalle quelle merci che va fio* 
dando. Ne' Bandi Leopoldini ò detto 
Portandosso. 

Spalòn'ni. s. f. Spallone, SpaUacce. Acer, 
di spalle. 

Spalta. s. f. T. Bot. Spelta, Spelda. 
Sorta di biada più restosa e lopposa 
del farro. Il Triticum monococeum L. 

Spaltàr. att. T. de' Gapp. Spallettare. 
Servirsi della palletta, prima di met- 
tere il cappello sulla forma. Oppure 
dar forma colla paletta alle tese di 
un cappello. 
Spaltar bl LÈn. Scotolare. V. Spatla. 

Spaltén^na. s. f. Spelta brillata, e dicesi 
Pasta di spelta, la pasta fatta con fa- 
rina di esso grano. 

Spampanada. s. f. Spampanata. Vanto, 
esagerazione. 

Spampanar, v. a. Trombettare. Pire pu- 
blicamente. 

Spampanòn. s. m* Faraone. Uomo di gran 
superbia, ed anche Ciarliere, Svescio^ 
ne. Propalatore. 

Spana, s. f. Spanna, La lunghezza della 
mano aperta e distesa dall'estremità 
del dito mignolo a quella del grosso. 
Spannale della lunghezza di una span- 
na. 

Spana, s. f. T. di Giuoc. Fuscello 
spannale. Fuscello poco più lungo di 
una spanna per misurare la distanza 
delle monete al giuoco di Meglio al 
muro. 

ZcGAR ALLA SPANA. Giocurc ù meglio 
il muro. V. Zugar. 

Spani, add. m. Spannato, Sfiorato, Sbur- 
rato E dicesi del latte. 

Spanar, v. a. T. de' Cac. Spannare, Sfio- 
rare il latte. Cavare da esso il capo, 
la panna, che volendone usare. per 
far burro dirassi più propriamente 
Sburrare. 

SpANAROèuLA. s. f. T. de' Cac. Pannarola. 
Ciotola spasa di bosso per spannare il 
latte. Credo si dica anche Spaniìarola 
scodella da sfiorare. 

Spandént Spandénta. T. di Cart. Span^ 
dente. Quella persona che spande la 



Digitized by 



Google 



160) 



SP 



caria alla spantliiojo, e asciugata la 
raccoglie coli' aspetto. 

Spànder, alt. Spandere, Spargere^ divul- 
gare. V. anche Spender. 
Spàkobr acqua. Far acqua. Orinare. 

Spandòra, s. f. T. di Cari. Spanditojo. 
V. Sugadòr. 

Spanìzz. add. m. StraccoUo. Eccedente- 
mente cotto. 

Spantana, add. m. Spantanato? Cavato 
dal pantano. Fig. Spastojato, liberato 
dn un intrigo o iiupacclo. 

Spantanar, alt. Spantanare? Trarre dal 
puntano. Fig. Spastojare. 

SpanzX* add. ni. Di pancia vellrina» Di- 
cesi di chi ha la pancia si scarsa da 
somigliare (^uclia del veltro. 
SpaNzà. add. m. T. di Vet. Ventre 
da lepre. V. Panza d* levra. 

Spa>z^r. alt. Fiaccare la pancia. Per- 
cuoterla, urlarla con tal l'orza da furia 
quasi scoppiare. D'uuzzoliref cosi pò- 
trebbesi forse dire il torre i*uzzo 
( panza ) ad una cosa. 

Spanzar. alt. Spanciare, Strippare. 
Fare una buona scorpacciata. 

Spanzarbs dal rider. Scoppiar dalle risa. 
Far le risa grasse. 

SrAPÀ. add. m. Stracotto, Strafatto. Ma 
è stracotto ciò che per troppa cocitura 
si va quasi sciogliendo in pappa Stra^ 
l'atto un frutto che per troppa matu- 
rila diviene molliccio e quasi fracido. 

Spapàhes o SpapUres. d. p. Torsi la 
cispa dagli occhi, e ia altro signif. 
Spumarsi o torsi dì dosso la pappa- 
roccia simile imbratto. Altrim. Stra- 
cuocersi, Slrafbrsi. 

Spabadòha. s. f. T. d' Agr. Ala?, Guar- 
dia? Asse ricurva che si pone allato 
del carretto dell* aratro, allorché bas- 
si ad arare presso i Ulari delle viti, 
onde non intaccarli. 

Sparagn. s. m. Sparagno. Risparmio, 
avanzo, civanza. 

Sparagnar, alt. S/wira^nare. Risparmiare, 
avanzare, far avanzi o risparmi. 

Sparaguaj. s. m. Copertina. Persona me- 
diante cui sì cuoprond le nostre azioni 
mdn che oneste cosi detto perché ci 
para o ripara da guaj. 

Spahamàn Sardela. Spalmata, Palmata. 
Percossa iti sulla palma della mapo. 



SP 

Sparar, alt. Risparmiare. V. S pw gRtf. 
Sparar, att. Cansare. Scansare no 
colpo piegando alquanto il colpo. 

Sparavér. T. de' Mur. Sparviere^ Assi- 
cella con manico fitto per dissolto ad 
uso di tenervi sopra la calce da arric- 
ciare intonacare. 

Spara VÉRA. s. f. T. de' Squer. Mezzahma, 
Traversa del timone. Legno curvo fi^sa• 
to nella larghezza della coverta, sul qua- 
le scorre V estremità della barra dd li- 
mone nel correr dall'uno all'altro biHndo. 

SpARciÀ. add. m. Sparecchialo. 

Sparciar. att. Sparecchiare. Le^ar %k 
le vivande e l'altre cose poste sopn 
la mensa. Fig. Diluviare, roaogkr 
tanto da solo da vuotar la lueusa pre- 
parata per molti. 

Spàres. 8. m. Sparagio. V. Spòra. 

SpARiLiÀ. add. m. Sparigliato^ Disappt- 
rigliato. 

SpARiLiAR. att. Sparigliare? Scoiopagnare 
un cavallo da tiro, di cui si ha oa 
simile nella statura, e nel iDaotelio. 
11 suo contrario é Apparigliare. 

Sparir.. alL Sparire, Disparire, Dile- 
guarsi, Involarsi. Torsi dinanzi agj 
occhi altrui in un tratto. Sparir vta, 
sparire con maggior velocità. 
Far sparir. Dileguare. E io altra si- 
gnificato Rubare, Trafugare. 

Sparlar, alt. Sparlare, Biasimare. Dir 
parole in vitupero. 

Sparlazzar. att. Parlare alla sòrocalfe. 

* Sparlare. 

Sparlazzùn. 8. m. Parliere. Chet ptrla 
assai, chiacchierone, dcalone, ed ao- 
che Sparlatore, che parla facilmente 
male degli altri, che biasima tutto. 

Sparnacc': 8. f. T. de' Colorii. SprBZ- 
zolino? Spazzola a lunghi peli che 
serve per macchiare la carta. 

Sparnigòn. 8. m. T. di MicoL Lattaiuto 
forte. Caprino cattivo. U Aganeus 
zonarius del Decand. Fungo velcooso 
e piuttosto raro tra noi. 

SpARONZéN 8. m. T. d'Ornit. dntialk- 
gra. Uccellello di penne variopinte, 
comune in tulli i luoghi e in tatti i 
tempi, detto da Linn. Porta mojtrr. 

Spaapajà. add. in. Sparpagliato. E in 
nitro sigli. Sparso, Disseminato. V. 
Strajà. 



Digitized by 



Google 



SP 

SnuiPAiAB. alt. Sparpagliare. Spargere 
io qua e in la senx* ordioe. Sparnas* 
lare, ed anche Starnazzare, ma è 
pia proprio delle galline e d* altri 
uccelli quando dibattono le ali. Vale 
ancbe Disseminare e fig. Divulgare, 

SpAEPAiAB I cAvi. Scapigliare. Scom- 
pigliare i capelli sparpagliandoli. 

SPAMPUòfi* 6. m. Spamazzaiore. Che 
sparnazza o sparpaglia. 

A sPARPAJòif. Sparpaglialamente. Spar- 
samente, acompigiiatamente, all'avvi- 
luppata, disordinatamente, qua e la 
in disordine. 

Sparpatlar. att Pettegoleggiare, Trec- 
colare, ed anche spiattellare, svena- 
re alla spiattellala. 

Sparpatlòn s. m. Pettegolo, Ciarliero, 
Cicalone, bajone. 

Spars. add. Sperduto, Spano A Vagante. 
V. Spèrs. 

Spìrs. s. m. T. Bot. Sparagio. Aspa- 
rago, asparagio, spaghero. VAsparu- 
gus offlcinalis Linn. Erba di foglie 
sottilibs.ime come il finocchio, della 
quale si mangiano i talli subito che 
spuntano dalla terra. Fig. Cotale. 
Spàrs salvategh. T. Bot. Sparagio 
di bosco. Sparagiaia, Pianta sempre 
\erde comune ne' boschi detta da 
Linn. Asparagus aeulifolius. 

Sparsa s. f. T. de' Cesi. Spasa. Cesta 
piana e assai laiga, per uso di so- 
stener cose da comparsa. 
Sparsa add. in. Dispersa. Sconciata. 
V. Despèrders. 

Sparsàra. s. f Sparagiajo, Sparagiaia. 
Luogo piantalo di sparagi. Fig. e scher- 
zevolmente Priaperìa, 

SpARSARoèu. s. m. T. di Ornìt. Colom" 
boccio. Specie di colombo salvatico, 
che si ciba di ghiande ed è avido di 
fave. La Columba palumbus Linn. 

Sparsbu.. V. Perseli. 

Sparsén 8. m. Girello. Lamette ìnca* 
strale nel perno d'una sala onde il 
legno non si logori per k confrica- 
aiooe della ruota. 

Sparsén'na. s. f. Fongia, Radieella. La 
radice dell'asparago allorché si sot- 
terra con altre per fare una 8pa« 
ragiaja. 
Spabséi«*iia. 8. f. Spazzoli. I turioni 



9P 



W 



più sottili degli sparagi domestici che 
sminuzzati cuòconsi in minestra. 

Sparsétta. s. f. T. de' Cesi. CesUtta. 
Cesta a basse sponde usata dalle sti- 
ratrici e di grandezza opportuna per 
tenervi dislese le cose stirate. 

Sparsòn. s. m. T. di Micol. Lumtieone 
lutto bianco. Sorta di fungo venefico 
che ha un invoglia rossa e che dalla 
sua forma simile al falbo priapeo fu 
detto da Linn. Phallus impudicus. 

Sparsór. s. m. T. de' Cac. ^anco. Spe- 
cie di pancone con piedi e sponde, su 
cui i cascinai pongono il cascino en- 
travi il cacio perchè scoli. 

Sparsora. s. f. T. Bot. Lappola. Erba 
campestre, i cui fruiti uncinati s'ap- 
picano facilmente alle vesti di chi le 
si accosta. É la Caucalis latifolia Rcich. 

Sparta. (De) J parte. V. Desparta. 

Spartar. alt. T. de' Ram. Accampanare. 
Allargare la bocca de' vasi, battendola 
sul tasso col mazzuolo 

Spartì, s. m, T. Mus. Spartito. Pezzo 
di musica ove stanno scritte insieme 
tutte le parti, si vocali che istrumen- 
tali. 

Spartì, add. m. Partito, Diviso. Se^ 
parato ecc. E detto di marito o mo- 
glie. Divorziato, o Divorziata. 

Spartidòr. s. m. T. degli Oriv. Com^ 
partitore. Quella piastra di rame del- 
la piattaforma attraversata dall'albero, 
che contiene la scala di comparto delle 
ruote. 
Spartidòr. s. m. T. de' Parr. DiriZ'- 
zatojo. Discriminale. Strumento d' ac- 
ciajo di ferro, lungo circa un pal- 
mo e acuto da una banda per ispar- 
tire i capelli del capo in due parti. I 
nostri barbieri adoperano iu vece per 
tale operazione il pettine rado. 

Spartidòra. s. f. T. degli Oriv. Parti* 
torà. Ruota d'un orologio che serve 
. a compartire le ore. 

Spartidòra di cayI. T. de' Parrucch. 
Scrinatura, Scriminatura. Quel rigo 
che separa i capelli in mezzo al capo. 

Spartir alL i>tVi<iefe. Partire, spartire, 
separare. 
Spartir, att. T. de' Canap. Far le ma* 
naie. Dividere i grossi mazzi di canapa 
in manale per lavorarla al pettine. 



Digitized by 



Google 



les 



sp 



SPifiTia DU CH* TACHEfI LITA. DUpaf' 

Urli. ( Fraue. ) 
.. Spabtie bl mal in Nezz Fare un 
iaceio. Sopportare in .ugual iDÌeura i 
daani o ^rincoiDodi di uua coaa. 

SpAHTiR 1 CAVI. Scrinare. Separare ì 
cnpellt ili due parti per mezze la testa. 

Spartir in do parti. Bipartire. 

Spartir in mezz Dimezzare, Smez' 
zare. Ammezzare. Ma sì dimezza 
per distinguere semplicemente o per 
separare; si smezza per separare; e 
%' ammezza coi non- finire. 

Spartir in qoater parti. Quadri' 
partire. Dividere in quattro parti. 

Spartir in trei parti Sterzare, Tri' 
partire. 

Tornar A spartir. Ridividere. 

SpaUTIRS dal mari DA LA MOJBRA. Di" 

vorziare. Far divorzio. 
SpARTiziòN. s. f. Dimione. . Partizione, 
separazione. 

Spartiziòn DI CAVI. Dirizzatura, Seri' 
miuatura. Quei solco in sul cranio, 
onde in Jue parti si dividono i ca* 
pelli. Scrinatura. 
Spàsem. s m. Spasmo, Spasimo. Dolore in* 
tcnso cagionato da ferite, posteme e sim. 
Spasihànt. s. m. Amante, Innamorato, 
Vago. 

Spasimànt. add. m Spasimante. Che 
spasima. 
Far bl spasihìnt. Fare il cascamorto, 
lo spasimato. 
SpASMAR. att. Spasimare. Avere spasimo* 

Fig. Cuocere d'amore. 
Spass. Spasso. V. Spassi. 
Spasséog. 8. m. Passeggio, Spasseggio, 

Spasseggiata 
Spasseggiar, atl. Passeggiare, Spasseg* 
giore. 

Spasseggiar inzà e in a. Far le volte 
del lione. 

Spasseggiar per piazza. Piazzeggiare. 
Spassi, s. m. Spasso, Svago. Passatempo, 
trastullo, e si dice anche per Zim- 
belio. V. Balén. 

Andar a spassi. Andare a diletto, 
a diporto. Andare a spasso. Passeg- 
giare. E si dice anche dello smarrirsi 
etieccbessia. 
Andar a spassi. Fig. Svanire. Risol- 
versi in fumo. 



SP 

Andar a spassi. T. di Ball. Anéer 
pian piano. E dicesi del moversi leoU 
dopo il danzare sollevato della mot- 
ferina. 

ArsDAR A SPASSI nodànd. Nuotare à 
spasseggio. Diciamo quand*uno, es- 
sendo lutto nell'acqua, dalla tesla in- 
fuori, cava fuori di essa un braeeio 
per volta ordinatamente, battendolo 
sopra all'acqua per romperla e spin- 
gersi avanti. 

ÌIettr a SPASSI. Licenziare. Afandare 
a spasso i servi. 

ToèuRS SPASSI. Spassarsi. Pigliani 

spasso di uno. 

Spassiona, add. m. Disappassionaio. Nod 

mosso da pns.sione. Spassionato sena 

passione. Alleggerito libero o sollevala 

da passione opprimente o che accorava. 

Spassionarbs. II. p. Spassionarsi, Riere* 

dersi. Discredersi. Raccontar le sue 

passioni , i suoi dispiaceri , per esserne 

confortato o commiserato. 

Spassionatamèkt. avv. Disappassionata' 

mente. Senza passione 
Spatazzàr. Rtt. V. Piac. Schiaceiart, 

Scofacciare. V. Spergnaclar. 
Spàtla. s. f. Mestotojo. Arnese che serve 
per varie arti a mestare. 

Spàtla. s. f. T. de' Birr. Pala. Sorti 
di mestatojo per movere l'orzo nella 
caldaja. 

Spàtla. s. f. T. de' Cac. CoUelk. 
Sorta di spatola sottile ai lati che serre 
per rompere il coagulo. 

Spàtla. s. f. T. de' Conf. Pùleuz, 
Piccola pala o remo col quale si agi- 
la nella pentola lo zucchero che si 
va purgando. 

Spàtla. s. f. T. de' Farm. Spatok. 
Piccolo strumento di metallo che i* 
doperan gli speziali in cambio dì ne- 
stola, fatto a similitudine di scalpello. 

Spàtla. s. f. T. de' Gett. Liseim. 
Coltellino che adoperano i gellatori 
di caratteri per pulire le lettere. 

Spàtla. s. f. T de' Lav. Maglietto. 
Piccolo mafflio o spatola eoo eoi le 
lavandaje sbattono i panni al lavalojo. 

Spàtla. s. f. T. Mil. Spatula. Sorla 
di eocchiaja che serve a scaricare dalla 
polvere i mortai. 

Spàtla. s. m. T. de' Pizsic BoltOq/f. 



Digitized by 



Google 



SP 

Sarta di spianucio di legno coi qvale 
i pizsìcaffiioll pestano le eoalole delle 
scuiene ( mzéD'ni ) di lardo per ren- 
derle più apparìseeoU quando aooo 
scbierale. 

SrlTLA. 8. f. T. de' TesB. Pertaguide. 
Y. Bastòn. 

Spàtla da piTToa. Megikhino. V. 
Cortléo'na. 

Spìtla d'Arlicbér. Slrkeia. V. 'Sa- 
bU d'Arlichén. 

SpXtla da sorbètt. Paletta. Stnimen* 
te per lo più di legno folto a gnisa 
di piccola pala per oao di tramestare 
il sorbetto e simili. 

SpiTLA PER l' irciòster. PaUtta. Stru- 
mento di ferro a gaisa di piccola pa* 
la, con cai gli stampatori preodono 
r inchiostro. 

SpiTLA PE EL LÉIf CCC. ScOSiìO, ScÒ^ 

tota. Strumento di legno o di ferro 
a guisa di coltello, ma senza taglio, 
col quale si scuote e batte il lino o 
la canapa prima che si pettini per far- 
ne cadere la lisca, il che dicesi 8co* 
ioiare. 

Spatlada. s. f. Spatolata, Scotolata, Pa» 
iettata eoe. V. Spalla. 

Spatlar. att. Scotolare. 

Spatusn. s. ul T. de' Caff. Mestolino. 
Sorta dì cucchiajo o paletta col quale 
si agita il caffè mentre si va bollendo. 
Spatlén. s. m. T. de' Ciocc. fiuotolo. 
Soru di matterello col quale si stro- 
piccia la pasta del eioccolatte julla 
pietra. 

Spatlén. s. m. T. degl'Imbals. Cuc» 
ehiajo. Sorta di piccolo cucchìajoo 
col quale si lefano dall'interno degli 
animali che si imbalsamano le inte* 
riora od altro. 

SpATOZzi. add. m. Sbertuccio, Scapi» 
gUalo. 

Spatczzar. att. Sberluceiare, Scapigliare. 

SpATVZZEMT. add. m. Scapigliato. Mal- 
concio, lurido 

SpavAut. s. m. Spavento. Paura orribile 
e quasi terrore. V. Pavura. 
SpATÉMT. s. f. Fig. Spaoeniaeehio, 
Sgomenio. Donna bruttissima, Befa- 
oacaa. 

Spayént. s. m. T. di Yet. Spavenio, 
Spavento secco o Sparavagno eecco. 



SP 



469 



Quel^ difetto di andatura del cavallo 
in cui alza le gambe di dietro con 
moto più alto del solito e brusco. 
Spaventi, diconsi i sonagli o pallottole 
armate di punte che feriscon correndo 
i fianchi del barbero e lo stimolano 
alla- corsa. 

Spaventa, add. m. Spaventato. Sconfi- 
dato di tutto se per eccessiva paura. 
Da spaventa, avv. Spaventatamente, 

Spaventapàsser. s. m Spaventacchio, 
Caceiapaseere. Cencio o straccio che 
si mette ne' campi sopra una mazza 

in su gli alberi,, per ispaventare 
^li uccelli che non calino a guastare 

1 seminati e le frutta. 

Spaventar, att. Spaventare. Metter spa- 
vento. 
Spaventares. n. p. Spaventarsi, Spaven* 
tare- Aver gran paura. Allibbire, man- 
car di cuore. 
Spaventós. add. m. Spaventevole, Spa* 

ventoso. Orribile, 
Spavcràzz. s. m. Spauracchio, Spaven* 
tacchio. Cosa che induce falso tiAorc. 
Spavurìzz add. m. Pauroso, Paventoso, 

Timido. Spauroso, Pusillanime. 
Spazi, s. m. Spazio. Quel tempo o luogo 
che è di mezzo tra due termini. 

Spazi, s. m. Y. Mus. S/mi;sio. Inter- 
linea vuoto che trovasi tra 1* una 
e l'altra linea del rigo musicale. 

Spazi, s. ra. T. di Stamp. Spazio. 
Ciò che serve a separar le parole nel 
comporre. 

Spazi fén. T. di Tip. Spazio fino. 
Spazieltino che è la ottava patHe di 
un quadratino. 

Spazi cross T. di Tip. Sfmzio grosso. 
Spazio che è la meta di un quadrati- 
no e la quarta parte di un quadrato. 

Spazi imaginari. T. di Tip. Spazi 
immaginari. I minori spazi de' ca- 
ratteri da stampa de' quali ne vanno 
32 per agguagliare un quadrato. 

Spazi imaginari. Fig. Spazi imagi- 
nari. Luoghi ideali. 

Spazi in t' u scrittura. Lacuna. 
Quel vuoto che si lascia per qualsia 
ragione o causa, in uno scritto. 

Spazi mzàn. T. di Tip. Spazi mez» 
Zani, Quelli che sono la quarta parte 
di un quadratino. 



Digitized by 



Google 



170 



SP 



Mettbm I SPÀZI. T. di Tip. SpatUg* 
giare. Porre gli spazj necessari tra 
parola e parola. Quindi si rhiaina da- 
gli slonìpatori Colomàaja il troppo 
grande spatio che trovasi alcune volte 
Ira le parole. 

SpAziADUHA. 8.- f. T. de* Tip. Slargatura» 
Gli spazi della stampa. SpazieggialU' 
ra, la disposizione degli spazi. 

Spazur alt. T. de' Tip. Spazieggiare. 
V. sopra. Metter i spazi. 

SpAZiòs. add. m. Spazioso, Lato, Ampio, 

Spaziósa s. f. T. Furb. Piazza. 

Spazz. 8. ni.,T. di Cacc Escalo, Spazzo 
ove si poQ r esca per^ prender gli uc- 
celli. 

SpAzz s. m. T. de' Forn. Spazza^ 
forno. V. Spazzuròn. 

Spazza, add. m Spazzalo, V Spazzar. 

Spazza. Metaf. Aperto, Spazioso, 

Lalo, Scopato, Spacciato, Sereno. 

Chiaro add. = Per e^ein. Una fronte 

'^spaziosa. Un cielo scopato, la nkon- 

tanna è chiara ecc. ecc. 

SpAmcAMéN. 8. m. Spazzacammino, Que- 
gli che netta il cammino dalla filiggine. 

Spazzacampagna s. f. Spazzacampugna, 
Spi'zie di grossa artiglieria, così della 
dal suo grande elTello, è nome di 
una spezie di archibuso eorto e di 
bocca larga che si carica con più palle. 
Fig. Sparagio, 

Spazzaci'l s. m. Pezza , Forbitojo. Cen- 
cio del cesso con cui si forbisce il 
sedere dopo essere stali alla cameretta. 

Spazzada. s. f. Spazzùmetito, V. Spazzar. 
Far 'na spazzada. Fig. Far piazza 
pulita, 

Spazzadékt. 8. ni. SiHzzicadenti, Den- 
lelliert, V. Nclladéni. 

Spazzadòh. 8. m. Spazzaforno. V. Spaz- 
.zuròn. 

Spazzadura. 6. f Sctìviglia. Spazzatura , 
immondizia che si leva via colla scopa. 
Spazzadura. s. f T. degli Oref. Ca- 
navaccio, L'argento e Toro che si 
ricava dalle scopature lavate* 

Spazzar, att. Spazzare, Scopare. Net- 
tare i pavimenii colla granata. 
Spazzar bl cam6!«. prepr. Spazzare 
il commino. Metaf. Soffiarsi %l naso. 
Spazzar el canon. T. Mil. Ripassare 
Min/rescare il pezzo. Nettare V in- 



SP 

terno del pezzo eolla lanuta. ( fergÒR ) 
Spazzar el cdl. Forbire, Ifeitare. 
Spazzar i paon. Spazzolare, Scopei' 
tare-. Setolare. Nettare colla spaziola, 
setola scopetta. 

Spazzar i zétt T. degli OttOD. Stìtm- 
miare i getti. Levare coi raspino h 
stumroia o schmma de* metalli rima* 
sta sui getti levati dalla forma. 
Spazzar sotta. Fig. Far repuiitti. 
Far lo spicuM 

Spazzar VIA eie fa el vcnt. Dispera 
tiere. Sperdere, dissipare. 

Spazzars la BOCCA. Spular la voglie. 
Rinunziare a cosa desiderata. 

SpAZZéN. 8 m. Spazzino. Chi ha cnn 
ufficio di spazzare. Paladino è detto 
a Firenze dii è pagalo dal eomane 
per raccogliere il concio per le strade 
colla pala. Scopatore dicasi chi Im 

. r incarico di scopare afìpartamenii neite 
case signorili. Spazzaturajo è delio 
chi spazza, raccoglie e trasporta le 
spazzature della città. 

Spazzètta s. f. Spazzola, Granatino, 
Scopetta. Piccola granala di fili di 
saggina , colla quale si nettano ì paoni. 
Spazzola da ripulire le scarpe. Se è 
fatta di setole di porco dicesi più pro- 
priamente Setola, abbenehè i Fiorcn- 
tini dicano sempre in genere Spazzola. 
V, Brus'ccn e Brùs'cia. 
Spazzétta da lottòn. Spazzola da 
brunire. Sorta di spazzola con fìocfLi 
di setole assai corte per lustrare col- 
lo smerilio i metalli. 
CòLL oh' fa il sPAZzèrri. Seopeitajo. 
V. Brus'cinar. 

Spazztén da barbér. Pennella, Fascio di 
setole fìne fermate alla testa di oq 
legnuolo col quale si insapona talora 
la barba. 

Spazztòn pri pè. Cassetta a setclmo. 
Cassa tutta cinta da fiocchi dì saggina 
di peli di cignale per pulirsi le 
scarpe alle porte de* gran signori. 

Spazzuròn da fòren. Spazzaforno, Spaz- 
zatojo. Fascio di sala legato a capp 
di una pertica per uso di spazzare ii 
forno Fruciandolo, Strofinaeeioh, di- 
cesi lo stesso arnese quando a capa 
della pertica in vece di sala è legata 
un pannaccio. 



Digitized by 



Google 



SP 

Spcià. adJ. DI. Specchiato, 

SpciAa. alt. Spuchiajo. V. Speccén. 
Spciam. alt. Specchiate, Porre uno 
allo specchio. 

Spciàas. d. p. Specchiami. Guardarsi 
nello spcccbio o io altri corpi rifleU 
lenti le iuiQiagini. L'effìgie che si ri< 
ileUe nello specchio dicesi bambola. 
V. Ombra. Fig. si diee del prendere 
esempio. 

Spcén SpcÉTT. s. nié Specchietto, Pie 
colo spacchio, spercltS) sperina. ( Nelli ) 

SpcÉRA. §. f. Grande specchio o spera. 
Specchione? Così diconsi quelle gran- 
di spere che si pongono nelle pareli 
delle grandi sale più per ornamento 
che per iì%o di specchiarsi. V. Psis^è 
Toleitu e Tremò. 

Spcèra. 8. f. T. de* Carr. Spialojo. 
Apertura per lo più ovale dietro la 
cassa delle carrozze per vedere chi 
vien dietro. 

Specc*. s. id. Specchio, Spera. Stromeo- 
lo di vetro piombato da una parte, o 
d' altra materia tersa, nel quale si 
guarda per vedervi entro mediante il 
riflesso, la propria effigie. Le sue 
parli sono: 
Argent . • , . Foglia* 

Lusa Spera o Crislallo. 

Specc*. s. m. Quadro, Prospello, 
Speechiello, ma il quadro e 1* esposi- 
zione d'un fatto o di una serie di 
fatti, prospetto è un quadro che porge 
un saggio, una compendiosa imagine 
della cosa, specchietto è quel prospet- 
to che tiene la polizia, il magistrato, 
il governo. 
Specc*. s. m. T. d*Arch. Riquadra- 
to, Formella. Quell* ornalo che è nel- 
r interno di un riquadro. Zane, vani 
in forma circolare lasciali dagli archi- 
tetti per ornamento delle fabbriche e 
per collocare in essi o tavole dipinte 
o statue. V. Niccia. ' 
'Spicc' a man T. de* BarU Specchiet- 
to a mano. Sorta di piccolo specehio 
con cornice manicata. 
Specc* a la psissè Specchio a bilico. 
V. Psissè. 

Specc* D*cif css. Anima. V. Panò. 
Specc* maccià. Specehio arruginato 

. (Mol.J. 



SP 



171 



Spbcc* pana. Specchio abbacinato. 
Nbtt o lusént oè un sphcc*. Pulito, 
netto lucido quanto uno specchio, 
cioè nettissimo, Incentissimo , senza 

. ombra o macchia. 

Speccén^ s. in. Specchiujo, Quegli che fa 
ed acconcia gli specchi. Non esercì* 
tapdosi eh* io sappia in Panna que- 
st'arte non posso dare il solilo pro- 
spetto delle voci che ad essa nrerisconsi. 

Specìll o Spécol. 8. ni. Specolo, Specil- 
lo, Strumenti di varia l'orina per uso 

* di dilatare la vagina ed altre cavità 
naturali della persona. Apiienotneie, 
Specillo che serve pei mali delle oree- 
chie, cosi chiamato perchè nella pun- 
ta non ha nocciolo o bottoncino. 

Specola . s. * f. Specola , Osjier^atòrio • 
Luogo d'onde poter osservnre i pia- 

. neti, le stelle ed anche i fenomeni 
meteorologici. 
Specola, s. f. Lanterna; Lucernario. 
Torrioncino o finestra sopra tetto co- 
perti di cristalli a padiglione o di te- 
goli di cnsullo, fatti per dar lume al- 
le sottoposte scale che non han lume 
laterale. 

jSpEcuLAR alt Specoiare, Speculare prop. 
Impiegare lo inielletto fissamente nel- 
la contemplazione delle cose. T. di 
Comm. vale Negoziare, Trafficare, 
far bottega su checchessia. 

Speccurla Araballarsi per uscir de* 
cenci. Affaticarsi per uscir del bisogno, 
o di povero stato. 

Spbculatòr. 6. in. Speeutatore per fnge» 
gnoso Industrioso, In T. di Comm. 
Trafficante, Negoziatore, Industrioso, 
Procaccino e in senso avv. Squar^ 
tazeri. 

Spbcclaziòn. 8. f. Speculazione, Specola^ 
ziòne. Contemplazione T. Coiiiin. Ne- 
gozia, Traffico. 

Spedì add m. Spedilo, Sbrigalo, Sgo%n- 
bro. Senza intoppi. 
Spedì dai dottor. Sfidalo, Spacciato. 
Giudicato da medici, In pericolo di 
morte. 

Spedida. m avv. Ricisa Per e8. 

A LA PIÙ spedida. Alla ricisa, cioè 
per la più breve. 

Spediént. . s. m. Espediente. Compenso. 
V* anche Mezztènneu. 



Digitized by 



Google 



«7« 



SP 



SpEbièxT. add. m. Spedilo. Celere, 
. sotlecito. 

Andar sps^ièiit* Andare speditamente, 
Dket»! di cosa o faccenda che caimui- 
iii di buou passo senza ostacoli di 
sorta. 
Sr^DiziòN. s. f. Spedizione. Lo spedire 
uicrci altro. 

Spediziòn. s. r. T. de' Calz. Fornitu- 
ra. 11 complesso delle parti di quelle 
scarpe cbe. il calzolajo da al lavorante 
<la unire e cucire. 
SPEDizioMèa. s m. Spedizioniere* Voce 
d* uso. (.hi fa spedizioni di mercanzia. 
Speglà. add. in. Dispecialo (V. di R. ). 
Mondo dalla pece. Fig. Sbarazzato, 
libero da un impaccio. 

Speglà. add. m. T. de* Squer. Seom^ 
mentalo. Dicesi di navicello die abbia 
perduta la stoppa impeciata che ne 
empiva i commenti. 
Spegub alt. Levar la pece^ V. Despeglar. 
Spéj. s. m. Spiedo, Schidione, Stidione, 
Schidone, Spiede, Slrumanto lungo e 
sottile) nel quale s'infilzano i carnag- 
gi per cuocerli arrosto. 

Spéj da cazza. Spiedo. Arme in asta 
. eolla quale si ferivano un tempo a 
caccia i cignoll e sim. 

FoRZÉN*MA DEL spÈj. Sprangketta del- 
lo spiedo. Quella specie di forchetta, 
in cui si tiene infilzato 1* arrosto. 

Metter al spè4. Schidionare, ischi* 
dionare, Infiizara ì carnaggi nello schi- 
dione per cuocerli arrosto. 

Un spéj d' roba. Una stidionùta o 
schidionata. Quella quantità dì vivan- 
de cbe si arrostisce in una sola volta 
collo schidione. 
Spelonca, s. f. Spelonca. V. Gròta. 

Spelonca, s. f Fig. Stamberga, Edi- 
fizio stanza ridotta in pessimo stato, 
ove appena si può abitare. 
Spelta- s- f. Spella. V. Spalla. 
Spén. s* m. X* Bot. Pruno. Nome gene* 
rico di tutti f fruttici spinosi de* quali 
si formano le siepi. Spina, Pungolo. 
Quell'escrescenza dura e appuntata 
clic fa corpo col legno de' frutici spi- 
nosi e non già sulla scorza. Aculeo, 
La parte pungente della pianta che ha 
solamente origine dalla scorza, come 
nel rosajo. 



SP 

Spén. s m. T. de' Cac. Fiaccola. Ra- 
mo aoderuto che usasi come la jova 
( caggiaroeul ) per rompere il latte «e* 
faglialo nel caccavo. 

Spén. s. m. T. de' Conf. Frusta. Ar- 
nese che serve a sbattere la chiara 
d'uovo e sim. ed è una mazza rifes- 
sa, oppure un fascetto dì vermene. 

Spén bianch. T.Bot. Spin bianco o 
tordellino. Arboscello spinoso del quale 
si fanno siepi e che produce un frutto 
rosso con due noccioli dettS Ballerina 
(cagapoi). La pianta ò detta da Lino. 
Crataegus oxyacantha. 

Spén del Sgnòr. T. Boi. Acacia spi- 
nosa. Albero dell'America, naturaliz- 
zato Ira noi, ed usato per far siepi a 
cagione delle sue forti spine a ire 
ponte. É la Gledilhsia triacanthos 
Liun. 

Spén dl' istriz Spine, e per traslato 
Penne. Le spine che rivestono il corpo 
lieir Istrice, del porco spino e sim. 

Spén marén. T. Boi. Velrice spinosa. 
Sorta di albero o fruttice spinoeo eoo 
foglie alterne biauchiccie e fion ascel- 
lari detto da Liun. Hippophae rhawh 
noides. 

Spén nigaer. T. Bot. Spino nero. 
Sorta di fruttice che produce il Prù* 
gnolo { berguoèu ) del quale faunod 
siepi. È il Prunus spinosa Liun. 

Spén zkrvén. V. Spenzervén. 

GiAPAR UN SPÉN. Spinarsi. Trafigger- 
si pungersi con Ispina. Fig. infran» 
dosarsi, impecciarsi di morbo gallico. 

Essa IN ti spén. Star sulle gi-ueeeo 
sui pettini da lino. Essere sulle spi- 
ile. Aspettar con grandissimo desiderio 
e struggimento. Stare là làj essere 
incerto e in batticuore sul prossimo 
suo destino. 

Macia d' spén. fl'Vf/o, Dumeto. 

Metter i spén. Imprunare, Stmtre 
turar i passi con pruni. 

Tirar via i spén. Sprunare, Dispru- 
tiare. Togliere i pruni. 
Spènda. Uscita del V. Spendere osata 
nella frase: 

Cui pu spènda hen spènda. Chi più 
spende meno spende. Le eese bonoe 
pel maggior comodo o per la maggior 
durata costan meno che le non buone. 



Digitized by 



Google 



SPK5DBE. alt. spendere. Dar denari per 
prezio delle cose o per coiopeiiso di 
que' servigi cbe si destdemoo o dì oui 
alibisogniamo. 

SpÉifDBH ACQUA. V. Spànder. 

Spéndbb a pocb a poch. Spendici 
ekiare. 

Spander a rotta d* coll. Shraecittre 
a uscita. 

SpéffDBR Ben I so SOLO, spendere giu' 
sii ficaio Spenderli in modi» giustitìoa- 
bile ma usasi anche tal frase per si* 
gni6care una iuerasu faccenda. 

Spénobr b sPAmmi. Spendere e spam» 
dere. Spender gli occhi, scialacquare, 
sbraciare, spendere senxa ritegno. 

SpÉIVDER Lk PAROLA B* UN ALTER* SpaC- 

dare ia parola d* alcuno. Farsi bello 
del credito altrui. 

Spènder l' impossibil. Sòpraependere. 
Spendere a rovina. 

SpéNDER POCH B STAR BÌIf. FoT ic 

nozze coi funghi. Far le spese neees* 
sarie con eccedente risparmio. 

Spènder poch e star ben pr' un pbkz 
À CNIR. Fig. Infranciosarsi a buon 
patio. 

QUANT A NE 6H* N* É AN s' IN POéUL 

SPÈNDER Dalla rapa non si può. ca» 
var sangue. Nulla può dare ehi nulla 
ba. 

Savér SPÈNDER I SO soLD. Spendere 
la 9UU lira per venti soidi* Spendere 
vantaggiosamente. 

Tornar a spènder. Rispendere. 
Spekdibil. add. m. fendibile, che si 
può spendere. Spendereccio, atto a 
spendersi. 
Spendòr. V. Spindòr. 
Spèn*na. s. f. Zipolo. Quel pkcelo le- 
gnetto col quale si tura la cannella 
della botte o d* altro vaso simile. 

Spèn'na. s. f. T. de* F. Ferr. ^ina. 
Conio di (erro col quale i fabbri bu- 
cano i ferri infuocati; dicesi Ago quei 
risalto, che ha l'arpione, nel quale 
entra l*anel]o della bandella. 

Spén'na. s. f. T. de* Getl. Basione. 
Legno lungo che alcuni armano di 
ferro da un capo per turare i getti. 

Spèn'na da slargar. AUargaiqjo, Spi- 
na. Strumento cbe serve ad allargare 
fori facendolo girare in essi. 



SP 



173 



Spèn*na del bìscrer. Fusto. La parte 
del biscbero che si pianta siccome 
piuoK) ne' fori degli strumenti. 

Spèn'na dbl razz. Dente. La estremità 
deUe razze delle ruote che si calettan 
ne' mozzi o ne* quarti. 

Spèn*na dla aAVA. Ago. Quel ferro 
aguzzo, che è attaccato alla serratura 
ed entra nel buco della chiave, e gui« 
dala agi' ingegni. 

Spén'na longa. Frassinella. Pietra 
che serve per dare il (ilo ai ferri co' 
quali si lavorano i metalli. 

SpéN*NA PR* I ciOLD. Cùcciatoja. Stru- 
mento di ferro a guisa di scalpello 
per cacciar ben dentro I chiodi, ed 
a ne Ite per trsmeli. 

Spén'na vintósa. T. Chir. Spina ven- 
tosa. Carie interna delle ossa che li 
fa dilatare più o meno nella loro lun- 
ghezza. 

A spén'na a spinapesce. A serpeg- 
giamento, a similitudine della spina 
de* pesci A spina, diconsi certi la- 
vorìi donneschi che pur si chiamano 
Intrecciali. 

Esser *na spén*na in t' el coèur. Es- 
sere un prun sugli occhi. Si dice di 
cosa che dia pena o fastidio. 

Mettergb so LA spén'na. y. Spinar. 
Figor. Pigliare il mendo, il vezzo, 
l'uso, il costume. 

Muda spém*na e càven d' còll. E dalli 
colla canzone dell* uccellino. Dicesi di 
chi si propone mutar vita od opere 
e torna sempre alle solite 

Sarar con la spèn*na. Zipolare. Ser- 
rar con zipolo. 
Spènser s. m. T. delle Sarte. Casacchina, 
Vestimento muliebre cbe cuopre le 
spalle e il petto e somiglia ad un 
vestito senza falde. La nòstra voce 
viene dall* Inglese Spencer. 
SpENSRÀ. s. ra. Spensierato, Trascurato, 
Sbadato. Fig. Prodigo, Scialacqua^ 
iore. 
Spènta, s. f. Pinta, Spinta, Sospinta. 
Spenzàr. att. T. de' Capp. Mollettare. 
Lo svanare che per lo più fan le donne 
il pelo dei cappelli colle pinzette. 
Spénzbr. att. Spingere. Far forza di ri- 
movere da sé e di cacciar oltre chec- 
che^ia. 



Digitized by 



Google 



174 



SP 



Sl>ENZERVÉN. 6. fu. T. Bot. SyiÙlCtffPtllO. 

Frutice le cui bacche servono alla me- 
dicina, il legno a* stipelai, la cortec- 
cia, Ij-csca, per colorir iti giallo, e secca 
per averne uu lurchino scuro. É. il 
Jìliamitus calfiarticus Uuu. 

Spèba 8. 1'. Speru, e per lo più si dice 
Spera di sole, per i raggi solari 
SpIra. s. f T. di Cart Spera. Voce 
d* uso. Carta simile a quella che si 
dice dn impannate. 

SpEBANZA. s. r. Speranza, Àipeltativa, 
Speme. Credenza di futuro bene. 

SptBA^ZA. s. f. T. di Nav. Afforcato. 
La seconda àncora cbc si getta ììm 
una nave per ormeggiarsi. 

SPEllAnZA D* AVER |<ONGA VITTA. ReprO* 

misiioite ( Cav. ) 

Aver speranza. Uperanzire^ Conce- 
pire quuicbe speranza. 
Dar speranza. Dare appicco. 
Fin cii a gq'é fià a gb*è sprrì^za. 
Chi ha tempo ha vita. 
Perder la speranza. Sconfidare. Ca- 
der d'pgiii speranza. 
Star in speranza. Slare alla bada. 
Stare a speranza. 
Tgnir in speranza. Tenere a $peran' 
za. Dure erba trastulla. 
ToBUH zo p* SPERANZA. Sfidar della 
speranza (Pulci ) 

Viver u' speranza. Vi\;erea speranza, 
(Bari ) Coir animo pendente da sot- 
ti! (ilo di fallace speranza. 
Sperar. aU. Sperare. E si dice anche 
doirop|u)rre al lume una cosa per 
vedere s' ella traspare. Sperar le uova. 
Far spehar Dar intenzione. 
Spèroer uii. Sperdere, Disperdere, Man- 
. dar a male. 

Spsrores n. p. Abortire, Abortare, 
Sconciffrsi. Mandar fuori il parto a* 
\anti il lempo prefisso djilla natura. 
V. Borlìr. 
SpERDGAZ'i^An. V. Spertgaziar. 
Spèbea BIANCA. T. Bot. Spirca spagnola. 
Sorta di spirea cosi della dalle sue 
foglie biancastre simili a quello del- 
l' Olmariu, e credo sia la Spiraea 
vrcHutu Lumi. 

SPÈREA COI.ÒR U' ROÈUSA. T. Bol. Fi' 

iifteiutt^h Pianta che ha le sue radici 
rigunlie di trullo in tratto n foggia 



SP 

dì piccoh* tubercoli. È chiamata dt 
Linn. Spiraea filipendula. Si coltiva 
ne' giardini per la bellezza de' 6uoi 
iiori che rassomigliano co* suoi grap* 
poli a pennacchi rossi. 

SperglèU. 6. m. Asperge, Aspersorio. 
Strumento usato ad aspergere coir a- 
equa santa ed è di due sorti; uno 
di setole o simili a guisa di spazzola 
con manieo, l'altro di metallo con 
pomo traforato, in cui è chiusa una 
spugna. 

SpERGLiNAOA. 8 f. Aspersione, Aspergine. 
Lo spruzza dell'acqua benedetta. 
Spbrglinada. 8. f. Colpo dato colta* 
spersorio, 

SPBRGNACLÀ. add. ScofoLcciato. 

Spergnaclada. 8. f. Scofacciata. 

Spergnaclar. att- Scofacciare, Spiacci- 
care, Schmccimre. Ridurre a modo 
di focaccia. 

SpBRGNACLòif. 8. m. Simo, Camuso. Che 
ha il naso e le narici schiacciate. 

Sperienza. 8. f Esperienza. Conoscimento 
delle cose che si aquista coli* uso. 
Aver dla spbribnza. Esser pratico. 
Versato, Esperto in una cosa. 

SpERiHèNT. s. m. Esperimento, Esperienza. 

Sperimenta, add m. ^erimenfolo^ Esper- 
to, Perito. Che ha esperienza. 

Spernentar alt. Sperimentare. Fare espe- 
rienza. 

Sperleccars. n. p. Rileccarsi (Frane.). 
Leccarsi le labbra girando esterìor- 
mente la lingua come fa obi ha la 
bocca spalmata di sughi saporiti. 

Speri^egcars. n p. Scherz. Far il lin* 
guino. Mostrar contento quando al- 
cuno ci adula con nostra soddisfazione. 

Sperloiio6n. 8. m. Pu^ragnolo. V. Per- 
tgalòn. 

SpERNiGòif. s. m. T. di Mie. Lattojob 
fbr^. Sorta di fungo cattivo f he ha il 
cappello scuro e che rotto stilla ubi 
sostanza lattiginosa mollo acre. È VAga- 
ricus rusiicanus Se. 

SptRONZB.1. s. in. Cinciallegra. V. Spa- 
ronzén. 

SpfiRT. add. in. Vegeto, Prosperoso, Al- 
legro', Di buon umore, ed anche De- 
stro, Accorto, Esperimentato, Esperto. 

Spertgazzada. s. f. Perticata. Col|w di 
perlica. 



Digitized by 



Google 



SP 

SpSRTeAZZiDA. s. f. T. di ' Cacc. Aa- 
maiata. Colpo di ramala. 
S^BATGAZZAft. ali. Perticare. .Pereootere 
con pertica. E parlando di certe frut- 
ta Abbacchiare. V. Sbatter. 

SpEBTGAZZAR. att T. dì Cacc. Arrama' 
iare* Percuotere gli uccelli colla ra* 
mala aodaodo a frugnolo. 
SpERvèRS. add. m. Sgangherato, &tva- 
gnaio, E^ùrbUante. Troppo largo, tan- 
to nel materiale, quanto nel morale. 
Speezùr 8. e add. m. Spergiuro, Sper* 
giuraiore. Colui che spergiura. P«r- 
giuro, Spergiurazione, Spergiuro, Co- 
sa falsa asserita scieolemenie e eon 
giuramento per vera. 
SpERZOBAR. att. Stragiurare. Giurar più 
volte e con vìe maggior calore. Sper^ 
giurare vuol dire Giurare il faUo, 
Spés. add. m. Speso* 
Spesa, s. f. Spesa. Lo spendere, H eosto, 
sa Spesetta, ^sere//a> diminuì. Spe- 
saetia accrescit. a peggiorat V. Spesi. 
Spesa per Compera. 
Spésa pobuea d* proposit. Spesa tu- 
congrua, superflua. 
SpéSA PER MAGHAR. Spcsa vittuaHa. 
Cavar poèura la spésa. Salvare la 
spesa. Rifarsi della spesa. 
Far spésa. Comperare. Fare spesa. 
Dar la spésa. Spesare. Dar le spese, 
o il villo. 

BfAM>AR O FAR DU SPÉSA. T. FOP. 

Mandare o dare spesa. Molestare per 
via della corte il debitore. 
Spési d'offizi. 6ip«<e d'ammtnù/ra^tone. 

Spési d' tribunal. Spese giudiùaU o 
forensi. 

Spési d* un MoaroRi. Sp^se funerarie. 

Spési d' viazz. Spese viatorie. 

Far il spèsi. Spesare, Inlraiteners. 
Dare le bpesc. 

Mali spèsi. Spese accessorie. 

Metters in t il spèsi. Iiìcontrar grò» 
9e spesa. 

QuATTAR il spèsi. Francare o Rin* 
francare le spese. . 

Star in t il spèsi. Slare nella sua 
borsa cioè slare a spesa. 
Spbss. avv. Spesso, Soi^enU, PrequenlS' 

menu. V. Fiss 
Spetaclòn. s. ro. Speilaeolone. Acer, di 
speilacolo. Ftg. Casoso, Miracolaio. 



SP 



in 



Colui che fa le maraviglie d*ogni mi- 
nimo cbe 

Spetacol. s. m. Spettacolo Giuoco o fe- 
sta pubblica. Fig. Flagello, Eccidio, 
Finimondo, ossia Subisso. Quantità 
grande. 

Spetacolòs. add. m. Magnifico, Solenne, 
Imponente ecc. ma non dicasi Spetta- 
coloso ebe quantunque voce di regola 
non è registrala ne' vocabolarii. 

Spetnadcra s. f. T. de* Parr. Cerfuglio, 
Capelli per lo più lungbi e disordi- 
nati. 

SpETNAEZi. add. m. Arruffato, Scapiglia- 
lo, Scarmiglialo. Disordinalo ne* ca- 
pelli, pettinato male. 

Spetnozzar alt. Scapigliare. Scompiglia- 
re i capelli sparpagliandoli. 

Spetmu^uars n. p. Accapigliarsi. Pigliar- 
si pe' capelli^ acciuffarsi, accapeliarsi , 
pettinarsi. 

Spetnuzzòn s. m. Sciamannato. Sciatto, 
sconcio, scomposto, scapigliato. 

Spettar, att. Aspettare, Attendere. V. 
Asptèr. 

Spezia, s. f Specie, Qualità, Sorta, ma 
vale anche Maniera, Oenerazione. 
Far spezia. Far meraviglia. Fare 
stupore, ed anche talora. Far nausea. 
Fare specie. 

In spezia. In ispecie. Specialmente, 
segnatamente, singolarmente, notata- 
mente. 

'Na spezia. Un che a somiglianza o 
similitudine. 

Spézii. s. f. Spezie, Spezieria. Miscuglio 
d*aromati in polvere per condimento 
di cibi 

Spézii. s. f. T. Bot. Nigella, Erba 
spezie. Pianta annua che fa un iiore 
giallo che ha odore di cedralo, fi la 
Nigella sativa Linn. 

Speziar, s. m. Speziale, Farmaeisla. 
Speziar s. m. Fig. Biricchino. Scu- 
piscione, monello, baroncio. 
Lista da speziar. Conto da speziale. 
Conto soggetto a diffalco. 

Speziara. 8. f ^ moglie dello speziale. 

Spbziarìa. a. f. Spezieria, Farmacia. 

La bottega dello speziale o larinacista. 

Spbsiarìi. s. f. Aromi, Droghe, Spezie. 
V. Speài. • 

SpeziarU fén'ni. Spczierie fìne/mn 



Digitized by 



Google 



476 



SP 



ordinarie, e Bgurat Brieeoneelti fi" 
ni. Furfanti in chermisi. 

Spbzìll. 8. no. Spedito, Tenia. V. Sòo* 
da. 

Spizz* ft. m. Spieeioli. Moneta spexaata 
o moneta di minor valore. 
Spézz d' iNTBBLiNBA. Ripieghi df tn- 
terltnea. 

Spezza, add. m. Spezzato, Fallo in peni. 

Spezzai. Spezzare. Fare in pezzi. Seom' 
pagnare, torre da una cosa ciò cbe 
Je debbo far compagnia perchè sia 
compita. Per esempio un Libro geom" 
pagnato. Manomettere, cominciare a 
servirsi di quelle cose che a poco a 
poco e a parie a parie si consumano. 
V. Spinèr. 

Spezznìr. alt. Appiceoiare, Appiceinare, 
Impiccolire. Ridurre in forma più pie* 
cola o a più piccola quantità. 

Spezznìr moltbèn. Sironzare. DìmU 
nuìrcy ristringere soverchiamente. 
Spezznìr *na sala. Scemare una balla. 

Spgazz. V. Sbgazz 

Spia. s. f. Spia, Delatore, Spione, Sof- 
fione, Ne' Bandi Leopoldini per schi- 
fare nomi di tanto obbroÌ>rio è usata 
la voce Notificatore. 
Spia. s. f Fig. ^9110^ Traccia, In- 
dizio. Quella parte di un tutto che 
coir essere in un dato luogo fa pre- 
•nmere che anche il tutto vi sia o vi 
sia stato. 

Far la spia. Soffiare, Fare il me* 
ztiere del zoffione. «= Il riferire gli al- 
trui mancamenti a* superiori si «lice 
Spiare, Accusare^ 

Spiagia. s. f. Spiaggia, Piaggia. Costa 
lungo il mare. 

Spiagia. s. f. T. di Ferr. Spiaggeila. 
Ferrareccia della specie detta ordina- 
rio di ferriera. 

Spiìn» s. m. Spiano, Spianata, S^iawor 
tncntq. 
SpiÀN. s. m. T. de' Fornac. To^oàVio. 

. Sorta di banco sul quale il mattonajo 
spiana il suo lavoro. 
Spiàn del martbll. Bocca. 
Spiàn d* na muraja. Spianala della 
muraglia. La regolare costruttura d*^un 
muro a suolo per suolo si che ogni 
suolo Gordeggi perfettamente in piano. 

SpiàNÀ. add. ni. Appianato. Reso piano. 



sr 

jBtniia«a/o^ Incignato, dicasi di abito 
nuovo messo la prima volta. 
Spianada. s. f* Spianata. Luogo spiaiiRle, 
e razione di spianare. Rinnovata, lo 
indossare un abito nuovo o 8iai« la 
prima volta. 

Spianada. s. f. T. de' Mur. Bordello- 
ne. Filare di outtOBi che si mura so- 
pra gli archi. 
Spianadòr. s. ro. T. de' Cerej« Fimaa. 
Pesio di legno concavo per la parte 
di sotto per poter pianare le candele. 

Spianadòr. s. m. T. de' Foro. Spia- 
natoio^ Bastone grosso e tonda col 
quale si spiana la P<tsU. 

Spianadòr. s. m. T. de' Fora. Spia» 
natore. Colui che spiana il pane. 
• Spianadòr. s. m. T. di Gualch. Pfana. 
Pezzo ài legno col quale i laoajiioli 
appianano il panno^ 

Spianadòr. s nw T. Hil. MozMa. 
(Gal. Fort.). Strumento di legname 
grave di forma circolare, a fatele pia- 
ne e con manico, addoperato a apia- 
Dare le piote e i pastoni che rivestono 
i lavori di fortificazione. 

Spianadòr. s. m. T. degli Oref. Aa- 
nato§o. Specie di cesello da tirare il 
lavoro in piano e gli scanalati. Y* ha 
il piano e il colmo. Pianatolo arric- 
eiato. Sorta di pianatojo che ripiega 
alquanto in dentro. 

Spianadòr. s. m. T. degli Stagli, e 
Bottai. CoUeUa. Strumento a foggia di 
coltello ovale, mezzo tondo, a lancet- 
ta, o altrimenti, par lisciare e hi- 
strare.. 
Spianar. att« Pianare, Appianare, Pia- 
neggiare, Spianare. Pareggiare, ade- 
guare, far piano. 

Spianar el fbrr. T. di Masc Spia' 
nare il ferro Chiamasi cosi il pareg- 
siare nella sua fabbricazione le super- 
ficie piane del ferro da cavallo ecc. 

Spianar el pan. Spianare il pome. 
Kidurre la massa delb pasta In pani. 

Spianar i lavòr- T. de* Bigone. Hi- 
neltare i lapori. Piallare le doghe col 
pialletto ragguagliarla col ooltdlo 
a petto. 

Spianar il cusduri. Ragguagliare 
spianare le costure. Si dice de* sarti 
gIm; doj)0 unita la costura, la picclua- 



Digitized by 



Google 



SP 

no per ìspianarc il rilevato di essa. 
Figur. dicesi dello Scurdaaare la la- 
na il pelo, osbia baslouare uno. 

SpiANàH IL PASSADI T. de' PuiT. Stù 

rare i giri Appianare con uno sliac* 
cine caldo i gin di capelli cucili al 
retino della parrucca. 

Spumar il predi. T. de* Lit. Confn- 
car le pielre. Stropicciare due pietre 
faccia faccia iinchè corabaccino bene. 
Spianar i pack Incignare. V. Gr. 
Rinnovare un abito, un cappello ecc. 
(Fior.) lodoisarlo per la prima volta. 
Dicono anche con Voce Frane. Slren^ 
nare. 

Spianar i QiTADRèj. Spianare i mal" 
ioni. Dar loro la forma. 
Spianar l'ara. Bispianare, Adegua* 
re. Spianare Taja. 

Spianar 'na ca. Spianare una caia. 
Rovinarla fino al piano dell» (erra: 
spiantarla 

Spianar dn insonni. Avverani, Ve- 
rificar si un $ogHo Succedere di fatto 
ciò che si era sognalo. 

Spianar un varmor, un lkgn. Affac' 
dare. Ridurre in piano la auperticie 
di pietra, legno o simile. 
Spianén. s. m. Spianaiojo. Sorta di pic- 
cola mazzeranga. 
SpiANLi. add. in. Smatlonalo. 
Spianlar. alt. Satalionare. Levare i mat- 
toni al pavimento. 
Spianta, add. m. Spiantalo. Dicesi di 
pianta sbarbata dalla terra, o come 
che sia dalla terra stessa levata. 

Spiantì. add. m. Spiantato, Scannato 
dal bisogno. Ridotto in miseria, che 
ha consumato tutto il suo avere, brullo, 
trito. 
Spiautar. aU. Spiantare, S\fellere. Dice- 
si delle piante e dell* erbe che si spic- 
cano dalla terra. 

Spiantar. Fig. Sprofondare, Spian-^ 
tare. Mandare in rovina. 
Spiantars. n. p Spiantarsi. Venir nel- 

r ultima povertà. Audar in rovina. 
<>pfATT« add. m. Piatto, Di forma piana. 
Di piatto vuol dire colla parte piana 
dell' arma o di èlie altro. 
^piàttola, s. r Cuioéo, Miracolajo. Chi 
per poco grida al miracolo: chi fa le 
maraviglie d*ogni cosa. 



SP 



177 



Spicc*. add. m. Spedito, Sbrigato, SciuUo. 
Esser spicc*. Eaert al confiien.ini. 
Essere spanciato. 
SpiccX. add. m. Spiccato da Spiccare. 

Rilevato, Distaccato ecc. 
Spiccar, att. Spiccare» Levar la cosa dai 
luogo dov'è appiccala. Staccare. 

Spiccar, att* Spiccare. Far bella \i» 
sta. Brillare, sfarzeggiare. Lustrare, 
essere appariscente. Campeggiare, far 
Vaga mostra di sé sopra le cose cir- 
C9SUnti. 

Spiccar di salt. Spiccar salti. Far 
sulti. 

Spiccar il paroli. Spiccar le parole. 
Pronuiuiarle distintamente. 
Spiccar un ordin. Emanare. Dar fuori 
un ordine. 

Far spiccar Campare. Far risaltare 
le tiguro dal marmo o dal bronzo 
ne' bassi rilievi in maniera svelta u 
ben unita col campo. 
Spiccars. n. p. Spiccarsi. Sì dice delle 
pesche, susine ed altre frutte, che si 
dividono agevolmente con mano. 
Spiccars d' in t* un sit. Spiccarti. 
Partir da un luogo. 

Spiccars di ragazz. Staccarsi. ( Mol. ) 
Zampettare, cominciare a muovere 
le zampe, cominciare a camminare 
come fanno i fanciulli. 
Spiccatoj add. m. Spiccatoja, Spiccac 
dola. Dicesi delle pesche, susine e 
altre fruite le quali si aprano in duo 
con piccola forza senza coltello. Stiac- 
cia mnni. 

Spiccatoj. Fig. Liberale, Generoso, 
Facile, Condiscendente. 
Spiccb. s. m. Spicco, Comparsa, Sfar* 
zo. Bella vista. Lo spiccare. . 
Spicch. add. m. Spiccata. V. Spiccar. 
Spicca in t' la vitta. Svelto, Snello. 
Sciolto di membra. 

Far del spiccb. Spiccare^ Avventare. 
Comparire tra l'altre cose. 
Spiccia (A la). Alla spacciala ,' Spedi- 
tamente. ' 
Spicciar, att. Spicciare, Sbrigare, Spac» 

dare. Spedire, Espedire. 
Spicciativ. add. m. Spqcciativo, Espeditivo. 
Che spedisce, alto a spedire, speditivo. 
Spigolar, alt. T. d* Agr. Spicciolare. Le- 
var il picciuolo. 

12 



Digitized by 



Google 



178 



SP 



Spidir. alt. Sfjomhrare, Portar via roas- 
serìzic da luogo a luogo. Vale anche 
Inviare, luuudare a posta. 

Spiegar, att. Spiegare, Dichiarare, Mei' 
iere in chiaro. Chiarire le cose oscure. 

Spiegarbs. d* |) Spiegarsi. Aprire altrui 
la propria opinione. 

Spiegaziòn. s. f. Spiegazione, Commento, 
Ma la spiegazione dichiara ciò ch« è 
oscuro dubbio; il comnienio non 
solo spiega, ina giustifica, amplifica, 
giudica. 

Spiegaziòn del vangeli. Spiega. Voce 
Foreotioa sincopata da spiegazione. 

Spiga, s. f. Spiga, Spica. Quella piccola 
pannocchia, dove slajuo rinchiuse le 
granella del grano, dell* orzo e simdi 
biade. Pinnnocc/^ia^ la spiga del panico 
e del miglio- 
La spiga. T. Furb. La strada. 

Spiga, add. m. Canierulo. Fatto a canto 

vivo. T. d'Agr. Spicalo, che ha spiga. 

Spiga, add. ni. Fig. Pallido, Con- 

irafatto. Pulente per paura o per i- 

stato di deliquescenza. 

Spigar, alt. Spiegare, Dispiegare, Di- 
stendere, allargare o aprir le cose u- 
nite insieme e ripiegate. Spieare, met- 
tere la spiga. 

Spigaroéula. T. Boi. Fleo dei prati. 
Erba spontanea ed abbondante ne' 
prati, detta Phleum pratense iìetLìtktì. 
Cosi dicesi anche V Alopecurus pra- 
lensis dello stesso. Volg. Codino dei 
prati. 

Spigaroéuli. s. f. Panieolate. Con qué- 
sto nome i contadini sogliono indicare 
la più paiie di (juelte erbe che prò* 
ducono spiga. 

Spigazzà. add. in Gualcito, Piegato ma- 
lamente. Spiegazzalo. Dicesi de' panni 
si lini come laiii, e drappi piegati di- 
sacconciamente, a modo di cencio. 

Spigazzar. att. Gualcire, Sgualcire. Pie- 
gar per mal modo. Spietjazzare vale 
piegar senza garbo e cura, anche io- 
sudiciaudoii, i panni, drappi e sim. 

Spigelia. s. f. T. Bot. Spigctia eaprifo- 
glia. Pianta di fusti dirittissimi, sem- 
plici ed erbacei. £ la Spigelia mari- 
landica Linn. 

Spigh. s. m. Spigolo, Il canto vivo dei 
corpi soliji. 1^ Costole, si dicono gli 



SP 

spigoli delle volte, i quali risaltino in 
fuori, e Peducci le pietre su cui po- 
sano esse costole o spigoli. 

SpiGU D*AJ Spicchio, Una delle par- 
ticelle dell'aglio, che compon^^ono il 
bulbo. 

Spigh del FAZzoLèrr. Cocca. V. Pin. 

Spigh dl'abacu. Corni. Le cstreiniU 
angolari de* quattro canti del capi- 
tello corintio. 

Spigh del poRSièNT. Spiga. La parte 
della pianta del frumento che con- 
tiene il grano. Ha: 
Castell • . • . Buchide. 
Gran.. .... Granello. 

Locch. .... Loppa. 

Reggia .... Asse della spiga. 

Resti Reste, Ariste. 

Romper o guastar o toéur via i spisi. 
Scuèilonare. Levare ì cauti a clicc- 
chessia. 
Spighén'na» Spighétta, s, f. Spighetta. 
Piccola spiga. 

A SPIGHÉTTA. A catena. Dicesi di ceni 
la>orii donneschi. 
Spighe, att. T. d' Agr. Spigare, Spieare, 

Fare la spica. 
SpiglX. add. m. Spigolato, Eacimolulo. 
Spigladòra. s. f. Spigolatrice. Clie spigola. 
Spigladura. 8. f. hacimolaiura. Tutta 
ciò che si ricava dalla vigna dopo la 
vendemia. Spigolatura , dicesi ciò cLe 
si trae dallo spigolare il frumento. 
Spiglar. att. T. d'Agr. Spigolare, Ri' 
spigolare e Ristoppiare. Raccogliere 
le spighe sfuggite alla falce o cadute 
di mano al mietitore. 

Spiglar i s'cianch Rigagliare, Raci- 
molare. Cogliere o spiccare i raciuioli. 
Dicesi Piccanella al pedicello del grap- 
polo d' uva che resta atUccato al tral- 
cio dopo la vendemia. 

Spiglar su alla beu b hej. Raggra* 

nellare , Ragruzzolare. Procacciare, 

' mettere insieme a poco a poco far 

gruzzolo. Guadagnare, industriarsi. 
Spìgol. s. m. T. de' Navic. Bugna. L'e- 
stremità degli angoli delle vele, cioè 
quelle parti in cui le rilinghc si riu- 
niscono col fondo della vela quadra, 
ed in cui sono le scolte e le eontre 
per disporre la vela a riceìcre e rc- 
siblcre al vento. 



Digitized by 



Google 



SP 

SpiGOLé!«*i«A. s f. T. Bui Furaiacco pe 
ioso, SpigolÌHtt Erba comune uv' 
prati, lungo le vie e sui muri. È il 
Bromu$ vwUis di Linn. V. Forme ni 
del diavol. 

Spill. s. m. ( dui Ted. Spici. ) Giuoco. 

Spilla. 8. f. Spillo, Spilla. Spillello 
diminuì. Spillettone accresciu Spezie 
d*Hgo col capo da un lalo per uso 
d'appuntare. 

Spilladòu. s. m Giocatore. 

Spillar alt. Giocare alle carte, E per 
Jn più si dice del giocare m giuoco 
d'azzardo. 11 nostro Spillar ?ieue dal 
TedesiP Spielen, giuocare. 

Spillàtich. s. qq; Spillatico? Assegna- 
uicHio che fa alla moglie il marito 
per le mimile spese di vestiario. 

Spillòn. s. m Spillétloìie. V. Spilla. 

SpiLùRZ. 8. m. Spilorcio, Squarlupiccioli. 
Un avaro, ed anche uno spiantato 

Spilorzerìa.' 8. f. Spilorceria, Strettezza 
nello spendere. Grettezza, Taccagne- 
rìa, 

Spinadòr. 8. ra. Spillo, Ferro lungo un 
palmo, e acuto a guisa di punteruolo, 
col quale si spillano o forano le bulli 
per assaggiarne il vino. 
SpiifAR. -8. m. T. d*Agr. Spinajo, Spi- 
ueto. Luogo di spini. Prun^jo, pru-^ 
Daja, pruneto. 

Spi:<ar. alt. Manomettere, Metter 
mano. Cominciare à servirsi di quelle 
cose che a poco a poco e a parte a 
parte si consumano, come una bolle 
di vino, una pezza di dnppo e sim. 
Dicesi Spillare il trarre il vino dalla 
bolle collo spillo. V. Spinadòr. 
Spinar la cakva, hl lén. Pettinare, 
V. Petnar. 
SpiHARoéuL. s. m. T. d'Ornit. Tordo 

$a$$elio, V. Znevrén. 
Spihazza. 8. f. T. Dui. Spinacio, Spinace, 
Pianta die si coltiva negli orli per 
cibo di diverse maniere. La Spinacia 
oleracea di Linn. 

SpINAZZA SpINAZZÉN^NA PR'eL LliN 

E LA CANVA. Pettine. V. Pètl«n e Scar* 

tassa. 
Spi^azzén. s. m. Pettinatore. Cb^ pettina 

il lino, la canapa e simili. V. anche 

Conzén e.Scartuzzén. 
SpiNCAJAR. intr. Penzolare, Ciondolare. 



SP 



179 



Star pendente, sospeso in aria. V. 
Spincular. 
SplnCajón. s. in. Fuseragnalo, V. Per- 
(galòn. 

A spiNCAJó!>(. Penzolone, V. Spincolòn. 
Spincajòi»! NA. s. 1*. Lucerniere ve» t ito. 
Donna luagru, lanternuta, allampanala. 
Spincular. V. inlr. Spenzolare, Slar pen- 
dente dairalto al basso senza ChMMc 
fermo che al luogo dov' ò appiccala la 
cosa, come il ballagliu della campana. 
Spikcolò.^. avv. Pendoloni, Penzoloni, 
Spenzolane, E si accoppia per lo più 
col verbo stare.* 
Splnoòr. s. in; Spendilore. Chi ha cura 

di pruvvedei'e ai bisogni della casa. 
Spinèll s m. Zipolo, Y. Spén'na. 
Spinèll d'acqua. Spillo. Filo d*a* 
equa. 
Spi.nén. s. m. Ztpoletto, Piccolo zipolo 
cbcL si mette al furo d' un >asu pur 
impedire che non iscappi il liquore 
eh* essu contiene. 
Spinétta: s. f. Spinetta, Spezie di stru- 
mento musicale da tasti. V. Piand'url. 
Sri.NKTTAR. s. m. Spineltaio. Facilùie di 

spinelle. 
Spingarda, s. f. T. Mil. Spingarda. Pic- 
colo pezzo di antica arliglieria. 
SpikOn. s. m Zaffo, Pezzo di legno leg- 
germente conico col quale a colpi di 
mazzuolo turasi ia spina, (bus dia 
cauella )' delie botti che si vogliono 
serbar iniicire. 

Spimòm da tén'na. Cannella dà svi- 
nare. 
Spinòn del soéu da bugada. Spina 
fecciaja. 

Spinòn. s. m. T. de' Drapp, Spinone. 
Stoffa di seta fatta, credo, a spini». 
Spinòn. s. m. T. de* Fond. Ghiuva. 
Gran toppo di creta col quale si tura 
la bocca della fornace perchè non nei 
esca la colata. 
Spinós. add. m, SpinoiO, Pieno di spini. 

Can spinós. Can botolo. 
Spinta, s. m. T. Furb. Salario. 
Spinzadora. 8. f. T. de' Cèpp.Appinzaiorn, 
Colei che ha cura di appinzare i peli 
\BUì de' cappelli. 
Spiocciar. ali. Spidocchiare.. Levar Ma 
' ì pidocchi. 
Spiociars n. p. Spiducchiarsi. Lcvar8 



Digitized by 



Google 



180 



SP 



i pidocchi di dosso. SpolUnarui scuo- 
tersi i pollini dalle peone come usa- 
no gli uccelli col becco. 

SpiOLi. add. ui. Mingherlino^ Spolpato, 
e dello d' abito y Grello. 

SpiòN. s. in. Fintone,' Esploratore- Cosi 
dicesi chi più per fili passioni o in- 
teressi proprii, spia gli affari altrui, 
che per iscopo di riferire i delti o 
fatti altrui alla politica autorità per 
prezzo o altro fine. Vale anche assol. 
Spia, Spionaccio. 

Spionagg*. 6. m. Delazione. L'atto del 
fare la spia, r«bitudine di fare il 
delatore. 

Spionab. alt. Spiare, Spieggiare. Andar 
iofestigando i segreti altrui. 

Spions. 8. m. T. d'Ornit. Pispolone, 
Spippola.' Uccello noto. L* Antkus a- 
cquaticus degli Ornit. 
Spiows da prà. T. «1* Ornit. Pispola, 
Uccelletto comune ne* prati • ne* cam- 
pi in primavera che è V Anthu§ pra- 
tensis Linn. 

SpiovsiNAR. alt. Piovigginare. Piovisco- 
iare, pioveggiare, spruzzolare. Leg- 
germente piovere. Lamieare^, cadere 
minutissima pioggia e alquanto rara 

Spira o naslém del tamborr. T. degli 
Oriv. Chiavistello. Vile ferma sul suo 
asse, sicché* non può muoversi dal 
suo luogo, e i cui denti ingranano 
in altra ruota che dà il moto ali' ori- 
volo. 

Spira, add. m. Spirato. Dal verbo Spi- 
rare. Detto di tempo, vale Trascorso. 

Spiràj. s. m. Spiraglio. Fessura o in 
mura, o in tetti, o imposte d'usci, 
di finestre, o in checchessia, per 
la quale l'aria o il lume trapela. 
Sfiràj. 8. m. T. degli Oriv. Spirale 
Molla d' acciajo sottilissima contorta su 
di sé in larghe spire tra la ciambella 
e la carlella inferiore. 

Spiràj. s. m. T. de** Gett. Spati, 
Spiriti. Forami che i gettatori fanno 
nelle forme per dar luogo all'uscita 
dell'aria spinta fuori dal metallo. 
Spiràj dla fisarmonica. Manticello. 
Quel pertugio che ha una linguetta 
di pelle pel quale entra l'aria che 
fa suonare la fisarmonica. * 

Spi RÈA. s. f. T. Boi. Spirea. Grazioso 



SP 

arboscello originario dal Canada e col- 
tivato ne* nostri giardini per la liei- 
lezza de' suoi iiori che sbocciano in a- 
gosto. É la Spiruea tomentosa Linn. 
SpiRiT. 8. m. Spirito. Sostanza incorpo- 
rea. V. Anma còmparènta. 
Spirit. Fig. Brio, Vivacità. Sveglia- 
tezza di sensi. 

Spirit d' vén. Spirito di vino, o ar» 
deiUe, Acquarzente. E chim. AleooL 
Spirit d' sal. Acido umrino. E chio. 
Acido idroclorico* 
Spirit macabèl. Spiritaccio. Demonio, 
spirito maligno, e si dice di persooA 
inquieta. » 

Spirit vitàl. Spiriti animali. Seoti 
puramente mecanici che danno anco- 
ra indizio di vita in un corpo gii 
spento. 
Far spirit. Incoraggiare. Inaoimire. 
Fars spirit. Farsi cuore o eormggio. 
Frutt in TEL SPIRIT. Frutti in guazzo. 
( Mol. ) 

Presenza d' spiniT. ImpetturbabilUà, 
Fermezza d' animo. Intrepidezza, ms 
non presenza di spirito che è ud 
francesismo. 
Spirita, add. m. Spiritato. V. Inspiriti. 
SpiRiTOS. add. m. Spiritoso, per Inge- 
gnoso > acuto, vivace. 
Spiritual, add. in. Spirituale, Incorporeo. 
Pader spiritual. Direttore. 11 solilo 
confessore. 
SpissACRAR. att. Scompisciare. Pisciare 

adesso. 
SpissACRéiN. 8. tìk. Piscia tare. Che spesso 

piscia. 
Spitz. s. m. T. di Giuoc. Punta. Voce 
venutaci dal Tedesco Spietz, che si- 
gnifica punta, e dicesi del 2 o 3 delle 
ininchiate che nei succhiellarle oiirooa 
a prima vista una punta. 
Spizza. s. f. T. dei Falegn. Smustaimr^, 
Sméntatura, Augnatura. Taglio per 
ischisa a schiancio, fatto nella te- 
slata di un legno. Augna, la forma 
delle cose tagliate in tralice. 
La spizza. T. Furb..JLa creztetfa, 
Spizzà. add. m. T. di Blas. Sgheronato. 
Sorta di ornamento dello scudo fatto 
a gheroni. 
Spizzadòr. s. m. Ceppo da augnare. V. 
Algnazz. 



Digitized by 



Google 



SP 

Spizzìdora. s. /. Augnatura. L'atto del- 
l'augnare. 

Spizzar. att. T. de* Legn. Augnare, 
Tagliare a schisa, in tralice, a quar- 
tabuono, a sehiancio. Mozzare qualsi- 
voglia cosa ìD modo cbe nel princi- 
pio del taglio si faccia angolo ottuso, 
e nel fine angolo acuto. 

Spiznìr alt. Appiccinire, Appiccolarc, 
Rappiccinire, rimpicciolire, rimpicco- 
lire, diminuire, scemare. Far piccolo. 

Spizivirs. n. p. Impicciolire, Divenir pic- 
colo. Rimpicciolire. 

SpizzoL d' bocca Di mala bocca, Schi- 
filtoso, Schifò. Delicato nel mangiare: 
che mangia poco, e per lo più le sole 
cose delicate e pulite. 

$PL4. add. m. Spelalo. Senza pelo. Spel- 
lato Senza pelle. Escoriato. V. Pia. 

SpLADURA. s. f. Dipelatura. 

SpLAjA. s. f. Membrana, Pellaccia. Quella 
pellaccia o legamento cbe è aderente 
alle carni cibarie. 

Splaja. 8. f. T. d' Agr. Peluja. La 
buccia interiore e più sottile, cbe ri- 
\este immediatamente le castagne. 

Splaja. s. f. T. de* Set. Bava, Pe- 
latura. Quella seta cbe per non aver 
nerbo, non può filarsi, e però si strac- 
cia. Manetta, Sbavatura, quella pe- 
latura che si cava dai bozzoli prima 
di filarli. Scoglia, bava lasciata da' 
bachi sulla frasca e cbe vi resta an- 
che dopo la sbozzolatura. 

Splar att. Spelare, Pelare torre il pelo. 
Spellare Stracciar la pelle. Escoriare. 

Splatoiià. add. m Zucconata, Decalcato. 

Splatqnar. att. Zucconare. 

Splbndid add. m. Liberale, Largo, -Gè- 
neroso. Magnanimo. 

Sple>dòr s. m. Splendore, Fulgore. V. 
Ciaròr. 

Splendor di sant. Aureola. Quella 
luce o cerchio rotondo di cui circon- 
dasi* le teste de' santi nelle pitture 
o nelle statue. 

SpLOffAR. att. T. d'Agr. Spampanare. 
Levare i pampani o le foglie dalle viti. 

Splccc'. s. m. Caluggine. Quella peluria 
ehe gli uccelli cominciane a mettere 
nel nido. 

Spluccà. add. m. Spilluzzicato, e in 
altro signif. Riveduto, T. di Gualcb. 



SP 



181 



SpLtccAR. att. Spiluzzicare. Levar pò* 
chissimo da alcuna cosa. V. Pluccar. 
Spluccar a la macchina. T. di Gualch. 
Rivedere. Ripassare il panno sopra u- 
na tavola, e disteso, passarlo sotto il 
garzaiojo per torre que* nodi o bru- 
scoli che ha sovr* esso. 
Spluccar da vòn e dall' alter. Spel- 
luzzicure. Raggruzzolare, Raggra- 
nellare. Procacciare, mettere insieme 
a poco a- poco, far gruzzolo. . 
Spluccar i sold, la roba. Pelare 
alcuno di danari, roba ecc. 
Spluccar la polarìa. Levar i bor- 
doni, la peluria al pollame ecc. 
dopo averlo spennacchiato. 
Spluccar l'uva. Piluccare. Spiccare 
a poco a poco i granelli dell'uva dal 
grappolo per mangiarli. 

Spluccòn. 8. m. Piluccone. Uomo cbe 
volentieri e vilmente vive ed usa del- 
le cose altrui. ' 

Splugì. add. m. Spulciato. 

Splugar. att. Spulciare. Tor via*da dosso 
le pulci. 

Spnacc'. 8. m. T. degl'Intagl. Scarpello 

^ torto, iiecchetlo. Sorta di scalpello 
che ha il taglio fatto a schisa. 
SpNACc' s. m. T. de' Legn. Ugnetto. 
Scalpello augnato. Sorta di scalpello 
schiacciato Uì punta a simiglianza dello 
scalpello piano, ma più stretto. Ta* 
gliuolo, sorta di scalpelletto da cac- 
ciar la stoppa simile ne' luoghi 
delle capruggini onde esce del vino. 
Spnacc*. 8 m. T. Piit. Pennacchio. 
Lo spazio triangolare che sta fralle 
cupole ed i peducci 

Spnùcc'. 8. m. Piuma. Le due fila di 
peli che dal boccinolo (rana) della 
penna vanno alla sua estremiti op- 
posta. Bordoni, le penne degli uc- 
celli quando cominciano a spuntare. 
Calugine, prima peluria degli uccelli 
nel nido, ed anche i primi peli che 
spuntano sul viso de' giovanetti* 

SpNuccéN. 8. m. Piluccone. V. Spluccòn. 
SpNuccéN IN zoéuGB. Slaugutore. V. 
Stanga. 

Spnucciòn. 8. ro. Sciamannato, Lendi* 
noso. Uomo sudicio, scomposto, sciat- 
to, scapigliato. 

Spoècj. s. ni. Spoglio. Usurpazione. 



Digitized by 



Google 



182 



SP 



SpoÈuj. s. ni. Spoglio, Spogli. Quelle 
vrsliinenta che smesse dal padrone, 
sono (in lui date a persona di 8er\i> 
^io, che dii'oosi forse meglio Guarda- 
ta ha, 

Spobcj dla lettura. Libro de' ri» 
cordi. Registro ove i letterati raccol- 
gono ordmatamente quanto nella let- 
tura occorra ad. essi meritevole di 
esser notato, per giovarsene ali* op- 
portunità. 

Dar un spoéuj. Dare la tpogìiazza 
a una casa. Vale rubarla, votarla. 

El ch'ha lassX tott el spoèuj. Gli 
lasciò tutto il suo guardaroba» 

Far el spoéuj. Fare lo spoglio Rac- 
corre gli arnesi d' una stanza o simile. 
E si dice anche dello spogliare un li- 
bro, un registro, cioè trarne ciò che 
v'è di più ioiportante: copiar le par- 
tite e va dicendo. 
Spoécla. s. f. Spola, Spuola. Strumento 
di legno a guisa di navicella ove con 
un fuscello detto Spoletto si tiene il 
cannello del ripieno, (Gii da limpir) 
per uso del tessere, facendolo passare 
tra i fili dell'ordito. Armadura della 
spuola, i piccoli pezzetti di ferro ca- 
lettati alle sue estremità. 

Spoèula volanta. T. de* Tessit. Spola 
volante. Spola le cui punte sono ar- 
mtiie di ferro, perchè cacciate da' bat- 
tenti in vece della mano del tessitura. 
Spoèili del fera. T. di Masc. Branche 
del ferro. V. Branchi ecc. 

Far il spoéuli. Accannellare. Avvol- 
ger filo sopra i cannelli. Far i cao- 
nelli. 
SpojX. add. m. Spogliato, Dispoglialo. 
Senza vesti indosso 

Mezz spojà. Spogliazzato. 
Spojamènt. 8. ro. Spogliamento , Spo- 

glialura. 
Spojah. ott. Spogliare. Cavare i vesti- 
menti di dosso. Dispogliare. 

Spojar un cavall Spogliare un ca- 
vallo. Levargli U sella e i fornimenti. 

Spojar von. Fig. Spogliare alcuno. 
Si dice del privarlo d* ogni suo avere. 
Spogliare alla strada 
Spojars. n. p. Spogliarsi, Dispogliarsi. 
Torsi gli abiti, e detto di pianta, 5/ron- 
darsi. 



SP 

Camra da spojars. Spo^liatojo. Stana 
destinata per posar i panni di dosso. 

Spolacar. atl. T. Furb Rendere accorto. 
Scaltrire. 

Spoladòr. s. m. T, de' Passam. Fuso, 
Spuolatojo. Ferro a guisa di fuso, io 
cui s' infila il cannello per avvolgervi 
sopra il filo. Cosi dicesi anche V In- 
cannatojo. 

Spolcén Spolciadòr. s. ra. Ferrattriih 
ghe. Artefice che lavora stringhe t- 
(lattando ai loro capi ferro o altro 
metallo. 

SpoLècc'. 8. m. Puntale, Infilacoppio, 
Quella specie dago a guisa di lami- 
netta stiacciata o simile, con cui le 
donne infiivno i cappi o nastri. Di- 
consi anche Aghetti da stringhe. 

Metter i spolécc*. Ferrare le sirin- 
ghe. 

Spolecciar. 8. ro. Ferrastringhe. Arte6ce 
che lavora stringhe adattando ai loro 
capi ferro o altro metallo 

SpoLèTT d' un sc'iopp. Portabacchetla. V. 
S'ciopp, 

Spolétta, s. f. T. di Cacc. Ago. Quello 
strumento di legno sul quale si adatti 
di molto filo e fansi le reti, la quale 
quantità di filo chiamasi agula^ V. 

SpoLèTTA. s. f. T. de' Calzol. Smm- 
pò. Stella. Ferrò che si calca sul buco 
della bulletta nella suola, e che vi 
lascia un impronto foggiato a atella. 
Spolétta, s. f. T. Nil. Spoletta. Cao- 
nello di legno fermato nella boera 
della granata e pieno di polverino a 
cui si dà fuoco prima di scagliare la 
bomba. 

Spolétta, s. f. T. de' Sell. Stompt, 
Ferretto con buco tagliente che rien- 
tra allargandosi a tromba. Si U8a ge- 
neralmente dalle diverse arti cbe u- 
sano lavorar cuoi o pelli, e serve per 
bucarli ove occorra di affibbiarli colle 
stringhe o sim. 

Forar con la spolétta. Stampare. 
Bucare per esempio i cinturini delie 
scarpe per legarle in sul collo del 
piede. 

Spolmona, add. m /mpo/monoto. Ammala- 
to ne' polmoni. Vale anche Isfiatmto. 

Spolmonares. Sfiatarsi. Perdere il fiato 
pel so\erchio gridare o sim. 



Digitized by 



Google 



SP 

Spolpa, ndd. ni. Spolpato, Senza polpa, 
e fìg. Smunto, Rovinato. Ridotto sul 
lustrico. Spolpo, vale forteiueote in- 
namorato. 

Spolpar, att. Spolpare, Levar le polpe. 
Fij?. Ridurre in miseria. Ss^hert, Sgr al- 
iare, mangiar la poipa ad un cap- 
pone o sim. 

Spòlver. 8. m. T. de' Pitt. Spoherizzo 
o gpolverezzo. Bottone di cencio, en- 
tro cui è legata polvere di gesso o 
di carbone per uso di spolverizzare. 
Spolvero, foglio bucherato con ispil- 
letto, nel quale è il disegno che si 
vuole, spolverizzando, ricavare facen- 
do per que* buchi passar la polvere 
dello spolverizzo. 

Spoltrad^n'na. 8. f. Nappaiina. Piccola 
oappala di polvere di cipro sulla te- 
sta ecc. 

Spolvrar. att. Spolverare. Torre la poU 
vere. 

Spolvrar. att. T. de' Parr. Nappare. 
Spruzzare con polvere di cipro ui sulla 
testa, o la parrucca. 

Spolvrar. alt. T. de' Pitt. Spolve- 
rizzare. Battere lo spolverezzo sopra 
lo spolvero per tracciare i contorni 
di un disegno. 

Spolvréii. s. m. Polverino. Vaso forac- 
chiato dove si tiene la polvere per 
mettere in sullo scritto. É anche quella 
polvere mìnuia che si mette sul fo- 
cone del cannone o simili, per dar 
loro fuoco. 

SpoLVRéN, 8. m. Bufera. V. Tormén- 
ta. 

SpoLVRéN'ifA. 8. f. Spazzolelta, Grana* 
lino. Strumento da spazzar la polvere, 
o altro. V. Manzarcn*na. 
Spolvréh'na. 8. f T. Bot Spazzola 
di paduie. Manipolo di fusti e di pan- 
nocchie non ancora mature della canna 
detta Arundo phragmiles da Linn. 
che legato a mo' di granatino serve 
per spolverare i mobili ed anche le 
volte e le cupole delle chiese. 
SpoLVRéfi'NA d' pénni. Pennaruolo , 
Pennacchio. Fascio di penne fermato 
a mo* di granatino sopra una corta 
mazza per uso di spolverare cose di- 
licate. 

Spolvròsa. 8. f. T. Furb. Farina. 



SP 



183 



Spomar. alt. Sgorgare, Siasare. Sturare 
un canale o sim che sia turato con 
terra, roccia, ed altra fecce. 
SpoKCiòfi. Pungolo. V. Pontiroèul, Ba- 
chètta d» gaivién, Spinadòr ecc. 

SppwciùN DLA poLLARÌA Bordoni. Quel- 
le penne che non del tutto spuntato- 
fuori si scorgono dentro la pelle deu 
gli uccelli, e per similitudine si dice 
ancora de' peli vani che spuntano sulla 
faccia dell'uomo. 
Sponda, s. f. Sponda, Spallella. Para- 
petto di ponti, pozzi, fonti o simili. 
Si dice Proda la sponda del letto. 

Sponda, s. f. Fig. Appoggio. Favore, 
ajuto. 

Sponda alta. T. degl'Ing. Berga. 
Lo sponda alla e scoscesa di un fiume. 

Sponda del diliard. Mattonella. Cia- 
scuna delle sponde ehe ricingono su- 
periorinente la tavola su coi si giuoca 
al biliardo. 

Sponda dla barca. Bordo. Il Canco 
lato superiore della barca. 

ZtKSAR o TIRAR DE SPONDA. Far mal» 
tonella. Dare il colpo obbliquo invece 
di diretto. 
Spondén NA. 8. f. T. di Cart. Burattino» 
Legnetto dentato fermato alla estre- 
mità del virgolo sul quale il ponitore 
tien rizzata la forma perchè sgoccioli 
prima di torre il foglio. 
Spondi del cavagn. Busto. 

Spondi dl'arbi. Fianchi. 

Spondi grossi. T. di Cart. Sponde 
della pila* 11 rivestimento muralo delle 
pile da ripfsto. 
SpoNDRoèuLA. 8. f. T. de* Lcgn. Sponde- 
ruola. Sorta di pialletto non molto 
largo col taglio del ferro alunato* 
Spòner. att. Esporre. MeUer fuori alla 
vista, ma si usa anche per Riferire, 
raccontare e mettere in pericolo. 
Spomga. Spugna. Sorta di pianta ani- 
male composta di due sostanze, ve- 
getale e animale. Il tessuto Fellroso 
a maglie più o meno fiUe, elastico 
ecc. é il carattere delle spugne morte 
che sono in commercio. £ detta da 
Linneo Spongia .eommunis. Diconsi 
Osculi, ì fori più grandi, Port^ i più 
piccoli 

Sponda, s. f. Fig. Mignatta, Sega* 



Digitized by 



Google 



\H 



SP 



irne. San fuga, Succiasangue, Perso- 
na che tende ad appropriarsi l'altrui. 

SroNfiADA. ». f. Pinocchiata. (B. L. ) 
Spongata. (Tassoni) Spezie di torta 
fuKa di miele, pane biscotto^ pinoc- 
chi ed altri ingredicnH. 

Spongaoén. s. m. Pinocchio lino. Piccolo 
pinocchiato. 

SpóT?GUÉ!« S. m., SPONGHÉIf'rCA 8. f. SpU- 

gnuzza. Dimin. di spugna. 
Spokgós. add. m. Spugnoso. Bucherato 
a guisa di spugna. Spongime diconsi 
quelle frutta che sono sccofie o im- 
mezzite. 
Spontà. add. m. Spuntato, Senza punta, 
e in altro signif. Apparso, Sorto, 
Surto. 
Spontadcra. 8. f. Spuntatura, Lo spun- 
tare. 

Spontadcha s. f. T de' Capp. Tata. 
Quel pelo di lepre o coniglio più lun- 
go che copre la caluginc o fina pelu- 
ria deir animale e che si leva prima 
di tagliar quest'ultima. 
Spontalà. adJ. m. Spuntellato. Senza pun- 
tello privato di puntelli. 
Spontalar. alt. Spunlellare. Levare i 

puntelli. 
SpontXm. add. m. Spontaneo, Spantano. 

D4R spoRTÀNi. Essere sponiedanìe 
„ È vietalo ricevere mance da spon- 
ledanti. „ (B. L. ) 
Spontar. alt. Spuntare. Rompere o per- 
dere la punta. Mandar fuori la barba, 
le corna; nascere l'erbe e simili. U- 
scir il sole. Levar ciò che tiene ap- 
puntata alcuna cosa, come spilli ecc. 

Spohtar. «ti. Spuntare. Diccsi del- 
l'apparire di qualche persona o cosa 
mobile da un dato punto di vista. 

SpoNTAR. ali. T. d'Agr. Sbocciare. 
Uscir il flore dalla sua boccia. Sbor- 
rare. V. Fiorir. 

Spoistar I DÉNT. Moverc. Farsi via 
dalle mascelle. 

Spontar 1 Rizz. T. de' Parrucch. Ar- 
rotondare i ricci. Foggiarli in modo 
dicevole alla persona. 

Spo?itar la lésna. Fig. Uscir di cac- 
chione. Porre da banda il granchio. 
Abbandonar l'usanza avara. 

Spontar 'na cosa. Uscire -a bene, 
Bìuscirne. Conseguir ciò che si dcsi- 



SP 

dera senza pericoli o fasi idi. Guoà* 
gnare la spalla, vincere rostinstiooe 
d'un cavallo. 

Spoetarla. Spuntar alcuna cosa. Vale 
ottenerla rimovendo le difficoltà. 

SpoNTÉFf. s. m. T. de* Fabb. di Carle. 
Spuntature. Que* pezzetti di carta che 
si tagliano dagli a tfr li delle coperte 
prima di collarle suiia faccia. 

Spontìli. s, m. Spoltiglia. Polvere dt 
orefici o polvere di smeriglio gii 8do> 
perata e ridotta in pasta. 

Spontùn. s. in. Spuntone. Arme in asti 
con lungo ferro quadro e non inoLo 
grosso ma acuto che usavasi un tempo. 
V. anche Sponciòo. 
Spontò!*. 8 m. Foratojo. Struracnlo 
a mo' di grossa lesina per uso di fo* 
rare. 
Spontòn. 8. m. T. d'Agr. Tralcio. 
Quella parte dell^ propagine della vi* 
te che è da capo e che si lascia fiio* 
ri della terra perchè frultiBcliL 
SpoNTòif. s m. T. de' Cali Spun- 
zone. Quel ferro che irt capo al ma- 
nico de' temperini serve a prolungare 
lo spacco della penna. 
Spontòn. s. oi. T. de' Stagn. Sbrmo. 
Sorta di lesina forte per bucare ii 
latta dove si vuole imbullettare. 

Spontonada. 8. f. Sptmtonata. Colpo di 
spuntone. 

Spontòs. T. Furb. Ago, Spillo o «imil 
cosa appuntata. 

Spònzer. alt. Slimolare. Instigare, ecci- 
tare, pungere, spingere. 

Spònzer I 80 Pungolare. Stinwlw 
col pun^o'o i buoi. Spunciare imbonì. 

SpoiNZG.Noèuti. Prugnolo buono. V. Car- 
vlén. 

Spor ADORA T. Fgrbi Guardia. 

Sporca s. f. Laida. Donnetta vile, som* 
Chi l' ba sforca s' la lava. Chi tu- 
6ra//a spazzi. Proverbio che ne' casi 
disgraziati è sinonimo di egoismo spie- 
lato. 

Farla sporca. Far cose brulle, cwe 
seonvenevoli, disdicevoli. 

Sporca, adtl. Lordo, Sudicio, Imbrat' 
tato. V. Sporch. 

Sporcacciòn. s. ro. Siidtcìowe.' Satliw» 
assai. Lercio, Lezzone , esirtmuio^^ 
sudicio. 



Digitized by 



Google 



SP 

SÌP0RC4Cciò?i. s. m. T. Furb. Tavolo 
da cucina. 
Sporcar, att. Bruttare. Imbrattare, lor- 
dare, insudiciare, insozzare. Sporcare 
è un imbrattare o insudiciare per mal 
modo. 

Sporcar, alt Far sozzura. Sozzare. 
Fare i suoi agi in letto come i fan- 
l'iuDi e gi* infirmi. Fare le sporcizie 
dicesi delle galline, de* cani e di al- 
tri animali quando lordano la casa. 

Sporcar d' bava. Scombavare. 

Sporca a d' brod Imbrodolare. 

Sporcar d* inciosTBR. Scorbiare, Sgor- 
biare. 

Sporcar d* herda Sconcaeare. 

Sporcar d* pissa. Scompinciare. 

Sporcar d' tbra. T. d'Agr. Inter- 
riare Imbrattare con terra molliccia 
le piante o i frutti che si voglion 
preservare in qualche modo. 
Sporcars n p. Bruttarsi. (Bart. ) Lor- 
darsi, sozzarsi 
SpoHcn. add. m. Sporco, Schifo, Lordo, 
Imbratto to. Fangoso dicesi chi è sozzo 
di prave abitudini. 

Sporch. add. m. Lordo. Non netto 
da tara, e dicesi de* conti e de* pesi. 

SpoaeH add. m. T. delle Stir. Luma* 
eoto. Cosi dicesi un pannolino insal- 
dalo che per non essere stato ben scia* 
quato lascia vedere delle macchie. 

Sporch. CMè UN G0zé5. Più sporco che 
le pezze degli agiamenti. Sporchissimo. 

Sporch d* bava. ScombaCato. 

Sporch d* calèzua. Caliginoso, 

Sporch de ^morgagn. Moccicoso. 

Sporch d'ircioster. Sgorbialo. 

Sporch d* marchés. Mestruato, Im- 
brattato di mestruo. 

Sporch d* herda. Seoncacato. 

Sporch d* morcia. Morchioso. 

Sporch d* pissa. Scompisciato. 

Sporch d* vén. Macchiato di vino. 

Descors ' SPORCH. Turpiloquio. Parlare 
osceno, lascivo, disonesto. 
Sporcadcra. s. f. T. de* Tip. Spizzica- 
tura. Difetto di stampa in cui i ca- 
ratleri non riescono netti. 
Sporcar, att. T. de* Tip. Spizzicare. V. 

Sporcadura. 
SPORCHèrr. add. m. Sudiciccio. Alquanto 
sudicio. Fig. Laseiveito. 



SP 



iW 



Sporch izi A. s. f. Porcheria, Sporeheria, 
Sporciz ia , Sch ifczza. 

Sport, s. m. T. d' Arcb. Sporto, Aggetto. 
Quella parte di un edilizio che sporge 
in fuori dal muro maestro. Accollo, 
parte di fabbrica che resta fuori d*ap- 
piombo del muro principale, sostenu- 
to da mensole e beccatelli. 

Sporta, s. f. Sporta. Arnese tessuto di 
giunchi, paglia, o simili, con due 
manichi, per uso di portar robe per 
lo più commestibili. 
Sporta s. f. Fig. Bertuccia, Ubbria" 
chezza. 
Sporta, s. f. T. Idr. Ventola. Manu- 
fatto di legname mastiettato e conge- 
gnato sui gangheri, che si apre e si 
chiude a guisa di valvola. Dicesi pure 
Paradora a sporteli. Y. 

Sportar, alt. T. d' Arch. Agaettare. Spor- 
tare in fuori, uscire della dirittura, 
e piombo d'ufi muro. 

Sportèj. s. m. pi Sportelli. V. Sporteli. 
Scherz. Occhiali, e diconsi cosi anehe 
gli occhi. 
Sportéj dla traditora. T. Furb. Xo6- 
bra. 

Sporte! d'un orghen. Portelli, Ale, 
Allie. Le imposte che chiudono la fac- 
cia di un organo. 

Sportèll. s. ro. Sportello. Specie di pic- 
colo uscetto o imposta. Quella degli 
armadj dicesi anche Ala. e=s Sporici* 
letto. Sportellino diminuì. V. Porteli 
Sportèll. s. m. T. di Caccia. Cala- 
juola. Pezzo di rete sugli staggi colla 
quale serrata la callaja vi si piglia la 
lepre e simili animali. . 

Sportèll. s. m. T. de* Fab. di Gas. 
Battolino. Quello sportello che chiude 
e serve di custodia esterna al misura- 
tore del gas. 

Sportèll. s. m. T. de* Setaj. Spor* 
tellino. Quello sportello che è posto 
alla bocca del fornello, e serve a rav- 
viare la bragia. 

Sportén, Sportén'na, Sportètta. Spor- 
tellaj Sportellina, Sportelletta , &por* 
ticella, Sporticciuola. Piccola sporta. 
Sportèn. s. m. T. de* Cest. Cassette. 
Quelle due parti del portampolle di 
vetrici entro le quali si pongono le 
ampolle stesse. 



Digitized by 



Google 



186 



SP 



SpoRTÉN*NA. s. f. T. de' Cesi. Merendiere. 
Cavagriuolo con copercliio, entro il qua- 
le i faneiulli tengono la loro roeren- 
duccia andando ^ scuola. » 

Sportén'n^. Fig. Sbotiìiuxza, Leg^ 
giere ebbrezza. 
SportU.*! dlà gàbbu. Sportello» 

Sportlén dla S0RG4R0ÉULA Cateratta. 
L*Rpert\ira della trappola da prender 
topi che s'apre e si serra con un as- 
sicina incanalata, detta anch'essa Ca» 
teratta. 

^ Sportlén dla stùa. Animella. Val- 
vola mobile dello sportello colla quale 
si da più o meno aria al focolare 
della stufa e sim. 
Sportòn o Sportòn'na. 8. f. Spartana, 
Sporta grande. 

Sportòn. s. ro. Fig. Briaeone. 
Sportòn'nà. 8. f. Fig. Sborniaccié, Eb- 
brezza grande. 
Spòrzbr. alt. Sporgere. Uscir checchessia 
del piano y o del perpendicolo ove 
sta affisso. Vaie anche porgere , mettere 
in fuori, stendere Sporgere il capo, 
la mano. Porgere, offerire, dare. 
Sporzionar. att T. de' Cuochi. Scodel- 
lare porzioni, Diccst dagli osti o lo- 
candieri lo spacciare molte porzioni 
al minuto. Far le porzioni, dividere 
la viltuaria come fossi nelle comu- 
nità. 
Spos. s. m. Spo$o, Quegli che novella- 
mente è ammogliato. 

Andar ai spos. Andar alle nozze. 
Andar a un pajo di nozze. 

Akéll da spos. Fede. Anello nuziale 
o sposerescp 

DisNAR DA spos. Nozze. Banchetto 
nuziale. 

Fars el spos. Sposare. Prender mo- 
glie. 

RegXl da spos. Donamenti. Doni o 
Arre sponsalizie. 

Roba da spos. Cose sposèrecce o noz- 
zerenhe. 

Messa da spos. Mema del congiunto. 

Un par db spos. Una coppia di sposi. 
Spòsa, s f. Sposa Donna maritata. 

Spòsa ! Maestra, Buona donna. Modo 
di chiamare una donna matura di cui 
non si sappia il nome. 

Spòsa, s. f. T. d' Entom. Libellula. 



SP 

Nome comune a vari insetti neirrot- 
teri delln famiglia degli odanoti, ma 
più specialmente della Libellula, de- 
pressa de' Sistematici. 

Sposi add. m. Sposato. Congiunto in 
matrimonio. 

Sposaoa. 8. f. Sposamento. L*aUo di 
sposare. 

Dar 'na sposada. Finir con un imam 
pa/o di nozze. Sposare. 

Sposalìzzi. 8. m. Sposalizio, Sponsali- 
zio. Solennità dello sposare. 

Sposati, att. Sposare. Dare o pigliare per 
marito, ma dicesi propriamente Am- 
mogliare dar moglie ad ud uomo. 
Maritare dar marito ad una donna. 
Sposare il matrimonio, vale consu- 
marlo. Copulare, congiugnersi car- 
nalmente. 

Sposar t.*f opinion. Abbracciare un 
opinione. Sostenere un partito. 

Sposars. n. p. ^sarsi. V. Sposar. 

Sposlén'na 8. f. Sposina. Yezzeg. e dim. 
di sposa. 

Spossa, add. m. Spossato, Fiacco. Sfi- 
nito di forze. 

Spossar, att. Spossare. Infiacchire, inde- 
bolire. 

Spossatézza, s. f Spossatezza, Accascia^ 
mento. Mancanza di forze. V.Fiachèsza. 

S?0TiCA«ÉNT. m. avv. Dispoticamente, lo 
modo dispotico. 

Spòtigb. add. m. Padrone assoluto. Li- 
bero, indipendente. V. Dèspota. 

Spranga, s. f. Spranga. Sorla di palo di 
ferro col quale fannosi grosse infer- 
riate. 
Spranga, s. f. Asta. Quella della spa- 
gnoletta che è fermata alle imposte a 
telaj. 

Sprangli. 8. m. p. T. de' Becc Sbarre. 
Mazze che si pongono traverso i buoi 
macellati per tenerli aperti, onde po- 
terli meglio sventrare. 

Sprar. V. Sperar. 

Spréla. s. f. T. Bot. BadichielUs prala- 
juola. Erba nota, comune ne* prati. 
11 Crepis tectorum di Linn. V. aocbe 
Asprèla. 

Sprèmer, att. Spremere, Strizzare. Ma 
strizzare è più che spremere, e in- 
fatti si spreme un limone per cavar- 
ne il sugo, e si strizza poscia per ca- 



Digitized by 



Google 



SP 

▼arne fino all'ultima stilla. V. Schiz- 
xnr. 
Pars SFRéHBR. Farsi pregare» 

SprexCda. 8. f. Strizzata, L'atto di spre- 
mere UQ limone o sim. 

Si>Rèzz. 8. ni. Disprezzo. V. Desprèzz. 

Sprezzànt. add. m. Disprezzante , Di' 
spregiante. Spregiatore ,' Dispettatore. 

Sprezzi s. m. Sopruso, Ingiuria, Con» 
tumelia. Alto o deito offensivo verso 
una persona. Sfregio, smacco. 

Sphbzzar alt. Sprezzare, Dispregiare, 
Disprezzare. 

Spricc' s. m. Schizzo, 

SpRiccèTT. 8. m. Schizzatojo, Strumento 
per la più di stagno o di ottone col 
quale si attrae e si schizzano liquori 
per diverse operaeionì. Schizzetto va- 
ie piccolo schizzatojo. 
Spriccétt da polizia. Schizzetto a 
oliva bucherata, 

Sprìccia. s. f. Spruzzo, Spruzzolo, 
Spruzzo, Sf)ruzz€tto. 

Sprìccia d' FA^GA. Schizzo, Macchia 
di fango, d'acqua o d'altro liquore, 
che viene dallo schizzare. Zacchera. 

Sprìccia. add. Spruzzato, V. Spricciar. 
Sprìccia. add. ro. Parlando di colori, 
Sprizzotato, Sprazzato, Screziato, 
Chiazzato, Variegato. Macchiato o 
mescolato di due colori sparsi minu- 
ta meu te. 

SpRicciADA. 8. f. Schizzettata. Lancia- 
mento dì fluido fatto collo schizzatojo. 
Spricciada. s. f. Spruzzata, Spruz- 
zamento. Zaffata, Sbruffo. Quel col- 
po che danno altrui i liquori escendo 
talvolta da' vasi chiusi all'improvviso 
siccome fa da noi la hirra. 

SpRicciADén NA. 8. f. Leggiere spruzza* 
mento 

Spricciadura. 8. f. Schizzo. V. Sprìccia 
d' fanga. 

Spricciar. att. Spruzzare, Spruzzolare, 
Leggermente bagnare colla bocca, 
con spazzole, o granatini, o con 
altro. Schizzettare, umettare collo 
schizzetto. Schizzare si dice speclal- 
menle del fango che si gitta addosso. 
Spricciar. att. T. de* Mur. Rinzaffare, 
Dare una prima e ruvida crosta di 
calcina sul muro che si vuol poi ar- 
ricciare. V. Imboccar. 



SP 



487 



Spricciars. n. p. Imbrattarsi di schizzi. 

Spròcb. 8. m. Sprocco, Brocco, fuscello, 
stecco, e talora dicesi anche ad un 
Caviglio o Piuolo, 

Spròcb. s. m. T. de' Lego. Stecco, 
Pernio. Piccolo piuolo tondo e leg- 
germente conico che si conficca a mar- 
tcllo in corrispondenti fori fatti a mar- 
tello col succhiello ne' legni com- 
messi. 

Spròcb. s m. T. de' Piti. Mensolini. 
Que' piuoli che reggono il palchetto 
del leggio da pittori. 
Spròcb da impioiirar. T. de' Bast. 
Impiombatiìjo? Piuolo con punta di 
ferro che serve per fare le impiom- 
bature. 

Metter un spròcb. Ficcare una po^ 
lezzola. Imporre con artificio. 

Sprocbén SpRocBàTT. 8. m. Sproe* 
chetto, Brocchetto, Cavigliuolo dim. 
Sprocbén. s. m. T. de' Past. Serpo* 
lini, V. Vernizzoèu. 
Sprocbbk pr! Delfi. Dentelliere, Stuz* 
zicadenti. Slecco. V. Nettadént. 

Sprochéra. s. f. Ceppo da stecchi, Piccol 
toppo che ha smussatojo e spianatojo, 
per foggiare gli stecchi. 

Sprofomdar. V. Intr. Sprofondare. Cader 
nel profondo, e in senso attivo. An- 
nichilare, mandar in mina in preci- 
pizio. 

SpRòif. s. m. Sprone. Strumento noto, 
col quale si pugne la cavalcatura, 
acciocché ella affretti il cammino. Ha: 
Braghétta • . . Collare. 

d'old Pernio, 

Cóvi Bracci. 

Gamba . . . . ForcUetia. 
Ponta .... Fermo* 
Stién'na o Ro- 
dlén'na. . . . Spronella o Stelletta 
Spròn. 8. m. T. d'Agr. Segoncetio. 
Quel capo di vite lasciato corto alla 
lunghezza di due o tre occhi tagliato 
appunto rasente all'occhio. Saeppolo 
Saettelo, tralcio nato sul pedale 
della vite lasciatovi dagli agricoltori 
a fine dì rinvigorirla segando il pe- 
dale sopra esso tralcio. Serve anche 
per abbassare il pedale della vite quan- 
do accima. Y. Scappar nel Suplem. 
Catorcio o Catorchio, capo breve di 



Digitized by 



Google 



i8» 



SP 



▼ile che dopo la potatura riniaDe at- 
taccato al sarmento. 

SpnòN. 8. m. T. di Ferr. Bracciuoli, 
Pietre cli^ coliegano la fornace dalla 
parte di fuori. 

SpRòjf . 8. m. T. d' Idr Dentello. Pa- 
lizzata lavoro di muro che aporge 
dentro il Oume. 

Spròn. 8. ro. T. di Vel. Cornelio, 
Sprone, Escrescenza cornea situata alla 
parte posteriore del nodello dei piede 
del cavallo. < 

Spròn d* ca valer. T. Bot. Delfinio. 
Pianta annua che produce lunghe spi- 
ghe di scherzosi fiori celesti che poi 
variano É il Delphinium ajacis. L. 

Spròn d* cavalér sempi. T. Bot. Erba 
eorneUa» Pianta annua che cresce ne' 
campi, ed è più ramosa e hassa del- 
la precedente e fa fiore più piccolo e 
turchino, detta da Linneo Delphi- 
nium consolida. 

Spròn dbl gall. Sprone. Queir un- 
ghione dei gallo, ch'egli ha alquanto 
di sopra al pie, e similmente si dice 
di quello del cane. 

Spròn d* na muraja. Barbacane. 
Muraglia fatta a scarpa per sostegno 
di altre mura nella parte da basso. 
Rimpello, muro che 8i riprende da' 
fondamenti per rimettere in piombo 
una vecchia muraglia che spiomba. 
Contrafforte , sorta di riparo aggiunto 
per maggior saldezza del muro, che 
meglio dicesi Rincalzo o Contramuro, 

Spròn d* na pila d'un pont. Anti- 
becco, La parte che spunta in fuori 
nella parU anteriore della pila di un 
ponte die serve a romper l'acqua. 

Spròn o arbCtt d' na pianta Sproni. 
Si dicono que' hrocchetti che sono 
talora su per Io pedale dell' alt)ero. 

A SPRÒN BATTO. A «profi battuto. Ve- 
locissimamente, a tutto corso, a pre- 
cipizio. 
Sprona, add. m. Spronato. Armato di 
sprone. 

Sprona. (El) T. Furb // Gallo. 

Spronada s. f. Spronata. Fiancata, può- 

tura o oolpo di sprone. Speronala, 

Spronaja, la piaga che fa la percossa 

dello sprone. 

Spronar* atl. Spronare, Speronare. Pu- 



SP 

gnere eolio sprone, e fig. sollecitare, 
affrettare, stimolare. 

Spronar *na viga Saettolare. Tagliare 
alle tili, per rinvigorirle, il pedale 
sopra il saeltolo. 
Spronar 'na miiraja. T. de' Mur. 
Rimpellare. Fortificare uà muro om 
barlmcane.. 

Sp^qferiar. att. Spropiare, Spropriare. 
Privare delle cose proprie 

Sproperiaziòn. s. f. Espropriazione. L* at- 
to di espropriare ossia di privare it 
modo giudiziale delia sua proprietà. 

SpROPORZiòN. 8. f. Sproporzione, oppure 
Disparità. 

Sproporziona, add. Sproporxionaio.Fuori 
di proporzione. Stempiato, Seompcs- 
salo, dicesi un uomo che abbia al- 
cune parti della persona fuori delia 
proporzione naturale. 

Sproposit. 8. m. Sproposito, Soarione. 
Sproposit da cavall. Sproposiio da 
pigliar colle molle. Granchiaceio spro- 
posito badiale. 
Dì UN sproposit? Pigliala largai 
Modo di condurre il giudizio a giudi- 
care del vero nei pronunciare intorno 
ad una quantità numerica riJevante. 
Un sproposit d' roba. Un nugolo. 
Un fiotto. Una gran quantità di cose. 

Sproposita, add. m. Spropositato. Che 
fa dice spropositi, e in altro signi- 
ficato. Smoderato, Strabocchevole. 

Spropositar, att. Spropo^itore. Fare spro- 
positi. 

Spropositòn. 8. m. Spropositane, Sva- 
rione, Scerpellone. Sproposito solenne. 

Sprovèder. att. Sprovvedere, Laaciare 
sprovveduto. 

SpRovisT. add. m. Sprovveduto, ^iroo* 
visto. Sfornito. 

Sprùcch. (dal Ted. Innsbruch, che si- 
gnifica Ponte sull'Jnn,) Nome della 
Capitale del Tirolo tedesco usau nelle 
(rasi: 
L'È andX in Sprùcch. È ito a mak 
si è perduto e sim. 
Va in Sphùcch. Va in malora. Vttli 
a far friggere. 

Spruzzar, att. T. de' Gart. Sprazzare. 
Gettare sulla caria colle setole delia 
spazzola i colorì di cui si vuole spruz- 
zala. 



Digitized by 



Google 



Spruxzar d* acqua, spruzzare. Sbruf- 
fare (Frauc.) 

Spcd o Spudacc*. s. m. Sputacchio, Spulo. 
La uiateria die si spula, e i'atto stesso 
dello spulare, farda, Suruacch^o, 
spulo catarroso. 

Spuo del coccb. Sputo del cucco. 
Spuma che la larva ili una specie di 
Cecrope produce sulle pia ole ore si 
lìssa, pro\eaieole dal succhio della 
piauia. 

SptDA. s. f* Saliva, Seialiva, Sciiiva. 
Umor sieroso che da* condoni di di- 
Terse glandule poste nella bocca, còla 
in essa, e quella uiuetla e le fauci. 
Sòavazzatuni, la bava o saliva di 
una donua che fili. 

Tacca con la spuoa. Appiccalo eolla 
cera, o colla sciliva. Dicesi di cosa 
mal commessa, e che per poco può 
slaccarsi. 

Spudà. add. m. Spulato. V. Spudar. 
TuTT LU SPODÀ Pretto sputato. Mi- 
niato, Puro e pretto. Vivo e vero. 
Somiglianlissimo. 

Spudaccén, Spudaccàtt. s. m. Sputetlo. 
Piccolo sputo. 

Spcdaccék. s. m. Sputaechiatore , Spu^ 
ia$pe»8o. V. di reg. Uno che spula 
di frcquenle. 

Spudaccén. Cerchiello? Certo arnese 
di laita o d* argento, che i soldati 
poco prima del cader m disuso le 
code de' capelli, mettevano nelle code 
steése, e precisamente <love avrebbe 
a\uto ad apparire il cappio, onde 
non si scorgesse il nodo delia fascia- 
tura. 

SputAccÉH. Aggiunto d'unguento, 
Bocchino. V. luguénl 

Spcuaccént. add. m. ScombavalOé Im* 
brattato di bava o sim. 

Spldacciar. alt. Sputacchiare. Spular 
sovente. Scombavare vale imbrattar 
di bava o scialiva. 

Spudacciara. s f. Tialiimo. Specie di 
malattia, per la quale si sputa fre- 
quentissimamente. 

Spudacciaroèula. s. f. Sputacchiera. Sorta 
di vaso da sputar dentro. Dicest Cas* 
setta di decenza queir arnese di legno 
ehe si tiene sul suolo con entrovi se- 
gatura o crusca ad uso di sputarvi. 



SP 



189 



SpooAceiAZZ. 8. m. Sornacchio, Far fai* 
Ione, Ostrica, Farda, Ciabattino. 
Catarro grasso che tossendo si trae 
dal petto. 
Spudacciòn, Spudacciouazz. 9. ra. Scar» 
eaglioio. Che suole sornacchiare , far 
sornacchi. * 

Spuoacciòn. s m. Farfallone ecc. 
V. Spudacciazz. 
Spudapàn. s. m. Sputapane. Dicesi del 
pesce pieno di lische, delle rane e sim. 
Spudar. alt. Sputare. Mandar fuori scia- 
liva, catarro, o altra cosa per bocca. 

Spudar dolz. Sputar zucchero. Por» 
tare o avere il mele in bocca. Andar 
dolcemente, o colle buone. 

Spudar in t*un sit. Toccar bomba. 
Prender fuoco Andar in un sito e 
partirsene tosto. «=>: Bomba è la no- 
stra Marna ih divei^si giuochi fancìuU 
leschi. * 

Spudar i solo. Sgattigliare. Tirar 
fuori, contare, sborsare. 

Spudar in fazia. Sputacchiare. Spu- 
lar nel viso per dispregio. Spruzzare 
a vento, quello spruzzare parlando, 
il viso altrui per difetto di bocca o 
inconsideratezza. 

Spudar 'na huraja Pelarsi. Far pelo, 
screpolare, sbullettare. 

Spudar un pann. Sfaldellare, Sfilac"' 
cicare. Uscir le fila sul taglio o sullo 
strascico dei panni. = I tessitori di- 
cono che il panno sputa il pelo, 
quando il pettine è inclinato verso le 
licciate. 

El n'é mica cvé spudar in rtnk. 
Aon è loppa^ Non è impresa da pi* 
gì l'are a gabbo. 

Ve che spudar in tèra. È con^e 
bere un uovo, È cosa facile* 
Spudars in t'il man. Sputarsi nelle mani, 
o nelle dita. Vale affaticarsi ben bene. 
Spudasentènzi- s. m. Sputasenno, Sputa- 
pepe, Sputasentenze, Colui che parla 
sentenzioso; che mostra, affettamente 
d'essere savio. Sputatondo. 
Spulsión. s. f. Riscaldamento. Bollicine 
minute e rosse che spargousi sulla 
pelle per troppo cùlore. 
SpOma. s. f. Spumiglia, Sorta di pasta 
dolce che ha sembianza di spuma. 
Credo si dica anche Spumino. 



Digitized by 



Google 



190 



SP 



SpAvì. 8. f. Magnisiia, Spuma di 
mure. Sorta di terra biauchissiina da 
pipe. 

Spumànt. Brillanle. Agg. di vino che 
rode la schiuma schizzando fuor del 
bicchiere. Spumante dieesi ciò che è 
coperto di schiuma. 

Spumar att. Brillare. Quell'effetto che 
fa il vino geoeroso nei rodere la schiu- 
ma, schizzando ftor del bicchiere. 

Spumarén. 8 m. Zerbinotto, Ganimede. 
Persona attiiata, inclinata agli amori. 
Farfannicchio , FaUimbello, uomo Va- 
no e leggeri che pretende di essere 
assai. 

SpuMARÉif. s. m. Uva crispa. V. Uva 
spco'na. 

Spumén'na. s f. T. de' Drapp. Spumiglia. 
Surta di drappo leggiere di seta. 

Spumósa, s. f. T. Fyrb. Lumaca. 

Spura, s f. -Prudore, V. Spuréu'na. 
Grattar lA dova spura. Grattare al* 
cuno dove gli pizzica. Vale parlargli 
di quelle cose per le quali ha molta 
passione. 

SpuRéTiVvA. 6. f. Prudore, Pizzicore, 
Prurigine. Sensazione molesta che ci 
obbliga a grattare. La voce del nostro 
dialetto havvi chi opina ci sia venula 
dall'Etrusco Spurinal,. che vale Vez- 
zo zione. Dolore. (Bert. ) 
SpuRÉif'NA DtA TESTA. Grattacapo. Piz- 
zicore che viene nella parte capillata 
della testa. 

Spurga, add. m. Spurgato, Rimondato. 
E dicesi di fogna, fosso o canale. 

Spurgamènt. s. m. Spurgamento. Lo spur- 
gare. 

Spirgar. atl. Spurgare, Purgare. Ri- 
mondare, lor via lo sporco, il super- 
fluo. Pulire, nettare, mondate, far 
mondo, e si dice propriamente di 
pozzi, fogne, fossi e simili. 

Spurgh. s. m. Spurgo. Lo spurgare, ed 
anche la materia che si spurga. 

Spurgh. s. m. T. Idr. Spurgo, Scavo. 
11 rivoiamento del fondo di un fosso, 
canale o sitn. 

Spurgo del ptòn. T. di Vel. Spurgo 
della forchetta* V. Flou marz. 

Spurghén. s. m. Rioiondalore, Ninne ge- 
nerico di chi rinionJu ^= Votapozzo, 
colui che vuota i puui, Voiaces^ii, 



SP 

colui die vuota i eessi. Fognajwih, 
Fijgnajo, ( Botta ) Che ba cura delle 
fogne. 

SpOri. add. m. Spurio. Nato di adulte- 
rio d'incesto. 

Spurìr. alt. Prudere, Prurire, Pizzi- 
care. Mordicare prodotto dal suJieliio 
de' nervi della cute. 
Spurìr il man. Fig. Pizzicar k mani. 
Aver desiderio di dare altrui. 

Sputanà. add. ra. Spopolato, Svergognato, 
Messo in baja. 

Sputtanares. n. p. Spopolarsi. Mettersi 
da sé in baja o sulle ventarole. 

Spuzza, s. f. Puzzo, Puzza, Sito, Tanfo, 
Tanfata, Lezzo, Lezzn/me, Pelote, 
Mefite, Morbo, Veleno: ma il puzze 
è qualunque odore non grato, puzza 
è più di puzzo, li sito è un puzze 
che viene da cosa giacente in un 
luogo, ma è meno di puzzo Tan/b 
è un puzzo forte che viene tulio ad 
un tratto a percuotere il senso, e 
tanfata è un ondata di tanfo. Il lezzo 
appesta e ammorba, e lezzume è molto 
lezzo raccolto. Fetore è odore ingra- 
tissimo e prolungalo. Mefite è il tri- 
sto odore che esalasi dal suolo per 
acque corrotte o emanazioni di gas 
acido carbonico. Morbo, Veleno, pes- 
simo odoro pestilenziale. 
Spuzza d' candela. Fetor di leppo. 
Far ola spuzza. Appuzzare, Appuz» 
zolare. Indurre o apportar puzzo. 

Spuzzar, alt - Puzzare, Putire. Avere 
o spirar mal odore. V. Spuzza. 

Spuzzar d'aj. Oleg giare d'aglio. 

Spuzzar d' ron. Attoscar di odori. 
Dicesi di chi porta seco odori gagliardi 
come di muschio e sim. 
Spuzzar d' brusà. Olire, Seniire éi 
bruciaticcio. 

Splzzar d' poch o' bon, Spczzàr 
d' furbazz ecc. Pizzicar di bricoue. 
Pizzicar di furbo ecc. Inchinare a 
ciò di cui, secondo i casi, si sta fa- 

•vellando. Per esempio: Pizzicar di 
Piacentino, Pizzicar di Parmigiano, 
e va dicendo 
Spuzzar d* zimiteri. Essere al confi- 
temini: Avviarsi per le poste. Essere 
siidalo dai medici, esaere alFolio santo, 
essere vicino a morire. 



Digitized by 



Google 



SP 

Spuzzar £l piì. A^er bocca fialota. 
Avete uu fialo cattivo. >= Saper di 
rame, si dice di co«a che costi cara. 

Spuzzar jl man. Estere manesco. Fa- 
cile a meoar ie maoi. 

Spuzzar t pe. Scherx. Sonar coi cal- 
cati. Fetore per sudore soprabbon- 
dante de' piedi e poca pulizia di essi. 

Spuzzar la sanità. Maowr lite alla 
iunilà. Cercar cinque gambe al ca- 
strone. Cercare i guai col fuscellino. 
Cercar bri|(be inopportune a proprio 
pregiudizio. 
Spuzzètta, Cagiiìtt. V. Spuzzòr. 
SpuzzoLàNT. add. tu. Puzzolento. Fetente. 

fetido, puzzoso. 
Spuzzòr s. m. Puzzo. 

SpUZZÒR, CAGÒNy SPCZZéN, SPUZZÉTTA. 

Profumino, Cacazibetto Bellimbusto, 
(ì|$urioo, vagheggino, favetta, fumo- 
aello, profumai uzzo. 
Squader. 8. in. Sq:iadra, Norma. Stru- 
nicuto col quale si formano, o si ri- 
conoscono gli angoli retti. Squadroe- 
eia dicono i carradori ( maringòn da 
carr ) un pezzo «'i legno incavato in 
luezzo ^r prcnier misure. 

Squader s. m. T. de' F. Ferr. Ban» 
della a squadra. Sorta di bandella che 
ba la Ggura d' una squadra. 

Squader. s. m. T. degli Org. Leve. 
Ferri a squadra cbe servono a dar 
leva alle vahoie del sommicre del- 
l'organo. 

Squader. s. m. T. degli Oriv. Squa» 
dra. Ferro cosi detto dalla sua forma, 
che assodato nel piede delia piatta- 
forma, regge nella sua parte verticale 
il meccanismo delle lime. 

Squader da spìzza. Quartabuono. 
Struuicnto o squadra di legno di più 
grandezze, che ha angolo retto e due 
lati uguali che lo compongono, e serve 
per lavorar di quadro. 

Squader da tavlètta. Squadra da ta- 
volino. Piccola squadra per lo più di 
ottone per lavorare a tavolino disegni 
di cdihci o di macchine. 

Squader del capOzz. Ferri. Sorta di 
aquadre di ferro che assicurano il 
mantice alla cassa del cocchio. 

Squader dfl tiratutt. Leva del ti- 
ratutti. Ferro a squadra che serve a 



SQ 



19i 



dar moto a quella parte dell* orbano 
che dicesi tiratutti. 
Squader dla forcadéla. Bandelle. 
Ferri che tengono in sesto il timone 
dell' aratro. 

Squader fals. T. de' Legn. Calan- 
drino. Specie di squadra mobile di 

. legno, che ha i regoli soprapposti, a 
differenza di quelli del pifferelìo i 
quali sono internati ed intersecati 
Tuu nell'altro. 

Squader zopp. T. degl' Ingegn. Piffif 
retto. Strumento che serve agli agri- 
mensori per prendere gli angoli detto 
anche Squadra zoppa. 
Andar zo d'squader. Uscir di squadra. 
In squader. A squadra. 
Metter in squader. Mettere o Porre 
in isquadra. Dirizzare, aggiustare le 
opere aolla squadra. 
Zo d' squader. Fuor di squadra. 
Sbiecato. 

Squadertòn. s. m. Spicchi di palla. Così 
dicesi ciascuna delle quattro partì io 
cui talora è divisa una palla da ar- 
chibugio. Dadi si chiamano quo' pezzi 
quadri di piombo coi quali caricausi 
le armi da fuoco. 

Squadra, s f. Squadra. Banda di soldati. 

La squadra di can hozz. Soldati da 

chiocciole. Soldati del Tinca; ve ne 

volevano trentasei a cavare una rapa, 

Soldalelli. 

Lavorar de squadra. Lavorar di 
quadro. Adoperar le squadre e le seste. 
V. Quader. 

Squadradòr. 8. m. T. de' Cer. Coltella. 
Lama cbe viene usata dal cerajo per 
foggiar la testa a' ceri. 

Squadradòr. s. m. T. de' Mur. Squa^ 
drino. Colui cbe colla martellina va 
riquadrando i tambelloni, i quadroni, 
le pianelle e sim. per far pavimenti. 

Squadradura. s. f. Quadratura, Riqua* 
dratura. Squadratura. Riduzione in 
quadro. 

Squadrànt. y. Quadrànt. 

Squadrar, attf Squadrare. Render qua- 
dro o ad angoli retti checchessia: ag- 
giustar colla squadra. Dicesi anche 
del guardare una cosa da capo a |)ic- 
de, minutamente considerandola. V. 
Guardar. 



Digitized by 



Google 



192 



SQ 



S<ìUADaAii 1 PBZZ. T. degli Org. Mo* 
dellare i pezzi. Tagliai*e le lastre o 
la stoffa delle canoe da organo della 
voluta grandezza. 

Squadrar 'na fnestra, un use. Riqua» 
drare una finestra una porta. Ridurla 
a forma quadrata dopo che é stata 
aperta o costrutta. 

Saoadrar un liber, la carta. RUon- 
dare un libro, la caria. Pareggiarli, 
tagliar loro col torcoletto le barbe. 

Fabs squadrar. Farsi criticare. Fare 
azioni o dir cose degne di biasimo. 
( Peiz. ) 
Squadrén. 8. ra. T. de* Fond. di C^ralt. 

Scala tipografica, 
Squadròn. 8. m. Quadretione. Bottiglia 
quadrata per uso di tenervi essenze 
e farmachi. 

Squadròn 8. m. T. MJl. Squadrone, 
Una schiera di soldati a cavallo. 

Squadròn. s. m. T. Mil. Spadone, 
Squadrone. ( Guadagn. ) Spada grande 
ad uso della cavalleria. 
Squadrona, add. m. Squadronato Schie- 
rato per isquadroni. 
Squadronada. s. f. Colpo di spadone, E 

volg Squadronata, 
Squadronar, att. Squadronare, Schierare 

a squadroni. 
Squajà add. m. Scovato, Svergognato, 

E in signif poco onesto Scoglialo, 
Squajar. att. Scovare, Svesciare. Sco- 
prire, svergognore. 

Fars squajar. Farsi scovare. Farsi 
scorgere, larsi conoscere, farsi ver- 
gogna. 
Squama, s. f. Squama, Scaglia del pesce 
e del serpente. Scaglia, Crostoia (Spad.) 
La scorza dura e scabrosa che ha il 
serpente ed il pesce sopra la pelle. 

Squama dsl fbhr. Scoria. Materia che 
si separa dal ferro allorché si ribolle 
nelle fucine, e con altro nome appel- 
latisi Rosticci, 

Squama dkl ram Ramina. Scaglia 
che fanno i calderai, quando battono 
secchie, mezzine, e i.«iri lavori di 
rame, dopo che sono rinfocolati i la- 
vori. 
Squaquarar. att. Squacquerare, Squae- 
cherare. Svesciare, Dire tutto quanto 
si sa: non tenere il segreto. Ripijfe- 



SQ 

rare, manifestare un segreto con pa* 
blicita. Snodare la lingua, dir luito 
quello che sì sa senza riguardi. 

Squaquaròn. s. m Sgolato, Svesciatort. 
Che non sa tenere il segreto. Ciarliero. 

Squaquaròn NA. s. f. Vesciaja, S^mia- 
trice, Vesciofia. Donna cbe ridice 
tutto quello che sente discorrendo. 

Squaradòr. s. m. T. de* Nav. Alkggio* 
Piccolo bastimento, nel quale si in- 
sporta paj^te del carico di una na\e, 
per scemargliene il peso, o per h:i- 
ricarla. 

Squaràr. alt. T. de* Nav. AUeggiart um 
scotta una eorda, Alleularla se è 
troppo tesa; facilitar il suo luoviiucDlo 
se in qualche punto è arrestala. 

Squaràr el cav. T. de* Nav. Filar k 
gomena. Mollare il canapo, dar fuoe, 
lasciar correre il canapo. 

Squaràzzi. 8. f. pi. Pattini. Foggia di 
pianelle o assicelle che si applinoo 
mediante legacci ai piedi per fwicf 
più sicuramente camminar sulla noe 
sui monti. 

Squarta, add. m. Squartato, Ridotto la 
quarti. 

Squartada. 8. (• Squartamento. L'alio 
r operazione dello squartare. 

Squartar, att. Rinquartare, Di\idere i 
quarti. 
Squartar, v. a. T. de' Beco. Squar- 
tare. Tagliare in quarti le bestie in- 
celiate. 

Squartazza. (Dar la) Culuttare, Da^ 
la picchierella, Acculaitare. Pigila 
alcuno in due, 1* uno pe* piedi, fil- 
tro per le braccia, dondolarlo, e io- 
di fargU dar delle chiappe per lem. 

Squarz. 8. m. Squarcio, Taglio grande. 
Squarz d'na fnestra. Strombo, Squ»»- 
ciò. Strombatura, Quella parte dei 
muro tagliala a sghimbescio, aecaolo 
alle spallette o stipiti, e airarcbiin» 
delle porte, flnestre e simili. 
Squarz d*un liber. Brano. Parte. 

Squarzà. add. m. Squarciato. V. Stralli- 
SquarzJL. add. m. T. de' Mur. Strtm- 
boto. Dicesi di uscio e di finestra. V. 
Squarz d* na fnestra. 

Squarzar alt. Squarciare, StrambcUar*' 
V. S (razzar. 
Squarzar *na fnestra ecc. Stromhtfft. 



Digitized by 



Google 



SQ 

Fare la strombatura ad una finestra 
ecc. 

Sgi'ARZÈTT. 8. m. Quademuceio , Sfo- 
gliozzo, Slraeeiafbglio, Squarcio. ( A- 
rioato). Alquauii fogli di carta uniti 
insieme per scnvervi dentro conti o 
memorie, spogli, minute e simili cose. 

Squas. avv. Quasi, Frtstocehè, Ma quasi 
è termine di mena similitudine, pres- 
socchi, termine di misura. Fig. Seeda, 
Smanceria, Smorfia, V. Sanasi. 

Squàsbm. s. m. Miracolo, Miracoloni. 
Contrassegno affettato d' ammìratione. 

Squasébi. 8. m. Meticoloso, Cicalone, 
Lamenione. V. Squasòn. 

Sqcàsi. add. Quasi, V. Squas. 

Sqcasi. 8. ro. Rimbaldera. Lezi o bo- 
chi o smorfie tra puerili e boffonesehi. 
Fab 1)1 SQUASi. Far le marie. Far 
smorfie o svenevoli maraviglie* 

Squasòn. s* m. Miracolaio, &so$o. Che 
fa meraviglie d' ogni cosa. 

Sqcass« 8. m* Nembo. Subita pioggia 
che non piglia gran paese. Scossa, 
pioggia di poca durata ma gagliarda. 
Sfuriala è scossa impetuosa. Rovescio 
è una sfuriata d'acqua veemente. 

SqoassX. 8 m. T. d*Agr. Semenzajo, 
Sementarlo, Seminario, Bastar diera 
Ajuola ove mettonsi i noccioli, e gli 
altri semi degli alberi perché nascano. 
PiantoHofo, luogo ove traptantansi 
KIì arbuscelli tratti dal semenzajo. 
Nestaja, Nestajuola, luogo dove si 
pongono i frutti salvatici per anne- 
starli. Chìoceara, luogo dove si pon- 
gono le pianticelle ece., che si vanno 
allevando. 

^CASsà. add. m. Scosso, Agitato al 
Tento come si fi on abito quaod'è 
polveroso o tutto bruscoli. 

Squassa, s. m. T. di Cacc. Escato. 
Quello spatio dove si pone il beccare, 
ossia cibo, od esca, acciocché gN uc- 
celìi vi si calino per pigliarli. 
S<)o'ASSÀ D* MòR. Gelseto. 
Squassa d* olivi. Uliveto. 
Squassa d* sXles. Salato. Y. Bosch. 
Far squassa. T. d*Agr. Posticciare. 
Porre an terreno a. semeniajo o a 
piantonaio. 

Squassada. s. f. Scossa, L*atto di seno- 
tere. 



SQ 



493 



Squassadén^na. s. f. ScosseUa. Piccola 
scossa. 

SQ0A8SADÉn*NA. s. f. ScossercUa, Scos- 
settina di pioggia. (Tose.) 

Squassar, att. Scuotere. V. Sbatter, Scrol- 
lar eco. 

Squassar il boti , la vbbva eoe Scuo- 
tere le busse. Scuotere la febbre, 
Squassab il pormi. T. de' Cioccol. 
Colare la pasta. Metterla negli stampi 
o nelle mattonelle a seconida della 
forma che gli si vuol dare. 
Squassab la bàZa. Smaltite il vino» 
Disebt^iarsi, rinvenirsi dalla ubbria- 
cbezza. 

Squassab. att. T. d'Agr. Scassare. 
Conquassare un albero non molto gros- 
so per farne cadere i fiori o le frutta. 

Squassabbs. n. p. Scuotersi. Agitarsi vio- 
lentemente per levarsi di dosso chec- 
chessia. 

Squassétt. s. m. Scossetta di pioggia, 
ed anche Scuotimento. 

Squass6ii^ s. m. Rovescio, Scossa, Fo^ 
loia d'ttequa. Pioggia grande e re- 
pentina ma di poca giurata. Acquaz- 
zone, pioggia grande ma eontinuala 
e che può cagionare inondazione. , 

Squattà. add. m. Scoperto, Scoperchiato. 

Squattada. s. f. Scoperta, Scoprimento. 
Altrini. Scoperchiamento. Y. Squattar. 
Squattada. Scollacciata. Add. di don- 
na che ha le vesti poco accollale. 

Squattab alt. Scoprire, Discoprire, Le- 
var ciò che cuopre. Seopercìuare, Sco- 
verchiare, levaire il coperchio. 

Squattab. att. T. d'Agr. Stralciare.. 
Tagliare i tralci delle viti per aprire 
le strade prima della vendemia. X>i>a- 
dugiare, togliere le piante o i rami 
che apportano troppa ugia od ombra 
a* campi. 

Squattars. n. p* Scoprirsi. 

Squattares. n. p. Scompanisarsi. Far 
cadere i panni dei letto agitandosi e 
restare scoperto. Altrim. Sct^rirsi. 

Squattrinar, att. Slazzerare. Far quat- 
trini, sborsare e sim. 

Squér. T. degli Squer. Cantiere, Squero. 
Quello spazio scavato nel lido in cui 
si fabbricano le navi e barche: ri ter- 
reno di dolce pendìo, sopra cui lo 
spailo si sceglie dkesi scalo: T arma- 
lo 



Digitized by 



Google 



i94 



SQ 



tura di travi ed altro legoame che 
vi si fa dicesi vaso. 
SGUERCIAR, alt. Scoverchiare, Scoperchia- 
re, discoprire, levar il coperchio. 
Squìbes. 8. ai. Sfukinala. Quantità gran- 
de di checchessia. V. Sclìbes. 
Squilibra, add. ui. Sbilanciato. Fuor 
d'equilibrio. Fig. Dissestato, in for- 
tuna rovinata. 
Squilibrar, att. Sbilanciare, Levar d'e- 
quilibrio: non Disequilibrare. 
Squirci. (In) In gala. 

Esser in squinci. Essere in sulla 
bella foggia. Cioè in attillatura, in 
grande arnese. 
Parlar in squinci o squincio. Favel' 
lare in punta di forchetta» 
Squinterna, add. m. Sfracellato, Scassi- 
nato. Rotto guasto in mal modo. 
Squinternar, att. Squinternare. Sconcer- 
tare, disordinare, Sfracellare, Spez* 
zare. Rompere. 
Squirz. Y. Squan. 

Squisì. add. m. Squisito, Eccellente, 
Nettareo. E dicesi di liquore o simile 
che sia di grande bontà. 
Sragionar, att. Non ragionare. Disra- 
gionare. 
Sravisar. att. Sradicare, Eradicare, 
Sbarbicare. Cavare dalle radici o bar- 
be. Fig. Disperdere. 
Sravisar i por. Eradicare le ^eruche. 
Farle cadere stropicciandole con por- 
cellana. 

Sravisar l'orz. T. de' Birr. Strofi- 
nare il malto. Sradicarlo o fargli ca- 
dere la piumetta dopo eh' è tallito. 
Srazzar, att. Estirpare. V. Desrazxar. 
SregolA. add. (s aspra) Sregolato, Ir- 

regolato. 
Srén. s. m. (s dolce) Sereno, Serenità. 
La nettezza dell' aria libera da nugoli. 
Srén. add. m. Sereno. Che ha in sé 
serenità Ciel sereno ecc. 
Gnir srén. Rasserenarsi. 
Un srén che straziga. Un sereno 
che smaglia. 
Srenar, att. (s. diq ) Direnare. Slom- 
bare, sfilare. 
Sresa- V. Zresa. 

SrivaUr. alt. ( s tovle ) T. d' Agr. Ciglio- 
nare. Far i ciglioni. Rilevare il terreno 
sopra la fossa che sovrasta al campo. 



SR 

Srizzar, alt. T. d'Agr. Diricciare, Scar- 
dare. Estrarre le castagne dal carda 
o riccio.* 
Srobazzar. att. Robaechiare. Rubare di 

quando in quando, poco per volta. 
Srugazzamént. s. m. Frugacehiawiei^. 

Frugamenlo. 
Srugazzar. att. Frugacchiare. Frugvt 

spesso e disordinatamente. 
Srugazzòn. s. m. Frugacchiatore. 
Sruzéla. (De) Ruzzoloni, BotoUm, 

Sdrucciolone. 
Sruzlar. att. Ruzzolare. Spingere o get- 
tare una cosa in modo sdrucciolo. 
Sruzlòn. avv. Ruzzoloni. In maaiett 
sdrucciolevole. 
Un sruzlòn. Un ruzzolone. Una pie- 
tra che pec la sua forma possa sdruc- 
ciolar bene. 
Ssanta, s. m. Sessanta. Nome nuinenk 
usato nella frase: 

Pezz da ssanta. Pezzo deWoUamlti, 
cioè Grandissimo, Radiale, Magniiica. 
Sslar. s. m. Seltajo. V. Slar. 
Ssss. Zi, Silenzio. Suono che si & 
tenendo la lingua a contatto coi denti 
superiori lasciando sfuggir forte il liato 
verso la punta della lingua. 
Ssss. Suono simile al precedente ma 
pilli prolungato che si usa in «igoiL 
di Molto, Assai, Sicuramenle e sim. 
St. pron. sinc. da Gòst, Questo. V. Còsu 
Sta. Questa, Codesta, Cotesto. 

Che sta o' ca. Dimorante^ Comma- 
rante. 

Chi sta bìn ne s' hoèuta. Cki ka 
buono in mano non rimescoU. Chi su 
bene non si muova. 
Far sta. Star ritto. Coaùnetare a 
reggersi, e dlcesi de' bamlnni. 
Far sta sta. Fig. inginocchiai. 
Barcollare, Traballare. Reggersi niak 
in gambe per debolezza o per eb- 
breiza. 
L'È sta HRNci. Mancò. 
V è STA PiASù. Piacque. Idiotìsoii de 
nostro dialetto comuni ad altri d'Italia. 
Per hi an se sta. La 'm vén dca 
DA HI. Da me non nwmca. Da me 
non procede. Da me non wene. Non 
è mia colpa. Non è pel fatto mio. 
Stabat. s. m. T. Ecd. Stabat m«aer. 
Inno ecclesiastico che comincia ceUe 



Digitized by 



Google 



ST 

delle parole, composto ne) secolo XVI 
dal FraDeescano lacopatius. 
Stabat. s. m. T. Hus. Stabat. Gom- 
poaiiione musicale sul lesto latine del- 
rìnno suddetto. 

Stabi . s. m. Porefiereeeia, Porcile. Stalla 
doire si tengono i porci, e per simì- 
liludlne luogo sporco. Stabbio vale 
sterco delle bestie. 

Stabi dil PBoau Peeoriie. Luogo dove 
rìeoverano le pecore. Ovile. Agahiaceio 
quel luogo dove i pastori rinchiudono 
il gi*^ge con una rete che lo cir- 
conda. 

Stabia. $• f. y. del Coni. Schiappa, 
Sliappa di legno da ardere. V. S'ciapa. 

Stabiab. alt. Stabbiare. Tener la notte 
le greggi ne* campi per ingrassarle. 

Stabiaba. a. f. T. d'Agr. Stia, Chiusura 
formata di vari porcili per ingrassarvi 
i suini. 

Stabil. -add. m. Stabile, Immobile. 

Stabiuhèiit. s. m. Stabilimento, L*atlo 
e r effetto dello stabilire. 
SrABiLiBèifT. s. m. htituto. Ospizio, 
Orfanotrofio, ed anche Officina, Fab- 
brica ecc. In tutti questi e consimili 
9igni6cati ò da schifarsi il franzesismo 
SUabilimento , tanto finora usato ed 
abusato nel senso di Istituto di bene- 
ficcnxa o d*ani. 

Stabilib. alt. Stabilire, Statuire, Deter^ 
minare. Prender partito. 

StablL add. m. Intonacato. V. Stabli- 
dura. 

Stablidura. s. f. Intonaco, Intonico, /n- 
ionieato , Intonacato. Coperta liscia che 
si fa al muro con la calcina. Coper" 
tura. 
Stablidura d* polvra d* marmor. Al- 
boria. Intonaco dì polvere finissima 
di marmo bianco, con cui si dava 
r ultima mano suH* intònaco ordinario 
de' muri. 

Stablib. alt. T. de' Mur. Inlonicare, In* 
ionacare. Dar 1* ultima coperta di cal- 
cina sopra l'arricciato del muro in 
guisa che sia liscio e pulito. V. Im- 
boccar e Inserbar. 

Staccar, att. Staccare. V. Destaccar. 
Staccar adasl Scalficcare. Slaccare 
a poco a poco qualche parte di chec- 
chessia. 



ST 



195 



Staccar i bo. Digiogare. 

Staccar i parpajòn. Disgiugnere (e 
farfalle. Interrompere contro le leggi 
di natura 1* accoppiamento delle far- 
falle del baco da seta per avere mag- 
gior eoppia di ova dalla femmina co- 
me si crede. 
Stadera, s. f. T. de' Bìlanc. Stadera. 
Strumento col quale si pesano di > erse 
cose, sostenendole, benché gravissime, 
col peso d*un piccolo contrappeso, 
detto Romano. Le sue parti sono: 

Aneli Voltolo. 

Asta Stilo. 

Bolsòn .... Gambetto. 
Braga . • . . Trutina. 

Id. longa . . Staffii. 
Cadén'ni . . . Catene. 
Giùdiz .... Ago. 
Là gross . . . Portata maggiore. 
Là piccén ... ,; minore. 
March .... Romano. 
Bizz del march • Arpione. 

Sign Tacche. 

Taiia .... Piatto. 

Stadera, s f. Portalume. Fusto di 
alcune lucerne pensili, cosi detto dalla 
sua somifflianza colla stadera e che 
porta le lucerne a cerchio. 

Stadera, s f. T. de' Polv. Bilancio. 
Sorta di bilancia con due piatti di 
rame che serve per fare i pesati per 
la composiuone della polvere. 

Stadera a spada. T. de' Bil. Stadera 
a itaffetta. ( B. L ) 

Stadera con la tazza. Stadera a bi- 
lancia. 

Stadera da trabùcch. Bilancia, dal 
latino Bislancta, dalle due lance, da 
cui pendono due piatti o coppe. V. 
Balanza. 

Stadera senza tazza. Stadera a uncini. 

TcNiR IN Giùoiz LA STADERA. Tener 
in frenello la staffetta e la coda. 
Stadrada. s. f. Stadera. Quanto cape in 
una stadera. 

Stadrada. s. f. Colpo di stadera. 
Staorar. s. m. Staderajo, Bilanciajo. 
Fabbricatore di stadere e bilance. Le 
operazioni, gli strumenti e le cose ad 
esso attinenti, essendo quasi le stesse 
del fabbro ferrajo, vedasi sotto a Frar 
per le voci principali. 



Digitized by 



Google 



i96 



ST 



Stadrar. ali. Percuotere a colpi di 
stadera. 
Stadrén Dà strazzar. Pesino? Stadera 
che in vece di pi»Uo ha due uncini. 
Stadrén nà. s. f. Sluderina. Piccola sta» 

dera. 
Stadròn. 8. m. Sladierone. Stadera graode. 

Stàdròn da l'assa. T. de' BtI. Sla^ 
dera diritta. Quella che in \ece di 
piatto ha una tavola quadrata suJIa 
quale si pesano sacchi di farina ecc. 

Stadròn dà dogana. T. de' Bil. Sta- 
dera grossa coW antenna. (B. L. ) 
Quella che. attaccata alla lesta di una 
trave bilicata ad altaleno serve per 
pesar botti piene o balle di mercan- 
zia di gran peso. 
Stafa. s. f. Staffa. Ferro che tien col- 
legato checchessia. V. Stafi. 

Stafa. s. f. Staffa. Strumento per 
lo più di ferro, pendente dalla sella 
nel quale si mette il pie sagliendo a 
cavallo, e cavalcando vi si tien den- 
tro. Sono sue parti: 
Bus del stafìl . . Occhio. 

Corp Corpo. 

Pdalèra .... Tavola. 
Sfór Grata. 

Stafa. s. f. T. de' Galzett. Cappa. 
Ferra ripiegato e fermato nel porta- 
susta del somiere da basso, nelle cui 
estremità gira il pernio del carroco- 
lino di esso somiere. 

Stafa. s. f. T. de' Carr. Staffa. Quella 
imbracatura di ferro che tiene unita 
la morsa alla catena dell'ancora de' 
carrai. Camera, spezie di staffa a 
squadra, e talvolta inginocchiata sta- 
bilita in quelle parti della carrozza 
che voglion più di saldez^i. 

Stafa. s. f. T. di Cari. Staffa. Grossa 
piastra di ferro, triangolare, di cui 
è guernita l'estremità anteriore della 
stanga, sporgente alquanto oltre il 
mazzo della cartiera. 

Stafa. s. f. T. de' Colteli. Serraee- 
soje. Arnese per contenere gli anelli 
delle forbici. 

Stafa. s. f. T. de' Fond. Telojo. 
Specie di cornice di ugual dimensione 
in cui ponesi la sabbia per fare le 
furnu'. 

Stafa. s. f. T. de' Libr. Brachetta» 



ST 

Binforio di carta, pergamena o Idi 
che si incolla sul dosso del libro per- 
chè non si diserti nell'uso. 

Stafa da pb. Rasehiasearpe, Weno 
laminalo con due alte murate agli 
stipiti delle porte d'ingresso per ri- 
nettar il suolo delle scarpe dal fango. 

Stafa da twoòn ecc. Staffa. Qael 
ferro ingessato nel muro, su coi si 
posa la stanga alia quale è raceomao- 
data l'estremità superiore d'un ten- 
done o simili. 

Stafa dbl TRAaàzz.. T. di CarU Gal- 
lonzolOé Grossa bietta di legno per 
tenere in punto il mazzo alla an 
stanga. 

Stàfà di goloméj eec. Slaf/k. Quella 
spranga di ferro con cai si arauioo 
le testate de' colonnini esposti a' col- 
pi de' carri e delle carrozze. 

Stafa di pantalòn. Cignolo, Staffau 
Striscia di drappo o di cuojo attac- 
cata in fondo ai pantaloni, xbe pas- 
sando sotto il suolo della scarpa serve 
a tenerli distesi. 

Stafa dlà calza. Staffila. Qadla 
parte che in certe calze fa le ?eci del 
pedule. 

Stafa dlà vanga. Stecca, Pretatekio, 
Vangile, Stecca. Quel ferro cbe a 
mette nel manico della vanga, e so cui 
per pi*ofondaria il conladino posa il 
piede. 

Stafa dlà zidblà. ircas^o. V. Braga. 

Stafa d' un legn. Predellino. V. Sia- 
iÒn. 

£l biccer dla stafa. La dipartenza- 
Tazza che si offre air ospite intanto 
che pone il pie sulla staffa, come per 
cortese saluto. 

Scappar la stafa. Staffare, Siaf^- 
giare. Perdere la staf^. L'uacìre il 
pie dalla staffai a chi cavalca 

Tgnir sod la stafa. Tenere la staffa. 
Far forza alla staffa onde non giri la 
sella quando alcuno sale a ca\Hilo. 

ZiRGiÀ OLA stafa. Sto/Hle. l Frane. ) 
V. StaGl. 
Stafar. alt. T. di Ferr. Staffare. Celare 

o fabbricare a àtafia o colla staffa. 
Stafbn'na dla aoÉujA. Fasciatura. Specie 
di ghiera che tiene in sesto le foglie 
delle molle da carrozze. 



Digitized by 



Google 



ST 

SriPÉft. t* 01. Staffiere. Colui che tiene 
la staffa nel onomare a caTalJo, o a- 
juta a salire o scendere di carrozza. 
Palafreniere, quel senrilore che va a 
cavallo dietro il padrone. 
Stafetta. s. m. Slaffetla. Uomo che corre 
a cavallo speditamente a portare ai- 
cuna lettera o avviso. 

Stafetta o Stavén. Staffetta. Piccola 
staffa. 

Stafetta. s. f. T. degli Otton. Pla- 
sma. Sorta di forma di terra entro 
la quale gettansi certi lavori di ot- 
tona. 
Stapi. 8. f. T. de' Garrozz. Guide. Staffe che 
t( Qgono in sesto nella cassa del carretto 
e le diverse parti delia martmicca. 

Stafi. 8. f. T. de' F. Ferr. Staffe. 
Spranghe di ferro con cui si armano 
le testate de' colonnini esposti ai col" 
pi de' carri e delle carrozze. 

Stafi. s. f. T. de' Gett. Staffe. In- 
gegni per serrare le forme da gettarvi 
ì ineialli. 

Stafi da asnòn. Grappe. Le imbrac* 
catare de* mozzi da campana. 

Stafi del masc'. T. de' Carr. Staffe 
del mastio. Quelle varie staffe che 
danno saldezza al mastio delle carrozze. 

Stafi del bodlòn. T. de' Carr. Staffe 
di ruotina. Quelle che tengon ferma 
la ruotina allo scannello. 

Stah del tiròn. T. de' Carr. Staffe 
del punioncino. Imbracature che il 
tengono in sesto. 

Stati dla HecArdccA. Guide. Ferri in- 
vitati nelle stanghe de* carrettoni che 
reggono e guidano la sbarra della 
martinicca 

Stafi d* testa. T. de' Carr. Ghiere 
di testata. Quelle due che fermano lo 
scannello alla sala nella loro estremità. 
StafU. s. ra. T. de' Sdì. Staffiti, Liste 
di cuojo fermate superiormente alia 
sella che dall'altra parte entran nel- 
r occhio della staffa e la reggono. 

Stafìi d' ifA vesta. Falde. Due stri- 
sce di panno attaccate dietro le spalle 
delle sottane de* seminaristi o altri 
chierici. 
Stafìl. s. m. Staffile. Sferza di cuojo o 
d'altro con cui si ptrcuote altrui. V. 
Scùria. 



ST 



197 



Stafilada. s. f. Staffilata, Sferzata. Colpo 
di staflSIe, di sferza. 

Stafilada. s. f. Fig. Fiancata, Bot" 
tane. Motto pungente. 
Stafilar. att. Staffilare. ( Bart. ) Sia 
scoreggiato con sei staffilate. ( B. L. ) 
Stapòn s. m. T. di Ferr. Bisciola. Palo 
di ferro col quale il magoniere tiene 
in sesto l'aguglio della magona. 

Stafón d'un legn. Predellino. Quel 
ferro d'una carrozza o simile, su cui 
si mette il piede salendo in essa. IL 
ve n'ha a due ed anche a tre o più 
montate o palette, che sono il piano 
dove si posa il piede. Il predellino 
essendo a due montate, chiamasi Con* 
trappredellino , Il predellino secondo, 
congegnato col primo mediante stec- 
che di ferro. 
Stagàr. att. T. de' Nav. Affornellare. 
Fermare il remo colla pala in aria 
acciocché qpn possa toccar l'acqua in 
tempo che il navicello va a vela o 
sta fermo. 
Stagiòn. 8. f. Stagione. Nome comune 
a ciascuna delle quattro parti dell' an- 
no. £ si dice anche generalmente del 
tempo, e di quel tempo altresì in cui 
le cose sono nella loro perfezione. 

Stagiòn cattiva. Stagione stempera' 
tissima. (Pali.) Siagion severa, fred- 
da, piovosa. Stagionaccia. 

Stagiòn morta. Stagione scioperata. 
Quel periodo o que' periodi dell'an- 
no ne* quali per solito scema o manca 
il lavoro agli artigiani. 

Gnir bòn'na stagiòn. Aprirsi il tem- 
pò. Rasserenarsi o temperarsi la sta- 
gione. 

Mezza stagìòn. Mezzo tempo. Mezza 
stagione. 

Per la bòn'na stagiòn. Alla stagione 
novella. Alla dolce stagione. 
Stagiona, add. ro. Maturo, Condizio' 
nato. In opportuno grado di maturità 
di stato. 

Legn ben stagiona. Legno ben condi- 
zionato. (B. L.) Cioè secco ed atto 
a lavorarsi; in sua stagione. 
Stagionadcra. s. f. Maturamento, MatU'^ 
razione. 

Stagionadura. 8. f. T. de' Cac. Stó- 
gionatura. Il tenere in serbo il cacio 



Digitized by 



Google 



198 



ST 



ugneiidolo e voltandolo a tempo de- 
bito nel cacile e teneodolo in palchi 
ventilali. 

Stagionar, atc. Stagionare. Condurre a 
peiTeziooe con proporeionato tempe* 
ranoento. 
Stagionar, v. a. T. de* Fornac. 5/a- 
gionare. L* asciugarsi, e assodarsi de' 
freschi materiali, esposti all'aria e al 
sole in suiraja* 
Stagionar, att. T. de* Slov. Far il 
bisiugio. Porre le stoviglie nella stufa 
perchè si rasciughino. 
Stagionar la birra. Fermentare a 
depurazione. Chiariiicare la birra te- 
nendola per cerio tempo a fermentare 
ne' barili. 

Stagionarbs. n. p. Stagionarsi, MatU' 
rare ecc. 

Stagn. s. m. Stagno, Metallo bianco leg- 
giere e pieghevole il quale si trova 
in commercio in lastre, in pani, in 
verghe, calcinato e rotto da rifondere. 
Cadmio, metallo simile allo stagno, 
che facilmente si fonde e si esala in 
vapori. 

Stagn. s. m Stagno, Palude, Ma lo 
stagno suol essere più piccolo della 
palude. 
Stagn. add. m. Verdemezzo. Dicesi 
della carne Ira cotta e cruJa. Sodo, 
Duro, dicesi d'altri cibi non tanto 
cotti, e delle cose ancora non arreu- 
devoli. 

Stagn con la goccia. T. de' Calzett* 
Piombi da aghi. Le lamine plumbee 
che hanno nella loro parte anteriore 
Tago con cui si lavoran le maglie al 
telajo. 

Stagn mort. T. de' Calzett. Piombi. 
Le laminette che formano la saldezza 
de' piombi da aghi. 
Roba de' stagn. Stagni. Lavori di 
stagno in genere. Stagnini, balocchi 
figurine di stagno. Stagnata, vaso 
di stagno per conservarvi denlro olio 
e sim. 

Stagna, add. m. Stagnato. Coperto di 
stagno. Stagnone. 
Stagna, add. m. Ristagnato. Che non 
geme più. 

Stagnadòr. s. ni. Sahhttojo. Strumento 
per buldure. V. Saldadòr. 



ST 

Stagnadura* 8. f. Stagnatura. V atto del- 
lo stagnare i meuUi e la superficie 
sugnata. 

Stagnar. 8. m. Stagnajo, Sfagnaioj9. 
Colui che lavora lo stagno. V. Peltràr. 
Stagnar, att. Stagnare. Coprir di 
stagno la superficie de' metalli. 
Stagnar, alt. T. il'Agr. Giacere, 
Rimpozzare, Stagnare, Fermarsi Vsr 
equa per mancanza di declive. 
Stagnar o Saldar. Ristagnare» Con- 
giungere due o più pezzi di metallo 
mediante stagno disfatto. 
Stagnar 'na botta. Imbiodare, Ri" 
stoppare una botte. 

Stagn ARS el sakgov. Stagnare, BisUt- 
gnure. Cessar di gemere, di versare, 
di scorrere. E dicesi d'ogni sorta iìì 
cose liquide. 

Stagnobul. s. m. Stagnuolo» Foglia di 
stagno per le lastre da specchi. 

Staizà. add. m. lìxtagliato. Mal pari. 
A maniera d'intaglio, come per esem* 
pio certe ifoglie che hanno i cootomi 
intagliati ad angoli che dai Bot. si 
chiamano Laciniate, o Laciniose. 

Staizar att. Tagliuzzare, Far dei pic- 
coli tagliettini* Frastagliare, far delle 
piccole tagliature al lembo dei corpi. 
Cincischiare, tagliar male e disugual- 
mente. Frappare, Trinciare, mioB- 
lamento tagliare. 

Stala, s. f. Stalla. Luogo ove si teogo- 
no le bestie. Quella da cavalli consta 
di 

Anèj Campanelle. 

Battifianch . . t Battifianchi 
Colon 'ni. • • • Colonnini. 
Creppia .... Mangiatoia. 
Posti ..... Poste. 
Rastlèra. • . . Bastrelliera. 
La stalla da buoi potrebbesi fone 
dire Bovile. 

Stala da gravi Caprile, Caprera. 
Serraglio o stalla da capre. 
Stala da pegri. Pecorile, (h?ile. Stal- 
la delle pecore. Giaciglio, Agghiaccio, 
chiusa di reti che i pastori fanno ne' 
prati per tenervi raccolte le pecore 
la notte. 

Armondar la stala. Lei^re la stalla. 
Torre lo stabbio e porvi nuo^o ietto 
iiijpallo. 



Digitized by 



Google 



ST 

Domi IH t' u stala. Stabulare. 
Pbbs I BO SABi LA STALA. Serrar la 
etalla, perduti i buoi. Cercar rimeùj, 
seguito il daoDO. 
Sayér db stala. PuMxar di stallaeeio, 
cioè del coDcio^cbe nella stalla lanoo 
le bestie. 

Stab in stala. Stallare, StalUggiare. 
Lo star che fanoo le bestie oella stalla, 
tea Dlcesi Stallare anche del mandar 
fuori che fan le bestie nella sulla i 
loro escrementi. 

Stalab. Stallare, Tenere in stalla. 

StalaoI. add xn. Stantio. Dicesi di ciò 
che per troppo tempo ha perduta la 
SUB perfesione. E si dice pur di cosa 
che per lunghesza di tempo si è ren* 
duta inutile od infruttuosa. Raffermo 
dkesì il pane cotto da più d*un giorno. 
OAuv staladì. Uovo stantio. L'uovo 
DBto da più d*un giorno. I fiorentini 
lo dicono barlaeehio, gli aretini baglio» 
Savéb db staladI* Sentir di vieto. 

Stalàtegh. s. m. Stallaggio, Stallo, Stag- 
gio. Quel che si paga all' osteria o 
stallaggio per l'alloggio delle bestie. 
Stallotieo dicesi i) concio che fanno 
le bestie quando stallano , ed anche 
il luogo dove si danno i cavalli a 
Teitunu 

Stalazza.s. f. Stallaeeio. Peggi, di stalla. 

STALén. Stalletta o Stalluecia da eaoalli. 

Stalèb. s. m. Stalliere. Famiglio che 
serve alla stalla. Cq^ne, stabulario, 
stallone, mozzo di stalla. Pagliajuolo, 
chi conduce un stallatico. 

STALéTT. s. m. Panca nuziale. Lo ingl- 
Docchiatojo dove stanno gli sposi nel* 
l'atto di celebrare il matrimonio in* 
nanzi al sacerdote. 

STALàTTA. s. f. Stalletta, Stalluecia. Pic- 
cola sulla. 

Stall. s. m. Panca. Arnese nolo di le- 
gno che usasi nelle chiese sul quale 
stanno sedute le persone che assistono 
ai divini uffizi. Il più spesso hanno 
spalliera, appoggiatojo e inginocchia* 
tojo davanti. V. Sedìl. 
Stall con i dbapp ecc. Banche pO' 
rate. ( B. L. ) 

Stallòss, STALLOSAMéRT. Trabalzo, Sbi' 
lanciane. Urti, scosse che si ricevono 
io carrozza o altro Ic^no. V. Siàss. 



ST 



\W 



Stallossàb. Trabalzare, Strabalzare, 
Sbattere, Sbilanciare. I francesi di- 
cono Cahoter per denotare quegli urti 
che si risentono in carrozza, passando 
per una strada rotu. o disuguale. V. 
Stesser. 

Stalòm. s. m. Stallone. Cavallo da razza, 
e si dice anche d' un garzone di stalla. 
Fig. Proletario. 

Stalòm. s. m. Rimessa. Sunza dove 
si ripongono cocchi e carrozze. V* 
Armissa. 

Fab da stalòn. Stalloneggiare. Far 
da sUllone. 

Stàm. s. m. Storne. Filo di lana ben 
torto e nervuto. Stamajuolo chi fila 
o lavora o vende lo sume. 

Stamatéii'iia. avv. Stamane, Stamattina. 

Stambècch. s. m. T. di Zool. Stambecco, 
Iblee. Sorta di capra salvatica. La 
Capra ibex di Linn. 

Staxètt. s. m. Stamelto alla Milanese, 
Pannalbagio. Sorla di inezzalana or- 
dita colla lana e tcssuU con filo di 
lino canapa. 

Stahén^ma Stamigna, s. f. T. di Farm. 
Siomigna. Tela fatu di stame, o pelo 
di capra per uso di colare. 

Stahp. s. m. Stampo. Strumento da 
sUmpare il cuojo, i drappi e altro. 
Stamp. s. m. T. degli Arg. Botto» 
niera. Dado d'acciajo incerato, per 
dar rilievo alle piastre di mcUllo. 
Stamp. s. m. T. de' Capp. Stampo. 
Pezzo di tela nuo\a clie poiiesi ira 
le falde de' cappelli, acciò non s'ap- 
picchino insieme. 
Stamp. s. m. T. de' Ghiod. Acceca* 
trice. Iiica\o che è nella estremità 
della chìavaja e che serve a dar l'or- 
ma alla cupoccIHa del chiodo. 
Stamp. s. m. T. de' Conf. Stampa, 
Tagliapasta. Sorta di forma a labbri 
Uglienti colla quale si Uglian le paste 
della voluu forma. 
Stamp. s m. T. dcgl'Imb. Stampini. 
Fogli di carta preparati con vernice 
e traforati in varia guisa per fare un 
ornato regolare nelle pareti. 
Stampa s. io. T. di. Masc. Stampi. 
Cosi si chiamano i fori destinati a dar 
passaggio ai ciiiuili nel ferro da ca- 
vallo. 



Digitized by 



Google 



200 ST 

Stamp. s. m. T. degli Oref. Slaffa, 
Specie di forma composi a di due pezzi 
siuiiii delti Mizze siaffe o di bronzo 
o di legno, nel cui vano si spiana 
1* argilla su cui si fa H modello da 
foiulcre. 

Stami*, s. m. T. degli Oriv. Slampo. 
Strumento che serve a dare una li- 
gura particolare o quadra o tonda ecc. 
a buchi. 

Stamp. 8. m. T. de' Pellin. Forma. 
Ct»no tronco dì legno solcato da pic- 
Cùle scanalature Coi quale si dà a' 
denti del pettine da testa la voluta 
curvatura. 

Stamp. s. m. T. de* Stagn. Stampo. 
Quelli che servono per modellare i 
lavori di stagno. V. anche Pradèla. 

Sta*mp. s. m. T. de' Taroc. Stampa. 
Asse di bossolo in cui sono intagliate 
)e figure delle carte divise in dodici 
carte Ite. 

Stamp da ciccùr. T. degli Arg. Stozzo, 
Strumento ad uso di stozzare ossia di 
far il convesso ad un pezzo di me- 
tallo come alla coccia di un eucchiajo, 
di una spada ecc., .battendola sulla 
bolioniera. 

Stamp da pastIzz. Forma. Quello stru- 
mento di rame, o d'altro, entro eui 
si cuocono i pasticci. 

Stamp dil copèli. Forma, Sorta . di 
arnese fatto di terra che serve per 
fare le coppelle del battiloro. 
Stampa s. f. Stampa, Tipografia, L'arte 
di stampare i caratteri. 

Stampa, s. f. Stampa. Effigiamento, 
impressione, ed anche la cosa che 
imprime ed ciOcia. 

Stampa fata a man. Prova, Bozza. 
Foglio tiralo a maifo o col rullo sul- 
le forme per darlo a correggere. 

Stampa fata e oiTtA, Stampa bu e via. 
Stampa o razza tnalandriua , Mula- 
detto, Maialino aggia e sìajìIi altri 
modi. 

Stampa, montada. Cor/ino. Rame o 
slam])» incisa incorniciata e difesa da 
VLin» per ornaraenlo delle pareti. 
vStAMPX. mid. m. Stampato,. Impresso. 
StAMPAPA. s f T. de' Tip. Stampala. 

( V. di r. ) I.o slampare. 
Stampadèll s m. T. di Tip. Stampalella, 



ST 

Stampatello. CaraUere maftoserilto die 
imita la stampa. Fommiello. 
Stampadom. s. m. Skmpatore, Che stampa 
jn tutti i sìgniGcati di stampare. % 
'pografo, Tipotéta, V. gr. StaiDpator 
da libri. Gli operatori, le operatioai, 
gli strumenti e le cose a questi ifii- 
Denti sono: 

OPERATORI 
DELLO STAMPATORE. 



Apprendista. 
Battdòr . 

Corapositòr 
Gorrettòr 
Editor . 
Folladòr. 
Fonditòr, 

Garzòn . 
Pressadòr 
Proto . 
Torclàr . 



Apprendista. 
Battitore, InM»' 

giratore. 
Compositore. 
Correttore. 
Editore. 
Cartajo. 
Gettatore di eersi' 

ieri. 
Fattorino. 
SlreitOjjajo, 
Proto, 
Torcoliere, 



OPERAZIONI 
DELLO STAMPATORE. 



Bagnar la carta 
Bàtter la forma 
Bott . . . . 
Cattar su . . 



Compaginar .« . 
Compòner . . . 
Contrastampàr. . 
Corr^ggior . . . 
Destènder . . • 

Lassar in pe . . 
Lavar el rull • . 
Lezer in piomb . 
Ligaria composi- 
eiòn . . • . 
Marznnr. • . . 

Metter in poiit . 
Metter in pressa , 
Metter tu' torc. , 
Publicar. • . . 
Ristampar • . . 
Riscontrar il^ cor- 
reziòn. . * . , 



Bagnare la earH. 
Battere. 
Botto. 
Raccogliere lamfs 

distesa. 

Formare k pofist' 
Comporre. 
Contrastampare. 
Correggere. 
Tendere lei carfs 

stampata. 
Lasciar^ compoeto. 
Lavare il ruUB- 
Leggere in pioetèe. 

Legare le frrtse. 

Marginare, Gner' 
nire le ptrtne, 
, Impuntare. 

Lustrare. 
, Porre in lorehto. 

PubbHeare. 

Ristampare, 

. Riscontrare, 



Digitized by 



Google 



ST 



Seonpòner. 
Sevlàr . . 
Sporcar • . 
Stampar. • 
Strénxer. . 
Tace'hiar • 
Tirar. . • 
Trasportar • 



Scomporre. 

Setolare. 

Sprizzare- 

Stampare. 

Sireuire. 

Taecheggiart. 

Tirare. 

Traeporiare. 



STRUMENTI 
DELLO STAMPATORE. 



Fin. 



AH . . . 
Balestra . < 
Bariléa da 

eiòater • • • 
Battdòr. . . . 
Caràtler. • . . 
Caràtter gross. . 
Carta. . . . . 

Jd. da fraschétta. 

Jd.. da imprÒDt . 
Cassa majos€o]a . 
Cassa minuscola . 
Cavaìiètt. . • • 
Corp d* caràtter . 
Ciava 

Compesitòr 
Crosèra . 
Cùni . . 
Lazza* 
Ifartèll . 
Blòrzeo . 
lfarzDadora< 
Mastra • 
Moitén*Da 
Originai . 
Preda • 



Bull . . 
Sèvla. . 
Spalla da inciòster. 
Stcla da sign . . 
Slereòtip . . • 
Stlètta . . . . 
SUÒB 

Tajoèula. . . . 
Tavla bianca . . 

Tavla nigra . . 

Tore 

Vanlàz . • . . 



Taccone. 
BaWelra. 

BarHoTzo. 

BaUiUìja. 

.Carotieri. 

Carattere majueeolo 

Carta. 

Carta dafraeehetta. 
„ impronto. 

Ca$$a di sopra. 

Cassa di sótto. 

Cai^altelto. 

Corpo di carattere. 

Chiavarda. 

Compositore.^ 

Gruccia. 

Cuneo. 

Spago. 

Martello. 

Megolettù 

Marginatura. 

Sottoforma. 

MolUtta. 

Originale. 

TavoUllo. 

Soppressa, 

Rullo. 

Setola. 

Paletta. 

Guida. 

Stereotipo. 

Stecca. 

Marginerò, Inter* 
linea* 

Cacciatoja. 

Tavoletta da bagna- 
re o da carta. 

Tavoletta da forme. 

Torchio. 

Vantaggio. 



ST 201 

Zilioder pr*i] stam* 
pi a man . . Rulletio. 

COSE ATTINENTI 

ALLO STAMPATORE. 

Alsìa Lisciva. 

Alt .... . Alzi. 

Andar in fesa. • Cascare in pasta. 

Arfàs Refuso. 

Arivadnra . • . Arrivatura. 
Arpèzz • • . • Rappezzo, 
Arvèrs .... Tipo rovescio. 
Bianca .... Bianca. 
Blanch .... Colonìbaja. 

Bolt Botto, 

Bozza Bozza. 

Inciòsler. • . . Inchiostro. 
Stamparla • • . Stamperia, Tipo* 

grafia. 
Volta Volta. 

Stampador. s. m. T. di Masc. Stam- 
patore. É una specie di martello di 
forma piramidale che serve a prati* 
care gli stampi nel ferro. 

Stampador da ram. Stampatore di 
rami, £ grec. Calcografo. 
Stampar, att. Slampare. Effigiare, im- 
primere. 

Stampar, s. m. T. di Masc. Slampare. 
Operazione consistente nel praticare 
collo stampatore delle cavità alle quat- 
tro facete del ferro per allogarvi la 
tèsta dei chiodi. 

Stampar, att. T. de* Stagn. Cesellare. 
Far qol cesello sgusci sgolature e si- 
mili sopra lavori di stagno o sim. 

Stampar a pergòn. T. de* Taroc. 
Stampare a stroflnalojo. Cioè slam- 
pare le Ggure delle rainchiate ìnchio* 
strando la forma con uno siroGnatojo. 

Stampar all'arversa. Controstampa- 
re. Slampare air opposto. 

Stampar alla macia. Stampare alla 
macchia, cioè di nascosto, di frodo. 

Stampar grass. T. di Masc. Stampar 
grasso. Significa praticare gli stampi 
più in vicinanza del lembo intemo, 
che del lembo esterno del ferro. 

Stampar i dritt. T. de* Taroc. Stam- 
par le cartelle. Cioè le figure delle 
roinchiate. 

Stampar in seda. Stampar in drappo. 



Digitized by 



Google 



S02 



ST 



Stampar vagher. T. di Masc. Stampar 
magro» Significa proticar gJì slampi 
più in vicinanza del lembo esterno 
che del lembo interno del ferro. 

Stamparìa. 8. f. Stamperia.. Luogo dove 
ai stampa, ma si dirà più parlicolar- 
mente Tipografia quello ove si slam- 
pan libri. Calcografia quella ove si 
stampano le incisioni in rame. Liio* 
grafia quello ove si imprimono sulla 
carta i disegni fatti sopra una pietra. 

Stampén. s. m, Stampo^ e più spesso, 
Piccola stampo* 

Sta>pén*na. s. f. Stampa minutalo piccola. 

STAMPéTT. s. m. Forma, Piccolo stampo 
che serve a piegare i masiietti sulla 
morsa. 

Stampi, s. f. T. de* Tabacch. Fodere o 
Carte? I cartocci figurati ove si pone 
il tabacco io farina. 

Stampiglij. s. f. Potizzame nel quale 
vengon comprese citazioni, bullettini, 
bullette ecc. 

Stanar, att. Stanare. Uscir dalla lana. 
Sbucare, cavar dal buco o tana, e 
fig. Ripescare, ritrovar checchessia 
con fatica e industria. Dissotterrare, 
per Rinvenire. Disserrare, trar fuori 
da luogo serrato. Scovacchiare, cavar 
dal covo. 

Stancar, att. Stancare, Straccare. V. 
Straccar e StuflEar. 

Stanch. add. m; Stanco, Stracco. 

Stanch. add. m. Sinistro, Mancino, 
A matto stanca. Dal lato stanco. 

Stanga, s. f. Stanga» Pezzo di travicello 
che serve a diversi ufi. Stanghe d'u- 
na carretta, stanghe delle sedie da 
vcltura, stanga da sollevare o sollal- 
zare pesi, ecc. Y. Mnadòr e Stanghi. 
Stanga, s. f. T. di Cari. Stanga. 
Goda del mazzo che tocca al fusello 
deir albero e che premuta solleva il 
mazzo per lasciarlo ricader nella pila. 
Stanga, s f. T. di Giuoc Stanga- 
tort. Colui che ad onta d* un discreto 
giuoco, non corre per timore la po- 
sta, il. che fiorentinamente si dice 
Stangare. 

Stanga. 's. f. T. de' Mugn. Tempe- 
ro£u;a. Spranga di legno o di ferro 
che 8cr\e ad abbassare o rialzare il 
coperchio della macino. 



ST 

Stanga, s. f. T. de* Toro. Grueda, 
Appoggiatqfo. Quel pezzo del tornio 
che regge gli strumenti eoo eoi si 
lavora. 

Stanga ola cagnai Le9a. La stanga 
che serve di leva al cane de* bollaj. 

Stanga dl' ancor. Catena. Il braccio 
principale della leva de* carrai. 

Stanga ola pompa. Menatojo. La stan- 
ga il braccio della tromba idraulica 
che dà moto allo slantufo. 

Stanga. DA pigar. T. de* Tess. ila- 
stretto. Specie di pettine intelajato che 
serve per passare le meaxeue sol 
subbio. 

Stanga dla grola» T. de' FatL Brac- 
cio. Quel cilindro che da un lato é 
fitto neir albero del frantojo e dair al- 
tro nell'occhio della macine, la qoak 
riceve da esso il moto. . 

Stanga dl* dss. Traf^ersa. Legno mes- 
so a traverso della porta, od anche 
d*una finestra, onde tener ben chio- 
se e ferme le imposte. Stanga. «^ Con- 
trafforte, arnese di ferro che serve 
per tenere meglio serrate colla tra- 
versa porte e finestre. 
StangJL. add. m. Stangato. Percosso eoa 
stanga. Sprangato,, sbarrato con spmnga. 

Dar la stanga all* vss. Stangar t a- 
scio. Afforzarlo con islanga. 
Stangada. s. f. Stangata. Colpo dì stao- 

ga. Stangonata, colpo di stangone. 
Stangar, alt. Percuotere, BaUere fan 
stanga. Il verbo Stangare vale Pun- 
tellare Afforzare con stanga. 

Stangar el zoéugb. Stangare Non 
tenere rinvilo ne* gmochi d* azzardo 
allorché non si han buone carte. 
Stangbètt. s m. Paletto, RandelJo. 

Stanghétt del TiMòN. Agìiiuccio. Lun- 
go pezzo di legno che da un capo 
entra nella testa del timone, e dal- 
l'altro è fermato con un perno ad 
una campanella di ferro a| castello. 
Stanghétta, s. f. Stanghetta. Piccola suo- 
ga. Stanghetlina. 

Stanghétta, s. f. T. degli Ann. Becco. 
Quel ferruzzo rostrato che serve a te- 
ner montato lo scatto delle armi da 
fuoco. 

STANGHèTTA. 8. f. T. di Mus. Stan- 
ghetta, rivisione delle battute. 



Digitized by 



Google 



ST 

STANGHÉTTà. 8. f. T. degli Oref« Cion* 
dotino. Ornamento per lo più d*oro 
che le donne portano alle orecchie, 
fatto a guglia pendente dalla ponta 
e l'erma all'orecchino. 

Stamgbbtta dbl cavalétt. T. de* Pett. 
Caitolino. Sprangbetla alla cui eaire- 
mità è una corda, colla quale si tien 
chitisa la bocca della morsa. 

Stanchéìta del compass. Cursore. 
Quella parte del* compasso a mule che 
sì può far scorrere lungh'esso, per 
segnare un maggiore o minor cerchio. 

Stanghétta del baffétt. Regolelto. 
lì regoletto che ha il dente da capo 
e scorre attraverso il ceppo del graf- 
fietto. 

STAifGHÉTTA DiL LiTTRi. AiU. Quelle 
linee rette che si fan (are a' fanciulli 
che imparano a scrivere, siccome ((bel- 
le che han gran parte nella formazione 
delle lettere, fi si dicono anche gambi 
delie lettere le aste, e specialmente 
quelle linee rette onde sono formate 
le lettere m, n, u. = I filetti delle 
lettere sono que' tratti sottili di pen- 
na con cui si cominciano a scrivere 
le lettere in asta. 

Staughétta ola stadera. Stilo o Fusto 
della stadera. Quello stile della sta- 
dera in cui è infilato il romano e dove 
son segnati i pesi ecc. 

Far il stanghètti. Asteggiare. 
Stakshi DiL SCALI. Staggi. Le due aste 
o sunghe parallele della scala a piuoli 
ne' cui fori equidistanti sono calettati 
essi piuoli. 

Stanghi di hànes. T. degli Org. Leve. 
Le stanghe bilicate de* mantici, che 
mosse dal levamantìci, fanno che Ta* 
ria entri nel sominiere dell'organo. 

Stanghi dl* àrghbn. Leve. Quelle che 
sono infitte nella testa del fuso del- 
l'argano e che facendolo girare ser- 
Tono ad avvolger la corda della taglia 
che fa sollevare o movere il peso. 
Pironi, lieve o stanghe che entrano 
nelle teste de' mulinelli che servono 
per alzar pesi. 
Stangòn. s. m. Stangone. Grossa stanga. 

Stangòn s. m. Cavalletta. Macchina 
di grosse e alte travi per uso di ti- 
rare alzar cose di eccedente peso. 



ST 205 

Stangòn. s. m. T. degli Addobb. 
Traversa. Lunga stanga che ponesi 
a traverso delle cappelle per fermare 
sovr'esse l'armadura di un parato. 
Stangòn. s. m. T. de'Carrozz. Sbarra» 
La stanga della martinicca che per 
mezzo de' guancialetti stringe le ruote 
de' carrettoni nello scendere alla china. 
Stangòn. s. m. T. di Gualch. Stanga* 
Cilindro fermo posto alla stessa al- 
tezza del verricello sul quale pasiìa il 
panno che il garzatore va di mano 
in mano garzando. 
Stangòn dla lettera. Traverse. Le 
due stanghe tra\ersali della lettiera 
che diconsi spalliere, quando 9on 
piene. Sponde. Le traverse laterali della 
lettiera. Dicesi Catena la stanga che 
regge nel mezzo gli asserelli della let« 
tìera. 

Stangonar. att. Dare stangate. V. Stangar. 

Slantiroéu Slantiròn. T. di Gart. 
Ritti. Stanghe verticali che reggono 
■ le traverse dello spanditojo della car- 
tiera alle quali son fermate le corde 
su cui spandesi la carta. 

Slanturi. s. m. T. de' Carr. Stendardi. 
I due correnti piantati verticalinente 
nella traversa del treggello. ( viò ) 

Stanza, s. f. Stanza. V. Camra. 
Una stanza d' rosari, tua posta. 

Stanziar, att T. Furb. Avvicinare, Abi" 
tare. Trovarsi. 

Star. s. m. Stajo. Vaso col quale si 
misura grano, biade e simili, e si 
dice anche della misura piena. Le 
frazioni di questa misura sono: 
Mén'na • • . • Mina. 
Mezza mén'na. • Quarto. 
Quarlaroèula o Co- 
pali .... Metadella. 
Mezza quartaroèula Mexza metadella. 
Quartén. . . . Quartuccio, 
Mczz quartén . . Me^to f^uar luccio. 

Star. Stare, Verbo neutro assol. e pas- 
sivo anom , die nella lingua italiana 
come nel nostro dialetto ha infiniti 
significati de' quali accennerò 1 più 
notevoli 
Star. Capire. Aver tanto spazio da 
star\i. 
Star. Giacere. Per es., a letto o a- 
dagiato su checchessia. 



Digitized by 



Google 



204 



ST 



Stìa. Restare. Per Rimanere. Fer- 
marsi in un luogo. 

Star. T. di Giuoc. Restare, Rima- 
nere. Mancare uno, due o tre punti 
a finir la partita. Rinunciar 4a gira- 
ta, non voler più carte per timore 
di far spallo. 

Star. Per Potere, Aver in batta. 
Per esempio: 

A STA IN D* MI A FAaX DEL BEN. Sta 

in mano nùa il poterti giovare. 

Star a la fnestra. Stare alia fine- 
stra. Trattenersi affacciato alla fine- 
stra, e %. Stare alle vedette, o atta 
veletta. Stare attento per osservare 
quel cbe accade. 

Star al ben b al mal. AceofMdarsi 
a tutto. 

Star al cavall. T. di Caec. Accaval- 
lare. Cosi dicono i cacciatori, deiraudare 
nascosi dietro ad un cavallo, per ac- 
costarsi coperti cosi a tiro d'uccello, 
o altro animale. 

Star al dìtt o* vom. Starsene a uno, 
alla sentenza di uno. 

Star all* erta. Stare ali' erta. Stare 
avvertito. Usar cautela. 

Star a 'na pittura. Stare a capello. 
Star dipinto. Non poter star meglio. 
Stai*e acconciamente. Campeggiar 6e- 
ne indosso, dìrebbesi pure parlando 
d'un abito, per dire che si aifà bene. 

Star a pianterà. Abitare a terreno. 

Star a primant. T. de' Nav. Voltar 
bordo. Dare al bastimento una dire- 
zione diversa da quella su cui correva. 

Star a sign, Star in crist, a stecch, 
A bacchétta. Stare a filatojo, in fi' 
letto, allo stecchetto, a segno, al quia, 
a regola. Filare, Arar diritto. Star 
a dovere. 

St»r ben d* saluta, ma alzér d* borsa. 
Soffiare nel borsellino. Aver buon tem- 
pò e mancar di semente. Aver buona 
volontà e mancar di forze. 

Star ben in conscibnza. Avere una 
coscienza pura, e iig. Aver grosso 
rognone. Non crocchiare il ferro. 
Essere ricco. 

Star con bl s'ciopp al' mostàzz. Slare 
colf arco teso. Guardarsi dalle insidie. 

Star con tant a s' pésa. Essere al 
confitemini, cioè vibrino a morire. 



ST 

Star con von. Far dimoranza am 
qualcuno. (Cav.) 
Star da dnanz, Risponder pr*cn altei. 
Entrare o Star mallevadore. PresUr 
mallevierìa. 

Star da sonàj. Star fresco. Aver la 
coscienza contaminata. 
Star d' ca. Abitare, Dimorare, Al- 
bergare. 
Star dur; Star duro o alla duro. 
Star costante. 

Star in culòn. Star coccoloni, o oc- 
cocovato, quasi si covino le calcagni. 
Star inorcià. Sorrecchiare , o Atzar 
gli orecchi più che la lepre. Star niulio 
attento. Origliare, star di nascosto e 
ascoltare ciò ch'altri dice. 
Star in regola. Stare a regota. Os- 
servar la regola nel vitto, in altro 
rfgnif. Andar pel solco, doè operar 
bene. 

Star in saradura , Star sarà su. Star 
ritirato. Vivere vita ritirata. Con- 
versare o usar poco cogli altri. 

Star insbmma. Tenersi insieme. Star 
una cosa unita ad un altra. 

Star in t' la sòva. Star in t'i so 
ziNCH soLD. Star ne' suoi cenci, Sutr 
sulle sue Sostenersi, badare a sé. 

Star li gnignòn gnignéla, Star tra 
BL TOéUMEL B EL DÀMEL. Tcnlcnnart , 
Far la ninna nanna. Ninnarla, Nic- 
chiare, Fluttuare, Ondeggiare. Essere 
dubbioso, irresoluto, incerto, sure 
Ira il si ed il no. 

Star li per cascar. Stare in leu- 
tenno. Dicesi di cosa che accenni di 
cadere. 

Star mal in conscienza. Aver la ah 
scienza ingrossata , contamitiaia , lor- 
da, e fig. Star fresco, oppure Essert 
al verde, esser brullo. 'Essere sprov* 
veduto, sfornito. 

Star pez Stare a disvantaggio. ( Fr.) 

Star poch ben. Stare a panaielte. 
Stare a pollo pesto. Star male per 
qualche infermità. 

Star pr* ott o quattbr. Esfere a un 
pelo di far checchessia. Essere vici- 
nissimo: esser per farlo di momento 
in momento. 

Star sol. Stare in sé. Far vita soli- 
taria. 



Digitized by 



Google 



ST 

Star sotta. ' Soggiacere. Fig. Slar 
soggetto. 
Stai stravacà. Stare a edrqjo. 
Star su. Star ritto. Star su. Figur. 
Alleggiare. Slar sul grave o io con* 
tegoo. 
Star su. T. Farb. Negare. 
Star su o* rota* Stare aitato. Ve- 
gìiare, veggliiare. 

Star su in urt cosi. Dilettarsi. Per 
esefnpk): 

El sta su in t* el vincionar. Sì di- 
ietta di canzonare. 
Star su. Per RiMorarei, Rinfìran- 
Cibrei. 

E YRissu star li, e stissla li. e 
eia bastasse, E ciò potesse bastare, 
Ni forse ciò basta, E forse più. 

Farigb star qualcdòn. Imporne. Fare 
star cheto o per bella paura, o per 
Tftlor vero. Ed anche Gabbare, Ab' 
bindolare. Ingannare, 

Far star d' piantòn. Porre, mettere, 

tenere a piuolo. Far aspettar uoo più 

del dovere. 

Stabdò. s. f. T. Furb. Prigione segreta. 

Staboccì. add* m. T. di Giuoe. Siaroo 

calo. Privato de' tarocchi. 
Staboccar. att. T. di Giuoc. Staroccare. 
Giuocar tarocchi superiori per torre 
via quegli degli avversarli. 
StabvlJl. add. m. Scoììnesso. Conquas- 
salo, guasto. 
Starvlar. att. Sconnettere. Sconcertare 
una co«a per mal modo; conquassare. 
Stìsa, Stasoéuj, Stasòn.V. Stàza, Sta- 

2oéuj, Staiòn ecc. 
Stàss d na carrozza. Trabatto. ( Manz. ) 
Movimento violento che prova una 
carrozza sia nell* urtare contro un 
corpo resistente, come nello sprofon* 
darsi alcuna ruota in andando. 
STAS6IRA. Stasera. Questa sera. 
Stat. s. m. Stato, Grado, Condizione, 
Essere. 
Stat. s. m. Specchio, Prospetto, Nota. 
Stat. s. m. Stato* Republica, Impero, 
Regno, Principato ecc. 

Stat d* cassa. Bilancio di cassa. Il 
prospetto deli' attivo e del passivo del- 
la cassa. 
Stat macoior. T. Mil. Stato mag- 
giore, li ^orpo degli uffiziali che sono 



ST 



205 



spedaìmente preposti alla immediala 
esecuzione degli ordini di un generale 
maggiore. 

Essa IN BON STAT. Trooarsi in buon 
essere. Dicesi di cosa alla quale nulla 
manchi. 
Essa IN BON STAT. Fig. Esser sopra 
un cavai grosso. Star bene per ogni 
verso. 

EssR IN còLL STAT. EsscTc in quc' 
piedi. Dieesì di donna qoand' è incinta. 
Fars un STAT. Far fortuna. 
Ox DB STAT. Statista. Uomo di Stato. 
RiDURS IN CATTiv STAT, Far mal go» 
verno. 
Statua, s. f. Statua. Figura scolpita o 
di getto. 

Statua ch'as ho^ova. Automa, An» 

droide. V. Avtom. 

Parer 'na statua. Parere impelricato. 

Statuari d' Carara. T. de' Scult. Marmo 

di Carrara. Quella sorta di marmo 

di Carrara che abitualmente viene u- 

sato da' scultori per farne statue. 

Statuén'na. s. f. Statuina. Dìm. di statua. 

Statuetta. 
Statura, s. f. Statura, Taglio. Ma la 
statura non esprime che la dimen- 
sione in altezza, e taglio esprime la 
grandezza, la figura, la forma, il di* 
segno della persona. 
Statùt. s. m. Statuto. Legge o complesso 
di leggi municipali. Ora chiamasi con 
tal nome anche la legge fondamentale 
di uno Stato costituzionale. 
Stàza. s. f. Catello. Que' due legni fer- 
mati nel piano della gramola, che ten- 
gon ferma la stanga nel gramolare la 
pasta. 
Stàza. s. f. T. Idr. Cadometro. Stru- 
mento recentemente inventato per 
misurare la quantità de' liquidi con- 
tenuti in una botte o simile. 
Stàza. s. f. T. de' Stov. Casullo. 
Quella specie di scaffale a vari piani 
ove si pongono le stoviglie frescne a 
disseccare nella stufa. 
Stazètta s. f. T. d'Agrim. Livellatojo. 
Piccolo archipenzolo per uso di livel- 
lare. V. St^zòn. 
Stazétti. s. m. T. di Gualch. Capita^ 
gnoli Travicelli alti circa un uomo» 
fermati sul suolo verticalmente alle 



Digitized by 



Google 



206 



ST 



distanze volute dalla lunghezza ordi- 
Daria delle pezze di panno che si pon- 
gono nel tiratoio. 

Stàzi, a. f. pi. Staggi, Travern ecc. 
V. Slazòn. 

Staziòn. 8. f. Stazione. Fermata in ge- 
nere. 

Staziòn. 8. f. Stazione. Quella serie 
di tavolette che in certe chiese ser- 
vono alle fermate de* divoli, e figu- 
rano i fatti principali de* misteri della 
redenzione. 
Staziòn. s. f. Fermala. Il punto ove 
si fermano le carrozze a vapore al 
termine regolare della loro corsa. 

Staziorar ali. Stanziare, Dimorare, stare. 

STAZiOfiÀHi StazzonU d* ma bottega. 
Purgpetlo. 

Stazoèuj. 8. ra. T. de* Tess. Aiticeile. 
I lati deirordiiojo che hanno in vari 
buchi i piuoli sui quali si fa 1* ordito. 

Stazòn. s m. T. degli Agrim. Archi* 
penzolo. Strumento col quale si ag- 
giustano i livelli si riconosce in che 
difettano. 

Stazòn* s. m. T. di Gualch. Guide. 
Travi parallele traile quali sono trat- 
tenute le aste del mazzo. 
Stazòn. s. m. T. de* Tess. Traverse. 

* Que' Icffni orrizzontali i quali forma- 
no coi urancalil* ossatura del lelajo. 
Stazòn d* fono. T. de* Tess. Staggi, 
Aste verticali calettate col portacassa 
e in basso col guscio della cassa. 
Stazòn d'. zìma. T. de* Tess. Starna- 
juole. Nome che si dà alle traverso' 
superiori del telajo. 

Stcada. s. f. Sieccheggiata. Colpo dato 
con islecca. 
Stcada. s f. T. del Gìuoc. del Bil. 
Tiro di Citso, Sberciala, da Sbercia, 
che cosi dieesi colui che non sa giuo- 
care. 

Dab dil stcadi. Steecheggiare, 
Dab 'na stcada. T. di Giuoc. del Bil. 
Fare iteccaccia, (Fior,) Battere in 
falso la palla coli asticciuola da bi- 
liardo. 

Stcaduba. s. f. T. Chir. Steccala. Fascia- 
tura che si fa con assicelle o stecche 
a chi ha rotte le gambe, le braccia 
ecc. 

Stcar. alt. Sleccare, V. Inslcar. 



ST 

Stecca, s. f. Stecca. Pezzo dì legno, 
propriamente, piano. 

Stecca, s. m. T. de* Basi. Caeciubor* 
ra. Stecca. Verga di ferro reUa e 
pialla, incavata nella sua testata, con 
manico dall* altra parte, che usati a 
spingere la borra ne* basti e simili. 

Stbcca. T. Furb. Bottega, ed anche 
Legna. 

Stecca, s. f. T. de' Libr. Stecca da 

{negare, per es. la carta, e tagliare i 
ibri nuovi. 

Stecca, s. f. T. Mus. Taccone, Plet- 
tro, Pettine. Ugnella di legno di ci- 
liegio od altro, colla quale si trae il 
suono dal mandolino pizzicandone k 
corde. 

Stecca, s. f. T. degli Oref. Sfeeeo. 
Legno a schisa fermato a dente nel 
lavolello, sul quale l'orefice lavora k 
varie cose sue colla lima. 

Stecca, s. f. T. de* Sari. Segno. Una 
stacca semplice di varia larghezza che 
serve per segnare gli acchielli di tutte 
le grandezze. 

Stecca, s. f. T^ de' SculL Stecco. 
Pezzetto di legno di bossolo, noce e 
altro simile, lavorato a foggia di faso, 
con le cocche simili alle lime o agli 
scalpelli, che serve per lavorar figure 
di terra e slm. 

Stecca, s. f. T. de* Stov. Stecca. Sot- 
til lastra di terra o di legno che serve 
per le solili incavature de* vasi d* ar- 
gilla. 

Stecca, s. f. T. de' Tip. Cricca. Pezzo 
dì legno attaccalo ad una delle cosce 
del torchio, che serve per tener fer- 
ma la mazza. 

Stecca con i dént. PettineUa, a. f. 
Strumento di legno da modellar figure 
in creta. 

Stecca da BèRCHEM. T. Furb. CoUelh. 

Stecca da biliard. AÈticciuota* Mazza 
per ispinger le palle. Ve u*ha di più 
sorte, cioè: 
£1 loogh, la lunga. 
£1 looghissim, la tunghiseima. 
El mczz, la mezza. 
El terzèll, to corta. 
La mazzola, Asticciuola da principianti. 
V. andic Goéub. Ciascuna ha: 
Coràm .... Qijeito. 



Digitized by 



Google 



ST 

Gross. . . • • Culatta. 
Pouta . • • . Punta. 
Scalz Calcio. 

Stecca da bust. Fettìera, ( Spadafora ) 
Cosi si dice 1* osso di baleua o la stri- 
scia di legno o di aceiajo che si met- 
toDO le donne nel busto avanti il petto. 

Stecca da Hèj. Mòdano. Legnetto, 
col quale si formano le maglie delle 
reti. 

Stecca d' Aelioién. Cinguadea, Stri' 
scia, Draghinoisa» Quella daga di 
legno di cui si cìnge T Arlecchino. V. 
Spada. 

Stecca da teocch. Astieeiuoia. Nel 
giuoco del trucco è la mazza da spin- 
ger le palle. 

Stecca d' cana. T. de' Battìi. Carro. 

Coltello fatto di un pezzo di canna 

tagliente col quale si raflfilano i fogli 

d*oro battuto. 

Steccadént. 8. m. SteecadenH, S/tiia^tca- 

denti. V. Neltedéiit. 
STBcaT. s m. T. de' Mur. Aisito, Tu» 

rata. V. Casòtt. 
Stecco, s. m. Stecco. Fuscello , sprocco. 
Steecuzzo, stecchetto, fuscellino, di- 
jDlnut. 

Stecch. s. ro. T. de' Calzol. Succhi, 
e Tose Zeppi, Punte di legno che 
tengono momentaneamente in sesto 
il suolo delle scarpe nel disporle sul- 
la forma. 

Steccb ola sorgaroéula. Timone. Le- 
gnetto bilicato sul coperchio della trap- 
pola sorciera dal quale pende il 
caterratino che imprigiona il topo che 
mangia l'esca. 

Stbcch pr'i dént. Steeeadenti. V. 
Netudént. 

Far star a stecch. Far stare a stec' 
cherello. (Frane.) 

Star a stecch. Slare a segno o al 
fUatqjOj Filare, Tener foglio. Star 
a siepe. Star a regola. V. anche Star 
a sign'. 
Stecchi, s. f. T. de' Calzol. Stecconi da 
tromboni. Regoli che si pongono lun- 
go il gambale dei stivali da' postiglioni. 
Stecchi da castrar. T. di Vet. Stec* 
che da castrazione. Consistono in un 
cilindro di legno per lo più di sam- 
buco della grossezza di un pollice o 



ST 



207 



poco pia, le quali sì spaccano pel 
lungo onde comprendere fra esse il 
cordone spermatico stiingendolo alle 
estremità con robusto spago. 

Stecchi del hìLnes. Stecche. Mazze 
rifesse e disposte internamente a* man- 
tici per tener tesa la pelle. 

Stecchi del trasport. T. de' Carrozz. 
Regoletti del tettino o cielo. Stecconi 
che reggono il tettinp de' calessi e 
delle vetture. 

Stecchi di reoister. T. degli Org. 
Bracciuoli de* registri. Quelli che ser- 
vono a dar leva ai registri dell'organo. 

Stecchi dla cassetta. T. de' Tornii. 
Guancialetti. Stecche il cui ufficio è 
quello di fermare al punto voluto il 
registro del tornio a eoppaja. 

Stecchi dla ròcca. Gretole. I rifessi 
della rocca i quali forman l'uzzo o\e 
si avvolge il pennecchio. 

Stecchi d'un tlar da ricam. Staggi* 
Regoli che servono ad allargare o 
stringere il telajo de' ricamatori, fer- 
mandolo con chiavarde nelle colonne. 
St&la. s. f. Stella. Corpo celeste lumi- 
noso. V. Silòtt. 

STàLA TiCA. s. f. Coppia, Scheggia, 
Pezzo di legno che si spicca dal le- 
gname nel tagliarlo, o che gli stru- 
menti da taglio fanno cadere dal le- 
gno che si atterra, si taglia, o mette 
in opera. 

Stéla. s. f. T. de' Buratt. Stella. 
Ruota di legno dentata del frullone, 
commessa al capo dell' asse del burat- 
tello, e che serve a farlo girare. 

Stéla. s. f. T. de' Filat. Stella del 
bacchetto. Ruota a stella coi denti 
nel piano infilzata nella estremità del 
baccnetio dei guindoli del filatojo, e 
che imbocca verticalmente nella cor- 
rispondente stella del rodano, (tambòrr) 

Stéla. a. f. T. degli Oriv. Stella. 
Pezzo degli orinoli a ripetizione, che 
serve a dividere un ora dall'altra. 

Stéla. s. f. T. de' Razz. Stella. Sorta 
di razzo che acceso in aria mostra un 
fuoco come una stella. 

Stéla. s. f. T. de' Tess. Stella. RuoU 
dentata all'un de' capi del subbio e 
del subbiello per volgerli su di so e 
tendere l'ordito. 



Digitized by 



Google 



208 



ST 



SràLA. t. f. T. di Vet. SteUa, RouUa. 
Macchia biaoca in fronte a molli cavalli, 
che perciò si dicoco sUliatL Dicesi Fto- 
re o Sleilelta una maccbia qualunque 
naturale che sia odia fronte al cavallo. 

Stéla cadenta. SttUa cadente o dù 
scorrerne. Corpo luminoso errante nel- 
lo spazio, che il nostro pianeta incon- 
tra nel suo movimento annuale in- 
torno al sole. 

Stéla cométta. Cometa. V. Cornétta. 

Stala da sigh. T. de* Tip. Gmda, 
Stecchetta di legno che si fa scorrere 
sui fogli dell' originale a mano a mano 
. che si va componendo. 

Stèla del zov. T. di Agr. Traversa. 
La parte media del giogo che sta fra 
i due archi, ed aUa quale è fermato 
il chiovolo (giòngol) che sì attacca 
al limone per tirar il carro. 

Stéla dla roèuda. Conio. La parte 
eslerna del razzo presso al mozzo per 
lo più fatta a conto. 

Stéla dla sirénga. Bocca, Foro fatto 
a stella dal quale esce dalla seiringa 
il burro od altra pasta con figura 
stellare. 
Stéli. s. m. T. de' Carb. Mozzi. Minuti 
pextì di legne aride che si gettano 
dalla bocca entro la rocchina, per 
infuocare con essi la carbonaja. 

Stèli dl'aspa. Crociere. Regoli in- 
crociati a squadra nella loro metà, e 
fermali all'estremità delle quattro co- 
stole del naspo. 

Agh' voéul di zòcch per far dil stèli, 
Quando v* è il ceppo, vi sono i cap- 
poni. Il che vuol dire, che chi ha 
roba, ha danari. 

Andar al stèli. Andar in cielo* V. 
Andar. 

CiARòR DB STÉLI. Stellalo. „ Egli era 
uno stellato che faceva un chiarore 
grandissimo. „ ( Cellini ) 

Far veder il stéli. Far vedere le 
lucciole. Far vedere le stelle di mez* 
zogiorno. Far piangere per dolore. 

Mdcc d' stéli. T. d' Astr. Asterismo. 
Unione di stelle. 

Splendor dil stèli. Capillizio. Irsi* 
diazione che appare intorno alle stelle. 
Stèma. 8. t T. di Blas. Stemma, Inse- 
gna* Lo scudo in cui sono dipinte le 



ST 

insegne e le distinzioni simbolidie 
d'una famiglia. 
Stéma. s. f. T. di Vet. Slemma. L'in- 
sieme della superficie di eonirapek» 
situata (ira le coscio e la vulve nelle 
vacche, da cui si arguiscono le buone 
o cattive qualità lattifere di esoe. 

Sténcb. 8. m. Salda, Aequa di gomma, 
od anche di àmido, con che si ba- 
gnano i drappi, i panni lini e nmili, 
onde stieno incartati e distesi. Alcune 
donne danno tal nome anche al Cn- 
nolino, (soitanén d' crén'nt«) 
Sténch. add. m. Stecchito. Proieuo, di 
un pezzo, e dicest di persona, /ticame- 
rito. Incordalo» Fig. troppo iotcto 
sulla persona, superbo. Incartalo, Di^ 
steso. Sodo, dìcesi un drappo insal- 
dato. Inerqjato, Incorazzato, us pan- 
no simile, divenuto sodo per oiuu- 
mi e lordure. V. Stiochlr. 
Sténch dal fredd. Intirizzito. Morta 
di freddo. 
Andar sténch. Andar impettito, rim- 
pettito. Star sul tirato, far il sere, 
andar contegnoso. 

Stendàrd. s. m. Stendardo. V. SUodàrd. 

Stènder, att. Stendere, Distendere» Spia- 
nare, allargare. 
STèNDER all'aria. Sciorinare. 
Stènder la carta. T. di Cart. ilaactit- 
gare la carta. Sciorinarla sulle eorde 
dello spanditojo. 
Stènder 'na scrittura. Scrivere, ver* 
gare una scritta. Ma non si usi in 
tal significato Stendere, che è modo 
erroneo e di nessun uso presso i buooi 
scrittori. 

Stenògraf. s. m. Stenografo. Colai che 
esercita la stenografia. 

Stenografia, s. f. Stenografia, Taeki» 
grafia. Arte di scrivere in compendio 
e in modo abbreviatissimo i discorsi 
degli oratori mentre parlano. 

Stbnt. s. m. Stento, Patimento. 

A STÈNT. A mala fatica» A mala bri- 
ga, a modo stentato. 

Stenta, add. m. Stentato. Da Sieotare, 
Patire. Fig. Spo^/ialo. Mal disposto. 

Stentar, intr. Stentare, Stiracchiare le 
milze. Patire scarsità delle cose ne- 
cessarie alla vita, divers. fare usa 
cosa con diificultà. Tardare. 



Digitized by 



Google 



ST 

SrcNTÀa A LiGÀR. T. de* Cacuj Tardare 
lo spurgo. Dicesi di quel latte che 
posto Della cnldaja, i suoi grumi ca- 
seosi non si uniscono» per difetto di 
maturità. 
Stentar a nAouiita. T. d'Agr. Sire- 
méUzire, Vanire a stento. 
STErfTÀR A PARLAR Biosciar le parok, 
Biiibellare, tartagliare. 
STE.NTXR A VIVER. Stiracchior le milze. 
Vivere magramente , a stento. 
STEffTARiLL. 8. ip. Stenterello, Maschera 
del teatro Fiorentino cbe parla il vero 
linguaggio de) popolo pieno di riboboli. 
Sterbizzàr. att Tartasiare, Tempestare, 
maltrattare, raaliiienare. Io altro si- 
gnif. Ruticare. 

Sterbòtip. s. m. T. di Tip. Stereotipo. 
Pagina solida, i cui caratteri sono ri- 
uniti da piede in una sola massa di 
getto. Cosi diconsi anche que' vasi, 
fiori altre cose da porre ne* libri 
per capopagina , o Anale, fuse in piom- 
bo sopra matrici di rame. 

Stebgiàr. att. T . di Vet. Strigliare t 
cavalli i bovini, con un istrumento 
detto strìglia, leviire la polvere dalla 
loro pelle. 

Stbrìscb. s. m. Asterisco, Slelletta, Se- 
gno o nota cbe sì mette nei libri per 
qualche particolare avvertimento al 
lettore 

Sterléh. s. m. Sovrana, o Lira sterlina. 
Moneta di conto, usata in Inghilterra, 
che è del valore di franchi effettivi 
25, 20 

Sterlisà. add. m. Brizzolato, Sprizzo- 
iato. Variegato, Picchiettato, Chiaz- 
zato, Screziato, Indanajato, Mesco- 
lato di più colori. 

Sterlòtt. s. m. Lucifero V. Stiòtt. 

Sterhinà. add. m. Sterminato* Cosa che 
passa ogni termine misurato. 

Steemuiàr. att. Sterminare, Esterminare, 
Distruggere, 

Stbbhìni. s. m. Sterminio, Esterminio. 
Distruzione totale. 

Sterhnàr. att. Rovesciare. Rovesciar il 
brodo, il vino e simili E lo stesso 
cbe Strumnàr V. 

Ster^Ii. att. T. d* Agr. Seminare a spa- 
glio. Semmare fettando il seme a 
mano facile e piena. Àltrìm. Spargere. 



gT 



209 



Stertìn. S. m. Nastrino, Stertino. Na- 
stro assiii stretto o basso. 

Stertiolén, Stbrtioéul. Strettura. Luo* 
go stretto, luogo di piccolo circuito. 
c=a Bugigatto, Bugùattolo. Piccolo 
stanzino, Chiassuolo, Chiassetto, Chias* 
sa fello, Chiassolino, ChiassereUo. Viuz- 
za stretta. Ristretto, luogo tngnsto 
ove si ripongono molte cose msie* 
me. 

Stertòr. s. m. Strettoia, Strettqfó. Fascia 
altra legatura o fasciatura stretta. 
Stertòr. s. ro. T. Furb. Salame. 
Stertòr s. m. T. di VeU Serracollo. 
Collare guernito di cuscinetto per com- 
primere la vena jugulare del cavallo 
o del bue, onde praticare il salasso. 
•Così chiamano i contadini anche V £m- 
piastro adesivo composto di pec^, di 
trementina ecc., che si suole dai vii* 
liei applicare colla stoppa sopra una 
spalla, od un anca d' un bovino^ ogni 
qual volta 1* animale zoppica. 

Stertòr da marinoòn. Sergente. V. 
Mòrsa. 

Stertorén . 8. ro. Strettoino. Piccolo stret- 
tojo. 

Sterz s. m. T. de' Carrozz. Sterzo. Specie 
di cocchio guidato senza cocchiere, 
da chi vi sta entro seduto. 
Stbbz d' tiif LEON*. Sterzo^ La ruotina 
posta orizzontalmente sulla sala ante* 
riorc d'una carrozza. 
Sterz in t* il gambi. Sbilenco, Bilen» 
co. Storto. V. Sablòn. 

Sterza, s. f. T. di Cart. Regolatore^ 
Parte mobile del carretto che si pone 
talora sotto lo slrettojo. 

Sterzar, att. Sterzare. Girare o voltar 
per islerzo il carro, la carrozza e si- 
mili. Lo diciamo anche per Ripiegare, 
Piegar da un lato. 

Steven. Stefano, Nome proprio. 

Da naoàl a san Steven. Da mattina 
a sera. Da un di all'altro. Modo 
di dire per denotare una breve durata. 

Sti. pron. Questi, Cotesti, Codesti, 

STtÀR. Btt. T. del basso Po. Sfilare, t 
forse con voce più analoga Stigliare^ 
Tirare dalla rocca ì fili di tiglio che 
debbono, attortigliati» formare il filo. 

STiacioitTLi. s. f. T. degrimbianc. j4s/i- 
ciuek. Uuelle che arniatc da capo Ai 

44 



Digitized by 



Google 



210 



ST 



grosso pennellò servono ad imbiancare 
i muri. 

Stigahént. 6 m. Isligamenio, Sedqci- 
mepto, Panzeilo. 

Stigàr. alt. Stuzzicare. Provocar leg- 
germente. Affilare, Inuzzolire, Invo* 
gliafe e sìm. Fiancheggiare, Dar boi" 
lèni, punger con motti. Granare il 
corpo alla cicala, provocare un Hd- 
guacciuto a dir male. Metlere alle 
mani o alle coltella, ea'ilare a ven- 
detta. 

Stigàr el foéugh. Stuzzicare, Sbra* 
dare. Cercare il fuoco. V* Slizzar. 
StigXr vo.f. Aizzar uno. Attizzare, 
Mettere uno alle coltella. Incitarlo alla 
vendetta. 

Stigàres. n. p. Provocarsi, Bisticciarsi, 
Instigarsi 

Stigahént. Istigazione, Stimolo, Incita' 
mento. 

Stigbén. s. m. Aizzatore, Attizzatore, 
Provocatore. 

Stil. 8. m. Stilo, Stiletto. Spezie dj pu- 
gnale di lama quadrangolare, stretta 
e acuta. 

Stiu 8. m. Stile, Modo di scrivere: 
costume y modo di procedere. 
Stìl. pron. fem. pi. Queste, Codeste, 
Coleste. 

Stil ▲ susta. Pugnale a scocco. Sorta 
di pugnale che quando la lama è pe- 
netrata nel corpOy si lascia una susta, 
e ne scatta una seconda a mo' di 
lama di forbice. 

STiLèTT. 8. m. T. Chir. Stiletto? V. d' u. 

Sorta di strumento chirurgico cosi 

detta dalla sua somiglianza col pugnale. 

Stilètt. s. m. T. Mil. Sfondatojo. 

- Strumento di ferro faccettato sulla 
punta col quale si ripulisce il focone 
delle artiglierie e si fora il cartoccio. 
Stilètt a scccièL. T. Mil. Sfondatojo 
a succhiello. Soi'lvi di sfondatojo colla 
punta a spira. 

Stilizìdi. s va. Grondaja, PiovitqjoT 
Luogo dove cade l* acqua della gronda. 
Stillicidio è r acqua de* tetti. V. an- 
che Cortla. 

Stilla, add. m. Distillalo. Agg. di li- 
quore, ma il più spesso in senso di 
Limpido, Trasparente, Chiaro. 

Stilladòr. s. m. Distillatore. Che di- 



ST 

stilla, ma ordmariamente s'intende 
Liquorista. V. Fabbncatòr d*ai-qua\iiu. 

Stiltì. add. m. Stilettato. Ferito di sti- 
letto. 

Stiltàda. s. f. Stilettata. Colpo di stiletto. 
E per metafora, Trafitta. Dolore o 
afflizron grave. 

Stiltìr. att. Stilettare* Ferir di stiletto. 
E per meUfora, Trafiggere, pugneft, 
aflBigere con modi spiacevoli e detti 
mordaci, o con cosa che rechi nojt, 
disgusto, dolore. 

Stima, s. f. Stima. Quel prezzo che una 
cosa si crede valere e che da un pe- 
rito è stato determinato: Valuiaziuue 
è l'atto stesso con cui si siima il 
valor delle cose. 

Stima, s. f. Stima, Conto, EsUam- 
xione. L'opinione favorevole che ai 
ha di qualcuno. 

Stima, add. m. Stimato, Pregiato. Te- 
nuto io pregio. Valutato dìcesi r4Ò 
che si pone in vendita per ud detcr- 
minato prezzo. 

Stimabil. add. ni. Stimabile. Degno di 
stima e suscettivo di 'essere apprez- 
zato valutato. 

Stimadòr. s. m. Stimatore, Apprezzatort. 
Quegli che stima e apprezza le cose 
per altri. Perito, stimatore. 

Stimar. Stimare. Fissare indìgrosso il 
valor della cosa. Prezzare, Apprtz- 
zare. Fissare il prezzo. Mercature, 
fare il prezzo della mercatanzia. Valu- 
tare, determinare il valore da pagarsi 
in moneta. 

Stimar, att. Apprezzare. Avere ia 
pregio, in istima una persona. 
Stimar, att. Reputare, Credere, Tema- 
in concetto. Opinare in proposito ad 
una cosa o ad un fatto. 
Pars stimar Fig. Farsi far larga. 
Farsi aver rispctlu* 

StimIrs. n. p. Pavoneggiarsi, Estimarsi. 
Avere stima di sé stesso, e lo dìetaoM 
per lo più dello averne di troppo. 

StImol. s. m. Slimolo, Incitamento. 

Stimpràr. att. Stemperare. Far divenir 
quasi liquido checchecsia disfaceudoJo 
con liquore. 
Stimpràr alt. T. de' F. Fcrr. Stempe^ 
rare. Ricondurre l' acciaio a quello sta- 
to In' cui era prima della tempra. 



Digitized by 



Google 



ST, 

Stimpràr el gess. T. de* Gess impa- 
stare il ge$so. Ridurlo in isialo di li- 
quido per poterlo versare nelle forme. 
Stinchì. add. ni. intirizzUo, Proteso j 
Siecchito, Crajv, Duro, Crutkf* Cioè 
che non apeonsente, simile al cuujo 
bagnato e poi risecco. 
Stinchìr, e più spesso STincBiRS. Stee» 
chirsi. Incordarsi, Protendersi, In- 
cartarsi. V. Slèoch. 
Stirdaid. 8. iD. Stendardo* Quel segno 
che a foggia di bandiera portano in- 
nanzi a sé le confraternite andaqdo 
iu processione. 
Stindòr. 8. ni T. di Gualch. Tiratojo, 
Luogo ove si sciorinano I panni per- 
chè si asciughino. V. anche Sugadòr. 

SriifTARÉLL. s. m. Stentarello. V. Sten- 
tarèll. 

Stipendi, s ni. Stipendio. V. Més. 

Stipendi V s. ni. Stipehdi(no, ProKmsiO" 
nato the ha stipendio. 

Stipendiar 9tt 5/i/iendicire. Dar stipendio. 

Stipétt. s. m. Stipo, Stipetto, Studiolo. 
Sorta di piccolo armadio elegante per 
ri porvi dentro cose minute, di pregio 
e di importanza. Scarabattolo , foggia 
di stipo trasparente dove a guardia 
di cristalli si conservano cose minute 
o rare. 

Stipuli, add. m. T. Leg. Stipulato. Def- 
fioitOy concluso, e dicesi di contratto. 

Stipular, ati. T. Por. Stipulare. Rima- 
nere in concordia obbligandosi in pa- 
rola per iscriltura publica. 

Stipulaziòn. s. f. Stipulazione. Da sti- 
pulare. 

Stira, s. f. T. de' Cùoj. Orbello. Sorta 
di coltello a due mauichi col quale 
il cuojajo scarna le pelli. 

Stib ACCIA, add. m. Stiracchialo. 

Sri RACCi ADORA. 8. f. Stiracchiatura , Sii' 
racchiutezza. Cavillo, sofisticheria, in- 
terpretazione sofistica. 

SriRACciAjiàNT. 8. m. Stiracchiamento. Lo 
stiracchiare. 

Stiracciar. att. Stiracchiare. Cavillare, 
sofisticare. 

Stiracciar pr il longhi. $/tror a lun- 
go. Mandar da oggi in dimani , pro« 
crastinarOb 

Stiracciars. n. p. Trattare. Fare il prezzo 
di una cosà. 



ST 



911 



Stirar, atl. T. de' Tini, Ragguagliare 
a caviglia. Ritorcere a caviglia la se(a 
già torta e spremuta per far incorpo- 
rare quel poco di umido che posbs 
essere restato in tutte le fila. 
Stirar in tayèla- T. de' Bsttil. La- 
minare a mazzetta. Assottigliare col- 
la mazzetta le verghe d'oro e d'ar- 
gento che si \oglion ridurre in foglie. 

Stirares. n. p. Ptodenderèi, Sbarrarsi 
nelle braccia. 

Stirars n. p. T. di Vet. Distendersi. 
Dicesi di quell'alto degli animali, in 
cui appena alzatisi fanno un movi- 
mento particolare d' innalzamento, po- 
scia d' abbassamento e di allungamento 
della si'liiena, atto riguardato come 
indizio di salute. 

Stirazz s. m. T. di Cacc. Ramacela, /?a- 
mazza. Strumento tessuto di rami col 
quale si arrainaccia. 

Stirazzar. att. Tranare ,, Strascinare, 
Strusctcare. Tirar strasciconi, ed an- 
che solo Tirare con violenza, Strap' 
pare, e talvolta anche per Stirac- 
chiare. 
Stirazzar. att. T. dì Cacc. Arramac- 
dare. Strascinare checchessia allo in- 
giù colla ramaccia. 

Stirazz6n 6. m. Stirazzàda s.f. Slrap* 
pala. Stratta. Il ìirfir con violenza. 
= Strappatella dimmut. =: Sòarbaz^ 
zata quella strappata di brigfia o sia 
sbrigliata che si dà ad un cavallo. 
Stirazzòn. s. m. T. d'Agr. Carruc' 
ciò? Sorta di veicolo retto su quattro 
estremità di pali che si strascicano 
per terra come i piedi delle slitte. 

Stirp. s. m. T d'Agr. Sterpo, Sterpane, 
Bronco. Rimessiticcio stentato che pul- 
lula da ceppaja d'albero secco. Sproc^ 
co. Sbrocco, Brocco, pollone o ram- 
pollo che rimette dal bosco tagliato. 
Fruscoli, Stecchi, Sproni, que' broc- 
chelti che sono talora su per lo pe- 
dale degli alberi. V. Bastardòn. 
Stirp. Fig. Scriato. Avvi!, d'uomo. 
PiÉN DE stirp. Sterposo, Sterpigno. 

Stirpa, s. f. Stirpe, Schiatta, Progenie, 
Razza, Legnaggio. Ma stirpe dtcesi 
l'origine di una famiglia civile, schiatta 
è più generico di stirpe, progenie ha 
senso più angusto dì stirpe e com- 



Digitized by 



Google 



i\ì 



ST 



prende gli ascendenti più prossimi, 
razza dicesi piuUoslo delie bestie che 
degli uomini, lignaggio coiupreodc 
gli ascendenti di una famiglia. 

Stirpa buzaro96a. Stirpe malandrina. 
Razza maledetta. IMmlo inipiecalivo. 
Esser tutt* d'ona stirpa. Èsitere lutti 
di una tfueeia, d^uno slesso pelame, 
tutti tagliati ad una misura. 

Stirpa, add. m. Estirpalo, Sterpato, 
Svelto. 

Stirpar, alt. Stirpare, Sterpare, Sverre. 
Schiantare, sbarbare, sbarbicare, svel- 
lere, sradicare, estirpare. V. Desiirpar. 
Stirpar l*erba cattiva. Arroncare. 
( Frane. ) 

Stìtich. 8* m. Stilico, Isenlerico» Che 
patisce stitichezza. 

Stìtich. Stiticuzzo. Fig. uomo riiroso 
e di dillicile contentatura. 

Stiticoezza. 8. f. Stitichezza. Difficoltà 
di l)eneiiaio di corpo. 

Stìzz. s. m. Tizzo, Tizzone, Stizzo, 
Slizzone. Pezzo di legno abbruciato 
da un lato. Tizzoncino, Uzzoncello, 
diminuì. V. anche Fumaroòul. 

Stizza, s. f. Slizza, ira. Collera. 
Stizza, s* f. T. d'Ornit. Stizza, So* 
pracculo. Quella puntina che si vede 
sopra il culo de' polli pelati. 

Stìzza. 8. f. T. di Vel Slizza. Morbo 
che atiacca i cbii e i lupi. 
Gnir la stìzza. Stizzirsi. 

Stizzai>òr. 8. m. Altizzatojo. Strameoto 
usato in varie arti per attizzare il 
fuoco. 

Stizzar. alt. Attizzare. Ammassare, ac- 
cozaare insieme i tizzoni sui fuoco 
perchè abbrucino. Rattizzare. Y. an- 
che Stigar. 

Stizzgar. alt. Stuzzicare, Inzligare. V. 
Siigar. 

Stizzòs. 8. m. Stizzoso. Affetto dal male 
della slizza, aitvim. Colleroso, Cruc- 
^ doso, Cruccevole. 

Stizzosazz. 8. m. Atrabiliare. Pieno di 
atrabile. 

Stu. add. m. Stellato. Coperto o sparso 
di stelle. Fig. Rotto, Spezzato. Guasto 
in mal modo. 

StudCra*. 6. f. Spezzatura. Il prezzo 
che SI paga a chi stecca o spezza le- 
gna da ardere. 



$r 

Stlar. alt. Rompere. Forse dallo Svpt- 
gnuolo Eslallar. Percuotere, rompere 
con rumore. 

Stlar. alt. Schiappare, Scheggiale. 
Tagt^ire le Icgiie, spaccarle. Minuz- 
zare la legna. 
Stlén. s m. Spaccalegne Colui che h 
in pezzi le legne grosse, cbe si rica- 
vano dalle piante atterrate. Tagliate- 
gne, chi atterra gli alberi per fame 
legne da ardere. 

Stlén. 8. m. T. de* Fornac. Porta- 
legne. Chi ha cura della legna da ar- 
dere nelle forcaci. 

Stlén. s. m. T d' Ornit. Fiorancim», 
. Fiorrancio. Piccolo U(;ccllo, cosi delta 
da una specie di cresta o striscia di 
penne che ha in capo, di colore si- 
mile al fiorrancio. Abita per le sehe 
tra gli spineti e i gineprai: la sua 
voce è ^piullosto un pig(*lio, cbe uà 
canto. È il Regulus igtiicapììlus fiob 
Alcuno chiaujaiio con tal uoiue aocbc 
lo Scricciolo. 

Paga del stlén. Spezzatura. 
STLéN*?iA Stlètta s. f. Stelletta', SieUuz- 
za. Piccola stella 

Stlén KA. s. f. T. de* Parr. Marieiiime. 
Ferro a stelletta cbe serve a spianare 
1 capelli nella scriminatura. 

STLéN*NA DKL spnàff Sproneiic, Gt- 
rella. La stella dello sperone. 

STLÉM'fiA Stlètta, s. f. Sche§giu9Ìm. 
Pczzcllino dì legnp che ocl lavorare 
il legname 81 viene a spiccare. 

StLÉ!I*N I DA FAR IN «NASTRA, fit^ìint. PftM 

lavorata a foggia di stellette. 
Stlbtta. s f. T. de' Tip. Stecca. Quella 
appunto di metallo o di legno colla 
quale si piglia la manata da scomporre. 
Stlòn. s. m. T de' Fi|ali)j. SttUmte 
Ultima ruota, girevole orizzontaloicoie 
in cima della Iantina sinistra antertore 
del castello del filatojo da botxoli. 

St^N. 8. m. T de* Tip. MargineUa. 
Pezzo lungo di metallo che si meiie 
intorno alle forme io torchio per uso 
di niiirginc. 

Stlòn. s m. T. di Tip. Interlinea. 
Lineetta di melnilo che si pone fra 
riga e riga, onde il carattere risBiii 
ma)(giorQienle. 

Stlòn del filatoi. Stelle del rodama. 



Digitized by 



Google 



ST 

Le due ruote deoCate t stella che 
piantate verticalmeole iu ciascuna e- 
si realità dell'asse del rodano, iuiboc* 
cado la stella di ciascun rocchetto. 
Stlonar. alt. T. di Stamp. Porre le in- 
terlinee. . 
Stlott. 8. m Astro. Nome generico che 
si applica alle stélle tanto fisse che 
erranti. 

Stlott d'avtòn. Cassiopea, Costella- 
tione che tramonta collo Scorpione e 
nasce col Sagittario. 

Stlott del calo Canicola, La mag* 
giore stella della canicola eh* è ap* 
presso il sole in leone. 

Stlott del gioren. Lucifrro. Stella 
del mattino o di Venere. 

Stlott dil trej or. T, d'Astr. Ar* 
turo. Stella di prima grandezza della 
costellazione di Boote. 

Stlott ola sira. Espcro, Stella del- 
la sera detta anche Venere vespertina. 
Stmana. 8 f. Settimana. Spazio di selle 
giorni, e pia precisamente il tempo 
elle corre tra Tuna Domenica e 1* al- 
tra. 

Stsana. 6. f. T. degli Artigian. Paaa 
settimanale. La paga o mercede, che 
il padrone di bottega o il capo qua* 
luiique dà ogni settimana ai garzoni, 
la quale, qnando è di fattorini ancor 
piccoli, si chiama da noi volgarmente 
Paghètla. V. 

Stmamà santa. Settimana santa. V ul- 
tima settimana di quadragesima. 

A STSAifA PER STMANA. Settimatial' 
mente. In ciascuna settimana. 

Esser de stvana. Esscìc ebdomadario. 
Far le funzioni che gli spettano in 
quella settimana. 
Sto. proa. Questo. V. Còst. 
Stoccada. s. f. Stoccata. Colpo di stoeco. 

Stoccada. 8. f. Fig. Frecciata. Ri- 
chiesta di danan», od altro non dovuto. 
Stoccad^r. 8. m. Arciere j Frecciatore. 
Che cerca ora all'uno, ora all'altro 
danari in prestanza. 
Stoccaii vok e l'alter. Frecciare. Dar 

di freccia. 
StoccazzX. add. m. Stazzonató. Palpeg- 
giato lascivamente. Malmenato, scom- 
posto per sgarbato uso o per sudi- 
chiine. 



ST 



215 



Stoccazzar. att. Stazzonare, Palpeggiare. 
Toccare lascivamente. 
Stoccazzar la roba. Malmenare. 

Stoccazzòn. s. m. Brancicone, Palpatore. 
Colui che ama di brancicar donne. 

Stocch. s. m. Stucco. Sorta d'arme si- 
mile ajla spada, ma più acuta e di 
forma quadrangolare, che si porta in- 
eiuìosamentc custodita in un bastone. 
Stocch. s. ro. Scrocchio, Scrocco. 
Sorta d* usura e di guadagno illecito. 
Altrim Debito comunquemcnte fatto. 
Stocch. s ^m. T. degli Otton. Mazza 
da brunire. 

Stocch e baroccd. Baroccolo. Spezie 
di scrocchio che si pratica col dare 
trista mercanzia a credenza e ripi- 
gliarla per pochissimo, e come si suol 
dire mangiare a mezzo. 
Far cn stocch e barocch Scroccare, 
Far barocco. Far un ritrutigolo. Ma 
scroccare è l' atto chi dà robe o mer- 
canzie a tempo per più prezzo che 
non vagliono, che poi si rivendono a 
contanti per manco. Far barocco di- 
cesi dell'atto di vendere le dette ro- 
be per meno; e quando ri medésimo 
che l'ha vendute a tempo le ricom- 
pera a manco prezzo a contanti sì 
dice Far un ritrangolo, Diccsi Lecco 
fermo, a quel prestito usura jo nel 
quale chi presta danaro, e che nel 
numerarlo s'incomincia dal 25 che ai 
tiene. Chiamasi Scrocchio dotato il dare 
molta mercanzia o roba con poco da- 
naro. Babbo morto è quel prestito 
che si fa a' figli di famiglia per renderlo 
dopo la mdt'te del padre. 

StocchfIss. s. m. Stoccafisso» Voce Olan- 
dese che lignifica jPe^ce baitene. Spe- 
zie di baccalà secco cosi detto dalla 
sua figura, e dalla sua durezza. 

SToÈuijtA. s. f. Sluoja, Stofa. Tessuto o 
di giunchi, 0. d'erba sala, o di can- 
ne palustri, a più usi, e segnataaiente 
a quello di cnoprire le merci nel loro 
trasporto, acciò né acqua né altro le 
danneggi. 

Stoècjra da fra. Matta. Stuoja che 
un tempo intessevansi da eè i monaci 
Iper farvi sopra le loro orazioni e dor- 
mirvi. 
Stoèura pr*i pé. Sluqj'a da stanze. 



Digitized by 



Google 



214 



ST 



Sorta di Uppelo iulessuto di^bioda) 
oppure dì sparlo, ad uso di coprire 
i pavimenti delle stanze nel irerno. 

Stoffa, s. f. Stoffa. Pezza di drappo di 
seia o di altra materia più nobile. 
Al p)ur. Drapperie, drappi di seta o 
di seta e lana. 

Stoppa, s. f. T. de' Capp. Stoffa, le 
materie diverse onde si formano i 
cappelli^ come peli di castoro, di le- 
pre, di coniglio 9 lane ecc. 
Stoffa, s. f T. de' Colteli. Stoffa. 
Composizione d'acciajo e di ferri diversi 
cbe si riduce in massellb coi bollirli. 

Stopfbtta. Met. Ganza, Amante. 

Stoffgar. att. Soffocare. Impedire il re* 
spiro, ed anche opprimere, non la- 
sciar sorgere. V. Soffogar. 

Stoffgùzz. s. m. Afaccia* Vampa afian- 

. nosa, soverchio caldo. 

Stòffogh. s. ni. Afa, V. SòfTogh. 

Stoplén, STOPLèTT, Stoflòn. Vczzcgg. e 
accrescitivo del nome proprio Cristoforo. 

Stola, s. f. Stola. Striscia di drappo che 
si pone il sacerdote al collo sopra il 
camice. Scherz. cbiaman cosi i nostri 
facchini la tracolla di accia, colla quale 
reggono le stanghe della carretta. 
Aver la stola in t'i fi. Stare in 

. transito. Essere all' olio santo. Essere 
in sul morire. 

Stolètta, s. f. Piccola stola. 

Stolòn. 8. m. Stolone. Stola ad uso di 
tracolla che portano i diaconi. 

Stomìtich. add. ni. Stomachico, Stoma* 
cale* Cbe giova allo stomaco, che con- 
forta lo stomaco: che gli si confà. 
Stomatico è agg. di una delle propa- 

. gini, della vena porta. 

StombazeA. add. m. Diguazzato, Scia» 
guattato. E detto di persona, Trabal* 
zato. Dilombato* 

STOMBAZZAiièifT. 8. m. Diguazzamcnto , 
Trabalzo, Sbattimento. 

Stombazzar. att. Strabalzare, Trabalza' 
re. Dimenare, Agitare, Dilombare, 
Sbattere. Dare urti andando in car- 
rozza per strada disuguale, gittar qua 
.^ e ift , uaccare. 

Stombazzar el véli e simili. Scta- 
quaitare. Guazzare* Quel diguazzare 
clic si fa de' liquori ne' vasi non in- 
teramente pieni. 



ST 

Stovblàda. 8. f. Colpo di pungolo. V. 

Ponzolada. 
Stomblar. att. Percuotere eoi pungolo. 
Stòhbol. 8. m. T. d' Agr. Stimolo, Pun^ 
goto, Pungetto. Benché ne* vocabolarii 
si usino le tre voci surriportate per 
indicare quel bastoncello col quale il 
bifolco stimola i buoi al lavoro, pure 
mi sembra che meglio potrebbesi dire 
Stimolo al bastoncello, e Pungolo a 
quel ferruzzo che ha nella paoli per 
pungere i buoi. 
Stomegh. s. m. Stomaco, Ventricoio. Par- 
te membranosa del corpo dell' animale 
formata in guisa di sacco, dove si ri- 
cevono dapprima e si concuocono gli 
alimenti. Dicesi Ventriglio il ventrì- 
colo degli uccelli. 

Stomegh. Per Petto, Seno, Poppe. 

Stohegb dèbol. Stomachino, Siomac9 
snervato, come dicono i ToscaDÌ, Sto- 
macuzzo di taffetà, cioè debolissimo. 

Stomegh fort. Stomaco d' acciujo. 
Stomaco robustissimo. 

Stomegh iktrègh. Petto alto. Petto 
che ha l' arcale rilevato e quasi e olmo. 

Stomegh invers. Stomacone, Gravezza 
di stomaco che provasi per aver maa- 
giato cose indigeste. 

Stomegh mcsòr. Poppe b^zzacchiate. 

Stomegh pegorén. Poppe caprine. Pap- 
pe non voluminose, ma lattifere. 

An possér TGifÌR if lÈirr in t' el sto- 
megh. Essere tutto nausea, A^;>€r ratto 
lo stomaco. Fig. Non saper tener tta 
cocomero all'erta. Ridir tutte le tose 
che si fanno, segrete o non segrete. 

Arvoltars el stomegh. Kompersi h 
stomaco. Vomitare. 

Aver el stomegh piék. Portar soprm 
lo stomaco. Aver gozzaja. Avere sde- 
gno, odio invecchiato. 

Aver un ragazz al stomegh. Avere 
un bambino o un fanciullo a petto* 
Allattare. 

Bernaroén bon stomegh. Buono ttth 
maco. Dicesi d'un gran roangiafore. 
ed anche d'una persona cui si possa 
liberamente dire il fatto suo. 

Bocca del stomegh- Bocca o ForceilM 
dello stomaco. Arcale del petto. Quelb 
parte superiore dello stomaco o\ e fi- 
niscono le costole. Scrobicolo. 



Digitized by 



Google 



ST 

B«ii pr' bl stoikh. SlomaeaU o Sto* 
machico, 

Brcsor de* stohbgh. Manicamenlo di 
stomaco. Stomaco acetoso , fortore, 
ìncendito. 

CarCìr el STOMBOtt. Rimpinzare. Em- 
piere lo stomaco soverchiamente cou 
cibi e simili. Caricarsi, aggravarsi lo 
stomaco.' 

DebléZzà de stomegh. Freddezza di 
stomaco* Debolezza, poca attitudine a 
smaltire. 

Far Boif ST0BE6B. Farsi coraggio. 
Farsi cuore. Non la&iiciarti prendere 
da timore o da umano riguardo. 

Far stomegh. Fare stomaco, Com* 
muovere, perturbare Io stomaco. 
Mal de stomegh. Stomacaggine. Ri- 
voltamento di stomaico. 

Pifi.iEzzA DE stomegh. Replezioìu, Gra» 
videzza di stomaco. Soverchia abbon- 
danza di cibo. 

Pienezza db stomegh voécd. Sacra» 
tona, Sagratina. Fame di quella sa- 
grata. 

Sqcattàrs el stomegh. Spettorarsi. 
Scoprirsi il petto. 

Tgnir in t'el stomegh. Tener in 
C0//0. Non )ir tutto quello che si vor- 
rebbe e potrebbe dire, per pubblicarlo 
a suo tempo. 

VuDARS el stomegh. Spettorarsi. Sfo- 
gare il suo interno. 
rosCÀDA. 8. f. Pettata. Colpo dato col 

petto. 
TOMGAR. intr. Stomacare. V. Destomgar. 
TOMGARoéULA. s. f T. de' Bigonc. Guar- 
dapelto Arnese di legno, talvolta ar- 
mato di ferro, che si applica sul petto 
quando si adopera il trapano.' 
TOMGÀzz. 8. m. Stomacaccio. Pegg. di 
stomaco. Poppacce pegg. di poppe. 
roMGBÉR. s. m. Stomacuzzo. Piccolo 
stomaco. PoppeUine, piccole poppe. 
Stomghén. 8. m. T. delle Sart. Zinnale. 
Piccolo grembiale o pezzo di panno- 
lino o di altra materia che cuopre ilseno. 
roxGÒN. 8. ro* Stomacane. Grande sto- 
maco. Poppacce, grandi poppe. Pettone 
( Fior. ) gran petto. 
-ovGÓs add. m. Stomacoso, Stomaehe» 
vote. Che altera, commuove, perturba 
lo stomaco. Che fa stomacaggine. 



ST 



di5 



Stomgósa. add. ro. Pettoreggiata. Dicesi 
schcrz. di donna che ha grandi poppe. 

Stona add. m. Stonato. Uscito di tuono. 
Fig. Distratto^ turbato di mente. 

Sto^amént. s, m. T. de* Pitt. Sionio. 
V effetto dello stonare con colori poco 
armonizzanti tra loro. Stonamento, 
T. Mus., r uscir di tuono. 

Stonar, att. T. Mus. Stuonare, Stonare. 
Uscir di tuono. 

Stonaziòn. 8. f. T. Mus. Stonazióne. V. at- 
to di stooare. Stonata. 
Chi an sòn*na an stòn*na. Chi non 
fa non falla. Ciascheduo falla. 

Stop. V. Stòpp. 

Stòpa. 8. f. T. di Giuoc. Stoppa. Fare 
giocare a stoppa ecc. Dicesi quel 
giuoco fanciullesco nel quale uno de* 
giuocatori per volta si fa dare dal- 
r altro tanta argilla quanta gli basti 
per turare il vano formato dallo scop- 
pio nel foro di uno scoppietto (cioc- 
caroèula. ) 

Stopà. add. ro. Chiuso, Murato, Turato, 
Zaffato ecc. V. Stopnr. 

Stopabùs. 8. m. Stoppabuchi. Persona 
che non opera, e serve a riempire 
un vuoto rimasto a caso. Ripieno, 
Turabuchi. 

Servir de stopabcs. Servire per ri- 
pieno. 

Stopì^ì. 8. m. Tappo. Quel cilindro su- 
gherino con che si turano le bottìglie 
e cose simili. Dicesi Turaecio Tu- 
racciolo, tutto ciò che introduccsi 
nella bocca di un vaso per chiuderlo 
sia esso di cencio, di stoppa, di pa- 
glia, di legno, di cristallo, di me- 
tallo ecc. 

Cavar bl stopXj: Stoppare. 
Mettr el stopXj. Tappare. Chiudere 
con tappo. 

Stopaìétt, Stopaìoéul. 8. m. Turacciò- 
letto, Turacciolino. 

SToPAR.att. Turare, Riturare, Otturare, 
Zaffare. Chiudere con turacciolo o 
zaffo. 

Stopar. Fig. Solvere. Pagare un de- 
bito. 

SroPAR. att. T. di Giuoe. Disdire 
una giuocata. Non tenere il giuoco o 
la posta. If che si fa dal banco del 
lotto quando la posta è troppo forte, 



Digitized by 



Google 



916 



ST 



ì numeri sano troppo battuti, o sia 
giocali da motti. Tali numeri si di- 
cono iiàp o xlopàj e nelle pòliiae 
corrispondenti è stampato Chiusi, 

5^T0PAa IL cARPADi. Rinza/fare. Riem- 
piere le fessure con sloppa o simili. 

Stopar la barda. T dcgh* Squer. 
Apparellare. Unir insieme il madiere 
colla staminara. 

Stopar 'na fmàstra. T. de* Mur. Ae- 
eecare una fineilra. Murarla affinché 
non entri la luce. 

Stopar un foss. Rinterrare una fossa. 

Stopar un uss, *5a porta. Murare. 
Chiuder con muro. 
Stopars el nas. Intasarsi il naso per 

raffreddore. 
StopìC5a. s. f. T. de' Scarp. Corso per' 
lino. Marmo Veronese in lastre per 
incrostature e balialoj. 
Stoplén'na. s. f. Sloppellina. Stoppa più 
fine. 

StoplérVa d'lé.h. Cavatini. 
Stopp. add. m. Stoppalo, Turalo. Chiuso 
accecato come che sia. 

Stopp. add. ra. T. Idr. Accecato^ Di- 
cesi di un arco di ponte allorché é 
stato riempito dalle deposizioni in 
modo, che rimane sepolto nel greto o 
renajo. Parlandosi di strada o viot- 
tolo, Cteco. Che non ba riuscita. 
ST4ÌPPA. s. f* T. de' Canap. Sloppa, Ma- 
teria che si trae dopo il capecchio 
nel pettinar lino o cauapa. 

Stòppa pr*un fusìl. Stoppaccio e 
Sioppaccioto, Stoppa o carta, o borra 
che si mette nell* archibuso. 

MOcG DE STÒPPA. Batùffolo di stoppa. 
Viluppo di poche mansite di capecchio 
che gli Aretini chiamano, anche Gar- 
zone. 
Stoppàzi. 8 m. T. d^* Canap. Capecchio, 
Lisca. Quella materia legnosa che cade 
dal lino e da^a canapa, quando si 
maciulla, si pettina o si scòtola. Si 
dice Capecchio perché si cava dai due 
capi> e dicasi Scapecchiare il lino o 
la canapa, al trarne fuora il capecchio. 

Stqppàzz pri CANòff» T. Mil. Bocconi. 
Quelis\ quantità di fieno, sfilozze, motte 
di terra o consimile materia che si 
mette nelle bocche da fuoco, per pre- 
mere la carica. 



ST 

Stòppbi. s. m. pL T. di Vct. Cedi 
vaccina Sorta di scolo di matere 
puriformi dalle mammelle delle Tacchi. 

Stòppel. s. m. Lucignolo, Più fila d 
bambagia unite insieme che si mei- 
tono nella lucerna e nelle eaodek 
per appiccarvi il fuoco e far lume 
Dicesi Stoppino, quel ruotoielto d 
fila di bambagia a guisa di lucigooloi 
coperto di cera, per uso di iccende* 
lumi e di girar per la casa. Qudl 
fititti di midollo di giunca soa delii 
Stoppini perpetui. 

Stoppén. s. m. T. Mil. Cannello d'tll^ 
scamenlo. Tubetto cosi chiamato dala 
sua somiglianza col diavolino di rictL 
( stoppéu ) 

Stoppén. 6 m. T. de* Parr To/Jat* 
zoli, Diavolinil f Tose.) Bechi, [^' 
ncse ) Nodfilti, ( Lue. ) RololeUi ci- 
lindrici di bambagia cou anima di 
filo di ferro su cui si avvolgono i 
capelli per farli ricciare. 
Stoppén. s. m. T. de* Sclol. /Vji- 
nello. V. Fiorètl. 
Stoppén con el sòlfer. Zolfi!fiQ. Siap 
pino coperto di zolfo. 
Stoppén d'na piaga. Fibra, Fé' 
nienlo. Filo. Sostanza fibrosa o fili* 
mentosa che esce ira il marciume do- 
na piaga. 

Cagar i stoppén. Pagar il ftOt ^ 
scollo. Cacar le lische. Far la peni- 
tenza de' falli commessi. Seonisn ^ 
digerir i hupni bocconi^ Penar la viu 
dopo aver molto goduto. 
Dar la prima man ai stoppe». T. ^ 
Ccraj, Imporre. Immergere nella wn 
i stoppini che si voglion coprire di 
cera. 

Stoppia, s. f. T. d* Agr. Stoppie- « 
campo da cui si son falciate le M* 
Seccia dicesi lo strame rimastovi. 

Stoppinar, att. Mùnomettere le «»**• 
E prVcisamente bruciacchiare alcuop*^ 
co i lucignoli delle candele nuove op 
avviare il lume. Stoppinar^ sigoifij? 
dar fuoco collo stoppino. Alcuni di* 
cono Stoppinar anche per Smoecekrt' 

Stoppiòn. s. m T. Boi. SloppionL Pi»BJ» 
che nasce ne' prati sterili e w" 
quale si ottiene un color giall<^ ** 
Centaurea jacea Lina. 



Digitized by 



Google 



ST 

Stofpiòn. %. lù. T. Bot. Stoppione. 
Piaula erbacea annua sparsa per le 
strade, ma più spesso ne* luoghi in* 
colli e sterili spesso confuso col Cardo 
rosso (searzòD,) È il Cardui cri* 
spus di Liou. 

Stòppol. Y. Stòppel e Stoppèo. 

Stoppòs. add. m Sloppoio Che ba della 
stoppa, o è a guisa di sloppa. Par- 
landiosi d^ carnaggi dicasi Tirante, 
Tiglioso, Duro. « 

Stobàs. 8. ni. Storace calamita o in 
lagrime. La ragia che getne dallo 
Slyrax officinalis Linn. 
Stobìs del belzcén Storace del Bel- 
zaino. Ragia che slilla dalle incisioni 
falle nella scorta, dello Styrax ben- 
toin Dryand. 

Stoboèu. s f. T. d'Ornil. Tordo mag- 
giore. Tordella. Uccello deUa specie 
de* lordi, ma un poco maggiore. Il 
Tutdus major Linn. 
Stoboéla marén'na o gazzétta. T. 
d'Ornil. Tordella gazzina. Cesèna. 
Uccelletto di color caslugno scuro che 
abita le praterie, dello, da Linn. Tur- 
dus pitaris. 

Stobdì. 8. m. Stordito. Scimunito, ba- 
lordo, sbadato, inconsiderato. 
Stop.dì. add. m. Stordito,' Stupido, 
Sbalestrato. 

Stordir: alt. Stordire. Far rimanere at- 
tonito, sbalordito, sbalordire. «== In- 
tronare, assordare, offendere Tudito con 
graude strepilo, come fanno i tuoni. 

Stòrel. 8. m. T. d*Ornil. Stomo, Star' 
nello. Lo Sturnus vulgaris Linn. Uc- 
cello nericcio picchiettato di bigio, 
che >ola a schiere. 

Stórel. Per metaf. Gabbiano. ìiia* 
chfoue. 

Stòrel marén. T. d*Ornit. Storno ro' 

seo o marino. Il Tìtrdus róseus Linn. 

Uccelletto bellissimo, ma raro tra noi. 

Sbraj del stòrel. Isitare. (Spad. ) 

Pisitare. (Spad ) 

Storék. 8. m Stoino. Voce d'uso. Pic- 
cola stuoja da tener sotto i piedi fat- 
ta di giunco marino. 

Storéiv. 8. m. T. de' C^iciaj. Giuncaje. 
Siojni sui quali si mette a scolare il 
lette cagliato con cui si fanno le ginn- 
cal«. 



ST 



217 



Storia, s. f. Storia, Istoria. 

Storia lorga. Lungheria, LunghiC" 
ra, Scilotna. Racconto lungo e scipito. 

Storiéla. s. f. Storiella, Siorietta. Sto- 
riuzxa dimin. di Storia, ma per lo 
più in senso di fola , favola e sim. 

Stórna, s. f. Canzonatura. V. Sója. 

Stornì. add. m. Stornato. Frastornato, 
dissuaso., rimosso da un proposilo. 

Stornar, alt. Stornare. Dissuadere, fra- 
stornare* 

Stornéll. add. m. T. di Vet. Stornello. 
Mantello di cavallo di un grigio cupo, 
picchiettato di macchie più chiare e 
di DJccola dimensione. V. anche Gris 
tord. 

Stobnéll poma. T. di Vet. Pomellato. 
Aggiunto ^ d* uua specie di mantello 
del cavallo, detto Leardo. Leardo p^* 
moto. 

Stornì, add. m. Annodato, Frastornato, 
Infastidito. 

Stornimént. s. m. Rompicapo. Persona 
cosa che ne giunga molesta. 

Stornìr. alt.' Frastornare. Annojare, 
seccare, infastidire. 

StoRoèuL. s. m. Stoina. Piccola stuoja 

- per lo più ad uso di allevarvi su i 
bachi da seta. 

Storoìul da lbtt. Stuojetta. Pìccola 
stuoja che si pone al capezzale del 
letto perchè vi si adunino le cimici 
per ivi abbruciarle. 

Stòrpi, add. m. Storpio. V. Slrùppi. 

Stort. add. m. Storto. Torto, piegalo, 
divincolato. 

Stort in t*il cambi. Bilenco, S6i- 
lenco. Bilioso. Storto. 
Andar stort. Andar di sbieco. An- 
dare storto. 
Tdtt stort. Bistorto. Che ba tor- 
tezza varia e inoli iplice. 

Storta, s. f. Storta. Ìjo storcere, stor- 
cimento, e più comunemente si dice 
per Stravoltura o distorsione Tiolenia 
ed immediata de' tendini o de' lega- 
menti di articolazione, in conseguenza 
di una caduta, di uno sforzo, o di 
una percossa, qualche volta accompa- 
gnata da lussazione. La più frequente 
è quella del piede. 

Storta, s. f. T. di Farm. Bombola, 
Storta. Vaso di vetro col eolio torto 



Digitized by 



Google 



2IH 



ST 



che serve agli spciiali per la distiUa- 
ifìoiie. 
Storta, s. f. T. di Vet. Distrazione. 
Stiramento doloroso di parli sottopo- 
ste alla cute e vicine alle ossa, risul- 
tante dal forzalo allontanainento di -1 
un uiembro o di qualche porzione di 
esso. 
CiAPAR 'na storta. Slorccrsi una ma- 
no, un piede. In Firenze dicono Slra* 
coilare, 
Stortcoll s. m. T. d*OrniL Torcicollo. 

V. Collòrt. 
Stortòn. Bilia, V. Sahiòn. 
Stortgnòn. s. m. Bilenco, Sbilenco. Tor- 
to nelle gainhe. 
Stortiàr. alt. Storcere, Distorcere. 
Stòrzer. atl. Storcere, Torcere, Contor' 

cere. Piegare. 
Stoss. s. in. Trabalzo, Bilanciane. Urto 
o scossa violenta. Stoscio, Stroscio, 
colpo del cadimento. 
Stossa a. f. Botla, Percossa. Ammac- 
cai ura, sbaltimentOy ctmbotto, cimbot- 
tolo, stoscio. 
Stossa, s. f. Figurat. Rovescio. Di- 
sgrazia y caduta da alto in basso slato. 
Accidente infausto» sinistro. 
Stossà. add. m. Sciancato, Dilombalo, 
Rotto, Ammaccato, 
Stossà agg. Spiatellato, Pretto, Spu- 
lalo, Alanxato. Dicesi di chi parla un 
dialetto nel modo il più caricato e 
volgare ) o somiglia a pelo ad una 
persona. 
Stossar. alt. Sbattere, Dilombare, Fiac- 
care, Ammaccare, Trabalzare. 
Sto^èll. s ni. T. Furb. Cacio, For^ 

maggio. 
Stozz s. m Stozzo. Strumento] per stoz- 
zare. 
Stozz. s. ra. T. degli Oref. Stacca. 
Specie -di beccatello o mehsoletta che 
sporge in fuori dal mezzo del tavo- 
lello su cui lavorano i giojellieri e gli 
oreGci; e di cui si servono come di 
punto d* appoggio per fermarvi quelle 
cose che stanno lavorando. 1 Francesi 
io dicono rarefiti. 
Stozzar, att. Stozzare, Cioè fare il con- 
vesso ad un pezzo di metallo. 
STR\.vi4rfi> Tra, Stra. Particella che 
unita ad alcuni nomi o |verbi ha prò- 



ST 

prietA di accrescere l' idea eh* essi rap- 
presentano, come vedrassi oelle Tod 
seguenti alle quali va unita* 
Strà. V. Strada. 

Straàlt. add. m. Straalto. Alto più 
del solito. 

Straantigh* add. m. Traantico. Antichi»* 
sirao, 

Straìssà. add. m. Bastevolùsimo, 
Su/pcientissimo. 

Straballar, att. Areiballare, Ballare a 
stracca. * 

Strabaltamént. a. m.. T. degli Oriv. 
Stomo. Dicesi Stomo di caricatura 
rotta, il difetto di caricatura, e Storne 
di scajtpamento T eccesso della fona 
motrice trasmesso al regolatore. 

StrabaltXr. att. Vagliare più che mal 
Vagliare o crivellar più volte. V. Sal- 
tar. 
Strabaltàr atl. Tramutare. MuUr 
luogo, abitazione. In senso di Riòal- 
tare, V. Slràbuccàr. 

Stbabàlz s. m. AvKcntizio, Avveniticcio. 
Cosa sopragiunta di fuori, non appet- 
tata, non consueto. 
Straràlz. s. m. Rimbalzo. Il risaltare 
di qualsivoglia cosa^ che nel muoverti, 
trovando intoppo, rimbalzi e faccia 
moto diverso dalì* ordinario, allrim. 
Accollo. 

Strabìlz s. m. Caso, Accidente. In- 
contro o avvenimento fortuito. 

De strabàlz. Per caso. E dicesi di 
avvenimento inaspettato. 
Db strabìlz. Di rimbalzo. Diccsi dì 
moto. 

Esser in strabUz T. d* Arcb. Essere 
in accollo. Dicesi essere in accollo uè' 
pon|i quella parte delle piane che resu 
fuori de* correnti. 

Strabalzar.. V. Strabaltàr. 

StrabAll. add. m. Arcibelto , Trabellc. 

Straber add. m. Trabene. Arcibi*nissinio. 

STÉiBiifEDtE. att. Ribenedire. E detta 
achcrz. mandar con Dio. 

STRABftvBB. att. Strabere, Strabeviere. Bere 
smoderatamente. 

Strabiliar, att. Strabiliare, Strabilire. 
Fortemente maravigliarsi. 

Stràbòjbr. att Bollire a ricorsofo, a 
scroscio. Bollir forte, bollire assai. 
Strabòjer cl ZERTéLL. Esscrc pazi9 



Digitized by 



Google 



ST 

da eaiena o tredici mesi deH* anno, 
£&sere mallo spaccialo.' 
Strabòn. adii. m. Bonissimo. Strabuono. 
StrabrAtt. àdJ. ni. DruUitsimo, Defor- 

ujissifuo, Iralaid issi Ilio. 
Stribucca. s. f. Fig. PulenlcL 

Andar a la strabucca. Andar %op* 
picone. Andar male. 

Cri n' carga an stbabicca. €hì non 
fa non failg: oppure Chi fa falla, 
per dire che ognuno falla. 
Stbaboccar. Stravoltare , Stravolgere , 
Tracollare j Travolgere, Ribaltare, 
Arrovesciare. 

Straboccar la foiEHTk* Scodellare la 
polenta. 
Straboccar, Eìsergh la bùn'na pésa. 
Ti'aboecare, Sopr abbondare. Uscire 
dell* equilibrio per eiTilto di gravila. 
Strabuccars n. p. Sconlrappesarsi. L*aUo 
dell'andar giù la bilancia o del per- 
dere r equilibrio. 
StrIca. 8. f. T. Furb. Cavalcatura. 
Ragion strIca. Ragione' frivola, de* 
bùie, speciosa, fallace. 
Stracàoa. s. f. Stracca. Slraccamento. 
Stracadènt. s. m. Cantuccio. Biscotto a 
fclie di fior di farina con zucchero e 
chiara d'uovo, e forse più propria- 
mente Biandorliìta biscotta. 
Stracàn. s. ro. Rassetta. V. Àstracàn. 
Stracantòn. b.. m. iìomito. Angolo, Svolta 
di un corpo di fabbrica od altro. 
• Stracantòn. 8. m. T. de* CalzoI Rc' 
goletti. I quattro che sono agli angoli 
del deschetto. 
Stracantòn. s. m. T. de' Libr. Fre^t 
angolari. Lamina frugolare lavorata a 
ornati per indorare gli angoli de' libri. 
Stracantòn. s m. Asinelìi. I qna- 
drelletti di pelle che sono agli angoli 
del mantice. 
De stracantòn. Angolarmente. 
Stracàr. att. Straccare, Stancare. 

Stracàr. add. tu. Straccaro, Oltre- 
modo caro, carissimo. 

Stracàr il GAMBr. Disgambare. Pri- 
var dell'oso delle gambe per sta»* 
che^^ui. Spedare, straccare sommamente 
i piedi. 
Stracàregh. add- m. Straccarico, Tra- 
carro. Carichissimo, eccedentemente 
carico* 



ST 



319 



Stracattiv. add. m. Tracattivo. Molte 
cattivo. 

Strach. add. m. Stracco- Stanco, affati- 
cato, snervato, lasso. Stracche, di- 
consi le carni degli animati morti, 
allorché cominciano a puzzare.. 
Strach mort. Spossato, Infiacchito, 
Trafelato. Rifinito. 

Affar strach. Affaraceio. Cattivo af- 
fare. Affaruccio piccolo affare. 
Aver i pe strach. Essere spedato. 
Aver i piedi stanchi, affaticali. 
Mezz strach Stracchiccio, Stanchic 
ciò. Alquanto stracco, 

Strachén. s m Stracchino. Cacio noto. 
Aver magnì del strachén. Ussere 
stracco. 

Strachbzza. s. f. Stracchezza, Stanchezza. 
Lassezza 9 lassitudine. 

Straciar. add. m. Trachiaro? Di là da 
chiaro, chiarissimo. 

Stracoèuser. att. Stracuocere, Cuocere e 
più che cuocere. 

Stracolar. att. Gettar via. Dare o ven- 
dere le cose per manco che non va* 
gliono. 

Stracolar 'na fioèula. Affogare una 
fanciulla. Maritarla male. 

Stracóll. s. m. Tracollo. Caduta, rovina, 
disgrazia, rovescio, sinistro. 

Stracontént. add. m. Conieniissimo , Ar* 
cieoìUenlo. 

Stracòrrer. att. Stracorrere. Correr mol- 
to. V. anche Trascórrer. 

Stracòtt. 8. m. Stracotto. Carne di man- 
zo di vitello accomodala in casse- 
ruola e ben cotta. 

Stracòtt. Fig* inamoratissimo. In- 
namoralo fradicio. 
Stracòtt. add. m. Siracotto, Colto 
assaissimo. V. anche Fragn'. 

Stracrèder att. Aróicredere. Prestare 
pienissima fede. 

Str.vcùzz. add. m. Stracuccio, Strochic* 
ciò, Stanchiccio, Alquanto stracco. 

Strada b. f. Strada, Via. Ma via di- 
cesi ogni spazio che serva per andare 
da luogo a luogo, slrada è via desti- 
nata a tal uso dall'opera umana. Con- 
trada strada di luogo caseggiato, che 
mette ad altre strade. 
Strada Fig» Mudo, Maniera di far 
una cosa. 



Digitized by 



Google 



t^o 



ST 



Stbada. s. f. T. Mr. Cammino rf'u/- ., 
laggiù o Strada alzana. Sentiero di 
34 piedi di larghezza che si lascia 
sulle rive de' lìumi uavigabili pel pas- 
soggio de' eavdU che tirano su pel 
limile i navicelli. 

Stradì, s. f. T. de' Min. Cunicolo. 
La \ia che si fanpo i minatori nelle 
cave per trarne la miniera. 

Strada, s. f. T. Teatr. Strada. Cia- 
scun vano che si trova tra quinta e 
quinta sul palco scenico de' teatri. 
Fonie ptnsik, quetla specie di ponte 
e loggia sospesa alla soffitta sulla quale 
i macchinisti stanno, allorché debbono 
cambiare alcuna parte della scena. 

Strada dattioa. Strada battuta. Quel- 
la ove di contmuo passauo molte genti. 

Strada bòn na Via spedita e diritta. 

Strada coklnàla. Strada comtinria- 
Uva, Che ser\e ad un Comune. 

Strada da carr e da carrozzi. Strada 
earreggibUe, culessabile, cartozzàtHle. 

Strada d' ferr Via ferrata Strada 

{errata, ma non ferrovia che è voce 
bombarda. Ha: 

Cavicci .... Chioir^arde. 
Contraguidi. . • Controguide. 
Cussinèlt • • . Guancialini. 
Guidi. . • . • Guide, 
Imbarcadèro . . Caricatujo. 

Pont Ponti. 

Rodari .... Rotaje. 
Siaziòn* .... Fermala. 
Tajoèuli. • . . Biette. 
Ttrrapién ... . Terrapieno. 
Tra\ersi. * . . Tras;€rsiu^. 
Tuncl • . . . GoUeria. 

Srada dla resga. T. de' l«cgn. Interza, 
La. sbieculura alterna dei ilenti della 
sega. 

Strada dl'arzen. Strada arginale. 

ÌMol. ) La strada carreggiabile che si 
b sui ciglione degli argini. 

Strada d* roma-. Via lattea, Galunia, 
Quel tratto di cielo che la notte si 
vede biancheggiare, per essere semi- 
nato dì minutissime e quasi invisibili 
stelle senza numero. 

Strada giakàda. Strada soprastrala. 

Strada vostra. Strada maestra. Pus- 
seggiera, ( Frane. ) Sli^da principale. 

Strada morta. Strada moria, Non 



frequentata,. inospiia, solìngi, solita- 
ria, segreta. 

Strada postala. Strada postale. 
. Strada Pf«!i pdò.n. Strada pedonale. 

Strada rotta. Strada rotta ^ cioè 
guasta, impraticabile. 

Strada salgada. Strada impietrata. 
(Frane. ) selciata. 

Strada sottebranea. T Mil. Galleria, 
Cunicolo, Strada coperta. 

Strada tortuósa. Via girevole. {EàTt) 
Tortuosa, irregolare. 

Strada vsinAla. Strada vicinale. Che 
conduce ad alcune case particolari. 

Strada zo d'hìn. Strada fuor di 
mano. Che non è comoda ai vicinf 

AitDAR A LA strada. Ire alla strada. 
Porsi a far l'assassino da strada. 

Andar dritt per la so strada. Ais* 
sare a ditwègo. ( B. L, ) 

A^DAR FOÈCRA d' STRADA. Trowìarsi. 
(Bart..) „ Trasvialc lontani dalla ra- 
gione e dal véro. „ 

Andar per la strada dì carr. Andare 
per la pesta, per la battuta , colla 
corrente ,' colla comune. Seguitar To- 
so generale. 

A5DAR PER LA STRADA PC CORTA. Afl* 

dare per le scorciatoje. Andare per 
la via più corta. E si dice anche nd 
senso figurato. 

Andar zo d' strada. Sviare, Sviarsi 
Uscir di via. Uscir di squadra, usar 
dei termini, 

An lassar la strada veccia per u 
NOÉuvA. Chi lascia la via vecchia per 
la nuova, spesse volte ingannato si 
ritrova. 

Busi dla «strada. Fitte, Fanghi. Così 
trovo ne' Bandi Lcop. „ Si rimedi 
alte fitte, fanghi, e rovine delle stra- 
de. „ 

ComdXr la. strada. Rassettarla. (B L.) 

Da cla strada. Contemporaneamente. 

Dar la strada alu rèsga Alficciare 
la sega. Torcerne i denti colla liccta- 
juola: farle la sterza: 

Esser in t' na strada. 4f«er per le 
fratte. Essere in mal termilDe per po- 
vertà. 

Fallar stRADA. Forviare, Uscir di 
strada. Essere fuori di strada. E sì 
dice anche dell'essere in errore. 



Digitized by 



Google 



ST 

Far u strada. Mettere per la itrada. 
Indirizzare alcuno a Uv cbecbessia. 
=^ Dare adito, fare aperlurn, por- 
gere opporluoilà. Lastricare ad udo 
la via. 

Far PREST LA 8TRADA. Spacciare il 
cammino ( D. L. ) 

Incòntbr d* ha strada. . Bivio dieesi 
r iocontro di due strade, Trivio quello 
di tre, Quadrivio qui^llo di quattro, 
Crocicchio quello di varie in genere. 
Imsgkar la strada. Mostrare il cam- 
mino 

iKSGifAR u STRADA» Fig. McUerc in 
via. Mostrar il modo di Tar checchessia. 
Metter vo« iht' na strada. Pian- 
tare, Mettere a sedere. Accomiatare^ 
Scacciare. Levare gli asseguameult. 
RuPAR LA STRADA^ Sgrottare la strada. 
Far scoscendere la terra che ne forma 
]a banchina. 

Salgàr la strada. Impietrarla. ( Fr. ) 
SiT SBiiZA strada. Luogi» ifwio. (Spad.) 
Soprastant dla strada* Agenti di 
strada. ( B. L ) 

Strénzbr la strada. Stremarla, ri* 
stremarla. ( Mol ) ( B. L.) 
Tajar Là strada. Chiudere il t^am- 
mino Attraversare la carriera ad uno. 
ToBOR su LA strada. Pigliar V ambio. 
Stradàl. s. in. Stradario; Itinerario. 
Fogfio in cui sono accennate le strade 
da farsi da un viaggiatore, i luoghi 
di fermata ecc. In altro sigoif. V. 
Strada. 
Stradaroèul. 6. ro. Mastra di strade. 
Colui che soprintende alle strade. Mae- 
slru. Stradino. \. Canionèr. 
Staadàzza» 8. f. Grande strada. Ma po- 
co agevole e praticabile Stradacela. 
Stradàll, Stiadén'na. Stradello, Stra- 
della, Str adetta, Stradicciuola. Pic- 
cola strada: viottolo-, viuzza, tragitto. 
Stbadìii. att. Ridire. Tornar a dire. = 

GUef ho detto e ridetto. ( Nelli ) 
f^TAAiNVòT. add. ro.. Arcidevoto. 
Stràdlètt. s. m. Cattare. (Tomm. ) Quel- 
la slradetta che dalla via comune mette 
, aUa casa, ali'iija, al podere ecc. 
^TiiADOLZ. add. ffl. Dolcissimo. Superla* 

livo di Dólce. 
^TRADOMi. add. m Domatissimo. 
Stradòn. s. in. Stradone. Strada grande, 



ST 



2it 



e per h> più sì dice di quella che è 
io mezzo a larghi viali. 

Stradona. add. m. Tradonato? PiO che 
donato. 

Stradonzén, StRAooifzèTT, Stradoi^zéll. 
s. ro. Viale. Stradone o strada diritta 
e lunga fra alberi dall' «ma frarle e 
dair altra, ombrosa, {)i»na e grata al 
passeggio. I Pisiojesi la dicon Redola. 

Stradòppi. add. m. Stradtppio^ 

StradotU. s. m. Beni straddotali. Sep* 
pradute, parafcrna. Ciò che ha la oio- 
glie al di sopra della dote e che del- 
la dote non fa parte. 

Stradùr. add. m. Arciduro. Durissimo. 

StbafalXrì. s. ro. Cervello balzano, cioè 
uomo stravagante, strampMaio. Dicesi 
anche ad un viluppo di bagalelle 
Sferre, Ciarpe e Siro. 

Strafar att. Strafare. Fare più che doa 
conviene. 

£l sgnòr lassa far ma riga strafar. 
Domeneddio non paga il sabaio. 

Strafàtt add. m. Tra fatto. Strafatto. 
E si dice anelli delir frutta. Biade e 
simili, che per troppa maturiti si g«a- 
stino, od abbiano perduto il sapore. 

Strafén. add. m. Strofino, Pinùsimo. 
Ma vnlé anche Traperfetto. 

Straférei. add. Rfi. Traferjno. Fermissi* 
mo. 

Strafognàr. alt. Mantrugiare. Aggravi* 
gliare, aHucignolare, gualclfe,- Rpie« 
• gazzare, rincigoare. V. Stru£gnar« 

Strafòr. s. m. Lavoro di cavo. Que' J»» 
vori straforati the te doone Irodo sul 
pannolino. 

StrafOr. s. m. T. de' Fab. di Carte. 
Stampo. Carta traforata che serve |ier 
colorir le figure ddlc carte da giuoco: 
e dicesi anclie di ógni ahra cosa che 
serva a simil uso. 

Straforar, att. Traforare. Far trafori. 
Siro forare , forwe fuor fuora, da una 
banda ali* altra. Lavorar di straforo. 

Straporzén. s. ro* Merlino, Sferrino. 
V. Sforzén. 

Stbafusaria. s. f. T. Bot. Sirafusaria^ 
Erba da pidocchi , Tosano. Genere 
di pianta die cresce ne* luoghi sab- 
biosi e maritifoi, e da noi conoseiulR 
per qualche pianta rhe si coltiva ne' 
giardini, e per Ja proprietR che hanno 



Digitized by 



Google 



S22 



ST 



i suoi semi polverizzali di far moi*ìre 
gli inselli schifosi del capo. È il Del- 
pìitniuin Hruphyw(iria di LinD. 
Stragi A. s. f. Strage, Macello; ma strage 
è loeiìo di macello che è carnìficina 
orribile per Jo più di uomini. Ester- 
minio vale dispersione o distruzione 
d'uomini falla dall'uomo, dal caso/ 
dàlia nalura. 

Far strigi a. Esterminare. C dicesi 
d' uomini Far sciupo, dicesi delle cose. 
Stragiudizùl. add. m. T. Por. Estro- 
giudiciale. Dicesi di scriltura auten- 
tica, ma non esppsta agli occhi del 
giudice. 
StragiCst. add. m. Giustissimo. Più che 
giusto. 

Stragiùst. add. m. Raeconciatissimo, 
Benissimo racooncio. 
Stragiustar, alt. Raggiustar bene. Rag' 

giusiar più volte; e con gran cura. 
Stragoder, alt. Stragodere. Godere e più 

che godere. 
Stragòn. 8. m. T. Boi. Targane, Erba 
anisa. Dragone, Dragoncello. Erba 
odorifera di sapore acuto e di foglie 
simili al lino. Coltivasi negli orti per 
le insalate, e per infonderla nell'a- 
ceto onde aromatizzarlo. È V Arte- 
mista dracuneulus, Linn. 
Stragonfiàr. alt. Stragonfiare. Gonfiare 

e più che gonfiare.' 
Stragrànd. add. m* Stragrande* Smisu* 

rato, sfoggiato, sterminato. 
Straguard. 8. m. Traguardo. Règolo a 
due mire- per le quali passa il raggio 
visivo della livella. 
Straguardar, ali. Traguardare. Livellare 

col traguardo. 
Straintender. atl. Frantendere, Trandi' 
re. Trasentire. Intendere, udire il 
contrario di quel che si è detto. . 
Strajàda. T. di Cari. Sputata, Lo span- 
dimento del liquido * pesto che si fa 
nel levar la forma dal tino. 
Strajàr. atl Spargere, Versare, Span^ 
deve, e dices» de* liquori, ma pro- 
priamente si spargono le lagrime, si 
versa un liquore in un vaso o da un 
vaso, si spande da un punto sopra 
grande spatio facendo scorrere o di- 
laiare. Sparpagliare; spargere in qua 
e in là senz'ordine. 



ST 

Stralf.ccA. add. m. Leccato e titeeeato. 

StraleccXr. alt. Rileccare. Leccare e ri- 
. leccare. 

Stralètt. add. m. Straletlo. RiletU più 
volle. 

Stralézer. alt. Rileggere. Leggere più 
volle. 

STiiALONGn add.m. Tralungo, Stralungo. 

Straluni, «dd. ni. Acciglialo, Accipi- 
gliato, Paturnioso. 

Stralunar, alt. Stralunare. Stravolgere 
in qua e in là gli occhi aperti il più 
che si può. Strabuzzare, torcere. 

Stràn. -i. m. Té d'Agr. Seccia. Quella 
paglia che rimane nel campo Attaccau 
alle barbe dopo la mietitura. Strame 
dicesi ogni erba secca che si dà in 
cibo serve di letto alle bestie. Stoppia 
vale lo stesso che seccia , ma pare io- 
'dichi meglio il campo ov'è la seccia. 
V. Stóppia. 

Stram. T. Furb. Barba. 
Stram da par létt. T. d'Agr. Let- 
tiera. Quello strame che si pone per 
far letto alle bestie. 

Stramadùr. add. m. Stramaturo. Stra- 
fatto. 

StramXzz. 8. m. Stramazzata, Sdrajata. 
Cnduin in terra. 

Stramàzz. s. m. T. di Giuoc. Sira- 
mazzetto. ( Vore d' uso ) Dicesi quan- 
do al giuoco d^lta Calabresetla ( ter- 
sili ) una delle parti non arriva a 
fare il punto. 

Stramazzòn. s. m. Stramazzone, Siro* 
mazzata. L'atto dello stramaxiare, o 
cader in terra. Cimbottò, Cimbottoh. 

StrahblarIa, StramblitX. 8. if Stampa- 
laterìa. Cipollata. Castroneria, sdtr- 
pelleiia, balordaggine, spropositODe. 
Sgarbatezza, Sgraziataggine, Stram- 
beria, atto villano o sgarbato. Moatmo* 
sa pazzia. 

Stramblòn! s. m. A\^Qentato. Che proce- 
de nelle sue azioni precipitosamente, 
senia considerazione. Spar\^ierato co- 
lui che va con velocità e inconsidera- 
tamente. Sbalestrato, chi (a le cote 
senza attenzióne e senza proposito. 

Strambocc*. 8. m. Farfallone, Stradi- 
ciane. Scerpellone. Sproposito od er- 
rore commesso per lo più nel parlare 
nello scrivere. Spropositone. 



Digitized by 



Google 



ST 

StrIvbol. add. m. Bislacco, Stravagante, 
Che noo gli si uvviciic mai a fui* nulla 
con garbo. 

Stbamézà s. f. Tramezza, Tramezzo 
Ciò che tra l'una cosa e 1* alliba è 
posto per dividere, scompartire o di- 
stinguere. 

- STRAMèZA D* ASSI. A$8Ìto. Tramezzo di 
assi commesso insieme,. fatto alle stanze 
in cambio di muro. 
STRÀMèZÀ D*CAifÉTTi. Tramezza di 
canne. Canne che pongonsi per fra- 
mezzi delle povere case in vece di 
soprammattone. 

Straméza d* corr* Soprammattone, Mu- 
ro fatto di semplici mattoni. 

Stramortì, àdd. m. Tramortito. Privo 
di sensi. 

Stramortir, intr. Tramortire. Smarrire 
gli spiriti. .Venir meno. 

StrampaU. add. m. Strampalato. Strano 
Biravaganle; in altro signif. Smisurato, 
Stempiato, Disordinato. 

StramzIr att. Stramezzare. Frameizare, 
interporre, mettere tramezzo. 
StramzIr el vén. Tramischiare. Mi- 
schiare il vino con acqua o altro li- 
quore. 

Stranétt. add. m. Tranetto. Nettissimo. 

Strangojòii. s, ni. T. di Vet. Strangu' 
glione, Strangoglioni, Angina del ca- 
vallo e più propr. del puledro, della 
quale raramente sono afflitti gli altri 
quadrupedi. Dottr. Adenite equina. 

Strangola, add. {n« Strangolato, Stroz- 
zato, Aorcato. 

StrangolIr att. Strangolare, Strozzare, 
Aorcare, Strangolare coli' arrandellare 
ìina fune al collo. 

Strangolar *iia pioèula. Affogare w 
na fanciulla. Maritarla male. 

StrakgossIr. att. Strangosciare, Tram- 
basciare. E scherz. Éolseggiare, 

Strahi. s. m. Forestiere. E più propria- 
mente Estraneo. 

Strahiàr. att. Arrabbiare, Stizzirsi. Stiac- 
ciar come un picchio: darsi ai cani: 
fremer d'ira e di cruccio, darsi al 
diavolo, rodersi di rabbia. Stranieg- 
giare. Bistrattare. Usar stranezze. 

Straniìm- 8* f- Acconciatura a gala. 
Foggia di aocoDoiatura da capo fem- 
mtnioo« 



ST 225 

STRAifir.HER adJ. ui Tranero. Ncrissimo. 

Stranóh. s. m. Soprannome. Terzo no- 
me che si dà ad alcuno, prendendolo 
dai difetti personali suoi, o dal paese 
ov'ò nulo, o da altro. 

Stranomàr. alt. Sùprannomare. Ap)lìcare 
il soprannome, Cavar di nome. Dir 
nòmucci e villanie 

Stransgnìr o Stransìr. Aggrovigliarsi, 
Bilorcersi, BaggHnzarsi. Raggric- 
chiarsi, aggranchiarsi, ritorcersi. 
Stransìr il pitànzi. Arrabbiare. Si 
dice delle vivaude quando sono cotte 
in fretta e con troppo fuoco. 

Strantbndcr. intr. Franlcndere. Inten- 
dere a rovescio. Traudire. 

Stranùd. att. Starnuto. Stranuto, ster- 
nuto. 

Stranudàoa. s. f. Sternutazione. Starnu- 
ta mento» 

Stranudàr. att. Stemutire- Stranutare, 
starnutare. Tirare sternuti 

Stranudilia. 8. f. T. Bot. Slranutiglia , 
Sabàtiglia, Sabadiglia. Pianticella il 
cui seme polverizzato promuove forti 
e reiterati sternuti, e serve |)ure ad 
uccidere gli insetti che s* annidano 
ne' capelli. Èil Veratrum sabadilia L. 

Straoroinari. s. m. Straordinario. V. 
Strasòrden e Strasordyiari. 

Strafa, add. m. Strappato, Schiantato, 
Svelto. Slaccato con violenza. 

Strapacifich. add. m. Trapacifico. Tatto 
pace. 

Strapaga, add m. Strapagato. Soprap- 
pagato, oitrapagato, trapagato. 

Strapagar, alt. Strapagare, Soprapaga- 
re. Pagare oltre al conveniente. 01- 
trapagare, sopracomperare. 

STRAPÀft. att. Strappare, Schiantpre, 

Arrappare. Levar via con violenza. 
'Straparlar, att. Straparlare. Parlar trop- 
po, e male. Parlare a rotta. 

Strafàzz. s. m. Disordini, Poca cura» 
(Pezz.) Uso disordinato della vita o 
delle cose. Strapazzo, vale scherno, 
strazio. 
Da strapàzz. Da strapazzo. Di poco 
pregio, da non meritare riguardi. 

Far di strapàzz. Aversi poca cura. 
Disordinare. ( Pezz. ) 

Strapazzìda. s. r. Rabbuffò. Risciacquata, 
1) rimprovero. 



Digitized by 



Google 



tti 



st 



StrapazzIr. alt. Strapazzare. Maliraita* 
re, BièìratCare. Dir parole coniumelipsc 
ad uno. 

Strapazzar 'na bestia. Slrapazzetre 
un eai?aUo o simili, ailulicarlo senza 
discrezione. • * 

Strapazzar cn lavOr. Strapazzare 
il lavoro. Operare ineonsidcratamenCc 
o fare alcuna cosa a strapazzo. 

StrapazzXres, n. p. Ingiuriarsi, Vili- 
pendersi. Garrire di conlunielie. Sira- 
puzzarsi la <u/ti/«>farnialuso della vit9. 

Strapazzò^, s. m. Sciupone. Trascuralo, 
strapazzoso, dissipone, ciarpiere. 

Strap^n'na. s. f. Sgualdrina, Stradina. 
Donna di mal affiire. 

STRAPBfisÀR. alt Trapensare. Ripensare 
inieosamente. 

STRAPtoDSR. att. Straperdere. Perdere 
assaissimo. 

STRAPBRFèrr. add. m. Traper fello. Per- 
fettissimo. 

StrapiI. add. m. Accesissimo. 

Strapiamtàr. alt. Traspiantare. Cavar la 
pianta da un luogo e piantarla in un 
alti*ò. Slrapiantare, trapiantare. 

Strapiasér. intr. Piacere al sommo, 

Strapiccàr. intr. Traboccare, Uscir di 
equilibrio o per propria gravite, o 
per altrui spinta* 

Strapiccén. add. m. Trapiecolo. Picco* 
lissimo. 

STRAPiéN. add.. m* Sovrappieno. 

Strapioéuver. att. Strapiovere. Slraboc- 
che voi mente piovere. 

Strapiombìr. alt. Uscir di piombo. Uscir 
di perpendicolo. 

Strapòn t. m. Strappo, Strambello. La 
parte pendente della cosa frappata, 
e il vano dello schianto. 
Strapòn. a. m. T. d'Equit. Sbrigliata, 
Irineiala o Strappata di briglia. Gol-- 
pò violento di briglia che si dà im- 
provvisamente al cavallo perchè si 
fermi devii dal cammino. Seapez- 
zonata* 

Straport. Trasporto. V. TrasporU 

StrìtportIr. V. Trasportar. 

Stràpp, Strapòn. s. m. Strappata, Strat- 
ta. Colpo che si dà per levar con 
violenza una cosa. 

Stra^p ft' coRiu. Suram di corda^ 
StrappeOsk 



ST 

SfRAPP DA FAR LA riòCA. ShoUHmi 
- V. Foèti. 
Strapregar, att. Strapregare. Pregire 

caldissimamente. 
StraPromètter. alt. Àrcipromelterchfh 

meticre reiteratamente. 
Strarìcch. add. m. Straricco. Trarìoco, 

ricchissimo. 
STRjfRòss. add. m. Trarosso- lotensi* 

mente rosso. 
Strasàra STR.\zéRA. V. ConU Striitk, 

Seminella. V. Semoèll. 
Strasavér. att. Strasapere, Trasejnn, 

Sapere a soprabbouitanu. 
StrasbatdOri s. f T. di Goalcb. thit- 

relle Mancamenti j quali si onerviM 

nei panni che non sono tessuti o eoi* 

poggiati uniformi. 
Strasecolar, att. TVaseeo/are. Oltremo- 

do maravigliarsi, stupirsi. Subbillare. 
StrasentIr. att. Riudire. Udire diiin* 

mente è ripetutamente. StrateiUin, 

vaie sentir vivamente. 
Strasfór..V. Strafòp. 
Strasguard. 8. ra LiveUa, Tro^uoriO' 

Strumento col quale ai traguardi e 

si aggiustano i lavori allo stesso piano* 
Strasòra 8. f. Straora, Fuor élm» 

Traora. Ora che è fuor dell' ordine, 

del consueto. Oro pazna, cioè iy- 

dissima alla sera, o troppo maituiiu)* 
Strasòroen 8. m. ' Trasordine. Cosa die 

esce dell'ordinario. Disordine. 
Strasoidinàri. add. ro. TrasoriiMrio, 

Strqordtnariò. 
Strassén d* na vesta Ètrascieo V. Co»»- 
StrassikIr att. Strùsci^lare. Tr«KÌoare, 

strascicare. 

Stra^sinàr. att. Malmenare, Spreca- 
re, Sciupare. Rovinar checchessia 
Strassinares. n. p. Ruticarsi* Muo«rs 

a alento. 
Strassinàzz. 8*. ra. T. d'Agr. S/réic«n» 

L'erpice fatto di sterpi e di fascioe« 

che serve a sminuzzare il concio àtt 

6i dà ai prati. 
Strassinàzz s. ra. T. de' Cacc. !>«'*• 

CIO. V. S ciaròn. 
STRAasiNÀte. 8. m. T. de'Pcic-*^ 

scino. Sorta di giacchio aperto |^ 
. pescare. 

STAAUaiNiW BEI. FILATOI. •Sl''**^ 

Archi di legno dello stesso rsHi^^ ^ 



Digitized by 



Google 



ST 

▼alico, verso la loro metà imperniati 
orixzontalmeDte ael biforcamcnto di 
ciascao forcone. 

Strassinòn. 8. ui. Seiupalorej Oistipo' 
tare, SbratiOìW. 

STaASVBNÀB. atl. Sirovenarii. Uscir fuor 
delle Tene 

StrIt. 8. m. Sirato. Disposizione in piano 
disile varie «ose sovrapposte, e parti- 
colarmente delle diverse cose che ca* 
▼andò si trovano nelle viscer^ della 
terra. 

• Stràt. s. m. T. degli Addohb. Col' 
ire. Panno o drappo nero con cui 
si usa coprire la bara nel portare i 
morti alla chiesa. 

Strìt d* corda. Traiio di corda. Pena 
ehe un tempo si. dava a' rei. Strap- 
pala. V. Slrap. . 

Pam STRÀT T. ' de* Scult. Tramez- 
xuolo 11 primo filare del marmo nelle 
cave. 

STBATAaéiA. s. m. Siraiùgemmm» Astuzia, 
inganno 

Stbavacà. add. ro Sdrqjaio, Sdraione. 
Stravacà. add. m. T. degli Stamp. 
Siravacaio. SI dice dei caratteri quan- 
do la pagina vien torta per non es- 
sere stata bene addirizzata e legata. 

Stra VACAR, att. Sdrajarey Coricare^ E 
in altro signif. Dar la balia. Rove- 
sciare. 

Stravacarbs. n. p. Appanciollaréh Incar* 
rotzarsi. Adagiarsi pomposamente' e 
liberamente. 

Stravacàrs. n. p. 'T. de' Tip. Sirava- 
earsi' Storcersi la pagina per non es- 
aere stata ben iegnta. 
Stravacàrs un leor. Biòaliani* Dar 
la volta un calesse, un carro e sim. 

Stravagant. s. m. Detto d*uonio, si- 
gnifica Bisbetico, Fantastico, Urna- 
ristico; di cose Siravaganie, cioè fuor 
del comune. 

STR4VAaA:«ZA. s. f. Stravaganza, Pania» 
siicheria. 

StravXs. 8.r m. Stravasamenio. Uscita 
degli umori dal corpo fuor de* 4oro 
vasi. 

Stratasìr. att. Travasare. Far passare 
il liquore o altra cosa da uno ad al- 
tro vaso. V. Travasar. 

Stravscc*. add. m. Traantieo, Travecehio. 



ST 



935 



. Vecchio, antico assai, e, parlando ili 
persona, Decrepito. 

Straveder, att. Travedere. Vedere una 
cosa per un'altra. 
Far straveder. Far maravigliare, o 
strabiliare, o sbalordire: Fare uscir 
dal tnanieo. Stravedere vuol dire Ve- 
dere ossai. 

Stravént. s. m. Nodo, Gruppo o Folata 
di vento. Buffo, turbo, turbine, tur- 
binìo. 

Stravért. add. m. Spalancato. Aperto 
quanto può mai esserlo. E molte volte 
lo diclamo ancbe per Socchiuso. 

Straviv. add. m. Vìpo vivo. Vivissimo» 

Stravizi, s. m. Stravizio, Crapula. Ma 
il primo è trascorso, e vizio l'altro. 

Straviziar, att. Stravi%%are, Straviziare. 

Stravòlt. add. m. Stravolto, Stravoltalo* 
Per turbato, cruccioso. 

Staavoltàr. att Sconvolgere, Travol» 
gere. Rovigliare, rovistare* 

StrazJLra, V. Semnèll. 

Stràzi, s. m. Strazio. E si dice anche 
per Scherno. 

Far stràzi. Fare strazio. Stradare. 
Maltrattare,* bistrattare, malmenare, 
strapagare* 

Strazigàr. intr. Smagliare. Rispiendere, 
brillare, e quasi scintillare. E si dice 
di colori, di gioje, delle steHe e si- 
mili. „ Egli è un aereo che smaglia. „ 
(Pan.) 

Struiòn. V. Estrasiòn. 

D' RASSA STRAZiòN. Di bossa migine. 
Di poveri natali. 

Strazs. 8. m. Ceneto. Propriamente strac- 
cio di panno lino o lane, consumato 
e stracciato. Cenciaccio pegg. Ceneet» 
io, cencerello, siracectto dimin. 
Stra^z. 8. m. Sfèrre. Vestimenti con- 
sumati, dimessi. Cose inutili. Ciarpe, 
Ciarpacce. Robe vili o vecchie, Baz^ 
xecole. Ciabatteria, Bazzicatura. Co- 
se di poco, conto. 

Strazi* s. m. Strappo. Laceraziene 
o rottura di panni e sim.' 
Stsazz. s. m. T. de' Stovtgl. Gnan- 
cialino. Viluppctto di cencio o d* al- 
tro che serve per tener il filo alle 
due estreuùtà. 

Strabz da fbrgar zo. Canavaccio. 
Cencio da strofinare. 

iìi 



Digitized by 



Google 



336 



ST 



Stìiazz da layar zo. Sirofinaccio 
Strofioàcciolo* 

Strazz da l'or. T. de* Libr. Strofi* 
nacciolino. Piccolo .strofinaccio col qua* 
lo si levaDo gli avanzi delle foghe 
d'oro sui libri dorali. 

StaXzz da spazzar el cul. Assa. 
Cencio con cui si forbisce il sedere. 
Forbitojo. . 

StrXzz da svojar. SlrUeiatòjo, Tri- 
tolo. Quel cencio lano pel quale fan 
passare il filo dell* accia le donne per 
dipanare. V. Slribbia. 

STRJkzz da ZBRAiR. T* di Cari. Cenci 
in sorte. Cenci d* ogni sorta e d' ogni 
colore da separare. 

Strìzz d* pranza d*parÌgi. T. de' 
Gic(j. brillo. Composizione che imita 
il diamante e detta Stras dal nome 
del suo inventore. 

EssERGH pr'i stràzz. Euere per le 
fratte, £$$ere per la mala. Essere ro* 
vinato. 

I STRlZZ j' én QOi OH* VAN SEMPER AL- 
L' ARIA. / cenct gli stracci vanno 
alt aria. Le mosche si posano sem' 
pre adesso ai cadili magri. I poveri 
sono sempre i disgraziali, gli oppressi. 

Muce DB STRÀZZ. Cenciame e scherz. 
Monte di miserie umane. 

On DE STRÀZZ. Uomo di paglia. Sba- 
lorditOy insensato. 

Parer de stràzz. Ifon potere portar 
te polizze. Essere debole,- spossato. 

Rugar in t' i stràzz. Frugare indos- 
so. E fig. Rivedere il pelo. 

Star in t* I so stràzz. Star ne suot 
cenci, ne suot panni. Cuocersi nel 
9U0 brodo. Badare a se. ^ 

ToÈORS FOÉORA d' IN T* I STRÀZZ. I7sCtr 

di cenci. Di povero farsi agiato. 

Un STRÀZZ. Una miseria. Per esem- 
pio: 

Pr' un stràzz d' oisnàr; Pr' un stràzz 
d'un impiégh. Per la miseria di un 
pran:iO, Per la miseria d' un impiego. 
Strazza, s. f. Straccio Niente, cica, nul- 
la, un'acca, un bel niente, brano, 
brandello, buccicala, biracchio. Non 
ne sapere straccio. Non valere uno 
straccio. 

Strazza d's^a. Stracci di -seta. La 
seta de' bozzoli stracciata in peui nel 



ST 

filarla, che poi si straccia col petMaee 
se ne fa del filaticcio di palla. 
Alla pu strazza. Alla fin firn, Ms 
fin de* conti. 

A LONGH tirar la CORDA SI STIàZU. 

// soperchio rompe il coperchio, Qà 
troppQ tira la corda si strappa, Ck 
per troppo tirar l' arco si spesta. 

A N* El n' IIPORTA *NA STRAZZA, 'R^ MI- 

stiaMcàda. Me ne incaeo. Non oie oe 
cale« non me ne imporla né poco oè 
punto. 

Strazza, add. m. C^ietoso. StracctUo, 
mal in arnese dì pannL Con abiti rot- 
ti squarciati. 

Strazzàda. 8. f. Cenciata. Colpo di ceodo. 

Strazzadòr. b. m. Stracciatiojo: Staoa 
nelle cartiere do vcl si tagliano gli strM- 
-ci. Stracciatore, colui che collo ltn^ 
ciatojo taglia i cenci* V. Strazs&r. 

Strazzadura. t. f. Stracciatura, Sirs^ 
ciò. Squarcio. Buca o rottura che ri- 
mane nella cosa stracciau. Squaràs' 
la. Stracciata. L'atto dello su*8ccitre. 

Strazzàr ch'càta su I STRÀZZ. Cencittiti^ 
io, Abbarattaéenci.' Colui che ya io 
giro raccogliendo e comprando i eco* 
ci. Cenciajo, lanciajo, ferravecchi. <=» 
I nostri cenciajcioli sogliono gridar per 
le vie. 

L'È CHI EL strazzàr! ts ChI c'UEt 

FERR vEcc'? = Chi g'ha bl lottùh 
ròtt? = Chi g' ha ola pènna da pèr- 
der? == Chi g' ha il scarpi ^èca w 
vénder? = Chi g'ha del veder aOnJ 
Ferravecchi, Ferraveccf^i. Bfvi e«w* 
roiMi vecchia Donne, non jfi^ 
addosso scarpettacce, o vetriuoli Co- 
si ne' canti carnescialescbl 

Strazzàr. s. m. T. di Cart. SlraceiS' 
torci Stracciatora. Uomo o doooa die 
nelle cartiere stracci o ta^Ii i ^ 
collo stracciatojo o falce hssata sei» 
panchina. V. Strazzadòr. 

Strazzàr. att. Stracciare. Lacerare 
sbrandellare , strappare , sbranare) 
sbrancare. ^ 

Strazzàr bl biliétt. T. del G. J« 
Lotto. Intaccare il ^^'^^"^^"T^ 
piccola lacerazione che il preodiW^ 
del lotto fa sul riscontro in ajPj^ 
d'aver consegnato al giuocatorc u ?•* 
gherò stampato. . 



Digitized by 



Google 



ST 

SraAnàB bl fél. T. de' Capo. Sirap'^ 
pare ti pelo. Levarlo dalla pelle ilrap- 
pandolo. 

STtAZEÀB LA wMÉMk. T. de' CaDap. 
Slraeeiart la manata. Troncare col 
graffio o peUine le manate di canapa 
nella lunghena ? oluu per un gannelo. 
SraiZzÀR vu. Sterpare, Divellere. 
Sbrajài che un STRAZziR. Gridare a 
$e$ta. Gridare quanlo $e n' ha nella 
gola. Gridare assai forte. 

StrazzarU. a. f. Ceneiaja, Ceneeria, ma 
eeneiaja vai cosa vile, come cencio o 
massa di cenci; ceneeria vai massa di 
cenci portati per vestito. 
Strazzarìa. s. f. Fig. Ciarpa, Cosa di 
nino pregio o valore, altrim. Miseria. 

Strazzìtt. s. m. Ceneerello. Piecolo cen- 
cio, Abitueeio, Veetitueeio, YetHUllo, 
awilitivo di abito o veste. 

Straeziglia. s. f. Straeciona. Donna la* 
cera. V. Stranòn'na. 

SnuzzwRcJL ( A ). il bonisèimo mercato, 
A premo baeeiuimo. 

Strazzòn. s. m. Sbrandolo, Strappo. La- 
cerazione subiu e violenu di una par- 
te del vestimento che s'impigli in 
chiodo, sterpo, od altro simile. 
Strazzòn. s. m. Straccione, Cencioso. 
Coperto di cenci; e dieesi d'uomo. 
Strazzòn. Fig. Sbircio per abbietto, 
vile, miserabile. 

StrazzònVa. 8. U Straeciona, Cenciosa, 
e, se si parli di mala donna, Zam" 
bracca, Bagauia. Lupa, sgualdrina, 
stradina, cantoniera. 

StrAbo. s. m« T. d'ittiol. Scarpettaceia. 
Soru di pesce vile del genere de' car* 
pioni, assai bianeo e eomone ne' la- 
ghi e ne' canali. Lo credo il Cypri- 
nuM rutilus Linn. Cbiéma il nostro 
volgo Strègg anche la Scardila ossia 
il Cgprinus brama e Leueiseus Linn. 

SvmiMiA. 8. f. Stregghia, Striglia, SlrC'^ 
glia. Strumento di ferro dentato col 
quale si fregano e ripuliscono i ca- 
valli e altri animali dalla polvere ecc. 
Componesi di 

Cassa Casso. 

Cóva ..... Cadalo. 
Lastrén*. • . . CotleOo di calore» 
Màoegh .... Manico. 
Marte) .... Martelli. 



ST 437 

Resjghèttt • . • Pettini. 
Scassolén • • . Aiiette. 

SraÉu. V. Cont. Stella. V. Slèla. 

Stbér. s. m. Bruciaticcio, Abbruciatic" 
CIO. L'odore che manda una cosa ab- 
bruciacchiata. 

CiAPlR EL STBÈn Abbruciacchiarc. 
Arsicciarsi. V. anche Strinèrs. 

Strénga. 8. f. Stringa. Fesso di nastro 
o striscia stretta di cuojo con una 

tiunta d'ottone o d'altro metallo dal- 
'uno o da ambo i capi per allac^ 
dare. Aghetto, Cordella, Cordellina. 

Strémga. s. f. V. del Cont. 5ctidt- 
seiata. Bastonata. 

Coll' ch'fa il strénobi. Stringajo. 
Facitore di stringhe. 

Il strékgbi. Le ultime recate. Le re- 
cate della morte; 

Morir senza gnanca tirar il strSmghi. 
Morire senza batter polso. 

TiRlR IL sTRÉNGBi. Rotirc. Dare, ti- 
rare o avere i tratti. Boccheggiare, 
queir aprire e chiuder la bocca che 
fanno i pesci quando son presso a 
morire. 
Strénza. Stringi. M. imp. del verbo Strin« 
gere, usato nelle frasi: 

Cbb STRéNZA. Costrittiw. Agg. di 
ciò cbe strìnge. 

Cri n' strénza, o badaci a o s'ténza. 
Chi non è parco di quel che ha, manca 
spesso del necessario. Chi troppo man- 
gia non fa gran polpa. 
Stbénzer. att. Stringere. Strìgnere. 

Strénzer. att. T. degli Artefici. Stret^ 
tire. Ristrìgnere, diminuire Jo spazio 
l'ampieua. -ea Strettire un abito. 
Strettire una veste. ■» Strettire la spa^ 
zieggiatura, direbbono gli stampatori, 
per rimettere il lasciato. 

Strénzeb coll' cb'b largb. Bappic* 
cinire. Appiccolare, far piccolo, scor- 
dare. V. Spexnir. 

Strénzer con el grupp corridòr ì4c- 
cappiare. Legare con cappio, e dicesi 
per lo più delle some. 

Strénzbb iif STROPL Saldar la ra* 
gione. Pareggiare, aggiustali» i conti. 

Strénzer la tonaja. Abboccare te la- 
naelie. Stringere fortemente le bocche 
delle tanaglie in modo che tengano 
saldo ciò che hanno afferrato. 



Digitized by 



Google 



STRéfiZEB 'ita STBàDA. Hfei r g i n or to. 
(B. L.) 

In t* bl 3TBÉ1USB IL simoTi. Al ieom^ 
dette iende. Atta fin del faUo. 

Roba, oa sménzEB. AeUringente. So* 
stanza mediCBioentosa che ba^ yirtù 
astriogeote, ossia di eostiimrc il veo- 
tre e iadar alitichesia. 

SeBTIBS a STBénZBB Ai. BUS DEL COL. 

Modo t>asso, Rt^ecaprieciare , RtMÒàri- 
indire. Seotivsi a scorrere uq gdo per 
le ossa. 
Stbéitzebs m tel spIli. Fere ipaUnece. 

Stbén^ebs so. Rientrare. V. Scuriars. 

Stbénzebs so gbupàbs cmè fa vn «o- 

MissàL. il^^owilotorst. iUmmuccliiarsi, 

farsi una palla, ranoiechiarsi, ragru- 

zolarsì. 

Stbenzùda. s. f. Stretta, Strignimenio. 

Sirigaltttfa. 
STBENzuDéM^MA. 8. f. Stfettarelfo. 
Stbépit. s. m, ^rq^o. •Rumore. 

Fab di STBÈPiT. Contoreerei, Divjri- 
eolarei. 
StbepitAb. alt Strepitare* Fare slrepito, 

e in altro sign. Divincolarsi. 
STBàrr add. io. Àngueto, Stretta, Ei* 
stretto. E dicesi di luogo, vaso o al- 
tro, non capace di contener quakbe 
cosa. 

Stbétt. add. noi. Distretto, Stretto. 
Per intrinseco, confidente^ 

StbAtt. T. delle Calzetl. Stretto, lo 
stringer la calza, ed anàbe la parte 
ov*essa è ristretta. 

Stbètt. add. m. T. de* Sari. Stroz- 
zato. Dicesi di abito soverchiamente 
•errato addosso. V. ancbe Stricb. 
Stbàtta. 8. f. Stretta. V. Stricca. 

Stbàtta. FiguraU Paura. 

STBéTTA. s. f T. Mus. Stretta. L'al- 
legro finale de' pezzi piò importanti 
di un'opera. 

SraèTTA DEL LBTT. PosseUo. ( V. T. ) 
Quello spazio che è tra letto e letto, 
o fra letto e niuro^ V. Viazzoèula del 
leti. 

STBéTTA* D* MAN. StfoUa di Mono. 
Quella paiolata colla quale si saluta 
una persona o colla quale si pattuisce 
un contratto. 

CiAPPÀB AL stbìtti. Stringere alcuno 
fra l* fiacio e il tmtro. Violentare al- 



ST 

oooo a rlsohnersi aeusa dargli tcflipe 
a peaaare. 

Essa AL stbrtti. JSisere mai permeo. 
Veder la mala parala, cederai in pe- 
rìcolo. 

MàTTEi AL STBèm. àhHerc mUe ainue. 
Opprimere, costringere. 
StbU. s. f. Strega, Maliarda, fhltee* 
ckiera. ìfaga, incanlalrica, negrMaaa* 



Stbìa o Ssìla. Lesfuohf StinUttm, 
Forterm. Sciimlla che schina ibdk 
legne e da' carboni aeceai. V. Soèuri. 
Stbìa. a. f. Fig* Se^rcniio^ Btfmm. 
Femmina magra, bruita, deforme. 
Stbìa. s. f. T. di Giuoc Pane. Sorta 
di giuoco ftincHilleseo detto, dal Mt- 
iMCci òìrrt e ladri. 
Stbìa. s. £ Birrai Quel UuekMo 
che al giuoco del pome corre dietro 
ai ladri che si ritirano di inaee m 
mano a bomba, (marna) 
ZdgIb a la stbìa. Fare al pome» ¥• 
Ziigar a la strìa. 
Stbi\. add. m. Affatturato. V. laairìàr. 
StbiX. add. m. T. d'Àgr. Afkto, Serm- 
to, Sereato. Venuto au a sleoio» e 
dicesi di pianta come di persona. 
Stbiaiéht. s m. Stbubìa. Striaria, Sire- 
goneria. Ammaliamento, afibUiiramen- 
to, malìa, incantesimo, fattucchieria, 
stregheria. Pentacolo, pexaoUo di pie- 
tra, metallo, carta eco., credulo pm- 
aervativo contro malie, incaniasìiiii, 
veleni e simili. 
Stbiàzz. s. m. Stregoneeoio , Malia, 
Stria39o. L'esercizio proprio ddle 
streghe. 
ArnuB ui STBùzz. Andar in urf- 
genda. Andare tu isiriazzo. (Remi) 
StbiAzza. s. f. Stregaci^. Pegg. di strefa. 

Stregano accrescitivo. 
Stbìbbia. s. f. Tritolo, Striscia tq^o. Ptzr 
. zelto di panno lino o lane eoo cui si 
tiene il filo che si trae dalla malaaaa. 
Stbìbbia. s. f. T. de' CalsoL CotteUa 
da banco, Mannaja a lamette^ Col- 
tello a foggia di disco col quale i 
calzolai tagliano le pelli per farne le 
scarpe. Palmella, sorta di paletta e 
aimile, colla quale si dà foggia sul 
gambiere alla pelle nel collo dello 
stivale. 



Digitized by 



Google 



st 

STRtmiikA. àìi, Sgr^pighare. trSCXtre il 

filo o lì refe troppo torto dipannao* 

dolo col tritolo, 
STftlccà. 8; f. Stretta, SU^ameiHo, Folla, 

Prtisa, Turba. PrequcDza, calta. £ 

fig. Paura, Spavento» 

MéstBR snilccA. Tonare, Boja, carne- 

ice, iniiiistro dì giuslhùa, giostixiere. 
SraiccL add. in. Stretto. Goaipresso, 

Strtziato. 
SraicciDA. 8. U Stretta, Strignimenlo. L(^ 

strignere. 
StbiccAda. s. f. T. di Goaleh. Stret- 

toj'uta. Quella quantità di pezze di 

panno, ìì altro, che si stringe in una 

volta nello strettolo. 
STBiccADéif*i«A. s. f. Piccola stretta, Leg* 

gero strigo iniento. 
Steiccadùra. 8. f. Granchio secco. V. 

SciMzxadùra. 
Striccàb. att. Stringere. Premere, spre- 

oierc, comprimere, strizzare. >= Striz* 

zar limoni: strizzar nove per fare le 

pallottole: strizzar le mani ecc. V. 

Schizzar. 

.Striccàr. T. Furb. Confidare. 
Striccàr. att. T* delle Stir. Sopres* 

sare. Tenere per alcun tempo le bian- 

eberie nella soppressa. 
Striccàr el bécch. Modo Furbesco. 

Tratre ruUhno fiato. Morire. 
Stuccar «l'ocg*. Far l'occhiolino. 
Striccàr IL joRécct. T. di Vet* Im* 

postare le orecchie. Dicesi quando il 

cavaHo le protende con fon» e che 

quasi le due punte si toccano. V. 

Sbassar il jorècci. 
Striccàr il ian. T. de' Taroc. Tqr^ 

colcos i mazzi. L'atto di stringere 

Ite! torcoletto una dozzina o più di 

mazzi di carte da giuoco* 
iihTticcÀR UN occ'. Fig. Far le viste 

di non vedere. 

FaBS STRICaR IN t' LA STRACCA. FafSt 

pigiare. Starsi nella folla. 
Strìcch. s. m. T. Purb. Bqja , Carnefice. 

Strìccb. s. m. Strignilaringe. Striscia 
di cuojo che si applica sotto la gola 
dei cavalli e si annoda stretta sul 
cpHo per impedir loro di ticchiare. 

StrIccb. add. m. Stretto, ed anche 
Compresso. 

Strìcch o sotil in t' bl spider. Lesi* 



ST 



2» 



iHifù, Lesinante, l^ilardò. Ataro, 
avarone, avaracclo. 
Esser strìcch. Aver le memi aggran* 
thhte. Essere lesinajo* 
Esser strìcch in^t'un sit. Enere 
stivati. Essere serrati molti in nn luo- 
go come le accinghe nei barili. 
Tcwìr «trìcch. Tenere stretto, e fi- 
gurai, ^pora^nare. Risparmiare. 

Striccòn. s. m. Strettona. Accrescitivo 
dì Stretta. 
Striccòn. s. m. T. de' Cac. Saggio» 
Broucicamento del caglio nel caccavo 
dal quale il caciajo desume il grado 
di cottura della pasta del cacio. 
Striccòn. s* m. Cacio fresco. Sorla 
di piccolo cacio da mangiarsi subito 
fitto, e che da noi si prepara strin- 
gendo la pasta in un canavaccio che 
dà al cacioUno la forma di una pigna. ' 

Stricnén*na. s. f. T. Farm. Stricnina» 
Nuova sostanza alcalina eccessivamente 
velenosa scoperta nella noce vomica. 

Striga, add. m. Strigolo, Ravviato. 

Strigar, alt. Strigare, Spicciare, Spa* 
stojare* Ravviare. V. Destrigàr. 

Strìgia. s. f. Striglia. Y. Strèggia. 

Striggiàda. s. f. Stregghiùtura.* 

Striggiàr. att. Stegghiare, Strealiare, 
Strigliare. Ptilire i cavalli o altra si- 
mil bestia colla striglia. 

StrigÒn. s. m. T. de' Pettin. Strigatojo. 
Pettine che ha denti radi e grossetti, 
e serve per strigare e ravviare i ca- 

rlli. Dicesi Pettine lungo, quello che 
in parte rado, in parte fitto, daHo 
stesso lato della costola. 
Strigon da pardcchéR. T. de' Pettin. 
Pettine a fasellino. E simile al pcfltine 
lungo, ma ha in una delle sue estre- 
mità una punta che serve a dirizzare 
la discriminatura. 
Strillar, att. Strillare. Stridere. 

Far strillar. Far stridere. Costrin- 
gere altrui con angherìe a fare scal- 
pore grande. 
Strillòzz. s. m. T. d'Ornit. Strilhzto. 

V. Perder. 
Strimplà. add..m. Rotto, Guasto. Con- 
quassato. 
Strihplàda. s. f. Tempellata, Tempello. 
Suono interrotto di campane od altro 
strumento. 



Digitized by 



Google 



930 



8T 



STiOiPLAMéirr. t. m. Sirimpellammio. 
Strimpellati, frastuono. SirimpeUo, 
romore di uno strumento mal suonato. 

SrauirLiR. att. Sirimpeliare. Sonare cosi 
a mal modo. Lo diciamo anche per 
Rompere, DUiruggere, Spezzare, Sper- 
perare, DimparejRof^inare, Fraeoiza- 
re. Sciupare, Sconquazeare, Guaziare. 

Stbimplòn. s* m. SirimpeUatore. Che 
strimpella, altrim* Seiupane, sciupa- 
tore, che sciupa, consuma la roba, 

Sraiifi. add. m* Abbrueiacehiato , Arzic 
do. Leggerementè abbruciato. 
Ooòa D* sTaiNÀ. BrueUUiccio. V. Strén« 

STaiiriDA. s. L Arzkciatura, Abbronza* 
mento. 

STainli. att Abbrueiaeehiare, Abbru* 
zioiare. Abbronzare, legaermente bru* 

. dare. Incrqfare dicesi di cuojo, car- 
tapecora e simili che sieno dal fuoco 
abbronzati e increspati. 
Stbinìe la poluiIa. AbbruzUare. 
Mettere alquanto alla fiamma gli uc- 
celli pelati per tor Tia quella peluria 

. che riman foro dopo levate le penne. 
SraiNia uh cafìll. Abbruzeare. Ab- 
bruciacchiare con un fuoco di paglia 
I peli più lunghi d*un capeUo follato ' 
e ben bene spaleClato. 

SraiNoi. add. m. Siringato, Coneizo. E 
dicesi di discorso o scritto breve, al- 
trim. Sfrrzato, Bacchiato. 

SraiNGia. att. Stringare. Compendiar lo 
scritto II discorso. Fig. Sferzare, 
Battere, Bacchiare. 

Stsinobìtta. z. t Puntalutso. la rive- 
stitura metallica delle estremità di una 
strioghetta. 

SteiuCòh. s. m. Nastrinù Tagliatelli lar- 
ghi. V. Tajadiòn. 

Stroppi, s. m. Storpio* Chi è storpiato 
sinistrato. 
Strùppi. 'add. m. Stroppiato, Stor* 

. piato. Sconcio, deforme. Siniztrato agg. 
di membro del corpo che abbia pa- 
tito lussaiione, frattura o altro simile 
sconcio. 
Struppiadùra. s. f. Storpiatura, Storpia- 

. melilo. Attrattura, contrattura di nervi. 
Stroppiataggine, vale cosa mal fatta. 
Stboppiaparoli. s. m. Farlingolto. Quegli 
che nel parlare mescola e confonde 
varie lingue, storpiandole. 



SnvppiiK. alt Storpienre, Seoncaors . 
Strihòn. a. za. Brueiatiuio. V. Str^ 
Striòn. s. m. Stregone. Maliardo, affit- 
turatore, ammalialore. Striamo vak 
Commediante, Istrione. 
Striòn. s. m. Fig. Siriataecia. Di pa- 
ca carne, debole, magro. Seceaedo. 
Essa UH STRiòii. Aver U dift9oto nel' 
ia tezta, o neltampoUa. Prevedcft 
eon sagacità od accòrtezn ogni stra- 
tagemma ed invensione. 
'Strìssa o Strissla. s. f. Strizeim. Peoi 
di panno o d'altra cosa che sia piò 
lungo che largo. 
Strissiìoa. s. f. Aiutaziono, Piaggio' 

mento. 
Strissiìnt. s. m. Piallone, Sirizòontt. 
Sorta di adulatore &ccendiero e sn- 
ligno, sempre spudorato, che lutti ca- 
reggia e piaggia per vile pnirigine «fi 
onori di lucro. 
Strissiàr. alt Strizciare. Camminare csa 
impeto, stropiciando t fregando il icr- 
reno come ta la serpe. Razeniare. Pas- 
sar rasente con impeto. 
Strissiàr. att figur. VmUiarzi. Ab* 
bassarsi, ed anche Piaggiare. Adobit 
vilmente. 
STRi8SLto*NA. a. f. Strizciuola, StrizeizU' 
na. Piccola striscia. 
Stris8Uii*ka. s. t T. delle Ricaak 
Garloitna. SlriadoUna d'oro o d'ai^ 
gento stiacciato e avvolto sopra pes^ 
suolini di cartone ad uso di ricami 
Str'Ssli. s. t p. T. di Cue. LaréelU. 
Fettine di lardo per lardelbre. 
Strìssli uà scoRBài. T. de' Cest Scfcf- 
gie. Sottili striscio di tegnaroe, per 
uso di iar corbelli, panieri ed akri 
vasi simili. 
Stròlbgb. V. Stròlogb. 
Stròlca. s. £ Strolpgheiza, Jndooina. Di- 
vinatrice. 

SraòLGA. s. f. Fig. Anfanano. Donaa 
che si afbcenda senza sapere qnsilo 
che si feccia. 
Strolgà. add. m. Astrologaio, St ro log o 
to. Chi ha avuta sua ventura per mes- 
zo dell'astrologia. 
Strolgaméut. s. m. FenAiro. L'atto £ 
strologare o di predire altrui la ven- 
tura. 
Strolsìr. att Strologare, Aztrohfore. 



Digitized by 



Google 



ST 

Bftereita^ T astrologia. Far la imuIu- 
ro. Astrologare fier via di chiroman- 

StiolgX». Meli Àbaeare, Almanac* 
care, FantOMtkare, Mulinare. Medi* 

. tare- per far eonjetlure. Séompensare, 
girar colla 'mente mimando. Geome- 

. trieare, inventar sottilmente. Bischiz* 
scare, fare speculazioni astratte. 
AvEROH DÀ STROLGlR. 4^er de' grah 
taeàpù 

Sr^OLGBéif. s. m. T. de* Pizzic. Sa^ie- 
ciotto. Specie di salsicciotto (salàm) 
fitto di corata e allre parti di cama* 
me di minor conto del majale. 

STBOLGBén. 6. m. T. di Giuoc. Fru- 
étino. Fazzoletto accartocciato pner fare 
a gatta cieca» e sferzare chi viene a 
tiro. 

Stsòlogh. s. m. Astrologo. Professore 
d* astrologia. 

Stbòlogh. 8. m. Fig* FUimoeo, Cini- 
co, Strano. Uomo stravagante, lan* 
tastieo. Banderuòla. 
SnòLOGH DA LÀ BùZRÀ. Astrologo de* 
Broizi. Aetrologo degli AUferti. Che 
quand'Amo ingrossa sa dire che è 
piovuto di sopra. 

Ckpà al STBÒL06H. Prima cieco che 
indovino. Modo con cui si ribatte un 
detto malaugurato. 

Stbobìkt. 8. m. Strumento. V. lustro- 
mént. 

Svaa^iz. s. m. Stron%o, Stromu^lo. 

STàORZÈTT. 8. m. Slronzoletto, Stronzo* 
Uno. Dim. di stronzo. Fig. Sericeioto, 
fanciulletto pìccolo» che scherzevol- 
mente dìcesi anche Un po' di merda 
su due fusceftini. 

Stbonzòn. s. m. Stronzolone* Acer, di 
stronzolo. 

Stbòpà. 8. f. Ver^fo. BaccbetU sottile. 
Vermena, sottile e giovane ramicello 
dì pianu. V. Stroòèi e Stròpi. 
Stròi»à. 8. f.'T. d'Agr. Stroppa. (jO- 
eì chiamano i boscaiuoli toscani la ri- 
torta con cui legano le fasicine e i pie- 
eoli fasci di legne. 

Stbòpà Dà sBiTTaa I pàgn*. Comalo. 
Scudiscio. 

Stbòpà d^sì^lbs. Vintine, Salcio. La 
vermena del vinco e del salice in gen. 
V. Stropèi. 



ST 



S3f 



Stropàzzìdà. s. f. Bacchettata, Scudi* 
sciata. Colpo di verga o di scudiscio. 

Stropàzzàb. att. Scudisciare, percuotere 
collo scudiscio.. Vergheggiare, percuo- 
ter con verga. 5/èriare> percuotere 
colla sferza. 

Stròpeo. add» m. Torbido. E dicesi per 
lo più di acqua o simil liquore. . 

Stropéi dà cavàgnén. Vetrici, Vermene. 
V. Bazoèuli, Brill, Pénzol e VImni. 
Stropéi dlà gabbia. Gretole. Que* vi* 
mini che paralleli, e distanti T un dal- 
1* altro un dito o circa attraversano i 
regoletli delle gabbie nella loro gres- 

. sezza e ne compiono la chiusura. 

STBOPèLL. s. m. T. d*Agr. Saldalo, Ve* 
trice. La vermena verde del vinco o 
Salix viminalis Lion. adoperata per 
maritar la vite al pafo e sim. 

Stròpi, s* f. T. de* Bast. Battiborra. 
Camati per battere la borra da empi- 
re i basti e sim. 

Stròpi nigbi. T. de* Cest. Vinchi. 
Vermene non dibuciate per far ceste 
rozze corbelli. 

In t*bl STRéNZER IL stròpi. Alla fin 
del fatto o del conto. Allo sgocciolo, 
al levar delle tende, alla eondusione. 

Stbòzz. s. m. T. di Giuoc. Trionfò. Le 
due carte di maggior conto in ciascu* 
no de' quattro ' pali al giuoco della 
briscola. 

Stbòzz o SgagiTàda. Concussione. An- 
gheria, mangerìa, guadagno Hlecito. 

Strozz'à. add. m. S^rozzfifo^ Strangolato. 

Strozzàdà 8. f Strozzatura Lo strozzare. 

Strozzadòr. s. m. Conctifstonario. Anga- 
riatore, mangione, mangiadoni. 

Strozzar # att. Strozzare, Soffocare, 
Strangolare. Uccidere altrui .strignen- 
do fortemente, la strozza, o sia la can- 
na ^ella gola. 

Strozzar. Fig. Scorticare, Pelare. 
Si/tciare trarre il pi& che si può sen- 
za riguardi. Commettere angherie, 
(^ncussioni. 

Strozzar, att. T. di Giùoc Prendere 
con trionfino. Giuocare un trionfo 
dello- stesso palo o seme ài giuoco 
della briscola dopo' che un altro ha 
giuoeata una carta minore. 

Strufgnà. add. m. Gualcito, Sgualcito. 
Piegazzato o Brancicato p|itr inai modo. 



Digitized by 



Google 



252 



ST 



Strupgnàr. att. Sguakirt , Gualcire, 
Rincincignare. I{ piegazzare o branci- 
car malameole la carta, ì drappi e si- 
mile cose. 

Strifgnàr. alt. T. de' PcUin; Lustra- 
re. Dare col piuaiiuo il lustro alle co* 
stole de' pettini. 
STRUFGfféN. 8. m. Cecino, Galanlino, 
Grazioseno. Dicesi per vezzo ad un 
i'anciuHioo gentile. 
SrnuFGNòN. 8. m. Luffb, Batuffi), Batuf- 
folo. Cosa avviluppata e ravvolta iu- 
sieine e senz' ordine , o si dice di 
stoppa, di lino, di bambagia, di pan- 
ni e simili cose. V. Vujòn. 
Stkcfgnòn. s. m. T. de' Pellin. Più- 
micino,' Striscia di feltro, cimossa o 
pannolano ravvolta su di sé spiral- 
mente in giri serrati, che serve per 
lustrare i pettini. 
Strcfcnòn d'un tìkgXzz, Nanerottolo, 
Biìzzacchiuto. Sconciatura. 
STRUFGifòN pr'el GOUisséLL. * Anima- 
Carla o cencio arrotolato su cui si ag- 
gomitola il refe o simile. 
StrdmnX. add. m. i?iVc«cto. Rovesciato, 

disperso. 
StrumnAr. att. Rovesciare. Rivesciare. 
Versare. 

Stroppiar un cavali. Fame itra- 
pazzo. Ammaestrarlo al rovescio della 
sua forza e dell'indole sua. 
Struppiòn. s. m* Storpialaccio. Pegg. 
di Storpio. 

Struppiòn* 8. m. Fig. Guastamestieri. 
Ciari^iere, guastalarte. 
Strusa, s. f. T. de' Pese. Strascino. Sorta 
di giacchio aperto da pescare* V. Stras- 
sinàu. 
Strusa, s. f. T. de' Solai. Bavella. 
Quel filo che sì trae dai bozzoli posti 
nella caldaja prima di cavarne h seta. 
Di questa ve ne ha di più sorta, cioè: 
Strusa d' ciocch^tt.* Filaticcio di 
palla. Quello che si trae da' guscetti 
misti alia bavella. 

Strusa d' doppiòn. Filaticcio sodo. 
Quello che si trae dai doppii strac- 
ciati. 

Strusa del calamari. Stracci. Quella 
borra di seta che si mette, nel cala- 
nHijo inzuppata t)' inchiostrò. 
Strusa d' poi^ÉLt rcal. Bavella, 



ST 

Fibre. ( To8c. ) Quella che si trac dti 
bozzoli prima di filarli nella caldajuob. 

Strusàrs. n. p. Fregarsi attorno ad al' 
cana. Modo familiare che vale An- 
dargli attorno, accostarsegli per acqui- 
star douàestichezza: ed; anche Fre- 
garsi attorno, a qualsia cosa. Y^- 
gliarsi, dimenarsi come per iacuotcr 
di dosso le pulci, o i pidocdii di 
quelle parti. ove non si può grattara. 

Strùssi, Strussiaiént. s. m. Patimento, 
Stento. Strapazto, travaglio. 
Strùssi, s. m. T. de' Fuq. L^om. 
Pezzo di cavo di erba e per lo più 
di sparto col quale si aggavigna e si 
frega forte il "cordame che sì sta lavo- 
rando, si dà una prima strisciatora 
a' legnuoli. 

Strussi ADùRA. s. f. T. de' Fun. Sfrìseia- 
tura. Operazione diediante la • quak 
con cenci asciutti si raaciogano, si 
strofinano o si ungono i lavori di cor- 
dame. 

Strussiàr. att. Sprecare, Disgustare, 
Sciupare. Logorare, malmenare, su^ 
pazzare la roba. Scialacquare, ùnu^ 
mare, 
Strussiàr. att. T. de' Fun. Strisciare. 
L'operazione della striaeiatura. V. 
Strussiadura. 

StrussiXrs. n. p. Affacchinare. Facriii- 
neggiare, arrabatursi, frusUrsì, lo- 
gorarsi, travagliarsi, strapazzarsi. Af- 
faticarsi, durar fatiche aspre, vivere 
disagiala vita. 

Strussiétt. s. m. T. de' Fun. Paroma. 
Cavo di stoppa poco torto, col quale 
si dà come col libano (strùssi) una 
seconda strisciatora ai cordami. 

Strussiòn s. m. Faticatore, Laborvm, 
Amante del lavoro, e in aenso diver- 
so. Fasservizi. 
Strussiòn, cbb strussia la roba. Sjfrt^ 
calore. Sciupatore. 

Strùtt. 8. m. Strutto. V. Dolégfa. 

Struttura, -s. f. Struttura Coatroziooe. 

Strùz;. s. m. T. d'Ornit. Struzzo, 
Struzzolo. Il più grande fra gli oc* 
celli; è purameoie terrestre; ma caio- 
mina c6 piedi velocissimamente. É lo 
Struthio eameìus di Lino* Fìg. in 
modo basso. Cotale* 

Stù, Stù chL Costui, Cotestm. 



Digitized by 



Google 



ST 

SvòA. 8. £ . SiMfà. Staim risealdala da 
fuoco che le si fa sotto, o da ud lato. 
Cosi sì dice anche quella cassa o for- 
nello di più specie che serve a riscal- 
dare le staoae» Ha questa 
Bus di' aria. • • Pùrtàrimf 
Camén • • • • Focolare. 
Gainlsa • • ; • Cassa. 
Canòa . • • • Canna. 
Carcarètt • • • GanghereUL 
Cassa di' aria • • Caldano. 
Crava • • • • Botca del cammino, 
FhiDdrén • • .Sfialalofo. \ 
Gabbia • • . • Armadura. 
Gònied • • • • Braccio. 
GrillètI • • • . Chia^ 
Manùfoer • ,• • Regolatore. 
Merletta . • • • Saliscendo. 
Menalòn'na . • Animella. 

Pe Base. 

P'mnèUì . . . . Bandello. 
Piastrén* • • • Chiudèlla. 

Piatt Piastrone. 

Ramadén. • • • Ramatino. 
Respir • • . • • Spiraglio. 
Scaxaoènli • • • C^rlocct. 
Sporteli . • • • Sporulh. 
SportléQ. • • . Sportellino. 
TlarèU • • • • Tetajelto. 
Trameni • • • Tramezze. 
Tub • •' • • • Cannone. 
Valvola . ^ . . Valvula. 
Zoèugh • • • . Gole. 

Stùìl. s. f. Scaldalcijo. Quel salotto 
comune de' collegi e de' jwnveoti ove 
è acceso il cammino. 

Stùa. s. m. T. de* Cest. Tamburlano, 
Trabicolo. Arnese di vetrici che serve 
ad asciugare pannilini per meuo di 
no caldano. 

Stùa. s. f. T. de' Guoj. Seccatoio. 
Starna riscaldata ove il cuojajo pone 
il verno le pelli conce a disseccare. 

Stùa. s. f. T. di Porr. Barca. Luo- 
go spazioso innanzi la fornace , sopra 
la soffiera, ad uso di SMÌugare panni 
ed altro per comodo de' manifattori. 

Stùa. s. f. T. de' Forn. Caldano. 
Quella volticciuola o stanza che è so- 
pra la volta dei forni. 

Stùa. s. f. T. de' Giard. Calidario, 
Stufa. Luogo chiuso, in cui nel. verno 
si cutfodiscooo a) caldo talune piante. 



ST 



255 



Arancera, il calidario per gli agi'uuiL 

Stùa. s. f. T. de' Setaj. Solfbratojo. 
Sorta di stufa o caldano ove si assog- 
getu la seta al vapore solforato* 

Stùa. s. f. T. de' Taroc. Fornello. 
Piccola stufa ove il taroccajo fa asciu- 
gare le carte di mano in mano che 
le va celiando. 

Stùa. s. f. T. de' Tromb. Cilindro. 
Strumento di rame o ferro che si 
riempie di carboni accesi e di cui si 
fa uso per riscaldare l' acqua de' bagni. 

Stùa. s. f. T. de' Vetr. Camera, Tem* 
pera. Fornelletto sopra la fornace ove 
. i vetrai mettono cosi caldi, quando 
800 formati, i bicchieri od altri vasi 
di vetro, affine stagionino e freddino 
appoco' appoco, conducendoli con un 
ferro alla bocca del detto fornello per 
da basso dove si sente più caldo; il 
che da essi vetrai si dice Dar la tem* 
pra. Temperare, Dar il crogiolo, 
o Crogiolare. 

Stùa a vAPòa. Stufa umida. Quella 
stanu che talora si riscalda col va- 
por acqueo. 

Stùa da cusén'na. Cantera, Cantora. 
Cassetta appiccata sotto il focolare che 
si tira fuora e vi si mettono le pie- 
tanze per tenerle calde. V. Scaldavi- 
vandi. 

Stùa da far nasser la sventa. T. 
de' fiigatt. Camera calda. Stanzino 
ove ad una determinata temperatura si 
tengono le ova de' bachi perchè non 
ne sia rilardata dal freddo la nascita. 

Stùa da #iòr Serbatqfo. Stanza nel- 
le case ove uell* inverno si custodi- 
scono quelle piante che temono il 
freddo. 

Stùa da stiludòr. Disseceatojo. Spe- 
zie di forno o fornello appropriato a 
disseccare qualche sostanza. 

Stùa d' pere. Caldano. Vaso di ferro 
e talvolta anche di rame o d'altro 
materiale a uso di tenervi dentro brace 
e carboni accesi per riscaldarsi. 

Stùa per la carronén'na. Braciajo. 
Specie di cassetta in cui i fornai ri- 
pongono la brace spenta. 

AVBRGH PO d' ha stùa DA ROMPÌR. 

Aver molti anni da far il soldato. 
Adagio furbesco de' soldati. 



Digitized by 



Google 



S54 



ST 



Stuakt. s. m, T. de* Stov. Fomackfjo. 
Colui che ha cura del vasellame da 
cuocersi nella officina dello stovigliajo. 

STuÀa. alt. Mettere o Tenere in i$iufa. 

. Il verbo Stufare vale Lavarsi nella 
lUufa. 

StuIb. alt. t. di Cuc. Cuocere la 
carne a stufato. 

Stuaroéclìl. 8. f. T. di Cuc. Bastardella. 
Arnese di metallo da cuocervi carne 
per farne stufato. V. Stuòn. 

Stucc*. 8. m. Astuccio, Stuccio. Guaina 
da tenervi dentro strumenti di ferro 
o d* argento. 

Stucc* da cbìusich. Ferriera. Astuc- 
cio da tenervi dentro i ferri da ce- 
nisicu 

Stocc* da liber. Busta. Custodia de* 
libri. 
Stucc* dl Luiéii. Lucciola. Arnese 
di latta traforata da. mettervi la barn- 
bogla per lumini da notte. 
Stucc* da occiàj. Custodia. Astuccio 
da occhiali. 
Stucc* dà possadi. Busta o Custodia 
da posate. Dicesi però più propr. Col- 
telliera, quella de' coltelli: Forchete 

' tiera, quella delle forchette: CuC' 
chiojera, quella da cucchiaj. 
Stucc* da basòr. Borsa. Arnese si* 
niile alla ferriera del chirurgo entro 
il quale il barbiere tiene i rasoi. 
Stucc* da tbinzàrt. Colteilesca» Gua- 
ina custodia del coltello da trinciare. 
Còl ch* fa i STUCC*. Guainajo. Faci* 
tore d* astucci. 

StuccI. add. m. Sfi<ccolo»«Riturato con 
stucco. Ristucco, Stucco, vale nojato, 
infastidito. 

Stuccadòr. s. m. Stuccatore. Artefice 
che hvora di stucchi. Gessaiuolo, chi 
lavora di gesso. 

StuccadOral. f • f. Stuccatura. ( V. di r. ) 
L*alto di stuccare. 

Stuccar, att. Stuccare. Riturare o ap- 
piccare con istucco. 
Stuccar, att. Fig. Stuccare. Nojare, 
infastidirò. 

STtccéif . s. in. Stuccetto. Dimin. di stuceio. 

Stucch s. m. Stucco. Composto di di- 
verse materie tegnenti, per uso pro- 
priamente d* appiccare insieme o di 
riturar fessure. Si dice acche d*una 



ST 

speeie di gesso, o terra, o ahni 
p4)8Ìuone, con che 8i fanno te figore 
di rilievo. 

Stdcoi. s. ro. Fesluco, Festuca, Brw 
scolo. Fuscelliiio di paglia, l^no a 
altra slmìi cosa* 

Stucch. a. ro. T. de' Colteli. Gmemio. 
Quella mestura con -che i eolleUinaj 
riempiono i manichi de* coltelli a codola. 

Stucch. s. m. T. de* Gess. Siucehim. 
Figura di stucco. 

Stucch s. m. T. de* Pitt. Arrùxioia, 
Stucco di marmo e mattoù pesto sol» 
tillssimo, incorporato con olio di Uno, 
pece greca, mastice e vernice che s 
stende sopra le mura per dipingerle 
ad olio. 

Stucch. 8. m. T. de* Terrass. Smalto. 
Quello strato di stucco fresco che serve 
dl cemento a* frantumi di marmo che 
formano l' ultimo -«trato de' battuti. 

Stucch da iiARHORéN. Stucco da rieooh 
mettere. Sorta di stucco che serve per 
unire due marmi insieme o per in^ 
mare duo pietre con frappa. 

ArmXgnbr db stucch. Impietrire, hh 
sassare. Allibire, Restare . eomt «a 
uomo di paglia. Rimanere attonito, 
stupido, maravigliato. V.. Gèss. 
Studént. s. m. Studente. Che stadia. 
Scolare, giovane che frequenta oaa 
scuola o studio* 
Stùdi, s. m. Sludio. Lo studiare^ e l'arie 
o sdenta medesima che si studia. 

Stùdi, a. m. Scn((q;o. ^Piccola stana 
per uso di leggere, scrivere e conser- 
var scritture. 

Stùdi, s. m. T. Furb. Cralera. 

Stùdi, s. m. T. de' Pitt. Sfinii a 
Modelli Tutti I disegni o modelli ca- 
vati dal naturale per eseguire le o- 
pere in grande. 

Far bl cors di stùdi. Campire $& 
studi. Andare a tutte le sciiMile ove 
si insegnano le sciente attinenti ai 
tirocinio abbracciato. 

Métter i vbstI ai stùdi. Mettere t 
vestiti a leggere. Impegnarli. 
Studia, add. m. Studiato. Che fa oggetto 
di studio. Ricercato, fatto con stadio. 
STUDiia. att. Studiare. Dare opera alle 
sciente, alle lettere od alle arti. Fig. 
Esaminare, Meditare, Indagare ecc. 



Digitized by 



Google 



8T 

Sroftiii CàKVkwitn m tìi. T. degli 
locis» Studiare f andamento de' tùgii. 
Vedere da qoali parli e io qual seoio 
cooTenga incomiociare la ioclsioiie di 
QD dis^DO sul rame. 

Stoduszìr. alt Siudkehiare, Studiae- 
ehifure. Studiare di quando in quaudOf 
ma svogliatamente. 

SruDuhrr. s. m. T. di Cari. Mastro di 
cartiera. Il più pratico de* lavoratori 
di cartiera che dirìge la preparaxione 
ilei pesto nelle pile. 

SrooioLiar. a. m. StudiolHio, Studiolino. 
Piccolo scrittojo. 

Studios. add. m. Studioeo. Che studia e 
si cooipiaGe dello sludio. 

StodIi. att V. Cont. Rarcogiiere, Stagio* 
nare. Rigovernare, Custodire. Y, Co* 

. studlr. 

Stuén. s. m. T. degli Argent. CaldanuM* 
so. Vaso di rame ove si pone la brace 
per riscaldare a fuoco lento le gom* 
me, la cera ed il mastice, e non dar 
loro tanto calore che si squaglino io 
fretta. Servono ancora per mettere 
aopra la ctoigia i lavori di nielio, at- 
finché piglino un caldo moderato e si 
possano brunire. 

Stoén da BACH. Fornello. Sorta di 
stufa unita alla tinòzaa entro la quale 
si pone il fuoco per scaldar T acqua 
da usare per bagnature. 

Sto^'ha. 8. f. Stufetta. Diminuì, di Stufa. 

Stofà. a. m. T. di Cue. Stolto. Carne 
alufala, cioè cotta a lungo m vaso ben 
chiuso. Stracotto, carne in umido 
eolia lungamente. 

AOB F1À8 PO LA BAGNA OH^BL 8T0FÌ. 

Lo Stesso che dire: Egli i un pretto 
parmigiano. Come i milanesi 11 dicia- 
mo inuecòn, i fiorentini mangiafagioU, 
i ferraresi man^iasticcAe ecc., i par- 
migiani son chiamali da' Piacentini 6a* 
^n, che vuol dire ghiotti dett* intinto, 
o per usare parimente iio termine di- 
spregiativo', hrodajuotù 

Pabìb uh stupì in t* on piatt d* ia- 
lOLicA. Sembrare un corvo netta neve, 
oppure .lina mo«mi nel latte. Dicesi 
pep lo più di persona bruna, abbi* 
gliela di bianco. 
Stopìoa. a. f. T. di Cuc, A$ea»ione. Co- 
citura di checchessia oel proprio suo 



ST 



tss 



sugo per vhi di calore esteriore, sen- 
za aggiungervi altro umido. 

Stupir, att Stuffkre, Stuccare. Infasti- 
dire, annodare, infracidire, seccare, 
nauseare, tediare, torre il capo. 
Stupàb I SAVI B 1 MAfT. Dar noJQ 
alla noia* Essere assai fastidioso. 

StupIbs. n. p. TMiorst*. Recarsi una 
cosa a no)a. 

Stùpbgb. a. m. Aria stagnante. Quella 
aria di uo luogo chioso, che siccome 
l'acqua rimanendo stagnante, si vixia 
e con disagio si respira. V. Sòfogh. 

Stupp. add. m. Stufò. Stufato, infMli* 
dito, stocco, ristucco, stuccato, an- 
Dojato, nauseato. 

Stohòn. s. m. T. de' Chiod. Matterello. 
Seria di randello corto per lo pia 
maizocchiuto col quale si riduce il 
carbone troppo grosso alla giusta mi» 
aura per uso della fucina. 

Stuòn. s. m. T. di Cuc. Stufitruola. Vaso 
di terra entro coi cuocere lo stofato. 
Se è di rame, dicasi Bastardella. V. 
Stuaroèula. 
SvuòN s. m. T. de' Fem. Spegnitoio, 
Braciajo, Spegnibrace. Gran vaso di 
rame o di lamierino di figura cilin* 
drica con coperchio che lo chiude er- 
meticamente per UBO di spegnere le 
brace de' forni. 

Stuòn. s. m. T. de' Lall. Rameila. 
Specie di fornello di latta per uso di 
cuocervi le vivendo. 

Stuòn 'ma. s. f. Gran stufii 

STUPèND. add. m. Stupendo. Miracoloso. 

StOpbb. s. m. Stupro. Corrompimento 
di verginità. 

Stupì, add. m. Stupefatto. Pieno di sto* 
pore. 

Stùpid. s. m. Imbeeille, Insensato. Scioc- 
co, melenso e sim. 

Stùpid. add. %i. Stupido. Pieno di 
stupore. 

Stupidòn. s. a. Stupidone (Tose.) Slu- 
pidaccio. 

StupIb. att. Stupefare. Empir di stupore. 
Stupire, empiersi di maraviglia. 
Cosa cb' pa stupìb. Cosa oitremirabiìe. 

Stupob. s. ro. Stupore. Eccesso di ma- 
ra viglia che rende quasi mulo. 

Stupbàb. att. Stuprare. V. Sforair. 

Stubà. add m. Stappalo. Senza uppa e 



Digitized by 



Google 



fM 



ST 



flicesi di botte od allro raso «ini. STu- 
rato, scoia turaevioto, e dieesi di 
bottiglie. V. Destarà. 

Sruaka. ati. Sturare» Levar il luracdolo. 
Slappare, (Giusti) levare il lap()0. 
Ristappare, levar di ihioto il tappo. 

Sturiòr 8. m. T. d'iltiol Siorioiie. Pe- 
sce marino the ama l'acqua dolce, 
ed ò ottimo per maogiare. V Acipeu' 
MBT slurio Linn. 

SToaiòN D* PO. T. d*Iuiol. ildef/o^ 
Colpesce. Pesce assai somigliaote uelle 
squame allo storione, che si distingue 
da questo pel color giallognolo della 
sua carne presso la pelle. È IMrct* 
penser hu$o di Linn. 

Sturlàr. att. Urtare, Spingere* 

SruaLòif. 8» m. Spintone. Urto, spinta 
grande. 

SrdzzBN. ( dal Ted. Stutzer o StutMrohr, 
Schioppetto eorto, ) Moscheflo dafmtte. 
Quella specie di schioppo più corto 
usato da cacciatori tirolesi, e sim. sol- 
daU. 

StuzzigJLr. att. Stuzzicare. Frugaeehiart 
leggermente con alcuna cosa appun- 
tate. V. Sygar. 

Stvàj. 8. m. Sti9ùH. Calaarì di caojo 
per difender la gamba dall'acqua o 
dal fango. &iVolo»)t accresdl., Stiva" 
lacci peggior, Siis^aletti diminut. Le 
parti di ciascun stivale sonot 
Anma • • • • Tramezza, 
Arvolt • • • • Rivolta. 

Bcgh Tramezzim. 

Canadèll. . • . Feao, 
Cootralòrt • . . Forte M suolo. 
Cusdura. ... Costura. 
Durdè • • . . Polpa. 

Fals Fiosso. 

Fodrén • . • • Formanze* 
Foéudra. . • . Fascette. 
Gamba • • . • Ifomba. * 
Guilder • . . . Guordione. 
Orladura • . . Orlatura. 
Pispén • • . • Spighetta. 

Powt Punti. 

Soèula .... Suolo. 
Soratàcch • • • Soprataceo. 
Sottpè .... Soletta. 
Sott' teceh ^ • . Tramezzetto. 

Svi Bulletta smentata. 

Taeeh .... Tacco. 



SU 

Ttrant % / . . Tiranti. 
Tmara .... Tomajo. 
' STVài A LA BOiaè. SHvoii' eotwessL 
Con tromba assai larga verso il pol- 
paccio e strette alla bocca. 

SrtÀJ A LA DRA0ÒM*1«A O A LA RtSSA. 

Stivali alta dragona. Sorte di serrali 
con gran tromba die supera anterior- 
mente il ginocchio. 

Stvìj coh a PASSI. Stipali eoUa ri- 
volta. 

Stvìj con il piooi. Stivali a crespe. 

Stvài da b6ta. Tromboni. Sorte di 
grossi stivali, per lo più con sleccooi 
nella loro tromba, usati da* oorrieii, 
postiglioni, vetturini e sim. 

StvAj longh. T. de' Calzol. Bottagtie. 
Stivali stivaletti di cuoio, per difeo* 
der le gambe per lo più dalF acqua 
e dal fiingo. 

Cavars 1 8TTÀJ. Coi^ors^ gli stioati. 

MàTTERS 1 STTiJ. Stivulursi. Porsi gli 
stivali. 
S^rALADA. s. l' Stivalata. Calcio o colpo 

dato colio stivale. 
Stvaléii. 8. m. T. de' Galcol. CaUaretti, 
Calzarini. Stivaletti aperti sul davanti, 
o da' lali, che affibbiansi con nastro 
o con aghetto passato in più bucolim. 
Y» Gotùren. 
StVALÉTT. 8. m. T. di Tei. SUvsMto. 
Galzatura di cuoio che si mette <r in- 
torno al terso de cavalli, che nel cam- 
minare si toccano, e si guasteno col 
ferro 1 una o l'altra gamba* 

Stvalètt d' lana. Calzerotti. Qoe' 
caixeroni di lana a maglia die sì ve- 
stono sopra le ealte, e in vece di 
esse i pastori e .1 contedini nel verno, 
ed anche i cacciatori. 
Su. Su, Sopra, Di sopra. Preposiaiooe. 
Poet. Suso. 

So E so. Par pari. 

Su E EO. T. Idr. Montascendi. Sorte 
di viuua traghetto che cavalchi an 
argine. 

Su PER 90. Giù per su. (Tose) 
Una cosa in compenso di un altra. 

Su PER zo. Sottosopra, Di ribmom. 
In combutta. Tutt' insieme. 

Su su! Su sul Suvvia, Modo esortetivo. 

Andar o córrer su. Trascorrere. Pas- 
sare il tempo, i giorni, i mesi, gli anoi. 



Digitized by 



Google 



su 

àmkn é9. Camitmiare. B dlceti di 
opera o eommcrfie o siisili SfMsllMoH 
•Uorcbè iii«NDÌDCiaiio t prodursi. 

AifoiR su. Far giudeo Nel fhioco 
del biUanlo è q«eUo ohe noi giuaeo 
di corta .si direbbo À9cr ia marno. V. 
oncbc Zugar al bocci. ^In certi oasi e 
parifoonte noi gtuoeo, lo Andar $u 
o<|MÌ?ale a Fwéert. 

hn PoaaAa anoar d' pu su. Ncfn pò* 
$erti ondar pia oUrt. Non potere cre- 
scere di più ìm gloria, in onori eoe. 

Ali MMaÉn STÀA so. Non poiert la 
viia. Non potere sostenersi o reggersi. 

Cok U so. SanfAUo. Iddio. 

Da cai A u su. Quinci su. 

Da ul uf su. Dar iridi tu su. 

Daiegh su. Meiierviii eolt ateo e tot' 
mridolto dilt ouo. Mettersi a lare una 
cosa con tutto il potere, con tutte le 
forte. B figurSL l9ar la òambmfia 
dai farnito. 

Dabbgi su. Flg. Apponi ai otro. lo- 
doTìoare. 

Dar SU. itincorare^ .Amconre. Cre- 
scer dì prcKO. 

Far su. Avvolgclare. Piegare a mo* 
di rotolo avvolgendo una oosa sopra 
se stessa. 

Far su. Abbindolare. Aggirare, gab- 
bare. 

Far su b su. Baraiiart. 

Far su il hangri. Mimboccare le $na- 
nicht 

La su. Lauti, Colaeiù, CoslaitiL 

M àTTBR su. Mettere t» gangheri. E 
dicesi di uscio, porta, .imposta e simili. 

Méttbr su. Ineaprioeiare, àkltere m 
Mucchio. 

MAttbr su. Irritare, Ammeltere, Aiz^ 
zare. 

MèTTBR su. Introdurre. Cominciare 
od usare un costume* 

MèTTBR su LA CARNA. Mettere la pén^ 
Ma o il ealderoUo al fuoco. E fig. 
Attaccar l'uncino. Negosiare, macioare. 

MéTTER su. Carieure, Far poeta. 
Dicesi, del denaro cbe ai carica sopra 
una carta. 

MèTTRBS su. RimpannweeiaTii. Rimet- 
tersi in arnese. 

MÉTTRfis su lui v^tì. /udosiore un 
o6»lo. 



SO 857 

Mnìr 9k Metter prigione. 
Poca su poca io. Dal più al meno. 
In. quel torrto, poco più poco meno. 
Srri su. AUàti, Sta tu, oppure Falli 
in là, sesondo i casi. 
. Star su, star d' sòra. Star eu. Cioè 
stare nella parte superiore. 
StUsc. YegHare. Stare aliato la 
notte. 

Star su. Portar broncio. 
ToifìR su. Far peduccio. Sostenere 
altrui colle parole. 
Teifias su. Sdir eoitenuto. V. Tgiiir. 
. Tirar su. Allevare, Educare. Fig. 
ScaUare. 

TocaR su. Alfhtlare. ACfretUrsi, Sol- 
lecitare. 
Uà su B zo. Un becco eolteffe. Un 
mal bigatlt^. Un oom cattivo. 
Uif su B zo. Un monta^icendi. Luogo 
dove contiaiianiente si sale e soendOé 
SuRAPPhr. s. m. Sòtlaffltto. L'affittamen- 
to cbe il primo fittajuolo fi ad un al- 
tro. SuUogatione. 
Subaffittar, att. Sottaffittare, SuUogare. 
Subaffittuari, s. m. Scita ffiUatore. Co- 
lui cbe prende a sottaffilto fondi ra« 
-stici. Subinquilino, quello delle case. 
Subasta, s. f. Secondo incanto. Quello 
cbe fassi per conto dell'aggiudicata* 
rio, cbe non addempi i patti del pri- 
mo incanto. 
SuBASTÀR. att Suòoslore. Vendere sotto 

Tasta. 
SObUi. s. m. T. de' Bfang. Tromba. Ci- 
lindro su cui si avvolge a mano a 
mano U drappo cbe si vuol .manga- 
nare. 

Sùbbi, s. m. T. de' SUgn. Colonnini. 
. Cilindri di legno sui quali lo stagnajo 
piega i fogli di bitta per fame docce, 
grondaje, cannoncini e sim. e per sal- 
darli insieme. 
Sùbbi, s. m. T. de' Tess. &i66to. 
Grosso cilindro del tekjo da tessere. 
Sono due. Tono di dietro cbe avvol- 
ge l'opera da farsi, l'altro davanti 
cbe avvolge il lavoro fatto e dicesi 
Subbiello. 

Sùbbi s'cuppì. T. de' Tess. Sborro. 
Stanga orìisontale su cui paasa e stri- 
scia il tessuto cbe discende ad avvol- 
gersi sul subbiello. 



Digitized by 



Google 



3S8 



SU 



Sùbbia, s. f. Subbia. Y. Ponti. 

SoBBiÉTT Dà PARZà. T. de' T^SB. CatTt^ 
ta, Subòielio. Specie di subbio odia 
parie anteriore e ioferìore del telajo 
sul quale si va avvolgeudo il tessuto. 

SoBSNTBÀR. atl. SoUenirare, Subtnirare. 
Entrare in luogo di eheccbessiai 

SoBioàoi*. 8* m. Piffero. Strumento con- 
tadinesco da fiato. Zufolo, Pifferaceio 
accr. ZufbUiio dim. 

SoBìss. 6. m. SuffbiiMO. Rovina grande. 
Fig. Gran quantità. 

Subissar, att. Subistart, Inabiuare, A* 
bissare. 

SùBiT. avv. Subito, Tosto, Raito, Di 

presente. Incontanente, Iminantinente. 

A volta d'occhio.. 

SObit chb. Poiché, Giacché, per es. 

SuBiT cab bl la dis. Pùiché, Gtae* 

che lo dice. 

S0BITÌ1I. add. ni« Subitaneo. Cbe viene 
in un subito 9 repentino, improvviso. 
Ha lo diciamo nel dialetto nostro» più 
spesso per Impetuoso, Furioso^ Pre- 
cipitoso, Violento, Subito. 

SuBLÌM. add. m. Sublime. 

SoBLiMi. s. m. Solimato. Sorta di veleno 
prontissimo e corrosivo. 

SiJBUMÀR. att. Sublimare, Aggrandire. 

Subordina, add. ro. Subordinato. Dipen« 
dente da un superiore. Fig. Docile, 
Servigiato. 

SuBORDiffÀR. att. Subordinare.' Costituir 
dipendente da alcun superiore. 
Subordinar alt. T. For. e degli Uffis. 
Sttòordtiiare per Sottomettere Sotto- 
porre al voto» all'opinione» all'appro- 
vazione di un superiore. 

SuBORDiNAZiòif . s. f. Subordinazimcs Su^ 
bordinamento. 

SucÉDER. alt Succedere. Venir dopo. V. 
Reditàr. 
SccèDBR. att. Succedere per Avvenire» 
Accadere. 

Secèss. s. m. Successo, Succedimento. 

SoccBssiòif. s. f. Successione. L'atto del 
succedere. Diccsi Legittinta o Intesta^ 
la quando uno entra nell'eredità di 
un defunto per diritto di legge o di 
sangue» e successione testamentaria o 
testala, quando si succede per testa* 
mento. 
Grad d'succbssiòn* Grado sueeeesi" 



SO 

bile. Grado di ptremek, cbe i 
possibilità di succedere. 
Suoi. add. m. Sudalo, Sudarne. Tutte 

molle di sudore. 
SuolDA. s. f. Sudemefilo. Sodata. 

Far 'if a bòr'ji a sudada. Fare un^ s«- 
deloceto. 
Sodar. Rtt. Sudare, fliandar fuori il su- 
dore.' Aìstidare^. mandar fuori umore. 
Sudare, dicesi ancbe di q\yel umore 
ebe esce da pori delle uova mesR 
sulla dnigta per sodarle. 
Sudar. Fig. Faticare, Stentare. Dorar 
gran fatica. 

SuDiR. V. n. T. de' Birr. Sudare. Il 
ravvincidire dell'orzo germinato per 
l'umido del vapore che in tale staio 
- sviluppa. 

Sudar, v. a. T. de' Cac Sudare. Ceà 
dicesi quell'umidore» che a guisa di 
lenta traspirazione traisuda dalie forme 
del cacio fatto con latte fiacco» poco 
riscaldato o troppo saturo di caglio. 
Sodar caà 'na sporga. DistiUarsi. Sde- 
gliersi in sudore. 
Sodar molt. Trasudare. 
SùDiA. Y. Umor. 

SoiMÀcoN. s. m. Soddiaeono, Suddiacone. 

Quegli che ha l'ordine del Suddiaea- 

nato. Chierico a pistola. 

SuDiAcoifiT. 8. m. Soddìaconato, SmMm- 

coiialo. Il primo de'maggiori ordini sacri. 

Sùnrr. s« m. Suddito. Chi è sotto sigao- 

ria di principe ecc. 
SoDiziòif. s. f. Peritanza, Ritegno. Spe- 
cie di vergogna o timidezta per coi 
non si osa parlare o trattare con cer- 
te persone autorevoli. Soggezione, va- 
le prop. lo star soggetto. 
Aver sudiziòii. Peritarsi, Esedre pt- 
ritoso. Esser timido. Non aver ardire. 
Temersi. 
Persòn'na d' sodiziòn. Persona da ri- 
guardi. 
SuDOR. s. m. Sudore. Umore cbe stila 
dal corpo degli animali per soverchie 
caldo. Aree. Aasmo. 
SuDOR DLk lORTA. Efidrasi. Sodor crì- 
tico. 

Sodor prbdd. Sudar freddo o geiido. 
Sudore morboso. 

SuDOR grand. Speridràsi Sodore' ec- 
cessivo. 



Digitized by 



Google 



su 

oATift D^suooft. Saper di bteeo (Fr.). 

SoDOftÉTT. s. f. Smihreito. Dìm. di sudore. 

Sdoorìpba. 6« m. Sudatorio. Bevanda che 
eecila aodore. Diafbreiieo^ rimedio che 
eccita il sudore. 

Sonria. att Auuefare. Afyetzare. 

ScBPÀTT. add. m. Auuefatio. Avyetto ^ 
anche Abituato. 

SimrAZiùif. 8. f. Alri(o, Asiuefazione. 

SoÉH. a. m. Porco, Goeco* V. Goién. 
Suino è agg. della carne di poreo. 

SovisTicH. V. Sofistìcb. 

SuFiziBirr. add« m. Sufficiente, Battanie. 

SurFLàrr. a. m. Zampogna. Zuffolo di 
canna. 

Sovaica. a. m. SulprogazUme, Suffragio. 

ScPRÌTT. 8. m. T. di Cuc. Condimento. 
Queil* intingolo che si fa soffrigger 
prima da s^ solo. Soffritto, vale 11 
soffriggere 9 e la vivanda soA^itta. 
Oooa D*supaÌTT. Leppo. 

SoralzzER att Soffriggere. Leggermente 
A'Iggere. 

Swi. add- m. Aiciutto, Raeciutto. Ra« 
sciugato. Y. Sùtt. 

SuGABòasi. s. m. Segarne. Che per ogni 
via e verto estorce l'altrui. Votabor- 
te, cosa che vuota le borse, che por- 
ta spese. 

ScGABOTTi. 8. m. CihdgHone, Sueeiabeo» 
ne, Sgoceiotabeoni. Uomo che beve 



SU 



359 



SDaiBA. 8. f. Aasdti^amra. Il rasciugare. 

SoGADòa. 8. m. SteìMtij^jo. Luogo desti- 
nato a distendere che che sia per far- 
lo asciugare o. seccare. 
SoGADòa. 8. m. T. di Cart. Spandi- 
lego. Luogo destinato a distendervi la 
carta o altro perchè vi si asciughi, o 
¥i si secchi. Dicesi Spandente, colui 
ehe spande la carta allo spanditojo, e 
rasciugata, la raccoglie colla canna de- 
nominata Aspetto. 
SuGADòR. 8. m. T. de* Tabac Stufa, 
Caldano. Sunza con più -scaffali a pal- 
chi di ferraccio sui quali rasciugansi i 
sigari nella fabbrica del tabacco. 

Su€AMiii. 8. m. Seiugatoio, Asciugatoio, 
Guardanappa. Peno di pannolino lun- 
go circa due braccia per uso di asciu- 
garsi. Bandinella, sciugatojo lissai lun- 
go che Uenii presso l'acquajo delle 
aaeresUe. 



SooAHÉNT. 8. m. Aiciuganiento , Asciu» 
gaggine. Seccheua. Aggotiatura, To- 
perazione deiraggotlar Tacqua da un 
recipiente qualunque e specialmente 
dalie barche e da' navicelli. 

Su6Aii&AT d'un fond. £^Wcazione d*un 
terreno. Quella boiiilicazione che sì fa 
per metzo di scoli, di un fondo acqui- 
trino e frigido. 
SugAnt. 8. m. T. de' Conciatori e forse 
d'altri. Stenditoio, luogo dove si sten- 
de alcuna cosa |>crcliè si asciughi. ' 
SuGia. att. Asciugare, Dissugare, Sciu- 
gare, rasciutlare, rasciugare. 

SuGÀa. alt. T. de' Bar. Aggottare. Ca- 
var l'acqua dalle barche e gettarla 
nel flume o sim. 

Suola AL SÒL. Assonnare, Assolare. 
Rasciuture, sciorinando al sole. 

SuGÀa A POCA A poca Suzzare. 

SuGÀa 1 COMPOST. T. de' Polv. Asola* 
re le polveri.' Stenderle nello sciuga- 
tojo dopo che sono state levate dal 
mortajo. 

SuGÀa LA BoasA. Votare la borsa. Ca- 
var di dosso per qualsivoglia meuo i 
danari. 

SuGia LA scaiTTùRA. ImpoWcrurla. 

Sugar la smémta. Té de' fii^. SiriZ'^ 
%are le ova, Soffregarle leggermente 
tra due pannolini per renderli asciut- 
ti dopo la lavatura. 

SuGia la suppa. T. de' Capp. Sciori^ 
nare i cappucci. Porre i cappucci o 
feltri de' cappelli al sole perchè ra- 
sciughino dall'umido della folla. 

SuGÀa 'na MiNcioifARÌA. Ripescar le 
secchie. Rimediare a falli commessi. 

Suola UN PO. Prosciugare. 
SuGlRS. n. p. Asciugarsi. Perdere l' umi- 
dità, ilrrender^i^ il seccarsi de' pozzi 
e cisterne in estale. 

SuGlas j'occ'. Forbirsi gli occhi. R^* 
sciugarsi gli occhi dal pianto o sim. 
SoGBaiMÉNT.'* 8. m. Avvertimento,- Const- 
glio. sa Suggerimento vale propria- 
mente l'azione del suggerire. 
Sugerìr. alt. Suggerire, Mettere in con- 
• siderazione, proporre. Rammentare, 
Soffiare, ricordare quello che s*lia a 
dire come si pratica nelle commedie. 
SuGBBiTòR. atu Suggcfitore, Che sugge- 
risce. Rammentatore, quegli che dal 



Digitized by 



Google 



S40 



SU 



palco raminenUi a elaschediino de* oh 
mici la sua parte. Soffione. 

ScaBSTiv. Suggestivo, Agg, che si dà ad 
interrogatorio col quale si cerea di 
trarre iiigaonevolroente di bocca al- 
trui ciò che ooD avrebbe detto. 

SùGH 8. ro* Sugo, Spremitura, Sueeo, 
11 sostanziale delle cose spremute. Jhfti- 
eiltaggine, suco viscoso premuto da 
erbe, semi e simili. 
SùGH. 8. m. MoitocoUo. CoofeUura 
economica che si fa col mosto evapo- 
rato al fuoco. Caroeno, Sugalo. 
SùGH d' LiMòN. Agro o Sugo di Umo- 
ne. 

SùGH d'un descors. Stico^ Sugosità. 
Sfinzà SÙGH. Sciocco, Scipito. 

SuGòs. add. m. Mostoso, Sueoso, Sugoso. 

SuGRQèuL. Y. SegroèoL 

Sui coppi. T. Furb. Bello. 

SoizzìDi. s. m. Suicidio, Anto fonia. Uc- 
cision di se slesso. Artteneasmo, ma- 
nia contro se stesso di uccidersi. 

SuLTÀN. s. ro. Sultano. Titolo di sovra- 
nità presso i Turchi. Fig. Burbanzo* 
so. Spavaldo ecc. 

Parer el gran sultàn. Essere il Fa- 
vao lo Spoccia. Fare lo spavaldo. Star 
sul grave. 

SuiuM, AD suHim. Maniera avv. Ialina ri- 
mastaci dall' antiquato parlare, che va 
le ^/ più, Tutt al più, A rigore, e 
significa lo stremo di checché si vo- 
glia dire fare. 

SoPBRi. add. m. Superato, Vinto. Sppra- 
vanuto. 

Superar, att. Superare, Vincere, Sopra- 
zanzare. Soverchiare. 

SupèRB. V. Supèrbi. 

Supere, add. m. Fjg. Magnifico, Soit- 
Itioso. Pomposo. 

ScpRRBi. add. m. Superbo, Altero, Or- 
goglioso, Boriato, Vanaglorioso, Al- 
bagioso. Che ha smodata opinione di se. 

SuPBRBU. s. f. Superbia. Depravasione 
del cuore che lo spoglia di carità e lo 
dispone ad ogni malnato sentimento. 
y. Argoèuj. 

SupBRRÒii. add. m. Trasuperbo, Super- 
bone, Superbaecio. Più superbo di 
Capaneo, superbissimo. 

SupsapiziiL. Superficiale. Che pesca po- 
co food». 



SU 

SupBRiòR. •• m. Superiore. Il capo C 
uno stabilimento, dì «n collegio ecc. 
// più gradualo, (B. L.) quegli che 
sovrasta ad un altro per grado. 

Superiora, s. f. Superiora. La donna che 
è alta direzione d' qno stabilimento o 
simile. 

SoPERiORfrl. s. f. Superiorità. (B. L.) 
L'autorità superiore. Fig. AUeresza, 
Albagia. 

SuPBRSTiziòif. 8. f. Superstizione, Ubbie, 
Pregiudizio. Ma V ubbia è pregiudizio 
superstizioso eoa paura. 

SupK add. m. Assidilo. Preso da sopore, 
sopito. Comatoso add. di febbre che 
cagiona sonno profondo. 

SupiMèiiT. s. m. Sopore. 

Supìrs. n. p. Assopirsi. Esser preso da 
sopore. 

SuPLéR. s. m. Becchino, Beccetmorlo. Sot- 
terratore di morti. 

SuPLicA. 8. f. Memoriale, Suplieasione, 
( B. L* ) Statica. Scrittura per la 
quale si supplicano i superiori per 
qualche grazia. 

Postillar la suplica. Segnare, Re- 
scrivere il memoriale. 

SuPLicÀR. att. Supplicare. Richiedere coi 
supplicazione. 

SuPLÌR. Séppe//jre. Sotterrare, lamolare. 
Suplìr. att. Fig. Abbicare, per oc- 
cultare, nascondere. 
SuplIr. att. T. d'Agr. Rieorieure, 
Coricare. Ricoprir le erbe, come per 
esempio, l'indivia ed altri erbagi^ 
per imbiancarli. Interrare, porre una 
pianta od un seme sotterra. 
Suplìr la forma. T. de' Food. Serrar 
nella fossa. Circondar di terra una 
forma neUa quale si voglia geHar chec- 
chessia. 

Suplìr r' articiògch. Fare ws gobbo. 
Ricoricare una pianta di carciofo. 
Suplìr tiv. Propaginare. Sotterrar 
Tivo alcuno e capo all' Ingiù, tome 
usavasi In antico cogli assassiDi e co' 
traditori. 

Suplìr toh. Supplire. Far «io te 
Teci dell'altro. 

SupLizi. s. m. Supplizio. Pena, caslito 
per lo più cagionante la morte, che 
infliggesi a' malfeltorl. Fig. Slenie, 
molestia graye e lunga. 



Digitized by 



Google 



SCF^ DLA SPAGNOLÉTTA. ColiorL V. ÌAkUèìt. 

SupòNBR. ìotr. Supporre. Presumere. Por 

caso. 
SeppA. s. f. Suppa, Zuppa. Pane iatioto 
oel brodo o io altro liquore. 

SùPPA. 8. f. Fìg. Danno, Tramaglio. 

SdPPA. 8. f. T. de' Capp. Cappuccio, 
Pezzo rotondo di feltro a foggia *di 
cappuccio, che poi s* informa e si fog- 
gia il cappello. 

SùPPA A LA SANTé. Zuppa lombarda 
o maritata. Sorta di zuppa iottit in 
broik), con cacio graltogiato 9 erbe ecc. 
Zuppa d'erbe* 

SOppa bojoda. Pan bollito» 

SùppA DA cAif. Zuppa naturale. Fet- 
tucce di pane messe in una zuppiera 
e bagnate con brodo bollente al mo- 
mento di servire in tavola. 

SùPPA DA FRA. T. di Cuc. Torta con 
roBoiio. Torta di marzapane con ro 
' solio, zucchero e latte. 

SùPPA w TEL LATT. T. di Vct. Zuppa 
di latte. Sorta di montello il quale è 
un intermedio fra T Isabella chiaro, e 
il bianco sporco. 

SCppa in \Èn. Zuppa nel vino. \. 
Suppinvén. 

Color d* sùppa.in véii. Awinato, Di- 
cesi di drappo, panno o altro del colo- 
re del vin rosso. 

Magnar 'na sCppa. Fare una ecap- 
panata. Quello festa che fanno i con- 
tadini per la nascita de* loro figliuoli 
nella quale usa mangiarsi de* capponi. 
SuppÀ. add. m. Inzuppato. 
SuppÀR. att. Inzuppare. Far imbcfore 
di un dato liquido. A$so'rJ>ire, Imbe* 
vere, attrarre a sé un liquido. 
SuppÉRA. 8. f. Zuppiera. Vaso concavo 

per portare in tavola la minestra. 
Sdppinvén. s. m. T. Boi Trifoglio fìra- 
golino. Sorta di trifoglio, 1 cui lióri 
somigliano ad una fragola, contenente 
in primavera un umor dolciastro. É 
il Trifolium fragiferum Linn. Cosi 
dicesi anche il Pancuculo, Alleluja o 
Trifoglio acetoso. Erba arvrnse, cosi 
delta dal sapor del pane intinto nel 
¥ino che ha il suo Ùor^. È comune 
do' luioghi erboiti e contiene il sale 
d'acetosella. £ 1* 9xali$ cornieuUita L. 
Sopplà22a. s. f. Grékàe 9Uppa. 



SU 



f41 



Supplènza, s. f. Zappetta. Piccola zuppa, 
SuPRéN DA MOSTARDA. Mostardiere, Zup- 
pierina eolla quale si serve sulla meusa 
la mostarda. 
SupiiéN*RA. s. f. Zttpperina. Piccola zup- 
piera. 
SopcRÀR. atl. Suppurare, Stillare man- 
dar pus da un tumore. 
SuPGRAZiòN. 8. f. Suppurazione. Matura- 
zione di tumore. 
Sussi, add. m. Sussi. Colore ebe si fti 

con la terra oriana, . 
Scssìdi. 8. m. Sussidio. Soccorso. 
Sussidia, add. m. Sussidiato. Che ha 

sussidi. 
Sussidiar, att Sussidiare. Dar sussidio, 

soccorrere. 
SlssidiXri. add. m. Sussidiario,, Ausilia^ 
rio. Si direbbe Annessa, Succursale, 
parlandosi di chiesa dipendente da un 
altra che sia parrocchiale, e cfoe le 
serva come d*ajnto. 
SussiècH. s. in. A f tura. Sussiego, Gru* 
vita. Sostenutezza. 
; Sussister, v. att. Sussistere. Artve attuale 
esistenza. 
Sussistenza, s. f. Sussistenza. Attuale 

esistenza, in altro signif. Alimenti. 
Sussitàr. att. Suscitare. Eccitare, pro- 
muovere e simili. 
SussLùN. add. ra. Scilinguato. Che sci- 
lingua, che non proferisce spedito, e 
specialmente la lettera R Breso, Bi^ 
sciolone, chi parla bisciolo. 
SussòR. s. m. Chiasso, Baccano, Fra* 
casso. Brusio. Rombazzo, forte sus* 
surip. Sussurro, strepilo leggiero. 
SussuRÀR. att. Sussurrare. Mormorare, 

romoreggiare, dir male d* altrui. 
SossunòN. s. m. Sussurrone, Sussurra^ 

tare, Fracassoso. 
Susta, s. f. Molla, Susta. Strumento 
per lo pia di ferro, che, fermo da 
una banda, si piega per lo più dal- 
l'altra, e lasciato libero ritorna nel 
primo suo essere onde fu messa,, e 
serve a diversi usi di serrature e d' in- 
gegni. Per similitudine si dice anche 
per elasticità. V. Arcòn dia susta. 
SAsTA. 8. f. T. delle Cresi. Sustina. 
Sorta di lamrnetta * sottile che serve 
talora per sostegno alle ereste ed ai 
fusti de* cappellini da donna. 

16 



Digitized by 



Google 



Mi W 

Susta, s. f. T. degli Orlv. Molla. 
Quel souil pezM) d*ac«iajo ben bui- 
jLjjio e teiopieralo, raggomitolato io 
un astuccio o cassettina cilindrica, 
chd eoo distendersi fuori mette le 
ruote e tutta la macchinetta in moto. 

SùsTà. 8. f. T. de' Parme. Susta. 
Sorta di molla a metzo cerchio ae- 
cavaìciat» ad un altra per tenere in 
sesto sul capo la parrucca. 

Susta pel campanéh. Molla di ritiro. 
Quella molla eh* è annessa al campa- 
nello» il cui n&cio è di riportarlo nella 
posizione verticale dalla quale era stato 
rimosso nel suonarlo. 

Susta dil csand'àrsòr. Gran molla. 
Molla a semicircolo che sta nella parte 
posteriore del telajo da calze tra la 
gabbia e il mestiere. 

Susta du borìcia. &rrome. La su- 
sta a dente che tiene, in sesto, il boc* 
pinolo della Baschetta. * * 

Jtf^BR IH S0STA. Mettere in $u$ta, 
in verzicola. Mettere in agitazione, e 
come in puntiglio. 
|SusTÉN*i«A. s. f. T. degli Ori?. Dentr.- 
Quel pezzetto d'acciajo fermato nel 
lembo della cartella superiore, che per 
piejBzo di una molla tien fermo jl ca* 
stello dentro la cassa. Saltatore, mec- 
canismo che si usa negli orinoli per 
r indice de' giorni, rimane immobile 
per ventiquattro ore, e fa un passo 
ogni volta che giunge la mezzanotte* 
$UTERpdGO. s. m. Sotterfugio, Sutterfugio. 
Modo di scampar con destre^a da un 
perìcolp. 
^irriL. add* m. Sottile. 

SuTiL CMB LA CARTA. SotìHfiimo, Te- 
nuieeimo. 

SuTiL d' bocca. J)i mala boqea. Y. 
Bocca. 

SuTiL D* VÉLA. Tenero dell' onor $uo. 
Piuttosto permaloso, irascibile. 

An cuARDÀt TANT pr' bl sotil. Bcvcr 

S'ro$$o. Non la guardare in un filar 
'embrici. 

Par SUTIL. Render eottile. Parlandosi 
f)i penna: contrario di Bender grosso . 
Star soTtL* ViVer di limo tura, Cam- 
par refb refe. Vivere sottihnente. 

T^rìr SUTIL. Tentr basso bosso. Te- 
fieff q MfcchfttOf T^t)»rP »IH*ui poi 



SO 

poco, magramente, e con iacantcè di 
vitto, di danaro o e)' altro. 
SuTiLA. add. f. Sottile. 

AudXh per la sutila. Cercar il pm- 
sto di sette. Guardarla fit filo. Tokr 
troppo schisar hi cosa: vederla lft>ppo 
per sottile: guardarla assai nel sottile; 
• essere fisicoso, o troppo per V appunto, 
considerato. 
SuTiLÉif. add. m* SottiUno. MiDgberiiao, 

sottiletto. 
SuTiLiiR. att. Assottigliare, SaUs^Uart. 
w=9 Abbassar la piastra, dicono gli 
smaltatori per iscemarne la grosaem 

ScTiLiiR. att. Fig. SottUiszare, Lsh 
gieare, Sottigliare. 
SùTiLiézzA. s. f. Sottigli^ita, SoiiiUH 
Astratto di sottile. 

SoTiLièzzA. s. f. Sottigliezza, Siilk. 
Cosa studiata e come Ifimbiccala 
SuTT. s. m. Asciuttore, Seccore, Sieeitè^ 
Alidore, Secehericcio. Mancanaa di ti- 
mori prodotta dal P4li)i> ^ dal noa 
piovere. 

SuTT. add. m. Asciutto. Soiptta, aecco, 
rasciutto. Scusso, dicesl il pane noa 
accompagnato da altrui vi\anda. Fig, 
Arso di danaro, senza luoneia. 

SuTT. add. m. Adusto, Segaligno. Ri- 
seccato, non atto ad ingrassare, e di- 
cesi d'uomo. 

SuTT d' GAMBI. Scorico di gambe, di 
collo. Dicesi di cavallo che abbia le 
gambe e il collo sottili e sveliL 

SuTT OLA GOL4. ilrstone. Seccore della 
gola prodotto da spte difficile a vin- 
cersi, od anche da 'febbre. 

SuTT IN. BOCCA. Asciugaggins, Sopra» 
sete. Arsione. Gran sete. 

SuTT siiTT.. Fig. Asciutanieme, Breve- 
mente. Con carestìa di parole. 
Sdtta. s. f. Asciuttore. Y« SutL 
' Esser in t'la sptta. La botte far psn^ 
eia o querciuola. Rizzarsi in pée fa 
ffotte. E>sere finito il vino. La madia è 

vuota, e il borii fa querciuola, dieooo i 
toscani, cioè non y*è né pan né vino. 

Esser in t'la sutta* an aH*AvÉ|i o*sou» 
Le acque esser basse. Abbruciare, £*• 
ser bruciato di danaro. Essere ai 
verde. Non avere un becco d',tsH quet- 
trino. Non ne avere un per m^dici^a, 
P$sere senza di^mfh 



Digitized by 



Google 



su 

Aestàa ih t'u sdtta. Rimaner nel- 
le secche. Rimanere in asso. Reslare 
in necessità, in pericolo. V. Rc^tèr. 

Sih'EJi. s. in. Sughero, Suvero, Sovero. 
Scorza notissima della Su^^hcrao Quer- 
€U$ suber di Lina. 
SùvBa. 8. m. Martelli, Quelli che ser- 
vono a suonare 1* armonica . percoten- 
done i tasti. 

SùyER DA K0DÀR. Scafandro. Arnese 
fatto con sughero od altra simile ma- 
teria di gran volume e poco peso, col 
Jiuale,- applicato al petto o alle spalle, 
* uomo sta a galla nelF acqua cpme 
lina scafa. 

Séver snvRéif da làmpoi. Lumi- 
nello. Arnese di filo di ferro eoo pez' 
setti di sughero per tenerlo a galla 
peirolio delle lampone. 
BoscH D^sCvER. Sas^ereto. 
FoDRÀ D* sOvER. Superalo, Sugheralo. 
Coperto di sughero, 

Scvn';r- 8. ju. ( Frane. ). Ricordino, Anel* 
lette simile che si suol tenere in 
memoria di chicchessia. 

SivBÀR. »ii. T. de' CuoJ. Sus;erare. Li- 
sciare le pelli ed i cuoi con suvero. 

5ui:zadCra.s. ( Areola. Quel cerchio co- 
lorilo che circonda il capezzolo delle 
poppe. 

SizzÀR. ntt. Succiare j Buggere. Attrarre 
a se Tumore Succhiares dicesi più 
propriamente il bucar col succhiello. 
V. Ciucciar. 

SiTzzsDER. V. Sucèder. 

Svzzén o suzzOTT pr' i ragazz. Tappino. 
V. Ciucce». 

SuzzÉif s. m. T. Bot Jfe/tno. Pianta 
de' luo};hi erbosi per lo più di collina 
detta Meiilis mellyssophillum da Linn. 
Cosi dicesi ijnchc \\ Caprifoglio ossia 
la Lonicera luipri/òlium Linn. 

8| zztÀR. V. Insgzzlàrs. 

Sl'ZZLòn. adii. m. Scilinguaio, Balbu- 
ziènte. V Su)i^lòn, 

Sczzù.^. s in. Sorcio, ilosn. Segno del 
succianicnlo clic riiiian nella pelle. 

S«;zzò?t*«A. V. Prniia siizzùn'na. 

SvADÈLA. s. f. Migliaccio V. Zuadèla. 

S>>GÀ. add. IT) Smagato, Divagato, Di- 
' futiéiitOj Sbadato Distratto. 

^VAGAMÈNT. 8. ni. Dii^agatnento, S^^aga- 
fftet^tOf Ss^agOf 



SV 



S45 



Svagar, att Dimgare/ Svagare. Inter- 
rompere chi opera di voglia, ed anche. 
Ricreare con solazzo. 

SvAGÀRBS. n p. Svagani, Ricrearti. Sol- 
levar l'animo con qualche sollazzo. 
Sdani, torsi da un occupazione: p. e. 
SdarM dallo studio. 

Svaga, add. m> Svergognato. V. Sputane. 

Svagar. aXt. Svergognare, Spopolare. 
Porre in gogna. 

SvALisJL. add. m. Svaligialo. Tolto dalla 
valigia. Derubato, spogliato dell'ave- 
re. 

SvALisÀR. att« Svaligiare. Cavar dalla va* 
ligia, ed anche rubare alirui violente- 
mente. 

SvALoèus. add. (V. Piac). Bergolo, Leg- 
giero, Vanesio ed anche DistreUo, 
Svogliato. Giovane vano, scapato. 

Svanì add. m. Svaporato, Sfamato, Sci» 
pito. Dicesi di vino e sim. che abbia 
perdute le parti sue più spiritose, stan- 
dosi ne'- vasi aperti o manimessi. 

Svanir, alt. Svanire, Vanire, Invanire. 
Alancare, Sparire. Ridursi in nulla. 
Svanir, att. Scipire, Svaporare, Sfw 
vwre. Esalare. Dicesi de' liquori che 
per aver perduto coll'esalazione le lo- 
ro parti più $ottili rimangono senza 
sapore, odore e simili. 

SvANTAZ. s. m. Svantaggio. Incomodo, 
Danno, Pregiudizio. Y. Scapti. 

SvmicARofctJL. 8» m. T. di Giuoe. Ma* 
grò puntatore. Cosi dicesi chi in un 
giuoco d'azzardo ove si giuocano gros- 
se poste, egli solo pone una o poche 
monete alla posta. 

Svapora, add. m. Svaporato. Evaporato. 

SvAPOKAMBNT. s. m. Svaporamento. Sva- 
porazione, Evaporazione. 

Svaporar alt. Svaporare, Evaporare. V. 
Svanir. Atmometro, istrumento di fi- 
sica, inventato da Lesile, che serve a 
misurare la forza o la quantità dello 
svaporamento. 
Svaporar l'acqua. Graduare. Ridur- 
re al maggior grado di concentrazione 
salina le acque delle moje per mezzo 
della evaporazione. 

Svasa, add. m. Acceeato^ V. Svasar. 

SvASADòR. s. m. Trapano da accecare. 
Lo strumento che porta nella sua par- 
te inferiore raccecatojo o la nespola* 



Digitized by 



Google 



24& 



SV 



S\\àSADò8 s. ni. T. de* Fabb. ?. Ac- 
ceeaiojo , Nespola. Specie di sacKa da 
trapano che serve per incavare un fo- 
ro, entro il quale possa ricevere la ca- 
pocchia di uno vile o sim. sicché spia- 
ni e non risalti. Aliar gatojo, strumen- 
to d'acciajo benissimo temperalo, che 
si adopera per allargare e ridurre un 
foro alla debita grandezza e lisciatura 
col farvelo girare dentro; egli è pen- 
tagono, esagono ecc. a seconda del bi- 
sogno. 

SvàsadCra del BASSLIÈT. Cqvo del B .ei- 
netto. Il vuoio del focoue delle armi 
da fuoco ad inescai ura. 

Svasar, alt T. delle Arti. Aceeeare. In- 
cavar buchi eoir accecatoio in siiTatlo 
modo, che possano ricevere le teste 
delle viti, o le capocchie de' chiodi, 
affinchè non risaltino in fuori. 

SvÈu s. ni. T. degli Squer. Bitlarelte. 
Piuoli di prora. 

SvéLiA. s. f. Sveglia. La squilla degli ori- 
uoli che suona a tempo debito per de- 
stare. S\?egliatino, Svegtiatojoj Dexta- 
tojo. Oriuolo, simile cosa destinata a 
svegliare o destare, o che ne desti o 
svegli per a caso o per altro. 
SvÉLiA DEL MOLÉ!^. Crepitacolo , Ferri. 
V, Ferr del moicn. 

SvEGLiARéif. V. Svèlia. 

SvÉLL. 8. ra. Acciarino, Embolo. Ferro 
che si ficca nella punta della sala (iel- 
le ruote per ritegno delle ruote me- 
desime. E ve n*ba di più fogge, co- 
me acciarini a esse, a paletta, a ron- 
done, inginocchiali ecc. 

SvÈLT. add. m. S\;ello,' Dicesi di persona 
di membra sciolte, di grandezza pro- 
porzionata, e poco aggravato di carne. 
Snello, agile, destro, sciolto di mem- 
bra, facile al salto, al corso. — Si dice 
Svelta anche una cosa un po' più lun- 
ga del giusto, ma non isproporziona- 
ta, contraria di tozza, atlicciuta o mac- 
cianghera. Sì dice poi Destra una per- 
sona accorta, sagace, furba. 
A LA SVELTA. Alla spiccta. Spedita- 
mente. 

SvELTÉN, SvBLTÉTT. add. ffl. Snclletto, Fwr- 
betKf. Vispo. 

Sveltézza, s. f. Snellezza, Sveltezza, 
Snellita. Scioltezza di membra. Destrez- 



SV 

za, Accortezza, Furberia, SeaUrilag- 
gine, Sagacità. 

Sveltézza, s. f. T. de* Pili. Sciogli- 
mento. V agevolezza delle membra nel- 
le figure per cui sembrano niovcni 
come al nalurale. 

Svelti. Sa, Su via. Animo iDterjezio- 
ne esmtativa. 

SvELTÒN. add. m. Dirittaccio, Dirilione. 
Volpe vecchia. Persona assai furba e 
scaltrita. 

Svena, add. m. Svenato. 

Svenar, ali. Svenare. Tagliar le vene. 

SvENiuÈNT. 8. w. Sveninécnto , Sfinimen- 
to, Basimento, Sdilinquimento, Deli- 
quio. Smarriipento di spirili. 

Sventa, add. m. Scapato. Si dice Gg. dì 
persona inconsiderata, senza capo. 

Sventar, alt. Sventure, Impedire, render 
vano r effetto di vera mina, di un in- 
trigo e sim. 

SventrX. add. m. Sbudellalo. Privato del- 
le budella. Sventrato, dicest chi man- 
gia moltissimo. 

Sventrar. 6iii. Sventrare. Trarre le io- 
Icriora. 

Sverginar, alt. Sverginare, Spulrellare, 
Diflorare. Torre là virgiiiità, Ditone^ 
stare. Violare, torre I onesti. 
Sverginar 'na cosa Sverginare chee- 
cheisia. Incominciare a farne uso. 

Svérgna. s. f. Sfarzo. Sfoggio, lusso, sod- 
luositù. 

Svergogna- add. m. Jn vergogna. Rima« 
sto in vergogna a se stesso,^ o agli al- 
tri (Bari ). Svergognato vale ' sfaccia- 
lo, sen^n vergogna. 

Svergognar, alt. Svergognare. Sioacca- 
re. 

SvernXr. alt. Svernare. Mantenere do- 
rante il verno, oppure dimorare il ver- 
no in alcun luogo. 

SvERNisÀ. add. m. Senza vernice. Spo- 
glio di vernice. 

SvernisXr. alt. T. degFIncìs. Lewtre o 
torre la vernice, 

SvestIr. V. Spojar. 

S>EZZ\R alt. Svezzare. Disvezzare, Far 
perdere l* usanza V. Desviar. 

Svi. H. m. T. de'. Chiod. Punte, Corio- 
clavi. Ma punte sono quelle che si 
piantano per saldezza intorno i tacco- 
ni, corioclavi si dicono quelle poote 



Digitized by 



Google 



sv 

che uatscoop la suola al guardionc 
senza cucilura. . 

SvioAOòR DI viDòN. SvUacaììHe. Arnese 
cbe serve a smootare le canoe degli 
arcbrbugi o.siin* 

SvinADòai. 8. f. T. de* F. Ferr. VòHa- 
inaschi. Spranga di ferro con uno spac- 
co nel mezzo, in cui si ficca la testa 
schiacciata dei maschi di madrevite, 
per farli girare e per fare con essi la 
vite femmina. 

SviDÀR att. Svitare. Stornar Io invilo o 
scoiumettere le cose fermate con vite. 
T. d'Agr. Spianlare di vi/i. Disertare 
un campo delle viti. 

SviGA. s. f. ^. d' Orn. Pavoncella. V. 
Sfiga. 

Svig:«àr sviGffAnsLA. Scantonare, Sì^i' 
lar^la, Fuggir di cheto. 

Svilir, att. Imbullettare. Assodar con 
punte o corioclavi. V. Svi. 

SvìBER. s. m. Stimerò. Specie di calesso 
pochissimo noto tra noi. 

SvinXr att. Ammostare. Dicesi del mosto 
che rende l'uva ammostata. Svinare, 
vale cavare il vino che sta nel tino. 

SviNTi. Sventalo, Avventato. Agg. d'uo- 
mo inconsiderato. 
Testa sviktìda. Falimbetto, Avven* 
inteilo. 

Sti5T0Làr. atl. Sventolare, Ventolare. Il 
ipuoversi che fanno le cose mobili 
esposte al vento. Ventare, tirar vento 
e anche produr vento. 

Svis'ciA. s. m. V. Coni. Vinco, Verga, 
Scudiscio. 

Svis'ciÀ. add. ro. Smaniato. Sbrattato o 
liberalo dalla pania. 

Svis ciÀR. alt. Spaiiiarc. Sbrattar dalla 
pania. 
Svis ciXr. atl. V. Coni. Scudisciare. 

Svi'sciXres. n. p. Spaniarsi. Levarsi d'ad- 
dosso le paniuzzole, e melaf. liberarsi, 
sciorsi da alcuno impaccio. 

Svista s. f. Svista. Sbaglio, abbaglio, 
scappuccio. 

Svitlàr. atl. Pare. Figliare, partorire e 
dicesi propr. delle vacche, Gg. di una 
Baldracca. 

Syitazzàr. att. Campucchiare, Vivacchia- 
re, Vivattare. Vivere disagiata o fa* 
licosa vita. 

Sviziar, ali. Viziare. Levar il vizio^ 



SV 



MS . 



SvoBCD. t. m. Voto, Vuoto, Vano, Lo 
spazio non pieno di materia solida che 
resta Ira due corpi. Vacuo, è il vuo« 
lo assoluto, quasi assoluto. 
SvoèuD. Svanito, Scipito. Aggiunto 
di vino senza sapore. 
S\'oÈtD OLA navsèla. Camera. 11 tuo* 
lo della spola attraversato dallo spo* 
letto che porta il cannello del ripieno. 
SvoèiD dl' oreccia. Conca. Quel seno 
che s' incava in roe^zo ali* orecchio 
esteriore cui è contiguo il meato udi- 
torio. 

SvojJk. add. ro. Svogliato. Distratto. Svo" 
gliatello diminuì. Diccsi Dipanato il 
(ilo che si aggomitola iraendolo dalla 
matassa. 

Svojaoòr. add. m.T. de* Filat. AgguinAo* 
latore. Quegli che mei te la seta sui 
guindoli, che agguindola. Agguindola* 
trice add. f. 

SvoJADòRA. s. f. T. de' Passam. Ahbindo' 
la trice. Donna che fa le matasse sul 
bindolo. 

SvoJÀR. alt. Dipanare, Aggomitolare» 
Rnccorre il filo, traendolo dalla ma- 
tassa, e formandone il gomitolo per 
comodità di metterlo in opera. Vale 
anche Svolgere. Incannare, dipanare 
il filo sopra cannone, o rocchetto. 

Svojatàgina. s. f. Svogliataggine, Svoglia- 
tezza, svogliàtura. Distrazione. 

SvoLANDRéN*NA. 8. f. Spolvcriìia. Sorta di 
sopravvi'Sta. 

SvoUzz. s. m. Svolazzo. Svolazzamento, 
svolazzata. 
SvoUzz. 8. m. T. de' Cali. Svolazzo. 
I caratteri artìfiziali che si fanno con 
gran traili di penna maestrevolmente 
condotti. 

SvoUzz 8. m. T. Mil. Pendagli delle 
insegne. Nappe. Quella specie di io- 
fulc che pendono dalla lancia di una 
bandiera. 

SvoiAzz d' dica scoftia. Beijdoni. Stri- 
sce che pendono da cuffia o simile. 

Aver el coAcr ih stolàzz. Essere 
svogliato ed anche Essere inquieto. 
Avere il cervello pieno di molesti pen- 
sieri. 

SVOLAZZAMBNT. 8. m. SvotoZZio, SvolOZ» 

zaìnento. 
Svolazzar, alt. Svolazzare. Diballert It 



Digitized by 



Google 



iu 



sv 



ali, volar qua e là, volar piana or 
qua or là. 

Svuoi, add. m. Votato. Vuoto, sgombro. 
Svotalo, dicesi uo basto o siiDile vo- 
tato di borra. 

SvuDÀR. att. Votare. Far vuoto. 

SvuDÀR. att. T. de* Bast. Svotare. Ca« 
var fuori la borra ^ il criue, il pelo o 
simile col cavapeio ( rampéo ) o altro, 
dai basti e sim. 
SvuDÀR. att. T. degli Imbals. Sven- 
trare. Aprir il- ventre degli animali 
per trarne le interiora. 

SvuDÀRS. n. p. Stallare. Dicesi del cacar 
delle bestie cbe si tengono in istalla. 
SvudXrs. d. p. T. de* Cactaj. Legare. 
Dicesi della pasta quando si lascia neU 
la forma sotto pressione perchè sr 
condensa. 

S*zéK. s. m Se9in0j Mezzo soldo. La qua- 
rantesima parte della nostra lira an- 
tica. Era una meschina monetuzza di 
rame equivalente ad un Picciolo e 
neuo toscano. 



An Gri* AVdHl U LITTRA o'tìn Ì'zÈK. Sot 

avere un becco d* un quattrino, 
An gh^ i CALA UN s'zéif . Sono sialo à 
un peto. Sono sialo vicinissimo, sono 
stato di momento in momenta 

Ai RB9TÀR tin S*ZéN IN SACCOZZA. Avcf 

avuto una gran battisoffia o baitisof» 
fiala, cioè una paura sganghentissi- 
ma. 

Aie v'ALÉR UH s*zéif. Non ve^er eka. 
Valer nulla. 

Guardarla in f* uìi s*zÉif. Squartar 
h zero. Spendere con sovercliia par- 
simonia. 

I s*ZBif. / quattrini, I danari. La 
moneta in genere. * 

Un s'zén d* Liscia, d' prutta eoe. Usa 
quattrinaia di esca, di finita ecc. 
Tanta quantità che valga ao menr 
soldo. 
S*ziMOSSÀR BL PANN. T. de' SarC Sn- 
vagnare il panno ( B. L. ) . Tor 
via il vivagno aUe peazt di f%maa 
e fìnw 



Digitized by vJiOOQ iC 



T 



ài? 



tA 

t. ^t. ta diciannovesima Ietterà dell* al« 
labeto italiano e quindicesioiff delle 
consonanti. Come lettera numerale va- 
leva pre&io i latini 160» e con sopra 
una iinneeltif 160 mila. V. Te. 
t abacà! Viat Vanne via! Marcia via! 

Modo quasi furbesco di licenaiare. 
Tabaccìda s. f. Fiuiatona. Gran fiutata, 

e fig. Fuggila, Evasione e sim. 
Tabaccar, s. m. Tabaccaio. V. Tabacchén 
e Paltadòr. 

Tabaccar, s. m. Fabbricatore di ta- 
bacco, lì con voce d*u80^ Tabaceojo. 
V. Zcrtoséu eZerlòsa. 

Tabaccar, att. Prender tabaccai II 
cbe dicesi Stabaccare^ te eccessivo. 
V. Nasàr. 
tABACdkR9Li. Svigììare, Sattenela, Daria 
a gambe e Pigiiar V ambio s Battere 
il taccone. Fuggire. 
Tabacch. s ìMi T. Bet Tabacco. Erba 
nola^ detta Nicotiana tabaeum e rw 
stica da Linn. 

Tabacch s. m. Tabacco. La foglia 
della Nicoziana che ci arriva in com- 
mercio, in natura, o manipolata in 
Bastoni i in Carote^ in Corda, in 
Costola , in Foglia macinata, pesta, 
pattata, trinciata, in farina naturale 
o fermentata, In zigari ecc. 

Tabacch Iia ciccar. Masticaticcio, V. 
Cicca. 

Tabacch da frì. Crusca, Cruseone. 
Tabacco in farina di foglia ordinaria. 

Tabacca da fOm. Trinciato. (Tose.) 

Tabacch di nas. 7a6aceo da naso 
Tabacco macinato e fermentato. 

Tabacòh d* avana. Avana d* Olanda. 
( B L. ) Tabacco per lo più in ruotoli o 
aigarì di prima e di seeonda qualità. 

TABAtxH DEL MORO, ingè fòrtato. Sorta 
di Jerìngé o tabacco trinciato fine da 
fumare^ detto anche Tabacco forte* 



tA 

TABAceH DE Spagha. SiVigHa di spa- 
gna. ( B. L; ) Tabacco di Spagna. 
Tabacch d'* ongarìa* Tabacco d' Un- 
gheria. 

Tabacch d' Sarìieoiia. Tabacco Sardo* 
Tabacch d* Siviglia. La buona Sn>i^ 
glia. ( Lastri ) 
Tabacch d* TitcHiA. Foglia di Tacchiat 
Tabacch d* virginia. Foglia divii-gi- 
nia, 

Tabacch fermenta. Tabacco forzata* 
Tabacch cross. Trincialo grosso» 
Tabacch in boatta. Tabacco in car- 
tocci. Farina di tabacco da fiutare 
posta in cartocci di libra. 
Tabacch in corda. Tabacco in ruotoli^ 
il tabacco in bastoni per lo più por 
fumare, die nelle tariffe Toso, é detto 
anche Bresilè in corda* 
Tabacch monocos. Foglia di Monoeos* 
TXbacch nostràn. Tabacco nostrale. 
Tabacch salonìch. Foglia di Salonic-^ 
co. »== Oltre i ricordati tabacchr ch<5 
prèndono nome dal paese donde ci 
vengono, o dalla loro foggia, o dalla 
manifattura cbe subiscono nelle fab-i 
bi'iche, noi conosciamo anche le ac* 
guenti specie di tabacco. 
Albania . . * 4 Alòdnia. 
Albania inflada. < Albania melala* 



Albania Santa Gin- 
8tén*n8 . • 4 
Albania slòrsada . 
Èrasìl tu corda . 
Garadà . . . 4 
Caradà d* Ih8S< * 
Fojètta . • • . 

l^oèuja * 4 4 * 

Gingè r 4 . . 

Grana • . . . 

Grana fén^nft . . 

Grana Olandésa . 



Albania S Oiuslina 
Albania forzala ^ 
Bresile in corda. 
Caradà comune. 
Caradà scelto, 
Cruschella capptic* 
citta j Foglielta, 
Cruschella i Foglia» 
Ingè. 
Grana. 

Grana re/tne.^ 
Olandina. 



Digitized by 



Google 



248 



TA 



Grana ordinaria . 
Peti . . . . . 
Pizzighéa • . . 

Rap^ 

Riipò d* Pungi . 
Rapèd'S.Domìog. 

Santa Gi.uslén*na. 

SaurOmèr. . . 



Grana nera. 
Rapalo sodiie. 
Pizzichino. 
Itfipalo Rapè. 
Rapato di Parigi, 
Tabarco Domiiifjo 

rapalo. 
Tabacco S. Giustina 

rapalo. 
Tabacco Omeìv ra- 
palo. 
Scafarla .... Jngé refine, 
ScajèUa . . • . SeaglieUa. 
Turclièll • . . Trinciato forte. 
Virginia. . . . Tabacco di Virgi- 
nia, . 
Zertosén. • . • Rapalo Certosina o 
Parmigiano? 
Akdàk in tabaccr. Farsi polvere. Si 
dice delio sfarinarsi delle foglie e si* 
nuli. 

An TALÈR *IfA PIPPA D* TABACCH. Ao» 

valere una scorza di noce. 

Ba!(cb da far el tadacch. Masirina. 

Color tabacch Cohr tabaccalo o di 
ma Itone, 

£l N' É HIGA CMÌ TOéUR '5A PRÉSA o' TA- 
BACCR. Non è loppa. Non è impresa 
da pianare a gabbo. Non è cosa fu- 
Cile. 

Far Et TABACCH. hìcorolare. Diccsi 
de* légni vecchi bacati che lascian 
cadere il rosume de* tarli. 

l^ESCiÀR EL TABACcu. Sterzare il ta- 
bacco, 

TirXR su de 6RAN TABACCA . Jnzufo- 

lare di gran tabacco. Stabaccaie 
( Tose. ) 
Tabachéri. s. f. T. Bot. Castagnola, Tri- 
bolo acquatico o marino. Pianta acqua- 
tica che galleggia sulla supei*iicie del- 
r acqua 9 e produce frutti spinosi, nei 
quali sta un seme farinoso mangiabile. É 
detta da Linn. Trapa natatis. 
Tabacbén. s. m. Tabaccìiino, Tabaceajo. 

Venditor di tabacco al minuto. 
TABAcnÉifT. add. m. Tabaccoso, 
Tabacòn. s. ro. Tabacchisla, Tabaccone. 
( Guadago. Poes. ) Colui che usa pren- 
dere molto tabacco da naso. 
Tabacòn*na. 8. f. Tabaccona, (Tose.) 
Tafalori. 8. va. Zonali, Baggiano, Capo 
quadro. Balordo. 



TA 

Tabalobìa. s. f. Babbalva, Baggiana. 
Tarar, s. m. Tabarro. Queir abito che 
si porta sopra gli altri vestimcoii, |>er 
lo più, nel verno. Tabarrone accresc., 
Tabaraccio pcgg., Tabarrino, Fer» 
rajolelto, Mautelluccio diminut. V. 
sotto. 

Tarar T. Furb. Cuojo, pelle d' una 
bestia. 

Tarar a la hilitara. Mantello doppio. 

TARAR A LA VBKE2IANA. Ferrojuolo alla 
veneziana. Con sarrocchino brevissiaio. 

Taraiv con I BÀVER. Pastrano. Fer- 
rajuolo con diversi sarrocchini. 

Tarar con il ranghi. Gabbano. Man- 
tello seniidoppio con maniche. 

Tarar da donna. Cap/io/to. (Toro.) 

Tarar da prbt Mantello. 

Tarar da servitòr. Pusiranella, Pa* 
strano con qualche segno di livrcR. 

Cavar el tarar. Sferrajolare. Levar 
di dosso il fcrrajolo. 

Cavars el tarar. S/èrrajolarsi, 

Esser niguer cré el tarar del diatòl. 
Essere tulio stizza. 

Far el tarar. Portar frasconi, Fmr 
gheppio. Lo strascinar dell* ali, eti« 
fanno i polli, e per similit. si dice 
di chi per indisposizione mal si reg^s 
sópra di sé. 

Far un tabar a von. Appiccare, Ai- 
laccare o Afibèiare altrui una eom^ 
panello, un campanello, un sonofHo, 
un bottone, sbolloneggiare. Apporre 
Rd alcuno tal cos», che altri lo tenga 
per reo uomo. Cardarlo. 

In t*un Tarar cavaregh *na brètta. 
Far d'una lancia un punieruoèo, 
oppure, uno zipolo. Stremar Uftto 
una cosa per ignoranza o trascuralag* 
gine, che si riduca quasi nulla. 

Metter el tarar. /;i^ro;otore. Ptr- 
re indosso il ferrajolo. 

Mbttres el tarar. Infkn'ùjolasrn. In- 
dossare il tabarro. 

SoTT AL TARAR. Fig. Di celùto, N§L* 
scoslamente. Di soppiatto* 
TabarAzz. s. m. 2(iò«rReeio^ iftuilrlfoe- 

cio, Ferrajuolactio. 
Tararìn. 8. m. Ferrajuohlto , Mianiti" 
letto. 

Tabarén uk PRET. Ftrrajolino. Quel* 
la specie di maoteliuccio di acca o 



Digitized by 



Google 



TA 

d* altro che portano dietro le spalle i 
sacerdoti. Scapolare, Scapularé, quel- 
la parte dell* abito di akuoi frati, cbe 
pende ioro davanti e dietro a modo 
di una striacia di panno. 
Tabéla. 6. f. Tavola, Tabella. Libro, 
registro, indice, kpecchielto. 
Tabèla dla lavandera. TabitUa della 
eurandaja. 
Tabeuonàt. 8. m. T. de* Not Tabellio- 
nato. Cifra di Dotaja publico delia 
quale è munito ogni atto da esso ro- 
gato. 
TABsaNÀcoL. 8. m. Tabernacolo, Ciborio, 
Nicchia ove ripensi il Ss. Sagramenlo. 
Tabi. s.. m. T. de* Drapp. Tabi. Sorla 
dì drappo, cbe è una specie di taffetà 
ondato o marezzalo. ' 
Tablò. 8. m. ( dal Frane. Tableau. ) 
Jiilratlo, od ancbe P^nzo/o^ Picchia- 
pedo. V. Placa. 
Tablò. s. m. T. Teatr. Quadro, 
Gruppo. Ogni oggetto o spettacolo cbe 
traggo a sé gli sguardi pel suo gran- 
dioso singolare. 

Tablò, Stat. Quadro, Prospetto, 
Specchio, Nota. 

Far tablò. T. de* Coreogr, Far qua- 
dro? Queir atteggiarsi contemporaneo 
de* ballerini in vari gruppi simmetrici 
io fine di una danza o di un ballo. 
Tàca. 8. f. Intaccatura. Quell'intaglio 
cbe si fa nella tessera col coltello o 
simile. 

Tàca. Fig. Debito. Preso da quel se- 
^no che si fa sulla tessera. Y. Tèssra. 
Tju;a. a. f. T. degli Oriv. Tacca. Quel 
r addentatura cbe serve per aprire il 
cerchio che regge U cristallo deiro- 
riuolo da tasca. 

Tàcà. s f. T. di Stamp. Intaglio. 
Canaletto appiè di ciascun tipo, da 
cui conoscere se la lettera sia nel 
cofupositojo nel suo verso giusto. 
Tàca o*leg.ia. Cappia. V. Sièla. 
Tàca del cortèll ecc. Ugnata. Quel- 
r intaccatura falla nella lama di un 
coltello temperino per aprirlo più 
facilmente. 

Tàca oa jàn. Mala paga , Imbroglione» 
Che fa debili e non li paga. 
Qi* TÀCA. Viscoso, Appiccicante* 
liA n* TÀCA. La pania non tiene. Il 



TA 



949 



tuo inchiostro non tìnge, cioè Vìa* 
ganno non riesce. 
'Ni PAROLA TÀCA L* ALTRA. // dir fu dire. 

SOKÀI CMà TÀCA, XIKCIÒN CMà MAIIÉLA. 

Minchione in chermisi. 

ZUGÀR A TÀCA TÀQA. T. de* GiuOC. 

Giuocare a chi paga roste. Fare a 
chi' paga. 

Tacà add. m. Attaccato, cioè unito ar- 
tificialmente ad un altra co$a da cui 
non si possa facilmente dislaccare, co* 
me sono due legni con colla. Ade» 
rentCx diconsi due superficie cbe com- 
bacino insieme oaturalpiente, come 
la scorza ali* albero, la pelle ai mu« 
scoli ecc. 

TagaoIzz. add. m. Lappollone, Jmpor* 
tuno. Che si interpone o si associa, 
non chiesto, in qualunque facenda, 
TacadIzz. add. in. Appiccaticcio, At' 
taccaticcio. Appiccolivo. Dicesi di ma.- 
la die contagiose. 
Tacadìzz. add. m. Viscoso, Viscido, 
Appiccaticcio, Appiccante. Che age- 
volmente si attacca come il vischio. 
Tegnente. 
Esser tacadìzz, tacàrs cmè el viso*, 

CMè LA GRAMIGNA- Fìg. \9\e EsSCrC Op'' 

piccaticcio. Attaccarsi come la gro'- 
migna, Easere una lappola, Apple» 
carsi come le mignatte. Che volentieri 
si accompagna ed importuna» 

TacaoCra. 8. f. Attaccatura, Unione, 
Connessione, Attaccamento» Si dice 
anche di quella parte dove due o più 
cose si attaccano insieme. Attaccatura 
del pane ad un altro pan^, dicono i 
fornaj per opposto ad orliccio. 
. Tacadùra. s. f. T. Piti. Appiccatura. 
Quel passaggio che si fa da rousc^olo 
a muscolo, e da membra a membra 
con morbidezza e con grazia nell'u- 
nirli fra loro. 
Tacadùra dla spala. T. d'Ornil. An* 
aolo delibala. L* articolazione del cu- 
bito col corpo dell'uccello. 

Tacagnén Tacalita. Piatitore, Becca- 
liti, Pizzicaquislioni, Accattabrighe. 
Sì dice d*un uomo garoso, lUigioso» 
riottoso, perfidioso. Sbarazzino, gio- 
vane di mali costumi e rissoso. 

TACAGT(éif*NA. Battagliera. Donna cbt seni* 
pre contende. 



Digitized by 



Google 



m tA 

TacacnXiu att. Oarrire, Abbaruffitrèi, 
Rabaruffarsi, Aceapigliarii, azzuffarsi 
insieme. Aitercare^ coniendere di pa- 
role. Piatire, propugnare le proprie 
ragioni Bi$liceiare, Éisticciarsi, ÈeZ" 
zicarsi, conleslare pertiuaceoicnte prò- 
verbiandosi. 

ITacàdùra. s. f. Attaccatura^ L'atto di 
attaccare. 

Tacadùba. s f. T. de* P. Ferr. Sa- 
tura. La linea di congiunzione del- 
Tuna coir altra spira della chiocciola. 
TacadùrI. 8. f. T. de' Fren. Cepfa 
del freno, U nodo o attaccatura ael 
freno. 

ITacAja. s. f. Appiccagnolo, Attaccagnolo. 
Qualunque cosa ove altri possa appic- 
carsi, che tenga sospesa cosa appic- 
cata. . 
Tacìja d*un qcader eec. Maglietta. 

TACALtTA. s. d'ogni gen. Beccalite, Piz- 
zieaquistioui. Persona rissosa* 
TacAlìta. s. f. Monetaccia. Moneta 
cattiva, non in corso, scarsa, mal co- 
niata. 

Tacahàca. 8. f. Taecamaeca. Gomma che 
si ricava dalla Fagara octandra di 
Linn. 

Tacamànt. s. m. Attaccamento. L^atto di 
attaccare. Fi§. Affezione. 

Tacàr. att. Attaccare. Per unire, con- 
giungere. 
TAaa. att. T. d' Agr. Allignare, At- 
techire. Vale Mantenersi, Fruttare. 
Appiccare, diccsi del nesto che attec- 
chisce sulla pianta inestatà. Abbarbi- 
care, dicesi r appiccarsi che faimo 
colle radici le piante in terra. 
Tagàr. att. Imprimerei, Appiccarci. 
E dicesi di un (erro o simile che solchi 
segni una pietra, un metallo ece. 
Tacìr. f. n. Appiccicani. L'appic- 
carsi che fanno le cose viscose. 
TàckK. Fig. Tenere la pania. Riuscire 
Del proprio inlento. 
Tacàr. T. di Giuoc. Vincere. Vincere 
una o più partite: vincere uno o più 
giuochi è far pagare ad altri il prò- 

' proprio scotto. 

Tacàr ruja. Appiccar baruffa. Ris- 
sare, Abbaruffare. 
'- Tacàr da dir Attaccarla con alcuno. 
Attaccar lite. V. Tacagnàr. 



tA 

tAclR, Dia coutra. Dar 4i totii 
Cozzare, urlare. 

Tacàr dbntbr. Appktani in dbee- 
ehessia. 

Tacàr dl' rmKmTAFr^A. Metter prtfioi 
Pare stima. Dar peso. 

Tacàr BL marogcbéA T.de'Capp.A)m 
•7 giretto. Cucire internameote al cap- 
pello presso la tesa una strìscia di 
pelle. 

Tacòàiì bl i^BVitìB. t. Mil. Àltaem 
f inimico. Investirlo, Attaccar kiuf 
fa. Andare alle prese. 

TacÌr Tkckws toéuGB. Appietsn 4 
appiccarsi fuoco. Dare o pigliare faoca 
Accendere o accendersi. 

Tacàr foÈtnk. Affiggere. Appiccar k 
polizze su pei cantoni. 

TicÀif I BO^. T. d' Agr. Aggiogare i òvffi 

TicÀR I GAtAi. Attaccare i etMtlì 
alla carrozza o ad altro legm. Goe^ 
dirh de' fornlmeiiltì neccftsrj, e eoa 
essi adattarli ài legno in inodo cbc 
posstfEÌ tirarlo, e si dice iuthe in » 
soluto. Attaccare ^=^ Accodare, diccsi il 
legar 16 hestie daf soma Funi dietro 
l'altra. 

Tacà« il ftÈì. T. di Cacc A/piHim 
Legare i Blelti delta ragna. 

Tacàr iit g^la. Mordicare la §ok, 
Scorticare il palato. Dicest di cibo o 
bevanda di sapore aspro, che si ènti 
fatica a inghiottire Rionare, prodir 
quel rantico di gola che più sp^ 
prof iffmo nel mangiar vifsmde fnu^ 
Dell'olio. 

TAaa 1 PA6* DJt MÉTttìr IH ^^ 

Appicciare, Appuntare* Attaccare 1 
panni còl cucito a due o più peto 
insieme. 

TicÀR iit tl' érht. Scilinguare, TarlP* 
gliare, E dicesi Pèrder t erre, qnanw 
per ebbrezza laltiii dura fatiti a ff^ 
Dunziarla. 

Tickn IH TL^ Oliali. Denigrare. Owi- 
rare l'altrtfi fama e riputa^ioDe: oi- 
famare, infamare» levar T onore 

Tacàr èa rogiia. Appiceicore te ^ 
gna. 

tACÀ» Va «(tà. t. Hfl. 6iW'«'* 
tino città, 

Tacàr sòtta. Por maiUi, Bar p*^"* 
c^io. V. Taear ì cifva). 



Digitized by 



Google 



tA 

- fidkU sòTTA A DEscòRftÉR. Appiccare 
rugùmamenio. Porsi a ragionare. Rat- 
toccare o ripigliare il discorso. Porsi 
a ragionar di nuovo. 
I Tacàr SÒTTA A dorhìr. Pigliar il son* 
no. Legar la giumenta o i* asino. 
Addormentarsi. Rappiteare il sonno, 
I addormentarsi di nuovo. 
I Tacàr 9ùrfk BL CALD EL ttiEùb. Ster- 
rarsi il caldo il freddo, cioè, htsì 
i focalsanti. 

Tacàr su. Appendere, Sospendere. 
Attaccar efaeeehessìa a chiodo, arpione, 
[ o piuok). 

Tacàr su. T. degli Addobb. Apjnm- 
tare. Attaccare con ispiflatli o simili, 
t le tele de' parati nel fare ì favori di 
addobbatura. 

Tacàr aCr la rronca. Porre al fuoco 
la pentola. 

Tacàr voi* a i/alteA. Frecciare, t>ar 

di fìreccia. Richiedere 1* uno e l' altro 

[ di danari a prescama e noor nenderli. 

B generalmente indebitarsi. 
t tACÀRS. n. p. Attaccarsi, Far presa, 
come la calce, il gesso ecc. Appiè* 
carsi, dicesi dello appiccicarsi di cosa 
l tegnente. 

Tacàrs. n. p. Venir alle mani, Ve- 
, nir ai denti. V. Tflttagoàr e Tacàr da 
éir. 

Tacàrs ADRft A TUTTI. Bsscrc uua nKh 
tea culaja. Una lappola. Volersi per 
forza farsi seguace a quanti si prtesen- 
tano. 
Tacàrs a tutt. ^//accorsi a' rasoi, 
^ Appiccarsi alle funi- del cielo. Ricor* 
rere per disperaiioae apche a cose 
Bodve. 
Tacàrs con il mah. Aggrapparsi. 
Tacàrs convoli o vuna. innamorarsi 
I tu imo in alcuna, invaghirsi. 

Tacàrs t làbih jnsémma^ imbietolire. 
Andar in broda. Sentir piacere, con- 
solaxione. 
Tacàrs un mal^ Appiccarsi un male. 
Cosa da tacàrs. Attacco^ Cosa a cui 
nomo attaccare si dòssa. E si dice anche 
^cr Appicco, Occasione, Opportunità. 
T. Rampén. 

N* AVER GKBIIT DA TACCÀRAS. Fìg. Won 

a^Hre afferratoio alcuno. Non avere 
Appiglio^ 



TAcÀtzA. V. Tachèlta. 

Tàcch. u m. T. de' Calzol. Calcagnino. 

La parte della scai^pa che è sotto if 

calcagno. == Si dite Tacco o Taccone^ 

un pezzo di suolo che si a'ppi'eca alle 

. scarpe rotte. 

ricca, s. m. T. de' Tip. Tacco. QucT 
pezzuolo di carta che gli stampatori 
pongono sai ttopano per rialzarlo neU 
le sue parti difettose: il che fare chi»* 
masi Taccheggiare. 

Tàcch tàch. Toppa toppa, Ticditf 
tocche. Quel rumore che si fa bus- 
sando. 

tÀccH TÀCCH. ro. avv. Tàffete, Su due 
piedi. Senza porvi su né sai né oiio^ 
Immantinente. 

Batter eL tÀccof. Andar in cùlcagniniy 
Zoccolare. Far fracasso co' lacchi nel 
camminare. 

I>At TÀCCH BfASS. Di basso Ugo, Ple- 
bea-. E dìccsi di sciattona a donna dì 
rtial affare. 

Perdr I TÀCCH. T. Fort. Perdere il 
eredito. 
TÀctH'iÀA. att. T. de' Tip. Taceheggiare. 
Mettere de' tacchi o pezzucci di carta 
sol timpano del torchio per rialzarlo^ 
nelle partì difettose. 
[ TacOàr. att. TaèciarCi Tassare, Siasi'» 
mare. Dare altrui nCial nome, inipu« 
fare. 
Tacbìla. s. f. T. de' Siarl. Occhiello, 
Occhietto, Vcehiello. Quel piccolo per- 
tugio che si fa nelle vestimenta, npl 
qOale entra 11 bottone che lo affibbia. 
Asola, si dice propriamente l'orlo di 
punti che si fa attorno air occhiello. 

Tachéla. Fig. Sfregio y Taglio. V* 
anche Tèssra. 

Tacbéla del CAPÉLtk Laccelto, Gania, 
Maglietta. Quel nastro che mettesi alla 
sinistra davanti del cappello a tre pizzi^ 
venti fra ctii si pone Ta napptf. ( co- 
earda) 

AiliGB DLA TÀctfèLA. Amictssimo. 

Far il tachéli. Orlare gli occhiolli. 

Ferr DA TACHèLf. Stampo da ucehiellC 

Parta dil Tachéli. Occhieilatura, 
Affibbiatura. La parte del libito ove 
sono gif ncchielli. 

PbHT A TACWU. Punto ad asola.^ V.. 
P Pom^ 



Digitized by 



Google 



353 



TA 



Tacr^n. 8. m. Gabbatore, Gabbavompa» 
gnn, Pianlachiodini, Colui che facil- 
innile fa debili e raramente li paga. 
Tachén. s. lù. T. di Giuoc. Carta, 
bassa» Carla che costringe l'avversa- 
rio a prenderla. 

Tacdètta. 8. f. T. d*Ornit. Taccola; 
Corvello. Piccola specie di corvo che 
nidifica negli antichi edifici e che non 
mangia carne se non costretto dalla 
fame. È il Corvus monedula tinn. ma 
è piuttosto raro tra noi. 
Tachètta dj'arloéij, cornisi ecc. 
Appiccagnolo» V. Àtàcch. 

TACCHF.TT1 OLA RAGNA. AppiccogiìolL Ma- 
gliette che servono ad attaccare la 
ragna. 

Tàchi di contrari. Denti. Lo intaccature 
degli ingegni delle chiavi. 

TXcai OLA ziNGiA. Tacche» Qtieile 
della carretta ove si tiene la cinghia 
nello scarrcttare. 
Tàcbi d*legn. Stelletti, Coppie. {ÌAnm- 
bruschini ) V. Stèli. 

Tacht* ATTACCfi. Tìcnti. Giuoco di parole. 

Taclàra s. f. Uechiellaja. Donna che fa le 
asole, ossia Torto di punti agli ucchielli. 

Taclén'na TACLÉTTA. Occkielliuo. Pic- 
colo occhiello. 

Tacòn. s. m. Toppa. Pezzuolo di panno 

simile che si cuce sopra la rottura 
d*un vestito. Taccona ^ quel tacco che 
8i rìmeUe alle rotture delle scarpe. 

Tacòn. &• m. T. de' Carr. Coda. La 
parte del carroccio che dal timone si 
biforca verso terra e fa le veci delle 
ruote che mancaùo. 

Tacòn. s. m. T. de' Chiod. Guarda- 
petto. Arnese di legno che si applica 

01 netto il mazzicatore per ajutarsi 
nell azione del mazzicare. 

Tacòn. 6. . m. T. di Starop, Tacco. 
V. Tacch. 
Tacòn. s. ra. T. de' Stov. Quadrue- 
fio. Quadro di argilla alquanto lungo 
che serve di traversa, nel castello delle 
fornaci da stoviglie. 

Taconamìnt. s. m. Rattaecommento, Rat* 
toppamenta. 

Tagonìlr. alt. Rattacconare. Metter tac- 
coni, e dicesi per lo più. di scarpe. 
Rattoppare, metter toppe a vcstimenii 
vecchi • . 



TA 

TaconIr. att. T. de' Cac TViecouare. 
Rappezzamento a cui si assoggeuaao 
le forme di cacio screpolate o altri* 
menti difettose. 

Taconàr. att. T. de' Tip, Taccheg- 
giare . V. Tacch'zar. 
Tafanàri. 8. m. Tafanario. Preterito, 

Sedere. 
TkFFÌ fìomh. Voce espriineote il colpo 
che ci coglie d* improvviso. 

Tàfp tàfp, tàffete. Tuff. Esprcssinne 
d' un atto che si fa presto e eoo furza. 
Tafftà. s. m. Taffetà Tela di seta leg- 
gerissima e arrendevole. Taffetà di 
Francia. 

Tafftà s. m. T Farm. Drappo d' In- 
ghilterra da ferite. Sparadrappo S«tt 
su cui è spalmata 1* ittiocolla o sia la 
colla di pesce, e serve per rimargioare 
le ferite. 

Tafptà rasa. Taffettà ra$aio. 
Tagétta. s. f. T. Bot. Viola inéiameu 
Pianta .annua die ha fusto dirtUo e 
fiori grandi gialli o sussi. È la TagHes 
erecta. Linn. V. Narzis. 
Taj e quaj. Qiialùnque siensi. 
Tàj. 6. m. Taglio, Tagliamenlo. Il ta- 
gliare. 

Tàj. 8. m. Taglio, Filo. Ln parte 
tagliente de' strumenti da tagliane. 

Tàj. 8. m. Taglio. La squarciatura o 
la ferita che ò\ fa nel tagliare^ 

Tàj. 8. m. Scemamefito, Riduzione 
di prezzo o di somma dovuta. 

Tàj. s. m. Staglio, Taccio, Sfaecio. 
Computo alla grossa. 

Tàj. 6. m. T. d'Agr. Pur ulto. L'a- 
pertura che si fa nella scorza, quan- 
do s* innesta a scudetto. 

Tàj. s. m. T. de* Bilane. Taecìèe. I 
tagli eseguiti colla lima sullo stilo 
della stadera, che segnano i pesi coi 
quali si equilibra il romano. 

Tàj. 8. m. T. de' Cali. Spacco, Festù. lì 
taglio della punta della penna. V. Taj^U. 

Tàj. 8. m T. de* CalaoL Fesso. Pic- 
cola fessura a sghimbeseto ael svolo 
entro la quale fannosi le ewciUMT 
delle scarpe. 

Tàj. 8. m. T. di Giuoc. TeifUo. O^ 
dicesi al giuoco del Faraone a simile, 

il dare in tavola giuoeaado tutte le 
carte, o il vincer tutte le poste. 



Digitized by 



Google 



TA 

Tàj. $. m. T. de' Conc Scarnitura. 
Tu|;tio cbe facciasi in una pelle lavo- 
randola. 

Tàì 8. iD. T. Idr. Falla. Queir aper- 
tura cbe 8Ì fa in una conserva, in 
UD argine eco*» per cui esce e scor* 
re l'acqua. * 

Tij. 8. m. T. degli Incis. Frego. Taglio 
sottilissimo e leggero nel rame o le- 
gno cbe 8* incide. 

Tàj 8. m. T. de' Lan. Slanatura. 
Difetto del panno per colpa de' cima- 
tori. 

Tàj. s. m. T. de' Sell. Spacco ji Fes- 
solo, Fenditura fatta ad arte in una 
cigna simile. 

TU. 8. ra. T.. de' Torn. Feriloja. 
Lunga apertura del banco del torni- 
tore nella quale scorrono i toppi del 
tornio. 

Tàj d'abit. Tqglio d' abito ,, Stacco 
d'abito. Capo di stoffa o di panno» 
Tanto drappo y quanto n'è d'uopo 
per far un abito. 

Tàj d' carn\. T. de' MacclL Pezza, 
Pezzo o Taglio di carne. Le parti in 
cui riduconsi le carni delle bestie ma- 
cellate Dalla parte donde si tagliano 
ed aocbe a seconda della sua gran- 
dezza, i tagli di carne prendon vari 
nomi de' quali darò i principali. 



TA 



I^^S 



Alza . . . . 


. Ascella. 


Afta retila . . 


. Petto. 


Arvèla . . . 


. . Coscio. 


Banién . • . 


. Lobo aito. 


Bn^ra . . , 


. Carne soggiogaja. 
. . Pancia, Carne ven- 


Bigol. . . 




traja* 


Bigol doppi. 


. . Taglio di forcella. 


Canon . . 


. . Cannella. 


Caro. . . , 


. Schienale. 


Cùrga , . , 


. Spicchio di spalla. 


Coèussa . . . 


: Coscia. 


Coli . . • , 


. Collo. 


Coppa . . 


. .. Coppa. 


CossèU • . . 


. Cosciotto. 


Costa d'alza . 


. Fiancala di forcella. 


Costa dritta . 


. Fiancale. 


Costa falsa . . 


. Fiancale di eoste^ 



Cóva. . 

Cutata 

Culatèll 



reccio. 

• Carne coderina. 

• Culaccio* 

« Groppa di enlaceio. 



Doppia . 



Filètt 

Filòn. . , . • 
Fond de spala. • 
Frittaja .... 
Frittura. . . • 
Ganasséo • • . 
Giarètl . • . .. 
Clangla V. Crupp. 
Grassa . . . . 
Grupp . . • , 
Lcngua . • , . 
Mczz bò. . . . 
Moiétta .... 

Mus 

Nervòn • . . . 
Noèud d'alza • • 
Nomblèil* • . . 
Nòrubol,' • • . 
Nósa. . . . . 
• Occ . • ■ . . . 
Orèccia . . . . 
Ossbus. V. Canon. 
Paletta ... • 
Pc . . . . . 
Pòss d' coòussa . 
Péss de spala . . 
Pètt d' mezz • • 
Picaja • . . . . 
Pois ..... 
Ponta del giarètt. 
Ponta dia culata . 
Ponta d' pett 
Ponta d' spala 
Quari , . 
Ravisa . . 
RagajJR . . 
Rescàda . '. 
Rognòa* • • . 
Rost d' nòmbol , 
Rosi d* rognòn . 
Spala. . . . . 
Taj dedfoèuria . 
Taj d' mezz . 
Testa. . . . . 
Tracùl .... 
Travèrs . . ; 
Travèrs del cai^òn 

Zamorèlta • . . 
Zervèla • • • 
Zizzaniata . 



Primo taglio di fbr* 

cella. 
Filetto. 
Schienale. 
Paletta. 
Lombatcllo^ 
Corata. 
Guanciòla. 
Lacca. 

Grascia. 

Polso. . 

Lingua* 

Mezzina. 

Molletta. 

Musetto. 

Tendine.' 

Garrese. 

Scamerita. 

Arista. 

Mela della spatta. 

Occhio. 

Orecchio* 

Sfaldatura dipoUo. 

Piede. 

Lombata. 

Gambone. 

Sterno. 

Spalletta* 

Tempiale* 

PuntQ del garetta. 

Mela di culàccio. 

Spicchio di petto. 

Soppello. 

Quarto. 

Animellata» 

Rigaglia. 

Costato. 

Lombata. 

Arista. 

Rognonata. 

Spalla. 

Scannatura. 

Falda. 

Testa. 

Lombo. 

Scannello» 

Traversa di can* 

nella. 
Animella. 
Cervello. 
Stomachino, 



Digitized by 



Google 



35* TA 

Zunla • •. • ^ TaraniellQ* 
Zucch • • • • Cèppo^ 

Tkì Di soétJRA. Fig. JHal bigalfo, Mo* 
hello, E dicesi di faociullo scapestralo 
t cattivello. 

Tàj DfDFOàURi. T. de* Macoli. Sran- 
naiura* 1 muscoli esterni d^lle spalle 
4elle l^tie ipaccllate. 

Tàj del puedd. Ragade. Le crepature 
delle labbra cagionate da frpddo. 

ìli DEL GHÉR. AlL Le parti jaterali 
laglienti del vomere. 

Tàj di contrà^u Tra/bri, Permette. 
l diverbi taj^i degli ingegni delle 
ctiiavi. 

. Tlj Di^ ai«DBM* T. de* Ceraj. Misu- 
ra j Peso. Quelle • diverse dimensioni 
che si danno alje candele pcrcbè sia- 
no di un dato peso. 

TiJ DiL sPADAHfti. Caténa fure. Gli 
spacchi ne* quali sono calettate le 
spalliere o stecche delle seggiole* 

Tàj DLi CIOCCHERÀ, ^occa. |1 fesso 
che si vede nelle oespobe della sona* 
glier». 

TXj DLi R^SGA Segatura. H vano che 
fan nel legno i den|i della sega. 

Tàj d*|iezz. T. de* Macoli. Paida. La 
carne attaccata inlem/imeple tra. la 
lombata e la coscia. 

Tàj d'pgc*. 4rào di ciglia. Guarda- 
tura. 

TÀa p*0||. Tacca, Taglia, epoè sta*^ 
tpra presenza di uomo o di doqna 
ben eomposli. 

Tàj in TEL MOSTÀzz. Sfregio. 

Tàj ipAL FiTT. Cincischio (Frane), 

Tàj. stJTTiL. Taglio vivo o acuto. 

Tàj tono. 7*09/10 m^rtó ed ottuso, 

•A TÀJ. fig. A proposito. In lag fio. 

Dargh el tàj. Sculettare, Dimenare, 
il colo. — Portarla alta, procedere 
con fasto: altrim. Dar grazia, Ifar 
leggiadria. 

Spiaiiar Ep. TÀ^ T..de' CaM. i4rro- 
vesciare il labbro al fesso. Spianarlo 
addoéso alla cucitura (Je)la scarpa. 

TuTT d'un tàj. Tutti di wia buccia. 
Di una lana, di ma stfssQ farina. 
Diccsi di coloro che hanno consimili 
pecche difetti. Si dice pure di cose 
cimili in peso mist|ra com^ candele 



TA 

y^NDca A TÀJ» Dar a tàj. Dare 1 
vendere a taglio a saggio, Yeo(kre 
i poponi a taglio. 
Taja* 8* f* Tagliò. La parie tagliente 
d*una spade d*arma slrumcnit 
simile da tagliare.—^ Colpo di (09/10, 
il contrario di colpo di piatto. Y.Taj. 

Taja. a. f. T. de^ Fun. Conof». Fu- 
ne gros^ fatta di canapa, è 8cn( 1 
tirar pesi per mez»> d^lle taglie e ctl- 
.cesi. 

Taja a. f. T. de* Macell Csmjo? 
Specie di argano taglia, colla quiiei 
Macella] 3olleyano in alto i Imioì mi* 
mazzati, per isquojarli ed isquarlirli. 

Taja. s. f. T. di Vet. Taglia di w 
eavaUo, di un bue ecc. L*|ltcua di 
. questi animali» inisurata dalla somoiì- 
tii de) garese Qno a terra, eoa un 
istrumento dettò ippometro cavai- 
letto. 

Taja contra i banpI Taglia. Vnm 
(cbe si promette e si paga a chi lrr^ 
sia ammazza sbandili ribelli. 

Taja .da ifURADòR cec. Taglia, Ti-9' 
elea. Strumento meccanico coiùiMàio 
di carrùcole di metalh» per muov^ 
pesi grandi. L^ sue parli sono; 

Anèi Maniglie. 

Cassa, y • V • Asticolo. 
Gauffssi. • • • r framene. 
Polghètt. , . ^ CinavardeUe. 
Zidéli .... Girelle, . • 
Dicesi Falcone quel ìe^ao sporgerne à 
alcun luogo dove si attacca la U(;lu. 
V. TaparèTl. 

Tam pel hartìIll. rasf//o del mor- 
tella. V. Pènna. 

Tam STATURA. Taglia, Taglio, Sa- 
tura. Vn uomo dì meua taglia m 
dir lo stesso che di mezzana ^laiur» 
I^ota però che la Statura rigu-iriii 
l' altezza ((i una persona Wi*> '* 
grandezza la jigtira la foruia ecc. 

Aria ch* ta'a el mostazz. Aria (^ 
mazza il viso. 

W TAJA BEN. T. defili ArroL sifil^- 
to. Acuto y molto tagliente. 

Bl Nè'.TAJA MIQA, EL RESCA ELSCO»Tf», 

o EL cusA, È taglia come i cMCf l'I' 
ce^i di coliello, o spada, e simili »[; 
tri strumenti, quando per difdio «J 
afQlMtpra o aUro non tagliauMt 



Digitized by 



Google 



TA 

EssBB TUTTI dl'istessa taia. JS^iffe 
Jtuiti d'tfiM buccia, o d'una cornac 
tura, Euere macchiali d'una ifessa 
pece, E$$ere tagliati d^ una ^ttua mi* \ 
jtura. Essere luUi simili. 
Taj> add. m. Tagliato. 

TjMÀ zo 4 14 bònVa, delto d*qomo 
vale Buon paètricciano, ciofk Quieto, 
Pociley Servirla to. 

Tajì iQ Gon tL sfCRpÉpL. Dijroséato 
fiolCoicifi. 
Esser taiI tutt pr*ijn ye^. J^ere 
tufH d' ma òuetia. V. Tèja. 
Tajabégb. s. in. T. de* Calsol. Qolelta. 
Sorta di sgorbia cbje ragguaglia la 
parte sporgente del nodetto e dà fog* 
jgia regolar^ alla cupitpra della gamba 
\ dello stivale. 

i Tajacartòn. s^ m. Tagliacantoni, Squar» 

ciane, Mangiaférro. Brijjante sgherro. 

7ajìoa. s. f. Tagliata. Spianamento phe 

3ì fa io tagliando cpste» argini ^ si- 

I Tajàoa. 8. f. T. Mil. Rovinata, 4à' 

I batutOp Riparo tuiptilt.uario fatto con 

} i^lberi gettaM « terra» e disposti pel 

E lungo co* rami verso il nemico* 

Ifl TLA Tf JÀI>4 y IN T* ^P^ DSL TÀJ. j 

Modo figurato, il taglio de' calzoni. 
jAJkhÈLì. s. fi Tagliatelli, Tagliolini. 
Paste tagliate ip piccole s^risGipole che 
E comunemente si us^no pjer farne fi- 
nestra. 
. TA^ApàLi qi^ANPi. TQgliniini larghi. 

Tajapéli MZAifi. Tagliolini mezzani. 

TAiA^èLi sirrTiM. tagliolini sottili. 
Taglierini, Bavette. 
JàJkDÒK. 9. m. Togligtorfi. Qòìui che taglia. 

Tajaoò^. s. wi. T. de* (Japp. Spela- 
ture. Quegli pbe taglia i} pelo d^lle 
pelli per farne cappelli. 

Taj^dòr. 8. a>. T. de' Cer^j. Coltello. 
SiruineiiCo da acc}^larC| ciof^ far ton- 
dfi il culo delle candelp. 

Tajadò^ s m. T. ^i Giqoc, faglia- 
tote (Fior.). Quegli che fa il banco 
o ie carte al giuoco di F^|*oone sim. 

Tajadòb. T. dp' )M^cel. Falciatore 
(Tassoni). Quegli cbp faglia la carne 
sul desco sul ìceppo de' m9cellaj. 
Jajaoòra. 8. f. T. de' Ceraj. Taglia. 
Sb'umcnlu da tagliare i lucignoli a 
l|Mc|la li^oghe;^ c)ie si riccrc§. 



TA S5S 

Taìadò^a. 6. f. T. de' Gett. di Carat. 
Trinciatojo. 9fa€chin^tta che lierve per 
tagliare k interlinee da sUuypa «Ila 
voluta lunghetta ha: 
Forbsa • . • • TrinciOf 
Register . , , , ifeaistro. 

Tajaoòra. s. f. T. de^ Tabac. Taglia» 
trice JVindatora. Donna ehe taglia 
o trincia il tabacco. 
TiiADLihf*iii. s. f. Bavette. V. Tajadelì 

suttili. 
Tajaplòn. s. m. Tagliatelli larghi, Na* 

etrini.. 
Ta^adora. s. f« Tagliatura. Il tagliare « 

la divisione fatta dal taglio. 
Taj4P^4*'8. m. Civettone icorbellalo. Co* 
si diconsi que* civettoni ridicoli e ipa- 
ligni» che mal riuscendo né loro as- 
falti gaIanM»isi vendicano calunniando 
ne' luoghi public! le donne indarno 
tenete. 
TAJ^pioàticc. s. m. PHtina^azzere, cos) 

per ischernó il Parruechiere. 
TajIar. a^. T<igliare. Dividere} sepa- 
rare. 

Taiar. att. Tf de' Cbiod. francare 
il fusto. Tagliare la gamba del chiodo 
già foggiatSi col tftgli^olo, lasciandovi 
una parte di vergello per formar la ca- 
pocchia nella chiodaja, 

Tajai(. att. T. Chir. Amputare. Levar 
via, troncare un membro del corpo. 
Incidere» Far un taglio in ' una pi|rt§ 
del corpo senjta amputarla. 

Taj4R. att. T, di Giuoco. Tagliare ^ 
fare il banpo, msi dicesi più spesso 
del fare alla Bassetta Zecchinetta. 

Tajar. att. T. de* |iibr. . Bitondere. 
. y. Squadrar* 

Taìar; 9tt. T. de' Sap. Fare in pa* 
neùi. Appexzare col pettine le formo 
p i pani di sapone.. 

Tajar. att. T. de* Vin. Tagliare. Me- 
scolare m» liquore con altro. 

Ta^ar a^rà TERj^. Tagliare tra terra 
terra. Tagliare i frutti o siqaili sotlq 
la prirn^ coperta .della terra affìuphò 
rjpullujiiio più rigogliosi. Saepolqre, 
Tagliare alle viti per ringiovanirle il 
pedale sopra il saepolo. 

Tajar 4 tavla. Trinciare, Tagliare^ 

Tajar a TOGc^. Appczzar^. Taj^liitrti 
fi pe|»i, 



Digitized by 



Google 



)8« 



TA 



Taiab càÈ xm rasòr. Straiagliare. 

Tajar cdbt. Darle corte a uno* Non 
gli far complimenti, nò dar speranze; 
in altro s^nif. Ricidere, Tagliar corto 
un discorso. 

Tajar del pX», rofmu ecc. Partirlo 
(Frane.)-. 

Tajar d* s(»nfiéz2i. Tagliare asghem" 
bo, a sghimbescio* 

Tajar el tén. Segare, 

Tajar Eh formènt, la biava. Mietere. 

Tajar el mostXzz. Pelare, Dar nel 
viso. Agghiadare, dicesi di nn vènto 
che peli. 

Tajar el pe. T. de' fond. di Carati. 
Adiiirizzare. Rogguagliare iì. piede de' 
caratteri da stampai 

Tajar el pél. T. de' Gapp. Aecap- 
pare. Tagliare rasente la pelle, il pe* 
io, che si vuol feltrare. 

Tajar foèura. Escludere. Separare. 

Tajar foèura. T.: di Bqiiit Sbarrare 
il passo. Torcere dal proprio posto il 
corsièro per attraversare il corso del- 
l'avversario. 

Tajar i cavI. Tandère, Tosare i co- 
pelli.. 

Tajar i laber o lalèkcua. Saltare 
agli occhi, Schiztare, Brillare. Si 
dice di vino generoso e piccante. 

Tajar it'j'ALi* Tarpar tè ali. 

Tajar il j orècci. T. di Vet Fare la 
Conchttomia auricolare. Operazione 
che consiste nel tagliare o racconciare 
le orecchie al cane, e talora anche al 
cavallo, per soddisfare ai capricci della 
moda. 

Tajar il spali. T. de* Fond. di Ca- 
rati. Tagliare la spalla. E dicesi di 
quella parie che è presso T occhio 
delle lettere. 

Tajar in BeòN. Abbocconare, Sboc- 
concellare. 

Iajar in cròsa. Decussare. Dividere 
una cosa in forma della lettera X. 

Tajar in do, trei o qdatter parti. 
Bipartire, partire in due. Tripartire, 
dividere in tre. Quadripartire, divi- 
dere in quattro. 

Tajar in petti. Affettare. 

Tajar in mezz. Intercidere. 
"^AJAR I PAGN AD05S. Tagliar la tegnù 
eiddosso ad alcuno. Lessare i pezzi 



li 



Tà 

éa alcuno. Tagliare i /ninni o fe eoi* 
ze, ti giubbone. Far d'alcuno »(• 
ze e seuffioni. Sbottoneggiare, mor- 
morare, nuocere con cattivi uffiii. 

Tajar I pezz. Disporre il fàstiavu. 
Segare il legname in modo che ri- 
sultino della voluta dimeosioDe le 
paKi di un lavorio. 

Tajar I pìanlòn. Riquadrare. 

Tajar i bah ecc. Risecare i rm 
(Alam.y. Tagliar di nuovo i fini 
alle piante. 

Tajar 1 stbazz. t. ài Cart. Strati 
dare i cenci.' Sbrandellarli mioou* 
mente collo stracciatojo prima di pas- 
sarli nella pila. 

TÀJAR 1 vèOBR. T. de' Vetr. Ti- 
gliar^j dividere o ruppiceolire w» 
vetro. 

Tajar i zctt. T. degli Oil Scarkart 
i getti. Levar il carico. 

Tajar la fazia Pelare la ftceia.ìA; 
cesi ili vento freddo od acqua the dà 
nel viso e agghiadi. 

Tajar làrgh- Esagerare. Aggrandir 
con parole, caricar nel discorso, am- 
plificare, iperboleggiare. 

Tajar la paladénna. T. diVel. T<> 
gliare la palatina. V. Alvar la f»'»- 
dcn'na. 

Tajar la strada, tagliare il 'i'"^ 
no; la strada o la via. Impedir il 
passo, l'andata, l'avanzamento, il ri* 
tornp. E dieesi anche al figuralo. 

Tajar La testa. Mozzare il cfl/»- ^ 
diccsi dì persona Scapare, tagliar!* 
tesi a a pesci. 

Tajar la testa al tòr. Flg. I>(i^J 
tracollo alla bilancia. Risolversi ardi; 
taniente a far una cosa lasciando ogii> 
dubbio riguardo. 

Tajar l' ehba sott ai pb. Scavalca 
(Buri.). Furar le mosse. 

Tajar HALAiièKT. Cintmhiare (fnv^t 

Tajar mndd, hncd. Tagliui^^Tt. 

Tajar via nett. Tagliare di n^W. 

Tajar zo. Stralciare, Stagliarti 

Tajar zo un tant al brazz. Far r 
gitistizia coir accetta. V. GiustJW. 
Fare a mosca cieca» Tromimreoi^ 
tocchio. Tirar colpì da cieco, cs?f""J 
il batocchio quel bastone clic a' cic'J» 
è d'appoggio e guida. 



Digitized by 



Google 



TA 

Tahaavi. 8. iD. ÀfftUaiojo. Assicella che 
ha nel suo mezzo un vuoto con una 
laroinetta tagliente per isgbembo, lun- 
go la quale si affettano le rape, e 
simili. 

Tajars. n. p. Tagliarsi. Ferirsi con ar- 
me corpo tagliente. 
Tajars n. p. Ricidergi. Rompersi i 
drappi simili in sulle pieghe. 

Tajars, n. p. Fig. Pestare un flore. 
Cosi dicono a Fir. per ismerdarsi i 
piedi camminando. 

Tajars* n. p. T. di Vel. Ferirsi le 
gambe. Dicesi del cavallo, e vale darsi 
Tun pie contro l'altro. 
Tajars bl n as b insamguonars ecc. V. 
in Nas. 

Tajastràx. s. m. T. d'Agr. Accetta* Stru- 
mento da poco in qua inventato per 
tagliare la paglia, come facevasi pel 
passalo con una logora falce fienaja 
inastata, che dicevasi Trinciapaglia. 

Tajastrazz. 8. m. Falce. Pezzo di falce 
assodala al banco per tagliare i cenci, 
alla quale è ora succeduta in molte 
cartiere la Straccia tara , che è una 
macchina mossa dall'acqua o dall' uo- 
mo la quale taglia i cenci. V. Frén'na. 

Tajatrifola. s. ro. T. di Cuc. Taglie* 
retto. Arnese per affettare i tartuG. 

Tiic. Tedesco. Voce colla quale da gio- 
vani danzatori si fa invito a suonatori 
di suonare un Valzer Tedesco. 

Tajér. 8. m. Tagliere. Legno piano, ri- 
tondo, dove si tagliano su le vivande. 
— Taglierino, taglieruzto diminut. Y. 
Portarorta. 

Tajètt. s. m. Tagliuzzo, Tagliettino. 
Piccol taglio. 

Tajètt ola pènna. Spacco, Fesso' del* 
la penna ( Allegri ) Fenditura II ta* 
glio della penna da scrivere, 'che le 
si fa col temperino sul Fenditojo, che 
è quel pezzo d*osso, bossolo o simile 
a ciò. 

Taji T. d'Agr. i4/t. I due lati anteriori 
e taglienti del vomere. 

Tajoèul s. m. Tagliuolo. Particella *di 
materia atta a tagliarsi. 

TajoéuL. s. m. Tagliuola. Ordigno 

di ferro con che si pigliano gli animali. 

Tajoèul. s. m. T. d* Agr. Magliuolo. 

Sermento verde che si spicca dalla 



TA 



257 



vite per piantarlo. Piantone. ( Alum. ) 

Tajoèul s. m. T. de' Bott. Tagliuolo. 
Sorla di scarpeIlèt(o, di cui si servono 
i bottai per cacciare la stoppa o si- 
mili ne' luoghi delle capruggini, d'on- 
d'esce del vino. 

Tajoèul. s. m. T. de' F. Ferr. Ta- 
gliaferro. Specie di scalpello dì acciajo 
finissimo per tagliare il ferro. Scar- 
pello da banco, è specie di tagliuolo 
lungo che serve a tagliare il feiTo a 
schegge, e s'adopera solamente aìred- 
do. 

Tajoèul. s. m. T. di Ferr. Tagliuolo. 
Le due parti in cui è diviso ri mas- 
sello, ciascuna delle quali lavorata 
sotto il maglio prende nome di Capo, 
indi di Cima, poi di Quadro, quindi 
è dello Cioncane , e allora va al di- 
steiidino. 

Tajoèul a «an. T. de' F. Ferr. Ja- 
gliuolo a mano. V. Scarplòn. 

Tajoèul con el iianegu« T. de' Jtfa- 
niscal. Tagliuolo a mazza. 

Tajoèul con il ravisi. Barbatella. 
Virgulto di vite già abbarbicata tolto 
dr.l vivajo per trapiantarlo. 

Tajoèul da incùzen. Rompiferro. Pic- 
colo tasso di ferro a piano inclinato, 
con un gambo al dissolto per ficcarlo 
in un foro dell'ancudine, serve ad 
appoggiarvi il ferro che vuoisi rom- 
pei e. 

Tajoèul dla brilla. T. de' Mugn. 
Fondo sughcrato. Quel piano fermo 
di sughero, intarsiato di sverze di canna, 
sul quale la brilla spoglia il riso del- 
la sua prima ruvida veste- 

Tajoèul dla macchina da ponti. Ta- 
aliatojo. Specie di trincia per tagliare 
le bullelle sménlate. 

Tajoèul o' tera. Fetta. Quel pezzo 
di terni che vangando si rivolta, e rap* 
presenta la figura della vanga, onde 
tagliare a quel modo il terreno dicesi 
Levare di fetta. 
Tajoèula. s. f. Bietta. Pezzetto di legno 
ferro a guisa di conio, che s'a- 
' doperà talora per serrare e stringere, 
fondere o spaccare legno o altro; e 
in quest' ultin^o caso, essendo per Io 
l'iù di ferro, prende anche il nome 
di Conto Cuneo. = Chiamasi Bietta, 

M 



Digitized by 



Google 



258 



TA 



Calzaloja o Zeppa, anche quella con 
ebe 8i assodano liUooi ccc, pei* uso 
delle fabbriche. 

Tajoéula. 8. f. Calzatoia, Zeppa* 
Pezzo di Jegno o d'ailro, che bcrve 
per calzare, o sosteutare qualche cosa, 
come per es. uua ta\ola se iculciiua, 
o silo* 

Tajoéula. s. f. T. degli Arm Net- 
taiqja. Strumento che serve a ntiiare 
l'interno degli archibusi. 

Tajoéula. T. Furb. Cappuccino* 

TAJOèuLA.8. f.T.de'Lcgn. Ss^erzu. Set* 
tile striscia di legno con che si tu* 
raoo le fessure ne' lavori di legname. 

Tajoéula. s. f. T. di Stamp. Cuccia' 
toja* Ferro o legno con cui si baltoiio 
le biette, sìa per aprire che per chiu- 
dere le forme nel telajo del torchio. 

Tajoéula da cayicci. Copiglia. Bietta 
di ferro che s'infila nell'occhio delle 
cavicchie di ferro per tenerle più salde* 

Tajoéula' DEL bobòn. Chiave. Quella 
bietta che tiene a luogo lo sportello 
della fecciaja nelle botti. 

Tajoéula del mazz d'un foll. Gal" 
hnzola. Y. Smèla e Stafa. 

Tajoéula dla piola. Bietta, Zeppa? 
Quella bietta che serve a tener iermo 
il ferro nella pialla. 

Tajoéula d'un volt Serraglio. Pie- 
tra tagliata a conio che si mette nel 
mezzo degli archi. = Chiave delia volta. 
L'ultima pietra posta in cima di un 
arco di una volta sbiettata che serve 
a legare il tutto insieme. 
Tajolar. att. Imbiettare» Serrare, strin- 
gere con biette. V. Intajolàr. 
Tajolén'na. 8 f. Bietlina. Quel pezzetto 
di legno o d'avorio fermato con una 
vite, nei quale riposano i crini che 
colla medesima si tendono, e sta alla 
parte inferiore della bacchetta del- 
Tarco da suonare 

Tajolén*na. Rosza. Add. di melica. 
V. Melga. 
Tajòn. 6. m. Grati taglio. Taglio grande. 
Tajòn*na. 8. f. Puleggiona. Grossa pu- 
leggia taglia. 
Tal. Tale. Pron. relativo. 

Tal f qual. Pretto sputato. Tal e 
qual è. Lo stesso. 

L' É PO TAL E QUAL. È tutta fuva» 



TA 

Un tal. Un tale. Un certo. 

Tala (La). La tale. 

Talch. s. m. Talco. Sorta di materia pel- 
lucida, artiliziata, formala di suiiiliv 
sime foglie e tagliabile. Dicesi lurltr 
d'una pietra laminare. V* ha il Tuh 
greggio, il Talco artifitiaU, e il 
Talco in foglie* 

Talent. s. m. Talento. V incliuaxione na- 
turale dell'ingegno ad applicarsi au- 
le o tal altra cosa.. 

Tàler. 6. m. Tallero. Moneta d^irgcoio 
della Germania. 

Taliàn. s. in. Italiano. 

BoN TALiÀN. Amatore della tua fi- 
tria. 

Talintòn. 8. m. Cervellone, Talenlacm. 
Talento grande, piolundu. 

Talintùzz. 8. m. Ja/fii^accio. Tileoio 
discreto. 

Aver del talentCzz Aver dell' wlt^- 
docchio. Avere nitendimento. 

Talis et QUALis. Viv9 e vero, Maniab. 
Talis pater, talis filids. La uhti- 
già ritrae dal ceppo. Si dice di ài 
non traligna da' suoi progenitori. 

Talòn. s. m T. degli Arm. Tallone. U 
parte del calcio del fucile sul qoaie 
posa quando si pone l'arme in irrn* 
Talòn. s m. T. di Vet. Talloni U 
piede. Chiamasi cosi le due estreoutì 
posteriori della muraglia che succedo- 
no ai quarti del piede, dove la ps^te 
si ripiega all'indentro. 

Talpa, s. f. Talpa, Talpe. V. Tof». 
Talpa. 8. f. Fig. Scempione. Mm 

Tamarind. 8. m. T. Bot. TViiwatindb. Noi 
conosciamo questa pianU priocipal* 
mente per l' uso che si fa della polpo 
de' suoi frutti, eh* è acidula e lassitiTi, 
e che si prende diluta Dell'acqui o 
preparata a modo di polpa. Essi fm'ii 
si dicono Datteri d' /«dia perdié cre- 
scono alle Indie. La pianta é il ^*' 
marindus Indica dì Linn. 

Tàmbol. 8. m. Tamburaccio. Tamboro 
-grande e cattivo per lo più dasalfoia* 
banchi. In altro sigoìf. V. All)ao«*- 

Tambòr. 8. m. Tamburino. Sooaior oi 
tamburo. 

Tambòr s. m. Tamburo, Cam. SW 
mento notissimo. Le sue parli sooo- 
Bordòn . . • . . Minugia a ioff^ 



Digitized by 



Google 



TA 

Bus di zeK. • • Occhi. 
Capuuén*ua • . Vili della minugia. 

Girdi Cordafne. 

Falsèll .... Ntr^eiii. 

FoH( . . • • • Caua. 

Galèlt .... Galletto. 

Pela d' baiarla . Pelle del tamburo. 

Pela d* bordòo . Pelle di fondo. 

Tiraot .... Tiranti. 

Tòrol Bottone. 

Zcrc Cerchi. 

Tambòr. s. m. Staccino. Y.. Tamburo. 

Tahb6r, MiNciòN. s. m. Fig. Bab- 
baecio. Scempiane^ Minchione, 

Tambòr 8. ni. T. de' Fil. Rodano. 
-Specie di verricello o cilindro oriz- 
tentale di legno, il quale girando sul 
suo asse e seco traendo il rebbio tue- 
diano della guida, fa movere l'aodl- 
vieni e girare il bacchetto delle roc- 
cheHe del \ alieni. (Glatoj) 

Tambòr. T. Purb. Botte. 

Tambòr o Tamborén. T. degli Oref. 
Tamburo Spezie di fermaglio a fog- 
gia di. tamburo. Le sue parli sono: 

Cui Fondo. 

Fassa Fascia. 

Quero ... ; Coperchio. 

Tambòr. s. m. T. degli Oriv. Tom* 
àuro. Cilindro composto di coperchio, 
fascia e fondo in cui è chiusa la molla, 
e su di cui pure sì avvolge la caie- 
Duzza deir orinolo. 

Tambòr. s. m. T. di Teat. Tamburi 
Specie di gabbie cilindriche colle quali 
a somiglianza de' verricelli si alzano 
e calano le scene de' teatri. 

Tambòr da ricamador. i?occ/iet/o Certo 
arnese del quale si servono i ricama- 
tori per eseguire i loro* lavori, onde 
poi dicono Ricamar a tambòr. V. 
nel Supl. Ricamar. 

Tambòr da zugar a la bala. Tambu- 
rino. ( Tomm. ) Arnese (atto d* un 
girello di legno ricoperto con una 
cartapecora ben tirata, di cui si fa 
uso per mandar in aria la palla di 
lesina. 

Tambòr d' cristo. T. Furb. Campana. 

Tambòr d' na cupla. Tamburo di 
una cupola. Quella parte che resta 
appunto sotto il principio della volta 
fino ai piloni degli archi. 



TA 



259 



Tambòr scordìl. Tamburo etemperato, 

SoifAR EL tambòr. Toccorc il tambu- 
ro, Tamburare, Stamburare, e ini- 
lit. Toccare, Batter la caesa. 
Tamborén. 8. m. Tamburino. Y. Tambòr. 

Tamborén. 8. ro* Tamburello, Tam- 
burino. Piccolo tamburo. V. Tambòr 
da zugar a la baia 

Tamborén Tamburé da sàobr. Seg- 
gioia. Tamburello. Spezie di piccolo 
sedile rotondo per lo più con tre 
piedi. 

Tamborén da caffé. Tamburino. Stru- 
mento di lamina di ferro, rotondo, 
con manubrio, entro cui si pone il 
caffè per abbrostirlo. 

Tamborén d'un pollastbr ecc. V. 
Furlòn. 

Tamborén o ooéub d' na scoca. Seri* 
gno. Spezie di forzieretlo che è nel 
ìfondo di sotto della cassa di una car- 
rozza. 
Tamburlàn. s. m. T. de* Cest. Tamburi 
luna. Arnese di scheggie o vimini co- 
perto di «carta per uso di rasciugare 
le biancherie. 

Tamburlìn. Fig. Tafanario, Sedere, 
Culo. 
Tamburo, s m. Carrettone. Carretta gran- 
de a foggia di gran, cassa senza co- 
perchio, per trasporto di materiali, 
letame o altro. 

Tamburo, s m. Staccino. Staccio chiu- 
so sopra e sotto da una pelle non 
bucata tesa, a due cassini, che imboc- 
cano quelli dello staccio sopra e sotto, 
per uso di stacciare cose volatili co- 
me droghe o cose nocivp alla respi- 
razione. 

Tamburo d' rorà. Carrettata di rena 
ecc. 
Tampa, s. f. Bagno di grassello. V. Cal- 

zinor. 
Tamplar att. Rombare, Picchiare^ Bus* 

sare. Far continuo rumore. 
Tan e tan. T. di Giuoc. A pari punti. 

Par pari 
Tàn tàn. Tappata. Voce inventata dal 

suono del tamburo. 
Tana. s. f. Tana. 

Tana da conì. Conigliera. 

Tana da topa. Androne. 

Tana dla volpa. Volpaja. (Caro) 



Digitized by 



Google 



260 



TA 



Andab in tu tana Intanarsi, 

Saltar foéura da la tana. Siunarsù 
Tanabus. 8. m. Bugiyallo, Bugigattolo, 
Nascondiglio, Ripostiglio. Luogo ri- 
tirato da riporti cbcccbessia Cansa' 
tqjo. Sgabuzzino. (Tose.) 
TananJU. t. m Coso- Ordigno, attrezzo, 
uleosile od oggetto altro qualunque. 
Bazzicatura, Bazzecola, inasseriziuo- 
la, ciarpa, sferra, ciabatterie: cose 
vili; veccbie, di poco o nessun conto. 

Tananàj, bacàn. Strepito, Bacano, 
Rumore. Fracassio, lalleruglio. 
Tananòn MiNGHéN'NA. Affogagginc! Càn* 
chita! EU' è una favai Sorta di escla- 
mazione. 
TiNDEM. Parola latina che significa Final- 
mente, e che usiam frequenle ne* se- 
guenti modi: 

Agh sÉmiA Lu AL tàndem. Or siamo 
al punto! 

Gnir al tàndem. Venire ■ all' ergo. 
Venire alla conclusione. 
Tanf. 8. m. Tanfo, Odor di muffa. Sito, 
mal odore. V. Spuzza. 

CiAPAR D* TANF. Intanfarc. Prender 
tanfo. * 

Savér d' TANF. Silare. Rendere mal 
odore. 
Tangarò. Add/del Riso Tangaroch. V. 

Ris. 
Tangabòn. add. m. Avarone, Pilacche- 

rone. Mignatta, Spilorcione. 
Tàngher. add. m. Tanghero, Sterpane. 
Persona grossolana e rustica. TanghC' 
rello diminut. 
Tàni. s. f. V. Cont. Tante, Litanìe, 
Tant. add. d'ogni gen. Tanto. £ dinota 
grandezza, quantità discreta, moltitu- 
dine ecc. Se diiM)t|i tempo, allora è 
avverbio. 

Tant'ì. Tant' è. Cosi è. Cosi vuoisi. 
Ha da stare cosi. 

Tant e quant e lu. Al par di lui. 

Tant e tant. Tuttavia, Pertanto, 
Nondimeno. 

D*ogni tant. Tratto tratto. Ad ogni 
qual tratto. Ogni tanto. Di quando 
in quando. 

D' TANT IN tant. Di tonto in tanto 
Ogni tanto tempo. 

*Na volta tant. Una volta tanto. 
Solamente una volta. 



TA 

Per mi tant. Riguardo a me, h 
quanto a me. Del fatto mio. 
Se tant m* dà tant. S'egli è capott 
di tanto. Se era tanto. 
Un altra volta tant. AUreUsnlo. 
Tania quanta era la prima data. 
Tanta, s. f. Tenta. Scheggia di sapone, 
fettina di grasso, che si pone nei 
podice a' bambini per iscarìcar Ioni 
il ventre. 
Tantén, Tantinén. add. m. Tantino, 
Tantotino Tantinetto, diroin. di tanto. 
Tapa. s. f. Tappa, Fermata. Luogo ove 
riposarsi e pascersi lungo un viaggio. 
Forieri trovatori di tappe. (Bart.) 
Tapa d' un istromànt. Tastiera. Parte 
degristrumenti da suono dove aooo 
i tasti: registro, ordine di tasti. 
Tapà. add. m. Vestito. Abbiglialo. 
Ben tapà. Ben adomo. Io bell'M* 
setto: in buon arnese. 
Mal tapà. Malconcio, DisaeconàOf 
Disadorno. In mal arnese. 
Tapabes su* Rimpannucciar$i , Risorti 
a panca. Rimettersi in capitale, io 
quattrini. 

TAP4RES su ALLA BELA E KEJ. V^KlVw 

alla meglio. Coprirsi. Fasciare il «^ 
larancio. 
Tapparsla. Sgambare, Spasseggiatt i 

passi Far passi piccoli e frcqucDli. 
Tapèj. s. m. Tappeto. Panno che si df 
stende in terra o altrove, in aegoo 
d' onoranza. Quello con cui si usa <»• 
prir la bara nel porur i morti ili» 
sepoltura, si chiama Coltre, e Jtf» 
meglio Strato quello che ponsi io lem 
sotto la bara. 

Tapèj da BANCBt. Panctt/e. PaDOO per 
coprir panche. 

Tapéj da sartòr. Panno. Quella spe- 
cie di tappeto che I ?arti sieodooo 
sul banco per. comodo di spianare. 

Tapéj da tavli. Gelone. Tapcto grò*» 
senza pelo a varj colori con coi st 
coprono i tavolini. 

Tapèj d' zimòssa. Centone. 
Tapela MAGipRA. T. dc' Tcss. Braedm 
della maestrella. Il tratto della txa^ 
slrella che sta frolle due gircllit»e. 

Tapela minora. T. de' Tcss. P^»' 
girella. La parte della maesUtlia die 
ha la girella de' licci. 



Digitized by 



Google 



TA 

Tapéix. 8 m. Chiacchierio. Strepito di 
ciarle, ed anche Parapiglia. 

Tapbtta Covétta. Cordiera. Striscia 
di legno, d' avorio o simile, posta oel- 
r estremità superiore del manico d' un 
violino, d'un leuto ecc. su di cui 
posano le corde dello strumento. 

Tapi. ( Far do ) Far due marce. 

Taplar. T. de' Peltio. Sbozzare. Rad- 
dirizzare colla picozza le ineguaglianze 
del corno per ridurlo in lastra uni- 
forme colla pianella. 

Tapp. s* m. T. Furb. Vestito, Vestimento. 
Tapp. 6. m. T. Mil. Tappo. Turac- 
ciolo dì legno che ponsi alla bocca 
del cannone perchè non vi entri acqua. 

Tappa RÉLL. s. m. Troclea. Sorta di ta- 
glia con una girella per uso dì sol- 
levar pesi; che dicesi Recamo se ha 
due girelle o caruccole. Calcese, è 
quello che si pone al piede del sostegno 
delle taglie, ad uso di tener basso il ca- 
napo nel muovere i pesi. Bozzello, 
sorta di calcese ad .uso per lo più 
della marina. 

Tapzà. add. m. Tapezxato, Attapezzato. 
Tapzà db' tlahén'ni. Adorno di ra- 
gnatelli a drappelloni. 
Aver tapzà. Per simllit Esser rosso, 
rosseggiante, rubicondo, acceso in viso, 
vermiglio. E s'intende per efietto di 
vin bevuto. 

Tapzadòr. s. m. Banderajo. V. Aparadòr. 

Tapzadura. s. f. TapezzaturaT Tapez* 
zamento, Altapezzalura. 

Tapzar alt. Tapezzare. Ferrare con ta- 
pezzeria. 

Tapzarìa. s. f. Tapezzerìa, Arazzo, Pa* 
ra/o. Paramento da stanza. Arazzerla^ 
luogo dove si tessono gli arazzi. 

Tapzér. s. m. Tapezziere, Arazziere, 
Celonajó. Artefice di tapezzerie; V. 
Tsàder. 

Tar. s. ro. Taro. Torrente. 

Tara. s. f. Tara, Il defalco che si fa 
in conio: il dipiù che si detrae per 
qual sia motivo. E dicesi anche di ciò 
che v'è oltre al vero, In un racconto. 
Tara. Fig Macchia, Vizio, Difètto. 
E dieesi a carico di cosa o di persona 
che si vanti Immacolata. 
Tara d* pormaj. Canio guasto, infra- 
eidato, bacato. Fracidume di cacio. 



TA S6i 

Tara grossa. Tara da speziali. 
Far la tara. Tarare, Dilfalcare, 
Far la tara. Sballere da un conto o 
da un racconto, ciò che v'è di so- 
verchio. 

Saver d* tara, Dar el calveri. Dar 
taccia. Tassare, Censurare. Criticare, 
sindacare, dar biasimo, biasimare. 
Tarabìcla. s. f. Trabiccolo. Dicesi d*o« 
gni macchina stravagante, e partico- 
larmente di legno. V. Taravèli. 

Tarabàcla d* na ca. Stamberga. Edi- 
fizio ridotto in pessimo stato, ove ap- 
penti si possa abitare. 
Tarabaclàr: att. Trambustare, Rovista" 
re. Far trambusto o rovistio. Andar 
per la casa trascinando e movendo le 
uiasserlzìe da luogo a luogo, quando 
si cerca di checchessia; che anche si 
dice rifi'ustare, trafficare. 
Tarabùs. s. ra. Tarabuso. Uccello di pa- 

dule. V. Sgarzètt. 
Taramot. s. m. Terremoto, Tremuoto, 
Tremoto. 

Taramot. Fig. Coso. Oggetto grave 
e per lo più informe. Fistolo, Ifabis- 
so, persona inquieto che mai non posi. 
Parer un taramot. Parere un ca* 
vallo armato. E dicesi di chi ha T an- 
datura oltremodo pesante. 
Tirar el taramot. Crollarsi di tre- 
muoti la terra, ( Bart. ) Dibattersi cod 
tremuoti la terra. 
Tarartela, s. f. T. d' Entom. Tarantella 
o Tarantola. É un ragno velenosissinso 
della Puglia, detto Aranea tarentula 
da' Sist. 
Tarantéla. s. f. Tarantella. Sorta 
di ballo Napoletano di carattere gajo. 
Aver adoss la tarartela, iii'er Tar- 
genlo vivo adosso. Parere attarantato 
tarantolato. 
Taràntla. s. f. T. d'Ent. Cosso^ Rodile- 
9nu. Insetto che danneggia notabilmente 
gli alberi e perciò detto da Linn. Cossus 
lign^'perda. 
TarapatXn. Tappata. Voce imitante il 

suono del tamburo. 
Tarascòn. s. m. Trescone, Sorta di ballo 
tondo in uso presso i nostri montanari. 
Taravèli o Tananàj. Masserizziuole, Sfer- 
re. Robe vecchie, vecchi arnesi, vec- 
chiume. Carabattola. 



Digitized by 



Google 



262 



TA 



Tardanza, s. f. Tardanza, Tardtxxa, 
Tardila, Ma tardanza è il fatto; tar- 
dezza Patto: tardità la qualità della 
cosa. Indugio. 
Tardar alt. Tardare, Ritardare, Pro- 
crastinare, Differire, Indugiare. V, 
Intardiar. 
Tardi, avv. Tardi, Tardo 

Tardi bondbén. Tardissimo. 

Pars, esser, parer tardi Farsi tardi. 
Parere tardi. Esser tardi. 

in T*EL TARDI. Al tardi. Tardi/ In 
stili* ora tarda. 

L'è mei tardi che mai. È meglio 
corta follìa che lunga. 

L'È Tardi. La merla ha passato il 
Po, Il merlo è passato di là del rio 
Proverbio che si dice a chi è già 
vecchio e scaduto di forze, e per lo 
più del mancare il Gore dell'esser 
suo in checchessia, come nelle donne 
la bellezza, e simili. 

tardi tost. tardi o àccio, 
O tardi o avaceio. prima o poi. 

Un PO tardi. Un poco tardetto. 
Tardìv. add. m. Tardo, Lento. Si dice 
tardivo serotino , de' frutti che ven- 
gono allo scorcio di loro stagione, op- 
posto a primaticcio. 

Tardìv a pagar. Moroso. Che dura 
indugia lungamente. 
Tardòt. add. m. Tardetto. Alquanto 

tardi. 
Tàrfl. V. TaroèuL 

Tarpojàr. s. m. T. d'Agr. Prato a tri- 
foglio. 

TarfojIr. alt. Cianciugliare. V. Far- 
fojar e Tartajar- 
TaRfoAdj. s m. T, d'Agr. Cerfoglio. 
Erba nota, detta da Linn. Chuero- 
phyllum chaere/blium. V. Zerfoèuj. 

Tarpoéuj. 8. m. . T. Boi. Trifoglio, 
Trefoglio. Erba nota che fa per ogni 
campo prato artUìciale. E il Trifo* 
lium pratense Linn. V. Zerfoèuj. 

TAHFoétJ. ARSÀN. T. flot. Erba greca. 
Trifoglio rosso» Pianta annua che si 
semina ne' campi per pasturare il be; 
stiamo ed I cavalli in primavera. É 
il Trifolium incarnatum di Linn. 

Tarfoècj salvategb. T. Bot. Gine- 
strina , Trifogiino. Pianta comune ne' 
luoghi di pasturi^ sulle colline e .nei 



TA 

boschi che si potrebbe curar tnaggioh 
mente come foraggio. E il Lotta cor- 
niculatus Linn. 

El tarfoèuj n' è viga fatt peb J^iSCI. 
L' orzo non è fatto per gli atini, U 
margìierite non si danno ai porci. 
Le cose preziose non sono fatte per 
chi non sa conoscerle 

TARFOJèLA. 8. f. T. Bot. Barba di capra. 
Erba che nasce ne' boschi e che si 
usa in certe malattie per le sue prò* 

. prietà astringenti. É detta da Lioo. 
Actaea spicata. 

Tarfojén bianch. T. Boi. Cinquefosk 
bianco. Piccola pianta cespitosa die 
nasce sul cigli de' campi e ne' bo- 
schi di collina, detta da Lino. Pokn- 
tilla argentea. 

Tarpojòn. s. m. Ciangottone. V. TarUjòo. 

Tariffa, s. f. Tariffa. Noti-, de' pitoi 
delle co^e, delle tasse, ed anche libro 
contenente varie ragioni di nuoeri 
per far i conti sulle monete e amili. 
V. Tassa. 

Tariòch. s. m. Accordo. V. Triòch. 

Tarioi^ul. s. m. Piccol terraglio, detto 
volgarmente da noi Trajolo. Nome di 
alcuni nostri borghi che essendo un 
tempo neh' esterno della .città enoo 
per difesa della stessa muniti di Uf 
raglio o terrapieno. 

Tarlatana, s. f Bucherarne, Sorti di 
droghetto mezzo lana e mezzo filo. 

Tarljsà. Brizzolato, V. Sterlisà. 

Tarlùcch. 8. m. Tarocco, Seempi&H, 
Persona che nel portamento e nrgli 
abili abbia molta sciattezza e malmodo. 

Tarluccòn. s* m. Pattaccone. (Tose.) 
Scempiane. 

Tarma, s. f. Intignatura. La roditori 
che fa ne' pannilani la tignuola. 
Tarma del gran. Tonchior 
Tarma del legn. Tarlo. V. TaroèoL 
Tarma di pagn. Tignuola, Tof»*» 
La Tinca vestianelia del Fabrizio. So^ 
ta d' ihsetto che in istato- di ^^ 
rode la lana e simili Cose, e che o^'' 
sua naturale trasformazione diventi 
una farfallina, detta da' Sìsi. Pk^dess 
torlrix sarticella 
Tarma di frutt. Baco. V. Bégh. 
Tarma dil péli. Tignuola pelliccio^ 
Quella tignuola che attacca le pdu^ 



Digitized by 



Google 



TA 

eie e le penne. La Tinta pellionella 
de* Sist. 

Tarma di salùm. Marmeggia, V. Bégb. 
TÀaMA DLA CARTA. Tarma. 
Tarma add m. Tignato. (Nelli) Tar- 
maio. V. Tarmar. 

Tarma dal varoéul. Butterato, Tar- 
la lo, tarmato, beecato dal irajuolo. 
TahmAr. alt. intignare. Esser roso dalle 
lignuole, ed è propriamente più d'ogni 
altra cosa delle pelli, de' panni e simili. 
Tarharoèula. s. f Tremito. V. Terma- 

riièula. 
TAEMLén'ifA. s f. T. d'Gntom. Acaro, 
4a\ Greco Acaros, che signiOca invi- 
sibile. Quel piccolo insetto che rode 
il fori))aggio vecchio e che è tipo della 
tribù degli Acaridi e all'ordine delle 
Aracnidi Trachearie. V. Bghén. 
Taami^n. 8. m. Guizzo, Scossone. V. 

Termlòn. 
Tamegàr. att. Appestare. Scompuzzare, 
attoscare, fleraroente puzzare o putire. 
Tarocàr. alt. T. di Giuoc. Taroccare. 
Dar alcun tarocco, quando non si ha 
caria dei quattro semi (ronfi), e fi- 
gurat. Contendere, entrare in collera. 
Fiottare. 
Tabòcb. s. ra. Germini, Minchiate, Ta- 
rocchi. Sorta di carte da giuoco che 
6on ventidue compreso il matto. 
Taròch. Per melaf. Brontolone. 
Taròcb. T. Furb. V intesa. V accordo 
dato, la faccenda di cui si parla. 
TaROcbista. s. m. Minchiatista , Min* 
chiatore. Amatore del giuoco de' ta- 
rocchi delle minchiate. 
Tarocbìsta, Tabocòn. Beccolile, Piz- 
zicaquislioni. Vom riottoso, litigioso. 
Fiottone. 
TAMoéui^ s. m. T. d'Entom. Tarlo. In- 
setto che rode i legni antichi detto 
perciò da Linn Pediruìus Ugni anli* 
qui , e da' Frane. Poh de boi». 
Taroèul. Fig. Borbottone, Bufonchio^ 
ne. Brontolone 

Bus DEL TARoàt:L. Tarlatura. La parte 
rosa dal tarlo. 

PòLVRA d' TARoéUL. Tartatora, Caro- 
io, Tarlo. Polvere- di legname pulre^ 
fallo o tarlato. 
TarolXr att. Fig. Brontolare, Borbotta» 
r<> Bufonchiare, Fiottare. Piatire. 



TA 



263 



Tarolékt, tarolì. add. Tarlato. Intar- 

IhIO. 

Tarolì. Fig. Buterato. 

Tarolìr. alt. Tarlare, Intarlare^ Esser 
roso da tarli e dicesi principalmente 
drl legno. 

Tarùn. s. m. T. di Mie. Porcino cattwo. 
Fungo comune nei nostri colli e assai 
cattivo. É il Bolctus luridus Pers. Cosi 
dicono alcuni anche il Pisciacane bian* 
co e il Fungo spiàntarase ossia VAga* 
ricus caprinus e necutor Bui. 

Tarplàr. alt. T. de' Cliiod. Finire. Dare 
gli ultimi colpi di martello alla gam- 
ba od alla testa del chiodo. 

Tarsi, s m. Getto, Smalto. Composto di 
glìiaja e calcina. Calcestruzzo, mesco* 
lanza di calcina con altre materie per 
accrescerle tenacità, ed è un certo 
mezze tra la calcina pura e il getto. 
Serve per lo più a murar condotti 
d'acque, conserve e vasche d'acqua e siro. 

Tartàja. 8. d'ogni gen. Tartaglione, BaU 
bo. Bleso, Bisciolo. Ma il tartaglione 
è colui che ripete la prima sillaba del- 
la parola prima di poter seguitare. 
Balbo è chi non può parlare spedita- 
mente. Bleso è propriamente colui che 
. non può pronunciare schiette certe 
consonanti, per esempio l'erre, l'esse. 
Bisciolo è difTcttuosilà di pronunzia 
nel concorso di quelle consonanti spe- 
cialmente che s'appoggiano ai denti 
inferiori. V, Tart^jàr. 

Tartajàda. 8. f. Cincischiamento , Bai* 
bettamento. 

Tartajàr. att. Tartagliare, Borbottare, 
Balbettare, Barbugliare, Scilinguare. 
Ma si tartaglia ripetendo la prima sil- 
laba della parola, prima di poter se- 
guitare ^ si borbotta parlando confusa- 
mente e smozzicando le parole. Bai* 
bellore è un pronunziare le lettere 
labbiali più facilmente e più forte che 
le altre. Barbugliare, è parlare in 
gola con parole interrotte. Scilinguare 
è difetto fanciullesco che rimane a 
que' molli che rimangono o vogliono 
rimanere come bambini. Scilinguati, 
divengono i vecchi per mancanza di 
denti. 

TAnTAJòN s. m. Troglio, (Frane.) BaU 
bo. Bleso. Tartaglione. V. Tarlaja. 



Digitized by 



Google 



264 



TA 



Taiitajòn'na. 8. f. Troglia, (Frane.) 
Biesa. Tartagliona. 

Tartarén 8- in. Paradiso, ( Tose. ) Pie- 
cioiuy'n. Loggia superiore agii ordini 
de* palchi in teatro. 

TartAbètt. 8. m. T. d'Ornil. Topino. 
RondJQC riparia detta appunto da 
Linn Hirundo riparia. V. Rondòn. 

Tartaruga, s. f. Tartaruga, Materia di 
sostanza ossea cavata per via dì fuoco 
du* gusci della testuggine, e serve 
a fare stipctti, stecche di ventagli, 
tabacchiere ecc« V. Bissa scudlara. 
Tartaruga. Fig. Pigro, Tardo, Ten- 
tennone, Santugio, 

Tartaruga, s f. T. d' Aslr. Testudine, 
Costellazione dell' emisfero settentrio- 
nale. 

Tartaruga, add. m. Impiallacciato di 
tartaruga. Coperto di cocci di testug- 
gine. 

Tartassa, add. m. Tartassato. Malme- 
nalo. 

TartassXda. 8. f. Tartassamento , Mal 
menio. 

Tartassar, ali. Tartassare. Malmenare, 
mallrallare, e flg. Vagliare, Esami- 
nare a lungo e con rigore: rivedere 
il pelo a dovere: esaminare scrupolo- 
samente* 

Tàrter. s. m. Tartaro, Taso. Gromma 
(li botte. V. Crèpa. 
Tàrter d' mar. T. d*Ornit. Rondine 
di mare. Uccello che ha becco e pie- 
di rossi, penne simili a quelle della 
rondine, che vive per lo più nei pa- 
duli, ed è la Sterna hirundo di Linn. 
Tàuter bmètich. T. Farm. Tartaro 
ematico, Tartrato di potassa e di an- 
timonio che preso per medicina è 
atto a far vomitare. 
Tàrter stibià. Tartaro stibiato. Tar- 
taro che contiene antimonio. 

Tartgnìr. alt. Trattenere, Rattenere, 
Ritenere. 

An PODèRES PIÙ TARTGNÌR. NOH pot^r 

più stare alle mosse- 

Tartìr. atl. T. Furb. Tartire. Fare il 
mestier del corpo, far ì suoi agi, ca- 
care. Fig, Confessare, 

Far tartìr. T. Furb. Scalzare, Fi» 
.scaleggiare. 

Tàrtra. s. f. Tartara. Spezie di torta 



TA 

fatta con latte, uova dibattute, mis- 
dorle e zucchero. 

Tartùpla. s. f. T. Dot. Tartufo. Plinti 
di figura bernocoiuta, senza radice e 
senza foglie, la quale sta sempre sotto 
terra. Sónno di due spezie, altri d. 
polpa nera, altra di bianca. V. Trifola. 

Tartuflàr. s. m. Tartufilo? Luogo ab- 
bondante di tartufi. 
Tartuflàr. atl. T. di Coe. Aliarti 
fatare. Apparecchiare una vivandi i 
modo de' tartufi 

Tarvéla. 8. f. Trivella, Succhio, TH- 
vello. Guida. Succhiello grande :k 
fa V ufizio di forare i legnami grossi Ha: 
Arvòll . . • . Cucchiaja a Denk, 

Cóva Codolo. 

Camba • . • . Verga, Fusto. 
Manegb . • • • Manico. 
Poma .... Punta, 
Tarvéla. a. f. T. de^li Arra. Ae/Za- 
fondi. Specie di molte inastala che 
colle sue guance divergenti serre i 
nettare 1* interno delle canne. 
Tarvéla. s. f. T. de' Boti. Cocdàìf 
matojo. Sgorbia per fare il cocchiaiue 
alle botti. 

Tarvéla. 8. f. T. degli Squer. VeriM. 
Strumento con cui h\ fa strada alle 
gambe de* chiodi che si usano nelli 
costruzione delle navi. 

Tarvéla a sgorbia. J^oecia. Specie 
di succhiello a doccia coi lati taglienti. 
Tarvéla da pòzz Scandaglio, Fon- 
terra. Strumento con gamba di ferro? 
spesso di più pezzi, per uso di f<r 
buchi profondi nella terra. 

Tarvlàr. alt. Trivellare, SucchieUort. 
Succhiare, succhiellinare, forare eoo 
trivella o succhiello. 

Tarvlén. 8. m. Succhiello, Succhio,^ 
Succhiellino, Succhiellctto dim. V'"' 
gola, Verina, strumento di ferw 
fatto a vite, appuntato dalPoo ^ 
capi, che dall* altro ha un manico, p^ 
lo più di legno, ad uso di bucare. 

Tarvlinàr. 8. m. Succhielliièajo. Chi f* 
o vende suc.chielli. 

Tarvlòtt. s. m. Trivel letto, SucfhiM^' 

Tarvlòn. s. m. Cantera. La trivella mas- 
sima del bottajo. 

Tas. M. imp. Tieni la lingua a te, ( ») 
Taci. 



Digitized by 



Google 



TA 

Chi tas conferma. Chi tace aecon* 
sciìte, al che altri ripigliano: 

Coi tas an dis cnÈnT. Chi tace non 
dice ne si ne no. 

Cri sìrta e tas, iiAifTéN la pas. Si- 
lenzio sagace j mantiene la pace. Il 
dir fa dire. 
Tasca, s- f. T. Farb. Osteria. 
Taschér. T. Furb. Oste- 
Taséb. ▼. n. TacerCj Tacerai. Guardare 
il silenzio 

Tasbr pr* an • QUiSTiONÀR. Dar car- 
tacce, (Fior.) Tacersi in una qui- 
slione senza approvare né disappro- 
vare per aver cerlezza che l'opporre 
ci condurrebbe a coniesa. 

Coi sa tasér sa viver. Assai sa chi 
sa, ma più sa chi tacer sa. 

Far tasér per forza. Attutire. Far 
tacere uno colla forza, colle minaccie. 
Sgarrire un fanciullo, vincere la sua 
ostinazione colle busse allorché piange 
a distesa. 

Trarla in tasér. Farla finità. In- 
volgere in silenzio checchessìa. 

Un bel tasér an fu mai scrìtt. Ascolta 
vedi e taci, cosi in pace viveraL 
Tass.s. m. T. de' F. Ferr. Tasso. An- 
cudine grossa e per lo più quadran- 
golare per battervi sopra i metalli. 

Tass. 8. m. T. Bot. Tasso morti' 
fero. Albero della morte. Specie di 
albero che somiglia al pino, ed é il 
Taxus bacchala di Linn. 1 contadini 
lo ebbero in abborrimento, credendo 
che lo starvi, all'ombra cagionasse 
loro delle febbri. Per questa opinione 
e pel lugubre aspetto fu quindi detto 
* albero della morte*. I suoi frutti sono 
iiiucilaginosi ed emolienti. 

Tass. 8. m. T. di Zod. Tasso.- Ani- 
male che dorme assai, siccóme i ghiri 
e simili, e ve n'ha due specie: il 
tasso porco buono a mangiarsi, e il 
tasso cane q V Ursus meles di Linn. 

Tass barbXss. T. Bot. Tasso barbasso. 
Verbasco, Labbri d'asino Pianta ar 
vense i cui fiori carichi di principio 
mucoso entrano in varie composizioni 
pettorali. È il Verbaseum lapsus di 
Lino. I contadini l'usano per guarire 
dall' iterizia. 

Tass barbass salvategr. Verbasco 



TA 265 

silvestre. Pianta frutticola con foglie 
simili alla salvia che fa fiori gialli a nodi. 
É buona per farne siepi ed é la Phlomis 
fruticosa L. 

Tass da postiòn. Striscia di tasso. 
Striscia di pelle vellosa di tasso che i 
postigHoni mettono sul frontale della 
briglia, per distintivo de' loro cavalli. 

Tass ldcid T. degli Olion, 'Martello 
da tirare. Sorta di martello a boiNui 
piana. 
Tassa s. f. Tassa. Imposizione pubblica 
di danari. . 

Tassa del pan Calmiere, Tassazione. 
Tariffa delle vettovaglie. 

Tassa del passago' d'un pont ecc. 
Pedaggio. Dazio che si paga per pas* 
sare da qualche luogo. =» Il ri^uo- 
titorè chiamasi Pedagiere, 

Tassa d'entrada. Entratura. Ciò che 
si paga per far parte di una società ^ 
di una corporazione o simile. 
Tassa, add: ro. Tassato, Imposto, e in al* 

tro signif. Tacciato. 
Tassacnòt. Tangoccìo, Tonfacchiotto, In* 
quartato, Tomboletto, Tozzotto., So" 
verchiamente grasso ^ grasso e tondo, 
atticciato. y 

Tassar, att. Tassare. Impor la tassa. 

Tassar, att. Fig. Tacciare, Apporre, 
per Incolpare e simili. 
Tasséll. S' m. Palco. Composto di le* 
gnami lavorali commessi e conficcali 
insieme per sostegno del pavimento. 
s= Palchetto diininut. 

Tasséll. s. m Tassello, Pezzo di le- 
gno, pietra, o altra materia simile, 
che si commetta in luogo dove sia 
guastamento o rottura per risarcirla, 
e talora anche per ornamento, o va- 
ghezza. Tasselletto diminut. 

Tasséll a cóva d' ronda. Codetta, Tas- 
selletto a coda di rondine. 

Tasséll alt. Palco sfogato, 
• Tasséll plafonà. Palco slojato (Mol.). 
Coperto di stoini o cannucce. 

Tasséll d* legn a castón. T. de' Mur. 
Paleo regolato. Foggiato a cassettoni. 

Tasséll mort. T. (T Arch. Palco mar» 
to. Palco a tetto. 

FjkR ÉL TASSÉLL. Soffittare (Frane.). 
. Coprire il palco con stojato. 

Far un tasséll. Impalcare. 



Digitized by 



Google 



206 TA 

Métter un tasséll. Tassellare Porre 
tasselli 

Star a tassèll. Star al piano supe^ 
riore, con ira rio di Stare a terreno. 

Tassétt. 8. m. Tassetto, AncuiWnutzà o 
slromeiilino d*acciojo per ihiagli di 
medaglie, e ad altri usi degli orefici. 
Tasso comune. 

Tassétt. 8. ni. T, degli Oriv. Tas* 
setto. Cilind rollo che si pone nella ca- 
vità del v^po dell'albero e che regge 
nel suo disco le ruote che si vogliono 
munire di denti. Ha: 
Por . . • • • Camera. 
Gamba 1 • . . Gamba. 
Ve. .... . Piede. 

Pìastrén. • • . Piastrellò. 
ISssIètt . . • • Diséo Tassello. 

Vidi Vili. 

TASàèTT. 8 m. T. de' Ram. Tassello 
a mano. Pezzo di ferro traforato, stiac- 
ciato da un capo, che si appoggia io 
quella parte dove si vuol bucare. 

Tassiròn. s. m T. del Cont. Posta, Luo- 
go destinato nelle stalle a ctascuo ca- 
vallo o altro grosso bestiame. 

Tasslàr. att. Ineorreniare» Adattare cor- 
renti o travicelli per formar palchi, o 
copertare in una stanza o edifizio. 

TASSLéN. 8. m. Lwguetle, Quadrelli. Stri- 
scatta di pelle che son cucite a Iato 
delle dita de' guanti. 

Tast. 8. m. Tallo, TìkcO, Tasto. 
Tast o Sago'. Assaggio, Assaggia- 
mento. Saggio* Lo' assaggiare o speri 
mentare una cosa. 

Tast. 8. m. T. de' Filat. Bacchetto. 
Asse comune delle rocchelle o de^ 
guindoli del valico. 

Tast. s. ni. T. de' Pian. Tastarne. 
Moltitudine di tasti da pianoforte. 
Tast. s. m. T. de' Strum. Tasti. Que' 
legnetti dell'orbano, buonaccordo e 
simili strumenti, che si toccano per 
suonare; e quegli spartimenti del ma- 
nico della cetera o del leuto, o d'al- 
tri strumenti di quella guisa, dove 
s' aggravano le corde colla mano man- 
ca. Tasto accidentale, tasto nero de- 
gli strumenti da tasto. 
Andar ai tast. S/rrssonar «.Palpeggiare. 
Toccar i tàst. Tasteggiare Toccare 
ì tasti. 



TA 

Toccar un tast. Toccare un tm. 
Fig. entrar in qualche proposito eoo 
brevità e destrezza. 

Tasta, s. f. T. Chir. Tenta SoUile se- 
mento col quale il chirurgo rìcunoste 
la profondità della ferita. Guida, un- 

• dullore, tubo o cilindro scanalalo io 
cui scorre la punta o il taglio di un 
bistorino senza pericolo di lesione delii 
parte in cui s' introduce, fatta è il 
viluppetto delle fila da metter su k 
ferite. 

Tasta, add. m. Assaggiato, Saggiato. 

Tastàda, Tastaoèk*na. s. f. TùitaiSt 
Taslatina, palpeggiamento. Amg^ 
tura, lo assaggiare. Soggetto. 
Dar 'na tastadén'na. Tastar eoa 
dalla lunga. Tentar leggermeole di 
sapere una cosa. 

Tastadùra. 8. f. Tastiera, TastatwraU 
parte d* un istrumento dove sono i lastL 

Tastar, att. Tastare. Toccare, palpare, 
esercitare il senso del tallo. Ausi- 
giare. Saggiare, Esperimenlare. Dicesi 
Tastare le botU, il riconoscere se e 
quanto liquore esse contengtna 

Tastar, alt. T. de' Cuoch. Far k 
credenza. V assaggiare che fanno gK 
scalchi le vivande prima di serviit 
il loro signore. 

Tastar d» cadràzz. Teniart uà «»• 
tenaceio. Provar colla mano a ano* 
verlo per accertarsi se sia cbiavit» 
alla toppa o no. 

Tasterà s. f. T. de' Pian. Ta$tkn. 
Registro, ordine, conìples.«o di iisli 
del piano forte. Telajo della (oitt- 
tura, quella parte del pianororte sul- 
la quale sono assicurali i tasti. 
Tasterà, s f. T. de' Sirum. Tastkn, 
Parte degli strumenti da mano do^ 
sono i tasti 

Tastòn (A) Tastone, Tastoni, A »• 
stane, A leu ione. Ai tasto, Brant^ 
landò. Brancolone, Brancoloni* Si 
unisce per lo più al verbo Andare» 
Andìr a tastòn. Andar tentone o • 
tentóne. Andar brancolando al ^^ 
come i ciechi o come quelli che tsd* 
no al bujo. Fig. Andar al bujo o /<* 
sione. Far checchessia a caso. Srfaert 
Parsi lume colle mani. Vale anche 
Andare a vaw^^a, -a casaccio. 



Digitized by 



Google 



TA 

TiTia. s. f. Tattica. V. Tose. Ma solo 

nel sìgnìf. di artificio, accortezza. 
TlTEA. 8. f. Tetterà, Minuzia. Cosa di 
poca considerazione. Ciammèngola, 
bazzècola, masseriziuola. Fig. Coda, 
Esagerazione* 
Tatt. s. m. Tatto. V. Tast. 

Tatt. 6. m. T. d'Equit. Appoggio. 
Inazione prodotta dal cavaliere colla 
roano sulle barre del cavallo. 
Tatua, add. ni. Imbinto di sandato^ 
Tatuar n. p. Imbintare di <anda/o.( Bart.). 

Dal Frane. (Talouer). 
Tavàn. 8. m. T. d'Ent. Tafano. Insetto 
noia e assai comune in Italia nelfau- 
tunuo, nel qual tempo è assai molcito 
colle sue punture. É il Tabanus au» 
iumnatis Linn. 
Tavàn o làus* Scberz. Pidocchio. 
Tavàn, ìGOGò Fì^. Mer tatto. Ghiàndo- 
ne, balordo. 
Tavauàr alt Cùmmediare, Ciarlare, Can* 

zonare. 
Tavéu. s. f. Fettuccia, Nastro, Pare pe- 
rò che la fettuccia sia sempre di co- 
tone o di seta liscio, il nastro di seta, 
lavorato, o ricamato: con la fettuccia 
Sì lega s'avvolta, col nastro stabbi- 
glia, s'addobba V. Stertén e Spala. 
Dicesi Padovano, una specie di nastro 
il cui ordito è di canapa o lino assai 
Ani, e la trama di seta, borra o ba- 
vella. 

Tatéla. 8. f. T. delle Art Scioperag- 
ffine. Tempo in cui non si ha lavoro 
o faccende. 

TAVèLA. s. f. T. de' Bat, Cordella. 
Striscia di lamina d*oro o d'argento 
grossa mezza linea e larga un pollice. 
Tayèla. 8. f. T. de' Galz. Coturno. 
Nastri di seta cuciti uno per parte 
ne' quartieri della scarpa, che incro- 
ciati sulla fiocca o collo del piede, 
danno due giri spirali intorno alla 
gamba e si annodano a cappio o in 
Hocco sul davanti. Tale ornamento ac- 
cenna all'antico coturno dei tragedi. 
Tavéla. 8. f. T. degli Ing. Decame* 
irò? Sorta di nastro avvolto ad nn 
pernio girevole entro una scatoletta e 
segnato dalle divisioni del metro, e per 
io più della lunghezza di IO. 
Tavéla. s. f. T. de' Llb. Estratto. 



TA 



267 



Qodle liste, di carta segnate con qual- 
che parola o lettera che sporgon fuori 
. dal margine de' libri di conti e simili. 

Tavéla da HèTTERS travérs. Fusctac 
ea. Cintura che usano le donne per 
ornamento, ed anche i fanciulli, che si 
vestono all' usanza, inglese. . 

Tavéla da orUr il scarpì. Kastrino 
per bordatura delle scarpe. 

Tavéla del capéll. Cintiglio ( Frane). 

Tavéla d^cotòn. Nastro di filo di 
cotone. 

Tavéla d' pil. Nastro di filo. 

Tavéla d' lana. Nastro di stame. 

Tavéla d' olanda. Nastro di filo d' e* 
strema finezza. 

Tavéla d'olanda% T. Hot. Saggina 
spag nuota. Specie di gramigna con fo<A 
glie bianche e verdi a liste. La JPha^ 
laris arundinacea pietà di Linn. 

Tavéla franzuda. Nastro frangiato. 

Tavéla opbrada. A^a8/ro a opera. 

Tavéla rasIda. Fettuccia rasata. Imi- 
tante il raso. 
» Tavéla solia. Nastro puro, cioè pia- 
no, non fatto a opera. 

Tavéla stampada. Nastro indianato. 

Tavéla vlàda. Fettuccia rada. Imi- 
tante il velo. 

Tavéla zindalbn'na. Fusciaccone. Il 
più largo dei nastri usato per segno 
di autorità. 

Far dla tavéla. Fig. Non far fiato. 
Lo dicono i bottegai quando non fan- 
no faccende. 

Temp dla tavéla. Mesi di penuria, 
di stento. Scioperati. 
Tavéli. s. f. T. de' Filat. Tai^elle. Spe- 
cie di arcolai o naspi del telajo da 
torcere. 
Tavla. 8. f. Ta^)ola (non Tavolo). Ar- 
nese composto d'una o di più assi 
messe in piano, che si regge sopra 
uno più piedi e serve per diversi 
usi. Le sue parti sono: 
Cassett . • . . Cassetti. 

Fassi Fasce. 

Gargam . . • • Guide. 
Intlaradura . • • Telnjo. 

Pe Gambe, Piedi. 

Querc .... Piano. 

Tavla. s. f. T. d'Agr. Tavola. (V. 
d' uso. ) La 72.* parte della bifolca par- 



Digitized by 



Google 



268 



TA 



liiigiana. La invola equivale a 42 me- 
tri e- otto decimetri quadrati, o preci- 
samente 42,7978. 

Tavla. 8. L T. delle Ari. Banco. 
Quella tavola sulla quale molti arti- 
giaui eseguiscono i loro lavori. 

Tavla. s. f. 'P. de' Cioc. Tavola. Quel- 
la sulla quale si stende il cacao ab- 
brustolito perchè si raffreddi e per 
romper sovr'esso la sua (cuccia e scor- 
ia. 

Tavla. s. f. T. di Giuoc. Tavoliere. 
La tavola o il banco su cui si giuoca. 

Tavla. s. f. T. de' Litir- Inloglio. 
Quelle carte aggiunte ai libri nelle 
quali sono figure, immagini e simili 
cose, incise ò disegnate. 

Tavla. s. f. T. di' Pirotec. B^nco. 
Quella specie di tavola sulla quale si 
macina la polvere da fuochi artificiali. 

Tavla armonica. Tavola armonica. 
L'asse d'abeìe di un pianoforte, cem- 
baio simile che serve di coperta, ed 
a ricever l'onda armonica dell'aria 
agifata da' suoni. 

Tavla arhopiica. Animella dell'arpa. 

Tavla béll'e pabciàda. Mensa. Ta- 
vola apparecchiata, sopra la quale si 
posano le vi\ande. 

Tavla bianca. T. de' Tip. Tavolella 
da bagnare o da carta. 

Tavla cu'bàla. Tavola che dindolaj 
che scrolla, che tentenna. 

Tavla da batter. T. de' Gapp. Ta- 
vola. Il banco o la tavola sul quale il 
cappellajo accordella il pelo. 

Tavla da disnàr. Desco. Tavola so- 
pra la quale si pongono le vivande 
quando si mangia, o quella propria- 
mente su cui si mangia. 

Tavla da zugàr a scacch. Scacchiere. 

Tavla e molén, sorta di giuoco, Sme- 
rclli. Filetto. V. Zugar. 

Tavla negra. T. de' Tip. Tavoletta 
da forme. 

Tavla rotonda. La mensa comune 
negli alberghi e simili. 

ALyÀRS su DA tavla. Uscir da tavo^ 
la. 

Andar a tavla. Entrare a tavola. 

Andar a tavla a son d'cahpanìn. 
Andar a tavola apparecchiata. Man» 
giur col capo nel sacco. 



TA 

AvERGH TAVLA E moliìn* Momm I 
due paliiienli. Aver più vaotaggi id 
un tratto. 

Gol ca' vén zo d' in tavu. RUit9i, 
BilexH. 

Dar in tavla. Imbandire, Jfejt«^ 
giare. Mettere in tavola. 

Desparciàr la tavla. Levar U (ovofe. 

Far tutt' una tavla. Accozzarti jiO' 
tolini. Far tarzica. Mangiar insieiBe 
riunendo in una- sola tavola le vlTsode 
spettanti a. più persone. 

Gnir zo D* TAVLA. Uscir di imìa,9 
da tavola. 

In co d' tavla. In testa di tex^k 
• Parciàr la tavla. Metter la tmis, 

Portar in tavla. Mettere in tavoli 

SonJLr la tavla. Suonare a mangim. 

Star tutti a una tavu. Starttutit 
ud pane e a un vino Slare in fuù* 
glia ad un medesimo fuoco. 
Tavlàda. s. f. Tavolata, Aggregilo £ 
più persone alla medesima tavoli. 

Tavlàda. s. f. T. di Gualch. Trm, 
Tavolala, Gosi credo si dica ad ogni 
tratto di panno, cimato o calmuccKO 
man mano sulla tavola. 
Tavlàr. s. m. FettucciajOj Na$lrojo, Fib* 
bricatore e sia tessitore di nastri o (A' 
tucce. 
Tavlàzz. s m. T. de' Birr. FreddaKJ», 
Cassa. Quella specie di ammosUtAJd 
nel quale i Birrai pongono la Krn 
perchè railreddi e riceva raccoDÒa* 
tura fermentante. 

Tavlàzz. s. m. T. de' Carron. &I- 
topiede. Quell'asse di dietro di noi 
carrozza sulla quale stanno io piedi i 
servitori. V. Sottpè. 

Tavlàzz. s. m. T. Mil. Paneont Ti; 
volato su cui riposano i soldali oe 
corpi di guardia, i detenuti ecc. An- 
ticamente era detto Pàncoli. 

Tavlàzz da granir. T. de' Polt.^«*' 
ca da granire Sorta di tavola »'■ 
quale si converte la polvere in p^ 

Tavlàzz da uva. Ammostati^, ^ 
naccia. Tavolato esagono irregow*' 
con basse sponde tutt' iotoroo, (o^ 
il quale pigliansi l'uve. , 

Tavlàzz del scól. T. de' Salio, wj- 
beo. Tavola sulla quale nelle mi» 
poncsi il sale perchè vi scoli. 



Digitized by 



Google 



TA 

TlvLÀzz DI COMPOST T. de' Polv. Pan" 
ca. Quella specie di. tavola sulla quale 
81 fa la composizione della polvere. 

TavUzz pr el Aitbr. T. de* PoW. 
Mudici. Grande cassa rettangolare di 
quercia solidaineole costruita, che serve 
a stacciare il nitro e a preparare la 
composizione. 
Tavlén. s. m FeUucciaJo. V. Tavlàr. 

TAVLéN s. m. Tavolino. Piccola' ta- 
vola, lavolinetto, tavolinuccio diminut. 

Tavlén da nota. Comodino da notte» 
Sorta di tavolo per uso di studiare o 
scrivere stando la notte in letto. 

Tavléii da hur . 3feri|oto> Sgabelhne. 
Quello affisso alle pareti o stabilmen* 
te, o mastiettato da abbassare. 

Taylén da zojBlR. Ta\?oliere. Tavo- 
Ielt& sulla quale si giuoca. 

Tatlén tcJnd. Mànopodio e Tose Chi- 
ridane. Sórta di ta\olo rotondo, per lo 
più con una sola gamba e tre piedi. 
Tatlèr. s. m. T. de* Cesell. Madietta. 
Cassetta di legno ove i cesellatori ten- 
gono la terra da formare le staffe, 

Tavlér. s. m. T. de' Ceraj. Barella. 
Sorta di màdia con cl)e si porta il 
garzuolo da due persone a biancbeg- 
giare. 

TAVLéa Mèza. Madia. Spezie di 
cassa su quattro piedi per uso d'in- 
tridervi dentro la pasta da far il pane. 

Ras'ciadùra del tavlér. Sezzajo. Ul- 
timo nato di donna vecchia. 
Tavlètta. s. f. Tai^oletla, Piccola tavola. 

TàVLÈTTA. s. f. T. de' Mur. Aggetto 
del cammino. La parte del camino 
sporgente superiormente ver^o la stan* 
za. 

Tavlbtta- s. f. T. de* Pitt. Tavoletta 
da disegnare. Sorta di tavoletta colo- 
rita in nero per potervi disegnar su 
col gesso; 

Tavlétta da òtt. Nastro da legacce. 
Sorta di nastro per uso di legacce. 

Tavlétta d' brod. Tavoletta di brodo. 
/Quadruccio di brodo condensato per 
uso di chi viaggia. 

Tavlétta pretoriana. T. d* Agrìm. 
Tavola pretoriana. Assicella quadrata 
sorretta da uu piede: sul foglio che la 
copre si leva di pianta la superficie di 
un terreno. 



TA 



269 



Tavlétti dl' altari. Cartaglorie* In quel- 
la di mezzo è scrìtto il Gloria in ex* 
celsie ecc. in quella a diritta il Lava* 
ho, nella sinistra il Vangelo di San 
Giovanni. 

Tavlétti pr'il bechi. Tavolette per 
le mute. Yassoini per tenervi le mute 
de' bachi da seta. 

Tavli. s. f, T de' Cerai. £el/ucci. Quel- 
la specie di graticci sui quali si bien« 
cheggia al sole la cera. 
Tavli astronòmichi. Alfimsine, Tavo- 
le spettanti all'astronomia co^si dette 
dal loro inventore Re Alfonso. 

Tavlinétt. s. m. Tavolinetto. Piccol ta« 
volino. 

Tavlòn'na. 8. f. Tavolone. Tavola gran* 
de. 

Tavlòtt. 8. m. Taglierà (Ramb.). Asse 
sir cui si spiana la pasta. 

Tavlòzza. s. f. T. de' Piti. Tavolozza. 
Sottile assicella sulla quale i pittori 
tengono i colori nell'atto di dipinge- 
re. Tavoletta, 

Tàvol. s. ra. Tavola, Tavolino* V. Tàvla. 

Tazza, s. f. Tazza, Còppa (o larga). 
Vaso d'oro o d'argento o d'altra ma- 
teria, con bocca spasa per uso di bere. 
Tazza, s. f. T. d'Arch. Tazza. La 
faccia interna delle cupole. 

Tazza, s. f. T. de' Bilan. Piatto, Gu- 
scio, Coppa. Quella parte della sta- 
dera su cui si pone la roba da pesare. 
Tazza da brod. Tazza da brodo^ 
Ciotola. 

Tazza da caffé. Chicchera. Vaso pic- 
colo a forma di ciottoletta , per lo più 
di terra, ad uso di prendere il cioc- 
colato altro simil liquore. E si dice 
anche del caffè o del cioccolato in es- 
sa contenuto. 

Tazza d' cristàll. Giara. Vaso di cri- 
stallo senza piede e con due manichi. 
Tazza del caliz. Vasetto, Coppa. La 
coppa interna dei calici ove si versa 
il vino. 

Tazzén'na. s. f. Tazzina. Piccola tazza. 
Chiccheretta , piccola chicchera. 

Tazzétta. s. f. T. Bot. Narciso doppio. 
Pianta bulbosa che coltivasi ne' giar- 
dini per la fioritura del fine del ver- 
no. È ìì'Narcissus Tazzétta, flofù 
pieno Linn. 



Digitized by 



Google 



870 



TE 



TàzzònVa. s. f. Tatzone, Chiecherone. 

Grande (azza o chicchera. 
Te. Ti. La lettera Ti, Dalla figura di 
questa lettera gli artefici danno il suo 
Douie ad alcune parti delie loro opere. , 

Tè. 8. in. Te, The. La foglia arro- 
tolata e seccata del Thea behea e del 
Thea vividis che infusa Dell'acqua 
bollente serve per bevanda nota. 

Té s. m. Infusione (eiforfne. Bevan- 
da nella quale è stato infuso il The o sim. 

Té. pron Ti 

Té sconoiBAT? Ti dimenticherai f 

Tè. Te' per Tieni. 

Té. 8. ra. T. de* Colt^ Ti. Quella vite 
che unisce la lama del coltello al suo 
manico senza chiodi. 

Té. 8. m. T. de' F. Ferr. Ti. Quel- 
la parte di una molla che la ferma da 
prede sullo scannello della carrozza. 

Té. s. m. T. de' Fabb. di Gas. Becco 
a Ti. Sorta di becchi da gas cosi det- 
to dalla loro forma di T arrovesciato. 

Té. s. m. T. de' Tess. Ti. Arnese 
che serve per far gli alti licci. 

Té ifiGHER. The nero. Lo stesso che 
il The vero. V. Tè. 

Té Tò piNiTo // fine corona l' opc' 
ra. Ella è finita. 

Té svizzér. T. Bot. The si^ixzero. 
Pianta perenne che nasce ne' monti e 
sta distesa per terra, usata in medici- 
na ed anche come The della china. É 
la Veronica olficinalis Linn. che ci 
viene da Grigioni. 

Té té. Tè tè. Modo di chiamare ed 
alleture i cani. I Bimbi l' usano in 
signif. di Cane. 
Teater. s. m. Teatro. Le sue parti prin- 
cipali sono: 
Aterio • « • . Atrio. 

Caffè Caffè, 

Camarén del Bol- 
tinar . • . . Camerino del Bui- 
lettinajo. 
Camarén di Palch. Retropalchetti. 
Còmod • . . • Agiamenti. 
Corp de guardia . Corpo di guardia. 

Corsii Corsie. 

Orchestra . . . Orchestra. 
Palchètt. • . . Palchetti, Casini. 
* Palch sènich . . Palco scenico. 
PalchtòQ. . . . Paleo reale. 



TE 

* Platea .... Platea. 
Ridótta .... Ridotto. 

Salòn di pittor . Sala de' Scenofnf. 

Stùvi. .... Stufa. 

Tarf^rén. . . . Piccionaia. 

Trattorìa . . . Trattoria. 

Vaschi da pompi . Serbotoi d'attpui, 
Teater. s. m. Fig. Scenata (Fior.). 

Avvenimento comico, bizzarro. 
Teater da dilbttànt. Teatro fk' 

drammatico o accademico. 
Teater oiurén. teatro diurno, 
Teater grand.. Teatro teak o pria* 

eipale. 
Teater rohan. Teatro Romano, in 

Dumento patrio de' bei tciinpi roan&i 

del quale furono anni sooo scoperte 

le fondamenta e molti avanzi d'irte 

assai pregevoli esistenti ora od Ptf* 

mense Museo. 

CanocciXl da TCATBR.5/9foncmo(Cbff.^ 
Gfnta da teater Istrioni 
Luminari del teater Accendilon,l\' 

luminatore, e Fiorent. Lumajo. 

•PiTOR DA TEATER TEATEAL P^' 

scenico. 

Trar zo el TEATER Applaudìft f' 
schiare fino alle stelle. 

Teatrìl. add. m. Teatrale, Teatrico. 

Teatrén. s. m. Teatrino, Tealrwx». 
Piccolo teatro. 

Teatrón. a. m. Teatrone. TeaUD gn»ic 
o affollatissimo. 

Técc'. s. m. T. d'Arch. Tetto, Coptrt^' 
ra. Coperta delle fabbriche. = TtUt- 
na, Tettuccio dimìnut. Tetto »»r«^ 
Quella copertura delia fabbrica »^ 
la quale si è fabbricalo un ternoo 
scoperto. Le parti del tetto sooo: 

* Armadura . . . Travatura. 
Colmìgna . . . Spina, CoaùgM» 
Convèrsa . ... Compluvio. 
Conversòn . . . TegoloAe. 
Copp. .... Tegole. 

Ferr da navètti . Portadoeee. 

Fuga. .... Tesa, Tratte» 

Gronda .... Grotida. 

Lusròn .... Abbaino. 

Navétta .... Doccia. 

Piovènt .... Pendio. 
Tècc'. 8. m. T. Furb. Cappello* 
Técc'. add. ro. Atticciato. D» t^ 

membra, ben tarchiato. 



Digitized by 



Google 



TE 

Técc' a OH piovÉNT. Tetto a capan* 
no. Tello che pende da due lali uno 
opposto air allro 

Técc' a qoìtter piovèNT. Tetto a pa- 
iJUgtione ossia a quallro acque, che 
pende da quallro lali. 

Tècc' A TRI piovèNT. Tctto a mezzo 
padiglione cioè a Ire pcndenli. 

Técc' con molt piovènt. Tetto che 
piove assai 

Técc' con pocb . piovént. Tetto con 
poca cadenza, 

Tècc' svizzer. Tetto a capanna. V. 
Tecc' a du piovenl. 

An GB* AvèR Né CA NÉ TÈcc\ Nón ovcr 
luogo ne fuoco. Non aver cosane tei- 
lo. Non sapere dove ricoverarsi. 

Grass Ticc'. Bracato, Grasso braca- 
to- Assai grasso. 

Guastar el técc'. Smontare il tetto. 

Metter a técc'. Mettere al coperto e 
fig. Mettere in chiusa. Chiuder fra 
quattro mura. Imprigionare. 

Quattar el TÈcc'.Integolarlo (Spad.). 

SÓRA AL técc'. Sopratetto. 

Vaca la ca b l' técc'. Vada il mon* 
do in carbonata. Vadane che vuole. 
Accada quel che vuole o che sa. 
Teccén. 8. ni. Tettino, Tettarello, Tet- 
tuccio. Piccolo letto. ^ ^ 

Tbccén. s. m. Baracchino. Spezie di 
baalardella ma con due maniglie lale- 

rali- ,, ,. 

TÉcciA. 8. f. Teglia, Tegghia. Vaso di 
rame piano e slagnalo di dentro, do- 
ve 8i cuocono lorle, migliacci esimili 
cose. Tegghina, Tegghiuzza diminuì. 
Teglione accrescit. 
Téccia ta torti. Tortiera. 
Tèccia d' rora. Tegliata. Quanlilà di 
roba da cuocersi in una volu- nella 
teglia. 

Tbcciar. alt. T. d' Arch. Condurre a tet- 
to una fabbrica. Costruirne la caval- 
latura e coprirla di tegole.* . 

Te dece. Ringraziamo Dio, Teddeo, Te- 
deo. L'inno Amhrosiano. 

Te deum, finalmént. La Dio mercè è 
finita. Iddio e mercede è finita. Modo 
con cui si accenna il termine di una 
cosa lungamente trattata, oche aspet- 
tata finalmente arriva. 

Tedi. s. m. Tedio. Noja, fastidio. 



TE 



271 



TkDiÀ. atld. Tediato, Nojato. 

Tediar, alt. Tediare. Intertcnere nojan* 

do. 
Tedios. add. m. Tedioso. Nojoso, rincre* 

ecevole. 
Tediósa. .8. f T. Furb. La Pt edica. 
Tèga. s. f. Baccello Gusfiio nel quale e 
nascono e crescono i granelli de' le- 
gumi: ossia quel pericarpo che si apre 
da una banda, ed all'opposta, delta 
Sutura Cucitura, sono attaccali i se- 
mi in tante caselline.. Capsula. = In 
Toscana Baccello, detto assolutamen- 
te, s'Intende solo del guscio pieno 
delle fave fresche. Baccellino, Baccel* 
letto diminuì. Baccellone accTesc. Bac* 
celiacelo peggior. Gaglinolo, guscelto 
èottile e bislungo, fatto a hacello, che 
contiene i semi dei porri, delle cipolle 
e simili. 

Tèga, per ischcrno. Striscia, Cingua* 
dèa. Draghinassa. La sciabola o spa- 
da d'Arlecchino. 

Tèga d' pevròn e simili. Bacca. Il 
frullo del peperone, che si mangia o 
verde, o marinalo, e dentro cui ai 
racchiudono i semi. 
Tèga tèga! Guarda la gamba, o leoa 
la gamba/ Inlcrjezione eccìlaliva alla 
fu|ra. 
Far tèg^. Scappare, Fuggire. 
Soldi da la tèga d' legn. Soldato 
del Tinca. Soldatello. 
Tégh. Teco. Con le, con esso te; e si ac- 
compagna alcuna volta colle voci Stes- 
so e Medesimo. 
Tégoi. T. de' Mallon. Tegoli. Vf Copp. 
Tel. 8. m. Telo, Ferzo. V. Fòli. 

Tel da letra. T. di Cacc. Callaiuo- 
la. Pezzo di rete sugli staggi, colla 
quale serrala la callaia, si piglia la le- 
pre simili animali cacciali da segugi. 
Tela. s. f. Tela. Tessuto di vario filato. 
Ha: 

Ordidura . . . Ordito. 
Prinzipiatga. . . Penero, Penerata, 
Cerro, Frangia* 
Simòssi .... Vivagni. 
Tesdura • • • . Ripieno, Trama. 

•Testi Teste. 

Tela. a. f. T. de' Calz. Maestrina. 
Striscia di tela attaccala da un lato al 
subbicllo del lelajo, al cui vivagno li* 



Digitized by 



Google 



372 



TE 



bero 81 fermano eoa punii le prime 
loaglie delle calze a telajo. 

Teu a »i>én*na o a resta d* péss. 
Tela a spinapesce. 

TtLA a uso FfiANT. Tela a rifranto» 

Tela bas<«a. felu streUa, Tela di po- 
che pnjuole. 

Tela battìss. Tela Batista o Batti» 
sta. Specie di tela di lino Gnissima. 

Tela battìss biauca. Tela battista cu* 
rata. 

Tela battìss ^rbia* Tela battista 
rozza cruda. 

Tela bianca. Tela bianca. Non tinta 
e diconsi Tele bianche da parato quel* 
le per io più di Colone usale ne pa- 
rali a mono per inlerrompiiueolo. 

Tela cavalén'na* Tela òoema. Specie 
di tela di Boemia poco dissimile da 
quella d'Araud. 

Tela giara Tela rada. Filondente. 

Tela con la cola. Tela colla salda. 

Tela con l' impriuidura. Tela mesti- 
cata. 

Tela coràu. Corame (Gres.). Tela 
fittissima di gran corpo e di buon fi- 
lo tessuta. 

Tela costanza. Tela co$tanzina. Spe- 
cie di tela ordinaria ad uso di iiUe- 
lucciare o fortificare le vesti nell* in- 
teriore. 

Tela da bottega. Tenda: V. Tenda. 

Tela da foèudri. Costanza, Costan" 
Zina. Tela sottile che serve per forsi- 
ficare le vesti nell* interiore. Bandi' 
nelle. Quelle grosse telerie che si fan* 
DO per ìnvollurè di panni. 

Tela da formai Vergelle. I fili d'ot- 
tone sottili, vicinissimi e paralleli che 
formano il fondo delle forme da cartiera. 

Tela da fortezzi. Teluccia. 

Tela da imbalar. Terzone. Sorla dì 
grossa tela da involgervi le balle. 

Tela da imbastIr. T. de* Capp. Slam- 
pò. Quel pezzo di tela che ponesi tra 
le falde de* cappelli acciò non si ap* 
picchino insieme. 

Tela da imoottìr. Teluccia. 

Tela da iNvoèuj. Invoglia? Balla, 
Ballino, Invoglio. Tela grossa cojla 
quale si riuvulgono le balle e simili. 

Tela d'Arò. Tela d' Araud. (Arò) 
io Isviziera. 



TE 

Tela d*arfrant o parosén'na. Ani- 
. franto. 

Tela d'argent. Teletta. Sorla di dnp* 
pò tessuto per lo' più di filo e slriicìo* 
line di argenlo falso. V. Teca. 

Tela da sach. Traliccio, Carmigiuh 
lo. Sacco, Canavaccio. Tela grossolaoi 
e rozza. 

Tela da sdazz. Stamigna, Buntio, 
Sorta di drappo rado e iraspareoic 

Tela da véli. Alona. Tela di campi 
forte e grossa fatta apposilameotc per 
vele. 

Tela da vint ,• da trenta portam eoe 
Tela a venti, a trenta pajuote. 

Tela d' canva. Tela canapina. 

Tela d* cotòn. Tela bambagina. Fat- 
ta di fil di bambagia. 

Tela d' crén'na. Tela di crine. Tes- 
suto del quale le donne fanno delle 
soltane per parer fiancule. Crinolioo. 

Tela d* lana e cottòn. Guamelio. Il 
panno tessuto di lana e bambagia. Di- 
cesi pure guarnello la vcsle falla di 
simil panno. 

Tela d' lén. Tela lina o di tin» 

Tela d*Ounda. 0/ande/to. Tela d'o- 
landa. 

Tela d'ora. Teletta. V. Teca. 

Tela d* ragn. Ragnatella. 
* Tela d* bens. Bensa, Benso. Tdidi 
rensa. 

Tela p' stoplén'na. Tela di cavutai. 

Tela d' stoppa. Tela di tutta stoppia 

Tela d* ulma o uluén^na. Tela d' li- 
ma. 

Tela fata in ca. Tela casalinga, !«• 
la di casa. 

Tela inzrada. Incerato {2. L.).Ci' 
novacci incerati (B. L.). Tele incen- 
te. . 

Tela nigra. Rasce, Basca. Qnéltit- 
le nere che si adoprano per paraiKa- 
ti di chiese ne* funerali. V. Paramèot. 

Tela nostrana. Tela nostrale. 

Tela ondada. Tela a onde, Pai^^ 
Drappo. a furia. Quello che è verg»» 
o screzialo senza* regolarilà di disefoo 
alla ipaniera cinese. 

Tela operada. Tela alla gremignuoh' 

Tela, ricada. Bordato, Vergato A 
filo. 
. Tela roana. Tela roana. 



Digitized by 



Google 



TE 

Telì acssa. Teia Una cruda. 

Tela SAncàLL Sangalla. Tela sangalla. 

Tela sarada o fissa. Tela fitla o 
speésa. 

Tela sgréza. Tela grezza, rozza o 
cruda. 

Tela solia. Tela alla piana. 

Tela stragranda. Tela da iviperatO' 
re. Tela di misura straordinaria e del* 
la masgìof larghezza per uso per Io 
più de pittori. 

Chi fa bianch la tela. Curandajo. 

Fall dla tela. Malafatia, malefatta. 

Far so la tela. Aruotolarla (Spad.). 

Fètt d' tela. Telo 

FiORÌR dla tela per l*cmid. Jmpor' 
rire. 

Mercant da tela. Mercante di telerie. 

Metter su la tela. Inlelajare. Met- 
tere nel telnjo. 

Pezza d* tela. Pezza, Ruotolo o Ro- 
toh di (eia. V. Pezza. 

Piana ola tela Cerro , cerrolino. 

SciARÉLA OLA TELA. Rudorc, Radura. 
Telègraf- s. ni. Telegrafo, Macchina con 
cui si da celereinente notizia a per- 
sone lontanissime. Ve ne sono degli 
Astaiicij degli Ottici, e degli Elettri' 
ci, i quali ultimi sono ora principal- 
mente usati da noi. Non avendo an- 
cora potute racco^glicre le voci risguar- 
danli le parti, le darò, spero, nel sup- 
plemento. 
Telescòpi, s. m. T. Telescopio, Guarda* 
lontano (Giordani) Grosso cannoc- 
chiale che serve per contemplare le 
stelle le cose lontanissime. V. Gano- 
ciàl. 
Teli. s. 1'. Telerìe. Quantità di tele. 

Teli. s. f. T. de" Past. Telaj da pa- 
na. Telai lunghi e stretti coperti di 
tela piuttosto rada per ripor sovr*essi 
la pasta ad asciuttare. 

Teli da solar. T. de' Polv. Tele da 
stenditojo. Tele che servono air opera- 
zione dell' asciuttare le polveri ardenti 
stendendole sovr'esse quando son te- 
se. 
TELiNDiAifA. s. f- Indiana. Tela indiana, 
o stampata che dapprincipio capitava a 
noi dalle Indie. = Jndianata , sì di- 
rebbe carta o altro dipinto a uso di 
tela indiana. 



TE 



273 



TiìLL. Te lo. ProD. articolato. 

Tell cui. Eccolo, Vello vello. 
Telòihi. s. m. Telonio. V, d' uso per Ca» 

su. Studio, Officina e siuiili. 
Temerari, add. m. Temerario, Audace, 
Ardito. Ma V ardito non ha timore, 
V audace non ha rispetto, ne riflessio- 
ne, il temerario non misura il peri- 
colo e gli va incontro. Malardito 
(Dante). 
Temerità, s. f. Temerità, Audacia. 
Téhma s. f. Tema. V. Paura. 
Texp. s. m. Tempo. Quantità delJii du- 
rata. 

Teup. 8. m. Temperie, Aere, Stagio* 
ne. Stato o vicenda dell* atmosfera. 

Temp 8. m. T. di Mus. Tempo, Ri- 
tmo. Movimento uè* suoui sopra una 
durata fissa. Dicesi Tempo a cappella, 
la dupla di minime che si divide in 
due parti. Tempo alla breve, quello 
che contiene quattro minime che fan- 
no una breve. Tempo debole, quello 
che si fa con movimento lento. Tem- 
po dispari, quello che si divide in tre 
parti, la tripla di croma ecc. Tempo 
forte, la parte più sensibile della bat- 
tuta. Tempo giusto, tempo equiparato. 
Trmpo ordinario, quello che si divide 
in quattro semimiuime- Tempo pari, 
quello che si divide in due o quattro 
parti e cosi di altri. 

TtHP. s. m. T. degli Oriuol. Tempo 
degli oriuoli. Quella parte che ne re- 
gola con eguali vibrazioni il movi- 
mento. 

Temp. s. m. T. di Scherma. Tempo. 
Il momento ed il modo di attaccare e 
di difendersi nello schermire. 

Temp da invèrbn. Tempo vernereccio, 

Temp da oslar. Uccellatura. 

Temp da pioéuver. Tempo volto al 
piovere. Tempo proclive alla pioggia o 
piovifcro. V. Stagiòn. 

Temp che s* cava el vén. Svinatura. 

Temp dla tavéla. Tempi di penuria 
o di stento, ed anche Tempi sciope- 
rati. 

Temp e paja madura i néspou Col 
tempo e colla paglia si maturan le 
sorbe o le nespole. Col tempo e la pa- 
zienza si viene a capo d'ogni cosa. 

Temp era e temp è, Temp era, temp 

i8 



Digitized by 



Google 



S74 TE 

FU, COL CU'É STA EL NB VÉN PU: Noti 

è più tempo che Berta filava: Alloro 
Berta filava a tre ròcche. Il tempo 
delle felicità è passato. 

Temp fa. Un tempo. Tempo fa, 

Temp peb pagar un debit ecc. V. Tct- 
min. 

Temp proibì per la cazza. Figliatura 
(Sacchetti ). 

Ai so temp. Al correr de' suoi tempi 
(Bart.). Al suo miglior tempo. 

Andar a temp d* musica. Stare a pun- 
to, a battuta (Frane.). Slare alla 
misura del suono, osservare il tempo. 
(Bari.). 

Arrivar a temp. Giugnere a destro. 
(Frane.). 

Battr el temp. T. di Mus. Battere 
la solfa col battente (carta). Far la 
battuta. 

Che temp fa? Cotne il trovi ^ Dicesi 
lig. per chiedere di qual umore sia 
una persona nel punto in che si do- 
manda. 

Gm HA TEMP n'aspetta temp. Chi non 
fa quando ei può non fa quando ei 
vuole. (Piov, ) 

£l temp comda tutt. Da cosa nasce 
cosa, e il tempo la governa. 

El temp del duca RArruzzi, ch*i s* ti- 
raven su il bragbi con il zioeli. Quau' 
do usavansi le calze a cairucola. A' 
tempi antichi. 

El temp pers ne s* troéuva pu. Tem- 
po perduto non s*aqmsta mai. Il per- 
der, tempo a chi più sa più spiace. 

El temp s* giusta o el s* comda. // 
tempo si racconcia o riconcia. Si ras- 
serena. 

El temp s' imbroja. // tempo si rab- 
brusca. Il tempo fa culaja. Il tempo 
si turba. L*aria è piena di nuvoli e 
minaccia pioggia. 

Esser in t' el temp. Essere di tempo. 
Essere attempalo. 

Far perder el temp. Scioperare, 

Gnir a temp. Venire o giugnere a 
sesta, in acconcio, a proposito. 

GitSTAiis EL TEMP. Ituccondarsi {Vv.). 

Inganar el temp. Gabbar il tempo, 
V ora. 

Ingarbcjars el temp. Rabbruscarsi 
(Frane). 



TE 

In temp cattiv. A tempo di corrono 
(Cav.). 

Perdr el temp. Gettare il tempo (lit- 
tro al tempo (Vasari). Scìo|K:rahi. 
Far la metà di nonnulla. Perdere il 
tempo in cose inutili. 

Per tant temp. C/ie di tanti anni 
han fatto ( Burt ). 

PocH TEMP FA. Di prossimo (AlaiD ). 

Slargares slargars el texp. Ri- 
schiararsi il tempo. Affinarsi, cìk 
Rnsscrenarsi. 

Sonar el cattiv temp. Suonare a mi 
' tempo, 

ToÈURS UN TEMP. Pigliare una ioiia 
(Frane). Fissare la mora al pal- 
mento. 
Tempà. add. ro. Attempalo. Che ha dei 

tempo. 
Tempadéll. add. in. Atlempatuccio, 
Tempazz. 8. ni. Tempaccio, Caltivo tem- 
po: e parlandosi doli* aria, Tempo um. 
Temperamènt 8. m. Temperamento, Om- 
ptessione. Ma il primo riguarda gli 
umori, il secondo 1* insieme del corpo. 
Condizionata natura (Bart.). 
Temperi, s. m. Burrascata. Tempaeeio, 
tempo del diavolo, burrascoso, turbi- 
noso. 

Temperi, s. m Stemperanza d'am, 
Venlipiovolo. Acquazzone con gru 
vento. 
Tempesta, s. f. Gragnuola, Grandine ^ 
Tempesta vale violenta agitaziooe del- 
r atmosfera accompagnata da venti, 
tuoni, baleni ecc. 

Tempesta, s. f. T. de' Past Gra§nw 
la, Ghianderini. Sorta di pasta rìéoh 
to in forma di piccolissimi graoeliioi 
V. Risén*na. 

Tempesta d' mar. Mare rotto. Mire 
commosso fortemente dai veotiediUi 
tempesta. 

Tempesta d'un omm, d'un «*"* 
Fistolo, Nabisso, Fuccimale. 

Tempesta mazénga. Grandine moif' 
se. Che cade in maggio. 

Tempesta sutta. Scberz. Ced «^ 
broda, Gragnuola sonante, Gru^m 
scnz' acqua. Picchiate sorde, Rov^^ 
di sassi, di bastonate oppure Ro^f^^^ 
di fortuna. Disgrazia. 

Gnir dia tempesta. Grandinare- u* 



Digitized by 



Google 



TE 

dar graodine, tempestare, piovere gra- 
gnuola. V. Tempestar. 

Gran d* tempesta. Ghiaceiuolo di gra» 
Quuoia. 
Tempesta, add. m. Grandinalo. 

Tempesta de diamant. BilioUato, Gio- 
jellaUì. Tempestato di gioje. 
Tempestar, att. Grandinare, Gragnuola» 
re- 

Tempestar d' boti. Tempestar uno, 
od una cosa, \ale battere furiosa- 
mente. 

TbMPESTAR D* GioJi. Giojellare, In» 
gemmare. Spargere di gioje. 

A VOBUJ BEN CH*A PIOèUVA, MA CH* A 

TEMPESTA, NO. E s* intende aequa e non 
tempesta, cioè non si vuole l'eccesso. 
In t' j alter sit i gh pioèuven, e cui 
1 GB TBMPÉSTEN. Altrove ad uno ad uno, 
e qui i matti arris;ano a stormo, op- 
pure Questa è veramente la casa de' 
pazzi. Modo amplificativo col quale 
alcuno, alla cui casa sia capitalo qual- 
che cervello balzano, vuol denotare 
come casa sua vada soggetta di fre- 
quente a simili visite* 

t Témpor. s. m. Le digiune, V. Tempri. 
TemporXl. 8. m. Temporale, per Turbi- 
ne, Tempesta. = Bufferà, turbine con 
aggiramento di venti. 

I Temporàl. s m. Temporile, (6. L. ) 

Cioneolino, ( Tose. ) . Tempaiuolo. Por- 

i castro, porcello, porcelleito, porcellino. 

L A VOÈUL GNIR su UN TEHPORAL. E per 

surgere tempo, E per levarsi mal 
tempo, 

TCMPOEALÒN, GRAN TEMPORÀL ForlunaU, 

Burrasca, V. Oragàn. 
Tehporàni add. m. Temporaneo, Tem* 

porale. Cbe non è perpetuo. 
Temporeggiar, att. Temporeggiare, Indù- 

giare. 
Tempra, s. f. Tempera. Disposizione fisi- 
ca della persona. 

Tempra, s. f. T. de' F. Ferr. Tempe- 
ra, Indurimento fatto con artifizio dei 
ferro che bollente è stato tuffato nel- 
r acqua per consolidarlo. 

Tempra, s f. T. de* Pitt. Tempera. 
Modo di dipingere cou colori stempe- 
rati con chiaro d* uovo o con la colla. 

Tempra a aria. Tempera all' aria. 
Tempera dolce. 



TE 



275 



Tempra a PAccHèrr. Tempera a tai- 
toecio. Tempera coperta. Maniera par- 
ticolare di dar la tempera airacciajo, 
al ferro, che si vuol temperare cou 
diligenza. 

Tempra ordinaria* Tenìpera improv* 
visa o subitanea. 
Dar la tempra. Temperare. Dar la 
tempra. V. Tiuipràr. 

Témphi. s f. T. Eccl. Le tempora. Le 
quadro tempora, o come dicono i To- 
scani Le digiune. 

Tenamàn. add m. Manutengolo. Che ticn 
mano in un azione trista, cbe si ren- 
de complice. 

TéNCA. 8. f. T. d*Itt. Tinca. Pesce notis- 
simo detto da Linn. Cyprinus tinca. 
TincUetta, Tincolino, Tincolina dim. 
Ténca d' mar Tinca marina. Pesce 
di mare della figura appunto della tin- 
ca detto da Liun. LaÙrus paro. 

Tencàr T. Furb Nuotare, 

Tenda, s. f. T. d^Arch. Terazzo, Parte 

di una casa per lo più sulPalto della 

casa coperta e aperta da una o |>iu 

parti. Quando sia scoperta dicesi 7e- 

razza. Attana è loggia aperta sopra 

r edifizio che spesso gira sopra la fronte 

deirihlero edificio. V. Teràzz. 

Tenda s. f. T. Mil. Tenda, Tela che 

si distende in aria e allo scoperto per 

ripararsi dal sole, dall* aria o dalla 

. pioggia. 

Tenda ai fatt to. Bada a' fatti tuoi. 

Tendenza, s. f. Tendenza, Propensione. 
Inclinazione naturale a checchessìa. 

Tènder, att. Attendere, Accudire, Bada" 
re. Usare attenzione. 
Tènder, att. Vegliare a studio (Dan- 
te), Inclinare, Ciascuna cosa studia 
naturalmente alla propria conser\a- 
tipne (Dante). Tutto si ordina a ciò 
di ottenere ( Bart. ) . 
Tènder al resti. Guardare il bestia' 
me. 
Tènder per Tirare, Accostarsi per 
esempio al rosso, al verde ecc. 

Tèndin. s. m. Teridtne. Parte del musco- 
lo che biancheggia e forma T estre- 
mità del medesimo. 

Tbndòn. 8. m. Tetidone, Acer, di tenda. 

Tenènt. 8. m. Tenente, Luogotenente, 
Grado d'ufficiale mihtare. 



Digitized by 



Google 



276 TE 

Tener. adJ. ni. Tenero. Che acconsente 
al tallo. Morbido, che ha molU'zza 
uaturaJix come le carni, lo foglie. Sof 
fictj Boffice, ciò che compresso ce- 
de soavemente come guanciale di piu- 
me ecc. Molle, Dolco, terreno cede- 
vole per eccesso di umidità ed altro 
sim. Caloscio, agg. di cacio tenero e' 
debole. 
TénVa. 8. f. Tino, ed al pi. i Tini le 
Titia. Vaso grande di legno entro il 
quale si pone a bollire 1* uva pigiata 
per trarne vino. 

Tén^na. T. de' Birr. Maceratojo. Sor- 
ta di lino che ha dentro un Graticcio 
che sostiene a cert' altezza Tono pò* 
sto io esso a macerare. 

Tén*na. s. f. T. di Cari. Pila. Vaso 
in cui si pestano i cenci per renderli 
. alti a fabbricare la carta. Questi vasi 
distinguonsi in Prime pile o pile a 
cenci. Seconde pile o pile a ripesto, 
e pile a sfiorato, nelle quali le testate 
dei mazzi non hanno punte di ferro. 
V. Pilla. 

Tén'na. T. de' Conc. Morlajo, Ad- 
dobbo, Canale, Quel luogo dove i con- 
ciatori tengono le pelli in concio. Tro- 
scia, si chiama veramente quella fossa 
in cui si tengoiM) le peHi ammontate 
per assavorirle, e Addobbatori sì chia- 
mano in Firenze coloro che attendono 
a queste trosce. 

Tén'na. s. f. T. dì Fcrr. Arcella. Cas- 
sa nella quale entra il vento per con- 
dursi prima al bucolare» indi all'ugel- 
lo, e da ultimo al forno. Tromba a 
vento, macchina soffiante, consistente 
io un tubo verticale di legno, nella 
cui parte superiore si precipita un ca- 
nal d'acqua, che trascinando seco nel- 
la caduta una corrente d'aria, la spin- 
ge in un canaletto che la porla nel 
forno fusorio. 

Tén'na. s. f. T. de* Tini. Vagello. 
Caldrija grande per oso de' tintori. 

TÉfi'NA A FREDD. T. de* Tini. Vagello 
a freddo. Vaso lutto di legno che trat- 
tasi con Guado, Indaco e Calce. 

Tén'na ovala Tino ovale. 

Bagnar il tén'ni. Imbagnare t tini. 

Vender el vén in t' la tén'na. Ven- 
dere al (ino. (Sodcrini Colt.). 



TE 

Tenòr. s. m. Tenore. Sposizionc Iclten- 
le, o di parola in parola; ma si i.si 
anche per Ristretto, SuslaiiziulHà , 
Qnilesto. 

Tenob. 6. m. T. Mus. Tenore, Tena- 
rista. Chi ha la voce propria per esu- 
lare il tenore. 

Cantar da tenòr. Tenoreggian. 
Tént. add. m. Tinto, Coloralo. Ma $; ri- 
so vale anche Nero, e lig. Mal In- 
gatto» 

Tént. add. m. Macchialo. Lordo o 
sparso di macchie accidentali. 

Tént in gbana. Tinto in ^rana. Tiih 
to in rosso. 

Tént in lana. Tinto in bioccolo, T» 
Ulano. 

Tént in pezza* Tinto in pesta, Op* 
posto di Unlilano. 

Esser tént tutti a 'na ■aneil E^ 
sere macchiali d' una stasa pece, va- 
le avere i medesimi difetti. 

Sonia tént? h'at magna? Modi per 
dire M' hai inteso? 

Un tént a mént. Tientamente. Biiii- 
ture che si danno a ricordo di uo ibi* 
monizione dimenticata. 
Tenta, s. f Tinta. Materia colla quiiesi 
tigne. Tintura, lì colore delhi eoa 
tinta. I tintori dicono Concio il b^o'' 
apparecchiato cogl' ingredieoti o(tcs- 
sarj per tingere i panni. Bagno, il li- 
quore impregnalo di allume, di orìoi? 
o di sostanza colorante, che è oeiii 
caldaia o nel vagello, per ammoilani 
i ppnni drappi che si voglioDO lio- 
gere o lavare. 

Tenta, s. f. T. de' Cap. Bagno. La 
ma le ria colla quale si tìngono le Iioe 
e i peli da far cappelli. 

Tenta, s. f. T. de' Piti Tinta. »«• 
sUca per dipinger quadri* 

Tenta gialda. T. de' Velr. Àrf^J^ 
calcinato. Colore simile al bolo, cbr 
si da al vetro squaglialo, che si ^uol 
lignere in giallo. 

Dar la prima tenta. T. degl'Iaibiifl*' 
Sottotingere. 
Tenti, add. m. Tentato. 
Tentadòr. 8. ni. Tentatore. 
Tentar, alt. Tentare. Far provi, s^' 
menlare, incitare. 

Tentar la sorta. Trarre o gill^r^ » 



Digitized by 



Google 



TE 

dado la sorte» Tentar la propria 
ventura. 

Tentab von Far motto ad uno. 
ToB!fAR A TENTAR. Ritentare. 
TEfTATÌT. 8. m. Tentativo. 
Tbjitatìv d' r^ viiBKT. Qmato. 
TtNTAZiòK. 8, f. Tentazione, Tentamento, 

Tcntayione. 
Te?(ita. 8. f. Tenuta, Fattoria, Coinplea- 
so di più poderi; circuito di paese o 
di terreno che si possegga. 

Teivcta. 8. f. T. Mìl. Dima. Assisa 
di gala. 

Gran tenuta. T. Mil. Divisa di pa» 
rata, e fig. Abito sfotjgiato. 

Piccola tenuta. T. MiI. Divisa gior» 
naUera. 

Stretta tenuta. T. Mìl. In stretta o 
strettissima divisa, per dire precisa- 
mente con quella che è prescritta a 
ciaschedun corpo. V. Uniform. 
TÉ?fZER. T. de' Tini. Tingere, Tignere. 
Dar colore, colorare, far pigliar colo- 
re. V. Colorir. 

Ténzbr a scorza. T. de* Tìnt. Far 
di buccia. Tingere con decozione dì 
buccia. 

Ténzbr in piocch. T. de' Tini. Tin- 
gere d'arte maggiore. La tintura de' 
panni con colori di caro prezzo. 

TéNZER IN PEZZA. T. de' Tini. Tin- 
aere di pezza. Quella tintura che si 
fa con ingredienti inferiori di prezzo 
e di bellezza. 
Teodòlit. 8. m. T. d'Agrim. Teodolito 
(Fabbroni). Specie di traguardo con , 
telescopio. 
Teologala, s. f. T. Eccl. Teologale? Sor- 
ta di predica teologica. V. Teologia. 
Teùlogd. 8. m. Teologo. Professore di 

teologia. 
Teologìa, s. f. Teologìa. Scienza che trat- 
ta i segreti misteri di Dio, le lo^i e 
culli divini, la natura angelica e sini. 
Teologìa o Teologala. Cupolino. Pic- 
colo berrettino con che i sacerdoti 
cuoprono la chierica. Solideo. 
Teorica o Teorìa. Teorica, Teoria. Scien* 
za speculativa che da regola alla pra- 
tica. 
Tera 8. f. Terra. II globo terraqueo. 
Tera. 8. f. Terra, per Suolo. 
Tera. 8. f. T. d'Agr. // terreno a 



TE 277 

rianure, a colline, a monti, boscoso. 
Bari. ). V. Trén. 

Tera. s f. Filatera. Quantità se- 
guenza, fila di granelli di una spiga 
ecc. 

Tera armissa. Rinterro. Terra riposta 
ove fu lolla per pareggiare il vuoto 
rimasto. 

Tera arvossa. Cavaticcio, Sterro. Lsì 
terra che si estrae cavando. 

Tera battcoa dal sòl. Terra asso* 
latta (Dav. ). 

Tera bianca Mattajone, e F.or. Ter* 
ra biancana o biancanella. Terra sii* 
pina. Terra nuda, cattiva, sterile. 

Tera bòn'nna. Terra grassa, polpw 
la, die produce assai. 

Tera brusada. T. d'Agr. Debbio. Ter- 
reno abbruciato con legni e sterpi per 
farne ingrasso. 

Tera busa. Terra soffice. Quel terre- 
no che per recente vangatura cede fa- 
cilmente sotto il piede. 

Tera cavada. Terra gittata o cava- 
ticcia. Scarico. 

Tera ch'ha del gess. Terra gessosa. 

Tera ch' ne mai stada layorada. Ter- 
ra suda (B. L.). 

Tera coltiva. Terra vegetale o semi- 
naie. Terra campia. 

Tera con el stertòr. T. d' Agr. Am» 
magliamento. Nassa di terra argillosa 
mista con musco e con fieno, circon- 
dala di strisce di panno o di scorza 
d'alberi da mettersi sopra gl'inesti a 
marza o a corona, si per difender la 
piaga dal eontotto dell'aria, si per 
mantenere l'inesto in umiditù propria 
a conservare la vegetazione. 

Tera còta. T. de' Slov. Terra cotta. 
Quella che, dopo essere stala manipo- 
lala e concia, fu posta a cuocere in 
fornace. 

Tera crea o tera da h^ci. Talco, 
Steatite, Cimolite, Cimolia, Terra da 
macchie. Sorla di argilla marnosa che 
ha la proprietà di assorbire, e toglie- 
re le macchie untuose dai panni. 

Tera da boccaj. Argilla, Terra te- 
gnente e densa, composta di silice 
combinata coirallumina, e talvolta con 
altre sostanze, della quale si fanno le 
stoviglie. 



Digitized by 



Google 



27g 



TE 



Teia Di wtiCst. Fratta, Macchia, 
Landa, Brughiera. 
TctA DA CASTAfiRi. TtTra eastagmna 

(Daì^.). 
Teea da niiTTA. T. de' Vctr. Cecra- 

no. Specie di terra eoo coi fMsi pasu 

di vetro. 

Tesa da cbìj. Grillaja. Terreno ste- 
rile perchè forse produce poco altro 
che grilli. 

Tera da LuaniAR. T. de' Rain. J/c/- 
IcUa. Mescolanza di terra alluininfisa 
et] altro colla quale si spalmano i %asi 
di rame per ridonar loro la lucentez- 
za per poi rinro«'olarli. 

Tera da rodlar. Terretta o Terra 
biqift da modellare. Rena di tufo. 

Tera da pippi Argilla da pipe. Ter- 
ra tegnente e densa, della quale si 
fanno le pipe. Artjilla da pipe bian- 
cnxtra. 

Tera da pcguati Argilla ferruginea. 
Sorta di argilla da pentole, terra da 
pentole. 

Tera da pcrghi. T. di Gualcii Terra 
di purgo. Quella terra con cui si pur- 
gano i panni lanì. 

Tera da qcadrèi. Terra focaiuota, e 
Tose. Terra gilia. Terra buona per 
far mattoni, tegole, embrici ecc. Ter- 
rujo, dicesi il luogo dove si cava la 
terra da mattoni. 

Tera da saluìter. Nitriera. Terrìccio 
che abbonda di principi salini ossia 
nitrosi. 

Tera da sémna. Terra seminatila. Ac- 
concia a seme. 

Tera da timprar. T. de' Colteli. Cr- 
mento. Mistura di sale, zolfo cocci o 
altre materie ridotte io pohere o in 
pasta, dentro alla quale si espongono 
all'azione del fuoco i metalli per af- 
finarli. 

Tera da veder. Ceerano. V. Tèra da 
fritta. 

Tera d' bari. T. di Miner. Barate, 
Terra pesante che è protossido di bario. 

Tera d' càssel. /Vero di Ca$sei. Sor- 
la di color nero nsalo da pittori. 

Tfra del Ghirardéti Terra ginUina. 
.Sorta di colore giallo artifii'ialc così 
detto dal piincipale fabbricatore di 
esso. 



TE 

Tera d' ross. Gittata. La terra die 
si acava da* fossati, e si gitta sull'or- 
lo di casi. 

Tera d' ccaléx'ra. T. Idr. Terra • 
Terremo imposto. Quella terra che è 
portata di fuori dalle ^cque sol ter- 
reno vergine. 

Tera dil ratisi. Piota. Zolla di lem 
che circondi le barbe d' alcuna piaoli. 

Tera d'ombra. Terra d'ombra. U 
color naturale capellino scaro che ser- 
^e per dipingere e mettere nelle me» 
sticbe e imprimiture delle tele e ta- 
vole 

Tera dot é sta el TARroéci Sfitttie- 
eia di triptgiio. Così si dica di altro. 

Tera o* padùll. Terra paludosa. 

Tera o' pan. Ticra. Due fila di pani 
congiunte insieme. V. Fila d' pan. 

Tera o' Pòzz. T de' Salin. Grotte. 
(L. del sale 1701.) Piote o massi di 
terra saturi di sale die si eslraggooo 
da' pozzi delle moje oell' aprirli e 
sfondarli. 

Tera d' Savòn ha. Terra o wtajoliea 
di Sa\Hma. 

Tesa d' Valenza. Bianco di Spagna. 
Terra di Valenza. 

Tera d' Vizzenza rerro di Vicenza. 

Tera gialda. Terra gialla, Ocria. 
Terra che fa il color giallo. Ocrs. 

Tera cialda giara. GiaUo 4i tcrrt 
o Terra gialla minerale. 

Tera cialda scura GiaUo di lem 
seuro^ 

Tera giaponica o a Cattù. Terra 
rat fera. Terra ja panica. Calo prepara' 
lo. Il succo preprato dell' ileocìa cm- 
tee ha dei Bot. 

Tlra giaròsa. Alberete. (Fc fìaT.) 

Tera grissa. .daterie sottili, lì fior 
della terra incoi |»orato colle acqae. 

Tera lavor'u. Terra /«ivora/iVo. 

Tera magra. Terra sottile, iegyiera. 

Tera harxa. Marna. Terra chic scr* 
ve ad ingrassare tllre terre. V. Marna. 

Tera masnada. T. de' Battil. Tako. 
Calie solfatala selenitide, caldnata e 
ridotta in polvere per passar al bmao 
il buccio con una zampa di lepre. 

Tera missa a coltura, \ovaie, Mage- 
salo, e se già di padule, Retram. 
Terreno ridotto a frutto. 



Digitized by 



Google 



TE 

Teha morta. Teira bretla, cioè Im- 
protlutliva, senza sali, senzMiuinus. 
Tkra KiGRA. Terra nera. Terra do- 
viziosa di principi seminali, la più leg- 
gera fra tulle le terre, ed ulliiiia 
|)e{;li orli. 

Tera nicra. T. de' Pili. Terra nera. 
Nero di Urrà. Quella che la il cofor 
nero. 

Tera rigra fa bon pan, tera bianca 
k' in fa un gran. Terra nera buon 
pan mena: Terra bianca tòsto stanca. 
Proverbio con die Og. intendono tu- 
telare la propria causa, le parsone di 
colore nerastro. 

Tera oriaka. Oriana. Terra Oriana. 

Tera rossa. T. d' Agr. Terra ferrug- 
ginoxa. 

Tera rossa. T. de' Piti. Cinabrese, 
Bosso di terra. Sinopia, Rubrica, 
Argilla ocracea rossa. 

Tera sabiósa. Terra sabbionosa o sab- 
biosa, 

Tera saldiva. Terreno saldilo. Sodo, 

Tera salvadga. T. d'Agr. Novaie, 
Terreno non mai lavorato o lasciato 
da gran tempo incolto che si pone a 
coltura. 

Tera sassósa Galestro, 

Tera sboscada Divelto, (Dav. ) Ter- 
reno boschivo ridotto a cultura. 

Tera SCAIÒSA. Terreno di poiia, V- 
Scalia. 

Teha suagrìoa. Terreno smidollato o 
in fiacchilo, 

Tera soda. T. de' Mur. Pancone, 

Tera sortumósa. Terra uliginosa, 
acquitrinosa o gemitiva. 

Tera verda. Terra verde, Verdaccio, 
Verde di terra 11 color verde natu- 
rale. 

Tera visciC^a • Moloccio ( Laslri ) 

Andar a fau dla tera da bocca j. An^ 
dare a dar Uccare a' polli dtl prete: 
Andare ad ingrassare i petonciani. 
Morire- 

Andar a tera. Pigliare, Prender 
terra. Approdare uila terra. 

Andar a tera. Fig. Cadere a terra. 
Andar fallito. 

Andar per tera. Dare a terra. Ca- 
dére. = Andar per terra, vale cammi-. 
nare per terra. 



TE 



S79 



Ardusìrs a tera. Esser a Terracina. 
Jìidursi condursi in sul lastrico: 
Jìnsere al fondo, al verde, alla marina: 
Aver dato del culo in terra. Essere 
fallito, essere in rovina. 
AvÉRGH DLA TKRA. Avcr podcri te» 
nule. 
Aver paura ch' manca ijl tera sott'ai 
pe Temer non manchi il terreno sotto 
a' piedi, non manchi il terreno* Si 
dice di chi teme eccessivamente^ del- 
l' avvenire. 
Bastiòn d' tera. Terrato. 
Batter la tera. Puzzarla, pillare il 
terreno (Dav. ). 

Carcar la tera. Chiuggiare, Ammaz* 
zvrnre la terra. 
Carpar la tera. Ammozzicarsi (Mol. 
Vh8.). 
Cavar dla tera. Sterrare. 
Da la tera, cui in voèul d* pc, gh' 
FÀGA PIÙ CERA. La terra si ha tanto 
più fruttifera quanto ben coltn, ( Bari. ) 
EssR A tera Essere terra terra, cioè 
in basso stato. 

Lavorar in tera. T. de' Scult. Fare 
dì terra. Modellare, far Ggure o altro 
di belletta non renosa. 
Lavorar la tera. Esercitare la ter» 
ra. Vale lavorarla. 
LiMPiR D* tera. Rinterrare, (Onde rin- 
terro colmata. ) 

Mandar sott' tera. Fig. Levar di ter- 
ra, Mandare al cassone. Condurre a 
morte. 

Metter sott sòra zel e tera. Muo» 
vere cielo e terra. Non lasciar nulla 
d' intentato. 
Pian tera. Terreno, Pian terreno. 
Appartamento o stanza terréna, e» E 
ncli' uso dicesi Peppiano V ordine do' 
palchetti terreni in un teatro. 

I^RODUR DLA TERA. Figliare, Il far 
fruttare pualunque buon seme le si 
yitti (Bart.). 
QuATTAR d' tera. Interrare. 
Romper la tera. Divegliere il terre» 
no ( Dav. ). 
Trar a tera. Fig. Mandare o mette» 
re a terra. 

Zercar per mar e per tera. Cercare 
per monti e per valli. Cercare in o- 
gni dove. 



Digitized by 



Google 



Ì80 



TE 



Terìglia. s. f. Siwfgiie. Il complesso de* 
vasellami di terraglia die si trovano 
in una casa. 
Teraglia. 8. f. Terraglia. Specie di 
terra di coi si fanno vasi, piaielli, 
chicchere, caffettiere ecc. inferiore al- 
la porcellana e migliore della majolica. 

Terapie?!, s. m. T. Mil. Terrapieno. Eleva- 
zione di terra, per lo più rivestita di pio- 
te, nella quale dispoogonsi le artigl erie. 
Far I TERAPiÉN. T. Mil. Terrapiena» 
re. Munire di terrapieni. 

Tkràspi. 8. m. T. Bot. Jberide rossa* 
Pianta perenne da parterre con Gore 
grande bianchiccio, delta da Linneo 
Iberis umbeilafa. 

Terazz s. m. T. d'Arch. Verone. Sorta 
di terrazzo posto per lo più verso il 
giardino della casa per tenervi vasi e 
per respirarvi al fresco la state, al 
quale per lo più si passa per una o 
\arìe finestre della casa. Terrazzo, 
Parte della casa posto per lo più in 
alid coperto ed aperto da una o più 
bande. Dicesi Terrazza un terrazzo 
scoperto e Terrazzino al piano spor- 
gente di un balcone aperto fino al 
pavimento. 
Terazz. s. m. T. de* Terr. Baltulo. 
Il piano smallalo de* pavimenti delle 
sale, stanze, botteghe e simili, detto 
anche Pavimento alla veneziana. Di- 
cesi Smallo al cemento fallo con pez* 
zuoii di marmo a varj colorì per pa- 
vimentare le stanze. 
Battr el lEi^kZZ, Pareggiarlo {¥r.). 
Far un terazz. Lastricare dì smal- 
to: Smaltare t pavimenti: Fare pavi- 
menti riarmati. 

Té>:azzar. 8. m. Terazzajo, Smaltatore. 
Artefice che fa i battuti alla Veneziana. 
Le operazioni, gli sVrumentl e le cose 
ad esso attinenti, sono: 

OPERAZIONI. 



Batter . . 


» . Sodare il calce' 




struzzo. 


Dar l'oli . . 


. Inoliare il battulo. 


Far el mali . 


. Impastare il calce» 




struzzo. 


Orsar . • . 


. Orsare, Lisciare. 


Placcondr . 


. . Lavorar di com- 




messo. 



TE 

Polir Rinettare. 

Spianar .... Spianare. 

Tirar el fond . . Disporre U ledi. 

Tridar el placcòn. Tritolare, 



STRUMENTL 



Badìl. . 
Barèla . 
Cazzoéula 
Ferr . . 
Mazzoèul 
Ors . . 
Pisiòn . 
Rigòn . 
Zapa . . 



Badile. 

Barella. 

Cazzuola. 

Spianatoio. 

MagliettQ. 

Orso. 

Pillo. 

Riga. 

Marra. 



COSE ATTINENTI. 

Fond Letto. 

Malt Calcislruzzo. 

Orsada .... Lisciata, OrtùH. 

Placconada . . . Tritoli. 

Quadre pisi . . Trittoli di maim. 

Rottura .... Scarico di botiti' 

Teràzz .... Battuto. 
Terazzén. 8. m. Terrazzino. Piccalo t(^ 

razzo o verone. 
Terazzòn. s. m. Terrazzane. Gnn «• 

rone o terrazzo. 
Terhiàn. s. m. Trebbiano, Uva trebbisM- 

E si dice anche del vino fallo di ddu 

uva che nasce dalla Yitis vintiti 

trebulana Linn. 
Teremòt. V. Taramòt. 
Tèren. 8. m. Terno. La combiDuiooe 

di tre numeri al giuoco del louo. 

(Ambi parecchi, ma pochi tem.) 

(Bdl.) 
Tèren sécce. Terno secco. (Tose.) 

Terno senza la combinazione de|li 

ambì. • 

L' È LN TÉREN AL LOTT. Gli è W f^^ 

di rischio, cioè impresa pericolale 

incerta. 
Teresiana. 8 f. Carmelilana. Honaca del 

r ordine di S. Teresa. 
Terfoèuj, Terfojéla ecc. V. Tarfoèoj, 

Taifojèla e Zerfoèuj. 
Teriacànt. 8. m. T. Boi. Acacia o Gk' 

dissia spinosa. Pianta originarli àfi- 

l'America che ha forti spine • if* 

punte air atuccatura delle foglia' ^ 



Digitized by 



Google 



TE 

serve per lo più a far siepi. Y. Spén 
del SgDÒr. 

Tebiàga. 8. f. Teriaca, Viriaca, Triata, 
Otriaca. 

Teriagòn. s. m. Triam per le bestie. 

Tbrjàkgol 8. m. Triangolo. Figura di 
tre angoli. 
Terjàngol. 8. m. T. de* F. Ferr. 
Triangolo, Lima di terso punto. Spe- 
cie di grossa lima triangolare. Trian- 
golello dimio. 

Terjàngol 8. ni. T. de' Bilanc. Por» 
iacatenelle. Ferro a tre braccia, alle 
eui estremità sono atCaccate le cate* 
nelle del piatto della bilancia o della 
stadera, e sostenuto nel mezzo da un 
appiccagnolo che lo uoisce alla testa 
della trutina (braga) V. Fusàra. 

Tbriangolaziòn. 8. f. T. d*Agr. Trian- 
golazione. ( V. d' uso ) Il rilevare colla 
diotra e i traguardi la configurazione 
di un piano per mezzo di triangoli. 

Teribil. add. m. Terribile. E fig. Va- 
lente, Bravo, Fiero. 

Tbriocch. T. Furb. Piastricoio, Imbro- 
glio. Tranello, inganno. 

Squattar el terioccb. T. Furb. Sco- 
prir /' intrigo. 

Teritori. 8. m. rerrtìono^ Distretto, 
Contado. 

Terizia 8. f. Malverde, Morbo regio. 
(Sp. Fr.) e dottr. Jterizia. Malattia 
che procede da spargimento di fiele. 
Antilerieo, rimedio contro Titerizia. 

Terlìs. 8. m. Traliccio. Tela di più co- 
Jori serpeggianti da foderare mate- 
rasse. 

Teri^isX. V. SCarlisà. 

TerlOcch s. ni. Sabbione, Minchione. 

Termàr alt. Tremare. 

Termàr. alt. Oscillare. Il muoversi 
delle corde tese per vibrazione. 

TerbXr cBé 'na foéuja. Tremare co* 
me una bubbola. Tremare a verga. 
Tramar forte, tremar grandemente, 
freinare come una vetta. 
Termàr dal predo. Batter la diana 
o la borra. 
Termàr il foèdi. Svettare, lì muo- 
versi che fanno le vette deUe piante 
scosse da vento o simile. 

Tebhàrs del panh. Intignarsi. ( Sp. ) V. 
Tarmar. 



TE 



281 



Tarmaroécla. s. f. Tremore, Tremolio, 
Tremerella, Tremito. Tremore pro- 
dotto da paura. Rimescolamento, quel 
tremore elio ci viene da sùbita paura. 
Brivido, tremore cagionato da freddo 
o dalla febbre. Parletico, quel tre- 
more che hanno alcuni vecchi nel 
capo e nelle mani. 
Aver la terharoèdla. Aver la trema* 
retta. Vivere con paura. 

Térmen TèRMiN. Termine. Fine, con- 
trassoguo di confine, tempo prefisso, 
parola, modo di dire ecc. 
Pagar al so TèR»iif. Restituire il di 
Rimettere nel buon dì, (B. L. ) 

Slongàr el térbin. Far tetnpo. ( B. 
L.) Concedere ad un debitore un 
majpgior lasso di tempo a pagare. 

Terhinténna. s. f. Trementina, Terc- 
binio. Liquore viscoso, ragioso, un- 
tuoso, chiaro e trasparente che esce 
dal terebinto, dal larice, dal pino ecc. 

Terblòn. s. m. Scossone, Guizzo, Ri* 
salto. Quella scossa che uno prende 
per cosa inaspettata ctie a un (ratto 
gli ferisca la vista o 1* orecchio. Capo- 
riccio^ lo arricciarsi de' capelli pel 
capriccio di uno scossone. R'tbrczso, 
quel tremito che precede la febbre. 
, Dar in terblòn. Scuotersi, Riscuo* 
/erW. Commuoversi pcrsubtianea paura. 

Termòr. s, m. X^ernor^!, Capriccio. Tre^ 
mito, tremolio, trcmamento. Gricciolo, 
tremamento per freddo. 

Termobéter. 8. m. Termometro, Misura- 
caldo. (Giord. ) Strumento che serve 
a conoscere la quantilò • di caldo o 
freddo che è neir atmosfera o in un 
corpo. 

TèRitA. 8. f. Terna. Voce d'uso presso 
tutte le magistrature, e vale Lista o 
A'ota di tre candidati proposti ad un 
impiego pubblico vacante. 

Ternasàr. V. Nasuplàr. 

Tkrnegàr. V. Tarnegàr. 

Ternétta. 8. f. Spinetta. Sorta di guar- 
nizione di seta ma non traforata. Tri* 
nella, sorta di guarnizione fatta a 
treccia. Passamano, sorta di guarni- 
zione simile al nastro. Cariello, sorta 
di passamano che usasi per lo più ad 
orlare. 
Ternétta rabada. T. delle Crest. 7ri- 



Digitized by 



Google 



282 



TE 



nella a gabbino. Sorta di saltaleone 
vestito ed intreccialo, del quale fansi 
gale ed altri lavori da crestaja. 

TBRNin. Trinità, Triade, ma Trinità 

denota le tre persone divine e Triade 

le tre parsone divine considerate unite. 

Ternità. 8. f. Etetnità. Y. Eternità. 

Terror. s. m. Terrore, Spavento, Or- 
rore, ma terrore è più di ipa^^ento, 
questo a più istantaneo, quello risulta 
dui temer lungo angoscioso. Orrore, 
è paura con avversione. 
Far terror. Atterrire. 

Terrorisen. s. m. Terrorismo. Quel ter- 
rore che ne^ grandi sconvolgimenti de- 
gli itati, i depositai] del potere spar- 
gono per contenere la moltitudine. I 
Toscani dicevano una tale misura Ri' 
pifjUar lo stalo. 

TersIli. 8. ni. T* di Giuoc. Calabreselfa 
romana. Specie di tresette che si fa 
ordinariamente in tre e frequente in 
Italia. 

Tervéla, Tervlén, Tbrvlòn. V. Tarvèla, 
tervièn ecc. . 

Tervéli. 8 f. T. Coni. Traversie, Tra- 
vagli. Dispiaceri. 

Tervi.inàr. 8. m. Succhiellojo. V. Tar- 
>linne. 

Teuvlùtt. 8. m. T de* Chìod. Chiodo a 
barbone. V Ciold da greppi». 

Terz. s. m. Terzo. Una delle tre parti 
del tutto. 
TfeRZ. add. m. Terzo. 11 numero o 
r oggetto che segue dopo il secondo. 
Teiiz. 8. m. T. di Giuoc. 3ftzza lun- 
ga. Aslicciuola da biliardo. V. Terzètt. 

Terza, s. f. Terzo. La terza parte d'una 
brenta, d'un braccio ecc. 
Terza, s. f. Scuoia delle prime let- 
ture. Scuola elementare. 
Terza s. f. T. Eccl. Terza. Una del- 
le ore canoniche, e il tempo in cui 
ella si CHUtn. 

Terza, s. f. T. Mus. Terza. Nella 
musica si dice la prima delle conso- 
nanze* imperfette, cioè di quelle che 
possono ricevere il più o il meno sen- 
za lasciare d'essere imperfette. 

Terza magiora. T. Mus. Terza mag- 
giore. 

' Terza «inora. T. Mus. Tremi/uono, 
Semnhtono. Terza minore. 



TE 

Terza pbrsonra. Persona interpotti, 
Terzagù. T. d' Arcb. ilrco in terzo oe»* 

io. 
Terzàn. add. m Uomo fatto. Uomo d'e- 
tà matura ed ancora scapolo. 
Terzana o terzanònna. add. f. Puletlk» 
na. Pulcella avanzata in età, che si 
sta pulcellona cioè senza marito. 

Terzana. 8. f. Terzana. Sorla di feih 
bre. Febbre terzana. s=3 TenaRi dop- 
pia, terza naccia. 

TtRZÀNA. s. f. Piana di albera. V. 
Gantèr. 
Terzanéla. 8. f. T. Bot. Albera, Cald- 
ee, Gattero. Specie di pioppo che fa 
lungo i fiumi e altri luoghi umidi «1 
areuosi. Le sue foglie sono tomeotoK 
e leggermente dentate. Il legnaoie è 
buono per edifizj in luogo asdutio^ 
V. Albaròtt. 

Terzanéla. s. f. T. de* Lcgn. Teriù 
na.^ Ter zanella? Assicella sottile die 
si trae da uo asse divisa io tre di 
costa. 
Terzaroécl. add. m. Fieno setimbrìM, 
serotino. Grumereccio. Fieno più 
corto e più tenero del maggiese che 
si sega da noi nell'ottobre. 

Terzaroéul. add. m. 7erza;iio/o.^Coa* 
tadina cui si dia il terzo dclfó rieolie, 
come si dà la metà al mezzajuolo. 

Terzaroéul. add. m. Acquerello. ^1* 

no della tei*za svinatura. V.Mesai. 

Terzén'na, 8. f. T. Poet. Terzina, Ttr- 

zetto. Ternario. 
Terzètt. 8. m. Terzino. Vaso da leoff 
liquidi che contiene due terzi di ub 
litro. 

TEHZèTT 8. m. T. degli Arm. ^f^i^ 
ruolo. Specie d'arcbibuso corto. 1^- 
zetta, arma da fuoco più piccola delli 
pistola. 

Terzètt. s. m. T. de' Card. Terv 9 
Mezzo cardo. Sorla di cardo chcsef' 
ve per raffinare la lana. 

Terzètt. s. m. T. di Giuoc. Corf^- 
Una delle asticciuole minori da bi* 
bardo. 

Terzètt. s. m. T. Mus. Trio. Cooh 
posizione musicale di tre parli- Ter* 
zetto, canto concertalo a tre ^of'-^*?* 
nata concertata a tre sirumcnli: W* 
combinato con tre ballerini* 



Digitized by 



Google 



TE 

TERzèTT. 8. m. T. de' Strum. Terzo, 
Sorta di fluulo che è più allo di una 
terza del flauto traverso. 

TsazèTTA. 8. f. (x aspra ). Palettino. Sor- 
ta di chiavistello con paletto quadro 
schiacciato, che scorre tra due pie|;a- 
Iclli fermi in una piastra e il quale si 
fii scorrere con un pallino che ha fis- 
so nel mezzo. 

Terziìri. 8. ni. Pinzocchero. Colui che 
porla ahito di religione stando al se- 
culo. 

TerzIli. 8. ro. CalaOresella romana. V. 
Terbìli. 

Terzoéoli. s. f. T. di Cart- Fitoni. Fili 
maggiori della forma di cartiera ,^ i 
quali reggono le vergelle inferioraien- 
le e irabversaiiueiilc. 

Terzòn. s. tu. T. de' iMur. Terzo di mal- 
Ione, 

Tésa. s. f. T. di Cacc Piazza, Spazzo. 
Spazio di terreno che è in mezzo alle 
reti aperte per uccellare. 
Tèsa. s. f. T. di Cari. Traversa. Co- 
si diccsi a ciascuno di que' regoli del- 
lo spandilnjo della cartiera ai quali so- 
no raccoinundate le corde. 

TesdCra. s. f. Tessitura, V. Tessidura. 

Tesór. s. m Tesoro, Cumulo di cose 
preziose. Erario, tesoreria dello stalo 
o del publico. 
Tesór. adii. d*ogni gen. Amor mio. 
Mio bene. Mio tesoro. E dicesi a per- 
sona di bellissime doti e grandemente 
amata, ma più spesso è sdolcinatura da 
civettoni. 
Far di tesòr Tesoreggiare, TesaU' 
razzare. Cumular tesori. 

Tesorér 8. III. Tesoriere, Tesoriera, Mi- 
nistro e custode del tesoro. 

TESORèTT. 8. in. Tesoretto. Piccolo tesoro. 

Tesser, alt. T. de' Tess. Tessere, Fab- 
bricare comporre la tela. Il suo con- 
trario è Stessere. 

Tèsser a gioren. Trinare. Tessere a 
opera od a truloro. 

Tessidura. s. f. T. de' Parr. Tessitura. 
Lo intreccinmcnlo de' capelli nelle se- 
te del telajo. 

Tkssidùra 8. f. T. de' Tess. Tessitu- 
ra , Tessuto. Na tessitura e . l' opera- 
zione del tessere, tessuto diremo la 
materia, come seta, lana ecc. 



TE 



283 



Tèssra. s. f. Taglia, Tacca, e con voce 
mod. Tessera. Legnetto diviso in due 
per lo lungo con segni per memoria 
e riprova di coloro che danno e tol- 
gono roba a credenza, ed In generale 
di chi non sa scrivere. 

Tèssra. s. f; figur. Catenaccio, Grande 
sfregio che altri abbia sul viso. 

InoualXr il téssri. Pareggiar la so* 
ma Far le cose del pari. 
Tessù. 6. m. Pamiolano, Pannina* Drap- 
pò di lana in genere che prende poi 
vari nomi a seconda de' tempi e. de' 
luoghi d'onde ci vicn^. Finetto. 

Tessù. add. m. Tessuto, Testo da 
Tessere. 

TessC suTtìi. Sottigliumi (B. L ). 
Test. s. m.' Testo, Ciò che è contenuto 
parola per parola in *un. opera. 

Test. s. lii. T. di Cuc. 7c«/o, Tegghia. 
Stoviglia di terra cotta rgtonda e al- 
quanto cupa, ad uso di coperchio. For- 
nelio. Specie di tegghia per lo più di 
ferro, con coperchio a guisa di cam- 
pana, per uso di cuocersi entro frutta, 
pasticcerie e simili. Diconsi Stufette, 
que' palchetti semicircolari che com- 

{longono il fornello da cuocere le me- 
e. (Pomèra ). 

Test. s. m. T. de' Tip. Testo. Carat- 
tcre di mezzo tra il pamngone ed il 
Silvio. c= Testo d' Aldo, Carattere che 
vien dopo il piccolo parangone. 

Test d'lengua. Testo. Scrittura che 
ha autorità da poter servire di regola 
legge a chi scrive. 
Testa, s. f. Testa, Capo, e In m. J)as80 
Coccia, Coccola, Cipolla, = Occipite, 
Occipizio, la parte superiore del capo. 
Cocuzza, Cocuzzolo, il mezzo delta 
testa intorno a cui si vanno rigirando 
i capelli* Cefalografia, descrizfone del- 
la testa Cefalotomia, dissezione della 
testa. Le parti principali di essa sono 
a tutti note, per le secondarie Vedi 
sotto le principali. 

Testa s. f. Fig. per Intelletto, Giù-' 
dizio, Intelligetrza. 

Testi, s. f. Testa. Vaso di terra cot- 
ta di grandezza necessaria per cuocere 
una minestra per un individuo. MeZ' 
%a testa, perttoluccia che è metà della 
. prima. 



Digitized by 



Google 



2;^4 



TE 



Testa, s. f. T. ile* Libr. Tettala. La 
testa di ud libro ossia il margine su- 
periore. 

Testa Si f. T. de' PeUin. TeHa. Pet- 
to di legno che regge la morsa, traile 
cui bocche slringcsi con bietta il pet- 
tine che si va lavorando. 

Testa a testa: Capiculati Dicesi del- 
lo stare due o più aoimali insieme ri* 
volti col capo. 

Tesi A bCsa. Fig. Zucca- poponeHa. 

Testa calda. Garoso, Uomo subito 
pronto air ira, allo sdegno. 

Testa da fabn un pes da uss. Qapo 
da sassate, Capassone. Capo duro. 

Testa da parruccbér. Testiera, 

Testa da rinoceoont. T. «di Vet. Te- 
sta da rinoceronte. Quella d*un ca- 
vallo in cui scorgasi, u